Page 1

ACCEDI al contenuto speciale 1) Scarica l’app ARTINTYPE sullo smartphone o su tablet. Lo puoi fare da Google Play per Android o da App Store per iOS (iPhone/iPad).

eventi comunicazione

2) Apri l’app ARTINTYPE sullo smartphone o su tablet, segui le istruzioni e inquadra questa pagina con il tuo dispositivo.

Grafiche Martintype

Cambia... menti! Un calendario che è metafora dell’impresa che rappresenta. Menti aperte, design e tecnologie della comunicazione ben oltre la stampa. L’annuale incontro per la presentazione del calendario aziendale diventa occasione per proiettare clienti e amici nel futuro, con l’obiettivo di sempre: soddisfare al meglio le esigenze di comunicazione del mercato offrendo sempre le proposte più avanzate.

a cura della redazione

34

Non è facile stabilire delle priorità fra i tanti spunti di riflessione offerti dall’evento Artintype di Grafiche Martintype, piccola e dinamica azienda al confine fra Marche e Abruzzo affacciata sul fiume Tronto. L’occasione d’incontro ci arriva dall’annuale evento culturale di presentazione del calendario aziendale, denominato appunto Artintype, tenutosi lo scorso 11 gennaio e giunto alla sua decima edizione e per questo degno di un brindisi. Un’iniziativa pregevole, in special modo in un periodo in cui la cultura e l’arte non sembrano essere certo la principale preoccupazione del Paese. L’evidente sensibilità in tal senso delle famiglie Damiani e Lolli, titolari di Grafiche Martintype, trova concretezza nel progetto di valorizzazione di nuovi protagonisti e dei nuovi caratteri dell’arte contemporanea, materializzandosi nell’affido a giovani artisti dell’immagine del calendario aziendale e rendendoli protagonisti dell’evento che ne deriva. L’iniziativa, nata nel 2004, è affidata alla direzione artistica di Tony Cetta, fotografo, designer e docente, che ha coinvolto nel tempo le più autorevoli Accademie delle Arti italiane come quelle di Firenze, Roma, Milano, Bologna, L’Aquila e che quest’anno ha scelto l’Accademia di Carrara (vedi riquadro a lato). Notizia nella notizia l’affluenza all’evento, che ha visto la partecipazione di quasi trecento convenuti, accolti nell’accogliente sala convegni dell’Hotel Calabresi di San Benedetto del Tronto. Un risultato davvero lusinghiero, un pubblico eterogeneo che ha seguito con vivo interesse l’esposizione dei relatori, moderati dal giornalista Tony Zitella, per poi soffermarsi fino a tarda serata ad apprezzare le opere riprodotte sul calendario esposte in sala per l’occasione e commentate dal vivo dai giovani autori. Oltre alle opere, erano esposte anche una selezione delle precedenti edizioni dei calendari (tradizione nata ben prima dell’evento) oltre ad alcune opere librarie recentemente realizzate da Martintype, fra le quali il volume L’odore della stampa.

Un’azienda votata all’innovazione

Ma a fare soprattutto notizia è il percorso evolutivo dell’impresa grafica abruzzese sintetizzato da Enrico Damiani, responsabile commerciale, e dal padre Giuseppe, amministratore, con l’obiettivo di spiegare ai clienti convenuti il senso della proposta commerciale che oggi Martintype è in grado di formulare in risposta alle articolate e complesse richieste della moderna comunicazione integrata. Al termine di un periodo di quasi due anni di analisi, ricerca, formazione e approfondimento e grazie a un significativo investimento in tecnologia e risorse umane, oggi l’azienda è in grado di supportare il cliente nei bisogni di comunicazione multicanale crossmediale più avanzati. Dalla carta alla realtà aumentata

I proclami non sono mai così incisivi quanto l’esperienza diretta; quindi, al di là delle parole spese da Enrico Damiani, sono valsi molto di più il video di presentazione proposto (www.youtube.com/watch? v=vhKE4iyMhmc) e l’esperienza diretta di una dimostrazione in sala. Per l’occasione si è proposta la realtà aumentata, un’applicazione webbased di ultima generazione che consente di visualizzare direttamente in streaming una sovrapposizione fra elementi reali e virtuali (animazioni 3D, filmati, elementi audio e multimediali). Una soluzione realizzata interamente con competenze interne all’azienda abruzzese che ha dato dimostrazione della possibilità di espansione delle comuni potenzialità della stampa grazie all’integrazione con le possibilità offerte dalla pro-

Il Calendario 2014 di Grafiche Martintype mette in relazione il carattere tipografico con la realtà aumentata in un’articolata realizzazione cartotecnica in perfetta continuità con le edizioni precedenti.

Accademia delle Belle Arti di Carrara Giuseppe Damiani con due giovani artisti, Anna Cirillo e Giorgio Tomasi.

I giovani artisti protagonisti del calendario 2014 sono il frutto dell’ottimo lavoro dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, una delle più antiche d’Europa, fondata nel 1769 da Maria Teresa Cybo, anche se fu più tardi Elisa Buonaparte, sorella di Napoleone e moglie di Felice Baciocchi, che donò all’Accademia l’attuale sede, l’antico Castello Malaspina. Data la prossimità con le Alpi Apuane, dalle quali fin dall’antichità si estraeva il marmo bianco famoso in tutto il mondo, e grazie anche all’impulso dato alle arti e all’economia cittadina in epoca napoleonica, diviene, a partire dal XIX secolo, un centro importante per la produzione della scultura. Molto frequentati sono anche gli altri indirizzi tradizionali come Pittura, Decorazione, Scenografia, Grafica, Restauro lapideo e quello più innovativo dedicato alle nuove tecnologie per la comunicazione e alla multimedialità. Gli iscritti, oltre che da varie regioni italiane, provengono da ogni parte del mondo: negli ultimi anni è aumentato in modo esponenziale il numero di cinesi e asiatici, in particolare da Corea del Sud e Giappone.

35


eventi comunicazione

“La strada imboccata è quella giusta, ora abbiamo solo bisogno di tempo”.

Giuseppe Damiani

Il contributo dell’accademia del poligrafico All’evento Artintype anche Accademia del Poligrafico ha portato il proprio contributo attraverso l’intervento di Emanuele Posenato, che ha introdotto il tema dell’innovazione ricostruendo il percorso evolutivo di settore dalle origini della stampa a caratteri mobili alle esigenze di comunicazione sempre più complesse e articolate a cui la tipografia prima e l’offset poi hanno dato seguito, toccando i temi delle rivoluzioni introdotte dalla meccanizzazione e dall’automazione dei processi. Accademia del Poligrafico offre alle aziende la propria competenza a supporto di attività formativa, seminariale ed eventi come quello di Artintype, portando in dote una posizione super partes autorevole, oltre a contenuti di rilievo potenzialmente utili a un arricchimento tecnico e culturale da offrire a collaboratori e clienti. Info: segreteria@accademiadelpoligrafico.it

Le opere riprodotte sul calendario erano esposte al pubblico. A destra, Enrico Damiani.

gettazione rendering tridimensionale (ricostruzione completamente virtuale di ambienti e oggetti), veicolata tramite il web e fruibile con una application mediante dispositivi mobili come smartphone e tablet. Un’esperienza alla portata di tutti e replicabile successivamente in quanto integrata nel calendario presentato e distribuito a fine serata. Infatti la copertina del calendario riporta sul retro un’immagine fotografica rappresentante un’opera lapidea – in omaggio all’Accademia di Carrara – che, inquadrata con uno smartphone piuttosto che con un tablet, mediante una App specificamente sviluppata dai giovani programmatori di Martintype, funge da marker e consente di visualizzare la stessa statua in ricostruzione tridimensionale navigabile, in modo da ampliare il potenziale rappresentativo della carta e di vederla in tutte le sue dimensioni e nel particolare. Il soggetto in questione è stato qui riprodotto (vedi pag. precedente) e scaricando l’App (App Store per iOS e Google Play per Android) potrete voi stessi valutarne l’effetto e il potenziale impatto. Innovativa l’azienda, innovativo l’approccio

36

Ulteriore notizia degna di condivisione è la modalità scelta per creare il “digital team”, il gruppo di lavoro che si occupa dell’area web e degli innovativi servizi di Martintype. Alle due risorse interne precedentemente impiegate nel reparto grafico e opportunamente riqualificate, si sono aggiunti quattro giovani neolaureati a indirizzo informatico e artistico. La selezione effettuata per individuare i profili migliori è stata impostata con una logica innovativa in collaborazione con i consulenti di Studio Xilox (www.studio xilox.it) nella forma di uno stage di selezione della durata di due settimane, durante le quali si sono alternate attività di formazione frontale a esperienze pratiche che hanno consentito ai ragazzi di esprimere le proprie qualità, le competenze e le doti relazionali, mettendoli in condizione di lavorare individualmente e in gruppo. «Se non avessimo introdotto alcune soluzioni integrate fra stampa e servizi web», ha detto Giuseppe Damiani, «saremmo venuti meno alla nostra innata vocazione all’innovazione, ma soprattutto avremmo difficilmente difeso il nostro vantaggio competitivo. Pur potendo contare su una clientela fedele e affezionata, abbiamo la necessità di allargare la base clienti e di estendere la nostra influenza commerciale. La strada imboccata è quella giusta! Abbiamo solo bisogno di tempo».

Il tavolo dei relatori. Da sinistra: Emanuele Posenato, il prof. Giovanni Chiappello, il direttore artistico dell’evento Tony Cetta e il moderatore Tony Zitella.

Ilpoligrafico genfeb  

Cambia...menti! Con questo titolo Il Poligrafico Italiano introduce lo splendido articolo dedicato all'evento Artintype, centrando pienament...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you