__MAIN_TEXT__

Page 1

programma

la grande opera fabriano 25-26-27 maggio 2012 festival di poesia e ar te

Organisation des Nations Unies pour l’éducation, la science et la culture

Journée mondiale de la diversité culturelle pour le dialogue et le développement

Comune di Fabriano


OFFICINE

Ŷ

Ŷ

VISIONE

PAROLA

Ŷ

Ŷ

PENSIERO

PROIEZIONE

Ŷ ESPRESSIONE

Ŷ

La rassegna si svolge interamente a Fabriano, nello scenario medioevale del suo centro storico, a partire dalla Piazza Alta. Il percorso spazia dalla Piazza del Comune, con lo Spedale di Santa Maria del Buon Gesù, al Palazzo del Podestà, fino ad arrivare all’Oratorio della Carità, al Loggiato di San Francesco e all’ottocentesco Teatro Gentile. Gli eventi sono gratuiti e aperti a tutti. Per tre giorni lo scenario urbano assume una veste nuova, la creatività artistica muove al cuore industriale della città. Un centro di millenaria storia imprenditoriale torna alla sua antica dimensione di città culturale, un’officina di arte e bellezza a cielo aperto, dove le varie discipline si incontrano, creando percorsi culturali e sollecitando riflessioni sul senso del vivere insieme armonico e produttivo.

Nel 2010 l’UNESCO ha associato Poiesis al Festival Internazionale della Diversità Culturale.

L’UNESCO

DOVE SI SVOLGE

la grande opera

La Grande Opera è l’unione degli estremi, dell’acqua e del fuoco, del buio e della luce. è il percorso che ci porta all’unità è la croce intesa come punto di equilibrio, diramazione delle forze che partono dal centro verso gli estremi, così in alto come in basso, come in cielo così in terra. Il cuore della Grande Opera è il fuoco centrale. Essa è anche la visione, la costruzione della cattedrale, del tempio, fuori all’esterno, nel reale e all’interno, percorso interiore verso il centro dell’uomo. Il simbolo è il cerchio, che racchiude la croce. I personaggi chiave di quest’anno sono Leonardo, Galileo Galilei e Giordano Bruno. Le architetture sono presenti come costruzione del reale, come impressione della visione sulla materia, come proiezione verso l’oltre le visioni vengono rappresentate dal rosone delle cattedrali, cioè dal lavoro delle corporazioni degli uomini, e dalla spiritualità dei mandala, meditazioni come respiro della terra. ogni parola è racchiusa nel soffio, è vibrazione. È una.

Ŷ

LA GRANDE OPERA

PASSIONE


Ŷ

La campana grande della piazza batte i suoi colpi e la musica ha inizio. I musicisti sono disposti lungo i portici della piazza e nelle vie, sono tanti. La musica risuona fino al centro della piazza e si percepisce ogni cosa: le arie da concerto di Mozart, le colorature di Haendel, Rossini, Donizetti, le Cantigas de Sancta Maria Ildegarda, il laudario di Cortona, Pergolesi, Vivaldi.

MUSICISTI DEL CANTAR LONTANO

street music

ore 16.00 CORSO DELLA REPUBBLICA ESPRESSIONE

25 venerdì saluto Autorità

Ŷ

Ŷ

Ŷ

Proiezioni come quadri di luce sulle architetture della piazza disegnano la Grande Opera così come la interpreta Paolo Buroni, artista che con sensibilità ed intuizione parla fin dall’inizio il linguaggio di Poiesis.

PAOLO BURONI

cattedrali di luce

ore 21.00 PIAZZA DEL COMUNE VISIONE

La musica di Claudio Merulo, la solenne polifonia a 12 voci e tre cori ritrovata manoscritta nella sua casa dopo la morte, a Parma, nel 1604. Il testamento di uno dei più importanti compositori del Rinascimento risuona per la prima volta in epoca moderna. Una partitura in prima esecuzione che il maestro Marco Mencoboni offre a Poiesis 2012.

CANTAR LONTANO diretto dal maestro MARCO MENCOBONI

ad vesperas

ore 19.00 CATTEDRALE DI SAN VENANZIO ESPRESSIONE

La teoria del funzionamento del cervello umano oggi messa in discussione dai nuovi traguardi della scienza, secondo cui i neuroni non comunicherebbero tramite meri impulsi elettrici, troppo lenti, ma per una sorta di “risonanza” tra le cellule neuronali. La formazione delle decisioni, lo spazio del libero arbitro alla luce della teoria dei quanti. Ne discutono i massimi esperti mondiali, con il coordinamento dell’ideatrice del Brain Forum e Presidente del Brain Circle Italia, Viviana Kasam.

MASSIMO PIATTELLI PALMARINI ANIRBAN BANDYOPADHYAY GIUSEPPE VITIELLO introduce il dibattito VIVIANA KASAM

neuroni e fisica dei quanti

ore 17.30 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

FRANCESCA MERLONI

Illustrazione del programma e senso del festival

ore 16.30 GIARDINO DEL POIO INAUGURAZIONE

la grande opera


Ŷ

2 5

Ŷ

Ŷ PAOLO e VITTORIO TAVIANI

Un viaggio affascinante lungo quattro miliardi di anni alla ricerca delle ragioni più profonde dell'esistenza, guardando al futuro della vita dell'uomo.

Ŷ EDOARDO BONCINELLI

cos'è la vita

ore 15.00 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

Nel teatro all’interno del carcere romano di Rebibbia si conclude la rappresentazione del “Giulio Cesare” di Shakespeare. I detenuti/attori fanno rientro nelle loro celle. sei mesi prima: il direttore del carcere espone il progetto teatrale dell’anno ai detenuti che intendono partecipare. Completata la selezione si procede con l’assegnazione dei ruoli chiedendo ad ognuno di studiare la parte nel proprio dialetto di origine. Il “Giulio Cesare” prende corpo.

di

proiezione del film “Cesare deve morire”

ore 14.30 CINEMA MONTINI VISIONE

Il presidente Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO, Prof. Giovanni Puglisi, con il Presidente della Regione Marche, Dott. Gian Mario Spacca, ed il Presidente della Fondazione Aristide Merloni, Ing. Francesco Merloni, presentano con Poiesis il progetto formativo per gli artigiani della cultura e dell'impresa.

GIOVANNI PUGLISI GIAN MARIO SPACCA FRANCESCO MERLONI

le Officine

Ŷ

GIULIO GIORELLO e VITO MANCUSO

ore 12.30 ORATORIO DELLA CARITÀ OFFICINE

ne discutono

scienza e anima incontro possibile?

ore 10.30 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

Creare un porto franco in ogni città con tasse ridotte per incentivare la rigenerazione del tessuto culturale.

GIANLUIGI RICUPERATI con FRANCESCA MERLONI

Le note jazz del trio di Marcello Allulli, come un ponte tra giorno e notte. Jam session che chiude e contemporaneamente apre il nostro tempo ideale.

Ŷ

Ŷ

paradisi fiscali della conoscenza

ore 10.00 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

26 sabato---

MARCELLO ALLULLI TRIO

tra giorno e notte

ore 24.00 GIARDINO DEL POIO ESPRESSIONE

Fabrizio Bosso, accompagnato da 23 maestri violinisti dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana in omaggio a coloro che si sono cimentati con le orchestre, da Clifford Brown a Wynton Marsalis passando per Chet Baker.

you’ve changed Ŷ FABRIZIO BOSSO con ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA

Il valore della conoscenza e delle arti, un percorso narrativo che spazia da Leopardi a Dante, da Jorges Louis Borges a Fedor Dostoevskij.

sull’opera Ŷ PIERFRANCESCO FAVINO

Il canto come vibrazione e preghiera. Le sillabe primordiali dei mantra tibetani, suoni seme di guarigione, e la mistica del canto gregoriano uniti da parole in segno di offerta e presenza.

come in alto così in basso Ŷ FRANCESCA MERLONI RINO CAPITANATA SCHOLA GREGORIANA DEL CANTAR LONTANO

I musicisti fanno riecheggiare il suono di tamburi costruiti con materiali di recupero, facendo confluire il pubblico all’interno dello spazio circolare d’esecuzione, nello spirito della sperimentazione sonora perenne.

drum circle Ŷ RICICLATO CIRCO MUSICALE

Quattro suggestioni, come i quattro elementi - aria terra fuoco acqua - come i quattro punti cardinali, o le quattro stagioni, a formare un cerchio ideale di successione ed armonia, per dar vita alla sinfonia d’insieme, quella della Grande Opera, in cui Tutto è Uno.

LA GRANDE OPERA

ore 21.30 PIAZZA DEL COMUNE ESPRESSIONE

V E N E R D Ì


Ŷ

Ŷ

Ŷ

Proiezioni come quadri di luce sulle architetture della piazza disegnano la Grande Opera così come la interpreta Paolo Buroni, artista che con sensibilità ed intuizione parla fin dall’inizio il linguaggio di Poiesis.

Ŷ PAOLO BURONI

cattedrali di luce

ore 23.00 PIAZZA DEL COMUNE VISIONE

Ripercorrere la storia italiana degli ultimi cinquant’anni lontani dalle effusioni ideologiche e vicini al cuore della vita nascosta e insieme superficiale del nostro Paese. Raffaele La Capria con Paolo Di Paolo, in un intenso dialogo tra memoria e futuro.

Ŷ

RAFFAELE LA CAPRIA

esercizi di superficie

ore 19.00 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

Racconto musicale in momenti che trovano nel jazz il proprio magma genetico costitutivo. I suoni preregistrati delle sordine e delle trombe si incontrano con quelli ‘live’ in un viaggio dalla polifonia sarda al Viêtnam, dai suoni classici degli archi a Miles Davis, dalla trance Gnawa al suono continuo attraverso l’elettronica.

Più che il bianco è l’oscurità che rivela, ciò che accade veramente è qualcosa che da lì sprigiona. Il buio è portatore della luce come di un embrione. E quel che si avverte è memoria, movimento, forse canto, ma Gian Mario Villalta non ne è certo. O, più probabilmente, ne custodisce profondamente il segreto.

Ŷ PAOLO FRESU

a solo

ore 22.00 TEATRO GENTILE ESPRESSIONE

Una selezione delle poesie del premio Nobel Wislawa Szymborska nell’interpretazione dell’attrice napoletana, accompagnata al pianoforte da Angela Annese. Lo spettacolo tocca i temi portanti della lirica della poetessa polacca: la terra, l’universo, la guerra, l’amore, lasciando intatte l’ironia, la lucidità e la leggerezza con cui Wislawa Szymborska guardava la realtà.

LICIA MAGLIETTA

ballata

ore 21.00 RIDOTTO DEL TEATRO GENTILE ESPRESSIONE

Vita di Galileo presentata a Poiesis è un testo rielaborato con l’intenzione di offrire al contempo una introduzione al lavoro di Brecht e una versione attuale dello stesso. Un Galileo da guardare ascoltare e portar via come un foglio di appunti sul quale ci si ripromette di dedicare poi tutto il tempo necessario a capire bene cosa è successo e soprattutto cosa sarebbe bene accadesse in futuro.

vita di Galileo Ŷ da BERTOLD BRECHT di EZIO PARTESANA con OLIVIERO CORBETTA

2 6

ALBERTO BERTONI introduce GIAN MARIO VILLALTA

opere grandi nel loro levarsi i pani della poesia

ore 18.00 GIARDINO DEL POIO PAROLA

“Organizzerei gite scolastiche nelle carceri”: è quello che bisognerebbe fare per educare le nuove generazioni a una differente sensibilità, secondo Alessandro Bergonzoni, a Poiesis con Luigi Manconi in una riflessione su libertà, pena e diritti.

ALESSANDRO BERGONZONI LUIGI MANCONI

sprigionar la forza - (celle: la galera, il coma)

Ŷ ore 17.00 CINEMA MONTINI ESPRESSIONE

Appuntamento con gli autori della pellicola vincitrice dell’Orso d’Oro al recente festival di Berlino. Dialogo-intervista con i registi, testimoni della cinematografia italiana nel mondo.

TATTI SANGUINETI incontra PAOLO e VITTORIO TAVIANI

ore 16.00 CINEMA MONTINI VISIONE

Ŷ

Ci sono uomini che hanno aperto gli occhi, si sono risvegliati, mentre altri stavano ancora dormendo.

TRILOGIA DEL RISVEGLIO

ore 20.00 SPEDALE DEL BUON GESÙ PAROLA

S A B ATO


2 6

Ŷ

Parole in camere oscure per sviluppare pensiero: è nel cuore delle notti come questa, senza luna, che c’è spazio per vedere cose nuove, forzare il buio, attraversare la notte, aspettare l’aurora insieme.

TRILOGIA DEL RISVEGLIO Giordano Bruno: “forse avete più paura voi..” Ŷ di DAVIDE SCATAGLINI con GABRIELE PARRILLO e BERNARDINO BONZANI

Ŷ ore 02.00 CHIOSTRO DEL BUON GESÙ PAROLA

MARCELLO ALLULLI TRIO

tra giorno e notte

ore 00.30 GIARDINO DEL POIO ESPRESSIONE

Artista geniale e poliedrica, l’unica veramente contemporanea e capace di mettersi in gioco anticipando umori e tendenze, sempre mantenendo grande spessore e coerenza alla propria cifra stilistica, Elisa scrive la quasi totalità dei suoi testi in inglese e dopo appena 2 mesi dal lancio dell’album destinato al mercato Usa è ospite a Poiesis portando alcuni tra i suoi brani più amati.

ELISA

live

Ŷ ore 23.15 PIAZZA DEL COMUNE ESPRESSIONE

S A B ATO

Ŷ

Ŷ

Ŷ

Scrivere la città. Il suo ultimo libro, ‘Singapore Songlines’, è un efficace, straniante ritratto di una città-stato che inquieta e illumina la nostra comprensione della condizione urbana. Gianluigi Ricuperati e Gabriele Romagnoli dialogano con un maestro dell’architettura mondiale di scrittura e città, spazio e letteratura.

REM KOOLHAAS

from Singapore to Nowhere

ore 14.15 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

La fabbrica, il lavoro, l'ambiente con i protagonisti della vita culturale e politica italiana ed il Ministro dell'Ambiente.

GUGLIELMO EPIFANI

Ŷ ne discutono CORRADO CLINI e con GIOVANNI MINOLI

la cattedrale laica

ore 11.30 GIARDINO DEL POIO OFFICINE

Da “storia della mia gente” a “le nostre vite senza ieri”. La radice, l’impegno e il dolore, le storie, la scrittura, la possibilità. Intervista a due voci per il vincitore del premio Strega 2011.

incontrano

ALBERTO BERTONI e FRANCESCA MERLONI EDOARDO NESI

la parola tra gente, fabbrica, musica

ore 11.00 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

Antonio Riccardi fruga tra le proprie radici, rende universale tale ricerca e un poema unico emerge dall’annalistica familiare, dall’insediamento nella città dell’industria pesante, dall’amore cantato in termini non solo lirici ma anche epico-romanzeschi.

ALBERTO BERTONI introduce ANTONIO RICCARDI

opere grandi nel loro levarsi i pani della poesia

ore 10.00 GIARDINO DEL POIO PAROLA

27 domenica


Ŷ

Ŷ

Ŷ

Ŷ

Ŷ

Cantante rap del momento, inaugura una musicalità e un approccio in linea con Poiesis. Icona in rapida ascesa, è il protagonista di un genere musicale che si sta affermando come voce e pensiero di una generazione e di un momento storico.

Ŷ MARRACASH

king del rap

ore 23.00 PIAZZA DEL COMUNE ESPRESSIONE

Da Rossini a Puccini, da Monteverdi a Bellini nel sentire di Danilo Rea.

DANILO REA

lirico

Ŷ

Ŷ

ore 21.45 PIAZZA DEL COMUNE ESPRESSIONE

PAOLO BURONI

cattedrali di luce

ore 21.30 PIAZZA DEL COMUNE VISIONE

La danza è poesia visiva, la poesia costituisce l’essenza di tutte le creazioni di Carolyn Carlson. Il poetry event è una intensa dimostrazione della maniera di dare corpo alle parole, con la speciale partecipazione delle parole di Jean Pierre Siméon.

CAROLYN CARLSON con la partecipazione di JEAN PIERRE SIMÉON

poetry event

ore 20.45 TEATRO GENTILE ESPRESSIONE

vita di Galileo Ŷ da BERTOLD BRECHT di EZIO PARTESANA con OLIVIERO CORBETTA

Ci sono uomini che hanno aperto gli occhi, si sono risvegliati, mentre altri stavano ancora dormendo.

TRILOGIA DEL RISVEGLIO

ore 20.00 SPEDALE DEL BUON GESÙ PAROLA

Poiesis incontra lo Sferisterio. Le più famose arie di Traviata, Carmen e Bohème, introdotte dal direttore artistico di Macerata Opera Festival, in uno spettacolo tra parola e musica.

FRANCESCO MICHELI

Italo Rota, architetto tra i più presenti sulla scena internazionale, dialoga con Gianluigi Ricuperati: il contratto sociale tra uomo e natura, alberi e città, il Mandala della vita vegetale, il Rosone della corporazione urbana.

Ŷ

Ŷ

racconto in musica: Traviata – Carmen – Bohème

ore 19.00 ORATORIO DELLA CARITÀ ESPRESSIONE

2 7

ITALO ROTA

il rosone e il mandala

ore 18.00 GIARDINO DEL POIO PENSIERO

La fede di Leonardo nel volo umano nel racconto di Zoroastro, suo allievo, giovane di bottega che sperimentò una delle più ardite invenzioni del Maestro: la macchina per volare. *spettacolo per ragazzi

TRILOGIA DEL RISVEGLIO Leonardo* Ŷ di e con FLAVIO ALBANESE

ore 18.00 SPEDALE DEL BUON GESÙ

Ŷ PAROLA

“Non sono nato per obbedire o disobbedire, sono nato per dare e chiedere ascolto” dice e scrive Stefano Massari, accettando per sé, unica, la dimensione del noi. Invettiva e preghiera di lui che ascolta e diviene attraverso parola e sguardo.

ALBERTO BERTONI introduce STEFANO MASSARI

opere grandi nel loro levarsi i pani della poesia

ore 17.00 GIARDINO DEL POIO PAROLA

TRILOGIA DEL RISVEGLIO Giordano Bruno: “forse avete più paura voi..” Ŷ di DAVIDE SCATAGLINI con BERNARDINO BONZANI e GABRIELE PARRILLO

ore 16.00 CHIOSTRO DEL BUON GESÙ PAROLA

La mostra che anima i luoghi più suggestivi e segreti della città di Fabriano, nelle parole dei protagonisti e dei curatori.

GIORGIO BARRERA, GABRIELE BASILICO MONIKA BULAJ, LUCA CAMPIGOTTO, ANDREA JEMOLO con ANGELO BUCARELLI e MARIATERESA CERRETELLI

visioni: la costruzione, il rito, il nido, la natura, il monumento

ore 16.00 ORATORIO DELLA CARITÀ VISIONE

D O M E N I C A


I PROTAGONISTI

CLAUDIO ADAMI FLAVIO ALBANESE MARCELLO ALLULLI TRIO ANIRBAN BANDYOPADHYAY GIORGIO BARRERA ALESSANDRO BERGONZONI ALBERTO BERTONI EDOARDO BONCINELLI BERNARDINO BONZANI FABRIZIO BOSSO ANGELO BUCARELLI MONIKA BULAJ PAOLO BURONI LUCA CAMPIGOTTO RINO CAPITANATA CAROLYN CARLSON MARIATERESA CERRETELLI OLIVIERO CORBETTA ELISA GUGLIELMO EPIFANI PIERFRANCESCO FAVINO PAOLO FRESU GIULIO GIORELLO ANDREA JEMOLO VIVIANA KASAM REM KOOLHAAS RAFFAELE LA CAPRIA LICIA MAGLIETTA LUIGI MANCONI VITO MANCUSO MARRACASH STEFANO MASSARI MARCO MENCOBONI FRANCESCO MICHELI GIOVANNI MINOLI EDOARDO NESI ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA - FORM ANDREA PACIONI GABRIELE PARRILLO EZIO PARTESANA MASSIMO PIATTELLI PALMARINI GIOVANNI PUGLISI DANILO REA ANTONIO RICCARDI GIANLUIGI RICUPERATI GABRIELE ROMAGNOLI ITALO ROTA TATTI SANGUINETI JEAN PIERRE SIMÉON PAOLO E VITTORIO TAVIANI GIAN MARIO VILLALTA GIUSEPPE VITIELLO I

P R OTA G O N I S T I

FLAVIO ALBANESE Diplomato alla Scuola di teatro diretta da G. Strehler. Dal 1994 dirige laboratori di Teatro e Commedia dell’arte in Italia e all’estero. Direttore artistico del Teatro della Dodicesima ANIRBAN BANDYOPADHYAY Spinaceto - Roma e del Festival Nato a Malda (India) ha conseguito delle Crete Senesi - Siena. il dottorato in elettronica supermoDal 1991 dirige la compagnia lecolare all’università di Calcutta. di teatro di Beato e Angelica. È ricercatore fisico e scienziato Ha recitato il ruolo di Palestrione presso l’Istituto Nazionale nel Miles Gloriosus di Plauto di Scienza dei Materiali (NIMS) per il Teatro stabile delle Marche di Tsukuba in Giappone. con la Regia di Marinella Anaclerio. Ha inventato e creato Con lo spettacolo Don G, il nano-cervello, un sistema vita morte e miracoli di Don artificiale molecolare che riproduce Giovanni ha vinto 3 premi: alla perfezione alcune componenti miglior attore protagonista, e funzioni del nostro cervello. miglior voce lirica, miglior spettacolo GIORGIO BARRERA al Roma Teatro Festival. Giorgio Barrera è nato a Cagliari nel 1969. MARCELLO ALLULLI TRIO Il suo lavoro è incentrato Si diploma al Beklee College sulla rappresentazione of Music di Boston nel 1994. dei rituali quotidiani della vita Collabora stabilmente con domestica e la fotografia l’Ottetto Mainerio e con di paesaggio come contenitori il nonetto – che esegue musiche di realtà, intrisi di simbolismo di Frank Zappa – diretti dal pianista e di immaginario. Glauco Venier. Fa parte del progetto È autore di numerose campagne Logorhythm del batterista statunifotografiche e ha realizzato tense John Arnold. documentari e cortometraggi Suona stabilmente come co-leader sperimentando nuovi linguaggi nel trio R.A.J. e nel quintetto Tributo cinematografici. a Jimi Hendrix. Sul palco di Poiesis Ha ottenuto importanti si esibiranno con lui e si alternericonoscimenti tra i quali i premi ranno Ermanno Baron alla batteria, Baume & Mercier e Canon. Giovanni Ceccarelli al piano, Nel 2008 e nel 2009 Alessandro Paternesi alla batteria. il progetto Attraverso la Finestra Nel 2012 è stato votato è stato oggetto di personali al Jazzit Award tra i migliori in diverse gallerie. sassofonisti italiani.

CLAUDIO ADAMI È nato a Città di Castello nel 1951. Vive e lavora a Roma dove si forma artisticamente. Nei primi anni ’70 esordisce collocandosi vicino alla situazione della “Nuova Pittura” ed agli artisti che vi parteciparono, condividendo con loro il “dipingere” come metodo linguistico di tipo analitico.Alla fine degli anni ’70 il suo interesse si sposta verso il linguaggio fotografico. Le stesse stesure “pittoriche/segniche” si vanno stratificando quasi quotidianamente su le carte, sia nel grande formato che in quelle di dimensioni più ridotte.


ALESSANDRO BERGONZONI Il rifiuto della parodia, il linguaggio del pensiero per creare situazioni surreali, EDOARDO BONCINELLI l’assurdo come movente fino È stato direttore del laboratorio al suo paradosso: questa è di biologia molecolare dello la cifra stilistica di sviluppo presso l’Istituto scientiAlessandro Bergonzoni, fico universitario San Raffaele personaggio già ben noto e direttore di ricerca presso a Poiesis. Uomo di radio il Centro per lo studio attore scrittore e da qualche anno della farmacologia cellulare anche artista visivo, è alla ricerca e molecolare del CNR di Milano. di un continuo confronto sul tema È stato direttore della SISSA dell’esplorazione dell’essere, (Scuola internazionale superiore da lui sentita come ideale di studi avanzati di Trieste). artistico, sociale primario Nel 2006 vince con il libro L’anima e fondamentale. Nel 2009 della tecnica il quarto Premio vince il premio UBU come miglior letterario Merck Serono, premio attore del teatro italiano dedicato a saggi e romanzi che per lo spettacolo NEL. intrecciano scienza e letteratura. Nel 2010 ottiene grande Attualmente insegna Fondamenti successo con la tournè teatrale biologici della conoscenza nella URGE. Insieme a Luigi Manconi facoltà di filosofia dell’Università farà un incontro pubblico Vita-Salute San Raffaele. intitolato “Sprigionar le forze BERNARDINO BONZANI (celle: la galera, il coma)” Attore, autore e regista, che ha come tema le carceri, fondatore del Teatro dell’Orsa la malattia l’oltre”. e di Europa Teatri. ALBERTO BERTONI Riceve il Premio Ustica È scrittore, poeta, critico letterario per il teatro di impegno civile e ricercatore presso e sociale di Associazione Scenario il Dipartimento di Italianistica nel 2003 con lo spettacolo Cuori dell’Università di Bologna. di terra. Da voce a diverse forme Ha curato l’edizione dei Taccuini di espressione teatrale, 1915-21 di Filippo Tommaso dal comico al teatro di memoria, Marinetti, ha pubblicato i volumi ai temi di impegno sociale, Dai simbolisti al Novecento. al teatro per l’infanzia. Le origini del verso libero Nel 2009 vince il concorso italiano e Una geografia letteraria I Teatri del Sacro indetto tra Emilia e Romagna. da Federgat Roma con il lavoro Ha pubblicato le raccolte Lettere Il Vangelo visto da un cieco. stagionali, Tatì, Il catalogo Per la Rai interpreta il ruolo è questo, ricevendo numerosi di Alcide Cervi nel documentario premi e riconoscimenti. Una fossa di nebbia appena fonda Dirige la collana di poesia di Fabrizio Marini per la serie La storia siamo noi di Gianni Minoli. contemporanea Fuoricasa.

P R OTA G O N I S T I

FABRIZIO BOSSO Nato a Torino nel 1973, è nell’olimpo dei trombettisti italiani. Inizia i suoi studi musicali, guidato dal padre, all’età di cinque anni, si diploma a quindici anni al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino e completa la sua formazione al St. Mary College di Washington, MONIKA BULAJ dove consolida la sua passione Poliglotta e autrice per il jazz. Nel 1994 vince di grandi reportage sui confini il Summertime Jazz’s Best band estremi delle fedi, con il suo quintetto. scrive sceneggiature Nel 1999 viene votato come per documentari tra i quali Miglior Nuovo Talento jazz italiano Romani Rat, 2002 di M. Orlandi. grazie ad un sondaggio istituito Collabora per giornali italiani dalla nota rivista Musica Jazz e stranieri tra i quali GEO, e nel 2000 pubblica il suo primo National Geographic, album Fast Flight. Io Donna e Internazionale. Pubblica una quindicina di album. Ha presentato le sue opere Nel 2008 vince l’Italian Jazz in circa 50 mostre e, tra i libri Awards come Best Jazz Act. che ha scritto, Libya Felix e Gerusalemme ANGELO BUCARELLI perduta con Paolo Rumiz. Eclettico e curioso, Il volume Genti di Dio. Angelo Bucarelli si è formato Viaggio nell’altra Europa, tra Italia e Stati Uniti con la prefazione di Moni Ovadia, (dove è stato art director è stato appena pubblicato di Art Forum) è entrato in una nuova edizione ampliata. nel mondo dell’arte negli anni Tra i numerosi riconoscimenti settanta dividendosi tra critica, internazionali nel 2011 ha ricevuto scultura, fotografia e cinema il premio Luchetta-Hrovatin, (assistente di Claude Lelouche 2011 e il TEDGlobal Fellowship. e Federico Fellini). Pioniere della cultura come PAOLO BURONI medium di comunicazione Nato a Cagli nel 1954, manager culturale, book designer è noto in tutto il mondo (indimenticabile il libro per le sue multi proiezioni: gonfiabile di plastica di Roberto un noto critico americano D'Agostino), cura ed organizza lo ha definito the urban invader, mostre ed eventi di livello per l’impulso che lo guida internazionale ed é artista ad arredare, invadere lui stesso. Il suo innato dono con le immagini lo spazio urbano, di comunicatore lo rendono gli edifici e le piazze, i monuun sensibile osservatore della menti. La sua caratteristica società contemporanea costante e significativa e un reporter d’eccezione. è il coinvolgimento delle tre Scrive d'arte, di architettura dimensioni spaziali e l’interazione e dei suoi frequenti viaggi tra immagini proiettate intorno al mondo. e strutture architettoniche.

I


CAROLYN CARLSON Danzatrice e coreografa di origine californiana, si trasferisce in Francia nel 1971. Lo spettacolo Rituel pour un rêve mort (1972) è considerato il suo manifesto poetico. Interessata ad una danza improntata alla filosofia e alla spirituaLUCA CAMPIGOTTO lità, definisce il suo lavoro come Luca Campigotto è nato a Venezia “poesia visuale”. nel 1962. Vive e lavora a Milano. In quarant’anni di carriera, Laureato in storia moderna, ha creato più di un centinaio dalla metà degli anni ‘80, fotodi opere tra cui Density 21,5, grafa il paesaggio, l’architettura The Year of the horse, Blue Lady, e l’industria e coltiva da sempre Steppe, Maa, Signes, l’interesse per la scrittura. Writings on water e Inanna, La sua ricerca fotografica che hanno segnato la storia si estende da Venezia a Napoli della danza contemporanea. da Londra a New York, Nel 2006 alla Biennale in luoghi in Marocco, Angkor in di Venezia riceve il Leone d’Oro Cambogia o il deserto di Atacama attribuito per la prima volta in Cile, Patagonia, in paesi come ad una coreografa. lo Yemen, l’India o la Lapponia. Attualmente dirige due strutture, Tra i festival, le gallerie e i musei le Centre Chorégraphique National internazionali dove ha esposto: de Roubaix Nord-Pas de Calais, il Mois de la Photo, Parigi; e l’Atelier de Paris-Carolyn Carlson. il MAXXI, Roma; Biennale di Venezia; Festival della Fotografia, MARIATERESA CERRETELLI Roma e The Art Museum, Miami. Giornalista e Photo editor di Class, scrive di fotografia, RINO CAPITANATA arte e costume per le testate Musicista riconosciuto come del gruppo. Da molti anni uno degli artisti di riferimento nel è curatrice di mostre in Italia campo della musica emozionale. e di testi critici nell’ambito artiHa composto musica con i monaci stico. Collabora alla realizzazione tibetani e con Giorgio Cerquetti. di vari progetti editoriali, Sul fronte della musicoterapia, brochure e libri. Scrive per il sito sperimenta in vari ospedali Photographers.it. Dal 2000 italiani insieme allo psicologo partecipa a Giurie di fotografia, Giuliano Guerra l’utilizzo di parole a Letture Portfoli nei maggiori e musiche per risvegliare festival italiani. Insegna Photo il processo di autoguarigione Editing e, dal maggio del 2004 e migliorare la sintomatologia è Presidente del GRIN, il gruppo in pazienti affetti, in particolare, dei redattori iconografici nazioda patologie di pertinenza nale che lavorano nelle maggiori della cardiologia, della neurologia testate italiane. e della psichiatria.

P R OTA G O N I S T I

PIERFRANCESCO FAVINO Dal cinema alla tv, il percorso artistico di Favino è un continuo crescendo. Dopo il grande successo nella fiction di Bartali che lo consacra al grande pubblico, seguono ruoli drammatici come quello del sergente Rizzo ELISA in El Alamein - La linea del fuoco Una delle poche cantautrici di Enzo Monteleone italiane a scrivere i suoi testi (per la quale riceve la nomination in inglese, nel 2001 incide al David di Donatello la sua prima canzone in italiano: ed al Ciak d’Oro). Nel 2005 Luce (tramonti a nord est) ottiene il ruolo del Libanese, con la quale vince il Festival capo carismatico della feroce di Sanremo. Nel 2003 esce Lotus, Banda della Magliana l’album più personale di Elisa: nel pluripremiato Romanzo lo produce lei stessa e si aggiuCriminale di Michele Placido, dica ben quattro dischi di platino. che gli vale il Nastro d’Argento Il singolo Dancing, tra i suoi più come miglior attore non protagoapprezzati successi, diventa nista. Suoi sono anche colonna sonora di due film, il David di Donatello come A time for dancing e Casomai. miglior attore non protagonista Nel 2006 viene pubblicato e il premio IOMA come migliore Soundtrack ‘96 ‘06, con i brani attore non protagonista. più rappresentativi dei suoi dieci Favino è uno dei fondatori anni di carriera. Nel 2011 Elisa dell’Actor’s Center di Roma. viene premiata ai Wind Music Awards per il disco Ivy. PAOLO FRESU A marzo 2012 Elisa approda Paolo Fresu è il jazz italiano negli Stati Uniti, dove viene di fama mondiale: compositore, pubblicata la raccolta trombettista e flicornista, Steppin’ on Water. è impegnato in tantissimi progetti che lo porta negli anni GUGLIELMO EPIFANI a registrare oltre 300 dischi Laureato alla sapienza di Roma e più di 2500 concerti. in filosofia si è subito dedicato Oltre ad essersi esibito nei più all’attività sindacale. grandi auditorium, ha coordinato Nel 1974 diresse la Casa editrice numerosi progetti multimediali della Confederazione, l’Esi, collaborando con i più vari artisti aumentando in maniera considee scrivendo musiche per film, revole il suo prestigio all’interno per il Balletto e il Teatro. della confederazione. Il suo suono è stato più volte È stato segretario generale della paragonato a quello di due CGIL, la più importante organizzaleggende come Miles Davis zione sindacale dal 2002 al 2010. e Chet Baker. Dalla metà Tra le sue pubblicazioni Il sindadegli anni ottanta è sempre stato cato nella resistenza, il valore presente ai vertici delle classifiche sociale del lavoro, L’identità dei del Top Jazz della rivista Musica democratici di sinistra a cura di Jazz È fondatore di Time in Jazz, Sergio Cofferati, Cent’anni dopo, festival che si tiene ogni anno il sindacato dopo il sindacato a Berchidda. con Vittorio Foà.

OLIVIERO CORBETTA Si divide tra Torino e Milano, tra teatro (passione mai doma) e doppiaggio. Cerca di sopravvivere ai tempi non rassegnandosi, continuando a recitare e ad allestire spettacoli. La sua frase preferita: “Il poeta vero non trova le parole, e allora ne cerca e ne trova di migliori”, tratta da un aforisma di Paul Valery, maestro cui ha intitolato la sua Associazione culturale.

I


GIULIO GIORELLO Giulio Giorello si è laureato in filosofia nel 1968 e in matematica nel 1971 presso l’Università degli Studi di Milano. Ha insegnato presso il Politecnico di Milano, attualmente ricopre la cattedra di Filosofia della scienza che fu del suo mentore Ludovico Geymonat presso l’Università degli Studi di Milano. È stato inoltre Presidente della SILFS (Società Italiana di Logica e Filosofia della Scienza). Dirige, presso l’editore Raffaello Cortina di Milano, la collana Scienza e idee. Collabora, come elzevirista, alle pagine culturali del quotidiano REM KOOLHAAS milanese Corriere della Sera. È architetto, urbanista e saggista. Diviene sceneggiatore in Olanda ANDREA JEMOLO e a Hollywood, per poi consaAndrea Jemolo è nato a Roma crarsi all’architettura. nel 1957. Si è dedicato per alcuni Insegna inoltre presso la Graduate anni al reportage ma nel 1986, School of Design di Harvard. dopo un viaggio in Angola, È conosciuto anche come nel periodo più duro della guerra, co-fondatore dell’OMA (Office torna in Italia e decide di spostare for Metropolitan Architecture), la sua ricerca fotografica sull’arte con sede a Rotterdam. I suoi e sull’architettura, le sue passioni scritti gli assegnano il riconoscidal tempo del liceo. Per realizzare mento di un visionario, consolicampagne fotografiche e servizi dato dalla realizzazione di opere commissionati dalle riviste del di architettura, pianificazione settore, gira in Italia, in Europa, urbana e di ricerca. in Russia, privilegiando l’Egitto Grazie ai suoi progetti urbanistici e i paesi del Medio Oriente. e viene insignito di numerosi Ha raccolto in tanti anni un premi: nel 2000 vince il prestiarchivio personale che vanta gioso Premio Pritzker di architet10 mila immagini e spazia tura, nel 2010 alla 12° edizione dall’architettura del ‘900 a Berlino della Mostra Internazionale al Costruttivismo moscovita. di Architettura vince VIVIANA KASAM il Leone d’oro alla carriera. Giornalista di origine israeliana, RAFFAELE LA CAPRIA ha collaborato con il Corriere Scrittore e sceneggiatore italiano, della Sera, Rai e Mediaset. collabora alle pagine culturali del Ha creato e organizzato Corriere della Sera ed è condiretesposizioni, eventi, conferenze tore della rivista letteraria Nuovi per il Piccolo Teatro, Argomenti ed autore di radiola Municipalità di Milano, RCS. drammi per la Rai. È stato anche Dal 1998 al 2003 si è occupata co-sceneggiatore di molti film di di neuroscienza e a tal proposito Francesco Rosi; ha vinto anche ha costituito l’associazione noil Premio Strega con il romanzo profit Brain Circle Italia di cui Ferito a morte. Uscito quest’anno è l’attuale presidente. Nel 2010 è Esercizi superficiali. ha organizzato il primo Brain Forum internazionale a Roma. Nuotando in superficie.

I

P R OTA G O N I S T I

LICIA MAGLIETTA Attrice napoletana, è tra i fondatori di Falso Movimento e di Teatri Uniti. Il suo Delirio amoroso (1995), monologo tratto dall’opera di Alda Merini, è stato programmato per oltre dieci stagioni nei teatri italiani. Al cinema collabora con alcuni tra i registi più significativi del panorama italiano come Mario Martone, Silvio Soldini, e Antonio Capuano. Con Pane e tulipani vince nel 2000 il premio David di Donatello come miglior attrice protagonista. Negli ultimi anni porta in teatro i suoi adattamenti e regie di L’uomo atlantico di Marguerite Duras, Lamìa MARRACASH di Luisa Stella, Una volta in All’anagrafe Fabio Rizzo, Europa di John Berger, Vasta è un rapper italiano proveniente è la prigione di Assia Djabar, dal quartiere Barona, alla periferia Digiunare, divorare di Anita Desa sud di Milano. Fa parte della e Manca solo la domenica da crew Dogo Gang. Nel 2005 Pazza è la luna di Silvana Grasso. ha pubblicato assieme a Del (produttore musicale della Dogo LUIGI MANCONI Gang) il disco autoprodotto È docente di Sociologia dei fenoRoccia Music. Nel 2008 ha pubblimeni politici presso la IULM di cato il primo disco ufficiale Milano. Negli anni ’80 ha fondato sotto etichetta Universal Music. con Massimo Cacciari e Rossanna Poco tempo dopo Marracash firma Rossanda la rivista Antigone, è un contratto con la Universal stato editorialista e commentatore Music, per cui pubblica nel2008 delle più importanti testate l’album Marracash, che raggiunge italiane, attualmente collabora il disco d’oro. Ha recentemente con Il Sole 24 ore e l’Unità. condotto su Mtv il programma Ha ricoperto ruoli politici Spit, dove rapper più noti si sfie ha scritto numerosi saggi, dano su basi ritmate creando rime con Valentina Calderone Quando sul momento su temi di attualità. hanno aperto la cella che indaga sulle morti ed i suicidi STEFANO MASSARI all’interno delle carceri italiane. Poeta e video artista, attualmente lavora alla RAI di Bologna. VITO MANCUSO Ha pubblicato tre raccolte È stato docente di teologia presso di poesie Diario del pane, la Facoltà di filosofia dell’UniverLibro dei vivi e Serie del ritorno. sità Vita-Salute San Raffaele Ha scritto e realizzato video di Milano dal 2004 al 2011. intorno ad alcuni protagonisti Dal 2009 è editorialista de della poesia contemporanea, La Repubblica. È dottore in teoloquali D’Elia, Benzoni, Porta, gia sistematica. Dei tre gradi accaLuzi, De Angelis, Garcia Montero, demici del corso teologico, nell’ambito del progetto ha conseguito il baccellierato Secolozero. I suoi di video arte presso la Facoltà teologica e video poesia sono stati accolti dell’Italia settentrionale di Milano, in numerose rassegne tematiche, la licenza presso la Pontificia festival e progetti editoriali. facoltà teologica dell’Italia Ha ideato il progetto Land meridionale San Tommaso (rivista, video poesia, web, d’Aquino di Napoli, il dottorato laboratori), attivo fino al 2008, a Roma presso la Pontificia e il progetto Cartabianca. Università Lateranense.


MARCO MENCOBONI Clavicembalista e organista, nato nel 1961 a Macerata, è une delle personalità musicali di spicco per l’interpretazione della musica rinascimentale e barocca. Ha dedicato anni alla definizione del repertorio musicale antico delle Marche e grazie al suo lavoro è affiorato un mondo musicale di grande valore fino a pochi anni fa completamente sconosciuto. Metropolitan EDOARDO NESI Scrittore e regista italiano, vinciMuseum di New York gli ha comtore lo scorso anno del Premio missionato un importante Strega con il romanzo Storia della progetto di restituzione musicale. mia gente. Ha scritto e diretto È direttore artistico del Festival il film Fughe da fermo e ha traCantar Lontano che si tiene ogni dotto le 1433 pagine di Infinite anno ad Ancona, nelle Marche. Jest di David F. Wallace. Di recente pubblicazione è Le nostre vite FRANCESCO MICHELI senza ieri. Tra le varie pubblicaDirettore artistico del Macerata zioni Figli delle stelle (2001), Opera Festival, insegna regia L’età dell’oro (2004) vincitore presso il biennio di specializzadel premio Cavallini, Rivisitare zione in Scenografia all’Accademia l’Italia nei suoi 150 anni. di Brera e collabora con la rete Tra le sue pubblicazioni anche satellitare SKY Classica nell’ideaMiracolo inevitabile (2011) zione e conduzione di programma nella collana Inediti d’autore relativi all’opera lirica. Ha firmato per il Corriere della Sera. la regia di Killer di parole di Claudio Ambrosini su soggetto di Daniele Pennac, rappresentato ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA - FORM al Teatro la Fenice di Venezia: Fondata nel 1985 è una delle a questo lavoro è stato recentetredici Istituzioni Concertistiche mente assegnato il prestigioso Orchestrali Italiane, riconosciute XXX Premio Abbiati e andrà dal Ministero per i beni e le in scena la prossima estate anche attività culturali. È composta all’Opera Nazionale di Lorena da valenti musicisti marchigiani di Nancy. Sempre per la Fenice e affronta repertorio lirico e sinfoha firmato recentemente la regia nico distinguendosi per una partide la Bohème e curerà la nuova colare duttilità sul piano artistico produzione de L’Otello di Giuseppe Verdi. interpretativo.

GIOVANNI MINOLI Laureato in Legge, è stato direttore di Raidue, della struttura Format e di RaiTre. Come autore, oltre a Mixer, ha ideato e prodotto programmi quali come Quelli della notte con Renzo Arbore e Blitz con Gianni Minà. Da direttore di RaiTre, ha portato in prima serata la medicina con Elisir, il passato con La grande storia, l’economia, con Maastricht Italia e documentari. Nel 2002 è stato nominato Direttore di Rai Educational: con il programma La Storia siamo noi ha vinto il Premio Ilaria Alpi 2003, il Premio Regia Televisiva 2005, e il Premio Ischia al miglior giornalista televisivo. Nel 2011 ha pubblicato per Rizzoli la storia sono loro.

P R OTA G O N I S T I

GIOVANNI PUGLISI GABRIELE PARRILLO Nato a Caltanissetta nel 1945, Noto al grande pubblico per la sua è il Rettore dell'Università IULM intensa attività di doppiatore e spedi Milano e il Presidente aker (collabora con RAI, RAISAT della Commissione Nazionale Album, SKY TV) è diplomato presso Italiana per l’UNESCO. l’Accademia Nazionale d’Arte È iscritto all’Ordine Drammatica Silvio d’Amico nel dei Giornalisti dal 1972. 1988. Dal 2000 inizia la sua formaLaureato in Lettere nel 1968, zione con Kristin Linklater ed il suo nel 1976 diventa Professore metodo per liberare la voce natuordinario di Storia della Filosofia. rale di cui diverrà insegnante abiliPreside della Facoltà di Scienze tato. Ha formato con Taheri e Murri della Formazione dell’Università l’ensemble teatrale I costruttori che di Palermo (1979 – 1998) ha presentato creazioni originali nei e Presidente della Conferenza teatri di Roma dal 1987 al 1995, dei Presidi delle Facoltà coinvolgendo i giovani attori Favino di Scienze della Formazione e Gifuni. È stato assistente di Hal Italiane (1983 – 1998). Yamanouchi nei suoi laboratori teaNel 1993 diventa titolare della trali di espressione corporea dal Cattedra di Letterature Comparate 1997 al 2003. presso la Facoltà di Scienze EZIO PARTESANA della Formazione dell’Università Nato a Milano nel 1963, vive tra di Palermo. Viene chiamato la sua città e Venezia. Da diversi a ricoprire la stessa Cattedra anni si occupa di letteratura e nella Facoltà di Scienze della teatro. Tra le sue pubblicazioni Comunicazione, relazioni pubbliricordiamo Critica del non vero, che e pubblicità della Libera La Compagnia di Beckett e Il Università di Lingue e Teatro di Giobbe. Tra gli spettacoli Comunicazione IULM di Milano presentati in collaborazione con dal 1998. È Presidente Emerito Oliviero Corbetta si ricorda della Consulta Universitaria Per un buon uso delle rovine – di Critica Letteraria e Letterature Comparate. storia d’Italia tra poesie e prose.

MASSIMO PIATTELLI PALMARINI Fisico, ha ottenuto il dottorato in Fisica all’Università di Roma. Docente di Scienza Cognitiva all’Arizona University. È stato direttore del Dipartimento di ANDREA PACIONI Scienza Cognitiva dell’istituto San Diplomato all’istituto di stato per Raffaele di Milano. Ha insegnato la cinematografia e televisione, ad Harvard, alla Maryland indirizza da subito la sua carriera University, al MIT, alla Rutgers professionale nel campo del University, al Collège de France di ritratto. Il bisogno di trovare nuovi Parigi e all’Università di Bologna. materiali su cui impressionare ed Ha presieduto e organizzato la XII imprigionare le proprie immagini conferenza annuale della Società lo portano attraverso un lungo di Scienza Cognitiva al MIT di percorso di sperimentazioni all’inBoston. Autore di numerose pubterno della camera oscura. Vive e blicazioni scientifiche, è anche lavora e continua la sua ricerca a divulgatore e saggista. Roma.

I


GABRIELE ROMAGNOLI Scrittore, autore di alcune sceneggiature di teatro, cinema e fiction televisive. Dal 1997 al 1999, è inviato a New York per il quotidiano italiano La Stampa, occupandosi soprattutto della questione della pena di morte; contemporaneamente partecipa in qualità di inviato ad alcune trasmissioni di Gad Lerner. Romagnoli è editorialista de la Repubblica e collabora con diversi periodici e quotidiani tra cui Vanity Fair, Diario, Avvenire. Dopo aver vissuto a Il Cairo, nel novembre 2003 si è trasferito a Beirut, in Libano.

ITALO ROTA Italo Rota ha gestito grandi progetti internazionali, ANTONIO RICCARDI dal product design Laureato in filosofia all’Università alla progettazione di ampie di Pavia, si è occupato di mistica aree urbane, mantenendo dell’età rinascimentale pubbliun sistematico intento cando un saggio su questo verso una notevole ricchezza argomento presso University di spazi e forme. of Pennsylvania Press Direttore del dipartimento di Philadelphia. Ha raccolto le sue Scuola di Design alla NABA poesie nei libri Il profitto dome(Nuova Accademia di Belle Arti) stico e Gli impianti del dovere di Milano. Il suo studio è stato e della guerra. Oltre ad essere insignito di vari premi, tra cui Direttore Editoriale della la Medaglia d’Oro all’Architettura Mondadori Libri, collabora Italiana per gli spazi pubblici, a diverse riviste e quotidiani la Medaglia d’Oro all’Architettura e partecipa alla direzione delle Italiana per la cultura e il tempo riviste culturali Nuovi argomenti libero, il Landmark Conservancy e Letture. Ha curato le edizioni Prize, New York e il Grand Prix del Candelaio e della Cena de l’Urbanisme, Paris. delle Ceneri di Giordano Bruno.

DANILO REA Nato a Vicenza, è un compositore jazz che può vantare nel corso della carriera di aver suonato con i più grandi solisti statunitensi, da Chet Baker a John Scofield, da Lee Konitz a Joe Lovano. In Italia ha collaborato con Mina, Pino Daniele, Claudio Baglioni, Renato Zero e Adriano Celentano. Tra gli album che ha inciso Lost in Europe, Jazz Italiano live e Introverso. Il 15 giugno del 2011, insieme a Paolo Damiani e Rashmi V. Bahtt, al crepuscolo, ha improvvisato un memorabile concerto sui tetti di Roma. L’intero incasso è stato devoluto ad Emergency, la onlus di Gino Strada.

Dal 28 marzo del 2001 GIANLUIGI RICUPERATI è Rettore della Libera Università È uno scrittore e saggista italiano. di Lingue e Comunicazione IULM, Collabora con La Repubblica, dal 17 dicembre 2011 è Rettore dove si occupa delle pagine dell’Università degli Studi “Kore” culturali, e scrive su GQ e Domus. di Enna e dal 2009 è Vice È stato co-direttore di Festarch, Presidente della Conferenza nel quale ha svolto un dialogo dei Rettori delle Università pubblico su ‘architettura italiane. Dal 2005 presiede e letteratura’ con Rem Koolhaas. la Fondazione Banco di Sicilia. Nel 2009 è co-direttore artistico Autore di numerose pubblicazioni, di Urbania a Bologna. ha dedicato i suoi interessi I suoi ultimi libri sono scientifici all’estetica, alla filosofia La tua vita in 30 comode rate e alla critica letteraria. e Il mio impero è nell’aria.

PAOLO E VITTORIO TAVIANI Il loro primo film autonomo fu I sovversivi (1967), con il quale anticipavano gli avvenimenti del ‘68. Con Gian Maria Volonté raggiunsero il grande successo con Sotto il segno dello scorpione (1969) in cui s’avvertono gli echi di Brecht, Pasolini e Godard. Nel 1977 vincono la Palma d’Oro a Cannes con Padre Padrone, tratto dal romanzo di Gavino Ledda. Con Cesare deve morire, TATTI SANGUINETI la cui peculiarità è dovuta ai deteNato a Savona nel 1946, nuti che all’interno del carcere è tra i più noti critici cinematograromano di Rebibbia recitano fici italiani, nonché giornalista, la tragedia di Shakespeare, autore televisivo e attore. i fratelli Taviani vincono l’Orso Nei primi anni Ottanta d’oro al Festival di Berlino ha lavorato nel campo del cinema del 2012. Oltre alle regie, come organizzatore per hanno anche sempre firmato la Mostra Internazionale le sceneggiature dei loro film. del Cinema di Venezia, per Incontri Cinematografici GIAN MARIO VILLALTA di Salsomaggiore Poeta e scrittore, insegna in un e per il Taormina Film Fest. liceo di Pordenone ed è direttore Come giornalista ha collaborato artistico della manifestazione con La Repubblica, Panorama letteraria Pordenonelegge. e L’Europeo. Tra il 1986 e il 1993 Dal 1991 ha ideato e condotto, ha partecipato a diverse trasmisper Cinemazero, La voce della sioni di Rai 3 quali Fuori orario, poesia, fortunata serie di incontri Va’ pensiero e Fluff. con i poeti. Ha pubblicato diversi Nel 1989 inizia la lunga libri di poesia, tra cui L’erba collaborazione con in tasca e Nel buio degli alberi, Piero Chiambretti, in qualità e numerosi interventi critici, di coautore e, a volte, spalla tra i quali in particolare Andrea nei suoi programmi televisivi. Zanzotto. Le Poesie e prose scelte e Andrea Zanzotto. Studi sulla letJEAN PIERRE SIMÉON teratura. È anche autore teatrale Premio Artaud 1984, e di romanzi, ultimo dei quali Premio Apollinaire 1994, è Vita della mia vita. Grand Premio du Mont-Saint-Michel 1999 GIUSEPPE VITIELLO e Premio Max Jacob 2006. Giuseppe Vitiello è docente di Quattro romanzi, un racconto Fisica Teoretica dell’Università di e un testo teatrale pubblicati Salerno, e presso il Dipartimento per il Castor Astral, l’Aire di Fisica all'Istituto Nazionale e il Solitaires intempestifs. di Fisica Nucleare (INFN). Numerosi interventi sul rapporto Ha condotto e svolge attività tra la poesia e la pedagogia. di ricerca in problematiche della Dirige, con Jean-MarieBarnaud, fisica delle particelle elementari, la collana Grands fonds di Cheyne teorie di Gauge, sistemi dissipativi editore. È stato Poeta associato quantistici e modelli matematici al C.D.N. di Reims per sei anni. del cervello. Da alcuni anni Si unisce al T.N.P. di Villeurbanne, collabora con Walter J. Freeman al fianco di Christian Schiaretti. del Department of Molecular È direttore artistico & Cell Biology, University del Printemps des poètes. of California, Berkeley, USA.


In esposizione quattro opere, olio su tela, realizzate nel 1635, Ritratto di Luigi XIII davanti al crocifisso, Ritratto di Luigi XIII, San Francesco di Paola, Scena di Matrimonio, provenienti dalla Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini – Roma. Le opere sono visibili facendo uso di particolari istallazioni.

JEAN FRANÇOIS NICERON PARIS, 1613 - AIX-EN-PROVENCE, 1646 Matematico francese e pittore dell’arte anamorfica, dopo aver studiato presso il College de Nevers è entrato a far parte dell’ordine dei frati Minimi. Intento a trovare una soluzione scientifica ai problemi presentati dalla prospettiva, lavorò attraverso gli algoritmi geometrici perfezionando l’arte anamorfica e nel 1638 pubblicò il trattato “La Perspective Curieuse”.

Jean François Niceron Ritratto di Luigi XIII, 1635 – anamorfosi cilindrica Olio su tela, cm 50 x 66,7 / Roma, Palazzo Barberini, GNAA

Jean François Niceron Scena di matrimonio, 1635 – anamorfosi cilindrica Olio su tela, cm 50 x 66,4 / Roma, Palazzo Barberini, GNAA

Sofisticata e sottile é la scelta di rappresentare il percorso antico dell'arte di poiesis con quattro specialissime opere di Jean Francois Niceron, un artista e matematico di prim'ordine, vissuto nella prima metà del seicento, che sceglie di sintetizzare il processo costruttivo in un'opera pittorica che è la trasposizione visiva di un complesso calcolo algoritmico. Già in epoca rinascimentale nella sua tensione rappresentativa l'arte si pone tra le sue ragioni l'analisi del processo creativo e costruttivo e si avventura in viaggi apparentemente laterali che sostengono i canali più immediati. È tra queste esperienze l'anamorfosi, lo studio attento di una “ri-costruzione” dal greco ana morphosis, attraverso una prima scomposizione del soggetto e una successiva ricostruzione ad opera dell'osservatore attraverso strumenti esterni. Una specie di criptazione e successiva decrittazione, un messaggio in codice. Quasi un gioco per nascondere pitture erotiche o non accettate pubblicamente, ma anche e soprattutto un grande esercizio scientifico nello studio della prospettiva e della distorsione controllata della costruzione dell'immagine. In qualche modo forse un avvicinamento lontano alla futura fotografia. Niceron riprende l'esperienza e ne studia a fondo le possibilità costruttive individuando nella matematica le leggi che ne regolano la possibile realizzazione. Raccoglie le sue osservazioni in un trattato prezioso dal titolo “Perspective curieuse”.

in esposizione fino al 03/06

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–22.00

ANAMORFOSI JEAN FRANÇOIS NICERON

SPEDALE DI SANTA MARIA DEL BUON GESÙ PINACOTECA CIVICA “B. MOLAJOLI”

LA MERAVIGLIA DISTORTA

ARTE IN MOSTRA


JULIAN SCHNABEL È nato e cresciuto a Brooklyn, New York. La sua prima personale al Contemporary Arts Museum di Houston risale al 1976, anche se la sua arte otterrà ampio riconoscimento solo qualche anno dopo, in seguito a due mostre tenutesi alla Mary Boone Gallery di New York. Le sue opere, esposte in tutto il mondo, sono state al centro di numerose retrospettive che si sono tenute alla Tate Gallery di Londra (1983), al Whitney Museum of American Art di New York (1987), alla Schirn Kunsthalle di Francoforte (2004), al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid (2004), al Museo di Capodimonte a Napoli (2009) e alla Art Gallery of Ontario di Toronto (2010), oltre a molti altri musei. Le opere di Schnabel sono presenti nelle collezioni del Museum of Modern Art, del Whitney Museum of American Art e del Metropolitan Museum of Art di New York, del Museum of Contemporary Art di Los Angeles, del Guggenheim Museum di New York e Bilbao, del Centre Georges Pompidou di Parigi, della Tate Gallery di Londra e in molti altri importanti musei. Nel 1996 scrive e dirige il suo primo film, Basquiat, il racconto della vita breve ed esuberante dell’amico pittore Jean-Michel Basquiat. Con Lo scafandro e la farfalla vince la Palma d’oro al Festival di Cannes, il Golden Globe per la migliore regia e ottiene la candidatura all’Oscar nella stessa categoria. Julian Schnabel vive e lavora a New York e a Montauk, Long Island.

in esposizione cinque tele di grandi dimensioni provenienti dalla art gallery © Robilant + Voena, London – Milano

I N

M O S T R A

Angelo Bucarelli

Julian Schnabel è figura anomala del mondo dell’arte. Certamente carismatico racchiude nella sua arte post moderna il segno del grande artista che non riesce a contenersi nei piccoli formati. Caratterizzato dall’immediatezza degli artisti impressionisti, ma animato da una visione quasi berniniana certamente barocca, non sa fermarsi alla pittura e con semplicità e senza riflessione importa impressioni visive e visionarie anche negli spazi. Nascono così i suoi ambienti, veri interni per alberghi e nasce così il suo eclettico palazzo, al vero un poco scombinato, dove abita e lavora a New York, anche questo un gesto istintivo da Rubens dei nostri tempi. Ma non si ferma e usando una tavolozza allargata dove riesce a far entrare di tutto, da materiali poveri alla fotografia, a grandi intuizioni, a contaminazioni acritiche include nella sua affabulazione la cinematografia a cui si dedica con sorpresa con un tocco quasi conformista regalandoci pellicole di pregio che potremo gustare insieme a Fabriano. Nel viaggio di Poiesis dedicato alla Grande Opera, non poteva mancare uno sguardo sull’arte di questo autore e non solo per le sue grandi dimensioni, con accostamento troppo semplicistico, ma per la mancanza di confini che egli stesso non si pone interpretando senza schemi la creatività dell’uomo.

in esposizione fino al 03/06

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–23.00

JULIAN SCHNABEL GESTO E TEMPERAMENTO

LOGGIATO – COMPLESSO SAN FRANCESCO

A RT E


MOSTRE FOTOGRAFICHE

la grande opera

MONIKA BULAJ

ANDREA JEMOLO

Cinque mostre personali da vivere una per una o come parte di un insieme, una grande opera della visione dell’uomo e della sua capacità sempre di analizzare il suo cammino e di vedere oltre all’inseguimento a volte con timore a volte con slancio del futuro.

È con cinque grandi fotografi che lo abbiamo fatto: Gabriele Basilico, Monika Bulaj, Giorgio Barrera, Luca Campigotto, Andrea Jemolo. E con la loro sensibilità, cultura e linguaggio. Con le loro visioni e le loro immagini maestre siamo invitati ad inoltrarci in grandi temi che coinvolgono la crescita dell’uomo e ad approfondirli con lo spettacolo silenzioso della fotografia: il costruire fisico e mentale, il suo decostruire, l’opera dell’uomo e l’opera del tempo; la ricerca di spiritualità nello stare insieme e i suoi riferimenti gestuali; la complessità delle relazioni umane colte nella loro intimità anche spaziale; la dimensione e lo stupore della natura che accoglie e sovrasta l’umanità; il processo evolutivo della cultura che rinasce dalla sua stratificazione scegliendo momenti circoscritti per sostenere la memoria.

La fotografia é un grande frutto dell’ingegno dell’uomo. È il frutto di un processo creativo tra l’esperienza, conoscenza, memoria e intuizione. Con questa "invenzione"si rivoluziona il mondo e si dà alla sua evoluzione una forte accelerazione che pervade la contemporaneità. Non era dunque possibile per Poiesis 2012, la Grande Opera, non viverla propriamente.

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–23.00

Esposizione a cura di Angelo Bucarelli e Mariateresa Cerretelli

LA COSTRUZIONE, IL RITO, IL NIDO, LA NATURA, IL MONUMENTO

VISIONI

GABRIELE BASILICO

GIORGIO BARRERA

LUCA CAMPIGOTTO


ORATORIO DEL GONFALONE

Finestra #121

Come una calamita, se una finestra è aperta, lo sguardo curioso della gente si alza e segue impertinente quello che accade all’interno delle case, di giorno e di sera. È un’attrazione irresistibile spiare l’intimità degli altri. Giorgio Barrera di questo fenomeno sociale ne ha fatto il centro di una sua ricerca, un teatro fotografico che descrive attimi quotidiani colti nell’immediatezza degli interni domestici. Sono immagini che rafforzano e raddoppiano l’effetto calamita che invade la privacy. Ma se lo scenario che si presenta davanti agli occhi dell’osservatore sia vero o costruito, resta un enigma.

GIORGIO BARRERA IL NIDO: THROUGH THE WINDOW

PALAZZO DEL PODESTÀ

Bielorussia il corano in bielorusso

Ha viaggiato dal 1985 al 2005 tracciando un percorso di vita e di ricerca espressiva della spiritualità orientale, nel cuore del sacro tra il Baltico, il Mar Nero, il Caspio e il Mediterraneo. “In queste terre, sotto le ceneri, languiva l’infanzia d’Europa…” spiega Monika Bulaj “Ho viaggiato tra i vecchi credenti della Polonia e i rom della Macedonia, gli armeni della Romania e i lemki polacchi, tra gli hutzuli ucraini e i tartari bielorussi, tra gli aleviti dell’Albania e gli Udini del Caucaso”.

CRIPTA DELLA CHIESA DI SAN BENEDETTO

MONIKA BULAJ IL RITO: GENTI DI DIO

Sesto Falck

Della storia centenaria delle Acciaierie Falck di Sesto (1906-1995), il più grande gruppo siderurgico italiano rimangono solo i ruderi monumentali, dopo la crisi del settore. Unione, Concordia, Vittoria e Vulcano, i quattro stabilimenti sono l’obiettivo di Gabriele Basilico chiamato, tre anni dopo lo smantellamento, a testimoniare la fine di un’epoca industriale. Con una Linhof Technikardan esplora quel che resta delle grandiose strutture industriali e raccoglie in 400 negativi un patrimonio fotografico.

GABRIELE BASILICO LA COSTRUZIONE: SESTO FALCK

PALAZZO DEL PODESTÀ

Andrea Jemolo punta della dogana by Tadao Ando

“Il lavoro nasce da un’idea di Monique Veaute quando François Pinault nel 2007 la nomina Amministratore Delegato e Direttore di Palazzo Grassi a Venezia” spiega Jemolo. Da lì parte il suo progetto che dura un anno e mezzo circa e, passo dopo passo, registra la ristrutturazione e la completa trasformazione di Punta della Dogana. Una lenta metamorfosi monumentale. L’edificio abbandonato e fatiscente si trasmuta in uno spazio-cantiere scarnito. E via via, plasmato dalla genialità di Tadao Ando, torna alla città nelle vesti di centro museale della collezione Pinault.

ANDREA JEMOLO IL MONUMENTO: PUNTA DELLA DOGANA BY TADAO ANDO

PALAZZO DEL PODESTÀ

Deserto di Lut Iran, 2009

F OTO G R A F I C H E

I suoi luoghi selvaggi narrano lo stupore di fronte alla natura grandiosa e la potenza evocativa di rocce, deserti, montagne e territori a perdita d’occhio. Un orizzonte fotografico poetico e senza confini che ha portato Luca Campigotto a contemplare l’immensità e la bellezza di luoghi diversi del mondo. Dalle Dolomiti a Chiaia di Luna dal deserto di Atacama al Rio Grande fino al Deserto di Lut in Iran. Sono immagini senza tempo, visioni dove domina la fascinazione delle luci.

LUCA CAMPIGOTTO LA NATURA: MY WILD PLACES

M O S T R E


FONDAZIONE ERMANNO CASOLI Dedicata alla memoria del fondatore di Elica, la Fondazione Ermanno Casoli è nata nel 2007 con l’obiettivo di favorire il rapporto tra il mondo dell’arte e quello dell’industria promuovendo iniziative in cui l’arte contemporanea diventa uno strumento didattico e metodologico per realizzare ambienti di lavoro fortemente orientati all’innovazione.

FRANCESCO ARENA Ha esposto in importanti spazi pubblici e privati sia in Italia che all’estero. Il suo lavoro associa una forte componente politica con la ripresa di tradizioni e tecniche artigianali. In particolare attraverso opere scultoree e installazioni, l’artista veicola la memoria di eventi della storia italiana e internazionale più o meno recente. Le sue opere appaiono, il più delle volte, come nuovi monumenti alla nostra storia più drammatica. Nel 2010 è stato a Fabriano con la mostra Teste, progetto vincitore della XII edizione del Premio Ermanno Casoli.

L’uomo con la smerigliatrice colpisce il palo di metallo provocando scintille brevi e lunghe equivalenti al punto e alla linea del codice Morse. Un gesto legato al lavoro quotidiano diventa codice, alfabeto, modo di comunicare contenuti che hanno la forza di rompere le convenzioni.

VENERDÌ 25 MAGGIO DALLE ORE 20.00 SABATO 26 MAGGIO DALLE ORE 20.30

di Francesco Arena a cura di Marcello Smarrelli

CANZONE (POVERA PATRIA)

Fondazione Ermanno Casoli presenta

PIAZZA DEL COMUNE, FUORI ORARIO

Il gruppo Infioratori nasce con il Palio di San Giovanni Battista, nel 1995, grazie alla volontà e alla passione di un centinaio di volontari appartenenti alle 4 Porte della città di Fabriano. La loro maestria dà origine ad un incontro di petali di ogni forma e colore, che sapientemente lavorati, danno vita ad un tappeto artistico floreale artistico. Gli Infioratori di Fabriano sono entrati a far parte dell’associazione nazionale delle infiorate artistiche, Infioritalia.

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–24.00

tributo a Wayne Shorter SPEAK NO EVIL TRIO

live fuori orario GAROFOLI BERLUTI HAMMOND TRIO

breaking big opera BREAKER BROTHER CREW / EXPLOSION STYLE CREW

Infiorata

I MESTIERI FIORISCONO

PALAZZO CHIAVELLI, PIANO TERRA

Carta a mano secondo le tecniche dell’a tica tradizione fabrianese dei mastri chartai del XIII secolo, la stampa d’arte, la lavorazione artigianale della carta, artigiani della carta mostrano ed esprimono la loro creatività attraverso un’espressione artistica tramandata nei secoli.

Mostra degli allievi del corso di fotografia fotOfficina, alla bottega da Andrea Pacioni. Persone e personaggi della città sono stati fotografati dagli allievi che hanno curato la pellicola, la stampa ed infine la mostra.

CHIOSTRO DI SAN BENEDETTO

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–24.00

Artigiani della carta al lavoro

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–24.00

CARTA CREATIVA

Un giorno a Fabriano

COMPLESSO SAN BENEDETTO

RITRATTI

PALAZZO MONTINI, VIA BALBO 31

ALTRI APPUNTAMENTI


CALLIGRAFIA NEGATA

Nel lavoro di Claudio Adami la sua dedizione concentrata e vibrante è densa della tensione che l’artista deve avere per essere tale. Adami decide infatti, con una scelta totalizzante, di fare della sua vita la sua meditazione tantrica. Ma è capace di racchiudere in essa e nel suo rigore concetti così ampi da sorprendere: la calligrafia negata che inganna tra negativo e positivo; la relazione con il passare del tempo e il suo valore; la tenacia nella decisione di un momento di scelta; il rapporto tra passato e futuro, memoria e divenire; il sentire la materia e l’affidarsi profondo ad essa; l’esigenza dell’ordine armonico di un disegno visivo come specchio di quello intellettuale; la ritualità del gesto. Un lavoro che trova in Fabriano e nella sua carta un incontro necessario.

VENERDÌ 25 MAGGIO 17.00–24.00 SABATO 26 MAGGIO 10.00–24.00 DOMENICA 27 MAGGIO 10.00–24.00

COMPLESSO SAN BENEDETTO

PROIEZIONI SULLE ARCHITETTURE Stark, Paolo Buroni

REALIZZAZIONE ALLESTIMENTI Mag92 Daniela Loretelli Il Tulipano

PROGETTAZIONE ALLESTIMENTI Studio Salmoni Architetti Associati Vittorio Salmoni Carla Lucarelli Giovambattista Padalino

WEB & SOCIAL NETWORK Opificio Ciclope www.opificiociclope.com Fresh Creator www.freshcreator.com

VIDEOMAKER Youitaly.tv WebTV Halleymedia snc

GRAFICA Kuni Design Strategy, Bologna Barbara Cuniberti Francesco Schinaia Ciro Zanella

CINEMA Tatti Sanguineti Vittorio Salmoni Gabriele Guglielmi

EVENTI MUSICALI AMAT Ass. Marchigiana Attività Teatrali ATER Ass. Teatrale Emilia-Romagna US Cooperativa per l’Arte Società cooperativa E lucevan le stelle

UFFICIO STAMPA Livia Aymonino Luigi Coldagelli Simone Proietti Elisa Ragni

MOSTRE e EVENTI Angelo Bucarelli Francesco Fantini

ORGANIZZAZIONE Associazione culturale Deca Kind art srl con la collaborazione di Mismaonda Marco Miana Luca Lazzaris Carmen Manti Olga Merlin

SERVICE AUDIO LUCI Ventilazione snc Eta Beta

con Caterina Massi e Alice Bologna Sandra Bartoloni Patrizia Borini Stefania Carnevali Danilo Cucchi Francesca Mariangeli Paolo Silvi

Tersicore, Scuola di Danza, Fabriano

Protezione Civile sez. comunale di Fabriano

Oratorio della Misericordia, Fabriano

Lady Atelier di Lucia Bussaglia

Istituto Tecnico Commerciale per il Turismo “A. Morea”, Fabriano

Fondazione Ermanno Casoli Serra San Quirico

Ente Palio di Fabriano

ConfArtigianato

Comune di Sesto San Giovanni, Milano

Comune di Fabriano, impiegati, dirigenti, operai, Giunta e Sindaco uscente

Associazione Strabordo

Anna Lo Bianco Galleria Nazionale Arte Antica Palazzo Barberini, Roma

Rossella Vodret Soprintendente Polo Museale della città di Roma

in particolare Lorenza Mochi Onori Direttore Generale delle Marche per il Ministero dei Beni culturali

RINGRAZIAMENTI La Direzione Artistica ringrazia quanti hanno collaborato alla realizzazione di Poiesis

ALBO PRESTATORI Galleria Nazionale di Arte Antica Palazzo Barberini, Roma FIN M. srl, Milano Bugno Art Gallery, Venezia Collezione privata - Mario Manuli, Milano Galleria 42 contemporaneo, Modena Art Gallery Robilant + Voena, London - Milano

TIPOGRAFIA Conerografica printing Arti Grafiche Gentile

BOOKSHOP Libreria Pandora

TRASPORTI Arteria srl Itaca srl Fast Service Marche snc

ASSICURAZIONI Axa Art - arte assicurazioni, Roma Assicurazioni Generali spa

DIREZIONE TECNICA Marco Abeti

IDEAZIONE e DIREZIONE ARTISTICA Francesca Merloni


PIAZZA DEL COMUNE

LOGGIATO, COMPLESSO DI SAN FRANCESCO

PALAZZO PODESTÀ

CATTEDRALE SAN VENANZIO

SPEDALE SANTA MARIA DEL BUON GESÙ

SAN BENEDETTO

GIARDINO DEL POIO

1 2

CRIPTA SAN BENEDETTO

6

3

TEATRO GENTILE

4

9

ORATORIO DEL GONFALONE

8

5

10

11

ORATORIO DELLA CARITÀ

7

I LUOGHI


con il sostegno di

sponsor tecnici

in collaborazione con

confezione indumenti da lavoro

www.poiesis-fabriano.it

Profile for La Prima Web

Poiesis - Festival di Poesia e Arte - Fabriano - dal 25 al 27 maggio 2012  

Una nuova, inedita miscela di pensieri e visioni, di parole e di passioni. Musica e teatro, cinema e poesia che si intrecciano in un progett...

Poiesis - Festival di Poesia e Arte - Fabriano - dal 25 al 27 maggio 2012  

Una nuova, inedita miscela di pensieri e visioni, di parole e di passioni. Musica e teatro, cinema e poesia che si intrecciano in un progett...

Advertisement