"Notte d'organo" 2011

Page 1

PARROCCHIA DELLA CATTEDRALE

2011

Rassegna organistica dedicata all’Assunta Cattedrale di Asti


Notte d’organo 2011 Rassegna concertistica dedicata alla Beata Vergine Maria Assunta

L’Assunta, particolare. Statua in rame sbalzato, cesellato e dorato dell’orafo astigiano Giovanni Groppa (sec. XVIII). Navata sinistra, altare di fondo. Foto di Enzo Bruno.

Questa Cattedrale, con i suoi 86,50 metri di lunghezza e 24 di altezza e di larghezza, è la più grande chiesa del Piemonte, ed anche il più insigne monumento gotico della regione. Iniziata agli albori del XIV secolo, e dedicata alla Madonna Assunta, fu terminata nel 1354. La chiesa che è giunta a noi è comunque assai diversa da quella progettata nei primi anni del ‘300. I secoli hanno portato alla Cattedrale aggiunte, molte delle quali di grande pregio artistico. Le due eleganti tribune che accolgono i due organi contrapposti sono del 1766, opera del moncalvese Bartolomeo Varale. L’antico organo del napoletano Liborio Grisanti, collocato in cornu Evangelii è stato costruito nel 1768. Il secondo organo in cornu Epistolæ, venne realizzato nel 1844, dai Fratelli Serassi di Bergamo, i quali spostarono nella sede attuale il Grisanti e successivamente lo restaurarono nel 1865.

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


i concerti venerdi 5 agosto Daniele Ferretti venerdi 12 agosto Carlo Guandalino venerdi 19 agosto Omar Caputi venerdi 26 agosto Letizia Romiti ore 21 Cattedrale di Asti

Istituto Diocesano Liturgico-Musicale (IDILIM - Asti) Direttore: Don Simone Unere Direzione artistica: Francesco Cerrato, Stefano Cerrato, Marco Demaria, Daniele Ferretti, Mauro Ronca

www.idilim.it Rassegna concertistica “Notte d’organo” - II ed.


5 agosto 2011

Francisco Correa de Arauxo (1575-1654) Canto Lliano de la Immaculada Concepciòn Allegretto Grazioso Con brio Ben ritmato Giovanni Battista Martini (1706-1784) Sonata IV op. 3 Adagio Vivace Johann Gottfried Walther (1684-1748) “Concerto del Sign. Tomaso Albinoni appropriato all’organo” LV 127 Allegro Adagio Allegro Dietrich Buxtheude (1637-1707) Ciaccona in mi minore Bux WV 160 Johann Sebastian Bach (1685-1750) Fuga sul Magnificat BWV 733 Felix Mendelssohn Bartholdy (1809-1847) Sonata II op. 65 Grave Adagio Allegro maestoso e vivace Fuga Joahnnes Brahms (1833-1897) Preludio e fuga in sol minore Harry Rowe Shelley (1858-1947) Ave Maria Marco Enrico Bossi (1861-1925) Scherzo in sol minore op. 49 n° 2

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


Daniele Ferretti

Daniele Ferretti si è diplomato a pieni voti in Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria con Sergio Marcianó; proseguendo gli studi si è diplomato in pianoforte con Aurora Verso, in Composizione con Daniele Bertotto e in Direzione d'orchestra con Mario Lamberto al Conservatorio “G. Verdi” di Torino. Ha tenuto concerti in varie localit{ italiane come organista solista, in formazioni cameristiche e in qualit{ di basso continuo in orchestra; come direttore d'orchestra ha diretto varie formazioni tra cui l'orchestra del Conservatorio “G. Verdi” di Torino, la “Classica” di Alessandria, la “Camerata Strumentale Piemontese”, la “G. Pressenda” di Alba e Cuneo, “l'Orchestra Filarmonica della Lombardia A. Carlos Gomes”. Ha frequentato i corsi di perfezionamento per direttori d'orchestra organizzati a Firenze dalla “Florence Sinphonietta” e tenuti dal M° Piero Bellugi. Ha studiato arrangiamento con il M° Giancarlo Gazzani, Peppe Vessicchio e Renato Serio e ha partecipato a trasmissioni televisive MEDIASET e RAI in qualit{ di coarrangiatore, assistente alla direzione musicale e responsabile per la copisteria musicale con Lucio Fabbri. E' risultato finalista in vari concorsi di composizione di musica per film tra i quali: “Concorso Internazionale di Composizione Lavagnino giovani 2003”, “Mario Nascimbene Award” 2004 e 2005 e il “G. Petrassi” di Latina con il M° Ennio Morricone presidente di giuria. Ha studiato composizione di musica per film con il M° Luis Bacalov presso L'Accademia Chigiana di Siena ricevendo negli anni di corso borsa di studio dell'Accademia e “Diploma d’Onore” e al Centro Sperimentale di Cinematografia con sede in Roma. Ha collaborato con la poetessa milanese pluricandidata al Nobel per la letteratura Alda Merini e collabora tutt’ora con il cantautore Giovanni Nuti in qualit{ di direttore, pianista, arrangiatore e orchestratore nei progetti discografici legati al duo Nuti/Merini quali: CD e DVD “Poema della croce”, (EGEA music) “Rasoi di Seta” (BMG Sony). Ha collaborato con il gruppo milanese “Sursum corda” come coautore delle musiche e direttore/compositore dell'orchestra d'archi nel nuovo album “La porta dietro la cascata” (EGEA music). In ambito cinematografico ha diretto la colonna sonora del film “Mai + come prima” (Medusa film) e ha composto, orchestrato e diretto la colonna sonora del film “Zoè” opera prima del regista astigiano Giuseppe Varlotta. Ha composto le musiche di scena per lo spettacolo “La stanza di Passo” liberamente tratto da testi di Anton Cechov per la regia di Sergio Danzi e prodotto dall'associazione teatrale “L'arcoscenico” di Asti e presentato al Teatro Alfieri di nella stagione 2009/2010. Collabora stabilmente con l'Istituto Diocesano Liturgico-Musicale di Asti in veste di docente di Organo e in qualit{ di consulente artistico per le attivit{ culturale e musicali organizzate dall'Istituto stesso.

Rassegna concertistica “Notte d’organo” - II ed.


12 agosto 2011

Francisco Correa de Arauxo (1575-16..) Tiento de Tiple de septimo tono Michelangelo Rossi (1601-1656) Toccata IV Bernardo Pasquini (1637-1710) Variazioni per il Paggio Todesco Pieter Cornet (1575-1633) Salve Virgo ad te clamamus Alessandro Scarlatti (1660-1725) Toccata per organo e per cembalo Allegro Presto Partita alla Lombarda Fuga Georg Muffat (1653-1704) Dall’Apparatus Musicus Organisticua ,Toccata VII Johann Sebastian Bach (1685-1750) Canzona in re minore BWV 588 (Versione manualiter) Concerto in re minore BWV 974 (Trascrizione dal concerto per oboe e archi di Antonio Marcello)

(-) Adagio Allegro

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


Carlo Guandalino

Carlo Guandalino si è diplomato in Organo e Composizione organistica studiando prima con il maestro Gai e, successivamente, nella classe di Letizia Romiti presso il Conservatorio di Alessandria. Premiato in tre concorsi organistici nazionali, nel 2011 gli viene conferita la Borsa di Studio Paolo Perduca dall’omonima Associazione culturale tortonese. Svolge attivit{ concertistica sia come solista sia in duo col trombettista Francesco Patrucco. Ha eseguito alcuni concerti di Haendel per organo e orchestra con l’Ensemble barocco dell’Accademia di musica antica di San Rocco in Alessandria. Ha frequentato numerose masterclass con i maestri Nosetti, Gnann, Schnorr, Antonello, Raas, Scandali, Lohmann, Tagliavini, Mantoux e Liebig. Da anni approfondisce lo studio della musica barocca per organo privatamente con il maestro Viccardi. Ha svolto un periodo di studio presso il Conservatorio di Mainz (Germania). È stato chiamato numerose volte a partecipare a Messe in musica, per Piemonte in musica e per l’Accademia di musica antica di San Rocco di Alessandria. Per tre anni ha diretto il Coro di Arquata Scrivia e, più recentemente, il Coro della Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù di Casale Monferrato. Promotore e organizzatore della Rassegna musicale Primavera Organistica nella Diocesi di Tortona, ha recentemente svolto concerti solistici per la Stagione di concerti sugli Organi Storici della Provincia di Alessandria e per Note Estive, rassegna quest’ultima del Comune di Alessandria. Attualmente frequenta il biennio di secondo livello a indirizzo interpretativo nella classe del maestro Scandali presso il Conservatorio di Perugia.

L’Istituto Diocesano Liturgico-Musicale (I.DI.LI.M.) è stato costituito dal Vescovo di Asti Francesco Ravinale il 28 settembre 2009. Le sue attivit{ sono:

Proporre una formazione a coloro che nelle proprie parrocchie svolgono un servizio musicale nella liturgia. Sono stati al momento attivati i corsi di Organo e Direttore di Coro.

Impegnarsi nel settore culturale. Per questo l’IDILIM ha costituito una équipe di musicisti ai quali è stata affidata la direzione artistica di eventi, quali rassegne di musica sacra (oltre a “Notte d’organo” ricordiamo “Cantantibus organis”, “...anNOTAzioni” e “L’Armoniosa Notte”), concerti d’organo e “concerti spirituali”, incontri e iniziative volte a far conoscere il proprio lavoro di ricerca. Particolare attenzione viene riservata al materiale inedito custodito presso l’Archivio Capitolare della Cattedrale. L'IDILIM ha dato altresì vita ad un Ensemble strumentale stabile per dare attuazione ai progetti dell’Istituto.

Curare il Coro della Diocesi di Asti. Il Coro nasce informalmente nel 2006 dall'esigenza di provvedere in modo dignitoso alle celebrazioni diocesane, cittadine o comunque presiedute dal vescovo. Da allora è cresciuto in qualit{ e nel numero dei coristi; fedele alla propria identit{, mette in conto, oltre all’impegno liturgico, anche quello concertistico. www.idilim.it

Rassegna concertistica “Notte d’organo” - II ed.


19 agosto 2011

“… passeggiando in Europa dal ‘500 al ‘700”

Italia:

Girolamo Cavazzoni (1520-1577) Ave Maris Stella

Belgio:

Peeter Cornet (ca. 1570/1580-1633) Salve Regina

Germania:

Samuel Scheidt (1587-1654) Magnificat Secundi Toni

Francia:

Georg Muffat (1653-1704) Toccata I

Italia:

Francesco Gasparini (1661-1727) Sonata in fa maggiore (intervallo)

Spagna:

Miguel Lopez (1669-1723) Salve Regina

Francia:

Jean-François Dandrieu ( 1682-1738) Preludio su Ave Maris Stella

Germania:

Johann Gottfried Walther (1684-1748) Jesu meine Freude Partita e 9 variazioni

Italia:

Girolamo Pera (circa 1690-1771) Sonata per il flauto Sonata per la tromba

Spagna:

Joaquin Martinez Oxinagas: (1719-1789) Fuga in sol minore

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


Omar Caputi

Omar Caputi, docente di Organo e Composizione presso l'istituto civico musicale L. Rocca di Alba (CN), inizia gli studi con Franco Soldera diplomandosi in seguito in Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio di Cuneo "Giorgio Federico Ghedini" sotto la guida di M. Nosetti. Dopo aver frequentato varie Masterclass sulla musica francese antica con René Saorgin, l'interesse al repertorio romantico e moderno lo ha portato ad approfondire ulteriormente la propria formazione sotto la guida di Daniel Roth e Lionel Rogg. Sempre in vista del perfezionamento ha frequentato il corso di analisi musicale con Marcel Bitsch, prestigioso compositore francese, e il corso triennale di Canto Gregoriano. Svolge inoltre attivit{ didattica e di direttore di coro presso varie scuole torinesi. Sempre con unanimi apprezzamenti della critica, affianca all’attivit{ concertistica (sia in qualit{ di solista che in varie formazioni strumentali) quella di compositore e trascrittore. Nel 1998 ha debuttato come compositore con un suo brano corale eseguito in concerto in Sant'Ignazio a Roma e nella Basilica di San Pietro in Vaticano riscuotendo notevoli apprezzamenti. Dal 1987 è organista cotitolare presso il santuario di Santa Rita da Cascia in Torino e direttore del coro polifonico "In Laetitia Domini" . Nel 2000 son state pubblicate dalla casa editrice Carrara e incise con l'etichetta francese BNL le sue trascrizioni per organo dei due Concerti Brandeburghesi di J.S.Bach (BWV 1048 e 1051) e dei Concerti Grossi di G.F.Handel op. 3, gi{ eseguite in Paris (Saint Eustache), Los Angeles (Crystal Cathedral), Lipsia (Gewandhouse), Montreux (Svizzera), Torino. Recentemente ha fondato, con Ugo Piovano, il Gruppo Barocco presso l’Associazione Musicale per gli Studenti Universitari del Piemonte sez. Musica de Camera -. Direttore e clavicembalista del Gruppo Barocco, Omar Caputi ha realizzato il Festival Risonanze Barocche presso il Collegio degli Artigianelli di Torino.

Rassegna concertistica “Notte d’organo” - II ed.


26 agosto 2011

Dal manoscritto di Castell'Arquato (XVI sec.) Pavana M.A. Cavazzoni (XVI sec.) Canzon "Madame, vous aves mon cuor" Girolamo Cavazzoni (XVI sec.) Hymnus "Ave Maris Stella Claudio Merulo (1533-1604) Toccata I "Undecimo Tono detto Quinto" Girolamo Frescobaldi (1583-1643) Toccata per la Levatione dalla Messa delli Apostoli Toccata Quinta sopra li Pedali dell'organo e senza Bernardo Pasquini (1637-1710) Pastorale Toccata in re Henry Purcell (1659-1695) March Trumpet Tune Sefauchi’s Farewell A new scott Tune A new irish Tune Luis Couperin (1626-1661) Fantasia in mi Fantasia sopra il Pange Lingua Vincenzo Bellini (1801-1835) Elevazione Toccata per Organo

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


Letizia Romiti

Letizia Romiti, di origine toscana, si è diplomata in Organo e Composizione organistica sotto la guida di Luigi Benedetti presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano ed ha conseguito la laurea in Filosofia con una tesi sulle messe organistiche di G. Cavazzoni. Si è poi diplomata in clavicembalo presso il Conservatorio di Brescia con Fiorella Brancacci ed in Prepolifonia presso il Conservatorio di Torino ove ha studiato con Wally Pellizzari e Fulvio Rampi. Ha frequentato per cinque anni il corso di Luigi Ferdinando Tagliavini presso l’Accademia di musica antica italiana per organo di Pistoia e corsi di interpretazione tenuti da Kenneth Gilbert, Anton Heiller, Ton Koopman e da altri qualificatissimi Maestri. Ha collaborato con riviste musicali e quotidiani ed ha pubblicato il volume “Gli organi storici della citt{ di Alessandria”. Ha tenuto concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti e nell’ex Unione Sovietica, esibendosi in rassegne e sedi prestigiose fra cui la Neue Gewandhaus di Lipsia, lo Schauspielhaus di Berlino, il teatro dell’Opera di Kiev, le “Semaines Internationales d’Orgue de Dijon”, il Festival internazionale di musica classica di Napoli, il Festival ”Slovenské Historichè Organy”, le “Jornadas Internacionales de Organo” di Zaragoza, “Settembre Musica” di Torino, Festival di Treviso e della marca trevigiana, “Cambridge Summer Recitals”, i Festivals di Lausanne, Leon, di Cervo e di Sion, le manifestazioni ufficiali per “Genova 2004”, le Cattedrali di Bordeaux, di Bellinzona, di Siviglia, di Malaga, di Konstanz, di Chester, di Varsavia e di Oliwa, l’Auditorium del Conservatorio di Kazan (Russia), i Concerti dell’Accademia di Pistoia. Ha effettuato diverse incisioni discografiche fra cui, in prima registrazione mondiale, il CD "Carlo Mosso: opere per organo" per la TACTUS, recensito con ben cinque stelle dalla prestigiosa rivista "Musica". Di Mosso ha pure curato, insieme a Marco Santi, l'edizione critica dei brani organistici per le edizioni Berben. Sue registrazioni ed esecuzioni dal vivo sono state trasmesse da terzo canale Rai, da RAIUNO, da Radio Vaticana, dalla Radiotelevisione spagnola e cecoslovacca. Ha tenuto “masterclasses” sulla musica antica italiana per organo e corsi di interpretazione in Italia ed all’estero. E’ docente di Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria. Suona regolarmente in duo con Elena Romiti (oboe e Corno Inglese) e con il proprio Maestro Luigi Benedetti, organista emerito del Duomo di Milano, e collabora con gruppi orchestrali, cameristici e vocali. Dal 1978 collabora con la Provincia di Alessandria quale consulente artistico per l’organizzazione della Stagione di concerti sugli strumenti storici del territorio. E’ organista titolare dell’organo “Giuliani” della Parrocchiale di Grondona (AL) e referente per le attivit{ coinvolgenti questo raro e prezioso strumento.

Rassegna concertistica “Notte d’organo” - II ed.


Presentazione della registrazione del CD e concerto “A due organi� Rodolfo Bellati e Nicola Cittadin agli organi storici della Cattedrale di Asti 30 settembre 2011 ore 21

con il contributo PARROCCHIA DELLA CATTEDRALE DI ASTI