Issuu on Google+

I

di Adria ARRE DA LA T UA CASA

www.patio.it

Periodico d’informazione locale. Anno XX n. 165 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, NE/PD

www.lapiazzaweb.it

Fai come noi! per il tuo arredamento affidati al

pOrtO VIrO (rO) S.S. rOMeA KM. 68 tel. 0426 321260

AR R EDA L A T U A C A SA

FerrArA VIA MODeNA 250 - tel. 0532 731138

www.patio.it


Messaggio Pubblicitario

Vieni a trovarci e scoprirai tutti i vantaggi che ti offre il PATIO Puoi accedere a pagamenti personalizzati e fatti su misura per te, compresi finanziamenti ad interessi O%

Arredare la LA tua casa prezzi da ARREDA TUAa CASA

... o c n a fi ro st o v l a o m a si Noi ...senza nessun impegno e a costo zero per te i nostri consulenti saranno a tua disposizione per consigliarti al meglio nella progettazione dell’ambiente che devi arredare. Tocca con mano e ti renderai conto della grande qualità, i nostri mobili te li garantiamo 5 anni perchè oltre ai 2 di legge, noi ti estendiamo la garanzia di altri 3 anni senza costi aggiuntivi.

A RRE D A LA T U A C AS A


di Adria

Periodico d’informazione locale. Anno XX n. 165 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, NE/PD

Primo Piano Dilagano i furti nelle abitazioni, la gente ha paura

pagg.

Trasporti Treno delle 6.32. Il Sindaco scrive a Zaia

4-5

Ossessione nordica Roverella, al via la nuova mostra il 22 febbraio

6

pag.

www.lapiazzaweb.it

pag.

29

EDITORIALE

Medie Bottrighe, bergo querela due dirigenti

Amarezza metropolitana di Nicola Stievano

La vivace protesta che si era accesa a Bottrighe qualche mese fa in occasione della riapertura dell’anno scolastico ha avuto una nuova e inattesa fiammata. Alberto Bergo, esponente del “Comitato per la salvaguardia del plesso scolastico di Bottrighe”, ha sporto denuncia contro due Dirigenti pag. 8

Sicurezza. continuano i controlli sulle strade

Continueranno anche nelle prime settimane del 2014 i controlli a tappeto sulle strade polesane che coinvolgono anche la Compagnia di Adria in un’attività di monitoraggio e controllo delle persone al volante soprattutto in orario notturno. pag. 8 50%

50% 30%

20%

40% 20%

10%

60%

30%

20% 10%

COUPON del risparmio

Cogli le migliori offerte della tua zona!

Massimo Barbujani ha pianificato i prossimi due anni e mezzo del proprio mandato

L

’Amministrazione comunale è arrivata al giro di boa e per il sindaco Massimo Barbujani le recenti feste natalizie sono state il momento per fare il punto della situazione e pianificare i prossimi due anni e mezzo di mandato. Il ruolino di marcia il Primo Cittadino parte già dai prossimi giorni con una ricognizione tra le forze che sostengono la propria maggioranza. Dalla data di elezione dell’attuale coalizione, infatti, il partito “socio” di maggioranza si è diviso in altri due tronconi. Dall’allora granitico Pdl si

sono staccati Fratelli d’Italia (durante la campagna elettorale delle elezioni politiche dello scorso febbraio) e recentemente il Nuovo Centrodestra, capeggiato da Angelino Alfano. Barbujani ha escluso qualsiasi rimpasto di Giunta, tuttavia la recente entrata nell’esecutivo di Palazzo Tassoni dell’assessore Michele De Bellis, che ha preso il posto “dell’allontanato” Lorenzo Maltarello, ha creato più di qualche momento di tensione al Primo cittadino. “Si è autoproclamato capogruppo del Pdl – ha precisato Barbujani - ed ha creato

qualche imbarazzo tra i consiglieri. Comunque non ho in previsione alcun rimpasto di giunta, ma è giusto mettere le cose in chiaro e prima del 20 gennaio voglio incontrare le nuove segreterie di Forza Italia, Nuovo Centrodestra e Fratelli d’Italia”. Con una certa urgenza l’Ammminstrazione comunale dovrà occuparsi anche della gestione partecipata di alcune funzioni comunali. Entro metà anno i comuni con meno di 5mila abitati dovranno avere almeno dieci funzioni collegate ai copagg. 6 muni più grandi

continua a pag.

L’Intervento Sì alla sicurezza alimentare, no alla demagogia

Da noi troverai accoglienza, onestà, competenza e le migliori quotazioni !

di Giovanni Taliana*

▶ CENTRO AUTORIZZATO ▶ ASSISTENZA CALDAIE ▶ CASA DEL CONDIZIONATORE

L

a lotta alla contraffazione alimentare e la sicurezza del consumatore sono troppo importanti per essere oggetto di demagogia e di polveroni mediatici. Siamo da sempre in prima linea nella difesa della qualità delle nostre produzioni e della sicurezza alimentare.

CALLE MUNEGHETTE, 205

Uscita bello Occhio

SR6

ELLO

*Presidente della Sezione alimentari di Confindustria Padova anche Aperti il sabato

p.it

ntalcoo

ello@de

occhiob

ia

to

tigiana Via dell’Ar

c io

tone Merca

Uno

a

Er id

an

ia

13

P:

tura sima aper tura ONA Pros sima aper • ANC O Pros tura • AVELLIN sima aper I Pros 3545278 • BAR tel. 030 apertura 22 • BRESCIA I Prossima 5989 LIAR tel. 0934 apertura • CAG ISSETTA Prossima • CALTAN CCHIO (BO) 222 041 5540 ALE • CAS (VE) tel. 81 531905 GGIA 0372 4318 tel. 0364 • CHIO A tel. ME (BS) • CREMON RIO TER FO BOA sima apertura 997994 • DAR tel.0434 Pros NZE (PN) A • FIRE EDD 453846 TANAFR • FON tel.0564 SSETO 209406 • GRO tel. 0731 apertura • JESI Prossima 0331 440011 INA tel. LAT • O (MI) 245687 711647 • LEGNAN A tel. 0376 tel. 0861 TOV O (TE) • MAN 52 TINSICUR tel. 041 4100 • MAR (VE) 90 • MIRANO tel. 059 3031 5903586 91 041 ENA • MOD (TV) tel. tel. 0423 3032 56 LIANO NA (TV) ) tel. 0733 2905 • MOG TEBELLU (MC 750481 IANO • MON TECASS (RO) tel. 0425 • MON HIOBELLO 8751943 • OCC 049 06 OVA tel. • PAD 0382 5596 962 IA tel. 5292 610294 • PAV tel. 075 tel. 019 • PERUGIALIGURE (SV) tura RA sima aper • PIET A Pros apertura 83 • POTENZ Prossima 3055 USA tel. 0522 • RAG EMILIA tura • REGGIO sima aper 23 A Pros 089 3817 • ROM O tel. • SALERN

Da pag 19 a pag 22 trovi l’inserto Dentalcoop tre Le nos zioni: conven

307034 tel. 0421 DI P. (VE) 45 DONÀ • SAN 019 8075 ONA tel. 0445 576626 • SAV 91 tel. IO (VI) 0437 8533 881130 • SCH (BL) tel. 0422 • SEDICO NO (TV) tel. 107 ESIA 0 • SPR 011 2462 4931 tel. 0363 • TORINO IO (BG) tel 27 • TREVIGL tel. 0422 4219 034 • TREVISO 0432 1698 E tel 500108 7 • UDIN tel.045 0381 7858 199 • VERONA O (PV) tel. 6302 tel. 045 VAN • VIGE A (VR) ANC AFR • VILL

SOTTOMARINA (VENEZIA) - tel 041 4968055 dal lunedì al sabato dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:00

Vi

TALCOO

ALI DEN

LOC UNITÀ

Co m

continua a pag.

an

er

ania

tria

OTA PRENTO SUBI A LA TU VISITA

Er id

m

Germ

us

Via

Via

nd

9

va n.242

di Pado

ll’I

Medici

l Via de

7 o Calza va n.136 one SanitDott. Marc di Pado toiatri AutorizzaziSanitario ci Odon Direttore Ord. Medi Iscrizione

Ord. Iscrizione

de

ania, 1 (RO) Via Germ hiobello 1662019 Occ fax 0425 45030 750481 tel. 0425 86/12 vara aria n°

Via

Via Giosuè Carducci, 45 - Adria(RO) Tel. 0426 23035 - Cell. 335 7747668

OCCH

LO IOBEL OCCH T OUTLE E VILLAG

PAGAMENTO IN CONTANTI

VIA S: MARCO 1933/C

SR6

A13

a Chioggia e Sottomarina

CENTRO DI CHIOGGIA CORSO DEL POPOLO (a fianco chiesetta San Francesco) tel 041 4968379 dal lunedì al sabato dalle 09:00 alle 12:30

OCCHIOB

O IOBELL

Via Europa

60%

50%

30%

Priorità: opere pubbliche e Nogara mare

AU BO TOS LOG TRA NA DA -PA DO VA

10%

40%

I

l 2014 dovrebbe essere l’anno della città metropolitana Padova - Venezia -Treviso, durante il quale il progetto prenderà forma e finalmente decollerà dopo un lungo dibattito politico. Ma l’anno nuovo non si apre certo sotto i migliori auspici visto che l’intento di dare vita ad un grande sistema di relazioni fra i tre centri e i territori interessati rischia di essere ridimensionato, se non addirittura affossato, dalle carenze della rete dei trasporti. In una città metropolitana che si rispetti i collegamenti ferroviari e stradali dovrebbero essere potenziati al massimo, resi più efficienti e messi a disposizione dei lavoratori e di tutti coloro che si muovono quotidianamente all’interno dell’area. Solo così è possibile accorciare le distanze, rendere più facili gli spostamenti di uomini e merci. Invece questo 2014 si apre con i problemi di sempre soprattutto sul fronte del trasporti ferroviari. Nonostante i notevoli investimenti, specialmente sulla linea Padova - Venezia, il sistema ferroviario metropolitano, del quale si sente parlare ormai da un ventennio buono, è ancora al palo e i collegamenti, dopo l’entrata in vigore del nuovo orario “cadenzato”, mostrano tutta la loro fragilità proprio in ambito locale.

ro! ’este ggi allalità italiana iù via Non ptalcoop con la qu 575 € 70 €

ma Den

ica)

noram

OPT (pa

plice

ione sem

Otturaz

35 €

a

estetic

UNITÁ

(esc

395 € Corona

45 €

DI OC

CHIO

TAEG

“0”)

O

TASS ENTI A

M

ZIA FINAN

ica

ceram

(TAN e

tale ne den

Igie

Apertiil ancheto saba

osseo to end e) Impianluso moncon

ta Prenovisita

la tua

(R BELLO

l. 04 O) te

25 7504

81

UNITÁ DI OCCHIOBELLO (RO)

3


DOMENICA APERTO CUCINE CAMERE SOGGIORNI

VIENI A FARE UN PREVENTIVO CAMERETTE SALOTTI ARREDO BAGNO

SCONTO 50% +50% DOPPIO SCONTO

AdriArreda Via Emanuele Filiberto, 2/H - 45011 ADRIA tel. 0426 1903482 www.adriarreda.it


EDITORIALE

segue da pag.

Amarezza metropolitana

Ricerca idrocarburi

Ribadito il “no” dalla Regione

La giunta regionale del Veneto ha negato il permesso di ricerca idrocarburi in Polesine, richiesto dalla società Northsun Italia S.p.A. di Roma. La richiesta di Valutazione di Impatto Ambientale per il progetto di ricerca idrocarburi, denominato La Risorta”, nel territorio dei Comuni di Adria, Gavello, Taglio di Po, Villanova Marchesana, Corbola, Papozze ed Adriano Polesine, era stata presentata dalla ditta romana nel2012. Conclusa l’istruttoria tecnica, la Commissione regionale VIA aveva espresso a luglio parere interlocutorio non favorevole. Successivamente la società Northsun Italia aveva trasmesso le proprie osservazioni in merito ai motivi ostativi. A novembre la Commissione regionale VIA ha confermato con parere definitivo il giudizio non favorevole di compatibilità ambientale sul progetto. Protezioni civile provinciale

Ormai le proteste dei pendolari sono all’ordine del giorno e le notizie dei disagi si moltiplicano, al punto che la Regione ha intenzione di cancellare l’accordo per il trasporto locale con Trenitalia e individuare altre soluzioni. Proprio mentre andiamo in stampa arriva la notizia che il Governatore del Veneto Zaia ha revocato il contratto con Trenitalia invocando la possibilità di fare una gara per assegnare il servizio. “Mettiamo in discussione il fatto che ci possa essere solo ed esclusivamente un gestore per i treni regionali. - ha detto - Facciamo una gara, è una facoltà che ci viene data dalla legge”. Non è accettabile che migliaia di lavoratori ogni giorno siano in balia di ritardi, cancellazioni, disservizi e molte altre incognite che causano problemi a non finire. Non è accettabile che chi sceglie o è costretto a ricorrere ai mezzi pubblici si trovi a dover affrontare temi di percorrenza insostenibili, almeno il doppio rispetto a chi ricorre all’automobile. Ma anche per gli automobilisti muoversi all’interno della città metropolitana comincia a costare caro, molto caro. Ad inizio anno gli aumenti dei pedaggi su sistema autostradale tra Padova, Venezia, Treviso e Rovigo sono un’amara realtà con la quale sono chiamati a fare i conti anche gli autotrasportatori. A quanto pare è il prezzo da pagare per la costruzione del Passante, il quale però, con queste cifre rischia di essere sempre meno frequentato, soprattutto dai pendolari. Anche loro devono far quadrare i conti con costi sempre più alti e stipendi al palo. Mentre la politica sta cercando di correre ai ripari prevedendo sconti e agevolazioni per i residenti, soluzioni che probabilmente dovevano essere messe a punto prima dell’introduzione degli aumenti, c’è chi prevede un sensibile aumento del traffico sulla viabilità locale. E qui siamo ancora in pieno scaricabarile fra entri e Regione. Davvero un pessimo debutto per l’anno della Pa-Tre-Ve. di Nicola Stievano

Cell. 347 7734718 Alberto Giorio Tel. 0426 300363 - Fax 0426 311799 essebi.ecologia@alice.it

▶ SPURGO POZZI NERI E CONDENSE GRASSI ▶ STASAMENTO TUBAZIONI ▶ PULIZIE IDRODINAMICHE A PRESSIONE ▶ VIDEO ISPEZIONI A COLORI

Nuova sede operativa

Dieci postazioni autonome di lavoro dotate di pc e software specifici, due pannelli luminosi, una centralina con tre linee telefoniche, antenne, tralicci, apparti radio e tv mobili per assicurare collegamenti con i posti in emergenza e le altre sedi operative sono i gioielli della nuova sala operativa della Protezione civile provinciale centro operativo di via Grandi a Rovigo, realizzata col contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Parco auto della Provincia

Messi in vendita alcuni automezzi

Palazzo Celio ha messo all’asta sei automezzi, di diversi modelli e cilindrate per un importo complessivo di 10.400 euro. Una Lancia Thesis a gasolio del 2006 con 177 mila km con prezzo base 5.500 euro; una Fiat Stilo a gasolio del 2003 con 98 mila km a 1.200 euro; una Ford Focus a gasolio del 2001 con 250 mila km a 1.200 euro; una Citroen C3 benzina-gpl del 2003 con 43 mila km a 1.200 euro; una Fiat Panda a benzina del 1997 con 134 mila km a 600 euro ed una Alfa Romeo a benzina del 1998 con 133 mila km a 700 euro.

1

Piscina comunale

Provincia

Debellata la legionella, si torna in vasca pag.

Sanità

6

Ridotti i tempi d’attesa al Pronto soccorso

commercio

pag.

Adria sempre più città del pane ciabatta pag.

Provincia spazi aperti

La nuova Romea sarà percorribile entro il 2012

8

11

pag.

mondo scuola

Regione

La Cps gode di scarsa considerazione pag.

Sedazione palliativa o eutanasia mascherata? pagg. 32-33-34

spettacolo

Intervista ad Aldo Tagliapietra, storico leader de “Le Orme”

25

26

arte

pag.

Continua la stagione di prosa al Teatro comunale di Adria, il 29 gennaio saliranno sul palco Lella Costa e Paolo Calabresi, protagonisti dello spettacolo “Nuda Proprietà”, tratto da “Piangi Pure”, il nuovo romanzo di Lidia Ravera, una delle scrittrici italiane più quotate, nota ai più grazie al suo primo bestseller “Porci con le Ali”. Inizio spettacolo alle ore 21.00

Calendario per il 2014

Sanità

Province, Delrio le trasforma in enti di secondo livello pag. 23

Lella Costa, 29 gennaio

Asac

Essebi Ecologia s.r.l. - Via Maestri del Lavoro, 10 - CAVARZERE (VE) per urgenze servizio 24 H su 24 H

Adria

Teatro Comunale

36

Sironi e Cortellazzo, dialogo tra chi non si è mai conosciuto pag. 37

E’ stata progettata l’attività della consulta provinciale di Rovigo dell’Asac, l’associazione sviluppo delle attività corali della regione Veneto, che raccoglie oltre 350 complessi corali, di cui tredici iscritti in Polesine, grazie al lavoro dei suoi nuovi rappresentanti in consiglio regionale, Osvaldo Fedini, presidente del coro “Montre Pasubio” di Rovigo e Cristiano Roccato direttore del coro “Soldanella” di Adria. In febbraio, l’Asac Polesana organizzerà un laboratorio a Rovigo con la presenza del direttore del famoso coro Sat. A marzo 2014, si terrà ad Adria, per la prima volta in provincia di Rovigo, l’assemblea regionale dell’Asac con i delegati dei cori della regione. Cur

University Day, 7 e 8 febbraio Il Cur ha fissato per Venerdì 7 e sabato 8 febbraio l’annuale appuntamento con l’University Day. Per due giorni il Cur diventa un effervescente contenitore di eventi dedicati al sapere, con lezioni dimostrative, miniconvegni, incontri, tour guidati e momenti di confronto e dibattito. I ragazzi degli istituti superiori, a partire dalle classi terze, si sentono coinvolti, protagonisti, proiettati in un ambiente diverso rispetto a quello scolastico; una esperienza sicuramente formativa, utile per far loro respirare l’aria carica di stimoli, che è propria dell’ambiente universitario.

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto.

è un marchio registrato di proprietà di

Srl

DIREZIONE - AMMINISTRAZIONE e

Concessionaria

di

Pubblicità Locale

Padova, via Svezia 9 Tel. 049 8704884 Fax 049 6988054 direttore@lapiazzaweb.it Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Questa edizione raggiunge le zone di Adria, Petorazza e Papozze per un numero complessivo di 8.177 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Venezia Padova Rovigo Treviso

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin

REDAZIONE:

Direttore responsabile

Mauro Gambin direttore@lapiazzaweb.it Ornella Jovane o.jovane@lapiazzaweb.it Chiuso in redazione il 29 dicembre 2013 Centro Stampa: Rotopress International Loreto, via breccia (An)

Clicca su Scarica giornali, scegli l’edizione che ti interessa e sfogliala con

La Piazza la leggi anche sul web aggiornata con le ultime news!

www.lapiazzaweb.it


4 Argomento del mese SICUREZZA Aggressioni e scippi per strada, di giorno e di notte, topi d’appartamento di nuovo all’opera in un crescendo di furti messi a segno nelle province venete. Una escalation che i soli agenti presenti nei territori non possono contrastare efficacemente

Allarme sicurezza: sempre pi

di Germana urbani

Pansa: “Nel 2014 caleranno ancora gli agenti di polizia e ci sarà ancora meno sicurezza”

Lipari: “Il problema è più complesso, riguarda il fatto che il sistema giustizia in Italia non funziona”

E

’ Andrea, 23 anni, la vittima più grave dell’escalation di rapine e furti che negli ultimi mesi del 2013 ha investito in modo preoccupante il Veneto. Lui, un commesso di dicount, si è visto puntare la pistola alla testa e poi ha sentito lo sparo che l’ha costretto ad una difficile lotta per la vita. Ma la cronaca racconta quasi ogni giorno di signore più o meno anziane colpite brutalmente lungo le vie delle nostre città anche per un bottino di pochi euro. La gente ha paura e la preoccupazione degli amministratori locali è altissima tanto che non si contano le richieste di aumentare le forze dell’ordine di pattuglia sui territori. Molti i primi cittadini che hanno fatto appello anche al Governatore Zaia chiedendo risorse economiche, finanziamenti ai propri distretti di polizia, soldi che il più delle volte erano a bilancio in Regione e sono stati cancellati, così come è accaduto per l’impegno a finanziare le telecamere. In alcuni territori, come a Padova e nella Saccisica, verso fine anno sono arrivati rinforzi nell’ambito di competenza dell’arma dei carabinieri. Così sono stati intensificati i pattugliamenti e la presenza di agenti là dove sono sempre più in

azione bande di ladri che non disdegnano di compiere danni e atti di vandalismo. Purtroppo però, operazioni come queste non potranno durare a lungo su un territorio e, soprattutto, non possono essere replicate all’infinito. Nel Veneziano i reati complessivi, nei primi otto mesi del 2013, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sono aumentati del 3,5 per cento. Con un’impennata dei reati predatori in particolare ad agosto dove i furti in casa sono aumentati del 14 per cento, mentre quelli nei negozi del 24 per cento. “Ogni tanto - ha affermato Alessandro Pansa, capo della Polizia all’assemblea dell’Associazione funzionari di polizia - qualcuno mi chiede di aumentare il livello dei controlli in alcune città. Voglio essere sincero con tutti: oggi non siamo in grado di accrescere la sicurezza da nessuna parte del territorio. E da nessuna parte vuol dire anche Venezia”. L’annuncio di Pansa è ancora più grave guardando al futuro. “Il prossimo anno caleranno ancora gli uomini e ci sarà ancora meno sicurezza”. E’ paradossale pensare che aumentano i reati e cala il numero di chi può contrastarli. “I reati predatori si com-

battono anche con la prevenzione - spiega infatti Diego Brentani, segretario provinciale del sindacato di polizia Siulp - e questa la si fa mettendo agenti in strada. In questo momento siamo al lumicino. Se abbiamo gli uomini non abbiamo le macchine e viceversa. Poi finiscono i soldi per la manutenzione delle auto e queste si fermano. A riprova che stare in strada porta a risultati l’abbiamo avuta a gennaio 2013, quando sono stati messi per le vie la metà dei poliziotti arrivati per sostituire quelli che sono stati trasferiti. In nemmeno quindici giorni sono calati, del sessanta per cento, i reati predatori denunciati”. “Non è solo una questione di organici e mezzi - afferma però Francesco Lipari, se-gretario provinciale del sindacato di polizia Coisp - Il problema è più complesso, riguarda il fatto che il sistema giustizia in Italia non funziona. Chi commette reati si rende conto che nella gran parte dei casi la fa franca. Non solo, da tempo in Italia non c’è la certezza della pena”. “Chi commette la gran parte dei reati predatori - conclude Lipari - è consapevole del fatto che pochi giorni dopo, se non ore, si ritrova fuori e torna a fare quello che sa fare meglio: delinquere”.

Materie PriMe Salgono Prezzi e furti

Sicurezza ferroviaria e furti di rame

4

23mila euro e 38mila chilogrammi di rame trafugato. A tanto ammontano i danni provocati dai furti di rame sulle linee ferroviarie venete nei soli primi nove mesi del 2013. Un fenomeno che mette seriamente a rischio il buon funzionamento del trasporto ferroviario. Nel periodo preso in esame sono stati coinvolti 291 treni per un totale di quasi ottomila minuti di ritardo. Furti che sin troppo spesso restano impuniti. L’ultimo episodio ha bloccato per ore quaranta treni sulla tratta Venezia-Padova a causa dell’ennesimo furto di rame. I ladri hanno agito sulla linea AV VeneziaPadova fra le stazioni di Venezia Mestre e Pado-va Interporto. L’anomalia lungo la linea è stata rilevata dai sistemi di sicurezza e i treni in entrambi i sensi di marcia sono stati deviati sulla linea convenzionale con ingenti ritardi. Per ora questi furti hanno provocato solo ritardi e disagi ai cittadini in viaggio e alle Ferrovie ma se i sistemi di rilevamento dei problemi un giorno avessero un guasto improvviso? Questi furti sono pericolossimi eppure sempre più frequenti. I dati dell’Osservatorio Nazionale sui furti di rame sono significativi se si guarda ai primi 6 mesi del 2013: 11.040 furti (+12,1% vs 2012) per 2.720 soggetti denunciati (+41%) di cui 1.631 (+36,7%) in stato di arresto.

C


Argomento del mese 37 5 Focus

iù ladri e sempre meno agenti x Zaia ringrazia ma chiede un impegno al Governo

Tornano le ronde Le vere risposte dovrebbero venire dalle istituzioni di Germana urbani

S

e la sicurezza non arriva dallo Stato i cittadini si organizzano e tornano sulla strada a far la ronda. Sulle ronde si era tanto discusso anni fa, quando l’argomento sicurezza era cavalcato di gran carriera dalla Lega e da An. Ma dopo la regolarizzazione delle ronde non se ne era più vista una. Di fronte a una crescente domanda di sicurezza, però, in tutta la regione stanno tornando di moda i pattugliamenti delle associazioni di volontari. Alcuni, soprattutto giovani, girano armati di telefonini pronti a documentano tutto il possibile e a pubblicarlo in diretta sui social media. Scelte che possono essere molto pericolose e che hanno allarmato anche il prefetto Domenico Cuttaia che ha sottolineato quanto sia rischioso postare su Facebook foto o altro materiale di presunte situazioni di reato. Ma certamente è rischioso anche sostituirsi agli agenti nel controllo del territorio, una soluzione dal fiato corto, come riconosce lo stesso Governatore Luca Zaia, leghista della prima ora. “Io apprezzo la generosità con la quale queste persone si rendono disponibili a collaborare con le forze dell’ordine ma è evidente che questa non può essere la soluzione dirimente per prevenire e contrastare gli episodi malavitosi - ha detto il governatore Zaia - “Gli episodi criminosi, in base alle statistiche, sono in aumento e per contro si registra, a causa dei tagli statali, una drastica riduzione dell’organico degli agenti: ciò significa esporre a eccessivi pericoli le famiglie e le aziende. Il governo riveda le sue priorità”. Ma anche la Regione ha le sue mancanze e basta dare un’occhiata al bilancio regionale per verificare se Zaia e la sua Giunta crede nella necessità di investire o no in sicurezza. “Occorre pensare - ha sottolineato Piero Ruzzante, Consigliere regionale del Pd - che si è passati dai 5,6 milioni di euro del 2010 ai 100 mila euro del 2011, fino agli zero euro messi a bilancio per il 2012. Ma non erano proprio la Lega e il Pdl a ritenere la sicurezza e la lotta alla criminalità obiettivi strategici per il loro mandato? Beh, a giudicare dai numeri non si direbbe affatto”.

Energy ADRIA NUOTO

Start

CENTRO BENESSERE ESTETICO

Domenica Mattina Palestra Aperta dalle 9.30 alle 12.00 INOLTRE TI OFFRIAMO

Corsi di Nuoto - Aquafitness - Acquaticità 0-3 anni Corso Gestanti - Nuoto Libero - Palestra Centro Benessere Estetico - Visite Medico Sportive Rieducazione in Acqua - Biologo Nutrizionista ADRIA NUOTO - Piscina Comunale di Adria via Lampertheim, 1 - 45011 ADRIA (Ro) - Tel. +39.0426.42425 www.adrianuoto.it - e-mail: adria@adrianuoto.it info e prenotazioni Energy Start: 345.7048850

Sicurezza in Polesine

Aumentano gli illeciti “V

ia Verdi nel mirino dei ladri”, “Scippa un’anziana e fugge in scooter” “Ripulito dai ladri il bancomat”, hanno questo tono i titoli dei giornali locali che ogni mattina riportano i principali episodi di furto accorsi la notte o i giorni precedenti. Non passa giorno senza spaccate, furti, scippi e la paura cresce anche in Polesine dove, con il settantesimo posto nella graduatoria delle province più criminose d’Italia, ci si dovrebbe sentire relativamente al sicuro. Invece non è così. Da una parte perché la psicosi dei ladri è veloce a diffondersi, dall’altra perché la percezione dell’impunità di questo tipo di reati è tangibile tra i cittadini, ma è evidente pure che anche in provincia di Rovigo gli illeciti sono cresciuti. I dati non sono freschissimi ma i rilevamenti diffusi dal Ministero degli interni, riferiti al 2011, parlano di un più 7,2%. Non è poco ed è probabile che le percentuali negli ultimi anni siano aumentate. Del resto sono aumentate tutte le forme di illeciti: i furti in casa, ad esempio, hanno fatto registrare un più 31,6% per cento tra il 2010 e il 2011. E ancora a crescere sono stati anche i borseggi: 194 nel 2010 diventati 195 nel 2011 (0,5%). In aumento anche le truffe: 300 nel 2010 diventate 326 nel 2011 (+8,7%). E si parla ovviamente di episodi denunciati alle autorità, mentre il fenomeno reale potrebbe essere ancora maggiore. Dunque esiste un problema sicurezza che in Polesine non ha ancora raggiunto livelli di emergenza ma è innegabile che il fenomeno è in aumento. Cresce per diversi motivi, in parte legati alla composizione della nuova società e in parte legati anche Insicuri anche al periodo storico che stiamo vivendo. La se nella graduatoria crisi, insomma, c’entra, come c’entrano i delle provincie più focolai di illeciti che si riscontrano attorno criminose si occupa ad alcune comunità di immigrati ma non è il 70esimo posto da escludere che anche i nuovi metodi di comunicazione siano i responsabili dell’aumento di qualche punto percentuale tra le registrazioni di illeciti. Infatti non è raro trovare sui social network post con pubblicate le date esatte della partenza per le vacanze o le immagini d’interni della propria casa. Tutte indicazioni estremamente interessanti per i male intenzionati. Ma sempre per rimanere in ambito di “nuove tecnologie”, non mancano notizie di vere e proprie curiosità legate agli illeciti, come ad esempio i due ragazzi “beccati”, recentemente, mentre rubavano un motorino seguendo le istruzioni di un’Ap scaricata gratuitamente nel loro telefonino. Anche queste “amenità” sono figlie del nostro tempo. Che cosa si può fare? Di sicuro non aspettarsi un maggiore controllo da parte delle forze dell’ordine, il loro numero è destinato a diventare sempre meno appropriato ad un servizio di sorveglianza decente. Il buon senso obbligherebbe anche al lasciar perdere iniziative estemporanee di autodifesa o di sorveglianza del territorio. L’unica cosa da fare è cambiare i nostri stili di vita, evitando quelle disattenzioni che ci potrebbero costare caro: portoncini di casa con le chiavi inserite, borsette in vista sui lunotti delle automobili, aprire le porte a chi non è stato annunciato in precedenza. Il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza ha pubblicato qualche mese fa un vademecum di carattere pratico e divulgativo volto a diffondere una più consapevole cultura della sicurezza tra i cittadini. Si tratta di un piccolo prontuario di consigli e regole di prudenza da seguire nella gestione dell’abitazione privata, dei mezzi personali di trasporto e del proprio esercizio imprenditoriale, nonché nell’uso del web e della segreteria telefonica. Fo.Ma.


6 Adria Amministrazione Il sindaco Barbujani ha pianificato i prossimi de anni e mezzo di mandato

Avanti tutta con opere pubbliche e Nogara mare Il ruolino di marcia il Primo Cittadino parte già dai prossimi giorni con una ricognizione tra le forze che sostengono la sua maggioranza

L

’Amministrazione comunale è arrivata al giro di boa e per il sindaco Massimo Barbujani le recenti feste natalizie sono state il momento per fare il punto della situazione e pianificare i prossimi due anni e mezzo di mandato. Il ruolino di marcia del Primo Cittadino parte già dai prossimi giorni con una ricognizione tra le forze che sostengono la sua maggioranza. Dalla data di elezione dell’attuale coalizione, infatti, il partito “socio” di maggioranza si è diviso in altri due tronconi. Dall’allora granitico Pdl si sono staccati Fratelli d’Italia (durante la campagna elettorale delle elezioni politiche dello scorso febbraio) e recentemente il Nuovo Centrodestra, capeggiato da Angelino Alfano. Barbujani ha escluso qualsiasi rimpasto di Giunta, tuttavia la recente entrata nell’esecutivo di Palazzo Tassoni dell’assessore Michele De Bellis, che ha preso il posto “dell’allontanato” Lorenzo Maltarello, ha creato più di qualche momento di tensione al Primo cittadino. “Si è autoproclamato capogruppo del Pdl – ha precisato Barbujani - ed ha creato qualche imbarazzo tra i consiglieri. Comunque non

ho in previsione alcun rimpasto di giunta, ma è giusto mettere le cose in chiaro e prima del 20 gennaio voglio incontrare le nuove segreterie di Forza Italia, Nuovo Centrodestra e Fratelli d’Italia”. Con una certa urgenza l’Ammminstrazione comunale dovrà occuparsi anche della gestione partecipata di alcune funzioni comunali. Entro metà anno i comuni con meno di 5mila abitati dovranno avere almeno dieci funzioni collegate ai comuni più grandi. Per il momento è stata avviata solamente la funzione associativa per la Polizia locale e quindi resta molto da fare alla conferenza dei sindaci partecipata dai comuni di Papozze, Loreo e Rosolina che hanno espresso l’intenzione di convenzionarsi. Un altro nodo da sciogliere riguarda le opere pubbliche a partire dagli interventi di Bottrighe che il Sindaco mette in pole position. Inizieranno da Bottrighe – ha, infatti, spiegato Barbujani - con delle asfaltature, e successivamente con la bonifica del Policlinico. Poi passeremo alla riqualificazione totale di Palazzo Tassoni con il recupero di 400 metri quadrati di struttura che attualmente non sono

La Perla Nera di Lara Guarnieri

Nella foto il primo cittadino Massimo Barbujani utilizzati, infine stiamo lavorando per trovare 200mila euro che ci mancano per l’avvivo degli stralci rimanenti per la riqualificazione del teatro, personalmente vorrei inaugurarlo per fine anno”. Sul fronte delle grandi opere, invece, negli obbiettivi del Sindaco c’è la Nogara Mare, ossia il prolungamento fino alla Romea Commerciale della Transpolesana che probabilmente diventerà a pagamento. “Ho già contattato il governatore Luca Zaia e l’assessore Renato Chisso - conclude Barbujani - affinché prendano in considerazione l’ipotesi di cominciare almeno due cantieri per la realizzazione dell’opera, uno da Rovigo e l’altro da Adria, sarebbe un segnale positivo di ripresa economica per la popolazione”.

Via Borgo Forzato, 1 Adria (RO) Tel 0426 908120

NOVITÀ

EXTENSION CIGLIA

LUCE PULSATA

L’allungamento delle ciglia o estensione ciglia è l’ultima mania del mondo della bellezza. Ciglia lunghe e voluminose, il sogno di ogni donna. Anche tu puoi realizzare questo sogno! Un successo che, dopo l’America, sta ora conquistando l’Europa. Lash Creations, un prodotto naturale, le cui ciglia sono perfettamente attaccate una ad una a quelle naturali. Immediatamente gli occhi ottengono sensualità e lo sguardo conquista una luce da star. Lash Creations è unico e crea un effetto naturale e omogeneo. Il sogno si avvera. Il Mascara diventerà quasi superfluo. Le ciglia Lash Creations sono ultra leggere e molto più naturali di quelle sintetiche o quelle a ciuffi. Con il nostro adesivo sviluppato in esclusiva, restano settimane in posizione. La colla ad asciugatura rapida consente di posizionare circa 60 ciglia per occhio, per un effetto fantastico. Un refill ogni 3 a 4 settimane in condizioni ottimali per mantenere un meraviglioso effetto costante.

PUNTI DI FORZA: TraTTamenTo rapido ed indolore nessun danno alle ciglia naTurali risulTaTo immediaTo e sorprendenTe non necessiTa cura dopo il TraTTamenTo disponibile in varie lunghezze, spessori e curvaTure oTTima soluzione per le fesTe, le vacanze … le esTensioni rimarranno aTTaccaTe duranTe il bagno, la doccia e la sauna

Riaperta al pubblico

Debellata la legionella alla piscina comunale

D

opo le vicissitudini delle scorse settimane la piscina comunale di Adria ha riaperto al pubblico. La struttura cittadina, infatti, dalle ultime analisi effettuate dall’Arpav è risultata essere stata completamente bonificata dalla legionella. Il focolaio era stato rilevato all’interno degli impianti che servivano le docce e gli spogliatoi e tale riscontro aveva reso necessaria la chiusura dell’impianto adriese fino a nuove analisi. Dopo un mese esatto dai primi rilievi, il 28 novembre, è finalmente giunto al sindaco il nullaosta per la riapertura della piscina, una delle strutture sportive di Adria più importanti e indispensabili alla cittadinanza. Nessuna contaminazione era stata riscontrata nelle vasche natatorie e solo le condutture situate nella parte più vecchia della struttura riportavano la presenza della legionella, pericolosa soprattutto per i soggetti più deboli a livello di difese immunitarie. Oltre alla presenza di legionella erano state riscontrate anche alcune irregolarità rimesse a norma dal gestore dell’impianto. La possibilità di riaprire totalmente la struttura arriva dopo la riapertura parziale della stessa che aveva permesso di usufruire di una parte dell’impianto risultata negativa alla legionella. Un procedimento lungo ed impegnativo arrivato però ad un epilogo positivo visti i successi dei rilievi finali. L’ordinanza di chiusura era partita in seguito ai primi rilievi svolti il 28 ottobre che avevano portato alla luce la contaminazione e costretto, di conseguenza, il Sindaco Barbujani alla chiusura della piscina. All’interno dell’impianto non trovano spazio solo le piscine comunali della città etrusca ma anche un centro estetico e la palestra che usufruiscono comunque di una parte della struttura più vecchia dove sono dislocati gli spogliatoi, motivo per cui anche questi servizi si sono dovuti sospendere in seguito alle analisi che avevano riscontrato la contaminazione. Proprio il fatto che all’interno si trovino più attività aveva spinto a delle analisi accurate e mirate alla salvaguardia della salute degli utenti dell’intero impianto e non solo a quelli che usufruiscono esclusivamente della piscina. Ma.Ce.

NEWS Sospeso il treno Adria Venezia Mestre

Barbujani scrive a Zaia. Per ora nessuna risposta

U

n grave disservizio ai trasporti pubblici. Così in molti hanno interpretato la soppressione del treno Adria-Venezia-Mestre delle 6.32. Per molti anni, infatti, era stato un prezioso collegamento con la città lagunare, permettendo a molti pendolari, sia studenti che lavoratori, di raggiungere le varie località toccate dal percorso. Un collegamento importante che permetteva a tutti di potersi muovere senza automobile, quindi senza inquinare e senza dover affrontare il traffico ogni mattina per arrivare a destinazione. Una scelta, quella dell’abolizione del collegamento ferroviario, che ha scosso tutti i sindaci del bassopolesine per i cui cittadini il treno rappresentava l’unico mezzo pubblico per spostarsi nella direttrice del capoluogo veneto. In prima linea, per difendere un diritto e un servizio così importante si è schierato Massimo Barbujani, primo cittadino della città etrusca che, prendendo in mano la situazione, ha contattato direttamente il governatore Zaia attraverso una lettera in cui spiega come sia fondamentale mantenere il servizio in particolar modo per valorizzare, e non penalizzare ulteriormente, il territorio del polesine già al fuori di importanti direttrici a livello sia locale che nazionale. Un altro motivo di stizza è senza dubbio quello che il treno partirà non più da Adria bensì da Piove di Sacco, mantenendo così il servizio e, secondo il primo cittadino adriese, discriminando i cittadini polesani. Nessuna risposta è ancora giunta dal governatore Zaia che di certo dovrà fare il possibile per ristabilire la tratta ferroviaria nella sua completezza. Ro.Ma. Pd Cittadino

La segreteria a Gino Sandro Spinello

T

ravagliata e molto controversa è stata la nomina a coordinatore del circolo PD di Adria. Infatti, il congresso che aveva dato la poltrona più importante del circolo cittadino a Gino Sandro Spinello era stato invalidato per presunti irregolarità in fase elettorale, coincisa con l’elezione del segretario provinciale che vedeva contrapposti Filippo Silvestri e Julik Zanellato. Proprio quest’ultimo, anche lui uscito vincitore la confronto congressuale, è stato firmatario insieme a Nello Chedi e ad altri membri del Pd adriese del ricorso agli organi competenti per veder riconosciuta la nomina. Una vicenda tortuosa e impegnativa, come si diceva, che ha coinvolto tutto il Pd polesano e che ha avuto un felice epilogo per Julik Zanellato e Sandro Spinello confermati dalla commissione regionale del Pd come vincitori del congresso cittadino. Ro.Ma.


D.D.R. 796/2013 e D.D.R. 797/2013

DOMOTICA-TERMOIDRAULICA

ORARI dalle 9.00 alle 12.00 dalle 14.30 alle 17.30

• 14 dicembre 2013 • 15 dicembre 2013 • 11 gennaio 2014

• 12 gennaio 2014 • 20 gennaio 2014


8 Adria Iniziative L’esponente del Comitato di Bottrighe è andato oltre la protesta

Scuole medie, Bergo querela due dirigenti regionali

NEWS Sanità in città

Ridotti i tempi di attesa in ospedale

La denuncia è stata corredata della documentazione comprovante l’idoinetà del plesso. Era stato raggiunto il numero di iscritti necessario all’apertura di Martina Celegato

L

a vivace protesta che si era accesa a Bottrighe qualche mese fa, in occasione della riapertura dell’anno scolastico, ha avuto una nuova e inattesa fiammata. Nella popolosa frazione di Adria, infatti, fin dall’estate era iniziata a circolare con una certa attendibilità l’ipotesi che la locale scuola media potesse tornare ad aprire i battenti dopo un anno di stop, imposto dal mancato raggiungimento del numero minimo di studenti per l’apertura delle aule. La convinzione era andata facendosi sempre più consistente quando i numeri degli iscritti parevano essere consistenti, permettendo la riapertura. Tuttavia la ripresa delle lezioni alla scuola media di Bottrighe non c’è stata, nonostante le comunicazioni e gli inviti a riaprirla da parte del “Comitato per la salvaguardia del plesso scolastico di Bottrighe”, nato proprio per tutelare il diritto alla formazione nella frazione adriese. Già notevoli erano state le polemiche che avevano acceso il confronto fra i portavoce della frazione e l’Amministrazione adriese, anche se, a dire il vero, negli ultimi mesi le critiche erano state rivolte principalmente agli enti regionali, colpevoli di non dare ascolto a quelle che erano state le richieste della cittadinanza. E’ da ricordare che il Comitato aveva raccolto 1300 firme a sostegno della riapertura della scuola media e che durante un consiglio comunale di qualche tempo fa, dedicato

FOCUS

C

appositamente alle scuole di Bottrighe, era stato approvato all’unanimità il mantenimento del plesso per un servizio, definito nell’occasione, “davvero su misura per i cittadini”. In seguito alla seduta pubblica, tuttavia, le comunicazioni erano state inoltrate a chi di dovere, ossia alle pubbliche amministrazioni coinvolte, ai dirigenti scolastici e allo Iur di Venezia, senza però ottenere un feedback per l’anno scolastico in corso e quindi tacitamente confermando la chiusura delle aule per il plesso di Bottrighe. L’ultimo colpo di coda sulla vicenda della chiusura delle medie della frazione adriese è arrivato qualche settimana fa ad opera di Alberto Bergo, esponente del “Comitato per la salvaguardia del plesso scolastico di Bottrighe”, che ha sporto denuncia contro due Dirigenti della Regione per aver violato gli obblighi dovuti alla Pubblica amministrazione non prendendo in considerazione i dati e i solleciti arrivati per la riapertura della scuola media di Bottrighe, ad oggi non funzionante. Solleciti avvenuti presentando i numeri concreti di iscritti e frequentanti potenziali, che già avevano fatto richiesta. La querela, infatti, è stata corredata della documentazione comprovante che il plesso di Bottrighe aveva raggiunto gli standard imposti dagli obblighi di legge per l’apertura della scuola, requisiti, tuttavia, che a parere dello stesso Bergo sono stati completamente ignorati

U

Nella foto Alberto Bergo, esponente del “Comitato per la salvaguardia del plesso scolastico di Bottrighe” dalle autorità competenti. Da qui la sua decisione di chiamare direttamente in causa, per omissione e per violazione degli obblighi da pubblico ufficio, due dirigenti della Regione Veneto delegati alla pubblica istruzione, responsabili di Regione Veneto e IUR. L’azione di Bergo, tuttavia, non è limitata a questo, contestualmente ha attaccato l’Amministrazione di Palazzo Tassoni sul fronte delle opere pubbliche. In questo caso l’oggetto della protesta è stato sollevato dalla lista civica “Ora Cambia”, di cui Bergo pure fa parte, in merito al rifacimento dei manti stradali di Bottrighe ridotti, secondo gli esponenti della civica, ad uno stato di impossibile utilizzo. La protesta si è spinta fino alla richiesta di dimissioni del Sindaco, Massimo Barbujani, suffragate dalle 237 firme raccolte tra i residenti Bottrighe che da tempo chiedono il rifacimento dei nastri d’asfalto.

n ottimo obiettivo quello raggiunto dell’ospedale adriese che è riuscito nell’intento di fornire un servizio eccellente ai cittadini abbattendo i tempi di attesa per i vari codici di emergenza dei pazienti al pronto soccorso e offrendo delle infrastrutture di tecnologiche all’avanguardia. Il monitoraggio dell’attività ha portato a statistiche promettenti soprattutto per la risoluzione degli interventi del pronto soccorso. Informazione immediata dei pazienti e familiari coinvolti nell’emergenza, accompagnata da procedure ben definite in base al codice attribuito all’arrivo presso la struttura sono il punto di forza del servizio. Codice rosso con intervento direttamente all’interno del pronto soccorso, codice giallo e verde con assistenza in area calda, pazienti senza emergenza con intervento ambulatoriale e pazienti pediatrici o donne in gravidanza direttamente spostati nei reparti di competenza per un intervento mirato e preciso. Come riporta il comunicato stampa ufficiale: “Nel 2012 vi sono stati complessivamente 24.212 accessi (comprese le prestazioni di Osservazione Breve Intensiva – OBI), secondo la seguente classificazione di priorità all’uscita: 58% con codice verde; 13% con codice giallo; 27% con codice bianco; 2% con codice rosso. I tempi d’attesa registrati, dal triage alla presa in carico del paziente, classificati secondo il codice di triage all’ingresso, sono stati nel 2012 i seguenti: accesso immediato per il codice rosso, 13 minuti per codice giallo, 20 minuti per codice verde e 30 minuti per codice bianco. Tempi brevissimi che hanno permesso alla Ulss di Adria di mantenere la sua efficienza e confermare il suo ruolo da protagonista nella sanità polesana. Ma.Ce.

Sicurezza

Continuano i controlli a tappeto sulle strade polesane

ontinueranno anche nelle prime settimane del 2014 i controlli a tappeto sulle strade polesane che coinvolgono anche la Compagnia di Adria in un’attività di monitoraggio e controllo delle persone al volante, soprattutto in orario notturno. Tali controlli sono stati concentrati in particolar nel periodo delle festività e continueranno con la stessa puntualità nei week end. La Compagnia di Adria, in prima linea nelle scorse settimane si conferma come punto di riferimento

per la sicurezza stradale che nell’ultimo periodo ha portato al ritiro di diverse patenti per guida in stato di ebbrezza e diverse altre infrazioni del codice della strada. Una vera e propria task force attivata a favore della sicurezza su tutte le strade che nelle ore serali diventano teatro di episodi pericolosi. Va detto che non è solo il territorio di Adria ad essere depositato ai controlli dell’arma locale, i posti di blocco spaziano in tutto il circondario arrivando fino a Rovigo e Porto Viro, dove nelle scorse settima-

ne si sono registrati episodi relativi a ritiri di patente e perdita di punti da parte di alcuni guidatori poco accorti. Ma non solo gli episodi legati al consumo di alcool sono stati oggetto dei controlli dell’arma della città etrusca, gli agenti hanno annoverato fra le segnalazioni anche utilizzo improprio del cellulare, guida senza dispositivi di sicurezza, mancata assicurazione del mezzo e sorpassi azzardi, particolarmente pericolosi viste le nebbie fitte del bassopolesine. Ma.Ce.

Un agente durante un posto di blocco

DIAMO VOCE A CHI NON CE L’HA. ACTIONAID È INSIEME A CHI OGNI GIORNO RIVENDICA I PROPRI DIRITTI. È INSIEME A CHI NON RIMANE IN SILENZIO DI FRONTE A INGIUSTIZIE SOCIALI, FAME E POVERTÀ. È INSIEME A CHI VUOLE FARSI SENTIRE PER CAMBIARE LE COSE. UNISCI ANCHE TU LA TUA VOCE SU ACTIONAID.IT

IL DIRITTO DI CAMBIARE


Ufficio di Rosolina Piazza G. Albertin 1 - 45010 Rosolina (RO) Tel/Fax 0426 340100 - Cell. 328 2879545 andrea@immobiliarecasini.it

asini

immobiliare

CON VOI PER REALIZZARE IL VOSTRO SOGNO... METTENDOCI LA FACCIA!

Ufficio di Porto Viro Corso Risorgimento 37/A – 45014 Porto Viro (RO) Tel. 0426 323870 - Fax 0426 364528

ADRIA e limitrofi

A pochi passi dalla Cattedrale, appartamento bilocale, in buono stato, al secondo ed ultimo piano. Cucina abitabile, soggiorno, grande camera da letto e bagno. Ideale anche come sicuro investimento. € 80.000. Cl. En. “D” – I.P.E. 139,10 Kwh/mq anno.

Appartamento al primo piano di oltre 70 mq, mai abitato, inserito in condominio di recente realizzazione. Composto da soggiorno, cucina, due camere da letto, bagno, terrazzo, soffitta di 16 mq e posto auto. Possibilità di acquisto di un box auto. € 130.000 trattabili. Cl. En. “D” – I.P.E.102,81 Kw/mq anno.

Appartamento di 82 mq, al primo piano, mai abitato, inserito in condominio di recente realizzazione. Composto da ampio soggiorno/cucina, due bagni, due camere da letto, terrazzo, soffitta di 17 mq e posto auto. Possibilità di acquisto di un box auto. € 140.000 trattabili. Cl. En. “D” – I.P.E. 103,40 Kw/mq anno.

Nel cuore di Adria, in tranquillo quartiere residenziale comodo alla stazione e al centro, appartamenti di nuova costruzione inseriti in un contesto esclusivo e frutto delle più moderne tecniche costruttive per il risparmio energetico e la salvaguardia dell’ambiente. Tutto realizzato con materiali ricercati e di prima scelta, riscaldamento a pavimento; l’apertura/chiusura dei serramenti (in legno e alluminio con vetrocamera e taglio termico); impianto d’allarme; climatizzazione e dell’aspirazione centralizzata in ogni stanza. Ascensore, porta blindata, pavimento in rovere bianco, sanitari e rubinetteria di prima scelta; isolamento termico per l’esterno e acustico delle pareti perimetrali interne e dei solai. Info in Agenzia. Cl. En. A e B. - Prestazione energetica globale: < 47,6 KWh/mq anno.

In pieno centro storico prestigiosa casa accostata dalle ampie metrature ricavata dalla demolizione di due case preesistenti per un totale di circa 250 mq; rifinita con materiali di qualità: dal cotto ai travi in legno, dalle pietre recuperate al parquet. Garage, posto auto e scoperto di proprietà. Possibilità di dividere l’immobile in due abitazioni. Info in Agenzia. Cl. En. C - Prestazione energetica globale: 60,56 KWh/mq anno.

Panarella: a pochi km da Adria appartamento in bifamiliare al piano terra di 120 mq ristrutturato; composto da soggiorno, cucina separata, due bagni, due camere da letto e ripostiglio. Ampio scoperto. Disponibile altra unità dalle caratteristiche simili al primo piano. € 55.000. Cl. En. G – I.P.E.: 164,13 KWh/mq anno.

ARIANO NEL POLESINE – LOC. CROCIARONE: Villetta singola risalente agli anni ’90 ed in perfetto stato, disposta su due livelli, con ampio soggiorno/cucina, due camere matrimoniali, due bagni, grande garage e quasi due ettari di terreno agricolo. . € 200.000,00 Cl. En. in fase di elaborazione.

ISOLA DI ALBARELLA: Disponiamo di diverse soluzioni in tutta l’isola, dall’appartamento alla villa.

ROSOLINA MARE: appartamento al terzo e ultimo piano di palazzina di dieci unità. Composto da soggiorno con angolo cottura, disimpegno, bagno con doccia, camera da letto matrimoniale e seconda camera. Spazi comodi, esposizione esterna ideale per un alloggio estivo in quanto libero sui lati est, nord ed ovest. Terrazza panoramica sui tre lati e sul tetto dell’edificio e posto auto nel cortile condominiale. Posizione strategica e centralissima a pochissimi passi da: supermercato, bar, parco giochi per i bambini, chiesa, banca, mercatino, parcheggio pubblico, pizzeria, tabaccheria e a soli 500 metri dal mare. € 80.000. Cl. En. G- I.P.E: 192,53 KWh/mq

TAGLIO DI PO – LOC. OCA MARINA: Tipica casa di campagna polesana in una proprietà di oltre 2000 mq di terreno. Piano terra ampio soggiorno, cucina, una camera da letto ed un bagno; al primo piano quattro camere da letto ed altro bagno; garage, ex stalla oggi magazzino e capannone da ristrutturare di 180 mq in corpo staccato. € 115.000. Cl. En. “G”

VUOI AVVIARE UNA ATTIVITA’ COMMERCIALE?? CHIAMA I NOSTRI UFFICI DI ROSOLINA E PORTO VIRO! DISPONIAMO DI NUMEROSE LICENZE E LOCALI (COMMERICIALI, ARTIGIANALI ED INDUSTRIALI) PER LA REALIZZAZIONE DEL TUO SOGNO IMPRENDITORIALE!! Es: licenza ed arredamento completo di storico bar sito lungo una delle vie principali di Porto Viro con corrispettivi dimostrabili a soli € 50.000

TAGLIO DI PO: inserita in un contesto molto signorile ed elegante villetta a schiera realizzata dall’unione di due unità, disposta su tre livelli, per un totale di 280 mq. Vero capolavoro di architettura e ricercatezza, con ampia zona living al piano terra, cucina separata abitabile, bagno/lavanderia. Al secondo piano ampio soppalco, due camere di cui una con bagno privato e cabina armadio; grande mansarda come se fosse un appartamento indipendente. Ideale per famiglie numerose. Info in agenzia. Cl. En. in fase di elaborazione

PORTO VIRO: appartamento al primo e ultimo piano di palazzina di sole quattro unità con ingresso da scala esterna su soggiorno con cucinotto separato, disimpegno, bagno con doccia e due camere da letto di cui una dotata di balcone. Zanzariere, condizionatore e lavatrice. Posto auto nel cortile, no spese condominiali. A partire da € 1.000,00 al mese per il primo anno.

ADRIA e limitrofi Casa in linea, in pieno centro storico, su tre livelli, vecchia ma abitabile. Composta da In pieno centro storico, importante proprietà composta da un lussuoso appartamento di 230 mq con spazioso soggiorno, cucina abitabile, quattro camere matrimoniali, tre bagni ed elegante soppalco; ulteriore piccolo appartamento stile “loft” di 60 mq (indipendente e separato), terrazza di 80 mq e garage di altrettanti 80 mq. Grande cortile esterno di proprietà. Finiture pregiate, spazio a volontà e grandi comodità. Cl. En. in fase di definizione. Trattative riservate.

soggiorno,cucinino, un bagno e quattro camere da letto. € 80.000. Cl. En. “G”.

Casa accostata in pieno centro storico su due livelli. Al piano terra soggiorno – cucina, ripostiglio, bagno e piccolo scoperto esclusivo, al primo piano grande camere da letto (divisibile per ricavare la seconda camera) e bagno. Il prezzo è comprensivo della tinteggiatura dell’esterno e della ristrutturazione del bagno del piano terra.– . € 80.000. Cl. En. G – I.P.E: 330,17 KWh/mq anno.

VARIE

PAPOZZE: villa singola di 200 mq calpestabili costruita nel 2001 e immersa in 1700 mq di terreno di pertinenza esclusiva. L’immobile è disposto su un unico livello divisa in zona giorno e reparto notte da soli quattro gradini; si compone di cucina abitabile, soggiorno (dotato di camino collegato ai radiatori dell’intera abitazione), due camere matrimoniali, una singola, bagno con vasca idromassaggio e secondo bagno con doccia. La taverna, al seminterrato, è ideale per momenti di ritrovo e cene con amici. La soluzione comoda, tranquillità e accogliente. € 270.000,00 Cl. En. C – I.P.E: 51,30 KWh/mq anno.

ARIANO NEL POLESINE - LOC. SANTA MARIA IN PUNTA: Signorile e prestigiosa villa di recente costruzione, di oltre 300 mq, con circa 1800 mq di giardino estendibili a 6.000. Distribuita su due livelli, ha sei camere da letto, due bagni, grande sala con caminetto, cucina abitabile, locale ad uso lavanderia e garage doppio. Eleganza studiata in ogni dettaglio con travi a vista, intere pareti in pietre faccia a vista ed originale terrazzo interno che domina la villa. Prezzo stracciato: € 250.000,00. Cl. En. “D” – I.P.E. 131,25 Kw/mq anno.

TAGLIO DI PO: in pieno centro casa singola disposta tutta su un piano composta da ampio corridoio d’ingresso centrale, soggiorno, cucina separata, due camere da letto matrimoniali e bagno. A fianco garage, tavernetta con camino e secondo bagno. Ampio scoperto sui quattro lati. Parzialmente ristrutturata ed abitabile da subito. € 95.000. Cl. En. G – I.P.E.: 298,60 KWh/mq anno.

PORTO VIRO: In posizione centrale casa singola disposta su due livelli con ampio scoperto e porticato esterno. Ingresso, soggiorno, cucina, due camere, ripostiglio, garage e bagno al piano terra; al primo piano due camere da letto, bagno e terrazzo. Casa dagli ampi spazi interni ed esterni e comoda a tutti i servizi. € 165.000,00. Cl. En. “F”.

CAVANELLA D’ADIGE: Casa singola di oltre 200 mq immersa in quasi 2 ettari di terreno di proprietà e con adiacente fabbricato rurale. Piano terra composto da ampio garage/taverna, primo piano composto da ampio soggiorno, cucina abitabile, tre camere matrimoniali, due bagni ed ampio terrazzo. Perfettamente abitabile e sana. Grandi spazi, estrema tranquillità a tre minuti dalla S.S. Romea. € 260.000,00. Cl. En. G.

VARIE

ROSOLINA MARE: Appartamento a schiera, con ingresso indipendente e piccolo giardino privato, composto al piano terra da soggiorno/cucina e al primo piano una camera matrimoniale, un bagno ed un terrazzo. Arredamento incluso nel prezzo. € 95.000,00 tratt. Cl. En. G

VARIE

ROSOLINA: Storica attività consistente in bottega di alimentari e minimarket con importante avviamento assicurato e posizione strategica. Possibilità di acquisto anche dei muri. € Euro 90.000,00

ARIANO POLESINE – LOC. RIVA’: Nel cuore del Delta del Po a due passi dalla SS Romea ristorante/pizzeria attivo da oltre 40 anni e quindi con avviamento assicurato, rinomato per le sue specialità culinarie tipiche del territorio. Ambiente spazioso e molto elegante, adatto ad ogni tipo di situazione, motivo per il quale viene scelto come scenario di giornate indimenticabili. Il locale offre la possibilità di ricavare camere per il soggiorno in loco. Completo di appartamento per il personale ed ampio parcheggio. Cl. En. in elaborazione. Info in agenzia.

LOREO: in pieno centro appartamento di 120 al primo piano con vista sul Canal Bianco. Recentemente ristrutturato a nuovo, è composto da soggiorno, cucina, due camere da letto matrimoniali, bagno, ripostiglio e due terrazze. € 120.000,00. Cl. En “E”- I.P.E. 92,15 Kw/ mq anno

www.immobiliarecasini.it


SALDI DI FINE STAGIONE dal 4/01/2014 al 28/02/2014 CON SCONTI DAL 20% AL 50%

SALDI

SCONTI DAL 20% AL 50% dal 4/01 al 28/02 sulla Collezione autunno/inverno


Adria 11 Prodotti tipici La Regione ha approvato una legge per la tutela delle produzioni artigianali

NEWS

Adria sempre più città del “pane ciabatta”

Beneficienza

L’associazione “Un Sorriso per la Vita”, durante le festività, ha raccolto 3.810,28 euro che verranno devoluti alle associazioni di volontariato per la ricerca di malattie genetiche

Per aiutare i forni che producono pane fresco e prodotti tipici è stato istituito il marchio “Forno di qualità”

Nella foto Arnaldo Cavallari, l’ideatore del pane ciabatta nel lontano 21 settembre del 1982

di Martina Celegato

L

a città etrusca è anche la patria del Pane Ciabatta, una delle eccellenze Made in Italy ormai nota in tutto il mondo. Nata dalla creatività dalla passione di Arnaldo Cavallari, patron instancabile e innovatore continuo, che oltre ad aver coniato il pane ciabatta ha anche fondato l’Accademia del Pane, dove si tengono corsi di panificazione e dove si continuano ad elaborare nuove miscele e nuove lavorazioni sempre uniche ed esclusive. Del pane ciabatta si sa tutto: nato il 21 settembre del 1982 all’interno dei forni sperimentali dei Molini Adriesi per mano dello stesso Cavallari, questa tipologia di pane è diventata un’icona della città di Adria soprattutto per merito del suo istrionico inventore. Tuttavia il riconoscimento del pane adriese è arrivata anche da parte della Regione Veneto che ha promulgato una nuova legge in materia di produzione e vendita del pane. Si tratta di nuove disposizioni mirate a distinguere il pane industriale dal pane artigianale proprio per tutelare quest’ultimo e di conseguenza chi lo produce e chi lo consuma. Per tutelare i forni che producono pane fresco e prodotti tipici, come per l’appunto il pane ciabatta, è stato istituito il marchio “Forno di qualità” che andrà a classificare tutte le specialità tipiche del Veneto. In caso di mancato rispetto della normativa predisposta e dei relativi obblighi formativi verranno stabilite delle sanzioni variabili a partire dai mille fino ai 12mila euro. Un ottimo traguardo anche per Cavallari che tuttavia tiene a precisare che la norma andrebbe comunque rivista in alcuni suoi particolari, in quanto la tradizione artigianale per la preparazione del pane può essere riconosciuta non solo dai quantitativi di pane prodotto giornalmente ma anche dai procedimenti di panificazione che vengono attivati all’interno dello stabilimento produttivo e dalla filiera delle materie prime.

B

DISCOUNT PRODOTTI UFFICIO

t

poin

CARTUCCE TONER CANCELLERIA ACCESSORI

ADRIA ingresso stadio via Bettinazzi, 13

a r u t r e p Nuova A mputer o C . S . O . S 2003-20 1 10 ANNI 3

Consumerline S.r.l. Via Bettinazzi, 13 45011 Adria (Ro) Italy

•Assistenza •Riparazioni •Vendita •Installazioni anche a domicilio o presso il Vs. ufficio

Tel. 042623921 Fax: 0426944757 vendita on-line www.consumerline.it vendite@consumerline.it

eneficienza a Bottrighe. Merito della nuova associazione, nata a gennaio dello scorso anno, “Un Sorriso per la Vita” che in occasione delle recenti festività natalizie ha raccolto 3.810,28 euro dalle offerte dei compaesani, devolute in occasione della sfilata canora dei “Babbi Natale” svolta il 22 e 24 dicembre scorso e sfilata “d’là Vecia” svolta il 3-4-5 gennaio 2014, portando di casa in casa le antiche nenie natalizie per non fare disperdere quest’antica tradizione paesana. Il ricavato verrà interamente devoluto alle associazioni di volontariato per la ricerca di malattie genetiche la prossima primavera, quando verrà organizzata una serata di beneficenza, denominata “Serata per la Vita”, in occasione della quale, oltre alla proiezione dei filmati delle due manifestazioni canore svolte durante il periodo natalizio, verrà consegnato alle associazioni il contributo a loro destinato. L’impegno dell’associazione, tuttavia, non si ferma a questo. Essa ha come sogno la realizzazione di un orfanotrofio a Marereni di Malindi in Kenya,un paesino del grande stato Africano già da tampo oggetto dei soccorsi da parte dell’associazione. Una volta all’anno, infatti, alcuni amici associati si recano di persona in terra africana per portare la loro opera e provvedendo con l’aiuto economico di amici, conoscenti e sostenitori, all’acquisto direttamente sul posto di beni di prima necessità quali riso, farina, zucchero, fagioli, medicinali, materiale didattico per poi essere distribuito nei due orfanotrofi e tre scuole sostenuti dalla missione. Nelle proprie valige i volontari provvedono a portare vestiario, raccolto sempre da persone di buon cuore, per poi essere distribuito e suddiviso fra gli istituti. Grazie a queste persone sono stati portati lo scorso novembre in terra africana 5630 euro. L’ Associazione, quindi, ha come scopo l’aiuto per il prossimo ma se la loro azione è efficace il merito al buon cuore dei bottrighesi che non fanno mai mancare il loro sostengono e il loro aiuto. Guido Migliori


12 Sguardo al Delta Centrale Nessuna decisione da parte di Enel. Bellan dal Ministro dell’Ambiente

Governo deciso a far partire lo smantellamento dei serbatoi Prima di fine mese un incontro al quale parteciperanno ministero, regione, comune ed Enel che dovrebbe far chiarezza sull’eventualità che la riconversione prenda avvio

L

a rinuncia da parte di Enel ai 100 milioni di finaziamento europeo per Porto Tolle ha messo tutti in allarme, in quanto la ricusa dell’ingente contributo di denaro da parte del colosso dell’energia è stato letto come la pietra tombale del progetto di conversione a carbone della centrale. E se non è già così molto probabilmente ci siamo vicini secondo il consigliere regionale di Verso Nord, Diego Bottacin intervenuto con un commento sulla situazione di stallo che da anni tine congelato il futuro dell’impianto di Polesine Camerini. “Ad azzoppare – speriamo non definitivamente - il progetto non è stata certo l’Enel, ma quel sistema burocratico italiano talmente complicato e controverso da fare impallidire Kafka. Dopo aver presentato il progetto di conversione nel 2005, passati Diego Bottacin la bellezza di 8 anni, Enel alla fine del 2013 non sa se e quando potrà procedere con l’apertura del cantiere. Nel frattempo il mercato energetico incoraggianti dal ministro dell’Ambiente Adrea Orlando. Secondo quanto è mutato e continuerà a seguire movimenti e trasformazioni a un passo riportato dal primo cittadino lo scorso 30 dicembre, infatti, il Governo si sarebbe impegnato ufficialmente nell’ avviare una decisamente più rapido delle statuarie procedure trattava con il colosso energetico per dare impulso italiane. Non abbiamo capito – ha concluso Botta- Bottacin: alla prima fase dell’operazione riconversione, pascin - che il tempo per la decisione degli interventi “Un iter burocratico non è infinito e le aziende che non trovano rispo- talmente complicato sando comunque per lo smantellamento immediato dei serbatoi e di uno dei quattro gruppi. In tal ste se ne vanno, portando lavoro e investimenti e controverso da altrove”. In realtà sembrerebbe esserci ancora un fare impallidire Kafka” senso, inoltre, prima della fine del mese dovrebbe tenersi un incontro con il preidente della Regione po’ di margine di manovra nella trattativa tra Governo ed Enel, per la riconversione della Centrale di Polesine Camerini. Veneto, Luca Zaia, e successivamente un tavolo al quale siederanno miIn tal senso, recentemente, il sindaco Claudio Bellan ha ricevuto risposte nistero, regione, comune ed Enel.

Iniziative a bilancio Feste e beneficienza

Il ricavato è stato interamente devoluto alla scuola materna e alla parrocchia

Conclusa con un grande falò anche l’edizione 2014 delle Befane di Baricetta

D

al 2 e il 6 gennaio la befana è stata di scena a Baricetta. Il momento culminate, della serie di serate dedicate all’attesa vecchietta, è stato il grande falò che ha richiamato un numeroso pubblico. Del resto la “Befana di Baricetta” è un appuntamento che si ripete ormai da anni, ottenendo sempre grandi favori da parte della comunità che puntualmente risponde all’impegno profuso dal gruppo Vecia e dal gruppo locale della Fidas Polesana in collaborazione con la Scuola Materna e la Parrocchia. Radicata ormai nella nostra tradizione, la Befana, è uno dei personaggi natalizi più amati ed attesi dai bambini anche nella versione interpretata da Mirco Osti. Quest’anno, infatti, Mirco è entrato nei panni della nonnina per la gioia dei più piccoli anche se, è da appuare, non è chiaro se i bambini fossero più attratti dall’arrivo della befana o dalle calze e dai doni caricati sulla sua bella slitta. I bambini, del resto, aspettavano con ansia il giorno dell’Epifana per scoprire cosa l’allegra Befana aveva portato loro, perpetuando così un rito vecchio di secoli legato al valore propiziatorio del dono per l’anno nuovo. Ma la “ Befana di Baricetta” non è stato solo il grande falò, folcloristica è stata anche la sfilata della “banda befanesca”, costituita da Mirco Osti, nelle vesti della Vecia, Alessandro Bertaglia, in quelle del Vecion, accompagnati musicalmente dalle fisarmoniche di Rossano Franchin e Nico Bondesan, dalle chitarre di Tiziano Cappato e Diego Stoppa e dai piatti di Enrico Bertaglia. Il gruppo ha sfilato lungo le vie della Frazione di Baricetta, casa per casa, cantando la tipica canzone ( A ghe la Vecia ca vien da Bariseta ) e scambiando gli auguri con i passanti. Insomma una bella iniziativa della quale gli organizzatori si sono rallegrati ringraziando tutte le persone che hanno dato il loro contribuito. “In particolare - spiagano gli organizzatori in una nota - il presidente della Scuola Materna Gino Felisatti, Don Paolo Marcello. Un grande grazie anche a Anna Felisatti e al marito Carlo Rossin che

ancora una volta si sono superati nel costruire il fantoccio della graziosa vecchietta. Dai ringraziamenti non mancano i nomi di Maura Pozzato, Alessia Casellato, Emanuela Casetto e Chiara Osti. Doveroso anche un ringraziamento a tutti quelli che ci hanno accolto nelle loro attività commerciali: bar, ristoranti, pizzerie e nelle loro case, con grande affetto e soddisfazione. Si ricorda che il ricavato della serie di iniziative è stato devoluto alla scuola materna e alla parrocchia di Baricetta”.

Alcuni momenti della “Befana di Baricetta”

FOCUS Mancata riconversione della Centrale

Azzalin: “Enel ha fornito solo alibi”

“L

e istituzioni locali e regionali hanno fatto tutto il possibile per dare un futuro alla centrale di Polesine Camerini, mentre i vertici di Enel hanno continuato ad addure nuovi alibi. La modifica alla legge istitutiva del Parco del Delta è stata l’ennesima conferma di come, andando al vedo, si sia scoperto il bluff di Enel: fino a quando il famoso articolo 30 (che inizialmente consentiva solo l’alimentazione a metano, ndr) non è stato modificato, sembrava che fosse l’unico ostacolo, invece, una volta rimosso, ne sono stati segnalati di nuovi”. Il consigliere regionale polesano Graziano Azzalin, intervenendo nella sala consiliare di Porto Tolle all’incontro tra istituzioni locali e parti sociali per fare il punto sul futuro della centrale polesana dopo l’incontro a Roma con il ministro per l’Ambiente Andrea Orlando, ha ribadito che l’unico orizzonte realistico per l’impianto che sorge sul Delta del Po è avviarne lo smantellamento. “Il problema delle autorizzazioni è un falso problema – ha dichiarato - La verità è che in questo momento non c’è richiesta di energia, che produrre in Italia costa comunque troppo rispetto alla delocalizzazione. Nei bilanci di Enel non c’è traccia dei finanziamenti dei progetti di riconversione. Anzi, non solo vi è stata la rinuncia ai 100 milioni di euro per l’impianto di cattura dell’anidride carbonica, ma dal 2013 è stato anche interrotto il pagamento alla Regione dei canoni per il prelievo di acqua che ammontava a circa 13 milioni di euro che, fra l’altro, sarebbero dovuti finire per metà in investimenti per la difesa del suolo”.

Centrale Crivellari interroga sulla demolizione del primo gruppo

L

’onorevole Diego Crivellari ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla centrale di Porto Tolle. Il deputato chiede al Governo “come e se intenda attivarsi per sbloccare almeno i lavori per il primo dei quattro gruppi”: ciò in considerazione delle “ricadute positive in termini occupazionali che questa decisione comporterebbe per il territorio”. La questione è nota: in attesa di una decisione definitiva attesa da tempo da parte della commissione nazionale di VIA (Valutazione Impatto Ambientale) che deve pronunciarsi sul futuro dell’impianto e sulla sua riconversione a carbone, Enel spa ha chiesto nel frattempo, poter demolire uno dei quattro gruppi dell’impianto, intervento già previsto nel progetto di riconversione e che potrebbe rappresentare al contempo una prima anche se parziale risposta dal punto di vista occupazionale. Nello specifico, come sottolineato dettagliatamente nel documento di Crivellari, “si potrebbero impiegare da 80 a 100 persone per almeno un anno di lavoro e a costo zero, considerato che le circa 20mila tonnellate di ferro del manufatto potrebbero garantirne la copertura economica”. Un aspetto “non certo secondario specie se considerata la peculiarità del territorio in cui l’impianto insiste, con un’economia votata in larghissima parte solo all’attività ittica e turistica”: questa richiesta, avanzata da parte dell’azienda e condivisa a sua volta dal Comune di Porto Tolle ha trovato una sponda da parte del Ministero dell’Ambiente solo di recente. Una svolta positiva in questa direzione rappresenterebbe un beneficio immediato lungo

un cammino accidentato che si trascina ormai da diversi anni: l’iter della riconversione, dopo la richiesta dell’azienda presentata nel gennaio 2011, era stata infatti stoppata qualche mese dopo, il 17 maggio 2011, quando con sentenza del Consiglio di Stato, era stata annullata la decisione del TAR del Lazio che a sua volta con il decreto del 29 luglio 2009 del Ministero dell’Ambiente aveva dato parere positivo alla VIA. Quanto al’intervento di riconversione, una volta a regime, potrebbe invece dare lavoro a 800 persone circa tra dipendenti e indotto, per un investimento complessivo di circa 2,5 miliardi di euro, senza dimenticare che il solo cantiere per i lavori darebbe nel tempo lavoro ad ulteriori 1500 persone con punte di 3000 e rilanciare un impianto che con Brindisi e Civitavecchia (peraltro già riconvertiti e pienamente operativi) risulta essere tra i siti più grandi non solo del Paese ma anche tra i primi in Europa, forte dei suoi quattro gruppi da 660 Megawatt l’uno per una potenza complessiva di 2640 Megawatt (capace dunque di generare circa l’8% del fabbisogno energetico nazionale).


20€

10€40€.

10€

50

30€

50€

50€

€ 5 2

€ 0 3

60€

€ . 0 € 4 0 2 30€ € € 0 1 30€

50 20€

Sono arrivati i

COUPON del risparmio

40€ 5€

ad Adria

10€

60€

TABACCHERIA CASELLATO ERICA Piazza Luigi Cieco Grotto 1 – Adria (Ro) LA PAGNOTTA DI BROLESE ERIKA Corso Vittorio Emanuele 17 – Adria (Ro) LA BOTTEGA DEL FUMO Corso Mazzini 73 – Adria (Ro)

10€

20€

LA BOMBONIERA DI MASSELLA SANDRA Via G. Marconi 29/B – Adria (Ro) TABACCHERIA RICEVITORIA MAZZETTO ILENIA Piazza Garibaldi 3 – Adria (Ro)

50%

%

10

40%

40% 20%

%

50

% 50%10% 3030% 20%

40%

50% 30%

30%

%

50%

10%

30

40%

30%

50%

50%

cover blocchetto coupon3.ind

30%

20%

validiteà dell offerte:

20% 10%

20%

13 rile 20 dal 1 Ap rile 2013 Ap al 30

COUPON

del risparmio

10%

60%

Padova tua zona! dellaOves t

%

40%

E

N COUPO armio

validità

20%

10%

delle

offerte:

dall’ 8 Dicembre 2012 all’ 8 Gennaio 2013

del risp

BAR ADRIA Adria (Ro)

50

Cogli le migliori OFFERT

40% 20%

30%

d 1

40%

Cogli le migliori OFFERTE rzere della tua zona!

Cava

10%

60%

20%

30

%

rispa 40%del

50%

20%

30%

%

20

10%

RISTORANTE PIZZERIA LE CAMILLE SAS DI MOTTERAN STEFANO E ARIANNA Via Scolo Branco 2 – Valliera (Ro)

50%

N COUPOrmio

10%

60%

30%

50%

FFERTE liori O ! na le mig Cogli ella tua zo d

20%

50

%

40%

28/11/12 10:08

20% %

30

CASA MIA DI STEFANI NICOLA Via Aldo Moro 25 – Adria (Ro) CASA MIA DI STEFANI NICOLA Corso Vittorio Emanuele 106 – Adria (Ro) PUNTO VERDE SNC DI SCARANATO GIANCARLO & C. Via Emanuele Filiberto 2 – Adria (Ro) ADRIA NUOTO Via Lampertheim 1 – Adria (Ro) PIPPICALZELUNGHE DI VOLTAN VERONICA Corso Vittorio Emanuele 58-10 – Adria (Ro) PACIUGHINO Corso Vittorio Emanuele 89 – Adria (Ro) CLOE’ Corso Vittorio Emanuele 50-64 – Adria (Ro) 925 V&V ARGENTI Corso Vittorio Emanuele 95 – Adria (Ro)

20€

30€

RISTORANTE PIZZERIA UNCINO GALLERY Centro Commerciale Il Porto – Adria (Ro)

validità delle

offerte:

BAR OASI Adria (Ro) BAR CIAO CIAO Adria (Ro) BAR STAZIONE ADRIA Adria (Ro) BIANCA CAFFETTERIA Adria (Ro) BAR SEGRAFEDO Adria (Ro) BAR BANCA POP Adria (Ro) TABACCHERIA ALL’ANGOLO Via G. Marconi 37 – Adria (Ro)

PRINK Via Emanuele Filiberto 2 – Adria (Ro) OCCHI D’ORO SRL Corso Vittorio Emanuele 44 – Adria (Ro) LA MAISON Galleria Braghin 58/12 – Adria (Ro) FLY CAFE Via Carducci 54 – Adria (Ro) LA BUSA RISTORANTE Via Voltascirocco 30 – Adria (Ro) SOL ADRIA Via della Solidarietà 215 a – Adria (Ro) BLUFOTO DI CONTIN CLAUDIO Via dei Lagunari 26 – Adria (Ro) TERRAZZA IN PIAZZA Piazza Garibaldi 6 – Adria (Ro) AGRITURISMO SCIROCCO Via Voltascirocco 3 – Adria (Ro) BARBUIANI Corso Vittorio Emanuele 67 – Adria (Ro) ORO VENEZIANO Via Roma 19 – Adria (Ro) IDEANOTTE Via O. Respighi 18 S.S. per Rovigo – Adria (Rovigo) LA PECORA NERA Beer & Food Corso Mazzini 67 – Adria (Rovigo) HEPSIL E CO. PROFUMERIE Via Bettola 2 – Adria (Ro)

BAR ROBERTA YU Via Arginelli 93 – Fasana di Adria (Ro) CAFFE’ ATHENA Adria (Ro) FULVIA TOUR Via Chieppara 24 – Adria (Ro)

Vai su

e dai il Mi piace

IL RE DELL’AMO di Degan Matteo Via Lunati 42 – Adria (Ro) 100% SERVICE Via Monsignor Pozzato 8 – Adria (Ro)

Riceverai tutte le migliori offerte in tempo reale !

Scarica i tuoi Coupon dal sito: www.coupondelrisparmio.it e resta sempre aggiornato sulle nostre offerte! per info scrivi a: info@coupondelrisparmio.it

Cogli le migliori offerte della tua zona!


messaggio pubblicitario

SOLO TAGLI

Gruppo consiliare regionale Partito Democratico Veneto

NEGLI OSPEDALI NEL TERRITORIO NEL SOCIALE

LA SALUTE DEVE ESSERE UN DIRITTO PER TUTTI Gruppo regionale Veneto


messaggio pubblicitario


16 Sguardo a Rovigo Infrastrutture Interrogazione di Tiozzo e Azzalin

Interporto, per la Regione non è più strategico Con due delibere sulla razionalizzazione delle partecipazioni regionali, la Giunta ha incaricato Sistemi Territoriali di procedere alla dismissione delle proprie quote

I

due consiglieri regionali del Pd, Lucio Tiozzo e Graziano Azzalin, hanno deciso di voler vederci chiaro sulla decisione della Regione di cedere le quote di Sistemi territoriali nella società per azioni Interporto di Rovigo. “Con le delibere, numero 1937 e numero 1931 del 28 ottobre sulla razionalizzazione delle partecipazioni regionali, infatti, la Giunta ha incaricato Sistemi Territoriali di procedere, alla dismissione delle partecipazioni, ritenute ‘non più strategichè, di Interporto di Rovigo, del quale è il primo azionista con il 32,94% delle quote. Gli altri azionisti principali sono: Comune di Rovigo con rio, rientrando nella rete transeuropea delle vie il 15,54% di quote; Provincia di Rovigo con il d’acqua e negli schemi del trasporto combinato 15, 29% e Consorzio Zai Ente pubblico econo- come parte integrante del Corridoio Adriatico. mico con il 15%. “Stiamo parlando del primo Nel dettaglio, si specifica che l’Interporto di Roterminal fluviale italiano – spiegano i due consi- vigo si pone ‘come motore per l’area emiliana glieri, per giustificare la loro incredulità alla scel- e del basso Veneto in un contesto di sviluppo ta di Palazzo Balbi - che sostenibile’, dati i vantagha fatto della modalità Dalla Camera una gi, in termini economici fluvio-marittima uno dei proposta di legge e ambientali. Non solo, che autorizza la suoi punti di forza. ma l’Unione Europea Nel Ptrc – hanno spesa di 5 milioni ha appena approvato la rimarcato – si parla di di euro richiesta presentata di completare il sistema finanziamento di studi delle reti infrastrutturali di valenza nazionale ed ed attività in merito alla navigabilità del Po da interregionale; nel Piano regionale dei trasporti Cremona al Mare Adriatico per un budget di 2 si sottolinea come il sistema idroviario Padano- milioni di euro, cofinanziandolo al 50%, mentre Veneto ricopre notevole importanza non solo a i rimanenti fondi sono stati messi da Regione livello regionale, ma anche a livello comunita- Lombardia, Emilia Romagna e Veneto/AIPo. In

FOCUS

I

Nelle due foto i due consiglieri del Pd, Graziano Azzalin e Lucio Tiozzo

più, la Camera ha approvato, nella seduta del 26 novembre, la proposta di legge quadro in materia di interporti, che autorizza la spesa di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016 per la loro implementazione”. Alla luce di tutte queste considerazioni, Azzalin e Tiozzo pongono una domanda: “La Regione ritiene realmente non strategica la funzione dell’Interporto di Rovigo o la cessione di quote è un modo per mascherare gli insuccessi gestionali di chi lo ha guidato? Perché in entrambi i casi c’è di che preoccuparsi. Per questo, con la nostra interrogazione, chiediamo che oltre a far chiarezza sulla situazione, si prenda in considerazione l’idea che la Regione non abbandoni al suo destino l’Interporto di Rovigo, ma trovi una soluzione per offrire una prospettiva di crescita, magari anche attraverso Veneto Sviluppo”.

L’Intervento

Sì alla sicurezza alimentare, no alla demagogia di Giovanni Taliana* segue da pag.

Lo dimostra il primo sì di Bruxelles all’etichetta sulla provenienza delle materie prime, risultato della forte pressione di Confindustria. È in Europa che si gioca la tutela di tutta la filiera agroalimentare, dall’agricoltura alla trasformazione, non a Roma. Di questo farebbe bene a occuparsi il ministro De Girolamo. L’industria alimentare italiana assorbe il 72% dei prodotti agricoli nazionali ma è strutturalmente obbligata a importare materie prime agricole a integrazione di una produzione nazionale insufficiente. Questo nel pieno rispetto della normativa europea. Siamo i primi a sostenere il potenziamento dei controlli, così estesi e penetranti da rendere sicuro il prodotto alimentare trasformato in Italia. Ma ogni strumentalizzazione o demagogia protezionistica rischia di diffondere messaggi ambigui e di pregiudicare l’intero settore agroalimentare, che è il secondo in Italia con 132 miliardi di fatturato, di cui 27 alla voce export. Il Veneto, con 4.900 imprese agroalimentari e oltre 35mila addetti, realizza l’11% di questo fatturato, pari a 14 miliardi. Nel primo semestre del 2013 le esportazioni venete di prodotti alimentari sono cresciute del 7,4% (Italia +6,7%). L’appello è ad evitare gli integralismi e a spostare l’attenzione sul futuro del made in Italy agroalimentare e sulle strategie per allargare i mercati. Non si può ridurre il tema a una lotta di confine. La contraffazione si combatte presidiando i mercati, promuovendo con più incisività i prodotti italiani di qualità, rafforzandone la reputazione negli altri paesi europei e nel mondo, sbocchi decisivi per tutta la filiera agroalimentare. Occupiamoci di come valorizzarne il potenziale, visto che altri paesi, come la Germania, esportano più di noi senza avere la nostra qualità e tradizione enogastronomica. Possiamo fare ancora meglio, valorizzando l’assoluta qualità del prodotto trasformato in Italia e spingendo sull’internazionalizzazione rafforzando le reti lunghe, stimolando i processi di aggregazione tra imprese. Sono le priorità su cui essere compatti e che ci auguriamo siano al centro del confronto con le forze politiche, anche in vista delle prossime elezioni europee. Siamo convinti che anche la Regione sia determinata in questa direzione, per rendere sempre più moderna e competitiva la filiera agroalimentare. *Presidente della Sezione alimentari di Confindustria Padova

Letteratura per i ragazzi

Rovigo. Bellezza chiama bellezza, tesoro chiama tesoro

l progetto è a cura dell’associazione Gea Mater Onlus, la penna invece è quella di Luigi del Cin mentre matita e colori ce li ha messi Karen La Fata. Risultato? “Rovigo. Bellezza chiama bellezza, tesoro chiama tesoro”, ossia una narrazione del patrimonio artistico e storico del Capoluogo rivolta ai bambini dai sette anni in su. “Un’opera onirica” è definita nel commento, in

prefazione, dalla Dottoressa Elisabetta Emiliani del Consorzio Cifir, “prima fiaba dal Polesine” la definisce invece la presidente dell’associazione Gea Mater, Lorenza Baccaro, confermando che il prezioso volumetto rappresenta il culmine di dieci anni di attività didattica ed educativa svolta dall’associazione con bambini e ragazzi. Un lavoro già iniziato con le “visite animate”, insomma, con lo scopo di far rivivere monumenti e

1

luoghi del territorio raccontati attraverso storie fantastiche ma probabili sulla scorta di documenti storici e o di leggende tramandate oralmente. Storie che ora sono state scritte sulla carta con le parole di Luigi Dal Cin e le illustrazioni di Karen La Fata.

Fo.Ma.

La copertina del libro

OGGI BAMBINA... DOMANI INFERMIERA Investire nei bambini di oggi è il miglior modo per costruire un domani di giustizia e benessere condiviso. Sostieni a distanza una bambina del Sud del mondo attraverso i progetti del Cesvitem: bastano 20 euro al mese per regalare un futuro migliore, a lei e al suo popolo. Per informazioni visita il sito www.cesvitem.org o chiama lo 0415700843 Ce.Svi.Te.M. Onlus  via Mariutto 68 - Mirano (VE)  Tel. 0415700843  info@cesvitem.it  www.cesvitem.org  c.c.p. 10008308  Codice fiscale 90022130273


Da 20 anni, dentro al territorio nel cuore della gente. del Delta

1, NE/PD 46) art. 1, comma 27/02/2004 n° (convertito in Legge Postale - D.L. 353/2003 in Abbonamento s.p.a. - Spedizione n. 128 - Poste Italiane locale. Anno XX Periodico d’informazione

di Rovigo

pag.

eb.it

www.lapiazzaw

Enti locali Taglio delle Province, Delrio fa partire il countdown 34

Porto Tolle Tensioni all’interno del Partito Democratico pag. 17

Centrale Enel Assolti i 25 attivisti di Greenpeace

pag.

14

PORTO VIRO. ECOCENTRO NTI PRONTO PER I CONFERIME

EDITORIALE

Davanti al “dio palanca” così fan tutti di Nicola Stievano

non ci avanti al dio palanca parenti”: sono fratelli, amici o è una delle frasi pronunciate intercettazioni della in una delle decine di rete di corruzione recente inchiesta sulla Poche parole legata agli appalti pubblici. una volta se ce ne che sintetizzano, ancora è il criterio adottato fosse il bisogno, qual infedeli e da imprenda funzionari pubblici ovviamente, che ditori complici. Il denaro, e grandi, gli “aggiustifica i favori piccoli procedure, il ritocco giustamenti” di gare e pag. 6 a danno del pubin corso d’opera, sempre di ciascuno di noi. ZIONE blico e, di conseguenza, ROSOLINA, RIQUALIFICANORGE basta anche qualche CARCERE, IL pag. 8 Il denaro, sia “cash”, SERT DEL QUARTIERE euro di tanto in LE CONDIZIONI MIGLIORA banconota da 50-100 SANITARIE di “regali” come pag. 26-27 tanto, che sottoforma anche una mano di il viaggio esotico ma piccolo lavoretto bianco in casa o qualche di piccorruzione nostrana, EDITORIALE dalla “extra”. E’ la pezzatura, quella dalla Giunta ed approvate colo cabotaggio e piccola consiliare predisposte regionale. Geremia Gennari, alla questione, la sala zona grigia di cui nessuno entro la C’è stato un taglio ad che alimenta una bassopolesane in merito è stata recentemente teatro V commissione Potranno avere inizio già chiarezza. E’ il primo l coro delle forze politiche l’ordine del giorno approvato di risorse, soprattutto considerevole conosce i contorni con riqualificazione trasversalmente portovirese pubblico “L’ospedale di Porto ricordando in consiglio comunale fine dell’anno i lavori di tutti gli altri, fino ad di fornitura di è alzato unanime e ca si all’unanimità giustifi dell’incontro poi che agosto che certi farmaci, che passo Rosolina dalla schede soccorso al se del quartiere Norge di del presidio ospedaliecontro la perdita decretata ospedalie- Viro mutilato da Venezia: pronto scandali. Il tutto in nome procurarsi pagando, vogliono devono ai residenti di potersi capogruppo per il mantenimento una volta precisare che arrivare ai grandi presidio di Alessan permetteranno quindi alle persone ovviamente, ma anche soccorso” promosso dal ospedaliere regionali del voluto ancora pronto dro ha del palanca”, ro, “dio detenute oltre a Salute Abbad del e all’aperto della spazi Giacon ir* di un millimetro: alla libertà viene Viro Thomas di moralità e di godere al meglio gli ro della casa di cura Madonna “Porto Viro non arretrerà di di Uniti per Porto tolta di una distorta concezione centro della frazione scandalizzarsi loro anche la salute. alle Viro, appellativo che permetteva partecipato diversi rappresentanti se c’è da urlare o da sbarcare a Venezia, urne del 24 e18 pag. senso civico. Perché dunque 25 di Porto di assoluta cui hanno regionali Fondamentale emerge una situazionefebbraio compresi i consiglieri il nosocomio in posizione porrescorso l’intervento se “così fan tutti”? e che nel istituzionali Azzalin, oltre lo faremo. ine- alla sanità pubblica stricabile, o perlomeno davvero prestato dal Sert. parità rispetto Cristiano Corazzari e Graziano tutti accomu50% 40% pag. 3 difficilmente di Agenas (Agenzia Naziorisolvibile. Un continua a pag. 10 30% all’onorevole Diego Crivellari, il declassacaos politico che rapporto annuale 6 60% 50% pagg. 4-5 e rischia sanitari) ha indicato come portare spediti unico scopo dopo 30% 20% a nuove consultazinale perdii servizi nel trat- nati da un SULLA S.S. 434 50% ospedaliere 10% prio quello che Pro- miglior centro del Veneto avvenuto con le schede secondo iloni. SI non ci voleva in una Per discutere mento A 70 CHILOM VIAGGIA migliori zione economica Cogli le del gli infarti del miocardio. taresituaETRI L’ORA genere, zona! caratterizzata della tua da offerte una recessione a cui dal 2008 non vede fine. si Il ciclone o tsunami (come lo definisce il suo capo Beppe Grillo) Stelle, si è abbattuto del Movimentrio o 5 Odontoiatrico Ambulato sui STEFANO partiti, anche Passa da 110 Veneto, con una sanitario: in OSTI Dott. a 70 km orari potenzaDirettore limite della velocità il per molti versi davvero inaspettat di Silvia Giuriato* nell’arteria stradale a. ALLA DENTIER A! strategica S.S. 434 meglio nota Nella nostra regione ADDIO agosto come giornata senza Transpolesana. però, inserite con decreto legge lo scorso fissi quello sorprende più denti alato grave aveva chein La decisione è e recentissime modifiche legislative, che il SPACCIO DI FABBRICA stata definito il Cen. presa dall’Anas. 2013, hanno recepito grillini (che è stato un evento boom deibisturi, tagli e punti di sutura Ser la presidente Polemico Corazzari agli amministratori”. e convertito in legge il 15 ottobre , 12 - ROVIGO Loc. BORSEA generalizzato su che ha indicato della Provincia, della Convenzione Infatti per tentare VIA DEL COMMERCIO territorio italiano), tutto il nelle voragini aperte qualche anno fa. 0425 474954 le raccomandazioni europee di mento per è il crollo verticale LA FATTORIA - TEL. I costi di gestione rientrate dallo stato debitorio manto stradale risposto al crescente lo svolgimento di parlo scorso anno flex.it il vero problema sul molto alti avevano di AREA COMMERCIALE è stato fatto un o del Consiglio d’Europa ed hanno di manifestazioni, titi che hanno caratterizzato sabat fatto per iflex.it - www.dormi anche il gli piano portato specifi la vita politica anche di rientro che prevedestato debitorio delitti contro le donne. automobilisti che che e settoriali; delle nostre terre dormiflex.rovigo@dorm importante, si parlava ad uno va un accordo con Aperto allarme sociale determinato dai il fine, inoltre, transitano. da 20 anni a questa era quello RovigoExpò, una in diritto della famiglia un milione di euro di oltre partecipata te: il Pdl prima parpag. 12 società renderlo di far conoscere il Polesine *Avvocato penalista ed esperta che Forza Italia e la 8 , in larga parte, PAG. a e di 10 soggetto cercato di abbattere lo stesso ente aveva neto Lega lcoop dettagli pag. dalla e ospitante di eventi Due partiti che Regione Ve395 € infoNord. Denta e dalla Camera continua a Con fino a due anni al livello nazionale rilevanti vano di commercio di vendita per alcuni indicendo un bando di al 35 € 45 € fa avee internazionale. totalizzato oltre www.lapiazzaw Rovigo, svolta quale dei orriso.it L’attività con 70 € il 60% dei deltas 575 € lo scorso anno, detto, e lo conferma propri immobili. Va eventi fu affidato il compito di organizzar eb.it consensi l’elezione www. tuttavia, (fi di Luca Zaia a e essere così non sembrata il sito del giorn Crivellari, che negli il neodeputato Diego prevalenteere, convegni, presentazioni, governatore ecc...) struttura significativa per il rilancio della del Veneto. La Lega crolla ultimi anni si è ale Entra in dal 35% a poco dell’ex zuccherifi compiuto presso mente, ma non esclusivam un importante lavoro più del 10% di Rete con cio ente, e il questa ultima di risanamento in molti oggi Centro Servizi noi! ti. “Di questo – tornata eletdei con- prefi di Rovigo. Lo scopo pensano che una nuova vita torale. Il Pdl dal sso ha spiegato - va della struttura 2008 perde 10 potrebbe essere dato atto il Cen.Serera, ed è tuttora, quello di far punti e si assesta sotto il garantita da un sì che bio di 20%. di Rovigo diventasse totale camrotta. luogo di riferiPeriodico d’informaz ione

“D

AGENZI

locale. Anno XX n. 25 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione

Passante Nord Il Parco forse è stato salvato da una rana

A DI ROV

IGO Tel. 042 5 090894

in Abboname

nto Postale - D.L. 353/2003

Lavoro Dalla crisi non si esce, sindacati preoccupati

(convertito

La struttura del costo di

in Legge 27/02/20

500.000 euro euro

04 n° 46) art. circa è stata finanziata con 250.000 1, comma 1, e il un contributo regionale daNE/PD

o, Casa di cura di Porto Vir liero non è più presidio ospeda

www.lapia provenienti con ammortazzaweb.it rimanente sarà addebitato Tra le novità del mento nel piano Tia/Tares. di accesso e di centro, spiccano le modalità conferimento dei rifiuti pag. 10

Arte La guida alla nuova most del Roverella ra

e ospedaliere ne delle sched Con l’approvazio la struttura è stata declassata

La crisi dietr la protesta o

I

D

COUPON Serve un ca bio di rotta per m il Cen.Ser? Delta Sorriso s.r.l. 10%

20%

40%

10%

del risparmio

60%

30%

20%

M

Tel. 0426 379442

L’Intervento

il decreto Violenza sulle donne, legge sullo stalking

L

Uscita Occhiobello

SR6

OCCHIOBELLO

AUTOSTRADA BOLOGNA-PADOVA

(RO) 1662019 Via Germania, fax 0425 Occhiobello 45030 750481 n° 86/12Calzavara tel. 0425

Sanitaria Marco di Padova Dott. Odontoiatri Autorizzazione Sanitario Medici Direttore Ord.

n.1367

Iscrizione

Ord.

Medici

di Padova

SR6

OCCHIOBELLO OUTLET VILLAGE

Via

m el Co Via d

A13

OCCHIOBELLO 1

Via

dell’Industria

Eridania

m

Via

er c

dell’Artigianato

io

Via Europa

In molti credono possibile ma non un rilancio esclusivam ente lega to alle fi ere

n.2429

Via

Uno

Eridania

Mercatone

Via Germania

Iscrizione

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA

UNITÀ

LOCALI

E NOVEMBR DELLA MESE ONE PREVENZI DENTALE

alcoop.it

anche Aperti il sabato

24 DA PAG 21 A PAG

occhiobello@dent

DENTALCOOP:

apertura Prossima apertura • ANCONA Prossima apertura • AVELLINO Prossima030 3545278 • BARI tel. apertura 598922 • BRESCIA Prossimatel. 0934 apertura • CAGLIARI Prossima (BO) 5540222 • CALTANISSETTA tel. 041 531905 (VE) • CASALECCHIO 431881 tel. 0364 0372 (BS) • CHIOGGIA tel. TERME 997994 • CREMONA apertura BOARIO • DARFO Prossima (PN) tel.0434 • FIRENZE 453846 tel.0564 • FONTANAFREDDA 209406 • GROSSETO apertura tel. 0731 440011 • JESI Prossimatel. 0331 (MI) • LATINA 245687 711647 0376 • LEGNANO tel. (TE) tel. 0861 410052 • MANTOVA tel. 041 • MARTINSICURO (VE) 303190 • MIRANO tel. 059 tel. 041 5903586 303291 0423 • MODENA (TV) (TV) tel. 0733 290556 tel. • MOGLIANO (MC) 750481 • MONTEBELLUNA tel. 0425 (RO) • MONTECASSIANO 8751943 • OCCHIOBELLO tel. 049 559606 • PADOVAtel. 0382 5292962 610294 tel. 075 • PAVIA tel. 019 (SV) • PERUGIALIGURE apertura Prossimaapertura • PIETRA • POTENZA Prossima 0522 305583 tel. • RAGUSA EMILIA apertura • REGGIO Prossima 381723 tel. 089 • ROMA • SALERNO

enza

è per

tutta

la famiglia Corona

la conveni

Igiene

TROVI L’INSERTO

dentale

OPT

ENTI

Prima

FINANZIAM

UNITÁ

DI OCCHIO

BELLO

DENTALCOOP

ceramica

(panoramica)

Prenota visita

la tua

estetica

semplice 45 Otturazione ne €indicazione medica) (su panoramica a Prevenzio dentale, igiene Programm visita, A TASSO

endosseo moncone) Impianto (escluso

307034 tel. 0421 (VE) DI P. DONÀ 019 807545 • SAN tel. 576626 0445 853391 • SAVONA(VI) tel. 0437 881130 • SCHIO (BL) tel. tel. 0422 (TV) • SEDICO 2462107 49310 • SPRESIANO tel. 011 tel 0363 (BG) • TORINO 421927 • TREVIGLIOtel. 0422 1698034 • TREVISOtel 0432 500108 78587 • UDINE tel.045 tel. 0381045 6302199 • VERONA (PV) tel. (VR) • VIGEVANO • VILLAFRANCA

(TAN

(RO)

e TAEG

“0”)

tel. 0425

750481

Le nostre convenzioni:

pagg.

L’Intervento

continua a pag. 3 *alessandro.ab badir@gmail.c om

4-5

Benedetto Papa … di Don Angelo

C

SP26

PAG 20 TROV I L’INSERTO

Cadoneghe

iale rovinc

119 - Loc. Ballò Via Stazione, (VE) 30035 Mirano tel. 041 410052

Vecchio casello di Dolo

Via P

Sandro Dr. Lazzeri Direttore sanitario: 49 di Lucca n. Ordine medici

Autohotel Venezia

Nord

MIRANO

DA PAG 17 A

Busetto*

ome tanti e forse come tutti, sono sbigottimento e rimasto senza anche parole! ciamento del Papa lo smarrimento di fronte al pronun- Lo che dichiara è stato totale e per molte ore non di ritirarsi mi ha permesso alcun commento che non fosse la ripetizione di qualche luogo comune. *Parroco Chioggia Via Pion ca

Via

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA

Distributore ENI

s an Pas

te d

iM

re e st

A57

Aperti anche il sabato

UNITÀ LOCALI

Stazione

mirano@dentalcoop.it

Prenota

la tua visita senza impegno

DENTALCOOP:

tel. 035 348111 • BERGAMO tel. 030 3545278 • BRESCIA Prossima apertura • CAGLIARI tel. 0934 598922 • CALTANISSETTA 041 5540222 (VE) tel. • CHIOGGIA tel. 0372 431881 tel. 0364 531905 • CREMONA TERME (BS) • DARFO BOARIO (PN) tel.0434 997994 • FONTANAFREDDA apertura Prossima • GROSSETO apertura • JESI Prossima 440011 (MI) tel. 0331 • LEGNANO tel. 0376 245687 711647 • MANTOVA (TE) tel. 0861 • MARTINSICURO 041 410052 (VE) tel. • MIRANO tel. 059 303190 • MODENA 5903586 (TV) tel. 041 303291 • MOGLIANO (TV) tel. 0423 • MONTEBELLUNA (MC) tel. 0733 290556 • MONTECASSIANO tel. 0425 750481 (RO) • OCCHIOBELLO 8751943 tel. 049 • PADOVA Prossima apertura 610294 • PERUGIA (SV) tel. 019 • PIETRA LIGURE tel. 0522 305583 • REGGIO EMILIA 381723 tel. 089 • SALERNO 0421 307034 DI P. (VE) tel. • SAN DONÀ tel. 019 807545 • SAVONA tel. 0437 853391 • SEDICO (BL) 881130 (TV) tel. 0422 • SPRESIANO 011 2462107 • TORINO tel. tel. 0422 421927 • TREVISO apertura • UDINE Prossima tel.045 500108 • VERONA 78587 (PV) tel. 0381 6302199 • VIGEVANO (VR) tel. 045 • VILLAFRANCA

DENTALCOOP

la famiglia Con Dentalcoop è per tutta gruppo, del risparmio la convenienza e di un grande con il massimo qualità italiana, della Cooperazione forza grande Grazie alla in grado di offrirti la è Dentalcoop

70 € Otturazione

semplice estetica

45 € Igiene dentale

575 €

395 €

Corona ceramica

35 € OPT (panoramica)

Impianto endosseo

MIRANO UNITÁ DI

410052 (VE) tel. 041

www.dentacoop.it

Vigodarzere

Centinaia di Aziende Venete oggi scelgono come 20 anni fa!

Limena Mestrino

HIOBELLO (RO)

Vigonza

Scorzè

Villafranca Padovana Rubano

UNITÁ DI OCC

Mirano Spinea

Noale Dolo Stra

Piove di Sacco

Mira Campolongo

Chioggia

Montagnana Este

Ogni mese più di trecento attività scelgono le 14 edizioni de la Piazza per comunicare con i propri Clienti. Questa scelta è da vent’anni il nostro orgoglio, perchè è il riconoscimento della qualità, del risultato e di un ruolo sociale svolto dal nostro giornale verso migliaia di famiglie che leggono e si informano con noi.

Monselice

Sottomarina

Conselve Cavarzere

ROVIGO

Rosolina Adria

Porto Viro

Taglio di Po Ariano Polesine

Aprile 1994 - Aprile 2014

Porto Tolle

L’informazione locale a casa tua

padova Via Svezia, 9 - Padova Tel. 049 8704884 - www.givemotions.it • info@givemotions.it


18 Sguardo a Rovigo Statistica Nel rapporto stilato da Legambiente il Capoluogo non brilla

FOCUS

Vivibilità della città, ultimi in Veneto

Servizi

Dati scoraggianti per trasporto pubblico, incidenti stradali ed energie rinnovabili

di Lorenzo Zoli

R

ovigo città meno vivibile del Veneto? Con tutti i difetti che il nostro capoluogo ha, appare comunque una bestemmia, a prima vista. Eppure, è proprio questo il verdetto finale del rapporto “Ecosistema urbano 2013”, lo studio di Legambiente che esamina la situazione delle città e la loro vivibilità. Uno studio ricco e che prende in esame una ampia serie di settori, variabili e servizi, per individuare il tasso di vivibilità delle varie città collocandolo su una scala da 0 a 100. In questa graduatoria, appunto, Rovigo è quella che fa peggio tra le sette sorelle della regione. Ottiene, fatti tutti i calcoli del caso, unicamente 39,72 punti. Molto meno di Belluno, tra l’altro anche prima a livello nazionale con la bellezza di 72,19 punti percentuali. Come si è arrivati a un risultato del genere? Per capirlo si devono esaminare i vari aspetti della vita in città considerati come fattore chiave dal rapporto. Per quanto riguarda la qualità dell’aria, per esempio, la nostra città non eccelle in alcun indicatore e, anzi, a livello di concentrazione di pm10 fa segnare un risultato decisamente negativo. Anche nel settore rifiuti, pare che Rovigo non sfrutti le potenzialità che le dimensioni, ridotte e decisamente a misura d’uomo, offrono. Se la percentuale di raccolta differenziata supera infatti il 60% - dato decisamente lusinghiero in assoluto - questo segnale positivo viene immediatamente controbilanciato dalla quantità di rifiuti prodotti pro capite all’anno: oltre 683 chili. Uno dei risultati peggiori tra tutte le città che, per numero di abitanti, sono comparabili al capoluogo del Polesine. Insom-

Il capoluogo polesano ha ottenuto solo 39,72 punti, Belluno ne ha 72,19

U

PERDER PESO MANGIANDO. Scopri come!

Rovigo ottiene solo 39,72 punti, distantissima da Belluno che ne ha 72,19 ma: i problemi non mancano. E gli esperti di statistica e di altri settori che hanno curato lo studio hanno parlato: Rovigo bocciata. E superata da tutti gli altri capoluoghi veneti. Irraggiungibile Belluno, come si è detto prima nello Stivale. Ma ben distanti anche Venezia: con 64,85 punti, risultato migliore per le città con oltre 200mila abitanti. Padova da parte sua supera comodamente i 53 punti. Seguita da Verona con oltre 52. Non benissimo ma comunque meglio di Rovigo Vicenza, che fa registrare un punteggio di 48,33, e Treviso, con 43,95. Questo il verdetto degli studiosi di ambiente e vivibilità sul quale ragionare. Perché secondo questa impostazione la vivibilità non è data unicamente dalle dimensioni ridotte, dalla comodità di posteggio, dagli spostamenti agevoli in bici o a piedi e dalla criminalità ridotta. Ci sono numerosi altri aspetti sui quali riflettere. E che evidentemente possono essere migliorati.

RITROVARE LA LINEA NON È MAI STATO COSÌ

Semplice, Naturale, Conveniente. Educazione alimentare Supporto motivazionale per raggiungere il Tuo “PesoBenessere” Menu settimanali Prodotti esclusivi Esperti sempre a Tua disposizione Più di 2000 punti vendita e 4 milioni di clienti soddisfatti nel mondo

www.naturhouse.it

ADRIA C.so Vittorio Emanuele Tel. 0426-010109

CHIOGGIA Sottomarina Viale Mantova 19 Tel. 041 5610152

no dei versanti più importanti presi in esame dal rapporto per definire la vivibilità delle città è quello dei servizi. Vediamo allora come ne esce Rovigo. Il primo indicatore che viene preso in esame è quello del numero di viaggi che annualmente fa ogni abitante in media sui mezzi di trasporto pubblici. Il dato per il capoluogo del Polesine è 12. Semplicemente uno dei peggiori, anche tra i centri di minori dimensioni, quelli nei quali è lecito attendersi che in molti preferiscano spostarsi in bici o a piedi o comunque in auto, viste le distanze ridotte e la facilità, in ogni caso, di posteggio. Probabile che in questo risultato abbia avuto parte in causa un’offerta del servizio di trasporto pubblico che viene considerata dal rapporto decisamente bassa, quanto ad estensione delle linee: appena 17 chilometri per abitante, non esattamente uno dei risultati migliori di tutti i centri considerati. Non particolarmente bene, poi, anche per quanto riguarda il cosiddetto indice di mobilità alternativa, ottenuto combinando tra loro vari dati, come la presenza di car sharing, di opportunità come pedibus e bicibus, controlli con varchi Ztl e altre variabili di questo tipo. Il punteggio fatto registrate da Rovigo è appunto solo 6,7. In assoluto il peggiore, fatta eccezione per quelle realtà che hanno semplicemente fatto segnare 0. Nulla di particolare invece sul fronte del tasso di motorizzazione, con 63 auto per abitante, mentre le moto sono unicamente 8 per abitante. Dati assolutamente nella media e che non offrono spunti particolari. Lo stesso non può invece dirsi relativamente all’incidentalità stradale, basata sul numero di vittime per sinistri ogni 10mila abitanti. Con 1,32, il nostro capoluogo fa registrare in assoluto uno dei risultati peggiori di tutta la classifica. Passando al capitolo delle energie rinnovabili, ci sono altre sorprese, non belle: si parla tanto di fotovoltaico ma, anche in questo caso, la nostra città è praticamente in fondo alla classifica, con appena 0.11 kilowatt prodotti per ogni 1000 abitanti. Il teleriscaldamento, poi, sta esattamente a zero. Anche in tema di politiche energetiche i dati non appaiono proprio premiarci: il valore indicato dalla classifica è pari a zero. Peggio ci sono solo quei centri per i quali i dati non sono risultati disponibili. Non sono comunque pochi. Lo.Zo.


Non più viaggi all’estero! ma Dentalcoop con la qualità italiana

35 € OPT (panoramica)

70 €

Otturazione semplice estetica

45 €

la tua visita

575 € Impianto endosseo (escluso moncone)

Igiene dentale

Aperti anche il sabato

Prenota

FINANZIAMENTI A TASSO

395 € Corona ceramica

(TAN e TAEG “0”)

UNITÁ DI OCCHIOBELLO (RO) tel. 0425 750481


Entra nei centri Dentalcoop e scopri i vantaggi.

Oggi, con 45 unità locali operanti su tutto il territorio nazionale, Dentalcoop è un punto di riferimento per oltre 250.000 pazienti, l‘eccellenza dei professionisti, le innovazioni tecnologiche oltre alla convenienza sono i motivi per cui hanno scelto di affidare la propria salute dentale ai centri Dentalcoop.

Qualità Italiana, Sicurezza e Convenienza Grazie alla forza della Cooperazione, di un grande gruppo e alle vantaggiose condizioni sugli acquisti, le cliniche odontoiatriche Dentalcoop si sono affermate in tutta Italia offrendo servizi di elevata qualità alle migliori condizioni.

Odontotecnici Italiani, qualitá Italiana Dentalcoop si affida a:

Sterilizzazione. La massima attenzione, per la vostra sicurezza. Dentalcoop vuole sempre garantire la massima sicurezza: guanti, mascherine, bicchiere, tovagliolino, aspirasaliva, pellicole trasparenti di protezione... sono tutti monouso. Gli strumenti sono sterili ed imbustati: verificate la banda marrone sulle buste! E per offrire tutto ciò sono fondamentali: la formazione e l’aggiornamento costante del personale, l’efficienza organizzativa, i protocolli scientificamente convalidati e linee guida rigorose, l’utilizzo di tecnologie e materiali di ultima generazione.

Bambini, la loro salute dentale è importante. PROGRAMMA CARIE ZERO Il Consorzio Odontocoop® è costituito da Laboratori Odontotecnici Italiani che garantiscono il rispetto dei protocolli di produzione stabiliti dal consorzio. Tutti i dispositivi medici vengono accompagnati dalla dichiarazione di conformità. La garanzia del made in italy, la totale rintracciabilità dei materiali e l’apporto delle più recenti tecnologie Cad Cam offrono la massima sicurezza al paziente

La Dentalcoop è lieta di offrire ai figli dei propri pazienti il programma “carie zero”. Il programma è rivolto ai bambini dai 3 ai 14 anni e viene attuato mediante una visita specialistica da parte di un professionista, il quale saprà consigliarvi semplici istruzioni di igiene orale, terapie preventive come la fluoro profilassi e le sigillature o terapia ortodontica.

UNITÁ DI OCCHIOBELLO (RO) tel. 0425 750481


Vieni a scoprire i vantaggi Dentalcoop per l’Ortodonzia tradizionale e

l’Ortodonzia invisibile, e tutti

i nostri servizi.

Ti aspettiamo presso le nostra clinica per una

VISITA

Tecnica innovativa dagli Stati Uniti

SORRIDI CON SICUREZZA

GRAZIE AD INVISALIGN® Un’alternativa trasparente all’apparecchio

Con Dentalcoop allo stesso prezzo

dell’ortodonzia tradizionale.

INVISALIGN® è una tecnica testata clinicamente, praticamente invisibile, per darti il bel sorriso che hai sempre desiderato senza ferretti. Funziona con una serie di aligner rimovibili e quasi invisibili. Ogni aligner è leggermente diverso e sposta gradualmente i denti nella posizione desiderata. È l‘alternativa trasparente agli apparecchi fissi tradizionali, una tecnica innovativa praticamente invisibile per raddrizzare i tuoi denti. In tutto il mondo 1,4 milioni di persone hanno provato i benefici del trattamento con INVISALIGN®.

UNITÁ DI OCCHIOBELLO (RO) tel. 0425 750481


OCCHIOBELLO

Uscita Occhiobello SR6

Via Germania, 1 45030 Occhiobello (RO) tel. 0425 750481 fax 0425 1662019

OCCHIOBELLO

A13

Via dell’Artigianato

Via

• ANCONA Prossima apertura • AVELLINO Prossima apertura • BARI Prossima apertura • BRESCIA tel. 030 3545278 • CAGLIARI Prossima apertura • CALTANISSETTA tel. 0934 598922 • CASALECCHIO (BO) Prossima apertura • CHIOGGIA (VE) tel. 041 5540222 • CREMONA tel. 0372 431881 • DARFO BOARIO TERME (BS) tel. 0364 531905 • FIRENZE Prossima apertura • FONTANAFREDDA (PN) tel.0434 997994 • GROSSETO tel.0564 453846 • JESI tel. 0731 209406 • LATINA Prossima apertura • LEGNANO (MI) tel. 0331 440011 • MANTOVA tel. 0376 245687 • MARTINSICURO (TE) tel. 0861 711647 • MIRANO (VE) tel. 041 410052 • MODENA tel. 059 303190 • MOGLIANO (TV) tel. 041 5903586 • SAN DONÀ DI P. (VE) tel. 0421 307034 • MONTEBELLUNA (TV) tel. 0423 303291 • SAVONA tel. 019 807545 • MONTECASSIANO (MC) tel. 0733 290556 • SCHIO (VI) tel. 0445 576626 • OCCHIOBELLO (RO) tel. 0425 750481 • SEDICO (BL) tel. 0437 853391 • PADOVA tel. 049 8751943 • SPRESIANO (TV) tel. 0422 881130 • PAVIA tel. 0382 559606 • TORINO tel. 011 2462107 • PERUGIA tel. 075 5292962 • TREVIGLIO (BG) tel 0363 49310 • PIETRA LIGURE (SV) tel. 019 610294 • TREVISO tel. 0422 421927 • POTENZA Prossima apertura • UDINE tel 0432 1698034 • RAGUSA Prossima apertura • VERONA tel.045 500108 • REGGIO EMILIA tel. 0522 305583 • VIGEVANO (PV) tel. 0381 78587 • ROMA Prossima apertura • VILLAFRANCA (VR) tel. 045 6302199 • SALERNO tel. 089 381723

an

ia

Mercatone Uno

ia an id Er

UNITÀ LOCALI DENTALCOOP:

rm

a Vi

occhiobello@dentalcoop.it

Ge

Via

Eur opa

io

tria

rc

Aperti anche il sabato

Le nostre convenzioni:

OCCHIOBELLO OUTLET VILLAGE

us nd ll’I de Via

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA

VA DA O A PAD R ST NA TO OG AU OL B

SR6

ia an rid aE ViVia del Co m m e

Autorizzazione Sanitaria n° 86/12 Direttore Sanitario Dott. Marco Calzavara Iscrizione Ord. Medici Odontoiatri di Padova n.1367 Iscrizione Ord. Medici di Padova n.2429


22

23

VIAGGIO IN

PROVINCIA ROVIGO

Enti locali Il disegno di legge “Svuota province”

Delrio dribbla i paletti dell’incostituzionalità

Graziano Delrio, ex sindaco di Reggio Emilia, oggi ministro per gli Affari regionali

L’idea del ministro non è quella di cancellare le Province ma di trasformarle in enti di secondo livello

la presidente Tiziana Virgili

di lorenzo Zoli

“i tagli non Porteranno neSSun riSParMio”

E

’ tornato ad attaccare le Province, facendosi padre di un disegno di immediata ricaduta positiva: vale a dire che consentirebbe comunque di legge che, in breve tempo, si è guadagnato l’appellativo di “Svuota raggiungere lo scopo. Che è ridurre le spese di rappresentanza politica province”. Graziano Delrio, ex sindaco di Reggio Emilia, oggi mi- che sono, secondo questa interpretazione, quelle maggiori e sulle quali in nistro per gli Affari regionali, è al centro della discussione politica. Con la una ottica di tagli sarebbe necessario intervenire. Sempre nel corso della sua proposta che vorrebbe trasformare questi enti locali in enti di secondo medesima audizione, poi, il ministro ha voluto fornire un chiarimento grado. In sostanza, non ci sarebbero più le elezioni provinciali o un con- importante, rispondendo a una domanda non secondaria, in questo mosiglio provinciale, ma le nomine politiche avverrebbero con il medesimo mento di crisi. Ha infatti escluso in maniera categorica ogni ipotesi di licenziamento dei lavoratori che, al momento, sono meccanismo con cui si investono, appunto, i refealle dipendenze delle amministrazioni provinciali. renti degli enti di secondo grado, come possono Esclusa in maniera L’idea, al contrario, sarebbe quella di valorizzare essere determinate aziende municipalizzate o categorica la loro esperienza in altri settori della pubblica ampartecipate. O come si elegge lo stesso presidente ogni ipotesi ministrazione. Differenti le reazioni. Da una parte della Repubblica, ha puntualizzato nei giorni scorsi di licenziamento l’Anci, ossia l’Associazione dei Comuni italiani, lo stesso Delrio, rivolgendosi a chi criticava il suo dei lavoratori non ha chiuso le porte in faccia alla proposta. Non progetto. Una questione complessa, questa. Con, sullo sfondo, sempre lo spettro dell’incostituzionalità. Dal momento che altrettanto entusiaste, chiaramente, le amministrazioni provinciali, che le Province sono enti espressamente previsti dalla Carta. Ed è proprio que- sarebbero rese inutili da questa riforma. Due, comunque, le evidenze. La sto fatto - certamente non secondario - che le ha salvate nel recentissimo prima è che i tempi, comunque, per realizzare la trasformazione in enti passato, ossia la scorsa estate, dal primo disegno di legge che voleva di secondo grado non si annunciano brevi, visti il numero e la complessità abolirle. Investita del problema, infatti, la Corte costituzionale ha senten- dei versanti sui quali sarà necessario intervenire. La seconda è che, nel ziato che un intervento del genere non è, al momento, pensabile. Varato frattempo, non sono mancati gli esempi di province che non sono andate questo nuovo disegno di legge, il ministro Delrio è stato ascoltato anche al voto, in attesa che si capisca da che parte finirà per tirare il vento. Il in commissione Affari costituzionali. Dove, a quanto trapelato, avrebbe tutto con il rischio che anche su questo fronte si possa finire per investire spiegato che l’intenzione non sarebbe affatto quella di cancellare le Pro- la Corte costituzionale del problema. Senza poi citare i dubbi di coloro vince, ma, appunto, quella di trasformarle in enti di secondo livello. Ma- che mettono in discussione il reale risparmio che potrebbe derivare da gari un escamotage, ma che avrebbe, secondo chi lo ha escogitato, una tutta la manovra.

“N

non ci sarà nessun risparmio”. E’ chiara l’idea che la presidente della Provincia di Rovigo Tiziana Virgili ha del disegno di legge presentato dal ministro Delrio e che ha già avuto il via libera dalla Camera. “Lo dico e lo ripeto - prosegue il numero uno di Palazzo Celio - In primo luogo serve una modifica della Costituzione. Poi, anche ammesso che il progetto vada in porto con il voto favorevole anche da parte del Senato, il vero effetto sarebbe quello di fare venire meno l’unico ente che, al momento, svolge una funzione di cuscinetto tra i Comuni e le Regioni”. E, secondo la Virgili, sarebbero invece proprio questi gli enti ai quali sarebbe necessario mettere mano, in una ottica di vigorosi tagli. Con i consigli regionali simili a veri e propri “parlamentini”, molto costosi per la comunità. Certo, secondo il disegno di legge rimarrebbero delle competenze in capo alle amministrazioni provinciali, come le scuole superiori e l’ambiente, con una importante funzione di coordinamento. Il che, comunque, non elimina il problema fondamentale: il mancato risparmio. “Tra l’altro - prosegue la presidente - non solo non si avrebbe un risparmio complessivo, ma, nella prima fase di attuazione della riforma, si avrebbe persino un aggravio di costi, per cambiare le cose. E queste sono cose che il ministro sa benissimo, sarebbe necessario che qualcuno gliele ricordasse”. Il tutto senza parlare dei costi che già si stanno sostenendo, per il commissariamento di quelle province alle quali non è stato consentito di andare al voto. Lo.Zo.

MuRARO: “DIMENTICATE FuNZIONI FONDAMENTAlI NON RICONDuCIBIlI AI COMuNI O AllA REGIONE”

C

on il ddl Delrio passato alla Camera la geografia istituzionale del Veneto potrebbe cambiare notevolmente. A partire dal 7 giugno 2014, 5 Province su 7: Belluno, Padova, Rovigo, Vicenza, Verona diventeranno ente di secondo grado amministrate da tre organi istituzionali: presidente, consiglio e assemblea di sindaci. La Provincia di Venezia dal 1 gennaio 2014 avvierà l’iter di passaggio per diventare città metropolitana. La sola Provincia di Treviso resterà in carica con gli organi amministrativi attuali fino a scadenza di mandato. Per quanto riguarda le funzioni, vengono considerate come fondamentali per le nuove Province: pianificazione territoriale, trasporti e viabilità provinciale, programmazione rete

scolastica ed edilizia scolastica, d’intesa con i Comuni; per le altre il ddl Delrio non norma il passaggio ad altro ente, ma saranno lo Stato e la Regione, secondo le rispettive competenze a decidere. “Appare – dichiara il presidente dell’Upi Veneto, Leonardo Muraro – del tutto incoerente l’emendamento di sottrarre alle Province la tutela dell’ambiente e la difesa del suolo, funzioni tipiche di un ente di area vasta, da destinare non si sa bene a quali enti. Impossibile immaginare una gestione a livello comunale; si pensi alla pianificazione e alle autorizzazioni degli impianti di gestione dei rifiuti, alle emissioni in atmosfera, agli scarichi industriali, alla valutazione di impatto ambientale, ai controlli, agli aspetti sanzio-

natori. Sono state dimenticate funzioni fondamentali, non riconducibili al livello comunale o alla gestione delle Regioni, quali l’organizzazione e la gestione dei servizi per l’impiego e le politiche per il lavoro e la formazione professionale, malgrado i numerosi emendamenti presentati in Commissione e in aula e non discussi per la fretta di concludere i lavori. A perdere – conclude Muraro - saranno i territori, in termini economici e democratici. Oltre, non a avere un risparmio economico effettivo resta tanta confusione sulle gestione delle funzioni e non solo. Il rischio maggiore è che di fronte al peso delle città metropolitane gli altri territori rischieranno di essere di serie “b” anche in termini di trasferimenti economici”.


TEMPO A DISPOSIZIONE?

ENTRA NEL TEAM! Se hai del tempo libero a disposizione o svolgi un lavoro part time puoi aumentare sensibilmente i tuoi guadagni, diventando consulente pubblicitario. Offriamo rimborso spese, alte provvigioni e lo svolgimento dell’attività nelle immediate vicinanze della zona di residenza. Formazione e training continuo in un gruppo di lavoro con mezzi consolidati e di sicuro ritorno.

CHIAMACI! invia il tuo curriculum a: givemotions@gmail.com

COUPON del risparmio L’informazione locale a casa tua

Cogli le migliori offerte della tua zona!

Il magazine dei grandi eventi

Un’offerta pubblicitaria unica nel Nord-Est I nostri mezzi di comunicazione, insieme o singolarmente, permettono di scegliere i destinatari da raggiungere, di mirare le campagne pubblicitarie ad un target ben definito e di differenziare il messaggio.

La Piazza, Coupon del Risparmio, Looklive: impossibile passare inosservati!

Via Svezia, 9 Padova - tel. 049 8704884 fax 049 6988054 - www.promomedia.it


Spazi aperti 23 25 Grandi opere E’ arrivato il via libera da parte del Cipe

Nuova Romea, percorribile nel 2021 Diventerà uno dei più importanti corridoi commerciali europei. Ma non piace a tutti. Nel Veneziano annunciate proteste: “Faremo come in Val di Susa” di lorenzo Zoli

A

ttraverserà 11 province e 48 Comuni, per una modernare anche la viabilità di contorno, ossia svincoli lunghezza complessiva di 396 chilometri. E’ la e strade provinciali, così da rendere più facile l’accesso Romea Commerciale, nota anche come Nuova alla nuova autostrada. In Polesine, in particolare, la sua Romea. Ossia l’autostrada che collegherà direttamente costruzione porterà con sé anche la sistemazione e il Mestre a Orte, anticamera di Roma. Un’opera viaria miglioramento di due strade provinciali che costituiscoche entrerà di diritto tra i maggiori corridoi commerciali no attualmente la spina dorsale dei collegamenti con il Delta del Po: sono la Adria-Loreoeuropei. L’ok dal comitato intermiRosolina e la Adria-Taglio di Po. nisteriale Cipe, responsabile per le Collegherà A livello nazionale, poi, lo decisioni in tema di grandi opere, è direttamente scopo fondamentale della nuova arrivato nei giorni scorsi. E il primo Mestre a Orte, autostrada è quello di avere una a mostrarsi soddisfatto è stato il go- anticamera arteria che colleghi il Nord Est al vernatore del Veneto Luca Zaia, che di Roma Sud Italia e la costa adriatica con ne ha parlato come di una conquisa importante per il territorio. Sottolineando, in particolare, quella tirrenica. Dando, nel contempo, uno sbocco verso come la nuova autostrada consentirà di incrementare i l’Est Europa. Un progetto importante anche per le modalità con le quali sarà realizzato: il ministro Maurizio collegamenti con Chioggia e con il Delta del Po. Molto importante, sempre secondo il giudizio di Lupi ha infatti chiarito che sarà realizzato con la formula Zaia, anche il fatto che il Cipe, nel licenziare il progetto, del project financing, quindi affidandosi a capitali privati. abbia accolto anche tutte le prescrizioni che erano state Il contributo statale sarà indiretto, concretandosi nella previste dalla Regione. In particolare, la necessità di am- defiscalizzazione. Secondo le proiezioni, la Romea com-

L’immagine di come dovrebbe apparire l’autostrada merciale dovrebbe essere pronta e operativa nel 2021. Non tutti, però, sono egualmente entusiasti della novità. Ambientalisti e comitati cittadini, infatti, in varie realtà che saranno toccate dal progetto hanno già dichiarato guerra a quest’ultimo. Nel Veneziano, per esempio, i 5 Stelle, i comitati cittadini e Sinistra ecologia e libertà hanno già annunciato che ricorreranno a manifestazioni come flash mob e presidi sulle strade per bloccare la realizzazione dell’opera. Secondo questo punto di vista non solo dannosa dal punto di vista dell’impatto ambientale e della cementificazione che provocherebbe, ma anche inutile. Alla luce della pesante diminuzione che il traffico commerciale ha subito in questi anni di crisi. Facile

pronosticare, poi, come sicuramente non mancheranno ricorsi al Tar contro la realizzazione; e altrettanto facile desumere che la prima conseguenza sarà, come minimo, l’allungamento dei tempi di chiusura del cantiere. Il ricorso alla giustizia amministrativa, in particolare, è già stato annunciato. Mentre i comitati si stanno organizzando a livello nazionale, cercando il dialogo con tutti i contrari che, seguendo appunto il tracciato del nuovo progetto, vanno dal Nord Est sino alla capitale. Sino all’annuncio scandito poche ore dopo l’annuncio del “sì” riservato dal Cipe alla Romea commerciale: “Faremo come in Val di Susa”.

VAlDASTICO SuD l’APERTuRA SlITTA Il deputato del Pd Diego Crivellari ha firmato l’interrogazione sui ritardi presentata alla Commissione trasporti

A

che punto siamo con la Valdastico? In particolare, con la Valdastico Sud, ossia la parte dell’autostrada che dal Vicentino dovrebbe arrivare al Padovano e al Polesine? Lo ha chiesto il deputato Pd Diego Crivellari, A lato firmando con altri onorevoli Democratici l’interDiego rogazione sui ritardi presentata alla CommisCrivellari sione trasporti. La domanda più importante è quella volta a conoscere se i tempi di consegna e apertura dell’opera, fissati per fine anno, saranno o meno rispettati. “La conclusione dei lavori - recita un passaggio dell’interroga- luglio ha visto la procura distrettuale antimafia zione - riveste particolare importanza al fine di di Venezia emettere ben 27 avvisi di garanzia, rendere agevole il trasporto di persone e merci a coronamento di una grossa inchiesta nella rompendo l’isolamento viario di una vasta quale viene ipotizzato e contestato, tra l’altro, zona del Basso Veneto, in particolare il Basso il reato di traffico illegale di rifiuti in forma orvicentino e la Bassa padovana”. Per avere una ganizzata. Al momento, dell’intera opera che idea della stima dei ritardi che si sono via via ac- era stata preventivata, sono agibili e ultimati cumulati, basti pensare che unicamente due tratti, enla prima tabella di marcia Al momento trambi nel Vicentino. Per prevedeva una apertura per sono agibili i restanti, come detto, la lotti successivi, gli ultimi dei unicamente data di consegna è slittata quali, comunque, sarebbe- due tratti al dicembre del 2014. ro diventati percorribili nel nel Vicentino Pure questa, tuttavia, ora 2010. Tre anni fa, quindi, non appare certa. Di qui la l’intero tracciato avrebbe dovuto essere piena- richiesta, allora, di Crivellari e dei colleghi, per mente percorribile. Così non è. Anche l’interro- sapere a che punto siano realmente i lavori. Tegazione, comunque, riconosce come i problemi, nendo anche conto che, in Polesine come nella in questi anni, non siano mancati: partendo dal Bassa Padovana, negli ultimi anni lo sviluppo ricorso al Tar che era stato proposto nel 2005 industriale e urbanistico è stato pianificato anda varie realtà, infatti, si arriva all’alluvione del che tenendo conto proprio dell’imminente rea2010, sino, infine, all’inchiesta che lo scorso 3 lizzazione di questa opera. Lo.Zo.

Da noi troverai accoglienza, onestà, competenza e le migliori quotazioni !

a Chioggia e Sottomarina

PAGAMENTO IN CONTANTI Ritiriamo ORO e Argento • Ci occupiamo di disimpegno polizze

CALLE MUNEGHETTE, 205 CENTRO DI CHIOGGIA CORSO

DEL POPOLO (a fianco chiesetta San Francesco) tel 041 4968379 dal lunedì al sabato dalle 09:00 alle 12:30

VIA S: MARCO 1933/C

o

Ann n o u b i d i r u g Au

SERIETÀ E RISERVATEZZA CI CONTRADDISTINGUONO

SOTTOMARINA (VENEZIA) - tel 041 4968055 dal lunedì al sabato dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:00

2014

VI ASPPETTIMO!

nel negozio di CHIOGGIA

CON UN DOLCE

OMAGGIO A TUTTI I NOSTRI CLIENTI


26 Mondo scuola

Mondo scuola 25

Organismi studenteschi Il caso polesano

La Cps gode di scarsa considerazione tra gli studenti Si tratta dell’unico organismo legalmente riconosciuto, che ha diritto e possibilità di interloquire direttamente con il Ministero dell’istruzione. Forse non è conosciuto di Mattia De Poli

E

siste anche in Polesine da almeno quindici anni un organismo studentesco provinciale, riconosciuto a livello nazionale da vari testi normativi, ma i protagonisti di questa struttura spesso ancora oggi non la conoscono o non ne conoscono a fondo le potenzialità. In virtù del Dpr 567 del 1996 e in linea con lo “Statuto delle studentesse e degli studenti” del 1998, tutte le ragazze e tutti i ragazzi che frequentano gli istituti superiori della provincia di Rovigo sono stati chiamati lo scorso ottobre al voto per eleggere i loro rappresentanti nell’assemblea della Consulta provinciale degli studenti. In tutto i delegati, scelti democraticamente all’interno della singola scuola, avrebbero dovuto essere ventidue, ovvero due per ogni istituto. Tuttavia, l’assemblea della

neWS

Cps polesana, che rimarrà in carica per due anni, conta oggi solo ventuno membri, perché in una scuola si è proposto un solo candidato. Simone Targa, già presidente della Consulta e oggi supporto esterno, segnala questo dato come indizio della scarsa considerazione che gli stessi studenti ripongono in un organismo, l’unico legalmente riconosciuto, che ha diritto e possibilità di interloquire direttamente con il Ministero dell’istruzione. Non solo tutte le consulte provinciali sono parte di un coordinamento regionale, che offre occasioni di confronto sulle buone prassi e gestisce un finanziamento ministeriale, ma tutti i presidenti partecipano una volta all’anno alla Cnpc, ovvero al Coordinamento nazionale dei presidenti delle consulte, a cui partecipa anche il ministro in carica. La

scarsa considerazione nasce probabilmente dalla modesta conoscenza di questa organizzazione: alcune informazioni sono reperibili facilmente attraverso la rete internet sul sito www.spazioconsulte.it oppure su facebook, la Cps di Rovigo ha un profilo proprio. E, poiché si tratta di una struttura ufficiale, è possibile reperire notizie relative ad essa anche sul sito dell’Ufficio scolastico provinciale di Rovigo. A novembre l’assemblea con tutti i delegati si è riunita e ha individuato la nuova giunta, composta dal presidente Giacomo Gasparetto, dal vicepresidente Giuliocesare Casari Bariani, dal segretario Claudia Bedendo e da altri quattro membri: a loro spetta il compito di far conoscere e di far crescere in Polesine questa realtà nei prossimi due anni.

Progetti per ilfuturo

“giornata del ricordo e dell’iMPegno” e “rovigocrea”

L

a Consulta provinciale degli studenti di Rovigo, i cui organi direttivi sono stati da poco rinnovati, si appresta a riprendere il cammino intrapreso negli anni precedenti. Il 21 marzo verrà riproposta la “Giornata del ricordo e dell’impegno”, realizzata in collaborazione con l’associazione “Libera”, con varie attività che da Rovigo ad Adria, da Badia a Porto Tolle, hanno lo scopo di ricordare le vittime delle mafie. Grande impegno è stato profuso anche nella realizzazione del progetto biennale “Sentieri di bioetica”, che ha visto la partecipazione di tre esperti, ricercatori o docenti universitari, protagonisti

di altrettanti incontri a Rovigo, Adria e Badia. Le conferenze hanno fornito spunti interessanti per un concorso: prima della fine dell’anno scolastico si è tenuta una cerimonia ufficiale alla presenza di varie autorità civili. Rimane da concretizzare il progetto “Rovigocrea”, già impostato nel biennio precedente e da realizzare tra la fine di maggio e l’inizio di giugno: si tratta di una giornata dedicata a tutte le forme d’arte praticate dagli studenti, dalla musica alla pittura, dalla scultura alla danza, senza dimenticare la moda e la cucina, con apposite esibizioni nelle piazze del capoluogo polesano. M.D.P.

DA 729€

DA 249€

DA 349€

VERO AFFARE

VERO AFFARE

VERO AFFARE

A 599€

A 199€

A 299€

100% SERVICE VIA MONSIGNOR F. POZZATO 8 - 45011 ADRIA (RO) TEL. 0426.901721 – CELL. 328.3643403 simonepanfilio@libero.it - www.100servicegiardinaggio.it


Inaugurazione 18-19 gennaio ore 9.00-20.00 dalle 16.00 evento

o t t e r i a d r to naio u gquis en u inaull’ac -19 g s 18

o c s

in collaborazione

€ e n 0zio

0 5

o t n

showcooking con degustazione con lo chef Marco Inzoli

STORE

ROVIGO

VENDITA DIRETTA Z. na Commerciale 13 - Via della Cooperazione 1 tel 0425-471331 Località Borsea (Rovigo)

www.cucineluberovigo.it


Delta Sorriso s.r.l.

Ambulatorio Odontoiatrico

Direttore sanitario: OSTI Dott. STEFANO DELTA SORRISO TASSO ZERO

ALCUNI ESEMPI: 1.000€ da retituire in 24 mesi - rata mensile di 2.000€ da retituire in 24 mesi - rata mensile di 3.000€ da retituire in 24 mesi - rata mensile di

Delta Sorriso attenta alle esigenze economiche che hanno travolto il nostro paese e colpito molte famiglie è in grado di proporre soluzioni di pagamento personalizzate:

€ 41,66 € 83,33 € 125,66

PRIMA VISITA con telecamera endorale RADIOLOGIA digitale e T.A.C 3D “cone beam” a bassa dose di radiazioni

IMPLANTOLOGIA computer assistita “SENZA BISTURI, SENZA TAGLI, SENZA PUNTI DI SUTURA” ORTODONZIA estetica PROTESI SENZA METALLO Via Romea Nuova 17/A

RIVÀ di Ariano nel Polesine 45012 ROVIGO

Tel. 0426 379442 Aperto anche il sabato

info@deltasorriso.it

www.deltasorriso.it

ElectricSheeps.com I T S O LU T I O N S & W E B D E S I G N

Siti internet, E-commerce & Web Application Sviluppo soft ware, Mobile soft ware Consulenza e Assistenza informatica Progettazione reti aziendali Pianificazione grafica aziendale

Via Dei Martiri 49, Cavarzere (VE) - Tel. (+39) 0426.310.691 - Cell. (+39) 320.68.21.774 - www.electricsheeps.com - info@electricsheeps.com


Cultura provinciale 29 Palazzo Roverella Il prossimo 22 febbraio prenderà il via la nuova mostra

Aspettando “L’ossessione nordica”

aPPuntaMenti a fratta Per tutta Gennaio i “Giovedì d’Inverno”: arte, cultura e cucina

A partire dal 1895 le biennali di Venezia cominciarono ad ospitare le tele di svizzeri, tedeschi e scandinavi, come Böcklin, Klinger, Klimt e Munch: i paesaggi, i ritratti e gli interni, i miti e la realtà erano rappresentati con modi e sensibilità insoliti, esotici, profondi e impressionanti. Una sorta di ossessione che non mancò di influenzare gli artisti italiani di Mattia De Poli

L

a nuova mostra in programma a palazzo Roverella a Rovigo dal 22 febbraio al 22 giugno punta ancora una volta sull’originalità: per la prima volta verranno messi a confronto le opere dei pittori “nordici” e quelle degli artisti italiani che ne subirono il fascino e l’influenza. A partire dal 1895, con la prima edizione, e poi negli anni dell’inizio del Novecento le biennali di Venezia cominciarono ad ospitare le tele di svizzeri, tedeschi e scandinavi, come Böcklin, Klinger, Klimt e Munch: i paesaggi, i ritratti e gli interni, i miti e la realtà erano rappresentati con modi e sensibilità insoliti, esotici, profondi e impressionanti. E la loro presenza non passò inosservata. Anzi, già nel 1901 il critico Vittorio Pica, il critico italiano forse più aggiornato e internazionale dell’epoca, rilevò una sorta di “ossessione nordica” nelle opere di pittori italiani di tutte le età, come de Chirico, Previati, Fortuny e Wolf Ferrari: tutti furono contagiati dalla particolare visione della realtà e del mondo. Il percorso prende il via dal racconto delle prime Biennali e dalla loro evoluzione: da vetrina dell’arte storica e pompier al trionfo del Simbolismo con successiva forte attenzione alle Secessioni di Monaco, Vienna, Darmstadt e alle conseguenze sui vari filoni dell’arte italiana. Il percorso espositivo presterà attenzione al momento svizzero della cultura tedesca – con Böcklin e Hodler – così come ai grandi viennesi e tedeschi – Klimt, Klinger e von Stuck – impegnati tra evocazioni mitologiche e dense

interpretazioni simboliste dei miti non meno che della vita e dell’anima della belle époque mitteleuropea. Il paesaggio, nelle sue valenze interiori e in tutte le sue sinfoniche coloriture, l’inquieta e silenziosa natura nordica, gli interni domestici, maschere e ritratti in cui la figura umana, concepita tra tradizione accademica e indagine interiore, si fa carico dei nuovi strumenti di conoscenza e descrizione delle psiche nelle sue molteplici e contraddittorie valenze. Un percorso di enorme fascino, ricco di infinite sfaccettature, frutto di sensibilità diversissime. E proprio per questo seducente e, oggi, ineludibile. L’idea e il titolo dell’esposizione temporanea sono nati da qui. La nuova proposta di palazzo Roverella promette di replicare i successi di pubblico degli allestimenti precedenti: dal 2006 ad oggi, infatti, di anno in anno il numero di biglietti staccati è sempre andato aumentando. Quel silenzio e quel senso di inquietudine che in molti avvertirono un secolo fa osservando queste tele continua a contagiare anche l’osservatore di oggi. E forse nella società contemporanea simili opere possono assumere un significato ancora più profondo ed attuale.

T

ra arte, cultura e cucina nei giorni 16, 23 e 30 gennaio a Fratta Polesine si svolgono i “Giovedì d’inverno”, promossi dal Comune, dalla Provincia di Rovigo, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Museo Archeologico Nazionale frattense. L’iniziativa è stata presentata recentemente dalla presidente nonché sindaco di Fratta Polesine Tiziana Virgili e dall’assessore provinciale alla cultura e turismo Laura Negri. La rassegna partirà il prossimo 16 gennaio con “Un viaggio nella storia dei tempi” l’iniziativa si comporrà di due momenti: prima una visita al Museo Archeologico Nazionale seguita da una cena alla Locanda Mulino al Pizzon. La serie di appuntamenti proseguirà il 23 con “I piatti di Goldoni” anche in questo caso la prima parte dell’iniziativa prevede la visita a Villa Badoer e successivamente la cena al ristorante Palladio. L’ultimo appuntamento si terrà il 30 gennaio con “L’uomo in frac”, visita al Museo Giacomo Matteotti e cena al ristorante Villa Gardenia. La quota di partecipazione per ogni singolo appuntamento è di � 25,00 tutto compreso e sino ad esaurimento dei posti, l’appuntamento per le visite guidate è alle ore 19,00 con la successiva cena alle ore 21,15. Per Informazioni e Prenotazioni: Comune di Fratta Polesine: tel. 0425.668030 int.11 email: info@comune.frattapolesine.ro.it sociale@comune.frattapolesine.ro.it Me.Ru.

in Breve Teatro lendinara

Occhiobello

N

A

raSSegna all’altezza del Ballarin

el bicentenario di fondazione, il Teatro comunale “Ballarin” di Lendinara propone una stagione di prosa all’altezza della sua storia. Inaugurato il 3 settembre 1814, nel corso del Novecento ha attraversato periodi felici ed altri meno fortunati fino alla riapertura, avvenuta il 2 settembre del 2007: nella sesta rassegna di questa nuova vita vengono proposti sei appuntamenti con spettacoli di vario genere, che cercano di andare incontro ai gusti di un vasto pubblico e che sconfinano nel canto, nella musica e nella danza. Il teatro si conferma un utile specchio della società, che fa riflettere su quello che è stato e su quello che ancora oggi siamo. Il debutto è stato affidato a un classico della commedia musicale, “Aggiungi un posto a tavola” di Pietro Garinei e Sandro Giovannini (23 novembre), a cui è seguita la commedia “Sior Tita Paron”. Nel 2014 il primo appuntamento è in programma per il 18 gennaio: teatro e danza si fondono “Romeo e Giulietta, l’amore continua…”, proposta dalla Rbr Dance company. Il 21 febbraio è in programma l’evento con i grandi nomi: Ivana Monti, Daniele Liotti, Rosario Coppolino e Debora Caprioglio interpreteranno “Elephant man” di Giancarlo Marinelli. Maria Paiato, invece, attrice originaria di Stienta e ormai apprezzata a livello nazionale, è la protagonista di “Anna Cappelli, uno studio”, in calendario per il 7 marzo. Il sipario si chiuderà, infine, il 22 marzo con un classico dell’operetta: “La vedova allegra”. Tutti gli spettacoli hanno inizio alle ore 21. M.D.P.

riflettere a teatro

nche quest’anno il teatro Comunale di Occhiobello ospiterà nomi di eccezione e un folto pubblico proveniente da varie zone della provincia di Rovigo nonché dalla vicina città estense nella stagione teatrale, organizzata dal Comune e dall’associazione culturale Arkadis. “La forza di questa rassegna è il portare in scena un teatro che non cerca di rappresentare, attraverso la finzione, una realtà - spiega Marco Sgarbi, presidente di Arkadis - è un teatro che cerca di “essere” realtà offrendo nuovi spunti di riflessione e soprattutto di discussione e di crescita, attraverso quella verità che ogni sera lo rende differente dalla replica precedente”. Il 6 dicembre Eugenio Allegri porta sul palco “Berlinguer, pensieri lunghi”. Un viaggio che parte da lontano ed attraversa le contraddizioni di nostri tempi, le ideologie, le utopie abbandonate, tradite, perseguite, e tutto ciò che riguarda ognuno di noi. Il 20 dicembre è il tempo di Biancofango con “Porco mondo”, ovvero la storia di un’esistenza disperata e affascinante. La vita di una coppia “gettata” sul palcoscenico e raccontata con la crudeltà che solo la realtà ha. Dopo la pausa natalizia, si riprenderà il 31 gennaio, con “Muri – Prima e dopo Basaglia” con Giulia Lazzarini. Le testimonianze delle infermiere che ricordano cosa fossero i manicomi prima di Basaglia e di quanto la sua rivoluzione fu epocale: un’importantissima conquista sociale che rischia di finire nell’oblio dell’indifferenza generale. Per un San Valentino diverso potreste portare il vostro compagno/a a teatro per la messa in scena di “Mai morti” di Renato Sarti ed interpretato da Bebo Storti. Il fascista nostalgico, ripercorrendo a ritroso i propri ricordi, ci riporta nell’Italia fascista del nazionalismo, del razzismo, della xenofobia spinta all’estremo. La rassegna si concluderà il 28 febbraio con “La fabbrica dei preti” con Giuliana Musso. Un racconto dai mille linguaggi. Come si legge in copertina lo spettacolo “ci racconta di noi, delle nostre ipocrisie, paure, fragilità. E così, “mentre ridiamo di loro, ridiamo di noi stessi”. F.D.L.


30 27

LO neWS

E

SPORT in PRIMO PIANO “un campione a scuola”

luBian e cecchetti alle Medie di PaPozze

’ cominciata dalle scuole medie di Papozze, l’ottava edizione di “Un campione a scuola” l’iniziativa promossa dall’assessorato allo sport della Provincia, il Coni ed i Panathlon di Rovigo e Adria. Protagonisti Lorenzo Lubian e Filippo Cecchetti, due giovani atleti della Vea Femi Cz Rugby Rovigo che si sono raccontati ai ragazzi dimostratisi interessati. “Il messaggio che cerchiamo di trasmettere a voi studenti con questa iniziativa - ha detto l’assessore Leonardo Raito - è che lo sport e lo studio possono andare di pari passo. Sono entrambi fondamentali per la vostra crescita. Pur campioni, ad un certo punto arriva il momento di smettere, e se avete studiato, se siete preparati potrete contare su una maggiore sicurezza altrimenti vi troverete in difficoltà”. Ad introdurre l’iniziativa oltre a Raito, la professoressa Cinzia Ghirelli e la Preside dell’Istituto, Laura Cassetta. Dopo avere mostrato ai ragazzi un video che ripercorre la storia del Rugby a Rovigo, i due giovani atleti hanno raccontato come è nata la loro passione per questa disciplina. “Io ho iniziato a giocare abbastanza tardi – ha detto Lorenzo Lubian – prima avevo provato diversi sport, tra cui le arti marziali, poi mio cugino Edoardo mi ha invitato a provare e mi è piaciuto subito. Non ho tralasciato gli studi, mi sono diplomato e adesso frequento il terzo anno di lingue”. Filippo Cecchetti, invece, ha iniziato da giovanissimo. “Anch’io ho continuato gli studi, ho frequentato la ragioneria e adesso sono al terzo anno di Economia e Commercio. Faccio anche il vigile del fuoco, perchè mi piace aiutare gli altri e questo spirito di altruismo me lo ha trasmesso il rugby. Per me la Rugby Rovigo non è solo una squadra sportiva ma una famiglia a cui posso anche chiedere dei consigli se ho bisogno”. Cr.Ag.

Nuoto 8°Meeting Master Shark ad Innsbruck

Adria Nuoto si distingue L

o scorso 23 e 24 novembre, in una fredda e innevata Innsbruck, si è svolto l’8° Meeting Master Shark. Adria Nuoto aveva già partecipato a questo meeting in una delle prime edizioni immergendosi in un ambiente estremamente invernale, ricco però di mercatini di natale, vin brulè e sbrilluccicanti swarovski. Nonostante l’atmosfera quasi natalizia, dove tutti dovrebbero essere più buoni, la squadra Adria Nuoto ha tirato fuori le unghie piazzando molti atleti sul podio, ottenendo un lusinghiero 14-esimo posto su 64 squadre presenti in classifica generale. Di seguito i risultati ottenuti. 100 metri stile libero: 11° Fioravanti Elisa Valentina categoria m25 1’20”47 p.ti 703,62; 1° Crepaldi Ilaria categoria m30 1’01”15 p.ti 923,96; 2° Barboni categoria m60 1’20”22 p.ti 740,71. %0 metri rana: 4° Fioravanti Elisa Valentina categoria categoria m25 0’45”07 p.ti 719,99; 12° Bolzoni Lorenzo categoria categoria m25 0’38”52 p.ti 733,39. 100 metri dorso: 3° Crepaldi

Adria Nuoto ha tirato fuori le unghie, piazzando molti atleti sul podio Ilaria categoria m30 1’30”34 p.ti 701,57, 1° Guerrini Gabriella categoria m50 1’27”43 p.ti 813,22, 3° Guerrini Paola categoria m60 2’21”95 p.ti 572,53, 1° Piva Marco categoria m40 1’40”95 p.ti 574,64. 50 metri farfalla: 3° Felisati Erica categoria m35 0’40”42 p.ti 709,30; 14°

Portieri Nicolò categoria m25 0’30”83 p.ti 785,60; 16° Bolzoni Lorenzo categoria m25 0’31”71 p.ti 763,80, 2° Barboni Dino categoria m60 0’42”36 p.ti 680,83; 100 metri misto, 2° Guerrini Gabriella categoria m50 1’33”13 p.ti 767,21, 6° Portieri Nicolo` categoria m25 1’15”67 p.ti 742,04. Staffetta 4x50 stile libero: 5° categoria m100-119 composta da Fioravanti, Bolzoni, Crepaldi, Portieri 2’04”99 p.ti 823,99; 4° categoria m160-199 composta da Felisati, Piva, Guerrini, Barboni 2’19”18 p.ti 754,20

Incontri

toMMaSi e Bettarello teStiMonial del fair Play

È

stata davvero interessante la giornata organizzata grazie alla collaborazione tra i Panathlon Club di Rovigo e Adria e il Coni provinciale avente tema il fair play. Due i protagonisti dell’iniziativa denominata “Calciamo - fair play a confronto”: Damiano Tommasi, veronese, calciatore professionista che ha vestito la maglia azzurra e che con il club della Roma ha vinto uno scudetto, oggi presidente dell’Associazione nazionale calciatori e Stefano Bettarello, rodigino, rugbista della nazionale e campione d’Italia con le maglie dei Bersaglieri e del Benetton Treviso. Il 15 novembre è stata una giornata piena per i due campioni che alla mattina nell’auditorium del Liceo Paleocapa hanno incontrato i ragazzi delle scuole medie della città. “Il rispetto delle regole, nel rugby, e dei compagni è fondamentale - ha detto Stefano Bettarello - tante volte è il gruppo che ti dice che stai sbagliando e che non devi fare determinate cose”. “Per i tifosi - ha detto Tommasi - un calciatore è un idolo quando le cose vanno bene e poi, magari la settimana successiva ad una prestazione perfetta ti contesta per un gol sbagliato. Sono cose, purtroppo che succedono soprattutto in Italia. Spesso ci sono stadi in serie A, per non parlare della serie B e delle serie cosiddette minori dove prima, con pochissimi spettatori, con la voce incassi spesso deficitaria nei budget societari. Tante volte viene detto che bisognerebbe guardare alla vicina Inghilterra e anche alla Germania, come modello da seguire, dove gli stadi sono efficienti e sicuri, oltre che belli. E anche pie-

ni.” “Questo appuntamento è stato dedicato a tutti i tecnici, atleti e allenatori che circolano negli ambienti sportivi - ha detto Marco Bonvento, delegato del Coni Rovigo - e che credono che il “gioco leale” sia possibile. Siamo stati onorati di ospitare grandi nomi dello sport, come Damiano Tommasi e Stefano Bettarello, perché sono modelli perfetti da presentare soprattutto ai più giovani. Oggi più che mai il fair play è importante nei nostri campi di gioco, essere corretti non è sinonimo di perdente o debole, come qualcuno crede, ma è la base fondamentale dell’educazione e dello stare assieme”. La giornata si è conclusa con la cena organizzata dal Panathlon di Rovigo alla presenza anche del presidente del comitato regionale Veneto Fir Marzio Innocenti, dov’è stato conferito il premio “Ennio Brancalion”. Tre quelli assegnati per l’edizione 2013, a Paola Bordon (ex cestista), a Giovanni Casotto – “Gianni” (cinquanta anni di impegno nella promozione dell’ideale sportivo e dei suoi valori morali e culturali intensamente rivolto a ragazzi e adolescenti), e Sandro Cavazzini (sostenitore della Rugby Cr.Ag. Rovigo).


Protagonisti a Nordest

informazione pubblicitaria

Commercializza e produce etichette per l’abbigliamento con oltre un centinaio di dipendenti

La Panama Trimmings azienda del piovese votata all’eccellenza Grazie all’intuizione e capacità imprenditoriale del presidente Paolo Pinato esporta in Europa e in centro e sud America fatturando oltre 10 milioni di euro Il suo ufficio è a dir poco accogliente, così come l’intero edificio della PANAMA TRIMMINGS in via Meucci al civico 24 di Piove di Sacco, da pochi anni ristrutturato secondo le direttive del presidente e amministratore delegato Paolo Pinato. Vetro, acciaio e legno dominano in una miscellanea piacevole e armoniosa che ti offre un colpo d’occhio luminoso. Nata a Vigorovea come ditta individuale nel lontano 1971, grazie all’intuito del padre Giuliano (prematuramente scomparso nell’89) successivamente ha preso in mano la conduzione dell’azienda Paolo Pinato 47 anni sposato con due figli. L’acume commerciale di Paolo ha fatto sì che la PANAMA TRIMMINGS crescesse sempre

più fino ad arrivare agli attuali 10 milioni di fatturato. L’azienda si è specializzata su due filoni: quello che commercializza accessori per il settore dell’abbigliamento, e quello della produzione di etichette di pelle e similpelle utilizzate dalle grandi marche e firme dell’abbigliamento mondiale. Il 70% del lavoro della PANAMA TRIMMINGS si rivolge all’estero e più precisamente nel nord e centro Europa oltre che al centro america. La PANAMA TRIMMINGS attualmente annovera una cinquantina di dipendenti, ma con quelli impiegati nell’indotto il numero oltrepassa il centinaio. Nel 2001 a Santiago del Cile per volontà di Paolo nasce Biesse Cile azienda che produce e

Paolo Pinato si è distinto anche nell’edilizia abitativa ed industriale. Quasi tutto suo l’investimento sulla Zona industriale Ovest di Piove di Sacco

commercializza in loco gli stessi prodotti (etichette ed accessori), oggi conta 35 dipendenti con una quota di penetrazione pari all’80% del consumo totale cileno di etichette per l’abbigliamento. Fino al 2006, vale a dire prima della crisi che ha attanagliato l’edilizia, Paolo Pinato si è distinto anche come costruttore edile in special modo nel saper investire nell’edificazione di capannoni industriali, tant’è che l’ampliamento della Zona Industriale ovest del piovese (in totale 60 mila mq coperti) è stata opera sua. “Ora però mi sono fermato – ci ha dichiarato - l’edilizia, sia quella industriale che abitativa, qui da noi non tira più e così mi sono orientato verso i Caraibi a S.Domingo dove il turismo mondiale richiede sempre più alloggi come riportato anche dal sole 24 ore del 21 novembre di quest’anno; là finora ho costruito 3 residence per una settantina di appartamenti totali e altri 30 sono in costruzione, oltre a 4 ville signorili. Brevettato pilota di aereo VFR, sin da giovane Paolo Pinato ha amato la velocità e le auto sportive. La sua passione lo ha portato a gareggiare nel Ferrari challenger e nel campionato europeo GT. “Ora però non corro più, ma non ho abbandonato del tutto le quattro ruote, mi piace con i miei due figli fare qualche giro in Kart a Jesolo. La sua filosofia di vita, comunque, è improntata alla ricerca del benessere fisico. Non manca mai, nella pausa pranzo, di frequentare la palestra che rimane vicino alla sua azienda: “Sono convinto che sia importante mantenersi in forma e non esagerare col cibo”. A 47 anni, insomma, Paolo Pinato si può considerare un imprenditore che sa come e dove investire le risorse e tracciare per la sua azienda un percorso sempre più votato alla crescita.

Paolo Pinato

Grande amante della velocità, Paolo Pinato ha acquisito il brevetto di pilota di aereo VFR ed ha gareggiato nel Ferrari challenger e nel campionato europeo GT


10 32

IL VENETO

in PRIMO PIANO

Sanità Inchiesta sul fine vita

Sedazione palliativa o eutanasia mascherata?

Ridurre il dolore del paziente nei suoi ultimi giorni di vita è una questione umana, prima che etica. Tuttavia la sedazione palliativa, a volte, viene percepita come una forma di eutanasia: un modo di troncare la sofferenza insieme alla vita dell’ammalato di Alessandro Abbadir

F

ine vita, un tema che fa paura, difficile da trattare e che pone problemi etici e medici importantissimi. Quello che intendiamo affrontare con questo numero della Piazza è il problema dell’utilizzo sempre più diffuso nel caso dei malati terminali, delle cure palliative e della fase conclusiva delle cure, la sedazione terminale palliativa. Va sgombrato subito il campo da un equivoco, la sedazione terminale palliativa non è eutanasia (che invece è un’azione che porta con mezzi specifici direttamente e volutamente la morte del paziente). Per sedazione terminale palliativa si intende: “la riduzione intenzionale della vigilanza con mezzi farmacologici, fino alla perdita di coscienza, allo scopo di ridurre o abolire la percezione di un sintomo, altrimenti intollerabile per il paziente, nonostante siano stati messi in opera i mezzi più adeguati per il controllo del sintomo, che risulta, quindi, refrattario”. Sono 100 mila i malati (prevalentemente oncologici) presi in carico ogni anno dal servizio di cure palliative in Italia. I dati più recenti riportano un ricorso alla sedazione terminale negli ultimi giorni di vita in percentuali che arrivano fino anche all’88% dei casi per i differenti setting assistenziali (ad es. ospedale, hospice, assistenza domiciliare). In Veneto le persone in carico alle cure palliative sono circa 7-8 mila ogni anno. A spiegare queste difficili questioni è il dottor Giovanni Poles medico specialista in Oncologia nell’area Cure Palliative al Policlinico San Marco a Mestre, e autore di numerose pubblicazioni sull’argomento. “Nelle fasi

terminali della vita - spiega il dottor Poles - si avverte la necessità di dover difendere la dignità della persona da un tecnicismo spesso immotivato ed eccessivo. Del resto il problema a volte si pone in senso opposto, rischiando di ricadere nel quasi totale astensionismo terapeutico. Non sempre è chiaro come ci si deve comportare nei confronti di trattamenti “vitali” come la nutrizione e l’idratazione artificiali. Di analoga difficoltà può spesso risultare la valutazione se fare trasfusioni su un ammalato con una prospettiva di vita limitata. Per tentare una risposta a tali interrogativi, si deve cercare di capire quali sono i criteri che possono permettere al medico di inquadrare un trattamento come accanimento terapeutico o, all’opposto, come astensionismo e, al limite, come eutanasia”. Il dottor Poles studioso da anni del problema va nello specifico. “L’accanimento terapeutico - spiega- viene definito dal Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB) come “un trattamento di documentata inefficacia in relazione all’obbiettivo, a cui si aggiunga la presenza di un rischio elevato o una particolare gravosità per il paziente con un’ulteriore sofferenza, in cui l’eccezionalità dei mezzi adoperati è chiaramente sproporzionata agli obiettivi della condizione specifica. A volte però non è chiaro se anche per quanto riguarda alimentazione e idratazione artificiali si possa parlare di trattamenti sproporzionati (in questo caso si potrebbe talora giustificarne la sospensione)”. Poles poi affronta il tema della sedazione palliativa terminale “In questi

casi come medici ci troviamo – spiega - nella necessità di sedare un malato in fase terminale quando siamo di fronte a sintomi non altrimenti controllabili. In altre parole la sedazione terminale è indicata per quei sintomi che incidono pesantemente sulla qualità di vita del paziente e che rispondono solamente al trattamento sedativo. La sedazione può essere reversibile e spesso viene utilizzata per ridurre i disturbi respiratori, quando il dolore stesso e altri sintomi non sono controllabili con le usuali terapie”. Poles poi vuol chiarire un aspetto importante. Da recenti dati scientifici risulta che l’intervento della sedazione terminale è pari in media a 2.8 giorni (media ponderata). La sopravvivenza di pazienti sedati in fase terminale non differirebbe da questi dati da quella dei pazienti non sedati. “La sedazione palliativa – spiega Poles - non ha la finalità di abbreviare la vita del paziente, pertanto non ha nulla che vedere con l’eutanasia ma deve essere gestita in modo attento e competente da parte del personale medico e infermieristico. Oltre all’esperienza, emergono altri due aspetti importanti dell’agire medico che difficilmente possono essere inquadrati nell’ambito di una norma: basi etiche solide, equidistanti da eutanasia ed accanimento terapeutico ed il fatto che ogni intervento deve essere valutato nella date circostanze”. Problemi importanti arrivano spesso nella gestione di questa delicatissima fase, nei reparti di ospedale piuttosto che negli hospice o nelle cure palliative a domicilio dove il personale è invece estremamente preparato.

focuS

la scelta

il ProceSSo deciSionale

U

n aspetto etico di capitale importanza riguarda l’individuazione del “chi decide” l’inizio della sedazione terminale palliativa. Il percorso decisionale deve rispettare criteri etici internazionalmente riconosciuti e differenziati in base alla capacità mentale del malato. In particolare, se il malato è mentalmente capace al momento in cui insorge l’indicazione per compiere la sedazione, vale il criterio del consenso informato. In generale non si raccomanda né l’adozione di un modulo di consenso specifico né l’apposizione della firma del malato; si ritiene sufficiente una registrazione del consenso verbalmente espresso in cartella clinica da parte dei curanti. Nel limite del possibile è opportuno invitare il malato ad informare i suoi familiari delle decisioni prese, in modo da facilitarne l’accettazione e ridurre l’impatto emotivo. Se, invece, il malato non è mentalmente capace o non vuole partecipare alle decisioni, valgono, sul piano etico, le direttive o dichiarazioni anticipate. In assenza di tali disposizioni anticipate, la decisione può essere assunta dai sanitari curanti ricorrendo al giudizio sostitutivo, basato sulle volontà e i desideri espressi in precedenza dal malato ai suoi cari o all’équipe curante. In caso di malato mentalmente incapace di cui non è possibile ricostruire volontà o orientamenti pregressi, o in caso di situazioni d’emergenza (in cui non sia possibile né ottenere il consenso informato o direttive anticipate né formulare un giudizio sostitutivo), i sanitari devono ricorrere al criterio del migliore interesse del malato, procedura decisionale che si fonda sul bilancio fra i benefici attesi e gli oneri previsti del trattamento terapeutico A.A.

DONA IL TUO 5 PER MILLE WWW.AISMME.ORG Un bambino su 500 nasce affetto da una malattia metabolica ereditaria: solo 1 volta su 4 viene riconosciuta in tempo. Lo Screening neonatale metabolico allargato permette una diagnosi precoce che evita al bambino gravi handicap o la morte. Nel sito dell’associazione www.aismme.org si possono trovare informazioni sui centri cura, diagnosi e screening delle malattie metaboliche ereditarie.

ad AISMME Onlus. Inserisci il codice fiscale dell’associazione 9 2 1 8 1 0 4 0 2 8 5 e la tua firma nella dichiarazione dei redditi (CUD, 730, Unico). con il patrocinio di

AISMME - Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie Onlus info@aismme.org ☎049.99.00.700 IBAN IT 93 X 05018 12101 000000121810


Il Veneto in primo piano 11 33 Fine vita Strutture specializzate nelle cure dei malati terminali

Hospice, un aiuto alle famiglie

L’8O% dei ricoverati in queste strutture soffre di una malattia oncologica terminale, ma ci sono anche malati di Aids e Sla di Alessandro Abbadir

H

ospice, delle strutture sempre più diffuse in Veneto per affrontare il tema delicatissimo della cura de malati terminali cioè alla fine della vita. In Italia, ogni anno circa un milione di persone si trovano a dover gestire una situazione estremamente difficile a causa di una prognosi infausta. Per andare incontro ai malati, ai famigliari e alle loro difficoltà sono nati gli hospice, strutture dedicate proprio a questo scopo. L’8O % dei ricoverati in queste strutture soffre di una malattia oncologica terminale, ma sono strutture aperte a tutti coloro che, in fin di vita, necessaria di un’assistenza, dai malati di Aids a quelli con malattie neurologiche a evoluzione progressiva, come la sclerosi laterale amiotrofica

(Sla). Come funzionano queste strutture? Non essendoci direttive nazionali, il funzionamento è variabile. In linea generale gli hospice si occupano di assistere i malati con un’aspettativa di vita breve, di pochi giorni o poche settimane. L’obiettivo di queste strutture è quello di migliorare la qualità di vita fino alla fine, agendo a più livelli. Si interviene sul piano fisico, prescrivendo trattamenti farmacologici o di altro tipo, come massaggi rilassanti, tecniche di respirazione, che controllino i diversi sintomi. Esistono hospice convenzionati con il servizio sanitario nazionale che a pagamento. Nel primo caso, la famiglia non deve sostenere costi. Il vitto e l’alloggio sono gratuiti, anche per un famigliare. La

la MaPPa

persona che assiste il malato, ha diritto ai principali, alla biancheria per il letto e al bagno. C’è la possibilità di portare da casa oggetti e anche piccoli mobili, che possano servire a far stare meglio la persona. Nell’hospice non ci sono orari di visita. L’obiettivo è aiutare il malato e i suoi famigliari a vivere al meglio la situazione. Si lascia massima libertà anche in questo campo: parenti e amici possono far visita alla persona quando vogliono e senza limiti di tempo. In quasi tutte le strutture c’è la possibilità di trascorrere la notte con il proprio caro: in ogni camera c’è un secondo letto, che può essere usato dai famigliari. L’idea è permettere al paziente di avere un parente accanto 24 ore su 24. Gli hospice

dove Sono le Strutture a Padova, venezia e rovigo

S

ono 20 in tutto il Veneto gli Hospice attivi e collegati alle Ulss di riferimento. La provincia che ne vede di più sul suo territorio è quella di Padova con 5 strutture, 4 sono in provincia di Venezia, 3 a Vicenza e 3 a Verona, 2 a Treviso, 2 a Belluno e infine una a Rovigo. Per le province in cui esce il nostro giornale e cioè Padova, Rovigo e Venezia, andiamo nel dettaglio. In provincia di Padova ci sono: l’ Hospice “Il Melograno” Centro Residenziale di cure palliative presso la Rsa “Anna Moretti Bonora” a Camposampiero. C’è poi l’Hospice di Montagnana. A Padova centro, l’Hospice “Casa S. Chiara” all’ Istituto Suore Terziarie, il

“Centro Cura e Sollievo Paolo VI” alla Fondazione Opera Immacolata Concezione e per i bambini il “Centro regionale terapia antalgica e cure palliative pediatriche “Casa del Bambino” al dipartimento di pediatria dell’Ulss 16. A Rovigo l’Hospice “Casa del Vento Rosa” nucleo cure palliative a Lendirara. In provincia di Venezia, l’Hospice Casa Residenziale “Pia Opera Francescon” a Portogruaro e l’ Hospice Iris all’Ipab di San Donà”. C’è poi l’Hospice “Casa San Giovanni di Dio” all’Ospedale Fatebenefratelli a Venezia centro storico. Infine il centro Nazareth alla Fondazione Opera S.Maria della Carità padiglione Roncalli a Mestre.

WOOD ARCHITECTURE

playstudiografico.it

®

REALIZZAZIONI BIO ABITAZIONI / GAZEBO / DEHORS / CASETTE / COPERTURE

M +39 348 6531029 woodarchitecture.it E C O I TA L I A N I D E A S

dovrebbero rappresentare la soluzione ultima, da adottare quando l’assistenza domiciliare non è fattibile per mancanza di fondi, per difficoltà della famiglia o perché il malato è solo. Invece oggi solo chi è in un hospice riceve l’assistenza e il supporto di cui ha bisogno. In Italia, e anche in Veneto sotto diversi aspetti insomma sembra mancare diffusamente la cultura dell’assistenza al malato terminale.

PROMOZIONE

INVERNO

2014

CASETTA IN LEGNO 250x180 cm

F I N O A D E S A U R I M E N T O DISPONIBILE GRIGIA O TINTA LEGNO

€ 88,00 x 12 mesi

>


14 Il Veneto in primo piano 34 La normativa sulla sedazione palliativa Parla Elisabetta De Sepits, avvocato, docente di Biodiritto

“Il rischio? Dosi troppo elevate di narcotici” La sedazione palliativa è regolata dalla legge n. 38 del 2010, che prevede l’assistenza domiciliare palliativa anche per i minori di Alessandro Abbadir

S

ulla questione abbiamo sentito per chiarirne i contorni legali della questione anche l’opinione di Elisabetta De Sepits, avvocato di Padova docente di Biodiritto, patrocinante in Cassazione, e autrice del libro “Eutanasia, tra bioetica e diritto”. “Curare non significa solo guarire, ma anche alleviare le sofferenze spiega l’avvocato De Septis - la medicina palliativa vede ancora la possibilità di curare, nel senso di prendersi cura del malato, anche nei pazienti che presentano stati clinici ormai irreversibili. Le cure palliative consistono nella somministrazione di farmaci capaci di lenire i dolori intollerabili dei malati terminali. L’assistenza prende in considerazione il malato nella sua completezza, con particolare attenzione alle sue necessità oltre che fisiche, psicologiche ed emotive, e coinvolge il suo nucleo familiare. La famiglia viene adeguatamente assistita e psicologicamente sostenuta per essere messa in grado di affrontare con il proprio congiunto l’iter completo della malattia, anche nella fase finale della vita. La materia è regolata dalla legge n. 38 del 2010 (“Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore”), la quale configura l’accesso alle cure palliative

come “diritto del cittadino”, prevedendo per i minori, per prima, a livello mondiale , il diritto di essere assistiti a domicilio”. L’avvocato De Septis va nel dettaglio della legge. ”Le norme prescrivono - spiega De Septis - che le strutture sanitarie che erogano cure palliative debbano assicurare un programma di cura personalizzata per il paziente e per la sua famiglia, nel rispetto di alcuni principi fondamentali quali la tutela della dignità e dell’autonomia del malato, senza alcuna discriminazione, la tutela e promozione della qualità della vita fino al suo termine, l’adeguato sostegno sanitario e socio-assistenziale della persona malata e della famiglia”. Ma c’è differenza dall’eutanasia. “Alla somministrazione delle cure palliative - continua l’avvocato - si contrappone l’aiuto farmacologico a morire che si inquadra nell’eutanasia, praticata con iniezione letale in Olanda, Belgio e Lussemburgo, dove da alcuni anni è stata legalizzata. Si tratta di fattispecie totalmente diverse. L’eutanasia fornisce un “aiuto a morire”, mentre al contrario le cure palliative rappresentano un “aiuto nel morire”. Le cure palliative non sono finalizzate alla morte del paziente, bensì ad esaudire la sua legittima richiesta di essere posto in

L’Avvocato Elisabetta de Septis condizione di sopportare i dolori causati dalla malattia e sono per questo riconosciute come doverose. L’eutanasia invece presuppone l’intenzione di provocare la morte del malato e, pur in mancanza di una definizione e di una disciplina specifica, nell’ordinamento giuridico italiano é configurata come reato, essendo riconducibile ad un delitto contro la vita”. L’avvocato fa anche una riflessione sociologica e di tipo penale. “In tempi nei quali il malato viene percepito sempre più come un costo che grava sulle limitate risorse della sanità pubblica - spiega - si teme che dietro cure palliative non correttamente somministrate, possano insinuarsi forme mascherate di eutanasia. Alle cure palliative può conseguire infatti l’accelerazione della fine del paziente. Nell’ipotesi in cui la cura sia proporzionata al dolore, l’eventuale anticipa-

zione della morte non è imputabile al medico che abbia somministrato le terapie antalgiche nel pieno rispetto di tutte le regole di cautela. Diversamente, qualora il medico, somministrando cure palliative con farmaci o inadeguati o in dosi non proporzionate, si assuma il rischio dell’accelerazione della fine del paziente, la sua condotta è commissiva e causale dell’evento morte. La colpevolezza assume, in tal caso, i caratteri del “dolo eventuale” ed il medico è imputabile di omicidio. Le cure palliative correttamente somministrate rappresentano invece l’alternativa all’eutanasia, in quanto umanizzano il processo del morire, assicurando al malato, considerato come una persona e non come un inutile peso, una morte dignitosa perché assistita e senza sofferenze”.

BIOETICA lE DIFFERENTI OPINIONI

N www.falegnameriacrepaldi.it

A

CON MOSTR INTERNA

CONTINUA LA PROMOZIONE FINESTRE IN P * VC

* valida fino 31/01/2014

dal 1960

VIA DELL'ARTIGIANATO 3 30014 CAVARZERE (VE) TEL-FAX 0426 311342 alessio@falegnameriacrepaldi.it

Scuri in compensato marino, alluminio e PVC Portoncini blindati Finestre in legno, legno/alluminio e PVC Avvolgibili in alluminio

el campo bioetico le opinioni sulla questione fine vita sono differenziate. L’ ”Associazione Luca Coscioni” anche in Veneto insieme ai radicali si batte anche per l’interruzione delle terapie che come posizione va oltre l’utilizzo e il sostegno alla sedazione terminale. “Al contrario dell’eutanasia – spiega in una nota l’associazione - la sospensione delle cure o l’interruzione delle terapie (cosiddetta “eutanasia passiva”) costituisce un diritto inviolabile in base all’articolo 32 della Costituzione italiana in base al quale: “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Principio affermato, tra l’altro, dalla sentenza con la quale il Tribunale di Roma ha prosciolto Mario Riccio, il medico che ha praticato a Welby la sedazione terminale. Tuttavia in Italia viene disatteso anche questo principio che conduce al fenomeno dell’eutanasia clandestina. In quest’ottica la battaglia radicale di Piergiorgio Welby ha incarnato la semplice applicazione del diritto di ogni malato a non essere sottoposto a terapie mediche contro la propria volontà. Altri casi dimostrano che nel nostro paese questo diritto viene spesso disatteso, anche in relazione agli anatemi integralisti lanciati quotidianamente dalle gerarchie vaticane”. Diversa l’opinione del mondo cattolico che con padre Ermanno Barucco dello Studio Generale Marcianum di Venezia, puntualizza le posizioni della chiesa sull’argomento. “Dal punto di vista etico - spiega Barruco - la sedazione palliativa è legittima e doverosa, e non va identificata, sul piano delle

intenzioni o dei mezzi usati, con un atto di eutanasia, che presuppone la deliberata finalità di accorciare e interrompere la vita per eliminare la sofferenza ad esempio con dosi eccessive di morfina senza motivi proporzionati”. “L’insegnamento della Chiesa cattolica – già espresso da Pio XII nel 1957 e confermato da Giovanni Paolo II nel 1997- spiega Barruco - afferma che è lecito sopprimere il dolore con narcotici, pur con la conseguenza non voluta di limitare la coscienza e di abbreviare la vita, se non esistono altri mezzi: in questo caso, infatti, la morte non è voluta o ricercata, nonostante che per motivi ragionevoli se ne corra il rischio, semplicemente si vuole lenire il dolore in maniera efficace (Evangelium vitae 65). Viene applicato il principio del duplice effetto: il fine oggettivo dell’azione e l’intenzione dell’agente è solo di lenire il dolore; l’effetto non voluto è di abbreviare di poco la vita. Ma la grande differenza rispetto all’eutanasia è che non si ottiene il primo effetto per mezzo del secondo, che rimane fuori dall’intenzione e non è direttamente provocato dai mezzi impiegati, ma dalla malattia che reA.A. sta la causa della morte”.


16 Cultura veneta 36 Intervista ad Aldo Tagliapietra

“Le mie verità nascoste” e “L’ angelo rinchiuso”, un’occasione per rivivere quarant’anni di carriera di Graziano Edi Corazza

A

ldo Tagliapietra ha una biografia lunga un braccio con Le Orme, band storica veneziana, di cui è stato leader; e poi ha una carriera solista importante. Scrive libri: “Le mie verità nascoste” è l’ultima fatica letteraria ma continua anche a cantare e con il suo nuovo disco “L’ angelo rinchiuso” ha toccato le corde più alte del “progressive”, nella migliore tradizione romantico/melodico/ progressiva italiana. Le due produzioni sono state l’occasione di questa intervista che ripercorre oltre quarant’anni della sua vita artistica. L’ultima volta che ti ho visto eri al concerto di Crosby, Stills, Nash... “Si’, belli, non li avevo mai visti conoscevo quattro/cinque loro canzoni e risentirle mi ha fatto piacere. Ero curioso di sentire e vedere come “tre” quasi settantenni se la cavavano dal vivo. Mi sono piaciuti ed ho visto come hanno conservato il loro entusiasmo”. Quali altri concerti sei andato a vedere negli ultimi anni? “Vedo spesso Tiziano Ferro e Gianna Nannini grazie al fatto che mio figlio Davide è chitarrista e lavora con loro. Davide è produttore e collabora anche con Ramazzotti ed Antonacci”. Pensavo mi parlassi anche dei Van Der Graaf Generator. So che sei loro amico soprattutto di David Jackson che ha suonato con te diverse volte... “Vuoi sapere una cosa? Non li ho mai visti dal vivo. Anche se siamo stati noi italiani a scoprirli prima dei loro paesi anglosassoni”. Hai presentato a fine estate 2013 il tuo ultimo disco “L’Angelo Rinchiuso” al Parco San Giuliano di Mestre suonandolo prima di “Felona e Sorona”... “Mi sembrava doveroso farlo vicino a casa. E’ stata una serata in cui il tempo ha tenuto e c’è stato un bell’afflusso di gente”. Il titolo: da dove nasce? “Da un vecchio quadro di Paul Whitehead. Quando viene in Italia mi manda sempre una cartolina. Una delle

ultime aveva impressa l’immagine di un suo quadro “Locked Angel”. E così è nato il titolo del mio ultimo disco”. Quali copertine ritieni le migliori che ha fatto? “Ne ha fatta di belle per i Genesis...” E anche per i VDGG. “Sì, giusto. Ma per me la più bella sua copertina è quella che ha disegnato per il mio penultimo disco del 2012 “Nella Pietra e nel Vento”. Poi come è andata a Milano in ottobre 2013? “E’ stata una serata esclusiva per i giornalisti nella quale ho presentato l’ultimo cd con “Felona e Sorona””. Cosa differenzia “Felona e Sorona” da questo tuo cd del 2013 e cosa li unisce? “Volevo che fosse una suite, il tema principale di questo mio ultimo lavoro discografico. Le mie composizioni rappresentano le mie due anime. Ho un’anima cantautorale da ballata ed un’anima progressive. In effetti se ascolti da “L’angelo rinchiuso” il brano “Passato e Futuro” ci sono arpeggi di organo che richiamano “Felona e Sorona””. Cosa ascoltavi quando avete composto con Le Orme “Collage” e cosa ascolti ora? “All’epoca 1969/1970 ascoltavo Quatermass, Atomic

Museo Diocesano di Padova

dal 18 gennaio “i colori del Sacro”, gli illuStratori raccontano il viaggio

L

’uomo, fin dalle origini della sua storia, si è spostato, ha camminato per cercare terre fertili, nuovi orizzonti. Le tre grandi religioni monoteiste, inoltre, hanno tutte radici nella storia di popolazioni nomadi e le divinità si sono spesso rivelate a popoli in cammino o a singoli pellegrini. Il viaggio, dunque, è connaturato all’uomo e il viaggio è centrale anche nel suo rapporto con il soprannaturale. Per questo la settima edizione dell’ormai popolare mostra di illustrazioni e illustratori “I colori del sacro” sarà interamente dedicata al tema del viaggio. Dal 18 gennaio le tavole di illustratori di tutto il mondo, moltissimi da paesi “nuovi” finora non rappresentati, daranno corpo e colore all’esposizione che fino al prossimo 2 giugno rimarrà allestita al Museo Diocesano, di Padova. Abbiamo sollecitato illustrazioni – spiega Andrea Nante, direttore del Museo Diocesano e curatore della Rassegna - che esplicitino il tema approfondendo sia quegli aspetti legati al desiderio di conoscenza e di scoperta che da sempre caratterizza gli spostamenti verso terre e popoli lontani, sia tutti i risvolti più di tipo psicologico, emotivo e spirituale che accompagnano le fasi del viaggio e che accomunano il sentire di chi parte, per qualsiasi meta, fosse anche un partire simbolico”. L’edizione 2014 della rassegna vuole quindi raccontare il viaggio come esperienza di vita tout court, ripercorrendo la storia, i testi sacri e i racconti pagani e mitologici, i riti e le tradizioni, nel tentativo di rivelare la dimensione emotiva e spirituale di ogni partenza e di ogni ritorno.

Rooster, E.LP., Yes. Eravamo molto influenzati dai suoni delle bands che prediligevano ballads e suite tastieristiche. Oggi non ascolto molte cose nuove”. Oggi alcuni giovani non conoscono il “prog”. Altri lo definiscono “dinosauresco”... “I giovani non sono interessati più di tanto a questa musica. Per loro è un genere che considerano coma la “musica classica del rock”. Noi sappiamo quanto è bella, comunque. Sia il progressive che la musica classica. Io amo molto la melodia e questa mi viene molto facilmente”. Produzione e distribuzione di un disco oggi quanto sono cambiati rispetto a quando hai iniziato? “Noi siamo stati venti anni con la Phonogram, oggi Universal che aveva grandi mezzi di produzione e di distribuzione. Noi ci preoccupavamo solo di fare musica; al resto pensavano loro. Le case discografiche oggi stanno scomparendo e sono state ridimensionate con internet. Io, senza contratto discografico, ho optato anni fa per l’autoproduzione insieme a Gloria (Tagliapietra, sua figlia, nda). Abbiamo la Clamore che è una società di comunicazione e produzione che con la Self distribuisce i miei lavori discografici e libri. Così ho il controllo

completo su tutta la proprietà editoriale della mia produzione di oggi”. I rapporti con le altre “Orme” oggi come sono? “Ognuno sta’ facendo la sua vita. Non aggiungo altro”. Ora sei in tour? Vuoi dirci dove possiamo vederti nei prossimi mesi? “Inizieremo a fare qualcosa da fine gennaio 2014. Intanto proseguo con questi “reading parole e musica”. Ci parli di questo tuo ultimo libro? “Le mie verità nascoste” è una autobiografia che nasce dalla voglia di narrare non solo della musica che ho fatto, dei viaggi, del sistema musicale vigente, di Sanremo ma anche dei miei pensieri, delle mie opinioni, della vita. In effetti, si chiama “Le mie verità nascoste” perché sono le mie. Il titolo è in parte preso da una canzone delle Orme scritta da me “Verità nascoste” appunto”. Immagino che anche “L’ angelo rinchiuso” racconti di te? “Sì, the “locked angel”, sono io che parlo, che racconto i miei pensieri attuali attraverso la musica. Una suite progressiva di 12 brani scritti da me ed arrangiati con la complicità di Matteo Ballarin ed Andrea De Nardi. Una suite che ha qualche collegamento con “Felona e Sorona”. Racconti ai nostri lettori di quando viaggiavate con un furgoncino 238 Fiat per andare a vedere i concerti fino a Londra... “Viaggiavamo con una 1100 fiat scassata non nostra. E noleggiavamo un furgoncino 238 Fiat per le nostre serate. Poi abbiamo acquistato una 125 Fiat. Con quella siamo a andati a Londra ed all’isola di White...” Avete visto l’ultimo concerto di Jimi Hendrix! “Esatto! Ed anche il primo grande live di Emerson Lake & Palmer”. E con le macchine come andò? “Poi quando siamo diventati “relativamente benestanti” abbiamo acquistato un bel Mercedes blu ed abbiamo iniziato anche a viaggiare in aereo”.

Possagno, Museo e Gipsoteca Antonio Canova

La bellezza torna dopo l’orrore

L

e Tre Grazie, sono una delle opere scultoree più ammirate e conosciute del Canova ma in realtà sono sei: tre sono quelle del gruppo commissionato da Josephine de Beauharnais, moglie di Napoleone, oggi all’Ermitage di San Pietroburgo, le altre tre invece andarono al Duca di Bedford che, visto il gesso conservato nell’atelier romano dello stesso scultore, lo supplicò di creargli un ulteriore esemplare in marmo. A Possagno rimasero solo i gessi sui quali Canova aveva lavorato per preparare le versioni in marmo. La prima versione non si spostò mai dalla casa dell’artista, il secondo gesso, invece, quello servito per le Grazie inglesi, arrivò più tardi, giusto in tempo per venire, con altre opere conservate nella Gipsoteca, investito dalla nuvola di calcinacci causata dai cannoneggiamenti austroungarici durante la Prima Grande Guerra, quando Possagno, ai piedi del Grappa, era zona di battaglia. All’indomani del conflitto, Stefano e Siro Serafin, custodi e abilissimi restauratori, sanarono molti dei danni riportati dai fessi del Canova ma non agirono sulle Grazie di Bedford che deturpate trovarono sede nella sala del consiglio comunale di Possagno come stridente ricordo di un guerra terribile per il paese. A cent’anni dallo scoppio della Grande Guerra, però, mentre l’Europa si appresta a ricordare quel centenario, anche le Grazie “inglesi” risorgono, ritrovando tutte le loro parti. Quello che i Serafin non si sentirono di fare lo consente ora la tecnologia. Grazie alla collaborazione delle National Galleries of Scotland, di Edinburgo, proprietari del prezioso marmo, è stato possibile fotografare e scansionare l’opera e grazie all’elettronica si è riusciti a ricomporre le parti mancanti al gesso di Possagno. In mostra, fino al prossimo 4 maggio, si potranno ammirare entrambi gruppi delle Grazie, quello “russo”, e quello “inglese”. Insieme ai bozzetti delle due opere, fanno parte dell’esposizione le tempere, i disegni, le incisioni preparati da Canova per le grazie mentre una vera mostra nella mostra è costituita dall’esposizione delle crude immagini della Gipstoteca e dei Gessi di Canova all’indomani dei bombardamenti: immagini concesse da due archivi pubblici, drammatiche nella volontà di costituire una precisa documentazione di un orrore.


18 Cultura veneta

Cultura veneta 37

Grandi mostre Fino al prossimo 21 aprile al Museo d’Arte Moderna di Cortina

Sironi e Cortellazzo, dialogo tra chi non si è mai conosciuto D

opo il successo di critica e di pubblico ottenuto dalla mostra Mario Sironi. Anni ’40 e ’50, il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina d’Ampezzo prosegue l’approfondimento sull’opera di Sironi dedicando la mostra della stagione invernale, che proseguirà fino al prossimo 21 aprile, all’incontro e al confronto tra due artisti che non si sono mai conosciuti, ma il cui lavoro presenta dei forti tratti comuni: Mario Sironi e Gino Cortelazzo. Si tratta del primo omaggio che il Museo delle Regole dedica all’artista di Este di cui possiede una pregevole scultura in alabastro. Gino Cortelazzo fu una delle voci più originali della scultura italiana del dopoguerra. Alla sua scomparsa, nel 1985, ha lasciato più di cinquecento sculture oltre ad opere plastiche di vario tipo, disegni e grafica. Opere di Cortelazzo si trovano in varie città e musei come la Galleria internazionale d’arte moderna di Ca’ Pesaro, il MART e il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi appunto. Artista di ricerca, Cortelazzo, così come anche Mario Sironi, sperimentò ogni materiale: non smise di indagare le possibilità del bronzo ma lavorò anche la pietra, l’alabastro, l’onice, perfino la cartapesta e la resina. Amò molto il ferro e il legno, ai quali spesso tornava. Sviluppò una personalissima idea di figurazione indiretta, basata sul suggerire stimoli visivi sui quali ogni spettatore potesse costruire una sua propria immagine, frutto del dialogo con la sua fantasia e la sua cultura. La mostra, curata da Luciano Gemin, architetto, collaboratore di Carlo Scarpa e grande amico di Cortelazzo, propone ventidue sculture messe a confronto con ventidue dipinti di Mario Sironi, tra cui il bellissimo Ritratto di Boccioni in trincea, dipinto quando Sironi e Boccioni condivisero i duri momenti della trincea durante la prima guerra mondiale e Il mio funerale piccola e struggente opera in cui Sironi immaginava il suo funerale con il carro funebre seguito da uno sparuto gruppo di persone: in effetti la sua previsione si avverò, morì a Milano in agosto e al suo funerale assistettero pochi intimi amici. Il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi custodisce nelle sue sale oltre novanta opere del pittore sassarese, quasi tutte appartenenti agli anni ’40 e ’50. Sono anni particolarmente difficili per Sironi, deluso dalla deriva totalitaria e dal successivo crollo dell’ideologia fascista, straziato dalla morte della figlia, le opere che dipinse in questi anni, ispirate dal paesaggio montano di Cortina, sono intense e dure, di grande forza espressiva. Pur non essendosi mai incontrati di persona, molte sono le analogie che è possibile ravvisare nel lavoro di Sironi e Cortelazzo. Entrambi approfondirono con interesse ed attenzione l’arte contemporanea a loro, parteciparono, pur con il carattere schivo che li contraddistingueva, ai fermenti artistici e alle ricerche dei propri anni. Il loro animo sensibile li portò ad affrontare, nei propri lavori, tematiche esistenziali, pur con esiti stilistici differenti. L’opera di Sironi poi, pur utilizzando la pittura come mezzo espressivo, è estremamente scultorea, soprattutto negli anni di cui sono testimonianza le opere in mostra. Le montagne

Pur non essendosi mai incontrati di persona, il loro lavoro presenta tratti comuni, il loro sensibile li portò ad affrontare, tematiche esistenziali, solopur con esiti stilistici differenti di Cortina, così forti e massicce, ispirarono molto il pittore e gli suggerirono un tratto altrettanto forte e dai volumi definiti per dare forma alle proprie sensazioni. Anche per Cortelazzo intensa fu l’esigenza di trovare, come scrisse il critico Mazzariol, nella materia la propria possibilità di essere messa in forma.

venezia

Impianti Tecnologici Civili e Industriali

Ca’ Rezzonico

Arredo bagno Pavimenti Rivestimenti Caminetti

Costruzione e Manutenzione Acquedotti e Fognature Energie Alternative

IMPIANTI TECNOLOGIE SERVIZI S.r.l. sede: Via dell’Artigianato, 2 Cavarzere VE tel. 0426 52646 fax 0426 310128 SHOWROOM “ il Palladio” Via Mazzini, 13 Cavarzere VE te. 0426 310158 fax 0426 318504

www.itstecnologie.it

una MoStra Per riScoPrire Pietro Bellotti

P

ietro Bellotti è l’ultimo nome di una dinastia famigliare già di per sé affascinante e ‘complicata’ dove tutti sono pittori, per di più specializzati in vedute. Bernardo Bellotto è suo fratello, Canaletto suo zio e forse sono stati i loro nomi ad eclissare il pur bravo Pietro. Per lungo tempo ritenuto un vedutista marginale oggi finalmente, grazie anche a recenti studi che ne hanno riabilitato il nome all’interno dell’arte veneziana del ‘700, Ca’ Rezzonico ospita la sua prima mostra monografica. L’esposizione curata da Charles Beddington, Alberto Craievich e Domenico Crivellari riunisce per la prima volta quarantatre dipinti provenienti da collezioni private europee e statunitensi, che ricostruiscono il percorso artistico di Bellotti, documentando con la maggior ampiezza oggi possibile il suo vasto repertorio figurativo. Faranno inoltre parte dell’esposizione, allestita nelle scenografiche sale al primo piano di Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento veneziano, i pochi dipinti firmati dal pittore e l’eccezionale nucleo di diciassette tele con vedute delle principali città europee, alcune delle quali firmate sul retro, il cui percorso collezionistico è documentato dal XVIII secolo: si tratta dei ‘dipinti pilota’ da cui è iniziata, a partire dal 1952, la riscoperta dell’artista. Il pittore, attraverso uno stile autonomo e personale, elabora le invenzioni di Canaletto ampliando il tradizionale repertorio veneziano con numerose vedute delle più importanti città d’Europa - oltre ad alcuni capricci architettonici - e rivelando, attraverso le opere oggi a lui attribuite, una personalità più complessa di quanto si potesse sospettare in passato.


Crucipiazza 23

38 Crucipiazza Azzurra Edizioni S.a.s. - C.P. 93/B - 35028 Piove di Sacco (PD)

>info@azzurraedizioni.com<

Il Puzzle Heidi Klum

l’INTARSIO Inserite all’interno dello schema le parole elencate in modo da completare il cruciverba. 3 LETTERE ASI - DAR - EVA - GEO - GPS ILA - ONU - PST - RAG - SEI TBC - UHI - URA 4 LETTERE ACRI - ALCE - ALEA - ARAL JEEP - PARC - TOTA 5 LETTERE ETHOS - LECCE - PINOT SAPOR - SUDAN - TAZZA TECCA 6 LETTERE GETICI - IPOPIO 9 LETTERE TRANSUNTO 10 LETTERE JAZZISTICO

BIONDA ELEGANTE FIGLI FIRMA FORBES

GUEST HAIR - ISSUE MIAMI MODA MONDO

PARIGI PRIMA PROGRAMMA RIC - RIVISTE SEAL

SHOW SPORTS STAR STUDI SUPER

Aforismi sull’Amore

Chiave (8) - È di origini..........................................................................................

Gli Animali • Due pulci escono da teatro sul tardi e una dice, sbadigliando, all’altra: “Mamma mia! Con questo freddo dobbiamo far-

ci un chilometro di notte per tornare a casa!” “No.” Dice l’altra. “Non ti preoccupare, aspettiamo qui che prendiamo il cane di mezzanotte.” • Una mucca dice ad

un’altra mucca: “Cos’hai?” E l’altra: “Sono preoccupata per il morbo della mucca pazza. E tu? Non sei preoccupata?” “Io? No! Tanto sono un cavallo.”

• L’amore è la gioia di vivere. E’ l’unica stella che brilla nel cielo. • L’amore è come un profumo: facile da mettere, difficile da togliere e impossibile da dimenticare. • L’amore è l’adrenalina della vita, è ciò che ci fa volare in alto, che ci rinnova,

che ci fa mancare il fiato, che ci fa battere il cuore a mille, ma a volte ci fa anche morire dentro, ci lacera l’anima e ci strugge dal dolore. Ma nonostante tutto nessuno può farne a meno. • Non voglio toglierti l’aria, ma solo darti il mio respiro.

Il Gioco del Mese

Aism, AssociAzione iTALiAnA scLerosi MuLTipLA, e i notAi ti invitAno A pArtecipAre AgLi inconTri grATuiTi per ricevere risposTe ALLe Tue doMAnde.

PER INFORMAZIONI suglI INCONtRI:

800.09.44.64 - www.aism.it

www.azzurraedizioni.com

La lettera A

Soluzioni

Questa pagina è offerta da:

Il Gioco del Mese

Con il patrocinio e la collaborazione del

Giochi e tanto divertimento!


i nostri Esperti I nostri esperti 39

AFFARI DI FAMIGLIA

A cura dell’AVVOCATO FULVIA FOIS

Cos’è il sexting

Cari Lettori e Lettrici, questo mese affronto il delicato fenomeno del SEXTING, una moda “negativa”, proveniente dall’America e diffusa negli ultimi anni anche in Europa, che purtroppo coinvolge prevalentemente i ragazzi/e dai 12 ai 18 anni di età ed ha per oggetto la diffusione di immagini a contenuto sessuale. Ma in concreto che cos’è il SeXting? come si diffonde? Perché il SeXintg è PericoloSo? Mi sono occupata di SEXTING anche recentemente in qualità di relatrice al convegno nazionale per la sensibilizzazione sui rischi internet indetto da Internet In Sicurezza con il patrocinio della Provincia di Treviso e di Educomun – Centro di Eccellenza per l’educazione ai media e alla comunicazione- tenutosi il 19 dicembre 2013 presso la Provincia di Treviso in occasione della premiazione del 3 Concorso Nazionale rivolto agli studenti delle scuole superiori presenti sul territorio e avente come titolo il SEXTING. Il termine Sexting deriva dalla fusione di due termini sex (sesso) e texting (pubblicazione di un testo) ed indica, così come evidenziato anche su siti importanti quale quello di telefono azzurro “l’invio e/o la ricezione e/o la condivisione di

testi, video o immagini sessualmente esplicite o comunque inerenti la sessualità”. Le modalità con cui avviene la diffusione del materiale sono molteplici e tra loro eterogenee, potendo realizzarsi sia con la trasmissione attraverso siti internet, e – mail, social network o, più semplicemente, con l’invio di sms o mms mediante telefono cellulare. La pericolosità del sexting va individuata in una serie concatenata di fattori, tra i quali spiccano certamente il contenuto sessuale delle immagini condivise, la circostanza che in prima battuta i giovani sentiti sulla questione ritengono di “non vederci nulla di male” inconsapevoli della gravità del loro comportamento, nella diffusione incontrollata di quanto inviato tramite l’utilizzo della rete e dei social network, nell’incrementare il mercato della pornografia minorile e il rischio concreto per i minori di essere soggetti a ricatti e abusi di vario genere. A ciò si aggiunga che, il più delle volte, i ragazzi coinvolti “quasi per scherzo” anche in danno di propri coetani non sono consapevoli di trasmettere materiale dal contenuto pornografico. Sul punto si consideri però che dall’ottobre 2012 il legislatore italiano ha introdotto nel Codice

LO SPAZIO DELL’ETICA

Analisi di aonale

Penale un’espressa definizione di materiale a contenuto pedopornografico ricomprendendovi “…ogni rappresentazione, con qualunque mezzo, di un minore degli anni diciotto coinvolto in attività sessuali esplicite, reali o simulate, o qualunque rappresentazione degli organi sessuali di un minore degli anni diciotto per scopi sessuali”. Il SEXTING E’ REATO? COSA FARE PER TuTElARSI DAl SEXTING? Il sexting, nella misura in cui consiste nel ritrarsi in atteggiamenti sessualmente provocatori o in atti sessuali, e nell’inviare ad altri soggetti, attraverso sms o altri mezzi, la propria immagine così creata, non integra di per se stesso un reato penalmente previsto e dunque sanzionato dal nostro ordinamento. E’ per lo più quella condotta che viene posta in essere dopo l’adescamento del minore in internet che, carpita la sua fiducia, invia immagini o materiale dal contenuto sessualmente esplicito a un adulto che a sua volta può porre in essere altre condotte penalmente rilevanti quali ad esempio la detenzione di materiale pedopornografico, la pornografia minorile, la violenza sessuale. Nell’ipotesi in cui un minore venga coinvolto

tiraKKina®

Anselm Zurfluch, docente incaricato presso l’Università di Avignone analizza in “Empfängnisverhütung”(hänssler 2000) alcuni motivi che re la speranza all’umanità è Gesù e il Suo buon senso, di cui il Vangelo sovrabbonda.

in un fenomeno di sexting è necessario che lo stesso si confidi con un adulto di sua fiducia, denunci immediatamente all’Autorità Giudiziaria i fatti con dovizia di particolari e soprattutto non cancelli foto/filmati/ messaggi inviati e ricevuti sia perché inutile a lavare il proprio senso di colpa e vergogna ma, soprattutto, perché potrebbe cancellare prove importanti contro il soggetto che si è reso responsabile di condotte penalmente rilevanti. Vi chiedo di scrivermi anche in privato per raccontarmi cosa ne pensate, se siete o meno mai stati vittima di sexting e cosa avete fatto. Colgo l’occasione per AUGURARVI UN 2014 ricco di emozioni positive, prosperità, felicità e salute. Se lo desiderate segnalatemi i Vs casi e/o le Vs questioni di maggiore interesse all’indirizzo mail: affaridifamiglia.lapiazza@gmail.com autorizzandomi espressamente anche alla riproduzione parziale del testo da Voi inviatomi.

di Magdalena Buszynska (magda.bus@gmail.com)


32 40 I nostri esperti MESSAGGIO PUBBLICITARIO

COCKTAILS

PSICOLOGIA DEL LAVORO

La gestione del tempo

by Paolo Marani

DOTT. LARA TASSO - Psicologo del Lavoro – e-mail: lara.tasso@libero.it

CAIPIRISSIMA DOTT. CAVALLARI INGREDIENTI:

RUM BARCELLO, LIME, ZUCCHERO DI CANNA, SPRITE, GHIACCIO TRITATO

PAOLO MARANI

INFO@TERRAZZAINPIAZZA.IT

LA RICETTAPIEDINO Salotto e ristorante Piazza garibaldi, 6 Adria www.terrazzainpiazza.it

e v i L i t n e Ev

lounge bar ennaio g 4 2 i d r e n e V a piZZeri 1 7 r e li tf ib a ) a i r e (Tri b u to piadin aio ria b r u S c h e t t e orto S a b a t o 2 5 g e n n anche per asp 0426 310213

ì il 2°e 4° veneersde di ogni m

il CERVELLONE

ì ogni gioved

SiSmica raio Sabato 1 febb white Voice raio Sabato 8 febb b o l l i c i noero s s i)

KARAOKE

domenica dlle

18:00

APERITIVO LOUNGE

domenica

Seguci su:

io Tutto il miglior caRlcMO! su MAXI SCHE

re (V e) if ic io ) c av ar ze er h cc Zu x (e 292838 V ia c av ou r, 18 • C e ll . 3 3 9 6 13 2 10 3 6 2 4 Te l. 0 edì c h iu so il lu n

(t ri b u to v a s c

bbraio Venerdi 14 fe x i g l a S S a n i m eli gianb upe )l e (t ri b u to

braio Sabato 15 feb c a i radioacuSt

FLAN DI RASPADURA CON PORCINI CRUDI AL BALSAMICO E PORRI FRITTI INGREDIENTI: 50 GR. DI BURRO, 20 GR. DI FARINA 00, 125 GR. DI LATTE, 2 UOVA, 75 GR. DI RASPADURA (FORMAGGIO

GRANA CON SOLI 3 MESI DI STAGIONATURA TAGLIATO

IN FOGLI SOTTILISSIMI GRAZIE AD UN’APPOSITA LAMA),

PRENOTATI !!!

Saper gestire il proprio tempo (time management) è una abilità molto importante per riuscire a portare a termine con successo i propri obiettivi, senza rischiare un negativo eccesso di stress e una inutile dispersione di risorse. La frenesia di tutti i giorni, tuttavia, rende questo non sempre facile, e spesso i piani della giornata o della settimana vengono solo parzialmente raggiunti, aumentando le cose da fare nelle volte successive. Per facilitare la gestione del tempo, indicherò di seguito alcuni suggerimenti. In primis, è bene fare una lista scritta delle attività da svolgere, tagliandole una ad una appena terminate. E’ bene, inoltre, che gli obiettivi siano realistici e raggiungibili. Uno studente che, per esempio, deve organizzare lo studio in vista di un esame, non potrà pianificare di studiare in un giorno duecento pagine, se in media riesce a farne cinquanta. Porsi obiettivi non realistici comporta, infatti, sconforto e abbandono del compito. Per programmare bene i propri impegni, è fondamentale conoscersi bene, tenendo conto che è importante prendersi delle pause e dei momenti di stacco. Alcune persone, per esempio, rendono meglio di mattina (morning people), mentre altre hanno livelli più alti la sera (evening people): capire a quale gruppo si appartiene permette di concentrare, se possibile, i compiti che richiedono più sforzo nel momento della giornata in cui siamo più produttivi. Dopo pranzo, inoltre, è bene ridurre i compiti che richiedono un maggiore sforzo cognitivo, in quanto le risorse del nostro organismo sono concentrate nella digestione. Un altro importante aspetto, è di dare una diversa priorità ai compiti da svolgere, così da distinguere quelli che devono assolutamente essere terminati, da quelli che è possibile procrastinare. Teniamo anche conto che, dove è possibile, è bene delegare, sia in campo lavorativo sia domestico. Si pensi, per esempio, all’importanza dell’equa distribuzione dei compiti tra moglie e marito nella gestione della casa. Quando si pianifica, è bene stimare quanto tempo si pensa di dedicare a ciascun compito, stando pronti a modificare il proprio programma in itinere, nel caso in cui ci renda conto di aver sottostimato o sovrastimato il carico di lavoro. E’ sempre bene tener conto di possibili imprevisti, che possono ritardare il programma. Per questo, è consigliabile non riempire ogni momento della giornata di cose da fare. Ricordiamo, inoltre, di lasciare il giusto spazio agli affetti, alle relazioni interpersonali, e anche ai momenti vuoti di attività, ma pieni di significato, poiché ci portano a pensare e riflettere.

I CONSIGLI DI PAOLO

4 PORCINI FRESCHI MEDIO-PICCOLI, 4 CUCCHIAI DA

ZUPPA DI OLIO EXTRAVERGINE, 2 CUCCHIAI DA CAFFÈ

DI ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI MODENA, LA PARTE BIANCA DI 1 PORRO.

ESECUZIONE IN UN TEGAME IN ALLUMINIO ANTIADERENTE, FONDERE IL BURRO E UNIRE LA FARINA, FRUSTARE PER AMALGAMARE E AGGIUNGERE IL LATTE; SALARE E CUOCERE A FUOCO DOLCE SEMPRE FRUSTANDO FINCHÈ NON COMINCERÀ A BOLLIRE, SPEGNERE IL FUOCO ED UNIRE LA RASPADURA. MESCOLARE FINO A COMPLETO SCIOGLIMENTO ED AGGIUNGERE I DUE ROSSI D’UOVO, TENENDO DA PARTE I BIANCHI. INTANTO TAGLIARE IL PORRO IN DUE TRONCHETTI DI CIRCA 8 CM., DIVIDERLI E POI TAGLIARLI ALLA JULIENNE FINISSIMA PER IL LUNGO. METTERLI A BAGNO IN ACQUA FREDDA. PRENDERE I DUE BIANCHI D’UOVO E PORLI IN UNA CIOTOLA DI ACCIAIO, QUINDI APPOGGIARLI IN UN BAGNOMARIA TIEPIDO E ROMPERLI CON L’AIUTO DI UNA FORCHETTA; VERSARLI NEL COMPOSTO PREPARATO IN PRECEDENZA, SISTEMARLO DI SALE E DIVIDERLO IN 4 CIOTOLOINE DI ALLUMINIO IMBURRATE; CONSERVARLI IN FRIGORIFERO. SCOLARE I PORRI E FARLI ASCIUGARE IN UN COLINO PER POCHI MIN., DEVONO RESTARE UMIDI MA PERDERE L’ECCESSO DI ACQUA, INFARINARLI E FRIGGERLI IN OLIO NON TROPPO CALDO AFFINCHÈ SECCHINO SENZA COLORARE. ACCENDERE IL FORNO A 210° E POSIZIONARVI UNA PLACCA PIENA DI

ACQUA PER FARE BAGNOMARIA, QUANDO SARÀ IN

TEMPERATURA METTERVI A CUOCERE I FLAN PER 12 MIN.;INTANTO MONDARE E SPAZZOLARE PER BENE I

PORCINI E TAGLIARLI A FETTE IL PIÙ SOTTILE POSSIBILE, DISTRIBUIRLE U 4 PIATTI PIANI E FREDDI, SALARE,

PEPARE E CONDIRE CON OLIO E ACETO BALSAMICO PRECEDENTEMENTE MESCOLATI. QUANDO I FLAN

SARANNO PRONTI (DEVONO ESSERE ANCORA UN PÒ CRUDI NEL LORO INTERNO) GIRARLI AL CENTRO DEI

PIATTI E METTEVI SOPRA UN CIUFFO DI PORRI FRITTI.

MESSAGGIO PUBBLICITARIO


Promo Studio Rovigo

messaggio pubblicitario

Lorenzo Belloni

La Camera di Commercio di Rovigo e Padova Promex per l’internazionalizzazione delle imprese polesane La Camera di Commercio di Rovigo, sottolinea il presidente Lorenzo Belloni, ha da tempo avviato un rapporto di collaborazione con Padova Promex, l'azienda speciale della Camera di Commercio di Padova per l'internazionalizzazione, per realizzare iniziative atte a supportare le imprese polesane sui mercati esteri,

grazie a questa collaborazione, nel 2013 abbiamo realizzato due missioni imprenditoriali, all'estero, che sono state ideate e organizzate sulla base di una specifica progettualità e che sono state dirette verso paesi che possono offrire sbocchi interessanti per le aziende del Polesine. La prima missione, che avuto anche un carattere istituzionale, è stata quella che si è recata in Serbia e Montenegro dal 4 al 7 novembre, organizzata in collaborazione con Unindustria, grazie ai contatti intervenuti con la Camera di Commercio di Belgrado, una cui funzionaria ha effettuato un stage a Rovigo nell'ambito del progetto "Talenti stranieri in Italia", finanziato dal Fondo di perequazione e realizzato nelle primavera di quest'anno dalla nostra azienda speciale Polesine Innovazione. La seconda missione che si è recata negli Emirati Arabi dal 24 al 27 novembre scorso, è stata il naturale seguito del progetto “Attrazione di imprese matricole nei percorsi di internazionalizzazione in provincia di Rovigo“, realizzato nell'anno 2012 con il cofinanziamento del Fondo di perequazione e con la collaborazione di Padova Promex, perché, dopo una fase formativa, far fare ad alcune imprese un'esperienza concreta di esplorazione di un mercato estero, anche consentendo loro di visitare una grande manifestazione espositiva internazionale, come la fiera “The Big Five”. Le due missioni hanno visto una larga partecipazione di imprese polesane, le quali hanno valutato positivamente l'esperienza fatta e i risultati conseguiti. non solo: esse hanno incominciato a relazionarsi tra di loro, ponendo così le premesse per un sistema territoriale che potrà portare a interessanti sviluppi. In una fase di marcata recessione della domanda intera, sottolinea il presidente Belloni, l'internazionalizzazione è il solo fattore che consenta alle imprese di poter essere performanti e competitive e di poter contare su reali prospettive di crescita. Per questo motivo, la Camera di Commercio di Rovigo, auspicando di poter contare ancora sulla collaborazione di Padova Promex, darà continuità al proprio impegno per ampliare la platea delle aziende polesane che operano sui mercati internazionali, in modo da accrescere il tasso di apertura verso l'estero del sistema produttivo provinciale, che deve internazionalizzarsi per essere più competitivo e poter contare su maggiori opportunità di sviluppo per il futuro. Guerrino Gastaldi - Presidente Padova Promex: la collaborazione in atto tra Padova Promex, Azienda Speciale della CCIAA di Padova, e la CCIAA di Rovigo con lo scopo di favorire percorsi di internazionalizzazione delle imprese polesane, si è concretizzata quest’anno con l’accompagnamento di una delegazione di aziende a Dubai, iniziativa che ha raccolto grande soddisfazione da parte dei partecipanti, nonché con l’organizzazione di una missione istituzionale ed imprenditoriale in Serbia e Montenegro. Ci auguriamo che tale sinergia possa proseguire nel futuro, con attività sempre più mirate allo sviluppo dell’area polesana oltre confine.

MISSIOnE In MOnTEnEgRO E SERBIA 4 - 7 novembre 2013 (Podgorica - Belgrado)

La proposta di organizzare una “missione imprenditoriale ed istituzionale in montenegro e serbia 2013” è stata avanzata da Unindustruia Rovigo, grazie ai contatti con una funzionaria della Camera di commercio di Belgrado, che ha ha effettuato nella primavera di quest'anno uno stage presso gli uffici dell'Associazione, grazie a un progetto realizzato, con il contributo del Fondo di Perequazione intercamerale, dalla Camera di commercio di Rovigo. Questo progetto si è imperniato sul corso superiore “Spring School on International Commercial Trade and Financial Law” - sul tema del diritto del commercio internazionale, che ha coinvolto 10-15 studenti stranieri, provenienti dall’Area dei Balcani. La Spring School, tenutasi nel mese di giugno 2013, ha visto la compartecipazione di UnindustriaRovigo, la Camera di Commercio Rovigo, il CUR ed il Dipartimento dell’Economia dell’Università di Padova. La missione. pertanto e stata ideata ed attuata in stretto raccordo con l'Ente camerale, ione di Unindustria Rovigo e Padova Promex con il coinvolgimento della Camera di Commercio di Belgrado, dell'Unindustria Serbia e dell’Ambasciata Italiana a Podgorica. La missione plurisettoriale ha avuto luogo dal 4 al 7 novembre 2013 e si e focalizzata su due aree dei Balcani: il Montenegro e la Serbia. La tappa del Montenegro e stata prevista a seguito di una precedente missione esplorativa di Unindustria Rovigo, che a maggio 2013 aveva realizzato una missione esplorativa con i maggiori rappresentanti del comparto edilizio. Alla missione in Serbia Montenegro hanno partecipato nove imprenditori polesani, accompagnati da rappresentanti di Unindustria Rovigo e di Confindustria Serbia. In Montenegro, a Podgorica la rappresentanza imprenditoriale polesana ha avuto odo di apporfondire le prospettive di sviluppo di quel paese grazie agli inocntri avuti con Ambasciatore Italiano, i responsabili locali della European Bank for Reconstuction and Delevelopment e con il Ministero della Pesca ed Agricoltura visto il forte interesse del Distretto Ittico di Rovigo. In Serbia, i nostri imprenditori hanno avuto modo di dialogare con i rappresentanti delle istituzioni locali, della Camera di Commercio di Belgrado, dell’Ambasciata Italiana, dell' Ufficio ICE e della Camera di Commercio Italo-Serba(Oliver Lepori). Questi incontri si sono conclusi con la sigla dell’Accordo di Collaborazione tra Unindustria Rovigo e la Camera di Commercio di Belgrado. Sono stati effetuati, inoltre, circa una cinquantina di incontri bilaterali tra imprese polesane e serbe La missione ha rappresentato un’occasione significativa per approfondire le opportunità offerte dai mercati montenegrino e serbo. Le Autorita locali hanno accolto con grande interesse l’iniziativa polesana, auspicando che da essa nascano partnership strutturare e durature. Unindustria Rovigo, congiuntamente a Confindustria Serbia, intende promuovere azioni di follow up con il coinvolgimento diretto delle imprese interessate. Tra i settori di maggiore interesse su cui concentrare gli sforzi, sono statri individuati: la filiera dell'agroalimentare e pesca, le infrastrutture idriche ed energie rinnovabili, le materie plastiche e riciclaggio e della logistica.

MISSIOnE ESPLORATIVA A DUBAI 24 - 27 novembre 2013

A seguito del Progetto "Attrazione di imprese polesane nei percorsi di internazionalizzazione" del 2012, che ha visto l’individuazione delle aziende polesane potenziali esportatrici, la Camera di Commercio di Rovigo, assieme a Padova Promex, azienda speciale della Camera di Commercio di Padova con la quale l'Ente camerale rodigino è convenzionato per le attività rivolte all'estero, ha inteso proseguire l'itineratrio avviato tramite il progetto “Sviluppo di percorsi di internazionalizzazione per le imprese polesane, in prosecuzione del Progetto Matricole”. A continuità del Progetto Matricole, che ha visto coinvolti con ricerche di mercato gli Emirati Arabi ed il Qatar, nell’ambito di questo nuovo progetto è stato organizzato il giorno 17 ottobre 2013, presso la CCIAA di Rovigo, un seminario informativo sui due mercati, nel quale è intervenuto il segretario generale della Camera di Commercio Italiana per gli Emirati, dott. Mauro Marzocchi. In seguito a ciò, il cuore del progetto ha previsto la realizzazione di una missione esplorativa a Dubai, durante la quale i partecipanti hanno avuto una prima presa di contatto con operatori esteri, tramite l’organizzazione di colloqui B2B. Sono state selezionate, tramite anche la collaborazione della Camera di Commercio Italiana per gli Emirati, 6 aziende polesane, appartenenti ai settori: lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi, produzione macchinari ed impianti di lavorazione frutta e verdura; produzione e commercio mobili ed arredamento; produzione resine; turismo; produzione seggiolini da auto per bambini. Le aziende sono partite per Dubai il giorno 24 novembre. Il 25 novembre hanno avuto luogo gli Incontri con operatori emiratini pre selezionati secondo un’agenda pre-organizzata di appuntamenti; sono stati organizzati nel complesso 26 incontri B2B tra operatori polesani ed operatori emiratini. Il giorno successivo, gli operatori polesani hanno partecipato ad un incontro informativo con un consulente fiscale ed un consulente bancario locali, che hanno illustrato come operare a livello fiscale e bancario nel Paese. Le aziende polesane, inoltre, hanno avuto la possibilità di visitare la fiera internazionale The Big Five, durante la quale vi è stata la possibilità di incontrare ulteriori operatori esteri. Vi è stata un’alta soddisfazione delle aziende partecipanti verso l’iniziativa e vi è la volontà di ripetere un’esperienza simile, coinvolgendo eventualmente anche altri Paesi.


SI a zona Bellissimo mento di ostruzione, su ato di poche sposto su due mposto da no, cucinotto, e da letto, 2 garage. getica “E”. 50.000 if.A0648

VENDESI Zona centrale Appartamento al 2° ed ultimo piano, su due livelli, in ottime condizioni, abitabile fin da subito, composto da cucina, soggiorno, 1 camera da letto, 2 bagni, ripostiglio e 2 terrazzi. Classe energetica non definita “G”. Euro 130.000 Rif.A1150

 

VENDESI In zona residenziale, Bifamiliare di prossima costruzione, disposta su due livelli, di ampia metratura, con ottime finiture, garage e giardino di proprietà, dotata di tutti i conforts e con possibilità di personalizzarla. Classe energetica “B”. Info in agenzia

 

VENDESI A pochi passi dal centro, adiacente ai giardini pubblici, villa   singola di ampia metratura, già adibita a due porzioni di bifamiliare completamente indipendenti, con quattro garages ed ampio giardino ben curato ed in parte piantumato. Classe energetica non definita “G”. Info in agenzia Rif.A1013 e A1014.

VENDESI VENDESI VENDESI   Villa singola al piano terra, di mq.235 con soggiorno/ Zona ex Curtiriso, Casa accostata di ampia metratura,   Zona Duomo, Appartamento al piano 1° composto da sogpranzo, cucina, studio, 3 letti, 2 bagni, ripostiglio, centrale su due livelli, composta da ingresso, soggiorno, termica con lavanderia, garage, soppalco su garage con cucina, cucinino, 4 camere da letto, 2 bagni, garage, giorno, cucina, 2 camere da letto bagno, ripostiglio e garage. 2 vani letto, bagno, ampio giardino di circa mq.1.000 cantina e giardino esclusivo. Classe energetica non Classe energetica non definita “G” Prezzo molto interessante. completamente piantumato e parzialmente recintato. Classe definita “G”. energetica non definita “G”. Info in agenzia Rif.A1255 Euro 160.000 tratt. Rif. A1066 Euro 70.000 Rif.A1119

VENDESI In zona Carbonara splendida villa singola, di mq.330, in ottime condizioni strutturali, disposta su tre livelli con   annesso scoperto adibito in parte a giardino piantumato ed in parte ad accesso all’autorimessa e parcheggio esterno. Classe energetica non definita “G”. Info in agenzia. Rif. A0188

VENDESI VENDESI VENDESI     Zona centralissima, a pochi passi dal Duomo e dal In zona residenziale, Appartamento al piano terra con A due minuti dal centro, Appartamento al piano 3   centro storico, su palazzina di prossima realizzazione, livello sfalsato tra zona giorno e zona notte, in ottime composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 1 Appartamenti di varie tipologie e prestigioso attico, serviti condizioni, composto da cucina, salotto, 2 camere da camera matrimoniale, 1 camera doppia, bagno, ampia da ascensore e con possibilità di garage. Ottime finiture e letto,, bagno, cantina, garage. Classe energetica non cantina e garage. Classe energetica non definita “G”. con possibilità di personalizzarli. Consegna fine 2014. definita “G”. Euro 160.000 Rif.A1047 A partire da Euro 117.000 Rif.A0955 Euro 95.000 Rif.A1304

VENDESI VENDESI VENDESI VENDESI     A due passi dal Duomo, in residence tranquillo e di poche In zona Ospedale bellissimo appartamento al piano 1°, Casa accostata su due livelli con al piano terra cucina, In zona ospedale, splendida Villa singola, di ampia metratura, su due livelli, completamente ristrutturata a nuovo, dotata di unità, schiera finale di ampia metratura disposta su tre livelli,  completamente ristrutturato a nuovo, con entrata, sala, soggiorno, ripostiglio e bagno, al piano 1° 2 camere tutti i conforts, con ingresso, sala, ampia cucina, 3 camere   con entrata, cucina, salone, 4 letti, 3 bagni, terrazzo di da letto e ripostiglio, nonchè garage e giardino sia salotto, cucina abitabile, 2 letti matrimoniali, bagno, da letto, 2 bagni, terrazzo di mq.12, garage e giardino ben mq.18 e 2 garages. Prezzo davvero interessante. Classe davanti che nel retro. Classe energetica “F”. terrazzo, cantina, posto auto e giardino esclusivi. Classe curato, con impianto automatico. Classe energetica n Euro 150.000 Rif.A1061 energetica non definita “G”. Rif.40085651 energetica non definita “G”. Euro 160.000 Rif.A1305 on definita “G”. Info in agenzia Rif.A1195

 

VENDESI Zona Carbonara, a due minuti dal centro, Attico di ampia metratura, composto da ingresso, salone, sala, cucina, 3 camere da letto matrimoniali, bagno, 2 terrazzi e garage. Classe energetica non definita “G”. Euro 195.000 tratt.   Rif-A1312

VENDESI VENDESI VENDESI VENDESI VENDESI     A pochi passi dal centro storico Villa singola di   Zona residenziale, tranquilla, ma nelle vicinanze del centro, Casa   In zona centrale Appartamento al piano terra e primo, in Zona Carbonara, Appartamento al piano secondo rial-   Villetta a schiera centrale, in buone condizioni, disposta tre livelli con cortile esclusivo fronte e retro, composta mq.180, disposta su due livelli, con ingresso, cucina, singola su due livelli di circa mq.240, composta da ingresso, residence tranquillo ed elegante, con ingresso indipendente, zato, composto da ingresso, cucina, salotto, corridoio, 2 su da cucinino, salotto, 2 camere da letto, 2 bagni, locale soggiorno, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo, can- cucina, 2 camere da letto matrimoniali, 2 bagni, ripostiglio, sala composto da soggiorno-angolo cottura, sottoscala, 2 letti, ba- camere da letto, bagno, ampio terrazzo, cantina, garalavanderia e garage doppio. tina, ripostiglio, 2 garages e giardino di proprietà ben sbrigo, 2 comodi garages ed ampio giardino di circa mq.800. gno, terrazzo e posto auto esclusivo. Classe energetica “F”. ge e posto auto. Classe energetica non definita “G”. Classe energetica non definita “G”. curato ed in parte piantumato. Classe energetica non Possibilità di creare 2 unità indipendenti. Classe energetica “G”. Euro 140.000 Rif.A0326 Euro 160.000 Rif.A0886 Euro 130.000 tratt. Rif.A1139 definita “G”. Info in agenzia Rif.A1281 VERO AFFARE Rif.A1097

ADRIA PERIFERIA

VENDESI A pochi chilometri da Adria Casa singola disposta su due livelli, completamente ristrutturata e composta da ingresso, cucina, soggiorno, ripostiglio, disimpegno, 2 camere da letto, bagno, garage, accessori esterni di circa mq.40 e giardino di proprietà,  ben curato ed in parte piantumato. Classe energetica “F”. Euro 115.000 Rif.A0229

VENDESI A pochi chilometri da Adria splendida Villa singola, completa-   mente ristrutturata a nuovo, disposta su due livelli, composta da soggiorno con bellissimo caminetto, cucina, bagno, taverna, garage e porticato al piano terra, 2 camere da letto e bagno al piano primo, con giardino ben curato ed in parte piantumato. Classe energetica “D”. Euro 195.000 tratt. Rif.A1078

VENDESI VENDESI   In località Papozze Casa singola su due livelli, A Villadose in zona residenziale e tranquilla, a due passi dal ristrutturata negli anni ‘90 composta da soggiorno, centro, Appartamento di recente costruzione, disposto su due   cucina, 2 ampie camere da letto, 2 bagni, piccolo livelli, con ingresso indipendente, dotato di tutti i conforts, disimpegno, garage e scoperto di proprietà di con giardino esclusivo ben curato ed illuminato, porticato, circa mq.160. Classe energetica non definita “G”. ampia cantina e garage. Finiture medio/alte. Classe energeEuro 120.000 Rif.A1187 tica non definita “G”. Euro 150.000 Rif.A1241

e-mail: adria@gabetti.it Nuovo sito web: www.gabettiadria.it Seguici su facebook: Adria Gabetti Casa

VENDESI VENDESI VENDESI Località Cavedon Casa accostata di ampie dimensioni,   Località Bellombra Villa singola, molto bella, curata nei   In località Baricetta Casa singola di nuova costruzione, di su due livelli, in ottime condizioni, con ingresso, sala, minimi particolari, su due livelli, con ingresso, soggiorno, ampia metratura su due livelli, composta da cucina, salone,   soggiorno con camino, cucina, 2 ripostigli, 2 camere cucina, lavanderia, 3 camere da letto, bagno, garage taverna, 3 letti, 2 bagni, lavanderia, garage ed ampio da letto, 1 studio, 2 bagni, garage e giardino sia daed ampio giardino. Classe energetica non definita “G”. giardino ben curato ed in parte piantumato. vanti che nel retro. Classe energetica non definita “G”. Classe energetica “C”. Info in agenzia Rif.A0835 Info in agenzia Rif.A1199 Vero Affare. Euro 180.000 tratt. Rif.A1186

VENDESI A Villadose zona residenziale Appartamento al piano primo con ampio garage al piano seminterrato, composto da cucina, soggiorno, ripostiglio, 2 camere da letto e bagno. Classe energetica non definita “G”. Euro 95.000 tratt. comprensivo della cucina. Rif.A1249

 

VENDESI CEDESI A Cavarzere Casa singola di complessivi mq.261 ubicata tutta al piano terra, costituita da 2 case accostate   In località Bottrighe Attività di distributore carburan-   completamente indipendenti, con annessi 2 garages e giardino si mq.5.500 ben curato ed in parte piantumato. ti, con licenza bar, gioco del lotto e rivendita tabacClasse energetica non definita “G”. chi. Vero affare. Info in agenzia Rif.A1269 Info in agenzia. Rif.A1315


sogno

per il tuo arredamento affidati al

www.patio.it


Messaggio Pubblicitario

Un giro all’interno della nostra esposizione per ammirare i mobili delle migliori aziende del mercato a prezzi che non avresti mai pensato di trovare Ti sbalordiremo!

Succede solo al PATIO Un’ OUTLET di marchi prestigiosi dove potrai trovare OCCASIONI IrrIpetIbIlI: •CUCINE •CAMERE •CAMERETTE •SALOTTI •SOGGIORNI e molto altro... La serietà di una grande azienda sul mercato da oltre 60 anni, premiata da prestigiosi istituti dell’arredamento. Abbiamo arredato migliaia di case in tutto il Veneto, Emiglia Romagna e non solo..... la soddisfazione dei nostri clienti è la nostra migliore pubblicità. pOrtO VIrO (rO) S.S. rOMeA KM. 68 tel. 0426 321260

AR R EDA L A T U A C A SA

FerrArA VIA MODeNA 250 - tel. 0532 731138

www.patio.it


Adria dic2013 n165