Page 1

Rotary Club Loreto Distretto 2090

2002-2012

10 ANNI DI ROTARY A LORETO

i


Rotary Club Loreto Distretto 2090

10 ANNI DI ROTARY A LORETO a cura di Marco Anconetani


Il Presidente del Rotary Club Loreto ed il curatore della presente pubblicazione ringraziano quanti, fornendo immagini e notizie, hanno contribuito alla realizzazione dell’opera.

Ăˆ vietata la riproduzione, anche parziale, di immagini e testo se non espressamente autorizzata dal Rotary Club Loreto Tutti i diritti riservati


10 anni di Rotary a Loreto

SALUTO DEL PDG UMBERTO LENZI Sono ormai dieci anni che il Rotary Club di Loreto è nel pieno delle sue funzioni. Ricordo ancora quando, l’allora Governatore Giorgio Milletti in visita al Club di Ancona nel Luglio del 2000 mi chiese, in qualità di suo assistente, un consiglio sulla persona a cui affidare l’incarico per la creazione di un Club a Loreto; non ebbi alcun dubbio e con ferma convinzione, di cui non mi sono mai pentito, feci il nome di Giorgio Fanesi del R.C. di Osimo: un rotariano vero, di grosse capacità organizzative e perfetto conoscitore del territorio. L’Amico Giorgio si mise subito al lavoro, ma ci vollero più di due anni per cercare e trovare possibili rotariani che avessero innanzitutto il senso del servire e far loro conoscere sia gli scopi del Rotary che l’etica dell’essere Rotariani. Oggi, a distanza di tanti anni, posso dire che la scelta del Rotariano, per la creazione del club, fu certamente valida, come necessario il lasso di tempo impiegato per far conoscere il Rotary ai nuovi Soci, tempo che purtroppo viene spesso disconosciuto. Da allora tutti i Presidenti, a seconda del loro indirizzo, hanno guidato attivamente il Club che si è messo sempre al servizio del territorio, delle iniziative del Distretto e del Rotary International. A tutti gli Amici di Loreto oltre al mio saluto affettuoso ed il ringraziamento per non aver deluso le aspettative che in Loro avevamo riposto, l’esortazione a continuare su questa strada riproponendo e valorizzando i sempre attuali principi del Rotary.

Umberto Lenzi

3


10 anni di Rotary a Loreto

INTRODUZIONE di Fernando Sorrentino . . . sono 10! E siamo solo all’inizio! Ricoprire l’incarico di Presidente in occasione della ricorrenza dei dieci anni della nascita del nostro Club, rappresenta per me un vero e proprio privilegio; un privilegio che mi è stato offerto con la vostra presenza, partecipazione e dedizione, nello spirito di amicizia rotariano. Poche parole, senza voler essere autoreferenziale, sono però necessarie per celebrare questa ricorrenza per il nostro Club: si è cominciato, nel lontano (sic!) 1° dicembre 2002 con poco meno di venti soci o meglio di amici che nel corso degli anni è cresciuto, frutto di un lungimirante progetto voluto dal Governatore Umberto Lenzi e dall’indimenticato amico Giorgio Fanesi, grazie anche al prezioso contributo pioneristico di quanti diedero il loro apporto spontaneo ed appassionato alle formalità che sono state propedeutiche al conseguimento della “CHARTA” con la quale si sancisce ufficialmente la nascita del Club. Tutto questo sull’idea che una città come Loreto, ricca di storia, di religiosità, di arte, di cultura e di persone che da sempre l’hanno resa grande e conosciuta nel mondo, non poteva che essere anche un luogo unico dove far nascere un sodalizio rotariano nella continuità dello spirito lauretano e con il compito di servire in primis la città stessa, attraverso il sentire proprio di ciascun rotariano e nella vision e mission stessa che il Rotary International ha nel suo mandato. Ciò è stato reso possibile grazie all’eccellenza rappresentata nell’ambito della propria professionalità da ognuno dei soci e, soprattutto, grazie all’impegno che ognuno dei membri quotidianamente mette a disposizione degli altri, per la nostra città e per le importantissime cause portate avanti a livello internazionale. Questo continuo coinvolgimento e partecipazione a tutti i livelli, nel sociale come nella cultura o nell’arte, hanno fatto sì che forse dieci anni non sono stati neanche appena sufficienti a testimoniare tutto il nostro impegno, a contenere il nostro entusiasmo, con il profondo spirito di sacrificio e la volontà nel fare, nonché nella dedizione e nel contribuire, attraverso l’opera di ogni singolo membro, al servizio degli altri. Nel corso di questi dieci anni sono cambiate, come prevedibile, molte cose ma sempre la stessa è rimasta la passione e l’entusiasmo iniziale che ha dato vita a questa bellissima esperienza di condivisione, di cui ognuno di noi è orgoglioso di far parte; oggi per esempio, nel segno del passaggio del tempo, siamo anche una comunità virtuale online che ci consente ancora di più una piena condivisione e partecipazione, ma sempre lo stesso sodalizio di amici fedele al suo mandato originario. 5


10 anni di Rotary a Loreto Altresì, a fronte di ogni passibile cambiamento, non è mutato il nostro impegno nel miglioraci in tutte le nostra attività, cercando di dare sempre il massimo, con la consapevolezza che non è per soddisfare i nostri bisogni personali, ma quelli degli altri. Abbiamo pensato, agito, progettato e realizzato, per dare un segno tangibile della nostra presenza e del Rotary tutto nel segno del servire. Consentitemi un ricordo speciale con il quale desidero ricordare con moltissimo affetto gli ex soci Claudio e Anna Maria. Sempre nel rinnovato spirito di amicizia e soprattutto grazie all’apporto di nuovi contributi dei nuovi amici e ad una crescita quanti-qualitativa che ci ha contraddistinto in questi primi dieci anni, testimoniati anche dai numerosi riconoscimenti, premi ed adesioni anche autorevoli, l’augurio è quello di poter festeggiare il decennale nel modo più degno ed autorevole, così come pure ogni singolo anno e soprattutto ogni singolo giorno perché rotariani lo si è sempre. Concludo consapevole che per quanto fatto viene da chiedersi se siamo soddisfatti ed è per questo che chiediamo scusa alle grandi domande, per le piccole risposte che abbiamo dato. Buon Compleanno, Rotary Club Loreto. Auguri! Al Club e al Rotary: ad maiora!

Fernando Sorrentino

6


10 anni di Rotary a Loreto I PRESIDENTI

I SOCI ATTIVI

I PAUL HARRIS FELLOW

2002/03 - BORROMEI Fulvio

ANCONETANI Marco

BORROMEI Fulvio

2003/04 - BORROMEI Fulvio

ANCONETANI Stefano

ANGELICO Gesualdo (+3) - 2008

2004/05 - BIONDI Massimo

ANGELICO Gesualdo

BONARELLI Daniela

- 2008

2005/06 - BELLINI Domenico

BALDONI Fabio

COCOZZA Anna

- 2009

2006/07 - ANGELICO Gesualdo

BELLINI Domenico

ANCONETANI Marco

- 2010

2007/08 - COCOZZA Anna

BIONDI Massimo

BELLINI Domenico

- 2010

2008/09 - GRENDENE Claudio

BOLOGNINI Sandrina

LATINI Anna Maria (+1)

- 2010

2009/10 - LATTANZI Francesco

BOLOGNINI Sandro

MENGARELLI Andrea

- 2010

2010/11 - BOLOGNINI Sandro

BONARELLI Daniela

SPAZIANI Elisabetta

- 2010

2011/12 - LATINI Anna Maria

BONARELLI Roberto

ZICHICHI Antonino

- 2010

2012/13 - SORRENTINO Fernando

BORROMEI Fulvio

BOLOGNINI Sandro

- 2011

CARLOROSI Carlo

LATTANZI Francesco

- 2012

- 2003

DE VECCHIS Raffaella DONATO Giuseppe ELISEI Dino GRENDENE Claudio GUERRIERI Emidio GUIDANTONI Marco LATINI Anna Maria LATTANZI Francesco MANCINI Alfio MASOTTI Maria Luisa MENGARELLI Andrea MORGANTINI Antonello PICCHIO Mauro RAGAINI Stefano RINALDI FANESI Nicoletta SECONDINI Aline SORRENTINO Fernando TOMBOLINI Cecilia VITA Maria Giuseppina

I SOCI ONORARI COCOZZA Ciro ZICHICHI Antonino 7


2002/04

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Fulvio Borromei

2002/03 Presidente Rotary International Bhichai Rattakul

2003/04 Presidente Rotary International Jonathan B. Majiyagbe

Governatore Distretto 2090 Umberto Lenzi

Governatore Distretto 2090 Vincenzo Montalbano Caracci

Delegato del Distretto Giorgio Fanesi

Assistente del Governatore Sergio Morichi

Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri: Presidente Incoming: Past President:

MARIA LUISA MASOTTI SANDRINA BOLOGNINI ANNA COCOZZA ANNA MARIA LATINI ANDREA MENGARELLI MASSIMO BIONDI

Numero Soci: 20

È cominciato così

La fondazione del Club

8

La “Charta Rotariana”


N

2002/04

itidi sono i ricordi di quel primo dicembre del 2002, i soci seduti alla destra del palco inaugurale dove sedevano il Governatore Umberto Lenzi ed il presidente del Rotary club di Osimo Sergio Morichi e il nostro impareggiabile tutor Giorgio Fanesi. Giorgio è stato il promotore della nascita del nostro club di Loreto sostenuto dal Governatore. Per lunghi mesi ci siamo incontrati nella fase preliminare e ci ha insegnato i primi passi da rotariani. Oltre alle procedure ci ha infuso quei valori di amicizia, di rispetto, di condivisione, che ci accompagneranno per tutto il nostro cammino. Questo è il grande merito di Giorgio, grande rotariano, uomo e medico di valore. Per ricordare quel momento voglio qui riportare il mio breve discorso di introduzione nel giorno di fondazione e quanto scritto nel nostro primo cartoncino di invito per ospiti ed amici che rappresenta l’inizio di un entusiasmante cammino e credo che in questo modo possa essere meglio ricordato e raccontato. «Impegnarsi nel Rotary significa ricercare il Bene con spirito di servizio, nel silenzio, con un lavoro spontaneo, promovendo i principi rotariani, rispettando l’altro, le sue idee, le sue opinioni, il suo credo politico, il suo credo religioso, il suo lavoro e i suoi sentimenti. Essere rotariani è soprattutto un elevato impegno morale nel rispetto di un’etica intellettuale e comportamentale che caratterizza l’appartenenza. Inizia oggi con la consegna della CHARTA il nostro cammino rotariano. In questi mesi di preparazione abbiamo già gettato le basi di un impegno serio nel promuovere quei principi di servizio di cui il Rotary si fa paladino. Gli incontri che hanno preceduto questo momento sono stati serrati e costruttivi, tanto che i soci si sono già impegnati nelle quattro vie di azione con le relative commissioni esprimendo così una progettualità operativa. Hanno contribuito a ciò anche il Presidente del Rotary di Osimo Sergio Morichi e il past governor Giorgio Rossi con i quali ci siamo incontrati per approfondire le tematiche relative. In questi mesi di preparazione ho constatato come tutto il gruppo abbia partecipato con serietà e dedizione agli incontri e proprio nell’ottica rotariana è nata e si è consolidata una sincera amicizia tra i componenti che potrà fungere da catalizzatore per i futuri impegni del club. Inoltre questo club non può non risentire della cornice mariana in cui nasce, dove i valori di elevata spiritualità saranno di ulteriore stimolo e ne caratterizzeranno anche il percorso. Ringrazio tutti gli amici di questo club che nasce, per l’impegno profuso, per l’affetto dimostratomi e per il consenso accordatomi. Un gentile saluto lo vorrei rivolgere alla nutrita componente femminile che ha ingentilito, modellato ed arricchito con sensibilità ed intelligenza la già iniziale progettualità e organizzazione del club. Vorrei inoltre porgere un riconoscente ringraziamento all’amico e collega Giorgio Fanesi (rappresentante speciale del governatore) che è stato il nostro tutore e che ci ha guidati passo dopo passo a questa realizzazione. Ho ritrovato in lui quell’entusiasmo contagioso che è tipico di chi crede nelle iniziative di servizio. Questo entusiasmo si è diffuso tra i soci del club e di questo gli siamo tutti grati. Mi auguro che possiamo dare anche il nostro contributo a diffondere il SEME DELL’AMORE. Attualmente sono innumerevoli le iniziative condotte in nome del Rotary con una costante: CHE IL MIGLIORE SERVIZIO ROTARIANO VIENE SEMPRE DAL CUORE. Come ha detto Madre Teresa di Calcutta: “Ciò che conta non è quanto diamo, ma quanto amore infondiamo in quello che diamo”. Con questo intento intendo avviare questo club, dando concretezza e tangibilità alle idee alle quali ci ispiriamo, ed importante sarà anche l’aiuto e il contributo, la collaborazione degli altri club per la riuscita dei nostri progetti. Un cordiale saluto a tutti» Mi sarebbe difficile ricordare tutti gli eventi che si susseguirono nel nostro primo anno di vita, per questo vorrei soffermarmi su quello che per me è stato l’emblema della nostra nascita e che ha racchiuso e compreso i nostri colori rotariani. 9


10 anni di Rotary a Loreto Il 13 settembre del 2003, in una serata incerta per il maltempo che imperversava nella zona, presentammo alla città di Loreto nel contesto di Eurhope 2003 promosso dal centro giovanile Giovanni Paolo II, il musical di Castellacci-Paulicelli MADRE TERESA che racconta la vita di Madre Teresa di Calcutta in musica ed in prosa con particolare riferimento agli aspetti più semplici e più umili, l’amore per i poveri, il valore nella diversità fra gli uomini. Ci presentammo alla Città di Loreto con semplicità e con umiltà di chi si vuole mettere a disposizione per il bene comune. Fu un successo, molte erano le persone accorse nella stupenda piazza della Madonna che faceva da cornice e da palcoscenico con la sua naturale bellezza. Fummo anche graziati dal tempo che ci minacciò costantemente, dopo che non senza incertezze scegliemmo di presentare lo spettacolo nella piazza. La provvidenza ci soccorse permettendoci di comunicare alla nostra città le nostre intenzioni e la nostra buona volontà di rotariani di metterci al servizio della comunità. Tutti dopo tante trepidazioni ci sentimmo soddisfatti ed uniti nel Rotary che ormai era parte di noi. Il Presidente 2002/04 Fulvio Borromei

La compagine dei Soci Fondatori

10


2002/04

Il musical su Madre Teresa

Il riconoscimento a Giorgio Fanesi

1° dicembre 2003 il primo “compleanno” del Club

Un momento della vita del Club

11


2004/05

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Massimo Biondi

Presidente Rotary International Glenn E. Estess Sr. Governatore Distretto 2090 Tullio Tonelli Assistente del Governatore Franco Malagrida Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri: Presidente Incoming: Past President:

BRUNO CALOGIURI GESUALDO ANGELICO DANIELA BONARELLI CLAUDIO GRENDENE FERDINANDO MANZOTTI DOMENICO BELLINI FULVIO BORROMEI

Numero Soci: 21

È cominciato così

Visita del Governatore

12


2004/05

L’

anno rotariano 2004-2005 è stato caratterizzato da due eventi fondamentali, uno a carattere internazionale e riguarda la celebrazione del centenario della nascita del

Rotary, che proprio il 23.02.2005 ha compiuto 100 anni; l’altro più a carattere locale e riguarda il nostro distretto ed in particolare i club marchigiani, perché proprio nell’anno 20042005 si è tenuta la prima edizione del Campus per disabili, organizzato dai club marchigiani. L’esperienza di essere Presidente del Club in quest’anno è stata particolarmente impegnativa ma allo stesso modo piacevole e gratificante. Non posso non ricordare l’evento celebrativo dei 100 anni del Rotary, tenutosi proprio il 23.02.2005 presso il ristorante Anton, con la presenza di ben sei club (Camerino, Civitanova Marche, Fermo “Mare Adriatico”, Loreto, Macerata e Tolentino). Ritengo opportuno ricordare questo evento, particolarmente significativo ed emozionante, riportando una sintesi del discorso che a nome del Club di Loreto e di tutti i Soci ho avuto la fortuna di poter pronunciare in quell’occasione, insieme agli altri presidenti dei club. “……. Il club di Loreto ha appena due anni di vita, che sono un nulla rispetto ai cento anni che il Rotary compie proprio questa sera. Vorrei sottolineare, però, a proposito di compleanni e del tempo che passa, la storia ultracentenaria, direi quasi millenaria della città di Loreto, cui appartiene il nostro club, che nel corso dei secoli si è distinta come centro, riconosciuto nel mondo intero, di accoglienza, di tolleranza e di servizio verso gli altri; come centro che più di una volta, con molteplici manifestazioni ed iniziative si è caratterizzato per la ricerca e la promozione della pace e della fratellanza tra i popoli. Noi tutti sappiamo bene che questi principi (vale a dire l’accoglienza, la tolleranza ed il servizio verso gli altri, la promozione della pace) sono gli stessi principi sui quali il Rotary si fonda e che persegue e realizza esattamente da cento anni. L’augurio che rivolgo al protagonista assoluto di questa serata, vale a dire al Rotary International, è quello che anch’esso, come la città di Loreto ha fatto e continuerà a fare nei secoli, possa festeggiare tanti altri compleanni centenari, continuando nel tempo con immutata efficacia a perseguire e promuovere quei valori fondamentali che lo contraddistinguono e sui quali si fonda, quali appunto la tolleranza, la solidarietà, la promozione della pace, il servizio verso gli altri”. Il Presidente 2004/05 Massimo Biondi

13


10 anni di Rotary a Loreto

La visita del Governatore

La visita del Governatore

La rivista del Distretto parla di una nostra iniziativa

14


2004/05

Il Rotary Day

Ricordo della visita dei partecipanti al GSE

15


2005/06

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Domenico Bellini

Presidente Rotary International Carl-Wilhelm Stenhammar Governatore Distretto 2090 Antonio Guarino Assistente del Governatore Leonardo Gennaro Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri: Presidente Incoming: Past President:

ANNA COCOZZA BRUNO CALOGIURI ANDREA MENGARELLI FERNANDO SORRENTINO FRANCESCO LATTANZI GESUALDO ANGELICO MASSIMO BIONDI

Numero Soci: 24

È cominciato così

Visita del Governatore

16

Visita del Governatore


2005/06

L’

anno inizia col “Passaggio del martelletto” tra Massimo Biondi e Domenico Bellini il 30 giugno 2005 e con la visita del Governatore Antonio Guarino, accompagnato dall’assistente Leonardo Gennaro, del 21 luglio.

Nel corso dell’anno si realizzano diversi progetti, sia come Club singolo, che insieme ad

altri. Vengono donati libri, raccolti grazie all’impegno di diversi soci, alla Biblioteca Comunale di Loreto ed alla Scuola dell’Infanzia “G.Rodari” di Porto Recanati. Si partecipa al Progetto “Water is Life “ patrocinato dal Past Governor Umberto Lenzi. Con il Club Osimo si partecipa al Matching Grant per la realizzazione di un pozzo e sistema di distribuzione dell’acqua per il Malaika Village in Zambia. Si partecipa poi attivamente al Campus per disabili delle Marche. Vengono fatti Interclub con Osimo, Cagli ed Ancona. Si fanno due gite sociali: una a Roma e una al Museo Malacologico di Grottammare, entrambe con una discreta schiera di partecipanti. Tra le conviviali con relatori ci piace ricordarne due in particolare: • quella con Carlo Campetella che ci ha parlato del mondo delle corse motociclistiche e della sua esperienza nel “Moto Mondiale” nella categoria 250 cc.Molto ammirata la moto Aprilia che ha portato con se e che era reduce da una gara. • quella con Carlo Garofoli sulla produzione dello Spumante, in cui sono state illustrate le varie tecniche di produzione ed alcuni aneddoti che hanno favorito il consumo di questo prodotto. Nel corso dell’anno il club si arricchisce di 2 nuovi soci: Antonello Morgantini e Sandro Bolognini. La chiusura dell’anno, col passaggio del martelletto a Gesualdo Angelico, è il 29 giugno 2006, e la ruota continua il suo giro……

Il Presidente 2005/06 Domenico Bellini

17


10 anni di Rotary a Loreto

Conviviale con Carlo Garofoli

Il terzo compleanno del Club

L’Interclub con Cagli

La conviviale con Campetella

18


2005/06

Consegna dei libri alla Biblioteca Comunale di Loreto

La donazione dei libri alla scuola “Rodari� di P. Recanati

Il Campus Disabili Marche

Visita in Albania

19


2006/07

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Gesualdo Angelico

Presidente Rotary International William Bill Boyd Governatore Distretto 2090 Luciano Pierini Assistente del Governatore Franco Baldelli Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri: Presidente Incoming: Past President:

ROBERTO BONARELLI ANNA MARIA LATINI SANDRINA BOLOGNINI STEFANO RAGAINI FULVIO BORROMEI ANNA COCOZZA DOMENICO BELLINI

Numero Soci: 24

È cominciato così

Passaggio del “Martelletto”

20

Visita del Governatore


Il

2006/07

Presidente Internazionale William Bill Boyd, uomo semplice e concreto, ha scelto come motto dell’anno “Apriamo la Via”, invito che guarda già al futuro, verso i giovani che per noi lo configurano, verso la ricerca di leaders che ci sappiano dirigere con altruismo, tolleranza ed integrità, verso un mondo migliore, nel quale il Rotary porti reali e personali contributi. L’anno è stato improntato su tali principi e le iniziative intraprese hanno avuto come obiettivo principale quello di valorizzare i giovani talenti locali e di far riflettere su argomenti di scottante attualità come la “famiglia”, la “sicurezza stradale”, il “bullismo”. In quest’ottica, con il Consiglio Direttivo e il supporto indispensabile di soci volenterosi, è iniziato il progetto “Il Rotary e l’arte” con l’intento di dare spazio, opportunità e visibilità a giovani impegnati nelle varie forme artistiche: dalla musica al ballo, dal canto alla recitazione. Sulla tema della “sicurezza stradale” abbiamo organizzato un Forum coinvolgendo in primo luogo i ragazzi delle scuole superiori, con la predisposizione di test e questionari compilati dagli studenti e poi esaminati da una commissione di esperti, culminato in un incontro-dibattito a cui hanno partecipato esponenti di spicco della Polizia Stradale, dei Carabinieri, del Servizio 118, dell’ACI e dell’Amministrazione Comunale. Mettendo in risalto l’importanza che la nostra città riveste nel mondo religioso ed artistico, abbiamo invitato ad intrattenerci su questi argomenti il massimo esperto in materia: Padre Floriano Grimaldi, già curatore della ricchissima biblioteca della Delegazione Pontificia, autore di apprezzate pubblicazioni sulla storia di Loreto e sulla sua “sacralità”. Il tema della “famiglia” come nucleo centrale della società è stato affidato ad un insigne sacerdote che su tale argomento ha improntato la sua azione missionaria. Padre Alfredo Feretti o.m.i., in una serata ad altissima e coinvolgente partecipazione, ci ha condotto con amore lungo il faticoso ma eclatante percorso della vita in famiglia, con le sue ombre ma, soprattutto, con le sue luci. Una piacevole conviviale è stata dedicata alla sana alimentazione ed ai rimedi naturali, guidati dalla sapiente esperienza della prof.ssa Laura Cingolani che ci ha edotto sulle capacità nutritive e curative delle erbe officinali. Nello spirito di comprendere sempre di più i giovani e poterli aiutare, il dott. Sergio Cutrona, giudice del tribunale dei minori, è stato chiamato ad illustrarci il problema del bullismo tra scuola e famiglia, invitandoci a riflettere sul ruolo dei genitori e degli insegnanti, impegnati in prima linea sulla dura strada dell’educazione e della formazione. Con spirito di condivisione si sono tenuti interessanti interclub con i due Club di Ancona sulla valorizzazione del dialetto come risorsa culturale e con i Club di Osimo, Ancona e Ancona Conero sulla poesia, in occasione del Premio Mazzola. È stata formalizzata anche la nostra compartecipazione ad un Machting Grant con i Club di Osimo, Ancona Conero e Montegranaro, che ha portato alla realizzazione di un pozzo e di una cisterna per l’acqua potabile al Malaika Village, in Zambia e ad uno con diversi Club, non solo del nostro Distretto, che ha permesso la realizzazione di un acquedotto a Durazzo, poi premiato ad Assisi in occasione dell’evento “Sorella acqua” come miglior progetto del nostro Distretto. Abbiamo avuto anche il piacere e l’onore di ospitare il gruppo del GSE proveniente dal Distretto 4620 del Brasile che ci ha permesso di condividere visioni ed esperienze diverse sia relative al Rotary che all’azione professionale. Compatta ed entusiasta è stata la nostra partecipazione ai due importanti eventi organizzati dalla Conferenza dei Presidenti delle Marche: il corso di informatica per ipo e non vedenti ed il Campus Disabili al Natural Village. Iniziative ad alto valore umanitario, solidale e sociale che esaltano lo spirito del “Servire”, pilastro portante e fondamentale del Rotary. Il Presidente 2006-2007 Gesualdo Angelico 21


10 anni di Rotary a Loreto

p. Floriano:Loreto e la sua sacralità

Spettacolo “Il Rotary e l’arte”

10 – 11 – 17 – 18 febbraio corso di informatica per non vedenti

Corso di informatica per ipo-non vedenti

Interclub con Ancona e Ancona Conero sul dialetto

Interclub con Osimo, Ancona Conero e Montegranaro su Machting Grant in Zambia

p. Alfredo Feretti: Il ruolo del matrimonio e della famiglia per la comunità cristiana e per la società

22


2006/07

Prof.ssa Laura Cingolani: Erbe officinali e dintorni

dott. Sergio Cutrona: Il bullismo tra scuola e famiglia

OspitalitĂ al gruppo GSE dal Distretto 4620 del Brasile

interclub con Osimo,Ancona e Ancona Conero

Forum in occasione della giornata mondiale sulla sicurezza stradale

Partecipazione al Campus Disabili

23


2007/08

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Anna Cocozza

Presidente Rotary International Wilfrid J. Wilkinson Governatore Distretto 2090 Massimo Massi Benedetti Assistente del Governatore Gesualdo Angelico Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri: Presidente Incoming: Past President:

DANIELA BONARELLI ANTONELLO MORGANTINI DOMENICO BELLINI MARCO ANCONETANI FULVIO BORROMEI CLAUDIO GRENDENE GESUALDO ANGELICO

Numero Soci: 25

È cominciato così

Passaggio del “Martelletto”

24

Visita del Governatore


2007/08

M

i è stato chiesto di ricordare, in questo breve scritto, quello che fu l’anno di presidenza di Anna Cocozza e mi accingo a farlo con due consapevolezze: la prima è che lei lo avrebbe sicuramente saputo scrivere meglio di me, la seconda è che quello fu un anno bello, ricco di eventi e di soddisfazioni per il club al quale Anna, nonostante la malattia che la affliggeva e le pesanti terapie, non ha mai fatto mancare la sua guida e il suo straordinario apporto di passione e servizio, un anno che, quindi, sarà un piacere ed un onore ricordare. Il modo migliore per iniziare questo racconto, secondo me, è ricordare quali furono le parole del presidente il giorno della sua “investitura”, parole che riassumono lo spirito con il quale ha condotto l’intero anno. «Cari amici, voglio per prima cosa ringraziarvi tutti per la partecipazione a questa cerimonia del passaggio del martelletto, simbolo della presidenza che mi viene ceduta da Aldo. Un benvenuto a Carlo, che da oggi entra a far parte del nostro gruppo. Mi assumo stasera la responsabilità di guidare per un anno il nostro Club, ben consapevole dell’onore che mi è stato fatto ma anche dei doveri che esso comporta. Sapete tutti che, quando l’anno scorso mi fu proposto l’incarico di Presidente, accettai con qualche remora, temendo di non riuscire a conciliare i tanti impegni che riempiono la mia vita con la carica che mi sarei assunta, ma la stima e l’affetto che avete mostrato per me e la collaborazione che tutti voi mi avete offerta mi hanno stimolata e aiutata nella difficile scelta. Spero di essere all’altezza della grande responsabilità che mi è stata affidata. Il tema fondamentale che è stato scelto per quest’anno dal Rotary è la condivisione, e non a caso la condivisione è anche uno dei pilastri sui quali poggia il Club. Condivisione vuol dire dare qualcosa di sé agli altri, un po’ del proprio tempo, un po’ delle proprie capacità. Il nostro club è piccolo, questo però a noi tutti piace perché ci sentiamo più uniti, più partecipi, più affiatati, siamo un gruppo di “amici” che stanno insieme volentieri e condividono, appunto, le gioie e i crucci che spesso la vita riserva a ciascuno di noi, ben consapevoli di poter trovare conforto e aiuto quando necessario. I Presidenti che mi hanno preceduto hanno fatto sì che il nostro club fosse portato ad esempio, nel Distretto, per l’armonia e la coesione che lo caratterizzano, io mi auguro di essere capace di fare altrettanto anche se so con certezza, fin da ora, di aver bisogno di voi, della vostra amicizia, della vostra partecipazione, della vostra collaborazione.» E l’anno, improntato sulla condivisione, lo è stato realmente basti ricordare che furono effettuati, oltre che i tradizionali incontri mensili con relatori, ben 7 Interclub (solo per citarne alcuni: con il Cav. Giovanni Rana, con Terenzio Montesi sullo stoccafisso, con Gaspare De Fiore su come leggere un quadro, con il Gen. C.A. Ciro Cocozza sulla missione italiana in Afghanistan, la visita del Governatore Massimo Massi Benedetti). Il club ha partecipato a due importanti Matching Grant uno a favore del Malaika Village in Zambia per completare gli interventi già iniziati l’anno precedente, e uno per lo sviluppo dell’imprenditorialità femminile in Albania; per quello che riguarda i giovani e l’impegno sociale, ha proseguito il progetto “Il Rotary e l’arte” dando spazio, questa volta, ad una giovane scuola di teatro di Loreto, il Centro Studi Teatrali “Nuovi Linguaggi”, che per l’occasione ha messo in scena l’Ubu Re di Jarry, ed ha fattivamente partecipato con molti soci volenterosi al Campus per Disabili e al corso di informatica per ipo e non vedendi organizzati dalla Conferenza dei Presidenti delle Marche. Anche la nostra famiglia rotariana durante l’anno ha avuto un notevole incremento con l’ingresso nel club di tre nuovi soci. A coronamento di tutti gli sforzi profusi sono arrivati anche l’Attestato Presidenziale con le congratulazioni del Presidente Wilkinson per il club ed un meritatissimo PHF donato dal club per il Presidente. Come dicevo all’inizio, un anno ricco, pieno di soddisfazioni, un anno veramente rotariano. Il Tesoriere 2007-2008 Marco Anconetani 25


10 anni di Rotary a Loreto

Conviviale degli auguri

La visita del Governatore

Interclub sullo “stoccafisso”

Il Rotary e l’arte

Con il direttore della Cappella Musicale di Loreto

26

L’interclub con il Gen. C.A. Cocozza


2007/08

Il quinto compleanno del club

Con l’Arcivescovo di Loreto Mons. Tonucci

Gaspare De Fiore realizza il ritratto del Presidente

Con il comandante della SPSAM col. Sabbione

Il Congresso Distrettuale

Campus disabili Marche

27


2008/09

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Claudio Grendene

Presidente Rotary International Dong Kurn Lee Governatore Distretto 2090 Giorgio Splendiani Assistente del Governatore Guglielmo Marconi Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri: Presidente Incoming: Past President:

ANNA MARIA LATINI SANDRO BOLOGNINI CARLO CARLOROSI MARIA GIUSEPPINA VITA FULVIO BORROMEI FERNANDO SORRENTINO DANIELA BONARELLI FRANCESCO LATTANZI ANNA COCOZZA

Numero Soci: 26 È cominciato così

Passaggio del “Martelletto”

28

Visita del Governatore


2008/09

L’

anno rotariano 2008 – 2009 da me presieduto è stato caratterizzato soprattutto dalla continuità di operato con la precedente presidenza di Anna Cocozza Anconetani. Nel corso dell’anno rotariano le principali iniziative portate a compimento sono state:

1) Partecipazione al Forum sulle “Religioni e Perdonanza” all’Aquila 28 agosto 2008. 2) Spettacolo musicale “Il Rotary e l’Arte” per la valorizzazione di giovani talenti del territorio. 3) Adesione al piano di lavoro del R.C. di Senigallia su un progetto di legge tendente a proibire la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche ai minori. 4) Partecipazione alla manifestazione organizzata dal R.C. Osimo sui “Restauri della Piazza” della Basilica di S. Francesco in Assisi relazionata dal Governatore Incoming Arch. M. Struzzi in occasione dell’VIII centenario della Fondazione dell’Ordine dei Frati Minori. 5) Organizzazione della serata con relazione “Sulla Presenza di S. Francesco nelle Marche” a cui a preso parte S.E. l’Arcivescovo D.P. Mons. Giovanni Tonucci. 6) In concomitanza con l’Anno Rotariano per l’Anziano, organizzato un Pomeriggio di Spettacolo, il giovedì grasso, per gli anziani ospiti della Casa di Riposo “Oasi Ave Maria” di Loreto. 7) Corso di Convivenza Civile e di Educazione Stradale con test valutativi svolto dal Segretario Prof. S. Bolognini c/o gli Istituti di Istruzione Superiore “Einstein” e “Nebbia” di Loreto. 8) Adozione a distanza mediante l’Organizzazione Agata Smeralda di una bambina brasiliana. 9) Conviviale del 100% per sensibilizzare i soci alla partecipazione attiva. Nel corso della conviviale relazione del Dott. Angelo Serri su “Tipicità”, manifestazione per la promozione dei Prodotti Tipici Marchigiani. 10) “Prevenzione degli Infortuni. Sicurezza sul Lavoro. Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro” relazione svolta dal Prefetto Ing. Carlo Carlorosi. 11) Relazione del Dott. Tiziano Cossignani, Direttore Sanitario POU ASUR MARCHE sul “Mondo delle Conchiglie”. 12) Interclub con R.C. di Falconara ed Ancona con relazione del Prof. Gaspare De Fiore sul tema “Lettura di un’opera d’arte” - “L’Annunciazione di Maria” con la partecipazione di S.E. l’Arcivescovo D.P. Mons. Giovanni Tonucci. 13) Conviviale con R.C. Osimo e relazione sulla “Carità” tenuta da S.E. Mons. Edoardo Menichelli, Arcivesovo di Ancona – Osimo – Castelfidardo. 14) Incontro – dibattito con S.E. il Prefetto di Ancona Dott. Giovanni D’Onofrio sul tema “Trasformazione ed Evoluzione del Concetto di Sicurezza”. Ha poi fatto seguito la firma di un Protocollo di Intesa con il Comune di Loreto. L’evento è stato sponsorizzato dal R.C. Loreto.

Molte altre occasioni di aggregazione e di stimolo, al fine di rendere sempre più saldo il concetto fondante di “amicizia rotariana”, sono state promosse con conviviali e gite aperte sia ai club vicini che a persone legate o simpatizzanti con il mondo rotariano. Tutto quanto sopra ha avuto concreta attuazione soprattutto per la preziosa collaborazione di tutto il Direttivo, in particolare del Vice Presidente Anna Maria Latini, del Segretario Sandro Bolognini, del Prefetto Carlo Carlorosi, del Tesoriere Maria Giuseppina Vita e dell’ Assistente del Governatore Aldo Angelico. A loro un grazie di cuore. Il Presidente 2008-2009 Claudio Grendene 29


10 anni di Rotary a Loreto

Il Rotary e l’Arte

30

Sulla presenza di S. Francesco nelle Marche

Il Rotary per gli anziani

Il mondo delle conchiglie

Il Presidente con la dott.ssa Storti

Il gen. Cocozza diventa socio onorario del Club

Prevenzione degli infortuni


2008/09

Gita a Ravenna

Incontro-dibattito con il Prefetto di Ancona

Gaspare De Fiore, “L’Annunciazione di Maria”

Il congresso distrettuale a L’Aquila

31


2009/10

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Francesco Lattanzi

Presidente Rotary International John Kenny Governatore Distretto 2090 Giuseppe Ferruccio Squarcia Assistente del Governatore Fabio Cappello Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri:

Presidente Incoming: Past President:

FERNANDO SORRENTINO MARCO ANCONETANI ANDREA MENGARELLI ANNA MARIA LATINI MAURIZIO ABATE FABIO BALDONI GESUALDO ANGELICO NICOLETTA RINALDI SANDRO BOLOGNINI CLAUDIO GRENDENE

Numero Soci: 29 È cominciato così

Passaggio del “Martelletto”

32

Visita del Governatore


2009/10

A

nno rotariano 2009-2010. Motto dell’anno 3 S: Serenità, Sorrisi e Servizi. Quando sono stato chiamato a dare il mio contributo come Presidente al club, ho cercato di capire in che direzione doveva svolgersi il lavoro del consiglio direttivo. Dopo una riflessione collegiale, fedeli al motto rotariano dell’anno il futuro del Rotary é nelle vostre mani, abbiamo individuato una prima direzione di lavoro: la riorganizzazione del club; abbiamo quindi lavorato sul miglioramento del sito, la fondazione di un bollettino del club, la ricerca di una sede che permettesse di unificare tutto il materiale del club e di avere un luogo dove riunirci che aumentasse la visibilità cittadina del club, la connessione con altre forze cittadine quali Proloco, Associazione Rassegna Internazionale di Musica Sacra, associazione Loreto-Altoetting , aumentare la visibilità del Club con la pubblicazione di articoli sulla stampa (fare e far sapere) e lezioni di cultura rotariana. Tutti questi obbiettivi sono stati centrati, il sito è bello e moderno. Il bollettino, che assolve ad un obbligo dettato dal Rotary International, è uno strumento indispensabile per cementare il Club aumentando la conoscenza. Per ciò che concerne la sede oltre ad un risparmio economico è ancora più importante l’implicito riconoscimento da parte dell’amministrazione comunale dello stato di associazione di service riconosciuta al club. Il confronto con le realtà locali è iniziato con la Rassegna di Musica Sacra (incontro conviviale in onore dei Maestri dei cori), proseguito con l’associazione Loreto-Altoetting che ha portato all’inizio del percorso del gemellaggio fra i Club delle due città e la condivisione con la Proloco, per il momento di spazi in serenità, ed in futuro si spera di progetti a favore della città. Ho lasciato per ultima la riflessione sui 5 incontri di istruzione rotariana Rotaract, Campus, conoscere il Rotary, Rotary Foundation e Sito perché è l’unica nota dolente infatti l’analisi evidenzia che la media di frequenza è stata inferiore al 50%. In questo caso il perdente è il Club. La seconda direzione di lavoro riguardava la riscoperta dei bisogni del nostro territorio. I Service sono la punta di diamante di un club e sono quelli che più di ogni altra cosa danno la dimensione del buon funzionamento dello stesso. Da questo punto di vista possiamo essere sereni ed orgogliosi del nostro club infatti tra progetti già in esecuzione e quelli in programmazione possiamo dire che il nostro sostegno al territorio si è esplicitato in maniera completa ed efficiente. Ricordiamo 1) Educazione alla convivenza civile; 2) Opuscolo sull’acqua “Le 4 R Rotary, Risparmio, Riciclo, Riuso”; 3) Opuscolo sul piede del Bambino, con il fondamentale contributo del Governatore Ferruccio Squarcia; 4) Screening scoliosi; 5) Proseguimento dello spettacolo, il giovedì grasso, per ospiti della Casa di Riposo “Oasi Ave Maria” di Loreto. Solitamente le conviviali risentono della professionalità del Presidente, ma in questo anno si è cercato di variare molto il contenuto delle stesse. Infatti, anche se pur apparentemente tanto lontane tra loro per gli argomenti trattati, hanno seguito tutte una logica Rotariana, tutte hanno presentato una valenza culturale di base poi ognuna è stata vissuta come momento di confronto per mettere in cantiere altri Service. Per evitare uno sterile elenco rimandiamo i lettori alle foto celebrative degli eventi menzionando per tutti l’interclub con i Club di Alta Vallesina, Ancona Conero, Falconara e Osimo sul tango. Cosa rimane di questo anno? La soddisfazione per le tante cose fatte, il rammarico per quelle che non siamo riusciti a fare e la vana speranza di aver contribuito a far avvicinare il club sempre più agli ideali del Rotary Il Presidente 2009-2010 Francesco Lattanzi 33


10 anni di Rotary a Loreto

Serata “donne e moto”

Interclub sul “tango argentino”

Il dott. Giustini, console del TCI

Screening sulle deformità vertebrali

Inaugurazione della Sede del Club

Interclub con Ancona e Ancona Conero

34

La conviviale degli auguri


2009/10

Visita ad Altoetting

Ciociaria: Cultura e dialetto

La Rassegna Internazionale di Musica Sacra

Serata sul rigassificatore (a sin.) - Relazione socio Bellini (a des.)

Il Rotary e l’arte

I nuovi soci (in alto) - Serata di istruzione sul Sito (in basso)

Campus disabili Marche

Congresso Distrettuale

35


2010/11

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Sandro Bolognini

Presidente Rotary International Ray Klinginsmith Governatore Distretto 2090 Mario Struzzi Assistente del Governatore Gesualdo Angelico Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri:

Presidente Incoming: Past President:

CLAUDIO GRENDENE DOMENICO BELLINI SANDRINA BOLOGNINI FERNANDO SORRENTINO GESUALDO ANGELICO FULVIO BORROMEI DANIELA BONARELLI MAURO PICCHIO CARLO CARLOROSI MARCO ANCONETANI ANNA MARIA LATINI FRANCESCO LATTANZI

Numero Soci: 30 È cominciato così

Passaggio del “Martelletto”

36

Visita del Governatore

Premiazione progetto “Cittadinanza e Costituzione”


2010/11

C

on riferimento al concetto basilare del “servire rotariano”, che significa entrare nel vivo delle esigenze della comunità con il proprio sapere e con il proprio esempio, nell’anno 2010-11 sono stati approntati campi di lavoro con lo scopo di dare risposte puntuali alle due peculiarità progettuali del Rotary: il fare e il far sapere. Anche se potrebbero apparire due modalità operative paritarie, in realtà sarebbe opportuna la prevalenza del fare poiché, con riguardo in particolare alle giovani generazioni, il manuale di procedura del Rotary raccomanda che “Ogni rotariano deve essere d’esempio ai giovani”. Ciò vale ancora di più ai nostri giorni, in cui i giovani sono investiti da tante parole ma da pochi esempi di un fare virtuoso, soprattutto con espliciti riferimenti alla legalità e al bene comune. D’altra parte il “servire rotariano” non è un concetto astratto, vuoto di contenuto, ma un modo di agire concreto ed efficace perché diventi esempio di vita e testimonianza, come ci viene ricordato, in forma solenne, dall’espressione evangelica “dicono e non fanno”. Gli esempi tradotti in progetti concreti potrebbero apparire più gravosi e costosi di altre iniziative, ma costituiscono la sola risposta vincente per soddisfare l’aspetto prioritario dell’etica rotariana. D’altra parte le due problematiche suindicate possono divenire semplici quando si ha a che fare con un Club efficiente: gli impegni sono meno gravosi se condivisi, consentendo di parcellizzare le fasi operative; i costi possono essere sensibilmente abbattuti coinvolgendo nelle iniziative partner esterni che, con un ritorno di immagine e di promozione, saranno ben lieti di contribuire ad iniziative virtuose. Da rimarcare che tale modalità, soprattutto quando viene esercitata sul territorio, contribuisce a motivare nuove leve ai fini dell’incremento dell’effettivo, poiché un Club efficiente diviene un forte elemento di attrazione. Proprio su tali premesse è stato impostato l’anno rotariano 2010-11, che ha visto la realizzazione dei seguenti progetti: 1) Adozione di un bambino a distanza. Per donare un futuro a un bambino 2) Carnevale in festa con gli anziani. Per condividere con i non più giovani momenti di serenità 3) Spettacolo “Il Rotary, i giovani e l’arte”. Per valorizzare le espressioni artistiche emergenti 4) Partecipazione alla realizzazione della Rassegna Internazionale di Musica Sacra di Loreto. Per favorire la cultura, la conoscenza e la pace fra le Nazioni attraverso il linguaggio musicale. 5) Incontri con la città gemellata di Altotting. Per rafforzare i rapporti di amicizia con altri Club 6) Interclub con il prof.Antonino Zichichi, nominato socio onorario del nostro Club, che ha trattato il tema del progresso tecnologico, industriale e civile. Per riflettere sulle tematiche dell’umanità 7) Contributo per la ricostruzione post terremoto in Abruzzo. Per attuare l’ideale della solidarietà 8) Screening della scoliosi sugli studenti. Per salvaguardare la salute dei giovani 9) Progetto scolastico di educazione alla Cittadinanza e Costituzione, premiato con medaglia dal Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano. Per promuovere la legalità 10) Progetto scolastico on line di educazione alla Convivenza Civile. Per favorire la cultura del reciproco rispetto 11) Giornata rotariana per la sicurezza stradale con la presentazione di un progetto on line a servizio delle scuole. Per prevenire le trasgressioni sulle strade 12) Conviviale bella, buona e…colta. Per celebrare il mese di maggio dedicato alla Cultura 13) Corso di alfabetizzazione e di formazione per assistenti in famiglia (badanti). Per fornire un aiuto concreto ad anziani, disabili e malati 14) Partecipazione alle attività del campus disabili. Per far vivere una settimana da protagonisti 15) Partecipazione alle lezioni dei corsi di informatica per ipo-non vedenti. Per favorire l’inserimento nel mondo lavoro 16) Manifestazione distrettuale “Rotary in fiera, Rotary in festa”. Per comunicare con efficacia 17) Finanziamento del corso di formazione Ryla per due studenti. Per formare una nuova leadership 18) Adesione al programma scambio giovani. Per promuovere la cultura e l’amicizia nel mondo 19) Partecipazione al programma polio plus. Per eradicare la polio nel mondo 20) Contribuzione alla Fondazione Rotary. Per aderire all’iniziativa “ogni rotariano, ogni anno” 21) Partecipazione all’evento internazionale “Sorella Acqua”, con qualifica su due progetti. Per creare una nuova consapevolezza sulla situazione di crisi idrica globale Il Presidente 2010/11 Sandro Bolognini 37


10 anni di Rotary a Loreto

Adozione a distanza

Carnevale con gli anziani

Il Rotary, i giovani e l’arte

La rassegna internazionale di Musica Sacra

Educazione alla Cittadinanza e Costituzione

Il Prof. Zichichi è nominato Socio Onorario

38

La medaglia del Presidente della Repubblica

Progetto “Educazione alla convivenza civile”


2010/11

Giornata rotariana per la sicurezza stradale

Conviviale bella, buona... e colta

Corso per assistenti in famiglia

Campus disabili e Corso per ipo e non vedenti

Rotary in fiera, Rotary in festa

I partecipanti al GSE

Il progetto “Sorella acqua�

Il Presidente internazionale Klinginsmith presso il nostro stand

39


2011/12

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Anna Maria Latini

Presidente Rotary International Kalyan Banerjee Governatore Distretto 2090 Francesco Ottaviano Assistente del Governatore Stefano Clementoni Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri:

Presidente Incoming: Past President:

MARCO ANCONETANI GESUALDO ANGELICO ANDREA MENGARELLI MAURO PICCHIO STEFANO ANCONETANI SANDRINA BOLOGNINI FULVIO BORROMEI MARCO GUIDANTONI FRANCESCO LATTANZI ALFIO MANCINI NICOLETTA RINALDI FERNANDO SORRENTINO SANDRO BOLOGNINI

Numero Soci: 30 È cominciato così

Visita del Governatore

40

Visita del Governatore


2011/12

L’

anno della presidenza è senza dubbio il più impegnativo, quello che assorbe le maggiori energie, ma è soprattutto un’occasione di riflessione e verifiche del proprio essere rotariano. Con la partecipazione ai numerosi incontri di preparazione e di istruzione alla carica di presidente, pre-Sipe, Sipe, Assemblea distrettuale, riunioni con l’assistente, sono arrivata alla “Cerimonia del Martelletto” emozionata ma consapevole del ruolo e della responsabilità che l’incarico comporta. Conosci Te Stesso per Abbracciare l’Umanità, motto del Presidente Internazionale Kalyan Banerjee, è stato il filo conduttore dell’anno; il cuore che si apre al mondo ci ha indotto a ricercare nel profondo della nostra anima l’energia e l’armonia per essere di aiuto agli altri. A proposito di cuore è stato avvincente costatare giorno dopo giorno, lo sviluppo dei rapporti umani, passati dalla semplice conoscenza all’amicizia con i Presidenti, con il Governatore, con i membri dello staff distrettuale, con tutti coloro che dedicano al Rotary tempo ed entusiasmo. Il Rotary Club di Loreto ha sempre prestato particolare attenzione alle nuove generazioni e, infatti, i giovani sono stati al centro del nostro interesse attraverso due importanti iniziative: Educazione alla legalità fiscale e Incubatoio d’impresa. Il “Progetto Legalità”, rivolto agli alunni della scuola secondaria inferiore, ha come obiettivo informare e divulgare la materia fiscale ai giovani quali futuri contribuenti. La scuola è in assoluto la protagonista della diffusione della legalità, il luogo dove si impara il confronto, il rispetto per gli altri, ad avere una precisa condotta che porta alla consapevolezza dei diritti e doveri imposti dalla società. I ragazzi hanno mostrato interesse e una partecipazione molto attiva, redigendo elaborati ricchi di contenuto e di riflessioni. Il “Progetto Incubatoio d’impresa” è invece un’iniziativa promossa insieme ai Rotary Club di Camerino, Civitanova Marche, Macerata Matteo Ricci, Macerata, Recanati e Tolentino volta ad incoraggiare le nuove generazioni a creare progetti imprenditoriali e a diffondere cultura d’impresa attraverso le disponibilità delle professionalità presenti all’interno dei Club. Il progetto è rivolto ai giovani per sostenerli nei vari passaggi di pianificazione, di studio e di crescita per avviare una nuova impresa in prima persona, da futuri protagonisti, determinati e consapevoli delle proprie risorse. Per la prima volta il nostro Club, in collaborazione con gli amici del Club di Recanati, è stato chiamato ad organizzare il Seminario Distrettuale della Rotary Foundation, che si è tenuto nel magnifico scenario dell’auditorium Giovanni Paolo II, prospiciente la Basilica di Loreto ed ha visto la partecipazione di oltre centocinquanta rotariani provenienti da tutti i Club del Distretto. In occasione della Rassegna Internazionale di Musica Sacra, che si svolge a Loreto da ormai cinquantadue anni, il Club ha inaugurato un progetto triennale: Il Rotary per la Cultura volto al recupero trascrizione e stampa dei brani scritti da Nicola Antonio Zingarelli, compositore e maestro di cappella del Santuario della Santa Casa di Loreto. Un’iniziativa che contribuisce a riscoprire e valorizzare il patrimonio storico e artistico della nostra città; i brani del musicista andranno ad ampliare il repertorio dei cantori provenienti da tutte le parti del mondo presenti alla rassegna lauretana. Un’operazione in pieno accordo con i principi rotariani per promuovere l’amicizia e lo scambio culturale. Ben quindici Club hanno sostenuto l’iniziativa “Il nostro dialetto per L’Aquila” che si è conclusa a giugno nel bellissimo teatro di Camerino; grande apprezzamento generale per le divertenti scenette in dialetto lauretano interpretate dalla compagnia teatrale del gruppo ricreativo Arcobaleno. Si è parlato di Rotary, di etica e di responsabilità in una conviviale interclub con Osimo e Recanati con un ospite d’eccezione il PDG Antonio Pieretti, che ci ha stimolato a riflettere su temi sempre più attuali: etica, responsabilità e capacità professionali. Sostegno al programma distrettuale Ryla, che pone l’accento sulla leadership e la crescita personale, mediante la partecipazione di Alessia e Federica, giovani e brillanti laureate. E poi 41


10 anni di Rotary a Loreto ancora il progetto Crescere insieme, finanziando il corso di cucina per gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Loreto in situazione di disabilità, con l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per raggiungere una piena autonomia e una reale integrazione sociale. Tradizionale festa di carnevale con gli anziani ospiti della Casa di riposo Oasi Ave Maria; successivamente il consueto appuntamento all’Istituto Volterra di Ancona per lo svolgimento del corso di informatica per ipo-non vedenti e l’accoglienza agli ospiti del Campus Disabili Marche a Potenza Picena. Ancona ci ha visto partecipi insieme ai tre Club della città alla conviviale tenuta in occasione del passaggio della transappenninica rotariana per auto d’epoca, organizzata per raccogliere fondi a favore della Onlus Bimbingamba e a sostegno della facoltà di ingegneria dell’Aquila. Graditissima la visita, fatta in occasione delle festività mariane, degli amici rotariani di Altoetting, con i quali è in corso un progetto per approdare ad un futuro gemellaggio. Concludendo: un’esperienza gratificante e positiva. Il Presidente 2011-2012 Anna Maria Latini

42

Ingresso nuova socia

Seminario Rotary Foundation

Con gli amici di Altoetting

Il progetto “Legalità”

Interclub per il progetto “Incubatoio di impresa”

Il Rotary per la Cultura


2011/12

Conviviale degli auguri

Rotary in Favola

Conviviale sulla famiglia

La professionalitĂ delle donne

Transappenninica Rotariana

Etica e responsabilitĂ

Corso ipo-non vedenti

Campus disabili Marche

43


2012/13

10 anni di Rotary a Loreto

Presidente: Fernando Sorrentino

Presidente Rotary International Sakuji Tanaka Governatore Distretto 2090 Mauro Bignami Assistente del Governatore Domenico Bellini Consiglio Direttivo Vice Presidente: Segretario: Prefetto: Tesoriere: Consiglieri:

Comunicatore Presidente Incoming: Past President:

GESUALDO ANGELICO MARCO ANCONETANI SANDRO BOLOGNINI CARLO CARLOROSI DOMENICO BELLINI CLAUDIO GRENDENE ALFIO MANCINI ANDREA MENGARELLI GIUSEPPE DONATO MARCO ANCONETANI ANNA MARIA LATINI

Numero Soci: 31 È cominciato così

Il passaggio del martelletto

44

Visita del Governatore


“S

2012/13

ervire al di sopra di ogni interesse personale”. Poche parole ma formidabile sintesi dell’impegno che ogni rotariano mette nell’assolvere il proprio compito, nell’esplicitare il proprio “servire”. È con tale spirito di dedizione e soprattutto con tale consapevolezza, onere ed onore, che ho assunto la presidenza del Club per l’anno rotariano 2012 -2013. Compendiare ciò che si è fatto tutto sommato non è difficile; difficile, invece, è tradurre in parole l’ansia, l’emozione dell’inizio, la consapevolezza di dover mantenere, consolidare e rinnovare, il patrimonio di stima e credibilità conquistato sul campo attraverso il duro lavoro e gli ottimi risultati conseguiti di chi ti ha preceduto, nonché il dovere e l’obbligo morale di lasciare a quanti si susseguiranno, un Club innanzitutto coeso, sempre forte e giovane, ma soprattutto un sodalizio con gli ideali e le progettualità che caratterizzano l’intima essenza dell’essere “Rotariani”. Come tutti i past president hanno avuto modo di sperimentare, l’anno di Presidenza è certamente un anno difficile ed impegnativo, specie se fin dall’inizio non lo si affronta con le giuste motivazioni ed il coinvolgimento stimolante dei più stretti collaboratori. Metaforicamente parlando, grazie proprio al supporto attivo dei miei collaboratori, la pianta che mi è stata affidata e di cui mi sono preso cura, ha dato nel corso dell’anno i suoi frutti. Numerosi sono stati i progetti che il Club di Loreto ha intrapreso e fatto propri per il sostegno a favore della popolazione del territorio di riferimento attraverso numerose ed importanti iniziative come per esempio quella fortemente voluta di prevenzione nell’ambito delle “Nuove Generazioni” portando avanti diversi progetti socio-sanitari ed educativi a cominciare dallo screening per il controllo della funzionalità tiroidea, che ha sottoposto a visita specialistica circa 130 ragazzi della città di Loreto che frequentano la terza classe della Scuola Secondaria di 1° grado. Sempre in ambito sociale, tengo in particolar modo a ricordare anche la significativa attività posta in essere per la realizzazione del corso per ipovedenti e non vedenti, con l’obiettivo di reiterare tale importante iniziativa a Loreto, grazie al prezioso supporto logistico del locale Istituto Alberghiero con il quale il nostro Club ha da sempre portato avanti una preziosissima collaborazione. Di particolare rilievo e spessore è anche il progetto che ha continuato a crescere durante il mio anno di presidenza: quello del Campus Disabili, organizzato dalla Conferenza dei Presidenti della regione Marche e sempre più conosciuto ed apprezzato anche per l’elevato spirito di sacrificio e collaborazione volontaria offerto dai rotariani e dalle loro famiglie. Una menzione particolare va fatta per il contributo offerto ai degenti dell’Hospice cittadino per l’acquisto di televisori con cui non solo arredare le loro camere, ma soprattutto offrire una finestra sul mondo e un elemento di “svago” e spensieratezza a fronte delle gravissime condizioni di salute in cui si trovano i pazienti e dei disagi che sono costretti a vivere i loro familiari. L’espressione del servire durante questo anno si è concretizzato anche in campo artistico, grazie ad iniziative a favore dei giovani e nella particolare ricorrenza del decennale del nostro Club, valorizzando e contribuendo alla crescita di giovani talenti attraverso l’esibizione degli “OPERAPOP” che ha riscontrato notevole successo di pubblico e che ci ha permesso di raccogliere ulteriori fondi da destinare al progetto “Polio Plus”. Sempre in campo artistico-musicale e tenendo fede all’impegno triennale assunto, è stato ritenuto utile procedere alla stampa del secondo volume degli “Inni della Passione”, opera volta a far conoscere e valorizzare il patrimonio musicale conservato nell’Archivio Storico della Santa Casa. L’operosità del nostro club abbiamo avuto modo di metterla in pratica anche nello spirito di amicizia che ci lega agli altri club: al Club di Osimo con il quale è stato allestito lo spettacolo “Destinatario Sconosciuto” sulla tragedia della Shoah o aderendo ad iniziative internazionali come il matching grant “Per un futuro di sorrisi” a favore dell’Ospedale Pediatrico di Herat in Afghanistan con i Club di Ascoli Piceno, e altri 16 Club del Distretto. Un interclub particolarmente interessante è stato anche quello organizzato con il Club dell’Aquila, grazie al quale abbiamo avuto modo di poter visitate i Laboratori dell’Istituto di Fisica Nucleare del Gran Sasso, vanto internazionale di laboratorio scientifico per lo studio delle radiazioni cosmiche in stretto contatto per la sperimentazione con il Cern di Ginevra. Laboratorio 45


10 anni di Rotary a Loreto tra l’altro realizzato grazie alla pioneristica idea del Prof. Antonino Zichichi, è socio onorario del nostro club. L’incontro si è realizzato proprio in concomitanza con i festeggiamenti del trentennale del laboratorio ed in occasione della prima uscita pubblica del nuovo Direttore dei laboratori. Particolare attenzione è stata posta ai progetti del Rotary International: l’accoglienza del gruppo di giovani del GSE, proveniente quest’anno dalla Tasmania ed un contributo aggiuntivo per la eradicazione della Polio. Per quanto riguarda i progetti di compartecipazione, si è portato avanti il dialogo con il Club di Altoetting per la realizzazione del gemellaggio. Anche le conviviali hanno offerto momenti di crescita culturale e formativa e mi piace ricordare quelle che hanno visto la partecipazione del Dr. De Bonis che ha trattato la poesia di Eduardo De Filippo, l’intervento del Dr. Behzad che ci ha fatto conoscere una delle tradizioni iraniane attraverso “Il tappeto persiano come arte e cultura”; la simpatica narrazione della nascita industriale del Cav. Giovanni Rana ed ultima, ma solo per ordine di elencazione, la serata di formazione rotariana tenuta dal Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Marche sul “Service Campus Disabili”. Anche quest’anno la pianta, come dicevamo, ha dato buoni frutti ma per continuare a farla crescere in salute e rigogliosa, ha bisogno di nuova linfa di quella linfa offerta dalle nuove professionalità coinvolte, dai nuovi soci che anche quest’anno sono entrati a far parte della nostra piccola ma grande famiglia del Rotary. Un caloroso benvenuto a Raffaella e Andrea. Un ringraziamento particolare a tutti i rotariani, le famiglie ed ai miei più stretti collaboratori che durante la mia presidenza hanno permesso di raggiungere questi risultati. E un altrettanto caloroso, ma questa volta, augurio a Marco cui lascio il… martelletto. Il Presidente 2012/13 Fernando Sorrentino

46

Conviviale su De Filippo

Conviviale autogestita

“Tutto è Amore”

I festeggiamenti per il decennale del Club


2012/13

Conviviale degli auguri ed ingresso della nuova socia

Suggestioni dalla Persia

Viaggio ad Altotting

Interclub con L’Aquila e visita ai Laboratori del Gran Sasso

Interclub con Osimo e Incontro con il Cav. Giovanni Rana

TiRotary

Serata d’istruzione Rotariana

Campus disabili Marche

47


10 anni di Rotary a Loreto Progetti più significativi del Club nei dieci anni di vita. ARTE E CULTURA Musical “Madre Teresa” Il Rotary e l’Arte Dono di libri alla Biblioteca Comunale ISTRUZIONE Corso per ipo-non vedenti Corso per Badanti Progetto “Sicurezza Stradale” Progetto “Costituzione e Cittadinanza” Progetto “Legalità fiscale” Progetto “Sorella acqua” Giornata Rotariana sulla Sicurezza Stradale PUBBLICAZIONI “I nomi della memoria” “Il piede del Bambino” “Le 4 R: Rotary, Riciclo, riuso...” “Inni della Passione” SOSTEGNO ALL’IMPRENDITORIALITÀ Progetto “Incubatoio d’impresa” SALUTE Campus per Disabili Screening deformazioni vertebrali Screening sulla tiroide TiRotary PROGETTI INTERNAZIONALI Malaika Village Microcredito in Albania Invio materiale medico Ospedale Pediatrico di Herat Adozione a distanza

48


Finito di stampare nel mese di giugno 2013


10 anni di Rotary a Loreto

50

10 Anni di Rotary a Loreto  

Pubblicazione per il decennale del Rotary Club Loreto

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you