Issuu on Google+

dei

i n i bamb

Ăˆ tanto il bene che mi aspetto...

che ogni croce mi è diletto! Inserto N. 3

2009


i n i b m dei ba

Carissimi bambini, ecco il tema di questo numero: cosa succede se siamo fedeli a Gesù? Andremo contro quello che pensa e che vuole la maggior parte delle persone che abbiamo vicino! Così, spesso saremo presi in giro, poi qualcuno farà anche dei dispetti… chi è più cattivo non vedrà l’ora che ci capiti qualcosa di male e se può negherà i nostri diritti più semplici… Poi, in alcune parti del mondo, c’è chi vuole la morte dei cristiani e infatti anche i telegiornali ogni tanto ci dicono che qualcuno è stato rapito o ucciso…

2


i n i b m a dei b Ma allora non conviene essere cristiani? Eh bè, direi proprio di no… peccato però che, scegliendo di stare con la maggior parte della gente, perderemo: la dolcezza di Gesù la consolazione della Madonna la pace nel cuore l’amicizia sincera la luce della Chiesa la speranza che illumina la vita …

Ahh, dimenticavo di farvi gli auguri: il 1° novembre festeggiamo tutti gli onomastici!

3


i n i b m dei ba IV mistero doloroso: LA VIA CRUCIS «Dopo averlo schernito, condussero fuori Gesù per crocifiggerlo. Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene Marco 15,21 che veniva dalla campagna, a portare la croce…»

Caro Gesù, mi fa male vedere quanto soffri portando una croce pesante, coperto di ferite su tutto il corpo… mi fa male vederTi cadere, schiacciato dal dolore di ritrovarti solo fra persone che non ti vogliono bene… mi fa male sapere che stai andando incontro alla tortura e alla morte…

4


i n i b m dei ba

Caro Simone di Cirene, quando ti hanno chiesto ti aiutarmi a portare la Croce, ti ribellavi e pensavi: perché proprio io... ci sono uomini più forti di me… e ora piangi per me… Ecco perché sei stato scelto per aiutarmi a portare la croce: hai condiviso la mia vergogna, la mia fatica, il mio dolore, mi hai difeso davanti a tutti e il tuo cuore piano piano è cambiato… adesso sei più forte e non ti nasconderai più tra la folla: avrai il coraggio di dire quello che pensi e di difendere chi soffre ingiustamente… e non avrai più paura di essere deriso ed escluso!

Sì Gesù, ogni volta che penserò a quanto hai sofferto anche per me lungo tutta questa strada, sentirò il tuo amore, e la tua dolcezza, mi darà il coraggio che mi manca…

Grazie Simone, adesso devo salire da solo sulla Croce, ma senza di te non sarei mai arrivato sulla cima del Golgota… e per questo tu sarai ricordato per tutta l’eternità…

… ecco che cosa succede a chi vive accanto a Gesù!

5


i n i b m dei ba Cosa vogliamo festeggiare: la notte di Halloween o la festa di tutti i Santi? Le origini di Halloween risalgono agli antichi druidi celti, circa 2000 anni fa. I Celti vivevano in ciò che oggi sono la Francia, l'Inghilterra, il Galles e la Scozia, e celebravano la vigilia del nuovo anno, il 31 ottobre, in onore di Samhain, il principe della morte. I Celti credevano che in questo giorno gli spiriti malvagi dei morti ritornassero per creare confusione e caos fra i viventi. La festa doveva placare Samhain e gli spiriti dei defunti. A causa delle sue radici e della sua essenza, Halloween apre una porta all'influsso occulto nella vita delle persone, infatti l'enfasi di Halloween è sulla paura, sulla morte, sugli spiriti, la stregoneria, la violenza, i demoni.

Il 1° novembre è la festa di tutti i Santi che sono in Cielo… abbiamo già parenti e amici che sono in Cielo… quel giorno sarà la loro festa… Potremo pregarli, offrire loro i meriti di Gesù. Essi lo sapranno e tutto ciò farà loro un gran piacere… Per ringraziarci domanderanno a Dio molte grazie per noi!

6


i n i b m dei ba Pensate alla festa e alla gioia che ci sono in Paradiso... tutti i santi si fanno gli auguri e il Signore e la Madonna sono in mezzo a loro:

Santa Teresina sparge su di noi una pioggia di rose, San Francesco e San Domenico festeggiano insieme i loro figli spirituali,

Madre Teresa ci insegna ad amare chi soffre, i martiri baciano le piaghe di GesÚ‌

Allora, cosa ne dite: volete festeggiare la morte, la paura, il male e i suoi fantasmi o la gioia, la luce, l’amore e la vita?

7


Ma che t’importa della Messa? Per una domenica cerca di divertirti, invece di rinchiuderti in chiesa a sentire delle chiacchiere!

Ma come... alle 7 ? Per quell’ora non riesco ad andare a Messa!

Ok, ragazzi! Allora domattina anticipiamo la partenza alle 7 !


Per favore, Andrea, per me è importante! Dai, partiamo alle 8, come eravamo già d’accordo...

Oh, insomma Giovanni, ci hai proprio stancato con tutte le tue paranoie... e le bugie non si dicono, e prima di mangiare facciamo una preghiera, e le parolacce ti danno fastidio... Basta! O parti con noi o non farai più parte del nostro gruppo!!!

Perché è così duro con me? Cosa gli importa se vado a Messa? Perché mi prende in giro solo perché sono fedele a Gesù?

Giovanni di solito sopportava di essere deriso, perché era felice di far parte del gruppo di Andrea. A scuola aveva sempre qualcuno con cui parlare, e appena potevano, partivano tutti insieme per fare delle belle escursioni nelle montagne intorno al loro paese! Adesso, invece, la minaccia di Andrea gli pesava sul cuore come un macigno...


Se domattina vado a Messa, non farò in tempo a partire col gruppo e Andrea ha minacciato di non volermi mai più con loro... Che faccio?

Ti vedo un po’ triste oggi... cosa è successo?

Caro Giovanni, sei ancora troppo piccolo per capire certe cose, ma anch’io sono stato “escluso” nel mio lavoro di medico, perché ad alcune persone importanti dà molto fastidio che io difenda sempre i valori della vita...!

Piccolo mio, anche per te è arrivato il momento di scegliere fra l’amicizia con Gesù e quella di Andrea

Sì, mi hanno licenziata, quando non ho voluto accettare le nuove condizioni... Dopo nessuno voleva più assumere una donna con tanti figli...Tu sai quanto mi prendessero in giro in paese, ogni volta che nasceva un fratellino... invece di aiutarmi!

Mamma, allora quando hai perso il lavoro è stato perché non volevi più lavorare la domenica? L’hai fatto per noi?


Grazie! Lo so che posso sempre contare su tutti voi.. Ma come mai alcune persone ci umiliano solo perché vogliamo seguire Gesù?

Perché Gesù invita gli uomini a fare sempre la cosa giusta e allora tante persone, per non sentire i rimproveri della coscienza, preferiscono dire che Gesù non esiste, offendendo chi lo voglia seguire. Anche noi abbiamo dovuto scegliere e rinunciare a qualcosa, perché per noi Gesù è sempre la persona più importante e non permettiamo a nessuno di separarci da lui.

Caro fratellino, adesso capisci? Anche noi soffriamo, perché non riusciamo a laurearci. Nella nostra tesi vorremmo parlare del matrimonio e della bellezza della famiglia... Ma c’è sempre qualcuno che ci “esclude” e ci blocca continuamente!


E allora sapete cosa vi dico, anch’io nel cuore ho legiàapparve scelto:così: so che Poimio la Madonna Gesù mi vuole bene, più di Andrea e di tutti i compagni del mondo, e anch’io non lo voglio deludere: domattina abbiamo un’appuntamento alla Messa: Lui ci sarà per me e anch’io sarò lì per Lui…

Ah che bella giornata: abbiamo incontrato un branco di cavalli e abbiamo visto un capriolo… e poi ci siamo mangiati delle bistecche alla brace troppo buone…! E tu Giovanni ti sei divertito a fare il chierichetto?

Adesso il cuore di Giovanni era in pace perché sapeva di aver fatto la scelta giusta ma era un po’ timoroso pensando di tornare a scuola, infatti il lunedì mattina Andrea non faceva altro che vantarsi della sua escursione:


Si, hai ragione, io SONO DIVERSO, io credo a Gesù e per la mia vita è la persona più importante… E sai cosa ti dico? Mi dispiace per te, perchè quando non hai attorno i tuoi compagni, allora tu sei veramente solo… io invece posso sempre contare su un Vero amico e anche se voi avete deciso di isolarmi, so che Gesù non mi abbandonerà mai !!!

Tu vuoi fare il diverso? E allora STAI DA SOLO!

Giovanni non rispose alle provocazioni, così al momento di andare alla mensa, Andrea impedì a Giovanni di sedersi con loro:

Giovanni era tutto rosso, ma finalmente aveva scelto, da quel giorno cominciava anche per lui una nuova vita: sicuramente lo aspettavano ancora derisioni ed esclusioni ma con il tempo e frequentando la Chiesa, avrebbe conosciuto nuovi amici. Ma ciò che più era importante, è che ora era più vicino a Gesù: anche Lui un tempo era stato abbandonato dai suoi migliori amici…


Signore, il Tuo amore per noi non si ferma alle parole, il Tuo amore per noi non è uno scherzo. Tu sei uscito allo scoperto, Tu ti sei sporcato le mani, Tu ci hai fatto toccare con mano il Tuo amore. Vogliamo camminare sulla via del Tuo amore, su quella strada che Tu hai scelto, la strada dell'amore che fa sul serio, di un amore che non si ferma alle promesse, di un amore che arriva a pagare di persona.

GesÚ muore in croce e la Sua Mamma e gli angioletti in Cielo soffrono con Lui‌ Maria Sofia di Fermignano (5 anni)

16


/2009-03