Page 22

VALORIZZARE IL F IUME L AMBRO NELLA RE TE ECOLOGICA REGIONALE

per la società contribuendo al benessere umano, il cui valore è ecologico, socio-culturale o economico. L’integrazione della valutazione multifunzionale dei suoli alle differenti scale della pianicazione territoriale rappresenta un elemento essenziale per integrare nel processo di pianicazione degli strumenti corretti per il governo delle trasformazioni d’uso del suolo. In tal senso, la valutazione delle funzionalità del suoli (così come indicato dalla Strategia Tematica sul Suolo – 2006 (Commission of the European Communities 2006)) si congura come un elemento di supporto nel processo di pianicazione da considerare e integrare nelle decisioni che riguardano la più opportuna valutazione delle trasformazioni d’uso dei suoli (Peccol & Movia 2012). I generici obiettivi di sostenibilità che spesso vengono citati quali esempi riferiti al contenimento dei consumi di suolo nell’azione di pianicazione sono i seguenti: • lo sviluppo di modelli nalizzati alla promozione del riuso e della densicazione urbana (anche mediante una classicazione dei suoli maggiormente nalizzata alla L’indagine a livello comunale (percentuale di superci gestione degli usi piuttosto che alla loro misurazione); impermeabilizzate/supercie comunale) evidenzia due casi • lo sviluppo di adeguate connessioni tra aree urbane critici, con percentuali ben oltre il 40% nei comuni di Melegnano esistenti e di progetto; e Milano, seguiti da Peschiera Borromeo e San Donato • l’incremento della qualità energetica degli edici Milanese con la medesima quota di impermeabilizzazione mediante processi di rigenerazione urbana e progetti di (25,7%). La soglia considerata critica è stimata intorno al riqualicazione; 50% della supercie comunale impermeabilizzata. In questo • lo sviluppo di speciche misure anti sprawl, tra le quali contesto territoriale le infrastrutture incidono notevolmente Urban Growth Bounderies o greenbelts soprattutto al nella quanticazione. La valutazione del grado di livello di pianicazione sovralocale (Salata & Gardi 2014). impermeabilizzazione permette di avere una valutazione spaziale dove i processi di copertura permanente dei suoli L’approccio alla classicazione dei suoli dovrebbe sono più intensi e densamente distribuiti. La banca dati considerare tutte le funzioni che i suoli svolgono per l’uomo, utilizzata è fornita da ISPRA: Copernicus high resolution layer integrando maggiormente l’approccio delle funzionalità - Imperviousness degree riferita all’anno 2012 con risoluzione ecosistemiche e generando una classicazione che tenga di 5 metri * 5 metri. conto, oltre alla riconoscita funzione produttiva anche: L’impermeabilizzazione del suolo si denisce come la • la funzione di ltraggio dagli agenti contaminanti copertura permanente con materiali articiali (asfalto o (protettiva); calcestruzzo) per la costruzione, ad esempio di edici e • la funzione di sviluppo della biodiversità (naturalistica); strade, e riguarda solo una parte dell’area di insediamento • la funzione di supporto ai sistemi urbani (urbana); escludendo le aree verdi urbane quali giardini, parchi, etc. • la funzione di estrazione di materie prime (produttiva); che hanno invece una copertura permeabile. • la funzione di supporto alle attività agricole (produttiva); • -la funzione di patrimonio archeologico (culturale). Le funzionalità ecosistemiche, o multifunzionalità dei suoli, sono costituite dai beni o servizi materiali e immateriali che gli Le strategie di protezione del suolo devono pertanto essere ecosistemi naturali e seminaturali sono in grado di produrre ottimizzate rispetto alla valutazione dell’ampia gamma di Tab. 4 - Variazione degli usi e delle coperture dei suoli nei comuni di interesse del progetto VOLARE 1999 / 2012

È inoltre possibile indicare chiaramente le aree della tabella che costituiscono i processi di antropizzazione, intesi come trasformazioni dei suoli tra il tempo t1 e t2 in cui il loro stato viene modicato passando dalle macroclassi 2, 3, 4 e 5 alla macroclasse 1, e, viceversa, le aree della tabella che costituiscono i processi di rinaturalizzazione, intesi come modicazione dello stato dei suoli tra il tempo t1 e t2 dalla macroclasse 1 alle macroclassi 2, 3, 4 e 5. (Pileri 2012; Arcidiacono et al. 2015) Nel caso specico dei comuni del progetto VOLARE4, la Matrice di transizione evidenzia 3 principali variazioni d’uso che interessano prevalentemente la classe 2.1 (seminativi) evidenziando una “perdita” di tali superci a favore di prati permanente (classe 2.3), insediamenti produttivi (classe 1.2) e aree urbanizzate (classe 1.1) per un totale di oltre 950 ha. In aggiunta alle indagini relative alle variazioni d’uso dei suoli, si è considerato anche la distribuzione della supercie impermeabilizzata (Tavola 6) nei comuni di interesse del progetto VOLARE, intesa come area dove il processo di inltrazione dell’acqua è inibito da coperture del suolo articiali al 100%. 4 Dalla computazione è stato escluso il Comune di Milano in quanto dimensionalmente poco confrontabile con restanti comuni di progetto

21

Profile for Legambiente Lombardia

Studio di fattibilità def rid  

Lo studio di fattibilità completo nato dal progetto VOLARE - Valorizzare il fiume Lambro nella Rete Ecologica Regionale e realizzato fra il...

Studio di fattibilità def rid  

Lo studio di fattibilità completo nato dal progetto VOLARE - Valorizzare il fiume Lambro nella Rete Ecologica Regionale e realizzato fra il...

Advertisement