Issuu on Google+

Rassegna di concerti sul sagrato di Viatosto Edizione 2011


L’Armoniosa Notte 2011

Rassegna di concerti sul sagrato di Viatosto

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


i concerti 24 giugno 2011, ore 21.30 Ensemble strumentale dell’I.DI.LI.M.

25 giugno 2011, ore 21.30 Recital dei “Cerrato Brothers” Un percorso giocoso e talvolta esilarante tra musiche di grandi autori e stili del nostro tempo Francesco Cerrato, violino Stefano Cerrato, violoncello

26 giugno 2011, ore 21.30 Coro della Diocesi di Asti (I.DI.LI.M.) direttore: Manuela Avidano

Coro Polifonico Astense direttore: Elena Enrico

Ensemble strumentale dell’I.DI.LI.M. voce narrante: Giorgio Perno

L’Armoniosa notte


24 giugno 2011, ore 21.30

Antonio Vivaldi (1678 - 1741) Concerto in Sol maggiore "Alla rustica" RV 151 Presto Adagio Allegro Francesco Geminiani (1687 - 1762) Concerto grosso in Sol minore op. 3 n째 2 Largo e staccato - Allegro Adagio Allegro Georg Friedrich Haendel (1685 - 1759) Concerto in Sib maggiore per organo e orchestra op. 4 n. 6 Andante allegro Larghetto Allegro moderato Arcangelo Corelli (1653 - 1713) Concerto grosso in Re maggiore op. 6 n째 12 Preludio: Adagio Allegro Adagio Sarabanda: Vivace Giga: Allegro Johann Sebastian Bach (1685 - 1750) Concerto per violino*, archi e continuo in La minore BWV 1041 Allegro moderato Andante Allegro assai George Friedrich Haendel (1685 - 1759) Concerto grosso in Re maggiore op. 6 n. 5 HWV 323 Larghetto e staccato Allegro Presto Largo Allegro Menuet - Un poco larghetto ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


L’Ensemble strumentale dell’I.DI.LI.M. Concertino violini: violoncello:

Francesco Cerrato*, Roberta Bua Stefano Cerrato

violini: viole: violoncello: contrabbasso: continuo: organo:

Emanuela Schiavonetti, Laura Sillitti Alessandro Sacco, Daniele Guerci Marco Demaria Francesco Congedo Stefano Nozzoli Daniele Ferretti

Tutti

L’Ensemble nasce dall’esigenza di dare attuazione ai progetti dell’Istituto in ambito culturale. Ne fanno parte i membri dell’équipe di direzione artistica e studi storico-musicali dell’I.DI.LI.M. oltre che ad alcuni elementi esterni, in base alle esigenze di organico prediligendo le “forze” musicali astigiane. L’Ensemble si pone l’obiettivo forte di essere realt{ territoriale di eccellenza, adottando un metodo di lavoro rigoroso dal punto di vista stilistico e interpretativo, scelte coerenti sul versante culturale e liturgico, dando vita ad un ambiente di lavoro basato sull’amicizia tra i componenti e sulla condivisione del bagaglio di idee ed esperienze professionali di ciascuno dei musicisti. Le prime uscite pubbliche dell’Ensemble, nella primavera 2010, sono state particolarmente seguite e apprezzate: l’esecuzione dello “Stabat Mater” di G. B. Pergolesi durante la Settimana Santa nella Cattedrale di Asti ha avuto notevole riscontro di pubblico, ed è stato apprezzata per la qualit{ esecutiva dimostrata, per l’accurata scelta del momento liturgico e degli spazi, e per l’iniziativa culturale

proposta nel suo complesso. L’Ensemble è stato invitato con quest’opera a partecipare alla prestigiosa rassegna del “Maggio Musicale Saluzzese”, nella suggestiva cornice dell’Abbazia Cistercense di Staffarda. L’Ensemble si è fatto altresì promotore di “Concerti Spirituali”, un progetto itinerante durante il periodo quaresimale dedicato ai percorsi pastorali parrocchiali, che nell’anno 2010 ha proposto “Le ultime sette parole di Cristo sulla Croce” di F. J. Haydn, portato tra l’altro con successo all’interno della rassegna musicale della “Settimana Santa” di Vercelli. L’Ensemble è stato altresì impegnato nelle rassegne ideate e realizzate dall’I.DI.LI.M.: in “Cantantibus organis” nel concerto intitolato “Il repertorio per organo e orchestra del ‘700”, e in “anNOTAzioni…” realizzata ad inizio 2011 presso lo Spazio San Giovanni, che ha avuto un notevolissimo riscontro di pubblico e di critica, dedicata all’esecuzione integrale dei 12 Concerti Grossi op. 6 di Arcangelo Corelli, pietra miliare della musica settecentesca e non solo. Inoltre, l’Ensemble sar{ impegnato in autunno nella prima esecuzione moderna di musiche inedite rinvenute nell’Archivio Capitolare della Cattedrale di Asti, che saranno restituite al pubblico in un concerto di notevole impegno artistico e di grandissimo significato storico e culturale.

L’Armoniosa notte


25 giugno 2011, ore 21.30

Recital dei “Cerrato Brothers”

“Un percorso giocoso e talvolta esilarante tra musiche di grandi autori e stili del nostro tempo”

Francesco Cerrato Ha intrapreso a quattro anni lo studio del violino con Lee Robert Mosca al Suzuki Talent Center di Torino; diplomandosi giovanissimo ha proseguito la sua formazione con il M° Pavel Vernikov ed i suoi collaboratori in Italia ed all’estero. Ha vinto numerosi concorsi internazionali e sono molti i concerti tenuti in svariati stati europei oltre che in Russia, Tunisia, Brasile, Stati Uniti e Giappone. Ha realizzato alcune registrazioni discografiche tra le quali i concerti n° 1 e 2 di Lorenzo Perosi in prima mondiale, distribuiti dall’etichetta Bongiovanni di Bologna. Attratto dal repertorio cameristico fonda nel 2004 il Trio

Caravaggio con cui prosegue l’attivit{ strumentale in ambito internazionale. Da sempre suona in duo con il fratello Stefano, violoncellista. Ha scritto numerosi brani ed arrangiamenti di musica da camera e orchestra; ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale per composizione di musiche da film “Mario Nascimbene Award 2006” è stato premiato ed elogiato dal presidente della giuria Giancarlo Giannini. Musicista versatile, ha stretto collaborazioni in diversi campi dell’arte con prestigiosi artisti. Fonda nel 2004 la casa di produzione cinematografica “Fregoli Dreams Factory”: gi{ le prime produzioni hanno subito ricevuto riconoscimenti al “WorldFest” di Huston, “New York Film Festival” e, con il cortometraggio “Dire Libert{”, il premio per miglior film e miglior montaggio al “Pumelo Film Festival” di Mumbai 2007 ed il “Gold Kahuna Award for Excellence in Filmmaking” all’ “Honolulu Film Festival 2009”. Nel 2008 costituisce l’etichetta discografica “Fregoli Music”, nuova realt{ nel panorama delle registrazioni e distribuzioni digitali, fondata sulla qualit{ del suono, della scelta dei programmi e degli artisti.Fa parte della direzione artistica dell’I.DI.LI.M. (Istituto Diocesano Liturgico-Musicale) di Asti, che ha il compito di promuovere e far conoscere la musica sacra esistente in Diocesi, riscoprendo e valorizzando il materiale inedito custodito presso l’Archivio Capitolare della Cattedrale.Per gentile concessione del M° Piero Farulli suona un violino Nicola Gagliano del 1740.

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


Stefano Cerrato Ha iniziato lo studio del violoncello all’et{ di quattro anni alla scuola Suzuki di Torino con il M° Antonio Mosca, sotto la guida del quale si è diplomato, appena quindicenne, con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio G. Verdi. Ha seguito corsi di perfezionamento con i maestri Enrico Dindo, Natalia Gutman e David Geringas. Fondamentale per la sua crescita musicale è stato l’incontro nel 2003 con il M° Enrico Bronzi con il quale si è perfezionato fino al conseguimento nel 2009 del Postgraduate presso “Universitat Art Mozarteum” di Salisburgo. Contando al suo attivo centinaia di concerti in recital, come solista con orchestre internazionali, in gruppi da camera ed ensemble di musica barocca, il suo repertorio spazia dal teatro al balletto senza tralasciare la sperimentazione moderna e il jazz. Ha collaborato con Pavel Vernikov, Konstantin Bogino, Rolf Plagge, Lovro Pogorelich, Enrico Bronzi, Anna Serova, Elena Zaremba ed altri importanti artisti in svariati ambiti della cultura e dello spettacolo. Tra il 2005 e il 2008 è stato invitato ad eseguire il Concerto Grosso per tre violoncelli e orchestra di K. Penderecki al Konzerthaus di Berlino, al Festival di Ravenna e all’Accademia di musica di Danzica, diretto dall’autore stesso. Selezionato per partecipare a “The 5th International Tchaikovsky Competition for Young Musicians 2004 Kurashiki Japan”, ha ricevuto il “Diploma Speciale di Merito” dalla giuria. Nell’autunno 2004 ha vinto il Primo Premio assoluto e premio del pubblico al “Concurso Internazional de violoncelo Lluis Claret – Ciudad de Moguer” (Spagna) e il Primo Premio al “Concorso Europeo di violoncello Arturo Bonucci”. Nel 2007 gli è stato conferito il premio speciale “Finnish Broadcasting Company” al “Paulo Cello competition” di Helsinki. Nel maggio 2008 ha vinto il Primo Premio al Concorso “Enrico Mainardi” al Mozarteum di Salisburgo. Cultore della musica da camera, è violoncellista del Trio Caravaggio. Vincitori al Concorso Internazionale per complessi da camera “Vittorio Gui” di Firenze ed al Concorso Internazionale di musica da camera “Carlo Soliva” di Casale Monferrato, hanno suonato il

Triplo Concerto di Beethoven alla Konzertkirche di Neubrandenburg e al Parco della Musica di Roma. In duo con il fratello Francesco, violinista, presenta altresì un concerto non tradizionale che, partendo dal repertorio classico si snoda attraverso uno spettacolo originale e divertente di improvvisazione e satira musicale. I “Cerrato Brothers” sono stati definiti dalla critica “…due punte di diamante fra le giovani promesse del concertismo italiano”.Dal 2007 è assistente del M° Enrico Bronzi ai corsi estivi di perfezionamento dell’ “Estate Musicale” di Portogruaro e, dal 2009, docente all’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. Dallo stesso anno collabora in qualit{ di primo violoncello con l’orchestra “Filarmonica Arturo Toscanini” di Parma. Per gentile concessione del M° Dankwart Gahl, suona un violoncello Enrico Marchetti costruito a Torino nel 1890. Fa parte della direzione artistica dell’I.DI.LI.M. (Istituto Diocesano Liturgico-Musicale) di Asti, che ha il compito di promuovere e far conoscere la musica sacra esistente in Diocesi, riscoprendo e valorizzando il materiale inedito custodito presso l’Archivio Capitolare della Cattedrale. E’ direttore artistico dell’etichetta discografica “Fregoli Music” e tecnico del suono dello studio mobile di registrazione “RedDress Recording Studio”, entrambi fondati dal fratello. Dal 2010 lo studio collabora inoltre con l’etichetta “Concerto Clas-

L’Armoniosa notte


26 giugno 2011, ore 21.30 O sacrum convivium Lorenzo Perosi (1872-1956) San Tommaso d’Aquino (1225-1274)

Coro della Diocesi di Asti (I.DI.LI.M.) direttore: Manuela Avidano Coro Polifonico Astense direttore: Elena Enrico Ensemble strumentale dell’I.DI.LI.M. Voce narrante: Giorgio Perno

Prima parte

Ubi caritas Paolino da Aquileia (sec. VIII-IX) Ubi caritas et amor, Deus ibi est. Congregavit nos in unum Christi amor, exultemus, et in ipso iucundemur! Timeamus et amemus Deum vivum et ex corde diligamus nos sincero. Simul ergo cum in unum congregamur ne nos mente dividamur caveamus; cessent iurgia maligna, cessent lites et in medio nostri sit Christus Deus. Simul quoque cum beatis videamus glorianter vultum tuum, Christe Deus; gaudium, quod est immensum, atque probum, sæcula per infinita sæculorum. Amen.

Caro mea Michael Haller (1840-1915) da Oculi nostri (cf. Gv 6, 55-56) Caro mea vere est cibus, et sanguis meus vere est potus: qui manducat meam carnem et bibit meum sanguinem, in me manet, et ego in eo.

O sacrum convivium! in quo Christus sumitur: recolitur memoria passionis ejus: mens impletur gratia: et futurae gloriae nobis pignus datur. Alleluia.

In monti oliveti Marco Antonio Ingegneri (~1545-1592) In monte oliveti oravit ad Patrem: Pater, si fieri potest, transeat a me calix iste. Spiritus quidem promptus est: caro autem infirma. Fiat voluntas tua. Vigilate et orate, ut non intretis in tentationem.

Popule meus Tomas Luis de Victoria (1548-1611) Da Improperia de Sabbato Sancto Popule meus, quid feci tibi? Aut in quo contristavi te? Responde mihi! Agios o Theos. Sanctus Deus. Agios Ischyros. Sanctus fortis. Agios Athanatos, eleison hymas. Sanctus et immortalis, miserere nobis.

Tenebrae factae sunt Franz Joseph Haydn (1732-1809) Tenebrae facte sunt, dum crucifixissent jesun Judaei, et circa horam nonam exclamavit Jesus voce magna: Deus meus, ut quid me dereliquisti! Et inclinato capite emisit spiritum. Exclamans Jesus voce magna ait: Pater, in manus tuas commendo spiritum meum.

ISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


Adoramus Te Christe Raimondo Boucheron (1800-1876) Adoramus te Christe et benedicimus tibi, quia per sanctam crucem tuam, redemisti mundum.

Victimae paschali laudes Wipone (sec .IX) Victimæ paschali laudes immolent Christiani. Agnus redemit oves: Christus innocens Patri reconciliavit peccatores. Mors et Vita duello conflixere mirando: Dux Vitæ mortuus, regnat vivus. Dic nobis, Maria, quid vidisti in via? Sepulcrum Christi viventis, et gloriam vidi resurgentis, angelicos testes, sudarium et vestes. Surrexit Christus spes mea: præcedet suos in Galilaeam. Scimus Christum surrexisse a mortuis vere: Tu nobis, victor Rex, miserere. Amen. Alleluia.

Seconda parte

Ave Maria Lorenzo Perosi (1872-1956)

O amabile Maria

Jesus bleibet meine Freude Meines Herzens Trost und Saft, Jesus wehret allem Leide Er ist meines Lebens Kraft, meiner Augen Lust und Sonne meiner Seele Schatz und Wonne, darum lass'ich Jesum nicht aus dem Herzen und Gesicht.

Ave verum Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) Testo da autore ignoto del XIV secolo Ave verum corpus natum de Maria Virgine, vere, passum immolatum in cruce pro homine. Cujus latus perforatum unda fluxit et sanguine, nobis praegustatum in mortis examine.

Laudate Dominum omnes gentes Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) Salmo 116 Laudate Dominum omnes gentes Laudate eum, omnes populi quoniam confirmata est super nos misericordia eius, et veritas Domini manet in aeternum. Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto. sicut erat in principio, et nunc, et semper. et in saecula saeculorum. Amen

Lorenzo Perosi (1872-1956) O amabile Maria, mio gaudio, mio contento; io voglio ogni momento il nome tuo chiamar. O Maria pietosa e bella, sei del mare l’unica stella; o Maria, speranza nostra, abbi di noi piet{. O Pietosa volgi a noi, ti preghiamo, gli sguardi tuoi; o regina d’ogni bellezza, fa puri i nostri cuor.

Jesus bleibet meine Freude Johann Sebastian Bach (1685 - 1750) dalla Cantata BWV 147

Notre Père Maurice Duruflé ( 1902-1986)

Hallelujah Georg Friedrich Haendel (1685 - 1759) dal Messiah Hallelujah! For the Lord God Omnipotent reigneth. The Kingdom of this world is become, the Kingdom of our Lord and of his Christ, and he shall reign for ever and ever. King of Kings, and Lord of Lords, hallelujah! Coro della Diocesi di Asti

L’Armoniosa notte


Il Coro della Diocesi nasce quasi informalmente nel 2006 dall'esigenza di provvedere in modo dignitoso all’aspetto musicale delle celebrazioni liturgiche diocesane o cittadine presiedute dal vescovo. Da allora è costantemente cresciuto in qualit{ e nel numero dei coristi, sempre orbitando all’interno delle attivit{ dell’Istituto Diocesano Liturgico-Musicale proponendosi di coniugare l’aspetto artistico del canto con l’aspetto funzionale alla liturgia, così come affermava Giovanni Paolo II: «Bisogna pregare Dio anche in modo bello e dignitoso. Perché ritorni sempre più nella liturgia la bellezza della musica e del canto, occorre purificare il culto da sbavature di stile, da musiche e testi sciatti». Fedele alla propria identit{, il Coro della Diocesi di Asti mette in conto oltre all’impegno liturgico, anche quello concertistico.

“L’imprevedibile Rossini”, in veste di pianista collaboratrice, tenuto dalla Prof. Paola Mariotti di Pesaro. Ha frequentato il corso triennale di clavicembalo sempre al Conservatorio di Alessandria e sta ultimanto il percorso di studi di “Didattica strumentale”. Ha sempre amato il canto, reputandolo fondamentale nella formazione musicale, collaborando in veste di corista con numerosi cori di Asti, Alessandria e Milano (fra i quali Ars Cantica Choir diretta dal M° Berruti), partecipando anche a produzioni discografiche. E’ direttore del Coro della Diocesi di Asti. Coro Polifonico Astense Formatosi nel corso del 1996, associazione musicale con sede ad Asti, ha ricevuto nel Maggio 2008 dal Comune di Asti l’onorificenza ‘’Ordine di San Secondo’’. E’ composto da circa 40 elementi, ed è attualmente diretto dal maestro Elena Enrico. Il coro ha operato la scelta di non specializzarsi in un particolare tipo di repertorio, ma ha preferito sperimentare generi diversi. Le esecuzioni e le incisioni del Coro sono ormai numerose, con concerti tenuti in diverse localit{ italiane ed estere. Il Coro ha inoltre al suo attivo l’incisione di un CD monografico dedicato alle musiche del compositore contemporaneo di musica sacra Sergio Marcianò. Ha collaborato con la poetessa Alda Merini e il cantautore Giovanni Muti con i quali ha partecipato all’esecuzione del ‘’Poema della Croce’’ in varie localit{ italiane, debuttando nella rappresentazione tenutasi il 13 Ottobre 2006 nel Duomo di Milano. Nel Settembre 2010 ad Alba, è stato scelto e premiato tra i tre cori finalisti, nell’ambito della rassegna ‘’Festival della coralit{ piemontese’’ organizzato dall’Associazione Cori Piemontesi. Nel concerto di Natale 2010 il coro ci è cimentato per la prima volta in un repertorio di musica sudamericana, eseguendo ‘’Navidad Nuestra’’ di Ariel Ramirez, compositore contemporaneo, ottenendo un grande successo di pubblico

Manuela Avidano Intraprende giovanissima lo studio del pianoforte. Completati gli studi classici, nel 1999 si diploma brillantemente in pianoforte presso il Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria, sotto la guida del M° Giorgio Vercillo. Ha partecipato a vari corsi di perfezionamento tenuti dal M° Vercillo e ai Master Class tenuti dal M° Rudolf am Bach, nel 1997 ad Orta S. Giulio (NO), e dal M° Aldo Ciccolini, nel 2001 a Firenze. Ospite nelle stagioni concertistiche di associazioni quali l’Accademia Filarmonica di Casale Monferrato ed il Circolo “Amici della Musica” di Valenza Po, ha al suo attivo numerose apparizioni in pubblico come solista, in formazioni cameristiche e in vesti di accompagnatrice di cantanti. Nel 2001 si è diplomata in “Didattica della Musica”, sempre al Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria. Ha partecipato al seminario “L’improvvisazione collettiva. Un’esperienza attraverso la voce” condotto da Antonella Talamonti nel 2000 e al Master “ Musica – Ritmo – Movimento” tenuto da Reinhard Ring nel 2002, entrambi al Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria. In ambito cameristico ha frequentato nell’ottobre 2002 la Master Class tenuta dal “Trio di Alessandria”, in trio con violino e violoncello ed Elena Enrico ha partecipato nel 2003 al corso Inizia all’et{ di sei anni gli studi musicali diploISTITUTO DIOCESANO LITURGICO-MUSICALE (IDILIM - ASTI)


mandosi giovanissima in pianoforte. Gi{ negli anni del Conservatorio si avvicina al mondo teatrale frequentando corsi di canto e recitazione e, nel 1976 insieme a Giorgio Faletti e Fulvio Accornero partecipa al gruppo cabarettistico denominato “Topi d’albergo” lavorando in Italia e all’estero fino al successivo anno. Nel 1977 vince il concorso per assistente alla regia alla RAI di Torino, collaborando con autori, registi e attori di rilievo. Prosegue parallelamente l’attivit{ teatrale sia come attrice che cantante; compone brani di commento musicale e incide un LP per la Fonit Cetra per le sonorizzazioni radiofoniche, una delle quali segnalata al “Prix Italia”. Interessata agli aspetti didattici ed educativi della musica, lascia l’impiego alla radio per approfondire le sue ricerche e sviluppare metodologie di insegnamento precoce, sviluppo e potenziamento delle abilit{ nei bambini a partire dalla nascita. Dal 1982 ha operato per 19 anni nelle Scuole Pubbliche realizzando spettacoli teatrali, concerti, progetti interdisciplinari. Contemporaneamente istituisce i corsi “Children’s Music Laboratory” che anticipano ed affiancano lo studio di uno strumento musicale secondo la metodologia Suzuki e, nel 1994, è socio fondatore dell’ “Istituto Suzuki Italiano”. Oggi, Presidente dell’associazione “Musical Garden” contribuisce alla formazione degli insegnanti attraverso stage, conferenze, incontri, corsi speciali. Insieme al figlio Francesco, musicista, compositore e filmmaker fonda nel 2004 la casa di produzione indipendente “Fregoli Dreams Factory” curando principalmente sceneggiatura e regia, riscuotendo interesse e riconoscimenti internazionali quali il premio come miglior film e miglior montaggio al “Pumelo Film Festival 2007” di Bombay, la selezione al “New York film festival 2007” ed il “Gold Kahuna Award for the Excellence in the Filmmaking” all’Honolulu Film Festival 2009. E’ direttore del “Coro Polifonico Astense”. con il quale svolge un’intensa attivit{ concertistica e cura specifiche ricerche musicali e biografiche per sviluppare testi originali volti a realizzare recital e concerti liricoteatrali interpretati dalla soprano Laura Giorcelli e l’attore Giorgio Perno.

Giorgio Perno Attore, doppiatore, speaker. Segue una vocazione artistica tardiva e comincia a calpestare il palcoscenico ormai quasi trentenne. Dopo alcuni anni di esperienza con il teatro amatoriale italiano e dialettale piemontese, decide di affacciarsi sul mondo del cinema e prende parte ad alcuni progetti in cui si rende conto che davanti alla macchina da presa forse si trova più a suo agio che non su di un palcoscenico. Durante la realizzazione di un filmato aziendale conosce un doppiatore professionista che gli fa nascere la domanda "E perché io no?" Nell'anno successivo, lo studio della dizione e del doppiaggio presso il Centro D sotto la direzione di Danilo Bruni lo portano a comprendere di essere ancora più a suo agio davanti ad un microfono e, soprattutto, di avere la possibilit{ di entrare nel mondo dei professionisti della voce. Nemmeno un anno dopo la conclusione degli studi, infatti, può gi{ vantare il doppiaggio dei cartoni animati della Santa Sindone ("Mystery after Mystey, la Sindone raccontata ai ragazzi", andati in onda su Rai Uno e Rai Tre durante il periodo dell'ultima ostensione), degli spot regionali relativi al passaggio al digitale terrestre (realizzati per la Regione Piemonte, in onda su tutte le principali reti piemontesi) e degli spot di tre noti prodotti farmaceutici per le vie aeree (andati in onda sulle reti Mediaset, La 7 e Sky). Da allora prosegue soprattutto con l'attivit{ di speaker per spot e comunicati aziendali (il più recente è lo spot radiofonico per una crema da spalmare ed il relativo concorso per vincere la macchina per il pane) e di doppiatore per filmati istituzionali, documentari e spot (il più recente è lo spot di un dessert semifreddo che ha come testimonial Antonella Clerici), affiancando al lavoro anche l'attivit{ di volontariato presso il Circolo dei Lettori di Torino, tramite la quale ha potuto prestare la sua opera nella lettura all'interno del COES (Centro Oncologico ed Ematologico Subalpino del'Ospedale Molinette di Torino) e per il gruppo di afasici della Fondazione Carlo Molo.

L’Armoniosa notte


Servizio tecnico audio-luci: Mack Service di Michele Demma www.marckservice.it


"L'Armoniosa notte" 2011