Issuu on Google+

r.g. Salvatore Forestieri

n째 82 anno X - 12 Luglio 2012

il Cittadino www.ilcittadinodimessina.it


Asterisco di Lillo Zaffino

Aggiungi un po Aggiungi un posto a tavola… che c’è un

musicale che ha come protagonista un prete a cui viene assegna imminente secondo diluvio universale. Don Silvestro, il personaggio immaginario di Garinei e Giovan Provincia Nanni Ricevuto. Naturalmente, non ci riferiamo alle res di tutto rispetto, ma al ruolo da protagonista recitato sul palco plemento della Giunta di Palazzo dei leoni. Così, come il buon don Silvestro, ha aggiunto alcune po

si è incaricato di salvare la classe politica mes tarsi di vedere le carte, ha rilanciato ponendo sul pia

Non crediamo che un politico dell’esperienza di Ricevuto non abb te contrari all’aumento dei componenti la Giunta, in controtendenz sticamente gli organi di governo degli Enti. Il gesto politico, i cui effetti per l’Amministrazione nei resid

dato come un semplice atto di arroganza dei partiti o, ancor men

co molto più ampio e in continua evoluzione. Probabilmen politico per le prove generali di una nuova compagni ne di confronti e competizioni. Prossimamente, infatti, si alzeranno

i sipari sulle ele

devono preparare ad affrontare e convincere un corpo elettorale s

2

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


osto a tavola amico in più è il leitmotiv del brano della fortunata commedia to il complicato compito di salvare la specie umana minacciata da un

nnini, in chiave moderna è rappresentato dal nostro Presidente della dote canore e di recitazione di cui , peraltro, può vantare un palmaoscenico della politica messinese in occasione del rimpasto e dell’im-

oltrone per accontentare qualche amico in più e ssinese. Come un esperto giocatore di poker, invece di accontenatto molte delle fiches che poteva giocarsi.

bia valutato le reazioni politiche e dell’opinione pubblica assolutamena con l’orientamento generale, che mira a tagliare i costi e ridurre draui mesi di consiliatura saranno quasi irrilevanti, non può essere liqui-

proiettato in uno scenario politinella sede della Provincia, si è allestito un laboratorio

o, del Presidente, ma

nte,

ia, in vista dei gravosi impegni da assolvere nell’incombente stagio-

ezioni regionali e comunali, i protagonisti e i comprimari si stanco e sfiduciato: non si può più recitare a soggetto.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

3


Foto notizia

Messina - 10 Luglio 2012 Protesta lavoratori ex Servirail all’intern

A margine della nuova Giu


no del Palazzo dei leoni

unta: l’altra faccia della medaglia Peppe Saya


Sommario numero 82 anno X 12 Luglio 2012

10-19

Primo Piano Giunta provinciale

28-33 AttualitĂ  Ex Sanderson ATM

36

Settegiorni

46-47 Provincia News dal territorio

50-53 Sicilia I Forconi

54-57 Economia

Cronaca della settimana

37

Circoscrizioni Notizie dai quartieri

40-41 CittĂ  Cronache urbane

6

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

62-65 Spettacoli

66-67 Cultura


il Cittadino Direttore editoriale: Lillo Zaffino Direttore responsabile: Carmelo Arena Coordinamento: Tiziana Zaffino, Gianluca Rossellini, Gabriella Giannetto, Dario Buonfiglio, Gino Morabito, Antonio Grasso Redazione Nunzio De Luca, Cristina D’Arrigo, Giuseppe Zaffino, Enza Di Vita, Maria Cristina Rocchetti, Letizia Frisone Collaboratori Andrea Castorina, Hermes Carbone, Marilena Faranda, Chiara Lucà Trombetta, Max Leone, Salvatore Grasso, Paola Libro, Lilly La Fauci

68-69 Pane per tutti In missione

72-73 MangiaRe Sano

Rubriche Mimmo Saccà, Michele Giunta Art Director Salvatore Forestieri Ricerca fotografica Antonio De Felice, Riccardo Caristi, Orazio D'Arrigo, Nunzio Di Dio, Peppe Saya, Gianmarco Vetrano Direttore marketing Francesco Micari Pubblicità contatti: 3462306183, 3473640274 e-mail: info@ilcittadinodimessina.it Amministrazione Mario De Marco, Giuseppe Pagano, e Franco Rossellini Web master sito Fabio Lombardo Il Cittadino digitale sarà pubblicato sul giornale on line e inviato gratuitamente ai lettori direttamente nella posta elettronica e sarà condiviso in rete attraverso Facebook

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

77


immagine di Michele Giunta


Primo Piano a cura di Marilena Faranda

I

l Presidente della Provincia regionale, on. Nanni Ricevuto, ha proceduto alla nomina di cinque nuovi assessori che andranno a far parte della Giunta di Palazzo dei Leoni.I nuovi componenti dell’organo esecutivo sono: Bruno Cilento e Giuseppe Crisafulli (UDC); Santino Foti (Grande Sud); Dario La Fauci (PdL) e Daniele Bruschetta (PdL ex AN).Recentemente la Giunta provinciale aveva registrato le dimissioni di tre assessori: Lino Monea; Salvatore Schembri e Mario D’Agostino. La Giunta torna così ad essere formata da quindici componenti. Tale scelta molto criticata dai più, soprattutto, perché operata quasi a fine mandato e mentre si dovrebbe fare una politica di tagli, afferma, invece, il presidente Nanni Ricevuto, rientra nel programma della spending revue, richiesto dal premier Monti. Con la rinuncia alle indennità di presidente e assessori risparmieremo 200mila euro, vi sarà una riduzione anche dell´Irap. Non c’è un disegno politico dietro, ho cercato di cogliere le migliori professionalità un po’ dappertutto, sostiene Ricevuto,a prescindere dal colore politico. Il Presidente Ricevuto incalza, ribadendo la volontà di lavorare in favore del territorio. Noi ci o impegneremo per ottenere traguardi concreti nel territorio di Messina, già solo nell’abbassamento delle spese correnti, come la riduzione del 25%, prevista a seguito di un accordo con la Consip, per le chiamate di servizio. Siamo pronti, afferma Ricevuto, ad essere giudicati fra 4 mesi - 3 mesi. Una

Giunta provinc

Operaz

foto di Peppe Saya

10

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


ciale

ione “extralarge”

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

11


manovra per le prossime elezioni, chi può dirlo? Certo nei piani di Ricevuto, c’è la volontà di ricandidarsi come Presidente della Provincia di Messina. Sicuro, quindi del fatto che non saranno abolite le Province: infatti a chi denuncia, anche l’inadeguatezza della scelta per l’imminente loro chiusura, il Presidente ribatte: “ noi siamo stati sempre un Ente virtuoso, svolgeremo il nostro lavoro con dedizione come sempre e ci batteremo affinché esso non venga chiuso. La presentazione dei nuovi Assessori è stata interrotta dal prorompere degli ex lavoratori servirail che hanno così esordito: “Voi qua vi spartite le cariche e noi Servirail moriamo di fame”. I manifestanti hanno, inoltre, ricordato al Presidente promesse, che si sono rivelate parole a fronte dei fatti compiuti dall’arcivescovo mons. Calogero La Piana. Anche Salvatore Mammola dell’IDVcosì critica l’iniziativa del presidente Ricevuto: “Quel geniaccio del Presidente Ricevuto come un “vero giocatore” di poker tira fuori un asso dalla manica“. “Ricevuto ha inventato l’assessore a progetto, con tutto il rispetto per i Co.Co.Co.; Ricevuto ha inventato gli assessori Co.Co.Co. che con spirito di sacrificio e abnegazione hanno accettato la nomina. Ho sentito, perfino, che qualcuno li vuole Santi subito. Scopriamo, quindi, che nei cassetti del Presidente della Provincia sono raccolti tantissimi progetti per far decollare la nostra provincia. A questo punto continua Salvatore Mammola - mi chiedo cosa ha fatto finora tutta la Giunta Ricevuto?

12

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


foto di Peppe Saya

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

13


I

l presidente della Provincia regionale, on. Nanni Ricevuto, ha nominato cinque nuovi assessori che andranno a far parte della Giunta di Palazzo dei Leoni. Il PD vuole, a questo punto, manifestare il suo disappunto di fronte alla cittadinanza. Il Partito Democratico non accetta, afferma Pippo Rao capogruppo provinciale del PD, la politica delle poltrone. In questo momento, prosegue Rao, non c’è di certo bisogno di nuovi assessori che dureranno massimo 5 mesi, cosa sperano di ottenere in così poco tempo? Ad oggi non è mai stata presentata ufficialmente al Consiglio una Giunta, né una relazione programmatica di ciò che si voleva fare. Gli unici provvedimenti seri realizzati da questa amministrazione provengono da noi, fra questi: il fondo di aiuto alle industrie. Quando ci sono stati da votare i debiti di bilancio noi eravamo in aula con senso di responsabilità per non far cadere il numero legale, dov’erano gli uomini della maggioranza? A Palermo e Catania, fanno tagli e noi aumentiamo gli assessori di Giunta? La maggior parte degli introiti del bilancio di Giunta, come rilevato dal consigliere Italiano, vengono dalle tasche dei cittadini ed il Presidente non si può permettere di spenderli per scopi politici. Non poteva mancare un chiaro riferimento alle alleanze in campo nazionale che il segretario Bersani sta tentando di creare in maniera trasversale fra PD, UDC ed IDV. A livello locale, infatti, afferma il segretario cittadino, Giuseppe Grioli, difficilmente si potranno raggiungere gli stessi obbiettivi, quantomeno se l’UDC resterà attaccato alle poltrone e perciò vicino ad un centro destra, che è ormai fatiscente. Ritengo, comunque, che coloro i quali hanno fatto parte di queste giunte non potranno più ricandidarsi. In ogni caso il nostro partito farà le primarie. Si potrebbe invalidare, quindi, quanto detto dal segretario provinciale nell´incontro della direzione provinciale tenutosi la settimana scorsa.

14

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Il PD manife


esta il suo disappunto

foto di Peppe Saya WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

15


Aumento della spesa: no problem saldi invariati

Solo un contratto di solidarietà

NANNI RICEVUTO Presidente Provincia Regionale di Messina Quella di Messina è la Provincia col maggior numero di assessori in Italia? No, la nostra è la prima Provincia d’ Italia col maggior taglio di spese per la politica. A Milano, Pisapia fa delle spese folli, a Messina tagliamo duecento mila euro. Cosa risponde al MLI (Movimento Liberi Insieme) che farà ricorso al TAR? Che è infondato. Mi sto muovendo nella massima trasparenza e sto facendo qualcosa che la legge prevede e, peraltro, opero tagli alla spesa. La Provincia Regionale di Messina è l’unico ente in Italia ad aver tagliato 200 mila euro alla politica, non vi sono eguali.

16

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Perché queste nomine ad un anno dalla scadenza del mandato? Perché dopo due anni di tribolazioni: “Provincie sì, Provincie no”, siamo Provincia che certamente continua a rimanere nello scenario d’Italia, siamo alla vigilia di una grande possibile riforma istituzionale. E’ probabile che avremo competenze strategiche particolarmente estese e siamo di conseguenza pronti ed attrezzati per realizzare quanti più obiettivi possibili per affrontare il nuovo ruolo, che sarà la nuova scommessa. Abbiamo già dato un esempio di quello che siamo capaci di fare: gli 80 milioni di euro per il sistema delle rete fognaria e di depurazione della provincia di Messina e non è stato necessario un ulteriore finanziamento di 23 mila euro, perché abbiamo recuperato anche il depuratore dell’ASI, tutto questo grazie a noi, Ente Provincia e all’ATO Idrico. Lei ritiene che sia stato necessario riportare gli Assessori a quindici? Fondamentale! Perché lo faccio con 200 mila euro di tagli, pagando meno di IRAP. Mi augurerei che lo facessero il Governo Nazionale e il Sindaco della città di Milano. Nessuno ha mai fatto un taglio del 70-75% dell’indennità del Presidente ed altre importanti riduzioni dell’indennità degli Assessori. Io prenderò, come indennità 1200 euro netti (ne prendevo 4000), il Vice Presidente 2300 euro, come tutti gli altri Assessori, che prima ne prendevano 3000. Si è ormai spaccato l’accordo con l’ex AN ? Assolutamente no! Non è questa la lettura da dare. Il Grande Sud non è presente? Il Grande Sud è già presente in questo quadro, anche se non fisicamente oggi. Io non ho fatto nient’altro che muovermi nell’alveo di un rapporto di maggioranza già esistente. Non è assolutamente vero che sono orientato ad andare verso l’UDC.


“Delegare per raggiungere degli obiettivi” Cosa si può fare in un così breve tempo? Mettere in campo delle azioni per raggiungere degli obiettivi, come ha detto il Presidente. Non è un problema di delega , ma di delegare per raggiungere degli obiettivi. Ancora non so quale delega avrò, quando ce l’avrò, cercherò di mettere in campo le azioni nel miglior modo possibile, non solo tecnicamente, per quanto io sia un tecnico.

DARIO LA FAUCI Assessore

“Intanto pensiamo ad oggi”

BRUNO CILENTO Assessore

Oggi col PdL domani correrete col PD? Intanto pensiamo ad oggi, andiamo avanti. Le questioni politiche più importanti, che riguardano il Governo Nazionale o Regionale, finora non hanno condizionato i nostri rapporti con gli alleati sul territorio. Sono delle dimensioni diverse, sono livelli che dobbiamo curare in maniera differente, così abbiamo fatto fino ad oggi e continueremo a fare. Con questo atteggiamento non pensate di minare la vostra credibilità presso gli elettori? Assolutamente no. Ci siamo finora caratterizzati per il nostro impegno, dei nostri Assessori nella Giunta Comunale e Provinciale e così come in tutti i Comuni della Sicilia. Eravamo anche nel Governo Regionale e siamo usciti autonomamente, abbiamo mantenuto sempre un atteggiamento di coerenza e di grande impegno.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

17


Il paradosso è che la decisione del Presidente Ricevuto è stata criticata persino all’interno del suo stesso Partito. Riportiamo un passo del comunicato firmato da alcuni Consiglieri del PDL. «I sottoscritti consiglieri provinciali del P.D.L., Giuseppe Galluzzo, Enzo Stefano Testagrossa, Francesco Rella, Giuseppe Calabrò, Piero Briuglia, Massimiliano Branca, Letteria Parisi e “Destra Sicilia per la Libertà”, Saya Giuseppe, non condividendo l'aumento del numero degli assessori che il presidente Ricevuto ha posto in essere e ritenendo questa scelta inopportuna prendono le distanze dalla maggioranza e da quella deputazione che ha avallato tale scelta.Ringraziamo altresì, il presidente provinciale del P.D.L., on. Giuseppe Buzzanca, per essere stato contrario a tale scelta dal primo momento». Da questa mozione il gruppo del PD ha preso spunto per votare un Odg che chiede la revoca della determina di nomina del nuovo esecutivo, poiché in violazione della norma che prevede un tetto massimo per i componenti della giunta nel numero di 9 (20% del numero dei consiglieri provinciali). Giuseppe Grioli, segretario cittadino PD, sostiene che: “con le dichiarazioni degli otto consiglieri si formalizza il fallimento della coalizione di centrodestra che ha eletto Ricevuto nel 2008. Vogliamo sapere, ha sostenuto l’esponente dell’opposizione, se i 5 assessori di area ex AN intenderanno dimettersi. Ricevuto deve presentarsi al Consiglio, dire se intende revocare la giunta a 15 componenti così come il consiglio gli ha chiesto nella giornata odierna e verificare se ancora esiste una maggioranza che lo sostiene. Se così non fosse la strada delle elezioni anticipate non può essere evitata in alcun modo. Luigi Gullo, consigliere provinciale, ha manifestato ferma condanna nei confronti di un’amministrazione che ha dato prova di inconcludenza, ed il ruolo dell’UDC, viene rimarcato dal consigliere, dimostra la salda solidarietà con un coalizione che in questi anni non è riuscita a dare prova di essere all’altezza di governare e compiere azioni politiche serie e credibili, preferendo la strada degli annunci e dei proclami.

18

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


foto di Peppe Saya

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

19


Mittente Il Cittadino Destinatari Assessorato Arredo Urbano

Panda d’estate 20

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Alla cortese attenzione dell’assessore Amata

Messina Viale Giostra foto di Peppe Saya

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

21


La Città OltreLeMura A cura di Enzo CARUSO

La Cavalcata di Don d’Austria a Messina nella rievocazione storica del 14 agosto 1903

Giovanni

Vincenzo Caruso Centro Studi e Documentazione “Forte Cavalli”

22

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


A

cosa servono le rievocazioni, i cortei storici, le cavalcate se non a ricordare eventi appartenenti alla storia cittadina e a divenire strumenti alternativi ai sistemi scolastici e cattedratici per tramandare la memoria, in modo originale e leggero, nelle giovani generazioni? “Giocando” si educa al senso di appartenenza e si aiuta a non far perdere il filo conduttore del proprio passato per proiettarsi al futuro con dignità e rispetto per chi ha costruito la nostra storia. La Battaglia di Lepanto, ricordata come il più grande scontro navale della storia, è uno di quei “fatti d’Arme” strettamente legata alla città di Messina per la concentrazione, nel suo importantissimo porto, della Flotta della Santa Lega composta da circa trecento navi provenienti da Spagna, Venezia, Savoia, Genova, Napoli, Malta, Stato Pontificio e dalla stessa Sicilia. Nelle sue acque, 80.000 soldati si radunarono prima della partenza, e in esse vi fecero ritorno vittoriosi guidati da Don Giovanni d’Austria, nel novembre del 1571. La calorosa accoglienza dell’allora “hispanica” Messina, ricordata ai giorni nostri con una rievocazione storica di crescente attrazione turistica durante il Ferragosto messinese, ebbe la sua “prima edizione” il 14 agosto del 1903 con un imponente Corteo, inserito nel programma del Ferragosto pre-terremoto, insieme ad altre manifestazioni e spettacolari esibizioni pirotecniche, documentate da alcune immagini d’epoca della collezione Riccobono. A differenza dell’odierno soggetto, col quale si rievoca l’accoglienza offerta a Don Giovanni prima della partenza della Flotta (secondo la descrizione data da Arena Primo nel libro “La Sicilia nella Battaglia di Lepanto”, di prossima ristampa), l’allora Comitato organizzatore, presieduto da G. S. Pulejo e di cui faceva parte l’illustre Gaetano La Corte Cailler, aveva invece preferito rappresentare l’ingresso trionfale del Condottiero di Lepanto a Messina al ritorno dalla famosa Battaglia, combattutasi il 7 ottobre 1571; secondo la descrizione che ne fa Giuseppe Bonfiglio, una cavalcata dei primi signori d’Italia e delle Spagne accolse i vincitori: un festino di tre giorni con pubbliche luminarie venne bandito dal Senato […] et Don Giovanni fece in Messina festa di un gran torneament nella piazza del Duomo in presenza di molte belle et ornate dame della nobiltà messinese; et a questa festa intervennero li due figlioli d’Alì Bassà, fatti prigionieri a Lepanto. L’evento, annunciato nelle pagine della Gazzetta di Messina e delle Calabrie si svolse con la preziosa collaborazione offerta dalle Autorità Militari e con la personale partecipazione degli ufficiali del Presidio e appartenenti al 1° Reggimento Genio, 47° Fanteria, 3° Artiglieria da Costa, 22° Artiglieria da Campagna, e 3° Cavalleria Savoja. La cronaca del tempo descrive con dovizia di particolari lo svolgimento del corteo e della cavalcata: “Grandissima ed enorme era l’aspettativa nella cittadinanza e nei forestieri, molti dei quali vennero qui per assistere allo Storico Corteo. Parecchi avevano sentito parlare di questa Cavalcata, ma di fronte alla precisione della riproduzione, l’idea non arriva a concepirla. Alle ore 16 le vie della città gremivano di enorme pubblico; nei balconi, nelle terrazze, nei piccoli buchi la gente si pigiava per ammirare lo splendore di quello spettacolo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

23


assolutamente nuovo e che tanta curiosità destava in tutti. Alla Cittadella è un formicolio di gente che attende lo sfilamento dello storico corteo che finalmente si muove alle 16,30 annunziato da sette colpi di cannone. Ecco il percorso: Cittadella, Corso V. Emanuele, v.le Principe Amedeo, via Fata Morgana, via Garibaldi, Via Cardines, Quattro Fontane, via I Settembre, Duomo, via Librai, Corso Cavour, via Porta Imperiale, Due Vie, via Varese, Piazza Fabrizi, Piazza Cairoli, viale S. Martino, Marina, Cittadella. Don Giovanni d’Austria è impersonato dall’egregio Tenente signor Giuseppe Oliva del 1° Cavalleria, Aiutante Maggiore del Generale Caneva, Comandante la Divisione Militare di Messina. Splendido il costume che indossa. Tra cavalieri e pedoni si contano circa duecento persone. Il Corteo è preceduto da due trombettieri del Corpo dei Vigili (il furiere Leone e la guardia D’Agostino), dietro ai quali procede la Fanfara del 3° Rgt. Artiglieria da Costa; seguono in ordine i comandanti Sforza di Santa Flora, Sigismondo Gonzaga e Don Diego Enriquez, Mastro di Campo delle Fanterie del Tercio di Sicilia; quindi gli aiutanti di campo e gli stendardi seguiti dai figuranti in arme. Subito a seguire una serie di nobili a cavallo, i Mazzieri della Regia Corte, i Magistrati del Real Patrimonio, i Giudici della

24

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Corte Straticoziale, i Valletti, le trombe, il banditore del Comune, i Mazzieri del Senato, gli alabardieri, Don Giovanni d’Austria a Cavallo, lo Straticò, i Senatori, Don Giovanni di Cardona, comandante le Galere di Sicilia, i Comandanti Marcantonio Colonna, Giannandrea Doria, Alvaro di Bazan da Napoli, Andrea Provana di Leyna del Ducato di Savoia e ancora uomini in arme. Ricchissimi ed ammiratissimi i loro costumi. Durante il percorso, in moltissimi punti della città, e specialmente da alcuni forestieri degli Hotels Vittoria e Trinacria, vengono lanciati a Don Giovanni d’Austria molti mazzolini di fiori. In via I Settembre, viene offerta poi dal Signor Nicolò Gentile, suscitando grandi entusiasmi, una ricca corona di alloro con bacche dorate e un nastro tricolore. Il Tenente Oliva, al suo passaggio in piazza dell’Annunziata, con pensiero gentile fece attaccare da un paggio la corona all’elsa della Statua di Don Giovanni d’Austria. Vivissimi applausi accolsero la geniale trovata del simpatico ufficiale. Nelle vie Garibaldi, Corso Cavour, Corso V. Emanuele, I Settembre, Cardines, la Cavalcata ha sfilato in mezzo a due ali fittissime di popolo acclamante; il successo non poteva essere più grandioso e colossale.”

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

25


26

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

27


Attualità

Ex Sanderson e la dichiarazione di “Luogo dell’Identità e della Memoria” della Regione

I

n seguito alle dichiarazioni dell’Assessore allo Sviluppo economico del Comune di Messina, Gianfranco Scoglio, sulla Gazzetta del Sud in merito alla realizzazione della Piattaforma logistica nell’area ex Sanderson, l’Associazione “Piattaforma creativa”, da anni impegnata nella valorizzazione dell’area come “bene di archeologia industriale”, convocherà a breve una conferenza stampa per illustrare lo stato dell’arte di un iter già a buon punto, nonché di un progetto approvato in ambito regionale ed europeo. L’Associazione “Piattaforma creativa” fondata nel 2009 e guidata dal Dr. Davide Rizzo, si adopera da molto tempo affinché non si cancelli uno dei luoghi-simbolo della Messina ricca e industrializzata dei primi anni del Novecento: l’ex Sanderson, area di grande valore archeologico industriale che può rivivere come “fabbrica culturale e creativa”. Come a Torino per l’ex Officina Grandi Riparazioni – conosciuta dal grande pubblico televisivo per aver recentemente ospitato la trasmissione di Fazio e Saviano “Quello che non ho” – o il recupero dell’area ex-Michelin di Trento con il MUSE – Museo delle Scienze appena consegnato da Renzo Piano, anche per lo stabilimento agrumario di Tremestieri il gruppo di giovani di “Piattaforma creativa” da tempo segue un iter, che già ha portato significativi esostanziali risultati per ottenere il vincolo storico-paesaggistico dell’area e la sua conseguente valorizzazione. Il progetto di valorizzazione “Sanderson Creative Industry” viene presentato nel marzo 2009 per esse-

28

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Tremestieri L’ingresso dell’ex Sanderson

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

29


30

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Tremestieri L’interno dell’ex Sanderson

re inserito nel “Piano Strategico Messina 2020”. Nonostante informali apprezzamenti giunti dalla Società Nomisma (società del raggruppamento che guidava la redazione del Piano), il progetto inserito nel Piano Intermedio non passa alla fase successiva, quella "del Piano Definitivo". Nel frattempo i giovani professionisti che fanno parte dell’Associazione “Piattaforma creativa” nel 2010 partecipano al Progetto “Smilies” a cura dell’Assessorato Regionale alle Attività produttive per il Programma di Cooperazione territoriale europea e co-finanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, con il progetto di riconversione creativa “Sanderson Creative Industry”, che viene inserito nell’elenco delle proposte approvate come progetto pilota di servizio. Un anno fa il Consiglio Comunale di Messina accoglie l’Emendamento alle Osservazioni al Piano Paesaggistico il cui testo recita: “Sottoporre a vincolo quale Bene Paesaggistico ai sensi del’art. 136 e seguenti D.LGS 42/2004 l’Area ex Sanderson essendo la stessa configurabile come un complesso di archeologia industriale di rilievo”. Trovandosi, tra l’altro, in zona tutelata nell’ambito della Legge Galasso (Legge n° 431, 8 agosto 1985). Soltanto due mesi fa, il 3 maggio 2012, l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana inserisce il Complesso Industriale “Sanderson & Sons” nella Carta Regionale dei Luoghi e dell’Identità della Memoria “in relazione alla sua rilevanza nella formazione dell’identità e della memoria per la valorizzazione del Patrimonio Culturale Regionale”. E soltanto cinque giorni prima dal grande evento di venerdì prossimo al Palacultura del “Patto per lo sviluppo della città”, l’assessore Scoglio dichiara al quotidiano cittadino di voler realizzare all’ex Sanderson la Piattaforma logistica collegata al Porto di Tremestieri. Mentre i giovani sperano in un futuro per la città di Messina con una “fabbrica culturale”, la politica si china, ancora una volta, alle esigenze dei soliti noti! WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

31


Atm: in arrivo stipendi di maggio e giugno

L

a somma che servirà per pagare lo stipendio di maggio ai lavoratori dell’Atm martedì 10 luglio è stata versata alla Bnl con valuta 12 luglio. Lo ha annunciato lunedì 9 luglio l’assessore alla mobilità Melino Capone che ha incontrato i lavoratori dell’azienda e i rappresentanti sindacali di FILT-CGIl, FIT-CISL, UILTRASPORTI, UGL, ORSA, FAISACISAL e CUB. Per ratificare lo stipendio di giugno, invece, è stata convocata una seduta di giunta per martedì 10 luglio, e- ha garantito Capone- quella mensilità sarà corrisposta entro dieci giorni. Non è stata vana, dunque, la protesta dei dipendenti dell’azienda trasporti che, durante le giornate di giovedì 5 e venerdì 6 luglio, hanno presidiato Palazzo Zanca pretendendo risposte sugli stipendi arretrati e sulla quattordicesima mensilità. Lunedì mattina inoltre, sono state sottoscritte dall’Atm le polizze assicurative che coprono il rischio R.C.A. dei mezzi: “ Il lieve ritardo nel perfezionamento delle procedure che comunque non ha comportato conseguenze di alcun tipo sui conducenti- ha dichiarato il direttore

32

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


generale Claudio Conte- ha consentito di portare a buon fine un procedimento svoltosi in conformità agli indirizzi impartiti dal commissario straordinario Santi Alligo e che hanno consentito un risparmio di 307.000 euro sui 696.000 a base d’asta. Quest’ultimo importo è stato calcolato in diminuzione a causa purtroppo del minor numero di bus disponibili rispetto agli anni precedenti”. Per qualche giorno, dunque, i dipendenti dell’Atm possono tirare un sospiro di sollievo, ma l’azienda dei trasporti di Messina è in grave crisi ormai da anni, una crisi che non sembra nemmeno lontanamente vicina ad una soluzione positiva. Alla fine del 2011, infatti, Capone ha proposto di liquidare l’Atm per poi poter procedere alla creazione di una nuova azienda Spa. Questa nuova azienda, però, di fatto non è ancora stata creata e i dipendenti dell´Atm ricevono i loro stipendi costantemente con due o tre mesi di ritardo. A rassicurare questi lavoratori, dunque, non basterà il pagamento dello stipendio di due mesi fa, e nemmeno quello del mese scorso. Servirebbero piuttosto garanzie sul futuro della stessa azienda che sembra ormai un morto che cammina, che cammina palesemente a stento però, col carburante e le assicurazioni pagate a fatica da un Comune la cui crisi economica si riflette nelle difficoltà di tutte le aziende della città. Lilly La Fauci

foto di Peppe Saya WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

33


"Puoi sostenere L'Associazione" Per te donna onlus, che : offre sostegno psicologico alle donne operate di tumore (in partucolare al seno), organizza giornate di visite gratuite per la prevenzione per una diagnosi precoce, organizza delle attivitĂ  per il benessere psicofisico delle donne , destinando il tuo 5x1000. Firma la dichiarazione dei redditi nello spazio dedicato al "sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilitĂ  sociale"... ed inserisci il C.F. 97 059 660 833. E' semplice non ti costa nulla ma per l'Associazione ha un grandissimo valore. Visita il nostro sito : wwwpertedonnaonlus.it" 34

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


foto di Antonio De Felice

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

35


sette giorni

Luglio 2012

di Andrea Castorina

5

giovedì

6

venerdì

7

sabato

8

Recuperato ceppo di ancora in giardino privato

Recuperato ceppo di ancora in piombo datato II secolo D.C. nella zona di Galati. Il reperto, conservato in un giardino di un pescatore della zona sud, sarà oggetto di restauro nei locali dell’Arsenale Militare per poi essere esposto al pubblico al S. Salvatore. In piombo con cassetta rettangolare e priva di perno di fissaggio, l’ancora di 270 Kg doveva prevedere anche la contromarra.

Foto di Michelangelo Vizzini in casa Loren e Verdone

Tre “pezzi” della mostra fotografica su Michelangelo Vizzini in casa Loren eVerdone: l'evento “La Dolce Vita rivive a Taormina” si è concluso con la consegna alla diva di due pannelli che la immortalano insieme con Vittorio De Sica nel '65 e con Nino Manfredi e Massimo Ranieri nel '70; al regista invece la foto del suo amato maestro Alberto Sordi in uno scatto del '62 accanto alle colonne del Teatro Greco.

43 progetti per cambiare il volto di Messina Responsabilizzare cittadini, associazioni, sindacati e partiti politici, mettendo da parte l’atteggiamento critico e lamentoso per sostituirlo con uno costruttivo e pragmatico. E’ questo l’obiettivo della Piattaforma Programmatica Comune(PPC), nata lo scorso 19 maggio da un’iniziativa del Movimento Reset, i cui risultati sono stati presentati questa mattina presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca. Sono ben 43 le idee-progetto nate durante gli incontri promossi da Reset.

Sbloccati i finanziamenti regionali per i servizi sociali

Sbloccato l’iter dei finanziamenti regionali di progetti volti all’assistenza di persone anziane, diversamente abili, indigenti e stranieri di circa 17 milioni di euro. Da settembre sono previsti la creazione di un centro socio-educativo presso la struttura polifunzionale di Santa Lucia sopra Contesse e vari domenica servizi rivolti all’utenza. Lo sblocco dei finanziamenti regionali,utile per l’assistenza sociale, si concretizza dopo un decennio di incapacità di gestione tra la Regione e la città di Messina.

9

lunedì

10 martedì

11

E’ morto il musicista Pippo Mafali Si è spento questo pomeriggio il compositore messinese Pippo Mafali. Lascia una ricca eredità musicale e un grande vuoto in chi ha avuto il privilegio di potere accarezzare la sua sensibilità di artista e di uomo. Ha collaborato con band internazionali e aperto concerti di artisti di pregio come Chet Baker, ha accompagnato tra gli altri Carmen Consoli e Andrea Bocelli. Componente di orchestre internazionali, l'Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele di Messina ha potuto vantare anche della sua presenza.

Prorogati i poteri speciali a Buzzanca Con delibera della Presidenza del Consiglio dei ministri, sono stati prorogati per altri trenta giorni i poteri speciali attribuiti al sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, per la prosecuzione delle procedure legate all'emergenza della mobilità. Il primo decreto, con il quale era stato dichiarato lo stato di emergenza ambientale a Messina, determinatosi nel settore traffico e della mobilità, risale all'otto settembre del 2006, e successivamente fu prorogato dal Presidente del Consiglio il 29 dicembre 2011 e da ultimo sino al 30 giugno scorso.

Corona e Cocuzza: "Siamo qui per la vittoria del campionato"

E’ stata una scelta di cuore quella che ha spinto Giorgio Corona e Salvatore Cocuzza, nonostante l’offerta della Torres di 120.000 euro – confermata in sala stampa dal procuratore di entrambi i calciatori - , ad accettare di giocamercoledì re ancora un anno tra le fila dell’Acr Messina. Come confermato dal direttore sportivoFabrizio Ferrigno, i due “cugini del gol” “saranno gli unici riconfermati rispetto all’Acr della passata stagione”.

36

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


circoscrizioni di Andrea Castorina

III quartiere

Gioveni chiede all’ass. Sparso chiarezza sulle 5 problematiche irrisolte

I

l consigliere della III Circoscrizione Libero Gioveni interviene sul delicato tema del risanamento chiedendo all´Assessore competente Roberto Sparso di conoscere l’iter tecnico-amministrativo di tante questioni ancora irrisolte. Gioveni chiede maggiore chiarezza su 5 problematiche ancora non risolte: - progetto per la realizzazione di 112 alloggi e di un parco di quartiere in località Bisconte - progetto per la copertura e la riqualificazione ambientale del torrente Bisconte-Catarratti, il cui costo è lievitato a più di 20 milioni di euro per effetto della variante presentata da Palazzo Zanca dopo il nulla osta rilasciato dal Genio Civile - risanamento della baraccopoli di Fondo Fucile, autentica “bomba ecologica” per la massiccia presenza di amianto in quasi tutti i tuguri del popoloso rione - nuovo Regolamento sull’assegnazione degli alloggi popolari alla luce anche delle circa 900 domande per l’emergenza abitativa che giacciono ormai da anni nei cassetti del Dipartimento politiche della casa a discapito di chi vive il dramma di aver perso la casa con sfratto esecutivo o ordinanza di sgombero - bando che regolamenti la mobilità negli alloggi popolari per sopravvenute modifiche dei requisiti originari.

III quartiere

II quartiere

Svincolo San Filippo: ultimati da Messinambiente i lavori di bonifica

D

opo mesi e mesi di segnalazioni, sono stati ultimati i lavori di bonifica, scerbatura e pulizia lungo le rampe di accesso ed uscita dello svincolo di S. Filippo. Gli interventi sono stati eseguiti dal personale di Messinambiente, con il coordinamento del commissario Armando Di Maria. La presenza di rovi ed erbacce, presenti nella parte alta dello svincolo S. Filippo, costituiva un serio pericolo per l´incolumità degli automobilisti, costretti a transitare con una visibilità limitata proprio dagli arbusti. Non finiscono qui gli interventi sul territorio del II Quartiere: Messinambiente sta già operando la bonifica e la scerbatura della parte alta della via Mirulla a Pistunina, mentre già nei prossimi giorni, dopo il completamento del lavoro iniziato nelle settimane scorse a Minissale e lungo la ex SS 114, saranno effettuati gli interventi a S. Lucia sopra Contesse, nel rione UNRRA, ed a S. Filippo Superiore.

Rione Gescal: iniziati i lavori per il ripristino delle frana

L

’attesa premia. Dopo tre anni, era il 2009 quando una frana occupò interamente la via Vecchia Comunale S.Filippo, sono iniziati gli interventi di messa in sicurezza dell’arteria. Esprimono soddisfazione il presidente della III Circoscrizione Giovanni De Salvo insieme al consigliere Pasquale Currò. Il Quartiere aveva ripetutamente sollecitato l’inizio dei lavori per far fronte ai gravi disagi subiti dai residenti della zona, impossibilitati ad usufruire di una via di collegamento fondamentale. La squadra del reparto movimento terra del Comune è già all’opera per rimuovere i detriti che ostruiscono la carreggiata.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

37


Foto notizia

Messina - 6 Luglio 2012

Concertazione:


in itinere foto di Peppe Saya


città a cura di Marilena Faranda

Viabilità

Nuova regolamentazione della circolazione

Circolo culturale Russita

Nuovo libro sugli eventi dopo il 1908

I

l Dipartimento mobilità urbana e viabilità ha disposto una nuova regolamentazione della circolazione in corrispondenza delle intersezioni del viale S. Martino con le vie Solferino, del Vespro, Torrenova e S. Maria Alemanna e della via del Vespro con le vie Garibaldi e S. Elia, allo scopo di eliminare i punti di conflitto di attraversamento. Pertanto vigerà il senso unico di circolazione in direzione ovest-est (monte-mare) nel tratto di via del Vespro, tra via S. Elia e viale S. Martino; revocato l'obbligo di fermarsi e dare precedenza nel viale S. Martino alle intersezioni nord e sud con via del Vespro; istituito l'obbligo di fermarsi e dare precedenza in via del Vespro, alle intersezioni est ed ovest con viale S. Martino. Disposta inoltre la direzione obbligatoria a destra all'intersezione lato est di via del Vespro con viale S. Martino; alle intersezioni lato est di via Solferino con viale S. Martino; di via Torre Nova con viale S. Martino e lato est di via S. Maria Alemanna con viale S. Martino.

40 40

D

opo gli eventi commemorativi dello scorso mese, per l'inaugurazione del monumento ai marinai russi e che hanno ricordato gli interventi che unità della flotta russa prestarono alla popolazione terremotata di Messina, il presidente del circolo culturale Russita della città di Raduzhny, a centocinquanta chilometri da Mosca, prof. Alexander Fedotov, ha richiesto al sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, documentazione sugli appuntamenti. Testi ed immagini serviranno per la realizzazione di un nuovo volume che lo studioso russo sta completando dopo due precedenti edizioni del 2002 e

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

2009. Il sindaco Buzzanca ha disposto l'invio da parte dell'ufficio stampa del Comune, di materiale iconografico per poter rispondere alle esigenze del circolo Russita, che oltre a promuovere corsi di italiano, organizza viaggi in Italia per gli studenti russi. Il monumento realizzato a Messina, opera di Vassily Selivanon, sul modello ideato nel 1911 dallo scultore Pietro Kufferle, posto nello spazio a verde difronte l'imboccatura del porto di Messina, è già oggetto degli obiettivi delle macchine fotografiche di numerosi turisti che sbarcano dalle navi da crociera, e poi rilanciano le immagini su vari siti internet.


Mobilità urbana

Emergenza

Divieti di sosta

S

ono state adottate limitazioni viarie per consentire il posizionamento di autogrù con cestello in alcune vie cittadine. Pertanto sarà vietata la sosta da, giovedì 12 e sino a sabato 28, per la durata di due giornate, su entrambi i lati di viale Regina Margherita, per un tratto di 80 metri antistante il numero civico 13, in

prossimità dell'intersezione con via Barbalonga. Da venerdì 13 sino a sabato 28, per la durata di tre giorni, nella fascia oraria 8 - 19.30 il divieto di sosta vigerà anche sul lato nord di via XXVII Luglio, per un tratto di 31 metri ad est dell'intersezione con via G. Bruno, e sul lato est di via G. Bruno, per un tratto di 21 metri a nord dell'intersezione con via XXVII Luglio; sempre dal 13 al 28, per sei giorni, nella fascia oraria 8 -19.30, la sosta sarà vietata in via Faustina e Tertullo, per un tratto di 18 metri, antistante l'isolato 357, al numero civico 19.

Interventi sugli arenili

D

C

on delibera della Presidenz a del Consiglio dei ministri, sono stati prorogati per altri trenta giorni i poteri speciali attribuiti al sindaco di Messina, on. Giuseppe Buzzanca, per la prosecuzione delle procedure legate all'emergenza della mobilità. Il primo decreto, con il quale era stato dichiarato lo stato di emergenza ambientale a Messina, determinatosi nel settore traffico e della mobilità, risale all'otto settembre del 2006, e successivamente fu prorogato dal Presidente del Consiglio il 29 dicembre 2011 e da ultimo sino al 30 giugno scorso.

Consiglio comunale

Spiagge

opo il completamento degli interventi della squadra del movimento terra del Comune, per i lavori di rifinitura degli areni-

Proroga dei poteri del sindaco

Nota del consigliere Iannello

li a Galati Marina ed il sopralluogo effettuato, il sindaco, on. Giuseppe Buzzanca, ha confermato che, con il coordinamento dell'assessore alle politiche del mare, Pippo Isgrò, proseguirà la programmazione, per realizzare spazi a verde per il tempo libero. La spiaggia di Galati era stata risagomata per essere resa fruibile ai residenti, che hanno seguito Buzzanca ed Isgrò nella verifica dei lavori effettuati.

I

l consigliere Pietro Iannello, con una nota trasmessa al presidente del Consiglio comunale, ha ufficializzato l'adesione al Gruppo Misto di Palazzo Zanca. Iannello, nella seduta del consiglio comunale del 2 luglio, aveva comunicato all'Aula l'intenzione di lasciare il gruppo del PdL per aderire a quello misto.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

41 41 41


Foto notizia

Al mare con l’Asse


essore

Messina - 10 Luglio 2012 Torrente Mezzana foto di Peppe Saya


Foto notizia

La


Messina - 11 Luglio 2012

strada che portava da Camaro a Bordonaro foto di Peppe Saya


provincia Messina a cura di Marilena Faranda

E

’stata scoperta la targa di dedicazione della biblioteca provinciale ad un grande poeta, Giovanni Agostino Placido Pascoli (San Mauro di Romagna, 31 dicembre 1855 – Bologna, 6 aprile 1912) che ha vissuto a Messina dal 1897 - 1903 e quindi messinese di acquisizione. Tale iniziativa rientra all’interno di “Messina 2012 – Le celebrazioni pascoliane”. Introduce l'inaugurazione il Presidente Ricevuto, il quale afferma: “Io non posso non ringraziare il giornalista Nuccio Anselmo e, soprattutto, l'ex assessore alla cultura, Mario D’Agostino. ed un grazie va, anche, alla dott.ssa Restifo, a Maria La Torre, alla dott.ssa Tripodo ed alla dottoressa Pipitò. Dobbiamo arrivare, ha detto il presidente, alla creazione del Circolo Pascoliamo. Si farà tutto in relazione con il Comune, anche con l'intento di riqualificare le casa pascoliana e con l’aiuto del neo assessore alla cultura Crisafulli, con il quale ci siamo posti degli obiettivi. Questo è valido per tutti i nuovi membri di Giunta, ci siamo prefissi degli obbiettivi e anche in questi pochi mesi intendiamo raggiungerli, per creare qualcosa di costruttivo”. L’assessore D’Agostino, nel congedarsi, ha detto “Io ringrazio il presidente per l'esperienza umana che ho vissuto e per l'accoglienza che è stata data a me e la diffusione delle iniziative cittadine. Mi preme, però, ribadire un concetto: Quello che noi facciamo per noi rimane con noi, quello che si fa per gli altri diventa importante e sono contento perciò di sapere che il settore cultura non morirà con me”. Il neo assessore Crisafulli: “Io mi auguro di poter operare sulla stessa scia di quello che ha fatto Mario e lo ringrazio”. Uno dei responsabile della “Comitato di Coordinamento per le celebrazioni pascoliane di Messina 2012”, Josè Gambino, afferma: “Tutto il nostro operato trova compimento nell'intitolazione a Giovanni Pascoli. Non dobbiamo, ha proseguito il professore, fermarci qui, ma continuare a promuovere la cultura anche attraverso la memoria di Pascoli”. Uno dei membri del comitato scientifico, la professoressa Barilà, continua: “Ringrazio per quanto si è ottenuto con l'intitolazione della Bibblioteca a Pascoli, però mi auguro che venga riqualificata la casa, come tutte le opere pre-terremoto, per la salvaguardia della nostra cultura”. Il professore Rando sostiene: “Oggi è una giornata storica per aver concesso il reale tributo a Pascoli. Dobbiamo distinguere due tipi di università quella accademica e quella del territorio sulla quale bisogna agire. Il professore Miscelen da lettura ad un documento con tutti i progetti che l'associazione vuole fare. Il direttore dell’archivio di Messina, dott.:Alfio Seminara:” Io sono consulente alla cultura”,afferma, “ma ritengo che bisognerebbe cambiare sede con una più grande perchè gli spazi sono piccoli e la biblioteca ha molto materiale, come abbiamo visto. Il Presidente del Consiglio Comunale, Pippo Previti nel ringraziare i due Assessori provinciali per l’iniziativa, propone di spostare la biblioteca all’autoparco provinciale, che, attualmente, non è in uso ed ha ampi spazi. Il presidente della fondazione pascoliana, Piero Chillè, più bellicosamente afferma: “scenderemo in piazza per ottenere l'isola pedonale di fronte a Palazzo Sturiale, casa messinese di Pascoli.La cerimonia prosegue con la lettura della poesia Arcobaleno da parte del professore Di Prima, scritta durante la sua permanenza ai Cappuccini. A scoprire la targa la bravissima poetessa Maria Costa. La biblioteca è fruibile tutti i giorni attualmente dispone di un catalogo cartaceo e da qualche tempo si sta attrezzando anche per quello online.

46

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

E' stata sc della bibli

Iniziat la me


coperta la targa di intitolazione a Giovannni Pascoli ioteca provinciale

tiva per ricordare ssinesitĂ  del grande poeta

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

47


Foto notizia

Messina - 10 Luglio 2012

Operazione “VIVAIO� coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dai Carabinieri del ROS di Messina. foto di Peppe Saya


Sicilia a cura di Dario Buonfiglio

servizio fotografico di Peppe Saya

Forconi arrabbiati: "Pronti al blocc

S

e da Roma non giungeranno notizie entro venerdì, la protesta attuata dal movimento dei Forconi a Villa San Giovanni potrebbe proseguire oltre quel termine e arrivare anche al blocco degli imbarcaderi per la Sicilia. Ad annunciarlo è stato stamani è stato il leader della protesta Mariano Ferro. "A questo punto - ha precisato - credo che se non arriviamo al blocco non ci considererà nessuno. Il Governo sta tagliando su tutto tranne che sulle spese della politica. È da qui che nasce la nostra rabbia. C'è una parte della società che non vuole fare sacrifici. Noi chiediamo rispetto per gli autotrasportatori, per le aziende. Vorremmo rimettere in moto l'economia. Il fatto è che il popolo sta affondando e nessuno dice come è possibile uscire dal tunnel". Al riguardo Ferro ha anche reso noto di avere già informato i funzionari della Questura di Reggio Calabria della richiesta di proroga della manifestazione. "Ci hanno dipinti in malomodo - ha aggiunto il leader dei Forconi - ma noi siamo cattolici e vorremmo ripristinare la giustizia sociale". La protesta al momento prosegue con una cinquantina di manifestanti che effettua opera di volantinaggio sulla

50

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


co degli imbarcaderi per la Sicilia" strada che conduce agli imbarcaderi provocando un rallentamento della circolazione ma non problemi particolari. Ieri sera, però, alcuni camionisti hanno hanno avuto uno scontro con i manifestanti, tre dei quali sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari. "Anche nei giorni scorsi - afferma Ferro - c'erano stati momenti di tensione, ma sono stati superati. Ieri sera, invece, alcuni camionisti che erano in fila per traghettare verso la Sicilia si sono scagliati contro alcuni dei manifestanti. Ne è nato uno scontro e tre dei nostri sono stati portati, con ambulanze, in ospedale, credo a Reggio Calabria. Hanno subito delle lievi contusioni e adesso stanno bene". Ferro dice di "non capire le proteste dei camionisti" visto che, sostiene, "stiamo manifestando anche per loro, tanto che la manifestazione è cominciata l'8 luglio scorso assieme a loro". "La verità - osserva il leader dei Forconi - è che molte sigle di categoria si sono accordate col governo invece di difendere i loro iscritti".

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

51


Villa San Giovanni - 12 Luglio 2012

Il sit-in dei Forconi

La contestazione si concluderĂ  il 13 Luglio alle ore 22.

foto di Peppe Saya


Economia di Gino Morabito

Spending review:

Da sabato 7 luglio il decreto "Disposizioni urg con invarianza dei servizi a i cittadini" più no apprezzato dell’Unione Europea e dalla Banca c sentire la sua efficacia in molti settori sociali.

L

a previsione di risparmio è di 26 miliardi di euro in 3 anni, 4,5 per l’anno in corso, 10,5 per il 2013 e 11 per il 2014. Per la città e la provincia di Messina, che dopo i primi dati del 15° Censimento ISTAT ha perso lo status di città metropolitana perché con meno di 250.000 abitanti, ci sarà un minore trasferimento di fondi da parte dello Stato. Si salvano l’Ente Provincia dall’accorpamento con altre istituzioni provinciali – in Sicilia potrebbero subire sorte diversa quelle di Enna, Ragusa e Caltanissetta – e gli ospedali cittadini, già colpiti da ridimensionamenti per effetto delle politiche isolane degli scorsi mesi. Così non sarà per il tribunale e la procura di Mistretta che verranno accorpati a quelli di Patti e per le sezioni staccate di Sant’Agata di Militello, Taormina, Milazzo e Lipari che saranno accorpate a quelle più vicine. I tagli che si prospettano per il pubblico impiego, con ogni probabilità, colpiranno anche la nostra città sede di diversi uffici periferici di Ministeri e di Enti ad essi collegati. Riportiamo di seguito, molto sinteticamente, alcuni dei principali provvedimenti contenuti nel decreto. Per chi ne avesse voglia e volesse minimamente approfondire l’argomento, può prendere visione dal sito www.governo.it

54

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


che brutta parola

enti per la revisione della spesa pubblica oto come decreto sulla spending review, centrale europea, è entrato in vigore e farà

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

55


IVA L'aumento dell'Iva scatterà dal primo luglio 2013, mentre a decorrere dal 2014 il rincaro sarà dello 0,5%. AFFITTI Al via il blocco degli adeguamenti Istat relativi ai canoni dovuti dalle Amministrazioni per l'utilizzo di immobili in locazione passiva per gli anni 2012, 2013, 2014. TAGLI AI FONDI DI REGIONI E COMUNI Le risorse dovute dallo Stato alle regioni a statuto ordinario sono ridotte di 700 milioni per il 2012 e di 1 miliardo dal 2013. Per i Comuni il taglio è di 500 milioni per il 2012 e 2 miliardi per il 2013. Per le province riduzione di 500 milioni per il 2012 e 1 miliardo per il 2013.

VIA 18MILA POSTI LETTO Entro il 30 novembre di quest'anno le Regioni dovranno ridurre i posti letto nelle strutture sanitarie, un taglio di circa 18mila posti, pari a 0,3 per mille abitanti.

56

STATALI, TAGLI E ASSUNZIONI RIDOTTE Tagli del 20% degli uffici dirigenziali e del 10% del personale. Ridotti anche gli organici dei militari, non meno del 10%. Si introduce poi il divieto di attribuire incarichi di studio e consulenza a soggetti, già appartenenti ai ruoli dell’amministrazione e collocati in quiescenza, che abbiano svolto, nel corso dell’ultimo anno di servizio, funzioni e attività corrispondenti a quelle oggetto dell’incarico di studio o consulenza. Viene inoltre abrogata la normativa in materia di vice dirigenza. BENI ENTI TERRITORIALI Previsto l'uso gratuito allo Stato di beni di proprietà degli enti territoriali e viceversa. DEBITI P.A. Slitta di un mese, dal 28 giugno al 27 luglio, il termine per le aziende per richiedere il rimborso dei debiti vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni con titoli di Stato. ESODATI Vengono salvati ulteriori 55.000 lavoratori esodati rispetto ai 65 mila già interessati e potranno esserne interessati altri 1.600.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

TAGLI AI MINISTERI 1,5 miliardi per il 2012 e 3 dal 2013. LIBRI SCUOLA GRATIS, 103 MLN DAL 2013 Al fine di assicurare la prosecuzione degli interventi previsti dall'articolo 27, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, è autorizzata la spesa di 103 milioni di euro a decorrere dall'anno 2013. SANITA' Confermato il taglio di tre miliardi di euro per il fondo sanitario nazionale nel 2012-2013, con un miliardo in meno quest'anno e due miliardi a decorrere dal 2013. Tagliati del 5% gli appalti di fornitura di beni e servizi in sanità.

VIA ISVAP E COVIP, ARRIVA IVARP Soppressi l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (Isvap) e la Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip). Le funzioni dei due enti saranno accorpate dall'Ivarp che sarà l’unico istituto per la vigilanza sulle assicurazioni e il risparmio previdenziale.


STOP FERIE RETRIBUITE Gli statali non possono monetizzare ferie, riposi e permessi non goduti. La violazione di queste disposizioni fa scattare automaticamente un'azione disciplinare e amministrativa per il dirigente responsabile, oltre al recupero delle somme indebitamente erogate. FARMACI Raddoppia lo sconto sui farmaci a carico dei farmacisti convenzionati, che passa dall'1,82% al 3,65%.

TERREMOTO Saranno garantite risorse pari a 1 mld per il 2013 e altrettanto per il 2014.

TAGLI A COSTI INTERCETTAZIONI Tagliati i costi delle intercettazioni. I risparmi sono stimati per 20 milioni nel 2012 e 40 milioni nel 2013.

STRETTA SOCIETA' PUBBLICHE E IN HOUSE I C.d.A. dovranno essere composti da non più di 3 membri.

ARRIVA LA “PAGELLA” PER GLI STATALI Saranno individuati per decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di concerto con l'Economia, i criteri per "la valutazione organizzativa e individuale" dei dipendenti pubblici. TV E RADIO LOCALI Ridotti di 30 milioni a decorrere dal 2013 i contributi a favore di radio e tv locali

LIQUIDATORI I commissari liquidatori di enti pubblici potranno avere un incarico non superiore ai 3 anni, che potrà essere prorogato una sola volta per un periodo massimo di 2 anni, quindi per complessivi 5. NASCONO LE CITTA' METROPOLITANE Entro l'1 gennaio saranno istituite 10 città metropolitane; Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria.

AUTO BLU Nel 2013 la spesa per le auto blu non dovrà superare il 50% di quanto speso nel 2011.

BUONI PASTO Non potranno superare i 7 euro a partire dal 1 ottobre. PROVINCE Via le province più piccole e meno popolate con l'obiettivo di dimezzarle. Salve le province nel cui territorio si trova il capoluogo di regione e quelle confinanti con regioni diverse da quella di appartenenza. STRADE SICURE Arrivano 72,8 mln nel 2013 per la sicurezze sulle strade. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO Riduzione delle spese di funzionamento per un risparmio complessivo di 5 milioni di euro per l'anno 2012 e 10 milioni di euro a decorrere dall'anno 2013. Sono soppresse alcune strutture di missione come la “Segreteria tecnica dell'Unità per la semplificazione e la qualità della regolazione". SCUOLA. Arrivano pagella e note online e le iscrizioni alle scuole statali di ogni grado dall'anno scolastico 2012-2013, per gli anni successivi, potranno essere solo via web. UNIVERSITA'. 90 milioni in più per prestiti d'onore e borse di studio da ripartire tra le regioni per il 2013.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

57


58

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


immagine di Michele Giunta

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

59


La cartolina foto di Peppe Saya

60

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Saluti da Messina

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

61


Spettacoli

“Angeli InCant

L

’edizione 2012 di “Angeli InCanto”, il concorso canoro che punta a scoprire nuovi giovani talenti, sta per avere inizio. Le audizioni del festival, aperto ai ragazzi di età compresa tra i 6 e i 13 anni, si terranno nei giorni 23, 24 e 25 luglio, dalle ore 16:00 alle ore 20:00 presso il Teatro “F. Borà” di Gioiosa Marea (ME). Il concorso, ideato e diretto dal maestro Salvatore Saulle , è diviso in due categorie: della prima faranno parte i ragazzi di età compresa tra i 6 e i 10 anni, della seconda invece quelli di 11, 12 e 13 anni. Per ogni categoria verranno scelti sei ragazzi che andranno in finale e tre dei finalisti per ognuno dei due gruppi saranno premiati. La serata della Finale si terrà in Piazza Mazzini (Villa Cubino) a Gioiosa Marea (ME) giovedì 9 Agosto con inizio alle 21,30. Per iscriversi a partecipare al concorso basta scaricare il “Modulo d´iscrizione“ e la “Liberatoria“ dalla pagina “Regolamento“ dal sito http://angeliincanto.webnode.it/ , compilarli e consegnare entrambi i moduli il giorno in cui ci si presenta (poiché minori, accompagnati) alle audizioni. Sarà un’occasione divertente, ma anche altamente formativa, che consentirà a giovanissimi cantanti di esibirsi , cantare ed incantare il vasto pubblico che durante le sere d’estate affolla le piazze di Gioiosa Marea. Lilly La Fauci

62

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Il concorso canoro è


to”: dal 23 al 25 luglio le audizioni aperto ai ragazzi di età compresa tra i 6 e i 13 anni

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

63


Palacultura "Don Pino Puglisi" di Gliaca di Piraino (ME)

Audizioni Siciliane di “Ti lascio una canzone”

A

nche quest'anno faranno tappa in Sicilia le Audizioni del programma tv d tinua, nonostante il tempo, a riscuotere grande successo di ascolti e di critic st'anno lo staff della BALLANDI e il Maestro LEONARDO DE AMICIS, diretto ni di audizioni. Un grande evento per tutta l'isola, dato che normalmente le audizion diventerà il centro della Musica della Sicilia: all'interno del Palacultura "Don Pino Pu programma i ragazzini che saranno scelti tra i migliaia di provini che arrivano ogni a svolgeranno in Sicilia grazie all'impegno e all'organizzazione di Marco Vito, collabor te, grazie all'immediato entusiasmo che il Comune di Piraino ha mostrato per l'event zone.tv è il 15 luglio. Affrettatevi, è un'occasione unica per la Sicilia e per tutti i picc 64

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


di Raiuno "TI LASCIO UNA CANZONE" giunto ormai alla sesta edizione e che conca. Dopo la straordinaria esperienza dell'anno scorso a Gioiosa Marea, anche quere artistico e musicale del programma, hanno deciso di tornare in Sicilia per tre giorni vengono effettuate soltanto a Roma. Dal 20 al 22 luglio, invece, Gliaca di Piraino uglisi", infatti, saranno ascoltati direttamente dal Maestro De Amicis e dallo staff del anno alla redazione di TI LASCIO UNA CANZONE. Anche quest'anno le audizioni si ratore di Leonardo De Amicis e vocal coach del programma televisivo e, ovviamento. L'ultima data utile per inviare i propri provini attraverso il sito www.tilasciounacanoli talenti siciliani! WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

65


Cultura

Arte e

F

ino ad oggi ho se sale grosso, sale sale marino, sale sale rosa dell’Himalaya pepe e, per qualche cit “cum grano salis”, ma d non ne avevo avuto no mi sono visto recapitar elettronica un cortese mostra d’arte contempo “Sale”. Il titolo mi ha in subito ad una mostra c giù di lì. La sorpresa è recato alla serata inaug non come io me lo imm il sale è il sapore cara mento che lega il mare bia, al sole, al vento (tu che per noi mediterran collegata al mare e qu all’ambientazione (Asso Velica Peloritana), alle sa di Sale (adesso co comprese le opere dei – Giovanni Allio, Anto Concetta De Pasquale Sara Teresano - che h Saverio Pugliatti che ha quindi: Sale la curiosità l’ammirazione, Sale lo Sale.

66

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


e Sale

ntito parlare di sale fino, e inglese, sale iodato, di cava, sale da cucina, a, ma anche di sale e tazione più colta, anche di sale e arte, credetemi, tizia, fino a quando non re nella casella di posta e timito invito per una oranea intitolata porprio curiosito ed ho pensato on oggetti fatti di sale o è stata quando mi sono gurale. Il sale c’entra ma aginavo. Nel senso che atteristico di questo ele(dello Stretto), alla sabutti elementi di un’estate nei non può che essere indi al sale), ma anche ociazione Motonautica e barche, alle vele. Tutto on la S maiuscola) qui, cinque artisti messinesi onello Bonanno Conti, e, Alessandra Lanese e anno raccolto l’invito di a curato l’allestimento. E , Sale l’attenzione, Sale stupore, Sale … solo

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

67


Commento al Vangelo

In missione

15 Luglio 2012 XV domenica T.O. (B)

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro». Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. (Mc 6,7-13)

68

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

Dopo il grande rifiuto e lo scandalo dei suoi compaesani, la strategia missionaria di Gesù può apparire come una vera follia, destinata a un grande fiasco. Snobbato dalla sua gente, il Maestro opera pochissime guarigioni, si meraviglia della loro incredulità, ma, paradossalmente, “non tira i remi in barca”, non si rassegna... manda i suoi discepoli in missione. Noi avremmo aspettato tempi migliori o riproposto una campagna pubblicitaria per far salire il consenso popolare. Gesù no. La partenza in missione non si fonda sull’ampiezza del consenso o sui pronostici dell’accoglienza, ma sull’urgenza del Vangelo. Credo che questa partenza segnata subito dalla possibilità del rifiuto debba farci riflettere. E Gesù è chiarissimo su questa eventualità, tanto da dare indicazioni ben precise: “se non vi ascoltassero… se non vi accogliessero…” (v.11). In questo invio in missione è chiarissima una cosa: Gesù affida un compito, ma non garantisce il risultato. Il Suo rifiuto a Nazareth e il martirio del cugino Giovanni narrato da Marco immediatamente dopo l’invio in missione, chiariscono benissimo questa prospettiva. Non esiste il soddisfatti o rimborsati. Il discepolo non deve misurarsi sulla quantità del risultato, cioè sul successo in termini numerici o di visibilità; ma sulla qualità e lo stile dell’annuncio. Portare a termine la missione ricevuta, non dipende né dalle proprie risorse, né dall’accoglienza o dal rifiuto degli altri. Dipende da Dio che chiama e dalla libertà con cui rispondiamo al suo appello, confidando nella sua grazia. A questa libertà vengono consegnati i discepoli quando Gesù li invia a due a due. Sembra togliere loro tutto: pane, sacca, denaro… Possono portare con sé soltanto il bastone e i sandali, come pellegrini sulle strade della storia: la parola che annunciano deve infatti farsi compagna degli uomini e della loro instancabile ricer-


ca della vita. Gesù toglie ai discepoli ogni sicurezza materiale, ma li invia a due a due, quali fratelli capaci di camminare insieme, perché si può annunciare il regno di un Dio che è Padre soltanto come fratelli riconciliati. Senza denaro, senza bisaccia, senza pane, il discepolo impara ad affidarsi, non a mezzi e strumenti a cui deve rinunciare, ma al fratello con il quale è inviato insieme. L’efficacia dell’annuncio non riposa nell’efficienza dei mezzi o nella potenza del denaro, ma nella qualità delle relazioni. Inoltre, camminando insieme al fratello, il discepolo affina quella qualità relazionale che gli consentirà poi di entrare e rimanere nel modo giusto nelle case, cioè in quelle relazioni di cui il Vangelo si nutre. L’evangelizzazione infatti, non è solo questione di contenuto, ma anzitutto di stile.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

69


Leonida

Rèpaci

parole in blu

70

Scilla Villa Catona, ed eccomi a Reggio. Scendo quasi sempre all'inizio del Lungomare, una delle più belle passeggiate del mondo, che sarebbe la più bella se si riuscisse a scavare un tunnel tra le due stazioni di Reggio per nascondervi il traffico ferroviario. Davanti a me è Messina. Ogni volta che la guardo non posso impedirmi di pensare a quel terribile terremoto che la ingoiò nel 1908. Ora la città è nuovamente tutta in piedi è brilla al sole. Il dialogo con Reggio non è fatto di case, di gettate, di scogli, di navi, di bagliori che si confrontano. C'è qualche cosa che va oltre questi aspetti della realtà sensibile. Il dialogo tra le due città supera la cronaca e supera anche la storia. Sono due divinità che si parlano dalle opposte rive, sdraiate al sole, avendo le montagne per cuscino, e, al suono delle loro antiche parole, il tempo brucia la sua vecchiezza e i suoi lutti, ritorna giovane e senza memoria, risale alla sorgente da cui scaturì la prima alba dell'uomo.

Palmi, 5 aprile 1898 Marina di Pietrasanta, 19 luglio 1985

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT


Schneegans

9 Marzo 1835 in StraĂ&#x;burg 2 Marzo 1898 in Genua

Carl August

Siamo ancora in Europa? Abbiamo giĂ  passato la soglia dell'Oriente? Come un porto di una delle isole Cicladi, bianca e quasi impallidita dal sole, con tetti piani, sparsa di cupole moresche e con le cime dei campanili stranamente acuminate, si stende Messina sul mare e sale dai monti, che si alzano rapidamente dalla costa. Scabrosa e con profilo irregolarmente dentato e solcato dalle spaccature profonde, taglienti e irte delle valli, si stende la catena dei monti Pelori fino al promontorio, all'apertura dello stretto.

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

71


RE sano

Mangia

a cura di Mimmo Saccà

Tintarella e mare.

L'alimentazione durante l'estate

D’estate i cibi grassi (che hanno una funzione termica, aiutando a mantenere il calore corporeo) dovrebbero essere sostituiti da carboidrati non raffinati (farro, orzo, pasta e riso integrale, kamut), olio extravergine di oliva o succo di limone, verdura e tanta frutta per idratare il corpo e difenderlo dal pericolo dei “colpi di calore” estivi. Una alimentazione “leggera” aiuta l’organismo a non appesantirsi e, in caso di tuffi in acqua, a evitare pericolose congestioni. Ma c’è di più: molti alimenti estivi sostengono l’azione delle creme abbronzanti. I frutti estivi (anguria e melone, ad esempio) infatti non apportano solo acqua, ma molecole preziose che possono aiutare il corpo ad essere più efficiente e abbronzato. I CIBI CHE ABBRONZANO: Albicocche, angurie, carote, insalate, cicoria e radicchio, meloni, peperoni, pomodori, grazie al loro contenuto di vitamina A e di

72

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

altri antiossidanti, stimolano nell’epidermide la produzione di melanina che conferisce alla pelle una tintarella naturale invidiabile e duratura. Nella speciale “hit” dei cibi abbronzanti le carote si classificano al primo posto (apportano 1200 microgrammi di vitamina A o l’equivalente in caroteni per 100 g), al secondo il radicchio (600 microgrammi) seguito da albicocche, cicoria, lattuga, melone, sedano, pomodori e peperoni. Ingredienti ideali per una sana e rinfrescante insalata mista estiva, con proteine vegetali date dai legumi e accompagnamento di pane ai semi, ricco di energia e preziosi antiossidanti. Anche d’estate quindi le preziose vitamine di frutta e verdura sono indispensabili per essere in perfetta forma... e abbronzatissimi… senza naturalmente dimenticare la protezione solare quando ci si espone al sole!


RE sano

Mangia

La ricetta Pasta coi fagiolini Ingredienti per 4 persone • 400 gr di Bucatini • 400 gr di Fagiolini • Olio di oliva extravergine q.b. • Pepe q.b. • 500 gr di salsa di Pomodori • Sale q.b. • 1 (circa 35 gr) Scalogno

PREPARAZIONE

Per preparare la pasta coi fagiolini, iniziate a spuntare le estremità dei fagiolini e lavateli. Tritate lo scalogno, scaldate l'olio extravergine in una padella e fate soffriggere lo scalogno tritato. Appena lo scalogno sarà imbiondito, aggiungete la salsa di pomodoro, salate, pepate e fate cuocere a fuoco moderato per 10-15 minuti. Nel frattempo fate bollire l'acqua in una pentola capiente, salatela e unite i fagiolini. Trascorsi 2-3 minuti unite la pasta nella stessa pentola dove cuociono i fagiolini e fate cuocere tutto insieme fino a che la pasta non sarà al dente. Scolate e unite la pasta e i fagiolini al sugo direttamente in padella. Saltate tutto insieme per un minuto e servite la pasta coi fagioni ancora calda!

WWW.ILCITTADINODIMESSINA.IT

73


Amarcord


Agenda


il Cittadino n. 82