Page 1

DEPOSITO [NON] COMUNE NUOVI SPAZI PER IL COWORKING ALL' INTERNO DI UN DEPOSITO TRANVIARIO

Tesi di laurea specialistica in Architettura degli interni Facoltà di Architettura e Società Politecnico di Milano A.A. 2010 - 2011 Lucioni Viola matr. 734486 Mercogliano Valeria matr. 734949 Relatore Prof. Postiglione Gennaro


DEPOSITO [NON] COMUNE INDICE

ABSTRACT

p. 4

CAPITOLO 1 _ REUSE SPAZI VACANTI _ Il padiglione Olanda alla Biennale di Architettura 2010 a Venezia

p. 6 p. 8

CAPITOLO 2 _ MILANO CITTA' CREATIVA RISORSE SPAZIALI LA TEORIA DELLE TRE 'T' OFFERTA SOCIALE MILANESE

p. 12 p. 14 p. 16 p. 18

CAPITOLO 3 _ CASI STUDIO ANALISI _ Mappatura georiferita _ Storia ed Evoluzione _ Cronologia dell' evoluzione _ TEH _ Analisi OFFERTA SOCIALE MILANESE _ Tipologia prodotto creativo ATTIVITÀ E PROGRAMMI

p. 24 p. 26

CAPITOLO 4 _ DEPOSITI ATM MILANO DEPOSITI ATM _ Mappatura _ Depositi ATM in rete

p. 88 p. 90

p. 62 p. 74


CAPITOLO 5 _ DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE RILIEVO _ Fotopiano _ Prospetti esterni _ Prospetti interni ANALISI _ Analisi Spaziale _ NIL Ticinese _ Dati ISTAT _ Mappatura attività commerciali _ Compatibilità spazi - attività _ Ipotesi di programma PROGETTO _ Programma _ Profilo del coworker _ Spazi per il coworking _ Analisi _ Masterplan _ Planimetrie _ Piazza _ L'edificio a tre piani _ I negozi _ Ristorante _ Bar _ Il mercato

p. 116 p. 118

CONCLUSIONI

p. 216

BIBLIOGRAFIA / SITOGRAFIA

p. 218

p. 126

p. 142


DEPOSITO [NON] COMUNE ABSTRACT

Deposito [Non] Comune è un progetto con lo scopo di identificare, recuperare e riutilizzare gli edifici dismessi a Milano attraverso la realizzazione di uno spazio per la creatività. Da una ricerca sulla città è emerso che nonostante vi sia una vasta quantità di metri quadri non utilizzati e disponibili sottoforma di cascine, ex uffici, ex fabbriche, edifici pubblici, privati, la domanda di nuovi spazi di lavoro e di luoghi dello 'stare' all' interno dei quartieri già densamente costruiti, aumenta continuamente. La tesi, partendo da un' analisi approfondita di più di ottanta casi studio che hanno già affrontato il tema dell' utilizzo di edifici dismessi dove insediare dei 'centri creativi', delle Art Factories, si propone di ideare possibili programmi di utilizzo di questi spazi inutilizzati a seconda della tipologia architettonica e creare un sistema che metta in connessione cinque di questi all' interno della città di Milano. Deposito [Non] Comune si concretizza in un progetto pensato per uno degli elementi che compongono la suddetta rete milanese, ovvero il deposito ATM di via Pietro Custodi, e sia dal punto di vista architettonico che programmatico esso è fortemente legato a questo luogo e al suo contesto urbano. Deposito [Non] Comune nasce dalla volontà di dare una risposta concreta all' esigenza di nuovi spazi per il coworking che ormai rappresenta anche uno stile di vita ed un nuovo modo di vivere e di appropiarsi dello spazio pubblico visto anche come spazio di lavoro.

4


5


CAPITOLO 1 REUSE

6


Nell' epoca in cui viviamo sta avvenendo un sostanziale cambiamento nelle modalità di creazione e gestione della vita sociale nonchè in quelle di aggregazione nelle città, che stanno diventanto sempre più complesse ed articolate. Per questo motivo vi è la necessità di rinnovare i contenuti e i meccanismi di organizzazione della sfera pubblica, ovvero dell' insieme di tutte quelle iniziative e attività che coinvolgono la collettività. Ne consegue che il dibattito su tematiche relative al governo locale sia all' ordine del giorno ed è opinione diffusa il fatto che l' ideazione e la progettazione delle politiche pubbliche debba essere una pratica di partecipazione allargata ad una sinergia di diversi attori. La difficoltà purtroppo sta nel non poter ragionare sui bisogni della collettività: questi ultimi infatti sono troppo articolati e complicati da attribuire ad un singolo e specifico soggetto, e dunque si cade nell' impossibilità di programmare una precisa azione pubblica in maniera intenzionale, la quale invece si riconfigura come esito spesso imprevedibile dei molteplici processi che costruiscono l' interazione sociale. E così la collaborazione e la sinergia di diversi attori, accomunati tutti dalla volontà di soddisfare interessi collettivi, genera il rinnovamento delle politiche pubbliche attraverso proprio la creazione di opportunità che valorizzino la 'capacità del fare' e la creatività di ciascuno e consentano di sperimentare iniziative che producano in qualche modo effetti sulla collettività. In particolare l' ipotesi è che le risorse spaziali che la città offre sottoforma di edifici dismessi di varia natura, dai depositi ATM agli edifici per uffici agli ex-edifici industriali, siano delle fonti da cui ricavare stimoli ed ispirazioni, siano catalizzatori di attenzioni e di desideri progettuali. Questi ex-luoghi, spazi cioè che hanno perso una loro identità legata alla realtà per cui erano nati, sono 'luoghi di nessuno' in transizione verso nuove forme di definizione da parte dell' esperienza di tutti. Tali aree possono diventare occasione di progetti di riuso sociale, teatro di iniziative ed eventi nei quali si creano le condizioni adatte allo sviluppo di interazioni tra istituzioni e parti sociali nella creazione di nuove forme e contenuti per la sfera pubblica.

7


DEPOSITO [NON] COMUNE REUSE SPAZI VACANTI

L' installazione 'VACANT NL' nel padiglione Olanda ia Giardini, realizzata in occasione della Biennale di Architettura 2010 a Venezia, è fedele al tema della mostra 'People meet in architecture', e propone in termini intellligenti e plausibili il riuso dei vuoti urbani a cui dare una nuova vita culturale ed economica, edifici abbandonati da trasformare in luoghi di incontro e di produzione per i creativi olandesi, categoria in costante aumento. Il lavoro, basato su una dettagliata mappatura e documentazione di centinaia di edifici in disuso in tutto il territorio olandese (dai mulini a vento alle fabbriche),
 tratta una tematica fondamentale per il momento attuale ovvero il tema dell' industria culturale e della classe creativa, ed invita il governo olandese ad utilizzare l' enorme potenziale di edifici temporaneamente non occupati realizzati nei secoli XVII, XVIII, XIX, XX e XXI, sfruttando il potenziale d' innovazione dell' economia della conoscenza creativa che caratterizza il nostro tempo. Per la progettazione della mostra l' Istituto Netherlands Architecture (NAI) ha messo insieme un team multidisciplinare costituito da un gruppo di persone di esperienza internazionale nel settore creativo, interessate a confrontarsi con il potenziale innovativo dei beni vuoti: lo studio Rietveld Landscape (Ronald Rietveld e Erik Rietveld), composto da Grootens Joost (graphic designer), Ronald Rietveld (architetto paesaggista), Erik Rietveld (Filosofo / economista), Saskia van Stein (curatore NAI), Landstra & de Vries e Claus Wiersma (designer) è stato quindi responsabile della costruzione della mostra. Ha realizzato un manifesto in forma di installazione che consiste in una enorme maquette in polistirene, la quale possiede una qualità espositiva altissima poichè comunica efficacemente in pochi istanti il messaggio di cui si fa portavoce. La location prescelta è più che mai significativa: il Padiglione Olanda, territorio di propietà olandese su suolo italiano, il luogo che per antonomasia rappresenta il tema dell' installazione. E' vacante per la maggiorparte del tempo e viene utilizzato soltanto per tre mesi e mezzo all' anno che corrispondono alla durata dell' esposizione, dunque ha un potenziale spaziale inutilizzato degno di nota. Il contributo olandese mostra un patrimonio edilizio dimenticato con l' intento di riportarlo in circolazione. Un paesaggio di edifici dismessi che si configura come una sequenza di spazi non monotoni bensì piuttosto eterogenei che riflettono la destinazione d' uso per la quale vennero costruiti: fari, ospedali, water towers, edifici industriali, aeroporti, hangar, uffici, fortini, bunker, scuole, piscine e molto altro. Questi edifici inutilizzati non sono proprietà di singoli individui ma della comunità e dello Stato Olandese che però non riesce a far uso di un potenziale tanto enorme, e oggi sono invece soltanto un grande costo per la società quando potrebbero essere sfruttati altrimenti, ritrovando così una nuova ragione d' essere. Al contrario di quanto molte persone sono portate a pensare, si rivela una sorpresa sapere invece che esiste una quantità considerevole di architetture non utilizzate nei Paesi Bassi, milioni di metri quadrati il più delle volte dalla spiccata valenza estetica- architettonica, a cui nessuno fa attenzione e che questo vuoto sta crescendo di giorno in giorno. 8


9


10


11


CAPITOLO 2 MILANO CITTA' CREATIVA

12


Così come si è visto per l' Olanda nel capitolo precedente, anche Milano dispone di una grande quantità di edifici dismessi che praticamente possono essere assimilati a dei vuoti urbani, e che costituiscono una preziosa risorsa spaziale inutilizzata. Anche in un' osservazione al capito quattro intitolato 'I grani progetti di interese pubblico' del DP 31 del PGT 2010 del Comune di Milano avanzata da Emilio Vimercati, si suggerisce e si auspica il riutilizzo delle risorse spaziali dismesse rappresentate dai depositi dell' ATM, dislocate in molteplici aree urbane. Si è voluto così realizzare una mappatura dei suddetti basata su dati ottenuti tramite rilievi e sopralluoghi diretti oltre a quelli forniti dal Comune di Milano e dai Comitati di Quartiere: chiaramente il risultato ottenuto non può essere ritenuto definitivo, perciò nel considerarlo si deve tener conto di un margine di indeterminatezza ed incompletezza dovuto alla difficoltà di reperimento delle informazioni. La mappatura riportata di seguito evidenzia una vasta varietà tipologica di risorse spaziali dismesse dislocate in tutto il Comune di Milano le quali sono state riassunte in sette categorie (depositi ATM, edifici sportivi, edifici scolastici, edifici per uffici, scheletri urbani -edifici incompiuti-, cascine ed edifici industriali); ciascuna categoria è stata abbinata ad un codice alfanumerico ( rispettivamente D.00, SP.00, S.00, U.00, SH.00, C.00, F.00) per agevolare una lettura contemporanea dell' elenco e della mappa georiferita. Queste sette categorie di tipologie architettoniche che costituiscono la disponibilità spaziale di edifici dismessi di Milano, verranno riprese nel capitolo quattro nel quale si evidenzia la loro quasi totale corrispondenza con quelle desunte dall' analisi condotta sui casi studio. 13


DEPOSITO [NON] COMUNE

640 3400 3593 2730 2961 2135 2060 2847

D.01 D.02 D.03 D.04 D.05 D.06 D.07 D.08 D.09 D.10 D.11 D.12

Viale Anassagora 20 Via delle Forze Armate 80 Via Giambellino 131 Viale Messina 41 Via Molise 60 Via Novara 41 Via Pietro Custodi 14 Via Padova 112 Via Sarca 10 Viale Stelvio 2 Via Teodosio 125 Via Verona 8-12

1318 10951 11924 775 822 24954 10825 2637 1406 10865 3384 1068

SCHELETRI

SH.01 SH.02 SH.03 SH.04 SH.05 SH.06

Via Don B. Grazioli Via Durando Via C. Giambellino Viale Ripamonti Zona Ripamonti Via privata Senigalia

S.01 S.02 S.03

P.zza Abbiategrasso 2 Via B. da Novate 2 Via Narni 56

14

NOME

936 280 1709 382

Cascina Bellaria Cascina Carliona Cascina Taverna Cascina Brusada Cascina Case Nuove Cascina Turro Cascina Monluè Cascina Nosedo Cascina San Bernardo Cascina Sella Nuova Cascina Casanova Cascina Vaiano Valle Cascina Linterno

CODICE

INDIRIZZO

MQ

Viale Albricci Viale Aniene Viale Certosa Via Clerici Via De Bossi Via Godio Via Gustavo Farro Via G. Leopardi Via Lauro Via Lodovico Via Lodovico Via Mazzini Via Mazzini Via P. Caravaggio 47 Via Santa Tecla Via Spadari Via Stephenson Via Stephenson Via Stephenson Via G. Verdi

1552 611 598 343 1757 2749 833 914 771 2105 1241 + 567 2239 337 161 1316 528 4787 4984 4904 262

1104 1977 11210 1408 13308 1696

F.01 F.02 F.03 F.04 F.05 F.06 F.07 F.08 F.09 F.10 F.11 F.12 F.13 F.14

Via Baldinucci 88 Via Delle Mene 5 Via Guerzoni 12 Via Guerzoni 23 Via Isonzo 23 Via Litta Modignani 60 19 Via Ugo Mondolfo 7 Via S. Pianell 15 Via Passerini 13 Via Ponti 3 317 Via Raimondi 15 Via Spadini 15 Via Vigevanese angolo Via degli Umiliati 19

918 271 403 1503 514 113 1300 259 1163

1340 1394 1155

SP.01 SP.02 SP.03

Via Macco Nago Via Salomone

1090 894 8915

EX UFFICI

U.01 U.02 U.03 U.04 U.05 U.06 U.07 U.08 U.09 U.10 U.11 U.12 U.13 U.14 U.15 U.16 U.17 U.18 U.19 U.20

FABBRICHE

MQ

ED SPORT

DEPOSITI ATM

CASCINE

CODICE INDIRIZZO C.01 Via C. Bellaria 90 C.02 Via Boffalora 75 C.03 Viale Forlanini 85 C.04 Via Caprilli 15 C.05 Via Corelli 124 C.06 Via G. Provvisorio C.07 Via Monluè 70 C.08 Via San Dionigi 78 C.09 Via Sant Arialdo 13 C.10 Via Sella Nuova 34 C.11 Via Taverna 79 C.12 Via Vaiano Valle 45 C.13 Via Zoia 194

SCUOLE

MILANO CITTA' CREATIVA EDIFICI DISMESSI

126 465 502 + 326 868


OFFICINE CREATIVE RISORSE SPAZIALI EDIFICI DISMESSI

depositi ATM edifici sportivi scuole uffici scheletri cascine industrie

S.06 F.12 I.02 F.06

U.19

D.01

U.18

F.09

U.20

S.01 S.02

F.11 U.03 U.08

F.04 F.03

U.06

U.12 U.02

D.09

F.01

U.03

F.02

D.04

F.08 SP.01

I.03

C.03 D.08 D.11

D.10 U. U.

U.07

C.01

D.06 C.05

C.04

U.09

D.02

C.13 C.10

U.10 U.05 U.21 U. U.04 U. U.17 U.13 U. U.14 U.16 U.01

F.14 D.03

C.03 C.11 C.07

D.05 F.07

D.12

D.07

S.04

F.14

F.12

I.01 C.02

S.05

C.08

C.12 C.09

15


DEPOSITO [NON] COMUNE MILANO CITTA' CREATIVA LA TEORIA DELLE TRE 'T'

Nel lavoro condotto alla Biennale di Venezia condotto dall' Istituto Netherlands Architecture (NAI) suggerisce di affrontare il tema degli spazi vacanti sfruttando ed impiegando il potenziale dell' economia della cultura che ha come attore la classe creativa. Allo stesso modo il ricercatore americano Richard Florida nel suo testo 'L' ascesa della nuova classe creativa' sostiene che l' economia contemporanea sia permeata da una forza legata al settore creativo, uno strato della società composto da coloro che svolgono professioni tecniche ed artistiche ad elevata specializzazione ( imprenditori, dirigenti pubblici e privati, managers, ricercatori, professionisti come medici, architetti, ingegneri e avvocati ). Più la percentuale di popolazione costituita dalla classe creativa è alta in una città, maggiormente attivo sarà il contesto artistico/culturale e migliore sarà il 'terreno' per ospitare ed innestare luoghi di aggregazione, collaboraione e creazione: in Italia per esempio l' incidenza della classe creativa sulla forza lavoro è del 21%. Florida approccia lo studio delle città viste come habitat creativo capace di favorire lo sviluppo della creatività delle persone, perciò la loro inclusione nell' economia e nella conoscenza, attraverso uno schema interpretativo chiamato 'teoria delle tre T' (technology, talent, tolerance): per costituire l' indice del talento si usano come indicatori le quantità il capitale umano (ovvero il numero di laureati),di ricercatori e di persone facenti parte della classe creativa. Gli economisti hanno riconosciuto all' indice della tecnologia un ruolo fondamentale nei processi di crescita e sviluppo poichè offre i mezzi per esprimere e realizzare le idee e i progetti generando nuovi servizi, nuova ricchezza e nuovi prodotti. Infine l' indice della tolleranza è considerato elemento fondamentale per una città poichè ne mobilita e attrae il talento creativo: l' assunto su cui si basa questa affermazione è che la presenza di gay, stranieri o altre minoranze etniche, sia un segnale di apertura culturale , indice di un ecosistema sociale aperto a nuove e diverse idee le quali vengono trasformate in potenzialità e progetti invece che emarginate. Lo schema a lato riporta i dati relativi alla città di Milano che secondo i dati ISTAT del 2001 si pone nel contesto italiano all' ottavo posto tra le grandi città con il suo 22,87% di classe creativa. Nonostante ciò si trova al secondo posto per il suo ICI (indice di creatività italiano) grazie al fatto che detiene il primato tecnologico italiano per la forte presenza di industria high tech e di un ottimo potenziale innovativo, e presenta dei buoni posizionamenti nei restanti indici. 16


INDICI

INDICATORI

SOTTOINDICATORI

POSIZIONE IN ITALIA 7

CLASSE CREATIVA 0,563 TALENTO 5 POSTO

CAPITALE UMANO

N DI LAUREATI

12

RICERCATORI

INDICE HIGH TECH O,720 ICI MILANO (INDICE DI CREATIVITA' ITALIANO)

0,775 TECNOLOGIA 1 POSTO

2 POSTO

6

N BREVETTI

1

2

INDICE DI INNOVAZIONE

INDICE DI CONNETTIVITA'

COPERTURA ADSL/UMTS

9

INDICE DI DIVERSITÀ

INCIDENZA STRANIERI

5

VARIETA' GRUPPI ETNICI O,822 TOLLERANZA 2 POSTO

INDICE DI INTEGRAZIONE

STRANIERI LAUREATI

3

MARIMONI MISTI INCIDENZE E SCOLARIZZAZIONE BAMBINI STRANIERI INDICE DI TOLLERANZA GAY

ATTITUDINE NEI CONFRONTI DI GAY/LESBICHE

3

17


DEPOSITO [NON] COMUNE MILANO CITTA' CREATIVA OFFERTA SOCIALE MILANESE

DARE VOCE ED ASSISTENZA ALLE REALTA' PRESENTI E A QUELLE EMERGENTI LOMBARDIA FERTILE HUMUS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' CREATIVE INDAGINE IRER 2009

CREARE UN NETWORK TRA LE ATTIVITA' CREATIVE A LIVELLO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

(anno della creatività)

LE ISTITUZIONI SOSTENGONO LA VOCAZIONE CRATIVA GIOVANILE STABILENDO DELLE LINEE GUIDA

PROMUOVERE LA FONDAZIONE DI CENTRI CULTURALI E CREATIVI ISTITUZIONE DI PROGETTI FORMATIVI E DI BANDI DI CONCORSO

Secondo un' indagine dell' IRER condotta nel 2009, anno della creatività, l' intera Lombardia è caratterizzata da una vasta quantità e varietà di attività creative di rilevante importanza e per questo è considerata un fertile humus da cui possono emergere sempre nuove iniziative e se ne posso consolidare delle altre di già presenti sul territorio. La Regione ha focalizzato la sua attenzione sullo sviluoppo di tali attività tracciando anche delle linee guida secondo cui muoversi per incentivarle, ponendosi come target principale il supporto delle iniziative giovanili. Gli obiettivi posti sono la creazione di network poichè si è presa coscienza dell' importanza e della necessità di connessione e collaborazione tar i vari enti come maggior garanzia di uno sviluppo futuro; la fondazione di nuovi centri culturali e la promozione di progetti formativi e bandi di concorso il cui tema verta sullo sviluppo e lo stimolo della creatività. Per i motivi finora elencati la città di Milano è considerata un contesto culturale ed artistico fertile e vivace, dati avvalorati dalla cospicua presenza di enti culturali e sociali come teatri, musei, centri sociali ed officine creative che sono elencate e rappresentate di seguito in una mappa. Osservandone la distribuzione sulla mappa georiferita riportata di seguito delle elenco dei centri culturali, si nota some l' offerta sociale milanese si concentri maggiormente nel centro della città e in corrispondenza dei NIL con vocazione alla cultura, ma soprattutto che quasi la totalità è inclusa all' interno della seconda cerchia che in qualche modo costituisce il limite del centro storico. 18


NOME

INDIRIZZO

TORCHIERA

TIPOLOGIA EDIFICIO

DISCIPLINE

p.zzale cimitero cascina maggiore

aspetti sociali creatività

arti pastiche cinema- musicaletteratura

concerti - corsi spettacoli - cene sociai - biomercato

CIRCOLO ANARCHICO PONTE DELLA GHISOLFA

viale monza 255

aspetti sociali creatività educazione

letteraturacinema multimedia

workshop “proiezioni" lettura libri+ riflessioni

CIRCOLO DEI MALFATTORI

via torricelli 19

ex-panetteria creatività formazione educazione

arti visivebiblioteca letteraturaanarchica cinema - musica letteratura

cineforum concorsi disegni e foto- mostre fotografiche fiera dell’editoria seminari - concerti

COAT 28

via transiti 28

storica casa attenzione aspetti radio - musica milanese sociali letteratura educazione formazione sanità

COX 18

via conchetta 18 corte

CSA VITTORIA via muratori 43 ang. via friuli

LEONCAVALLO

via a. watteau 7 ex-cartiera

DEPOSITO BULK piazza del

ex-

ambulatorio sportello psichiatrico e di supporto cittadinanza lboratori

cene culture diverse - biblioteca - programmi radiofonici - corsi italiano

teatro letteratura libreria musica

concerti rassegne poetichepresentazione libri mercatini

teatro letteratura musica - cinema arti visive attenzione aspetti sociali

dibattiti - rassegne poetiche - mostre corsi italiano

arti visive educazione cinema formazione attenzione aspetti multimedia sociali creatività musica - radio sport teatro letteratura cucina

creatività

INFRASTRUTTURE

SERVIZI AL PUBBLICO

OBIETTIVO

cinema -

laboratori - studi di registrazione audio\video teatro - bar spazi multifunzionali sede sei associazioni . sportello immigranti

concerti - corsi spettacoli esposizioni - progetto per la comunita’ (bambini) - workshop - cene culturali presentazione libri

concerti - cinema - 19


immigranti DEPOSITO BULK piazza del cimitero monumentale, chinatown, via niccolini 36

20

exlaboratorio studentesco

creatività

LA CUEVA

ex-cappanone creatività via vigevano 2/a, angolo via industriale gorizia

MICENE

via micene

ORSO

via gola 16

cinema fotografia musica

arti visive- arti plastiche

concerti - cinema mostre fotografiche

gralleria d’arte underground

ex itc mattioli creatività aspetti musica - cinema - laboratori sociali lingue formazione

mostre - aperitivi biologici corsi di arabo cineforum - coro alfabetizzazione informatica

attenzione aspetti sociali

PERGOLA MOVE via angelo della pergola 5

creatività eduazione

musica - cucina - ristorante vegano programmazione software - sala prove - elettronica internet e mediateca - free software point - software - cene 26 posti letto vegane

CARROPONTE

via granelli 1, sesto san giovanni

aspetti sociali

musica - sport - 2 palchi giochi

concerti spettacoli - dibattiti

TRIENNALE

viale alemagna 6

educazione creatività

arti visive - arti design cafè plastiche sale espositive fotogrfia teatro bookshop laboratorio biblioteca

esposizioni mostre - dibattiti attività didattche per scuole e bambini

BRERA DESIGN DISTRICT

zona brera

creatività

arti architettura moda

shorooms negozi - studi ex-magazzini capannoni industriali

90 eveni all’anno

PALAZZO REALE p.zza duomo

palazzo storico

educazione

arti visive plastiche

sale espositive - mostre magazzini esposizioni bookshop - foyer retrospettive

SPAZIO FORMA piazza tito lucrezio caro 1

ex- depoito atm

formazione creatività -

fotografia

sale espositive due aule didattiche - sala conferenze ristorante

CORSO COMO 10 c.so como 10

corte

creatività commercio

arti visive fotografia letteratura

sala espositiva - mostre - dibattiti shop - caffè - presentazone libri bookshop

mostre workshop aperitivi - dibattiti corsi - master


ristorante CORSO COMO 10 c.so como 10

corte

creatività commercio

arti visive fotografia letteratura

sala espositiva - mostre - dibattiti shop - caffè - presentazone libri bookshop

formazione creatività creatività -formazione commercio educazione -

arti visive - arti arti plastiche plastiche - arti viive artigianato musica commercio multimedia arti visive --arti fotografia plastiche - architettura danza - cinema teatro

officine - studi 18 spazi espositivi showroom - studi

DOC LA FABBRICA DEL VAPORE

dergano, bovisa officine via procaccini 4 ex fabbrica

BASE B

via lambruschini ex fabbrica e creatività 36 uffici

THE BAG ART FACTORY

creatività

ESTERNI

via eritrea 48/8

CASCINA CUCCAGNA LAST

via cuccagna 2/4 via graziano imperatore 40

cascina

esposizioni design-grafica conferenze - new media vendita mostre fotografiche galleria d’arte - proiezioni concerti - -corsi dibattiti - spazi spettacoli - convegni e multifunzionali mostre esposizioni - laboratori festival ludo-didattici performances workshop - artiprogetto per visive - eventilae (bambini) comunita’per concorsi -cortometraggi workshop installazioni ideazione arti visive - arti esposizionidi-mostre live multimediali plastiche panting - - stage aallestimenti studenti universitari performance installazioni in strada

creatività formazione educazione -

arti plastiche arti viive musica multimedia fotografia architettura danza - cinema teatro - cibo bambini

“design-grafica arti visive dibattiti - convegni e mostre laboratori ludodidattici workshop - dibattiti - convegni e mostre - laboratori ludo-didattici workshop - eventi e concorsi - stage a studenti universitari

creatività formazione creatività educazione aspetti sociali

cucina - verde - area arte - bambini cinema - arti - multifunzionale famiglie - ostello -genitori e bambini visive - arti aggregazione - area plastiche multifunzionale multimedia danza - teatro adolescenti giovani - sale prova musicali laboratorio comunicazione complessivament e 18 locali

“eco-museo punto - teatroparco laboratori gruppoverde - corsi e seminari gruppo seminari danza partecipazione corso film making gruppo bambini, ragazzi, mamme orti nelle scuole

21


universitari

22

LAST

via graziano imperatore 40

creatività

cinema - arti visive - arti plastiche multimedia danza - teatro

teatro laboratori corsi e seminari seminari danza corso film making

LA FABBRICA DEL VAPORE

via procaccini 4 ex fabbrica

creatività formazione educazione -

CASCINA CUCCAGNA

via cuccagna 2/4

creatività formazione educazione aspetti sociali

arti plastiche - 18 spazi espositivi arti viive - studi musica multimedia fotografia cucina - verde architettura - - area arte danza- -bambini cinema-- multifunzionale famiglie - ostello -genitori e bambini teatro aggregazione - area multifunzionale adolescenti giovani - sale prova musicali laboratorio comunicazione complessivament e 18 locali

design-grafica new media mostre fotografiche proiezioni - dibattiti -“eco-museo convegni e mostre - laboratori punto parco ludo-didattici gruppoverde workshop - arti gruppo visive - eventi epartecipazione concorsi per gruppo bambini, cortometraggi - ragazzi, mamme installazioni orti nelle scuole ideazione di mostre multimediali - stage a studenti universitari

EX FONDERIA NAPOLEONICA ESTERNI

via thaon di revel ex fonderia 21 via eritrea 48/8

THE HUB

via paolo sarpi 8 edificio resideniale

asposizioni mostre - aperitivi concerti jazz - “design-grafica museo arti visive dibattiti - convegni incubatore sociale e mostre eventi laboratori ludoconferenze didattici dibattiti workshop - dibattiti - convegni e mostre - laboratori ludo-didattici workshop - eventi e concorsi - stage a studenti universitari

LAST

via graziano imperatore 40

creatività

LIVELLO 16

via dell’aprica 16 loft

creatività

arti visive - arti spazi da 50 a 400 plastiche mq arti plastiche musica arti viive musica energie 5 sale multimedia rinnovabili fotografia design sostenibile architettura -danza bioarchitettura - cinema -educazione teatro - cibo-sostenibilità bambini ambientale mobilità alternativa ricerca scientifica media & comunicazione sociale -- arti diritti cinema umani sviluppo visive - arti internazionale plastiche multimedia architettura open space danza - teatro moda

cascina

creatività educazione creatività formazione educazione creatività formazione lavoro

teatro laboratori corsi e seminari seminari danza corso film making


risorse spaziali disponibili associazioni giovanili (spazi comunali e non) centri sociali musei teatri officine creative distretti creativi universitĂ

23


CAPITOLO 3 ANALISI DEI CASI STUDIO

24


In seguito alla riflessione sull' adeguatezza di gestire la problematica degli edifici dismessi attraverso il tema della creatività e delle attività ad essa collegate e dei luoghi dove ciò avviene, si è ritenuta opportuna una ricerca su degli esempi già esistenti che si sono già occupati della questione cosicchè da affrontarla in maniera consapevole; la suddetta ricerca ha prodotto come output finale un compendio di ottantaquattro esempi di Art Factories sottoposte ad un' analisi architettonica, gestionale e funzionale. Il punto di partenza è stato identificare ed analizzare casi studio nazionali ed internazionali che proponessero forme di risposta creativa all' interno delle istituzioni: in seguito sono stati selezionati i casi più significativi in cui ricorressero le tematiche considerate chiave quali 'riuso', 'sociale' e 'creativo/innovativo', e che rappresentassero il maggior numero tipologie di problemi di 'interesse generale' a cui il riutilizzo di alcuni spazi propone di dare una soluzione; sono state trovate interessanti forme di integrazione tra alcune tipologie di spazi riutilizzati e attività del fare con contenuti di innovatività e creatività che sono possibili risposte alle modalità d' azione del comportamento pubblico, così come le descrive P. Healey, Creativity and Urban Governance, Policy Studies. Vol. 25, No. 2, Giugno 2004, pp 87 - 102. Dare una precisa ed univoca definizione di Officina Creativa o Art Factory è stata un' operazione difficile ed imprecisa poichè non vi è ancora una struttura codificata in termini di programmazione funzionale e gestionale standard e che ne chiarisca le qualità architettoniche. In seguito all' analisi dei casi studio si è riscontrata una vasta gamma di variazioni e differenze sul tema per cui ancora una volta è risultato complicato riassumere in termini specifici e definitivi l' argomento. Nonostante ciò è emersa una compresenza di alcuni caratteri comuni tra i quali quello di essere tutti dei luoghi di produzione e creazione; questo dato ha direzionato la ricerca verso le tipologie di 'prodotto creativo' emesso come il prodotto materiale, immateriele ed esperienziale. In questo modo ha permesso di identificare e raccogliere in macrofamiglie tutti quegli esempi caratterizzati dal tema di fondo della produzione creativa. Nelle pagine seguenti è presentata una mappatura georiferita dei casi studio analizzati a livello internazionale la quale viene schematizzata in termini quantitativi messi a confronto tra i rispettivi continenti nel grafico sottostante, con particolare attenzione al caso dell' Italia e di Milano ai fini dell' ipotesi di progetto proposta di seguito. Inoltre risulta evidente dalla mappa che descrive la cronologia dell' evoluzione delle Art Factories che gli anni Novanta sono stati il periodo di maggior sviluppo di questi centri. 25


OFFICINE [NON] CREATIVE DEPOSITO COMUNE CASI STUDIO CASIMAPPATURA STUDIO GEORIFERITA MAPPATURA GEORIFERITA

Norveg Regno Unito

Canada

D

O Belgio Francia Stati Uniti

Portogallo Spagna

Messico

Ca

Brasile AMERICA ASIA AFRICA Argentina

OCEANIA EUROPA ITALIA MILANO mq di officine creative 26


gia

Finlandia Svezia Estonia

Danimarca

Olanda Germania Italia

ameroun

Serbia Grecia Giappone Cina

Kenya Indonesia

Australia

27


28


29


DEPOSITO [NON] COMUNE CASI STUDIO STORIA ED EVOLUZIONE

anni 60

anni 70 - 80

2000

indipendenza sinonimo di libertà CENTRO DELLA CULTURA INDIPENDENTE organismo omogeneo che collega le diverse attività e le diverse forme di creatività

rivoluzione guidata da artisti le cui armi sono teatro e film, letteratura e musica.

creazione di uno spazio filosofico, individuale e comunitario, dove potersi esprimere liberamente

lotte ed occupazioni di ex siti industriali e case abbandonate (spazi non convenzionali)

30

il "CENTRO CULTURALE" o 'ART CENTRE' diviene il laboratorio per le arti del decennio precedente i CENTRI CULTURALI dopo anni di lotta per sopravvivere ed essere RICONOSCIUTI, sono addirittura SUPPORTATI A LIVELLO STATALE


Nel Gennaio del 2010 nel Centro Culturale indipendente di Pekarna , un ex panificio militare a Maribor, in Slovenia, si è svolto un convegno intitolato 'NEW TIMES NEW MODELS' (NTNM) a cui parteciparono come partner organizzativi anche i maggiori network che sii occupano del tema delle Art Factories ovvero TEH, Artfactories/Autre(s)pARTs, Alliance operation city (Alleanza per il centro per la cultura e indipendente della gioventù), Institutes des Villes, New Territories of Arts. A seguito del congresso come documentazione è stato realizato un libro intitolato 'NEW TIMES NEW MODELS', Investigating the internal governance models and external relations of independent cultural centres in times of chang. Compilate and edited by Sandy Fitzerald, Pekarna magdalenske mreze, 2010. Il testo, attraverso l' uso del tema del convegno NTNM ovvero i modelli di governance (come un centro è strutturato e gestito), indaga i criteri con cui avvengono le forme di produzione culturale e si pone come obiettivo il tentativo di creazione di un organismo omogeneo detto 'Centro della Cultura', che colleghi le molteplici forme di creatività contemporanee con le diverse attività svolte e presenta dei contesti locali nel quadro di processi globali e parla della missione della produzione culturale. Nel libro inoltre si può leggere la storia e ed il processo evolutivo di quelle che attualmente vengono chiamate Officine Creative. NTNM ha genesi nelle lotte interne ed esterne del centro culturale indipendente Pekarna, non a caso scelto come location del convegno, occupato da giovani artisti e attivisti nel 1994, anni in cui tutti stavano cercando di costruire un futuro migliore dopo anni di dominio comunista e di devastanti guerre cercando un dialogo con i cittadini attraverso una rivalutazione del ruolo di un ente pubblico come mediatore tra società civile e imprese private. In questo senso il settore culturale indipendente ha avuto un valido contributo nella ricostruzione sociale dei Balcani. Gli avvenimenti che caratterizzarono questa regione sono in linea con una storia di cinquant'anni di occupazioni e simili lotte in tutta l'Europa e per le stesse ragioni da parte del movimento controculturale. La successiva geneazione negli anni Sessanta si pone come obiettivo quello di appropiarsi di un luogo dove creare uno spazio filosofico, individuale e comunitario per sviluppare nuovi modi di vivere liberi, collettivi, pacifici, indipendenti come alternativa all' oppressione, alla disuguaglianza ed alla cultura istituzionalizzata che spesso escludeva le categorie più deboli come i giovani e gli emarginati. E proprio dalla necessità di avere uno spazio indipendente, sinonimo di libertà, dove potersi stabilire è iniziata l' occupazione di luoghi reietti come ex siti industriali e case abbandonate in risposta contraria ai luoghi culturali storicamente convenzionali da sempre riservati ad attività conservatrici (culto, musei, istituzioni politiche e finanziarie). La rivoluzione degli anni sessanta è stata soprattutto di tipo culturale ed è stata guidata da artisti le cui armi erano il teatro, i film, la musica, l' arte e la letteratura, per i quali il Centro Culturale diviene una sorta di laboratorio che negli anni settanta-ottanta si comincia a chiamare Art Centre. Alla fine del XX secolo i Centri Culturali divenuti ormai Centri d' Arte acquisiscono sempre maggior importanza; riconosciutone il ruolo centrale, vengono ritenuti dei luoghi-dispositivo per la 'rigenerazione' urbana, l' innovazione artistica, l' istruzione e molto altro ancora e vengono addirittura supportati a livello statale. 31


OFFICINE CREATIVE DEPOSITO [NON] COMUNE CASI STUDIO

ATENEU POPULAR NOU BARRIS MELKWEG HUSET HALLWALLS CONTEMPORARY ART CENTRE LES HALLES DES SHAERBEEK LA CHAMBRE BLANCHE UFAFABRIK

WUK KULTURZENTRUM SCHLACHTHOF ATLANTIC CENTRE FOR THE ARTS

CHAPITO MEJERET

1

198 9

198 8

198 7

198 6

198 5

198 4

198 3

198 2

198 1

198 0

197 9

197 8

197 7

197 6

197 5

197 4

197 3

197 2

197 1

197 0

CASI STUDIO CRONOLOGIA CRONOLOGIA DELL' EVOLUZIONE

SOCIET TRAMW

Norvegi

Regno Unito

Canada

Danim Olanda

Belgio

G

Francia Stati Uniti Portogallo Spagna

Messico

C

Brasile

Argentina

32


CZKD METELKOVA STICHTING KAUS AUSTRALIS REX FLUX FACTORY LA FRICHE LA BELLE DE MAI BAMBOO CURTAIN STUDIO CHOCOLATE FACTORY CINEMA NOVA WESTERGASFABRIEK HANGAR CASAS DAS CALDEIRAS KULTURBROUEREI 1ASPACE FONDERIE DARLING KULTURFABRIK CERC TOACA

TY FREE CULTURE WAY

20 10

20 09

20 08

20 07

20 06

20 05

20 04

20 03

20 02

20 01

20 00

199 9

199 7

199 6

199 5

199 4

199 3

199 2

199 1

199 0

199 8

EL FARO D'ORIENTE FO TAN STUDIOS RODA STEN DE STRIP GODOWN ART CENTRE COTONIFICIO SPINNEREI YOU KOBO ART SPACE PARKTEATRET

KAAPELI DOUAL'ART

KULTURITEAS POLYMER PRO RODOPI KORJAAMO RESIDENCIA CORAZON THE POINT VILLAGE UNDERGROUND

Finlandia

ia Svezia

Estonia

marca

Germania Serbia Italia

Grecia Giappone

Cina

Cameroun Kenya Indonesia

Australia

33


DEPOSITO [NON] COMUNE CASI STUDIO TEH

Ma la presenza di uno spazio fisico non è sufficiente a sostenerli nel futuro; sorge dunque la necessità di sviluppare le proprie pratiche operative con la costruzione di nuovi modelli di collaborazione attraverso reti e piattaforme, rafforzando così la posizione politica della cultura indipendente come un settore maturo e lavorando verso un futuro sostenibile attraverso la comunicazione, la collaborazione e lo scambio di know-how con altri centri. Nasce così il nel marzo del 1983 il primo network Trans European Halles (TEH) fondato dai sette centri culturali di sette città europee, Halles de Schaerbeek di Bruxelles, a Copenaghen Huset, Kultur Fabrik di Coblenza, Melkweg di Amsterdam, Ny Scen a Göteborg, Pali Kao in Parigi e Rote Fabrik di Zurigo che partecipano ad un incontro svolto propio a Les Halles de Schaerbeek a Bruxelles, in risposta alla problematica discusso sulle modalità di condivisione di esperienze e partecipazione a manifestazioni incentrate sul tema della cultura alternativa emergente. In un quarto di secolo il network si è ampliato notevolmente e nuovi membri vi hanno aderito, arricchendo la rete con le loro esperienze e competenze, facendo diventare TEH l' attore culturale di primo piano che è oggi e che offre una piattaforma stimolante per lo scambio, il sostegno e la cooperazione. La rete riunisce circa 50 centri culturali multidisciplinari in più di 20 paesi e coordina diversi progetti culturali tra cui alcuni esempi consistono nella creazione di un programma di scambio per Artists-in-Residency e la creazione di incubatori culturali internazionale. Al momento i principali obiettivi di Trans Europe Halles sono la mobilità attraverso un progetto di 'changing room' e lo sviluppo professionale degli operatori culturali, dai giovani volontari ai leader; a lungo termine queste attività saranno perfette sia per un programma di scambio di personale sia come modello di laboratorio che può essere offerto come formazione e consulenza ai centri culturali membri della rete e non. Per entrare a far parte della rete di TEH si devono avere le seguenti caratteristiche: 1. essere un centro Indipendente e senza fini di lucro fondato a seguito di un' iniziativa di un cittadino e con una struttura giuridica 2. seguire una politica artistica multidisciplinare, favorendo l'interazione tra le forme artistiche, con particolare attenzione all' arte contemporanea 3. avere una sede in un edificio preferibilmente proveniente da un patrimonio commerciale o industriale 4. avere un programma di elevata qualità artistica di rilevanza almeno regionale che spazia anche nell' arte internazionale 5. essere consapevoli degli aspetti sociali e politici delle azioni culturali svolte e sostenere un impegno politico I nuovi modelli si possono basare su successi del passato che, qualora non lo siano stati, offrono spunti preziosi su come migliorare apportare delle migliorie al lavoro. 34


Molti dei membri di TEH sono stati pionieri nel mettere in discussione la politica culturale comune e offrire opportunità ai giovani di utilizzare e sviluppare le loro capacità artistiche. Se si dovesse guardare alla gamma degli artisti che si sono esibiti o hanno lavorato nei centri di Trans Europe Halles nel corso degli ultimi vent'anni, ci si accorgerebbe che sono le forze creative che hanno caratterizzato gran parte delle arti musicali, visive e performative del ventunesimo secolo. La rete si prefigge di sostenere modi alternativi di espressione artistica e di fornire un palcoscenico per il lavoro artistico che non possono essere sperimentate altrove. Molti dei centri di TEH sono stati stabiliti all'interno di fabbriche, magazzini per caseifici e caserme dell'esercito, e per questo sono stati i precursori nella conversione di ex siti industriali in centri multifunzionali e nella creazione di una nuova tendenza post-industriale europea. Gli edifici con il loro sapore industriale formano una cornice perfetta per qualsiasi evento culturale; ognuno di essi è stato trattato in maniera innovativa, mantenendo dei caratteri distintivi delle funzioni precedenti come memoria del passato. In conclusione emerge una panoramica e una ricchezza di conoscenze del settore culturale indipendente delle sue pratiche rappresentate da artisti, dirigenti, attivisti, politici e accademici e ciò è un punto di riferimento essenziale nella formazione di nuovi modelli di pratica dove alla fine le cose più importanti per il cambiamento in ogni situazione sono la qualità delle relazioni tra tutti i protagonisti e l'efficacia delle comunicazioni alla base di questi rapporti.

35


DEPOSITO [NON] COMUNE CASI STUDIO ANALISI

Gli ottantaquattro casi studio scelti sono stati selezionati perchè ritenuti esemplari e rispondenti a dei precisi criteri: 1. riuso di un edificio dismesso 2. originalità delle attività svolte/della gestione degli spazi interni ed esterni 3. appartenenza almeno ad uno dei network che si occupano di Art Factory o di Reuse 4. importanza, qualora ve ne siano più di uno nella stessa città/stato A seguito di una accurata analisi si sono ricavati dati relativi a diverse tematiche che sono stati tradotti sottoforma di diagrammi riportati di seguito. L' infografica ottenuta fornisce un vasto quadro sulle Art Factories sia internazionali che nazionali e indaga diversi argomeni: quelli dal carattere architettonico, spasso legati al tema del riuso, come le tipologie di edifici in cui si sono insediati i centri culturali, i tipi urbani e la localizzazione urbana o periferica degli stessi, le dimensioni, la flessibilità degli spazi e i sistemi infrastrutturali. Altri riguardano l' ambito gestionale e ne definiscono gli attori coinvolti e il profilo dei promotori e dei destinatari (utenti e tenants), la possibilità di residenza (housing), gli obiettivi posti, l' aspetto del sostegno economico sottoforma di tipologia dei finanziamenti, l' aspetto sociale, le modalità di accesso e partecipazione e la storia. Altri ancora dalla tipologia e dalla quantità di attività (disciplines). Grazie a questi criteri dunque si sono redatte delle schede che ristituissero in termini omogenei e comparabili i dati raccolti i cui risultati ottenuti sono stati rappresentati sottoforma di percentuali in un diagramma finale.

36


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 01. COHERENCE 01. COHERENCE NO COHERENCE COHERENCE

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space

37


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 02.DISCIPLINES DISCIPLINES 02.

12

10

6 1

38

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 02. DISCIPLINES

12

10

6 1

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

39


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 03.LOCATIONS LOCATION 03. CENTRO PERIFERIA AREA RURALE

40

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 03. LOCATIONS CENTRO PERIFERIA AREA RURALE

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

41


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 04.HOUSING HOUSING 04. YES NO

42

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 04. HOUSING YES NO

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

43


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 05.URBAN URBANTYPE TYPE 05. SINGOLO COMPLESSO DISTRETTO

44

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 05. URBAN TYPE SINGOLO COMPLESSO DISTRETTO

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

45


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 06.DIMENSION DIMENTIONS 06. < o = 5000 MQ > o = 5000 MQ

46

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 06. DIMENSION < o = 5000 MQ > o = 5000 MQ

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

47


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 07.OBIETTIVI OBIETTIVI 07. CREATIVITA' EDUCAZIONE/FORMAZIONE PRODUZIONE ATTENZIONE AD ASPETTI SOCIALI

48

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 07. OBIETTIVI CREATIVITA' EDUCAZIONE/FORMAZIONE PRODUZIONE ATTENZIONE AD ASPETTI SOCIALI

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

49


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 08.FUNZIONE FUNZIONESOCIALE SOCIALE 08. IDEOLOGICA LEGATA A PROBLEMATICHE LOCALI

50

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 08. FUNZIONE SOCIALE IDEOLOGICA LEGATA A PROBLEMATICHE LOCALI

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

51


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 09. 09.FINANZIAMENTI FINANZIAMENTI PUBBLICO AUTOFINANZIAMENTO MISTO (PRIVATO-DONAZIONI)

52

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 09. FINANZIAMENTI PUBBLICO AUTOFINANZIAMENTO MISTO (PRIVATO-DONAZIONI)

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

53


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 10.10.OCCUPANTS OCCUPANTS TENANTS UTENTI

54

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 10. OCCUPANTS TENANTS UTENTI

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

55


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI 11.11.MODALITA� MODALIA' DID�ACCESSO ACCESSO OPEN AFFITTO SELEZIONE

56

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 11. MODALITA'� D' ACCESSO OPEN AFFITTO SELEZIONE

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

57


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI BUILDINGTYPE TYPE 13.12.BUILDING INDUSTRIALE ALTRO

58

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D' Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kulturzentrum Schlachthof

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO NAZIONALI 13. BUILDING TYPE INDUSTRIALE ALTRO

Art Kitchen

Askatasuna

Base B

Belleville

Buenaventura

Caffè Basagllia

Cascina Roccafranca casa del Quotidiano

Centri Protagonismo Giovanile

Cittadellarte

Città del Teatro

Cortile del Maglio

Docks Dora

Ex Fonderia Napoleonica

Fabbrica del Vapore

Fondazione Merz

Hiroshima Mon Amour

Hub Milano

Interzona

La Cupa

Majaz

Mirafiori

Murarte

Nietzche Fabrik

Officina Zone Umane

Ossigeno

Palafuksas

Piazza dei Mestieri

Spazio 211

Spazzi

The Bag Art Factory

Zo

59


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI FLESSIBILITA' 12.13.FLESSIBILITA' FISSA MISTA LIBERA

60

1ASpace

Art Space

Ateneo Popular

Atlanti Center For The Arts (ACA)

Bamboo Curtain Studio

Booze Cooperativa

Casa Das Calderiras

Cerc

Czkd

Chapito

Chocolate Factory

Cinema Nova

Common Room-Bamdung

Cotonificio Spinnerei

De Strip

Doual�Art

El Faro D�Oriente

Flux Factory

Fonderie Darling

Fo Tan Art Studios

The Godown Art Center

Hallwalls Contemporary Arts Center

Hangar

Huset

Jccac

Kaapeli

Korjaamo

Kulturbrauerei

Kulturfabrik

Kultuuritehas Polymer

La Chambre Blanche

La Friche La Belle De Mai

Les Halles De Schaerbeek

Mejeriet

Melkweg

Metelkova

Parkteatret Scene

Pro Rodopi Art Centre

Residencia Corazon

Rex

Roda Sten

SFC

Stitchting Kaus Australis

The Point

Toaca Cultural Foundation

Ufafabrik

Village Underground

Westergasfabriek

Wuk

Youkobo Art Space


OFFICINE CREATIVE CASI STUDIO INTERNAZIONALI DIAGRAMMI RIASSUNTIVI

Coherence

Not coherence

1 Discipline

2 Disciplines

3 Disciplines

4 Disciplines

5 Disciplines

6 Disciplines

7 Disciplines

8 Disciplines

9 Disciplines

10 Disciplines

11 Disciplines

12 Disciplines

Centro

Periferia

Area rurale

Not coherence pre/post activities .01 4/6 disciplines .02 city center location .03 housing not included .04 single urban type building .05 < o = 5000 mq building .06 obiettivi: educare/formare .07 ideological social function .08 public founds .09 utenti > tenants .10 modalità d' accesso selettiva .11

17%

94%

0%

11%

15%

19%

5%

19%

7%

5%

0%

3%

2%

2%

50%

45%

3%

Singolo

Complesso

Distretto

< o = 5000 mq

> o = 5000 mq

Educazione/formazione

Produzione

Attenzione aspetti sociali

03. Locations

No

02. Disciplines

Yes

01. Coherence

45%

54%

54%

35%

9%

78%

21%

58%

58%

33%

05. Urban type

Pubblico

Autofinanziamento

Misto (privato-donazioni)

Utenti > tenants

Utenti < tenants

Open

Affitto

Selezione

07. Obiettivi

Legato a probl. locali

06. Metrature

Ideologica

04. Housing

76%

23%

72%

47%

43%

60%

39%

7%

23%

29%

08. Funzione sociale

09. Finanziamento

10. Occupants

11. Modalita� d� accesso

61


DEPOSITO [NON] COMUNE CASI STUDIO OFFERTA SOCIALE TIPOLOGIA PRODOTTO CREATIVO

Dall' analisi delle attività svolte nelle art factories prese come casi studio e quelle proposte dall' offerta sociale milanese, si è registrata una gran varietà delle stesse che fanno appunto prendere le distanze dal ' centro culturale indipendente' da cui derivano, che era prettamente luogo di gestazione di idee, spazio per il dibattito e per gli scambi culturali dove si svolgevano attività legate soprattutto allo sviluppo civile e sociale. In questo caso invece si può parlare di luoghi di produzione 'concreta' dove quest' ultima può essere interpretata e declinata secondo tre modalità di realizzazione del prodotto creativo. Una è legata al mondo strettamente materiale, percui ci si riferisce alla produzione artigianale; una fa riferimento al mondo dell' immateriale che comprende tutte quelle attività di ideazione e progettazione creativa, di coworking e di processi preliminari che non si concretizzano in un output materiale; infine la terza può essere ricondotta al mondo dell' esperienziale in cui confluiscono eventi, azioni, attività motorie/ ricreative/ didattiche/ informative/ ludiche/ culturali/ sociali legate sovente al contesto in cui è inserita e con il quale si relaziona l' Officina Creativa in questione. Nei diagrammi che seguono si sono analizzati i prodotti creativi proposti dalla Art Factories suddividendoli in tre tipi (materiale, immateriale ed esperienziale), e si sono messi a confronto con quelli programmati dagli enti Culturali milanesi, in modo tale da comprendere il reale stato di fatto della 'offerta sociale milanese' e di conseguenza avanzare delle ipotesi sul programma funzionale su cui basare in progetto. Lo schema dell' abaco delle attività' con prodotto creativo riporta la totalità di queste ultime campionate dai casi studio e sono di volta in volta evidenziate in nero quelle che corrispondono al tipo prodotto creativo che si sta considerando e cerchiate se proposte dai programmi dei casi studio; la dimensione del cerchio ne suggerisce la quantità che viene esplicitata sottoforma di percentuale calcolata sulla base di una totalità di cinquantadue casi presi ad esempio. Il diagramma relativo alla domanda sociale evidenzia le attività e le relative quantità proposte anche dalla città Milano, le quali vengono infine messe a confronto con i casi studio per dedurne che il capoluogo lombardo risulta offrire meno spazi per i workshop, il teatro e gli spettacoli, i laboratori di fotografia e per le esposizioni. 62


PRODUZIONE ARTIGIANALE LEGATA ALLA PROMOZIONE DELLA CREATIVITA' ARTISTICA LOCALE

PRODOTTO IMMATERIALE LE OFFICINE CREATIVE SI ARTICOLANO IN TRE MACROTIPOLOGIE

INCUBATORI DI IDEE E SPAZI PER COWORKING

PRODOTTO ESPERIENZIALE EVENTI ED ATTIVITA' CON FUNZIONE SOCIALE LEGATA A PROBLEMATICHE DEL CONTESTO IN CUI SONO INSERITE

PRODUZIONE CREATIVA

PRODOTTO MATERIALE

63


OFFICINE CREATIVE ATTIVITA' PRODOTTO MATERIALE OFFERTA SOCIALE PRODOTTO MATERIALE

produzioni biologiche

3%

composizione

10%

scuola d' arte

13%

corsi serali

45%

editoria

3%

biblioteca

13%

coltivazione orti

3%

montaggio video

31%

mostre

89%

mercatini

13%

laboratorio di tessuti

10%

trucco artistico

6%

arti plastiche

20%

restauro

6%

cucina

3%

workshop

62%

urbanistica

3%

architettura

10%

tecniche di registrazione 31% sartoria affitto materiali

64

10% 3%

artigianato

10%

fotografia

48%

design

10%

abaco delle attivitĂ con prodotto creativo materiale schema delle percentuali delle attivitĂ  con prodotto creativo materiale proposte dai casi studio


65

n

sig

ing

in mu tegr ltie azio tni ne ca

de

en

e

nn

pp

ha

do

a

ge

litic

po

sta

t

oin

zi

op

inf

ga

yo

l

sti va

go

ne

fe

lier

ate

sc int amb er i na zio na li cu cin a

tro

tea

az

rm

fo

iti

att

dib

ri

gi

ion

ato

ti

or

en

lab

ev

ag

ss

e

str

mo

ng

eti

me

e

mo

alis

rn

gio

pa dig lion e

sa le

ca ff ett er ia

da

mo

tiv ita ʼ

ea

cr

ma

ing co nc er ti

us

rti

pe

es

ur o

an i

sta

re

gio v

ist e

riv

str e

mo

af ma fitto ter iali

ho

ivio

i

nic

ali

ur

ult

ic

t

re

i

ion

itiv

ch

ar

tec

er

ap

ba

ca

ibiz

es

e

ur

cu lt

ria

ia

ling

af

di

gr

o

fo to

cir c

co rs i ue

te re cnic gis he tra di zio ne sp or t

film

of

co le

lab

gio

nit

mu

co

pu zza bb lica

pia

sh ow

ati ni

rc

me

ion

ma

sh

fa

cin e

e

ato

ian

ar tig

rto ria

sa

gr ab upp ita i d nti i

so egr cia az le ion e

int

a

tic

nis

ur ba

ti

tis

ar

i

uf fic

e

ion

az

cip

rte

pa

i

ion

siz

es po

cr mun ea ita tiv ʼ a

co

ce co ntro ng re ss i

ion

taz

en

im

er

sp

ri

nta

vo lo

b

e

ov

pr

ce

an

or m

rf

pe

rty

pa

he

ra

ttu

ite

ch

ar

te

ar

tic

las

ti p

ar

ce pr ntro od d uz i ion ea rti co sti llab ca or az ion e os pit alit aʼ

la

sa

we

tv

re

ca

lifi

ua

riq

ca

ote

lud

op

gr inc upp on i di tro

op

sh

rk

wo

ies

tor

ac

tf

ar

a

tic

llis

de

mo

a

sic

mu

dia

me

la

sc uo

ali

ttu

elle

int

cio

er

mm

co

ri

na

mi

se

to

co po invo po lgi lar me e n

sh

ok

bo

ria

ito

ed

e

ion

az

en

op

y

da

a

nz

da

o

gn

b

hu

rte

dʼ a

e

ion

gr an upp zia i s ni ost e

cit

re

ie

ller

ga

ity

un

mm

co

al tem loggi po ra ne i se ns ibil izz

az

e

ion

a

ec

im az

an

liot

bib

ar bim ea l bi udic a

e

es

pr

im

te

an

up

tor

ris

rt

sta

dʼ ar te

ti v i ta ʼ

o tes rato su rio ti tru ar cco tis tic o di

e

ce cu ntro l tu ra le

gin na sti ca

co allʼ rtile ap er to pr libr omo zio i n lab

pr og ett ist i

ed uc az ion e

str ee ta rt

co llet

co rs is er ali

sc uo la

o

pr od uz ion e as so cia zio nis m

or ks oc iale

ne tw

pr bio odu log zio ich ni e

ap pe par r a tam rti en sti ti sp ett ac olo

ne

co or ltiva ti zio

ce mu ntro ltif cu un ltu zio ra na le le au tof ina nz iam en int to ra tte nim en to ar tig ian i

pr cu omo ltu zi ra on loc e ale

li

cia

so

o

se

mu

ne

ce

tà ter atu ra

pr do oiez cu ion me e nta ri af fit to sp az i mo vid nta eo ggi o

ra dio

let

pu bb lici

co mp os izio ne ba r

gio iell i

at as tenz pe ion tti e so ad cia li inc ub ato re dʼ ide e dis tre tto ar ti s ti c o ar ti s ti l oc ali


OFFICINE CREATIVE ATTIVITA' PRODOTTO IMMATERIALE OFFERTA SOCIALE PRODOTTO IMMATERIALE

associazionismo

24%

corsi serali

45%

editoria letteratura

24%

radio

24%

seminari

3%

tv

10%

sperimentazione

31%

affitto spazi

55%

multimedia

3%

community hub

6%

promozione libri

6%

lab of culture

66

3%

62%

workshop

3%

urbanistica

10%

architettura attività di integrazione sociale e multietnica concerti

10%

laboratori

24%

giornalismo

3%

6% 31%

dibattiti

27%

meeting

27%

teatro

65%

design

10%

abaco delle attività con prodotto creativo immateriale schema delle percentuali delle attività con prodotto creativo immateriale proposte dai casi studio


67

t

ing

n

mu egr ltie azio tni ne ca

int

sig

de

e

a

en

nn

litic

pp

ha

do

po

l

oin

ge

sta

op

inf

zi

go

va

sti

ga

yo

ne

fe

lier

ate

sc int amb er i na zio na li cu cin a

ing

iti

ion

tro

az

rm

tea

fo

ri

gi

ato

att

or

dib

lab

ag

ti

ss

en

ev

ma

e

ali

ult ur

ma fitto ter iali

af

us

ho

ivio

ch

ar

i

t

i

ic

itiv

re

ion

nic

er

ba

ibiz

tec

ap

ca

es str e

o

ng

eti

rn alis m

me

gio

e

lion

e

mo str

dig

pa

le

sa

ia

er

ett

ff

ca

da

mo

ti

er

nc

co

vit

cr ea ti

rti

pe

es

o

ur

re sta

ni

va

gio

ist e

riv

mo

tog

fo

co

cir

e

gu

i lin

ra fia

id

rs

co

e

to

tig ian a

ar

ia

sa rto r

gr ab upp ita i d nti i

in so tegr cia az le ion e

a

tic

nis

ba

ur

ti

i

fic

uf

te re cnic gis he tra di zio ne sp or t

ltu

cu ar tis

of

e

ion

az

cip

rte

pa

i

ion

siz

po

es

co cr mun ea ita tiv ʼ a

ce co ntro ng re ss i

ion

taz

en

sp er im

i

tar

lon

vo

film

lab

ia

ler

co

gio

nit

mu

co

pi pu azza bb lica

re

sh ow

ati ni

rc

me

ion

sh

fa

a

em

cin

b

e

ov

pr

ce

an

or m

rf

pe

rty

pa

he

ra

ttu

ite

ch

ar

te

ar

tic

las

ti p

ar

ce pr ntro od d uz i ion ea rti co sti llab ca or az ion e os pit alit aʼ

la

sa

we

tv

re

ca

lifi

ua

riq

ca

ote

lud

op

gr inc upp on i di tro

op

sh

rk

wo

ies

tor

ac

tf

ar

a

tic

llis

de

mo

a

sic

mu

dia

me

la

sc uo

ali

ttu

elle

int

cio

er

mm

co

ri

na

mi

se

co po invo po lgi lar me e nt

sh

ok

bo

ria

ito

ed

o

e

ion

az

en

op

y

da

a

nz

da

o

gn

b

hu

rte

dʼ a

e

ion

gr an upp zia i s ni ost e

cit

re

ie

ller

ga

ity

un

mm

co

al tem loggi po ra ne i se ns ibil izz

az

e

ion

a

ec

im az

an

liot

bib

ar bim ea l bi udic a

e

es

pr

im

te

an

up

tor

ris

rt

sta

dʼ ar te

ti v i ta ʼ

ne

tr ar ucco tis tic o

la di bora tes to su rio ti

pr libr omo zio i

olo

ce cu ntro l tu ra le

gin na sti ca

co allʼ rtile ap er to

pr og ett ist i ac

sp

ett

ed uc az ion e

str ee ta rt

co llet

co rs is er ali

sc uo la

o

pr od uz ion e as so cia zio nis m

or ks oc iale

ne tw

pr bio odu log zio ich ni e

ap pe par r a tam rti en sti ti

ne

co or ltiva ti zio

ce mu ntro ltif cu un ltu zio ra na le le au tof ina nz iam en int to ra tte nim en to ar tig ian i

pr cu omo ltu zi ra on loc e ale

li

cia

so

o

se

mu

ne

ce

tà ter atu ra

pr do oiez cu ion me e nta ri af fit to sp az i mo vid nta eo ggi o

ra dio

let

pu bb lici

co mp os izio ne ba r

gio iell i

at as tenz pe ion tti e so ad cia li inc ub ato re dʼ ide e dis tre tto ar ti s ti c o ar ti s ti l oc ali


OFFICINE CREATIVE ATTIVITA� EVENTO ESPERIENZIALE OFFERTA SOCIALE PRODOTTO ESPERIENZIALE

associazionismo

17%

scuola d' arte

24%

corsi

45%

animazione seminari

24%

proiezione documentari

31%

sperimentazione

10%

cinema

48%

spettacolo

31%

fashion show

68

6%

6%

esposizioni

65%

esibizioni

31%

gruppi sostegno anziani

6%

danza

41%

workshop

62%

gruppi di incontro

17%

party

6%

concerti

31%

festival

34%

performance

34%

sport

6%

circo

24%

eventi

31%

meeting

24%

abaco delle attività con prodotto creativo esperienziale schema delle percentuali delle attività con prodotto creativo esperienziale proposte dai casi studio


69

n

sig

ing

in mu tegr ltie azio tni ne ca

de

e

en

nn

pp

ha

do

a

ge

litic

po

t

oin

zi

op

sta

inf

ga

yo

l

va

sti

go

ne

fe

lier

ate

sc int amb er i na zio na li cu cin a

i

ing

ion

tro

az

rm

tea

fo

att iti

dib

ri

ato

ti

or

en

lab

ev

gi

ag

e

str

mo

ng

eti

me

e

mo

alis

rn

gio

pa dig lion e

sa le

ca ff ett er ia

da

mo

ss

ma

tiv ita ʼ

ea

cr

ur o

rti

pe

es

sta

re

an i

co nc er ti

ali

gio v

ist e

riv

str e

mo

ma fitto ter iali

af

us

ivio

ch

ho

ar

nic

ur

ult

ic

itiv

er

t

i

ion

re

ba

ibiz

tec

ap

ca

es

cu lt

ria

e

ia

ling

af

di

gr

o

fo to

cir c

co rs i ue

te re cnic gis he tra di zio ne sp or t

film

of

co le

lab

gio

nit

mu

co

pi pu azza bb lica

ur

sh ow

ati ni

rc

me

ion

ma

sh

fa

cin e

ne

ato

ian

ar tig

rto ria

sa

ab upp ita i d nti i

gr

so egr cia az le io

int

e

ion

a

tic

ur ba nis

ti

tis

ar

i

uf fic

az

cip

rte

pa

ion i

nit

es po siz

a

tiv

ea

cr

mu

co

ce co ntro ng re ss i

e

ion

taz

en

i

nta r

im

er

sp

vo lo

b

e

ov

pr

ce

an

or m

rf

pe

rty

pa

he

ra

ttu

ite

ch

ar

te

ar

tic

las

ti p

ar

ce pr ntro od d uz i ion ea rti co sti llab ca or az ion e os pit alit aʼ

la

sa

we

tv

re

ca

lifi

ua

riq

ca

ote

lud

op

gr inc upp on i di tro

op

sh

rk

wo

ies

a tor

ac

tf

ar

tic

llis

de

mo

a

sic

mu

dia

me

la

sc uo

ali

ttu

elle

int

cio

er

mm

co

ri

na

mi

se

co po invo po lgi lar me e nt

sh

ok

bo

ria

ito

ed

o

e

ion

az

en

op

y

da

a

nz

da

o

gn

b

hu

rte

dʼ a

e

ion

an upp zia i s ni ost e

gr

cit

re

ie

ller

ga

ity

un

mm

co

al tem loggi po ra ne i se ns ibil izz

az

e

ion

a

ec

im az

an

liot

bib

ar bim ea l bi udic a

e

es

pr

im

te

an

up

tor

ris

rt

sta

tr ar ucco tis tic o

la di bora tes to su rio ti

ne

pr libr omo zio i

ap pe par r a tam rti en sti ti sp ett ac olo

ne

co or ltiva ti zio

ce mu ntro ltif cu un ltu zio ra na le le au tof ina nz iam en int to ra tte nim en to ar tig ian i

pr cu omo ltu zi ra on loc e ale

li

cia

so

o

se

mu

ne

ce

dʼ ar te

ti v i ta ʼ

ce cu ntro l tu ra le

gin na sti ca

co allʼ rtile ap er to

pr og ett ist i

ed uc az ion e

str ee ta rt

co llet

co rs is er ali

sc uo la

o

pr od uz ion e as so cia zio nis m

or ks oc iale

ne tw

pr bio odu log zio ich ni e

tà ter atu ra

pr do oiez cu ion me e nta ri af fit to sp az i mo vid nta eo ggi o

ra dio

let

pu bb lici

co mp os izio ne ba r

gio iell i

at as tenz pe ion tti e so ad cia li inc ub ato re dʼ ide e dis tre tto ar ti s ti c o ar ti s ti l oc ali


OFFICINE CREATIVE ATTIVITA'� OFFERTA SOCIALE MILANESE OFFERTA SOCIALE OFFERTA SOCIALE MILANESE

produzioni biologiche

3%

cene sociali start up imprese

11% 1%

corsi serali

28%

editoria

3%

pubblicità letteratura

5%

animazione

27% 6%

radio

5%

seminari

8%

coltivazione orti affitto spazi

1% 1%

cinema

28%

spettacolo promozione libri

13%

mercatini

3%

11%

esposizioni

44% arti plastiche 28% stage/scambi internazionali 14% aperitivi culturali 9%

70

workshop

16%

architettura concerti

8% 16%

festival performance

3% 11%

sport

3%

corsi di lingue

9%

artigianato

5%

eventi

17%

fotografia

17%

community hub dibattiti

2% 13%

teatro

19%

design

3%

abaco delle attività con prodotto creativo schema delle percentuali delle attività con prodotto creativo materiale proposte dall' offerta sociale milanese


71

n

sig

ing

in mu tegr ltie azio tni ne ca

de

e

en

nn

pp

ha

do

a

ge

litic

po

t

oin

zi

op

sta

inf

ga

yo

l

va

sti

go

ne

fe

lier

ate

sc int amb er i na zio na li cu cin a

i

ing

ion

tro

az

rm

tea

fo

att iti

dib

ri

ato

ti

or

en

lab

ev

gi

ag

e

str

mo

ng

eti

me

e

mo

alis

rn

gio

pa dig lion e

sa le

ca ff ett er ia

da

mo

ss

ma

tiv ita ʼ

ea

cr

ur o

rti

pe

es

sta

re

an i

co nc er ti

ali

gio v

ist e

riv

str e

mo

ma fitto ter iali

af

us

ivio

ch

ho

ar

nic

ur

ult

ic

itiv

er

t

i

ion

re

ba

ibiz

tec

ap

ca

es

e

ur

cu lt

ria

ia

ling

af

di

gr

o

fo to

cir c

co rs i ue

te re cnic gis he tra di zio ne sp or t

film

of

co le

lab

gio

nit

mu

co

pu zza bb lica

pia

sh ow

ati ni

rc

me

ion

ma

sh

fa

cin e

e

ato

ian

ar tig

rto ria

sa

gr ab upp ita i d nti i

so egr cia az le ion e

int

a

tic

ur ba nis

ti

tis

ar

i

uf fic

e

ion

az

cip

rte

pa

i

ion

es po siz

cr mun ea ita tiv ʼ a

co

ce co ntro ng re ss i

ion

taz

en

i

nta r

im

er

sp

vo lo

b

e

ov

pr

ce

an

or m

rf

pe

rty

pa

he

ra

ttu

ite

ch

ar

te

ar

tic

las

ti p

ar

ce pr ntro od d uz i ion ea rti co sti llab ca or az ion e os pit alit aʼ

la

sa

we

tv

re

ca

lifi

ua

riq

ca

ote

lud

op

gr inc upp on i di tro

op

sh

rk

wo

ies

tor

ac

tf

ar

a

tic

llis

de

mo

a

sic

mu

dia

me

la

sc uo

ali

ttu

elle

int

cio

er

mm

co

ri

na

mi

se

to

co po invo po lgi lar me e n

sh

ok

bo

ria

ito

ed

e

ion

az

en

op

y

da

a

nz

da

o

gn

b

hu

rte

dʼ a

e

ion

gr an upp zia i s ni ost e

cit

re

ie

ller

ga

ity

un

mm

co

al tem loggi po ra ne i se ns ibil izz

az

e

ion

a

ec

im az

an

liot

bib

ar bim ea l bi udic a

e

es

pr

im

te

an

up

tor

ris

rt

sta

dʼ ar te

ti v i ta ʼ

ne

tr ar ucco tis tic o

la di bora tes to su rio ti

pr libr omo zio i

olo

ce cu ntro l tu ra le

gin na sti ca

co allʼ rtile ap er to

pr og ett ist i ac

sp

ett

ed uc az ion e

str ee ta rt

co llet

co rs is er ali

sc uo la

o

pr od uz ion e as so cia zio nis m

or ks oc iale

ne tw

pr bio odu log zio ich ni e

ap pe par r a tam rti en sti ti

ne

co or ltiva ti zio

ce mu ntro ltif cu un ltu zio ra na le le au tof ina nz iam en int to ra tte nim en to ar tig ian i

pr cu omo ltu zi ra on loc e ale

li

cia

so

o

se

mu

ne

ce

tà ter atu ra

pr do oiez cu ion me e nta ri af fit to sp az i mo vid nta eo ggi o

ra dio

let

pu bb lici

co mp os izio ne ba r

gio iell i

at as tenz pe ion tti e so ad cia li inc ub ato re dʼ ide e dis tre tto ar ti s ti c o ar ti s ti l oc ali


OFFICINE CREATIVE ATTIVITA'� OFFERTA OFFERTASOCIALE SOCIALEMILANESE

abaco delle attività con prodotto creativo compresenti nei casi studio e nell' offerta sociale milanese confronto delle percentuali di attivitàcompresenti nei casi studio e nell' offerta sociale milanese

CONFRONTO produzioni biologiche

casi studio

3%

arti plastiche 20%

offerta sociale

offerta sociale

3% community hub

28% casi studio

3%

workshop

casi studio

62%

offerta sociale

offerta sociale

2% corsi serali

16% casi studio

45%

arti plastiche 20%

offerta sociale

28% casi studio

3%

concerti

casi studio

31%

offerta sociale

offerta sociale

3% letteratura

16% casi studio

24%

festival

casi studio

34%

offerta sociale

offerta sociale

27% promozioni libri

3% casi studio

6%

performance 34%

offerta sociale

11% casi studio

24%

sport

casi studio

6%

offerta sociale

offerta sociale

5% seminari

3% casi studio

24%

artigianato

casi studio

10%

offerta sociale

offerta sociale

5%

8% affitto spazi

casi studio

3%

eventi

casi studio

31%

offerta sociale

offerta sociale

1% cinema

17% casi studio

48%

fotografia

casi studio

48%

offerta sociale

offerta sociale

28% spettacolo

17% casi studio

31%

dibattiti

casi studio

27%

offerta sociale

offerta sociale

11% mostre/ esposizioni

13% casi studio

89%

teatro

casi studio

65%

offerta sociale

offerta sociale

44% mercatini

19% casi studio

13%

design

casi studio

10%

offerta sociale

3% 72

casi studio offerta sociale

13% radio

casi studio offerta sociale

28% editoria

casi studio

offerta sociale

3%


73

n

sig

ing

in mu tegr ltie azio tni ne ca

de

en

e

nn

pp

ha

do

a

ge

litic

po

sta

t

oin

zi

op

inf

ga

yo

l

sti va

go

ne

fe

lier

ate

sc int amb er i na zio na li cu cin a

tro

tea

az

rm

fo

iti

att

dib

ri

gi

ion

ato

ti

or

en

lab

ev

ag

ss

e

str

mo

ng

eti

me

e

mo

alis

rn

gio

pa dig lion e

sa le

ca ff ett er ia

da

mo

tiv ita ʼ

ea

cr

ma

ing co nc er ti

us

rti

pe

es

ur o

an i

sta

re

gio v

ist e

riv

str e

mo

af ma fitto ter iali

ho

ivio

i

nic

ali

ur

ult

ic

t

re

i

ion

itiv

ch

ar

tec

er

ap

ba

ca

ibiz

es

e

ur

cu lt

ria

ia

ling

af

di

gr

o

fo to

cir c

co rs i ue

te re cnic gis he tra di zio ne sp or t

film

of

co le

lab

gio

nit

mu

co

pu zza bb lica

pia

sh ow

ati ni

rc

me

ion

ma

sh

fa

cin e

ato

ian

ar tig

rto ria

sa

gr ab upp ita i d nti i

e

ne

so egr cia az le io

int

a

tic

nis

ur ba

ti

tis

ar

i

uf fic

e

ion

az

cip

rte

pa

i

ion

siz

es po

cr mun ea ita tiv ʼ a

co

ce co ntro ng re ss i

ion

taz

en

im

er

sp

ri

nta

vo lo

b

e

ov

pr

ce

an

or m

rf

pe

rty

pa

ra

ttu

ite

ch

ar

te

ar

he

tic

las

ti p

ar

ce pr ntro od d uz i ion ea rti co sti llab ca or az ion e os pit alit aʼ

la

sa

we

tv

re

ca

lifi

ua

riq

ca

ote

lud

op

gr inc upp on i di tro

op

sh

rk

wo

ies

tor

ac

tf

ar

a

tic

llis

de

mo

a

sic

mu

dia

me

la

sc uo

ali

ttu

elle

int

cio

er

mm

co

ri

na

mi

se

co po invo po lgi lar me e nt

sh

ok

bo

ria

ito

ed

o

e

ion

az

en

op

y

da

a

nz

da

o

gn

b

hu

rte

dʼ a

e

ion

gr an upp zia i s ni ost e

cit

re

ie

ller

ga

ity

un

mm

co

al tem loggi po ra ne i se ns ibil izz

az

e

ion

a

ec

im az

an

liot

bib

ar bim ea l bi udic a

e

es

pr

im

te

an

up

tor

ris

rt

sta

la di bora tes to su rio ti tru ar cco tis tic o

ne

pr libr omo zio i

ap pe par r a tam rti en sti ti sp ett ac olo

ne

co or ltiva ti zio

ce mu ntro ltif cu un ltu zio ra na le le au tof ina nz iam en int to ra tte nim en to ar tig ian i

pr cu omo ltu zi ra on loc e ale

li

cia

so

o

se

mu

ne

ce

dʼ ar te

ti v i ta ʼ

ce cu ntro l tu ra le

gin na sti ca

co allʼ rtile ap er to

pr og ett ist i

ed uc az ion e

str ee ta rt

co llet

co rs is er ali

sc uo la

o

pr od uz ion e as so cia zio nis m

or ks oc iale

ne tw

pr bio odu log zio ich ni e

tà ter atu ra

pr do oiez cu ion me e nta ri af fit to sp az i mo vid nta eo ggi o

ra dio

let

pu bb lici

co mp os izio ne ba r

gio iell i

at as tenz pe ion tti e so ad cia li inc ub ato re dʼ ide e dis tre tto ar ti s ti c o ar ti s ti l oc ali


DEPOSITO [NON] COMUNE CASI STUDIO ATTIVITA' E PROGRAMMI

L' analisi sulle caratteristiche architettoniche condotta sui casi studio ha portato ad identificare grazie alla frequenza con cui ricorrono alcune tipologie di edifici, ritenuti per questo più adeguati ad ospitare un' officina creativa. Sono state redatte delle 'carte d' identità' per ciascuna delle sei tipologie individuate, depositi/magazzini (D/M), edifici per uffici (U), cinema/teatri (C/T), edifici industriali (F), complessi industriali (FF), patrimonio immobiliare pubblico/privato (PP) dove sono riportati i dati architettonici, gestionali e funzionali che la caratterizzano; un diagramma delle Art Factories corrispondenti alla tipologia in questione elenca le attività presenti nel rispettivo programma. Ad accompagnare le carte di identità, un programma funzionale ideale pensato ad hoc per ciascun tipo architettonico. Anche la mappatura condotta sul territorio del comune di Milano ha evidenziato la ricorrenza di precise tipologie architettoniche che sono state raccolte in sette categorie che comprendono depositi ATM (D), edifici sportivi (SP), edifici scolastici (S), edifici per uffici (U), cascine (C), edifici industriali (F) e scheletri urbani (SH). E' chiara la corrispondenza quasi totale tra i tipi architettonici prediletti per l' insediamento di Art Factories e quelli offerti e dismessi del Comune di Milano.

74


RISORSE SPAZIALI MILANESI

TIPOLOGIE ARCHITETTONICHE DESUNTE DAI CASI STUDIO

depositi ATM .D edifici sportivi .SP edifici scolastici .S edifici per uffici .U cascine .C edifici industriali .F scheletri urbani .SH

D/M. depositi/magazzini U . edifici per uffici C/T . cinema/teatri F. edifici industriali FF. complessi industriali PP. patrimonio immobiliare pubblico/privato

75


OFFICINE CREATIVE PROGRAMMA ATTIVITA' 01. EX DEPOSITI / MAGAZZINI 01. EX DEPOSITI/MAGAZZINI

P01.D/M ESPOSIZIONI (PICCOLE E GRANDI SALE) SPETTACOLI CONCERTI FASHION SHOW EVENTI TEATRO CAFFETTERIA COWORKING WORKSHOP

GALLERIE D'�ARTE DIBATTITI SEMINARI

DANZA (SALE PROVE E PER SPETTACOLI) CIRCO (SALE PROVE E E SPAZIO PER SPETTACOLI) CINEMA RISTORANTE LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE LABORATORI PER LE ARTI VISIVE RIUNIONI (SALE) LABORATORI MULTIMEDIALI RADIO (SALA REGISTRAZIONE) STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO BIBLIOTECA UFFICI AMMINISTRATIVI O INFORMATIVI UFFICI PER ASSOCIAZIONI STUDI PER ARTISTI ATTIVITA' COMMERCIALI RESIDENZE PER ARTISTI ARCHIVIO 76


r og

INFO GESTIONALI

INFO DI PROGRAMMA

ma

am

AR CH AT IVIO TI BIB VITA L ' CA IOT COM FF EC ME CIR ETT A RCIA C ER LI CIN O (S IA EM ALE A CO PE RP NC RO CO ERT VE WO I ES DA RKI PE NZ NG TT DIB A (S AC OL AT AL I) ES TIT E PR PO I OV EE EV SIZ EN IO PE RS FA TI NI (P PE SH ICC TT IO OL GA N AC EE LL SH OL E R OW I) G LA IE R A BO D' N D IS LA RAT �AR AL BO OR TE E) LA RATO I MU BO R LT I R I PA AT PE ME RT OR R D RA Y I PE LE AR IALI DI R L TI E A PL RE O (S RT AS SID AL I V TIC RIS ENZ A RE ISI HE TO E P GIS VE RIU RAN ER TRA NI TE ART ZIO O SE N IST NE MI I ( I ) SP NAR SALE ET I ) T ST ACO UD L ST I DI I UD RE ST I DI DIST UD RE RA TE I PE GIST ZIO AT R R N UF RO ARTI AZIO E AU FIC ST NE DIO I VI UF I PE DE FIC R O WO I AM ASSO RK MI CI SH NI AZ OP ST IO RA NI TI VI EI NF OR MA TI VI

pr

officine creative

attività

CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE MQ

OBIETTIVI

1500

PIANTA LIBERA

FLESSIBILITA' ALTA

ALTEZZA CONSIDEREVOLE

LOCALIZZAZIONE PERIFERIA

N FABBRICATI 1 -2

N PIANI MONOPIANO

APERTURE AMPIE

SOSTEGNO FINANZIARIO FONDI PUBBLICI O PRIVATI, DONAZIONI

TIPO DI OCCUPAZIONE

MODALITA' D'ACCESSO gli immobili sono quasi sempre di propietà comunale

AFFITTO

da parte di una commissione interna

SELEZIONE

CREATIVITA', PRODUZIONE, EDUCAZIONE, ATTENZIONE AGLI ASPETTI SOCIALI

BAMBOO CURTAIN STUDIO CZKD GODOWN ART CENTRE HANGAR KORJAAMO LES HALLES SCHAERBEEK RESIDENCIA CORAZON TRAMWAY

77


OFFICINE CREATIVE PROGRAMMA ATTIVITA' 02. EX EDIFICI PER UFFICI 02. EX EDIFICI PER UFFICI

P02.U STUDI PER ARTISTI LABORATORI PER LE ARTI VISIVE LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE LABORATORI MULTIMEDIALI UFFICI PER ASSOCIAZIONI UFFICI AMMINISTRATIVI O INFORMATIVI STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO RIUNIONI (SALE)

COWORKING ESPOSIZIONI (PICCOLE E GRANDI SALE) WORKSHOP ATTIVITA' COMMERCIALI RESIDENZE PER ARTISTI DANZA (SALE PROVE E PER SPETTACOLI) CAFFETTERIA ARCHIVIO RADIO (SALA REGISTRAZIONE) BIBLIOTECA GALLERIE D'�ARTE SEMINARI DIBATTITI CINEMA TEATRO CIRCO (SALE PROVE E E SPAZIO PER SPETTACOLI) SPETTACOLI CONCERTI RISTORANTE FASHION SHOW EVENTI

78


ma

am

r og

INFO GESTIONALI

INFO DI PROGRAMMA

AR CH AT IVIO TI BIB VITA L ' CA IOT COM FF EC ME CIR ETT A RCIA C ER LI CIN O (S IA EM ALE CO A PE RP NC RO CO ERT VE WO I ES DA RKI PE NZ NG TT A DIB (S AC OL AT AL I) ES TIT E PR PO I OV S EE EV IZ EN IO PE RS FA TI NI (P PE SH ICC TT IO OL GA N AC EE LL SH OL ER OW I) GR LA IE AN BO D' DI LA RAT �AR S A BO OR TE LE ) LA RATO I MU BO R LT I R PA AT PE IME RT OR R D RA Y I PE LE AR IALI DI R L TI E A PL RE O (S RT AS SID AL I V TIC RIS ENZ A RE ISI HE TO E P GIS VE RIU RAN ER TRA A Z NI TE RT IO SE ON IST NE MI I ( I ) SP NAR SALE ET I ) T ST ACO UD L ST I DI I UD RE ST I DI DIST UD RE RA TE I PE GIST ZIO AT R R N UF RO ARTI AZIO E AU FIC ST NE DIO I VI UF I PE DE FIC R O WO I AM ASSO RK MI CI SH NI AZ OP ST IO RA NI TI VI EI NF OR MA TI VI

pr

officine creative

attività

CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE MQ

OBIETTIVI

7250

PIANTA PARCELLIZZATA

FLESSIBILITA' BASSA

ALTEZZA INTERPIANO 3 M

LOCALIZZAZIONE PERIFERIA

N FABBRICATI 1

N PIANI MULTIPIANO

APERTURE MOLTEPLICI E DI MEDIA DIMENSIONE

SOSTEGNO FINANZIARIO FONDI PUBBLICI

commissione interna

TIPO DI OCCUPAZIONE ---

MODALITA' D'ACCESSO SELEZIONE da parte di una

CREATIVITA', PRODUZIONE, EDUCAZIONE, FORMAZIONE, ATTENZIONE AD ASPETTI SOCIALI

DE STRIP EL FARO DE ORIENTE JCCAC

79


OFFICINE CREATIVE PROGRAMMA ATTIVITA' 03. EX CINEMA / TEATRI 03. EX CINEMA / TEATRI

P03.T/C

CINEMA TEATRO SPETTACOLI CONCERTI DANZA (SALE PROVE E PER SPETTACOLI) CAFFETTERIA SEMINARI DIBATTITI

WORKSHOP FASHION SHOW EVENTI ESPOSIZIONI (PICCOLE E GRANDI SALE) COWORKING RIUNIONI (SALE) RADIO (SALA REGISTRAZIONE) LABORATORI MULTIMEDIALI LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE LABORATORI PER LE ARTI VISIVE STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO ARCHIVIO BIBLIOTECA GALLERIE D'�ARTE

UFFICI PER ASSOCIAZIONI UFFICI AMMINISTRATIVI O INFORMATIVI CIRCO (SALE PROVE E E SPAZIO PER SPETTACOLI) ATTIVITA' COMMERCIALI RISTORANTE STUDI PER ARTISTI RESIDENZE PER ARTISTI 80


INFO GESTIONALI

INFO DI PROGRAMMA

ma

am

r og

AR CH AT IVIO TI BIB VITA L ' CA IOT COM FF EC ME CIR ETT A RCIA C ER LI CIN O (S IA EM ALE CO A PE RP NC RO CO ERT VE WO I ES DA RKI PE NZ NG TT DIB A (S AC OL AT AL I) E T ES IT PR PO I OV EE EV SIZ EN IO PE RS FA TI NI (P PE SH I C TT IO C O GA N AC LE LL SH OL EG ER OW I) LA IE R AN BO D' D � R I LA AT AR S AL BO OR TE E) LA RATO I MU BO R LT I R PA AT PE IME RT OR R D RA Y I PE LE AR IALI DI R L TI E A PL RE O (S RT AS SID AL A I V TIC E RIS NZ RE ISI HE TO E P GIS VE T R E RIU AN R RA N T AR Z SE ION E TIS IONE MI I ( TI ) SP NAR SALE ET I ) ST TACO UD L ST I DI I UD RE ST I DI DIST UD RE RA TE I PE GIST ZIO AT R R N UF RO ARTI AZIO E AU FIC ST NE DIO I VI UF I PE DE FIC R O A WO I AM SSO RK MI CI SH NI AZ OP ST IO RA NI TI VI EI NF OR MA TI VI

pr

officine creative

attività

CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE MQ

PIANTA

FLESSIBILITA'

ALTEZZA

LOCALIZZAZIONE N FABBRICATI

N PIANI

APERTURE

SOSTEGNO FINANZIARIO

TIPO DI OCCUPAZIONE

MODALITA' D'ACCESSO

OBIETTIVI

400

SEMI PARCELLIZZATA MEDIA

MAX 10 M CENTRO 1

MONOPIANO

POCHE E DI PICCOLE DIMENSIONI FONDI PUBBLICI E AUTOFINANZIAMENTO

gli immobili sono quasi sempre di propietà comunale

AFFITTO

da parte di una commissione interna

SELEZIONE

CREATIVITA', EDUCAZIONE, PRODUZIONE

CINEMA NOVA REX PARKTEATRE SCENE

81


OFFICINE CREATIVE PROGRAMMA ATTIVITA' 04. EX EDIFICI INDUSTRIALI 04. EX EDIFICI INDUSTRIALI

P04.F

ESPOSIZIONI (PICCOLE E GRANDI SALE) GALLERIE D'�ARTE DANZA (SALE PROVE E PER SPETTACOLI) CIRCO (SALE PROVE E E SPAZIO PER SPETTACOLI) TEATRO SPETTACOLI

CAFFETTERIA CONCERTI EVENTI FASHION SHOW CINEMA DIBATTITI RISTORANTE

RADIO (SALA REGISTRAZIONE) WORKSHOP SEMINARI BIBLIOTECA ARCHIVIO COWORKING STUDI PER ARTISTI

LABORATORI PER LE ARTI VISIVE LABORATORI MULTIMEDIALI LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE UFFICI AMMINISTRATIVI E INFORMATIVI UFFICI PER ASSOCIAZIONI RIUNIONI (SALE) STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO RESIDENZE PER ARTISTI ATTIVITA' COMMERCIALI 82


INFO GESTIONALI

INFO DI PROGRAMMA

ma

am

r og

AR CH AT IVIO TI BIB VITA L ' CA IOT COM FF EC ME CIR ETT A RCIA C ER LI CIN O (S IA EM ALE CO A PE RP NC RO CO ERT VE WO I ES DA RKI PE NZ NG TT DIB A (S AC OL AT AL I) E T ES IT PR PO I OV EE EV SIZ EN IO PE RS FA TI NI (P PE SH ICC TT IO O GA N AC LE LL SH OL EG ER OW I) LA IE R AN BO D' D � R I LA AT AR S AL BO OR TE E) LA RATO I MU BO R LT I PA RAT PE IME RT OR R D RA Y I PE LE AR IALI DI R L TI E A PL RE O (S RT AS SID AL A I V TIC RIS ENZ RE ISI HE TO E P GIS VE T R E RIU AN R RA N T AR Z SE ION E TIS IONE MI I ( TI ) SP NAR SALE ET I ) ST TACO UD L ST I DI I UD RE ST I DI DIST UD RE RA TE I PE GIST ZIO AT R R N UF RO ARTI AZIO E AU FIC ST NE DIO I VI UF I PE DE FIC R O A WO I AM SSO RK MI CI SH NI AZ OP ST IO RA NI TI VI EI NF OR MA TI VI

pr

officine creative

attività

CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE MQ

PIANTA

FLESSIBILITA'

ALTEZZA

LOCALIZZAZIONE N FABBRICATI

N PIANI

APERTURE

SOSTEGNO FINANZIARIO

TIPO DI OCCUPAZIONE

MODALITA' D'ACCESSO

OBIETTIVI

3400

LIBERA ALTA

CONSIDEREVOLE CENTRO 1

MONOPIANO AMPIE

FONDI PUBBLICI

AFFITTO GRATUITO /AFFITTO gli immobili sono quasi sempre di propietà comunale da parte di una commissione interna

SELEZIONE

CREATIVITA', PRODUZIONE, ATTENZIONE AGLI ASPETTI SOCIALI, EDUCAZIONE

ATENEU POPULAR NOU BARRIS CERC

HALLWALLS CONTEMPORARY ART CENTER

FLUX FACTORY

KULTUURITEHAS POLYMER

KULTURFABRIK

LA CHAMBRE BLANCHE

RODA STEIN

MELKWEG

83


OFFICINE CREATIVE PROGRAMMA ATTIVITA' 05. COMPLESSI INDUSTRIALI 05. EX COMPLESSI INDUSTRIALI

P05.FF STUDI PER ARTISTI

RESIDENZE PER ARTISTI ATTIVITA' COMMERCIALI LABORATORI PER LE ARTI VISIVE LABORATORI MULTIMEDIALI LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE UFFICI AMMINISTRATIVI E INFORMATIVI UFFICI PER ASSOCIAZIONI STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO COWORKING WORKSHOP RADIO (SALA REGISTRAZIONE) RIUNIONI (SALE) CAFFETTERIA RISTORANTE

ESPOSIZIONI (PICCOLE E GRANDI SALE) GALLERIE D'�ARTE DANZA (SALE PROVE E PER SPETTACOLI) CIRCO (SALE PROVE E E SPAZIO PER SPETTACOLI) TEATRO SPETTACOLI CONCERTI FASHION SHOW EVENTI DIBATTITI SEMINARI BIBLIOTECA ARCHIVIO CINEMA 84


INFO GESTIONALI

INFO DI PROGRAMMA

ma

am

r og

AR CH AT IVIO TI BIB VITA L ' CA IOT COM FF EC ME CIR ETT A RCIA C ER LI CIN O (S IA EM ALE CO A PE RP NC RO CO ERT VE WO I ES DA RKI PE NZ NG TT A DIB (S AC OL AT AL I) ES TIT E PR PO I OV S EE EV IZ EN IO PE RS FA TI NI (P PE SH ICC TT IO OL GA N AC EE LL SH OL ER OW I) GR LA IE AN BO D' D � R I LA AT AR SA BO OR TE LE ) LA RATO I MU BO R LT I R I PA AT PE ME RT OR R D RA Y I PE LE AR IALI DI R L TI E A PL RE O (S RT AS SID AL I V TIC RIS ENZ A RE ISI HE TO E P GIS VE RIU RAN ER TRA A Z T NI E RT IO SE ON IST NE MI I ( I ) SP NAR SALE ET I ) T ST ACO UD L ST I DI I UD RE ST I DI DIST UD RE RA TE I PE GIST ZIO AT R R N UF RO ARTI AZIO E AU FIC ST NE DIO I VI UF I PE DE FIC R O WO I AM ASSO RK MI CI SH NI AZ OP ST IO RA NI TI VI EI NF OR MA TI VI

pr

officine creative attività

CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE MQ

PIANTA

FLESSIBILITA'

ALTEZZA

LOCALIZZAZIONE N FABBRICATI

N PIANI

APERTURE

SOSTEGNO FINANZIARIO

OBIETTIVI

16200

LIBERA E PARCELLIZZATA ALTA

CONSIDEREVOLE PERIDERIA 9

MULTIPIANO

NUMEROSE ED AMPIE

FONDI PUBBLICI O AUTOFINANZIAMNETO

TIPO DI OCCUPAZIONE AFFITTO

MODALITA' D'ACCESSO AFFITTO

CREATIVITA', PRODUZIONE, EDUCAZIONE, FORMAZIONE

1ASPACE CASAS DAS CALDEIRAS

COTONIFICIO SPINNEREI CHOCOLATE FACTORY

FO TAN ART STUDIOS FONDERIE DARLING

KULTURBRAUREI

KAAPELI

KULTURZENTRUM SCHLATHOF

LA FRICHE LA BELLE DE MAI

STICHTING KAUS AUSTRALIS

MEJERIET

WESTERGASFABRIEK

UFAFABRIK

WUK

85


OFFICINE CREATIVE PROGRAMMA ATTIVITA' 06. PATRIMONIO IMMOBILIARE PUBBLICO/PRIVATO 06. PATRIMONIO IMMOBILIARE PUBBLICO/PRIVATO

P06.PP

LABORATORI MULTIMEDIALI LABORATORI PER LE ARTI VISIVE LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE RESIDENZE PER ARTISTI STUDI PER ARTISTI STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO RADIO (SALA REGISTRAZIONE) UFFICI AMMINISTRATIVI UFFICI PER ASSOCIAZIONI WORKSHOP SEMINARI DIBATTITI COWORKING RIUNIONI (SALE) ARCHIVIO CAFFETTERIA

DANZA (SALE PROVE E PER SPETTACOLI) CIRCO (SALE PROVE E E SPAZIO PER SPETTACOLI) ATTIVITA' COMMERCIALI RISTORANTE BIBLIOTECA EVENTI

GALLERIE D'�ARTE ESPOSIZIONI (PICCOLE E GRANDI SALE) CINEMA TEATRO FASHION SHOW SPETTACOLI CONCERTI 86


INFO GESTIONALI

INFO DI PROGRAMMA

ma

am

r og

AR CH AT IVIO TI BIB VITA L ' CA IOT COM FF EC ME CIR ETT A RCIA C ER LI CIN O (S IA EM ALE CO A PE RP NC RO CO ERT VE WO I ES DA RKI PE NZ NG TT A DIB (S AC OL AT AL I) ES TIT E PR PO I OV S EE EV IZ EN IO PE RS FA TI NI (P PE SH ICC TT IO OL GA N AC EE LL SH OL ER OW I) GR LA IE AN BO D' DI LA RAT �AR S A BO OR TE LE ) LA RATO I MU BO R LT I R PA AT PE IME RT OR R D RA Y I PE LE AR IALI DI R L TI E A PL RE O (S RT AS SID AL I V TIC RIS ENZ A RE ISI HE TO E P GIS VE RIU RAN ER TRA A Z NI TE RT IO SE ON IST NE MI I ( I ) SP NAR SALE ET I ) T ST ACO UD L ST I DI I UD RE ST I DI DIST UD RE RA TE I PE GIST ZIO AT R R N UF RO ARTI AZIO E AU FIC ST NE DIO I VI UF I PE DE FIC R O WO I AM ASSO RK MI CI SH NI AZ OP ST IO RA NI TI VI EI NF OR MA TI VI

pr

officine creative attività

CARATTERISTICHE ARCHITETTONICHE MQ

PIANTA

FLESSIBILITA'

ALTEZZA

LOCALIZZAZIONE N FABBRICATI

N PIANI

APERTURE

SOSTEGNO FINANZIARIO

OBIETTIVI

1600

SEMI PARCELLIZZATA MEDIA

INTERPIANO 3 M CENTRO 1

MULTIPIANO

MOLTEPLICI E DI MEDIA DIMENSIONE FONDI PUBBLICI E PRIVATI

TIPO DI OCCUPAZIONE AFFITTO GRATUITO O ACQUISTO

MODALITA' D'ACCESSO LIBERA O SELEZIONE da parte di una commissione interna

CREATIVITA',EDUCAZIONE, ATTENZIONE AD ASPETTI SOCIALI, PRODUZIONE

ARTSPACE BOOZE COOPERATIVA CHAPITO COMMON ROOM

DOUAL' ART HUSET METELKOVA SOCIETY FREE CULTURE THE POINT TOACA YOUKOBO ART SPACE

87


CAPITOLO 4 DEPOSITI ATM MILANO

88


Come è stato detto nel capitolo precedente, vi è una corrispondenza tra le tipologie architettoniche predilette per l' insediamento di una Art Factory e quelle che costituiscono la risorsa spaziale di edifici dismessi nel Comune di Milano. La categoria prescelta è stata quella che comprende i depositi ed i magazzini, D/M, ed in particolare per la città di Milano sono stati analizzati i depositi ATM per mezzi di trasporto su gomma e su rotaia di seguito mappati e descritti attraverso undici schede di approfondimento. Il motivo della scelta dei depositi è stato suggerito non solo dalla peculiarità del loro spazio come grandi volumetrie open space disponibili, ampie corti all' interno dei complessi, ritenuto un' interessante e valida occasione progettuale ma anche dal fatto che fanno parte della storia di Milano e della sua evoluzione sociale legata anche al mezzo di trasporto che in altri tempi l' ha caratterizzata, ovvero il tram. Al momento attuale quasi la totalità dei depositi dell' ATM è ancora in funzione e subisce continue modifiche per adeguarsi alle nuove esigenze della città e della rete di trasporti che è in continuo incremento, dunque non rientra nelle risorse spaziali dismesse e perciò disponibili al riuso. Nonostante ciò si è deciso di considerarli ugualmente parte di questo patrimonio in vista di un prossimo futuro in cui potrebbero essere dislocati verso aree urbane più periferiche per servire una rete di trasporti sempre più sviluppata in seguito alla costante espansione della Città: ad avvalorare questa ipotesi un commento del PGT suggerisce ed auspica l' utilizzo ed il riuso dei depositi dell' ATM considerate preziose risorse spaziali poichè si trovano in una posizione centrale e sono ben serviti e per questo sono facilmente accessibili. Un ulteriore dato che ha influito sulla scelta poichè considerato un valore aggiunto e che è rappresentato nella mappatura riportata di seguito è la disposizione e la quantità dei depositi che seggerisce la possibilità di connetterli in rete. Ogni struttura può funzionare individualmente ed in maniera indipendente come attivatore urbano di quartiere ma fa anche parte di un sistema più complesso ed articolato che in questo modo riesce a coprire e a stimolare un' area molto più vasta. 89


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITI ATM MAPPATURA

depositi ATM edifici dismessi

D.01

D.09

zona 2

zona 9

D.08 D.11

D.10

zona 8 D.04

zona 3 D.06

zona 7

D.02

zona 1 D.05 D.07 D.03

zona 6 zona 5

90

D.12

zona 4


D.01 via anassagora 11

ZV

D. 03 via giambellino 132

x

MQ

COPERTO_12737 SCOPERTO_18076

MQ

COPERTO_10687 SCOPERTO_6084

D.04 via messina 41

D.05 viale molise 60

non rilevato D.06 via novara 41

MQ COPERTO_23265 SCOPERTO_4838 D.07 via custodi 14

MQ COPERTO_11422 SCOPERTO_184 D.08 via padova 112

MQ COPERTO_25948 SCOPERTO_5551 D.09 viale sarca 10

MQ COPERTO_13093 SCOPERTO_1635 D.10 viale stelvio 2

MQ COPERTO_5513 SCOPERTO_17220 D.11 via teodosio 125

MQ COPERTO_8386 SCOPERTO_30776 D.12 via verona 8

MQ

MQ

MQ

COPERTO_12407

COPERTO_38405 SCOPERTO_18364

COPERTO_2379 SCOPERTO_2239 100 m 91


D.01 11 _ 0209

Via delle Anassagora 20 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA ANASSAGORA, 20 SUPERFICIE COPERTA 1318 MEZZI DEPOSITATI AUTOBUS E METRO NIL 56. FORZE ARMATE RESIDENTI 23.760 ab DENSITA' ABITATIVA 7.409 ab CITTA' DIURNA 21.630 ab CITTA' NOTTURNA 25.112 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 92

CATEGORIA 86,1% / 83,1% 1,8% / 3,7% 3,8% / 6,9% 4,8% / 3,4% 3,6% / 2,9% 46,3% / 35,6% 883 unità locali


93


D.02 11 _ 0208

Via delle Forze Armate 80 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA DELLE FORZE ARMATE, 80 SUPERFICIE COPERTA 10951 MQ MEZZI DEPOSITATI TRAM SPECIALI NIL 56. FORZE ARMATE RESIDENTI 23.760 ab DENSITA' ABITATIVA 7.409 ab CITTA' DIURNA 21.630 ab CITTA' NOTTURNA 25.112 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 94

CATEGORIA 86,1% / 83,1% 1,8% / 3,7% 3,8% / 6,9% 4,8% / 3,4% 3,6% / 2,9% 46,3% / 35,6% 883 unità locali


95


D.04 11 _ 0209

Via Messina 40 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA MESSINA, 40 SUPERFICIE COPERTA 7750 MQ MEZZI DEPOSITATI TRAM NIL 70.GHISOLFA RESIDENTI 16.591 ab DENSITA' ABITATIVA 15.779 ab CITTA' DIURNA 14.042 ab CITTA' NOTTURNA 16.718 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTROABITAZIONI IN AFFITTOATTIVITA' PRODUTTIVE 96

CATEGORIA 83,8% / 83,1% 5,0% / 3,7% 6,1% / 6,9% 1,7% / 3,4% 3,3% / 2,9% 28,9% / 35,6% 1.271 unità locali


97


D.05 11 _ 0207

Via Molise 60 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA MOLISE, 60 SUPERFICIE COPERTA 822 MQ MEZZI DEPOSITATI TRAM E AUTOBUS NIL 28. UMBRIA MOLISE RESIDENTI 21.932 ab DENSITA' ABITATIVA 18.393 ab CITTA' DIURNA 19.051 ab CITTA' NOTTURNA 21.984 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 98

CATEGORIA 83,7% / 83,1% 2,4% / 3,7% 7,6% / 6,9% 2,1% / 3,4% 4,2% / 2,9% 43,6% / 35,6% 1.529 unità locali


99


D.06 11 _ 0208

Via Novara 41 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA NOVARA, 41 SUPERFICIE COPERTA 24954 MQ MEZZI DEPOSITATI AUTOBUS NIL 56. FORZE ARMATE RESIDENTI 23.760 ab DENSITA' ABITATIVA 7.409 ab CITTA' DIURNA 21.630 ab CITTA' NOTTURNA 25.112 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 100

CATEGORIA 86,1% / 83,1% 1,8% / 3,7% 3,8% / 6,9% 4,8% / 3,4% 3,6% / 2,9% 46,3% / 35,6% 883 unità locali


101


D.07 11 _ 0207

Via Pietro Custodi 14 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO SUPERFICIE COPERTA MEZZI DEPOSITATI NIL RESIDENTI DENSITA' ABITATIVA

VIA PIETRO CUSTODI, 14 10825 MQ TRAM 6. TICINESE 17.842 ab 12.835 ab

CITTA' DIURNA 35.745 ab CITTA' NOTTURNA 20.402 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 102

CATEGORIA 87% / 83% 3,8% / 6,9% 3,1% / 6,9% 4,2% / 3,4% 1,85 / 2,9% 40,1% / 35,6% 10.877 unità locali


103


D.08 11 _ 0208

Via Padova 112 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA PADOVA, 112 SUPERFICIE COPERTA 2637 MQ MEZZI DEPOSITATI xxx NIL 20. LORETO RESIDENTI 39.326 ab DENSITA' ABITATIVA 22.503 ab CITTA' DIURNA 38.758 ab CITTA' NOTTURNA 39.866 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 104

CATEGORIA 86,3% / 83,1% 2,8% / 3,7% 5,9% / 6,9% 2,3% / 3,4% 2,7% / 2,9% 33,5% / 35,6% 3.362 unità locali


105


D.09 11 _ 0209

Via Sarca 10 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA SARCA, 10 SUPERFICIE COPERTA 1406 MQ MEZZI DEPOSITATI AUTOBUS NIL 14, NIGUARDA CA' GRANDA RESIDENTI 35.776 ab DENSITA' ABITATIVA 8.415 ab CITTA' DIURNA 33.517 ab CITTA' NOTTURNA 37.061 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 106

CATEGORIA 84,5% / 83,1% 1,4% / 3,7% 5% / 6,9% 5,1% / 3,4% 4% / 2,9% 47,5% / 35,6% 1.395 unità locali


107


D.10 11 _ 0209

Via Stelvio 2 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA STELVIO, 2 SUPERFICIE COPERTA 10865 MQ MEZZI DEPOSITATI AUTOBUS NIL 11. ISOLA RESIDENTI 21.698 ab DENSITA' ABITATIVA 16.401 ab CITTA' DIURNA 26.067 ab CITTA' NOTTURNA 21.760 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTROABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 108

CATEGORIA 85% / 83,1% 7,5% / 3,7% 4,1% / 6,9% 1,5% / 3,4% 1,9% / 2,9% 36,4% / 35,6% 2.371 unità locali


109


D.11 11 _ 0208

Via Teodosio 125 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO VIA TEODOSIO, 125 SUPERFICIE COPERTA 3384 MQ MEZZI DEPOSITATI TRAM NIL 20. LORETO RESIDENTI 39.326 ab DENSITA' ABITATIVA 22.503 ab CITTA' DIURNA 38.758 ab CITTA' NOTTURNA 39.866 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIOINDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA'PRODUTTIVE 110

CATEGORIA 86,3% / 83,1% 2,8% / 3,7% 5,9% / 6,9% 2,3% / 3,4% 2,7% / 2,9% 33,5% / 35,6% 3.362 unità locali


111


D.12 11 _ 0207

Via Verona 8 _ Milano _ ITALIA

INDIRIZZO SUPERFICIE COPERTA MEZZI DEPOSITATI NIL RESIDENTI DENSITA' ABITATIVA

VIA VERONA, 8 1068 MQ DISMESSO 27. PORTA ROMANA 16.675 ab 16.629 ab

CITTA' DIURNA 17.076 ab CITTA' NOTTURNA 16.905 ab NIL/MEDIA MILANO ABITAZIONE UFFICIO COMMERCIO INDUSTRIA SERVIZI PRODUTTIVI ALTRO ABITAZIONI IN AFFITTO ATTIVITA' PRODUTTIVE 112

CATEGORIA 85,3% / 83,1% 3,7% / 3,7% 6,4% / 6,9% 2,7% / 3,4% 1,8% / 2,9% 32,8% / 35,6% 2.141 unità locali


113


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITI ATM DEPOSITI ATM IN RETE

Poichè si è detta costituire un valore aggiunto si è proseguito nell' operazione di mettere in rete i depositi dell' ATM dei quali però ne sono stati selezionati soltanto cinque: D.02 in via delle Forze Armate 80, D.04 in via Messina 40, D.07 in via Pietro Custodi 14, D.11 in via Teodosio 125 e D.12 in via Verona 8.

I criteri della scelta sono stati di tipo architettonico e di tipo urbanistico: nel primo caso si sono presi in considerazione i depositi per mezzi di trasporto su rotaia poichè gli edifici presentano le stesse caratteristiche ( due entrate principali di grandi dimensioni per l' ingresso e l' uscita dei tram, presenza di scavi della profondità di circa 160 cm nel terreno per consentire la manutenzione dei mezzi, coperture a shed o a capriata a due falde inclinate, ampi lucernari che consentono un' illuminazione di tipo zenitale, vasta aula 'open space' adibita a ricovero dei trasporti e solitamente suddiviva in lunghe campate che scandiscono uno spazio longitudinale, spazi perimetrali di dimensioni ed altezze inferiori all' open space destinati principalmente ad attività d' ufficio e stoccaggio del materiale e dei macchinari, corte esterna ). Sono stati scelti per la loro dislocazione nel contesto urbano poichè sono distribuiti ciascuno in una zona differente mantenendo così distinte le rispettive aree di influenza ma non distano l' uno dall' altro più di un quarto d' ora circa. La vicinanza ad alcuni centri culturali creativi già presenti nel contesto come Spazio Forma, Art Kitchen, Cascina Cuccagna, The Hub e Fabbrica del Vapore, ne suggerisce una collaborazione con la conseguenza di una distribuzione più omogenea sul territorio di queste realtà grazie al completamento di quella che appunto diviene una rete. Ciascun deposito appartiene ad un differente NIL ( Nucleo di Identità Locale ) e attraverso l' analisi di questi ultimi sono emerse delle potenzialità e delle ' vocazioni ', ovvero delle caratteristiche sociali ed urbane, su cui basare e delineare delle proposte progettuali ad hoc.

114


OFFICINE CREATIVE RISORSE SPAZIALI DEPOSITI ATM IN RETE

depositi ATM depositi ATM scelti officine creative officine creative interessate distretti creativi r = 500m distanza (km) tempo (min)

h 00.14'

D.04

h 00.1

3'

m 6,8 K

Km

h 00.16' 7,4 Km

D.02

12 km ' .22 h 00 .18' h 00 m K 6,5

6,2

FABBRICA VAPORE THE HUB Km

9,4

'

0.13

h0

D.11

6,1 Km

6 Km

h 00.1

4'

D.07

SPAZIO FORMA ART KITCHEN

2,2 Km h 00.7'

D.12

CASCINA CUCCAGNA

115


CAPITOLO 5 DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE

116


DARSENA

PIAZZA XXIV MAGGIO UNIVERSITA' BOCCONI

NAVIGLIO GRANDE

DEPOSITO ATM VIA CUSTODI

NAVIGLIO PAVESE

100 m

117


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE RILIEVO FOTOPIANO

Il deposito per i tram Atm scelto come sito di progetto è il D.07 in via P. Custodi 14 e appartiene al NIL 6 di Ticinese. Occupa una superficie coperta di 10.825 MQ e una scoperta di 1.635 MQ per un totale di 12.460 MQ. Gli spazi sono adibiti a deposito e manutenzione dei tram, uffici dell' ATM, officine, sede di Spazio Forma, sede del Comando di Polizia Locale e relativa area di parcheggio. Di seguito si riportano il rilievo fotografico dei prospetti esterni sud ed ovest mentre per i prospetti nord ed est non è stata possibile la realizzazione dei fotoraddrizzamenti a causa dell 'inaccessibilità dell' area adiacente, e il rilievo fotografico dei prospetti interni dell' area open space del deposito.

N

118


119


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE RILIEVO PROSPETTI ESTERNI

Comando di Polizia

120


PROSPETTO SUD VIA GIOVENALE

Spazio Forma

121


Uffici ATM

122


PROSPETTO OVEST VIA PIETRO CUSTODI

Parcheggio privato Comando di Polizia

Comando di Polizia

123


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE RILIEVO PROSPETTI INTERNI

124


125


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE ANALISI ANALISI SPAZIALE

Sono state identificate tre tipologie spaziali di cui si compone il deposito che corrispondono all' open space, una vasta area che attualmente funge da ricovero dei tram, il cui perimetro è definito da degli spazi detti parcellizzati ospita a seconda della loro capienza uffici dell' ATM, officine, sale dopolavoro e cucine, magazzini, servizi igienici, officine e sala macchine. Ed infine i cortili esterni che garantiscono alle attività disposte all' interno degli spazi parcellizzati illuminazione ed areazione naturali nel lato in cui non si affacciano nell' open space. Per ciascuna delle suddette si è realizzata una scheda che ne fornisce un' analisi architettonica esplicitandone le relazioni spaziali con il contesto, la tipologia di illuminazione (naturale o artificiale) e di bucature che la consentono, le altezze che lo caratterizzano; il risultato ha portato a definire degli spazi duri, morbidi e porosi, descritti specificatamente nello schema delle tipologie spaziali con cui creano dei parallelismi con quelli del deposito. Grazie a questa operazione e stato possibile delineare una sorta di vademecum ideale che definisce la compatibilità e l' adeguatezza degli spazi di cui si compone il manufatto architettonico a determinate attività. Chiaramente si deve tener conto del grado di genericità dei dati proposti dal momento che la vastità di possibilità con cui si può interpretare e svolgere un' attività è tale da non consentire affermazioni definitive e certe.

126


OFFICINE CREATIVE ANALISI DEPOSITO DI TICINESE OPEN SPACE OPEN SPACE

SPAZI PARCELLIZZATI STRADA

RELAZIONI SPAZIALI CON

ILLUMINAZIONE

LATERALE TRAMITE FINESTRE

TOT MQ 111106

170 cm

180 cm 140 cm

DIFFERENTI TIPI DI FINESTRE

250 cm

ZENITALE TRAMITE LUCERNARI

ALTEZZE

PERIMETRO

VARIA TRA I 5.50 M E I 14.80 M

CONTINUO DEFINITO DAGLI EDIFICI CIRCOSTANTI

127


OFFICINE CREATIVE ANALISI DEPOSITO DI TICINESE ANALISI SPAZI PARCELLIZZATI SPAZI PARCELLIZZATI

OPEN SPACE CORTILI ESTERNI STRADA

RELAZIONI SPAZIALI CON

ILLUMINAZIONE

LATERALE TRAMITE FINESTRE

TOT MQ 4585

200 cm

215 cm

130 cm

DIFFERENTI TIPI DI FINESTRE

127 cm

ZENITALE ATTRAVERSO SHED

ALTEZZE

PERIMETRO

128

VARIANO TRA I 3M E I 9M

CARATTERIZZATO DA BUCATURE PI첫 O MENO REGOLARI


OFFICINE CREATIVE ANALISI DEPOSITO DI TICINESE ANALISI CORTILI ESTERNI CORTILI ESTERNI

RELAZIONI SPAZIALI CON

ILLUMINAZIONE

TOT MQ 2287

ALTEZZE

PERIMETRO

SPAZI PARCELLIZZATI STRADA

NATURALE DIFFUSA

ILLIMITATA (assenza di copertura)

DEFINITO DAGLI EDIFICI CIRCOSTANTI CORTILI INCLUSI NEGLI EDIFICI PARCELLIZZATI

129


OFFICINE CREATIVE DEPOSITO ATM DI TICINESE TIPOLOGIE SPAZIALI ANALISI TIPOLOGIE SPAZIALI

130

tipologia spaziale

duro

morbido

poroso

tipologia di perimetro

recinto partizioni perimetrali fisse o movibili attraverso interventi murari che offrono soluzioni spaziali a lungo termine

semirecinto partizioni perimetrali fisse e/o semovibili che offrono facilmente soluzioni spaziali a breve termine

libero partizioni perimetrali semovibili o assenza totale delle stesse in modo da facilitare le relazioni spaziali e l' interazione

flessibilità dello spazio

bassa lo spazio interno presenta comunque alcune soluzioni organizzative ma sempre all' interno del perimetro

media lo spazio interno offre diverse soluzioni organizzative grazie alla mobilità del suo perimetro

alta grazie all'assenza di un vero e proprio perimetro fisico si prospettano molte soluzioni organizzative

espandibilità dello spazio

bassa lo spazio interno può acquisire volumetria solo attraverso l' accorpamento di più vani poichè il perimetro è rigido

media lo spazio interno può diventare esterno, cedere o acquisire volumetria attraverso la ridistribuzione e lo spostamento delle partizioni perimetrali o l'accorpamento di più spazi

alta si ottengono rapidamente e facilmente spazi della dimensione necessaria attraverso la redistribuzione dei complementi d'arredo e/o l'inserimento/ spostamento di partizioni mobili

grado di privacy

alto le caratteristiche dello spazio 'proteggono' l'attività che si svolge all' interno e pongono in primo piano le interazioni che avvengono al suo interno

medio le caratteristiche dello spazio offrono una quantità di soluzioni tali da consentire differenti gradi di privacy che variano coerentemente alla configurazione che assume lo spazio stesso

basso le caratteristiche dello spazio hanno l' obiettivo di non creare forti barriere ma di incentivare proprio l' interazione

tipo di utenza

+++ tenants + utenti

+++ tenants ++ utenti

++ tenants +++utenti

tipo di produzione

materiale (fare)

immateriale (pensare)

esperienziale (agire)

compatibilità con tipologie di luoghi per il lavoro

officine, laboratori, studios, uffici, sale riunioni

studios, atelier, uffici, sale riunioni, sale workshop, aree relax

servizi al pubblico, aree eventi, aree svago, aree ristoro, aree commercio, aree coworking


fa

ilità

ttib

IZ GA ION LL ER I ART I EV E D' E/V A EN I TI RTE DEO PA RT Y CO NC ER FA TI SH IO NS SP ET HOW TA TE COLI AT RO CIN EM A DIB AT T SE ITI MI NA R RIU I NI ON WO I (S A RK SH LE) CO OP WO RK LA ING BO RA T LA ORI BO RA PER LA TORI LE A R BO RA PER TI P T L UF ORI LE AR AST FIC I M T I P ULT I VI CHE UF ER A IME SIV FIC D E S I A SOC IALI AR MMI IAZI CH IV NIST ONI I RA ST O TI UD VI ID OI I NF ST RE OR GIS UD MA ID T TI RA I RE RAZI VI DIO GI ON S (SA TRA E AU CA Z L D FF A R ION IO ET EG E I T RIS ERI STR VIDE AZ O TO A IO RA NE NT ) E

ilità

PO S

PO S

IZ GA ION LL ER I ART I EV E D' E/V A EN I TI RTE DEO PA RT Y CO NC ER FA TI SH IO NS SP ET HOW TA TE COLI AT RO CIN EM A DIB AT T SE ITI MI NA R RIU I NI ON WO I (S A RK SH LE) CO OP WO RK LA ING BO RA T LA ORI BO RA PER LA TORI LE A R BO RA PER TI P T L UF ORI LE AR AST FIC I M T I P ULT I VI CHE UF ER A IME SIV FIC D E S I A SOC IALI AR MMI IAZI CH IV NIST ONI I RA ST O TI UD VI ID OI I NF ST RE OR GIS UD MA ID T TI RA I RE RAZI VI DIO GI ON S (SA TRA E AU CA Z L D FF A R ION IO ET EG E I T RIS ERI STR VIDE AZ O TO A IO RA NE NT ) E

ES

ES PO SIZ GA ION LL ER I ART I EV E D' E/V A EN I TI RTE DEO PA RT Y CO NC ER FA TI SH IO NS SP ET HOW TA TE COL AT I RO CIN EM A DIB AT T SE ITI MI NA R RIU I NI ON WO I (S AL RK E) SH O P CO WO R LA KIN BO G RA T LA ORI BO RA PER LA TORI LE A R BO RA PER TI P T L UF ORI LE AR AST FIC I M T I P ULT I VI CHE I S UF ER FIC AS MEDI IVE SO AL I AR AMM CIAZ I CH I I N ON IV I ST IO STRA I UD TI ID VI OI ST I RE NF GIS UD OR ID TR MA I A RA R Z TI E I DIO GI O VI N (SA STRA E AU CA FF LA R ZION DIO ET EG E I T RIS ERI STR VIDE AZ O TO A I ON RA NT E) E

attività

necessità progettuali/ caratteristiche del manufatto

ES

ttib

fa

necessità progettuali/ caratteristiche del manufatto attività

ilità ttib fa

necessità progettuali/ caratteristiche del manufatto

attività

OFFICINE CREATIVE

ANALISI ATTIVITA' PROGRAMMA SPAZI-ATTIVITA' COMPATIBILITA' SPAZI/ATTIVITA' COMPATIBILITA' DELL' ATTIVITA' CON LO SPAZIO CARATTERE DEL MANUFATTO NECESSARIO PER L' ATTIVITA' ATTIVITA' ADEGUATA ALLA CARATTERISTICA DEL MAUFATTO ATTIVITA' NON ADEGUATA ALLA CARATTERISTICA DEL MAUFATTO

COMPATIBILITA'

alta flessibilità _ A altezza libera _ B luce zenitale _ C

01. OPEN SPACE

COMPATIBILITA'

bassa flessibilità _ A altezza limitata max 4 m _ B poca luce naturale _ C

02. SPAZIO PARCELLIZZATO

COMPATIBILITA'

alta flessibilità _ A spazio esterno _ B

03. CORTI ESTERNE

131


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE ANALISI NIL TICINESE

Il grafico a lato evidenzia le aree che l' analisi del NIL 6 di Ticinese reputa come potenzialità, l' asse commerciale di San Gottardo e i Giardini Pubblici di Piazza Tito Lucrezio Caro, e come poli attrattori, Università Naba e Università Bocconi, oltre ad elencare tutti i servizi alla cultura presenti in un raggio non superiore ai 1500 metri: una tagcloud delle potenzialità e delle vocazioni del NIL accompagna la mappatura. Con l' obiettivo di delineare un quadro il più completo possibile dell' area di progetto dal punto di vista sociale, demografico, architettonico e dei servizi, si sono riportati i dati Istat relativi al tipo di edificato e alla popolazione: una buona percentuale di quest' ultima riusulta avere una laure, un diploma o una licenza di avviamneto al lavoro, ma una notevole percentuale mostra lo stato di disoccupazione dei cittadini che costituirebbero forza lavoro, la maggiorparte dei lavoratori risulta essere impiegata nel settore terziario prevalentemente come dipendenti. Un' analisi di tutti gli esercizi presenti nel quartiere ne evidenza il carattere commerciale: nel grafico della compatibilità tra spazi ed attività suddivise in commerciali, di artigianato leggero, del settore terziario e di artigianato pesante, dove si mostra la tipologia spaziale ( duro, morbido e poroso ) e le relative caratteristiche (..) a cui le attività sono più adeguate e che dunque occupano, è chiara la preponderanza di spazi duri e la carenza di spazi porosi e morbidi. Questi dati compatibili con il carattere commerciale identificato, trasmette un' immagine del contesto in cui è inserito il deposito di Ticinese utile come punto di partenza per prendere delle decisioni verso cui muoversi e sviluppare un' ipotesi di programma per il progetto.

132


DEPOSITO ATM SERVIZI ALLA CULTURA POTENZIALITA_AREE POTENZIALITA'_POLI ATTRATTORI

TEATRO OLMETTO

120

0M

M

MUSEO DIOCESANO

TEATRO I

1500

TEATRO CARCANO ISTITUTO CIMABUE D'ARTE E CULTURA

TEATRO FRANCO PARENTI

50

CENTRO CONGRESSI

250 M

ARTEMIDATRE SPAZIO BRANDSTORMING MUSEO DEL NUOVO CINEMA GIOCATTOLO NAVIGLI

FONDAZIONE LOMBARDIA FILM COMMISSION

TEATROCINQUE

SPAZIO FORMA PIAZZA DI TITO LUCREZIO CARO ASS. CULT. E ARCHIVIO DEDALUS

OFFICINE DELL'IMMAGINE

SCUOLA DI TEATRO UNIVERSITA' BOCCONI

AUDITORIUM DI MILANO

NABA

90

0M

COX 18

700 M

1000 M

0M

ASSE COMMERCIALE DI C.SO SAN GOTTARDO

MAGAZZINI GENERALI

TEATRI MUSEI SPAZI ESPOSITIVI CENTRI SOCIALI CENTRI CONGRESSI OFFICINE CREATIVE CINEMA

133


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE ANALISI DATI ISTAT

popolazione OFFICINE edificato CREATIVE

1.7 % 10.361

ANALISI NIL TICINESE 02. EDIFICATO

RESIDENZE NIL TICINESE

583.335

TOT RESIDENZE MILANO

35.1 %

34.9 %

3.637 abitazioni in affitto 6.026 abitazioni d proprietà 10.361 58.1 %

tot residenze nil ticinese

203.419 abitazioni in affitto 347.335 abitazioni di proprietà 583.335

tot residenze a Milano

59.5 %

ABITAZIONI DI RESIDENTI NIL TICINESE

2.1 % 220

1919-1945

10.361

tot residenze nil ticinese EPOCA DI COSTRUZIONE DELLE ABITAZIONI

134

ABITAZIONI DI RESIDENTI MILANO

provenienza prima del 1919 1919-1945 1946-1961 1962-1971 1972-1981 1982-1991 dopo il 1991

% 1.9 2.1 1.3 0.8 0.08 0.1 0.08


OFFICINE CREATIVE

1.5 % 20.453

ANALISI NIL TICINESE 01. POPOLAZIONE

5.4 % 9.7 %

ABITANTI NIL TICINESE

1.321.113

TOT ABITANTI MILANO

13.1 %

2.692 licenza di scuola elementare 4.479

21.9 %

1.099

licenza di scuola media superiore o di avviamento professionale

bambini 0-5 anni

6.353

1.971 anziani 13.552 età da lavoro 20.453 66.2 %

4.850

laureati

31 %

20.453

tot abitanti nil ticinese RESIDENTI

46.7 %

diploma di scuola secondaria superiore

540 abitanti in cerca di lavoro 9.561

tot abitanti nil ticinese TITOLO DI STUDIO

23.7 % 0.4 % 9.4 % 8.8 % 1.7 % 12.3 %

abitanti occupati

commercio

20.453

tot abitanti nil ticinese

2.6 %

92 agricoltura 1.934 industria 1.797 345

trasporti e comunicazioni

14.5 %

RESIDENTI COSTITUENTI FORZA LAVORO

2.521

credito e assicurazioni, servizi alle imprese, noleggio

2.962 altre attività 20.453

tot abitanti nil ticinese

RESIDENTI OCCUPATI PER SEZIONE DI ATTIVITÀ ECONOMICA

11.1 %

provenienza est europa nord africa africa asia america latina altri paesi

% 14.3 13.8 3.9 31.8 19.5 16.7

condizione studenti casalinghe ritirati/e dal lavoro altra

% 7.1 10.8 17.8 4

condizione imprenditore / libero professionista lavoratore in proprio socio in cooperativa coadiuvante familiare

%

2.272

stranieri (età media 36 anni)

20.453

tot abitanti nil ticinese RESIDENTI STRANIERI

39.8 % 8.150

abitanti che non costituiscono forza lavoro

20.453

tot abitanti nil ticinese RESIDENTI NON COSTITUENTI FORZA LAVORO

15.9 % 31.2 %

3.262 abitanti occupati_ indipendenti 6.389 abitanti occupati _ dipendenti

20.453

tot abitanti nil ticinese

8.4 6.3 0.5 0.6

RESIDENTI OCCUPATI SECONDO LA POSIZIONE NELLA PROFESSIONE

135


OFFICINE CREATIVE DEPOSITO [NON] COMUNE ANALISI NIL TICINESE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE 03. MAPPATURA ANALISI ATTIVITA'

MAPPATURA ATTIVITA' COMMERCIALI

43 10 14 10 136

12.1 % negozi di

abbigliamento esercizi commerciali che vendono abbigliamento da uomo, donna, bambino, calzature, intimo e sportivo

2.8 % gallerie di

arte

spazi gestiti da privati o associazioni, dedicati all'esposizione di opere d'arte intese in senso ampio

3.9 % istituti di

bellezza centri benessere, solarium, centri per massaggi e centri estetici

2.8 % studi di

comunicazione studi che si occupano di comunicazione, fashion design, industrial design, product design, grafica

6 19 9 1

1.7 % negozi di

alimentari esercizi commerciali di piccola dimensione che vendono prodotti alimentari e supermercati

5.3 % studi di

architettura studi di architettura, ingegneria e geometri che si occupano di progettazione e consulenza

2.5 % negozi di

cartoleria esercizi commerciali che vendono prodotti per la scuola e l'ufficio e articoli da regalo

0.3 % studi di

consulenza studi che si occupano di consulenze aziendali per la gestione ed il marketing

17 12 9 8

4.8 % negozi di

antiquariato attivitĂ commerciali dove si raccolgono, restaurano e si vendono libri, mobili, opere d'arte e oggetti antichi

3.4 % uffici di

assicurazioni societĂ che si occupano di stipulare accordi e contratti di vario genere con i clienti

2.5 % negozi di

colorifici esercizi commerciali che vendono prodotti per l' edilizia e per le belle arti

2.2 % botteghe di

corniciai laboratori dove si riparano, si producono e si vendono cornici e passpartou su misura

37 6 5 5

10.4 % negozi di

arredamento esercizi commerciali che trattano complementi d'arredo per la casa, l' ufficio, cucine, bagni e sanitari e mobili d' epoca

1.7 % officine di

autoriparazioni officine per la riparazione di auto, moto, bici ed elettrauto

1.4 % negozi di

computer esercizi commerciali che vendono computer ed accessori, operano riparazioni e forniscono assistenza tecnica informatica

1.4 % botteghe di

decoratori laboratori per le decorazioni d' interni ch eforniscono anche consulenza ed assistenza


4

2 1

1.1 % negozi di

erboristerie esercizi commerciali che vendono erbe, piante officinali, aromatiche e spezie di loro coltivazione e cosmetici o nutritivi.

0.6 % negozi di

fotocopisteria esercizi commerciali che offrono un servizio di stampa grandi e piccoli formati, rilegature e scansioni

0.3 % negozi di

modellismo esercizi commerciali che vendono l' occorente per realizzare dei modelli in miniatura

11 5

3.1 % negozi di

prodotti da forno esercizi commerciali che vendono e/o producono prodotti da forno, panetterie e panifici.

1.4 % ambulatori

veterinari esercizi commerciali che vendono abbigliamento da uomo, donna, bambino, calzature e intimo

15

20 22

4.2 % laboratori di

falegnameria officine dove si producono e / o si riparano complementi d'arredo e oggetti di varia natura in legno

5.6 % studio

fotografico studi professionali dove poter fare dei servizi fotografici oltre a poter acquistare tutto il materiale fotografico

6.2 % laboratori

orafi

esercizi commerciali che vendono gioielli e pietre dure prodotti nei laboratori artistici annessi, gioiellerie, bigiotterie ed argenterie.

8 5

2.2 % laboratori di

sartoria esercizi commerciali che producono confezioni, anche su misura, riparano ed riadattano capi d'abbigliamento, atelier di stilisti.

2

21

0.6 % negozi di

ferramenta esercizi commerciali che vendono utensili per l' uso domestico o industriale generalmente in ferro o in altri materiali come metallo e plastica

5.9 % agenzie

immobiliari agenzie che si occupano della mediazione nella compravendita di immobili commerciali e residenziali

5 10

1.4 % negozi di

pasticcerie esercizi commerciali che vendono e/o producono prodotti dolciari, biscotti e torte.

2.8 % negozi di

tappezzerie esercizi commerciali che realizzano nei loro laboratori e/o vendono tendaggi, tappeti e tessuti.

1

7

0.3 % negozi di

foderami esercizi commerciali che vendono tessuti, rivestimenti, fodere, materassi e cuscini, prodotti per la casa e si offrono assistenza per le riparazioni

1.9 % negozi di

merceria esercizi commerciali che vendono prodotti per il taglio e il cucito e corsetterie

3 2

0.8 % negozi di

pelletterie esercizi commerciali che vendono prodotti artigianali o industriali in pelle e derivati

ABC 123

0.6 % laboratori di

tipografia laboratori per l' impaginazione e la stampa di testi stampati, cartellonistica e banner su supporti di diversi materiali

1.4 % agenzie di

viaggi e turismo esercizi commerciali che vendono abbigliamento da uomo, donna, bambino, calzature e intimo

137


DEPOSITOCREATIVE [NON] COMUNE OFFICINE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE

ANALISI NIL TICINESE ANALISI 04. COMPATIBILITA' SPAZI/ATTIVITA' COMPATIBILITA' SPAZI-ATTIVITA' mercerie

alimentari

arredamento

COMMERCIALE

abbigliamento

cartolerie ferramenta colorifici fotocopisteria

computer e accessori foderami lab fotografico erboriesterie modellismo lab orafi/gioiellerie/pietre dure

ARTIGIANATO LEGGERO

antiquari

panificio/panetteria pasticcerie lab pellame/pelliccerie agenzia di viaggi e turismo agenzie immobiliari

studi di architettura

TERZIARIO

assicurazioni

studi di comunicazione/design/grafica consulenza aziendale gallerie d'arte

autoriparazioni corniciai decoratori falegnami sartorie tappezzieri tipografie ambulatori veterinari

138

ARTIGIANATO PESANTE

istituti di bellezza


privacy

esp. flessibilità attività

SPAZIO POROSO privacy

privacy

flessibilità attività

SPAZIO MORBIDO ALTO

IDEATIVA/CREATIVA

espandibilità

espandibilità dei perimetri

flessibilità

SPAZIO DURO attività

PRODUTTIVA

BASSA

BASSA-RIGIDI

MEDIA (PARTI MOBILI E PARTI RIGIDE)

MEDIA

MEDIO-ALTO

RELAZIONALE

ALTA

ALTA (LA MAGGIOR PARTE MOBILI)

BASSO

139


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE ANALISI IPOTESI DI PROGRAMMA

Presi i dati raccolti dall' analisi del contesto urbano a cui appartiene l' area di progetto che hanno evidenziato dei servizi e delle potenzialità da tenere in considerazione, si sono messi a confronto con il programma ideale per i depositi / magazzini desunto dalla ricerca svolta sui casi studio. Di quest' ultimo si sono tenute in considerazione solo le attività simili a quelle offerte dal contesto e si è pervenuto ad una ipotesi di programma rappresentata nella terza colonna di destra del grafico a lato. Gli spazi e le attività che ne risultano sono quelle ritenute da potenziare nel caso siano già presenti nel contesto, o da prevedere nel caso si ritengano necessarie per l' ausilio di quelle preesistenti. Ne emerge la necessità di spazi di incontro, scmbio e socializzazione che siano degli spazi collettivi per il lavoro e per il tempo libero, dei luoghi che necessitano di interazione e non richiedono un alto grado di privacy, di spazi dove il lavoratore ma anche il cittadino può ricavarsi degli 'angoli' personali all' interno di uno spazio pubblico, dove i costi siano contenuti e vi sia una condivisione dei servizi. Al fine di delinearne le caratteristiche e dichiararne gli intenti, dall' urbanistico / architettonico all' utenza e alle attività, segue il programma di progetto.

140


PROGRAMMA IDEALE DESUNTO DAI CASI STUDIO

SERVIZI E POTENZIALITA' PRESENTI NEL CONTESTO

ESPOSIZIONI

SPAZIO FORMA

SPETTACOLI

NABA

CONCERTI

POESIA CONTEMPORANEA

FASHION SHOW EVENTI TEATRO CAFFETTERIA COWORKING WORKSHOP

PROGRAMMA ATTIVITA' NEL DEPOSITO

SPAZI PER IL COWORKING SPAZI PER LA RISTORAZIONE

FOTOGRAFIA ARCHITETTURA

WORKSHOP

MODA

ARCHIVIO PRODUZIONI INTERNE

COMUNICAZIONE ASSE COMMERCIALE DI SAN GOTTARDO

GALLERIE D'�ARTE

VIDEO

DIBATTITI

GRAFICA

SEMINARI

UNIVERSITA' BOCCONI

DANZA

FILM

CIRCO

ARCHIVIO DEDALUS

CINEMA

STUDENTI

RISTORANTE

DESIGN

SALE PROIEZIONI

ATELIER IN AFFITTO SPAZI PER EVENTI SALE ESPOSITIVE

LABORATORI PER LE ARTI PLASTICHE LABORATORI PER LE ARTI VISIVE

UFFICI PER ASSOCIAZIONI

RIUNIONI (SALE) LABORATORI MULTIMEDIALI

LABORATORI CREATIVI

RADIO (SALA REGISTRAZIONE) STUDI DI REDISTRAZIONE AUDIO STUDI DI REGISTRAZIONE VIDEO

SALE RIUNIONI

BIBLIOTECA UFFICI AMMINISTRATIVI O INFORMATIVI

UFFICI AMMINISTRATIVI

UFFICI PER ASSOCIAZIONI STUDI PER ARTISTI

ATTIVITA' DEL PROGRAMMA IDEALE GIA' PRESENTI NEL CONTESTO

ATTIVITA' COMMERCIALI

ATTIVITA' PRESENTE NEL PROGRAMMA IDEALE E NEL CONTESTO

RESIDENZE PER ARTISTI

ATTIVITA' PRESENTE NEL PROGRAMMA IDEALE ASSENTE NEL CONTESTO

ARCHIVIO

INDICATORE GRADO DI POTENZIAMENTO DELL' ATTIVITA' NEL DEPOSITO

SPAZI DELLO STARE AAA 141


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE OFFICINE CREATIVE PROGETTO DEPOSITO ATM DI TICINESE PROGRAMMA PROGRAMMA

urbanistico

aprire il complesso architettonico al quartiere rendendolo permeabile integrare il lotto di progetto con il contesto urbano pensandolo come una sorta di 'piazza coperta'

ricalcare la tipologia distributiva a corte che caratterizza il quartiere di Ticinese, parte storica della città di Milano, prevedendo aree verdi e spazi esterni in modo da creare un sistema di relazioni più ricco con gli spazi interni

architettonico

seguire una politica di riuso del manufatto architettonico il quale ha tuttora la funzione di deposito per i tram ATM

rispettare, conservare ed esaltare gli elementi architettonici e gli spazi che caratterizzano l'edificio preesistente sui quali vengono tarate le tipologie di attività

incrementare la presenza di spazi 'morbidi' e 'porosi' rispetto a quelli 'duri' che sono già presenti nel quartiere in notevole quantità

attività

creare un luogo di lavoro condiviso e realizzarlo attraverso spazi non tradizionali

integrare i luoghi di coworking (declinati a seconda delle necessità e del tipo di utenza ) con servizi alla comunità, eventi ed attività che incentivino le relazioni e rendano lo spazio di lavoro stimolante ed attivo 24 ore su 24 e che interessino una vasta gamma di utenti (in modo da non specificizzare eccessivamente il luogo correndo il rischio di ghettizzarlo)

prevedere affitti agevolati e costi contenuti dei luoghi di lavoro grazie alla condivisione dei servizi e degli spazi gestionali, amministrativi e comuni

coworkers impiegati nel settore terziario, liberi professionisti, studenti e neolaureati

cittadini, in particolare residenti nel quartiere di ticinese, per la fruizione degli spazi di lavoro condivisi, dei servizi alla comunità, dei servizi commerciali e di ristoro, per la partecipazione ad eventi e spettacoli

la somma e la compresenza delle attività svolte individualmente creano un insieme dove la condivisione delle esperienze comuni arrichisce ed incrementa le relazioni sociali

utenza

142

prevedere dei servizi alla comunità, non solo legati al consumo, ma che abbiano anche un carattere civico (associazioni, gruppi d'acquisto solidale, bike sharing...)

artisti e creativi ( necessitano di un laboratorio dove produrre i loro manufatti e di uno spazio dove accogliere i clienti )

prevedere una molteplicità e una varietà di attività da svolgere, al fine di non predefinire lo spazio, lasciando così un grado di libertà decisionale dell' utilizzo dello stesso affinchè l' utenza se ne appropri e lo senta come uno spazio aperto e pubblico


AREE RELAX CORTILI IN CONDIVISIONE TRA PIÙ ATTIVITÀ

CORTILI

SPAZI ESTERNI A LIVELLI RIALZATI / TERRAZZI (OUTDOOR PRIVATI)

RELAX

EVENTI

LABORATORI ARTIGIANATO SPAZI PARCELLIZZATI

RELAZIONI

SALE CORSI

COMMERCIO

UFFICI

ATELIER

OPEN SPACE

STUDIOS

SPAZI DI COLLEGAMENTO / CIRCOLAZIONE (SCALE CORRIDOI INGRESSI)

SEGRETERIE / AMMINISTRAZIONE /SERVIZI UFFICI

SERVIZI AL PUBBLICO (RISTORO / UTILITIES)

WS

RELAZIONI

RELAX

EVENTI

SALE RIUNIONI STRUTTURA

DURI

MORBIDI

POROSI

143


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO PROFILO DEL COWORKER

Dal momento che si vuole realizzare uno spazio di coworking si è cercato di capire il profilo dell' utenza tipo in modo da poterne prevedere le esigenze e dunque darvi delle risposte progettuali adeguate. L' utenza a cui ci si rivolge è composta da giovani neolaureati fino ad un' età di 35 anni circa, accomunati dalla necessità di uno spazio di ritrovo e di lavoro 'di quartiere', facilmente accessibile con degli orari di apertura flessibili e che esulino da quelli del lavoro tradizionale, in modo da poter usufruire degli spazi e portare avanti il propio lavoro liberamente secondo personali tempistiche. Un luogo che offra sia delle postazioni di lavoro collettive affittabili pe rbrevi periodi sia con un maggior grado di privacy affittabili per periodi di più lunga durata; delle sale dove svolgere delle riunioni, dei corsi o dei piccoli convegni, dei servizi commerciali connessi alle attività da loro svolte e dei servizi di ristoro ( fast e slow ). Uno spazio in cui i servizi al lavoro siano in condivisione in modo tale da abbatterne i costi ripartiti tra la totalità degli utenti e agevolarli nella fase di start-up delle rispettive imprese ed attività. Ciascuna delle suddette necessità, suddivise in spazi di lavoro e produzione, servizi serventi, servizi commerciali, spazi per la documemntazione e la divulgazione e spazi pubblici ricreativi, richiede determinate caratteristiche spaziali che sono state identificate ed elencate nello schema degli spazi per il coworking e che ritrovano corrispondenza con quelli che in precedenza sono stati definiti spazi duri, morbidi e porosi. Questo non fa altro che avvalorare l' ipotesi di adeguatezza dello spazio del deposito alle attività di coworking e servizi alla comunità stabiliti nel programma di progetto. Infine nel grafico sul grado di privacy delle attività si legge come si ottengano una varietà di spazi, dal più privato al più pubblico, per una vasta gamma di attività.

144


OFFICINE CREATIVE DEPOSITO ATM DI TICINESE PROFILO DEL COWORKER

33-36

... NON SEI UN COWORKER?

PERCHE'...

32% non c'è un cowo nelle vicinanze 30% lavora in una compagnia 12% è troppo costoso 5% apre a breve un cowo personale 3% non ne conosce i vantaggi 2% non ha un pc 2% è troppo rumoroso 9% altro

REALIZZAZIONE DI SE STESSI

età media_anni

... SCELGO UN LUOGO DI COWORKING?

VORREI NELLE VICINANZE

86% consente interazione con altre persone 86% consente orari flessibili 82% c'è condivisione di conoscenze 72% economicamente conveniente 42% è un luogo tranquillo e cool

81% varietà di scelta di punti di ristoro nelle vicinanze 65% un supermercato 34% palestra/centro estetico/asilo

lavorare in un luogo creativo che stimola ed aumenta le proprie capacità

PROFILO DEL

COWORKER

condividere le conoscenze

STATUS PROFESSIONALE DEI COWORKERS 29%

45% freelance

impiegati

SICUREZZA

eventi legati alla professione

affinità tra i membri

progetti in condivisione

ESSERE UN COWORKER SIGNIFICA FAR PARTE DI UNA COMUNITA' CON CUI SI CONDIVIDONO VALORI E UNO STILE DI VITA

per caratterizzare la 'crew' di cui si fa parte ci vogliono

+

eventi legati allo svago

ESSERE UN COWORKER INDIPENDENTE IMPLICA QUASI SEMPRE DEI SACRIFICI DA FARE POICHE' SI E' ALL' INIZIO DELLA PROPRIA CARRIERA PERTANTO CI SONO DEI TEMI DELICATI A CUI SI FA PARTICOLARE ATTENZIONE E SI DA MOLTA IMPORTANZA

AMORE ED APPARTENENZA

per riflettere e concentrarsi sul proprio lavoro

(scanner, stampanti, fotocopiatrici, plotter...)

un adeguato tavolo personale e/o in condivisione

(caffetterie, ristoranti, snak bar, minimarket...)

sale tranquille ed appartate

dotazioni per l' ufficio

postazione di lavoro confortevole

punti di ristoro

in cerca di lavoro studenti imprenditori con impiegati

atmosfera di lavoro cool e rilassata

8% 7% 5% 5% altro

aspetto economico (si paga lo spazio solo per il tempo in cui lo si occupa)

necessità di suggerimenti professionali esterni per i propri progetti

fiducia e collaborazione tra i coworkers

NECESSITA' BASE sale riunioni

spazi di deposito materiali

connessione internet wifi

vicinanza del luogo di coworking a casa

145


OFFICINE CREATIVE DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO ATM DI TICINESE DEPOSITODIVIA P. CUSTODI _ TICINESE TIPOLOGIE COWORKING PROGETTO SPAZI PER IL COWORKING

grado di privacy

alto

medio

basso

tipologia di coworking

da ufficio

da hub

da bar

tempistiche

occupazione a lungo termine (mesi / anni)

occupazione temporanea o a breve termine (settimane/mesi)

occupazione temporanea (giorni)

54% accesso 24 ore su 24

31% accesso negli orari d' ufficio

15% accesso in orari casuali

utenza

40% lavora tutti i giorni

19% lavora 3/4 volte a settimana 16% lavora 1/2 volte a settimana

25% lavora poche volte al mese

esigenze primarie

50% dotazioni da ufficio 50% cucina

99% connessione internet wifi 80% copycenter 76% sale riunioni 61% varietà di luoghi di ristoro nelle vicinanze

99% connessione internet wifi 61% luoghi di ristoro in prossimità

luoghi di condivisione ed elementi condivisi

lo stesso edificio

la stessa 'stanza' / settore

lo stesso 'tavolo'

condivisione dei servizi specifici connessi alle attività (sale riunioni, segreterie, copycenter, cucine, servizi igienici, laboratori specializzati, server room,...), spazi esterni, impianti

condivisione di servizi generici a cui può accedere anche utenza non specifica -i non coworkers-, (sale riunioni, aree relax, copycenter, laboratori, aree esterne...), servizi specifici (sale appartate per concentrarsi sul lavoro, segreterie, server room, aree ristoro...), scrivanie non dedicate specifiche per il lavoro

condivisione del tavolo/spazio di lavoro non specifico per svolge quell' attività coworkers che preferiscono condividere lo spazio con: 54% meno di 20 persone 21% meno di 50 persone 4% più di 50 persone 21% non importa

43% affitta una postazione dedicata 57% affitta una postazione generica attrezzature

146

spazi dedicati, specializzati per il lavoro complementi d'arredo specifici partizioni verticali fisse

complementi d' arredo specifici per il lavoro postazioni in condivisione postazioni dedicate postazioni che possono assumere lconfigurazioni di gruppo partizioni verticali assemblabili fisse e mobili

complementi d' arredo non specifici per il lavoro (propri dello spazio dove il coworker occasionale sceglie di svolgere la sua attività)


presentazione_divulgazione spazio pubblico_ricreativo servizi serventi (al lavoro) servizi commerciali

ATELIER / STUDI Z

UFFICI

RIUNIONI

POSTAZIONI PER COWORKING

SER VI

ELIO COPISTERIA / CARTOLERIA

ALI RCI ME OM

LABORATORI

TI VEN R E IS

S ER VI

_ ORO V A OL I Z PA

E ZION U D PRO

C ZI

S

lavoro_produzione

SERVIZI IGIENICI DEPOSITO MATERIALI FIORISTA BAR

NEGOZIO DI ABBIGLIAMENTO

RISTORANTE TAVOLA CALDA

EDICOLA / TABACCHI

SALE CONFERENZE SPETTACOLI SALE PROIEZIONI EVENTI AREA INCONTRO

VO ATI RE

AREA RELAX

SPAZIO PUBBLI C O _RI C

NTAZIONE_DIVULGA ZIO PRESE NE

CORSI / WORKSHOP

147


RIU NI ON I

NECESSITA' DI PRIVACY

DE PO SIT O

CO WO RK IN G

UF FIC I

AT EL IER

DEPOSITO ATM_TICINESE GRADO DI PRIVACY DELLE ATTIVITA' PROGETTO GRADO DI PRIVACY DELLE ATTIVITA'

PUBBLICO

OFFICINE CREATIVE

10 9 8 7 RECEPTION

6 5

SALE RIUNIONI IN AFFITTO PER GLI UTENTI

MAGAZZINO MERCI

4 3

AREE RELAX SALA FOTOCOPIE

2 1 PRIVATO

ARCHIVIO MATERIALI

1 2

POSTAZIONI BREVE TERMINE POSTAZIONE LUNGO TERMINE SALE RIUNIONI

3 4 5

SALE RIUNIONI SU PRENOTAZIONE PER I TENANTS

DEPOSITO PERSONALE TEMPORANEO

UFFICI PER ASSOCIAZIONI

6 7 DEPOSITO MATERIALI

9 10 148

ATELIER

PRIVATO

8

UFFICI AMMINISTRATVI


S ST PAZ AR I D E EL LO

RIS TO RA ZI ON E

EV EN TI

G CO WO RK IN

E PR SPO OI SI EZ ZI IO ON NI I/

C WOORS RK I/ SH OP

BAR

PIAZZA ESTERNA

SALE CONFERENZE PER BREVI PERIODI PIAZZA COPERTA RISTORANTE SELF-SERVICE SALE PROIEZIONI PER BREVI PERIODI

PARTY POSTAZIONI TEMPORANEE

SPAZI PER WORKSHOP

ACCESSIBILITA'

PUBBLICO RISTORANTE SALE PROIEZIONI PER LUNGHI PERIODI SALE ESPOSIZIONI PER LUNGHI PERIODI

SPAZI DEPOSITO MATERIALI POSTAZIONI LUNGO TERMINE

AREE RELAX

CONVEGNI

IV PR

SE

AT O MI PR SE IVAT MI O PU PU BBLI BB LIC CO O

SALE PER CORSI

149


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO ANALISI DI PROGETTO

I diagrammi a lato rappresentano alcuni studi sulle caratteristiche spaziale del manufatto di progetto, ciò che viene percepito come spazio vuoto e pieno, le aree soggette ad illuminazione diretta naturale tramite le bucature, le diverse quote in cui si articolano i vari fabbricati, le occasioni con cui sono ottenuti spazi esterni ( i cortili ) e con cui si potrebbero ottenere ( terrazze e tetti piani ), nonchè gli edifici oggetto di demolizione e gli interventi ex novo. Altri descrivono invece le modalità in cui lo spazio è vissuto ed attraversato, le direzioni e le intensità dei flussi, le area più soggette a transito, percorsi pedonali, carrabili e dei tram tramite le rotaie. Di seguito si trova il masterplan con le planimetrie dell' intera area di progetto della quale si descrivono sommariamente le funzioni.

150


demolizioni

vuoto

-

+ altezze

addizioni

percorsi tranviari percorsi carrabili percorsi pedonali

pieno

luce naturale in prossimitĂ della luce naturale

percorsi e flussi _ stato di fatto percorsi e flussi _ progetto

spazi esterni piano terra _ cortili spazi esterni rialzati _ terrazzi

151


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO MASTERPLAN

LIVELLO 0.00 m Il livello 0.00 m è caratterizzato da un basso grado di privacy poichè vi sono i principali accessi al sito, i due portali d' ingresso a nord e a sud, presenti dallo stato di fatto, e quelli del prospetto ovest, completamente vetrati, che danno sulla piazza ribassata di - 1. 58 m, realizzati da progetto. Per questo motivo si è ritenuto opportuno sottolineare tale caratteristica prevedendo delle attività da svolgervi che non richiedessero un alto grado di privacy e di quiete: l' intera area 'open space' del deposito durante la mattinata ospita un mercato rionale che si serve dei banconi dalla forma curvilinea modulari e smontabili, i quali possono essere rimossi durante il resto della giornata o utilizzati eventualmente per workshop o altre attività similari. L' area risulta una sorta di piazza coperta, di galleria o di passage contemporaneo, aperta al pubblico , una nuova area urbana di incontro dove passeggiare, rilassarsi, lavorare grazie alla copertura di rete wi-fi, così come lo è la piazza ribassata popolata da sedute e tavolini del bar che si sistema a cavallo del dislivello di quota: affinchè quest' ultimo non venga percepito come un ostacolo, si è provveduto a realizzare delle gradonate da 40 cm dove di tanto in tanto l' alzata e la pedata di sfasano con quella adiacente cosicchè si creino delle cedute con dei piani d' appoggio. Al centro dell' open space sono stati realizzati dei fabbricati ex novo sospesi tramite dei pilastri a sezione circolare: al loro piano terra si trovano un bar (1) sopracitato, un ristorante self self-sevice (2) ed una piccola area commerciale (3). Gli edifici perimetrali a nord sono stati ritenuti adatti ad ospitare degli atelier/studio con degli spazi cucina in condivisione grazie alla loro posizione un po' più nascosta e protetta dalla strada e grazie all' affacio su di un cortile interno, il quale è comunicante con l'area su cui si affaccia il supermercato dove si possono trovare i prodotti freschi invenduti duranet la mattina al mercato e dei corner di cucina etnica take-away. Gli edifici che si affacciano a sud su via Giovenale sono stati adibiti ad uffici ed aree collettive per il coworking, i quali sono adiacenti ad un centro elio-tipografico che si occupa anche della vendita di materiale per ufficio. I rimanenti edifici perimetrali sono stati destinati a funzioni di deposito dei banconi di stoccaggio delle merci del mercato mattutino. 152


atelier servizi igienici depositi / magazzini ristorante / bar esercizi commerciali uffici

3

2

1

153


LIVELLO 5.80 m La quota a cui si è deciso di stabilire la sezione della planimetria che descrive il livello in questione è 5. 80 m per cercare di fornire in maniera semplificata un' idea della distribuzione degli spazi e delle attività presenti al loro interno, ma risulta evidente la presenza di svariati livelli a differenti quote. Nei tre edifici ex novo si trovano degli spazi destinati al coworking, sul modello degli Hub, i quali si articolano in aule per lo studio/lavoro, aree relax/ riunione informale, sale riunioni ed aree reception, terrazze interne e scoperte. Negli edifici perimetrali ad ovest al piano soppalcato del supermercato su cui si affaccia, si trova un ristorante dove l' arredo è stato disposto in modo tale da consentire ai clienti di condurre delle piccole riunioni informali durante l' orario del pasto proprio perchè lo spazio ne garantisce la privacy e la tranquillità. Il ristorante ha a disposizione anche un' area all' esterno costituita da una terrazza che affaccia sulla corte sottostante (4). Gli edifici del fabbricato a sud sono occupati da uffici e aree riunioni. 154


livello 1 5.80 m spazi per il coworking ristorante / bar esercizi commerciali uffici

4

155


LIVELLO 7.80 m Ancora una volta i tre edifici ex novo ospitano aree per il coworking dalle quali si accede a delle terrazze che affacciano all' interno del deposito ed offrono una vista privilegiatà poichè rialzata dell' intero spazio, oltre ad essere dei luoghi tranquilli di relax, ritrovo e riflessione per i coworkers. Nel fabbricato sud non solo si trovano nuovamente uffici ed aree cucina/pranzo e relax situate all' ultimo livello poichè sono spazi molto luminosi da cui godere della presenza di ampie terrazze; vi è anche un bar che negli orari diurni funziona come caffetteria mentre in quelli serali come pub e la sua apertura è indipendente dagli orari di lavoro degli uffici adiacenti in modo da rendere sempre attivo questo spazio. Sono di competenza di questo esercizio commerciale anche le due terrazze adiacenti. La più piccola (5), a cui si può accedere direttamente dal piano terra senza obbligo di passaggio all' interno del bar, è pensata per essere usata come semplice dehor magari solo per una veloce consumazione; mentre nella terrazza più grande (6), comunicante ed in condivisione con gli uffici, si possono sistemare diversi tavolini da cui si può godere della vista sia sulla piazza ribassata sia sui giardini di piazza Tito Lucrezio Caro. 156


spazi per il coworking ristorante / bar uffici

6

5

157


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO PLANIMETRIA LIVELLO 0.00 M

N 158


159


PROGETTO PLANIMETRIA LIVELLO 4.00 M

N 160


161


PROGETTO PLANIMETRIA LIVELLO 7.00 M

N 162


163


PROGETTO PLANIMETRIA COPERTURE

N 164


165


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO PIAZZA

Grazie alla demolizione del muro perimetrale che affacciava su via Custodi si ottiene un vasto spazio esterno pubblico che media il passaggio dalla strada a senso unico carrabile all' accesso ribassato di 1,58 m al deposito e agli uffici e ai servizi al suo interno. Si trattava di un cortile di propietà privata, utilizzato come area parcheggio; a seguito della demolizione degli edifici che ospitano attualmente il Comando della Polizia che si trovano al suo interno adiacente al prospetto longitudinale ovest del deposito, di epoca sicuramente posteriore alla data di costruzione di quest' ultimo, il cortile di circa 1600 mq diviene piazza dalle dimensioni di circa 3000 mq. Questa operazione permette di creare uno spazio pubblico pavimentato pedonale a quota stradale dove un sistema di sedute mobili ombreggiate da delle piantumazioni in vaso in esse contenute, invita i cittadini alla sosta e alla relazione, suggerita propio dalla conformazione delle sedute. Queste ultime possono essere altrimenti utilizzate dagli impiegati di uffici ed esercizi commerciali per garantirsi un angolo di quiete e relax durante la pausa pranzo per esempio. Un sistema di pedane pavimentate in legno accomagnano la discesa all' ingresso al deposito che si trova nella piazza ribassata a -1,58 m, quota ripresa da quella dei fori per l' ispezione dei tram che caratterizzano i depositi tranviari. Ogni gradone ha un' alzata di 40 cm per consentire il perimetro sedibile e suggerire sempre nuove modalità di vivere lo spazio esterno ed aumentare le possibilità di interrelazione; dal momento che il salto di quota è lieve, la normativa non prevede la presenza di balaustre e parapetti, e ciò ha permesso di non creare ingombri fisici e visivi che sarebbero state percepite come una sorta di 'barriere'. La piazza ribassata si trova alla stessa quota di quella interna al deposito (-1, 58 m) dove si trova un bar, e di cui ne costituisce una sorta di estensione esterna da allestire con tavoli e sedute; la continuità funzionale ha l' obiettivo di rendere meno netto e percepibile il confine spaziale tra interno ed esterno, cosa che si ricerca anche attraverso l' impiego della medesima pavimentazione in asfalto per entrambe gli spazi. Ed è propio su questa pavimentazione che si sono disegnati dei campi da gioco del basket in modo da incentivare l' utilizzo dello spazio pubblico aperto in molteplici modi ed attrarre una maggiore varietà di utenti. Infine la piazza ribassata funge da collegamento tra via Custodi e via Giovenale ad una quota alternativa alla strada, offrendo un percorso più rapido ed articolato che attraversa appunto la piazza e 'sbuca' di fronte ai giardini di Piazza Tito Lucrezio Caro passando con una rampa attraverso una sorta di sottoportico. Questa soluzione è stata ottenuta tramite la demolizione di un corpo di fabbrica di recente costruzione del fabbricato affacciato su via Giovenale in modo da ottenere un' interruzione dello stesso senza comprometterne la natura storica originaria. 166


167


sistema di sedute / piante mobili

a

168

possibili configurazioni

a'

b

b'

c

c'


accessi pedonali accessi carrabili asfalto legno cemento cemento (interno)

dispositivi di sedute mobili con elementi vegetali integrati + 0.00 m

- 0.40 m

pedane per ginnastica/lavoro/relax bordo di tutte le pedane come sedute _h 40 cm_

- 0.80 m - 1.20 m - 1.40 m

- 1.58 m

piazza coperta

campi da basket tavoli e sedute esterne del bar piazza skateabile

169


170


171


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO L' EDIFICIO A TRE PIANI

IL SANDWICH INVISIBILE CEDRIC PRICE

Le starne qualità dell' edificio a tre piani sono: Piano terra _ facile ed agevole contatto fisico e diretto con un esterno - intorno indefinito vasta possibilità di variazione delle porte, delle soglie e degli accessi variazione del livello di 'terra' mediante scavo Piano intermedio _ uguale opportunità di facile accesso a piedi ai volumi sopra e sottostanti che insieme compongono il volume totale Ultimo Piano _ accessibilità ad un livello alto e privilegiato possibilità di una ampia e diversificata gamma di 'traffico' al di sotto altezze variabili tetti flessibili e multifunzionali soffitti retrattili ed apribili

CEDRIC PRICE, Re :CP, a cura di Hans Ulrich Obrist, con contributi di Arata Isozaky, Patrick Keiller e Rem Koolhaas, LetteraVentidue, Aprile 2011, p 11

172


173


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO I NEGOZI

174


175


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO INTERSEZIONI CON LA STRUTTURA

Il manufatto ex novo che ospita al piano terra degli esercizi commerciali, si sviluppa a pianta centrale e gli spazi per il coworking che lo compongono si distribuiscono in maniera radiale attorno a quello centrale destinato alle attività di reception ed accettazione. Con questo intervento progettuale vengono interessate due campate in senso trasversale ( est-ovest ) e tre campate in senso longitudinale ( nord-sud ). L' intersezione con la struttura del deposito che costituisce lo stato di fatto avviene in due punti: ad est le pareti perimetrali del manufatto raggiungono la copertura perimetrando uno spazio soppalcato adibito a postazioni di lavoro per il coworking dall' elevato grado di privacy. La stessa operazione viene ripetuta ad ovest, ma contrariamente a quanto appena descritto, dove si è ottenuto uno spazio interno, in questo caso se ne ricava uno esterno adibito a terrazza attraverso la rimozione di parte della copertura dello stato di fatto.

176


177


PROGETTO PROSPETTO NORD

178


179


PROGETTO PROSPETTO SUD

180


181


PROGETTO SEZIONE NORD - SUD

182


183


PROGETTO SEZIONE OVEST - EST

184


185


186


187


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO RISTORANTE

188


189


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO INTERSEZIONI CON LA STRUTTURA

Il manufatto ex novo che ospita al piano terra un ristorante, si sviluppa in senso longitudinale e gli spazi per il coworking che lo compongono si succedono e si alternano a quelli destinati alle attivitĂ di reception ed accettazione posti alle estremita. Con questo intervento progettuale vengono interessate tre campate in senso trasversale ( est-ovest ) e quattro campate in senso longitudinale ( nord-sud ). L' intersezione con la struttura del deposito che costituisce lo stato di fatto avviene in un unico punto: nella sezione centrale le pareti perimetrali del manufatto raggiungono la copertura perimetrando uno spazio, in parte soppalcato, adibito a postazioni di lavoro per il coworking. La rimozione della copertura dello stato di fatto e la relativa sostituzione con una nuova trasparente, permette di ottenere uno spazio interno molto luminoso.

190


191


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO PROSPETTO NORD

192


193


PROGETTO PROSPETTO SUD

194


195


PROGETTO SEZIONE NORD - SUD

196


197


PROGETTO SEZIONE OVEST - EST

198


199


200


201


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO BAR

202


203


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO INTERSEZIONI CON LA STRUTTURA

Il manufatto ex novo che ospita al piano terra un bar, si sviluppa a cavallo del dislivello tra il piano terra e la piazza ribassata di -158 cm e gli spazi per il coworking che lo compongono si distribuiscono attorno a quello centrale destinato alle attività di reception ed accettazione. Con questo intervento progettuale vengono interessate tre campate in senso trasversale ( est-ovest ) e tre campate in senso longitudinale ( nord-sud ). L' intersezione con la struttura del deposito che costituisce lo stato di fatto avviene in due punti: ad est le pareti perimetrali del manufatto raggiungono la copertura perimetrando uno spazio soppalcato adibito a postazioni di lavoro per il coworking dall' elevato grado di privacy, dal quale si gode della vista sull' area comune centrale dove si è proceduto alla stessa operazione.

204


205


DEPOSITO [NON] COMUNE DEPOSITO VIA P. CUSTODI _ TICINESE PROGETTO PROSPETTO SUD

206


207


PROGETTO PROSPETTO OVEST

208


209


PROGETTO SEZIONE NORD - SUD

210


211


PROGETTO SEZIONE OVEST - EST

212


213


PROGETTO IL MERCATO

f

g

e

h

c

a

d

b

sezione trasversale e prospetto frontale

planimetria

a

b

c

d

f

g

h

sezione trasversale e prospetto frontale

planimetria

e

sezione

La forma curvilinea dei banconi è stata pensata per accogliere i clienti e non creare degli angoli morti o degli impedimenti nella visione della merce durante l' atto della vendita: il materiale di cui sono costruiti è antigraffio, resistente agli urti e lavabile: la struttura in metallo che li sostiene è pieghevole in modo tale da consentire al termine dell' orario di lavoro di smontarli agevolmente e trasportarli nelle apposite aree di stoccaggio all' interno del deposito stesso. I banconi sono di tre tipologie e sono assemblabili in modo tale da costituire delle aree circolari, e delimitare così le aree di vendita e deposito provvisorio della merce dalla folla di acquirenti: inoltre i pianali dei banconi sono tripartiti e la struttura che sostiene ciascun ripiano è telescopica in modo tale da consentire al venditore di esporre a suo gradimento la merce a differenti quote (mai maggiore di 100 cm ) e facilitare le azioni legate alla vendita. 214


215


DEPOSITO [NON] COMUNE CONCLUSIONI

Con questa tesi abbiamo voluto discutere la possibilità di arricchire e articolare la sfera pubblica urbana. Infatti, a fronte dei cambiamenti sociali e culturali che stanno riguardando la città contemporanea, una sfida importante pare essere quella della ideazione e progettazione di nuovi servizi di interesse pubblico con cui integrare quelli convenzionali. In apertura abbiamo cercato di chiarire perché sia fortemente necessario che soprattutto la città di Milano affronti questa sfida e perché questa coinvolga gli spazi dismessi, ed in particolare i depositi ATM, localizzati in nodi nevralgici del territorio urbano. Deposito [Non] Comune si propone come ipotesi di ripensamento e riutilizzo di uno di questi luoghi sotto tutti i punti di vista che lo caratterizzano ovvero urbanistico, architettonico, tecnologico e sociale e per questo gli interventi di progetto assumono entità di diversa scala ma sempre accomunati da precisi obiettivi e linee d' azione fondamentali: il riuso e la valorizzazione di alcuni elementi architettonici del manufatto ritenuti caratterizzanti ( la struttura composta di pilastri, travi reticolari e capriate, e i materiali, calcestruzzo, acciaio e vetro), l' integrazione ed intersezione con lo stato di fatto dei nuovi elementi progettuali, l' unione di tutti i fabbricati che compongono il complesso del deposito sia dal punto di vista spaziale sia attraverso una continuità e una connessione tra le attività svolte all' interno, la creazione di un dispositivo urbano di quartiere. Grazie alla proposta di progetto di demolizione del muro perimetrale ad ovest e di alcuni edifici all' interno di quella che era utilizzato come area parcheggi privata, si riesce ad ottenere un vasto spazio pubblico occasione di incontro e di socializzazione, oltre a costituire una sorta di cucitura urbana e di spazio di mediazione tra Via Custodi, carrabile, la piazza, pedonale, e quella ribassata da cui avviene l' accesso all' area open space del deposito. Questo tipo di intervento produce sul piano urbanistico anche l' effetto di successione ed alternanza di differenti tipologie di spazi pubblici dello stare ( piazza con pavimentazione 'dura', piazza ribassata, giardini di piazza T. L. Caro) ciascuno dei quali caratterizzato da differenti qualità spaziali e materiche che suggeriscono ed accolgono altrettanti tipi di attività, e trasforma quello che ora è un isolato privato ed introflesso all' incrocio di due vie in un nuovo angolo urbano pubblico e permeabile. 216


L' idea progettuale per la realizzazione degli spazi per uffici negli edifici a sud che affacciano su via Giovenale è stata quella di lavorare sulla sezione longitudinale degli stessi: il risultato è stato quello di uno spazio fluido ma soprattutto continuo e vario grazie ai frequenti dislivelli ottenuti tramite cambi di quota dei solai. Spazi per il lavoro flessibili e non più relegati all' interno dei muri perimetrali di ogni singolo fabbricato. Questi ultimi infatti, che nel fronte verso via Giovenale vengono percepiti come delle identità indipendenti, mostrano il nuovo intervento e denunciano la continuità dei solai comuni nel prospetto longitudinale vetrato verso la piazza interna, offrendo così illuminazione ai nuovi spazi di lavoro e una vista verso uno spazio più privato rispetto alla strada. L' approccio progettuale all' open space è avvenuto attraverso due tipologie di intervento: uno di piccola scala, fatto di micro architetture reversibili e temporanee (i banconi del mercato), e l' altro (i nuovi edifici) che ricerca e si confronta con la scala della struttura del deposito stesso in modo da non soccombere di fronte alla vastità dello spazio in cui si inseriscono: questo dialogo con lo stato di fatto avviene poichè gli edifici ex-novo si generano attorno alla struttura preesistente senza però mai toccarla e presentano un sistema strutturale autonomo e differente nelle dimensioni e nei materiali in modo da denunciare la loro indipendenza. Da quest' ipotesi di progetto ne risultano nuovi spazi di lavoro pensati per un' utenza molto importante e presente a Milano ovvero quella dei giovani lavoratori, coworkers tra i 25 ed i 35 anni, all' inizio delle loro attività professionali con la necessità di luoghi di lavoro meno convenzionali, aperti oltre il canonico orario d' ufficio, ben serviti e facilmente acessibili e che incentivino le occasioni di incontro, di confronto e di collaborazione. In questo modo ciò che si è ottenuto è un insieme di spazi dai differenti gradi di privacy, multifunzionali e che non solo sono interessanti per una specifica utenza ma soprattutto funzionano sinergicamente come un rigeneratore urbano di quartiere dove in parte le attività e gli eventi proposti e svolti sono indipendenti da quelli legati al coworking e dunque coinvolgono anche gli abitanti del quartiere.

217


DEPOSITO [NON] COMUNE BIBLIOGRAFIA / SITOGRAFIA

T. M. AMABILE, Creativity In Context: Update To The Social Psychology of Creativity, Westview, Boulder, Giugno 1996 P. COTTINO E P. ZEPPETELLA, Creatività, Sfera pubblica e riuso sociale degli spazi. Forme di sussidiarietà orizzontale per la produzione di servizi non convenzionali, in 'www.altraeconomia.it', Settembre 2009 S. FITZGERALD, New times new models: investigating the internal governance models and external relations of independent cultural centres in times of change, Pekarna magdalenske mreze, Maribor, 2010 R. FLORIDA , The rise of the creative class: and how it' s trasforming work, leisure, community and everyday life, NY: Basic Books, New York 2002 R. FLORIDA, I. TINAGLI, Europe in the creative age, Domos, Londra 2002 P. HEALEY, Creativity and Urban Governance, Policy Studies. Vol. 25, No. 2, Giugno 2004, pp 87 - 102 D. JONES , T. SUNDSTED, T. BACIGALUPO, I'm outta here! How coworking is making the office obsolete, ebook N. MOMMAAS. Cultural clusters and the post-industrial city: Towards the remapping of urban cultural policy, Urban Studies, 41(3), Marzo 2004, pp 507-532 R. D. LLOYD, Neo-Bohemia : art and commerce in the postindustrial city, London : Routledge, 2006 M. PORTANOVA, Piu affitto per tutti, in 'www.altraeconomia.it', Maggio 2009 C. A. O' REILLY, M. L. TUSHMAN, The ambidextrous organization, Harvard Business Review 82 (4), 2004, pp 74 - 81. A. C. PRATT, Creative cities: The cultural industries and the creative class, Geografiska Annaler: Series B, Human Geography 90 (2), 2008, PP 107 - 117 A. C. PRATT, Urban Regeneration: From the Arts `Feel Good' Factor to the Cultural Economy: A Case Study of Hoxton, London, 2008 C. PRICE, Re :CP, a cura di Hans Ulrich Obrist, con contributi di Arata Isozaky, Patrick Keiller e Rem Koolhaas, LetteraVentidue, Aprile 2011, p 11 W. SANTAGATA, Creativity, Fashion, and Market Behavior, Maggio 2002 J. PERRY-SMITH, C. SHALLEY, The social side of creativity: A static and dynamic social network perspective, Academy of Management Review, 28(1), 2003, PP 89 - 106 M. STORPER, M. MANVILLE, Behaviour, Preferences and Cities: Urban Theory and Urban Resurgence, Urban Studies, Vol. 43, No. 8, Luglio 2006, pp 1247 - 1274 M. STORPER, A. J. VENABLES, Buzz: Face-to-Face Contact and the Urban Economy, , in the Journal of Economic Geography, 2004 218


http://bardoffice.com/ http://it.wikipedia.org/wiki/Coworking http://theroxor.com/2009/11/30/15-awesome-and-inspiring-offices/ http://www.archdaily.com/tag/corporate-campus/ http://www.artfactories.net/spip.php?page=sommaire&lang=fr http://www.artplaces.org/artplaces/ http://www.coworking.com/ http://coworkingmilano.com/ http://www.designboom.com/weblog/cat/9/view/11343/vacant-nl-dutch-pavilion-at-venicearchitecture-biennale-2010.html http://www.deskmag.com/ http://www.flandersdc.be/view/nl/2082161-Home.html http://www.maeda-inc.jp/uid/ http://www.rietveldlandscape.com/en/news/441 http://www.temporiuso.altervista.org/ http://the-hub.net/ http://www.urban-reuse.eu/?pageID=home http://www.west8.nl/ http://wiowio.wordpress.com/

219


RINGRAZIAMENTI

Il mio grazie va alla mia famiglia: a mio padre Felice, il mio più grande sostenitore, che ha gioito con me per ogni esame andato bene e consolato per quelli andati male; a mia madre Marisa, che mi ha insegnato a credere in me stessa e a difendere le mie idee; a mia sorella Paola, esempio di determinazione e forza di volontà, e a mia sorella Daniela, per la sua dolcezza, perché so che lei ci sarà sempre. Grazie alle mie coinquiline Raissa e Leticia, per le risate, per aver ascoltato sempre i miei interminabili monologhi, per aver cucinato, lavato i piatti e fatto la spesa quando toccava a me. Un ringraziamento speciale va al Prof. Postiglione...non c'è giorno che non pensi ai "Cinque punti dell'Architettura di Interni"! Infine un grazie di cuore a Viola, per come è e perché con lei non mi servono parole. Valeria

Ringrazio il Professor Postiglione, gli studenti del Laboratorio di Interni che hanno partecipato alla realizzazione del Compendio di Art Factories, e tutti coloro che mi hanno dato il loro prezioso contributo per questa tesi. Viola

220

DepositoNonComune-2-low  

NUOVI SPAZI PER IL COWORKING ALL' INTERNO DI UN DEPOSITO TRANVIARIO Tesi di laurea specialistica in Architettura degli interni Facoltà di Ar...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you