Page 1

INTERNI BONETTI DESIGN GALLERY NATALE degli ARTISTI 2017


INTERNI BONETTI

E’ in questa atmosfera che nascono proposte di interior design sartoriale, volte a soddisfare i vostri desideri senza limiti di creatività, perchè nel nostro laboratorio progettare e reinventare sono esercizio e appuntamento quotidiano. Il nostro è un incontro inedito tra funzione, eleganza ed essenzialità, che crea storie da presentare nel nostro spazio, da ascoltare e vivere a casa vostra.

Renata Bonetti

Il palco su cui idee, passioni ed emozioni, entrano in scena per mettersi in mostra, sotto la direzione ludica e funzionale di artisti e designer.

3


INTERNI BONETTI

è un laboratorio di idee e progetti? Si. Ascoltiamo il cliente e le sue esigenze, lo rendiamo partecipe durante tutto il percorso di creazione del suo progetto, con l’intervento di artigiani e designer di alto livello. è progettazione d’interni? Si. Progettiamo e ristrutturiamo interni con proposte di design delle migliori aziende italiane, completando il progetto con interventi artistici e artigianali.

Renata Bonetti

è una galleria di design? Si. Selezioniamo creazioni di artisti e designer da presentare nel nostro spazio, una galleria che offre al cliente la possibilità di avvicinarsi e conoscere il mondo del design.

5


NATALE DEGLI ARTISTI

Designer, artisti, creativi e giovani talenti presentano la loro proposta del “regalo di Natale”, rivolta all’arredo, all’ambiente, alla persona o a qualche hobby. O magari al mondo dei più piccoli, dei viaggiatori, delle coppie o anche ai single. Oggetti mistici, mandala organici, concetti scritti. Lettere, luci, oggetti quotidiani. Non ci sono limiti alla creatività. Dove? Nel nostro spazio, dove le idee si contagiano a vicenda.

2017

Natale. Quella che per alcuni è solo tradizione, per noi è anche occasione.

7


ALBERO DEGLI ARTISTI

Quando la montagna brucia. Quando l’essere umano, armato di pompe idranti, lotta contro l’essere umano dotato di idiozia piromane. Quando poi d’improvviso, la bellezza dell’arte e della solidarietà riportano i colori della speranza, 25 artisti si muovono all’unisono per realizzare un’asta benefica presso Interni Bonetti Design Gallery. L’appuntamento per il 5 Dicembre ore 17,30 è per un’iniziativa a favore dell’Associazione A.I.B. Piemonte, ovvero coloro che hanno spento gli incendi in Val di Susa (.....).

Un grande albero è stato realizzato da tre artisti con i rami bruciati dagli incendi dolosi, e altri lo addobberanno con le loro opere (.....). Gli artisti porteranno la bellezza alla Interni Bonetti Design Gallery, con quello spirito di rinascita che ricorda quello di Elzeard Bouffier, il personaggio de “ L’uomo che piantava alberi” di Jean Giono, che ogni giorno seminava una ghianda per trasformare una terra deserta e arida, in un bosco meraviglioso. di Francesco Olivieri, La Stampa

2017

ValSusa, l’arte nasce dai rami bruciati “Asta per i volontari”

9


Alessandra Scarfò

10

Operante nello scenario internazionale, lavora come designer esterno di prodotto, grafica e interni.

Ha un’autoproduzione di oggetti di qualità e pregio che seguono la filosofia dello slow design, che legano passato e presente contrastando l’usa e getta.


MARMOLE

il design di Marmole nasce dall’arcano desiderio di fondere in un unico oggetto materiali, diversi per natura e funzionalità , che diventano complementari nell’uso.


Andrea Brugnera

12

Lavora a Treviso. Con la tesi “L’arredo in cartone alveolare” riesce ad unire l’ecologia industriale al design, realizzando progetti in cartone come stand al Pitti. Nel 2009 avvia l’attività di designer, vincendo concorsi e disegnando per diversi marchi. Nel 2015 viene selezionato per il premio Young&Design ed espone in una collettiva alla Triennale di Milano. Ama progettare in silenzio e crede che il design debba essere funzionale e passionale, attento ai dettagli, un design che trasmetta poesia e stupore, sempre divertendo.


FELT LOVE STORY

E’ una collezione in feltro di pura lana per la casa. Una tradizione secolare sudtirolese, fatta di vapore e lana vergine che incontra il design per un’autentica storia d’amore.


Andrea Reggiani

14

Nato a Roma e formatosi presso l’Università IUAV di Venezia, intraprende l’attività di produzione e progettazione ceramica più per passione che per necessità. Il modellare e il dar forma alla materia diventano un modo per trasferire conoscenze, idee e concetti in oggetti concreti che, con il tempo, si sono trasformati in vere e proprie opere d’arte. Collaborazioni artistiche, mostre ed installazioni sono parte fondamentale dell’attività di Andrea, che cerca nella contaminazione di arte, materia e tecnica, lo spunto per nuove creazioni.


PINGU

è una collezione in porcellana che nasce ispirandosi alla tecnica claymation che rese celebre la serie animata degli anni 80.


Andrea Scarpellini

16

Laureato in Transportation Design presso l’istituto I.A.A.D di Torino, dopo la laurea si dedica all’industrial design.

Dal 2003 lavora come libero professionista, collaborando con importanti Studi in progetti inerenti a grandi marchi internazionali. L’autoproduzione assume col tempo un ruolo importante e la collaborazione con Aziende Artigiane d’eccellenza diventa fondamentale. Realizza opere da collezione, sculture urbane e installazioni. L’attività di designer si alterna oggi a quella d’artista, illustratore e direttore creativo.


SPOTSTOP

Prodotta in edizione limitata, Spotstop può essere sia una lampada d’ambiente che un fermalibri luminoso. Il messaggio che riporta sui lati vuole essere un chiaro invito a leggere, poichè sono proprio i libri ad essere “Luce per la tua mente”.


18

Andrea Vecera

Laurea in Disegno Industriale presso il Politecnico di Torino, con il quale ancora collabora.

Nutre da sempre una grande passione per le arti visive e fin da giovanissimo espone in mostre collettive. Si occupa di graphic e product design aggiudicandosi numerosi premi nazionali e internazionali. Partecipa a numerose mostre e dirige workshop inerenti al tema del food design in collaborazione con Lavazza, Guido Castagna e Birra Baladin. Cura inoltre come consulente la direzione artistica di diverse aziende.


PAPERLOO

Paperloo è una scacchiera di carta. Realizzata in cartone ondulato la base da gioco diventa il contenitore per i vari pezzi ogni volta scomponibili grazie al taglio laser.


Arianna Vivenzio

20

è una designer di Bari ma itinerante d’indole, presenta i suoi lavori come creature che nascono da intuizioni, studiando gli oggetti di tutti i giorni che prova a riprogettare con un occhio ironico e inaspettato. Laureatasi nel 2003 in disegno industriale presso la facoltà di architettura di Genova, dopo aver lavorato per anni a Roma presso Studi e come libera professionista, attualmente vive e lavora a Bari. Le sue fonti d’ispirazione vengono dal design italiano di Sottsass, Castiglioni, Munari e dal design emozionale e lineare di stile nipponico e scandinavo. Creatrice di molti prodotti,nel 2006 fonda il brand di borse Ochobags.


ELASTICO

Elastico nasce da un concetto semplice, una fascia elastica in tensione tra due elementi a parete che può creare una soluzione innovativa per contenere e reggere libri e oggetti... semplicemente grazie alla forza elastica.


22

Carlo Gloria

La sua ricerca artistica è legata alla fotografia, alla pittura e alla loro sintesi attraverso le tecnologie digitali.

Inizia l’attività espositiva nel 1996, dapprima sperimentando differenti strumenti e materiali fino ad arrivare alla fotografia e ai wall paper digitali. Il tema dell’identità è al centro della sua ricerca. Le sue fotografie di passanti sono uno specchio delle nostre potenziali multiple identità. Realizza anche minuziosi disegni a biro, in cui prende invece una direzione opposta, come se tagliandosi a pezzi potesse capire meglio il proprio posto nel mondo.


PORTICI

Queste sculture luminose sono il punto d’arrivo di tante riflessioni sul significato e la storia di un importante elemento architettonico come il portico.


24

Carlo Nonnis

Architetto per formazione, ma artigiano/designer per vocazione Carlo Nonnis progetta e realizza soluzioni particolari nell’ambito dell’arredamento.

Attraverso contaminazioni creative tra vecchio e nuovo offre la possibilità, a chi lo desideri, di rendere unico ed originale un elemento d’arredo in proprio possesso.


LIBERA

La proposta d’arredo realizzata in legno massello di rovere e pannelli di valchromat colorato in pasta, propone diverse soluzioni per la casa. Grazie alla versatilità di linee e volumi, il progetto lascia ampio margine alla creatività in funzione dell’ambiente e del gusto personale.


Caterina Sciancalepore

26

Nericata è l’anagramma di Caterina Sciancalepore. Dalla Puglia, dove è nata, è venuta a Castelnuovo don Bosco, piccolo paese dell’astigiano.

Nel suo cortile crea in porcellana e grès oggetti per la casa ed il giardino e gioielli unici e personalizzati. Trae ispirazione dalle forme e dai colori della natura, che interpreta in maniera leggera e giocosa.


CERAMICHE

Dal 1995 nel suo atelier prendono forma oggetti unici, senza tempo, porcellane ludiche di sensibile interpretazione che fondono natura, sogno ed eterea poesia.


28

Cesare Catena

Designer, architetto, artigiano, Cesare Catena persegue la sua passione per l’arredo e l’interior design nel dialogo tra materiali nuovi e recuperati, legno, ferro, juta, cemento e altro. Ogni progetto nasce dalla rilettura di codici estetici consolidati al fine di proporre oggetti innovativi, concreti e rispettosi dell’ambiente. Ricerca delle proporzioni e utilizzo calibrato del recupero quali priorità e obbiettivi da raggiungere. Sono escluse dal processo produttivo lavorazioni e finiture invasive: la bellezza intrinseca dei materiali affiora in superficie, appena velata da cere e vernici naturali.


BARCODE

Elementi d’arredo in ferro e legno recuperato: libreria, madia e tavolino.


Chen Li - Silvia Beccaria

30

Chen Li è un’artista cinese, laureata al Politecnico di Torino in Tecniche e Arti della Stampa. Vive e lavora a Torino e Milano come grafica, calligrafa e artista. Determinanti per la sua formazione le esperienze di viaggio e gli incontri con artisti in contesti internazionali. Silvia Beccaria, laureata in Filosofia, Master in Arte Terapia e Progettista Tessile con specializzazione in Fiber Art, si dedica da molti anni a ricerche che vanno dalla letteratura alla scienza per arrivare alle piÚ diverse esplorazioni sul versante tecnico formale.


FRAMMENTI E DIALOGHI

Trame di fili trasparenti accolgono pensieri di grandi autori, rivisitati dai segni pittorici di Chen Li e ricomposti dagli intrecci di Silvia Beccaria.


D.M. Gugliermetto

32

Alla facoltà di Architettura inizia a “giocare” con il poliuretano. Esegue scenografie e costumi per l’entertainment della notte torinese e si avvia all’arredamento collaborando con Saporiti, Missoni, Moroso. Si dedica all’interior design, al light design e alla ricerca. Partecipa ad importanti mostre ed esposizioni quali Artissima 15, BAM Piemonte e Torino World Design Capital. Partecipa come unico esponente del food-art design all’edizione BITEC 2011. Attualmente la sua ricerca con il poliuretano espanso procede parallelamente tra produzione di design e ricerca formale in ambito artistico.


AILOVIU

L’immagine dell’amore più conosciuta da sempre. Un’emozione su cui accomodarsi. Un prodotto studiato e pensato per essere alla portata di tutti, come l’amore appunto.


Eleonora Ghilardi

34

Scultrice e art-designer, realizza ceramiche artistiche, complementi d’arredo ed originali gioielli contemporanei.

La sua formazione artistica include vari settori: corsi mirati nel mondo della modellazione della porcellana, lavorazione del vetro a lume, scuola orafa e workshop inerenti a tecniche varie, occidentali ed orientali. Il suo universo creativo trova la sua piĂš grande ispirazione nella natura. I suoi gioielli sono stati esposti in importanti mostre nazionali ed internazionali e sono presenti in collezioni pubbliche e private.


SECRET GARDEN

Porcellana lavorata a mano e lichene naturale stabilizzato ne fanno un gioiello da “coccolare”. Il lichene stabilizzato infatti vive con l’umidità dell’aria, ma periodicamente è consigliato svolgere una nebulizzazione di acqua per nutrirlo.


36

Ferdi Giardini

Artista torinese che si autodefinisce “creatore di forme”. Crea forme per l’arte in quanto oggetti unici ed irripetibili, crea forme per l’industria del design riproducibili serialmente... entrambi da usare e contemplare. La fonte delle sue creazioni è basata essenzialmente sulla curiosità, sulla ricerca dei materiali e delle tecnologie di lavorazione. Come un cuoco mette insieme gli elementi e quando individua un gusto nuovo prosegue nel tenerli insieme. Così dall’idea-progetto prende vita tra le sue mani un oggetto, un prototipo che può trasformarsi in scala industriale o restare solo un unico prezioso oggetto.


PERFETTE IMPERFEZIONI RUVIDE

Oro, rete argento, piastra di led in latta di velluto nero. O piuttosto ...ferro in guanto di velluto o catrame goffrato?


38

Franco Eccel

Dal 1980 progetta e realizza interni residenziali e commerciali. Specializzato in retail design ha collaborato con importanti firme della moda italiana.

Alla ricerca di linee essenziali e pulite unisce la sensibilità per i materiali naturali ed innovativi con molta attenzione alla bioarchitettura. Nel 2016 presenta il progetto Eccel Crafted From Nothing, alla Triennale di Milano durante il Design after Design, che comprende oggetti di design realizzati a mano con tecniche e materiali inusuali. La sperimentazione prosegue con la creazione di nuovi elementi d’arredo innovativi legati all’uso del solid surface.


POSO

Poso unisce l’uso di un materiale versatile e resistente come il solid surface con l’alta tecnologia grazie all’inserimento di un congegno di carica wireless. Sarà sufficiente appoggiare lo smartphone sul vassoio e la ricarica inizia all’istante.


Francesco Fusillo

40

Ha studiato Industrial Design all’istituto IED di Milano e Architettura presso il Politecnico di Milano. Prosegue gli studi presso l’Universidad Europea di Madrid con indirizzo Belle Arti. Dal 2008 inizia varie collaborazioni in studi come: Fondazione Albini, Da_A Associati, 5+1AA e David Chipperfield. Terminate tali esperienze nel 2015 decide di intraprendere la libera professione. Partecipa nello stesso anno al Salone Satellite e segue la produzione di diversi oggetti. Dal 2016 è docente presso l’Accademia NABA di Milano.


LUNIKA 360°

Per Lunika si è agito di sottrazione e, sfruttando la cattiva conduzione di calore del legno, si è deciso di eliminare il manico, cambiando una gestualità consolidata per un uso completamente rinnovato.


Francesco Musante

42

Artista genovese, classe 1950, dopo essersi diplomato al liceo artistico e poi alle sezione Albertina di Belle Arti di Torino, si iscrive alla Facoltà di Filosofia frequentando contemporaneamente l’Accademia di Belle Arti. La produzione tra gli anni Sessanta e Settanta risente delle influenze americane, dalla PopArt alla Combine Paintings. L’esordio avviene nel 1973 a La Spezia attraverso una collettiva ed una personale, anno importante che vede anche l’inizio della sua attività d’incisore. Si interessa successivamente anche alla pittura figurativa, agli acquerelli, all’illustrazione di diversi libri e racconti di favole.


DOLCETTI CON ARTE

Nasce dalla collaborazione tra Francesco Musante e il pasticcere Filippo Bosio. Racchiusi in questa splendida scatola di metallo vi sono delicati biscotti, per unire in allegria arte ed arte.


44

Georgiana Lupu

Libera professionista laureata in design degli ambienti e degli interni presso l’Istituto IAAD di Torino.

La curiosità e la voglia di sperimentare la portano ad indagare il design nelle sue infinite sfumature. A seguito dello studio di tesi in collaborazione con Andromeda Murano, decide di specializzarsi nel campo dell’illuminazione. Nei suoi progetti un campo d’ispirazione ricorrente è quello inerente al fashion.


LUMOS

Nasce dalla memoria di quell’emozione calorosa che il Natale esprime. Una sfera reinterpretata che si veste di capi d’ogni stagione per essere portata in tanti spazi d’interni diversi.


Giuseppe Marcadent

46

Ceramista italiano che lavora con porcellana e grès ad alta temperatura. Forme pulite ed essenziali, forti contrasti cromatici e precise geometrie caratterizzano il suo lavoro creativo. Per più di vent’anni ha operato nella produzione totalmente artigianale di stufe in maiolica e dal 2007 con l’apertura dell’azienda Marc Ceramica Design si è specializzato nella creazione di oggetti decorativi d’arredo, in particolare nella decorazione ceramica da parete. Pannelli in grès nero e beige dal gusto raffinato ed elegante, le cui superfici rivelano il grezzo della terra e delle lavorazioni fatte a mano.


TEA-LIGHT

Piccole ed originali lanterne in porcellana e grès. Un oggetto unico di alto artigianato artistico, per creare nella tua casa un atmosfera calda e accogliente..... magica.


48

Kolata Design

Nasce dall’incontro fra Daniela Cavasin ed Enrica Zanini. Amicizia, studio dei materiali e delle tecniche sono elementi che suscitano il bisogno di esprimersi attraverso un marchio proprio. Kolatadesign è il loro segno indelebile e si percepisce sin dalle piccole serie di progetti realizzati, in una evoluzione continua che trasfigura esperienza lavorativa, passionalità e il loro modo di raffigurare quello che quotidianamente le attraversa e ne alimenta l’ispirazione. Il laboratorio diventa il luogo dove creatività e produttività, in un processo di sottile stratificazione trasformano gli spunti in progetti finiti, realizzati a mano.


DIONE E TETI

Dione e Teti sono un sottopiatto e sottobicchiere,in grado di dare eleganza ad ogni tavola, con la gentile e momentanea irriverenza di distrarre i commensali.


50

Letizia Maggio

Laureata in lingue e letterature straniere, mentre si dedica con entusiasmo all’insegnamento, si avvicina al mondo della ceramica.

Arricchisce la sua formazione frequentando la Scuola internazionale della ceramica in Toscana. Nel 2005 realizza la sua prima collezione di gioielli. Succesivamente, apprende altre tecniche quali la lavorazione della cera persa e la stampa fotografica su porcellana. Partecipa a mostre personali e collettive e i suoi gioielli sono esposti in diverse gallerie in Italia e all’estero .


FRIENDS FOR FRIENDS

Una moltitudine di omini, sempre diversi tra loro e realizzati a mano con la tecnica della fusione a cera persa in ottone e argento, con diverse finiture, talvolta con pietre semi-preziose. Un esercito di spille pensate per donare un simbolo di amicizia.


Lorenzo Bassotti

52

Diplomato geometra, lavora per 22 anni nel settore logistico farmaceutico fino a quando nel 2016 perde il lavoro e decide di mettere a frutto la sua creatività.

Le sue creazioni sono tutte piccole resurrezioni. Rinascite di oggetti, frammenti di una quotidianità perduta, sepolta in vecchi bauli, cantine e botteghe ormai chiuse. Le lampade di Be-recycled sono prima di tutto oggetti da toccare, da sentire e poi da scegliere per la propria casa. Tutte diverse l’una dall’altra, come diverse sono le storie che raccontano, danno vita magicamente agli spazi che le accolgono.


VIRGINIA 1952

E’ una vecchia carrucola da macellaio risalente agli anni 50. E’ stata chiamata Virginia perchè ritrovata avvolta in un telo con stampata la bandiera americana dello stato della Virginia.


54

Luisa Bruni

I suoi studi e la stretta vicinanza con il mondo dell’arte hanno influenzato da sempre la sua ricerca nel campo dell’ornamento. I suoi gioielli sono solo la parte visibile di qualcosa che lei porta dentro da sempre. La componente poetica di cui è intrisa tutta la sua opera è fatta di immagini, di attimi, dello scorrere lento del tempo, dove, nel vuoto tra tra un’occhiata e la lettura di un titolo, nasce il suo gioiello, come l’immagine di un haiku. Premiata più volte, i suoi pezzi sono stati esposti presso il MAD museum di New York, il Padiglione Italiano presso lo Shanghai Italian Center, in collaborazione con la Triennale di Milano come eccellenza italiana.


KARESANSUI

Argento, bronzo, sabbia, sasso, resina: il “Karesansui” è una rappresentazione astratta della realtà. è un modello di giardino codificato all’interno dei monasteri zen per aiutare a raggiungere la pace più profonda.


Marco Barazzuoli

56

Designer toscano, classe 1986, consegue la Laurea in Disegno Industriale presso la Facoltà di Firenze ed un Master in Exhibit e Public Design della Facoltà di Roma. Collabora con diverse realtà occupandosi principalmente di progettazione d’interni, allestimenti e oggetti d’arredo. La passione per il fatto a mano, ed un approccio vicino al mondo dell’arte, lo hanno portato a sperimentare con diversi materiali e tecniche, creando così pezzi unici e piccole serie. Lavora in stretta collaborazione con artigiani del territorio, curando tutte le fasi di produzione.


PER.PE.TUO

E’ un oggetto mutevole, come lo è il tempo che scandisce. Un calendario che si anima grazie alla gestualità quotidiana. Prodotto in legno con incisioni laser, si presenta in tre possibili decorazioni che citano gli elementi caratteristici dell’artigianato e della città di Firenze.


Mario Musumeci

58

Laureato in Architettura, si occupa di interior ed industrial design. Primaria è la continua ricerca di concetti e metodologie attraverso una conoscenza approfondita dell’ abitare e del design. I suoi lavori nascono dalla continua ricerca di equilibrio tra funzionalità ed estetica, mantenendo l’attenzione alle nuove tecnologie in costante rapporto fra design e artigianato. Punto di partenza è la casa, luogo dell’intimità di ogni essere umano mentre i suoi riferimenti fissi sono la natura, il gioco e l’ironia, con la volontà di trasferirli nel progetto. Dai progetti finali sempre diversi fra loro, si evince un lavoro dinamico e una costante variazione delle tecniche.


FIRST CHEF

First Chef XS è un alzatina di 22 cm di altezza, realizzata in legno di faggio, con cappello verniciato, e ripiano in vetro trasparente o sabbiato.


Marita Perciavalle

60

Ha imparato a sognare e della creatività ne ha fatto la sua professione.

Dalle sue idee e dalla voglia di comunicarle nasce Marita, un laboratorio che vive, respira e racconta. Il luogo dove appunti e idee prendono la forma di oggetti per la casa, l’ufficio e la persona. Concept di base, dinamicità, versatilità, ironia e gioco sono le caratteristiche che li accomuna e li rende così unici e particolari, portatori di messaggi che spesso e volentieri “dicono più di quel che mostrano”.


CERA UNA VOLTA.... LA CERA Assolutamente senza apostrofo perchè oggi la cera non c’è più. Un modo nuovo per illuminare serate e cene romantiche.


Paolo Conte-Giulia Catalani

62

Paolo Conte e Giulia Catalani si sono conosciuti all’Istituto IED di Torino, dove attualmente frequentano il secondo anno di Product Design.

Parallelamente alla formazione universitaria sperimentano insieme nuove idee grazie ad un forte feeling progettuale, che si concretizza nella realizzazione di oggetti autoprodotti sul tema del riutilizzo e del riciclo. La creatività e la fantasia sono sicuramente alla base del loro “modus operandi”, ma è grazie alla curiosità e alla consapevolezza degli errori fatti che ogni giorno tracciano il loro percorso verso la professione di designer.


RECYCLE

è una lampada interamente costruita con materiali di recupero: dal fanale rotto di una bicicletta alla ruota di una vecchia carrozzina.


Paolo Jins Gillone

64

Paolo Gillone ha esposto in Italia, Europa e America. Ha al suo attivo una ventina di mostre personali.

è conosciuto per i suoi dipinti di grandi dimensioni dai colori vivaci e netti, per i suoi disegni in bianco e nero che talvolta ricoprono anche intere superfici e anche per i suoi cartoons e la musica. Ha realizzato opere pubbliche e site specific project, ha pubblicato libri e suonato come dj. Si è esibito a teatro nel “Pierino e il lupo” di Prokofieff, ha realizzato per la Biennale di Venezia il cartoon promo nel 2006 e diverse altre animazioni.


SNAKEBOA RD

Skateboards artistici con motivo a serpente.


66

Rosanna Giani

Nasce a Torino dove vive e lavora. Dopo aver conseguito il diploma di Maestro d’Arte Moda e Costume, prosegue gli studi artistici all’Accademia Albertina di Belle Arti dove si diploma in Decorazione. Inizia la sua attività artistica e lavorativa come copista riproduttrice di quadri d’autore vecchi e moderni, raffinando la tecnica ad olio su tela che attualmente predilige, cercando originalità e perfezione tecnica. Segue un percorso decennale di studio e lavoro nel settore grafico pubblicitario e nell’illustrazione. Alterna queste molteplici attività con spirito curioso cercando di esprimere sempre al meglio le sue capacità tecniche-creative.


I

PUNT EGGIATURA

Una tazzina da caffè, una virgola e, tra parentesi, parole da dire quasi sottovoce. Tra le virgolette qualcosa di speciale... detto con il cuore.


Sebastiano Tonelli

68

Designer nato in Trentino Alto Adige, dove forte è l’influenza dell’artigianato che lo accompagnerà nel suo percorso fin da piccolo.

Curioso, testardo ed inguaribile perfezionista, ama il design semplice ed immediato, lavorando a stretto contatto con i materiali. Dopo l’istituto d’arte, nel 2015 si laurea in product design presso la NABA di Milano. Interessato anche ad altre sfaccettature del mondo del progetto, si è occupato della veste grafica di diverse mostre e dal 2014 collabora con la rivista Artribune.


STRINGA

Stringa nasce da un unico foglio di polipropilene, utilizzandone l’intera superficie con un minimo scarto di materiale. Una lampada dalle linee pulite e spogliata del superfluo, che si assemblea facilmente mediante un gioco di pieghe ed una stringa per le scarpe.


70

Salvatore Zito

Salvatore Zito vive e lavora a Torino, dove ha concluso gli studi in Pittura all’Accademia Albertina di Belle Arti presso cui è stato anche titolare della cattedra di Decorazione. Il suo percorso artistico, iniziato negli anni Ottanta con collaborazioni e importanti mostre personali, spazia dalle nature morte ai cicli dedicati alla figura umana. Negli anni Novanta visionarietà e citazionismo prendono forma in grandi tele. Peculiare caratteristica è quella di lavorare per cicli: le Ferrari, la Coca-cola, le angurie, le maree, i frutti e i fiori, lo Spiderman e gli stick sono solo alcuni esempi, affrontati con grande passionalità.


CHRISTMAS STICK

Christmas Stick è solo una delle centocinquantuno opere realizzate del 1997 al 2017 variando con incredibile fantasia un unico soggetto: il gelato stick.


72

Silvia Granata

Dopo la laurea in Business Studies alla Hull University nel Regno Unito, nel 2007 approda alla ceramica da autoditatta.

Frequenta i laboratori di artisti italiani e stranieri e attraverso la sperimentazione approfondisce alcune tecniche di affumicatura. Più recentemente sperimenta la terraglia e la porcellana. Dal 2013 attraverso mostre personali e collettive in gallerie e musei i suoi lavori sono conosciuti non solo in Italia ma anche all’estero. Molti sono i riconoscimenti ottenuti tra cui due segnalazione della giuria al concorso “CoffeeBreak Museum” del Museo Giannetti.


OPS

Porcellana di limoges colorata biscuit, acciaio, cordoncino in contone.


74

Stefano Lisa

Fonda a Torino SLAQ Design con la volontà di creare sul territorio una nuova realtà progettuale basata sulla collaborazione tra monodopera artigianale e progettazione creativa. Il risultato è un design artigianale, frutto del valore della tradizione e del potere innovativo della creatività. I prodotti in serie limitata, raccontano la qualità del prodotto e dei materiali che lo compongono, con un’estetica semplice e accattivante curata in ogni dettaglio. L’attenzione e il rispetto per l’identità di ogni materiale e tipologia d’essenza, ne costituiscono le linee guida.


SOLITARIO

Come suggerisce il nome stesso, richiama la forma di un diamante incastonato. Semplice nella forma e nell’utilizzo, basta un gesto per cambiarne la funzione, divenendo all’occorrenza tavolino, sgabello o comodino. è composto da un cono in legno massello sorretto da una struttura di sottili tondini in ferro laccato.


76

Theo Gallino

L’artista si distingue fin dagli esordi per una cifra stilistica inconfondibile, che lo porta ad estendere la sua indagine concettuale in vari ambiti di ricerca.

Coniuga l’indagine sul mimetismo dell’astrazione a quello sul fumetto visto come evocazione di un immaginario collettivo. Adopera il pluriball per realizzare packaging sorprendenti che proteggono corpo ed anima dalle scosse della vita. Elabora raffinate composizioni alchemiche che vogliono ricordare l’importanza di collegare il senso del presente e l’ipotesi del futuro alla storia e alla tradizione.


BURNI...BAG

Collezione di borse a tiratura limitata. Grazie alla particolare tecnica produttiva, su base trasparente, ogni borsa è differente e diventa pezzo unico per l’intervento artistico.


78

ThinkerLab

Thinker Laboratory è stato fondato dagli architetti Alessandro Sperduti e Mattia Brambilla nel 2015 ed opera principalmente in Italia e in Messico.

è un laboratorio creativo che concentra la propria attenzione su Design e Architettura rendendo il dettaglio il principio fondamentale del proprio pensiero. La filosofia del laboratorio è infatti racchiusa in una sola frase “Less is detail”.


P3

Gli elementi si assemblano per mezzo di un sistema semplice e veloce per poter creare infinite composizioni.


80

Ugo Venturini

Il percorso artistico di Ugo è sostanzialmente basato su una continua ricerca interpretativa legata all’esteriorità.

Attraverso il linguaggio scultoreo, rifiuta ogni stile ed ogni forma di riconoscibilità e dà forma ai pensieri sviluppando tutte le prospettive che riesce a scorgere. Attinge dal quotidiano e dalla tradizione con forme che si accostano a quelle del design, oggetti di uso comune seppur realizzati in marmo. A farne le veci un’interpretazione artistica rivolta ad un’idea di bellezza diffusa per una migliore qualità delle nostre vite.


TAC CO 12

Tacco 12 fa parte della collezione “scarpe pesanti” realizzate in marmo. Con esse l’artista conduce una personale ricerca sul mondo del fashion.


Valentina Addabbo

82

Nata a Torino nel 1974, si diploma in Pittura all’Accademia Albertina di Torino. Studia a Madrid, Lisbona e Venezia.

Il suo lavoro negli ultimi anni si è concentrato maggiormente sul disegno di grandi formati e sull’installazione, creando ambientazioni e creature tra il reale e il fantastico, legate ad una dimensione abissale e subacquea. Utilizza principalmente le chine. Vive e lavora a Torino.


SONO FATTA DI ACQUA

è un’installazione che fa parte di un progetto più ampio che Valentina porta avanti da diversi anni attraverso il disegno e l’utilizzo massiccio di acqua e chine colorate. L’artista ricrea un mondo sottomarino, fatto di creature fantastiche, abissali, liquide.


INDICE

Interni Bonetti Natale degli Artisti Albero degli Artisti Alessandra Scarfò Andrea Brugnera Andrea Reggiani Andrea Scarpellini Andrea Vecera Arianna Vivenzio Carlo Gloria Carlo Nonnis Caterina Sciancalepore Cesare Catena Chen Li _ Silvia Beccaria Diego Maria Gugliermetto Eleonora Ghilardi Ferdi Giardini Franco Eccel Francesco Fusillo Francesco Musante

3 7 9 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 42


44 46 48 50 52 54 56 58 60 62 64 66 68 70 72 74 76 78 80 82

Georgiana Lupu Giuseppe Marcadent Kolatadesign Letizia Maggio Lorenzo Bassotti Luisa Bruni Marco Barazzuoli Mario Musumeci Marita Perciavalle Paolo Conte _ Giulia Catalani Paolo Jins Rosanna Giani Sebastiano Tonelli Salvatore Zito Silvia Granata Stefano Lisa Theo Gallino ThinkerLab Ugo Venturini Valentina Addabbo


NATALE degli ARTISTI 2017

INTERNI BONETTI DESIGN GALLERY

via Carlo Alberto 44 10123 Torino p.iva 03022860013 Tel. +39 011 533950 Mob. +39 333 6680489

Natale degli artisti 2017  
Natale degli artisti 2017  
Advertisement