Issuu on Google+

Condizioni di viaggio servizi per la mobilitĂ 


La vostra soddisfazione è il punto di arrivo. Il nostro servizio parte dalle vostre esigenze ed aspettative, per arrivare alla vostra piena soddisfazione e garantirvi sempre un buon viaggio. Per raggiungere un alto livello di qualità e di sicurezza, per agevolare l’accesso di tutti al servizio e garantire la civile convivenza tra i passeggeri è necessaria la conoscenza e il rispetto delle regole. Questa pubblicazione nasce per riportare, in sintesi, le norme che regolano il viaggio. Le presenti disposizioni sono adottate nel rispetto della normativa di riferimento e rappresentano un aggregato di specifiche procedure regolamentari utili a consentire il corretto utilizzo dei servizi di trasporto pubblico da parte della clientela, con riferimento ai compiti ed all’organizzazione dell’attività degli operatori incaricati dall’Azienda nella produzione del servizio.

servizi per la mobilità


Informazioni sul servizio

TICKET

TICKET

KETD TICBO AR ON € € 10 €

1) Ammissione al servizio 2) Accesso alle vetture 3) Tariffe e documenti di viaggio

TICKET

SOMMARIO 9) Infrazioni e sanzioni 10) Rimborso titoli di viaggio 11) Rimborso per servizi non effettuati o irregolari

4) Convalida dei titoli di viaggio 5) Libera circolazione e circolazione a tariffa agevolata

12) Norme di comportamento del personale viaggiante 13) Oggetti smarriti

6) Viaggio con bambini

14) Informazioni e segnalazioni 15) Servizi garantiti in caso di sciopero 16) Sospensione del servizio 17) Infortuni sui mezzi

7) Trasporto animali 8) Trasporto bagagli


KETD TICBO AR ON € € 10 €

1. Ammissione al servizio

Prima di salire a bordo il viaggiatore deve essere in possesso di regolare documento di viaggio emesso dall’Azienda, acquistato a terra presso le rivendite autorizzate, oppure delle “Carte Regionali di Trasporto rilasciate da Regione Lombardia”. Per la effettuazione del tragitto prescelto è possibile acquistare anche a bordo il biglietto di corsa semplice, con tariffa maggiorata nella misura consentita dalla normativa vigente (Regolamento Regionale n. 5 del 23.07.2002) e come riportato nei documenti informativi. In tal caso i passeggeri devono presentare denaro contante o con taglio massimo di € 10,00. Il pagamento del trasporto deve essere effettuato anche per il bagaglio eccedente quello ammesso gratuitamente (cfr. Punto 8 Reg.to) e per gli animali accettati a bordo (cfr. Punto 7 Reg.to).

T E K C TI OARD ON B

4

10 €

2. Accesso alle vetture

La salita e la discesa dagli autobus deve avvenire esclusivamente in corrispondenza delle fermate autorizzate lungo i percorsi delle linee e contrassegnate dalle apposite paline. Non è ammessa la salita sull’autobus nel caso in cui sia stato raggiunto il numero complessivo massimo di carico passeggeri previsto dalla carta di circolazione del veicolo. In caso di sovraffollamento alla partenza, hanno diritto di precedenza alla salita i viaggiatori che devono compiere il tragitto più lungo. Le fermate Ogni fermata è a richiesta, il viaggiatore deve segnalare per tempo l’intenzione di salire o scendere dall’autobus: - per salire con la presenza in corrispondenza della fermata alcuni minuti prima del transito del veicolo nell’orario previsto. La volontà di salire va comunicata con un cenno della mano o alzando il braccio al sopraggiungere dell’autobus per facilitare


Informazioni sul servizio

la manovra di arresto del veicolo; - per scendere utilizzando gli appositi segnalatori di fermata (situati all’interno dell’autobus). I viaggiatori muniti di abbonamento e quelli sprovvisti del titolo di viaggio devono salire dalla porta anteriore dell’autobus. La porta centrale è destinata alla discesa e alla salita delle persone con difficoltà motorie. Ad ogni modo i viaggiatori sono tenuti ad osservare, per la salita e la discesa, l’apposita segnaletica posizionata sulle porte laterali che consente la corretta movimentazione dei passeggeri. La salita e la discesa dagli autobus deve avvenire ad autobus fermo. Sistemi di ritenuta (cinture di sicurezza) In attuazione della Direttiva 911671/CEE, con il D.Lgs. 13.03.2006 n. 150 è stato introdotto l’obbligo per i passeggeri di utilizzare,

quando sono seduti, le cinture di sicurezza nel caso in cui l’autobus sia provvisto di tali sistemi di ritenuta. Tale disposizione non riguarda gli autobus adibiti al servizio di trasporto pubblico e per i quali è consentito (dalla carta di circolazione) il trasporto di passeggeri in piedi. Viaggiatori con problemi di deambulazione Le persone con problemi motori e di deambulazione che si spostano con sedia a rotelle per accedere ai servizi di linea devono utilizzare autobus dotati di apposita pedana o apparato di sollevamento che espongono sulla porta laterale un pittogramma in cui è riprodotto il simbolo di una carrozzina (bianca). È consigliabile la prenotazione telefonica al numero verde 800 180 048 (oppure mediante la compilazione del modulo di richiesta/prenotazione predisposto

5


TICKET

nel sito internet www.bergamotrasporti.it) per ricevere indicazioni circa la disponibilità di un veicolo attrezzato con dispositivi funzionanti sulla corsa prescelta o su corse proposte in alternativa.

3. Tariffe e documenti di viaggio

6

IL SISTEMA TARIFFARIO Il modello tariffario a “ZONE”, introdotto ottemperando alle disposizioni in materia tariffaria di cui alla L.R. n. 44/1989, ha consentito la realizzazione di un’integrazione tariffaria generalizzata tra servizi interurbani esercitati nella provincia di Bergamo. A differenza del sistema chilometrico (tariffa determinata in classi di percorrenza prestabilite) nel sistema a zone la tariffa è calcolata in base al numero di zone corrispondenti al percorso da effettuare. Secondo questo principio il territorio servito è stato suddiviso in zone omogenee, la cui estensione corrisponde generalmente con gli ambiti territoriali di uno o due Comuni, incluse le relative frazioni. Il sistema tariffario a zone funziona secondo un principio molto semplice in quanto “la tariffa viene determinata in base

al numero di zone attraversate comprese quelle di origine e di destinazione”, seguendo il percorso della linea ed, in alcuni casi, con possibile scelta di itinerari diversi. Per gli spostamenti che avvengono all’interno di una singola zona si applica la tariffa “A” e ad ogni ulteriore passaggio di zona, includendo quella di partenza, corrisponde uno scatto di tariffa. DOCUMENTI DI VIAGGIO I titoli di viaggio utilizzabili sui servizi sono quelli previsti ai sensi del Reg. Regionale n. 5/2002 o comunque autorizzati dalle autorità competenti e si distinguono nelle seguenti tipologie. Biglietti Biglietto ordinario di corsa semplice. Consente di effettuare un solo viaggio sulla relazione corrispondente alla classe di tariffa prevista. Il Biglietto deve essere convalidato al momento dell’utilizzo a bordo dell’autobus e conservato per tutta la durata del viaggio. All’utente in possesso del biglietto di corsa semplice non è consentita alcuna interruzione di viag-


Informazioni sul servizio

gio, ad eccezione dei casi in cui si renda necessario effettuare il cambio autobus o linea per il completamento del tragitto prescelto. Abbonamenti. Titolo di viaggio personale utilizzabile solo dal titolare ed è valido solo se accompagnato dalla tessera personale di riconoscimento rilasciata dall’azienda. Per l’acquisto di qualsiasi abbonamento è necessario essere in possesso della tessera personale di riconoscimento. Ai possessori di abbonamento è concessa la facoltà di interrompere e riprendere il viaggio a condizione che la località di risalita (sull’autobus) sia intermedia a quelle inserite nella relazione prescelta ed indicata sulla tessera di riconoscimento emessa. In presenza di specifici accordi tra vettori operanti nella stessa area, sottorete o bacini limitrofi al possessore di abbonamento è consentito l’utilizzo indifferenziato dei servizi esercitati su

percorsi comuni o complementari al compimento del viaggio nell’ambito della zona di origine / destinazione del viaggio medesimo. Abbonamento Settimanale a Vista. Consente di effettuare un numero illimitato di viaggi nell’ambito della settimana di validità, ovvero, dal lunedì alla domenica e deve essere convalidato al momento della effettuazione del primo viaggio. L’abbonamento settimanale è messo in vendita dal giovedì al lunedì; nell’apposito spazio deve essere riportata la settimana di utiliz-

7


TICKET

8

zo ed il numero della tessera di riconoscimento. Questo titolo di viaggio non può essere rilasciato agli studenti, fatta eccezione per gli studenti universitari ai quali è concessa la facoltà di scegliere, all’inizio di ogni anno scolastico, se utilizzare il sistema tariffario previsto per gli studenti o quello ordinario (come per i lavoratori). Abbonamento Mensile. Consente di compiere un numero illimitato di viaggi, compresi i giorni festivi, dal primo all’ultimo giorno del mese di validità. L’abbonamento mensile si distingue nelle seguenti tipologie. • Abbonamento Annuale. Ai possessori di questo titolo di viaggio è consentito compiere un numero illimitato di viaggi, compreso i giorni festivi nel periodo di validità: - annuale studenti - dal 1 settembre al 30 giugno - annuale ordinario - 12 mesi dall’emissione Per il rilascio ed il rinnovo è necessario produrre, ogni anno, apposita richiesta di emissione. L’abbonamento annuale studenti è posto in vendita applicando uno sconto rispetto alla tariffa corrispondente all’acquisto

di 10 abbonamenti mensili (attualmente il prezzo di un annuale corrisponde al valore di acquisto di n. 7,5 mensili). Per gli studenti che frequentano Istituti scolastici situati nella città di Bergamo l’abbonamento annuale è di tipo integrato. Tessera personale di riconoscimento La tessera personale di riconoscimento è necessaria per acquistare qualsiasi abbonamento (settimanale, mensile, annuale) ed è rilasciata a fronte di richiesta inoltrata all’azienda dall’interessato, utilizzando l’apposito modulo debitamente compilato, secondo le indicazioni riportate e previo versamento di una tariffa fissa per le spese di emissione. Sulla tessera, sono riportate le seguenti informazioni: dati identificativi del gestore dei sevizi (denominazione, sede, P. IVA, logo), logo identificativo dell’azienda che provvede alla emissione • generalità del richiedente (nome


Informazioni sul servizio

e cognome etc.) • il numero progressivo, la data di scadenza e la categoria assegnata (studente, universitario, lavoratore, ordinario); • il percorso prescelto sul quale ha validità l’abbonamento; • la classe di tariffa corrispondente al percorso. • Di norma, la tessera di riconoscimento ha validità 5 anni dall’emissione.

4. Convalida dei titoli di viaggio

Il documento di viaggio deve essere: - convalidato appena saliti a bordo all’inizio del viaggio ed in ogni caso prima di sedersi. Il viaggiatore è tenuto a verificare che la convalida sia avvenuta correttamente e in caso di guasto o mal funzionamento dell’apparato di validazione ad informare immediatamente il conducente, presentando al tempo stesso il documento di viaggio per la convalida manuale;

- conservato integro e riconoscibile per tutto il tempo della sua validità avendo valore di scontrino fiscale - esibito ad ogni controllo eseguito dal personale addetto incaricato dell’Azienda. Non sono soggetti a convalida solo i titoli di viaggio per i quali detta operazione non sia espressamente prevista. Gli utenti muniti di abbonamento o Carta Regionale di Trasporto, devono esibire al conducente il documento di viaggio in possesso al momento della salita sull’autobus. Fatta eccezione per gli abbonamenti annuali (che assolvono anche la funzione di tessera personale di riconoscimento), tutte le altre tipologie di abbonamento hanno validità solo se abbinate alla tessera personale di riconoscimento, il cui numero deve essere sempre correttamente riportato sull’abbonamento stesso. I documenti di viaggio che richiedono la compilazione di dati a cura dell’interessato, devono essere in regola con le istru-

9


TICKET

zioni riportate sullo stesso. Nel caso in cui il viaggiatore fosse sprovvisto del documento di viaggio o in caso di riscontrate irregolarità, deve fornire le proprie generalità evitando discussioni con il personale preposto al controllo. Il viaggiatore che non intenda regolarizzare la propria posizione (con l’acquisto del biglietto a bordo) e non produca un valido documento di identificazione, può essere invitato a scendere dall’autobus e, ove necessario, anche tramite richiesta di intervento da parte delle forze dell’ordine. I biglietti da convalidare hanno validità illimitata fino al momento del loro utilizzo e annullamento, ma non sono rimborsabili.

5. Libera circolazione e circolazione a tariffa agevolata

Sono ammessi a viaggiare gratuitamente sulle corse di linea: - gli agenti ed ufficiali delle forze dell’ordine (qualifica individuata ai sensi dell’art. 57 del Codice di procedura penale e s.m.i.) ed appartenenti ai comandi regionali di: Polizia

10

di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato, Polizia Penitenziaria, Polizia Giudiziaria, Vigili del Fuoco e Polizia Locale che si presentino al personale viaggiante e/o addetti al controllo esibendo il tesserino di riconoscimento o distintivo di appartenenza al corpo e che all’occorrenza prestino assistenza al personale nei casi di: accertamento dell’identità dei viaggiatori non in regola con le disposizioni di viaggio, interventi per il ripristino dell’ordine pubblico; - funzionari dello Stato in possesso di tessera D.G.M.T., nonché i funzionari della Regione e della Provincia addetti alla sorveglianza sui servizi locali di trasporto in possesso di tessera rilasciata dall’Ente di appartenenza; - viaggiatori in possesso della Carta Regionale di Trasporto (carta gratuita ad agevolazione intera). Possono accedere liberamente ai servizi i viaggiatori in possesso di Carta Regionale di Trasporto a tariffa intera o agevolata, rilasciate da Regione Lombardia, secondo il vigente sistema delle agevolazioni regionali di trasporto.


Informazioni sul servizio

6. Viaggio con i bambini

I bambini di statura non superiore a un metro, accompagnati da un adulto, viaggiano gratuitamente purché non occupino posti a sedere e comunque nel limite di un bambino per ogni adulto. È ammesso il trasporto gratuito di passeggini a condizione che siano ripiegati in modo da ridurre l’ingombro ed evitare movimenti imprevisti con veicolo in marcia. Solo sui mezzi in cui è previsto uno spazio riservato al posizionamento di carrozzine i passeggini possono essere trasportati aperti a rischio e pericolo del possessore. Ha comunque precedenza il viaggiatore su sedia a rotelle.

7. Trasporto animali

Il trasporto di animali sui veicoli adibiti al servizio di trasporto pubblico è consentito a condizione che venga acquistato regolare documento di viaggio e che vengano utilizzati gli accorgimenti necessari per poterli rendere inoffensivi. In particolare sono stabilite le seguenti condizioni: • per il trasporto dei cani; obbligo di applicazione di museruola e guinzaglio (ord. Min. della Salute 14 gennaio 2008); • per animali domestici di piccole dimensioni; solo se custoditi in apposite gabbie o contenitori idonei ad impedirne la circolazione a bordo del mezzo. Nel caso in cui l’animale insudici o deteriori la vettura, arrechi danno o disturbo agli altri viaggiatori, ingombri il passaggio o le uscite, è previsto l’allontanamento dell’animale e l’interruzione del viaggio senza

11


TICKET

alcun diritto di rimborso del titolo di viaggio acquistato. Il possessore è tenuto inoltre al risarcimento degli eventuali danni causati. Il trasporto di animali, esclusi i cani guida, può essere rifiutato, ad insindacabile giudizio del conducente, in caso di affollamento dell’autobus. I cani guida per non vedenti, comunque muniti di museruola e tenuti al guinzaglio, sono ammessi gratuitamente.

8. Trasporto bagagli

12

Il viaggiatore, munito di regolare documento di viaggio può trasportare gratuitamente un solo bagaglio o pacco, purché le dimensioni non siano superiori a cm. 50x30x25 e di peso non superiore a 10 kg; è ammesso inoltre il trasporto gratuito di piccoli strumenti musicali e passeggini per bambini opportunamente ripiegati. Per ogni ulteriore bagaglio, fino a due per ogni viaggiatore, o per quelli che eccedono le dimensioni suddette, compatibilmente con spazio dispo-

nibile nel limite massimo di ingombro di cm 40x60x80, dovrà essere acquistato il relativo biglietto secondo le tariffe in vigore. Il bagaglio a seguito è trasportato sotto custodia e cura esclusiva del viaggiatore senza occupare posti a sedere. Sempre compatibilmente con lo spazio disponibile a bordo è ammesso, a giudizio del conducente e a fronte del versamento della tariffa prevista, il trasporto di attrezzature sportive contenute nelle apposite custodie; attrezzature da sci e biciclette possono essere trasportate se caricate nella bagagliera degli autobus che ne siano dotati. I bagagli rinvenuti a bordo dei mezzi aziendali sono conservati presso l’Ufficio Oggetti Smarriti e gestiti secondo le procedure indite nel successivo (cfr. Punto 13 Reg.to). TRASPORTO BAGAGLI NON ACCOMPAGNATO A sua esclusiva discrezione, l’azienda può accettare l’effettuazione del servizio di spedizione limitatamente a bagagli o colli di peso non eccedente a 25 kg, previo inoltro da parte dell’interessato di specifica richiesta entro 5 gg precedenti la data prevista di spedizione. È nelle facoltà esclu-


Informazioni sul servizio

sive della stessa azienda rifiutare la prestazione nei casi in cui detto trasporto possa arrecare intralcio o disturbo all’esecuzione del servizio di trasporto pubblico delle persone o determinare pregiudizio alla sicurezza del servizio stesso. L’azienda non risponde della perdita e dell’avaria degli oggetti e della merce spediti, avvenuta per cause di forza maggiore, del mittente, del destinatario, a prescindere dalla natura o consistenza del prodotto trasportato e relativo imballaggio. L’Azienda risponde della perdita e delle avarie, segnalate in forma scritta entro 3 gg successivi il trasporto, dovute a cause ad essa imputabili; il risarcimento del danno non può comunque eccedere i limiti previsti dall’art. 2 della Legge n. 450/85.

9. Infrazioni e sanzioni

Gli addetti all’attività di controllo ed accertamento Il personale addetto al controllo e agli accertamenti (controllori), munito di apposito documento di riconoscimento rilasciato dall’Azienda, è qualificato a norma di legge come pubblico ufficiale (art. 357 Cod. Penale) ed esercita le proprie funzioni di verifica accertamento e contestazione delle infrazioni, ai sensi della Legge 24.11.1981 n. 689, in applicazione della normativa nazionale e regionale. Gli agenti addetti al controllo possono esercitare la loro funzione anche in abiti borghesi e in termini generali sono abilitati a svolgere le attività e funzioni elencate: • richiedere l’esibizione del titolo

13


TICKET

14

di viaggio in possesso • elevare verbali in caso di accertate irregolarità • pretendere il rilascio delle esatte generalità • pretendere l’esibizione di un valido documento di identificazione • avvalersi dei poteri attribuiti (art. 13 Legge 24.11.1981 n. 689) per l’acquisizione di informazioni, ispezioni, rilievi utili all’accertamento dell’identità del trasgressore • richiedere l’intervento delle forze dell’ordine in caso di mancata identificazione • impedire al trasgressore di sottrarsi all’identificazione • sequestrare titoli di viaggio alterati, falsi o contraffatti • allontanare dal mezzo di trasporto, senza diritto ad alcun rimborso, i viaggiatori che: - pregiudichino l’ordine o la sicurezza del servizio; - rechino disturbo agli altri passeggeri; - non prestano attenzione ed ascolto alle osservazioni ed agli inviti tendenti a far rispettare le disposizioni aziendali e norme regolamentari sull’utilizzazione dei servizi (c.d. Reg.to delle Condizioni di trasporto). L’addetto al controllo o alla verifica dei titoli di viaggio ha

il dovere di accertare l’identità di eventuali trasgressori, ricorrendo se necessario all’ausilio delle forze dell’ordine. In caso di documento falso, titolo di viaggio falso, rifiuta di fornire le generalità o assenza di documento è possibile trattenere il trasgressore fino all’arrivo di Carabinieri o Polizia, al fine di completare l’identificazione del trasgressore. Tale procedura è necessaria al fine di avviare correttamente la procedura di contestazione della violazione e pertanto non si ritiene indispensabile in caso di pagamento immediato, al controllore, della sanzione. Sanzioni per mancanza o utilizzo irregolare dei Titoli di Viaggio I viaggiatori che utilizzano il servizio di trasporto pubblico sprovvisti di biglietto o altro valido documento di viaggio, o che commettano comunque irregolarità in materia tariffaria, incorrono nel pagamento di una sanzione amministrativa, determinata ai sensi della L.R. 22/98, di importo pari a 100 volte il valore del biglietto ordinario di corsa semplice della prima classe di tariffa. La reiterazione della violazione, entro i successivi 5 anni comporta la mag-


Informazioni sul servizio

giorazione del 100% della sanzione (art. 7 comma 1 lett. c L.r. 28.12.2007 n. 33). In caso di utilizzo irregolare della tessera di riconoscimento, della tessera per la circolazione gratuita o agevolata (Carta Regionale di Trasporto), oltre al pagamento dell’ammenda e del biglietto relativo al servizio usufruito, è previsto da parte dell’azienda il ritiro del documento con eventuale apertura di procedimento, a norma di legge, nei confronti del trasgressore. Il viaggiatore è considerato a tutti gli effetti, privo di titolo di viaggio anche quando: a) pur essendo in possesso del biglietto • non abbia provveduto alla convalida secondo le previste modalità • esibisca biglietto con visibili segni di alterazione e contraffazione • compie più viaggi con un solo biglietto • utilizza un biglietto di tariffa inferiore o non corrispon-

dente a quella prevista per il tragitto prescelto • non disponga di regolare biglietto per il trasporto di bagagli o animali al seguito b) pur essendo in possesso di abbonamento: • non risulti compilato secondo le indicazioni specifiche • non abbia provveduto alla convalida secondo le previste modalità • non venga esibito congiuntamente alla tessera personale di riconoscimento • risulti in possesso di tessera di riconoscimento scaduta o che risulti rilasciata ad altra persona • esibisca un abbo-

15


TICKET

16

namento con visibili segni di alterazione e contraffazione • utilizza un abbonamento di tariffa inferiore o non corrispondente a quella prevista per il tragitto prescelto • esibisca un titolo di viaggio agevolato non corredato dalla documentazione prevista • presenti un abbonamento non correttamente compilato o non accompagnato da documento di riconoscimento • utilizza un titolo di viaggio non più in uso, oppure un abbonamento oltre il periodo di validità c) pur essendo in possesso di tessera gratuita o altro documento di trasporto a tariffa agevolata: • esibisca un titolo di viaggio agevolato non corredato dalla documentazione prevista o non accompagnato da un documento di identificazione • utilizzi una tessera o carta per la libera circolazione o a tariffa agevolata scaduta oppure oltre il periodo di validità. L’utente è parimenti considerato privo di documento di viaggio anche quando dichiari di essere abbonato, ma non sia in grado di esibire l’abbonamento. In questo caso, il viaggiatore sprovvisto del titolo di viaggio che, entro 7

giorni successivi all’accertamento, presenti ai competenti uffici aziendali l’abbonamento personale in corso di validità o convalidato in data antecedente a quella di accertamento sarà applicata una sanzione ridotta, pari al 10% della sanzione massima prevista a titolo di rimborso delle spese amministrative e di procedimento. La falsifcazione di biglietti costituisce reato punito ai sensi del Codice Penale (art.462) con la reclusione fno ad un anno e con una multa. L’uso di titoli di viaggio falsifcati (art. 466 del C.P.) o l’alterazione o cancellazione della convalida/timbrature costituiscono illecito amministrativo che determina l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da € 51 a € 619. Tali sanzioni sono state introdotte in seguito alla depenalizzazione di alcuni reati attuata con D. Lgs. 30.12.1999 n. 507 (*). In questi casi il titolo di viaggio viene ritirato dall’agente addetto al controllo che ha


Informazioni sul servizio

accertato la violazione ed il contravventore è assoggettato alla sanzione amministrativa prevista ai sensi della LR 22/98. (*) Sanzione a carico della persona responsabile della violazione: da € 103 a € 619 (*) Sanzione a carico dell’utilizzatore (escluso il concorso): da € 51 a € 309 (*) La competenza in ordine all’applicazione delle sanzioni è attribuita al Ministero dei Trasporti.

Irregolarità gravi a carico di utenti abbonati Quando a carico di un utente abbonato sia rilevata una delle seguenti irregolarità: a) abbonamento utilizzato da persona diversa dal titolare; b) abbonamento alterato nelle indicazioni o contraffatto; l’Azienda potrà disporre l’immediato ritiro dell’abbonamento, all’annullamento dello stesso e, nei casi più gravi, a proprio ed insindacabile giudizio oltre che ad elevare la sanzione amministrativa procedere al recupero nei modi di legge dell’eventuale danno subito, riservandosi il diritto di negare la concessione e/o il rinnovo a tempo indeterminato, di qualsiasi abbonamento utilizzabile sui servizi gestiti dalla stessa. L’Azienda, a proprio ed insindacabile giudizio, oltre la sanzione amministrativa ed al recupero, nei modi di legge dell’eventuale danno subito, si riserva il diritto al ritiro ed

17


TICKET

annullamento dell’abbonamento, ivi incluso il diniego al rilascio e/o il rinnovo anche a tempo indeterminato, di qualsiasi abbonamento utilizzabile sui servizi gestiti dalla stessa quando un utente si renderà responsabile di: - episodi di intolleranza o vie di fatto nei confronti del personale dell’azienda o di altri passeggeri, sia a bordo degli autobus o presso le strutture nelle autostazioni; - infrazioni alle norme di viaggio; - danneggiamenti di beni della società; - rifiuto ad esibire al personale di controlleria documento attestante le proprie generalità, o a fornire false generalità.

18

Norme comportamentali, di sicurezza, divieti e sanzioni Qualsiasi utilizzatore dei servizi di trasporto esercitati dall’Azienda deve attenersi alle prescrizioni contenute nel “Regolamento delle Condizioni Generali di Trasporto” nonché alle avvertenze, alle disposizioni emanate dell’azienda e dal personale dipendente, anche a mezzo di avvisi esposti a bordo, per non compromettere in alcun modo la regolarità e la sicurezza del viaggio ed i livelli del servizio. I viaggiatori devono assumere comportamenti idonei a non determinare situazioni che in qualche modo possano arrecare pregiudizio alla sicurezza ed alla incolumità propria e delle persone. Nel momento della salita sul mezzo il passeggero è tenuto a mantenere un comportamento corretto ed educato o comunque improntato al rispetto delle persone e dei beni altrui. Diversamente, alle


Informazioni sul servizio

persone che si trovano in condizioni psico-fisiche alterate (per uso di alcol o assunzione di droghe), in stato di irrequietezza o in condizioni tali da recare disturbo, fastidio o molestie alle persone a bordo e che si rifiutano di osservare richiami all’ordine e inviti improntati al rispetto delle prescrizioni di sicurezza, può essere rifiutato l’accesso al servizio o fatte scendere dai mezzi da parte del personale incaricato o dal conducente in servizio; l’allontanamento dal mezzi di trasporto non da diritto ad alcun rimborso. In caso di resistenza, il personale è autorizzato a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Il viaggiatore che contravviene alle norme regolamentari e di comportamento richiamate nel presente Regolamento, o comunque derivanti da disposizioni aziendali, può non essere accettato in vettura oppure può essere fatto scendere dall’autobus prima della fine del viaggio, ad opera del personale di servizio, control-

lori ed incaricati dell’Azienda, senza riserva alcuna in ordine ad un’eventuale ulteriore azione o procedimento sanzionatorio. In termini generali a chiunque utilizzi i servizi di trasporto pubblico di linea è vietato: • occupare più di un posto a sedere ed ingombrare le zone di salita e discesa sugli autobus senza un valido motivo; • arrecare danni o sporcare i mezzi di trasporto e le infrastrutture adibite al servizio; • distrarre, impedire e ostacolare in qualsiasi modo il conducente nell’esercizio delle sue funzioni; • rimuovere, guastare, manomettere o insudiciare parti di apparecchiature; • distaccare, alterare contrassegni o qualsiasi avviso e indicazione esposti all’interno o all’esterno dei mezzi • gettare oggetti dal mezzo utilizzato; • avere comportamenti tali da arrecare disturbo ad altre

19


TICKET

20

persone; • trasportare sostanze e/o oggetti nocivi e pericolosi; • utilizzare senza necessità il segnale di richiesta di fermata o il comando di emergenza per l’apertura delle porte; • esercitare attività pubblicitaria e commerciale senza il consenso dell’azienda. Il comportamento da tenere a bordo dei mezzi di trasporto deve essere improntato alla massima correttezza ed educazione agevolando durante il viaggio le persone anziane e i disabili e rispettare le disposizioni relative ai posti a loro riservati. Ogni viaggiatore deve occupare un solo posto a sedere, rimanere seduto per tutta la durata del viaggio utilizzando i sistemi di ancoraggio ai sedili (cinture di sicurezza) sugli autobus che ne siano dotati. Per il mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta (cinture di sicurezza) sugli autobus in cui siano montati tali apparati, è prevista l’applicazione di una sanzione da € 68,00 a € 275,00. Le violazioni ai divieti sopra indicati comportano la irrogazione delle sanzioni amministrative di cui al DPR 753/80. In particolare per le infrazioni riconducibili a quanto richiamato all’art. 29 del DPR 753/80, relativa-

mente a danni materiali riscontrati ad attrezzature, beni accessori o complementari al servizio di proprietà e in uso all’Azienda il trasgressore incorre in una sanzione accessoria da un minimo di € 100,00 ad un massimo di € 309,00 oltre che al risarcimento del danno provocato. Il trasporto in piedi è ammesso, per il numero massimo consentito, solo per tratti durante i quali a bordo non vi sia disponibilità di posti a sedere. In tal caso il viaggiatore deve sorreggersi utilizzando le apposite maniglie o sostegni, senza sostare sui gradini o in prossimità delle aree di salita e discesa. L’azienda declina ogni responsabilità in caso di incidenti subiti dai viaggiatori che non abbiano osservato le suddette prescrizioni. Sui mezzi di trasporto, nei locali e negli spazi aperti al pubblico è vietato fumare ed i trasgressori saranno puniti ai sensi della normativa vigente. Accertamento delle violazioni e modalità di estinzione delle sanzioni Per le violazioni di cui ai paragrafi precedenti, rilevate dal personale addetto al controllo, è prevista la redazione del verbale di accertamento con l’irrogazione della relativa


Informazioni sul servizio

sanzione amministrativa. In caso di riscontrata violazione delle norme contenute nel presente Regolamento, l’utente contravventore è tenuto ad esibire un valido documento di identità personale e, nel caso fosse sprovvisto, dichiarare a voce le proprie generalità; il rifiuto a fornire le proprie generalità è perseguibile ai sensi dell’art. 651 del Codice Penale (€ 206,00 di multa e un mese di arresto). Qualora le generalità del trasgressore siano fornite a voce, il personale di controllo può svolgere gli accertamenti e le verifiche opportune sulla veridicità di quanto dichiarato (art. 13 Legge 689/1981); le eventuali false dichiarazioni rese sull’identità sono perseguibili ai sensi dell’art. 496 del Codice Penale recentemente modificato dal D. Legge 23.05.2008 n. 92 (da uno a cinque anni di arresto). La mancata corretta identificazione può dar luogo alla

discesa forzosa dall’autobus alla prima fermata, alla trattenuta del trasgressore fino all’intevento delle forze dell’ordine per condurre a termine l’identificazione dello stesso. Ai fini dell’estinzione delle violazioni accertate, si fa esplicito riferimento alle disposizioni contenute nella Legge 24.11.1981 n. 689. Relativamente alle sanzioni riguardanti la mancanza o utilizzo irregolare del titolo di viaggio è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta, secondo gli importi e con le seguenti modalità: • € 37,00 se pagata direttamente in vettura all’agente accertatore oppure entro 5 gg direttamente all’Ufficio Riscossione (Stazione SAB, piazza Marconi, 4 - 24122 Bergamo); • € 48,00 di cui € 11,00 per le spese di procedimento, se pagata entro 60 giorni dalla data di contestazione e/o notifica del verbale presso

21


TICKET

22

l’Ufficio Riscossione (Stazione SAB, piazza Marconi, 4 24122 Bergamo) oppure effettuando un versamento sul conto corrente postale indicato. Fatta salva la possibilità di procedere al recupero forzoso del credito, trascorso il termine previsto per il pagamento della violazione in misura ridotta, l’interessato è tenuto al pagamento della sanzione in misura intera ovvero, € 110,00 se il pagamento avviene in forma diretta; € 130,00 (di cui € 20,00 per le spese di procedimento) in caso di azione ingiuntiva (ordinanza ingiunzione). Il provvedimento di ordinanza ingiunzione, di cui all’art. 16 della Legge Regionale 29.10.1998 n. 22, viene elevato ai sensi dell’art. 18 della Legge 689/1981 e può essere inviato al trasgressore fino a 5 anni dalla data di accertamento (cfr. Sentenza Cass.ne n. 23013/04). (Nota: L’importo massimo della sanzione amministrativa è soggetta a modifiche in concomitanza di provvedimenti di adeguamento tariffario). Al trasgressore è riconosciuta la facoltà, entro 30 giorni dalla contestazione o notificazione del Verbale, di presentare scritti difensivi all’Azienda (Stazione SAB, piazza Marconi, 4 - 24122 Bergamo) redatti in carta semplice

o utilizzando i “moduli di segnalazione” in distribuzione. In caso di rigetto e non accoglimento delle osservazioni presentate è ammesso il pagamento della sanzione solo in misura intera.

10. Rimborso dei titoli di viaggio

Per il rimborso dei titoli di viaggio, si fa esplicito riferimento alle disposizioni vigenti e richiamate nel Reg.to Regionale 5/2002. È previsto il rimborso degli abbonamenti prima della loro scadenza, previa richiesta dell’utente, in carta semplice senza obbligo di specificarne la motivazione, da inoltrarsi alle Biglietterie e agli Uffici Aziendali aperti al pubblico. Il rimborso, nei limiti sotto riportati, è riconosciuto in relazione a titoli con validità residua superiore alla metà di quella complessiva: • per l’abbonamento annuale, nella misura del 90% della quota corrispondente ai mesi interi successivi a quello in cui viene restituito; • per l’abbonamento mensile, nella misura del 90% della quota corrispondente ai giorni interi successivi a quello in cui viene restituito. In caso di interruzione del viaggio,


Informazioni sul servizio

per causa di forza maggiore o di ritardi per qualsiasi causa verificatasi non è ammesso alcun rimborso da parte dell’azienda, a qualsiasi titolo.

11. Rimborso per servizi non effettuati o irregolari Sono previste forme di rimborso solo nel caso in cui, per anomalie imputabili all’Azienda, la partenza avvenga con un ritardo superiore ai 60 minuti e non vi siano, sul tragitto prescelto, altre corse in partenza nello stesso lasso di tempo. Non sono previste forme di rimborso qualora, per cause di forza maggiore, il servizio non venga effettuato o sia irregolare.Laddove sia previsto, il rimborso consiste nel riconoscimento del prezzo del biglietto acquistato e, nel caso di abbonamento, nel

riconoscimento del prezzo di un biglietto di corsa semplice corrispondente alla tariffa della tratta cui si riferisce l’abbonamento. Qualora il cliente per causa motivata e dimostrabile, non potendo usufruire di altri mezzi pubblici di trasporto collettivo, sia costretto a effettuare il viaggio ricorrendo ad altro mezzo di trasporto, l’Azienda riconosce, quale concorso alle spese sostenute e documentate, il rimborso di un importo fino ad un massimo di 10 volte il costo del biglietto della tratta non effettuata. La richiesta scritta di rimborso deve essere inoltrata utilizzando il “Modulo di segnalazione” o in carta semplice, entro le 48 ore successive all’evento, documentando in maniera adeguata il mancato servizio (giorno, ferma-

23


ta, ora, linea, eventuale ricevuta fiscale, ...) a SAB - INFO BUS numero verde 800 139 392 oppure allo 035 289 000 (da lunedì a venerdì 8.30-18.30). Entro i successivi 20 gg, in relazione all’esito delle verifiche interne condotte, l’azienda provvederà a fornire risposta motivata e ad inviare, in caso di accoglimento, modulo rimborso da sottoscrivere e restituire a cura dell’interessato.

12. Norme di comportamento del personale viaggiante

Il Conducente Nell’esercizio della propria attività, il conducente riveste la funzione “incaricato di servizio pubblico” e con il suo comportamento contribuisce fortemente a formare l’immagine aziendale. La consapevolezza dell’importanza di questo ruolo è fondamentale per garantire la corretta e regolare esecuzione del trasporto, ma soprattutto per accrescere il livello di percezione positiva e soddisfazione complessiva da parte della clientela. L’azienda fornisce al personale viaggiante le necessarie indicazioni su come

24

deve essere svolto il loro compito attraverso istruzioni operative, disposizioni e ordini di servizio ed un’adeguata e costante azione formativa. Regolarità, affidabilità, sicurezza del trasporto sono gli aspetti caratterizzanti il servizio ed il conducente è certamente parte attiva nell’assicurarne, attraverso il corretto svolgimento delle mansioni assegnate, il loro mantenimento secondo standard prefissati. I rapporti con l’utenza e la clientela devono essere improntati alla massima disponibilità; è necessario quindi rispondere alle richieste di informazione con cortesia e viceversa evitare discussioni ed astenersi dal rispondere ad eventuali osservazioni, critiche o commenti, mantenendo un atteggiamento disponibile ed il più possibile conciliativo. Mantenere un comportamento diligente, professionale e educato verso la clientela è un presupposto essenziale per instaurare un rapporto positivo e di reciproco rispetto, evitando di assumere atteggiamenti o dichiarazioni che possano arrecare danno all’immagine aziendale ovvero che contrastino con le disposizioni aziendali. Nel rispetto dei principi sopra enunciati, il conducente impiegato nello svolgimento del servizio deve


Informazioni sul servizio

attenersi ai seguenti obblighi e prescrizioni: • evitare scrupolosamente di fumare in vettura; • non consumare cibi ed alimenti durante il servizio; • non assumere bevande alcoliche superalcoliche, poiché la mansione di conducente di autobus (in servizio sulle linee di trasporto pubblico) rientra tra le attività lavorative per le quali si fa divieto di assunzione e di somministrazione di tali bevande ai sensi dell’art. 15 della L. 125/2001; • utilizzare il cellulare (in dotazione), munito di auricolare, solo per comunicazioni di servizio, brevi e con carattere di urgenza;

e

• rivolgere la massima attenzione ai passeggeri durante le operazioni di salita e discesa dagli autobus; • assicurare ai fini della corretta movimentazione dei passeggeri e per il controllo dei titoli di viaggio l’accesso in vettura dalla porta anteriore dell’autobus, come indicato dall’apposita segnaletica posizionata sulle porte laterali; • richiedere ai passeggeri di regolarizzare la propria posizione (con l’acquisto del biglietto o con trascrizione dei dati di identificazione cfr. punto 4 del Regolamento) e in caso contrario ad invitarli a scendere alla prima fermata utile; • esporre, in modo visibile, il distintivo aziendale, il cartellino di riconoscimento e fornire il numero di matricola in caso di richiesta dei passeggeri; • evitare conversazioni con colleghi o altre persone che stazionano in prossimità del posto di guida in modo da non rendere disagevole il passaggio e le operazioni di va-

25


26

lidazione dei viaggiatori all’obliteratrice; • rispondere alle richieste di informazioni attinenti il servizio avanzate dell’utenza ad autobus fermo (alla fermata) e comunque senza pregiudicare la regolarità del servizio; • osservare le indicazioni generali relative all’utilizzo del veicolo, alla riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti in atmosfera, con particolare riferimento allo spegnimento del motore durante le soste ai capilinea superiori ai 2 min. oppure in caso di interruzioni prolungate per traffico o incidente stadale; • tenere con diligenza aggiornati gli indicatori di percorso e di destinazione delle corse; • controllare le condizioni del veicolo al termine della turnazione, avendo cura di segnalare con specifico rapporto all’ufficio competente (Area Esercizio / Movimento), eventuali anomalie di natura meccanica o danneggiamento agli allestimenti interni, oltre che alla

presa in carico e consegna di oggetti rinvenuti a bordo del veicolo medesimo; • non abbandonare il mezzo ai capilinea e in caso di temporaneo allontanamento, consentito, provvedere alla chiusura e messa in sicurezza del veicolo stesso; distogliere le chiavi di avviamento del veicolo e non lasciare a bordo incustoditi borse o contenitori contenenti documenti ed effetti personali, biglietti in dotazione o altro materiale di uso comune in servizio; • indossare gli indumenti forniti dall’azienda (divisa azienda) e curare il proprio aspetto personale.


Informazioni sul servizio

13. Oggetti smarriti

Qualsiasi oggetto smarrito, rinvenuto a bordo dei veicoli utilizzati durante il servizio o presso le aree aperte al pubblico, viene consegnato, per il tramite dell’Ufficio Movimento e del personale di vigilanza, all’Ufficio Oggetti Smarriti (c/o Autostazione etc) che provvede alla relativa presa in carico e registrazione, sulla scorta delle informazioni fornite (luogo, data, ora, n. vettura aziendale, codice e orario corsa, etc.). Presso l’uffcio preposto, gli oggetti rinvenuti sono conservati per un periodo massimo di 3 mesi, fatta solo eccezione per documenti personali di identità che sono consegnati alle autorità competenti entro 48 ore successive al ritrovamento. Quando è possibile risalire alla proprietà del bene, il legittimo proprietario viene contattato ed invitato a recarsi presso l’Ufficio, negli orari stabiliti, per provvedere al ritiro. Per il ritiro è necessario fornire indicazioni che confermino

la effettiva proprietà del bene rinvenuto. L’azienda declina ogni responsabilità per lo smarrimento a bordo degli autobus o presso strutture di accesso al pubblico (aziendali) di qualsiasi tipo di oggetto.

14. Informazioni e segnalazioni

Per informazioni attinenti il servizio erogato è possibile contattare il Call-Center del Centro Informazioni al numero verde 800 139 392, operativo dal lunedì al venerdì (dalle ore 8.30 alle ore 18.30) o alle biglietterie. Le segnalazioni riguardanti disservizi o irregolarità di servizio, così come richieste, suggerimenti o apprezzamenti, possono essere inoltrati con una delle seguenti modalità: a) in forma scritta: - a mezzo posta all’indirizzo di: Stazione SAB, piazza Marconi 4, 24122 Bergamo

27


28

- a mezzo fax al n. 035 289 090 - con posta elettronica all’indirizzo email infobus@bergamotrasporti.it - utilizzando il modulo presente nel sito www.bergamotrasporti.it b) in forma telefonica al numero verde 800 139 392 dal lunedì al venerdì (dalle ore 8.30 alle ore 18.30) c) utilizzando l’apposito modulo di segnalazione disponibile presso le biglietterie delle autostazioni, sugli autobus, gli uffici al pubblico. Nella segnalazione deve essere esposto chiaramente ogni particolare utile ad identificare termini e circostanza dell’accaduto, con riferimento a n. veicolo aziendale, data, ora, luogo, servizio, al fine di facilitare la ricostruzione dell’iter della pratica da parte dell’ufficio. Per consentire all’Azienda di inoltrare la risposta, entro i successivi 20 gg dalla presentazione della segnalazione, è necessario indicare le proprie generalità ed il recapito. È garantita la riservatezza dei dati personali trasmessi all’Azienda, che è tenuta ad osservare le disposizioni normative stabilite dal D. Lgs 196/2003 “Codice in materia di dati personali”.

15. Servizi garantiti in caso di sciopero

In caso di sciopero l’Azienda garantisce le effettuazione dei servizi minimi indispensabili, come definiti dalla vigente normativa regolamentare che, ai sensi della Legge 146/1990 e succ.ve mod. ed integrazioni, disciplina l’esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali. Sono garantiti: • nei giorni di scuola - dalle ore 6.00 alle ore 9.00 - dalle ore 12.00 alle ore 15.00 • nei giorni feriali non scolastici e nel periodo estivo - dalle ore 6.00 alle ore 9.00 - dalle ore 16.00 alle ore 19.00 • nei giorni festivi - dalle ore 7.00 alle ore 10.00 - dalle ore 12.00 alle ore 15.00.


Informazioni sul servizio

16. Sospensione del servizio

Nell’ambito della normale programmazione dell’attività lavorativa e secondo quanto contemplato nei contratti di servizio di riferimento, l’effettuazione del servizio è completamente sospesa a Natale.

17. Infortuni sui mezzi

Nel caso in cui, durante l’utilizzazione del servizio si verifichino, a bordo degli autobus, infortuni, cadute o incidenti per cause generalmente legate alla circolazione dei veicoli sulle strade, il passeggero deve segnalare immediatamente al conducente il danno subito e successivamente, entro e non oltre il termine di 5 gg dall’evento, inoltrare all’Azienda apposita denuncia/comunicazione scritta. La comunicazione anzidetta deve contenere, oltre alle indicazioni sul luogo, il giorno, ora, estremi del servizio utilizzato (orario, provenienza e

destinazione della corsa, cod. o denominazione linea) e l’eventuale numero sociale del mezzo, la descrizione del fatto accaduto, nominativo ed indirizzo di eventuali testimoni ed eventuale certificato di accertamento medico. L’ufficio Aziendale competente provvederà ad eseguire gli accertamenti di competenza e ad attivare la procedura per la denuncia di infortunio alla compagnia assicuratrice che, con le modalità e nei termini previsti per la liquidazione dei sinistri, provvederà all’eventuale risarcimento dei danni. L’Azienda è in ogni modo estranea ed esonerata da obblighi di responsabilità nel caso di danni subiti dopo la discesa dal mezzo alla fermata.

29


30


Informazioni sul servizio

31


Stazione SAB 24122 Bergamo - piazza Marconi, 4 INFO BUS numero verde 800 139 392 tel. 035 289 000 da lunedĂŹ a venerdĂŹ (dalle 8.30 alle 18.30) info@bergamotrasporti.it www.bergamotrasporti.it

servizi per la mobilitĂ 


Condizioni di viaggio