Page 1

Anno IV n. 75 - Dal 27 Lug al 20 Ago 2012

Il Salentino è on-line su www.ilsalentinoeditore.com

Periodico di politica, economia, cronaca, cultura, attualità, sport, eventi Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 Art. 1 comma 1 D.C.B. S1/LE

Editoriale di ALESSANDRO CANDIDO* Se le piogge dei giorni scorsi hanno reso più gradevole questo afoso luglio del 2012, le tempeste scatenate dai mercati europei – con l’euro che traballa e lo spread in vertiginosa crescita – non hanno minimamente scalfito il clima rovente che si respira nei palazzi del potere. I principali problemi dipendono da una maggioranza e un’opposizione in costante fibrillazione, a causa dell’avvicinarsi delle elezioni del 2013, in vista delle quali nessuno è disposto a commettere passi falsi. Tale circostanza, sommata alla generale incertezza che regna sull’assetto politico del dopo Monti, contribuisce a creare instabilità e, di conseguenza, a far incrementare ulteriormente lo spread. Per queste ragioni, il premier ha convocato i leader dei principali partiti (Alfano, Bersani e Casini), chiedendo loro di sostenere incondizionatamente le prossime attività di un governo che si prepara a varare nuovi provvedimenti per tutto il mese di agosto: tra le varie cose, si pensa a un nuovo pacchetto di misure rivolte a riorganizzare le agevolazioni fiscali, al fine di evitare un nuovo – e non auspicabile – aumento dell’Iva. A ciò occorre aggiungere che non è ancora del tutto escluso che si vada a nuove elezioni già nel prossimo autunno, ma a condizione che – come ribadito dal Quirinale – Pdl, Pd e Udc trovino nell’immediato (rectius, entro settembre) un accordo sull’annosa questione della legge elettorale. Tuttavia, se Bersani ritiene inopportuna l’ipotesi del voto anticipato, Berlusconi (sempre più intenzionato a tornare alla guida del suo partito) pare invece propendere per tale soluzione (anche se la posizione del Cavaliere al riguardo non è ancora del tutto chiara), mentre Casini si dice pronto a optare per qualunque sia la strada maggiormente idonea a rivitalizzare i mercati. Il punto, come si diceva, è che – segue a pag. 3

Un'estate veramente ...mostruosa

MARTANO: CORTILI APERTI

Arte, musica e spettacolo a Martano con CORTILI APERTI Serena Orlando, pag. 12

CULTURA: L'OLIO DELLA POESIA

AL VIA LE SAGRE SALENTINE

Serrano - XXVII Edizione de "L'OLIO DELLA POESIA" A Vivian LAMARQUE il PREMIO 2012

Sagra Ortofrutticola a Borgagne - Sagra del Pane a S. Cataldo - Sagra dell'Ulivo a Melendugno

Pag. 16

Pag. 8 - Pag. 24 - Pag. 13


2

PUBBLICITÀ

27 Luglio / 20 Agosto 2012


27 Luglio / 20 Agosto 2012

EDITORIALE

segue dalla prima tratta, com’è noto, del decreto legge n. 95 del 2012 (attualmente in corso di prima di arrivare alle elezioni – occorre conversione) sulla c.d. spending review. assolutamente cambiare l’orrenda legge Risulta interessante, tra le tante novità elettorale (c.d. legge Calderoli) oggi (che, per ragioni di spazio, non potranno vigente. Il che non è cosa di poco conto, in questa sede essere affrontate), sofferse si pensa che, nonostante le numerose marsi sull’art. 17 del predetto testo noraperture di facciata, ad oggi manca un mativo, inerente la questione del riordino accordo di massima tra i partiti. Tuttavia, delle province. Sulla base dei criteri stando ad alcune indiscrezioni di questi stabiliti qualche giorno fa dal Consiglio giorni, sembrerebbe farsi largo l’ipotesi dei ministri, queste ultime dovranno di un modello che confermi il sistema necessariamente estendersi su una superproporzionale, con l’eliminazione del ficie territoriale non minore di 2500 premio di maggioranza (la legge vigente chilometri quadrati (criterio della garantisce un minimo di 340 seggi alla “dimensione territoriale”) e avere almeno Camera per la coalizione che ottiene la 350 mila abitanti (criterio della maggioranza relativa dei voti). Inoltre, “popolazione residente”). In questo conpare che resterà una quota di liste bloctesto, Lecce farà parte cate pari al 25% degli delle 43 province saleletti di Camera e Sementre le restanti nato, mentre per la reil premier ha vate, 64 dovranno essere stante parte (75%) si convocato i leader dei accorpate. reintrodurrà il sistema Contestualmente, in delle preferenze. Infine, principali partiti, virtù dell’art. 18 del si pensa a una soglia di chiedendo loro di so- decreto in oggetto, sbarramento fissata al soppresse le 5%. stenere incondiziona- verranno province di Roma, Il nodo principale da tamente le prossime Torino, Milano, Vesciogliere riguarda il Genova, Bolopremio da assegnare al attività di un governo nezia, gna, Firenze, Bari, partito o alla coalizione che si prepara a vara- Napoli e Reggio Cavincente: se Pdl e Udc che saranno ritengono opportuno re nuovi provvedi- labria, sostituite – entro il 1 attribuire un premio del menti per tutto il me- gennaio 2014 – dalle 10-15% al primo parCittà metropolitane. tito, il Pd sostiene che, se di agosto” Ma che cosa resta alle al fine di meglio assiprovince sopravviscurare la governabilità, sute? Poco, o nulla. il premio debba spettare alla coalizione Infatti, gli enti provinciali dovranno (e non al partito vincente). Vedremo cosa limitarsi a esercitare esclusivamente le accadrà. proprie competenze in materia di amIntanto, una volta accennato al quadro biente, trasporto e viabilità. Tutto il resto, che si prospetta per il futuro, vale la pena invece, sarà devoluto ai Comuni. di spendere qualche parola sulle recenti A questo punto, ci si domanda (come azioni che il governo ha posto in essere del resto è già accaduto in altre occasioni) a che cosa serva conservare l’ente proal fine di ridurre la spesa pubblica. Si

vincia. Probabilmente, sarebbe stato meglio giungere a una totale soppressione delle stesse, con contestuale devoluzione delle funzioni alle Regioni e ai Comuni. Tra l’altro, la norma varata dal governo suscita, così com’è, più di qualche dubbio di legittimità costituzionale. Giova al riguardo osservare che l’art. 133 della Costituzione stabilisce che il mutamento delle circoscrizioni provinciali, nonché l’istituzione di nuove Province, sono stabiliti con legge della Repubblica, previo parere della Regione e con il vincolo dell’iniziativa comunale. Si tratta dunque di un iter aggravato, che evidentemente il decreto sulla spending review ha violato, posto che il Governo ha arbitrariamente fissato i paletti in base ai quali le Province italiane sono destinate a permanere o ad accorparsi, senza che sia stato in alcun modo rispettato il requisito, costituzionalmente fissato, dell’autonoma iniziativa dei Comuni. La

3

norma governativa, dunque, nonostante chi scrive ritenga necessario abolire tutte le Province, risulta così com’è incostituzionale. Ma non è questo, oggi, il primo dei pensieri di un governo che, a onor del vero, ha lavorato incessantemente (basti ricordare la riforma delle pensioni e quella del mercato del lavoro, il decreto sullo sviluppo e quello sulla protezione civile, le liberalizzazioni e, da ultimo, ma solo in ordine di tempo, la spending review) nel tentativo di risollevare le sorti di un Paese che stenta a uscire dalla crisi. Albert Einstein sosteneva che “la crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi”. Sarà proprio vero?

*Avvocato, Assegnista in diritto dell’economia

nell’Università di Milano e Dottore di ricerca in diritto costituzionale nell’Università Cattolica


4

PUBBLICITÀ

27 Luglio / 20 Agosto 2012


27 Luglio / 20 Agosto 2012

DIRITTO & DOVERE

Il punto di vista

Avv. Alessandro Candido Assegnista di ricerca in diritto dell'economia Università degli Studi, Milano

redazione@ilsalentinoeditore.com Con le recenti sentenze nn. 4071, 4077 e 4085 del 10 luglio 2012, il Consiglio di Stato si è pronunciato nuovamente sulla questione della compartecipazione al pagamento delle rette per i ricoveri nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (per approfondire il quadro normativo e giurisprudenziale in materia, sia consentito un rinvio ad A. Candido, Il costo della non autosufficienza. Profili di incostituzionalità della recente legge lombarda n. 2/2012 sulle rette per le Residenze Sanitarie Assistenziali, nel Forum di Quad. cost. 2012). Nel primo caso (sent. n. 4071/2012), viene in rilievo un regolamento del Comune di Brescia che aveva imposto di calcolare la misura del contributo dovuto dai familiari del disabile al pagamento della retta di degenza anche sulla base dell’ISEE dei parenti non facenti parte del nucleo familiare anagrafico di provenienza del disabile medesimo (in quanto soggetti civilmente obbligati agli alimenti ex art. 433 cod. civ.). La seconda decisione (sent. n. 4077/2012) ha invece ad oggetto una nota dirigenziale con cui il Comune di Chiari (BS) aveva rigettato la richiesta – avanzata dai familiari di un soggetto ultrasessantacinquenne non autosufficiente ricoverato in RSA – di rideterminazione della quota di compartecipazione su di loro gravante. Il Comune aveva respinto l’istanza, appellandosi alla non univoca interpretazione del D.lgs. n. 109 del 1998. La terza pronuncia (sent. n. 4085/2012),

Il Consiglio di Stato ribadisce: l’accesso dei non autosufficienti all’assistenza rientra nei livelli essenziali

infine, si incentra sul problema della sussistenza o meno dell’obbligo di compartecipazione dei familiari di un’anziana disabile al sostenimento delle spese per il suo definitivo ricovero in RSA. In quest’ultima circostanza, il Comune di Rodendo Saiano Brescia aveva rifiutato di integrare la retta di degenza, invocando le previsioni del piano socio assistenziale comunale. In tutti e tre i casi, le argomentazioni fornite dai Giudici di Palazzo Spada risultano di analogo tenore e sono rivolte a confermare – e rafforzare – l’orientamento già espresso con le precedenti decisioni n. 1607 e 5185 del 2011. Esse possono essere così di seguito sintetizzate: a) devono ritenersi illegittimi quei regolamenti (come accade per il Comune di Brescia) che non operino una distinzione tra la posizione dei soggetti disabili gravi o degli anziani non autosufficienti e quella degli altri utenti, posto che, nella prima ipotesi, l’art. 3, co. 2-ter del D.lgs. n. 109 del 1998 impone di far leva sulla condizione economica del solo interessato; b) nonostante l’art. 3, co. 2-ter demandi in parte la sua attuazione a un successivo decreto, esso contiene tuttavia un principio immediatamente applicabile, costituito – appunto – dalla evidenziazione della situazione economica dei soli assistiti, in tutti quei casi in cui (con riguardo alle prestazioni sociosanitarie, erogate a domicilio o in RSA, di tipo diurno o continuativo) vengano in rilievo persone con handicap permanente

la Convenzione di New York sui diritti delle persone con disabilità impone agli Stati aderenti un dovere di solidarietà nei confronti dei disabili, sottolineando la necessità di valorizzare questi ultimi come soggetti autonomi”

5

grave o soggetti di oltre sessantacinque anni non autosufficienti; c) le leggi regionali e i regolamenti comunali devono osservare tale principio, che rappresenta uno dei livelli essenziali delle prestazioni da garantire uniformemente su tutto il territorio nazionale, essendo volto a facilitare l’accesso ai servizi sociali per i soggetti più bisognosi di assistenza; d) la tesi dell’immediata applicabilità della norma in oggetto si fonda non soltanto sul quadro costituzionale e legislativo risultante dal diritto interno, ma anche su fonti internazionali, quali la Convenzione di New York del 2006 sui “diritti delle persone con disabilità” (ratificata con legge n. 18 del 2009), che impone agli Stati aderenti un dovere di solidarietà nei confronti dei disabili, sottolineando la necessità di valorizzare questi ultimi come soggetti autonomi e a prescindere dal contesto familiare in cui sono collocati, anche ove ciò comporti un aggravio di spese per gli enti pubblici. Da ultimo, giova segnalare che, nel caso

deciso con sent. n. 4085/2012, il Consiglio di Stato si è spinto sino al punto da affermare che, perché la normativa poc’anzi richiamata possa ritenersi applicabile, non è richiesta “la totale non autosufficienza del disabile o dell’anziano, tanto meno così soggettivamente valutata dall’ente erogatore, bensì la ricorrenza di “handicap permanente grave” o di “non autosufficienza fisica o psichica” nel soggetto ultra sessantacinquenne, accertate ai sensi dell’art. 4 della legge n. 104 del 1992”. Né, peraltro, assume rilevanza “la mancata concessione […] dell’indennità di accompagnamento in sede di riconoscimento dell’invalidità al 100%”. Sulla base delle suesposte argomentazioni, condivisibilmente i Giudici di Palazzo Spada hanno riformato le sentenze di primo grado e hanno annullato gli atti impugnati (ivi compresi i relativi regolamenti) in quanto illegittimi, poiché contrastanti con l’esaminato principio – livello essenziale delle prestazioni – espresso dall’art. 3, co. 2-ter del D.lgs. n. 109 del 1998.


6

POLITICA REGIONALE

27 Luglio / 20 Agosto 2012

TRASPORTI Palese (PdL): “Su trasferimento ferrovie Sud-Est alla Puglia bene la Giunta regionale male il Governo nazionale” “Sulla delicata questione del trasferimento delle Ferrovie Sud-Est dallo Stato alla Regione, bene ha fatto la Giunta regionale a dichiararsi pronta a rilevare la Società previa due diligence sui conti e assunzione di responsabilità da parte del Governo nazionale su eventuali situazioni debitorie; male ha fatto il Governo Monti a dire alla Regioni Puglia (con un emendamento approvato oggi al

Decreto Sviluppo) che se per coprire eventuali perdite delle Ferrovie non dovessero bastare i 20 milioni di euro previsti nel Decreto Sviluppo, le Regioni potrebbero attingere le eventuali ulteriori risorse necessarie dal Fas”. Lo dichiara in una nota il capogruppo del Pdl alla Regione, Rocco Palese. “I contenuti della Delibera 1509 approvata ieri dalla Giunta regionale, sono ineludibili per tutelare sia la Regione sia le Ferrovie

Riduzione dei componenti del Consiglio regionale: il presidente Onofrio Introna e l’Ufficio di Presidenza hanno affidato alla Conferenza dei Presidenti dei Gruppi consiliari una bozza di proposta di legge di modifica statutaria che prevede la riduzione del plenum dell’Assemblea a 50 consiglieri regionali (più il candidato presidente eletto). Il testo dell’iniziativa legislativa è stato fatto proprio all’unanimità e quindi trasmesso alla settima commissione perché possa organizzare il programma dei lavori e calendarizzare le necessarie sedute. Il capogruppo del Pdl non ha ritenuto di ritirare la richiesta di iscrizione all’ordine del giorno della proposta di legge di riduzione dei consiglieri regionali, regolarmente inserita nell’ordine del giorno della seduta del 30 luglio. “Numerosi capigruppo hanno avanzato l’esigenza di garantire alle modifiche statutarie sul plenum dell’Assemblea un percorso parallelo alla nuova della legge elettorale, perché risulti strettamente coordinata alle previsioni dello Statuto”. La Conferenza ha preso atto che il gruppo tecnico di esperti della Prefettura e dell’Ufficio legislativo consiliare ha completato l’esame dei profili di costituzionalità della legge 2/2005, che disciplina le elezioni regionali in Puglia. Il lavoro sarà consegnato ai capigruppo ed alla settima commissione che dovrà necessariamente individuare nuove circoscrizioni elettorali per uniformarsi alle decisioni assunte dal governo nazionale in tema di soppressione o accorpamento delle province. Altre norme che potrebbero essere introdotte o riviste riguardano, inoltre, la parità di genere, la soglia di sbarramento e il premio di maggioranza. L’Ufficio di Presidenza ha consegnato ai capigruppo le due proposte di legge di iniziativa popolare pervenute al Consiglio, attestando che le proposte hanno i requisiti per essere ammesse all’iter legislativo. Com’è noto, una è in materia di trattamento economico e previdenziale dei consiglieri regionali e l’altra per la parità uomo donna nelle candidature e preferenze. La conferenza dei capigruppo le ha avviate sempre alla settima commissione per l’esame e l’eventuale approvazione. È stata inoltre avanzata la richiesta di avviare la proposta di legge per l’istituzione tra gli organi di rilevanza statutaria del Collegio dei revisori dei conti della Regione Puglia. Vigilerà sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione dell’ente.

Il Consiglio regionale è convocato per lunedì 30 e martedì 31 luglio 2012, alle 10,30, nell’Aula consiliare, con il seguente ordine del giorno: 1) Proposta di legge Losappio, Cervellera, Lonigro, Matarrelli, Pastore, Sannicandro, Ventricelli "Sviluppo dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima" e proposta di legge Epifani, Caracciolo, De Gennaro, Ognissanti "Promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili" (rel. cons. Pentassuglia Donato); 2) Proposta di legge Blasi, Decaro "Norme in materia di incompatibilità e conflitto di interessi dei titolari di incarichi di rappresentanza e di governo regionale" (iscritta all'ordine del giorno ai sensi dell'art. 17 del regolamento interno del Consiglio); 3) Ordine del giorno Palese, Caroppo A., Marti, Congedo, Vadrucci, Barba, Damone del 04/02/2011 "Risorse economiche per il funzionamento PET-TC nella provincia di Lecce"; 4) Mozione Palese, Damone, Bellomo del 15/04/2011 "Finanziamento delle scuole dell'infanzia paritarie"; 5) Ordine del giorno Maniglio, Palese del 20/04/2011 "Assunzioni nel Servizio di oncoematologia del 'Fazzi' di Lecce"; 6) Ordine del giorno Pentassuglia, Gatta del 15/06/2011 "Stagione venatoria"; 7) Mozione Gatta del 20/06/2011 "Servizio di cabotaggio marittimo sull'itinerario Isole Tremiti, Rodi Garganico, Manfredonia"; 8) Mozione Damone, Palese, Bellomo del 23/01/2012 "Protesta autotrasportatori"; 9) Ordine del giorno Epifani del 23/01/2012 "Concessione spazi demaniali"; 10) Mozione Pellegrino, Pastore del 24/01/2012 "Contestazione del tricolore messa in atto dalla Lega Nord a Milano"; 11) Ordine del giorno Gatta del 31/01/2012 "10 febbraio 'Giornata del Ricordo' in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale"; 12) Ordini del giorno Maniglio del 13/02/2012 e

Sud Est con una due diligence – sottolinea Palese - mentre è assurdo quanto stabilito oggi dal Governo nazionale, ossia che eventuali perdite delle Ferrovie potranno essere coperte con fondi destinati allo sviluppo. In questo momento di gravissima crisi e di tagli pesanti nei trasferimenti statali, non può esserci cosa peggiore che destinare al pagamento di debiti risorse per la crescita delle Regioni e dei territori. Se lo Stato vuole trasferire alle Regioni le Ferrovie Locali,

Laddomada, Cervellera, Iurlaro, Pentassuglia, Brigante, Nuzziello, Disabato del 30/05/2012 "Proroga dell'assistenza domiciliare ai malati oncologici"; 13) Ordine del giorno Negro, Pellegrino, Palese, Disabato, Bellomo, Damone, Losappio, Buccoliero del 13/02/2012 "Modifica al d.lgs. n. 110/2004"; 14) Ordine del giorno Laddomada, Cervellera, Pentassuglia, Lospinuso, Sala del 15/02/2012 "Reintegro dei medici dell’ASL di Taranto nelle strutture sanitarie"; 15) Ordine del giorno De Gennaro, Lospinuso, Mazzarano, Palese, Buccoliero, Caroppo, Brigante, Losappio del 01/03/2012 "Iniziative volte a favorire i pagamenti delle forniture ospedaliere da parte delle ASL e degli Enti pubblici"; 16) Mozione Marmo N., Lospinuso, Marti, Lanzilotta, Alfarano, Barba, Boccardi, Cassano, Congedo, Di Gioia, Friolo, Gatta, Iurlaro, Palese, Sala, Surico, Tarquinio, Vadrucci, Zullo del 09/03/2012 "Impegno all’adozione d'iniziative sulla drammatica situazione del Tibet in occasione del 53° anniversario dell’insurrezione di Lhasa, inclusa l’esposizione della bandiera del Tibet"; 17) Ordine del giorno Epifani del 13/03/2012 "Contrasto ludopatia"; 18) Ordine del giorno Gatta del 30/03/2012 "Deliberazione CIPE n. 62 del 03 agosto 2011"; 19) Mozione Damone del 03/04/2012 Chiarezza su trasporto aereo/ferroviario in Capitanata"; 20) Ordine del giorno Gatta, Tarquinio, De Leonardis, Damone, Di Gioia, Lonigro, Ognissanti, Schiavone, Nuzziello del 18/04/2012 "Sisma del 31 ottobre 2002 – O.P.C.M. 4009 del 22/03/2012. Conseguenze"; 21) Mozione Damone del 18/04/2012 "Grave carenza di personale all'Assessorato alla sanità"; 22) Ordine del giorno Damone del 23/04/2012 "Ripristino immagine di San Nicola sullo stemma della città di Bari"; 23) Ordine del giorno Palese del 26/04/2012 "Vendita terreni Isole Tremiti"; 24) Ordine del giorno

prima accerti e ripiani eventuali debiti, ma non pretenda che lo facciano le Regioni peraltro con fondi destinati dallo stesso Governo al loro sviluppo. In questo senso ci auguriamo che il lavoro di questi mesi e le proteste di oggi dei nostri parlamentari, e in particolare di Raffaele Fitto, aggiunte alle istanze delle Regioni e alla richiesta specifica che la Puglia ha inviato al Ministero, possano indurre il Governo ad un ripensamento”.

Mazzarano, Pentassuglia del 11/05/2012 "Interventi a salvaguardia dei lavoratori della Sural s.p.a."; 25) Ordine del giorno Mazzarano, Blasi, Decaro, Cervellera, Laddomada, Mazza del 30/05/2012 "Realizzazione di nuovi impianti e ampliamento di strutture per il trattamento di CDR nella provincia di Taranto"; 26) Mozione Damone del 14/06/2012 "Manutenzione diga di Occhito"; 27) Ordine del giorno Lospinuso, Pentassuglia, Sala, Chiarelli, Cervellera, Laddomada, Mazza, Mazzarano del 27/06/2012 "Piano di classifica del Consorzio di bonifica Stornara e Tara di Taranto"; 28) Ordine del giorno Friolo, Marmo N., Zullo del 22/06/2012 "Assegnazione nuove sedi farmaceutiche"; 29) Ordine del giorno Buccoliero del 22/06/2012 "Sollecitazioni al Governo per rendere ufficiali gli sbarchi di immigrati in cerca di lavoro e di speranza"; 30) Ordine del giorno Tarquinio del 04/07/2012 "Solidarietà al prof. Ichino e al Consiglio comunale di Roma"; 31) Ordine del giorno Disabato, Palese, Losappio, Negro, Decaro, Schiavone, Pellegrino, Damone, Buccoliero del 23/07/2012 "Vertenza lavoratori OM Carrelli Elevatori - Bari" e interrogazione urgente Palese, Cassano del 19/07/2012 “Vertenza OM Carrelli – Bari”; 32) Ordine del giorno Blasi, Romano, Maniglio, Loizzo, Decaro, Amati, Minervini, Mazzarano del 23/07/2012 "Riduzione del numero dei Consiglieri"; 33) Ordine del giorno Mazza del 23/07/2012 "Realizzazione a Taranto di un progetto di economia alternativa entro cinque anni e contestuale chiusura, nel medesimo arco temporale, dell'area a caldo dell'ILVA s.p.a."; 34) Proposta di legge Palese, Damone, Bellomo "Modifiche ed integrazioni della legge regionale 12 maggio 2004, n.7 (Statuto della Regione Puglia)" (iscritta all'ordine del giorno ai sensi dell'art. 17 del regolamento interno del Consiglio).


27 Luglio / 20 Agosto 2012

POGGIARDO. Il consigliere regionale IdV, Aurelio Gianfreda ha presentato una proposta di legge per l’“Istituzione del Festival del Teatro

Antico” di Poggiardo. Obiettivo dell’iniziativa - si legge nella relazione - promuovere la conoscenza del Teatro Antico, in particolare negli istituti di

Appello al Presidente Massimo Ferrarese: “Sia Brindisi il motore della Regione Salento” di PAOLO PAGLIARO* LECCE. È da Brindisi che può e deve partire la volata decisiva per il raggiungimento del nostro obiettivo storico: la Regione Salento. È da Brindisi infatti che siamo partiti due anni fa con la costituzione del Movimento Regione Salento che oggi ha la sua grande occasione. Un’occasione da condividere con tutto il territorio di Brindisi, Lecce e Taranto. Il dado è tratto ormai, dopo la decisione del Governo di accorpare le province di Brindisi e Taranto, le parole che ha pronunciato più volte pubblicamente il presidente Massimo Ferrarese suonano come un impegno personale: "...capisco perfettamente l'obiettivo del Presidente del Movimento Regione Salento che è Paolo Pagliaro a voler ottenere una regione. Perchè?, qual'è l'obiettivo... E' comune a tutti noi. Siamo molto in simbiosi con Pagliaro sotto questo aspetto. Perchè lui vuole questo? Per dare di più alla nostra gente e perchè non ci sia un baricentrismo che l'ha fatta da padrone per decenni. Se daremo più competenza a questa provincia, che abbiamo già risanato sotto molti aspetti, io sarò sicuramente contento e soddisfatto di governarla ancora meglio. Se dovessero, chiaramente un domani, abolire la provincia di brindisi, a quel punto credo sia giusta la Regione Salento. A quel punto se dovessi fare ancora politica sarei il primo, quindi sarò il primo a dare un aiuto al Movimento.” Parole che ci hanno riempito d’entusiasmo all’epoca e che adesso diventano una promessa, degna di una logica conseguenza politica. All’insegna della necessaria coerenza di una buona

7

POLITICA SALENTINA

politica alla quale ci ha abituato, invitiamo ancora una volta il Presidente Ferrarese a sostenere la battaglia decisiva, l’unica veramente meritevole di attenzione. Ci aiuti, già a partire dal prossimo Consiglio provinciale, a portare a casa un successo per l’intero Salento, sostenendo il progetto per un nuovo regionalismo. Ci rivolgiamo anche al Pdl di Brindisi che con i suoi leaders ha sposato l’idea di tenere insieme i tre territori salentini di Brindisi, Lecce e Taranto sotto un’unica insegna, la Terra d'Otranto. Ma tale insegna non può essere quella di una maxi Provincia, perché sarebbe solo un altro maxi carrozzone, senza poteri, senza risorse, senza rappresentatività, questa volta più grande e più inutile. Solo una nuova Regione potrà garantire sviluppo e crescita delle nostre comunità, questo ormai tutti lo hanno capito. Non tutti ancora ci lavorano, è vero… Ma noi siamo qui perché crediamo nel buon senso. E alla fine sarà quello a vincere. *Presidente Movimento Regione Salento

secondo grado della regione Puglia, attraverso attività di laboratorio teatrale e favorire lo scambio di esperienze con studenti delle regioni italiane ed europee. La legge prevede il riconiscimento di crediti formativi agli studenti partecipanti secondo modalità da definire con la necessaria intesa con la Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale, la concessione di una borsa finanziata dalla Regione ai primi tre Istituti Scolastici classificati per l’acquisto di materiali didattici, la rappresentazione

delle opere dei primi tre Istituti classificati in aree archeologiche di particolare pregio per la Puglia. Il festival avrà cadenza biennale e si svolgerà nel Parco dei Guerrieri dell’antica Città Messapica di Vaste di Poggiardo. Alla manifestazione concorrerà l’assessorato al Diritto allo Studio e Formazione, il Consorzio Teatro Pubblico Pugliese, Puglia Promozione ed il Comune di Poggiardo che redigeranno specifico atto di intesa con l’ufficio Scolastico Regionale.

PALESE "Non aprire cantieri da Maglie a Leuca e Otranto blocca 1000 posti di lavoro" "Pur nel pieno rispetto delle ragioni di tutti, in questo momento di crisi economica e di aumento della disoccupazione, non è possibile continuare a tergiversare sull'apertura dei cantieri per il raddoppio delle statali Maglie - Leuca e Maglie - Otranto, che sbloccherebbero quasi 400 milioni di euro e, tra impiego diretto e indotto, darebbero lavoro a quasi mille persone". L'appello a tutte le Istituzioni coinvolte e con potere decisionale sulle die questioni, arriva dal capogruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese, che aggiunge: "Si faccia ciò che si deve e si può per conciliare le esigenze di tutela ambientale, riconoscimento di diritti e quant'altro ma si pensi all'interesse generale che deve essere supremo rispetto a tutto il

resto e in questo caso è certamente un danno per l'economia salentina e pugliese continuare a tenere bloccati quasi 400 milioni di fondi pubblici e negare lavoro a quasi mille persone. Chiediamo al Governo Regionale - aggiunge Palese - di individuare uno strumento istituzionale, che può essere un Tavolo o una conferenza di servizi, per fare il punto su tutti i cantieri per opere pubbliche che in Puglia sono finanziati, appaltati, pronti a partire ma per vari motivi bloccati. Vanno immediatamente sbloccati ed aperti in primo luogo per non rischiare di perdere i finanziamenti pubblici tanto faticosamente reperiti negli anni scorsi ed in secondo luogo per dare una boccata d'ossigeno alle imprese pugliesi".

STRADA S.S. 16 OTRANTO MAGLIE

Interviene il difensore civico sen. Giorgio De Giuseppe In merito all’appello del Forum Ambiente e Salute rivolto all’Assessore regionale Angela Barbanente perché nel tratto Otranto-Maglie la S.S. 16 divenga la prima “strada parco”, in coerenza con il PPTR regionale, il Difensore Civico della Provincia di Lecce, Giorgio de Giuseppe, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Finalmente sul devastante progetto di allargamento della S.S. 16 nel tratto OtrantoMaglie, viene avanzata una proposta pienamente condivisibile, anche se in zona Cesarini. Niente quattro corsie, niente cavalcavia in cemento, niente serpentoni complanari, che compromettono testimonianze storiche da salvaguardare e valorizzare, niente distruzione di preziose testimonianze della civiltà contadina, niente espianto di ulivi, 268 dei quali sono censiti come monumentali. L’attuale progetto, malgrado i tentativi di miglioramento in corso,

resta assurdo, devastante, faraonico! E’ incredibile che il Governo, da una parte cerchi di tagliare spese inutili, dall’altra consenta all’Anas di deturpare irrimediabilmente un territorio la cui bellezza e storia impongono cautela e rispetto. Il vecchio progetto, senza studi di impatto ambientale e di costi/benefici, ha bisogno non di piccole e marginali modifiche, ma di radicali cambiamenti, secondo una impostazione completamente diversa. Sono sacrosante le richieste dei lavoratori, ma sin quando non ci sarà il nuovo progetto, bisognerà per loro sfruttare gli ammortizzatori sociali e le varie ipotesi di utilizzazione. La Regione deve intervenire sul Governo per impedire una spesa inutile, mentre è auspicabile che i Consiglieri regionale e i parlamentari seguano la questione coerentemente con i reali interessi del territorio”. Giorgio De Giuseppe


8

PUBBLICITÀ

27 Luglio / 20 Agosto 2012


27 Luglio / 20 Agosto 2012

9

ECONOMIA / TURISMO

VERTENZA TERME DI SANTA CESAREA

Fragassi, segretaria Filcams Cgil Lecce: “Siamo stanchi delle polemiche politiche. Chiediamo soluzioni per gli oltre cento lavoratori” SANTA CESAREA TERME. Sulle Terme di Santa Cesarea continuano a consumarsi battaglie politiche che però, a nostro parere, non giovano al futuro occupazionale e all’attuale posizione degli oltre cento lavoratori che vi ope-

rano, dice Valentina Fragassi segretaria generale Filcams Cgil di Lecce, in merito alla situazione del più importante stabilimento termale Pugliese. Abbiamo più volte chiesto alla Regione Puglia continua, un incontro per discu-

tere di quali possano essere gli scenari futuri del punto termale pugliese e dei progetti che la Regione intende attivare per il rilancio del sito termale di Santa Cesarea. Siamo davvero amareggiati nel dover constatare che, invece, ad

oggi, la politica intervene sulla stampa esclusivamente per un rimpallo di responsabilità reciproche e che ancora non si attivi il tavolo di concertazione da noi richiesto nell’interesse, non solo dei lavoratori, ma di tutto il territorio salentino. Sentiamo, a questo punto, il dovere conclude, di chiamare alle proprie responsabilità gli enti preposti, affinché si avvii con celerità il confronto da noi richiesto, al fine di individuare soluzioni proficue per il futuro occupazionale dei lavoratori interessati.

Museo Civico Di Paleontologia E Paletnologia Di Maglie

APERTO PER FERIE Degustazioni culturali fuori orario Dopo il successo andato ogni oltre aspettativa dello scorso anno, ritorna al Museo Civico di Paleontologia e Paletnologia di Maglie, nell’estate 2012, la seconda edizione di Aperto per ferie. Degustazioni culturali fuori orario: serate di apertura prolungata oltre orario, da trascorrere piacevolmente con chiacchierate su un Salento diverso dal solito, il cui fascino e mistero trapela dai respiri del suo mare spesso captati da artisti sensibili, dalle zolle arse dal sole, dai suoi frutti carnosi e dolci che quest’anno ci accompagneranno con degustazioni di prodotti biologici o a km zero di rinomate e scelte aziende locali e vini di eccellenza, il tutto condito con una spolverata di brevi performance musicali. Le chiacchierate, affidate, a studiosi accademici e ad esperti del settore, come i Docenti universitari Paolo Sansò e Piero Medagli, lo speleosub Raffaele Onorato e il Responsabile del Parco Otranto-Santa Maria di Leuca Francesco Minonne, avranno come argomento i temi dell'acqua nel Salento, le misteriose e affascinanti grotte costiere sottomarine, alcune rare e antichissime piante e fiori endemici del territorio salentino e le tante varietà di fichi di Puglia, questo carnoso e dolce frutto che nel mosaico della cattedra-

Programma 17 Agosto h. 21:30 - 24:00 Fascino e mistero di piante e fiori del Salento Conversazione con il botanico: Prof. Piero Medagli (Università del Salento) Banda Direzione Sud Est Perfomance musicale diretta dal Maestro Prof. Salvatore Cotardo

le di Otranto sostituisce la mela come frutto proibito dell’Eden. Le serate saranno ravvivate con interventi musicali degli Chansons d'été con i Maestri Mattia Manco alla fisarmonica, Roberto Chiga alle percussioni e Annunziata Tondi voce. Special Guest del 27 luglio, Claudio Prima interverrà con il Concerto/Dialogo Mare Aperto e presenterà l'ultimo lavoro della Banda Adriatica e il videoclip Arriva la banda, insieme all'autrice dei disegni Chiara Rescio. Ed ancora, il Maestro prof. Salvatore Cotardo presenterà la nuova formazione Banda Direzione SudEst, da lui diretta e composta da 24 elementi; gli Ananda Day con musiche contraddistinte dal Life project e Francesca Donadeo, giovane cantante magliese, concluderanno la serata. Il percorso di

degustazioni, quest’anno, è stato affidato a Paolo Scarcella di Assaggi a SudEst che ha selezionato una rosa di prodotti scelti tipici salentini di aziende attente e ecosostenibili per degustazioni a tema per ogni serata: dagli antipasti ai dolci passando anche per assaggi di primi piatti. Sempre a cura di Assaggi a SudEst, nelle prime tre serate, anche le degustazioni di rinomati vini salentini, che saranno chiuse dall'Enoteca del Caffè Leopardi di Maglie con sommelier Franco Maglie nella serata del 24 agosto. La partecipazione è gratuita ma condizionata ad una prenotazione da realizzare almeno un giorno prima di ogni serata alla segreteria del Museo (0836 485820; 320 4355793) o direttamente in reception.

Assaggi a SudEst - Il dessert Assaggi dolci del PanSorriso, pasta di mandorle e marmellate e degustazione di vini guidati da Paolo Scarcella

Perfomance musicale life project degli Ananda Day interverrà Francesca Donadeo

24 Agosto h. 21:30 - 24:00 I Fichi di Puglia. Percorsi nella storia, paesaggi, cucina e biodiversità del fico Conversazione con il naturalista: Prof. Francesco Minonne, Parco Otranto-Leuca Riprendo il cielo

Assaggi a SudEst - Il Frutto proibito Assaggi di diverse varietà di fichi pugliesi e dell'Olivotto guidati da Paolo Scarcella Mieravigliosa Degustazioni di vino guidati da Franco Maglie in collaborazione con l’Enoteca Caffè Leopardi, Maglie

Spot giovani per una televisione del futuro che è già del presente. Sono tre giovani salentini - una ragazza di San Cesario e due ragazzi di Maglie e Casarano - i vincitori del concorso per i migliori video promozionali per il passaggio al digitale terrestre. Il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna, ha consegnato i premi ‘Tv digitale 2012’, messi a concorso dal Co.Re.Com. Puglia, invitando i ragazzi ad impegnarsi per far crescere la Puglia: “Senza i giovani non c’è futuro per una regione moderna e avanzata come la Puglia, che conta sulle sue ragazze e ragazzi e cerca di sostenere i loro programmi per l’avvenire con progetti come Bollenti spiriti e Ritorno al futuro”. “Il concorso - ha dichiarato

il presidente del Co.Re.Com. Puglia, Felice Blasi - è stato pensato per dare ai giovani pugliesi under 30, veri protagonisti dell’era digitale, la possibilità di creare efficaci spot di comunicazione per il passaggio al digitale terrestre in Puglia”. I primi tre classificati sono Antonio Mariano, autore di “Un altro sguardo sul mondo”; Luciana Lettere, con “La sera della finale”; Mirko Longo, “Passaggio al digitale terrestre: un gioco da bambino”. I vincitori hanno ricevuto premi in denaro (rispettivamente 5000, 3000 e 2000 euro) e una medaglia con il logo della Regione Puglia. “La Puglia vi premia - ha concluso il presidente Introna - non ci tradite, e certamente non lo farete: i giovani pugliesi sono straordinari”.

“Non possiamo certo assistere inerti al rischio che stanno correndo quattrocento lavoratori del Consorzio Operativo del Gruppo Monte Paschi di Siena del Polo di Lecce, in conseguenza della ventilata esternalizzazione delle attività di back office. Si tratterebbe per di più di una beffarda smentita per quanti rappresentarono l’acquisizione da parte dell’antico istituto di credito toscano della florida Banca della famiglia Semeraro come un salto di qualità di cui essere grati ai munifici acquirenti.

In una situazione di crisi economica ed occupazionale dalle prospettive sempre più incerte ed inquietanti, in cui quello bancario è il settore sistematicamente più protetto, che vadano a rischio posti di lavoro, per di più di alta qualificazione, di tale settore costituirebbe il più ferale degli annunci. Credo che la Regione possa e debba attivarsi immediatamente per ottenere i necessari chiarimenti e, all’occorrenza, intervenire con tempestività e determinazione”.


10

ATTUALITÀ

27 Luglio / 20 Agosto 2012

Una novità importante nel mondo dei libri

È NATO “BIBLIANDO.IT”, IL PORTALE DELLE BIBLIOTECHE SALENTINE Comunali, ecclesiastiche e private, partendo dalla storica Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” di Lecce

di GABRIELE DE BLASI Anche nel territorio salentino arrivano importanti novità per quanto riguarda il mondo dei libri e della cultura in generale. E’ nato, infatti, un nuovo portale che mette insieme gran parte delle biblioteche della nostra provincia: da quelle comunali a quelle ecclesiastiche a quelle private, partendo, naturalmente, dalla storica Biblioteca Provinciale “Nicola Bernardini” di Lecce. Il portale, già in rete, si chiama “Bibliando” (www.bibliando.it) e costituisce un vero e proprio punto di svolta per il settore delle biblioteche, a tutto vantaggio, ovviamente, degli utenti. È un sito attento alle esigenze di un pubblico moderno e si avvale degli strumenti informatici messi a disposizione delle biblioteche salentine. “Bibliando”, naturalmente, è ispirato alla logica del “web 2.0”; ma non potevano mancare l’applicazione per “Smartphone” e “Android” (“Bibliando App”) e quella per il prestito degli “e-book” (“Digital Lending”). Questi strumenti potranno consentire alle biblioteche salentine di affrontare le nuove esigenze connesse all’innovazione tecnologica, arricchendo il sistema di erogazione dei servizi agli utenti, valorizzan-

Equitalia condannata per “ Danno da pignoramento illegittimo” Equitalia nuovamente nel ciclone dopo l’importante e recente sentenza della terza sezione della Cassazione la n. 9445 dell’11.06.2012 che ha visto la condanna dell’agente della riscossione per “Danno da pignoramento illegittimo” che per Giovanni D'Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti” rappresenta una speranza per molti cittadini vittima di comportamenti anche illegittimi e che di fatto impone maggiore attenzione nelle procedure di riscossione da parte della stessa società. La vicenda nasce dal ricorso di un avvocato che aveva vinto un opposizione ad una cartella di pagamento riferita a sanzioni amministrative, e che nonostante ciò si era visto notificare un avviso di mora da parte dell’ente creditore e dell’agente riscossore. Sebbene avesse prov-

do, in ultima analisi, il patrimonio e il ruolo delle biblioteche stesse, tutte aderenti al Sistema Bibliotecario della Provincia di Lecce. Tutto ciò consentirà di avere una diversa modalità di comunicazione con gli utenti, più “divulgativa”, grazie all’uso di linguaggi idonei ad una comprensione allargata, in grado, peraltro, di offrire nuovi strumenti di interazione con il pubblico, consentendo anche una maggiore evidenza ai territori, alle loro iniziative e alle loro peculiarità. D’altronde, il Polo Bibliotecario di Lecce è fra quelli maggiormente funzionanti nel Meridione, uno dei più moderni. Il nuovo portale “Bibliando” diventa, dunque, un ulteriore strumento per “mettere in rete” le biblioteche salentine e i loro utenti. Il Sistema Bibliotecario della Provincia di Lecce è nato con l’obiettivo di superare la frammentazione delle strutture bibliotecarie esistenti nel territorio e di fornire agli utenti un servizio più vicino alle loro esigenze di informazione e di comunicazione, realizzando una rete basata sulla condivisione delle risorse. Attualmente sono previsti due distinti livelli di cooperazione: l’adesione-base al Sistema Bibliotecario Provinciale, che preve-

de una cooperazione sul piano culturale, tesa a migliorare i servizi offerti dalle singole biblioteche ai propri utenti (non comporta impegni di spesa da parte delle biblioteche partecipanti, né la condivisione della basedati); l’adesione al Sistema Bibliotecario e, contemporaneamente, al Polo “S.B.N.” (Sistema Bibliotecario Nazionale) di Lecce, che prevede la partecipazione al progetto “S.B.N.” (con la partecipazione al progetto “S.B.N.” e, quindi, la condivisione dei dati catalografici attraverso la costituzione di una comune base-dati, gestibile e implementabile nel rispetto degli standard previsti nell’ambito del progetto). Le attività di coordinamento dei servizi bibliotecari delle istituzioni aderenti alla rete sono svolte dalla Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” di Lecce, che promuove le attività culturali correlate alle funzioni proprie delle biblioteche (diffusione della lettura e del libro); coordina iniziative e interventi promossi in forma associata da soggetti operanti nel territorio che si impegnino nell’opera di tutela, recupero, promozione e valorizzazione del patrimonio storico, documentario, archivistico, artistico e museale di pertinenza degli enti

veduto immediatamente a proporre un’istanza in autotutela a seguito dell’indebito avviso di mora, chiedendone il contestuale annullamento con diffida ad astenersi dal compiere atti di esecuzione forzata, trasmettendo al contempo copia della sentenza attestante l’annullamento della cartella, Equitalia procedeva comunque con l’esecuzione forzata nei confronti del professionista che subiva pignoramento mobiliare presso il proprio studio legale. Per tale grave errore, il malcapitato avvocato citava in giudizio sia l’ente creditore che l’agente della riscossione per il risarcimento del danno non patrimoniale causato in conseguenza della procedura di pignoramento, avvenuto peraltro davanti alla figlia, ad una collega ed alla segretaria. Nella fattispecie il pregiudizio di natura non patrimoniale ai fini della domanda di risarcimento è rappresentato dal danno morale prodotto da un fatto di reato astrattamente configurabile, ai sensi del combinato disposto degli artt. 2059

c.c. e 185 c.p. ossia il danno non patrimoniale derivante da un fatto illecito astrattamente configurabile come reato: in particolare il danno morale prodotto dall’omissione d’atti d’ufficio. Secondo la tesi posta a fondamento della richiesta danni del ricorrente, invero, la condotta penalmente rilevante, almeno in astratto da parte dei due soggetti convenuti, sarebbe da ricercarsi nell’inerzia tenuta a fronte dell’istanza di annullamento dell’ingiustificato avviso di mora, la quale integrerebbe gli estremi del reato di omissione d’atti d’ufficio stabilito dal secondo comma dell’art. 328 c.p..Il c. p., relativamente al reato in questione statuisce, infatti che risponde del reato di omissione d’atti d’ufficio il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l’atto del suo ufficio e non risponde per esporre le ragioni del ritardo. La Suprema Corte che ha ribaltato le precedenti pronunzie relative al caso in questione da parte

locali convenzionati; sviluppa e aggiorna costantemente il portale “Bibliando”; realizza e aggiorna il Catalogo Collettivo Informatizzato (“Opac”), per consentire a tutti una puntuale informazione sul patrimonio librario e documentario posseduto dalle biblioteche; definisce le norme comuni per l’organizzazione dei servizi al pubblico e delle tariffe, per le procedure di elaborazione automatica dei dati, per la misurazione dei servizi e degli indicatori di sviluppo; coordina gli acquisti del materiale librario e documentario, con la definizione di un programma comune di incremento delle istituzioni coinvolte, individuando gli indirizzi di sviluppo delle singole biblioteche, anche attraverso forme di acquisto centralizzate e procedure di affidamento a librerie, distributori, case editrici, onde poter raggiungere un maggior potere contrattuale e condizioni di acquisto favorevoli per tutte le biblioteche; coordina il prestito interbibliotecario per consentire a tutti l’accesso e la fruizione del patrimonio librario; aggiorna il personale delle biblioteche e dei servizi centralizzati; infine, rileva periodicamente i dati statistici per la conoscenza e la valutazione dello stato delle strutture, dei servizi e dell’utenza. delle due corti di merito chiamate a giudicarlo e che avevano escluso la risarcibilità del danno non patrimoniale (sub specie di danno morale) ritenendo non sussistente – alla luce delle prove raccolte – la lesione di un diritto della personalità costituzionalmente rilevante (diritto all’immagine), con conseguente esclusione del danno, ha rilevato come in particolare nel secondo grado di giudizio la corte territoriale non aveva effettuato il doveroso preliminare accertamento circa l’astratta configurabilità della fattispecie di reato nella condotta dell’ente creditore e dell’agente riscossore. Al contrario, affermano gli ermellini che “quando il fatto illecito sia astrattamente configurabile come reato, la vittima avrà astrattamente diritto al risarcimento del danno non patrimoniale scaturente dalla lesione di qualsiasi interesse della persona tutelato dall’ordinamento, ancorché privo di rilevanza costituzionale, costituendo la tutela penale sicuro indice di rilevanza dell’interesse leso”.


27 Luglio / 20 Agosto 2012

11

ARTE / MUSICA / SPETTACOLO

APRITI CIELO

Ficarra & Picone in Puglia il 5 agosto al forum eventi di San Pancrazio (Br) Scatta il conto alla rovescia per Apriti Cielo, il nuovo spettacolo di Ficarra & Picone in programma in Puglia solo il 5 agosto al Forum Eventi di San Pancrazio Salentino (Br). I biglietti sono in prevendita su www.bookingshow.it e nelle rivendite (in Puglia sono 113) del circuito. Il desiderio di sentire di nuovo le risate del pubblico, ha spinto Salvatore Ficarra e Valentino Picone al ritorno in teatro ed a questo divertente testo, una riflessione a modo loro sulla società italiana e sui paradossi della vita quotidiana che una irresistibile comicità

spinge ai limiti dell’assurdo. Come in altri lavori, anche Apriti Cielo è costituito da quadri di vita presi in prestito dalla cronaca nera, dalla politica, dalla religione e da tanto altro. Il risultato è una riflessione spassosa su tutto quello che ci circonda nel nostro Paese. Per esempio, un cadavere tra i piedi di due improbabili tecnici della tv è solo una sfortunata coincidenza o, come nella migliore dietrologia italiana, c’è un oscuro manovratore? E ancora, le leve del potere attuale sono in mano a menti raffinatissime disposte a tutto o a uomini normali con i loro limiti?

Massimo QUARTA a I Concerti del Chiostro di GIANPIERO PISANELLO

GALATINA. È tutto pronto per l’inizio della XV Stagione Concertistica Internazionale “I Concerti del Chiostro” che si svolgerà a Galatina (Le), dal 7 agosto al 13 settembre 2012, sotto la direzione artistica del maestro Luigi Fracasso. Martedì 7 agosto, alle ore 20.45, presso il Chiostro dei Domenicani, sarà il talento e la professionalità di MASSIMO QUARTA ad inaugurare ufficialmente la quindicesima stagione con il concerto “VIOLINO SOLO” in cui l’artista riproporrà i grandi brani di Bach, Ysaye e Paganini. Massimo Quarta ha iniziato lo studio del violino a undici anni presso il Conservatorio T. Schipa di Lecce, proseguendo poi i suoi studi con Beatrice Antonioni al Conservatorio S. Cecilia di Roma. Vincitore di numerosi concorsi, nel 1991 ha vinto il I° Premio al prestigioso Concorso Internazionale di Violino "N. Paganini" di Genova, primo italiano ad ottenere questo ambito riconoscimento dopo la vittoria di Salvatore Accardo, avvenuta nel 1958. Lo straordinario successo ottenuto da questo importante riconoscimento lo ha portato ad esibirsi per le più prestigiose istituzioni concertistiche, affiancando alla sua intensa attività di solista quella di direttore d'orchestra, collaborando con orchestre. A Massimo Quarta sono stati conferiti il Premio Internazionale "Foyer Des Artistes" ed il "Premio Internazionale Gino Tani per le Arti dello Spettacolo". L’aspetto rivoluzionario dato alla rilettura del repertorio paganiniano, ha conquistato il pubblico ed ha ottenuto ampi consensi dalla stampa internazionale ( Premio CHOC di “Le Monde de la Musique”), assegnandogli un posto d’onore tra i più insigni violinisti (The Strad) e definendolo “la personificazione dell’eleganza“ (American Record Guide). Massimo Quarta è Presidente di ESTA Italia ed èÊdocente di violino al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (Musikhochschule). Suona un violino G. B. Guadagnini del 1765 È iniziata anche la prevendita dei

biglietti e degli abbonamenti. Per l’acquisto o per ricevere esclusivamente informazioni è possibile rivolgersi all’Associazione Musicale “I Concerti del Chiostro”, Via del Ciclamino 32 oppure presso la Libreria “Viva Athena”, Via Liguria 73/5 di Galatina. Tra gli altri appuntamenti si segnalano l’unica data in Puglia dell’eclettico pianista STEFANO BOLLANI che, in Piazza San Pietro, si esibisce domenica 12 agosto, alle ore 20.45. Domenica 26 agosto, alle ore 20.45, presso il Palazzo della Cultura, LUCIA MARINO, clarinetto e LUIGI DOMINICI, pianoforte si esibiscono con alcune opere di Brahms, Debussy, Arnold e Poulenc. Unica data in Puglia anche per STANLEY JORDAN, chitarra e piano, che è al Palazzo della Cultura, martedì 28 agosto. Giovedì 30 agosto tocca all’ ENSEMBLE VARIABLE formata da CLAUDIO MANSUTTI (clarinetto), ANDREA MUSTO (violoncello), FEDERICA REPINI (pianoforte). Giovedì 6 settembre, sempre alle ore 20.45 presso il Palazzo della Cultura, è la volta del pianoforte di BENEDETTO LUPO, considerato dalla critica internazionale come uno dei talenti più interessanti e completi della sua generazione. La rassegna si conclude, giovedì 13 settembre, alle ore 20.45 nella meravigliosa Basilica di Santa Caterina, con il concerto per organo dal talentuoso SERGIO DE PIERI.

Infine, il fanatismo religioso apre le porte del paradiso o dà vita a personaggi e situazioni dai risvolti assurdi? Insomma, una rappresentazione in tre parti tutta da gustare in cui, di sicuro, ci sarà da ridere. Nelle date che precedono quella pugliese, lo spettacolo sta riscuotendo ovunque un grande successo di pubblico. Unica data in Puglia per Apriti Cielo, dunque, è quella di domenica 5 agosto al Forum Eventi di San Pancrazio Salentino, in provincia di Brindisi. Un’occasione da non perdere! Lo spettacolo avrà inizio alle 21:30 ed il costo d’ingresso è di

20 euro, oltre i diritti di prevendita. Il biglietto è unico numerato, quindi bisogna affrettarsi per poter scegliere il posto migliore. I biglietti sono in vendita sul circuito www.bookingshow.it. Info: www.eventizero9.com.

“I CORTI PER GABRIELE”

A Specchia prende il via il 7° Festival Nazionale del Cortometraggio Scolastico per i giovani filmaker dedicato a “Gabriele Inguscio” Ha preso il via a Specchia, domenica 22 luglio, nell’atrio del Castello Risolo, il 7° Festival Nazionale del Cortometraggio scolastico per giovani filmaker “Gabriele Inguscio”, una rassegna ricca di proiezioni, interviste e premiazioni di corti scolastici e di corti d’autore, provenienti da tutta Italia. Il Festival, nato per ricordare Gabriele Inguscio, morto nel 2003 a 19 anni per incidente stradale, è promosso dall’Associazione Culturale “Gabriele Inguscio” di Galatone, con il patrocinio della Provincia di Lecce – Assessorato alle Politiche Giovanili, del Ministero della Pubblica Istruzione, di Apulia Film Commission, della Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali (Fiaip) di Lecce, del Comune di Specchia, dell’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce e dell’istituto “Medi” di Galatone. L’evento e si avvale della collaborazione di esperti come Giampiero Pinto e Giovanni Calò, con la partecipazione di Angela Leucci, direttore artistico della rassegna Corto Magliese e del regista Antonello Novellino. “Questo festival, nato da una esperienza dolorosa, va sempre più diventando un punto di riferimento importante per la valorizzazione dei giovani che si cimentano con tecniche fotografiche, cinematografiche ed audiovisive”, dichiara l’assessore alle Politiche giovanili e della Provincia di Lecce,

Bruno Ciccarese. “L’audiovisivo – sottolinea l’assessore Ciccarese – è diventato ormai uno straordinario strumento didattico e, allo stesso tempo, il linguaggio prediletto dai ragazzi per esprimersi. Questa è un’iniziativa che valorizza i talenti giovanili e merita il massimo sostegno delle istituzioni insieme a quello del pubblico che, auspichiamo, sia numeroso, come già nelle passate edizioni del premio”. I film presenti in rassegna sviluppano, in forme originali, temi sociali particolari come la solitudine dei malati di alzheimer, l’eterno dualismo “amore-morte”, oppure l’invito a vivere la propria vita e a non lasciarsi vivere. Tra le sezione speciali che il Festival ha istituito ricordiamo, in particolare, il “Premio Emanuele Caracciolo” della critica, omaggio al regista morto alle Fosse Ardeatine, predisposto per ricordare il centenario della nascita dell’artista ed il “Premio Salento”, a cura della Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali (Fiaip), voluto per valorizza i lavori più attinenti alla nostra regione.

La mostra di Andy Warhol a Otranto supera diecimila visitatori in 40 giorni OTRANTO. In circa quaranta giorni di apertura la mostra “Andy Warhol - I Want to be machine” ospitata dal Castello Aragonese di Otranto, ha già abbondantemente superato quota 10mila visitatori. Un ottimo risultato, in linea con la mostra di Dalì della passata stagione, nonostante una flessione di presenze turische riscontrata nel mese di giugno. La "crisi" non ha scoraggiato il pubblico che anche quest'anno sta dimostrando di apprezzare le scelte della Società cooperativa Sistema Museo di Perugia e dell’Agenzia di Comunicazione Orione di Maglie che gestiscono, con la direzione artistica dell'architetto Raffaela Zizzari, l’antico maniero idruntino. Dopo gli oltre centocinquanta mila visitatori raggiunti con le mostre di Joan Mirò, Pablo Picasso e Salvador Dalì, sino al 30 settembre sarà possibile ammirare le oltre 50 opere di Andy Warhol, il principe della pop art americana. La mostra, attraverso opere provenienti da collezioni private italiane e prodotte da Andy Warhol con la tecnica meccanica della serigrafia, presenta i temi fondanti dell'estetica dell’artista statunitense scomparso nel 1987: mito bellezza-

successo (Marilyn), consumismo (Campbell's Soup), simboli tragici (Electric Chair). Inoltre sono esposte opere significative come la serie dei Flowers, il Vesuvio (realizzato in occasione del suo soggiorno napoletano grazie al gallerista Lucio Amelio), i simboli del potere (Falce e Martello, Dollar Sign) e altre ancora Il pubblico apprezza, incuriosito e divertito anche le opere di “Summer Pop Otranto 2012 Omaggio a Andy Warhol”, la rassegna collate rale alla grande mostra, a cura di Raffaela Zizzari. Il tema scelto quest'anno è sintetizzato in un famoso aforisma dello stesso Andy Warhol: “La pop art è un modo di amare le cose”. Gioia d vivere, pleasure, art de vivre, un mix di convi vialità, contaminazioni fertili e virtuose, in tutt i campi dell’arte, dalla pittura di Ninì Elia e Franco Baldassarre alla scultura di Bruno Mag gio, dai limbi dei fratelli Colì alla musica d Andrea Vadrucci, dalle reinterpretazioni di Vin cenzo Mascoli alla boatpeople di Luigi Orione Amato, dal calendario pop comunale alla cera mica d’uso di Grottaglie, per finire nei laborator del sé di Veronica Amato.


14

27 Luglio / 20 Agosto 2012

COMUNI SALENTINI

WONDERLAND, DOVE L'IMPOSSIBILE DIVENTA DANZA

La solidarietà del ballo salentino per i diversamente abili del mondo della danza MIGGIANO. Organizzato dall’associazione Kitri di Lucugnano, sabato 28 luglio alle ore 21.30, in Piazza Giovanni Paolo II a Miggiano, si svolgerà, con il Patrocinio della Città di Miggiano, il Galà di Danza “Wonderland Dove l'impossibile diventa Danza”, che vedrà la partecipazione di 32 ballerine dell'Associazione “Diversamente in danza” di Lugagnano di Sona, in provincia di Verona. Dopo il successo riscosso lo scorso anno a Tricase, con il Galà di Danza “Liberi di danzare”, iniziativa benefica, sempre in collaborazione con l'Associazione “Diversamente in danza” e i consensi ricevuti nel 2010 con “Ricordando, Sperando ...Danzando”, un’iniziativa di solidarietà con il mondo tersicoreo della martoriata città dell’Aquila, svoltosi a Specchia, anche quest’anno il tema dell’iniziativa si richiama alla frase di Madeleine Delbrêl: “Se non puoi danzare tu fai danzare la tua anima”, in quanto afferma una grande verità e racchiude il senso, l’anima, il fine di questo progetto, nato proprio dalla passione

della Danza e dal desiderio di volerla condividere con chi l’ha sempre amata e considerata come un’arte capace di liberare gli animi anche nei momenti in cui il domani diventa incerto e le difficoltà nel condurre una vita normale si moltiplicano. Nel corso della serata verrà consegnato all'Associazione Kitri l'attestato di partecipazione allo Stage tenutosi il 1 maggio scorso a Verona con Juri Roverato, maestro paraplegico, con decennale esperienza nella DanceAbility e nel Contact Improvvisation. L’Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica “Kitri” nasce con lo scopo e la voglia di promuovere eventi legati al mondo della Danza; arte che accomuna e unisce le sei componenti, tutte ballerine professioniste. L’obiettivo del sodalizio è di dar vita ad un Galà di Danza, durante il quale le scuole di danza della provincia di Lecce, insieme ai ragazzi dell’Associazione “Diversamente in danza”, si esibiranno solo per il piacere di condividere l’amore per quest’arte e per dare

un sostegno al progetto del sodalizio veronese che nasce dall’idea di Giorgia Panetto di avvicinare le persone Diversamente Abili al mondo della danza e di sensibilizzare gli ambienti artistici al tema della disabilità. Il laboratorio integrato che offre “Diversamente in danza”, non è un corso di danza per persone disabili dove i soggetti abili aiutano nell’apprendimento; è piuttosto uno spazio dove la presenza di persone che sperimentano ogni giorno i propri limiti, permette di acquisire più facilmente la consapevolezza dell’ostacolo e di lavorare insieme alla ricerca di un passaggio coreografico per superarlo. L’iniziativa del sodalizio salentino e di quello veronese, sarà l’occasione ancora una volta per scambiarsi amicizia, esperienze di danza e per le danzatrici “Diversamente in danza” un’opportunità di sperimentare la loro autonomia. In quanto, per alcune di esse è una delle poche possibilità per trascorrere una “vacanza” senza i genitori, perché spesso le possibilità di questo tipo per le persone disabili

sono molto poche, ma nell’occasione, grazie all’ausilio delle ballerine dell’Associazione Kitri, conosceranno le bellezze del Salento. Nella gestione e nell’organizzazione dell’evento le ballerine del sodalizio salentino hanno focalizzato l’attenzione sul concetto di solidarietà, in quanto, le trentadue ragazze di “Diversamente in Danza” saranno ospitate dalle ballerine dell’Associazione Kitri, a Specchia, Miggiano e Lucugnano, paesi di residenza delle associate. La quota d’iscrizione delle scuole di danza che parteciperanno al Galà non è istituita a scopo di lucro, ma solo per coprire le spese sostenute per la realizzazione dell’iniziativa. La restante somma sarà devoluta all’Associazione “Diversamente in Danza”. Tutto sarà gestito in maniera tale da contenere il più possibile le spese, per far conoscere il Salento come Terra di Solidarietà.

OLE 2012 - OTRANTO LEGALITY EXPERIENCE

Sul tavolo l’inestricabile intreccio tra criminalità organizzata e finanza mondiale

Prossimi appuntamenti: a Lecce fino al 27 luglio con il summer camp, e dal 27 al 29 luglio a Otranto con il public forum Economie illegali, mafie e globalizzazione finanziaria: il ruolo delle istituzioni europee e il caso Grecia, il narcotraffico in Messico, la militarizzazione, il contrabbando di armi. Sono questi i temi affrontati nell’ambito dell’edizione 2012 di OLE (Otranto Legality Experience), realizzata con il contributo della Regione Puglia e organizzata da FLARE Network in collaborazione con il Comune di Otranto, il Comune di Lecce, la Provincia di Lecce, Libera (Associazioni, nomi e numeri contro le mafie), Libera Terra e Terra del Fuoco Mediterranea. Direttore culturale Vittorio Agnoletto. Dibattiti e incontri mirati alla conoscenza e all’approfondimento della criminalità organizzata e di come essa opera a livello globale, talvolta, in stretta connessione con il mercato finanziario transnazionale la cui carenza di regole condivise tra gli Stati rappresenta un humus ideale per i capitali mafiosi. Formare i giovani nella consapevolezza che la società civile sia la più potente arma di contrasto alla criminalità organizzata è l’obiettivo principale di OLE che, quest’anno, si è presentata nell’innovativa formula Summer School (16-21 luglio), Summer Camp (23-27 luglio), Forum pubblico (27-29 luglio). "Come FLARE - spiega il direttore esecutivo di Flare Roberto Forte - riteniamo fondamentale offrire un’analisi dei fenomeni criminali che parta da una riflessione sui sistemi economici e legislativi

europei e mondiali. Questo non solo per offrire una concreta opportunità formativa per studenti, attivisti e professionisti, ma anche per aprire il dibattito sulle criminalità organizzate anche a quei mondi sociali e istituzionali che normalmente non se ne occupano. Questo è il senso profondo di OLE: costruire uno spazio culturale in grado di analizzare i fenomeni da molteplici punti di vista, per costruire insieme soluzioni condivise ed efficaci". E come nelle precedenti edizioni, OLE 2012, si concentra sul rapporto tra criminalità organizzata e finanza in una dimensione transnazionale focalizzandosi sul commercio di armi e il traffico di droga. Gli studi, le inchieste giudiziarie, i rapporti del governo nazionale e dei governi del Mondo, d’altra parte, hanno messo in evidenza come ci siano organizzazioni criminali che, seppur nate con specifiche connotazioni etniche, territoriali e culturali, operano a livello transnazionale, in un regime di scambio e collaborazione che investe tutto il globo e minaccia da vicino tutte le nazioni maggiormente industrializzate, politicamente stabili ed economicamente forti. Le organizzazioni criminali sono quindi, ormai, strutture complesse che dimostrano un’elevata flessibilità e adattabilità al mercato e alle possibilità delle globalizzazioni e delle vere e proprie politiche interne ed esterne. L’UE non sfugge a tale situazione:

con 29 sistemi giuridici differenti, più del numero degli Stati dell’Unione (infatti alcuni, come la Gran Bretagna, ne hanno più di uno, in base alle autonomie amministrative) e con altrettanti sistemi fiscali, anche qualora vi fosse una decisa, trasparente e unanime volontà politica di contrastare il crimine organizzato internazionale, è evidente come questo sia oggettivamente un obiettivo difficile da raggiungere. E anche sul piano degli interventi più immediati, che sarebbe già possibile attuare, sono stati fatti pochi passi in avanti: oggi sono solo tre, e tra questi non c’è l’Italia, i Paesi dell’UE che hanno reso automatica sul loro territorio la confisca dei beni mafiosi decisa da un magistrato di un altro Paese europeo. La crisi, infine, rischia di essere ulteriore volano per le economie criminali, per la disponibilità in tempo reale di ingenti quantità di denaro da investire, a differenza delle realtà economiche legali, sono in grado di aggiudicarsi percentuali significative degli appalti per le grandi opere e trovano terreno fertile per riciclare i loro ingenti capitali nelle pratiche usuraie. Come sottolineato, nel corso della Summer School, da Danilo Corradi, assistente di storia contemporanea presso l’Università di Roma, “in questo modo il debito sovrano degli Stati in crisi resta il principale ostacolo non solo per un orizzonte di ripresa economica ma anche per un mercato libero da condiziona-

menti criminali e per scelte incentrate su criteri di giustizia ed eguaglianza”. Una settimana impegnativa ma appassionante quella appena trascorsa dedicata alla summer school che, nei prossimi giorni, lascia il passo al forum pubblico. Ancora interessanti e avvincenti argomenti in programma: dal sistema bancario e il riciclaggio di denaro al ruolo delle lobby finanziarie, delle istituzioni regionali e nazionali, al capitalismo finanziario, al traffico di droga e le strategie internazionali per combatterlo in una prospettiva geopolitica, dal caso della Grecia a quello del Messico. Molti gli ospiti che si succederanno nel corso della manifestazione: Don Luigi Ciotti Presidente di Libera, il prof. Emilio DE CAPITANI Ex Direttore Generale della Commissione Libertà Civili del Parlamento Europeo, Antonio COSTA direttore esecutivo UNODC – United Nations on Drugs and Crime, Pedro PAEZ Ministro delle Finanze in Ecuador, Alex KLEIN antropologo sociale e consulente presso UNODC e Commissione Europea, Roberto CALZADILLA ambasciatore Bolivia, WENDELA DE VRIES coordinatore della campagna contro il commercio di armi “Campagne tegen Wapenhandel”, Grazia ZUFFA psicologa e direttrice del mensile Fuoriluogo, Franco CORLEONE senatore e deputato, Francesco VIGNARCA coordinatore nazionale per la Rete Italiana per il Disarmo, e molti altri.

Nei giorni scorsi, alla presenza dell' assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno, presso la Casa circondariale di Lecce, in località Borgo San Nicola, sono stati rilasciati in volo, a cura del personale specializzato della Regione Puglia, 70 rapaci appartenenti alla fauna selvatica autoctona omoterma, curata e riabilitata dall’Osservatorio Faunistico Regionale, che ha sede a Bitetto. Alla cerimonia era presente anche il vice direttore della struttura Dott Renna. “Una cerimonia – ha dichiarato l’assessore Stefàno alla fine della iniziativa - che oggi si carica di un valore simbolico molto forte, per il luogo non casuale che abbiamo scelto per restituire al volo i bellissimi rapaci accuditi e curati dai nostri operatori. Era un impegno che avevo assunto con la nuova direzione della Casa circondariale di Lecce, quello di trovare occasioni di attenzione ad una struttura che può certamente divenire luogo per sviluppare tematiche educative, come possono essere quelle ambientali. L’auspicio è che il volo che hanno ripreso a spiccare oggi i circa 70 rapaci, dopo la riabilitazione condotta nella struttura regionale di Bitetto, sia simbolicamente augurale per un pieno reinserimento sociale dei detenuti della struttura leccese”.


27 Luglio / 20 Agosto 2012

COMUNI SALENTINI

“IL LIBRO VISSUTO”

al dibattito il sindaco di Copertino Giuseppe Rosafio, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il prefetto di Lecce Giuliana Perrotta, il comandante provinciale dei Carabinieri Maurizio Ferla, il presidente di Union 3 Salvatore Albano, il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Marcella Rucco, la studentessa universitaria Alessandra Cimino. Ha coordinato il responsabile dell’Osservatorio europeo sulla lettura dell’Università del

Tra i mandorli della Grottella, a Copertino, un incontro per “rivivere” il Risorgimento attraverso le poesie degli italiani COPERTINO. Dopo il successo della prima edizione, torna per il secondo anno consecutivo, “Il libro vissuto: letture, dialoghi, intreccio di voci”, iniziativa promossa da Comune di Copertino, Provincia di Lecce, Unione dei Comuni Union 3, Osservatorio permanente europeo sulla lettura, associa-

zione Pro Loco “Fernando Verdesca” di Copertino. L’appuntamento si è tenuto mercoledì 25 luglio, nel “Mandorleto” del Parco della Grottella, a Copertino, dove è stato presentato il libro di Amedeo Quondam “Risorgimento a memoria. Le poesie degli italiani”, edito da Donzelli. Erano presenti

Don Luigi Ciotti riceve la cittadinanza onoraria a Castrignano dei Greci Venerdì 27 luglio, presso il Castello di Castrignano dei Greci, il Comune e il Consiglio conferito la cittadinanza onoraria a Don Luigi Ciotti (foto). A essere premiato, il lodevole lavoro sin ora svolto, la trasparenza che ha contraddistinto ogni sua singola azione, e l’esempio che ha sempre saputo regalare agli occhi dei più e meno giovani. Motivazioni, queste, che per il Comune di Castrignano dei Greci rappresentano tre importanti punti programmatici, tre ambiti d’intervento per un’amministrazione che ambisce a diventare virtuosa, nelle pratiche economiche come in quelle sociali. Don Ciotti è la prova concreta di come un uomo possa portare avanti con passione e coerenza i valori in cui crede, lavorando sodo per la loro affermazione e cercando di aggregare persone volenterose e capaci di realizzare progetti sinceri di legalità, lotta alle mafie e supporto alle fasce più deboli e fragili della società. “Abbiamo bisogno di buone pratiche, non di personalismi, – afferma Paolo Paticchio, assessore alla Cultura del Comune di Castrignano dei Greci - abbiamo bisogno di concretezza, di progetti realizzabili, non di parole. La cittadinanza onoraria a Don Luigi

Un altro importante progetto si realizza grazie al contributo della Fondazione “Francesca Capece”. Nell’ottica dell’acquisizione dei valori dell’identità e del patrimonio culturale, della lettura della storia e delle trasformazioni del territorio della città di Maglie e, in particolare, del Palazzo Baronale “F. Capece”, il progetto di ricerca, realizzato da alcuni docenti ed alunni del Liceo “F. Capece” coadiuvati da esperti esterni, con la direzione artistica del prof. Carmelo Caroppo, ha reso fruibili i locali dell’ex prigione dell’antico castello di Maglie, che ha preceduto il palazzo Capece. Percorrendo tutto il cortile fino all’angolo a nord, si entra in una sala (ex stalla) nel fondo della quale, attraverso un passaggio in una muratura spessa due metri, si raggiunge la stanza dei graffiti detta “lo galera”. I graffiti sono le Tracce, tracce di palpabile sofferenza e tormento, “grida silenziose”,

Ciotti è un atto simbolico, è un gesto che vuole rappresentare la nostra determinazione a continuare a lavorare per il bene comune e per la legalità, è un’onorificenza data a una persona singola ma, idealmente, a tutti coloro che ogni giorno sono al servizio degli altri. La decisione è maturata dopo un percorso di conoscenza reciproca, di analisi dei progetti portati avanti negli anni da Don Ciotti e da chi, da sempre, lavora al suo fianco. Per il Comune questa è una tappa importante che si innesta all’interno di un più complesso intervento mirato a radicare la cultura della legalità”. "Le mafie sono un fatto umano" diceva Falcone, e l’intenzione del Comune di Castrignano dei Greci è partire proprio dagli uomini, dalle loro storie, da chi tra mille difficoltà intende sconfiggerla e fare della nostra terra un luogo normale in cui vivere. È con questo piccolo grande gesto di riconoscenza che il Comune si schiera a favore della legalità e della gente che ancora opera per il bene comune. Parteciperà al consiglio comunale il Dott. Antonio Maruccia - Sostituto Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Roma.

che si susseguono e spesso si sovrappongono. Vascelli, mani levate, animali domestici, ritratti, demoni, calendari, proverbi, nomi propri, simboli religiosi permettono di leggere e scoprire un antico messaggio di afflizione ma anche di speranza e amore per la vita. Il progetto ha dato vita ad un percorso toccante che affascina e arricchisce il visitatore, ha reso sonore le grida incise, consentendo ad esse di essere testimonianza e veicolo di una visione antropica del territorio e dei suoi mutamenti. Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione “Francesca Capece”, giudicando di fondamentale importanza il recupero e la valorizzazione di uno dei luoghi più antichi di Maglie, e l’arricchimento culturale che ne deriva, ha sostenuto con convinzione il progetto. I locali dell’ex prigione dell’antico castello di Maglie saranno fruibili dal 6 al 26 agosto 2012, dalle 18:30 alle 22:30.

15 Salento Carlo Alberto Augeri. Al centro dell’incontro – dibattito, quindi, i temi dell’Unità d’Italia, della costruzione dell’identità nazionale, “riletti” attraverso le opere di scrittori dell’epoca risorgimentale più noti e meno noti, da Foscolo a Mameli, raccolte, selezionate e commentate da Amedeo Quondam, noto linguista, docente di Letteratura italiana all’Università La Sapienza di Roma. A fare da cornice, i mandorli del Parco della Grottella, luogo scelto non a caso. L’idea di “riunirsi” tra i mandorli, infatti, riprende il concetto anche di speranza: il mandorlo è il primo albero che sboccia in primavera, stagione di rinascita e rinnovamento.

Il Vice Presidente Vicario del Parlamento Europeo a Minervino di Lecce Venerdi 20 luglio il Vice Presidente Vicario del Parlamento Europeo On. Gianni Pittella (foto) è stato in piazzetta Sant’Antonio per celebrare il Comune di Minervino di Lecce per le sue attività svolte nel campo della Sostenibilità Ambientale e del Risparmio Energetico ed altre ancora. Il Piccolo Comune Salentino, Minervino di Lecce, ha visto far tappa il Vice Presidente al Parlamento Europeo On.Gianni Pittella nel suo tour tra le eccellenze d’Italia tra “l'Italia che funziona”. Il Comune salentino ormai noto per la sua costante attività in merito ai temi della Sostenibilità Ambientale sarà ancora una volta protagonista e questa volta entrando a far parte di quelle eccellenze che nel suo tour, in prima persona l’on. Pittella sta visitando per raccogliere informazioni ascoltando ciò che le Associazioni o Cittadini comuni o amministratori di aziende private o di Enti pubblici hanno da dire e divulgarle in un secondo viaggio in altre realtà ed ad altri Comuni. Sono 24 realtà diverse sparse in 15 regioni italiane, dal nord al sud attraverso le quali a partire dal 15 luglio fino al 28 che l’On Pittella con l'Associazione Prima Persona visiterà in un viaggio itinerante alla ricerca di piccole e grandi storie da raccontare di un'Italia che, nonostante la crisi economica e le difficoltà, riesce a funzionare facendo leva sulla propria intraprendenza. Si tratta del progetto, ''Italia Viva'', che presentato a Roma è volto a far luce su alcune delle esperienze umane, sociali ed imprenditoriali più significative del Paese, che coinvolge soggetti di diversa natura: dagli enti pubblici virtuosi alle aziende di successo. Ed è proprio tra queste realtà che è stato segnalato il Comune ecosostenibile di Minervino di Lecce, diventato uno dei punti di riferimento per la Puglia e per l'Italia per l'adozione di buone pratiche amministrative. ''Esiste un'Italia che funziona davvero - ha detto Pittella - sono realtà diverse, non isolate, fra le più disparate nate grazie alla voglia che ha di costruire, la parte migliore di questo paese. Nel corso del nostro viaggio - ha spiegato Pittella - dialogheremo con

tutte queste realtà cercando di capire come hanno fatto a mettere in piedi le diverse attività in modo che siano d'esempio per altre iniziative. Capiremo quali sono gli ostacoli e i problemi che hanno incontrato e individueremo il modo per poterli aiutare. Sono queste realtà- ha concluso - la vera fonte di energie innovative, il lievito del rinnovamento''. “È un onore per me- ha spiegato il Sindaco Ettore Caroppo- rappresentare un’Amministrazione che viene definita esemplare, un esempio da copiare, soprattutto quando a sostenerlo non è certo l’ultimo arrivato come il Vice Presidente Vicario al Parlamento Europeo. Sono queste piccole soddisfazioni che ripagano tutti coloro che facendo il Sindaco sono quotidianamente chiamati a fare delle scelte sulle teste degli altri assumendosi l’onere della decisione. È sempre più difficile Amministrare un Comune ma non possiamo lamentarci perché nessun dottore l’ha prescritto e questo ci dà responsabilità nel fare il nostro dovere al servizio dei Cittadini, con coscienza e dignità e al meglio delle nostre capacità, solo così i risultati arrivano come nel caso del Comune di Minervino di Lecce. Colgo l’occasione per ringraziare vivamente il Vice Presidente On. Pittella per aver scelto e voluto essere qui con noi. Mi auguro che le esperienze che ha trovato realizzate gli potranno essere di aiuto per migliorare la sua attività presso il Parlamento Europeo.

ESTATE 2012 Il Museo Diffuso Arcaico di Cavallino apre le sue porte a turisti e visitatori Per tutti i mesi d’estate, infatti, la Coop. “Sigismondo Castromediano” organizza tour guidati all’interno dell’area archeologica, con guide gratuite su prenotazione Per chi desidera unire turismo, storia e cultura, o per quanti vogliano conoscere le radici arcaiche della città messapica di Cavallino, la Cooperativa “Sigismondo Castromediano” offre la possibilità di ammirare l’intera area archeologica con visite guidate che illustreranno la storia dei Messapi, i resti delle strutture abitative, percorsi stradali, antiche tombe e cisterne all’intero del Museo

Diffuso. In esso è installato inoltre un totem multimediale che permette di effettuare una visita virtuale guidata nell’area. L’ingresso al Museo è anche consentito per passeggiate in bicicletta o per corse tra la natura. Orari di apertura: dalle ore 9 alle ore 19, chiuso il lunedì. L’ingresso è gratuito. Infotel: 333/1224424


16

27 Luglio / 20 Agosto 2012

CULTURA

L’OLIO DELLA POESIA XVII EDIZIONE SERRANO - In piazza Lubelli, sabato 28 luglio 2012 alle ore 21:00, Ludovico Malorgio presenterà la manifestazione

Ivan Fedele

CARPIGNANO SALENTINO. Il popolo della poesia è chiamato a raccolta sabato 28 luglio 2012 – nella magica cornice di piazza Lubelli a Serrano - per consegnare insieme L’Olio della Poesia della XVII edizione alla poetessa Vivian Lamarque presentata dal prof. Stefano Verdino (Università di Genova). Come è ormai tradizione, l’editore Manni ha pubblicato il quaderno con i testi della Lamarque in 999 copie numerate e fuori commercio, curato da Massimo Melillo e Antonio Errico. Il quaderno, come ogni anno, sarà distribuito gratuitamente ai partecipanti la sera del 28 Luglio e la lettura dei testi sarà affidata all’attore Francesco Piccolo, del teatro stabile “La Busacca”. La manifestazione - coordinata da Peppino Conte - è organizzata dalla Provincia di Lecce e dal Comune di Carpignano Salentino, in collaborazione con il Comune di Cursi, L’Università, L’Aprol, l’Oleificio Montevergine di Otran-

Vivian Lamarque (Ph Domenico Di Raco)

to, l’Istituto di Culture Mediterranee, l’Oleificio Cooperativo San Giorgio di Carpignano Salentino, Clio.Com, l’Associazione Floricoltori di Leverano, l’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, l’Hotel SanLu di Serrano. Il premio - che consiste in 1 quin-

tale di Olio extravergine di oliva prodotto dalle locali aziende agricole - sarà offerto dall’Oleificio cooperativo San Giorgio di Carpignano. Inoltre sarà offerta una settimana di soggiorno a Otranto. Il premio Salento d’amare que-

Antonio Gabellone

Roberto Isola

st’anno andrà al maestro Ivan Fedele musicista salentino, compositore, nominato nel marzo scorso Direttore musicale della Biennale di Venezia. Il premio Millennium al prof. Alessandro Macchia, docente di Lettere presso la Scuola Media di Carpignano, artefice d una partecipazione attiva dei ragazzi al mondo della poesia, con la pubblicazione di raccolte d poesie scritte dagli stessi ragazzi La sera del 28 luglio funzionerà uno stand per il singolare baratto culturale: sarà consegnata una bottiglietta di Olio extravergine di oliva a chi porterà in dono uno o più libri (anche usati), di qualsiasi genere, da destinare al Fondo de L’Olio della Poesia, presso la biblioteca comunale di Serrano Alla manifestazione parteciperanno oltre al Sindaco di Carpignano Salentino Dott. Roberto Isola e a Presidente della Provincia di Lecce Dott. Antonio Gabellone, le massime autorità civili e religiose


27 Luglio / 20 Agosto 2012

Siamo in estate e quando arriva l'anticiclone africano, il caldo e l'afa raggiungono in genere livelli molto elevati, diventando un autentico incubo per molti italiani, soprattutto per quelli che non hanno la fortuna di potersi rifugiare al mare o chiudersi nelle proprie quattro mura domestiche, trasformate in piccole "celle frigorifere" con l'ausilio degli impianti d'aria condizionata. In molti sono portati a pensare che le giornate più roventi e soffocanti sono anche quelle nelle quali il sole è più aggressivo e ci si può scottare con maggiore facilità. In realtà, non è esattamente così: nelle situazioni in cui la bolla anticiclonica africana giunge prepotente sulle nostre regioni, in genere accade qualcosa sulla nostra atmosfera, in quanto vengono a sommarsi due effetti non

SCIENZA / AMBIENTE

così favorevoli alla penetrazione decisa dei raggi UV. Durante le persistenti fasi anticicloniche si verifica, infatti, un ristagno d'aria umida nei bassi strati che contribuisce a diffondere ed assorbire maggiormente la radiazione solare, smorzandola un pò. In quante occasioni è poi capitato un pò a tutti di vedere, spesso nelle giornate di picco di calura, il cielo biancastro se non con tonalità quasi giallognolo? Ebbene, si tratta della cosiddetta "cappa di afa", spesso associata all'arrivo del pulviscolo sahariano, sospeso in atmosfera e trasportato dalle correnti nordafricane. Questa polvere sabbiosa, in quanto composta da una miriade di minutissime particelle solide (vapor d'acqua allo stato gassoso), determina un'attenuazione ulteriore

ed una "schermatura" all'arrivo delle onde luminose e dei raggi ultravioletti. Le migliori condizioni per un'abbronzatura veloce (ma potenzialmente più dannosa senza adeguate protezioni) sono quindi, al contrario, quelle nelle quali l'atmosfera appare trasparente, con visibilità eccellente per merito dello scarso contenuto di aerosol (pulviscolo) e della bassa umidità relativa. Queste condizioni in genere si verificano, almeno qui in Italia, in condizioni d'avvezione d'aria dai quadranti settentrionali, oppure a

17

volte anche occidentali, che apportano quindi giornate limpide, ma mai eccessivamente calde. Insomma, i giorni del solleone africano (con i venti meridionali), quelli che hanno caratterizzato le scorse settimane il sud italico, non sono proprio quelli ideali per un'abbronzatura rapida ed efficace. Tuttavia, chi si espone per le prime volte al sole dovrà essere in ogni caso molto prudente (compresi i fanatici dell'abbronzatura), soprattutto se l'esposizione avviene a lungo nelle ore centrali, senza adeguata protezione.

LA SPIAGGIA IDEALE DOVE DEPORRE LE UOVA PER LA TARTARUGA MARINA CARETTA CARETTA? SANT’ANDREA MARINA DI MELENDUGNO MELENDUGNO - SANT’ANDREA. Il monitoraggio dei litorali sabbiosi del Salento, per la tutela dei siti di nidificazione delle tartarughe marine, comincia a dare i suoi frutti. La notte del 14 luglio intorno alle 23.30, una Caretta caretta è stata segnalata mentre deponeva le uova presso la spiaggia di Torre S. Andrea (marina di Melendugno). Nell’entusiasmo generale la tartaruga marina ha guadagnato la terraferma e, dopo qualche momento di esitazione e disorientamento (era finita sullo scivolo in cemento per le imbarcazioni), ha scelto il tratto di spiaggia che le è sembrato più idoneo per nidificare. Sul posto è giunta tempestivamente la Delegazione marittima di San Foca coordinata dall’Ufficio circondariale marittimo di Otranto, ente impegnato costantemente nel monitoraggio e nella salvaguardia della fauna marina spiaggiata, che ha provveduto a transennare l’area per evitare che il nido venisse calpestato. Presenti anche la Polizia Municipale, il sindaco di Melendugno Marco Potì e il consigliere comunale Simone Dima che hanno immediatamente manifestato la più completa disponibilità da parte del comune per collaborare nella salvaguardia del sito. Tempestivamente allertati, gli esperti dei Centri recupero tartarughe marine dell’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce “Museo di Calimera” e del Parco regionale Bosco e paludi di Rauccio, sono arrivati sul posto mentre la deposizione delle uova era ancora in atto. Ciò ha consentito di monitorare tutte le fasi della nidificazione, nonché il ritorno in mare della tartaruga. I due Enti che eseguiranno il monitoraggio scientifico del nido fino al momento della schiusa provvedendo al rilievo di tutti i dati che influenzano lo sviluppo degli

embrioni e dei fattori di rischio che possono mettere a repentaglio le uova, di concerto con le autorità interessate hanno provveduto a spostare il nido con le uova a Torre Specchia nella spiaggia del lido Kale Cora, ritenuta più sicura per la buona riuscita della schiusa delle uova. Il monitoraggio delle spiagge, che ha permesso l’individuazione del nido e la sua messa in sicurezza, ha avuto inizio i primi di giugno e si inserisce in un più ampio programma di tutela e salvaguardia dei siti marini di interesse comunitario. Si tratta di un progetto transfrontaliero Italia – Grecia che ha come capofila l’Amp di Torre Guaceto, l’Amp di Porto Cesareo e la Regione Puglia e vede operare di concerto tutti gli esperti del settore impegnati sul territorio salentino tra cui i Centri recupero tartarughe marine del Parco regionale Bosco e paludi di Rauccio e quello dell’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce “Museo di Calimera”. Il progetto denominato Protection action for cross-border and joint management of marine sites of community interest (Natura 2000) ha permesso il monitoraggio quotidiano delle coste sabbiose del Salento. Gli oltre 100 km di spiaggia sono stati divisi in 18 transetti che vengono ispezionati ogni mattina da 30 operatori. Ancora una volta la Puglia e il Salento si confermano come sito di nidificazione della Caretta caretta, specie a rischio di estinzione che vive nei nostri mari. La riduzione e il disturbo dei siti di nidificazione è uno dei fattori che mette maggiormente in difficoltà questa specie i cui nidi molto spesso vanno perduti semplicemente perché cittadini ignari, che sarebbero ben lieti di salvaguardarli, ci piantano sopra un ombrellone. (Chiara Caputo)

Nella giornata di ieri le uova deposte da una Caretta caretta sulla spiaggia di Torre S.Andrea sono state trasferite a S.Foca, sulla spiaggia del lido Kalè Cora. L’operazione, svolta dai tecnici dei CRTM dell’Osservatorio faunistico Museo di Calimera e del Parco di Rauccio, è avvenuta di concerto con la Capitaneria di porto, l’Ufficio Cites di Bari, la Polizia municipale e il Comune di Melendugno. La necessità di effettuare il trasferimento è scaturita dal fatto che la posizione originaria del nido non era idonea allo sviluppo degli embrioni. Le uova erano state deposte troppo vicino alla linea della battigia anche perché la spiaggia di Torre S.Andrea è molto piccola, ma soprattutto poco profonda. Già nella tarda mattinata di ieri, a seguito del vento di scirocco, il mare aveva cominciato ad agitarsi e la distanza dell’acqua dal nido era scesa da 5 a 2 metri. Nelle ore successive, fortunatamente, il vento è scemato e la situazione è ritornata sotto controllo. Ciò nonostante c’era la consapevolezza che in occasione della prima mareggiata la camera del nido sarebbe stata invasa dall’acqua, sia in superficie che per via sotterranea. Se è possibile fermare il mare in superficie tramite una barriera meccanica, infatti, nulla si può fare contro “l’emersione” dell’acqua dal basso. Per evitare la morte di tutti gli embrioni, dunque, si è deciso di procedere tempestivamente al trasferimento. Le operazioni sono state svolte nella giornata di ieri non soltanto perché le uova erano in pericolo, ma anche perché la procedura va necessariamente eseguita entro 24 ore dalla deposizione (oppure

sarà necessario attendere il 24° giorno di incubazione). Si è vagliata la possibilità di trasferire il nido in un altro sito della medesima spiaggia, ma la morfologia della stessa rendeva ogni eventuale area poco idonea, ogni punto vagliato sarebbe stato comunque esposto alle mareggiate oppure avrebbe avuto un’esposizione solare insufficiente a garantire lo sviluppo embrionale. Per i motivi suddetti, intorno alle 19.00 di ieri pomeriggio, i tecnici hanno deciso di trasferire le uova su una spiaggia più grande, con caratteristiche morfologiche simili a quella originaria che permettessero di posizionare il nido a una distanza di sicurezza dal mare. Nel corso delle operazioni si è potuto appurare che la tartaruga aveva deposto ben 100 uova. Il provvedimento in questione e la procedura svolta seguono quanto disposto dalle linee guida nazionali. Un ringraziamento particolare va a tutti i cittadini che hanno segnalato la nidificazione e ai gestori dei lidi che stanno attivamente collaborando al monitoraggio delle spiagge nell’ambito del progetto transfrontaliero Italia – Grecia “Protection action for cross-border and joint management of marine sites of community interest (Natura 2000)” che vede suoi capifila l’Amp di Torre Guaceto, l’Amp di Porto Cesareo e la Regione Puglia, e in particolar modo ai proprietari del Lido Kalè Cora che hanno dato “accoglienza” al primo nido della stagione. Chiunque avvistasse una tartaruga marina intenta a deporre le uova oppure delle tracce di un passaggio sulla spiaggia può segnalarlo al 1530, numero verde delle Capitaneria di porto attivo 24 ore su 24. (C.C.)


18

PUBBLICITÀ

27 Luglio / 20 Agosto 2012


27 Luglio / 20 Agosto 2012

19

SALUTE & BENESSERE

BIMBI NATI IN CASA

Una raccolta firme per sostenere il parto a domicilio in Puglia Appena venuto al mondo due mani amiche lo hanno sorretto e lo hanno accompagnato al petto della mamma. Accolto dalle braccia di lei, pelle a pelle, la sua piccola bocca si è schiusa in cerca del seno, come Natura gli ha insegnato. Una soffice e calda copertina lo protegge, ricreando quell’ambiente in cui è stato per nove mesi. Il respiro della sua mamma, il suo odore, il ritmo costante del suo cuore (suono così familiare) lo fanno sentire al sicuro. E non piange. Una luce soffusa rischiara l’ambiente e in sottofondo solo la dolce voce della mamma e del papà che lo chiamano amorevolmente. Nessun faro accecante. Niente urla, rumori, voci frenetiche di gente che va e viene. Niente che disturbi questa nascita domestica. Una nascita che non risale a quarant’anni fa, ma solo a pochi mesi e che si è ripetuta, in modo più o meno simile, in decine di case pugliesi. Il parto a domicilio, infatti, è la scelta a cui molte coppie si stanno accostando di recente, in alternativa al parto ospe-

daliero. Si tratta di una scelta che può sembrare anacronistica, ma che viene maturata con consapevolezza, basandosi sulla convinzione che la donna è in grado di partorire il proprio figlio, che in una gravidanza fisiologica (la grande maggioranza) gli interventi medici non servono, che il parto in casa assistito oggi, al contrario di quarant’anni fa, è sicuro. Forse anche, da quel che dicono vari studi, più sicuro del parto in ospedale. Accanto a queste famiglie, con competenza, un’ostetrica di Grottaglie, Rosaria Santoro, insieme ai suoi collaboratori. Lei accompagna la donna in gravidanza, durante il parto e nel puerperio, offrendo un tipo di assistenza diversa da quella che in genere offre l’ospedale. A lei si sono rivolte molte donne, spesso in seguito ad una precedente esperienza negativa in ospedale, o addirittura dopo uno o più cesarei, proprio per evitare un eccesso di medicalizzazione, a volte nocivo. Quello che ancora manca, invece, è il sostegno della Regione e degli organi sanitari: al contrario di quanto avviene

altrove, la partoriente può ottenere assistenza a domicilio solo privatamente. Questo rende la libertà di scelta sul luogo del parto, in Puglia, quasi un diritto elitario. Inoltre la scarsa informazione e i pregiudizi spesso ostacolano chi si orienta verso tale alternativa. Per questo alcune di queste famiglie hanno deciso di avviare una campagna informativa ed una raccolta firme per chiedere alla Regione una regolamentazione del parto extraospedaliero e l’erogazione del servizio di assistenza a carico del Servizio Sanitario. Ma poiché il parto in casa è solo una possibile alternativa per chi la desideri (e laddove le condizioni della gestante lo permettano), nella petizione si chiede anche maggior rispetto per la nascita in ospedale ed una maggiore informazione sulla fattibilità e i benefici del parto dopo cesareo. Con la speranza che la Puglia, oggi tra le regioni d’Italia con più alto numero di cesarei, perda questo primato a favore di una maggiore naturalità. Comitato RINASCERE AL NATURALE

Firmato da Provincia e ASL Lecce il TUMORE AL SENO Scienziati protocollo in tema di salute pubblica australiani hanno scoperto “È estremamente importante che le istituzioni facciano sistema; per questo Asl e Provincia, soprattutto sulle materie sensibili come le politiche sociali e quelle per la salute, si propongono di fare squadra per cogliere opportunità in termini di fondi europei, a beneficio dei cittadini”. È questo l’intento che il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ha sottolineato all’atto della firma del Protocollo d’intesa in materia di salute pubblica, sottoscritto insieme al direttore amministrativo della Asl Lecce Antonio Vigna. Obiettivo dell’accordo tra i due enti è quello di “incrementare la reciproca collaborazione istituzionale, avviando uno stabile rapporto di interazione per

favorire lo sviluppo delle conoscenze in ambito europeo ed extraeuropeo per la costituzione di nuovi partenariati”, si legge nel Protocollo, “realizzando un’azione coordinata e sinergica tra soggetti pubblici, basata sulla ottimizzazione condivisa delle progettualità e delle opportunità dell’Unione europea nell’ambito dei servizi assicurati dalla Asl Lecce”. Ha proseguito Gabellone: “Soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, la collaborazione e la sinergia sono fondamentali per mirare a forme esogene di finanziamento, in modo da garantire standard adeguati dei servizi offerti ai cittadini”. La Provincia di Lecce collaborerà con la Asl di Lecce

processo per fermarne diffusione di GIOVANNI D'AGATA

per promuovere la cooperazione in materia di programmazione dell’Unione europea in tema di salute pubblica. In particolare, Provincia e Asl attueranno la programmazione di interventi integrati finalizzati alla tutela della salute pubblica e alla consulenza per la costituzione di partenariati e collaboreranno nell’elaborazione, presentazione e gestione dei progetti. Il Protocollo sottoscritto oggi avrà la durata di tre anni.

Usando campioni di tessuto da pazienti di cancro al seno e con esperimenti su topi di laboratorio, scienziati australiani hanno osservato che un gene chiamato IRF7 è disattivato nelle pazienti il cui cancro si diffonde in altre parti del corpo. Il gene IRF7 controlla la produzione dell'interferone, un tipo importante di proteina immunitaria che combatte i virus e i batteri, oltre alle cellule tumorali. Lo studio ha identificato la maniera in cui le cellule del cancro al seno disattivano il segnale che ordina al sistema immunitario di combatterle. La scoperta, secondo

i ricercatori del Peter MacCallum Cancer Centre e del Monash Institute of Medical Research, offre la chiave per impedire che il tumore si diffonda fino alle ossa. Gli studiosi hanno anche sperimentato due maniere di ripristinare la risposta immunitaria per aiutare le pazienti a combattere il cancro al seno, ma saranno necessarie ulteriori sperimentazioni prima che nuove terapie possano diventare trattamenti di routine, ammette Parker. Neutralizzando il sistema immunitario, le cellule cancerose si 'nascondono' nel flusso sanguigno e si diffondono attraverso il corpo.


20

27 Luglio / 20 Agosto 2012

EVENTI

“FINETERRA, FESTA MOBILE, ARTI E PENSIERI DEL MEDITERRANEO 2012”

Parte sabato il Festival promosso dalla Provincia di Lecce LECCE. Tutto pronto per l’avvio sabato 28 luglio dell’atteso Festival “Fineterra, festa mobile, arti e pensieri del Mediterraneo 2012”, promosso dalla Provincia di Lecce assessorato alla Cultura, in collaborazione con Regione Puglia, Comune di Lecce, Camera di Commercio di Lecce, con il patrocinio del Ministero dei Beni e le Attività culturali e la collaborazione di Banca Popolare Pugliese e Biosud. Gli appuntamenti incroceranno percorsi, racconti, esperienze in un itinerario lungo nove giorni, fino al 5 agosto, nei Comuni di Vernole, Gagliano del Capo, Nardò, Calimera, Muro Leccese, Gallipoli, Otranto, Maglie, Cannole, Corsano, Casarano, Lecce; una “festa mobile” in cui il Salento ricerca il senso del proprio essere al centro del Mediterraneo e si pone come luogo in cui i pensieri, le rivolte, le contaminazioni artistiche convergono. L’apertura di sabato è affidata a “Mediterraneo: incontri o conflitti”, doppio appuntamento che prevede una tavola ro-

GALLIPOLI. Tre giorni di festa per Gallipoli, tre giorni per rappresentare un territorio, svelare antiche tradizioni, raccontare innovazioni dell’ultima ora. Ricette per tutti i palati, per intenditori e golosi. Ingredienti a chilometro zero, sapori d’oltre confine. Piatti unici nel gusto e nella forma. Non ha lasciato nulla al caso STRADE GOLOSE, tutto curato fino all’ultimo più piccolo dettaglio. È così che chef, espositori, artisti ed esperti intervenuti ricorderanno la terza edizione di questa manifestazione che ha già tutta l’aria di presagire un futuro prospero e appassionante. L’orizzonte è di certo ancora lontano ma la meta è chiara: una nuova ed entusiasmante edizione. STRADE GOLOSE si appresta, quindi, a pianificare già il suo prossimo appuntamento, intanto, però, pronte le valigie per portare l’esperienza in Grecia. Ed è in Grecia che STRADE GOLOSE si traduce in TEMPTING STREETS. Un dialogo aperto che avvicina coste e tradizioni e che fa parlare la stessa lingua due comunità apparentemente differenti ma simili nell’essenza. Coope-

tonda ed una mostra, dedicate allo scottante tema del destino del Mediterraneo. Si parte alle ore 9, nel Castello di Acaya a Vernole, dove, artisti, intellettuali e operatori di diversa formazione, siederanno intorno al tavolo “Love difference”, opera a forma di Mediterraneo di Michelangelo Pistoletto, per discutere sui futuri scenari del Mare Nostrum, area del Mediterraneo interessata a repentini e inattesi cambiamenti politici, economici, sociali, culturali. Saranno presenti per inaugurare la giornata di eventi, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, la vicepresidente e assessore provinciale alla Cultura Simona Manca, l’assessore provinciale al Turismo e Marketing territoriale Francesco Pacella. Protagonisti del dibattito saranno: il sottosegretario Staffan De Mistura, che proporrà un Parlamento culturale mediterraneo, l’artista pittore e scultore Michelangelo Pistoletto, Fulco Pratesi, Stefano Bartezzaghi, Elena

razione e promozione le parole chiave di questo viaggio chiamato INTERREG. Promosso da Cibusalento, in collaborazione con Mediamorfosi – Strategie di Comunicazione, e dal partenariato di progetto composto da Camera di Commercio di Lecce, Comune di Gallipoli, Innova.Menti, Università di Foggia, LUM, Comune di Metsovo, Regione dell’Epiro con l’Unione Regionale di Thesprotia, STRADE GOLOSE ha vestito Gallipoli, dal 19 al 21 luglio, di freschezza e prestigio. Da tutta Europa pubblico d’ogni genere è approdato in Salento per degustare le prelibatezze pugliesi e respirare l’aria rara e calda di un territorio famoso, ormai, in tutto il mondo. Riflettori accesi sulle nostre imprese, i nostri maestri, i nostri prodotti le nostre musiche. Fondamentale l’apporto dei professionisti che hanno partecipato da protagonisti: dagli chef di Cibusalento, Decogustiamo e della Federazione Nazionale Personal Chef, alla mental coach Alessandra Mattioni, al Gustosofo Michele Di Carlo, al giornalista di Rai 2 Tommaso Ricci, e ancora, Ernesto Malorgio - Pres. del Ce-

Carletti, Pascal Hachem, Adrian Paci, Monica Maggioni, Edoardo Winspeare, Ettore Sequi. Alle ore 20, invece, nelle sale di Palazzo Gargasole a Gagliano del Capo, sarà la volta dell’inaugurazione della mostra di arte contemporanea “Mediterraneo: incontri e conflitti”, curata dal critico d’arte Ludovico Pratesi del Venerdì di Repubblica e da Capo D’Arte, in accordo con Provincia di Lecce, Comune di Gagliano del Capo. L’allestimento comprende sculture e video di sette artisti di fama internazionale provenienti dall’area geopolitica mediterranea, Kader Attia, Rossella Biscotti, Pascal Hachem, Moataz Nasr, Ahmet Ogut, Adrian Paci, Sislej Xhafa, scelti per documentare il disagio e le aspettative dei popoli in questa delicata fase storica e per immaginare una possibile rinascita consapevole. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 26 agosto, tutti i giorni dalle 20 alle 24, (ingresso libero). Il tavolo “Love Difference”,

nacolo, Domenico Mastrogiovanni - Dip. Sviluppo Agroalimentare e Territorio CIA, Maurizio Durini - Del. Prov. Ordine Nazionale Biologi, Stefano Spagnolo - Pres. Ass. Nazionale “I Giovani e la Scienza”, Massimo Musarò – Enologo, Leonardo Palumbo - Pres. Assoenologi, Antonio Miceli - Università del Salento, Alfredo Pagliaro – nutrizionista, John Parmigiani - buyer di EuroAlimentari Company, Giuseppe Lamacchia - ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, il prof. Luigi De Bellis - Università del Salento, Maurizio Zecca - Presidente Sez. Alimentare Confindustria Lecce, Corrado Brigante - Vicepresidente Camera di Commercio di Lecce e Guido Stecchi - specializzato in natura, agroalimentare, enogastronomia e turismo. A calare il sipario, il taglio della Torta Golosa Gigante a cura dell’Associazione Pasticceri. E’ con dolcezza che si congeda l’edizione 2012, un’edizione fortunata all’insegna della qualità e della fantasia, binomio imprescindibile di certo a tavola.

"Libera il Sorriso show" è un invito all'allegria, il titolo dello spettacolo scritto, diretto e interpretato da Tony e Davide, due giovani cabarettisti freschi e vulcanici di Cutrofiano. Per il secondo anno portano sul Palco di Piazza Municipio nel proprio paese di residenza uno spettacolo che vede come attrazione principale le parodie dei protagonisti dell'attualità locale, nazionale ed internazionale, con divertenti sketch ed esilaranti spot pubblicitari (creati dagli stessi), per un comico varietà. Canto, ballo, imitazioni e tante sorprese saranno il cuore di una serata che non precluderà anche momenti inattesi e

opera di Michelangelo Pistoletto, resterà nel Castello di Acaya per lo stesso periodo. Il programma inaugurale del Festival “Fineterra” prevede inoltre due altri appuntamenti sempre sabato 28 luglio. Alle ore 21, in Piazza delle Erbe, a Nardò, si terrà l’incontro “I blogger della rivoluzione. Giornalisti di ieri e di oggi”. Giornalisti italiani e blogger tunisini si incontrano per raccontare tutto quello che è cambiato nel giornalismo di ieri e di oggi, come la primavera araba ha cambiato il mestiere di raccontare le cose. Parteciperanno Kerim Bouzouita, Shiraz Jerbi, Francesca Caferri e Tony Capuozzo, vicedirettore del Tg5 e autore e conduttore del programma “Terra!”. Seguirà il concerto di Admir Shkurtaj Trio e Gestures and zooms. Dalle 10 alle 14, nei Cantieri Teatrali Koreja, a Lecce, infine, prenderà il via il workshop teatrale “Nuovi approdi”, laboratorio teatrale di due giorni, che si concluderà domenica 29 luglio.

divertenti. Insieme ai due giovani (Tony Campa e Davide Negro) anche musica dal vivo con l'orchestra "Libera il Sorriso" formata da noti musicisti cutrofianesi e salentini come Giusy Colì, Donatello Palermo, Stefano Bianco, Gigi Russo, Alessio Colì, Antonio De Donno, Ciccio Protopapa, nonchè la presenza del corpo di ballo del danzatore Marco Congedo. Non resta che essere presenti a Cutrofiano in Piazza Municipio il 29 Luglio alle ore 21 per godere di una sana serata di varietà dove giovani, bambini e famiglia insieme trascorreranno il tempo, sotto il cielo di un'estate cutrofianese con risate e relax garantito.

“IL CANTO DELLE CICALE” Si è tenuta martedì 24 luglio, a Palazzo Adorno a Lecce, la conferenza stampa di presentazione della XV edizione de “Il Canto delle Cicale”, rassegna musicalculturale che si svolgerà nelle piazze di Alliste e Felline a partire dal galà di apertura “Premio Kallistós” del 26 luglio, per poi proseguire con le due serate fellinesi dell’11 e 12 agosto. Il Festival è organizzato dal Comune di Alliste con il contributo dell’Unione Europea, della Provincia di Lecce e della Regione Puglia. Ad illustrare tutte le novità della XV edizione sono intervenuti il presidente

della Provincia Antonio Gabellone, il capo di gabinetto della Provincia Luigi Mazzei e il sindaco di Alliste Antonio Ermenegildo Renna. Il “Premio Kallistós”, con i “Premi eccellenza salentina” realizzati per l’occasione dall’artista Silvano Castaldi, assegnerà un riconoscimento alle personalità che si sono distinte nel campo dell’imprenditoria, dello sport e della cultura grazie a professionalità, competenze e idee innovative e che rappresentano il motore della crescita economica e sociale del territorio.


27 Luglio / 20 Agosto 2012

21

SPORT

Anche il tipico dolce della Dieta Med-Italiana “sarà” a Londra

OLIMPIADI: UN PANSORRISO PER OGNI MEDAGLIA

E’ così che un pasticciere incoraggia gli azzurri. Per ogni oro, argento e bronzo, agli atleti italiani giungerà dal Salento il dolce della salute e del buonumore Sicuramente non ce ne sono, ma se dovesse esserci qualche atleta italiano in partenza per Londra che non ha ancora raggiunto il top della motivazione personale per affrontare al meglio le prossime gare olimpiche, allora c’ha pensato Giovanni Venneri, il pasticciere che ha inventato il PanSorriso, ad offrire la “carota” più ambita. Giovanni infatti promette di donare uno dei suoi famosi dolci della salute e del buonumore a ciascun atleta italiano che porterà a casa una medaglia, oro, argento o bronzo che sia. «So bene che il mio PanSorriso è ben poca cosa – commenta il pasticciere salentino – ma è l’unico modo che ho (ed è un modo molto dolce) per incoraggiare personalmente tutti gli atleti italiani in partenza per Londra. Mi piacerebbe che “sfondassero” e che portassero a casa ed in patria un numero impressionante di medaglie, …non più di cinquanta però, altrimenti finisco sul lastrico! Scherzo naturalmente, sarebbe una gioia infinita se addirittura superassero questa quota. L’apoteosi totale, poi, la raggiungerei se qualcuna di quelle medaglie giungesse qui in Puglia,

da parte degli atleti che questa terra sta inviando in Gran Bretagna, ossia Flavia Pennetta e Roberta Vinci per il tennis, Daniele Greco e Rosaria Console per l’atletica, Eliana Nardelli e Francesco Bruno per il tiro a segno, Pia Carmen Maria Lionetti per il tiro con l’arco, Luigi Mastrangelo per la pallavolo, Carlo Molfetta per il taekwondo e Luigi Samele per la scherma. A loro e a tutti gli altri grandi atleti italiani il mio più sentito Forza Azzurri. A proposito, non si dice più “in bocca al lupo”, perché da oggi per augurare il meglio si dirà …”PanSorriso in bocca!”» In occasione delle Olimpiadi 2012, all’indirizzo web www.pansorriso.it sarà pubblicata in tempo reale la conta dei vari PanSorriso che Giovanni Venneri dovrà man mano sborsare per tenere fede alla sua promessa. Il PanSorriso è un nuovo dolce, unico nel suo genere, conosciuto come “dolce della salute e del buonumore” per via dei suoi ingredienti che lo rendono sano e naturale al 100%. È realizzato con olio extravergine d’oliva “Adamo” (prodotto ad Alliste (Le), a non più di 100 metri dal laboratorio della pasticceria

Anno IV - n. 75 Iscritto al N° 1006 Registro della Stampa Tribunale di Lecce decreto del 28/11/2008 Iscritto al R.O.C. al numero 18004

Venneri) e con miele locale, che sostituiscono rispettivamente burro e zucchero, rendendolo così leggerissimo, sano e digeribile. Per ora il pasticciere ha previsto due varianti, all’arancia e ai fichi, entrambi straordinariamente buoni. Il PanSorriso ha appena due mesi di vita, è stato infatti presentato al pubblico e alla stampa il 25 maggio scorso, nell’ambito del Festival della Dieta Med-Italiana, la kermesse promossa degli studenti dell’Istituto Costa di Lecce appartenenti al movimento “Repubblica Salentina”. Anche il nome, il logo e la forma di questo nuovo prodotto della pasticceria italiana sono originali. L’icona che lo caratterizza richiama la forma con cui il PanSorriso si presenta al consumatore, ossia un sole sorridente, simbolo emblematico della terra che lo produce. Il nome mette allegria soltanto a pronunciarlo e poi, sembra sia stato sperimentato, è sufficiente assaggiarne un pezzo per entrare in uno stato di piacevole buonumore.

27°RALLY CITTÀ DI CECCANO Per la Casarano Rally Team un successo che passa in secondo piano

DIRETTORE RESPONSABILE Vittorio Calosso direttore@ilsalentinoeditore.com DIRETTORE EDITORIALE Alessandro Candido redazione@ilsalentinoeditore.com EDITORE: Il Salentino Editore srl Via Larghi case sparse s.n. 73026 Melendugno (Le) Tel/Fax 0832/833918 sito web: www.ilsalentinoeditore.com e-mail: ilsalentinoeditore@alice.it info@ilsalentinoeditore.com STAMPA: Master Printing Srl Via delle margherite, 20/22 70026 Modugno (Ba) GRAFICA E IMPAGINAZIONE: Giorgio Serino (FLUXUS COOPERATIVA) info@fluxuscooperativa.com REDAZIONE – AMMINISTRAZIONE – UFFICIO MARKETING E PUBBLICITÀ: Via Larghi case sparse s.n. 73026 Melendugno – Le Tel. 0832/833918 / Tel.-Fax 0832/831481 ilsalentinoeditore@alice.it

RESPONSABILE RELAZIONI L’incidente di Catelani-Bertoneri alla Coppa Città di Lucca rattrista e spegne l’entusiasmo , PUBBLICITÀ, MARKETING dell’equipaggio Pisacane-Invidia che vince la classe e consolida il primato nel challenge di zonaISTITUZIONALI Dr. Pantaleo Candido

di ALESSANDRO RIZZO Casarano (Le), La notizia del tragico incidente accaduto al Rally Coppa Città di Lucca dove hanno perso la vita il pilota Valerio Catelani e la navigatrice Daniela Bertoneri, rimasti intrappolati nella Peugeot 207 Super 2000 che uscendo di strada si è incastrata in un fosso prendendo fuoco, ha rattristato il clima del 27°Rally Città di Ceccano, competizione svoltasi in provincia di Frosinone e interrotta in segno di lutto dal Collegio dei Commissari Sportivi su richiesta di tutti i concorrenti rimasti in gara dopo la ps 6. La classifica è stata congelata e resa definitiva con l’annullamento delle ultime 3 prove speciali. L’equipaggio leccese composto da Ivan Pisacane e Salvatore Invidia ha preso parte alla gara ciociara valida quale settimo appuntamento con il Challenge

di RICCARDO LONGO Dopo una stagione abbastanza positiva in serie D nelle file della Virtus Casarano, il giovane di Vernole Diego De Giorgi, classe 1993, si è legato con un contratto triennale al Parma FC, entrando quindi ufficialmente nella serie A. De Giorgi probabilmente, nella prossima stagione, giocherà in prestito con il Fondi, team di seconda divisione. A Vernole quanti hanno appreso la notizia hanno manifestato

Rallies Nazionali di Settima Zona a coefficiente 1,5 cogliendo a bordo della Renault New Clio Sport di classe R3C la vittoria di categoria, il secondo posto di gruppo e la settima posizione nella classifica assoluta. Un risultato importante, frutto di una gara in crescendo che ha permesso all’equipaggio portacolori della Scuderia Automobilistica Casarano Rally Team di capitalizzare punti pesanti e di estendere la leadership nella classifica del campionato di zona,

grande gioia per la nuova avventura di Diego, in molti, soprattutto i ragazzi della sua generazione, lo ricordano giocare sin da bambino nel campetto della scuola elementare, o in vari punti del paese dove i bambini si incontravano per giocare a pallone. Chi lo ricorda nei vari campionati di calcio A5 CSI e chi lo ricorda nelle finali Nazionali CSI di Lignano, chi lo ricorda nel suo esordio nelle giovanili del Castrì e chi lo seguì in uno Strudà all’epoca in seconda cate-

portando il proprio vantaggio sul primo degli inseguitori a 7,5 punti. Un risultato che però passa in secondo piano alla luce di quanto accaduto sulle strade della provincia di Lucca. “Siamo molto colpiti e amareggiati – commenta Pisacane - È vero che gli incidenti fanno parte della vita di un pilota ma le conseguenze dell’uscita di strada di Catelani e Bertoneri hanno dell’incredibile. Non è possibile che le vite di due giovani amanti di questo sport siano finite così prematuramente e in maniera così tragica”. Ivan Pisacane, Salvatore Invidia (nella foto) insieme all’intero staff della Scuderia Casarano Rally Team si uniscono all’onda di cordoglio, esprimendo vicinanza alle famiglie e agli amici di Valerio Catelani e Daniela Bertoneri, alla Scuderia Balestrero di Lucca, alla C.T.L. Motorsport di Forte dei Marmi e all’equipe di Silvio Terrosi.

Tel. 392/4202079 info@ilsalentinoeditore.com Abbonamento annuale € 18,00*

La direzione non risponde del contenuto degli articoli firmati e declina ogni responsabilità per le opinioni dei singoli articolisti, degli intervistati e per le informazioni trasmesse da terzi. La collaborazione a questo giornale è gratuita ed aperta a tutti. Il giornale si riserva di rifiutare qualsiasi inserzione. Foto e manoscritti anche se non pubblicati, non si restituiscono. I diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati. Non è consentita la riproduzione anche se parziale, di testi, documenti e foto senza autorizzazione. Il Salentino Editore Srl si riserva il diritto di non pubblicare le inserzioni e le comunicazioni pubblicitarie degli inserzionisti che: 1. Siano contrari agli interessi del Salentino Editore srl. 2. Violino le disposizioni vigenti in materia di diritto d’autore. 3. Contengano informazioni fuorvianti e scorrette. 4. Non rispondano ai requisiti minimi di impaginazione professionale. 5. Non siano pervenute nei termini concordati. 6. Siano state fornite in modo incompleto. In tutti i casi Il Salentino Editore Srl non è responsabile per il contenuto di dette inserzioni e comunicazioni. *Il salentino è un settimanale distribuito gratis nel Salento Hanno collaborato a questo numero: Pantaleo Candido, Alessandro Candido, Elio De Santis, Marco Candido, Vittorio Calosso, Antonio Memmi, Salvatore Scolozzi, Maria Elena Buttazzo, Alessandro Rizzo, Andrea Montinaro, Gabriele De Blasi, Giorgio Serino, Maria De Giovanni, Luigi Merico, Paola Mastrolia, Riccardo Longo, Dino Lisi.

goria. Chiunque conservi un ricordo di questo bambino cresciuto a Vernole, sarà sicuramente felice di vederlo emergere nel mondo del calcio.

Associati Unione Stampa Periodica Italiana Tessera n. 15390


22

SALENTINOQUIZ

27 Luglio / 20 Agosto 2012


27 Luglio / 20 Agosto 2012

PUBBLICITÀ

23


24

PUBBLICITÀ

27 Luglio / 20 Agosto 2012

Il Salentino  

Periodico di politica, economia, cronaca, cultura, attualità, sport, eventi

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you