__MAIN_TEXT__

Page 1

Edizione per l’EUROPA

LA RIVISTA CHE CONSTRUISCE LA TUA VIDA

Marzo 2019 / Edizione 782

evangelistico www.impactoevangelistico.net

GIOVENTÙ

I GIOVANI HANNO BISOGNO DI ESSERE ASCOLTATI TESTIMONIANZA

L’UOMO CHE HA PERDONATO

PUBBLICAZIONE UFFICIALE DEL

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE

DEVOZIONALE

LA MESSE È GRANDE

Cresce l'elenco dei paesi in cui i cristiani sono perseguitati

CRISTIANI

A RISCHIO


2

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


EDITORIALE

L'ORIGINE DEI CONFLITTI Rev. José Arturo Soto B. Presidente Internazionale del MMM

“Mi fece vedere il sommo sacerdote Giosuè, che stava davanti all’angelo del Signore, e Satana, che stava alla sua destra per accusarlo. Il Signore disse a Satana: «Ti sgridi il Signore, Satana! Ti sgridi il Signore che ha scelto Gerusalemme! ...» … L’angelo disse a quelli che gli stavano davanti: «Levategli di dosso le vesti sudicie!» Poi disse a Giosuè: «Guarda, io ti ho tolto di dosso la tua iniquità e ti ho rivestito di abiti magnifici». Allora io dissi: «Gli sia messo sul capo un turbante pulito!» Quelli gli posero sul capo un turbante pulito e gli misero delle vesti…” Zaccaria 3: 1-5

N

ei giorni in cui Dio si manifestò al profeta Zac-

compito spirituale (Zaccaria 3). Grazie a Dio per coloro

caria, il popolo d’Israele andava smarrito e aveva

che piegano le ginocchia e cercano il Suo volto affinché

adottato una posizione di ambiguità e ambivalenza spiri-

Egli riveli quali sono le cose che non funzionano corret-

tuale. Allora, il messaggio di questo profeta era quindi un

tamente.

invito a rinnovare e approfondire il rapporto del popolo

Il profeta Zaccaria ebbe una visione in cui Giosuè era in

con Dio e un appello a rispondere in modo definitivo

vesti sudicie e Satana, alla sua destra, lo accusava davanti

alle Sue richieste.

all’angelo del Signore. La battaglia di Giosuè non era fi-

L’ordine di Dio di ricostruire il tempio ha una dimensio-

sica o terrena, ma spirituale, e lui stesso non capiva cosa

ne simbolica da due prospettive. In primo luogo, rappre-

stava succedendo. Tuttavia, nella visione, l’angelo del Si-

senta la necessità di ricostruire la vita spirituale, che era

gnore guardò Satana e lo rimproverò, e ordinò di porre

rotta e trascurata. Come poteva esserci vita spirituale,

vesti puliti a Giosuè (Zaccaria 3:1-5). Allora, il sommo

sacrificio e adorazione senza un altare? Come poteva

sacerdote Giosuè non rimase più in quel stato di prostra-

esserci sacerdozio senza un luogo sacro? Come pote-

zione e inerzia, perché il diavolo era stato esposto e vinto.

va soddisfare il popolo i propri bisogni spirituali, fisici,

Allo stesso modo, la Chiesa deve sapere che il nemico

emozionali e materiali senza dove avvicinarsi a Dio? In

lavora con strategie tali l’indifferenza e l’apatia nel cerca-

secondo luogo, rappresenta la sete e la fame di Dio e lo

re Dio, e in questa situazione è necessario rimproverare

sforzo per raggiungere coloro che non Lo conoscono e

il diavolo.

portarli nella Sua casa.

Sulla croce del Calvario, Cristo espose pubblicamente il

In quel momento, il sommo sacerdote Giosuè stava at-

diavolo, lo smascherò e lo mise sotto le suole dei suoi pie-

traversando una situazione di deterioramento, sconfit-

di. La vittoria è anche nostra, e il diavolo è sotto i nostri

ta e debolezza che non gli permetteva di iniziare il suo

piedi. Amen.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

3


www.impactoevangelistico.net

evangelistico Fondatore e Direttore: Rev. Luis M. Ortiz MARZO 2019 / EDIZIONE N° 782 USPS 012-850) PUBBLICAZIONE UFFICIALE DEL MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE Il World-Wide Missionary Movement, Inc. è una chiesa senza scopo di lucro con la visione di piantare nuove chiese negli Stati Uniti d’America e nei suoi territori, e con la visione missionaria di piantare nuove chiese in tutto il mondo, là dove Dio apra nuove porte. PUBBLICATA MENSILMENTE DAL Movimiento Misionero Mondiale, Inc World-Wide Missionary Movement, Inc San Juan, Porto Rico Washington, D.C. Periodici affrancati a San Juan, Porto Rico 00936 POSTMASTER: Inviare i cambiamenti di indirizzo a Impacto Evangelistico P.O. BOX 363644 San Juan, Porto Rico 00936-3644 Telefono (787) 761-8806, 761-8805, 761-8903

MEMBRI DEL M.M.M. INC. Rev. José Soto Rev. Humberto Henao Rev. Rubén Concepción Rev. Gustavo Martínez Rev. Rómulo Vergara Rev. Luis Meza Rev. Clemente Vergara Rev. Carlos Guerra

OPERE FONDATE: Germania Argentina Aruba Australia Austria Belgio Belize Bolivia Bonaire Brasile Camerun Canada Cile Colombia Congo Costa d’Avorio Costa Rica Curacao Danimarca Ecuador El Salvador Spagna US Filippine

Presidente Vicepresidente Segretario Tesoriere Direttore Direttore Direttore Direttore

Il Movimento Missionario Mondiale è un'organizzazione religiosa senza scopo di lucro regolarmente registrata a San Juan, Puerto Rico, e nel capoluogo americano, Washington D.C., con sede in entrambe le città, così come in ogni Stato dell'Unione Americana e altri paesi in cui abbiamo fondato opere missionarie. Importante Le offerte e le donazioni in denaro, attrezzatura, immobili e lasciti per volontà, dati a questa Opera del Movimento Missionario Mondiale, Inc. sono deducibili dall'imposta sul reddito (Income Tax) e le ricevute emesse dal MMM sono riconosciute dal Internal Revenue Service (IRS) del governo federale degli Stati Uniti d'America e del Stato Libero Associato di Porto Rico. n

Visitate il nostro sito Ottenete informazione edificante sull’Opera di Dio e tenetevi al corrente delle ultime novità. Un accesso personalizzato da qualsiasi parte del mondo: www.impactoevangelistico.net n

Se desiderate Scriveteci al nostro indirizzo postale: Movimento Missionario Mondiale, Inc. PO Box 363644 San Juan, P. R. 009363644 n

Finlandia Francia Gabon Ghana Guatemala Guinea Equatoriale Guyana francese Guiana britannica Haiti Olanda Honduras India Inghilterra Isola di San Andrés (Col.) Saint Martin Mauritius Rodrigues Island Isole Canarie (Spagna) Isole Hawaii (Stati Uniti) Israele Italia Giamaica Giappone

Kuwait Madagascar Malesia Messico Myanmar Nicaragua Nigeria Oman Panama Paraguay Perù Portogallo Puerto Rico Repubblica Domini­ cana Romania Svezia Svizzera Sudafrica Suriname Trinidad e Tobago Ucraina Uruguay Venezuela

Copyright © 2009 Impacto Evangelistico Movimento Missionario Mondiale, Inc. (World-Wide Missionary Movement, Inc.) Tutti i contenuti di questa rivista e di ogni successiva edizione sono regolarmente registrati presso la Biblioteca del Congresso, Washington DC, Stati Uniti d'America. Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione parziale o totale in qualsiasi forma e la traduzione in altre lingue senza il permesso del direttore sono vietate. Secondi gli accordi internazionali sul diritto d'autore è un reato punibile dalla legge. n

Dichiarazione Dottrinale Il Movimento Missionario Mondiale aderisce alle dottrine fondamentali della Scrittura, come ad esempio: n

Deposito legale presso la Biblioteca Nazionale del Perù N° 2011-02.530 Iglesia Cristiana Pentecostés-Movimento Missionario Mondiale Horacio Cachay 388 - La Victoria - Lima 13 - Perú

4

Stampato in Serbia da Rotografika Ltd. Segedinski put 72 / 24000 Subotica / Republic of Serbia MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE office@rotografika.rs / www.rotografika.rs America•Europa•Oceania•Africa•Asia

• L'ispirazione della Sacra Scrittura: 2 Timoteo 3:15-17, 2 Pietro 1:19-21. • La divinità adorabile in Tre Persone, Padre, Figlio e Spirito Santo: Matteo 3:16-17, 17: 1-5; 28:19 Giovanni 17: 5, 24, 26, 16:32, 14:16, 23, 18:05, 6, 2 Pietro 1:17,18; Apocalisse 5. • La salvezza mediante la fede in Cristo: Luca 24:47, Giovanni 3:16, Romani 10:13, Tito 2:11, 3:5-7. • La Nuova Nascita: Giovanni 3:3, 1 Pietro 1:23, 1 Giovanni 3:9. • La giustificazione per fede: Romani 5:1, Tito 3:07. • Il battesimo in acqua per immersione, come comandato da Cristo: Matteo 28:19, Atti 8:36-39. • Il battesimo nello Spirito Santo, successivo alla salvezza, parlare in lingue secondo: Luca 24:49, Atti 1:04, 8, 2:04. • La Guarigione Divina: Isaia 53:4, Matteo 08:16, 17, Marco 16:18, Giacomo 5:14, 15. • I doni dello Spirito Santo: 1 Corinzi 12:1-11. • I frutti dello Spirito Santo: Galati 5:22-26. • La santificazione: 1 Tessalonicesi 4:3, 5:23, Ebrei 12:14, 1 Pietro 1:15, 16, 1 Giovanni 2:6. • Il ministero e l'evangelizzazione: Marco 16:15-20, Romani 10:15. • La decima e la sostenibilità dell’Opera: Genesi 14:20, 28:22, Levitico 27:30, Numeri 18:21-26, Malachia 3:7-10, Matteo 10:10; 23:23. • Il sollevamento della Chiesa: Romani 8:23, 1 Corinzi 15:51 - 52, 1 Tessalonicesi 4:16-17. • La seconda venuta di Cristo: Zaccaria 14:1-9, Matteo 24:30, 31, 2 Tessalonicesi 1:7, Tito 2:13, Eb 14, 15. • Il Regno Millenario: Isaia 2:1-4, 11:5-10, Zaccaria 09:10, Apocalisse 19:20, 20:3-10. • Nuovi cieli e nuova terra: Isaia 65:17, 66:22, 2 Pietro 3:13, Apocalisse 21:1.


44

DEVOZIONALE

SOMMARIO Ci trovate in:

www.facebook.com/impactoevangelistico

6.- Copertina LA LISTA DELLA PERSECUZIONE

CRISTIANA L'organizzazione cristiana Open Doors (Porte Aperte) presenta i 50 paesi in cui c’è persecuzione dei cristiani. 14.- Infografia LA PERSECUZIONE DELLA FEDE Informazioni sulla persecuzione subita dai seguaci di Gesù Cristo in tutto il mondo. 16.- Internazionale COSA STA SUCCEDENDO AL CLIMA? Precipitazioni, inondazioni, siccità e tempeste provocano il caos sulla Terra. 18.- Attualità LA LIBRERIA GALLEGGIANTE Una nave viaggia con circa un milione di libri di 5000 titoli diversi. 20.- Gioventù HO BISOGNO DI ESSERE ASCOLTATO I giovani e gli adolescenti hanno bisogno di sostegno incondizionato. 22.- Donna IL VERO VALORE CHE DIO DÀ ALLA DONNA È necessario consolidare la dignità delle donne come coeredi della grazia della vita. 24.- Musica LA VECCHIA, VECCHIA STORIA L'inno di Katherine Hankey parla della vita del Signore. 26.- Letteratura FATTO UOMO

Libro che descrive gli scenari politici, sociali e religiosi durante la vita terrena di Gesù Cristo. 30.- Eroe di fede FEDELE FINO ALLA MORTE John Frith annunciò il Vangelo all'inizio del XVI secolo, quando predicare la Parola era un compito suicida. 34.- Storia di vita L'UOMO CHE HA PERDONATO Storia di un cristiano che ora vive in pace perché ha imparato a liberarsi dall'odio e dal risentimento. 40.- Intervista UNA LUCE DI SPERANZA NELLE FILIPPINE Il missionario Deyle Laguado parla della crescita dell'Opera di Dio nell'Asia meridionale. 42.- Apologetica I TESTIMONI DI GEOVA Rivelazioni sul messaggio di questo gruppo pieno di distorsioni e falsa dottrina. 44.- Devozionale

LA MESSE È GRANDE 46.- Devozionale

I VIOLENTI SONO DEGNI DEL REGNO DEI CIELI 48.- Devozionale

CAMMINARE CON DIO 50.- EVENTI

L'OPERA EVANGELIZZATRICE DEL MMM NEL MONDO 66.- Lettere

CI SCRIVONO I LETTORI

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

5


6

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


COPERTINA

LA LISTA DELLA PERSECUZIONE CRISTIANA

Ogni anno l'organizzazione cristiana Open Doors (Porte Aperte) presenta una classifica dei 50 paesi in cui i cristiani sono piĂš perseguitati. Ecco i risultati del rapporto 2018. Eliseo Aquino Curi

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

7


COPERTINA Nel 2018, nel mondo, un totale di 4305 persone

sono state uccise e 3125 detenute per la loro fede, secondo la World Watch List (WWL) preparata da Open Doors, un’organizzazione che sostiene i cristiani perseguitati in oltre 60 paesi in cui il cristianesimo soffre di oppressione e rifiuto legale e sociale. Secondo il rapporto, 1847 chiese sono state attaccate l’anno scorso. Oggi ci sono oltre 245 milioni di cristiani che affrontano intimidazione, incarcerazione o addirittura la morte per la loro fede in Gesù. Marco Cruz, direttore di Open Doors in America Latina, sottolinea l’importanza della WWL. “Questa classifica è uno strumento per monitorare e misurare l’estensione della persecuzione contro i seguaci di Cristo nella sfera globale”, dice. Una delle storie degne di nota è quella di Asia Bibi, una cristiana del Pakistan che è stata condannata a morte nel 2010, dopo cui è rimasta prigioniera e lontana dalla sua famiglia per 8 anni, in attesa del completamento della sentenza. Nell’ottobre 2018, dopo molti processi, incontri e appelli alla decisione presa ingiustamente, la pena è stata revocata e Asia Bibi è stata rilasciata. Nonostante le dimostrazioni e i tentativi degli estremisti islamici che chiedevano di riconsiderare la risoluzione, l’assoluzione è stata confermata il 29 gennaio di quest’anno. “Questo ci mostra che Dio è miracoloso e potente”, dice Marco Cruz. Il rapporto è organizzato su una metodologia sulla base di sondaggi a leader cristiani locali e esperti in oltre 100 paesi in cui vi sono indicazioni di persecuzione dei cristiani. I sondaggi analizzano il livello di oppressione vissuto dai credenti nelle sfere privata, familiare, sociale (comunitaria), nazionale ed ecclesiale. Infine, un’indagine approfondita determina il numero minimo di morti e attacchi contro cristiani e chiese a causa della fede per stabilire il grado di violenza anticristiana. La somma dei sei fattori determina il punteggio finale che decide la posizione del paese nella WWL. IL PIÙ GRANDE PERSEGUITORE

Secondo Open Doors, la Corea del Nord è in testa alla WWL. La persecuzione in questo paese è causata principalmente dallo Stato, che è amministrato dalle abitudini delle società comuniste anticristiane. I cristiani sono ritenuti nel paese elementi ostili alla società che devono essere sradicati. A causa del costante indottrinamento che viene applicato su tutto il territorio, i vicini e persino i familiari sono vigili e devono segnalare qualsiasi condotta sospetta alle autorità. I bambini sono appositamente indottrinati, in modo tale che a volte tradiscono i propri genitori. “La prima volta che ho visto un’esecuzione, l’uomo era

8

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

cristiano. Dicevano che aveva fatto entrare clandestinamente cose cristiane nel paese e che aveva attratto persone nella chiesa. Nel villaggio ci è stato detto di venire ad osservare. Ai bambini è stato permesso di sedersi in prima fila per avere una buona visuale. Ci era stata imposta l’idea che i cristiani sono pericolosi”. Questa testimonianza anonima è stata raccolta dal sito web di Open Doors Stati Uniti. PIÙ REATI

La Nigeria è ancora una volta il teatro dei più grandi crimini mortali contro coloro che professano la fede cristia-


Secondo Open Doors, la Corea del Nord è in testa alla WWL. La persecuzione in questo paese è causata principalmente dallo Stato, che è amministrato dalle abitudini delle società comuniste anticristiane. na. Le vittime sono state 3731, quasi il doppio del numero registrato nel 2017, in cui ci sono stati 2000 morti. La violenza in Nigeria ha anche lasciato villaggi cri-

stiani totalmente spopolati perché i credenti hanno dovuto fuggire prima dell’arrivo dei loro aggressori, che attraversano la regione con totale impunità, secondo il rapporto. Open Doors Stati Uniti indica che, nel giugno 2018, una dozzina di villaggi in Nigeria sono stati eliminati dai militanti Fulani. Le comunità colpite circondano la città di Jos, considerata il centro del cristianesimo nella fascia centrale della Nigeria settentrionale. Vi sono stati uccisi circa 200 cristiani; i residenti temono che il numero delle vittime sia maggiore, poiché ci sono ancora dei corpi da recuperare.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

9


COPERTINA

10

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Secondo la WWL, l'India è il paese con il più grande numero di attacchi contro i cristiani nel mondo: 12,512 casi. Il nazionalismo indù è cresciuto negli ultimi questi anni. Gruppi radicali e folle furiose istigate da leader religiosi indù hanno causato enormi problemi ai cristiani.

LE CAUSE DELLA PERSECUZIONE Oppressione islamica: azione violenta o non violenta che mira a sottoporre i cristiani al dominio islamico.

Nazionalismo religioso: la religione maggioritaria di un paese (solitamente induismo e buddismo, ma anche ebraismo ortodosso, ecc.) viene usata per suggerire che i cristiani non soddisfano i requisiti di cittadinanza.

Antagonismo etnico: alcune norme culturali e tribali

basate su una religione tradizionale sono usate per suggerire che i cristiani sono stranieri.

Protezionismo confessionale: l’idea di mantenere una sola denominazione cristiana come unica espressione legittima del cristianesimo in un paese.

Oppressione comunista o postcomunista: monitoraggio e controllo delle chiese attraverso sistemi di registrazione imparziali.

Intolleranza secolare: l’idea di sradicare l’espressione cristiana dalla vita pubblica e imporre un laicismo ateo. Paranoia dittatoriale: il governo fa tutto il necessario per rimanere al potere, addirittura bandire la riunione di gruppi organizzati, tra cui i cristiani.

Corruzione organizzata e delinquenza: la

creazione di un clima di anarchia e corruzione come mezzo per l’arricchimento personale. I cristiani spesso parlano contro queste pratiche e quindi diventano bersagli.

PIÙ DETENUTI

Nel rapporto, la Cina è al primo posto della classifica con 1131 cristiani arrestati, perseguiti e incarcerati per cause direttamente collegate alla loro fede. Le autorità comuniste stanno limitando le libertà in tutta la Cina nel loro sforzo di controllare la società e rimanere al potere. Da quando il Partito Comunista si è appropriato delle leggi sulla religione, il trattamento dei

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

11


Il pastore di una chiesa ha raccontato come 50 militanti Fulani sono entrati pesantemente armati nel villaggio di Nghar, nel distretto di Gashes, intorno alle 3:30 del mattino. Hanno bruciato tutte le case e due chiese. gruppi religiosi, soprattutto i cristiani, è stato indurito in tutto il paese perché i cristiani sono la più grande forza sociale cinese non controllata dallo Stato. “La situazione è tesa, ma sappiamo che Dio si sta muovendo nonostante le restrizioni. Abbiamo tenuto un incontro di leader regionali e abbiamo deciso che se uno di noi viene arrestato, un altro continuerà con il lavoro”. Questa è la testimonianza anonima di un pastore in Cina, raccolta dal sito web di Open Doors Stati Uniti. PIÙ ATTACCHI

Secondo la WWL, l’India è il paese con il più grande numero di attacchi contro i cristiani nel mondo: 12,512 casi. Il nazionalismo indù è cresciuto negli ultimi questi anni. Gruppi radicali e folle furiose istigate da leader religiosi indù hanno causato enormi problemi ai cristiani. Tutto ciò accade con totale impunità perché le autorità locali, statali e nazionali sono solitamente dominate dal partito radicale indù Bharatiya Janata Party (BJP). Il 20 gennaio 2018, il corpo del pastore Gideon de Adaiyalachery fu trovato appeso al tetto della sua casa una settimana dopo aver denunciato gli attacchi dei radicali indù alla polizia. D’altra parte, in Nigeria, 569 chiese sono state attaccate nel 2018. Molti cristiani sono stati espropriati delle loro terre e privati dei loro mezzi di sussistenza. I cristiani sono vittime di discriminazione e esclusione sociale. La corruzione ha indebolito lo Stato quando si tratta di proteggere i cristiani dalle violenze perpetrate da gruppi come Boko Haram e i militanti Fulani. Secondo Open Doors Stati Uniti, il pastore di una chiesa ha raccontato come 50 militanti Fulani sono entrati pesantemente armati nel villaggio di Nghar, nel distretto di Gashes, intorno alle 3:30 del mattino. Hanno bruciato tutte le case e due chiese, e 27 persone hanno perso la vita bruciate nelle loro case. Solo una persona, il fratello minore della moglie del pastore, è sopravvissuto perché è riuscito a fuggire attraverso il tetto.

12

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


COPERTINA

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

13


4305 1847 3150 Cristiani uccisi

Chiese attaccate

Cristiani arrestati

Corea del Nord

Motivi della persecuzione OPPRESSIONE (POST) COMUNISTA

PARANOIA DITTATORIALE

39

Promotori della persecuzione CAPI DI STATO E AUTORITÀ

PARTITI POLITICI

PARENTI

CITTADINI E MOVIMENTI SOCIALI 47

Cause della persecuzione dei cristiani in Corea del Nord

LA PERSECUZIONE DELLA FEDE La persecuzione dei cristiani è un fenomeno complesso che ha molte sfaccettature. Gli atti di persecuzione privano le persone dei loro diritti fondamentali per una ragione: la loro fede in Gesù Cristo. Tra tutti i diritti umani, il diritto alla libertà religiosa è, senza dubbio, uno dei più fragili, perché comprende altri diritti: alla libertà di pensiero, di coscienza,

14

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

di scelta della propria religione, di espressione. Si tratta di un diritto essenziale contenuto nell’Articolo 18 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Per questo motivo, la WLL raccoglie dati di oltre 100 paesi in tutto il mondo e ne menziona i 50 in cui vi è più persecuzione.


Persecuzione alta

Persecuzione estrema

Persecuzione molto alta

41

34

26 37

35 22

25

24

49 4

11 31

12 6 21

23

13 38

15 7 28

45

29

Nella Corea del

27

2

9

43

16

1

17

50

Nord è 5

32

48

10

44

proibito

33 18

essere

20 19

cristiano

8 46

3

40

42

36 30

14

Circa

245

milioni

di cristiani perseguitati nel mondo.

I cristiani sono perseguitati in molte parti del mondo, ma Asia e Africa si distinguono per avere il piĂš alto numero di paesi inclusi nella World Watch List. In effetti, in Asia, 1 cristiano su 3 soffre persecuzione a livelli alti, molto alti o estremi, mentre in Africa, 1 su 6.

1. Corea del Nord

18. Myanmar

35. Marocco

2. Afghanistan

19. Laos

36. Brunei

3. Somalia

20. Vietnam

37. Tunisia

4. Libia

21. Repubblica Centrafricana

38. Qatar

5. Pakistan

22. Algeria

39. Messico

6. Sudan

23. Turkmenistan

40. Kenya

7. Eritrea

24. Mali

41. Russia

8. Yemen

25. Mauritania

42. Malesia

9. Iran

26. Turchia

43. Kuwait

10. India

27. Cina

44. Oman

11. Siria

28. Etiopia

45. Emirati Arabi Uniti

12. Nigeria

29. Tagikistan

46. Sri Lanka

13. Iraq

30. Indonesia

47. Colombia

14. Maldive

31. Jordan

48. Bangladesh

15. Arabia Saudita

32. Nepal

49. Palestina

16. Egitto

33. Bhutan

17. Uzbekistan

34. Kazakistan

50. Azerbaijan Fonte: porteaperteitalia.org

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

15


INTERNAZIONALE

COSA STA SUCCEDENDO AL CLIMA? Il nord degli Stati Uniti ha subito temperature di più di -50 gradi; temperature elevate sono state registrate nell'inverno europeo; tempesta porta la neve alle Hawaii; piogge torrenziali e alluvioni in diversi paesi del Sud America. Cosa succede nel mondo? Davvero qualcosa non va nel clima? Molti temono di sì. Il meteorologo Peter Werner dell’Istituto di ricerca sui cambiamenti climatici di Potsdam afferma che precipitazioni, alluvioni, siccità e tempeste si sono quadruplicate negli ultimi cinquanta anni. Molti ritengono che gli insoliti fenomeni climatici siano la prova del riscaldamento globale, del cosiddetto effetto serra che è notevolmente aumentato. L’Ente americano per la protezione ambientale (EPA) spiega: “L’effetto serra consiste nell’innalzamento della temperatura della Terra a causa di certi gas contenuti nell’atmosfera (per esempio vapore acqueo, anidride carbonica, protossido d’azoto e metano) che trattengono l’energia solare. In assenza di questi gas il calore si disperderebbe nello spazio e la temperatura media della Terra sarebbe di circa 15°C più bassa”. Molti però asseriscono che l’uomo ha inavvedutamente alterato questo processo naturale. Un articolo di Earth Observatory, una pubblicazione della NASA disponibile on-line, dice: “Per decenni, fabbriche e automobili hanno riversato nell’atmosfera miliardi di tonnellate di gas a effetto serra… Molti scienziati temono che le maggiori concentrazioni di gas a effetto serra abbiano impedito alle radiazioni termiche eccessive di lasciare

16

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

la Terra. In pratica, questi gas intrappolano il calore in eccesso nell’atmosfera terrestre nello stesso modo in cui il parabrezza di un’automobile trattiene l’energia solare all’interno dell’abitacolo”. Gli scettici dicono che l’uomo è responsabile solo di una piccola percentuale delle emissioni di gas a effetto serra. Tuttavia, il Comitato intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), un gruppo di ricerca patrocinato dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale e dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, riferisce: “Ci sono nuove e più consistenti prove che gran parte del riscaldamento del pianeta rilevato negli ultimi 50 anni sia da attribuire alle attività dell’uomo”. Il climatologo Pieter Tans dell’ente americano che si interessa delle condizioni degli oceani e dell’atmosfera dice: “Se dovessi quantificarlo, direi che il 60 % è colpa nostra… il restante 40 dipende da cause naturali”. Qual è stato dunque il risultato evidente dell’accumulo di gas a effetto serra prodotti dall’uomo? Quasi tutti gli scienziati concordano nell’affermare che la Terra si è veramente riscaldata. Questo aumento di temperatura è stato drastico? Il rapporto del 2001 dell’IPCC dichiara: “Dalla fine del XIX secolo, le temperature della superficie terrestre sono aumentate di 0,4-0,8°C”. Molti ricercatori ritengono che questo lieve incremento possa essere la causa degli sconvolgenti cambiamenti climatici. Dato che molti ritengono che sia stato l’uomo a causare questo problema, non può anche risolverlo? In alcuni paesi sono già state emanate leggi per limitare le emissioni di sostanze inquinanti di automobili e fabbriche. Tuttavia, tali sforzi, benché lodevoli, hanno recato benefìci trascurabili. L’inquinamento è un problema globale, e tale dovrebbe essere la soluzione! Nel 1992 si tenne a Rio de Janeiro il Summit sulla Terra. Dieci anni dopo a Johannesburg, in Sudafrica, si è tenuto il Vertice Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile. Vi hanno assistito


ben 40.000 rappresentanti, inclusi circa 100 capi di stato. Le misure antinquinamento sono costose e le nazioni più povere spesso non se le possono permettere. Perciò alcuni esperti temono che le restrizioni in campo energetico potrebbero spingere le industrie a spostarsi nei paesi più poveri dove è possibile realizzare maggiori profitti. Pertanto, anche i capi mondiali con le migliori intenzioni si trovano di fronte a un dilemma. Se proteggono gli interessi economici della propria nazione, l’ambiente ne soffre. Se si fanno fautori della protezione ambientale, mettono in pericolo l’economia. Severn Cullis-Suzuki, del comitato consultivo del Vertice Mondiale, sostiene che il cambiamento deve venire da ciascuno di noi e dice: “Il vero cambiamento

ambientale dipende da noi. Non possiamo aspettare i nostri leader. Ci dobbiamo concentrare sulle nostre responsabilità e su cosa possiamo fare per attuare il cambiamento”. È ragionevole aspettarsi che la gente rispetti l’ambiente, ma non è facile indurla a fare i necessari cambiamenti nel proprio stile di vita. Facciamo un esempio. Quasi tutti riconoscono che le automobili contribuiscono al riscaldamento del pianeta. Quindi una persona potrebbe decidere di ridurre l’uso della macchina o di farne a meno del tutto, ma questo è tutt’altro che facile.

(*) Con informazioni internet.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

17


ATTUALITÀ

LA LIBRERIA GALLEGGIANTE Una libreria naviga con quasi un milione di libri di 5000 titoli differenti. L'iniziativa, gestita dalla Germania, mira a fornire un accesso paritario alla letteratura, oltre a svolgere attività di aiuto sociale e umanitario.

riconosciuta nel Guinness come la più antica nave ancora in funzione con viaggi interoceanici. Durante gli anni 70 e 80, le due barche fecero il giro del mondo. Successivamente, a causa della forte domanda di paesi che chiedevano di essere considerati dall’organizzazione umanitaria, è stato deciso di acquisire una nuova nave molto più grande di 12.000 tonnellate. SCAMBIO CULTURALE

Si tratta della Logos Hope, una nave gestita da GBA Ships (Gute Bücher für Alle, o “libri buoni per tutti” in italiano), un’organizzazione senza scopo di lucro registrata nella città tedesca di Mosbach che dal 1970 è responsabile delle librerie galleggianti che navigano il mondo “portando conoscenza, aiuto e speranza”, secondo i suoi creatori. Logos Hope – il cui nome deriva da “logos”, che significa “parola” in greco, e “hope” che significa “speranza” in inglese – è in servizio attivo dal 2009. È una delle quattro barche del suo genere che ha operato GBA Ships. Un’altra era la Doulos, che significa “servitore” in greco, e chiamata così in riferimento al servizio a Dio. La prima biblionave di GBA Ships fu chiamata Logos, e nel 1971 si recò a Madras, in India, dove in un solo giorno fu visitata da più di 15 000 persone. La barca aggiunse alla sua lista nautica più di 250 porti in 130 paesi e territori. La seconda nave, acquistata nel 1977 dalla stessa organizzazione, fu la Doulos,

18

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

“Vogliamo visitare paesi e condividere conoscenza attraverso libri e anche la nostra cultura. Bisogna integrare tutte le esperienze”, dice Ji Hyeon Lee, membro dell’equipaggio di Logos Hope, a DW News. Ji Hyeon Lee viene dalla Corea del Sud e si è unito al progetto nel 2016. I volontari di Logos Hope possono optare per soggiorni brevi di 3 mesi e più lunghi da 1 a 2 anni. Allo stesso modo, nessun membro dell’equipaggio riceve un salario, indipendentemente dal fatto che si tratti del capitano o di un addetto alle pulizie. Ogni membro è responsabile della gestione dei propri fondi attraverso sponsorizzazioni per coprire il costo del proprio tempo di servizio. Sulla terra e sul mare, i membri dell’equipaggio sono sempre molto attivi. L’organizzazione GBA Ships è responsabile della loro formazione durante il periodo di servizio in settori quali comunicazione, etica, leadership, prospettive interculturali e risoluzione dei conflitti. TUTTI I GUSTI

I libri che Logos Hope offre sono diversi come il suo equipag-


gio. La maggior parte sono in inglese, sebbene siano disponibili anche in altre lingue, come il tedesco e lo spagnolo. “La nave naviga continuamente, quindi riceviamo materiale tramite container marittimi. Pertanto, i libri cambiano costantemente. Cerchiamo sempre di avere opere nella lingua del paese visitato. Dall’anno scorso viaggiamo attraverso paesi dell’America Latina, quindi abbiamo il 70% dei libri in spagnolo e il 30% dei libri in inglese”, spiega il volontario a DW News. Quasi tutti i libri provengono dagli Stati Uniti. Sono donazioni da parte di case editrici, ma anche i membri di Logos Hope sono responsabili dell’acquisto di letteratura quando visitano diverse parti del mondo. Gli argomenti dei libri sono infiniti: arte, scienza, crescita personale, sport, filosofia, gastronomia, storia, hobby, religione. Riguardo a questo ultimo argomento, la nave ha uno spazio dedicato a mostrare Bibbie in diverse lingue. “Ci avvicina alla religione. Ma ci permette anche di aiutare, di condividere conoscenza. È il nostro motto e il nostro obiettivo principale”, afferma Ji Hyeon Lee.

“Ma oltre a vendere libri, in ogni paese che visitiamo proviamo a fare qualche progetto sociale, soprattutto quando ci sono catastrofi naturali, guerre o malattia”, spiega il membro dell’equipaggio sudcoreano. Le missioni in Papua Nuova Guinea (1999) e Ghana (2010-2016) sono stati eventi storici per la Logos Hope. Nel paese oceaniano si sono riuniti leader dei gruppi di opposizione della guerra civile al fine di raggiungere la riconciliazione. Nella nazione africana, centinaia di capi tribali hanno superato le loro differenze per partecipare a seminari di cooperazione a bordo della biblionave. Altri progetti che spiccano sono i programmi di sensibilizzazione sull’HIV condotti nell’Africa occidentale, la costruzione di orfanotrofi in Myanmar, le donazioni di oltre 50.000 libri a gruppi di comunità e università in Liberia, i laboratori di cucito per donne in Sri Lanka, e la ricostruzione di case nelle isole Antigua e Barbuda. (*) Tratto da www.dw.com.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

19


GIOVENTÙ

HO BISOGNO DI ESSERE ASCOLTATO Steven López

Gli esseri umani in generale, e soprattutto i giovani e gli adolescenti, trovano difficile superare i problemi, e hanno bisogno di qualcuno che li sostenga in modo incondizionato senza dovere chiedere aiuto. In queste circostanze, gli amici, la famiglia e il compagno hanno un ruolo vitale.

VanDame Hirakota, un uomo di 29 anni, si recava ogni pomeriggio in una affollata stazione della metropolitana di Tokyo, in Giappone, con la sola intenzione di ascoltare gli altri. Portava un cartello che diceva “Ti

ascolto”, e molti gli si avvicinavano. Non dava consigli senza esserne richiesto, solo ascoltava. L’uomo è riuscito ad ascoltare circa 12.000 persone, tra uomini d’affari, lavoratori, insegnanti e giovani. Loro aprivano il cuore e parlavano dei propri problemi con piena libertà. E così sodisfacevano un bisogno: essere ascoltati. Nella società di oggi, pochissimi ascoltano. Vivono la loro vita in fretta, senza guardare i vicini che molte volte gridano aiuto in silenzio e optano per soluzioni drammatiche a causa della mancanza di attenzione. Sono spesso i giovani che subiscono le conseguenze di questo fenomeno moderno, e vengono ignorati persino dai propri genitori e parenti. L’ascolto empatico è qualcosa che non tutti sanno come praticare. Coloro che sono vicini a qualcuno in difficoltà evitano il problema se considerano che non sia affare loro; in caso contrario, diventano un confidente criticone, con frasi tali “Te l’avevo detto”, “sei proprio uno scemo”, “sei troppo ingenuo”, che non aiutano chi ha bisogno di sfogarsi. Secondo Ángel Peralbo, psicologo presso la Clinica per l’infanzia e l’adolescenza, la gioventù è la fase in cui è più necessario essere ascoltato. “I giovani vivono una fase difficile in cui devono prendere decisioni chiave. Durante questo tempo di stress vitale e disorientamento, ciò che può essere danneggiato è molto più importante: l’autostima. Bisogna eliminare la pressione e promuovere la loro sicurezza”, sottolinea Peralbo.

PERICOLI DI NON TROVARE AIUTO In situazioni difficili, la maggior parte dei giovani cercano una parola di incoraggiamento in parenti, amici o compagni per sentirsi meglio. Tuttavia, talvolta ricevono critiche e demoralizzazione. Le conseguenze di non essere ascoltati sono:

DEPRESSIONE:

SOLITUDINE:

RETI SOCIALI:

In tutto il mondo, 800.000 persone prendono le loro vite ogni anno. Il suicidio è la seconda causa di morte nei giovani dai 15 ai 29 anni.

Attualmente, circa due milioni di persone tra i 19 e i 32 anni si sentono soli; non sono ascoltati, e mancano di amore e comprensione.

Le reti sociali sono diventate un rifugio pericoloso. Molti giovani le usano per trovare amici su cui contare e ascoltare una parola di incoraggiamento, ma invece possono diventare vittime di situazioni inaspettate e serie. *Fonte: Organizzazione mondiale della sanità (OMS)

20

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


SOLO ASCOLTARE In generale, le persone vogliono essere ascoltate quando si verifica una delusione, un fallimento o un dolore. Non cercano risposte concrete. • L’ascolto più autentico è quello che non è giudicante, che non critica chi ha davanti, che favorisce un ambiente sicuro in cui è possibile una comunicazione fluida. • Quando ascoltiamo qualcuno che ha bisogno di essere ascoltato, è essenziale badare a quello che diciamo ed evitare di usare espressioni come “non è niente”, “non preoccuparti, va tutto bene”, “passerà presto”. • A chi ha bisogno di essere ascoltato non servono le parole “va tutto bene”, perché per lui niente va bene. Questa frase porta a una distanza emotiva.

In questi momenti difficili, il ruolo dei genitori nei confronti dei figli è importante. Una comunicazione amichevole, senza rimprovero o rifiuto, è essenziale. “Per creare un legame sincero e stretto con i loro fi-

gli, i genitori dovrebbero insegnare loro a comunicare in modo efficace, proprio diventando un modello di riferimento in ogni momento. I genitori devono trasmettere comprensione e sicurezza”, rivela il Centro di psicoterapia specializzata in terapia familiare a Barcellona nel suo rapporto “Comunicazione tra genitori e figli”. La mancanza di ascolto porta molti giovani alla depressione, al suicidio o all’abbandono di se stessi. Le reti sociali sono diventate un modo facile e semplice per raccontare i problemi. Tuttavia, l’uso improprio porta conseguenze negative, come la tratta di esseri umani, la pornografia o la dipendenza dai videogiochi. ULTERIORE AIUTO

Quando un giovane ha bisogno di essere ascoltato, non è sufficiente dire frasi come “Sai dove trovarmi se hai bisogno di me” o “Chiamami quando stai male”. Le persone apprezzano gli atti più delle parole. Bisogna essere come coloro che escono a cercare i bisognosi senza aspettare che bussino alla porta. Il supporto più empatico e saggio è quello che guarisce l’anima e il cuore. I giovani dovrebbero circondarsi di persone autentiche e sincere, e riporre la fiducia in Dio. “Getta sul Signore il tuo affanno, ed egli ti sosterrà; egli non permetterà mai che il giusto vacilli” (Salmo 55:22).

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

21


DONNA

IL VERO VALORE CHE DIO DÀ ALLA DONNA Eliseo Aquino

Conoscere il valore reale delle donne è vitale perché il loro ruolo viene manipolato in modi diversi a fini ideologici. Bisogna consolidare la dignità delle donne come coeredi della grazia della vita.

* Fornisce vestiti per la famiglia, v. 13, 19. * Fornisce cibo e vestiti secondo necessità, v. 21. * Sorveglia l’andamento della casa, v. 27.

* Fa venire il cibo da lontano, v. 14. * Ha saggezza per gli affari, v. 16. * Gestisce saggiamente, v. 16. * Il suo lavoro rende bene, v. 18. * Sa come trattare con i mercanti, v. 24.

* Ispira fiducia, v. 11. * Fa del bene, v. 12. * È degna di rispetto, v. 23. * È oggetto di lode, v. 28.

La visione del ruolo delle donne nel corso della storia è sempre stata sfavorevole. Questo è il parere dello storico César Vidal nell’intervista dal titolo “La Bibbia, la riforma e la dignità delle donne”. “La donna era ritenuta una persona di seconda classe in diverse culture antiche. Inoltre, era legata a certi ruoli ed era vista come qualcuno di cui si può fare a meno. Allora, la donna fu degradata e spostata al punto di essere considerata come un animale”, dice Vidal. Questa situazione cambia con l’arrivo di Gesù. Lui, attraverso i suoi messaggi, restituisce la dignità alla donna. Se esaminiamo i racconti biblici, vediamo che Cristo solleva molte donne e dà loro un posto tra i suoi discepoli. Durante il cristianesimo primitivo ci fu una grande

SI DEDICA ALLA CASA CON AMORE

EMPATIZZA CON GLI ALTRI

v. 13, 19, 21, 22, 27, 28.

v. 20.

GESTISCE IL SUO AFFARE CON EFFICACIA

CONSACRA LA SUA VITA A DIO

v. 14, 16, 18, 24.

v. 30.

AIUTA IL MARITO

MERITA RICONOSCIMENTO SPECIALE

v. 11, 12, 23, 28, 29.

v. 25, 28.

Donna virtuosa Le donne affrontano sfide uniche e hanno quindi una serie di qualità specifiche descritte da Dio in Proverbi 31.

22

* Tende le palme ai miseri. * Porge le mani ai bisognosi.

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

* Ha un sano timore di Dio. * Ha bellezza e maturità spirituale.

* È proclamata beata dai figli, v. 28a. * È lodata dal marito, v. 28b. Questo proverbio parla del valore di una donna cristiana.


partecipazione delle donne. Una delle prove si trova nella lettera a Galati 3:28: “Non c’è qui né Giudeo né Greco; non c’è né schiavo né libero; non c’è né maschio né femmina; perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù”. L’apostolo Paolo parla nelle sue lettere dell’amore e del sacrificio delle donne che lo aiutarono nel suo ministero. Secondo il filosofo romano Porfirio, le donne svolsero un compito importante nell’evangelizzazione della chiesa primitiva. Secondo César Vidal, questa visione cristiana delle donne scompare nel Medioevo e viene sostituita da una concezione misogina che proveniva dalla cultura greca classica e fu assorbita dal cattolicesimo. Allora, l’immagine della donna viene distorta e lei è relegata ai margini della società, il che continua ad essere una realtà in molte società attuali. La Riforma attua un altro cambiamento. Le donne erano in grado di imparare a leggere e scrivere. Negli scritti dei grandi riformatori si può vedere come viene valutata la dignità delle donne nel matrimonio, nell’amore, nella società. Questa trasformazione si riflesse nei paesi che aderirono alla Riforma protestante. Il ruolo delle donne fu nuovamente valutato, non solo nell’aspetto sociale, ma anche nell’aspetto spirituale; molte fecero viaggi missionari in tutto il mondo. La

mano di Dio si è manifestata in molte nazioni attraverso le donne. Attualmente la condizione delle donne sta cambiando. Tra così tante ingiustizie contro le donne, gruppi femministi che cercano di recuperare la dignità delle donne si sono formati. Purtroppo, alcuni hanno idee opposte alla Bibbia, e persino cercano di togliere alla donna un valore molto importante: quello di essere madre. Per questi collettivi, essere madre è considerato un ostacolo per avere successo. John MacArthur, nel suo libro “Dodici donne straordinarie”, afferma che il valore della donna nella società è incalcolabile. Anche la Bibbia ne riconosce l’importanza (Proverbi 12:4, 31:10; 1 Corinzi 11:7) e, dall’inizio alla fine, descrive la donna come un essere straordinario. Nelle Scritture, Dio dà loro un onore speciale. Inoltre, chiede che siano trattate con la più grande considerazione (1 Pietro 3:7), e comanda al marito di amare la moglie come Cristo ama la Chiesa e di dare se stesso per lei (Efesini 5: 25-31).

Fonti: “Dodici donne straordinarie”, di John MacArthur. Intervista allo storico César Vidal, “Bibbia, Riforma e dignità delle donne”. “Storia di Roma”, di Francisco Javier Lomas Salmonte.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

23


MUSICA

LA VECCHIA, VECCHIA STORIA Scritto dall'inglese Katherine Hankey più di un secolo fa, l’inno è incentrato sulla vita del Signore e ha toccato milioni di persone con il suo messaggio. Composta dall’inglese Katherine Hankey il 29 gennaio 1866, “La vecchia, vecchia storia” fu originariamente concepita come introduzione ad un piccolo opuscolo cristiano. Tuttavia, con il suo messaggio diretto, chiaro e incentrato sulla vita di Gesù Cristo, diventò una canzone essenziale quando si tratta di adorare e lodare il Signore. Nata il 12 gennaio 1834 a Londra, Hankey scrisse il suo famoso poema quando si riprese da una grave malattia. Durante la sua guarigione, pregava il Signore e rifletteva su ciò che il Figlio di Dio ha fatto per la salvezza dell’umanità. Così fu creata la vasta poesia che è stata tradotta in diverse lingue e fu abbreviata dallo scrittore William Howard Doane. Dopo aver ascoltato la poesia in un incontro nel 1867 a Montreal, Doane, compositore di oltre duemila canzoni, mise la creazione di Hankey in una dolce melodia che ancora l’accompagna. Poco dopo, la versione del compositore americano, che mise in musica diversi inni di Fanny Crosby, divenne una popolare lode. SERVA FEDELE

Membro di una famiglia evangelica, Hankey si dedicò fin dalla tenera età a servire il Salvatore. Durante la sua adolescenza, ispirata al lavoro di evangelizzazione svolto dal predicatore inglese John Wesley, fece l’insegnante a una scuola domenicale e organizzò un gruppo di studio biblico nel West End di Londra. Da quel momento, la sua più grande felicità fu vedere

24

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


LA VECCHIA, VECCHIA STORIA Raccontami la vecchia, vecchia storia Delle cose invisibili sopra, Di Gesù e della sua gloria, Di Gesù e del suo amore. Raccontami la storia semplicemente, Come si fossi un piccolo bambino; Perché io sono debole e stanco, Indifeso ma macchiato. Raccontami la storia lentamente, Per poter capire fino in fondo Quella meravigliosa redenzione, Il rimedio di Dio per il peccato! Raccontami la storia spesso, Perché dimentico le cose così presto! La “prima rugiada” del mattino È morto a mezzogiorno! Raccontami la storia

i poveri e gli umili di cuore convertirsi al cristianesimo. Sotto la guida del Redentore, si recò in Sudafrica per aiutare un parente disabile che voleva tornare a casa. In questo viaggio, predicò la buona notizia e si nutrì con il lavoro

dolcemente, Con tonalità e parole sincere; Ricorda, io sono il peccatore Che Egli venne a salvare. Raccontami la storia sempre, Se vuoi essere davvero, In momento di difficoltà, Un consolatore per me. Raccontami la stessa vecchia storia Quando abbia motivo di temere Che la gloria vuota di questo mondo Mi sta costando troppo caro. E quando la gloria di questo mondo Inizi a manifestarsi sulla mia anima, Raccontami la vecchia, vecchia storia, “CRISTO GESÙ TI COMPLETA”.

missionario svolto da diversi uomini di fede per proclamare il Vangelo nel terzo più grande continente del mondo. Nel territorio sudafricano, fece anche l’infermiera. Interessata a trasmettere il messaggio di Cristo, la scrittrice eseguì un vasto lavoro poetico per lodare l’amore, la gloria e la potenza del Signore. I suoi versi, basati sulle Sacre Scritture e le sue esperienze personali, furono per lo più creati per attirare l’attenzione dei non convertiti. Inoltre, pubblicò un libro con lezioni utili per la formazione spirituale dei bambini. Fedele a Gesù fino all’ultimo momento della sua vita, Katherine Hankey, morta il 9 maggio 1911, è riconosciuta oggi per aver creato la canzone “La vecchia, vecchia storia”, una composizione che per anni ha toccato milioni di persone che con il suo testo hanno potuto conoscere la vecchia, vecchia storia della vita vittoriosa del Messia sulla terra.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

25


LETTERATURA

FATTO UOMO Raccomandato per essere letto dopo aver studiato il Nuovo Testamento, il libro “Fatto uomo” descrive lo scenario politico, sociale e religioso ai tempi di Gesù Cristo. L’opera è stata scritta dal teologo Pablo Hoff.

Quali erano le condizioni politiche, sociali e religiose ai tempi di Cristo? Dalla prospettiva umana,

molte delle cose accadute nella vita di Gesù erano legate alla situazione dell’uomo ai suoi tempi. Il malcontento degli ebrei con il governo romano, le istituzioni del giudaismo, la creazione di partiti religiosi, gli insegnamenti di sette ebraiche e il sistema dell’Impero Romano sono fattori che influenzarono il modo in cui Gesù fu ricevuto e in cui il Vangelo fu diffuso dopo la sua ascensione. Per capire veramente il Nuovo Testamento è necessario conoscere il suo contesto storico e religioso. Scritto per offrire agli istituti biblici un libro sui vangeli sinottici, “Fatto uomo” è basato su una ricerca approfondita della vita di Gesù Cristo. Secondo il suo autore, Pablo Hoff, l’opera chiarisce la situazione storica affrontata dal Figlio di Dio e spiega le Sacre Scritture sulla base dell’ermeneutica. Com’era veramente Gesù? Cosa insegnava? Il fondatore del cristianesimo non scrisse i suoi insegnamenti, ma li affidò verbalmente ai suoi seguaci. Tutto ciò che sappia-

26

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Com'era veramente Gesù? Cosa insegnava? Il fondatore del cristianesimo non scrisse i suoi insegnamenti, ma li affidò verbalmente ai suoi seguaci. Tutto ciò che sappiamo sulla vita e sul ministero di Gesù di Nazareth si trova in quattro libri chiamati “vangeli”.

mo sulla vita e sul ministero di Gesù di Nazareth si trova in quattro libri chiamati “vangeli”. Anche se alcuni storici di quei tempi, come l’ebraico Giuseppe e i romani Tacito e Svetonio l’abbiano menzionato nei suoi scritti, in realtà non aggiunsero nulla al racconto degli Evangelisti ispirati. Inoltre, è evidente che i cosiddetti “vangeli apocrifi”, scritti nei secoli dopo i tempi di Cristo, mancano di fondamento e non gettano alcuna luce sulla vita del nostro Signore. Focalizzato sulle storie di Matteo, Marco e Luca, il libro di Hoff, pubblicato nel 1990, presenta un messaggio di vita spirituale per il tempo presente. Missionario americano di vasta esperienza missionaria e molti anni di servizio in America Latina, lo scrittore spiega nel suo testo, in modo interpretativo, le diverse sfaccettature della vita terrena, del ministero e degli insegnamenti del Redentore. LIBRO RIVELATORE

Lo stile di insegnamento di Gesù è caratterizzato dall’uso del metodo parabolico. Marco afferma: “Con molte parabole di questo genere esponeva loro la parola, secondo quello che potevano intendere. Non parlava loro senza parabola...” (Marco 4:33-34). Nel capitolo 6 abbiamo già osservato che Gesù sempre usava il linguaggio figurato per illustrare e illuminare i suoi pensieri; nei suoi discorsi ci sono molte figure retoriche. Tuttavia, la parabola è più della metafora; è una similitudine elaborata. I vangeli sinottici hanno un totale di trenta parabole, mentre in Giovanni non ce ne sono. Molte di queste sono distribuite in tre: a) le parabole narrate in Matteo 13 e i passaggi paralleli di Marco 4 e Luca 8; b) le parabole trovate in Luca 15 e 16; e c) le parabole contenute in Matteo 20-22. Raccomandato per essere letto dopo aver studiato il Nuovo Testamento, “Fatto uomo” descrive lo scenario politico, sociale e religioso durante la vita di Cristo tra gli uomini. Con un talento magistrale, il servo del Signore, che ha predicato il Vangelo in Argentina, Bolivia e Cile, offre una storia di valore che ci riporta al I secolo d.C. e ci fa vivere la storia più importante dell’umanità.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

27


Nelle prime fasi del suo ministero, nostro Signore fece diversi viaggi evangelistici in tutta la Galilea. Inoltre, predicò nella Decapoli e persino a Cesarea di Filippo, un posto situato molto a nord della Palestina. Con l’aiuto dei settanta discepoli, aveva appena evangelizzato la regione della Giudea. Ora aveva da evangelizzare Perea, e lì svolse il suo ministero per diversi mesi. Luca ci dice che “egli attraversava città e villaggi, insegnando e avvicinandosi a Gerusalemme” (13:22). Giovanni aggiunge altri dettagli. Per allontanarsi dai suoi nemici a Gerusalemme, andò nel luogo in cui Giovanni era stato primo e vi rimase. Autore di numerosi libri usati in vari centri di formazione dottrinale e seminari biblici in America Latina, tra i quali “I libri storici”, “Il pastore come consigliere” e “Il Pentateuco”, il teologo americano, laureato presso la Taylor University, ha diviso il suo libro in sedici capitoli, oltre a due appendici dedicate ai miracoli e alle parabole di Gesù e a domande di studio. Ci rivolgiamo ora al grande discorso escatologico di Cristo, trovato nei capitoli 24 e 25 di Matteo, con testi paralleli in Marco 13 e Luca 21. Per mettere in risalto il contrato, diremo che il discorso della montagna comprende tre capitoli, mentre questo solo due. Nel discorso della montagna ci sono molti argomenti, mentre nel discorso sul Monte degli Ulivi ci sono solo profezie. L’inglese John Gibson lo chiama “le profezie del Monte degli Ulivi”. Nostro Signore fece questo discorso dopo aver lasciato il tempio per l’ultima volta. Le profezie riguardano la distruzione di Gerusalemme, le prove che la comunità cristiana avrebbe affrontato, la grande opera di evangelizzazione nel mondo e la sua seconda venuta. MANUALE NECESSARIO

I credenti interessati a conoscere la verità circa l’incarnazione di Dio per mezzo del Suo Figlio possono trovare in “Fatto uomo” questioni di vitale importanza, tra cui il contesto storico e religioso del Nuovo Testamento, le fonti della storia di Gesù Cristo, la nascita e l’infanzia del Messia, l’inizio del ministero di Gesù, il discorso della montagna, il metodo parabolico e la preparazione dei dodici discepoli. Abbiamo raggiunto l’ultimo giorno nella vita mortale del nostro Salvatore. I vangeli sinottici dedicano circa un terzo del loro contenuto alla descrizione dell’ultima settimana nella storia di Gesù, e più di un decimo

28

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


LETTERATURA

La risurrezione di Gesù Cristo è insieme all'ascensione, che è il suo complemento, il sugello di approvazione del Padre sulle dichiarazioni e sull’opera espiatoria di Suo Figlio. Questi furono i due eventi che misero fine alla vita terrena del Salvatore, che trasformarono in esaltazione la sua umiliazione e che segnarono l'inizio del suo ministero celeste.

alle ultime ventiquattro ore legate alla sua passione e morte. Questo indica la grande importanza di questi eventi finali, in particolare, delle sofferenze di Cristo. Qui troviamo il messaggio centrale della buona notizia: Cristo è morto per noi, per fare penitenza per i nostri peccati. Così diede la salvezza a tutti coloro che credono in Lui. Manuale obbligatorio per i cristiani che vogliono conoscere la vita di Gesù Cristo, libro di Pablo Hoff, nella sua parte finale, parla del trionfo e della gloria di Gesù e dei periodi principali della fondazione della Chiesa. Inoltre, le sue pagine descrivono il profilo biografico e il ritratto del Salvatore che fece miracoli di misericordia, che ebbe un comportamento incomparabile e che redense l’umanità dal peccato. La risurrezione di Gesù Cristo è insieme all’ascensione, che è il suo complemento, il sugello di approvazione del Padre sulle dichiarazioni e sull’opera espiatoria di Suo Figlio. Questi furono i due eventi che misero fine alla vita terrena del Salvatore, che trasformarono in esaltazione la sua umiliazione e che segnarono l’inizio del suo ministero celeste. La risurrezione del Signore è il più grande miracolo della Bibbia. L’apostolo Paolo afferma che la risurrezione di Cristo è la pietra angolare della fede cristiana (1 Corinzi 15:1-20). Cook osserva giustamente: “Sebbene la morte di Cristo ci riempia della tristezza più profonda, la sua risurrezione ci riempie di grande gioia”.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

29


EROE DI FEDE

FEDELE FINO ALLA MORTE Frank Clark

John Frith predicò la Parola all'inizio del XVI secolo, quando diffondere il Vangelo era una missione suicida. Fu bruciato sul rogo all'età di 30 anni per aver negato la validità delle indulgenze, del purgatorio e della transustanziazione. Uomo pacifico in tempi violenti, John Frith

promosse il cristianesimo e usò la pace e la compassione per diffondere la buona notizia all’inizio del XVI secolo, quando predicare il Vangelo era una missione pericolosa. Fedele alle Sacre Scritture, lottò per la causa di Dio in Inghilterra e pagò con la vita il solo ardire dil predicare la Parola dell’Onnipotente e mettere in discussione le false interpretazioni della Bibbia. Nato nel 1503 nella città inglese di Westerham, nel Kent, Frith fu cresciuto come un uomo misericordioso. In gioventù, dopo aver vissuto e studiato nella città di Sevenoaks, fu educato tra il 1520 e il 1522 all’Eton College, un rinomato collegio vicino a Windsor, dove ricevette

30

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

una rigorosa formazione spirituale e laica. Dopo essersi diplomato a Eton, si laureò presso il King’s College, una delle scuole che costituiscono l’Università di Cambridge e che fondata nel 1441 dal re Enrico VI. Mentre era a Cambridge, il suo tutor era Stephen Gardiner, il futuro vescovo di Winchester che più tardi avrebbe preso parte alla sua condanna al rogo. FEDELE CREDENTE

A Cambridge, Firth si distinse per le sue capacità accademiche e imparò il latino e il greco. Inoltre, connobe Thomas Bilney, uno studente laureato presso la Trinity Hall


che ebbe un ruolo decisivo nella sua vita. Lui gli rivelò che aveva trovato nel Nuovo Testamento verità dogmatiche fino a quel momento sconosciute e lo incoraggiò a studiare le Scritture. Bilney morì sul rogo nel 1531 per credere nel Vangelo. Nel 1525, con la sua laurea e vasta conoscenza della Bibbia, John fu assunto per unirsi al nuovo Cardinal College dell’Università di Oxford, diretto dal cardinale Thomas Wolsey e sostenuto dalla Chiesa Cattolica. Lì, sotto l’influenza del riformatore Robert Barnes, che si era nutrito delle idee di Martin Lutero, assorbì i veri principi della fede nel Signore.

Come membro del gruppo chiamato “i tedeschi”, che si riuniva al White Horse Inn di Cambridge per imparare di più sulla Bibbia e discutere le idee di Lutero, Frith presto cadde vittima dell’intolleranza delle autorità del Cardinal College. La sua posizione a favore della Riforma della Chiesa Cattolica suscitò l’odio di coloro che volevano mantenere lo status quo che caratterizzava la vita religiosa di quei tempi. Esposto a un clima spirituale meno rinvigorente nei confronti delle sue idee di quello che aveva vissuto a Cambridge, Frith si unì ad un gruppo di studiosi biblici guidati da John Clarke, che cercava di approfondire la

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

31


EROE DI FEDE

Nel 1525, con la sua laurea e vasta conoscenza della Bibbia, John fu assunto per unirsi al nuovo Cardinal College dell'Università di Oxford, diretto dal cardinale Thomas Wolsey e sostenuto dalla Chiesa Cattolica. Lì, sotto l'influenza del riformatore Robert Barnes, che si era nutrito delle idee di Martin Lutero, assorbì i veri principi della fede nel Signore.

loro conoscenza della Bibbia attraverso lo studio sistematico dell’Antico e del Nuovo Testamento. Tuttavia, sospettato di essere un eretico, lui e altri nove studenti furono rinchiusi in una cantina della scuola sotto condizioni insalubri. LODEVOLE EVANGELISTA

Nel dicembre 1528, una volta rilasciato, il teologo lasciò il paese per mettersi in salvo e si recò nella Germania, dove incontrò il traduttore biblico e martire inglese William Tyndale, che fu impiccato il 6 ottobre 1536 dall’Inquisizione. Insieme a lui, si impegnò nel pericoloso compito di tradurre la Bibbia in inglese, che a quei tempi era proibito dalle autorità. Tyndale, che aveva frequentato Oxford e Cambridge, fu una fonte di ispirazione per il lavoro che Frith successivamente realizzò per diffondere la sana dottrina del Signore. Contro i vizi ecclesiastici e in favore dell’evangelizzazione di tutte le persone, motivò John ad affrontare i pericoli di predicare la Parola del Salvatore. Pioniere della libertà di pensiero, Frith dedicò la maggior parte del suo tempo alla traduzione e alla pubblicazione di opere che servivano da cibo spirituale per i suoi contemporanei. In uno dei libri mise a confronto la figura del Papa e quella di Cristo, denunciando la chiara incompatibilità tra il comportamento del vescovo di Roma e quello del Figlio di Dio. John difese la causa evangelica con idee teologiche ispirate dal Signore che sono ancora valide. Sulla base della Bibbia, proclamava che Dio aveva mandato il Suo Figlio a riscattarci dal peccato. Per lui, la verità indiscuti-

32

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Sulla base della Bibbia, proclamava che Dio aveva mandato il Suo Figlio a riscattarci dal peccato. Per lui, la verità indiscutibile in materia di fede e pratica si trovava nella Parola, e i cristiani dovrebbero credere solo nelle verità contenute in essa. bile in materia di fede e pratica si trovava nella Parola, e i cristiani dovrebbero credere solo nelle verità contenute in essa. CRUDELE MORTE

Nel 1532, mentre predicava il Vangelo in Europa, l’esegeta fu toccato dal fatto che i suoi compatrioti non sapevano come andare al Signore. Allora, volendo rivelare loro il vero messaggio del Messia, decise di tornare in Inghilterra, sebbene la sua sicurezza non fosse garantita. Tornato in patria, fu arrestato dopo esser stato confuso per un vagabondo, ma fu presto rilasciato. Dopo la sua liberazione, il predicatore andò segretamente da un luogo all’altro predicando la dottrina del Redentore. Il suo spericolato agire ebbe come risultato un mandato di arresto emesso da Thomas More, cancelliere del re Enrico VIII e contrario alla Riforma, che gli mise una taglia sulla sua testa. Catturato in volo, fu trattenuto nella Torre di Londra, un castello storico situato sulla riva nord del Tamigi, dove continuò a difendere la verità di Dio. Incatenato nella sua cella, Frith sfidò l’autorità di More – che combatteva gli eretici – con le sue obiezioni all’Eucaristia, un rito cattolico in cui pane e vino diventano il corpo e il sangue di Cristo, che dal suo punto di vista non era una pratica istituita da Gesù Cristo. Questo, insieme alla sua negazione dell’esistenza del purgatorio e della validità delle indulgenze, gli valse la pena di morte. Il 4 luglio 1533, la storia di questo eroe della fede finì in un modo crudele e spietato. Bruciato al rogo all’età di 30 anni per aver rifiutato di cambiare la sua posizione sulle indulgenze, sul purgatorio e sulla transustanziazione. Incriminato per le sue convinzioni e ritenuto un traditore dalla Chiesa Cattolica, morì per la causa di Dio e divenne uno dei primi riformatori inglesi a essere martirizzati.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

33


Edelmiro Ivina Dicombo aveva imparato a odiare fin dalla tenera età. Sua madre aveva fatto di lui un brav’uomo, ma la vedetta si era annidata nel suo cuore e serbava un profondo rancore che non gli permetteva di vivere in pace. Nato il 31 luglio 1964 nella città di Malabo, capoluogo della Guinea Equatoriale, Ivina e la sua famiglia conducevano una vita agiata perché Félix Ivina, il padre, era un eminente politico. A quei tempi, la Guinea Equatoriale era in un’intensa lotta di potere. Il referendum del 1963 ha portato all’indipendenza, lasciando dietro oltre 50 anni di dominio spagnolo. Tuttavia, l’emancipazione ha causato un periodo di violenti sconvolgimenti politici. Félix Ivina è stato arrestato e imprigionato. La famiglia era sopraffatta dall’angoscia. Solo a sua moglie, Manuela Dicombo, le era stato permesso di vederlo, ma un giorno è stata informata dai compagni di cella che suo marito non era più là. “Non venire più, tuo marito è morto”, le hanno detto. Addolorata, reclamò il corpo del marito per dargli sepoltura cristiana, ma le guardie si sono rifiutati sotto diverse pretese. Non hanno voluto neanche dirle la causa della morte, ma lei sospettava che Félix fosse stato torturato, ucciso e seppellito in segreto. Come nuova capo famiglia, Manuela doveva provvederci, allora si è dedicata a la compra-vendita auto. In questo modo, è stata in grado di crescere i suoi figli e dare loro un’istruzione di qualità. Nel frattempo, Edelmiro cresceva con odio viscerale contro coloro che avevano distrutto la sua famiglia felice. Era asociale e apatico; e a volte si faceva male fisico per sentirsi bene. Non credeva né in Dio né nel diavolo, lui stesso era il proprio dio. Aveva solo una cosa in mente: la vendetta; per questo motivo, ha iniziato a praticare arti marziali da adolescente. Ha anche imparato dai suoi pochi amici a fabbricare armi ed esplosivi. Un giorno, Edelmiro ha appreso che la polizia stava cercando conducenti. Allora, ha profittato dell’occasione per avvicinarsi a coloro che secondo lui avevano ucciso suo padre e finalmente ottenere la sua vendetta. Poco dopo iniziare a lavorare, la sua abilità come autista di diversi veicoli gli ha permesso di guadagnarsi la fiducia e il rispetto dei suoi capi, ed è stato promosso a terzo pilota della guardia presidenziale. A quel tempo, Edelmiro viveva con una giovane donna che faceva parte della chiesa cristiana. Le frequenti visite dei suoi fratelli di fede lo mettevano così a disagio che un giorno ha proibito alla sua ragazza di andare ai servizi. Lei non gli ha obbedito, ma ha continuato a parteciparci; Edelmiro ha quindi deciso di cercare il pastore e picchiarlo.

34

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

STORIA DI VITA

L'UOMO CHE HA PERDONATO

Edelmiro aveva sete di vendetta per la morte di suo padre in una prigione della Guinea Equatoriale. Aveva elaborato brutali piani contro i presunti colpevoli, ma la sua vita ha cambiato in modo radicale quando ha incontrato il Signore. Ora vive in pace perché ha imparato a liberarsi dall'odio e dal risentimento. STEVEN LÓPEZ FOTO: ARCHIVIO DI FAMIGLIA


O

l

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

35


STORIA DI VITA VOGLIO QUELLA POTENZA

Una notte è uscito di soppiatto ed è andato al tempio. Ha visto il predicatore che stava per condividere il messaggio sul pulpito, quando una sorella l’ha invitato a entrare e sedersi. Egli si è rifiutato, ma lei ha insistito. “Resterò qui, sto aspettando il pastore”, ha detto Edelmiro, irritato dalla sua insistenza. “Avanti, entri pure o hai paura? ha risposto la sorella. Per quanto poteva ricordare, Edelmiro non era stato mai un codardo, ma quando ha sentito le parole della donna, il suo corpo ha cominciato a tremare. Per dimostrare che non aveva paura, è entrato. “Non ho paura di niente e di nessuno”, le ha detto. Seduto sull’ultima panchina del tempio, ha ascoltato il messaggio di Dio. Allora, ha cominciato a sentirsi a disagio perché, mentre il predicatore parlava dell’amore di Gesù, lui aveva nel cuore solo risentimento e desiderio di vendetta. Ad un certo punto, il predicatore ha raccontato storie che sembravano parlare della sua vita e che pensava di aver dimenticato fino ad allora. Edelmiro ha creduto per un momento che la sua ragazza avesse parlato di lui con il ministro di Dio. Era furioso, ma poi ha ricordato che i suoi piani di vendetta erano segreti. Nessuno tranne lui sapeva di loro, eppure il predicatore sembrava riferirsi a loro: “Se sei venuto per vendicarti, lascia che Dio faccia giustizia, Egli ti conosce”. Edelmiro non ha potuto fare a meno di tremare. Dopo la predicazione, il pastore ha invitato quelli che volevano arrendersi a Dio ad andare sull’altare. “Chi non accetta l’invito è un codardo”, ha detto. Poiché non voleva essere definito un vigliacco, Edelmiro ha deciso di rispondere alla chiamata, senza rendersi conto che Dio stava agendo nel suo cuore. “Dio è onnisciente, è presente ovunque, e anche tu puoi sperimentare la Sua potenza. Accetta Dio come tuo Salvatore e vedrai il Suo potere nella tua vita”, ha detto il predicatore. Allora, Edelmiro ha pensato che rispondere alla chiamata gli avrebbe dato la potenza di cui parlava il pastore, e che quella potenza avrebbe potuto aiutarlo nella sua vendetta. Dopo il servizio, è tornato a casa. Edelmiro aveva fallito nel suo piano di battere il predicatore; invece, aveva risposto alla sua chiamata. UN CAMBIO INASPETTATO

Dopo cena, è andato a letto. Ha sognato che stava per cadere in un burrone di oltre 100 metri di profondità quando una mano l’ha salvato. In quel momento, si è svegliato e ha sentito una voce: “Edelmiro, dovresti essere grato che non sei caduto”. Per la prima volta in tutta la sua vita ha avuto paura.

36

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Ha alzato lo sguardo al cielo e ha chiesto a Dio perdono e misericordia. I suoi vicini l’hanno sentito urlare e sono andati a vedere cosa era successo. “Per favore chiamate il pastore, voglio chiedergli perdono. Volevo batterlo e ora me ne pento. Voglio che preghi per meW, diceva il giovane. I presenti hanno lodato Dio per il miracolo e hanno chiamato il predicatore. Il missionario è arrivato e ha pregato per lui. La vita di Edelmiro era finalmente cambiata. Ha cominciato a frequentare la chiesa più spesso, ma il dubbio e l’odio volevano tornare nella sua vita. Quando ha raccontato il successo ai suoi capi, gli hanno suggerito di lasciare la congregazione, sostenendo che le chiese cambiano le menti delle persone. Un nuovo sogno ha rafforzato la sua decisione di servire Dio. Ha sognato del Rapimento della Chiesa, che c’era una sola moneta e una sola chiesa: la chiesa cristiana. I pochi rimasti sulla Terra hanno iniziato a predicare sulla strada, camminando con una candela davanti a loro. Quando si è svegliato, si è inginocchiato per pregare Dio e chiedere pietà. Edelmiro ha continuato a lavorare come autista mentre predicava la Parola di Dio ai suoi colleghi e capi. La sua sete di vendetta era stata completamente spenta. Finalmente aveva perdonato. CHIAMATA MISSIONARIA

Sei mesi dopo la sua conversione, Dio l’ha battezzato con il Suo Santo Spirito. Durante una prova in chiesa, Edelmiro ha cantato: “Cristo sta arrivando, ci sono segni, anime salvate viene a cercare. Chi ha dormito resterà, chi l’ho guardato andrà con lui. Vado con lui, vado con Cristo”. In quel momento, ha sentito una voce che gli chiedeva: “Che cosa hai detto? Che solo tu andrai con me?” Edelmiro è caduto a terra e ha cominciato a pregare. Il giovane ha risposto: “Che cosa vuoi che faccia?”. “Voglio che porti altre anime in cielo”, ha detto la voce celeste. Edelmiro ha trovato molte scuse (che non sapeva come predicare, che non parlava altre lingue...) ma alla fine ha accettato la chiamata di Dio. “Signore, se hai bisogno di me, qui sono disposto ad andare dove vuoi che io vada”, ha esclamato. La sua preghiera è durata dalle sette di sera fino alle tre del mattino. La chiamata missionaria era stata risposta. Un anno dopo la sua conversione, è stato battezzato e ha iniziato a lavorare nell’Opera di Dio. Le sue preghiere all’alba sono diventate un esempio per i giovani, che vedevano il miracolo di Dio dopo aver pregato. Trovavano monete ogni mattina, che usavano per fare la colazione. Un anno più tardi, Edelmiro è andato al lavoro missionario in Gabon, dove è trascorso circa 10 anni. Ha sposato la sorella Diana Usuro e, insieme alla sua famiglia, serve il Signore nella Guinea Equatoriale.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

37


STORIA DI VITA

38

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Marzo 2019 / Impacto evangelistico

39


INTERVISTA

UNA LUCE DI SPERANZA NELLE FILIPPINE Eliseo Aquino Curi

Le Filippine sono un paese asiatico con oltre 100 milioni di abitanti dove il Movimento Missionario Mondiale continua a crescere e la Parola si espande con il favore di Dio. La missionaria colombiana Deyle Yurley Laguado Carreño è nelle Filippine da sette anni, e la crescita dell’Opera in questo paese è in diretta relazione con lo sforzo che fa nel compito a lei affidato dagli ufficiali del MMM. L’inizio dell’Opera nelle Filippine non è stato facile; infatti, ci sono ancora difficoltà. Come Dio l’ha chiamata ad andare nelle Filippine? A maggio 2012, nella chiesa di Bucaramanga, in Colombia, il pastore Samuel Mejía, supervisore dell’Asia, ci ha informato che avrebbero fatto un viaggio missionario nelle Filippine il 26 novembre. Io avevo lasciato il mio lavoro entro quel tempo perché volevo proprio dedicare più tempo al Signore, allora me ne sono unita. Pensavo che al mio ritorno avrebbe accettato una delle offerte di lavoro che avevo ricevuto. L’1 dicembre siamo arrivati nelle Filippine. Il pastore ci ha detto che stava pregando affinché uno di noi rimanesse per prendere il controllo dell’Opera di Dio in questo paese. Alla fine del viaggio mi ha detto che il Signore l’aveva mostrato che io dovrei restare. Allora, mi ha chiesto se ero disposta, io ho detto: “Amen”. Dopo la partenza dei fratelli, quali difficoltà si sono verificate? La prima difficoltà è stata la lingua. Pensavamo che l’inglese sarebbe stato sufficiente per fare il lavoro missionario, ma la realtà ha provato che avevamo torto. L’inglese è stato però un punto di partenza, ma per comunicare dovevamo imparare il tagalog o il filippino. Grazie a Dio, un fratello ha fatto l’interprete per iniziare a predicare. Abbiamo imparato la lingua per nove mesi, dopo cui abbiamo

40

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


iniziato a portare la Parola di Dio ai filippini. Un’altra difficoltà è stata il clima. Le Filippine sono un paese tropicale. A Manila, le temperature sono molto calde e io non c’ero abituata. È stato anche difficile spostarci da una città all’altra. Ci vogliono ore perché c’è molto traffico. Com’è la società nelle Filippine, la cultura, la vita familiare, la religione? Le Filippine sono un arcipelago di 7641 isole con oltre 100 milioni di abitanti. Poiché sono state una colonia spagnola, l’80% della popolazione è cattolica. A Manila, le famiglie vivono affollate: bambini, genitori, nipoti e nonni vivono in stanze di 35 metri quadrati. La società filippina è come nessun’altra. Qui, molti uomini rimangono a casa per crescere i bambini e le donne vanno a lavoro. I filippini accettano la Parola di Dio o la respingono? Il popolo filippino accetta la Parola di Dio. Tuttavia, ogni giorno è estremamente difficile perché la Parola va contro la sua cultura e religione. Ci dicono che è davvero difficile per loro. I filippini ricevono il Vangelo quando hanno l’opportunità di andare altrove. Li prepariamo e loro imparano la dottrina, partecipano ai servizi e sono felici. Quando se ne vanno dicono: “Grazie mille, vado in un’altra isola, ma cercherò una chiesa da frequentare”. C’è persecuzione dei cristiani evangelici nel paese? C’è persecuzione dei cristiani in una parte delle Filippine. Qui a Manila, grazie a Dio, non ci sono problemi del genere, ma nella parte meridionale del paese, nella regione di Mindanao, c’è una persecuzione da parte

dei musulmani. A gennaio si è verificata l’esplosione di una bomba in una chiesa che ha causato la morte di 20 persone. Come sta avanzando l’Opera di Dio nelle Filippine? Per grazia di Dio, da giugno 2013, la Chiesa è ufficialmente registrata nelle Filippine. Con questa iscrizione possiamo predicare liberamente in città. Abbiamo già fatto l’Opera di Dio per sette anni. Abbiamo comprato terreni per costruire una chiesa e un centro di missione, e abbiamo aperto due campi di predicazione in due città, Antipolo e San José del Monte. Sono piccoli gruppi, ma Dio sta agendo in quei posti. Inoltre, predichiamo la Parola in campagne all’aperto e porta a porta, e visitiamo coloro che ci chiedono di pregare per loro. Che messaggio Lei darebbe ai fratelli che desiderano andare in missione? Dovete essere pieni della Parola e della presenza di Dio perché quando facciamo l’opera missionaria abbiamo solo Gesù Cristo. Servire il Signore e dargli tutta la nostra giovinezza è la migliore esperienza. Vedere come le persone si trasformano, e vedere la loro gioia quando riscoprono qualcosa nella Bibbia e quando Dio risponde alle loro preghiere, tutto ciò ci riempie di felicità e soddisfazione. Abbiamo sempre bisogno delle preghiere dei nostri fratelli. Per che cosa dovrebbe pregare la Chiesa a favore delle Filippine? Pregate perché Dio sollevi operai filippini pieni dello Spirito Santo e della potenza di Dio che possano predicare la Parola di Dio sulle 7641 isole di questo paese.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

41


APOLOGETICA

I TESTIMONI DI GEOVA Andrés Ferrer (*)

Non esiste probabilmente gruppo religioso che sia più fedele dei Testimoni di Geova nel diffondere il proprio messaggio. Purtroppo, quest’ultimo è pieno di distorsioni, inganni e false dottrine. Il gruppo conosciuto oggi come i Testimoni di Geova cominciò in Pennsylvania nel 1870, come una scuo-

la biblica creata da Charles Taze Russell. Russell nominò il suo gruppo “Studio biblico dell’Aurora del Millennio”. Charles T. Russell cominciò a scrivere una serie di libri che intitolò “L’Aurora del Millennio”, i quali giunsero a sei volumi prima della sua morte e contenevano molta della teologia a cui si attengono oggi i Testimoni di Geova. Dopo la morte di Russell nel 1916, il giudice J. F. Rutherford, amico e successore Russell, scrisse nel 1917 il settimo e ultimo volume della serie “L’Aurora del Millennio: Il mistero compiuto”. La Società Torre di Guardia fu fondata nel 1886 e divenne subito il veicolo grazie a cui il movimento dell’Aurora del Millennio cominciò a diffondere le proprie concezioni agli altri. Il gruppo divenne noto come i “Russelliti” fino al 1931, quando, a causa di una spaccatura nell’organizzazione, fu rinominato i “Testimoni di Geova”. Il gruppo da cui si separò divenne noto come gli “Studenti biblici”. LE LORO CREDENZE

Un attento esame della loro posizione dottrinale su argomenti come la divinità di Gesù, la salvezza, la Trinità, lo Spirito Santo, l’espiazione, ecc., mostra indubbiamente che essi non si attengono alle posizioni cristiane ortodosse su questi argomenti. I Testimoni di Geova credono che Gesù

42

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

sia l’arcangelo Michele, l’essere creato più eccelso. Questo contraddice molte Scritture che affermano chiaramente che Gesù è Dio (Giovanni 1:1, 14; 8:58; 10:30). I Testimoni di Geova credono che la salvezza si ottenga mediante una combinazione di fede, buone opere e ubbidienza. Questo contraddice innumerevoli Scritture che dichiarano che la salvezza si riceve per grazia mediante la fede (Giovanni 3:16; Efesini 2:8-9; Tito 3:5). I Testimoni di Geova rifiutano la Trinità, credendo che Gesù sia un essere creato e che lo Spirito Santo sia essenzialmente la potenza di Dio. I Testimoni di Geova rifiutano il concetto dell’espiazione sostitutiva di Cristo e, invece, sostengono una teoria del riscatto secondo cui la morte di Gesù fu un prezzo di riscatto per il peccato di Adamo. Pertanto, essi credono in una combinazione di fede ed esecuzione di opere concordate, con le quali il peccato e la morte vengono generosamente espiati da Cristo; ma la perfezione fisica si ottiene attraverso lo sforzo personale, unito alla fede in Cristo.


I LORO ARGOMENTI

Essi affermano che la chiesa, lungo i secoli, ha corrotto la Bibbia, così essi l’hanno ritradotta in quella che essi chiamano la Traduzione del Nuovo Mondo. La Società Torre di Guardia ha alterato il testo della Bibbia per farlo accordare con le sue false dottrine, anziché basare le sue dottrine su quanto insegna la Bibbia. La Traduzione del Nuovo Mondo ha conosciuto numerose edizioni a mano a mano che i Testimoni di Geova hanno scoperto sempre più Scritture che contraddicevano le loro dottrine. È facile dimostrare che i Testimoni di Geova sono un gruppo basato solo vagamente sulla Scrittura. La Società Torre di Guardia basa le sue credenze e dottrine sugli insegnamenti originari e ampliati di Charles Taze Russell, il giudice Joseph Franklin Rutherford e dei loro successori. Il Corpo Direttivo della Società Torre di Guardia è l’unico comitato del gruppo a pretendere di avere l’autorità di interpretare la Scrittura. In altri termini, quello che dice il

Corpo Direttivo riguardo a qualunque passo scritturale è considerato come l’ultima parola, tanto che il pensiero indipendente viene fortemente scoraggiato. Questo è in diretta opposizione con l’ammonizione di Paolo a Timoteo (e anche a noi) di sforzarsi di presentarsi “davanti a Dio come un uomo fidato, un operaio che non abbia di che vergognarsi, che dispensi rettamente la parola della verità”. Questa ammonizione, che si trova in 2 Timoteo 2:15, è una chiara istruzione da parte di Dio a ciascuno dei Suoi singoli figli nel Corpo di Cristo a essere come i cristiani bereani e ad esaminare ogni giorno le Scritture per vedere se le cose che sono insegnate sono in linea con quanto ha da dire la Sua Parola su un dato argomento. Che Dio apra gli occhi dei Testimoni di Geova alla verità del Vangelo e al vero insegnamento della Parola di Dio.

(*) Fonte: https://www.gotquestions.org/

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

43


DEVOZIONALE “Allora disse ai suoi discepoli: «La mèsse è grande, ma pochi sono gli operai”. Matteo 9:37.

Rev. Luis M. Ortiz

LA MESSE È GRANDE Il Vangelo di Matteo 9:35-38 dice: “Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, predicando il vangelo del regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità tra il popolo. Vedendo le folle, ne ebbe compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La mèsse è grande, ma pochi sono gli operai. Pregate dunque il Signore della mèsse che mandi degli operai nella sua mèsse»”. Vuoi sapere perché la messe è grande ma pochi sono gli operai? Sapevi che, dopo la creazione, la popolazione del mondo era composta da due persone? Sapevi che, 1600 anni più tardi, la popolazione aveva notevolmente aumentato, ma è stata ridotta a solo otto persone dopo il Diluvio? Sapevi che si stima che ai tempi di nostro Signore Gesù Cristo ci fossero circa 250 milioni di persone in tutto il mondo? Sapevi che la popolazione mondiale aumenta di oltre 100 milioni all’anno? Sapevi che attualmente ci sono più di 7,5 miliardi di persone nel mondo? Sapevi che più della metà della popolazione mondiale non ha mai ascoltato il Vangelo di Gesù Cristo? Sapevi che il 94% dei predicatori del Vangelo negli Stati Uniti predica al 9% della popolazione mondiale? Sapevi che il resto dei predicatori americani (6%) sono missionari che, insieme ai predicatori nazionali di altri paesi, devono fare sforzi erculei per portare la Parola al 91% della popolazione mondiale? Sapevi che negli Stati Uniti e in Porto Rico, per ogni 1500 persone c’è un predicatore del Vangelo? Sapevi che ci sono nazioni nel mondo che non han-

44

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

no nemmeno un predicatore del Vangelo per ogni milione di persone? Sapevi che proprio come nostro Signore e gli Apostoli, il mezzo più efficace e più permanente per conquistare anime per Cristo è il lavoro personale? Sapevi che se i mezzi di evangelizzazione di massa (campagne, radio e televisione) non sono completati dal lavoro missionario personale, i suoi benefici permanenti sono ridotti al 5%? Sapevi che il 96% dei membri della chiesa non conquista anime per Cristo? Sapevi che ultimamente ci sono molti ministeri senza ministri e molti ministri senza ministero? Sapevi che per sfamare la moltitudine con pane e pesci, il Signore ordinò alla folla di sedersi a gruppi di 100 e 50 affinché nessuno rimanesse senza mangiare? Sapevi che nessuno ha il diritto di ascoltare il Vangelo due volte purché ci sia uno al mondo che non l’abbia ancora sentito? Sapevi che per ogni dollaro ricevuto nelle chiese degli Stati Uniti e del Porto Rico, solo tre penny sono dedicati al lavoro missionario? Sapevate che in questi ultimi anni, in Porto Rico, milioni di dollari sono stati raccolti per grandi progetti che non sono mai stati realizzati? Sapevi che ciò che è veramente importante non è dare ma dare con saggezza e guida di Dio? Sapevi che quando ho chiesto al Signore perché ci sono così pochi operai al Suo servizio mi ha risposto che la stragrande maggioranza di coloro che Egli chiama non rispondono? Sapevi che è probabile che tu, che stai leggendo, sia uno di quelli che non hanno risposto al Signore? Sapevi che Dio, come il Signore della messe, è colui


che paga il meglio i Suoi lavoratori, ora e nell’eternità? Sapevi che l’Opera del MMM è un’opera di obbedienza, fede, sacrificio, altruismo, devozione e di frutti abbondanti? Sapevi che, in 56 anni, Dio ci ha aiutato a fondare più di 9000 congregazioni in 70 paesi? Sapevi che in diversi paesi abbiamo bellissime congregazioni indigene? Sapevi che opere di innovazione missionaria, di testimonianza pulita e di sana dottrina come questa meritano

il sostegno generoso e costante in preghiera e contributo economico di tutto il popolo di Dio? Sapevi che il denaro meglio investito è quello investito nella vera opera di Dio, direttamente nella salvezza delle anime? Sapevi già tutte queste cose? Sapevi che “chi sa fare il bene y non lo fa commette peccato”? Fai il bene! Prega e collabora! Scrivici! Amen.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

45


DEVOZIONALE “Dai giorni di Giovanni il battista fino ad ora, il regno dei cieli è preso a forza e i violenti se ne impadroniscono”. Matteo 11:12. Rev. José Arturo Soto Benavides

I VIOLENTI SONO DEGNI DEL REGNO DEI CIELI Il Vangelo secondo Matteo 11:12 dice: “Il regno dei cieli è preso a forza e i violenti se ne impadroniscono”. Questo passaggio parla di una sorta di violenza che è positiva, contro le forze del male e contro l’usurpatore della terra che si chiama Satana, che attraverso diversi mezzi e risorse continua a distruggere l’umanità. Qualsiasi attività retta e nobile del mondo può essere eseguita su principi spirituali giusti governati dal timore di Dio. Non pensate che, mantenendo questi principi, non sarete in grado di essere buoni lavoratori o buoni professionisti. Il diavolo vuole far penetrare la corruzione in tutti gli strati sociali, senza distinzioni di formazione, educazione, condizione finanziaria o religione (neanche la religione è la soluzione di cui l’umanità ha bisogno). Qual è l’arma della Chiesa? Il Vangelo. “Non mi vergogno del vangelo; perché esso è potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede…” (Romani 1:16). La storia ha dimostrato che quando il popolo abbraccia la vera fede in Dio Onnipotente, viene trasformato positivamente. Ad esempio, tra i secoli XVI e XIX in Europa, nazioni intere abbracciarono il Vangelo e la società si trasformò. I bordelli furono chiusi perché i clienti erano scarsi, i bar furono chiusi perché non c’erano assetati di alcolici, i centri di corruzione e depravazione furono chiusi

46

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

perché non c’erano libertini. Il popolo si divertiva senza peccato, i giudici si riposavano e i sistemi giudiziari e giuridici ebbero un tempo di pace e tranquillità. Si dice che anche gli asini sapevano che c’era stato un cambiamento nella società, perché non erano più puniti o picchiati come prima. Il Vangelo è trasformativo, “è la potenza di Dio”. Il Vangelo di Cristo non è un movimento politico; la politica ha il suo posto negli schemi umani. Dio ci dà la capacità di guardare, osservare, esaminare e scegliere. La politica è qualcosa di buono, ma non può risolvere il problema spirituale dell’umanità; l’unico che può farlo è colui


che disse: “Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” (Giovanni 14:6). Un giorno, qualcuno venne a Gesù e disse: “Signore, sono pochi i salvati?” (Luca 13:23). Il Signore lo guardò e disse: “Entrate per la porta stretta, poiché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa. Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita! E pochi sono quelli che la trovano” (Matteo 7:13-14). Ai suoi discepoli il Signore disse: “Nessuno che abbia messo la mano all’aratro e poi volga lo sguardo indie-

tro è adatto per il regno di Dio” (Luca 9:62). Egli anche disse: “Vi dico in verità che non c’è nessuno che abbia lasciato casa, o moglie, o fratelli, o genitori, o figli a causa del regno di Dio” (Luca 18:29). Quelli sono i violenti che si impadroniscono del regno e lo conservano. Ad esempio, Levi, cioè Matteo, che era il capo dei pubblicani (gli esattori delle tasse) quando fu chiamato dal Signore. Forse aveva un ufficio rustico vicino alla strada, da dove guardava la gente che doveva pagare le tasse a Roma. Forse addebitava di più, e per questo motivo si era arricchito ed era diventato una persona odiata dal popolo ebraico. Quando Gesù passò accanto, lo guardò e “gli disse: «Seguimi»” (Luca 5:27b). Questa parola fu come un trapano nel cuore di Matteo. Immaginate la battaglia dentro lui. Gesù si aspettava una risposta immediata, allora la volontà di Levi andò in mille pezzi e, secondo la Bibbia, “egli, lasciata ogni cosa, si alzò e si mise a seguirlo” (Luca 5:28). Un altro esempio sono “Pietro e Andrea, suo fratello, i quali gettavano la rete in mare, perché erano pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me e vi farò pescatori di uomini». Ed essi, lasciate subito le reti, lo seguirono” (Matteo 4:18-20). Questi sono esempi di violenza spirituale. Fratelli miei, Dio aspetta e vi chiama a prendere una decisione ora. Quando Egli chiama non c’è altra scelta, dobbiamo obbedire, perché Egli è la via verso la vittoria. Fatelo per voi e la vostra famiglia. La Bibbia dice: “Credi nel Signore Gesù Cristo, e sarai salvato tu e la tua famiglia” (Atti 16:31). Carissimi lettori, volete portare benedizione nella vostra casa? Accettate Gesù Cristo come il vostro unico e sufficiente Salvatore.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

47


DEVOZIONALE “Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me! La vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me”. Galati 2:20. Rev. Ramón L. Aponte

CAMMINARE CON DIO Se vogliamo camminare con Dio, bisogna accordarci con Egli. Se vogliamo essere il popolo di Dio, bisogna essere d’accordo con Egli. In primo luogo, se vogliamo camminare con il Signore, dobbiamo accodarci con Egli sul peccato. Dio dichiara nelle Scritture, in modo inequivocabile e categorico, che tutti noi abbiamo peccato e abbiamo scelto la propria strada. “Lo stolto ha detto in cuor suo: «Non c’è Dio». Sono corrotti, fanno cose abominevoli; non c’è nessuno che faccia il bene. Il signore ha guardato dal cielo i figli degli uomini, per vedere se vi è una persona intelligente, che ricerchi Dio. Tutti si sono sviati, tutti sono corrotti, non c’è nessuno che faccia il bene, nemmeno uno” (Salmi 14:1-3). Allora, Dio ci chiede di pentirci, di cambiare direzione. Abbiamo camminato nella direzione sbagliata, sulla via del sé e dell’egoismo. Dobbiamo girare e lasciare la cattiva strada, confessarci, rinunciare ai nostri peccati, venire al Signore, e chiedergli di perdonarci e darci la libertà per l’amore di Gesù. C’è un pentimento “religioso” che cerca solo di sfuggire alla punizione. Ma dobbiamo fare un passo ulteriore, fino a raggiungere quello che potrebbe essere chiamato il vero pentimento cristiano. Quel pentimento abbraccia non solo il timore della punizione, ma anche il vero e proprio dolore di aver peccato contro il Padre, di aver offeso Colui che ci ama e ci permette di ottenere il perdono e la purificazione. In secondo luogo, se vogliamo camminare con il Signore, bisogna essere anche d’accordo con Egli sulla signoria di Cristo. Senza dubbio dobbiamo considerarlo il nostro Redentore e Salvatore. Spesso leggiamo nelle Scritture che “chiunque avrà invocato il nome del Signore sarà salvato” (Romani 10:13). Qui si evidenziano due parole; la prima è naturalmente “salvato”, ma un’altra parola importante è “Signore”. Se siamo stati perdonati e siamo nati di nuovo, non è allo scopo di vivere la nostra nuova vita a volontà. Dio ci ha redento e rinnovato per servire i Suoi scopi. L’unico riposo, la vera pace e la gioia genuina si sentono quando troviamo il nostro vero posto in relazione alla signoria di Gesù Cristo.

48

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Le Scritture dicono che Cristo ha portato i nostri peccati sulla croce: “Egli ha portato i nostri peccati nel suo corpo, sul legno della croce, affinché, morti al peccato, vivessimo per la giustizia...” (1 Pietro 2:24). Questo sacrificio è stato fatto per tutti in tutto il mondo, ma non trarrà beneficio finché non ne saremo a conoscenza e finché non faremo le regolazioni morali e spirituali necessarie: confessare e rinunciare al peccato, accettare Gesù Cristo come Signore e Salvatore, e arrendersi


in modo totale, incondizionato e irrevocabile a Dio. Gesù dice che tutto ciò equivale a prendere la croce e seguirlo. L’apostolo Paolo, dopo aver sperimentato questa resa, dichiara: “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me!” (Galati 2:20). Questa crocifissione è anche inclusa nell’accordarsi con Dio. Efesini 5:18 ci dà una terza condizione: “Siate ricolmi di Spirito”. Lo Spirito dimora in tutti i credenti che sono nati

dallo Spirito, ma abbiamo bisogno del rivestimento dello Spirito Santo per rafforzare il nostro carattere cristiano ed essere come Cristo. Abbiamo anche bisogno del battesimo nello Spirito Santo, che è unzione di potenza che ci dà una vita fruttuosa. Infine, uno studio accurato della Bibbia ci mostrerà altri modi per essere d’accordo con Dio affinché possiamo camminare con Egli. Amen.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

49


Una breve relazione del lavoro sviluppato tramite il lavoro del movimento del mondo missionario sulle strade d’America e nel mondo. La Santa Bibbia ci dice: “E ogni giorno andavano assidui e concordi al tempio… Il Signore aggiungeva al loro numero ogni giorno quelli che venivano salvati.” (Atti 2:46, 47).

MATURITÀ SPIRITUALE Evento: Ritiro Nazionale di pastori Data: 26 - 29 dicembre Luogo: Genova, Italia.

Con il tema “Fammi immergere nel fiume del Tuo Spirito Santo”, il Movimento Missionario Mon-

diale in Italia ha tenuto il suo Ritiro Nazionale di pastori a Genova. Vi hanno partecipato tutti i pastori del Blocco B d’Europa. Il reverendo David Echalar, supervisore nazionale del MMM in Italia, ha annunciato la buona notizia al popolo di

50

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Gesù Cristo. Sulla base di 1 Corinzi 14:20 ed Efesini 4:1116, ha trasmesso il messaggio “Maturità spirituale”, concentrato sul saper discernere tra il bene e il male. Al secondo servizio, il messaggero di Dio è stato il reverendo Jimmy Ramírez, supervisore nazionale del MMM in Svizzera. Sulla base di Matteo 9:35-38, ha presentato il sermone “Nuotare con visione”, in cui ha motivato i credenti a lavorare nella vigna del Signore e ha detto che la ricompensa viene dal Signore. LEADERSHIP NELLA CHIESA

Al terzo servizio, il servo Echalar ha predicato la Parola an-


EVENTO

cora una volta con il messaggio “Conseguenze della mancanza di profondità”, basato su Osea 4:9. Nel suo discorso, ha invitato i presenti ad assumere la guida della chiesa e la sua reputazione, e ha affermato che il progresso dell’Opera dipenderà dagli sforzi dei suoi membri. Il Ritiro Nazionale di pastori si è concluso con un servizio in cui il pastore Luis Valderrama, segretario nazionale del MMM in Italia, ha evangelizzato i credenti. Basato su Ezechiele 47:2-5, il servo di Dio ha trasmesso il messaggio “Immersi nel fiume del Tuo Spirito Santo”, e ha detto che è importante essere immersi nella presenza di Dio. L’incontro di fede ha consentito i partecipanti di cercare il volto del Signore Gesù Cristo e rafforzare la loro fede nel nuovo anno. Inoltre, è stato definito il programma di attività che saranno svolte nel 2019 nel Vecchio Continente.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

51


EVENTO

LA GLORIA DI QUESTA CASA SARÀ PIÙ GRANDE DI QUELLA DELLA CASA PRECEDENTE

Evento: Digiuno di primizie e 15° anniversario della chiesa di Burgos Data: 3, 4, 5, 25 e 26 gennaio Luogo: Barcellona e Burgos, Spagna

Il 25 e 26 gennaio, il Movimento Missionario Mondiale in Spagna ha celebrato il 15° anniversario del tempio di Burgos, città della comunità autonoma di Castilla y León. L’evento ha avuto per tema “Shekhinah” e vi hanno partecipato fedeli provenienti dalle città di Saragozza, Arnedo e Soria. Al servizio inaugurale, il pastore Wilson Santillán, missionario peruviano che predica il Vangelo in Israele, ha annunciato la Parola con il messaggio “La gloria di questa casa sarà più grande di quella della casa precedente”, basato su Aggeo 2:1-9. Nel suo sermone, il pastore Santillán ha affermato che i

52

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

cristiani devono seguire le orme di Gesù i cristiani ed essere sicuri che il Signore è sempre là per aiutare coloro che hanno bisogno della Sua protezione. Al secondo servizio, il reverendo Fisher Torrejón, presbitero della Zona 4 del MMM in Spagna, ha predicato il Vangelo per mezzo del messaggio “La presenza di Dio”, basato su Esodo 33:9-15. DIGIUNO DI PRIMIZIE

Dal 3 al 5 gennaio, nel tempio della città di Barcellona, il MMM in Spagna ha tenuto un digiuno di primizie che ha avuto per tema “Onorare Dio con le primizie”. L’attività ha


permesso ai fratelli di essere più vicini all’Altissimo. Al primo servizio, il reverendo Carlos Medina, supervisore nazionale dell’Opera in Spagna, ha predicato il Vangelo attraverso il messaggio “Tesoro divino in vasi di terra”, basato su 2 Corinzi 4:1-10. Al secondo servizio, il fratello José Barrera ha predicato la Parola. Sulla base di Colossesi 2:9-15, il servo ha tenuto il sermone “Un anno felice con Gesù”. Al terzo servizio, il pastore Carlos Medina ha annunciato la buona notizia di Cristo e ha presentato il messaggio

“Armi efficaci per combattere il buon combattimento della fede”, basato su 1 Timoteo 6:12. Al quarto servizio, il fratello Renato Lizama ha trasmesso il messaggio del Signore. Sulla base di Giovanni 17:2224, ha tenuto il sermone “Shekhinah, continua presenza divina”. All’ultimo servizio del digiuno, il reverendo Medina ha predicato nuovamente la Parola. In questa occasione, sulla base di Esodo 33:12-18 e 34:10, ha trasmesso il messaggio “La gloria di Dio”.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

53


EVENTO

CHI MI CHIAMAVA ERA DIO Evento: 3° Confraternita di donne Data: 25 - 27 gennaio Luogo: Berlino, Germania

Con la partecipazione speciale della sorella Rossana Mars de Roggeband, membro della chiesa di Rotterdam, il Movimento Missionario Mondiale in Germania ha tenuto la sua 3° Confraternita di donne nel tempio di Berlino. Al primo servizio, la sorella Mars de Roggeband ha presentato il messaggio “Chi mi chiamava era Dio”, basato su Rut 1:8-16. Nel suo discorso, la sorella Rossana ha detto che molte volte il cristiano fa l’errore di non disfarsi delle cose che l’allontanano da Dio. Inoltre, ha sottolineato che il Signore, nella Sua infinita misericordia, non smette mai di chiamare le donne coraggiose ad accettare la sfida di seguire Cristo. PREDICAZIONE EDIFICANTE

Il secondo giorno, la pastora Mars ha avuto, ancora una

54

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

volta, il privilegio di essere la messaggera del Signore. Sulla base delle Sacre Scritture, ha tenuto un sermone che ha avuto un impatto positivo sulle persone che si sono recate a Berlino. Attraverso la sua analisi biblica, Mars de Roggeband ha fatto capire ai fedeli dell’Opera in Germania che il tempo del Signore è perfetto, e che nulla e nessuno può alterare il piano di Dio per i Suoi seguaci. All’ultimo servizio, la sorella Rossana ha predicato di nuovo il Vangelo con un messaggio che ha toccato le donne del MMM in Germania. Sulla base di Ester 2:1218 e 4:10-16, ha tenuto il discorso “Chiamate per intercedere”. Nel suo discorso, la missionaria ha parlato di Ester, moglie del re Assuero, e della sua fede in Dio. Ha detto che le cristiane di oggi devono essere decise e audaci come Ester per vedere la mano del Signore. Inoltre, ha consigliato ai credenti dell’Opera di Dio di prendere Abigail come esempio di saggezza e prudenza.


Marzo 2019 / Impacto evangelistico

55


EVENTO

OBBEDISCI AL SIGNORE Evento: Scuole bibliche per bambini Data: 12 e 26 gennaio Ubicazione: Melbourne e Perth, Australia

Il Movimento Missionario Mondiale in Australia ha tenuto, attraverso le sue scuole bibliche, due attività

dirette ai bambini delle città di Melbourne e Perth, con lo scopo di predicare il Vangelo del Signore. L’attività più recente si è svolta il 26 gennaio nel parco Coulson Gardens di Melbourne, dove la Parola è stata predicata per mezzo di un evento di formazione il cui tema è stato “Obbedisci al Signore”. Le lezioni sono state date dalle sorelle Karla Beltrán

56

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

e Susana Mejía, insegnanti della scuola domenicale della congregazione locale, che hanno trasmesso le loro conoscenze bibliche a un gruppo di bambini di diverse età che erano felici di conoscere Dio. La sorella Beltrán ha trasmesso ai bambini il messaggio “L’angelo e l’asina di Balaam”, sulla base di Numeri 22:21-33. Dopo aver annunciato la buona notizia, la predicatrice ha posto una serie di domande che i bambini hanno risposto correttamente.


TROVA IL TESORO

Due settimane prima, il MMM in Australia ha tenuto un evento simile al parco Wellington Square di Perth al fine di evangelizzare i bambini della quarta città più popolosa dell’Australia. L’evento ha avuto per tema “Trova il tesoro”, e la sorella Silvia Grande è stata responsabile di istruire i bambini. Sulla base di Matteo 18:10-14, ha condiviso l’insegnamento “La pecora smarrita”.

Numerosi bambini che volevano saperne di più sulla Bibbia si sono recati in questo parco e hanno mostrato la loro gioia per l’opportunità di scoprire il Vangelo attraverso la sorella Grande. Allo stesso modo, diversi adulti si sono avvicinati al Wellington Square per ascoltare la buona notizia. I fratelli della chiesa di Perth hanno colto l’occasione per predicare loro la Parola e parlare della salvezza eterna offerta dal Signore.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

57


EVENTO

DIO HA BISOGNO DI UOMINI E DONNE

Evento: Confraternita Nazionale Data: 27 gennaio Luogo: Oppama, Giappone

Con la partecipazione di tutte le congregazioni del nord e del sud del paese, il Movimento Missionario Mondiale in Giappone ha tenuto la sua prima Confraternita Nazionale del 2019 nella città di Oppama, nella prefettura di Kanagawa. Pastori e fratelli provenienti dalle chiese di Narita, Saitama, Hamamatsu, Komaki e Fuji si sono recati nella chiesa

58

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

di Oppama per partecipare a questo evento insieme al reverendo David Veramendi, supervisore nazionale del MMM in Giappone. Durante il servizio, il pastore della chiesa di Saitama, Rildo Cueto, ha dato il benvenuto a tutti i fratelli. Da parte sua, il pastore Eraldo Hokama, membro del tempio di Narita, ha motivato la chiesa a non abbassare le mani e a servire il Signore. Il pastore Veramendi ha predicato la Parola di Dio con il messaggio “Dio ha bisogno di uomini e donne”, sulla


base di Isaia 66. Nella sua predicazione, ha chiamato alla riconciliazione con il Salvatore. “Dio cerca uomini e donne disposti a fare la Sua volontà e attraverso di loro vuole fare grandi cose a favore degli altri”, ha detto. CONNETTITI A GESÙ

Il 24 dicembre, attraverso la sua scuola biblica estiva, l’Opera ha tenuto un corso di formazione spirituale per i bambini della città di Narita, situata nella prefettura di Chiba. L’evento è stato indirizzato ai bambini del MMM in Giap-

pone e ha avuto per tema “Connettiti a Gesù”. La sorella Julia Murakami, insegnante della scuola domenicale del tempio di Chiba-Narita, ha predicato il Vangelo per mezzo del messaggio “Connettiti a Gesù”, basato su Giovanni 3:16. Il corso biblico, che è stato tradotto in giapponese dalla sorella Yuriko Yara, è stato una grande esperienza di fede per i bambini. Successivamente, il gruppo di bambini, in compagnia dei loro genitori, hanno fatto il pranzo mentre rafforzavano il loro amore per il Signore.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

59


EVENTO

GESÙ PUÒ CAMBIARTI Evento: Confraternita Regionale del Nord e Ritiro di pastori Data: 13 - 15 e 20 - 22 febbraio 2019 Luogo: Chiclayo e Lima, Perù

Il Movimento Missionario Mondiale in Perù ha

tenuto la sua Confraternita Regionale del Nord presso uno stadio chiuso della città di Chiclayo, e un Ritiro di pastori nella chiesa centrale di Chiclayo. Vi hanno partecipato diversi pastori, tra cui il reverendo José Arturo Soto, presidente internazionale dell’Opera, e fratelli provenienti da Chimbote, Trujillo, Piura e Tumbes, Al servizio inaugurale della Confraternita, che ha avuto per tema “Gesù può cambiarti”, il reverendo Jo-

60

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

shua Ascarruz, presidente nazionale del MMM in Perù, ha predicato la Parola. Lui ha trasmesso il messaggio “La venuta del Signore”, basato su Matteo 24:35-44, in cui ha parlato di due eventi importanti: il rapimento della Chiesa e la seconda venuta di Cristo. Il secondo giorno, al primo servizio del Ritiro di pastori, il reverendo Soto ha tenuto il discorso “Il pericolo di passare il segno”, sulla base di Geremia 18:1-6. Nel frattempo, nello stadio chiuso, il reverendo Eugenio


Masías, supervisore nazionale del MMM in Ecuador, annunciava la buona notizia al popolo del Signore. PAROLA DEL SIGNORE

Al servizio serale della Confraternita, il reverendo Soto ha svolto il sermone “Dio cerca il peccatore, non importa dove e come sia”, sulla base di Giovanni 4: 6-14. Il terzo giorno, il pastore Soto ha predicato il Vangelo ancora una volta con il messaggio “I due testimoni, un potente esempio di fedeltà”, basato su Apocalisse 11:3-11. Inoltre, il predicatore Masías, sulla base di Luca 10:42, ha evangelizzato i fedeli presso lo stadio chiuso.

Nel pomeriggio, un gran numero di bambini si è recato nello stadio per partecipare alla cerimonia di chiusura della scuola biblica estiva della chiesa di Chiclayo, il cui tema è stato “Ora sono felice”. Al servizio di chiusura della Confraternita Regionale del Nord, il reverendo Eugenio Masías è stato di nuovo lo strumento di Dio. Sulla base di Marco 1:21-28 e 1 Giovanni 3:8, il reverendo ha trasmesso il messaggio “Vincere il nemico”. Il Ritiro di pastori ha continuato a Lima dal 20 al 22 febbraio, con la presenza del reverendo Gustavo Martínez, tesoriere dell’Opera.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

61


EVENTOS

IL FUOCO SULL'ALTARE DELL'OLOCAUSTO Evento: 23° Convegno Nazionale Data: 31 gennaio - 3 febbraio Luogo: Tarija, Bolivia

Con il tema “Shekhinah 2019”, il Movimento Missionario Mondiale in Bolivia ha tenuto il suo 23° Convegno Nazionale presso lo stadio Juan Misael Saracho dell’Universidad Autónoma, nella città di Tarija. I credenti dell’Opera di Dio si sono riuniti per quattro giorni per lodare il Signore. L’evento è stato presieduto dal reverendo Mario Lima, supervisore nazionale del MMM in Bolivia. Vi hanno partecipato José Arturo Soto, presidente internazionale dell’Opera; Clemente Vergara, supervisore dell’Africa; Gerardo Martínez, supervisore del Cono

62

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Sud del Sud America; e Luis Rivera, supervisore nazionale del MMM in Paraguay. Il primo giorno, il pastore Soto ha trasmesso il messaggio di Gesù Cristo intitolato “Il fuoco sull’altare dell’olocausto”, sulla base di Levitico 6:8-13. Il servo di Dio ha sottolineato che la fiamma di Dio deve essere tenuta viva attraverso una lode intima, una vita santificata e una ricerca del Signore. Il giorno dopo, al servizio del mattino, il reverendo Jose Gómez, ufficiale nazionale del MMM in Paraguay, ha predicato il Vangelo con il messaggio “Tenere ferma la nostra fede”, basato su Giuda 1:3, e ha segnalato che la Parola nutre la nostra anima. SERVIZI SPECIALI

Al servizio serale, il pastore Vergara ha annunciato la


buona notizia del Signore con il messaggio “Riempi d’olio il tuo corno”, basato su 1 Samuele 16:1-5. L’ufficiale internazionale ha affermato che talvolta siamo troppo preoccupati per altre cose che dimentichiamo l’evangelizzazione. Al quarto servizio, il pastore Rivera ha presentato il messaggio di Cristo “È tempo di cercare Dio”, basato su Isaia 55:6. Nel suo intervento, il predicatore ha sottolineato che è tempo di cercare il Signore e di sentire la Sua presenza perché senza essa siamo il bersaglio perfetto del nemico. Al servizio serale, canzoni sono state cantate e il Signore è stato lodato al fine di chiedergli di favorire lo sviluppo dei media del MMM in Bolivia. Inoltre, i pastori dell’Opera hanno motivato i fedeli boliviani a fare un’offerta speciale per l’acquisizione di più radio e canali televisivi per predicare il Vangelo. Successivamente, il reverendo Martínez ha trasmesso il messaggio “Assenza e presenza della gloria di Dio”, sulla base di Esodo 33:12-16. Il predicatore ha notato che lo Spirito di Dio ci forma e ci offre la vittoria, ed è quindi essenziale accendere il fuoco di Cristo nella nostra vita. All’ultimo servizio, il reverendo Vergara ha avuto il privilegio, ancora una volta, di annunciare il Vangelo. Sulla base di 2 Timoteo 2:1-2, ha tenuto il sermone “Visione e lavoro missionario”. Il pastore ha detto che il Signore risponde alle preghiere, e che dobbiamo rimanere motivati a servirlo. Infine, si è tenuta la cerimonia di promozione di operai in cui sono stati riconosciuti 47 servi di Dio per il loro lavoro a favore del cristianesimo. NUOVO TEMPIO

Dopo il culmine del 23° Convegno Nazionale, il Movimento Missionario Mondiale in Bolivia ha svolto una cerimonia per l’apertura del tempio centrale di Tarija. Il tempio è stato costruito in tre anni grazie al lavoro e sacrificio della congregazione presieduta fino a quel momento dal pastore Marcelo Valenzuela. La nuova casa di Dio e porta del cielo, con capienza per più di mille persone, si trova nel quartiere di La Salamanca su un terreno di cinquecento metri quadrati. Il pastore Valenzuela, che è stato trasferito alla città di Santa Cruz, ha consegnato le chiavi al presbitero del tempio di Tarija, il reverendo Arturo Saavedra. Con l’apertura della chiesa principale di Tarija è stata segnata la fine dell’evento trasmesso in diretta dai media del MMM in Bolivia e dell’Opera del Signore. L’incontro spirituale che coperto con il Vangelo questa città situata molto vicino ai confini con l’Argentina e il Paraguay.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

63


ALTRI EVENTI

GUINEA EQUATORIALE Ringraziamento per il 2018 Con il tema “Ringraziamento a Dio per il 2018 e preparazione del prossimo anno”, il Movimento Missionario Mondiale nella Guinea Equatoriale ha tenuto il Ritiro Generale della Zona 1 dal 24 al 25 dicembre nella città di Malabo. Vi hanno partecipato molti fedeli, nonché il reverendo Edelmiro Ivina, capo dell’Opera in quel paese. Il primo giorno, il pastore Diosdado Mbila ha predicato la Parola di Dio con il messaggio “La dottrina e gli anziani”, basato su Tito 2:1-14. Nel suo discorso, il servo di Dio ha sottolineato che bisogna praticare la dottrina. Al servizio serale, il reverendo José Mariano ha presentato il messaggio “Attenti ai falsi profeti”, basato su Matteo 24:4-5. Il giorno dopo, al servizio del mattino, il pastore Orencio Biyogo ha annunciato la buona notizia del Signore per mezzo di un sermone incentrato sulla nascita di Gesù di Nazareth e basato su Matteo 2:1. All’ultimo servizio, il reverendo Ivina, sulla base di 1 Re 14:23 e Isaia 57:5, ha esortato i partecipanti a non lasciarsi influenzare dalle usanze pagane.

64

BRASILE Formazione di insegnanti a Sao Paulo Con l’intervento speciale della sorella Priscila González, il Movimento Missionario Mondiale in Brasile ha svolto un corso di formazione per docenti e assistenti delle scuole bibliche estive dell’Opera a Sao Paulo. L’evento ha avuto luogo il 19 e 20 gennaio e ha avuto per tema “Ora sono felice” Il primo giorno, la sorella González, membro del MMM in Perù, ha parlato del programma della scuola biblica estiva, delle caratteristiche delle età e del profilo dell’insegnante cristiano, e di come e dove lavorare con i bambini. Il secondo giorno, ha presentato il messaggio “Ora sono felice perché Gesù mi ama”, basato sulla vita dell’apostolo Paolo. I partecipanti hanno anche fatto attività manuali e hanno tenuto esibizioni. Infine, certificati sono stati consegnati ai partecipanti.

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

EL SALVADOR

GUATEMALA

Battesimi a Usulután

Confraternita nella Zona 7

Il 10 gennaio, il Movimento Missionario Mondiale in El Salvador ha tenuto una cerimonia di battesimo nel dipartimento di Usulután, che si trova nella parte orientale del paese. Due fedeli hanno ricevuto il sacramento istituito da Gesù Cristo. Alla cerimonia, i due membri del tempio del municipio di San Francisco Javier hanno suggellato la loro unione all’Opera di Dio dopo aver proclamato la loro sottomissione al Signore. La sorella Juana de Jesús Flores ha predicato il Vangelo attraverso il messaggio “Morte al peccato”. Inoltre, il reverendo Rafael Parada, supervisore nazionale del MMM in El Salvador, ha sottolineato l’importanza di adempiere fedelmente a quanto affermato nelle Scritture.

Il 27 gennaio, il Movimento Missionario Mondiale in Guatemala ha tenuto la Confraternita della Zona 7 nella colonia di Belén della città di Mixco, situata a 17 chilometri da Città del Guatemala. L’evento, tenutosi sotto il tema “Alla ricerca del smarrito”, è iniziato al mattino con una marcia evangelistica attraverso le principali arterie di Belén al fine di annunciare la buona notizia. Successivamente si è tenuto il servizio. Il reverendo Marlon Hernández, segretario nazionale del MMM in Guatemala, ha predicato la Parola con il messaggio “Ciò che la Chiesa ha smesso di fare”, basato su Atti 8:26-39, e ha osservato che la responsabilità della chiesa è annunciare il Vangelo.


URUGUAY Campagna evangelistica per bambini a Pando La piazza Elena Quinteros della città di Pando, nel dipartimento di Canelones, ha ospitato la Campagna Evangelistica per bambini tenuta il 22 dicembre dal Movimento Missionario Mondiale in Uruguay. L’evento ha avuto per tema “Gesù ti ama” e ha visto la partecipazione del reverendo Carlos Magallanes, supervisore nazionale del MMM in Uruguay. La sorella María José Pereira, membro della chiesa di Pando, ha trasmesso il messaggio di Cristo agli oltre centocinquanta bambini che hanno partecipato alla Campagna. Sulla base di Luca 8:4-8 e 10:27-37, ha parlato delle parabole del seminatore e del buon samaritano. Dopo l'attività, venti bambini si sono uniti all'Opera di Dio e alla congregazione di Pando.

MESSICO Battesimo, Confraternita e Campagna nella Zona 2 Con il tema “Solo Dio rende felice l’uomo”, il Movimento Missionario Mondiale in Messico ha tenuto diversi eventi dal 22 al 25 dicembre nella località di Las Guacamayas, situata nello stato di Michoacán, dove i membri della Zona 2 si sono riuniti per lodare Dio. Il primo giorno si è tenuta una cerimonia di battesimo presieduta dal reverendo Alejandro Roblero, supervisore nazionale del MMM in Messico. Otto fratelli provenienti da chiese della Zona 2 sono stati battezzati e fanno ora parte dell’esercito di Gesù Cristo. Il secondo giorno, una Confraternita di giovani ha avuto luogo nel tempio di Las Guacamayas. Il pastore Roblero ha trasmesso un messaggio indirizzato alle coppie sposate: “Cosa pensa Dio del matrimonio?”, basato su Genesi 2:18-24. Inoltre, il pastore Sergio Lopez ha presentato il sermone “La tua migliore offerta può costarti la vita”, basato su Genesi 4:3-15. Successivamente, il 23, 24 e 25 dicembre, servizi serali sono stati organizzati come parte di una Campagna Evangelistica.

STATI UNITI

Confraternita in California Il Movimento Missionario Mondiale negli Stati Uniti ha tenuto la 6° Confraternita Regionale delle Zone 8 e 18 dal 24 al 26 gennaio nella città di Concord, in California. L’evento ha avuto per tema “Espansione USA, avanzando con potenza” e ha visto la partecipazione del reverendo Arturo Hernández, supervisore nazionale dell’Opera in quel paese. Alla cerimonia di apertura, il reverendo Pablo López, presbitero delle Zone 4 e 14, ha predicato la Parola per mezzo del messaggio “Requisiti che garantiscono la continua presenza di Dio”. Il secondo giorno, il pastore Hernández ha avuto il privilegio di trasmettere il messaggio di Dio intitolato “Cuori graditi a Dio”, basato su Giovanni 11:5, 35 e 36. Al servizio di chiusura, diretto ai giovani del MMM negli Stati Uniti, il reverendo Mario Pascual, presbitero della Zona 10, ha presentato il messaggio “Il santo popolo di Dio”, sulla base di Deuteronomio 7:6-11.

INGHILTERRA Ritiro spirituale a Camberwell Dal 18 al 20 gennaio, il Movimento Missionario Mondiale in Inghilterra ha tenuto un Ritiro spirituale che ha riunito i fedeli del distretto di Camberwell, situato nel sud di Londra. L’attività ha avuto per tema “Difendi ciò che Dio ti ha dato”. Il reverendo Roberto Riojas, capo del MMM in Inghilterra, ha predicato il Vangelo durante tutto l’evento. Al servizio di apertura ha presentato il discorso “Difendi ciò che Dio ti ha dato”, sulla base di 2 Samuele 23:11-12, e ha sottolineato che la salvezza deve essere preservata. Il secondo giorno, il pastore Riojas ha predicato la Parola con il messaggio “Quando hai perso la speranza, Dio la recupera”, basato su Ezechiele 37:1112. Nel suo discorso, il predicatore ha affermato che solo in Cristo c’è speranza. L’ultimo giorno, il ministro Riojas ha tenuto il sermone “Dio chiede al Suo popolo una resa totale”, basato su Romani 12:12. Il predicatore ha osservato che tutto ciò che abbiamo appartiene a Cristo, e che l’Onnipotente chiede sacrifici ai Suoi seguaci.

Marzo 2019 / Impacto evangelistico

65


PROGRAMMA

CI SCRIVONO CARTAS@IMPACTOEVANGELISTICO.NET

GENNAIO 3-10 CONVEGNO COLOMBIA, Medellín 21-24 CONVEGNO NICARAGUA 25-27 CONVEGNO PARAGUAY, Montevideo 31-3 (Febbraio) CONVEGNO BOLIVIA, Tarija

JORGE RODRÍGUEZ Dio vi benedica. Vi scrivo per congratularmi con voi per il meraviglioso lavoro che fate in tutto il mondo. Ringrazio Dio perché attraverso questa meravigliosa rivista mi ha mostrato ciò che Lui vuole che io faccia. Sono un discepolo del Signore grazie a Impacto Evangelistico. Sono un uomo condannato all'ergastolo e convertito a Cristo che usa la rivista per evangelizzare i suoi compagni di prigionia. Sono felice di essere un missionario di Dio. Andate avanti e perseverate, la vostra ricompensa sarà grande. Da Jackson Correctional Institution, Malone, Florida, Stati Uniti.

FEBBRAIO 7-10 CONVEGNO BELIZE (ORANGE WALK). 21-24 CONVEGNO ARGENTINA (BUENOS AIRES). MARZO 2-5 CONVEGNO PANAMA 14-17 CONVEGNO HONDURAS (SAN PEDRO SULA). 14-17 CONVEGNO AUSTRALIA (MELBOURNE). APRILE 11-13 CONVEGNO NEPAL. 17-21 CONVEGNO GUATEMALA (CITTÀ DEL GUATEMALA). 18-20 CONVEGNO SRI LANKA. 25-27 CONVEGNO REPUBBLICA DOMINICANA. 25-28 CONVEGNO GUYANA, GUIANA FRANCESE, SURINAME E MARTINICA (SURINAME). 26-28 CONFRATERNITA PRESBITERIO AFRICA ORIENTALE (BRAZZAVILLE, CONGO).

NÉLIDA BONILLA Fratelli in Cristo, come studente della Bibbia, la rivista Impacto Evangelistico è stata una grande benedizione per continuare a studiarla. Stiamo vivendo momenti difficili. Prego Dio che continuate a portare il messaggio di salvezza, preparandoci per l'arrivo di nostro Signore Gesù. Da Rochester, New York, Stati Uniti.

MARÍA RODRÍGUEZ Dio benedica il ministero del Movimento Missionario Mondiale. Grazie per la vostra rivista, che ricevo con gioia perché mi permette di conoscere voi e le vittorie che avete nel Signore. Continuate a diffondere la sana dottrina. Siete nelle mie preghiere e nei miei digiuni. Da Yabucoa, Porto Rico.

JULIO LÓPEZ Un saluto cordiale a quanti leggono questa rivista. Non pensavo che Dio avesse il potere di cambiare e restaurare, ma ho cambiato idea quando ho letto le testimonianze della rivista. Ringrazio Dio e questo ministero per avermi salvato. Fratelli, andate avanti in Dio. Benedizioni per tutti. Dal Central Florida Reception Center, Orlando, Florida, Stati Uniti.

EVA RIVERA Cari fratelli, la vostra rivista arricchisce. Mi piace e la

condivido con un gruppo della mia chiesa affinché anche loro possano leggerla. Ho riviste dal 2014 e non volevo rinunciarci, ma sono da condividere. Andate avanti. Dio continui a benedirvi. Da Camuy, Porto Rico.

MARÍA SÁNCHEZ Fratelli carissimi, vorrei ringraziare tutti per il vostro meraviglioso lavoro. Dio Onnipotente continui a benedirvi. Dalla Pennsylvania, Stati Uniti.

GUSTAVO MENDOZA Dio vi benedica. Sono molto grato a Dio e a voi per il grande lavoro che fate e la tempestività nell’inviare la rivista a migliaia di persone. È molto utile per la mia vita e sono sicuro che anche per quella di molte persone. Grazie mille. Che la famiglia del Signore Gesù Cristo continui a crescere! Amen. Da Pecos, Texas, Stati Uniti.

SANTIAGO ALMANZA CELIO ALMIRA Cari fratelli del Movimento Missionario Mondiale, Dio vi benedica. La rivista Impacto Evangelistico è di grande benedizione e aiuto spirituale. La mia famiglia e io leggiamo tutti gli articoli; loro ci hanno aiutato molto e hanno risposto a molte domande. Ringraziamo il Signore e il MMM per la rivista. Dall'Avana, Cuba.

GLOBALE 2019

Ciao, fratelli. Vi scrivo per ringraziarvi per il sostegno che ricevo di voi mese dopo mese attraverso la rivista cristiana Impacto Evangelistico. Essa ci permette di essere edificati spiritualmente e personalmente, nonché di imparare a camminare sempre con Dio. Ringrazio il Signore per aver messo sulla mia strada la vostra rivista, che mi ha aiutato molto a adottare un altro approccio alla vita e mi ha fatto capire le cose di Dio in modo più coerente e personale. Da Pecos, Texas, Stati Uniti.

MAGGIO 3-5 CONVEGNO GIAPPONE (NARITA, TOKYO). 16-19 CONVEGNO SVIZZERA (GINEVRA). 16-19 CONVEGNO GERMANIA & BLOCCO C (AMBURGO). LUGLIO 2-6 CONVEGNO COSTA RICA. 4-7 CONVEGNO BRASILE (MANAUS). 9-12 CONGRESSO STATI UNITI (GRANDVILLE, MICHIGAN). 12-14 CONFRATERNITÀ NUOVA ZELANDA (WELLINGTON). 17-20 CONVEGNO PORTO RICO. 25-28 CONVEGNO MESSICO. AGOSTO 8-11 CONVEGNO SPAGNA E BLOCCO A (MADRID). 8-11 CONVEGNO HAITI (PORT-AU-PRINCE). 9-11 CONFRATERNITA BRASILE (SAO PAULO). 13-18 CONVEGNO GENERALE E GIOVANI AFRICA (BATA, GUINEA EQUATORIALE). 15-18 CONVEGNO ITALIA & BLOCCO B (MONZA). 22-25 CONFRATERNITA PRESBITERIO AFRICA OCCIDENTALE (ACCRA, GHANA). 22-25 CONVEGNO ECUADOR (GUAYAQUIL). SETTEMBRE 4-6 CONVEGNO VENEZUELA. 13-15 CONVEGNO PERÚ (AREQUIPA). 16-18 CONVEGNO PERÚ (CHICLAYO). 20-22 CONVENCIÓN PERÚ (LIMA). 25-28 CONVEGNO INDIA. 28 GIORNATA MISSIONARIA MONDIALE (TUTTI I PAESI) OTTOBRE 4-6 CONFRATERNITA CANADA. 18-20 CONFRATERNITA MADAGASCAR. 25-27 CONVEGNO MAURITIUS. 31-3 (NOVEMBRE) CONVEGNO CILE (SANTIAGO). NOVEMBRE 14-17 CONVEGNO EL SALVADOR. 21-24 CONVEGNO URUGUAY (MONTEVIDEO) 26-29 CONVEGNO MYANMAR.

È possibile scaricare il lettore di codici QR gratis da queste piattaforme: n Eventi passati n Eventi prossimi

66

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia


Marzo 2019 / Impacto evangelistico

67


Ora puoi scaricare la nostra App Disponibile ora! Scarica la app dall'

68

MOVIMENTO MISSIONARIO MONDIALE America•Europa•Oceania•Africa•Asia

Anche disponibile su

Profile for Impacto Evangelistico

782_Italiano  

Magazine Impacto Evangelistico / Edizione Marzo 2019 / Lingua Italiana

782_Italiano  

Magazine Impacto Evangelistico / Edizione Marzo 2019 / Lingua Italiana