Page 1

About me

Newspaper

Radio&Tv

Internet

Education

Interview

Luca Marani


About me Link correlati

Nome e cognome Luca Marani Data di nascita 15 febbraio 1985 Luogo di nascita Montecchio Emilia (RE)

Patente di guida Tipo “B” (automunito)

Residenza Via Maria Melato 27, Reggio Emilia (Italia)

Passaporto Sì

Stato civile Celibe

Cellulare 329 1078903

Servizio militare Assolto

Disponibilità spostamenti Sì In base a opportunità

Cittadinanza Italiana (Europa)

Email lucamarani@tin.it Msn lucamarani@hotmail.it

Comune di Montecchio

Comune di Reggio Emilia

Governo Italiano


Newspaper Passione L’attualità. Lo sport. Il giornalismo. Passioni coltivate fin da bambino e maturate in una famiglia di sportivi (negli anni ’50, il nonno ha giocato a calcio e militato in serie C).

Un po’ di numeri Dal gennaio 2005 al giugno 2007 sono oltre 1.500 i servizi e circa 2.000 le ore in redazione (3 giorni in media a settimana, durante l'università). Un esempio

Professione A 16 anni inizia la collaborazione con il sito specializzato BasketNet.it., quindi a 19, dopo aver conseguito il Diploma presso il Liceo "Aldo Moro" e aver intrapreso un discorso con il “Resto del Carino – Reggio Emilia”, inizia a tutti gli effetti l’attività di giornalista retribuito con l’approdo al quotidiano locale “L’Informazione di Reggio”. Attività La collaborazione con il giornale del gruppo editoriale “è-Tv – Teletricolore” inizia nel 2005 e termina a fine 2007. Il lavoro prevede attività di redazione (servizi giornalistici e titoli) e attività sul campo come inviato agli eventi.

Addetto Stampa Dal 2 al 17 settembre 2006 è addetto stampa e responsabile relazioni esterne della 2° edizione del “Torneo Città di Reggio Emilia – Trofeo Chiarino Cimurri”, kermesse di calcio giovanile patrocinata da Comune, Coni, Figc, e sponsorizzata da "Cariparma & Piacenza".

Archivio Sul sito

Sul motore di ricerca

Sito Ufficiale


Radio&Tv Radiocronache in diretta Collaborazione con alcune testate radio-televisive (provinciali o regionali) per la cura in diretta di radiocronache delle gare del massimo campionato maschile di pallacanestro (serie A TIM). Servizi televisivi Collaborazione con “èTv – Teletricolore” per la realizzazione di servizi, interventi in diretta e interviste post-partita della Pallacanestro Reggiana (Serie A TIM). Stagione 2002-2003

Stagione 2005-2006

Link correlati

Teletricolore - RadioErre Reggio Emilia

Lega Basket

Serie A “TIM”

RTIN Radio Teramo

Radio Veneto Uno

Legadue Basket

Treviso

Federbasket

Antenna Radio Esse

Pallacanestro Reggiana

Teletricolore - RadioErre Reggio Emilia

Siena

Radio Mediterraneo Ragusa

Radio ErreCi

Reggio Calabria

Reggio Emilia


Internet Collaborazione con BasketNet.it Rapporto di collaborazione continuativa per la cura di servizi giornalistici a carattere sportivo (pallacanestro). Cos’è Il Sito Ufficiale in lingua italiana di “J&J International Group”, è il primo portale verticale interamente dedicato all’universo della pallacanestro italiana. Nato nel 2001 da un’idea di Giampiero Hruby e Dan Peterson, è tuttora il sito di basket più visitato in Italia. Periodo L’attività inizia nell’ottobre del 2001 come collaboratore per le news di carattere cestistico (Serie A, Legadue e Uleb Cup) da Reggio Emilia. Ruolo Dal 2001 primo corrispondente per la Bipop Reggio Emilia. Dal 2005 membro della redazione e co-responsabile per il campionato nazionale di Serie A.

Inviato Nel corso delle stagioni 2004/2005 e 2005/2006 segue per BasketNet.it le “TIM Final Eight” di Coppa Italia. Sempre nel 2004/2005 cura come inviato le “BF Final Four” di Legadue. Alcuni esempi

Gli articoli di maggior rilievo vengono ripresi anche da altri siti specializzati:

Find me! Sul motore di ricerca

Webmaster Dal 2001 al 2005 è webmaster e ideatore del sito ufficiale del Collettivo Biancorosso Reggio Emilia, ancor oggi punto di riferimento sul web dei tifosi della Pall. Reggiana. Al 31/12/2006 sono circa 32.000 gli accessi e 100.000 le pagine visitate.

Personal Blog & Publications Nel 2005, sul portale ilcannocchiale.it, nasce il blog personale “Luca Marani”, comprensivo di foto, bio e articoli. Altre pubblicazioni sono su Issuu.com.


Education Studi Maturità scientifica conseguita nel 2004 presso il Liceo Statale “Aldo Moro” di Reggio Emilia con valutazione 82 / 100.

Conoscenze informatiche Ottima padronanza dei sistemi operativi Windows XP e Vista di Microsoft e Mac OS-X di Apple.

Iscrizione all’Ordine dei Giornalisti Dal gennaio 2007 iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti come Giornalista pubblicista (tessera n° 120631). Lingue

Liceo “Aldo Moro” Reggio Emilia Laurea (107 / 110) conseguita alla Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia presso l’Università di Modena e Reggio E. nel marzo 2008. Tesi (101 pp.) pubblicata on-line..

Facoltà di Scienze della Comunicazione Modena e Reggio

Windows XP by Microsoft

Buona padronanza dell’Inglese (parlato e scritto). Conoscenza a livello scolastico del Francese (parlato e scritto).

Mac OS X by Apple Conoscenza approfondita di Microsoft Office XP (Outlook, PowerPoint, Excel, Word) e dei programmi Adobe (Acrobat Professional 7.0, Photoshop CS, Premiere 2.0) e TechSmith (SnagIt 8.0, Camtasia 4.0).

Attitudini Grande interesse verso il mondo delle comunicazioni, dei nuovi media, dell’informazione e della pubblicità.


Interview (parlo di me) Indica un tuo pregio. “Comunicativo”. Un tuo difetto. “A volte troppo disponibile…”. Descriviti con tre parole. “Estroverso, ottimista, leale”. Cosa vorresti migliorare di te? “Tendo ad addormentarmi tardi”. La cosa più importante di tutte? “La vita”. A cosa non rinunceresti mai? “Conoscere e migliorarsi ”. Di cosa avresti fatto volentieri a meno? “La matematica, le false amicizie”. Da 1 a 10 quanto tieni a: Famiglia: “10”. Fidanzata: “9”. Lavoro: “8”. Denaro: “8”. Amici: “8”.

L’emozione più forte? “1° luglio 2004, subito dopo l’orale che chiudeva l’esame di Stato. Un mix di gioia e incredulità”. Il ricordo più brutto? “Cerco di dimenticarli in fretta…”. Parliamo allora di quello bello. “La prima trasferta da ‘inviato speciale’ per il giornale: 3 giorni all inclusive ad Amsterdam per seguire l'Uleb Cup. Ma anche il 9 luglio 2006: l’Italia campione del mondo e i grandi festeggiamenti, da buon sportivo”. Globalizzazione: sì o no? “Sì, ma mantenendo le nostre radici”. Politica: sì o no? “Sì, mi piace restare informato”. Rai o Mediaset? “Sky”. La fonte a cui attingi di più? “Sicuramente Internet”.

Windows o Mac? “Entrambi”. Cosa fai nel tempo libero? “Faccio sport, cerco di rilassarmi, leggo un libro o guardo la tv”. Provi rimorsi guardandoti indietro? “Sì, come tutti. Da questi bisogna imparare per non sbagliare di nuovo, ma non soffermarcisi troppo”. Nel futuro cosa vedi? “Una famiglia, dei figli, un posto di lavoro che mi soddisfi”. Dove? “Magari dove ho inviato questo curriculum”.

E’ la prima volta che intervistavi te stesso? “Sì, e spero anche l’ultima…”. Come sei andato? “E’ più facile intervistare gli altri!”.


TORNA AL CURRICULUM

.SPORT.

L’INFORMAZIONE

VENERDÌ 25 AGOSTO 2006

33

 «L'anno scorso a Siena ho sofferto molto e giocato poco. Volevo tornare protagonista e sentirmi parte di un progetto»  Sulla sua strada ritrova Pasquali dopo le felici esperienze di Treviso e Kiev, dove ha vinto il titolo ucraino

BASKET

Un momento della presentazione di ieri all'hotel Astoria: da sinistra il ds Grisanti, il vicepresidente Paterlini, Nicola e l'ad Dalla Salda

IN VETRINA Il lungo italo-argentino si è presentato tra l'euforia dei vertici della Pallacanestro Reggiana

«A Reggio per vincere e divertire» Parole da leader nel primo giorno in biancorosso di Marcelo Nicola «Arrivo qui per ritrovare l'entusiasmo ed esaltare il pubblico.Vogliamo i playoff,ma l'importante sarà non perdere di vista l'umiltà e ragionare partita per partita» di Luca Marani uforia,determinazione e nessun timore reverenziale. Si è presentato da leader Marcelo Nicola,il "promesso sposo" caldeggiato da coach Pasquali che per settimane ha rappresentato il sogno nel cassetto della Pallacanestro Reggiana. Un sogno che alla fine si è realizzato,quasi fosse un regalo ai tifosi visto il grande entusiasmo che si respira in città. Un «grande nome dal pedigree eccezionale»,come hanno ribadito in coro i vertici biancorossi,che si spera possa rendere grande anche la Bipop dell'era Pasquali. «Sono molto contento di essermi legato a questo progetto - ha esordito Nicola -,al quale porto esperienza e voglia di vincere.La Bipop è quella che ha spinto di più,l'unica che mi ha cercato personalmente,in più metteva sul piatto un allenatore preparato come Pasquali con cui ho vinto un titolo in Ucraina.Credo e spero di essere arrivato nel posto giusto per lavorare con tranquillità e per tornare a giocare a basket divertendomi.A Siena è stato un anno duro,non ho giocato come volevo e avevo sofferto molto a restare così tanto seduto in panchina». Ci parli dell'ultima annata. «Certo da fuori non è passata un'immagine positiva,ma dietro alle mie esclusioni c'era un perché.Avevo iniziato su buoni livelli, poi con il rientro di Boisa e Stonerook eravamo diventati cinque lunghi per quattro posti.In più c'era il problema del sovrannumero di "passaportati" e il Montepaschi aveva deciso di premiare i giocatori con contratti pluriennali a scapito del sottoscritto.Per questo ho avuto poco spazio,poca continuità,ma non ho mai incontrato

E

ma saprò farmi rispettare anche in difesa e sotto canestro». In molti la definiscono un giocatore "spigoloso". È così? «Se si intende dire che gioco sporco certo non è vero - sottolinea - ma se questo significa che metto tanta intensità in campo allora confermo tutto.Lo faccio perché voglio sempre vincere,ma al tempo stesso non mi vergogno a dire che mi sono rotto per cinque volte il naso,perché c'è contatto fisico e questo è il basket». Con Reggio vuole i playoff? «È l'obiettivo della società,ma affronteremo tante squadre competitive e sarà dura.Sarebbe bello arrivare a giocarsela con tutte - ha concluso Nicola - ma l'importante sarà non perdere mai di vista l'umiltà,pensando a una gara alla volta e soprattutto non perdendo punti contro le rivali dirette».

problemi fisici e quest'anno spero di tornare ai miei livelli abituali». La scelta della Bipop rappresenta quindi una rivincita? «No,a 35 anni non possono esistere rivincite.L'obiettivo,come ho già detto,è solo quello di tornare a giocare a basket divertendomi e al tempo stesso facendo divertire la gente,aiutando i compagni come parte integrante del gruppo.Quanti minuti potrò dare? Dipenderà dalle situazioni e da cosa vorrà l'allenatore». Come si renderà utile? «Per caratteristiche sono uno che tende ad aprire il gioco per i piccoli,a giocare faccia a canestro non rifiutando il tiro da fuori,

 LA DIRIGENZA l primo dirigente biancorosso a Ipresentazione prendere la parola durante la di Marcelo Nicola è il vice presidente Ivan Paterlini: «Marcelo sarà un tassello fondamentale della squadra,uno di quei giocatori che si possono inserire nella categoria dei campioni». A parlare della trattativa che ha portato a Reggio Nicola è invece l'ad Alessandro Dalla Salda: «L'ingaggio di questo giocatore è un segnale da parte della società. C'era la voglia di avere in rosa un nome importante.La trattativa è nata da un idea di coach Pasquali, che ci ha chiesto Marcelo appena arrivato a Reggio.La negoziazione è stata lunga perché dovevamo trovare un punto d'equilibrio,ma siamo contenti di aver trovato l'accordo con un giocatore che ha grande mentalità e tanto talento da offrire alla squadra».

Marcelo Nicola, nato il 12 maggio 1971 a Rafaela (Argentina) posa sorridente con la maglia della Bipop

Esulta il vicepresidente Paterlini: «Un campione». Dalla Salda: «C'era voglia di un grande nome»

«Non arriva per soldi,ma per motivazioni» Grisanti: «È in ottima forma, sarà la chiave per aprire le difese» Dopo Dalla Salda è il turno del direttore sportivo Massimo Grisanti:«Nicola è un giocatore che non ha bisogno di presentazioni,il suo curriculum parla per lui.È una grande emozione averlo qui e poterlo inserire in squadra,a maggior ragione perchè non è arrivato a Reggio per soldi,ma per le forti motivazioni e per la voglia di riscattarsi che ha dopo un'annata storta come quella di Siena.Stamattina (ieri) ha svolto le visite mediche ed è risultato in ottima

forma.Abbiamo di fronte un giocatore di grande professionalità». Quali sono le caratteristiche tecniche principali di Marcelo Nicola? «Le sue qualità di tiratore dalla lunga distanza ci permetteranno di sfruttare al meglio situazioni di pick and roll,dove si apriranno spazi per le penetrazioni dei piccoli.Al di là del punto di vista tecnico però l'ingaggio di Nicola è importante per la sua grande esperienza nei momenti importanti di una partita.Marcelo sa parlare con

gli arbitri,non è intimorito dal pubblico e sa cosa fare per vincere nei momenti decisivi della gara». Come proseguono le trattative per l'ingaggio del pivot americano? «Siamo alla finestra, visioniamo giocatori,ma dal punto di vista delle trattative siamo fermi.Anagonye rappresenta un sogno,ma non abbiamo un budget illimitato e quindi per ora preferiamo aspettare un po' di tempo prima di fare mosse decisive». (davide draghi)

In allenamento

Penberthy, è subito show: 45/47 da tre!

Mike Penberthy con la sciarpa della PR

n vero e proprio show, U nato per caso al termine dell'allenamento di mercoledì. Dopo la terza seduta della Bipop agli ordini di Pasquali, infatti,il PalaBigi è stato teatro dello show dai 6,25 di Mike Penberthy.Tutto è nato per una sfida "amichevole" di tiro. Da una parte Marco Carra e Daniel Cioffi (guardia italo-australiana in uscita da Reggio), dall'altra i nuovi arrivati Penberthy e CJ Watson. Una gara che alla fine ha visto prevalere il nuovo tandem di guardie biancorosse,in primis grazie all'incredibile prestazione di "MP3". In questa particolare sfida in famiglia, c'è infatti chi giura di aver visto Penberthy infilare 45 canestri su 47 tentativi da tre punti.Uno score incredibile, che farebbe impallidire alcuni tra i più grandi tiratori biancorossi passati da Reggio negli ultimi tempi,come Brett Blizzard,Hines o Brian Evans. Le sedute dei biancorossi proseguiranno oggi con lo stesso programma:dalle 9.30 alle 11.30 atletica al Cere,dalle 17.30 alle 19.30 tecnica al PalaBigi.Da ieri si è aggregato al gruppo anche Nicola.  MENEGHIN. Andrea Meneghin,appena ritiratosi dal basket giocato,inizia una nuova vita:sarà l'assistente di coach Magnano a Varese.

MERCATO Il centro Mps aveva sparato vicino alla Casa Bianca. Scafati rilascia Sekunda MONDIALI Difesa,punti e occhi di tigre: per Angelo e compagni stanotte agli ottavi c'è la Lituania

Baxter in carcere,Siena su Anagonye? Gigli eroe nell'Italia dei "gregari" Voce clamorosa dal club toscano, che perde il suo pivot per due mesi La Nazionale supera anche Portorico e l'ex biancorosso è decisivo on è bastato neppure l'interN vento a discolpa di Gary Williams,suo coach a Maryland:Lonny Baxter,che nella notte tra il 15 e 16 agosto era stato arrestato per aver sparato a pochi isolati dalla Casa Bianca,è stato condannato a due mesi di detenzione.Il pivot americano dovrà dunque restare in carcere fino a metà ottobre.Una tegola pesantissima per Siena,che ne aveva fatto uno dei colpi di mercato insieme all'ex biancorosso Terrell Mc Inyre. Ora la Montepaschi si trova a un bivio:decidere se aspettare co-

Lonny Baxter in maglia Washington Wizards

munque Baxter,se ingaggiare un pivot a gettone (ma non avrebbe senso spendere un visto per pochi mesi) oppure dirigersi su un altro giocatore.In Toscana ci stanno riflettendo,e alcune voci parlano addirittura di un interessamento per Aloysius Anagonye,una delle alternative più valide sul mercato.Se così fosse,è inutile dirlo,sarebbe un colpo mortale per le speranze di ingaggio della Bipop.  SEKUNDA. L'ala lascia Scafati.Confermate le lesioni del menisco e del legamento crociato anteriore del suo ginocchio sinistro.

issione compiuta.L'Italia M soffre e insegue per più di metà gara,ma batte anche Portorico (73-72) e conquista il secondo posto nel gruppo D ai Mondiali di basket in corso in Giappone.Si tratta della quarta vittoria su cinque partite per gli azzurri,trascinati ieri dall'ex biancorosso Angelo Gigli. In una Nazionale dove la forza risiede sempre più nel gruppo e non nei singoli,dove "gregari" come ieri Mason Rocca e Pecile sono determinanti,l'ex gioiellino della Bipop ha chiuso con 7 pun-

Una schiacciata di Gigli contro Portorico

ti,2 rimbalzi e 2 stoppate decisive,frutto di un 2/4 da 2 e un 1/2 da tre in 18 minuti.Gigli,tenuto in campo da Recalcati per tutto l'ultimo quarto,è stato inoltre tra i protagonisti della svolta del terzo periodo, quando ha segnato 5 punti consecutivi per il sorpasso Italia dal 46-48 al 51-48. Giornata opaca invece per gli altri due ex,Gianluca Basile (3 punti con 1/6 dal campo in 19') e Marco Mordente (zero in 18'). Agli ottavi,domani alle 6 di mattina in Italia,per Gigli e compagni ci sarà l'ostacolo Lituania.


CON IL PATROCINIO DI

Carlo Ancelotti ospite d’onore nella giornata inaugurale del torneo “Città di Reggio Emilia – Trofeo Chiarino Cimurri” Reggio Emilia, 1 settembre 2006

LA PASSIONE VINCE ANCORA: CARLO ANCELOTTI OSPITE DEL “CIMURRI” Un grande personaggio per un grande torneo di calcio giovanile. Sarà infatti CARLO ANCELOTTI, reggiano d.o.c. entrato da protagonista nel firmamento della serie A prima da calciatore e poi da allenatore, ad aprire alle 19 di sabato 2 settembre il 2° torneo “Città di Reggio Emilia” intitolato alla memoria di Chiarino Cimurri. L’attuale tecnico del Milan, ancora nel cuore dei tifosi granata per aver condotto la Reggiana ad una storica promozione in massima serie nel 1996, sarà l’ospite d’onore della giornata inaugurale che prenderà il via alle 17.30 con la prima partita della categoria “Allievi” tra Sammartinese e Castelnovo Monti. Alle 19, quindi, via alla cerimonia d’apertura, per la quale hanno già assicurato la propria presenza, tra gli altri, il Sindaco di Reggio Graziano Delrio, il presidente della Provincia Sonia Masini, gli assessori allo sport di Comune e Provincia Giovanni Catellani e Gianluca Chierici, i presidenti provinciali di CONI e FIGC Doriano Corghi e Gianni Torelli, l’ex gloria granata Francesco Romano e lo showman Gene Gnocchi. Ricordiamo che in tutto, a dimostrazione di come il richiamo di Chiarino sia ancora fortissimo anche al di fuori della nostra provincia, saranno ben 25 le società (compresi club professionistici come Milan, Bologna, Parma e Fiorentina, impegnati nel “Play Football Day”) che dal 2 al 17 settembre si contenderanno il trofeo alzato nello scorso anno da Sammartinese (nella categoria “Allievi”) e Rubierese (negli “Esordienti”). Pur non povero di storia, il Trofeo Cimurri è una manifestazione rivolta al futuro, nata ancora una volta grazie all’impegno del fratello Giorgio e all’organizzazione dell’A.C. Tricolore Reggiana (www.actricolorereggiana.it), società che lo stesso Chiarino tenne a battesimo nel 2003. Una kermesse che, a dimostrazione del forte radicamento nel territorio, sarà patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Reggio, oltre che da CONI e FIGC, e vedrà la sponsorizzazione di Cariparma & Piacenza.

ANCELOTTI: “PER ONORARE CHIARINO FUGGIRO’ DA MILANELLO” La grinta, in campo come in panchina, è una delle sue caratteristiche che lo hanno reso grande. Così, per rimanere fedele a questo credo, Carlo Ancellotti compirà autentici balzi per essere presente alla giornata inaugurale del torneo “Città di Reggio Emilia” che lo vedrà come ospite d’onore: “Sabato pomeriggio sarò impegnato ai campi per dirigere la tradizionale seduta di allenamento – ha spiegato Ancellotti – ma

non volevo assolutamente mancare all’inaugurazione di questo importante evento in ricordo di Chiarino Cimurri, grande uomo di sport che come pochi altri aveva a cuore le sorti della sua città. Per esserci “fuggirò” da Milanello subito dopo l’allenamento, ma sarà un atto sincero e dovuto nei confronti di una grande persona che è mancata troppo presto. Tornerò a Reggio e al Mirabello con grande entusiasmo, e sono certo che la manifestazione otterrà il successo che si merita”. TORNA AL CURRICULUM

ALTRA PAGINA


CHI E’ CARLO ANCELOTTI: NEL PALMARES UNA PROMOZIONE CON LA REGGIANA Carlo Ancelotti nasce a Reggiolo (RE) il 10 giugno 1959. Passa tutta l'infanzia in famiglia, che vive grazie al lavoro agricolo del padre Giuseppe. Frequenta l'Istituto Tecnico prima a Modena e poi a Parma, presso il rigido collegio dei salesiani, poi consegue a Roma il diploma di perito elettronico. Le prime esperienze calcistiche importanti avvengono con le giovanili del Parma. Esordisce in prima squadra poco più che diciottenne, in serie C, e dopo due anni la squadra è promossa in serie B. Pochi mesi più tardi l’esordio in serie A (il 16 settembre del 1979), grazie all’approdo in uno dei più importanti club italiani: la Roma, dove ha modo di giocare al fianco di autentici campioni quali Falcao, Conti, Di Bartolomei e Pruzzo. Con la maglia giallorossa vince un scudetto (1983) e quattro edizioni della Coppa Italia (1980, 1981, 1984, 1986), ma conosce uno dei suoi momenti più amari nella finale della Coppa dei Campioni persa contro il Liverpool (che per infortunio non disputa). Nella sua ultima stagione alla Roma, nel 1986-87, Ancelotti è il capitano. Quindi il passaggio al grande Milan plasmato da Arrigo Sacchi, dove, insieme a campione come Van Basten, Gullit, Rajkard, Baresi e Maldini vince praticamente tutto, ad eccezione della Coppa Italia. L'esordio in nazionale avviene il 6 gennaio 1981 contro l'Olanda (1-1). In azzurro totalizza 26 presenze, partecipando ai Mondiali di Mexico 1986 e Italia 1990. Nel 1992, anche a seguito di alcuni problemi fisici, la decisione di abbandonare il calcio giocato. Subito dopo inizia il cammino professionale di allenatore.

In qualità di vice, nel 1994 accompagna il suo maestro Arrigo Sacchi alla guida della Nazionale italiana ai mondiali statunitensi, dove raggiunge la finalissima. La carriera da allenatore di club inizia nel 1995, proprio alla guida della Reggiana, appena retrocessa dalla serie A. Ancelotti rischia l’esonero dopo una partenza disastrosa, ma viene confermato e guida la squadra al raggiungimento del quarto posto, l’ultimo utile per il ritorno in serie A, che avviene il 2 giugno 1996 grazie al gol di Pietro Strada. L'anno seguente passa alla conduzione tecnica del Parma, che si conclude con un insperato secondo posto alle spalle della Juventus. A febbraio del 1999 Ancelotti subentra a Marcello Lippi proprio alla guida della Juventus, chiudendo al quinto posto una stagione travagliata, mentre nei due anni successivi lo scudetto sfugge di mano solo all'ultima giornata. Nel 2001-02, quinti, il ritorno al Milan, questa volta da allenatore, dove inizia un progetto ambizioso plasmando una squadra stellare. Nel 2003 vince la Champions League a Manchester proprio contro la Juve e nel 2004 porta la squadra rossonera a vincere lo scudetto con due giornate di anticipo.

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA INAUGURALE Proprio al glorioso Mirabello, ex tempio della Reggiana, scatterà sabato 2 settembre la 2a edizione del “Trofeo Cimurri”. Questa la scaletta: ORE 17.30 – esordio Cat. Allievi (Sammartinese – Castelnovo Monti) ORE 19.00 – sfilata delle 25 squadre partecipanti ORE 19.30 – messaggi delle Autorità ORE 19.45 – dichiarazione di apertura da parte dell’ospite d’onore ORE 20.30 – Cat. Allievi (Tricolore Reggiana – Castellarano) Voce della serata sarà Pierpaolo Zucchetti, speaker alle partite Bipop. Domani all’inaugurazione tutti i dettagli sul calendario completo. ORGANIZZAZIONE TORNEO: A. C. TRICOLORE REGGIANA – Via Martiri di Cervarolo (RE) – Tel / Fax 0522-332295 PRESS INFO: Luca MARANI ( lucamarani@tin.it – info@actricolorereggiana.it ) – SITO: www.trofeochiarinocimurri.it TORNA AL CURRICULUM

Curriculum Vitae  

CV Luca Marani

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you