__MAIN_TEXT__

Page 27

come materia di studio per circa 700 studenti, e presentano un modello interattivo di relazione tra docenti e platea: all’excursus storico sulle discipline dello spettacolo popolare viene sempre affiancata una breve performance degli artisti ospiti, che riescono così ad arrivare in maniera più diretta e profonda ai presenti. Il successo riscosso da questo tipo di interventi ha rafforzato negli anni la collaborazione tra IULM e Circo e dintorni, tanto da far nascere Youth Acrobata World, un nuovo progetto di formazione d’alto livello che è stato selezionato dal programma Erasmus+ della Commissione Europea. Questa iniziativa, che coinvolge partecipanti provenienti da Kenya (grazie al trust di circo sociale Sarakasi) e Colombia (tramite la compagnia acrobatica Axioma), oltre che dall’Italia, ha come scopo la costruzione di un percorso pedagogico a tutto tondo, che accanto alla preparazione tecnica fornisca gli strumenti per muoversi nel complesso mercato del lavoro nell’ambito spettacolare e per padroneggiare non solo le nozioni indispensabili per andare in scena ma anche quelle relative alle dinamiche imprenditoriali che regolano il settore e quella necessarie a diventare un formatore per altri circensi, diffondendo così buone pratiche per permettere alle nuove generazioni di affrontare le sfide di domani. I corsi saranno tenuti da docenti universitari, esperti di organizzazione dello spettacolo e professionisti del settore che forniranno lezioni di creatività, imprenditorialità e circo sociale. Sono previste anche attività pratiche per testare sul campo gli insegnamenti ricevuti e visite didattiche in contesti di lavoro dell’intrattenimento. I partecipanti, tornati in patria, trasmetteranno le competenze acquisite ad altri giovani attraverso workshop pratici e teorici. In questo modo Youth Acrobata World getta le basi per una nuova figura professionale che otterrà la validazione da parte dell’altro partner del progetto, l’European Circus Association, definendo un nuovo e specifico metodo educativo replicabile in altri contesti, compresi quelli svantaggiati socialmente. I risultati del progetto saranno presentati al mondo accademico e a tutti gli interessati durante un convegno finale presso la IULM e verranno condivisi coi più importanti operatori del settore circense grazie ad una serie di presentazioni che si terranno durante il Festival di Monte Carlo, la vetrina più illustre del circo internazionale. L’esito del percorso sarà successivamente analizzato in una pubblicazione edita da Bulzoni a cura di Alessandro Serena e Valentina Garavaglia.

25JUGGLINGMAGAZINE

2020 NUMERO86MARZO

Profile for Ass. Giocolieri e >Dintorni

Juggling Magazine #86 - march 2020  

quarterly italian magazine dealing with contemporary circus arts

Juggling Magazine #86 - march 2020  

quarterly italian magazine dealing with contemporary circus arts

Profile for jugmag
Advertisement