Page 1

RASSEGNA STAMPA A CURA DI

tel. 06-99330840 0932-663259 mob. 345/1228330 info@medialivecomunicazione.com www.medialivecomunicazione.com

ufficio stampa


LA SICILIA RILANCIA LA FUNZIONE SOCIALE DEL CANTAUTORATO ITALIANO. GRANDI NOMI DEL PANORAMA INDIPENDENTE FARANNO TAPPA A RAGUSA ALL’INTERNO DI UN’INEDITA RASSEGNA MUSICALE. RAGUSA - Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 18 novembre 2012

ufficio stampa


PARTE DOMANI “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”.SARA’ ORATIO AD APRIRE LA RASSEGNA MUSICALE A RAGUSA RAGUSA – Sarà un cantautore siciliano ad aprire domani nel capoluogo ibleo la nuova rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua”. Andrea Corno, in arte Oratio, porterà domani, giovedì 22 novembre alle 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa la sua musica, esibendosi nel concerto (ad ingresso gratuito) che darà il via al cartellone musicale in programma fino ad aprile 2013. Sei artisti, che in sei differenti date arriveranno nell’isola per rappresentare il panorama musicale di oggi, “la leva cantautorale degli anni zero”. Ne è passato di tempo dai dischi autoprodotti, ma anche da “Ora ti ho”, album di esordio pubblicato nel 2009 da Malintenti Dischi e prodotto artisticamente da Toti Poeta. Album con cui il cantautore barcellonese si è affacciato al mercato nazionale presentando di sé un profilo cantautorale e acustico, passando dal rock al folk alle ballad classiche. Adesso Oratio è anche altro. Lo è il suo ultimo lavoro discografico, pubblicato il marzo scorso sempre da Malintenti e dal titolo “Discorrendo senza ratio” con cui il cantautore si è fatto ancor più apprezzare quale nuovo brillante talento musicale. L’album, che vede varie collaborazioni, presenta appunto un nuovo Oratio, più lontano dai ritmi folk e dalle atmosfere scanzonate, dove mostra una nuova maturità artistica, dove l’atteggiamento disilluso e disincantato del cantautore trova spazio all’interno di musiche che offrono un’interessante contaminazione di generi. Fin dal brano che apre l’album, “Credi in me”, Oratio spiega perfettamente il nuovo approccio con cui si avvicina alla musica. Una carica che contraddistingue anche gli altri brani, come "Sparirò", "Pirati", "Mille idee", e le altre tracce del disco. E con il ritmo e la passione di “Discorrendo senza ratio”, Oratio fa il suo ritorno in Sicilia. Il Prima Classe di Ragusa avvia così il nuovo progetto musicale con la collaborazione artistica di Vincent Migliorisi, che proprio domani, in occasione dell’apertura di “Prima classe non è Acqua”, darà nuovi indizi sui prossimi appuntamenti, annunciando la nuova data e il nuovo cantautore che a dicembre farà tappa a Ragusa. I concerti sono ad ingresso gratuito, con inizio alle ore 21,30, presso Prima Classe – locale trasversale, in via Ercolano a Ragusa.

Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 21 novembre 2012

ufficio stampa


ORATIO HA APERTO IERI LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. NUOVE ATMOSFERE E NUOVE EMOZIONI A RAGUSA. RAGUSA – Con il concerto di Andrea Corno, in arte Oratio, e con la presentazione del suo nuovo album “Discorrendo senza ratio”, si è aperta ieri sera la nuova rassegna musicale che vede protagonisti alcuni dei più interessanti nomi della scena cantautorale italiana. “Prima Classe non è Acqua”, questo il nome della rassegna, fin da questo primo appuntamento ha fatto vedere cos’è e con che indole si presenta al pubblico. Intima, a tratti schiva, riservata, ma al tempo stesso esplosiva, dirompente, carica di emozioni ed energia, e ancora, profonda, introspettiva, capace di far riflettere. Proprio come l’esibizione di Oratio, il “ragazzo di Barcellona Pozzo di Gotto” che ha stupito la critica musicale con il suo disco d’esordio del 2009, “Ora ti ho”, ma ancor più con il suo ultimo disco, pubblicato nei mesi scorsi, “Discorrendo senza ratio” (entrambi Malintenti dischi). Il concerto di ieri a Ragusa, all’interno di Prima Classe che organizza e ospita la rassegna, è stato una tappa del tour intrapreso dall’artista. Un’appendice siciliana, che prosegue oggi a Messina e domani a Catania, e che nei prossimi giorni continuerà a vedere Oratio impegnato con la sua voce e la sua chitarra in giro per il resto di Italia. Una tournée che lo vedrà sul palco anche nei prossimi mesi, e che gli darà l’occasione di diffondere e far conoscere ancor di più la sua musica portata in scena ieri sera assieme ad Antonio Stella, alla tastiera, ed Emanuele Primavera, alla batteria. Il Prima Classe ha ieri confermato il suo carattere di “locale traversale”, capace di adeguarsi e modellarsi diventando un club di stampo nord europeo, dove ascoltare buonissima musica anche grazie ad un rapporto quasi familiare con l’artista, dove il cantautore ed il suo gruppo è a suo agio, proprio accanto al pubblico, dove parole cariche di un senso incorniciate da una coinvolgente musica strumentale, possono trovare il loro spazio ed appassionare lo spettatore. Un nuovo pezzo è stato intanto aggiunto al puzzle. Sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua” è apparso ieri il nome del prossimo artista ospite della rassegna. Come annunciato anche a fine spettacolo dal direttore artistico Vincent Migliorisi, la data del secondo appuntamento sarà il 20 dicembre, ed il cantautore un apprezzatissimo artista. Si tratta di Nicolò Carnesi, nuovo brillante talento del panorama musicale italiano, che già con il suo disco d’esordio, “Gli eroi non escono il sabato”, ha fatto molto parlare di sé, facendo capire fin da subito che a contraddistinguerlo è una forte e originale personalità musicale. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 23 novembre 2012

ufficio stampa


NICOLO’ CARNESI GIOVEDI’ 20 DICEMBRE IN CONCERTO A RAGUSA PER IL SECONDO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. RAGUSA – La rotta del cantautorato italiano prosegue in direzione del capoluogo ibleo all'interno dei sei appuntamenti trasversali con la musica. Questa volta tocca a Nicolò Carnesi. Giovedì 20 dicembre torna infatti "Prima Classe non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero", l'appuntamento mensile con la musica ad ingresso gratuito. Protagonista al Prima Classe di Ragusa sarà l'autore di uno degli album più apprezzati del 2012, "Gli eroi non escono il sabato" (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, farà tappa negli iblei con il tour che lo vede in questi mesi impegnato in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank!. A Ragusa eseguirà brani tratti dall’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una serie di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi è autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. Uno stile che alterna new wave a folk-blues. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto numerosi concerti in pochi mesi. Un recente progetto lo ha visto insieme all’amico cantautore Oratio (che ha aperto lo scorso mese a Ragusa la rassegna “Prima Classe non è Acqua”), con cui ha pubblicato l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sito Rockit.it. Con “Gli eroi non escono il sabato”, album arricchito da importanti collaborazioni, come quelle con Dente e Brunori Sas, Carnesi descrive la generazione dei ventenni attraverso un racconto ironico, diviso in undici capitoli. Una generazione che s’imbatte nella velocità e nel logorio del consumismo, salvo poi pentirsene e preferire il calore di un libro, delle cose reali. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d'esordio in un'insolita versione unplugged. Con loro sul palco, a partire dalle ore 21,30, l'estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di "Sinfobie". A fine concerto, un nuovo pezzo sarà aggiunto al puzzle. Sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua”, il direttore artistico Vincent Migliorisi scriverà il nome del cantautore che suonerà il prossimo 25 gennaio. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 18 dicembre 2012

ufficio stampa


LA MUSICA DI NICOLO’ CARNESI IERI SERA A RAGUSA PER L’APPASSIONATO PUBBLICO DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. RAGUSA – “Non bastano le stelle per scrivere poesie”. Paradigma di vita e al tempo stesso uno dei passaggi più belli delle canzoni di Nicolò Carnesi, il cantautore palermitano che ieri sera, con il suo album “Gli eroi non escono il sabato sera” (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel), ha condotto il pubblico della rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua” all’interno di un sogno. Nei suoi undici brani ha provato a raccontare il suo viaggio. Quel viaggio che in fondo è quello di ciascuno di noi, fatto di sensazioni che ogni giorno si toccano con mano. E’ il racconto beffardo di una generazione che si scontra con la velocità e il logorio del consumismo. Una musica semplice, senza ghirigori, che mette buon umore, che non annoia, che fa cantare e muovere a ritmo. Dentro queste canzoni si ritrova il piacere del buon cantautorato italiano, impastato di newwave come in “Ho poca fantasia” o di folk-blues come in “Il Colpo”, ma sembrano echeggiare anche le musiche di Rino Gaetano e di Franco Battiato, senza dimenticare il gusto per il pop fatto bene. Se, come dice Carnesi nella sua canzone “Penelope, spara!”, i sogni non si insegnano, allora forse un merito glielo si deve perché con la sua semplicità e lungimiranza ti conduce in un viaggio che se pur non ti farà perdere a Zanzibar, riesce per brevi momenti a farti estraniare dalla realtà. E allora sembrerà come viaggiare, sarà appunto un sogno tutto da vivere. Testi diretti e al tempo stesso pieni di significati quelli di Carnesi, pensieri scritti senza stare troppo a meditare, ma rubati dalla quotidianità, anche per caso, quando la sua città e la sua isola lo ispira, tra sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. “Mi vengono i pensieri e li annoto – dice Carnesi – Se sono in giro, continuo a canticchiarli per non dimenticarli. Se poi ho vicina la chitarra, provo a metter giù anche la musica. Penso che tutti i testi che scrivo siano in genere nati quando li ho pensati. Difficilmente mi metto a fare dei cambiamenti. Direi che sono testi che finiscono nel momento stesso in cui nascono, assolutamente estemporanei”. Al “Prima Classe – locale trasversale” che ha organizzato la rassegna musicale con ingresso gratuito, Carnesi in questa nuova tappa del suo tour, è stato accompagnato dagli Hank!, band formata da Francesco Foggy Pintaudi, Claudio Gambino e Agostino Burgio. Oltre ad eseguire i brani tratti dall’album d’esordio, tra l’altro arricchito da collaborazioni importanti con Dente e Brunori Sas, ieri sera l’artista rivelazione di quest’anno, ha proposto al pubblico il brano “Ask” della band britannica “The Smiths”, per concludere il concerto con “Matilde”, un personale tributo ai Beatles, ed in particolare a Ringo Starr. E durante il concerto, a sorpresa, Nicolò ha appreso la notizia che con la canzone “Mi sono perso a Zanzibar” è arrivato alle finali del Trofeo Rockit, la sfida annuale lanciata dal portale musicale che ha selezionato le 64 canzoni più belle del 2012 tra i cantautori di tutta Italia. Dal palco del Prima Classe, Carnesi ha annunciato che adesso la gara è tra lui e Dimartino, il cantautore conterraneo che il 25 gennaio sarà proprio il prossimo ospite della rassegna musicale come annunciato dal direttore artistico Vincent Migliorisi. Ad aprire il concerto è stato un graditissimo spettacolo giocato in casa con artisti della provincia iblea. Soulcè e Teddy Nuvolari insieme a Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari hanno scelto la rassegna di Ragusa per riproporre il fortunato disco d'esordio ma questa volta riarrangiato e reinterpretato assieme agli Enzo e il Cattivo Tempo, con tante sonorità e sfumature assolutamente particolari. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 21 dicembre 2012

ufficio stampa


CON L’ALBUM CLASSIFICATO PRIMO TRA I MIGLIORI 10 DISCHI DEL 2012 DIMARTINO FA TAPPA A RAGUSA VENERDI’ 25 GENNAIO PER LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. RAGUSA – Dopo il riconoscimento ottenuto la scorsa settimana con la proclamazione a disco dell'anno dalla classifica di Rockit.it, Dimartino canta a Ragusa venerdì 25 gennaio all’interno di un concerto che si preannuncia straordinario. La band capitanata dal palermitano Antonio Di Martino fa tappa al Prima Classe all'interno della rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero". E porterà nel capoluogo ibleo il suo ultimo disco dal titolo "Sarebbe bello non lasciarsi mai ma allontanarsi ogni tanto è utile", arrivato al primo posto del "Top*It*2012 - I 10 dischi dell'anno". Un cantautore sempre più amato ed apprezzato che, con a fianco Giusto Correnti (batteria, percussioni e melodica) e Angelo Trabace (tastiere e chitarra), sarà protagonista di uno degli eventi musicali più attesi in provincia per il 2013. Ne è passato di tempo da quando, a fine anni ’90, Antonio Di Martino fondò i Famelika. Ma sembra esserne passato tanto anche da quando nel 2010, con una nuova consapevolezza ed un differente approccio, Dimartino affronta una nuova avventura artistica pubblicando per Pippola Music il suo album di debutto dal titolo “Cara maestra abbiamo perso”, prodotto insieme a Cesare Basile e per il quale ha collaborato con diversi musicisti del panorama musicale italiano, tra cui Le Luci Della Centrale Elettrica e Alessandro Fiori. Il risultato: un ottimo consenso di critica e pubblico. Ma è nel 2012 che arriva la consacrazione per un autore che si rivelerà essere tra i più interessanti dei nostri tempi in Italia. Esce con "Picicca Dischi" il suo secondo disco “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, prodotto insieme al cantautore e amico Dario Brunori. Un titolo lungo ed esaustivo per un album che da subito accende i riflettori su Dimartino, dimostrandone la maturità artistica e il rafforzamento del proprio stile. La profondità e la forza delle canzoni, da “Non siamo gli alberi” a “Cartoline da Amsterdam”, da “Venga il tuo regno” a “Ormai siamo troppo giovani”, si trasferisce con grande energia dall’album al palco. Il cantautore arriva infatti a Ragusa venerdì 25 dopo una lunga tournèe che fino a dicembre scorso lo ha visto impegnato in tutta Italia, riscuotendo un grandissimo successo anche grazie al coinvolgimento e al filo diretto che è capace di creare con il pubblico. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 16 gennaio 2012

ufficio stampa


DIMARTINO PROTAGONISTA VENERDI’ 25 GENNAIO A RAGUSA ATTESISSIMO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. RAGUSA – Brani evocativi e potenti, che mordono il cuore della canzone all'italiana, senza risparmiarsi in personalità e capacità autorale. E’ questo Antonio Dimartino. Il suo ultimo album, “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, sarà presentato venerdì 25 gennaio al Prima Classe di Ragusa nel nuovo appuntamento della rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”. Il suo lavoro discografico, primo tra i 10 migliori dischi del 2012, lo ha consacrato come uno dei più amati cantautori in Italia. E’ un album che si muove su vertici altissimi di ispirazione, sospeso tra due mondi, in cui la galleria del quotidiano incontra sempre la narrazione favolistica. Storie che raccontano di amori che stendono sul pavimento, dove i sentimenti che fanno troppo male escono dal corpo ed entrano in un freezer da scongelare. Dimartino si mette completamente a nudo e scava così tanto nel reale da far diventare sostanza le paure più irrazionali, che si materializzano come sabbie mobili in salotto. Le metafore con parole simili a numeri perfetti, incastonate sempre in una radice melodica costante. E' la nuova canzone italiana in cui alla complessità dei sentimenti, si accompagna sempre la sostanza leggera del pop di buona fattura: brani da cantare a squarciagola e ritornelli che non si levano dalla testa. L'elegia fiabesca di Lucio Dalla, il groppo in gola “in questa parte di universo disponibile”. E venerdì 25 al Prima Classe il pubblico sarà travolto da limoni volanti e cambiamenti struggenti, viaggi interstellari e giovinezze perdute. Un cantautore di razza, immaginifico e viscerale, che sarà presentato sul palco da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna cantautorale. E prima del concerto, alle 21,30 proprio Migliorisi si armerà simbolicamente di gessetti e scriverà sulla lavagna di “Prima Classe Non è Acqua” il nome del prossimo cantautore ospite della rassegna. La data, sarà il 20 febbraio. Per il nome bisognerà scoprirlo venerdì insieme al concerto di Dimartino. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 23 gennaio 2012

ufficio stampa


CON L’INTENSITA’ DELLE SUE PAROLE E L’ENERGIA DEI SUOI LIVE, IERI A RAGUSA IL CONCERTO DI DIMARTINO: NUOVO GRANDE SUCCESSO DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. RAGUSA – Un concerto che ha fatto cantare, ballare, sognare, viaggiare sui suoni e le parole di uno dei più apprezzati cantautori d’Italia. Nonostante la giovane età, e a dispetto del brano “Io non parlo mai”, Dimartino ne ha di cose da dire. E ad ascoltarle erano in tantissimi ieri sera al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa. Dai brani del suo ultimo successo discografico dal titolo “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, alle canzoni di “Cara maestra abbiamo perso”, l’album d’esordio. Un concerto intenso grazie alla forza dei testi e all’energia della musica trasmessa dal palco da Antonio Di Martino (voce, chitarra e basso), Angelo Trabace (piano, synth) e Giusto Correnti (batteria, gloken, concertina, diamonica). Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna “Prima Classe Non è Acqua” ha dato l’avvio alle danze accogliendo sul palco il cantante che ha “sparato a Vinicio Capossela”. L’artista ha aperto fin da subito con un grande pezzo dell’ultimo album, “Venga il tuo regno”, per poi dare ritmo con “Cambio idea”. Dimartino presenta un pezzo “stagionale” e inizia con “Maledetto autunno”, continuando poi ad alternare brani del vecchio e del nuovo disco. Un concerto da urlare a squarcia gola, con una musica che colpisce e che può far fare un viaggio interstellare, a bordo di un’astronave costruita magari da Dimartino, “...con due bidoni giganti dell’immondizia appiccicati al motorino di un frigorifero, poi collego tutto all’elica di un ventilatore o alla ventola di una stufa...”. E il viaggio con la musica e con i cantautori italiani prosegue. La rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sulla lavagna di “Prima Classe Non è Acqua” è stato infatti scritto il nome del prossimo ospite. E’ quello di Alessandro Fiori che sarà a Ragusa il 20 febbraio. Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori presenterà al pubblico ibleo i suoi ultimi lavori da solista. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 26 gennaio 2012

ufficio stampa


ALESSANDRO FIORI IN CONCERTO A RAGUSA PER “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. OSPITE DEL QUARTO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA MUSICALE, MERCOLEDI’ 20 FEBBRAIO IL CANTAUTORE ARETINO SARA’ ACCOMPAGNATO DA ASSO, CHITARRISTA DI VINICIO CAPOSSELA RAGUSA – Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio, ore 22, la rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non è Acqua”, la rassegna cantautorale del Prima Classe di Ragusa. Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori si esibirà di fronte al pubblico ibleo con tutta la carica dei suoi testi. Ad accompagnarlo uno tra i più apprezzati chitarristi in Italia, Asso, musicista di Vinicio Capossela. Partendo dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di “Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de “il poeta e il contadino”) Alessandro Fiori è riuscito ad elaborare un nuovo linguaggio fatto a volte di caustica poesia urbana incastonata in improbabili scenari visionari e naif. Un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Nelle sue canzoni parla di sé e del mondo che i suoi occhi vedono. La quotidianità si colora di una linguistica a tratti psichedelica. Una carica emozionale irresistibile e contagiosa, grazie alla quale Fiori è riuscito a ritagliarsi un rilevante posto nella nuova scena cantautorale italiana. Arriva a Ragusa un cantastorie moderno che con la sua intelligenza affilata intratterrà il pubblico ibleo, offrendo le sue storie spesso al limite del pazzesco e del surreale. Se “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) era il disco del “moto a luogo”, il suo ultimo lavoro, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il disco dello ”stato in luogo”, in cui ci si ferma per tirare le somme. E il museo dove sostare può essere qualsiasi cosa: una casa, un’auto, la memoria, un corpo, una famiglia, un paese, un ideale, un letto. E mercoledì 20 febbraio il museo dove sostare sarà il Prima Classe di Ragusa (via Ercolano), "neo auditorium" dove si ascolteranno le canzoni crudamente delicate, silenziose. Ad inizio concerto, Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”, aggiungerà un nuovo nome alla lavagna, quello dell’artista che si esibirà il mese prossimo a Ragusa.

Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 17 febbraio 2013

ufficio stampa


ALESSANDRO FIORI IERI IN CONCERTO A RAGUSA PER “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. TRA GLI OSPITI IN SALA ANCHE COLAPESCE RAGUSA – Il suo ultimo album, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il segno di forti cambiamenti nella vita di Alessandro Fiori, la nascita di sua figlia e la morte di un caro amico. Il suo stile minimale e delicato ha riempito ieri sera il palco del Prima Classe di Ragusa che ospita la rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua”, giunta al suo quarto appuntamento. Come era facile immaginare, il concerto non ha deluso le aspettative del pubblico. Il cantautore è al suo secondo disco da solista, dopo aver lasciato i Mariposa nel 2011. In questo nuovo album racconta di sé, della sua vita, della sua infanzia, in particolare in brani come "La Vasca", "Giornata d'inverno", "Il gusto di dormire in diagonale", lasciandosi accompagnare ieri sera dalla sapiente chitarra di Lorenzo Corti, musicista già noto per i successi con Carmen Consoli. “Io mi sono messo a nudo, ho dedicato un pezzo ai Mariposa e uno a mio padre per gratitudine, ho provato nel mio piccolo a non far morire il ricordo di un amico, nell'ultimo pezzo descrivo un futuro poco roseo per mia figlia”, ha dichiarato Fiori in un’intervista ripercorrendo le tappe significative della sua carriera e ripartendo dal suo primo album “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) di cui ieri sera ha fatto numerosi brani a partire da “Il contatto con gli alieni”. Come lui stesso ha sottolineato, ha aperto da solo il concerto di Ragusa con un approccio più punk. Poi ha suonato insieme a Corti. “Anche il mio pubblico sta crescendo – ha avuto modo di dire Fiori - E' un pubblico bello, ci sono sempre più giovani ed io sono felice così”. La sua è una “caustica poesia urbana” incastonata in improbabili scenari visionari e naif. La critica lo dipinge come un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Fiori ha interagito moltissimo con il pubblico, trasportandolo in un'atmosfera surreale, la stessa dalla quale prendono vita i suoi brani. E tra il pubblico, soddisfatto per aver ascoltato un concerto assolutamente di qualità, c'era anche un ospite d'eccezione, cioè Colapesce, premio Tenco 2012. Fiori è un artista che ha saputo mantenere grande umiltà nonostante il suo successo in continua ascesa. Col pubblico scherza molto mentre i suoi spartiti sono fogli volanti di quaderno a quadri. Ha chiuso con la hit “Fuori piove”, il singolo del suo primo disco. Come sempre è stato Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna, a scrivere sulla lavagna di “Prima Classe Non E' Acqua” il nome dell'ospite successivo. Si tratta de “I Quartieri”. L'appuntamento con la musica cantautoriale torna il prossimo 14 marzo e ci sarà anche una gradita sorpresa. 21 febbraio 2013 ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive

ufficio stampa


UN NUOVO APPUNTAMENTO CON LA MUSICA CANTAUTORALE. ARRIVANO “I QUARTIERI” OSPITI A RAGUSA DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA” RAGUSA – Sono Quartieri in cui è bello perdersi. Un gruppo travestito da cantautore, o un cantautore travestito da gruppo? Come loro stessi dicono, "non si capisce", ma di sicuro piacciono tanto. A "Prima Classe Non è Acqua", giovedì 14 marzo alle ore 22 è la volta de “I Quartieri”. La rassegna di musica cantautorale del Prima Classe di Ragusa ospita una band molto interessante. Scrivono canzoni come le scriverebbe un astronauta disperso nello spazio, con la chitarra acustica portata via dalla forza di gravità. L'elettronica vintage, i drone, gli organi e gli effetti fanno da sfondo a brani scarni ma contemporaneamente molto ricchi. Non è facile inserire “I Quartieri” in un genere preciso. Si muovono tra il pop d’autore e la psichedelia, tra l’elettronica e l’indie, ispirati e influenzati da artisti come Gorillaz, Beck, Beatles, Battisti, Morricone, Radiohead, Massive Attack. La band nasce nel 2010 a Roma, in seguito alla pubblicazione del primo ep “Nebulose”, che riscontra un apprezzamento crescente da parte di pubblico e critica. I numerosi concerti de “I Quartieri” sono seguiti da un numero sempre maggiore di spettatori, espandendo il loro successo in tutta la penisola. La band ha da poco prodotto il primo disco ufficiale, intitolato “Zeno”, composto da nove canzoni, il cui suono prosegue il discorso cominciato con l’ep, cercando però sonorità ancora più personali e caratteristiche. Nonostante il titolo del disco evochi inevitabilmente il riferimento letterario, i temi affrontati dai testi, in italiano, ruotano intorno a paure e inquietudini condivise, ma vogliono sempre offrire il riscatto e la rivincita. “I Quartieri” sono Fabio Grande, Paolo Testa, Marco Santoro e Marco Pellegrino, e saliranno sul palco di “Prima Classe Non è Acqua” accolti da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale. Un nuovo nome che si aggiunge alla leva cantautorale degli anni zero, un elenco che si è arricchito nei mesi accogliendo a Ragusa alcuni tra i più rappresentativi artisti del panorama musicale attuale. 11 marzo 2013 ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive

ufficio stampa


IERI SERA L’APPUNTAMENTO CON LA MUSICA CANTAUTORALE DE “I QUARTIERI” PROTAGONISTI DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. RAGUSA – Intimisti, confidenziali, assolutamente coinvolgenti. Ieri sera “I Quartieri” sono stati i protagonisti della rassegna musicale “Prima Classe Non E’ Acqua” la novità di quest’anno in programma al Prima Classe – locale trasversale di Ragusa. Con la loro musica cantautoriale hanno raccontato il personale viaggio da "argonauti", ai confini dell’universo. Una band romana di assoluto interesse che in poco tempo è riuscita a conquistarsi il giusto spazio all’interno del panorama italiano anche grazie al primo ep “Nebulose” che ha trovato immediato riscontro nella critica. Ma è il pubblico, naturalmente, a decretare il loro successo. Come accaduto ieri sera con un concerto accattivante tra chitarre, batteria, tastiera e, ogni tanto, con l’ingresso in scena, chitarra in mano, anche del direttore artistico della rassegna, Vincent Migliorisi, invitato sul palco da “I Quartieri”. Una forza che ha contagiato il pubblico con la freschezza dei testi e con sonorità intense come nei brani “Il mondo”, “Zero”, "Il primo sole a maggio", “La stanza di Mimì”, “Gomma” per poi concludere lo spettacolo con un bis e con la rockeggiante “Confessioni di un artista di merda”. Fabio Grande, Marco Santoro, Marco Pellegrino (per un’indisponibilità era assente Paolo Testa) hanno dunque esaltato la tematica comune dei loro testi, ovvero il coraggio. Il coraggio di vivere ma anche di provarci, di intraprendere un percorso sconosciuto e nuovo ma al tempo stesso pronti a raccontarlo con la giusta dose di acquisita consapevolezza. “I Quartieri” lo fanno con un’enorme dose di sonorità mescolate, passando dal pop all’elettronica, all’indie, ispirati da artisti di vario genere. Sono stati intanto annunciati gli artisti del prossimo appuntamento, concerto conclusivo della rassegna "Prima Classe Non è Acqua". L’11 aprile sarà una serata tutta rock con ben due concerti. Ci sarà Alì che condividerà il palco con Paolo Mei & Il Circo d'Ombre.

15 marzo 2013 ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive

ufficio stampa


SARA’ UN DOPPIO CONCERTO A CHIUDERE GIOVEDI’ 11 APRILE LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. CI SARANNO ALI’ vs PAOLO MEI & IL CIRCO D’OMBRE, INSIEME PER OFFRIRE AL PUBBLICO IBLEO UNA SERATA TUTTA ROCK. RAGUSA – Una serata tutta rock per festeggiare “Prima Classe Non è Acqua”. Per l’ultimo appuntamento della rassegna, il direttore artistico Vincent Migliorisi ha riservato infatti una sorpresa al pubblico appassionato della musica d’autore. Sesto ed ultimo appuntamento per quella che è stata la rassegna dedicata alla “leva cantautorale degli anni zero”: giovedì 11 aprile ben due concerti animeranno il Prima Classe di Ragusa a partire dalle 21,30. Dopo gli eccezionali spettacoli ospitati nei mesi scorsi, con importanti nomi della scena musicale italiana, la chiusura sarà dedicata alle sfumature più rock del panorama indipendente. Sul palco Alì vs Paolo Mei & Il Circo d'Ombre, in un ironico scontro che è più un incontro. Il cantautore siracusano Stefano Alì, artista rivelazione del 2013, ha fin da subito fatto parlare di sé col suo disco d’esordio, “La rivoluzione nel monolocale” (La Vigna Dischi). Fino a qualche anno fa vendeva fiori, dal 2011 regala parole, confezionandole con uno stile caldo ed intenso. La sua cifra stilistica è legata al metraggio della casa in cui vive: intima, calda e precaria. Il suo album, che vanta la produzione artistica di Colapesce, presenta nove brani inediti e una cover di Paolo Conte. La complessa semplicità delle sue storie arriva dritta al cuore. Il tutto fra occhi bassi e sogni, Wilco e Gin Lemon, colloqui andati a male, cd masterizzati dei National, curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. Ma come se non bastasse, lo spettacolo non finisce qui. La notte sarà davvero lunga al Prima Classe di Ragusa. Nella stessa sera di giovedì 11 aprile, la rassegna “arruola” un personaggio di spicco che ha saputo in pochi anni trovare il suo spazio non solo nel campo della composizione ma anche nella promozione musicale a livello nazionale. Arriva infatti Paolo Mei accompagnato dagli artisti de “Il Circo d'Ombre”. Sarà presentato “Inventario” il loro primo lp prodotto da Rocketta. Dopo averci allietato con un antipasto sotto forma di ep, Mei si presenta sulla scena con la portata principale. “Inventario” è un album eclettico, dove il pop cantautorale del lavoro precedente viene contaminato da una predominante componente folk, sempre con l’utilizzo della lingua italiana e con un approccio libero e senza barriere che spazia dall’acustico più intimo e serio di “Miele” all’elettro-acustico giocoso di “Marocco”. Affidati alla direzione artistica di Cesare Basile, che ha suonato gran parte degli strumenti, gli 8 brani di “Inventario” sono stati registrati in 8 giorni, uno al giorno, permettendone la genesi attraverso una natura istintiva. Il risultato è un percorso soffuso e intimista, non personalistico, che parla a tutti e di tutti in modo semplice e mai banale. Una collaborazione, quella tra Mei e Basile, che insieme a John Bonnar dei Dead Can Dance, aveva già preso il via con la realizzazione della colonna sonora del film “È stato il figlio” di Daniele Ciprì, con Toni Servillo. Insieme a loro, nella realizzazione di “Inventario” ci sono i compagni di viaggio de “Il Circo d’Ombre”, gli “acrobati” della musica Salvo Dub, Manuele Doca ed ancora lo stesso Colapesce, il norvegese Terje Nordgarden. La serata proseguirà con le selezioni musicali di Giulio Tomasi. ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 08 aprile 2013

ufficio stampa


CONCLUSA CON SUCCESSO LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. IERI SERA DOPPIO CONCERTO CON STEFANO ALI’, PAOLO MEI & IL CIRCO D’OMBRE. RAGUSA – Una chiusura in grande stile ieri per "Prima Classe Non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero". Sono stati Alì e Paolo Mei con Il Circo d'Ombre, a condividere il palco portando la loro buona musica. Due eccezionali esibizioni con cui si conclude la rassegna di musica cantautorale fortemente voluta dal musicista Vincent Migliorisi e dall’imprenditore e titolare del Prima Classe, Giuseppe Stracquadanio. Un'intensa programmazione che negli ultimi sei mesi ha visto protagonisti a Ragusa rilevanti autori ed interpreti del panorama musicale italiano. Concerti dal vivo che hanno proposto al pubblico ibleo il noto "locale trasversale" del capoluogo sotto una nuova ed insolita veste. Tra luci soffuse e contaminazioni sonore, si sono susseguiti sul palco a partire dal novembre scorso nomi come Oratio, Nicolò Carnesi, Dimartino, Alessandro Fiori, I Quartieri, per finire ieri con i concerti di Alì e di Paolo Mei & Il Circo d'Ombre. Ha aperto la serata il cantautore Stefano Alì. Una grande energia e tanto da dire, un percorso iniziato dal suo rifugio, il “monolocale” a Belvedere di Siracusa, per uscire poi per strada e raccontare esperienze di vita quotidiana. Alì ha presentato a Ragusa il suo disco d’esordio, “La rivoluzione nel monolocale”, e lo ha fatto con un’esibizione intima, ma intensa al tempo stesso. Un calore e una forza interpretativa dell’artista contenuta del resto dalle parole dei suoi stessi brani. Con canzoni come “Cash”, “New York”, “Maggio”, “Armata fino ai denti”, “Continuare a vedere oro”, Stefano si è raccontato presentando al pubblico un giovane disilluso ma capace ancora di sognare, ha raccontato le sensazioni e le contraddizioni di una generazione che non è capace di abituarsi alla realtà, fatta di curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. Accompagnato da Davide Iacono alla batteria, Salvo Fichera al basso e Valerio Vittoria alle chitarre, Alì ha concluso la sua esibizione con un omaggio a Franco Califano, cantando una delle sue canzoni più belle e disarmanti, “Un tempo piccolo”. A seguire un altro concerto. Sono saliti sul palco Paolo Mei & Il Circo d’Ombre, che hanno dato alla serata una spinta più rockeggiante. Con un ritmo coinvolgente, capace di trascinare il pubblico attraverso fantastiche sonorità. Ha presentato “Inventario”, lp realizzato con Il Circo d’Ombre, il frutto di una miscela tra il pop cantautoriale degli esordi e un’inedita contaminazione folk, ma senza mai discostarsi dalla lingua italiana. Sonorità rockeggianti in un misto tra modernità e un gusto retrò anni ’50. Da “Miele” a “Marocco”, da “Salta giù” a “Ogni Istante”, passando da un testo di sana critica come “A Milano”, Paolo Mei ha rimarcato le componenti della sua musica e dei suoi testi in un lavoro musicale sapientemente cucito dal vivo assieme a Riccardo Napoli alla batteria e percussioni e ancora con Salvo Fichera al basso e Valerio Vittoria alle chitarre. Ai suoi testi inediti, Paolo Mei ha aggiunto anche una bellissima interpretazione di “Io sto bene” dei Cccp. A fine serata il saluto e il ringraziamento al pubblico da parte del direttore artistico Vincent Migliorisi: “E’ stato un bellissimo percorso all’interno della musica cantautoriale con i migliori artisti emergenti nel panorama italiano. Una proposta musicale nuova anche per la provincia di Ragusa, con la possibilità di conoscere da vicino artisti le cui canzoni cercano di raccontare le proprie verità, i propri punti di vista. L’obiettivo era quello di rendere facilmente accessibile a tutti la musica cantautoriale che credo sia un patrimonio per il nostro paese”. Importante, in tale direzione, lo sforzo compiuto da Prima Classe – locale trasversale, come spiega il titolare Giuseppe Stracquadanio: “Abbiamo voluto scommettere in questo nuovo viaggio adeguando lo stesso locale alle esigenze di ascolto richieste dalla musica cantautorale. Sono contento d’averlo fatto. Del resto questa è proprio la linea del Prima Classe. Crediamo molto nei concerti e in genere nelle esibizioni dal vivo, nella loro energia. Sono convinto che bisogni investire nell’arte, nelle sue varie forme ed espressioni, per questo ci proponiamo come locale trasversale, un locale cioè aperto alle contaminazioni, che si fa attraversare trasversalmente dalle più disparate forme d’arte, siano esse musica, show, pittura, foto, audiovisivo”.ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive 12 aprile 2013 ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


LA SICILIA RILANCIA LA FUNZIONE SOCIALE DEL CANTAUTORATO ITALIANO. GRANDI NOMI DEL PANORAMA INDIPENDENTE FARANNO TAPPA A RAGUSA RAGUSA PRIMA CLASSE - Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale diGiuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano. ufficio stampa


PRIMA CLASSE NON È ACQUA / RASSEGNA

UN AMBIZIOSO PROGETTO MUSICALE CHE VUOLE DARE NUOVA ARIA A RAGUSA, RENDENDOLA CENTRO NEVRALGICO DI INTERESSE E DI INCONTRO TRA LE TENDENZE "ALTERNATIVE" CHE COMPONGONO LA RICCA E SEGUITA SCENA MUSICALE ITALIANA. PARTIRÀ IL 22 NOVEMBRE, PER PROSEGUIRE FINO AD APRILE 2013, "PRIMA CLASSE NON È ACQUA", L’INTENSA E INNOVATIVA RASSEGNA CHE, CON CADENZA MENSILE ED INGRESSO GRATUITO, OSPITERÀ ALCUNI TRA I NOMI PIÙ IMPORTANTI DEL CANTAUTORATO ITALIANO CON LO SCOPO DI TRASFORMARE LA CITTÀ IN UN PUNTO DI ATTRAZIONE PER TUTTI GLI APPASSIONATI DELL'ISOLA. CI SARANNO NOMI COME ORATIO (CHE APRIRÀ LA RASSEGNA PROPRIO IL 22 NOVEMBRE), NICOLÒ CARNESI, DIMARTINO E ALTRI ARTISTI MOLTO SEGUITI ED APPREZZATI IN TUTTA ITALIA, CAPACI DI RACCONTARE CON LA LORO MUSICA E UN'INCONFONDIBILE POETICA, LA SOCIETÀ, LA VITA, LE SENSAZIONI, LE EMOZIONI E LE DELUSIONI CHE CONTRADDISTINGUONO IL VENTUNESIMO SECOLO E CHE CI FARANNO RISCOPRIRE SPERIMENTAZIONI SONORE, PROPENSIONI INTIMISTE E SOPRATTUTTO LA NECESSITÀ DI RILANCIARE LA FUNZIONE SOCIALE DEL CANTAUTORE. UN PROGETTO NUOVO PER RAGUSA, UN CORAGGIOSO ESPERIMENTO CHE VUOLE SPOSTARE L'ATTENZIONE SU UN AMBITO ANCORA "VERGINE" SOTTO IL PROFILO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL'APPROFONDIMENTO MUSICALE, INTESO COME CONTINUITÀ E RICCHEZZA DI OFFERTE CAPACI DI FOCALIZZARE E CANALIZZARE L'ATTENZIONE SU UNA CITTÀ CHE, PUR ESSENDO PROFONDO SUD, DIVENTI NUOVO PUNTO DI RIFERIMENTO PER LE AVANGUARDIE MUSICALI E PER UN RINNOVATO FERMENTO CULTURALE IN SICILIA. LA RASSEGNA MUSICALE SI TERRÀ AL “PRIMA CLASSE – LOCALE TRASVERSALE” DI RAGUSA, CHE PER L'OCCASIONE OFFRIRÀ DI SE UNA NUOVA VESTE MODELLANDO LO SPAZIO INTERNO PER RENDERLO SALA D’ASCOLTO IN FUNZIONE DELL’AREA RIALZATA CHE DIVENTERÀ IL PALCO DA DOVE SI ESIBIRANNO I MUSICISTI. LA VICINANZA CON GLI ARTISTI CONTRIBUIRÀ A RENDERE ANCORA PIÙ INTIMA E CALDA L'ATMOSFERA CHE SI INTENDE RICREARE SENZA AVERE NULLA DA INVIDIARE AI PIÙ GETTONATI CLUB EUROPEI DOVE LA MUSICA DI QUALITÀ REGNA SOVRANA. A RENDERE LA RASSEGNA ANCORA PIÙ INTERESSANTE È LA POSSIBILITÀ DI ACCEDERE LIBERAMENTE AI CONCERTI. "A RAGUSA LA MUSICA PRENDE NUOVA FORMA E NUOVO SENSO. E’ UNA NUOVA AVVENTURA – SPIEGA IL DIRETTORE ARTISTICO VINCENT MIGLIORISI – MA C’È ANCHE LA VOGLIA DI PORTARE A RAGUSA LA MUSICA DI QUALITÀ DEL CIRCUITO ITALIANO, DI RENDERLA ACCESSIBILE E VICINA A TUTTI, INSOMMA DI POTERSELA GODERE PROPRIO SOTTO CASA, SENZA LA NECESSITÀ DI SPOSTARSI VERSO ALTRE REALTÀ. UN PROGETTO RESO POSSIBILE GRAZIE ALLA SENSIBILITÀ IMPRENDITORIALE DI GIUSEPPE STRACQUADANIO, CON CUI CONDIVIDIAMO LA PASSIONE MUSICALE. SARÀ INFATTI LA MUSICA LA VERA PROTAGONISTA, QUELLA BUONA, DA ANNI PURTROPPO OFFUSCATA DA IMPRUDENTI TALENT TELEVISIVI E DA ORECCHIABILI MOTIVI DA HIT ESTIVA, CHE PASSANO SENZA ESSERE REALE PATRIMONIO MUSICALE”. SONO STATI ANTICIPATI ALCUNI NOMI E SOLO LA PRIMA DATA. PUR SE LA PROGRAMMAZIONE È GIÀ DEFINITA, SI INTENDE INFATTI PUNTARE SULL'EFFETTO SORPRESA CREANDO UNA SORTA DI PUZZLE CHE DI VOLTA IN VOLTA, ANCHE ATTRAVERSO I SOCIAL NETWORK, AGGIUNGERÀ NUOVI PEZZI PER CONOSCERE IL CANTAUTORE CHE SUONERÀ NELLA DATA SUCCESSIVA. CIÒ CHE È CERTO, INTANTO, È CHE L’INTIMISTA E AL TEMPO STESSO ESTROVERSO ORATIO APRIRÀ LA RASSEGNA MUSICALE "PRIMA CLASSE NON È ACQUA" GIOVEDÌ 22 NOVEMBRE ALLE ORE 21,30 AL “PRIMA CLASSE – LOCALE TRASVERSALE” IN VIA ERCOLANO. 22 GIOVEDÌ NOVEMBRE ORATIO

14

GIOVEDÌ MARZO I QUARTIERIMUSICA / PrimaClasse / Ragusa ufficio stampa


A Ragusa: “Prima Classe non è Acqua”, rassegna di musica cantautorale Prima Classe Ragusa

Un’interessantissima iniziativa quella partita il22 novembre scorso aRagusa e che andrà avanti fino alla prossima primavera a suon di live. Una delle province più affascinanti della Sicilia e non solo ma purtroppo comatose quando si cerca di allontanare la forte tendenza alla massificazione e quando si parla di arte e soprattutto di musica, quella di un certo spessore, quella cantautorale (anche se non è la sola). Si perchè la Sicilia come del resto l’Italia ha una scena cantautorale nuova di tutto rispetto, fertile e in continua evoluzione, che però stranamente rimane continuamente emergente o underground o ancora peggio semi sconosciuta. Promotore della rassegna “Prima Classe non è Acqua” è Vincent Migliorisi , artista ragusano ormai di caratura nazionale, che ci raccontata l’idea che c’è dietro a questo ambizioso progetto…. -Vincent come nasce l’idea di una rassegna cantautorale a Ragusa? ” L’idea nasce dalla voglia di fare conoscere a Ragusa delle realtà che hanno un respiro più Nazionale, visto che non esiste un vero e proprio club live, eccezion fatta ovviamente per gli amici del Lebowsky , che sono però una realtà piccola, autofinanziata, ma efficiente.” -Perchè è stata scelta proprio Ragusa come location? “Perchè è la mia città (anche se non ci vivo più) ed essendo io spesso in tour e quindi a contatto con situazioni in cui la musica ha un’attenzione diversa, volevo mettere questa esperienza a disposizione di un luogo che è sicuramente una periferia geografica, non culturale. “

ufficio stampa


Vincent Migliorisi -Quanto conta l’essere conosciuti quando si tratta di organizzare certi eventi (ho l’impressione che sia tutto più semplice)? “Diciamo che da questo punto di vista non sono mai stato un propositivo, nel senso che sono abbastanza pigro. Non conosco le percentuali di buon fine, penso che la differenza sia il fatto che con quasi tutti questi artisti in questo ultimo anno ci siamo incrociati spesso, per lavoro, e Peppe, il proprietario del prima classe, è un amico e un appassionato di musica, quella buona.” -Cosa si intende per funzione sociale del cantautorato? “Questa parola è stata presa un po’ troppo sul serio. È solo l’idea che attraverso una canzone si possa avere uno sguardo diverso Sui fatti, oppure Semplicemente la descrizione di una scena quotidiana che messa in musica diventa lo status di una situazione legata alla realtà. Come dire: “è capitato anche a me!”. La musica italiana che la gente conosce non si occupa di questo. Ci sono i bambini in televisione, non c’èAlessandro Fiori.” -Come secondo te il cantautorato puo’ ”salvare” o migliorare l’Italia e in particolare la Sicilia ? “Dovresti fare questa domanda a Rosario Crocetta forse, è lui che ci sta scommettendo. Io credo che la musica possa migliorare La nostra condizione di esistere, alleviare il dolore, testare le nostre percezioni, cercare di capire, senza fingere.” “Prima Classe non è Acqua” porterà nel ragusano tanti concerti di interessanti artisti del panorama alternativo italiano (alcuni nomi: Oratio, che ha aperto la rassegna il 22 novembre, Nicolò Carnesi, Dimartino..). Ogni serata sarà completamente gratis, per un progetto importante, coraggioso e con una spiccata connotazione sociale ed educativa.

ufficio stampa


“Prima Classe non è acqua”: a Ragusa cantautori “indipendenti” SICILIA | 02:27 AM | VIA

WWW.ONDAIBLEA.IT

Ragusa, 18 novembre 2012 – Comunicato Prima Classe. «Un progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell’isola. Ci saranno Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un’inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l’attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell’approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l’attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l’occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l’atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. È una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull’effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano».

ufficio stampa


“Prima Classe non è acqua”: a Ragusa cantautori “indipendenti” Domenica 18 Novembre 2012 20:17 Redazione Musica e Spettacolo -Musica

Ragusa, 18 novembre 2012 – Comunicato Prima Classe. «Un progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. È una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano». ufficio stampa


“Prima Classe non è Acqua”, ciclo di concerti gratuiti a Ragusa: la musica prende nuova forma 18 NOVEMBRE 2012 by REDAZIONE in ATTUALITÀ con 0 COMMENTI

RAGUSA – PRIMA CLASSE – Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze “alternative” che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, “Prima Classe non è Acqua”, l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell’isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un’inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l’attenzione su un ambito ancora “vergine” sotto il profilo della programmazione e dell’approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l’attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l’occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l’atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. “A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull’effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua” giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano.

ufficio stampa


“Prima Classe non è Acqua”, ciclo di concerti gratuiti a Ragusa: la musica prende nuova forma 18/11/2012 - 20.42 - RAGUSA – PRIMA CLASSE – Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze “alternative” che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, “Prima Classe... (RagusaTG) Condividi | Avvisami | Commenta | Leggi l'Articolo

ufficio stampa


“Prima Classe non è acqua”: a Ragusa cantautori “indipendenti”Published by user on 18 November 2012 | Comments Off «Un progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze “alternative” che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, “Prima Classe non è Acqua”, l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell’isola. Ci saranno Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un’inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l’attenzione su un ambito ancora “vergine” sotto il profilo della programmazione e dell’approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l’attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l’occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l’atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. “A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. È una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull’effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua” giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano». ufficio stampa


VIDEO Ragusa (19/11/2012)

"Prima Classe non e' acqua", cantautori riuniti a Ragusa Al via il 22 novembre, e fino al mese di aprile, della rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua". Si tratta di un progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa. Tanti i cantautori indipendenti che si alterneranno. Tra questi Oratio, Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti tutti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia. In questo video, il singolo "Il colpo" di Nicolo' Carnesi.

La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe" di Ragusa. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. È una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. In questo video, "Tre cuscini" di Oratio

ufficio stampa


http://www.ecocasavacanze.it/

"Prima Classe non e' acqua", cantautori riuniti a Ragusa 22 novembre -30 aprile 2013 Ragusa

Al via il 22 novembre, e fino al mese di aprile, della rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua". Si tratta di un progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa. Tanti i cantautori indipendenti che si alterneranno. Tra questi Oratio, Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti tutti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia. In questo video, il singolo "Il colpo" di Nicolo' Carnesi. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe" di Ragusa. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. È una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. In questo video, "Tre cuscini" di Oratio

ufficio stampa


Lunedì, 19 Novembre 2012 09:56redazione

A Ragusa una interessante e inedita rassegna musicale La Sicilia rilancia la funzione sociale del cantautorato italiano. Grandi nomi del panorama indipendente faranno tappa a Ragusa all'interno di una inedita rassegna musicale. Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l'intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al "Prima Classe – locale trasversale" di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d'ascolto in funzione dell'area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E' una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c'è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale". Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l'intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al "Prima Classe – locale trasversale" in via Ercolano. Pubblicato in Cultura ufficio stampa


"PRIMA CLASSE NON È ACQUA", LA SICILIA RILANCIA LA FUNZIONE SOCIALE DEI CANTAUTORI RAGUSA, 19/11/2012 - Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano.

ufficio stampa


Prima classe non è acqua

Pubblicato Lunedì, 19 Novembre 2012 16:04 Scritto da Sicil-Web.com

La Sicilia rilancia il cantautorato con la rassegna "Prima Classe non è Acqua". Si inizia giovedì a Ragusa. La Sicilia rilancia la funzione sociale del cantautorato italiano. Grandi nomi del panorama indipendente faranno tappa a Ragusa all'interno di un'inedita rassegna musicale. RAGUSA - Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico diinteresse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana.Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativarassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi,Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è giàdefinita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano.Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive ufficio stampa


LA SICILIA RILANCIA LA FUNZIONE SOCIALE DEL CANTAUTORATO ITALIANO.Posted on November 19, 2012 in Comunicato

stampa

MediaLive

11

/

18

/

2012

GRANDI NOMI DEL PANORAMA INDIPENDENTE FARANNO TAPPA A RAGUSA ALL’INTERNO DI UN’INEDITA RASSEGNA MUSICALE. RAGUSA - Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze “alternative” che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, “Prima Classe non è Acqua”, l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell’isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un’inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l’attenzione su un ambito ancora “vergine” sotto il profilo della programmazione e dell’approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l’attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l’occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l’atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. “A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull’effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua” giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano. Carmelo Saccone Ufficio stampa MediaLive ufficio stampa


A Ragusa: "Prima Classe non è Acqua", rassegna di musica cantautorale

Interessante iniziativa quella che partirà il 22 novembre a Ragusa, una delle province più affascinanti della Sicilia. Nonostante si cerchi di allontanare la forte tendenza alla massificazione, quando si parla di arte e soprattutto di musica, quella di un certo spessore, quella cantautorale, la Sicilia, come del resto l'Italia, ha una scena cantautorale nuova di tutto rispetto, fertile e in continua evoluzione che però, stranamente, rimane continuamente emergente o underground o ancora peggio semi sconosciuta. "Prima Classe non è Acqua", questo è il nome della rassegna che porterà nel ragusano tanti concerti di interessanti artisti del panorama alternativo italiano; alcuni nomi: Oratio, che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre, Nicolò Carnesi, Dimartino. Ogni serata sarà gratis, per un progetto importante, coraggioso e con una spiccata connotazione sociale ed educativa. Promotore della rassegna è Vincent Migliorisi, artista ragusano ormai di caratura nazionale: "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E' una nuova avventura– spiega proprio Vincent Migliorisi – ma c'è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà". Un progetto reso possibile anche grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio. "Sarà infatti la musica la vera protagonista, continua Migliorisi, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale". Fonte Foto:ondaiblea.it http://www.ondaiblea.it/images/stories/aziende/prima_classe.jpg Francesco Montalto Powered by Tags for Joomla

ufficio stampa


"PRIMA CLASSE NON È ACQUA", LA SICILIA RILANCIA LA FUNZIONE SOCIALE DEI CANTAUTORI RAGUSA, 19/11/2012 - Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano. ufficio stampa


Ragusa -Il progetto musicale può definirsi ambizioso, l’intento è quello di dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data: pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale giovedì 22 novembre alle ore 21,30.

ufficio stampa


19/11/2012 - 08:01 Grandi nomi del panorama indipendente faranno tappa a Ragusa all’interno di un’inedita rassegna musicale.

LA SICILIA RILANCIA LA FUNZIONE SOCIALE DEL CANTAUTORATO ITALIANO. Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana. Partirà il 22 novembre, per proseguire fino ad aprile 2013, "Prima Classe non è Acqua", l’intensa e innovativa rassegna che, con cadenza mensile ed ingresso gratuito, ospiterà alcuni tra i nomi più importanti del cantautorato italiano con lo scopo di trasformare la città in un punto di attrazione per tutti gli appassionati dell'isola. Ci saranno nomi come Oratio (che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre), Nicolò Carnesi, Dimartino e altri artisti molto seguiti ed apprezzati in tutta Italia, capaci di raccontare con la loro musica e un'inconfondibile poetica, la società, la vita, le sensazioni, le emozioni e le delusioni che contraddistinguono il ventunesimo secolo e che ci faranno riscoprire sperimentazioni sonore, propensioni intimiste e soprattutto la necessità di rilanciare la funzione sociale del cantautore. Un progetto nuovo per Ragusa, un coraggioso esperimento che vuole spostare l'attenzione su un ambito ancora "vergine" sotto il profilo della programmazione e dell'approfondimento musicale, inteso come continuità e ricchezza di offerte capaci di focalizzare e canalizzare l'attenzione su una città che, pur essendo profondo Sud, diventi nuovo punto di riferimento per le avanguardie musicali e per un rinnovato fermento culturale in Sicilia. La rassegna musicale si terrà al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa, che per l'occasione offrirà di se una nuova veste modellando lo spazio interno per renderlo sala d’ascolto in funzione dell’area rialzata che diventerà il palco da dove si esibiranno i musicisti. La vicinanza con gli artisti contribuirà a rendere ancora più intima e calda l'atmosfera che si intende ricreare senza avere nulla da invidiare ai più gettonati club europei dove la musica di qualità regna sovrana. A rendere la rassegna ancora più interessante è la possibilità di accedere liberamente ai concerti. "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E’ una nuova avventura – spiega il direttore artistico Vincent Migliorisi – ma c’è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà. Un progetto reso possibile grazie alla sensibilità imprenditoriale di Giuseppe Stracquadanio, con cui condividiamo la passione musicale. Sarà infatti la musica la vera protagonista, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale”. Sono stati anticipati alcuni nomi e solo la prima data. Pur se la programmazione è già definita, si intende infatti puntare sull'effetto sorpresa creando una sorta di puzzle che di volta in volta, anche attraverso i social network, aggiungerà nuovi pezzi per conoscere il cantautore che suonerà nella data successiva. Ciò che è certo, intanto, è che l’intimista e al tempo stesso estroverso Oratio aprirà la rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua" giovedì 22 novembre alle ore 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” in via Ercolano.

ufficio stampa


\

Ragusa -Il progetto musicale può definirsi ambizioso, l'intento è quello di dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che compongono la ricca e seguita scena musicale italiana ... Leggi anche: "Prima Classe non e' acqua", cantautori riuniti a Ragusa Giornale di Sicilia lunedÏ, 19 novembre 2012 - (Il Giornale di Ragusa)

ufficio stampa


Ragusa - La (Prima) Classe non è acqua. Al via la rassegna musicale cantautorale a ingresso gratuito: e sarà Oratio (nome d’arte di Andrea Corno), un cantautore siciliano ad aprire domani nel capoluogo ibleo la nuova rassegna musicale. Andrea Corno, porterà domani, giovedì 22 novembre alle 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa - la sua musica, esibendosi nel concerto (ad ingresso gratuito) che darà il via al cartellone musicale in programma fino ad aprile 2013. La rassegna “Prima Classe non è Acqua” prevede la esibizione di sei artisti, che in sei differenti date arriveranno nell’isola per rappresentare il panorama musicale di oggi, “la leva cantautorale degli anni zero". Ne è passato di tempo dai dischi autoprodotti, ma anche da “Ora ti ho”, album di esordio pubblicato nel 2009 da Malintenti Dischi e prodotto artisticamente da Toti Poeta, album con cui il cantautore barcellonese si è affacciato al mercato nazionale presentando di sé un profilo cantautorale e acustico, passando dal rock al folk alle ballad classiche. Adesso Oratio è anche altro: lo è il suo ultimo lavoro discografico, pubblicato lo scorso marzo sempre da Malintenti e dal titolo “Discorrendo senza ratio” con cui il cantautore si è fatto ancor più apprezzare quale nuovo brillante talento musicale. L’album, che vede varie collaborazioni, presenta appunto un nuovo Oratio, più lontano dai ritmi folk e dalle atmosfere scanzonate, dove mostra una nuova maturità artistica, dove l’atteggiamento disilluso e disincantato del cantautore trova spazio all’interno di musiche che offrono un’interessante contaminazione di generi. Fin dal brano che apre l’album, “Credi in me”, Oratio spiega perfettamente il nuovo approccio con cui si avvicina alla musica: una carica che contraddistingue anche gli altri brani, come "Sparirò", "Pirati", "Mille idee", e le altre tracce del disco. E con il ritmo e la passione di “Discorrendo senza ratio”, Oratio fa il suo ritorno in Sicilia: il Prima Classe di Ragusa avvia così il nuovo progetto musicale con la collaborazione artistica di Vincent Migliorisi, che proprio domani, in occasione dell’apertura di “Prima classe non è Acqua”, darà nuovi indizi sui prossimi appuntamenti, annunciando la nuova data e il nuovo cantautore che a dicembre farà tappa a Ragusa. I concerti sono ad ingresso gratuito, con inizio alle ore 21,30, presso Prima Classe – locale trasversale, in via Ercolano a Ragusa.

ufficio stampa


A Ragusa: "Prima Classe non è Acqua", rassegna di musica cantautorale MERCOLEDÌ 21 NOVEMBRE 2012 07:17 EVENTI E SPETTACOLI

Interessante iniziativa quella che partirà il 22 novembre

a

Ragusa,

una

delle

province

più

affascinanti della Sicilia. Nonostante si cerchi di allontanare la forte tendenza alla massificazione, quando si parla di arte e soprattutto di musica, quella di un certo spessore, quella cantautorale, la Sicilia, come del resto l'Italia, ha una scena cantautorale nuova di tutto rispetto, fertile e in continua evoluzione

che

però,

stranamente,

rimane

continuamente emergente o underground o ancora peggio semi sconosciuta. "Prima Classe non è Acqua", questo è il nome della rassegna che porterà nel ragusano tanti concerti di interessanti artisti del panorama alternativo italiano; alcuni nomi: Oratio, che aprirà la rassegna proprio il 22 novembre, Nicolò Carnesi, Dimartino. Ogni serata sarà gratis, per un progetto importante, coraggioso e con una spiccata connotazione sociale ed educativa. Promotore della rassegna è Vincent Migliorisi, artista ragusano ormai di caratura nazionale: "A Ragusa la musica prende nuova forma e nuovo senso. E' una nuova avventura– spiega proprio Vincent Migliorisi – ma c'è anche la voglia di portare a Ragusa la musica di qualità del circuito italiano, di renderla accessibile e vicina a tutti, insomma di potersela godere proprio sotto casa, senza la necessità di spostarsi verso altre realtà". Un

progetto

reso

possibile

anche

grazie

alla

sensibilità

imprenditoriale

di Giuseppe

Stracquadanio. "Sarà infatti la musica la vera protagonista, continua Migliorisi, quella buona, da anni purtroppo offuscata da imprudenti talent televisivi e da orecchiabili motivi da hit estiva, che passano senza essere reale patrimonio musicale". Fonte Foto:ondaiblea.it http://www.ondaiblea.it/images/stories/aziende/prima_classe.jpg Francesco Montalto ufficio stampa


21/11/2012 - 16:08

La leva cantautorale degli anni zero PARTE DOMANI “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA" SARA’ ORATIO AD APRIRE LA RASSEGNA MUSICALE A RAGUSA Sarà un cantautore siciliano ad aprire domani nel capoluogo ibleo la nuova rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua”. Andrea Corno, in arte Oratio, porterà domani, giovedì 22 novembre alle 21,30 al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa la sua musica, esibendosi nel concerto (ad ingresso gratuito) che darà il via al cartellone musicale in programma fino ad aprile 2013. Sei artisti, che in sei differenti date arriveranno nell’isola per rappresentare il panorama musicale

di

oggi,

“la

leva

cantautorale

degli

anni

zero”.

Ne è passato di tempo dai dischi autoprodotti, ma anche da “Ora ti ho”, album di esordio pubblicato nel 2009 da Malintenti Dischi e prodotto artisticamente da Toti Poeta. Album con cui il cantautore barcellonese si è affacciato al mercato nazionale presentando di sé un profilo cantautorale e acustico, passando dal rock al folk alle ballad classiche. Adesso Oratio è anche altro. Lo è il suo ultimo lavoro discografico, pubblicato il marzo scorso sempre da Malintenti e dal titolo “Discorrendo senza ratio” con cui il cantautore si è fatto ancor più apprezzare quale nuovo brillante talento musicale. L’album, che vede varie collaborazioni, presenta appunto un nuovo Oratio, più lontano dai ritmi folk e dalle atmosfere scanzonate, dove mostra una nuova maturità artistica, dove l’atteggiamento disilluso e disincantato del cantautore trova spazio all’interno di musiche che offrono un’interessante contaminazione di generi. Fin dal brano che apre l’album, “Credi in me”, Oratio spiega perfettamente il nuovo approccio con cui si avvicina alla musica. Una carica che contraddistingue anche gli altri brani, come "Sparirò", "Pirati", "Mille idee", e le altre tracce del disco. E con il ritmo e la passione di “Discorrendo senza ratio”, Oratio fa il suo ritorno in Sicilia. Il Prima Classe di Ragusa avvia così il nuovo progetto musicale con la collaborazione artistica di Vincent Migliorisi, che proprio domani, in occasione dell’apertura di “Prima classe non è Acqua”, darà nuovi indizi sui prossimi appuntamenti, annunciando la nuova data e il nuovo cantautore che a dicembre farà tappa a Ragusa. I concerti sono ad ingresso gratuito, con inizio alle ore 21,30, presso Prima Classe – locale trasversale, in via Ercolano a Ragusa.di M.L

ufficio stampa


ufficio stampa


GIORNO & NOTTE MUSICA Al "Prima Classe" in via Ercolano alle 21,30 il cantautore Oratio apre la rassegna musicale "Prima classe non è acqua". Ragusa 22 novembre 2012 10 sez. PALERMO

ufficio stampa


PRIMACLASSE

COSA CHIOSCHI & BAR, PUB & CLUB, RISTORANTI & TRATTORIE DOVE VIA ERCOLANO - 97100, RAGUSA TELEFONO 0932652300 / CONTATTA LA STRUTTURA food&drinks - concerti - show-case - dj-set – performance - mostre – esposizioni – installazioni – proiezioni presentazion...i – reading – incontri - book-crossing - instant-office – wi-fi area – giochi – punto riciclo.

ORATIO STRALUNATO SONGWRITING DELLA PRATERIE SÌCULE COSA MUSICA RASSEGNA PRIMA CLASSE NON È ACQUA QUANDO 22 NOVEMBRE 2012 ORE 21,30 DOVE PRIMA CLASSE / VIA ERCOLANO - RAGUSA PREZZO INGRESSO LIBERO

È una ripartenza, per Andrea Corno in arte Oratio; con un album che (non fosse per un'acca) ha un titolo quasi identico al suo nome artistico. Il cantautore siciliano fa decisamente centro, con dodici tracce acustiche prodotte da Toti Poeta, quasi tutte ben sopra la media. Attenzione a Oratio. Il suo stralunato songwriting della praterie sìcule potrebbe provocare dipendenza. In un disco che battezza una nuova voce nel panorama pop d'autore, situata diciamo tra Gazzè e Dente tanto per segnare un punto sulla cartina, il brano iniziale è quello meno accattivante. Ma già il delizioso country slide “Una parte di me” dalle armonie aperte e luminose ci introduce al meglio nelle “oraziadi”: le parti di noi che non abbiamo realizzato, la ricerca dell'energia necessaria che spesso ci sfugge. “Non guariremo più” cuce una coperta baustelliana per le serate di primavera malinconica, quando la sera è ancora fredda; “Otra vez” è una gemmina italospagnola, di quelle canzoni che, se non hai nessuno a cui dedicarle, è un vero peccato; “Il tabacchino è

chiuso” è meno naif e più cattivella. La forma delle canzoni, composte tutte nell'attesa di qualche treno perennemente in ritardo, è quella della ballata astrusa, ora countreggiante, ora bluesy, ora rock. “Il Bianconiglio” è un rilassato, soleggiato rock'n'roll alla Daniele Silvestri, “Tre cuscini” una dedica delicata (alla mamma!), “Muoio” una cavalcata di chitarre e banjo che ti fa venire voglia di agitare in aria un lazo. Oratio è vivace, la sua è limpida canzone d'autore. Adelante!

ufficio stampa


Primo appuntamento per "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". La nuova rassegna del Prima Classe verrà aperta giovedì 22 novembre dal concerto di ORATIO. Il cantautore siciliano che si è fatto apprezzare dal pubblico di tutta Italia con l'album "Ora ti ho" e che ha dato una nuova lettura di sé con l'ultimo lavoro, "Discorrendo senza ratio", arriva a Ragusa con l'indole disillusa e disincantata delle sue parole, con le contaminazioni sonore di generi e stili della sua musica.

ufficio stampa


Prima Classe non è Acqua - ORATIO Thu Nov 22 2012 at 09:30 pm Add to calendar Venue : Prima Classe, Ragusa, Italy Created By : Prima Classe

Primo appuntamento per "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". La nuova rassegna del Prima Classe verrà aperta giovedì 22 novembre dal concerto di ORATIO. Il cantautore siciliano che si è fatto apprezzare dal pubblico di tutta Italia con l'album "Ora ti ho" e che ha dato una nuova lettura di sé con l'ultimo lavoro, "Discorrendo senza ratio", arriva a Ragusa con l'indole disillusa e disincantata delle sue parole, con le contaminazioni sonore di generi e stili della sua musica.

ufficio stampa


Prima Classe non è Acqua ORATIO Informations via Sacra Famiglia, 17, 97100 Ragusa RG Thursday 22 November 2012, 21h30 till Friday 23 November 2012, 00h30 Organized by : Prima Classe Primo appuntamento per "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". La nuova rassegna del Prima Classe verrà aperta giovedì 22 novembre dal concerto di ORATIO. Il cantautore siciliano che si è fatto apprezzare dal pubblico di tutta Italia con l'album "Ora ti ho" e che ha dato una nuova lettura di sé con l'ultimo lavoro, "Discorrendo senza ratio", arriva a Ragusa con l'indole disillusa e disincantata delle sue parole, con le contaminazioni sonore di generi e stili della sua musica.

ufficio stampa


PRIMA CLASSE VIA ERCOLANO RAGUSA INFO: 0932/652300 NICOLO’ CARNESI GIOVEDI’ 20 DICEMBRE IN CONCERTO A RAGUSA PER IL SECONDO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. RAGUSA – La rotta del cantautorato italiano prosegue in direzione del capoluogo ibleo all'interno dei sei appuntamenti trasversali con la musica. Questa volta tocca a Nicolò Carnesi. Giovedì 20 dicembre torna infatti "Prima Classe non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero", l'appuntamento mensile con la musica ad ingresso gratuito. Protagonista al Prima Classe di Ragusa sarà l'autore di uno degli album più apprezzati del 2012, "Gli eroi non escono il sabato" (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, farà tappa negli iblei con il tour che lo vede in questi mesi impegnato in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank!. A Ragusa eseguirà brani tratti dall’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una serie di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi è autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. Uno stile che alterna new wave a folk-blues. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto numerosi concerti in pochi mesi. Un recente progetto lo ha visto insieme all’amico cantautore Oratio (che ha aperto lo scorso mese a Ragusa la rassegna “Prima Classe non è Acqua”), con cui ha pubblicato l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sito Rockit.it. Con “Gli eroi non escono il sabato”, album arricchito da importanti collaborazioni, come quelle con Dente e Brunori Sas, Carnesi descrive la generazione dei ventenni attraverso un racconto ironico, diviso in undici capitoli. Una generazione che s’imbatte nella velocità e nel logorio del consumismo, salvo poi pentirsene e preferire il calore di un libro, delle cose reali. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d'esordio in un'insolita versione unplugged. Con loro sul palco, a partire dalle ore 21,30, l'estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di "Sinfobie". A fine concerto, un nuovo pezzo sarà aggiunto al puzzle. Sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua”, il direttore artistico Vincent Migliorisi scriverà il nome del cantautore che suonerà il prossimo 25 gennaio. See more at: http://www.musicclub.eu/locali/12804861396177/primaclasse#sthash.jblgRwgS.dpuf ufficio stampa


ORATIO AL PRIMA CLASSE

22/11/2012 08:21

Sarà un cantautore siciliano ad aprire giovedì nel capoluogo ibleo la nuova rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua”. Andrea Corno, in arte Oratio, porterà al Prima Classe la sua musica, esibendosi nel concerto (ad ingresso gratuito) che darà il via al cartellone musicale in programma fino ad aprile 2013. Sei artisti, che in sei differenti date arriveranno nell’isola per rappresentare il panorama musicale di oggi, “la leva cantautorale degli anni zero”. L’ultimo lavoro di Oratio è “Discorrendo senza ratio” con cui il cantautore si è fatto ancor più apprezzare quale nuovo brillante talento musicale. La rassegna si avvale della collaborazione artistica di Vincent Migliorisi, che in occasione dell’apertura di “Prima classe non è Acqua”, darà nuovi indizi sui prossimi appuntamenti, annunciando la nuova data e il nuovo cantautore che a dicembre farà tappa a Ragusa. Inizio 21,30.

ufficio stampa


23/11/2012 - 19:48 La leva cantautorale degli anni zero”. Nuove atmosfere e nuove emozioni a Ragusa.

ORATIO HA APERTO LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA Con il concerto di Andrea Corno, in arte Oratio, e con la presentazione del suo nuovo album “Discorrendo senza ratio”, si è aperta ieri sera la nuova rassegna musicale che vede protagonisti alcuni dei più interessanti nomi della scena cantautorale italiana. “Prima Classe non è Acqua”, questo il nome della rassegna, fin da questo primo appuntamento ha fatto vedere cos’è e con che indole si presenta al pubblico. Intima, a tratti schiva, riservata, ma al tempo stesso esplosiva, dirompente, carica di emozioni ed energia, e ancora, profonda, introspettiva, capace di far riflettere. Proprio come l’esibizione di Oratio, il “ragazzo di Barcellona Pozzo di Gotto” che ha stupito la critica musicale con il suo disco d’esordio del 2009, “Ora ti ho”, ma ancor più con il suo ultimo disco, pubblicato nei mesi scorsi, “Discorrendo senza ratio” (entrambi Malintenti dischi). Il concerto di ieri a Ragusa, all’interno di Prima Classe che organizza e ospita la rassegna, è stato una tappa del tour intrapreso dall’artista. Un’appendice siciliana, che prosegue oggi a Messina e domani a Catania, e che nei prossimi giorni continuerà a vedere Oratio impegnato con la sua voce e la sua chitarra in giro per il resto di Italia. Una tournée che lo vedrà sul palco anche nei prossimi mesi, e che gli darà l’occasione di diffondere e far conoscere ancor di più la sua musica portata in scena ieri sera assieme ad Antonio Stella, alla tastiera, ed Emanuele Primavera, alla batteria. Il Prima Classe ha ieri confermato il suo carattere di “locale traversale”, capace di adeguarsi e modellarsi diventando un club di stampo nord europeo, dove ascoltare buonissima musica anche grazie ad un rapporto quasi familiare con l’artista, dove il cantautore ed il suo gruppo è a suo agio, proprio accanto al pubblico, dove parole cariche di un senso incorniciate da una coinvolgente musica strumentale, possono trovare il loro spazio ed appassionare lo spettatore. Un nuovo pezzo è stato intanto aggiunto al puzzle. Sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua” è apparso ieri il nome del prossimo artista ospite della rassegna. Come annunciato anche a fine spettacolo dal direttore artistico Vincent Migliorisi, la data del secondo appuntamento sarà il 20 dicembre, ed il cantautore un apprezzatissimo artista. Si tratta di Nicolò Carnesi, nuovo brillante talento del panorama musicale italiano, che già con il suo disco d’esordio, “Gli eroi non escono il sabato”, ha fatto molto parlare di sé, facendo capire fin da subito che a contraddistinguerlo è una forte e originale personalità musicale.di

M.V

ufficio stampa


Prima Classe Non è Acqua - NICOLO' CARNESI Thu Dec 20 2012 at 09:30 pm Add to calendar Created By : Prima Classe Secondo appuntamento per "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". Prossimo ospite della rassegna del Prima Classe di Ragusa sarà Nicolò Carnesi. Ancora un concerto gratuito quindi, ancora un grande appuntamento con la musica giovedì 20 dicembre con l'autore di uno degli album più apprezzati del 2012, "Gli eroi non escono il sabato" (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Il concerto di Carnesi sarà aperto da Soulcè & Teddy Nuvolari, con la musica di Enzo e il Cattivo Tempo. NICOLO' CARNESI Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, dopo un primo fortunato tour nazionale, sarà di nuovo protagonista di una lunga serie di concerti che lo porteranno in giro per i club italiani fino alla primavera del 2013. Il tour anticipa l’uscita del nuovo singolo in rotazione radiofonica a partire dal 15 novembre; il brano, secondo estratto dall’album d’esordio, sarà accompagnato da un videoclip, girato dalla regista Manuela Di Pisa (già regista per “Il colpo”, etc.)Durante i concerti, Nicolò Carnesi sarà accompagnato dagli HANK!, band formata da Francesco Foggy Pintaudi (titolare anche del neo progetto Huliganz), Claudio Gambino e Agostino Burgio, ed eseguirà brani tratti dell’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una manciata di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi è autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto più di 70 concerti in pochi mesi, oltre le numerose aperture a concerti di Dente. Di recente ha pubblicato, insieme all’amico cantautore Oratio, l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sito Rockit.it. Il primo singolo, “Il colpo" è attualmente in rotazione radiofonica sui canali Radio Rai e altre emittenti radiofoniche. SOULCÈ & TEDDY NUVOLARI meets ENZO E IL CATTIVO TEMPO in "SINFOBIE UNPLUGGED SHOW". Soulcè & Teddy Nuvolari portano al Prima Classe il loro disco d'esordio in un'insolita versione unplugged. Con loro sul palco l'estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di "Sinfobie". Una maniera diversa di raccontarvi le stesse storie, tra ninnananne e astronavi e abat-jour. ufficio stampa


Description Secondo appuntamento per "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". Prossimo ospite della rassegna del Prima Classe di Ragusa sarà Nicolò Carnesi. Ancora un concerto gratuito quindi, ancora un grande appuntamento con la musica giovedì 20 dicembre con l'autore di uno degli album più apprezzati del 2012, "Gli eroi non escono il sabato" (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Il concerto di Carnesi sarà aperto da Soulcè & Teddy Nuvolari, con la musica di Enzo e il Cattivo Tempo. NICOLO' CARNESI Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, dopo un primo fortunato tour nazionale, sarà di nuovo protagonista di una lunga serie di concerti che lo porteranno in giro per i club italiani fino alla primavera del 2013. Il tour anticipa l’uscita del nuovo singolo in rotazione radiofonica a partire dal 15 novembre; il brano, secondo estratto dall’album d’esordio, sarà accompagnato da un videoclip, girato dalla regista Manuela Di Pisa (già regista per “Il colpo”, etc.) Durante i concerti, Nicolò Carnesi sarà accompagnato dagli HANK!, band formata da Francesco Foggy Pintaudi (titolare anche del neo progetto Huliganz), Claudio Gambino e Agostino Burgio, ed eseguirà brani tratti dell’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una manciata di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi è autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto più di 70 concerti in pochi mesi, oltre le numerose aperture a concerti di Dente. Di recente ha pubblicato, insieme all’amico cantautore Oratio, l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sitoRockit.it. Il primo singolo, “Il colpo" è attualmente in rotazione radiofonica sui canali Radio Rai e altre emittenti radiofoniche. SOULCÈ & TEDDY NUVOLARI meets ENZO E IL CATTIVO TEMPO in "SINFOBIE - UNPLUGGED SHOW". Soulcè & Teddy Nuvolari portano al Prima Classe il loro disco d'esordio in un'insolita versione unplugged. Con loro sul palco l'estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di "Sinfobie". Una maniera diversa di raccontarvi le stesse storie, tra ninnananne e astronavi e abat-jour.

ufficio stampa


Nicolò Carnesi - Gli eroi non escono il sabato Tour inizio: 01/December/2012 21:00 fine: 01/February/2013 00:00 Musica Notte Happy Hour "Gli eroi non escono il sabato" Tour 20 dicembre - PRIMA CLASSE rassegna La Classe non è Acqua - RAGUSA

ufficio stampa


Ragusa – Secondo appuntamento con “Prima classe non è acqua”, atteso concerto di Nicolò Carnesi: giovedì 20 dicembre torna infatti la musica ad ingresso gratuito. Protagonista al Prima Classe di Ragusa sarà l'autore di uno degli album più apprezzati del 2012, "Gli eroi non escono il sabato" (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, farà tappa negli iblei con il tour che lo vede in questi mesi impegnato in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank!. A Ragusa eseguirà brani tratti dall’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una serie di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi è autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. Uno stile che alterna new wave a folk-blues. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto numerosi concerti in pochi mesi. Un recente progetto lo ha visto insieme all’amico cantautore Oratio (che ha aperto lo scorso mese a Ragusa la rassegna “Prima Classe non è Acqua”), con cui ha pubblicato l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sito Rockit.it. Con “Gli eroi non escono il sabato”, album arricchito da importanti collaborazioni, come quelle con Dente e Brunori Sas, Carnesi descrive la generazione dei ventenni attraverso un racconto ironico, diviso in undici capitoli. Una generazione che s’imbatte nella velocità e nel logorio del consumismo, salvo poi pentirsene e preferire il calore di un libro, delle cose reali. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d'esordio in un'insolita versione unplugged. Con loro sul palco, a partire dalle ore 21,30, l'estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di "Sinfobie".

ufficio stampa


18/12/2012 - 18:59 Secondo appuntamento della rassegna musicale “Prima classe non è acqua”

NICOLO’ CARNESI IN CONCERTO IL 20 DICEMBRE A RAGUSA Continua l’appuntamento con il cantautorato italiano nell’ambito dei sei appuntamenti con la musica al Prima Classe di Ragusa. Questa volta tocca a Nicolò Carnesi che giovedì 20 dicembre si esibirà per l’interessante rassegna musicale “Prima Classe non è acqua – La leva cantautorale degli anni zero”, ad ingresso gratuito. Nicolò Carnesi, autore di uno degli album più apprezzati del 2012, “Gli eroi non escono il sabato”, è l’artista rivelazione di quest’anno e farà tappa negli iblei con il tour che lo vede impegnato in questi mesi in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi scrive testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. Uno stile che alterna new wave a folk-blues. A Ragusa eseguirà brani tratti dall’album d’esordio, che è già alla terza ristampa, oltre ad una serie di cover che più lo hanno ispirato. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè e Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d’esordio in un’insolita versione unplugged e con loro sul palco l’estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di “Sinfobie”. A fine concerto sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua” , il direttore artistico Vincent Migliorisi scriverà il nome del cantautore che suonerà il prossimo 25 gennaio.

Farris

ufficio stampa

di Andreana


19/12/2012 09:52 Notizia letta: 1823 volte

Appuntamenti | Ragusa

Nicolò Carnesi in concerto a Ragusa Ragusa - La rotta del cantautorato italiano prosegue in direzione del capoluogo ibleo all'interno dei sei appuntamenti trasversali con la musica. Questa volta tocca a Nicolò Carnesi. Giovedì 20 dicembre torna infatti "Prima Classe non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero", l'appuntamento mensile con la musica ad ingresso gratuito. Protagonista al Prima Classe di Ragusa sarà l'autore di uno degli album più apprezzati del 2012, "Gli eroi non escono il sabato" (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, farà tappa negli iblei con il tour che lo vede in questi mesi impegnato in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank!. A Ragusa eseguirà brani tratti dall’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una serie di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesi è autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. Uno stile che alterna new wave a folk-blues. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto numerosi concerti in pochi mesi. Un recente progetto lo ha visto insieme all’amico cantautore Oratio (che ha aperto lo scorso mese a Ragusa la rassegna “Prima Classe non è Acqua”), con cui ha pubblicato l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sito Rockit.it. Con “Gli eroi non escono il sabato”, album arricchito da importanti collaborazioni, come quelle con Dente e Brunori Sas, Carnesi descrive la generazione dei ventenni attraverso un racconto ironico, diviso in undici capitoli. Una generazione che s’imbatte nella velocità e nel logorio del consumismo, salvo poi pentirsene e preferire il calore di un libro, delle cose reali. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d'esordio in un'insolita versione unplugged. Con loro sul palco, a partire dalle ore 21,30, l'estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di "Sinfobie". A fine concerto, un nuovo pezzo sarà aggiunto al puzzle. Sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua”, il direttore artistico Vincent Migliorisi scriverà il nome del cantautore che suonerà il prossimo 25 gennaio. Redazione

ufficio stampa


NICOLÒ CARNESI IN CONCERTO A RAGUSA

Su: 19 December 2012 Da: RedazioneInserito in: Eventi 0

Ragusa – La rotta del cantautorato italiano prosegue in direzione del capoluogo ibleo all’interno dei sei appuntamenti trasversali con la musica. Questa volta tocca a Nicolò Carnesi. Giovedì 20 dicembre torna infatti “Prima Classe non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”, l’appuntamento mensile con la musica ad ingresso gratuito. Protagonista al Prima Classe di Ragusa sarà l’autore di uno degli album più apprezzati del 2012, “Gli eroi non escono il sabato” (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, farà tappa negli iblei con il tour che lo vede in questi mesi impegnato in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank!. A Ragusa eseguirà brani tratti dall’album d’esordio, oltre ad alcune outtakes e ad una serie di cover che più lo hanno ispirato. Considerato una delle giovani promesse del cantautorato italiano, Nicolò Carnesiè autore di canzoni dai testi acuti, sottili e cinici che viaggiano su sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. Uno stile che alterna new wave a folk-blues. L’artista, dopo aver pubblicato il suo disco d’esordio che è già alla terza ristampa, ha tenuto numerosi concerti in pochi mesi. Un recente progetto lo ha visto insieme all’amico cantautore Oratio (che ha aperto lo scorso mese a Ragusa la rassegna “Prima Classe non è Acqua”), con cui ha pubblicato l’ep “Non vado più al mare”, in download gratuito sul sito Rockit.it. Con “Gli eroi non escono il sabato”, album arricchito da importanti collaborazioni, come quelle con Dente e Brunori Sas, Carnesi descrive la generazione dei ventenni attraverso un racconto ironico, diviso in undici capitoli. Una generazione che s’imbatte nella velocità e nel logorio del consumismo, salvo poi pentirsene e preferire il calore di un libro, delle cose reali. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d’esordio in un’insolita versione unplugged. Con loro sul palco, a partire dalle ore 21,30, l’estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di “Sinfobie”. A fine concerto, un nuovo pezzo sarà aggiunto al puzzle. Sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua”, il direttore artistico Vincent Migliorisi scriverà il nome del cantautore che suonerà il prossimo 25 gennaio.

ufficio stampa


CULTURA E SPETTACOLO

RAGUSA, CONCERTO DI NICOLO’ CARNESI 19/12/2012 08:58

Nicolò Carnesi sarà a Ragusa giovedì 20 dicembre all’interno del programma di eventi dal titolo “Prima Classe non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”. Si tratta dell’appuntamento mensile con la musica ad ingresso gratuito. Protagonista al Prima Classe di Ragusa sarà l’autore di uno degli album più apprezzati del 2012, “Gli eroi non escono il sabato” (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel). Nicolò Carnesi, artista rivelazione di quest’anno, farà tappa negli iblei con il tour che lo vede in questi mesi impegnato in una lunga serie di concerti in giro per i club italiani accompagnato dagli Hank!. Ad aprire il concerto sarà uno spettacolo tutto ibleo. Soulcè e Teddy Nuvolari incontrano Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari porteranno all’interno di questa rassegna il loro disco d’esordio in un’insolita versione unplugged. Con loro sul palco, a partire dalle ore 21,30, l’estro e le corde degli Enzo e il Cattivo Tempo che, con ukulele e contrabbasso, riarrangiano e interpretano a modo loro le canzoni di “Sinfobie”. A fine concerto, sulla lavagna di “Prima Classe non è Acqua”, il direttore artistico Vincent Migliorisi scriverà il nome del cantautore che suonerà il prossimo 25 gennaio. ufficio stampa


RAGUSA, CONCERTO DI NICOLO' CARNESI carnesi 2 Nicolò Carnesi sarà a Ragusagiovedì 20 dicembre all'interno del programma di eventi dal titolo ?Prima Classe non è Acqua ? la leva cantautorale degli anni zero?. Si tratta dell'appuntamento mensile con la musica ad ingresso gratuito ...

ufficio stampa


21/12/2012 21:54 Notizia letta: 1994 volte

Attualità | Ragusa

Piace Nicolò Carnesi ai ragusani “Non bastano le stelle per scrivere poesie Ragusa - “Non bastano le stelle per scrivere poesie”. Paradigma di vita e al tempo stesso uno dei passaggi più belli delle canzoni di Nicolò Carnesi, il cantautore palermitano che ieri sera, con il suo album “Gli eroi non escono il sabato sera” (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel), ha condotto il pubblico della rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua” all’interno di un sogno.Nei suoi undici brani ha provato a raccontare il suo viaggio. Quel viaggio che in fondo è quello di ciascuno di noi, fatto di sensazioni che ogni giorno si toccano con mano. E’ il racconto beffardo di una generazione che si scontra con la velocità e il logorio del consumismo. Una musica semplice, senza ghirigori, che mette buon umore, che non annoia, che fa cantare e muovere a ritmo. Dentro queste canzoni si ritrova il piacere del buon cantautorato italiano, impastato di new-wave come in “Ho poca fantasia” o di folk-blues come in “Il Colpo”, ma sembrano echeggiare anche le musiche di Rino Gaetano e di Franco Battiato, senza dimenticare il gusto per il pop fatto bene. Se, come dice Carnesi nella sua canzone “Penelope, spara!”, i sogni non si insegnano, allora forse un merito glielo si deve perché con la sua semplicità e lungimiranza ti conduce in un viaggio che se pur non ti farà perdere a Zanzibar, riesce per brevi momenti a farti estraniare dalla realtà. E allora sembrerà come viaggiare, sarà appunto un sogno tutto da vivere. Testi diretti e al tempo stesso pieni di significati quelli di Carnesi, pensieri scritti senza stare troppo a meditare, ma rubati dalla quotidianità, anche per caso, quando la sua città e la sua isola lo ispira, tra sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. “Mi vengono i pensieri e li annoto – dice Carnesi – Se sono in giro, continuo a canticchiarli per non dimenticarli. Se poi ho vicina la chitarra, provo a metter giù anche la musica. Penso che tutti i testi che scrivo siano in genere nati quando li ho pensati. Difficilmente mi metto a fare dei cambiamenti. Direi che sono testi che finiscono nel momento stesso in cui nascono, assolutamente estemporanei”. Al “Prima Classe – locale trasversale” che ha organizzato la rassegna musicale con ingresso gratuito, Carnesi in questa nuova tappa del suo tour, è stato accompagnato dagli Hank!, band formata da Francesco Foggy Pintaudi, Claudio Gambino e Agostino Burgio. Oltre ad eseguire i brani tratti dall’album d’esordio, tra l’altro arricchito da collaborazioni importanti con Dente e Brunori Sas, ieri sera l’artista rivelazione di quest’anno, ha proposto al pubblico il brano “Ask” della band britannica “The Smiths”, per concludere il concerto con “Matilde”, un personale tributo ai Beatles, ed in particolare a Ringo Starr. E durante il concerto, a sorpresa, Nicolò ha appreso la notizia che con la canzone “Mi sono perso a Zanzibar” è arrivato alle finali del Trofeo Rockit, la sfida annuale lanciata dal portale musicale che ha selezionato le 64 canzoni più belle del 2012 tra i cantautori di tutta Italia. Dal palco del Prima Classe, Carnesi ha annunciato che adesso la gara è tra lui e Dimartino, il cantautore conterraneo che il 25 gennaio sarà proprio il prossimo ospite della rassegna musicale come annunciato dal direttore artistico Vincent Migliorisi. Ad aprire il concerto è stato un graditissimo spettacolo giocato in casa con artisti della provincia iblea. Soulcè e Teddy Nuvolari insieme a Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari hanno scelto la rassegna di Ragusa per riproporre il fortunato disco d'esordio ma questa volta riarrangiato e reinterpretato assieme agli Enzo e il Cattivo Tempo, con tante sonorità e sfumature assolutamente particolari.Redazione ufficio stampa


DIC 21, 2012

RAGUSA. Il viaggio di Nicolò Carnesi alla rassegna “Prima classe non è acqua” “Non bastano le stelle per scrivere poesie”. Paradigma di vita e al tempo stesso uno dei passaggi più belli delle canzoni di Nicolò Carnesi, il cantautore palermitano che ieri sera, con il suo album “Gli eroi non escono il sabato sera” (Malintenti dischi / Disastro Records – distribuito da Edel), ha condotto il pubblico della rassegna musicale “Prima Classe non è Acqua” all’interno di un sogno. Nei suoi undici brani ha provato a raccontare il suo viaggio. Quel viaggio che in fondo è quello di ciascuno di noi, fatto di sensazioni che ogni giorno si toccano con mano. E’ il racconto beffardo di una generazione che si scontra con la velocità e il logorio del consumismo. Una musica semplice, senza ghirigori, che mette buon umore, che non annoia, che fa cantare e muovere a ritmo. Dentro queste canzoni si ritrova il piacere del buon cantautorato italiano, impastato di new-wave come in “Ho poca fantasia” o di folk-blues come in “Il Colpo”, ma sembrano echeggiare anche le musiche di Rino Gaetano e di Franco Battiato, senza dimenticare il gusto per il pop fatto bene. Se, come dice Carnesi nella sua canzone “Penelope, spara!”, i sogni non si insegnano, allora forse un merito glielo si deve perché con la sua semplicità e lungimiranza ti conduce in un viaggio che se pur non ti farà perdere a Zanzibar, riesce per brevi momenti a farti estraniare dalla realtà. E allora sembrerà come viaggiare, sarà appunto un sogno tutto da vivere. Testi diretti e al tempo stesso pieni di significati quelli di Carnesi, pensieri scritti senza stare troppo a meditare, ma rubati dalla quotidianità, anche per caso, quando la sua città e la sua isola lo ispira, tra sonorità elettroacustiche influenzate dalla tradizione italiana e dal british pop degli anni ’80. “Mi vengono i pensieri e li annoto – dice Carnesi – Se sono in giro, continuo a canticchiarli per non dimenticarli. Se poi ho vicina la chitarra, provo a metter giù anche la musica. Penso che tutti i testi che scrivo siano in genere nati quando li ho pensati. Difficilmente mi metto a fare dei cambiamenti. Direi che sono testi che finiscono nel momento stesso in cui nascono, assolutamente estemporanei”. Al “Prima Classe – locale trasversale” che ha organizzato la rassegna musicale con ingresso gratuito, Carnesi in questa nuova tappa del suo tour, è stato accompagnato dagli Hank!, band formata da Francesco Foggy Pintaudi, Claudio Gambino e Agostino Burgio. Oltre ad eseguire i brani tratti dall’album d’esordio, tra l’altro arricchito da collaborazioni importanti con Dente e Brunori Sas, ieri sera l’artista rivelazione di quest’anno, ha proposto al pubblico il brano “Ask” della band britannica “The Smiths”, per concludere il concerto con “Matilde”, un personale tributo ai Beatles, ed in particolare a Ringo Starr. E durante il concerto, a sorpresa, Nicolò ha appreso la notizia che con la canzone “Mi sono perso a Zanzibar” è arrivato alle finali del Trofeo Rockit, la sfida annuale lanciata dal portale musicale che ha selezionato le 64 canzoni più belle del 2012 tra i cantautori di tutta Italia. Dal palco del Prima Classe, Carnesi ha annunciato che adesso la gara è tra lui e Dimartino, il cantautore conterraneo che il 25 gennaio sarà proprio il prossimo ospite della rassegna musicale come annunciato dal direttore artistico Vincent Migliorisi. Ad aprire il concerto è stato un graditissimo spettacolo giocato in casa con artisti della provincia iblea. Soulcè e Teddy Nuvolari insieme a Enzo e il Cattivo Tempo in “Sinfobie – Unplugged Show”. Soulcè & Teddy Nuvolari hanno scelto la rassegna di Ragusa per riproporre il fortunato disco d’esordio ma questa volta riarrangiato e reinterpretato assieme agli Enzo e il Cattivo Tempo, con tante sonorità e sfumature assolutamente particolari. ufficio stampa


ufficio stampa


DIMARTINO COSA MUSICA QUANDO 25 GENNAIO 2013 ORE 21,30 DOVE PRIMA CLASSE / VIA ERCOLANO - RAGUSA PREZZO INGRESSO LIBERO CONDIVIDI FACEBOOK

TWITTER

EMAIL

ALTRO

Terzo appuntamento per la rassegna musicale "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". Dimartino, uno dei più apprezzati cantautori del momento, con il suo ultimo album, "Sarebbe bello non lasciarsi mai ma allontanarsi ogni tanto è utile", dichiarato disco dell'anno dalla classifica fatta da Rockit tra i più bei dischi del 2012

ufficio stampa


DIMARTINO - Prima Classe Non è Acqua Informations via Ercolano,Ragusa Friday 25 January 2013, 21h30 till Saturday 26 January 2013, 00h30 Organized by : Prima Classe Un attesissimo ospite per il terzo appuntamento di "PRIMA CLASSE NON E' ACQUA - la leva cantautorale degli anni zero". In programma per venerdì 25 gennaio il concerto di Dimartino. Al "PrimaClasse locale trasversale" di Ragusa un nuovo evento gratuito che darà la possibilità di ascoltare dal vivo i brani dell'ultimo album del cantautore palermitano, "Sarebbe bello non lasciarsi mai ma allontanarsi ogni tanto è utile", arrivato al primo posto del "Top*It*2012 - I 10 dischi dell'anno", la classifica tra i migliori dischi lanciata ogni anno da Rockit.it

ufficio stampa


16/01/2013 11:54 Notizia letta: 1211 volte Appuntamenti | Ragusa

Dimartino fa tappa a Ragusa il 25 gennaio Ragusa - Dopo il riconoscimento ottenuto la scorsa settimana con la proclamazione a disco dell'anno dalla classifica di Rockit.it, Dimartino canta a Ragusa venerdì 25 gennaio all’interno di un concerto che si preannuncia straordinario. La band capitanata dal palermitano Antonio Di Martino fa tappa al Prima Classe all'interno della rassegna musicale "Prima Classe non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero". E porterà nel capoluogo ibleo il suo ultimo disco dal titolo "Sarebbe bello non lasciarsi mai ma allontanarsi ogni tanto è utile", arrivato al primo posto del "Top*It*2012 - I 10 dischi dell'anno". Un cantautore sempre più amato ed apprezzato che, con a fianco Giusto Correnti (batteria, percussioni e melodica) e Angelo Trabace (tastiere e chitarra), sarà protagonista di uno degli eventi musicali più attesi in provincia per il 2013. Ne è passato di tempo da quando, a fine anni ’90, Antonio Di Martino fondò i Famelika. Ma sembra esserne passato tanto anche da quando nel 2010, con una nuova consapevolezza ed un differente approccio, Dimartino affronta una nuova avventura artistica pubblicando per Pippola Music il suo album di debutto dal titolo “Cara maestra abbiamo perso”, prodotto insieme a Cesare Basile e per il quale ha collaborato con diversi musicisti del panorama musicale italiano, tra cui Le Luci Della Centrale Elettrica e Alessandro Fiori. Il risultato: un ottimo consenso di critica e pubblico. Ma è nel 2012 che arriva la consacrazione per un autore che si rivelerà essere tra i più interessanti dei nostri tempi in Italia. Esce con "Picicca Dischi" il suo secondo disco “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, prodotto insieme al cantautore e amico Dario Brunori. Un titolo lungo ed esaustivo per un album che da subito accende i riflettori su Dimartino, dimostrandone la maturità artistica e il rafforzamento del proprio stile. La profondità e la forza delle canzoni, da “Non siamo gli alberi” a “Cartoline da Amsterdam”, da “Venga il tuo regno” a “Ormai siamo troppo giovani”, si trasferisce con grande energia dall’album al palco. Il cantautore arriva infatti a Ragusa venerdì 25 dopo una lunga tournèe che fino a dicembre scorso lo ha visto impegnato in tutta Italia, riscuotendo un grandissimo successo anche grazie al coinvolgimento e al filo diretto che è capace di creare con il pubblico.Redazione ufficio stampa


23/01/2013 - 16:51

Ragusa: Dimartino protagonista dell’attesissimo appuntamento della rassegna musicale

“PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO” Il nuovo appuntamento della rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero” a Ragusa, vedrà venerdì la presentazione dell’ultimo album di Antonio Dimartino. “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile” questo il titolo dell’album, lavoro discografico che si posiziona primo tra i 10 migliori dischi del 2012, consacrando il giovane artista come uno dei più amati cantautori in Italia. Brani evocativi e potenti, che mordono il cuore della canzone all'italiana, senza risparmiarsi in personalità e capacità autorale questo è Dimartino . Si tratta di un album che si muove su vertici altissimi di ispirazione, sospeso tra due mondi, in cui la galleria del quotidiano incontra sempre la narrazione favolistica. Storie che raccontano di amori che stendono sul pavimento, dove i sentimenti che fanno troppo male escono dal corpo ed entrano in un freezer da scongelare. Dimartino si mette completamente a nudo e scava così tanto nel reale da far diventare sostanza le paure più irrazionali, che si materializzano come sabbie mobili in salotto. Le metafore con parole simili a numeri perfetti, incastonate sempre in una radice melodica costante. E' la nuova canzone italiana in cui alla complessità dei sentimenti, si accompagna sempre la sostanza leggera del pop di buona fattura: brani da cantare a squarciagola e ritornelli che non si levano dalla testa. L'elegia fiabesca di Lucio Dalla, il groppo in gola “in questa parte di universo disponibile”. Non resta che aspettare venerdì quando al Prima Classe il pubblico sarà travolto da limoni volanti e cambiamenti struggenti, viaggi interstellari e giovinezze perdute, ascoltando un cantautore di razza, immaginifico e viscerale, che sarà presentato sul palco da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna cantautorale. Prima di dar vita al concerto, previsto per le ore 21,30, sarà proprio Migliorisi che si armerà simbolicamente di gessetti e scriverà sulla lavagna di “Prima Classe Non è Acqua” il nome del prossimo cantautore che si esibirà il 20 febbraio ma il nome sarà svelato durante il concerto di venerdì.

Elisa Ragusa

ufficio stampa


Antonio Dimartino - Prima Classe Non è Acqua - Ragusa Di Pittorica-Staff (del 25/01/2013 @ 15:38:37, in Sicilia, clickato 343 volte) Antonio Dimartino - Prima Classe Non è Acqua - Ragusa 25 gennaio 2013 DIMARTINO PROTAGONISTA VENERDI’ 25 GENNAIO A RAGUSA ATTESISSIMO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA – LA LEVA CANTAUTORALE DEGLI ANNI ZERO”. Brani evocativi e potenti, che mordono il cuore della canzone all'italiana, senza risparmiarsi in personalità e capacità autorale. E’ questo Antonio Dimartino. Il suo ultimo album, “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, sarà presentato venerdì 25 gennaio al Prima Classe di Ragusa nel nuovo appuntamento della rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”. Il suo lavoro discografico, primo tra i 10 migliori dischi del 2012, lo ha consacrato come uno dei più amati cantautori in Italia. E’ un album che si muove su vertici altissimi di ispirazione, sospeso tra due mondi, in cui la galleria del quotidiano incontra sempre la narrazione favolistica. Storie che raccontano di amori che stendono sul pavimento, dove i sentimenti che fanno troppo male escono dal corpo ed entrano in un freezer da scongelare. Dimartino si mette completamente a nudo e scava così tanto nel reale da far diventare sostanza le paure più irrazionali, che si materializzano come sabbie mobili in salotto. Le metafore con parole simili a numeri perfetti, incastonate sempre in una radice melodica costante. E'

la

nuova

canzone

italiana in cui alla complessità dei sentimenti, si accompagnasempre la sostanza leggera del pop di buona fattura: brani da cantare a squarciagola e ritornelli che non si levano dalla testa. L'elegia fiabesca di Lucio Dalla, il groppo in gola “in questa parte di universo disponibile”. E venerdì 25 al Prima Classe il pubblico sarà travolto da limoni volanti e cambiamenti struggenti, viaggi interstellari e giovinezze perdute. Un cantautore di razza, immaginifico e viscerale, che sarà presentato sul palco da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna cantautorale.

E prima del concerto, alle 21,30 proprio Migliorisi si armeràsimbolicamente di gessetti e scriverà sulla lavagna di “Prima Classe Non è Acqua” il nome del prossimo cantautore ospite della rassegna. La data, sarà il 20 febbraio. Per il nome bisognerà scoprirlo venerdì insieme al concerto di Dimartino. Ufficio stampa Carmelo Saccone per MediaLive

ufficio stampa


26/01/2013 21:26 Notizia letta: 926 volte Attualità | Ragusa

Dimartino, la leva cantautorale degli anni zero Prossimo appuntamento Alessandro Fiori, il 20 febbraio Ragusa - Un concerto che ha fatto cantare, ballare, sognare, viaggiare sui suoni e le parole di uno dei più apprezzati cantautori d’Italia. Nonostante la giovane età, e a dispetto del brano “Io non parlo mai”, Dimartino ne ha di cose da dire. E ad ascoltarle erano in tantissimi ieri sera al “Prima Classe – locale trasversale” di Ragusa. Dai brani del suo ultimo successo discografico dal titolo “Sarebbe bello non lasciarsi mai ma abbandonarsi ogni tanto è utile”, alle canzoni di “Cara maestra abbiamo perso”, l’album d’esordio. Un concerto intenso grazie alla forza dei testi e all’energia della musica trasmessa dal palco da Antonio Di Martino (voce, chitarra e basso), Angelo Trabace (piano, synth) e Giusto Correnti (batteria, gloken, concertina, diamonica). Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna “Prima Classe Non è Acqua” ha dato l’avvio alle danze accogliendo sul palco il cantante che ha “sparato a Vinicio Capossela”. L’artista ha aperto fin da subito con un grande pezzo dell’ultimo album, “Venga il tuo regno”, per poi dare ritmo con “Cambio idea”. Dimartino presenta un pezzo “stagionale” e inizia con “Maledetto autunno”, continuando poi ad alternare brani del vecchio e del nuovo disco. Un concerto da urlare a squarcia gola, con una musica che colpisce e che può far fare un viaggio interstellare, a bordo di un’astronave costruita magari da Dimartino, “...con due bidoni giganti dell’immondizia appiccicati al motorino di un frigorifero, poi collego tutto all’elica di un ventilatore o alla ventola di una stufa...”. E il viaggio con la musica e con i cantautori italiani prosegue. La rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sulla lavagna di “Prima Classe Non è Acqua” è stato infatti scritto il nome del prossimo ospite. E’ quello di Alessandro Fiori che sarà a Ragusa il 20 febbraio. Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori presenterà al pubblico ibleo i suoi ultimi lavori da solista.Redazione

ufficio stampa


GIORNO & NOTTE 20 febbraio

MUSICA Ragusa MUSICA Al Prima classe alle 22 concerto di Alessandro Fiori.

ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ALESSANDRO FIORI in tour Calabria, Catania, Cosenza, Messina, Musica a Messina, Musica a Ragusa, Palermo, Ragusa, Sicilia,Siracusa

ALESSANDRO FIORI in tour con Rocketta Light: * insieme ad Alessandro “Asso” Stefana (chitarrista con Vinicio Capossela, Mike Patton,…) martedì 19 febbraio: “L’ora d’Italiano” @ CENTRO DE LUCA, Cosenza mercoledì 20 febbraio: PRIMA CLASSE, Ragusa giovedì 21 febbraio: RETRONOUVEAU, Messina venerdì 22 febbraio: BUZZ, Siracusa sabato 23 febbraio: TEATRO GARIBALDI APERTO, Palermo domenica 24 febbraio: LA CHIAVE, Catania info: http://www.alessandrofiori.net/ ALESSANDRO FIORI. Alessandro Fiori nasce ad Arezzo il 6/6/’76. Compie studi musicali dall’età di 11 anni. Impara a suonare violino e pianoforte. A 14 anni inizia a scrivere canzoni accompagnandosi con la chitarra del padre prima e col pianoforte poi. Si diploma all’accademia d’arte drammatica “Piccolo Teatro Città di Arezzo”. L’esperienza universitaria a Bologna non porta frutti se non l’intensificarsi dell’attività di scrittura di canzoni. Nel 1999 fonda la band Mariposa con la quale ha avuto all’attivo 9 dischi e più di 400 concerti. Progetto abbandonato gli ultimi mesi del 2011 per potersi concentrare sulla sua attività solista e sui vari progetti a questa paralleli. Nel 2002 inizia a collaborare con il compositore Lorenzo Brusci (“Zarathustra” – Timet, 2002). Nel 2004 fonda gli Amore, rock band di base a Firenze con la quale ha pubblicato 2 dischi. Dal 2007 stringe un sodalizio artistico con Alessandro “Asso” Stefana (chitarrista con Vinicio Capossela, Mike Patton) e lavora come insegnante di teatro nelle scuole elementari del Mugello. Viene ospitato in veste di violinista da alcuni colleghi musicisti come Andrea Chimenti (“Vietato Morire” – Soffici Dischi/Santeria, 2004) e Paolo Benvegnù (“Le labbra” – La pioggia, 2008). Nel 2009 fonda con Marco Parente il duo Betti Barsantini. “Nel 2010 pubblica come artista solista il suo primo album solista ”attento a me stesso” riscuotendo unanimi consensi di stampa e pubblico. Nel 2011 lascia i Mariposa per dedicarsi al suo progetto solista. Dipinge e si diletta nella scrittura di poesie e racconti.

ufficio stampa


mercoledì 20 febbraio: PRIMA CLASSE, Ragusa ALESSANDRO FIORI. Alessandro Fiori nasce ad Arezzo il 6/6/’76. Compie studi musicali dall’età di 11 anni. Impara a suonare violino e pianoforte. A 14 anni inizia a scrivere canzoni accompagnandosi con la chitarra del padre prima e col pianoforte poi. Si diploma all’accademia d’arte drammatica “Piccolo Teatro Città di Arezzo”. L’esperienza universitaria a Bologna non porta frutti se non l’intensificarsi dell’attività di scrittura di canzoni. Nel 1999 fonda la band Mariposa con la quale ha avuto all’attivo 9 dischi e più di 400 concerti. Progetto abbandonato gli ultimi mesi del 2011 per potersi concentrare sulla sua attività solista e sui vari progetti a questa paralleli. Nel 2002 inizia a collaborare con il compositore Lorenzo Brusci (“Zarathustra” – Timet, 2002). Nel 2004 fonda gli Amore, rock band di base a Firenze con la quale ha pubblicato 2 dischi. Dal 2007 stringe un sodalizio artistico con Alessandro “Asso” Stefana (chitarrista con Vinicio Capossela, Mike Patton) e lavora come insegnante di teatro nelle scuole elementari del Mugello. Viene ospitato in veste di violinista da alcuni colleghi musicisti come Andrea Chimenti (“Vietato Morire” - Soffici Dischi/Santeria, 2004) e Paolo Benvegnù (“Le labbra” - La pioggia, 2008). Nel 2009 fonda con Marco Parente il duo Betti Barsantini. “Nel 2010 pubblica come artista solista il suo primo album solista ”attento a me stesso” riscuotendo unanimi consensi di stampa e pubblico. Nel 2011 lascia i Mariposa per dedicarsi al suo progetto solista. Dipinge e si diletta nella scrittura di poesie e racconti.

ufficio stampa


Alessandro Fiori - PRIMA CLASSE NON E' ACQUA Informations via Ercolano,Ragusa Wednesday 20 February 2013, 21h30 Organized by : Prima Classe Description

Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio la rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non è Acqua”, la rassegna cantautorale del Prima Classe di Ragusa. Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori presenterà al pubblico ibleo i suoi ultimi lavori da solista accompagnato da Asso, chitarrista di Vinicio Capossela. Alessandro Fiori rappresenta senz’altro quanto di più personale ed unico la nuova scena cantautorale Italiana possa oggi vantare. Attingendo a piene mani dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di “Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de “il poeta e il contadino”) Alessandro Fiori è riuscito a elaborare un nuovo linguaggio fatto a volte di caustica poesia urbana incastonata in improbabili scenari visionari e naif, che lo vedono come un poeta/menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità; la genuinità con cui Alessandro riesce a parlare di se e del mondo che i suoi occhi vedono, raccontando storie quotidiane infarcendole di colorata psichedelia linguistica irresistibile e contagiosa. Un genio al servizio del popolo… un cantastorie moderno che con un’intelligenza affilata riesce ad intrattenere le platee, divertendole con le sue storie spesso al limite del pazzesco e del surreale. Se “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) era il disco del “moto a luogo” (“ho un bilocale e vado a cercare…” “me ne vado affanculo tutto da solo…” per fare due esempi) “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012) è disco dello ”stato in luogo”, in cui ci si ferma per tirare le somme. E il museo dove sostare può essere qualsiasi cosa: una casa, un’auto, la memoria, un corpo, una famiglia, un paese, un ideale, un letto.. il tutto esposto in canzoni crudamente delicate, silenziose, forse addirittura orfane di un autore che lavorava con un vibrante ed inedito distacco, dedito com’era,anima e corpo , qualcosa di più grande di lui, ad una nuova vita, a sua figlia. “Questo dolce museo” è il secondo passo per Fiori nell’esperienza da solista che, dopo l’uscita dai Mariposa, si fa ancora più centrale nella sua carriera di musicista. L’album è dedicato a Sandro Neri, amico aretino morto all’inizio del 2010.. ufficio stampa


ufficio stampa


17/02/2013 15:54 Notizia letta: 882 volte

Appuntamenti | Ragusa

Alessandro Fiori in concerto a Ragusa Ragusa - Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio, ore 22, la rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non è Acqua”, la rassegna cantautorale del Prima Classe di Ragusa. Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori si esibirà di fronte al pubblico ibleo con tutta la carica dei suoi testi. Ad accompagnarlo uno tra i più apprezzati chitarristi in Italia, Asso, musicista di Vinicio Capossela. Partendo dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di “Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de “il poeta e il contadino”) Alessandro Fiori è riuscito ad elaborare un nuovo linguaggio fatto a volte di caustica poesia urbana incastonata in improbabili scenari visionari e naif. Un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Nelle sue canzoni parla di sé e del mondo che i suoi occhi vedono. La quotidianità si colora di una linguistica a tratti psichedelica. Una carica emozionale irresistibile e contagiosa, grazie alla quale Fiori è riuscito a ritagliarsi un rilevante posto nella nuova scena cantautorale italiana. Arriva a Ragusa un cantastorie moderno che con la sua intelligenza affilata intratterrà il pubblico ibleo, offrendo le sue storie spesso al limite del pazzesco e del surreale. Se “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) era il disco del “moto a luogo”, il suo ultimo lavoro, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il disco dello ”stato in luogo”, in cui ci si ferma per tirare le somme. E il museo dove sostare può essere qualsiasi cosa: una casa, un’auto, la memoria, un corpo, una famiglia, un paese, un ideale, un letto. E mercoledì 20 febbraio il museo dove sostare sarà il Prima Classe di Ragusa (via Ercolano), "neo auditorium" dove si ascolteranno le canzoni crudamente delicate, silenziose. Ad inizio concerto, Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”, aggiungerà un nuovo nome alla lavagna, quello dell’artista che si esibirà il mese prossimo a Ragusa.

ufficio stampa


FEB 17, 2013

RAGUSA. Il 20 febbraio il concerto di Alessandro Fiori Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio, ore 22, la rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non è Acqua”, la rassegna cantautorale del

Prima Classe

di

Ragusa.

Artista

poliedrico,

violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori si esibirà di fronte al pubblico ibleo con tutta la carica dei suoi testi. Ad accompagnarlo uno tra i più apprezzati chitarristi in Italia, Asso, musicista di Vinicio Capossela. Partendo dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di “Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de “il poeta e il contadino”) Alessandro Fiori è riuscito ad elaborare un nuovo linguaggio fatto a volte di caustica poesia urbana incastonata in improbabili scenari visionari e naif. Un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti

della

gente

grazie

alla

sua

disarmante

genuinità.

Nelle sue canzoni parla di sé e del mondo che i suoi occhi vedono. La quotidianità si colora di una linguistica a tratti psichedelica. Una carica emozionale irresistibile e contagiosa, grazie alla quale Fiori è riuscito a ritagliarsi un rilevante posto nella nuova scena cantautorale italiana. Arriva a Ragusa un cantastorie moderno che con la sua intelligenza affilata intratterrà il pubblico ibleo, offrendo le sue storie spesso al limite del pazzesco e del surreale. Se “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) era il disco del “moto a luogo”, il suo ultimo lavoro, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il disco dello ”stato in luogo”, in cui ci si ferma per tirare le somme. E il museo dove sostare può essere qualsiasi cosa: una casa, un’auto, la memoria, un corpo, una famiglia, un paese, un ideale, un letto. E mercoledì 20 febbraio il museo dove sostare sarà il Prima Classe di Ragusa (via Ercolano), “neo auditorium” dove si ascolteranno le canzoni crudamente delicate, silenziose. Ad inizio concerto, Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero”, aggiungerà un nuovo nome alla lavagna, quello dell’artista che si esibirà il mese prossimo a Ragusa.

ufficio stampa


CULTURA E SPETTACOLO

ALESSANDRO FIORI IN CONCERTO A RAGUSA PER “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. 18/02/2013 09:28

Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio, ore 22, sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non è Acqua”, la rassegna cantautorale del Prima Classe di Ragusa. Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori si esibirà di fronte al pubblico ibleo con tutta la carica dei suoi testi. Ad accompagnarlo uno tra i più apprezzati chitarristi in Italia, Asso, musicista di Vinicio Capossela. Partendo dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di “Giovanni Telegrafista”, Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de “il poeta e il contadino”) Alessandro Fiori è riuscito ad elaborare un nuovo linguaggio.

ufficio stampa


Alesandro Fiori ospite di 'Prima Classe non è Acqua' a Ragusa, giorno 20 Febbraio Condividi questo evento su

Mercoledì 20 Febbraio 2013 alle ore 22.00 sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di 'Prima Classe Non è Acqua', la rassegna cantautorale del Prima Classe (Via Ercolano, Rg). Artista poliedrico, violinista, attore, pittore e scrittore, voce storica della band Mariposa fino al 2011, Fiori si esibirà di fronte al pubblico ibleo con tutta la carica dei suoi testi. Ad accompagnarlo uno tra i più apprezzati chitarristi in Italia, Asso, musicista di Vinicio Capossela. Partendo dalla tradizione meno allineata degli anni 60 e 70 (Jannacci di 'Giovanni Telegrafista', Piero Ciampi, il primo Lucio Dalla, Ivan Graziani, Cochi e Renato al tempo de 'il poeta e il contadino') Alessandro Fiori è riuscito ad elaborare un nuovo linguaggio fatto a volte di caustica poesia urbana incastonata in improbabili scenari visionari e naif. Un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Nelle sue canzoni parla di sé e del mondo che i suoi occhi vedono. La quotidianità si colora di una linguistica a tratti psichedelica. Una carica emozionale irresistibile e contagiosa, grazie alla quale Fiori è riuscito a ritagliarsi un rilevante posto nella nuova scena cantautorale italiana. Arriva a Ragusa un cantastorie moderno che con la sua intelligenza affilata intratterrà il pubblico ibleo, offrendo le sue storie spesso al limite del pazzesco e del surreale. Se 'Attento a me stesso' (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) era il disco del 'moto a luogo', il suo ultimo lavoro, 'Questo dolce museo' (Urtovox – 2012), è il disco dello 'stato in luogo', in cui ci si ferma per tirare le somme. E il museo dove sostare può essere qualsiasi cosa: una casa, un’auto, la memoria, un corpo, una famiglia, un paese, un ideale, un letto. E mercoledì 20 febbraio il museo dove sostare sarà il Prima Classe di Ragusa (via Ercolano), 'neo auditorium' dove si ascolteranno le canzoni crudamente delicate, silenziose. Ad inizio concerto, Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale 'Prima Classe Non è Acqua – la leva cantautorale degli anni zero', aggiungerà un nuovo nome alla lavagna, quello dell’artista che si esibirà il mese prossimo a Ragusa. See more at: http://www.guidasicilia.it/ita/main/appuntamenti/dettaglio.jsp?IDAppuntament o=62834&IDProvincia=RG#sthash.xfeGc7ma.dpuf

ufficio stampa


http://www.ecocasavacanze.it/

ufficio stampa


21/02/2013 - 12:30

Tra gli ospiti in sala anche Colapesce

ALESSANDRO FIORI IERI IN CONCERTO A RAGUSA PER “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. Il suo ultimo album, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il segno di forti cambiamenti nella vita di Alessandro Fiori, la nascita di sua figlia e la morte di un caro amico. Il suo stile minimale e delicato ha riempito ieri sera il palco del Prima Classe di Ragusa che ospita la rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua”, giunta al suo quarto appuntamento. Come era facile immaginare, il concerto non ha deluso le aspettative del pubblico. Il cantautore è al suo secondo disco da solista, dopo aver lasciato i Mariposa nel 2011. In questo nuovo album racconta di sé, della sua vita, della sua infanzia, in particolare in brani come "La Vasca", "Giornata d'inverno", "Il gusto di dormire in diagonale", lasciandosi accompagnare ieri sera dalla sapiente chitarra di Lorenzo Corti, musicista già noto per i successi con Carmen Consoli. “Io mi sono messo a nudo, ho dedicato un pezzo ai Mariposa e uno a mio padre per gratitudine, ho provato nel mio piccolo a non far morire il ricordo di un amico, nell'ultimo pezzo descrivo un futuro poco roseo per mia figlia”, ha dichiarato Fiori in un’intervista ripercorrendo le tappe significative della sua carriera e ripartendo dal suo primo album “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) di cui ieri sera ha fatto numerosi brani a partire da “Il contatto con gli alieni”. Come lui stesso ha sottolineato, ha aperto da solo il concerto di Ragusa con un approccio più punk. Poi ha suonato insieme a Corti. “Anche il mio pubblico sta crescendo – ha avuto modo di dire Fiori - E' un pubblico bello, ci sono sempre più giovani ed io sono felice così”. La sua è una “caustica poesia urbana” incastonata in improbabili scenari visionari e naif. La critica lo dipinge come un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Fiori ha interagito moltissimo con il pubblico, trasportandolo in un'atmosfera surreale, la stessa dalla quale prendono vita i suoi brani. E tra il pubblico, soddisfatto per aver ascoltato un concerto assolutamente di qualità, c'era anche un ospite d'eccezione, cioè Colapesce, premio Tenco 2012. Fiori è un artista che ha saputo mantenere grande umiltà nonostante il suo successo in continua ascesa. Col pubblico scherza molto mentre i suoi spartiti sono fogli volanti di quaderno a quadri. Ha chiuso con la hit “Fuori piove”, il singolo del suo primo disco. Come sempre è stato Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna, a scrivere sulla lavagna di “Prima Classe Non E' Acqua” il nome dell'ospite successivo. Si tratta de “I Quartieri”. L'appuntamento con la musica cantautoriale torna il prossimo 14 marzo e ci sarà anche una gradita sorpresa.C.A

ufficio stampa


21/02/2013 12:16 Notizia letta: 672 volte

Attualità | Ragusa

Il concerto di Alessandro Fiori, con Colapesce in sala Ragusa - Il suo ultimo album, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il segno di forti cambiamenti nella vita di Alessandro Fiori, la nascita di sua figlia e la morte di un caro amico. Il suo stile minimale e delicato ha riempito ieri sera il palco del Prima Classe di Ragusa che ospita la rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua”, giunta al suo quarto appuntamento. Come era facile immaginare, il concerto non ha deluso le aspettative del pubblico. Il cantautore è al suo secondo disco da solista, dopo aver lasciato i Mariposa nel 2011. In questo nuovo album racconta di sé, della sua vita, della sua infanzia, in particolare in brani come "La Vasca", "Giornata d'inverno", "Il gusto di dormire in diagonale", lasciandosi accompagnare ieri sera dalla sapiente chitarra di Lorenzo Corti, musicista già noto per i successi con Carmen Consoli. “Io mi sono messo a nudo, ho dedicato un pezzo ai Mariposa e uno a mio padre per gratitudine, ho provato nel mio piccolo a non far morire il ricordo di un amico, nell'ultimo pezzo descrivo un futuro poco roseo per mia figlia”, ha dichiarato Fiori in un’intervista ripercorrendo le tappe significative della sua carriera e ripartendo dal suo primo album “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) di cui ieri sera ha fatto numerosi brani a partire da “Il contatto con gli alieni”. Come lui stesso ha sottolineato, ha aperto da solo il concerto di Ragusa con un approccio più punk. Poi ha suonato insieme a Corti. “Anche il mio pubblico sta crescendo – ha avuto modo di dire Fiori - E' un pubblico bello, ci sono sempre più giovani ed io sono felice così”. La sua è una “caustica poesia urbana” incastonata in improbabili scenari visionari e naif. La critica lo dipinge come un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Fiori ha interagito moltissimo con il pubblico, trasportandolo in un'atmosfera surreale, la stessa dalla quale prendono vita i suoi brani. E tra il pubblico, soddisfatto per aver ascoltato un concerto assolutamente di qualità, c'era anche un ospite d'eccezione, cioè Colapesce, premio Tenco 2012. Fiori è un artista che ha saputo mantenere grande umiltà nonostante il suo successo in continua ascesa. Col pubblico scherza molto mentre i suoi spartiti sono fogli volanti di quaderno a quadri. Ha chiuso con la hit “Fuori piove”, il singolo del suo primo disco. Come sempre è stato Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna, a scrivere sulla lavagna di “Prima Classe Non E' Acqua” il nome dell'ospite successivo. Si tratta de “I Quartieri”. L'appuntamento con la musica cantautoriale torna il prossimo 14 marzo e ci sarà anche una gradita sorpresa. Redazione ufficio stampa


Alessandro Fiori ieri in concerto a Ragusa per “Prima classe non è acqua” Ragusa GIOVEDÌ 21 FEBBRAIO 2013 17:45 SCRITTO DA REDAZIONE Il suo ultimo album, “Questo dolce museo” (Urtovox – 2012), è il segno di forti cambiamenti nella vita di Alessandro Fiori, la nascita di sua figlia e la morte di un caro amico. Il suo stile minimale e delicato ha riempito ieri sera il palco del Prima Classe di Ragusa che ospita la rassegna musicale “Prima Classe Non è Acqua”, giunta al suo quarto appuntamento. Come era facile immaginare, il concerto non ha deluso le aspettative del pubblico. Il cantautore è al suo secondo disco da solista, dopo aver lasciato i Mariposa nel 2011. In questo nuovo album racconta di sé, della sua vita, della sua infanzia, in particolare in brani come "La Vasca", "Giornata d'inverno", "Il gusto di dormire in diagonale", lasciandosi accompagnare ieri sera dalla sapiente chitarra di Lorenzo Corti, musicista già noto per i successi con Carmen Consoli. “Io mi sono messo a nudo, ho dedicato un pezzo ai Mariposa e uno a mio padre per gratitudine, ho provato nel mio piccolo a non far morire il ricordo di un amico, nell'ultimo pezzo descrivo un futuro poco roseo per mia figlia”, ha dichiarato Fiori in un’intervista ripercorrendo le tappe significative della sua carriera e ripartendo dal suo primo album “Attento a me stesso” (il suo primo disco solista Urtovox – 2010) di cui ieri sera ha fatto numerosi brani a partire da “Il contatto con gli alieni”. Come lui stesso ha sottolineato, ha aperto da solo il concerto di Ragusa con un approccio più punk. Poi ha suonato insieme a Corti. “Anche il mio pubblico sta crescendo – ha avuto modo di dire Fiori - E' un pubblico bello, ci sono sempre più giovani ed io sono felice così”. La sua è una “caustica poesia urbana” incastonata in improbabili scenari visionari e naif. La critica lo dipinge come un poeta menestrello capace di rapire i sentimenti della gente grazie alla sua disarmante genuinità. Fiori ha interagito moltissimo con il pubblico, trasportandolo in un'atmosfera surreale, la stessa dalla quale prendono vita i suoi brani. E tra il pubblico, soddisfatto per aver ascoltato un concerto assolutamente di qualità, c'era anche un ospite d'eccezione, cioè Colapesce, premio Tenco 2012. Fiori è un artista che ha saputo mantenere grande umiltà nonostante il suo successo in continua ascesa. Col pubblico scherza molto mentre i suoi spartiti sono fogli volanti di quaderno a quadri. Ha chiuso con la hit “Fuori piove”, il singolo del suo primo disco. Come sempre è stato Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna, a scrivere sulla lavagna di “Prima Classe Non E' Acqua” il nome dell'ospite successivo. Si tratta de “I Quartieri”. L'appuntamento con la musica cantautoriale torna il prossimo 14 marzo e ci sarà anche una gradita sorpresa.

ufficio stampa


Il concerto di Alessandro Fiori, con Colapesce in sala RagusaNews Il suo ultimo album, ''Questo dolce museo'' (Urtovox '' 2012), è il segno di forti cambiamenti nella vita di Alessandro Fiori, la nascita di sua figlia e la morte di un caro amico. Il suo stile minimale e delicato ha riempito ieri sera il palco del Prima ...

ufficio stampa


ufficio stampa


Quartieri GIO

14 MAR 2013

MUSICA, CONCERTI RAGUSA LUOGHI VARI / RAGUSA (RG) 14 marzo ore 22.00 I Quartieri giovedì a Ragusa per la rassegna musicale Prima Classe Non è Acqua.

Sono Quartieri in cui è bello perdersi. Un gruppo travestito da cantautore, o un cantautore travestito da gruppo? Come loro stessi dicono, "non si capisce", ma di sicuro piacciono tanto. A "Prima Classe Non è Acqua", giovedì 14 marzo alle ore 22 è la volta de “I Quartieri”. La rassegna di musica cantautorale del Prima Classe di Ragusa ospita una band molto interessante. Scrivono canzoni come le scriverebbe un astronauta disperso nello spazio, con la chitarra acustica portata via dalla forza di gravità.L'elettronica vintage, i drone, gli organi e gli effetti fanno da sfondo a brani scarni ma contemporaneamente molto ricchi. Non è facile inserire “I Quartieri” in un genere preciso. Si muovono tra il pop d’autore e la psichedelia, tra l’elettronica e l’indie, ispirati e influenzati da artisti come Gorillaz, Beck, Beatles, Battisti, Morricone, Radiohead, Massive Attack.La band nasce nel 2010 a Roma, in seguito alla pubblicazione del primo ep “Nebulose”, che riscontra un apprezzamento crescente da parte di pubblico e critica. I numerosi concerti de “I Quartieri” sono seguiti da un numero sempre maggiore di spettatori, espandendo il loro successo in tutta la penisola. La band ha da poco prodotto il primo disco ufficiale, intitolato “Zeno”, composto da nove canzoni, il cui suono prosegue il discorso cominciato con l’ep, cercando però sonorità ancora più personali e caratteristiche. Nonostante il titolo del disco evochi inevitabilmente il riferimento letterario, i temi affrontati dai testi, in italiano, ruotano intorno a paure e inquietudini condivise, ma vogliono sempre offrire il riscatto e la rivincita. “I Quartieri” sono Fabio Grande, Paolo Testa, Marco Santoro e Marco Pellegrino, e saliranno sul palco di "Prima Classe Non è Acqua" accolti da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale. Un nuovo nome che si aggiunge alla leva cantautorale degli anni zero, un elenco che si è arricchito nei mesi accogliendo a Ragusa alcuni tra i più rappresentativi artisti del panorama musicale attuale ufficio stampa


I QUARTIERI UN GRUPPO TRAVESTITO DA CANTAUTORE, O UN CANTAUTORE TRAVESTITO DA GRUPPO? "NON SI CAPISCE" COSA MUSICA RASSEGNA PRIMA CLASSE NON È ACQUA QUANDO 14 MARZO 2013 ORE 22 DOVE PRIMACLASSE / VIA ERCOLANO - RAGUSA Sono Quartieri in cui è bello perdersi. Un gruppo travestito da cantautore, o un cantautore travestito da gruppo? Come loro stessi dicono, "non si capisce", ma di sicuro piacciono tanto. A "Prima Classe Non è Acqua", la rassegna di musica cantautorale del Prima Classe di Ragusa ospita una band molto interessante. Scrivono canzoni come le scriverebbe un astronauta disperso nello spazio, con la chitarra acustica portata via dalla forza di gravità. L'elettronica vintage, i drone, gli organi e gli effetti fanno da sfondo a brani scarni ma contemporaneamente molto ricchi. Non è facile inserire “I Quartieri” in un genere preciso. Si muovono tra il pop d’autore e la psichedelia, tra l’elettronica e l’indie, ispirati e influenzati da artisti come Gorillaz, Beck, Beatles, Battisti, Morricone, Radiohead, Massive Attack. La band nasce nel 2010 a Roma, in seguito alla pubblicazione del primo ep “Nebulose”, che riscontra un apprezzamento crescente da parte di pubblico e critica. I numerosi concerti de “I Quartieri” sono seguiti da un numero sempre maggiore di spettatori, espandendo il loro successo in tutta la penisola. La band ha da poco prodotto il primo disco ufficiale, intitolato “Zeno”, composto da nove canzoni, il cui suono prosegue il discorso cominciato con l’ep, cercando però sonorità ancora più personali e caratteristiche. Nonostante il titolo del disco evochi inevitabilmente il riferimento letterario, i temi affrontati dai testi, in italiano, ruotano intorno a paure e inquietudini condivise, ma vogliono sempre offrire il riscatto e la rivincita. “I Quartieri” sono Fabio Grande, Paolo Testa, Marco Santoro e Marco Pellegrino, e saliranno sul palco di “Prima Classe Non è Acqua” accolti da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale. Un nuovo nome che si aggiunge alla leva cantautorale degli anni zero, un elenco che si è arricchito nei mesi accogliendo a Ragusa alcuni tra i più rappresentativi artisti del panorama musicale attuale.

ufficio stampa


al Prima classe di Ragusa A "Prima Classe Non è Acqua", giovedì 14 marzo alle ore 22 è la volta de "I Quartieri".

La

rassegna

di

musica

cantautorale del Prima Classe di Ragusa ospita una

band

molto

interessante.

Scrivono canzoni come le scriverebbe un astronauta disperso nello spazio, con la chitarra acustica portata via dalla forza di gravità. L'elettronica vintage, i drone, gli organi e gli effetti fanno da sfondo a brani scarni ma contemporaneamente molto ricchi. Non è facile inserire "I Quartieri" in un genere preciso. Si muovono tra il pop d'autore e la psichedelia, tra l'elettronica e l'indie, ispirati e influenzati da artisti come Gorillaz, Beck, Beatles, Battisti, Morricone, Radiohead, Massive Attack. La band nasce nel 2010 a Roma, in seguito alla pubblicazione del primo ep "Nebulose", che riscontra un apprezzamento crescente da parte di pubblico e critica. I numerosi concerti de "I Quartieri" sono seguiti da un numero sempre maggiore di spettatori, espandendo il loro successo in tutta la penisola. La band ha da poco prodotto il primo disco ufficiale, intitolato "Zeno", composto da nove canzoni, il cui suono prosegue il discorso cominciato con l'ep, cercando però sonorità ancora più personali e caratteristiche. Nonostante il titolo del disco evochi inevitabilmente il riferimento letterario, i temi affrontati dai testi, in italiano, ruotano intorno a paure e inquietudini condivise, ma vogliono sempre offrire il riscatto e la rivincita. "I Quartieri" sono Fabio Grande, Paolo Testa, Marco Santoro e Marco Pellegrino, e saliranno sul palco di "Prima Classe Non è Acqua" accolti da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale. Un nuovo nome che si aggiunge alla leva cantautorale degli anni zero, un elenco che si è arricchito nei mesi accogliendo a Ragusa alcuni tra i più rappresentativi artisti del panorama musicale attuale. Lunedì, 11 Marzo 2013

ufficio stampa


11/03/2013 15:56 Notizia letta: 937 volte

Appuntamenti | Ragusa

I Quartieri in concerto a Ragusa vRagusa - Sono Quartieri in cui è bello perdersi. Un

gruppo travestito da cantautore, o un cantautore travestito da gruppo? Come loro stessi dicono, "non si capisce", ma di sicuro piacciono tanto. A "Prima Classe Non è Acqua", giovedì 14 marzo alle ore 22 è la volta de “I Quartieri”. La rassegna di musica cantautorale del Prima Classe di Ragusa ospita una band molto interessante. Scrivono canzoni come le scriverebbe un astronauta disperso nello spazio, con la chitarra acustica portata via dalla forza di gravità. L'elettronica vintage, i drone, gli organi e gli effetti fanno da sfondo a brani scarni ma contemporaneamente molto ricchi. Non è facile inserire “I Quartieri” in un genere preciso. Si muovono tra il pop d’autore e la psichedelia, tra l’elettronica e l’indie, ispirati e influenzati da artisti come Gorillaz, Beck, Beatles, Battisti, Morricone, Radiohead, Massive Attack. La band nasce nel 2010 a Roma, in seguito alla pubblicazione del primo ep “Nebulose”, che riscontra un apprezzamento crescente da parte di pubblico e critica. I numerosi concerti de “I Quartieri” sono seguiti da un numero sempre maggiore di spettatori, espandendo il loro successo in tutta la penisola. La band ha da poco prodotto il primo disco ufficiale, intitolato “Zeno”, composto da nove canzoni, il cui suono prosegue il discorso cominciato con l’ep, cercando però sonorità ancora più personali e caratteristiche. Nonostante il titolo del disco evochi inevitabilmente il riferimento letterario, i temi affrontati dai testi, in italiano, ruotano intorno a paure e inquietudini condivise, ma vogliono sempre offrire il riscatto e la rivincita. “I Quartieri” sono Fabio Grande, Paolo Testa, Marco Santoro e Marco Pellegrino, e saliranno sul palco di “Prima Classe Non è Acqua” accolti da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale. Un nuovo nome che si aggiunge alla leva cantautorale degli anni zero, un elenco che si è arricchito nei mesi accogliendo a Ragusa alcuni tra i più rappresentativi artisti del panorama musicale attuale. ufficio stampa


I numerosi concerti de “I Quartieri” Scritto il 11/3/2013 alle 23:49 da Direttore Sono Quartieri in cui è bello perdersi. Un gruppo travestito da cantautore, o un cantautore travestito da gruppo? Come loro stessi dicono, “non si capisce”, ma di sicuro piacciono tanto. A “Prima Classe Non è Acqua”, giovedì 14 marzo alle ore 22 è la volta de “I Quartieri”. La rassegna di musica cantautorale del Prima Classe di Ragusa ospita una band molto interessante. Scrivono canzoni come le scriverebbe un astronauta disperso nello spazio, con la chitarra acustica portata via dalla forza di gravità. L’elettronica vintage, i drone, gli organi e gli effetti fanno da sfondo a brani scarni ma contemporaneamente molto ricchi. Non è facile inserire “I Quartieri” in un genere preciso. Si muovono tra il pop d’autore e la psichedelia, tra l’elettronica e l’indie, ispirati e influenzati da artisti come Gorillaz, Beck, Beatles, Battisti, Morricone, Radiohead, Massive Attack. La band nasce nel 2010 a Roma, in seguito alla pubblicazione del primo ep “Nebulose”, che riscontra un apprezzamento crescente da parte di pubblico e critica. I numerosi concerti de “I Quartieri” sono seguiti da un numero sempre maggiore di spettatori, espandendo il loro successo in tutta la penisola. La band ha da poco prodotto il primo disco ufficiale, intitolato “Zeno”, composto da nove canzoni, il cui suono prosegue il discorso cominciato con l’ep, cercando però sonorità ancora più personali e caratteristiche. Nonostante il titolo del disco evochi inevitabilmente il riferimento letterario, i temi affrontati dai testi, in italiano, ruotano intorno a paure e inquietudini condivise, ma vogliono sempre offrire il riscatto e la rivincita. “I Quartieri” sono Fabio Grande, Paolo Testa, Marco Santoro e Marco Pellegrino, e saliranno sul palco di “Prima Classe Non è Acqua” accolti da Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna musicale. Un nuovo nome che si aggiunge alla leva cantautorale degli anni zero, un elenco che si è arricchito nei mesi accogliendo a Ragusa alcuni tra i più rappresentativi artisti del panorama musicale attuale.

ufficio stampa


15/03/2013 22:54 Notizia letta: 819 volte

Attualità | Ragusa

La musicalità intima de I Quartieri, a Ragusa Ragusa Intimisti, confidenziali, assolutamente coinvolgenti. Ieri sera “I Quartieri” sono stati i protagonisti della rassegna musicale “Prima Classe Non E’ Acqua” la novità di quest’anno in programma al Prima Classe – locale trasversale di Ragusa. Con la loro musica cantautoriale hanno raccontato il personale viaggio da "argonauti", ai confini dell’universo. Una band romana di assoluto interesse che in poco tempo è riuscita a conquistarsi il giusto spazio all’interno del panorama italiano anche grazie al primo ep “Nebulose” che ha trovato immediato riscontro nella critica. Ma è il pubblico, naturalmente, a decretare il loro successo. Come accaduto ieri sera con un concerto accattivante tra chitarre, batteria, tastiera e, ogni tanto, con l’ingresso in scena, chitarra in mano, anche del direttore artistico della rassegna, Vincent Migliorisi, invitato sul palco da “I Quartieri”. Una forza che ha contagiato il pubblico con la freschezza dei testi e con sonorità intense come nei brani “Il mondo”, “Zero”, "Il primo sole a maggio", “La stanza di Mimì”, “Gomma” per poi concludere lo spettacolo con un bis e con la rockeggiante “Confessioni di un artista di merda”. Fabio Grande, Marco Santoro, Marco Pellegrino (per un’indisponibilità era assente Paolo Testa) hanno dunque esaltato la tematica comune dei loro testi, ovvero il coraggio. Il coraggio di vivere ma anche di provarci, di intraprendere un percorso sconosciuto e nuovo ma al tempo stesso pronti a raccontarlo con la giusta dose di acquisita consapevolezza. “I Quartieri” lo fanno con un’enorme dose di sonorità mescolate, passando dal pop all’elettronica, all’indie, ispirati da artisti di vario genere. Sono stati intanto annunciati gli artisti del prossimo appuntamento, concerto conclusivo della rassegna "Prima Classe Non è Acqua". L’11 aprile sarà una serata tutta rock con ben due concerti. Ci sarà Alì che condividerà il palco con Paolo Mei & Il Circo d'Ombre. Redazione

ufficio stampa


15/03/2013 - 16:49

Protagonisti della rassegna musicale “Prima classe non e’ acqua”.

GIOVEDI SERA L’APPUNTAMENTO CON LA MUSICA CANTAUTORALE DE “I QUARTIERI” RAGUSA – Intimisti, confidenziali, assolutamente coinvolgenti. Ieri sera “I Quartieri” sono stati i protagonisti della rassegna musicale “Prima Classe Non E’ Acqua” la novità di quest’anno in programma al Prima Classe – locale trasversale di Ragusa. Con la loro musica cantautoriale hanno raccontato il personale viaggio da "argonauti", ai confini dell’universo. Una band romana di assoluto interesse che in poco tempo è riuscita a conquistarsi il giusto spazio all’interno del panorama italiano anche grazie al primo ep “Nebulose” che ha trovato immediato riscontro nella critica. Ma è il pubblico, naturalmente, a decretare il loro successo. Come accaduto ieri sera con un concerto accattivante tra chitarre, batteria, tastiera e, ogni tanto, con l’ingresso in scena, chitarra in mano, anche del direttore artistico della rassegna, Vincent Migliorisi, invitato sul palco da “I Quartieri”. Una forza che ha contagiato il pubblico con la freschezza dei testi e con sonorità intense come nei brani “Il mondo”, “Zero”, "Il primo sole a maggio", “La stanza di Mimì”, “Gomma” per poi concludere lo spettacolo con un bis e con la rockeggiante “Confessioni di un artista di merda”. Fabio Grande, Marco Santoro, Marco Pellegrino (per un’indisponibilità era assente Paolo Testa) hanno dunque esaltato la tematica comune dei loro testi, ovvero il coraggio. Il coraggio di vivere ma anche di provarci, di intraprendere un percorso sconosciuto e nuovo ma al tempo stesso pronti a raccontarlo con la giusta dose di acquisita consapevolezza. “I Quartieri” lo fanno con un’enorme dose di sonorità mescolate, passando dal pop all’elettronica, all’indie, ispirati da artisti di vario genere. Sono stati intanto annunciati gli artisti del prossimo appuntamento, concerto conclusivo della rassegna "Prima Classe Non è Acqua". L’11 aprile sarà una serata tutta rock con ben due concerti. Ci sarà Alì che condividerà il palco con Paolo Mei & Il Circo d'Ombre

ufficio stampa


Bella esibizione de I Quartieri

Ragusa SABATO 16 MARZO 2013 19:35 SCRITTO DA REDAZIONE

Intimisti, confidenziali, assolutamente coinvolgenti. giovedì sera “I Quartieri” sono stati i protagonisti della rassegna musicale “Prima Classe Non E’ Acqua” la novità di quest’anno in programma al Prima Classe – locale trasversale di Ragusa. Con la loro musica cantautoriale hanno raccontato il personale viaggio da "argonauti", ai confini dell’universo. Una band romana di assoluto interesse che in poco tempo è riuscita a conquistarsi il giusto spazio all’interno del panorama italiano anche grazie al primo ep “Nebulose” che ha trovato immediato riscontro nella critica. Ma è il pubblico, naturalmente, a decretare il loro successo. Come accaduto ieri sera con un concerto accattivante tra chitarre, batteria, tastiera e, ogni tanto, con l’ingresso in scena, chitarra in mano, anche del direttore artistico della rassegna, Vincent Migliorisi, invitato sul palco da “I Quartieri”. Una forza che ha contagiato il pubblico con la freschezza dei testi e con sonorità intense come nei brani “Il mondo”, “Zero”, "Il primo sole a maggio", “La stanza di Mimì”, “Gomma” per poi concludere lo spettacolo con un bis e con la rockeggiante “Confessioni di un artista di merda”. Fabio Grande, Marco Santoro, Marco Pellegrino (per un’indisponibilità era assente Paolo Testa) hanno dunque esaltato la tematica comune dei loro testi, ovvero il coraggio. Il coraggio di vivere ma anche di provarci, di intraprendere un percorso sconosciuto e nuovo ma al tempo stesso pronti a raccontarlo con la giusta dose di acquisita consapevolezza. “I Quartieri” lo fanno con un’enorme dose di sonorità mescolate, passando dal pop all’elettronica, all’indie, ispirati da artisti di vario genere. Sono stati intanto annunciati gli artisti del prossimo appuntamento, concerto conclusivo della rassegna "Prima Classe Non è Acqua". L’11 aprile sarà una serata tutta rock con ben due concerti. Ci sarà Alì che condividerà il palco con Paolo Mei & Il Circo d'Ombre. ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


ufficio stampa


Alì + Paolo Mei & Il Circo d'Ombre = PRIMA CLASSE NON E' ACQUA Informations via Ercolano,Ragusa Thursday 11 April 2013, 22h00 Organized by : Prima Classe

Description Ultimo appuntamento per questa edizione di "Prima Classe Non è Acqua". La leva cantautorale degli anni zero giovedì 11 aprile chiude la rassegna musicale con ben due concerti, per una serata dedicata al rock. Ad alternarsi sul palco del Prima Classe saranno due ospiti d'eccezione, Alì e Paolo Mei & Il Circo d'Ombre.

ufficio stampa


08/04/2013 13:36 Notizia letta: 976 volte Appuntamenti | Ragusa

Paolo Mei e il Circo d’ombre in concerto a Ragusa Ragusa - Una serata tutta rock per festeggiare “Prima Classe Non è Acqua”. Per l’ultimo appuntamento della rassegna, il direttore artistico Vincent Migliorisi ha riservato infatti una sorpresa al pubblico appassionato della musica d’autore. Sesto ed ultimo appuntamento per quella che è stata la rassegna dedicata alla “leva cantautorale degli anni zero”: giovedì 11 aprile ben due concerti animeranno il Prima Classe di Ragusa a partire dalle 21,30. Dopo gli eccezionali spettacoli ospitati nei mesi scorsi, con importanti nomi della scena musicale italiana, la chiusura sarà dedicata alle sfumature più rock del panorama indipendente. Sul palco Alì vs Paolo Mei & Il Circo d'Ombre, in un ironico scontro che è più un incontro. Il cantautore siracusano Stefano Alì, artista rivelazione del 2013, ha fin da subito fatto parlare di sé col suo disco d’esordio, “La rivoluzione nel monolocale” (La Vigna Dischi). Fino a qualche anno fa vendeva fiori, dal 2011 regala parole, confezionandole con uno stile caldo ed intenso. La sua cifra stilistica è legata al metraggio della casa in cui vive: intima, calda e precaria. Il suo album, che vanta la produzione artistica di Colapesce, presenta nove brani inediti e una cover di Paolo Conte. La complessa semplicità delle sue storie arriva dritta al cuore. Il tutto fra occhi bassi e sogni, Wilco e Gin Lemon, colloqui andati a male, cd masterizzati dei National, curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. Ma come se non bastasse, lo spettacolo non finisce qui. La notte sarà davvero lunga al Prima Classe di Ragusa. Nella stessa sera di giovedì 11 aprile, la rassegna “arruola” un personaggio di spicco che ha saputo in pochi anni trovare il suo spazio non solo nel campo della composizione ma anche nella promozione musicale a livello nazionale. Arriva infatti Paolo Mei accompagnato dagli artisti de “Il Circo d'Ombre”. Sarà presentato “Inventario” il loro primo lp prodotto da Rocketta. Dopo averci allietato con un antipasto sotto forma di ep, Mei si presenta sulla scena con la portata principale. “Inventario” è un album eclettico, dove il pop cantautorale del lavoro precedente viene contaminato da una predominante componente folk, sempre con l’utilizzo della lingua italiana e con un approccio libero e senza barriere che spazia dall’acustico più intimo e serio di “Miele” all’elettro-acustico giocoso di “Marocco”. Affidati alla direzione artistica di Cesare Basile, che ha suonato gran parte degli strumenti, gli 8 brani di “Inventario” sono stati registrati in 8 giorni, uno al giorno, permettendone la genesi attraverso una natura istintiva. Il risultato è un percorso soffuso e intimista, non personalistico, che parla a tutti e di tutti in modo semplice e mai banale. Una collaborazione, quella tra Mei e Basile, che insieme a John Bonnar dei Dead Can Dance, aveva già preso il via con la realizzazione della colonna sonora del film “È stato il figlio” di Daniele Ciprì, con Toni Servillo. Insieme a loro, nella realizzazione di “Inventario” ci sono i compagni di viaggio de “Il Circo d’Ombre”, gli “acrobati” della musica Salvo Dub, Manuele Doca ed ancora lo stesso Colapesce, il norvegese Terje Nordgarden. La serata proseguirà con le selezioni musicali di Giulio Tomasi. Redazione

ufficio stampa


08/04/2013 - 12:35 Ali’ vs Paolo Mei & il Circo d’Ombre, insieme per offrire al pubblico ibleo una serata tutta rock.

SARA’ UN DOPPIO CONCERTO A CHIUDERE GIOVEDI’ 11 APRILE LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. Una serata tutta rock per festeggiare “Prima Classe Non è Acqua”. Per l’ultimo appuntamento della rassegna, il direttore artistico Vincent Migliorisi ha riservato infatti una sorpresa al pubblico appassionato della musica d’autore. Sesto ed ultimo appuntamento per quella che è stata la rassegna dedicata alla “leva cantautorale degli anni zero”: giovedì 11 aprile ben due concerti animeranno il Prima Classe di Ragusa a partire dalle 21,30. Dopo gli eccezionali spettacoli ospitati nei mesi scorsi, con importanti nomi della scena musicale italiana, la chiusura sarà dedicata alle sfumature più rock del panorama indipendente. Sul palco Alì vs Paolo Mei & Il Circo d'Ombre, in un ironico scontro che è più un incontro. Il cantautore siracusano Stefano Alì, artista rivelazione del 2013, ha fin da subito fatto parlare di sé col suo disco d’esordio, “La rivoluzione nel monolocale” (La Vigna Dischi). Fino a qualche anno fa vendeva fiori, dal 2011 regala parole, confezionandole con uno stile caldo ed intenso. La sua cifra stilistica è legata al metraggio della casa in cui vive: intima, calda e precaria. Il suo album, che vanta la produzione artistica di Colapesce, presenta nove brani inediti e una cover di Paolo Conte. La complessa semplicità delle sue storie arriva dritta al cuore. Il tutto fra occhi bassi e sogni, Wilco e Gin Lemon, colloqui andati a male, cd masterizzati dei National, curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. Ma come se non bastasse, lo spettacolo non finisce qui. La notte sarà davvero lunga al Prima Classe di Ragusa. Nella stessa sera di giovedì 11 aprile, la rassegna “arruola” un personaggio di spicco che ha saputo in pochi anni trovare il suo spazio non solo nel campo della composizione ma anche nella promozione musicale a livello nazionale. Arriva infatti Paolo Mei accompagnato dagli artisti de “Il Circo d'Ombre”. Sarà presentato “Inventario” il loro primo lp prodotto da Rocketta. Dopo averci allietato con un antipasto sotto forma di ep, Mei si presenta sulla scena con la portata principale. “Inventario” è un album eclettico, dove il pop cantautorale del lavoro precedente viene contaminato da una predominante componente folk, sempre con l’utilizzo della lingua italiana e con un approccio libero e senza barriere che spazia dall’acustico più intimo e serio di “Miele” all’elettro-acustico giocoso di “Marocco”. Affidati alla direzione artistica di Cesare Basile, che ha suonato gran parte degli strumenti, gli 8 brani di “Inventario” sono stati registrati in 8 giorni, uno al giorno, permettendone la genesi attraverso una natura istintiva. Il risultato è un percorso soffuso e intimista, non personalistico, che parla a tutti e di tutti in modo semplice e mai banale. Una collaborazione, quella tra Mei e Basile, che insieme a John Bonnar dei Dead Can Dance, aveva già preso il via con la realizzazione della colonna sonora del film “È stato il figlio” di Daniele Ciprì, con Toni Servillo. Insieme a loro, nella realizzazione di “Inventario” ci sono i compagni di viaggio de “Il Circo d’Ombre”, gli “acrobati” della musica Salvo Dub, Manuele Doca ed ancora lo stesso Colapesce, il norvegese Terje Nordgarden. La serata proseguirà con le selezioni musicali di Giulio Tomasi.di M.B ufficio stampa


MUSICA

"Prima Classe non è acqua" 11.04.13 H 21.30

Una serata tutta rock per festeggiare “Prima Classe Non è Acqua”. Per l’ultimo appuntamento della rassegna, il direttore artistico Vincent Migliorisi ha riservato infatti una sorpresa al pubblico appassionato della musica d’autore. Sesto ed ultimo appuntamento per quella che è stata la rassegna dedicata alla “leva cantautorale degli anni zero”: giovedì 11 aprile ben due concerti animeranno il Prima Classe di Ragusa a partire dalle 21,30. Dopo gli eccezionali spettacoli ospitati nei mesi scorsi, con importanti nomi della scena musicale italiana, la chiusura sarà dedicata alle sfumature più rock del panorama indipendente. Sul palco Alì vs Paolo Mei & Il Circo d'Ombre, in un ironico scontro che è più un incontro. Il cantautore siracusano Stefano Alì, artista rivelazione del 2013, ha fin da subito fatto parlare di sé col suo disco d’esordio, “La rivoluzione nel monolocale” (La Vigna Dischi). Fino a qualche anno fa vendeva fiori, dal 2011 regala parole, confezionandole con uno stile caldo ed intenso. La sua cifra stilistica è legata al metraggio della casa in cui vive: intima, calda e precaria. Il suo album, che vanta la produzione artistica di Colapesce, presenta nove brani inediti e una cover di Paolo Conte. La complessa semplicità delle sue storie arriva dritta al cuore. Il tutto fra occhi bassi e sogni, Wilco e Gin Lemon, colloqui andati a male, cd masterizzati dei National, curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. Ma come se non bastasse, lo spettacolo non finisce qui. La notte sarà davvero lunga al Prima Classe di Ragusa. Nella stessa sera di giovedì 11 aprile, la rassegna “arruola” un personaggio di spicco che ha saputo in pochi anni trovare il suo spazio non solo nel campo della composizione ma anche nella promozione musicale a livello nazionale. Arriva infatti Paolo Mei accompagnato dagli artisti de “Il Circo d'Ombre”. Sarà presentato “Inventario” il loro primo lp prodotto da Rocketta. Dopo averci allietato con un antipasto sotto forma di ep, Mei si presenta sulla scena con la portata principale. “Inventario” è un album eclettico, dove il pop cantautorale del lavoro precedente viene contaminato da una predominante componente folk, sempre con l’utilizzo della lingua italiana e con un approccio libero e senza barriere che spazia dall’acustico più intimo e serio di “Miele” all’elettro-acustico giocoso di “Marocco”. Affidati alla direzione artistica di Cesare Basile, che ha suonato gran parte degli strumenti, gli 8 brani di “Inventario” sono stati registrati in 8 giorni, uno al giorno, permettendone la genesi attraverso una natura istintiva. Il risultato è un percorso soffuso e intimista, non personalistico, che parla a tutti e di tutti in modo semplice e mai banale. Una collaborazione, quella tra Mei e Basile, che insieme a John Bonnar dei Dead Can Dance, aveva già preso il via con la realizzazione della colonna sonora del film “È stato il figlio” di Daniele Ciprì, con Toni Servillo. Insieme a loro, nella realizzazione di “Inventario” ci sono i compagni di viaggio de “Il Circo d’Ombre”, gli “acrobati” della musica Salvo Dub, Manuele Doca ed ancora lo stesso Colapesce, il norvegese Terje Nordgarden. La serata proseguirà con le selezioni musicali di Giulio Tomasi.

ufficio stampa


12/04/2013 - 19:53 Giovedi sera doppio concerto con Stefano Ali’, Paolo Mei & il circo d’ombre.

CONCLUSA CON SUCCESSO LA RASSEGNA MUSICALE “PRIMA CLASSE NON E’ ACQUA”. Una chiusura in grande stile ieri per "Prima Classe Non è Acqua - la leva cantautorale degli anni zero". Sono stati Alì e Paolo Mei con Il Circo d'Ombre, a condividere il palco portando la loro buona musica. Due eccezionali esibizioni con cui si conclude la rassegna di musica cantautorale fortemente voluta dal musicista Vincent Migliorisi e dall’imprenditore e titolare del Prima Classe, Giuseppe Stracquadanio. Un'intensa programmazione che negli ultimi sei mesi ha visto protagonisti a Ragusa rilevanti autori ed interpreti del panorama musicale italiano. Concerti dal vivo che hanno proposto al pubblico ibleo il noto "locale trasversale" del capoluogo sotto una nuova ed insolita veste. Tra luci soffuse e contaminazioni sonore, si sono susseguiti sul palco a partire dal novembre scorso nomi come Oratio, Nicolò Carnesi, Dimartino, Alessandro Fiori, I Quartieri, per finire ieri con i concerti di Alì e di Paolo Mei & Il Circo d'Ombre. Ha aperto la serata il cantautore Stefano Alì. Una grande energia e tanto da dire, un percorso iniziato dal suo rifugio, il “monolocale” a Belvedere di Siracusa, per uscire poi per strada e raccontare esperienze di vita quotidiana. Alì ha presentato a Ragusa il suo disco d’esordio, “La rivoluzione nel monolocale”, e lo ha fatto con un’esibizione intima, ma intensa al tempo stesso. Un calore e una forza interpretativa dell’artista contenuta del resto dalle parole dei suoi stessi brani. Con canzoni come “Cash”, “New York”, “Maggio”, “Armata fino ai denti”, “Continuare a vedere oro”, Stefano si è raccontato presentando al pubblico un giovane disilluso ma capace ancora di sognare, ha raccontato le sensazioni e le contraddizioni di una generazione che non è capace di abituarsi alla realtà, fatta di curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. Accompagnato da Davide Iacono alla batteria, Salvo Fichera al basso e Valerio Vittoria alle chitarre, Alì ha concluso la sua esibizione con un omaggio a Franco Califano, cantando una delle sue canzoni più belle e disarmanti, “Un tempo piccolo”. A seguire un altro concerto. Sono saliti sul palco Paolo Mei & Il Circo d’Ombre, che hanno dato alla serata una spinta più rockeggiante. Con un ritmo coinvolgente, capace di trascinare il pubblico attraverso fantastiche sonorità. Ha presentato “Inventario”, lp realizzato con Il Circo d’Ombre, il frutto di una miscela tra il pop cantautoriale degli esordi e un’inedita contaminazione folk, ma senza mai discostarsi dalla lingua italiana. Sonorità rockeggianti in un misto tra modernità e un gusto retrò anni ’50. Da “Miele” a “Marocco”, da “Salta giù” a “Ogni Istante”, passando da un testo di sana critica come “A Milano”, Paolo Mei ha rimarcato le componenti della sua musica e dei suoi testi in un lavoro musicale sapientemente cucito dal vivo assieme a Riccardo Napoli alla batteria e percussioni e ancora con Salvo Fichera al basso e Valerio Vittoria alle chitarre. Ai suoi testi inediti, Paolo Mei ha aggiunto anche una bellissima interpretazione di “Io sto bene” dei Cccp. A fine serata il saluto e il ringraziamento al pubblico da parte del direttore artistico Vincent Migliorisi: “E’ stato un bellissimo percorso all’interno della musica cantautoriale con i migliori artisti emergenti nel panorama italiano. Una proposta musicale nuova anche per la provincia di Ragusa, con la possibilità di conoscere da vicino artisti le cui canzoni cercano di raccontare le proprie verità, i propri punti di vista. L’obiettivo era quello di rendere facilmente accessibile a tutti la musica cantautoriale che credo sia un patrimonio per il nostro paese”. Importante, in tale direzione, lo sforzo compiuto da Prima Classe – locale trasversale, come spiega il titolare Giuseppe Stracquadanio: “Abbiamo voluto scommettere in questo nuovo viaggio adeguando lo stesso locale alle esigenze di ascolto richieste dalla musica cantautorale. Sono contento d’averlo fatto. Del resto questa è proprio la linea del Prima Classe. Crediamo molto nei concerti e in genere nelle esibizioni dal vivo, nella loro energia. Sono convinto che bisogni investire nell’arte, nelle sue varie forme ed espressioni, per questo ci proponiamo come locale trasversale, un locale cioè aperto alle contaminazioni, che si fa attraversare trasversalmente dalle più disparate forme d’arte, siano esse musica, show, pittura, foto, audiovisivo”. di Redazione ufficio stampa


'Prima classe' a Ragusa, i grandi cantauori sbarcano in terra iblea Il giornale di Ragusa 19-11-2012 Ragusa -Il progetto musicale può definirsi ambizioso, l'intento è quello di dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze "alternative" che ... Leggi la notizia

Al 'Prima Classe' al via rassegna musicale con i cantautori siciliani Il giornale di Ragusa 21-11-2012 Ragusa - La (Prima) Classe non è acqua. Al via la rassegna musicale cantautorale a ingresso gratuito: e sarà Oratio (nome d'arte di Andrea Corno), un cantautore siciliano ad aprire domani nel ...

Nicolò Carnesi in concerto a Ragusa Un recente progetto lo ha visto insieme all'amicocantautore Oratio (che ha aperto lo scorso mese a Ragusa la rassegna 'Prima Classe non è Acqua'), con cui ha pubblicato l'ep 'Non vado più al mare', ... RagusaNews.com - 21-11-2012

ORATIO AL PRIMA CLASSE L'ultimo lavoro di Oratio è 'Discorrendo senza ratio' con cui il cantautore si è fatto ancor più apprezzare quale nuovo brillante talento musicale. La rassegna si avvale della collaborazione ... Telenovaragusa.com - 21-11-2012

Dimartino, la leva cantautorale degli anni zero Vincent Migliorisi, direttore artistico della rassegna 'Prima Classe Non è Acqua' ha dato l'avvio alle danze accogliendo sul palco il cantante che ha 'sparato a Vinicio Capossela'. L'artista ha ... RagusaNews.com - 30-11-2012

ufficio stampa


Alesandro Fiori ospite di 'Prima Classe non è Acqua' - Musica a Ragusa - Guida Sicilia www.guidasicilia.it

20-2-2013

Spettacoli e Cultura - Alesandro Fiori ospite di 'Prima Classe non è Acqua' - Musica a Ragusa Guida Sicilia. a Ragusa, giorno 20 Febbraio Mercoledì 20 Febbraio 2013 alle ore 22.00 sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite ...

Paolo Mei e il Circo d'ombre in concerto a Ragusa RagusaNews.com 8-4-2013 Ragusa - Una serata tutta rock per festeggiare 'Prima Classe Non è Acqua'. Per l'ultimo appuntamento della rassegna, il direttore artistico Vincent Migliorisi ha riservato infatti una sorpresa al ... Leggi la notizia

ufficio stampa


Prima Classe non è Acqua , ciclo di concerti gratuiti a Ragusa: la musica prende nuova forma 18 nov | RAGUSA – PRIMA CLASSE – Un ambizioso progetto musicale che vuole dare nuova aria a Ragusa, rendendola centro nevralgico di interesse e di incontro tra le tendenze “alternative” che compongono la ricca e seguita scena musicale ... RagusaTG | Letture: 13 | Voti: 0

Al Prima Classe al via rassegna musicale con i cantautori siciliani 21 nov | Ragusa - La (Prima) Classe non è acqua. Al via la rassegna musicale cantautorale a ingresso gratuito: e sarà Oratio (nome d’arte di Andrea Corno), un cantautore siciliano ad aprire domani nel capoluogo ibleo la nuova rassegna musicale. Andrea ... Il Giornale di Ragusa | Letture: 9 | Voti: 0

Dimartino fa tappa a Ragusa il 25 gennaio 16 gen | Ragusa - Dopo il riconoscimento ottenuto la scorsa settimana con la proclamazione a disco dell'anno dalla classifica di Rockit.it, Dimartino canta a Ragusa venerdì 25 gennaio all’interno di un concerto che si preannuncia straordinario. L ... RagusaNews | Letture: 8 | Voti: 0

Alessandro Fiori in concerto a Ragusa 17 feb | Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio, ore 22, la rotta della leva cantautorale degli anni zero va in direzione Arezzo. Sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non & ... RagusaNews | Letture: 5 | Voti: 0 Alessandro Fiori In Concerto A Ragusa Per Prima Classe Non E’ Acqua . 18 feb | Prosegue il viaggio con la musica e con i cantautori italiani. Mercoledì 20 febbraio, ore 22, sarà Alessandro Fiori il prossimo ospite di “Prima Classe Non è Acqua”, la rassegna cantautorale del Prima Classe di Ragusa. Artista poliedrico, ... Telenova Ragusa | Letture: 5 | Voti: 0

La musicalità intima de I Quartieri, a Ragusa 15 mar | Ragusa - Intimisti, confidenziali, assolutamente coinvolgenti. Ieri sera “I Quartieri” sono stati i protagonisti della rassegna musicale “Prima Classe Non E’ Acqua” la novità di quest’anno in programma al Pr ... RagusaNews | Letture: 7 | Voti: 0 Paolo Mei e il Circo d’ombre in concerto a Ragusa 08 apr | Ragusa - Una serata tutta rock per festeggiare “Prima Classe Non è Acqua”. Per l’ultimo appuntamento della rassegna, il direttore artistico Vincent Migliorisi ha riservato infatti una sorpresa al pubblico appassionato della m ... RagusaNews | Letture: 7 | Voti: 0

ufficio stampa

Rassegna stampa Prima Classe non è Acqua 2013  

Rassegna stampa Prima Classe non è Acqua 2013

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you