Page 1

n째 29 - anno IX - 3 Marzo 2011

il Cittadino

www.ilcittadinodimessina.it

Messina, rione Camaro 2 marzo 2011

Basta che piova governo ladro ! Foto Peppe Saya


anteprima

Foto Peppe Saya


Progetto per la realizzazione del world trade center a Messina Palacultura, 1 marzo Si è svolto nella saletta convegni del Palacultura, un incontro dal tema “Worl Trade Center Città di Messina: Opportunità di Internazionalizzazione”, promosso dall'Amministrazione Comunale, che con la Provincia Regionale di Messina è titolare della licence World Trade Center Messina & Province. All'appuntamento sono intervenuti l'assessore comunale allo sviluppo economico, Gianfranco Scoglio; il dirigente comunale del dipartimento relazioni internazionali e marketing territoriale, Riccardo Pagano; ed i rappresentanti dell'Università, dell'Autorità Portuale, della Stretto di Messina S.p.a., di Sviluppo Italia Sicilia; della Camera di Commercio, dell'Azienda Speciale Messina; di Confindustria; di Confesercenti; di Confcommercio, dell'Istituto ITAE; dell'Istituto Talassografico; del Consorzio per l'area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste e di Innova BIC.


Sommario numero 29 anno IX - 3 Marzo 2011

8-17

18-19

PrimoPiano Foto alluvione dell’uno marzo a Messina Farmacie presidio di salute

Dietro le quinte

28-29

Alluvione Messina senza allerta meteo

32-33

Settegiorni

34-35

Cronaca della settimana

Circoscrizioni

21

Notizie dai quartieri

22-25

Attualità Capo della polizia a Messina

6

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Città Cronache urbane

Fatti e indiscrezioni

20

Scienze

Provincia News dal territorio

36-38

Sicilia Notizie dalla Regione

40 - 45 Economia e turismo Metano per i comuni della zona ionica Taormina soprintendenza per ristrutturazione hotel

3 Marzo


il Cittadino Direttore editoriale: Lillo Zaffino Direttore responsabile: Carmelo Arena Coordinamento: Tiziana Zaffino, Gianluca Rossellini, Gabriella Giannetto, Dario Buonfiglio, Gino Morabito, Antonio Grasso Redazione Nunzio De Luca, Cristina D’Arrigo, Giuseppe Zaffino, Enza Di Vita, Maria Cristina Rocchetti, Letizia Frisone Collaboratori Andrea Castorina, Marilena Faranda, Chiara Lucà Trombetta, Donatella Tagliaferri, Max Leone, Salvatore Grasso Rubriche Mimmo Saccà, Michele Giunta

46.47

Cultura e Spettacoli - Audiodescrizione Ear Messina - Interno di e con Tino Caspanello

Ricerca fotografica Antonio De Felice, Riccardo Caristi, Orazio D'Arrigo, Nunzio Di Dio, Peppe Saya Direttore marketing Francesco Micari

52-53

MangiaRe sano

il Cittadino

n° 29 - anno IX - 3 Marzo 2011

Rubrica di enogastronomia

www.ilcittadinodimessina.it

Pubblicità contatti: 3462306183, 3473640274 e-mail: info@ilcittadinodimessina.it Amministrazione Mario De Marco, Giuseppe Pagano, e Franco Rossellini Web master sito Fabio Lombardo

Basta che piova governo ladro ! Messina, rione Camaro 2 marzo 2011

Il Cittadino digitale sarà pubblicato sul giornale on line e inviato gratuitamente ai lettori direttamente nella posta elettronica e sarà condiviso in rete attraverso Facebook

Foto Peppe Saya

3 Marzo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

7


immagine di Michele Giunta


Primo Piano

Messina, rione Cam

Geografia del


maro 2 marzo

llo sfascio


Primo Piano Intervista di Marilena Faranda

Farmacie

Foto di Peppe Saya

E

’ stato organizzato presso il Salone delle Bandiere del comune di Messina, Le farmacie della Sicilia nella legge 69/2009, presidio territoriale di salute e nuovi servizi per la cittadinanza, un incontro tra i farmacisti di tutta la Sicilia per dibattere sulla nuova farmacia e, quindi, sulla nuova figura del farmacista, modificata dalla nuova legge. Con la normativa 69/2009 le farmacie pubbliche e private potranno diventare polifunzionali ed erogare nuovi servizi nell’ambito del sistema sanitario. All’interno del convegno, inoltre, sono stati presentati i risultati di un sondaggio che è stato effettuato tra la cittadinanza per sapere quali fossero i servizi sanitari più utili da trovare i farmacia. Questi servizi richiedono l’adesione del titolare della farmacia. Su questi temi si sono confrontati il presidente dell’ordine dei farmacisti, i rappresentanti sindacali della categoria, esponenti politici e il rappresentante di Cittadinanzattiva.

12

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


e, presidio di salute

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

13


Il presidente dell’ordine dei farmacisti di Messina Antonino Abate: sottolinea l’importanza della partecipazione a questo meeting dell’associazione Cittadinanzattiva, che segna la vicinanza fra cittadino e farmacia. Sarà necessario, pertanto, compiere un percorso unitario concordato insieme con gli utenti della farmacia. Il sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca: afferma, da vecchio medico di base che incominciò la propria attività nelle isole Eolie, che si è giunti ad un momento cruciale per la sanità. Si rende, quindi, fondamentale una collaborazione fra medico e farmacista. E’ necessario che vi sia un metodo per contrarre i costi della sanità e questo potrebbe essere proprio quello di un decentramento di alcune attività verso la farmacia, rinsaldando il rapporto che c’è fra cittadino e farmacia. Bisogna puntare sulla rete, ovvero un intervento capillare sul territorio, che preveda una collaborazione, fra le farmacie e le asp 5. Queste dal canto loro dovrebbero tenere conto delle esigenze di tutti e dei pazienti siciliani, anche sul tema delle farmacie, a differenza di come avviene adesso. I vertici in Puglia, continua il Primo cittadino, sono Siciliani eppure la situazione sanitaria è migliore di quella che abbiamo adesso nella nostra

14

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

regione. Il rettore dell’ateneo messinese Francesco Tomasello: mette in luce l’importante presenza all’incontro del preside di farmacia e dei professori, simbolo dell’aggregazione su quello che è il tema della salute. Sono vari i settori che concorrono al tema della salute. Il paziente, a buon ragione, ha pretese nell’ambito dell’organizzazione salute. L’università sta percorrendo una strada di sviluppo civile e di sviluppo economico, lavorando bene insieme per il territorio, così che gli studenti una volta diventati professionisti possano dare delle risposte concrete a coloro che le richiedono. Il Vice segretario regionale Cittadinanzattiva Sicilia Andrea Cucinotta: afferma che il cittadino e la farmacia sono due realtà convergenti sul teme della salute. Si è deciso, così, di avviare da diversi anni un percorso che è stato fatto comune. L’iniziativa ha lo scopo di informare la cittadinanza, dove vi sono servizi di base che possono essere erogati nei presidi e ciò costituisce un’esperienza umana importantissima. Il Segretario nazionale F.O.F.I. (Federazione Ordine Farmacisti Italiani) Maurizio Pace: Ricorda che il modello della farmacia dei servizi risale al 2006. 3 Marzo


Non è facile esprimere il nostro pensiero, ma il vero interesse della società è legato solo al petrolio come simbolo di ricchezza, non alla sanità. La farmacia è sempre stato un presidio aperto, fino a prima che arrivassero le lenzuolate Bersani, ovvero la scelta di far vendere i farmaci anche nei supermercati, cosa a cui l’ordine si è opposto incessantemente, pur non essendo in un primo tempo compreso. Il farmacista non è un dispensatore di scatolette, per cui non può essere un chiunque ad elaborare una cura, molte malattie nascono per farmaci dati sbagliati. Il vicepresidente nazionale Gioacchino Nicolosi: Sostiene la necessità di operare una sburocratizzazione delle pratiche sanitarie. Alle volte, infatti, capita che il medico di base emetta una ricetta imprimendo un bollo ed il farmacista debba controllare la stessa per vedere se se il timbro è vero o è stato falsificato. Monitoraggio quindi costante per via di eccessi. Bisogna, pertanto, attuare una campagna ordinata fra medici e farmacie. Un sistema di controllo della spesa sanitaria, oggi, deriva dall’impiego dei sistemi informatici, per cui il farmacista stampa direttamente il foglio della ricetta e la regione può controllare direttamente la spesa online. Difficoltà, invece, si rilevano nel relazionarsi con le farmacie rurali, con cui necessiterebbero maggiori contatti. Nei paesi, infatti, le farmacie sono un luogo importante. Il Segretario nazionale Cittadinanzattiva Antonio Gaudioso: Nessuno basta a se stesso, pertanto, non si può pensare che gli interlocutori risolvano i problemi da soli. E’ ampiamente dibattuto soprattutto in Europa quale discorso fare in merito al tema della sanità. La trasparenza e la contabilità, innanzittutto. Essere trasparenti e chiari sulla scarsità di risorse. Quando si parla di spesa dello stato per la sanità, ci si riferisce ad una cifra 40 miliardi di €. Bisogna capire quanto mette il cittadino e quanto lo stato. Bisogna, ad esempio, risparmiare sul generico per investire sull’innovazione. C’è chi parla di livelli minimi di decorrenza, chi di livelli essenziali di assistenza, riferendosi alle spese farmaceutiche. Tutto deve ruotare intorno al cittadino, 3 Marzo

non ci può essere uno stile di trottola. E’ evidente, che comunque, anche con le migliori intenzioni qualche problema c’è. Chi è realmente a contatto dei cittadini può comprendere meglio le loro esigenze e colla borare con coloro che stanno al potere. Il Presidente regionale FEDERFARMA Sicilia Francesco Mangano: Riporta un’ indagine del Censis sulle farmacie in Sicilia. Vi è una farmacia ogni 2800 abitanti, un aumento del numero delle farmacie del 34%. Si può ritenere equilibrato e sostenibile numero delle farmacie sul territorio. La farmacia è di facile accesso, il cittadino deve sapere di poter contare su tutti coloro che operano nella farmacie, che fanno costanti aggiornamenti. Le farmacie sono tutte legate al sistema sanitario nazionale, secondo art. 50. Con i nuovi sistemi informatici si possono ritirare in tempo reale farmaci ritenuti pericolosi. I nuovi servizi porteranno vantaggi per i cittadini ed il sistema sarà snellito. Esami autodiagnostici, realizzazione del ticket in farmacia, con minore dispendio di risorse dell’asp che può impiegare i propri operatori altrove. Il farmacista dovrà collaborare costantemente con il medico di medicina generale . La nuova normativa è sostenuta da WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

15


FEDERFARMA, perché avvicina le farmacie ai cittadini. I presidi sanitari vicini devono essere collegati ai presidi lontani che trattano patologie più gravi, le piccole farmacie non devono rimanere fuori da questo servizio. Misurazione della pressione, assistenza nelle analisi.Il farmaco non può essere finalizzato a regole di mercato. Assessore regionale alla Salute Massimo Russo: tratta il tema della sanità attraverso la metafora delle costruzioni. Tutti direttamente o indirettamente abbiamo avuto a che fare con i lego, chi ci lavorava ed ha creato la composizione, vuole che essa sia la più bella e perfetta, affinché non gli venga distrutta. I mattoncini e quella composizione con mille colori, però, davano il senso della mancanza di razionalità. Noi abbiamo elaborato quel sistema di mancanza della razionalizzazione, ricomponendo il disegno, riposizionando gli elementi della composizione. Architettonicamente c’è una composizione attrezzata avendo una sua logica e razionalità. Chi è negativo è chi ha avuto tolto il giocattolo, mentre aveva costruito su di esso la sua postazione di potere, il nostro è a servizio di tutti.

16

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Vogliamo realizzare un progetto sulla base della realtà territoriale che sarà proposto con grande maestosità. Bisogna smontare il pezzo per ricomporlo al meglio, contro tutto ciò che era frutto di arricchimento privato. Vi è uno sforzo di sistema ed è arrivato il momento d’impegnarsi. Pur essendo quella del farmacista un’attività commerciale, ma anche umana, bisogna sfruttare la rete. Bisogna dare informazioni all’utente in ordine alla competenza. Il tema della mala sanità spesso è dovuto all’incapacità di accogliere il paziente, cioè se il paziente viene ‘maltrattato’ interpreterà negativamente le terapie del medico, anche se corrette, ma ormai inefficaci per lo stadio di malattia del paziente. I farmaci come già avviene in altre regioni saranno consegnati a casa. In questo momento è necessario dar vita ad una Commissione di sburocratizzazione delle pratiche sanitarie ed in particolare farmaceutiche. Siamo nel periodo dell’autonomia e della responsabilizzazione, per cui dobbiamo farne buon uso. La farmacia è istituzione presente da più di settecento anni vicina ai bisogni della gente. E’ stato effettuato un sondaggio all’interno delle farmacie. A coloro che entravano in farmacia, infatti, quest’anno è stata consegnata una cartolina in cui vi erano un elenco di servizi che potevano essere aggiunti a quelli già svolti dalla farmacia e con segno di spunta si poteva dare la preferenza a ciascuno di essi o a tutti. Sono state compilate oltre 20mila schede, dai dati riscontrati sul 70% delle persone, si evince che si vorrebbero tutti i servizi quali: Screening sulla popolazione, Campagne di prevenzione, Assistenza domiciliare, Analisi di prima istanza, Attività di monitoraggio dei parametri di salute, Prenotazione di visita ed esami, Consegna referti, Prestazione offerte ed altri operatori, come infermieri e fisioterapisti, Servizio a domicilio alle persone anziane ed ai malati cronici. Lo screening è stato il meno votato, solo dal 20% dei partecipanti all’ indagine, per tale motivo quasi sicuramente non farà parte della attività della nuova farmacia. 3 Marzo


3 Marzo

17


dietro le quinte

Un’interrogazione di Capurro per Mili San Pietro

a cura di Giuseppe Zaffino

Sicilia. Udc, Fli e Api : non ci sono le condizioni per un nuovo governo regionale

I

N

on ci sono le condizioni per la formazione di un 'nuovo' governo politico della Regione. Ciò che serve oggi alla Sicilia è il rilancio dell'azione di governo, che passa da un patto di legislatura tra le forze che attualmente sostengono il governatore Raffaele Lombardo". E' quanto dichiarano, in una nota congiunta, i coordinatori regionali di Udc, Fli e Api, Gianpiero

D'Alia, Pippo Scalia e Mario Bonomo. "Un patto che definisca le priorità per l'agenda parlamentare e di governo dei prossimi due anni. Noi siamo pronti a confrontarci nell'interesse della Sicilia. E' altresì evidente che le alleanze future saranno il frutto di un'attenta valutazione dell'azione del governo regionale", concludono i tre coordinatori siciliani.

lConsigliere Capurro chiede al sig. sindaco di dare disposizioni urgenti ai dipartimenti interessati al fine di dare risposte de aiuto concreto ai cittadini di Mili S. Pietro che sono oggettivamente in situazioni psicologiche drammatiche, e di approntare tutti le ordinanze per gli interventi anche con le ditte esterne autorizzate a compiere i primi interventi urgenti di protezione civile per i casi gravissimi di calamita’ vivibilita’ e serenita’ che possano consentire agli abitanti le case isolate e senza energia elettrica di poter sfollare e trovare riparo presso parenti o amici o ovunque l’amministrazione ritenga necessario.tutto cio’ naturalmente considerando che in altre zone della citta’, come camaro, castanea, sparta’, acqualadroni, torre faro, ed altri villaggi, l’intervento e’ stato tempestivo ed ancora procedono alacramente i lavori di messa in sicurezza e di ripristino della viabilita’, e’ necessario tenere presente che per la conformazione del villaggio di mili san pietro non esistendo vie di fughe alternative, il cedimento della strada rende isolato l’intero villaggio.

Castanea isolata: segnalazione del consigliere di quartiere Rizzo

I

l consigliere di zona Carlo Rizzo segnala che tutte le strade sono interrotte, l’unica strada percorribile è da, e per Faro Superiore. Sono molte le macchine che dalla riviera nord attraverso Faro Superiore si riversano su Castanea. Pertanto oltre a essere isolati siamo pure bloccati nella viabilità del villaggio. Si prega a chi di competenza di comunicare con mezzi di informazione ai cittadini di non riversarsi sulle zone collinari.

18

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

3 Marzo


Per Legambiente, le scuole messinesi ad alto rischio sismico

Il

Contestato l'assessore Mario Centorrino consigliere comunale

I

M

essina penultima città italiana nella prevenzione del rischio sismico. Il rapporto “Ecosistema scuola 2011” di Legambiente segnala un dato che deve assolutamente far riflettere. Il 95% delle scuole siciliane è a rischio sismico. In sostanza, tutti gli stu-

denti siciliani corrono questo pericolo. Il dato preoccupante è legato alla predisposizione geologica della nostra isola. Su questo tema è necessario prendere coscienza e attuare i necessari provvedimenti per rendere più sicuri i luoghi dove frequentano i nostri figli.

lavoratori della Formazione professionale hanno contestato l’Assessore alla Pubblica Istruzione occupando la sede regionale. L’esponente del governo sulla questione ha rilasciato la seguente dichiarazione: "L'aggressione verbale della quale sono rimasto vittima in assessorato e' testimonianza, da un lato, di uno stato di insofferenza dei lavoratori del settore della formazione, condivisibile e rispettabile, ma altresi' di un terribile equivoco che ha 'drogato' questo comparto", ha commentato Centorrino. "L'aspettativa, cioe', di ricevere uno stipendio da parte della Regione senza soluzione di continuita', e non da parte degli enti di formazione secondo la tempistica della presentazione dei progetti, della loro approvazione, e del loro finanziamento - ha proseguito - E' per dissipare l'equivoco e stabilire regole di certezza che stiamo lavorando attraverso un ridisegno delle regole sulle quali finora si reggeva il settore della formazione, regole che in molti casi si prestavano ad interpretazioni discrezionali, ad elusione di controlli, a mancata garanzia dei diritti dei lavoratori. Se attraverso queste proteste qualcuno pensa di ritardare o bloccare questo processo, sappia che questo non avverra'".

Università:” milleproroghe”, denuncia dell'assessore Gaetano Armao

I

l recente decreto Milleproroghe, alla firma del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha previsto ancora tagli indiscriminati per le universita' del Sud, che si aggiungono a quelli ingenti, che gia' gravano sulle istituzioni scolastiche ed universitarie siciliane. Per questo motivo e' necessario concentrare a livello regionale risorse ed energie al fine di coordinare l'azione di sostegno agli Atenei siciliani, in questa fase di serrato confronto col Governo nazionale".

3 Marzo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

19


sette giorni

Febbraio - Marzo 2011

di Andrea Castorina

24 giovedì

25 venerdì

26 sabato

Svolto al Palacultura il convegno sul “Made in Italy”

Si è tenuto oggi al Palacultura il convegno “Made in Italy” sistemi di qualità, alta formazione, innovazione tecnologica risorse e strumenti strategici nel sistema alimentare:opportunità e sviluppi. Esperti, docenti e istituzioni si sono confrontati sui numerosi aspetti del “Made in Italy” riferito al settore dei prodotti agroalimentari, su quale sviluppo può avere nel territorio locale la promozione dei prodotti di origine controllata.

Prorogate le limitazioni viarie in corso Cavour

Sono stati prorogati al 19 marzo i lavori relativi all'“adeguamento e ripristino funzionale e delle condizioni di sicurezza di strade comunali del centro urbano e dei villaggi”. La carreggiata stradale del Corso Cavour, nel tratto compreso tra il viale Boccetta e via T. Cannizzaro, è interessata da interventi che comportano il ripristino di tutta la pavimentazione stradale, compresa la rimozione e successiva sostituzione della cordolatura in poliuterano di delimitazione della corsia riservata.

Progetto Staff Famiglia E’ stato presentato nella sala Falcone – Borsellino il progetto Staff Famiglia. Tale iniziativa, spiega il sindaco Giuseppe Buzzanca, nasce consorzio Sol.Co Catania – Rete di Imprese Sociali Siciliane in collaborazione con l’assessorato delle famiglie quest’ultimo vuole intervenire, in periodo di crisi, in favore dei nuclei familiari che ne hanno veramente bisogno, dando un segnale di forte presenza nella realtà del territorio.

27

Il Città di Messina fa ''6''

28

Prorogata la chiusura della tratta autostradale Rometta-Milazzo

Sesto successo consecutivo per il Città di Messina che al “Celeste” supera per 1-0 l’Acicatena. Contro un avversario determinato e ben messo in campo, a decidere una gara che ha rispettato le previsioni della vigilia è domenica stato Pirrotta a sei minuti dal 90’. Vittoria anche per l’ACR Messina in trasferta a Cittanova, decide un rigore di Morabito.

lunedì

Per il perdurare dei lavori all’interno delle gallerie Saia Archi e Serra Inglese, sarà nuovamente prorogata la chiusura al transito della tratta autostradale Rometta-Milazzo (direzione di marcia da Messina verso Palermo) dalle 22 di stasera fino alle ore 6.00 di domani. Pertanto, anche questa volta, gli automezzi provenienti da Messina dovranno obbligatoriamente uscire allo svincolo di Rometta e rientrare in autostrada allo svincolo di Milazzo.

1

Il maltempo affligge l’intera città

2

Buzzanca chiede lo stato di calamità naturale

martedì

Le fortissime piogge iniziate nelle prime ore della giornata hanno messo in ginocchio l’intero territorio messinese: numerosi i torrenti ingrossati, i villaggi collinari invasi dal fango e dai detriti. Tanta paura tra i cittadini, a Mili s.Pietro il fango ha portato via una ventina di auto, paura anche a Galati s.Anna dove un bus dell’Atm è stato sommerso quasi interamente da acqua e detriti.

Il sindaco del Comune di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, nella sua qualità di autorità comunale di protezione civile, ha definito la richiesta che trasmetterà alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed alla Presidenza della mercoledì Regione, per la richiesta di attivazione delle procedure per dichiarare lo stato di calamità e di emergenza della città.

20

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

3 Marzo


circoscrizioni III quartiere

di Andrea Castorina

Viale Europa: imminente l’inizio dei lavori di bitumazione

L

o scorso 15 febbraio l’impresa Musumeci Costruzioni Generali s.r.l. si è aggiudicata la gara per i gli importanti lavori di bitumazione delle carreggiate del viale Europa, quotidianamente interessate dall’incessante transito dei Tir. Grande soddisfazione ha espresso Libero Gioveni, consigliere della III Circoscrizione, sottolineando l’impegno rispettato dal Sindaco Buzzanca. I lavori, il cui inizio è previsto entro questo mese, sono stati finanziati dagli introiti provenienti dall’Ecopass. saranno interessate: la semicarreggiata monte-mare, dallo svincolo autostradale alla via La Farina (con esclusione della rotatoria “Boris Giuliano” e della tranvia sul viale S. Martino), il controviale compreso fra l’incrocio col viale Italia e il bivio per Bisconte, il controviale che si raccorda con la via Gerobino Pilli e alcuni brevissimi tratti più martoriati della corsia mare-monte. Intanto lo scorso novembre sono state effettuate delle verifiche sul grado di resistenza strutturale dell’obsoleto impalcato del viale Europa; nonostante siano passati quasi quattro mesi non si conoscono ancora i risultati. Gioveni invita Palazzo Zanca a rendere pubblici i risultati dei carotaggi prima dell’avvio dei lavori di bitumazione della carreggiata, cosicché la centralissima arteria, oltre a rifarsi il look, potrà dirsi finalmente sicura e stabile per l’incolumità dei cittadini.

III quartiere

Maltempo, il Comune si dimentica di Cataratti

S

ono poche le zone della città a cui le fortissime piogge del 1 marzo non hanno creato problemi, numerosi torrenti si sono ingrossati, il fango ha invaso le strade e le abitazioni provocando panico tra la popolazione. Ma c’è un villaggio, fa notare il consigliere Gioveni, ricadente nella III Circoscrizione la cui sorte è caduta totalmente nel dimenticatoio di Palazzo Zanca: Cataratti. Il centro storico del villaggio , che confina con la parte a monte dell’omonimo torrente, è stato invaso da acqua, fango e detriti, provenienti dal vicino costone. Nonostante , più volte nel corso della giornata siano state avanzate richieste di soccorso all’assessore alle Manutenzioni Isgrò da parte dell’Unità di Crisi Locale attivata ieri nella sede circoscrizionale, nessun mezzo per il movimento terra è stato inviato in zona. Solo grazie a un privato, che ha messo a disposizione una ruspa, è stato possibile eseguire alcuni interventi-tampone. Alla luce di quanto accaduto Gioveni ha richiesto al Presidente della Terza Circoscrizione la convocazione urgente di una seduta straordinaria alla presenza del Sindaco Buzzanca e dell’assessore alle Manutenzioni Isgrò per pianificare i necessari interventi di messa in sicurezza del territorio e per conoscere la dotazione di uomini e mezzi da impiegare nell’ambito degli interventi di protezione civile rispetto anche a quanto accaduto ieri.

3 Marzo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

21


attualità Foto di Peppe Saya

Il capo della polizia intitola una scalinata ad un poliziotto morto durante una rapina

Manganelli a Messina per premiare un eroe

I La vedova D’angelo con i figli

22

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

l capo della polizia Antonio Manganelli si è recato oggi a Patti (Me) per ricevere la cittadinanza onoraria. La sua visita è proseguita a Messina dove ha partecipato alla cerimonia di intitolazione della scalinata di Largo Avignone, alla memoria del sovrintendente della polizia Antonino D'Angelo, medaglia di bronzo al valore civile. A margine delle manifestazioni, Manganelli, è intervenuto sulla questione immigrazione, che in seguito agli ultimi sconvolgimenti internazionali, sta raggiungendo numeri elevatissimi. Il capo della polizia parla in particolare di 3 Marzo


rischio terrorismo, in quanto molti sarebbero i detenuti evasi: «Ci sono paesi in cui i detenuti evadono in massa, molti di questi sono accusati di terrorismo. È evidente che il loro arrivo in Europa non può che creare condizioni di pericolo». Ha poi annunciato il lavoro in concerto con le polizie degli altri paesi per gestire l'emergenza: «Stiamo lavorando d’intesa con le polizie degli altri paesi, perchè attraverso il confronto delle impronte digitali, la corretta identificazione delle persone che sbarcano si possano isolare le persone eventualmente ricercate per questi motivi. Naturalmente ci stiamo preparando all'esodo con grande impegno, con grande solidarietà e desiderio di accogliere coloro che fuggono e che non sono clandestini». Manganelli non ha mancato di far rife-

3 Marzo

rimento al superlatitante di Cosa Nostra Messina Denaro: «Ci sono in campo le migliori intelligenze, le migliori energie dell’Arma dei carabinieri e della polizia di Stato. La latitanza di Matteo Messina Denaro è comunque compressa dalla forza dello Stato che è già riuscito a catturare favoreggiatori, è già riuscito ad essere invasiva in quell’area di protezione del latitante. Io ritengo che sarà tra i successi dello Stato, spero prossimi». Il questore di Messina, Carmelo Gugliotta ha ricordato il gesto eroico del sovrintendente Antonino D’Angelo al quale è stata intitolata una scalinata a Largo Avignone. D’Angelo trent’uno anni fa fu ucciso in un conflitto a fuoco durante una rapina. I suoi figli sono diventati entrambi poliziotti.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

23


attualità Pagine a cura di Cristina D’arrigo

Forestali, ritardi nei pagamenti degli stipendi del 2010

R

itardi nei pagamenti degli stipendi di novembre e dicembre 2010 per i 1500 lavoratori forestali dell’Azienda Foreste di Messina. I segretari provinciali di Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil lanciano un grido d’allarme “Siamo fortemente preoccupati – affermano Calogero Cipriano, Giovanni Mastroeni e Salvatore Orlando – non sono arrivate le somme già impegnate per poter pagare i lavoratori, anche se il direttore regionale aveva firmato un accordo con le segreterie regionali di Fai, Flai e Uila con l’impegno di pagare entro il 28 febbraio tutti gli stipendi arretrati del 2010 ai circa 1500 lavoratori forestali, compresi gli stipendi degli assunti a tempo indeterminato”. Le Federazioni di Cgil, Cisl e Uil che tutelano i lavoratori agricoli presidiano da circa dieci giorni l’azienda per sollecitare il pagamento delle spettanze ma l’azienda foreste risponde che, non avendo avuto l’accredito delle somme sul proprio

24

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

conto corrente, non può provvedere al pagamento. “Intanto – sostengono Calogero Cipriano, Giovanni Mastroeni e Salvatore Orlando – ci rassicurano che tutte le formalità di competenze della direzione provinciale sono state espletate. Una rassicurazione informale che non risolve di certo il problema. Come sindacati siamo molto amareggiati perché i ritardi che si registrano a Messina non avvengono nelle altre province siciliane”. I segretari provinciali di Fai, Flai e Uila hanno deciso di continuare la loro azione di pressione giornaliera nei confronti dell’UPA provinciale.“E’ chiaro che – concludono Calogero Cipriano, Giovanni Mastroeni e Salvatore Orlando – se non dovessero arrivare le spettanze ai lavoratori entro questa settimana saremo costretti ad autoconvocare i 1500 lavoratori forestali della provincia per una manifestazione sotto la sede dell’Azienda Foreste per lunedì 7 marzo 2011”. 3 Marzo


“Opere d’arte della Camera di commercio di Messina Ottocento e primo Novecento”

N

ella sala Giunta del Palazzo camerale è stata presentata la pubblicazione “Opere d’arte della Camera di commercio di Messina – Ottocento e primo Novecento”, realizzata dall’Ente camerale e dall’Azienda speciale servizi alle imprese. Il catalogo contiene le schede delle opere conservate presso la collezione pittorica della Camera di commercio realizzate tra Ottocento e primo Novecento arricchito inoltre da una breve storia del Palazzo camerale e da un saggio sulle acquisizioni di opere d’arte negli enti pubblici. “La pubblicazione nasce dal profondo amore per la Camera di commercio e dal rispetto per il passato – afferma il presidente della Camera di commercio, Nino Messina - esaltare la ricchezza “complessiva” del territorio equivale ad un’operazione di valorizzazione non solo culturale, ma anche economica. Il nostro Ente custodisce al suo interno una piccola, ma preziosa collezione d’arte. Ampie ed eleganti scale, apparati scultorei in bronzo, marmi pregiati, arredi lignei, pavimenti in mosaico, dipinti, sculture e quant’altro. Il che testimonia la volontà di una comunità in grado di sentire l’arte come

3 Marzo

parte indelebile della propria identità”. “L’arte, la cultura e i valori architettonici sicuramente inducono una società ad avere maggiore consapevolezza delle proprie capacità – dichiara l’amministratore unico dell’Azienda speciale servizi alle imprese, Rosario La Rosa – in tale ottica, l’Azienda speciale servizi alle imprese, in quanto ente strumentale della Camera di commercio, è impegnata a valorizzare sempre più i tesori d’arte posseduti. Un’iniziativa che si coniuga strettamente con l’attività di sostegno alle imprese e di stimolo all’economia messinese”. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il funzionario camerale Giuseppe Salpietro, che ha coordinato l’iniziativa; e gli storici Luigi Giacobbe e Gioacchino Barbera che hanno contribuito alla realizzazione del catalogo insieme con l’arch. Sergio Bertolami. “E’ un ulteriore passo verso un progetto più ambizioso, sia dal punto di vista editoriale che per quel che concerne la completa valorizzazione dei beni camerali – sottolinea Salpietro - nel convincimento che l’economia passa necessariamente dalla cultura”.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

25


Foto Notizia

Messina, viale Europa

Foto di Peppe Saya

Semafo


oro per cavalli


Scienze a cura di Salvatore Filloramo

I

messinesi trascorreranno ore interminabili a spalare fango e recuperare ciò che è recuperabile per via di una cruenta ondata di maltempo a carattere alluvionale non certo “caduta dal cielo” o capitata per chissà quale maledizione Maya . E' stata la provvidenza divina stavolta che ha evitato perdite umane, ma i danni materiali e d'immagine ancora una volta sono incalcolabili. Le allerte meteo stavolta sono state emanate sia da enti privati che da professionisti della zona a titolo gratuito, assolutamente con largo anticipo ed in modo dettagliato. Chiunque era in possesso di una connessione ADSL, poteva benissimo dare una “spulciata”, ad esempio, all'allerta emanata dall'associazione onlus di meteorologia www. meteoweb.it emanato il 28.02.2011 alle ore 18:33, nonché su innumerevoli testate scientifiche come su 28

Alluvione a Messina

Meteogiornale o 3B meteo per fare qualche esempio a carattere nazionale. La notte del 28 febbraio doveva essere seguita senza distrazioni per i seguenti motivi: • sui monti Peloritani e sui Nebrodi resisteva ancora la neve caduta nel fine settimana in occasione della precedente perturbazione, in qualche caso ancora abbondante con svariati centimetri. Il

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

manto nevso, a causa delle temperature in aumento, ha alimentato i torrenti e le falde acquifere saturando il terreno; • dal Canale di Sicilia avanzava un fronte temporalesco molto intenso chiaramente segnalato dal radar; • i parametri in quota indicavano altissimi tassi di acqua precipitabile proprio sulle nostre zone, il tutto 3 Marzo


a: non emanate allerte meteo

accompagnato da correnti miti, altamente instabili ed umide di scirocco, potenzialmente pericolose sia per le zone ioniche che per lo Stretto di Messina. Tutto questo doveva fare preoccupare ed allertare per tempo tutti gli enti o ordini di ogni grado, soprattutto per il fatto che l'ingente quantitĂ d'acqua si sarebbe riversata sulla neve in alta quota, sommandosi dunque a quella prove3 Marzo

niente dallo scioglimento della stessa. Il terreno saturo non avrebbe potuto mai gestire alcuna pioggia fuori dal normale. E' importante sottolineare che accumuli superiori a 100/150mm erano difficili da ipotizzare 24h prima dell'evento, ma i millimetri pronosticati da tutti i modelli matematici in questione erano comunque fortemente preoccupanti.

Non si vuole processare nessuno con questo articolo, anzi si vuole spronare gli enti e gli organi preposti al fine di migliorare ed investire sul monitoraggio meteo h 24 nello Stretto di Messina, fin'ora troppo precario e insufficiente per gestire l'intera P ro v i n c i a . Q u a l c u n o sostiene che stavolta i meteorologi hanno fatto cilecca su questo evento, ma in realtĂ le cose sono andate diversamente.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

29


Mittente Il Cittadino Destinatario Assesso

Da Gazzi co


Foto di Peppe Saya

ore all’arredo urbano

on amore

Siamo proprio contenti: arredamento completo, tranne la casa, non manca proprio niente

Messina, svincolo Gazzi


città

Precipitazioni atmosferiche

a cura di Marilena Faranda

Piove a Messina

Servizi cimiteriali

Appalto cappelle

M

artedì 15 marzo sarà indetta la prima asta per la concessione delle cappelle gentilizie abbandonate del Gran Camposanto. Il Dipartimento servizi cimiteriali ha fissato il calendario per le gare d'affidamento in concessione per anni novantanove, mediante aste pubbliche delle cappelle: il 15 marzo 2011, Buscemi; il 22, Marangolo; il 29, Del Noce; il 5 aprile, Miceli Ainis; il 12, De Angelis; il 19, Amodeo; ed infine il 3 maggio, Gatto Cucinotta. Le aste si svolgeranno con il sistema delle offerte segrete pari od in aumento rispetto al prezzo base d'asta. Ciascun bando, è sull'Albo Pretorio e sul sito www.comune.messina.it. L'obiettivo dell'iniziativa è volto, oltre al recupero delle cappelle attraverso gli interventi degli aggiudicatari delle gare, a soddisfare la richiesta di nuove sepolture. Si potrà visionare la g r a d u a t o r i a , a l Dipartimento cimiteri di via Catania, 118. Le assegnazioni avverranno secondo il calendario delle convocazioni per le salme giacenti in deposito dai mesi di novembre-dicembregennaio.

32

Q

uando piove a Messina non è lo stesso che nelle altre città. Sembra di trovarsi a bordo di una barca che fa acqua da tutte le parti, non si sa quale buco tappare prima. La decisione più prudente è rimanere in casa, almeno che non sia allagata o vi sia il pericolo di una frana che possa rovinarle di sopra. Potrebbe anche accadere a qualche malcapitato costretto ad avventurarsi fuori, per ragioni di lavoro, di restare intrappolato nel fango per l’esondazione di qualche fiume o di qualche torrente. Se poi, si gira in città il meno che possa capitare è di restare intrappolati nel traffico, anche perché il solito porto di Tremestieri che, non si sa con quali criteri è stato costruito in quel punto, si è come di consueto insabbiato e i tir invadono la città, paralizzando il traffico della via La Farina e della

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

sottostante via industriale. Per chi poi vuole dimenticare la situazione può andare a fare qualche scivolata in caduta libera sul parquet di piazza Cairoli e controllare come stanno i topolini. Finalmente poi spunta l’alba del nuovo giorno a Messina, tutto è dimenticato per questa volta non ci sono vittime, speriamo che le cose continuino così. Al prossimo acquazzone ed alla prossima emergenza. I messinesi si sa sono fatalisti, accettano tutto di buon grado e cercano malgrado le avversità di andare avanti perché amano la loro città. Certo, però, qualcuno di buon senso potrebbe suggerire alle Autorità che non è tanto necessario lo spendere risorse per liberare il water front, perché l’acqua ce l’abbiamo già dentro, meglio sarebbe consolidare prima quello che si ha.

3 Marzo


Politica

Battaglia di Adua

S

i è svolta nella nostra città la commemorazione del 115° anniversario della Battaglia di Adua. La cerimonia ha avuto luogo, nel piazzale del monumento della batteria Masotto, che ricorda il sacrificio del capitano Umberto Masotto, prima medaglia d'oro delle truppe alpine e degli artiglieri siciliani e messinesi nella battaglia di Adua, durante la guerra d'Africa, il primo marzo del 1896. Il monumento alla Batteria Masotto, opera in bronzo di Salvatore Buemi, fuso dalla Reale Fonderia di Torino, fu inaugurato a Messina dal Duca d'Aosta, giunto nella città dello Stretto con la nave Trinacria, giunto il 20 settembre 1899 ed accolto dal sindaco del tempo, Antonio Martino. Il monu-

mento raffigurante tre militari della batteria siciliana, ricorda i nomi degli ufficiali e soldati periti nella battaglia di Adua e dopo la seconda guerra d'Africa del 1935, è stato arricchito da due cannoni recuperati dai soldati italiani ad Addis Abeba.

Consegna della Fenice

I

3 Marzo

Collocazione giochi aro Superiore, sono stati colloF cati, tre giochi per bambini, fra cui una giostra ed uno scivolo nei

Palacultura

l sindaco, on. Giuseppe Buzzanca, lunedì 7 marzo, alle ore 10.30 nella sala conferenze al piano terra del Palacultura (viale Boccetta), riceverà dal team di designer di Architecture and Vision, fondato dall’italiano Arturo Vittori e dallo svizzero Andreas Vogler, il

Arredo urbano

bozzetto dell'opera che sarà posta in via Porta Messina, risultata vincitrice del concorso, per i lavori di riqualificazione ed arredo urbano. Sarà illustrata la suggestiva interpretazione artistica del simbolo mitologico de La Fenice, o Phoenix, che per le varie culture è caratterizzata come un uccello con le piume colorate che muore in un incendio per sua volontà, solo per risorgere dalle ceneri. L'intervento artistico, che ha una caratterizzazione tridimensionale, si identifica nella memoria collettiva positiva della città.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

pressi della scuola elementare “Evemero”, ed un'altalena in contrada Badessa. L'iniziativa dell'assessore all'arredo urbano, Elvira Amata, di concerto con il presidente della VI Circoscrizione, Enrico Ferrara si inserisce nella programmazione per la valorizzazione del verde pubblico. Nei prossimi giorni verranno effettuati interventi di manutenzione nella villetta antistante la scuola elementare “Città di Firenze” di Torre Faro.

Protezione civile

Orario uffici

D

all’1° marzo, gli uffici comunali di Staff Protezione civile effettueranno il ricevimento del pubblico nei giorni di martedì e giovedì dalle 9 alle 12, e dalle 15 alle 16,30. Il ricevimento sarà sospeso in caso di allerta per stato di emergenza ed in occasione di attivazione del C.O.C. (Centro Operativo Comunale). In tali circostanze l'accesso verrà limitato a coloro che devono segnalare danni o circostanze che richiedano l'intervento della Protezione Civile.


provincia Messina a cura di Marilena Faranda

Modifiche allo statuto della Provincia

E

’ stata depositata presso la segreteria generale della Provincia regionale e presso la segreteria dei centootto Comuni della provincia la deliberazione della Giunta provinciale n. 396 del 30 dicembre 2010 che approva modifiche ed integrazioni dello Statuto dell’Ente di Palazzo dei Leoni. Gli interessati possono

34

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

prendere visione e presentare osservazioni entro trenta giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso nell’Albo pretorio dell’Ente Provincia. Le eventuali osservazioni e proposte potranno essere indirizzate alla segreteria generale della Provincia regionale per la sottoposizione all’esame del Consiglio provinciale. 3 Marzo


A Portorosa Sarà esposta coppa della Champions Cup vinta dall’Inter

S

i è promossa l’iniziativa benefica di esporre la coppa Champions League vinta dall’Inter, sostenuta dal coordinamento provinciale interclub Catania- Messina in favore di Inter campus ed Unicef. Biagio Gugliotta, consigliere provinciale e Giuseppe Spadaro, segretario generale, da interisti e sportivi, plaudono all’iniziativa, affermando che lo sport è uno strumento di unione tra i popoli. A sponsorizzare l’evento Francesco Scuderi, vice coordinatore regionale dell’ Inter club e presidente del coordinamento provinciale delle sezioni Catania – Messina, ed il presidente dell’Inter club Giacomo Facchetti di Messina, Salvatore Curtò. I quali hanno sottolineato l’importanza di tale manifestazione nella provincia di Messina, che insieme a Palermo, Caltanissetta e Sciacca costituisce una delle quattro mete in tutta la regione siciliana dell’Inter tour. Essa è stata scelta per recente notevole incremento degli Inter club nella pronvicia. L’iniziativa, realizzata con la collaborazione dei campus provinciali, si svolgerà giovedì 3 marzo al Blu Hotel via Prestipaolo snc, Furnari (Me), dalle ore 11 alle 20, si potrà partecipare lasciando un offerta di 10 euro , ridotta a 5 euro per bambini e soci dell’Inter club. Tale evento senza alcun fine di lucro, permetterà ai tifosi che hanno aspettato con devozione quarantacinque anni, di poter vedere dal vivo ed anche toccare la tanto ambita coppa. società.

3 Marzo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

35


Sicilia a cura di Dario Buonfiglio

Mafia, sprechi e irregolarità sulla sanità in Sicilia

A

ssunzioni superiori alle reali esigenze, acquisto di ambulanze non utilizzate, potenziamento immotivato del servizio del 118. La Corte dei conti torna a denunciare uno dei più gravi scandali della sanità in Sicilia diventato, ha detto il procuratore regionale Guido Carlino nella relazione di apertura dell'anno giudiziario, un "caso emblematico di spreco delle risorse pubbliche". Carlino ha ricordato che l'indagine della Corte dei conti è culminata con la citazione in giudizio di 18 esponenti politici tra cui l'ex presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, assessori regionali del tempo e componenti della commissione sanità dell'Assemblea regionale siciliana. A tutti è stato contestato un danno di oltre 37 milioni. È stato accertato che tra il 2005 e il 2006 è stata disposta l'assunzione di oltre 1.600 operatori che sono così diventati complessivamente 3.300 per un servizio, gestito dalla società Sise (Siciliana servizi emergenza), che costava alle casse regionali oltre 100 milioni all'anno. Più volte è stato denunciato il carattere "elettorale" delle assunzioni, decise tra il 2005 e il 2006. E ora il pg Carlino ha detto che in quella occasione la giunta e componenti del parlamento siciliano hanno compiuto "scelte gestionali a connotazione politica". Carlino ha spiegato che, per giustificare le assunzioni, "furono acquistate molte ambulanze" che non servivano oppure sono state sottoutilizzate.Ma non è l'unica forma di spreco nella sanità. Lo stesso Carlino ha segnalato il caso di attrezzature sanitarie acquistate, a volte saltando le procedure di evidenza pubblica, e non utilizzate. Come se l'unica ragione a muovere le decisioni di amministratori e dirigenti delle aziende sanitarie fosse quella di spingere la spesa senza alcuna utilità per il servizio.La Corte dei conti ha riscontrato abusi e gravi illeciti su almeno altri due fronti: quello delle tariffe gonfiate pagate alle cliniche

36

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

di Michele Aiello, prestanome del boss Bernardo Provenzano, e quello della cosiddetta "malasanità". Nel caso delle cliniche di Aiello villa Santa Teresa e Atm di Bagheria - il procuratore regionale Guido Carlino ha ricordato nella relazione di apertura dell'anno giudiziario che sono stati citati in giudizio (prima udienza il 16 giugno) per un danno di oltre 30 milioni gli ex direttori generali dell'Asl 6 di Palermo, Giancarlo Manenti e Guido Catalano, e i dirigenti della stessa Azienda Salvatore Scaduto e Lorenzo Iannì. Avrebbero liquidato rimborsi per prestazioni cliniche maggiorati a volte del 400%. Il danno prodotto dalla malasanità nell'ultimo anno è stato quantificato dal procuratore Carlino in quasi 683 mila euro. Sono le somme che le aziende sanitarie hanno dovuto pagare per gravi errori compiuti dai medici sia nella formulazione delle diagnosi sia nella esecuzione di interventi chirurgici. E tuttavia, ha avvertito il pg, i danni provocati dalla malasanità sono anche superiori alle cifre contestate. In molti casi gli errori sono infatti coperti dalle assicurazioni che consentono alle amministrazioni e ai medici di "rimanere indenni da pregiudizi risarcitori".

3 Marzo


Rifiuti, anche qui infiltrazioni mafiose

M

a anche la gestione dei rifiuti in Sicilia è un affare costruito su assunzioni facili, infiltrazioni mafiose, affidamento di servizi fuori dalle regole. La relazione del procuratore traccia un quadro allarmante di un sistema "permeabile" e inefficiente. Il caso più emblematico è quello del Coinres, un consorzio al quale fanno capo 22 comuni della provincia di Palermo. Gli amministratori sono stati già citati in giudizio per l'assuzione di personale (oltre 200 persone) non solo irregolare ma anche "in eccedenza rispetto ai limiti numerici previsti dal piano industriale". La Corte dei conti parla di un danno erariale di ben 3 milioni e 830 mila euro. 3 Marzo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

37


Musei, per Antonello da Messina c'è solo la guida in giapponese

T

uristi disorientati al Palazzo Abatellis di Palermo, uno dei beni culturali più importanti della città. All'ingresso i custodi allargano le braccia, mancano le brochure con le altre lingue.Il depliant informativo per visitare il museo e conoscere le principali caratteristiche delle opere più importanti? C'è, naturalmente. Ma solo in giapponese. A Palazzo Abatellis, galleria regionale della Sicilia, che nell'edificio quattrocentesco di via Alloro ospita capolavori come "l'Annunziata" di Antonello da Messina, la visita è una sfida. 38

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Perché l'unica brochure pieghevole disponibile - che illustra la suddivisione delle opere nelle diverse sale e ne descrive le principali caratteristiche - è in giapponese: sapere in quale stanza è esposto un quadro è la parte più semplice, grazie ad alcune frecce che collegano l'immagine dell'opera con un numero romano. I guai arrivano dopo. Quando il visitatore, una volta davanti al quadro, deve provare a decifrare le informazioni sull'opera barcamenandosi tra i vari ideogrammi. 3 Marzo


Foto di Peppe Saya

Foto Notizia

Segnali di fumo attenti agli indiani

Messina, capolinea villaggio Aldisio


Economia A cura di Gino Morabito

Arriva il metano nei paesi della riviera ionica De Luca: raggiunto importante obiettivo

E

’ stato firmato ieri un contratto tra i comuni che aderiscono al Bacino Sicilia Jonico Peloritano e l’impresa Fin Consorzio di Roma per realizzazione e gestione di un impianto distribuzione che porterà finalmente il gas in un’area che riguarda 15 centri ella zona jonica del messinese e che fino a oggi, sono stati tagliati fuori dall’uso di questa importante fonte energetica. I comuni interessati che hanno aderito al progetto sono quelli di Alì, Alì Terme, Antillo, Casalvecchio Siculo, Fiumedinisi, Furci Siculo, Itala, Mandanici, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccalumera, Sant’Alessio Siculo, Savoca, Scaletta Zanclea e Santa Teresa di Riva. Capofila dell’iniziativa il comune di Fiumedinisi, guidato dall’onorevole Cateno De Luca, deputato dell’Assemblea Regionale Siciliana. L’opera, la più imponente tra quelle fino ad oggi realizzate nel bacino jonico messinese, dovrà essere completata entro 850 giorni dall’inizio dei lavori. La rete si estenderà per 75 chilometri: partirà da Antillo e, passando da Casalvecchio e Savoca, raggiungerà tutti i comuni della costa jonica, ai quali si allacceranno anche i centri collinari esclusi fino ad oggi dalle richieste di finanziamento precedenti. “La realizzazione delle rete del gas nel nostro territorio – dice De Luca - è un importante traguardo che si insegue da oltre trenta anni. Si tratta di un’opera che sarà anche un fondamentale volano di sviluppo sociale ed economico per l’intera area. I quasi 110 milioni di euro che saranno investiti non solo muoveranno un indotto pari a questa somma, ma nei prossimi 20 anni creeranno posti di lavoro per decine di tecnici manutentori e di operai specializzati. Devo sottolineare anche che tutti i comuni saranno anche cablati con la fibra ottica che è stata un offerta migliorativa proposta dall’azienda che realizzerà il progetto”.

40

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

3 Marzo


3 Marzo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

41


Centro ludico ricreativo ELE: per informazioni ludico ricreativo bambini tel 3473332290 eventi prenotazioni e manifestazioni tel/fax 090345868 e 3801097644 tutti i giorni dale 16 alle 20 tel 3922689345 o 3492455828 infomail circoloele@virgilio.it


turismo a cura di Max Leone

Taormina, intesa con Sop

U

n imminente protocollo d'intesa con la Soprintendenza sulle manutenzioni ordinarie e straordinarie degli alberghi per scongiurare la paventata paralisi del comparto turistico di Taormina. Così l'assessore comunale all'Urbanistica Antonella Garipoli risponde al presidente della sezione jonica di Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo, Sebastiano De Luca, preoccupato perché il consiglio comunale non approvava i progetti rendendo così a rischio i finanziamenti per gli alberghi."Al più presto - ha sottolineato Garipoli - si dovrà fare chiarezza, in definitiva, sull'applicazione dell'articolo 23 dello Statuto comunale, in oggetto alle ristrutturazioni alberghiere di ogni tipo. Non ha senso che alcune cose debbano per forza di cose arrivare al vaglio del Consiglio. Il civico consesso deve manifestare una volontà sugli aumenti o le diminuzione di posti letto e quindi sulle volumetrie. Non ha senso, invece, che in Consiglio si debba discutere di ampliamenti dei balconi e adeguamenti tecnologici. Gli ampliamenti edilizi sono ben altra cosa. Qui non si riesce ad accelerare per via dei tempi che spesso sono troppo lenti da parte del Consiglio".La Regione Sicilia in accordo con la Commissione Europea e l'Agenzia delle Entrate 44

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

ha già previsto finanziamenti per 600 milioni. Dal 21 marzo inizieranno per via telematica le richieste di accesso a tali somme. Gli albergatori di Taormina invitano il Comune a un esame più rapido delle pratiche per essere nelle condizioni di richiedere i fondi disponibili. "Se andrà avanti, come io auspico, la proposta di un protocollo d'intesa 3 Marzo


printendenza per manutenzione hotel

tra Comune e Soprintendenza conclude l'assessore - il quadro è destinato a cambiare e i tempi tecnici e procedurali potranno certamente essere più celeri. Una volta che la Soprintendenza avrà dato al Comune le linee guida da seguire, presto potrà essere direttamente l'Ufficio tecnico a rilasciare direttamente le autorizzazioni per le pic3 Marzo

cole richieste. In questo modo non sarà necessario che sia la Soprintendenza a dare il proprio parere e non sarà necessario nemmeno che le medesime manutenzioni debbano essere sottoposte all'esame del Consiglio. Ciò snellirà i tempi ma sarà anche un deterrente contro gli abusivismi". WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

45


cultura Ente Teatro di Messina

L’audiodescrizione servizio dell’EAR di Messina

L

'audiodescrizione per non vedenti e ipovedenti, un servizio unico in Italia, fornito dall'Ente Teatro di Messina fin dal 2006, sarà adesso realizzato anche al San Carlo di Napoli. La Isiviù, la società di Messina di cui è responsabile Barbara Marsala, è stata infatti invitata a effettuare un esperimento in occasione della messinscena di "Così fan tutte" di Mozart, in programma nel massimo teatro napoletano il prossimo 6 aprile (l'opera, diretta da Alan Curtis, è con la famosa regia di Giorgio Strehler, ripresa da Gianpaolo Corti). L’audiodescrizione è un servizio creato per le persone non vedenti ed ipovedenti, che consiste nell’inserire un commento all’interno della trama di un’opera lirica, teatrale o cinematografica. Una voce narrante spiega le scene, i costumi, i personaggi, i colori, i movimenti e tutto ciò che può rendere maggiormente comprensibile l’evento culturale. Si realizza un copione che viene affiancato alla trama originale dello spettacolo. Il commento audio arriva in cuffia tramite un sistema di trasmissione senza fili, forni-

46

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

to dalla stessa Isiviù. La Sovrintendenza del Teatro di Messina accettò questo progetto nel 2006 in occasione della messinscena di "Ernani" e da allora l'audiodescrizione, con la collaborazione dell'Unione Italiana Ciechi, è stata effettuata per quasi tutti gli spettacoli lirici in cartellone. Il Teatro di Messina, infatti, ha visto in questo mezzo la possibilità di coinvolgere nell'attività un target di persone che normalmente restano escluse dalla fruizione di eventi culturali, pensati solo per un pubblico normodotato. Proprio in questa ottica di servizio il Teatro di Messina dalla scorsa stagione, sempre in collaborazione con Isiviù, ha invitato alcuni gruppi di sordi agli spettacoli di prosa, tradotti nella lingua dei segni. Un'iniziativa che ha sempre emozionato tutti gli attori coinvolti, come è avvenuto recentemente con Moni Ovadia, che dal palcoscenico si è voluto rivolgere direttamente ai sordi ringraziandoli della loro partecipazione. Fra le altre iniziative sociali del Teatro di Messina, ricordiamo l'invito a un consistente gruppo di anziani delle case di riposo Ipab Collereale, Fondazione Città del Ragazzo e Casa Serena, che hanno assistito alle due opere di Puccini "Suor Angelica" e "Gianni Schicchi". Adesso l'audioodescrizione che da Messina si trasferisce in una sede musicale così prestigiosa come il San Carlo di Napoli rappresenta un riconoscimento - oltre che all'Isiviù - anche alle scelte di apertura sociale dell'Ente Teatro di Messina. 3 Marzo


spettacoli

Interno di e con Tino Caspanello

T

ino Caspanello è autore, regista e attore di "Interno", interpretato anche da Tino Calabrò, che è andato in scena nella Sala Laudamo dal 25 al 27 febbraio per il cartellone "Paradosso sull'autore", curato da Dario Tomasello. La vicenda si svolge attorno a due uomini, un legame, la necessità di reinventare le parole, l’urgenza di tornare ad ascoltare il suono della voce, di una voce che non possiede più alcun suono. "Un testo spiega Caspanello - nasce quasi 3 Marzo

sempre da una suggestione, ma soprattutto da interrogativi, continua a proporli lungo il suo sviluppo e li porge infine, attraverso la sua realizzazione scenica, a un pubblico. Un testo apre spesso ferite che vorremmo non vedere, che vorremmo non sentire. Ma un teatro 'indolore' non serve a nessuno. 'Interno' ricostruisce una storia per frammenti, assegnando a ogni elemento compositivo – luogo, arredi, oggetti, episodi, parole – il valore di tessere musive che aiuti-

no il protagonista a ricomporre il quadro complesso di una storia, di una parte di quella sua storia vissuta, per un certo tempo, accanto al partner". Caspanello, messinese di Pagliara, fondatore del "Teatro Pubblico Incanto", è un autore teatrale che ha ottenuto vari riconoscimenti nazionali ed è stato rappresentato in Italia e in Francia. Tra i suoi testi ricordiamo "Mari", "Rosa" e "Nta ll'aria". Quest'ultimo, già pubblicato in Italia, sarà edito a breve anche in Francia.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

47


Messin

Postegg


na via Garibaldi

gio per paraurti

Foto di Antonio De Felice


parole in blu La Sicilia avi un patruni un patruni sempri uguali ca la teni misa ncruci e ci canta u funerali… …la Sicilia è addummisciuta dormi un sonnu di li morti ed aspetta mentri dormi chi canciassi la so sorti ma la sorti nun è ostia nun è grazia di li santi si cunquista cu la forza nta li chiazzi e si va avanti povira terra mia comu si po' campà…

Rosa Balistreri (Licata 21/03/1927 - Palermo 20/09/1990)

50

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

3 Marzo


Foto Peppe Saya

Messina, via Tommaso Cannizzaro

Bandiera a mezz’asta


RE sano

Mangia

a cura di Mimmo Saccà

Latte e latticini protagonisti della dieta corretta

B

uoni e bravi: il latte e i latticini meritano a pieno titolo questa definizione, perché sono prodotti alimentari eccellenti, un vanto del made in Italy, che garantisce, oltre al pieno di gusto e di sapori, anche una buona dose di benefici per la salute. Latte, yogurt e formaggi sono veri e propri toccasana per la salute dell’organismo, protagonisti immancabili di una dieta sana ed equilibrata. Prezzo abbordabile, qualità eccezionale e apporto nutrizionale eccellente sono tre buoni motivi per arricchire l’alimentazione quotidiana di tutta la famiglia con i prodotti dell’industria lattiero casearia italiana. I latticini si confermano protagonisti del regime alimentare equilibrato e corretto, grazie al loro elevato contenuto di minerali, come il calcio, di proteine nobili, caratterizzate da un’ottima biodisponibilità, di grassi e di zuccheri, sostanze nutrienti fondamentali per garantire la giusta riserva di

52

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

energia all’organismo. Il latte e tutti i suoi derivati, vero vanto dell’industria lattiero casearia del Bel Paese, sono alimenti indispensabili, ingredienti fondamentali della dieta corretta. La conferma arriva dagli esperti, che all’interno delle “Linee Guida per una sana alimentazione” elaborate dall’INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione), raccomandano di inserire quotidianamente la giusta dose di latte e latticini. In particolare, si consiglia il consumo, ogni giorno, di tre porzioni di latte o yogurt e di circa tre porzioni di formaggio, con frequenza settimanale. Basta osservare questi consigli per garantire all’organismo di adulti e bambini il giusto apporto di calcio, ma anche per assicurare la metà del fabbisogno di riboflavina, vitamina B2, preziosa per la crescita durante l’infanzia e l’adolescenza. 3 Marzo


Mangia

RE sano

Le ricette

Risotto al limone e gamberetti Ingredienti • 1 lt di Brodo vegetale • 40 gr di Burro • 1 Cipolla • Erba cipollina q.b. • 400 gr di Gamberi e Gamberetti sgusciati • 1 Limone • Scorza di ½ Limone • Pepe q.b. • 350 gr di Riso • Sale q.b. • ½ bicchiere di Vino bianco

3 Marzo

Preparazione Per preparare il risotto limone e gamberetti sbollentate i gamberetti in acqua salata, scolateli e teneteli da parte. Sbucciate e tritate finemente una cipolla, fatela soffriggere in 20 gr di burro fuso e quando sarà appassita aggiungete il riso che farete tostare qualche minuto. Sfumate il riso con mezzo bicchiere di vino bianco dopodiché aggiungete il succo di un limone. Sempre mescolando portate a termine la cottura del riso aggiungendo un mestolo di brodo vegetale ogni volta che servirà. Mescolate bene e assicuratevi di aver amalgamato bene gli ingredienti. Qualche minuto prima di fine cottura, aggiungete la scorza grattugiata di mezzo limone, i gamberetti cotti in precedenza (tenendone da parte alcuni per guarnire) e del pepe nero. Una volta spento il fuoco aggiungete una noce di burro per mantecare. Decorate il piatto con i gamberetti rimasti e cospargete di erba cipollina.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

53


Amarcord

Galleria Vittorio Eman


nuele


Il Cittadino di Messina 3 marzo 2011  

Settimanale digitale siciliano, di politica, attualita, economia, scienze, cultura, spettacolo, sport ed enogastronomia. Si consiglia di usa...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you