Issuu on Google+

SISTEMI ANTICADUTA

CATALOGO GENERALE 2010

Anticaduta

s.r.l.

Corso Marconi, 25 - 10125 Torino (Italy) • Tel. 011 6509102 • Fax 011 657322 info@anticadutamistral.it • www.anticadutamistral.it


Anticaduta Mistral Srl opera da oltre 15 anni nel settore della protezione contro le cadute

dall'alto ed ha accumulato in questo periodo una esperienza tecnica unica in Italia che viene messa a disposizione dei clienti nella progettazione,nella fornitura ed installazione di sistemi anticaduta.

Anticaduta Mistral Srl è in grado di fornire DPI e sistemi anticaduta con un elevato rapporto qualità/prezzo .

Per quanto riguarda i sistemi d'ancoraggio EN-795 Anticaduta Mistral Srl è in grado di progettare ed installare tali sistemi grazie alla collaborazione fattiva di Professionisti abilitati ed esperti. Effettuiamo il previsto (DLgs 81 Art.77 ed EN-365) controllo periodico dei DPI Siamo in grado di effettuare i previsti (DLgs 81 Art 36-37) corsi di formazione ed addestramento all'uso dei DPI

Anticaduta Mistral Srl Per informazioni:

Corso Marconi 25 10125 TORINO Come ordinare:

telefono 011 6509102 telefax 011 657322 e-mail : info@anticadutamistral.it sito internet: www.anticadutamistral.it

Edizioni Nesos

Progetto editoriale e grafico: Tel. e Fax 0116693743 • associazionenesos@yahoo.it • www.edizioninesos.it Proprietà letteraria di: Anticaduta Mistral Srl Vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione


I SISTEMI ANTICADUTA Normative DLgs 81/08 come modificato dal DLgs 106/09 Articoli che riguardano l'uso dei DPI e la protezione contro le cadute dall'alto • Art.15 • Art.28 • Art.36-37 • Art.43 • Art.64-e • Art.66 • Art.71 • Art.73 • Art.74 • Art.75 • Art.76 • Art.77 • Art.90.7 • Art.105 • Art.107 • Art.111.4 • Art.113.2 • Art.115 • Art.115.3 • Art.116 • Art.119.7 • Art.121 • Art.122 • Art.124 • Art.125 • Art.126 • Art.130 • Art.136 • Art.146 • Art.148

misure generali di tutela dei lavoratori valutazione dei rischi formazione del personale predisposizione attrezzature per il salvataggio manutenzione periodica dei DPI lavori entro tubazioni o serbatoi manutenzione delle attrezzature di lavoro formazione ed addestramento definizione di DPI obbligo di uso dei DPI requisiti minimi dei DPI fornitura dei DPI ed addestramento al loro uso idoneità tecnica lavori in quota definizione di lavori in quota uso del bansigo nei lavori in sospensione gabbia di protezione per scale verticali lavori su coperture uso di ancoraggi e linee vita EN795 lavori in sospensione lavori in cunicoli e serbatoi sistema di salvataggio per lavori nei pozzi ponteggi ed opere provvisionali montaggio e smontaggio ponteggi (P.I.M.U.S) ponteggio parapetto normale andatoie e passerelle montaggio e smontaggio ponteggi (P.I.M.U.S) difesa della aperture con rischio di caduta lavori speciali Allegato IV al DLgs 81

• • • • • • • •

Punto Punto Punto Punto Punto Punto Punto Punto

1.1.5 1.3.8 1.3.9 1.4.6 1.4.12 1.4.19 1.7.13 1.7.2.1

accesso ai posti elevati finestre e lucernari accesso ai tetti zone con rischio di caduta dall'alto parapetti teleferiche scale misure del parapetto normale

Allegato VIII al DLgs 81 Individuazione dei DPI da utilizzare nelle varie situazioni

3


4

Decreti abrogati dal DLgs 81 • • • • • • • • • • • • • •

DPR DPR DPR DLgs DLgs DLgs DLgs DLgs DLgs DLgs DLgs DPR DPR DLgs

547/55 164/56 303/56 277/91 con l'eccezione dell'Art.64 626/94 493/96 494/96 187/05 223/06 solo per gli articoli 36/bis commi 1 & 2 come modificato dal DLgs 248/06 123/07 solo per gli art.2-3-5-6-7 628/61 Art. 3-c 328/56 Art. 42-43 222-03 230/95 convertito in DLgs 133/08

I sistemi anticaduta - generalità I sistemi definiti in lingua italiana come: anti-caduta (in inglese fall-arrestor) non hanno come obbiettivo quello di impedire una caduta (compito svolto dal parapetto o protezione collettiva o dai sistemi di trattenuta o di posizionamento) ma hanno come obbiettivi primari: 1.

Arrestare la caduta nel minor tempo possibile onde evitare che la persona raggiunga velocità tali da non poter più essere fermata in sicurezza.

2.

Arrestare la caduta evitando, per quanto possibile, danni alla persona.

3.

Mantenere la persona in posizione eretta, in sospensione inerte, senza impedire la respirazione, in modo che essa possa attendere le operazioni di soccorso senza ulteriore pericolo.

Tutto ciò deve essere ottenuto senza limitare troppo la libertà di movimento dell'operatore in modo da consentirgli di effettuare il lavoro previsto. Da quanto esposto in precedenza risulta evidente come siano presenti due obiettivi antagonisti, a)

conservare la libertà di movimento pur rimanendo vincolati ad un punto d'ancoraggio

b)

in caso di caduta poter essere fermati nel più breve tempo possibile

• Per soddisfare quanto richiesto al punto a) sarebbe preferibile adottare un collegamento tra operatore e punto d'ancoraggio più lungo possibile. • Per soddisfare il punto b) si dovrebbe adottare un collegamento più corto possibile. Si deve pertanto cercare di raggiungere sempre un COMPROMESSO tra LIBERTA’ DI MOVIMENTO e RAPIDITA’ DI ARRESTO. Tale compromesso deve tenere conto della sicurezza del personale e la SOLUZIONE SCELTA DEVE ESSERE ILLUSTRATA agli operatori PRIMA di dare inizio ai lavori.


• Deve risultare chiaro come non possa esistere un sistema anticaduta “standard“ valido per tutte le diverse occasioni, ma ogni situazione debba essere attentamente valutata ed il “sistema di protezione anticaduta” debba essere progettato da persona esperta. • I DPI che proteggono dai rischi di caduta dall'alto si definiscono come parte di un “sistema” anticaduta perché, a differenza di altri DPI, presi singolarmente , NON sono in grado di fornire tale protezione . • Infatti una imbracatura, da sola, non arresta la caduta, ma deve essere dotata di un cordino, con un moschettone in grado di collegarsi ad un punto d'ancoraggio robusto.

Composizione di un sistema anticaduta • Risulta chiaro perciò come un sistema anticaduta sia sempre composto da almeno tre componenti (sub sistemi) ben individuabili: 1. Un robusto punto d'ancoraggio (R= 10 kN) conforme ad EN 795 2. Una imbracatura conforme ad EN 361 3. Un “cordino” di collegamento tra ancoraggio ed imbracatura (cordino fisso EN 354 con assorbitore EN 355, dispositivo anticaduta scorrevole EN 353.2, dispositivo retrattile EN 360). • Tutti i componenti sopraindicati , tranne alcuni tipi di ancoraggi non considerati DPI, debbono essere marcati CE in conformità alla direttiva CEE 89/686 (D. Lgs 475) a garanzia che presentino le caratteristiche MINIME di sicurezza previste ed accertate da un laboratorio notificato. • Tutti i DPI illustrati nel presente catalogo sono prodotti in Europa e la maggior parte di essi sono certificati conformi dal laboratorio Francese APAVE (n° di rif. 0082). ATTENZIONE! Le indicazioni sull'utilizzo dei vari DPI presenti nel catalogo sono, per quanto possibile, tecnicamente corrette tenendo presenti le normative vigenti, le Linee guida ISPESL o UNI e le prassi di buona tecnica, ma non costituiscono un progetto di sistema anticaduta, la Anticaduta Mistral Srl non si ritiene responsabile né della composizione del sistema anticaduta acquistato (che è responsabilità dell'acquirente) né dell'uso incorretto dei vari DPI (che è responsabilità degli utilizzatori). Si rammenta che i DPI che costituiscono un sistema anticaduta sono considerati dal Dlgs 475 DPI di III categoria per i quali è espressamente richiesta la formazione e l'addestramento da parte di persona esperta e competente.

5


6

Norme EN riguardanti DPI atti alla protezione contro la caduta dall'alto • • • • • • • • • • •

EN EN EN EN EN EN EN EN EN EN EN

341 353 354 355 358 360 361 362 363 365 795

• EN 813

discensori dispositivi anticaduta scorrevoli cordini assorbitori d'energia posizionamento sul lavoro dispositivi anticaduta retrattili imbracature connettori requisiti generali sistemi anticaduta marcatura ed istruzione d'uso ancoraggi (sono considerati DPI solo quelli portatili e non quelli ancorati permanentemente alla struttura) imbracature basse (sit-harness)

Metodo operativo per la scelta di un sistema anticaduta. Il responsabile analizza la situazione prevedibile di lavoro valutando nell'ordine: 1. Vi è la possibilità di svolgere il lavoro senza pericolo di caduta? 2. Quale dimensione massima ha il campo di lavoro di ogni lavoratore impegnato in zona pericolosa? 3. E' possibile ridurre tale campo di lavoro impiegando tecniche di lavoro diverse? 4. Esiste, per ogni lavoratore, un punto d'ancoraggio robusto (minimo R= 10 kN) conforme ad EN 795? 5. E' necessario progettare un punto d'ancoraggio particolare? 6. Qual è la distanza tra il punto d'ancoraggio ed il campo di lavoro di ogni operatore? 7. Quale tipo di collegamento si deve adottare? (cordino fisso, dispositivo scorrevole, dispositivo retrattile). 8. E' necessario disporre anche di una cintura a vita per consentire un corretto posizionamento sul lavoro? 9. Quale tipo d'imbracatura si adatta meglio al collegamento utilizzato ed alla zona operativa? Solo a questo punto il responsabile della sicurezza progetta il sistema anticaduta scegliendo i DPI più adatti alla situazione oggettiva ed alle operazioni da compiere. Non deve essere lasciato il compito di tale progettazione all'operatore che, prima di iniziare l'intervento, deve già sapere che cosa utilizzare e come utilizzarlo.

Definizione di Campo di Lavoro • Si intende per Campo di Lavoro tutta la zona che deve poter essere raggiunta dall'operatore durante la lavorazione comprendendo anche i movimenti necessari per afferrare utensili o spostare materiali. • Un campo di lavoro ridotto semplifica la progettazione di un sistema anticaduta, mentre un campo di lavoro esteso complica la sua progettazione,rendendo spesso necessario l'utilizzo di ancoraggi mobili in grado di consentire spostamenti di notevole ampiezza.


INDICE • SISTEMI ANTICADUTA esempi di configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag 6 - 7

• IMBRACATURE DI SICUREZZA EN-361 • EN-358 • EN-813 . . . . . . . . . . . pag 8 - 31

• CINTURE DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag 32 - 33

• CORDINI ANTICADUTA CON ASSORBITORE D’ENERGIA EN-355 . . . . . . pag 34 - 43

• CORDINI DI POSIZIONAMENTO E FISSI EN-354 • EN-358 . . . . . . . . . . . . pag 44 - 52

• DISPOSITIVI GUIDATI EN-353 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag 53 - 55

• DISPOSITIVI ANTICADUTA RETRATTILI EN-360 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag 56 - 61

• CONNETTORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag 62 - 63

• PUNTI D’ANCORAGGIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .pag 64 - 78

• VARI - ACCESSORI - RECUPERO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag 79 - 87

• SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI (LINEE VITA) EN-795-C . . . . . . pag 88 - 93

• SISTEMA D’ANCORAGGIO RAILTEK HST ORIZZONTALE EN-795-D . . . . pag 94

• SISTEMA D’ANCORAGGIO RAILTEK VST VERTICALE EN-353 . . . . . . . . pag 95

• SCALA DOTATA DI GRADINI E SISTEMA D’ANCORAGGIO RAILADDER LVST EN-353 . . pag 96

7


8

SISTEMI ANTICADUTA

I SISTEMI ANTICADUTA

DISEGNO 1

LAVORI SU TRALICCI - PONTEGGI 1 - imbracatura completa conforme ad EN361 2 - cordino doppio con assorbitore d’energia EN355 DISEGNO 2

LAVORI SU SERBATOI 1 - imbracatura completa conforme ad EN361 2 - fune AZ800 per utilizzo in presenza di spigoli vivi 3 - dispositivo retrattile EN360 DISEGNO 3

LAVORI SU MACCHINE - TRALICCI - SERBATOI 1 - imbracatura EN361 2 - dispositivo retrattile EN360 3 - ancoraggio mobile - linea vita - EN795-B DISEGNO 4

LAVORI SU TETTI PIANI 1 - imbracatura EN361 2 - cordino con assorbitore EN355 3 - punto d’ancoraggio fisso EN795-A DISEGNO 5

LAVORI IN SOSPENSIONE 1 - imbracatura EN361 2 - sistema anticaduta verticale EN353 (due funi di cui una di lavoro ed una di sicurezza) DISEGNO 6

LAVORI SU COPERTURE PIANE CON GRANDE CAMPO DI LAVORO 1 - imbracatura EN361 2 - dispositivo regolabile su fune per lavorare in “trattenuta” 3 - sistema d’ancoraggio permanente su cavo in acciaio inox conforme ad EN795-C (linea vita) DISEGNO 7

SALITA / DISCESA SCALE 1 - imbracatura EN361 con attacco sternale 2 - dispositivo anticaduta guidato su supporto rigido (EN353.2)


Disegno 1

Disegno 3 Disegno 2

Disegno 4

Disegno 5

Disegno 7 Disegno 6

9 I SISTEMI ANTICADUTA

Esempi di configurazione


10 IMBRACATURE DI SICUREZZA Norma di riferimento UNI-EN 361 L'imbracatura è l'ultimo componente di un sistema anticaduta e deve essere scelta solo dopo aver ben definiti i punti d'ancoraggio ed il tipo di collegamento.

IMBRACATURE DI SICUREZZA

Infatti in alcuni casi è preferibile utilizzare l'anello posteriore, di cui tutte le imbracature sono dotate, mentre in altri casi è meglio poter disporre anche di attacchi sternali (anteriori), per meglio controllare il cordino di collegamento con i punti d'ancoraggio.

A

Fronte

A

Retro

Vi sono inoltre situazioni in cui la normale imbracatura con bretelle e cosciali viene integrata con una cintura a vita, adatta al posizionamento sul lavoro . La differenza sostanziale tra gli anelli dorsali o sternali e gli anelli laterali posti sulla cintura a vita consiste nel diverso tipo di carico cui possono essere sottoposti. Gli anelli dorsali e sternali vengono testati dinamicamente e servono al collegamento di un componente anticaduta atto ad arrestare una caduta superiore a 0,5 m.

A

Fronte

Retro

A


Gli anelli posti lateralmente sulle cinture a vita servono ad impedire una caduta oppure ad arrestarla entro il limite massimo di 0,5 m , oltre al quale la forza derivante dal brusco arresto della persona , applicato ad una zona del corpo molto vulnerabile, potrebbe causare gravi danni agli organi interni ( fegato, milza, spina dorsale ).

11

Esempi di posizionamento sul lavoro

In pratica, esaurita la fase anticaduta (mentre si raggiunge il punto di lavoro), ci si può ancorare saldamente ad una struttura posta nelle immediate vicinanze, tramite il cordino della cintura di sicurezza , potendo così lavorare con entrambe le mani libere. Semplificando al massimo il concetto, si può dire che l'imbracatura deve essere usata durante gli spostamenti, mentre la cintura si può usare solo quando si debba rimanere fermi sul posto. Per la sua posizione a contatto con il corpo dell'operatore, è essenziale che l'imbracatura sia ergonomicamente progettata e correttamente assemblata, in modo da poter essere facilmente regolata sulla taglia dell'operatore che dovrà indossarla, senza impedimenti e/o fastidio. Ultimamente sono apparse sul mercato imbracature realizzate con cinghie leggermente elastiche che, adattandosi alla figura dell'operatore e seguendolo nei suoi movimenti, rendono meno scomodo l'uso delle imbracature. ATTENZIONE! Solo un'imbracatura dotata di bretelle e cosciali può essere utilizzata nei sistemi che arrestano una caduta. Solo l'imbracatura completa è infatti in grado di svolgere adeguatamente i compiti previsti da un sistema anticaduta, ovvero : • arrestare una caduta senza arrecare danno all'operatore. • mantenere la persona in posizione eretta senza impedirgli la respirazione durante la fase di sospensione inerte . • consentire un suo eventuale successivo recupero da parte di terze persone.

IMBRACATURE DI SICUREZZA

Per tale motivo, il cordino delle cinture a vita deve SEMPRE essere passato attorno ad un punto d'ancoraggio e successivamente agganciato ad entrambi gli anelli laterali di una cintura, regolandone la lunghezza in modo che la caduta possibile sia non superiore a 0,5 m.


12 IMBRACATURA DI SICUREZZA ATTACCO POSTERIORE

P-01 Taglia M - XL XXL Peso 630 g 650 g

0082 EN 361

• Imbracatura con punto d’ancoraggio dorsale • Fibbie di regolazione sui cosciali FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Colore arancione con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

IMBRACATURA DI SICUREZZA ATTACCO POSTERIORE

P-01-S Taglia M - XL XXL Peso 640 g 660 g

0082 EN 361

• Imbracatura con punto d’ancoraggio dorsale • Fibbie di regolazione sui cosciali FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

CINGHIA SOTTOGLUTEALE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

• Cinghia sottogluteale • Colore arancione con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura


IMBRACATURA DI SICUREZZA

13

P-02 Taglia M - XL XXL Peso 1.050 g 1.150 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con punto d’ancoraggio dorsale • Fibbie di regolazione sui cosciali

ATTACCO POSTERIORE

• Colore arancio-blu, cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura • Piccola cinghia sternale per trattenere le bretelle in posizione

FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

ANELLI LATERALI PER POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

• La cintura di posizionamento è realizzata con tre strati di tessuto e dotata di strato antisudore interno • USO: tra le imbracature dotate di cintura di posizionamento è il modello più leggero e semplice, adatto per i montatori di gru e tralicci metallici

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Cintura di posizionamento sul lavoro EN358


14 IMBRACATURA DI SICUREZZA

P-02-S Taglia M - XL XXL Peso 1.050 g 1.150 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con punto d’ancoraggio dorsale • Fibbie di regolazione sui cosciali

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Cintura di posizionamento sul lavoro EN358

ATTACCO POSTERIORE

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura • Piccola cinghia sternale per trattenere le bretelle in posizione

FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

ANELLI LATERALI PER POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

• Cinghia sottogluteale per assorbire il carico dinamico della caduta • La cintura di posizionamento è realizzata con tre strati di tessuto e dotata di strato antisudore interno • USO: tra le imbracature dotate di cintura di posizionamento è il modello più leggero e semplice, adatto per i montatori di gru e tralicci metallici

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

CINGHIA SOTTOGLUTEALE


IMBRACATURA DI SICUREZZA

15

P-10 Taglia M - XL XXL Peso 870 g 900 g

0082 EN 361

• Imbracatura con attacco dorsale • Doppia regolazione sui cosciali e sulle bretelle

ATTACCO POSTERIORE

FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

CINGHIA SOTTOGLUTEALE

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura


DI SICUREZZA 16 IMBRACATURA PER IL PERSONALE FEMMINILE

P-10-F Taglia M - XL XXL Peso 1.050 g 1.150 g

0082 EN 361

• Imbracatura anticaduta specialmente progettata per uso da parte del personale femminile

IMBRACATURE DI SICUREZZA

ANELLO D’ATTACCO DORSALE

CUSCINETTO MORBIDO ANTERIORE FIBBIA DI REGOLAZIONE

FIBBIA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• Le imbracature P-10-F sono state ergonomicamente progettate per l’uso da parte del personale femminile durante le operazioni di pulizia delle finestre (la particolare conformazione del corpo femminile rende inutilizzabili le normali imbracature progettate per gli uomini in quanto le cinghie normalmente presenti a livello toracico potrebbero causare danni fisici in caso di caduta) • L’imbracatura P-10-F è studiata per non causare danni alla regione toracica femminile, infatti le normali cinghie sono state sostituite da un particolare ed esclusivo cuscinetto morbido che si incrocia a livello toracico/addominale e che attutisce l’impatto, garantendo un migliore confort dell’operatrice e la sicurezza anticaduta ATTENZIONE! E’ proibito l’utilizzo alle portatrici di protesi siliconiche


SOFFICE CUSCINETTO SULLE SPALLE

FIBBIE CLICK IN ALLUMINIO ETICHETTA CHE INDICA L’ANCORAGGIO A

ANELLO D’ATTACCO LATERALE

FIBBIA DI REGOLAZIONE IN ALLUMINIO

FIBBIE CLICK IN ALLUMINIO

P-12-PRO Taglia M - XL XXL Peso 1.115 g 1.165 g

• Come ulteriore miglioramento ogni imbracatura della serie PRO è dotato di un dispositivo che segnala ogni sovraccarico derivante da una caduta ANGOLO MAGGIORATO PER UN MIGLIORE CONFORT DEL COLLO NUOVA PIASTRA DI INCROCIO BRETELLE

SISTEMA D’IDENTIFICAZIONE INDICATORE DI CADUTA

SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE

Identifica l’imbracatura con numero di Matricola e data di produzione. Ha uno spazio per registrare visivamente i controlli periodici annuali. Per acquisti di almeno 50 pezzi è possibile inserire il nome/logo del cliente.

0082 EN 361

• Le imbracature della serie PRO sono state ergonomicamente progettate per un migliore confort dell’operatore e comprendono numerosi ed esclusivi miglioramenti: • soffici cuscinetti a livello delle spalle • fibbie di regolazione ed aggancio rapido di alluminio • anelli d’attacco in alluminio • etichetta di identificazione con apposito spazio per registrare i controlli annuali con possibilità di inserire il Logo del cliente (per ordini di almeno 50 pezzi) • cosciali imbottiti a grande superficie di contatto

COSCIALI IMBOTTITI CON LARGA SUPERFICIE DI CONTATTO PER UN MIGLIORE CONFORT

17

IMBRACATURE DI SICUREZZA

IMBRACATURA DI SICUREZZA


18 IMBRACATURA DI SICUREZZA

P-20 Taglia M - XL XXL Peso 1.350 g 1.450 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con attacco dorsale • Doppia regolazione sui cosciali e sulle bretelle

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Cintura di posizionamento sul lavoro EN358 FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

ATTACCO POSTERIORE

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura • Piccola cinghia sternale per trattenere le bretelle in posizione • Cinghia sottogluteale per assorbire il carico dinamico derivante da una caduta • Dotata di cintura di posizionamento con due anelli laterali per l’attacco del cordino di posizionamento

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

ANELLI LATERALI PER POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

CINGHIA SOTTOGLUTEALE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

• La cintura di posizionamento è realizzata con tre strati di tessuto e dotata di strato antisudore interno • Gli anelli della cintura di posizionamento sono in acciaio forgiato ed hanno una leggera curvatura verso l’esterno per facilitare l’attacco dei moschettoni del cordino di posizionamento • USO: tra le imbracature dotate di cintura di posizionamento è il modello più venduto, adatto per tutti coloro che effettuano montaggi industriali, lavori su tralicci e torri, ponteggi e scale • ATTENZIONE: le cinture di posizionamento non sono in grado di arrestare una caduta. Non usare mai una cintura di posizionamento con un dispositivo anticaduta attaccato ad un anello laterale


SOFFICE CUSCINETTO SULLE SPALLE

FIBBIE CLICK IN ALLUMINIO ETICHETTA CHE INDICA L’ANCORAGGIO A

FIBBIA DI REGOLAZIONE IN ALLUMINIO ANELLO D’ATTACCO LATERALE

FIBBIE CLICK IN ALLUMINIO

Taglia M - XL XXL Peso 1.450 g 1.550 g

0082 EN 361 EN 358

• Le imbracature della serie PRO sono state ergonomicamente progettate per un migliore confort dell’operatore e comprendono numerosi ed esclusivi miglioramenti: • soffici cuscinetti a livello delle spalle • fibbie di regolazione ed aggancio rapido di alluminio • anelli d’attacco in alluminio • etichetta di identificazione con apposito spazio per registrare i controlli annuali con possibilità di inserire il Logo del cliente (per ordini di almeno 50 pezzi) • cosciali imbottiti a grande superficie di contatto • Come ulteriore miglioramento ogni imbracatura della serie PRO è dotato di un dispositivo che segnala ogni sovraccarico derivante da una caduta

COSCIALI IMBOTTITI CON LARGA SUPERFICIE DI CONTATTO PER UN MIGLIORE CONFORT

ANGOLO MAGGIORATO PER UN MIGLIORE CONFORT DEL COLLO NUOVA PIASTRA DI INCROCIO BRETELLE

SISTEMA D’IDENTIFICAZIONE INDICATORE DI CADUTA

SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE

Identifica l’imbracatura con numero di Matricola e data di produzione. Ha uno spazio per registrare visivamente i controlli periodici annuali. Per acquisti di almeno 50 pezzi è possibile inserire il nome/logo del cliente.

19

P-22-PRO

IMBRACATURE DI SICUREZZA

IMBRACATURA DI SICUREZZA


20 IMBRACATURA DI SICUREZZA

P-30 Taglia M - XL XXL Peso 1.000 g 1.050 g

0082 EN 361

• Imbracatura con attacco dorsale • Asole per attacco sternale

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Doppia regolazione sui cosciali e sulle bretelle PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

• ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

ASOLE STERNALI D’ATTACCO

• Dotata di un anello dorsale con prolunga per facilitare l’attacco dei dispositivi anticaduta e di due asole anteriori per consentire l’attacco a dispositivi anticaduta scorrevoli verticalmente • Attenzione! E’ vietato collegare un dispositivo anticaduta ad una sola asola anteriore • Piccola cinghia sternale per trattenere le bretelle in posizione • USO: è il modello più venduto in edilizia perchè consente di scegliere tra due possibilità d’attacco: una anteriore ed una posteriore - leggera e semplice, adatta per i montatori di tetti ed in edilizia in generale • L’imbracatura è dotata delle indicazioni dei punti d’attacco (lettera A maiuscola) come previsto dalle ultime modifiche alla norma UNI-EN 365

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE


IMBRACATURA DI SICUREZZA

21

P-30-HV Taglia M - XL XXL Peso 1.000 g 1.060 g

0082 EN 361

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale • Regolazione separata per bretelle e cosciali

• ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

ATTACCO ANTERIORE

CINGHIE FLUORESCENTI

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Nastri alta visibilità fluorescenti


22 IMBRACATURA DI SICUREZZA GILET ALTA VISIBILITA’

PUNTO DI ATTACCO DORSALE

P-30-HV+ FLUORESCENTE

Taglia M - XL XXL Peso 1.200 g 1.260 g

0082 EN 361

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale

IMBRACATURE DI SICUREZZA

COLORI DISPONIBILI ARANCIO

• Regolazione separata per bretelle e cosciali

GIALLO

• Dotata di gilet fluorescente alta visibilità • ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

ATTACCO ANTERIORE

CINGHIE FLUORESCENTI

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE


IMBRACATURA DI SICUREZZA

23

P-35 Taglia M - XL XXL Peso 1.160 g 1.200 g

0082 EN 361

• Imbracatura con attacco dorsale • Doppia regolazione sui cosciali e sulle bretelle • Cinghie di sostegno posteriore • Anello di ancoraggio sternale unico • Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

ATTACCO STERNALE

CINGHIA DI SOSTEGNO POSTERIORE

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

IMBRACATURE DI SICUREZZA

NOVITA’


24 IMBRACATURA DI SICUREZZA P-40 / P-40-A Taglia M - XL XXL Peso 1.150 g 1.200 g

0082 EN 361

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale

NOVITA’

IMBRACATURE DI SICUREZZA

P-40-A è provvista di fibbie in acciaio inox

ATTACCO POSTERIORE

• Regolazione separata per bretelle e cosciali • P-40-A è provvista di fibbie in acciaio inox • Ognuno dei due attacchi anteriori può essere usato come attacco per DPI • Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura

FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

FIBBIA METALLICA DI REGOLAZIONE

• Piccola cinghia sternale per trattenere le bretelle in posizione • USO: è uno dei modelli più venduti in edilizia perchè consente di scegliere tra due possibilità d’attacco: una anteriore ed una posteriore - leggera e semplice, adatta per i montatori di tetti ed in edilizia in generale • L’imbracatura è dotata delle indicazioni dei punti d’attacco (lettera A maiuscola) come previsto dalle ultime modifiche alla norma UNI-EN 365

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE


IMBRACATURA DI SICUREZZA

25

P-50 Taglia M - XL XXL Peso 1.460 g 1.600 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con attacco dorsale • Asole per attacco sternale

PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

ASOLE STERNALI D’ATTACCO

ANELLI LATERALI PER POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

• ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura • Dotata di un anello dorsale con prolunga per facilitare l’attacco dei dispositivi anticaduta e di due asole anteriori utilizzabili come attacco sternale • Piccola cinghia sternale per trattenere le bretelle in posizione • Dotata di cintura di posizionamento con due anelli laterali per l’attacco del cordino di posizionamento • La cintura di posizionamento è realizzata in tre strati e dotata di tessuto antisudore interno, gli anelli laterali sono in acciaio forgiato e leggermente curvati verso l’esterno per facilitare l’attacco dei moschettoni del cordino di posizionamento e possiede tre anelli posteriori per l’attacco di borsa porta attrezzi

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• USO: tra le imbracature dotate di cintura di posizionamento è il modello più completo, adatto per i montatori di prefabbricati in c.a. installatori di gru e per lavori su tralicci metallici, in edilizia, nel montaggio di linee elettriche e di antenne televisive

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Doppia regolazione sui cosciali e sulle bretelle


26 IMBRACATURA DI SICUREZZA GILET ALTA VISIBILITA’

PUNTO DI ATTACCO DORSALE

P-50-HV+ FLUORESCENTE

Taglia M - XL XXL Peso 1.660 g 1.800 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con attacco dorsale + attacco per recupero dopo la caduta COLORI DISPONIBILI ARANCIO

IMBRACATURE DI SICUREZZA

GIALLO

• Regolazione separata per bretelle e cosciali • Dotata di gilet fluorescente alta visibilità • ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

ATTACCO ANTERIORE

ANELLI LATERALI PER POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

CINGHIE FLUORESCENTI

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE


IMBRACATURA DI SICUREZZA

27

P-51-E Taglia M - XL XXL Peso 1.880 g 1.960 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura professionale con fibbie sui cosciali ad attacco rapido • Regolazione continua sulle bretelle elastiche • Attacco posteriore e asole per attacco sternale

• ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

BRETELLE ELASTICHE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE

ATTACCO STERNALE

CINTURA MOBILE

ATTACCHI LATERALI

FIBBIE AD ATTACCO RAPIDO

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Cintura di posizionamento con fibbia ad attacco rapido


28 IMBRACATURA DI SICUREZZA

P-60 Taglia M - XL XXL Peso 1.540 g 1.680 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale • Regolazione separata per bretelle e cosciali

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

• Dotata di un anello dorsale con prolunga per facilitare l’attacco dei dispositivi anticaduta e di due asole anteriori utilizzabili come attacco sternale • ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

ATTACCO ANTERIORE

ATTACCHI LATERALI

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• Speciali cosciali imbottiti per consentire lavori di lunga durata in appoggio • Dotata di cintura di posizionamento con due anelli laterali per l’attacco del cordino di posizionamento • La cintura di posizionamento è realizzata in tre strati e dotata di tessuto antisudore interno, gli anelli laterali sono in acciaio forgiato e leggermente curvati verso l’esterno per facilitare l’attacco dei moschettoni del cordino di posizionamento e possiede tre anelli posteriori per l’attacco di borsa porta attrezzi • USO: tra le imbracature dotate di cintura di posizionamento è il modello più completo, adatto per i montatori di prefabbricati in c.a. installatori di gru e per lavori su tralicci metallici, in edilizia, nel montaggio di linee elettriche e di antenne televisive • ATTENZIONE! la cintura di posizionamento non sono in grado di arrestare una caduta. Non usare mai una cintura di posizionamento con un dispositivo anticaduta attaccato ad un anello laterale


IMBRACATURA DI SICUREZZA

29

P-60-E Taglia M - XL XXL Peso 1.740 g 1.880 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale • Regolazione separata per bretelle e cosciali

PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

ATTACCO ANTERIORE

• Bretelle elastiche • Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura • Dotata di un anello dorsale con prolunga per facilitare l’attacco dei dispositivi anticaduta e di due asole anteriori utilizzabili come attacco sternale

• ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

• Bretelle in nastro elastico per un più ergonomico indossamento • Speciali cosciali imbottiti per consentire lavori di lunga durata in appoggio ATTACCHI LATERALI

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• Dotata di cintura di posizionamento con due anelli laterali per l’attacco del cordino di posizionamento • La cintura di posizionamento è realizzata in tre strati e dotata di tessuto antisudore interno, gli anelli laterali sono in acciaio forgiato e leggermente curvati verso l’esterno per facilitare l’attacco dei moschettoni del cordino di posizionamento e possiede tre anelli posteriori per l’attacco di borsa porta attrezzi

IMBRACATURE DI SICUREZZA

BRETELLE ELASTICHE


30 IMBRACATURA DI SICUREZZA

P-61 Taglia M - XL XXL Peso 1.540 g 1.680 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale • Regolazione separata per bretelle e cosciali

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• Dotata di un anello dorsale con prolunga per facilitare l’attacco dei dispositivi anticaduta e di due asole anteriori utilizzabili come attacco sternale • ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

FIBBIA PLASTICA DI REGOLAZIONE

• Speciali cosciali imbottiti per consentire lavori di lunga durata in appoggio ATTACCO ANTERIORE

ATTACCHI LATERALI

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• Dotata di cintura di posizionamento con due anelli laterali per l’attacco del cordino di posizionamento • La cintura di posizionamento è realizzata in tre strati e dotata di tessuto antisudore interno, gli anelli laterali sono in acciaio forgiato e leggermente curvati verso l’esterno per facilitare l’attacco dei moschettoni del cordino di posizionamento e possiede tre anelli posteriori per l’attacco di borsa porta attrezzi • USO: tra le imbracature dotate di cintura di posizionamento è il modello più completo, adatto per i montatori di prefabbricati in c.a. installatori di gru e per lavori su tralicci metallici, in edilizia, nel montaggio di linee elettriche e di antenne televisive • L’imbracatura è dotata delle indicazioni dei punti d’attacco (lettera A maiuscola) come previsto dalle ultime modifiche alla norma UNI-EN 365


IMBRACATURA DI SICUREZZA

31

P-61-E Taglia M - XL XXL Peso 1.740 g 1.880 g

0082 EN 361 EN 358

• Imbracatura con punto di ancoraggio frontale e dorsale • Regolazione separata per bretelle e cosciali

PROLUNGA CON ANELLO DI ATTACCO POSTERIORE

FIBBIE METALLICHE DI REGOLAZIONE FIBBIA PLASTICA DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

ATTACCO ANTERIORE

• Bretelle elastiche • Colore arancio-blu con cucirini in colore contrastante per un migliore controllo dell’usura • Dotata di un anello dorsale con prolunga per facilitare l’attacco dei dispositivi anticaduta e di due asole anteriori utilizzabili come attacco sternale • ATTENZIONE! Le due asole sternali devono essere collegate da moschettone tipo AZ-011 (non fornito)

• Bretelle in nastro elastico per un più ergonomico indossamento

ATTACCHI LATERALI

• Speciali cosciali imbottiti per consentire lavori di lunga durata in appoggio • Dotata di cintura di posizionamento con due anelli laterali per l’attacco del cordino di posizionamento

FIBBIE METALLICHE DI CONNESSIONE E REGOLAZIONE

• La cintura di posizionamento è realizzata in tre strati e dotata di tessuto antisudore interno, gli anelli laterali sono in acciaio forgiato e leggermente curvati verso l’esterno per facilitare l’attacco dei moschettoni del cordino di posizionamento e possiede tre anelli posteriori per l’attacco di borsa porta attrezzi

IMBRACATURE DI SICUREZZA

BRETELLE ELASTICHE


32 IMBRACATURA DI SICUREZZA NOVITA’ ATTACCO DORSALE IN ALLUMINIO

P-80-E 0082

Taglia M - XL XXL Peso 1.780 g 1.860 g

EN 361 EN 358 EN 813

• Imbracatura professionale con punto di ancoraggio frontale e dorsale • Attacchi ventrali per sospensione anteriore (sitting) • Cosciali imbottiti

FIBBIE DI REGOLAZIONE

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Fibbie ad attacco rapido • Bretelle elastiche

BRETELLE ELASTICHE

FIBBIE DI REGOLAZIONE

ATTACCHI STERNALI

ATTACCHI VENTRALI DI POSIZIONAMENTO

GLI ATTACCHI STERNALI E GLI ATTACCHI VENTRALI SONO DA COLLEGARE CON MOSCHETTONE AZ-011 (NON FORNITO)

ATTACCHI LATERALI

FIBBIE AD ATTACCO RAPIDO

COSCIALI IMBOTTITI


IMBRACATURA DI SICUREZZA

33

P-070 Taglia M - XL XXL Peso 1.660 g 1.760 g

0082 EN 361 EN 358 EN 813

• Imbracatura professionale completa, tipo alpinismo • Cosciali imbottiti • Anelli porta moschettoni • In considerazione della conformazione della cinghia centrale è una delle poche imbracature che può essere usata da personale femminile. Ovviamente, prima dell’uso, si consiglia di avere il benestare del medico competente specialmente nel caso di presenza di protesi mammarie siliconiche

FIBBIA METALLICA DI REGOLAZIONE

ATTACCO DORSALE

ATTACCO STERNALE

ATTACCO VENTRALE

ATTACCHI LATERALI

ANELLI PORTA MOSCHETTONI

COSCIALI IMBOTTITI

IMBRACATURE DI SICUREZZA

• Attacco dorsale, attacco sternale e attacco ventrale


34 CINTURE DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO norma di riferimento EN-358 La cintura di posizionamento (normalmente definita cintura di sicurezza) si indossa all’altezza della vita dell’operatore e serve ESCLUSIVAMENTE a permettergli di operare con le mani libere. Deve obbligatoriamente essere dotata di un cordino REGOLABILE che deve essere fissato ad ENTRAMBI gli anelli laterali. La cintura di posizionamento non può essere usata, da sola, come mezzo anticaduta ma solo di trattenuta (carichi statici e non dinamici). Non può pertanto essere usata con i normali dispositivi anticaduta (fissi EN-355, guidati EN353 o retrattili EN-360). Può invece essere usata per impedire all’operatore di raggiungere un punto pericoloso tramite un cordino fisso di adeguata lunghezza ovvero operando in “trattenuta”.

CINTURE DI POSIZIONAMENTO

Caduta massima sopportabile dall’operatore 0,50 m con cordino collegato a doppino.

Nella foto: l’operatore ha raggiunto la zona operativa usando un dispositivo anticaduta EN-353.2 collegato all’anello sternale dell’imbracatura (protezione dalla caduta). Giunto in zona operativa ha utilizzato il cordino di posizionamento collegato alla cintura al fine di poter lavorare con le mani libere (posizionamento sul lavoro)


35

CINTURA DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO PB-70 ATTACCHI LATERALI

ATTACCO VENTRALE

ANELLI PORTA MOSCHETTONI

Taglia M - XL XXL Peso 1.660g 1.760 g

0082 EN 358 EN 813

• Sit-harness - imbracatura bassa tipo alpinismo, senza bretelle, cosciali imbottiti, anelli porta moschettoni, attacco ventrale ed attacchi laterale

• ATTENZIONE: NON E’ UNA IMBRACATURA ANTICADUTA.

DORSALINO ERGONOMICO ANTISUDORE CON STRUTTURA A TRE STRATI

SI USA COME UNA CINTURA DI POSIZIONAMENTO.

PB-10 0082 EN 358

FIBBIA DI REGOLAZIONE

• Peso: 440 g • Anelli laterali saldati

ANELLI LATERALI DI ATTACCO

DORSALINO ERGONOMICO ANTISUDORE CON STRUTTURA A TRE STRATI

PB-20 0082 EN 358

FIBBIA DI REGOLAZIONE

ANELLI LATERALI FORGIATI

• Peso: 560 g • Anelli laterali forgiati • Anelli posteriori portautensili

CINTURE DI POSIZIONAMENTO

COSCIALI IMBOTTITI


CORDINI ANTICADUTA EN-354 CON ASSORBITORE D’ENERGIA EN-355

CORDINI ANTICADUTA

36

I cordini con assorbitore d'energia EN 355 costituiscono il dispositivo di collegamento più semplice ed economico tra il punto d'ancoraggio (EN795) e l'imbracatura (EN361). Nel loro uso è necessario tenere presente il fatto che in caso di carico dinamico l'assorbitore si allunga sino ad un massimo di 1,75 m e tale allungamento incrementa il tirante d'aria libero da aversi obbligatoriamente al di sotto della zona di lavoro ( vedi disegno 3). E’ pertanto di fondamentale importanza cercare di utilizzare un punto d'ancoraggio posto al di sopra della zona di lavoro onde ridurre al minimo il rischio derivante dalla caduta (vedi disegno 4). Quando la distanza tra il punto d'ancoraggio ed il punto di possibile caduta è superiore alla lunghezza del cordino si ha la situazione di “caduta impedita o trattenuta” che è la più sicura (vedi disegno 5). Disegno 3

2,0 m 1,75 m 1,5 m 1,0 m Esempio di uso di un cordino anticaduta

Disegno 4 effetto pendolo Disegno 5 trattenuta


ABM + LB-101

37

0082 Lungh. max 2m EN 355 Materiale Polyamide EN 354

L’assorbitore di energia con cordino fisso universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

ASSORBITORE DI ENERGIA

ABM

ASOLE

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023

CORDINO FISSO Ø 10,5

ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

LB 101

AZ 011 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

ABM • L’assorbitore d’energia è composto da nastro in poliammide cucito a settori con uno speciale cucirino che si rompe gradatamente in caso di caduta, assorbendo il carico dinamico derivante da una caduta in modo che non superi il valore di 6kN. • Si regola automaticamente per assorbire il carico dinamico di persone con massa diversa. • La fune è in poliammide ø 10,5 mm - trecciata tipo alpinismo - ed è dotata di un filo di sicurezza in colore contrastante che indica l’eccessiva usura della fune. NOTA: la lunghezza della fune è variabile al variare dei moschettoni in quanto la lunghezza MASSIMA del cordino completo non può superare i 2 metri.

ABM+LB-101 ARTICOLI STANDARD ABM-L-22

con 2 moschettoni AZ-002

ABM-L-222

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-022

ABM-L-223

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-023

ABM-L-1122

con 1 moschettone AZ-002 +1 moschettone AZ-011 per linee-vita

ABM-L-0101

con 2 moschettoni AZ-011 (lunghezza 1m) per linee-vita

CORDINI ANTICADUTA

CORDINO ANTICADUTA CON ASSORBITORE DI ENERGIA


38 CORDINO ANTICADUTA CORDINI ANTICADUTA

DOPPIO CON ASSORBITORE DI ENERGIA

ABM + 2LB-102 0082 Lungh. max 2 x 2 m EN 355 Materiale Polyamide EN 354

L’assorbitore di energia con cordino fisso doppio universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002

ASOLE

ASSORBITORE DI ENERGIA

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

ABM

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023

CORDINO FISSO Ø 10,5

ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

LB 102

Cordino ABM-2L • L’assorbitore d’energia è composto da nastro in poliammide cucito a settori con uno speciale cucirino che si rompe gradatamente in caso di caduta, assorbendo il carico dinamico derivante da una caduta in modo che non superi il valore di 6 kN. • Si regola automaticamente per assorbire il carico dinamico di persone con massa diversa. • Particolarmente usato ove esistano diversi punti di ancoraggio cui collegarsi in successione. NOTA: la lunghezza della fune è variabile al variare dei moschettoni in quanto la lunghezza MASSIMA del cordino completo non può superare i 2 metri.

ABM+2LB-102 ARTICOLI STANDARD ABM-2L-22

con 3 moschettoni AZ-002

ABM-2L-222

con 1 moschettone AZ-002 + 2 moschettoni AZ-022

ABM-2L-223

con 1 moschettone AZ-002 + 2 moschettoni AZ-023


CORDINO ANTICADUTA CON ASSORBITORE DI ENERGIA

39

ABM-T 0082 Lungh. max 2m EN 355 Materiale Polyamide EN 354

L’assorbitore di energia con cordino fisso universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

ASSORBITORE DI ENERGIA

AZ 002

ABM

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

CINGHIA IN POLIAMMIDE LARGHEZZA 30 mm

AZ 011 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

ASOLA

Cordino ABM-T • L’assorbitore d’energia è composto da nastro in poliammide cucito a settori con uno speciale cucirino che si rompe gradatamente in caso di caduta, assorbendo il carico dinamico derivante da una caduta in modo che non superi il valore di 6 kN. • Si regola automaticamente per assorbire il carico dinamico di persone con massa diversa. • La cinghia di colore rosso è in poliammide larghezza 30 mm ed è dotata di cucitura eseguita con un filo in colore contrastante. • Può essere dotato di due moschettoni da scegliersi tra quelli disponibili. NOTA: la lunghezza della cinghia è variabile al variare dei moschettoni in quanto la lunghezza MASSIMA del cordino completo non può superare i 2 metri.

ABM-T ARTICOLI STANDARD ABM-T-22

con 2 moschettoni AZ-002

ABM-T-222

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-022

ABM-T-223

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-023

ABM-T-1122

con 1 moschettone AZ-002 +1 moschettone AZ-011 per linee-vita

ABM-T-0101

con 2 moschettoni AZ-011 (lunghezza 1m) per linee-vita

CORDINI ANTICADUTA

ASOLA


40 CORDINI CON ASSORBITORE A RIDOTTO CORDINI ANTICADUTA

ALLUNGAMENTO SPECIALI PER PONTEGGI

0082 EN 355

La norma EN-355 che riguarda gli assorbitori d’energia prevede che durante i test di caduta l’allungamento massimo dell’assorbitore non sia superiore a 1,75 m e di conseguenza quando si debba calcolare il tirante d’aria necessario per l’uso di tali cordini (lunghezza del cordino L + allungamento dell’assorbitore E + 1,5 m ingombro dell’operatore M + 1 metro di sicurezza S) si ottengono valori molto elevati,

Punto singolo d’ancoraggio con cordino - assorbitore d’energia

L

(0,90 m) (1,5 m max)

(0,56 m)

E (0,7 m max)

Totale tirante d’aria TA necessario:

M

(1,5 m min)

S

(1 m min)

3,96 / 4,70 m

L = lunghezza del cordino E = allungamento dell’assorbitore M = ingombro dell’uomo S = spazio di sicurezza

(approssimativamente pari ad oltre 6 m) che rendono inutilizzabili i normali cordini con assorbitore durante il montaggio/smontaggio dei ponteggi, se non a partire dal terzo impalcato (ancoraggio a 7-8 metri dal piano di campagna) costringendo spesso gli operatori ad utilizzare poco correttamente cordini senza assorbitore d’energia. Abbiamo pertanto provveduto a far certificare da APAVE (Francia) questi NUOVI cordini dotati di uno speciale assorbitore SCF il cui allungamento è ridotto a 0,56 m (per i cordini da 0,9 m) ed a 0,70 m (per i cordini da 1,5 m). Ne risulta che un cordino della serie BW dotato di un assorbitore d’energia SCF abbia necessità di un tirante d’aria ridotto: • per i cordini da 0,9 m si ottiene un valore di Tirante d’Aria-TA di 3,96 m • per i cordini da 1,5 m si ottiene un valore di Tirante d’Aria-TA di 4,70 m Tirante d’Aria = distanza tra il punto d’ancoraggio e gli ostacoli sottostanti


Cordini EN-354 dotati di assorbitore d’energia EN-355 ad allungamento ridotto tipo SCF

0082 EN 355

41

BW-210-09-11-02 • Fune ø 10,5 mm • L = 0,9 m • un moschettone AZ-011 + un moschettone AZ-002

BW-210-15-11-22 • Fune ø 10,5 mm • L = 1,5 m • un moschettone AZ-011 + un moschettone a grande apertura AZ-022

BW-250-09-11-02 • Cinghia elastica • L = 0,9 m • un moschettone AZ-011 + un moschettone AZ-002

BW-250-15-11-22 • Cinghia elastica • L = 1,5 m • un moschettone AZ-011 + un moschettone a grande apertura AZ-022

BW-260-15-11-22 • Cordino doppio in cinghia elastica • L = 1,5 + 1,5 m • un moschettone AZ-011 + due moschettoni a grande apertura AZ-022

CORDINI ANTICADUTA

Articoli attualmente in produzione:


42 CORDINO ANTICADUTA CORDINI ANTICADUTA

REGOLABILE CON ASSORBITORE DI ENERGIA

ABM + RLB-100 0082 Lungh. max 2m EN 355 Materiale Polyamide EN 354

L’assorbitore di energia con cordino regolabile universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

ASSORBITORE DI ENERGIA

ABM

ASOLE

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g FIBBIA DI REGOLAZIONE

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g CORDINO FISSO Ø 12 mm

AZ 011

LB 100

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

ABM • L’assorbitore d’energia è composto da nastro in poliammide cucito a settori con uno speciale cucirino che si rompe gradatamente in caso di caduta, assorbendo il carico dinamico derivante da una caduta in modo che non superi il valore di 6kN. • Si regola automaticamente per assorbire il carico dinamico di persone con massa diversa. • La fune è in poliammide ø 12 mm - trecciata tipo alpinismo - ed è dotata di un filo di sicurezza in colore contrastante che indica l’eccessiva usura della fune. NOTA: la lunghezza della fune è variabile al variare dei moschettoni in quanto la lunghezza MASSIMA del cordino completo non può superare i 2 metri.

ABM+RLB-100 ARTICOLI STANDARD ABM-RL-22

con 2 moschettoni AZ-002

ABM-RL-222

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-022

ABM-RL-223

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-023

ABM-RL-1122

con 1 moschettone AZ-002 +1 moschettone AZ-011 per linee-vita


ABM + LE-101 0082 Lungh. max EN 354 Materiale EN 355

2m Polyamide

Il cordino anticaduta può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002 ASOLE

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

ASSORBITORE DI ENERGIA

ABM

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

ELASTICO

LE 101

AZ 011 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

Cordino ABM+LE-101 • L’elasticità del cordino serve unicamente a diminuirne l’ingombro ed evitare gli inciampi durante i movimenti di risalita di scale/tralicci. • E’ dotato di assorbitore d’energia ed è utilizzabile come dispositivo anticaduta. • L’assorbitore d’energia è composto da nastro in poliammide cucito a settori con uno speciale cucirino che si rompe gradatamente in caso di caduta, assorbendo il carico dinamico derivante da una caduta in modo che non superi il valore di 6kN. • Si regola automaticamente per assorbire il carico dinamico di persone con massa diversa.

ABM+LE 101 ARTICOLI STANDARD - Lunghezza totale circa 2 m ABM - LE - 22

con 2 moschettoni AZ 002

ABM - LE - 222

con 1 moschettone AZ 002

+ 1 moschettone AZ 022

ABM - LE - 223

con 1 moschettone AZ 002

+ 1 moschettone AZ 023

ABM - LE - 1122 con 1 mosch. AZ 002 + 1 mosch. AZ 011 - per linee-vita ABM - LE - 0101 con 2 mosch. AZ 011 - lungh. 1 m - per linee-vita

43 CORDINI ANTICADUTA

CORDINO ELASTICO CON ASSORBITORE


44 DOPPIO CORDINO ELASTICO ABM + 2LE-101 CORDINI ANTICADUTA

CON ASSORBITORE

0082 Lungh. max EN 354 Materiale EN 355

2m Polyamide

Il cordino anticaduta può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni: ASOLE ASSORBITORE DI ENERGIA

ABM

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

ELASTICO

LE 101

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

Cordino ABM+2LE-101 • L’elasticità del cordino serve unicamente a diminuirne l’ingombro ed evitare gli inciampi. • Si usa quando esistono diversi punti d’ancoraggio cui collegarsi in successione. • L’assorbitore d’energia è composto da nastro in poliammide cucito a settori con uno speciale cucirino che si rompe gradatamente in caso di caduta, assorbendo il carico dinamico derivante da una caduta in modo che non superi il valore di 6kN. • Si regola automaticamente per assorbire il carico dinamico di persone con massa diversa.

ABM+2LE 101 ARTICOLI STANDARD ABM - 2LE - 22

con 3 moschettoni AZ 002

ABM - 2LE - 222 con 1 moschettone AZ 002

+ 2 moschettoni AZ 022

ABM - 2LE - 223 con 1 moschettone AZ 002

+ 2 moschettoni AZ 023


LA-001

45

0082 Lungh. max 2m EN 355 Materiale Polyamide

Il cordino elastico può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni: ASOLE

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

AZ 011 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

NON HA BISOGNO DI ASSORBITORE D’ENERGIA IN QUANTO IL CORDINO STESSO

CARICO MASSIMO IN CADUTA

E’ UN ASSORBITORE DI ENERGIA

6kN

LA-001 ARTICOLI STANDARD - Lunghezza cinghia 160 cm LA-22

con 2 moschettoni AZ-002

LA-222

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-022

LA-223

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-023

LA-1122

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-011 - per linee vita

CORDINI ANTICADUTA

CORDINO ELASTICO CON EFFETTO DI ASSORBIMENTO D’ENERGIA


46

CORDINI DI POSIZIONAMENTO EN-358

CORDINI ANTICADUTA

Quando un operatore abbia raggiunto una postazione sopraelevata e debba poter soffermarsi per compiere operazioni con le mani libere, si può assicurare alla struttura tramite appositi cordini di lunghezza regolabile definiti “cordini di posizionamento”. La lunghezza deve essere variabile per potersi adattare alla forma della struttura di sostegno (scala, traliccio, palo, tubo, albero) ed il cordino deve essere regolato in modo che una eventuale caduta/scivolamento verso il basso non sia superiore a 0,50 m. I cordini devono essere collegati ad entrambi gli anelli laterali di una “cintura di posizionamento sul lavoro” conforme ad EN-358. Tale cintura può essere integrata in una imbracatura completa anticaduta conforme ad EN-361. In pratica l’imbracatura ed il relativo dispositivo anticaduta, consentono di raggiungere la postazione di lavoro, mentre la cintura ed il cordino di posizionamento mantengono l’operatore in sicurezza senza che debba usare le mani per reggersi in equilibrio. Esempio di uso di un cordino di posizionamento PROT-30 (pag. 52)

CORDINI FISSI EN-354 Tali cordini non sono dotati di assorbitore d'energia, quindi non sono utilizzabili per arrestare una caduta ma solo, eventualmente, per impedirla, sia quando vengono usati in situazione di “posizionamento sul lavoro”, sia quando vengono usati in situazione di “trattenuta”. Si tenga presente che i cordini EN-354 hanno un carico rottura di 23 kN che è superiore al carico di rottura di un ancoraggio EN-795 A, quindi, in caso di necessità un cordino fisso EN354 può essere passato attorno ad una struttura tubolare che non si riesce ad utilizzare con un normale moschettone e può divenire un punto d'ancoraggio sicuro (ponendo attenzione agli spigoli vivi che potrebbero rovinare la fune) per ogni tipo di DPI.


CORDINO FISSO

47

LB-101 0082 Lungh. max 2m EN 354 Materiale Polyamide EN 358

CORDINI ANTICADUTA

Il cordino universale può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

ASOLE

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 011

FUNE CON GUAINA

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

Ø 10,5 mm

ATTENZIONE: Non usare come cordino anticaduta! Può essere usato come: • cordino di sicurezza aggiungendo l’assorbitore d’energia ABM (solo per LB-101-15) • cordino di trattenuta NOTA: la lunghezza è quella totale del cordino con i moschettoni, quindi la lunghezza della fune può essere diversa al variare dei moschettoni usati.

LB-101 ARTICOLI STANDARD LB-101-15

lunghezza 1,5 m

senza moschettoni

LB-101-15-22

lunghezza 1,5 m

con 2 AZ-002

LB-101-15-11

lunghezza 1,5 m

con 2 AZ-011

LB-101-15-222

lunghezza 1,5 m

con 1AZ-002 + 1AZ-022

LB-101-20

lunghezza 2,0 m

senza moschettoni

LB-101-20-22

lunghezza 2,0 m

con 2 AZ-002

LB-101-20-11

lunghezza 2,0 m

con 2 AZ-011

LB-101-20-222

lunghezza 2,0 m

con 1AZ-002 + 1AZ-022


48 CORDINO FISSO DOPPIO

LB-102

CORDINI ANTICADUTA

0082 Lungh. max 2m EN 354 Materiale Polyamide EN 358 Il cordino fisso doppio può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni: ASOLE

AZ 002

ASOLA

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

FUNE TRECCIATA TIPO ALPINISMO

AZ 022

Ø 10,5 mm

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

AZ 011 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

ATTENZIONE: Non usare come cordino anticaduta!

Può essere usato come: • cordino di trattenuta

NOTA: la lunghezza è quella totale del cordino con i moschettoni quindi, la lunghezza della fune, può essere diversa al variare dei moschettoni usati.

LB-102 ARTICOLI STANDARD LB-102-22

con 3 moschettoni AZ-002

LB-102-222

con 1 moschettone AZ-002 + 2 moschettoni AZ-022

LB-102-223

con 1 moschettone AZ-002 +2 moschettoni AZ-023

LB-102-0101

con 3 moschettoni AZ-011


CORDINO UNIVERSALE REGOLABILE

LB-100

49

Il cordino universale regolabile può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

FUNE IN POLIAMMIDE

AZ 022

Ø 12 mm

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 011

ATTENZIONE:

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

Non usare come cordino anticaduta!

Può essere usato come: • cordino di sicurezza aggiungendo l’assorbitore d’energia ABM (solo per LB-101-15) • cordino di posizionamento sul lavoro • cordino di trattenuta • può essere usato con tutti i tipi di cinture di posizionamento collegando ad entrambi gli anelli laterali. • si utilizza con cintura o imbracatura dotata di cintura di posizionamento durante il montaggio dei tralicci o delle gru in edilizia. NOTA: la lunghezza è quella totale del cordino con i moschettoni quindi, la lunghezza della fune, può essere diversa al variare dei moschettoni usati.

LB-100 ARTICOLI STANDARD LB-100-15

lunghezza 1,5 m

senza moschettoni

LB-100-15-22

lunghezza 1,5 m

con 2 AZ-002

LB-100-15-11

lunghezza 1,5 m

con 2 AZ-011

LB-100-15-222

lunghezza 1,5 m

con 1 AZ-002 + 1 AZ-022

LB-100-20

lunghezza 2,0 m

senza moschettoni

LB-100-20-22

lunghezza 2,0 m

con 2 AZ-002

LB-100-20-11

lunghezza 2,0 m

con 2 AZ-011

LB-100-20-222

lunghezza 2,0 m

con 1 AZ-002 + 1 AZ-022

CORDINI ANTICADUTA

0082 Lungh. max 2m EN 354 Materiale Polyamide EN 358


50 CORDINO ELASTICO CORDINI ANTICADUTA

DI TRATTENUTA E POSIZIONAMENTO

LE-101 0082 Lungh. max EN 354 Materiale

2m Polyamide

Il cordino può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002

ASOLE

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

AZ 023 ALLUMINIO APERTURA: 60 mm PESO: 480 g

ELASTICO

LE 101

AZ 011 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 20 mm (chiusura a ghiera) MASSA: 180 g

Cordino LE-101 • L’elasticità del cordino serve unicamente a diminuirne l’ingombro ed evitare gli inciampi durante i movimenti di risalita di scale/tralicci. • ATTENZIONE! L’effetto elastico non costituisce un assorbimento d’energia come previsto per i cordini anticaduta.

LE 101 ARTICOLI STANDARD - Lunghezza totale circa 2 m (con i moschettoni) LE - 22

con 2 moschettoni AZ 002

LE - 222

con 1 moschettone AZ 002

+ 1 moschettone AZ 022

LE - 223

con 1 moschettone AZ 002

+ 1 moschettone AZ 023

LE - 1122

con 1 mosch. AZ 002

+ 1 mosch. AZ 011 - per linee-vita

LE - 0101

con 2 mosch. AZ 011 - lungh. 1 m - per linee-vita


CORDINO FISSO

51

LB-211

PROTETTO DALLE SCINTILLE

0082

Il cordino fisso può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002

ASOLE

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

FUNE IN POLIAMMIDE

Ø 16 mm

ATTENZIONE: Non usare come cordino anticaduta!

• La fune è

PROTETTA CONTRO SCINTILLE E GOCCE DI SALDATURE

• Il cordino può essere usato in vicinanza di saldatori, molatori, ecc.

LB-211 ARTICOLI STANDARD lunghezza 1,5 m LB-22

con 2 moschettoni AZ-002

LB-222

con 1 moschettone AZ-002 + 1 moschettone AZ-022

CORDINI ANTICADUTA

EN 354 EN 358


CORDINI ANTICADUTA

52 CORDINO DI POSIZIONAMENTO SUL LAVORO

PROT-11 0082 EN 358

Il cordino universale regolabile può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

REGOLATORE DI LUNGHEZZA

ASOLA

TRECCIA POLIAMMIDE

AZ 022

Ø 12 mm

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g

PROTEZIONE IN PVC

Cordino PROT-11 • Cordino di posizionamento con lunghezza di 2 m, regolabile anche sotto carico tramite apposito dispositivo che consente lo scorrimento della fune. • Il dispositivo scorrevole è dotato di moschettone ovale AZ-011 • Una delle estremità del cordino di posizionamento è dotata di un moschettone a doppio comando mentre l’altra estremità è dotata di un ingrossamento che non consente lo sfilamento accidentale del dispositivo. • Può essere usato con tutti i tipi di cinture di posizionamento collegandolo ad entrambi gli anelli laterali. • Fune in poliammide dotato di filo in colore contrastante per evidenziare l’usura e di apposita guaina in PVC rosso che protegge la fune dai contatti con superfici ruvide e taglienti. • Si utilizza con una cintura o imbracatura dotata di una cintura di posizionamento durante il montaggio dei tralicci o delle gru in edilizia (vedere foto a pag. 53). COLLEGAMENTO TRAMITE MOSCHETTONE

PROT-11 DISPOSITIVO DI BLOCCO


PROT-11

COLLEGAMENTO TRAMITE MOSCHETTONE

53

• Il cordino PROT-11 oltre che nella situazione di posizionamento può essere usato anche nella situazione di TRATTENUTA ovvero quando il dispositivo scorrevole sia dotato di una fune di 5-10-15-20 metri e la sua distanza dal punto d’ancoraggio EN-795 sia regolabile dall’operatore in funzione della distanza del punto di caduta. • Si ha la situazione di TRATTENUTA quando il cordino PROT-11 è regolato ad una lunghezza inferiore della distanza tra il punto d’ancoraggio ed il limite di caduta (vedere anche foto a pag. 102) • Attenzione: il cordino PROT-11 non è un dispositivo che possa servire ad arrestare una caduta perchè non è dotato di assorbitore, quindi deve essere posta molta attenzione alla regolazione della lunghezza utile per poter assicurare la situazione di trattenuta.

Nella foto esempio di uso del cordino PROT-11 in trattenuta

PROT-11 ARTICOLI STANDARD lunghezza 2 m AF-101-202

con 1 moschettone AZ-002

AF-101-222

con 1 moschettone AZ-022

ALTRE LUNGHEZZE disponibili con MOSCHETTONE AZ-011 Lunghezza fune Codice PROT-11 5 metri

AF-101-51

PROT-11 10 metri

AF-101-101

PROT-11 15 metri

AF-101-151

PROT-11 20 metri

AF-101-201

CORDINI ANTICADUTA

DISPOSITIVO DI BLOCCO


DI POSIZIONAMENTO PER 54 CORDINO ARBORICOLTURA, MONTAGGIO GRU,

PROT-30 0082

IN CAVO D’ACCIAIO ANTITAGLIO CORDINI ANTICADUTA

EN 358

NOVITA’ DISPOSITIVO DI REGOLAZIONE

Il cordino universale regolabile può essere dotato di uno dei seguenti moschettoni:

AZ 002

ASOLA

ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 18 mm PESO: 220 g

AZ 022 ACCIAIO GALVANIZZATO APERTURA: 50 mm PESO: 500 g FUNE IN ACCIAIO CON CALZA IN POLIAMMIDE

Cordino PROT-30 • Cordino di posizionamento in cavo d’acciaio con lunghezza di 2 m, regolabile anche sotto carico tramite apposito dispositivo che consente lo scorrimento della fune. • Il dispositivo scorrevole è dotato di moschettone ovale AZ-011

Ø 16 mm

PROTEZIONE IN PVC

• Una delle estremità del cordino di posizionamento è dotata di un moschettone a doppio comando mentre l’altra estremità è dotata di un ingrossamento che non consente lo sfilamento accidentale del dispositivo. • Può essere usato con tutti i tipi di cinture di posizionamento collegandolo ad entrambi gli anelli laterali. • Fune in poliammide dotato di filo in colore contrastante per evidenziare l’usura e di apposita guaina in PVC rosso che protegge la fune dai contatti con superfici ruvide e taglienti. • Si utilizza con una cintura o imbracatura dotata di una cintura di posizionamento durante il montaggio dei tralicci o delle gru in edilizia (vedere foto a pag. 42).

PROT-30 ARTICOLI STANDARD lunghezza 2 m PROT-30-L-22

con 1 moschettone AZ-002

PROT-30-L-222

con 1 moschettone AZ-022

LUNGHEZZE PROT-30-30-22

lunghezza 3,0 m

con 1 moschettone AZ-002

PROT-30-30-222 lunghezza 3,0 m

con 1 moschettone AZ-022


DISPOSITIVI GUIDATI EN-353

55

Questi dispositivi sono costituiti da un supporto rigido ( canalina o cavo metallico) EN-353.1 oppure da un supporto flessibile (fune in nylon) EN-353.2 ed hanno la funzione di proteggere un operatore che debba muoversi su una scala verticale o subverticale. Entrambi i tipi dispositivi guidati consentono il deliberato e lento movimento verso l'alto o verso il basso dell'operatore ed in caso di caduta si bloccano sul supporto rigido o flessibile fermando la caduta dell'operatore dopo pochi decimetri.

Utilizzata sulle coperture un sistema guidato di tipo flessibile permette di modificare la lunghezza del cordino di collegamento al punto di ancoraggio, creando una situazione di caduta impedita o trattenuta.

Esempio di uso di un dispositivo Linostop su scala verticale

Esempio di uso di DUE linee separate per lavori di sospensione

DISPOSITIVI GUIDATI

Una particolare applicazione dei sistemi guidati su supporto flessibile consente i lavori in sospensione con l'ausilio di una seconda fune di lavoro.


56 DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO GUIDATO

LINOSTOP II MOSCHETTONE AZ 002

ASOLA

AC - 060

Ø 12 mm ASSORBITORE DI ENERGIA

EN 353-2

DISPOSITIVO DI BLOCCO

DISPOSITIVI GUIDATI

Standard con fune 060 060 060 060 060 060 060 060 060 060

-05 -10 -15 -20 -25 -30 -35 -40 -45 -50

EN 353.2

TRECCIA POLIAMMIDE

0082

AC AC AC AC AC AC AC AC AC AC

0082

lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza

5m 10 m 15 m 20 m 25 m 30 m 35 m 40 m 45 m 50 m

INGROSSAMENTO TERMINALE

Dispositivo guidato su fune d’ancoraggio flessibile • Può essere usato nella salita dei tralicci o delle scale o come punto d’ancoraggio mobile sui tetti inclinati • Normalmente si collega all’anello sternale di cui sono dotate alcune imbracature • Dotato di assorbitore d’energia conforme alla norma UNI-EN 355 • Fune in poliammide ø 12 mm con filo di cotone contrastante che segnala l’usura della fune • Il dispositivo LINOSTOP è realizzato in acciaio inox • La fune d’ancoraggio è dotata di un’asola superiore collegabile, tramite un moschettone, ad un sicuro punto d’ancoraggio con carico di rottura non inferiore a 10 kN • La fune possiede un ingrossamento terminale all’estremità inferiore per evitare involontari sfilamenti del dispositivo

Esempio di possibile uso di DPI su una copertura

LINEA D’ANCORAGGIO EN-795-C IMBRACATURA EN-361

CONTRAPPESO

NON FORNITO DISPOSITIVO EN-353.2 oppure EN-358


DISPOSITIVO ANTICADUTA DI TIPO GUIDATO AC-100 0082

57

AC-010 0082 AC-010 SOLO DISPOSITIVO STACCABILE DALLA FUNE

EN 353-2

EN 353-2 TRECCIA POLIAMMIDE Ø 14 mm

ASSORBITORE DI ENERGIA

AC-100 SOLO FUNE ø 14 mm AC AC AC AC AC

100-10 100-20 100-30 100-40 100-50

lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza lunghezza

10 20 30 40 50

m m m m m

MOSCHETTONE AZ 002

Dispositivo guidato su fune d’ancoraggio flessibile • Può essere usato nella salita dei tralicci o delle scale o come punto d’ancoraggio mobile sui tetti inclinati • Normalmente si collega all’anello sternale di cui sono dotate alcune imbracature • Dotato di assorbitore d’energia conforme alla norma UNI-EN 355 • Fune trecciata tipo alpinismo, in poliammide ø 14 mm • Il dispositivo AC-010 è realizzato in acciaio zincato ed è apribile per consentire il suo inserimento/disinserimento in qualunque punto della linea • La fune d’ancoraggio è dotata di un’asola superiore collegabile, tramite un moschettone, ad un sicuro punto d’ancoraggio con carico di rottura non inferiore a 10 kN • La fune possiede un ingrossamento terminale all’estremità inferiore per evitare involontari sfilamenti del dispositivo

DISPOSITIVI GUIDATI

DISPOSITIVO DI BLOCCO APRIBILE


58

DISPOSITIVI ANTICADUTA RETRATTILI conformi ad EN-360 I dispositivi retrattili,comunemente definiti “arrotolatori” sono un tipo speciale di collegamento tra il punto d'ancoraggio EN-795 e l'imbracatura EN-361 indossata dall'operatore. La loro particolarità consiste nella capacità di concedere cavo quando l'operatore si allontani e di riavvolgerlo al proprio interno quando l'operatore si avvicini, in ogni posizione, in caso di caduta il dispositivo blocca il cavo e di conseguenza arresta la caduta dell'operatore. Per semplificare al massimo il concetto un dispositivo retrattile funziona come le cinture di sicurezza di un'automobile, se tirate il nastro lentamente questi si allunga se date un brusco strattone si blocca. Altra particolarità di tali dispositivi è che sono disponibili con cavi di diversa lunghezza, (sino a 30 m) che consentono pertanto una grande libertà di movimento dell'operatore entro il campo di lavoro. Ovviamente il fatto di avere un collegamento molto lungo sottopone l'operatore al pericolo di sottovalutare l'effetto pendolo, per cui bisogna prestare molta attenzione al punto di ancoraggio che deve sempre essere posto al di sopra dell'area di lavoro.

DISPOSITIVI RETRATTILI

Disegno 4 effetto pendolo

Uno dei problemi che potrebbero diminuire la sicurezza di un dispositivo retrattile è il fatto che, quando lo si usi su un copertura piana, in caso di caduta il cavo potrebbe rovinarsi nell'urto con lo spigolo vivo formato dalla struttura della copertura. Per evitare questo problema e consentire l'utilizzo dei nostri dispositivi anche su coperture in piano abbiamo fatto certificare da APAVE una speciale prolunga AZ-800 che essendo fabbricato con cavo in acciaio diametro 8 mm ed avendo il proprio assorbitore d'energia può essere usato con sicurezza (vedi pag. 60). Non usare mai un dispositivo retrattile quando si operi su mucchi di materiale incoerente che causerebbe il lento sprofondamento senza arresto.


DISPOSITIVO ANTICADUTA RETRATTILE

59

CR-200 0082 EN 360 Dispositivo anticaduta di tipo retrattile con carcassa plastica - fabbricato in UE - certificato rilasciato da APAVE (Francia)

CARCASSA IN PLASTICA

Lunghezza del cavo: CR-200-06: metri 6 CR-200-10: metri 10 CR-200-12: metri 12 CR-200-15: metri 15 Dimensioni: 208 x 85 x 280 mm

MOSCHETTONE GIREVOLE AZ-060 (A RICHIESTA MOSCHETTONE GIREVOLE CON SEGNALATORE DI CADUTA AZ-060I)

DISPOSITIVO ANTICADUTA RETRATTILE

Peso: CR-200-06: CR-200-10: CR-200-12: CR-200-15:

kg kg kg kg

5,10 5,30 5,90 6,10

CR-300 0082 EN 360

MANIGLIA D’ANCORAGGIO

Dispositivo anticaduta di tipo retrattile con carcassa plastica - fabbricato in UE - certificato rilasciato da APAVE (Francia) CARCASSA IN PLASTICA

Lunghezza del cavo: CR-300-18: metri 18 CR-300-20: metri 20 CR-300-25: metri 25 CR-300-28: metri 28 Dimensioni: 260 x 120 x 340 mm CAVO IN ACCIAIO ZINCATO Ø 4 mm

MOSCHETTONE GIREVOLE AZ-060 (A RICHIESTA MOSCHETTONE GIREVOLE CON SEGNALATORE DI CADUTA AZ-060I)

Peso: CR-300-18: CR-300-20: CR-300-25: CR-300-28:

kg kg kg kg

11,15 11,25 11,50 11,65

DISPOSITIVI RETRATTILI

CAVO IN ACCIAIO ZINCATO Ø 4 mm


ANTICADUTA 60 DISPOSITIVO RETRATTILE CON

CR-210 0082

CARCASSA METALLICA

EN 360 MANIGLIA D’ANCORAGGIO

CARCASSA METALLICA

Dispositivo anticaduta di tipo retrattile con carcassa metallica - fabbricato in UE - certificato rilasciato da APAVE (Francia) Lunghezza del cavo: CR-210-06: metri 6 CR-210-10: metri 10 CR-210-12: metri 12 CR-210-15: metri 15 Dimensioni: 208 x 85 x 280 mm

CAVO IN ACCIAIO ZINCATO Ø 4 mm

MOSCHETTONE GIREVOLE AZ-060

Peso: CR-210-06: CR-210-10: CR-210-12: CR-210-15:

kg kg kg kg

5,30 5,50 6,20 6,50

DISPOSITIVI RETRATTILI

(A RICHIESTA MOSCHETTONE GIREVOLE CON SEGNALATORE DI CADUTA AZ-060I)

DISPOSITIVO ANTICADUTA RETRATTILE CON CAVO INOX

CR-220 0082 EN 360

MANIGLIA D’ANCORAGGIO

CARCASSA IN PLASTICA

Dispositivo anticaduta di tipo retrattile con carcassa plastica e componenti inox - fabbricato in UE - certificato rilasciato da APAVE (Francia) Lunghezza del cavo: CR-220-06: metri 6 CR-220-10: metri 10 Dimensioni: 208 x 85 x 280 mm

CAVO IN ACCIAIO INOX Ø 4 mm

MOSCHETTONE GIREVOLE IN LEGA LEGGERA AXK-10S (A richiesta moschettone girevole in lega leggera AXK-10SI con segnalatore di caduta)

Peso: CR-220-06: kg 5,10 CR-220-10: kg 5,30


DISPOSITIVO ANTICADUTA RETRATTILE CON NASTRO

61

WR-200 0082 EN 360

MANIGLIA D’ANCORAGGIO

Dispositivo anticaduta di tipo retrattile con carcassa plastica e nastro in poliestere + kevlar - fabbricato in UE - certificato rilasciato da APAVE (Francia) CARCASSA IN PLASTICA

Lunghezza del nastro: metri 6 Dimensioni: 208 x 85 x 280 mm Peso: kg 4,70

NASTRO IN POLIESTERE + KEVLAR LARGHEZZA 20 mm

A richiesta: moschettone girevole AZ-060 o moschettone girevole con segnalatore di caduta AZ-060I

MOSCHETTONE GIREVOLE AZ-060 (NON ILLUSTRATO)

AH-210 0082 EN 360

MOSCHETTONE AZ-011 MOSCHETTONE D’ANCORAGGIO APERTURA 18 mm - PESO 180 g DISPOSITIVO RETRATTILE ALL’INTERNO DEL CARTER PROTETTIVO

Dispositivo anticaduta di tipo retrattile con carter di protezione e nastro in poliammide 2,25 m Dimensioni: 115 x 80 x 150 mm Lunghezza del nastro: 2,25 m Peso: 1150 g

ASSORBITORE D’ENERGIA

NASTRO IN POLIAMMIDE 45 mm

Molto leggero può sostituire il cordino da 2 m nelle operazioni di montaggio dei ponteggi Codici: con moschettone AZ-030 : AH-210 con moschettone AZ-022 : AH-222 Illustrato: codice AH-222

MOSCHETTONE A GRANDE APERTURA AZ-022 O MOSCHETTONE GIREVOLE TIPO AZ-030

DISPOSITIVI RETRATTILI

DISPOSITIVO ANTICADUTA RETRATTILE


62 PROLUNGA PER DISPOSITIVO ANTICADUTA RETRATTILE

AZ-800 0082 EN 360 PROLUNGA PER IL CAVO DEI DISPOSITIVI RETRATTILI CR-200 E CR-300

CONSENTE L’USO DEI DISPOSITIVI RETRATTILI SU TETTI PIANI O INCLINATI

Come previsto dalle nuove norme consente l’utilizzo dei dispositivi retrattili anche sui tetti piani con bordi vivi (Dir. 89/686/EEC proposta di modifica CNB/11.60)

Il cavo ø 8 mm ha resistenza sufficiente per poter essere usato su tetti piani con bordi vivi. L’assorbitore aggiuntivo garantisce un carico massimo di 6 kN (EN 363)

DISPOSITIVI RETRATTILI

CAVO ZINCATO PLASTIFICATO Ø 8 mm

Lunghezza totale: 2 m

TUBO IN ALLUMINIO CON ASSORBITORE DI ENERGIA

Il Laboratorio APAVE (Francia) autorizza l’uso della prolunga con dispositivi retrattili tipo CR-200 e CR-300


DISPOSITIVO RETRATTILE CON NASTRO IN POLIESTERE + KEVLAR AZ 011 MOSCHETTONE D’ANCORAGGIO IN ACCIAIO ZINCATO APERTURA 18 mm PESO 170

63

WR-100 EN 360

DISPOSITIVO RETRATTILE CON CINGHIA DA 6 METRI • • • • •

Codice: WR-100-06 Lunghezza del nastro: 6 m Dimensioni: 160 x 70 x 230 Temperature di utilizzo: -30° / +50° Peso con moschettoni: 1,70 kg

OCCHIELLO GIREVOLE D’ANCORAGGIO IN ALLUMINIO 7075 T6

ABS

NASTRO IN POLIESTERE-KEVLAR LARGHEZZA 17 mm

NOVITA’ OCCHIELLO GIREVOLE CON INDICATORE DI CADUTA

MOSCHETTONE

AZ-002-ASI APERTURA 24 mm ALLUMINIO 7075 T6

DISPOSITIVI RETRATTILI

CARCASSA IN

VANTAGGI: • DOPPIO ATTACCO GIREVOLE • LEGGERO ED ECONOMICO


64

CONNETTORI norma di riferimento UNI-EN-362

CONNETTORI

I connettori servono a collegare tra di loro i vari componenti di un sistema anticaduta, in modo che non sia possibile il loro distacco accidentale. Per tale ragione, oltre a possedere caratteristiche di resistenza meccanica, si devono poter aprire solamente con almeno due operazioni consecutive ed intenzionali. Sono essenzialmente dei moschettoni con forma ed apertura diverse (tra 16 e 140 mm) per adattarsi ai diversi punti d’ancoraggio. Possono essere realizzati in lega leggera o in acciaio e possiedono vari tipi di blocco per impedirne l’apertura accidentale. E’ importante notare che i moschettoni con chiusure a ghiera devono essere bloccati chiudendo la ghiera. I moschettoni con chiusure “twist lock” e quelli a doppia sicurezza sono a bloccaggio automatico con sicura contro le aperture involontarie. Altri moschettoni sono fornibili a richiesta e per quantità.


MOSCHETTONI

65

0082 EN 362

CONNETTORI CON CHIUSURAA GHIERA AZ-012

Dimensione: 108 x 6o mm

Dimensione: 110 x 60 mm

Massa: 180 g

Massa: 180 g

Apertura: 20 mm

Apertura: 20 mm

Acciaio

Alluminio

CONNETTORI CON CHIUSURAAUTOMATICA TIPO “TWIST LOCK” AZ-011T

AZ-012T

Dimensione: 108 x 6o mm

Dimensione: 110 x 60 mm

Massa: 180 g

Massa: 80 g

Apertura: 20 mm

Apertura: 20 mm

Acciaio

Alluminio

CONNETTORI CON DOPPIA SICUREZZA AZ-023

AZ-022

AZ-002

Dimensione: 240 x 130 mm

Dimensione: 220 x 120 mm

Dimensione: 130 x 50 mm

Massa: 460 g

Massa: 500 g

Massa: 220 g

Apertura: 65 mm

Apertura: 50 mm

Apertura: 18 mm

Alluminio

Acciaio

Acciaio galvanizzato

CONNETTORI

AZ-011


66

PUNTI D’ANCORAGGIO norma di riferimento UNI-EN-795 PUNTO D’ANCORAGGIO • Definizione: elemento a cui un DPI componente di un sistema anticaduta può essere applicato. • Tutti gli ancoraggi usati con lo scopo specifico di proteggere dai rischi di caduta devono essere conformi alla norma UNI-EN-795.

PUNTI D’ANCORAGGIO

• Non è richiesta la marcatura CE per gli ancoragi fissi o facenti parte della struttura originale o installata su essa (travi, ponteggi, tasselli) di cui però deve essere accertata l’adeguata resistenza ai carichi dinamici derivanti da una caduta (R = 10kN). • Esempio: un tripode, essendo mobile e portatile, è considerato un DPI mentre un tassello con golfare, installato in struttura cementizia, essendo fisso nella sua sede, non è considerato un DPI e quindi non può essere marcato CE (in ogni caso ne deve essere garantita la resistenza al carico dinamico = 10 kN). • Solamente dopo aver individuato un adeguato punto d’ancoraggio, si potranno definire le tipologie dei connettori e dei collegamenti tra ancoraggio e operatore, anche tenendo presente le dimensioni del suo campo di lavoro.

IL CAMPO DI LAVORO • Definizione: per campo di lavoro si intende tutta la zona che deve poter essere raggiunta dall’operatore durante la lavorazione comprendendo anche i movimenti necessari per afferrare utensili o spostare materiali. • Un campo di lavoro ridotto semplifica la progettazione di un sistema anticaduta, mentre un campo di lavoro esteso complica la sua progettazione rendendo spesso necessario l’utilizzo di ancoraggi mobili in grado di consentire spostamenti di notevole ampiezza.

SUDDIVISIONE DEGLI ANCORAGGI IN CLASSI Tenendo presente le diverse strutture cui un punto d’ancoraggio andrà fissato e la necessità di fornire all’operatore la possibilità di movimento, entro il Campo di Lavoro come sopra indicato, i punti d’ancoraggio si dividono in diverse tipologie o classi (vedi norma EN-795): • Classe A1 : ancoraggi destinati ad essere fissati a strutture verticali, orizzontali o inclinate (pareti, colonne, putrelle, architravi) per esempio un tassello con golfare installato nel muro (vedi pag. 77). • Classe A2 : ancoraggi destinati ad essere fissati sulle travi portanti dei tetti inclinati (rimuovendo la copertura di tegole) per esempio staffa con anello fissata ad una trave del tetto (vedi pag. 70). • Classe B : ancoraggi portatili come per esempio il tripode (vedi pag. 72). • Classe E : ancoraggi a corpo morto come per esempio un blocco di cemento (vedi pag. 78).


Tali ancoraggi vengono definiti “fissi” in quanto costituiscono un punto singolo d’aggancio ed il Campo di Lavoro consentito dall’operatore è definito dalla lunghezza del cordino di collegamento (fisso, regolabile o retrattile) che diventa i raggio di un cerchio con il centro posizionato in corrispondenza del punto d’ancoraggio.

Campo di lavoro = cerchio con raggio 2m

67

Punto d’ancoraggio fisso Cordino di collegamento L=2m

• Classe C : dispositivi d’ancoraggio costituiti da una linea flessibile (in cavo, fune metallica o cinghia) orizzontale (si intende per orizzontale una linea con pendenze inferiori a 15°). • Classe D : dispositivi d’ancoraggio costituiti da una linea rigida (canalina metallica) orizzontale. Queste due ultime classi d’ancoraggio permettono all’operatore di muoversi lungo la linea d’ancoraggio rimanendo sempre collegati ad essa. Esempio di ancoraggio scorrevole (linea vita EN-795-C) e del relativo campo di lavoro:

Linea vita EN-795-C

Cordino di collegamento L=2m

Campo di lavoro = 2 m per lunghezza della linea vita + 4 m

E’ evidente come un ancoraggio mobile (linea vita) abbia aumentato notevolmente il campo di lavoro del cordino da 2 m. • Collegando alle linee orizzontali un adeguato dispositivo di tipo retrattile EN-360 o guidato EN-353 si aumenta in maniera significativa l’area del campo di lavoro in cui l’operatore si può muovere in sicurezza. • NOTA BENE! I dispositivi d’ancoraggio appartenenti alle classi A-B-E sono di semplice ed immediata installazione mentre i dispositivi appartenenti alle classi C e D necessitano di attenta progettazione e maggiori tempi per l’installazione. • Nel “Fascicolo di Sicurezza” previsto dal DLgs 81 Art. 91 andrebbero previsti tali tipi di ancoraggi da installare durante la costruzione del sito (civile o industriale) in modo da permettere di effettuare le future opere di manutenzione già disponendo di un sicuro punto d’ancoraggio.

PUNTI D’ANCORAGGIO

ANCORAGGI MOBILI (SCORREVOLI)


68 CONNETTORI E ANCORAGGI MOBILI

AZ-200 PINZA PER TUBI

0082 EN 362

AZ-900

PUNTI D’ANCORAGGIO

FETTUCCIA D’ANCORAGGIO

0082 EN 354 EN 795-B

AZ-200-01 lungh.: 340 mm - apertura 80 mm AZ-200-02 lungh.: 390 mm - apertura 125 mm AZ-200-03 lungh.: 440 mm - apertura 140 mm

AZ-410 AZ-900-030 lunghezza: 30 cm AZ-900-060 lunghezza: 60 cm AZ-900-080 lunghezza: 80 cm AZ-900-120 lunghezza: 120 cm AZ-900-150 lunghezza: 150 cm AZ-900-200 lunghezza: 200 cm

MOSCHETTONE AZ-011

AZ-410-01 lunghezza: 1 m AZ-410-02 lunghezza: 2 m

AZ-700 CINGHIA 45 m PER ANCORAGGIO RINFORZATA IN GOMMA

0082 EN 354 EN 795-B

CORDINO METALLICO PER ANCORAGGIO

0082 EN 795-B

AZ-430 CORDINO METALLICO PER ANCORAGGIO

0082 EN 795-B MOSCHETTONE AZ-011

MOSCHETTONE AZ-011

AZ-700-0,9 AZ-700-1,4 AZ-700-2,0

lunghezza: 0,9 m lunghezza: 1,4 m lunghezza: 2,0 m

AZ-430-03 lunghezza: 3 m AZ-430-05 lunghezza: 5 m AZ-430-08 lunghezza: 8 m AZ-430-10 lunghezza: 10 m


BARRA D’ANCORAGGIO IN ACCIAIO

0082 EN 795 Classe B

Dimensione: 1415 x 150 x 100 mm Peso: 6,9 Kg Materiale: Acciaio zincato

PERNO DI SICUREZZA

VITI DI REGOLAZIONE

TRAVE DI FISSAGGIO

PIASTRA DI REGOLAZIONE

ANELLI DI ANCORAGGIO

m 0m 35

mm 40 2 . -1

PUNTI D’ANCORAGGIO

PIASTRA FISSA

69

AT-060

PER UNA PERSONA

AT-060

BARRA D’ANCORAGGIO IN ALLUMINIO CON SACCA

AT-061 0082 EN 795 Classe B

Dimensione: 1450 x 122 x 100 mm Peso: 3,2 Kg

PERNO DI SICUREZZA

PIASTRA DI REGOLAZIONE

Materiale: Alluminio PER UNA PERSONA

VITE DI FISSAGGIO

BARRA DI ANCORAGGIO

PUNTO DI ANCORAGGIO

PIASTRA FISSA

SACCA DI TRASPORTO


70 ANCORAGGIO PER FINESTRE, ABBAINI E LUCERNARI

AT-062 EN 795-B

BARRA D’ANCORAGGIO IN ALLUMINIO CON SACCA DI TRASPORTO • Dimensioni chiuse della sacca: 1450 x 300 x 200 mm • Peso: 6,70 kg (sacca compresa) • Materiale: profilo in alluminio

PIASTRA DI SICUREZZA REGOLABILE

• Da usarsi come punto d’ancoraggio per cordini o dispositivi anticaduta guidati su fune sia per trattenuta o posizionamento, sia come ancoraggio anticaduta.

0mm 550

PUNTI D’ANCORAGGIO

E’ UN DPI E SERVE COME ANCORAGGIO PER UNA SOLA PERSONA

• La struttura su cui viene fissata deve essere in grado di resistere a carichi dinamici di 10 kN

PIASTRA TERMINALE DEL FISSAGGIO ANELLO D’ANCORAGGIO

PROFILATO CENTRALE

300 mm

PIASTRA TERMINALE DI FISSAGGIO MOBILE E REGOLABILE

- 127 0 mm

BULLONE ANTISFILAMENTO

mm 300

m 0m 145

200 mm


ANCORAGGIO PER PUTRELLE IN ACCIAIO

71

AT-250 ANCORAGGIO REGOLABILE IN ALLUMINIO

0082 EN 795 Classe B

Dimensione: 440 x 100 X 45 mm Peso: 1,37 kg Materiale: alluminio USABILE DA UN SOLO OPERATORE DOTATO DI DPI CONFORMI A EN-363

Apertura minima 95 mm

F - max 10 kN

ANCORAGGIO MOBILE PER TRAVI

Apertura massima 400 mm

ST-010 0082 EN 795-B

PUNTO D’ANCORAGGIO

ESEMPIO DI ST 010 CON CR-200

• Può essere usato su travi con larghezza 65 - 120 mm • Peso: 5,2 kg • Materiale: acciaio zincato o verniciato

F - max 10 kN

ANCORAGGO FISSO A MORSA PUNTO D’ANCORAGGIO

F - max 10 kN

ST-020 • Può essere usato su travi con larghezza 80 - 180 mm • Peso: 4,0 kg • Materiale: acciaio zincato o verniciato

PUNTI D’ANCORAGGIO

ATTENZIONE! L’utilizzatore deve verificare il dimensionamento e la resistenza della trave di supporto


72 ANCORAGGIO SOTTOCOPPO

AT-100

DISPOSITIVO D’ANCORAGGIO IN CLASSE A2 - tipo sottocoppo AT-100 30 mm

foro per moschettone DPI Ø 18 mm

F = 10kN

mm 48

PUNTI D’ANCORAGGIO

mm 414

AT-101 PIASTRA

ANCORAGGIO EN-795-A2 da fissare su tetti in pendenza

F = 10kN

DESCRIZIONE DEL PRODOTTO:

ACCESSORI

Materiale:

AT-102 ELEMENTO DI REGOLAZIONE

acciaio S-275 JR zincato a caldo

Protezione contro la corrosione: tutte le parti metalliche dei dispositivi di ancoraggio sono conformi al 4.4 della EN-362: 1992 relativo alla protezione contro la corrosione

F = 10kN

CLASSE A2 AT-103 DISTANZIATORE 30/100 mm

La classe A2 comprende ancoraggi strutturali progettati per essere fissati a tetti inclinati 30-100 mm

F = 10kN

GENERALITA’ Il dispositivo di ancoraggio è definitivo dalla norma europea EN795 (classe A2)


ANCORAGGIO SOTTOCOPPO

AT-100

73

ESEMPI DI MONTAGGIO • L’ancoraggio AT-100 si usa come ancoraggio principale o come ancoraggio di deviazione per ridurre l’effetto pendolo. • La struttura deve essere verificata da professionista. R = 10 kN

F

• E’ compito e responsabilità dell’installatore verificare che l’ancoraggio sia correttamente fissato, così come indicato nella norma EN-795 • Per la sua conformazione l’ancoraggio AT-100 può essere inserito tra i coppi senza necessità di forarli

F

F

F = 10 kN nel senso della possibile caduta

PUNTI D’ANCORAGGIO

• La forza derivata dalla caduta deve essere applicata in direzione dell’asse maggiore dell’ancoraggio.


74 TRIPODE

TM-9

TRIPODE UTILIZZABILE COME PUNTO D’ANCORAGGIO MOBILE • carico massimo: 500 kg • carico di rottura: 22 kN • altezza: 134 - 214 cm • ø apertura zampe: 132 - 234 cm

0082 TESTA: • LEGA LEGGERA • 4 PUNTI D’ANCORAGGIO

EN 795-B

PUNTI D’ANCORAGGIO

DIMENSIONE CHIUSO: 175 X 39 CM

PER USO SU TERRENO MORBIDO

PER USO SU TERRENO DURO

CATENA PER IL FISSAGGIO DELLE ZAMPE

TRIPODE

TM-10

TRIPODE UTILIZZABILE COME PUNTO D’ANCORAGGIO MOBILE • carico massimo: 500 kg • carico di rottura: 22 kN • altezza: 120 - 295 cm • ø apertura zampe: 130 - 302 cm

DIMENSIONE CHIUSO: 160 X 23 CM

PER USO SU TERRENO MORBIDO

0082

NUOVO! ALTEZZA 295 CM

EN 795-B

TESTA: • LEGA LEGGERA • 4 PUNTI D’ANCORAGGIO

CATENA PER IL FISSAGGIO DELLE ZAMPE

PER USO SU TERRENO DURO


DISPOSITIVO ELEVATORE DI SOCCORSO

75

RUP-502 0082 EN 1496 Classe B

DISPOSITIVO DI SOLLEVAMENTO E DISCESA PER SOCCORSO

FUNE IN ACCIAIO ZINCATO Ø 6,3 mm

• freno automatico • cavo: AT 050 20 - 20 m - peso: 13 kg AT 050 25 - 25 m - peso: 14 kg AT 050 28 - 28 m - peso: 15 kg • carico di lavoro: 180 kg

Supporto in alluminio per attacco alla zampa del tripode

AT-300 Conforme ai dettami ex Art. 119/121 del T.U. (D.L. 81/2008)

CINGHIA PER SOLLEVAMENTO Cinghia da utilizzare con IMBRACATURA P-40

PULEGGIA DI RINVIO

MOSCHETTONE DI COLLEGAMENTO

Senza moschettoni: AT 300 01 Usabile sui tripodi TM-9 / TM-10

Con moschettoni AZ-011: AT 300 02

0082 EN 354

PUNTI D’ANCORAGGIO

• carico di rottura: 1.800 kg


76 DISPOSITIVO ELEVATORE DI SOCCORSO DISPOSITIVO DI SOLLEVAMENTO E DISCESA PER SOCCORSO • freno automatico • cavo: AT 053 25 - 25 m - peso: 22,5 AT 053 35 - 35 m - peso: 24,0 AT 050 45 - 45 m - peso: 25,5 AT 050 50 - 50 m - peso: 27,0

RUP-503 0082 EN 1496 Classe B FUNE IN ACCIAIO ZINCATO Ø 6,3 mm

kg kg kg kg

PUNTI D’ANCORAGGIO

• capacità di sollevamento: 1.000 kg • sforzo richiesto: 10 kg

L’uso di dispositivi di recupero è espressamente previsto dal T.U. (D.L. 81/2008 agli Art. 119 e 121)

ANCORAGGIO RAPIDO PER TRIPODE PULEGGIA DI RINVIO

MOSCHETTONE DI COLLEGAMENTO

Usabile sui tripodi TM-9 / TM-10


LINEA DI VITA REGOLABILE IN LUNGHEZZA

77

AE-300 0082 EN 795-B

MOSCHETTONI AZ-011

FUNE POLIAMMIDE Ø16 mm DISPOSITIVO TENSIONATORE

• I punti d’ancoraggio alle estremità devono essere alla stessa altezza ed avere una La Linea di Vita orizzontale è fornita resistenza statica in kit con: adeguata. - fune - chiave • La linea orizzontale - sacca deve essere usata da un solo operatore. • L’unico elemento di connessione con la linea orizzontale AE300 è un assorbitore d’energia collegato ad una imbracatura completa.

COME REGOLARE LA LUNGHEZZA E LA TENSIONE DELLA LINEA DI VITA ORIZZONTALE 1 - Tesare la fune a mano

2 - Tesare la fune con la chiaveda 30

Smontaggio della linea orizzontale

Aprire il tenditore

LINEA DI VITA REGOLABILE IN LUNGHEZZA

LP-120 0082 EN 795-B REGOLAZIONE DELLA FUNE Tesare la fune con le mani

FUNE DI LAVORO IN POLIAMMIDE Ø14 mm FUNE DI COLLEGAMENTO IN POLIAMMIDEØ 14 mm

TENDITORE Ruotare il tenditore per rimuovere la fune

Lunghezza della fune: • LP-120-10: metri 10 • LP-120-20: metri 20

PUNTI D’ANCORAGGIO

Lunghezza della linea: • AE-300-10: metri 10 • AE-300-20: metri 20

ATTENZIONE:


78 LINEA ORIZZONTALE

AE-320

REGOLABILE PIMUS ®

0082 EN 795 Classe B LINEA ORIZZONTALE REGOLABILE PIMUS ® CON NASTRO E TENDITORE

• Può essere usato da 1 persona

• AE-320-10 Lunghezza massima 10 m • AE-320-20 Lunghezza massima 20 m I terminali della Linea AE-320 sono dotati di moschettone AZ-017.

PUNTI D’ANCORAGGIO

NASTRO DI CONNESSIONE

TENDITORE

In caso si debbano collegare a strutturacon diametro superiore a 30 mm si consiglia l’utilizzo di cordini o di fettucce AZ-700 / AZ-900 / AZ-420 (vedi pag. 66) • In opzione con: - Borsa cucita - Borsa separata

codice: AE-321 codice: AE-320

MOSCHETTONE AZ-017

BORSA CUCITA codice: AE-321 (solo su ordinazione)

ATTENZIONE: • I punti d’ancoraggio alle estremità devono essere alla stessa altezza ed avere una resistenza statica adeguata. BORSA SEPARATA codice: AE-320 (sempre pronto)

• La linea orizzontale deve essere usata da 1 operatore. • L’unico elemento di connessione con la linea orizzontale AE-320 è un assorbitore d’energia EN-355 collegato ad una imbracatura completa EN-361.


AT-150

• La struttura deve essere verificata da professionista • abilitato al calcolo strutturale. • Il fissaggio deve avvenire solo su • strutture adeguatamente robuste. I tasselli/bulloni/barre filettate devono essere di dimensioni • adeguate (minimo 12MA) Ogni 12 mesi l’ancoraggio deve essere verificato da persona competente.

Dimensioni: 135 x 60 x 60 mm Peso: 0,3 kg Materiale: fusione in alluminio Due fori da 13 mm per fissaggio alla struttura Testato a 10 kN

AT-150 con AT-150 con AT-150 con moschettone AZ-011 moschettone AZ-002 moschettone AZ-022

PUNTO D’ANCORAGGIO PERMANENTE CONFORME AD EN-795-A

AC-340

• La struttura deve essere verificata da professionista • • abilitato al calcolo strutturale. Il fissaggio deve avvenire solo su strutture adegua- • tamente robuste. Ogni 12 mesi l’ancoraggio deve essere verificato da persona competente. •

97 mm

min 75 m m-

max 140 mm

155 mm

foro Ø 17 mm

79

Dimensioni: 208 x 97 mm Peso: 2,5 Kg Materiale: acciaio inox Costruzione: ancoraggio a morsa regolabile in larghezza da 75 a 140 mm. Può essere adattato a profili quadrati, rettangolari, rotondi che abbiano la sufficiente resistenza ai carichi dinamici, verificata da professionista abilitato. • Due bulloni da Ø max 90 mm 12 mm servono per il fissaggio alla struttura. • Testato a 12 kN

min 60 mm - m ax 122 mm

208 m m

F = 12 kN

PUNTI D’ANCORAGGIO

PUNTO D’ANCORAGGIO PERMANENTE CONFORME AD EN-795-A


80 ANCORAGGIO A CORPO MORTO EN-795 CLASSE E

IM-200 0082 EN 795-E

530 mm

0 74

• Materiale della struttura: acciaio zincato a caldo • Materiale dei contrappesi: gomma sintetica appesantita • Numero dei contrappesi: 12 pezzi • Utilizzo: punto d’ancoraggio rotante PROTON a tre fori montato su paletto HL-201 altezza 400 mm per una altezza totale di 530 mm dal piano di m 0m appoggio. 5 , 20 3.0 m m • La superficie d’appoggio deve essere ,25 40 piana e non scivolosa. 1.1 • Peso totale: 374 Kg • Peso di ogni singolo elemento in gomma: 25,5 Kg • Adatto come ancoraggio anticaduta per una sola persona - da usarsi con DPI conformi alla norma EN-363 dotati di assorbitore d’energia.

PUNTI D’ANCORAGGIO

m m

PULEGGIA • Puleggia a doppio asse con doppia rotella di scorrimento. Serve ad effettuare spostamenti lungo una linea orizzontale (Tyrolean Traverses - attraversata tirolese) sia di materiale, sia di persone. • E’ usabile solo come attacco di sospensione tenendo presente che, in caso di carico statico di 100 Kg sui terminali della fune tesata orizzontalmente vi sono tensione dell’ordine di 3 kN, ragion per cui la struttura a cui viene fissata la corda dovrebbe essere in grado di sostenere almeno 6kN.

CD-101 0082 EN 12278 • Dimensioni: 103 x 90 x 33 mm • Peso: 250 g • Da usarsi con funi di diametro massimo 13 mm • Ruote in alluminio montate su boccole autolubrificanti • L’asola d’attacco inferiore può ricevere sino a 3 moschettoni. • Carico di lavoro massimo: 100 Kg NON E’ USABILE COME ANCORAGGIO ANTICADUTA CON POSSIBILE CARICO DINAMICO 3 kN

Carico di lavoro 1 kN

3 kN

1 kN


VARI - ACCESSORI - RECUPERO

81

Questa sezione comprende una serie di prodotti che non sempre sono considerabili DPI con relativa marcatura CE ma completano o rendono più confortevole l’uso dei DPI anticaduta. Una speciale sezione è riservata ai discesori/dispositivi di recupero che sono sempre da tenere a disposizione qualora vi sia la possibilità di caduta con permanenza in sospensione inerte (Art. 43 DLgs 81). Per l’accesso sicuro in serbatoi o pozzi proponiamo anche dei ventilatori che possono consentire di evacuare eventuali atmosfere pericolose (Art. 66-119 DLgs 81).

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

Una novità interessante per i ponteggiatori è costituita da una serie di cinghie da collegare agli attrezzi per evitarne la caduta.


82 SOCCORSO E RECUPERO

DX-301

ELASTICI

TRIANGOLO DI RECUPERO Deve essere usato con un discesore marcato Dimensione: 1310 mm x 970 mm

SOCCORSO E RECUPERO

AR-010 0082

MOSCHETTONE AZ-011

EN 341 Classe C

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

DISCENSORE PER RECUPERO PERSONE IN SOSPENSIONE (per esempio dopo una caduta)

FUNE Ø 11 mm AR-020

ATTENZIONE! Il dispositivo di recupero AR-010 deve essere usato SOLO da personale particolarmente addestrato in lavori su fune.

DISCENSORE AR-010

MOSCHETTONE AZ-011

KIT DI RECUPERO:

NASTRO DI CONNESSIONE AZ-900-060

MOSCHETTONE AZ-011

-

DISCENSORE FUNE 3 MOSCHETTONI NASTRO DI CONNESSIONE COLTELLO SACCA TRASPORTO


ELMETTO PROTETTIVO PER LAVORI IN ALTEZZA CON VISIERA RIDOTTA

CONCEPT

83

EN-397 Isolamento elettrico Carichi laterali Sottogola con mentoniera. Colore giallo, altri colori a richiesta Regolazione a vite Ventilato

EN-397 Isolamento elettrico Carichi laterali Colore giallo, altri colori a richiesta Regolazione a vite Visiera sollevabile

VISION VARI - ACCESSORI - RECUPERO

ELMETTO PROTETTIVO PER LAVORI IN ALTEZZA CON VISIERA RIDOTTA


84 VENTILATORI ED ACCESSORI

WP-212 SET COMPLETO DI VENTILAZIONE

SET COMPLETO DI VENTILAZIONE

WP-212-04 (WP-012 + WP-200-04) LUNGH. MAX TUBO: PESO: ALTEZZA: LUNGHEZZA: LARGHEZZA: PORTATA D’ARIA:

4 m (ø 20 cm) 13,30 kg 36 cm 80 cm 30 cm 1182 mc/h

WP-212-07 (WP-012 + WP-200-07) LUNGH. MAX TUBO: PESO: ALTEZZA: LUNGHEZZA: LARGHEZZA: PORTATA D’ARIA:

7,10 m (ø 25 cm) 18,30 kg 36 cm 105 cm 30 cm 1130 mc/h

SPECIFICHE DEL MOTORE:

ULTRA SILENZIOSO: 74 dB

VOLTAGGIO: FREQUENZA: POTENZA:

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

WP-200

230-250 V 50-60 Hz 245 W

WP-012

SOLO TUBO CON PORTATUBO

SOLO MOTORE CON CARCASSA PLASTICA

WP-212-04

WP-012

LUNGH. MAX TUBO: DIAMETRO: PESO: ALTEZZA PORTATUBO: LUNGH. PORTATUBO: LARGH. PORTATUBO:

4 m (ø 20 cm) 20 cm 5,30 kg 36 cm 58 cm 30 cm

WP-212-07 LUNGH. MAX TUBO: DIAMETRO: PESO: ALTEZZA PORTATUBO: LUNGH. PORTATUBO: LARGH. PORTATUBO:

7,10 m (ø 25 cm) 20 cm 10,30 kg 36 cm 82 cm 30 cm

SPECIFICHE DEL MOTORE VOLTAGGIO: 230-250 V FREQUENZA: 50-60 Hz POTENZA: 245 W DIMENSIONI PESO: ALTEZZA : 36 cm LUNGHEZZA: 33 cm LARGHEZZA: 30 cm

8,00 kg

ULTRA SILENZIOSO: 74 dB PORTATA:

1440 mc/h


PALO TELESCOPICO PER ANCORAGGI

DT-200

85

GANCIO DI MANOVRA

IL PALO PUO’ ESSERE USATO PER FISSARE UN ANCORAGGIO TEMPORANEO AD UNA STRUTTURA SOVRASTANTE

DT-630 PESO: 0,75 kg APERTURA: 75 mm

Ancoraggio DPI

DT-640

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

PESO: 0,90 kg APERTURA: 90 mm

Ancoraggio DPI

DT-900 ESTENSIONE

LUNGHEZZA MINIMA: 1,95 m LUNGHEZZA MASSIMA: 8,00 m


86 BANSIGO AUTOSOLLEVANTE PER LAVORI DI FACCIATA FUNE ALPINISMO Ø 12 mm RAPPORTO DI RIDUZIONE 1:4

PER SALIRE SI DEVE TIRARE LA FUNE

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

SEDIOLA

DISPOSITIVO ANTIPANICO

BA BA-010 BA-020 BA-030 BA-040

altezza di lavoro: 10 m altezza di lavoro: 20 m altezza di lavoro: 30 m altezza di lavoro: 40 m

ATTENZIONE: E’ OBBLIGATORIO USARE UN SECONDO SISTEMA DI SICUREZZA (imbracatura EN361 + dispositivo EN-353 / EN-360)

FRENO ANTIPANICO

DUE MOSCHETTONI PER ATTACCO UTENSILI

LIBERO

STOP

LEGGERA TRAZIONE

SI SCENDE

FORTE TRAZIONE

STOP

MOSCHETTONE

BANSIGHI PER LAVORI IN SOSPENSIONE Devono essere usati con imbracature EN-361 e dispositivi di sospensione marcati . Si rammenta che il lavoratore in sospensione deve avere DUE funi: una di lavoro ed una di sicurezza

BA-100 BANSIGO

BA-200 BANSIGO CON CINTURA

BA-300 BANSIGO CON SEDIOLA E SUPPORTO METALLICO


CINTURA ELASTICA CON BRETELLE

BARELLA IN ACCIAIO O IN ALLUMINO

87

PE-010 Sostiene le fasce muscolari a livello lombare TAGLIA XXL : PE-010-04 TAGLIA XL : PE-010-03 TAGLIA L : PE-010-02 TAGLIA M : PE-010-01

DX-017 DIMENSIONI: 500 x 2115 x 120 mm DIMENSIONI RIPIEGATA: lunghezza 970 mm PROFILO 30 x 30 mm in acciaio zincato PESO: 10 kg

DIMENSIONI: 500 x 2185 x 120 mm DIMENSIONI RIPIEGATA: lunghezza 970 mm PROFILO 30 x 30 mm in alluminio PESO: 4,9 kg

FUNE STATICA TIPO ALPINISMO

CONFORME A

EN-1891

MATERIALE: poliammide 100% termofixed ø 12,0 mm: lunghezza 160 m

LL-120

ø 10,5 mm: lunghezza 200 m

LL-110

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

DX-018


88

PS-001

AY-001

CUSCINETTO IMBOTTITO PER IMBRACATURA

PORTAATTREZZI PER POLSO

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

Il porta attrezzi da polso evita la caduta degli attrezzi dalla mano

AY-003

AY-002

PORTAUTENSILI RETRATTILE

PORTAATTREZZI ELASTICO DA CINTURA Il porta attrezzi elastico da cintura evita la caduta degli attrezzi

USARE SOLO PER TRATTENERE UTENSILI A MANO

Esempi di utilizzo


MANIGLIE PER ARRAMPICATA CD-201 CD-202 89 0082 EN 567

CD-201

CD-202

Maniglie per auto sollevamento usabili anche con i piedi aggiungendo una fettuccia AZ-900-120 (vedi pag. 66) Versione destra (CD-202) e sinistra (CD-201) Dimensione: 134 x 90 x 28 mm Peso: 220 g Fune: diametro 8-13 mm

0082 EN 567

Maniglie per auto sollevamento con impugnatura maggiorata. Per uso manuale - destra (CD-212) e sinistra (CD-211) Dimensione: 2.070 x 100 x 28 mm Peso: 280 g Fune: diametro 8-13 mm

CD-211

CD-212

VARI - ACCESSORI - RECUPERO

MANIGLIE PER ARRAMPICATA CD-211 CD-212


SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

90

SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI (LINEE VITA) conformi ad EN-795 Quando l'operatore debba spostarsi frequentemente lungo una superficie di notevole estensione, (copertura, passerella, vie di corsa dei carroponti, vasche di decantazione acqua) spesso non è sufficiente disporre di un unico punto d'ancoraggio, ma è indispensabile installare un sistema d'ancoraggio che possa permettere lo scorrimento del moschettone lungo un supporto flessibile (cavo d'acciaio) oppure rigido (canalina in alluminio o acciaio). In tal modo l'operatore avrà il punto d'ancoraggio del proprio cordino anticaduta sempre in corrispondenza alla zona di lavoro. Per la loro complessità progettuale tali sistemi debbono essere installati da imprese con la necessaria esperienza e capacità tecnica e sotto il controllo di un professionista abilitato che dovrà, in prima istanza effettuare una verifica strutturale.

Esempi di uso di sistemi d’ancoraggio permanenti

Utilizzando un dispositivo regolabile, l'operatore potrà raggiungere tutta la superficie dell'area di lavoro rimanendo sempre in situazione di caduta impedita.


ESEMPIO DI UTILIZZO DI SISTEMA D’ANCORAGGIO EN-795-C 91

IMBRACATURA EN-361

DISPOSITIVO LINOSTOP EN-353.2

ESEMPIO DI UTILIZZO DI SISTEMA D’ANCORAGGIO EN-795-D

max 6 m

max 3 carrellini

SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

LINEA D’ANCORAGGIO EN-795-C


SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

92 SISTEMA PERMANENTE ORIZZONTALE

PRIM

EN 795-C

E’ il più semplice ed economico sistema EN-795-C. Di semplice uso, non necessita di speciali dispositivi scorrevoli dedicati e pertanto si può usare anche in quelle situazioni dove possono accedere imprese esterne non dotate di specifica navetta scorrevole. Il dispositivo scorrevole è costituito da un comune moschettone ovale AZ-011 collegato ad un cordino dotato di assorbitore d’energia (vedere pag. 34/43) oppure ad un dispositivo. NOTA: il Sistema PRIM è commercializzato solo in kit da 10-20-30-40-50-60-70-80-90-100 m. Non vengono forniti elementi singoli.


EN 795-C

HL-101 Piastra ancoraggio 2 fori

HL-102 Piastra ancoraggio 3 fori

HL-201 Intermedio

HL-202 Intermedio

HL-400 Tenditore con indicatore di tensione

HL-300 Assorbitore d’energia

HL-090 Maglia rapida

HL-733 Piastra terminale 2 fori

HL-103 Set per curva interna

HL-104 Set per curva esterna

HL-740 : curva per palo HL-745 : curva per palo

HL-721/722 Piastra rotante per palo

HL-702 Palo laterale

HL-703 Palo quadrato H 500 mm

HL-704 200 mm, 300 mm, 400 mm, 500 mm

HL-706 200 mm - base inclinata

HL-701 Palo tondo 400 mm

SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

PRIM SISTEMA PERMANENTE 93 ORIZZONTALE IN KIT COMPLETI DI TUTTI GLI ELEMENTI


SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

94 SISTEMA PERMANENTE ORIZZONTALE EN 795-C

DUO 0082 EN 795-C

Il dispositivo scorrevole DUO passa oltre i supporti intermedi HL-203 AUTOMATICAMENTE senza necessità di intervento manuale. Il Sistema DUO è commercializzato in kit da 10-20-30-40-50-60-70-80-90-100 m. completi di tutti gli elementi. Non forniamo i singoli elementi se non come sostituzione di elementi deteriorati nel tempo.


SISTEMA PERMANENTE ORIZZONTALE IN KIT

HL-400 Tenditore con indicatore di tensione

HL-733 Piastra terminale 2 fori

HL-702 Palo laterale

HL-102 Piastra ancoraggio 3 fori

HL-203 Intermedio

HL-300 Assorbitore d’energia

HL-734/722

HL-706 200 mm - base inclinata

HL-602 Dispositivo scorrevole DUO

HL-090 Maglia rapida

HL-721/722 Piastra rotante per palo

HL-704 200 mm, 300 mm, 400 mm, 500 mm

HL-701 Palo tondo 400 mm

SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

0082 EN 795-C

EN 795-C

HL-101 Piastra ancoraggio 2 fori

95

DUO


SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

96

SISTEMA D’ANCORAGGIO RAILTEK HST su supporto rigido conforme ad EN-795-classe D I sistemi d'ancoraggio su canalina rigida sostituiscono le linee vita su cavo quando sia richiesto uno scorrimento agevole del punto d'ancoraggio, sia perché la linea d'ancoraggio è usata frequentemente,sia perché sulla linea d'ancoraggio debba essere installato un dispositivo retrattile. I grandi vantaggi di una canalina rigida si possono riassumere così: 1. la canalina non flette sotto carico, e quindi non aumenta il tirante d'aria necessario. 2. il carrellino dotato di ruote in ottone scorre agevolmente quando vi si ancori un dispositivo retrattile EN-360 il cui uso è ammesso solo su sistemi EN-795-classe D. 3. consente di essere utilizzata come ancoraggio per lavori in sospensione. 4. può essere curvata per seguire la conformazione della struttura. 5. non vi sono punti di supporto intermedi da superare,il carrellino scorre su tutta la canalina. Esistono vari tipi di carrellino che consentono l'installazione del sistema RAILTEK a tutti i livelli, in modo da potersi adattare a qualunque situazione. La canalina viene fornita in spezzoni da 3 metri giuntabili con apposite piastre di giunzione.

Alcuni esempi di installazione


I sistemi d'ancoraggio su canalina rigida RAILTEK in alluminio sostituiscono le gabbie di protezione (art. 113.2 DLgs 81) quando sia richiesto una migliore protezione dell'operatore durante la salita/discesa della scala. La canalina in alluminio consente uno scorrimento agevole del punto d'ancoraggio, sia in salita sia in discesa ed in caso di caduta blocca l'operatore entro pochi decimetri. I grandi vantaggi di una canalina rigida verticale si possono riassumere così: 1. la canalina non necessita di un punto d'ancoraggio superiore ma viene installata sulla scala esistente utilizzando sia i gradini sia il montante (purché in buone condizioni) 2. il carrellino dotato di ruote in ottone scorre agevolmente senza impedimenti 3. può essere curvata per seguire la conformazione della scala / struttura 4. non vi sono punti di supporto intermedi da superare,il carrellino scorre su tutta la canalina 5. la canalina può essere curvata a piacere per seguire la conformazione del sito 6. il Sistema RAILTEK è stato testato anche per cadute laterali e all’indietro IL carrellino RAILTEK VST è marcato CE in conformità alla norma EN-353.1 La canalina RAILTEK viene fornita in spezzoni da 3 metri giuntabili con apposite piastre di

Il sistema Railtek è stato testato anche per cadute laterali e all’indietro.

Alcuni esempi di installazione

97 SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

SISTEMA D’ANCORAGGIO RAILTEK VST su supporto rigido conforme ad EN-353.1


98 SCALA DOTATA DI GRADINI e SISTEMA D’ANCORAGGIO SISTEMI D’ANCORAGGIO PERMANENTI

RAILADDER LVST su supporto rigido conforme ad EN-353.1 Scala dotata di gradini e sistema d'ancoraggio RAILADDER LVST su supporto rigido conforme ad EN-353.1 Il sistema RAILADDER è costituito da una scala verticale dotata di gradini e di sistema d'ancoraggio su canalina rigida tipo RAILTEK in alluminio che sostituisce le gabbie di protezione (art. 113.2 DLgs 81) quando sia richiesto una migliore protezione dell'operatore durante la salita/discesa della scala. La canalina in alluminio consente uno scorrimento agevole del punto d'ancoraggio, sia in salita sia in discesa ed in caso di caduta blocca l'operatore entro pochi decimetri. I grandi vantaggi di una scala con canalina rigida verticale si possono riassumere così: 1. la scala con la canalina può essere fissata alla struttura esistente tramite adeguati piastre d'ancoraggio. 2. il carrellino dotato di ruote in ottone scorre agevolmente senza impedimenti. 3. non vi sono punti di supporto intermedi da superare,il carrellino scorre su tutta la canalina. 4. non necessita di una scala o di installare la gabbia IL carrellino RAILTEK VST è marcato CE in conformità alla norma EN-353.1 La scala RAILADDER viene fornita in spezzoni da 3 metri con gradini aventi alzata di 30 cm giuntabili con apposite piastre di giunzione. Sono disponibili pianerottoli di riposo e porte per impedire l'accesso. Il Sistema RAILADDER è già stato testato anche con cadute laterali o all’indietro. Alcuni esempi di installazione

Terminale staccabile e curvo per l’accesso ai tombini o sulle coperture


RIASSUMENDO... i principi base per un corretto uso dei sistemi anticaduta: • Analizzare i rischi. • Ridurre al minimo gli spostamenti dell’operatore sottoposto al rischio di caduta modificando, se necessario, i metodi lavorativi. • Progettare il sistema anticaduta prima dell’inizio dei lavori. • Scegliere o creare l’adeguato punto d’ancoraggio. • Scegliere il giusto mix di DPI. • Usare sempre imbracature e non cinture a vita. • Tenere presente il tirante d’aria libero. • Collegare il cordino sempre al di sopra del punto di lavoro. • Informare, formare ed addestrare il personale. • Controllare periodicamente i DPI scartandoli in caso di danneggiamento. Ezio Savojni (la vita è fragile, pensaci prima!)

Fatelo come e con chi vi pare ma prendete delle precauzioni... Anticaduta

previene!

s.r.l.


SISTEMI ANTICADUTA

Anticaduta

s.r.l.

Corso Marconi, 25 - 10125 Torino (Italy) • Tel. 011 6509102 • Fax 011 657322 info@anticadutamistral.it • www.anticadutamistral.it • P. IVA 09719980014 Concessionario di vendita locale


catalogo__mistral