__MAIN_TEXT__

Page 1


**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 18/02/16 17:25 Pagina 2


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:47 Pagina 3


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:48 Pagina 4

cover by photo by

direttore responsabile direttore editoriale art director redazione

redazione New York

direttore Livein Green segreteria abbonamenti pubblicità relazioni esterne Milano relazioni esterne Padova hanno collaborato:

Ludovico Maria Nobile Joseph Ralph Fraia n. 32 anno 7 - bimestrale · febbraio 2016 Matteo Tornielli m.tornielli@livein-style.it Bruno Petronilli b.petronilli@livein-style.it Ludovico Maria Nobile Vittoria Fabris, Annalisa Fanticelli, Alberto Brandisseri, Edoardo Dominici Joseph R. Fraia, Alessandro Faidiga, Paolo Galassi, Ilaria Ambrosetti, Veronica Baesso, Pamela Quinzi, Annalisa Mazzoli, Veronica Mazzoleni Donato Ala

d.ala@livein-style.it

info@livein-style.it www.livein-style.it info@livein-style.it Giovanna Repossi gio.zesign@gmail.com Marcella Lanivi m.lanivi@livein-style.it Matteo Ala, Kurt Anrather, Pietro Bazzoli, Alessandro Byther, Federica Bevilacqua, Luca Bonacini, Valeriano Borroni, Susanne Capolongo, Sara Carraro, Lydia Cavaliere, Franca Comparetto, Marco Di Carlo, Laura Di Cosimo, Salvatore Fabbri, Fabrizio Fasani, Romina Fossati, Pier Giorgio Giraudo, Marcella Lanivi, Elisa Lanotte, Marco Massetani, Alessandra Modenese Kauffmann, Laura Orlandi, Luca Pezzini, Dino Piacci, Alessandra Piubello, Anna Quatraro, Giovanna Repossi, Maurizio Signorini, Marco Timelli, Vanni Valente, Enrico Vannucchi, Francesca Caterina Vetrano. cercaci su facebook e twitter scarica la App gratuita LIVEIN STYLE

editore sede legale sede opertaiva

stampa

4

Lis s.r.l. Via Dei Da Prata 14 - 31100 Treviso (Italy) Viale Navigazione Interna 51 - 35129 Padova (Italy) tel. +39 0498157020 Puntoffset snc Viale Spagna, 12 35020 Ponte San Nicolò - Padova www.puntoffset.com

Copyright Editoriale Livein - Registrazione al registro della stampa del Tribunale di Padova, n. 2214 del 12/03/2010 è vietata la riproduzione totale o parziale della rivista senza l’autorizzazione dell’Editore. In questo numero la pubblicità non supera il 30%. Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito. L’Editore è disponibile ad assolvere ogni obbligo nei confronti dei titolari di diritti relativi a testi, immagini, illustrazioni e fotografie che non sia stato possibile contattare.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:48 Pagina 5


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:49 Pagina 6

26

New York 28 30 34 40 42 46 50 42

61 73 85

Da New York con furore Si alzi il sipario! Lessons In Grooming New York, moda stile storie “Tornatore’s Way” New York City Past Is Present New York Italians Secret Garden

Men’s Code

62 Apache powerboats legend 66 1960: Un orologio per la Dolce Vita 68 TABARRO

Coco&Co

74 La mia passione per New York 78 PangaeA, la seconda vita dei palloni... 82 New York, la vetrina dell’Europa

Gourmet

6

87 89 91 93 95 96 98 100 104 108 112

115 127 133 Cigar Room

116 Macanudo Inspirado 120 La CCA vista dal Presidente

Wellness Style 128 Le terme divine della Salvarola

Green

134 138 142 146 148 150

In viaggio verso il Marocco Nuova Porsche 911 Il Valore del Golf in Italia In City Golf e Diga Verso la Rider Cup 2022 Blue Team Academy

153 Art Room

154 Giovanni Cerri, 30 anni di pittura 158 Fashion Savana Park 160 The Empire City

Appletru, il love cocktail del Cafè... Corteaura, nuovo concept per una nuova... Ferrari è la “Cantina Europea dell’Anno” Glenmorangie e il Principe Alberto II... Riaprono le Cantine di Moët & Chandon Alta Gradazione L’Erbaluce di Caluso di Tenuta Roletto... La Perlage dei Fratelli Nardi... Essere “Jacquesson addicted” La più antica acetaia del mondo Perfezione e creatività


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:49 Pagina 7


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:51 Pagina 8

EDITORIAL

editoriale We start again, new year, new stimulus, and above all, new destination. As from this number, Livin will be present not only in Italy, but also in New York! The city more trendy, trasgressive and cynic in the world. Could we start from another place? All jokes aside, we start a new challenge that we will try to live as protagonist. The possibility to be read in the great apple is certainly a stimulus to do always better. For this reason, the first number of the year couldn’t be dedicated to this city with a look not too much romantic, not too much critical. We tried to tell the city as the reality of the city, with its beauties and contradictions, but above all with the look of who live and work there, not with the absent-minded look of the tourist. A point of view which we hope you will find interesting, and that, as always, doesn’t have the purpose to give answers, but to create questions and curiosities. As we hope, you will find interesting all the other realities we presented in these pages, realities often not very known, but having the art of the knowhow typical of the Italian creativity which the world envies to Italy. If we managed to do it, You will decide. Have a great reading!

8

Ripartiamo, nuovo anno, nuovi stimoli e, soprattutto, nuove destinazioni. Già perchè da questo numero Livein non sarà solo in Italia, ma anche a New York! La città più alla moda, trasgressiva e cinica, del mondo. Potevamo iniziare da qualche altro posto? Scherzi a parte inizia una nuova sfida che cercheremo di vivere da protagonisti, poter essere letti nella grande mela è sicuramente un incentivo a fare sempre di meglio. Per questo motivo il primo numero dell’anno non poteva che essere dedicato a questa città con uno sguardo ne troppo romantico e neppure eccessivamente critico. Abbiamo cercato di raccontarvela come è realmente con le sue bellezze e le sue contraddizioni ma, soprattutto, con gli occhi di chi ci vive e ci lavora non con lo sguardo distratto del turista. Un punto di vista che speriamo troviate interessante e che, come sempre, non ha lo scopo di dare risposte ma di suscitare domande e curiosità. Come speriamo troviate interessante tutte le altre realtà che abbiamo presentato in queste pagine, realtà spesso non molto note ma che racchiudono in se l’arte del saper fare tipica della creatività italiana che il mondo intero ci invidia. Se ci siamo riusciti a no, è un giudizio che spetta a Voi. Buona lettura. Matteo Tornielli


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:51 Pagina 9


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:53 Pagina 10

DESIGN

Mi-ami NY? I have to admit that writing up an identikit for the modern hipster living in Williamsburg was very tempting, with all of the his and hers designer gadgets required to fit the description and ultimately fit in with the community. I would have very much enjoyed drawing up a scheme depicting all of this an more but as usual New York has much more and better to offer and so I’ll leave that for some other occasion. This time the organizers of Art Miami are involved and although we have many design capitals around the world they thought the ideal spot to inaugurate the first edition of NY Design + Art is in the Big Apple of course. The organizers didn’t limit themselves to filling up a parking lot with provisional plastic tents or recreating the classic flea market we see so much of. They got pretty serious and will occupy the 69th Regiment Armory between Lexington Avenue and 25th Street. 30,000 square feet positioned in the heart of the Flatiron District, within the creative craziness of Manhattan, between Chelsea, Soho and Downtown Lower Eastside. Starting the 5th of May 2016 until the 8th this fair will see participating over 50 international galleries, artists, architects and designers. The general theme for this show are acquisition of collectible and limited edition furniture, design and art objects from the 20th and 21st centuries. In other words a real party for the modern design lovers but also for the elite art aficionados and also great for the exceptional atmosphere we breathe at these venues. Since this is also a fair it will be possible for collectors and the general public to put hand at their wallets and acquire that object missing in the living room. There will be room for all sorts of artists, designers, amateurs and even for the window shoppers, just like for the city that hosts this event, a true melting pot of different cultures and general diversity that can lead to only one outcome, a real show."We are thrilled to have the opportunity to bring a world class Design + Art Fair to NewYork City during this important week for the acquisition of art," said Fair Director Nick Korniloff. "We look forward to welcoming the world's leading art collectors, curators, institutions, designers, artists and art enthusiasts to this historic venue and the inaugural NY Design + Art."I have to be honest and when I read about this fair a couple of weeks ago I thought someone was spying me. It felt like Alice in Wonderland. Almost too good to be true. Luckily design and all of its entourage is heading in the right direction. I believe this is a very important time for the creative field, in this city and as a reflection for the international scene. New York loves us, unconditionally all we need to do is to be present. The 5th of May I’ll be at the opening, how about you? For more information and a chance to book a visit go to: http://www.nydesignandart.com

10

In questo numero dedicato alla grande mela devo ammettere che avrei voluto fare un identikit del tipico ‘hipster’ newyorchese residente nella trendy Williamsburg. Immaginavo di disegnare uno schema con tutti gli accessori di design per lui e per lei in grado di soddisfare i requisiti per entrare a far parte di questa comunità. Rimando alla prossima occasione perché come al solito New York ci stupisce con nuove cose ed effetti veramente speciali. Questa volta c’e’ lo zampino degli organizzatori di Art Miami i quali hanno pensato che, nonostante ci sono diverse capitali riconosciute del design in giro per il mondo, il posto ideale per inaugurare la prima fiera di art-design e’ proprio in questa magica città, New York City. Gli organizzatori non si sono nemmeno limitati ad allestire dei tendoni o trovare un parcheggio da occupare per qualche giorno. Hanno pensato di fare le cose per bene e come sfondo hanno scelto l’edificio della famigerata armeria del 69smo reggimento fra Lexington Avenue e la venticinquesima strada. Quasi tremila metri quadrati nel cuore della Flatiron District, nel centro nevralgico della creatività che rende così speciale questa città. Dal 5 al 8 di Maggio 2016 prenderà il via questo evento speciale che presenterà oltre 50 galleria internazionali, artisti, architetti e designer. Il temi da rispettare sono oggetti da collezione d’arte e design, arredamenti in serie limitata provenienti dal secolo scorso e quello corrente. Insomma un vero e proprio carnevale per gli amanti del modernariato, del design elitario e dell’atmosfera particolare che si respira durante gli eventi d’arte. Trattandosi di una fiera mercato i collezionisti potranno mettere mano al portafogli per soddisfare la voglia di aggiungere quel pezzo mancante nel soggiorno di casa. Ci sarà spazio per tutti i generi artistici, di design e per tutte le persone, amanti, addetti o semplici curiosi. Proprio come la città che ospita questo evento, una mescolanza di culture e diversità che posso dare luogo ad una cosa sola, spettacolo. Il direttore dell’evento Nick Korniloff in una recente intervista dice, “Siamo entusiasti per questa opportunità di portare questa fiera di alto design a New York City durante un periodo importante per gli acquisti nel mondo dell’arte”, e continua dicendo,”Siamo lieti di accogliere i leader mondiali nell’ambito artistico, curatori, istituzioni, designers, artisti ed amatori a questo speciale e storico evento ad inaugurare NY Design + Art”.Io devo essere sincero e quando lessi di questo evento qualche settimana fa pensavo d’essere stato spiato. Un bimbo nel paese dei balocchi. Troppo bello per essere vero. Fortunatamente il design e tutto il suo entourage si sta muovendo nella direzione giusta. Credo sia un momento molto importante per lo straordinario ambiente creativo, in questa città e di conseguenza a livello internazionale. New York ci ama incondizionatamente, basta esserci. Il 5 Maggio io sarò all’inaugurazione, e voi? Per ottenere ulteriori informazioni: http://www.nydesignandart.com Alessandro Byther da New York


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:53 Pagina 11


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:55 Pagina 12

EVENTS

Motor Bike Expo 2016 Double presence and double success for Proraso the Motor Bike Expo in Verona, which ended with over 150,000 visitors, surpassing the result of last year and confirming the heart of the world custom button at the international level and the universe-motion. The stand of Alo's Café was set up the Temporary Barber Shop Proraso, that thanks to BisB professionals of Lucca, responsible for the management of the corner, offered visitors a traditional shaving and adjusting of beard and mustache paid during the threeday fair. After scoring the Alo's Barber, the motion of personalized barber with the logo and the symbol of Proraso colors, presented at the last edition of The Distinguished Gentleman's Ride and exposed at EICMA 2015, he continues to work with Alo's Café, specializing in the production of components for customization. In addition to the new line of classic motorcycle accessories, visitors could then admire the Alo's Barber in two colors, green and white. The bike features several references to the barber world: in the side panel has an integrated little bag specifically designed for a travel kit to shave and actually tank strap is a leather affilarasoio (century character). Another always signed Proraso barberia space and fully managed by Cesare Casoni di Bassano del Grappa, remained available to guests at the booth Red Wings, the most popular shoes with motorcyclists, set up in American vintage style thanks to the Lost & Found support. The thick test drive program, competitions and contests designed to bring out the most beautiful preparations, this year has added a strong element of spectacle and entertainment, thanks to the introduction of the tattoo is that of course the presence of the two Temporary Barber Proraso shop.

12

Doppia presenza e doppio successo per Proraso al Motor Bike Expo di Verona, che si è chiuso con oltre 150.000 visitatori, superando il risultato della passata edizione e confermandosi cuore pulsante del mondo custom a livello internazionale e dell’universo-moto. All’interno dello stand di Alo’s Café è stato allestito il Temporary Barber Shop Proraso, che grazie ai professionisti di BisB di Lucca, responsabili della gestione del corner, ha offerto ai visitatori un servizio di rasatura tradizionale e regolazione di barba e baffi a pagamento durante i tre giorni di fiera. Dopo aver realizzato la Alo’s Barber, la moto del barbiere personalizzata con il logo e i colori simbolo di Proraso, presentata in occasione della scorsa edizione di The Distinguished Gentleman’s Ride ed esposta ad Eicma 2015, prosegue la collaborazione con Alo’s Café, specializzato nella produzione di componenti per la customizzazione. Oltre alla nuova linea di accessori per moto classiche, i visitatori hanno potuto quindi ammirare la Alo’s Barber nelle due colorazioni, verde e bianca. La moto è caratterizzata da vari richiami al mondo del barbiere: nel fianchetto presenta una borsina integrata appositamente pensata per un kit da viaggio per radersi e la cinghia serbatoio in realtà è un affilarasoio in cuoio (stile inizio secolo). Un altro spazio barberia sempre firmato Proraso e interamente gestito da Cesare Casoni di Bassano del Grappa, è rimasto a disposizione degli ospiti presso lo stand Red Wings, le scarpe più amate dai motociclisti, allestito in stile American vintage grazie al supporto di Lost & Found. Al fitto programma di test drive, gare e contest pensati per far emergere le più belle preparazioni, in questa edizione si è aggiunta una forte componente di spettacolo e intrattenimento, sia grazie all’introduzione dell’area tattoo che ovviamente alla presenza dei due Temporary Barber Shop Proraso. Vittoria Fabris


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:55 Pagina 14

CARS

Fascino e tecnologia, nuova BMW serie 7 The BMW 7 Series represents precision and quality craftsmanship at a supreme level. Evidence of this is the Floating Design Mirror: The side mirrors appear to grow organically out of the window outline. Modern and elegant in their effect, they also enhance the aerodynamics. Other examples of genuine detail refinements are the Active air stream kidney grille with vertical slats in Chrome, the high-precision and powerfully distinctive appearance of the wheel design and the seamlessly incorporated Hofmeister kink. On the inside, high-quality materials such as chrome with interior trims in Poplar Grain Grey fine-wood finish and seats with upholstery such as exclusive ‘Nappa’ leather in Ivory White create a harmonious combination. Also displaying a high level of handicraft is the instrument panel decorated by a continuous seam. Wood decorative trim and electroplated strip are individually matched during the production process so that a seamless overall picture is obtained. The BMW Individual Collection with an exclusive colour and material scheme offers additional varied options for designing the BMW 7 Series. These include the upholstery colour fine-grained full Merino leather in Mediterranean Brown Tartufo with hand-crafted details such as the stitching in woven look, hand-braided piping and colour-contrasting seams.

14

La Nuova BMW Serie 7 è sinonimo di precisione e qualità delle lavorazioni ai massimi livelli. Il Floating Design Mirror ne è la prova: gli specchietti retrovisori laterali sembrano crescere direttamente dal profilo dei finestrini. Oltre ad avere un look moderno ed elegante, migliorano anche l’aerodinamica. Altri dettagli preziosi sono la calandra a doppio rene con Active Air Stream con listelli verticali cromati, il design potente e preciso dei cerchi e il gomito di Hofmeister che si estende senza interruzioni. Nell’abitacolo, materiali di alta qualità come le modanature interne cromate con particolari in legno pregiato Pioppo venato grigio e i rivestimenti dei sedili in Pelle Exclusive Nappa in Ivory White si combinano armoniosamente. La cura e la qualità delle lavorazioni sono evidenti anche sulla plancia strumenti, arricchita da un profilo continuo. Modanature in legno e mascherine galvanizzate sono abbinate singolarmente durante il processo di produzione per un risultato globale impeccabile. La Collezione BMW Individual con una gamma esclusiva di colori e materiali offre opzioni aggiuntive per il design della Nuova BMW Serie 7. Tra queste i rivestimenti in pelle Merino full a grana fine in Mediterranean Brown Tartufo con dettagli lavorati a mano come le impunture intrecciate, i bordini cuciti a mano e le cuciture a contrasto. Edoardo Dominici


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:55 Pagina 15


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:57 Pagina 16

UNITED STATES

La rendita d'affitto negli States The number of Italian people buying their house abroad for investment is continually growing, and among the favorite foreign countries, the second chance is Unites States (after Spain, chosen primarily as destination for the holiday and for the closeness). This datum doesn’t surprise me : for years, I am working for estate agency in the USA and I think it is the country where investors are most protected in the world. The most of my activity is concentrated between Miami and Tampa. Personally, I was impressed already the first time I spent my holiday. As well as the white beaches and the Caribbean landscapes, I liked immediately their culture which protect and foster business. Not only, Florid is a state with a Mediterranean soul, whose inhabitants speak not only American, but also Spanish for the great quantity of immigrants from Caribbean and Central America. As a consequence, when I am there for work, being in contact with people with a culture similar to ours, I feel a little the distance from my house. Besides the little bureaucracy, and the incentives for people opening a business, as investors, we are highly protected, in the States. On a side, there is a deep respect for the foreign person investing his money in their country, contributing to increase their GDP, and consequently their wealth. On the other side, private property is sacred and this enable people owners an estate to be protected, contrary to what happens in Italy. As a consequence, buying renting estates in Florid enable to live peacefully their investment. As a matter of fact, if the last don’t pay the last fellow-tenant doesn’t pay the rent, he must leave the house within about forty-five days. The notice to quit is given by the county sheriff, but very often, the defaulting tenant prefers to quit the house of his own free will. (It is always better not to meet the local sheriff ). When the contract is drawn up, a monthly payment is received as a bail which in the case of a defaulting tenant will cover the renting of the month not paid. In that case, you have only to wait just more than a month in order to benefit of the renting of a new tenant. Besides, as there are also touristic areas, the fee are higher than the average and this is an opportunity to profit. I am speaking on my own experience, thinking of Florida as a destination for your own investments, as well as touristic destination è certainly interesting, above all for the opportunity to create a constant income.

16

Gli Italiani che acquistano casa all'estero per investimento sono in continuo aumento e tra i paesi esteri preferiti, al secondo posto troviamo gli Stati Uniti (al primo la Spagna, scelta principalmente come meta per le vacanze e per la vicinanza). Questo dato, non mi sorprende: da anni mi occupo d’immobiliare in USA e credo sia il paese dove, come investitori, siamo tutelati di più al mondo. La maggior parte della mia attività è concentrata tra Miami e Tampa. Personalmente ne sono rimasto affascinato già la prima volta che ci sono stato in vacanza. Oltre alle spiagge bianche e ai paesaggi caraibici, ho apprezzato fin da subito la loro cultura che tutela e promuove fortemente il business. Non solo, la Florida è considerata uno stato dall'anima latina, dove oltre all'americano si parla anche lo spagnolo grazie alla gran quantità di immigrati provenienti da Caraibi e America Centrale. Di conseguenza, quando sono lì per lavoro, essendo a contatto con persone con cultura simile alla nostra, sento poco la distanza da casa. Oltre alla poca burocrazia e ai numerosi incentivi per chi apre un business, in qualità di investitori, negli Stati Uniti, si è fortemente tutelati. Da una parte c'è profondo rispetto per lo straniero che investe il proprio denaro nel loro paese, contribuendo ad accrescere il loro PIL, e di conseguenza la loro ricchezza. Dall'altra, la proprietà privata è sacra e questo permette a chi possiede un immobile di essere tutelato, a differenza di ciò che accade in Italia. Di conseguenza, acquistare degli immobili da affitto in Florida permette di vivere serenamente il proprio investimento. Infatti, nel caso in cui l’inquilino non paghi l'affitto, deve lasciare la casa entro 45 giorni circa. Lo sfratto avviene tramite lo sceriffo della contea ma molto spesso, l'inquilino moroso, preferisce lasciare la casa di propria spontanea volontà. (è sempre meglio non avere a che fare con lo sceriffo locale). Alla stipula del contratto, si riceve una mensilità come garanzia che in caso di inquilino moroso, coprirà l’affitto del mese non pagato. In quel caso non resta che attendere poco più di un mese per beneficiare dell'affitto di un nuovo inquilino. Inoltre, essendo anche zone turistiche, i canoni sono più alti della media e questa è un'opportunità di cui approfittare. Ti parlo per esperienza personale, pensare alla Florida anche come meta per i propri investimenti, oltre a una meta turistica è sicuramente interessante, soprattutto per la possibilità di creare una rendita solida e costante. Vanni Valente - www.vannivalente.com


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:58 Pagina 17


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:59 Pagina 18

CELEBRITIES

Una donna alla conquista di New York For many, she is Carrie Bradshow: a famous journalist, interested in shoes and looking for troublesome, total and exhausting love. Thanks to the character she played in Sex and the City, we explored the streets of New York, we entered the most exclusive pubs and we were overwhelmed by the frenzy of the city that never sleeps. Sarah Jessica Parker defines herself extremely different from the character who brought her to win many prizes and candidacies, as a woman much tied to family and calm, the opposite of her lucky character. The American actress lives in New York, right in the big apple, with her family, composed of her husband Matthew Broderick and their three children, a son and two daughters. Differently from her character, Sarah Jessica Parker has indeed a long marriage, she is a particularly apprehensive mother and she puts on the first place relationship and family. After the success achieved with two films on the series Sex & the City, the actress has played different roles, from the single mother to the businesswoman with children and a happy marriage. She aims to step out of the character and show the audience that Sarah Jessica Parker has her personality, her values, distant from those of her famous character and a private life which is independent from fashion and love troubles. Mrs Parker love fall and walking for the streets of New York, she is very active on socials, and, in particular, she uses the profile Instagram in order to share with her followers her private moments, the meals she prepares as well as the pictures she takes in her loved city. From her profile, she looks like a normal woman, who for her 50th birthday, had not have a party with her friends in exclusive locals, but has brought her son to watch a hockey game at the Madison Square Garden.

18

Per molti è Carrie Bradshow: giornalista alla moda, appassionata di scarpe e alla ricerca dell’amore scomodo, totale e spossante. Con il personaggio che ha interpretato in Sex and the City abbiamo percorso le strade di New York, siamo entrati nei locali più esclusivi e siamo stati travolti dalla frenesia della città che non dorme mai. Sarah Jessica Parker si definisce estremamente diversa dal personaggio che l’ha portata a vincere svariati premi e numerose candidature, è una donna legata alla famiglia e alla tranquillità, l’opposto del suo fortunato personaggio. L’attrice statunitense vive a New York e proprio nella grande mela ha creato la sua famiglia, composta dal marito Matthew Broderick e dai tre figli della coppia, un maschio e due femmine. Diversamente dal suo personaggio, Sarah Jessica Parker ha, infatti, un matrimonio stabile e duraturo, è una madre particolarmente apprensiva e ha sempre messo al primo posto i legami e la famiglia. Dopo il successo ottenuto con i due film tratti dalla serie Sex & the City, l’attrice ha interpretato ruoli con caratteristiche molto diverse, dalla madre single, alla donna in carriera con bambini e un matrimonio felice. L’obiettivo è di uscire dal personaggio di Carrie e dimostrare al pubblico che Sarah Jessica Parker ha una sua personalità, dei suoi valori, distanti da quelli del suo famoso personaggio, e una sua vita privata che prescinde da moda e problemi d’amore. La Parker ama l’autunno e adora camminare per le strade di New York, è molto attiva sui social, in particolare utilizza il profilo Instagram per condividere con i suoi seguaci momenti del suo privato, dai pasti che prepara alle foto che scatta nella sua amata città. Dal suo profilo traspare una donna normale, che per i suoi 50 anni non ha festeggiato con le amiche in locali esclusivi ma ha portato il figlio a una partita di hockey al Madison Square Garden. Marco Di Carlo - www.marcommunication.com


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 14:59 Pagina 19


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:01 Pagina 20

BIKE

CC1, ciccione

After an appropriate period of testing products, preparation and technical organization and trade, only a few years ago, was announced in Verona, on the occasion of an Italian Golf Exhibition, the birth of GOLFINGER. They were presented at that meeting, a first range of golf carts, receiving baptism on the field by the President of the Federation, Dr. Franco Chimenti, and the visit of good wishes of a young new champion, Matteo Manassero. In light of the recognition range, over time, it has been expanded and complemented by more innovative proposals in the field of equipment and accessories for golf. From this experience the range grows entering in the difficult world of electric bicycles. In Italy the electric bicycle is seen as an object intended for people of a certain age who find it difficult to pedal, but, thanks to Elektrabike line, today is no longer so. sports bikes, with blazing performances that thanks to electric technology join comfort to a sporty driving experience, such as CC1 (fat) - Fat bike, a bike with central motor 250w 36v, Samsung 10.4 ah lithium battery, disc brakes , Shimano 8-speed. Sporty and powerful with outstanding performance in off-road, sand and snow.

20

Dopo un adeguato periodo di sperimentazione dei prodotti, di preparazione ed organizzazione tecnica e commerciale, solo pochi anni fa, è stata annunciata a Verona, in occasione di un Salone Italiano del Golf, la nascita di GOLFINGER. Furono presentati, in quella sede, una prima gamma di carrelli da golf, ricevendo il battesimo sul campo dallo stesso Presidente della Federazione, dott. Franco Chimenti, e la visita augurale di un giovanissimo nuovo campione, Matteo Manassero. Alla luce di quel riconoscimento la gamma, nel tempo, è stata ampliata e completata da proposte sempre innovative nel campo delle attrezzature ed accessori per il golf. Da quest’esperienza la gamma si amplia entrando nel difficile mondo delle biciclette elettriche. In Italia la bicicletta elettrica è vista come un oggetto destinato a persone di una certa età che fanno fatica a pedalare, ma, grazie alla linea Elektrabike, oggi non è più così. Biciclette sportive, con performance strepitose che grazie alla tecnologia elettrica unisco comodità ad una esperienza di guida sportiva, come la CC1 (ciccione) - Fat bike, una bici con motore centrale da 250w 36v, batteria litio Samsung 10,4 ah, freni a disco, cambio Shimano ad 8 rapporti. Sportiva e potentissima con prestazioni eccezionali nel fuoristrada, su sabbia e neve. Vittoria Fabbris


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:01 Pagina 21


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:02 Pagina 22

CHINA TALKS

Cieli cinesi In Beijing, the sky is by now almost always grey. A thick glaze covers the city making its skyline rarefied and the air unbreathable. Nothing to do with the poetic mists which color the mountains in Chinese paintings with ink. In the capital, the thick haze of smog is a real tragedy. In other cities, the colors of skies varies depending on the days: yellow, brown, or even purple-rose. This is well-known by the inhabitants of Nanking, who would had never imagined to wake up in the background for a birthday of a young teenager. It lacks only flakes and hearts matched with the colors, everything was unequivocally pink. Once we used to say “red sky at night shepherd’s delight”. But I don’t think that also in Nanking, many people can think the same, as they are worried for what it happens. And on Weibo, the Chinese Twitter, the dismay is expressed, very much. The citizens of Xilinhot, in the icy Inner Mongolia has lived evenings enchanted by true light pillars, lopped in the dark sky. Almost every day, before the sun-setting, with the numerous artificial lights, other natural were lighten. For the glare of ice crystals, which go down the land, there are long multicolor pillars which make the sky striped. A rare effect that in extreme temperature, it takes place at the sunrise and at the sunset. The sky of Inner Mongolia is magic in its infinite size, beyond the horizon, in every season, but in this case, it looks like the movie set of a futuristic movie. An analogue upset should be felt also by people living in Chengde and Weichang, in the Nord of China, when they see at midday three suns in the blue sky. At the same way a rainbow borns, a halo of light is produced when sun rays are refracted and reflected troughs water particles in the atmosphere. The “fake sun” is an atmospheric phenomenon creating sparkling spots in the sky, always in a bright ring or an halo on both parts of sun. Thousands of different skies stand above China in these months, almost as a metaphor of all the differences of this countries, still nowaddays rappresentated with a red monolithic. The aspects are many and contradictory, nice or worrying, but all live together under a unique great sky.

22

A Pechino ormail il cielo è quasi sempre grigio. Un patina densa avvolge la città rendendo il suo profilo rarefatto e l'aria irrespirabile. Niente a che fare con le poetiche nebbioline che avvolgono le montagne nei quadri ad inchiostro. Nella capitale la bruma spessa di smog è una tragedia. In altre città i colori del cielo variano a seconda della giornate: giallo, marrone o addirittura rosa porpora. Lo sanno bene gli abitanti di Nanchino, che mai si sarebbero immaginati di risvegliarsi nello sfondo per una festa di compleanno di una giovane adolescente. Mancavano solo fiocchi e cuoricini in tinta, tutto era inequivocabilmete rosa. Una volta si diceva: rosso di sera bel tempo si spera. Ma non credo che anche a Nanchino in molti possano pensare lo stesso, preoccupati per quello che accade. E su Weibo, il Twitter cinese, il disappunto si fa sentire, eccome. Le critiche all'inefficienza del governo in proposito fioccano numerose, nonostante sia stato indicato il codice rosso d'allerta meteo già due volte. Il colore rosa porpora di Nanchino, non sembra comunque inusuale per gli eseperti che affermano essere dovuto solo all'angolatura particolare del sole attraverso la coltre di smog. Nella vastità del territorio cinese le anomalie che si vedono alzando il naso verso l'altro non si limitano solo all'inquinamento, per fortuna! I cittadini di Xilinhot, nella gelida Mongolia Interna, hanno avuto delle serate incantate da veri e propri pilastri di luce, svettavanti nel cielo scuro. Quasi ogni giorno al calare del sole oltre alle numerose luci artificiali, se ne sono accese altre naturali. A causa della rifrazione di cristalli di ghiaccio che scendo verso il terreno si creano delle lunghissime colonne multicori che rendono il cielo striato. Un effetto raro che a temperature estreme si verifica all'alba e al tramonto. Il cielo della Mongolia Interna è magico nel suo stendersi infinito oltre l'orizzonte in ogni stagione, ma in questo caso sembrava il set cinematografico di un film fantascientifico. Un turbamento analogo lo devono aver provato anche gli abitanti di Chengde e Weichang, nel nord della Cina, quando hanno visto in pieno giorno bene tre soli campeggiare nel cielo limpido. Nello stesso modo in cui si forma un arcobaleno, un alone di luce viene prodotto quando i raggi del sole vengono rifratti e riflessi attraverso particelle d’acqua nell'atmosfera. Il "sole finto" è un fenomeno atmosferico che crea macchie luccicanti nel cielo, spesso su un anello luminoso o un alone da entrambi i lati del sole. Mille cieli diversi sovrastano in questi mesi il territorio cinese, quasi a metafora delle differenze di questo paese che ancora oggi viene rappresentato solo con un monolitico rosso. Le sfaccettature sono molte e contradditorie, ma convivono tutte sotto un unico grande cielo. Pier Giorgio Giraudo - pg.giraudo@gmail.com


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:02 Pagina 23


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:06 Pagina 24

ART

Arte, bellezza, uomo e natura

24

Continues apace the calendar of events dedicated to culture, hosted in the

Continua a ritmo sostenuto il calendario degli eventi dedicati alla cultura, ospitati

spaces of the Paduan prestigious headquarters of Banca Mediolanum.

negli spazi della prestigiosa sede padovana di Banca Mediolanum.

Also on this occasion among the guests, invited by the private banker Enrico

Anche in questa occasione gli tra ospiti, invitati dal private banker Asti Maria

Maria Asti, among which stood out the names of some members of the

Enrico, tra i quali spiccavano i nomi di alcuni soci della Guggenheim, la famiglia

Guggenheim, the Fiore family and Patscheider family, were able to admire

Fiore e la famiglia Patscheider, hanno potuto ammirare la ricca raccolta di opere

the rich collection of contemporary works beginning with those that They are

contemporanee a cominciare da quelle che si trovano di fronte al palazzo, in

located in front of the palace, in Piazzetta Bussolin.

Piazzetta Bussolin.

The triangular space enclosed by three magnificent sculptures in white mar-

Lo spazio triangolare racchiuso dalle tre magnifiche sculture in marmo bianco,

ble, built by Marco Nereo Rotelli to complete the artistic project of the new

realizzate da Marco Nereo Rotelli a completamento del progetto artistico della

headquarters - the bull, the sphere and the tree Lux - later accepted two

nuova sede – il toro, la sfera e l’albero Lux – ha successivamente accolto due

large steel sculptures by the artist Albanian Helidon Xhixha. The two mono-

grandi sculture in acciaio, opera dell’artista albanese Helidon Xhixha. I due

liths dominate the space, with their imposing size, transform, sensitive to the

monoliti dominano lo spazio, con le loro dimensioni imponenti, lo trasformano,

effects of light and turn reflecting everything around them.

sensibili agli effetti di luce e si trasformano riflettendo tutto ciò che sta loro intorno.

This would be enough to make the small square almost an open air gallery.

Basterebbe questo a rendere la piccola piazza quasi una galleria a cielo aperto.

Instead a few days you can see other new recent works, which follow the

Invece da qualche giorno è possibile ammirare altre nuove recenti opere, che

thread of reflection on the human condition.

seguono il filo della riflessione sulla condizione umana.

A sweet baby sleeping, the considerable length of six meters, entirely made of

Un dolcissimo bambino addormentato, della considerevole lunghezza di sei

hand-woven steel wire, is the work of Joseph English, and was exhibited last

metri, interamente realizzato in filo d’acciaio intrecciato a mano, è opera di

year at the Fiera Milano. A painstaking craftsmanship that enhances the

Giuseppe Inglese, ed è stata esposta l’anno scorso alla Fiera Milano. Un lavoro ar-

graphics and the dynamism of the plot, almost a form of writing that speaks

tigianale certosino, che valorizza il grafismo e il dinamismo dell’intreccio, quasi una

of our humanity, of what is inside the steel wire: not emptiness but the soul,

forma di scrittura, che parla del nostro essere uomini, di ciò che si trova dentro il

fragile and precious like a sleeping child who arouses tenderness and protec-

filo d’acciaio: non il vuoto ma l’anima, fragile e preziosa come un bambino addor-

tion.

mentato che suscita tenerezza e protezione.

Not far away two great figures, a marble and the other painted bronze, close

Poco lontano due grandi figure, una in marmo e l’altra in bronzo dipinto,

the square to Via del Carmine, with their imposing forms and unmistakable.

chiudono la piazza verso via del Carmine, con le loro forme imponenti e incon-

"Cocoon" (2000) and "Tran-site" (2011) are signed by Rabarama, aka Paola

fondibili. “Bozzolo” (2000) e “Tran-sito” (2011) portano la firma di Rabarama, al

Epifani, sculptor of international level. Always focused on the body, which it re-

secolo Paola Epifani, scultrice di caratura internazionale. Da sempre concentrata


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:09 Pagina 25

sul corpo, che considera come un tempio, custode dell’armonia e della vitalità, si

gards as a temple, harmony guardian and vitality, is inspired by classic shapes,

ispira alle forme classiche, arricchite da solchi, simboli, tatuaggi, dai colori smaglianti

enriched by furrows, symbols, tattoos, of brilliant colors or simply engraved, in

o semplicemente incisi, nella ricerca di una nuova fusione tra Arte-Bellezza-

the search for a new fusion of Art- Beauty-Man-Nature. The relationship be-

Uomo-Natura. Il rapporto tra Mediolanum e Padova cresce e si realizza ogni

tween Mediolanum and Padua grows and takes place every day in this pres-

giorno in questa presenza di opere d’arte, una tappa ormai obbligatoria per chi

ence of works of art, a stage now mandatory for anyone who really wants to

vuole conoscere davvero la città e la sua vitalità artistica.

know the city and its artistic vitality.

25


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:09 Pagina 26

26


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:10 Pagina 27

“Start spreading the news I am leaving today I want to be a part of it New York, New York

“Spargete la voce sono in partenza ne voglio far parte New York, New York

These vagabond shoes are longing to stray right through the very heart of it New York, New York I want to wake up in a city that doesn’t sleep and find I’m king of the hill top of the heap These little town blues are melting away I’ll make a brand new start of it in old New York If I can make it there I’ll make it anywhere it’s up to you New York, New York New York, New York I want to wake up in a city that never sleeps and find I’m aye number one top of the list king of the hill aye number one These little town blues are melting away I’m gonna make up a brand new start of it in old New York And if I can make it there I’ll make it anywhere It’s up to you New York, New York”.

Queste scarpe vagabonde hanno voglia di andarsi a perdere fin dentro al suo cuore New York, New York Voglio svegliarmi nella città che non dorme e scoprire che sono il re della collina il meglio sulla piazza Le mie malinconie di paese si stanno dissolvendo riuscirò a ricominciare da capo nella vecchia New York Se posso farcela qui ce la farò ovunque dipende da te New York, New York New York, New York voglio svegliarmi nella città che non dorme mai e scoprire che sono il numero uno il primo della lista il re della collina il vero numero uno Queste malinconie di paese si stanno dissolvendo sí che riuscirò a ricominciare da capo nella vecchia New York E se posso farcela qui ce la farò davvero ovunque dipende da te New York, New York!”.

27


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:13 Pagina 28

N EWYORK

Da New York con furore New York. Here we are. EVOMEDIA team, the official American office of Livein magazine, is honored to present in this first issue of 2016 a special coverage of New York. During the year we will offer a straight and no-filter view over New York, as its lived day by day by people who, as the members of our staff, have been living in this metropolis for years. We aim both to report and to tell the stories of those people and places that make this City real for those who live here, and the articles of this issue are meant to be the very first example of this ambitious but enthusiastic journey. With ‘New York City Past is Present’ and ‘Lesson in grooming’ you will discover two gems of old fashioned way of life which are just unimaginable in the city of the hustle. In ‘New York, fashion style stories’ you will get a picture and an insight view of the deep reasons that make New York unique and different among fashion capitals around the world. The article ‘Ring up the curtail’ instead will take you by hand through the world of New York stage theaters that are far from Broadway ‘s lights, those theaters made by ordinary extraordinarily people, sacrifices, hopes, delusions and tears of joy. But New York It is not just skyscrapers and commuters. ‘Coe Hall – Planting Fields’ shows something really only few people are aware of,

28

New York. Siamo arrivati. Il Team EVOMEDIA, in quanto redazione ufficiale americana del magazine Livein, è onorato di presentare in questo primo numero del 2016, lo speciale reportage su New York. Nel corso dell’anno continueremo a fornirvi un punto di vista diretto e senza filtri della New York vissuta nella vita quotidiana da chi, come i componenti del nostro staff, vive ormai da anni in questa metropoli. La nostra vuole essere sia una cronaca sia un racconto delle persone e dei luoghi che rendono vera questa città per chi ci vive, e gli articoli di questo numero voglio essere il primo esempio di questa missione ambiziosa ma entusiasmante. Con ‘New York City Past is Present’ e con ‘Lesson in Grooming’ scoprirete due gemme dello stile di vita old fashioned insospettabili nella città della frenesia. In ‘New York, fashion style stories’ avrete una fotografia e una visuale dall’interno delle ragioni profonde che rendono New York unica e diversa tra le capitali mondiali della moda. L’articolo ‘Si alzi il sipario’ vi accompagnerà invece nel mondo del teatro newyorkese lontano dalle luci di Broadway, quel teatro fatto di persone comuni straordinarie, di sacrifici, speranze, delusioni e lacrime di gioia. New York non è però affatto solo grattacieli e folle di persone. ‘I Giardini di Coe Hall’ mostra un lato davvero poco conosciuto della Città, ossia quello delle


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:13 Pagina 29

by Ilaria Ambrosetti e Joseph Ralph Fraia magioni coloniche ai bordi dei sobborghi. Una suggestione che siamo sicuri vi piacerà. Ultimo ma non meno importante, l’articolo di presentazione del lungometraggio ‘Tornatore’s Way’, per la regia di Paolo Galassi, un progetto nato e sviluppato tra un piccolo paese della provincia di Modena e New York, una prova concreta che, non solo il cinema italiano non è morto, ma è in grado di attirare interessi e capitali quando offre qualità e professionalità. Dalle finestre delle nostre case e dei nostri uffici New York ci appare una città che è densa, è viva, è sì piena di contraddizioni ma perché esprime una quasi assoluta libertà, se per libertà intendiamo la condizione di chi abita un cuore pulsante di arte, di moda, di life style e di vite da guardare con occhi sempre troppo piccoli per coglierne ogni sfumatura. Sono le sfumature, in realtà, che compongono un quadro che vogliamo presentare seguendone il tratto, seguendo quello che di più particolare ha, che lo rende unico grazie allo sguardo di chi lo racconta. Uno sguardo curioso, affascinato dalle tante realtà che ogni giorno si affacciano su una città che accoglie donne, uomini, individui ed etnie che hanno scommesso e vinto con la loro capacità di guardare oltre e realizzare i propri sogni. Vivere a New York è una battaglia. Ma è una n battaglia che vale la pena combattere.

which is the world of the colonial mansions at the border of the suburbs. A fascination we are sure you will enjoy. Last but not least, you will find the article presenting the feature film ‘Tornatore’s Way, director Paolo Galassi, a project born and develop between a small little town in the nearby of Modena – Italy and New York, a solid proof that non only Italian movie industry is not death, but that it also capable to attract interest and capitals when it offers quality and professionalism. From the windows of our houses and offices New York appears dense, alive, surely with a lot of contradictions but that's because it express a sense of freedom that is almost absolute, if for freedom we mean the condition of who lives in a heart that beats with art, fashion, lifestyle and lives to look at with eyes never big enough to get all the shades of reality. As a matter of fact, what we want to portray are those shades specifically, focusing on their tones, described through the eyes of the writer. A curious look, fascinated by the many layers of reality that every day compose city made of men, women, individuals and ethnicities who made their bet and won thanks to their commitment to look beyond and fulfill their dreams.To try to make a living in New York is a struggle. But a struggle it is worth fighting.

29


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:14 Pagina 30

N EWYORK

30


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:16 Pagina 31

Si alzi il sipario! by Joseph Ralph Fraia photo by Enrico Vannucchi

Sono seduto al mio 'dumpling bar' (ristorante dove servono solo ravioli, bolliti o alla piastra, NdT) preferito a Little Korea sorseggiando la mia zuppa quando Angelina entra nel negozio avvicinandosi al mio tavolo. 'Ciao Joseph!' 'Hey Angelina!'. È impossibile non notare Angelina Kristic. È una donna alta ed attraente con un sorriso caloroso, è che a volte indossa capeplli originali, come oggi. Il suo modo di vestire usuale corrisponde a quello classico dell'attore di teatro: vestiti neri (perché così ci si focalizza sulle espressioni facciali), scarpe e confortevoli (perché un attore e in piedi la maggior parte del suo tempo) e una sciarpa colorata (per proteggere la voce e aggiungere un po' di brio a quel vestito nero!). Il suo fascino esotico deriva dal fatto di essere in parte croata, in parte italiana e in parte irlandese con una goccia di bellezza portoghese, e questa è la ricetta dello speciale ed unico mix genetico che ha portato a noi la nostra ospite. La musica è molto alta nel ristorante (come sempre d'altronde in Manhattan, e la ragione di ciò mi rimane ancora misteriosa dopo 10 anni che vivo in questa città) cosicché dobbiamo urlare L'uno all'altra per fare l'intervista, per la gioia di tutti gli altri avventori.......

I am sitting at my favorite dumpling bar in Koreatown sipping my soup when Angelina walks in the store approaching my table. ‘Ciao Joseph!’ ‘Hey Angelina!’. It's impossible not to notice Angelina Kristic. She is a tall attractive woman with a big heartwarming smile, and sometimes wears original hats, like today. Her standard dress code sticks to the classic stage actor outfit: black dresses (so you focus on face’s expressions), comfortable shoes (because an actor stands up most of his time) and a colorful scarf (to protect voice and add some joy to that black dress!). Her exotic charm comes from being half-Croatian, half-Italian and half-Irish with a drop of Portuguese beauty, and that's the recipe for the unique genetic mix that has brought us my special guest. Music is aloud in the store (as always in Manhattan, and the reason why still remains mysterious to me after ten years in this City) so we must yell to each other to do the interview, for the amusement of the other patrons……

31


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:18 Pagina 32

N EWYORK

It's very hard to label Angelina. She is creative director, producer, executive producer, author, actors teacher, actress herself and, as she whispered later on in the interview, she can decently substitute the light technician and the set design operator as well. Angelina’s one is a story that tells you a lot about both New York and New Yorkers, but first of all it's a very very inspiring tale of a journey into the fascinating world of stage acting and theaters. Born in New York in a bohemian artistic environment (father architect and dance teacher/ mother fine artist), ever since she was just a little girl her parents let her watching movies (both classics and contemporary) with them and that was when she fell in love with acting. At the age of 6 she revealed her vocation for movies and acting and so the major in movie making she achieved in High School (inspired by her first acting teacher/coach/director/ an then best friend Judith Seymour-Strawn) was simply a natural consequence, as well as the award she later got from The New York Times while she was attending The Clinton School for Writers and Artists in Chelsea, NY. Even if blessed by talent, Angelina did not wait for opportunities just to happen to her, but she grabbed her fate and headed towards those opportunities she felt would fit her the best. That’s why she went to Europe traveling throughout Italy, UK, France and Croatia and then came back to U.S. So, no surprise that at the age of 20 she was already in charge of a show as assistant director and was working with Hollywood legend Paul Newman. Over the years my guest has enriched her career and expertise continuously working on many different projects throughout Europe and United States (she has also directed in Paris and taught theatre in the UK), so I felt she was the right person to ask which are the main differences between Europe and United States with reference to stage acting and theater industry. About stage actors she underlines that American ones are generally recognized in the industry to have the plus of being very versatile, capable to perform at a high level in dancing, singing and acting at a time, trained and used to add improvisations at their performances. Moreover, in America stage actor teachers support and endorse performers

32

E davvero difficile dare un'etichetta ad Angelina. Lei è direttore creativo, produttore, produttore esecutivo, autore, insegnante di recitazione, attrice lei stessa e, come mi ha sussurrato più tardi nel corso dell'intervista, lei potrebbe decentemente sostituire il tecnico delle luci e l'operatore di scenografia altrettanto bene. La storia di Angelina dice molto sia riguardo a New York che hai newyorkesi, ma innanzitutto è il racconto davvero ricco di ispirazione di un viaggio nell'affascinante mondo della recitazione teatrale e dei teatri. Nata a New York in un contesto artistico bohemienne (padre architetto e insegnante di ballo/madre pittrice), sin da quando era ancora solo una bambina i suoi genitori le lasciavano vedere il film (sia classici e contemporanei) insieme a loro e fu lì che lei si innamorò della recitazione. All'età di sei anni lei rivelò la sua vocazione per il cinema e la recitazione e per questo motivo il diploma che lei raggiunse all'esito della High School (ispirata dalla sua prima insegnante di recitazione/coach/regista/mentore e poi amica piu’ cara Judith Seymour-Strawn) fu semplicemente una naturale conseguenza, così come il premio Che le fu conferito dal New York Times mentre frequentava la Clinton School for Writers and Artists in Chelsea, NY. Anche se benedetta dal talento, Angelina non aspetto che le opportunità e le piombassero addosso, ma ha fuso il suo destino e si diresse messe quelle opportunità che lei sentiva facessero di più al caso suo. Questo è il motivo per cui lei andò in Europa viaggiando attraverso l'Italia, Inghilterra, la Francia e la Croazia per poi ritornare indietro negli Stati Uniti. Per cui non c'è da sorprendersi se alle età di soli 20 anni lei fosse già responsabile di uno spettacolo in qualità di assistente alla regia e lavorasse con una leggenda di Hollywood come Paul Newman. Nel corso degli anni la mia ospite ha arricchito la sua carriera ed esperienza lavorando continuamente su molti diversi progetti per tutte le Europa e gli Stati Uniti (lei ha anche lavorato come regista a Parigi e insegnato recitazione nel Regno Unito), per cui ho immaginato che lei fosse la giusta persona a cui chiedere quali sono le principali differenze tra Europa e Stati Uniti con riguardo alla recitazione teatrale e all'industria del teatro. Riguardo agli attori di teatro le sottolineo che quelli americani sono generalmente riconosciuti nel settore per avere un qualcosa in più nell'essere molto versatili, capaci di eseguire ad alto livello sia la danza che la canzone che la recitazione in un tutt'uno, allenati ed abituati ad improvvisare durante le loro esecuzione. Inoltre, in America gli insegnanti degli attori di teatro supportano


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:18 Pagina 33

ed incoraggiano chi recita ad aggiungere all'interpretazione i loro sentimenti personali e il loro tocco individuale. Nel corso della sua carriera le è stato detto che, in quanto insegnante americano, lei è fresca, di mentalità aperta e capace di rendere gli studenti attori a loro agio essendo lei versatile e rispettosa nei loro confronti. Anche nella mia esperienza, mi è capitato di sentire che sia studenti che professionisti sono sempre incoraggiati a non avere paura di personalizzare la sceneggiatura e la sua interpretazione, ed è così che si può finire col diventare una certa Meryl Streep ed un certo Kevin Spacey, credo. Quello che succede in Europa, invece, è che il modo di insegnare recitazione è molto più vicino ad una tradizione che molto risalente, dove difatti è considerato di maggior valore rimanere strettamente è completamente aderenti alla sceneggiatura e al modo in cui essa è stata tradizionalmente rappresentato. Le parole di Angelina mi risultavano familiari e simili ad opinioni che avevo già udito in questo settore, ritengo personalmente che abbia a che fare con l'opinione generale che gli attori europei hanno la tendenza a rimanere all'interno dei borghi di uno specifico genere ed a recitare in modo lezioso elaborato. Un'altra grossa differenza tra l'Europa e gli Stati Uniti riguarda la ricerca di fondi e di finanziamenti. In America gli spettacoli e le messinscena sono finanziati da privati, e il supporto finanziario da parte dello Stato o del Governo è davvero basso. In Europa avviene esattamente il contrario: il denaro pubblico è la risorsa principale per la provvista di fondi e finanziamenti, e così permette a diversi progetti, anche quelli che sono sperimentali di nicchia, effettivamente di essere realizzati, contribuendo allo sviluppo e alla diversificazione culturale. Dopo due ore filate di conversazione Angelina si accorge di essere già in ritardo per il suo prossimo appuntamento nella sera (attualmente sta lavorando su tre progetti: un musical “Cherchez la Femme” con l’autore August Darnell dove lei e’ regista, una nuova sceneggiatura intitolata “Red Rain”, e un lungometraggio “King’s Cross” con l’autore Phil Brady, ma ha ancora il tempo di rivelarmi la sua preoccupazione che la ricerca di finanziamenti è attualmente la problematica principale nel settore teatrale, sia in Europa che negli Stati Uniti, principalmente ancora a causa delle conseguenze della crisi economica, e che ciò rappresenta una notizia negativa per tutti, non solo per le persone che lavorano in quel settore. Pertanto, mi trovo costretto a salutare Angelina, e mi accorgo di starle facendo ancora ciao con la mano quando lei è già uscita ormai dal ristorante. Dopo una giornata così intensa ci sono una cosa che posso coerentemente fare per il mio Gran Finale: andare da Sardi's ed abbandonarmi definitivamente nel mondo della finzione e del palcoscenico. Sardi's è semplicemente "il" posto dove andare a Broadway. Situato nel cuore del distretto teatrale, questo posto leggendario (sulla 44 strada tra la 7 e 8 avenue) è il punto di riferimento per residenti, habitué, turisti e spettatori non possono resistere al richiamo dello scintillante, eccessivo, iconico e sempre affascinante mondo di Broadway. Sono seduto al bar mentre revisiono i miei appunti sull'intervista, e ho già ordinato il mio. L'anziano barman è nella sua uniforme elegante e me lo sta preparando. Nel frattempo osservo tutte le caricature di famose stare appesa al muro e al tempo stesso le persone al ristorante, e cerco di trovare i punti in comune tra loro. È un gioco sciocco, che rivela una profonda verità però. Il Bardo aveva ragione "Tutto il mondo è un palcoscenico, e tutti gli uomini e le donne semn plicemente attori".

to add to their interpretation their personal feelings and individual touch. Over her carrier she has been told that, as an American teacher, she is fresh, open minded and able to make student actors feel comfortable because she is versatile and respectful towards them. Also in my experience, I have heard that both students and professionals are always encouraged not to be afraid to personalize the script and its interpretation, and that's how you might end up to become Mrs. Meryl Streep and Mr. Kevin Spacey, I believe. What happens in Europe, instead, is that the way of teaching stage acting sticks to a tradition that goes way back in the past, where it is actually considered a plus remaining strictly and completely attached to a script and the way it has been traditionally represented. Angelina’s words sounded familiar to other opinions I have heard in this field, and I guess it has something to do with the general opinion that European actors have the tendency to remain within the board of a specific genre and to perform in an ornate way. Another huge difference between Europe and United States is about funding and financing. In U.S. shows and plays are financed exclusively by privates, and State or Government financial support is very low. In Europe it is exactly the opposite: public money is the main source of funding and financing, and this allows many projects, even those that are experimental or niche, to actually happen, contributing significantly to cultural development and diversification. After a two-hour conversation Angelina realizes she is already late for her next appointment in the evening (she is currently working on three projects, a musical, "Cherchez La Femme" with writer August Darnell where she is the director, a new play titled “Red Rain”, and the movie "King’s Cross" with writer Phil Brady), but she has the time to show me her concern that funding is currently the main issue in the theater industry, both in Europe and in the U.S., mainly still because of the consequences of the economic crisis, and that is a bad news for everybody, not only for people who work in this field. So, I have to say hello to Angelina, and I find myself still waiving my hand at her while she has already walked out from the store. After such an intense day there is only one thing I can consistently do for a ‘Grand Finale’: to go to Sardi’s and definitely abandon myself in the world of fiction and stage. Sardi's is simply ‘the’ place to go in Broadway. Located in the heart of the Theater District, this legendary spot (on 44th between 7th & 8th avenue) is the beacon for residents, aficionados, tourists and viewers who can't resist the call by the sparkling, excessive, iconic and always fascinating world of Broadway. I am sitting at the bar while I review my notes on the interview, and I have already ordered my whiskey sour. The old barman in is elegant uniform is working on it . In the meanwhile I watch all the caricatures of famous Broadway stars on the walls and the people in the restaurant, and I try to find similarities between them. It's just a silly game, that reveals a deep truth though. The Bard was right ‘All the world’s a stage, and all the men and women merely players’.

33


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:19 Pagina 34

N EWYORK

34

by Veronica Baesso-McKenzie photo by Annalisa Mazzoli


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:20 Pagina 35

Lessons In Grooming Persino le corse piu’ brevi sulla metropolitana di New York sono un’avventura. In base alla carrozza in cui capiti e al tuo stato d’animo, puoi essere deliziato o torturato dall’insieme di personaggi che incontri. Se alzi gli occhi per un momento dal tuo libro o dal tuo videogame, puoi vedere alcuni degli hairstyle più trendy. Ciuffi cotonati alti come grattacieli, afro scolpiti, codini impomatati e ricci selvaggi che renderebbero invidioso persino Jon Snow. Ora, si potrebbe pensare che stia parlando delle donne neworkesi, ma in realtà le scene che ho appena descritto hanno come protagonisti gli uomini neworkesi. Essi sono in cima alla catena alimentare mondiale della capigliatura. I negozi per uomini sono pieni di prodotti per capelli, mollette, lozioni e creme idratanti per la barba. A qualsiasi prodotto si possa pensare, sembra che gli uomini neworkesi ne facciano già ampio uso. Se i neworkesi passano cosi’ tanto tempo a farsi belli, dovevo scoprirne il motivo. Incuriosita, ho deciso di recarmi alla fonte e di mettermi a tavolino con tre dei migliori barbieri di New York e arrivare alla sorgente dell’ossessione che gli uomini neworkesi hanno per i bei capelli.

Even the briefest ride on the NYC subway is an adventure. Depending on the subway car and your particular mood at the time, you can either be delighted or tortured by the cast of characters you will encounter. If you take a moment to look away from your book of choice or the latest mobile game, you can check out some of the trendiest hairstyles imaginable. Skyscraper-esque pompadours, sculpted afros, waxed buns and wild curls that would make Jon Snow jealous. Now you might think I am talking about NYC women, but the scenes I described are actually NYC men. NYC men are the top of the global grooming food chain. Men’s stores are overflowing with hair products, clippers, beard lotions and moisturizers. Whatever product you can think of, it looks like NYC men are taking full advantage. If NYC men were taking so much time to look this good, I had to find out what was going on. Intrigued, I decided to go to the source and sit down with three of NYC’s finest men’s barbers/stylists and get to the root of the NYC man’s obsession with good hair.

35


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:21 Pagina 36

N EWYORK

THE COMMUNITY SUPERSTAR. With a name like Denny Moe’s Superstar Barbershop you know right away you are entering a special place. Denny Moe, the owner of the eponymously named shop, is a superstar in every way that matters. Hailing from a humble background and maintaining a commitment to his community, he has created a special shop in Harlem. Denny is the barber of choice from the average Joe’s to numerous celebrities who are looking for the freshest look.

What makes Denny Moe’s one of the most iconic barbershops in NYC? We sell more than nice haircuts, we sell ourselves and our passion for the neighborhood. We are community based. We are always doing something together with our neighbors and not many barbershops do that. We have a reading space in the back for children and we offer free health checkups such as blood pressure screening.

You have been a barber for a long time (34 years). I am sure you have seen generations of father & sons. What makes the relationship between the barber and the customer so strong and enduring? I have been doing this for so long that my customers are like my family. This is a place where if you can have a conversation, we turn off the radio and TV and we start talking with everybody in the shop, and if you are new here, you are going to be thrown in the conversation and will feel immediately part of the family. Hair cutting is a bonding session, an experience. I want to create an informal and comfortable environment, clients can bring their food and relax like they are at home. I always encourage fathers to come in with their young sons because “going to the barber” is an experience that makes the relationship father-son stronger, and little boys behave like “big boys” and try to impress their dads.

What has been the most requested hairstyle at Denny Moe’s lately? How do you keep up on trends and shifting taste? “South of France” is a very popular haircut. It is almost like a mohawk, but it is an Afro and you use a sponge to make it nappy. Usher actually

36

THE COMMUNITY SUPERSTAR Con un nome come Denny Moe’s Superstar Barbershop si capisce immediatamente che si sta entrando in un posto speciale. Denny Moe, il proprietario dell’omonimo negozio, è una superstar in tutti i sensi. Provenendo da un contesto umile e mantenendo un impegno verso la sua comunità, ha creato un negozio speciale ad Harlem. Denny e’ il barbiere preferito di molte persone comuni ma anche di numerose celebrita’ che cercano un nuovo look. Cosa rende Denny Moe’s uno dei Barbieri piu’ iconici di NYC? Noi vendiamo molto più che bei tagli, noi vendiamo noi stessi e la nostra passione per la comunità. Facciamo parte della comunità. Organizziamo sempre qualcosa che includa il nostro vicinato e sono veramente pochi i barbieri che lo fanno. Abbiamo un spazio lettura per i bambini nel retro e offriamo controlli medici gratuiti come la misurazione della pressione. Sei un barbiere da molto tempo (34 anni). Sono sicura tu abbia visto generazioni di padre e figli. Cosa rende il rapporto tra barbiere e clienti così forte e duraturo? Faccio questo lavoro da così tanto tempo che i miei clienti sono ormai la mia famiglia. Questo e’ un posto dove se vuoi chiacchierare, spegniamo la radio e la TV, e iniziamo a parlare con chiunque si trovi nel negozio, e se sei nuovo qui, verrai catapultato immediatamente nella conversazione e ti sentirai subito parte della famiglia. Tagliare i capelli e’ un momento che unisce, un’esperienza. Il mio obiettivo è di creare un ambiente informale e confortevole, i clienti possono portare il proprio cibo e rilassarsi come se fossero a casa. Incoraggio sempre i padri a venire con i loro figli più piccoli perchè ‘andare dal barbiere’ è un’esperienza che rende il rapporto padre-figlio piu’ forte, e i ragazzini si comportano come adulti e cercano di fare buon’ impressione sul loro papà. Qual è stato il taglio di capelli più richiesto al Denny Moe’s ultimamente? Come fate a stare al passo con i trend e i gusti che cambiano? “South of France” è un taglio molto popolare. E’ quasi come il taglio alla moicana, simile anche ad un afro, e si usa una spugna per rendere i capelli ricciolini.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:22 Pagina 37

E’ Usher ad aver reso famoso questo taglio. E’ un vero pioniere. Bisogna sempre essere pronti ad apprendere, essere aperti alle nuove tendenze. Una volta capito che il cambiamento è inevitabile, vuoi essere al top dell’ultima moda. Sono giovane di spirito e sono circondato da persone giovani, quindi faccio in modo di essere sempre aggiornato.

brought over the look. He is a big pioneer. You always have to be in

THE OLD SCHOOL PERFECTIONIST Entrare dentro Ludlow Blunt a Williamsburg (Brooklyn) è come entrare in un museo o su un set di Hollywood. Questo barbiere e’ veramente unico e raffinato, non è una coincidenza il fatto che sia apparso/menzionato in molti film e telefilm. Ogni pezzo di design, strumento e accessorio ha una storia. E a Ludlow Blunt ha trovato nuova vita. Russell Manley, il proprietario, seleziona lui stesso ogni oggetto e ci si puo’ aspettare la stessa precisione e attenzione al dettaglio nei tagli di capelli.

THE OLD SCHOOL PERFECTIONIST

Cosa ti ha spinto a diventare barbiere? Prima di tutto la creatività, diversamente da molte altre arti e mestieri, il lavoro del parrucchiere non è permanente. Crei un taglio di capelli o stile ed esso cresce, cambia, diventa qualcos’altro e tu hai l’opportuita’ di farlo e rifarlo. Il mio lavoro/capacità/arte in qualsiasi modo tu preferisca chiamarlo, non dura per sempre. Questo mi attrae.

What motivated you to be a barber?

Cosa rende Ludlow Blunt diverso da altri barbieri? Ludlow Blunt ha uno stile e arredamento molto forte e unico, cosa ti ha ispirato? Chi l’ha progettato? Quello che ci rende diversi dagli altri barbieri è il nostro appeal per le donne. Tutti noi abbiamo anche una formazione nei tagli femminili, quindi il nostro approccio è molto diverso da quello di un barbiere classico. Forse molto tecnico. So che ci sono molti barbieri che promuovono le loro credenziali da macho. Servire solo uomini, versare whiskey, etc., sicuramente c’è bisogno di questo, ma noi ci consideriamo come ‘inclusivi’ e non ‘esclusivi’. L’attenzione al dettaglio degli interni è molto importante per me. A parer mio, ciò che distingue molti barberi è quello sforzo in piu’ fatto per ottenere un design di interni ricercato e

What makes Ludlow Blunt different from another barber experience?

learning mode, be open to new things. Once you understand that change is inevitable, you want to stay on top of it. I am young at heart and I am surrounded by young people, so I keep myself updated.

Stepping into Ludlow Blunt in Williamsburg is like stepping into a museum or a Hollywood set. This barbershop is so unique and polished, it’s not a coincidence that it has been featured in numerous movies and TV shows. Each design piece, tool and accessory are collectables that come with a story. In Ludlow Blunt they have found a new life. Russell Manley, the founder, makes all the selections himself and you can expect that same precision and attention to detail in your haircut.

Creativity is the first thing, unlike other crafts and art, hairdressing is impermanent. You create a haircut or style and it grows out, it changes, it turns into something else and you have the opportunity to do it all over again. Your work/skill/art whatever you wish to call it, never lasts. That appeals to me on some level.

Ludlow Blunt has such a strong and unique interior design and style, what inspired it? Who designed it? What makes us different from other barbershops is our appeal to women. We are all trained in women's cutting as well, so our approach is very different to a barber. Perhaps more technical. I know there are many barbershop that champion their macho credentials. Serving only men, pouring whiskey, etc, and there is obviously a need for that but we regard ourselves as 'inclusive' not 'exclusive'. Our attention to detail regarding the interior is very important to me. The extra effort to achieve authenticity and display the craftsmanship of the interior is what set many barbershops

37


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:23 Pagina 38

N EWYORK

apart in my opinion. If you care about the space, it follows you'll care more about the finished haircut and care of the customer. I designed and found all aspects of the interior. Even down to our back mirrors, which we had custom made in walnut and antiqued silver leaf. These small details are what counts and very few barbershops go that extra distance.

Are there hair and beard trends at the moment our readers should be aware of? What are the three grooming essentials that every man should have? We have championed the classic short back and sides for years now and have seen it slide into the mainstream. We're seeing a return to shorter beards and even some guys starting to grow the sides a little longer. The main thing I've seen in my 30 year career, has been how much more men care about their appearance. Grooming has grown in leaps and bounds and it's great to see this carry on. Regarding the grooming essentials, these are my suggestions: Water based product that suits hair type and style. Comb. Always carry with you manners and a hint of swagger.

THE NIGHTLIFE GURU The East Village’s The Blind Barber has a simple concept: barbershop by day and speakeasy by night. It is a cultural hub that attracts its guests to not only indulge in impeccable grooming sessions but also to sample some of the best drinks in town. Tattoos, liquors and beards have never been more in harmony than here. I met with head barber Rob McMillen to learn more about this realm of the modern man and his rituals.

Could you name three of the most popular haircuts and drinks served ? It’s hard to pick up three most popular haircuts, we have such a diverse client base, but we do see quite a few guys going for a very short cropped side, a lot of fading and leaving some length on the top. Traditional undercut has been very popular. The classic gentleman’s haircut is never out of style. Cocktail wise we still pay attention to the classics, Old Fashion, Manhattan, Martini and seasonal cocktails like the “Smoke & Dagger” which is a spicy take on tequila.

What makes the Blind Barber one of the coolest barbershops in town? We are really fortunate to be part of a very creative and diverse community in the East Village. The Blind Barber is a hub where people with different profiles such as creatives, artists, startup and finance industry come to hang out and have a haircut. We do appointments only, we try to be cognizant of our client’s time and we customise our service with a complementary cocktail. Our experience has to cater to all our folks and yet be personal at the same time.

Any grooming tips you want to share with us? Find a look you find comfortable and confident with. You can take input from a barber and stylist but you have to go for something that represents the real you. It is always good to remain confident. If there is a trend, we still want to make sure that the client is comfortable with it. We want to educate and make sure whatever we do is going to work for the client and be a great fit.

38

unico. Per i clienti, cura e personalizzazione del salone diventa sinonimo di servizio impeccabile e ricercatezza sui tagli. Ho progettato e curato tutti gli aspetti degli interni. Anche i nostri specchi, che sono stati fatti su misura in noce e foglie d’argento d’epoca. Sono questi i piccoli dettagli che contano e veramente pochi barbieri arrivano a tanto. Ci sono tagli di capelli o barba in voga al momento che i nostri lettori dovrebbero conoscere? Quali sono le tre cose essenziali che ogni uomo dovrebbe adottare per la cura dei capelli? Noi abbiamo appoggiato il classico taglio con la coppa e i lati rasati ormai da tempo, ancor prima che diventasse un trend per tutti. Stiamo vedendo un ritorno a barbe più corte e persino alcuni ragazzi iniziano a farsi crescere i lati un pò più lunghi. La cosa principale che ho notato nei miei 30 anni di carriera è quanto gli uomini siano interessati molto di più al loro aspetto. La cura dei capelli è cresciuta in maniera esponenziale ed e’ fantastico vedere questa continua crescita. Per quanto riguarda gli strumenti essenziali nella cura dei capelli, questi sono i miei consigli: i prodotti a base d’acqua adatti al tipo di capello e stile. Il pettine. Porta sempre con te le buone maniere e un pizzico di spavalderia. THE NIGHTLIFE GURU Il barbiere The Blind Barber nell’East Village ha un concetto semplice: barbiere di giorno e speakeasy di notte. E’ il fulcro culturale che attira i suoi clienti ad avere non solo un’impeccabile sessione dal barbiere ma anche a provare alcuni dei migliori cocktail in citta’. Tatuaggi, liquori e barbe non sono mai stati cosi’ tanto in armonia. Ho parlato con il manager Rob McMillen per capirci di piu’ su questo reame dell’uomo moderno e sui suoi rituali. Potresti dirci tre dei tagli e cocktail piu’ famosi serviti al Blind Barber? E’ difficile scegliere i 3 tagli più popolari, abbiamo una clientela molto diversificata, ma vediamo un buon numero di ragazzi richiedere tagli molto corti ai lati, con i capelli più lunghi sopra. Il tradizionale taglio undercut sta avendo molto successo. Il classico taglio da gentleman non va mai fuori moda. Per quanto riguarda i cocktail preferiamo ancora i classici, Old Fashion, Manhattan, Martini e I cocktail stagionali come il “Smoke & Dagger” che e’ una tequila con una nota speziata. Cosa rende il Blind Barber uno dei Barbieri piu’ in voga a New York? Siamo molto fortunati a far parte di una comunità così creativa e diversificata nell’East Village. Il Blind Barber e’ il luogo in cui persone con diversi profili come creativi, artisti, startup e uomini di finanza vengono, s’incontrano e si tagliano i capelli. Lavoriamo solo su appuntamento, cerchiamo di essere consapevoli del fatto che nostri clienti hanno spesso poco tempo e personalizziamo il nostro servizio con un cocktail complementare. La nostra esperienza deve soddisfare tutti i nostri clienti e allo stesso tempo essere molto personale. Hai qualche consiglio sulla cura dei capelli che vorresti condividere con noi? Trova un look con cui ti senti a tuo agio e sicuro. Puoi prendere spunto da un barbiere e stilista ma poi devi scegliere qualcosa che rappresenti il vero te stesso. E’ sempre importante rimanere sicuri di sè. Se c’è un trend, vogliamo comunque essere sicuri che il cliente si trovi a suo agio con esso. Vogliamo trasmettere ed essere sicuri che qualunque cosa facciamo sia un taglio che poi n funzioni per il cliente e che gli stia bene.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:25 Pagina 39

39


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:26 Pagina 40

N EWYORK

40

by Pamela Quinzi photo by Annalisa Mazzoli


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:32 Pagina 41

New York, moda stile storie New York City, la Grande mela, la città che non dorme mai, New York è la rappresentazione perfetta di un mix and match di culture e di stili. Eclettica, curiosa e aperta al nuovo, che non dimentica il passato e le sue origini. Chiudete gli occhi, riapriteli uno alla volta piano piano e lasciatevi incantare da un mondo unico e imprevedibile. La vostra avventura iniziera’ con un primo passo e poi un altro e vi ritroverete a camminare per le strade della citta’ piu’famosa del mondo respirando una liberta’ tutta vostra, vi sentirete attraversare il corpo da un sentimento mai provato prima. Forse sorriderete. New York sta iniziando a far parte di voi, e voi parte di questo mondo, di questo universo. La citta’ affascina, le persone che camminano fianco a fianco a voi vi ispireranno, nei loro outfits strambi, nei colori, non ci sono etichette non ci sono orari, non c’e’ un perche’. Freedom e’ la parola chiave. La moda a New York la crea New York stessa. La sua energia, la sua frenesia, quella voglia di voler essere diverso, apparire farsi notare ma nello stesso tempo nascondersi. La metropoli americana rimane in primafila per le tendenze che arrivano dallo streetstyle: le persone sfoggiano tra le strade le combinazioni di abiti e accessori più interessanti. Tanti i look eccentrici e stravaganti, ma quello che va di più nella grande mela è lo stile easy e casual wear, mix di capi sportivi, jeans e sneakers. I colori sono stravaganti ma c’e’ anche tanto tanto total black. La gente, ogni singolo individuo e’ un mondo da scoprire con un suo stile un suo fascino, una sua intima storia. Sei curioso e vorresti stare ad ascoltare tutte le persone che vedi e chiedere:” Perche’ vivi a New York? Da dove vieni, chi sei?.” Cosa si cela dietro gli abiti che indossa la gente qui?. Il modo di vestire rispecchia il modo di essere, di vivere, di sognare. Per usare le parole di Coco Chanel, “la moda non è qualcosa che esiste solo negli abiti. La moda è nel cielo, nella strada, la moda ha a che fare con le idee, il nostro modo di vivere, con che cosa sta accadendo”. Tutto questo fascino, questa magia fa si che New York sia una delle n capitali della moda piu’ influenti del mondo. Benvenuti.

New York City, the Big Apple, the city that never sleeps, New York is the perfect representation of a mix and match of cultures and styles. It’s eclectic, curious and open to the novelty, but it doesn’t forget its past and its origins. Close your eyes, reopen them one at the time, slowly and let this unique and unpredictable world seduce you. Your adventure will start with a first step, then another one and you will find yourself walking in the streets of the most famous city in the world, breathing a new freedom. You will experience a feeling never tried before. Maybe you will smile. New York is starting to be part of you, and you part of this world, of this universe. The city seduces, the people walking next to you will inspire you, in their bizarre outfits, with the colors, there are no labels, no hours, and there is no why/reason. Freedom is the keyword. The fashion in New York is created by New York itself. Its energy, its frenzy, that desire to be different, to show off, to be notice but at the same time to hide yourself. The American metropolis stays in the first row for the trends coming from the street style: people show in the street a combination of clothes and accessories very interesting. Many are the eccentric and bizarre outfits, but what it is more ‘in’ in the Big Apple is the easy casual style, a mix of sports clothes, jeans and sneakers. The colors are odd but there is also a lot of total black. The people, every single person is a world to discover with his own style, charm, and story. You are curious and would like to listen to all the people that you see and ask:” Why do you live in New York? Where are you from, who are you?.” What is hidden behind the clothes that people who live here wear? The way someone dress reflects the way this person is, lives and dreams. To quote Coco Chanel words, “fashion is not something that exists in dresses only. Fashion is in the sky, in the streets, fashion has to do with ideas, the way we live, what is happening”. All this charm, this magic makes New York one of the most influent fashion capitals in the world. Welcome.

41


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:34 Pagina 42

N EWYORK

42


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:34 Pagina 43

"Tornatore's Way"

by Pietro Bazzoli photo by Roberto Gatti

43


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:35 Pagina 44

N EWYORK

<< "Tornatore's Way" can be defined as a "movie within the movie", a psychedelic comedy that shows two faces, complementary but distinct, as a sort of dual personality that has built equally rough and solar aspects >>. These are the words used by Paolo Galassi to describe his new film, which will be presented on June 19 during the Final Gala Night of the "European Days of Photography" in Luzzara, Modena - Italy, before starting to join the film festival circuit. "TW" began as a photo project related to a "Photo Exhibition" of the group "Effetto Ottoemezzo" lead by Roberto Gatti and to a concept of his daughter Elisa Gatti. From what was initially intended to be a project of backstage video entitled "Homage to Tornatore", the fate of this "making of" has gone through many different paths. Part of the story of "Tornatore's Way" is real and speaks of the realization of the photo exhibition and the movie, while other main characters are non-professional actors who play themselves. Within the comedy, the main characters are catapulted into a surreal world, which is transposed in the film as the reality itself. Everything is meant to bring the viewer to walk on the thin line between reality and fiction. Amedeo Secondo Mucchi, Valentina Di Lella, Nevruz, the RIO, Jade Coast, are just some of the names that can be included in the long list of the cast. Everybody knows: interpretation by movie actors is completely different from the one performed by stage actors. And it is the latter that director Galassi asked his actors to stick with, focusing on these ambivalent levels. The story told in the movie is about actors who, in one way or another, can’t manage to get out of their 'characters', walking out the stage as they are and being projected to real life. But do not be fooled: although the movie is meant to be a tribute to Tornatore, the project has its own life and purpose. As a matter of fact, the scenes recalled from Tornatore’s movies are really few. References are visible in similarities with just two of his classics: "Malena" and "Cinema Paradiso", but then the story diverges from the original movies and follows its own path. The story is based on a group of photographers who want to recall two of his most important films. In fact, the events that unfold from the sets are nothing but the frame, because the plot of the story is experienced through a perspective somewhere between the real and the imaginary. All this has been possible thanks to the intervention of producers such as Skeight and EvoMedia or people like Joseph Ralph Fraia (Chairman of Skeight- group EvoMedia - Sinkrom Corporation) and Alessandro Faidiga (Vice-President). With them, an independent project has tight a bond with the professionalism and the daredevil spirit of these two US producers, which have contributed to develop the original concept and to spread importance, enthusiasm and diffusion. And a film originated from apparent chaos all of a sudden, in a natural way, has found itself to be real also thanks to this conjunction with the United States. "TW" has traveled along a quite unusual road, and radically different from what was expected at the beginning. << I do not think anything like this has ever happened >>, Paolo Galassi admits to himself. The Crowning of the real American dream, then.

44

<<"Tornatore's Way" può essere definito come un "film nel film", una commedia psichedelica che mostra due volti, complementari ma distinti, come una sorta di doppia anima che ha al suo interno in egual misura aspetti ruvidi e solari>>. Queste sono le parole usate da Paolo Galassi per descrivere il suo nuovo film, che sarà presentato il 19 giugno nella serata di conclusione delle "Giornate Europee della Fotografia" a Luzzara (MO), prima di partecipare al circuito dei film festival. "TW" nasce come progetto fotografico legato alla "Mostra Fotografica" del gruppo "Effetto Ottoemezzo" di Roberto Gatti da un'idea di Elisa Gatti. Da quello che inizialmente avrebbe dovuto essere un video backstage del progetto "Omaggio a Tornatore", le sorti di questo "making of" hanno subìto strade differenti. Una parte della storia di "Tornatore’s Way" è reale, e parla della realizzazione della mostra fotografica e del film, mentre l'altra vede come protagonisti degli attori che interpretano loro stessi. All'interno della commedia, i protagonisti si trovano catapultati in un mondo surreale, che è trasposto nel film quanto nella realtà stessa. Il tutto realizzato cavalcando la linea sottile tra ciò che è vero e ciò che è finzione. Amedeo Secondo Mucchi, Valentina Di Lella, Nevruz, i RIO, Giada Costa, sono solo alcuni dei nomi che potrebbero essere inseriti nella lunga lista del cast. Si sa: l'interpretazione cinematografica da parte di un attore è completamente differente dall'interpretazione teatrale. Ed è proprio quest'ultima che il regista Galassi ha chiesto ai suoi attori, incentrando tutto su quest'ambivalenza scenica. Quella raccontata è la storia di attori che in un modo o nell’altro non riescono mai a uscire dai propri ‘personaggi’, travalicando il confine del palcoscenico fino a essere proiettati così nella vita reale. Ma non ci si lasci ingannare: sebbene voglia essere un omaggio alla figura di Tornatore, il progetto se ne distanzia molto. A tutti gli effetti, le scene che ripercorrono i passi di uno dei più importanti registi italiani sono esigue. I riferimenti sono visibili nelle assonanze con due dei suoi classici: "Malena" e "Nuovo Cinema Paradiso", ma poi la visione rappresentata si discosta fortemente assumendo vita propria. La storia si basa su un gruppo di fotografi che vuole rievocare due dei suoi film più importanti. Infatti le vicende che si snodano dai set di Tornatore non sono altro che la cornice, perché la trama del racconto è vissuta attraverso un'ottica a metà tra il reale e l'immaginario. Tutto ciò è stato possibile grazie all'intervento di produzioni quali Skeight ed EvoMedia nelle persone di Joseph Ralph Fraia (Presidente del gruppo Skeight- EvoMedia - Sinkrom Corporation) e Alessandro Faidiga (VicePresidente). Attraverso di loro un progetto indipendente si è legato a doppio filo con la professionalità e la voglia di mettersi in gioco di queste due produzioni statunitensi, che hanno saputo valorizzare l'idea e ampliarne la portata, entusiasmo e territori di distribuzione. E' un film nato come un grande caos che da un momento all’altro, in modo del tutto naturale, ha trovato una sua forma solida anche attraverso questa congiunzione con gli Stati Uniti. "TW" ha percorso una strada del tutto inusuale, e radicalmente differente da quella che ci si aspettava all'inizio. <<Non credo che nulla di simile sia mai avvenuto>>, ammette lo stesso Paolo Galassi. Il coronamento del vero e proprio sogno americano, n dunque.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:36 Pagina 45

45


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:37 Pagina 46

N EWYORK

New York City Past Is Present 46


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 15:37 Pagina 47

by Veronica Baesso-McKenzie photo by Annalisa Mazzoli

47


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:39 Pagina 48

N EWYORK

NYC is city of layers. If one wants to understand the rhythms and movements of this great metropolis, then you have to peel back those layers and see what you find underneath. NYC as an incubator of the future is like that top layer. It’s what you see when you first look at it. However, when you begin to peel, you realize that NYC is built on the foundation of its past. It is that past that offers some of the most interesting perspectives. NYC has had many distinct periods but few have been more influential than that of the 20s/30s. Known by several names i.e. Roaring 20’s, the Jazz Age and others, and popularized by novels such as the Great Gatsby, this is a NYC with unbridled energy and ambition. Culture as represented by music, fashion, art, architecture and societal norms were in a state of explosive experimentation. This era’s willingness to push boundaries and blaze new territories is largely responsible for the NYC we see all around us today. From the art deco spires of the Chrysler Building to the grand courts of Rockefeller Center the “old” NYC is alive and vibrant. As much as we are compelled to look forward to the future, sometimes inspiration and innovation can be found in our past. The modernity of NYC is ever present, but below are some landmarks that allow you

48

NYC è una città a strati. Se qualcuno volesse capire i ritmi e i movimenti di questa grande metropoli, allora dovrebbe iniziare a togliere uno strato alla volta e vedere cosa ci sta sotto. NYC come incubatrice del futuro è come lo strato esteriore. E’ ciò che vedi quando la guardi per la prima volta. Comunque, quando inizi a togliere gli strati, realizzi che NYC è costruita sulle fondamenta del suo passato. Ed è quel passato che offre alcune delle prospettive più interessanti. NYC ha vissuto periodi diversi ma pochi sono stati così influenti come gli Anni ’20 e ’30. Conosciuti con nomi diversi come i Ruggenti Anni Venti, l’Era del Jazz ecc., e resi popolari da libri come il Grande Gatsby, quella era una NYC con un’energia e un’ambizione sfrenata. La cultura, come viene rappresentata dalla musica, dalla moda, dall’arte, dall’architettura e dalle norme della società, era in uno stato di sperimentazione esplosiva. La volontà di quest’era di spingersi ai limiti e tracciare nuovi confini è riconducibile alla NYC che vediamo oggi. Dall’art déco delle guglie del Chrysler Building alle corti del Rockefeller Center la “vecchia” NYC e’ viva e vibrante. E così per quanto siamo orientati a guardare al futuro, a volte l’ispirazione e l’innovazione può essere trovata nel nostro passato. La modernità di NYC è sempre presente, ma qui elencati potete trovare alcuni luoghi storici che vi permetteranno di fare letteralmente un


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:39 Pagina 49

salto indietro nel tempo e godervi la NYC di quest’era precedente. Questo non è un omaggio a quello che è avvenuto nel passato e nemmeno un trend che cerca di incorporare frammenti del passato. I siti elencati sono un richiamo diretto a quell’eta’ d’oro nella ricca storia di New York. Prenditi un momento dalla tua frenetica routine e immergiti nel passato, e magari troverai lo spunto creativo di cui avevi bisogno.

to literally take a step back in time and enjoy the NYC of this earlier

Back Room – Questo bar lounge nella Lower East Side non imita l’estetica e l’atmosfera degli speakeasy storici, è infatti uno speakeasy vero e proprio. E’ un must se stai cercando un’esperienza autentica dell’era del Proibizionismo. E’ decorato in originale stile art déco con poltrone di velluto rosso, carta da parati, candelieri e un camino. I cocktail sono serviti in tazzine da tè e in buste di carta così come facevano durante l’era del Proibizionismo quando la paura di blitz da parte della polizia stacanovista rappresentava una minaccia costante. Se sei abbastanza coraggioso, e abbastanza fortunato puoi provare a trovare la stanza VIP nascosta dietro ad una libreria.

Back Room - This Lower East Side lounge bar doesn’t mimic the

The Campbell Apartment – Annidato all’interno di Grand Central Station, il Campbell Apartment era originariamente l’ufficio del magnate delle ferrovie degli Anni ‘20 John W. Campbell. Con l’aiuto di un architetto italiano l’ha trasformato in un luogo sfarzoso per ospitare feste e concerti. Con un mix di stili complementari come quello rinascimentale, medievale e di art decò, lo spazio è unico tra quelli risalenti allo stesso periodo. Un enorme camino baronale di pietra, un tappeto persiano fatto su misura, pezzi di mobilio in mogano, soffitti di travi e, vetrate decorate rendono questo posto uno dei più bei tesori di quel periodo. New York Vintage – Questa esclusiva boutique vintage nel cuore di Chelsea è più che una lezione in storia della moda. Numerosi pezzi di design risalgono al 1850. E’ conosciuta sia per vestire le celebrità per il red carpet e sia come luogo di riferimento di stilisti alla ricerca di capi unici. La sua selezione dell'era art decò è impareggiabile ed è apparsa in innumerevoli produzioni Hollywood che coprono quest’era.

The Campbell Apartment - Nestled inside Grand Central Station, the

Swing Subway Cars – Negli ultimi anni il New York City Transit Museum è stato l’ospite dell’evento “Swing Subway Cars”. Carozze d’epoca della metropolitana sono messe di nuovo in servizio e rese disponibili per il pubblico. Per completare l’atmosfera swing, i passeggeri e appassionati del periodo sono invitati a vestirsi nello stile dell’epoca e a ballare a ritmo di musica jazz e swing. Le carrozze vintage della metropolitana diventano l’ideale n macchina del tempo per trasportarti indietro in quei giorni disinibiti.

Swing Subway Cars - For the past few years The New York City Transit

era. This is not a homage to what came before nor is it a trend seeking to incorporate bits and pieces of the past. All of these haunts are direct links to this golden time in NYC’s rich history. Take a moment from your rushed schedule and dive into the past, you might come away with much needed creative rejuvenation.

look and feel of historic speakeasies, it is an actual speakeasy. It is a must if you are looking for an authentic Prohibition era experience. Original art deco style decorated with red velvet sofas, wallpaper, chandeliers and a fireplace. Drinks are served in tea cups and paper bags just as they did during Prohibition when the fear of a raid from overzealous police was a constant threat. If you are brave enough, and lucky enough you can try to find the hidden VIP room behind a bookcase.

Campbell Apartment was originally the office of 1920’s railroad tycoon John W. Campbell. With the help of an Italian architect he transformed it in an opulent venue to host parties and concerts. A mixture of complementary styles such as Renaissance, Medieval and Art Deco, the space is unique among its period contemporaries. A huge baronial stone fireplace, a custom-made Persian rug, mahogany furniture pieces, ceiling beams and stained glass windows, make this one of the best treasures of the time. New York Vintage - This high-end vintage boutique in the heart of Chelsea is more than a lesson in fashion history. Many designer pieces are dated back to 1850. It is known for both dressing celebrities for red carpets and as a go-to resource for costume designers to find unique ensembles. Its selection from the Art Deco era is unparalleled and have been featured in countless Hollywood productions that cover this era.

Museum has been home to the Swing Subway Cars party. Original vintage subway cars are put back into service and available for the public to ride. To complete the swing mood, riders and enthusiasts of the era are invited to dress up in the style of the period and party to jazz and swing music. The vintage subway cars become the perfect time machine to transportyou back to those swingin’ days.

49


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:40 Pagina 50

N EWYORK

New York Italians is a non-profit organization dedicated to preserving, promoting and celebrating the rich culture and heritage of Italy and its people through outstanding cultural events and culinary programs, language classes, educational lectures and charities. Our organization was created in 2009 when our founder and executive director Pasquale Maio sought to create a more united community and pass on to future generations the love and passion for the Italian Culture. Pasquale Maio was born in Orria, in the province of Salerno, Italy and received his Law degree from the University of Naples, Federico II. After practicing law in Italy he moved to NYC starting his legal career representing Italian companies and Italians living in the NYC area in several matters. Pasquale is actually Of Counsel of an International Law firm, Paterno’& Associates, with offices in Italy and US. During the past years, Pasquale has made New York Italians an integral component in supporting the Italian culture and heritage in New York by building partnerships with several businesses and cultural organizations. Pasquale is committed to keeping the mission of New York Italians alive in order to foster a stronger community. In establishing closer cultural relations between the United States and Italy, we pledge to create a stronger face-to-face community to preserve Italian heritage and strengthen the common thread between the Italian and Italian-American populations.

50

New York Italians è un’organizzazione no-profit che vuole preservare, promuovere e celebrare la ricca cultura ed il patrimonio italiano e il suo popolo attraverso eventi culturali di rilievo e programmi culinari, corsi di lingua, corsi di formazione ed eventi di beneficienza. La nostra organizzazione è stata creata nel 2009 quando il nostro fondatore e direttore esecutivo Pasquale Maio cercò di creare una comunità più unita e di trasmettere alle future generazioni l’amore e la passione per la cultura italiana. Pasquale Maio nasce a Orria, in provincia di Salerno, e ottiene la laurea in legge all’Università di Napoli, Federico II. Dopo aver praticato legge in Italia si trasferisce a NYC dando inizio alla sua carriera legale rappresentando aziende italiane e italiani che vivono nell’area di New York per diverse questioni. Pasquale lavora come consulente legale presso lo studio legale internazionale Paternò& Associates, con sede in Italia e negli USA. Negli anni passati, Pasquale ha reso New York Italians una parte integrante nel sostenere la cultura e il patrimonio italiano a New York costituendo partnership con diverse aziende e organizzazioni culturali. Pasquale si impegna a mantenere viva la missione di New York Italians per promuove una comunità più forte. Nello stabilire relazioni culturali più strette tra USA e Italia, ci impegniamo a creare una comunità più forte in modo da preservare il patrimonio italiano e rafforzare il filo comune tra le popolazioni italiane e italo-americane.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:40 Pagina 51

New York Italians La Missione di New York Italians include:

The New York Italians Mission includes:

• • • • • • • • • •

• Encouraging the study of Italian language and culture in America

Incoraggiare lo studio della lingua e cultura italiana in America Preservare le tradizioni, la cultura e la storia italiana e italo-americana Promuovere strette relazioni culturali tra Stati Uniti e Italia Programmi formativi e borse di studio Sovvenzioni per la salvaguardia e promozione culturale Coinvolgere la comunità in programmi innovativi e advocacy issues Coltivare partnership con il mondo accademico Ricerca medica Aiuti in caso di disastri Altri progetti speciali

New York Italians è organizzata allo scopo di fornire un beneficio alla società nel suo insieme, sviluppando opportunità per i nostri membri, migliorando i rapporti commerciali tra USA e Italia, offrendo internship per i membri più giovani ed eventi di networking per i professionisti. Ci impegnamo ad onorare coloro che sono venuti prima di noi assicurando che il loro amore ed entusiasmo per la nostra cultura venga n trasmessa ai nostri figli e alle generazioni future.

• Preserving Italian and Italian American traditions, culture, history • Promoting closer cultural relations between the United States and Italy • Educational programs and scholarships • Grants for cultural preservation and advancement • Engage the community in innovative programs and advocacy issues • Cultivate partnerships with academia • Medical research • Disaster relief • Other Special Projects

New York Italians is organized for the purpose of providing a benefit to society as a whole, developing opportunities for our members, advancing US – Italy business, offering internships for younger members and networking events for professionals. We are committed to honor those that came before us by ensuring that their love and enthusiasm for our culture is passed to our children and all future generations.

51


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:41 Pagina 52

N EWYORK

52


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 15:41 Pagina 53

Secret Garden The Story of a Woman And a Hidden Gem of Long Island

by Joseph Fabbri photo by Salvatore Fabbri

53


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:42 Pagina 54

N EWYORK

Through the beech copse and sunken garden of a grand estate an elegant lady lingers. The cold air of autumn is upon her, the gardens in quiet surrender to the inevitability of the season. It is a world apart, tied tenuously to the present, as one’s memories and emotions of a past life… On the North Shore of Long Island, not far from Manhattan, there remain but a few grand country estates. They are testaments to a former existence, when this stretch of land, known as the Gold Coast, once held arguably the greatest concentration of wealth and influence in the country, and where the rich and famous of America’s Gilded Age built an aristocracy of their own. Here, the country estates numbered in the thousands, from castle-like behemoths to the more stately country home. Grand balls and extravagant summer parties, playboys and debutantes, servants and chauffeur’s were a part of life. And while all that is nearly gone, the great estates largely torn down, their fate having been sealed by the extensive suburbanization of the 1950’s, some have survived. Coe Hall is one of those. An authentic specimen of that by-gone era, the estate stands, seemingly frozen in time and unaffected by all that surrounds it. Built around 1919 in the small village of Upper Brookville near Oyster Bay, Coe Hall was the country estate of William Robertson Coe. Coe, an English-born insurance executive, whose company famously insured the “unsinkable” RMS Titanic, had married Mai Rogers, who was the daughter of Henry Huttleston Rogers, a major partner in Rockefeller’s Standard Oil Company. Although Mr. Coe’s own wealth was considerable, it was most likely largely with Rogers’ fortune that Coe Hall was constructed. Designed by the notable New York architectural firm of Walker & Gillette, the sixty-five room Tudor Revival mansion was a homage to Mr. Coe’s country of birth. Somewhat eclectic in nature, with its mixed façade of Indiana limestone and plastered half-timbering, the house reflects the English tradition of unabashed additions and a progression of styles. Even the immense, wrought iron entry gates were

54

Attraverso il boschetto di faggi e il giardino sommerso di una maestosa tenuta una signora elegante si sofferma. L’aria fredda dell’autunno è su di lei, i giardini si arrendono all’inevitabilità della stagione. E’ un mondo a parte, legato tenuamente al presente, come i ricordi e le emozioni di una vita passata. E’ sulla costa nord di Long Island, non lontano da Manhattan, che rimangono alcune tenute di campagna maestose. Sono testamenti di un’esistenza passata, quando questo tratto di terra, conosciuto come la Gold Coast deteneva probabilmente la maggiore concentrazione di ricchezza e influenza del Paese, e dove gli americani ricchi e famosi della Gilded Age hanno costruito la propria aristocrazia. Qui si possono contare migliaia di tenute di campagna, dalle tenute enormi che sembrano castelli alle classiche case di campagna imponenti. Balli sfarzosi e party estivi stravaganti, playboy e debuttanti, domestici e autisti facevano parte di questa vita. E mentre ora tutto questo non esiste più, la maggior parte delle grandi ville sono state demolite, il loro destino segnato dalla suburbanizzazione degli Anni ’50, alcune sono sopravvissute. Coe Hall è una di queste. Un esemplare autentico di quell’era ormai passata, la tenuta rimane/resta in piedi, apparentemente congelata nel tempo, inalterata da tutto cio’ che la circonda. Costruita attorno al 1919 nel piccolo villaggio di Upper Brookville vicino a Oyster Bay, Coe Hall era la tenuta di campagna di William Robertson Coe. Coe, un dirigente con origini inglesi di un’azienda di assicurazioni, la cui azienda ha notoriamente assicurato l’”inaffondabile” RMS Titanic, sposo’ Mai Rogers, figlia di Henry Huttleston Rogers, uno dei maggiori soci della azienda Standard Oil di Rockefeller; Sebbene il patrimonio di Coe fosse considerevole, fu soprattutto con le risorse finanziarie di Rogers che Coe Hall venne stata costruita. Progettata dal celebre studio di architetti Walker & Gillette a New York, la villa da sessantacinque camere Tudor Revival è un omaggio al paese di nascita del Signor Coe. Alquanto eclettica di natura, con la sua facciata che e’ un mix di calcare dell’Indiana e di legno e in muratura coperto di gesso, la casa rispecchia la tradizione inglese di maestosi ampliamenti e progressioni di stili.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:43 Pagina 55

55


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:45 Pagina 56

N EWYORK

imported from England, having been built in Sussex in the 1700s. Thus, Coe Hall presents the image of a house passed through the generations, as with any proper English manor. While the mansion is indeed the ideal country home, the gardens and grounds of Coe Hall are really the heart of the estate. Originally called the “Planting Fields” by the Matinecock Indians, who farmed the fertile landing above Oyster Bay, the site presented the ideal location for the Coe’s, who, both avid horticulturalists, would spare no expense in creating gardens to rival those of Europe. They first employed the famous, Harvard-educated landscape architect, Guy Lowell and his partner A.R. Sargent to help carry out their grand vision. From the main house, a sunken Italian garden, complete with a blue pool fountain and nearby tea house, leads into a seemingly endless rose arbor. Gentle pea gravel paths meander in one direction and then another, down a catmint walk here and crabapple alley there and even through a tunnel of weeping blue atlas cedars, making the immensity of the place—over four hundred acres—difficult to grasp all at once. As in all aspects of the estate’s construction, the Coe’s oversaw the entire landscaping process. For instance, Mr. Coe purchased over two thousand rhododendrons from England during a World War I surplus and continued to grow and hybridize different varieties over the years. He also acquired a large collection of rare Asian camellias from Guernsey, for which he created an especial greenhouse, one of several on the estate. Of course, Mrs. Coe was no exception to this sort of horticultural extravagance. When her father passed away, she decided to transplant two large European copper beeches from his estate in Fairhaven, Massachusetts. The two massive trees, with root balls nearly thirty feet in diameter, were barged during the winter across Long Island Sound to Oyster Bay. Roads were widened, power lines dismantled and teams of horses and steam-powered rollers were used to haul the precious trees to Coe Hall. It is just an example of the sort of passion and ex-

56

Persino l’immenso cancello di ferro battuto e’ stato importato dall’Inghilterra, essendo stato costruito nel Sussex nel XVI secolo. Perciò, Coe Hall è l’immagine di una casa che ha attraversato diverse generazioni, cosi’ come ogni tenuta Britannica che si può definire come tale. Mentre la tenuta è proprio la classica casa di campagna, i Giardini e terreni di Coe Hall sono il vero gioiello della villa. Originariamente chiamati “Planting Fields” (Terreni da piantare) dagli Indiani Matinecock, che coltivavano le terre fertili a nord di Oyster Bay, il sito era il luogo ideale per i Coe che, entrambi avidi orticoltori, non avrebbero badato a spese nel creare giardini da far invidia a quelli europei. Per prima cosa hanno incaricato Guy Lowell, famoso designer del paesaggio laureato ad Harvard, e il suo partner A.R. Sargent per aiutarli a realizzare la loro grandiosa idea. Dalla casa principale, parte un giardino sommerso in stile italiano, completo di fontana in pavimento blu e la casa da tè accanto porta a quello che sembra un roseto infinito. Un leggero sentiero di ghiaia serpeggia in una direzione e poi in un’altra, giù per una passeggiata fiancheggiata da erba gatta e da meli selvatici e poi attraverso una galleria di salici piangenti, che rendono l’idea dell’immensita’ del posto - piu’ di 400 acri - difficile da cogliere con un solo sguardo. Come per ogni aspetto della costruzione della tenuta, Coe ha supervisionato l’intera progettazione dei giardini. Per esempio, il Signor Coe ha comprato piu’ di duemila rododendri dall’Inghilterra dopo la Prima Guerra Mondiale e ha continuato a far crescere e ibridare diverse varietà negli anni. Ha inoltre acquistato una grande collezione di rare camelie asiatiche da Guernsey, per il quale ha creato una serra speciale, una delle tante nella proprietà. Di sicuro, la Signora Coe non faceva eccezione in questa sorta di stravaganze orticole. Quando suo padre morì, lei decise di trapiantare due grandi faggi rossi europei dalla sua proprietà a Fairhaven, Massachusetts. I due alberi enormi, con radici di quasi trenta piedi di diametro, furono fatti rotolare durante l’inverno attraverso Long Island Sound fino a Oyster Bay. Le strade furono allargate, le line elettriche smantellate e squadre di cavalli e rulli a vapore furono usati per trasportare i preziosi alberi


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:45 Pagina 57

a Coe Hall. Questo è solo un esempio del tipo di esuberanza e passione che solo una grande ricchezza come la sua poteva sostenere. E, nonostante la loro stravaganza, i Coe furono attenti a mantenere il paesaggio naturale della zona. Con l’aiuto aggiuntivo dei fratelli Olmstead, il cui padre, Frederick Law Olmstead, aveva progettato Central Park, incorporarono grandi prati con spazi aperti, sentieri, e boschetti di faggio, di castagno e di altri alberi. Così facendo, i terreni di Coe Hall appaiano come tessuti intrecciati di boschi primordiali, e così ci si puo’ immergere abbandonandosi in questo affascinante mondo. Indubbiamente, Coe Hall, il Planting Fields, è uno dei tesori di Long Island. Protetta da una tendenza sempre maggiore allo sviluppo e all’ondata egualitaria della modernita’, rimane salda nella sua strada, un segreto di sorta, n largamente nascosto a quelli che non guardano.

uberance that only a vast wealth such as hers could sustain. And, yet, despite their extravagance, the Coe’s were careful to maintain the natural landscape of the area. With the additional help of the Olmsted Brothers, whose father, Frederick Law Olmsted, designed Central Park, they incorporated large meadows with open expanses, trails, and groves of beech, magnolia, and other specimen trees. In doing so, the grounds of Coe Hall are seamlessly woven into the primeval woods, and therefore one crosses unawares, as it were, into this charming world unto itself. Undoubtedly, Coe Hall, the Planting Fields, is one of Long Island’s treasures. Sheltered from an ever surging tide of development and the egalitarian wave of modernity, she remains steadfast in her ways, a secret of sorts, largely hidden from those not looking.

57


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:46 Pagina 58

N EWYORK

58


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 15:46 Pagina 59

A New York si ha l'impressione che le cose avvengano piĂš velocemente che altrove. Lawrence Block In New York you have the impression that things happen faster than elsewhere.

59


**LIVEIN 32_lvn002• 19/02/16 18:10 Pagina 60


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:47 Pagina 61

Men’s Code


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:52 Pagina 62

Men’s Code

by Dino Piacci www.yachtandpowerboats.it edit by Giovanna Repossi

62


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 15:53 Pagina 63

Apache powerboats legend

63


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:55 Pagina 64

Men’s Code

To talk about Apache and their history, we must go back in time, in the late 70s. I was very young and with so much desire to learn, and I worked at Cougar Marine Toleman, 188th Street north of Miami, at that time only a small country road that ran along a wide canal. Just ahead of Cougar, there was the Cigarette, and there I got to know all those who later they would have done the history of the Off Shore at world level and marked the way of leisure boats. There were people like Don Aronow, Richard Bertram, Carl Kiekhaefer, Mark Mc Manus, Bob Saccenti, and others, were all there, without a doubt among the best, if not the best! Some time saw them out of the channel to test new boats, often several, or technical solutions without end .... From them and from Aronow pencil were also born Donzi, Magnum, Formula and Apache, in fact. Yeah, the Apaches: their first hulls fully expressed the concept of true "deep V", (much in vogue in those years); I spent hours to observe them, were an awesome thing. I thought to myself the cavalry needed to go fast a hull with a "V" so pronounced (technically refers to the degree dihedral angle), but also imagined that it could maintain hi speed and stability out there, in the Ocean! Today, Apache powerboats are known and appreciated all over the world, fast offshore boats that have won World Titles and Records in various categories, the last in 2015 on "Star", a 45’ with three engines, for a total of 2,700 Hp and a top speed of over 130 mph (about 212.00 km / h!). Who has never heard of Little Caesars, Heritage, Patriot, Tweet Revenge, Tsunami .... powerboats that have made history. And it is thanks to the experience of racing, these boats to ensure

64

Per parlare di Apache e della loro storia, bisogna tornare indietro nel tempo, verso la fine degli anni ’70. Io ero molto giovane e con tanta voglia di imparare, e lavoravo alla Cougar Marine Toleman, 188th strada a nord di Miami, all’epoca solo una stradina di campagna che costeggiava un ampio canale. Poco più avanti della Cougar, c’era la Cigarette, e lì ho potuto conoscere tutti quelli che poi avrebbero fatto la storia dell’Off Shore a livello mondiale e segnato la strada della nautica sportiva. C’era gente come Don Aronow, Richard Bertram, Carl Kiehkaefer, Mark Mc Manus, Bob Saccenti, ed altri ancora, erano tutti lì, senza dubbio tra i migliori, se non i migliori ! A volte li vedevo uscire dal canale per provare nuove barche, spesso diverse, o soluzioni tecniche senza fine…. Da loro e dalla matita di Aronow nacquero anche Donzi, Magnum, Formula e Apache, appunto. Già, gli Apache: le loro prima carene esprimevano appieno il concetto di vera “V profonda”, (decisamente in voga in quegli anni); passavo ore ad osservarle, erano una cosa impressionante. Dentro di me pensai alla cavalleria necessaria per far andare forte uno scafo con una “V” così accentuata (tecnicamente si fa riferimento ai gradi dell’angolo diedro), ma di contro immaginavo anche che velocità e stabilità avrebbe potuto mantenere lì fuori, in Oceano! Oggi gli Apache sono powerboats conosciute ed apprezzate in tutto il mondo, velocissime imbarcazioni off shore che hanno conquistato Titoli e Records Mondiali in varie categorie, l’ultimo nel 2015 su “Star”, un 45’ con tre motori, per un totale di 2.700 Hp ed una velocità di punta di oltre 130 Mph (circa 212,00 km/h!). Chi non ha mai sentito parlare di Little Caesars, Heritage, Patriot, Tweet Revenge, Tsunami…. barche che hanno fatto epoca. Ed è proprio grazie all’esperienza delle competizioni, che queste imbarcazioni garantiscono da sempre velocità d’eccezione nella mas-


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:55 Pagina 65

sima sicurezza anche nel diporto sportivo, per gli amanti della velocità, anche se con poca dimestichezza. Intuitive e facili da condurre, morbide anche sulle onde più impegnative, da generazioni affascinano ed entusiasmano gli appassionati di ogni genere ed età, dall’ex Presidente USA Bush padre, al campione di Formula 1 Mario Andretti, per citare un paio di nomi. Credo non sia facile trovare qualcosa di inadeguato su una di queste barche, ma Mark Mc Manus, perfezionista maniacale (scusami Mark, ma sai che è la verità!) è riuscito a dare quell’importante tocco in più che poteva migliorale ulteriormente, renderle ancora più performanti e piacevoli; e da bravo architetto qual è, ha innovato e rinnovato anche la gamma con modelli realizzati con un look diverso ed accattivante, con tecniche di costruzione che anticipano il futuro. Nuovi pozzetti con sedili accoglienti ed ultra imbottiti, nuovo disegno della plancia (personalizzabile) per una lettura più immediata di strumenti e navigatore, miglior controllo di rotta e visibilità grazie all’adozione della timoneria centrale, tutto su scafi costruiti con tecnologie, materiali, ed una lavorazione particolare, come dicevo, tale da farne imbarcazioni leggere ed incredibilmente robuste, in grado di assorbire anche l’impatto più violento sulle grandi onde oceaniche. Non dimentichiamo che già nel 1979 fu Lui a produrre il primo Cigarette, un 41’, con motori diesel, barca che interessò anche la marina Americana, che ne ordinò dieci. Oggi gli Apache sono diventati un po’come dei quadri d’autore, inconfondibili: non ce n’è una barca uguale all’altra, perché la filosofia del cantiere è quella di realizzarle come abiti su misura, coinvolgendo il cliente dall’inizio della costruzione fino alle varie scelte nell’allestimento. Se vi capita, n provatene una: ve ne innamorerete! Mari Blu!

constant excellent in the maximum safe speed even in pleasure boating, for lovers of speed, although with little familiarity. Intuitive and easy to lead, also soft on the most challenging waves, from generations fascinate and excite fans of each gender and age, the former US President Bush father, the Formula 1 champion Mario Andretti to mention a couple of names. I think it is not easy to find something inappropriate on one of these boats, but Mark Mc Manus, manic perfectionist (sorry Mark, but you know it's the truth!) managed to give that important touch that could improve them even further, make them even most efficient and pleasing; and as a good architect as he is, he has innovated and also renewed the range with models realized with a different and attractive look, with construction techniques that anticipate the future. New cockpits with comfortable and ultra-padded seats, new design of the dashboard (customizable) for easier reading and navigation instruments, best route control and visibility thanks to the adoption of the central wheel, everything on hulls built with technologies, materials, and a special processing, as I said, such as to make light boats and incredibly strong, able to absorb even the most violent impact on large ocean waves. Do not forget that in 1979 he was the first to produce Cigarette, a 41', with diesel engines, the boat affecting also the US Navy, who ordered ten. Today the Apaches have become a bit like the pictures of author, unmistakable: there is not a boat the same as another, because the shipyard's philosophy is to realize them as custom suits, involving the customer from the beginning of construction in setting up the various choices. If you happen, test one: you'll love it! Blue Seas!

65


**LIVEIN 32_lvn002• 19/02/16 18:11 Pagina 66

Men’s Code

1960:Un per la Dolce

66


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:56 Pagina 67

orologio Vita Design elegante, linee pulite ed essenziali, la nuova collezione LOCMAN interpreta le atmosfere dei nostri giorni, così vicine a quelle dei primi anni Sessanta, il decennio più glamour di sempre. Consacrati per sempre dal film “La Dolce Vita” di Federico Fellini e dal fascino scanzonato di Marcello, i “fabulous Sixties” rivoluzionarono gli stili di vita e, con essi, il costume. In quegli anni in Italia si respira un’atmosfera carica di energia e di speranza. I bambini che hanno vissuto le sofferenze della grande guerra sono oramai adulti, con una grande voglia di riscatto, di stabilità e di pace. Le giovani coppie si sposano con coraggio, giurandosi amore eterno, e l’aumento delle nascite diventa esponenziale, un vero e proprio baby boom. La famiglia è vissuta come valore fondante del rilancio di un’economia che vedrà un lungo periodo di prosperità. Creatività e spirito d’impresa vivono il momento magico: la tecnologia, la moda e lo stile italiano diventano un esempio di qualità e buon gusto, da esportare in tutto il mondo. Sulle ali di canzoni meravigliose come “Nel Blu Dipinto di Blu”, l’Italia fa volare la produzione industriale e, favorito dal clima e dal valore culturale, il Bel Paese diventa una meta turistica irrinunciabile. Gli stilisti, grazie alla meravigliosa semplicità del loro design, riescono a infondere alle loro creazioni un calore particolare, quanto mai attuale. E’ a tutti questi valori e a questo stile che si rifà LOCMAN con la nuova collezione 1960, una linea di orologi con quadrante ampio, cassa piatta in acciaio lucido o golden rose, linee eleganti. Disponibile sia in versione solo tempo che solo tempo Gran Data, 1960 si abbina a cinturini, in pelle o in tessuto, di tonalità diverse e coordinate al colore del quadrante. Per un uso più sportivo LOCMAN propone un bracciale in acciaio inossidabile in finissima maglia Milano, dotato di una chiusura che consente di regolarlo in modo semplice e veloce, senza il problema delle maglie da aggiungere o togliere, caratteristico dei bracciali tradizionali. Il prezzo di LOCMAN 1960 è irresistibile e parte da 198,00 euro. n

Elegant design, clean lines, the new LOCMAN collection interprets the atmosphere of our days, so close to those of the early sixties, the most glamorous decade ever. Consecrated forever from the film "La Dolce Vita" by Federico Fellini and the easy-going charm of Marcello, the "fabulous Sixties" revolutionized lifestyles and, with them, the costume. In those years in Italy the atmosphere is full of energy and hope. Children who have experienced the sufferings of World War I are now adults, with a great desire for redemption, stability and peace. Young couples marry with courage, vowing eternal love, and the increase of births becomes exponential, a real baby boom. The family is seen as a fundamental value of the revival of an economy that will see a long period of prosperity. Creativity and entrepreneurship live the magic moment: the technology, fashion and Italian style become an example of quality and good taste, to be exported around the world. On the wings of wonderful songs like "In the Blue Painted Blue", Italy's been flying industrial production and, favored by climate and cultural value, the beautiful country becomes an essential tourist destination. Fashion designers, thanks to the wonderful simplicity of their design, can infuse their creations a special warmth, than ever. And 'to all these values and to this style that harks back LOCMAN with the new collection 1960, a line of watches with large dial, flat case in polished steel or golden roses, elegant lines. Available in both singletime version that only time Great Date, 1960 goes with straps, leather or fabric, in different colors, and coordinate the color of the dial. For a more sporty use LOCMAN offers a stainless steel bracelet fine mesh Milan, featuring a closure that allows you to adjust it quickly and easily, without the hassle of meshes to be added or removed, characteristic of traditional bracelets. The price of LOCMAN 1960 is irresistible and starts at € 198,00.

67


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:58 Pagina 68

Men’s Code

“Esportare il tabarro senza l’emigrante dentro...”

68


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:58 Pagina 69

Una vera e propria passione. Questo è ciò che rappresenta il tabarro per Sandro Zara, veneto (1941) di Mirano, maestro di tessuti, imprenditore di grande esperienza e ancor più alta qualità, proprietario del Tabarrificio Veneto di Mirano. Affascinato dalla storia del tabarro diede vita a questa azienda nonostante la difficoltà di valorizzare un capo che stava cadendo nel dimenticatoio, cosa che lui non condivideva perché ritiene che questo passato non debba essere dimenticato, ma valorizzato in quanto lo considera un patrimonio. Ad oggi si può dire che questa missione sta avendo un buon risultato. Tabarrificio Veneto non opera solo nel mercato nazionale, si sono raggiunti anche i mercati di: America, Giappone e Korea. Per questo, in questo preciso momento storico, è stato simpaticamente definito l’imprenditore che ha esportato in America il tabarro, senza emigrante dentro. Ma da dove arriva il tabarro? qual’è la storia di questo affascinante capo? Per rispondere a queste domande, Zara ha ricercato, ritrovato e rispolverato un capo intramontabile che giustamente, indossa con orgoglio ad ogni occasione. Proprio la capacità e la “testardaggine” nel volere riscoprire ha permesso di far rivivere le storie e le varie tipologie che caratterizzano il tabarro, dai “codici” per il tabarro del Regio Esercito, alle differenze di colore e lunghezza che stabilivano il grado sociale di chi lo portava. Una cura ed una ricerca che non si limita al capo ma spazia nel mondo del tessuto, vera origine lavorativa di Sandro Zara, che ha saputo ricreare il tessuto ormai introvabile del tabarro, ricreare il suo fascino e la bellezza di indossarlo con il rito del “come” lo si indossa che richiama tempi lontani ed una sana ed instancabile voglia di var rivivere tradizioni con un capo che: “..non copre, ma al contrario, rivela chi siamo stati, cosa n potremmo essere”.

A real passion. This is what is the cloak for Sandro Zara, Veneto (1941) Mirano, textiles teacher, entrepreneur with great experience and even more high-quality, owner of Tabarrificio Veneto Mirano. Fascinated by the story of the cloak gave life to this company despite the difficulty of enhancing a leader who was falling into oblivion, which he did not share because it believes that this past must not be forgotten, but valued as it considers a heritage. As of today we can say that this mission is having a good result. Tabarrificio Veneto does not operate only in the domestic market, they have also reached the markets of America, Japan and Korea. For this, at this precise moment in history, it has been nicely described as the entrepreneur who has exported to America the cloak without emigrant inside. But where did the cloak? what is the history of this fascinating leader? To answer these questions, Zara has sought, found and dusted off a garment timeless which rightly wears with pride at every opportunity. Its capacity and "stubbornness" in wanting to rediscover allowed to revive the stories and various types that characterize the cloak, the "code" for the cloak of the Royal Army, the differences in color and length which established the social can wearer. A cure and a search that is not limited to the head but extends into the world of fabric, working real origin of Sandro Zara, which has been able to recreate the fabric of the cloak, now unobtainable, recreating the charm and beauty to wear it with the ritual of " like "you put it that recalls ancient times and a healthy and untiring desire to relive var traditions with a boss that:" you have no covers, but on the contrary, it reveals who we were, what we could be. "

69


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:59 Pagina 70

Men’s Code

70

Come si indossa il Tabarro


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:59 Pagina 71

71


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 15:59 Pagina 72


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:00 Pagina 73

Coco&Co

La moda passa, lo stile resta Coco Chanel


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:01 Pagina 74

Coco&Co

74


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:01 Pagina 75

La mia passione per New York

by Susanne Capolongo edit by Giovanna Repossi

La storia di Monica Castiglioni è scritta nel suo DNA e nel bronzo, figlia di Achille Castiglioni, noto designer e architetto, produce gioielli che sono sculture da indossare, in bronzo e in argento, ma è sempre pronta a sperimentare nuovi materiale e nuove evoluzioni. E’ anche una rinomata fotografa e produttrice di video. Vive tra Milano e New York City.

The history of Monica is written into her DNA and in the bronze. She is

Da quanti anni è che vivi a New York City? Da quasi un ventennio, passo molto più tempo a NYC che a Milano dove torno in occasione delle festività del Natale e del Salone del Mobile. Inizialmente ho abitato a Brooklyn poi a Manhattan, e ora nuovamente a Brooklyn in una chiesa sconsacrata a Carroll Gardens, dove ho anche lo studio. Adoro questo quartiere di Brooklyn, è eclettico, multietnico e dinamico, pieno di piccoli negozi, come piacciono a me, e ristoranti particolari; si possono trovare architetture in mattoni rossi e case a schiera con dei meravigliosi giardini. Si respira ancora un po’ quell'atmosfera storica e tipica dell'immigrazione multietnica. Vivere a NYC è una grande gioia, è un bisogno fisiologico. Milano rimane la mia città di nascita, ho la mia bottega, dove produco e vendo direttamente, casa e amici, ma amo profondamente New York. L’ho amata dal primo momento, ogni volta che torno è come scoprire sempre una nuova città.

How long have you been living in New York City?

Quali impulsi ti dà NYC? New York è un continuo stimolo per me, sono sempre in movimento, amo camminare per le strade, posso farlo per ore e per chilometri senza mai stancarmi; è una continua scoperta. E' la città sempre "aperta" e questo mi piace molto. L’offerta propositiva è ricca e continua: teatri, mostre, negozi, puoi avere di tutto in qualsiasi momento. E’ per me un costante “impulso”, può essere caotica ma ti offre anche degli “spazi-oasi”. Vivere a NYC vuol dire confrontarsi sempre con qualcosa di nuovo. È la città cosmopolita per eccellenza, non mancano mai la possibilità di nuovi incontri e fare amicizia con persone provenienti da tutte le parti del mondo che hanno sempre qualcosa di diverso e nuovo da raccontare.

Which stimuli does NYC give to you?

daughter of Achille Castiglioni, well-known designer and architect, she produces bronze and silver jewels, which are sculptures to wear on. She is always interested to experiment new materials and new evolutions. She is also a renowned photographer and author of videos. She lives between Milan and New York City.

M.C. – For almost twenty years, I spend much more time in NYC than in Milan, where I come back for feast days, as Christmas and the Salone del Mobile. At the beginning, I lived in Brooklyn, then in Manhattan, and now again in Brooklyn in a deconsecrated church in Carroll Gardens, where I have also my atelier. I adore this area of Brooklyn, as it is eclectic, multiethnic and dynamic, full of little shops, that I like, and particular restaurants; you can find red brick buildings and terraced houses, with wonderful gardens. You can breathe a little the historic atmosphere which is typical of the multiethnic immigration. Living in NYC is a great joy, it is a physiological need for me. Milan is still my birth city, where I have my workshop, in which I produce and sell immediately, house and friends, but I deeply love New York. I had loved the city since the first moment, every time I come back it is like to discover always a new city.

New York is a incessant stimulus, I am always going around, I like walking in the streets, I can do it for hours and for kilometers without felt tired; it is a continue discovery. It is always “open” and I like it a lot. Its offer is vast and incessant: theaters, exhibitions, shops, you can have everything in any moment. For me, it is a constant “stimulus”, the city can be chaotic, but it also offers “oasis-places”. Living in New York means to face with something new every moment. It is the cosmopolitan city par excellence, where the chance to have new meetings doesn’t lack, and I have friends from different places of the world, having always something new and different to tell.

75


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:02 Pagina 76

Coco&Co

Your jewels and sculptures are displayed in some museums of New York City as the Museum Shop del Moma, you boast collaborations and collectors coming from the show business. Tell us about. M.C. – I could only be satisfied. Twenty years ago, I went to New York just for the collaboration with the shop of Moma, through Paola Antonelli, then I started to sell to Moss, which by now is closed. Today, I exhibit at the Cooper Hewitt Museum Shop. While, at Mad, I presented the collection born by the partnership with the Studio Bijouettes, which wanted to produce some of my jewels using the 3D printers. At the beginning, I felt quite reluctant, but when I saw the final product, which doesn’t misrepresent absolutely my creations, I was enthusiast. I have also exhibited at the Rubin Museum of Art. In Italy I boast, proudly, the collaboration with Antonio Marras, the wellknown stylist. We felt immediately at ease, we don’t need many meetings, but it was enough a unique meeting in order to create the jewels for his fashion show in September 2015, and, I have to say it, collaborating with him, for me, was a real pleasure.

You grew in the artistic world, it was written into the stars that you would have become in turn an artist. I grew among artists, designers, architects, in a Milanese and international cultural world. Many of them attended our house regularly, among them Max Huber, a close friend of my father and Kengiro Azuma. Max Huber gave me a drawing book and Azuma, looking at my images, suggested me to focus on tridimensional shape. After a while, I met the sculptor Davide De Paoli and from there, I started my path lasted thirty-six years. My real favorite material is bronze, but I create also golden jewels and I always experiment new materials. At the same time, I devote myself also to photography and videos, I published a lot of books about my photos.

Which are you projects for the future? M.C. – I want to continue to experiment and do what I like, by looking for affinities with new or different materials. New and innovative collaborations are planned too. My ambitions and secret dreams are many! The most lively dream is to have a little hole in NYC which reflects my passions. www.monicacastiglioni.com

76

I gioielli e le sculture sono esposti in alcuni musei di New York City come Museum Shop del Moma, vanti collaborazioni e collezionisti del mondo dello spettacolo. Raccontaci. Non potrei che esserne soddisfatta, vent'anni fa andai a New York proprio per il rapporto di collaborazione che si era venuto a creare con il negozio del Moma, tramite Paola Antonelli, successivamente ho iniziato a vendere da Moss, che orami ho chiuso, attualmente espongo al Cooper Hewitt Museum Shop. Mentre al Mad ho presentato la collezione nata dalla collaborazione con lo Studio Bijouettes, che hanno voluto realizzare alcuni dei miei gioielli con le stampanti in 3D, inizialmente ero abbastanza titubante, ma visto il prodotto finito, che non snatura assolutamente le mie creazioni, mi sono entusiasmata. Ho anche esposto al Rubin Museum of Art. In Italia vanto, con orgoglio, la collaborazione con Antonio Marras, noto stilista, da subito ci siamo trovati in sintonia, non abbiamo avuto bisogno di molti meeting, è bastato un solo incontro per la realizzazione i gioielli per la sfilata di settembre 2015, collaborare con lui per me è un vero piacere. Sei cresciuta nell’ambiente artistico, era scritto nel firmamento che diventassi a tua volta un’artista. Sono cresciuta in mezzo agli artisti, ai designers, agli architetti e a tutto l'ambiente culturale milanese e internazionale. Molti frequentavano assiduamente casa nostra, tra questi Max Huber, molto amico di mio padre, e Kengiro Azuma. Max Huber mi aveva regalato un book su cui disegnare e Azuma nel vedere le mie immagini mi consigliò di dedicarmi alla forma tridimensionale. Poco dopo conobbi lo scultore Davide De Paoli e da lì iniziai il mio percorso, che dura da 36 anni, prediligo in assoluto il bronzo, ma realizzo gioielli anche in argento e sperimento sempre nuovi materiali. Contemporaneamente mi dedico alla fotografia e ai video, ho realizzato parecchi libri dei miei scatti fotografici. Progetti per il futuro ? Continuare a sperimentare e fare ciò che mi piace, cercando affinità con nuovi o diversi materiali. Ci sono anche nuove e innovative collaborazioni in programma. Il cassetto dei desideri si apre e si chiude continuamente, il desiderio più vivo? Aprire un “buchetto” a NYC che mi rispecchi. n www.monicacastiglioni.com


**LIVEIN 32_lvn002• 19/02/16 18:14 Pagina 77


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:06 Pagina 78

Coco&Co

PangaeA, la seconda vita dei palloni da calcio We are surrounded by all possible forms but we tend to take them into account only for the meaning that wind is imposed and we struggle to be reconsidered for another utility. We often objects and cestiniamo them when they do not play more the role that was given to them. The artist Thomas Casadei Padua Church addresses this issue by proposing a recycled one of the most popular items and recognized in the world: the soccer ball. Inspired during a trip to Thailand where he understood the energy embodied in people and how they lived in the transmit objects, on his return has transformed an old flask of calico in've reached the end of its life cycle in a new leather designer purse original. The ball, worn and laundry, no longer usable, contains an immense energy caused by joy and sorrow, laughter and tears, goals and fouls, loves and hates. To become a product Pangaea each shell Ball, recovered in various Italian playgrounds, through four processes of manual processing ( "handrecycled" editor's note) that make it colorful, lightweight, durable and waterproof. The cotton lining or tassel and trim cuio enrich and enhance its unique and inimitable product. Every fact Pangaea, although treated in the same manner assumes a color that does not depend only on the type of ball used as a base but also suffered from wear in the course of its history. Each bag is packed in a colored fabric bag with a stitched cotton threads crossing that draws the network of football goal. The manual processing of the shells and the high quality of craftsmanship makes this product a perfect mix for those with sensitivity and respect for the environment but do not want to deprive yourself of the pleasure of wearing a luxury product. By using the material obtained by the Treaties balloons you can be created bags of different shapes and sizes. The proposed model consists of three different balls, taken apart piece by piece and riasseblati coating them inside with a foam starto, nappa

78

Siamo circondati da tutte le forme possibili ma tendiamo a prenderle in considerazione solo per il significato che viente imposto e facciamo fatica a riconsiderarle per un’altra utilità. Compriamo spesso oggetti e li cestiniamo quando non ricoprono più il ruolo che è stato loro attribuito. L’artista padovano Thomas Casadei della Chiesa affronta questa tematica proponendo un recycled di uno tra gli oggetti più diffusi e riconosciuti al mondo: il pallone da calcio. Ispirato durante un viaggio in Thailandia dove ha compreso l’energia racchiusa nelle persone e come queste la trasmettano negli oggetti vissuti, al suo ritorno ha trasformato un vecchio Pallone da calico in cuoio ormai giunto alla fine del suo ciclo vitale in una nuova borsa di design originale. Il pallone, usurato e bucato, non più utilizzabile, racchiude una energia immensa provocata da gioia e dolore, risate e lacrime, goal e falli, amori e odi. Per diventare un prodotto PangaeA ogni guscio di Pallone, recuperato nei più svariati campi da gioco italiani, attraversa 4 processi di lavorazione manuale (“handrecycled” n.d.r.) che lo rendono colorato, leggero, resistente ed idrorepellente. L’interno in cotone o nappa e le rifiniture in cuoio arricchiscono e valorizzano un prodotto unico e inimitabile. Ogni PangaeA infatti, anche se trattata nella stessa maniera assume un colore che non dipende solo dal tipo di pallone usato come base ma anche dall'usura subita nel corso della sua storia. Ogni borsa viene confezionata in un sacchetto di tessuto colorato con cucito un incrocio di fili di cotone che richiama la rete della porta da calcio. Il trattamento manuale dei gusci e l’alta qualità del lavoro artigianale rendono questo prodotto un mix perfetto per chi ha sensibilità ed il rispetto nei confronti dell’ambiente ma non vuole privarsi del piacere di indossare un prodotto di lusso. Utilizzando il materiale ricavato dai palloni trattati possono essere create borse di diverse forme e misure. Il modello proposto è formato da tre diversi palloni, scuciti tassello per tassello e riasseblati rivestendoli all’interno con uno strato di gommapiuma e di


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:06 Pagina 79

by Annalisa Fanticelli

79


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:07 Pagina 80

Coco&Co

leather, the closure, the noose and the details in cuio conclude a fully manual work about 60 hours. The project, originally started from the classic bag / ball is eventually developed into a line of products including suspenders and hat retro charm. The shoulder straps crossed in the back with the Pentagon identifier of the ball, are finished in leather in the final part of the hooks and nappa leather in the lining of the pentagon. Completely hand-confezionatoe are in a box with a unique design of plastic derived from corn. The hat, cylinder-style leather shaped by hand is lined in silk and leather. It is finished with a wraparound belt made from a silk tie and a riveted piece of the ball on the treated side. The choice of the name Pangaea, originally attributed storage of embryonic primordial earth, as well as draw the shape roundness, conceptually refers to a time when the earth was healthy, pure, combined. So the Pangaea products offer a luxury Recycling, a status symbol that focuses on the Recycling without losing the high quality craftsmanship that distinguishes a high-end product. Pangaea, handrecycled in Italy. For info pangaea.bag@gmail.com

80

pelle nappa, la chiusura, il laccio ed i particolari in cuoio concludono una lavorazione completamente manuale di circa 60 ore. Il progetto, originariamente partito dalla classica borsa/palla si è poi sviluppato in una linea di prodotti tra cui bretelle e cappello dal fascino retrò. Le bretelle, incrociate nella schiena col pentagono identificativo del pallone, sono rifinite in cuoio nella parte finale dei ganci e in pelle nappa nel rivestimento del pentagono. Assemblate completamente a mano sono confezionate in una scatola dal design unico in materiale plastico ricavato dal grano. Il cappello, stile cilindro, in cuoio modellato a mano è foderato in seta e nappa. Viene rifinito con un nastro avvolgente ricavato da una cravatta in seta e con il tassello del pallone trattato rivettato sul lato. La scelta del nome PangaeA, originariamente attribuito all’ammasso embrionale della terra primordiale, oltre a richiamare la rotondità della forma, rimanda concettualmente ad un tempo in cui la terra era sana, pura, unita. Così i prodotti PangaeA propongono un reciclo di lusso, uno status symbol che mette in primo piano il reciclo senza perdere l’alta qualità artigianale che contraddistingue un prodotto di alta gamma. Pangaea, handrecycled in Italy. n Per info pangaea.bag@gmail.com


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:07 Pagina 81


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:08 Pagina 82

Coco&Co

New York: la vetrina dell’Europa 82

by Lydia Cavaliere - modasenzatzucchero.blogspot.com edit by Giovanna Repossi


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:08 Pagina 83

The Big Apple...l’ombelico del mondo, il centro nevralgico dove ogni espressione, anche la più estrema ha la possibilità di essere manifestata. Sede, dai mitici anni ’80, di iniziatici moti di pensiero, artistici, scientifici che in una parola possono definirsi “innovativi”. La storia vuole che, però, la moda nasca sotto un altro cielo. Quello europeo, il vecchio continente che diede origine al tutto. Figurativamente parlando il rapporto tra New York e l’Europa, cui limitazione geografica racchiude l’Italia, La Francia e diversamente la Spagna, lo si può designare come lo spettatore e il grande attore, che mette in scena la sua parte e che inevitabilmente viene criticato, osservato e analizzato da un osservatore attento e desideroso di carpire l’essenza, la cultura e “l’oltre” che dopo uno spettacolo ci si trova a ricercare. Negli anni la Francia e L’Italia sono stati interpreti eccelsi, fautori di opere passate alla storia e certamente emulate da chi osservava. La grande mela però, con la sua voglia di emergere e il suo stacanovismo, oltre a osservare assorbiva, prendeva appunti per poi creare il suo film, apportando perfezione e professionalità, che la più artistica Europa faceva fatica a svelare dietro il suo anarchismo e la sua impulsività. Negli anni ’90 il boom della cinematografia americana. Da Pretty Woman a successivamente Sex And The City, come anche American Gigolo, tutti mettevano in mostra, innalzando gli stilisti europei, che senza questo forse oggi non sarebbero così osannati. Valentino, Giorgio Armani, Versace e in tempi odierni molti altri diventarono da attori a pubblico parlante di tutto un mondo che cambiava, che si globalizzava, che voleva sempre di più soddisfare l’immagine, la bellezza, la possibilità di possedere qualcosa di esclusivo. Grazie New York perchè hai apportato alla vecchia Europa, la concretezza e la capacità di azione, creando un connubbio potentissimo tra eclettismo e praticità, evidenti nella visione odierna del costume sociale. Anche se adesso può sembrare che la moda stia soffrendo, un pò per l’incentivarsi del movimento orientale, un pò per l’affermazione sempre più evidente del pronto moda e del “vestire low Cost”, resta evidente che chi detta legge su tutte le tendenze e le “opere” in passerella, sia ancora sempre e comunque, la fantasia degli immortali latini. E’ vero, le case di moda più illustri sono oggi dirette da altri nomi, che possono essere stati fino a poco prima dei semplici “addetti ai lavori”, ma hanno carpito, amato e studiato cosa significa stile, dai più grandi e dimostrano statisticamente, di riuscire a perpetuare la grandezza dei loro maestri. Si deve a New York, a Vogue America, al cinema americano la continua divulgazione, di questa eleganza innata che da sempre ha contraddistinto la nostra vecchia Europa. Quindi con gratitudine la moda dovrebbe guardare questa metropoli, tanto misteriosa e a volte contradn dittoria, quanto stimolante e permeata di ottimismo.

The Big Apple... the navel of the world, the neuralgic centre where every expression, also the most extreme, has the chance to be manifested. Setting, since the mythical eighties, of initiatory, artistic and scientific movement of thinking, which can be defined, with a word, innovative. Anyway, history says that fashion has started in another context. The European one, the old continent which give origin to everything. From a figurative perspective, between New York and Europe, which includes Italy, France and Spain, we can define the first as the spectator and the second as the great actor, which plays his part and inevitably is criticized, observed and analyzed by a careful observer, interested in catching the essence, the culture, and what goes beyond the spectacle, when it is over. Over the years, France and Italy had been sublime performers, supporters of works going down in history and certainly emulated by their observers. The Big Apple, however, with its will to stand out and its stakhanovite character, takes down notes in order to create its own movie, adding perfection and professionalism, which the most artistic Europe struggles to show, under its anarchism and impulsivity. Over the nineties, the boom of the American cinematic arts, including Pretty Woman then Sex And The City, as well as American Gigolo, showed fashion and celebrated the European stylists, who nowadays, maybe, would not be so much praised. Valentino, Giorgio Armani, Versace and today many others, from interpreters, became an audience, talking about a big world in change, moving towards globalization, interested more and more to improve their looking, beauty and having something exclusive. Thank you New York because you give old Europe pragmatism, and ability to act, by creating a very powerful union between eclecticism and practicality, which are evident in the current vision of social trend. Even if nowadays, it can seem that fashion is suffering, a little for the growing of the Oriental movement, a little for the more and more clear success of the prêt à porter and low cost lines, it is a fact that the immortal European fantasy still dictates rules over all trends and “works” on the catwalk. It is true, the most famous maisons are managed by other names, who can be a little before only insiders, who had understood and studied the essence of style, from the biggest maisons, and show, in terms of data, to be able to perpetuate the splendor of their masters. We owe New York, Vogue America, American filming, the continue divulgation, of this innate elegance, which has always be typical of our old Europe. Therefore, fashion should express gratitude to this metropolis, so mysterious, and sometimes contradictory, but also stimulating and full of optimistic confidence.

83


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:09 Pagina 84


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:09 Pagina 85

Gourmet

Il fascino dell’eccellenza


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:09 Pagina 86


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:11 Pagina 87

Gourmet

by Bruno Petronilli

Appletru, il love cocktail del Cafè Trussardi Lo spazio metropolitano del Levriero, a due passi dal Teatro alla Scala, in occasione di San Valentino ha creato un drink scenografico: una stark delicious svuotata e colmata con un mix suadente di profumi ed essenze. “Appletru” spiega Tommaso Cecca, bar tender del Café Trussardi alla Scala “è perfetto per l’aperitivo e per il dopocena grazie al suo gusto bitter sweet organico che vira verso l’arancio acido della mela e l’amaro non invasivo del Campari sino a stemperarsi in note dolci e piccanti verso la parte finale. Un cocktail suadente, capace di conquistare il palato, perfetto per celebrare l’amore”. Servito con sea finger (insalata di mare) o delicatessen di terra (tartare di manzo) prima di cena, Appletru viene esaltato nell’after dinner da una selezione di cacao Masse oppure da un Tiramisù. “Sperimentare, ricercare e percorrere nuove strade di gusto” puntualizza Luca Cinacchi, F&B Manager del Café e Ristorante Trussardi alla Scala “fa parte della filosofia del Café e del Ristorante Trussardi alla Scala. Puntiamo all’originalità di ogni proposta, unica per qualità degli ingredienti, per come viene preparata e servita. Il nostro marchio si n legge in ogni fase”.

The metropolitan area of the Greyhound, a few steps from

the Teatro alla Scala, on the occasion of Valentine's Day has created a scenic drink: a delicious stark emptied and filled with a persuasive mix of perfumes and essences. "Appletru" explains Tommaso Cecca, the Café bar tender Trussardi alla Scala "is perfect for an aperitif and after dinner because of its bitter taste that veers towards organic sweet orange sour apple and bitter Campari non-invasive up to dissolve in sweet and spicy notes to the final part. A persuasive cocktails, able to conquer the palate, perfect to celebrate love". Served with sea finger (seafood salad) or delicatessen ground (beef tartare) before dinner, Appletru is exalted in the after dinner with a selection of cocoa masses or a tiramisu. "Experience, investigate and explore new roads of taste," explains Luca Cinacchi, F & B Manager of Café and Ristorante Trussardi alla Scala "is part of the philosophy of Café and Ristorante Trussardi alla Scala. We aim originality of each proposal, only for the quality of ingredients, the way it is prepared and served. Our brand is read at every stage ".

87


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:11 Pagina 88


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:11 Pagina 89

Gourmet

Corteaura, nuovo concept per una nuova cantina by Bruno Petronilli

Corteaura Franciacorta nasce nel 2009 per volontà di Federico Fossati. Si trova alle pendici del comune di Adro in provincia di Brescia. Federico cresciuto in Veneto, voleva realizzare un sogno enologico: produrre un vino di qualità in un territorio di vocazione. Per questo ha viaggiato in tutta l'Italia individuando nella Franciacorta il territorio che più di ogni altro avrebbe prodotto per i suoi vini la gamma più ricca e più ampia di sfumature. Corteaura è un nome che viene da lontano, dalla culla della cultura greca ed ha più significati etimologici. Aura, figlia di Peribea, è una ninfa della mitologia greca, le sue movenze sono veloci come il vento. Aura dal greco "alos" (corona), denota un sottile campo di radiazione luminosa, invisibile alla normale percezione, che circonda e anima tutti gli esseri viventi (persone, animali e piante). Aura, infine, come l'insieme dell'energia positiva. Accanto ad Aura la Corte rievoca la storia della Franciacorta. Quando nel medioevo il territorio era amministrato da monaci Benedettini e Cluniacensi che in cambio del lavoro prestato non pagavano le gabelle e i dazi da qui il nome La Francia Curta. E il simbolo scelto da Corteaura è la tartaruga. Un animale calmo pacato dotato di grande prospettiva che evoca la lentezza, l'attesa ma anche la longevità. Così nel Franciacorta il tempo è lo strumento indispensabile per preparare le cuvée e aspettare che l'evoluzione si compia. La gamma di Corteaura comprende le più ampie e varie sfumature del territorio della Franciacorta. Tutti i vini sono volutamente non millesimati con un affinamento sui lieviti di almeno 26 mesi per garantire l'alta qualità e una n profonda struttura.

Corteaura Franciacorta was founded in 2009 by Federico Fossati. It is located at the foot of the town of Adro near Brescia. Frederick grew up in Veneto, wanted to make a wine dream: to produce a quality wine in a vocation. For this he traveled throughout Italy Franciacorta in identifying the territory that more than any other would have produced for its wines, the richest and most extensive range of colors. Corteaura is a name that comes from afar, from the cradle of Greek culture and has more etymological meanings. Aura, daughter of Periboea, is a nymph of Greek mythology, his movements are swift as the wind. Aura from the greek "alos" (crown), denotes a thin light radiation field, invisible to normal perception, which surrounds and animates all living creatures (people, animals and plants). Aura, finally, as the positive energy together. Next to Aura, the Court recalls the story of Franciacorta. When in the Middle Ages the territory was administered by the Benedictine monks and Cluniacensi that in return for work done did not pay the taxes and duties, hence the name France Curta. And the symbol chosen by Corteaura is the turtle. A calm animal calm has great prospect that evokes the slow pace, the wait but also longevity. So in Franciacorta time it is the essential tool to prepare the cuvée and wait for the evolution is fulfilled. The Corteaura range includes the widest and various shades of Franciacorta territory. All wines are deliberately non vintage with aging on the lees for at least 26 months to ensure high quality and a deep structure.

89


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:13 Pagina 90


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:13 Pagina 91

Gourmet

Ferrari è la “Cantina Europea dell'Anno” by Bruno Petronilli

La New York Public Library ha ospitato, il 25 gennaio, i Wine Star Awards, gli "Oscar americani del Vino", organizzati dal magazine Wine Enthusiast, i cui vincitori erano stati ufficializzati a fine 2015. L'evento, che si è aperto con l’esibizione al pianoforte di John Legend, ha riunito cinquecento tra le personalità più significative del mondo del vino mondiale che hanno degustato nel corso della serata il Ferrari Perlé 2007 Trentodoc. Matteo e Camilla Lunelli hanno ritirato il premio “Cantina Europea dell’Anno” dedicandolo a tutti gli uomini e le donne della Ferrari, “una squadra meravigliosa che lavora con impegno e passione”. Hanno inoltre definito questo traguardo un importante segno del crescente interesse internazionale per le bollicine italiane di eccellenza e un’ulteriore conferma della grande vocazione del Trentino e della sua viticoltura di montagna. Sibyl Strum, amministratore delegato di Wine Enthusiast, ha sottolineato nella sua presentazione come Ferrari coniughi una tradizione ultracentenaria con l’innovazione, producendo vini che rappresentano al meglio la qualità e l’eleganza del Made in Italy. Ha inoltre citato Ferrari Perlé, Riserva Lunelli e Giulio Ferrari Riserva del Fondatore come alcune fra le migliori bollicine a livello mondiale. Ferrari è stato quindi orgoglioso ambasciatore del vino italiano, accanto ad un’icona come Angelo Gaja premiato nella men desima occasione con il premio alla carriera.

The New York Public Library has hosted, January 25, the Wine Star Awards, the "Oscars of the Wine", organized by the magazine Wine Enthusiast, the winners of which were made official at the end of 2015. The event, which opened with a performance at the piano by John Legend, brought together five of the most significant personalities of the world wine world who have tasted during the evening the Ferrari Perlé 2007 Trentodoc. Matteo and Camilla Lunelli accepted the award "European Winery of the Year" and dedicated it to all men and women of Ferrari, "a wonderful team that works with commitment and passion." They outlined this goal an important sign of the growing international interest for Italian bubbles of excellence and further confirmation of the great vocation of Trentino and its mountain viticulture. Sibyl Strum, CEO of Wine Enthusiast, stressed in his presentation as Ferrari combines a centuries-old tradition with innovation, producing wines that best represent the quality and elegance of the Made in Italy. He also quoted Ferrari Perlé and Giulio Ferrari Reserve Lunelli Founder Reserve as some of the world's best sparkling wines. Ferrari was so proud ambassador of Italian wine, next to an icon like Angelo Gaja honored on the same occasion with the lifetime achievement award.

91


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:13 Pagina 92


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:13 Pagina 93

Gourmet

Glenmorangie e il Principe Alberto II di Monaco by Bruno Petronilli

Glenmorangie è lieta di annunciare un’esclusiva collaborazione con Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II di Monaco. È la prima volta che il Principe collabora con una distilleria per selezionare un single malt che porterà il suo nome. Questo whisky raro, proveniente da una botte singola, imbottigliato in suo onore, sosterrà la tutela ambientale, una causa cara al Principe e supportata da Glenmorangie e La Maison D’Ecosse. Nel mese di giugno, Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto ha visitato la sede di Glenmorangie nelle Highlands, per constatare personalmente fin dove si spinge Glenmorangie per la creazione del suo whisky di qualità. Qui, sulle coste della baia di Dornoch, il Principe, noto conoscitore del whisky a malto singolo, ha selezionato una singola botte, con l’aiuto del Dr. Bill Lumsden, direttore del reparto Distilling and Whisky Creation di Glenmorangie. Il Dr. Bill ha affermato che “lo straordinario whisky color oro pallido che abbiamo scelto è rimasto a maturare per 12 anni in un barile precedentemente usato per il bourbon. Ricordando i doni della natura nelle sue note di erica, miele, banana, pesca e lime, questa bottiglia incarna la passione condivisa del Principe e di Glenmorangie per il single malt e per la natura.” Sono state create solo 180 bottiglie, decorate con lo stemma del Casato dei Grimaldi. Le prime due saranno messe all’asta in occasione del festival annuale della Monte Carlo Whisky Society a dicembre, per raccogliere fondi a favore dell’associazione benefica del Principe attiva in campo ambientale, la Prince Albert II of Monaco Foundation, e per l’organizzazione benefica partner di Glenmorangie, la Marine Conservation Society (MCS). Le restanti bottiglie saranno utilizzate n per sostenere il lavoro della Prince Albert II of Monaco Foundation..

Glenmorangie is pleased to announce an exclusive partnership with HSH Prince Albert II of Monaco. It is the first time that the Prince is working with a distillery to select a single malt that will bear his name. This rare whiskey from a single cask, bottled in his honor, will support environmental protection, a cause dear to the Prince and supported by Glenmorangie and La Maison D'Ecosse. In June, His Serene Highness Prince Albert visited the headquarters of Glenmorangie in the Highlands, to see for themselves how far you push Glenmorangie for the creation of his quality whiskeys. Here, on the shores of the Dornoch Bay, Prince, known connoisseur of single malt whiskeys, he has selected a single barrel, with the help of Dr. Bill Lumsden, Head of Distilling and Whisky Creation Department of Glenmorangie. Dr. Bill stated that "the extraordinary pale gold whiskey that we have chosen is left to mature for 12 years in a barrel previously used for bourbon. Remembering the gifts of nature in its heather, honey, banana, peach and lime, this bottle embodies the shared passion of the Prince and the Glenmorangie single malt and for nature. "Only 180 bottles have been set, decorated with the of the House of Grimaldi coat of arms. The first two will be auctioned off at the annual festival of Monte Carlo Whisky Society in December, to raise funds for the charity organization active in the environmental field Prince, the Prince Albert II of Monaco Foundation, and for the organization Glenmorangie beneficial partner, the Marine Conservation Society (MCS). The remaining bottles will be used to support the work of the Prince Albert II of Monaco Foundation ..

93


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:13 Pagina 94

www.32viadeibirrai.it


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:15 Pagina 95

Gourmet

by Bruno Petronilli

Riaprono le Cantine di Moët & Chandon Moët & Chandon riapre le sue leggendarie cantine di Avenue de Champagne a Epernay dopo un lungo e accurato restauro conservativo, durato oltre un anno, eseguito perseguendo due obiettivi primari: la forte volontà di rispettare e superare gli standard ufficiali e la necessità di salvaguardare questi luoghi unici e leggendari, entrati a pieno titolo nel Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. La riapertura di un luogo così esclusivo è un momento raro che esalta e sottolinea le preziose radici storiche della Maison. Con questo attento restauro, il prestigioso tour delle cantine Moët & Chandon torna ad essere una realtà aperta al mondo. Il Cour d’Honneur, gli storici saloni Impérial e Jean-Remy e la boutique sono stati impreziositi e rinnovati per offrire ai visitatori un’esperienza esclusiva, fedele allo spirito audace della Maison. I lavori si sono concentrati anche sull’ottimizzazione dell’accesso per persone con mobilità ridotta grazie alla costruzione di un ascensore diretto alle cantine e al nuovo ingresso per raggiungere uno dei più importanti saloni della Maison. Un impegnativo restauro che ha reso l’entrata alle cantine ancora più emozionante, per visitare al meglio uno dei luoghi simbolo della Maison. Dal 1743 Moët & Chandon, simbolo internazionale dell’art de vivre francese, si dedica con impegno all’eccellenza e alla perfezione dei suoi vini, facendo imn mergere i visitatori nelle origini storiche e leggendarie della Maison.

Moët & Chandon reopened its legendary cellars of the Avenue de

Champagne in Epernay after a long and careful restoration, which lasted over a year, run by pursuing two primary goals: a strong desire to meet and exceed the official standards and the need to preserve these places unique and legendary, fully entered in the UNESCO World Heritage. The reopening of such an exclusive place is a rare moment that enhances and emphasizes the precious historical roots of the Maison. With this careful restoration, the prestigious tour of the Moët & Chandon cellars becomes a reality open to the world. The Cour d'Honneur, historians Impérial salons and Jean-Remy and boutiques have been embellished and renovated to offer visitors exclusive experience, true to the bold spirit of the Maison. The work also focused on the optimization of access for people with reduced mobility thanks to the construction of a direct lift to the cellars and the new entrance to reach one of the most important shows of the House. Extensive restoration that has made the entrance to the cellars even more exciting, to visit to one of the symbolic places of the Maison. Moët & Chandon since 1743, the international symbol French art de vivre, devotes commitment to excellence and perfection of its wines by immersing visitors in the historical and legendary origins of the Maison.

95


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:16 Pagina 96

Alta gradazione

a cura di Bruno Petronilli

I liquori di Giardini d’Amore “Sentire Mediterraneo” la grande passione che ha ispirato un gruppo di giovani ragazzi siciliani nel creare Giardini d’Amore, un brand di liquori di alta gamma. Amici che, con le proprie esperienze e individualità, sono riusciti a imbottigliare gli intensi colori e profumi mediterranei che coinvolgono i sensi in un caldo abbraccio. La storia di questo brand nasce quando si presenta la possibilità di rilevare un vecchio opificio di un anziano artigiano locale imparando da lui tecniche e ricette. Un omaggio alla tradizione italiana reinterpreta con gusto moderno attraverso un costante impegno per la qualità e l’eccellenza delle materie prime in buona parte di produzione propria, come i limoni Interdonato, il finocchio selvatico, i fichi d’inda.

"Feel the Mediterranean" the great passion that inspired a group of young Sicilian boys in creating Gardens of Love, a brand of high-end liquor. Friends who, with their own experiences and individuality, they managed to bottle the intense colors and scents of the Mediterranean involving the senses in a warm embrace. The history of this brand was born when it has the ability to detect an old factory of an elderly local craftsman learning from him techniques and recipes. A tribute to the Italian reinterprets tradition with modern taste through a constant commitment to quality and excellence of the raw materials mostly of own production, as the Interdonato lemon, fennel, figs of inda.

La Vodka Noble Jubilee di Beluga Il processo di produzione di Beluga Noble Jubilee attraversa uno scrupoloso susseguirsi, stringente e rigorosissimo, di varie fasi di purificazione e di filtrazione. Il suo speciale distillato di malto russo, unito all’acqua purissima dei pozzi artesiani della Siberia, e combinato a miele naturale, infusione di avena ed estratti di vaniglia e di cardo selvatico, rende il suo gusto estremamente piacevole, elegante e complesso. Al termine del suo processo di produzione, Beluga Noble Jubilee viene sottoposta a un periodo di affinamento di 30 giorni: una pratica decisamente non comune nella lavorazione delle Vodke di tipo standard.

96

The production process of Beluga Noble Jubilee through a scrupulous succession, strict and rigorous, of various stages of purification and filtration. His special distillate of Russian malt mixed with water pure artesian wells in Siberia, and combined with natural honey, oat infusion and vanilla extracts and thistle, makes her extremely pleasant taste, elegant and complex. At the end of its production process, Beluga Noble Jubilee is subjected to an aging period of 30 days: a very uncommon practice in the machining of standard vodkas.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:16 Pagina 97

Johnnie Walker Blue Label limited edition “Year of the monkey”

Johnnie Walker Blue Label is celebrating the Chinese New Year 2016, the year of the monkey, launching on the market Johnnie Walker 'Year of the Monkey' edition. Dedicated to the more joyful and playful sign of the Chinese zodiac, this special edition with unique design continues the brand's path related to the theme of the gratitude and the joy of giving to those who love each other and friends. Inspired by Asian culture, the design of the new Limited Edition features a grand golden monkey that jumps from side to side of the unmistakable bottle wrapped for the occasion by a bright white color: the best way to announce the entry year monkey and make of Johnnie Walker Blue Label is the ideal gift to express love and gratitude toward others. Embodying sophistication and style, have now become synonyms of its unique blend, Johnnie Walker Blue Label is a luxurious and elegant gift that is the best way to celebrate the spirit of the Lunar New Year.

Chivas Regal 12 anni cambia look

Johnnie Walker Blue Label festeggia il capodanno cinese 2016, l’anno della scimmia, lanciando sul mercato Johnnie Walker ‘Year of the Monkey’ edition. Dedicata al segno più gioioso e giocoso dello zodiaco cinese, questa edizione speciale dal design esclusivo prosegue il percorso del brand legato al tema della gratitudine e alla gioia del donare a coloro che si amano e agli amici. Ispirandosi alla cultura asiatica, il design della nuova Limited Edition propone una maestosa scimmia dorata che balza da un lato all'altro dell'inconfondibile bottiglia avvolta per l’occasione da un color bianco lucente: il modo migliore per annunciare l'ingresso nell'anno della scimmia e fare di Johnnie Walker Blue Label il regalo ideale per esprimere amore e gratitudine verso gli altri. Incarnando raffinatezza e stile, diventati ormai sinonimi del suo blend unico, Johnnie Walker Blue Label è un dono lussuoso ed elegante che rappresenta il modo migliore per festeggiare lo spirito del nuovo anno lunare.

Forgiato dalla passione dei fratelli James and John Chivas, il luxury whisky invecchiato 12 anni che ha fatto della brotherhood e dello spirito di avventura i suoi valori fondanti, cambia d’abito. La nuova bottiglia dal design contemporaneo e forme più fluide non tradisce il suo profilo nobile e iconico. Immutati il sapore, l'artigianalità e l'heritage del whisky scozzese che da secoli conquista il palato di cavalieri e pionieri dello stile ma anche di fratelli, gentleman ed eroi contemporanei. Spalle un po’ più alte e silhouette più snella riflettono la fierezza e la sobrietà del marchio. Intatta e fortemente riconoscibile la forma generosa e nobile della prima bottiglia lanciata nel 1909, mentre contorni morbidi e semplificati aggiungono un tocco minimal in linea con il gusto contemporaneo. Forged by the passion of the brothers James and John Chivas, the luxury whiskey aged 12 who has made the brotherhood and spirit of adventure among its core values, changes clothes. The new bottle with a contemporary design and more fluid forms does not betray its noble and iconic profile. Unchanged taste, craftsmanship and heritage of Scotch whiskey that has conquered the palate centuries of knights and pioneers of the style but also brothers, gentleman and contemporary heroes. Shoulders a bit 'higher and slimmer silhouette reflect the pride and the simplicity of the brand. Intact and highly recognizable the generous and noble form of the first bottle launched in 1909, while soft and streamlined contours add a minimal touch in line with contemporary tastes.

97


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:18 Pagina 98

Gourmet

L’Erbaluce di Caluso di Tenuta Roletto, passione per un territorio by Luca Bonacini

And who but the real jeweler could unite the brilliance of the most precious gems, the grapes to rare and sweet that grape? But to heed the legend seems to be exactly what happened, and it was Giovan Battista Croce, jeweler to the court of Duke Carlo Emanuele I in 1606, to mention for the first time in one volume, the vine that today indicates

98

E chi se non il gioielliere reale poteva accomunare la brillantezza delle gemme più preziose, agli acini di quell’uva rara e dolce? E invece a dar retta alla leggenda sembra sia andata proprio così, e sia stato Giovan Battista Croce, orafo di corte del Duca Carlo Emanuele I nel 1606, a menzionare per la prima volta in un volume, quel vitigno che oggi la DOCG indica si


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:19 Pagina 99

produca sulle colline fra Torino, Biella e Vercelli. Una particolare lucentezza dai riflessi ambrati, acquisita dagli acini in Autunno, che conferisce il nome al vitigno. Particolari caratteristiche organolettiche come il colore giallo paglierino, dai riflessi verdi e quando giovane brillanti, il profumo fine di fiori di campo, acacia, biancospino, il sapore fresco, secco, caratteristico, si esprimono in straordinari vini fermi, brut spumeggianti e pregiati passiti. Tra i produttori più interessanti la Tenuta Roletto a Cuceglio di San Giorgio Canavese, un’azienda storica dell’Erbaluce fondata da Giovanni Tinetti nei primi anni del novecento, quando con caparbietà decise di impiantare i vigneti nella zona delle Guie, terreni glaciali, di pietre e limo, dove nell’antichità si trovavano le sorgenti per la coltivazione della canapa, sorretto da passione e determinazione, riuscirà ad ottenere i primi risultati. Continueranno la sua opera la figlia Caterina e il genero Enrico Roletto, che nei primi anni ‘80, sarà promotore di un progetto di diversificazione ed espansione dei vigneti, che oggi rappresentano le basi della Tenuta, favorendo così la coltivazione dell’Erbaluce. Fino ad Antonino il quale si è dedicato ad una profonda trasformazione dell’Azienda, da familiare a imprenditoriale, realizzando l’agriturismo e una moderna struttura ricettiva per eventi di grande cabotaggio, a lui e alla moglie Domenica si deve l’affermazione della Tenuta Roletto in importanti contesti e presso le più accreditate guide di settore. Una produzione autoctona che conta 13 vini differenti, ottenuti da 10 vigneti distinti, tra cui Barolo, Barbaresco, Nebbiolo, Barbera d’Asti Superiore, ma soprattutto Erbaluce di Caluso Docg, Erbaluce di Caluso Passito, Erbaluce di Caluso Metodo Classico. Tenuta Roletto Via Porta Pia 69/71 – 10090 Cuceglio (TO) n www.tenutaroletto.it

DOCG is produced on the hills between Turin, Biella and Vercelli. A subtle sheen by amber hues, acquired from the grapes in autumn, which gives its name to the grape. Organoleptic characteristics as the straw yellow color, green tint and when young shining, the fine fragrance of wild flowers, acacia, hawthorn, fresh flavor, dry, distinctive, expressing themselves in extraordinary still wines, brut sparkling and fine dessert. Among the most interesting producers Tenuta Roletto in Cuceglio of San Giorgio Canavese, a historic company founded by Giovanni Tinetti dell'Erbaluce in the early twentieth century, when stubbornly decided to plant the vineyards in the area Guie, glacial soils, stones and silt, which in ancient times were the sources for the cultivation of hemp, supported by passion and determination, will be able to get the first results. He will continue his work's daughter Catherine and son Enrico Roletto, which in the early 80s, will be promoting a diversification project and expansion of the vineyards, which today represent the foundations of the estate, thus promoting dell'Erbaluce cultivation. Until Antonino who has devoted himself to a profound transformation of the Company, from family to business, realizing the farmhouse and a modern accommodation for large events cabotage, to him and his wife Domenica you have the affirmation of Tenuta Roletto in important contexts and at the most reliable guidebooks. An indigenous production, which has 13 different wines, obtained from 10 different vineyards, including Barolo, Barbaresco, Nebbiolo, Barbera d'Asti Superiore, but especially Erbaluce di Caluso DOCG Erbaluce di Caluso Passito, Erbaluce Caluso Metodo Classico. Tenuta Roletto Via Porta Pia 69/71 - 10090 Cuceglio (TO) www.tenutaroletto.it n

99


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:19 Pagina 100

Gourmet

100


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:19 Pagina 101

La Perlage dei Fratelli Nardi, precursori nel prosecco biologico by Luca Bonacini

Per conoscere davvero Perlage, occorre andare indietro al 1985. L’azienda a carattere familiare con sede sulle colline trevigiane già dall’etichetta rivela la propria mission, bollicine di qualità. Una dedizione per il Prosecco e per il territorio di appartenenza, che ha permeato l’attività dei fratelli Nardi e prima ancora il padre Tiziano e la madre Afra, e che ha identificato sin dai primi anni l’attività produttiva connotandola nella direzione del biologico, consolidando due primati, quello di essere stata la prima azienda a produrre un Prosecco biologico, e l’unica azienda che oggi produce Prosecco biologico DOCG all'interno del Consorzio di Tutela del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene. “E’ la storia di una famiglia – racconta Ivo Nardi, amministratore delegato di Perlage – nostro nonno ai primi del secolo faceva vino, e anche nostro padre, produceva vino. Alla fine degli anni settanta quando era il momento di passare il testimone a noi sette figli, venne costituita una srl, guidata inizialmente da tre di noi fratelli e in seguito da due, una scelta che si rivelò saggia, in quel modo non venne frazionata la proprietà in piccoli appezzamenti. Nell’81 dopo la laurea in Agraria a Firenze rientrai in azienda, forse un po’ influenzato dalla Toscana, dallo studio del suolo e dal rispetto dell’ambiente così importante per l’eco sistema, iniziammo la sperimentazione con il biologico su un fazzoletto di terra di 6000 mt.2 ai piedi della collina, una superficie totale di produzione di 6800 ettari ubicati nel comprensorio di Conegliano e Valdobbiadene. Da allora tanta strada è stata fatta, attraverso una sostenibilità che oltre alla viticoltura abbraccia l'intero processo produttivo, dalla scelta del terreno più adatto, a quella del singolo vitigno, che si estende ad ogni pratica agronomica sui vigneti, a tutte le fasi di vinificazione e conservazione, sino alla ven-

To really know Perlage, you must go back to 1985. The company a family based on the Treviso hills already label reveals his mission, quality sparkling wines. A dedication for the Prosecco and the territory of belonging, which has permeated the activities of the Nardi brothers and even before Titian's father and mother, Afra, and who identified since the early production activities marking it in the direction of the biological, consolidating two records, that of being the first company to produce an organic Prosecco, and the only company that today produces organic Prosecco DOCG within the Conegliano Valdobbiadene Prosecco Consortium. "And 'the story of a family - says Ivo Nardi, managing director of Perlage - our grandfather made wine in the early century, and also our father, produced wine. At the end of the seventies when it was time to pass the baton to us seven children, it was set up a limited company, led initially by three of us brothers and then by two, a choice that proved wise, like that was the unfractionated properties into small plots. '81 After graduating in Agronomy in Florence went back into the company, maybe a little 'affected by Tuscany, from the study of the soil and the environment so important to the eco system, we began experimenting with organic on a handkerchief land of 6000 mt.2 at the foot of the hill, a total area of production of 6800 hectares located in the district of Conegliano and Valdobbiadene. Since then, much progress has been made, through a sustainability that in addition to viticulture embraces the entire production process, from choosing the most suitable soil, that of the single grape variety, which extends to every agronomic practice the vineyards,

101


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:19 Pagina 102

Gourmet

at all stages of vinification and storage, until the sale. A hard path that has imposed on us a lot of work, and as the years passed there accorgevamo have become a reference point in this area, as to be called in to work on the national organic board, which after dealing with the different and burning issues between where viticulture, and sulfur dioxide, has led to a lively debate, and eventually to a definition in 1991 of an official regulation ". Ethics productive to Perlage involving 360 ° all stages of the process, from the countryside to the cellar, and that led the company to turn gradually to the biological target markets, such as Germany, the United States, of 'England that was the real turning point, a request for big numbers but at the cost of certifications that required years of work. "We had to go along with them in their demanding standards - continues Nardi - stringent certifications on food safety, traceability, preventive action in the round of any risks that may be incurred consumers, years of work in teams, asking our winemakers and our staff to be cooperative, to finally get the long-awaited green light for export to the UK. Time, energy, resources dedicated apparently to a niche sector of the company, but that, we realized later, she has had a positive impact to rain on the entire production. " The Perlage is evolving year after year, confirming an increasingly key role in the biological, the first to be produced is Prosecco Sur lie, borrowing the French term meaning "with the fund"; Then it was the turn of bio

102

dita. Un percorso duro che ci ha imposto molto lavoro, e mentre gli anni passavano non ci accorgevamo di essere diventati punto di riferimento in questo ambito, tanto da essere interpellati per collaborare al tavolo nazionale sul biologico, che dopo aver affrontato i diversi e scottanti temi tra cui la viticoltura, e l’anidride solforosa, ha portato a un vivace dibattito e finalmente a una definizione nel 1991 di una regolamentazione ufficiale”. Un’etica produttiva quella di Perlage che coinvolge a 360° tutte le fasi del processo, dalla campagna alla cantina, e che ha portato l’azienda a rivolgersi gradualmente ai mercati di riferimento del biologico, come quello della Germania, degli Stati Uniti, dell’Inghilterra che è stata la vera svolta, una richiesta di grandi numeri ma a costo di certificazioni che hanno richiesto anni di lavoro. “Abbiamo dovuto assecondarli nelle loro esigenti normative – continua Nardi – rigorose certificazioni sulla sicurezza alimentare, la tracciabilità, un’azione preventiva a tutto tondo su qualsiasi rischio in cui potrebbe incorrere il consumatore, anni di lavoro in equipe, chiedendo ai nostri enologi e al nostro staff di essere collaborativi, per arrivare finalmente al tanto atteso semaforo verde per l’esportazione in Gran Bretagna. Tempo, energie, risorse dedicate apparentemente a un settore di nicchia dell’azienda ma che, ci siamo accorti in seguito, ha avuto una positiva ricaduta a pioggia su tutta la produzione”. La Perlage si evolve anno dopo anno confermando sempre di più un ruolo di riferimento nel biologico, il primo ad essere prodotto è il Prosecco Sur lie, mutuando il termine francese che significa “con il


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:19 Pagina 103

fondo”; poi è la volta dello spumante bio; lo spumante biodinamico, lo spumante DOCG Conegliano Valdobbiadene vendemmia 2006 senza solfiti, un lunghissimo lavoro, un’innovazione di processo e di prodotto che ha richiesto 2 anni di impegno per raggiungere il risultato. Oggi Perlage produce 1.500.000 bottiglie l’anno ed esporta l’80% della sua produzione. E ora la sfida Vegan, pratica decisamente ben padroneggiata dai fratelli Nardi con la cuvèe Sgàjo proposta nel 2013, ma la novità è che da quest’anno tutti i vini della gamma Perlage, dopo un’importante riflessione fatta all’interno dell’azienda, potranno fregiarsi della certificazione Vegan. Una decisione che connota ancora di più l’azienda per l’innovazione che in questi anni ha saputo imprimere alla propria attività e all’intero comparto. Perlage Organic Wines Via Cal del Muner 16 - 31010 Farra di Soligo (TV) Italy n Tel. 0039 0438 900203 - www.perlagewines.com

sparkling wine; the biodynamic sparkling wine, the DOCG Conegliano Valdobbiadene 2006 vintage sparkling wine without sulfites, a long job, an innovation of process and product that required two years of efforts to achieve the result. Perlage today produces 1.5 million bottles a year and exports 80% of its production. And now the challenge Vegan, practical very well mastered by Nardi brothers with cuvèe Sgàjo proposal in 2013, but the novelty is that this year all the wines of Perlage range, after an important reflection made inside the company, They will bear the Vegan certification. A decision that still characterizes most of the company for innovation in recent years has been able to give to its activities and the entire sector. Perlage Organic Wines Via Cal del Muner 16-31010 Farra di Soligo (TV), Italy Tel. 0039 0438 900203 - www.perlagewines.com

103


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:22 Pagina 104

Gourmet

by Alessandra Piubello

104


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:22 Pagina 105

Essere “Jacquesson addicted” Serata magica alla Bottega del Vino di Verona. L’aura effervescente degli Champagne di Jacquesson lascia viva e nostalgica una tensione alla riscoperta. A fine degustazione, mi sono scoperta una Jacquesson addicted. Non era certo la prima volta che assaggiavo i vini dei fratelli Laurent e Jean-Hervé Chiquet, ma mai mi era capitato di vivermi la Champagne nel bicchiere attraverso il racconto diretto di Jean-Hervé Chiquet. Nel bicchiere ho ritrovato anche lui, Jean-Hervé, significativa identificazione fra opera e creatore. La maison è oggi l’azienda più antica, ancora attiva, di proprietà privata. Rinomata fin dal 1798, anno di fondazione, Jacquesson fu rilevata nel 1974 dal padre dei due fratelli. Circa dieci anni dopo, il duo prese le redini, e ben presto dimostrarono quanto erano capaci di fare. Data storica è il 2000, che segna la svolta epocale nella filosofia della Maison. Nasce la cuvée 7, esattamente la numero 728 (il numero è l’indicazione progressiva delle cuvée a partire dalla numero uno, realizzata per celebrare il primo centenario, nel 1898), con un concetto unico in Champagne: valorizzare l’annata con la sua personalità distinta, utilizzando l’apporto dei vins de réserve (dal venticinque al trentacinque per cento, a seconda delle annate) per far aumentare la complessità, senza però far perdere la peculiarità espressiva del millesimo, filosofia all’opposto della tradizione champenoise del brut sans année. Non paghi, i fratelli nel 2002 introducono i Lieux-dits, concludendo definitivamente con la produzione del loro Millésime. Dare tempo al vino è fondamentale e questo i Chiquet lo sanno molto bene. Ecco che la Cuvée 728 appare in commercio alla fine del 2003, i Lieux-dits nel 2011 e la prima Cuvée a dégorgement tardif, la 733 DT (dell’annata 2005), arriva nell’autunno del 2014. A quel che mi risulta, l’unico champagne non millesimato messo in commercio nove anni dopo… chapeau Chiquet! Ci sono altri elementi da sottolineare: una maison di Champagne che passa da 350.000 bottiglie a 260.000 nel nome della qualità è veramente una perla rara. Poi, via con il resto: gli Chiquet lavorano in biologico, pur non essendo certificati (dalla cuvée 736 usano uve total-

magical evening at the Bottega del Vino in Verona. Laura effervescent of Jacquesson Champagne leaves alive and nostalgic tension to rediscover. At the end of tasting, I discovered a Jacquesson addicted. It was not the first time I tasted the wines of the brothers Laurent and Jean-Hervé Chiquet, but never I happened to vivermi the Champagne into the glass through the story directed by JeanHervé Chiquet. In the glass I also found him, Jean-Hervé, significant identification between work and creator. The house is today the oldest company, still active, privately owned. Renowned since 1798, year of establishment, Jacquesson was taken over in 1974 by the father of the two brothers. About ten years later, the duo took the reins, and soon showed what they were capable of doing. historic date is 2000, which marks the turning point in the Maison philosophy. Comes the cuvée 7, exactly the number 728 (the number is the progressive indication of the cuvée from number one, created to celebrate the centenary, in 1898), with a unique concept in Champagne: enhancing the season with his distinct personality, using the contribution of vins de réserve (from twenty-five to thirtyfive percent, depending on the year) to increase the complexity, without immediately losing the expressive characteristics of the vintage, the opposite philosophy of the traditional champenoise brut sans année. It does not pay, the brothers in 2002 introduce Lieuxdits, finally concluding with the production of their Millésime. Give time to wine is fundamental and this Chiquet i know this very well. Behold, the Cuvée 728 appears on the market at the end of 2003, Lieux-dits in 2011 and the first Cuvée to disgorgement tardif, the DT 733 (vintage 2005), arrives in the fall of 2014. A far as I know, the only non-vintage champagne put on the market nine years later ... chapeau Chiquet! There are other elements to be emphasized: a house of Champagne, which went from 350,000 to 260,000 bottles in the name of quality is truly a rare gem. Then, away with the rest: the Chiquet working on bio, although not certi-

105


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:22 Pagina 106

Gourmet

fied (by the cuvée 736 using totally organic grapes, the same cuvée which also sanctioned the transfer in Extra brut), no filter, do not make clarifications, never use second pressing, which is systematically sold, but not acquire grapes must or wines produced by third parties, on the back label reported a veritable wine identity card. The vineyards owned twenty-eight, (to which are added other eight of the bestower of grapes), located in the Grand Cru of Aÿ and Premiers Crus of Dizy and Hautvillers, in the Vallée de la Marne, and the Grands Crus of Avize and Oiry in Côte des Blancs. Relishing in this historic place of bien boire Scala, he has provided a preview glimpse of the 739 (chalk and citrus notes, vertical silhouette, yet expressive muted compared to the potential), the 738 (complex, round, vertical, yet elegant, persuasive), the 735 magnums (!), a dream in the bottle, minerality and depth for vintage, the 2007 changes in the glass, evolving. Then two Cuvée DT (Dégorgement Tardif ), the 734 and 733, which are expressed complex, gustolfattivamente very rich, very long in the final but still surprisingly fresh, with a creamy and agile drink. Extraordinary opportunity to compare three Lieux-dits of the same vintage, the 2005 Champe Caïn Avise Grand Cru, Premier Cru Dizy Corne Bautray 2005 Vauzelle Terme Ay Grand Cru 2005. The result is a clear demonstration of how a great champagne can reveal the unique features of the land where it was born. When the champagne is the culture of the distinction. It closes in pure beauty with Corne Bautray Dizy Premier Cru 2002. unforgettable tasting, thanks to the gentleman from another time that Jean-Hervé and Amarone Families, guardians and owners of this incredible wine treasure that is the Bottega del Vino, known even overseas. Thanks also to Peter Pellegrini, who with his Pellegrini SpA, representing the peninsula la maison since 2002, has helped with its commendable professionalism to its success in Italy: after France, the second country with the largest sales is Italy .

106

mente biologiche, stessa cuvée che ha sancito anche il passaggio in Extra brut), non filtrano, non fanno chiarifiche, non utilizzano mai la seconda pressatura che viene sistematicamente venduta, acquisiscono uve ma non mosti o vini prodotti da terzi, sulla retro etichetta riportano una vera e propria carta d’identità del vino. I vigneti di proprietà sono ventotto, (ai quali si aggiungono altri otto dei conferitori di uve), situati nel Grand Cru di Aÿ e nei Premiers Crus di Dizy e Hautvillers, nella Vallée de la Marne, e nei Grands Crus di Avize e Oiry nella Côte des Blancs. La degustazione in questo luogo storico del bien boire scaligero, ha previsto l’assaggio in anteprima della 739 (note gessose e agrumate, silhouette verticale, espressività ancora in sordina rispetto alle potenzialità), della 738 (complessa, rotonda, verticale, eppur elegante e suadente), della 735 in magnum (!), un sogno in bottiglia, mineralità e profondità per un’annata, la 2007, che cambia nel bicchiere, evolvendosi. Poi due Cuvée DT (Dégorgement Tardif), la 734 e la 733, che si esprimono complesse, gustolfattivamente molto ricche, estremamente lunghe nel finale ma ancora sorprendentemente fresche, con una beva cremosa e agile. Straordinaria occasione quella di mettere a confronto tre Lieux-dits della stessa vendemmia, la 2005: Champe Caïn Avise Grand Cru, Corne Bautray Dizy Premier Cru 2005, Vauzelle Terme Ay Grand Cru 2005. Il risultato è una dimostrazione chiara di come un grande Champagne possa rivelare le prerogative uniche del territorio in cui nasce. Quando lo champagne è la cultura della distinzione. E si chiude in pura bellezza con il Corne Bautray Dizy Premier Cru 2002. Degustazione indimenticabile, grazie a quel signore d’altri tempi che è Jean-Hervé e alle Famiglie dell’Amarone, custodi e proprietarie di quell’incredibile tesoro enologico che è la Bottega del Vino, famosa persino oltreoceano. Grazie anche a Pietro Pellegrini, che con la sua Pellegrini S.p.A, rappresentando nella penisola la maison fin dal 2002, ha contribuito con sua commendevole professionalità al suo successo in Italia: dopo la Francia, il n secondo Paese con le maggiori vendite è proprio l’Italia.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:23 Pagina 107

107


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:24 Pagina 108

Gourmet

La più antica acetaia del mondo The floors full of century-old casks, full of balsamic vinegar of the finest quality, tell of an illustrious past that boasts four centuries of history. We acetaia Giusti Modena, the oldest in the world, founded in 1605, a few years after the Este, they arrived from Ferrara, Modena to elect capital of the Duchy. A document it the old census Duca d'Este, with the inscription of Mr. Francis Givanni Ziusti, or Justi, in the "List of Lardaruoli and Salsicciari", a rare document showing the historicity of the Righteous dynasty, which for some years were dedicated to the delicatessen, the production of balsamic vinegar of Modena and the selection of fine products including cheeses and wines. The beginning of a centuries-long path through the modern history of Italy, which will bear the name of the Righteous and their amazing balsamic vinegar, the Expo in the late nineteenth century the most important capitals and emblazoned on Europe 's tables. An important date 1605 which makes it the oldest existing vinegar, one of the thirty oldest company on the planet, which over the centuries collect achievements and awards that will consolidate the reputation of the ancient family from Modena bringing to provide the House directly d'Este, the Italian royal family, the Papal States and that will characterize increasingly the Righteous for the quality of their balsamic vinegar from Modena. And this is the centuries-old history that thousands of tourists from around the world, they discover each day visiting the Museum of the Giusti family. United States, China, Japan, Korea and Europe; Foodies and curious of Italian traditions, regardless of age, come to taste the famous "Black Gold of Modena" and see for yourself the Grand deposit, the oldest collection of barrels still productive centenary. When you step in a wraparound balsamic fragrance pervades the nostrils and takes viewers through a journey that tells how the balsamic vinegar, for centuries, was the excellence representative Modenese in

108

I solai colmi di botti secolari, piene di aceto balsamico della migliore qualità, raccontano di un’illustre passato che vanta quattro secoli di storia. Siamo all’acetaia Giusti di Modena, la più antica del mondo, fondata nel 1605, pochi anni dopo che gli Estensi, arrivati da Ferrara, eleggessero Modena a capitale del Ducato. A documentarlo l’antico censimento del Duca d’Este, con l’iscrizione del Signor Givanni Francesco Ziusti, o Justi, nella “Lista dei Lardaruoli e Salsicciari”, un raro documento che attesta la storicità della dinastia Giusti, che già da qualche anno si dedicava alla salumeria, alla produzione di aceto balsamico di Modena e alle selezioni di pregiati prodotti fra cui formaggi e vini. L’inizio di un percorso plurisecolare, attraverso la storia moderna d’Italia, che porterà il nome dei Giusti e il loro straordinario aceto balsamico, agli Expo di fine Ottocento delle più importanti capitali e sulle blasonate tavole d’ Europa. Una data importante il 1605 che ne fa la più antica acetaia esistente, una delle trenta azienda più antiche dell’intero pianeta, che nel corso dei secoli raccoglierà successi e i riconoscimenti che consolideranno la reputazione dell’antica famiglia modenese arrivando così a fornire direttamente la Casa d’Este, la Casa reale italiana, lo Stato Pontificio e che connoterà sempre più la Giusti per la qualità del proprio aceto balsamico di Modena. Ed è proprio questa la storia centenaria che migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo, scoprono ogni giorno visitando il Museo della Famiglia Giusti. Stati Uniti, Cina, Giappone, Corea ed Europa; Foodies e curiosi delle tradizioni italiane, senza distinzioni di età, arrivano per assaggiare il celebre “Oro Nero di Modena” e vedere di persona il Gran Deposito, la più antica collezione di botti centenarie tuttora produttive. Appena varcata la soglia un avvolgente profumo balsamico pervade le narici e accompagna gli spettatori attraverso un percorso che racconta come l’aceto balsamico, da secoli, sia stato il rappresentante dell’eccellenza Modenese nel mondo, rimanendo allo stesso tempo un prodotto estremamente le-


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:25 Pagina 109

109


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:25 Pagina 110

Gourmet

the world, while remaining a product very tied to tradition of the territory. The visit continues accompanying visitors in the second part of the visit: the Historical Acetaia, where the barrels of the Grand deposit are marked with a red stripe from which the family still draws his reserve, true to the original recipe. The bottle contains 5 gold medals and an evocative label Banda Rossa, in homage to the many awards that the family has gotten over the centuries to the most important international exhibitions. The visit to vinegar is revealed in all respects as a total sensory experience, involving the most important primary senses in a crescendo of sensations that reach their peak during the tasting at the end of the visit, surrounded by the warm colors of old wood barrels impregnated by centuries of balsamic vinegar and earthenware Tragni where long ago the product was stored, the clear perception in every object of the centennial dedication of those who made the tradition its mission. Not infrequently, the interior spaces are transformed into a perfect location for an intimate dinner among the barrels, even with highlevel menu. During the summer the large garden with the pleasant shade of two large willows, welcomes all types of events: shows, concerts, picnics, aperitifs, lunches and dinners.

110

gato alla tradizione del territorio. La visita prosegue accompagnando i visitatori nella seconda parte della visita: l’Acetaia Storica, in cui le botti del Gran Deposito sono contrassegnate da una banda rossa dalle quali la famiglia estrae ancora oggi la propria riserva, fedele alla ricetta originale. La bottiglia riporta 5 medaglie d’oro ed un’evocativa Banda Rossa sull’etichetta, in omaggio ai tanti riconoscimenti che la famiglia ha ottenuto nel corso dei secoli alle più importanti esposizioni internazionali. La visita in acetaia si rivela a tutti gli effetti come un’esperienza sensoriale totale, che coinvolge i sensi primari più importanti in un crescendo di sensazioni che raggiungono il loro apice durante la degustazione al termine della visita, circondati dai i colori caldi del legno antico delle botti impregnato da secoli di aceto balsamico e i tragni di terracotta nei quali tempo fa veniva conservato il prodotto, la percezione chiara in ogni oggetto della dedizione centenaria di chi ha fatto della tradizione la propria missione. Non di rado gli spazi interni si trasformano in una location perfetta per una intima cena tra le botti, anche con menù di alto livello. Durante la bella stagione il grande giardino, con la piacevole ombra di due grandi salici, accoglie eventi di ogni genere: spettacoli, concerti, n pic nic, aperitivi, pranzi e cene.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:25 Pagina 111


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:27 Pagina 112

Gourmet

Perfezione e creatività Perfection and genius, essential elements of the great pastry, are the characteristic features of Ernest Knam. In his case, then they are conjugated to the ability to more and more daring, which really make it one of the masters of the category. Born in 1963, a German by birth and Milanese by adoption, Knam was in the kitchens of the greatest starred restaurants and world prestige, until the meeting with Gualtiero Marchesi. Then in 1992 he opened his bakery in via Anfossi 10 in Milan, since become a real reference point. 25 years of travel to the four corners of the planet have been an inexhaustible source of inspiration for his genius and spurred her sweet expression in art. A philosophy that leads to greedy and fascinating worlds, discovering feelings that rise beyond the normal knowledge innovation crossbar. In 2009/2010 he becomes Italian champion chocolate, Italian champion in 2011 Finger food, and in 2012 was captain of the world champion team of ice cream, in the same year begins to be part of the Discovery family Italy, becoming the acknowledged "King Chocolate "(which is the title of the program), and ever since 2012 is a judge on the small screen, another famous Real Time program:" Bake Off Italy. "in his Milan kingdom made of cocoa, fruits, roots, spices , you will not find the pastries, its activity is concentrated twelve months a year on chocolate as an extraordinary and innovative interpreter, his creations always surprise, whether they are filled with aloe vera and lime, olives and oil particles 34; foie gras, cheese and pepper, or mango, passion fruit and pink pepper, where he won the silver medal in 2013 in London. the rare goodness delights like roasted almond curry, the candied walnut, jellies the mango, the Marshmallow, require the purchase. Simply delicious the chocolate sable, fleur de sel; the shortbread lime; the languages of cat citrus; and cakes department, another must confectioner German by birth and Milanese by adoption, such as the amazing exotic Black background, the apple pie, the Kenya, and the extraordinary Claudius, dedicated to his eldest son. PASTRY THE ERNST KNAM ANCIENT Via A. Anfossi, 10 - 20135 Milan Pho. 02.55194448 - www.ernstknam.com

112

by Luca Bonacini

Perfezione e genio, elementi imprescindibili della grande pasticceria, sono i tratti caratteristici di Ernest Knam. Nel suo caso poi sono coniugati alla capacità di osare sempre di più, che ne fanno davvero uno dei maestri della categoria. Classe 1963, tedesco di nascita e milanese d'adozione, Knam è stato nelle cucine dei più grandi ristoranti stellati e di prestigio del mondo, fino all’incontro con Gualtiero Marchesi. Poi nel 1992 apre la sua pasticceria in via Anfossi 10 a Milano, divenuto da allora un vero e proprio punto di riferimento. 25 anni di viaggi ai quattro angoli del pianeta sono stati fonte inesauribile di ispirazione per il suo genio e hanno spronato il suo esprimersi nell’arte dolce. Una filosofia che porta verso mondi golosi e affascinanti, alla scoperta di sensazioni che alzano l’asticella dell’innovazione ben oltre la normale conoscenza. Nel 2009/2010 diventa campione italiano di cioccolato, nel 2011 è campione Italiano di Finger food, e nel 2012 è capitano della squadra campione del mondo di gelateria, nello stesso anno inizia a far parte della famiglia di Discovery Italia, diventando il riconosciuto "Re del Cioccolato” (che è il titolo della trasmissione), e sempre dal 2012 è giudice sul piccolo schermo, di un altro famoso programma di Real Time: “Bake Off Italia”. Nel suo regno milanese fatto di cacao, frutta, radici, spezie, non troverete la pasticceria mignon, la sua attività è concentrata dodici mesi all’anno sul cioccolato di cui è straordinario e innovativo interprete, le sue creazioni sorprendono sempre, sia che siano ripiene di Aloe Vera e lime; olive taggiasche e olio particella 34; foie gras; cacio e pepe; oppure mango, frutto della passione e pepe rosa, con cui ha conquistato la medaglia d’argento nel 2013 a Londra. Delizie di rara bontà come le mandorle tostate al curry, il mallo di noce candito, le gelatine al mango, i Marshmallow, impongono l’acquisto. Semplicemente deliziosi i sablè cioccolato, fleur de sel; gli shortbread al lime; le lingue di gatto agli agrumi; e il reparto torte, altro must del pasticcere tedesco di nascita e milanese d’adozione, come la mirabolante Fondo nero esotico, l’apple pie, la Kenia, e la straordinaria Claudius, dedicata al primogenito. PASTICCERIA L’ANTICA DI ERNST KNAM Via A. Anfossi, 10 - 20135 Milano n Telef. 02.55194448 - www.ernstknam.com


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:28 Pagina 113


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:28 Pagina 114


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:29 Pagina 115

Cigar Room

Come si fa il vestito su misura, cosĂŹ ci vuole la miscela su misura Alfred Dunhill


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:30 Pagina 116

Cigar Room

Macanudo Inspirado 116

by Matteo Tornielli


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:36 Pagina 117

Foglie di tabacco tapado (riparato dal sole), di tonalita’ colorado rosado, oleose, sono coltivate ad Olancho, nella valle San Agustin in Honduras. Questa queste foglie da fascia rivestono il Macanudo Inspirado, il primo nuovo brand di Macanudo sotto gli auspici del team International Hand-Made Cigar (manufatti internazionali) del gruppo Scandinavian Tobacco. Stephan Brichau, International Sales & Marketing Manager, ha lavorato a stretto contatto con Jhonys Diaz, Vicepresidente Operations di General Cigar ed il suo team di Master Blenders e Artigiani per creare la liga del Macanudo Inspirado. Più di un anno fa, il processo è iniziato con la capa di Olancho San Agustin, che cresce in condizioni climatiche ottimali per lo sviluppo di olii essenziali nella foglia. Nel corso della trasformazione, gli olii naturali contribuiscono all’unicita’ della tonalita’ di colore roseo, agli aromi terrosi di intensita’ medio-forte. Per raggiungere la particolare e complessa corposita’ aromatica, Stephan, Jhonys e il team di General Cigar hanno unito la fascia saporita di Olancho San Agustin ad una sottofascia di piccante seco honduregno (Jamastran) e ad un ripieno di tabacco honduregno, nicaraguense e dominicano. Il tabacco viso nicaraguense utilizzato per il ripieno cresce sulla fertile isola vulcanica di Ometepe che emerge dal lago Nicaragua e dà forza e toni speziati alla liga. Il Piloto Cubano dominicano dà al sigaro un gusto dolce, persistente fino all’ultimo puff. Il risultato è blend che offre un’esperienza unica che si sviluppa e celebra le impronte dei tabacchi utilizzati. Stijn Elbersen, International Senior Brand Manager di Macanudo, ha commentato: "Abbiamo sviluppato Macanudo Inspirado per il palato internazionale ed è disponibile in un packaging contemporaneo accattivante mai usato per il Macanudo; una scatola di nuova concezione che rende omaggio al patrimonio Macanudo attraverso diversi elementi utilizzati. Il caldo colore arancio del box celebra la fascia rosada di Olancho, valle honduregna di San Agustin. La prima reazione dei consumatori in merito alla complessita’ di aromi e sa-

A shade-grown, oily Rosada wrapper cultivated in Olancho, San Agustin valley - Honduras, covers Macanudo Inspirado, the first new brand family of Macanudo under the auspices of the International Hand-Made Cigar team of Scandinavian Tobacco Group. Stephan Brichau, International Sales & Marketing Manager, worked closely together with Jhonys Diaz, Vice-President Operations of General Cigar and his team of Master Blenders and Artisans in blending Macanudo Inspirado. Over a year ago the process began with the shadegrown Olancho San Agustin wrapper tobacco that grows in ideal climatic conditions which leads to the expression of essential oils on the leaf. When processed, the natural oils contribute to the cigar’s unique Rosada appearance, earthy flavor and medium- to full-bodied aroma. To achieve the uniquely and complex medium- to full-bodied taste, Stephan, Jhonys and the General Cigar team combined the flavorful Olancho San Agustin wrapper with a spicy Jamastran Seco binder and a blend of Honduran, Nicaraguan and Dominican tobacco. The Nicaragua Viso tobacco, used in the filler, is grown on the fertile volcano island Ometepe in Lake Nicaragua and gives strength and spice to the blend. The Piloto Cubano from Dominican Republic gives the cigar a sweet tone till the last smoke you blow out. The result is a blend that gives you a unique smoking experience that develops and celebrates the nuances of the used tobaccos. Stijn Elbersen, Macanudo’s International Senior Brand Manager, commented, “We developed Macanudo Inspirado for the international palate and it comes in a more contemporary eye-catching packaging Macanudo ever came in; a handsome newly designed box which pays homage to the Macanudo heritage in several used elements. The box’s warm orange color scheme celebrates the Rosada wrapper from Olancho, San Agustin valley in Honduras.

117


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:38 Pagina 118

Cigar Room

The first feedback of consumers about its complex flavor and taste, and the design of the box, makes us confident that Macanudo Inspirado will appeal to a wide range of discerning hand-made cigar enthusiasts.” Set to debut at retail in June in Denmark, Germany, Canada and Spain other international markets will follow in September – Macanudo Inspirado will launch with four vitolas: -

Minutos (4⅜x42), box count 20,

-

Petit Piramide (4½x50), box count 20,

-

Robusto (5x50), box count 10,

-

Gigante (6x60), box count 10.

Scandinavian Tobacco Group is the world’s largest manufacturer of cigars and pipe tobacco and still growing its business. Within fine-cut tobacco, the Group holds a strong position in the Scandinavian and US markets. The Group employs 9,500 people in, among other countries, the Dominican Republic, Honduras, Indonesia, Australia, Europe and the US. Scandinavian Tobacco Group’s leading cigar brands include Café Crème, La Paz, Henri Wintermans, Colts and Mercator. The leading pipe tobacco brands are Erinmore, Borkum Riff, Colts, Captain Black and Clan, while the most important roll-your-own brands include Colts, Salsa, Bugler, Tiedemanns and Escort. Within hand-made cigars, Scandinavian Tobacco Group’s skilled artisans from General Cigar manufactures and markets the leading US brand Macanudo, CAO, Don Tomás and El Credito. In the US, General Cigar also markets Punch, Partagas and Cohiba, among others. Scandinavian Tobacco Group’s International Hand-Made Cigar team, based in Eersel, The Netherlands, markets products outside US to over 60 countries worldwide. For additional information, please see: www.st-group.com.

118

pori, ed il design della scatola, ci rendono fiduciosi che Macanudo Inspirado sara’ apprezzato da una vasta gamma di esigenti appassionati di sigari fatti a mano.” Il lancio e’ previsto per il mese di giugno in Danimarca, Germania, Canada e Spagna - altri mercati internazionali seguiranno nel mese di settembre Macanudo Inspirado debuttera’ con quattro vitolas: - Minutos (4⅜x42), scatola da 20, - Petit Piramide (4½x50), scatola da 20, - Robusto (5x50), scatola da 10, - Gigante (6x60), scatola da 10. Scandinavian Tobacco Group è il maggior produttore mondiale di sigari e tabacco da pipa e continua ad accrescere il proprio business. Nel settore del tabacco trinciato, il Gruppo detiene una forte posizione nei mercati scandinavo e statunitense. Il Gruppo impiega 9.500 persone, principalmente in Repubblica Dominicana, Honduras, Indonesia, Australia, Europa e Stati Uniti. Le principali marche di sigari del gruppo Scandinavian Tobacco includono Café Crème, La Paz, Henri Wintermans, Colts e Mercator. I principali marchi di tabacco da pipa sono Erinmore, Borkum Riff, Colts, Captain Black e Clan, mentre i più importanti marchi di roll-your-own includono Colts, Salsa, Bugler, Tiedemanns e Escort. Nel settore dei sigari fatti a mano, gli abili artigiani del Gruppo Scandinavian Tobacco provenienti da General Cigar creano e commercializzano i marchi leader statunitensi Macanudo, CAO, Don Tomas e El Credito. Negli Stati Uniti, General Cigar commercializza anche Punch, Partagas, Cohiba ed altri brand. Il team International Hand-Made Cigar della Scandinavian Tobacco Group, con sede a Eersel, nei Paesi Bassi, commercializza prodotti al di fuori degli Stati Uniti in oltre 60 paesi nel mondo. n Per ulteriori informazioni, si prega di visitare: www.st-group.com


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:38 Pagina 119


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:38 Pagina 120

Cigar Room

La CCA vista dal Presidente Meet Francesco Minetti, President of CCA, in its hub in Matelica where, between puffs, tells the story of this association which is unique in the world of smokers and continues to grow ... What is CCA? It is the Cigar Clubs’ Association, which is a structure supporting the cigar clubs. It’s unique in the world because it is a clubs association which delivers services to the same clubs. It was born in 1999 and it is an association that brings all clubs together and enables them to have all the tools they need for the inception and for the club’s life. Since 1999, I am the 4th President. The former presidents were: Angelo Bigi, Luigi Ferri, Massimo De Giovanni and me as of 2010. The President is named every 2 years, so I'm in my third term which will end in September this year.

120

Incontriamo Francesco Minetti, Presidente della CCA, nel suo cub a Matelica dove, tra una boccata e l’altra, ci racconta la storia di questa Associazione che è unica nel panorama mondiale dei fumatori e che continua a crescere... Francesco, che cos’è la CCA? E’ una sovrastruttura di supporto ai cigar club, associazione unica al mondo perché è un’associazione di club che fornisce servizi agli stessi club. Una Associazione fatta dai club per i club. Nasce nel 1999 ed è un’associazione per riunire i club e per permettere agli stessi di avere tutti gli strumenti di supporto necessari alla nascita ed alla vita del club. Dal 1999 ad oggi, sono 4 i presidenti che si sono succeduti, i precedenti sono stati: Angelo Bigi, Luigi Ferri, Massimo De Giovanni ed io dal 2010. Il presidente viene rinominato ogni 2 anni, quindi io sono al mio terzo mandato che si concluderà a settembre di quest’anno.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:38 Pagina 121

Dicevi che è un’associazione atipica che esiste solo qui... Esattamente, nessun altro paese al mondo ha generato una esperienza simile. Ricordiamo che esistono due tipologie di soci, il club socio ed il club associato. Tutti con gli stessi diritti ad esclusione del diritto di voto in assemblea che è riservato solo ai club soci. Il club associato può usufruire di tutti i servizi ma non ha il diritto di voto e non potrà organizzare, autonomamente, un Corso catador. Questo modello è stato introdotto nel 2010, fino a quell’anno il club era solo club socio ma contava in base al numero dei propri iscritti, quindi quando si andava ad elezione, contavano i voti di ogni singolo partecipante al club e si votavano le persone fisiche. I 5 che aveva il maggior numero di voti erano consiglieri nazionali e al loro interno si sceglieva il presidente. Dal 2010 socio non è più l’individuo ma il club quindi ogni club ha diritto ad un voto, indipendentemente dal numero dei suoi iscritti e non vota più la persona ma vota una squadra. Si uniscono 4 o 5 persone, formano una squadra che si candida ed i club scelgono la squadra A o la squadra B.

You mentioned CCA is an unusual association…

Da quando sei presidente è cambiato il numero dei club? Io sono diventato presidente CCA nel momento più buio della nostra associazione, a seguito di lotte interne, la CCA era sull’orlo della cessazione, eravamo 8 club. Da quel momento in poi ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo rifondato l’associazione, soprattutto con i club di Torino, Firenze, Biella, Vicenza, Matelica ed Alto Salento. Con loro abbiamo iniziato la crescita, oggi siamo oltre 40 club, oggi mi sono arrivate 5 richieste di affiliazione. 4 richieste di club italiani, Sicilia, Bologna, Cagliari e Chiavari Genova, più un club francese di Bordeaux che va così ad unirsi ad altri 2 club non italiani che sono Grecia e Lugano.

Did the number of clubs change since you have been president?

L’apertura ai club stranieri porta qualcosa a CCA e agli stessi club? Benefici i club ne hanno perché tutti gli associati e tutti i soci dei singoli club, hanno diritto ad usufruire di ogni singola convenzione e accordo, la rivista, un circuito web, sito, forum e pagina Facebook che è a disposizione per promuovere gli eventi dei singoli club e le attività. Chiaramente avere, al proprio interno, Club stranieri porta ad una internalizzazione della nostra Associazione.

What does the opening to foreign clubs, bring to CCA and its clubs?

Oltre all’aumento dei club, vedi oggi un maggior fermento in questo mondo del fumo lento? C’è un aspetto fondamentale, per assurdo la famigerata legge Sirchia che ha causato la ghettizzazione dei fumatori, ha anche causato un passaggio dal fumo di sigaretta al fumo del sigaro. Il fumatore di sigaro, che è un fumatore diverso dal fumatore di sigaretta, tende a ricercare il proprio simile e ad unirsi per condividere la passione. Per questo il passaggio alla creazione di un club è abbastanza naturale, se poi questo viene supportato e promosso attraverso una struttura, diventa più semplice. Probabilmente noi abbiamo solamente cavalcato quest’onda che era già presente. Inoltre un valore aggiunto molto importante è stato dato dagli importatori che facendo cultura hanno aumentato la visibilità e la conoscenza istruendo i tabaccai che sono diventati i terminali più indicati per far crescere questa cultura.

In addition to the growth of clubs, do you see today more turmoil in the

Exactly, there are two types of membership: the member club and the associated club. All with the same rights except for the right to vote at the board meeting, which is restricted to member clubs only. The associated clubs can use all the services but does not have the right to vote. This model was introduced in 2010, until that year we only had member clubs, but they counted based on the number of their members, so when we went to vote, we counted the votes of each participant to the club and votes were for physical persons. The 5 persons who had the highest number of votes were national advisors and among them the president was elected. Since 2010, who partners is no longer the individual but the club, therefore each club is entitled to one vote, regardless of the number of its members and it’s no longer a person who votes, but a team. 4 or 5 people get together, they form a candidate team and the clubs choose team A or team B.

I became president of CCA in the darkest moment of our association, as a result of internal conflicts. CCA was about to end, we were 8 clubs. From that moment on, we rolled up our sleeves and we have re-established the association, especially with the clubs of Turin, Florence, Biella and Alto Salento. With them we started growing, today we are more than 40 clubs. Today I have received 5 requests for additional affiliation. 4 requests from Italian clubs: Sicily, Bologna, Cagliari and Chiavari, plus a French club in Bordeaux which joins 2 other current foreign clubs: Greece and Lugano.

The clubs have a lot of benefits as all members of associated and member clubs are entitled to take advantage of each convention and agreement, the magazine, the website, the forum and our Facebook page, which is available to promote the events and activities of the individual clubs.

world of the cigar culture? There is a fundamental aspect, ironically the infamous Sirchia law, which caused the segregation of smokers, also caused a switch from cigarette smoking to cigar smoking. The cigar smoker, who is different from the cigarette smoker, tends to seek fellow aficionados to share the passion. For this reason, the path to the creation of a club is quite natural and, especially if this is supported and promoted through a structure, it becomes easier. Probably we only have ridden this wave that was already present. Also a very important added value was given by importers who, creating culture around the cigars, have increased the visibility and awareness by educating tobacconists. Tobacconists are the crucial point for this culture to grow.

121


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:39 Pagina 122

Cigar Room

How can you anticipate CCA can grow? I believe there is potential for a further breakthrough. The step is the restructuring as if we were a public company, to think big, change vision and think as a company. This should be applied to the advertising policy, the organization, the marketing tools, mainly through the magazine and the digital presence. CCA is necessary because a cigar club could not have enough visibility nor economic power to generate what a cigar club union can do. For example, my cigar club, the Matelica Cigar Club, in spite of being a historic cigar club, with 120 members and the organization of an international event such as the Encuentro Amigos de Partagas, it would never have the strength to create and publish a magazine, to update and promote an effective website, a forum and a social media channel followed by more than 3500 people. The fact we are offering such services to the clubs forces us to raise the bar at qualitative and professional level. I am convinced that the opportunities for new cigar smokers and new clubs are great. Let’s take again the example of Matelica, a city of 10,000 inhabitants with a club of 120 paying members and 36 honorary members. In Matelica there are at least 80 other cigar smokers who are not engaged by the cigar club. Potentially we could reach 200 members. Imagine we transpose this to Milan, Rome, Florence, Bologna or to any other city. If we were also to focus on the Tuscan cigar smoker culture, the movement would grow even further… Let’s not forget that the clubs include smokers of Cuban, Caribbean and Tuscan cigars, but the market data tell us that the Italian Tuscan cigars represent 90%, while the other types of cigars are only 10%. If I have 1000 people associated to the clubs, 800 smoke Caribbean and 200 Tuscan cigars, but the Tuscan market is 90%. Imagine the expansion possibilities we have.

It looks like there is a change with respect to a certain snobbery when addressing Tuscan cigar smokers… CCA promotes the cigar culture regardless of the origin of the cigars, this is our belief. It is sufficient to observe the lessons at our catadores classes,

122

In previsione come può crescere la CCA? Io credo che siamo al momento di un ulteriore salto di qualità. Il passo è quello di ristrutturarsi come se fosse una SPA, ragionare da grande, ormai siamo grandi, non siamo più 4 gatti, bisogna cambiare visione, ragionare da azienda. Questo va applicato alla metodologia pubblicitaria, nell’organizzazione, negli strumenti di propaganda, soprattutto con la rivista Sigari oltre che con gli strumenti informatici. Un passo indietro, perché è necessaria la CCA, perché un cigar club non avrebbe ne la visibilità ne la forza economica per generare quello che un unione di cigar club può generare. Prendiamo l’esempio del mio cigar club, il cigar club Matelica, per quanto sia un cigar club storico con 120 soci e organizzi una manifestazione a livello internazionale come è diventato l’Encuentro Amigos de Partagas, non avrebbe mai la forza per generare ed editare una rivista, per aggiornare e promuovere un sito efficace, un forum ed un social con oltre 3500 persone coinvolte, quindi il fatto di fornire questi servizi ci costringe ad alzare l’asticella sul livello qualitativo e professionale che si fornisce ai club. Io sono convinto che lo spazio per nuovi fumatori e nuovi club sia vastissimo. Faccio l’esempio di Matelica, citta di 10.000 abitanti ha un club con 120 soci paganti e 36 soci onorari. A Matelica ci sono almeno altre 80 fumatori di sigaro che non sono intercettati dal cigar club. Potenzialmente potremmo arrivare a 200 associati, immaginiamo questo riportato a Milano, Roma, Firenze, Bologna o in qualunque altra città. Se noi poi aumentassimo molto la condivisione del fumatore di sigaro toscano, quanto si amplierebbe questo movimento... Non dimentichiamo che i club sono fatti da fumatori di cubani, caraibici e toscani ma i dati del mercato ci dicono che il Italia il sigaro toscano vale il 90%, mentre nel 10% sono raccolti gli altri. Se io ho 1000 persone legate ai club, 800 fumano caraibico e 200 toscano, ma il mercato del toscano è il 90% immaginate che possibilità di espansione abbiamo di fronte a noi. Mi sembra che sia cambiata anche quello snobbismo che era rivolto al fumatore di toscano o sbaglio? Noi come CCA promuoviamo la cultura del fumo lento indipendentemente dalla provenienza del sigaro, questa è la nostra convinzione, basta vedere i corsi


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:39 Pagina 123

catadores nei quali si parla di qualsiasi tipo di sigaro, qualsiasi tipo di provenienza e si fumano “alla cieca” sigari diversi. Purtroppo come sempre ci sono i detrattori che affermano che la CCA è fortemente votata al sigaro cubano. Non è così ma nel mondo del sigaro non si può prescindere dal mondo cubano dove tutto è iniziato, da questo punto di vista è naturale che ci sia una tendenza verso Cuba ma la CCA è assolutamente aperta e propositiva verso qualsiasi tipo di sigaro, lo si vede anche nella rivista dove appaiono da Davidoff e tutto il gruppo ITA, Stefano Bertini con Monbacho e Liga Maestro, Il Nostrano del Brenta, Toscano, Diadema con i sigari cubani, etc.

during which we talk about any type of cigar and we test “blind” various

La rivista Sigari per come ne parli mi sembra uno strumento votato a fare cultura nel mondo del fumo lento, che spazio di crescita ha in Italia? Ti rispondo raccontandoti la storia della rivista. Sigari nasce nel 2003, viene prodotta autonomamente dal 2003 al 2005 poi viene fermata per difficoltà a sostenere costi ed impegno. Nel 2008 è stata reintrodotta come esperimento. Credo la rivista abbia avuto una crescita importante, parallela alla crescita di CCA. Oggi la rivista, specialmente nell’ultimo anno, ha fatto un ulteriore passo avanti passando da una sorta di fanzine dei cigar club ad una rivista vera e propria. Dovremmo ora fare un ulteriore salto di qualità aprendoci al mondo del fumo lento, riducendo lo spazio “tecnico” dedicato alle manifestazioni. Credo che ci sia una possibilità di crescita enorme, stanno aumentando i club e diminuiscono le testate che ne parlano, per lo stesso ragionamento di prima sui numeri dei fumatori, ho uno spazio enorme di espansione.

The magazine “Sigari!” seems a tool voted to create culture in the cigar

Ora una domanda a Francesco, non al presidente CCA. Fumatore da quanto e qual è il tuo sigaro preferito? Fino al 1986 ero un grosso fumatore di sigarette, poi ho deciso di smettere di fumare ma mi era rimasto il desiderio comunque. Sono sempre stato affascinato dal mondo del sigaro e nel 1988 ho iniziato con qualche sigaro, cose semplici. Ho iniziato consapevolmente nel 1990, non ho un sigaro preferito, assolutamente, ogni momento, se hai la fortuna di avere un buon assortimento, va affrontato con un sigaro adatto. Certo quando vado nel mio walk-in, ci sono due sigari che catturano la mia attenzione, uno che riservo esclusivamente per il giorno del mio compleanno che è il Gran Corona di Cohiba, che non si trova sul mercato, io ho avuto la fortuna di recuperarne una certa quantità, il secondo sigaro è la Mareva Plus della China, che non ti tradisce mai, quando sono indeciso su cosa fumare apro il cassetto dove ripongo i sigari che periodicamente la China mi manda e prendo una Mareva Plus che è inconfondibile. Invece nell’ambito della normale produzione amo molto la marca Gloria Cubana, soprattutto i formati lanceros e panetela larga, amo molto Bolivar, amo Partagas per la sua forza, mi piacciono i sigari importanti. Più che un sigaro preferito c’è una vitola preferita, amo molto le vitola di cepo fino, quindi lanceros, fundadores, cioè n cepo 32-36 largo 170, questi sono i miei sigari.

Now a question for Francesco, not for the president of CCA. How long

cigars from different origins. Unfortunately there are the detractors who say that CCA is strongly devoted to the Cuban cigar. This is not true. However, in the world of cigars one cannot ignore the Cuban tradition where it all began, from this point of view it is natural to show a trend towards Cuba. CCA is absolutely open to any type of cigar, and this can be clearly seen through the magazine, where Davidoff and its distribution group (ITA), Stefano Bertini with Mombacho and Liga Maestro, Nostrano del Brenta, Toscano, Diadema with Cuban cigars, … all are represented.

world. What growth potential does this type of tool have in Italy? I will answer telling you some of the magazine’s history. “Sigari!” was founded in 2003, it was produced independently from 2003 to 2005. At that point it ceased due to challenges in meeting cost and commitment obligations. In 2008 it was re-introduced as an experiment. I think the magazine has seen a significant growth, in parallel to the growth of CCA. Today, and especially in the last year, the magazine has moved from a sort of cigar clubs’ fan area to a real magazine. We should now move to the next level by opening ourselves to the cigar world, reducing the "technical space" dedicated to events. I believe there is an enormous growth potential. The clubs are increasing and the magazines which talk about them are decreasing. As an effect of the same logic I explained above in terms of number of smokers, there is an enormous expansion possibility.

have you been smoking and what is your favorite cigar? Until 1986 I was an assiduous cigarette smoker, then I decided to stop smoking but I was left with the desire. I have always been fascinated by the world of cigars and in 1988 I started with a few cigars, simple ones. I consciously started in 1990. I do not have a favorite cigar, if you are lucky enough to have a good selection, every moment requires an appropriate cigar. Of course, when I go in my walk-in, there are two cigars that capture my attention, one that I reserve only for my birthday, which is the Cohiba Gran Corona, which cannot be found on the market, I have been fortunate to find a certain quantity. The second cigar is the Mareva Plus rolled by “China”, who never betrays you. When I don’t know what to smoke, I open the drawer where I keep the cigars that “China” sends me periodically and I take a Mareva Plus, which is unmistakable, unique. Within regular production cigars, I love La Gloria Cubana, especially lanceros and similar. I love Bolivar, Partagas for its strength, I like important cigars. More than a favorite cigar I have a favorite vitola, I love small ring-gauge vitolas, therefore lanceros, fundadores, that is 32-36 RG and 170 mm long, these are my cigars.

123


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:42 Pagina 124

Cigar Room

La Escepcion This historic Cuban brand was born around 1850, thanks to Don José Gener y Batet, legendary figure who linked inextricably its name to that of Hoyo de Monterrey. The funny anecdote linked to the name of this brand is now well known: The original wording would have to be The Excepción (correctly written in the Spanish language), but the name was still left with the transcription of his error by the will of the founder, who simply stated that to him the name sounded so good anyway! This now historic oversight spelling has become "the error" the most famous in the history of Cuban cigar. Although it has always considered the sister brand of Hoyo de Monterrey, given the link with the same "father", few actually know that Hoyo was born a decade after The Escepción, which thus becomes in effect the mother, and not her sister the prestigious brand. The production of La Escepción knew no interruptions until the early '80s, when the production marked a sharp decline attributed to the power of his cigars than the taste in vogue at the time. In 1989 the brand was officially no longer produced. In 2011, however. So after 22 years of oblivion, the brand has been born again by the will of Diadema S.p.A. who introduced exclusive worldwide The Escepción "Selectos Finos", proving a huge success at all levels. Now, after four years away, always Diadema has decided to propose a new vitola of this historic brand, again exclusively for Italians fans: The Escepción "Don José", a clear homage to the founder of the brand father. The vitola de jail choice is the Hermosos No. 4 (cepo: 48 length. 127 mm), presented in the classic box of 25, with all the rich "habilitaciones" derived from a meticulous philological research, as well as the anilla, that comes from a rare original copy of the '60s. The total production of 4,000 boxes will be numbered.

124

Questa storica marca cubana nacque attorno al 1850, grazie a Don José Gener y Batet, figura leggendaria che ha legato indissolubilmente il proprio nome a quello di Hoyo de Monterrey. Il simpatico aneddoto legato al nome di questo brand è ormai risaputo: la dizione originaria sarebbe dovuta essere La Excepción (scritto correttamente in lingua spagnola), ma il nome fu comunque lasciato con l’errore di trascrizione proprio per volontà del fondatore, che affermò semplicemente che a lui il nome suonava bene comunque così! Questa ormai storica svista ortografica è divenuta così “l’errore” più celebre della storia del sigaro cubano. Sebbene sia da sempre considerata la marca sorella di Hoyo de Monterrey, dato il legame con il medesimo “padre”, pochi in verità sanno che Hoyo nacque un decennio dopo La Escepción, che diviene così a tutti gli effetti la madre, e non la sorella del prestigioso brand. La produzione de La Escepción non conobbe interruzioni fino all’inizio degli anni ’80, in cui la produzione segnò un deciso calo imputato alla potenza dei suoi sigari rispetto al gusto in voga all’epoca. Nel 1989 ufficialmente la marca non fu più prodotta. Nel 2011 però. Quindi dopo 22 anni di oblio, il marchio è rinato per volontà di Diadema S.p.A. che presentò in esclusiva mondiale La Escepción “Selectos Finos”, riscuotendo un incredibile successo a tutti i livelli. Ora, a distanza di 4 anni, sempre Diadema ha deciso di proporre una nuova vitola di questa storica marca, di nuovo in esclusiva per gli appassionati italiani: La Escepción “Don José”, un chiaro omaggio al padre fondatore della marca. La vitola de galera scelta è l’Hermosos No. 4 (cepo: 48, lungh. mm 127), presentata nel classico box da 25, con tutte le ricche “habilitaciones” ricavate da una meticolosa ricerca filologica, così come l’anilla, che proviene da un raro esemplare originale degli anni ’60. n La produzione totale sarà di 4.000 scatole numerate


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:42 Pagina 125


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:42 Pagina 126


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 19/02/16 18:16 Pagina 127

Wellness Style Il momento giusto per rilassarsi è quando non hai tempo per farlo. Sydney J. Harris


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 18:25 Pagina 128

Wellness Style

Le terme divine della Salvarola by Luca Bonacini

128


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:45 Pagina 129

Le colline modenesi terra di motori e di opulenta gastronomia, possono anche essere meta di un weekend o di una semplice giornata all’insegna del relax e del benessere, in un luogo con tanta storia, che rappresenta uno dei centri termali più conosciuti e amati dell’Emilia Romagna. Le acque “divine” della Salvarola, sono acque speciali e uniche sia per cure fisioterapiche e riabilitative, che per trattamenti energetici e di bellezza, sono salsobromoiodiche e solfuree, e vantano estimatori illustri addirittura in epoca romana, mentre nel Medioevo furono meta di viaggi per chi necessitava di cure particolari, come Matilde di Canossa che qui veniva per rinfrancarsi con gli effetti benefici di queste acque. Tra le numerose opportunità e pacchetti davvero per tutte le esigenze, perché non approfittare con la Pasqua che si avvicina di una fuga romantica al sapore di cioccolato e panna? Nel cuore verde del grande parco, sulle colline sopra a Sassuolo (Mo), ci si può ritagliare un lungo weekend di benessere su misura per due. Con un occhio attento alla linea, lo staff delle terme di Salvarola ha predisposto avvolgenti e romantici rituali di benessere a base di cioccolato e panna, capaci anche di ridonare il buonumore – il cioccolato infatti aumenta i livelli di serotonina, il cosiddetto “ormone della felicità”. Certo chi vuole vivere profondamente il territorio, non potrà mancare una visita ai musei Ferrari e Maserati, all’esposizione permanente Figurine Panini, e al museo della rosa antica a Serramazzoni, oppure

The hills of Modena, land of motors and abundant gastronomy, can be the destination of a weekend, or a simple day for the relax and the well-being, in a place full of history, is between the most known and loved thermal centers in the Emilia Romagna. The “divine” waters of Salvarola are special and unique both for physiotherapy and rehabilitation and for energetic and beauty treatment. They are salsobromoiodic -sulphurous waters and boast well-known admirers during the Roman age. In the Middle Age, they were chosen by people requiring specific treatment, as Matilda of Tuscany who came there in order to enjoy the benefic effects of these waters. Among the many opportunities and treatment packages really for all the needs, why not to take advantage, with the near Easter, of a romantic fugue of chocolate and cream? In the green heart of the big park, in the hills above Sassuolo (Mo), you can find the time for a long weekend of well-being for the couple. With a look to line, the staff of thermal baths has prepared enchanting, romantic well-being rituals of chocolate and cream, able also to be a tonic for the good humor. As a matter of fact, chocolate increases levels of serotonin, the so-called “happiness hormone”. Certainly, who wanting to live deeply the area, should pay a visit to Ferrari and Maserati museums, to the permanent exhibition Panini stickers, and the museum of the Old Rose in Serramazzoni. In alternative, you could visit the historic vinegar

129


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:46 Pagina 130

Wellness Style

storehouses, where balsamic improve for decades in the silence of crawl spaces, or the wine cellar, where the roaming lambrusco is produced. Finally, you could dine with the typical dishes of Modena, not light, but expression of real tradition. Then, there is the possibility to spend a day at the baths, in order to focus on the care of body, in the different solutions, thought by the team of Terme della Salvarola. So, the package “Sweet sweet Easter” including 2 overnights with buffet breakfast at the Hotel Terme Salvarola (4 stars), 1 whirlpool for the couple in matrimonial tub, with cocoa powder, 1 gluttonous massage hot chocolate mousse and cream, for feeding the skin and make it smooth and velvety (40 minutes), a chocolate drink to taste during the treatments. Moreover, 3 days of well-being to enjoy closely, in the Spa Termale Balnea – provided with 5 between tubs and thermal waters’ pools, with different temperatures and water games, vascular broadways, steam rooms, aromatic water vapors, colored lights, relax area, the chance to use the big cardio-fitness gym and have medical assistance. www.termesalvarola.it

130

potrà visitare le storiche acetaie dove il balsamico affina per decenni nel silenzio dei solai, o le cantine dove nasce lo spumeggiante lambrusco, cenando infine con i caratteristici menu modenesi certo non leggeri, ma espressione di pura tradizione. A cui potrà seguire una giornata alle terme per dedicarsi alla completa cura del proprio corpo, nelle differenti soluzioni pensate dallo staff Terme della Salvarola. Ecco allora la proposta “Dolcissima Pasqua” che comprende 2 pernottamenti con prima colazione a buffet all’Hotel Terme Salvarola (4 stelle), 1 idromassaggio in coppia nella vasca matrimoniale con polvere di cacao, 1 goloso massaggio alla mousse calda di cioccolato e panna, che nutre l’epidermide e la rende morbida e vellutata (40 minuti), bevanda al cioccolato da gustare durante i trattamenti. Inoltre 3 giornate di benessere da godersi mano nella mano alla Spa Termale Balnea - dotata di 5 tra vasche e piscine di acqua termale a diverse temperature con idromassaggi e giochi d’acqua, camminamenti vascolari, sauna, bagno di vapore con aromi, luci colorate, zona relax, utilizzo della grande palestra cardiofitness e assistenza medica. n www.termesalvarola.it


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:46 Pagina 131


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:46 Pagina 132


**LIVEIN 32_lvn002â&#x20AC;˘ 18/02/16 16:46 Pagina 133

Green

Le pagine del Golf Direttore Donato Ala


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:49 Pagina 134

Green

by Matteo Ala

In viaggio verso il Marocco In Marrakech, which has had the honor of being an imperial city, we'll be

charmed by those wonderful works of art that are the mosques and madra-

sas. The call of the muezzin scans at specific times the pace of the days that take place below the high minaret of the Koutoubia, symbol of the city. We'll let the current carry, in souks and in the casbah, where we will have the feeling of having entered an unreal world. Always one of the most fascinating cities in North Africa, where live two faces, seemingly irreconcilable: the tradition that has its uses and customs in ancient times and a more Western lifestyle that is found in the many boutiques, restaurants and to a certain worldliness that reigns in many districts of Marrakech. And then Essaouria, originally called Mogador, ie small fortress has always been an important port linking Morocco with the rest of Africa and Europe. Famous mainly for its stunning sea Medina listed as a World Heritage Site by Unesco. The fortress, the white walls and iridescent, the relaxation of its inhabitants, the Kasbah, craft shops, make this city unique and also European: in 1756 the French made it a perfect example of military architecture and enriched it with walls, towers , ramparts and gates managing to perfectly combine the Arab-Muslim culture with overseas generally in Morocco but even more in Marrakech is known for its numerous golf world famous golf courses. This is the program designed by KEL 12. Day 1 (Saturday) - ITALY / MARRAKECH From Milan Malpensa by scheduled flight for Casablanca and coinciding with the flight of Marrakech. Arrival in Marrakech, and private transfer at the Hotel Les Jardins de la Koutoubia. Day 2 (Sunday) - MARRAKECH Morning dedicated to the activity golfing at Gof Club Assoufield Afternoon tour of the city, founded in 1062 by Sultan Youssef Bin Tachfin and destined to become one of the most important artistic and cultural centers of the

134

A Marrakech, che ha avuto l’onore di essere una città imperiale, ci faremo incantare da quei meravigliosi capolavori d'arte che sono le moschee e le madrase. Il richiamo del muezzin scandisce a ore precise i ritmi delle giornate che si svolgono al di sotto dell’alto minareto della Koutoubia, simbolo della città. Ci lasceremo trasportare dalla corrente, nei souk e nelle casbah, dove avremo la sensazione di essere entrati in un mondo irreale. Da sempre una delle città più affascinanti del Nord Africa, dove convivono due volti, all'apparenza inconciliabili: la tradizione che affonda i suoi usi e costumi in tempi remoti e uno stile di vita più occidentale che si riscontra nelle molte boutique, nei ristoranti e in una certa mondanità che si respira in molti quartieri di Marrakech. E poi Essaouria, originariamente chiamata Mogador, cioè piccola fortezza, è da sempre un importante porto che collega il Marocco con il resto dell’Africa e dell’Europa. Famosa soprattutto per a sua sensazionale Medina sul mare iscritta nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. La fortezza, i muri bianchi e cangianti, la rilassatezza dei suoi abitanti, la Kasbah, le botteghe artigiane, rendono questa città unica e dal sapore europeo: nel 1756 I francesi ne fecero un perfetto esempio di architettura militare e la arricchirono con mura, torri, bastioni e porte riuscendo a coniugare perfettamente la cultura arabo-musulmana con quella d’oltre mare In generale in Marocco ma ancor più a Marrakech è conosciuta per i suoi numerosi campi da golf di fama mondiale. Questo è il programma pensato dal Tour Operator KEL 12. 1° giorno (sabato) - ITALIA / MARRAKECH Partenza da Milano Malpensa con volo di linea su Casablanca e coincidenza con il volo su Marrakech. Arrivo a Marrakech, e trasferimento privato presso l’Hotel Les Jardins de la Koutoubia. 2° giorno (domenica) - MARRAKECH Mattina dedicata all’attività golfistica presso il Gof Club Assoufield Pomeriggio visita della città, fondata nel 1062 dal sultano Youssef Bin Tachfin e destinata a diventare uno dei centri artistici e culturali più importanti del mondo islamico. Visita dei giar-


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:49 Pagina 135

dini Menara, oggi aperto al pubblico ma che in passato era adibito all’uso esclusivo di sultani e ministri importanti, delle Tombe dei saaditi, necropoli iniziata verso la fine del 1500 che sfuggì alle razzie di Moulay Ismail e che quindi conserva parte dell’antica opulenza; il Palazzo della Bahia, risalente al XIX secolo, che presenta una struttura irregolare con fontane, sale complesse, appartamenti, gradevoli giardini e parecchi cortili ombrosi e appartati; la grandiose moschea Koutoubia, edificata alla fine del XII secolo, che con il suo minareto alto 70m è visibile a chilometri di distanza in ogni direzione ed è particolarmente spettacolare di notte, quando si staglia illuminato contro il cielo nerissimo del deserto. Nota sul Golf Club del nostro esperto: “Unico e ultimo dei campi più belli dell’Africa. Qui giocare sarà qualcosa di speciale. Assoufid disegnato da Nial Cameron che ha disegnato un percorso molto movimentato ma con grandi possibilità di far giocare tutti i tipi di giocatori da Handicap bassi fino all’esordiente. Un 18 buche splendido con meravigliosi ulivi, cactus e palme che accompagneranno i vostri migliori colpi. Rispetto per la natura totale nella costruzione di questo campo. Uno spettacolare campo pratica anticiperà le vostre migliori 18 buche Marocchine.” 3° giorno (lunedì) - MARRAKECH Mattinata dedicata all’attività golfistica presso il Golf Ameliks. Il pomeriggio sarà dedicato alla celebre piazza Djemaa el Fna, un luogo unico e spettacolare, situato a ridosso della medina: giocolieri, acrobati, cantastorie, venditori ambulanti e tutti i personaggi più stravaganti si incontrano qui, raggiungendo il culmine verso il tramonto. La piazza famosa città di Marrakech, acquista fama al calar del sole, quando le bancarelle di cibo iniziano a muoversi, i fumi a salire in cielo e gli odori a pervadere tutto. Un po’ di tempo a disposizione per lo shopping prima di rientrare in hotel Nota sul Golf Club del nostro esperto: “Un 27 buche da sogno con vista sulla catena dell’Atlas. Lungo circa 10.700 metri l’Amelkis si trova a pochi passi dal campo più vecchio di Marrakech, il Royal e dalla Medina.Disegnato dall’americano Robinson, il percorso è decisamente movimentato con molti bunker che proteg-

Islamic world. Visit the Menara gardens, now open to the public but which in the past was used as the exclusive use of the sultans and important ministers of the Saadians, cemeteries Tombs began in the late 1500s that escaped the looting of Moulay Ismail and therefore retains part of 'ancient opulence; the Bahia Palace, dating from the nineteenth century, which has an irregular structure with fountains, complex salt, apartments, lovely gardens and several shady and secluded courtyards; the magnificent Koutoubia mosque, built in the late twelfth century, with its 70m high minaret is visible from kilometers away in every direction and is particularly spectacular at night, when lit silhouetted against the deep black sky of the desert. Note the Golf Club of our expert: "Unique and last of Africa's most beautiful courses. Play here will be something special. Assoufid designed by Nial Cameron who designed a very eventful path but with great ability to let all types of players from Handicap low until debutant. A beautiful 18-hole course with wonderful olive trees, cacti and palms that accompany your best shots. Compared to the total nature in the construction of this field. " Day 3 (Monday) - MARRAKECH Morning dedicated to the activity golfing at the Golf Ameliks. The afternoon will be dedicated to the famous Djemaa el Fna Square, a unique and spectacular place, located near the medina: jugglers, acrobats, storytellers, street vendors and the most extravagant characters meet here, culminating into the sunset. The famous square in the city of Marrakech, acquires fame at sunset, when the food stalls start to move, the smoke rising in the sky and smells to pervade everything. A bit 'of time for shopping before returning to the hotel Note the Golf Club of our expert: "A 27-hole dream overlooking the Atlas chain. Length of about 10,700 meters Amelkis is located a short walk from the old camp of Marrakech, the Royal and the Medina.Disegnato by the American Robinson, the path is very lively with many bunkers that protect the green. Very techni-

135


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:49 Pagina 136

Green

cal, perhaps the most difficult of Marrakech fields. The hole 2 the most difficult and a par 5 and appealing that you will love to die. " Day 4 (Tuesday) - MARRAKECH Morning dedicated to the activity Samanah golfing at the Golf Country Club. In the afternoon visit the Majorelle Garden is located in the new part of the city and owes its name to the French artist Jacques Majorelle who moved to Marrakech in 1919. He collected plants from around the world, his garden was full of cactus plants, coconuts, banana trees, bamboo, jasmine and palm trees that can be admired today. When you enter in the Majorelle gardens in Marrakech the first shock is that the colors of the blue some overseas, but also the Veronese green or bright yellow of certain vessels. Another factor of interest is the villa, its extreme timeless modernity, still without a wrinkle: stunning with a class and a lightweight timeless. A villa of artists, sure! Jacques Majorelle built his Atelier in 1937, now home to the Museum of Islamic Art. The artist painted the villa with the living colors where blue prevailed, the famous Blue Mosque. People, surprised by this color, identified him immediately as the Majorelle blue, deep blue, electric, became famous as the color of the packaging of Gauloises cigarettes. After his death the garden was opened to the public and underwent degradations strong. In 1980, Yves Saint Laurent and his companion Pierre Bergé, who were nothing more than the visitors and admirers of the Majorelle garden, bought it. They saved this place from real estate speculation that threatened almost all the ancient gardens of Marrakech. The vegetation was lush, but anarchic. So it had to reorganize the space and give an order to the collection. In March 2000 it was decided for the restoration, providing the important operational means garden. During the nine months of work a the Teams worked day and night to install a sophisticated automatic irrigation system that allowed the reduction of 40% water, allowing you to effectively adjust a breakdown of the hours of the day and the specific needs of each plant. Note the Golf

136

gono i green. Molto tecnico forse il più difficile dei campi di Marrakech. La buca 2 quella più difficile e un par 5 accattivante e che vi piacerà da morire.” 4° giorno (martedì) - MARRAKECH Mattinata dedicata all’attività golfistica presso il Golf Samanah Country Club. Nel pomeriggio visita del Giardino Majorelle che si trova nella parte nuova della città e deve il suo nome all'artista francese Jacques Majorelle che si trasferì a Marrakech nel 1919. Collezionava piante provenienti da tutto il mondo, il suo giardino era ricco di piante di cactus, noci di cocco, banani, bambù, gelsomini e palme che si possono ammirare anche oggi. Quando si entra nei giardini Majorelle di Marrakech il primo choc è quello dei colori: il blu oltremare certo, ma anche il verde Veronese o il giallo vivo di certi vasi. Altro fattore di interesse è la villa, la sua estrema modernità senza tempo, ancora oggi senza una ruga: splendida, con una classe e una leggerezza senza tempo. Una villa di artisti, sicuro! Jacques Majorelle costruì il suo Atelier nel 1937, oggi sede del Museo di Arte islamica. L’artista dipinse la villa con dei colori vivi dove prevalse il blu, il famoso blu Majorelle. La gente, sorpresa da questo colore, lo identificò subito come il blu Majorelle, un blu intenso, elettrico, diventato famoso come il colore del packaging delle sigarette Gauloises. Dopo la sua morte il giardino rimase aperto al pubblico e subì delle forti degradazioni. Nel 1980, Yves Saint Laurent e il compagno Pierre Bergé, che non erano altro che dei visitatori e ammiratori del giardino Majorelle, lo acquistarono. Salvarono questo luogo dalle speculazioni edilizie immobiliari che minacciavano quasi tutti gli antichi giardini di Marrakech. La vegetazione era lussureggiante, ma anarchica. Si doveva dunque riorganizzare lo spazio e dare un ordine all’insieme. Nel marzo 2000 si decise per il restauro, dotando il giardino di importanti mezzi operativi. Durante i nove mesi di lavori un èquipes lavorò giorno e notte per installare un sofisticato impianto di irrigazione automatica che permise la riduzione del 40% di acqua, permettendo di regolarne efficacemente la ripartizione secondo le ore della giornata e il bisogno specifico di ogni pianta. Nota sul Golf Club del nostro esperto: “La Club House del Samanah è certamente la mia preferita tra tutte


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:49 Pagina 137

quelle che visiteremo durante il nostro viaggio. Il campo è decisamente pianeggiante ma con molta acqua che lo rende difficile ma qui si rischia di fare grandi punteggi. Anche questo campo ha una bellissima vista sulle montagne che quando giocheremo saranno sicuramente innevate mentre noi saremo a circa 25 gradi di temperatura.” 5° giorno (mercoledì) - MARRAKECH / ESSAOUIRA / MARRAKECH In mattinata partenza per l’escursione in giornata di Essaouira, cittadina caratterizzata dal vecchio porto, edificato durante la dominazione portoghese e dalla coloratissima medina. All’arrivo sosta presso il campo Golf Mogador dove si fermeranno coloro che vorranno giocare a golf. Gli altri passeggeri proseguiranno per una prima visita della città di Essaouira. Originariamente chiamata Mogador, cioè piccola fortezza, è da sempre un importante porto che collega il Marocco con il resto dell’Africa e dell’Europa. Questa città portuale fortificata della metà del 18° secolo, dalla forte influenza europea in un contesto nordafricano, è semplicemente meravigliosa e una meta obbligata delle vostre vacanze in Marocco. Le coste di Essaouria sono spazzate durante quasi tutto l’anno dalle brezze oceaniche e molti sono i surfisti e gli amanti del windsurf che la raggiungono per volteggiare sul pelo dell’acqua a largo della costa. A seconda dell’orario di arrivo effettueremo una sosta nel tipico mercato del pesce per osservare il lavoro dei pescatori e dei commercianti. Nel souq i negozi vendono splendidi prodotti di artigianato locale come ad esempio prodotti in legno di tuia, vestiti ricamati e tappeti. La fortezza, i muri bianchi e cangianti, la rilassatezza dei suoi abitanti, la Kasbah, le botteghe artigiane, rendono questa città unica e dal sapore europeo: nel 1756 i francesi ne fecero un perfetto esempio di architettura militare e la arricchirono con mura, torri, bastioni e porte riuscendo a coniugare perfettamente la cultura arabo-musulmana con quella d’oltre mare. L’incontro con i golfers è previsto per l’ora di pranzo presso il Ristorante Le Mechour Nel pomeriggio si ultimerà la visita della Essaouira e a fine giornata percorso di rientro a Marrakech. Sistemazione presso l’Hotel Palais el Miria Abbiamo deciso di pernottare le ultime due notti in questo splendido hotel nella zona della palmeraie dove oltre al relax troveremo la libertà di muoverci all'interno di spazi che combinano sottili armonie musicali con l’eleganza di forme e colori tipici della ricca tradizione artistica e culturale del Paese. Nota sul Golf Club del nostro esperto: “La nostra uscita golfistica fuori da Marrakech si concretizza verso un campo bellissimo disegnato da uno dei miei preferiti, Gary Player. Il campo che si affaccia sull’Oceano è poco conosciuto a noi Italiani ma vi assicuro che le circa due ore di trasferta valgono sicuramente. Percorso non troppo movimentato ma con green ben protetti dai bunker così come nello stile di Player.” 6° giorno (giovedì) - MARRAKECH Mattinata dedicata all’attività golfistica ancora presso il Golf Assoufield. Pomeriggio a disposizione per visite ed escursioni individuali, certo è che non si può andare via da Marrakech senza aver provate l’esperienza di un Hammam tradizionale (da prenotare e pagare direttamente in loco). 7° giorno (venerdì) - MARRAKECH / ITALIA Dopo la prima colazione trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di rientro a Milano Malpensa, via Casablanca. Questo è un programma tipo di Kel 12 golf in viaggio con l’esperto che potrete n trovare su www.kel12.com

Club of our expert: "The Club House of Samanah is certainly my favorite of all those that visit during our trip. The field is very flat but with a lot of water which makes it difficult, but here you are likely to make big scores. Also this field has a beautiful view of the mountains when we play will definitely snowy while we will be about 25 degrees of temperature. " Day 5 (Wednesday) - MARRAKECH / ESSAOUIRA / MARRAKECH In the morning departure for the day trip to Essaouira, a town characterized by the old harbor, which was built during the Portuguese rule and the colorful medina. Upon arrival stop at the Golf Mogador camp where they will stop those who want to play golf. Other passengers will continue for a first visit of the city of Essaouira. Originally called Mogador, ie small fortress, it has always been an important port linking Morocco with the rest of Africa and Europe. This walled port city in the mid-18th century, with a strong European influence in a North African context, is simply wonderful and a must for your holidays in Morocco. The Essaouria coast are swept during almost the whole year by ocean breezes and many surfers and windsurfers who attain to vault over the water off the coast. Depending on the time of arrival we will make a stop in the typical fish market to observe the work of fishermen and traders. Souq in the shops selling beautiful local handicrafts such products in Thuya wood, embroidered cloths and carpets. The fortress, the white walls and iridescent, the relaxation of its inhabitants, the Kasbah, craft shops, make this city unique and also European: in 1756 the French made it a perfect example of military architecture and enriched it with walls, towers , ramparts and gates managing to perfectly combine the ArabMuslim culture with overseas. The meeting with golfers is scheduled for lunch time at Restaurant Le Mechour In the afternoon we will finalize the visit of Essaouira and in the evening return journey to Marrakech. Accommodation at the Hotel Palais el Miria We decided to stay the last two nights in this beautiful hotel in the Palmeraie area where in addition to relaxation will find the freedom to move within areas that combine subtle musical harmonies with the elegance of shapes and typical of the rich artistic and cultural traditions of the country. Note the Golf Club of our expert: "Our golfing output outside Marrakech led to a beautiful course designed by one of my favorite, Gary Player. Field overlooking Ocean is little known to us Italians but I assure you that about two hours away are certainly worth. Path not too hectic but with greens well protected by bunkers as well as in the style of player. " Day 6 (Thursday) - MARRAKECH Morning dedicated to the activity even golfing at the Golf Assoufield. Afternoon free for individual visits and excursions, it is certain that you can not get away from Marrakech without having tried the experience of a traditional Hammam (to book and pay on the spot). Day 7 (Friday) - MARRAKECH / ITALY After breakfast transfer to the airport in time for the return flight to Milan Malpensa, via Casablanca. This is a type of program Kel 12 golf trip with the expert that you can find on www.kel12.com

137


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:51 Pagina 138

Green

Nuova Porsche 911

by Donato Ala

Cagliari and its way more elegant, was the star of one of the most fashio-

nable evenings of the year. Via Sulis for a night with his protagonists, The Villanova Bistro, beautiful store Women Concept Store and the historic Old jewelry Operti were the backdrop to the selected lucky guests for the presentation of the new Porsche 911 presented by the only dealership in Sardinia and exclusive brand . It all started with an aperitif at the premises of the three partners of the event, waiting to find out what help to score again when one of the myths of all those who love cars and design. Within Women Concept Store was a photographic exhibition that retraced the history of Porsche Carrera, including designer clothes and home fragrances selected for the occasion by the Argentine perfumer Lorenzo. Guests could pending the submission taste a wine including at the premises of the ancient Jewellery Operti between pieces of fine watchmaking on display for the occasion. Everyone was waiting for the moment that the models discovered the new 911, a music scene and really exciting lights did the rest. Inside the Bistro could enjoy finger food to fine pastries, cigar enthusiasts could dwell in the corner of distillates and chocolate specially prepared for them. The Secauto was able to surprise their customers with a presentation in great style designed and built by Bottega to Communicate Events. We Live In we could contribute as official media and for this we want to read up on these pages with a photo sequence the beautiful evening. But here is some data on the new Porsche 911. Surely after the abandonment of the air-cooled engine choc this is the second major change for the 911: retires forever 6 cylinder naturally aspirated, leaving the road so only turbo versions. And not only that, but will come in a small range 4-cylinder. Felling of consumption, emissions and increasing power have forced the choice, but a revolutionary electric drive of the turbines will make void the turbo-lag, that annoying lag to throttle input. Great news on the front suspension: dynamic rear steering axle op-

138

Cagliari e la sua via più elegante, è stata protagonista di una delle serate più fashion dell’anno. Via Sulis per una notte insieme ai suoi protagonisti, Il Villanova Bistrò, lo splendido negozio Donne Concept Store e la storica Antica gioielleria Operti hanno fatto da cornice ai fortunatissimi selezionati ospiti per la presentazione della nuova Porsche 911 presentata dalla concessionaria unica in Sardegna del prestigioso marchio. Tutto è iniziato con un aperitivo presso i locali dei tre partner dell’evento, in attesa di scoprire quella che contribuirà a segnare ancora una volta uno dei miti di tutti coloro che amano le auto e il design. All’interno di Donne Concept Store era stata allestita una mostra fotografica che ripercorreva tutta la storia del Porsche Carrera, tra abiti firmati e profumi d’ambiente selezionati per l’occasione dal profumiere argentino Lorenzo. Gli ospiti potevano in attesa della presentazione degustare un vino anche nei locali dell’antica Gioielleria Operti tra pezzi di fine orologeria esposti per l’occasione. Tutti aspettavo il momento che le modelle scoprissero la nuova 911, una scenografia di musica e luci davvero emozionante ha fatto il resto. All’interno del Bistrò si potevano degustare finger food di fine pasticceria, gli appassionati di sigari potevano soffermarsi nell’angolo di distillati e cioccolato appositamente preparato per loro. La Secauto ha potuto sorprendere i propri clienti con una presentazione in grande stile studiata e realizzata da Bottega per Comunicare Eventi. Noi di Live In abbiamo potuto contribuire come media ufficiale e per questo vogliamo in queste pagine documentarvi con una sequenza fotografica la bellissima serata. Ma ecco alcuni dati sulla nuova Porsche 911. Di certo dopo lo choc dell'abbandono del motore raffreddato ad aria questo è il secondo grande cambiamento per la 911: va in pensione per sempre il 6 cilindri aspirato, lasciando strada quindi solo a versioni turbo. E non solo: in gamma arriverà anche un piccolo 4 cilindri. Abbattimento di consumi, emissioni e aumento della potenza hanno obbligato la scelta, ma un rivoluzionario azionamento elettrico delle turbine renderà nullo il turbo-lag, quel fastidioso ritardo di risposta ai comandi del gas. Grandi novità sul fronte delle sospensioni:


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:51 Pagina 139

139


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:52 Pagina 140

Green

tionally available for the 911 Carrera S, introduces the chassis technology used in the 911 Turbo and 911 GT3. Accurate steering, the 911 buys so much greater agility and is characterized by high driving stability when changing lanes carried out at high speed. The behavior of the car convinces even in city traffic for high maneuverability achieved by a steering angle reduced by 0.5 meters. But back to the engine: now the displacement drops to 3000, the "basic" version has 370 hp while the S up to 420: in both cases the power is increased by 20 hp but it must be said here that there is now a couple more high of 60 Nm, with a maximum value of 450 Nm or 500 Nm is constantly available in both cars for as little as 1,700 r / min and up to 5,000 r / min, favoring excellent ride quality. At the same time, the new generation of engines with a maximum engine speed of 7,500 rev / min far exceed the maximum speed of conventional turbocharged engines and are accompanied by the typical Porsche engine sound. Important to the reduction of consumption, of about 12%, depending on the version of the model, lowering the value of 1 liter per 100 km. The 911 Carrera with PDK now limits fuel consumption to just 7.4 liters of fuel per 100 km (less than 0.8 l / 100 km), the 911 Carrera S with PDK settles down to 7.7 l / 100 km (less 1,0 l / 100 km). Among the other changes a revised snout and, above all, a tail with double central discharges and a coarse-grid spoiler (it raises as always) on the rear bonnet. Only minor changes in the cockpit, aimed primarily to accommodate new commands to the engine management structure. But to report the arrival of the speed control system of the active function of the distance (ACC) (option) has now, in combination with the PDK, the "water" function. In case of traffic jam, the clutches are opened by advancing the car without engine braking, thus saving fuel. Ok, but the Turbo? If all 911 are now turbo, the top model what will? No, it stays there on top of the range with the classical name "Turbo" always, almost as if the other did not exist ... Mysteries of marketing ... In any case even for the sports version there will be a substantial increase in horsepower ( you should get about 600) to reduce the gap to the "basic" models. Still a very stylish event for our magazine that is confirmed more and more "GOLF & LIFESTYLE"

140

l’asse posteriore sterzante dinamico, disponibile come optional per la 911 Carrera S, introduce la tecnologia del telaio impiegata nella 911 Turbo e nella 911 GT3. Nelle sterzate, la 911 acquista così un’agilità nettamente maggiore e si distingue per l’elevata stabilità di marcia nei cambi di corsia effettuati ad alta velocità. Il comportamento della vettura convince anche nel traffico cittadino per l’elevata maneggevolezza ottenuta con un angolo di sterzata ridotto di 0,5 metri. Ma torniamo al motore: ora la cilindrata scende a 3000, la versione "base" ha 370 Cv mentre la S arriva a 420: in entrambi i casi la potenza è aumentata di 20 Cv ma va detto che qui ora c'è una coppia più elevata di ben 60 Nm, il cui valore massimo pari a 450 Nm o 500 Nm è costantemente disponibile in entrambe le vetture già a partire da 1.700 giri/min e fino a 5.000 giri/min, favorendo ottime qualità di guida. Nel contempo, i motori di nuova generazione con un regime massimo di 7.500 giri/min superano di gran lunga i regimi massimi dei tradizionali motori turbo e sono accompagnati dal tipico sound del motore Porsche. Importante la riduzione dei consumi, del 12% circa, in base alla versione del modello, abbassando il valore di 1 litro ogni 100 km. La 911 Carrera con cambio PDK limita ora i consumi a soli 7,4 litri di carburante per 100 km (meno 0,8 l/100 km), la 911 Carrera S con PDK si assesta a 7,7 l/100 km (meno 1,0 l/100 km). Fra le altre modifiche un muso rivisto e, soprattutto, una coda con doppi scarichi centrali e una grossa griglia-spoiler (si solleva come sempre) sul cofano motore posteriore. Minime le modifiche nell'abitacolo, volte soprattutto ad ospitare nuovi comandi per la gestione assetto motore. Ma da segnalare l'arrivo del sistema attivo di regolazione della velocità in funzione della distanza (ACC) (opzione) dispone ora, in combinazione con il cambio PDK, della funzione "veleggiare". In caso di incolonnamento, le frizioni si aprono facendo avanzare la vettura senza freno motore con conseguente risparmio di carburante. Ok, ma la Turbo? Se tutte le 911 sono ora turbo, il modello top che fine farà? Nessuna, rimane lì in cima alla gamma con la classica denominazione "Turbo" di sempre, quasi come se le altre non esistessero... Misteri del marketing... In ogni caso anche per la versione sportiva ci sarà un consistente aumento di cavalli (si dovrebbe arrivare a circa 600) per ridurre il gap dai modelli "base". Ancora un evento in grande stile per il nostro magazine che si conferma semn pre più “GOLF&LIFESTYLE”


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:52 Pagina 141


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:54 Pagina 142

Green

by Donato Ala

Il Valore del Golf in Italia I think it's time to review the value of the Golf in Italy in particular tou-

rism and I would inspire me to research conducted by Protiviti in 2013 on behalf of the Italian Golf Federation. This is what declared President Franco Chimenti "To better compete with other Mediterranean countries that have already invested on golf as a driving force for tourism from Spain to Portugal, from Tunisia to Morocco - it is necessary to increase and strengthen the" green fields " in order to attract more players especially from abroad. Goes in this direction the bill passed by the Italian government - proposed by the Minister for Tourism, Michela Vittoria Brambilla - to promote the construction of golf facilities, respecting the environment and the territory, encouraging the construction of accommodation and hotel that, to prevent real estate speculation, will not be sold before five years. And recently, a budget of 118 million euro for projects of excellence in the tourism sector including that of sport and golf, was approved by the State-Regions Conference. A plan that, for the most favorable climatic conditions, can particularly benefit our southern regions, "stretching" the season beyond the traditional summer months. " From 2013 has changed little except that Italy will host the most important event in the world, the Ryder Cup. Italy has the highest density of works of art and cultural heritage of the world and offers wide variety of scenery. The capital will host between 6 years the competition is an open-air museum and is known as the cradle of the "sweet life". However, the popularity of our territory as a favorite destination for international visitors is decreasing in recent years. To confirm this, in 2010, Italy was ranked only fifteenth place in the ranking of the top 25 countries for tourism according to the Country Brand Index. In

142

Credo che sia arrivato il momento di rivedere il valore del Golf in Italia in particolare il turismo e vorrei ispirarmi alla ricerca effettuata da Protiviti nel 2013 per conto della Federazione italiana Golf. Questo è quanto dichiarava il Presidente Franco Chimenti “Per competere meglio con gli altri Paesi del Mediterraneo che hanno già investito sul golf come volano per il turismo dalla Spagna al Portogallo, dalla Tunisia al Marocco - occorre aumentare e potenziare i “campi verdi”, in modo da richiamare un maggior numero di giocatori soprattutto dall’estero. Va proprio in questa direzione il disegno di legge varato dal governo italiano - su proposta del ministro per il Turismo, Michela Vittoria Brambilla - per promuovere la realizzazione di impianti golfistici, nel rispetto dell’ambiente e del territorio, incentivando la costruzione di strutture ricettive e alberghiere che, per evitare speculazioni immobiliari, non potranno essere rivendute prima di 5 anni. E recentemente, uno stanziamento di 118 milioni di euro per progetti di eccellenza nel settore turistico tra cui quello sportivo e golfistico, è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni. Un piano che, per le condizioni climatiche più favorevoli, può avvantaggiare in particolare le nostre regioni meridionali, “allungando” la stagione oltre i tradizionali mesi estivi“. Dal 2013 è cambiato poco se non che l’Italia ospiterà la più importante manifestazione del mondo, la Ryder Cup. L’Italia vanta la maggiore densità di opere d’arte e beni culturali del mondo e offre un’amplissima varietà di bellezze paesaggistiche. La capitale che ospiterà tra 6 anni la competizione è un museo a cielo aperto ed è conosciuta come la culla della “dolce vita”. Tuttavia, negli ultimi anni la popolarità del nostro territorio come meta prediletta dei visitatori internazionali è in diminuzione. A conferma di ciò, nel 2010, l’Italia si è posizionata solo al quindicesimo posto nella classifica dei 25 migliori Paesi per il turismo secondo il Country Brand Index. In un mercato


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:54 Pagina 143

globale, dove la concorrenza si gioca sui territori e le località, è importante definire una strategia che ambisca a migliorare la capacità attrattiva del nostro Paese. Ad oggi in Italia sono presenti 385 strutture, rappresentate da 220 Associazioni Sportive affiliate alla Federazione Italiana Golf e 165 aggregate. I circoli affiliati ospitano percorsi da 9, 18, 27 o 36 buche omologati alla pratica agonistica, mentre i Club aggregati sono costituiti da campi pratica e strutture dedicate alla promozione sportiva con un numero inferiore a 9 buche (circoli “promozionali”). Analizzando la prima categoria, emerge che il 90% dei percorsi dispone di 9 o 18 buche, l’8% di 27 buche e il 2% di 36 buche. Ad oggi in Italia sono presenti 385 strutture, rappresentate da 220 Associazioni Sportive affiliate alla Federazione Italiana Golf e 165 aggregate. Dal 2008, le regioni che hanno incrementato maggiormente il numero dei propri circoli sono l’Emilia Romagna (con 3 campi in più) e la Sicilia (2 campi in più). In generale il Centro e il Sud hanno ampliato l’offerta in Toscana, Umbria, Marche, Molise, Sicilia e Puglia, mentre il Nord risulta averla ridotta in Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta. Il turista del golf è un turista high-profile, con una capacità di spesa elevata, caratterizzato da una curiosità che lo spinge a fare esperienza dei luoghi di vacanza e che porta quindi valore sia ai circoli che lo ospitano (in termini di green fee e di utilizzo delle facilities a disposizione), sia agli enti esterni che collaborano con i Golf Club (quali strutture ricettive ed enti turistici territoriali). La ricerca evidenzia alcune cifre interessanti: - 104 sono i golf club a “vocazione turistica” in Italia, che costituiscono un potenziale bacino di accoglienza per 4,5 milioni di golfisti (di questi, solo il 12,5% si trova nel Sud Italia - climaticamente più adatto ad ospitare i golfisti nel corso dell’intero anno solare); - Il golf è al quinto posto tra gli sport commercializzati sui mercati dell’intermediazione internazionale del turismo verso l’Italia; - Il turista golfista spende al giorno - in media - circa il doppio di un turista tradizionale. In linea con la classificazione elaborata dalla FIG, la vocazione prevalente di un Golf Club può essere: - Tradizionale - circolo che ha come principale obiettivo la promozione della pratica sportiva; - Turistica - circolo connesso allo sviluppo turistico del territorio o inserito direttamente all’interno di strutture ricettive; - Real Estate - circolo collegato ad iniziative di sviluppo immobiliare; - Commerciale - circolo legato ad iniziative di business (organizzazione eventi, sponsorizzazioni, ecc.). La classificazione evidenzia come la categoria maggiormente rappresentativa della realta golfistica italiana sia ancora rappresentata dai circoli Tradizionali, che sono caratterizzati per circa l’86% da percorsi classici a 18 buche. Rispetto al 2008, il maggior incremento in termini unitari . rappresentato dai circoli classificati come Real Estate, aumentati dal 5% all’8%. Sebbene in continua crescita, il golf in Italia non ha ancora raggiunto un livello di sviluppo comparabile a quello di altri Paesi a noi assimilabili per storia e attitudini culturali.

a global market, where the competition takes place on the territories and locations, it is important to define a strategy that aspires to improve the attractiveness of our country. Today in Italy there are 385 facilities, represented by 220 Sports Associations affiliated to the Italian Golf Federation and 165 aggregate. Affiliated clubs host routes 9, 18, 27 or 36 holes endorsed at competitive practice, while the Club aggregates consist of driving ranges and facilities dedicated to the promotion of sports with a lower 9-hole number ( "promotional" circles). Analyzing the first category, it emerges that 90% of the routes has 9 or 18 holes, 27 holes of 8% and 2% of 36 holes. Today in Italy there are 385 facilities, represented by 220 Sports Associations affiliated to the Italian Golf Federation and 165 aggregate. Since 2008, regions that have most increased the number of its clubs are Emilia Romagna (with 3 fields in more) and Sicily (2 fields in more). In general, the Center and the South have expanded the offer in Tuscany, Umbria, Marche, Molise, Puglia and Sicily, while the North is reducing it in Piedmont, Friuli Venezia Giulia and Valle d'Aosta. Tourists of golf is a high-profile tourist, with a high spending power, characterized by a curiosity that drives him to gain experience of vacation spots, thus leading value to both clubs that host (in terms of green fees and the use of facilities available) and to external bodies cooperating with the Golf Clubs (such as accommodation and local tourism organizations). The research shows some interesting figures: - 104 are the golf club to "tourist" in Italy, which represent a potential host reservoir for 4.5 million golfers (of these, only 12.5% is located in the South Italy - climatically most suitable to host the golfers throughout the calendar year); - Golf is in fifth place among the sport sold on international markets intermediation of tourism to Italy; - The tourist golfer spends a day - on average - about twice a traditional tourist. In line with the classification developed by the FIG, the prevailing vocation of a Golf Club can be: - Traditional - circle that has as main objective the promotion of sport; - Tourist - circle connected to the tourist development of the territory or entered directly into accommodation; - Real Estate - a circle connected to real estate development initiatives; - Commercial - circle tied to business initiatives. The classification shows that the category is more representative of reality Italian golf is still represented by circles Traditional, which are characterized by approximately 86% from the classic 18-hole courses. Compared to 2008, the highest increase in unit terms. represented by circles classified as Real Estate, increased from 5% to 8%. Although growing, the golf in Italy has not yet reached a level of development comparable to that of other countries similar to us by history and cultural attitudes.

143


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:55 Pagina 144

Green

A successful example is clearly Spain. If we look at Spain, in particular, we note that the golf industry currently generates 3 billion euro5 and that the country was able to determine the development of some of its own regions through the tourist attraction potential of this sport. An example certainly worth noting the Andalusia region, with more than 120 fields, proposed as a destination for fans by most tour operators in and outside Europe, and every year about 500,000 foreign golfers benefit of local hotels. But because the golf tourism in Spain has happened? - Climatic conditions: Andalusia presents particularly favorable climatic conditions, has averaged very low annual rainfall and mild temperatures. - Green fee: Green fees do not show major differences compared to European standards. The average cost of 110 euro in Andalusia - with a range of minimum and maximum values between 72 and 147 euro, but the Andalusian Golf Club green fees use very seasonal and promotional packages. - Facilities: all Andalusian resort have a complete set of facilities such as swimming pool, spa, tennis courts, gym, assuming the guise of real holiday centers "all inclusive" rather than of simple structures dedicated to the practice of golf. In some cases they are also proposed additional services, such as bike and boat rental. - For golfers Services: in three Club Andalusian is possible to achieve, for example, the Golfer's Zertifikat, certification issued by the German golfer Golf Academy, which reflects the commitment of the resort in the creation of an international network that encourages the influx of foreigners. - Services for foreign clients: in the Spanish resort often speak, in addition to English, the German, a condition not easily retrievable in Italy. - Concentration circles: the offer golfing in Spain is very wide. Only in Andalucia they are well while only 49 clubs in Tuscany if they are 16. The goal waiting for Italy to host the Ryder is to regain competitiveness on the international market, strengthening and improving the services and facilities available and instructing better staff that is in our circles. Finally I have the impression that as long as the government does not give signals to aim for the sport will be easier than the Italian clubs close, and not that they grow. Italy may, depends only on us.

144

Un esempio di successo è chiaramente la Spagna. Se prendiamo in considerazione la Spagna, in particolare, notiamo che l’industria del golf genera attualmente 3 miliardi di euro5 e che il Paese è riuscito a determinare lo sviluppo di alcune sue regioni proprio attraverso le potenzialità di richiamo turistico di questo sport. Un esempio degno di nota sicuramente l’Andalusia: la regione, con più di 120 campi, proposta come meta per gli appassionati dalla maggior parte dei Tour Operator europei ed extraeuropei, e ogni anno circa 500.000 golfisti stranieri usufruiscono delle strutture alberghiere locali. Ma perché in Spagna il turismo golfistico ha successo? - Condizioni climatiche: l’Andalusia presenta condizioni climatiche particolarmente favorevoli, ha una media di precipitazioni annuali molto bassa e temperature miti. - Green fee: i green fee non mostrano importanti scostamenti rispetto agli standard europei. Il costo medio in Andalusia pari a 110 euro - con un range di valori minimi e massimi tra 72 e 147 euro, ma i Golf Club andalusi utilizzano molto green fee stagionali e pacchetti promozionali. - Facilities: tutti i resort andalusi dispongono di un insieme completo di facilities quali piscina, SPA, campi da tennis, palestra, assumendo i connotati di veri e propri centri vacanze “all inclusive”, più che di semplici strutture dedicate alla pratica del golf. In alcuni casi sono inoltre proposti servizi ulteriori, quali il noleggio bici e barca. - Servizi per golfisti: in tre Club andalusi è possibile conseguire, ad esempio, il Golfer’s Zertifikat, la certificazione del golfista rilasciata dalla German Golf Academy, che riflette l’impegno dei resort nella creazione di un network internazionale che stimoli l’afflusso di stranieri. - Servizi per clientela straniera: nei resort spagnoli spesso si parla, oltre all’inglese, anche il tedesco, condizione non facilmente ritrovabile in Italia. - Concentrazione circoli: l’offerta golfistica in Spagna è molto ampia. Solo in Andalucia si trovano ben 49 circoli mentre solo in Toscana se ne trovano 16. L’obiettivo in attesa di ospitare in Italia la Ryder è quello di riacquistare competitività sul mercato internazionale, potenziando e perfezionando i servizi e le strutture disponibili e istruendo meglio il personale che si trova nei nostri circoli. Per concludere ho l’impressione che fino a quando il governo non darà segnali di puntare a questo sport sarà più facile che i circoli Italiani n chiudano e non che crescano. L’italia può, dipende solo da noi.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 16:56 Pagina 145


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:04 Pagina 146

Green

In City Golf e Diga On February 4, in the beautiful Park Hotel Villa Grazioli in Grottaferrata, in the presence of diplomats, sponsors and personalities 'of the sports world, the President of the Diga Antonio Stocchi, presented the program and the activities' of 2016. as well as the program of attivitia of Diga, there was talk of the Ryder Cup, and especially of 'event Diga together with InCity course will organize on October 1 in Rome. In a City International Golf Course which will be played in embassies and in the most beautiful historical sites in Rome. those present at the evening was pleasantly accepted the news and they all expressed interest in hosting the event. The President of the Diga and Mr. Kurt Anrather suffered caught the proposal and are already moving to make of 'event of the October 1, 2016 a success. In City Golf in Rome will be highly visible to all partners who wish to believe in this ambitious project.

146

Il 4 Febbraio, nello splendido Park Hotel Villa Grazioli a Grottaferrata, alla presenza di Diplomatici, sponsors e personalita' del mondo dello sport, il Presidente della DIGA Antonio Stocchi, ha presentato il programma e le attivita' del 2016. oltre che del programma delle attivitia della DIGA, si è parlato di Ryder Cup e sopratutto dell' evento che DIGA insieme ad InCity golf organizzera il 1 Ottobre a Roma. Un In City golf internazionale che si giocherà dentro le ambasciate e nei punti storici piu belli di Roma. i presenti alla serata hanno piacevolmente accettato la notizia e tutti si sono mostrati interessati ad ospitare l'evento. Il presidente della DIGA e Il Sig. Kurt Anrather hanno subito colto la proposta e si stanno gia muovendo per fare dell' evento del 1 ottobre 2016 un successo. In City golf a Roma sarà di grande visibilità per tutti i partners che vorn ranno credere in questo ambiziosissimo progetto.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:04 Pagina 147


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:04 Pagina 148

Green

Verso la Ryder Cup 2022 by Matteo Ala Live by this number will start approaching albeit along the most important golf event in the world after the Olympics and the football World Cup and which will be played in Italy in Rome. In our articles we will talk about everything, of curiosity and as an organization grows so important. We are interviewing the protagonists, and so we will try to get as close as possible to this dream. A crazy boost, a unique opportunity to level of development both for tourism receptive that purely sporting. Serve a clear and effective approach path, a strategic plan aimed at the construction and organization of everything that goes around the historical competition that pits the US and Europe. The assignment of the Ryder Cup in 2022 was a historic triumph for golf and for the whole of Italian sport. But it must be considered as the starting point of a new era for the national golf movement. Because it opens new horizons and opportunities that would be a mistake to miss. This and much more was discussed during the 'General States of golf', organized by the Italian Golf Federation, the hotel Principe di Savoia in Milan. In addition to the president of Coni services and Fig, Franco Chimenti, they were attended by the Vice-Presidents Antonio Bozzi and Paul Casati, the general secretary Stefano Manca, Lavinia Biagiotti, vice president of the Marco Simone Golf & Country Club, official route of the Ryder Cup 2022, and Paul D'Alessio, special commissioner of the Institute for the sports credit. After a film presentation, which summari-

148

Da questo numero Live in inizierà l’avvicinamento seppur lungo della manifestazione golfistica più importante al mondo dopo le Olimpiadi e i mondiali di calcio e che si giocherà in Italia a Roma. Nei nostri articoli parleremo di tutto, di curiosità e come cresce un’organizzazione così importante. Intervisteremo i protagonisti e così cercheremo di avvicinarci il più possibile a questo sogno. Una spinta pazzesca, una possibilità unica a livello di sviluppo sia a livello turistico recettivo che prettamente sportivo. Servirà un percorso di avvicinamento chiaro ed efficace, un piano strategico mirato alla costruzione e all'organizzazione di tutto ciò che gira intorno alla storica competizione che contrappone Europa e Stati Uniti. L'assegnazione della Ryder cup 2022 è stato un trionfo storico per il golf e per tutto lo sport italiano. Ma va considerato come il punto di partenza di una nuova era per il movimento golfistico nazionale. Perchè apre nuovi orizzonti e opportunità che sarebbe un errore lasciarsi sfuggire. Di questo e di tanto altro si è parlato durante gli 'Stati generali del golf', organizzati dalla Federazione Italiana Golf, nell'hotel Principe di Savoia, a Milano. Oltre al presidente di Coni servizi e della Fig, Franco Chimenti, erano presenti i vicepresidenti Antonio Bozzi e Paolo Casati, il segretario generale Stefano Manca, Lavinia Biagiotti, vicepresidente del Marco Simone Golf & Country club, percorso ufficiale della Ryder cup 2022, e Paolo D'Alessio, commissario straordinario dell'Istituto per il Credito sportivo. Dopo una presentazione filmata, che ha riassunto alcuni momenti particolari nella corsa all'assegnazione della


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:04 Pagina 149

Come tutto ebbe inizio Se Samuel Ryder non avesse avuto problemi di salute in seguito ai quali gli venne consigliato di praticare sport all'aria aperta, oggi non saremmo qui a parlare di Ryder Cup. Proprio così, il più famoso torneo di golf al mondo è nato con l'aiuto del destino che ha portato il mercante di spezie Samuel Ryder a finanziare diversi tornei dello sport che lo aveva catturato. Nel 1924 organizzò e finanziò un torneo internazionale fra giocatori professionisti statunitensi e britannici che divenne ben presto un appuntamento regolare e per il quale offrì come premio in palio la Ryder Cup, un trofeo in oro del valore di 100 guinee. Dal 1927 al 1971 il torneo si è svolto tra gli Stati Uniti d'America e la Gran Bretagna, con un netto dominio americano di 15-3 ed un solo pareggio (1969). Nel 1973 alla Gran Bretagna è stata incorporata l'Irlanda, e nel 1979 tutto il resto dell'Europa continentale. Per l'Europa si sono sempre scelti dei campi da golf britannici, a parte l'edizione del 1997, disputatasi a Valderrama (Spagna) come

tributo all'ex golfista spagnolo Severiano Ballesteros. Dopo l'edizione del 1999, a causa degli attentati terroristici dell'11 settembre 2001, la Ryder Cup è andata in scena negli anni pari. In seguito all'accettazione della squadra europea come antagonista di quella statunitense, il torneo è risultato molto più equilibrato: dal 1979 al 2014 si contano infatti 10 successi europei e sette statunitensi, con un solo pareggio (1989). Tra le file europee è da segnalare la presenza in tre occasioni (1993, 1995 e 1997) del più famoso giocatore italiano nella storia del golf, Costantino Rocca, ricordato per la sua famosa buca in uno durante l'edizione del 1995. Gli italiani Francesco Molinari ed Edoardo Molinari sono stati invece i primi fratelli a competere per la squadra europea nella stessa Ryder Cup, grazie alla loro partecipazione contemporanea all'edizione del 2010. Negli ultimi vent'anni la competizione è stata dominata dall'Europa, che si è aggiudicata ben otto vittorie su dieci edizioni.

Ryder cup 2022, il presidente Franco Chimenti ha fatto una esauriente cronistoria di come si sia arrivati all'assegnazione. «In questo lungo percorso ha avuto il supporto di una Federazione straordinaria, di un Consiglio federale altrettanto straordinario, di Lavinia Biagiotti e di tanti validissimi compagni in questa avventura che non dimenticherò mai. In particolare è stato determinante l'appoggio del presidente del Coni, Giovanni Malagò». Il presidente ha poi sottolineato come la Ryder cup possa essere un grande viatico per lo sviluppo del golf nella Penisola. «È una grande opportunità da interpretare e sfruttare al meglio. L'Italia è diventata una star mondiale del golf e adesso abbiamo un Open d'Italia che, con il suo montepremi che dal 2017 sarà di sette milioni, si allinea ai più grandi eventi internan zionali».

zed some special moments in the race for the award of the Ryder Cup 2022, President Franco Chimenti did an exhaustive history of how we have come to the allocation. "In this long process he has had the support of an extraordinary Federation, an equally extraordinary Federal Council, Lavinia Biagiotti and many very valid companions on this adventure I will never forget. In particular, it was crucial the support of the CONI president Giovanni Malago '. The president then stressed that the Ryder Cup will be a great encouragement for the development of golf in the Peninsula. "It's a great opportunity to interpret and make the most of. Italy has become a world star of golf and we now have an Open of Italy, with its 2017 prize pool that will be seven million lines up to major international events. "

149


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:05 Pagina 150

Green

Blue Team Academy by Donato Ala I met Carlo Alberto Acutis with Alessandro Rogato and the late Giorgio Bordoni during one of my reviews of Golf Italian courts. Then inziavano a new adventure at the Tolcinasco circle. Was the famous Blue Team Academy, the same as today by Carlo reopens on Innovation as it has always been in their carrier. For golf Italian is certainly a source of pride to have available (only center in Italy) such an important technology to improve their game in an environment-door. Thirty years of experience are worth certainly a lesson in this school in the heart of Milan in Corso Magenta. The Academy's founders to their active even the prestigious partnership with Hank Haney, coach of over one hundred professional players among which Tiger Woods and Mark O'Meara sample. Equally important, the latest updates of Carlos Alberto Acutis, for example with the putt course under the direction of Paul Hurrion, world-renowned teacher, and at the School of Wayne Defrancesco, in Washington, among the most innovative teachers of the US scene . Software for video biomechanical analysis allows you to track every step of putting the process. The movement of the player is taken from various angles with high-speed cameras, which allow to evaluate the effectiveness of the movement, while a special software will be able to detect the first portion of the ball rolling to assess the quality and yield. The stylish and functional environment of the Blue Team Golf Academy offers gaming places students with the most innovative technologies:

150

Ho conosciuto Carlo Alberto Acutis insieme ad Alessandro Rogato e il compianto Giorgio Bordoni durante una delle mie recensioni di campi di Golf Italiani. Allora inziavano una nuova avventura presso il circolo di Tolcinasco. Era la famosa Blue Team Academy, la stessa che oggi tramite Carlo, riapre sotto il segno dell’innovazione così come è sempre stato nella loro carrier. Per il golf Italiano è certamente un vanto poter avere a disposizione ( unico centro in italia) una così importante tecnologia per poter migliorare il proprio gioco in un ambiente in-door. Trent’anni di esperienza valgono sicuro una lezione in questa scuola nel cuore di Milano in Corso Magenta. I fondatori dell’Academy hanno al proprio attivo anche la prestigiosa collaborazione con Hank Haney, coach di oltre cento giocatori professionisti tra i quali spiccano Tiger Woods ed il campione Mark O'Meara. Altrettanto importanti, i più recenti aggiornamenti di Carlo Alberto Acutis, ad esempio con il corso di putt sotto la regia di Paul Hurrion, maestro di fama mondiale, e presso la scuola di Wayne Defrancesco, a Washington, fra i docenti più innovativi del panorama statunitense. Il software per la video analisi biomeccanica consente di monitorare ogni fase del processo di putting. Il movimento del giocatore viene ripreso da varie angolazioni con telecamere ad alta velocità, che consentono di valutare l’efficacia del movimento, mentre uno speciale software sarà in grado di rilevare il primo tratto di rotolamento della palla per valutarne la qualità e la resa. L’ambiente raffinato e funzionale della Blue Team Golf Academy offre agli allievi postazioni di gioco dotate delle più innovative tecnologie: due postazioni di


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:05 Pagina 151

gioco lungo e una di putt, schermi ad alta risoluzione, telecamere ad alta velocità per riprendere il movimento con moviola immediata, ai quali si abbina il radar Flightscope. Grazie a questi sistemi innovativi è possibile affinare la tecnica dei giocatori più esperti, ma anche impostare al meglio la tecnica di gioco dei principianti che si avvicinano per la prima volta al golf. Poter visualizzare graficamente gli aspetti di miglioramento e i valori numerici della propria prestazione consente di ottenere un rapido miglioramento, sia con variazioni di postura che con un’adeguata scelta dell’attrezzatura. I golfisti di ogni livello potranno trarre notevoli vantaggi dall’utilizzo del software Quintic: per un principiante, ad esempio, il sistema sarà di maggior aiuto per il suo sistema video, mentre per un golfista esperto sarà fondamentale per rilevare il rotolamento della palla e per portare il putt ad un livello superiore. Qualche esempio? Se un golfista ha la tendenza a mancare i putt sul lato sinistro da una distanza di 3 metri, questa difficoltà potrebbe essere collegata, ad esempio, ad un problema di postura facciale, che non consente di mirare in modo corretto. Altre volte, invece, è solo il modello di bastone utilizzato che non è adatto al giocatore e che può essere alterato per migliorare subito la qualità del putt. Grazie a questa innovativa piattaforma, i giocatori potranno raggiungere miglioramenti in tempi brevi, disponendo di indicatori quantitativi sulla propria performance che forniranno un feedback immediato sui risultati conseguiti. La Blue Team academy è in Corso Magenta 83 a Milano. n www.blueteamgolf.com

two gaming stations and a long putt, high resolution screens, highspeed cameras to resume movement with instant replays, which combines the Flightscope radar. Thanks to these innovative systems it is possible to refine the technique of the most experienced players, but also set the best for a beginner playing technique who come for the first time to golf. Being able to graphically display the aspects of improvement and the numerical values of its performance allows for a rapid improvement, both in posture variations that with proper equipment selection. Golfers of all levels will benefit tremendously from the use of Quintic software for a beginner, for example, the system will be more help for its video system, while for an experienced golfer will be crucial to detect the rolling ball for bring the putt to the next level. Some examples? If a golfer has a tendency to miss the putt on the left side by a distance of 3 meters, this difficulty could be linked, for example, a facial posture problem, which does not allow to aim properly. Other times, however, is only the stick model used which is not suitable to the player, and that can be altered to immediately improve the quality of the putt. Thanks to this innovative platform, players can achieve improvements in a short time, having quantitative indicators on their performance that will provide immediate feedback on the results achieved. The Blue Team academy is in Corso Magenta 83 in Milan. www.blueteamgolf.com

151


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:06 Pagina 152


**LIVEIN 32_lvn002• 19/02/16 18:18 Pagina 153

Art Room

THE EMPIRE CITY, Thomas Salme


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:08 Pagina 154

Art Room

Do you work for cycles, but I think that the urban architectures are you favorite subject, which is the reason of this choice? I was born, I live and work in Milan. Since the beginning, I developed the theme of the city and the urban landscape, above all the peripheries. In the last year, I focus on new urban architecture, which had changed the city skyline. A little time ago, I had the opportunity to show at the Fondation Catella, invited by the Studio LTA, a series of works which compares the historical Milan, so the duomo, the Basilica of San Ambrogio and other monuments with the contemporary Milan, and so works which represent the change, particularly the requalification of Porta Nuova.

But do you paint also other things? Yes, surely. The abandoned archeology with references to the classic past, is another theme I choose, and in these paintings, I try to represent the negligence of places, which become metaphysic space, a more mental periphery, a more intimate theme. It is as to mix Pompei with

154

Lavori per cicli, ma penso che le architetture urbane siano il tuo soggetto prediletto, a cosa devi questa scelta? Sono nato, vivo e lavoro a Milano. Da subito ho sviluppato il tema sulla città e il paesaggio urbano, soprattutto le periferie, Nell'ultimo anno mi sono dedicato specificatamente alle nuove architetture urbane che hanno cambiato lo Skyline della città. Poco tempo fa ho avuto l'occasione di esporre alla Fondazione Catella, su invito dello Studio LTA, una serie di opere che mettono a confronto la Milano storica, quindi il Duomo, la Basilica di San Ambrogio e altri monumenti con la Milano contemporanea e quindi opere che raffigurano il cambiamento, in particolare la riqualificazione di Porta Nuova. Ma dipingi anche altro? Si certo, l'archeologia abbandonata con riferimenti alla memoria classica, è un altro tema che affronto, in questi dipinti cerco di raffigurare l'incuria dei luoghi, che diventano luoghi metafisici; è una periferia più mentale, una tematica più intima. E’ un po' come mescolare Pompei con l'ILVA di


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:11 Pagina 155

Giovanni Cerri, 30 anni di pittura by Susanne Capolongo photo by Valeriano Borroni edit by Giovanna Repossi

Taranto, prendo spunto da statue classiche come Cesare, gli imperatori, Laoconte e altri e poi cerco di distruggerne l'identità, li deturpo rendendoli simili a oggetti da discarica, cercando contemporaneamente mantenere la dignità storica. L’intento è di raffigurare l'ultimo baluardo prima del nulla, un avamposto del mito eroico classico occidentale. Opere che parlano del tempo e non più semplicemente del luogo.

the ILVA of Taranto, I take my inspiration from classic statues, as Ceaser,

L’aspetto più difficile del tuo lavoro? Trovare sempre una forma di rinnovamento all'interno del mio segno, la mia ricerca principale si base su questa nuova interpretazione del ambiente periferico, che non ha a che fare con una periferia urbana ma forse con una periferia mentale e metafisica.

Which is the most difficult aspect of your work?

Lavori anche su committenza? Si e mi fa molto piacere perché mi mette a confronto con altre realtà che magari non fanno parte del mio mondo, ma che mi permettono di confrontarmi con fattori tematici o spaziali diversi da quelli che solitamente tratto.

Do you work also on commission?

the emperors, Laoconte and others, then I try to destroy their identity, I disfigure them in order to make them similar to rubbish for the landfill, trying at the same to keep their historical dignity. My intention is to represent the last bastion before the nothing, an outpost of the occidental classical myth. Works which talk about time and not only about space.

It is finding always a shape of renovation inside my sign, my main research is based on this new interpretation of the periphery space, which is not linked to an urban periphery but maybe with a mental and metaphysical periphery.

Yes, and I am very glad as I can face with different realities, which maybe don’t belong to my world, but that enable me to meet thematic and spatial factors which are different from those I use to choose.

155


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:11 Pagina 156

Art Room

Commission for me is always a challenge, and I like it. Then, it could become a good point to start a new project. I don’t have any kind of limit for the subject, as it is a simple pretext, I have the stimulus and the want to grow.

Do you think that patronage is still present? I think so. The typical idea of patronage, as in the Renaissance, is surely changed. The modern patronage is caused by the same artist, but the client plays an active role, he is completely involved in the project and often, the client can give new stimulus to the artist. Personally, every year, I develop an important project on which I try to organize a series of exhibitions both in Italy and abroad, looking for promoters interested in me and my projects.

156

La committenza per me è sempre una sfida è questo mi piace, tra l'altro potrebbe rappresentare un punto di partenza per un qualcosa di nuovo. Non ho nessun limite al soggetto, il soggetto è semplicemente un pretesto, mi stimola mi fa crescere. Secondo te il mecenatismo esiste ancora? Secondo me si. Rispetto all'idea canonica che si ha del mecenatismo, inteso in chiave rinascimentale, è sicuramente cambiato, il mecenatismo moderno viene indotto e provocato dall'artista stesso, ma il committente rimane parte attiva, è totalmente coinvolto ne progetto e sovente, l'entità finanziatrice, può dare nuovi stimoli all'artista. Personalmente ogni anno sviluppo un progetto importante sul quale cerco poi di organizzare una serie di mostra sia in Italia sia all'estero, cerco sempre dei sostenitori che n credano in me e nei miei progetti.


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:12 Pagina 157


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:12 Pagina 158

Art Room

Fashion Savana Park

by Giovanna Repossi

Boyan Nikolof was born on the 21 February in 1983 in Shumen, in a city in the northern east of Bulgaria, close to the Black Sea. He moved to Milan almost nine years ago.

He writes about himself My “fault” makes me come the great desire to leave my country and come here in Italy, has been my passion for art and the holiday I took ten years ago in Venice, during the period of Biennale, when I fell in love with that city and with all I have seen, and then I decided to move to Italy. I was only three years when I did my first drawing, a little rabbit. I still remember that moment, “a significant moment” as since then I have never stopped drawing, I was at home with my neighbors, which had recently adopted a white rabbit. Since the first moment I saw it, I run to home, took the pen, a sheet of paper and took a portrait, my first drawing. Still today, my mother re-

158

Boyan Nikolof nasce il 21 febbraio del 1983 a Shumen in una cita situata nel nord-est di Bulgaria vicino il mar nero., si trasferisce a Milano circa 9 anni fa... Scrive di lui "la colpa" che mi ha fatto venire la grande voglia di lasciare il proprio paese e venire qui in Italia ,è stata la mia grande passione per l'arte è la vacanza che feci 10 anni fa a Venezia,nel periodo del BIENNALE, dove mi sono follemente innamorato di quella città e tutto quello che ho visto, e da lì decisi di trasferirmi in Italia. Avevo soltanto 3 anni quando feci il mio primo disegno, un piccolo coniglio. Ricordo ancora quel momento, “un momento significativo” perché da li in poi non ho mai smesso di disegnare .... ero a casa dei miei vicini, i quali avevano appena adottato un coniglietto bianco. Dal momento che lo vidi, corsi a casa, presi la penna, un foglio di carta e feci un ritratto, il mio primo disegno. Ancora oggi la mia mamma lo tiene


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:12 Pagina 159

fra i ricordi e me lo conserva. Da sempre amo osservare e disegnare gli animali, a csa abbiamo sempre amato gli animali, mi piaceva tanto studiarli nei dettagli. Con gli anni ho sviluppato la preferenza degli animali della Savana, passavo ore davanti alla TV a guardare i documenta sulla Savana Africana, mettevo in pausa e disegnavo, e disegnavo per ore. Senza dubbi l'animale che amavo di più disegnare e quello mi affascina di più con la sua maestosità ed un aura divina è il leone: Il Re della Savana. Il Leone rimane il mio più grande sogno, il mio profondo desiderio, che ancora oggi sento forte. In me di abbracciarlo e sentirlo vicino! Spero che un giorno questo sogno si possa realizzare, per adesso continuo a dipingerlo e a sognare. Dipingere vuol dire sognare, vuol dire viaggiare, viaggiare con la fantasia e non solo, per trovare un'ispirazione. Dipingere per me è una grande passione, mi aiuta ad esprimermi usando le forme e i colori, facendo uscire alla luce i miei più veri e profondi sentimenti. Quando dipingo mi sento vivo, mi sento sereno, mi sento felice. Dipingere è una "medicina pura" che mi fa rilassare e mi da un'energia positiva, e mi fa anche dimenticare tutti i problemi della vita di ogni giorno. Sensazioni e sentimenti, ecco l'amore, che delle sue innumerevoli sfumature, l'arte rimane per me quella più importante, nella vita, per l'anima.

members that moment and keeps the drawing.

1994-2001 diplomato nella scuola d'arte a Shumen"Sava Dobroplodni" 2001-2005 laureato nella università delle belle arti a Varna"Chernorisez Hrabar" Frequentato la scuola di Make Up artist La mostra FASHION SAFARI PARK é presente presso RAIMBOW – VIRGIN ACTIVE – piazza Diaz 4 – Milano da 25 febbraio al 30.07.2016 n

1994-2001 degree at school of art in Shumen “Sava Dobroplodni”

Since my childhood, I love observing and drawing animals, at home we always loved animals and I like a lot studying them in details. Over the years, I developed my preference for the animals of Savanna, I spent hours watching television to see animal documentaries about African Savanna I played stop and drawing, for hours. Without doubts, the animal I preferred drawing and the one which fascinates me the most, with his magnificence and divine aura is the lion: the King of Savanna. Lion is still my biggest dream, my deep desire, which I still feel strong. I still would like to embrace it and feel it close to me! I hope to realize my dream, for now I continue to paint it and dream it. Painting means dreaming, travelling, travelling, by fantasy and not only, in order to find an inspiration. Painting for me is a great passion, it helps me a lot to express myself, using shapes and colors, to make my inner and truer feelings emerge. When I paint, I feel living, peaceful and happy. Painting is a “pure therapy”, which makes me relaxed and give me a positive energy, and make me forget all the every-day-problems. Sensations and feelings, that’s love, with its countless shades, the art is for me the most important, in life, for the soul.

2001-2005 graduation at the university of beauty art in Varna ”Chernorisez Hrabar” Attending the school of Make Up artist The exhibition FASHION SAFARI is present at RAIMBOW – VIRGIN ACTIVE – piazza Diaz 4 – Milano from 25 February to 30.07.2016

159


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:13 Pagina 160

Art Room

The Empire City

by Francesca Caterina Vetrano edit by Giovanna Repossi

Thomas Salme was born on the 18th February 1969 in Stockholm.

Pilot, producer, film maker, photographer, musician, artist of living and common feeling, he is self-educated against the orders of formal systems. Enigmatic and eccentric, he expresses his brilliant versatility through a dynamic character which enables him to encompass different sectors, becoming the cornerstone and connection of aspects sometimes in great opposition between them.

Pilot - In1996, Thomas start to fly high. Thirteen years in the sky, as the title of his biography written by Tom Watt, actor and writer, published in Sweden in 2016. Eleven thousand of flight, a million of passengers. Thanks to his instinct, Salme has been able to face the tracks and the most thorny and windy landings, among the others Lampedusa and Reggio Calabria. Aware today of having spent a whole life under the sign of the risk, the unconsciousness and the folly, he admits: «I dared and I was lucky. I am the proof that a person without chances can win».

160

Thomas Salme nasce il 18 febbraio del 1969 a Stoccolma . Pilota, Produttore, regista, fotografo, musicista, artista del Vivere e comune sentire, si è formato da autodidatta contro le imposizioni dei sistemi formali. Personaggio enigmatico ed eccentrico, esprime la sua estrosa poliedricita' attraverso un dinamismo che gli consente di spaziare in diversi settori, divenendo cardine e congiunzione di aspetti talvolta in piena opposizione tra loro.

Pilota - Nel 1996 Thomas inizia a volare alto. Tredici anni in cielo, come il titolo della biografia su di lui scritta da Tom Watt, attore e scrittore, edita dalla casa editrice svedese ed in uscita nel 2016. Undicimila ore di volo, un milione di passeggeri e mai un problema. Grazie al suo istinto Salme è stato in grado di affrontare le piste e gli atterraggi più delicati e tortuosi, tra cui Lampedusa e Reggio Calabria. Consapevole oggi di aver vissuto un’intera vita all’insegna del rischio, incoscienza e follia, ammette: «Ho osato e mi è andata bene. Sono la prova che anche uno senza possibilità può farcela».


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:16 Pagina 161

161


**LIVEIN 32_lvn002• 18/02/16 17:18 Pagina 162

Art Room

Film director and producer - External teller of two meaningful paths, one about the ex-mister of the drugs Jota Cardona, which Thomas met in 2013 developing such a keen interest to decide to tell and film, producing the short film “Rescued from hell”, Salvato dall’inferno, www.rescuedfromhell.com, distributed by Atlas International Film (http : //www.atlasfilminternational.com), waiting for the official presentation to the big audience in 2016. “The lost key” , La chiave perduta, is indeed the history – document based on the incident of Enrico “Chico” Forti, condemned, without evidences and certain probative elements, to lifelong jail by a court of Miami, in Florida, for the murder of Dale Pike, on the 15th February of 1998 at the end of a trial based only on suspects. The film will be distributed by Atlas International Film in Germany, and beyond the support of “Chico”’s relatives and friends, he will be the protagonist of the testimonies. Aware of his own limits, he invests fully himself in order to get the approval of a larger audience, being a voice for voiceless people and above all, by believing strongly in the redeeming power of dreams, the unique able to overcome obstacles and fear, every day, by blocking them. Creative whiz completely free and open towards stimuli and the energetic influences he catches from his spring of primary inspiration: his attitude is the evident proof that humility, constancy and deep passion are the sole requirements for achieving every astonishing goals. Present with the photographic exhibition The Empire City, six photos which represent the city of New York, into the F&C law firm for taxes in Milan until the 31.07.2016

162

Regista produttore - Narratore esterno di due significativi cammini, quello che riguarda l'ex signore della droga Jota Cardona, che nel 2013 Thomas incontra appassionandosi così intensamente alla sua storia da volerla raccontare e filmare, producendo il film documentario “Rescued From Hell” Salvato dall' inferno , www.rescuedfromhell.com, distribuito da Atlas International Film (http : //www.atlasfilminternational.com), in attesa della presentazione ufficiale al grande pubblico nel 2016. “The lost key”, La chiave perduta ̀ e, invece, il racconto - verita ̀ basato sulle vicende che hanno coinvolto Enrico "Chico" Forti, condannato senza prove ed elementi sostanziali inconfutabili al carcere a vita da un tribunale di Miami, in Florida, per l'omicidio di Dale Pike, il 15 febbraio 1998 al termine di un processo basato unicamente su sospetti.Sara ̀ distribuito da Atlas International Film in Germania, ed oltre al sostegno dei familiari e amici di “Chico”, vedrà Forti direttamente protagonista nelle testimonianze. Con la sua esuberanza creativa, Salme appare quindi come genio creativo totalmente libero ed aperto ad accogliere gli stimoli e gli influssi energetici che dalla sua fonte di ispirazione primaria, il Mondo, egli capta, ed ̀ e dimostrazione lampante di come umilta ̀, costanza e passione profonda, siano i soli requisiti per il raggiungimento di ogni incredibile vetta. Consapevole dei propri limiti, investe con pienezza il proprio animo per conquistare il plauso del pubblico piu ̀ vasto, dando voce a chi voce non possiede e, soprattutto, credendo fermamente nel potere salvifico dei sogni, gli unici in grado di annientare, oscurandoli, ogni giorno paura ed ostacoli. Sua la personale denominata "The Empire City”, all’interno della quale sono state selezionate le sei istantanee interamente dedicata alla citta ̀ di New York, in mostra fino al n 31.07.2016 presso lo studio legale tributario F&C – sede di Milano.


**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 18/02/16 17:25 Pagina 2


edizioni · bimestrale · anno 7 - nº 32 - febbraio 2016 · Euro 10,00 · Poste Italiane s.p.a Spedizione in Abbonamento Postale - 70%

Golf & Lifestyle Magazine

n. 32

febbraio 2016

NewYork NewYork

**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 18/02/16 17:25 Pagina 1

official magazine of NYITALIANS

Men’s Code Coco&Co Gourmet Cigar Room Wellness Style Green Art Room

Profile for Matteo Tornielli

Livein 32  

Livein 32  

Advertisement