Bricks September 2014

Page 1

7,000 copies worldwide

B R I C K S I N T E R N AT I O N A L TILES

in collaboration and with the endorsement of

SECTION

BRICKS

Special issue Tecnargilla 2014 - Saie 2014 Ceramics Asia 2014 - Indian Ceramics 2015

2/2014/ september INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE



Filiera Modello CF2 FC Forato 10x20cm - 9 uscite Die - CF2 FC Model Hollow brick 10x20cm - 9 exits

Filiera Modello CF2 Blocco da muro 49x25cm - 2 uscite Die - CF2 Model Wall block 49x25cm - 2 exits

Filiera Modello TFI SPECIAL Per parete ventilata 800x30 mm Die - TFI SPECIAL For ventilated tile 800x30 mm

Filiera Modello TFE Per mattone forato 20x20 a 4 uscite Die - TFE For Hollow Brick 20x20 – 4 exits

Filiera Speciale Lubrificata per Stiff Extrusion Mattone Faccia vista 25x14cm - 1 uscita Special Lubricated Die For Stiff Extrusion Facing Brick 25x14cm - 1 exit

Nuova Lavafiliere Modello TF 1000 EVO New Die-Washing Machine Model TF 1000 EVO




• •

• • ­ • @ ­



Petersen De Boer Press

Waterstruck press with mould chain

Moulded waterstruck bricks

www.frpm.dk Fr. Petersen Maskinfabrik A/S | Smøl DK-6310 | Broager, Denmark T +45 (0)74 - 44 16 18 | E frp@frpm.dk

PARTNERS FOR ThE cERAmic iNduSTRy mORE ThAN 75 yEARS OF EXPERiENcE

®

dbindia@gmail.com De Boer Damle

DE BOER

MACHINES NEDERLAND B.V.

www.deboermachines.nl De Boer Machines Nederland B.V. | Bijsterhuizen 2402 | 6604 LL Wijchen, The Netherlands T + 31 (0)24 - 377 22 33 | F + 31 (0)24 - 378 39 24 | E info@deboermachines.nl


Since 1908...

...taking the best from the past to build the future www.bedeschi.com sales@bedeschi.it


We’ve been giving form to your plans for 25 years

CMA has been constructing machinery and automatisms of its own design for applications in the brick industry for the last 25 years. Remarkable productive versatility lets CMA propose companies in the sector the insertion of its machinery in existing systems and the design and construction of complete lines custom-built to the needs of each one.

CMA S.r.l. Via dell’Industria, 26 - 36035 Marano Vicentino (VI) - ITALY Tel. +39 0445 637497 Fax +39 0445 637436 - info@cmaimpianti.com - www.cmaimpianti.com


Certified company UNI EN ISO 9001:2008



LINGL – PARTNER DELL’INDUSTRIA CERAMICA

SARL GIPAR impianto III, Algeria 2013

LINGL offre soluzioni di valore per l’intera catena di produzione

energetica e una facilità di funzionamento ottimale. Il ns. servizio

del laterizio: i nostri servizi d’ingegneria, dalle materie prime ai

contribuirà in modo significativo a mantenere il valore delle Vs.

processi produttivi, alla personalizzazione e ottimizzazione degli

macchine e dei Vs. impianti.

impianti e ai concetti all’avanguardia nella produzione, daranno ai ns. clienti un vantaggio nei confronti dei loro concorrenti in ogni parte del mondo.

Qualità, esperienza e affidabilità forgiano i vincoli di una lunga e duratura collaborazione – Questo è stato il nostro impegno per oltre 75 anni.

I nostri prodotti innovativi sono caratterizzati da bassi costi di esercizio, un’ottima qualità produttiva, una spiccata efficienza

Rappresentanza in Italia: TRICER s.r.l. ∙ Sig. Fausto Carra ∙ Via Firenze, 4 46029 SUZZARA (MN) ∙ phone: +39 (0) 376 525 076 ∙ fax: +39 (0) 3376 507 182 mobile: +39 (0) 335 65 61 808 ∙ mail: tricersrl@mac.com

LINGL – Qualità costruita in Germania.

www.lingl.com


Connecting Global Competence

The perfect recipe for success. ceramitec 2015 is the surefire way to give your business the competitive edge. Exhibit at this leading international exhibition and enjoy the benefits of a truly professional forum:

∙ ∙ ∙

Full coverage of the ceramics sector. High-caliber trade audience from around the world. Professional services for exhibitors.

Don’t delay. Sign up today!

To register: www.ceramitec.de/application

Contact: Monacofiere Srl TeL. +39 02 4070 8301 info@monacofiere.com


Certificazione?

ABICert AGGIUNGE VALORE ALLA TUA AZIENDA E AL TUO PRODOTTO! COMPETENZA DEI TECNICI ESPERIENZA PRATICA OPERATIVA VELOCITÀ DI RILASCIO

ABICert

è abilitato dai Ministeri delle Infrastrutture, dell’Interno e dello Sviluppo Economico per il rilascio di certificazioni di blocchi per solaio in laterizio, in calcestruzzo e in polistirene ai sensi delle norme UNI EN 15037-3:2011, UNI EN 15037-2:2011, UNI EN 15037- 4:2010.

Certificazione

di

prefabbricati di cls., blocchi per solaio e per muratura, strutture e profilati metallici, aggregati, additivi, malte, fibre per cls., loppa, geotessili, geosintetici, camini, bitumi, emulsioni e miscele bituminose, legno strutturale

FPC calcestruzzo FPC centri trasformazione acciaio e legno

! I C R A V O R T VIENI A rgilla a Tecna re 22-26 Settemb PAD C5 Stand 196

CERTIFICAZIONI Qualità ISO 9001 Ambiente ISO 14001 Sicurezza BS OHSAS 18001 Energia ISO 50001 ISO 3834

ABICERT È ABILITATO ED AUTORIZZATO

ABICert È ENTE ACCREDITATO ACCREDIA (VEDI SITO INTERNET)

CHIAMACI! TEL. 085 9039330 FAX 085 9039077

NON COMPLICARTI LA VITA! SCEGLI ABICert LA CERTIFICAZIONE SU MISURA PER TE!

DAI MINISTERI ITALIANI E NOTIFICATO PRESSO LA CEE

ORTONA (CH)

www.abicert.it - email: info@abicert.it


www.mediacomservice.com

Futuro e Tradizione in un unico Orizzonte






DADA OLTRE OLTRE 5050 ANNI ANNI NEL NEL SETTORE SETTORE DEI DEI LATERIZI LATERIZI

i i s s s s o o grgr ataoto n n e e rr

O O TAT ESTAT ) ) E TES IÀ T N N (PR (PR À O O IT ACLIS IT LE RILE ISI IZI L I C Z A R I E E U R TOR RU I TPERR TER I TO I DI Q ODDI IPQ L A A LE TO O TO UPR O O D OLO D RD P R ER ERE T T L R E E N N O O U E E 2 D D P P D G G E E 7 72 7 7 . . O O R R S 5A6NSI, A8N R EO 13I,4 8134 PR RO PM LIM AIEIN ICA IN 056 4G 0 RIO N N F FCIL 1 1 I 3 3 C C 3 2 2 G 4 E E N N 6 6 5 5 o A 0A O1908 A .8c 3m .com ON O CN CA AOM O IA M FV IN N8 2g1m8a1i9l gmail AZI RMAEZCI MEC V 1 O R 2 F 5 5 O AVO E XL0E FrAoXss0i@ rossi@ LAV L TEL EFA TE .g E.g o o L L r r E E T Tu od odu m m cro cro


frac burners... wherever there is a brick fuel oil

DUPLO

GAS

BURNERS

FOR BRICK FACTORIES

TECNARGILLA 2014 22nd-26th september - rimini - it PAv. A5 - Booth 121 ENERGY SAVING_SPEED-UP_RELIABILITY_SAFETY SINCE1965

Via Martiri della Resistenza, 7 20090 FIZZONASCO DI PIEVE EMANUELE - MILANO (ITALY) Tel. +39 02.90.72.27.21/2 Fax +39 02.90.78.16.37 info@fracbruciatori.com

www.fracbruciatori.com


BRICKS SECTION Editorial / Editoriale

21

Review Paper

25

Elisabetta Oliveri, Giovanna Aracri, Maria Teresa Guaglianone Alberto Pavan, Fulvio Re Cecconi, Sebastiano Maltese

The naming process of construction products in INNOVance La denominazione dei prodotti da costruzione in INNOVance

Trends Hollow-clay brick machines: 2013 overview Macchine per laterizi: la panoramica del 2013

35

Updating Materials, machinery, equipment

39

Interview

77

News From industry and research

83

Incoming Congress, meetings, exhibitions

87

ANDIL Corner

93

ANDIL Yearbook Annuario ANDIL

107

CONTENTS

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

TILES & BRICKS INTERNATIONAL C+CA is published every six months by INNOVACER Sas. Editorial offices: Innovacer Sas, Palazzo dei Servizi, via Laghi 87, I-48018 Faenza (Ra), Telephone: +39 0546.20145, Fax:+39 0546.680751, e-Mail: innovacer2@gmail.com. Editor: Innovacer Sas. Director: G. A. Bertoni. Advertising Manager: S. Santandrea. Editorial Director: G. Bassanetti. Bank account: Banca Popolare di Ravenna SpA, Filiale di Faenza “B”, Faenza, Italy, SWIFT: BPMOIT22XXX, IBAN: IT90Z0564023724000000154415. Art Direction: cambiamenti.net Printer: Grafiche Baroncini. Subscriptions: two issues for volume, one volume per year. Subscription cost for one year: 120.00 EUR. Price includes postage and packing. TILES & BRICKS INTERNATIONAL C+CA copyright 2012 by Innovacer Sas, Italy. All reprinting and translating rights reserved. No part of this journal may be reproduced or stored in any form and by any means without prior written consent. Sole responsibility for the content of the signed articles is always to be borne by the Authors. The journal cannot assume responsibility for the validity of claims made for the products described. (Postal Information: “Autorizzazione del Tribunale di Ravenna n° 1382 Registro Stampa del 07/02/2012”)

19


EDITORIAL BOARD Giovanni Aliprandi University of Genoa

Andrea Barillaro BAAN Industrial Raw Materials

Marino Giordani University of Genoa

Antonio De Carlo SRS - Assoprint

Romano Lapasin University of Trieste

Vittorio Mercurio Expert System Solutions

Francesca Licci IMEM-CNR Parma

Fulvio Baldini I.C.F. & Welko

Carlo Marini University of Cagliari

Ermanno Magni Thermal Ceramics Italiana

Laura Montanaro Polytechnic of Torino

Chiara Baldini Netzsch Geratebau

Paolo Scardi University of Trento

Paolo Marcheluzzo Marcheluzzo Impianti

Fernanda Andreola University of Modena and Reggio Emilia

Paolo Pedrielli Tecnofiliere

Dora Foti DICA – Polytechnic of Bari Francesca Da Porto University of Padova Marco D’Orazio DICEA Polytechnic University of Marche Giovanni D’Anna ANDIL Roberta Cristallo ANDIL Rosario Gulino ANDIL Andrea Bresciani SACMI Imola

Luciano Longo Bongioanni Macchine Elena Marcato Bedeschi Giovanni Baldi Gruppo Colorobbia Emma Capaccioli Gruppo Capaccioli Viviano Venturi Geoceramic Researches Editorial Director Gabriele Bassanetti Editor Gianantonio Bertoni A.D. cambiamenti.net


e

ditorial The Italian and European brick industry are met, for the first time together, for the annual dates of their General Assemblies on 19 and 20 June 2014 in Naples. About 100 representatives of bricks companies and associations from all over Europe were joint to 80 Italian manufacturers of bricks that usually attend the ANDIL General Assembly to meet and discuss the most relevant issues for the sector. TBE represents industry associations and companies from 21 EU Member States, including ANDIL, plus Norway, Russia and Switzerland. The association promotes the interests of the clay brick and tile industry in Europe and represents more than 700 companies, from SMEs to large international groups, which employ around 50,000 people across Europe. ANDIL represents 100 Italian bricks companies which employ about 5,000 workers. During the events there were many moments of comparison: 3 meetings of the TBE Technical Groups, the TBE Executive Committee and the General Assembly, ANDIL General Assembly (private and public part); two days of works in the beautiful city of Naples.

Luigi Di Carlantonio

It’s been an exceptional occasion in particular for the joint TBE-ANDIL public debate on the topic Paving the way for sustainable growth in Europe. We debated the role of the construction sector in Europe, particularly in the context of the Italian Presidency of the EU, with guest speakers from the European Commission’s DG Enterprise and Industry, the Italian Ministry for Economic Development, the Italian Investment Fund, Federcostruzioni and Confindustria. Political measures to re-launch the construction sector – such as a European plan promoting social housing or support for the rehabilitation of the existing building stock through renovation and rebuilding when appropriate – were discussed and agreed to be crucial for the economic recovery of Italy and the EU.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

ANDIL President

21


SIBELCO ITALIA | Milano | Via A. Ressi, 10 | Tel. 02 677.1351

www.sibelco.it

your mineral company

e


editoriale Luigi Di Carlantonio Presidente ANDIL

Agli 80 produttori italiani di laterizi che abitualmente partecipano all’Assemblea ANDIL si sono aggiunti circa 100 rappresentati di aziende ed associazioni dell’industria dei laterizi di tutta Europa per incontrarsi e discutere i temi più rilevanti per il settore. TBE, infatti, rappresenta le associazioni, ANDIL compresa, di 21 Stati membri dell’Unione Europea, ma anche della Norvegia, Russia e Svizzera e più di 700 aziende, dalle piccole e medie imprese ai gruppi internazionali, che impiegano complessivamente 50.000 addetti. ANDIL rappresenta 100 aziende italiane di produzione di laterizi che impiegano circa 5.000 addetti. Nel corso degli eventi vi sono stati numerosi momenti di confronto: 3 incontri dei gruppi tecnici TBE, l’Executive Committee TBE e le Assemblee private ANDIL e TBE; l’Assemblea pubblica ANDIL ha poi chiuso la due giorni di lavori nella splendida cornice della città di Napoli. Si è trattato di una occasione del tutto eccezionale che, ne siamo convinti, ha dato grande visibilità nazionale ed internazionale alle argomentazioni trattate, in particolare nel corso del dibattito congiunto tra ANDIL e TBE sul tema “L’Europa da Costruire” all’interno del quale si è discusso il ruolo del settore delle costruzioni in Europa, in vista del semestre europeo di Presidenza italiana, assieme a ospiti della Commissione Europea, del Ministrero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Fondo Italiano di Investimento, di Confindutria e Federcostruzioni. TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

e

L’industria dei laterizi italiana e quella europea si sono ritrovate, per la prima volta insieme, all’appuntamento annuale delle relative Assemblee Generali, il 19 e 20 giugno 2014 a Napoli.

Le misure politiche per rilanciare il settore delle costruzioni – così come un piano Europeo di promozione di edilizia sociale o di supporto alla ristrutturazione dell’edilizia esistente che deve partire dalla demolizione e ricostruzione, quando ritenuto opportuno - sono state unanimemente condivise come fondamentali per la ripresa Italiana ed Europea.

23


AVA IL A B L E O N:

sponsored by:

co-sponsored by:

FREE DOWNLOAD Questa rivista, oltre che in formato cartaceo, è anche online su ISSUU, un sevizio web per la visualizzazione dei media caricati. Il servizio di ISSUU è comparabile a YOU TUBE per i video. Almeno 10.000 visite in più, in tutto il mondo, della rivista. La rivista è postata su ISSUU senza fare pagare abbonamenti ai lettori. AVAILABLE ON: issuu.com/innovacer/docs/andil-bricks This magazine, further on papery size, is also online on ISSUU that is a web service for the view of media loaded. The ISSUU service is comparable to YOU TUBE for video. At least 10,000 more visits, all over the world, of the magazine. The magazine is located on ISSUU and is for free for all the readers. AVAILABLE ON: issuu.com/innovacer/docs/andil-bricks

sponsored by:

7,000 copies worldwide

7,000 copies worldwide

SECTION

B R I C K S I N T E R N AT I O N A L

BRICKS

TILES

in collaboration and with the endorsement of

TILES

B R I C K S I N T E R N AT I O N A L

SECTION

Special issue Tecnargilla 2014 - Saie 2014 Ceramics Asia 2014 - Indian Ceramics 2015

2/2014/ september INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

Special issue Tecnargilla 2014 - Indian Ceramics 2015 Cevisama 2015 - Revestir 2015

2/2014/ september INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE

TILES

POSTAL INFORMATION: SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC OFFICIAL WEBSITE

OFFICIAL WEBSITE

OFFICIAL WEBSITE

SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC POSTAL INFORMATION:

SPEDIZIONE IN ABB. POSTALE 70% - CN/FC POSTAL INFORMATION:

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

VIA LAGHI, 87 - 48018 FAENZA (RA) ITALY

INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

INNOVACER - PALAZZO DEI SERVIZI

Ceramics Asia 2014 - Indian Ceramics 2015 Special issue Tecnargilla 2014 - Saie 2014

2/2014/ september SELIT

SELIT

2/2014/ september

Cevisama 2015 - Revestir 2015 Special issue Tecnargilla 2014 - Indian Ceramics 2015


A L B ERTO PAVA N, FU LV IO RE CECCO NI, SEB A S TI A N O M A LT E SE

DIPA RT IM EN TO DI A RC HI T E T T U R A, A M BIEN T E COS T RUI TO E IN G EG N ERI A D EL L E COS T RU ZI O NI ( A B C ), P O L I T EC NI CO DI MIL A N O

THE NAMING PROCESS OF CONSTRUCTION PRODUCTS IN INNOVANCE

LA DENOMINAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE IN INNOVANCE

The naming process of construction products in INNOVance aims at facilitating the exchange of information in the construction industry, in a shared and unambiguous way.

La denominazione dei prodotti da costruzione, realizzata nell’ambito del progetto INNOVance, si pone come obiettivo l’agevolazione dello scambio di informazioni nel settore delle costruzioni, in maniera condivisa e non ambigua.

The construction industry has always been important for the Italian national economic system, but a recent survey carried out by the National Association of Builders (Associazione Nazionale Costruttori Edili - ANCE) shows how in the last six years the building domain has suffered a heavy recession that could destabilize even more the whole system if adequate interventions are not considered in order to keep the event in check [1]. Despite these premises, research innovation and experimentation activities in the domain have not been discontinued, on the contrary, more and more sophisticated technical solutions and innovative techniques are being introduced in order to improve the work performance index for energy rationalization, energy saving and environmental comfort. This is complemented by the updated mandatory regulations that the involved operators have to meet throughout the different phases of the building process. Such factors affect the construction sector’s trend and determine its constant evolution. This ever-changing situation is typical of specialist fields especially

Il settore delle costruzioni da sempre riveste per l’assetto economico nazionale italiano un ruolo di primaria importanza. Tuttavia, da una recente indagine condotta dall’Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE), risulta come negli ultimi tempi il comparto edile stia attraversando un momento di forte recessione che rischia di destabilizzare ulteriormente l’intero sistema se a breve non verranno predisposti interventi che ne favoriscano la ripresa [1]. Ciò nonostante, le attività di ricerca, innovazione e sperimentazione nel settore non hanno subito interruzioni, anzi, nuovi prodotti, soluzioni tecnologiche e tecniche innovative sempre più sofisticate vengono introdotte, al fine di migliorare gli indici prestazionali di un’opera in termini di razionalizzazione dell’energia, di risparmio energetico e di confort ambientale. A questi si aggiungono, inoltre, gli aggiornamenti normativi di tipo mandatario a cui i diversi operatori sono chiamati ad ottemperare nelle diverse fasi del processo edilizio. Tali fattori influenzano l’andamento del settore delle costruzioni e ne determinano la costante evoluzione.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

REVIEW PAPER

ELIS A B E T TA O LI V ERI, GIOVA N N A A R ACRI, M A RI A T ERE S A GUAG LI A N O N E

IS T I T U TO P ER L E T EC N O LO G IE D EL L A COS T RU ZI O N E D EL CO N SIG L I O N A ZI O N A L E D EL L E RI C ERC H E ( I TC- C N R )

25


REVIEW PAPER

those that are more application-oriented, such as the construction sector. If on the one hand, continuous change contributes to increasing the quality of the production chain, e.g. design phase and construction of a work, on the other hand it calls for serious consideration of more management-related aspects concerning the identification of effective solutions for the processing and transfer of information about the progress of a building project. Actually, as the individuals involved in the process come from miscellaneous backgrounds, the increase of information and the lack of instruments for properly organizing and sharing it, may, under certain circumstances, lead to misunderstandings or even loss of information. Hence the more and more urgent need to develop and set up systems that can foster information interoperability and exchange in a precise and unambiguous way [2]. If no way of communicating is shared among the construction sector actors and failing instruments that may properly manage the great amount of information

Questo mutamento continuo, che è tipico dei domini specialistici, e ancor di più di quelli strettamente applicativi quale per l’appunto il settore delle costruzioni, se da un lato contribuisce a innalzare i livelli qualitativi della filiera, ad esempio in sede di progettazione e di esecuzione di un’opera, dall’altra, impone una riflessione su aspetti di natura più gestionale che riguardano l’identificazione di soluzioni efficaci per il trattamento e il trasferimento delle informazioni riguardanti l’avanzamento di un progetto edilizio. Infatti, l’eterogeneità dei soggetti coinvolti, l’aumento delle informazioni e l’assenza di strumenti idonei a garantirne la corretta organizzazione e condivisione possono causare in talune situazioni incomprensioni o persino perdita delle informazioni stesse. Ragion per cui, è sempre più stringente l’esigenza di mettere a punto sistemi che siano in grado di favorire l’interoperabilità e lo scambio delle informazioni in maniera precisa e non ambigua [2].

Fig. 1 - Representation of the identification criteria specified in UNI 11337:2009: a) essential characteristics for identification, naming and description; b) univocal naming through the complex name. Fig. 1 - Rappresentazione dei criteri di identificazione contenuti nella UNI 11337:2009 [3]: a) caratteri fondamentali di identificazione, denominazione e descrizione; b) denominazione univoca attraverso il “nome complesso”.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

generated during the work construction phase, the advancement of the work itself may be at risk, on budget and timeline. Just consider, for instance, the reviews of the original project that need to be made during the construction phase. Such reviews should be promptly communicated in a consistent and shared way to avoid jeopardizing the work result and leading to longer deadlines, thus reducing the profits of the contracting company. 26

La mancanza di un modo di comunicare condiviso tra gli operatori della filiera delle costruzioni e di strumenti in grado di gestire la molteplicità delle informazioni generate durante l’esecuzione di un’opera può compromettere lo sviluppo dell’opera stessa, nel rispetto del budget e della tempistica a disposizione. Basti pensare ad esempio, alle rivisitazioni del progetto originale effettuate in corso d’opera che se non tempestivamente comunicate in modo coerente e condiviso


rischiano di compromettere non solo il risultato dell’opera, ma anche di prolungare i lavori nel tempo, provocando contestualmente una diminuzione degli utili dell’impresa appaltante. La perdita di informazione rilevante o il misunderstanding nello scambio comunicativo fra gli attori della filiera può tradursi, quindi, in un ingente dispendio di risorse in termini di tempi e costi. A tali problematiche intende rispondere il progetto INNOVance1, il quale ha come obiettivo ultimo la predisposizione di una banca dati di respiro nazionale, in cui ciascun soggetto, oggetto e azione della filiera delle costruzioni sia identificato in maniera univoca grazie alla specificazione di un codice e di una denominazione esplicativa, che insieme danno luogo al nome complesso. In particolare, i criteri di codifica e denominazione sono dettagliati nella norma UNI 11337:2009 [3] che stabilisce le regole di ordinamento (e classificazione) delle informazioni partendo, appunto, dal “nome complesso” che risulta preferibilmente composto da un “nome comune riconoscibile” e da “caratteri identificativi inconfondibili” (figura 1). Codice e denominazione costituiscono il fondamento dell’intero sistema, tanto è vero che ogni coppia codicedenominazione è corredata di una scheda tecnica [4] in cui sono specificate informazioni aggiuntive inerenti a soggetti, oggetti e azioni che in maniera indipendente o congiunta, intervengono durante la realizzazione di un’opera. INNOVance, inoltre, vista la frammentarietà del dominio, dovuta sia all’evoluzione tecnologica e normativa e sia alla molteplicità di competenze che intervengono, soprattutto nella realizzazione di progetti edilizi complessi, si propone la sistematizzazione dei dati, delle informazioni e della conoscenza di settore. Tale scopo è perseguito tramite la realizzazione di una risorsa terminologica di supporto agli scambi comunicativi all’interno del settore e la messa a punto di una piattaforma integrata per la gestione delle diverse fasi del processo edilizio.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The loss of important information or any misunderstanding in the communication exchange among the players of the construction sector may therefore lead to a huge waste of resources in terms of time and money. The main purpose of INNOVance1 is to respond to such issues by preparing a national database where each individual, object and action involved in the construction chain can be unambiguously identified through a specific code and a name, which jointly generate the complex name. More specifically, coding criterion and naming process are detailed in standard UNI 11337:2009 [3] which sets the rules for sorting (and classifying) the information starting exactly from the complex name which preferably consists of a recognizable common name and unique identifying characteristics (figure 1). As the whole system is based on code and naming process, each code-name pair is accompanied by a technical sheet [4] specifying the additional information concerning the individuals, objects and actions that are independently or jointly involved during the construction of the work. On account of the fragmentation of the sector due to the technological and regulatory development and to the wide range of expertise involved in the implementation of complex building projects, the purpose of INNOVance is the systematization of data, information and sector knowledge. This aim is pursued by developing a terminological resource to support the communication exchanges within the sector and the implementation of an integrated platform for the management of the different phases of the building process. Actually, both purposes are intended to provide instruments to support technical2 and semantic3 interoperability in order to exchange information and ensure its correct interpretation. For the sake of completeness, along with the implementation of the database, within INNOVance a lexicon, meant as a set of words and expressions, is developing to serve as a reference tool for the construction sector, to facilitate communication within its framework. The effectiveness of the lexicon relies on the fact that it is shared among the different players, it compensates for the lack of core vocabularies to be used for writing technical documents and it helps preserve and organize in an “orderly” way the lexical and semantic richness of the sector.

Entrambi gli obiettivi, infatti, mirano a fornire strumenti in grado di garantire l’interoperabilità tecnica2 e semantica3, per lo scambio delle informazioni e la loro corretta interpretazione. 27


Ed è proprio a garanzia di esaustività che nell’ambito di INNOVance, parallelamente alla costruzione della banca dati, si sta procedendo alla realizzazione di un lessico (insieme di termini e di espressioni) di riferimento per il comparto edile, che favorisca principalmente la comunicazione all’interno dello stesso, in quanto condiviso dai diversi operatori, che sopperisca all’assenza

REVIEW PAPER

The specialized lexicon, still in progress, is the result of an intense activity of analysis and identification of the priority aspects of the domain, carried out by the Construction Technologies Institute of the Italian National Research Council (ITC-CNR), in collaboration with Politecnico of Milan, which is contextually working on the realization of the encoding system for subjects,

Fig. 2 - Screenshot of the online access to the terminological record of the lexicon [6]. Fig. 2 - Schermata di accesso online alle schede terminologiche del “Lessico INNOVance” [6].

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

objects and actions involved in the construction process and on the recognition of criterions to be adopted for guaranteeing the correct identification of individual, object and action, and with trade association include in INNOVance project (among which ANDIL) dealing with the definition of a technical sheet model, in order to facilitate a punctual description of construction products. All these activities have the common purpose to guarantee the accuracy and the coherence in information representation and exchange in the domain. The coding process supports the conceptual organization of terms chosen to be included in the lexicon, and meanwhile the description process of the construction products in technical sheet provides considerable indications about information to specify in the lexicon, thus, both activities contribute to the its enrichment. Similarly, the lexicon sustains the coding and naming 28

di vocabolari di indirizzo per la redazione dei documenti tecnici, che preservi e conferisca “ordine” alla ricchezza lessicale e semantica del settore. Il lessico settoriale, tuttora in corso di lavorazione, è il risultato di una intensa attività di analisi e di identificazione degli aspetti prioritari del dominio, condotta dall’Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ITCCNR), in sinergia con il Politecnico di Milano, che sta predisponendo il sistema di codifica dei soggetti, degli oggetti e delle azioni coinvolte nella filiera e la scelta dei criteri da adottare per la loro corretta identificazione, e con le associazioni di categoria dei produttori coinvolte nel progetto (tra cui ANDIL), impegnate nella definizione del format di scheda tecnica [4] funzionale alla descrizione puntuale dei prodotti da costruzione.


Le attività svolte dai partner concorrono ad assicurare la correttezza e la coerenza nella rappresentazione e nello scambio dell’informazione all’interno del settore. La codifica ha suggerito possibili criteri di classificazione da impiegare per l’organizzazione dei termini, mentre la schedatura ha fornito indicazioni sulla tipologia di informazioni da specificare. L’apporto di entrambi si sta concretizzando nell’arricchimento del lessico. A sua volta il lessico è di supporto al processo di codificazione dei prodotti da costruzione4 e alla redazione delle relative schede tecniche, in qualità di strumento di riferimento per un uso maggiormente condiviso della terminologia nel dominio di interesse, senza imporre un modello rigido che rischierebbe di essere usato dai soli esperti. Al contrario, il lessico intende tenere traccia della variabilità linguistica del settore in funzione dei contesti in cui ci si trovi ad operare, mediante l’uso di alcune strategie di seguito illustrate. Convenzionalmente per lessico si intende: “il complesso dei vocaboli e delle locuzioni che costituiscono una lingua […]” [5], quando i vocaboli ovvero le parole, sono usate in maniera condivisa e consensuale per lo scambio di informazioni in un dato dominio della conoscenza, esso si definisce specialistico.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Tiles & Bricks International • Vol. 2/2013

processes of construction products and the filling in of technical sheets since it represents an important instrument for a common use of terminology in the sector, without impose a rigid model that might be used by domain experts. On the opposite, the lexicon aims keeping track of the linguistic variability in the domain, through the strategies shown below. Before deeper analyzing the topic, a definition of lexicon is provided. It is conventionally defined as: “a set of words and phrases that constitute a language […]”, when terms are used in a consensual manner for information exchange in a specific knowledge domain, it is defined specialized. A lexicon is usually a flat list of terms in alphabetical order, in INNOVance project words are organized and related to each others in order to form a semantic network of concepts. Considering this conformation, the lexicon can be defined structured. The lexicon contains a set of terms used in the naming process of construction products, which jointly with codes are stored in INNOVance database. In this way the correlation among the activities of lexicon realization, construction products coding and their description are highlighted. Although in INNOVance database all construction products are

25

29


REVIEW PAPER TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

alphanumerically encoded, the code is not sufficient to unambiguously identify them, therefore a precise and clear name is necessary. In order to realize the specialized lexicon, it was essential to develop a tool for loading, managing, and structuring candidate terms to be ncluded in the lexicon and the main information about them. The lexicon shows the semantic network in which the terms are included, making a series of semantic relationships explicit: equivalence relation ties together different terms that designate the same product and that may, therefore, be considered as synonyms or near-synonyms; hierarchical relationship (of the type genus-species) expresses the relationship between a product and the more general category that contains it; associative relationship (of the type “see also”) refers to terms that can be variously linked to each other. In addition, for every term there is a terminological

Il lessico, che generalmente non è dotato di una struttura articolata ma di una struttura piatta, in cui l’ordinamento previsto è di tipo alfabetico, in INNOVance assume una conformazione sistematizzata in cui i diversi concetti sono collegati tra di loro sulla base di relazioni semantiche. Per cui, tale configurazione fa sì che il lessico possa essere definito strutturato. Il lessico raccoglie, innanzitutto, i termini che compongono la denominazione dei prodotti da costruzione e che, insieme ai codici, sono contenuti nella banca dati INNOVance, ciò a evidenziare la correlazione tra le attività di creazione del lessico, di codificazione dei prodotti da costruzione e di descrizione degli stessi. L’importanza di fornire una corretta denominazione dei prodotti da costruzione consiste nel fatto che non è sufficiente identificarli in maniera univoca attraverso l’assegnazione di un codice, ma è ugualmente necessaria l’attribuzione di una descrizione altrettanto puntuale e chiara.

Fig. 3a - Terminological record about the construction product “tegola marsigliese” Fig. 3b - Terminological record about the construction product “blocco per solaio”. Fig. 3a - Scheda terminologica relativa al prodotto da costruzione “tegola marsigliese”. Fig. 3b - Scheda terminologica relativa al prodotto da costruzione “blocco per solaio”.

30


La costruzione del lessico strutturato è stata agevolata dalla messa a punto di uno strumento software grazie al quale è possibile effettuare agevolmente l’inserimento, la gestione, l’organizzazione e la strutturazione dei termini rilevanti per il settore delle costruzioni e delle informazioni ad essi associate. Il lessico dà evidenza della rete semantica in cui i termini sono inseriti, esplicitando una serie di relazioni: relazione di equivalenza, che lega fra loro termini diversi che designano lo stesso prodotto e che possono, quindi, essere considerati sinonimi o quasi-sinonimi; relazione gerarchica, del tipo genere-specie, che esprime il nesso fra un prodotto e la categoria più generale che lo contiene; relazione associativa del tipo “vedi anche”, che rimanda a termini che possono essere variamente collegati fra loro. Inoltre, per ogni termine inserito è disponibile una scheda terminologica, che contiene varie informazioni rilevanti riguardanti un dato termine, tra cui: - la fonte in cui il termine è attestato; - il dominio di riferimento a cui il termine appartiene (prodotto da costruzione, caratteristiche prestazionali, ecc.); - l’eventuale traduzione del termine in altre lingue; - la definizione del termine, se prevista dalle normative armonizzate di prodotto; - le annotazioni e le informazioni aggiuntive sulla definizione o sull’uso del termine. La versione beta del lessico è disponibile online (figura 2) [6]. La piattaforma che lo ospita offre un’interfaccia di ricerca, consultazione e navigazione fra i termini del lessico attraverso una serie di link reciproci che rimandano ai termini legati fra loro e che danno evidenza delle relazioni semantiche fra gli stessi. A titolo esemplificativo, si riportano due schede terminologiche riguardanti la tegola marsigliese ed il blocco per solaio (figure 3a e 3b). La prima informazione che è possibile cogliere dalla scheda terminologica è il fatto che un termine sia considerato o meno “Termine Preferito” (TP) [2]. L’indicazione di questa informazione è presente quando vi siano più termini che possono essere utilizzati per designare uno stesso prodotto. In questo caso, l’etichetta TP indica il termine corretto da utilizzare per indicare un prodotto e i sinonimi restano legati al termine tramite il collegamento ad una scheda terminologica dedicata.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

record, which contains various related relevant information, including: the source in which the term is attested; the reference domain which the term refers to (construction product, performance characteristics, etc.). The possible translation of the term into other languages; the definition of the term, when it is present in rules underlying CE marking; the annotations and additional information about the definition or the use of the term. The beta version of the lexicon is available online (Figure 2) [6]. The platform that hosts it provides an interface for searching, browsing and navigation through a series of mutual links that refer to the terms linked to each other and pointing out the semantic relationships between them. By way of example, here are two terminological records regarding the term “tegola marsigliese” and “blocco per solaio” (Figures 3a and 3b). The first piece of information given by the terminological record is the fact that a term is considered “Preferred Term” (TP) or less [2]. The specification of this kind of information is present when more than one term can be used to describe the same product. In this case, the label PT indicates the correct term to be used in order to designate a product; synonyms remain linked to the preferred term through a link to a dedicated terminological records, one for each synonym. The record of the synonym contains the reference to the preferred term (equivalence relation). The preferred term is more correct to use because it comes from reliable and renown sources, such as the cited rules underlying CE marking, the naming of construction products defined by the INNOVance coding process and the installation manuals prepared by the associations. Therefore, the equivalence relation between terms is the assignment of synonyms to a term, including any acronyms, and its main purpose is to allow access to the lexicon and the information contained therein through a richer terminology. The preferred terms, in fact, despite being privileged access points do not always fall in choices and linguistic habits of the industry, which is why one should keep track, within the reference terminology, of current vocabulary through an equivalence relationship. In this way, if a non-preferred term is used for a search, the user may obtain in any case all the relevant information about a specific product. Actually, even though the terms used in harmonised

31


REVIEW PAPER

standards were favoured as preferred terms over others, also common use terms or terms employed in other types of documents (price lists, catalogues, etc..) have been included in the lexicon. As a result, users can easily access the desired relevant information, thanks to the explicit specification of the equivalence relationship between Preferred Term (PT) and Non-Preferred Term (NPT) guiding therefore a user to the correct use of the term. The information included in the terminological record provide a conceptual systematization of construction products in categories and sub-categories. Such hierarchical structure is highlighted by organizing terms in Hypernyms and Hyponyms, which specify a classification scheme of the products where the category represents a products family (Hypernyms) and the subcategories contain the different types of products for each product family (Hyponym). In this way, a user can browse the hierarchy of terms and customize the search by further specifying its own needs.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

For instance, it is possible to extend the search about a product by selecting concepts with a broader meaning (for example: elemento per muratura - as construction product – figure 4) and detailing it, specifying a more precise concept (elemento per muratura pieno – figure 4).

La scheda del sinonimo conterrà a sua volta un rimando verso quello che è considerato il termine preferito (relazione di equivalenza). Il termine preferito è quello più corretto da utilizzare perché proviene da fonti ritenute affidabili e autorevoli, quali ad esempio le norme armonizzate, la denominazione dei prodotti da costruzione definita dalla codifica INNOVance e i manuali di posa predisposti dalle associazioni di categoria. La relazione di equivalenza fra termini consiste, quindi, nell’assegnazione ad un termine dei suoi sinonimi, inclusi eventuali acronimi, e ha essenzialmente lo scopo di consentire l’accesso al lessico e all’informazione in esso contenuta attraverso una terminologia più ricca. I termini preferiti, infatti, pur essendo punti di accesso privilegiati, non sempre rientrano nelle scelte e nelle abitudini linguistiche degli operatori del settore, ragion per cui è opportuno tenere traccia, all’interno delle risorse terminologiche di riferimento, del vocabolario corrente attraverso una relazione di equivalenza. Questo consente all’utente, che effettua una ricerca attraverso un termine considerato non preferito, di riuscire comunque a recuperare le informazioni desiderate sul quel determinato prodotto. Infatti, sebbene siano stati privilegiati come termini preferiti i termini rintracciati all’interno delle norme armonizzate, anche quelli ritrovati nell’uso comune o in altre tipologie di documenti (prezzari, cataloghi, ecc.) sono stati inclusi nel lessico.

Fig. 4 - Organization of the terms specifying the hierarchical relationship of genus-species. Fig. 4 - Organizzazione dei termini secondo la relazione gerarchica genere-specie.

32


The integration of the structured lexicon in INNOVance portal could support users during a search session allowing the retrieval, by setting specific parameters, of the terminological record about the desired construction product. In addition, thanks to the semantic relationships established in advance among terms, a user could retrieve and display all relevant information regarding a construction product through terms used in everyday communication and their regulatory counterpart, because the two terms are related. Finally, another important purpose of the specialized lexicon, in addition to the retrieval of the main information, is to guide the domain experts toward the coherent use of terms employed in the designation of construction products, without losing language variability and consequently fostering the coexistence of the two aspects: normalization of the language on the one hand and preservation of the communication enrichment on the other hand.

Così facendo, gli utenti hanno la possibilità di accedere all’informazione di interesse in maniera semplice, agevolati dal fatto che la relazione di sinonimia tra Termine Preferito (TP) e Termine non Preferito (TNP) sia espressa in maniera esplicita indirizzando così l’utente verso l’uso corretto dei termini. Le informazioni presenti all’interno della scheda terminologica forniscono una sistematizzazione dei prodotti in categorie e sottocategorie. Tale strutturazione, di tipo gerarchico, è veicolata dall’organizzazione dei termini in Iperonimi e Iponimi, i quali non fanno altro che restituire una classificazione dei prodotti in cui la categoria è rappresentata dalla famiglia di prodotti (Iperonimi) mentre la sottocategoria contiene le diverse tipologie di prodotto per ciascuna famiglia (Iponimi). I termini così collegati, permettono all’utente di navigare nella gerarchia proposta e personalizzare la ricerca, scegliendone il grado di specificità in base alle proprie esigenze. Ad esempio, è possibile ampliare la ricerca fra i prodotti selezionando concetti con un significato più ampio (ad esempio: prodotto da costruzione elemento per muratura - figura 4) ed affinarla, quindi, specificando un concetto più preciso (elemento per muratura pieno). Le schede terminologiche prevedono ulteriori eventuali notazioni aggiuntive attraverso l’indicazione dei cosiddetti termini correlati (relazione associativa), come ad esempio i termini riguardanti le caratteristiche prestazionali, distinguendo quelle essenziali indicate nell’Allegato ZA delle norme armonizzate europee, come riportato in figura 5.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Furthermore, the terminological records provide additional notifications through the specification of related terms (associative relationship), such as performance requirements, specifying which of these are essential. This information is listed in Annex ZA of the rules underlying CE marking, as shown in figure 5.

Fig. 5 - Example of associative relationship between construction product and its essential characteristics. Fig. 5 - Esempio di relazione associativa tra prodotto da costruzione e le relative caratteristiche essenziali.

33


NOTE 1. INNOVance: Industrial Innovation Program – Industria 2015 funded by Ministry of Economic Development - www.innovance.it/it INNOVance: programma di Innovazione Industriale finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito di Industria 2015 http://innovance.it

REVIEW PAPER

2. Technical interoperability: defined as the ability of different systems to exchange information automatically and without loss of information, according to a common protocol. Interoperabilità tecnica intesa come capacità di diversi sistemi tecnologici ed informativi di scambiare informazioni secondo un protocollo comune, in modo automatico e senza perdita di informazioni. 3. Semantic interoperability: defined as the ability to understand and use exchanged information in a coherent and significant way. Interoperabilità semantica intesa come capacità di interpretare ed utilizzare le informazioni scambiate in modo corretto e significativo. 4. Any product or kit which is produced and placed on the market for incorporation in a permanent manner in construction works or parts thereof and the performance of which has an effect on the performance of the construction works with respect to the basic requirements for construction works’; taken from the EU Regulation No. 305/2011 of the European Parliament and of the Council of 9 March 2011 laying down harmonised conditions for the marketing of construction products and repealing Council Directive 89/106/EEC. «Qualsiasi prodotto o kit fabbricato e immesso sul mercato per essere incorporato in modo permanente in opere di costruzione o in parti di esse e la cui prestazione incide sulla prestazione delle opere di costruzione rispetto ai requisiti di base delle opere stesse»; estratto dal Regolamento UE N. 305/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio, 9 marzo 2011, Condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione, e che abroga la Direttiva 89/106/CEE. BIBLIOG R A PH Y

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

[1] Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni, a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi, giugno 2013. [2] ISO 25964-1:2011 Information and documentation - Thesauri and interoperability with other vocabularies - Part 1: Thesauri for information retrieval. [3] UNI 11337:2009 Edilizia e opere di ingegneria civile. Criteri di codificazione di opere e prodotti da costruzione, attività e risorse. Identificazione, descrizione e interoperabilità. [4] A. Pavan, F. Re Cecconi, S. Maltese, E. Oliveri, G. Aracri, M.T. Guaglianone, La scheda prodotti interattiva di INNOVance, Costruire in Laterizio 155 (2013) 60-63. [5] Treccani, L’Enciclopedia Italiana - www.treccani.it [6] Lessico Innovance, a cura del CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione http://database.itc.cnr.it/glossario/home_page.php?db_to_use=gls_innovance&status=public

34

L’integrazione del lessico strutturato nel portale INNOVance consentirà di fornire una serie di chiavi di ricerca che permetteranno all’utente di recuperare, tramite l’impostazione di una serie di parametri, le schede tecniche dei prodotti di interesse. Grazie alle relazioni fra termini esplicitate a priori, sarà possibile riuscire a recuperare e visionare la scheda tecnica di un prodotto anche ricercandolo attraverso il suo nome comune collegato a quello utilizzato per la denominazione ufficiale nella scheda tecnica. In conclusione, la funzione primaria del lessico, oltre a quella di facilitare la ricerca delle schede tecniche del portale INNOVance, è quella di orientare gli operatori del settore verso un uso più coerente dei termini utilizzati per denominare i prodotti senza perdere la varietà che caratterizza il linguaggio d’uso comune. Infatti, si è tentato di far coesistere i due aspetti di normalizzazione del linguaggio e di preservazione della ricchezza comunicativa.


TRENDS

PRODUCTION_STATISTICS_BUSINESS_MARKETS

HOLLOW-CLAY BRICK MACHINES: 2013 OVERVIEW

MACCHINE PER LATERIZI: LA PANORAMICA DEL 2013

Following a successful 2012, the Italian hollow-clay brick machine industry has ended 2013 by witnessing sales fall again by 8.9% to around 133 million euro, of which exports account for 120 million and Italian domestic sales 12.4 million. Exports, that represent 90% of total sales, remained the sector’s main source of income and are mainly driven by demand from North African countries and non-EU European countries that account, respectively, for 40.6% and 17.8% of the total. More specifically, the North African market, despite a fall in 2012 of 5.5%, is the export gold medallist with sales of almost 50 million euro. Non-EU European countries climb onto the second step of the podium with sales of 21.5 million euro, a 6.5% rise over 2012. Performance was excellent in the Middle East that, despite obtaining almost the same share as the European Union (respectively, 13.4% and 13.3%), confirms its upward trend with a notable rise over 2012 of 69.2%. Unlike the Middle East, EU countries with total sales of 16 million drop down several rungs (-12.2%) compared to 2012, continuing the downward spiral that began in 2011. Also in decline, this time by 19.8%, is the South American market that obtains a 9.2% slice of the export market with sales of 11.2 million euro.

Dopo un 2012 positivo, l’industria italiana delle macchine per laterizi archivia il 2013 registrando una nuova flessione del fatturato dell’8,9% che si assesta su 133 milioni di euro, di cui 120 milioni provenienti dall’export e 12,4 milioni dalle vendite in Italia. Le vendite oltre confine, che rappresentano il 90% del fatturato totale, rimangono la vera risorsa del comparto e vengono trainate principalmente dalla domanda dei paesi Nord africani ed europei Extra UE con un’incidenza rispettivamente del 40,6% e 17,8% sul totale. Il mercato nord africano, nello specifico, nonostante un calo del 5,5% sul 2012 conquista la medaglia d’oro dei mercati export con un fatturato di quasi 50 milioni di Euro. Sul podio, ma al secondo posto, i paesi europei Extra UE con un giro d’affari di 21,5 milioni di euro, in crescita sul 2012 del 6,5%. Ottime le performance in Medio Oriente che, pur incidendo quasi al pari dell’Unione Europea (rispettivamente con il 13,4% ed il 13.3%) sul totale, conferma il suo trend di crescita con una significativa variazione sul 2012 del 69,2%. Al contrario del Medioriente, i paesi dell’UE con 16 milioni di fatturato scendono di qualche gradino (-12,2%) rispetto al 2012 continuando la parabola discendente avviata nel 2011.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

G I A N PAO LO C R A S TA - ACI M AC

35


Total sales performance, Italy and abroad from 2001 to 2013 (million euro). Dinamica del fatturato totale, Italia ed estero dal 2001 al 2013 (valori in milioni di euro).

Finally, there are positive signs from the Chinese market whose share of 2.1% produces a 64.2% rise over 2012 with sales of 2.5 million euro. Lesser contributions come from the markets of North America, Asia (excluding China) and Oceania with 2.4%, 1.1% and 0.02% respectively.

MACHINE TYPES As regards the various types of machine used to produce hollow-clay bricks and their share of the markets in question, clay preparation machines account for the largest slice of total sales (23.6%). Transfer and storage systems produce 16.5% of total sales, whilst extrusion and firing have respective shares of 15.4% and 13.4%, followed by dies with 11.4% and drying with 10%. A figure of less than 10% of total sales is split between glazing and decorating machines, sorting, packaging and palletising, finishing and other processes.

IN ITALY TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

In the domestic market, the podium is occupied by dies, with a 34% share of total sales, followed by a closely-packed group of machines for clay preparation (13%), extrusion (11%) and glazing and decorating (10.3%). Smaller shares of the Italian sales market are held by machines for sorting, packaging and palletising (9%), transfer and storage (8.7%), firing (8.6%), drying and finishing (1.9% and 1.3%) and other processes (2.2%). 36

Source: Centro Studi Acimac

In calo del 19,8% anche il mercato sudamericano che copre una fetta pari al 9,2% dell’export con vendite pari a 11,2 milioni di euro. Buone prospettive giungono infine dal mercato cinese che, con un incidenza del 2,1%, genera vendite in crescita del 64,2% sul 2012 fatturando 2,5 milioni di Euro. Contribuiscono in maniera minore il mercato del Nord America, quelli asiatici (esclusa Cina) e Oceania rispettivamente con il 2,4%, 1,1% e 0,02%.

LE TIPOLOGIE DI MACCHINE Per quanto concerne le diverse tipologie di macchine per la produzione di laterizi ed il loro peso percentuale sui mercati di riferimento, la fetta più ampia sul fatturato totale (23,6%) è rappresentata dalle macchine per la preparazione terre. Gli impianti di stoccaggio e movimentazione realizzano il 16,5% del fatturato totale, mentre estrusione e cottura si assestano con percentuali rispettivamente del 15,4% e 13,4%, seguite dal fatturato delle filiere con l’11,4% ed essiccatura con il 10%. Il peso percentuale di incidenza sul fatturato totale inferiore al 10% è ripartito tra macchine per smaltatura e decorazione, scelta, confezionamento e pallettizzazione, finitura ed altre lavorazioni.


IN ITALIA Sul mercato domestico, il podio è occupato dalle filiere, che conquistano il 34% del fatturato totale, seguite a ruota dalle macchine per preparazione terre con il 13%, per estrusione (11%), smaltatura e decorazione (10,3%). Incide in minore misura il fatturato derivante dalla vendita in Italia di macchine per scelta, confezionamento e pallettizzazione (9%), stoccaggio e movimentazione (8,7%), cottura (8,6%), essiccatura e finitura (1,9% e 1,3%) e altre lavorazioni (2,2%).

ALL’ESTERO

Source: Centro Studi Acimac

FOREIGN MARKETS Clay preparation machines hold top spot in foreign markets with a 24.7% share. The rest of the pie is sliced as follows: transfer and storage (17.3%), extrusion (15.8%), firing (13.9%), drying (10.8%), dies (9.1%), glazing and decorating (4.3%), sorting, packaging and palletising (3.5%), other processes and finishing (0.5% and 0.2%).

MEETING AT TECNARGILLA With the Claytech section, Tecnargilla also confirms its vital importance for the hollow-clay brick industry. Scheduled to take place in Rimini from 22nd to 26th September, the 2014 show has indeed attracted leading manufacturers of hollow-clay brick machinery and systems. Exhibitors at the show includeBedeschi, Beralmar, Capaccioli, Cismac, Equipceramic, Felipe Verdes, Keller, Linco Baxo, Marcheluzzo Impianti, Sabo, Sacmi Heavy Clay and Tecnofiliere.

APPUNTAMENTO A TECNARGILLA Tecnargilla, con la sezione Claytech, conferma la sua centralità anche per l’industria del laterizio. L’edizione 2014, in programma a Rimini dal 22 al 26 settembre, vedrà, infatti, la partecipazione delle principali aziende che operano nella costruzione di macchine e impianti per laterizi. Tra gli altri saranno presenti in fiera Bedeschi, Beralmar, Capaccioli, Cismac, Equipceramic, Felipe Verdes, Keller, Linco Baxo, Marcheluzzo Impianti, Sabo, Sacmi Heavy Clay e Tecnofiliere. Claytech sarà pertanto la migliore vetrina al mondo per conoscere le ultime innovazioni proposte dai costruttori di macchine italiani ed internazionali. Le aziende espositrici presenteranno soluzioni innovative focalizzate su qualità e produttività, unite ad affidabilità, flessibilità e risparmio energetico in termini di combustibile, recupero energetico e riduzioni delle emissioni inquinanti.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Exports broken down into geographical areas, year 2013. Esportazioni per aree geografiche, anno 2013.

All’estero le macchine per preparazione terre detengono il primo posto con il 24,7% di incidenza. Il resto della torta è composto da fette realizzate da: stoccaggio e movimentazione (17,3%), estrusione (15,8%), cottura (13,9%), essiccatura (10,8%), filiere (9,1%), smaltatura e decorazione (4,3%), scelta confezionamento e pallettizzazione (3,5%), altre lavorazioni e finitura (0,5% e 0,2%).

37


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Exports broken down into geographical areas, year 2013. Esportazioni per aree geografiche, anno 2013.

34 38

Claytech will therefore be the world’s leading showcase for the latest offerings from Italian and international machinery manufacturers. Exhibitors will introduce innovative solutions focusing on quality and productivity, along with reliability, flexibility and energy saving as far as fuel, energy recovery and lower pollutant emissions are concerned. To mark the occasion, special events for the hollow-clay brick industry are being organised. In particular, along with a congress organised in association with Andil and sponsored by the magazine Tiles & Bricks International C+CA, arrangements will be made to receive official delegations of specialist buyers from: Russia, Ukraine, Egypt, Algeria, Jordan, Tunisia, Morocco, Turkey, Iran, Sub-Saharan Africa and the Balkans. The attendance of these profiled buyers will further enhance the number and quality of international visitors, another of Tecnargilla’s jewels in the crown. Indeed, Tecnargilla is the world’s most international trade show in terms of both exhibitors and number and quality of foreign visitors who accounted for almost 50% of total visitors to the 2012 show.

Source: Centro Studi Acimac

Per l’occasione saranno realizzate iniziative specifiche per l’industria dei laterizi. In particolare, oltre ad un appuntamento convegnistico realizzato in collaborazione con Andil e patrocinato dalla rivista Tiles & Bricks International C+CA, saranno organizzate delegazioni ufficiali di buyer specifiche e provenienti da: Russia, Ucraina, Egitto, Algeria, Giordania, Tunisia, Marocco, Turchia, Iran, Africa Sub-Sahariana e Balcani. La partecipazione di questi buyer profilati, arricchirà ulteriormente il numero e la qualità dei visitatori internazionali, altro fiero all’occhiello di Tecnargilla. Tecnargilla è infatti la fiera più internazionale al mondo sia in termini di aziende espositrici sia per quantità e qualità dei visitatori esteri che, nell’edizione 2012, hanno rappresentato quasi il 50% dei visitatori totali.


UPDATING

,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

KETRA RELIES ON THE ITALIAN KETRA SI AFFIDA ALLA TECHNOLOGY OF BEDESCHI S.P.A. TECNOLOGIA ITALIANA BEDESCHI Bedeschi S.p.A. supplied and successfully started up a green field plant for manufacturing 60,000,000 facing bricks and large-size porized blocks. The new brick plant, that will produce and sell its products under the KETRA brand on the local market and in the neighbouring regions, was commissioned by TUS Group of Cheboksary, leader in the construction of large housing units in the Chuvasha Republic. The need to produce with the same technological line both a high quality product like facing bricks and large-size porized blocks by keeping a high quality standard allowed Bedeschi for gathering

Realizzato e collaudato con successo dalla Bedeschi S.p.A., è stato recentemente inaugurato un nuovo impianto per la produzione di 60.000.000 per anno di mattoni faccia a vista e blocchi porosi. Commissionato dalla società TUS di Cheboksary, leader nella regione della repubblica Chuvasha nella costruzione di grosse unità immobiliari, il nuovo impianto produrrà e venderà con il marchio KETRA i propri prodotti sul mercato locale e nelle regioni limitrofe. La necessità di poter produrre con la stessa linea tecnologica sia un prodotto di pregio, come il mattone

39


Inauguration of the brick plant Inaugurazione dell’impianto

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

consolidated experiences and new solutions thus achieving the goal of erecting and starting up the plant in very short times compared to the standard ones. The product range of the technological line includes facing bricks (250x120x65 and 250x120x88 mm), construction common blocks (250x120x140 and 250x250x140 mm), porized blocks (380x250 219, 398x250x219 and 510x250x219 mm), while other

40

faccia a vista, sia blocchi porosi di grosse dimensioni mantenendo uno standard qualitativo alto, ha permesso alla Bedeschi di unire esperienze oramai consolidate a nuove soluzioni ottenendo come risultato la realizzazione dell’impianto ed il suo collaudo in tempi molto brevi se paragonati agli standard. La gamma produttiva della linea tecnologica varia dal mattone faccia a vista (250x120x65 e 250x120x88 mm), ai blocchi comuni per


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

products, like for example partition elements, can be add without significant changes. The detailed plant description is as follows. Raw materials receipt and pre-preparation The raw materials feeding the production line are stored under a covered building and from here are sent to the technological cycle through CNL apron feeders driven by a frequency converter. In case of clays with foreign bodies, they are screened by a VS type stone removing mill or, through a by-pass system, are sent to an MB187 type two-wheel wet pan mill. This machine has the undeniable capacity to chop and mix the raw materials and so improving their quality as to become sometimes indispensable, definitely always useful, despite the installation cost. After the wet pan mill the raw materials passes through a first rough roller mill, LPS 10x8 type, and a second high speed roller mill, LVP 8x10 type, adjusted for a final refining thickness of 0.8 mm for some particular products. Here raw materials are added additives (sand, sawdust, trepple, etc.) and sent to a CG 3000 double shaft mixer which will give the industrial mix the final homogenization before the storage in the ageing silo. The plant is also equipped with a sawdust refining, screening, storage and dosing system, always designed and supplied by Bedeschi S.p.A. Silo The need to have different industrial mixes for manufacturing different products (ranging from quality products like facing bricks, common bricks and large-size porized blocks) made Bedeschi to choose a tanks silo with a capacity of about 10,000 m3. The reclaiming and the final homogenization of the industrial mix is entrusted to a BEL F lateral bucket reclaimer.

Production/extrusion The clay processed in this way is reclaimed from the silo by a belt conveyor system and fed to a CNL apron feeder.

costruzione (250x120x140 e 250x250x140 mm) ai blocchi porosi (380x250 219, 398x250x219 e 510x250x219 mm), mentre altri prodotti come ad esempio gli elementi per partizione possono essere aggiunti senza sostanziali modifiche alla stessa. Nel dettaglio l’impianto si sviluppa come di seguito descritto. Ricezione e pre-lavorazione delle materie prime Le materie prime in arrivo alla linea produttiva vengono immagazzinate in un capannone coperto e da qui immesse nel ciclo tecnologico attraverso cassoni dosatori tipo CNL comandati da variatore di frequenza. In presenza di argille inquinate è possibile farle passare in un vaglio scansa pietre modello VS oppure, attraverso un sistema di bypass, vengono inviate ad una molazza a due mole modello MB187. La capacità di questa macchina di sminuzzare e omogeneizzare le materie prime è innegabile e migliora in modo tale la qualità delle stesse da renderla a volte indispensabile, sicuramente sempre utile, nonostante il costo di installazione. In uscita dalla molazza le materie prime incontrano un primo laminatoio modello LPS 10x8 ed un secondo laminatoio veloce modello LVP 8x10 regolati con uno spessore di laminazione finale di 0,8 mm per alcuni prodotti particolari. Qui alle materie prime vengono aggiunti gli additivi (sabbia, segatura, trepple, etc.) ed inviate ad un mescolatore a doppio albero modello CG 3000 che provvederà alla ottimale omogeneizzazione della miscela industriale prima dell’immagazzinamento nel silo di stagionatura finale. L’impianto è anche dotato di un sistema di raffinazione, vagliatura, immagazzinamento e dosaggio della segatura di legno, anch’esso progettato e fornito dalla Bedeschi S.p.A. TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

Silos Le diverse miscele industriali necessarie alla produzione di differenti prodotti che vanno dal prodotto di pregio come il faccia a vista, al prodotto comune fino ai blocchi porosi anche di notevoli dimensioni, hanno portato alla scelta di installare un silo a vasche della capacità di circa 10.000 m3. 41


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The apron feeder ensures the perfect metering of the clay in the quantity so necessary as to guarantee the continuous operation of the production department. The mix is then transferred by the rubber belt conveyor to another LPS roller mill allowing to reduce the grain size of the dry clay crusts arriving from the homogenizing silo. To obtain the uniform colour of the ceramic bricks the industrial mix is added additives (colouring oxides, barium carbonate, etc.) through a dosing system for the additives powder. By means of the rubber belt conveyor on which the above mentioned additives are added to the industrial mix coming from the roller mill, the final mix is sent to a GDF mixer with frontal grid. This machine has the task of homogenizing all mix compounds, adding some water if necessary, to obtain the required plasticity degree. The mixer is equipped with an automatic wetting system to correct the mix humidity content. The material is therefore ready to be extruded and is moved by rubber belt conveyors to the BED 650 SLS extruder. In the upper part of the machine, the clay is further mixed in the mixer, that is an integrant part of the BED 650 SLS extruder, and then the clay is pushed through a grids system to the vacuum chamber. Here by means of a vacuum pump the clay de-airing takes place to obtain a higher consistency of the extruded mass. From the vacuum chamber the clay falls into the extruder auger that collects, compacts and pushes it through the different dies to obtain the slug in sizes and shapes desired. The machine is equipped with a set of dies and mouths ensuring the extrusion of the required products in the different shapes. To ensure the compliance with health rules in the clay preparation department, Bedeschi installed a dust suppression system able to suck the volatile compounds of clay processing during rolling stages. The dust elimination is via a centrifugal fan, a set of sleeve filters with automatic cleaning system. 32 42

La ripresa della miscela industriale e la sua omogeneizzazione finale è affidata ad un escavatore laterale a tazze modello BEL F. Produzione/trafila L’argilla così trattata ripresa dal silos tramite una serie di nastri in gomma viene introdotta in un cassone dosatore modello CNL. Il cassone dosatore garantisce il dosaggio ottimale dell’argilla in quantità necessaria a garantire il funzionamento costante del reparto di produzione. La miscela viene così inviata attraverso il nastro trasportatore in gomma ad un altro laminatoio tipo LPS che permette di ridurre la pezzatura delle croste di argilla secca provenienti dal silo di omogeneizzazione. Per ottenere la colorazione uniforme dei mattoni ceramici vengono aggiunti nella miscela industriale degli additivi (ossidi coloranti, carbonato di bario, etc.) tramite un sistema di dosaggio degli additivi in polvere. Per mezzo del nastro trasportatore in gomma sul quale vengono aggiunti gli additivi sopra menzionati alla miscela industriale proveniente da laminatoio, la miscela finale viene inviata ad un impastatore con griglia frontale modello GDF. Questo ha la funzione di omogeneizzare tutti i componenti miscelati eventualmente aggiungendo un certo quantitativo di acqua per raggiungere il grado di plasticità richiesto. Per correggere l’umidità della miscela il mescolatore è completo di un sistema automatico di bagnatura. Il materiale è cosi pronto per essere estruso e viene trasportato per mezzo dei nastri in gomma alla mattoniera modello BED 650 SLS. Nella parte superiore dalla macchina l’argilla viene ulteriormente mescolata nell’impastatore, parte integrante della mattoniera BED 650 SLS, e successivamente viene fatta passare attraverso un sistema di griglie che si affacciano sulla camera del vuoto. Qui mediante l’impiego di una pompa del vuoto viene effettuata la de-gasazione dell’argilla, necessaria per ottenere una migliore compattezza della massa estrusa.


UPDATING

,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

BED 650 SLS Bedeschi extruder Estrusore Bedeschi BED 650 SLS

Cutting and dryer loading/unloading system The extruded slug is pre-cut by a slug cutter and then moved to the two cutting lines for bricks and blocks where the final product lengths are defined. Bricks line: the slug by means of a belt conveyors system arrives to a 90° deviation where a paddle pushes it into a multi-wire cutter; during this operation, it is possible to chamber the upper and the lower surface; then the slug is lifted thus allowing chamfering the lateral surfaces. Finally the slug is cut. Afterwards the pieces are turn out from the line by a paddle pusher, spaced and then conveyed by a set of chain benches to the pallet loading station made by an anthropomorphic robot.

Attraverso la camera del vuoto l’argilla cade nell’elica dell’estrusore che raccoglie l’argilla, la compatta e la spinge attraverso le diverse filiere per ottenere il filone delle dimensioni e della forma volute. L’impianto è dotato di un set di filiere e di un set di bocche che garantiscono nelle varie configurazioni l’estrusione di tutti i materiali richiesti. Per garantire il rispetto delle norme sanitarie nel reparto di pre-lavorazine argilla è prevista l’installazione del sistema di abbattimento polveri in grado di aspirare i residui volatili della lavorazione dell’argilla durante le fasi di laminazione. L’eliminazione della polvere avviene tramite un ventilatore centrifugo, una serie di filtri a manica con sistema automatico di pulizia. L’estrazione della polvere dal filtro avviene automaticamente tramite una valvola di scarico. Anche queste macchine sono progettate e prodotte al interno del gruppo Bedeschi, infatti ormai da anni la CTP Team di Milano fa parte del gruppo Bedeschi. CTP team si occupa ormai da diversi decenni di progettazione e produzione dei sistemi di abbattimento polveri per diverse industrie (cemento, acciaio, vetro…).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The dust extraction from the filter takes place automatically via a discharge valve. Also these machines are designed and manufactured inside the Bedeschi group; in fact, since years CTP Team in Milan is part of it. CTP team is responsible since many decades for designing and manufacturing dust suppression systems for different industries (cement, steel, glass ...).

43


Cutting, loading and unloading system Taglio, carico, scarico

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Blocks line: the slug obtained in this way, by means of a belt conveyors system, arrives to a 90째 deviation and then is transferred in the cut position made by a vertical cutter able to cut simultaneously 4 pieces. After being cut, the pieces are spaced and then conveyed, by a set of

44

Taglio e carico/scarico essiccatoio Il filone estruso viene pretagliato da un taglia filone e successivamente trasportato alle due linee di taglio mattoni e blocchi in cui si ricavano le lunghezze finali del prodotto.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

Tunnel dryer entrance Ingresso essiccatoio tunnel

belts, to the pallet loading station made by an anthropomorphic robot. In the extrusion zone, there is a system for the finishing the brick outer surface and in particular there is a machine for brick sandblasting and texturing. The products cut and distributed on the two dedicated lines are then loaded on the dryer cars by an anthropomorphic robot, equipped with a gripping unit consisting of 4 independents heads. Once the pallet has been loaded, a loading system transfers it near the dryer cars. Dryer cars automatic handling system The cars movement into and out of the dryer is carried out by a set of automated machines. These one can travel on rails (transfer cars) or are fixed on the ground (chain pushers, pushers with automatic cylinder and winches with metallic rope) and are equipped with all the necessary accessories for the correct operation. The supply also includes a system of double-wing air-operated doors to divide the different dryer zones from the outside.

Linea mattoni: il filone tramite una serie di nastri trasportatori arriva ad un deviazione a 90˚ dove una paletta lo introduce nella taglierina multi-fili; durante questa operazione è possibile realizzare lo smusso della faccia superiore e di quella inferiore, successivamente il filone viene sollevato permettendo così lo smusso delle facce laterali ed infine tagliato. Effettuato il taglio i pezzi vengono espulsi dalla linea per mezzo di uno spintore a paletta, allargati ed in fine trasportati, da una serie di banchi a catene, alla stazione di carico su pianale realizzata da un robot antropomorfo. Linea blocchi: il filone così ottenuto tramite una serie di nastri trasportatori arriva ad un deviazione a 90˚ e successivamente viene traslato nella posizione di taglio realizzata tramite una taglierina verticale che effettua il taglio simultaneo di 4 pezzi. Effettuato il taglio i pezzi vengono allargati ed in fine trasportati, da una serie di nastri, alla stazione di carico su pianale realizzata da un robot antropomorfo. Nella zona di estrusione è previsto un sistema per la lavorazione della superficie esterna del mattone ed in particolare è presente una macchina per la sabbiatura e rustificatura. I prodotti tagliati e programmati sulle due linee dedicate vengono quindi caricati sui pianali dei carrelli dell’essiccatoio tramite un robot antropomorfo, dotato di un organo di presa costituita da n° 4 gruppi di pinzatura indipendenti. Una volta completato il carico di un pianale, questo viene portato in prossimità del carrello essiccatoio e caricato per mezzo di dispositivo di carico. Movimentazione automatica carrelli essiccatoio Il movimento dei carrelli dentro e fuori l’essiccatoio è affidato ad un insieme di macchine a gestione automatica. Queste possono essere mobili su rotaie (Trasbordatori) o fisse a terra (spintori a catena, spintori con cilindro automatico e argani a fune metallica) e dotate di accessori necessari al corretto funzionamento.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

45


Tunnel dryer The products, extruded according to the above described process, are then dried in a tunnel dryer consisting of different cars lines ventilated from both sides. The dyer of this technology consists mainly of the following machines:

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

• Set of inner truncated-cone shaped fans able to direct the hot air into the material thus allowing to make the drying process uniform on all the load height • Set of fans to exhaust the exceeding moisture contained in the dryer • Set of fans feeding the inner ventilation of the systems controlling the quality of the air inlet into the dryer • Set of thermal rooms equipped with generators for adjusting the temperature of the air inlet into the dryer • Electrical installation for driving and controlling the equipment installed in the dryer. • The outer ventilating equipment include centrifugal fans, axial fans, adjusting wing gates with the related actuators, expansion joints and accessories.

Automated setting machine Impilatrice automatica

46

Completa la fornitura un sistema di porte a doppia anta ad apertura pneumatica per dividere le varie zone dell’essiccatoio dall’esterno. Essiccatoio a tunnel I prodotti estrusi secondo il procedimento sopra esposto vengono poi essiccati in un essiccatoio a tunnel formato da diverse linee di carrelli ventilate da entrambi i lati. L’essiccatoio di questa tipologia è composto essenzialmente dalle seguenti macchine: Serie di ventilatori troncoconici interni in grado di convogliare l’aria calda nel materiale permettendo così di uniformare il processo di essiccazione su tutta l’altezza della carica. Serie di ventilatori per l’evacuazione dell’umidità in eccesso presente nell’essiccatoio, serie di ventilatori per l’alimentazione della ventilazione interna di sistemi di controllo della qualità dell’aria immessa nell’essiccatoio. Serie di sale termiche dotate di generatori per la correzione della temperatura dell’aria da immettere in essiccatoio.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

These ones, integrated in ducted systems for feeding hot air and for exhausting the moist air, guarantee the optimal distribution of the thermal energy required by the drying process. Some heat generators were also installed for adjusting the temperature of the hot air required for the technological process. A computerized system is responsible for the management of the dryer to obtain the optimum compromise between product quality, drying time and energy consumption. Dried product unloading system and setting machine After the drying process, the cars are handled towards the unloading area where an elevator/descender extracts each single pallet from the car levels and loads them onto chain conveyors. Here an anthropomorphic robot unloads the bricks from the pallets and the pallets return, via a set of chain conveyors, to the area of the wet products loading for a new cycle. There is an automatic storage for the pallets not in use during the drying process. The dried product unloaded from the pallet by means of the robot is transported by a set of chain conveyors to the setting station onto the kiln cars. During transport, the products are so counted, grouped and spaced as to form the desired layer ready to be loaded. The line is also equipped with a brick tilting system to be used in case of flat load of facing bricks. The material “programmed” in this way is picked up by a gripper with 6 rotating heads to form the pack onto the kiln cars. Kiln cars automated handling system The cars handling in and out of the kiln is managed by some automated machines.The system includes the line serving the tunnel kiln and an outer one serving the product loading/unloading zone. The installed equipment can travel on rails (transfer cars) or are fixed on the ground (chain pushers, pushers with automatic cylinder and winches with metallic rope) and are equipped with all the necessary accessories for the correct operation.

Impianto elettrico per il comando e il controllo delle attrezzature installate nell’essiccatoio. Le attrezzature di ventilazione esterna comprendono: ventilatori centrifughi, ventilatori assiali, valvole ad alette di regolazione con relativi attuatori, giunti di dilatazione e accessori. Questi, integrati in sistemi canalizzati per l’alimentazione dell’aria calda e per l’estrazione dell’aria umida, garantiscono l’ottimale distribuzione dell’energia termica necessaria al processo di essiccazione. Sono stati inoltre installati generatori di calore per la correzione della temperatura dell’aria calda necessaria al processo tecnologico. Un sistema computerizzato è preposto alla gestione dell’essiccatoio per ottenere il compromesso ottimale tra qualità del prodotto, tempo di essiccazione e consumo di energia. Scarico secco, impilatrice automatica Dopo la fase di essiccazione i carrelli vengono trasportati verso una zona di scarico dove un elevatore/scaricatore estrae i singoli pianali dal carrello e li posa sui trasportatori a catene. Qui i mattoni vengono scaricati dai pianali per mezzo di un robot antropomorfo ed i pianali rimandati, tramite una serie di trasportatori a catene, alla postazione di carico del materiale umido per un successivo ciclo. È presente un magazzino automatico di gestione pianali non in uso nel ciclo di essiccazione. Il prodotto secco scaricato per mezzo del robot dal pianale viene inviato per mezzo di una serie di trasportatori a catena alla postazione di impilamento sui carri del forno. Durante il trasporto i prodotti vengono contati, raggruppati e distanziati in modo da formare lo strato voluto pronto per essere caricato. La linea inoltre è dotata di un sistema di ribaltamento dei mattoni da utilizzarsi in caso di carico in piano dei mattoni a faccia vista. Il materiale così “programmato” viene prelevato da una pinza a 6 organi di presa rotanti per la formazione del pacco sui carri del forno.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

47


Tunnel kiln Forno a tunnel

Tunnel kiln The dried material is fired inside the tunnel kiln at a temperature of about 1000 C°. The process takes place thanks to the movement of the cars loaded with the dried product inside the firing tunnel. The kiln is composed of a tunnel, sets of lateral and top burners, system for hot air suction and feeding, guillotine doors and control and management electrical installations. The kiln main structure consists of a masonry made of refractory bricks. The wall of the exit zone is realized is made of ceramic bricks.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The upper locking inside the firing tunnel is a refractory suspended arch supported by mild or stainless steel hooks according to the local temperature. The shape and the type of material chosen for the arch are specifically designed for the installation of this kind of kiln. The kiln is equipped with a gas-fired system consisting of: • main gas ramp of reduction and security • secondary gas ramp of reduction and security for the lateral burners • set of lateral burners including the combustion air and combustion gas feeding system 48

Movimentazione automatica carri forno Il movimento dei carri dentro e fuori il forno è affidato ad un insieme di macchine a gestione automatica. Il sistema comprende la linea a servizio del forno a tunnel ed una linea esterna a servizio delle zone di carico/ scarico del materiale. Le attrezzature installate possono essere mobili su rotaie (Trasbordatori) o fisse a terra (spintori a catena, spintori con cilindro automatico e argani a fune metallica) e dotate di accessori necessari al corretto funzionamento. Forno a tunnel Il materiale secco viene cotto all’interno di forno a tunnel ad una temperatura di circa 1000 °C. Il processo viene effettuato tramite il movimento dei carri carichi di materiale secco all’interno del tunnel di cottura. Il forno è costituito da un tunnel, serie di bruciatori laterali e di volta, sistemi di aspirazione e mandata aria calda, porte a ghigliottina e apparecchiature elettriche di comando e controllo. La struttura principale del forno è composta da una muratura realizzata in mattoni refrattari. La zona di uscita delle pareti è realizzata in mattoni ceramici. La chiusura superiore all’interno del tunnel di cottura è


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

• top firing arch with self-ignition burners and blown air burners. This equipment is necessary for making the firing process and controlling the achievement of the required temperatures. To ensure the uniformity of the airflows inside the tunnel kiln, this one is also equipped with ventilating systems for the air feeding or exhaust. The outer ventilating equipment include centrifugal fans, axial fans, adjusting wing gates with the related actuators, expansion joints and accessories. This equipment, integrated in ducted systems for hot gases exhausting or recirculating or cooling air feeding, ensures the optimal distribution of the thermal energy necessary to the firing process. The supply is complete with the rapid cooling groups to be installed downstream the firing zone and hot air generator to be installed in the side pre-tunnel feeding area. To ensure the stability of the firing process during the kiln cars entering and coming out of the kiln, the tunnel is equipped with guillotine doors.

realizzata per mezzo di una volta piana sospesa refrattaria sostenuta da ganci in acciaio dolce o inossidabile in base alla temperatura locale. La forma come la tipologia del materiale costituente la volta è studiato specificatamente per l’installazione di questo tipo di forno. Il forno è dotato di impianto di cottura a gas composto di una rampa gas principale di riduzione e sicurezza, rampa gas secondaria di riduzione e sicurezza per i bruciatori laterali, impianto composto da bruciatori laterali comprensivo di alimentazione aria comburente e gas combustibile, impianto di cottura in volta formato da bruciatori ad autoaccensione e da bruciatori ad aria soffiata. Le attrezzature installate sono necessarie per la realizzazione del processo di cottura e il controllo del raggiungimento delle temperature richieste. Per garantire l’uniformità del flussi di aria all’interno del forno di cottura questo è stato dotato di una serie di sistemi di ventilazione per l’immissione o l’estrazione dell’aria. Le attrezzature di ventilazione esterna comprendono: ventilatori centrifughi, ventilatori assiali, valvole ad alette di regolazione con relativi attuatori, giunti di dilatazione ed accessori. Queste apparecchiature, integrate in sistemi canalizzati per l’estrazione o il ricircolo dei gas caldi o l’alimentazione dell’aria di raffreddamento garantiscono l’ottimale distribuzione dell’energia termica necessaria al processo di cottura.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

Fired product unloading Scarico cotto

49


A system consisting of four automated doors, two at the entry and two at the exit of the firing tunnel, ensures the kiln insulation from the external environmental thus minimizing the possible pressure variations inside it. Two similar doors are installed at the end of the pre-kiln. Fired product automated unloading system After the firing stage, the cars loaded with fired product are handled to the unloading zone, designed for wrapping and packaging the final products. The finished product are unloaded in layers by means of a gripper equipped with 6 rotating heads, grouped and spaced to form the desired layer ready to be loaded on the wooden pallet. The line is also equipped with a pieces tilting system to be used in case of flat load of facing bricks. Before being loaded onto the wooden pallet, the layer is horizontally strapped; the formation of the final pack onto wooden pallet is carried out by a gripper equipped with 2 rotating heads. The finished packs are then vertically strapped, wet (if necessary) by immersion in tanks by means of a double gripper equipped with forks and finally packaged with a thermo-retracted polyethylene film. At the end of the packaging operations the packs are prepared for truck loading or storage on the yard.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

To ensure a correct loading of the fired material onto the kiln cars, there is a cleaning automatic station of the material laying bench equipped with a suction mouth and a dust suppression filter. The installation is equipped of a set of electric boards, driving pulpits, bush-buttons panels and accessories for controlling and managing all the installed machines; it is also equipped with the relevant software system that allowing to set recipes for all the characteristics necessary to guarantee the quality and quantity of the products to process. 32 50

Completano la fornitura i gruppi di raffreddamento rapido da installarsi subito a valle della zona di cottura, e il generatore di calore da installarsi nel circuito di alimentazione al tunnel di attesa laterale. Per garantire la stabilità del processo di cottura durante le fasi di introduzione ed estrazione dei carri forno il tunnel è dotato di porte a ghigliottina. Un sistema formato da quattro porte automatiche, due in ingresso e due in uscita del tunnel di cottura, garantisce il completo isolamento del forno dall’ambiente esterno riducendo al minimo eventuali variazioni di pressione all’interno dello stesso. Due porte simili sono montate alle estremità del tunnel di attesa laterale (pre-forno). Scarico automatico del cotto Dopo la fase di cottura i carri caricati di materiale cotto vengono trasportati alla zona di scarico, progettata per confezionare e imballare il materiale finito. I prodotti finiti vengono scaricati a strati dal carro del forno tramite una pinza dotata di 6 organi di presa rotanti, contati, raggruppati e distanziati in modo da formare lo strato voluto pronto per essere caricato sul pallet in legno. La linea inoltre è dotata di un sistema di ribaltamento dei pezzi nel caso in cui si erano caricati i mattoni faccia a vista in piano. Prima di essere caricati sul pallet gli strati possono essere legati per mezzo di una reggetta orizzontale; la formazione del pacco finale sul pallet avviene per mezzo di una pinza dotata di 2 organi di presa rotanti. I pacchi ultimati vengono poi legati verticalmente con una reggetta, eventualmente bagnati mediante immersione in vasche per mezzo di una doppia pinza dotata di forche, ed infine imballati con un film di polietilene termo-retratto, al termine delle operazioni di confezionamento i pacchi vengono preparati per il carico su camion o lo stoccaggio in piazzale. Per garantire un corretto carico del materiale cotto sui carri del forno è prevista una stazione di pulizia


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

The installation of a single general supervision software, controlled by PLC, provides the control of the entire line. All the machines are managed and adjusted by a software allowing the automatic operation, thus ensuring the continuity and consistency of production. In addition, Bedeschi S.p.A. supplied all secondary equipment, that in many cases can also be manufactured locally in conformity with Bedeschi design, such as dryer cars, pallets, kiln cars, different insulating materials, belt conveyors and so on. Bedeschi always fulfilled with great success the task of building the whole tunnel kiln thus ensuring to the customer the highest quality of the entire brick plant. This ambitious project, successfully achieved, is the result of Bedeschi strong industrial organization, its consolidated know-how and abilities of its highly-skilled technical staff. In recent years, in fact, the company from Limena has enhanced and developed the complete engineering division relevant to drying and firing, thanks to the employment of more than 20 technical experts coming from very long experiences acquired at some of the most important Italian realities of this field. In fact, the customers have already recognized Bedeschi as the world leader in manufacturing brick plants entrusting to it other new green field installations (new plants in Sverdlovskaya oblast, in Tyumen region, etc. are under construction).

automatica (pulisci carri) del piano di appoggio del materiale dotato di una bocca di aspirazione di un filtro di abbattimento polveri. L’impianto è dotato di un insieme di quadri elettrici, pulpiti di comando, pulsantiere ed accessori per il comando e controllo di tutte le attrezzature installate e di un relativo sistema software che permette di impostare a ricetta tutte le caratteristiche necessaria a garantire la qualità e la quantità dei prodotti da trattare. L’installazione di un unico software di supervisione generale, gestito da PLC, garantisce il controllo di tutta la linea. Tutte le macchine sono gestite e regolate da un software che permette il funzionamento in automatico, garantendo così la continuità e la costanza di produzione. Inoltre, Bedeschi ha fornito tutte le attrezzature secondarie che in vari casi possono essere costruite anche localmente alla base del ingegneria Bedeschi, come: carrelli essiccatoio, pianali, carri forno, vari materiali di isolamenti, nastri trasportatori ecc. l compito della Bedeschi, svolto sempre con grande successo, è stato anche di costruire completamente la galleria del forno garantendo così al cliente massima qualità del installazione completa. Questo ambizioso progetto realizzato con grande successo è frutto della forte struttura industriale Bedeschi, del know–how consolidato e delle competenze di uno staff tecnico di grande valore. Negli ultimi anni, infatti, l’azienda di Limena ha potenziato e sviluppato tutta l’area impiantistica, relativa al essicazione e cottura, con l’assunzione di oltre venti tecnici provenienti da lunga esperienza maturata presso alcune delle più importanti realtà italiane del settore. Infatti, i clienti hanno già riconosciuto in Bedeschi leader mondiale nella costruzione di impianti completi affidandogli le altre nuove installazioni complete (sono in corso costruzioni di un nuovo impianto in Sverdlovskaya oblast e uno in regione di Tyumen ecc).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

51


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

MARCHELUZZO IMPIANTI FOR LATER CER GROUP-ARGENTINA–

LA MARCHELUZZO IMPIANTI PER IL GRUPPO LATER CER-ARGENTINA

The Company LATER CER, awarded to Marcheluzzo Impianti the order for the equipment destined to the plant in Pilar (Argentina), well knowing their capacity and reliability of adopting the most modern technologies coupled to innovative solutions that are always tailored on the requirements of the customers. The requirement from LATER CER was to implement the capacity of production from 800 to 1300 tons per day but, mostly, the job had to be realized with the minimum breakdown of production for setting up the new equipment.

La Marcheluzzo Impianti e stata scelta dalla società LATER CER a Pilar in Argentina per la dimostrata capacità di forniture tecnologicamente avanzate e con soluzioni sempre innovative adatte alle esigenze richieste.

Eng. Angel Di Benedetto - CEO L ATER CER Group.

52

La società LATER CER aveva la necessità di portare la sua capacità produttiva da 800 ton giorno a 1300 ton giorno riducendo però il più possibile il fermo fabbrica per il montaggio del nuovo impianto. La Marcheluzzo Impianti ha fornito una nuova linea di taglio uguale ad un’altra fornita qualche anno fa per poter estrudere su 2 linee parallele ottimizzando l’utilizzo delle mattoniere al prodotto migliore. Ha fornito una nuova linea di preparazione del materiale verde in ricezione alle 2 linee di taglio, con movimenti abbinati di catene e passo del pellegrino aumentando così la velocità di lavorazione senza rovinare i materiale. Sono state fornite tutte le modifiche per adattare il giro dei pianali vuoti alle nuove capacità produttive, è stato fornito un nuovo banco di carico del materiale verde e un nuovo sistema di carico dei carrelli con ascensore a forche per poter caricare completamente il carrello con un’unica manovra, velocità ed efficienza, per movimenti mai bruschi abbinati a velocità estreme. Per le nuove esigenze produttive, la società LATER CER ha aumentato il numero delle linee dell’essiccatoio, la Marcheluzzo Impianti ha quindi fornito dei nuovi spintori in ingresso e in uscita essiccatoio, le nuove porte motorizzate oltre ai nuovi trasbordatori completamente meccanici per evitare i classici problemi di gestione dell’olio all’interno di ambienti molto caldi. Questi trasbordatori sono strutturati per il trasporto di 2 carrelli per avere la possibilità di aumentare la produzione mantenendo dei movimenti senza eccessive accelerazioni o frenate che compromettono la stabilità dei prodotti nei carrelli.


,

Marcheluzzo Impianti proposed and supplied a new cutting line in all similar to the one already supplied some years ago, getting so the possibility of extruding the slabs on two parallel lines which results in a better use of the extruders with consequent better quality of the products. A new equipment for processing the green products coming from the two cutting lines has been also installed, based on coupled movements of chains and pilgrim pitch for improving the working speed without altering the quality of the products. The circuit of the pallets has been adequately modified in respect of the new quantities to be handled. The supply includes also a new bench for loading the green products and a new system for loading the cars with a lifter equipped with forks suitable to fillup the car completely in one only operation, granting the necessary speed and the efficiency with soft but extremely fast movements. Depending on the new out put exigencies, LATER CER has multiplied the drying lines and Marcheluzzo Impianti supplied the new pushers at the entry and exit of dryer, new motorized doors, and new transfer cars that are completely of the mechanic type which avoids all the well-known problems linked to the oil control in hot ambient of working.

Pre-cutting Pretaglio

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

Allo scarico dei carrelli è stata montata una macchina “gemella” al carico per scaricare completamente un carrello con un’unica manovra. La linea impilatrice esistente è stata in parte recuperata e inserita nella nuova linea molto performante dove il carico del carro forno è fatto da 2 robot Fanuc a cui sono state applicate 2 pinze di costruzione della Marcheluzzo Impianti che consentono di restare nei tempi richiesti per arrivare alla produzione giornaliera. Il normale ciclo di lavoro prevede l’utilizzo di 2 robot ma la Marcheluzzo Impianti ha studiato una soluzione che consente di poter lavorare con un unico robot. Praticamente i 2 robot sono montati su una struttura mobile che consente loro di spostarsi, un robot viene spostato in una zona intermedia consentendo di caricare l’intero carro e l’altro in una zona dove è possibile intervenire, questo per avere la possibilità di poter produrre quando un robot è in fare di manutenzione o riparazione. Questi movimenti sono motorizzati e quindi controllati dal PLC per ridurre al minimo le possibilità di errore del personale. È stata montata anche una nuova pinza completamente automatica che movimenta i pianali vuoti con lo scopo di fare un magazzino dei pianali consentendo il cambio del numero dei piani sui carrelli senza interferire sul tempo di produzione sia dell’estrusuine sia della zona di impilamento nei carri del forno.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

Cutting line Linea di taglio

53


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Offloading dryed material Scarico secco

Robot setting for kiln cars Robot impilatrice

Such transfer cars are designed to handle two cars at a time, in order to implement the production without improper acceleration or braking effects that could affect the stability of the tiles on the. For off loading the cars a new machine has been fitted, in all similar to the one at the loading station, capable to off-load completely the car in one only action. The existing setting up line has been partially recuperated and installed in the new high performing line where the kiln car is loaded by 2 robots Fanuc equipped with two grippers, realized by Marcheluzzo Impianti, capable to give the daily out-put in the required time.

Questo consente anche di poter lavorare, per un breve periodo, con l’estrusione e il carico dei carrelli del materiale verde anche se la linea impilatrice è momentaneamente ferma o al contrario, e cioè lavorare con la linea impilatrice, quindi scaricare i carrelli del materiale secco, anche se l’estrusione e la linea di preparazione è momentaneamente ferma. Anche lo scarico del cotto esistente è stato analizzato dalla Marcheluzzo Impianti e, per arrivare alle produzioni richieste, è stata adattata la pinza di scarico carro esistente montando azionamenti nelle motorizzazioni per aumentare le velocità ed è stata inserita, nella linea di

Robot setting for kiln cars Robot impilatrice

54


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

In principle the working chart would have required the installation of a couple of robots but Marcheluzzo Impianti studied a solution based on one only robot. In fact a couple of robots is fitted on one only mobile structure allowing their movements: one robot is moved in an intermediate zone for loading the entire car whereas the other one is moved to a zone of easy access in order to make possible any intervention for maintenance or repair, without breaking down the production cycle. All of these movements are controlled through a PLC for avoiding every human mistake. A new completely automatic gripper has been also supplied for moving the empty pallets destined to form a store from where the pallets can be easily kept for changing the number of pallets on the cars with no alteration of the production chart both in the extrusion and in the car loading zones. This solution can also give the possibility of working – for a short period – in the extrusion and in the dryer car loading zones even if the setting machine is temporarily out of work or – in the contrary – it is possible to work with the setting machine for off-loading the dryer cars even if the extruder or the preparation process is temporarily stopped. Even the existing kiln car off-loading line has been attentively examined by Marcheluzzo Impianti for adapting it to the new out put requirements : the existing car off .loading gripper has been modified with new activators in the motor groups suitable to increase the speed. The existing packaging line has been also modified by the introduction of a supplementary part of line of new realization including a new packs setter and a new packs transfer system to move them, opportunely superposed, up to the packs storing yard. Where possible the existing electric boards have been adapted to the new exigencies and other new ones have been supplied for housing the new electric control systems.

Offloading fired material Scarico cotto

imballo esistente, una parte di linea di nuova costruzione dove è stato montato un nuovo sovrappositore pacchi e un tranfert pacchi per i trasporto dei pacchi sovrapposti in una zona di stoccaggio. Dove possibile, sono stati adattati i quadri elettrici esistenti e sono stati affiancati da armadi di nuova fornitura per poter alloggiare le nuove apparecchiature di comando e di controllo elettrico consentendo di avere un impianto all’avanguardia nella tecnologia meccanica ma anche elettrica ed elettronica.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

Packaging

55


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

56

The final result is a plant with all the fundamentals for being at the vanguard of the mechanic, electric and electronic technologies. The entire project has been developed in collaboration with the technical direction of the Company LATER CER focused to the newest technical solutions for maintaining their preeminent position on the market but open to innovation.

Come si può intuire in questo progetto la direzione tecnica della LATER CER ha chiesto di essere sempre allineata con le esigenze del mercato restando all’avanguardia nelle scelte tecniche e pronti all’innovazione.

CAPACCIOLI 2014 NEWS SUMMARY

CAPACCIOLI 2014 – LE NOTIZIE PRINCIPALI

For the 2014-2015, Capaccioli presents some previews of its new products descending from the policy of the vertical integration of the design and production process. Furthermore the company is engaged in different investments around the world and in its headquarter, in order to power and feed the company growth. DRY CLAY PREPARATION Dry clay preparation line

Per il 2014-2015, Capaccioli presenta alcune anteprime dei suoi nuovi prodotti, a partire dalle scelte di integrazione verticale fra il design e il processo produttivo. Inoltre l’azienda è impegnata in diversi investimenti nel mondo e nella sua sede principale, con l’obiettivo di potenziare e sostenere la crescita del gruppo. PREPARAZIONE ARGILLA A SECCO Linea di preparazione delle argille a secco

Capaccioli presents its new products for all those customers that, for technological issues, require clay small granulometry and a very precise control of it. In particular: - Roof tiles plant - Brick plants for solid bricks - Plants for Special products - Standard brick plants which use clay with high calcium carbonate content

Capaccioli presenta la sua nuova linea di prodotti per tutti i clienti che, per esigenze tecniche, hanno bisogno di argille dalla granulometria molto fine e di un controllo molto preciso. In particolare: – Impianti per tegole – Impianti per mattoni pieni – Impianti per prodotti speciali – Impianti per mattoni standard che usano argille con un alto contenuto di carbonato di calcio

The dry preparation line of products is composed by - Mills family - Screeners, - Wetting systems - Bucket elevators - Stocking system

La linea di preparazione di questi prodotti è composta da: – Serie di mulini – Mescolatori – Sistemi di bagnatura – Elevatori – Sistemi di stoccaggio


UPDATING

,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Rendering for dry clay preparation

Dry clay preparation and wetting systems

57


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Focus: NEW HAMMER MILL ARAL MM-60-8 SERIES The new hammer mill ARAL MM-60-8 series, which is part of the line for dry clay preparation, is entirely designed and realized in Capaccioli premises. The mill is composed by a frame, one rotor, hammers and reinforced side armours plus other components. On the main rotor several number of hammers are installed, depending on the model of mill. These hammers are built in very hard material, according to the kind of mineral/clay to be crushed.

Focus: IL NUOVO Mulino a martelli ARAL MM-60-8 SERIES La nuova serie di mulini a martelli ARAL MM-60-8, che fa parte della linea per la preparazione di argille a secco, è interamente disegnata e realizzata negli stabilimenti Capaccioli. Il mulino è composto sostanzialmente da una robusta struttura, un rotore, martelli e corazza laterale rinforzata. Sul rotore principale è installato un numero variabile di martelli, in base al modello del mulino. I martelli sono realizzati con materiale di elevata durezza, in base anche al tipo di minerale e argilla che devono essere frantumati.

Aral MM60-8

Aral MM in construction

NEW Circular screen feeder type ARAL MV 1900 Capaccioli extends its clay preparation range of products in the field of mixing. The new vertical circular screen feeder has been designed primarily for brick producers in order to increase product quality by concentrating mixing and buffering during preparation in one single machine. The design under Capaccioli guidelines has been focused on robust­ness, low energy consumption, clay characteristics, easy maintenance and cleaning, and maximum reliability.

Nuovo mescolatore verticale tipo ARAL MV 1900 Capaccioli estende la sua serie di prodotti per la preparazione delle argille nel campo della miscelazione. Il nuovo mescolatore verticale è stato disegnato principalmente per i produttori di laterizi, con l’obiettivo di incrementare la qualità del prodotto concentrando la miscelazione e la funzione di “buffer” durante la preparazione in un’unica macchina. Il design, sotto le linee guida di Capaccioli, è stato impostato con attenzione alla robustezza, basso consumo di energia, caratteristiche delle argille, facile manutenzione e pulizia e massima affidabilità.

New projects and orders The first 6 months of 2014 have been very fruitful for Capaccioli company. The order books has been updated with many new projects from different countries worldwide.

58

Nuovi progetti e ordini I primi 6 mesi del 2014 sono stati molto fruttuosi per il gruppo Capaccioli. Gli ordini sono cresciuti con numerosi


UPDATING

,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

nuovi progetti in tanti paesi del mondo. Un ulteriore incremento nel volume degli ordini è atteso per la seconda parte dell’anno. NUOVI INVESTIMENTI PER C APACCIOLI Stabilimento di Sinalunga: Capaccioli diventa green Il sito produttivo di Sinalunga, storica sede di Capaccioli, è stato il destinatario del maggiore investimento, che renderà operativa la nuova politica eco-friendly dell’azienda.

A further increase of order volume is expected for the second part of the year. NEW INVESTMENTS FOR CAPACCIOLI Sinalunga (Italy) factory site - Capaccioli turns to green The production site Sinalugna , the historic site of Capaccioli, was the subject of a major new investment, which makes the new eco-friendly political operative. The new photovoltaic system installed on the roof of the factory, under good conditions of sunlight, offers a slightly lower power to that already installed in the facility, but able to cover a good part of the energy needs of the production plant thanks to a careful study of the contemporary factors, load balancing and also an appropriate work organization. We recall that the factory has a modern equipment to produce all its own range of products. During weekends and holidays, the surplus energy is fed into the national network and sold to domestic operators. CAPACCIOLI BUSINESS DEVELOPMENT – New branches and commercial offices for foreigner countries The years 2013-2014 have been very lively years in terms of market developments for the Capaccioli commercial organization.

Il nuovo impianto fotovoltaico installato sul tetto della fabbrica, in buone condizioni di sole, offre una potenza leggermente inferiore a quella necessaria alla struttura, ma in grado di coprire buona parte dell’energia necessaria agli impianti produttivi, grazie a un attento studio dei fattori di contemporaneità e sul bilanciamento dei carichi e a un’adeguata organizzazione del lavoro. Ricordiamo anche che lo stabilimento ha moderne attrezzature per la produzione dell’intera gamma di prodotti. Durante i fine settimana ed i periodi di ferie, il surplus di energia alimenta la rete nazionale e viene venduto ad operatori locali. Lo sviluppo di Capaccioli-Nuove filiali e uffici commerciali per i paesi stranieri Il 2013 e 2014 sono stati anni molto vivaci in termini di mercato e sviluppo per l’organizzazione commerciale di Capaccioli. La rete commerciale di Capaccioli attualmente copre il 90 per cento dei paesi del mondo, con divisioni e area manager dedicati ed è in continua espansione.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Circular screen feeder MV1900

Per il periodo 2014-2015 si prevede di aprire tre nuove filiali con l’obiettivo di coprire meglio alcune aree commerciali, in modo da consentire a Capaccioli una maggiore vicinanza ai suoi clienti. 59


Capaccioli commercial network nowadays covers 90% of the world countries with dedicated divisions ad area managers and its commercial network is expanding continuously. For the years 2014-2015 is provide to open 3 new branch in order to better cover some commercial areas to allow to Capaccioli company be closer to its customers.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Sinalunga (Italy) headquarter: new buildings, new offices and more personnel for capaccioli technical and commercial department After the extensions of the production department of the 2012, In order to assist its technical and commercial growth, Capaccioli Company has recently create new spaces for its activities: 1. Production department: new building consisting in a new hangar for increasing the space of production area is provided to be ready at the end of 2014. 2. Offices: after the latest extensions which involved the offices and business area, the Sinalunga headquarters has today doubled its extension with new offices to accommodate the present and the new staff. New space for the new personnel: Capaccioli is working to integrate its team with new engineers and sales managers to power its future development. The recruitment campaign is always in progress.

Photovoltaic system

60

La sede principale a Sinalunga (Italia): nuovi edifici, nuovi uffici e più personale per i dipartimenti tecnici e commerciali di Capaccioli Dopo l’ampliamento del settore produttivo nel 2012, con lo scopo di supportare la crescita tecnologica e commerciale, il gruppo Capaccioli ha recentemente creato nuovi spazi per la sua attività: 1. Reparto produzione: un nuovo capannone per aumentare lo spazio dell’area produttiva, sarà ultimato secondo le previsioni a fine 2014. 2. Uffici: dopo gli ultimi ampliamenti che hanno riguardato uffici e area business, il quartier generale di Sinalunga ha attualmente duplicato la sua estensione, con nuovi uffici per accogliere il personale attuale e quello che si aggiungerà. Nuovi spazi per il personale: Capaccioli sta lavorando per integrare il suo team con nuovi ingegneri e addetti alle vendite, per potenziare il suo sviluppo futuro. La campagna di assunzioni è sempre in corso.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

BONGIOANNI MACCHINE: NEW WET PAN MILL 38M

BONGIOANNI MACCHINE: NUOVA MOLAZZA AD UMIDO TIPO 38M

Bongioanni Macchine has recently started up in the Iraqi Kurdistan, as part of the complete installation, a new model of wet pan mill called 38M which replaces the model 36M. The machine, designed completely 3D and studied with the most modern FEM techniques, can stand strong stresses deriving by the grinding of hard clays. It consists of a very sturdy structure in electro welded steel and of two big and heavy wheels which turn on a grid-bed made of manganese steel, whose holes are dimensioned according to the needs, that ensures a series of pre-working effects on the raw material that, normally, are achieved only by using several machines:

La Bongioanni Macchine ha da poco avviato nel Kurdistan Irakeno, come parte dell’impianto completo, un nuovo modello di molazza denominata 38M che sostituisce il modello 36M. La macchina, progettata completamente in 3D e studiata con i più moderni metodi FEM, è in grado di sopportare forti sollecitazioni derivanti dalla macinazione di argille dure. Consta di una solidissima struttura in acciaio elettrosaldato, e di due grandi e pesanti mole che ruotano su un letto a griglia in acciaio al manganese, con dimensione dei fori secondo necessità, che garantisce sulla materia prima, una serie di effetti di pre-lavorazione normalmente conseguito con più macchine:

• Crushing of hard and schistose clays, under the weight of the wheels • Mixing of various clays by means of easily adjustable scrapers • Amalgamation and mixing of the clay with the addition of water.

• Frantumazione delle argille dure e scistose, sotto il peso delle mole • Miscelazione di varie argille mediante raschiatori di comoda registrazione • Amalgamazione ed impasto dell’argilla mediante aggiunta di acqua.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

61


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The machine consists of a tank made of steel of 5,6 m Ø, where 2 wheels having a diameter of 2030 mm with grinding wheel-tyres made of chrome-alloy spheroidal graphite cast iron, turn on a manganese steel grids-bed which form the bottom of the tank. A tubular hopper, to avoid bridges of clay, transports the raw material in front of the inner wheel that is 800 mm large and weighs 17900 Kg and that, during its rotation, grinds the clay and presses it on a bed of grids without holes; a piping that turns with the wheels allows to moisture the clay during this phase. The clay, through some scrapers suitably placed, is then transported on the outer track where a second wheel 900 mm large that weighs 18700 Kg grinds it further and pushes it towards the exit of the tank through some pierced grids shaped and dimensioned according to the needs. The clay that is not extruded through the grids is lead back again through some suitable scrapers under the inner wheel, for a further grinding. The extruded clay, on the contrary, is collected by 2 flat rubber conveyors, placed under the grinding tank and transported towards the belt conveyors of the installation. All the wheels group, assembled on bearings,

62

La macchina è costituita di una vasca in acciaio di 5,6 m di diametro, dove 2 mole, di diametro 2030 mm con mantelli in ghisa sferoidale legata al cromo, ruotano su un letto di griglie in acciaio al manganese che costituiscono il fondo della vasca. Uno scivolo tubolare, per evitare ponti di argilla, convoglia la terra davanti alla mola interna larga 800 mm e del peso di 17900 Kg che nella rotazione macina l’argilla premendola su un letto di griglie cieche; una tubazione che ruota assieme alle mole consente di bagnare l’argilla durante questa fase. L’argilla, tramite dei raschiatori posizionati in modo adeguato, viene successivamente convogliata sulla pista esterna dove una seconda mola larga 900 mm e pesante 18700 Kg la macina ulteriormente e la spinge verso l’uscita della vasca attraverso delle griglie forate di dimensioni e forma a seconda delle necessità. L’argilla che non viene estrusa attraverso le griglie viene ri-convogliata mediante degli opportuni raschiatori sotto la mola interna per un’ulteriore macinazione. L’argilla estrusa invece, viene raccolta da 2 nastri piani in gomma, posti sotto la vasca di macinazione, e convogliata verso i nastri dell’impianto.


UPDATING

,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

1/2

Tutto il gruppo is actioned from the bottom by a reduction unit having FRANTUMATORE TIPO 612FRmole, montato su cuscinetti, è azionato dal basso mediante un riduttore ad assi paralleli verticali parallel vertical axis and an orthogonal entry torque Macchina adatta per frantumare e sminuzzare grandi zolle d’argilla molto dura o scistosa; può essere e coppia d’ingresso ortogonale ad alte prestazioni meccharacterized by a high mechanical performance, conalimentata direttamente in tramoggia da pala meccanica o automezzi, oppure posta sotto cassoni dosatori. caniche, l’albero di comando mole mediannected with the wheels drive shaft by means a self-aIl frantumatore è costituito da due robustioffianchi in acciaio in collegato cui sono con ricavate le sedi dei cuscinetti che supportano due rulli posti ad un interasse fisso e che ruotano alla stessa velocità. Questi te un giunto auto allineante a denti.rulli sono costituiti ligning toothed coupling. da un albero su cui vengono montate delle stelle frantumatrici in acciaio a 5 punte con riporti antiusura in La potenza installata può variare a seconda della produThe installed power can vary depending on the procorrispondenza delle punte stesse. La granulometria del materiale in uscita è tale da garantire il buon zione edmediante è compresa tra i 160 e i 200 kW. duction and is included and 200 kW. funzionamento delle between macchine160 successive. I rulli sono azionati riduttori epicicloidali comandati da sistema diforeseen motori, for pulegge e cinghie. robusta tramoggia in lamiera d’acciaio elettrosaldata La produzione prevista per questa molazzaconvoglia è compresa Theunproduction this wet pan mill Una is included l’argilla sui dischi frantumatori, supportando contemporaneamente una serie di raschiatori per la pulizia dei tra gli 80 e i 125 mc/h ovvero oltre 170 ton/h. between 80 and 125 mc/h which means over 170 ton/h. rulli. Il peso globale della macchina supera le 80 ton. TheLeoverall machine is oversono 80 ton. paretiweight lateraliof di the questa tramoggia protette da lamiera antiusura. Tutti i cuscinetti sono lubrificati a grasso DATI TECNICI Dimensione rulli (Ø x larghezza )........................................................... 600 x 1200 mm BONGIOANNI BONGIOANNI MACCHINE: N. punte frantumatrici per stella.............................................................. 5 MACCHINE: N. stelle frantumatrici.............................................................................. 10 ÷ 9 TIPO 612FR PRIMARY CHRUSHER TYPE 612FR FRANTUMATORE

Giri rulli.................................................................................................... 14 ÷ 17 giri/min Potenza rulli (standard)........................................................................... 30 o 37 kW Macchina adatta 200 per –frantumare e sminuzzare Machine suitable to crush and crumble large lumps of Produzione max...................................................................................... 300 ton / h grandi 7300 Kg alimenzolle d’argilla molto dura o scistosa; può essere hardPeso........................................................................................................ shale clay; it can be placed either directly under Performance level richiesto ( PLr )......................................................... “c”

box feeders or under hoppers used to unload from motor vehicles.

tata direttamente in tramoggia da pala meccanica o automezzi, oppure posta sotto cassoni dosatori.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------inglese

Il frantumatore è costituito da due robusti fianchi in The primary crusher is made of two strong sides inCHRUSHER steel PRIMARY Type 612FR acciaio in cui sono ricavate le sedi dei cuscinetti che construction, where are placed the housings of the beMachine suitable to crush and crumble large lumps of hard shale clay; it can be placed either directly under supportano due rulli posti ad un interasse fisso e che arings support two hoppers rollers placed a fix distance boxthat feeders or under used toatunload from motor vehicles. alla stessa velocità. between the centers andisrotate speed. The primary crusher madeatofthe twosame strong sides in steelruotano construction, where are placed the housings of the bearings that support two rollers placed at a fix distance Questi between the centers and rotate the same rulli sono costituiti da un at albero su cuispeed. vengono These rollers consist of a shaft on which are assembled some crushing stars with 5 points made of steel, with montate delle stellethat frantumatrici acciaio 5 punThese rollersagainst consistwear of a shaft whichpoints. are assembled coatings on theonsame The granulometry of the material comes out in grants theagood te conbyriporti in corrispondenza delle punte some crushing stars with 5 downstream. points made The of steel, running of the machines rollerswith are actioned meansantiusura of epycïcloidal reduction units driven by a system of motors, pulleys and v-belts. A strong hopper in electro welded plate conveys the clay to some stesse. coatings against wear on the same points. crushing discs and support, at the same time, a set of scrapers for the cleaning of the rollers. The side walls of this hopper are protected by a wear proof plate. All the bearings are lubricate with grease. TECHNICAL DATA – DATI TECNICI 600 x 1200 5 10 ÷ 9 14 ÷ 17 30 or 37 200 – 300 7300

mm

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Rollers dimensions ( Ø x width ) - Dimensione rulli (Ø x larghezza ) N. of crushing points star - N. punte frantumatrici per stella ............. N. of crushing stars - N. stelle frantumatrici ...................................... R.p.m of the rollers - Giri rulli .............................................................. Installed power for rollers - Potenza rulli (standard) ........................... Max. production - Produzione max ..................................................... Weight - Peso ..................................................................................... Performance level required ( PLr ) - Performance level richiesto ( PLr )

R.p.m./’ - giri/min

kW ton / h Kg “c”

612FR_ST_r0_31mar'14_it - uk_riviste.doc

63


The granulometry of the material that comes out grants the good running of the machines downstream. The rollers are actioned by means of epycïcloidal reduction units driven by a system of motors, pulleys and v-belts. A strong hopper in electro welded plate conveys the clay to some crushing discs and support, at the same time, a set of scrapers for the cleaning of the rollers.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The side walls of this hopper are protected by a wear proof plate. All the bearings are lubricate with grease.

64

La granulometria del materiale in uscita è tale da garantire il buon funzionamento delle macchine successive. I rulli sono azionati mediante riduttori epicicloidali comandati da un sistema di motori, pulegge e cinghie. Una robusta tramoggia in lamiera d’acciaio elettrosaldata convoglia l’argilla sui dischi frantumatori, supportando contemporaneamente una serie di raschiatori per la pulizia dei rulli. Le pareti laterali di questa tramoggia sono protette da lamiera antiusura. Tutti i cuscinetti sono lubrificati a grasso.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

BONGIOANNI STAMPI: TILE OPTIMIZATION THROUGH THE FINISHED – ELEMENTS - CALCULATION

BONGIOANNI STAMPI: OTTIMIZZAZIONE TEGOLE TRAMITE IL CALCOLO A ELEMENTI FINITI

Faithful to its tradition, Bongioanni Stampi continues innovating and proposing its customers the last technology evolutions. The tile development is no longer just an issue of aesthetics, endurance and mounting ease – criteria that correspond to the customer’s needs – but it shall also consider the necessities linked to the production process: • Movements on the transport circuits • Setting on the drying and firing supports • Packing: contact points among the tiles in the pallet, tile number, etc.

Fedele alla sua tradizione, la Bongioanni Stampi continua ad innovare e a proporre ai suoi clienti le ultime evoluzioni tecnologiche. La progettazione delle tegole non è più solamente una questione di estetica, di tenuta, di facilità di montaggio - criteri che corrispondono alle necessità del cliente - ma deve tener conto anche delle esigenze legate al processo produttivo: • Movimentazione sui circuiti di trasporto • Posa sui supporti di essiccazione e cottura • Pacchi: punti di contatto tra le tegole nel pallet, numero di tegole

Today the IT - supports allow to go beyond this, simulating the efforts suffered by the tile on the roof. Beside the laboratory resistance tests aimed to the norms’ respect, now it is possible to project (or re-project) the tiles, simulating the efforts the product undergoes to, so it is possible to determine the best possible geometry aimed to obtain the best mechanical resistance and optimize the tile weight, with a consequent energy saving for the tile production and transport.

Oggi i supporti informatici consentono di andare oltre, simulando gli sforzi subiti dalla tegola sul tetto. Oltre le prove di resistenza effettuate in laboratorio per il rispetto delle normative, ora è possibile concepire (o riprogettare) le tegole, simulando gli sforzi subiti dal prodotto, determinando così la migliore geometria possibile per ottenere la resistenza meccanica migliore e ottimizzando il peso della tegola, con conseguente riduzione dell’energia necessaria per la produzione e il trasporto della tegola.

Tile geometry before optimization Geometria della tegola prima dell’ottimizzazione

New tile geometry Nuova geometria della tegola

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

65


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

For instance, Bongioanni Stampi redeveloped a Portuguese tile. The aim was the elimination of the ribs commonly present by this tile, for the weight reduction and the removal of the shade effect on the visible side, caused by the strengthening features on the bottom part of the tile. The result of this study was a 5% reduction of the tile weight in fired conditions.

Ad esempio la Bongioanni Stampi ha riprogettato una tegola Portoghese. L’obiettivo è stato l’eliminazione degli sforzi abitualmente riscontrati su questo tipo di tegola, per la riduzione del peso e la rimozione dell’effetto ombra sulla parte a vista causato dai rinforzi nella parte inferiore della tegola. Il risultato dello studio ha consentito una riduzione del 5% del peso della tegola a cotto.

Bongioanni Stampi can propose this service on all tile types, independently from the producer. In fact, thanks to its 3D scanner it is possible to model and optimize all tiles (in both wet and fired conditions).

La Bongioanni Stampi è in grado di proporre questo servizio su tutti i tipi di tegole, indipendentemente dal produttore. Infatti grazie ad uno scanner 3D è possibile modellizzare ed ottimizzare tutte le tegole (a verde o a cotto).

Calculation of the tile resistance Calcolo della resistenza della tegola

66


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

KELLER: PRODUCTION STARTED IN FIRST MINERAL WOOL FILLING PLANT FOR CLAY BLOCKS IN AUSTRIA

KELLER: IL PRIMO IMPIANTO DI RIEMPIMENTO MATTONI CON FIBRA MINERALE È STATO AVVIATO IN AUSTRIA

With an inauguration ceremony held on 24 September 2013, Wienerberger AG started the operation of the first mineral wool filling plant for clay blocks in Austria.

Il 24 settembre 2013 viene inaugurato dalla società Wienerberger in Austria l’avviamento del primo impianto di riempimento mattoni con fibra minerale.

The world market leader starts the production of its clay block family’s top product, the Porotherm W.i, in the plant set up by KELLER HCW in a record time of only eight weeks.

Il leader mondiale può adesso dare inizio alla produzione del materiale di punta della sua gamma, il Porotherm W.i, nell’impianto realizzato da KELLER HCW in un tempo record di soli 8 settimane.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

Mag. Christian Weinhapl - Dr. Heimo Scheuch

67


Mag. Christian Weinhapl, managing director of Wienerberger Ziegelwerke GmbH reports: “W.i stands for ‘with thermal insulation’, as the insulating material - natural mineral wool - is already integrated in the clay block. This eliminates the need for an additional exterior insulation and saves construction time and costs. This clay block is a Wienerberger innovation and it is a trend-setting building material for energy-efficient construction.”

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

In his speech, the Chief Executive Officer of Wienerberger AG, Dr. Heimo Scheuch, underscored the product’s innovative strength: “Buildings are responsible for nearly 40 per cent of the energy consumption in Europe. Climate change, urbanization, affordable housing and resource conservation represent major challenges for all of us.

68

Ecco quanto riporta Mag. Christian Weinhapl, direttore generale della Wienerberger Ziegelwerke GmbH: “W.i significa ‘Wärmedämmung inklusive’ (isolamento termico incluso) in quanto il materiale isolante, fibra minerale, è già integrato nel mattone. L’isolamento termico esterno diventa superfluo riducendo così i tempi di lavoro ed i relativi costi. Questo mattone è un’innovazione della società Wienerbeger e un materiale da costruzione rivoluzionario per una costruzione ad alto rendimento energetico.” Durante il suo discorso l’Amministratore Delegato di Wienerberger AG, Dr. Heimo Scheuch, sottolinea la forza innovatrice del prodotto: “Gli edifici sono responsabili per circa il 40 % del consumo energetico in Europa. Il cambio climatico, l’urbanizzazione, un’abitazione a prezzo accessibile, ecco le nostre grandi sfide.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

Wienerberger is working continuously to develop new products and solutions to meet these challenges.

Wienerberger lavora senza tregua allo sviluppo di nuovi prodotti in grado di soddisfare tali esigenze.

Our innovative, high thermal insulating clay block represents the future of construction: it can be used to construct buildings that already today meet the strict requirements of the European Union’s directive on the energy efficiency of buildings in 2020 and, based on the special properties of clay blocks, also create a pleasant, healthy atmosphere and offer top living quality.

Il nostro mattone innovativo, ad alto isolamento termico rappresenta il futuro dell’edilizia: consente infatti già fin d’ora la costruzione di edifici conformi alle rigide norme della direttiva europea 2020 sull’edilizia, e allo stesso tempo le sue qualità specifiche permettono un confort ambientale interno, piacevole e salutare, offrendo ottime qualità di vita.

Buildings made of these high thermal insulating clay blocks help to achieve a significant reduction in energy consumption and CO2 emissions and, in this way, make an important contribution to climate protection.”

Gli edifici realizzati con questo tipo di mattone isolato registrano una riduzione energetica ed un calo delle emissioni di CO2, contribuendo in modo significativo alla salvaguardia dell’ambiente.”

Following the speech of Dr. Heimo Scheuch, the Upper Austrian governor Dr. Josef Pühringer took the floor. He highlighted that Wienerberger had made a valuable contribution to energy efficiency and resource conservation with the Haiding plant: “Especially in this area, we can see the development of future markets.

Dopo il discorso del Dr. Heimo Scheuch, prende la parola il governatore dell’Alta Austria, Dr. Josef Pühringer. Sottolinea che Wienerberger ha contribuito in modo prezioso all’utilizzo efficace dell’energia e alla conservazione delle sue risorse: “È in questo settore in particolare che percepiamo lo sviluppo dei mercati del futuro. Il volume mondiale di mercato relativo alla tecnologia ambientale ed al rendimento energetico viene attualmente stimato a 1,7 bilioni di euro ed è destinato a raddoppiare nei prossimi dieci anni. Le società che investono in questo settore saranno i leader della tecnologia di oggi e di domani.” Dopo la benedizione religiosa da parte di Padre Mag. Johannes Kriech, il governatore Dr. Josef

The global market volume for environmental and efficiency technology is currently estimated at 1.7 billion euros and will double over the next ten years. The companies that invest in these areas will be technology leaders not only today, but also tomorrow.” After Mag. Father Johannes Kriech had given the

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

69


Church’s blessing to the new plant, Governor Dr. Josef Pühringer, Dr. Heimo Scheuch and Mag. Christian Weinhapl, accompanied by the applause of numerous guests, joined forces to press the large start button and officially set the first mineral wool filling plant for clay blocks in Austria into operation. During the subsequent tour of the new plant, Mag. Christian Weinhapl explicitly thanked the participating KELLER HCW employees again for the excellent cooperation during the past weeks and months: “KELLER HCW not only set up the new mineral wool filling plant in record time, but also smoothly integrated it into the production process while production was running. Starting from today, the Haiding site has the most advanced plant of its type in the entire Wienerberger Group.”

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The Wienerberger Group, meanwhile represented in 30 countries in Europe, the USA and India, is the world’s largest producer of bricks and market leader for clay roof tiles in Europe and on the concrete paver market in Central-East Europe. In pipe systems, the company is one of the leading suppliers in Europe.

70

Pühringer, Dr. Heimo Scheuch e Mag. Christian Weinhapl, con l’applauso dei numerosi invitati, hanno premuto insieme il grande pulsante di avvio e hanno così attivato ufficialmente in Austria il primo impianto di riempimento blocchi con fibra minerale. Dopo la visita guidata del nuovo impianto, Mag. Christian Weinhapl ha ringraziato nuovamente e in particolare lo staff KELLER HCW presente all’inaugurazione, per l’eccellente collaborazione delle settimane e dei mesi passati: “KELLER HCW non ha solo realizzato in tempo record il nuovo impianto di riempimento mattoni con fibra minerale ma lo ha integrato ottimamente nel processo di produzione esistente. Il sito di Haiding dispone quindi già da oggi dell’impianto più all’avanguardia di questo settore nell’ambito dell’intero Gruppo Wienerberger.” Intanto il gruppo Wienerberger, presente in 30 paesi europei, negli Stati Uniti e in India risulta non solo il più grande produttore mondiale di mattoni, ma anche il leader europeo nel settore delle tegole in laterizio e il leader in Europa centrale e dell’Est in quello dei mattoni autobloccanti in cemento. Si distingue inoltre tra i leaders europee sul mercato dei sistemi di tubazioni.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

LATERMEC: TECHNOLOGY ADVANCEMENTS IN THE PROCESS OF BRICK EXTRUSION

LATERMEC: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI ESTRUSIVI DEI LATERIZI

A long phase has seen the European brick industry facing a particularly challenging period, clearly related to the decline in the construction sector that characterizes all major European countries.

L’industria europea del laterizio affronta da diverso tempo una sfida particolarmente difficile, chiaramente legata al calo del settore dell’edilizia che caratterizza tutti i principali Paesi europei.

In latest years, Latermec, while maintaining a solid and recognized presence on the Italian market, has invested considerable resources in order to extend its area of influence, areas on the world (especially CIS area, Russia, North Africa and the Middle East) in which the brick industries are arranging major investments in order to adjust to the needs of domestic markets.

Negli ultimi anni Latermec srl, pur mantenendo una solida e riconosciuta presenza sul mercato italiano, ha investito cospicue risorse al fine di estendere la propria area di influenza, in aree del panorama mondiale (in special modo area CIS, Russia, Nord Africa e Medio Oriente) nelle quali le industrie del laterizio stanno approntando importanti investimenti al fine di adeguarsi alle esigenze dei mercati interni.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

71


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Offering a convincing set of solutions, Latermec has met many needs of customers in the brick market, confirming, even abroad, the ability to develop feasible solutions and offer a focused service to the most demanding requirements. In the CIS area, the great request for facing bricks, led Latermec to develop new solutions, focused on the optimization of their production. The realization of these bricks involves top-level equipment and dies, high-quality materials and a high degree of precision while regulating the extrusion process. Confronting this challenge, Latermec shaped its experience designing the die COMPACT FV, a die specifically designed to meet all these requirements. All critical components are obtained from the best wear-proof materials and manufactured to achieve the highest standards of quality, in terms of accuracy and item finishing. Moreover, in order to deliver a superior calibrating ability to the COMPACT FV, an innovative system of regulation was developed by means of tangential brakes, an additional system that operates together with the more traditional interior and exterior brakes. The flexibility of this system and the experience of the designers, allows you to adapt it to each use and to any type of clay. Tangential brakes are placed in front of the die and can

72

Offrendo soluzioni complete e convincenti, Latermec srl ha soddisfatto le esigenze dei clienti nel settore dei laterizi confermando, anche all’estero, la capacità di elaborare soluzioni valide ed offrire un servizio attento ai più esigenti requisiti. L’ottima domanda di laterizi facciavista nell’area CIS, ha portato la Latermec a sviluppare nuove soluzioni per ottimizzarne la produzione. La realizzazione di questi laterizi implica attrezzature e filiere di primo livello, elevata qualità dei materiali ed un alto grado di precisione durante la regolazione del processo estrusivo. Esaminando la sfida, la Latermec ha dato forma alla propria esperienza realizzando la Filiera COMPACT FV, una filiera specificamente progettata per soddisfare tutti questi requisiti. Tutti i componenti critici sono ottenuti dai migliori materiali antiusura e lavorati per raggiungere i più alti standard qualitativi, in termini di accuratezza e finitura dei particolari. Al fine di dotare la filiera COMPACT FV di una superiore capacità di calibrazione, è stato sviluppato un innovativo sistema di regolazione mediante freni tangenziali, in affiancamento ai più tradizionali freni interni ed esterni. La duttilità di questo sistema e l’esperienza dei progettisti consente di adattarlo a diverse argille.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

be used as a complement or replacement of traditional control systems. Thanks to this feature it is possible to finely tune the extruding process, giving the complete control over the brick processing. Since 1991, Latermec offers a solution for every need and provides, to the brick and ceramics industries, a comprehensive range of services for the repair and supply of spare parts for brick extruders. A production department equipped for every necessity, supported by the experience of the Research and Development department, allows Latermec to provide tailor-made solutions for the restoration, protection, and provision of products such as propellers, covers, shaft protection sleeves and many other components that are endangered by a high deterioration degree. In order to provide the best care and to maximize the productivity of its customers, Latermec has also set up an efficient system of hard chrome plating (which allows to directly control and manage the quality and thickness of the material chrome) and has developed a line of TENAX treatments, based on wear-proof tungsten and chromium carbide. HARD CHROME PLATING In modern brick industry, engineered hard chrome plating satisfies a wide range of purposes, hardly achievable by means of conventional materials. Italian and foreign brick manufacturers effectively use this treatment to improve the performance of their equipment with the physico-chemical properties of chrome. With a hardness value ranging between 68 and 72 on the Rockwell scale, chrome is extremely hard, providing a very compact surface and a resulting resistance to mechanical friction, several times larger than hardened steel or nickel. In the presence of adverse environmental conditions, chromium shows aremarkable resistance to corrosion due to its impressive resistance to oxidizing agents. Considering indirect benefits, the particular shape that the chrome structure assumes during the galvanic process,

I freni tangenziali sono collocati dinanzi alla filiera e possono essere utilizzati, in affiancamento o completa sostituzione dei tradizionali sistemi di regolazione. Offrendo sin dal 1991 una soluzione per ogni esigenza, Latermec propone all’industria del laterizio e della ceramica una gamma completa di servizi per la riparazione e la fornitura di ricambistica per macchine mattoniere. Un reparto produttivo attrezzato per ogni esigenza, affiancato dall’esperienza dell’ufficio di ricerca e sviluppo, consentono alla Latermec di fornire soluzioni su misura per il ripristino, la protezione e la fornitura di elementi quali filiere, eliche, rivestimenti, bocche per mattoniera e tutto quanto sia soggetto a deterioramento.Allo scopo di fornire la migliore assistenza e massimizzare la produttività dei propri clienti, Latermec si è dotata di un efficiente impianto di cromatura dura (che consente di controllare e gestire direttamente la qualità e lo spessore del materiale cromato) ed ha sviluppato la linea TENAX di trattamenti antiusura ai carburi di tungsteno e cromo. CROMATURA DURA Nel moderno settore dei laterizi, la cromatura dura a spessore soddisfa un’ampia gamma di scopi, difficilmente perseguibili per mezzo di materiali convenzionali. Le fornaci italiane ed estere fruiscono con soddisfazione dei benefici di questo trattamento, al fine di migliorare le prestazioni delle loro attrezzature con le caratteristiche fisico-chimiche proprie del cromo. Con un valore di durezza che varia da 68 a 72 sulla scala di Rockwell, la cromatura si rivela estremamente dura, donando una notevole compattezza superficiale ed una conseguente resistenza agli attriti meccanici, di diverse volte superiore all’acciaio temprato o nickelato. In presenza di caratteristiche ambientali avverse, il cromo dimostra una straordinaria resistenza alla corrosione grazie alla sorprendente resistenza agli agenti ossidanti che lo contraddistingue. Considerando i benefici indiretti, la particolare conformazione che la struttura della cromatura assume durante

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

73


drastically reduces the coefficient of friction, which can achieve a value of 0.12, 40% less than lubricated steel. This particular feature leads to surprising savings in terms of energy consumption when used for propellers and augers. Possessing all these features, the engineered hard chrome plating becomes a valuable ally for any manufacturer in the brick and ceramic sector. Since 1991, Latermec effectively operates in this market offering a comprehensive service of hard chrome plating, specially adapted and customised to the needs of each client. For the most demanding customers and the more endangering processes, Latermec has developed the TENAX wear proof technology, in collaboration with the best materials experts. Based on tungsten carbide and chromium carbide, TENAX treatment has received a broad consensus by some of the best furnaces in the world.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Developing a customizable service for customers, Latermec performs various types of wear proof facing, both in terms of “coverage” and used materials, reaching an extreme hardness of 82 HRC and conferring an exceptional resistance to all components that undergo a heavy wear.

74

il processo galvanico, riduce drasticamente il coefficiente di attrito, che può raggiungere un coefficiente di 0.12, il 40% in meno rispetto all’acciaio normalmente lubrificato. Questa particolare caratteristica comporta un sorprendente risparmio in termini di consumi energetici quando impiegata per eliche e coclee. Tutte queste caratteristiche rendono la cromatura un’alleata preziosa per qualunque protagonista del settore laterizi. Sin dal 1991, Latermec opera efficacemente in questo mercato offrendo un servizio di cromatura dura a spessore, specificamente adattato alle esigenze di ogni cliente. Per i clienti più esigenti e le lavorazioni più logoranti, Latermec ha sviluppato i riporti antiusura TENAX in collaborazione con i migliori esperti di materiali. A base di carburi di tungsteno e carburi di cromo, il trattamento TENAX trova largo consenso presso le migliori fornaci nel mondo. Sviluppando un servizio su misura per il cliente, Latermec esegue diverse tipologie di riporti, sia in termini di “copertura” sul pezzo da lavorare che per quanto riguarda i materiali impiegati, raggiungendo durezze di 82 HRC e conferendo una resistenza eccezionale a tutti i componenti di mattoniere soggetti ad usura.


,

,

MATERIA LS MACHINERY EQUIPMENT

NEW CONTRACT FOR SUPPLY OF MECCANICA 2P’S AUTOMATIC HANDLING IN TUNISIA

NUOVO CONTRATTO DI FORNITURA DI MECCANICA 2P IN TUNISIA

MECCANICA 2P is an Italian company that operates from almost forty years in the heavy clay industry. Its structure, still family, allows to assure quality and reliability to its own customers. Specialized in the production of cutters for the cut of the roof tiles, MECCANICA 2P is also affirming more and more in the realization of automatic handling for the whole range of clay products: from the load of the green material in the drier, to the unload from the drier and the load on the kiln cars, up to the unload and to the final packing of the products. The conductor that accompanies the process of development and realization of MECCANICA 2P’s projects is the personalization of the product.

Meccanica 2P S.r.l è un’azienda veneta che opera da quasi quarant’anni nel settore dei laterizi. La sua struttura, ancora familiare, le consente di assicurare ai propri clienti qualità e affidabilità.

In a market in continuous mutation, it is absolutely necessary to succeed in satisfying the needs and demands of client in the best way. For many years now the market of reference of MECCANICA 2P is out from Europe. Its last acquired contracts are automatic handling for the production of different clay products in foreign countries such as Libya, Algeria and Tunisia, besides the supplies in Center and South America. Among these contracts it is important to remember particularly the supply in progress of production of two cutting lines and two automatic handlings for an important company in Tunisia for the unloading of material by the kiln cars, the packages formation and the final packing. The plant foresees the use of grippers with 2 or 3 heads with rotation of 90° for the unloading of perforated bricks by the kiln car and the following formation of the layers of the package through chains conveyors, angle deviator and belt conveyors of passage, up to the horizontal and vertical strapping for the realization of the final package that is directly loaded by the operator on the trucks with forklift.

Specializzata nella produzione di taglierine per il taglio al volo di coppi, si sta sempre più affermando anche nella realizzazione di interi impianti per tutta la gamma di laterizi: dal carico del verde nell’essiccatoio, allo scarico dall’essiccatoio e il carico sui carri forno, fino allo scarico e all’imballaggio finale dei prodotti. Il filo conduttore che accompagna il processo di sviluppo e realizzazione dei progetti è la personalizzazione del prodotto. In un mercato in continua mutazione, riuscire a soddisfare al meglio le esigenze di cliente è ormai diventata caratteristica indispensabile. Da molto tempo il mercato di riferimento di Meccanica 2P è al di fuori dell’Europa. Le ultime commesse acquisite sono degli impianti per la produzione di diversi manufatti in laterizio in paesi quali LIBIA, ALGERIA e TUNISIA, oltre alle forniture in CENTRO e SUD AMERICA. Tra questi va ricordato in particolar modo la fornitura in corso di produzione di due gruppi taglio e due impianti per un’importante fornace in TUNISIA per lo scarico del materiale cotto dai carri forno, la formazione dei pacchi e l’imballaggio finale. L’impianto prevede l’utilizzo di pinze a 2 o a 3 teste con rotazione di 90° per lo scarico dei mattoni forati dal carro forno e la successiva formazione degli strati del pacco tramite banchi a catene, deviatori ad angolo e nastri di passaggio, fino alla reggiatura orizzontale e verticale per

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

UPDATING

75


The plant, totally tailored and customized, is completely automated and the technological solution and the used components guarantee an elevated production, reduction of the times of arrest or maintenance, as well as a high quality of the final product. The automatic handling will be delivered in two tranches and within the end of 2014 they will be totally operating and working.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

This supply subsequently underlines the presence of MECCANICA 2P in the foreign markets, particularly in the market of the North Africa that is persistently growing.

la formazione del pacco finale che viene infine caricato dall’operatore direttamente sui camion con carrello elevatore. Gli impianti, realizzati su misura e in risposta alle esigenze del cliente, sono completamente automatizzati e la soluzione tecnologica e i componenti utilizzati garantiscono un’elevata produzione, riduzione dei tempi di arresto o di manutenzione, nonché un’alta qualità del prodotto finale. Gli impianti saranno consegnati in due tranche ed entro la fine del 2014 saranno totalmente funzionanti e a regime. Questa fornitura evidenzia ulteriormente la presenza di MECCANICA 2P nei mercati esteri, in particolar modo nel mercato del Nord Africa che si rivela costantemente in crescita.

Automatic handling for kiln cars unloading, packages formation and final packaging Impianto di scarico dei carri forno, formazione dei pacchi e imballaggio finale

76


INTERVIEW Amouri Laghouat group was set up in the early 2000s, when its main field of operation was the production of materials for the building sector. The Amouri family’s farsighted vision and keen sense of industrial activity prompted the group to embark on an ambitious development programme under the leadership of the enterprising and affable Mr. Amouri Toufik. We met Amouri Toufik, Managing Director and owner of Amouri Laghouat Group, to discuss the development of this strongly family-oriented business in Algeria, a fast-growing country with strong economic prospects for the next few years.

Mr. Amouri, your group enjoys a leadership position in the building materials market. Do you count this as a personal success or a family achievement? Our family has strong roots and a powerful sense of belonging. Since taking over at the head of the Laghouat-based group, I have always sought to involve my 4 brothers in the various businesses and companies that have been set up over the years with the goals of market diversification and family continuity. I see family union as a key value for development. We have carried through all projects together, each of us respecting the specific skills of the others, and this has further strengthened our personal and business relationships.

How is your business currently organised and what further investments are you expecting to make? The Amouri Laghouat Group has operations in a range of sectors, including: two brickworks located in La-

IL

gruppo Amouri Laghouat nasce agli inizi degli anni 2000 ed il suo principale settore di occupazione è, in quell’epoca, quello dei materiali dedicati al settore della costruzione. La sagacia e il forte senso per l’attività industriale proprio della famiglia Amouri porta il gruppo, con a capo l’intraprendente ed affabile M. Amouri Toufik, a guardare ad un piano ambizioso di sviluppo. Abbiamo incontrato Amouri Toufik, Direttore Generale e proprietario del Gruppo Amouri Laghouat, che ci ha spiegato l’evoluzione della sua attività dal forte connotato familiare, in una Algeria in piena trasformazione e con ancora diversi anni di prospettive economiche forti.

Egregio Sig. Amouri, il vostro gruppo è sinonimo di leadership nel mercato dei materiali da costruzione. Successo personale o famigliare? La nostra famiglia è fortemente legata alle proprie origini ed il senso di appartenenza molto sviluppato. Da quando sono a capo del gruppo di Laghouat ho sempre cercato di coinvolgere i miei fratelli, che sono 4, nelle varie imprese e società che si sono via via venute a costituire, una in conseguenza all’altra, alla ricerca di una diversificazione dei mercati ma anche nel segno della continuità della nostra famiglia. Ritengo l’unione famigliare un valore aggiunto e fondamentale dello sviluppo. Insieme abbiamo sviluppato ogni singolo progetto, ognuno nel rispetto delle competenze specifiche dell’altro e devo riconoscere che questo processo professionale ed umano ha consolidato ulteriormente il nostro rapporto e sodalizio industriale.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

THE

77


ghouat, Sarl BAL and Sarl FACMACO, each with double production lines; a strapping production facility, again in Laghouat; an aggregate (gravel/sand) production plant, also in Laghouat; and a grinding facility. These businesses employ a total permanent workforce of 1,350 people, at least half of whom are engaged in brick production. In the future we expect to expand further in the brick sector by building an additional two manufacturing units each with a capacity of 400,000 tons/year, which together with our current 650,000 tons will further consolidate our position as market leader.

1,350 employees is an impressive figure. How do you see this workforce evolving in the future?

Ad oggi come è strutturata la vostra attività e quali ulteriori investimenti prevedete?

Our core values are work, professional growth and a sense of responsibility. We are delighted to know that we are helping numerous families and individuals to grow professionally. Our country needs to continue its growth and our group will always be ready to support this development process. The figures for Algeria suggest that further investments and additional manpower will be needed in the future. We hope to be able to offer employment and financial security to many more families.

Il Gruppo Amouri Laghouat ha attività in vari settori, suddivise come segue: due Fornaci, Sarl BAL e Sarl FACMACO, ognuna con linea di produzione doppia, localizzate a Laghouat; una attività di produzione di reggia, sempre a Laghouat; una attività di produzione aggregati (ghiaia/ sabbia) sempre a Laghouat; un impianto di macinazione. In tutto, tali attività offrono permanentemente posti di lavoro a 1.350 dipendenti, di cui almeno la metà è impiegata nell’attività di produzione di laterizi. Per il futuro prevediamo di espanderci ulteriormente nel settore dei laterizi tramite la realizzazione di ulteriori due unità produttive della capacità ognuna di 400.000 ton/anno, che aggiunte alle attuali 650.000 ton ci affermeranno ulteriormente nella posizione di leader del mercato.

Returning specifically to the brick sector, what are your main products?

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

We have three core products, all of which are very important for the building industry at the present time: B8 100x200x300 mm, B12 150x200x300 mm and ceiling blocks. These products naturally make up the vast majority of our output as demand far outstrips supply and construction firms are accustomed to working with these sizes. As a result, we sell our entire output on the Algerian market. However, we will also be looking at other sizes in the future with a view to securing further growth and development.

Development, growth and quality. How important is the choice of partners? Our country and our group are facing a big challenge. Although growth is assured, in order to improve in terms of quality we need to choose reliable partners that 78

INTERVIEW >>>

1.350 impiegati sono una cifra consistente. E in futuro? Il lavoro, la crescita professionale, il senso di responsabilità sono valori che ci contraddistinguono. Sapere che tante famiglie, tante persone stanno crescendo professionalmente grazie ed insieme a noi, ci rende felici. Il nostro è un paese che ha bisogno di continuare a crescere ed il nostro gruppo sarà sempre pronto a sostenere questa direzione. In Algeria i numeri dicono che saranno necessari ulteriori investimenti, e nuove forze lavoro saranno richieste. Confidiamo di riuscire a dare lavoro e benessere a molte altre famiglie.


From left Mr. Matteo Bezzecchi (Magreb’s Sales Manager in Tecnofiliere), Mr. Toufik Amouri and Mr. Paolo Pedrielli (Tecnofiliere’s CEO) Da sinistra Matteo Bezzecchi (Responsabile vendite nel Magreb di Tecnofiliere) , Toufik Amouri e Paolo Pedrielli (CEO di Tecnofiliere)

For our brickworks, over the last few years we have chosen suppliers who have been able to demonstrate that their products have something extra.

Are there any you would like to mention in particular? For years now we have been collaborating with TECNOFILIERE, a leading Italian manufacturer of dies and equipment for brick extrusion. TECNOFILIERE has worked alongside us ever since we began our brick-making activities, offering continuous and reliable support along with invaluable expertise and top-quality materials. It is largely thanks to TECNOFILIERE that our group has been able to achieve the outstanding results that can be seen today.

Tornando allo specifico del settore laterizi, quali sono i prodotti di riferimento? I prodotti di riferimento, ed estremamente necessari in questo momento sono tre: B8 100x200x300 – B12 150x200x300 e solaio. Ovviamente la quasi totalità della produzione è concentrata su questi articoli in quanto la domanda supera di gran lunga l’offerta e le società di costruzione hanno l’abitudine all’utilizzo di questi formati; la produzione è pertanto totalmente dedicata al mercato algerino. In ogni caso la nostra attenzione si rivolgerà in futuro anche ad altri formati sempre nell’ottica di crescere e migliorare la nostra posizione ed il nostro sviluppo.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

can offer experience and know-how. It is only through a combination of determination and expertise that we will be able to achieve higher outputs and quality.

Sviluppo, crescita e qualità. Quanto è importante la scelta dei partner? Il nostro paese ed il nostro gruppo affrontano una grande sfida. La crescita e lo sviluppo ci sono, per la qualità occorre senz’altro scegliere partners affidabili 79


INTERVIEW

Die-washing machine Mod. TF 1000 EVO Lavafiliere Mod. TF 1000 EVO

Extruder unit for B8 Brick Gruppo estrusore per Mattone B8

Could you tell us a little more about why you chose this company?

e che abbiano maturato esperienza e competenza specifica. Solo attraverso la combinazione di volontà e know-how si possono ottenere livelli produttivi e realizzativi superiori. Per quanto riguarda le fornaci, abbiamo da qualche anno selezionato alcuni fornitori che hanno saputo mostrarci e convincerci che le loro realizzazioni hanno quel qualcosa in più.

TECNOFILIERE tailor their products to the precise specifications of each customer. Given the highly abrasive nature of our local clay, we need dies that are built with the utmost attention to materials. TECNOFILIERE has always supplied us with cores, frames and core holders made of extremely high wear-resistant materials, thus enabling us to optimise our investments. The precision of the mechanical construction, attention to detail and on-site technical service are all factors that have contributed to our group’s decision to choose TECNOFILIERE. Another important factor is the type of extruder dies that the company supplies – the model CF1FC, the evolution of models CF1 and CF2 which had long been produced by TECNOFILIERE for wide-exit extrusion. This type of extrusion brings a considerable increase in hourly production capacity together with high product quality and a significant reduction in specific energy consumption.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The larger exit cross-section allows for lower extrusion speeds as well as minimal wear of the die components as a result of reduced friction. TECNOFILIERE has also supplied us with a model TF1000 die washing machine, which has enabled us to maintain all our dies in the best possible condition, avoiding time wastage and the breakage of expensive mechanical parts such as cores made of special anti-abrasive material. 80

Uno in particolare? Da anni collaboriamo con TECNOFILIERE, azienda italiana leader nel settore della costruzione di filiere ed attrezzature per l’estrusione di mattoni. TECNOFILIERE ci ha affiancato fin dall’inizio dell’attività di produzione di laterizi, assistendoci con continuità ed affidabilità, fornendoci prezioso know-how e materiale di primissima scelta. Anche grazie a TECNOFILIERE il nostro gruppo è riuscito a raggiungere gli enormi risultati che oggi vediamo.

Ci può fornire qualche ulteriore dettaglio sul perché di questa scelta? I prodotti di TECNOFILIERE sono fatti su misura specifica di ogni cliente. Le nostre argille, particolarmente abrasive, necessitano di filiere costruite con la massima attenzione ai materiali. Da sempre TECNOFILIERE ci ha fornito tasselli e cornici, nonché ponti, eseguiti in materiali ad altissima resistenza all’usura, che ci hanno permesso di ottimizzare al massimo gli investimenti. La precisione nell’esecuzione meccanica, la cura del dettaglio, il servizio tecnico on-site, sono tutti elementi che hanno fatto sì che il nostro gruppo si affidasse a TECNOFILIERE.


Supply to Sarl Bal Fornitura a Sarl Bal

Extrusion phase of 4-exits die B12 15x20 Filiera B12 15x20 a 4 uscite in estrusione

For how much longer will Algeria’s brick industry continue to grow at this pace?

Altro fattore importante che ci ha portato alla scelta di questo partner, è la tipologia di filiere fornite, ossia il modello CF1FC, che rappresenta l’evoluzione dei modelli CF1 e CF2, da tempo prodotti da Tecnofiliere per l’estrusione a larghe uscite, tecnica di trafilatura che consente un notevole incremento della capacità produttiva oraria, assieme ad un elevato standard qualitativo del prodotto ed una sensibile diminuzione del consumo energetico specifico; infatti, grazie alla maggior sezione di uscita, è possibile trafilare ad una velocità ridotta garantendo anche, per il minor attrito, una minima usura dei componenti della filiera stessa. Non dimentichiamo che ci è stato fornito anche un Lavafiliere mod. TF1000, che ci permette di salvaguardare nella migliore condizione ogni singola filiera, evitando inutili perdite di tempo e rotture di parti meccaniche dal costo elevato come i tasselli in materiale speciale antiabrasione.

We are looking ahead with a long term vision. There’s still so much to be done. Algeria has a population of 38 million people and although the Government has promised a second instalment of 1 million homes, many more are still needed. We mustn’t forget that the new generations are growing up accustomed to a level of prosperity that until a few decades ago was simply unimaginable. This means that sooner or later the type of houses being built may change and so too will the products used to build them. The brick sector can look forward to a long and bright future and our group will continue to play an important role.

Quanti anni ancora l’Algeria crescerà nel settore del laterizio a questo ritmo? Le nostre aspettative sono di lungo termine.

Kiln cars Carri forno

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

C’è ancora tanto da fare. L’Algeria ha 38.000mln di abitanti, il governo ha promosso la seconda tranche da 1.000mln di alloggi, ma ne mancano ancora tantissimi e non dobbiamo dimenticare che le nuove generazioni crescono in una situazione di benessere che fino a qualche decennio fa era impensabile. Questo significa anche che prima o poi le tipologie abitative potrebbero cambiare e di conseguenza i prodotti necessari a realizzarle. Il cammino del mattone è ancora brillante e lungo. Il nostro gruppo continuerà a dare slancio a questa attività. 81


Ogni giorno una nuova idea per soddisfare le vostre necessità Ogni giorno una nuova idea per soddisfare le vostre necessità Every day a new idea to meet your needs Every day a new idea to meet your needs

AUTOMAZIONE E MOVIMENTAZIONE AUTOMAZIONE E MOVIMENTAZIONE HANDLING EQUIPMENT HANDLING EQUIPMENT

Grazie ad un dipartimento tecnico composto da esperti progettisti che operano mediante programmi di progettazione Grazie ad un dipartimento tecnico da di esperti che operano mediante programmi di progettazione all’avanguardia, Comaf può far frontecomposto alle richieste clientiprogettisti che necessitano di impianti innovativi, non in commercio, e che all’avanguardia, Comaf può far fronte alle richieste di clienti che necessitano di impianti innovativi, non in commercio, e che per questo devono essere progettati e realizzati partendo da nuove idee. per questo devono essere progettati e realizzati partendo da nuove idee. Thanks to a technical department including experienced designers using cutting-edge engineering programs, Comaf can Thanks a technical departmentrequiring including experienced designers using commercially cutting-edge engineering programs, Comaf can meet thetodemands of customers innovative systems, that aren’t available, and that for this reason meet to thebedemands customers requiring innovative systems, need designedofand manufactured starting from new ideas.that aren’t commercially available, and that for this reason need to be designed and manufactured starting from new ideas. COMAF srl - via Serra Alta,32 - 61033 Fermignano (PU), ITALY COMAF srl - via Serra- fax: Alta,32 - 61033 Fermignano (PU), ITALY tel: +39 0722 332132 0722 334443 - www.comafsrl.it - info@comafsrl.it tel: 0722 332132 - fax: 0722 334443 - www.comafsrl.it - info@comafsrl.it P.I. +39 e C.F. 00644320418 P.I. e C.F. 00644320418


FROM INDUSTRY AND RESEARCH

BONGIOANNI IN CHINA–

BONGIOANNI IN CINA

Bongioanni Macchine and Bongioanni Stampi are introducing in the roofing tile market in the South area of China, supplying to two of the main local producers two complete roofing tile lines that will replace the current machines realized according to Japanese technology, in order to increase the quality of the products currently available on this market.

Bongioanni Macchine e Bongioanni Stampi si inseriscono nel mercato delle tegole cinese, situato nella zona sud del paese, questo fornendo a due degli attuali principali produttori, due linee complete di tegole in laterizio che andranno a rimpiazzare le attuali macchine realizzate con tecnologia giapponese, questo per aumentare qualitativamente i prodotti attualmente disponibili su questo mercato. Il primo impianto ormai spedito a marzo 2014, composto da un laminatoio finitore tipo LS 810 per migliorare la granulometria della pezzatura per la fase di estrusione, una pressa CRONO 222 completa di due serie di stampistiche, per tegola Piatta e tegola Onda adatte per l’utilizzo del gesso e da una mattoniera TECNO 550 completa di bocca e doppia filiera tipo Alfa per la formatura delle gallette; sarà messo in funzione nel mese di settembre.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

83


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

The first plant sent in March 2014 consists in a roller mill type LS 810 for a better granulometry during extrusion, a press Crono 222 complete with 2 sets of mould-tools for Flat and Roman Tile tiles suitable for plaster and an extruder TECNO 550 complete with pressure-head and double extrusion-die type ALFA for batt forming. The start-up on this plant is foreseen in the month of September. The second plant will be shipped at the of October and its start-up is foreseen at the beginning of 2015. It will consist of 2 presses CRONO 222 complete with two sets of mould-tools for Flat Tile and for Roman Tile suitable for plaster and an extruder TECNO 550 complete with pressure-head and double extrusion-die type ALFA for batt forming.

84

Il secondo impianto sarà invece spedito a fine ottobre per essere messo in funzione ad inizio del 2015, questo sarà composto da 2 presse CRONO 222 complete di due serie di stampistiche, per tegola Piatta e tegola Onda adatte per l’utilizzo del gesso e da una mattoniera TECNO 550 completa di bocca e doppia filiera tipo Alfa per la formatura delle gallette.


FROM INDUSTRY AND RESEARCH

FRAC KEEPS EXPANDING ABROAD–

FRAC CONTINUA LA SUA ESPANSIONE ALL’ESTERO

In recent years FRAC company has continued its penetration of foreign markets already known or new, providing installations (or spare parts) their own to direct customers or installers acting in the brick industry:

Negli ultimi anni la società FRAC ha proseguito la sua penetrazione dei mercati esteri, già noti o nuovi, fornendo impianti (o parti di ricambio), a clienti diretti o agli installatori che operano nel settore del laterizio: - MAGHREB: fornito sistema gas-liquido per il cliente ALAMAL (Libia), fornito impianto a SARL DBK MAT (Algeria), fornito impianto a EURL GROUPE LAZREG (Algeria), sostituzione bruciatori per cliente SOTBAF (Algeria), forniti due impianti a gas tramite la società TECHNOLOGY DESIGN (Libia); fornito un impianto a gas completo al cliente MANSOURI (Algeria); fornite tre apparecchiature Jolly Gas a tre clienti diversi tramite la società belga CERATEC (Algeria); fornito un sistema di cottura a gas completo attraverso la società MARCHELUZZO IMPIANTI (Algeria); fornite quatto apparecchiature a gasificazione attraverso la società BALLATORE (Libia) - NIGERIA: fornito impianto completo funzionante ad olio combustibile attraverso la società CERATEC (Belgio) - SUD AMERICA: fornita di due impianti per forni Hoffmann al cliente CERAMICA VICTORIA (Bolivia), uno dei quali è già stato avviato; forniti due sistemi completi per LADRILLOS LARK (Perù, uno a Lima e uno a Chiclayo),

- MAGHREB: supplied liquid gas system for customer Alamal (Libya), provided installation SARL DBK MAT (Algeria), provided installation EURL GROUPE Lazreg (Algeria), replacement complete system client SOTBAF (Algeria), supplied two gas installations through the company TECHNOLOGY DESIGN (Libya); supplied a complete gas installation to the customer MANSOURI (Algeria); supplied three separated Jolly Gas equipments to different customers through the company CERATEC (Algeria); supplied one gas firing system through the company MARCHELUZZO (Algeria); supplied four gasification burners through the company BALLATORE (Libya) - NIGERIA: supplied complete installation oil fuel through the company CERATEC (Belgium) - SOUTH AMERICA: supplied two installations for Hoffmann kilns for CERAMICS VICTORIA (Bolivia), one

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

NEWS

85


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

of which is already started and provided two complete systems to LADRILLOS LARK (Peru, one in Lima and one in Chiclayo), provided two complete systems at CERAMIC DEL NORTE and CUNMALLEU (Argentina); provided one ASG/1T equipment to the customer CERAMICA SANTIAGO (Argentina), supplied one complete gas installation to the customer FOSFATOS DEL PACIFICO (Peru) and finally a complete gas installation for Hoffman kiln to the customer LADRILLERA EL DIAMANTE. - RUSSIA: provided three complete systems running on natural gas through the company BEDESCHI and one gas firing system through the company TECHNOLOGY DESIGN - FRANCE: provided a complete system running on dual fuel the company TERREAL FRANCE - CECENIA: provided one complete installation through the company MARCHELUZZO - IRAQ/KURDISTAN supplied two complete fuel installations to the Ministry of Industry and Minerals (State Co. for Construction Industries) near Baghdad and a fuel installation in Kurdistan through the company CERATEC

86

forniti due sistemi completi a CERAMICA DEL NORTE e CUNMALLEU (Argentina); fornita un’apparecchiatura ASG/1T alla CERAMICA SANTIAGO (Argentina), fornito un impianto a gas completo al cliente FOSFATOS DEL PACIFICO (Perù) ed infine un impianto a gas completo per forno Hoffman alla LADRILLERA EL DIAMANTE. - RUSSIA: forniti tre impianti completi funzionanti a gas naturale attraverso la società BEDESCHI e un impianto sempre funzionante a gas attraverso la società TECHNOLOGY DESIGN - FRANCIA: fornito un impianto completo funzionante a doppio combustibile (gas/olio pesante) alla società TERREAL FRANCE - CECENIA: fornito un impianto completo a gas naturale attraverso la società MARCHELUZZO IMPIANTI - IRAQ / KURDISTAN forniti due impianti completi funzionanti a olio combustibile al Ministero dell’Industria e Minerali (State Co. For Construction Industries) le cui due fornaci si trovano nei pressi di Baghdad e sei apparecchiature a gasificazione in Kurdistan attraverso la società belga CERATEC


,

,

CONGRESS MEETINGS EXHIBITIONS

SPS IPC DRIVES ITALIA STARTS A NEW FROM THE SUCCESS OF THE FOURTH EDITION. IN THE SIGN OF INNOVATION: WORK IN PROGRESS FOR SPS IPC DRIVES ITALIA 2015

SPS IPC DRIVES ITALIA RIPARTE DAL SUCCESSO DELLA QUARTA EDIZIONE. ALL’INSEGNA DELL’INNOVAZIONE: LAVORI IN CORSO PER SPS IPC DRIVES ITALIA 2015

21.128 visitors (+17%), 584 exhibitors (+13%), 48.000 square metres (+20%): figures in hand SPS IPC Drives Italia proves to be the benchmark for Italian electric automation. This is the point of departure for organizers to work on the next edition. As a matter of fact, work for the 2015 project is already in progress. It will take place in Parma, from May 12th to the 14th. Donald Wich, Managing Director of Messe Frankfurt Italia, states his gratitude and satisfaction for this success and comments the three exhibition days: “We are glad to share the appreciation of the Advisory Panel, of the Scientific Committee and of all Exhibitors with you, and our happiness for the show development which caught the attention and the appreciation of all the operators of the Industrial Automation Industry.

21.128 visitatori (+17%), 584 espositori (+13%), 48.000 metri quadri (+20%): i numeri che hanno recentemente confermato SPS IPC Drives Italia il punto di riferimento per l’automazione elettrica in Italia e dai quali gli organizzatori ripartono. Già avviati, infatti, i lavori per il progetto 2015 che si svolgerà sempre a Parma, dal 12 al 14 maggio. Donald Wich, Amministratore Delegato Messe Frankfurt Italia, esprime i suoi ringraziamenti e la soddisfazione per il successo commentando così i tre giorni di fiera: “Siamo lieti di poter condividere con voi il gradimento dei membri dell’Advisory Panel, del Comitato Scientifico e di tutti gli Espositori, e la nostra personale gioia per lo svolgimento di questa manifestazione che ha incontrato l’attenzione e il plauso di tutti gli operatori del settore dell’Automazione Industriale.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

INCOMING

87


The large number and high profile of visitors gave the measure of this success: particularly high attendance of OEMs, that is to say manufacturers who are the most important users of automation. Also a growing number of End Users particularly interested in the Round Tables on Food&Beverage and Pharma&Beauty, have awarded SPS Italia with their presence. I also wish to thank the press who has paid much attention to this event and hopefully will continue during the next few month. Talking once more about Round Tables, I wish to thank the representatives of the many companies which gave their contribution sharing their experiences and expectations on the modernization of productive processes towards Industry 4.0.”

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Francesca Selva, Vice President Marketing & Events looks into the future and states: “the first new spurs for discussion on the 2015 edition come out of the three exhibiting days. Thanks to the enthusiasm of the Round Tables attendees, we are now considering for instance to exploit further some issues, such as Industry 4.0 and Pharma&Beauty industry, and to create follow up events during the course of the year to debate them. They’ll be real landmarks on the way to SPS 2015. We are already engaged in a new Fil Rouge, the third industry in depth analysis which will be the matter of a 88

I numeri e la qualità dei visitatori danno la misura di questo successo: particolarmente elevata la partecipazione da parte degli OEM, ovvero dei costruttori di macchine che sono importanti utilizzatori di automazione, ma confermata anche la forte crescita degli End User che, particolarmente motivati dalle Tavole Rotonde Food&Beverage e Pharma&Beauty, hanno premiato SPS Italia con una folta e partecipata presenza. Desidero anche ringraziare la stampa che ha dedicato molta attenzione a questo evento e che spero continuerà a farlo vivere insieme a noi nei prossimi mesi. Ricollegandomi infine a quanto accennato rispetto alle Tavole Rotonde, desidero ringraziare i rappresentanti delle molte società che hanno dato il loro contributo all’evento portando le loro dirette esperienze e aspettative ai fini di un rafforzamento e ammodernamento dei processi produttivi in ottica Industria 4.0.” Francesca Selva, Vice President Marketing & Events, guarda al futuro e afferma: “I primi nuovi spunti per l’edizione 2015 sono arrivati proprio dal confronto durante i tre giorni di fiera. Grazie all’entusiasmo dei partecipanti alle Tavole Rotonde per esempio abbiamo pensato di sviluppare ulteriormente alcune tematiche, come Industria 4.0 e il settore Pharma&Beauty, attraverso alcuni appuntamenti nel corso dell’anno: delle vere e proprie tappe verso SPS 2015. Siamo già impegnati inoltre nella scelta del nuovo Fil Rouge, il terzo setto-


IN CO M IN G CO N G RES S

,

,

M EE T I N G S E X H I BI T IO N S

re di approfondimento che insieme a Food&Beverage e Pharma&Beauty verrà sviluppato in una Tavola Rotonda dedicata agli End User nell’edizione 2015.” “Primo momento di approfondimento dei temi 4.0 – continua Francesca Selva – sarà il Forum Meccatronica, nato dalla collaborazione con il Gruppo Meccatronica di ANIE Automazione, che si terrà il 24 settembre presso il Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso a Bergamo.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Round Table devoted to End User during the 2015 edition, along with Food&Beverage and Pharma&Beauty.” As Francesca Selva continues – “The first follow up meeting on the 4.0 issues will be Forum Meccatronica, born from the cooperation with Gruppo Meccatronica of ANIE Automazione, which will take place on September 24th at the Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso in Bergamo. The convention exhibition will be organized around two round tables dedicated to OEMs and end users of mechatronic technologies.

La mostra-convegno si articolerà attorno a due tavole rotonde dedicate ai costruttori di macchine automatiche e agli utilizzatori finali di tecnologie meccatroniche. Sarà l’occasione per confrontarsi sui temi della progettazione, della virtualizzazione, dell’efficienza, della sicurezza e della flessibilità nella produzione. Hanno già aderito all’iniziativa le più importanti aziende del settore dei fornitori di componenti e sistemi per l’automazione: ABB, B&R AUTOMAZIONE INDUSTRIALE, BECKHOFF AUTOMATION, BONFIGLIOLI MECHATRONIC RESEARCH, ESA ELETTRONICA, FESTO, HEIDENHAIN ITALIANA, LAPP, LENZE, OMRON ELECTRONICS, PANASONIC ELECTRIC WORKS ITALIA, PHOENIX CONTACT, RITTAL, ROCKWELL AUTOMATION, SEW EURODRIVE, SIEMENS, e WITTENSTEIN.”

89


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

It will be the opportunity to debate on production planning, virtualization, efficiency, safety and flexibility. Some of the most important companies in the industry of component and system supply will be present: ABB, B&R AUTOMAZIONE INDUSTRIALE, BECKHOFF AUTOMATION, BONFIGLIOLI MECHATRONIC RESEARCH, ESA ELETTRONICA, FESTO, HEIDENHAIN ITALIANA, LAPP, LENZE, OMRON ELECTRONICS, PANASONIC ELECTRIC WORKS ITALIA, PHOENIX CONTACT, RITTAL, ROCKWELL AUTOMATION, SEW EURODRIVE, SIEMENS, e WITTENSTEIN.” Now the word is handed over to the key players of auto-

90

La parola ai protagonisti dell’automazione a SPS Italia 2014 Giuliano Busetto, Presidente ANIE Automazione: “Siamo molto soddisfatti dell’andamento di SPS IPC Drives Italia, un progetto in continua crescita nel quale, come ANIE Automazione, abbiamo creduto sin dall’inizio. Protagonista della manifestazione il settore dell’automazione industriale italiano, da sempre molto dinamico, e costituito da aziende che malgrado la crisi degli ultimi anni sono sempre riuscite a trovare le strade giuste per emergere. Nel 2013 il comparto ha realizzato un risultato positivo con una crescita del giro d’affari del


IN CO M IN G CO N G RES S

,

,

M EE T I N G S E X H I BI T IO N S

4% e per il 2014 prevediamo un ulteriore crescita dei fatturati nell’ordine del 5%.” Prof. Ing. Gruosso Giambattista del Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione: “La parte convegnistica è stata molto ricca e interessante. Primo fra tutti il tema dell’Industria 4.0, tra i più attuali nel mondo dell’automazione industriale che in Europa inizia già ad essere sperimentato attraverso alcuni casi applicativi. In Italia l’approccio è più timido, ma l’introduzione di alcuni primi concetti (come il legame tra ICT e industria tradizionale) è il primo passo verso l’obiettivo: migliorare efficienza e competitività delle aziende anche su nuovi mercati.” Maria Chiara Franceschetti, Amministratore Delegato GEFRAN: “Operiamo nell’automazione industriale da oltre 40 anni e riteniamo che SPS Italia rappresenti un appuntamento importante nel nostro Paese e significativo per la presentazione di nuovi prodotti. È il quarto anno consecutivo che scegliamo questa vetrina per il lancio e rilancio della nostra offerta e quindi della nostra economia.” Marco Villa, Amministratore Delegato RITTAL: “Ancora una volta abbiamo riscontrato un incremento dei visitatori, con una previsione di crescita rispetto allo scorso anno del 20%.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

mation present at SPS Italia 2014. Giuliano Busetto, Presidente ANIE Automazione: “We are very pleased with trend of SPS IPC Drives Italia, an ever growing project ANIE Automazione believed in ever since the beginning. The leading role of the event is played by Italian industrial automation industry, all long very dynamic, made out of companies which made their way despite the crisis of the past few years. In 2013 this Industry has reached a positive result with a turnover growth of 4% and we foresee a further sales volume growth of 5% for 2014.” Prof. Ing. Gruosso Giambattista of Politecnico di Milano - Dipartimento di Elettronica e Informazione: “The conference program was very rich and interesting. Among all issues Industry 4.0 ranks first, it is one of the most up-to-date in the world of industrial automation, which is being tested in Europe in practical cases. The approach in Italy is weaker, nevertheless the introduction of some concepts (such as the link between ICT and traditional industries) is a first step toward the target: improving efficiency and competitiveness also in new markets.” Maria Chiara Franceschetti, Managing Director GEFRAN: “We have worked in industrial automation industry for over 40 years and believe that SPS Italia represents an important date for our Country and a significant meeting to present new products. It is our

91


TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

fourth consecutive edition and we choose this showcase to launch and re-launch our offer and as a consequence our economy.” Marco Villa, Managing Director RITTAL: “Once more we have witnessed an increase in visitors, with an expected growth of 20% compared to last year. The very good quality level of professional operators is reconfirmed. We congratulate the organizers who made the event very visible on both trade press and mass media, besides the new cooperation with distributors which revealed very effective also in terms of visitor presence.” Danilo Corio, Local Product Group Manager PLC & Automation ABB: “SPS Italia proves to be a success. OEMs from all sectors were present. We also appreciated the attendance of Univerity students. It is correct to say that this event represents an all-round benchmark for the industrial automation industry. ABB has chosen these three days to present some product news and applications to implement industrial automation systems.”

92

Confermata inoltre l’ottima qualità degli operatori professionali per i quali rivolgiamo i nostri complimenti all’organizzazione che ha dato grande visibilità all’evento sia sulla stampa tecnica che con mezzi di comunicazione su territorio nazionale, oltre ad aver sviluppato la collaborazione con il mondo della distribuzione che si è rilevata molto efficace anche in termini di presenza in fiera.” Danilo Corio, Local Product Group Manager PLC & Automation ABB: “SPS Italia si sta dimostrando un notevole successo, presenti i costruttori di macchine di tutti i settori e molto apprezzata anche la presenza degli studenti. Possiamo dire che questa manifestazione rappresenta un punto di riferimento a 360° per il mondo dell’automazione industriale. ABB ha scelto questi tre giorni per presentare alcune novità di prodotto abbinate ad applicazioni per l’implementazione nei diversi sistemi di automazione aziendali.”

BACKGROUND INFORMATION ON MESSE FR ANKFURT

INFORMAZIONI ESSENZIALI SU MESSE FR ANKFURT

Messe Frankfurt is one of the world’s leading trade show organi-

Messe Frankfurt è uno degli enti fieristici leader internazionali che

zers with around 543* million euros in sales and 2,026* employees

vanta un fatturato di circa 543* milioni di euro e un organico di 2.026*

worldwide. The Messe Frankfurt Group has a global network of 28

collaboratori. Il Gruppo Messe Frankfurt vanta una rete mondiale

subsidiaries and approx. 50 international Sales Partners, giving it a

composta da 28 società affiliate e circa 50 Sales Partner internaziona-

presence for its customers in more than 150 countries. Events “made

li. Grazie a questa rete Messe Frankfurt è presente in oltre 150 Paesi.

by Messe Frankfurt” take place at more than 30 locations around

In più di 30 poli fieristici del mondo si svolgono manifestazioni “made

the globe. In 2013, Messe Frankfurt organized 114* trade fairs, of

by Messe Frankfurt”. Nel 2013 Messe Frankfurt ha organizzato un to-

which more than half took place outside Germany. Messe Frankfurt’s

tale di 114* fiere, di cui oltre la metà all’estero. 578.000 metri quadrati

exhibition grounds, featuring 578,000 square metres, are currently

di superficie di cui dispone Messe Frankfurt sono attualmente occupa-

home to ten exhibition halls and an adjacent Congress Center. The

ti da dieci padiglioni ed un centro congressi ed essi annesso.

company is publicly owned, with the City of Frankfurt holding 60

La Società fieristica è in mano pubblica: la Città di Francoforte detiene

percent and the State of Hesse 40 percent.

il 60 % ed il Land Assia il 40 %.

*preliminary numbers (2013)

* Cifre provvisorie (2013)


A N D IL C O R N E R

OSSERVATORIO LATERIZI 2013 Giovanni D’Anna, Centro Studi ANDIL Continua la caduta della produzione: -69% in 6 anni! Ancora un anno negativo: il 2013 si chiude con una produzione di 6,35 milioni di tonnellate di laterizi, con un ulteriore calo del 15,2% rispetto al 2012. Si contano 116 imprese e 138 siti produttivi attivi: dal 2007 hanno chiuso i battenti 93 stabilimenti. La ripresa appare ancora lontana e nei prossimi anni, fino al 2016, la produzione di laterizi si stabilizzerà intorno ai 6 milioni di tonnellate.

Un anno difficile, il sesto consecutivo di calo della produzione di laterizi in Italia: -15,2% rispetto al 2012 e -69,0% rispetto al 2007, ultimo anno prima della crisi. Il calo della produzione rispecchia (fig 1.), in perfetta aderenza, quello registrato dal CRESME per gli investimenti nelle nuove costruzioni residenziali, dal periodo pre-crisi ad oggi (il mercato del rinnovo è di “parziale” interesse per alcune tipologie di prodotto, ma non ha effetti significativi sul complesso del settore). Si registrano cali importanti, a doppia cifra (tab. I), ad eccezione di blocchi normali (-7,4%), alleggeriti di tamponamento (-2,5%) e coperture (-9,1%); quest’ultime si “difendono” anche nel confronto con il dato 2007, ovvero pre-crisi (-52,8%).

Rilevante, invece, la contrazione del faccia a vista (-81,8%) e dei solai (-76,5%), ovvero dei prodotti che più di tutti hanno perso quote di mercato per la diffusione di soluzioni alternative. I materiali da muro rappresentano il 70,8% dei prodotti in laterizio (fig. 2); mattoni e blocchi normali ed alleggeriti costituiscono il 40% dell’intera produzione di laterizi. LE DINAMICHE DEL SET TORE In un contesto in cui calano ancora le produzioni e chiudono ulteriori impianti, sono 17 (13,7%) le imprese che dichiarano un aumento della produzione (la produzione ad esse associata è di 1,87 milioni di tonnellate, il 35,0% del totale). Per contro, ben 97 (78,2%) imprese, con 3,58 milioni di tonnellate (pari al 56,4% della produzione totale), denunciano un calo, che risulta significativo per 27 di esse.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

L A PRODUZIONE 2013

93


Fig. 1 - Andamento della produzione di laterizi (fonte ANDIL) e degli investimenti (fonte CRESME).

Infine, sono 10 le imprese che hanno mantenuto più o meno i livelli del 2012, con una produzione di 0,90 milioni di tonnellate (fig. 3).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Continua il percorso di concentra-zione del settore, soprattutto per effetto delle chiusure di impianto. La figura 4 riporta il grado di concentrazione del settore: la curva blu (asse di sinistra) indica la somma delle produzioni dei gruppi/aziende, dai più grandi ai più piccoli, ai quali è associata la prestazione, in termini di variazione % cumulativa, rappre-sentata dalla linea rossa (asse di destra). Il grafico consente di individuare alcuni punti chiave: linea verde, metà della produzione (3,17 mi94

lioni di tonnellate di laterizi) è data dai primi 10 gruppi/aziende, che registrano un calo produttivo del 5,9%, inferiore a quello dell’intero settore; linea arancione, la prestazione del 50% dei gruppi/aziende operativi è di -11,3% con una produzione di 5,9 milioni di tonnellate di laterizi, ovvero il 94% di quella nazionale. GLI ANDAMENTI TERRITORIALI E PER TIPOLOGIA DI PRODOT TO Ai fini di una valutazione delle dinamiche territoriali, è utile riferirsi ai grafici della figura 5, riportante la distribuzione per aree geografiche, ed alla tab. III:


A N D IL

maJoni pieni e semipieni

Blocchi in laterizio normale, di tamponamento (ɸ > 55%) Blocchi in laterizio normale, portante (45% < ɸ ≤ 55%) Blocchi in laterizio normale, an$sismico (ɸ ≤ 45%) blocchi per murature in laterizio normale

Blocchi alleggeriB per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (ɸ > 55%) in laterizio alleggerito, di tamponamento, reMficato (ɸ > 55%) blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento

in laterizio alleggerito, portante (45% < ɸ ≤ 55%) in laterizio alleggerito, portante, reMficato (45% < ɸ ≤ 55%) in laterizio alleggerito, an$sismico (ɸ ≤ 45%) in laterizio alleggerito, armato, an$sismico (ɸ ≤ 45%) blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante

408 75

952

R

279 103

E

MaJoni pieni (ɸ ≤ 15%) MaJoni semipieni (15 < ɸ ≤ 45%)

N

Produzione (1.000 ton) 2013 2012 2007 1.167 1.330 3.723

R

Laterizio Tipologie di prodoJo MaGoni e blocchi normali per murature

O

(-­‐76,5%), ovvero dei prodo_ che più di tu_ hanno perso quote di mercato per la diffusione di soluzioni alternaBve. I materiali da muro rappresentano il 70,8% dei prodo_ in laterizio (fig. 2); maGoni e blocchi normali ed alleggeriB cosBtuiscono il 40% dell’intera produzione di laterizi.

C

Si registrano cali importanB, a doppia cifra (tab. I), ad eccezione di blocchi normali (-­‐7,4%), alleggeriB di tamponamento (-­‐2,5%) e coperture (-­‐9,1%); quest’ulBme si “difendono” anche nel confronto con il dato 2007, ovvero pre-­‐crisi (-­‐52,8%). Rilevante, invece, la contrazione del faccia a vista (-­‐81,8%) e dei solai

Variazione % 2013 su ‘12

2013 su ‘07

-­‐12,3%

-­‐68,7%

-­‐31,5% 37,7%

382

483

952

-­‐20,8%

-­‐59,8%

268 335 182

226 447 174

563

18,6% -­‐25,1% 4,0%

-­‐52,4%

2.208

-­‐76,6%

785

621

2.771

-­‐7,4%

-­‐71,7%

1.391

1.646

3.955

-­‐15,6%

-­‐64,8%

364 24

393 4

920

-­‐7,6% 493,8%

387

397

920

-­‐2,5%

561 31 376 35

941 61 231 16

3.035

-­‐40,4% -­‐48,8% 62,6% 121,6%

-­‐57,9%

1.003

1.249

3.025

-­‐19,7%

-­‐66,90%

1.699

2.027

5.620

-­‐16,2%

-­‐69,8%

Fora$ e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm)

1.600 99

1.879 148

5.113 507

-­‐14,8% -­‐32,9%

-­‐68,7% -­‐80,4%

MaGoni faccia a vista e pavimenB

237

315

1.299

-­‐24,7%

-­‐81,8%

60 150 20 7

63 210 28 14

442 655 132 70

-­‐4,5% -­‐28,7% -­‐27,0% -­‐50,3%

-­‐86,4% -­‐77,1% -­‐84,5% -­‐90,2%

794

993

3.376

-­‐20,1%

-­‐76,5%

104 624 65

160 735 98

787 2.345 244

-­‐34,8% -­‐15,1% -­‐33,5%

-­‐86,7% -­‐73,4% -­‐73,3%

69 925

79 1.017

209 1.960

-­‐12,3% -­‐9,1%

-­‐66,9% -­‐52,8%

713 189 24

772 221 24

1.400 503 57

-­‐7,6% -­‐14,6% -­‐3,9%

-­‐49,1% -­‐62,5% -­‐58,7%

65 6.346

74 7.481

354 20.494

-­‐12,4% -­‐15,2%

-­‐81,8% -­‐69,0%

ForaB e tavelle

MaJoni faccia a vista estrusi MaJoni faccia a vista in pasta molle Pavimen$ in coJo (sp. ≤ 3 cm) MaJoni da pavimentazione (sp. > 3 cm)

Solaio Blocchi solaio per geJo in opera Blocchi solaio per interpos$ Blocchi solaio per pannelli

Fondelli per architravi e travi tralicciate/precompresse ElemenB per coperture Tegole Coppi Pezzi speciali per coperture

Vasi e pezzi speciali Produzione totale Tab. I

Produzione di laterizi nel 2013 in comparazione al 2012 e al 2007.

Tab. I - Produzione di (la quarta colonna riporta i da$ 2007, anno di riferimento pre-­‐ laterizi nel 2013 in comparazione al 2012 e al 2007. crisi; l’ul$ma colonna riporta le variazioni % del 2013 rispeJo al 2007). (la quarta colonna riporta i dati 2007, anno di riferimento pre-crisi; l’ultima colonna riporta le variazioni % del 2013 rispetto al 2007).

formance regionali, tengono il Centro (-7,4%) ed il Sud (-9,0%), rispetto al -20,8% del Nord. Infine, alla distribuzione geografica, su 138 impianti attivi, ne operano 75 nel Nord del Paese, dove sono prodotti 3,3 milioni di tonnellate di laterizio, ovvero il 52% del valore nazionale (in egual misura tra Ovest ed Est).

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

i blocchi normali ed alleggeriti contengono le perdite al Centro e al Sud; continua a calare la produzione dei forati soprattutto nel Nord Ovest e dei solai, soprattutto nel Nord; il 97% della produzione di faccia a vista e pavimenti è concentrata al Nord Est e al Centro; reggono le coperture, ma crollano al Sud, anche se su volumi bassi. In termini di per-

95


Fig. 2 - Produzione (%) 2013 per tipologia di prodotto.

Fig. 2 Produzione (%) 2013 per Bpologia di prodoGo. 116 imprese, di cui 74 associate* ANDIL (64%)

400.000 t, la produzione massima per sito

138 impianB a_vi, di cui 94 ANDIL (68%)

6,35 milioni di tonnellate, di cui 4,83 ANDIL (76%)

46.000 t, la produzione media

32.400 t, la produzione mediana

Tab. II

Principali indicatori dell’industria italiana dei laterizi nel 2013.

* cui aggiungere altre 8 imprese, associate ANDIL, ma con impian$ fermi nel 2013 e 2 consorzi. Tab. 2 - Principali indicatori dell’industria italiana dei laterizi nel 2013. * cui aggiungere altre 8 imprese, associate ANDIL, ma con impianti fermi nel 2013 e 2 consorzi.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Le dinamiche del seGore

96

In un contesto in cui calano ancora produzioni e chiudono Il Centrole è caratterizzato dagli impianti diulteriori maggioimpianB, sono 17 (13,7%) le imprese re dimensione o dal maggior grado di utilizzo. che dichiarano un aumento della Si registra, infatti, una(la produzione media improduzione produzione ad per esse pianto diassociata 60.000 t di laterizio, a frontemilioni delle 43.000 è di 1,87 di il 35,0% del Nordtonnellate, e delle 36.000 del Sud.del totale). Per contro, ben 97 (78,2%) imprese, con 3,58 milioni di tonnellate (pari al 56,4% della produzione totale), denunciano un calo, che risulta significaBvo per 27 di esse. Infine,

blu (asse di sinistra) indica la somma delle produzioni dei gruppi/aziende, DALL’ETS UNA PANOR AMIC A dai più grandi ai più piccoli, ai quali è DELL’INDUSTRIA EUROPEA associata la prestazione, in termini di variazione % cumulaBva, rappre-­‐ Lasentata compliance 2013, ovvero la restituzione dalla linea rossa (asse di di quoIl grafico di di anitedestra). di CO2 in misura pari alleconsente reali emissioni individuare alcuni punB chiave: linea verde, metà della produzione (3,17 milioni di tonnellate di laterizi) è data dai primi 10 gruppi/aziende,


A N D IL C O R N E R singoli impianti è attribuibile al processo ed è, quindi, variabile in funzione del contenuto organico ed inorganico dell’argilla e degli additivi. Nel 2013, 48 impianti attivi sono stati soggetti all’ETS; ad essi è attribuibile la produzione di 3,88 milioni di tonnellate di laterizio ed un’emissione di 843mila tonnellate di CO2. Altri 57 stabilimenti, che hanno aderito al sistema equivalente (opt-out), hanno prodotto 2,20 milioni di tonnellate di laterizio. Nel panorama europeo (fig. 6), in termini di emissioni di CO2 e di impianti, l’Italia si colloca al secondo posto in Europa, dopo la Germania e precede Francia, Spagna e Olanda.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

dride carbonica – obbligo imposto dall’Emissions Trading Scheme a tutti gli impianti europei di produzione di laterizi, aventi una capacità produttiva > 75 t/g, ad esclusione di quelli che hanno aderito al sistema equivalente, presente solo in Italia e UK – restituisce una dettagliata rappresentazione dell’industria europea dei laterizi. L’elaborazione delle informazioni raccolte dal registro europeo delle emissioni di CO2 fornisce un indice per la distribuzione della produzione di laterizi nei vari Paesi dell’Unione Europea, anche se occorre considerare che una parte (fino al 50% del totale) delle emissioni dei

Fig. 3 - Andamento delle variazioni % (2013 su 2012) nelle produzioni per impresa.

97


Gli andamenB territoriali e per Bpologia di prodoGo Ai fini di una valutazione delle dinamiche territoriali, è uBle riferirsi ai grafici della figura 5, riportante la distribuzione per aree geografiche, ed alla tab. III:

In termini di performance regionali, tengono il Centro (-­‐7,4%) ed il Sud (-­‐9,0%), rispeGo al -­‐20,8% del Nord. Infine, alla distribuzione geografica, su 138 impianB a_vi, ne operano 75 nel Nord del Paese, dove sono prodo_ 3,3 milioni di tonnellate di laterizio, ovvero il 52% del valore nazionale (in egual misura tra Ovest ed Est). Il Centro è caraGerizzato dagli impianB di maggiore dimensione o dal maggior grado di uBlizzo. Si registra, infa_, una produzione media per impianto di 60.000 t di laterizio, a fronte delle 43.000 del Nord e delle 36.000 del Sud.

- i blocchi normali ed alleggeri$ contengono le perdite al Centro e al Sud; - conBnua a calare la produzione dei fora$ sopraGuGo nel Nord Ovest e dei solai, sopraGuGo nel Nord; - il 97% della produzione di faccia a vista e pavimen$ è concentrata al Nord Est e al Centro; - reggono le coperture , m a crollano al Sud, anche se su volumi bassi.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Prod., t Variaz. % rispeJo al 2012 % prod. per $pol. prodoJo n° impian$ per $pol. prod. % impian$ per $pol. prod. Prod., t Nord Est Variaz. % rispeJo al 2012 % prod. per $pol. prodoJo n° impian$ per $pol. prod. % impian$ per $pol. prod. Prod., t Centro Variaz. % rispeJo al 2012 % prod. per $pol. prodoJo n° impian$ per $pol. prod. % impian$ per $pol. prod. Prod., t Sud Variaz. % rispeJo al 2012 % prod. per $pol. prodoJo n° impian$ per $pol. prod. % impian$ per $pol. prod. Prod., t ITALIA Variaz. % rispeJo al 2012 n° impian$ per $pol. prod.

Totale

Altro

Coperture

Fondelli

422.413

346.640

405.374

1.977

240.477

16.553

204.589

10.097

1.648.118

-­‐10,2% 36,2% 21 30,9%

-­‐8,0% 24,9% 12 22,2%

-­‐30,0% 23,9% 19 27,5%

-­‐75,1% 0,8% 3 10,7%

-­‐31,6% 30,3% 11 25,6%

7,7% 23,9% 2 28,6%

-­‐6,6% 22,1% 5 15,2%

-­‐10,0% 15,6% 1 5,6%

-­‐18,9% 26,0% 36 26,1%

286.610

477.853

298.113

115.637

91.879

31.721

285.096

47.982

1.634.892

-­‐23,6% 24,6% 15 22,1%

-­‐30,6% 34,4% 12 22,2%

-­‐18,2% 17,5% 12 17,4%

-­‐21,1% 48,8% 7 25,0%

-­‐24,7% 11,6% 5 11,6%

-­‐31,6% 45,8% 3 42,9%

-­‐12,5% 30,8% 12 36,4%

9,2% 74,3% 6 33,3%

-­‐22,6% 25,8% 39 28,3%

356.817

348.272

564.908

113.986

197.898

20.951

358.886

6.238

1.967.955

-­‐5,5% 30,6% 15 22,1%

-­‐5,4% 25,0% 13 24,1%

-­‐5,9% 33,2% 18 26,1%

-­‐25,3% 48,1% 13 46,4%

-­‐15,2% 24,9% 11 25,6%

22,0% 30,3% 2 28,6%

-­‐2,2% 38,8% 11 33,3%

-­‐64,5% 9,7% 9 50,0%

-­‐7,8% 31,0% 33 23,9%

101.118

217.766

430.950

5.415

263.261

76.578

237

1.095.325

-­‐5,7% 8,7% 17 25,0%

2,4% 15,7% 17 31,5%

-­‐10,8% 25,4% 20 29,0%

-­‐30,2% 2,3% 5 17,9%

-­‐7,9% 33,2% 16 37,2%

-­‐27,7% 8,3% 5 15,2%

-­‐74,6% 0,4% 2 11,1%

-­‐9,0% 17,3% 30 21,7%

1.166.958

1.390.531

1.699.345

237.015

793.515

69.224

925.149

64.553

6.346.290

-­‐12,3% 68

-­‐15,5% 54

-­‐16,2% 69

-­‐24,7% 28

-­‐20,1% 43

-­‐12,3% 7

-­‐9,1% 33

-­‐12,4% 18

-­‐15,2% 138

Tab. 3 - Distribuzione territoriale della produzione (t) di laterizi in Italia (2013).

98

Solai

ForaB e tavelle

Faccia a vista e pavimenB

Nord Ovest

Muro alleggerito

Regione

Muro normale

ProdoGo

Fig. 4 - Curva di concentrazione del settore nel 2013.

5


A N D IL C O R N E R

A –Distribuzione produzione (%) per area geografica

B – Distribuzione impianti (%) per area geografica

Fig. 5 - Distribuzione geografica (A produzione; B impianti) nel 2013.

Le previsioni degli investimenti nelle costruzioni, elaborate dal CRESME, attestano un ulteriore calo per le nuove costruzioni nel 2014 (un buon aumento per il rinnovo, sempre nel 2014), mentre una gene-

rale stabilità per il biennio 2015-16. Considerando, quindi, le variazioni percentuali previste dal CRESME per il periodo 2014-16 negli investimenti per il comparto residenziale, “nuove costruzioni” e “rinnovo”, ed applicando tali differenziali alle singole tipologie di laterizio, in funzione dei relativi mercati, “nuovo”

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

LE PREVISIONI NEL BREVE PERIODO

Fig. 6 - Distribuzione impianti ed emissioni CO2 in Europa, nel 2013. Fonte Union Registry for Emissions Trading.

99


ed “esistente”, cui sono destinate (rif. Indagine sul rapporto competitivo fra i prodotti in laterizio e i materiali concorrenti, posizionamenti attuali e scenari evolutivi, settembre 2007, CRESME), è stato possibile sviluppa-re le previsioni per i diversi prodotti in laterizio. La tabella V evidenzia ancora un calo della produzione totale dell’industria dei laterizi nel 2014 pari al 5,6%, per stabilizzarsi intorno ai 6 milioni di tonnellate fino al 2016.

NOTA METODOLOGIC A Ad ogni azienda, associata e non, è stata inviato un report personalizzato, riportante i dati anagrafici della società e del/i relativo/i stabilimento/i, così

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Tipologie di prodoJo migliaia di tonnellate Muro normale Muro alleggerito ForaB e tavelle Faccia a vista/pavimenB Solai Fondelli Coperture Altro Produzione totale Tab. V

100

come registrati nel database ANDIL, con il dettaglio delle categorie di dipendenti, dei consumi energetici e delle produzioni, che si è chiesto di verificare ed aggiornare al 2013. Sono stati raccolti dati rappresentativi del 63% del sistema produttivo nazionale del settore laterizi. Soprattutto per gli impianti non associati, soggetti all’ETS, le produzioni sono state stimate in base alle emissioni di CO2 correlate alle produzioni 2013. In tal modo sono stati stimati, in base all’ETS, dati rappresentativi del 21% del totale. Relativamente ai dati mancanti (che rappresentano il 16% del totale), questi sono stati opportunamente normalizzati, applicando ai valori 2012 gli indici di variazione per tipologia di prodotto, definiti in base ai dati acquisiti.

2013

2014

2015

2016

1.167 1.391 1.699 237 794 69 925 65 6.346

1.082 1.289 1.575 222 738 64 954 67 5.991

1.076 1.282 1.566 222 734 64 964 67 5.975

1.087 1.295 1.583 224 742 65 981 68 6.045

2014 su ‘13

2015 su ‘14

2016 su ‘15

-­‐7,32%

-­‐0,55%

1,06%

-­‐6,14%

-­‐0,35%

1,15%

-­‐7,02%

-­‐0,50%

1,08%

3,12%

1,05%

1,72%

-­‐5,61%

-­‐0,26%

1,18%

Previsioni della produzione di laterizi nel 2014, 15 e 16.

Tab. 5 - Previsioni della produzione di laterizi nel 2014, 15 e 16.

Nota metodologica Ad ogni azienda, associata e non, è stata inviato un report personalizzato, riportante i da$ anagrafici della società e del/i


A N D IL C O R N E R

“RIDARE VALORE AL PATRIMONIO IMMOBILIARE”: L’APPELLO DEL PRESIDENTE ANDIL Roberta Cristallo, Giovanni D’Anna - ANDIL Il 20 giugno scorso si è tenuta a Napoli l’Assemblea Generale congiunta di ANDIL, l’Associazione che rappresenta, in Italia, i produttori di laterizi e TBE, Tiles and Bricks of Europe, la federazione europea dei laterizi.

Assemblea ANDIL-TBE, Complesso dei SS. Marcellino e Festo, Napoli.

tato tecnico Credito e Finanza di Confindustria; Gabriele Morgante della Commissione Europea, Direzione Generale Industria e Imprenditoria; sia alcuni dei maggiori rappresentanti, in Italia e in Europa, del settore delle costruzioni: Luigi Di Carlantonio, Presidente ANDIL, Rodolfo Girardi, Presidente Federcostruzioni, Heimo Scheuch, Presidente TBE e Lorenzo Bellicini, Direttore Cresme.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Al dibattito su “L’Europa da costruire” hanno partecipato sia alcuni tra i più autorevoli esponenti dello scenario istituzionale ed economico, italiano ed europeo: Innocenzo Cipolletta, Presidente del Fondo Italiano d’investimento e di AIFI; Costanza Pera, Direttore Generale per le politiche abitative del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Vincenzo Boccia, Presidente del Comi-

101


Il Presidente dell’ANDIL ha lanciato da Napoli la proposta del piano «ricostruire l’esistente» come soluzione per un’efficace valorizzazione del patrimonio edilizio. Piano di riqualificazione che deve essere «sostenuto e incoraggiato dallo Stato». Ha dato, quindi, il via al dibattito ricordando alcuni significativi dati del rapporto della Banca Centrale Europea sulla ricchezza e i consumi delle famiglie dell’area euro: il 60,1% delle famiglie è proprietario della casa in cui vive e il 23,1% anche di una seconda abitazione. In Italia i proprietari raggiungono il 68,7% della popolazione complessiva. Secondo l’Istat, il prezzo delle abitazioni esistenti in Italia ha registrato un calo del 12% dal 2010. Il 55% degli edifici ha più di 40 anni e consuma, di media, il triplo di quelli di recente costruzione. Il maggiore investimento delle famiglie italiane, così, sta perdendo valore di anno in anno.

lità e della sicurezza, ovvero, della durabilità dei sistemi edilizi e delle loro prestazioni, in particolare sia quelle ‘antisismiche’ che di maggiore efficienza energetica. In questo modo, oltre a dare nuovo valore agli immobili, si avrebbero ricadute positive per l’ambiente, sottraendolo al degrado e non consumando ulteriormente il territorio. La diffusione di questa pratica riattiverebbe, inoltre, l’industria delle costruzioni, traino per l’intera economia. A sostegno di un piano sicuramente ambizioso, ma ormai ineludibile sono necessari investimenti pubblici e politiche che stimolino la responsabilità di ogni proprietario”. HEIMO SCHEUCH PRESIDENTE TBE

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

LUIGI DI C ARL ANTONIO PRESIDENTE ANDIL

102

“È il momento di intervenire per dare nuovo valore al nostro patrimonio immobiliare, la maggiore ricchezza degli italiani e dell’Italia, ma anche di numerosi altri Paesi europei, Slovacchia, Spagna e Slovenia, in primis. La soluzione che proponiamo è ‘ricostruire l’esistente’. Si tratta di riqualificare quanto esiste, se necessario abbattendo per ricostruire ex novo, all’insegna della sostenibi-

”in Italia, a differenza di Paesi come Germania e Regno Unito, non si costruisce in quantità sufficiente per rispondere ai bisogni di ammodernamento dell’edilizia residenziale e pubblica. Nel progetto più ampio di ‘ricostruire l’esistente’, è importante che il Governo Italiano, così come quelli degli altri paesi dell’Unione, si concentri anche su un rilevante intervento a supporto di un vasto piano di edilizia sociale, per sostenere le categorie meno abbienti e dare, così, nuova spinta alla ripresa economica generale. Ogni euro pubblico investito nell’edilizia, infatti, genera un immediato effetto leva, stimolando ulteriori investimenti, pubblici e privati, per più di 60 centesimi,


A N D IL C O R N E R

con conseguente rilevante incremento dell’occupazione. L’Europa ha bisogno di ripartire proprio dal mercato interno, per coniugare le esigenze di sviluppo e di occupazione con il rinnovamento del nostro patrimonio immobiliare: maggiore sicurezza, qualità, salubrità e comfort abitativo, nel rispetto delle risorse e dell’ambiente”.

politiche che favoriscano il superamento in breve tempo di tale ostacolo. Un ulteriore capitolo su cui intervenire è quello relativo ai mutui per l’acquisto delle case, mercato che ha subito una forte contrazione negli ultimi anni, sia come numero di erogazioni che come importo medio.”

INNOCENZO CIPOLLET TA PRESIDENTE FONDO ITALIANO D’INVESTIMENTO E AIFI

RODOLFO GIR ARDI PRESIDENTE FEDERCOSTRUZIONI

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

“È auspicabile che lo Stato, con apposite leggi, stimoli i proprietari a sentirsi responsabili del mantenimento e ammodernamento dei loro beni, attraverso interventi focalizzati all’incremento della sicurezza, a una sempre maggiore efficienza energetica e anche al miglioramento estetico. In questo modo si otterranno diversi benefici: la riqualificazione delle nostre città, una continuità di domanda per il settore edilizio e, non da ultimo, più entrate per lo Stato, grazie all’IVA raccolta da tali attività.”

“Un’occasione imperdibile se si vuole agire concretamente per riavviare i mercati interni che vedono proprio nelle costruzioni il principale fattore di sviluppo e che, tuttavia, per essere realmente tale dovrà essere caratterizzato da costruzioni realizzate non più solo sulla base della mera logica del massimo ribasso ma su caratteristiche di qualità dei prodotti con spiccate connotazioni di innovazione tecnologica, di qualificazione degli operatori, di rispetto della legalità”.

VINCENZO BOCCIA PRESIDENTE COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZ A DI CONFINDUSTRIA “È importante porre l’accento sulla perdurante difficoltà di accesso al credito. È necessario stimolare il Governo verso

103


Il Presidente Di Carlantonio ha concluso indicando, specificamente, alcune misure necessarie per un’edilizia di qualità, che tengano in considerazione le peculiarità climatiche del nostro Paese. L’industria dei laterizi sta proponendo, in tal senso, soluzioni costruttive capaci di assicurare sicurezza strutturale, consumi energetici ridotti in inverno, ma soprattutto in estate, garantendo il giusto equilibrio tra isolamento termico e comfort abitativo per il clima mediterraneo. L’attenzione dei progettisti e dei consumatori finali, in questo momento, è alta ma purtroppo è, ancora una volta, il legislatore che rischia di ignorare le logiche della bioclimatica, ricorrendo all’one-

rosa ventilazione forzata per cercare di sopperire al discomfort creato dal forte isolamento, provocando danni da subito e per gli anni a venire. Analogamente, sul fronte delle Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14/01/2008), in fase revisione, ha rimarcato l’importanza che queste riservano idoneo spazio al trasferimento tecnologico ed alle integrazione di sistemi, opere e strumenti di ultima generazione. L’Associazione ed il settore continuano, infatti, ad investire nella ricerca (grazie anche al finanziamento europeo, progetto INSYSME) di soluzioni per murature (strutturali e non) sempre più performanti in risposta alle sollecitazioni sismiche.

COSTRUIRE IN LATERIZIO PER L’EDILIZIA SCOLASTICA Negli ultimi mesi la scuola è stata posizionata tra le priorità dell’agenda politica con una conseguente attenzione mediatica per le reali problematiche che affliggono l’edilizia scolastica italiana e per le relative proposte d’intervento.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

Con una situazione di degrado derivante da anni di immobilismo, oggi si censisce un patrimonio scolastico prevalentemente (60%) costruito prima del 1974 – data di entrata in vigore della normativa antisismica – che per il 37,6% necessita di interventi di ristrutturazione urgenti, il 40% risulta privo di certificato di agibilità, il 38,4% è localizzato in zone a rischio sismico e il 60% non possiede il certificato di prevenzione incendi (fonte: Legambiente, “Ecosistema scuola 2013”).

104

Parliamo quindi dei 3,5 miliardi per la sicurezza nelle scuole inizialmente annunciati dal nuovo Governo i quali, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Irpef, si riducono a 244 milioni, da sommare ad eventuali iniziative regionali (ad es. la Sicilia ha deliberato lo stanziamento di ulteriori nuove risorse per 34 milioni

per l’edilizia scolastica e oltre 26 milioni per gli asili nido che si sommano alla cifra precedentemente stanziata, per un ammontare complessivo di 358 milioni di euro). ANDIL - Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi - ha valutato con favore tali indirizzi, ritenendo che la spinta ad un’edilizia di qualità è ancor di più un dovere quando rivolta ai bambini per i quali le condizioni di sicurezza, salubrità e comfort assumono la qualifica di requisiti essenziali da assicurare e garantire. In proposito si segnala la speciale riedizione in versione flip di Costruire in Laterizio 142, “Edifici scolastici”, contenente 7 progetti ed altre rubriche tecniche di rilievo. Sullo stesso tema, il 9 maggio 2014, si è tenuto presso


A N D IL C O R N E R laterizio negli edifici energeticamente efficienti ad alta salubrità e resistenti ai terremoti, ed agli strumenti per costruire in sicurezza, con particolare attenzione proprio alle scuole.

TILES & BRICKS INTERNATIONAL > Vol. 2/2014

il Politecnico di Milano il seminario A.S.P.r.A. intitolato “Edifici in muratura: nuovi ed esistenti, calcolo – sicurezza sismica – applicazioni in edilizia scolastica”, che ha contribuito a fornire dettagli in merito all’uso del

Giancarlo De Carlo e Associati, Polo per l’infanzia “Lama sud” a Ravenna.

105



Sponsored by:

ANDIL

Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi


A N N U A R I O A N D I L D E L L’I N D U S T R I A I TA L I A N A D E I L AT E R I Z I Elenco delle aziende e degli stabilimenti di produzione di laterizi associati ANDIL, suddivisi per regione e provincia

PIEMONTE ALESSANDRIA Fornace Calandra S.r.l.

(sede e stabilimento) Regione Molino 28; 15038 - Ottiglio (AL) Telefono: 0142/921433 Fax: 0142/920985 info@fornacecalandra.it www.gruppocalandra.it Legale Rappr.: Michelino Borghetto Resp. Comm.le: Giampiero Borghetto • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

Fornace di Bassignana S.r.l.

(sede e stabilimento) Regione Valle del Pozzo 1; 15042 - Bassignana (AL) Telefono: 0131/926146 Fax: 0131/926655 info@fornacedibassignana.it www.fornacedibassignana.it Legale Rappr.: Romano Resp. Comm.le: Paolo Fugazza • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%)

Terreal Italia S.r.l.

(sede e stabilimento) Strada alla Nuova Fornace; Valenza 15048 - Valenza (AL) Telefono: 0131/95979 Fax: 0131/959733 servizi@sanmarco.it www.sanmarco.it Legale Rappr.: Fernando Cuogo Resp. Comm.le: Alberto Libero Direttore di Stabilimento: Paolo Bergamaschi • Tegole • Coppi • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie Altri stabilimenti in provincia di AR e VE

A STI Cellino S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Nazionale 15; 14025 - Chiusano d’Asti (AT) Telefono: 0141/901523 Fax: 0141/901538 info@cellinosrl.it www.cellinosrl.it Legale Rappr.: Gianni Braghin Resp. Comm.le: Licia Braghin Resp. Tecnico: Licia Braghin • Mattoni pieni (foratura ≤ 15%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%)

Fornace Ballatore Giuseppe & C. S.n.c.

(sede e stabilimento) Strada Varletta 12; 14019 - Villanova d’Asti (AT) Telefono: 0141/946267 Fax: 0141/946518 gballat@tin.it www.ballatore.it Legale Rappr.: Rosanna Ballatore Resp. Comm.le: Giulio Beone Direttore di Stabilimento: Luca Maccanti • Mattoni faccia a vista • Mattoni da pavimentazione • Pavimenti in cotto • Coppi • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.)

108


Fornace di Baldichieri S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Nazionale 71; 14011 - Baldichieri d’Asti (AT) Telefono: 0141/66149 Fax: 0141/66484 info@fornacebaldichieri.com www.fornacebaldichieri.com Legale Rappr.: Gigi Fava Resp. Comm.le: Andrea Marello • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%)

Industrie Pica - Portacomaro

(stabilimento) Loc. Poggio 55; Asti 14038 - Portacomaro (AT) Telefono: 0141/278005 Fax: 0141/202998 asti@industriepica.com www.pica.it • Tegole • Coppi • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie • Sede in provincia di PU; altri stabilimenti in provincia di PU

CUNEO Fornace Eugenio Casetta S.r.l.

(sede e stabilimento) Corso Canale 77; 12051 - Alba (CN) Telefono: 0173/440314 Fax: 0173/223687 info@fornacecasetta.it www.fornacecasetta.it Legale Rappr. e Direttore di Stabilimento: Eugenio Casetta • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%)

Fornace Laterizi Garelli & Viglietti S.r.l.

(sede e stabilimento) Strada Statale 28 Sud 15; 12084 - Mondovì (CN) Telefono: 0174/44395 Fax: 0174/551303 info@garellieviglietti.it www.fornacegarellieviglietti.it Legale Rappr.: Alberto Ellena • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento

S.I.L.P.A. S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Babellino 1; Fraz. Gallo 12060 - Grinzane Cavour (CN) Telefono: 0173/262028 Fax: 0173/231891 info@silpalaterizi.com www.silpalaterizi.com Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Graziano Bettini • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

Vincenzo Pilone S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Vecchia di Pianfei 2/B; 12084 - Mondovì (CN) Telefono: 0174/42468 Fax: 0174/551372 info@pilone.it www.pilone.it Legale Rappr.: Giancarlo Pilone • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

109


NOVAR A Fornace Laterizi F.C.V. S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Piero Gobetti 15; 28014 - Maggiora (NO) Telefono: 0322/87108 Fax: 0322/87108 Legale Rappr.: Giuseppe Cerutti • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm)

TORINO F.lli Ghiggia S.r.l.

(sede e stabilimento) San Nicolao 43; 10037 - Torrazza Piemonte (TO) Telefono: 011/9189506 Fax: 011/9180060 info@fornace-ghiggia.it www.fornace-ghiggia.it Legale Rappr.: Giovanni Ghiggia Resp. Comm.le: Enrico Ghiggia Direttore di Stabilimento: Enrico Ghiggia •Blocchi da solaio per solaio da getto in opera •Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

Fornace Laterizi Carena S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Camporelle 50; 10020 - Cambiano (TO) Telefono: 011/9440127 Fax: 011/9440375 fornacecarena@fornacecarena.it www.carenaspa.com Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Pierluigi Carena Resp. Tecnico: Mario Carena • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%)

Fornace Mosso Paolo S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Asti 15; 10026 - Santena (TO) Telefono: 011/9492531 Fax: 011/9491692 info@fornacemosso.it www.fornacemosso.it Legale Rappr.: Alberto Mosso Resp. Comm.le: Augusto Mosso Resp. Tecnico: Guido Mosso • Tegole

Fornace Pautasso Luigi S.r.l.

(sede e stabilimento) Strada Cascina Rossa 50; 10037 - Torrazza Piemonte (TO) Telefono: 011/9189093 Fax: 011/9189527 fornacepautasso@libero.it www.fornacepautasso.it Legale Rappr., Resp. Comm.le e Direttore di Stabilimento: Alberto Tonatto • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%)

Industria Laterizi San Grato S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Carmagnola 50; 10040 - Pralormo (TO) Telefono: 011/9481122 Fax: 011/9481524 info@laterizisangrato.com Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Giuseppe Dellepiane • Mattoni faccia a vista

110


Nigra Industria Laterizi S.r.l.

(sede) Corso Re Umberto 7; 10138 - Torino (TO) Telefono: 011/9189517 Fax: 011/9180008 info@nigra.it www.nigra.it Legale Rappr.: Luciano Nigra Resp. Comm.le: Massimo Nigra

Nigra Industria Laterizi

(stabilimento) Traversa Mazzini 2; 10037 - Torrazza Piemonte (TO) Telefono: 011/9180034 Fax: 011/9180008 info@nigra.it www.nigra.it • Mattoni pieni (foratura ≤ 15%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%)

VERCELLI Wienerberger - Gattinara

(stabilimento) Via Rovasenda 79; 13045 - Gattinara (VC) Telefono: 0163/831012 Fax: 0163/834086 italia@wienerberger.com www.wienerberger.it Direttore di Stabilimento: Marcello Rondi • Mattoni pieni (foratura ≤ 15%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante, rettificato (45% < foratura ≤ 55%) Sede in provincia di BO; altri stabilimenti in provincia di BL, BO e TR

LIGURIA SAVONA Ligure Piemontese Laterizi S.p.A.

(sede e stabilimento) Strada Ferrere 19; 17014 - Cairo Montenotte (SV) Telefono: 019/504901 Fax: 019/503841 lpl@lplspa.it Legale Rappr.: Massimo Vaccari Resp. Comm.le: Carlo Vaccari Direttore di Stabilimento: Cristian Rossi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse

LOMBARDIA CREMONA Danesi Latertech S.p.A.

(sede) Via Bindina 8; 26029 - Soncino (CR) Telefono: 0374/85462 Fax: 0374/83030 info@danesilatertech.it www.danesilatertech.it Legale Rappr.: Roberto Danesi Resp. Comm.le: Davide Pozzobon Resp. Tecnico: Emanuele Serventi Stabilimento in provincia di PV

111


Gruppo Sereni S.r.l.

(sede) Via Cadeferro 60; 26040 - Martignana di Po (CR) Telefono: 0375/285211 Fax: 0375/200356 info@grupposereni.it www.grupposereni.it Legale Rappr.: Sergio Sereni Resp. Comm.le: Latercom Srl – Laterpoint Srl Resp. Tecnico: Martinelli Filippo

Gruppo Sereni - Casalmaggiore

(stabilimento) Strada Provinciale Asolana 343 n. 40; Vicobellignano, 26041 - Casalmaggiore (CR) Telefono: 0375/285211 Fax: 0375/200356 info@grupposereni.it www.grupposereni.it Direttore di Stabilimento: Nazzareno Marcantoni • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento

Sereni Coperture S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Cadeferro 60; 26040 - Martignana di Po (CR) Telefono: 0375/263011 Fax: 0375/260909 info@serenicoperture.it www.serenicoperture.it Legale Rappr.: Renzo De Checchi Resp. Comm.le: Adalberto Rorh Direttore di Stabilimento: Stefano Bonetto • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Tegole • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie

Fornace Torricella Laterizi S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Fornace Pezzotti 18; 26032 - Ostiano (CR) Telefono: 0372/840298 Fax: 0372/840407 fornacetorricella@libero.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Giuliano Pezzotti • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse

Fornaci Laterizi Danesi S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Bindina 8; 26029 - Soncino (CR) Telefono: 0374/85462 Fax: 0374/83030 info@danesilaterizi.it www.danesilaterizi.it Legale Rappr.: Roberto Danesi Resp. Comm.le: Davide Pozzobon Resp. Tecnico: Emanuele Serventi • Mattoni pieni (foratura ≤ 15%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento Altro stabilimento in provincia di PC

112


MIL ANO Fornace Laterizi Trezzo S.p.A.

(sede e stabilimento) Via F. Guarnerio 100; Trezzo Sull’Adda 20056 - Trezzo sull’Adda (MI) Telefono: 02/9090247 Fax: 02/9090765 info@fornacetrezzo.it www.fornacetrezzo.it Legale Rappr.: Mario Micheloni Resp. Comm.le: Carlo Bianchi Direttore di stabilimento: Attilio Santi • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%)

IIL – Industria Italiana Laterizi S.r.l.

(sede) Viale Bianca Maria 21; 20122 Milano (MI) Telefono: 0386/757101 Fax: 0386/757100 info@industriaitalianalaterizi.it Legale Rappr.: Piero Delaini Resp. Comm.le: Luca Zani Stabilimento in provincia di MN

La Cecosa S.r.l.

(sede) Via Larga 6; 20122 - Milano (MI) Telefono: 0383/60155 Fax: 0383/60423 lacecosa@lacecosasrl.it www.lacecosasrl.it Legale Rappr., Resp. Comm.le e Direttore di Stabilimento: Riccardo Torti Stabilimento in provincia di PV

MONZ A - BRIANZ A Giussani Enrico & Figli S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Sicilia 30; Villaggio Snia 20811 - Cesano Maderno (MB) Telefono: 0362/506392 Fax: 0362/551747 amministrazione@giussanienrico.191.it www.giussanilaterizi.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Riccardo Giussani • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%)

MANTOVA IIL – Industria Italiana Laterizi

(stabilimento) Località Cà Bianca; 46020 San Giovanni del Dosso (MN) Telefono: 0386/757101 Fax: 0386/757100 industriaitalianalaterizisrl@legalmail.it Direttore di Stabilimento: Attilio Santi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Sede in provincia di MI

PAVIA Branduzzo Laterizi S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Fornaci di Branduzzo 53/c; 27040 - Castelletto di Branduzzo (PV) Telefono: 0383/85037 Fax: 0383/895588 info@branduzzolaterizi.it Legale Rappr.: Luigino Piccinini Resp. Comm.le: Maurizio Carati • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm)

113


Danesi Latertech - Casei Gerola

(stabilimento) Strada per Silvano Pietra 1; 27050 - Casei Gerola (PV) Telefono: 0383/61025 Fax: 0383/612098 info@danesilatertech.it www.danesilatertech.it • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento, rettificato (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante, rettificato (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, armato, antisismico (foratura ≤ 45%) Sede in provincia di CR

Industria Laterizi Vogherese S.p.A.

(sede e stabilimento) Regione Magenta 1; 27050 - Casei Gerola (PV) Telefono: 0383/60157 Fax: 0383/60280 info@gruppo-ilv.it www.gruppo-ilv.it Legale Rappr.: Franco Bosi Resp. Comm.le: Antonello Bariani Resp. Tecnico: Carlo Gravaghi Direttore di Stabilimento: Carlo Gravaghi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm)

La Cecosa - Casei Gerola

(stabilimento) Via Po 15; 20150 - Casei Gerola (PV) Telefono: 0383/60155 Fax: 0383/60423 lacecosa@lacecosasrl.it www.lacecosasrl.it Direttore di Stabilimento: Riccardo Torti • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tegole • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie Sede in provincia di MI

Laterizi S. Antonio S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Arcipretura 13; 27050 - Cervesina (PV) Telefono: 0383/375155 Fax: 0383/375204 info@laterizisantonio.it Legale Rappr.: Carlo Alberto Bosi Resp. Comm.le: Vittorio Marchese • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

Monier – Castelletto di Branduzzo

(stabilimento) Via Longhi 6; 27040 - Castelletto di Branduzzo (PV) Telefono: 0383/85121 Fax: 0383/895553 info.it@monier.com www.monier.it Direttore di Stabilimento: Roberto Giubila • Tegole Sede in provincia di BZ; altro stabilimento in provincia di MT

114


TRENTINO ALTO ADIGE BOL Z ANO Monier S.p.A.

(sede) Via Valle Pusteria 21; 39030 - Chienes (BZ) Telefono: 0474/560000 Fax: 0474/560530 info.it@monier.com www.monier.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Andrea Benincasa Resp. Tecnico: Fabio Boido Stabilimenti in provincia di MT e PV

VENETO BELLUNO Wienerberger - Feltre

(stabilimento) Strada della Fornace 7; Villabruna 32030 - Feltre (BL) Telefono: 0439/340411 Fax: 0439/42731 italia@wienerberger.com www.wienerberger.it Direttore di Stabilimento: Erico Vardanega • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante, rettificato (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) Sede in provincia di BO; altri stabilimenti in provincia di BO, TR e VC

PADOVA Fornace S. Anselmo S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Tolomei 61; 35010 – Loreggia (PD) Telefono: 049/9304711 Fax: 049/5791010 info@santanselmo.it www.santanselmo.it Legale Rappr.: Piero De Checchi Resp. Comm.le: Alberto De Checchi Resp. Tecnico: Carlo Zambon Direttore di Stabilimento: Piero De Checchi • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.)

ROVIGO Crivellari e Zebini S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Roma 1451; Zelo 45020 - Giacciano con Baruchella (RO) Telefono: 0425/561056 Fax: 0425/561063 utecnico@crivellariezebini.it www.crivellariezebini.it Legale Rappr.: Filippo Zebini Resp. Comm.le: Maurizio Braga Resp. Tecnico: Andrea Passini – Alessandro Cavallini Direttore di Stabilimento: Filippo Zebini • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento

115


Laterizi Reato S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Marconi 1130; San Martino di Venezze 45030 – Rovigo (RO) Telefono: 0425/99025 Fax: 0425/99387 amministrazione@laterizireato.com www.laterizireato.com Legale Rappr.: Eugenia Reato Resp. Comm.le: Domenico Murdaca Direttore di Stabilimento: Pierluigi Reato • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Laterizi per pannelli da solaio

TREVISO Fornace di Dosson di Rachello & C. S.p.A. - Società con Socio Unico (sede e stabilimento) Via Santi 77; Dosson 31030 - Casier (TV) Telefono: 0422/633147 Fax: 0422/330884 dossonspa@libero.it Legale Rappr.: Ettore Zugno Resp. Comm.le: Francesco Adami

• Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%)

Fornace Laterizi Vardanega Isidoro S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Olivi 38; 31054 - Possagno (TV) Telefono: 0423/544011 Fax: 0423/544580 info@vardanegaisidoro.it www.vardanegaisidoro.it Legale Rappr.: Luca Giusti Resp. Comm.le: Davide Boggian Resp. Tecnico: Andrea Borsato • Coppi

Fornaci del Sile S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Treponti 63; 31056- Roncade (TV) Telefono: 0422/824110 Fax: 0422/825918 info@fornacidelsile.it www.fornacidelsile.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Alberto Biffis Resp. Tecnico e Direttore di Stabilimento: Franco Pellizzari • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento

Industrie Cotto Possagno S.p.A.

(sede) Via Molinetto 80; 31054 - Possagno (TV) Telefono: 0423/9205 Fax: 0423/920910 info@cottopossagno.com www.cottopossagno.com Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Alessandro Vardanega Resp. Tecnico: Mario Cunial

Industrie Cotto Possagno– impianto COE

(stabilimento) Via Olivi 56; 31054 - Possagno (TV) Telefono: 0423/9205 Fax: 0423/920704 info@cottopossagno.com www.cottopossagno.com Direttore di Stabilimento: Daniele Vardanega • Coppi

116


Industrie Cotto Possagno – impianto Cunial

(stabilimento) Via Molinetto 82; 31054 - Possagno (TV) Telefono: 0423/920929 Fax: 0423/920959 info@cottopossagno.com www.cottopossagno.com Direttore di Stabilimento: Giuseppe Cunial • Tegole • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie

Industrie Cotto Possagno – impianto F.lli Vardanega

(stabilimento) Via Olivi 54; 31054 - Possagno (TV) Telefono: 0423/920777 Fax: 0423/920707 info@cottopossagno.com www.cottopossagno.com Direttore di Stabilimento: Daniele Vardanega

• Pezzi speciali per coperture e canne fumarie

Industrie Cotto Possagno – impianto ILCA

(stabilimento) Via Fornaci 15; 31054 - Possagno (TV) Telefono: 0423/920761 Fax: 0423/920764 info@cottopossagno.com www.cottopossagno.com Direttore di Stabilimento: Mario Cunial • Tegole

Industrie Cotto Possagno – impianto Monfenera

(stabilimento) Via Muson 26; La Valle 31010 - Monfumo (TV) Telefono: 0423/560176 Fax: 0423/560223 info@cottopossagno.com www.cottopossagno.com Direttore di Stabilimento: Mario Cunial • Coppi • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie

VENEZIA Terreal Italia - Noale

(stabilimento) Strada San Dono 80; 30033 - Noale (VE) Telefono: 041/5892411 Fax: 041/5800190 servizi@sanmarco.it www.sanmarco.it Direttore di Stabilimento: Francesco Stangherlin • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Mattoni da pavimentazione Sede in provincia di AL; altri stabilimenti in provincia di AL e FI

117


VERONA Gruppo Stabila – Ronco all’Adige

(stabilimento) Via Crosarona 11-19; Ronco all'Adige 37055 - Ronco all'Adige (VR) Telefono: 045/6615500 Fax: 045/6515502 info@gruppostabila.it www.gruppostabila.it Direttore di Stabilimento: Gilberto Piazza • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) Sede in provincia di VI; altro stabilimento in provincia di VI

VICENZ A Fornaci Zanrosso S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Visan 38; 36034 - Malo (VI) Telefono: 0445/588019 Fax: 0445/588018 info@zanrosso.com www.zanrosso.com Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Ugo Zanrosso • Mattoni semipieni (15 < foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante, rettificato (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, armato, antisismico (foratura ≤ 45%)

Fornaci Zanrosso – impianto Visana

(stabilimento) Via Visan 52; 36034 - Malo (VI) Telefono: 0445/588019 Fax: 0445/588018 info@zanrosso.com www.zanrosso.com • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse

Gruppo Effe 2 S.p.A. (sede e stabilimento) Via Scovizze 1; 36033 - Isola Vicentina (VI) Telefono: 0444/599211 Fax: 0444/978016 info@effe2.com www.effe2.com Legale Rappr.: Giuseppe Alì Resp. Comm.le: Luca Tecchio Direttore di Stabilimento: Valentino Zanuso • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.)

118


Gruppo Stabila S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Capiterlina 141; Isola Vicentina 36033 - Isola Vicentina (VI) Telefono: 0444/977009 Fax: 0444/976780 info@gruppostabila.it www.gruppostabila.it Legale Rappr.: Ettore Zugno Resp. Comm.le: Francesco Adami Resp. Tecnico: Michele Destro Direttore di Stabilimento: Gilberto Piazza • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, armato, antisismico (foratura ≤ 45%) Altro stabilimento in provincia di VR

FRIULI VENEZIA GIULIA UDINE Fornaci di Manzano S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Udine 40; 33044 - Manzano (UD) Telefono: 0432/754732 Fax: 0432/754224 info@fornacidimanzano.it www.fornacidimanzano.it Legale Rappr.: Umberto Midolini Resp. Comm.le: Stefano Midolini Resp. Tecnico: Merlino Fabio Massimo Direttore di Stabilimento: Renzo Iuri • Mattoni pieni (foratura ≤ 15%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, armato, antisismico (foratura ≤ 55%)

EMILIA- ROMAGNA BOLOGNA IBL - Bentivoglio

(stabilimento) Via Saliceto 55/2; 40010 - Bentivoglio (BO) Telefono: 051/6647270 Fax: 051/863451 ibl@iblspa.it www.iblspa.it • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Mattoni faccia a vista estrusi Sede in provincia di RA; altro stabilimento in provincia di RA

119


Wienerberger S.p.A. Unipersonale

(sede e stabilimento) Via Ringhiera 1; Bubano 40027 - Mordano (BO) Telefono: 0542/56811 Fax: 0542/51143 italia@wienerberger.com www.wienerberger.it Legale Rappr.: Filippo de Fraja Frangipane, Guelnaz Atila, Marcin Dudek Resp. Comm.le: Guelnaz Atila Direttore di Stabilimento: Edoardo Ferraresi • Mattoni pieni (foratura ≤ 15%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) Altri stabilimenti in provincia di BL, TR e VC

FORLÌ CESENA Laterizi Gambettola S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Roma 54; 47035 - Gambettola (FC) Telefono: 0547/53053 Fax: 0547/53751 dimora@laterizigambettola.it Legale Rappr.: Alessandro Orioli • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm)

MODENA Fornace San Lorenzo S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Giardini 35; Ubersetto 41042 - Fiorano Modenese (MO) Telefono: 0536/843717 Fax: 0536/920370 fornacesanlorenzo@libero.it Legale Rappr.: Alfonso Vacondio Resp. Comm.le: Giovanni Medici • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento

PIACENZ A Fornaci Laterizi Danesi - Lugagnano Val D'Arda

(stabilimento) Via Oltre Arda 17; 29018 - Lugagnano Val D'Arda (PC) Telefono: 0523/801020 Fax: 0523/892805 info@danesilaterizi.it www.danesilaterizi.it • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento Sede in provincia di CR; altro stabilimento in provincia di CR

120


R AVENNA Ceprano Coperture S.r.l.

(sede) Via Ponte Pietra 11; 48010 - Cotignola (RA) Telefono: 0545/40123 Fax: 0545/42067 info@cepranocoperture.it www.cepranocoperture.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Antonio D'Agostino Stabilimento in provincia di FR

IBL S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Ponte Pietra 11; 48010 - Cotignola (RA) Telefono: 0545/40123 Fax: 0545/43008 ibl@iblspa.it www.iblspa.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Antonio D'Agostino • Mattoni faccia a vista in pasta molle Altro stabilimento in provincia di BO

REGGIO EMILIA Cis Edil S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Celestino Iotti 92; 42045 - Luzzara (RE) Telefono: 0522/976128 Fax: 0522/977919 info@cisedil.it www.cisedil.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Antonio Soliani • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%)

Terremilia S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Fosdondo 55; 42015 - Correggio (RE) Telefono: 0522/740211 Fax: 0522/691240 info@terremilia.com www.fornacefosdondo.it Legale Rappr.: Umberto Magnani Resp. Comm.le: Alessandro Della Scala Resp. Tecnico: Ettore Sassi Direttore di Stabilimento: Ettore Sassi • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Mattoni faccia a vista estrusi • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Pavimenti in cotto

RIMINI Gruppo Ripa Bianca S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Santarcangiolese 1830; Santarcangelo di Romagna 47822 - Santarcangelo di Romagna (RN) Telefono: 0541/626132 Fax: 0541/625533 info@grupporipabianca.it www.grupporipabianca.it Legale Rappr.: Anna Maria Assirelli Resp. Comm.le: Michele Marconi Resp. Tecnico: Francesco Martinini • Blocchi da solaio • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento

121


Ve-Va S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Fornace Verni 153; 47842 - San Giovanni in Marignano (RN) Telefono: 0541/955130 Fax: 0541/957001 ve-va@ve-va.it www.ve-va.it Legale Rappr.: Riccardo Verni Resp. Comm.le: Riccardo Minghè • Tegole

TOSC ANA AREZZO Agricola Industriale Della Faella S.p.A.

(sede e stabilimento) Loc. Pratigliolmi 12; 52020 - Castelfranco di Sopra (AR) Telefono: 055/9146063 Fax: 055/965651 pratigliolmi@val.it www.pratigliolmi.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Saverio Del Buffa Direttore di Stabilimento: Adriano Taddeucci Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, antisismico (foratura ≤ 45%) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Pavimenti in cotto • Mattoni da pavimentazione • Tegole • Coppi • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.)

So.la.va S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Urbinese 45/F; 52026 - Pian di Sco (AR) Telefono: 055/9156556 Fax: 055/9156508 info@solava.it www.solava.it Legale Rappr.: Gregorio Del Buffa Resp. Comm.le: Andrea Nocentini • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Mattoni faccia a vista estrusi • Tegole • Coppi • Mattoni da pavimentazione

Terreal Italia – Castiglion Fiorentino

(stabilimento) Loc. Santa Lucia 10 c/h; 52043 - Castiglion Fiorentino (AR) Telefono: 0575/656111 Fax: 0575/656130 servizi@sanmarco.it www.sanmarco.it Direttore di Stabilimento: Giovanbattista Bianchi • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Mattoni da pavimentazione • Tegole Sede in provincia di AL; altri stabilimenti in provincia di AL e VE

FIRENZE Vivaterra S.r.l.

(sede) Via Provinciale Chiantigiana 36; 50022 - Greve in Chianti (FI) Telefono: 055/85901 Fax: 055/8590354 info@vivaterra.it www.vivaterra.it Legale Rappr.: Giorgio Avezzano Resp. Comm.le: Massimiliano Vittori

122


LIVORNO Donati Laterizi - Livorno

(stabilimento) Via della Fornace; Gabbro 57010 - Livorno (LI) Telefono: 0586/743611 Fax: 0586/743651 info@donatilaterizi.it www.donatilaterizi.it • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) Sede in provincia di PI; altro stabilimento in provincia di PI

PISA Donati Laterizi S.r.l.

(sede e stabilimento) Via A. Meucci 28; Campo 56010 - Pisa (PI) Telefono: 050/871511 Fax: 050/871525 info@donatilaterizi.it www.donatilaterizi.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Massimo Donati • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) Altro stabilimento in provincia di LI

Industria Laterizi Quaglierini S.r.l. unipersonale

(sede e stabilimento) Via Pettori 22; Pettori-Cascina 56125 - Cascina (PI) Telefono: 050/772002 Fax: 050/772398 quaglierini@tin.it Legale Rappr.: Maria Rosa Quaglierini Resp. Comm.le: Stefano Donati • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm)

SIENA Cottosenese S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Fornaci 55/a; 53027 - San Quirico d'Orcia (SI) Telefono: 0577/897510 Fax: 0577/898029 sfl@cottosenese.it www.cottosenese.it Legale Rappr.: Gastone Colleoni Resp. Comm.le: Claudio Meloni Direttore di Stabilimento: Gianluca Mazzantini • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse • Tegole

123


MARCHE MACER ATA Smorlesi Gaetana Cecilia & C. S.p.A.

(sede e stabilimento) Via G. Smorlesi 5; 62010 - Montecassiano (MC) Telefono: 0733/290100 Fax: 0733/599724 smorlesi@smorlesi.com www.smorlesi.com Legale Rappr.: Alfredo Cesarini Resp. Comm.le: Alfredo Cesarini • Mattoni faccia a vista estrusi • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Pavimenti in cotto • Tegole

PESARO - URBINO Cotto San Michele

(stabilimento) Via Mondavese 88; San Michele al Fiume 61040 - Mondavio (PU) Telefono: 0721/987006 Fax: 0721/987007 info@cottosanmichele.it www.cottosanmichele.it Direttore di Stabilimento: Roberto Vardanega • Tegole • Coppi Sede in provincia di TV

Industrie Pica S.p.A.

(sede e stabilimento) Strada Montefeltro 83; 61100 - Pesaro (PU) Telefono: 0721/4401 Fax: 0721/201370 info@pica.it www.pica.it Legale Rappr.: Paolo Tarchioni Resp. Comm.le: Alessandro Marchini • Mattoni faccia a vista estrusi • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Mattoni da pavimentazione • Pavimenti in cotto • Tegole • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.) Altri stabilimenti in provincia di AT

UMBRIA PERUGIA FBM - Fornaci Briziarelli Marsciano S.p.A.

(sede) Via XXIV Maggio; 06055 - Marsciano (PG) Telefono: 075/87461 Fax: 075/8748990 fbm@fbm.it www.fbm.it Legale Rappr.: Vincenzo Briziarelli Resp. Comm.le: Gianni Meneghini Stabilimenti in provincia di PG e TR

FBM - Bevagna

(stabilimento) Vocabolo Teverone; 06031 - Bevagna (PG) Direttore di Stabilimento: Giuseppino Vento Telefono: 0742/360192 Fax: 075/8746705 fbm@fbm.it www.fbm.it

124

• Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Mattoni faccia a vista estrusi • Mattoni faccia a vista in pasta molle Sede in provincia di PG; altri stabilimenti in provincia di PG e TR


FBM - Marsciano

(stabilimento) Loc. Fornaci; 06055 - Marsciano (PG) Telefono: 075/87461 Fax: 075/8748990 fbm@fbm.it www.fbm.it Direttore di Stabilimento: Stefano Susta • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento • Tegole • Coppi • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie Sede in provincia di PG; altri stabilimenti in provincia di PG e TR

Fornaci Laterizi Clarici

(sede) Via G. Garibaldi 144; 06034 - Foligno (PG) Telefono: 0742/340788 Fax: 0742/340856 info@fornaciclarici.it www.fornaciclarici.it Legale Rappr.: Pier Domenico Clarici

Fornaci Laterizi Clarici

( stabilimento) Via Fiamenga 86; 06034 - Foligno (PG) Telefono: 0742/20861 Fax: 0742/340856 info@fornaciclarici.it www.fornaciclarici.it • Mattoni faccia a vista in pasta molle • Mattoni da pavimentazione • Tegole • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.)

TERNI FBM - Avigliano Umbro

(stabilimento) Loc. Dunarobba 05020 - Avigliano Umbro (TR) Telefono: 0744/940245 Fax: 075/8746741 fbm@fbm.it www.fbm.it Direttore di Stabilimento: Nazzareno Bartolini • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Sede in provincia di PG; altri stabilimenti in provincia di PG

Wienerberger - Terni

Loc. Macchiagrossa 1/A; 05100 - Terni (TR) Telefono: 0744/241497 Fax: 0744/241517 italia@wienerberger.com www.wienerberger.it Direttore di Stabilimento: Roberto Mosconi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento Sede in provincia di BO; altri stabilimenti in provincia di BL, BO e VC

125


L A ZIO FROSINONE Ceprano Coperture

(stabilimento) Via Ponte Pietra 11; Campo di Cristo 18 03024 - Ceprano (FR) Telefono: 0775/917320 Fax: 0775/914398 info@cepranocoperture.it www.cepranocoperture.it • Tegole • Coppi Sede in provincia di RA

ROMA Fornaci D.C.B. - Pierino Branella S.p.A.

(sede e stabilimento) Via di Valle Ricca 305; 00138 - Roma (RM) Telefono: 06/88588203 Fax: 06/88588317 info@fornacidcb.it www.fornacidcb.it Legale Rappr.: Paolino Branella Resp. Comm.le: Antonio Sorgi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

ABRUZZO TER AMO Laterizi F.lli Di Carlantonio

(stabilimento) Via Luigi Settembrini 58; Montorio al Vomano - 64046 Teramo (TE) Telefono: 0861/592941 Fax: 0861/592945 laterdica@tiscali.it www.laterizidicarlantonio.it • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, armato, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

S.I.A.I. S.r.l.

(sede) Via Patini 7; 64026 - Roseto degli Abruzzi (TE) Telefono: 085/8990104 Fax: 085/8930485 amministrazione@siailaterizi.it www.siailaterizi.it Legale Rappr.: Domenico Barba Resp. Comm.le: Biagio Marra Resp. Tecnico: Franco Manetta Stabilimento in provincia di CB

Laterizi F.lli Di Carlantonio S.r.l. unipersonale

(sede) Via Giovanni Fuschi (Zona Industriale); San Nicolo' a Tordino 64100 - Teramo (TE) Telefono: 0861/58441 Fax: 0861/588071 laterdica@tiscali.it www.laterizidicarlantonio.it Legale Rappr.: Giustino Di Carlantonio Resp. Comm.le: Paolo De Federicis

126


MOLISE C AMPOBA SSO S.I.A.I.

(stabilimento) Via Mediterraneo 40; Scalo Ferroviario 86038 - Petacciato (CB) Telefono: 0875/67302 Fax: 0875/678553 info@siailaterizi.it www.siailaterizi.it Direttore di Stabilimento: Elio Palumbi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, armato, antisismico (foratura ≤ 45%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Sede in provincia di TE

C AMPANIA BENEVENTO Moccia Industria - Montesarchio

S.S. Appia 169; Tora 82016 - Montesarchio (BN) Telefono: 0824/834260 Fax: 0824/832682 stabmocciaindustria@gruppomoccia.com Direttore di Stabilimento: Giuseppe Pancione • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Sede in provincia di NA

NAPOLI Moccia Industria S.p.A.

(sede) Via Galileo Ferraris 101; 80142 - Napoli (NA) Telefono: 081/7349990 Fax: 081/7340642 mocciaindustria@gruppomoccia.com Legale Rappr.: Gennaro Moccia Resp. Comm.le: Maurizio Cuccorese Stabilimento in provincia di BN

BA SILIC ATA MATER A Monier - Salandra

(stabilimento) Z.I. Salandra Scalo; 75017 - Salandra (MT) Telefono: 0835/6701120 Fax: 0835/670200 info.it@monier.com www.monier.it Direttore di Stabilimento: Raffaele Colandrea •Tegole Sede in provincia di BZ; altro stabilimento in provincia di PV

127


PUGLIA FOGGIA Fornaci Ioniche S.r.l.

(sede) Via San Rocco 45; Lucera 71036 – Lucera (FG) Telefono: 0881/527111 Fax: 0881/527248 info@gruppofantini.com www.gruppofantini.com Legale Rappr. e Resp. Tecnico: Filippo Fantini Stabilimento in provincia di CS

Laterificio Meridionale S.r.l.

(sede e stabilimento) Via Pietra Montecorvino km 0,510; 71036 – Lucera (FG) Telefono: 0881/520116 Fax: 0881/520064 info@laterificiomeridionale.it www.laterificiomeridionale.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Gianfranco Carrozzino • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

C AL ABRIA C ATANZ ARO Cotto Cusimano S.r.l.

(sede e stabilimento) Contrada Campo 21; 88040 - Settingiano (CZ) Telefono: 0961/998239 Fax: 0961/998652 cusimano@cusimano.it www.cottocusimano.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Giovanni Cusimano • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Mattoni faccia a vista estrusi • Pavimenti in cotto • Coppi

COSENZ A Europak S.r.l.

(sede e stabilimento) Contrada Serra Giumenta; 87042 - Altomonte (CS) Telefono: 0981/941951 Fax: 0981/941954 europak@tiscali.it Legale Rappr.: Gianna Rabassi • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%)

Fornaci Ioniche

(stabilimento) S.S. 19 delle Calabrie; 87010 – Lattarico (CS) Telefono: 0984/939820 Fax: 0984/938092 info@gruppofantini.com www.gruppofantini.com

128

• Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Sede in provincia di FG


REGGIO C AL ABRIA Calcementi Jonici S.r.l.

(sede e stabilimento) Contrada Limarri (Zona Industriale); 89048 - Siderno (RC) Telefono: 0964/382811 Fax: 0964/382866 info@calcementi.it www.calcementi.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Giuseppe Caldara Resp. Tecnico: Cosimo Voci Direttore di Stabilimento: Cosimo Voci • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

Latersud S.r.l.

(sede e stabilimento) Via La Resta 13; 89029 - Taurianova (RC) Telefono: 0966/611419 Fax: 0966/612210 latersud@latersud.it www.latersud.it Legale Rappr., Resp. Comm.le e Direttore di Stabilimento: Antonio Rendo Resp. Tecnico: Carmela Patrizio • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

SICILIA AGRIGENTO Laterizi Fauci

(stabilimento) Contrada Bordea; 92019 - Sciacca (AG) Telefono: 0925/26122 Fax: 0925/26030 amm.fauci@gruppofauci.it www.gruppofauci.it • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Sede in provincia di PA

C ATANIA Furnó Agatino e Figli S.n.c.

(sede e stabilimento) Contrada Cardellicchia; 95031 - Adrano (CT) Telefono: 095/7691573 Fax: 095/7602903 cottofurno@cottosiciliano.it www.cottosiciliano.it Legale Rappr.: Angelo Furno' • Pavimenti in cotto • Altri pezzi speciali (frangisole, corrimano ecc.)

129


I.LA.P. S.r.l.

(sede e stabilimento) S.S. 121 Km 10; Piano Tavola 95032 - Belpasso (CT) Telefono: 095/391202 Fax: 095/7131967 ilap@ilap.it www.ilap.it Legale Rappr. e Resp. Comm.le: Pietro Pellegrino Resp. Tecnico: Carmelo Gulisano • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, antisismico (foratura ≤ 45%) • Mattoni faccia a vista estrusi • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

Industrie Laterizi Sicilia S.r.l.

(sede e stabilimento: ex D B Group) Contrada Contrasto SS 121 Km 39; 95031 - Adrano (CT) Telefono: 095/7693319 Fax: 095/5184469 industrielaterizisicilia@pec.impresecatania.it www.geoindustrie.com Legale Rappr.: Vincenzo Conti • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi da solaio per solaio da getto in opera • Altri stabilimenti in provincia di CT e EN

Industrie Laterizi Sicilia - ex Brick Industry

Contrada Contrasto SS 121 Km 33; 95031 - Adrano (CT) Telefono: 095/7693319 Fax: 095/5184469 industrielaterizisicilia@pec.impresecatania.it www.geoindustrie.com • Tegole • Coppi Sede in provincia di CT; altri stabilimenti in provincia di CT e EN

ENNA Industrie Laterizi Sicilia - ex I.M.E.

Contrada Grada Scalo Ferroviario; 94100 - Enna (EN) Telefono: 0935/502533 Fax: 0935/502291 industrielaterizisicilia@pec.impresecatania.it www.geoindustrie.com • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) Sede in provincia di CT; altri stabilimenti in provincia di CT

MESSINA Curro’ Carmelo Laterizi di G.S.T. S.r.l.

(sede e stabilimento) Contrada Timoniere - 98040 Torregrotta (ME) Telefono: 090/9942181 Fax: 090/9943464 info@currolaterizi.it www.currolaterizi.it Legale Rappr.: Giuseppe Currò Resp. Comm.le: Salvatore Currò Resp. Tecnico: Tonino Currò • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio • Blocchi da solaio per solaio a pannelli in laterocemento • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse

130


La Centrale La Fauci & C. S.r.l.

(sede e stabilimento) Via S. Nicola; Fondachello Valdina 98040 - Valdina (ME) Telefono: 090/9941072 Fax: 099/9943862 info@laterizilacentrale.it www.laterizilacentrale.it Legale Rappr.: Carmelo La Fauci • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Tavelle e tavelloni (lunghezza > 50 cm) • Coppi

Maestrale S.r.l.

(sede e stabilimento) Contrada Liparano; Giammoro 98040 - Messina (ME) Telefono: 090/933422 Fax: 090/9346015 info@tegolemaestrale.it www.tegolemaestrale.it Legale Rappr.: Giuseppe Caminiti Resp. Comm.le: Stefano Caminiti • Tegole • Coppi • Pezzi speciali per coperture e canne fumarie

PALERMO Laterizi Fauci Produzione S.r.l.

(sede) Via Isidoro La Lumia 7; 90139 - Palermo (PA) Telefono: 0925/26122 Fax: 0925/26030 amm.fauci@gruppofauci.it www.gruppofauci.it Legale Rappr.: Federica Ricci Resp. Comm.le: Alfonso Pumilia Stabilimento in provincia di AG

SARDEGNA C AGLIARI Fornaci Scanu - Sestu

(stabilimento) ex S.S. 131 Km 8,200; 09028 - Sestu (CA) Telefono: 070/22241 Fax: 070/22245 info@fornaciscanu.it www.poroton.it • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti • Fondelli per architravi e travi tralicciate e precompresse Sede in provincia di VS; altro stabilimento in provincia di VS

131


Later Sistem S.r.l.

(sede e stabilimento) Via della Nautica 3; 09122 - Cagliari (CA) Telefono: 070/240190 Fax: 070/240016 latersistem.cagliari@tiscali.it www.latersistemsrl.it Legale Rappr.: Carlo Giuntelli Resp. Comm.le: Giorgio Morabito • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti

MEDIO C AMPIDANO Fornaci Scanu S.p.A.

(sede e stabilimento) Via Marconi 79; 09036 - Guspini (VS) Telefono: 070/970023 Fax: 070/22245 info@fornaciscanu.it www.poroton.it Legale Rappr.: Giuseppe Scanu Resp. Comm.le: Stefano Scanu • Mattoni pieni e semipieni (foratura ≤ 45%) • Forati e tramezze (lunghezza ≤ 50 cm) • Blocchi per murature in laterizio normale, di tamponamento (foratura > 55%) • Blocchi per murature in laterizio normale, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi per murature in laterizio alleggerito, portante (45% < foratura ≤ 55%) • Blocchi da solaio per solaio ad elementi interposti Altro stabilimento in provincia di CA

132


Elenco alfabetico delle aziende di produzione di laterizi non associate ANDIL SEDE

INDIRIZZO

CAP

COMUNE

PR

Deroma S.p.A.

Via Pasubio 17

36034

Malo

VI

Di Muzio Laterizi S.r.l.

Via delle Nazioni Unite 2

65020

Alanno

PE

Esse Elle Laterizi S.r.l.

Via Cairoli 73

26041

Casalmaggiore

CR

Euganea Vasi S.r.l.

Via Roma 49

35030

Rovolon

PD

Fornace Carulli S.r.l.

Contrada Riparossa 1

65010

Picciano

PE

Fornace di Castagnole Monferrato S.r.l.

Via Abate Vassalli Eandi 32

10138

Torino

TO

Fornace Dipodi S.r.l.

Loc. Clisura 2

88040

Pianopoli

CZ

Fornace F.lli Faga Srl di Faga Albino & C.

Via Agostino Visetti 3

10017

Montanaro

TO

Fornace Fonti S.r.l.

Via Giotto 41

45030

Rovigo

RO

Fornace Polirone S.n.c.

Via Argine Po 1

46030

Borgoforte

MN

Fornace Vizzolese S.r.l.

Via Casal Maiocco 2

20070

Vizzolo Predabissi

MI

Fornaci del Fagare’ Unipersonale

Via Bosco del Fagarè 10

31041

Cornuda

TV

Fornaci di Masserano S.r.l.

Via 2 Giugno 30

13063

Masserano

BI

Fornaci Tempora S.p.A.

Via Boito 28

53040

Siena

SI

Gattelli S.p.A.

Via Faentina Nord 32

48026

Russi

RA

Ginesina Laterizi S.a.s. di Carucci F. & C.

SS 78 n. 31

62026

San Ginesio

MC

GRAL Industriale S.r.l.

Via Chiavica di Legno

48011

Alfonsine

RA

Gruppo Industriale Tegolaia S.r.l.

Viale della Liberazione 48

31030

Casier

TV

Guglielmino Group S.r.l.

Via del Plebiscito 214

95045

Misterbianco

CT

ILA Laterizi S.r.l. Unipersonale

Bg. Venusio sn

75100

Matera

MT

Industria Laterizi Carraro & C. S.a.s.

Via Borgo Botteghe 102

35028

Piove di Sacco

PD

L.F. Latersiciliana S.r.l. socio unico

Via L. Lalumia 7

90139

Palermo

PA

La Fauci Rocco & C. S.n.c.

Via Torrente Senia

98040

Valdina

ME

La Moderna La Fauci N. & C. S.r.l.

Via S. Nicola

98040

Valdina

ME

Laquattro S.r.l.

Via Filari

98043

Rometta

ME

Laterfiamma S.r.l.

Costa S. Severo 10

71036

Lucera

FG

Laterizi Akragas S.r.l.

Contrada Bordea

92019

Sciacca

AG

Laterizi Arbia S.p.A.

Via Aretina 30

53019

Asciano

SI

Laterizi Archinà S.p.A.

Via Contrada Vasi 130

89040

Caulonia

RC

Laterizi Cogliandro Francesco fu Antonio

Via Nazionale 163

89062

Motta San Giovanni

RC

Laterizi Impredil S.r.l.

Viale Monastir Km. 15,2

09026

San Sperate

CA

Laterizi La Fauci Giuseppe & C. S.r.l.

Via Nazionale

98040

Valdina

ME

Laterizi Valpescara S.r.l.

Via Aterno 259

66100

Chieti

CH

Manetti Gusmano & Figli S.r.l.

Via del Ferrone 50/a

50022

Greve in Chianti

FI

S.I.L.A. S.r.l.

Via Schiova 17

47100

Forlì

FC

S.I.L.C. S.p.A. Società Ind. Lat. Coriglianese

Contrada Gennarito snc

87064

Corigliano Calabro

CS

Sannini Impruneta S.p.A.

Via Prov. Chiantigiana 135

50023

Impruneta

FI

Sarda Laterizi S.p.A.

Via Pigafetta 1

07046

Porto Torres

SS

Scianatico Laterizi S.r.l.

via Melo da Bari, 229

70121

Bari

BA

Sicilcalce S.p.A. - Sicomed S.p.A.

Via Parrini ai Petrazzi, 13

90154

Palermo

PA

SILT S.a.s. di Fracasso Q. e C.

SR 2 Cassia km 148

53040

San Casciano dei Bagni

SI

Sugaroni Vincenzo S.r.l.

Loc. Le Trobbe 3

05014

Castel Viscardo

TR

Tognana Industrie e Fornaci S.p.A.

Via S. Antonino 350/A

31100

Treviso

TV

Toppetti 2 S.a.

Via A. Canobbio 34

37100

Verona

VR

Vaseria di Casteggio S.r.l.

Via Truffi 15

27045

Casteggio

PV

Vaseria Grillo Francesco

Via Torrente Senia

98040

Venetico

ME

Vaserie in Toscana S.p.A.

Strada Provinciale 38 Km 8,8

53020

Trequanda

SI

Vivaterra

Via Provinciale Chiantigiana 36

50022

Greve in Chianti

FI

133