__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

07 | G I U G N O 2 0 1 6

La Fabbrica

MODERNA RIVISTA DEL MERCATO INDUSTRIALE

UN ENCODER HENGSTLER CON PRESTAZIONI CHE SUPERANO LO STANDARD DI SETTORE – È OGGI DISPONIBILE CON LA DIFFUSA INTERFACCIA ETHERCAT

5 KENNAMETAL UTENSILI PIÙ ROBUSTI. MAGGIORI PRESTAZIONI. UNA SCELTA MIGLIORE.

I SISTEMI INTELLIGENTI AUMENTANO LA PRODUTTIVITÀ

bbrica Moderna Cover.indd 2

24 28.01.16 11:40

NORD TRASMISSIONE SOTTO CONTROLLO

28

KEYENCE LA COLLA NON PUÒ NASCONDERSI AL LASER BLU

48


07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

RIVISTA DEL MERCATO INDUSTRIALE

HENGSTLER

DELTA

DELTA

5

6

8

BRADY

MAYR

SOUTHCO

11

12

14

KNICK

PORTESCAP

KEYENCE

15

16

17

FISCHER CONNECTORS

EMERSON INDUSTRIAL AUTOMATION

MAXWELL

20

18

22

KENNAMETAL

KOLLMORGEN

BALLUFF

24

26

27

NORD

28

PROSOFT TECHNOLOGY EMEA

31 INSERZIONISTA : NORD 4

www.rivista-lafabbricamoderna.com

PEPPERL +FUCHS

32


NSK

VERLINDE

ASCO

34

36

39

TYCO GAS & FLAME DETECTION

40

CONTA CLIP

ADVANTECH

41

42

FLUKE PROCESS INSTRUMENTS

OLDHAM TYCO

44

SECO TOOLS

47

46 KEYENCE

OLDHAM TYCO

48

51

SIMTRONICS

NORD

53

54

MORGAN ADVANCED MATERIALS

52

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

3


ANTRIEB

DER

■ Affidabile ■ Versatile ■ Globale

Getriebetechnik ■ ■ ■ ■

Starke Lagerung Geräuscharmer Lauf Korrosionsschutz (AL) Hohe Leistungsdichte

Motorentechnik

Steuerungstechnik

■ Alle Effizienzklassen ■ Weitspannungsbereich

■ ■ ■ ■

(380-420V)

■ Auch als Brems - oder

Alle Umgebungen Schutzklasse bis IP69K Flexible Schnittstellen Skalierbare Funktionalität

ATEX-Variante

il Riduttore

il Motore

l‘Elettronica

■ Cuscinetti rinforzati ■ Funzionamento silenzioso ■ Alta densità di potenza

■ Alta efficienza ■ conforme agli standard internazionali ■ idoneo a tutte le condizioni d‘impiego

■ Forma costruttiva compatta ■ Facile messa in funzione ■ Funzionalità scalabili

Ampia gamma di potenze – Soluzioni complete flessibili – Sistemi ad alta efficienza

DerAntrieb.com

NORD Motoriduttori S.r.l. Via I. Newton 22, 40017 - San Giovanni in Persiceto (BO) Tel. +39 051 6870711, Fax +39 051 827749 italy@nord.com, www.nord.com Member of the NORD DRIVESYSTEMS Group

DRIVESYSTEMS


N OT I Z I E

UN ENCODER HENGSTLER CON PRESTAZIONI CHE SUPERANO LO STANDARD DI SETTORE – È OGGI DISPONIBILE CON LA DIFFUSA INTERFACCIA ETHERCAT

Hengstler estende la linea di prodotti ACURO® AC58 con l’interfaccia di vasto impiego EtherCAT. Il numero di sistemi che utilizzano questa tecnologia aperta, potente, basata su Ethernet continua a crescere a un ritmo molto rapido.

G

razie alla disponibilità dell’ACURO® AC58, che incorpora un’interfaccia EtherCAT, gli utenti possono integrare uno degli encoder assoluti più avanzati sul mercato in pressoché qualsiasi sistema che utilizza la tecnologia EtherCAT. Ciò semplifica il processo di progettazione e garantisce comunicazioni affidabili. L’encoder EtherCAT ACURO® AC58 di Hengstler è naturalmente accompagnato da un certificato di conformità ufficiale rilasciato dall’EtherCAT Technology Group (ETG).

I valori sono aggiornati con un tempo di ciclo fino a soli 62,5 µs, che lo rendono uno degli encoder più veloci sul mercato, permettendo ai clienti di implementare processi a elevata dinamica. Configurazioni del dispositivo come una funzione di richiamo per le macchine rotanti indexate si aggiungono alla gamma delle possibilità applicative. Per ulteriori informazioni, inviate un’email a encoder@hengstler.com o telefonate al +49 (0)7424 89 0 www.hengstler.com

Informazioni

Un campo di temperatura esteso, un grado di protezione fino a IP67 e specifiche di resistenza a urti e vibrazioni estremamente elevale sono solo alcune delle caratteristiche salienti dell’AC58 EtherCAT. Questa flessibilità rende l’ACURO® AC58 Hengstler uno degli encoder più versatili sul mercato. Le sue specifiche di robustezza colpiscono in modo particolare. Come opzione su ordinazione è disponibile anche una versione in acciaio inossidabile. Ciò lo rende adatto per l’uso anche nelle condizioni ambientali più severe.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

5


N OT I Z I E

DELTA PRESENTA A SPS ITALIA 2016 UN PORTAFOGLIO AMPLIATO DI SOLUZIONI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE PER UNA MAGGIORE PRODUTTIVITÀ E IL RISPARMIO ENERGETICO

Delta, fornitore mondiale di soluzioni di automazione industriale e leader globale nella tecnologia di gestione della potenza e termica, presenta a SPS Italia 2016 una serie ampliata e altamente diversificata di soluzioni di automazione industriale per aiutare le imprese manifatturiere e industriali italiane non solo a ottenere maggiori produttività e risparmi energetici, ma anche a realizzare il concetto di smart manufacturing. Nella mostra, la nostra Soluzione Industrial Internet & Cloud integra i Cloud Router 3G industriali Delta di nuova introduzione e la serie di azionamenti compatti per motori a c.a. MS300 per il monitoraggio remoto e il controllo real-time dei processi industriali.

V

errà presentata una linea completa di PLC, azionamenti per motori a c.a., servoazionamenti a c.a., switch Ethernet industriali, soluzioni di visione artificiale, PC industriali e panel PC, HMI, I/O remoti, sensori e strumenti intelligenti, insieme ai sistemi e alle soluzioni di automazione integrata Delta. I punti salienti dello stand Delta includono:

Informazioni

I nostri nuovi azionamenti compatti per motori a c.a. serie MH300 e MS300 offrono un’utilizzazione ottimizzata dello spazio con una riduzione delle dimensioni fino al 40% rispetto ai loro predecessori e supportano il controllo ad anello aperto/chiuso per i motori IM e PM. Essi possiedono inoltre capacità più elevate grazie al PLC incorporato, ai chopper di frenatura incorporati, all’STO integrata e 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

6

al supporto di vari protocolli fieldbus. I modelli ad alta velocità sono disponibili con frequenza d’uscita fino a 2000Hz e 1500Hz. Anche la facilità di installazione e uso sono dei vantaggi chiave di questi innovativi azionamenti per motori, che sono ideali per pompe acqua e applicazioni HVAC. I visitatori dello stand Delta a SPS Italia 2016 potranno assistere a una demo dal vivo della Soluzione Industrial Internet & Cloud che integra il nostro Cloud Router 3G industriale serie DX-2100 di recente introduzione e la serie di azionamenti compatti per motori a c.a. MS300 per consentire il monitoraggio remoto e il controllo realtime dei processi industriali. Questa architettura di sistema contribuisce a una maggiore produttività e flessibilità in


N OT I Z I E

un’ampia gamma di processi industriali, come elemento nel nascente concetto di smart manufacturing. La Soluzione di Controllo per Pompe Acqua Multiple è ideale per pompe acqua nei sistemi HVAC systems, nel trattamento acque e in altre applicazioni che richiedono il controllo di pompe multiple. Essa esegue la gestione delle pompe con diversi modi di controllo, come la pressione, la temperatura o il livello costante e offre un sistema configurabile a livello hardware e software per controllare fino a quattro pompe. Questa piattaforma è anche compatibile con la già citata soluzione router 3G e internet cloud per il monitoraggio remoto e il controllo real-time e anche con i sistemi Windows, Android e iOS per la comodità dell’utente.

La Soluzione per Ascensori Delta permette di ottenere risparmi energetici fino al 40% nei sistemi di ascensori tramite la rigenerazione della potenza eseguita dalla Power Regenerative Unit serie REG2000. Il sistema per ascensori offre inoltre corse dolci e l’apertura/chiusura delle porte con l’Azionamento per Acensori serie ED e l’Azionamento di Controllo Porte serie VFD-DD Delta. Le Soluzioni di Qualità della Potenza offrono un fattore di potenza migliorato e la veloce compensazione di armoniche, potenza reattiva e carichi sbilanciati con il Filtro di Potenza Attiva serie APF2000, il Generatore di Var Statico serie SVG e il Front End Attivo serie AFE2000.

Informazioni

Delta presenterà anche la sua soluzione CNC basata su PC per applicazioni di taglio termico, taglio del vetro e processi di lavorazione del legno. Il sistema integra il nostro Programmable Automation Controller (PAC) ad alte prestazioni basato su PC serie MH1, caratterizzato dal controllo multiasse a elevata efficienza (fino a 64 assi via EtherCAT) per semplificare l’architettura di sistema, ridurre i costi di costruzione del sistema e aumentare l’efficienza operativa per i clienti. L’MH1 offre un’efficienza operativa ottimizzata e può aiutare a costruire una completa soluzione CNC basata su PC quando è allineato con i servoazionamenti e i servomotori a c.a. di Delta.

La Soluzione di Packaging Alimentare permette un efficiente packaging ad alta velocità con notevole qualità per le macchine di packaging alimentare e delle bevande. Questo sistema adotta la serie di PLC di fascia media AH500 Delta con moduli di motion control come controllore principale per eseguire il controllo multitask stabile e integrato su più processi di packaging. Inoltre, il sistema di visione artificiale Delta integrato in questa piattaforma permette un’ispezione altamente accurata dei beni finiti per assicurare la qualità del prodotto.

Per informazioni dettagliate sul Gruppo Delta, visitate il sito www.delta-emea.com

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

7


N OT I Z I E

DELTA PROMUOVE UNO STILE DI VITA SOSTENIBILE E PRESENTA INVERTER FOTOVOLTAICI AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA, SISTEMI PER LO STOCCAGGIO DELL'ENERGIA E SOLUZIONI PER LA RICARICA DI VEICOLI ELETTRICI AD INTERSOLAR EUROPE 2016

DELTA 80kw pv inverter

Delta, leader mondiale in soluzioni per la gestione dell’energia elettrica e termica, presenterà a Intersolar 2016 un ampio portfolio di soluzioni ad alta efficienza energetica, per ottimizzare la produzione di energia rinnovabile e favorire la tendenza verso uno stile di vita sempre più sostenibile.

I

l nuovissimo inverter fotovoltaico RPI M80H a marchio Delta offre una potenza utile massima di 88kVA e un’efficienza leader nel settore fino al 98,8%. Inoltre, il sistema per lo stoccaggio dell'energia Hybrid E5 presenta un’elevata efficienza di carica, par al 95% dell’ elettricità CC, dal sistema fotovoltaico direttamente alla batteria agli ioni di litio di 6kWh. Due stazioni di ricarica per veicoli elettrici appena lanciate sul mercato, una ultrarapida a CC 150kW in grado di caricare 4 veicoli elettrici contemporaneamente e la seconda, una wallbox rapida a CC 25kW, rappresentano dispositivi ideali per incoraggiare la crescita della rete di veicoli elettrici nel mondo.

La gamma completa delle soluzioni innovative ed ecosostenibili di Delta presentata a Intersolar Europe 2016 include: Inverter fotovoltaici solari per applicazioni commerciali Gli inverter di stringa ad alta potenza e ad alta efficienza sono ideali per i grandi impianti fotovoltaici a uso commerciale e montati a terra con campi solari di dimensioni di megawatt, in cui una resa ottimale è importante per garantire un elevato rendimento del sistema. Di conseguenza, il nuovo modello di punta tra gli inverter Delta, il trifase senza trasformatore della serie RPI M80H, offre una potenza utile massima di 88kVA e un’efficienza di picco leader nel settore fino al 98,8%. Tra le altre caratteristiche di valore aggiunto figurano:

Informazioni

• 2 inseguitori MPP e una tensione di ingresso massima fino a 1100V garantiscono flessibilità extra nella progettazione del sistema e prestazioni più elevate in condizioni sfidanti. • Il robusto telaio in alluminio pressofuso e la scatola di cablaggio IP65 assicurano una protezione elevata concepita per installazioni esterne anche in presenza di ambienti particolarmente ostili. 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

8


N OT I Z I E

DELTA E5 energy storage solution

• Design multifunzione che riduce significativamente l’esigenza di costosi dispositivi esterni. Prevede infatti interruttori CC incorporati e scaricatori di sovratensione AC e DC (SPD). Sono disponibili interfacce di comunicazione multiple, quali RS-485 e Ethernet opzionale.

misuratore di potenza e da uno Smart Monitor. Il sistema Hybrid E5 è stato progettato per nuovi sistemi fotovoltaici e vanta un’efficienza di carica elevata fino al 95% di elettricità CC dal campo fotovoltaico alla batteria, senza bisogno di ulteriori dotazioni. Il sistema include anche:

Anche l’inverter trifase senza trasformatore RPI M30A_120 è adatto alle applicazioni commerciali, grazie alle sue caratteristiche di valore aggiunto, quali una potenza utile massima pari a 33kVA, una densità di potenza eccellente e un’efficienza di picco del 98,5%. Offre altresì:

• Una maggiore flessibilità e un’installazione semplificata in virtù della separazione tra inverter e alloggiamento batteria. • Lo Smart Monitor non solo controlla in maniera ottimale la funzionalità della batteria e dell’inverter E5 ma funge anche da gateway per la visualizzazione tramite dispositivi mobili. • Elevata efficienza di picco (dai panelli fotovoltaici alla rete) del 97,2% e un valore nominale di potenza di uscita a regime continuo di 5,0 kW per l’inverter ibrido E5. • M odalità di gestione energetica personalizzate e incorporate per le varie esigenze dei clienti.

Sistema per lo stoccaggio dell’energia Il sistema per lo stoccaggio dell’energia Hybrid E5 è costituito dall’inverter ibrido E5, da un alloggiamento esterno dotato di batteria 6kWh agli ioni di litio, da un

Soluzioni di ricarica per veicoli elettrici Delta presenta a Intersolar 2016 due nuove stazioni di ricarica per veicoli elettrici. L’innovativa stazione di ricarica ultrarapida per veicoli elettrici a CC 150kW è in grado di caricare fino a 4 veicoli elettrici contemporaneamente, in quanto supporta CCS-200A, CHAdeMO-125A, Type2-63A e Type2-32A, ovvero praticamente tutti gli standard per veicoli elettici. Grazie a una potenza utile fino a 150kW in CC e a 65kW in CA, gli utilizzatori potranno sperimentare un miglioramento significativo dei tempi di ricarica,

Informazioni

• Un’ampia gamma di tensioni di entrata da 200 a 1100V e 2 inseguitori MPP. È possibile anche il carico asimmetrico (33/67%), che garantisce la massima resa nei grandi impianti commerciali su tetto con orientamenti multipli. • L’M30A è più leggero di circa il 30% rispetto al modello precedente (Solivia 30TL), oltre a presentare migliorie in termini di dimensioni. • Dispone anche di scaricatori di sovratensione incorporati CA/CC di Tipo II e di fusibili di stringa. • Resistenza eccellente a condizioni ambientali estreme con prestazioni di protezione IP65 per il vano della componentistica elettronica e la presa CA.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

9


N OT I Z I E

DELTA 30kw pv inverter

soprattutto quando, negli anni a venire, una nuova generazione di VE con capacità di batteria e autonomia superiori faranno il loro ingresso nel mercato. Gli operatori che vorranno prendere in considerazione questa tendenza per i loro investimenti potranno offrire ai clienti servizi di ricarica più interessanti nei prossimi anni. Questa tendenza si tradurrà in un fattore fondamentale per il successo del business delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Informazioni

In aggiunta, la stazione di ricarica rapida per veicoli elettrici a CC 25kW Wallbox, appena lanciato, è in grado di aumentare la flessibilità degli integratori di sistema, in quanto vanta una doppia uscita nonché un’architettura di sistema modulare con moduli di potenza ad innesto, permettendo una significativa riduzione dei costi di installazione e di manutenzione. La sua natura di caricatore rapido (la batteria 24kWh di una Nissan Leaf si ricarica dallo 0% all’80% in circa 40 minuti), l’identificazione dell’utilizzatore tramite RFID ed app mobile, offrono comodità e prestazioni superiori agli utilizzatori di veicoli elettrici in svariate applicazioni commerciali (dai parcheggi per auto alla ricarica di più veicoli elettrici aziendali) e pure in ambito privato. www.delta-emea.com www.deltaww.com

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

10

DELTA 80kw pv inverter


N OT I Z I E

PALLET DI CONTENIMENTO AD ALTA CAPACITÀ DI CARICO FINO A 3.000 KG

Brady offre una nuova gamma di resistenti pallet e piattaforme di contenimento in plastica per lo stoccaggio di fusti e IBC.

I

n qualsiasi ambiente di lavoro in cui si stoccano alcuni o molti fusti o IBC, le nuove soluzioni per il controllo di fuoriuscite e sversamenti risulteranno estremamente pratiche per contenerne le fuoriuscite ed evitare il contatto indesiderato con l’ambiente o tra le sostanze. Maggiore sicurezza Pallet e piattaforme di contenimento possono evitare che fuoriuscite da fusti o IBC contaminino il pavimento. Negli ambienti di lavoro in cui si stoccano diversi fluidi in fusti o IBC, queste soluzioni possono contribuire a evitare il contatto indesiderato o potenzialmente pericoloso tra i fluidi in caso di fuoriuscita. Inoltre, i pallet e le piattaforme di contenimento, evitando scivolamenti e cadute, una tra le principali cause di infortunio sul lavoro, contribuiscono a ridurre le assenze del personale.

modulari e un pallet per impieghi pesanti studiato per carichi particolarmente gravosi. Facilmente movimentabili La nuova gamma di pallet e piattaforme di contenimento proposta da Brady è estremamente pratica. I pallet e le piattaforme, sollevabili agevolmente da ogni lato con un carrello elevatore, sono facilmente movimentabili, resistenti e in grado di contenere fino a due fusti pesanti. Con una capacità di carico da 650 kg a 2.700 kg per i fusti e fino a 3.000 kg per gli IBC, questi prodotti sono studiati per un uso professionale frequente. Per ulteriori informazioni, rivolgiti a Brady scrivendo a emea_request@bradycorp.com www.bradycorp.it Informazioni

Una gamma completa di soluzioni Per soddisfare ogni esigenza, è disponibile una gamma completa di pallet e piattaforme per il controllo di fuoriuscite e sversamenti. Brady propone infatti un pallet in grado di contenere un EURO-pallet, un pallet per lo stoccaggio di IBC, pallet abbinabili per creare piattaforme 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

11


N OT I Z I E

QUALITÀ CERTIFICATA PER LE APPLICAZIONI OFFSHORE – GLI ACCOPPIAMENTI ALBERO ROBA®-DS SONO STATI TESTATI DA DNV GL

Gli accoppiamenti disk pack compatti ad alte prestazioni ROBA®-DS di mayr® power transmission sono stati certificati da DNV GL. Essi assicurano la massima sicurezza operativa e funzionale possibile per gli utenti in mare aperto.

N

egli azionamenti di propulsori navali, in piattaforme mobili come le piattaforme di perforazione per l’estrazione petrolifera e di gas extraction, o anche negli impianti di potenza che sfruttano le maree – le aree di applicazione degli accoppiamenti disk pack nel settore marittimo sono numerose.

Informazioni

Per esempio, se l’azionamento principale di un propulsore navale è un motore elettrico, gli accoppiamenti disk pack con molla in acciaio come il ROBA®-DS di mayr® power transmission offrono vantaggi decisivi. Questi accoppiamenti sono robusti, affidabili e resistenti alla temperatura: sono quindi particolarmente adatti per l’uso in condizioni ambientali estreme sul mare.

Inoltre, gli accoppiamenti ROBA®-DS sono esenti da usura, riducendo quindi al minimo il lavoro di manutenzione richiesto. Come per il precedente modello ROBA®-D, mayr® power transmission ha anche ricevuto l’approvazione di DNV GL (Det Norske Veritas und Germanic Lloyd) per questo accoppiamento ROBA®-DS ttutto in acciaio, ancora più compatto e ad alte prestazioni disponibile fino alla taglia costruttiva 2200. Tale certificato conferma l’elevata qualità e affidabilità dell’accoppiamento con dimensionamento e sicuri come sempre, e assicura la massima sicurezza operativa e funzionale possibile per l’uso in mare aperto. Gli accoppiamenti disk pack ad alte prestazioni e robusti ROBA®-DS sono particolarmente adatti per operazioni in condizioni ambientali estreme sul mare. L’approvazione di DNV GL conferma l’elevata qualità e affidabilità degli accoppiamenti e assicura la massima sicurezza operativa possibile in mare aperto. Elevate prestazioni e assenza di gioco Quando si usa l’accoppiamento disk pack ROBA®-DS, le coppie nominali dichiarate nel catalogo possono essere utilizzate senza alcuna limitazione. Non è necessaria una riduzione della coppia nominale a causa di errori di

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

12


N OT I Z I E

allineamento, configurazione del carico globale o esigenze di equilibratura. Gli accoppiamenti sono compatti e presentano un’elevata densità di prestazioni e piccole dimensioni – risultando ideali per i motori navali, nei quali è disponibile un limitato spazio di installazione. Nel caso dei fornitori che devono tenere in considerazione errori di allineamento e coppie alternative quando eseguono il dimensionamento, spesso è necessario selezionare un accoppiamento più grosso per la stessa coppia nominale e anche per la stessa velocità. Gli accoppiamenti disk pack ROBA®-DS trasmettono coppie fino alla coppia nominale assolutamente senza giochi e con una rigidità torsionale costantemente elevata. Gli errori di allineamento dell’albero dichiarati possono essere utilizzati fino al 100% senza influenzare la coppia trasmessa. Gli accoppiamenti disk pack compensano gli errori di allineamento degli alberi radiali, assiali e angolari e di conseguenza proteggono i cuscinetti contro i carichi indesiderati, quindi contro le interruzioni e i costi non necessari. Informazioni

www.mayr.com/it

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

13


N OT I Z I E

SOUTHCO AMPLIA LA LINEA DI COMPONENTI IMPERDIBILI CON IL POMELLO AD ALA PER L'ACCESSO SENZA ATTREZZI

Southco ha recentemente ampliato la sua linea di componenti imperdibili con l'aggiunta di una vite che offre l'accesso senza strumenti. La nuova vite imperdibile tipo pomello ad ala permette l'accesso rapido ed è dotata di una testa ad ala sagomata, per consentire la codifica dei punti di accesso mediante una scelta di colori standard o personalizzabili.

I

l pomello ad ala 4C semplifica il posizionamento dei componenti scorrevoli e ne facilita l’installazione e lo smontaggio grazie al dispositivo di sgancio rapido. Le versioni a pressione, a ribadire e Surface Mount Technology (SMT) forniscono versatilità di bloccaggio/sbloccaggio manuale su porte, pannelli e altri componenti di fissaggio nelle applicazioni a spazio limitato, dove si desidera un accesso senza attrezzi.

Informazioni

Southco è fornitore leader di componenti per pannelli frontali che soddisfano i requisiti xTCA, con esperienza nella funzionalità, flessibilità, ergonomia e tecnicità richieste dagli standard PCI Industrial Computer Manufacturers Group (PICMG) relativi a AdvancedTCA® (ATCA), AdvancedMC™ (AMC) e MicroTCA®. In qualità di membro del PICMG, Southco ha sviluppato un'intera gamma di prodotti comprendente maniglie con estrattore, dispositivi di codifica/allineamento e viti imperdibili in conformità agli standard dell'organizzazione.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

14

Jim Grady, responsabile globale prodotti, aggiunge: “La nuovissima vite imperdibile 4C di Southco è dotata di una testa per facilitare l'accesso con o senza mani e opzioni di colore che permettono ai tecnici di codificare i punti di accesso sulla base dei requisiti esclusivi dell'applicazione.” Per maggiori informazioni sulla funzionalità della linea di componenti imperdibili di Southco, visitate www.southco.com o inviate un'e-mail al servizio di assistenza clienti disponibile 24 ore su 24/7 giorni su 7 all’indirizzo info@southco.com


N OT I Z I E

KNICK AND M4 INSTRUMENTS UNISCONO LE FORZE

Operando da Cincinnati, Ohio, la M4 Knick LLC continuerà a fornire eccellenti soluzioni di analisi di processo e assistenza ai clienti per il mercato nordamericano sotto la presidenza di Shawn Little.

Lo specialista berlinese delle analisi di processo Knick Elektronische Messgeräte (Knick) e M4 Instruments, con sede a Cincinnati, annunciano il loro mutuo investimento strategico nella M4 Knick LLC di Cincinnati.

K

Informazioni

nick è uno dei maggiori fornitori mondiali di apparecchiature di processo on-line, la cui ben nota linea di analizzatori Stratos e Protos e le armature retraibili “prime della classe” SensoGate e Ceramat sono gli standard di qualità e prestazioni negli odierni impianti chimici e farmaceutici. M4 Instruments, già partner distributore di Knick, ha molti anni di esperienza sul campo nel settore del controllo di processo. Offrendo un´ampia gamma di sensori, hardware e soluzioni di sistema ai suoi clienti, M4 Instruments ha rapidamente aumentato la sua base installata nel mercato nordamericano. L´investimento di Knick in questa nuova impresa è il prossimo passo dell´espansione internazionale dell´azienda. Con uffici di supporto regionali in Brasile, Cina, Sudest asiatico, Svizzera, Sudovest europeo, Germania e ora Nordamerica, Knick è totalmente impegnata a supportare i clienti internazionali in tutto il mondo. La nuova azienda si chiamerà M4 Knick LLC e sarà gestita dal precedente Presidente di M4 Instruments, il Sig. Shawn Little. www.knick-international.com/en/products/index.html

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

15


N OT I Z I E

IL NUOVO MOTORE IN MINIATURA 22ECP OFFRE UN PERFETTO EQUILIBRIO FRA ALTA VELOCITÀ E COPPIA ELEVATA

Portescap è certificata ISO 9001:2008 a livello globale e il nostro sito di produzione in India ha anche le certificazioni ISO 13485, ISO14001:2004 e OHSAS 18001:2007.

Una soluzione minimotore BLDC senza cave di prestazioni universali per le vostre esigenze applicative più impegnative.

P

ortescap introduce i nuovi motori bipolari 22ECP che bilanciano capacità di velocità e coppia, portando elevate prestazioni nei punti di lavoro dove i motori brushless sono specificati più comunemente. Parte della nostra piattaforma Ultra EC™ di soluzioni minimotore senza cave brushless, questi motori ottimizzati nei costi possono erogare una coppia continua del 30 per cento più elevata e una potenza del 100 per cento maggiore di motori simili senza compromettere il funzionamento regolare e la lunga durata che ci si attendono dai motori senza cave brushless Portescap.

Il motore 22ECP è dotato di avvolgimenti basati sulla nostra tecnologia brevettata Ultra che offre una densità di coppia e potenza senza rivali, dalla bassa all’alta velocità. Il 22ECP può essere adattato alla maggior parte delle applicazioni nei mercati medico e industriale, migliorando la durata e l’affidabilità dei dispositivi senza compromessi sulla potenza e sulla resa della macchina. Il nuovo 22ECP è una scelta ideale per applicazioni come utensili manuali, apparecchiature per l’automazione di fabbrica, apparecchiature per l’automazione di laboratorio, utensili medici usa e getta, pinze industriali e Attuatori per automazione.

Informazioni

Il 22ECP è disponibile nelle versioni lunghe 45 e 60 mm, con sensori hall e un totale di 3 avvolgimenti differenti per rispondere alle vostre esigenze di velocità e tensione. A richiesta, Portescap può fornire opzioni di customizzazione che includono riduttori, encoder, variazioni degli avvolgimenti e modifiche dell’interfaccia meccanica. www.portescap.com

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

16


N OT I Z I E

SERIE LR KEYENCE: I SENSORI FOTOELETTRICI IN GRADO DI RISOLVERE QUALUNQUE APPLICAZIONE!

Keyence, azienda giapponese da anni leader mondiale nel settore dell’automazione industriale, sviluppa continuamente prodotti innovativi in questo settore, grazie ad un sofisticato programma interno di ricerca e sviluppo; i prodotti Keyence sono progettati per essere versatili, in modo da poter essere utilizzati per qualsiasi applicazione, in svariati settori industriali.

È

stata realizzata seguendo questi criteri anche la gamma di sensori fotoelettrici di Keyence, la SERIE LR, composta da questi 3 sensori:

• Serie LR-Z (Sensore Laser CMOS) • Serie LR-T (Sensore Laser TOF) • Serie LR-W (Sensore ad ampio spettro)

Tutti i sensori della Serie LR sono progettati per essere affidabili e facili da impostare al tempo stesso, oltre ad essere dotati di un robusto corpo in metallo ed una grande resistenza ambientale, che ne consentono l’utilizzo anche in presenza di sporco o di liquidi.

Informazioni

Le Serie LR-Z ed LR-T sono ideali per risolvere le applicazioni di presenza e assenza, differenziazione prodotti e controllo componenti per assemblaggio, anche con target complicati come quelli metallici o di colore nero, in quanto riescono a rilevare la distanza del target con assoluta precisione. Nello specifico, la Serie LR-Z rileva la distanza dall’oggetto utilizzando un sensore CMOS e la funzione di Controllo Automatico della Potenza, perfetta per rilevamenti da breve e media distanza. La Serie LR-T rileva la distanza del target tramite il tempo di volo (TOF) e un campionamento massivo, ideale per rilevamenti da media e lunga distanza.

La Serie LR-W invece, è il nuovo sensore ad ampio spettro introdotto da Keyence; è in grado di rilevare le variazioni di intensità luminosa e colore degli oggetti tramite un LED bianco, il controllo automatico della potenza ed un dispositivo di ricezione luminoso ad hoc. Grazie a queste caratteristiche la Serie LR-W è in grado di effettuare un rilevamento stabile di oggetti di colore simile, anche inclinati, consentendo così a questo straordinario sensore di risolvere svariate applicazioni, come ad esempio la verifica dei colori dei target, il rilevamento tacca su pellicola o la verifica del trattamento/rivestimento dei prodotti.

www.keyence.it

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

17


N OT I Z I E

SEMPRE PIÙ PICCOLO: UN NUOVO CONNETTORE ULTRA MINIATURIZZATO NELLA SERIE FISCHER MINIMAXTM

Fischer Connectors, leader nella produzione e nell’innovazione di connettori circolari push-pull e di soluzioni di cablaggio, presenta oggi un nuovo connettore ultra-miniaturizzato, il MiniMax 06, che arrichisce la gamma di prodotti miniaturizzati ad alta densità della serie Fischer MiniMaxTM.

I

l connettore MiniMax 06 può includere fino a 12 contatti di potenza e segnale in un diametro di soli 10 millimetri, che corrisponde a un coefficiente di densità* di 0,83 – estremamente innovativo per un connettore con contatti standard di 0,5 mm.. Il nuovo MiniMax 06 include anche una nuova configurazione con 2 segnali e 2 contatti di potenza di 1,3 mm per applicazioni che necessitano 10 A o più, raddoppiando la portata di corrente rispetto al resto della serie MiniMax (5 A).

Informazioni

Il MiniMax 06 è facile da usare e garantisce elevate prestazioni anche in ambienti ostili. Disponibile anche pre-cablato, questo connettore è perfetto per dispositivi portatili o indossabili dove lo spazio è limitato e il peso ridotto è importante, come ad esempio nei settori della difesa & sicurezza, della strumentazione, delle apparecchiature di test, o ancora negli aeromobili civili o militari a pilotaggio remoto (UAV).

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

18

Maggiore potenza, miniaturizzazione e durata Con questo nuovo connettore ancora più piccolo, Fischer Connectors continua a guidare l’evoluzione di connettori sempre più piccoli e leggeri che combinano segnali e potenza . Il MiniMax 06 arricchisce la serie ultra miniaturizzata ad elevate prestazioni Fischer MiniMax™ , apprezzata a livello mondiale per la sua utilizzazione in apparecchiature leggere e piccole, che combinano segnali e potenza. Testata per protocolli ad alta velocità come l’HDMI e trasmissione dati fino a 10Gb/s, la serie MiniMax risponde alle crescenti necessità del mercato per quanto riguarda la trasmissione dati ad alta velocità. “Il MiniMax 06 dimostra che la miniaturizzazione dei connettori è possibile, grazie a soluzioni di connettività robuste, ad alta densità che combinano potenza e segnale”, spiega Wim Vanheertum, Product Manager presso Fischer Connectors. “Abbiamo arricchito la serie Fischer MiniMax™ per rispondere alle esigenze degli ingegneri che sviluppano dispositivi miniaturizzati, robusti e con prestazioni sempre piu elevate. Gestire più connessioni di segnale e potenza in un’unica combinazione di contatti multipli, significa anche


N OT I Z I E

essere più flessibili nel far fronte alle sfide specifiche poste dal design nel campo della miniaturizzazione”. Grazie alla serie Fischer MiniMax™, i progettisti possono ridurre lo spazio fino al 45% e il peso fino al 75% rispetto all’utilizzo di connettori standard con contatti di dimensioni simili. Inoltre possono raggruppare più funzionalità in un solo connettore, riducendo il costo totale del progetto. MiniMax 06: principali specifiche tecniche • Fino a 12 contatti in un diametro di 10 mm • Configurazione unica di segnali e potenza • IP68 connessi & non connessi • 5.000 cicli di connessione • Trasmissione dati fino a 10Gb/s • 3 sistemi di connessione: push-pull, a vite e a sgancio rapido • Disponibile anche pre-cablato con costampaggio del cavo diritto o a 90°

Con il nuovo MiniMax 06, la serie Fischer MiniMax™ è ora disponibile in due dimensioni, 06 e 08, con diametri rispettivamente di 10 e 12 millimetri e configurazioni da 4 a 24 contatti. * Coefficiente di densità = diametro della presa diviso per il numero di contatti disponibili nella presa stessa. Per maggiori informazioni: • S ito web (in inglese): http://www.fischerconnectors.com/global/en/new-ultraminiature-connector-minimax-06 • White paper “Miniaturizzazione” (in inglese): http://www.fischerconnectors.com/global/en/militaryconnectors-miniaturization-white-paper • Contattateci: http://www.fischerconnectors.com/italy/it/contact-us Informazioni

La seria MiniMax è robusta, garantisce una tenuta stagna IP68 (2m/24h) sia connessa che non connessa, un sistema di polarizzazione indistruttibile, la possibilità di avere soluzioni cablate e costampate diritte o a 90°. È disponibile in tre sistemi di connessione (push-pull, a vite e a sgancio rapido), facili da connettere e disconnettere, fino a 5.000 cicli.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

19


N OT I Z I E

MAXWELL TECHNOLOGIES INTRODUCE UNA CELLA A ULTRACONDENSATORE DA 3 VOLT, CHE SI AGGIUNGE ALLA SUA LINEA DI GRANDI CELLE A ULTRACONDENSATORE ALL’AVANGUARDIA DEL SETTORE

La nuova cella da 3 volt, 3.000 farad con tecnologia DuraBlue™ espande la gamma di soluzioni di stoccaggio dell’energia per trasporti, energia eolica e grid.

M

axwell Technologies, il principale sviluppatore e produttore di soluzioni di stoccaggio dell’energia ed erogazione di potenza basate su ultracondensatori, introduce una nuova cella da 3V, 3.000 farad, che si aggiunge alla sua famiglia di prodotti K2. Con una potenza del 31 per cento più elevata della cella più avanzata Maxwell da 2,7 volt, 3000 farad, nel formato cilindrico standard industriale da 60 mm, offre ai clienti la flessibilità necessaria per incrementare la potenza e l’energia disponibili a parità di volume o per ottimizzare significativamente i costi dei loro progetti di sistemi con meno celle o moduli mantenendo la stessa potenza ed energia.

Il progetto della nuova cella da 3V incorpora inoltre la Tecnologia Avanzata contro Urti e Vibrazioni DuraBlue™ di proprietà Maxwell per ottenere il triplo di resistenza alle vibrazioni e il quadruplo dell’immunità agli urti rispetto alle precedenti offerte concorrenti basate su ultracondensatori, rendendo quindi massima la durata negli ambienti impegnativi del settore trasporti come quelli a bordo di veicoli ferroviari e bus ibridi o delle applicazioni grid. Con la cella da 3V, l’industria dei trasporti ha può eseguire il retrofit di sistema con nuove modalità per aumentare la potenza, ridurre il peso dei motori e migliorare l’efficienza del carburante.

Informazioni

Inoltre, i mercati dei grid potranno ottenere la possibilità di una maggiore potenza disponibile per livellare le intermittenze della potenza e ridurre i costi, con la conseguenza di un maggiore ritorno sugli investimenti nello stoccaggio dell’energia sul grid. Anche i clienti delle K2 da 2,7 e 2,85 volt esistenti potranno eseguire un upgrade morbido dei loro sistemi utilizzando il formato cilindrico standard industriale da 60 mm della cella, mantenendo nello stesso tempo gli stessi criteri di prestazioni di durata delle nostre celle da 2,7 volt. 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

20


N OT I Z I E

“La crescente necessità di una maggiore densità di potenza in molte applicazioni come trasporti, energia eolica e grid si è tradotta nell’aggiunta da parte di Maxwell di un ultracondensatore da 3V alla sua ampia offerta di celle”, ha affermato Vishal Sapru, Direttore della Ricerca e Consulente sulla Crescita, Sistemi di Energia & Potenza, Frost & Sullivan. “Utilizzata da sola o in configurazioni ibride con batterie, questa nuova grande cella da 3V aiuterà a ridurre il costo e il peso complessivi del sistema e a fornire supporto per ottenere efficienze operative. Questo prodotto cambierà le regole del gioco nel settore degli ultracondensatori”.

Gli ultracondensatori Maxwell si differenziano dalle batterie perché stoccano l’energia in un campo elettrico che è maggiore di quello di un condensatore, cosa che offre agli ultracondensatori una maggiore capacità di

Ulteriori informazioni su Maxwell Technologies: Ulteriori informazioni sull’ultracondensatore K2 da 3 volt: http://www.maxwell.com/3v Maxwell Technologies su Twitter: https://twitter.com/Maxwell_Tech Maxwell Technologies su Facebook: http://on.fb.me/10e2nPA Maxwell Technologies su LinkedIn: http://linkd.in/Z4737Y

Informazioni

“Una potenza più elevata nello stesso formato, accoppiata con la capacità di produzione di volumi elevati di Maxwell rinforza il nostro impegno costante a offrire prestazioni e valore superiori ai nostri clienti, soprattutto nelle applicazioni nei mercati dei trasporti, dell’energia eolica e dei grid”, ha affermato il Dr. Franz Fink, presidente e CEO di Maxwell Technologies. “L’aggiunta dell’ultracondensatore da 3V alla nostra linea di prodotti offre ai clienti esistenti la flessibilità per affrontare applicazioni a tensione più elevata o sensibili ai costi, riducendo contemporaneamente il peso e incrementando il ritorno sugli investmenti di sistema”.

stoccaggio. Il meccanismo di stoccaggio elettrostatico dell’energia permette la carica e scarica rapide, con un processo che richiede frazioni di un secondo. Gli ultracondensatori Maxwell funzionano in modo affidabile in un ampio campo di temperatura, compreso fra meno 40 gradi e 65 gradi Celsius. La longevità dei dispositivi permette ai clienti di ottenere un funzionamento affidabile per centinaia di migliaia di cicli di lavoro senza le cadute di prestazioni provocate da urti e vibrazioni. Le celle Maxwell hanno una capacità compresa fra 1 e 3.400 farad e i moduli a celle multiple spaziano da 16 a 160 volt. Gli ultracondensatori erogano una potenza più elevata, indipendentemente dal fatto che siano utilizzati con una batteria o indipendentemente. Gli ultracondensatori sono attualmente utilizzati in numerose applicazioni, dalle automobili all’elettronica di consumo, ai trasporti e così via.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

21


N OT I Z I E

GLI AZIONAMENTI EMERSON DRIVES PER RINNOVARE UNA GRU PORTUALE

Con una larghezza di oltre 100 m, una larghezza di oltre 60 m e una capacità di sollevamento 45 t, una gru portuale dedicata al carico e scarica di container è stata una delle numerose apparecchiature modernizzate quest’anno dai tecnici di Apator Control.

L

a gru del terminale contaneir DB Port Szczecin situata nella città polacca di Stettino è stata completamente rinnovata nelle sue parti meccaniche ed elettriche. Come parte del rinnovamento tecnologico della parte elettrica, Apator Control ha scelto di utilizzare le soluzioni proposte da Control Techniques: gli azionamenti Unidrive M AC e Mentor MP DC controllati dai PLC della serie Simatic S7.

Informazioni

Per la movimentazione del ponte, del carrello e dello spreader al quale si agganciano i container sono stati utilizzati dei nuovi azionamenti, mentre i rimanenti sistemi elettrici sono stati integrato sotto il controllo di un nuovo PLC. La movimentazione del ponte è affidata a otto motori da 22 kW alimentati e controllati dal convertitore a frequenza variabile Unidrive M600, che ha una corrente nominale di 377 A. Nella sala macchine situata in cima alla gru sono stati installati dei nuovi quadri che ospitano l’azionamento del carrello e il controllo del sistema di sollevamento idraulico dello spreader.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

22

Con il rinnovamento delle apparecchiature, l’azionamento Mentor MP DC, caratterizzato da una corrente nominale di 210 A, ha assunto la responsabilità di alimentare e muovere il carrello che trasporta i container dalle navi alla banchine. I due motori del sistema di sollevamento sono controllati dagli azionamenti Mentor MP, ciascuno dei quali ha una corrente nominale di 350 A. I due motori sollevano lo spreader idraulico sospeso tramite quattro funi, al quale si agganciano i container. Affinché i sollevatori possono funzionare in perfetta sincronia, sono stati integrati ai motori degli encoder assoluti collegati al PLC. Il segnale dal controllore viene trasferito agli azionamenti del sistema di sollevamento affinché possano funzionare simultaneamente coordinandosi con le funzioni di autolivellamento dello spreader idraulico. È fondamentale che lo spreader sia posizionato in modo perfettamente orizzontale e allineato al container affinché lo si possa agganciare e bloccare in totale sicurezza. Il container può essere sollevato solamente quando l’intera procedura è stata completate e il sistema ha confermato l’aggancio sicuro.


N OT I Z I E

L’utilizzo degli encoder assoluti ha reso il controllo di posizione dello spreader molto preciso. L’operatore è pertanto in grado di spostarlo esattamente in parallelo – anche qualora i container si inclinassero a causa di una distribuzione non uniforme del carico durante le operazioni di scarico. Questo tipo di controllo molto preciso ha permesso di ridurre i tempi di carico e scarico delle merci Anche il sistema di sospensione dei cavi a festone è stato aggiornato. I cavi di alimentazione elettrica sono stati sostituiti, mentre i cavi di segnale sono stati rimpiazzati dal sistema di comunicazione degli I/O distribuiti usando una rete PROFINET, che ha permesso di ridurre le sospensioni del festone di oltre il 50 percento! La rete PROFINET è stata realizzata utilizzando una fibra ottica flessibile, una soluzione che si adatta molto bene a questo tipo di apparecchiature.

15 anni per realizzare svariate applicazioni. In molti caso il controllo di precisione e la disponibilità di numerosi opzioni sotto forma di moduli supplementari fanno la differenza per ottenere le prestazioni e le funzionalità richieste. Questa è una delle ragioni per cui questi azionamenti così adattabili alle specifiche esigenze applicative vengono usati con successo in moltissimi tipi di macchine diverse. Sono il risultato concreto dei vantaggi offerti dalle tecnologie più avanzate, come già ampiamente dimostrato con le numerose applicazioni di successo degli azionamenti Unidrive M. www.emersonindustrial.com www.emerson.com

Informazioni

Apator Control ha realizzato tre stazioni di monitoraggio visivo per questa gru: nella cabina dell’operatori, nella sala macchine e alla sua base. Anche il sistema di controllo generale della gru è stato modernizzato con l’aggiunta di una soluzione di controllo radio. Il rinnovamento ha consentito di semplificare il processo di movimentazione dei container. La soluzione qui descritta è stata resa possibile della flessibilità degli azionamenti di Control Techniques, che Apator Control ha utilizzato da 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

23


N OT I Z I E

UTENSILI PIÙ ROBUSTI. MAGGIORI PRESTAZIONI. UNA SCELTA MIGLIORE.

L’utensile Road King di Kennametal è caratterizzato da un progetto migliorato del corpo che accentua la facile penetrazione con uno sforzo minore su rondella, dispositivo di serraggio e portautensile.

Utensili migliori, lavoro migliore. Non vi è situazione in cui ciò sia più evidente, e più necessario, che nella frantumazione di aggregato di asfalto, cemento o entrambi e nella stesura di nuovi letti stradali. Gli utensili che si usurano prima del tempo provocano l’inattività delle macchine di fresatura stradale, il mancato rispetto delle scadenze progettuali e la lievitazione dei budget. La nuova serie di utensili di fresatura stradale Road King riprogettata da Kennametal è quell’utensile migliore che significa migliori prestazioni.

“ Informazioni

Molti fattori portano a una maggiore usura dei sistemi di utensili”, ha affermato Thomas Chudowski, Senior Global Product Manager – Rifacimento Stradale presso Kennametal. Le condizioni del cantiere (materiale stradale, temperatura) costringono a scelte della profondità di taglio, velocità di avanzamento della macchina, sistema di raffreddamento, sistema portautensile e potenza della macchina – alcune delle quali possono essere influenzate dall’operatore in modo positivo o negativo. “Egli può scegliere il tipo di utensile, regolare la velocità della macchina e la profondità di taglio e, naturalmente, influire sul grado di manutenzione della sua macchina, compresa l’unità di taglio”. Il tipo di lavoro ha convenzionalmente richiesto anche una scelta dell’utensile. Un utensile troppo piccolo per l’applicazione o la macchina non dura a lungo, con conseguenti maggiori fermate per la sostituzione degli utensili. Un utensile troppo grosso per una macchina

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

24

con pochi cavalli la rallenta. La durata dell’utensile potrebbe essere lunga, ma l’efficienza della macchina è inaccettabile, soprattutto quando la pavimentazione segue immediatamente la fresatura. Gli appaltatori che eseguono progetti di rifacimento hanno normalmente bisogno di un corpo utensile più pesante, mentre nella fresatura stradale un corpo più snello migliora le prestazioni della macchina. La nuova serie Road King di Kennametal è un sistema monoutensile che soddisfa sia i lavori di rifacimento che i progetti di fresatura stradale, a tutto vantaggio dell’appaltatore. Le caratteristiche migliorate del Road King includono: • Un progetto del corpo che accentua la facile penetrazione con uno sforzo minore su rondella, dispositivo di serraggio e portautensile. • Una serie di progetti ottimizzati delle punte (base piatta e sede valvola) per condizioni del lavoro variabili, insieme


N OT I Z I E Road King: un solo sistema di utensili che soddisfa molte condizioni e materiali per maggiori prestazioni.

Kennametal può configurare progetti custom del tamburo per specifiche condizioni stradali o specifiche delle macchine.

Il progetto scanalato del corpo enfatizza la maggiore rotazione della punta per una durata più lunga dell’utensile, nello stesso tempo tenendo lontano dal gambo il materiale fine.

a un unico progetto del corpo che può accettarle tutte, semplificando notevolmente la gestione del magazzino. • Una maggiore durezza del corpo su tutti gli utensili per rendere massima la resistenza all’usura. • Un design del corpo con scanalature che supporta meglio il comportamento di rotazionbe dell’utensile, migliorando l’usura della punta. • Il progetto della testa allontana il materiale dall’utensile, riducendo l’accumulo di residui fra il dispositivo di serraggio e il gambo. • Un diametro maggiore del colletto che rende massima la protezione del portautensile.

“Le prestazioni sono nel cuore della nuova serie Road King”, aggiunge Chudowski, “e i test dimostrano notevoli miglioramenti da questo nuovo progetto. In termini strettamente economici, Road King è un utensile che ridurrà ulteriormente il budget dell’appaltatore, offrendo nello stesso tempo maggiori prestazioni di fresatura”. Ulteriori informazioni sono disponibili su www.kennametal.com Informazioni

Esperienza aggiunta nei progetti dei tamburi e nei sistemi portautensili Inoltre, Kennametal offre un supporto senza uguali con decenni di esperienza nella progettazione e produzione di sistemi a tamburo tagliente completi, che comprende non solo i tambuti di fresatura stradale, ma anche una linea completa di utensili conici, bussole e blocchi in una gamma di configurazioni, inclusi blocchi a saldare e sistemi brevettati a cambio rapido che non richiedono saldatura e, in certe applicazioni, nemmeno bulloni.

Kennametal possono personalizzare il progetto del tamburo agli specifici parametri del cliente, con elementi progettuali selezionabili dall’utente come pattern di taglio, diametro, larghezza, velocità di avanzamento e velocità di rotazione. Essi possono quindi determinare il numero totale di utensili richiesti, la larghezza di taglio totale, l’angolo di avvolgimento per lato, la spaziatura radiale, l’angolo di taglio e lo spazio libero di kicker stimato. Sono altresì disponibili configurazioni del tamburo per una serie di condizioni del pavimento stradale e di specifiche OEM delle macchine stradali.

Insieme agli ultimi utensili, Kennametal sottolinea l’importanza di fornire servizi di progettazione customizzata dei tamburi, che possono essere la chiave per offrire agli utenti la produttività che si aspettano. Con un ricco programma di allestimento dei tamburi, gli ingegneri 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

25


N OT I Z I E

PCMM: MOTION CONTROL SENZA COSTOSI IPC KOLLMORGEN OFFRE UNA NUOVA SOLUZIONE MID-RANGE CON PLC

PCMM: KOLLMORGEN ha sviluppato un’interessante soluzione di motion control per applicazioni nei settori dell’imballaggio, della stampa, della movimentazione materiali, degli alimenti e delle bevande, della medicina, della lavorazione dei metalli e della robotica.

Un motion control semplice ed economico: PCMM è il nuovo motion controller di KOLLMORGEN, una vera e propria alternativa ai costosi e complessi IPC nel settore dell’ingegneria meccanica. I dispositivi del motion control sono inoltre dotati di un controllo sequenziale e sono così in grado di coordinare fino a 128 assi in modo sincronizzato.

S

e nell’ambito di un controllo delle traiettorie vengono richiesti tempi ciclo ridotti fino a 250 μs, il PCMM è in grado di elaborare in maniera deterministica fino a 32 assi di servoazionamento grazie alle proprie capacità di calcolo.

Informazioni

Con la combinazione altamente integrata tra motion control e PLC, KOLLMORGEN offre a chi opera nel settore della costruzione di macchinari e impianti una soluzione intelligente per applicazioni multiasse. Per poter integrare senza soluzione di continuità il PCMM nel sistema, è possibile selezionare con poche e semplici impostazioni del software la modalità di comunicazione via TCP/IP, Modbus TCP, Ethernet/IP o ProfiNet. Per garantire prestazioni elevate a livello di motion control e sincronizzazione degli assi, i PCMM operano come master Ethercat. Gli I/O digitali del dispositivo supportano a questo proposito espansioni basate su Ethercat per gli ingressi e le uscite, nonché la connessione di altri componenti Ethernet.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

26

PLC e motion controller vengono programmati entrambi nei linguaggi standardizzati illustrati in IEC 61131-3, con il supporto di un server web integrato per manutenzione a distanza e interrogazioni di stato. Tutte le impostazioni del dispositivo e la programmazione relativa al motion control sono salvate su una scheda SD, un vero e proprio vantaggio a livello di assistenza. www.kollmorgen.com/it-it


N OT I Z I E

BASTA PUNTARE E PREMERE: FATTO!

Balluff presenta un lettore di codici a barre veloce e versatile per l’uso in ambienti industriali impegnativi.

C

on il nuovo Lettore Palmare Industriale BVS HSP, Balluff espande la sua offerta di identificazione ottica: il lettore portatile, con funzionamento intuitivo, legge in modo affidabile sia codici a barre ad alta risoluzione sia un’ampia gamma di altri codici alla distanza massima di lettura di 110 centimetri. Possono essere letti anche i codici Direct Part Marking (DPM). Il dispositivo, di costruzione robusta, offre una protezione IP 65 e può sopportare cadute da un massimo di due metri senza alcun danno. La versione wireless utilizza Bluetooth per offrire all’utente la massima libertà di movimento possibile entro una distanza massima di 100 metri intorno alla stazione base. Questo flessibile lettore portatile è ideale per una varietà di applicazioni, compresi tracciabilità, rifornimento automatico e logistica.

Il Lettore Palmare Industriale BVS HS-PT di Balluff, dal design ergonomico, decodifica tutti i comuni codici a barre 1D, 2D e multilinea su oggetti che si spostano alla velocità massima di 0,8 metri al secondo. L’affidabilità di lettura non è diminuita nemmeno da inclinazioni fino a 40° e angoli di rotazione fino a 180°. Il sistema di puntamento ottico con bordo di marcatura laser a elevata visibilità rende semplice la manipolazione e l’acquisizione del target. Segnali acustici e ottici a LED, incluso un punto LED proiettato sul codice, assicurano un’affidabile conferma della lettura anche in ambienti rumorosi o fortemente illuminati.

Informazioni

La versione wireless, con la sua batteria ricaricabile ad alta capacità, aumenta la flessibilità e rende possibile una varietà di situazioni portatili. Il Lettore Palmare Industriale BVS HS-P di Balluff può essere facilmente integrato grazie alla sua interfaccia USB, Bluetooth o RS 232. Il design ergonomico e il basso peso assicurano operazioni confortevoli e senza affaticamento. www.balluff.com

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

27


N OT I Z I E

TRASMISSIONE SOTTO CONTROLLO

I sistemi in rete negli odierni ambienti produttivi: sistemi di azionamento avanzati raccolgono dati di stato e funzionamento e trasmettono le informazioni necessarie all'ottimizzazione del processo produttivo.

I sistemi intelligenti aumentano la produttività.

L

'idea di impianti di produzione avanzati sta prendendo piede in ogni settore produttivo. NORD DRIVESYSTEM quale fornitore di soluzioni integrate di azionamento fornisce componenti «NORD 4.0 ready» progettati per facilitare ulteriormente lo sviluppo di questi impianti.

Informazioni

I moderni impianti produttivi richiedono tecnologie di automazione con funzionalità evolute. I componenti devono essere in grado di fornire dati chiave del processo, raccogliendo le numerose informazioni provenienti dai sensori e attuatori connessi all'impianto e trasmetterli tramite le più svariate reti. A questi dispositivi avanzati, é richiesta la capacità di monitorare gli eventi in campo e reagire autonomamente nel processo produttivo. NORD DRIVESYSTEMS risponde a queste esigenze con una gamma modulare di motoriduttori, sistemi elettronici di azionamento e funzioni software. La vasta gamma di azionamenti decentralizzati facilita la realizzazione di soluzioni personalizzate in base ai requisiti dell'applicazione, quindiparticolarmente economiche. Gli inverter NORD, essendo dotati di PLC,possono implementare la sequenza logica di controllo. Essi offrono la piena connettività alla comunicazione con gli altri nodi 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

28

del network, incluso un facile accesso con dispositivi di interfaccia Ethernet utilizzando il tunneling Ethernet. Capire quando agire Il primo e più importante requisito di un sistema avanzato di controllo del processo – ovunque siano installati i sistemi di controllo e comunque siano collegati (via cavo o wireless, via rete Ethernet aziendale o Internet) – è la precisione nella rilevazione dei dati. I componenti stessi devono comunicare le loro condizioni di funzionamento al fine di consentire l'interpretazione di ciò che sta accadendo nei segmenti della rete componenti il sistema. Sono necessarie idonee interfacce per l'integrazione verticale di sensori ed attuatori nel sistema di controllo, gestione e pianificazione della produzione e deve essere assicurata la massima qualità nella trasmissione dei dati. Gli inverter NORD quindi monitorano e trasmettono i dati raccogliendo inoltre le informazioni dai sensori analogici e digitali e dagli attuatori esterni connessi. Consentono inoltre di monitorare le condizioni di funzionamento e prevedere interventi manutentivi grazie all'utilizzo di efficienti software diagnostici. L'inverter può, ad esempio, determinare le condizioni del lubrificante del riduttore e segnalare la necessità di effettuare la sostituzione dell'olio.


N OT I Z I E Fino a 24 motoriduttori NORD DRIVESYSTEM per ogni unità di filtrazione delle bevande – gli azionamenti decentralizzati a bordo riducono le necessità di cablaggio e annullano i problemi dovuti ad interferenze elettromagnetiche nei cavi motore.

Possono inoltre monitorare autonomamente l'usura del freno così come la condizione di carico dell'intera catena cinematica. Sulla base dei dati rilevati glioperatori possono implementare gli interventi preventivi di manutenzione così da aumentare la produttività dell’impianto.

Semplicità nello sviluppo di applicazioni NORD semplifica anche lo sviluppo di applicazioni grazie al software NORD CON, fornito gratuitamente, per la programmazione e la parametrizzazione supportando lo standard IEC 61131-3 per il controllo delle funzioni dell’inverter, supporta inoltre le librerie PLC open motion control. Routine di controllo personalizzate possono essere programmate utilizzando il linguaggi di programmazione testuale “StructuredText”o “Instruction List”. Tutte le funzioni di controllo relative all’inverter sono implementabili nel PLC integrato. Non è inoltre necessario che il cliente investa tempo e denaro nello sviluppo, verifica, e validazione di firmware dedicati per la specifica applicazione. NORD CON consente oltretutto di accedere da remoto via Ethernet tunneling – per esempio da un notebook dotato di interfaccia con standard Ethernet – caratteristica che garantisce all’utilizzatore un’estrema flessibilità di gestione delle funzioni diagnostiche e

Informazioni

Autonomia nella rimozione di ostacoli Gli inverter grazie alla versatilità delle proprie interfacce sensore, possono fare molto di più che trasferire dati al controllore principale. In base all’opportuna parametrizzazione questi possono reagire autonomamente a variazioni che si verificano durante il processo. Possono inoltre lavorare con controllo ad anello chiuso, grazie alle funzionalità di controllo di feedback proporzionale eintegrale (PI) integrate. In applicazioni di misurazione di livello, per esempio, gli inverter NORD rilevano il livello di riempimento e provvedono all’eventuale rabbocco. In qualsiasi tipo di processo produttivo la gestione in BUS degli azionamenti, assicura una gestione intelligente di eventuali anomalie di impianto che dovessero verificarsi,evitando fermi impianto coni conseguenti considerevoli costi. Monitorando il livello di carico del proprio motore, il PLC integrato nell'inverter è in grado di rilevare l'eventuale bloccaggio di pompe, coclee o agitatori. Settando correttamente i parametri e con le dovute funzionalità attivate, in uno scenario dove le problematiche di carico impianto sono frequenti, un inverter NORD tenterà, per esempio, di rimuovere un ostacolo meccanico invertendo il senso di rotazione per

poi ripristinare l’originale, dando vita ad un funzionamento pulsante. Se ciò riuscirà a rimuovere l'ostacolo, l'inverter riprenderà il normale ciclo di funzionamento. Se il problema persisterà l'inverter potrà inviare un messaggio di errore al sistema di controllo principale ed eventualmente attivare una procedura alternativa, ad esempio aprireun by-pass, mediante attivazione di altri azionamenti connessi in rete. Le funzioni PLC di questi inverter contribuiscono a ridurre notevolmente eventuali tempi di fermo impianto e ridurre i costi di manutenzione.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

29


N OT I Z I E

Una serie altamente avanzata di azionamenti: inverter NORD per quadro o montaggio a bordo motore che integrano funzionalità PLC.

Tutti gli inverter NORD sono al 100% “Made in Germany” – assemblati e testati presso la nostra unità produttiva NORD Electronic Drivesystems che ha sede ad Aurich.

manutentive. Gli inverter NORD possono gestire anche processi che richiedono elevati requisiti di sicurezza, sono infatti dotati di funzione “Safe Stop” (SS1) e “Safe Torque Off” (STO). Una libreria per implementare le funzioni di sicurezza è disponibile gratuitamente nel sito web NORD. Esso consente il controllo di stato dell’impianto in conformità alla norma DIN EN ISO 13849 grazie al software di sicurezza integrato “SISTEMA”.

Efficiency) entrambi prodotti in proprio dall’azienda stessa. I motori standard IEC permettono la realizzazione di sistemi di azionamento semplici ed economici e con bassi costi di manutenzione, inoltre i sistemi di azionamento NORD con la combinazione di un motore e di un inverter raggiungono livelli di efficienza anche IES2 secondo gli standard della vigente normativa EN 50598-2 (European Ecodesign). www.nord.com

Informazioni

Azionamenti decentralizzati, stato dell’arte Le soluzioni di azionamento decentralizzato, per la realizzazione di macchine con il design semplice ed efficiente ed a basso costo, sono il prodotto con il maggior tasso di crescita nella gamma di azionamenti NORD. I più richiesti sono i sistemi di azionamento basati sulla gamma di inverter SK200E. Essi offrono la stessa gamma di funzioni (incluso il controllo di posizione, il PLC integrato, le funzionalità di sicurezza) della omologa gamma SK500E progettata per montaggio in quadro. Gli affidabili sistemi di azionamento decentralizzato della NORD coprono una elevata gamma di potenze. Questo consente un’ampia varietà di applicazioni per il controllo di pompe, compressori, coclee, etc., con motori di potenza fino a 22 kW. Gli inverter NORD sono dotati di microcontrollori ad elevate prestazioni e possono essere impiegati per comandare in modo ottimale sia motori sincroni che asincroni. Nord configura sistemi meccatronici basati sia su motori asincroni trifase sia su motori sincroni a magneti permanenti con efficienza fino a IE4 (Super Premium 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

30


N OT I Z I E

GLI INDUSTRIAL HOTSPOT DI PROSOFT TECHNOLOGY: SOLUZIONI DI COMUNICAZIONE PER IT E OT

Le radio Industrial Hotspot di ProSoft Technology sono rare soluzioni in grado di soddisfare i due mondi dell’IT e Modbus® agent. Le nostre radio sono caratterizzate dal supporto SNMP, che il vostro personale IT apprezzerà. Per il lato OT, le radio offrono ora il supporto per oggetti embedded EtherNet/IP™ e agenti Modbus®.

Il nuovo supporto per oggetti embedded EtherNet/IP™ e Modbus® agent degli Industrial Hotspot permette agli utenti di ricevere la diagnostica delle radio nei loro PLC, dove è possibile analizzare i dati e agire di conseguenza, aiutando l’azienda a ridurre le interruzioni”, afferma Keith Blodorn, direttore del programma wireless di ProSoft. “Questa possibilità è un perfetto esempio di come l’Industrial Internet of Things stia aiutando gli ingegneri a utilizzare i dati raccolti per trovare il modo di semplificare le loro operazioni”. Le radio sono ora caratterizzate da tempi di switchover dei punti di accesso Ultra-Fast minori di 10 ms, che sono ideali per i sistemi di storage-retrieval automatizzati, i veicoli a guida automatica, le linee di skillet in campo automotive e così via. Nei sistemi che utilizzano protocolli di I/O ad alta velocità, osserva Blodorn, un ritardo di roaming maggiore di quello garantito da ProSoft può impedire il funzionamento della macchina. Per le applicazioni più impegnative, il roaming Ultra-Fast degli Industrial Hotspot è la salvaguardia ideale.

Informazioni

Altre caratteristiche Gli Industrial Hotspot supportano inoltre il tracciamento dei tag AeroScout, permettendovi di localizzare qualsiasi bene o persona (come i minatori) e di monitorare le operazioni a largo raggio. Lavorate con un’applicazione che implica I/O distribuiti o la videosorveglianza? La caratteristica QoS permette agli utenti di impostare velocità di trasmissione dati diverse per ottimizzare la loro

ampiezza di banda Ethernet. Se la vostra applicazione si sviluppa in un ambiente estremo, offriamo Weatherproof Hotspot che sono impermeabili all’acqua, per applicazioni come le piattaforme petrolifere offshore, e a tenuta di polvere, per le applicazioni minerarie. Le radio sono sicure, offrendo la crittografia AES a 128 bit per comunicazioni sicure. La configurazione di ogni radio può essere memorizzata su una scheda microSD per supportare piani di disaster recovery e riportare velocemente gli utenti in condizioni operative, riducendo le interruzioni. Le radio possono anche essere utilizzate insieme a soluzioni a cavo radiante. Un cavo radiante è ottimo per le applicazioni che implicano un macchinario rotante, laddove inizialmente venivano utilizzati collettori a spazzole. Il cavo radiante riduce la manutenzione e le interruzioni associate ai collettori a spazzole, pur fornendo comunque un percorso chiaro all’antenna rotante senza interferenze con altri segnali wireless in un impianto affollato. (Per ulteriori informazioni sulle modalità d’uso dei cavi radianti, leggete il nostro white paper su http:// psft.com/BJF) Per ulteriori informazioni sugli Industrial Hotspot e su tutte le Soluzioni Industrial Wireless di ProSoft Technology, visitate http://psft.com/BJV

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

31


N OT I Z I E

SENSORIK 4.0®: SENSORI INDUSTRIALI SU “CLOUD” NELL' INTERNET OF THINGS

I sensori sono preziose fonti di informazione, impiegati per ottimizzare i processi e risparmiare risorse, anche al di fuori di macchine e impianti.

L

'Internet Of Things apre nuove possibilità di networking anche fra sensori distribuiti su lunghe distanze. I sensori forniscono l'informazione richiesta, nel momento e nel luogo preciso, dove tale informazione è necessaria. Ad esempio, il rilevamento dei livelli di riempimento basato sulla moderna tecnologia dei sensori, è possibile, nella maggior parte dei casi, con una maggiore o minore facilità.

Informazioni

I casi in cui i contenitori sono distribuiti su grandi distanze, spesso, implicano costi maggiori di trasmissione dei segnali; ciò significa che non è possibile utilizzare soluzioni automatizzate e che i livelli di riempimento devono essere monitorati manualmente, attraverso osservazioni più o meno regolari. Grazie all'Internet Of Things, i dati forniti da un elevato numero di sensori, distribuiti su grandi distanze, possono essere elaborati centralmente.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

32

Pepperl+Fuchs mostra la connessione dei sensori su varie piattaforme cloud Insieme al partner Connectavo, è stata sviluppata un'applicazione che utilizza i sensori per registrare i livelli di riempimento dei serbatoi di varie macchine in uso in diversi siti produttivi, gestendo i dati a livello centrale; il processo di rabbocco è migliorato notevolmente (si prevede l'invio di un messaggio automatico al responsabile, qualora il livello di riempimento dovesse scendere al di sotto di un livello critico), con la conseguente riduzione dei tempi di fermo macchina dovuti alla mancanza di materiale. Un'applicazione diversa, invece, è stata implementata insieme a SAP; un sensore viene utilizzato per verificare il tipo di unità di illuminazione per compressori mobili e i dati del sensore sono portati su piattaforma cloud di un sistema MES, che organizza il flusso di materiale per l’assemblaggio completo dei compressori. Dati forniti dai sensori nell'IT aziendale L'aumento dell'efficienza globale degli impianti (OEE) e l'adeguamento dei sistemi di produzione già esistenti, sono una delle maggiori sfide di Industry 4.0.


N OT I Z I E

Il progetto, realizzato insieme da Pepperl+Fuchs, TE Connectivity e Software AG, è un'applicazione che utilizza un hardware che facilita l'ammodernamento dell'impianto; ciò si basa sul livello del sensore dell'interfaccia SmartBridge di Pepperl+Fuchs e sul livello di controllo e fieldbus del dispositivo di accensione di TE Connectivity. Entrambe le porte dati, trasmettono i valori relativi alle prestazioni via cavo o tramite interfaccia radio alla piattaforma di Software AG, che offre tre importanti servizi a valore aggiunto nel contesto di Industry 4.0:

di servizio che valuta le informazioni di stato dai sensori e, se necessario, attiva una applicazione di assistenza sul campo, che può essere completata dai fornitori di servizi di manutenzione interni o esterni. www.pepperl-fuchs.com

1. Ottimizzazione del processo L'accensione utilizza i dati di processo di sensori-attuatori dal livello di controllo e li visualizza su un “dashboard”, rivelando anche ritardi o microinterruzioni meno evidenti, con l'aiuto di un registratore di dati storici. 2. Monitoraggio dello stato La correlazione degli eventi storici con gli effettivi tempi di funzionamento della macchina e le raccomandazioni di manutenzione dei produttori, fornisce un quadro dello stato attuale di manutenzione della macchina o impianto. Informazioni

3. Assistenza a richiesta I sensori fotoelettrici di Pepperl+Fuchs sono in grado di fornire informazioni sulla ridotta capacità di rilevamento, dovuta alla lente di riflessione sporca; tale informazione viene estrapolata tramite l'interfaccia SmartBrdige e poi trasmessa, tramite il gateway Internet, ad una piattaforma 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

33


N OT I Z I E

UNO STABILIMENTO DI PRODUZIONE PNEUMATICI RISPARMIA 119.000€ ALL’ANNO GRAZIE AI CUSCINETTI MOLDED-OIL DI NSK

I cuscinetti Molded-Oil di NSK hanno dimostrato ancora una volta di essere adatti all’utilizzo in condizioni ambientali difficili, uno stabilimento di produzione pneumatici europeo ha ottenuto oltre 119.000€ di risparmio annuale sui costi. Dopo avere sostituito i cuscinetti convenzionali in una macchina di taglio gomma con i cuscinetti Molded-Oil di NSK, che sono lubrificati a vita grazie a una speciale resina polimerica impregnata d’olio, lo stabilimento ha riscontrato un incremento della durata del cuscinetto quattro volte superiore rispetto alla soluzione precedente.

U Informazioni

no dei più grandi e noti produttori di pneumatici al mondo subiva la rottura dei cuscinetti impiegati nella macchina per il taglio del nastro di gomma per la produzione degli pneumatici. I supporti tradizionali cedevano frequentemente, a causa delle gravose condizioni operative (spruzzi d’acqua). Nonostante due manutenzioni programmate all’anno, si registravano due manutenzioni straordinarie causate dal cedimento inatteso.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

34

Nell’ambito del consolidato Programma a Valore Aggiunto AIP di NSK, gli ingegneri NSK hanno visitato l’impianto per vedere direttamente l’applicazione prima di analizzare i cuscinetti in uno dei centri tecnologici dell’azienda. E’ stato così confermato che la causa principale di rottura dei cuscinetti era l’ingresso d’acqua dal processo di taglio gomma. Gli ingegneri NSK dopo aver effettuato un’attenta analisi hanno proposto l’utilizzo di inserti in acciaio inossidabile della serie Molded Oil, evitando così problemi dovuti a formazione di corrosione e/o cedimenti dei supporti garantendo una lubrificazione costante anche in forte presenza d’acqua.


N OT I Z I E

I cuscinetti Molded-Oil di NSK sono adatti per applicazioni soggette a frequenti lavaggi.

Nei cuscinetti a sfere con tecnologia Molded-Oil, la penetrazione di acqua e altri inquinanti è impedita da una resina contenente una scorta di lubrificante che viene distribuito in piccole quantità continue sulle piste di rotolamento. Rispetto alle resine utilizzate da produttori di cuscinetti concorrenti, il rapporto di lubrificante presente nei cuscinetti Molded-Oil di NSK è significativamente superiore (spesso oltre il 50% in più), con una conseguente estensione della vita d’esercizio. Le unità Molded-Oil montate che vengono oggi utilizzate presso lo stabilimento di produzione pneumatici sono caratterizzate da una carcassa monoblocco in acciaio inossidabile. Anche gli anelli, le sfere e le piste dei cuscinetti sono in acciaio inossidabile, mentre il rivestimento in resina Molded-Oil assicura un’ulteriore resistenza alla corrosione sia per il supporto che per l’interno dei cuscinetti.

Informazioni

Questa speciale soluzione ha generato un incremento della durata del cuscinetto di quattro volte rispetto la soluzione precedente, riducendo i tempi di manutenzione ed annullando i fermi impianti imprevisti. I cuscinetti sono ora sostituiti una volta all’anno anziché con il ciclo trimestrale. Considerando il tempo di mancata produzione e il costo di sostituzione dei cuscinetti, il risparmio netto annuale derivante dall’uso dei cuscinetti Molded-Oil è stato calcolato in 119.000€ all’anno www.nskeurope.it 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

35


N OT I Z I E

TRE CARRIPONTE E SEI PARANCHI VERLINDE NELLO STABILIMENTO DI MANUTENZIONE DEGLI STAMPI DI INIEZIONE DI PARKER HANNIFIN

L'officina di manutenzione degli stampi.

PARKER HANNIFIN, con un fatturato globale di 11,5 miliardi di euro, è un’azienda leader mondiale nel settore delle tecnologie della movimentazione e del controllo. La società progetta, produce e commercializza una vasta gamma di sistemi e componenti idraulici, pneumatici ed elettromeccanici.

L

o stabilimento bretone di Muzillac, dove lavorano 130 dipendenti, si trova a 25 km da Vannes ed è specializzato nello stampaggio ad iniezione dei prodotti in plastica della divisione FSCE e nell’assemblaggio automatico di raccordi rapidi. Lo stabilimento è certificato ISO 9001, ISO 14001 ed ISO TS. Nell’officina di manutenzione degli stampi di iniezione sono stati installati tre carriponte EUROPONT ognuno dei quali dotato di due paranchi VERLINDE:

Informazioni

L'officina di stampaggio L'officina di stampaggio costituisce il fulcro della produzione dello stabilimenti di Muzillac. Ventidue presse a iniezione marca Engel, Fanuc o Ferromatik, sono servite da un carroponte dotato di un paranco VERLINDE EUROBLOC VT da 3 tonnellate per le operazioni di sostituzione degli stampi. Le presse vengono utilizzate per lo stampaggio di connettori per tubi pneumatici di piccole dimensioni e di raccordi per le reti pneumatiche degli edifici industriali. Per quanto riguarda l’industria automobilistica, cinque presse servono per la produzione di raccordi per i circuiti di distribuzione del carburante installati da Parker Autolive 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

36

nei veicoli di sua produzione. Mickael Le Pon, responsabile produzione del reparto iniezione ha dichiarato: “Effettuiamo dalle 300 alle 350 cambiamenti di serie di pezzi al mese, il che comporta altrettante sostituzioni degli stampi di iniezione. Per consentire all’officina di stampaggio di funzionare a pieno regime, è necessario anzitutto che gli stampi siano in perfetto stato e dal momento che possono essere movimentati solo tramite carroponte, quest’ultimo dev’essere sempre disponibile e perfettamente affidabile”. La manutenzione degli stampi, un fattore determinante della produzione Mickael Le Pon ha affermato: “La nostra è un’attività complessa, ma occorre tenere presente che è imperniata sostanzialmente su due macchinari di base, ovvero le presse a iniezione e gli stampi per le materie plastiche. Per garantire un volume e una qualità di produzione allineata ai nostri obiettivi, dobbiamo assolutamente garantire un controllo e una manutenzione regolare degli stampi, dal momento che si tratta degli elementi che più di ogni altro


N OT I Z I E

I paranchi EUROBLOC VT di VERLINDE installati sui carriponte.

garantiscono i volumi e la qualità di fabbricazione dei nostri prodotti”. Un’officina specializzata nella manutenzione degli stampi L’officina di 500 m² destinata alla manutenzione degli stampi comprende tre postazioni di lavoro quadrate, di 10 m di lato, disposte in sequenza. Dopo un certo numero di cicli di lavoro, lo stampo viene smontato, pulito con gli ultrasuoni e può rendersi necessario l’intervento dell’attrezzista per il rifacimento dei mandrini mediante procedimento di elettroerosione o per la sostituzione di eventuali particolari difettosi.

Gancio di sollevamento con nottolino di sicurezza.

Informazioni

Installazione dei carriponte e dei paranchi VERLINDE MONOBLOC VT Prima dell’installazione dei carriponte EUROPONT, le tre postazioni di lavoro erano servite da un’unica gru a bandiera. Trattandosi di movimentare stampi metallici il cui peso varia dai 50 ai 1500 kg, è necessario procedere con molta cautela, e gli attrezzisti andavano incontro a numerosi tempi morti, nell’attesa che la gru fosse disponibile. È stato pertanto deciso di rendere autonome le singole stazioni, dotandole di un proprio carroponte con due paranchi VERLINDE da 1,6 T di portata utile. I tre carriponte EUROPONT si spostano sulla stessa struttura metallica e per evitare urti accidentali sono stati installati appositi finecorsa.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

37


N OT I Z I E

Le due parti di uno stampa sollevate dai paranchi VERLINDE.

I tre carriponte EUROPONT, dotati ognuno di due paranchi VERLINDE.

Grazie a questa nuova organizzazione che rende autonome le postazioni di lavori, la produttività dell’officina di manutenzione degli stampi è aumentata del 25%. Dato che si tratta di stampi in due parti di grandezza e peso differenti, ogni carroponte è stato dotato di due paranchi VERLINDE EUROBLOC VT per consentire la movimentazione in condizioni di sicurezza. I paranchi VERLINDE EUROBLOC VT scelti sono dotati di motori a due velocità per il sollevamento e di un motore a velocità variabile per lo spostamento trasversale. In questo modo, il carico risulta perfettamente controllato sui due assi di spostamento, senza che si producano oscillazioni. L’alimentazione elettrica a festone è di tipo tradizionale e le pulsantiere sono cablate. Questa soluzione è stata preferita ai telecomandi per motivi di sicurezza, onde evitare possibili confusioni tra le pulsantiere delle tre postazioni di lavoro.

Informazioni

VERLINDE, un partner storico di PARKER HANNIFIN Muzillac Dichiara Mickael Le Pon: “Siamo da moltissimi anni in rapporti di fiducia con la società SERE Maintenance ed è naturale che, per la riorganizzazione della nostra officina di manutenzione degli stampi, ci siamo rivolti ad essa, la quale si è occupata della fornitura dei carriponte e dei paranchi e, assieme, abbiamo proceduto al collaudo delle attrezzature, mentre da parte nostra abbiamo verificato la resistenza della struttura metallica sotto carico. La nostra 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

38

conoscenza delle attrezzature Verlinde ci ha indotti a installare paranchi EUROBLOC VT, la cui affidabilità fa al caso nostro, con un ottimo rapporto qualità-prezzo. A ciò si aggiunga la vicinanza geografica di SERE Maintenance e il servizio di manutenzione preventiva garantito dall’azienda. A medio/lungo termine prevediamo di installare un altro carroponte nell’officina di stampaggio, che sarà a sua volta dotato di un paranco Verlinde”. Sere Maintenance, diretta da Ludovic Mathis, è partner di Verlinde e fa parte della sua rete di aziende di produzione di carriponte EUROPONT da oltre quarant’anni. Ad un organico di quindici persone sono affidate le varie attività della società, vale a dire il sollevamento – che rappresenta l’80% del fatturato – e la protezione catodica dei metalli, soprattutto per le tubazioni idriche, del gas, e pneumatiche di tipo industriale. Viene inoltre offerta tutta una serie di servizi di assistenza, tra cui la manutenzione delle attrezzature di sollevamento e di movimentazione. Per ulteriori informazioni consultare il sito www.verlinde.com


N OT I Z I E

EMERSON ESTENDE IL RANGE DI TEMPERATURA DELL’ELETTROVALVOLA ASCO PER L´USO IN CONDIZIONI ESTREME

L’elettrovalvola Serie 327 di ASCO è stata adattata per utilizzo con temperature fino a -60°C, aumentando considerevolmente le sue possibilità applicative per i nostri clienti nell´industria di processo.

A

datta in precedenza per l´uso fino a -50°C, questa estensione del range di temperatura si traduce in una soluzione affidabile per le condizioni artiche e polari, che stanno diventando ambienti sempre più comuni nel settore Oil & Gas. Questa elettrovalvola certificata ATEX è una soluzione già molto diffusa nell´industria di processo, grazie alle sue elevate prestazioni ed alla robusta costruzione. Completano il quadro le certificazioni CUTR e IECEx.

I clienti beneficeranno delle stesse prestazioni elevate, della lunga durata e delle certificazioni di sicurezza già garantite dalla Serie 327, anche in condizioni artiche/ polari. Il range di temperatura totale della Serie 327 si estende ora da -60˚C a +90˚C.

Questa caratteristica addizionale è stata ottenuta grazie all´inserimento di una guarnizione in Fluorosilicone (FVMQ), che assicura un´eccezionale resistenza alla temperatura. Insieme ad una maggiore forza della molla e ad un consumo di potenza di 5,6/5,7 Watt in c.a./c.c., essa assicura eccellenti proprietà di tenuta e una lunga aspettativa di vita.

Per ulteriori informazioni visitate www.asconumatics. eu/327

La nuova caratteristica è disponibile su una gamma di valvole Serie 327, con una vasta scelta disponibile nel programma di consegna rapida “Express Fast Ship”.

Informazioni 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

39


N OT I Z I E

TYCO LANCIA IL NUOVO MARCHIO RILEVAZIONE DI GAS E INCENDI

Cinque aziende globali riunite in un unico marchio forniscono soluzioni complete per la rilevazione di gas e incendi.

T

Informazioni

yco International (“Tyco” NYSE: TYC) annuncia oggi la formazione di Tyco Gas & Flame Detection, un nuovo brand operativo della divisione Life Safety Products di Tyco. Con questo nuovo marchio, Tyco intende porsi quale fornitore di un ventaglio di soluzioni globali per tutti gli agenti con esigenze di rilevazione di gas e incendi. Il lancio di Tyco Gas & Flame Detection rappresenta l'apice delle attività d'integrazione sviluppatesi dall'acquisizione di Industrial Safety Technologies (IST) da parte di Tyco nel mese di febbraio 2015. L'unione delle aziende IST: Detcon, Oldham, Gas Measurement Instruments (GMI) e Simtronics, unitamente al portafoglio di rivelatori di fiamme Scott Safety, collocano Tyco Gas & Flame Detection tra i maggiori produttori globali di prodotti innovativi per la rilevazione di incendi e gas in grado di garantire alla clientela una gamma completa di soluzioni e servizi. “Come Tyco Gas & Flame Detection, possiamo oggi condividere le best practice e le migliori idee tra tutte le aziende del gruppo per offrire un portafoglio prodotti completo con la tecnologia e il livello di assistenza più avanzati del settore”, dichiara Andrew Chrostowski, Presidente di Life Safety Products, Tyco. “In quanto appartenenti alla rete globale di Tyco per le soluzioni antincendio e di sicurezza, siamo in una posizione unica per offrire soluzioni innovative alla clientela”. 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

40

Oltre a fornire alla clientela una gamma completa di soluzioni innovative per la rilevazione della presenza di gas e di incendi, Tyco Gas & Flame Detection offre una delle reti di assistenza e supporto più complete del mondo, avvalendosi del modello globale d'installazione e servizio del marchio Tyco, sempre affiancato da una solida rete di centri di assistenza autorizzati. “La nostra missione è collocarsi quale leader globale del settore della tecnologia fornendo soluzioni affidabili e innovative di rilevanza internazionale per la rilevazione di gas e incendi, che possano assicurare la protezione delle persone, dei beni e dell'ambiente”, dichiara Sean Magee, Tyco Gas & Flame Detection. La divisione Life Safety Products di Tyco pone in primo piano la protezione di ciò che considera più importante. Per il futuro, si propone sul mercato con due marchi principali: Tyco Gas & Flame Detection e Scott Safety. Scott Safety resterà il marchio principale per i prodotti per la protezione individuale, grazie alla produzione di sistemi leader nel mondo per DPI, protezione respiratoria e registrazione termica di immagini, soluzioni progettate per il primo soccorso, i lavoratori dell'industria e il personale militare nel mondo. www.tycoGFD.com


N OT I Z I E

NUOVI MORSETTI PASSAPARETE SERIE SDK PER SEZIONI DI 10 MM² E 16 MM²(UL 600 V) PER UNA CORRENTE NOMINALE MASSIMA DI 76 A.

I morsetti passaparete serie SDK di CONTA-CLIP

CONTA-CLIP ha ampliato la propria gamma di morsetti passaparete SDK con le serie SDK 10 e SDK 16 per sezioni nominali da 10 mm² e 16 mm². La caratteristica di modularità della serie SDK rende questi morsetti adatti ad una molteplicità di applicazioni nell'ambito delle apparecchiature elettriche scatolate. Combinando opportunamente i componenti del sistema, è possibile ottenere soluzioni di collegamenti con tensioni fino a 1000 V (UL 600 V) e correnti nominali massime di 76 A.

L

'utilizzo di pareti di separazione , piastre distanziatrici fornibili a richiesta consente il raggiungimento della massima tensione di isolamento e il grado di lordura 3 con sezioni dei cavi utilizzati da 0,2 mm² a 25 mm². I morsetti passaparete sono caratterizzati da due parti e per spessori della parete da 1 a 6 mm, prevedono un sistema di connessione a vite o combinato a vite/a saldatura risultando adatti anche ad applicazioni in dispositivi incapsulati, che assicurano la massima tenuta in ogni circostanza.

Tutte le versioni includono un supporto di siglatura per cartellini tipo PMC SB e PMC BSTR. Gli altri accessori previsti comprendono piastre flangiate esterne per ottenere una migliore stabilità meccanica del blocco morsetti, piastre distanziatrici per aumentare la tensione di isolamento fra i singoli morsetti e piastre adattatrici esterne per aumentare la tensione di isolamento fra i morsetti e la custodia. La serie completa è disponibile a richiesta anche con colori customizzati. www.conta-clip.it

Informazioni

A completamento del sistema di connessione a vite/ saldatura, CONTA-CLIP offre delle placche che impediscono la perdita della resina epossidica attraverso i fori di montaggio durante la fase di riempimento della resina . I morsetti passaparete possono essere accoppiati tra di loro grazie alla presenza di un piolo che consente di formare unità multipolari. Apposite viti permettono di fissare saldamente i morsetti esterni alla parete dell'involucro.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

41


N OT I Z I E

ADVANTECH LANCIA UNO SWITCH MANAGED CHE SUPPORTA LA TECNOLOGIA IXM

L'Industrial Connectivity Group (ICG) di Advantech è lieto di annunciare il primo switch che supporta la tecnologia IXM. La IXM offre agli ingegneri la possibilità di assegnare un range fisso di indirizzi IP a più dispositivi contemporaneamente, offrendo inoltre loro la capacità di copiare simultaneamente la stessa configurazione su più switch.

D

opo la configurazione del ‘master’, è possibile avviare la IXM e, in pochi secondi, tutti gli altri switch compatibili con la IXM verranno popolati con le stesse impostazioni. Questa funzione permette di risparmiare fino al 90% del tempo di configurazione non solo velocizzando la configurazione stessa, ma anche assicurando l'assenza di errori.

Informazioni

IXM offre agli ingegneri la possibilità di assegnare un range fisso di indirizzi IP a più dispositivi contemporaneamente, offrendo inoltre loro la capacità di copiare simultaneamente la stessa configurazione su più switch. Dopo la configurazione del ´master´, è possibile avviare IXM e, in pochi secondi, tutti gli altri switch compatibili con IXM verranno popolati con le stesse impostazioni. Questa funzione permette di risparmiare fino al 90% del tempo di configurazione non solo velocizzando la configurazione stessa, ma anche assicurando l'assenza di errori. IXM permette un’implementazione più veloce della rete.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

42

Le tendenze più recenti nei moderni ambienti industriali sono la rapida implementazione e la flessibilità delle topologie di rete. L'upgrade del firmware e l'impostazione della configurazione di un elevato numero di dispositivi sono operazioni impegnative per i professionisti IT e i System Integrator. Come leader globale delle tecnologie di rete industriali, Advantech è lieta di presentare la primissima serie al mondo di Switch Ethernet Managed per rendere più efficienti l'implementazione e la configurazione delle reti. La tecnologia IXM dell'EKI-7710 è la soluzione per la veloce implementazione e configurazione delle reti. La tecnologia IXM per gli switch della serie EKI-7710 offre una funzione di cross management e implementazione veloce che permette agli switch di eseguire l'upgrade del loro firmware e ripristinare la configurazione in modo più efficiente. Per consentire un'implementazione più rapida delle reti, la tecnologia IXM supporta sia upgrade di massa del firmware, sia il ripristino flessibile della configurazione tramite una GUI web. L'EKI-7710 è dotato di una funzione jumbo frame che supporta pacchetti con un massimo di


N OT I Z I E

9216 byte. Il vantaggio del jumbo frame è che possono trasportare più dati in un pacchetto. Ciò li rende ideali per la videosorveglianza. Gli Switch Ethernet Gestiti EKI-7710 utilizzano componenti di altissima qualità per essere in grado di funzionare in un ampio range di temperature operative da -40 a 75°C e sono dotati di protezione EMS Livello 3 contro le interferenze elettromagnetiche. Funzioni chiave: 1. IXM esegue un'assegnazione automatica degli IP, l´upgrade di massa del firmware e il ripristino flessibile dei file di configurazione. 2. Comunicazione con NMS (Networking Management System) tramite SNMP. 3. Il modello PoE (Power over Ethernet) supporta lo standard IEEE802.3at con due ingressi di potenza di 24~48Vc.c. e un relè P-Fail. 4. S upporta la tecnologia X-ring e X-ring Pro Advantech 5. S upporta IPv4 e IPv6 Informazioni

Per ulteriori informazioni sulla serie EKI-7710 e sulla tecnologia IXM visitate il nostro sito web: http://www. advantech.it/factory-automation/technology%20 highlight/513a0483-79bd-4d70-88ee-a7d2221c29d5/ e guardate questo interessante video: https://youtu.be/ KEL0Aqf1tsk 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

43


N OT I Z I E

NUOVO RIVELATORE DI GAS: OLDHAM LANCIA LA SERIE 700/710

È con grande piacere che Oldham annuncia il lancio dei rivelatori di gas OLCT 700 e OLCT 710. La serie 700/710 si compone di 3 differenti modelli: -FP, TP o IR- per la rilevazione di gas infiammabili, H2S o CO2.

O

LCT 700 è utilizzabile in combinazione con un scatola di derivazione approvata a sicurezza aumentata, non in dotazione. OLCT 710 è pronto all'uso e si compone di un OLCT 700 collegato a una scatola di derivazione contenente i terminali ed un modulo di protezione da sovratensioni (scaricatore) opzionale.

Informazioni

La serie OLCT 700/710 è appositamente disegnata per impieghi gravosi ed ambienti estremi. Garantisce un funzionamento affidabile in ogni circostanza nell'intervallo compreso tra -40 °C e +75 °C. Questo nuovo e superiore livello di durabilità ambientale nella progettazione dei sensori comprende un alloggiamento elettrolucidato in acciaio inossidabile 316 ed elettronica incapsulata al 100% per una completa protezione e immunità dall'ingresso di acqua e dalla corrosione.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

44

I sensori plug-in, sostituibili in situ, possono essere agevolmente sostituiti presso la postazione di rilevamento. L'interfaccia operatore, non-intrusiva, si avvale di un piccolo magnete palmare e il software incorporato è estremamente intuitivo. Certificati SIL 2 conformi allo standard funzionale IEC 61508:2010, gli strumenti OLCT 700/710 sono certificati anche a norma ATEX 2G per l'uso nelle zone ATEX 1 e 2. Se il modello TP utilizza un sensore catalitico resistente ai veleni per la rilevazione dei gas combustibili, il modello IR comprende un sensore agli infrarossi per il monitoraggio dei gas combustibili o della CO2. Il modello TP è munito di un sensore a semiconduttori metallo-ossidi (MOS) a stato solido, proprietario e risulta ottimale per la rilevazione dell'H2S in applicazioni gravose, ove il rilevatore sia esposto a concentrazioni/temperature molto elevate e a condizioni di umidità da molto bassa/ elevata. Viene comunemente impiegato nelle seguenti applicazioni: • n egli impianti di trattamento delle acque reflue (trattamento primario, trattamento biologico, ecc.),


N OT I Z I E

• n el settore petrolifero e del gas (piattaforme di produzione, impianti di trivellazione, raffinerie, ecc.), • quando la temperatura supera la temperatura operativa superiore di 40-50 °C. La serie 700/710 è compatibile con tutti i controller Oldham MX e via ModBus con l'MX 40 che è in grado di collegare fino a 32 rivelatori. L'MX 40 ha una scheda di memoria SD da 2 Gb e registra tutti i dati (misurazioni, allarmi, guasti) in formato CSV. I dati si possono leggere direttamente sull'unità o digitalmente sul File Log Viewer, il software proprietario scaricabile gratuitamente dal nostro sito web. Si può accedere da remoto all'MX 40 via Ethernet o GSM. La pagina web che visualizza in tempo reale le misurazioni e gli stati dei canali è accessibile da qualsiasi computer o telefono wireless collegato a Internet. Questa opzione consente inoltre di ricevere SMS o messaggi e-mail in caso di allarme. Informazioni

Per ulteriori informazioni, si prega di visitare le pagine OLCT 700 / 710 el nostro sito web www.oldhamgas.com

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

45


N OT I Z I E

UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLA TEMPERATURA ‘CHIAVI IN MANO’ PER LA PRODUZIONE DI PANNELLI DI CARTONGESSO

La tecnologia di misura della temperatura senza contatto di Fluke Process Instruments aiuta a ottimizzare le regolazioni di essiccazione dei pannelli di cartongesso e ad aumentarne la resa.

Assicurazione della qualità senza contatto e tracciabilità al 100%.

F

luke Process Instruments introduce una innovativa soluzione ‘chiavi in mano’ per il monitoraggio della temperatura in tempo reale e la documentazione dei processi di produzione sui pannelli di cartongesso. Il modello TIP900 è un efficiente strumento di controllo della qualità progettato per aiutare i produttori a regolare rapidamente la loro linea aumentandone la resa. Il sistema di misura della temperatura a infrarossi crea immagini termiche ad elevato dettaglio dei pannelli quando fuoriescono dall’essiccatore.

Informazioni

Analizzandole, il software del sistema rileva le variazioni di umidità e densità ed identifica gli eventuali difetti, come grumi o cavità all’ interno del gesso, bolle nella carta, bruciature sui bordi o pannelli sovrapposti. Le immagini termiche e gli eventuali difetti sono visualizzati istantaneamente su un monitor, permettendo all’operatore di linea di regolare l’essiccatore in modo da ottenere la massima qualità dei pannelli.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

46

Le tolleranze di scarto, le impostazioni di allarme e la generazione di rapporti sono configurabili direttamente dall’utente. Il sistema, con elevato livello di protezione TIP900 dotato di interfaccia Ethernet, permette l’accesso remoto a tutte le immagini termiche e ai grafici di tutti i pannelli prodotti. Il database LogViewer memorizza automaticamente tutti i dati registrati e può essere elaborato con filtri personalizzati, permettendo analisi di tendenza e la tracciabilità a lungo termine. Per ulteriori informazioni, visitate www.flukeprocessinstruments.com


N OT I Z I E

NUOVO SISTEMA DI TRONCATURA SECO CON ADDUZIONE DIRETTA DEL REFRIGERANTE

Per una produttività, una durata ed una qualità dei componenti prodotti maggiori, il nuovo sistema Seco 150.10-JETI ottimizza il processo di rimozione del calore nelle applicazioni di troncatura ad alta velocità.

l

sistema di troncatura comprende lame in acciaio rapido, tecnologia Jetstream Tooling® e blocchi portalama con adduzione refrigerante. Insieme, questi elementi offrono al refrigerante ad alta pressione un canale dritto verso il tagliente e forniscono un mezzo ottimizzato per la penetrazione efficace nella zona di attrito tra il tagliente ed il pezzo in lavorazione. I produttori possono quindi avvalersi dei benefici offerti dalla rimozione rapida del calore, dalla corretta evacuazione dei trucioli e dalla finitura di livello superiore delle superfici dei componenti prodotti. Inoltre, il sistema 150.10-JETI è in grado di muoversi liberamente anche in spazi ristretti e di lavorare in prossimità del mandrino grazie alla sua struttura compatta, senza tubi esterni né connessioni. L'eliminazione di questi componenti consente inoltre agli utenti di risparmiare sui costi dei ricambi e di ridurre le scorte.

Disponibili nelle dimensioni 15 mm, 20 mm e 25 mm, le lame in acciaio rapido garantiscono elevata stabilità agli inserti. Le lame consentono il montaggio di inserti con larghezza da 2 mm a 6 mm e sono compatibili con un'ampia gamma di blocchi portalama presenti sul mercato. I blocchi Seco a sezione quadra sono disponibili in mm ed in pollici, con altezze e larghezze comprese tra 10x10 e 32x32. Per ulteriori informazioni sul sistema di troncatura 150.10JETI, contattate il funzionario Seco di zona oppure visitate www.secotools.com/150_10 www.secotools.com/it

Informazioni 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

47


N OT I Z I E

LA COLLA NON PUÒ NASCONDERSI AL LASER BLU

Nell’applicazione di un cordolo di silicone su parti motore erano richiesti la massima precisione di posizione e dimensioni e il controllo automatico dell’esecuzione.

R

iuscire a dosare e a distribuire un cordone di silicone su parti motore destinate al settore automobilistico con un obiettivo ambizioso: ottenere una precisione e una capacità di controllo del processo le più elevate possibili. L’obiettivo è stato raggiunto da F.T. Famat, integratore di sistemi di San Benigno Canavese, in provincia di Torino, che progetta e costruisce sistemi di automazione speciale per numerosi settori industriali. Una richiesta a cui l’integratore piemontese ha risposto con la realizzazione di due celle di lavoro, entrambe allestite con robot antropomorfi e profilometri a laser blu.

Informazioni

“Il cliente, una grande Casa automobilistica italiana, aveva la necessità di eseguire un’applicazione di sigillatura su parti motore che garantisse il massimo della precisione e del controllo operativo”, afferma Flavio Vazzoler, fondatore e titolare di F.T. Famat. “Per questo abbiamo progettato e costruito un sistema automatizzato che prevede l’impiego di una tecnologia di distribuzione molto complessa e particolare”.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

48

L’impianto è costituito da due celle, dove due robot operano sui componenti in lavorazione con l’ausilio di due profilometri 2D Keyence a laser blu, che permettono di ottenere un ciclo di lavoro estremamente efficiente, rapido e preciso. Per venire incontro alle particolari esigenze del cliente, F.T. Famat ha installato due celle gemelle all’interno di una linea pallet, in cui arriva, dopo le varie fasi di lavorazione, la parte motore da processare. Dopo essere stata progettata insieme al cliente, costruita e collaudata presso F.T. Famat, la macchina è stata consegnata al cliente, dove funziona per 3 turni lavorativi al giorno, 365 giorni all’anno, sostituendo un precedente sistema di visione. Un pezzo ogni 15 secondi “Su ogni particolare, il robot rileva con un sensore laser montato sul polso le specifiche tecniche del pezzo e, in base alle quote di quattro punti di misura, esegue i movimenti necessari per erogare la giusta dose di silicone sulla parte motore in lavorazione, nella distanza calcolata rispetto al profilo del particolare”, spiega il sig. Vazzoler.


N OT I Z I E

Per dosare e a distribuire un cordone di silicone su parti motore, F.T. Famat ha realizzato due celle di lavoro, entrambe allestite con robot antropomorfi e profilometri a laser blu LJ-V7000 Keyence.

Su ogni particolare, il robot rileva con un sensore laser montato sul polso le specifiche tecniche del pezzo e, in base alle quote di quattro punti di misura, esegue i movimenti necessari.

Il sistema Keyence ha permesso di ottenere il posizionamento in continuo e di controllare le tre dimensioni del cordolo in tempo reale.

Informazioni 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

49


N OT I Z I E teorico, l’altezza, la continuità e la larghezza. Nel caso di errori il pezzo viene scartato. “Il sistema Keyence ci ha permesso di ottenere il posizionamento in continuo e di controllare le tre dimensioni del cordolo in tempo reale”, afferma il sig. Vazzoler. “In precedenza avevamo già utilizzato alcuni modelli di telecamere Keyence e l’ottimo rapporto instaurato con la nostra azienda ha favorito la decisione di adottare ancora un prodotto dello stesso fornitore”. Celle robotizzate versatili e veloci Le celle di lavoro sono state integrate con robot antropomorfi a 6 assi a medio carico di un’importante azienda italiana.

Grazie a un secondo profilometro con cui è stato attrezzato, a fine ciclo il robot esegue un ulteriore controllo dimensionale di larghezza e altezza del cordolo, continuità e posizione. Il processo completo di sigillatura di una parte motore richiede solo 15 secondi. L’impianto è completamente automatizzato, ovvero è in grado di operare senza il supporto di nessun addetto macchina, lavorando 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno. “Per questa applicazione abbiamo deciso di utilizzare i sistemi di misura ad alta precisione e sistemi di visione/ ispezione Keyence, di cui conoscevamo le caratteristiche di prestazioni e affidabilità”, sottolinea il sig. Vazzoler. “In particolare, abbiamo adottato il profilometro laser blu Keyence ad altissima velocità LJ-V7000”.

Informazioni

Il sistema Keyence esegue una prima acquisizione per una guidare il robot. In questa fase vengono identificati 4 punti di misura del pezzo per determinare il percorso del robot. Il percorso programmato può infatti essere modificato in base ai 4 punti ricavati, perché non esistono due pezzi perfettamente uguali ed esattamente nella stessa posizione. Il percorso può quindi essere allargato, stretto o ruotato nel caso in cui il pezzo sia posizionato in obliquo. Il robot inizia quindi a distribuire il silicone seguendo il percorso adattato al singolo pezzo. Dopo l’erogazione del silicone, ne vengono misurate la distanza dal profilo 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

50

“Per poter effettuare le operazioni richieste era necessario scegliere un robot con una capacità di carico mediamente elevata ma con uno sbraccio importante”, spiega il sig. Vazzoler. “In particolare, il robot deve eseguire tre diversi percorsi operativi, ovvero il controllo di posizione del cordolo sul pezzo, l’erogazione del silicone e il controllo dimensionale finale della posizione di erogazione e dell’erogazione eseguita. Per poter effettuare con facilità ciascuno di tali spostamenti, il robot è disposto in una grande area di lavoro, e per questo motivo il suo raggio d’azione deve essere notevole. Il robot esegue inoltre ogni operazione richiesta dall’intero ciclo di lavoro in modo molto rapido e preciso. “Servire il settore automobilistico significa accettare la sfida di una continua ricerca ed evoluzione tecnologica, ma soprattutto significa lavorare con un impegno costante, grande accuratezza, attenzione, rigore e precisione, anche nella scelta dei propri fornitori di tecnologia”, sottolinea il sig. Vazzoler. “Le richieste dei clienti finali sono sempre più condizionanti, soprattutto per quanto riguarda performance ed estetica, ecco perché per F.T. Famat la ricerca in ambito industriale spazia ormai da 25 anni nei campi più disparati”. In particolare, le ricerche tecnologiche nel settore automotive variano dall’aerodinamica alla dinamica dei fluidi, dall’ingegneria meccanica a quella elettrica, dei materiali e civile. Automazione speciale per produrre efficienza F.T. Famat offre dal 1988 impianti ‘chiavi in mano’ completi, adatti per rispondere a qualunque esigenza di lavoro. Grazie alla presenza di un ufficio tecnico interno, che dispone di sofisticate stazioni CAD, può realizzare autonomamente qualunque attività di progettazione meccanica, elettrica, pneumatica e software, per offrire ai clienti un prodotto completo, efficiente e ad alte prestazioni. Attraverso investimenti costanti in ricerca e sviluppo, l’azienda piemontese fornisce centri di lavoro manuali, automatici e semi-automatici destinate alle più svariate applicazioni, tra cui marcatura, incollaggio, assemblaggio, sigillatura, rivettatura, avvitatura, per i settori automotive, elettronico ed elettrico, elettrodomestico, edilizia, alimentare e per la lavorazione della plastica e dei metalli. È partner ufficiale – unico in Italia – della tecnologia brevettata Foam-Ply Penguin Foam, un sistema di erogazione di schiuma poliuretanica monocomponente a celle chiuse con proprietà fonoassorbenti, antivibranti e impermeabili. Una delle caratteristiche principali di F.T. Famat è la sua autonomia nella costruzione degli impianti, che vengono realizzati internamente in tutte le loro parti. www.keyence.it/LJV


N OT I Z I E

NUOVO SENSORE DI OSSIGENO CON 5 ANNI DI VITA UTILE

Oldham presenta un nuovo sensore di ossigeno a lunga durata per OLCT 10N.

I

l rilevatore digitale OLCT 10N è uno strumento progettato per l'impiego industriale o commerciale in aree classificate come Zone 2 o 22 ATEX oppure in ambienti non pericolosi . Il nuovo dispositivo è privo di piombo ed è caratterizzato da una vita utile di cinque anni. Viene fornito con garanzia di quattro anni e completa la nostra attuale gamma di sensori O2 con 2 anni di vita utile. Usato insieme al controllore MX43 , il rilevatore OLCT 10N semplifica l'installazione elettrica grazie all'impiego di una rete fieldbus (bus di campo) che permette di collegare fino a 30 rilevatori sulla stessa linea!

Informazioni

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare le pagine relative a OLCT 10N nel nostro sito web www.oldhamgas.com

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

51


N OT I Z I E

NUOVI COLLETTORI DI CORRENTE OFFRONO PRESTAZIONI OTTIMALI E UNA MAGGIORE VITA DI SERVIZIO

Morgan Advanced Materials ha sviluppato una nuova banda metallizzata di captazione della corrente più leggera, basata su una tecnologia dei materiali proprietaria, che è destinata a portare un’ampia gamma di benefici al settore ferroviario.

L

’incorporazione del nuovo materiale del settore Electrical Carbon di Morgan ha permesso di aumentare del 40 percento la larghezza della banda di captazione, da 30mm a 42mm. Ciò assicura una tipica estensione del 35 percento della vita di servizio del prodotto e una maggiore affidabilità, con un incremento del peso trascurabile. La banda di captazione è altresì dotata di un sistema di protezione dall’arco, con un rivestimento tecnico applicato al metallo, che ha l’effetto di attirare ogni arco verso la banda di carbonio – un attributo chiave, specialmente nelle condizioni di umidità e freddo intenso che possono creare una barriera al trasferimento della potenza e tradursi in un surriscaldamento localizzato della portante di supporto metallica.

Informazioni

Il sistema di protezione dall’arco rende massima la vita della banda di captazione, riduce i costi di manutenzione e di esercizio per le compagnie ferroviarie e offre maggiori prestazioni di servizio ai passeggeri, poiché le bande di captazione richiedono delle sostituzioni meno frequenti, riducendo nettamente i tempi di fermo. 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

52

Le nuove bande di captazione sono basate sul metodo unico e provato di Morgan per il trasferimento di correnti elevate per fornire un percorso di corrente a bassa resistenza nei collettori saldati, che si traduce in una soluzione innovativa e leggera per applicazioni di captazione della corrente sospese. Offrendo un basso attrito per una lunga vita dei fili sospesi, le bande di captazione della corrente in carbonio e carbonio metallizzato di Morgan assicurano elevate prestazioni sia nelle applicazioni a pantografo che in quelle a terza rotaia. La gamma completa dell’azienda include collettori adatti per linee a sospensione, linee a terza rotaia e pattini di presa filoviari nei sistemi metropolitani, treni ad alta velocità, tram e filovie. Per ulteriori informazioni visitare: www.morganelectricalmaterials.com/currentcollector


N OT I Z I E

I RILEVATORI DI GAS GD10P/PE DI SIMTRONICS SONO ORA CERTIFICATI SIL2

I rilevatori serie GD10P sono trasmettitori di rilevamento gas combustibili, sul punto di utilizzo, a infrarossi, analogici 4-20 mA, che offrono una lunga durata e richiedono pochissima manutenzione.

Simtronics è lieta di annunciare che i suoi rilevatori di gas a infrarossi GD10P e GD10PE sono ora certificati come conformi alle normative SIL 2 e SIL 3.

I

l rilevatore GD10P di Simtronics è il punto di riferimento nel campo del rilevamento dei gas combustibili negli impianti offshore. Ha definito lo standard per i rilevatori di gas in materia di sicurezza, stabilità e bassa manutenzione. Il rilevatore di gas GD10P viene fornito con una garanzia di 5 anni sul trasmettitore completo e una garanzia di 15 anni sulla sorgente IR. Il rilevatore di gas GD10P è stato progettato con caratteristiche che forniscono una risposta efficace al rilevamento di rischi legati alla presenza di gas in innumerevoli ambienti industriali, dalle sale caldaie agli impianti petrolchimici offshore.

Il rilevatore viene fornito con certificazioni per le prestazioni e le aree pericolose valide in tutto il mondo. Un'interfaccia HART® standard di settore viene utilizzata per la configurazione del rapido tempo di risposta ottico e di speciali livelli di guasto, così come dell'accesso ad ampi dati di manutenzione. Tutte queste caratteristiche sono ora coperte dalla certificazione SIL (Safety Integrity Level) 2 rilasciata da TÜV Rheinland per un singolo trasmettitore e dalla certificazione SIL 3 per le installazioni con trasmettitori ridondanti.

Informazioni

Questi rilevatori di gas a infrarossi si distinguono da tutti gli altri modelli perché utilizzano sorgenti di infrarossi a stato solido in silicio. L’intera costruzione e struttura optomeccanica è così stabile da poter combinare una velocità di risposta ultra rapida inferiore ai 2 secondi e una durata utile e una stabilità del rilevatore che non hanno pari, consentendo di risparmiare sui costi di manutenzione e riparazione.

Offriamo la garanzia più lunga sul mercato per l‘insieme di rilevatore e sorgente. Per le applicazioni retrofit, è disponibile un’interfaccia adattatore che consente al rilevatore di collegarsi direttamente ai sistemi catalitici mediante i cavi e i moduli di controllo già presenti.

Per ulteriori informazioni, consultare le pagine relative al GD10 sul nostro sito web www.simtronics.eu 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

53


N OT I Z I E

45 ANNI DI ECCELLENZA IN CAMPO NAVALE, IN OGNI CONDIZIONE

Le coperture Navim Skydome rappresentano un valore aggiunto eccezionale, permettendo il pieno impiego della nave in qualsiasi stagione.

Navalimpianti è una società specializzata nella progettazione e costruzione di impianti per navi passeggeri e mercantili, militari, offshore e megayacht. I motoriduttori NORD contribuiscono ad assicurare prestazioni e affidabilità sui mari di tutto il mondo.

N

Informazioni

ell’immaginario collettivo, la grande nave da crociera o il transatlantico evocano un mondo dorato fatto di passeggeri in relax accanto a una piscina, camerieri che si affrettano, ottoni luccicanti, ristoranti a lume di candela, serate danzanti. Intanto, il grande vascello prosegue la sua navigazione, incurante della stagione, della latitudine e delle condizioni meteorologiche. Questo abbinamento fra il comfort dei passeggeri e la capacità di attraversare mari e oceani senza mai fermarsi richiede l’uso di componenti solidi e affidabili. Componenti che, lavorando ininterrottamente, permettono agli ospiti della nave di godere una vacanza senza problemi nel Mare dei Caraibi o lungo i fiordi della Norvegia, lasciando in loro il ricordo di un’esperienza meravigliosa.

07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

54

Ed è su anche queste basi che da 45 anni poggia il successo di Navalimpianti, che ha scelto i motoriduttori NORD proprio per le loro caratteristiche di qualità e affidabilità. Costituito nel 1971, il gruppo Navalimpianti ha sede a Ceranesi nell’entroterra di Genova e comprende due filiali principali – una a Genova porto e una a Monfalcone (nei pressi di Trieste), oltre a varie società controllate: Tecnimpianti, con sede a Termini Imerese (Palermo) specializzata soprattutto nella produzione di gru imbarcazioni; Navalimpianti Usa, costituita nel 1993 a Miami, dedita soprattutto all’after-sale service; e Navalimpianti Pula, avviata nel 1996 in Croazia, centro di progettazione specializzato nel design e nella modellazione 3D. Nel 2004 è stato attivato Navalimpianti China, un ufficio di rappresentanza a Shangai dedito ad attività commerciali e di supporto tecnico a cantieri ed armatori dell’area asiatica. Nel 2007 è stata avviata Tecnimpianti Antwerp in Belgio, prevalentemente dedita al service, nata per soddisfare le esigenze di clienti aventi importanti attività nell’area. Navalimpianti Emirates e Navalimpianti Singapore sono state invece costituite allo scopo di monitorare l’andamento del mercato e seguire più da vicino alcune commesse in essere. Ultima nata del gruppo è Navalimpianti Norge, nuova divisione del gruppo specializzata nell’offshore.


N OT I Z I E

La parte strutturale della copertura Skydome è composta da pannelli scorrevoli, al cui esterno sono applicati speciali lastre di vetro e componenti anticondensa.

La parte strutturale della copertura Skydome è composta da pannelli scorrevoli, al cui esterno sono applicati speciali lastre di vetro e componenti anticondensa.

“Il nostro core business è costituito dalla progettazione, costruzione, fornitura e montaggio di gru imbarcazioni di salvataggio, sistemi di movimentazione di carico per navi da crociera, rampe di accesso per autoveicoli e mezzi pesanti destinati a traghetti e RoRo, coperture scorrevoli per piscina delle navi da crociera denominate Navim Skydome e sistemi di bordo per il controllo remoto delle valvole”, afferma la dottoressa Veronica Dall'Osso, Marketing & Communication Manager di Navalimpianti. Nel 2007 il gruppo ha allargato la sua attività anche agli impianti luce ed elettrici ed è pertanto oggi in grado di offrire una serie di prodotti all’avanguardia specialmente riferiti al settore cruise e yacht, tra cui il sistema per il controllo delle luci, effetti e giochi di luce, e in particolare qualsiasi tipologia di local entertainment system che si desideri montare a bordo.

Soluzioni a prova di ambiente marino Mentre solca i mari del mondo, una nave può incontrare molte condizioni meteorologiche differenti, dal gelo dell’Alaska alle nebbie caraibiche. Navalimpianti può risolvere questi problemi di acclimatamento del ponte esterno con le coperture Skydome, azionate da motoriduttori NORD. Le coperture Navim Skydome rappresentano un valore aggiunto eccezionale, permettendo il pieno impiego della nave in qualsiasi stagione. Inoltre, costituiscono un’importante firma architettonica della nave da crociera, realizzata su misura per ogni nave utilizzando la progettazione strutturale e la tecnologia più avanzate. Informazioni

Capacità di diversificare il prodotto e di adattarsi con tempestività alle mutevoli esigenze del mercato anticipandone le richieste hanno reso Navalimpianti un gruppo unico nella progettazione di impianti e attrezzature, presente in modo trasversale ed efficace in tutti i segmenti del settore navale. A supportare l’attività del Gruppo è operativa una fitta rete di service station (in Italia, Belgio, Brasile, Canada, Giappone, Grecia, Emirati Arabi, Estonia, Francia, India, Nigeria, Spagna, Turchia e USA) in grado di intervenire tempestivamente ovunque nel mondo.

Oggi, con 250 dipendenti, 3 unità di produzione, 8 filiali nel mondo e molte service station autorizzate, Navalimpianti Tecnimpianti può vantare uno storico di impianti e interventi su oltre 150 navi da crociera, 200 traghetti e navi RoRo, 25 unità offshore, 40 navi militari, 270 unità cargo, 15 megayacht e innumerevoli progetti speciali realizzati ad hoc su richiesta degli armatori.

La parte strutturale della copertura Skydome è composta da pannelli scorrevoli, al cui esterno sono applicati speciali lastre di vetro e componenti anticondensa. Anche le macchine per il lavaggio delle finestre sulle navi, a loro volta azionate da motoriduttori NORD, si basano 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

55


N OT I Z I E

La copertura Skydome è azionata mediante motoriduttori NORD.

Anche le macchine per il lavaggio delle finestre costruite da Navalimpianti sono azionate da motoriduttori.

sull’esperienza di Navalimpianti nella fabbricazione di apparecchiature che devono sopportare l’ambiente marino per lunghi periodi, sul ponte esterno o in aree non protette. La combinazione dei materiali utilizzati assicura il funzionamento regolare e riduce al minimo la manutenzione richiesta. La cesta è una costruzione saldata con guide di sicurezza e pavimento antisdrucciolevole per garantire la protezione degli operatori. Il suo parcheggio avviene in una posizione opportuna e, per il passaggio nel Canale di Panama, l’unità completa può essere facilmente rimossa. Navalimpianti Tecnimpianti utilizza da tempo i motoriduttori NORD, di cui apprezza soprattutto l’elevata affidabilità, sia nelle coperture scorrevoli Navim Skydome, sia nelle macchine per il lavaggio delle finestre.

Informazioni

“Siamo venuti a conoscenza delle soluzioni NORD attraverso un funzionario commerciale di zona”, afferma Silvano Lonzar, Progettista delle coperture scorrevoli Navalimpianti. “Abbiamo quindi deciso di sottoporre i motoriduttori NORD a un processo di selezione verificando la qualità e affidabilità del prodotto e il supporto tecnico. Elementi fondamentali del nostro processo decisionale sono stati anche la possibilità di reperire lo stesso materiale in ogni parte del mondo e l’impatto economico. I motoriduttori NORD hanno superato a pieni voti la selezione”. 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

56

Oggi, Navalimpianti utilizza motoriduttori NORD ad assi paralleli, ad assi ortogonali e a vite senza fine. In particolare, i motoriduttori ad assi paralleli movimentano le coperture delle piscine, costituite da grandi pannelli mobili che traslano sul ponte della nave. I motoriduttori ad assi ortogonali e a vite senza fine vengono invece impiegati normalmente sulle macchine lavavetri. I motoriduttori che manovrano le coperture delle piscine, messi in ambiente marino, in luoghi difficilmente accessibili, in presenza di acqua di mare e cloro, devono funzionare senza problemi per anni. Anche i prodotti applicati sulle lavavetri, installati all’esterno della nave ed esposti alle intemperie e alla salsedine, non devono dare problemi. Grazie alla rigorosa protezione IP66 dei motori autofrenanti e non, a morsettiere sigillate (resinate), a scaldiglie anticondensa, all’albero cavo in uscita in acciaio inox e ad un particolare ciclo di verniciatura (F 3.3) , i motoriduttori NORD possono essere utilizzati in entrambe le applicazioni. Tipicamente, in un’applicazione di copertura piscine ci sono 2 o 4 motoriduttori, in funzione della tipologia dell’impianto. In una macchina lavavetri, invece, ci sono sempre due motoriduttori per la traslazione, a cui si aggiungono uno o due motoriduttori per l’argano di sollevamento delle ceste, per un totale di 4 motoriduttori per ogni lavavetri. Su lavavetri più semplici sono montati 3


N OT I Z I E

La cesta della lavavetri è una costruzione saldata con guide di sicurezza e pavimento antisdrucciolevole per garantire la protezione degli operatori.

Motoriduttore a vite senza fine autofrenante IP66 con doppio copriventola (RDD) per uso in ambiente esterno.

o anche 2 soli motoriduttori. “Attualmente stiamo fornendo due navi, su una delle quali ci sono 7 lavavetri motorizzate (destra e sinistra nave e poppa), mentre sulla seconda ce ne sono 6”, sottolinea il Sig. Lonzar. Vantaggi a tutto tondo Prima di arrivare alle soluzioni NORD, Navalimpianti ha utilizzato i prodotti di primarie aziende che operano nel settore della movimentazione materiali/ manufatti. La soluzione NORD è risultata vincente soprattutto per la possibilità di ottenere gruppi con protezione IP 66, alberi in acciaio inox ……. e, in generale, il prodotto più confacente alle specifiche esigenze. “Anche i tempi di consegna garantiti da NORD sono stati considerati un elemento determinante: in altri casi abbiamo dovuto attendere a lungo per ricevere i materiali e la documentazione dopo l’emissione dell’ordine”, sottolinea il Sig. Lonzar.

Assemblaggio della macchina lavavetri motorizzata da motoriduttore NORD con trasmissione a catena

il supporto del team di ingegneria NORD, l’installazione è stata rapida e dalle prove eseguite non sono emerse disfunzioni. L’impianto ha subito funzionato correttamente e, spesso, non è stato necessario coinvolgere il cliente finale nel processo. “L’affidabilità dei prodotti NORD si è tradotta in una maggiore affibabilità verso i nostri clienti”, conclude il Sig. Lonzar. “Infatti, da quando utilizziamo i prodotti NORD non abbiamo riscontrato interruzioni di servizio, con un notevole guadagno in termini di immagine per il nostro Gruppo”. Risultati, questi, che aprono una prospettiva concreta di implementazione di altre soluzioni NORD in futuro. www.nord.com

Informazioni

“NORD ci ha assistito durante la fase di ricerca proponendoci soluzioni dedicate, con nostra soddisfazione”, egli prosegue. “E’ da sottolineare che le nostre richieste trovano normalmente una risposta immediata nel catalogo e nell’ingegneria NORD, pertanto i tempi di selezione e fornitura sono molto brevi. In particolare, possiamo risparmiare tempi notevoli non essendo necessario creare protezioni contro le intemperie per i riduttori NORD”. Il processo di consegna e implementazione non ha riservato sorprese. Dopo avere ‘allestito’ i motoriduttori con 07 | La Fabbrica Moderna | Giugno 2016

57

Profile for Induportals Media Publishing

La Fabbrica Moderna 07  

La Fabbrica Moderna è il portale tecnico in italiano per gli ingegneri. Presenta le notizie di prodotto e aziendali più recenti per il merca...

La Fabbrica Moderna 07  

La Fabbrica Moderna è il portale tecnico in italiano per gli ingegneri. Presenta le notizie di prodotto e aziendali più recenti per il merca...