Page 1

agosto 2018

le Virtuose LIS edizioni · bimestrale · anno 9 - nº 46 - agosto 2018 ·€ 15,00 · $ 30,00 ·

n. 46

**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 23/08/18 13:35 Pagina 1

Livein le Virtuose


**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 23/08/18 13:35 Pagina 2


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 3


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 4


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 5


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 6

COLO PHON direttore responsabile

art director redazione relazioni esterne fashion editor segreteria abbonamenti pubblicità resp. comm. hanno collaborato:

Matteo Tornielli m.tornielli@livein-style.it Ludovico Maria Nobile Vittoria Fabris, Annalisa Fanticelli, Alberto Brandisseri, Edoardo Dominici

Giovanna Repossi gio.zesign@gmail.com Mariangela Bonaparte m.bonaparte@livein-style.com info@livein-style.com info@livein-style.com info@livein-style.com Nicola Doro. n.doro@livein-style.com Donato Ala, Valeria Bacco, Ilaria Bisello, Alessandro Byther, Luca Bonacini, Alessandra Bonato, Mariangela Bonaparte, Franca Comparetto, Nicola Di Nunzio, Marcella Lanivi, Elisa Lanotte, Melody Laurino, Carla Marie Montecchi, Davide Passoni, Luca Pezzini, Alessandra Piubello, Giovanna Repossi, Maurizio Signorini, Silvia Terrenghi, Marco Giuseppe Timelli, Vanni Valente, Roberta Vanore, Elisabeth Vermeer, Stefania Zilio. NEW YORK OFFICE

editor in chief fashion editor media expert

Joseph Ralph Fraia Pamela Quinzi Manuela Ceccarini

Adv and Distribution in US

jr.fraia@livein-style.it

Purchase and Subscriptions in US

jr.fraia@livein-style.it

New York contact For insights and special features go to:

cover by Ludovico Maria Nobile n. 46 anno 9 - bimestrale · agosto 2018

PER QUESTO NUMERO SI RINGRAZIA: MARIANTONIA AVATI EDDA CARMEN TRAVERSO PEDRINA villa-traversopedrina.com ADLER THERMAE adler-thermae.com DAVIDE PASSONI galileusweb.com CA’ BUSATTI cabusatti.com INCITY GOLF incitygolf.com GIULIA SERGAS giuliasergas.com IZYBEAU izybeau.it LVB ACOUSTICS lvbacoustics.it HERNANDEZ ART GALLERY galleriahernandez.com

+1 917 930 1494 www.livein-style.com On-line downloadable version at: https://www.joomag.com/magazine/livein-style-magazine

editore

Lis s.r.l. Viale Navigazione Interna 51 - 35129 Padova (Italy) tel. +39 0498157020

stampa

Faenza Group S.p.A. Via Vittime Civili di Guerra, 35 - 48018 Faenza RA faenzagroup.com

YOU CAN FIND US ON WWW.FACEBOOK.COM/LIVEINMAGAZINENYC

WWW.INSTAGRAM.COM/LIVEINMAGAZINE

6

Copyright Editoriale Livein - Registrazione al registro della stampa del Tribunale di Padova, n. 2214 del 12/03/2010 è vietata la riproduzione totale o parziale della rivista senza l’autorizzazione dell’Editore. In questo numero la pubblicità non supera il 30%. Il materiale inviato in redazione, salvo accordi specifici, non verrà restituito. L’Editore è disponibile ad assolvere ogni obbligo nei confronti dei titolari di diritti relativi a testi, immagini, illustrazioni e fotografie che non sia stato possibile contattare.

www.livein-style.com


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 7


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 8

SUM MARY 20 leVirtuose 20 22 26 32 38 40 44 48

le Virtuose La “Dama” visionaria Mariantonia Avati Le Icone del cinema italiano Michelle Obama Diana Vreeland I fasti di un passato che ritorna Mileva Maric Einstein

52 Coco&Co 52 60 64 70 74

Summer in Miami Adler Thermae Miami Swimweek 2018 Il tempo di Jackie Queens

76 Dandy 76 80 84 87 91 94 96

8

XIII Encuentro, molto più che una festa Toscano 200 Years Anniversary Puro Habano Night XII Amicigar L’Elegante V Mole di Fumo 2018 Barbiere nel mondo Beneteau Oceanis 46.1

100 Gourmet 100 106 110 114

Ca’ Busatti Un angolo di signorilità Sicilia en Primeur a Palermo Sapore di Tuscany La rinascita della Grappa

116 Green 116 122 126 130

In City Golf Trento 2018 Emozioni nelle Dolomiti Solo Giulia... Ryder Cup 2022

132 Archidesign 132 138 142 146 148

Izybeau Palazzo Mascheroni Lisatti Il Senso del Suono per il Design Il Design della Leggerezza La Mostruosa Delta S4

150

150 Dall’Arte alla Musica... 157 Carlo Accerboni 160 Art Agenda


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:19 Pagina 9


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:20 Pagina 10

EDITO RIAL BY MATTEO TORNIELLI

Virtuous women is not a easy topic, and probably a bit thorny. There is no doubt nowadays in 2018 we still live in a little misogynistic world, where women are still discriminated and earn less than men for equal work. Its’ a world where it’s necessary to introduce “quotas for women”, without understanding that participation of women in public or private decision-making is an advantage for everyone. We wanted to dedicate this number to Virtuous women, being aware that the space in this magazine is completely insufficient, but confident about the usefulness of these pages as food for thought, because if as they say “behind every great man there is always a great woman”, maybe with some sadness we need to spot the reverse is not necessarily true. They actually often forgoed their fame placing before them their partner and were satisfied living under their partner’s spotlight, even if they could easily darken whoever with their genius. But in this issue you will not find only Virtuous Women, there is always a space related to “bien vivre” with events, curiosities and excellences we track down for you. Golf and Food in Gourmet section, Design and Architecture, then the usual ArtRoom section dedicated to contemporary art and a new agenda will update you on exhibitions not be missed next months. Moreover you’ll find an even though light restyling of our layout, we hope you’ll like it… n Enjoy the reading!

10

Donne Virtuose, un tema non certo facile e, probabilmente, anche un tantino scomodo. Già scomodo perchè è innegabile che oggi, nel 2018, si viva ancora in un mondo un po’ misogino, dove le donne vengono ancora discriminate e, a parità di mansioni, guadagnano meno degli uomini. Un mondo dove è necessario introdurre “le quote rosa”, senza capire, a mio modesto parere, che la presenza delle donne negli apparati decisionali, siano essi pubblici o privati, è semplicemente un vantaggio per tutti. Abbiamo voluto dedicare questo numero alle Donne Virtuose, consapevoli che lo spazio di questa rivista è assolutamente insufficiente, ma fiduciosi che queste pagine possano servire come spunto di riflessione, perchè se, come si dice, “dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna”, magari con un po’ di amarezza ma bisogna riscontrare che non è vero il contrario. Anzi spesso le donne si sono sacrificate per puntare tutta la luce sul loro compagno e si sono accontentate di vivere di luce riflessa, anche se avrebbero potuto facilmente offuscare chiunque con la loro brillantezza. Ma non solo Virtuose in questo numero, come sempre c’è un ampio spazio dedicato al “bien vivre” con eventi, curiosità ed eccellenze, che cerchiamo sempre di scovare per Voi. Ancora Golf e Food nella sezione Gourmet e Design ed Architettura, oltre che alla consueta sezione ArtRoom dedicata all’arte contemporanea e una nuova agenda per tenervi aggiornati sulle mostre da non perdere nei prossimi mesi. Inoltre un seppur leggero restyling della nostra impostazione grafica, sperando che vi piaccia.... n Buona lettura!


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:20 Pagina 11


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 16:59 Pagina 12

EDITORIAL

BY JOSEPH RALPH FRAIA

FROM NEW YORK Deep summer. Newyorkers keep their hyped routine no matter the weather conditions or the tourists, who in this season become an issue for residents: a horde of short-panted skystaring dizzy-looking people taking pictures to street signs, manholes, cops’ cars, buildings and few monuments here and there. It is normal to bump into people standing in the street, turning on their toes, to take pictures of any single tall building in the City, or chasing any squirrel in one of the numerous parks around the five boroughs. The bright part of New York Summer is that there is an endless number of outdoor initiatives, for the major part absolutely free: street markets, concerts, movie screenings, food stands, flea markets and blocks’ parties. And the beach. An almost unknown and undiscovered part of New York summer routine is the beach life, which takes place on the almost 18 miles long coastline of the City. Besides Coney Island and Brighton Beach, that are super over-crowed iconic destinations, The Rockaway is the major ocean-front location for residents, with equipped areas, restrooms, and picturesque bars. A lot of activities take place right on the water: cruising around Manhattan, sailing and boating in the Hudson River, fishing in Flushing Bay and the East River are just few of the entertainment options available for those who do not go crazy, or simply can not afford, going to The Hamptons, the glamorous, timeless, sophisticated and trendy destination for millionaires. Something out of the ordinary about this specific Summer has been the attention by which Newyorkers have followed the 2018 edition of the World Cup, despite the fact that the U.S. national side did not make it. For the first time, numerous bars, restaurants, food places other than obviously sports bars and pubs, have added flat screens to their walls and displayed every match of the competition: surely a refreshing and colorful exn perience spread around the five boroughs.

12

Profonda estate. I newyorkesi mantengono la loro frenetica routine a prescindere dalle condizioni meteorologiche o dai turisti, che in questa stagione diventano un problema per i residenti: un'orda di persone con calzoni corti che guardano imbambolati il cielo e che fanno foto a cartelli stradali, tombini, macchine della polizia, edifici e alcuni monumenti qua e là. È normale imbattersi in persone che stanno in strada, che girano sui talloni per scattare foto a un banale edificio della città, o che inseguono uno scoiattolo in uno dei numerosi parchi nei cinque distretti. La parte migliore dell'estate newyorkese è che c'è un numero infinito di iniziative all'aperto, per la maggior parte assolutamente gratuite: mercatini, concerti, proiezioni di film, stand gastronomici, mercatini delle pulci e feste di quartiere. E la spiaggia. Una parte quasi sconosciuta e ignorata della routine estiva di New York è la vita da spiaggia, che si svolge sulla costa della città lunga quasi 18 miglia. Oltre a Coney Island e Brighton Beach, che sono destinazioni iconiche super-sovraffollate, Rockaways è la principale destinazione di fronte all'oceano per i residenti, con aree attrezzate, servizi igienici e bar pittoreschi. Molte attività si svolgono proprio sull'acqua: girando per Manhattan, navigando e veleggiando nel fiume Hudson, pescando a Flushing Bay e nell'East River sono solo alcune delle opzioni di intrattenimento disponibili per chi non impazzisce, o semplicemente non puo' permettersi, di andare agli Hamptons, la destinazione glamour, senza tempo, sofisticata e alla moda per milionari. Qualcosa fuori dall'ordinario di questa specifica estate è stata l'attenzione con cui i Newyorkesi hanno seguito l'edizione 2018 della Coppa del Mondo, nonostante il fatto che la nazionale statunitense non si fosse qualificata. Per la prima volta, numerosi bar, ristoranti, luoghi di cibo diversi dai bar e pub sportivi, hanno aggiunto schermi piatti alle pareti e hanno mostrato ogni partita della competizione: sicuramente un'esperienza rinfrescante e colorata n sparpagliata tra i cinque quartieri.


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:20 Pagina 13


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:20 Pagina 14

CARS

AUDI PB18 E-TRON Audi has produced a totally electric supercar prototype PB18 wich shows all potentialities of the car company, specialized in creation of high power on the road models. This new high-performance electric coupè has three main features: supersports, technologic and eco-friendly. Next 23 August it will be presented at world premiere on the Californian circuit of Laguna Seca and then stays exposed from 24 to 26 August during Pebble Beach Automotive Week of Monterrey in California, the great event dedicated to luxury world and car collecting which hosts vintage cars auctions, shows and new model previews. Inspired by racing car, the model choice is attributed to number 18, which suggests a track car. This number was already used in 2014 for audi R18 triumphed at 24 hours of Le Mans race using hybrid drive and won two world championships FIA WEC (in 2012 and 2013) and three editions of the classical Sarthe (from 2012 to 2014). The technology of PB18 was created just from R18 electrical device. Then the acronym PB honours the well-known Californian automotive show Pebble Beach. Also the concept is Californian, because was conceived and drawn by new stylistic center Audi Design Loft in Malibu. Looking at the image we can see the car hasn’t traditional side view mirrors, replaced by two retrocameras on the top of the car and linked to dashboard by screens. You can order paying them also for Audi e-tron four will shown next 17 September fitted with 7 inches high-definition screens. At this point we just have to count down for totally discovering new Audi PB18 on the occasion of Pebble Beach at the n end of the month.

14

L’Audi ha realizzato un prototipo di supercar completamente elettrico: la PB18, che mostra tutte le potenzialità della casa automobilistica, specializzata in modelli ad alta potenza su strada. Supersportiva, tecnologica ed eco-friendly queste sono le tre qualità principali che contraddistinguono la nuova coupè elettrica ad alte prestazioni. Il prossimo 23 agosto sarà presentata in anteprima mondiale sul circuito californiano di Laguna Seca e resterà poi esposta dal 24 al 26 agosto durante la Pebble Beach Automotive Week di Monterrey in California, il mega evento dedicato al mondo luxury e del collezionismo, che ospita aste di vetture storiche, esibizioni e anteprime di nuovi modelli. Si ispira a un’auto da corsa e la scelta del modello si riconduce al numero 18, che sta ad indicare un bolide da pista. Il numero è già stato usato nel 2014 per l’audi R18, che ha trionfato alla 24 ore di Le Mans utilizzando la propulsione ibrida e ha vinto due campionati del mondo FIA WEC (2012 e 2013) e tre edizioni della classica Sarthe (dal 2012 al 2014). La tecnologia della PB18 è stata creata proprio a partire dalla R18 per l’apparato elettrico. Per arrivare poi all’acronimo PB che omaggia la nota rassegna automobilistica californiana Pebble Beach. Anche il concept è californiano di nascita poiché è stato concepito e disegnato dal nuovo centro stile Audi Design Loft di Malibu. Dall’immagine si può notare l’assenza dei tradizionali specchietti laterali, sostituiti da due retrocamere posizionate sul tetto e collegate a schermi sulla plancia. Questa soluzione potrà essere ordinata a pagamento anche sull’ Audi e-tron quattro che verrà mostrata il 17 settembre, dotata di schermi a 7” ad altissima definizione nelle portiere. Arrivati a questo punto non ci resta che fare il conto alla rovescia per scoprire totalmente la nuova Audi PB18 in occasione del Pebble n Beach di fine mese!


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:20 Pagina 15


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:00 Pagina 16

EVENTS BY JOSEPH RALPH FRAIA

PHILADELPHIA CHINESE LANTERN FESTIVAL We are very glad to present the Third Edition of Chinese Lantern Festival which took place in Philadelphia to our readers! Philadelphia famous as “The City of Brotherly Love” for its welcoming, quiet and lovely nature and “the nest of American spirit” is the suitable place where this event can be organised. Nowadays it keeps embodying the principles and values of its Great Founder, William Penn, who realised it as “Utopia”, the ideal city in which men live together in harmony, supporting each other and fair trade and fair justice are provided to the people by an enlighted government. This idea of equality between men and the right to the same freedom was carried out by legendary figures as George Washington, Thomas Jefferson, Benjamin Franklyn e John Adams. This year the demand of tickets was so extraordinary that the Festival was prolonged and it registered a record number of vendors/exhibitors and of visitors, becoming almost a classic of Philly Summer calendar at this point. The Festival pays homage to the millennial Chinese tradition and expertise differentiated by their crafting lanterns with just bamboo and fabrics, representing any kind of object from animals to flowers, from castles to fantastic beasts, from insects to birds. Watching these objects, the public composed of children and adult people can approach the Chinese ancient culture, which used to be considered away from us, but now, by tecnologies and modern initiatives, as this Festival, is becoming more reachable and understandable. At a time when the sun hit the orizon the lanterns are lighted up and all of a sudden all the shapes and the figures look like they come to life, and as the light around fades away, the colors of the lanterns become brighter. You can admire Chinese fine workmen creating miniature works or using the most extravagant materials (brown sugar, tea leaves, sand etc.), and stage performers who enact some of the most famous Chinese arts, as acrobatic, contortionism, dance and costume transformation. This year among the most significant pieces we mention the Dragon’s Gate and the entrance of the Franklyn’s Square Park, the Lantern Castle (this year homaging the Dog, 2018 Chinese n Zodiac) and the gigantic Blue Dragon..

16

Siamo molto lieti di presentare ai nostri lettori la terza edizione del Festival delle Lanterne Cinesi svoltosi a Philadelphia! Philadelphia famosa come “la città dell’amore fraterno”, per il suo carattere accogliente, tranquillo e incantevole e “nido dello spirito americano” rappresenta il luogo adatto dove organizzare l’evento. Ancora oggi la città incarna i principi e i valori del suo grande fondatore William Penn che l’ha realizzata sulla base dell’”Utopia”, la città ideale in cui gli uomini vivono in armonia sostenendosi a vicenda e il governo illuminato fornisce al popolo un commercio equo e giusto e una giustizia equa per tutti. Quest’idea di uguaglianza tra gli uomini e diritto alle stesse libertà è stata portata avanti poi da personaggi leggendari come George Washington, Thomas Jefferson, Benjamin Franklyn e John Adams. Quest'anno la richiesta dei biglietti è stata talmente elevata che la durata del festival è stata prolungata e si è registrato un numero record di venditori / espositori e visitatori, trasformando l’evento in un classico del calendario estivo. Il Festival rende omaggio alla millenaria tradizione ed abilità artigiana cinese che si distinguono per la creazione di lanterne usando solo bambù e tessuti, rappresentando ogni tipo di oggetto dagli animali ai fiori, dai castelli alle bestie fantastiche, dagli insetti agli uccelli. Osservando queste opere il pubblico formato da bambini e adulti si può avvicinare alla cultura millenaria cinese, un tempo considerata lontana, ma che ora, grazie alle tecnologie e alle iniziative moderne come questo Festival, sta diventando più raggiungibile e comprensibile. Nel momento in cui il sole raggiunge l’orizzonte vengono accese le lanterne e all’improvviso tutte le forme e le figure sembrano assumere vita, e mentre la luce del giorno si spegne, i colori delle lanterne diventano più luminosi. Si possono ammirare abili artigiani cinesi intenti a creare opere in miniatura o che prevedono l’uso di materiali più disparati (zucchero di canna, foglie di tè, sabbia ecc.), e artisti che mettono in scena alcune delle più famose arti cinesi, come il circo, il contorsionismo, la danza e la trasformazione dei costumi. Quest’anno tra le fantastiche opere degne di nota citiamo il Cancello del Drago e l'ingresso del parco Franklyn's Square Park, il Castello di Lanterne (che quest'anno ha omaggiato il Cane, il segno per il 2018 dello zodiaco cinese) e il gigantesco Drago Blue. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:20 Pagina 17


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:02 Pagina 18

AWARDS

PREMIO FERRARI This year the 11th Edition of Ferrari Award was held on the 21st June at Triennale in Milan and the TV presenter Cristina Parodi hosted the show, celebrating Milan as the capital of Italian lifestyle, in the presence of the President of Salone del Mobile Claudio Luti and the architect Michele de Lucchi. The famous Trentino wine cellar introduced the Ferrari Award in 2007 in order to reward Italian newspapers’ creativity in composing titles and covers and to celebrate foreign ones had given recognition to good aspects of our country. 1.000 bottles of Ferrari Brut were given as a prize to Italian newspapers and the manager of foreign newspaper will have the opportunity to stay in many Italian fancy hotels, experiencing firsthand the Italian Real Art of Living. “The Title of the Year” was awarded to La Stampa for “The silence of innocent women”, which was able to completely express the drama experienced by women victims of domestic violence. The magasine 7 of Corriere della Sera, directed by Beppe Severgnini, won the Award “Cover of the year” with a cover where the role plays by immigrants in Italy is called into question. It showed immigration is useful for Italy, through the scathing question: “Serve”?, using an elegant graphic, rhetorical questions and a touch of irony. M - Magazine du Monde triumphed among article finalists got the Ferrari Award “Italian Real Art of Living – Article of the Year”, with a piece written by Jérôme Gautheret which depicted Milan as “ temple of the flavor” and “extremely modern city, mecca of luxury and international capital of design”. n

18

L’undicesima edizione del Premio Ferrari si è tenuta quest’anno il 21 Giugno presso la Triennale di Milano e ha visto la conduzione di Cristina Parodi, che ha celebrato la città di Milano come capitale dello stile di vita italiano, alla presenza del Presidente del Salone del Mobile Claudio Luti e dell’architetto Michele de Lucchi. La cantina trentina ha istituito il Premio Ferrari nel 2007 per premiare la creatività delle testate italiane nel realizzare titoli e copertine e per celebrare quelle straniere che hanno valorizzato il bello e il buono del nostro Paese. 1.000 bottiglie di Ferrari Brut sono state donate alle testate italiane, mentre l’esponente della rivista straniera avrà l’occasione di soggiornare in vari alberghi di lusso italiani, sperimentando in prima persona l’Arte di Vivere Italiana. Il “Titolo dell’Anno” è stato aggiudicato a La Stampa per “Il silenzio delle innocenti”, per aver saputo esprimere perfettamente il dramma vissuto dalle donne vittime di violenza. Il magazine 7 del Corriere della Sera, diretto da Beppe Severgnini ha vinto il premio “Copertina dell’anno”, con una copertina dove ci si interroga sul ruolo degli immigrati in Italia. Con la graffiante domanda:”Servo?” ha mostrato che l’immigrazione è utile per l’Italia, attraverso una grafica elegante, interrogativi retorici e un pizzico di ironia. M-Magazine du Monde ha trionfato tra gli articoli finalisti, aggiudicandosi il premio Ferrari «Arte di Vivere Italiana – Articolo dell'anno», con un pezzo scritto da Jérôme Gautheret che ha presentato Milano come «tempio del gusto» e «città dalla modernità straordinaria, mecca del lusso e capitale internazionale n del design».


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 19

Livein Academy presentation event 16 September at 4.00 pm at Il Salotto di Milano - Milano academy.livein-style.com


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 20

leVirtuose Per alcune donne è quel pensiero che prende la mente e non le lascia nell’attesa che si compia. Per altre è quell’emozione che scaturisce da un riflesso, non dato dall’acqua o da uno specchio, ma da una parola o da un gesto che segretamente hai suggerito e dietro al quale sai che c’è te stessa, oppure è quella stretta allo stomaco perché il tempo stringe e chissà se il risultato per il quale hai lottato lo vedrai. Ancora, può essere la consapevolezza che prima di te “qualcun’altro”. Virtuose, non perché si cerca il riconoscimento ma perché l’amore, quand’è immenso, la fiducia, quando è senza condizioni e la speranza, quando credi davvero che qualcosa di buono alla fine si vedrà, spingono verso la realizzazione di chi per il cuore occupa il primo posto. Virtuose, non perché manca il coraggio di dire il proprio nome davanti a chi domanda curioso i “come mai?”, non perché si ha vergogna e neppure per timore delle “riflessioni altrui” ma semplicemente perché, in alcuni casi, il dare diventa la fonte della gioia, quella che ti fa sorridere anche con gli occhi e della felicità dell’essere Te mediante il prossimo. Le Donne Virtuose, non perché hanno necessariamente inventato qualcosa, ma più semplicemente perché decidono ogni giorno che loro possono aspettare o meglio ancora, perché ogni giorno per loro essere se stesse è donare una piccola parte del proprio IO a chi, forse, da solo non riuscirebbe mai a far sentire la propria voce. Donne Virtuose perché non ci si tira indietro, quando il lavoro ti porta nella mente ombre di tensione o quando la salute è l’unico pensiero che valga davvero la pena di avere. Donne Virtuose perché nei momenti cruciali della vita si risponde sempre consapevoli di dove si vuole arrivare e sapendo che ogni caduta è solo un gradino non visto che da adesso verrà saltato a piè pari, sempre col sorriso. Quel sorriso che delle volte è fatto di amarezza, per non poter cambiare certe cose, ma sempre con la coscienza delle prove superate, sapendo che il momento giusto arriverà per rinascere dalle proprie ceneri.

20

Livein Style


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 21

This concept can concerns some women focuse on something taking their mind and don’t leave it until its achievement. Or it can be about an emotion came from a reflection, not of water or a mirror, but of a word or a gesture you have secretly suggested and behind it you know there is yourself, or a cramp stomach because of time is running out and maybe you might see the result for with you have fought. Then, it can regards the awareness that “before you there was someone”. You have to think to virtuous women as women don’t want to seek recognition but are driven by great love at first place, unquestioned trust and hope to achieve something good in their realisation . They are called “virtuous women” not because they dont’ have the courage to say their name answering to people ask them “Why do we have to refer you with the adjective virtuous?” or they are ashamed or afraid of reflection of others. They are virtuous because they are happy to give something to others, they smile also with thier eyes being themselves through other people. They haven’t necessarily invented something important, but they decide every day that can wait. According to them being themselves means offering a small part of themselves to someone alone can’t make its voice heard. They are virtuous because don’t back down when work creates anxiety or health is the only thought important to consider. In crucial moments of their life they are aware of where they want to arrive and each fall is a step they haven’t seen, that “from now they skip over always with a smile”. This smile sometimes is made of disappointment of not being able to change something, but they are always aware of the passed tests knowing that the right time will come to rise from the ashes . Livein Style

21


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 22

le Virtuose

BY MARCO GIUSEPPE TIMELLI

LA “DAMA” VISIONARIA DI COSTANTINOPOLI 22


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 23

L’ATTEGGIAMENTO SCIENTIFICO E QUELLO POETICO SPESSO COINCIDONO, ENTRAMBI SONO ATTEGGIAMENTI DI RICERCA E DI PROGETTAZIONE. CHE DONNA QUESTA GERTRUDE BELL. L’apertura utopica e l’esigenza etica, raggrumandosi in capacità visionaria, traducono in soggettività ed originalità una ricerca che sa di libertà. L’atteggiamento scientifico e quello poetico spesso coincidono, entrambi sono atteggiamenti di ricerca e di progettazione, di scoperta e di invenzione, perché le sfide fanno parte integrante del codice genetico, perché il futuro riserva sempre sorprese per chi le sa preparare e non solo attenderle. Che donna questa Gertrude Bell. Nata nel 1868 da una famiglia di industriali dell'Inghilterra del nord, Gertrude Margaret Lowthian Bell fu archeologa, alpinista, linguista, scrittrice, fotografa, cartografa nonché ufficiale politico dell’Arab Bureau, costituito in Egitto dall’intelligence di Sua Maestà nel 1916. Un personaggio non lo si può spiegare, lo si deve sentire, nelle sue opere ma prima di tutto nelle parole. A cominciare dalla passione. Assorbita, metabolizzata, ormai, come ineluttabile e imprescindibile dal nostro immaginario affollato di frivolezze e crude verità in un impasto caramelloso, amorfo, a volte indistinguibile. Laureatasi in storia ad Oxford, Gertrude fugge la comoda vita aristocratica inglese; nel 1892 aveva fatto due volte il giro del mondo, in Iran, aveva studiato il persiano traducendo in versi inglesi il poeta libertino Hafez, a Gerusalemme aveva incominciato a studiare l’arabo. Trasferitasi in Siria si dedicò allo studio dell’archeologia e delle politiche tribali. Nel primo capitolo del suo libro intitolato “ Syria. The Desert and the Sown”, la Bell descrive il suo approccio alle terre d’Oriente: “…da soli ci si deve avventurare in quel mondo, via dalla massa di amici che camminano tra roseti senza spine. Spogliati dei panni elaborati e raffinati che ostacolano la lotta..» L’esposizione e l’immersione totale in una cultura così radicalmente diversa dalla propria ha consentito alla donna esploratrice, scrittrice, fotografa di ideare e concepire nuovi perimetri di comprensione del Medio Oriente fornendo delicate informazioni politico-militari e costruendo importanti reti di relazioni. Durante il suo percorso Gertrude incon-

The utopian opening and the moral requirement meet up in a vision, creating a subjective and original research of freedom. Scientific attitude and poetic one often coincide, both are a searching and planning attitude and one of discovery and invention, because changes are an integral part of genetic code and the future always gives you surprises for whom can prepare it and not only wait for them. Gertrude Bell is a great woman! She was born in 1868 in an industrial family of North England, Gertrude Margaret Lowthian Bell was archaeologist, mountaineer, linguist, writer, photographer, cartographer and also political officer of Arab Bureau set up in Egypt by the intelligence of His Majesty in 1916. A character can’t be explained, you have to feel it, you can understand it in is works, but at first in his words. Starting with his passion. An absorbed and metabolised passion as unavoidable and inescapable from our image full of trifles and rough truths in a sugary shapeless and sometimes essential dough. She graduated in history at Oxford University and avoided the English comfortable aristocratic life; in 1892 she traveled around the world twice, in Iran studied Persian translating in Eglish lines the libertine poet Hafez, in Jerusalem started to study Arabic. Then she moved to Syria where studied archaeology and tribal politics. In the first chapter of her book “Syria The Desert and the Sown” she wrote about her approach to eastern lands: “.. you have to venture alone in that world, away from the mass of friends who walk among rose gardens without thorns. Take your elaborate and refined clothes off which obstruct the fight..”. This exploratory woman, writer and photographer could conceive new keys of understanding the Middle East, exposing and immersing herself completely in a such radically different culture, giving some thorny political and military information and creating important networks of relationships. During her way Gertrude meets emirs, pascià, sheiks, bishops,

23


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 24

le Virtuose

delegates of Ottoman government, muleteers and peasants. She knows all the sects of the fragmented confessional zone of the Middle East often in struggle among them: Orthodox and Heterodox Muslims, Christians, Drusus and Yazidis. She arrives to Damascus, “the real capital of the desert” , being wowed by Baalbek where a German archaeological mission is digging. “The broad range of temples and protected walls – she comments- is second only to that of Athens Acropolis for the impression that arouses!”. She continues arriving to Homs, that with its decorated faces makes to remember her the front of the Cathedral of Siena. Gertrude doesn’t finish her way, she does a stop-over at the crossed castle of knights’ krak where spends a night lying on the carpets and smoking narghile with women of the palace. It’s a female meeting and represents one of the privileges to be woman in those lands. Men talk to her as “Her Grace”, ask her to say a good word for them in Constantinople and offer her great meals and rooms for spending the night, because the word “guest” is sacred from Jordan to Euphrates. In the street she chanced upon Christian fortitudes, Assyrian ruins and and Roman buildings. Gertrude speaks about Arabic poetry with her guests, takes some photographs, copies inscriptions in cuficio characters until the First World War breaks out in 1914 and the Ottoman Empire enters war beside Germans, she wen in the war as a secret agent with the Colonel Thomas Edward Lawrence, famous as “Lawrence of Araby” at Arab Bureau of Cairo. Bell’s biography is the mirror of a specific English tradition. It has some similes and concurrences with those of Colonel Lawrence and Patrick Leigh Fermor, adventurer, English writer and member of Special Operation Executive in Greece during the Second World War. “No war – she wrote about the conflict among Arabic tribes- will end in the desert and each injustice will

24

tra emiri, pasha, sceicchi, vescovi, rappresentanti del governo ottomano, mulattieri e contadini. Conosce tutte le sette del frammentato scacchiere confessionale del Medio Oriente, spesso in lotta tra loro: musulmani ortodossi ed eterodossi, cristiani, drusi e yazidi. Arriva a Damasco “ la vera capitale del deserto” per rimanere affascinata poi da Baalbek dove sono in corso gli scavi di una missione archeologica tedesca. “ Il vasto insieme di templi e mura di cinta - commenta - è secondo solo a quello dell'Acropoli di Atene per l'impressione che suscita”! Prosegue, arriva a Homs che con le sue facciate decorate le ricorda stranamente la facciata della cattedrale di Siena. Getrude non si ferma e fa tappa al castello crociato del krak dei cavalieri dove passa una serata distesa sui tappeti a fumare narghilè insieme alle donne del palazzo. Un incontro tutto al femminile, uno dei privilegi di essere donna in quelle terre. Gli uomini si rivolgono a lei come a "Sua Eccellenza", chiedono che spenda una buona parola per loro a Costantinopoli e le offrono cene grandiose e stanze per la notte perché la parola "ospite" è sacra dal Giordano all'Eufrate. Sulla strada si imbattè in fortezze cristiane, resti assiri e costruzioni romane. Gertrude parla di poesia araba con i suoi ospiti, scatta fotografie, copia iscrizione in caratteri cufici fino a quando, allo scoppio della guerra nel 1914 e con l’entrata dell’impero ottomano dalla parte dei tedeschi, si trovò inviata e coinvolta come agente segreto assieme al Colonnello Thomas Edward Lawrence, noto come “Lawrence d’Arabia” presso l’Arab Bureau del Cairo. La traiettoria biografica della Bell si iscrive in una peculiare tradizione britannica. Ha straordinari punti di similitudine e convergenza con quella del colonnello Lawrence e con Patrick Leigh Fermor, avventuriero e scrittore britannico già membro dello Special Operation Executive in Grecia durante la Seconda Guerra Mondiale. “Nessuna guerra – scrisse a proposito del conflitto tra tribù dell'Arabia – avrà mai fine nel


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 25

deserto e qualsiasi torto non farà che tornare utile a un giovane sceicco impulsivo”. Madre fondatrice dell’odierno Iraq, considerata una delle donne più influenti della politica internazionale del suo tempo, con la sua azione, interpretazione e concezione dell’area mesopotamica ha destato, a posteriori, diverse riflessioni e critiche. Fautrice di nuovo Stato unitario dall’assetto centralizzato subordinato agli interessi britannici, respinse le richieste indipendentiste e federaliste degli sciiti del Sud. La sua conoscenza del mondo arabo si rivelò cruciale per l’amministrazione britannica nell’area e dopo il Cairo fu inviata in Iraq, prima a Basrah e poi a Bagdad, dove divenne il braccio destro dell’alto commissario sir Percy Cox. In Iraq la chiamavano rispettosamente “Al Khatun”, la dama, e più affettuosamente “Bint el sahara”, figlia del deserto, e mentre guidava diplomaticamente il nuovo re, l’hashemita Faisal, nella formazione del primo governo della nuova Mesopotamia, lui la considerava sua pari: “Enti iraqiyia, enti badawiya” le diceva, “..sei un’irachena, una beduina”. Muovendosi con disinvoltura, senza mai compromettere la sua femminilità occidentale, per anni fu la sua più stretta consigliera politica. Nella celebre carrellata di cammelli davanti alle Piramidi, foto ricordo della Conferenza del Cairo del 1921, vediamo Gertrude fra Churchill e Lawrence, disinvolta e sicura, un cappello elegante, una volpe sulle spalle. Troppo indipendente per continuare ad essere usata da Londra, fu tagliata fuori dalla politica. Scelse di rimanere a Bagdad, dedicandosi alla fondazione del museo archeologico iracheno. Sopravvivono i suoi libri, ancora attuali e in stampa, le sue circa duemila lettere al padre sulla politica del Medio Oriente, sedici volumi di diari e settemila fotografie scattate fra il 1900 e il 1928. Gertrude Bell non solo ha rappresentato una figura singolare nel mondo dell’esplorazione e dell’intelligence in “rosa”, ma ha disciplinato l’immaginazione del vero viaggiatore per mezzo della realtà. n

be useful to a young impulsive sheik”. She was the mum’s founder of the modern Iraq and one of the most influential women of international politics of her time, awakened different considerations and criticism after her death, with her action, interpretation and concept of Mesopotamic area. She was the supporter of a new United State with a centralised structure subjected to English interests, she warded off the Independent and Federalist requests of Shiites come from the south of the country. Her knowledge of Arabic world was important fot the English administration of the area and after the Cairo she was sent to Iraq, before in Basrah and after in Bagdad, where she became the right-hand woman of the High Commissioner sir Percy Cox. In Iraq she was called respectfully “Al Khatun”, the dame, and more lovingly “Bint el sahara”, which means daughter of the desert, and when she drove diplomatically the new king, the hashemita Faisal, in the formation of the first government of the new Mesopotamia he regarded her as equal: “Enti iraqiyia, enti badawiya” he said to her, “..you’re a Iraqi, a Bedouin”. She was the nearest political advisor, moving with ease, without ever compromising her occidental femininity. In the famous slideshow of camels in front of the Pyramids, the souvenir photo of the Conference at Cairo in 1921, we can see Gertrude between Churchill and Lawrence, secure and mellow, wearing an elegant hat and a fox on her shoulders. She was too independent to continue in being used by London and was cut out the politics. She chose to stay in Bagdad, dedicating to the foundation of the Iraqi archaeological museum. Her books still current and in print survive with her at least 2.000 letters taken between 1900 and 1928. Gertrude Bell was not only an unusual figure in the world of exploration and intelligence in “pink”, but she regulated the immagination of n the real traveler through the reality.

25


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 26

le Virtuose

EDIT BY MARIANGELA BONAPARTE

MARIANTONIA

AVATI

26

CAMMINATA SVELTA E FISICO ESILE, COSÌ MI APPARE MARIANTONIA AVATI...


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 27

Mi racconta la sua vita passata a fianco ad un padre regista che, per riuscire ad inserirsi tra i mostri sacri del cinema italiano, ha dovuto superare una lunga gavetta e molte avversità. Mariantonia mi racconta col sorriso com’è vivere accanto ad un artista che, innamorato del proprio lavoro, a volte non vede le necessità di chi ha intorno. Lei che quando sorride fa trapelare dolcezza, una forte umanità e una gentilezza del cuore che poche persone possono dire di avere. E’ una donna che con molta semplicità emana una forza straordinaria e parlare con lei ti fa vedere il mondo da una prospettiva che da solo non riesci a cogliere. Ripercorre per me la sua vita, la giovinezza fatta anche di colpi di testa magari non portati mai a termine, fino ad arrivare alla stesura del suo romanzo d’esordio “Il silenzio del sabato” Ed. Nave di Teseo, nel quale parla di un una donna madre di un figlio molto speciale, Maria e Gesù.

She tells me her past life beside her director father who had to pay his dues and overcome many misfortunes. Mariantonia carries on her tale with a smile describing how is living beside an artist who, loving his work, sometimes doesn’t consider the needs of whom lives with him. When she smiles lets her lovability show on her face, a strong humanity and kindness that few people can say to have. She is a woman with much naturalness releases an extraordinary strenght and speaking with her you see the world by a perspective that you can’t perceive alone. She recalls for me her life, her youth also marked by not concluded rashes until the writing of her debut novel “The silence of Satuday”, edition Nave di Teseo, in which she speaks about a woman mother of a very special son, Maria and Jesus.

Com’è la vita da figlia di un famoso regista? Essere figlia di una persona famosa ha un sacco di lati positivi, io sono cresciuta godendo al massimo di tutti i benefit derivati dal fatto di avere un padre come il mio. Al contempo però, ci sono un sacco di cose che portano i propri svantaggi. Considera che un artista è alla continua ricerca, soprattutto di raccontarsi artisticamente. Generalmente, un grande artista, non si accorge del talento di chi lo circonda non perché disinteressato ma soltanto perché ha la necessità di creare, ancora, un’altra capitolo che racconti la loro “forma artistica”. La loro arte. Io, fortunatamente, sono stata notata in età giovane a quel punto tra di noi è andata definendosi ancora di più un legame anche a livello culturale che, ammetto, col tempo sono diventati sempre maggiori. Purtroppo, però, molti figli d’arte si perdono per strada. Avere delle grandi possibilità, tanti privilegi, comporta inevitabilmente la perdita di una strada più umana. Molti hanno avuto grandi possibilità ma la mancanza d’amore. Io, per mia fortuna, ho avuto una madre che ha capito quale poteva essere il rischio vivendo in un mondo anche non vero, e ha preferito la via della “normalità” proteggendoci dai rischi di una professione che, per sua definizione, deve raccontare anche mondi, anche, non corrispondenti la realtà vera.

How is the life of a famous director’s daughter? Being daughter of a famous person has many positive aspects, I grew up enjoying at the most all benefits derived by the fact of having a father as mine. Meanwhile there are many things bring disadvantages. Consider that an artist is always looking for expecially presenting himself by art. In general a great artist doesn’t become aware of talent of whom is beside him, not because is unselfish but only because he needs to create, even more other chapter which tells his “artistic form”. His art. I luckily was noticed when I was young and in that moment we reinforced our relation, also at cultural level I admit it has become stronger. But many “children of art” get lost on the street. Have many possibilities and privileges implicates necessarily the loss of more human way. Many had great possibilities but also lived the loss of love. I had luckily a mother understood which can be the risk living in a world also not real and preferred the “normal” way protecting us by risks of a work which for its definition has to tell also worlds not real.

27


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 28

le Virtuose

28

In your professional choices had your father’s figure importance? My father had a great importance. When I was 17 he brought me to the set, where I could see and touch the realisation of a picture show. In that moment I fell in love with this job. I passed my youth acting as a “bad girl” not because I really wanted to become like that, oly to attract the attention. Now when I think to that with a smile, I say that fortunately all my attempts went wrong. I admit that for some time I thought my life corresponded to my expectations until I realised that very often I had that other people waited I did and not always it was really I wanted to do. That’s why when I was 51 I debut with a project in which I strongly believe and gives me much pleasure.

Nelle tue scelte lavorative, ha avuto peso la figura di tuo padre? Mio padre ha avuto un grande peso. A diciassette anni mio padre mi portò sul set, lì ho avuto modo di vedere e toccare con mano la realizzazione di una pellicola cinematografica. Ecco, in quel momento mi sono innamorata di questo lavoro. Ho attraversato un’adolescenza cercando di fare cose da “bad girl” non perché realmente volessi diventarlo ma solo per attirare l’attenzione. Adesso, ripensandoci con un sorriso, dico per fortuna che tutti i tentativi sono andati male. Ammetto che per un certo periodo di tempo ho pensato che la mia vita corrispondesse alle mie aspettative fino a quando ho realizzato che molto spesso avevo fatto quello che gli altri si aspettavano che facessi e che non sempre corrispondeva a quello che realmente volevo fare. Ecco perché a cinquant’uno anni debutto con un progetto nel quale credo tantissimo e che mi da molta soddisfazione.

The most important sacrifice you made and for whom… From 40 to 50 years I always says I made some “tests” all focused on finding myself. You’d think in the work field my figure is not in “the foregound”, I define myself as “whom repairs things of others” and thinking on it isn’t a work definition gives much pleasure. It’s true that for my first 50 years I made many things useful for others. I neglected some aspects, always thinking the way I was doing was the right one, basically I “donated” the first part of my life. Things changed when I started to write my book, “The silence of Saturday” (edition La Nave di Teseo) in which I speak about a woman Maria, who faces the great pain to have loosing her child and to whom Evangelists don’t speak, replying to the question, how can they neglect a mo-

La rinuncia più importante e a favore di chi... Da quaranta a cinquant’anni dico sempre che ho fatto delle “prove” tutte dedicate alla ricerca di me stessa. E’ da pensare che lavorativamente la mia figura non è in “primo piano”, mi definisco come “colei che aggiusta le cose degli altri” e pensandoci questa non è una definizione lavorativa che da molta soddisfazione. Una verità è che per i miei primi cinquant’ anni ho fatto tante cose che andavano bene ad altri. Ho tralasciato delle parti pensando sempre che fosse la strada giusta quella che stavo percorrendo, in pratica ho “regalato” la prima parte della mia vita. Le cose sono cambiate quando ho iniziato a realizzare il mio libro,“Il silenzio del sabato” (ed. La nave di Teseo) nel quale parlo di una donna, Maria, che affronta il grande dolore della perdita di un figlio e a cui gli Evangelisti non danno parola cercando di rispondere ad una


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 29

domanda, come si può trascurare una madre nel momento più doloroso della sua vita? Ecco, questo libro è la cosa più mia.

ther in the most anguishing time of her life? So this book is part of me.

Alcuni figli d’arte sono molto talentuosi ma, secondo te, perché non tanto quanto i loro genitori/maestri? Faccio una precisazione, gli artisti sanno essere persone egocentriche e narcisiste. Io crescendo affianco ad un grande artista della cinematografia so per certo che è difficile dedicare del tempo alla scoperta dei talenti, anche in casa, ma solo perché tutta la famiglia è impegnata ad aiutarlo nella realizzazione del “proprio racconto artistico”. Per vivere vicino ad artisti bisogna avere anche un carattere molto forte e strutturato perché gli artisti, per loro natura, hanno periodi di forte creatività e di forte sofferenza dettata dalla ricerca della propria espressione. Può essere che chi vive con loro sviluppi un forte egoismo, tale da far dire penso a me, solo che non è sempre così. Nel mio caso, ad un certo punto, ho pensato che “viaggiare separatamente” sarebbe stata una crescita per entrambi.

Some children of art are very talented, but according to you because thay are not so talented as their parents/teachers? I make a precise statement, artists are self-absorbed and narcissist people. When I grow beside a great film artist I am aware of difficult dedicating time to descovery of talents is, also at home, but only because all the family is engaged in helping him in the realisation of his “personal artistic tale”. For living beside artists you need also a strong and structured behaviour because artists for their nature have periods of high creativity and strong pain caused by the research of their expression. It’s possible who lives with her develops a strong egoism that brings them to say I think on myself, but it doesn’t happen all times. In my case at some point I thought “travelling separately” would have been a growth for both.

Tra cinema e scrittura, cosa ti ha fatto scegliere la seconda opzione? Sono due mondi diversi. Una volta il cinema era diverso sia nelle storie raccontate sia nel modo di raccontare. Adesso è cambiato, non riesco a vederlo e non riesco ad inserirlo tra le cose che voglio fare. Però ammetto che questo inversione di rotta, tra cinema e scrittura, è antecedente al mio pensiero come dire, la mia “autoesclusione” precede questa considerazione. La scrittura, invece, è libertà assoluta. Se riesci davvero a raccontarti senza vergogna, anche a costo di risultare inpopolare, allora hai vinto.

Between cinema and writing, what brought you to choose the second option? They are two different worlds. In the past cinema was different from that of present in narrating stories and in the way to tell them. Nowadays it has changed, I can’t see and insert it among things I want to do. But I admit this change of direction between cinema and writing is antecedent to my thought, how to say my “auto-exclusion” preceeds this consideration. Writing, instead is completely free. If you can tell you without shame, even turning out to be unpopular, in that case you have won.

29


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 30

le Virtuose

30

Virtuous women. Women could give up in favor of other people. Why can we stay in the backstage? The woman has always had her position, sometimes thorny, in the course of history. We think to struggles in the course of years for rights and freedom. Women have always fought for having the same things of men as social and sexual identity but according to me we have lost sight of objective differences distinguish the ones to the others. At first we wanted to express ourselves as we are and think, but in the course of time I believe that some messages became misleading and remained the idea of a fight made for “acting like men”, but in the reality of facts we are without rivals on some fields, job and form a human point of view, while men do things very difficult for us. The difference between men and women is real, but diminishing nobody, only intensifying the peculiarities of both. Feminism must be the recognition of our features not the will of copying others’ features. We women are human beings with a dreamlike side, different from man for thoughts and actions.

Le donne virtuose. Donne che hanno saputo rinunciare a favore di terzi. Perché noi donne riusciamo a stare dietro le quinte? La donna ha sempre avuto una sua posizione, delle volte scomoda, nel corso della storia. Pensiamo alle lotte nel corso degli anni per i diritti o le libertà. Le donne hanno sempre lottato per avere le stesse cose degli uomini come l’identità sociale e sessuale ma, a mio parere, abbiamo perso di vista le differenze oggettive che distinguono gli uni dalle altre. Inizialmente tutto è nato solo per poter avere modo di esprimerci per quello che siamo e che pensiamo ma nel corso del tempo, credo che alcuni messaggi siano stati fuorviati ed è rimasta l’idea di una lotta fatta per “fare quello che fanno gli uomini” quando nella realtà delle cose noi siamo senza rivali su alcuni fronti sia lavorativamente che umanamente mentre gli uomini riescono in cose che a noi costano molta fatica. La differenza tra soggetti è reale ma senza voler sminuire nessuno solo esaltando le peculiarità di entrambi. Il femminismo dovrebbe essere il riconoscimento delle nostre caratteristiche non la volontà di copiare le caratteristiche altrui. Noi donne siamo esseri dal lato onirico, diverse dall’uomo per pensieri e azioni.

According to you are people still afraid of the opinion about virtuous women nowadays celebrated? I don’t know. Society of each epoque brought its contribution to contrats and maintenance of some positions. I believe at some moment “the egoism” replaces it maybe with the age and the ripening, the woman comes to understand she owes something to herself. She must do something for herself. I say that started early to keep “all secret”, because my mother wasn’t one of them push you acting. Quite the opposite. From a literary point of view, for example, many create a masterpiece and then nothing, because maybe they rushed into it a bit too quick. I have never wanted the same happened to me. I remember when I started to write my first book in the kitchen, after reading “A room all for me” by Virginia Woolf. In that book she speaks about women contemporary to her and also if the time has changed some things are the same, you have to find a space only n for you, before in your head and then physically.

Anche se le donne virtuose oggi vengono celebrate, secondo te, c’è ancora paura del giudizio? Non lo so. La società di ogni epoca ha portato il suo contributo al contrasto e al mantenimento di certe posizioni. Credo ad un certo momento subentri “l’egoismo” magari a causa dell’età, con la maturazione, la donna arriva a capire che deve qualcosa anche a se stessa. Deve fare qualcosa per lei. Io posso dire che ho iniziato presto a tenere “tutto segreto” perché mia madre non era una di quelle che ti spingeva a provare. Al contrario. Se guardo dal punto di vista letterario, ad esempio, quanti fanno un’opera e poi il nulla, perché magari hanno bruciato le tappe. Io non ho mai voluto che mi succedesse lo stesso. Ricordo che ho iniziato a scrivere il mio primo libro in cucina dopo aver letto “Una stanza tutta per sè” di Virginia Woolf . In quel libro lei parla delle donne sue contemporanee e anche se il tempo è cambiato alcune cose sono sempre uguali, devi trovare uno spazio tutto tuo prima nella testa e poi fisicamente. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:21 Pagina 31

31


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 32

le Virtuose

BY ROBERTA VANORE SOPHIA LOREN IN LOS ANGELES PHOTO BY ALLAN WARREN

LE ICONE 32

DEL CINEMA ITALIANO


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 33

GINA LOLLOBRIGIDA BY CHIARA SAMUGHEO

BELLE, DI TALENTO E DAL FASCINO IMPERITURO. DONNE FORTI CHE HANNO RAGGIUNTO IL SUCCESSO DOPO UNA VITA DIFFICILE. SONO LE ICONE DEL CINEMA ITALIANO, ORGOGLIO DEL NOSTRO PAESE. Sophia Loren (Sofia Villani Scicolone, 1934) è una delle più grandi attrici mondiali di tutti i tempi. Nel 1962 ottiene l’Oscar per "La ciociara": è la prima statuetta vinta da un attore per un film non in lingua inglese. Dopo i concorsi di bellezza, arriva al cinema negli anni ‘50 e approda ad Hollywood. La sua prorompente bellezza non offusca le capacità recitative drammatiche. In antitesi al divismo hollywoodiano di Brigitte Bardot, Sophia incarna la donna del popolo di un’Italia arretrata. Napoli è una costante nella ragazza di Pozzuoli che ha affrontato povertà e sofferenza. Figlia di ragazza madre, cresce in ristrettezze economiche. Nel 1950, a 15 anni, partecipa a "Miss Italia" e nel 1951 è la scandalosa fidanzata del 38enne regista sposato Carlo Ponti, che poi diventerà suo marito. Il padre di Sophia, avverso alle aspirazioni della figlia, la denuncia insieme alla madre per presunta prostituzione. È dichiarata sterile dopo tre aborti, ma riesce ad avere due figli che l’hanno resa nonna. Nel 1978 subisce l’umiliazione di trascorrere 17 giorni di carcere con l’accusa di frode fiscale. Ma Sophia ha sempre affrontato ingiustizie e avversità a testa alta. Luigia "Gina" Lollobrigida (1927), soprannominata "la Lollo", è un’artista poliedrica: attrice, scultrice, pittrice, fotografa e cantante lirica. Incarna l’ideale della donna mediterranea e negli anni ‘50‘60 è un sex symbol internazionale in competizione con la Loren. È la bella bersagliera di "Pane, amore e fantasia" di Comencini, "La donna più bella del mondo" e la fata turchina di "Pinocchio". Secondo Humphrey Bogart la Lollo «fa sembrare Marilyn Monroe

Sophia Loren (Sofia Villani Scicolone, 1934) is one of the greatest world actresses of all time. In 1962 wins the Oscar for “La Ciociara”: it’s the first statuette won by an actor for a movie not in English. After beauty contests she reaches cinema in the 50s and achieves Hollywood. Her overflowing beauty doesn’t obscure her dramatic actig skills. In opposition with the Hollywood divism of Brigitte Bardot, Sophia embodies the woman of the people in underdeveloped Italy. Naples is a constant in the girl of Pozzuoli who faced poverty and pain. She was single mother’s daughter and grew on economic narrowness. In 1950 she was 15 and took part in “Miss Italia” festival and in 1951 was the scandalous girlfriend of the 38 years old - married director Carlo Ponti, who after will have become her husband. Sophia’s father dislikes his daughter’s ambitions and reports her and her mother for suspected prostitution. She is declared infertile after three abortions, but in the end she manages to have two children who made her grandmother. In 1978 she suffers the humiliation of spending 17 days in jail on the charge of tax fraud. But Sophia has always faced injustices and misfortunes head-on. Luigia “Gina” Lollobrigida (1927), nicknamed “la Lollo”, is a versatile artist: actress, sculptress, painter, photographer and opera singer. She embodies the ideal of the Mediterranean woman and in the 50s-60s is an international sex symbol in competition with Loren. She is the beautiful bersagliera of “Bread, love and fantasy” by Comencini, “The most beautiful woman in the world” and the blue fairy in “Pinocchio”. According to Humphrey Bogart Lollo “makes Marilyn Monroe looks

33


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 34

le Virtuose

like Shirley Temple”. She was daughter of a wealthy furniture maker who looses everything during the bombings of the war, knows the misery and for studying Gina sells her drawings and pose for photo story books. With an ambitious and resolute behaviour not prone to the compromises, in 1947 she takes part to “Miss Italia” and in 1950 arrives at Hollywood, a “gold cage” from which runs away to come back to Rome. In 1999 she becomes ambassadress FAO and in 2018 attains a star in “Walk of Fame”. “I hadn’t the passion for cinema. I did it to help my family. 1.000 lire for each day persuaded me to be an actress”. In her private life she experienced loving failures and two rapes, the first when she was only 18 by a football player of Lazio. However she has always faced sorrow with optimism and irony. Claudia Cardinale (Claude Joséphine Rose Cardinale, 1938) was the most famous Italian actress of the 60s. As muse of the greatest directors, she acts in masterpieces like: “Gattopardo” by Visconti, “There was one time the West” by Leone, “The girl of Bube”by Comencini, “The day of Civetta”by Damiani and “8½” by Fellini. Her insufficient attitude to acting is balanced with her extraordinary photogenic face. She is regarded as the most beautiful woman of that period: her enigmatic charm and magnificent features have charmed the public. Actively involved in the struggle for female rights, she supports research against Aids and is Ambassadress for Unesco. Daughter of parents born in Tunisi by Sicilian emigrants, as young experiences violence, but refuses abortion when she discovers to be pregnant. The movie producer Franco Cristaldi, who will become her partner, helps her to keep pregnancy and maternity secret and grows her child as a brother. The star had always believed not deserved her success: “I had ever considered myself an actress. I approached to characters with great humility”. Virna Lisi (Virna Pieralisi, 1936-2014) conquered Hollywood with her masterful interpretations, as Caterina de’ Medici in “The queen Margot”, “How killing your wife”and “U-112 assault to Queen Mary”. She becomes famous through a spot about toothpaste (“With that mouth she can say what she wants”). Everyone wanted her, but Virna was the woman of “great refusals”. Hollywood aspired to make her the heir of Marilyn Monroe, but the star didn’t want to be relegated in the role of sexy doll. She refuses the role of bond girl in “To 007, from Russia with love”with Sean Connery. In 1968 she refuses the role of “Barbarella” which made famous Jane Fonda. She didn’t want to pose in the nude for “Playboy”and repelled avances of Frank Sinatra, because she was married. Despite her angelic face she was a determined and decisive woman, with a bewitching smile and an everlasting allure. Oriana Fallaci said: “Her tough and decisive face struck me, without cuddles or indulgences, with her cold eyes of a woman who knows what she wants. Her metallic and berated voice

34

simile a Shirley Temple». Figlia di un facoltoso produttore di mobili che perde tutto durante i bombardamenti della guerra, conosce la miseria e per studiare Gina vende suoi disegni e posa per fotoromanzi. Carattere ambizioso, determinato e non incline ai compromessi, nel 1947 partecipa a "Miss Italia" e nel ‘50 approda ad Hollywood, una "gabbia dorata" da cui fugge per ritornare a Roma. Nel 1999 diventa ambasciatrice FAO e nel 2018 ottiene una stella nella "Walk of Fame". «Non avevo la passione per il cinema. L’ho fatto per aiutare la mia famiglia. Mille lire al giorno mi hanno convinto a fare l’attrice». Nella sua vita privata ha vissuto amori fallimentari e due violenze sessuali, la prima a soli 18 anni da parte di un giocatore della Lazio. Tuttavia ha sempre fronteggiato il dolore con ottimismo e ironia. Claudia Cardinale (Claude Joséphine Rose Cardinale, 1938) è stata l’attrice italiana più celebre degli anni ‘60. Musa dei più grandi registi, recita in capolavori come: "Il Gattopardo" di Visconti, "C’era una volta il West" di Leone, "La ragazza di Bube" di Comencini, "Il giorno della civetta" di Damiani e "8½" di Fellini. La sua scarsa attitudine alla recitazione è compensata da una straordinaria fotogenia. È considerata la donna più bella dell’epoca: il suo fascino enigmatico e la magnificenza dei suoi tratti hanno ammaliato il pubblico. Impegnata nella lotta per i diritti femminili, sostiene la ricerca contro l’Aids ed è ambasciatrice dell’Unesco. Figlia di genitori nati a Tunisi da emigranti siciliani, in gioventù subisce una violenza, ma rifiuta l’aborto quando scopre di essere incinta. Il produttore cinematografico Franco Cristaldi, che poi diventerà suo compagno, la aiuta a tenere nascoste gravidanza e maternità, e a crescere il figlio come un fratello. La diva ha sempre creduto di non essersi meritata il successo: «non mi sono mai considerata un’attrice. Mi sono accostata ai personaggi con grande umiltà». Virna Lisi (Virna Pieralisi, 1936-2014), conquistò Hollywood con interpretazioni magistrali, come Caterina de’ Medici in "La regina Margot", "Come uccidere vostra moglie" e "U-112 assalto al Queen Mary". Ottiene la popolarità grazie a uno spot di un dentifricio («Con quella bocca può dire ciò che vuole»). Tutti la volevano, ma Virna è stata la donna dei "grandi rifiuti". Hollywood mirava a fare di lei l’erede di Marilyn Monroe, ma la diva non voleva essere relegata al ruolo di bambola sexy. Rifiuta la parte della bond girl in "A 007, dalla Russia con amore" con Sean Connery. Nel 1968 rifiuta il ruolo di "Barbarella" che rese celebre Jane Fonda. Non volle posare nuda per "Playboy" ed, essendo sposata, respinse le avance di Frank Sinatra. Nonostante il viso d’angelo era una donna forte e determinata, con un sorriso ammaliante e un fascino intramontabile. Oriana Fallaci disse: «Mi colpì il suo volto duro, deciso, senza tenerezze o indulgenze, con gli occhi freddi di una che sa quel che esige. La voce metallica, sferzante, di


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 35

11. CLAUDIA CARDINALE (1960)

35


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 36

le Virtuose

VIRNA LISI

ANNA MAGNANI

isn’t careful to conquer people’s fondness”. One of the greatest female interpreters of cinema history is Anna Magnani (1908-1973), a versatile actress of an astonishing talent, famous for her dramatic roles of extraordinary intensity. She was the first Italian personality to win an Oscar and she is one of the few actresses having a star in the “Walk of Fame”. She acts in important films but refuses “La Ciociara” because she doesn’t want to perform Sophia Loren’s mother, to whom initially was offered the role of the daughter. The “tiger of Tevere” who came from Rome to Hollywood had a troubled life. “Nannarella” will not meet her father, her mother left her to her grandma’s cares, who, in spite of tight circumstances, was able to send her to study at high school and Drama School. Through the cinema she attempts to defeat the pain of abandonment. “I chose this work because I wanted that love I had always begged. I wasn’t born actress but I decided to become it in the cradle, between a tear of too much and a caress of less”. Her love affairs were troubled. In 1935 she gets married with the director Goffredo Alessandrini from whom she will divorce for his betrayals. In 1942 she has a child with a young actor. In 1945 she reaches world success with “Roma città aperta” by Roberto Rossellini with whom she starts an overwhelming passion which will go to an end three years later. Determined, passionate and charismatic, Anna Magnani is a woman with a determined behaviour, inclined to jealousies and strong accesses of anger. She is the icon of Roman spirit and celebrity who does not act like a star for excellence, praised by critics. American press wrote: “in comparison with her our actresses are mannequins”, Times described her as “simply divine”. Magnani wasn’t a sex symbol as Loren and Lollobrigida, she wasnt’ beautiful, but magnificent: when

36

chi non si cura di conquistare la simpatia della gente». Una delle più grandi interpreti femminili della storia del cinema è Anna Magnani (1908-1973), attrice versatile di strabiliante talento, nota per i suoi ruoli drammatici di eccezionale intensità. È stata la prima personalità italiana a vincere un Oscar ed è una delle poche ad avere una stella nella "Walk of Fame". Recita in pellicole importanti ma rifiuta "La ciociara" perché non vuole interpretare la madre di Sophia Loren, a cui inizialmente era stato offerto il ruolo della figlia. La "tigre del Tevere" che da Roma arrivò ad Hollywood, ebbe una vita tormentata. "Nannarella" non conoscerà mai suo padre, la madre la abbandonò alle cure della nonna che, nonostante le ristrettezze economiche, riuscì a farla studiare al liceo e alla scuola di Arte Drammatica. Attraverso il cinema Anna tenta di sconfiggere il dolore dell’abbandono. «Ho scelto questo mestiere perché volevo quell’amore che ho sempre mendicato. Non ero nata attrice, ma avevo deciso di diventarlo nella culla, tra una lacrima di troppo e una carezza di meno». Le sue relazioni sentimentali furono travagliate. Nel 1935 sposa il regista Goffredo Alessandrini da cui divorzierà per i tradimenti di lui. Nel ‘42 ha un figlio da un giovane attore. Nel 1945 ottiene fama mondiale con "Roma città aperta" di Roberto Rossellini, con il quale inizia una passione travolgente finita tre anni dopo. Tenace, sanguigna e carismatica, Anna Magnani è una donna dal carattere deciso, incline a gelosie ed forti eccessi d’ira. Simbolo della romanità è l’antidiva per eccellenza, osannata dalla critica. La stampa americana scrisse: «in confronto a lei le nostre attrici sono manichini», il Time la definì «semplicemente divina». La Magnani non era un sex symbol come la Loren e la Lollobrigida, non era bella ma era superba:


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 37

MONICA BELLUCCI

quando entrava in scena calamitava su di sé l’attenzione. Intensa, spesso cupa: nelle sue occhiaie si addensava il senso della tragedia. «Non toglietemi neppure una ruga - disse al truccatore - le ho pagate tutte care!». In principio è ritenuta fisicamente inadatta ai ruoli importanti, ma negli anni ‘50 Hollywood si innamora della sua bellezza atipica, che incarna le donne autentiche che dopo la seconda guerra mondiale lottano per il Paese. Indiscussa icona della bellezza italiana è Monica Bellucci (1964). Capelli neri, sguardo intenso, labbra carnose e curve perfette, la diva è apprezzata in America e venerata in Francia come una dea. Nel 2003 è la prima italiana madrina del Festival di Cannes. La rivista Maxim l’ha collocata tra le 50 donne più sexy del pianeta, nel 2004 è eletta la donna più bella del mondo e nel 2005 il museo Grévin di Parigi le dedica una statua. Inizia la sua carriera come modella, lavora a Milano per l’agenzia Elite e diventa musa di famosi fotografi e griffe mondiali. Nel ‘97 posa per il calendario Pirelli, poi su Max, GQ e sulle copertine francesi di Vogue ed Elle. Nel 2008 lo stilista John Galliano la sceglie come testimonial per Dior. Dopo la moda arrivano i successi cinematografici. Ottiene popolarità mondiale nel 2000 con "Malèna" di Tornatore, in seguito Hollywood la vuole in "Matrix Reloaded" e in "The Passion" di Mel Gibson. Nel 2013, dopo 14 anni di matrimonio, divorzia dall’attore Vincent Cassel, da cui ha due figlie. «Da donna ho tradito e sono stata tradita, ho amato e sono stata amata, ma sono anche stata usata ed esibita come un trofeo». A quanto pare la perfezione estetica e il talento di queste splendide dive non bastano a preservare da delusioni e sofferenze… In fondo anche loro sono donne: così divine, così umane! n

she entered into the set she attracted the attention on herself. She was intense, often pensive: in her dark circles under the eyes thickened the sense of tragedy. “Don’t take me even a wrinkle – said to makeup artist- I paid for them!”. At first she is regarded physically inappropriate to play important roles, but in the 50s Hollywood enchanted with her atypical beauty which embodies real women which after the Second World War fight for the country. Uncontested icon of Italian beauty is Monica Bellucci (1964). Black hair, intense gaze, plump lips and perfect curves, this star is esteemed in USA and venerated in France as a goddess. In 2003 she is the first Italian sponsor of Festival di Cannes. Maxim magazine placed her among the 50 women most sensual of the world, in 2004 she is elected the most beautiful woman in the world and in 2005 Grévin museum of Paris dedicates her a statue. She starts her career as a model, works in Milan for Elite agency and becomes muse of famous photographers and global griffes. In 1997 she poses for Pirelli calendar, then for Max, GQ and for the French covers of Vogue and Elle. In 2008 the stylist John Galliano chooses her as testimonial for Dior. After the fashion she achieves cinema successes. She gest global popularity in 2000 with “Malèna” by Tornatore, then Hollywood wants her in “Matrix Reloaded” and in “The Passion” by Mel Gibson. In 2013, after 14 years of marriage, divorces from the actor Vincent Cassel, from whom he has two children. “As a woman I betrayed and was betrayed, I loved and was loved, but also I was used and exhibited as a trophy”. Apparently the aesthetical perfection and the talent of these magnificent divas are not enough to preserve them from disillusions and pains… At the end also them are women: so n divine, so human!

37


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:22 Pagina 38

le Virtuose

MICHELLE

OBAMA 38

BY ANNALISA FANTICELLI


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 39

...E NON SAREI L’UOMO CHE SONO OGGI SENZA LA DONNA CHE HA ACCETTATO DI SPOSARMI VENT’ANNI FA... “E non sarei l’uomo che sono oggi senza la donna che ha accettato di sposarmi vent’anni fa. Devo dirlo pubblicamente, Michelle, ti amo davvero, sono molto orgoglioso, e anche il resto dell’America si è innamorato di te.” Queste sono state le parole del discorso post elezione di Barack Obama che hanno emozionato le donne di tutto il mondo. Chi non avrebbe voluto essere al posto della First Lady e sentire il proprio uomo fare una tale dichiarazione d’amore davanti a milioni di persone? Michelle ha fatto in modo che tutte, in qualche modo, oltre a sognarlo, sentissero di assomigliarle un po’. E, soprattutto, che la maggior parte di loro votassero Obama per votare anche lei. Negli USA si dice che Obama non sarebbe diventato “Obama” senza avere al suo fianco l’avvocato Michelle LaVaughn Robinson, nata a Chicago nel 1964 e madre delle sue due figlie. Una grande donna all’ombra (ma non troppo) di un grande Presidente: dal 2007, in-fatti, Michelle ha fatto comizi elettorali per la campagna presidenziale del marito in varie località degli Stati Uniti, impiegando uno staff tutto femminile di assistenti per il suo ruolo politico. Un ruolo che è sicuramente cambiato nel corso del tempo, a partire dal suo abbigliamento, sempre più “low cost” e alla portata di tutti, al fine di alleggerire la percezione che si aveva di lei. Un ruoloche è sicuramente cambiato nel corso del tempo, ma mai passato “fuori moda”. Ancora oggi, nonostante la fine del mandato presidenziale di Obama avvenuto ad inizio 2017, Michelle continua ad influenzare ed a ispirare il popolo americano e non, attraverso i suoi discorsi a favore dei diritti delle donne, della lotta contro la sedentarietà e del ruolo chiave che ha l’educazione per la crescita dei cittadini di oggi. Ma non è tutto! Michelle Obama, attualmente, è una delle principali promotrici della campagna di sensibilizzazione “When we all vote”, attuata per incentivare il popolo americano ad andare a votare alle prossime elen zioni di metà mandato che si terranno a novembre 2018.

“I wouldn’t be the man I am today, without the woman accepted to get married me twenty years ago. I must publicly say Michelle I really love you and I am very proud of you, also the rest of America is in love with you”. These words of Barack Obama’s post- election speech thrilled women from all the world. Who would not have wanted to be in place of the First Lady and listen her partner doing such a declaration of love in front of millions of people? Michelle has done so that every woman in a certain way dreamt it and felt to resemble a little to her. And above all in order to the biggest part of them voted Obama, giving their vote also to her. In the USA it’s said that Obama would not have been “Obama” without having by his side the lawyer Michelle LaVaughn Robinson, she was born in Chicago in 1964 and mother of his two children. She is a good woman in the shadow (but not too much) of a great President: from 2007 indeed Michelle has made electoral meetings for his husband’s presidential campaign in many places of United States, with a staff composed of all female assistants for her politic role. Her role has definitely changed during the time, starting from her outfit increasingly “low cost” and available to anyone, in order to relieve the perception about her. Her role has definitely changed during the time, but never “out of fashion”. Even now, even though the end of the Obama presidential term at the beginning of 2017, Michelle continues to influence and inspire Americans and world populations, through its speeches about women’s rights, health and education for the growth of modern citizens. But that’s not all! Michelle Obama now is one of the prime mover of the “When we all vote” campaign, for encouraging Americans to register their vote in the next midterm elections wich would n take place next November 2018.

39


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 40

le Virtuose

DIANA VREELAND LA VISIONE DI UN OCCHIO FUTURISTICO 40

BY MELODY LAURINO


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 41

ESTROSA, IMPREVEDIBILE, AMANTE DEL BELLO E ALLA CONTINUA RICERCA DEL “PARTICOLARE CHE DIFFERENZIA”, ICONA DI STILE.

Pioniera della moderna definizione di Fashion Editor, a lei dobbiamo i grandi cambiamenti che hanno portato il mondo della moda al livello superiore della Comunicazione. Diana Vreeland, francese di nascita e newyorchese d’adozione (1903-1989), di famiglia benestante deve, probabilmente, la sua popolarità alla madre che non considerandola graziosa come la sorella la definì sempre “il mio piccolo mostro”. I cambiamenti artistico-culturali che attraversarono gli anni della sua giovinezza e i cambiamenti nel mondo della moda portati da Paul Poiret forgiarono il suo modo di affrontare, da donna, la vita quotidiana. Dopo il matrimonio con il banchiere americano Thomas Reed Vreeland, nel 1924, aprì a Londra una Boutique per sole donne all’interno della quale celebrava, con un modo del tutto personale, la sua visione dell’emisfero femminile. Donna audace per i canoni dell’epoca, tal volta irriverente anche nell’abbigliamento, Diana Vreeland vantava tra le sue clienti più affezionate Wallis Simpson, futura moglie di Edoardo VIII Duca di Windsor, titolo avuto dopo aver abdicato al trono del Regno Unito. Conscia che “d’imparare non si finisce mai”, Diana, innamorata della città che le diede i natali, continuò a tornare a Parigi, fulcro dei cambiamenti che la moda portava nei guardaroba delle signore che sempre di più appartenevano attivamente a ruoli sociali dedicati in tempi passati solo agli uomini. Nella bella e romantica città europea la Vreeland intrecciò rapporti con due signore che, come lei, avevano una visione della donna autonoma ed evoluta. Insieme le tre donne, Diana, Coco Chanel e Suzanne Belperron, mossero passi all’unisono, ognuna nel proprio settore di competenza, portando avanti la figura di una donna che viveva ardentemente i tempi. Gli anni che seguirono, videro la Vreeland sempre più al centro della scena del jet set mondiale. La più invitata, la più seguita, la più considerata e la più imitata. La donna non invidiata per il suo aspetto fisico ma per il suo modo di vivere. A coronamento di questa sua riconoscibilità, Harper’s Bazaar, magazine a quei tempi primo in edicola, la inserisce nel proprio mondo con la rubrica “Why don’t you?”.

Precursor of the modern definition of Fashion Editor, we have to thank her for the great changes brought the fashion world to next level of Communication. Diana Vreeland, French of birth and American of adoption (1903-1989), came from a wealthy family probably owes her success to her mother who not considering her pretty like her sister always described her “my little monster”. Artistic and cultural changes happened in her youth and those in fashion world brought by Paul Poiret shaped her way to face, as a woman, daily life. After her marriage with the American fiancier Thomas Reed Vreeland in 1924 she opened a Boutique in London only for women in which she celebrated, with her personal way, her vision of female hemisphere. She was regarded as a provocative woman for the stardards of that epoque, sometimes irreverent also in her outfit, Diana Vreeland had among her most attached clients Wallis Simpson, future wife of Edward III Duke of Windsor, title gained after having abdicated to the UK throne. Knowing that “we don’t finish to learn”, Diana, falls in love with the city where she was born, goes to coming back to Paris, centre of fashion changes in women’s wardrobes who more and more played actively social roles devoted in the past only to men. In the nice and romantic European city, Vreeland established relations, who like her, had a vision of an independent and emancipated woman. The three women, Diana, Coco Chanel and Suzanne Belperron moved together, one in her sector she is from, carrying on the figure of woman lived passionately her times. The following years Vreeland was more and more in the centre of the scene of world jet set. She was the most invited, followed, considered and imitated. The woman not resented for her physic aspect but for way of life. To crowning her success, Harper’s Bazaar magazine in that time the first at kiosk inserts her in its world, with the section “Why don’t you?”.

41


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 42

le Virtuose

She gave advices, one of the most famous was “Why don’t you wash your daughter’s blonde hair with champagne left as the habit of French women, in this way she becomes more blonde?”. These were fairy suggestions seeme for whom listened to them as pearls of truth toward the realisation of a royal life. For a woman that before 12 o’clock didn’t get up the working years for the most accredited magazine of the USA were so full of incentives that brought her to become the first Fashion Editor to show to the global world he Bikini, while juke boxes made women dance with the sound of “Itsy Bitsy Teeny Weny Yellow Polka Dot Bikini”. She was the first woman to articulate and discuss, creating a clear narrative context, the world of luxury not ever describing it as a tale ends in itself but as a sophisticated reality even if of elite but for some aspects accessible for everyone. Twenty-six years as Fashion Editor for Harper’s Bazaar ended with her passage to Vogue in 1962. The years when she managed Vogue were full of passionate, erotic, daily stories because thank to her mannequin until that moment unknown started to be call with their name. Young divas of the cinema became testimonials of great brands and, in some cases, talented unknown photographers became the mentioned authors of great Tv stories. The second most read by American people magazine achieved giving the work of Editor in chief to Vreeland, the first place in the sales at kiosk. Diana’s visionary way of looking at the world lead Vogue to

42

Qui elargiva consigli, uno dei più famosi era “perché non lavate i capelli di vostra figlia bionda con lo champagne avanzato come fanno le francesi, così diventa più bionda”. Consigli a volte dal sapore fiabesco che suonavano, all’orecchio di chi ascoltava, come delle verità in perle verso la realizzazione di una vita principesca. Per una signora che prima delle ore dodici non metteva piedi giù dal letto, gli anni lavorativi all’interno del magazine più accreditato degli Stati Uniti d’America, furono carichi di stimoli a tal punto da portarla ad essere la prima Fashion Editor a presentare al mondo intero il Bikini mentre i juke box facevano ballare le donne americane al suono di “Itsy Bitsy Teeny Weny Yellow Polka Dot Bikini”. Fu lei che per prima articolò e argomentò, realizzando un contesto narrativo preciso, il mondo del lusso non più descrivendolo come un racconto fine a se stesso, ma come una realtà sofisticata che se pur d’elite, per alcuni aspetti, accessibile a tutte. Ventisei anni da Fashion Editor all’interno di Harper’s Bazaar si chiusero con il suo passaggio in Vogue nel 1962. Gli anni che videro la direzione di Vogue in mano a Diana furono carichi di storie appassionanti, scabrose e quotidiane perché grazie a lei mannequin, fino a quel momento sconosciute, iniziarono ad essere chiamate col proprio nome. Le giovani dive del cinema divennero testimonial di grandi brand e, in alcuni casi, sconosciuti fotografi talentuosi divennero gli autori nominati di grandi storie visive. La seconda rivista più letta dal popolo americano si era guadagnata, dando il lavoro di Editor in chief alla Vreeland, il primo posto nella vendita in edicola. Il modo visionario di guardare il mondo che adottava Diana, fece si che Vogue non parlasse soltanto in termini “luxury”, ma toccasse


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 43

argomenti cari alla quotidianità come ad esempio la minigonna, icona di sfrontatezza e sicurezza delle giovani donne degli anni ’60 e dei moti rivoluzionari che portavano con loro i forti cambiamenti di pensiero, e ancora The Beatles. Insomma la sua direzione rivendicava fortemente e sempre il diritto di sapere le informazioni reali, costi la rabbia dei conservatori. La futuristica Diana Vreeland fu trampolino di lancio di molti stilisti, un esempio per tutti è quello di Manolo Blahnik. Scartato diverse volte, in lei trovò un’alleata nella presentazione della sua prima collezione e poi ancora Emilio Pucci, Missoni e Valentino che grazie alla sua amica Vreeland ebbe la possibilità di disegnare il vestito per le nozze di Aristotele Onassis. Nel 1970, i ruoli si rivoluzionarono ancora e la sua rinuncia al ruolo ricoperto per tanti anni in Vogue portò la rivista a registrare perdite nelle vendite, nei partner e nei consensi riducendo le uscite da ventidue a dodici. Alla splendida età di sessant’anni, Diana Vreeland, non pensa alla pensione ma accetta l’incarico come Consulente del Costume per far rinascere a nuova vita uno dei punti di riferimento della grande mela, il Metropolitan Museum of Art. Diana Vreeland fu una donna forte e determinata. Riuscì a trasformare la sua passione in un lavoro e cambiò i suoi punti deboli in leve per il successo e la notorietà. Lei, che attraverso le pagine delle riveste che guidò, riuscì a dare voce a coloro che non venivano ascoltati, accese la fantasia di chi si sentiva escluso. Il Capo Redattore, Diana Vreeland, entrava nella case delle donne n americane come amica, consigliera e motivatrice.

not speak only about “luxury” but dealed with daily topics like miniskirt, icon of audacity and self-confidence of young women in 60s and of revolutionary moods which lead with them strong thought changes and also The Beatles. Instead her vision strongly claimed in every situation the right to know real information, at the risk of angered the talkers. The futuristic Diana Vreeland represented the precursor of many fashion designers, an example is Manolo Blahnik. He was rejected many times but she helped him on presenting his first fashion collection, and then Emilio Pucci, Missoni and Valentino who thanks his friend Vreeland could draw the dress for Aristotele Onassis’ marriage. In 1970 roles changed one more time and her surrender to her role played for many years in Vogue brought the magazine loosing sales , partners and approvals limiting the issues from twenty-two to twelve. When she was sixty Diana Vreeland doens’t think to retirement but accepts the task as Manners Advisor to bring into life one of the reference point of USA, the Metropolitan Art Museum. Diana Vreeland was a strong and decisive woman. She was able to transform her passion a job and changed her weaknesses into stimulus for success and fame. She, through the pages of magazines lead, could give a voice to people weren’t listened to, turned on the imagination of whom felt exclude. The Chief Editor, Diana Vreeland, came in American women’s n homes as a friend, advisor and motivator.

43


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 44

le Virtuose

BY STEFANIA ZILIO

I FASTI DI UN PASSATO 44

CHE RITORNA


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 45

EDDA CARMEN PEDRINA, UNA DONNA ALTERA, BELLISSIMA, CON ALLE SPALLE UNA STORIA COINVOLGENTE... Intrisa di misteri e leggende, Villa Traveso Pedrina è una dimora che ci riporta ai fasti del XV° secolo. Sorge ai piedi del colle Monticello e fu terminata nel ‘700 per volere di un nobile patrizio veneziano che ne fece dimora di caccia, come era in uso nel periodo della Serenissima. La villa fu in origine della famiglia Traverso che si trasferì dal castello di Barbarano per controllare e difendere le proprietà di cui vantava i diritti feudali. Seppur le fonti siano rare, da un incartamento si evince che vi sia stata una rete di cunicoli da cui si snodavano concentricamente camminamenti che collegavano le altre ville e alcuni edifici del tempo. Questo schema suggerisce il bisogno di difesa da eventuali attacchi esterni, facendo presupporre che i monaci benedettini del XV° secolo ne furono gli artefici, al fine di potersi muovere indisturbati senza farsi notare. Le vicissitudini e gli intrighi della famiglia Pedrina, originaria dalla Spagna nel XV° secolo, si susseguono tra lotte intestine parentali e intrecci di famiglie patrizie fino a giungere ai giorni nostri con l’ultima ereditiera: Edda Carmen Pedrina. Una donna altera, bellissima, con alle spalle una storia coinvolgente fitta di legami sentimentali sofferti. Rinunciò alla sua carriera di modella con Jean-Charles de Castelbajac per inseguire un amore tormentato. E’una donna virtuosa che dalle ceneri intrise di tormenti emotivi ogni volta rinasce come una Venere e con lei si risvegliano anche gli antichi splendori della villa.

Imbued with mysteries and tales Villa Traveso Pedrina house is an abode which brings us back to splendours of XV century. It lies at the foot of Monticello hill and was finished in 1700s as will of a Venetian noble patrician who used it as a hunting’s abode, as was in use during the Serenissima time. The house belonged at first to Traverso family who moved here from Barbarano castle for monitoring and defending his properties on which they owned feudal rights. Even if sources are rare, through an dossier we can understand that there is a network of tunnels originating concentric causeways linked to other houses and some buildings of that time. This framework suggests the need for defense from potential outside attacks, so we can suppose that Benedictine monks lived in XV century built it, with the aim to walk undisturbed without being noticed. Vicissitudes and tricks of Pedrina family, came from Spain in XV century, go on with familial struggles and binds of patrician families until nowadays with the last heiress: Edda Carmen Pedrina. She is a haughty beautiful woman with in her past a fascinating history full of suffered sentimental relations. She renounced to her career as a model with Jean-Charles de Castelbajac following an anguished love. She is a virtuous woman revives each time as a Venus from remains of emotional torments and ancient splendours of the house reawaken with her.

Lei rapprenta il suo successo, manager, sola al comando di una vasta proprietà, oggi aperta al pubblico per cerimonie, eventi e brevi soggiorni. Come fa una donna a gestire tutto questo? Se qualcuno pensa sia stato facile devo deluderlo. La mia vita è stata una corsa ad ostacoli emotivi. Il passato alquanto difficile mi ha certamente temprata e segnata nell’animo, contribuendo nel bene e nel male alla mia educazione e al mio sentire. Le vicissitudini della mia famiglia sono grondanti di guerre fra zii e parenti, di periodi opulenti e altri indigenti, di lutti devastanti e rinascite. Mio nonno Luigi acquistò questa dimora per allontanarsi dalla casa paterna, poco distante da qui. Alla sua dipartita ci fu un periodo oscuro in famiglia per l’eredità, per le scelte sbagliate di uno zio. Avevo solo 19 anni quando mancò anche mio padre, uomo di grandi ideali, e per me fu struggente, perché ero troppo giovane quando ereditai la villa. Per anni vissi nella speranza che un altro uomo mi aiutasse a prendere delle decisioni, fino a quando un bel giorno conobbi un giovane magistrato, in cui vidi la forza e la determinazione di mio padre. Dal nostro amore nacque mia figlia EmmaVita, purtroppo dopo 16 anni la nostra relazione finì e decisi, a quel tempo diventata più matura e con più esperienza, di trasformare la casa di famiglia in una dimora per ospiti. I fasti di un tempo remoto sono rifioriti, oggi Villa Traveso Pedrina è frequentata da turisti stranieri, scelta dagli sposi per coronare il

You embodies your success, a manager alone in the managing of an extended property, nowadays is opened to publics for ceremonies, events and short stays. How can a woman manage all this? If someone think it was easy I have to disappoint. My life has been an emotional obstacle course. My almost difficult past surely reinforced me and marked my soul, contributing to my education and world perception for better or worse. My family’s vicissitudes were marked by struggles between relatives and uncles, rich and poor moments, devastating sorrows and renaissances. My grandfather Luigi bought this house in order to go away from his family’s house less far from here. When he died there was a dark period in our family for the inheritance, because of incorrect choices of one of my uncles. I was only 19 when my father died, too, a man of high ideals, and it discouraged me because I was too young when acquired this house. For many years I hoped to meet another man helping me to take important decisions, until I knew a young magistrate, who embodied strength and resolution typical of my father. From our love my daughter EmmaVita was born, but unfortunately after 16 years our relation finished and I decided, at that time more mature and more experienced, transforming my family house in an abode for guests. Splendours of a past time are bloomed again, nowadays Villa Traveso Pedrina is attended by foreign tourists, chosen by married couples to realise their love dream and

45


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:20 Pagina 46

le Virtuose

46

is a nice setting for prestigious events. Italo Cristofani, chef of the house, with an international résumé, fell in love with this place and remained here, enjoys whetting the appetite of the guests by a refined cooking, focused on times cooking and chosen ingredients.

loro sogno ed è cornice per eventi di altissimo livello. Lo chef della Villa, Italo Cristofani, dal curricula internazionale, si è innamorato del posto ed è restato e ama allietare i clienti con una cucina ricercata, attenta alle tradizioni, alle cotture e alle materie prime.

Speak about the house. Did your grandfather buy it in return for wood, didn’t he? Yes he did. My granfather Luigi Pedrina bought the Villa by the Countess Alba Mantovani, daughter of the noblewoman Matilde Badoer and mother of Dino Buzzati, the famous writer came from Belluno in return for wood, as an usual payment at that time. My paternal grandmothe Edda Pedrina getting married with my grandfather whose surname was Traverso, came back to her ancestors’ house creating the mix Maltraverso, you still look at this writing. In my family moving anecdotes were passed down, for example when my uncle telling us his meetings with Toscanini for his wife, an harpist who worked for Toscanini and from whom he was fond of, for which we are searching documents, episodes and tales in order to write a book about the story of my family lived in a time has to do with Barbarano and the complete community.

Torniamo alla dimora. Suo nonno l’acquistò in cambio di legna, è corretto? Sì, mio nonno Luigi Pedrina acquistò la Villa dalla contessa Alba Mantovani, figlia della nobildonna Matilde Badoer e madre di Dino Buzzati, il famoso scrittore bellunese in cambio di legna, in quell’epoca questo metodo di pagamento era usuale. La nonna paterna, Edda Pedrina, sposando il nonno di cognome Traverso ritornò nella casa appartenuta ai suoi avi, dando origine al connubio Maltraverso, di cui è visibile ancora la scritta. In famiglia si sono tramandati aneddoti emozionanti come quando lo zio raccontava degli incontri con Toscanini per via della moglie, un’arpista del Maestro a lui molto cara, di cui stiamo raccogliendo documentazioni, episodi e racconti per scrivere un libro sulla storia della mia famiglia ambientata in un periodo storico che appartiene a Barbarano e all’intera comunità.

Why have you decided to give to Villa a new role matching the wonderful XVIII century with the modern taste? This is the result of my encounter with the Tuscan designer Andrea Burroni, who proposed me to bring again the house had lost the original shades, to the past splendours. His artistic fuel met my desire of preserving the external historical structure and creating the joy of colour in its rooms. Outbuildings releases a great energy and

Come ha deciso di dare alla Villa una veste nuova che interseca il meraviglioso ‘700 con il gusto odierno? Tutto è nato dal mio incontro con il decoratore toscano, Andrea Burroni, il quale mi propose di riportare la villa, che aveva ormai perso i colori originali, agli splendori del passato. La sua vena artistica ha incontrato il mio desiderio di mantenere l’assetto storico esterno creando la gioia del colore nelle sue stanze. Le depen-


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 47

dance emanano un’energia immensa e hanno una loro identità: c’è la casa rossa, quella arancio, una lilla e l’ultima azzurra.

have their own identity: there is redhouse, that orange, the Lilac and the last blue one.

Si sposa molto con la sua vena artistica, pochi sanno che Lei è anche una scrittrice. Definirmi scrittrice magari è troppo, ho pubblicato solo un libro di poesie ad oggi. Da adolescente mi rifugiavo nella scrittura, per evadere dal clima difficile che respiravo in famiglia. Leggere e scrivere sono state la mia salvezza moltissime volte, per esempio quando morì mio padre per un intero inverno non volli vedere nessuno e in questa stanza, davanti al caminetto, ho letto 90 libri in un solo inverno.

It is in line with your artistic fuel, few people know you are also a writer. Maybe defining me a writer is too much, I published only a book of poems until now. When I was a teenager I used to seek a refuge in writing, escaping the difficult atmosphere I lived in my family. Reading and writing were my safety many times, for example when my father died for the winter I wanted to meet nobody and in this room, before the fireplace, I read 90 books in only one winter.

La Villa è tutta al femminile, qui vivono tre generazioni. Sì, non lo trova paradossale? Siamo mia mamma Candia, mia figlia EmmaVita ed io, tre donne forti e insieme creiamo un bellissimo puzzle. Pensi che mia mamma, friulana doc, proveniente da una famiglia borghese, quando venne in Barbarano e sposò mio padre si trovò catapultata da una città come Udine all’ aperta campagna. Fu molto criticata per i suoi atteggiamenti, perché rappresentò la primadonna ad entrare in un bar, sedersi, ordinare un caffè e fumarsi una sigaretta, ma lei non badò alle regole di un paesino sito alla fine del mondo. Mia figlia EmmaVita è meravigliosa, è parte attiva dell’azienda, ma credo che seguirà la sua strada.

The Villa is completely feminine, three generations live here. Yes, don’t you find it strange? My mother Candia, my daughter EmmaVita and me, three strong women create together a nice puzzle. My Friulian mother came from a middle-class family and when arrived to Barbarano and got married with my father felt rushed from a city as Udine to open country. She was really disapproved for her behaviours, because was the first woman to enter in a bar, sit down, order a coffee and smoke a cigarette, but she didn’t watch the rules of a small country away from the modern life. My daughter EmmaVIta is beautiful and active part of our company, even if I believe she will follow her way.

Come passa le sue giornate quando non è impegnata con eventi o ospiti? Sono una donna con pochissimi amici, dedico il mio tempo libero a persone che amo nel profondo, meglio la qualità della quantità, il mio confidente e vero amico è Koren Mor, un architetto israeliano che ha fatto la sua tesi di laurea proprio sulla Villa. Amo concedermi del relax al ristorante Aqua Crua di Barbarano guidato dallo chef stellato Giuliano Baldessari, il suo cibo è fonte di energia e quando sono da lui mi rilasso e mi godo qualche ora tutta per me. Il tempo restante lo dedico a me stessa cercando di coccolarmi tra letture e cene intime con amici.

How do you usually spend your days when you’re not busy on events or with guests? I am a woman with very few friends, I spend my free time for people I really love, preferring the quality to the number. My confidant and real friend is Koren Mor, an Israeli architect wrote his graduate thesis on our Villa. I love relaxing at Aqua Crua restaurant in Barbarano managed by the star chef Giuliano Baldessari, his food brings energy and when I am at his restaurant relax and enjoy some hours for myself. In the time left I like reading and preparing intimate dinners with friends.

Per quale motivo si considera una sopravvissuta? Perché sono una donna che ha saputo arrampicarsi su un monte scosceso pieno di insidie e difficoltà riuscendo ad arrivare alla vetta senza alcun aiuto. Molte persone credono che possedere una dimora come questa sia sinonimo di opulenza, senza considerare quante difficoltà ogni giorno bisogna affrontare. Mi sento come quelle donne che sanno di essere forti e fragili, spesso gioiose e qualche volta tristi, svincolate dai canoni imposti che qualcuno ha scelto per loro, libere di sognare ed essere finalmente uniche. n

Why do you consider you a survivor? Because I am a woman was able to climb on a steep mountain full of tricks and difficulties rising to the top, without an help. Many people believe having a house like this means richness, without taking into consideration how many difficulties we have to face. I feel as those women know to be strong and weak, often happy and sometimes sad, released from canon imposed by others, free of dreaming and being finally unique. n

47


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 49

HO BISOGNO DI MIA MOGLIE. LEI RISOLVE TUTTI I MIEI PROBLEMI MATEMATICI... Fisica serba, fu collega di studi e successivamente moglie di Albert Einstein. Si suppone che essa abbia dato un importante contributo alle sue opere sulla teoria della relatività. Sposandosi rinunciò alla sua indipendenza di scienziata e assumendo il ruolo tradizionale di moglie, visse all’ombra del marito, per questo non è più possibile stabilire quale sia stato il suo apporto al lavoro scientifico di Einstein. Mileva Maric nacque a Zagabria da una famiglia benestante. Era molto talentuosa e dimostrò ben presto il suo interesse per la matematica e le scienze naturali. Suo padre la incoraggiò e le permise di studiare prima presso il Ginnasio di Zagabria e poi in Svizzera, poiché all’epoca nell’Impero austro-ungarico le donne non potevano accedere alle scuole superiori. A diciotto anni si recò da sola a Zurigo, dove ottenne la maturità. Nel 1896 iniziò lo studio della matematica e della fisica presso l’École Politecnique, dove incontrò Albert Einstein (18791955). Inizialmente lui le prestò generosamente i suoi appunti di fisica e rimase sorpreso quando lei glieli restituì corretti. Studiarono insieme, diventarono amici e si innamorarono, ma la loro relazione fu ostacolata dall’intransigenza dei genitori di Einstein che si opposero alla “regolarizzazione” del legame del figlio con una donna non ebrea. Rimasta incinta, Mileva dovette partorire clandestinamente e affidare la figlia Lieserl a una nutrice che la diede in adozione. Quell’evento fu talmente traumatico che Mileva rinunciò a terminare i suoi studi. Solo dopo la morte del padre di Einstein, nel 1903, Mileva e Albert si sposarono. Con il matrimonio la loro collaborazione divenne ancora più intensa e prima del 1905, nel periodo più felice della loro vita coniugale, nacquero le opere fondamentali dello scienziato sulla teoria della relatività, che mise in discussione i fondamenti della meccanica classica. Mileva aveva rinunciato a citare il proprio cognome nelle pubblicazioni del marito, affermando: “siamo entrambi una sola pietra” [una pietra = ein stein]. Dal matrimonio nacquero altri due figli Hans Albert e Eduard. Il minore era un bimbo di salute assai cagionevole e Mileva ebbe sempre meno tempo per il lavoro scientifico. Seguì il marito quando questi fu chiamato all’Università di Praga, ma nel 1914 quando Einstein divenne direttore presso l’Istituto di fisica Kaiser Wilhelm a Berlino, ritornò con i bambini a Zurigo, dove dovette affrontare seri problemi economici. Nel frattempo era stata esclusa completamente dalla vita scientifica del marito e scriveva amareggiata: “Il mio grande Albert è diventato un fisico famoso molto rispettato e ammirato nel mondo scientifico. Lavora instancabilmente ai suoi problemi e si può dire che viva soltanto per essi.” Mileva Maric e Albert Einstein si estrania-

Serbian physicist she was colleague of studies and later wife of Albert Einstein. It’s supposed she gave an important contribution to his works on the relativistic theory. Getting married she renounced to her independence as a scientist and lived in her husband’s shadow, playing the traditional role of wife, for this we are not able to define which was her contribution to scientific work of Einstein. Mileva Maric was born in Zagreb from a wealthy family. She was very talented and shown soon her interest for maths and natural sciences. Her father supported her and allowed her to study at first at Gymnasium in Zagreb and then in Switzerland, because in that time in the Austro-Hungarian Empire women couldn’t study at high school. When she was 18 she went alone to Zurich where she took high school diploma. In 1896 she started studying maths and physics at École Politecnique, where she met Albert Einstein (1879-1955). At first he lent her kindly his notes of physics and was surprised when she gave them back to him correct. They studied together, made friends and fell in love, but their relation was obstructed by rigidity of Einstein’s parents who took position against the “regularisation” of their son’s relation with a not Jewish woman. Got pregnant Mileva had to give birth to his daughter Lieserl secretly and entrusted her to a nurse who gave her in adoption to someone else. That episode was so upsetting that Mileva renounced to stop her studies. Only after the death of Einstein’s father in 1903 Mileva and Albert got married. With this marriage their collaboration became more intense and before 1905 in the happiest moment of their married life the fundamental works about the relativistic theory of the scientist were created, which called into question the basis of classical mechanics. Mileva renounced to mention her surname in her husband’s publications, stating: “we are both one stone” [one stone = ein stein]. From the marriage other two children Hans Albert and Eduard were born. The younger was a very sickly child and Mileva had ever less time for scientific work. She followed her husband when he was called by University of Prague but in 1914, when Einstein became director of Kaiser Wilhelm Physics Institute in Berlin, came back with her children to Zurich where she had to face severe economic problems. Meanwhile she was excluded completely from the scientific life of her husband and wrote embittered: “My beloved Albert has become a famous well-respected and admired physicist in the scientific world. He works tirelessly at his problems and we can say he lives only for them”. Mileva Maric and Albert Eisntein became increasingly estranged and separated in 1919, when he got married with his cousin Elsa. Eduard became ill of

49


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:04 Pagina 48

le Virtuose

MILEVA MARIC

EINSTEIN BY ANNALISA FANTICELLI

48


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 50

le Virtuose

schizophrenia and Mileva was alone taking care of him, helping him during his crisis that with the time became more serious. The discussion about the help given by Mileva Maric to development of relativistic theory started in 1982 by her biographer Desanka Trbuhovic-Gjuric, her researches brought to uncovered many signs that demonstrate Mileva Maric’s crucial participation on Einstein’s work. Two written clauses by Albert Einstein in 1900 and in 1901 let us understand he and his wife worked together: “I am very happy of our works, too. Now you have to go on with your research – I will be very proud when my darling is a doctor while I will still be an ordinary man”. Then: “I will be really happy and proud when we finish with a great success our work of relative movement! When I look at other people I appraise even more your qualities!”. Mileva was regarded as a determined and systematic woman, while Albert was discontinuous and full of ideas; their different way of working balanced out in an ideal way. It was known Albert Einstein had some difficulties with maths. He said in 1903: “I need my wife. She can solve all my mathematical problems”. After his separation from Mileva, Einstein was helped by maths male and female experts. According to Trbuhovic-Gjuric the original manuscripts that were published after in 1905 in the “Annals of Physics” brought the name of Einstein-Maric. After the publication Einstein would have destroyed these documents which also included the work on the specific relativistic theory and the research for which he gained the Nobel Physics Prize in 1921. Albert Einstein gave all money of this prize to Mileva Maric and someone believes that this was his personal recognition for her collaboration. That sum of money allowed Mileva to survive and pay the expenses for his son’s treatments who wasn’t able to live an independent life. After that donation Einstein lost completely interest on his children and Mileva took responsibility for them until her n death, she died when she was 73.

50

rono sempre più e si separarono nel 1919, quando lui sposò la cugina Elsa. Eduard si era ammalato di schizofrenia e Mileva restò sola a occuparsi di lui, assistendolo durante le sue crisi che col tempo si fecero sempre più gravi. La discussione circa l’apporto dato da Mileva Maric allo sviluppo della teoria della relatività venne avviata nel 1982 dalla sua biografa Desanka Trbuhovic-Gjuric, le ricerche della quale portarono alla luce una serie di indizi che proverebbero la partecipazione decisiva di Mileva Maric al lavoro di Einstein. Due frasi scritte da Albert Einstein nel 1900 e nel 1901 lasciano intendere che marito e moglie lavorassero insieme: “Anch’io sono molto contento dei nostri nuovi lavori. Adesso devi proseguire la tua ricerca - come sarò orgoglioso quando il mio tesoro sarà magari un piccolo dottorino e io stesso sarò ancora un uomo qualunque.” Inoltre: “Come sarò felice e orgoglioso quando avremo terminato con successo il nostro lavoro sul moto relativo! Quando osservo le altre persone, apprezzo sempre più le tue qualità!”. Mileva veniva considerata tenace e sistematica, mentre Albert era discontinuo e ricco di idee; il loro diverso modo di lavorare si compensava in maniera ideale. Era noto che Albert Einstein avesse delle difficoltà con la matematica. Egli stesso disse nel 1903: “Ho bisogno di mia moglie. Lei risolve tutti i miei problemi matematici.” Dopo la separazione da Mileva, Einstein si fece sempre aiutare da esperti ed esperte di matematica. Secondo la Trbuhovic-Gjuric, i manoscritti originali che vennero poi pubblicati nel 1905 negli “Annali della Fisica” portavano il nome Einstein-Maric. Dopo la pubblicazione lo stesso Einstein avrebbe distrutto questi documenti, che contenevano anche l’opera sulla teoria della relatività specifica e la ricerca per la quale ottenne il Premio Nobel per la fisica nel 1921. Albert Einstein diede tutto il denaro del premio a Mileva Maric e qualcuno ritiene che questo fosse il riconoscimento privato per la sua collaborazione. Quel denaro permise a Mileva di sopravvivere e di provvedere alle spese per le cure del figlio che non fu mai in grado di avere una vita autonoma. Dopo quella donazione Einstein si disinteressò completamente dei figli e Mileva se ne fece carico fino alla propria morte, avvenuta quando aveva 73 anni. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:03 Pagina 51

Quando una donna insiste per l'uguaglianza tra i sessi, sta rinunciando alla propria superioritĂ .

When a woman insists for gender equality, she is renouncing to her superiority.

Anatole France

51


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 52

COCO&CO

52


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 53

SUMMER

IN MIAMI FASHION EDITOR: PAMELA QUINZI DESIGNER: JETS AUSTRALIA BY JESSIKA ALLEN JETSSWIMWEAR.COM PHOTOGRAPHER: DAVID BERMAN STYLIST: SIOBHAN FENTON MODEL: KATE CITRONE

53


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:23 Pagina 54

COCO&CO

54

FASHION EDITOR: PAMELA QUINZI DESIGNER: "BONDI BATHER AUSTRALIA" BONDIBATHER.COM.AU PHOTOGRAPHER: DAVID BERMAN STYLIST: SIOBHAN FENTON MODEL: KATE CITRONE


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:24 Pagina 55

55


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:24 Pagina 56

COCO&CO

56


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:24 Pagina 57

FASHION EDITOR: PAMELA QUINZI DESIGNER: "BONDI BATHER AUSTRALIA" BONDIBATHER.COM.AU PHOTOGRAPHER: DAVID BERMAN STYLIST: SIOBHAN FENTON MODEL: KATE CITRONE

57


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:24 Pagina 58

COCO&CO

58

FASHION EDITOR: PAMELA QUINZI DESIGNER: JETS AUSTRALIA BY JESSIKA ALLEN JETSSWIMWEAR.COM PHOTOGRAPHER: DAVID BERMAN STYLIST: SIOBHAN FENTON MODEL: KATE CITRONE


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:24 Pagina 59

Los Angeles (Beverly Wilshire) 9500 Wilshire Boulevard Beverly Hills California 90212 Tel. +1 (855) 399-8124 Fax. +1 (310) 274-2851


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:24 Pagina 60

COCO&CO

ADLER

THERMAE BY LUCA BONACINI

LUXURY WELLNESS IN VAL D’ORCIA 60


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:26 Pagina 61

Arrivare all’Adler con la luce della mattina è un’esperienza davvero unica, le colline senesi punteggiate qua e là, di casolari, pievi e cipressi, sono uno skyline che incanta fin dai primi minuti, e ti chiedi come sia possibile creare un resort luxury di tale raffinatezza, efficienza e confort, senza nuocere al contesto naturalistico e paesaggistico, di questo straordinario pezzetto di Toscana. E’ tra le mete più ambite dell’universo wellness, per la posizione, l’ampia gamma di servizi, la bellezza dei luoghi e gli elevati standard di accoglienza, che caratterizzano un soggiorno indimenticabile. Un sogno, che prende vita dopo una vacanza in Toscana nel 2001, quando Klaus Sanoner e la sua famiglia, già proprietari dallo splendido Adler a Ortisei, soggiornano qualche giorno a Bagno Vignoni, una frazione di San Quirico Val D’Orcia (SI), e ne rimangono letteralmente rapiti. Dopo anni di dedizione, tesi a spostare sempre più in alto l’asticella della qualità, nell’Hotel di famiglia in Val Gardena, un nuovo progetto anima Klaus e Andreas Sanoner, fratelli e soci, entusiasti di mettere la loro esperienza nella costruzione di un relais wellness in un luogo così speciale, nel cuore della Toscana. Si interpellano gli architetti di fiducia Hanspeter e Hugo Demetz, a cui viene affidato il progetto dell’Adler Thermae, dovranno realizzare la struttura, in una ex cava di travertino, con tutte le cautele del caso, in osservanza alle restrittive norme imposte in Toscana, nell’edificazione di grandi complessi turistici. Il progetto prende il via nel 2003, con il coinvolgimento delle imprese locali, e ogni martedì notte i fratelli Sanoner e i fratelli Demetz, partono da Bolzano diretti in Toscana, per andare al cantiere a seguire i lavori, utilizzando lo scompartimento del treno come uno studio, dove si discutono progetti e si decidono varianti. Si superano mille difficoltà, e mentre i lavori fervono si scopre che la fonte di acqua termale sta esaurendosi, si consultano i geologi e si procede con i carotaggi, per cercare un'altra sorgente, che fortunatamente si trova. E quando mancano pochi giorni all’inaugurazione, si allagano il garage e i sotterranei, dove viene immagazzinata la biancheria dell’hotel. Una strada decisamente

Arriving at Adler in the morning light is a very unique experience, streaked Sienese hills here and there with farmhouses, parish churches and cypresses are a skyline wich enchants since the start and you wonder how it’s possible creating a luxury resort so refined, efficient and comfortable, without damaging the natural and panoramic context of this amazing piece of Toscana. It’s among the most highly wellness soughts, for its position, the wide range of services, the beauty of places and high standards of hospitality which mark out an unforgettable stay. This dream comes to life after a holiday in Tuscany in 2001, when Klaus Sanoner and his family, at that time already owners of the wonderful Adler in Ortisei, stay a couple of days in Bagno Vignoni, a hamlet of San Quirico Val d’Orcia (SI) and remain totally enraptured. After many years of dedication aimed at increase even more the quality, in the family hotel in Val Gardena a new project livens up the two brothers and business partners Klaus and Andreas Sanoner, being excited to put their experience on building a wellness relais in a so special place, in the heart of Tuscany. They consult trusted architects Hanspeter and Hugo Demetz whom are charged with the realisation of Adler Thermae’s project. They will have to realise the structure in a Tufa former quarry fulfilling all due caution and strict rules imposed in Tuscany about building big tourist complexes. The project starts in 2003, involving local business, each Tuesday evening the Sanoner brothers and Demetz ones, leave from Bolzano to Tuscany in order to check construction jobs employing a train compartment as a study where they discuss drafts and consider alternatives. They overcome many difficulties, and while works are in full swing they discover the source of thermal water is running out. To solve this problem they consult some geologists and proceed with prospectings to find another source which luckily is found. And when it’s only a few days before the inauguration, the garage and the vaults flood on where is stored the hotel’s linen. It was certainly an hard road

61


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:28 Pagina 62

COCO&CO

62

where each day you need to solve a problem, but at last after 15 months of work, the 4th April 2004 it was inaugurated. The result was unbelievable. It has a linear and refined architecture, it’s a majestic building surrounded by large swimming pools fed by a source of water at 50° of temperature with thermal waters rich in minerals and sulfur compounds have marked Bagno Vignoni for many centuries. Around a lush park and infinite solutions outdoor for sportsmen, bikers, lovers of jogging and fit-walking with a dense network of tracks to walk in every day. A family devoted to accomodation since 1810 vand engaged in hospitality field for seven generations has put all its knowledge in realising a resort with a really wide wellness area able to satisfy all customers’ needs with valuable contributions from 135 collaborators. Traditional medicine based on natural treatments, high technology and traditional diagnostic techniques offer a large selection of treatments to customers, for example purification, natural regeneration, long-lasting weight loss , relaxation, stress management, beauty and antiaging. Hot and cold are alternated to water, steam, evocative acoustics and Eastern winds with a large system of steam rooms, as “Panoramica”, a Finnish sauna into the wood; “Travertino”, a bio sauna in the middle of a small lake; Grotta del Filosofo, with a steam bath helps people’s airway; “Salino”, an Etruscan sauna with iodine spurts ; “Artemisia”, a caldarium prepared with Tuscan herbs; the Oriental bath Rasul, a Persian ancient tradition; to alternate with different panoramic relaxation corners. It’a an immersive experience with steam bathes wellknown since ancient times which influence airway treatment, permit voiding, oxygenate the tissue and decontract muscles. It represents a natural method for cellular regeneration and keeping your body healthy and long-lived.

in salita, dove ogni giorno occorre risolvere un problema, ma finalmente dopo quindici mesi di lavori, il 4 aprile del 2004 si inaugura. Il risultato è magnifico. Un’architettura lineare e raffinata, con un edificio imponente circondato da ampie piscine, alimentate da una sorgente a 50 gradi, con acque dalle proprietà termali, ricche di minerali e composti sulfurei, che da secoli caratterizzano Bagno Vignoni. Intorno, un parco lussureggiante e infinite soluzioni outdoor per gli sportivi, i biker, gli amanti del jogging e del fit-walking, con una fitta rete di percorsi, da percorrere ogni giorno. Una famiglia dedita all’attività alberghiera dal 1810, impegnata nel campo dell’ospitalità da 7 generazioni, che ha messo tutta la sua conoscenza nella realizzazione di un resort dove l’area wellness è estesissima e in grado di soddisfare tutte le esigenze grazie all’ausilio di 135 collaboratori. Medicina classica a base di terapie naturali, si fonde all’alta tecnologia e a metodiche diagnostiche tradizionali, garantendo un’ampia scelta di trattamenti che vanno dalla depurazione, alla rigenerazione naturale, dalla riduzione duratura del peso, al rilassamento e alla gestione dello stress, dalla bellezza all’antiaging. Caldo e freddo si alternano, insieme ad acqua, vapore, suggestive sonorità e atmosfere orientali, con un ampio sistema di saune, a partire dalla "Panoramica", una sauna finlandese nel bosco; la "Travertino", una biosauna posta al centro di un laghetto; la Grotta del Filosofo, con un bagno turco che favorisce le vie respiratorie; la "Salino", una sauna etrusca con spruzzi iodizzati; l’ "Artemisia", un caldarium alle erbe toscane; il bagno orientale Rasul, un’antica tradizione persiana; da alternare alle diverse zone relax panoramiche. Un’esperienza totalizzante con bagni termali conosciuti fin dall’antichità, che influiscono nel trattamento delle vie respiratorie, favoriscono la diuresi, ossigenano i tessuti e compiono un’azione decontratturante sui muscoli. Un metodo naturale per la rigenerazione delle cellule, e mantenersi sani e longevi.

Hotel ADLER THERMAE Bagno Vignoni 1 street - San Quirico d'Orcia - Siena Tel. 0577 889 001 www.adler-thermae.com

Hotel ADLER THERMAE Strada di Bagno Vignoni 1 - San Quirico d'Orcia - Siena Tel. 0577 889 001 www.adler-thermae.com

n

n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:25 Pagina 63


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:25 Pagina 64

COCO&CO

64

PH: DANNY CHIN – OMEGA PHOTOSTUDIOS


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:25 Pagina 65

MIAMI

SWIMWEEK 2018 THE BEST OF THE RUNWAY SHOWS. DESIGNER/EDITOR PAMELA QUINZI WITH TOP MODEL AGUEDA LOPEZ AND SINGER LUIS FONSI. ARTICLE BY FASHION EDITOR PAMELA QUINZI PHOTO CREDITS: RONN VINLUAN – MOMENTO TEMPUS, DANNY CHIN – OMEGA PHOTOSTUDIOS, SIOBHAN FENTON - SOCIALNETWORK.COM Quest’anno la Settimana del Nuoto di Miami 2018 ha visto un’esplosione incredibile di costumi meravigliosi nel design e nei colori indossati da bellissime modelle, provenienti da tutto il mondo. La famosa stilista di moda ed editrice Pamela Quinzi è arrivata da New York il 12 Luglio con un gruppo di fotografi pronti a immortalare ogni momento di questo incredibile evento a South Beach a Miami. Dior è stato lo sponsor ufficiale quest’anno, per tutta la durata delle sfilate alla Fiera di Moda Paraiso. Lo stilista di Miami Luli Fama ha creato una sfilata di moda spettacolare con la sua linea di costumi da mare di lusso e la top model Agueda Lopez è stata l’ospite speciale della sfilata. A vederla in prima fila era seduto suo marito, il famoso cantante Luis Fonsi, che ha fatto la storia con il successone estivo Despacito. Pamela Quinzi ha avuto il grande piacere di parlare con loro al termine della sfilata dietro le quinte. Sono state meravigliose anche le collezioni di Baes e Bikinis, una serie di costumi pret-aporter uniti a un tocco molto sofisticato. Le gonne lunghe nere sono state l’indumento top nelle sfilate di quest’anno. L’hotel W South Beach ha ospitato il casting ufficiale delle modelle per la sfilata di Moda Sportiva al quale hanno partecipato oltre 1500 modelle mozzafiato, in trepidante attesa di essere scelte per la sfilata, che avrebbe avuto luogo alcuni giorni dopo. Molti ospiti e personaggi famosi si sono recati a vedere la sfilata nell’area piscina dell’hotel. Pamela Quinzi ha partecipato all’evento indossando un nuovo paio della sua famosa collezione Scarpe Kilame in linea con il tema della serata: l’emancipazione delle donne. Le collezioni di Agua Bendita e Sinesia Karol sono state un trionfo di stampe e colori. Congratulazioni a tutti gli stilisti per il successo n raggiunto quest’anno alla Settimana del Nuoto di Miami!

This year Miami Swim week 2018 was an amazing explosion of beautiful swimwear designs, colors and beautiful models from all over the world. Celebrity Fashion designer and editor Pamela Quinzi arrived from New York on July 12th with a team of photographers ready to capture every moment of this incredible event in South Beach, Miami. Dior was the official sponsor for the make this year at the Paraiso Fashion Fair for all the runway shows. Luli Fama, Miami designer had a stunning fashion show for her luxury swimwear collection and Top model Agueda Lopez was the special guest of the show, sitting front row her husband, famous latin singer Luis Fonsi who made history with his hit ‘Despacito’. Pamela Quinzi had the great pleasure to chat with theme backstage after the show. Beautiful also the collection of Baes and Bikinis, a mix of ready to wear and swimwear with a very sophisticated touch. Black long skirts were the top pieces of the show this year. The W Hotel South Beach hosted the official casting of models for Sport Illustrated Fashion Show, more than 1,500 breathtaking models attended for a chance to be selected for the show few days later. Many guests and celebrities came to watch the show in the pool area of the hotel. Pamela Quinzi attended the event wearing a new pair of her famous Kilame Shoes Collection embracing the mood of the night: Women empowerment. Agua Bendita and Sinesia Karol collections were a triumph of prints and colors, congratulations to all the designers for a fann tastic wrap for this season of Miami Swim Week!

65


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:26 Pagina 66

COCO&CO

AGUEDA LOPEZ FOR LULI FAMA SHOW PH: RONN VINLUAN – MOMENTO TEMPUS

66

PH: DANNY CHIN – OMEGA PHOTOSTUDIOS

AGUEDA LOPEZ FOR LULI FAMA SHOW PH: RONN VINLUAN – MOMENTO TEMPUS

PH: DANNY CHIN – OMEGA PHOTOSTUDIOS


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:26 Pagina 67

PH: SIOBHAN FENTON – SOCIALNETWORK.COM

67


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:27 Pagina 68

COCO&CO

PH: SIOBHAN FENTON – SOCIALNETWORK.COM

68

AGUEDA LOPEZ AND PAMELA QUINZI PH: RONN VINLUAN – MOMENTO TEMPUS

PH: DAVID BERMAN – SOCIALNETWORK.COM

LUIS FONSI AND PAMELA QUINZI PH: RONN VINLUAN – MOMENTO TEMPUS


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:27 Pagina 69


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:27 Pagina 70

COCO&CO

IL TEMPO DI

JACKIE

IL RAPPORTO CHE LEGA JACQUELINE KENNEDY ONASSIS AI PROPRI OROLOGI È UNA STORIA DI ELEGANZA CHE MERITA DI ESSERE RACCONTATA 70

BY DAVIDE PASSONI DIRETTORE RESPONSABILE GALILEUS EMOZIONI E OROLOGI


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:27 Pagina 71

È strano e affascinante il rapporto che lega le donne all’orologio. Da sempre considerato tipicamente maschile, il mondo dei segnatempo non ha mai cessato di sedurre anche il gentil sesso, seguendo sentieri e logiche non sempre lineari, lontane da quelle che muovono la passione degli uomini per le lancette. All’inizio era la predilezione netta per gli orologi gioiello, nei quali la sostanza tecnica è offuscata spesso da forme e materiali eccelsi. Casse piccole, con indici quasi illeggibili e orologi che diventano sottili bracciali prima ancora che segnatempo. Con l’avvento del quarzo, la forma guadagna ulteriore terreno sulla perizia meccanica: importa che l’orologio sia bello, affascinante, seducente, non ciò che lo muove. Negli anni, però, anche le donne sviluppano una maggiore sensibilità verso la meccanica e l’orologio-gioiello, pur non abdicando dal trono del desiderio di molte di esse, comincia a essere guardato e apprezzato anche per ciò che batte nella cassa preziosa, specialmente se si tratta di movimenti di manifattura. Di pari passo, aumentano le dimensioni delle casse e non è raro incontrare al polso sottile di sofisticate signore dei pezzi dalle misure tipicamente maschili. Segni dei tempi che evolvono, di una parità tra uomo e donna che è più nelle parole che nei fatti ma che, già in passato, era stata incarnata da persone virtuose capaci di segnare la storia. Donne che, guarda caso, avevano un rapporto privilegiato con gli orologi, tanto da far diventare mitici i loro modelli preferiti. È il caso di Jacqueline Kennedy Onassis, che ha legato il proprio nome a due segnatempo divenuti icone a loro volta: il Tank di Cartier e il Piaget con cassa ovale. Ciascuno dei due orologi ha accompagnato i momenti della vita di Jackie accanto ai suoi uomini, ne ha scandito i giorni e segnato l’amore per il bello e il buon gusto.

The relation between women and watches is strange and fascinating. Telltale world has always been considering typically masculine and has never stopped to seduce also women following paths and logics not necessarily coherent, different from which move men’s passion for needles. At first it regarded the inclination for jewel watches in which technical material is often confused by excellent forms and materials. Small watch casings with quite illegible indicators and watches become thin bracelets before being telltales. With the advent of quartz form improves mechanical aspect: the watch needs to be good, charming and desirable, not putting attention only on what moves it. Over the years also women become more attentive to mechanic and jewel-watch, even if they don’t renounce to desire them, they focus themselves on what hit in precious watch casing, expecially if it’s about manufacture. Meanwhile watch casings’ dimensions increase and you can look at sophisticated ladies’ wrist typically masculine watches. It shown changing times, equality between man and woman more in words than in facts, but already in the past it was embodied by virtuous people marked the story. These women had a so special relationship with watches that her favourite models become legendary. It happened to Jacqueline Kennedy Onassis who linked her name to two telltales became icons: Tank of Cartier and Piaget with the oval watchcase. Both of them marked Jackie’s moments in life beside her men, counted the days and gave importance to the nice and good taste.

71


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:28 Pagina 72

COCO&CO

In an epoque when people had to take notice of strict dress code, Jackie Kennedy Onassis embodied free spirit and glamour of the 60s, shaping her style through the link between her innate elegance and and oval watch with the jade case, with diamonds and emeralds set. Fitted out with a soft bracelet with Palace decoration, which reminds the silky texture but structured of natural bark., this gold telltale is the symbol of what will be called the Piaget style. With a display of diamonds accentuated by four set emeralds around the green oval, this model became the favourite watch of Jackie in 1967 and at the same time an icon of style. For this reason it was reacquired by Piaget in 1996 for his own private collection and repurposed at last SIHH in Geneva last January. The history of Tank by Cartier is different, previous of some years compared to Piaget on First Lady’s wrist. Her brotherin-law Prince Stanislaw Radziwill gave her this watch, after they finished the 50 miles of what will have called the Kennedy March, wanted by the President to encourage the Americans doing exercise. It was the 23rd February of 1963 as mentioning on the inscription had been engraved by the Prince on the bottom of telltale: “Stas a Jackie/ 23 February .63/from 2:05 a.m. to 9:35 p.m.”. Jackie had never separated herself from that small watch, so similar to her elegance, confirming an experience and an accord marked her life for ever. Tank was auctioned off by Christie’s at New York last 21st June 2017 for 379.500 dollars. A virtuous woman and her watches, a story of elegance wich lights up a female icon of XX century’s wrist, not only in the n USA.

72

In un’epoca in cui non era permesso prescindere da codici di abbigliamento severi, Jackie Kennedy Onassis incarnò lo spirito libero e il glamour degli Anni ’60, dando un’impronta al proprio stile grazie all’abbinamento tra la sua innata eleganza e un orologio ovale con quadrante in giada, incastonato con diamanti e smeraldi. Dotato di un morbido bracciale con decoro Palace, che ricorda la consistenza setosa ma strutturata della corteccia naturale, questo segnatempo in oro giallo è il simbolo di ciò che sarebbe poi stato riconosciuto come lo stile Piaget. Con un display di diamanti accentuati da quattro smeraldi incastonati intorno al quadrante ovale verde, questo modello divenne l’orologio preferito di Jackie nel 1967 e, contemporaneamente, un’icona di stile. Tanto da essere riacquistato da Piaget nel 1996 per la propria collezione privata e da essere riproposto all’ultimo SIHH di Ginevra, lo scorso gennaio. Diversa la storia del Tank di Cartier, antecedente di qualche anno rispetto al Piaget al polso della First Lady. L’orologio le fu regalato dal cognato, il principe Stanislaw Radziwill, dopo che i due completarono le 50 miglia di quella che sarebbe poi stata chiamata la Kennedy March, voluta dal presidente per involgiare gli americani a compiere attività fisica. Era il 23 febbraio del 1963, come ricorda la dedica fatta incidere dal principe sul fondello del segnatempo: “Stas a Jackie / 23 febbraio. 63 / 2:05 AM to 9:35 PM”. Jackie non si separò mai da quel piccolo orologio, tanto affine alla sua eleganza, a conferma di un’esperienza e di un’amicizia che la segnarono per sempre. Il Tank è stato battuto all’asta da Christie’s, a New York, il 21 giugno 2017 per la cifra di 379.500 dollari. Una donna virtuosa e i suoi orologi, una storia di eleganza che illumina il polso di un’icona femminile del ventesimo secolo, non n solo negli Stati Uniti.


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:29 Pagina 73

73


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:29 Pagina 74

COCO&CO

QUEENS NOBILITY FROM THE PEOPLE, FOR THE PEOPLE BY JOSEPH RALPH FRAIA

The Borough of Queens is experiencing its own peculiar and exciting Renaissance. With avant-garde art, international and ethnic cuisine, gorgeous parks and top sporting events, Queens features attractions to satisfy nearly every palate. Baseball lovers can watch the New York Mets play at Citi Field and, in the complex nearly adjacent, enjoy the US Open host the world’s best tennis players. But in Queens, every day can be an adventure, whether you’re enjoying the delicious Greek cuisine of Astoria or authentic Chinese food in Flushing. Admire inventive art at MoMA PS1 or Socrates Sculpture Park in Long Island City, and indulging yourself in the stunning flora at the Queens Botanical Garden. Queens is New York City’s largest borough in terms of area, but that’s not the only record it claims. It’s also the most culturally diverse, with almost half of its residents hailing from countries outside the US. And thanks to its restaurant scene, craft breweries, and some legendary music history venue, it’s firmly on the radar of Urban Explorers. Other than the iconic sports venues already mentioned, Queens offers some of the most recognizable destinations in New York: Flushing Meadows Corona Park, Queens’ largest park, is home of the Unisphere, and it includes other well-known sights, including the Queens Museum and the New York Hall of Science. Queens Botanical Garden is a 40-acre oasis that spreads its branches among the streets of Flushing: the Rose Garden, the Fragrance Walk, and many other beautifully curated gardens are among the attractions that can be enjoyed completely free from any charge. New World Mall is New York’s largest indoor Asian mall is an impressive food court that offers affordable dishes from nearly every regional cuisine. Try Chinese dumplings, Japanese takoyaki, Malaysian curried noodles, Vietnamese spring rolls, Taiwanese

74

Il Quartiere del Queens sta vivendo il suo peculiare ed eccitante rinascimento. Con arte d'avanguardia, cucina internazionale ed etnica, i magnifici parchi e gli eventi sportivi più importanti, il Queens offre attrazioni per soddisfare quasi tutti i palati. Gli amanti del baseball possono guardare i New York Mets giocare a Citi Field e, nel complesso quasi adiacente, godersi gli US Open che ospitano i migliori giocatori di tennis del mondo. Ma nel Queens, ogni giorno può essere un'avventura, sia che tu stia gustando la deliziosa cucina greca di Astoria o l'autentico cibo cinese a Flushing. Ammira l'arte inventiva al MoMA PS1 o Socrates Sculpture Park a Long Island City e concederti una sbalorditiva vegetazione al Queens Botanical Garden. Il Queens è il più grande distretto di New York City in termini di area, ma non è l'unico record che detiene. È anche il più culturalmente diverso, con quasi la metà dei suoi residenti provenienti da paesi al di fuori degli Stati Uniti. E grazie alla sua scena culinaria, ai birrifici artigianali e ad alcuni leggendari luoghi della storia della musica, è saldamente nel mirino di “Urban Explorer”. Oltre agli iconici luoghi sportivi già citati, il Queens offre alcune delle destinazioni più riconoscibili di New York: Flushing Meadows Corona Park, il parco più grande del Queens, ospita Unisphere, e include altri luoghi famosi, tra cui il Queens Museum e la New York Hall of Science. Il Queens Botanical Garden è un'oasi di 40 acri che diffonde i suoi rami tra le vie di Flushing: il Rose Garden, la Fragrance Walk e molti altri giardini magnificamente curati sono tra le attrazioni che possono essere godute completamente gratuite. New World Mall è il più grande centro commerciale asiatico al coperto di New York è un impressionante food court che offre piatti a prezzi accessibili da quasi ogni cucina regionale. Prova i ravioli cinesi, il takoyaki giapponese, i noodles al curry malesi, gli involtini primavera vietnamiti, il pollo


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:29 Pagina 75

fritto di taiwanese e altre prelibatezze dagli oltre 30 negozi o dall'enorme mercato alimentare del centro commerciale. Il Museo dell'immagine in movimento celebra tutto ciò che riguarda film e televisione. La mostra principale, Behind the Screen, mostra reperti come i costumi di Mrs. Doubtfire, i guantoni da boxe di Toro Scatenato e il fantoccio con la testa girevole de L'Esorcista. Gantry Plaza State Park è il lungomare di Long Island City, ed è un punto di riferimento per le foto dello skyline di Manhattan e l'iconica insegna Pepsi-Cola. Nei fine settimana si svolge LIC Flea & Food, un mercato locale preferito per specialità culinarie e reperti vintage. The Creek and the Cave è perfetto per la tua esperienza dopo cena: è un club che ospita cabaret, improvvisazioni e sketch comici, molti dei quali sono gratuiti. Tra una esibizione e l'altra, prova i flipper o rilassati nella birreria all'aperto nel cortile posteriore. Queens Crossing è il luogo in cui puoi goderti la tua esperienza definitiva di shopping: una struttura a più livelli nel cuore del centro di Flushing, una delle aree urbane più attive e diversificate di New York. Progettato da architetti e ingegneri di fama mondiale, il Thorton Tomasetti Group, Queens Crossing presenta un design architettonico audace ma elegante che esalta l'ambiente urbano. Dietro la sua facciata curvilinea aggraziata, l'edificio contiene 10.000 metri quadrati di spazi commerciali, aree di intrattenimento e sala da pranzo di 3.400 metri quadrati, strutture di comunità a pavimento pieno e condomini per uffici di 13.000 metri quadrati, tutti serviti da 8.000 metri quadrati. di parcheggio. Un visitatore scoprirà negozi specializzati, sia casual che raffinati, e una grande area ristoranti ai piani inferiori dell'edificio. Siamo sicuri di aver già solleticato la tua curiosità. Adesso dipende da te. Hai una buona scusa per prenotare di nuovo un n volo per New York.

fried chicken and other delicacies from the 30-plus vendors or from the mall’s enormous food market. The Museum of the Moving Image celebrates all things film and television. The core exhibition, Behind the Screen, showcases artifacts like costumes from Mrs. Doubtfire, boxing gloves from Raging Bull and the head-spinning puppet from The Exorcist. Gantry Plaza State Park is Long Island City waterfront, and it is a go-to for photos of the Manhattan skyline and the iconic PepsiCola sign. On weekends takes place LIC Flea & Food, a local favorite market for specialty foods and vintage finds. The Creek and the Cave is perfect for your after dinner experience: it is a comedy club that hosts stand-up, improvisations and sketch comedy shows, many of them free to attend. Between gigs, give it a try at the pinball machines or relax in the beer garden in the backyard. Queens Crossing is where you can enjoy your ultimate shopping experience: a state of the art mixed-use development in the heart of downtown Flushing, one of New York City’s most active and most diverse urban areas. Designed by world-renowned architects and engineers, the Thorton Tomasetti Group, Queens Crossing features a bold yet elegant architectural design that enhances its urban surroundings with a distinctive street presence. Behind its graceful curvilinear Façade, the building contains 110,000 sq. ft. of retail space, 37,000 sq. ft. entertainment and dining areas, full floor community facility, and 144,000 sq. ft. office condominiums, all served by 86,000 sq. ft. of valet parking. A visitor to this venue will discover specialty retail stores, both casual and fine dining options, and a large banquet hall at the lower levels of the building. We are sure we have already tickled your curiosity. Now it’s on you. You have a good excuse to book a n flight to New York again.

75


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:07 Pagina 76

DANDY

XIII

ENCUENTRO MOLTO PIÙ CHE UNA FESTA... BY MATTEO TORNIELLI

76


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:07 Pagina 77

77


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:30 Pagina 78

DANDY

Encuentro Amigos de Partagas event has celebrated this year its 13th year and we can not consider it only a party for slow smoke enthusiasts. It would be simplistic and above all would not explain the continued and growing success that every year the event organised in Matelica reaches. Going a little deeper and analyzing the contents according to me a reality made of human relations, friendships and will of sharing a common passion appears and finds in Matelica every year its crucial point. So every year at the first days of July people stack up thousands of kilometres with the excuse of cigars, but in reality they spend some days together, overlooking work, their families and sacrificing their holidays only with the great pleasure to spend some days together. These days stick then in their mind and it’s almost moving how from year to year people say good-bye on Saturday late at night, after the dinner party, meeting-up the year after at next edition of Encuentro. The way to create this alchemy on an event remains a mystery, throughout the country there are many tasting events and almost refined cigar presentations held in rather elegant and exclusive locations, but the magic envelops the event of Matelica is incomparable. A great credit is absolutely of all members of Don Alehandro Robaina Cigar Club of Matelica that every year host the joyful throng came from all over the world as they were a large family. Also the Marche’s town with its ancient charm surely helps creating this unique alchemy, even if it is still insufficient to explain how it’s possible. So we just have to give you a simple advice, you must come to Matelica to live a magic that will surely infect you taking part as thousands of lovers into the joyful throng every year n arrives for the Encuentro.

78

L’Encuentro Amigos de Partagas, giunto alla sua tredicesima edizione, non si può considerare solo una festa dedicata agli amanti del fumo lento. Sarebbe riduttivo e, soprattutto, non spiegherebbe il continuo e crescente successo che, ogni anno, si rinnova attorno alla manifestazione matelicese. Andando un po’ più a fondo e cercando di analizzarne il contenuto appare, a mio modesto parere, una realtà fatta di rapporti umani, di amicizia e di voglia di condividere una passione comune che trova in Matelica il suo punto cruciale ogni anno. Così, ogni anno ai primi di luglio, ci si ritrova, la scusa, certo, è il sigaro, ma la realtà è fatta di persone che fanno migliaia di Kilometri per stare assieme alcuni giorni, trascurano lavoro, famiglie o sacrificano le proprie ferie per passare quei giorni insieme. Giorni che restano poi impressi nella memoria ed è quasi commovente vedere di anno in anno come, il sabato a notte fonda, dopo la cena di gala, ci si saluti certi che, per molti, l’appuntamento sarà da li ad un anno alla prossima edizione dell’Encuentro. Come sia stato possibile creare questa alchimia attorno ad un evento, resta un mistero, su tutto il territorio nazionale certo non si sprecano gli eventi di degustazione, le presentazioni di sigari più o meno ricercate, in location più o meno eleganti ed esclusive, eppure la magia che avvolge l’evento di Matelica resta unica. Sicuramente un grande merito va a tutti i componenti del Cigar Club Don Alehandro Robaina di Matelica che, ogni anno, accolgono la festante invasione che arriva da ogni parte del mondo come solo in una famiglia si fa. Sicuramente anche la cittadina marchigiana, con il suo fascino antico aiuta a creare quest’alchimia particolare, eppure ancora non basta a spiegare come questo davvero sia possibile. Quindi, non resta che darvi un semplice consiglio, venite a Matelica, toccherete con mano una magia e, sicuramente, ne sarete contagiati, divenendo anche Voi, come migliaia di altri appassionati, il festante popolo che ogni anno arriva per l’Encuentro. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:30 Pagina 79

79


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:30 Pagina 80

DANDY

BY NICOLA DI NUNZIO

®

TOSCANO 200 YEARS ANNIVERSARY It is said that one day of 1815, at Tobacco manufacture in Florence, a bag of tobacco kept drying at summer sun was wet by a heavy downfall. With all that tobacco was decided to produce some economic cigars selling them to Florentine people. It was a huge success. The water indeed fermented tobacco giving it a completely “new” taste. So the legend of Tuscan cigar was born which has been produced since 1818, by Ferdinando III’s authorisation and the Sant’Orsola manufacture in Florence (a former convent) was inaugurated, where the cigar was industrially fabricated at large scales. So it was created at the beginning of 800s and with its 200 years of story, Tuscan cigar is inseparable from way and evolution of Italian story. It’s part of culture, style and creativity of Italian manufacture great history and a symbol of Italian lifestyle. At Florentine factories women were not immediately hired. Only after Italy’s unification in 1861 women started to work in thies field. They were piece workers, that is to say they were paid in proportion to packed cigars’ number. A regulation written in 1860 indicated that women could started to work at factory from 14 to 20 years old and working time was established on a case by case by the company’s management according to his needs. In 1885 Tuscan cigars were smoked all over Italy and the demand of them increased, in order to satisfy the great request, production was extended on factories of Sestri Ponente, Modena and Chiaravalle. From 1880 to 1890 Tuscan cigar’s fame reached

80

Si racconta che un giorno del 1815, nella Manifattura tabacchi di Firenze, una partita di tabacco lasciata a essiccare al sole estivo, venne bagnata da un violento acquazzone. Con tutto quel tabacco si decise di produrre dei sigari economici da vendere al popolo di Firenze. Fu subito un grande successo. L’acqua infatti fece fermentare il tabacco dandogli un gusto del tutto “nuovo”. Nasce così la leggenda del sigaro Toscano che dal 1818 entrò regolarmente in produzione, grazie all’autorizzazione di Ferdinando III e venne inaugurata la manifattura di Sant’Orsola a Firenze (un ex convento), dove il sigaro fu prodotto industrialmente in larga scala. Nato quindi agli inizi dell’800, con i suoi 200 anni di storia il sigaro Toscano si lega indissolubilmente al percorso e all’evoluzione della storia italiana. Un elemento della cultura, dello stile e della creatività della grande industria manifatturiera italiana, un simbolo dello stile di vita italiano. Nelle manifatture fiorentine le donne non furono subito impiegate. Solo dopo l’Unità d’Italia, nel 1861, le donne affluiranno in misura crescente alla manifattura. Le sigaraie erano delle lavoratrici a cottimo, ossia venivano pagate in proporzione ai sigari confezionati. Da un regolamento del 1860 si apprende che l’età richiesta per l’ammissione alla fabbrica era, per le donne, dai 14 ai 20 anni e l’orario di lavoro era stabilito di volta in volta dalla direzione secondo le esigenze. Nel 1885 i sigari Toscano sono fumati in ogni parte d’Italia, la domanda cresce e per soddisfare la grande richiesta, la produzione viene estesa nelle fabbriche di Sestri Ponente, Modena e Chiaravalle. Tra il 1880 e il 1890 la popolarità del sigaro Toscano raggiunge uno dei suoi picchi più alti: numerosi e autore-


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:30 Pagina 81

voli personaggi dell’epoca non facevano mistero della loro passione per il sigaro fermentato e questo contribuì ad allargare ulteriormente il pubblico dei consumatori: Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini e Pietro Mascagni erano tutti fumatori, ma soprattutto grandi estimatori, del sigaro Toscano. Fino all’11 Maggio 1927, nei listini era chiamato in forma anonima con il nome di “sigaro fermentato”. Nel 1927 gli fù ufficialmente dato un nuovo nome: “Sigaro Toscano”. Il sigaro fermentato assunse ufficialmente la denominazione di sigaro «Toscano» con Decreto Regio l’11 maggio del 1927: quell’anno la Direzione Generale delle Privative venne trasformata nell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (R.D.L. 2258 del 8-12-1927). Nel 2006 il sigaro Toscano, dopo vari passaggi societari torna ad essere un marchio completamente italiano, grazie all’acquisizione da parte del Gruppo Industriale Maccaferri (guidato dall’omonima famiglia bolognese) della divisione sigaro Toscano da parte di BAT, che nel frattempo aveva deciso di concentrare la produzione sulle sigarette: nasce così Manifatture Sigaro Toscano SpA. Oggi MST è una realtà custode di tradizioni antiche e di un marchio storico come il sigaro Toscano, profondamente radicata nella storia e nel territorio italiano. Manifatture Sigaro Toscano é l’erede di duecento anni di eccellenza italiana, depositaria di un marchio che fa storia a sé. Una realtà che si rinnova ogni giorno e trova nel passato le basi per proiettarsi nel futuro. Nelle Manifatture di Lucca e Cava de’ Tirreni, Manifatture Sigaro Toscano produce una gamma di sigari di qualità per tutte le tipologie di pubblico, destinati al mercato nazionale e all’estero.

one of its highest peak: many eminent personalities of that period didn’t hide their passion for the fermented cigar and this helped further expanding the consuming public: Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini and Pietro Mascagni were all smokers but especially great evaluetors of Tuscan cigar. Until 11 May 1927 it was called anonymously “fermented cigar” in the catalogues. In 1927 it was called in another way: “Tuscan Cigar”. The fermented cigar was ufficially denominated “Tuscan” cigar by the royal decree on 11 May 1927: that year the Direzione Generale delle Privative was transformed in the Government of the Autonomous State Monopolies (R.D.L. 2258 of 8-12-1927). In 2006 the Tuscan cigar, after being managed by many companies, goes back to being a completely Italian brand, for the acquisition of Industrial Group Maccaferri (led by the namesake Bolognese family) of Tuscan cigar division by BAT, which meanwhile focused its industrial production on cigarettes: in this way Manifatture Sigaro Toscano SpA was created. Nowadays MST is a society with ancient traditions and an iconic brand as Tuscan cigar, planted deep on Italian story and territory. Manifatture Sigaro Toscano is the heir of 200 years of Italian excellence and depository of a very historic brand. It reinvents itself every day and finds in its past the basis for the future. At Manifatture of Lucca and Cava De’ Tirreni, Manifatture Sigaro Toscano produces a range of high-quality cigars for all typologies of people directed at national and foreign market.

81


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:08 Pagina 82

DANDY

TOSCANO® cigar by hand: Toscano Originale, Toscano Originale Selected, Toscano Originale Millennium, Toscano del Presidente and Moro. TOSCANO® traditional cigars: Toscano Antica Tradizione, Toscano Antica Riserva, Toscano A.D. 1492, Antico Toscano, Toscano Classico, Toscano Extravecchio and Toscno Granduca di Toscana Cosimo I. TOSCANO® cigar Linea d’Autore: Garibaldi, Soldati, Modigliani. TOSCANO® mezzanine cigars: Toscanello, Toscano Speciale, Toscanello Scelto, Ammezzato Garibaldi, Toscanello aromatised coffee, schnapps, anise, melting chococlate, vanilla-based. Next september there will be news for made by hand lovers, with a new cigar created for the occasion. Tuscan cigar is an example of Italian craftsmanship, an unique cigar which uses only kentucky tobacco, has a full flavour through the particular fermentation technology, has long maturing periods and a irregular truncated-conical shape. Cigars women have been working with the same tobacco, recipe and processing for 200 years, that you can look at Manifacture in Lucca. For almost 130 years, since 1818, the production of cigar was mainly in Florence, but in the following years after Post-war period the “Stortignaccolo” has finally left the Tuscan county seat moving production to Manufactures of Lucca and Cava dei Tirreni. The supervision of production sector is at first place among MST’ commitments: it’s a choice for defense of its product, respect of territory, quality of work and protection of all people take part in production process. The sector of Tuscan cigar is the only one completely Italian, with about 250 tobacco growers concentrated in Valdichiana, Valtiberina, Lazio, Campania and Veneto, 1.800 officers, a receptions center, expertise and tobacco development (Foiano della Chiana) and two factories (Lucca and Cava dei Tirreni). Tobacco is bought also where it was originated, in the USA (Kentucky and Tennessee). The Italy of culture and renewed traditions deserves to be known and appreciated all over the world. It’s the Italy into every Tuscan cigar, proud interpreter of high-quality Made In Italy which MST wants to export in the world, being aware of uniqueness of this product and values it can infuse also out of n across borders.

82

Sigaro TOSCANO® a mano: il Toscano Originale, il Toscano Originale Selected, Il Toscano Originale Millennium, il Toscano del Presidente e il Moro. Sigaro TOSCANO® tradizionale: il Toscano Antica Tradizione, il Toscano Antica Riserva, il Toscano A.D. 1492 l’Antico Toscano, il Toscano Classico, il Toscano Extravecchio e il Toscano Granduca di Toscana Cosimo I. Sigaro TOSCANO® linea d’autore: il Garibaldi, il Soldati, il Modigliani. Sigaro TOSCANO® ammezzato: il Toscanello, il Toscanello Speciale, il Toscanello Scelto, l’Ammezzato Garibaldi, i Toscanello aromatizzati al Caffè, Grappa, Anice, Fondente e Vaniglia. E a Settembre ci saranno novità per gli amanti del fatto a mano, con un nuovo sigaro creato per l’occasione. Il sigaro Toscano è un esempio di artigianalità italiana, un sigaro unico perché usa solo tabacco kentucky, ha un gusto pieno grazie alla particolare tecnica di fermentazione, ha lunghi periodi di stagionatura e una forma irregolare tronco-conica. Da 200 anni stesso tabacco, stessa ricetta, stessa lavorazione da parte delle sigaraie, che è possibile vedere dal vivo nella Manifattura di Lucca. Per quasi 130 anni, a partire dal 1818, la fabbricazione del sigaro si è svolta principalmente a Firenze, ma negli anni successivi al periodo post-bellico, lo “stortignaccolo” ha lasciato definitivamente il capoluogo toscano per trasferire la sua produzione nelle Manifatture di Lucca e Cava dei Tirreni. La supervisione della filiera produttiva è al primo posto negli impegni di MST: una scelta a difesa del proprio prodotto, del rispetto del territorio, della qualità del lavoro e della tutela di tutte le persone che partecipano al processo di produzione. Quella del sigaro Toscano è l’unica filiera tabacchicola interamente italiana, con circa 250 tabacchicoltori concentrati in Valdichiana, Valtiberina, Lazio, Campania e Veneto, 1.800 addetti, un centro di ricevimento, perizia e sviluppo tabacco (Foiano della Chiana) e 2 manifatture (Lucca e Cava dei Tirreni). Il tabacco viene anche acquistato laddove ebbe origine, in America (Kentucky e Tennessee). C’è un’Italia che merita di essere conosciuta e apprezzata in tutto il mondo: è l’Italia della cultura, delle tradizioni rinnovate nel tempo. E’ l’Italia dentro ogni sigaro Toscano, fiero interprete del Made in Italy di qualità che MST vuole esportare nel mondo, certa com’è dell’unicità di questo prodotto e dei valori che sa trasmettere anche fuori dai confini nazionali. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:30 Pagina 83


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:31 Pagina 84

DANDY

BY LUCA PEZZINI

PURO

HABANO NIGHT The “Confraternity of Avana.it Cigars” changes its concept transforming on a real club in the Capital’s territory, without losing its role of reference point out of local borders. This action increases the possibilities to make culture on Avana Cigars organising seminaries, courses and meetings with personalities linked to this passion (know more about it writing to info@sigariavana.it). The announcement was made last Thursday 7th June during the night of early summer hold as usually at Fiumicino by Gina’s in Porto Romano. There were at least 90 cigars enthusiasts came from the Capital and other places in order not to lose the possibility to celebrate Francesco Minetti, the President of CCA, for “Habano Award for Communication” and because he was named “CCA Man of the year” and “Honorary member” of our club. Among them Riccardo Durante, Habanos Specialist and President of Cigar Club of Colleferro; Fabrizio Gulini, President of C.C. Castelli Romani; Massimiliano Rocci with the beautiful Magdalena and the Marquis Salvatore Parisi, surely one of the greatest world experts on Avana Cigars. After an aperitifs with Trento DOC Opera fizz tasting the Bolivar Coronas Junior we had dinner with tasty dishes matched with wines produced by Cantina Casale del Giglio wine cellar and then we smoked Diplomaticos Nr. 2 accompanied by Appleton 12yo rhum. All present received a gift as traditional, a limited edition precious jar (only 130 pieces numbered) with the logo of “Confraternity of Avana.it Cigars” produced by one of most important Florentine handmade factories. Franchesco- as he is called by the Cubans- got an original Lupa Capitolina statue with the writing “FRANCHESCO” MINETTI ITALIAN PRIDE! There were many share times, moments of friendship and party and in conclusion books, Casale del Giglio wines, a bootle of Appleton 21yo up for grabs, and also a Dunhill Cabinetta as first n prize!

84

La “Confraternita di Sigari Avana.it” cambia il suo concept trasformandosi sul territorio della Capitale in un vero e proprio club, senza perdere la sua prerogativa di punto di riferimento al di fuori dei confini locali. Questo per incrementare le occasioni di fare cultura sui Sigari Avana attraverso seminari, corsi ed incontri con le personalità legate a questa passione (per saperne di più: info@sigariavana.it). L’annuncio è stato dato Giovedì 7 Giugno durante la serata d’inizio estate che si è tenuta come di consueto a Fiumicino, da Gina a Porto Romano. Presenti una novantina d’appassionati arrivati dalla Capitale e non solo per non perdere l’occasione di festeggiare Francesco Minetti, Presidente della CCA, per il “Premio Habano per la Comunicazione” oltre ad essere stato nominato “Uomo CCA dell’Anno” e, in quest’occasione, “Socio Onorario” del nostro club. Tra essi Riccardo Durante, Specialista Habanos e Presidente del Cigar Club di Colleferro; Fabrizio Gulini, Presidente del C.C.Castelli Romani; Massimiliano Rocci con la bellissima Magdalena ed il Marchese Salvatore Parisi, sicuramente uno dei massimi esperti mondiali sui Sigari Avana. Dopo un aperitivo a base di bollicine Trento DOC Opera, assaporando il Bolivar Coronas Junior si è passati alla cena con le ottime pietanze abbinate ai vini della Cantina Casale del Giglio e poi si è fumato il Diplomaticos No.2 accompagnato dal rum Appleton 12yo. Come tradizione i presenti hanno ricevuto un cadeau, questa volta si è trattato di una pregiata giara a tiratura limitata (130 pezzi numerati) con il logo della “Confraternita di sigari Avana.it” prodotta da una delle più importanti fabbriche artigianali fiorentine. Franchesco - come lo chiamano i cubani - è stato omaggiato con un’originale Lupa Capitolina recante la scritta “FRANCHESCO” MINETTI ORGOGLIO ITALIANO! Tanto compartir ed amicizia conditi da una buona dose di goliardia e per finire in palio libri, vini Casale del Giglio, una bottiglia di rum Appleton 21yo ed addirittura un Dunhill Cabinetta come primo n premio!


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:31 Pagina 85


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:31 Pagina 86


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:31 Pagina 87

DANDY

XII AMICIGAR L’ELEGANTE BY NICOLA DI NUNZIO

Nei giorni 8-9 e 10 Giugno, nella splendida cornice del lago di Lugano, si è svolta la XII edizione dell’Amicigar “L’Elegante”, in collaborazione con Alain Proietto e Sofia Belfasto de La Casa del Habano di Lugano – Cigar Must. Venerdì 8 dopo un light lunch presso La Casa del Habano ci siamo trasferiti in barca per conoscere il meraviglioso lago di Lugano. Gli ospiti sono stati accolti con un cocktail di Rum Havana Club ed un Hoyo De Monterrey Epicure No.1. La sera presso il ristorante il Lido, dopo un H.Upmann Connossieur No.1, un ricco aperitivo e un’ottima cena, si e’ degustato un H.Upmann No.2 abbinato perfettamente con un grande rum, l’Havana Club 15 años. Sabato 9 presso il ristorante Seven si è svolta l’interessante fumata vintage dove i protagonisti erano l’H.Upmann Monarcas in tubos del 1998 (parte della collezione privata di Alain Proietto e da lui gentilmente offerto) in abbinamento allo Champagne A. Bergere. Ogni partecipante è stato omaggiato di un posacenere commemorativo, di una copia del nuovo Cigar Journal, di una busta Boveda, accendino e tagliasigari Cigar Must e di un posacenere da auto Xikar commemorativo. Quest’anno è stato nominato Hombre AmiCigar Roberto Rodriguez Pardal di Cigarros Manrique. Dopo la foto di rito ci siamo dati appuntamento alla cena di gala, dove gli oltre centodieci partecipanti hanno potuto gustare ottimi piatti, sempre abbinati a grandi sigari.

During the days from June 8th to 10th , in the splendid landscape of Lugano Lake, took place the 12th edition of the Amicigar called this year "L'Elegante", in collaboration with Alain Proietto and Sofia Belfasto of La Casa del Habano Lugano - Cigar Must. Friday 8th after a lunch at La Casa del Habano , we enjoyed a characteristic trip by boat on the lake to appreciate the wonderful lake of Lugano. Guests were greeted with a Rum Havana Club cocktail and an Hoyo de Monterrey Epicure No.1. In the evening at the Lido restaurant, after a H.Upmann Connossieur No.1 accompained with a rich aperitif and after having tasted an excellent dinner too, we have been delighted with an H.Upmann No.2 paired perfectly with a great rum, the Havana Club 15 años. Saturday 9th at the Seven restaurant took place the interesting vintage smoke where the protagonists were the H. Upmann Monarcas in tubos of 1998 (belonging to Alain Proietto private collection and kindly offered by him) in combination with the A. Bergere Champagne. A commemorative ashtray was given to every partecipante with many more surprices like a copy of the new Cigar Journal, a Boveda envelope, Cigar Must cutter and lighter and a commemorative Xikar car ashtray. This year was nominated Hombre AmiCigar Roberto Rodriguez Pardal of Cigarros Manrique. After the ritual photos, we arranged to meet at the gala dinner, where over one hundred and ten participants enjoyed excellent dishes, always paired with great cigars.

87


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 88

DANDY

After paying homage with an Amicigar ashtray in Limited Edition Switzerland partners and some friends, there was a rich raffle with high-value prizes offered by the sponsors Cuervo y Sobrinos, Cigar Must, Intertabak AG, HS Informatica, Henk, Boveda, Montegrappa Italy, Siglo, FreeShop Perfumes & Cosmetics, Havana Club and I-Replace. We look forward to see you next year, again in the month of June at the 13th AmiCigar in the splendid setting of the Amalfi n Coast.

88

Dopo aver omaggiato con un posacenere Amicigar in Edizione Limitata Svizzera i partner e ad alcuni amici, c’è stata la ricca riffa con premi di alto valore messi in palio dagli sponsor Cuervo y Sobrinos, Cigar Must, Intertaback AG, HS Informatica, Henk, Boveda, Montegrappa Italia, Siglo, FreeShop Perfumes & Cosmetics, Havana Club e I-Replace. Vi aspettiamo il prossimo anno, sempre nel mese di Giugno al XIII AmiCigar nella splendida cornice della Costiera Amalfitana. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 89


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 90


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 91

DANDY

BY NICOLA DI NUNZIO

V MOLE DI FUMO 2018

Il 20 e 21 Aprile 2018 si è svolta la V edizione de La Mole di Fumo organizzata dal Puromotivo Torino Cigar Club, in collaborazione con la tabaccheria Riv.1 di Pomati e la tabaccheria Venturello, entrambe di Torino. Nella giornata di Venerdì 20 Aprile, durante l’aperitivo organizzato presso il Castello dei Nove Merli di Piossasco, si è svolta la degustazione del Hoyo de Monterrey Epicure No.2 del 2004, in abbinamento a delle incantevoli bollicine Ferrari Riserva Lunelli 2008. L’abbinamento proposto ha riscosso molti apprezzamenti positivi. La serata è proseguita con una cena a base di prodotti tipici piemontesi e ovviamente non poteva mancare un ottimo puros per concludere al meglio la giornata. Gli ospiti hanno potuto deliziare i loro palati con un Romeo y Julieta Wide Churchill in abbinamento ad un Ron Santiago Añejo.

Last 20 and 21 April 2018 the 5th edition of La Mole di Fumo took place. It was organised by Puromotivo Torino Cigar Club, in collaboration with tobacco shops Riv.1 by Pomati and Venturello, both of Turin. On Friday 20 April Hoyo de Monterrey Epicure No.2 of 2004 cigar tasting in combination with an excellent bottle of Ferrari Riserva Lunelli 2008 wine happened during the cocktail organised at Castello dei Nove Merli castle in Piossasco. This proposed match obtained many positive appreciations. The evening went on with a Piedmontese local dishes dinner and an excellent puros cigar obviously could not miss to conclude better the day. Guests could delight their tooth with a Romeo y Julieta Wide Churchill cigar in combination with a bottle of Ron Santiago Añejo. The magnificent Feudal Castle Ai Nove Merli made the frame

91


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:30 Pagina 92

DANDY

for the clou day of 5th Mole of Fumo, in which the national preview of new Quai D’Orsay No.50 and No.54 cigars was in program. The Vice President. Miguel Angel Eusa Mendia and the Business Manager Stefano Minoia both of the company Diadema S.p.A. were present at the event. During the cocktail a bottle of Quai D’Orsay No.50 was offered to participants and with its elegant and sweet scents was matched with a bottle of Ferrari Maximum wine and a typical cocktail of the centre of Cuba prepared with Ron Cubay Carta Dorata. After having lunch there was new Quai D’Orsay No.54, an original cigar belongs to Habanos S.A., an Edmundo Grueso cigar proposed in combination with a Ron Santiago extra añejo 12 años delighted many guests’ tooth among them Francesco Minetti, who won the prize as “Hombre Habano Comunicación 2017”, Angelo Bigi,the well-known collector and expert of Habanos cigars and the owner of La Casa del Habano in Milan Luca Borla. To conclude in a best way the amazing event an interesting and exclusive tasting reserved to only 25 participants took place. Partagás Serie D No.1 Limited edition 2004 and a Glen Grant Caledonian Selection 1988 57.5% Barrel Cask 51612 cigars were the protagonists. Many newspapers were present to the event: SIGARI, Cigar n Journal and Livein with Matteo Tornielli, too.

92

L’incantevole Castello Feudale Ai Nove Merli ha fatto anche da cornice alla giornata clou della V Mole di Fumo, durante la quale era in programma il lancio in anteprima nazionale dei nuovi Quai D’Orsay No.50 e No.54. Presenti il Vice Presidente di Diadema S.p.A. Miguel Angel Eusa Mendia ed il Responsabile Commerciale di Diadema S.p.A. Stefano Minoia. Durante l’aperitivo è stato offerto il Quai D’Orsay No.50 che, con i suoi eleganti e dolci aromi, ha accompagnato le bollicine Ferrari Maximum e un tipico cocktail del Centro dell’Isla a base di Ron Cubay Carta Dorata. Dopo il pranzo è stata la volta del nuovo Quai D’Orsay No.54, vitola inedita del portafoglio di Habanos S.A., un Edmundo Grueso, proposto in abbinamento ad un Ron Santiago extra añejo 12 años, che ha deliziato i palati dei numerosi ospiti presenti, tra cui Francesco Minetti, Hombre Habano Comunicación 2017, Angelo Bigi, noto collezionista ed esperto di sigari Habanos e Luca Borla, titolare de La Casa del Habano di Milano. Per concludere al meglio il bellissimo evento si è svolta un’interessante ed esclusiva degustazione riservata a soli 25 partecipanti. I protagonisti erano il Partagás Serie D No.1 Edizione Limitata 2004 e un Glen Grant Caledonian Selection 1988 57.5% Barrel Cask 51612. Diverse anche le testate presenti all’evento: SIGARI!, Cigar n Journal e LiveIn con Matteo Tornielli.


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 93


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 94

DANDY

BARBIERE NEL MONDO The barber has not to do with fashion anymore, it’s a real trend which 5 years after its boom, continues to grow. This trend was born in Italy in 2012 with the opening of many barber shops expecially inspired on American barber shop’s style. Two main factors concern this development: the increase of male beauty sector and the need for man to have a space for himself. Today we interview Vincenzo Spina who is managing this trend with great success, one of the founders of Barberia Italiana, a project born in Cremona in 2015 with the opening of the first barber shop followed by others in Brescia, Milan and Bergamo and two in Dubai, in Arab Emirates. Vincenzo, what your project Barberia Italiana comes out of? It’s a project came from with the need to create a place for the modern gentleman, a classical and elegant space where men can have time for themselves with many services: haircut, beard cut, shave, etc. What differentiates Barberia Italiana from other barber shops? At first Barberia Italiana is not a barber shop, but a “grooming lounge” or “gents salon” as foreigners usually call it. In contrast to barber shops where you can receive a fast service, the customer goes to Barberia Italiana because appreciates its attention to detail, the use of high quality products and the presence of skilled staff. Moreover Barberia Italiana focused its attention on Italian traditional barber exporting this concept abroad with great success. How did the passage from Italy to Arab Emirates happen? In 2015 I moved to Arab Emirates for another of my business, the consultation. Living in this highly developed country with a numerous Italian community I felt the need to open a shop of Barberia Italiana also there. In 15 months we opened 2 barber shops and we are planning others, not only in Arab Emirates. Which are next Barberia Italiana’s goals? Nowadays we are in negotiations with big foreign groups in order to evaluate a more extended development. Barberia Italiana’s positioning on Made in Italy makes us an unique reality with infinite n growth opportunities.Stay tuned on www.barberiaitaliana.it

94

Ormai quella del barbiere non è più una moda ma una vera tendenza che dopo 5 anni dal suo boom continua a crescere. Un trend nato in Italia intorno al 2012 e seguito dall’apertura di tanti barber shop, soprattutto ispirati allo stile americano. In realtà questo successo è legato a 2 fattori: la crescita del settore beauty maschile e la necessità per l’uomo di avere uno spazio dedicato a se stesso. Oggi intervistiamo chi questo trend lo sta cavalcando alla grande, Vincenzo Spina, uno dei fondatori di Barberia Italiana, realtà nata nel 2015 a Cremona con l’apertura del primo salone, il cui successo ha portato ad aprire altrettanti saloni sparsi tra Brescia, Milano, Bergamo e addirittura 2 a Dubai, negli Emirati Arabi. Vincenzo, da dove nasce il progetto Barberia Italiana? Nasce dall’esigenza di creare un luogo dedicato al gentleman moderno, un ambiente classico ed elegante dove poterdedicare tempo a se stessi tramite servizi come taglio capelli, barba, rasatura, etc. Che cosa differenzia Barberia Italiana dagli altri barber shop? Innanzitutto Barberia Italiana non è un barber shop ma una “grooming lounge” o “gents salon” come lo definiamo all’estero. A differenza dei barber shop dove si offre un servizio veloce, il cliente che si rivolge a Barberia Italiana apprezza l’attenzione per il dettaglio, l’utilizzo di prodotti di qualità e staff esperto. Inoltre Barberia Italiana ha puntato sulla tradizione del barbiere italiano per essere esportato con successo all’estero grazie a un elemento differenziante unico. Dall’Italia agli Emirati Arabi, come è successo? Nel 2015 mi sono trasferito negli Emirati Arabi per un altro dei miei business, la consulenza. Vivendo in questo paese in grande sviluppo con una numerosa comunità italiana, ho sentito l’esigenza di portare Barberia Italiana anche qui. In 15 mesi abbiamo aperto 2 saloni e ne stiamo programmando altri, non solo negli Emirati Arabi. Quali sono i prossimi obiettivi di Barberia Italiana? Siamo ora in trattativa con grandi gruppi esteri per valutare uno sviluppo ancora più esteso. Il posizionamento di Barberia Italiana sul made in Italy ci rende una realtà unica con possibilità di crescita infin nite. Stay tuned. www.barberiaitaliana.it


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 95


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:33 Pagina 96

DANDY

BENETEAU OCEANIS 46.1 IL NUOVO OCEANIS 46.1 È UN SUPERBO MIGLIORAMENTO DEL BEST SELLER OCEANIS 45 CHE HA AVUTO MOLTO SUCCESSO IN TUTTO IL MONDO

96

BY GIOVANNA REPOSSI


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 97

Un anno dopo il "fenomeno Oceanis 51.1", Beneteau sta ancora facendo una piccola rivoluzione in questa linea trentennale. Il nuovo Oceanis 46.1 è un superbo miglioramento del best seller Oceanis 45 che ha avuto molto successo in tutto il mondo ed è stato premiato nel 2012 con il titolo di "European Yacht of the Year" nella categoria Family Cruiser. Fedele alla reputazione delle barche Oceanis, sarà un piacere viverci a bordo, grazie a una vasta scelta di arredi. Il 46.1 vanta tutte le caratteristiche di un grande yacht senza sacrificare la velocità e la qualità dei suoi interni unici per una barca di queste dimensioni. Non è un caso che l'Oceanis 46.1 sarà presentato in anteprima in Australia, paese di velisti esperti di alto livello. Dopo Sydney ad agosto, questa barca verrà presentata nei principali saloni nautici europei e americani nell'autunno 2018. Cavalcando l'onda del grande successo di questa nuova generazione di Oceanis, il 46.1 condivide con il 51.1, un raro equilibrio tra eleganza, caratteristiche intelligenti, comfort e prestazioni. L'Oceanis 46.1 nasce da un disegno di Finot-Conq, utilizzando lo stesso apprezzatissimo scafo con la forma a 'tulipano' del 51.1. Si tratta di un sviluppo determinante della linea, con una forma che si allarga a prua nell'opera morta, aumentando incredibilmente lo spazio interno senza però alterare le linee d'acqua dell'opera viva e quindi le prestazioni a vela. La grande quantità di spazio sul ponte e all'interno, così come la scelta accurata degli accessori, bene si sposa con lo stile elegante che Nauta Design ha voluto per l'Oceanis 46.1. Il ponte è stato pensato per godere di un pozzetto molto più grande rispetto ad altre barche sul mercato e gli spazi sono sapientemente distribuiti. Il grande tavolo del pozzetto è stato pensato per ospitare fino a otto persone e offre rifugio anche alla zattera di salvataggio. Le ma-

A year after the “Oceanis 51.1 phenomenon”, Beneteau is still creating a small revolution in this 30-yearold line. The new Oceanis 46.1 is a superb progression of the bestselling Oceanis 45, which has been very successful worldwide and was awarded the title of “European Yacht of the Year” in the Family Cruiser category, in 2012. Loyal to the Oceanis yacht’s reputation, she is a joy to live aboard, with a wide choice of fittings. She boasts all the features of a large yacht without sacrificing speed and the quality of her fittings are unbeatable for a boat of this size. It is no coincidence that the Oceanis 46.1 is to be premiered in Australia, a country of seasoned sailors with high standards. Join us in Sydney next August and then at the main European and American boat shows in autumn 2018. Riding on the wave of the current generation’s energetic line, the Oceanis 46.1 shares a rare balance between elegance, clever features, comfort and performance with the 51.1. The Oceanis 46.1 is based on a drawing by Finot-Conq, employing the much-applauded stepped hull of the 51.1. This is a major development of the line, with a shape widening to the bow, freeing up unbelievable interior space without altering the performance under sail. The incredible amount of space on deck and inside, as well as the particularly clever choice of fittings, all in an elegant style by Nauta Design, set the Oceanis 46.1 apart. On deck, the architectural design creates a cockpit that is a great deal larger than on other yachts on the market and the spaces are skilfully distributed. The large cockpit table is designed for up to eight people and also cleverly houses the life raft. Manoeuvres have been made much easier by grouping the winches at the helm, creating a large space to unwind on either side of the companionway – equipped with two elegant reclining sun loungers together with

97


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 98

DANDY

drinks holders. When it is time for a nap, these can easily be lifted and taken to the yacht’s bow to relax there instead. The aft of the Oceanis 46.1 hits the same note of comfort and well-being. A single step separates the cockpit from the huge swim platform, affording easy access to all the pleasures of the sea, much to everyone’s delight. You will also love the plancha grill built into the aft of the helm station, allowing you to cook from the platform or the cockpit. The impressive additional space in favour of comfort and habitability can be seen in all aspects of the interior fittings. Large hull portholes bring lots of natural light right into the heart of the boat, creating depth and elegance in the interior and providing a breathtaking view of the horizon. The interior cabinet work can be customized with a choice between brushed light oak or mahogany, and this can be extended to many of the options. The comfortable owner space features a separate shower and head and is worthy of a much bigger yacht (160 x 205 cm double bed accessible from either side). In the three cabin ver-sion, the guest rooms aft of the companionway are the same size and strikingly bright thanks to a large hull porthole and two deck hatches. The generous ceiling height of these cabins allow a layout with bed heads facing in the same direction as the boat. With a five-cabin offer, two galley layouts (L or lengthwise) and a wide choice of options, the Oceanis 46.1 has everything chartering companies could hope for and is set to become a standard in marinas worldwide.

98

novre vengono facilitate portando tutti i winch vicino al timone, creando un ampio spazio libero su entrambi i lati della tuga vicino alla porta di accesso, dove si trovano due eleganti lettini reclinabili con porta bevande, per il sole ed il relax. All’occorrenza questi possono essere facilmente rimossi e portati a prua. La poppa dell'Oceanis 46.1 offre anch'essa lo stesso livello di comfort e benessere. Un solo gradino separa il pozzetto dall'enorme piattaforma consentendo un facile accesso al mare. Da apprezzare anche la griglia integrata a poppa della timoneria che permette di cucinare dalla piattaforma o dal pozzetto. L'impressionante spazio supplementare a favore del comfort e dell'abitabilità può essere visto in tutti gli aspetti degli accessori interni. I grandi oblò dello scafo portano molta luce naturale nel cuore della barca, garantendo profondità ed eleganza negli interni e offrendo una vista mozzafiato sull'orizzonte. Gli interni possono essere personalizzati scegliendo tra rovere chiaro spazzolato o mogano e questa scelte possono essere estese a molte delle opzioni. Lo spazio dedicato alla cabina armatoriale è degno di una barca molto più grande ed è estremamente confortevole, con un letto matrimoniale da 160 x 205 cm accessibile da entrambi i lati con bagno e doccia separati. Nella versione a tre cabine, le due di poppa sono delle stesse dimensioni e sorprendentemente luminose grazie ad un ampio oblò a scafo e a due osterigi sulla coperta. La generosa altezza di queste cabine consente una disposizione con le testate del letto rivolte verso poppa. Il modello Oceanis 46.1 a cinque cabine, con due differenti layout di cucina (a L o longitudinale) e un'ampia scelta di opzioni, ha tutto ciò che le compagnie di charter possono chiedere ed è destinata a diventare uno standard nei porti turistici di tutto il


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 99

mondo. Progettato per essere accessibile e facile da usare, oltre alle gioie della vita a bordo, l'Oceanis 46.1 offre una maggiore sicurezza per tutti i tipi di equipaggio. Con le sartie diagonali verso l'interno e quelle verticali che arrivano esterne sulla falchetta, si crea molto spazio sui passavanti in coperta. Equipaggiata di serie con randa avvolgibile all'interno dell'albero e di fiocco autovirante, tutte le drizze e le scotte sono riportate a due winch, presenti su entrambe le postazioni dei timoni. Il sistema di governo con doppia pala del timone, offre un maggiore controllo nella navigazione a vela. Oltre a queste caratteristiche principali, i diversi piani di armamento e l'ampia gamma di opzioni consentono di personalizzare ogni barca, in base alle richieste dell'armatore. La versione First Line del nuovo Oceanis 46.1, che riprende la nota linea da regata Beneteau, soddisfa chi predilige la crociera veloce. Con un albero più lungo di un metro, una superficie velica aumentata del 28%, l'attrezzatura di coperta da regata Harken Performa e una bulbo di piombo allungato per ridurre lo scarroccio, questa versione garantirà sensazioni di crociera uniche. Con l'aggiunta delle ruote del timone in composito e di un bompresso per un grande spinnaker, Beneteau ha posto un attenzione maniacale ai dettagli, facendo distinguere questa barca da tutte le altre barche presenti sul mercato. In Beneteau, anche le barche più piccole beneficiano di un grande progresso tecnologico, e l'Oceanis 46.1 non fa eccezione prendendo il meglio del il 51.1, ad un prezzo ancora più conveniente. Dimostrandosi di facile utilizzo e conduzione, è un vero piacere navigare con lei, adattandosi un'ampia gamma di profili diversi di velista. L'Oceanis 46.1 ha lo stile e le prestazioni di una nuova generazione di barche a vela fuori dal comune e per n questo è molto atteso.

Designed to be accessible and easy to use, in addition to the joys of life on board, the Oceanis 46.1 also provides increased safety for all crew types. With internal diagonal shrouds and verticals on the hull side, the split rigging frees a considerable amount of space for movement on deck. Equipped as standard with an inmast furling system and a self-tailing jib, all the halyards and sheets lead back to two winches on either side of the helm station. As for the choice of a twin rudder system with a fibre steering, it gives you greater control under sail. In addition to these main features, the different rigging plans and wide range of options mean that each sailing yacht can be customized to match its owner’s identity. Reminiscent of Beneteau’s well-known racing line, the First Line version offered on the new Oceanis 46.1 will satisfy people who love fast cruising. With a longer mast, by one metre, a sail area increased by 28%, Harken Performa racing deck fittings and a deep lead-bulb keel to reduce drag, this version will guarantee unique cruising sensations. With the addition of a composite steering wheel and a bowsprit for a large spinnaker, Beneteau’s keen eye for detail sets this yacht apart from other boats on the market. At Beneteau, even our smallest boats benefit from major technical progress, and the Oceanis 46.1 is no exception, with the best of the 51.1, which is why we have a reputation for ‘best for value’. While remaining easy to access and easy-going, she is a real pleasure to cruise and can be adapted to a wide range of sailing profiles. The Oceanis 46.1 has the style and performance of an outstanding new generation of sailing yachts and n as such it is eagerly awaited.

99


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 100

GOURMET

100


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 101

CA’ BUSATTI UN ANGOLO DI SIGNORILITÀ NELLA CAMPAGNA TREVIGIANA

EDIT BY MATTEO TORNILLI

Immerso nel verde della campagna di Zero Branco, facilmente raggiungibile in autostrada, si trova il ristorante Ca’ Busatti all’interno del quale si respira un’atmosfera familiare rilassante. Siamo nel 1989 quando lo Chef Bigal Mario Busato, detto Primo, dopo anni di gavetta lavorando presso Alfredo Beltrame a Treviso e nei locali “Cipriani” a Venezia, decide assieme al Maitre d’Hotel Luigi Cadamuro di restaurare la sua villa di campagna, creando un ristorante piccolo ed elegante, a cui darà proprio il nome di Ca’ Busatti. Cuochi esperti, come Antonello Gaston che, guidati da Primo, preparano piatti “fatti in casa” secondo tradizione veneta, usando materie prime locali di elevata qualità, nel rispetto delle stagionalità, aggiungendo un tocco creativo, sviluppato nei loro frequenti viaggi internazionali.

Ca’ Busatti restaurant, easily reachable through highway, is immersed in the green of Zero Branco country and encloses a family and relaxing atmosphere. In 1989 the Chef Bigal Mario Busato, well-known as Primo, after many years of work with Alfredo Beltrame in Treviso and at “Cipriani” restaurants in Venice, decided with the Maitre d’Hotel Luigi Cadamuro restoring his country house in order to create a small and fancy restaurant wich will name Ca’ Busatti Trained chefs, as Antonello Gaston, who led by Primo, cook home-cooked meals according to Venetian tradition, using local high-quality raw materials, in line with seasons, adding a creative touch developed during their frequent international travels.

Ci interessa capire un pò da cosa nasce l’idea di Ca’ Busatti, da quanto tempo esiste e cosa ha rappresentato in questi anni nel territorio dove si trova... Nasce trent’anni fa, ero amico dello chef Primo da quando eravamo bambini. Lavoravo in una fabbrica di confezioni ed ero stanco di andare a lavorare lì. Un giorno mi venne l’idea di creare il ristorante insieme al mio amico Primo. Primo adibì la sua casa a ristorante, assunse alcuni suoi collaboratori di Cipriani, dove lavorava fino a quel momento, e fece alcune esperienze in giro nei locali. Quando tornò mi insegnò quello che aveva imparato e lo misi in pratica. Poi mia figlia Anna durante le superiori iniziò a fare pratica al ristorante e terminati gli studi universitari a Udine si trasferì a lavorare da noi definitivamente. Da quel momento iniziò ad essere molto legata al ristorante.

We would like to understand: “how was the idea of Ca’ Busatti born? how long has it been there and what has represented in these years?” It was born thirty years ago, I have been friend of the chef Primo since we were children. I worked in a clothes-making factory and I was tired to work there. A day I had the idea to create the restaurant with my friend Primo. Primo designated his house as restaurant, hired some collaborators of his at Cipriani, where he worked until that moment and made a few experiences around some restaurants. When he came back taught me what he learnt and I put it into practice. Then my daughter Anna during high school started to practice at restaurant and moved permanently to work with us after finishing her university studies in Udine. Since that moment she had started being very attached to this restaurant.

101


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 10:33 Pagina 102

GOURMET

102


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 103

A differenza di molti locali che ci sono adesso di livello altissimo non avete la mania di seguire la modernità, è come se voi foste dettati dai ritmi del territorio che avete attorno e dalla stagione, come il tagliolino nero oggi, tra un mese un’altra cosa. Si assolutamente ma anche nel modo di allestire le tavole. Non so se è sbagliato o giusto usare una tovaglia piuttosto che un’altra. I clienti ci dicono che hanno la sensazione di essere come a casa ed è quello che noi cerchiamo di dare. I tavoli a disposizione nel ristorante sono 8, per circa 25/27 coperti, che possono aumentare in caso di banchetti per cerimonie.

Different from many high-quality restaurants nowadays haven’t you the mania to follow the modernity, have you? Do you give importance to rhythms of territory surround you and those of season, as black noodles today, next month another dish, don’t you? Yes, that’s true, but also in the way to set up tables. I don’t know if using a tablecloth is right or wrong rather than another one. Customers say they are as at home and we try to offer this experience. The available tables at restaurant are eight, for about 25/27 covers which can increase when there are banquets for ceremonies.

Al di là della stagionalità quanto influisce nel modo di lavorare il territorio dove siete, di fatto siete in mezzo alla campagna trevigiana, con le caratteristiche e i prodotti? Lavoriamo principalmente con la clientela locale, molto probabilmente perché siamo immersi nella campagna. Ci capita di avere alcuni clienti padovani e mestrini che si rifugiano nella nostra oasi. Non abbiamo mai fatto pubblicità di nessun genere, a parte il sito internet, e lavoriamo da sempre con il passaparola. Ho un po’ di rammarico perché qua nel paese Ca’ Busatti è visto erroneamente come un posto di lusso dove si paga tanto e si mangia poco.

Apart from seasons, how much does the territory influence on your working features and products, since you are in Treviso country? We mainly work for local customers, most probably because we are immersed in the country. We often have some Paduan customers and Mestrino ones like resting at our oasis. We had never advertised our restaurant, except for the web site and we already work with word of mouth. I feel a little bit sorry because in our town Ca’ Busatti is considered a fancy place, where you pay off eating little, it doesn’t make any sense.

Quest’idea di tradizione e di casa non è studiata a tavolino, un’idea di marketing, giusto? Rappresenta il vostro modo di essere e di lavorare e penso vi dia grande riscontro con il cliente che viene qui e si sente a casa. Si, noi facciamo parte dell’arredamento, non siamo diversi da quello che presentiamo. Guardando anche il giardino non è costruito, ben laccato, è un giardino ben tenuto ma non lustro.

Isn’t this idea of tradition and home calculated, an idea of marketing, is it? It’s your way and labour ability and I think it’s very appreciated by customer who comes here and feel at home. Yes, we’re part of restaurant fixture, we’re in line with what we present. Also the garden is not artificial and excessive, is a nice but not lustrous garden.

Ma a questo fa da contraltare una cucina di livello altissimo, come dicevo a Valentino il tris di fegati lo trovo un piatto incredibile, nulla da invidiare ad altri piatti stellati, un piatto di qualità e ricerca non comuni. Primo e gli altri cuochi che hanno lavorato con lui hanno sempre fatto ricerca e la continuano a fare.

However your cooking is excellent, as I said to the Chef Valentino the tris of livers is an incredible plate has nothing on other star dishes with its wonderful quality and research. Primo and other chefs worked with him have always did research and keep doing it.

103


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 104

GOURMET

104

Chefs aim at preparing excellent first courses and second plates, without exaggerating with ingredients. For two years we have thought how trasforming dishes but it was a dwindling customer risk. Indeed we have lost 80% of customers testing new dishes and recovering it took a long time, because we’re not in the centre of Milan, but in Zero Branco country. We need to stay classic, revisiting it without overdoing. n

I cuochi puntano a preparare degli ottimi primi e secondi piatti, senza esagerare con gli ingredienti. Per due anni abbiamo pensato di rivoluzionare le pietanze, però questo ha rappresentato un alto fattore di rischio di calo di clientela. Infatti abbiamo perso l’80% della clientela sperimentando e ci è voluto tanto tempo per recuperarla, perché non siamo in centro a Milano, ma nella campagna di Zero Branco. E’ necessario rimanere sul classico rivisitandolo senza portarlo all’eccesso. n

Ca’ Busatti Via Gallese, 26, 31059 Zero Branco TV - www.cabusatti.com

Ca’ Busatti Via Gallese, 26, 31059 Zero Branco TV - www.cabusatti.com


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 105


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:34 Pagina 106

GOURMET

SICILIA

EN PRIMEUR A PALERMO IL RITORNO ALLE ORIGINI BY ALESSANDRA PIUBELLO

In 2004 Sicilia en Primeur starts with its first edition in Palermo. In 2018 after many years around the island, comes back to Palermo, in the year when Palermo is Italian Capital of Culture. A message to reinforce this change: we have come a long way from mafia capital to cultural one. Not without reason Palazzo Belmonte Riso, the seat of Contemporary Art museum, was chosen as location for tasting by Italian and international press. It’s amazing tasting in a room where wardrobes are hung on the ceiling. It was symbolic I chose to sitting down (I didn’t see them while I was occupied on technical preparations and warm reception of great sommeliers to which is due a special praise and credit: we had one among two tasters) under the unique wardrobe with the door opened. It’s a good sign, an opening door on this continent, bond able to spread out multifaceted and intense visions. Witness of 3.000 years of wine history Sicily contains an unlimited varietal biodiversity, with a huge number of local wine grape varieties still not explored. It’s a land which gathers marked differences in a vivid mosaic of expressive and shimmering variety. Therefore from Pantelleria, where African hot wind brushes heroic vineyards (the sapling of Pantelleria is heritage of humanity, we arrive to the Mountain, the giant Etna with its snowcap and vine growing on altitude; or zigzaging aroud the island from the heaps of vineyards with palm trees in Noto or Vittoria to ventilated hilly aereas with vineyards on volcanic soils which surrounds the gem sheltered on the mountain Erice. Different climates and soils from volcanic to calcareous and mixed weaving. Dif-

106

Nel 2004 Sicilia en Primeur inizia con la sua prima edizione a Palermo. Nel 2018 dopo anni itineranti nell’isola, ritorna a Palermo, proprio nell’anno in cui Palermo è Capitale Italiana della Cultura. Un messaggio per rinforzare il cambiamento: da capitale della mafia a capitale della cultura, di strada se n’è fatta. Non a caso come sede delle degustazioni della stampa italiana e internazionale è stato scelto Palazzo Belmonte Riso, sede del Museo di Arte Contemporanea. E’ incredibile fare degustazioni in una sala dove gli armadi sono appesi al soffitto. Simbolico che abbia casualmente scelto di sedermi (non li avevo visti, già assorbita dai preparativi tecnici e dalla calorosa accoglienza dei sommelier, ai quali va una speciale menzione di merito: ne avevamo uno a disposizione ogni due assaggiatori, sono stati eccelsi) sotto l’unico armadio con l’anta aperta. Un buon auspicio, una porta aperta su questo continente vinicolo capace di spalancare visioni sfaccettate ed intense. Testimone di tremila anni di storia vinicola, la Sicilia racchiude un’inesauribile biodiversità che comprende un un alto numero di vitigni autoctoni ancora in parte inesplorati. Una terra che raccoglie in sé diversità spiccate, in un mosaico vivace di cangiante varietà espressiva. Ecco allora che da Pantelleria, dove il caldo vento africano accarezza le eroiche vigne (l’alberello pantesco è Patrimonio dell’Umanità) arriviamo alla Muntagna, il gigante Etna, con la sua cima innevata e i vigneti rampicanti in altitudine; o zigzagando per l’isola, dalle distese di vigne punteggiate di palmenti a Noto o a Vittoria, alle zone collinari ventilate con vigneti su suoli vulcanici che contornano la perla arroccata sul monte, Erice. Climi diversi, suoli differenti, dai vulcanici ai calcarei a quelli di tessitura mista. Ven-


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:35 Pagina 107

demmie diverse: la Sicilia è l’unica regione italiana con ben quattro mesi dedicati alla raccolta, da luglio a ottobre. E quindi, grande varietà nel bicchiere, al di là delle ventitré Doc e una Docg (Cerasuolo di Vittoria). E a proposito di vendemmie, parliamo della 2017, il sesto anno più caldo dal 1800 ad oggi e in assoluto il più secco, con un deficit pluviometrico del -27% che ha messo a dura prova le riserve idriche. Il ricorso all’irrigazione, tuttavia, ha scongiurato grosse perdite. Ascoltiamo cosa ha detto durante il convegno di apertura l’enologo Mattia Filippi: «L’inizio della primavera ha coinciso con un clima fresco. A maggio i valori superiori alla norma hanno permesso un’ottima fioritura. In estate si sono registrate sette ondate di caldo, con temperature anche molto alte, ma senza la presenza dello Scirocco. Questo fatto, insieme all’assenza di pioggia, ha favorito un perfetto stato sanitario delle uve. In autunno le temperature sono state miti, nella norma, garantendo così un’ottima maturazione». Il calo di produzione si attesta intorno al -25% rispetto al 2016, il dato più basso degli ultimi 70 anni, ma in linea con quello nazionale. Ogni anno Sicilia en Primeur ci prepara qualche sorpresa. L’anno scorso ci siamo visti scippare dai Master of Wine (amici di Assovini, ma pensate davvero che MW inglesi, cechi, americani, irlandesi o ciprioti sappiano spiegare meglio i vini siciliani degli esperti italiani?) le master class, quest’anno ecco apparire “Sicily Wine Science Show”, che a parte il nome, è stata un’idea interessantissima. “Un’occasione per fare il punto della situazione - ha sottolineato Alessio Planeta, presidente di Assovini Sicilia - sugli studi e sulle ricerche in campo scientifico, ambiti sempre più indispensabili per essere competitivi sui mercati di tutto il

ferent grape harvests: Sicily is the unique Italian region with four months dedicated to harvest, from July to October. And also, great variety on the glass, other than twenty-three Doc and one Docg (Cerasuolo di Vittoria). Talking about grape harvests we make reference to that of 2017, the sixth hottest from 1800 and driest year, with a lack of rains of -27% put a strain on water supply. The use of irrigation however avoided great losses. Listen to what the wine expert Mattia Filippi said during the conference: “The beginning of spring coincided with a cool weather. On May above normal temperatures allowed a good flowering. In summer seven heat waves were registered, with very high temperatures, but without Scirocco wind. This event and the absence of rains favoured a perfect health status of grapes. In autumn temperatures were pretty fair in the standard ensuring in this an excellent ripening”. The fall in production is about -25% compared to 2016, the lowest data of last 70 years, but in line with national one. Every year Sicily en Primeur sets up for us some surprises. Last year Master of Wine (friends of Assovini, but do you really think you that English, Czech, Americans, Irish or Cypriot MW can explain Sicilian wines better than Italian experts?) swindled us master classes and this year “Sicily Wine Science Show” appears, except for the name is an interesting project. “An opportunity to make a point- the President of Assovini Sicilia association has highlighted- on studies and researches in the field of science, even more essential areas of interests for being competitive on world markets and signs of the will to

107


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:35 Pagina 108

GOURMET

respect environment and glorify our tradiions”. Then Sicily is the first Italian region for biological surface, with an annual growth of 21% and fourth for production. At the communication and press level (wine is well-known) credit should be given to Assovini (which gathers 86 Sicilian small, medium and large wine businesses) for the project of Sicily en Primeur which brings every year on the island hundreds of journalists aimed to discover new and past wine years, to visit wine businesses through wine tours, coming into contact with the extraordinary cultural, artistic, enogastronomic and human heritage this magical land offers. Do you want to know how the degustations were? After 200 wines (410 wines were available of the 53 companies of Assovini took part this year), I made some ideas. For 2017(I tasted only 47 wines of en primeur, very few to express a completed opinion) among them tasting I choose the red ones, Nerelli (Mascalese and Cappuccio), Frappati, also Nero d’Avola wines, because they are fragrant, intense and strong. I don’t remember 2018 year will disappoint us, we are used to excellences of this land (think to 2002 and 2014), considering also the variety offered. Among many years and wine varieties we perceived a constant quality growth. Nerelli Etnei and Carricante wines achieved higher scores (expecially in 2014), but we found good wines also among Catarratto, Grillo (reigned fashion), Zibibbo, Faro, Nero d’Avola (simpler and n fuitier), Perricone and Syrah of different years.

108

mondo, e segnali della volontà di rispettare l’ambiente ed esaltare le nostre tradizioni”. Un altro esempio? La Sicilia è la prima regione in Italia per superficie a biologico, con una crescita del 21% annuale. E’ la quarta regione per produzione. A livello comunicazione e stampa (al di là del vino che parla da solo) va reso merito ad Assovini (che raggruppa 86 aziende vinicole siciliane, di piccole, medie e grandi dimensioni) di aver ideato Sicilia en Primeur, che porta ogni anno nell’isola centinaia di giornalisti per scoprire nuove e vecchie annate, per visitare le aziende vitivinicole attraverso gli enotour, per entrare in contatto con lo straordinario patrimonio culturale, artistico, enogastronomico e umano che questa terra incantata sa offrire. Volete sapere come sono andati gli assaggi? Dopo duecento vini, (in realtà a disposizione ce n’erano 410, tutti delle 53 aziende di Assovini che hanno partecipato quest’anno), qualche idea me la sono fatta. Per il 2017 (di cui ho assaggiato solo i 47 vini dell’en primeur, pochi per esprimersi con compiutezza) fra quelli degustati stranamente scelgo i rossi, i nerelli (mascalese e cappuccio), i frappati, persino i nero d’avola, fragranti, intensi e caratteriali. Non credo che la 2018 ci deluderà, abituati oramai all’eccezionalità di questa terra (pensiamo al 2002 e al 2014), considerando anche la varietà che ci offre. In una carrellata di annate e vitigni, si percepisce una crescita qualitativa costante. I punteggi più alti sono andati ai nerelli etnei (particolarmente nel 2014) e al carricante, ma abbiamo trovato dei calici felici anche fra i catarratto, grillo (la moda dilagante), zibibbo, faro, nero d’avola (che finalmente sono più n snelli e fruttati), perricone e syrah in svariate annate.


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:35 Pagina 109


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:36 Pagina 110

GOURMET BY DONATO ALA

SAPORE DI

TUSCANY DECOLLANO PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO I TUSCANY FOOD AWARDS GLI “OSCAR” DELL’ENOGASTRONOMIA REGIONALE TOSCANA. The nice evening with many guests took place in the former Cavallerizza at Piazzale Verdi in Lucca, an unique location inaugurated for this occasion. We with LiveIn were there to testify the great success of this initiative around Italy. In Food Awards there is much of our magazine, because Donato Ala, our Director of Golf area, is the creator and president of the Association Italy Food Awards, to which Tuscany Food Awards are part of. The evening was very amazing and fast and accompanied by a high-level perfect catering by Scalco of Firenze, the official partner of this event, which through the great professionalism of Sandro Baldi, offered to guests an unique culinary and service experience. The Terracotte’s exposition by Impruneta of Florence and that of the ancient Fornace Mariani MITAL were amazing. Some companies have collaborated with Lo Scalco, as the ancient Norcineria of Garfagnana, the KM 0 cakes of Lazzeroni, Pastificio of Garfagnana which provided real tortellos Lucchesi and high-level wines produced by Fattoria del Cerro, Uggiano and Banfi. All this contributed to make dinner really appreciated by guests. The event took place in the presence of authority figures, like

110

Una serata di grandissimo successo davanti a tantissimi ospiti in una location unica inaugurata per l’occasione e parliamo dell’ex Cavalerizza di Piazzale Verdi a Lucca. Noi di Live eravamo li per testimoniare l’enorme successo che questa formula di Awards sta raccogliendo in giro per l’Italia. Nei Food awards c’è molto della nostra rivista perchè Donato Ala il nostro direttore dell’area golf è l’ideatore e presidente dell’Associazione Italy Food Awards dei quali i Tuscany Food Awards fanno parte. La serata molto piacevole e veloce è stata accompagnata da un catering di altissimo livello curato alla perfezione dallo Scalco di Firenze partner ufficiale dell’evento che attraverso la grande professionalità di Sandro Baldi è riuscito a far provare agli ospiti un’esperienza culinaria e di servizio unica. Spettacolare l’esposizione delle Terrecotte dell’Impruneta di Firenze dell’antica Fornace Mariani MITAL e alcune aziende hanno potuto collaborare con Lo scalco come l’antica Norcineria della Garfagnana o i dolci a KM zero Lazzeroni compreso anche il Pastificio della Garfagnana che ha fornito i veri Tortelli Lucchesi. I vini di alto livello della fattoria della del Cerro, Uggiano e Banfi. Tutto questo ha contribuito a rendere una cena veramente molto apprezzata dagli ospiti. Il tutto alla presenza dell’assessore Regionale all’agricoltura Marco Remaschi, l’Assessore Valentina Mercanti del Comune di Lucca, Antonio De Concilio Direttore Regionale Coldiretti, il direttore di Confcom-


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:38 Pagina 111

mercio Lucca Rodolfo Pasquini e i vertici della Coop sponsor della manifestazione. “Siamo veramente orgogliosi di questo risultato anche grazie a tutte le aziende che si sono iscritte ha dichiarato Donato Ala patron di questa fantastica Kermesse che quest’anno ha visto oltre 152 aziende di eccellenze agroalimentari, “il nostro concorso premia le aziende attraverso i prodotti e non i prodotti specifici ed è questa la vera motivazione che spinge le aziende anche quelle di nicchia a partecipare. I Tuscany Food Awards si preparano già alla prossima edizione e le iscrizioni partiranno già a settembre. Gli awards sono alla terza edizione in Sardegna, alla seconda in Puglia e in Toscana e alla prima in Piemonte e prossimamente in Veneto, nascono con l’obiettivo di individuare, gratificare e premiare le eccellenze enogastronomiche del territorio toscano, nonché il lavoro di chi contribuisce allo sviluppo e alla conoscenza dei singoli prodotti. Divisi per categorie che corrispondono alle produzioni più caratteristiche (Birre artigianali, dolci tipici, formaggi, tartufi, liquori, olio, pane, salumi, vino, conserve e speciali sottovetro) i Tuscany Food Awards vogliono essere un’occasione per riunire in una speciale serata tutti i protagonisti del mondo agroalimentare che contribuiscono a tenere alto il nome della Toscana nel mondo portando sulle tavole prodotti di altissima qualità. La Regione Toscana, Coldiretti Toscana, Confcommercio Lucca e Massa Carrara e la pre-

the Regional Minister for Agriculture Marco Remaschi, the Lucca Councillor Valentina Mercanti, the Regional Director Coldiretti Antonio De Concilio, the Director of Confcommercio Lucca Rodolfo Pasquini and the prominent figures of Coop, sponsor of the event. “We are very proud of this result also thank to all companies have enrolled” said Donato Ala, the patron of this fantastic kermesse achieved this year more than 152 companies of agroindustrial excellences. He went on saying: “our contest rewards firms through their products, not those already wellknown, and this is the real motivation because also nice businesses take part”. Tuscany Food Awards are preparing for the next edition and the registrations start already on September. This occurrence is at third edition in Sardegna, at second in Puglia and Tuscany and at first in Piemonte and soon it repays Veneto, and is created with the aim of identifying, gratifying and rewarding Tuscany culinary excellences and also work of whom gives his contribute in keeping hight the name of Tuscany in the world, carrying on tables high quality products. Tuscany Region, Coldiretti, Confcommercio of Lucca and Massa Carrara and the eminent Accademia dei Georgofili are

111


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:43 Pagina 112

GOURMET

THE WINNER IS... VINI

BIRRA

DOLCI E CICCOLATO

VINCITORE TORRE DELLE ROSE

VINCITORE LA LUPPOLAIA

VINCITORE SLITTI

MENZIONI AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA MP AZIENDA POGGIO SACCHETTO

MENZIONI AZIENDA AGRICOLA SAN GIROLAMO BIRRA CANENERO BIRRA DELL’ELBA

MENZIONI I FORTINI

FORMAGGI

VINCITORE CALUGI

VINCITORE STORICA FATTORIA IL PALAGIACCIO MENZIONI CASEIFICIO SOCIALE DI MANCIANO LA MAREMMANA I TAUFI

PASTA VINCITORE PASTIFICIO MARTELLI MENZIONI FRANTOIO MORO GRANAIO DEI MEDICI PASTIFICIO FABIANELLI PASTIFICIO CHELUCCI IL POGGIO DI TEO PASTA BERTOLI PASTIFICIO LA FIORITA

SALUMI

MENZIONI BOSCOVIVO

VINCITORE AZIENDA IL POGGIOLINO

PANE

MENZIONI SALUMIFICIO LOMBARDI AZIENDA PASSEGGERE

VINCITORI: CONSORZIO DI TUTELA E PROMOZIONE PANE DEL MUGELLO

OLIO VINCITORE AZIENDA AGRICOLA IL MANDORLO MENZIONI ALBERTO MONTIGIANI AGRICOCCINELLA AZIENDA AGRICOLA VERDE OLIVO FRANTOIO GIANCARLO GIANNINI BARCARELLI LA TORRE MICOL CARRARO TENUTE BELLAVISTA INSUENSE

partners of this event, which is sponsored for the first time by COOP, which has started to know regional excellences for much time, also those more hidden. Referees and presidents of jury were selected among great experts in culinary world and they nominated winners of this manifestation tasting their products, respecting frankness and impartiality principles. The jury’s task was rewarding the best Tuscany products, giving them the opportunity to be known among consumers and buyers. The regional awards are all part of the Italy Food Awards Association that next 5/6 November connect in London the great Buyers and Restaurateurs with companies took part in Food Awards and this is only one of the numerous advantan ges the enrolled firms will have.

112

TARTUFI

CONSERVE E SPECIALI SOTTOVETRO VINCITORI ARCENNI AGRICOLA MENZIONI AGRICOLA MASCAGNI MEDITTERRANEA BELFIORE AZIENDA AGRICOLA LA BADIA VECCHIA

stigiosa Accademia dei Georgofili sono patrocinanti della manifestazione che gode della sponsorizzazione per la prima volta da questa edizione della COOP che da tempo sta cercando di conoscere da vicino le eccellenze anche quelle piu’ nascoste della regione. I giudici e i presidenti della giuria, sono stati selezionati tra i massimi esperti nel mondo dell’agroalimentare e attraverso una degustazione alla cieca per garantire il massimo della trasparenza e dell’imparzialità cosi come la loro identità se non per alcuni casi specifici infatti vengono rilevati i nomi dei presidenti. Il compito della giuria è stato quello di premiare le migliori produzioni toscane, dando loro la possibilità di farsi conoscere ai consumatori e ai buyer. Gli awards regionali sono tutti sotto un'unica cappella, l’Associazione Italy Food Awards che il prossimo 5/6 novembre farà incontrare a Londra i maggiori Buyer e Ristoratori alle aziende che avranno partecipato ai Food Awards. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:46 Pagina 113


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:50 Pagina 114

GOURMET BY LUCA BONACINI

LA RINASCITA DELLA

GRAPPA In the novel “A Farewell to Arms” written by Ernest Hemingway in 1929 Italy and Grappa were really mentioned. In those harsh years Grappa flew like a river and the American writer, still not Nobel Prize, talked about it in his memories of Great War, when he served as a young volunteer of Red Cross, telling the endless days of the troops at the frontline, intented on repelling reprisals and earning some metres. It was a precious drink which had a social function, you can read about it in 342 pages of the famous autobiographical novel, not only at trench but also in Milan, when the young character was convalescent after a nasty cut he got saving a fellow soldier. With Strega, Asti and Barbera, Grappa cheered and gave strength to troops placed in defense of national borders, without having, as it was believed, a particular medicinal function, it was a simple energetic and inebriating liquid, a vasodilator in those cold nights brought a nice warm feeling and during the day when soldiers gambled their life placated troops’ spirits. In peace time it has always represented a so pleasant drink for the end of the meal of Italian cooking that has interested also the literary world and become the famous digestif of Giovannino Guareschi, Don Camillo and Peppone and was included in an adventure set in Milan of the secret agent 007, directed by John Pearson in 1973, the prosecutor of Ian Fleming, where it plays the most classical role of a digestif, after a heavy sliced veal shank dinner. From that moment Grappa could free itself from the low-level role played in the past, obtaining appeal and becoming a prestigious spirit as are cognac and whisky, with Italian areas traditionally dedicated to its production and governed according to clear rules and efficient Corsorzi safeguard it. Among them the most eminent Istituto Tutela Grappa in Trentino institute, founded in 1969 nowadays has 30 members among them 20 distillers and a Board composed of businessmen: the President Mirko Scarabello, the vice-president Bruno Pilzer, Luigi Cappelletti, Alessandro Marzadro, Carlo Pezzi, Giuliano Pisoni,

114

C’era tanta Italia nel romanzo Addio alle Armi scritto da Ernest Hemingway nel ’29, e tanta Grappa. Ne scorreva a fiumi in quegli anni duri e lo scrittore americano non ancora Premio Nobel, ne diede conto basandosi sui suoi ricordi della Grande Guerra, quando aveva servito come giovane volontario della Croce Rossa, raccontando le giornate infinite delle truppe al fronte, intente a respingere le rappresaglie e a tentare di guadagnare qualche metro. Una bevanda preziosa che svolse quasi una funzione sociale, che ricorre nelle 342 pagine del famoso romanzo autobiografico, non solo in trincea, ma anche a Milano, quando il giovane protagonista era convalescente, dopo una brutta ferita che si era procurato nel mettere in salvo un commilitone. Insieme allo Strega, all’Asti, al Barbera, la grappa allietò e diede forza alle truppe attestate a difesa dei confini nazionali, pur non avendo, come si credeva, una particolare funzione medicinale, era un semplice liquido energetico e inebriante, un vaso dilatatore che in quelle notti fredde dava una piacevole sensazione di calore e di giorno quando si metteva in gioco la vita, alleviava gli animi delle truppe. In tempo di pace, viceversa, ha sempre rappresentato un godibile fine pasto della tavola italiana, riscuotendo interesse anche dal mondo letterario, tanto da figurare tra i digestivi preferiti da Giovannino Guareschi e inevitabilmente da Don Camillo e Peppone, e da essere inclusa in un’avventura a Milano dell’agente segreto 007, scritta nel ’73 da John Pearson, prosecutore di Ian Fleming, dove assolve il più classico dei ruoli, fungere da digestivo, dopo una robusta cena a base di ossobuco. Da allora tanta strada è stata fatta, e la Grappa ha saputo affrancarsi, dal ruolo di prodotto di basso profilo che aveva in passato, acquistando appeal e diventando un distillato di pregio al pari di cognac e whisky, con zone d’Italia storicamente vocate alla sua produzione, regolate da precisi disciplinari e da efficienti Consorzi di tutela. Tra i più autorevoli l’istituto Tutela Grappa del Trentino, fondato nel 1969, che oggi vanta 30 soci dei quali 20 distillatori, e un consiglio direttivo composto dagli imprenditori: Mirko Scarabello (presidente), Bruno Pilzer (vicepresidente), Luigi Cappelletti, Alessandro Marzadro, Carlo Pezzi, Giuliano Pisoni, Rudy Zeni, Arrigo Pisoni, e Bernardino Poli. La provincia di


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:51 Pagina 115

Trento, oggi distilla il 10% dell’intera produzione italiana, con circa 4 milioni di bottiglie da 70 cl. Ogni anno si lavorano 16 mila tonnellate di vinaccia, attraverso tre tipologie di grappa, quella da uve aromatiche (circa il 40%), quella destinata all’invecchiamento (circa il 35%) e quella da vinacce miste (circa il 25% della produzione), generando un fatturato medio annuo di circa 25 milioni di euro per l’imbottigliato e 4 milioni di euro per quanto riguarda la materia prima, in un mercato nazionale che dispone di 135 distillerie in attività, e circa 500 imbottigliatori, nel quale la Puglia è la regione che ha il maggiore consumo. Il Consorzio svolge una importante funzione di valorizzazione e tutela di una eccellenza tipica unica, originata dalla lavorazione di vinacce esclusivamente trentine, regimentate da severi adempimenti, che rispondono a determinati requisiti territoriali, chimici e sensoriali, a controlli di laboratorio e a commissioni di assaggio, (che continuano a campione anche dopo l’imbottigliamento, quando la grappa arriva sullo scaffale), e se daranno esito positivo, consentiranno di apporre il marchio d’origine e la dicitura “Trentino Grappa”. Un distillato unico parte integrante della tradizione e della cultura italiana, tutelata dal regolamento CEE 110/08 che stabilisce che solo l’acquavite italiana di vinaccia possa chiamarsi “grappa”, e impone che la vinaccia provenga solo da uve prodotte e vinificate in Italia e la distillazione avvenga solo sul territorio nazionale. In una regione verde e montuosa come il Trentino, dalle particolari condizioni pedoclimatiche, difficilmente preda di microrganismi dannosi, si producono vinacce di qualità, con uve Moscato, Müller Thurgau, Traminer, Riesling, Silvaner e Nosiola. La produzione della grappa trentina, avviene prevalentemente in alambicchi discontinui a bagnomaria, un metodo di distillazione oneroso che richiede più tempo, utilizzato solo nel 3% della produzione totale italiana, ma che garantisce una migliore estrazione degli aromi e un prodotto finale di estrema qualità. La grappa si conferma come una realtà produttiva fortemente radicata nel territorio trentino, e una fitta rete di distillerie visitabili, che consentono al neofita o all’esperto di conoscerne la storia, il processo produttivo, e tutti i sen greti. www.grappatrentinadoc.it

Rudy Zeni, Arrigo Pisoni and Bernardino Poli. The Province of Trento nowadays distills the 10% of the full Italian production, with about 4millions of 70cl bottles. Every year 16 thousands tonnes of pomace are worked, throught three typologies of grappa, that of aromatic grapes(about 40%), that for ageing(about 35%) and that of mixed pomaces(about 25% of production), generating an average annual turnover of about €25millions for bottles and €4millions for raw material, in a national market with 135 active distilleries and at least 500 bottlers, amog them Puglia has the greatest consumption. Consorzio plays an important function of enhancement and protection of an unique traditional excellence created processing pomaces only of Trentino, regulated by strict fulfillments and subjected to specific territorial chemical and sensorial requirements, laboratory controls and commissions of taste (which go on by sampling even after the bottling, when grappa comes to shelf) and if they respond positively it will be possible to put mark of origin and the lettering “Trentino Grappa” on the bottles. It’s an unique spirit part of Italian tradition and culture, regulated by CEE 110/08 which establishes only Italian spirit of pomace can called “grappa” and pomace has to come only from Italian produced and vinificated grapes and distillation has to be made only on national territory. In a green and mountainous region like Trentino, with particular soil and climate conditions and improbable subjected to harmful micro-organisms, high quality pomaces are produced with Moscato, Müller Thurgau, Traminer, Riesling, Silvaner e Nosiola grapes. Trentino grappa is mainly produced on irregular still by bain-marie, an onerous method of distillation which takes more time, used for only 3% of Italian total production but that guarantees a better aromas extraction and a high-quality final product. Grappa is a really rooted productive economy in Trentino territory with a dense network of distilleries can be visited which allow to beginner or expert to know its story, the production n process and all its secrets. www.grappatrentinadoc.it.

115


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:53 Pagina 116

GREEN

P E

116


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:53 Pagina 117

IN CITY GOLF

TRENTO 2018

PRESENTED BY ENGEL & VÖLKERS TRENTINO

117


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:54 Pagina 118

GREEN

118


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 15:54 Pagina 119

Se non lo provi, non ci credi. In City Golf è fatto così. E’ il sogno che diventa realtà, l’idea geniale al servizio della fantasia. Prima ti incanta, poi ti avvolge in quell’atmosfera magica di sport, passioni e divertimento, infine ti lascia lì, estasiato e nostalgico, come un bambino che non vede l’ora di tornare a giocare con mazze e palline bianche. Uno swing di 80 metri in Via Belenzani. Un putt tra i palazzi del centro storico di Trento. Un piccolo campo da golf allestito in Piazza Duomo, con il centro della città a osservare incuriosito l’inedito show. A far notizia di “In City Golf presented by Engel & Völkers Trentino“, in programma il 21 e 22 settembre a Trento, è stato il lancio promozionale direttamente dal tetto del Muse (Museo delle Scienze) da parte della golfista professionista Giulia Sergas. Prima di tirare, Giulia Sergas ha colto l’occasione per salutare i presenti prima di dare appuntamento in terrazza del MUSE per il “colpo magico”: “Cercherò di entrare nell’elicottero con una pallina, Curtes mi chiede sempre di fare tiri particolari, complimenti per l’ambientazione e l’idea. Sarà uno scatto che girerà il mondo”. E così è stato, dopo qualche tiro “di prova”, con la Sergas a lanciare la pallina dalla terrazza del MUSE all’interno del portellone aperto dell’elicottero in volo, facendola poi ‘atterrare’ nei pressi della buca sottostante. Kurt Anrather, ideatore dell’evento spiega: “In City Golf è un evento di golf a 18 buche, che prevede green sintetici immerso per tutta la città e 72 giocatori invitati dagli sponsor partner della manifestazione. A settembre 2009 ho sognato di giocare a golf

If you do not try it, you cannot believe it. In City Golf it's like that. It is the dream that becomes reality, the brilliant idea at the service of fantasy. First it enchants you, then wraps you in that magical atmosphere of sport, passion and fun, and finally leaves you there, entranced and nostalgic, like a child who cannot wait to come back to play with clubs and the white ball. An 80-meter swing in Via Belenzani. A putt among the palaces of the historic center of Trento. A small golf course set up in Piazza Duomo, with the city center to observe the unusual show intrigued. To make news of "In City Golf presented by Engel & Völkers Trentino", scheduled for September 21st and 22nd in Trento, was the promotional launch directly from the roof of the MUSE (The Science Museum) by professional golfer Giulia Sergas. Before pulling, Giulia Sergas took the opportunity to greet the audience before setting out on the terrace of the MUSE for the "magic blow": "I will try to get into the helicopter with a golf ball (certainly in PU), Curtes always asks me to do special shots, congratulations for the setting and the idea. It will be a shot that will turn the world ". And so it was, after some shooting "test", with the Sergas to throw the ball from the MUSE terrace inside the open hatchback of the helicopter in flight, making it then 'land' near the green hole below. Kurt Anrather, creator of the event explains: "In City Golf is an 18-hole golf event, which includes synthetic greens immersed throughout the city and 72 players invited by the sponsor partners of the event. In September 2009 I dreamed of playing golf

119


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:11 Pagina 120

in the city center ". From that dream the event has passed from Cortina, Verona, Berlin, EXPO Milan, Florence, Livigno, Vienna and many other locations. In September, it will be up to the capital of Trentino to show off, thanks also to the partnership with APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, continuing to marvel a vintage that smells of history for Trento. But Trento is not the only stage of In City Golf in 2018, says Anrather. The 2nd edition of In City Golf in the Austrian capital, Vienna, took place on 25-26 May. With 18 holes spread across the historic center of Vienna between Burggarten, Volksgarten and in front of the Burgtheater were held in the city's most notable sights. Dr. Peter Enzinger, president of the Austrian Golf Federation (ÖGV), was very pleased with the development of the event: "We have reached many people, who have never been in contact with this fantastic and extraordinary sport ben fore!“ www.incitygolf.com

120

in centro città”. E da quel sogno l’evento è passato da Cortina, Verona, Berlino, EXPO Milano, Firenze, Livigno, Vienna e molte altre location. A settembre toccherà così alla città trentina mettersi in mostra, grazie anche alla partnership con APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, proseguendo a meraviglia un’annata che per Trento profuma di storia. Ma Trento non è l’unica tappa di In City Golf nel 2018, afferma Anrather. Il 25-26 maggio ha già avuto luogo la 2a edizione di In City Golf nella capitale austriaca, Vienna. Con 18 buche sparsi per il centro storico di Vienna che tra Burggarten, Volksgarten e davanti al Burgtheater si sono svolti presso luoghi più notevoli della città. Dr. Peter Enzinger, presidente della Federazione Austriaca Golf (ÖGV), era molto contento dello sviluppo della manifestazione: “Abbiamo raggiunto tantissime persone, che prima non sono mai state in contatto con questo sport fantastico e straordinario!” www.incitygolf.com n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:12 Pagina 121


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:13 Pagina 122

GREEN

EMOZIONI

NELLE DOLOMITI DELL’ALTA VAL DI NON 122


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:14 Pagina 123

IL DOLOMITI GOLF È CONSIDERATO TRA I TRACCIATI PIÙ BELLI E SUGGESTIVI, CIRCONDATO COM'È DALLA BELLEZZA DELLE DOLOMITI DEL BRENTA E DALLA CATENA DELLE MADDALENE Il Dolomiti Golf si trova a Sarnonico, in Alta Val di Non, nel cuore del Trentino Alto-Adige. Ritenuto dal punto di vista tecnico, uno dei più interessanti campi a 18 buche di tutto l’arco alpino, è anche considerato tra i più belli e suggestivi tracciati, circondato com'è dall’incomparabile bellezza delle Dolomiti del Brenta e dalla catena delle Maddalene. Nato negli anni ’80 da un disegno degli architetti Michel Niedbala e Luca Borzaga, il Dolomiti Golf si presenta con fairways ampi e ben curati, green finemente modellati, circondati da profondi bunkers e trasparenti specchi d’acqua dove sovente si scorgono variopinte anatre selvatiche che stazionano con i loro piccoli nei laghetti o anche talvolta aironi cenerini che si alzano in volo. Diciotto buche che occupano un territorio di oltre 55 ettari con quattro buche executive, driving range, due putting green, pitching green e chipping green. Oltre 60 le gare in calendario, alcune incluse in circuiti nazionali e internazionali. Una Club House rinnovata, affidata alla stimata famiglia Pixner di Merano. Il Ristorante, aperto tutti i giorni, dispone di ampie sale rivisitate dove luci e colori hanno trovato spazio e creatività. Rossella, Gerhard e Mimmo ci raccontano il loro viaggio culinario che affonda le radici nella tradizione romana, quella “di borgata”, fino ad arrivare a quella tirolese e trentina. Dalla cacio e pepe alla goulashsuppe, ai gnocchi alla trentina. Una cucina che nasce nella capitale, cresce a Merano e arriva in Val di Non, passando per una sola via dove si incontrano passione e qualità.

Dolomiti Golf is in Sarnonico, in Alta Val di Non, in the centre of Trentino Alto Adige. It is considered, from a technical point of view, one of the most interesting golf club with 18 golf holes of all the entire Alps and one of the nicest and most evocative courses, surrounded by the most fascinating Dolomites of Brenta and the mountain chain of Maddalene. Dolomiti Golf, born during the 80s from a design of the architects Michel Niedbala and Luca Borzaga, has large and well cared fairplays, finely modeled greens surrounded by deep bunkers and transparent pools of water where you can see colourful mallards lie with their baby ducks over the lakes and sometimes ashy herons soar. Eighteen holes occupy a place of more than 55 hectares with four executive holes, driving range, two putting greens, pitching green and chipping green. More than 60 golf competitions are scheduled, some take place on national and international circuits. The esteemed Pixner family of Merano manages the updated Club House. The Restaurant is opened all days and has large rivisited rooms where lights and colours find space and creativity. Rossella, Gerhard and Mimmo tell us their culinary experience of Roman tradition with the famous cheese and pepper dish, the Tyrolese of goulashsuppe and the Trentino with Trentin gnocchi. This cuisine borns in the capital, grows in Merano and comes in Val di Non, passing through an only way where passion and quality live together.

123


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:15 Pagina 124

GREEN

124

It’s a peaceful place where you can relax and find quiet and good hospitality. In the evening you can feel a flavour relaxing harmony beside a red wine glass, in the cool of large terrace. The 7 comfortable rooms of the house represent an oasis of relax in harmony with the surrounding nature and directly over the path of Dolomiti Golf. Because of the nice microclimate during all the golf season (from the middle of March to all November), Dolomiti Golf is the right place for people desire finding a location far away the scorching temperatures of the plain, in the shade of the pine grove, among mountains, relaxing in total freedom. The pleasure of playing golf while the bells ring in the churches of the near small towns, inebriated by the perfume of the wood where you can meet roe deers, hares or small squirrels. Come to feel great emotions! n

Un ambiente sereno dove trovare relax, quiete e piacevole ospitalità. Armonia di gusto da assaporare anche alla sera, davanti ad un calice di vino rosso, nella frescura dell’ampio terrazzo, in un’atmosfera di vero benessere. Dotata di 7 confortevoli stanze, un’oasi di pace, in perfetta sintonia con la natura circostante, direttamente affacciate sul percorso del Dolomiti Golf. Grazie al microclima favorevole durante tutta la stagione golfistica (da metà marzo a tutto novembre), il Dolomiti Golf è meta ideale per chi desidera trovare un ambiente lontano dalle torride temperature della pianura, all’ombra della pineta, tra le montagne, rilassandosi in totale libertà. Il piacere di giocare a golf tra i tocchi delle campane che dalle chiese dei paesi vicini scandiscono il tempo, inebriandosi del profumo del bosco dove non è raro incontrare caprioli, lepri o minuscoli scoiattoli. Tutto questo è emozione. n

DOLOMITI GOLF CLUB - www.dolomitigolf.it Località Centro Sport Verde, 1 - 38011 Seio di Sarnonico (TN) Tel 0463 832698 info@dolomitigolf.it

DOLOMITI GOLF CLUB - www.dolomitigolf.it Località Centro Sport Verde, 1 - 38011 Seio di Sarnonico (TN) Tel 0463 832698 info@dolomitigolf.it


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:15 Pagina 125


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:16 Pagina 126

GREEN

EDIT BY MARIANGELA BONAPARTE

SOLO 126

GIULIA...


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:16 Pagina 127

GIULIA SERGAS, GIOCATRICE DEL TOUR AMERICANO LPGA DAL 2002 E DEL TOUR EUROPEO LET DAL 2000

Ho avuto la fortuna di conoscere Giulia Sergas, golfista di fama internazionale, nel giorno del suo memorabile tiro, attraverso un elicottero, fatto da sopra il tetto del Muse, il museo della città di Trento. Un tiro fatto appositamente per la presentazione di una delle più particolari manifestazioni legate anche al mondo del golf. Da giovanissima, Giulia, inizia la sua avventura nei campi da golf guidata da uno dei maggiori maestri federali, Ezio Pavan. All’inizio probabilmente senza sapere bene come sarebbe andata in futuro, ma arrivando oggi a raccontare le grandi soddisfazioni ottenute negli anni. Giocatrice del tour americano LPGA dal 2002 e del tour europeo LET dal 2000. La passione e la tenacia l’hanno accompagnata durante i tanti viaggi fatti per giocare nei campi più belli e nelle competizioni più importanti come ad esempio US Open, British Open, LPGA Championship, Solheim Cup e non dimentichiamo i giochi olimpici. Professionista di uno sport che ad oggi in Italia è, purtroppo, poco praticato la incontro per farmi raccontare un punto di vista femminile all’interno di uno sport dal sapore insolito per il nostro paese.

I had the pleasure to meet Giulia Sergas, the international golfer, in the day of her memorable shot through an helicopter, realised over the roof of Muse, the museum of Trento. A shot made especially for the presentation of one of the most particular exhibitions linked to golf world, too. Giulia started her adventure on golf clubs when she was very young under the guidance of one of the greatest federal teachers, Ezio Pavan. At first probably she wasn’t aware of what would have happened in the future but nowadays she tells us her great satisfactions achieved during her career. Player of LPGA American Tour from 2002 and of LET European Tour from 2000, passion and perseverance accompanied her during her many travels made for playing at the nicest golf clubs and most important competitions as US Open, British Open, LPGA Championship, Solheim Cup and we have not to forget Olympic Games. Even though she is professional of a sport less unfortunately played nowadays in Italy, I meet her for knowing more about an uncommon sport for our country, from a female point of view.

Come nasce la passione per questo sport? Ricordo che da piccola i miei genitori mi portavo con loro al campo e a differenza di molti altri bambini io avevo la possibilità di rimanere a giocare come volevo. Avevo la libertà di usare al massimo la mia immaginazione. Oggi posso dire che questa è una delle leve che mi ha fatto approcciare a questo sport facendomene innamorare.

How was your passion for this sport born? When I was a child my parents used to bring me with them to golf club and unlike many children, I could play using my immagination as I liked. Today I say that this is one of the reasons helped me to approach to this sport making me loved it.

Quali sono i tornei più significativi vinti durante il tuo percorso golfistico? Se parliamo di livello amatoriale allora il più importante è il titolo di Campionessa Europea. Il mio percosso professionale, invece, l’ho sviluppato negli Stati Uniti. Li ho avuto modo di partecipare alle competizioni più importanti a livello mondiale come ad esempio la US Open dove sono arrivata settima e la Solheim Cup dove, invece, ho vinto.

Which are the most significant tournaments you won during your golf career? At amateur level the most important is the title of European Champion. But I developed my professional career in the USA. There I had the opportunity to take part to the most important competitions at world level, like US Open where I came in seventh and Solheim Cup where instead I won.

Per la tua esperienza, quali sono i cambiamenti che il mondo del golf ha subito negli anni? Una delle fortune del mondo del golf è di aver avuto tra i suoi campioni Annika Sorenstam, considerata la migliore giocatrice della storia

For your experience, how did the golf world change during the years? One among for golf world chances is Annika Sorenstam, regarded as the best golfer of female golf story, for having improved

127


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:17 Pagina 128

GREEN

128

30 records during her career. She achieved 13 titles in a seson. Sorestam quit professional golf in 2008 giving strong improvements. Tiger Woods is another champion and is known as one of the best golfers of all times. We can say high popularity achieved in the USA has represented the driving force for its promotion in the world.

del golf femminile, con trenta record migliorati negli anni. Ha ottenuto tredici titoli in una stagione. La Sorenstam si è ritirata nel 2008 dal professionismo lasciando, però, dei forti miglioramenti. Tiger Woods considerato uno dei migliori golfisti di tutti i tempi. Ecco io credo che si possa dire che la popolarità che questo sport ha avuto negli Stati Uniti sia stato un motore molto forte.

In 2022 Italy will host the Ryder Cup, what do you think about it? This is a great opportunity for our country. We have to understand that hosting the most important sporting event in the world doesn’t mean only promoting it for the week it will take place, but taking advantage from this opportunity to create a new boost for players and clubs and thinking to 2022 not as the beginning but the top of a lasting work.

Nel 2022 l’Italia ospiterà la Ryder Cup, cosa ne pensi? Questa è una grande opportunità per il nostro paese. La cosa da capire è che ospitare l’evento sportivo tra i più importanti al mondo non significa solo promuoverlo per la settimana in cui ci sarà, ma approfittare dell’occasione per dare vita ad un nuovo impulso che coinvolga sia i giocatori che i club in modo che il 2022 non sia l’inizio ma il culmine di un lavoro duraturo.

In Italy golf is still a less played sport. According to your experience on Italian clubs, what has to be changed? This is a million-dollar question not because we have not ideas about it, but the reason is in our country national sport is football for tradition and so for other sports is difficult to take up space.

In Italia il golf resta ancora uno sport poco praticato. Avendo avuto modo di frequentare i campi italiani cosa andrebbe modificato? Queste sono domande da un milione di dollari non perché non ci siano idee in merito ma perché nel nostro paese lo sport nazionale è il calcio e quindi diventa difficile, così, per altri sport recuperare spazio.

For you which rule is difficult to follow during a competition? I believe the answer is self-discipline. If you consider during a competition you put technique, but also passion, mind and heart, you also understand that emotion can pour out in a bad way if it is not controlled.

Quale regola risulta dura da seguire duranti una gara? Io credo sia l’autodisciplina. Se consideri che durante una gara ci metti la tecnica sicuramente ma anche la passione, la testa e il cuore capisci anche che l’emozione è una componente che se non tenuta a bada può sfociare nel modo sbagliato.

Which is the best golf club where you have played and why? Oakmont in Pensylvania hosted the US Open, was an amazing n but very difficult field, I can’t forget it.

Il campo migliore in cui hai giocato e perché Oakmont in Pensylvania ha ospitato gli US Open. Campo meravin glioso ma difficilissimo, non posso dimenticarlo.


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:17 Pagina 129


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:17 Pagina 130

GREEN

RYDER CUP 2022

COSA CAMBIERÀ PER IL TURISMO IN ITALIA? BY DONATO ALA

Golf can influence directly tourism and represent a business sector that gives a continu, also during low season periods, to tourist activities, services and selling of “Made in Italy products”. Golf has not still achieved an adequate level of development in Italy comparable with that of other Countries near our, expecially because of lack of willingness to promote the game of golf and transform it into a business. The first thing to do is outlining accurately procedures and contexts where building new golf clubs and promoting private enterprise to invest his money on this important activity of sports tourism. It’s indeed clear that a golf club drives and supports tourism promotion of an area and related economic activities and benefits for work market are of high dimensions. We have to remember that playing golf is an extraordinary occasion to restructure industrial and agricultural abandoned or low utilisation areas. There are 64 millions golfers in the world (59% live in the USA, 22% in Asia and 16% in Europe) and 94 federations. Tourism linked to golf increases without breaks reaching a percentage per year of +8%. Every year 25 millions of tourists move to play golf and, expecially in Europe the number of players has increased of +108% for recent 15 years and that of golf fields has increased of +75%. In Italy there are more than 180 regulated golf clubs with from 9 to 36 holes’ fields , which are opened during all tourist sea-

130

Il golf è in grado di influenzare direttamente il turismo, e pertanto si può rivelare un settore di business in grado di dare continuità, anche nei periodi di bassa stagione, alle attività turistiche ricettive, ai servizi e alla vendita del «prodotto Made in Italy» in genere. Il golf in Italia non ha ancora raggiunto un adeguato livello di sviluppo, comparabile a quello di altri Paesi a noi vicini, tale situazione è dovuta principalmente alla scarsa volontà di incentivare la pratica del gioco del golf e trasformarla in business. La prima cosa da fare è creare una politica volta a delineare in maniera precisa le procedure e i contesti in cui costruire nuovi campi da gioco e stimolare l’imprenditoria privata, motivandola ad investire in questa importante attività del turismo sportivo. È infatti ormai evidente che la presenza di un campo da golf funge da traino e supporto per la promozione turistica di un’area e l’indotto economico ed i benefici per il mercato del lavoro che ne possono derivare sono di dimensioni notevoli. Ricordiamo inoltre che il gioco del golf rappresenta un’occasione straordinaria per la riconversione di aree industrialmente dismesse, nonché per aree agricole, anch’esse in situazioni di abbandono o di scarso utilizzo. Il panorama attuale conta 64 milioni di golfisti attivi nel mondo (il 59% dei golfisti vive in America, il 22% in Asia e il 16% in Europa) e 94 federazioni. Il turismo legato al golf cresce senza battute d’arresto raggiungendo una percentuale annua di +8%. Ogni anno si muovono nel mondo 25 milioni di turisti per giocare a golf e, in particolare in Europa, l’incremento del numero dei giocatori negli ultimi 15 anni mostra una crescita del +108%, mentre un +75% riguarda l’aumento del numero di campi. In Italia sono oltre 180 i circoli con campi rego-


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:17 Pagina 131

lamentari dalle 9 alle 36 buche, aperti per la maggior parte durante tutta la stagione turistica e 43 gli impianti promozionali che offrono campi dalle 3 alle 9 buche e 59 i campi pratica. La maggior parte dei campi da golf è collocata nel Nord, con la Lombardia al primo posto, seguita dal Piemonte, dall’Emilia Romagna e dal Lazio. Le analisi dell’Osservatorio Nazionale sul turismo mostrano che, nonostante l’Italia non si possa ancora considerare una meta del turismo golfistico, abbia comunque tutte le carte in regola per diventarlo. In Italia, il turista che sceglie il golf spende in media circa 90 euro al giorno (escluse le spese per l’alloggio e per il viaggio), contro i 53,83 euro della spesa media quotidiana dei turisti nel nostro Paese, ed è interessato a fare altri tipi di attività, come ad esempio sfruttare l’offerta gastronomica, effettuare escursioni e shopping. Il giro d’affari in Europa del golf si attesta attorno ai 50miliardi di euro. Attualmente in Italia si aggira intorno ai 350 milioni solo per i ricavi legati alle attività del circolo golfistico. In Paesi come la Spagna e il Portogallo i ricavi legati all’indotto (sviluppo immobiliare, alberghi, vacanze) sono 4/5 volte superiori a quelli legati solo al golf. In Francia il turismo golfistico genera, da solo, un volume d’affari quasi 4 volte superiore a quello italiano, penalizzato dalla scarsità di campi e di strutture turistiche connesse. Inoltre la Spagna con più di 120 campi da golf in Andalusia è riuscita a far riprendere lo sviluppo della più depressa regione del paese. Ogni anno circa 500.000 golfisti stranieri usufruiscono delle locali strutture alberghiere e l’industria del golf in Spagna genera attualmente 3 miliardi di euro, realizzando opportunità di lavoro per circa 200.000 persone. Detto questo, cosa stiamo aspettando? Iniziamo subito a dare valore al tun rismo del golf in Italia!

son and 43 promotional systems offer from 3 to 9 holes’ fields and 59 practise sessions. The biggest part of golf fields are in Northern Italy, in Lombardia at first place, then Piemonte, Emilia Romagna and Lazio. The National Tourist Observatory’s analysis show that even if Italy is not still a golf- tourist destination, can become it. In Italy when the tourist chooses golf spends an average of €90,00 per day (except for costs of accomodation and travel), against €53,83 of average expenditure per day of tourists in our country, and he is interested on doing other kind of activities, as for example eating, go hiking or do shopping. The European golf turnover is about €50billions. Nowadays in Italy is about €350millions only for revenues associated with golf club activities. In countries like Spain and Portugal revenues linked to spin-off (property development, hotels, travels) are up to 4 o 5 times those only of golf. In France golf tourism creates a turnover almost up to 4 times Italian one, penalised by lack of fields and related tourist structures. Moreover Spain with more than 120 golf fields in Andalusia achieved to start again the development of the most backward region of the country. Every year about 500.000 foreign golfers use local hotels and Spanish golf industry produces nowadays € 3billions, creating job opportunities for about 200.000 people. After saying that, what are we waiting for? We have to start n immediately to value Italian golf tourism!

131


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:19 Pagina 132

ARCHIDESIGN

132


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:19 Pagina 133

IZYBEAU “HO CUCITO LA MIA START UP IZYBEAU CON L’AGO IL FILO E L’INNOVAZIONE” BY SILVIA TERRENGHI, ARCHITETTO FAT MAISON

133


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:25 Pagina 134

ARCHIDESIGN

“In your life get the courage not doing what people ask you, but follow your skills maybe you discover them going on, trying to change them. I made a journey into my inner mind, in order to realise a dream with needle, filament and innovation”. Silvia Terrenghi is an atypical architect who starting from Fat maison studio, created ten years ago with her husband Diego Quadrelli in Monza, has reinvented herself as seamstress 5.0 conjugating synthesis of artistic creation on architectural lines with a brand Made in Italy 100% which produces limited edition certificated artistic bags. Izybeau is on the road with experimentation of apparently unusual materials, as fiberglass and handmade leather that meet in a balanced tune on prototype of productive process, nowadays essential to climb the market, expecially digital one with a system of sale exclusively online, mainly directed at foreign markets. It’s at architecture firm Fat maison where Silvia’s workshop is located, in a wonderful liberty of the 20s building, with marmette paving units and wrought iron decorations on Queen Margareth’s style in Monza. We have to rewind the tape on reflecting on the history of Fat maison, which during the years was able to grow until its stabilisation on design world with a classical line, mainly achieving the Arab market. “We were two startuppers students – says Diego Quadrelli, the owner of Fat maisonwith many dreams and we didn’t expected to grow so much in a very complexed historical and economical period, without running away from Italy”.

134

«L’importante nella vita è avere il coraggio di non fare per forza ciò che ti dicono gli altri ma di seguire le proprie attitudini che magari si scoprono strada facendo. Cercando di cambiare. Ho fatto un viaggio interiore per realizzare un sogno con l’ago, il filo e l’innovazione ». Silvia Terrenghi, è un architetto atipico, che partendo dallo studio Fat maison, creato dieci anni fa con il marito Diego Quadrelli a Monza, si è re-invenata come sarta 5.0 coniugando la sintesi della creazione artistica nelle linee architettoniche con un marchio italiano al 100% che produce in edizione limitata e certificata borse d’arte. Izybeau è un on the road con sperimentazioni di materiali apparentemente lontanissimi come la vetro resina e la pelle artigianale pieno fiore che s’incontrano, piacendosi, nella prototipazione del processo di prodotto, oggi indispensabile per scalare il mercato, soprattutto quello digitale con un sistema di vendita esclusivamente on-line, principalmente rivolto ai mercati esteri. E’ nello studio d’architettura Fat maison, che si trova la bottega di Silvia, all’interno di uno splendido palazzo liberty anni 20’ con pavimento in marmette e le decorazioni in ferro battuto in stile Regina Margherita, a Monza. Bisogna riavvolgere il nastro per ripercorrere la storia di Fat maison, che con gli anni è riuscito a crescere fino a consolidarsi nel mondo dell’interior con una linea classica, conquistando principalmente il mercato arabo. «Eravamo due studenti startuppers - dice Diego Quadrelli, owner Fat maison - pieni di sogni e non ci aspettavamo di poter crescere così tanto in un periodo storico -


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:27 Pagina 135

135


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:28 Pagina 136

ARCHIDESIGN

Indeed it’s from the hole of one of glass and wrought iron decò doors the secret of Izybeau comes from: Silvia’s inspiration was born on the sign of Dafne, the daughter with a mythological name which contributes to create an artistic handbag line with an unique piece for each collection. With a flagship: “I believe on return of a humanism brings again the center of attention on manual skill and attention to detail, Italian trademark in the world. In the digital age where everythis is fast and low cost I asked myself if tout court and sartorial method from A to Z nowadays can be some guidelines for other startuppers. I look for the patterns to rediscover the authenticity of gestures have accompanied daily life of many generations, transforming into renowned tailor’s shops. It’s no coincidence that my two sewing machines Singer and Pfaff are of my grandmother, mother and mother-in-law”. It’s a nonconformist warp challenges actively the trend of custom-made, because Izybeau deals with the market again starting from an idea which realises in a pure and symbolic product. Like a contemporary work of art with a must-have known to be really elegant and luxurious. “I feel a bit of nieneteenth-century – concludes Silvia- and I’m lucky to smell the country odors in the city and the perfume of sewing machines. Then if I can test some technological tissues of American surgical suites with buttons clips of my grandmother’s attic is because I take inspiration from my travels and I like looking for essentiality n in each memory”.

136

economico molto complesso, senza scappare dall’Italia ». Infatti è dal pertugio di una delle porte in vetro e ferro battuto decò che esce il segreto di Izybeau: l’ispirazione di Silvia è nata nel segno di Dafne, la bambina dal nome mitologico che contribuisce a creare una linea di borse d’arte con un pezzo unico per ogni collezione. Con un fiore all’occhiello : «Credo al ritorno di un umanesimo che riporta al centro dell’attenzione la manualità e la capacità di dettaglio, marchio di fabbrica italiano nel mondo. Nell’era digitale dove tutto è veloce e low cost, mi sono chiesta se il tout court e il metodo sartoriale dalla A alla Z, possono essere, oggi, delle linee guida per altri startuppers. Cerco le trame per riscoprire l’autenticità dei gesti che hanno accompagnato il quotidiano di intere generazioni, che poi sono sfociate nelle sartorie d’autore. Non è un caso che le mie due macchine da cucire Singer e Pfaff sono di mia nonna, mamma e suocera». Un ordito controcorrente che sfida apertamente la moda del custom-made, perchè Izybeau torna ad affrontare il mercato partendo da una idea che si realizza con un prodotto puro e simbolico. Come un’ opera d’arte quotidiana con un must-have dai forti connotati eleganti e lussuosi. « Mi sento un pò ottocentesca - conclude Silvia - e ho la fortuna di sentire gli odori della campagna in città, il profumo delle macchine da cucire. Poi se posso sperimentare dei tessuti tecnologici delle sale chirurgiche americane con i bottoni clip della soffitta della nonna, è perchè mi ispiro ai viaggi e mi piace cercare l’essenzialità in ogni ricordo». n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:28 Pagina 137

137


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:28 Pagina 138

ARCHIDESIGN

PALAZZO MASCHERONI LISATTI BY VALERIA BACCO

138


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:29 Pagina 139

È “IL” PALAZZO PER ECCELLENZA, CHE, DALL’ABBAINO SUL TIMPANO, DONA UNA SPETTACOLARE VISTA SUL TRAMONTO LAGUNARE. Obelischi di alabastro i tuoi seducenti comignoli torreggianti nel santuario del cielo. Con le sue dita di seta, la brezza accarezza le vetrate ferite dall’arcobaleno: è un trionfo della bellezza senza voce (G. Zennaro). È una bellezza antica, illuminata dal magico gioco di luci e riflessi d’acqua che incorniciano Chioggia, la “piccola Venezia”, con le sue calli, i ponti, i portici e le maestose facciate allineate. L’odore di salsedine, il profumo del tipico pane al cioccolato, le voci che arrivano dalla penombra delle calli, i richiami del mercato del pesce raccontano di sapori del passato e di autentica vita presente. I bragozzi variopinti, le tipiche barche dei pescatori, si cullano sull’acqua del Canal Vena, il canale più pittoresco che attraversa la città da sud a nord.

Your alabaster obelisks your seducing chimneys in the sanctuary of heaven. With its silk fingers, the breeze caresses the stained glass windows wounded by the rainbow: it is a triumph of the silent beauty (G. Zennaro). It is an ancient beauty, illuminated by the the magical lighting effects and water’s reflections that frame Chioggia, the "little Venice", with its streets, bridges, porticos and majestic aligned facades. The smell of saltiness, the scent of the typical chocolate bread, the voices that come from the streets, the calls to come to the fish market tell of ancient flavors and of authentic present life. The colorful bragozzi, the typical fishermen's boats, are rocked by the Canal Vena, the most picturesque canal that crosses town from south to north.

139


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:33 Pagina 140

ARCHIDESIGN

140

A charm that reaches its climax with the ancient white stone of Palazzo Mascheroni that emerges on the rippled surface of the canal. It is "the" palace, which, from the the skylight on the tympanum, gives a spectacular view of the lagoon sunset. A sixteenth-century artwork that tells of a family, of different ages and, at the same time, is the essence of a fascinating territory. The sequence of rooms and halls, the noble floor with red Venetian walls, the marble fireplace, the stables, are typical elements of the historic Venetian residences, but it is the ancient garden that makes this property unique: it enjoys the spell of the sea and the sweet fragrances of the earth. Spaces that are perceived thank to the luminous and at the same time mysterious atmosphere that can be described only with a note of poetic sensibility. A place that smells of history but reveals a potential future too. And with this in mind, Gianni Bacco, founder of Punto Immobiliare, together with his young team, understood that this jewel can be presented for sale only with a touch of dreamy foresight n combined with accuracy and professional experience.

Un fascino che raggiungere il suo climax nell’antica pietra bianca di Palazzo Mascheroni Lisatti che affiora sulla superficie increspata del canale. È “il” palazzo per eccellenza, che, dall’abbaino sul timpano, dona una spettacolare vista sul tramonto lagunare. Un’opera d’arte cinquecentesca che racconta di una famiglia, di epoche diverse e allo stesso tempo è essenza di un territorio affascinante. Il susseguirsi di stanze e saloni, il piano nobile dalle pareti rosso veneziano, il camino in marmo, le scuderie, sono elementi tipici delle dimore veneziane, ma è l’antico giardino a rendere unica questa proprietà che gode dell’incantesimo del mare e delle dolci fragranze della terra. Spazi che si percepiscono assaporandone l’atmosfera luminosa e allo stesso tempo misteriosa che si può descrivere solo con note di poetica sensibilità. Un luogo che profuma di Storia, ma che rivela un potenziale futuro. E in quest’ottica, Gianni Bacco, fondatore di Punto Immobiliare, insieme al suo giovane team, ha compreso che solo con un tocco di sognante lungimiranza combinata al rigore e all’esperienza professionale si può presentare questo gioiello nel mercato immobiliare per la vendita. n

Agenzia Punto Immobiliare, founded in Padua in 1985, deals with consulting and brokerage for the sale, leasing and evaluation of prestigious properties in Padua and throughout Veneto. www.puntoimmobiliare.it

Agenzia Punto Immobiliare, fondata a Padova nel 1985, si occupa di consulenza e intermediazione per la vendita, la locazione e la valutazione di immobili di pregio a Padova e in tutto il Veneto. www.puntoimmobiliare.it


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:33 Pagina 141


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:34 Pagina 142

ARCHIDESIGN

BY MARCELLA LANIVI

IL SENSO DEL SUONO PER IL DESIGN 142


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:43 Pagina 143

Il design di un oggetto è prima di tutto un piacere della vista, la nostra prima forma di conoscenza, spesso seguito dal tatto guidato da sempre da un gesto intuitivo, poi interviene l’olfatto, ha un suo ruolo importante perchè preserva la memoria della materia, ma per ora, concentriamoci sull’udito. Quando si parla di suono, si pensa subito alla musica, al piacere di ascoltare una melodia, LVB Acoustic fa di più, si inoltra nel comfort acustico, quello che deriva da un ambiente senza riverbero. Il riverbero, in parole molto semplici, è il tempo che serve ad un suono per non essere più udito, si misura in secondi e dipende dalla geometria dell’ambiente e dai materiali che lo compongono, più è lungo meno saranno piacevoli le conversazioni, sarà complicato capirsi e la permanenza in una stanza sarà sicuramente meno piacevole, se

The design of an object is first of all a viewing pleasure, our first form of knowledge often followed by touch always guided by an intuitive gesture, then smell comes with its important role to maintain the memory of matter, but now let’s focus on hearing. When we speak about sound we usually think to music, to the pleasure of listening to a melody , LVB acoustic creates more, ventures into an acoustic comfort, that evolves in a place without repercussion. Repercussion in simple words is the time employed by a sound to not be heard anymore, is measured in seconds and depends on geometry of space and materials composed it, more is long less pleasant will be conversations, it will be difficult to understand other people and staying in a room will be less nice, if we consider a working space where we usually spend half the day ,the need of

143


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:44 Pagina 144

ARCHIDESIGN

hearing without noises is fundamental. Think to be at restaurant an evening and you’re having a good dinner and conversing agreeably, visualize the same situation but with a noise on background which makes incomprehensible almost every word and forces to heighten the tone or limit the conversation to the neighbour of chair. Suddenly the evening will not be remembered as pleasant. Also food will not be recalled in the same way, or the company for the nice laughs. You might remember only inconvenience and the effort made to share two words with other guests. Ambiente Ufficio is the company created the range of products Lvb Acoustic, because it became aware that in even more compressed spaces, often built with minimal materials, according to contemporary trends, the topic of repercussion used to happen frequently. Right now these panels and furnitures thought with high-level design aesthetic and finishings have provided to designers and customers an effective tool in order to stemming this event. An integrated design in planning of spaces of residential or public use, like conference rooms, auditoriums, restaurants and hotels, which is custom-made on design and production, in line with their designers’ ideas or in collaboration with architects or famous designers as Fabio Novembre and leading companies, as CocaCola Company or Lamborghini, which had the pleasure to try and appreciate Lvb Acoustics products in their projects. But they have not stopped here. Always putting on center of attention comfort and design conceived, in collaboration with some designers, panels with direct and indirect lights, fitted with LED white or with RGB nuances lights frames wall washing managed remotely, which are able to give new dephts to the meaning of comfort wrapping consumers in an user experience related to place and feelings never really used before. There are solutions with integrated loudspeakers inspired by contemporary geometrical forms and attractive design, but easy to integrate with a modern planning and personalized printings, but the real news relates the most connected sense with our brain, the smell for which were designed distribution systems of patented fragrances. Reawakening a sense after the other, we have only to wait: maybe n we can discover the sixth..

144

poi parliamo di un ambiente di lavoro nel quale trascorriamo metà della nostra giornata, l’esigenza di sentire senza fastidi diventa basilare. Pensate una sera in un ristorante mangiando del buon cibo e parlando piacevolmente. Immaginate la stessa situazione con un brusio di fondo che rende incomprensibile quasi ogni parola, e costringe ad alzare il tono o limitare la conversazione al vicino di sedia. Improvvisamente la serata non sarà più ricordata come piacevole. Anche il cibo non sarà ricordato allo stesso modo, o la compagnia per le belle risate. Ricorderete solo il fastidio e la fatica fatta per scambiare due parole. Ambiente Ufficio l’azienda che ha creato la gamma di prodotti Lvb Acoustic, si è accorta che negli ambienti sempre più compressi, spesso costruiti con materiali minimal dettati dalle tendenze contemporanee il tema del riverbero si presentava in maniera sempre più pesante. Da subito questi pannelli e arredi pensati con un’estetica di design e con finiture di alto livello, hanno fornito ai progettisti e ai clienti uno strumento efficace per arginare questo fenomeno. Un design integrato nella progettazione degli ambienti, siano essi ad uso residenziale o pubblici, come sale riunioni, auditorium, ristoranti e hotel, che viene ideato e prodotto su misura su idee dei loro progettisti o in collaborazione con architetti o designer di fama come Fabio Novembre, e aziende leader come CocaCola Company o Lamborghini, che hanno avuto modo di provare ed apprezzare i prodotti LvB Acoustics nei loro progetti. Ma non si sono fermati qui. Mettendo sempre al centro dell'attenzione il comfort e il design hanno concepito, in collaborazione con alcuni designer, pannelli con luci dirette e indirette, completate da cornici di luci LED wall washing, bianche o con sfumature RGB gestibili da remoto, danno profondità nuove al senso di comfort, avvolgendo gli utenti in una user experience legata al luogo e ai sensi mai fino ad ora così ampiamente sfruttata. Esistono soluzioni con casse acustiche integrate spirati da forme geometriche contemporanee e dal design accattivante, ma facili da integrare con una progettazione moderna, e con stampe personalizzate, ma la vera novità coinvolge il senso più connesso con il cervello, l’olfatto per cui sono stati ideati sistemi di diffusione di fragranze brevettati. Lasciando risvegliare un senso dopo l’altro, non ci resta che attendere: chissà non si arrivi a scoprire anche il sesto… n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:44 Pagina 145


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:47 Pagina 146

ARCHIDESIGN

BY MAURIZIO SIGNORINI WWW.SIGNORINIARCHITETTO.COM

IL DESIGN DELLA LEGGEREZZA Complicate is easy.. simplify is a sign of intelligence. How can we do it? We can think to art with the amazement of a child and live the charm of forms, using science, knowledge and magic. We have to learn doing something: in this way the user can go in and seize of creative techniques, learning new skills for having the capacity to reinvent, as it’s underlined on “Da cosa nasce cosa” realised on 1981. Bruno Munari (1907-1998) was not only a great designer but also the inventor of laboratories to do for children. In these laboratories children learnt to display images of light, through slides containing small materials, like leaves, strings, wool and feathers, etc.. Falkland lamp was realised in 1964 using a link of elastic tubular filanca which takes shape inserting some metal rings of different diameter. Munari was a painter, sculptor, graphic designer, editor, writer, management consultant and publicist. Milan has always made the background of his life. Forchette Parlanti are usual bended and warped stainless-steel pieces of silverware, which don’t be needed for its function, but can speak and express themselves. They can use to play, provoque and replace common with magic, always concerning to the fantastic world of children. He has always loved working and creating things for children, because of their lack of complicated superstructures which condition adult people. He is among the founders of MAC, Movimento Arte Concreta. In 1948 at Libreria Salto in Milan the first exhibition of artists Dorfles, Fontana, Sottsass, Soldati, Veronesi and Munari took place. He invented the Sculture da viaggio, foldable and light sculptures, easy to put on suitcase and carry with ourselves when we travel, because create for everyone a reference point with our cultural world at anonymous hotel rooms. Picasso defined him the contemporary Leonardo Da Vinci. We think a clause said by Confucio is perfect to describe him: “If I listen to I forget, if I look I n remeber, if I do understand”.

146

Complicare è facile....la semplificazione è il segno dell'intelligenza. Come? Pensare all'arte con lo stupore del bambino, vivere l'incantesimo delle forme e dei colori; utilizzando scienza, conoscenza, magia. Apprendere attraverso il fare: il fruitore può così entrare e impossessarsi delle tecniche creative, acquisendo nuove competenze per possedere la capacità di reinventare, come si evidenzia in “Da cosa nasce cosa” del 1981. Bruno Munari (1907-1998) è stato non solo un grande designer, ma anche l'inventore dei laboratori del fare per i bambini. La proiezione di immagini di luce, attraverso vetrini contenenti piccoli materiali quali foglie, fili, lana, piume, etc.... Lampada Falkland del 1964. Usa una maglia in filanca tubolare elastica che prende forma mediante l'inserimento di alcuni anelli metallici di diametro differente. Pittore, scultore, grafico, editore, scrittore, consulente aziendale, pubblicitario. E Milano sempre sullo sfondo. Forchette Parlanti: normali posate in acciaio inox piegate e deformate, che non servono per la loro funzione, ma che sono in grado di parlare e di esprimersi. Per giocare, provocare, sostituire il banale con il magico, sempre riferendosi al mondo fantastico dei più piccoli. Ama lavorare e creare per i bambini, perché privi di quelle sovrastrutture complicate che condizionano gli adulti. E' tra gli inventori del MAC, Movimento Arte Concreta. Nel 1948 alla Libreria Salto di Milano la prima mostra di artisti tra i quali Dorfles, Fontana, Sottsass, Soldati, Veronesi e appunto Munari. Inventa le Sculture da viaggio, sculture pieghevoli e leggere, da mettere in valigia e portare con sé quando si viaggia, perché creino ad ognuno, nelle anonime stanze d'albergo, un punto di riferimento con il proprio mondo culturale. Picasso lo ha definito il Leonardo da Vinci contemporaneo. Una frase attribuita a Confucio che Munari ha fatto sua mi sembra perfetta: se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:47 Pagina 147


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:49 Pagina 148

ARCHIDESIGN BY ALESSANDRO BYTHER DA NEW YORK PHOTO BY SUKWOO LEE E BONGKYU SONG

LA MOSTRUOSA

DELTA S4 I’ve been wanting to write for a long time now about this extraordinary car produced by Lancia back in the eighties. Lancia (from Vincenzo Lancia 1906) Delta (from the greek alphabet) S (because it’s Supercharged) 4 (stands for four wheel drive) was conceived due to the necessity for Martini Racing to beat the arch rivals Peugeot and Audi in the 1985 World Rally Championship. This started a legendary group of people headed by chief engineer Lombardi together with the Abarth staff Limone, Pianta, Fiorio and a formidable driver in Toivonen. All together they were able to debut this special vehicle in the Group B rally with performances never reached previously in automotive history. The infamous Group B competition was notoriously scary. The same drivers were concerned about their own safety and that of the public watching alongside the winding roads. Nevertheless the show had to go on and in ’85 and ’86 the S4 was the car to beat. I could go on writing for hours regarding the feats that Cesare Fiorio and his staff went through. All the stories regarding the drivers that were able to tame this 500 horsepower ‘monster’. The real reason why I decided to dedicate this design issue to this car is because there are times, historically, unintentionally, a series of circumstances and people come together to create a project so special, maybe to the eyes of the common person might seem ugly or at least unattractive, that in reality turns out to be the closes thing to perfection. The S4 wasn’t sculpted from clay by expert car designers to verify correct proportions, the golden section or marketing appeal. Lancia had to produce 200 road legal versions for homologation reasons in order to participate in the rally competitions. The S4 was born in complete reverse order to ordinary cars. From the very beginning with the 1,8 litter tri-flux supercharged mid-engine mounted on a tubular welded chassis and covered by a modular bodywork, making everything easily accessible. When I think of this today it still gives me goosebumps. Therefore this group of specialists had to improvise themselves as ‘designers’ and put together a body that would be able to encapsulate this moving laboratory and all of its contraptions to obtain the best performance possible. This is the reason why I’m convinced that this was the result of pure chance, or better off, the highest involuntary expression of Italian engineering. I have recently bought the book published by La Bottega dell’Immagine titled ‘Delta the Legend’ and found it extremely useful in understanding the golden years of Lancia and how they changed the automotive industry for the models that came afterwards. As I was doing my researches online I came across a website with one of these 46 models left worldwide of S4 for sale (https://www.petrology.co/lancia-delta-s4-stradale). It should be in a design museum and I dedicate this thought to my dear friend Ramin who still believes the best n car in history is the Lamborghini Miura!

148

E’ da tempo che avrei voluto scrivere in merito a questo straordinario modello di vettura prodotta da Lancia negli ormai lontani anni ottanta. Lancia (da Vincenzo Lancia 1906) Delta (dall’alfabeto greco) S (perche’ Sovralimentata) 4 (per le ruote motrici) e’ nata dalla necessita’ per il gruppo Martini Racing di battere le rivali Peugeot e Audi nel campionato del mondo Rally nel 1985. Fu cosi che l’ingegnere Lombardi coadiuvato dallo staff Abarth con Limone, Pianta, Fiorio e un formidabile pilota di nome Toivonen riuscirono nell’impresa di far debuttare questa vettura all’interno del Gruppo B con delle prestazioni mai ottenute prima nella storia automobilistica. Il famigerato Gruppo B rallyistico faceva veramente paura. I piloti stessi erano titubanti riguardo la sicurezza ed incolumità personale e del pubblico. Cio’ nonostante il campionati dell’85 e ’86 si disputarono comunque con la vettura S4 a far da regina. Potrei scrivere per ore riguardo le gesta del gruppo spinto da Cesare Fiorio. Delle imprese dei piloti che gestivano questo ‘mostro’ da 500 cavalli ma il vero motivo per cui ho voluto inserire questa vettura nella rubrica dedicata al design e’ per esemplificare come, a volte, senza nemmeno volerlo, una serie di circostanze e persone riescono a realizzare un oggetto talmente particolare, forse agli occhi delle persone non appassionate, addirittura brutto o perlomeno, sgraziato che in realtà rivela un disegno che rasenta la perfezione. La S4 non e’ stata scolpita in creta da modellisti per verificare le proporzioni, la sezione aurea o per vendere al pubblico. Lancia fu costretta a realizzare 200 esemplari stradali per poter omologare il progetto per le competizioni. La S4 nacque al contrario rispetto a qualsiasi altra vettura. Dal principio del motore tri-flux da 1,8 litri sovralimentato, montato su telaio di tubolari che costituiva lo chassis ed in fine, una carrozzeria modulare facilmente scomponibile. A pensarci oggi mi vengono i brividi. Quindi questo gruppo di specialisti si sono dovuti improvvisare “designers” per dare un aspetto, un involucro all’insieme di sperimentazioni e marchingegni montati insieme per ottenere le migliori prestazioni possibili. E’ per questo che sono convinto che il risultato estetico e’ stato frutto del caso, o meglio, il risultato involontario della massima espressione ingegneristica. Di recente ho acquistato il libro ‘Delta The Legend’ edito da La Bottega dell’Immagine il quale entra nei dettagli di tutta l’epoca Lancia Delta, gli anni d’oro e quanto questo modello di vettura abbia cambiato lo scenario delle vetture che seguirono. Mentre facevo le mie ricerche online ho incrociato un sito che ha promosso di recente la vendita di un esemplare dei 46 rimasti al mondo (https://www.petrology.co/lancia-delta-s4-stradale). Questa e’ un opera degna di rimanere esposta permanentemente nel Museo del Design a Milano. n


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:50 Pagina 149


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:51 Pagina 150

150


Dall’Arte alla Musica...

***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:51 Pagina 151

Il potere dell’immedesimazione Giovedì 21 giugno in occasione della Festa Internazionale della Musica presso la Hernandez Art Gallery di Milano è stata inaugurata la mostra personale “IOS ON OIO” dell’artista Alfredo Rapetti Mogol. Negli spazi della galleria l’artista offre allo spettatore il risultato delle sue ultime ricerche, dalle opere monocrome in cui segni, quasi incisioni sulla pellicola pittorica, creano un alfabeto personalissimo e allo stesso tempo universale, alle opere in cui campeggiano lettere dell’alfabeto disposte in maniera non immediatamente leggibile e perciò votate a stimolare un intervento diretto e decisivo dello spettatore che è invitato a ricostruire la dinamica convenzionale della comunicazione linguistica e, infine, ad afferrare il messaggio proposto dall’autore La dinamica interattiva scatenata dalle opere di Mogol e la valenza concettuale della riflessione sul linguaggio sono, per così dire, “riscaldate” dall’impiego di differenti materiali dalla tela al marmo, alle composizioni in dittici e trittici alla scelta cromatica ricercata, riscontrabile soprattutto nelle opere con le lettere dell’alfabeto: tutti “sintomi” di una esigenza e di un interesse estetico che è da considerare elemento imprescindibile di qualsiasi espressione d’arte. «Senza scrittura non saremmo niente non avremmo coscienza di noi stessi. Non a caso la parola è la radice comune delle mie due professioni, di autore di canzoni e di pittore. Ed è bellissimo poterlo fare» «La differenza è che con la pittura - la mia è fatta di geroglifici, segni all’apparenza incomprensibili che nascono destrutturando le parole - arrivi lentamente alle persone mentre con le canzoni entri in maniera esplicita nelle loro vite». Alfredo Rapetti Mogol Pittura e scrittura sono da sempre state presenti nell’ambiente familiare di Rapetti Mogol. Formatosi alla Scuola del fumetto di Milano, era stato fin da bambino introdotto nel mondo dell’arte visiva dal nonno materno, Alfredo De Pedrini, presidente dell’Associazione Arti Grafiche di Milano. Fondamentale, per quanto riguarda la sua crescita in ambito pittorico, è poi la condivisione – dal 1996, per quattro anni – dell’atelier di Via Nota, sempre a Milano, con gli artisti Alessandro Algardi e Mario Arlati. Dalla fine degli anni ’90 ad oggi, è notevole l’attività espositiva: ricordiamo, tra le tante mostre personali e/o collettive, la partecipazione – nel 2007 e 2011 – all’Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.

151


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:52 Pagina 152

Utilizzando la tecnica dell’impuntura, incisione tramite puntasecca su diversi generi di supporti, principalmente cemento, acrilico e carta, Rapetti Mogol riesce così a fondere le sue due principali passioni. Ponendo l’accento sul gesto, e quindi sull’atto dello “scrivere a mano” (abitudine ormai quasi del tutto desueta), riesce a dare vita ad opere in cui la parola – dipinta – perde il suo significato letterale per acquistarne uno nuovo, e personale, dettato dalla capacità di immedesimazione che ha il fruitore nel momento in cui “legge” l’opera e, potenzialmente, si riconosce in essa. Intento del pittore Rapetti Mogol è, allora, quello di ripartire dal significante per dare vita ad un alfabeto inusitato e personale: il pittore si fa – letteralmente – creatore di un linguaggio plasmato ex novo ed al quale è possibile dare ogni volta, in virtù dell’emozione che l’accostarsi al segno grafico stesso suscita, un nuovo significato. La parola, apparentemente svuotata di ogni senso, così come della sua funzione originaria, è in realtà finalmente universalizzata: reso libero dalla gravità della sua primitiva funzione, il segno grafico diventa veicolo emozionale capace di connettere tra di loro individui dotati della stessa sensibilità. Riguardo al concetto di “segno grafico”, è lo stesso Rapetti Mogol a precisare: “Come gli animali lasciano le orme, l’uomo lascia la scrittura. È come se fosse la forma del pensiero, la forma stessa del passato dell’umanità. La scrittura è una caratteristica dell’essere umano che – attraverso questa – ha rappresentato i suoi stati d’animo”. per info: 02 67490252 hernandezartgallery@gmail.com n

152


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:54 Pagina 153

Next Thursday 21 June on the occasion of the International Feast of Music, at Hernandez Art Gallery of Milan was be inaugurated the private exhibition called “IOS ON OIO” of the artist Alfredo Rapetti Mogol. In the gallery’s spaces the artist offers to audience the result of his last researches, from the monochrome works where signs, almost engravings on pictorial film, create a personalized and at the same time universal alphabet, for works where letters of the alphabet are arranged on a not immediately readable way and aimed to a direct and decisive intervention of the audience who can reconstruct the conventional dynamic of linguistic communication and in conclusion understand the message proposed by the author. The interactive dynamic suggested by Mogol’s works and conceptual significance on linguistic reflection are “warmed” through the use of different materials from painting to marble, from compositions on ditticos and tripticos to the refined color choice, this last one is expecially visible on works with letters of alphabet: all are “symptoms” of a need and an aesthetic interest we have to consider as an essential element of any expressions of art. “Without writing we are nothing and we’re not aware of ourselves. The word is the common root cause of my two works, of songwriter and painter. Doing this is fantastic. The difference is with painting - mine is made of scribbles, at first glance incomprehensible signs created distroying words - you come slowly to people, but with songs you enter in a direct way in their lives”. By Alfredo Rapetti Mogol. Painting and writing have always been part of familiar environment of Rapetti Mogol. He studied at School of Comics in Milan and when he was a child was introduced to visual art world by his maternal grandfather, Alfredo De Pedrini, the President of the Association Arti Grafiche in Milan. He shared from 1996, for 4 years, the atelier in Nota road, always in Milan, with the artists Alessandro Algardi and Mario Arlati. This was fundamental for his growth in painting. He has been really engaged in exhibition for the 90s: we remember among his many private and group shows his participation- in 2007 and 2011- at the International Exposition of Art in Venice.

153


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:11 Pagina 154

Using the technique of broguing, etching through dry point on different types of supports, mainly cement, acrylic and paper, Rapetti Mogol can blend in this way his two main passions. Focusing on the gesture, and on the act of “writing by hand”(an almost obsolete habit), he is able to give life to works in which the word- painted- looses its literal meaning to adquiring a new one and personal, linked to aptitude of identification of the user when he “reads” the work and potentially recognises on itself. The painter Rapetti Mogols’s purpose is restarting from signify to create an uncommon and personal alphabet: the painter becomes – literally- the creator of an ex novo shaped language and to which you can give a new meaning every time, on the basis of the emotion evoked approaching to graphic sign. The word, apparently deprived of every meaning and of its original function is really at last universalized: the graphic sign, freed by the gravity of its primitive function, becomes an emotional tool able to link people with the same perception. About the concept of “graphic sign” Rapetti Mogol points out: “As animals leave their shadows, man leaves writing. It’s as similar to thought pattern, the same form of past humanity. Wrting is a feature of human being which – through it – has depicted his moods”. For info: • 02 67490252 • hernandezartgallery@gmail.com n

154


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 16:57 Pagina 155


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 17:00 Pagina 156


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 17:02 Pagina 157

Carlo Accerboni by Elisabeth Vermeer

Variazoni per Uva

Abbinare l’enologia all’astronomia in Italia sembra essere un’impresa molto ardua, anche se esiste una serie di asteroidi scoperti dall’astronomo Ted Bowell che portano il nome di certe regioni italiane celebri per i vini che si producono, come il Roero e il Barolo. Questo binomio è diventato realtà a Montepulciano, il cui territorio è conosciuto a livello internazionale per la produzione di vini di eccellenza internazionale, in occasione del progetto “Tardi nel Sogno. Visioni Incrociate” all’inizio dello scorso febbraio, nato dall’idea di Beth Vermeer e seguito dalla manifestazione annuale del Vino Nobile. Da questo progetto è emerso come ci sia un collegamento tra le scoperte ed i contributi delle grandi menti del passato con il pensiero scientifico contemporaneo e che i pensatori del Cinquecento, inventori autentici del metodo sperimentale moderno, ma anche disegnatori e poeti erano degli autentici ecologisti, con il loro profondo rispetto per la vita in ogni espressione. La location ideale per questo connubio è la storica dimora delle Cantine De Ricci che invita, grazie alla sua architettura conservata, ad un vero viaggio nel tempo. Il fotografo e poeta genovese Carlo Accerboni approfondisce la sua ricerca sul rapporto tra natura e arte con il progetto "Variazioni per Uva", cercando delle ambientazioni idonee in cantine d'impatto storico. Per Montepulciano ridisegna le “Visioni incrociate” con una serie di fotografie a colori che mettono in primo piano il suo sguardo alla natura, alla vite e alla morfologia delle foglie. Nello spirito delle contaminazioni fluide tra passato e presente, il fotografo crea ritratti della natura con frammenti di uva e vite sulla matrice dei dipinti sul vino molto suggestivi creati da maestri illustri come Caravaggio, Arcimboldo, Esteban Murillo, Gregorio De Ferrari. Il percorso espositivo si snoda tra le navate della cosiddetta “Cattedrale”, dove le botti monumentali in legno, ormai non più utilizzate, fungono da supporto originale per i lavori dell’artista. Nel corso della passeggiata si possono ammirare l’architettura della Cantina che risale al Duecento, la conservazione e la degustazione del vino in fase dell’invecchiamento e l’incontro inatteso, attraverso la fotografia di Accerboni, con Caravaggio, Murillo, De Ferrari, Arcimboldo, che offre molti spunti di riflessione. Nel celeberrimo dipinto di Caravaggio, realizzato tra il 1596 e il 1597, raffigurante il dio Bacco, conservato nella Galleria degli Uffizi a Firenze, le tenebre dell’ambiente fanno percepire appena la tensione architettonica verso l’alto che rende bene il concetto di una cattedrale. A differenza di Caravaggio Accerboni predilige l’accostamento di piccoli grappoli d’uva bianca e nera sullo sfondo dei quadri maestosi, simboli di morte e resurrezione. I visitatori possono vivere un’esperienza percettiva che oscilla tra il vecchio e il nuovo, degustando i vini e osservando le fotografie che rievocano scene del Cinquecento e del Seicento contenute in certi dipinti importanti del Museo Civico Pinacoteca Crociani, situato a due passi dalle Cantine De Ricci. Contemplando la fotografia contemporanea di Accerboni all’ombra della cantina di altri tempi, s’impara a riconoscere l’età del vino invecchiato e il gusto dell’olio d’oliva di stagione. In conclusione si può dire che in Italia non si è ancora arrivati a battezzare un vino con il nome di una meteora, come invece ha fatto in Cile un astronomo inglese chiamando “Meteorito” un vino Cabernet, ma l’Accerboni ci ha stupito mostrandoci che il binomio è realizzabile accostando alcune foglie cadute a una copia di “Notte stellata” di Van Gogh. n

157


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 17:05 Pagina 158

Combining enology and astronomy in Italy is a difficult challenge, even if a series of asteroids discovered by the astronomer Ted Bowell are called with some Italian regional names famous for the wines produced there, as Roero and Barolo. This couple is made real in Montepulciano, whose territory is famous at international level, on the occasion of the project “Tardi nel sogno. Visioni Incrociate” at the beginning of last February, born from the idea of Beth Vermeer and followed by the annual exhibition of Vino Nobile. From this project it’s born a link between discoveries and contributions of the great people of the past and contemparary scientific thought and intellectuals of the sixteenth century, the authentic inventors of the modern experimental method, but also designers and poets were authentic ecologists with deep respect for every expression of life. The ideal location for this union is the historical abode of Cantine De Ricci which invites, through its preserved architecture, to make a real travel during the time. The Genoese photographer and poet Carlo Accerboni analyzes her research about the relationship between nature and art with the project “Variazioni per Uva”, looking for right settings on historical cellars. For Montepulciano redesigns the “Visioni Incrociate” with a sequence of colorful photographs which focuse on his gaze upon nature, vine and morphology of leaves. In the spirit of fluids contamination between past and present the photographer creates portraits of nature with fragments of grape and vine on the basis of really suggestive wine paintings realised by famous artists, like Caravaggio, Arcimboldo, Esteban Murillo, Gregorio De Ferrari. The gallery space winds along naves of the famous “Cattedrale”, where the majestic wood barrels not used anymore can represent an original support for the artist’s pieces. During the walk you can look at the architecture of the Cantina dated back to thirteenth century, conservation and taste of aged wine and unexpected encounter through Accerboni’s photograph, with Caravaggio, Murillo, De ferrari, Arcimboldo which offer much food for thought. In the famous portrait pianted by Caravaggio, from 1596 to 1597 and preserved at Uffizi Gallery in Florence, depicting the God Bacco, you can perceive that darknesses of the environment make feel the architectural upper tension going well with the concept of cathedral. In contrast to Caravaggio’s technique, Accerboni prefer matching small white and black bunches of grapes on the background of magnificent paintings, symbols of death and resurrection. Visitors can live a perceptual experience between old and new, tasting wines and looking at photographs recall scenes of the sixteenth and seventeenth centuries contained in some famous portraits of Museo Civico Pinacoteca Cruciani, down the street from Cantine De Ricci. Contemplating the contemporary photograph of Accerboni in the shadow of the old-time cellar, you learn to discern the age of old wine and the taste of the seasonal olive oil. In conclusion we can say that in Italy we have still not called a wine with the name of a meteor as instead an English astronomer made in Chile naming a Cabenernet wine “Meteorito”, but Accerboni has surprised us showing this possible duo pulling together some wine deciduous leaves and a copy n of “Notte Stellata” portrait drawn by Van Gogh.

158


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 17:05 Pagina 159


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 17:05 Pagina 160

by Ilaria Bisello

AGENDA Picasso L’altra metà del cielo

Fino al 4 novembre potete ammirare la mostra sull’artista spagnolo, in tre differenti locations: il Castello Normanno Svevo di Mesagne a Taranto, Palazzo Tanzarella ad Ostuni e Palazzo Ducale a Martina Franca. Il tema della mostra è il rapporto irrisolto di Picasso con l’universo femminile. “L’altra metà del cielo” evidenzia l’importanza che ha avuto l’universo femminile per l’artista. Egli ha presentato la bellezza esteriore e interiore delle donne che lo hanno avvicinato all’idea che lui potesse essere per loro anche un maestro di arte e di cultura, un formatore. n

Until 4 November you can see the show about the famous Spanish artist, in three different locations: Castello Normanno Svevo of Mesagne in Taranto, Palazzo Tanzarella in Ostuni and Palazzo Ducale in Martina Franca. The topic of the show is the unsolved relationships of Picasso with female universe. “L’altra metà del cielo” underlines the importance of female universe for the artist. He presented the outer and inner beauty of women put him in contact with the idea he could be for them also a master of art and culture and a trainer. n

Warhol&Friends New York negli anni '80

160

A Bologna dal 29 Settembre al 25 Febbraio 2019 Palazzo Albergati ospita la mostra che celebra la New York degli anni '80, con Andy Warhol e gli artisti che in lui videro un punto di riferimento assoluto. Le opere esposte partono dal periodo più riflessivo dell’artista fino ad arrivare agli anni ’80 in cui egli ritorna al centro della vita artistica e sociale di New York diventando punto di riferimento generazionale per i giovani che hanno visto in lui un “guru assoluto”. Accanto ai famosi portraits, alle polaroid e agli iconici lavori, ultima produzione del genio della Pop Art, le opere di Jean-Michel Basquiat, Keith Haring, Sandro Chia, Francesco Clemente, Julian Schnabel, Jeff Koons, Cindy Sherman, Barbara Kruger, Jenny Holzer e Robert. n

In Bologna from 29 September to 25 February 2019 Palazzo Albergati hosts the show which celebrates New York of 80s, with Andy Warhol and artists regarded him as a reference point. Works exhibited on the show belong to the most reflective period of the artist and arrive to the 80s when he comes back again in the center of artistic and social life of New York becoming a generational influential member for young people looked at him as a “total guru”. Beside famous portraits, polaroid and iconical works, the last production of the genius of Pop Art, there are the paintings of Jean-Michel Basquiat, Keith Haring, Sandro Chia, Francesco Clemente, Julian Schnabel, Jeff Koons, n Cindy Sherman, Barbara Kruger, Jenny Holzer e Robert .


A

Carlo Carrà

***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 24/08/18 17:15 Pagina 161

La mostra di Carlo Carrà nel giardino interno di Palazzo Reale a Milano dal 4 Ottobre al 3 Febbraio 2019 ripercorre tutta la carriera del grande artista milanese, partendo dal periodo divisionista fino ai capolavori del Futurismo e della Metafisica, dai dipinti ascrivibili ai cosiddetti "valori plastici", fino ai paesaggi e alle nature morte, senza trascurare le originali composizioni degli anni Trenta. I dipinti danno vita ad un'atmosfera senza tempo e un universo pittorico personalissimo dove l'ispirazione viene dalla natura, ma è nutrita dalla malinconia, dalla solitudine e n dalla memoria proprie della condizione umana.

The show of Carlo Carrà will take place in the inner garden of the Palazzo Reale museum (Milan) from 4 October to 3 February 2019 and retraces all career of the great Milanese artist, starting from the divisive period until the masterpieces of Futurism and Metaphysics, from paintings related to “pastic values” until landscapes and still lives, without disregarding the original compositions of the 30’s. The paintings create an antmosphere without timeand a personal pictorical universe where the ispiration comes from nature and is feed by melancholy, loneliss and memory of human condition. n

Henri Matisse Sulla scena dell’Arte

Da Magritte a Duchamp

Il Forte di Bard della Valle d’Aosta fino al 14 Ottobre ospita l’esposizione inedita intitolata “Henri Matisse. Sulla scena dell’arte”, che presenta e sviluppa il rapporto dell’artista con il teatro e la sua produzione di opere legate alla drammaturgia. Potrete ammirare oltre 90 opere realizzate durante il “periodo Nicoise”, dal 1919 fino alla morte dell’artista avvenuta nel 1954, chiamato così in base alla sua scelta di Nizza come luogo principale della sua creazione artistica. La mostra è suddivisa in quattro grandi sezioni: Costumi di scena, Matisse e le sue modelle, Le odalische e Jazz. L’esposizione di tappeti, abiti, oggetti di arte orafa, collezionati dall’artista e concessi in prestito dalla famiglia Matisse, mostra il suo interesse per il decorativismo d’influenza orientaleggiante. n

Forte di Bard of Valle d’Aosta until 14 October hosts the unlimited exhibition called ““Henri Matisse. On the scene of art” which presents and develops the relationship between the artist and theatre and his production of works linked to drama. You can look at more than 90 works realised during the “Nicoise period”, from 1919 to the end of the artist happened in 1954, called in this way because he chose Nizza as the main place to create his paintings. The show is composed of four big sections: Stage customs, Matisse and his models, the Odalisques and Jazz. The display of carpets, dresses and jeweler’s objects collected by the artist and lended by Matisse’s family indicate his interest for oriental decorations. n

Per la prima volta in Italia, potrete ammirare una serie di opere surrealiste appartenenti alla collezione privata del Centre Pompidou di Parigi, presso la mostra allestita al Palazzo Blu di Pisa. Protagoniste saranno ben 90 opere, tra capolavori pittorici, sculture, oggetti surrealisti, disegni, collage, installazioni e fotografie d’autore, realizzate tra il 1927 e il 1935 da grandi Maestri del Novecento, tra cui René Magritte, Salvador Dalí, Marcel Duchamp, Giorgio De Chirico, Pablo Picasso e molti altri. n

For the first time in Italy at the show on Palazzo Blu in Pisa, you can look at a series of Surrealist works belong to the private collection of the Centre Pompidou of Paris. 90 paintings will be protagonists of the show, pictorial masterpieces, sculptures, surrealist objects, drawings, collages, placements and photographic masterpieces, realised from 1927 to 1935 by great Masters of the nineteenth century, René Magritte, Salvador Dalí, Marcel Duchamp, Giorgio De Chirico, Pablo n Picasso and many others.

161


***NEW LIVEIN.qxp_Layout 1 21/08/18 17:08 Pagina 162

CADEAU

CLIVE CHRISTIAN PURE PARFUM The most valued and exciting female perfume in the world is No.1 Pure Perfume by Clive Christian, with its gold and crystal small bottle. The cap with the crown’s form and 5 carats diamonds is really prestigious. It’s told that its singularity is linked to tiara’s image given by Queen Victoria. n Its estimeed value is about $215.000.

162

Il profumo femminile più ricercato e inebriante al mondo è il No.1 Pure Parfum di Clive Christian, dotato di flacone in cristallo e oro 24 carati. Prezioso il tappo a forma di corona con diamante da 5 carati. Si racconta che l’immagine della tiara fu donata dalla regina Vittoria per rendere esclusivo il profumo. n Il suo valore stimato è di $215.000.


**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 23/08/18 13:35 Pagina 2


agosto 2018

le Virtuose LIS edizioni · bimestrale · anno 9 - nº 46 - agosto 2018 ·€ 15,00 · $ 30,00 ·

n. 46

**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 23/08/18 13:35 Pagina 1

Livein le Virtuose


**MONTAGGIO COPERTINA_Layout 1 23/08/18 13:35 Pagina 2

Livein speciale Le Virtuose  

Livein n° 46

Livein speciale Le Virtuose  

Livein n° 46

Advertisement