Issuu on Google+

una realtĂ  da vedere, sentire, capire

termini imerese centro residenziale sede territoriale


L

a Lega del Filo d’Oro nasce con lo scopo di assistere, educare, riabilitare, reinserire adulti e bambini sordociechi e pluriminorati psicosensoriali. In oltre 45 anni d’impegno è diventata il più importante punto di riferimento in Italia per il trattamento di queste disabilità. L’Associazione si avvale di équipe multidisciplinari che seguono ogni ospite nelle diverse fasi del

3 | la storia

“dal 1964 un filo prezioso

suo percorso di riabilitazione. La grande quantità di richieste di accoglienza e assistenza specialistica, ci ha portato ad “allargare i nostri orizzonti”. Oggi siamo presenti sul territorio nazionale con i centri residenziali di: Osimo (AN), dove l’Associazione ha la sua sede principale, Lesmo (MB), Molfetta (BA), Termini Imerese (PA) e Modena.

che unisce le persone sordocieche con il mondo esterno”


on poter vedere, sentire, parlare. Essere immersi in un buio silenzioso. È quello che accade a chi è sordocieco ovvero una persona che presenta gravi menomazioni congiunte della vista e dell’udito. Basti pensare che la nostra mente riceve il 95% di ciò che apprendiamo attraverso questi sensi. Ciò provoca quindi gravi problemi anche nella percezione dell’ambiente circostante

sentire nel silenzio vedere oltre il buio

5 | chi aiutiamo

N

essere sordociechi

e nelle relazioni interpersonali. Sordocecità e pluriminorazioni psicosensoriali, ovvero disabilità di uno o più sensi unite ad altri tipi di minorazioni (intellettive, motorie, ecc.), comportano serie limitazioni alla capacità di comunicare, all’autonomia personale e all’apprendimento. Eppure anche chi è in questa condizione, grazie ad aiuti seri e qualificati può superare la barriera d’incomunicabilità che lo circonda.


7 | attività

A

l Centro Diagnostico l’atmosfera è quella rilassata e familiare di una casa. L’obiettivo è quello di ridurre l’impatto emotivo rispetto alle apparecchiature mediche e interventi scientifici. Per questo è prevista la presenza di un genitore o di un famigliare durante gli esami valutativi. La diagnosi esatta delle potenzialità residue della persona disabile è essenziale per attivare gli interventi riabilitativi più appropriati.

aiutare, educare, riabilitare e reinserire

Ecco perchè il percorso riabilitativo delle persone sordocieche che si rivolgono alla Lega del Filo d’Oro inizia al Centro Diagnostico di Osimo. Al termine della valutazione (che di norma dura una settimana) si stende un programma riabilitativo individuale e personalizzato in base all’età e alle esigenze, che verrà proseguito nel Centro di Riabilitazione oppure nella propria famiglia e nell’ambiente di provenienza.

nella famiglia e nella società le persone sordocieche e pluriminorate sensoriali


P

er un sordocieco comunicare è la cosa più difficile, ma anche la più importante. Vari sono i sistemi di comunicazione non verbale e gli ausili che gli consentono di interagire con gli altri. Ciascuno adotta il sistema a lui più idoneo, secondo il tipo di minorazione e dell’età in cui è insorta, sfruttando i propri residui visivi o uditivi qualora ci siano.

con le mani si può vedere, ascoltare, leggere, parlare

9 | le attività

comunicare


11 | le attività

U

na persona sordocieca può imparare a conoscere molte cose del proprio ambiente di vita, perchè può sfruttare le vibrazioni, il ritmo, il movimento: basta darle l’opportunità di toccare e di comprendere le informazioni che le arrivano dal tatto, dal gusto e dall’olfatto. è per questo che gli ambienti sono progettati in modo tale che le informazioni visive vengano affiancate da altre modalità sensoriali.

conoscere

Gli spazi esterni sono attrezzati con vialetti predisposti con materiali olfattivi, tattili e sonori che permettono agli ospiti di muoversi meglio. Gli spazi interni adottano accorgimenti precisi per assicurare ai soggetti portatori di disabilità gravi la più ampia vivibilità e fruibilità: tipologia e disposizione dei mobili, dislocazione dei corrimano, illuminazioni particolari, forme e colori adeguati soprattutto per chi ha ancora residui visivi.

ambienti, oggetti, pareti... ogni cosa è fatta con un materiale diverso, riconoscibile al tatto


tanti piccoli passi verso l’autonomia

13 | attività

P

er gli adulti sordociechi che hanno raggiunto un discreto livello di autonomia all’interno del programma riabilitativo s’inserisce l’attività occupazionale. Nelle strutture della Lega del Filo d’Oro sono stati creati ambienti specifici dove gli ospiti svolgono lavori creativi ed occupazionali come pittura, falegnameria, cestineria.

vivere e lavorare

Nell’apprendimento di tali attività, gli ospiti riescono a sviluppare abilità in campo manuale e motorio, cognitivo e comportamentale. L’impegno lavorativo e occupazionale, oltre ad aumentare l’autonomia, la sicurezza e l’autostima, garantisce vantaggi sul piano psico-sociale favorendo scambi continui con le persone che frequentano i laboratori.


I

l Centro sanitario residenziale di Termini Imerese nasce per offrire un importante punto di riferimento per l’assistenza e la riabilitazione delle persone con disabilità sensoriali residenti in Sicilia. Nella struttura sono ospitati giovani e adulti che hanno problemi di vista e udito e che, in alcuni casi, presentano altre minorazioni psicosensoriali e motorie.

15 | la sede di Termini Imerese

la sede di Termini Imerese

All’interno del Centro opera un’équipe multidisciplinare di specialisti e operatori qualificati che attuano per ciascun ospite un progetto educativo-riabilitativo personalizzato, funzionale ad acquisire maggiore autonomia personale e una migliore qualità di vita. Ad oggi il Centro eroga servizi di tipo educativo-riabilitativi, sanitari e assistenziali.

nasce un centro anche in Sicilia

Sistemi di Gestione Qualità (UNI EN ISO 9001:2008) e Sicurezza (BS OHSAS 18001:2007) certificati da Certiquality


idea di realizzare una struttura riabilitativa e residenziale in Sicilia nasce con l’obiettivo di creare un altro importante punto di riferimento per le regioni meridionali, evitando ai nostri ospiti il distacco dal proprio ambiente e dalle proprie famiglie, il disagio di lunghi trasferimenti e favorendo l’integrazione con i servizi locali. Per l’attuazione di tale servizio la Lega del Filo d’Oro ha potuto

utilizzare una struttura messa a disposizione dalla Regione Siciliana da tempo inutilizzata. I lavori di adattamento ed ampliamento della struttura, iniziati nel 2007, sono terminati nell’estate 2010 quando c’è stato l’ingresso dei primi ospiti. Il Centro ha una capacità operativa di 24 posti per ricoveri a tempo pieno e 8 a degenza diurna. Gli ospiti sono divisi in gruppi, formati in base a caratteristiche quali la disabilità sensoriale, l’età e lo stadio evolutivo.

per non essere isolati dal territorio

17 | la sede di Termini Imerese

L

un’aiuto importante per chi vive su un’isola


n un’area di circa 14.000 mq sorgono le strutture articolate in nuclei residenziali e organizzate in: • Attività educativo-riabilitative e attività occupazionale; • Ambulatori; • Uffici e servizi generali. La struttura è stata ristrutturata ed adeguata per assicurare ai nostri ospiti la più ampia fruibilità degli spazi: tipologia e disposizione dei mobili, dislocazione dei corrimano, disposi-

19 | la sede di Termini Imerese

I

un’ampio spazio educativo e riabilitativo

zione e tipologie dell’illuminazione, forme e colori adeguati soprattutto per chi ha ancora residui visivi. Durante il giorno ogni gruppo, formato in base all’età e al tipo di minorazione, dispone di aule allestite con gli strumenti necessari allo svolgimento dei programmi educativo-riabilitativi. All’interno degli appartamenti gli ospiti imparano a mangiare da soli e ad apparecchiare muovendo i primi passi verso l’autonomia.

per conquistare l’indipendenza


attività motorie per potenziare gli altri sensi Nel percorso di riabilitazione hanno un ruolo molto importante le attività di fisioterapia e idroterapia in quanto stimolano la persona sordocieca pluriminorata psicosensoriale a migliorare le proprie abilità motorie in termini di equilibrio e di coordinazione, agevolando così l’orientamento, la mobilità e l’autonomia. Ecco perché all’interno della struttura residenziale è presente un’area dedicata in cui si trova la palestra e una piscina predisposta per utenti con diverse forme di disabilità psicomotorie L’area residenziale è composta dalle camere da letto singole (ognuna con bagno autonomo) e di un’area soggiorno/cucina comune. Tutti i corridoi ed i percorsi interni sono attrezzati con corrimani e segnali a pavimento. In corrispondenza delle porte si trovano sistemi di riconoscimento tattile e visivo.


21 | la sede di Termini Imerese

L

e aree esterne sono attrezzate con percorsi sensoriali differenziati, oltre che con giochi funzionali. La presenza di spazi verdi e aree gioco hanno un ruolo importante per la capacità di stimolare in modo armonioso e non invasivo le persone con disabilità sensoriale e rappresentano un momento di piacevole relax. I percorsi sensoriali ricchi di stimolazioni olfattive e visive aiutano i nostri ospiti a muoversi ed orientarsi con più facilità, facendoli sentire più liberi nel godersi l’esperienza all’aria aperta.

spazi esterni per il gioco e il relax


il supporto della famiglia

I

l fine della riabilitazione è quello di reinserire le persone sordocieche nella società e nell’ambiente da cui provengono, compatibilmente con le loro specifiche minorazioni. Per il raggiungimento di tale obiettivo è indispensabile il sostegno e la partecipazione attiva della famiglia: la sua presenza favorisce, infatti, l’acquisizione di graduali progressi da parte del figlio ed è il terreno su cui riuscire a gestire le attività educative anche dopo il ritorno a casa. Per permettere ai familiari di vivere con i figli alcuni periodi dell’attività riabilitativa, sono state allestite delle foresterie. Inoltre a supporto delle famiglie degli ospiti, da più di 20 anni, viene attuato un programma di coinvolgimento e formazione per i genitori dei pluriminorati: il parent training, condotto da psicoterapeuti o gruppi di genitori.


La Lega del Filo d’Oro, per i sordociechi, è una porta aperta sul mondo. Forse l’unica possibilità per uscire dal loro isolamento. Aiutaci anche tu ad aiutarli: diventa un nostro sostenitore. Riceverai il notiziario dell’Associazione, “Trilli nell’Azzurro”, che ti terrà informato sulle nostre attività, le nuove iniziative e i progetti futuri.

23

come sostenerci

• versamento sul c/c postale n. 358606 intestato a Lega del Filo d’Oro Onlus Via Montecerno, 1 - 60027 Osimo (AN) • bonifico bancario intestato a Lega del Filo d’Oro Onlus, presso: UniCredit SpA IBAN IT 05 K 02008 37498 000001014852 • carta di credito, chiamando il numero verde 800.90.44.50 • assegno non trasferibile intestato a Lega del Filo d’Oro Onlus • donazioni on-line sul sito www.legadelfilodoro.it • donazione periodica tramite RID o carta di credito automatica

800.904450


Sede principale Centro residenziale Sede territoriale

Centri residenziali Sedi territoriali

OSIMO tel 071 72451 - fax 071 717102 info@legadelfilodoro.it sede.osimo@legadelfilodoro.it

LESMO tel 039 6985800 - fax 039 6985801 segreteria.lesmo@legadelfilodoro.it sede.lombardia@legadelfilodoro.it MODENA tel 059 342059 - fax 059 2927092 sede.modena@legadelfilodoro.it

Sedi territoriali NAPOLI tel 081 2397516 - fax 081 6101741 sede.napoli@legadelfilodoro.it ROMA tel 06 5755055 - fax 06 57136926 sede.roma@legadelfilodoro.it

MOLFETTA tel 080 3971653 - fax 080 3974671 segreteria.molfetta@legadelfilodoro.it sede.molfetta@legadelfilodoro.it TERMINI IMERESE tel 091 8142945 - fax 091 8113135 segreteria.terminiimerese@legadelfilodoro.it

www.legadelfilodoro.it

foto R. Caccuri | L. Lo Iacono | E. Ruscio | E. Vendramin _ grafica studioconti.biz _ edizione 2011


Termini Imerese - Centro residenziale e Sede territoriale