Page 1

IO, NELSON  MANDELA   Una  storia  raccontata  e  disegnata  dagli  alunni  della  classe  3^  A     Scuola  Primaria  “E.  Giuliani”  Costano  -­‐  IC  Bas?a  1    


Come nasce  

IO, NELSON  MANDELA   Il   21   aprile   del   2015   per   il   Nelson   Mandela   Day,   il   Sudafrica   ha   “colorato”   i   3.377   metri   quadraC   dello   Union   Buildings   di   Pretoria   con   ben   21.000   coperte   tuIe   unite   a   crearne   una   unica   aIorno   alla   imponente   statua   di   Mandela.   La   gigante   coperta   di   Tata   Madiba   entra   nel   Guinness   dei   PrimaC.   Da   allora   le   mani   dei   molCssimi   volontari   non   hanno   mai   smesso   di   lavorare.   AIualmente   “la   rivoluzione   degli   uncineP”   abbraccia   paesi   come   StaC  UniC,  Regno  Unito,  Paesi  Bassi  e  anche    l’Italia.   Gli  allievi  della  Scuola  Primaria  “E.  Giuliani”  di  Costano  –  IC  BasCa  1,  si  sono  adoperaC  con  uncineP  e  telai,  per   realizzare  tanC  quadraC  di  lana.  I  primi  in  Italia  a  contribuire  all’iniziaCva  sudafricana,  con  quel  vivido  entusiasmo   che  apparCene  a  questa  età,  ognuno  come  ha  potuto  può  e  saputo,  ma  tuP  con  quel  guizzo  nello  sguardo  che  la   dice   lunga   sulla   voglia   di   tuffarsi   sempre   in   nuove   avventure.   I   “nostri”   quadraC   si   sono   trasformaC   in   coperte   donate  ai  centri  di  accoglienza  territoriali.   In  risposta  a  questa  iniziaCva  gli  alunni  della  classe  3^  A  si  sono  dapprima  interessaC  e  incuriosiC  al  personaggio  di   Nelson   Mandela,   successivamente   entusiasCcamente   documentaC   e   affezionaC   alla   figura   carismaCca   e   così   profondamente  “umana”  di  Madiba.   Da   qui   il   “nostro   lungo   cammino”   per   raccontare,   con   immagini   e   parole,   la   sua   storia   alla   nostra   maniera   e   condividerla  con  altri  bambini  italiani.                       Maria  Papa   Insegnante  

L’inizia?va che  ha  visto  coinvol?  i  bambini  dell’Is?tuto  Comprensivo  Bas?a  1     è  legata  al  progeJo  “ TANTI  QUADRATI  PER  UNA  SOLA  COPERTA”  promosso  da  Associazione  SONOXSONA  Bas?a  Umbra    e  Rebecca  Di  Santo    in  partnership  con  “67  BLANKETS  FOR  NELSON  MANDELA  DAY”-­‐  South  Africa.     Per  info  o  richieste  di  adesione  al  progeJo:     hJps://www.facebook.com/Tan?-­‐Quadra?-­‐per-­‐una-­‐Sola-­‐Coperta-­‐1109860785744840/  hJp://www.67blankets.co.za/  


IO, NELSON  MANDELA   Foto  dal  web  

”Il mio  nome  è  Nelson  Mandela.     Vivo  in  Sudafrica,  una  bellissima  terra  che  si  trova  nella  punta  dell’Africa.   Oggi   in   Sudafrica   c’è   la   democrazia,   cioè   tuJe   le   persone   adulte   possono   votare   e   scegliere   chi   deve   governare   il   Paese.   Non   è   sempre   stato   così.   Quando   sono   nato   il   Sudafrica   era   governato   solo   da   persone   bianche.   Crescendo   ho   cominciato   a   capire   che   questo   non   era   giusto.   Volevo   cambiare   questo   modo   di   governare   e   fare   in   modo   che   tue   potessero   avere  gli  stessi  dirie.  Io  e  i  miei  amici  abbiamo  chiamato  questa  cosa  “LoJa   per  la  Libertà”.   La  loJa  è  durata  mol?ssimi  anni  e  io  sono  stato  uno  di  ques?  combaJen?.   Questa  è  la  mia  storia…”   N.  Mandela,  Long  walk  to  Freedom,  Macmillan  Children’s  Book,  2009,  Londra   (liberamente  tradoIo  da  Maria  Papa)  


Sono nato   nel   1918,   nella   tribù   Xhosa   di   un   piccolo   villaggio  del  Sudafrica.     Da   piccolo   mi   piaceva   stare   all’aperto,   fare   il   bagno   nel   fiume,   giocare   combaIendo   con   i   rami   degli   alberi   insieme   ai   miei   amici   e   rubare   il   miele  dagli  alveari.    


La persona  che  amavo  di  più  era  mio  padre,  lui  era  un   capo   villaggio.   Volevo   così   tanto   essere   come   lui,   un   grande   capo   coraggioso   e   giusto,   che   per   assomigliargli   mi   strofinavo   la   cenere   nei   capelli   per   farli  diventare  grigi  proprio  come  i  suoi.    


All’età di  seIe  anni  mio  padre  decise  che   dovevo   andare   a   scuola.   Ero   il   primo   della  nostra  famiglia  a  farlo.     I l   p r i m o   g i o r n o   d i   s c u o l a   e r o   preoccupato   perché   non   ero   sicuro   di   avere   gli   abiC   adaP.   Mio   padre   per   aiutarmi   mi   diede   un   suo   paio   di   pantaloni,   li   tagliò   all’altezza   delle   ginocchia   e   usando   dei   lacci   come   cintura,  me  li  legò  alla  vita.    


A scuola  stavo  imparando   cose   nuove   ed   era   un   privilegio   per   me,   ma   anche   a   casa   imparavo   delle   cose   nuove.   La   mia   mamma   mi   raccontava   tante   storie   e   i   suoi   r a c c o n C   p a r l a v a n o   sempre   di   come   essere   genCli  con  gli  altri.    


La scuola   non   era   proprio   come   me   l’ero   immaginata,   i   bambini   non   avevano   l’uniforme   ed   erano   vesCC   proprio   come   me.   La   maestra   mi   fece   cambiare   nome:   fu   così   che   per   la   prima   volta   fui   chiamato  Nelson.     A   quei   tempi   gli   inglesi   erano   a   capo   del   nostro   paese   e   così   la   nostra   insegnante   pensava   che   tuP   noi   dovessimo   chiamarci   con   un  nome  inglese.     Il   nome   che   la   mia   tribù   mi   aveva   dato,   ROLIHLAHLA,   che   vuol   dire   “piantagrane”,   fu   sosCtuito   per   sempre   da   un   nome   inglese:   Nelson.    


L’improvvisa morte   di   mio   padre   cambiò   la   mia   vita.   Mia   madre   mi   portò   a   casa   del   miglior   amico   di   mio   padre,   che   io   chiamavo   zio   Jongi.   Vivere   a   casa   sua   era  molto  bello,  avevamo  una  grande  macchina.     Io   e   mio   cugino   JusCce   potevamo   frequentare   le   migliori  scuole.     A  ventuno  anni  andai  all’università  per  neri,  nessuno   tra  quelli  che  conoscevo  lo  faceva,  ma  zio  Jongi  diceva   che  studiare  era  importante  e  mi  comprò  una  giacca  e   dei  pantaloni,  allora  sì  che  mi  senCvo  grande!    


Studiavo tanto,   ma   mi   diverCvo   anche,  andavo  a  correre,  praCcavo  la   boxe  e  mi  piaceva  andare  a  ballare.     TuIo   cambiò   quando   venni   eleIo   presidente   degli   studenC.   Come   presidente   volevo   migliorare   la   situazione   e   andai   a   parlare   con   il   preside,   ma   mi   accorsi   che   in   realtà   nessuno   ascoltava   quello   che   noi   studenC  pensavamo  o  desideravamo.    


Il preside   si   infuriò   con   me   e   decisi   di   andare   via.   Tornai   a   casa   da   zio   Jongi   con   mio   cugino.   Lo   zio   ci   disse  che  era  ora  di  sposarci  e  che  aveva  trovato  delle   mogli   per   noi.   Ero   scioccato!   Noi   non   volevamo   sposarci,   era   troppo   presto!   Io   e   JusCce   decidemmo   di  andare  a  vivere  nella  più  grande  e  importante  ciIà   del  Sudafrica,  Johannesburg.    


La ciIà   era   ancora   più   grande   di   quanto   immaginavamo.   C’erano  persone,  macchine,  negozi  ovunque.       TuP  i  negozi  più  belli  e  le  macchine  appartenevano  solo  alle   persone  bianche.  I  ricchi  bianchi  vivevano  in  quarCeri  belli  e   pieni   di   negozi,   io   e   mio   cugino   andammo   a   vivere   in   un   quarCere   povero   con   abitazioni   piccole   e   senza   eleIricità,   qui   vivevano   le   persone   nere.   La   vita   era   dura,   ma   senCvo   che  quella  era  diventata  la  mia  nuova  casa.    


Mi feci  un  nuovo  amico,  Walter  Sisulu  e  rincontrai  un  mio   vecchio   amico   dell’università,   Oliver.   Con   lui   iniziai   un   nuovo  lavoro.  Avevamo  tuP  e  due  studiato  Legge  e  così   aprimmo  il  primo  studio  di  avvocaC  per  persone  nere  di   tuIo  il  Sudafrica.     Fin   da   quando   erano   arrivate   in   Sudafrica,   le   persone   bianche  avevano  sempre  comandato  sulle  persone  nere.   Era   il   1948   quando   il   governo   dei   bianchi   stabilì   delle   nuove   leggi   che   separavano   i   bianchi   dai   neri,   erano   le   leggi  dell’APARTHEID,  che  vuol  dire  SEPARAZIONE.     I  bianchi  che  governavano  il  Sudafrica  decisero  che  tuP  i   luoghi   pubblici   dovevano   essere   separaC:   c’erano   uffici   postali,   negozi,   scuole,   quarCeri,   autobus,   addiriIura   spiagge  “SOLO  PER  BIANCHI”.   BIANCHI  E  NERI  NON  DOVEVANO  VIVERE  INSIEME.      


Oliver e   Walter   facevano   parte   di   un’associazione,   l’ANC   che   voleva   combaIere   per   la   libertà   delle   persone  nere.   Io   mi   unii   a   loro   ed   entrai   a   far   parte   dell’ANC.   Non   potevamo  più  acceIare  tuIa  questa  ingiusCzia.     TuP   insieme   cercammo   di   spiegare   ai   neri   che   dovevano   chiedere   di   essere   traIaC   al   pari   degli   altri.   Per  fare  questo  organizzammo  delle  marce  pacifiche.   Proprio   durante   una   di   queste,   i   soldaC   del   governo   spararono  sulla  folla,  uccidendo  grandi  e  bambini.    


Anche la   nostra   protesta   divenne   più   forte   e   meno   pacifica.   Il   governo   sudafricano   capì   che   io   e   i   miei   amici  dell’ANC  potevamo  essere  un  pericolo  per  loro,   perché   eravamo   un   simbolo   di   libertà   per   tuP   i   neri   oppressi  dal  regime  dell’Apartheid.     Ero   considerato   così   pericoloso   che   nel   1964   fui   arrestato  e  condannato  a  trascorrere  il  resto  della  mia   vita   in   prigione,   insieme   a   tuP   i   miei   più   cari   amici   dell’ANC.   Il   governo   bianco   sudafricano   ci   aveva   giudicaC   colpevoli   solo   perché   volevamo   che   nel   nostro  paese  tuP  avessero  gli  stessi  diriP  dei  bianchi.  


Ho passato  ben  27  anni  in  prigione  nella  piccolissima   isola   di   Robben   Island,   isolato   dal   resto   del   mondo,   dai  miei  figli,  da  mia  moglie.     La  mia  casa  per  tuP  quesC  anni  è  stata  una  cella  così   piccola  che  a  malapena  mi  potevo  sdraiare.  Solo  due   volte   all’anno   potevo   ricevere   la   visita   di   un   unico   parente   alla   volta.   Di   solito   era   mia   moglie   che   veniva   a   trovarmi   e   doveva   ogni   volta   aspeIare   sei   mesi   prima  della  visita  successiva.  Le  era  proibito  parlare  di   quello   che   succedeva   in   Sudafrica,   poteva   solo   raccontarmi  i  progressi  dei  nostri  figli.     Fu  molto  duro  anche  per  loro  vivere  senza  di  me.    


Durante gli   anni   di   prigionia   accaddero   molte   cose   alla   mia   famiglia:   morì   mio   figlio   in   un   incidente   stradale,   persi   mia   madre.   Non   mi   fu   permesso   di   andare   al   loro   funerale.   Nacquero   i   miei   nipoC   ma   lo   seppi   solo   per   leIera,   quelle   leIere   che   le   guardie   del   carcere   aprivano   e   controllavano,   ritagliando   tuIe   le   parole   che   secondo  loro  erano  pericolose  e  che   p o te va n o   fa r m i   ca p i re   co s a   succedeva   in   Sudafrica.   Alcune   leIere  mi  arrivavano  tuIe  bucate  e   ritagliate,  non  si  leggeva  più  nulla.  


Gli anni   passavano:   cinque,   dieci,   quindici,   ma   il   mondo  non  si  era  dimenCcato  di  me  e  dei  miei  amici   dell’ANC.  MolC  sudafricani  organizzavano  proteste  per   farci  uscire  di  prigione.   Io  non  potevo  saperlo,  ma  la  maggior  parte  dei  Paesi   del  mondo  erano  a  conoscenza  delle  ingiusCzie  che  il   governo   dei   bianchi   commeIeva   contro   i   neri   e   tuP   erano  contrari  alle  leggi  dell’Apartheid.   Il   governo   sudafricano   non   poteva   conCnuare   a   fare   finta  di  niente  e  così  fu  costreIo  a  senCre  quello  che   avevamo   da   dire.   Fui   trasferito   dalla   prigione   di   Robben   Island   ad   una   più   bella,   era   una   casa   isolata   e     aveva  addiriIura  la  piscina.    


Da questo  momento  in  poi  la  storia  sudafricana  iniziò   una  nuova  era.   Volle   venire   a   parlare   con   me   anche   il   presidente   sudafricano  De  Klerk.  Voleva  sapere  come  potevamo,   tuP   insieme,   trovare   una   soluzione   per   far   vivere   bianchi   e   neri   senza   più   loIe   e   ingiusCzie:   poteva   il   Sudafrica  essere  di  tuP?   Io  e  De  Klerk  ci  incontrammo  molte  e  molte  volte  e  il   2   febbraio   del   1992   De   Klerk   annunciò   al   mondo   intero  che  mi  avrebbe  liberato.  


Dopo 27  anni  uscii  di   prigione  e  con  me  i  miei   amici  dell’ANC.     Potevo  finalmente   riabbracciare  mia   moglie,  i  miei  figli  e   vedere  per  la  prima   volta  i  miei  nipoCni.   Gli  anni  della  solitudine   erano  finiC.    


“Per la   prima   volta   nella   storia   del   Sudafrica   il   27   Aprile   1994   milioni   di   persone,   giovani  e  anziani,  uscirono  dalle  loro  case  per  andare  a  votare.  Fu  la  PRIMA  VOLTA  che   le   persone   nere   si   unirono   a   quelle   bianche   per   scegliere   un   nuovo   Sudafrica.   Fu   un   giorno  meraviglioso.     TuJo   il   popolo   sudafricano   mi   elesse   come   PRIMO   PRESIDENTE   DELLA   REPUBBLICA   DEL  SUDAFRICA.     Avevo  75  anni.  Il  mio  viaggio  verso  la  libertà  era  finito.   Ma  un  nuovo  viaggio  deve  iniziare  ora,  quello  per  costruire  un  nuovo  Sudafrica.   Dobbiamo   unire   le   nostre   forze   ed   essere   UN   SOLO   PAESE,   UNA   SOLA   NAZIONE,   UN   SOLO  POPOLO,  che  marcia  unito  verso  il  futuro.     Un  futuro  nel  quale  le  persone,  indipendentemente  dal  colore  della  pelle,  impareranno   a  vivere  in  pace.”   N.  Mandela,  Long  walk  to  Freedom,  Macmillan  Children’s  Book,  2009,  Londra   (liberamente  tradoIo  da  Maria  Papa)  

IO, NELSON  MANDELA  


GALLERIA FOTOGRAFICA  


IO, NELSON  MANDELA   Per  “IO,  NELSON  MANDELA”  

Disegni e  illustrazioni:  alunni  della  classe  3^A  Scuola  Primaria  “E.  Giuliani”  Costano       Testo:  alunni  della  classe  3^A  e  insegnante  Maria  Papa,  Scuola  Primaria  “E.  Giuliani”  Costano         Ideazione    e  realizzazione  grafica:  Maria  Papa       Supervisione  grafica:  Tiziana  C.  Tribuzi  –  Associazione  SONOXSONA  BasCa  Umbra     Bibliografia:  N.  Mandela,  Long  walk  to  Freedom,  Macmillan  Children’s  Book,  2009,  Londra  

RINGRAZIAMENTI PER    

il prezioso  contributo  e  sostegno  alla  realizzazione  di  “IO;  NELSON  MANDELA”  a:   -­‐  Prof.ssa  Paola  LungaroP,  Dirigente  ScolasCca  I.C.  BasCa  1  di  BasCa  Umbra,  Perugia;   -­‐  InsegnanC  Rossana  SpoleCni  ed  Eleonora  Rossi  -­‐  Scuola  Primaria  “E.  Giuliani”  Costano  –  IC  BasCa  1  di   BasCa  Umbra,  Perugia.   il  contributo    alla  realizzazione  del  progeJo”Una  coperta  per  Nelson  Mandela”  a  :   -­‐  tuP  i  genitori,  al  personale  docente,  ai  collaboratori  scolasCci,  agli  alunni  della  Scuola  Primaria  “E.   Giuliani”  di  Costano  IC  BasCa  1  BasCa  Umbra,  Perugia.     -­‐ Associazione  di  promozione  sociale  SONOXSONA  BasCa  Umbra  e  Rebecca  di  Santo©     www.facebook.com/TanC-­‐QuadraC-­‐per-­‐una-­‐Sola-­‐Coperta/  www.67blankets.co.za   Immagine:  hIp://www.handresearch.com/    


Un RINGRAZIAMENTO  SPECIALE  a  chiunque  leggerà  o  divulgherà  questa   storia  da:  

MARWA Allioui,   SHARON   AIardi,   MCAGNES   Awah   Ndikum,   GIORGIA   Bordichini,   MANUEL   Coccini,   DAVIDE   Della   Pietra,   AURORA   Dionigi,   MARISOL   Faraone,   SERENA   Felici,   GABRIELE   MaggeP,   ASIA   Minelli,   MARCO   Pagano,   AMELIA   ProieP,   HICHAM  Selhami,  MARIA  SOLE  Spaventa,  GLORIA  Szilagyi.  

IA OC ZI

A

N

NO

NE O

SO

&

ASS

Classe 3^A  a.  s.  2015/2016   -­‐  Scuola  Primaria  “Ezio  Giuliani”  Costano  -­‐     Is?tuto  Comprensivo  Bas?a  1     Bas?a  Umbra  -­‐  Perugia        

XSO

Associazione di Promozione Sociale Bastia Umbra

Io, Nelson Mandela  

Una storia raccontata e disegnata dagli alunni della classe 3^ A Scuola Primaria “E. Giuliani” Costano - IC Bastia 1 - Bastia Umbra, Perugia...

Io, Nelson Mandela  

Una storia raccontata e disegnata dagli alunni della classe 3^ A Scuola Primaria “E. Giuliani” Costano - IC Bastia 1 - Bastia Umbra, Perugia...

Advertisement