Page 1

KLeINER

FLuG


aspetta!


Ma questo… è il pulpito di mio padre…

occhio!

non vorrai frantumarti!

dovremmo approntare una scala di fortuna.

Per di qua, gente! dai, muovetevi!

concordo. Facile per chi ha le ali! bene, allora comincia con il denudarti!

Reggerà secondo te?

Per ora…

Ehi… Ragazzi?!

No, dico, non mi lascerete di nuovo ...voglio qui appeso... sperare!

Ci penso io!

E tu chi saresti? Più giù! Sono il Gesù scolpito nel giudizio universale qui accanto.

Certo che se non ci si aiuta tra di noi…

Ma cosa sta succedendo qui?

Non potete andarvene, è mio padre che vi ha scolpiti!

Mi pare ovvio…

...Ci diamo a una rocambolesca fuga!


Fermi! Non potete‌

No!

Basta!

Fermatevi!!!

Dove state andando?!

Mio padre come farĂ ?!


1257, Pisa. bottega di Nicola Pisano.

Dovrebbe venir ufficializzata in questi giorni, se non si perdono in lungaggini.

Capo Mastro, niente di nuovo sulla remissione dell’interdetto papale?

Voi dovreste solo pensare a sistemare gli strumenti, il Maestro sarà qui in giornata!

Speriamo bene… altrimenti i lavori rimarranno fermi.

Il Maestro torna da Lucca, sta ultimando una Deposizione per il portale del Duomo.

UFF!

Questa insensata scomunica cittadina dovrà finire prima o poi…

Insensata dici?

Prima di venire qua, vedrete che passerà dall’Arcivescovo per avere informazioni fresche sulle decisioni del Papa.

Senza la scomunica le cose per noi inizierebbero a girare per il verso giusto.

Forse ti sei scordato dell’alleanza tra Pisa e Federico II. Genova e Venezia non la presero tanto bene. figuriamoci il Papa, poi, che da tempo aveva scomunicato l’imperatore!

E ti ricordi poi quando Pisa sequestrò quei prelati in combutta con gli imperiali, sconfiggendo la flotta Genovese? In effetti quello fu un bell’affronto, a Roma non la presero molto bene!

Appunto.

Solo questa piazza è un cantiere a cielo aperto!


Quando avete finito con la politica estera, ci sarebbe del lavoro da fare‌

Ci sono ancora da portare un mucchio di strumenti, muovetevi lavativi!

certo che il Maestro ne usa di attrezzatura...

Va bene, va bene!

Ahia!

Ehi! Dove avete messo i trapani a manubrio? qui non ci sono!

Giovanni!

Ancora non ho capito da dove ti intrufoli!


Lo sai che tuo padre non vuole vederti gironzolare qui in bottega.

Un sogno dici?

E poi voglio anche sapere cosa sono quei disegni laggiù.

Ma io gli devo raccontare un sogno importante!

Ricominci con le domande, adesso? Non sono cose adatte a un bambino.

Allora probabilmente ci capirai più di me in questi schemi… rappresentano lo scheletro del pulpito che dobbiamo realizzare.

Guarda che mio papà mi insegna tanta geometria, io la studio sempre.

Vedi Giovanni, tuo padre vuole realizzare una struttura innovativa, un tempietto autonomo nello spazio del battistero. Solitamente questi palchi per le prediche sono addossati all’architettura dell’edificio, ma il nostro progetto è molto ambizioso…

Razionalità su cui ha avuto grande influenza l’opera di Leonardo Fibonacci.

In queste sezioni puoi renderti conto della matrice geometrica che animerà il nostro lavoro.

Quello delle cifre arabe? Esatto. Non a caso sia tuo Padre che Fibonacci sono stati per anni alla corte di Federico II: grande mecenate, promotore delle arti e delle scienze in quel di Puglia.

Come? Lo scheletro?

L’architettura di Nicola ha come forza generatrice una precisa razionalità.


Alla sua corte si studiava filosofia, astronomia, medicina e matematica. un laboratorio intellettuale composto dalle menti più eccelse del nostro tempo.

Molta importanza ha avuto nella formaz…

è già qui?!

Vatti subito a nascondere.

maestro, bentornato!

Mi raccomando…

…ma suppongo che da me stiate aspettando ben altre notizie.

Ben arrivato Maestro, come procedono i lavori a Lucca?

La Deposizione è praticamente ultimata.

Dunque sappiate che…

È ufficiale, Roma ha revocato la scomunica, i soldi per iniziare i lavori ci sono!

Ma... il mio sogno!


Avremo tempo di festeggiare, ma prima sistemiamo il laboratorio e meglio è.

Per quanto riguarda gli specchi della balaustra, avevamo scelto di adoperare del marmo di Carrara.

Per quelle userei del rosso ammonitico, se ne sta estraendo anche qua in zona.

Vieni, ti vorrei parlare.

Ho già preso degli accordi, possiamo andare a scegliere il blocco quando vogliamo.

Mentre gli inserti delle arcate trilobate le farei in marmo verde di Prato, creeranno un bello stacco.

Vorrei fare con te il punto sui materiali. sai che voglio varietà di colore, grana e lucentezza…

Le cornici che separano gli specchi… vorrei che fossero ben definite.

Hai ordinato il marmo brecciato per le colonne?

Buona idea…

La breccia numidica è in arrivo dal nordAfrica, ha una grana molto particolare.

Ottimo! È essenziale mantenere una polifonia cromatica per dare dinamicità d’insieme.

Infine per i leoni avrei trovato del barbaglio apuano di recupero a costo zero.

Credo che andrà benissimo. Ottimo lavoro.


Ordina pure quello che ci manca, andremo a Carrara questa settimana stessa.

Lo sapevo che non resisteva.

padre… ti devo raccontare il mio sogno. padre…

E tu che ci fai qui?

È colpa mia Maestro, lo mando subito a casa.

No, lasciami, gli devo raccontare del pulpito che scappa!

Ma questo è un sogno di buon auspicio!

Aspetta, questa la voglio proprio sentire.

Su avanti, racconta.

Dite?

Ma certo, il nostro obiettivo è proprio quello di cercare d’infondere la vita a questa nuova scultura!


“Ma la più bella, la più ingegnosa e più capricciosa architettura che facesse mai Nicola fu il campanile di San Nicola di Pisa…”

Campanile di San Nicola, Pisa.

“…fuori a otto facce, e dentro tondo con scale che girando a chiocciola vanno insino in cima e lasciano dentro il vano del mezzo libero et a guisa di pozzo…”

figliolo, So che è già buio, ma potresti portare qualcosa da mangiare a tuo padre?

Sai che è capace di tirare dritto senza neanche cenare.

“…si va in modo salendo infino in cima che chi è in terra vede sempre tutti quelli che sagliono, coloro che sagliono veggion coloro che sono in terra…”

Giorgio Vasari, Le Vite.


Padre?


Padre...

Padre!

Ho portato qualcosa da mangiare, ma non volevo disturbarti…

Facciamo una pausa allora.

Posso vedere?

Meno male, rischiavo una paresi.

Questo signore è un modello che sto utilizzando per un personaggio…

infatti non si vede quasi niente…

Non capisco… siete qui al buio a… scolpire?

Vedi… la luce mobile di lanterne e candele mi aiuta a trasformare il marmo in un materiale quasi… liquido.

Piacere…

Ti sembrerà assurdo lavorare al buio… lo so.

Con questi giochi di luce posso concentrarmi sulle qualità riflettenti del materiale.

Sfrutto il chiaro scuro per valorizzare le profondità dello scolpito.


Ecco, io cerco di usare questi “sguardi” per ottenere massima interazione con l’osservatore, sfruttando i diversi punti di vista possibili.

Ora però si è fatto tardi, sarà il caso che tu ritorni a casa…

d’accordo!

Riesci a immaginare i punti luce come tanti spettatori in movimento?

…sì.

…dopodomani inseriremo tutti gli specchi nella struttura poligonale.

La consegna del pulpito è prossima…

L’arcivescovo visconti ha anticipato il suo ritorno da Cagliari per presenziare alla funzione.

Deve tenerci molto!

Da quando è stato nominato Patriarca di Sardegna è oberato dagli impegni, ma vuole comunque essere aggiornato sui cantieri avviati.

Devo curare ogni dettaglio.

Spero che sarà accontentato…

Lo spero per noi…

Preview Nicola Pisano  

Anteprima di 16 pagine del volume in uscita ad aprile 2014

Advertisement