Page 1

Anno XXIV N. 1

Spedizione Abbonamento Postale UD-FF.SS.

33033 CODROIPO ltaly Mensile Lire 1.500 TAXE PE'RรงUE TASSA RISCOSSA

PERIODICO DEL FRIULI CENTRALE


Se la tua auto ha più di 1O anni

OGGI PUOI RISPARMIARE FINO A 4.380.000

Sull'acquisto di una nuova FIAT ······~··· ...·~·· ,,. • ••••~•,. • •• • -·~·· •1•• • • • • •

F>-~\F>-

~c~~ 'é.ssr;l 'o~'p t-:1

••••••, ••••, ., ,•••, • .., p

TAVAGNACCO tel. 0432/660661

CODROIPO teL 0432/907215

co

UDINE tel. 0432/235708


ITORIALE

In copertina: Dipinto di Bruno Biscontin raffigurante la casa natale di padre Davide Turoldo a Coderno Mensile- Anno XXIV- N. 1 Gennaio 1997 Pubblicità inferiore al 50% Sped. in abb. postale- Gr. 111 Dtrettore responsabile

Ranzo Calligaris Direzione - Repazione VIa Leicht, 6-33033 CODROIPO Telefono 0432/905189 Per la vostra pubblicità su questo periodico telefonare al 905189-908226 La sede è aperta al pubblico tutti l giorni feriali escluso il sabato dalle 18 alle 19 Telefono905189

Editrice: soc. coop. editoriale "Il Ponte• a r.I. c.c. postale n. 13237334 Autorizz. del Tribunale di Udine N. 336 del3-6-1974 Realizzazione arafica: ET PUBBLICITA'-Tel: 908226

Stampa:

R!!

Industrie l'nllgrufithc Friulunr

"Il Ponte" esce in 13.600 copie ogni mese ed è Inviato gratuttamente a tutte le famiglie dei Comuni di Codroipo, Bertiolo, Camino al Tagliamento, Flaibano, Lestizza, Mereto di Tomba, Rivignano, Sedegliano, Talmassons, Varmo e agli emigranti che lo richiedono. La collaborazione è aperta a tutti. "Il Ponte'' si riserva in ogni caso il diritto

l di rifiutare qualsiasi scritto o inserzione. l

Manoscritto e foto, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti l diritti riservati. Associato aii'USPI

Investimenti per 40 miliardi l '97 dovrebbe es1.ere un anno for- La trasformazione deUa villa Bianca.ln runaro per Codroipo sul fronte questo periodo si stanno compiendo i delle opere pubbliche. Se rurro an- primi passi con un accordo rra azienda drà nel verso giusto sono previsri inve- sanuaria, Comune di Codrmpo ed Eme srimenri per èirca 40 miliardi,cbe non Moro con l'intervento probabile anche sono davvero pochi e rappresentano la dei privati.Sc si stringeranno i tempi già piarraforma di lancio per questo territo- da quest'anno si porranno avviare le no. Ecco una carellata delle opere in pro- opere di ristrurrurazione. Tn rutto sarangramma con l'indicazione dei soldi che no necessari cinque miliardi che porransono previsti da investire. no non risult:Jre pesanti se ci sarà il con110LO SANITARIO- Da un giorno all'al- corso di più enti. tro (salvo sorprese sempre in agguato) INCROCiO DJ ZOMPICCHlA- U produvrcbber.o iniziare i lavori per il getto si trova a Roma dali'Anas dopo completamento del padiglione destinato essere Stato nmodcllaro pii1 volre.I.:ultima ad accogliere Le Rsa e nuovi ambulatori. decisione prevede un crocevia a raso così Spesa prevista: 6 miliardi e 200 milioni come si aspettano gl1 ab1ranti - e non sol(già deJiberari). tanro- di Zompicchia. Spese previste: 4 BIBLIOTECA- .Proprio in questi giorni miliardi (già stanziati dalla Provincia). sono stati appaltati i lavori per la nuova Vll..LA 'MANI N- Ha bisogno di profonsede fissata in v1a XXTX ottobre.Spesa de ristrurturazioni e di un adeguato previsra: 2 miliardi e 91 O milioni (già rilancio. In proposito si attende il varo deliberati) della legge ad hoc già passata ln commisPALAZZEITO DELLO SPORT- Le ope- sione regionale Pot c'è anche la re sarebbero dovure essere già completa- valorizzazione del borgo di Passariano per te c si protrarranno ancora per qualche il quale c'è già un sostamioso wncribumese (fine dei lavori 11 prossimo marzo). to•della Regione. Spesa complessiva preSpesa 3 miliardi e 280 miliorù (g1à deli- vista: 20 miliardi (di cui 1O miliardi e berata). 300 miliom già deliberati). ZONA INDUSTRIALE- Sorgerà a VILLA .KECHLER- E' arreso un contriPannellia dove esiste già un insediamen- buto dalla Regione per ristrurrurare la to. I: investimento sarà graduale e nel '97 villa dì San Martino dove saranno accolsi dovrebbe creare Ja prima parte di area te le 44 ca<rozze della .collezione di idonea ad accogliere nuove industne. Per Musdetto.Spesa prevista 3 miliardi ( ln gli espropri e per create le infrastrum1re arresa di deliberazione). ci vorranno molti soldi, senza cbe per il NUOVA SEDE D'EL MARENELLl-L'opemomenro ci siano fonri di finanziamen- ra dovrebbe essere completata neJ '97 e to. Comunque, il Comune di Codroipo prevede di accogliere dieci nuove auJe per andrà avanri per gradi e gli sress1 indu- il liceo Mannelli. Spesa previsra: l mistriali che neUa zona troveranno posro liardo e 350 milioni (già dellberati). contribuiranno a pagare l'esborso neces- SEDE del CAMPP- l lavori dovrebbero sariu. I.:investimemo rotaie sarà di olrre essere terminari entro il mese di marzo, dieci miliardi, ma nel '97 se ne tireranno comunque nel '97. E' un 'opera fuori non più dJ due. sospiratissima , atresa da ben sedici anni. ZONA ARTTGlANALE- 1n aggiunta a Spesa previsra: 1 miliardo e 350 mlJioni quella della Piccola di Moro ne nascerà (già deliberata). un'altra accanto al Centro della CASA JTALTA- Sono anest nuovi .Mororizzazione,in via Beano.ll comune finanziamenti per il completamento deldi Codroipo ha gtà delle basi finanziaJ"ie L'edificio di via Mazzini. Saranno necese anche qui ci sarà il conmbuto degli ac- sari ulteriori 200 milioni (valurazione quirenti del terreno. Nel '97 il Comune espressa per difetto). porrebbe spendere oltre un miliardo. CENTRO l>f.R ANZIANI- Deriverà dalRenzo Calligaris

3


RVIZI SOCIAL I Guardia farmaceutica Il turno di "guarcllafarmaceu11ca" funziona dalle 8.30

dellunedl alle 8.30 del lunedì successivo. Durante la chiusura pomeridiana e notturna delle farmacie dl1i.lrno va corrisposto Il diritto di chiamata diL 3.000 diurno (dalle 12.30 alle 15.30) e di L 7.500 notturno (dalle 19.30 alle 8.30).

DAL 10 AL 16 FEBBRAIO

Veterinari di turno Per servizio notturno e festivo nei comuni di Codroipo. Camino al Tagliamento, Bertiolo, Varmo, Mortegliano. Talmassons e Castions di Strada:

Telefono 118

r-7.il Funzioni religiose l.rnJJ ln Codroipo FERIALE: Duomo ore 7.15-ore 18 San Valeriano ore 17

Codroipo - dott. Toso - Tel. 906101 Camino al Tagliamento - Tel. 919004

PREFESTlVO: Duomo ore 18 San Valeriano ore 17

DAL 17 AL 23 FEBBRAIO

FESTIVO: Duomo ore 8-ore 10 -ore 11.30 - ore 18 San Valerlano ore 11 1ST1TUTI ASSISTENZIAU: feriale ore 16- Festivo ore 9.15

Codroipo - dott. Forgiarlnl - Tel. 906048 Mereto di Tomba - Tel. 865041

Guardia medica

Codroipo - dott. Ghirardlni - Tel. 906054 Bertiolo - Tel. 91 701 2

DAL 3 AL 9 MARZO

Il servizio di guardia medica notturna feriale, prefestiva e festiva, per i comuni di Codroipo, Basillano. Bertiolo, camino, Flaibano, Lestizza, Mereto, Moltegllano, Sedegltano, Talmassons e Varmo ha Il proprio recapito presso Il polo sanitario di Codroipo (tel. 909202). Per Il comune di Rivignano prasso l ospedale civile di latisana (tal. 0431/ 529200}. Il seMno notturno feriale inizia alle ore 20 e termina alle 8 del giorno seguente. Il servizio festivo (diumo e notturno) imzia alle ore 14del sabato e termlnaalle ore 8 dllunedl. Anche nelle fesUvllà lnfrasettlmanali Il servizio inizia Il giorno precedente alle ore 14termina alle ore 8 del giorno successivo.

Codroipo - dott. Toso - Tel. 906101 Lestizza - Te l. 760083 Sedegliano - Tel. 916017 Varmo - Tel. n8183

DAL 10 AL 16 MARZO Codroipo - dott. Forglarinl - Tel. 906048 Basiliano - Tei. 84015 Rivignano - Tel. 775013

DAL 17 AL 23 MARZO

Distretto Sanitario di Codroipo

Codroipo - dott. Ghirardlnl - Tel. 906054 Flaibano - Tel. 869333 Talmassons - Tel. 766016

Ufficio Sanllarlo (certlflcazJoni varia}- Tet. 909280 lunedl-Martedi delle 9.30 alle 12.00. Mercoledl dalle 15.00 alle 17.00. Giovedì-Venerdì dalle 10.00 alle 12.00. Il medico è presente LJJnedl, Mercoledl e Glovedl 9.30/12.00

DAL 13 AL 19 GENNAIO Codroipo - dott. Ghirardlnl - Tel 906054 917012

, ~ertlolo - Tel.

•••••••••••••••••••• : PICCOLA PUBBUCITA' : • E' nata "la setta dei poeti -per l eggere : : poesie". Iscrizioni ed infonnaz.ioni allo •

•• Affittasi camera ammobiliata, con uso •• • cucina, in zona tranquilla e centrale di • : Codroipo. Tel~fonare allo (0432) 904582. :

• No fuma ton

•• Diplomata

Ufficio ArnminlstraUvo- Tel. !109284 L.unedl-Sabato dalle 9.00 alle12.00. Ambulatorio Pedlatrlco Vaccinazione bambini· Tel. 909282 (su appunlamento} Venerdi dalle 8.00 alle 13.00. Manedi dalle 14.00alle 18.00. Centro d! salute mentale- Tel. 909290 Lunedl-Venerdl dalle 7.40 alle 17.40. Sabato dalle 7.40 alle 13.40.

• m agistrale •

istituto • offresi come baby-sitter o per ripe- • : tizioni eleJ.nentari e medie . Telefo- : • nare allo 0432/768692. •

••

IN VIGORE DAL 28 / 9 / 96 AL2 / 6 / 97 PARTENZE PER UDINE ore 1.08 - A ore 621 (fanale - da Sacile per Trieste) - A ore 7.06 {feriale) - D Ofe 7.33 (feriale da Sacile per Trieste} - E ore 8.00 (da Napoli)- R ore 8.21 -IR ore 8.31 (per Trlesle) - A, ore 8.59 - D ore 10.14 - lA ore 11 .08 (per Trieste} -IR ore 13.08 (per Trieste)- A ore 13.32- R ore 14.1 B (fanale) - Aore 14.52 - IR ore 15.08 (per Tneste) - D ore 15.46 - R ore 16. 18 - lA ore 17.08 (per TriaslB}- E ore 17.25 (da Milano} - A ore 18.03 - A ore 18.53 - IR ore 19.08 (per Trieste)R ore 20.03 - A ore 20.29 (feriale) - lA ore 21.08 (per Trieste) - A ore 22.08 - D ore 22.22 - lA ore 23.08 (per Trieste) - D ore 23.59.

PARTENZE PER VENEZIA

DAL 24 GENNAIO AL 2 MARZO

• 0432/907731.

Orari ferrovie dello Stato

(

A ore 4.28 - A ore 5.44 (per Treviso via Castelfranco fino al 13/7 e dal 9/09) - A ore 6.16 - A ore 6.29 (feriale) - IR ore 7.01 - A ore 7 11 (feriale) - A ore 7.38 {feriale fino a Sacile)- D ore 7.53 - lA ore 8.43 R ore 9.26 (festivo) ~ D ore 10.14 (festrvo} • lA ore 10.43 - R ore 12.09 - lA ore 12.43 - A ore 13.16 - R ore 13.31 (feriale fino al 3ì /1 e dal 02/09) - R ore 13.55 (feriale fino a Sacile) - A ore 14.28 - IR ore 14.43 - R ore 1520 (feriale) - D ore 16.11 - IR ore 16.43 - Rore 17.06- D ore 17.44 - A ore 17.57 {feriate fino a Sacile) - E ore 18.26 (per Milano via Castelfranco} - IR ore 18.43 • R ore 19.06 • R ore 19.44 - R ore 20.15 (feriale fino a Pordenone} - IR ore 20.43 - E ore 21.38 (per Napoli C,F.) - IR ore 22.43

IR = lnterregionale

R = Reg1onale D = Diretto

E = Espresso

Orari autocorriere Servizio diretto feriale

DA CODROIPO PER UDINE Ore6.30 - 6.45-7.00 - 7.05 - 7.20 (") -7.15 - 7.22 (*) -7.18-7.25-8.10-8.15-8.30-8.50.8.50-'9.50 10.15 12.20-13.20 -13.30-13.50 -14.25 -15.0517.10-18.30 -19.00 -19.30.

DA UDINE PER CODROIPO Ore 7.00 - 7 45 - 7.50 ·10.30 ("} -11.45 -11 50 12.00-12.20 -13.15 (*} -13.25 -15.00--17.00 -17.10 1725-17.30 -18.00 -18.15 -19.15 -19.40

(*) invernale scolastica.

~ $RROZZERIA

Circolo Filatelico e NlllDÌBmatico • • Città di Codroipo • : Se sei collezionista o vorresti diventarlo : • iscriviti al nostro circolo: Tel.0432/906957 •

••• • ••••••••••••••••

BURINI & BARUZZO Via Lignano 33033 Codroipo

TEL 900868


l

RVIZI SOCIALI

15-16/02 e 15-16 /03 ~ qANCJ~NJ CODROIPO~ Vtale Venezta

~ AGIP COLOMBA ~

AVVISO Al LETTORI

1-2 marzo ~

. CODROlPO · Via. Udine

MonteShell CASARSA

RIVOLTO .- Tèl.906312

CODROIPO - Via Lignano

22-23/02 e 22-23/03

8- 9 marzo

Distributore CASTELLARIN Tel. 91 7087 BERTIOLO- Piazza Mercato

e

Distributore Off. Rinaldi

ASSISTENZA PNEUMA11CI • ASSETTO Rùcm: - CINGHIE INDUSlliiAU

SEDEGLIANO - Via Umberto l, 2 • Tel. 916046

~CODROIPO ~ S.S. 13 - Bivio Coseat (TA.L)

j>G)~fl!)®" C!J.i? &C.S.N.C.

STAZIONE SERVIZIO - CAR WASH CODROIPO- VIale Venezia, 179/181 - Tel.906725

Auto a noleggio libero

La Redazione del Ponte comunica che il periodico viene recapitato gratmtarnenre a rurd l capif:,tmiglia dei comuni di Berriolo, ·camin,o al Ta$liamento, Codroipo, Flaibano Lesrizza, M~:reto, Rl'lignano, SedègUano, Talmassons e Varmo. Coloro che, imeressarì ad avere Ili rivista, ptlr motivi diversi nonne siai;Ìo cntrarì ln possesso, la possono ritirare: presso i segue no indmzz1: Bar Sporr Vìa Casali Nuovi , 2 Bmuzzo - Panifie10 ~ambucco Via S.Daruele Pozzo- Bar Colomba Piazr,a Scuola Rivolro - Alimentari Romaré Marisa P.zza ~. Cio~glo, 3 Gradiscurta d1 varmo - 13ar Trattoria da Dino Via S. Radegonda. 6 Madrisìo- .Bar Filippln Via Vllla, 35 Rov.eredo di Varmo - Tvarroria da lleppo ViaAmalreo Bugnins (solo pomeriggio) - .Bar Sonia e Claudia Via Na7-ionrue Rivis- Bar all'Albero l>.zza Venezia S. Lm:enw di Sedegliano- Bar Primavera .P.~ del.Popa lo, l Vi reo. Bar Berrossi P,z:~,a· Oener.al Cnmore Plumignano - Bar Gelateria da Lama "Via Umbeno JO e Carrole~<ia Mondolo V. Garibaldi, 8 Rivignano Bar Palii.noteca Caprice Via Sterpo, 2

~ F.IU GUGLIELMI Tel.9062 16

~

MARTIN Tel. 900369 CODROIPO- Via Pordenone

~ AGI P ESPOSITO ~ e Porfidarn·e~:·>~•-• GOZZO GIANNI CODROIPO· Viale Duodo

CAMINO

Via Bugnins Tel.9191 19

GRADISCA DI SEDEGLIANO - Tel. 916057

Soccorso stradale continuato

Si vigliano -' Coperativn ili cunrnmo P.zza S. Biàgi,o, 26 ~tizza:. Oppme presso la sede del GiQmale ln Via Leith~, 6 Cqdcoipo dalle ore 18 alle ore t 9 (fatta eccezione per il sabaro e la domenica) te!. 0432/905189

AZ autoruote0 a u toruo te lfl ca r rozzeria Codroipo- ViaJe Venezia 119- TeJ. 907035- 908324

Curare l'orto e il giardino non è un problema da ...

li~;) ;7!'l'l!~~ i,li . CRESSATTI ;

BERTIOLO Via Virco, 14 Tel. e Fax 0432 / 917040

Aperto anche Sabato


Un archivio fotografico nella residenza dogale Dalla lungascne disrudi,convegni,dibamn che si sono ultimamente sviluppan è emerso che villa Manin necel>~ira,sul versante dci servizi eroga n, di una serie di attività c.be,ol tre l'episodicirà, impicghmo stabilmente decine dl persone e coinvolgano cenci naia ai fruitori. Il Centro di catalogazione dci beni sroòco-ambientali arrualmenre arrivo a Passariano rappresenta uno soltanto de1 servizw\d esso ne vanno affiancaci alni che concorrano ad offr~re una configurazione cd unn significarività economica alla sede dogale. Una proposra interessante, a tal riguardo, viene lanciata dal vicepresidente della Provincia professar Mario BanerLi. Si rrarterebbe di cosriruire nella presrigiosa sede di villa lvlanin un centro di "Raccolta e catalogazione degli archivi storici fotografici suJ Friuli Venezia Giulia". Liniiiativa merita la massima considerazione perchè pane da dari concreri che nascono nel

rerrimrio.l.a Provincia ha già acquisiro alcuni imporrami archivi stonco-forografici eli Udine che rischiavano di andare dispersi: l'archivio lnnocemi,il .(>ignat, il Brisighelli (assit:me al comune di Udine) c.:d è in rrarrativa per acquistare il Krivec e l'ard11ViO fotografico lasciato da Tmo, scomparso da poche scrrimane. In Regione ranri alm fotografi hanno registrato la sroria della propria terra c possiedono fonti docun1emane preziose:basri cirare I'Antonelli in Carnia,Gol nel Pordenonese, Mìchelorro e Venuro nel Codroipcsc. Decine di comuni stan· no diligentemente promuovendo raccolte di Corografie presso le famiglie e le ripropongono in volume. Da qut!Sto quadro d'insieme nasce l'oppommità di dar vita ad un "unico, grande centro di riferimento e raccolta iconografica sulla Regione"dcsrinato ad acquisire progresSivamente gli arcluv1 srorico-ft)rogrnfìci; essere cenrro di deposito e raccolta degli nrduvi

paesani,e minori; divenire destinatario dì donazioni di1'rivati; condurre an:ività di calalogazione, riordino e diliusione;proporsi come luogo di consultaZione e fruizione; promuovere un'informazìon~ sciemifica continuativa e merrcre a dispo~izionc il materiak per il cor· redo delle pubblicazioni che ne manifesmssero l'cstgema.TI funzionamento del Centro dovrebbe improntarsi a criteri di scientificità e fondacela propna attività l>ll una gestione economica rendcnzialmeme autosufficiente atrra· verso la gestione dei dirirri c il coinvolgimento di enti gcsron privati e di "supporrers" interessa ci a promuovere arrraverso il Centro la propria immagine. la ripresa di discussione in Regione intorno alla legge ~ll Villa ~larun, dovrebbe contemplare anche questa ipotcs1,chc secondo il vice-presidente professor Mario Eanelli,potrebbe vedere la Provincia esercirnre una delle sue possibill full2Ìoni.

mobili \ement\ comP d'arredo cucine

mobili mauro

da 30 anni arreda la tua casa con stile e professionalità

GRADISCA di Sedegliano Via Maggiore, 20 Tel. 0432 • 916060


GlONE - - - - -- - - - -

DEITO QUASI IN SILENZIO Le manovre si si.ISSeguono Còn uh !itmo incessanre. I cond nli>n tornano mai. Da gennaio 4> dicembre, ormai dn anni, siamo abinmti a vi.ve.re in Lll1 cl.J.ma be.llic0. Fin;mriar1oeeònomko, s'intende. Quasi n0n ci factiàmo caso: e diventaro normale. Ma un dubbio può 3l>Salird: che i nostri grandi s~a~èghl -i qualj terro -Qon risentono affatto a livello personale ùella dùre:zta delle loro scelte - n:òn abbiano appresq ant:o,ra con dlscreta padronanza la tecnica delle quartro operaztoni. Sbag!Jare, cerro, si può; ma che i conti risultino sempre errati e e::hc,: <:1gni tre mesi ci si accorga dei b~:whi che riehiedono una nuo,·a manovra ... rende legirthno il dubbio. Certo, bisogna rjspanniare. Ma anche il risparmio sta assumendo nuove sfac~Zettarure, per la verità non sempre cemptensibill. Si risparmia sulle ferrovie e lfuccedono clisastri, sulla .manutenzione d1 determinati a.mhienti e ma;ivano alluvioni e frane. Che sia questo ~ risparmio da perseguire? Oppure, in ~mbito più ristretto, si risparmia sul riscaldamentò nelle scu<>le e poi i tubi si gelano con tutto ci!} chèi ne consegue, ma, contempòraneamenre, dov'è tropp(>caldo si devono spal.ancare le finestre fler porersi àpplicape~ mentre llCCllnto si dovrebbe riuscire a miscelare il calore dispersQ. Basterebbe che, al posto di un termostato centralizzato, ogni alllbientc potesse disporre di un autonomo regolatore di calore. ·Ma. fo11se. questi sono dis(;drsi rroppo semplici e non centrano nèi nuovi canoni del rispatmio.

TCI

UN' OPPORTUNITÀ STRAORDINARIA: f. 14.870.000* Lancia DELTA 1.6 f. 23.170.000* Lancia DEDRA 1.6 f. 27.120.000*

Lancia Y 1.2

Risparmi fino a 4.380.000 se desideri sostituire la tua auto con più di dieci anni *Prezzi al netto degli incentivi

lANCIA - AUTOBIANCHI

s. n.e.

La Concessionaria Vincente CODROIPO: Viale S.Danlele • TeJ. 0432/908252 LATISANA: Via E.Gaspari • Tel. 0431 /510050


RIVIAMOCI - - - - - - - - -

Rubrica a cura di Claudio Pezone responsabile del S.P./. C.G.I.L del Codroipese

PENSIONI INTERNAZIONALI lia può presentare domanda per orrenere la presra:z.ione o la quota di prestazione, IL DIR/nO ALI! /NTECRAZ/0- semprechè sussistano le condizioni di legNEALM/N/MO ge per il diorro. Gentile Signore, in base alla normativa del Regolamento Cee n.l247/92 (art.lO bis) del l giugno 93 1 gli stati membri hanno stabilito che l'eventuale quora di prestazione in regime internazionale avente carattere assistenziale (assegno sociale, integrazione al trattamento minimo) può essere corrisposta soltanto se il ri rolare della prestaz10ne stessa è restdente nel suo Stato di appartenenza. Non può, mvece, essere corrisposta a chi risiede in uno Stato estero, dal quale, peralrro, potrà ocrenere analoga prestazione in quanto residente. Se l'interessato rientra in rra-

CL/ ANZIANI SEMPRE PIU' PROTAGONISTI ATTIVI DELLA SOCIETA' - CIVILE

IL CONTRIBUTO DEL 10 PER Da soggerri portatori di bisogru. sia di orCENTO TOCCA ANCHE Al LA- dine sanitario che socio-assistenziale, e fondamentale che gli anziani diventino, VORATORI? soggetti portatori eli risorse, competeJYte, Gentile Lettrice, in base al disposto dell'articolo 2. comma 26, della legge 2 agosto 1995, n. 335, sono soggetti, rra gli alrri, all'iscrizione all'lnps per il pagamento di una contribuziOne del 1O per cento destinata a una appOSita gestione separata, anche i lavoraton dipendenti per i redditi prodotti nell'esercizio di arti e professioni o nel l'ambito dJ collaborazione coordinate e continuativa. Tuttavia, il governo ha preannunciato l'intenzione di presentare un disegno di legge che prevederebbe l'esonero per coloro che siano già soggetti a forme assicurative obbligatorie.

ANnCIPAZIONE SUL T.F.R. Gentile Lettore, un lavoratore con almeno otto anni di iscrizione al fondo (come nel suo caso), può chiedere un'anticipazione sul valore delle quote versare, limitatamente alla parte derivante dal trasferimento del TFR. I motivi per i quali è prevista l'anticipazione riguardano: l'acquisro della casa -spese sanitarie. Esempio di calcolo dell'ammontare. L'anticipazione spettante ad un lavoratore che ba nel fondo una quota del valore di 30 milioni, dei quali 8 versati direttamente ed alrrettanti dal suo datore di lavoro e 14 milioni trasferiti dall'accantonamento del tfr potrà chiedere l'anticipazione solo di questi ultuni 14 milioni. La disciplina dell'anticipazione nei fondi e più favorevole di quella prevista dalla Legge 297/82 sul TFR che consente l'anticipazione nella misura del 70% (con il fondo diventa, il 100% e con limitazioni del 19% degli aventi titolo e del 4% dei dipendente che non valgono per llondi).

saperi. Non perché i bisogni non ci siano, ma perchè 111 una società dove il numero degli anziani sovrasta quello dei giovani, non è sopportabile che questa popolazione sia esclusa da ruoli socialmente arrivi e lasciara unicamente a risolvere le proprie solirutuu privare. Credo che siano molte le attività in cui gh anziani possono dare (e in molti casi già lo fanno), illorb contributo. ln materie di assistenza, ad altri anziani in difficoltà, ma anche a malati, a bambini, come supporto alle istituzioni scolastishe; per la cusrodia dei beni culruralt; dell'ambiente, del verde pubblico; come anirnarori, in rurre le arrività umane o quasi. La solidarietà sociale, a favore dell'intera collettività, non ha limiti di età.

PENSIONE BELGA Ho lavorato come lavoratore dipendente anche i, Belgio, vorrei poter conoscere i requisiti che damto diritto ad una petzsiotte di vecchiaia con questo Stato. Gentile Lettore. per quanto riguarda la normativa vigente che regola le pensioni in regime internazionali con il Belgio, stabilisce che per la pensione di vecchiaia, si debba avere 1 seguenti requisiri:-65 anni di età per gli uomini e 60 anni di età per le donne: - a 60 anni o 55 anni, ridotta del 25% e quindi il 5% In meno per ogni anno di anncipo dal 65°o 60° anno di età: - per particolari categorie (es. deportati) a 60 anni per gli uomini e 55 per le donne. E' richiesto un minimo contributivo di un anno.La rivalutazione auromatica avviene con lo stesso metodo previsto per Le indennità di mvalidità. Per coloro che hanno lavorato in miruera, la normativa è regolata da un regime speciale per nunaton.


Le statistiche tterso una scuola multirazziale A cura di Mario Passon (seconda parte) Nel precedente articolo rag1onando sui collegamenti tra immigrazione e scuola ci si chiedeva se esistono dementi per ipotizzare, nel prossimo futuro, una scuola dove gli scolari, gli alunni, gli srudenri presentino caratteri djversi da quelli armali. Un dato statistico emergeva sebbene in misura non ancora evidente: e cioè la presenza nelle scuole regionali di ragazzi extracomunitari. Fino ad ora una presenza discreta che la statistica riduce ad appena un migliaio e quindi di scarso significato numerico ma che nel fururo potrebbe diventare più consistente e che fin d'ora propone problemariche non indifferenti sui contenuti delle ~tesse scoo· le, olrrechè culturali di speciiica convivenza e rolleranza.lndubbiamenre esistono marcare differenze sia culmrali sia comporramenrali tra le famiglie extracomunitarie e dove almeno la moglie proviene dai Paesi al di fuori dell'Unione Europea e le famiglie iralian.e. Per approfondi re questo argomento utiLizziamo i risultati di una recente ricerca promossa dall'Ente Regionale per i Problemi dci Migranti. La ricerca ha sruruato la condizione della donna immigrata nel Friuli-Venezia Giulia cd i multati sono stati pubblicati nel libro "Uguali c diversi - Le ragioni della tolleranza. La condizione della donna immigrata" a cura dell'Ano.lf dj Trieste. Ai pii1 balza agh occh1 che la condizione della donna immigrata sia quella che si vede lungo la Napoleonica o quella della notte a Udine. Certamente questo e l'aspetto che fa più notizia, la condizione illegale che pro· duce sconcerto, fa cronaca alimenta comportamenti devianti che poi suscitano, tra gll aurocroni, prese di postzione intolleranti se non xenofobe. Ma la stragrande maggioranza delle extracomunitarie residenti o dimoranti nella nostra regione vivono "in modo legale". L:aspetto più significativo che emerge dalla ricerca è proprio il fatto che la donna immigrata esprime ·i l desiderio di inregrarsi nella sociera regionale; pur incontrando notevolissime difficoltà di inserimento e di adattamento fra turri la lingua, il suo desiderio e di essere considerate alla pari delle donne aurocrone.

Un fatto rilevante da tenere in considerazione e che buona parte di queste immigrate intende fermarsi per un lungo periodo nella nostra Regione e quindi urilizzare i ~ervizi che le :nostre istituzioni offrono. La ricerca mette in luce che questa immigrazione e, in buona misura, risultato di un ricongiungimenro familiare c che perranto non sarà la singola donna, ma l}mera famiglia a usufruire di questi servizi. Uno de1 quali e proprio la scuola. E per vedere quale potrebbe essere l'imparro di modi di vira diversi dai nostri osserviamo i rassì di natalità. In Italia il numero medio eli componenti per famiglia è di 2,6 ovvero mediameme ogni coppia ha l figlio. Nei Paest 1n via di sviluppo il humero medio dì fig li per donna è di 5 onità. Ora è presumiblle, dice la ricerca, che questi comportamenti non vengono esportati nel Paesi di emigrazione; interviene una sorta di omologazione, cioè la donna immigrata tende a comportarsi sempre più entro i canoni della società dove risiede. Nel caso specifico la donna immigrata ridurrà la propria fertilità senza nmavia arrivare a livelù raggiunti dalle donne italiane. Non è possibile mantenere quella media di cinque figli per donna, ma neppure si adeguerà aiJa media nazionale. ma non tale da appiattirne i comporramenti. Nel caso della ricerca si possono leggere questi rislÙtati.

Percentuale di domte con due o piu figli:

Italiane (valore stimato)

15%

~ ---------------------------

Extracomunitarie con marito italiano

25%

Extracomunitarie con marito non italiano

75%

viette cattSiderata La fascia di eta 20-45 anni Come si può leggere sarà assai probabile che la scuola italiana si riempia di bambini nati da famiglie dove almeno un componente è extracomunitarlO. Se pensiamo che le donne extracomunitarie nel Friuli - Venezia Giulia sono circa orromila di cui una buona metà nella condizione che al:lbiamo or ora descritta, potremmo aspettarci nel prossimo fururo un deciso incremento della popolazione scolastica di cale condizlone. Su questi remi le istiruzioni locali si stanno già muovendo. E' stato infatti pubblicato di recente un vademecum predisposto dalla Provincia di Udine su 'Tordinamenro scolastico italiano: quali opporrunità per gli stranieri": per mranro, scrive l'Assessore Provinciale Banelli, il vademecum dà alcune risposte sull'equipollenza dei titoli e sull'accesso al sistema formativo nazionale. Nel fururo, suggeriamo, il vademccom porrà considerare i contenuti della scuola, la formazione dei docenti, la convivenza di culture diverse. Problema complesso che la Provincia da sola non può cerramenre affrontare.

VENDITA E ASSISTENZA CICLI E MOTOCICLI ~

Il)

officina meccanica auto

~J()Ifidl5

SELF SERVICE24hr

Gradisca di Sedegliano - tel 0432/91605 7


L' S.O.S: del Primario di cardiochirurgia

------

~Non mt sento più di lavorare in condizioni indecenti. Nel reparto di cardiochirurgia esiste il rischio non certo remoto di infe4ioni e la geme lo deve sapere. Noi operiamo, trapiantiamo, salviamo vire umane che poi se ne vanno per un'infezione. E' vero ci muoiono le persone sottomano. M uoiono per la burocrazia, per le strutture a!>soluramenre inadeguate. Muoiono guardandoci negli occhi, supplicando: Non posso andare avanti m una situazione senza via di scampo. verso la quale: i politici nulla fanno. Purtroppo siamo arrivati al punro che quelli di buona volonrà, quando si rendono conto di non poter fare praticamente mente, si dimettono. Ed io, con i miei bravi medict, con i bravt infermieri, faécio wrro ciò che posso in un reparto sovraffollato, con locali uguali a 25 anni fa, dove i pazienti sono realmente esposti a pericoli di infezioni, senza un adeguato uwnero di ancsteststi. E non è questione di soldi. An;d, quelli sono già stanziati e

con 1 rdarivi progerò di risrrurrurazione. Eppure, niente si muove. Cunica speranza è neUa gente e io faccio appello affinchè si attivi quando i politici hanno le mani legate o mettono i bastoni rra Le ruote, si mena m contano con i medici

COOPERATIVA

di buona volontà. Non ci st può addormentare dicendo "tanto sono bravi dottori" perchè il problema dei trapianti può capitare a ciascuno di noi, da un momento all'altro. Ognuno deve sapere che, invece di essere salvato, porrebbe morire.

Bisogna fare eu no il possibile percbè questa "vergogna" finisca, perchè non fa onore al Friuli. E io voglio che si sappia, altrimenti scarenerò una campagna di srampa in grande stile". Esasperato, appassionatO, autorevole, un uomo generoso e sensibile, un medico che opera, e sempre con grande successo, in condizioni fatiscenti: si tratta di Cesare Puricelli,

AGRICOLA

primario del repartO di cardiochirurgia dell'Ospedale Civile di Udine. Gira voce che il suo reparto dovrebbe venìr trasferito nei locali dJ ostetricia. Ma lui non ci crede più. l.ui sa ~olo che nel suo reparro, dal1'85 ad oggi, i trapianti evidenziano un crescendo di pari passo con l'aumento delle donazioni di organi.ll professar Cesare Puricelli, nella sua carica di primario, ha deciso dt e~porsi e vuotare il sacco sulla siruazione assoluran1ente precaria del suo reparto. Si ribella. Si appella a turri noi. E SI:! lo fa, significa che c'è sorro qualcosa di davvero grave. Eglinon rischierebbe la sua faccia e la sua fama per qualcosa di non vero ! Queste cose le ha dette all'assemblea dei venr'anoi dell'Ado nel salone del Parlamento di Udine. Le npere in posti meno prestigiosi ma non meno ricettivi, come, per esempio alla cena deii'Afds di Camino al Tagliamenro. La sua battaglia è disperaramenre accorata. Eppure chiede soltanto di poter operare m un ambiente idoneo, di poter far fronte alla crescente richiesta d'imerventi e ridurre così le tragiche liste d'attesa che, spesso, portano ì pazienti a morire prima che gtunga il sospirato giorno del trapianto. Pierina Gallina

FORESTALE

DIMENSI VERDE s.c.a.r.l. Vivai e Piante Zompicchia di Codroipo (UD) Via Cavalcavia, 20 tel. 0432 l 905377


PERSONAGGIO :===========

Il commosso addio a llenato lìruarin ri fin da quando villa Manin divenne una struttura pubblica e quindi un contenitore culturale che egli amava profondamente, puntando con responsabilità anche personali, alla sua valorizzazione, come un'enorme risorsa a favore dell'intero territorio. Contribuì non poco a qualificare la storica residenza con un programma ricco di spettacoli di altissimo livello con la presenza delle più presrigiose figure del firmamento mondiale. Tutto ciò non lo fece mai per avere riconoscimenti personali, trattandosi di un uomo schivo, che non faceva nulla per sè ma tutto per gli altri. La sua morte lascia un enorme vuoto che non sarà facile colmare. Nello stesso lascia un grande esempio civico per rutta la cittadinanza di Codroipo". Ma va sottolineato che Gruarin è stato una figura eclettica: un serio professionista nella sua attività di veterinario, un attivo componente del consiglio pastorale, uu appassionato sostenitore e collaboratore del nostro periodico ll Ponte; un volontario della squadra di protezione ctvile che si è segnalaro per il suo im-

ne al loro immenso dolore. t in questo momenro, riferendoci alla cristallina Fede di Renato, non troviamo di meglio che riportare il testo letto da don .Luigi Del Giudice, durante la Messa funebre alla preghiera dei fedeli: "Signore, tu mi scntti e mi conosci, tu sai quando seggo e quando mi alzo. Penetri da lontano i miei pensieri, mi senni quando cammino e qumrdo riposo. 1i sono note tutte le mie vie; la mia parola non è ancora sulla lingua e tu, Sigtzore, già la conosci tutta. Alle spalle e di fronte mi circondi e poni su di me la tua mano. Stupenda per me la tua saggezza, troppo alta, e io non la comprendo". (SI 138, 1-6) Cosi, Signore, tu hat avvolto la vita del nostro fratello nella fede Renato. E lui si è Ìasciato rietnpire della tua presenza. Afl'inizio della tua giomata si metteva in dialogo con te, Signore, con la preghiera di Lode dei Salmi. Ora ti appassioni, Sigtwre, alla nostra esistenza, perchè come quella di Renato sia i1r simbiosi con te. La tua Grazia, Sigtzore, è stata la sua vitalità, a/li1tta nella Comu-

La morte l'ha colto proprio nelluogo che

pegno nel rerremoro del Belice nell' '82

nione dell'E11carestta. Nel cammmo del-

l'ha visto protagonista per oltre 4 lustri di un'intensa e appassionata attività al vertice della pro-loco Villa Manin. Codroipo con la sua scomparsa è rimasta orfana di un personaggio di spessore, di una vera istiruzione nel settore culrnrale e sociale e n oi della Cooperativa editonaie [J Ponte ,abbiamo perso un amico carissimo e un collaboratOre prezioso. Gruarin era un uomo di grande carisma,sempre affabile ed enrusiasta, cordiale ed altruista. Notevole il suo lDlpegno nel programmare e nel portare a compimento le proposte culturali legate al la villa dogale, di cui è stato anima per tantissimi anni.Si è fatto interprete dci sentimenti comuni della città per la grave perdita il sindaco Tonurri. che così l'ha ricordato:" ll luno ci ha colto di sorpresa e ci ha lasciati sbigottiti. E' stato un uomo presente per oltre 4 lustri nelle truZlatìve codroipesi,dimosrrando la sua positività. Si è distinto per l'amore verso le cose belle e per La disponibilità ad operare affinchè la sua sensibilità fosse quella di rutti. Gruacin ha avuto meriti particola-

e in Piemonte, travolto dalle alluvioni, nel '95.Sempre pronto ad offrire ospitalità ed amicizia (lo sanno bene i tanti che ba accolto, per qualche ora di relax, nella casa di campagna della Erazionicina di San Pietro) Renato se n'è andato improvvisamenre, senza clamore, nel suo stile. Lascia in eredità a tutti la sua dirittura morale, il suo impegno, il suo esempio, la sua indimenocabile opera.Quast due mila persone hanno assiepato il duomo di Codroipo per i suoi funerali celebrati da monsignor Remo Bigotto, contornato da 14 sacerdoti. E' stato ricordato nell'omelia funebre dall'arciprete e dagli interventi del smdaco e dal rapp resentante della Caritas Silvano Soramel. Al termine del rito il feretro. portato a spalla ,dai componenti della squadra di Protezione civile, è stato posto sull'auto funebre e avviato a Bagnarola di Sesto al Reghena, nel cui cimitero è avvenuta la tumulazione. Da queste colonne, con l'animo profondamente commosso, rivolgiamo aUa moglie Graziella e ai figli Monica, Luca e Barbara, la nostra sentita partecipazio-

la nostra esistenza tu ci illumini e ci converti e la nostra vita è tm continuo morire alla cattiveria e risorgere alla bontà. Signore, ti ringraziamo per il tempo che ce l'hai donato; chi ritoma a te contilwa a far parte delia tua famiglia. Noi gli parliamo ... lui ci ascolta. Noi con gli occhi del/{1 lacrime vogliamo vedere... Renato con gli occhi della luce ci vede dentro. La sua bontà' si traduceva nella competenza e nella dedizione, perciò la sua esistenza terrena è per tutti 110i singolarménte: testamento di fede vissuta e di capacità nella donazione serena. Accogli fra le tue braccia, Signore, il nostro fratello Renato, che ci ha lasciati. A suo tempo accogli anche noi. Fa che Cl presentiamo a te ben preparati e serem, non in ~ato di inimiciz1a con te... Fa che non ci se1ztiamo come strappati e sradicati e non ci mettiamo contro voglia in cammino. Renato è stato sempre con te, Signore, nella fede ora è con te nella realtà. Per tutti noi, onorario, è imitarlo nella bontà, nella competenza e nella fede. Amen.

Vasto cordoglio ha destato a Codroipo l'improvvisa scomparsa del dottor Renato Gruarin, 67anni colpito da infarto mentre si trovava nell'ufficio della Pro loco a villa Manin dt Passariano per occuparsi dell'attività dell'istiruzio11e di cui era presidente da ben venùdue anni.


DO

~ -=~~~NGOL.O DEU.A FOTOGRAFIA

Il computer e la fotografia ~------------------------~==~=

Sfogliando una rivista ho prestato particolare attenzione alle affascinanti immagini che accompagnavano cd arricchivano gli articoli in essa conrenuri. Colori saturi, ragli dell'inquadratura molto arditi, un insieme di soluzioni tecniche particolarmente efficaci dal punto di vista comunicativo e psicologico, ma per cerri aspetti quasi irreali. 1J mondo della comunicazione, ma oramai non solo questo, utilizza in misura consistente strumenti informatict che permettono la correzione ed alle volte la trasformazione della fotografia. La larga diffusione di computer, sofcware. reti teJemaciche, ha permesso alla fotografia la visione non solo dalla stampa o dalla diapositiva, ma anche sul video del proprio computer, oppormnirà che rende possibile l'unlizzo di programmi di grafica in grado di cambiare l'aspetto della fotografia. Le potenzialità di trasformazione di un'immagine sono molteplici e sul mercato sono presenti prodotti ad un costo accessibile ed adeguati ad un uso anche casalingo. Cambiare i colori, samrare l'azzurro del cielo, accenruare il contrasto, ragliare o ricucire un'immagine sono, per chi adopera il computer, delle operazioni abiruali e parcicolarmenre immediate. 1J supporto informatico permette di creare un vero e proprio "blob dell'immagine", dove attraverso le operazioni consentite, si ottengono dei risulrari, che per contenuti, comunicarività ed emozioni, si possono presentare in modo differente dalla versione originale. Viene leciro chiedersi se il virtuale risultato che abbiamo ottenuto può definirsi fotografia. Personalmente amo considerare la fotografia come qualcosa dì strettamente connesso al piacere del clic, all'osservazione della realtà acrraverso la ristretta e delimitan-

re angolazione del mtrino. Non voglio giungere al concerto estremo di "previsuafuzazione completa del nsuJraro finale", formulato dal famoso fot<>grafo americano Anse! Adams, ma cercamenre !"immagine fotografica è un qualcosa che per buona parte nasce nella mente del fotografo già durante la fase di ripresa. !:elaborazione del negativo e della stampa, sono operazioni d1e si effem1ano manualmente in camera oscura, ma nella gran parte delle situazioni conducono ad un completamento ed affinamento delle

SALONE UNlSEX

P.zza Roma. 9

modalità espressive del messaggio \•isivo. Le posstbtlità operative del computer sono innumerevolmenre superiori, cun tempi, costi, ma soprattutto precisione che non ha confronto rispetto alle tecniche tradizionali. E' indubbio che il risultato di qualunque elaborazione virtuale possiede una forre personalità e comwucarività, ma alla quale darei la più generale cd ampia definizione di "immagine", attribuendo in questo modo alla fotografia un significato ristretto e strettamente connesso con l'uso dell'apparecchio fotografico. Tutto questo e un argomento di discussione che appasstona, ma molto spesso divide, i "forografi trad izionali" accaniti urilizzarori di LEJCA a relemerro, ROLLEl biottica, da coloro considerati a torto o a ragione "fotografi moderni", dove il risultato finale rappresenta l'unico obiettivo raggiungibile con qualunque mezzo a disposizione. [l dibat· tiro è aperto e non solo virrualmenre. Alla prossima. Vince111.0

Broi


S l CA ,_ _ _ _ _ _ _ _ _ __

Il primo bacio

----------------------------------------------------

Come ho già avuto modo di rileva re, quesm rubrica ha un certo seguito : qualche lettore ha pure serino per esporre punti di viSta contrastanti con le mie valutazioni,o, incontrandomi per Codroipo ha mostrato interesse ad approfondire questo o quel tema da me trattato. Percbè, allora, non mettere questo spazio a disposizione di quanti desidenno esprimere Ltna loro opintone, raccontare un'esperienza musicale o dibattere qLtalche argomento d'attualità ? Si porrebbe cominciare, intantO, con l'invitare i !errori del Ponte a rievocare il loro primo incontro con la musica, gli istanti di rapimento scaturiti dal "primo bacio", che ha fano scoccare Ltna scintilla d'amore per l'arte dei suoni. Pensavo a questo qualche setTimana fa, durante un concerto in Clli l'Orchestra del Teatro Verdi di Trieste, dinma da Walter Tbemel, eseguiva una sinfonia di Mozart con evidente svogliatezza, senza quel pizzico d'estro che scuote l'uditorio con vere emozioni. Se degli strLtmentisti di professione appaiono talvolta apatici nella loro rourine- mi dicevo- come meravigliarsi della disaffezione del pubblico, che si allontana daUa musica proprio perchè è tramontato per se1npre quel brivido, quel primo impulso magico che lo aveva conquistato? Chissà quanti fra i presenti -riflettevo- sono entrati ne lla fase dell'assuefazione! Chissà quanti acquistano pile di dischi destinati ad essere ascoltatl distrattamente o addirittura dimenticati, e maga n continuano a frequenrare le sale da concerto per mera rirnalità sociale! Ecco allora l'idea di far rievocare quel momento divino in cui accadde la "prima volta". fnviro i !errori a mettere per iscritto In una carteUa la loro emo:t.ionanre scoperta : pubblicheremo le Storie più inrcrcssanti,conservando l'anonimato per chi lo desidera. Tn palio non c'è nessun premio, ma Ltna ricompensa può consistere proprio nel rivivere o nel riscoprire un fremno di cui Cl si era dimenticati; oppure nell'opportunità di confessare con franchezza un incomro occasionale o un

interesse coltivato perchè esornativo e da Oliviero de Fabrmis), mentre co l"blasonante", ma poi sv;tnito ne l nulla tivavo 1o studio del ptanoforre e poi per noia o altro. Personalmente non ho l'organo, che mi regalarono emozwoi difficoltà a dare inizio al gioco (che mi altrettanto intense, al punto da farmi auguro abbia un seguito), dicendo bre- trascurare il profitto scolastico al ginvemente deUa mia "prima volta". Ave- nasio; sopravvenne allora lln drastico vo circa undici anni, quando un po- divieto di mio padre (dilettante di meriggio entrai m una chiesa di Bolo- flicorno), che intendeva sradicare in gna (S.Bartolomco) dove ogni anno si me .. quell'iJlSana passione. allestiva un elaboratiSSimO presepio Non vado oltre in questa rievocazioanimato; gli spettacolari effetti mec- ne, che può sembrare una favola cocanici erano seguiti passo passo da una struita a tavol ino, spec1e per i panicoregistrazione su magnetofono "Gelo- lari su brani e interpreti memorizzati so", con il commento dello speaker e a tanti anni di disrallZa; ma è la pura brani di mus1ca classica. Il primo pez- vedrà. 11 ncordo è così nitido perchè zo era un ''Largo" vivald1ano, segLLito evidentemente riguarda LtD'esperiendalla sinfonia "Pastorale" di Beethoven za per me cructale. e dall'AgnllS Dei di Bizet (come folgo- Chi volesse coglier l'invito, non è nerato dalla bellezza di quelle pagine, cessario, ripero, che lo faccia solo in m'informai poco dopo ~u ll a colonna presetlZa di un"amore eterno"; sarebsonora): rimasi in asco lto a lungo, be inrere~sante conoscere anche le raaspettando che il nastro ripartisse più gioni di chi, naufragando magari dopo volte da capo, anche nei giorni succes- aver frequentato valorosamente inter~ivi non potei resistere al nchiarno di preti grigi o dal nome altisonante ma quel1a musica, che mi faceva provare vacuo, ha ch1uso con un divorzio ogni volta un tuffo al cuore. Da quella Hberatorio una convivenza insosteniscoperta iniziò il mio 1meresse per la bile con il mondo dei suoni. musica sinfontca, poi per quella indirizzare a IL PONTE -rubrica "lv1uoperistica (la pt:ima opera vtsta al Co- sica ", via Le ~eh t, 11° 6. munale fu 11 Barbtere dt Siviglia con Silvio Montaguti Sesto BTuscantini e Dora Garra, diretti

CORNJCI Ql[ADQI QE0TAURI 0TAMPE AFFICHE0 LITO Co droipo - Ud Via Piave, l 7 Tel. 0432/901281


NETA DONNA - - - - - - - -

Notte di Natale Avevo dato da mangiare esageratamente a rutti, perfino al garro, che ha fini to col vomitare sul tappeto del salotto mentre ce ne stavamo andando a letto. Così, dopo aver esternato il loro disappunto, i troppo pasciuti per colpa mia se ne sono andati davvero a letto !asciandomi da sola, nel cuore della norre, alle prese con sabbia, palette e smacchiatori. Era trascorso un altro Natale convulso ed opulento proprio come non avrei voluto che fosse. Due ~orni di ininterrotti banchetti fra siepi di hottiglie e momagne di squisirezze e p01, notti di smanie e dì caldo a conteggiare le d i e ci m i la calorie ingurgitare fra pranzo e cena. Quindici persone a tavola per Natale e altrettante per Santo Stefano, più le visite del pomeriggio; avevo lavorato rutta la vigilia e anche la sera era trascorsa tra il friggere e il bollire delle penrole, con il pensiero dei regali ancora da impaccherrare, della cucina da riordinare e dei miei capelli in disordine per il giorno dopo. Di là i figli ridevano allegri con gU amici mentre si preparavano ad uscire per la Messa di mezzanotte e, prima d1 chiudere la porta:-Mamma, dopo torniamo rurri qui, ci prepari qualco-

sa? E poi? l signori desiderano qualcos'altro o è tutto ? La stanchezza mi dà alia-testa, bollo all'unisono con le pentole. Ma di che cosa mi lamento? Sarà sempre meglio che portino i loro amici in casa, piuttosto che pensarli chissà dove, la norre. La cucina è il campo di Waterloo dopo la disfatra. La pentola a pressione fi schia e la lavastoviglie va ... -And iamo a Messa ? Sei pronta ? Mio marito appare sttlla porra. arrende che gli confermi che sì, sono pronta, mentre con fatica riemerge da ciò che l'ha assorbito per ore nel suo studio. Lo so anch'io che Beethoven è tut· ta un'altra musical Come punta da una vespa, sollevo la testa dai fumi delle pentole e con il mestolo a mezz'aria mi dispongo allo scontro. Le parole sono già sulle labbra:" Come no? Mi sto preparando da ore: fumenti di brodo di cotechino per il viso, capelli arricciati al vapore di spinaci, profumo di brovada, il grembiule e le ciabatte li ho già indosso. Come Yedi, sono pronta". Invece non dico nulla, lo guardo pensando che il mio destino è quello di rimanere incompresa... per sempre. All'improvviso mi fa addirittura tenerezza. Chi?

le più belle cornlct. le icone, i piccoli oggetti da colle"Lione

PER VOI E PER LE OCCASIONI DI REGAID

LuJ! Dopo tanti anru trascorsi assieme non è cambiato, è nmasto uguale a come lo avevo conosctuto e mi era piaciuto: distratto, assorto e disarmanre. Un lungo sospiro e poi:-Tì dispiace se ci andiamo domani ? Preferisco rimanere a casa e finire. Spengo forno e ·f ornelli, sono in una sala-macchine piombata in un improvviso silenzio anomalo, ma confortevole. -Esco, vado a portare da mangiare al cane. -Sei accaldata, ci vado io! -Mi fa piacere prendere una boccata d'aria. -Allora, copriti, copriti bene ... M.i porge lo scialle. Basta, basta così. Sento battere le ali nel perro, è gioia pura. Avvolta nell'ampiO scialle nero, così le donne di una volta andavano alla Messa, mi sento mia nonna. Riaffiora il ricordo dei Natali semplici ed essenziali di un tempo, che ho avuto la forruna di intravedere, mi assale la nostalgia struggente di un'innocenza primitiva, forse quella dei pastori accors1 alla "capanna" in uJJa notte gelida come questa, rischiarata dalle

fulgide stelle di dicembre. 11 cane mugola alla vista della ciorola Fumame mentre il garro uscito con me scompare sorto la siepe." A Natale, razioni dj cibo più abbondanti del solito anche per gli animali", raccomanda S.Francesco! Il gatto non ha abbandonato la cucina per rutto il &riorno iniziando in anticipo i festeggiamenti, il cane solennizza ora, con una bella fetta di lardo al posto del panettone. C'è un gran silenzio e forse l'aria è più mite, il calicanrhus profuma nascosto nell'ombra, nel c1elo troppe stelle mi confondono mentre cerco di scrutarne i palpiti della mezzanotte. rl cane non uggiola p1ù e il garro mi arrende sulla soglia ,è un inviro a rientrare. Trovo il Bambino già naro, è appena stato deposto nel presepe sono l'albero splendente di luci. Dì nuovo, le note della Sesta: escono dallo studio , forse a cercare un accordo con le segrete melodie degli Ange!J nella capanna.

A/cesti


Vte: nuove sezioni a Bertiolo e Sedegliano Con il prossimo anno aCC:tdemico, funzioneranno sezioni staccate dcll'Ute a Bertiolo c a Sedegliano. Le amministraztoni comunali mreressare hanno dato la loro piena adesione alla proposta in tal senso formulata dal Consiglio direttivo dell'Università della Terza Età di Codroipo. La Git.Utta comunale di Sedegliano ha già deliberato per l'accettazione dcU'iniziativacultul<\le!tul proprio rerritorio. Tale provvedimentO è nato dall'esigenza di venir inconrro a quanti, per la distanz:~., non possono freqpentate i corsi a Codroipo.Com'è noro I'Ute offre una serie di propm<e che coinvolgono ruttiicittadini dai trent'anni in su per informa-

re e aggiornare su argomenti d'attualità. E' questa un'occasione di dialogo, uno srrumento d'ìnconno e di formazione. Struttura permanente aparriòca e aconfessionale I'Ute del Codroipese, facendo leva sull'espenenzaacqmsira in un decennio, proporrà nei due Comuru alcuni dei suoi corsi monografici, biennali e triennall dell'area cultural_e-umanistica, scienòfica. lingui~-rica; ove possibile non mancheranno di funzionare i laborarori Ogni corso sarà tenuro in orario pomeridiano fra le 15 e

le 18, con una lezione alla settimana. ~anno accademico inizier:ì a novembre e le lezioni saranno sospese secondo il calendario scolastico. E' opportuno ricordare che come strumento di educa2Jone permanente alla vita, I'Ure ~i rivolge a rutti, indipendentemente dal livello culrurale di ognuno. !;invito, dunque, alle comunità di Bertiolo e di Sedegliano a favorire con Ja propria partecipazione l'iniziativa resa ad evitare la solirudine, l'esclusione dalla vi m sociale e ad operare per e con le persone.

Citticard anche a Codroipo ----~~~~

Oservizio di Civicard, la macchina automatica

che anche a Codroipo sforna i certificati anagrafici di nascita, di matrimonio e altri, in funzione nella sede di via Roma della Banca Antoniana Popolare Veneta , sra entrando gradualmente in funzione per tutti gli abitanti del Comune. Rispetto ai tempi ch'erano stan annunciaci in un primo momemo, si segnalano dei rirardi per la consegna a domicilio delle schede magnetiche. rasses.•;ore COIUlU1ale ai Servizi demograficiAmo Masotti. con il quale i dirigenti della Banca hanno messo a puntO l'accordo per installare lo srrumemo, ha reso noto che nei prossimi giorni i messi comunali provvederanno a recapitare al domicilio dei capifamiglia l'ultima rranche di ressere, co:.icchè il servizio potrà essere nel pieno delle sue potenzialità. Civicard dà la possibilità all'utenz.a codroipese di utilizzare self-scrvice un servizio che risparmia di recarsi nella sede municipale per il conseguimento di cercificati demografici in carta semplice o bollata Oa macchinetta è abilitata anche per accettare denaro e per dare il resto) e funziona come il Bancomat, con la semplice digitarura delle prestazioni necessarie. 1imo ciò, come ba spiegaro il responsabile Masotti è un primo passo per lo sfruttamcnro delle potenzialità della macchina. In tempi successivi (che si ipotizz.a prossimi) l'utente avrà modo di ottenere anche un ventaglio d'informazioni di carattere sociale quali la siruazione pensionistica presso l'fnps, la prenotazione dl visite mediche e alrro ancora ,come avviene già in diversi altri punti della Provincia.

RIVIGNANO VIA CAVOUR, 27/A TEL. 0432/775120

f6


DROIPO

Solidarietà per Casa Italia ~--------------~-----------Anche per U Grup_po Volontari Codroipesi il tempo natalizio è Wl periodo in cui la solidarietà e la generosità si fanno più concrete e tangibili. Hanno fatto visita a Casa Italia, infatti, i componenti del Comiraro codroipese per il folclore friulano che, durante una festosa grigliata, hanno consegnato il cospicuò ricavaro del chiosco allestito in occasione della Fiera di San Simone. Nei ringraziamenti il presidente Defend ha sortolincato soprattutto il legame e la continuità ormai quinquennnale della collaborazione tra le due associazioni ed ha potuto Ulusrrare il positivo inizio- del Cenrro Occupazionale Diurno "Il Mosaico" a cui verranno destinati i fondi raccolti. Un'altra simpatica iniziativa è stara quella di un gruppo di giovani di Goricizza, animati dal sempre presenrc Luigmo Zoratto, che ha voluto devolvere il ricavato della raccolta di ferro al

progetto "Casa Italia". Nel ringraziare i ragazzi presenti, il presidente Defend li ha pregati di estendere i senti.menri di viva riconoscenza a tutti quelli che hanno col-

laborato all'mtzianva e li ha invuati a visitare ù cenrro occupazionale negli orari di apertura per rendersi como di persona delle attività che vi si svolgono.

A CODROIPO

DA "TETO" Specialità alla griglia - Pollo allo spiedo - Frutta

d4 fJ99i a«de.' ' RICEVITORIA

1 Viale Venezia, 22 - Tel. 0432/906715

Chiuso il martedì


DROIPO

Incontri per educatori L'auditorium comunale di Codroipo ha ospitato una serie di incontri promossi dal Distretto Scolastico e dalla Consulta di Pastorale Scolastica sul rema L'accoglienza nelle relazioni educative nella realtà scolastica e familiare. lo una società complessa quale la nostra, parlare deU'altro e di come accoglierlo è ~"taro urile per riscoprire chi siamo e cosa vogliamo essere. Il dottor Ernesto Gianoli ha saputo coinvolgere e stimolare d numeroso pubblico presente in virtù di un lin g uaggio semplìce,corredato da esempi. Questo ha consentito all'uditorio di cogliere l'importanza della relazione con l'altro e la necessità di porsi in ascolto per nmuovere eventuali ostacoli. Tre gli arreggiamenri di fondo sottolineati: avere: una carica empatica. una forma di rispetto e una di cordialità. E' necessano perciò avere un "nucleo interiore solido" senza protezioni esterne, chè ci permetta di vedere l'a ltro senza pregiudizi. Questo "nucleo" può essere trasmesso fin dai primi giorni dal genitori, permettendo cosl un rafforzamento della personalità dell'individuo. E' ncccssano che tl gruppo parentale trasmetta alcuni permessi: quel-

------

lo di esistere che è il più prezioso, quello di essere intimo e quello di pensare, che però molte volte vtcne soffocato proprio dalla famiglia. Altri permessi impor:tami sono quelli di: essere se stessi e di essere considerati persone importanti. permesso d t appratenere, quello di riuscire e quello di dare fiducia offrono sicurezza e allontanano la diffidenza, comenrendo così di relazionare con gli altri. ln un successivo incontro il dottor Giano!i ha sottolin eato l'i mportanza delle carezze come urutà di riconoscimcnro. Ognuno di noi ha "fame" di carezze. Quelle positive ci aiutano ad es~ere fdici, a vivere, ad affrontare e superare le avversità della vita. Basta però una carezza negativa per stravolgere anche un'esistenza. Vamore di uno sguardo, di un'attenzione, di una parola ma anche un semplice silenzio possono essere delle carezze rilancianti e vitali per la persona e per l'altro. Visro l'interesse suscitato c U successo ottenuto, il Distretto scolastico e la Consulta di pastora le scolastica ravvisano la necessità di raffor1.are quesro· dtalogo costruttivo orga01zzando m futuro altri inconrn.

n

Yuoi diYentare un hraYo pizzaiolo: ecco i corsi

PALMANOVA

=-------

Si sono tenuti nella Pizzeria Butterfly di Codroipo gli esami pratici per diventare pizzaioli. Gli esaminandi dopo aver superato un esame teorico, sono stati avvian ad un periodo di formazione in aziende vicine alla loro residenza. Tutti i candidati hanno dimostrato di aver sviluppato un buon livello dJ capacità in pizzeria, farro che è stato motivo di soddisfazione per lo staff organizzacivo, gran parte del quale è di Codroipo.La pizza poi,ancbe se non ha soppiantato ancora i tipici piatti friulani come il fnco e la brovade, sta prelldendo sempre più piede. A Codroipo poi sorge lo stabilimento della lilly, la più gran-

de azienda di accessori per pizza ,nora a livello mondiale e sono residenri il promotore Renato Riga e il coordinatore dei corsi ermanno Furlants, istruttore inte.rnazionale e regionale per lo Jal. la fo rmula in fondo è semplice: esistono tante pizzerie che richiedono piz7:aioli, i l centro di formazione di Codroipo in tre mesi li addestra e li prepara e gli allievi trovano subiro lavoro,sopratrutto a "fare la stagione'' nelle vicine spiagge dell'Adriatico. Ora i corsi più vicini saranno orgaruzzati a Primavera. Gli interessati per avere ulteriori informazioni possono telefonare allo 0347-2609608.

PORDENONE

ANCHE SU MISURA CODROIPO VIa Ponte della delizia sulla Pontebbana Km 1 02.300

Tel 0 4 3 2-900691


DR O l PO

=================

Sulle orme degli antichi egizi

Un gnappo affiatato di codroipesi ritrano durante una delle tante escursaoni effettuate :tlle paraOlJdi d'Egitto organi:uata dalla Viaggi Deono. Cerro, l'Egitto è uno dca luoghi che ognuno di noi, prima o poi, avrebbe il piacere di visitare; ed è per quesro che... con un po' d'invidia pubblichiamo questa foto. E chissà, forse un giorno anche noi scopriremo le ''orme degli antichi egizi".

BREVI Artiglieri in festa ... Gli aruglieri della sezwne mandamtmrole di Codroipo hanno festeggiato la patrona Santa Barbara assh.tendo alla Messa nella chiesa di San Valeriano celebrata da don Luigi Del Giudice che nell'omelia ha ricordato rutti gli artiglieri caduti nell'ultimo confl.ino e scomparsi in Patria o all'estero.Durnnre il pranzo, a cuihanno preso parre anche molti fam.iliari,il preSidente della sezione cavalier Valeriano Sittaro,dupo aver espresso il compiacimento per una parrecapazione coslnumerosa da cui emergeva una l\Oiidarietà e un'amicizia cemenmra da ll'::appartenenza allo stesso corpo, ha consegnato agli arriglieri Antorùo Venuto e Achille Venutti la "Croce di combattente d'Europa" appunmta poi sul loro perto dalla madrina del la baro della sezione codroipese Gioiella Lorzini. E' intervenuto alla fesra anche il sindaco Giancarlo Ton urti che si è rallegr:uo con i premiati per il giusto riconoscimento cd ha sonolinearo che la solidarietà di gruppo merita un'estensio1 ne anche in campo sociale.

$~~

Sconti in crociera 10% CARAIBI (Viaggi Dea) Lui e Lei alle Seichelles ed altre destinazioni

Soggiorni mare Crociere Viaggi organizzati

VIAGGIA GRATTA •.• E VINCI in omaggio ai clienti, biglietti gratta

e vinci

VI,AGGI

Piazza della Legna, 1 CODROIPO Tel. 0432/904447 - 908689 r.a.

18

Agenzia Generale

8RJTISH AIRWAYS

7


DROIPO

Nelle facce dell'opera i Yalori della Yita

l Codroipesi possono ammirare in piaz1.a Garibaldi cuore del centro storico della città un altro pezzo di bravura dì due arti-

sti localì,G ìanna Dorigo e Ga ldi no Tom.in.i.La collaborazione rr:1 i due, in atto d:1 alcuni anni, è sfociata un'altra volta nella creazione di un 'opera fortemente ispiram alla narura m quamo nasce dall'impiego di elementi quali il legno e la pierra,proposri in un ineditO assemblaggio. Dopo la piramide, realìzuta in collaboraZione con altri artisti che avevano esposto le loro opere m una mosrra inrcrnazionale, renutasi nell'estate '95, Dori go e Tominì sono rornariin piazza con un grande CLJbo. E' forma[() da mosaici dì pietra frammenta m, da elaborazioni in legno che sj ripetono,in forme diverse, sulle sci facce, componendo munagini astratte ispirare ai valon della vita. Suggcsovo l'cfferro norrurno in quanto l'opera-che grazie a un congegno ruota su se sressa compiendo un giro nell'arco di un minurovtene illuminata dall"inrcrno ed è cosl visibi le anche da lonrano.La composizio-

----

ne anistica rimarrà esposta per un paio di mesi. Con questa nuova iniziativa è confermata la vo lontà delia Giunta Tonutti di trasformare l'ampia area che si trova davanti al muruciplO in uno spazio esposittvo a carattere permanente, fano che consente di rendere più atcoglieme e valorizzare il centro storico codroipesc. Jn precedenza, infarti, l'arrista Claudio Collaone nello stesso spjazzo aveva esposto le sue opere in ferro .

33033 Codroipo (Ud) via Monte Cani n, 9

tel. 0432/901104

celi. 0336/888446

Amministrazioni e consulenze condominiali

Sessantenni tra magid i richiami della Toscana

Elaborazione computerizzata tabelle millesimali Preventivazione e assistenza lavori Un gruppo di sessamenni codroìpesi, accompagnato da alcunicoruugi e famigliari, ha compiuto una gita ''cu lturalenogasrronornica ''i n Toscana. Vivo compiacimento ha suscitaro· l'arrivo dall'Australia del coetaneo Giorgio Sambucco, che si è unito alia comiriva. TI cour sapientemenre organizzato dall'Agenzia Viaggi Deorro ha consenriro ai partecipanti di visitare l'aurica Arezzo dal monumentale centro smrico etrusco; la cararrerisrica Siena posta su tre colli ~co­ scesi con al centro il magico richiamo del-

la Piazza del Campo, l'anistica Volterra, fondata qualche secolo a.C., cinra da mura em1sco-romane e ricca di palazzi, piazze, chiese e tOrri. eultima citradina ad essere visitata è stata S.Glmintano:già prima di giungerci ~; ha uno suggestiva visione delle sue torri superstiti che le conferiscono il fascino wùco ed irrtpetibilè della cirrà medioevale. Al rirorno a Codroipo, i partecipanti molto enrusia..~ri per i giorni trascorsi in serena e sincera allegria, si sono ripromessi di effettuare prossLmamenre altre simili escursioni.

Amministrazioni condominiali

Socio ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari


~ r,~Jl .0OD [9)@wu~ ------...~~· ~ DROIPO - - - - - - -

Pista ciclabile: un fatto di cultura Capita talvolta che l'introduzione di nuovi elemend urbanistici in un assetto ormai consolidato generi attese, congetture, valumzioni, giudizi. Così è accaduto mi pare -anche per la nuova pisra ciclabile Cò~roipo - Vì lla Manin. Allo scopo di favorire remergere di vaJmazioni sui dati di fatto credo utile offrire alcuni elementi dj certezza che riguardano l'opera in fase di u lti 1~1azione. 11 trarro di pista ciclabile çompreso tra il torrente Como e la confluen:~ tra le vie 24 Maggio e Ostennann rappresenta la continuazione ed Hcompimento della tratTa che dal Como va a Passariano. èon ciò si renderà possibile l'intero percorso rra l'abitato di Codroipo e la ViiJa Manin con l'uso della bicicletta. Mentre per il collegamento Corn!)Passariano si è potuto procedere ad acquisizione di aree agricole per dotare la nuova pista di sede propria, altrerranro non si e potuto rea lizzare per il lotro di completamento dal ponte sul rorrenre verso il centro di Codroipo, perché oramai in presenza di una edificazione urbana consolidata. Sfruttando però la notevole dimensione de lla carreggiata veicolare ed anche il surdimensionamenr0 del marciapiede, riinodulando le dimensioni di entrambi, si è rrovaro modo di ricavare anche la sede per la pista, che dovendo servire due sensi.di marcia, abbisogna di una larghezza di almeno ml. 2,50. sostanza si sono dovuti reperire due metri e mezzo di spazio trasversale restringendo strada e marciapiede esistenti. Ma ciò senza contravvenire aiJe norme vigenti in quanto sia il marciapiede che la carreggiata residua si mamengoi-10 ancora em:ro i lin:titi pre- scritti per la categoria di opere viabili cui appartengo'no. Certamente tutti gli arrraversa;nenti provenienti da passaggi carrai esistenti (in numero di 7) e i vari

ln

incroci (n.6) rendono abbastanza tormentato il percorso della pista ma guesto e un daro di fatto costante in siruazionl urbane a cui si porrà rimedio, almeno parziale, con la segnaletica e con l'im pianto semaforko in corrispondenza della circonvaiJazione. Circa la separazione tra percorso autoveicolare e ciclabile, il progetto odginario preyedeva ll na delimitazione semplicemence simbolica, costituita da una striscia di vern ice scesa s u l manto bituminoso. li ComLme di Codroipo in sede di esame del progetto ha éhiesro di rea:lizzare una divisione anche fisica in modo da impedire materialmente l'invasione dello sp;zio ciclabile da parte di autoveicoli. Questo ha c0mpon aro una modìfica al progetto e l'opera a lavori tùtimati sarà senz'alrro più completa e· funzionale. V'e però il rovescio della medaglia su questo particolare: la variazione, anche modesta del progerro. ha recaro con sè Ja necessita di ulteriori procedure burocratico-amministrative, con conseguenti ritardi nell ' esecuzione delle opere. ~attraversamento del torrente avviene ·a mezzo di uua passerella con srrmrura metallica di luce pad a que'lla dell'arriguo ponte stradale preesisrente. La larghezza di detra passerella e di mt.4,00 complessivi perché deve consentire sia il percorso ciclabile che quello pedonale, pur restando ai minimi regola111enrari (mi. l ,50 + 2,50). 11 vecchio ponte .r:appresent<t una strozzatura nell'assetTo viabile in quanto la sua larghezza e mediamente inferiore alla carreggiata a monte ed a valle, quindi porenziahneme e un luogo pericoloso per il traffico. Ora con la pisra ed il marciapiede rr~feriti suiJa passerell~ il transito sul ponte dovrebbe .risultare notevolmente plù sicuro. Carea del ponte e oggi scarsamente illuminata, si è inteso perciò do-

rare la passerella di una illuminazione molto efficace che, .oltre a .tendere ben visibile il n uovo .(llanufatto illumini 'anche l'intorno con ciò richiamando l'attenzione di chi transita. l.a forma delle sn:urture che sorreggono i punti luce, pur neLla loro semplicità, hanno anche una pretesa di decoro e richiamano ancora l'attenzione sul manufarro quale monumento singolare di tutto il percorso ciclabile. Resta da fare nn cenn0 alla situazione dei parcheggi lungo il 1:ratro viabile che, pen~'lln do alle sole autovetture, deve considerarsi penalizzato (cioè con carreggiata diminuita). V'è l'intesa con li Comune di Codroipo per la realizzazione di piazzole di sosta sul lato opposto a quello della pista, si ritiene con ciò di evirare siala sosta in corsia, sia quc!lla sul marciapiede. La cordonata che delimita un lato della piSta è collocata ove ba un a vera funzione protettiva (verso il traffico auromobilisrico) mentre è stata evitata verso l' interno in quanto gli eventuali urti delle ruore porrebbero invece costituU:e essi stessi un pericolo. Sarà la siepe che fungerà da diaframma di sicurezza per le biciclette. l vecchi alberi sul marciapiede verranno tolti e sostituiti da alberelli collocati aiJ'intemo della siepe. Questa bordura verde rimarrà tale in ogni stagione perché verrà realizzata .in ligustto a cura e spese deJ Comune di Codroipo. Quest'ultima operazione verrà compiuta emrol'aurunno, stagione propizia .ai trapianti vegetali. Mi auguro che queste informazioni si<mo d'aiuto a c0mprendereciò che la Provincia di Udine sta realizzando come primo imporrante passo per la costruzione di una rere ciclabile in grado di valorizzare la cinadina ed Il suo straordinario inromo architettonico - naturalistico.

Mario Banelli


DROIPO - - - - -- - - - -

Situazione dei trapianti di reni in Italia ~------

Con il parrocwto dd Comune di Codroipo, iJ Lions Club "Medio Tagliamento" .ha organizzato una conferenza-dibattito sul rema: "Stato deì trapianti di reni in Italia". L:Associazione lnrernaz10nale dei Lious ba indicatO quale tema nazìonale la "Donazione organi - Trapianto di midollo spmale'' e, pertanto, il locale Club ha voluto fornire il proprio contributo in favore della diffusione di detta tematica. Un pubblico particolarmente numeroso ed attento ha affollato la sala consigliare ed asco4"aro la relazione del Prof Dott. Giusto Ancona -dtrenore della 2• Chirurgta clinicizzata c del centro trapianti renali di Verona - il quale, con l'ausilio di numerose diaposittve, isrogrammi c lucidì, ha fatto il punto della situazione a largo raggio per quantO concerne la

problematica de1 traptanti di reru. con riferimenti, anche, al napiamo di altri organi. Egli ba toccato rutti gli aspetti relativi alla temarica: da quelli statistici (il nostro Paese, purtroppo, occupa gli ultimi posti Ùl Europa come numero di napianri in rapporto agli abitanti, il solo nord d'Italia effettua molti più trapianti dell'incero centro-sud) a quelli medicoscientifici con le varie terapie: anti-rigetro che consentono ormai una vita del tutto normale per le persone trapiantate, da quelli legati alla legislazione in materia (ancora eccessivamente farraginosa e scarsamente incentivante) a quelli della diffuSione di una corretta informazione ai vart livelli (mass-medta, scuole, medici di base, associazioni di volontariato, ecc.). Numerosisono stati gli interventi da parte del pubblico per ricniesre di approfon-

climento e per aspettt specifici, ai quali il relatore ha fornito risposte con competenza, disponibilità e chiarezza estreme. Jn apertura della serata il presidente del Lions Club "Medio Tagliamento" Mario Cengarle, dopo aver ringraziato il sindaco di Codrmpo don. Tonurti ed il presidente della sezione locale dell'A.D.O. Stg. Piva che con la loro collaborazione hanno contribuito fattivamente all'organizzazione della conferenza, ha. ricordato il costante impegno dei Lions nei confronti della popolazione. Infarti, attraverso iniziative come quella promossa viene confermata la naturale vocazione dei Lions al "Servizio" e viene rinnovato l'impegno per l'attuazione di uno degli scopi dcii'Associazìone: ''Prendere attivo interesse al bene civico, cuirurale, sociale e morale della comunid".

€mporlo Codrolpese Pioua Ganbold l, 15 CODROIPO Tel 01!32 90633 7

~utJol ai'J'lol })J'lmaotl'a '97 SIEINBOK TYROL PIERRE CARDIN PAULSliARK BALESTRA LAURA BIAGIOTII REPORTER


.oo ~ ~==========:ji!

ORT

Talmassons: vol/ey tra agonismo e socialità Sicuramente, non è cosa d i tutti i giorni assiste re a 11 'iJ1concro tra due società sportive, che nel hreve volgere di h1marc una sigarena e sorseggiare un caffè, trovano doveroso colfaborarc per fornire ai giovam magg10o opportunità di confromo. Due società sportive dunque, che hanno saputo superare quegli interessi di campanile. per privilegiare il conceno che lo ~pon non è solo agonismo ma è anche c soprartuno socialità, menendo al bando quel tipo di sport che ~ solamente diretto alla sfrenata ricerca del campionicino, dell'adera perfetto. E' per questi motivi e basando!>i su questi concetti che la giovane società del Volley Talmassons, che opera nel senore fcmmmilc e I'A.P. Monegliano,vecchu1 conoscenza del vollcy provinciale che opera nel settore maschile, hanno deciso di intraprendere strade parallele. Per prima cosa, non potevano che aprire, nei ri!>'Pettivi comuni, un settore promozionale che venisse incontro a lle esigenze dei giovanissimi senza distinzioni fra maschi e femmine." Un compito non facile-affermano i due ideatori Simone Sgrazzurri (Volley Talmassons) ed Edi Turel (A.P. Mortegliano), anche se l'idea -proseguono- è di quelle che non può fallire". E i primi risultati sono subiro a dare ragione ai dirigenri di quesre società. Infatti, a

Talmassons, ben una quarantina di giovani d'ambo i St:l>!>Ì, hanno aderito al richiamo del volley, provementi oltre che da Talmassons, da Flambro, da Flurnignano, da Torsa e Bertiolo. Questi sono seguiti in palestra da Nadia Degano e ilaria Malisan. A Mortegliano olrre una ventina gli iscrini guidati dal tecnico Anna Cori. Ragaz~ini c ragazzine che varmo da un'età dat sette agli undici anni e che si vedono cowvoln JO amvità ludko-motorie nei giorni di lunedì, mcr-

coledì, venerdì e sabato a Talmassons; menrre a Mom:gliano il lunedì c il giovedì. Comunque la collaborazione non si conclude st'llo ed csclusivameme con questo impegno, 111 cantiere ci sono altre iniziative, fra le quali quella di nLanciare e divulgare maggiurmeme il volley in queste zone. Senza dubbio un ambizio:.o "J)rogetto che ~teuramenre rrovcrà concrere7.7.a visto l'impegno profuso dalle due società. Lucio Perissutti

Ciclismo: Chiarotto presidente proYinciale Renato Chiarono, codroipese, assicuratore, dirigenre della Liberras Gradisca è il nuovo presidente del com.iraro provinciale di Udine delb Federazione ciclistica italiana. E' con vero piacere che salutiamo questa nomina perchè conosciamo la

sua passione, il suo impegno ,la sua competenza nel mondo deLle due ruore.Con Cbiarorco al vertice l'arrività ciclìsnca in Provincia senz'alrro troverà nuovo impulso.Egli subentra a Celestino Coruholo tli Buttrio che ha lasciaro la

FLUMIGNANO- UD TEL. 766013 l 765254 FAX 765249

canea per impegni di caranere professionale. Con Chiarono compongono il diretnvo federale ,che resterà m carica fino al 2000: Cherubino Loiudice.Fabio Benedetti, Alfonso Faozutci, Marcello Berrolini e Gutclo Gallo.

Loculi cimiteriali -Arredo urbano '*ììi1iillii""""''""""-;


Zona lnd Pannellla, 21 S.Sfma e che porjo o RiV!S Sedegliano- Ud Telefono e Fax 0432/91!3179


Zona lnd Ponnellla 2.1 S.Sta!ale che ;rx)rta o P.lv1sSedegliano ~ Ud Telefono e Fc:rx. O.d32/9le179

SVITO


O RT

=::::=:==============

Si aprono i nuoYi corsi di difesa personaie In tm'epoca in cui e facile bubire aggresSioni, la Nuova Polbporriva -sezione arri marziali. mdice il corso di difesa personale -per nspondere in maniera efficace al dilagare della vwlenza e come contributo per la difesa da parte de ll' individuo della propria !ncnlumità. Autodifesa significa l'esecu1ione concatenata di movimenti dJ difesa, conrranacco e neurrahzzazione contro un pencolo esternu rrovando la propria forza c superiorità soprattutto dal pieno controllo di farcori imeml psichici c fisici quali la fiduCia m se ~•esso, la determinazione, la percezione del pericolo, il coo rdinamento motorio, il senso dell'cquilibno, il dominio del sisrernr~ nervoso ecc. Le realiche esposte sono le piì:1 pratiche ed mili tendenti alla realizzazione pronta c senr.a indugt della difesa più semplice ed efficace. l.uogo d t>ll'allenamenro la pale-

stra "Sala Moro" in vta Tlmavo a Codroipo. La ciurma sarà di dieci lezioni, una per sertimana, ogni venerdì a partire dal 7 marzo dalle ore l 8.30 alle 20.00, anche per agevolare studenti e lavoratori che dopo cena per vari motivi preferiscono rimanere a casa. I corsi saranno seguiri personalmcnre dal maesrro Vincenzo A1berini (4• Danìbseikan Budo, 4° Dan Kick Boxing, 3° Dan Karate, 2• Dan Kobudo). Per ulrenori informazioni ed iscrizioni telefonare al 9061 l 3 (ore pasri) o rivolgersi in palesua il marredl e giovcdl dalle 19.30 in poi. E.' richiesto il cerrificato medico per l'arrivirà sportiva non agonistica. Gli allievi sono coperti da assicuranone contro gli mfortuni. Si f::l presenre che il Maestro Vincenzo Alberini, è sraro premiato per l'anno sporrivo l 996 per le s ue qualità tecniche, sportive e organizzarive in qualità

di insegnante tecnico di arti marziali del Centro Provinciale Liberras in una riunione svoltasi recentemente a Maiano.

scontatisstml ..... tutto ranno

vasto assortimento di profumi e articoli per l'igiene p ersonale 1

Codroipo Centro Commerciale Via Candotti Tel. 0432/905807 San Datziele Via Trento Trieste, 48 Te/. 0432/940929


Vn presepe di solidarietà per la via di Natale Anc he queH' an no un presepe ddln !.olidarieta <1 Bertiolo. E' stato cosrruiro da Guido Vuaran in uno ~'Pa:tio aru:i!.'tanrc ragrim rismo "Al Ranch'", nel bel me7zo delle campagne berniolesi, nelle cosidcrrc '·Vilottis". D inan7.i alla stnmura che tra l'alt'rt) che quesr· anno e srara "batre:r.zata" dalla copiosa nevicata di S.Silvesrro, e stara posta una e<lsserra nella qunlc cht vuole puu !are una libera afferra. l proventi sono srari conset,'llart ad alcnni cappreseot:mti dell'associazione Via di Natale d i Aviano, alla presenza della Polizia municipale, sorlliJla che vcrrii u.tiliu.ata pet l'pcquisto di suunure ed Ìll parre impegnata par l'ait1ro delle persnnt' piu hi:.t>gn()Sc.

Daniele Pm·oui

La risposta def sindaco Lant al gruppo di musica Signo ri na Morel li, scrivo a Lei in qualidi di p.rima Jimtarru·ia della lcrrcra pubblicata sul periodico n Ponte, con pregh1era P.t inlo rmare i suoi amici musicisti. Nella stessa, lamem a re una supposta trascura tezza nei confr onti del Vostro gruppo di .musica da camera da parre delle persone adcktte all" tlrganiz.zazione cul turale. Al riguardo , I'Ammirtisrrazione comunale di Bertio lo ri ri ene di svolgere le seguenri considerazioni: l ) ln data 20 febbra io '96 la signorina More lli veni va informata relefonicamenre, dalJ'a:ssessore alla cultura dotror Mano Batristura

Jclla possibili tà conct:SS<L a "gruppi di musica da camera", tra mite ill>regetto Imegraro Cultura, di svo lgere concer.n e a tale scopo richiedeva l nomina rivi del gruppo d a rrasmertere al Comune capofila di Codroipo( cosa pu nrua lmenre al'venuta u:amire fax) . N ell a sressa relefo na ta si info rmava che, p er l'anno 1996,. ment re i. "gruppi da camera esterni" si sarebbero esibiti in loco ( Santuario di Screncis 15 aprile 1996) iJ "gruppG da camera" di Bertiolo si sarebbe esibito fu Cll'i Comune( Lestizza, S luglio 1996) ; ciò si è puntua lmente verifi cato .

Sign"l'i i Sign".-i~

a "Bi.-~iclc c.-a e i •. • l'

MAEE:L&ERIA PO LLI ALLO SPIEDO- ARROSTI COTTI- PRONTO CUOCI

in Via Roma, 15

2)Visto che dal Comune dl Codroipo si segnalàva clJe iJ gruppo da camera eU Berti o lo n o n era facilmente rinrracciablle e rischiava di " saltare" la serata di Lestizza, l'Assessore alla Cultura i n data 19 aprile 1996,relefonicamen.te, sollecitava la signorina Marina M oreiU a prendere immediarrunente t ontatt1. con l'Assessorato alla C ultura del Comune di Codroipo. 3)~assessore alla Culmra di Bertiolo d0po aver svolto tali adempimenti, che peraltro rientrano n ei suoi doveri, no.n si meraviglia di n on essere stato ringraziato perchè, purtroppo, sono. una mmoranza le persone che hanno la fortuna di essere ancora riconoscenti; si sorpl'ende, però, deiJ'arrivo e del contenuto della lettera alla luce del colloqllio avvenuto nella suddetta telefonara del20 febbraio 1996. ln merito alla mancata esibizione del gruppo da carnera di Bertiolo neU'ambiro della Stagione culturale berriolese l996 l'Amminisrrazione svolge le seguenti considerazioni: -Pr emesso che rra le Amministrazioni del Progeno fntegrato Cnlmra sussi-


sreva un "patto non scritto" di cui al pumo 1 ;-éhe gli adderri alla programmazione culturale (Pro loco Risorgive, Assessmaw alla Cultura e Filarmonica "La prime lùs") va concessa, un ·'minimo" di discre~ionali tà nelle scelte (nonosrame " non abbiano avuro l'intelligenza di sfruttare le nostre presenze per dare un cocco di varierà alla stagione e di mostrare una cerca larghezza di vedute". Lettera del10.12. 1996). $canee il farro, a parte la Filarmonica che svolge il cradizienale e valido concerco dell'Epifania, nessun altro gruppo può vantare un "abbonamento " alla S tagione Culcurale, si chiede: quando il gruppo d i musica da camera

di Bertiolo ha fatto richiesta di partecipare alla Stagione Culturale ? , on esiste alcun atto protocollato, nè vi sono state richieste verbali rivolte al Sindaco, all'Assessore, alla Prehidcnte della Pro-Loco. Neppure il Presidente delia Filarmonica, di cui pure fate parre, ha, in sede dì redazione del programma, fatto sapere che il gruppo aveva intenzione c.li partccipa.re ; se ne avesse avuto conoscenza penso che lo avrebbe fatto sicuramente. Quanto al pumo della lettera in cui si invita I'AmministtazJOne ad " informarsi sulle reali potenzialità del proprio Comune" si rende noto c he io questi ultimi mesi I'AmminiStrazto-

ne l'ha gtii. fatto amaverso il Pmgetto Walking che troverà attuazione nel corso del 1997. Se Le1 e i suoi amici scriventi nrenete opportuno farvi parte pc::r Jore anche Il vostro contrib uto si informa che la prossima ritrnione è prevtsta per il 15 gennaio alle 20.30 presso la Sala Giunca. Se, mfine, qualcuno d1 Voi, desideral>se affiancare l'Assessore alla' Culrura nelle riunioni (l o 2. volte il i mese) dd Progetto Integrato Cultura al fine di sgravarlo di uno mmade dJ p1ccole incombenze,Ve ne sare1 veramente grato. Colgo l'occasione per pogere i più dimori sal~uri.

Il Si11daco Luigi Lati t

aradettole serata con filarmonica e Sisilutis Grande successo ha registrato a Bertiolo, nell'auditorium comunale, il concer to deiJ'Epifaçia tenuto dalla ri larmonica. "la prime lùs" e da l coro Sisiluris. Nella circostanza la sala è stata occupata in ogru ordine di posti; molte persone hanno seguito l'esibizione in piedi. D'altra pane lo spettacolo lo meritava, perchè è stato molto gradevole. I componenti del gruppo locale, in prevalenza giovam, si sono preparati con impegno a que-

sto concerto fin dallo scorso settembre, impiegando una buona parte delle ore libere. Ne è vlasa 1:! pena perchè la prova ha riscoss9 lunghi e convinti applnusi e tante richieste di hit>. Per l'occasione sono stati anche assegnati alcuni riconoscimenri:sono andati a .'v!anuela Vignando, direttrice del gruppo e a Silvio Zancherr~, presidente. Anestazwni sono giunte anche daU'Anbima (Associazione nazionale bande italiane musi-

cali autonome), un cui esponente ha approfittato per sottolineare i grandi passi avanti comptuti dalla Filarmonica, arrivata a1due secoli dt vira. Frattanto l'Associazione Sportiva d 1 Bertiolo ha reso noro i numeri vincenti della lotteria dell'Epifania: premio u 0 l al 58; n° 2 al

516; n 3 al 3243; 0 ° 4 al 254; n• 5 al 599; 11° 6 a l 1702; n° 7 al 1853; n• 8 al 1776; n° 9 n11611; 11° [0 al2793; 11° Il al111l;n" l1al310.

.E'idea giusta , , per ogni ricorrenza vendita casalinghi e articoli regalo

idea casa

Ot!imi prezzi su J]isftl %zze

Piovesan

Bertiolo via Viliaccia, l OTel. 0432/91 7014


l NO AL T AGLIAME NTO ===========

Salute e benessere al centro di un dibattito Che responsabili[à ha una comunità nei Peressoni, esperto in problemariche gioconfronri del suo benessere? Come fare vanili. Ecco la sua "ricetta":Una comuper star bene? Come sottrarsi ai pericoli nità se vuole garantire a se stessa uua di alcool, droga, solimdine? Quesri in- condìzione di salute, di benessere, di piarerrogativi sono emersi nell'affollato-in- cere nel vivere in periferia deve comucontro dibattito a Canùno. Sono accorsi nicare. Le persone devono stare insieme, molti giovani, donne, inrere famiglie. aiutare chi ha bisogno, svicolare dalla lndubbiamenre c·è interesse per queste solitudine, dal chiudersi nella propria temariche e, consapevoli di quesw, il - casa dove è più facile cadere nella rete Comtme e le associazioni caminesi han- d.ell'alcòlismo solitario. Chi beve, chi è no voluto uscire allo ~copecro e provo- tossicomane è debole, non ha valori, non care un dialogo, un'occasione aperta a ha niente da dare". Ospite d'eccezione è mrti per parlarne. Relatore dalla spicca- sta to Gigi De Agostini, ex-cakiatore ta empatia è stato il dorror Renzo della Nazionale e dell'Udinese che ha

puntato sulla voglia di fare, su:lla passio" ne cQOle componenti importanti di una buona qualità della vi-ra. "Il furlan a l'è cidln e bessGJ par no disrurbà'' ha commentato il coord ina-r-ore Luciano Commisso," ma è ora di cominciare ad aprirsi". ·'Incontri di questo Tipo sono un segnale positivo .di una comunità arriv.a che vuole trovare dei punti di forza nell'unione" ha confermato il sindaco Gregoris. La serata ha fatto-parre del programma promosso dall'As Cami no pe-r i festeggiamenti di Sartt'Andtèe . EG.

Il dono alla Comunità di n onsignor Narduzzi "Benvenuto r:ra la ma genrc,ncl tuo paese", cosl Don Saverio Mauro, con l' in.tensiTà dei giorni più solenni ha salmaw monsignor Renzo Narduzzi, nativo di Camino ma arciprete al l'Aquila. E l'occasione è stata davvero speciale. Mohs. Narduzzi , infatti, nel 25° di sacerdozio aveva voluto lasciare un segno tangibile del suo affetto a Cantino, decidendo di far restaurare un'amica ancona raffigurante l'effige della Madonna di Rosa, ormai in stato di totale degrado e simata in via Tagliamento . .Copera era stata affidata allo srudio Rea di Reana del Roiale che l'ha restituita al la comunità nelle m igliori condizioni, dopo il resmaro conservativo. O l rr~mtto ,neU'affresco sacro monsignor Narduzzi cipone tanti cari ricordi legati all'infanzia e, in part icolare,alla madre M.aria che, fermandosi davanti, gli faceva fare il segno di croce. Ogni momemo sia della Messa

solenne, cantata dalla Corale Caminese, che de lla ben edizio ne dell'ancona è stato carico di significato, dal dono del quadro raffigurante l'efiige a mons. Narduzzi al suo pensiero tratto dal romanzo "La strada della lìbertà", in cui al.cuni depoqari nei campi di concentramento, picchiati e terrorizzati deUa morte, ·recitavano poesie e preghiere. Tra i()ro un ebreo ateo disse "Madre di Gesù Cristo, non vengo a pregarti, non ho nulla da offrire e nulla da chiedere, vengo per guardarti e piangere di gioia sapendo che sono ruo figlio e ru sei qui".l.a mattina seguente il giovane ebreo morl.

Ai valori umani di chi ci ha preceduto hanno fatto riferimento il vicesindaco Peresan e il presidente del Giunta regionale Cruder, sottolineando come i grandi significati siano insiti nelle piccole cose. P. G.

Iniziative per la festa della donna Sabato 22 febbraio, alle 20.30, nella sala · del reatro di Camino la compagnie ''Clar di lune" di Bertiolo presenterà la conmledia "Sbisighès", un atto unico molto brillante, rielaborato e diretto da Loredana F'abbro. Ambientato nell'anno 1902 in un paese di montagna, la commedia propo~e le barmre- edjllavoro di gruppo tipico del

teatro tradizionale. Come sempre è stato negli scorsi anni, anche questo nuovo lavoro della compagnia teatrale berriolese avrà H successo che si merita. Nella stessa serata si esibirà lo straordinario gruppo coraleSpirituals ensamble di "Pozzuolo del Friuli, molto apprezzato anche a livello nazionale, con un ricco repertorio di canri spirituals. l

Cingresso è libero. "Per sabato, 9 marzo, la Consulta femminile ba organizzato la gira in corriera a Padova e Chioggia. Partenza da Camino alle 9 e rientro per le 24.Rivolgersi per ìnformazioni a:LLtcia Frappa V.u:ili, Camino (Iel919492), luisa liani Gasparinì, San Vtdorro (Te!. 919303~, Annamaria Spagnol Liani, Glaunlcco (rei. 919539)


MINO AL TAGLIAM~NTO - - - - - -

Diciottenni in !Yiunicipio -----------------------------------------------E' una consuetudine ormai

far accomodare i coscritti al ravo lo pitl imporrante del Comune, quello del Consiglio Comunale. Anche quest'anno, il giorno della festa della classe, Si ndaco e vice hanno invitato i coscrirri ad un piacevole inconrro in municipio. E sono stati 18 i giovani della classe 1978 che, forse per la prima vo lta e con una punta inesprcssa d'emozione, vi sono enrrati. Un modo per sorrolineare l 'importanza della maggiore età, carica di diritti ma anche di dovcn." Oggi c'è il vizio di lamenrarsi, di criticare con arreggiamento negativo ogni cosa, in particolare quella pubblica. Voi giovani dovere

cambiare questo stato di cose. non aspettare sempre dagli altri. Bisogna voler bene alle IStituzioni, conoscere la propria storia, amare la propria nazione. Bisogna esse re protagonisti dj

un popolo che ha dignità e fierezza. Non è giusto delega re ad altri, ad esempio al Sindaco e agli assessori, la responsabilità. Ed è invece ciò che accade! lo quesra sala , ad esempio, si decidono i farri più imporranti della comunità eppure è sempre deserta" ha asserito il sindaco Gregoris, orrenendo la totale attenzione dei coscritti. "Avete in mano un assegno 1n bianco. Spc:nderelo bene perchè potrebbe valere cifre con tanti zeri..." ba affettuosamente raccomandato il primo cittadino. augurando ai giovani camines1 un sereno ingresso nella società.

P. G.

SPACCIO CARNE

Punti vendita:

CODROIPO Salumificio

UQft8tto

CASTIONS DI STRADA Tel. Ò432/768396

MORTEGUANO FELETTO UMBERTO VILLANOVA D. JUDRIO S.MICHELE AL TAGL.

Te!. 0432/900211 Te!. 0432/760312 Te!. 0432/570264 Te!. 0432/758377 Tel. 0431/521257


UnO ROSSO

NOVITA'

MODA PRIMAVERA '97

in ViH Candotl.i nd Centro Conlnlen路ial<' u Codroipo Td .

04~~2

- 904262


StiZZA

Cultura: appuntamenti di rilievo E' iruziato un nuovo anno.Tempo di bilanci, di programmaziOne e di progetti. Anche per il '97 il comune di Lestizza nel settore della cultura si accmge ad organizzare diverse e numero~e attività, in primo luogo grazie alla fartiva ed arren~a collaborazione della Commissione Cultura e della Biblioteca. Sulla linea delle realizzazioni del 1996 riguardanti sia manifestazioni ormai pienemanre arrestate nel Comune, che i11iziarive mai portare prima sul territorio, ci si è indirizzati verso un'analoga programmaz10ne anche per quest'anno: sono infatti previsti il concerto del Coro Kadmos Ensamble del Teatro Verdi di Tr1este il 13 marzo a Lestizza in collaboraziOne con LI Progetto lntegraro Cultu-

ra del Medio-Friuli, la rassegna tearrale del Comune con la partecipazione delle Filodrammatiche locali e della presenza di una Compagnia esterna durante il mese di aprile, la Biennale di Arti Figurative a giugno, che quest'anno avrà una nuova sezione dedicata alla fotografia e l'appuntamento fisso del Vivavacanze,domenica di settembre in bicicletta con l'occhio rivolto alle bellezze naturali della nostra terra. Nel corso dell'anno verranno distribuire varie altre marufestazioni ancora in via di definizione. che rientrano nel circuito del Progetto fntegraro Cultura al quale aderisce anche H nostro Comune: un modo, questo, di accrescere ulteriormente le occasioru d1 arriccb1re il pam>rama culn1r:tle e di srabùtre uno scam-

bio proficuo di proposte ed incontri. Va infine sottolineato un progetto decisamente interessante, che nasce dall'incontro di un gmppo di appassionati alle tradizioni storiche ed alle ricerche archeologiche ed artistiche di Lestizza e che prevede la realizzazione di una pubblicaziOne indicativamente per il prossimo inverno, che si rivolge al recupero,aUo studio e all'analisi di vari aspetti, forse dimenticati, di personaggi, cultura e folc lore di un passato nemmeno tanto lontano dai nosrri giorn1. Una strada anche questa , Cl SI augura, per riaccendere e rilanciare la nosrra storia e rinnovare la considerazione per la saggezza di ieri.

EmtneDi

Nespoledo: la cinese Hali Wan diYenta cattolica li '96 sarà ricordato a Nespoledo per la toccante cerimonia con cui Mali Wan, la "cinese" ha ricevuto i sacramenti, tutti in una volta e amministrati dal vescovo Battisti. E' stata festa grande m paese, i cresimandi del l'annata non dimenticheranno di aver avuto una così singolare compagna. Mali, sposata civi lmen te a Giovanni Ponre, 51 anni, agricoltore, dopo una lunga corrspondenza epistolare, ba deciso dL abbracciare la religion e dello sposo. Ma com'è stata questa conversione ? Turro è cominciato quando la giovane, ormai inserita nella comunità di Ncspoledo, in chiesa una domenica si mise in fi la per la Comunione."Non è possibile, non sei barrezzata",le disse dolcemente don Ugo. Tornò al suo posto rutta rossa in viso. "Voglio diventare cristiana cattolica"! E' andata dal la catechista Ginure, che le ha farro dorrrina per oltre due anni."Anchc un salesiano di Codroipo, don Carlo Socol, mi ba sped ito dei resti in cinese da Hong-Kong", racconta . Mali non aveva alcun credo rcl1gioso:"Sotto Mao era politicamente pericoloso per le famiglie ave-

re una fede-dice-; ma mio nonno era cattolico. Ora in Cina c'è libertà di scelt:t religiOsa e c'è grande entu~ìa­ smo, molti diventano cristiani". Anche nella sua casa d1 Ansban quel giorno c'è stata gr:tn festa per questa sua scelta. Mali,rrentatreenne, da quando è venuta Ln ltal1a, affascinata dal sogno romantico di un paese ricco d'arte e di cultura, non ha cessato dì interessarsi al nuovo ambienrc; ha srudiaw la nosrra lingua, che sa anche scrivere ( il fnulano? mmh,un po' troppo difficili alcuni suon1. ..), si è creata una professione, quella di inferm iera per l1 1oervizio domicliìare, si è fana benvolere da tutto il paese. E' uno dei felici casi in cui Lestizza dimostra la SLUI apermra c disponibilità verso chi non è dt qui; un comune! di cm1granu non può dirn.enucarc che chi mostr:t buona volontà d'1n!>erirsi non deve essere in alcun m od o e margina t o. Orma i siamo multietnici, diverse sono le ·persone di colore che fanno parre a rurti gli effetti della comunità; alcum bambini indiani, adottati (ce n'è tre in una sola famiglia!), frequentano la

scuola marerna di Galleriano e le elementari dt Lestizza. Ulcimamanete si è aggi un to un gruppo proveninete dal la Russi:.; una famigliola di albanesi frequenta la dottrina a Lestizza e presto ci sarà una cerimorua 5imile a quella dt cui è stata protagonista la bella Mali Wan.


DO

~ -=:=jji~RETO

DI TOMBA -============

L'impegno del C.4T

----------------------------------------------------

La sala consiliare del Comune di Mereto di Tomba ha ospitato l'interclub distrettuale, organizzato dal gruppo degli alcoliSti in trattamento in collaborazione con l'amministrazione comunale. Ha aperto la serata portando il saluto l'assessore ai servizi sociali dottor Bmno Dttrani. Ben 150 petsone proveninenti dai diversi Comuni del distretto, oltre ai vari operatori della zona, hanno affollato la sala. 11 tema ·'Tmpegno e solidarie-

tà" presenraro dal gruppo ha me~so in evidenza alcune difficoltà nell'operare quotidiano sul tema dell'alcolismo, ma ha fatto emergere pure testimonianze vtve di collaborazione e di aiuro tra le persone. All'incontro erano presenti i vari operatori che nel corso del tempo, ben 9 anni, hanno accompagnato il club nel suo percorso di crescita: Cristina GaUuzzo, Carlo Lo Mauro, Lorenzo Zanon, Longino Panzo!-U e l'attuale ope-

eco

PAN IF ICI PASTICCERIE tar t ine - salatini - rinfresch i Codroipo Via 29 Ottobre, 16 tel. 907029 Via Candotri, 45 tel. 901257

Pozzo di Codroipo Via San Daniele tel. 907015 Casarsa - Pn Viale Venezia, 54 tel.0434/86l49

ratore Giorgio Pala. 11 Club Alcolisti in 1i:atramento era rappresentato dal presidente uscente Giancarlo Lezzi che nel suo commemo finale ha rimarcaro il ruolo dei familiari nell'approccio all'alcolismo rivedendo nei preseori il frnrto di 17 armi di personale lavoro ed impegno con le più svarime situazioni ed ha sottolineato come, a volte, dai più umili si possono ricavare e rrarre i migliori insegnamenti per una vira pitl semplice e serena.

Ampliato il parco automezzi A Mereto di Tomba il piazzale del municipio ha ospitato la cerimonia di consegna da parte dell'amministrazione comunale delle nuove au_tovetrure in dotazione all'ufficio tecnico e di vigilanza.La dotazione si è resa necessaria per rimpiazzare veicoli ormai fuo ri norma, come la vettura dei vigili. Il Comune ba ritenuto opportuno anche di mettere a disposizione dell'ufficio tecnico un proprio mezzo che potrà essere adoperato anche per le operazioni svolte dalla squadra di ProteziOne civile. Da sottolineare che i mezzi sono stati acquistati con il risparmio ottenuto sul mutuo per l'acquisizione del nuovo scuo labus, ormai di prossima consegna, per cu i l'oper azione non ha comportato ulteriori aggravi di spesa. La vettura sostituita sarà utilizzata ora dagli obie ttori di coscienza in servizio nel Comune, per il trasporto di anziani e per le amvità socio-assistenziali, completando in tal modo i veicoli in dotazione all'ufficio assistenza.


Ricordata Santa Cecilia dalla banda dello Stella Liberi da impegni bandistici l componenti la "Banda musicale dello Stella" si sono ritrovati, per la festa di Santa Cecilia, con i loro familiari, nel cistorame Ai Gelsi di Codroipo. All'annuale pranzo sociale erano presenti il sindaco di Rivignano Berrolissi e l'assessore alla cultu-ra Giau. il sindaco ,rivolgendosi agli oltre cento convenuti, si è compiaciuto per i buoni rapporti che il sodalizio ha mstauraro con l'altrettanto

rivignanese " Banda Pci:mavera", grazie ai quali s'è potuto stilare, in comune accordo e nel reciproco interesse, il calendario delle prestazioni pubbliche, civili e religiose, per il 1997. S'è complimentato inoltre per i success1 ortenuti dalla Banda sia nelle comunità della Regione che all'estero, facendo onore a Rivignano, grazie ai sacrifici, tra prove ed esibizioni, che sottraggono tempo ad altri impegni, non ultimi quelli della

famiglia. Al tennme s'è detto grato per 1 servizi res1 al Comune resnmoniando la sua disponibilità ad esaminare con hl migliore benevolenza le:: riclueste di contribuTO fatte dal ~odahziu. E' p01 imervenuto il presidente della Banda Sergio Paron con una breve rdazione sull'attività svolta nel 1996 e con espressioni dì riconoscenza nei confronn dell'amministrazione comunale. Ecci

Bertoli: alleYatori di bandiera Piccoli doni dalla mani di un e Babbo Natale Lo si può vedere dalla strada Giovanni BertOii, tutto intento a sistemare con la paglia le lettiere alla sua ottantina di mucche sotro una grande tettoia in via Ariis. A 75 anni non vuoi ancora mollare, anche se il figlio Marco di 27 anni che orm:ri se ne intende e che Fin dall'infanzia alternava i compiri scolastici con piccoli lavori di campagna e nella stalla , ha ormai in mano l'azienda che conduce con l'aiuto del cugino Cristian. Mentre a Rivignano e dintorni in molte sralle, costruire tra l'altro con forti contributi pubblici che arrivavano allora anche al 75% dell'opera, sono stare abbandonate o addirittura non sono mai -;rate usare, Marco e il padre Giovanni portano ancora avanti la bandiera dell'allevarore. "Con molti sacrifici- esordisce Marco- c con un continuo impatto con una burocrazia asfissiante. Vede le mie mucche ? Sono libere, sono forti, hanno una

nlllscolarura, grazie: alla libertà dei movimenn, che favorisce 1 partì, producolatte di buona qualità quantità. no Ma com'è possihile-prosegue- che mi multino se supero un lim1re di produziOne, quando stiamo imporrando !arte? Curiamo l'alimentazione; al tradizionale fieno, granoturco, orzo prodono dai no:.tn campi, agg.lllngiamo mang1mi di miscele vegetali. Sono belle-esclama con !{rande soddisfaZIOne accarez?.andole con gli occhi- peccato che il merc:uo sia in crisi, ma loperiamom remp1m1gliori~. La mammalsida merrendoci le razzme del caffè sul tavolo entra nella discussione e dice:" A l'è m1or ch'al vadJ ~or paròn, plUitost che fa che vice li". Ma per noi sarebbe impensabile vedere Marco, suu cugino e il bahbo senza le loro meravtgLosc mucche curare con canta dedìz1unc. Ermes Comuzzi

BREVI... St11denti premiati per una ricerca sul Babbo Natale era atteso nella piazza del duomo da un grande stuolo di bambini,chi condotto per mano, chi ( i più piccmi) in braccio alla mamma o sulle spalle del papà.Poi un acuto strillìo , una corsa, un assembramento, un tramestio e tantissimi doni distribuiti a turri. Qualche caramella, un madorlatino, una micromaccbinina, chiusi 10 un piccolo involucro: minuscole co~e ma tanto gradite percbè ricevute dalle mani di "Babbo Natale".

passato... Seconda edizione del ConcofSO di "Smdio-riaetc!a sUlla Vita, usi abitudini delle generazioni passate"riservato agli studenti deUe scuole medie G. Marconi di Rivignano c sponsorizzato dalla ditta rivignanese 144 Stagioni" di ErmesMerer di Rivignano, Alln pre,ruazione dei migliori elaborati erano presenti il sindaco Franco Sertolissi con gli assessori Battisrum1 e Giau, il protessOJ: Albcn:o Salvador e tantissimi studenti e genitori

convenuti nella sala Ricrearorio. L.:argomcruo da trattare era "l luoghi d'mconrro e i giochi dci nosrri padri". E' :.tato meritevole del pruno premio di un milione e 150 mila lin: l'elaborato ~eguito d i concerto d11 Damtan() Vnnzo c Giampiew Turus ~:on la monvaz1one :" Per l'originalità e d mezzo espressivo moderno per 1 conrenuti lli ieri". U secondo premio dt l '0 mib lire è andaro a Fabio Bottosso, Fabso Della Mora e Giànluca Degams. il rcrzo ili 100 mila lire se l'è agg1udic.uo Sara Macor.


.00~

~VlGNANo ------

CreditO agevolato per le piccole imprese I nuovi finanziamenti alle imprese commerciali sono stati illustrati in un convegno nella sede della "Banca di Crediro Cooperarivo della Bassa friulana di Castions. Per le piccole imprese è molro importante conoscere le varie possibilità di accesso agli strumenti ili credito agevolato che permettono 1om di migliotare la capacltà competitiva. Ma tra i vari stntmenti a disposizione non è sempre Facile orientarsi cd ind+~iduarc le opzioni più in.retessanù aspetto alle dimensioni ed alle necessità dellapropria azienda. E proprio per essere informati , su come ottenere i nuoVi finanziamemi agevolaci e gli inrerventi dl garanzia del Congafi, numerosi commercianti della Bassa Friulana banno pnrrc~::i.paro all'incontro orgrumzaro dalla Banca d1 Credi- l' am.modern·amento delle strutture tG Cooperativo della Bassa Friulana d'in- commercia li , di prossima attuazione, resa con l'Ascom ed il Congafi, nel corso che permerre alle imprese eli ottenere del quale è :)tato fornito un quadro esau- · finaziamenti fino -a l 00 milioni di lire riente .ed aggiornato del panorama degli per l'ammoder:namemo dei locali, per srrtimenrì dì credito agevolato per il oom- l'acquisro d1 arredi e attrezzature, autncrcio. Dopo le introduzioni ai lavori del romezzi, consolidamenti di debiti, ciDirett01:e della Bee DegU Onesti e del pre- scatto dJ leasing, con durata massima sidef!te deii'A.$com Ferri, sono seguiti gli di 5 anni ed a tassi particolarmente interventi del Presidente Congafi e del vantaggiosi. Sono smre inoltre illustraDirettore Zuiani e di Noacco della Fede- re le possibilità della rinnovat:a LR. razione delle Bee. Particolare attenzio- 25/82. e degli imervcmi strutturali delne è stata dedicata al nuovo credito per la L.R: 36/96 nonchè le linee di credi-

ro garantite dal Congafi. LaBcc della Bassa Friulana-ha sorrolineato il Direttore Degli Onesti- si pone nei confronti degli imprenditori come inte.rlocutore capace di coglier~ l bisogni e di rradurU in strumenti operativi in grado dl ottimizzare le modalità di reperimemo delle risorse finanziariè. In concreto- è stato aggiunto- ciò si esplica in una attività di co.l\Sulenza che spinge banca ed impresa l'una ve!'"SO l'ahra, in una coudivisi.one di imenei rappresemara dal su!lcesso dell'idea imprenditOriale.

APERTO AL PUBBUCO

dal Lunedì al Venerdì

GRILLO.",

mattino 8 -12 pomeriggio 13 -18

di Carbonera Marco & C.

SEDEGLIANO zJ. Pannellia 14 Tel. 043

18332


Tanti bei canti sacri con la corale triestina del Verdi TI duomo di Rivignano ha ospiraro, in w1'adeguata cornice::, i l concerto de l "Coro femminile del teatro Giuseppe Verdi di Trieste". La corale, unanimemenre considerata anche dalla cririca imernazioua!c una delle miglion fom1azioni corali italiane, era molto arresa dat Rivignanesi amanti della bella mustca, presenrarisi numerosi aUa serata concertistica di Natale direna dal maestro Franco Monego con all'oregano Mauro Macrì. TI repertorio, ricco di canti sacri, lungamenre applauditi, e l'alto livello interprerativo dei protagonisti hanno trascinato non solo glt intcndirori ma anche i meno addentro nel mondo musicale, chiara• dimostrazione che ti bello irrompe in ogni animo sensibile. Bravissime le soliste Mlriam Spano ne "Il canto" dtNicolò Castiglioni, Vania Soldan nel toccante dialogo con il coro

nella "Messe basse" di Gabriel Faurè ed Elena Boscarol ins1eme alla Soldan nella "Missa brevis" di Benjamtn Brirten. Il programma della serara comprendeva anche mUSIche sacre di G.E Palestrina, T. Lodovico da Virroria, J.Brahms, Franz Liszt e G. Verdi, alcune magisrralmcme accompagnate all'organo da Mauro Macrì.la serara st è conclusa con la consegna, fra scrosoanu applans1, d'u11a targa rJcordo al bravo dtren:orc del

coro Franco Monego da parre de!J'assessore alla culrura Giovanni Giau che ha espresso al mac:srro c:: al coro vivi ringraztamcmi a nome dell' Amministrazione Comunale.

A~ CREDITO

a:'-7

COOPERATIVO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DELLA BASSA FRIULANA

i/~~ Sede: Filiali:

CASTIONS DT STRADA FLAMBRO- TALMASSONS PORPEITO TEOR BERTIOLO MUZZANA del Turgnano BICINICCO LAVARIANOATM POCENlAATM S. GIORGIO di Nogaro ATM

Via Udìne 70/A Via J3ìni 4 Via Udine 6/ l Via Roma l Via Trieste l O Via Roma 58 Via Cadare4 Via Mortegliano 3/A Via Roma 21 Ff.SS.


.oo~

MIGNANO - - - - - - - - - -

Natale in blu: tanti pesciolini tterso la capanna Un'in-;olira intcrpretatione dell'evento n:uali~io è stata pn:senrata dai bambini della se 10la materna"Duca d'Aosta" di Rivignano, in una sala teatrale con il mrro esaurito. La bre\e e dinanuca commedia porrebbe essere denominata" Natale in blu". I personaggi che popolovano la scena non erano i tradizionali pastori, le pecore. i cammelli e tanti alrri animali da cortile ma <;impatici e leslÌ pesciolini_rossi,ca\ al lucci e stelle marine, p1ccoli polpi, scpp1e e tante conchiglie, tutti i n viaggio o megUo in navigazione verso una capanna posra sulla spiaggia, per teStimoniare lanascita di Gesù. Una navigazione non facile, non priva di 1nsidie ma, come

si sa, nelle favole tutto finisce bene. 1 costumi, le scene, i tami animaletti marini interpretati con disinvoltura da bambini dai tre ai cinque anni hanno

confermato la loro bravura e nanLralmenre quella dellt: maestre.

Ecci

.4pplaudita esibizione del coro di rlambruzzo

Nel programma culturale redarro daiI'Amminisrrazione comunale relanvo al periodo naraliz1o e agli inizi del nuovo anno, non pore\ ano mancare i protagonisti del coro di S.1 [aria del Rosario di

Flamhruzzo , formato da Pueri e juvenes camores, direrro dalla maestra Elisabetta Faggian. n coro è formato da una trentina di cantori che hanno partecipato a varie rassegne corali nazionali tra cui, con

molto successo, a Montagnana e ad Assisi. TI concerto ha avuto luogo nella chiesa di Flambruzzo gremita di pubblico che ha lungamente applaudito ogni esibizione prenùando in tal modo le bellissime interptrerazioni dei giovani cantanti che hanno spaziato dagli spiriroals come "Mary had a baby" ai canti d'aurore come " Wtshing you·· di Weber alla "Stille nacht" di Grubber con una sorprendente versatilità linguistica, accompagnati al piano da Andrea Valcntinis e dalla stessa maestra Faggian. La serata ha avuto anche l'arresa presenza del contralto Maria Rosa NadaUn che ha mtrarrenuto l'uditorio con splendide melodie come "La vergine degli angeli" di Verdi e " O holy nighr" di Adam seguire da ripetute ovazioni. La manifestazione si è conclusa con la consegna di targhe, fiori e ricordi ai protagonisti della serata da parre dell'assessore alla cuJrura Giovanni Giau, dal vicesindaco Paolo Bartisrutta e dal presidente del sodalizio Andrea Nardiru.


Nuoye infrastrutture Calendario di sagre, feste e mercati pèr Jnsediamenti Ecco i principali appunran1entt del Co- domenica di luglio, Rivis, fesra della produttltti mune di Sedegliano per ill997: 17 gen- parrona Santa .Margherita; ultima dome-

--- -------------

Camministrazione comunale ha dato il via per realjzzare infrastrutture ( sttadc, reti fognarie,elettriche,relefoniche e del gas) destinate a facilitare l'insediamento di stabilimenti indusrriali o artigianali. E' questo un importante passo avanti nel Comune per dàre ossigeno all'occopazione.La località prescelta dall'ente locale è denominata "cjalcine" e il Comune ha approvato un progetto per costruire le necessarie opere di urbanizzazione. Si trana di un intervento dj 550 milioru.Tl progetto è stato realizzato dall'architetto Franco Molinari di Codroipo.Le opere previste riguardano interventi in una zona di espansiont: indusrraile ed artigianale nei pressi di Pannellia, JocaJjrà dove già esiste una vaSta area industriale,per tnsediarvi nuove attività. 11amminisrrazione civica poi ha compiuto un nlteriore passo per facilitare inscruamenti produttivj neUa sressa zona. Infatti ba approvato un nuovo piano regolatore particolareggiato comunale. I!iniziativa (è privata) s'insedierà proprio in località "cjalcine": si tratta di una Jottizzazione artigianale e commerciale. ll piano, predisposto dall'ingegner Flavio Bongiovanni, è stato regolarmente adottatO dall'assemblea civica sedeglianese.

Coderno: l'addio a lìian 4ndrea La comunità di Codemo ha dato l'ulrimo saluto a Gian Andrea Molaro, 30 anru, rimasto vittima di un inodenre stradale, in sella alla sua 01oto, in viale Venezia a Codroipo. Erano in molti coloro che si sono uniti at familiari, per testimoniare la panecipazione alloro dolore nella cerimonia funebre, proveruenri anche da Codroipo, dove Gia.n Andrea risiedeva.ll giovane, arredatore in un'azienda di mobili ili Pannellia, era molro conosciuto e stimato. Fra gli hobby che coltivava uno era proprio quello delle morocidel'te, il mezzo che gli è stato fatale.

naio, capoluogo, festa di S.Antonio abate-patrono; 14 febbraio, capoluogo, festa di S. Valentino; 16 febbraio, Coderno, festa di Santa Giuliana; domenica successiva al l 4 febbraio, Turrida, festa <li San Valentino; prima domenica di marzo, capoluogo,Carnevale; 19 marzo, Coderno, sagra di San Giuseppe; domenica Sa <li Quaresima, Gradisca, Perdon dql Fòlc; primo maggio, Coderno,Festa dci patroni Santi Filippo e Giacomo; prima domenka di maggio, Rivis,sagra di San Gottardo; prima domenica di maggio-Gradisca, Festa di San Giorgio; prima domenka di Giugno, Thmda, Festa del Sacro Cuore di Gesù;ulrima domeruca dì giugno, Redenzicco, sagra del patrono S.G10vanru Battista; 29 giugno, San Lorenzo, festa di San P1etto; 29 giugno, capoluogo, festa dei Santi Pietro e Paolo; ten.a domenica <li luglio, S.Lorenzo, sagra deiJa Madonna del CarmLne;tcrza

nica <li luglio, Grions, sagra di Sant'Anna; prima domenica di agosto, Gradisca, sagra di Samo Stefano; dieci agosto, S.Lorenzo, fesra del parrano San Lorenzo; quarta domenica dj agosto, Coderno, festa della Madonna della cintura; 8 settembre, RlYls, festa di Maria Ausilkrrice; seconda domenica di settembre, capoluogo, festa della J\iladonna di Lourdes; prima domenica di ottobre, Turrida, festa della Madonna del Rosario;seconda domenica dl ottobre, Gradisca, festa della .Maternità della Madonna; domenica successiva all'Il novembt:e,Tun:ida,festa del patrono San Martino; ultima domenica di novembre, Grions, fesra del patrono Sam'Andrea; l3 dicembre, Gradisca, festa d1 Santa Luc1a; 26 dicembre, Gradisca, fesm di Samo Stefano protomartire (patrono). Da nbad1re che ogni sabato nel capoluogo si svolge il mercato con merci varie.

Popolazione in calo: meno 11 nel 196 Nel 1996 nel comune di Sedegliano le persone residenti erano 3.912 ( 1.895 maschi e 2.017 femmine), le famiglie 1.462, i nan 30, i morti 47 ed i matrimoru 24. Complessivamente, rispetto al '95 la popolazione del Comune è diminuita <li 17 unirà. Ecco i dati suddivisi per paese, relativi al 31 rucembre del '96: Sedegliano capoluogo:- residenti 1.107 (517 m.590 f), famiglie 416, nati 10, morti 12, matrimoni 7. GradiscaPannellia:- residenti 715 (341 m-374 f), farruglie 263, nati 4, morti 5, mammoru

4. Rivis:- re~idenn 308 (147 m-161 f), famiglie l Il, nati J, morti 2, marrimo1ù l. Turrida:-rcsidenri 364 (166 m-l 98 f), famtglic 146, nati 3, morti 3, matrimoni 1. Rcdenzicco:- restdenti 64 (37 m-27 f), farruglie 23, nati O, morri O, matrimoru 1. Grions:- residenti 337(172 m-165 f), famjglie 118, nati 3, morti 4, matrimoni 5. Coderno:- residenti 47'1 (245 m-226 f), famiglie 172, nati 4, mbrti 12, matrimoru l. S.Lorcmo:- res1demi 546 (270 m-276 f), famiglie 213, nari 5, morti 9, marrimoru 4.

Abbigliamento

rremw.\~

.-C_OLLL\ VINI

Via Umberto?, 15 RIVIGNANO te!. 04321775361


DD ~-----.~MASSONS -----lnttersione di tendenza: popolazione in aumento... Talamssons è un comune che attira: lo dicono le cifre. Non è una rivoluzione ma un'i11versione di tendenza .Nel '96 per la prima volta s'è avuto un incremento della popolazione {più 19) dovuro in particolare al saldo positivo era gli emigrao in altri posti {45) e chi invece ha scelto d1 vivere a Talmassons {71).J..:anno precedente i nuovi iscritti furono 64 e g li emigranti 73. La scelta non è strettamente legata all'occupaz.ione, visto che il comune non offre molto sotto questo profi,lo. Fviden-

tememe la gente ama vivere m posti tranqui lli, in una bella Z0113 dove non manchino i servizi. fl saldo positivo, dopo anni di calo gra.dualè, va ascdtro pure all'aumento delle nascite: 40 contro le le 26 del '95. l marrimoni sono sran mvece 38 . •via quali pro~'Pettive si aprono per Talmassons? Il sindaco Elisaberca Dose afferma che sono allo srodio piccoli interventi utili anche per l'occupazione, a cominciare dal Piano per gli insedlamemi produttivi nella zona artigianale, approvaco in ConsJ-

gllo. E' srata approvata poi un a deUbera con la richiesta alla Regione di un contributo di 170 milioni per i l recupero delle facciate de1 cenm storìci,consolidando le srrurrure ma mantenendo le vecchie t:ipologie. U preg.o storico di cene facciare è superiore a quello che si crede; è il caso. per esempio, della frazione di Ftambro che vanta portoni in pietra di un certo valore nell'ambito dell'archirenura rurale della plnaura friulana.

A CODROIPO 1

GRANDE! .

TANTO GRANDE! Oltre 3000 mq. d•esposizione con più di quanto immagini per farredamento della casa, deltufficio, del negozio e in più...

Da oggi c•è anche il reparto computers

Emporio Roiatti via XXIX Ottobre, 5 CODROIPO TEL. 0432/906061 FAX 908481

_

llittitalizzata la protezione civili!_ I.:amrrunismiZione comunale sta avendo un occhio di riguardo nei confronti. delb Protezione civile con lo scopo di " rivitalizzarla". I.:t:secuovo comunale ha da poco acquismto un nuovo mezzo di rraspono che è appena sraro consegnato alla squadra dei volontari che sono coordinati da Moreno Pedna.ll veicolo {si tratti di un mezzo multiuso) è mtro acquistato con l'utilizzo di una parte dell'avanzo d i ammitustrazJOne. Sarà adoperato anche dagli operai del Comune per i servizi d'isriruro. ~arrenzionc: rbervata dagli amministratori locali nei coniroml del la Protez.ione civile ne ha rafforzam le file: ora gli addetti sono 37 ed il numero è destinato ad aumentare_ La Giunm si sta muovendo con l'intento di realiu.are un coordiamcuto sovraccomunale dell'attività dei volontari; esiste., i.n.fatti. il progetto di collaborare con alcuni Comuni vicini {quello di Codroipo avrà il compito di capofila) per istituire un ambito terciro~riale omogeneo, utile per concemrare gli interventi valorizzando al m~glio energie e risorse a dispo~izione. Ln altre realtà questa ini~ariva h a gii\ preso corpo e i primi risultati sono stati assai positivi la squadra di volontari della locale Protezione civile prosegue nella propria attività mirata sopratnm:o all'aggiomamemo;si tengono periodici incontri nei quali si mette a punto il programma di attività ne1 diveCSJ settori operativi della ProteZione ovile. Dopo la prova di evacuazione delle scuole, fra non molro si procederà ad un'ulteriore esecitazione.


"Progetto salute '96"... lJn anno dopo Si suoi dire che per vedere se si è semina- natore di arrività sul termorio. La proto bene bisogna aspettare il raccolto. E' posta è stata tenuta in considerazione e questo quello che hanno fatto i compo- dopo vari incomri con le associazioni nenti del C.A.T. 155 di Varmo (club locali è nato il Comitato Promotore per alcolisti in trattamento) e il gruppo "Le le Arrività Giovanili che si è già impeMani", che un anno fa con il patrocinio gnaro nel redigere un volanrino bimestradel Comune avevano organizzato e dato le per la divulgazione delle attività che si vita al Pmgerto Salute '96: una serie di svolgono nel Comune. Dal Progerto Saquattro inconrn di sensibilizzazione sul- lute inoltre è nata una costruttiva collala promozione alla salute. Dopo un anno borazione rra il gruppo "Le Mani" e il di costante lavoro si rilevano l primi Gruppo Giovanile Passato e Futuro frutri.Al Progetto Salute lo scorso inver- (G.G.P.F.) di MonegJiano.E' questo un no sono intervenute circa 80 persone a gruppo arrivo nelle scuole ormai da dieci sera,provenienri non solo dal comune di anni con programmi di promozione alla Varmo ma anche dai paesi limitrofi. Han- salute; la collaborazione è stata consolino partecipato attivamente al corso an- data in progerri comuni ed in corsi di che numerosi wsegnano ed educatori. formazione per operatori ed animatori. Durante il Progetto Salute si è sviluppa- Si è potuto così avviare U programma di to un collegamento di rete tra utenti, il prevenzione e promozione alla salute medico di base e i serv12i sociali che ha anche all'interno della scuola media di favorito nuovi inserimenri al C.A.T. Varmo, con un proficuo dialogo con gli Dai gruppi di lavoro dell'ultima serata insegnanti, programma che s'intende rinè nata anche la proposta di isriruire tra le novare durante l'anno in corso. Dai quevarie associazioni una Consulta che po- stionari raccolti al termine di ogni intesse agire, assieme all'Amministrazione contro è emersa la proposta concreta del Comunale per diventare otgano coordi- pubblico di protrarre tale iniziativa

focalizzandola maggiormente verso i giovanissimi. La richiesta è stata di organizzare altri momenti di confronto e scambio tra genitori ed educatori. 11 Gruppo "Le Mani" ed il C.A.T. si augurano di poter contare sulla disporubilità e sulla collaborazione delL'Amministrazione Comunale per poter soddisfare le aspertaove emerse durante gli incontri, con l'intento di proporre sul e per il territorio di Vatmo un lavoro continuativo di approfondimento, d'interscambio di espenenze e di responsabilizzazione di noi cittadini ru fronte al concetto nuovo ed ampliato e discusso lo scorso anno : "Salute non solo come benessere derivante dal buon funzionamento dell'organismo, ma quale risultato dell'inccrazione dell'individuo con l'ambiente che lo circonda". n Gruppo "Le Mani.. ed il Club 155 approfirtano d1 questo spazio per rivolgere un grazie di cuore a chi ha collaborato ed aiutato 1 promorori per una buona riuscita del Progetto e sperano di poter contare su queste persone anche per

la buona riuscita del Progetto Sature '97.

L'addio a suor Adeodata .C8 novembre 1996, a Tarzo (Tv) si è spenta serenamente Suor Adeodata, dopo una vita intensa, rutta dedicata alla preghiera, ma anche alle necessità dei più deboli,degli ultimi. E d1 questa Suora sono stati celebrati i funerali nella chiesa del natio paese di Canussio con la partecipazione eli numerose consorelle, di parenti, estimatori e della comunità locale. Suor Adeodata, al secolo Mercedes :Beltrame , era nara a Canussio il 22 febbraio 1914. Per vocazione si era farra suora francescana di Cristo Re. Dal suo ricco curriculum si ricava che la Suora di Canussio ha svolto l'importante compito di Supenora in un Orfanarrofio di Roma, che accoglieva bambmi di famiglie povere e disagiate del dopoguerra. Da Il, nel '54 fu trasferita a f ormia, in un'altra opera assistenziale ed in seguito

fu chiamata a svolgere il servizio di Economa Generale, che per ben U anni ha eseguito con particolare diligenza e amore per la propria Congregazione religiosa. Dal 1968 all' '83 ha VISSuto a Sinalunga, dove ha provveduto alla risrrurrurazione di un antico convento francescano, rrasformato in Casa d.i Spmrualità.Poi è riromata a Roma, dove ha continuato a rendersi utile fino allimite delle sue forze. Dal '94 è stata ospite della Casa di Riposo di Tarzo, dove ha v1ssuro gli ultimi suoi anni amando la Chiesa e dimosrrandos1 sempre sensibile ed artenra verso rutti. Quesra Suora tanto intraprendente quanto semplice ed umile, rappresenta senza dubbio una delle figlie pitl rappresentative di Canussio, sicuramente un esempio edificante per rutta la comunità varmese.

,,


TTERE DISSUASORI DI VELQCITA' SCASSA AUTOMOBILI

RISPARMIO DI SPESE NELLE GARE D 'APPALTO

Egregio Direttore, sono convinta che l'uso di piazzare rallentatori un po' ovunque non sta una moda, ma un tentativo di creare incidenti e sabotare auto, moto, bici, ecc. Come mai 1 cartelli che li segnalano sono più piccoli degli altri ? Sospetto lo siano, perchè vedcndoli all'ultimo mmuto, ·abbiamo magg1ori opportunità di sfondare le sospensioni; cosl con l'auto in officina avremo meno possibi'lità di causare incidenti e U caso "viabilità ìn Comune di Sedegliano" è risolto. Chissà con che Banca il Comune di Sedegliano avrà acceso un muruo per pagare i cuscinetti, le sospensioni, le balestre, ecc.ecc. degli autOmobilisti inferociri e nuovamente gabbati ?

Stimarissimo Direttore, ormatla quasi coralità delle Amminisrrazìoni pubbliche in sede di gara di appalto per l'espletamento di vari servizi richiedono o allegati all'offerta o in sede di stipulazione del contratto d'appalto la presentazione c:ll documentazione varia in bollo ,quali il certtficato della C.C.l.A.A. , cen ificati genera li del Casellario giudiziale c alrri. Ciò è in netro contrasto ,con la norma dell'articolo 8 della legge 7 agosto 1990 n.241 che prevede: "Qualora l'interessato dichiari che fani, stati e qualità sono attestati in documenti già in possesso della sress<t Amministrazione procedente o di altra pubblica Amministrazione, il responsabile del procedimento provvede d' ufficio all'acquisizwne de1 documertri stessi o copia di essi. Parimenti sono ac-

Magda de Mezzo

l

cenati d'ufficio dal resporuabile del pro· cedimento i fatti, gli stati e le qualità che la sressa Amministrazione procedenre o altra pubblica Amministrazione è tenuta a certificare". Pertanto, a sensi di tale disposizione legislativa, nma la documentazione di cui sopra si fa cenno deve essere acquisita dali'..Xmministrazione che indice la gara e non nchiesra a1 partecipanti o al vincitore della gara sressa. Ciò allevia delle spese concernenti i detti cerrificari i partecipanti o il vincirore della gara non componando ciò un aggravio finanziario per l' AmminiStrazione interessata in quanto, per essa, il rilascio di detta documenrazione è eseme da bollo. Le leggi vanno applicare anche quando esse prevedono un risparmio di spese e non solo quando prevedono un aggrav10. Disrimi saluti

Ardemio Bladassi Presidente della Cooperativa Sociale di Sedegliano

[antina Sociale e ~istifletia di Codroipo Vini D.O.C. "Friuli Grave" Grappa Riserva e Monovitigno Vendita al minuto e all'ingrosso

consegne a domicilio

orario: da Lunedì a Venerdì 8/ l 2 - l 4/ l 8 Viale Vittoria, 14 CODROIPO - UD tel. 0432 l 906030


FURLAN ·POE S IE

.4 rranc;je nainardis il premi pal teatri l nons dai Spini~ nestris pais : l à il Il PoçePocec l il 1

Dongje di Codroipo viu doi pais che a àn vfit il lor non de peraule latine "pureus", poç: a son, jusreapom, Poç e Pocec:il prin a uamoncan di Codroip, il secont a soreli fevat. Poç lu cjarìn nomenat la prime volte res cjarris inca! an 1184, eu l'espression "v illa de Puteo"; si viòt che par cualchi reson, la so grandece o la sò innòrrune, che! poç al jere cussì impuarranr che al finì cui da il so non a dut il pais. Pocec, impì, al ve n ffir di "puteus sìccus", venastru "poç sur": si capìs che a dj un cierr momcnt LI poç noi butà pllli aghe; Pocec lu viodìn nomenar la prime volte tal 1174, eu l'espression "villa integra de Puteo sicho". Tn FriGI o vinalrris pa!s cul non di Poç: un dongje di Sanr Zorç de Ricbinvelde, un al tri dongjc di Pasian di Pordenon. Si à po un Pocis (Verzegnis), che al ven dal lario "purea", jusreaponr '·poce", e un Poçalis, dongje di Rivis d'Arcjan) eu la stesse lidris.

Il furlan tai nons Si puedial da ai fis nons in lenghe furlane, in maniere uficial, in Municipi e in G lesie ? Di resint, un ler6r nus à far cheste domande. Sigiìr che si pues: si pues falu su la fonde di un e leç de Republiche dai 31 Urubar 1966, la leç 935. Fruts e frutis cui non in marilenghe a'nd'é bielzà, ancje se a son pocs. O vin sinrfir o ler di doi " Mare", dL un "lndrl", di une "Paule" e di plusors "Cristian" (che scrit cussì al pues sei dome che furlan). E po, rancj di no no ano par furlan il cognon? La leç dai 31 Ucubar 1966 a à scancelade une norme di ete fa ssisre, cuntignude ral Decrer real dai 9 Lui 1939, n.1238, che a diseve: "Ai frurs c un ciradinance ita li ane, a l é improibit dàur non s forescj". Cu mò, si diseve, a v alla leç

l

Francje Mainardis a segllite a fa sintl aror pal Fnul cun onor il non dJ Codroip: difar a vinçùt s ul fini dal '96 so cuint premi lererari; chesrc volre al è prm premi de Associar~ion Tearral Furlane par une opare dJ rearri. La prcmiatsion le àn fate a Darrigne ai 15 Decembar; ex-aequo eu La sJore Mainardis al è rivarAJben Lucbmi; i alrris premis a son lats à doi autors di grande esperience e innòmine, Zuan Gregoricch10 e Zuan Morsan. l: opare di Prancje Mainardls che i à far vé il pre-

mi a jè"

di baraç". un lavor in dm

acschc~idavuclçrunestarsiondesfcradis,

che si pues mmagjina che a secl i che di CodroJp. resr di chest lav6r si lu sramparà tal 1998. lnram, al è Jessur par cure de Socierar Filologjiche il volumut che al à dentri il lavòr dc siore Mainardis che tal 1995 al vcve vinçflt il premi par une epare di tearri pai fruts: a son i doi ars di "lural hosc dl Crete Rosse" chest spcracuJ si è za daiìr a rapresentilu aror pal Friul cunrun bon suces.

A.P.

nemoreant Jacum Linussio(1691-1747) Cun Jacum Linussio il Fritll al à vlit un dai siei omps plui posirlfs. Chesr indusrnanr dal secul xvru, un om di capacitar orgaruzarive e di tignince srraordenariJs, al metè 10 vore scabilimenrs di riessidure m rrè localitar~ de Furlanie: Cjase Bla ncje di Sane Y'ìr, Mueç e Turnieç: che l di Tumieç, vierr inca l 1745, al devemà il plui granr srabilimenr pe produtsion di uesruts di d\Jte l'Europe.Chestisindusrriis a da vin di vore a cetanris personis, ngnmr cussì lears i furlans a Ja lor tiere. Tal 1997 a son 250 agns che al muri: visinsi di lui. Jacum Linussio al nassè a Vile di Mieç, dongje di Paular, tal 1691, Ii dt Pieri Linussio, conradin; al fo un om regolar e onesr,

Lear a la so farnee e al so pa1s, gjeneros cui puars, valoròs, tegnadiç cumrri ogni dificulrar e ogni bcrdeJ burocraric. Al murì a Tumieç ral 1747. di 56 agns. Lis sòs industriis li~o mandano indenanr i sici cuatn fradis, e daspò so 6 e i nevots; par uns setante agns, l'aziende a lè unevorc ben; ma inranr di un passaç dj Napoleon pal FriiJl, la fabricbe dì Tulllleç a fo brusade; alrris dams ju fasè il taramoc; rall813, la famee Linussio ascugnl vendi ce che al rescave dJ chel che al veve merur su il granr von. L'ultime fabriche si sierà i n mu r definiti( tal 1818; ranq furlans si cjararm"libars ...di scugni la" pal mom.

d al 1966, che raJ articul 72 a dis cussì, par chest cont: "f nons forescj dars ai fruts di citadinance italiane a àn di sei esprimuts eu lis letaris dal alfabet i1:alian, cun in pJui lis letaris j, k, x, y, w . Se si trare di fruts cl1e a parregnin a une minorance di lenghe, in ogni mur ricognossude, i nons a puedin sei scrits ancje cui seg n s diac ri tics c he a son carataristics dal alfabet di ché minorance" (Par esempli, lis letaris ç, i). Di c hest s i gj ave c he i f urlans a puedin da ai lòrs fis nons in marilengbe, dal momenr che il furlan al é declarat "lenghe" i n leçs, tlecrets e rapuarts de Republiche e de Regjon;

cumò, che :;i à une grafie declarade uficJal da la Regjon, si podarà dopra ch_e grafle infin unificade. O vin savur che in Suìtsare, dulà elle iJ ladin al è lenghe cuntune so uficialir:h, in plui di cua lchi famee dì Furlans a àn dar ai frurs nons furlans. Ln FnOl, di plusòrs agns in ca, si use a daur ai frucs ancje nons par angles, frances. spagnfù, rus e vte fevelant. Ma si pues da ancje nons par fu rlau, e si l l1 à za far. E si pues di che i nons par furlan a àn une so bielece, cun che idemirat che a sa di latin e di cristian.

c,

A.P.


FURLAN ·POESIE

Il murador di (ìranada Storie di Washington lrving (2)Sintim cbesris pèraulis, al nesrri puar murador si indrcçarin Jucj 1c javei ch'al veve sul cj~f. Trtmant dur, al lè daur dal frari, spieranc di viodi cui sa ce spcracul màcabri. Ma, cunrun solèf grando n, al viodè che ce che si veve di meti re tombe a jerin tre laris, za prontis intu-n cjanton dal curti!. St capive che i grancj vas a jerin p lens di beçs; fasinr une farure grandone lui e H frari a rivarin a srrissina lh zaris fin sul or de rombe, è po lis burarin demri in re busare. Po il muradòr al sicrà ben il sepulc::ri, al rornà a meu ral ~o slr la vascje e al scancelà ogni segnàl dal lavar far. Po il frari i taponà ancjemò i voi e lu menà bande de sò cjasc:, lmt par srradis disferentis di eh~ che a jcrin vignihs. Da~pò di vé cjamtnàt a dilunc par chel labirint Ùt conrraù1:. e d1 andronis, si fermarin. Il fran al metè in man dal muradòr dòs monedis J'aur e t disè: -Rcsre achì, fin cuanr che ru sintariis a suna matntin eu lis cjnmpanis dc Catedral. Se tu olsaràs d i cjalfi alOr prìn che al suni matutin, ru varas une disgracie ... Cun chesris peraul is, ltt lassà bessol; il murador si merè a spietfi ùut ca lm; al parà vie il rimp fasint dindina lis dos monedis re sacherc uneculaltre. Cuant che lis CJampani~ a tacarin a suna matutln, si rirà vie la binde da1 voi c al viodè che r~l 1ere su la rive dal Geni!. Al rornà a cjase svelr è cui vuadagn di dòs gnors di vore al fa:.è frae eu la famèe par un par di setemanis. E po s1 cjarà piUJ puar che no pnn. Cussì al lè mdenant tant che une volte, lavoranr poc, preanr tanr e fiestizanr lis domcniis c: Juq i Sanr~, an daur an, fimremai che la so famèe a devenrà mìsare e peçoroltt: :>tcu une mhù di "Ligàmars.

AMORE

t

UNA VOCE DA l LONTANO .. :

...Fra mille silenzi che il mondo nasconde, ...Tn CJl:lella stanza del cuore dove è nascosto rutto quello che di meglio può esistere e la geme non dice; brilla anche in re, in un angolo, sicuramente oscurato da rurro ciò che ti è stato mostraro, ~grande" TI AMO ". Apri questa stanza e libera l'amore che c'è... urlalo al mondo perchè è l'unica cç>sa che salverà tel

(Ad Anedi, A.mtco come pochi. a colui che vive nella luce dei ricordi, ad un angelo dorato, che ha lasciato un grande vuoto).

Gittlia

l MARGHERITE

~

Piccole margherite con pistilli invisibili,infìniti che si protendono alla vira, come mani alzate ansiose nell'attesa dell'abbraccio. Si muovono , agitandosi forte timorose nello scoprire che il congiungimento felice non è altro che sogno fugace. Margherite con occhi incantati coperti da bianchi petali vellutaci, carnosi come labbra ansiose di baci proibiti che mai videro nè sole nè alba, delirarono su bocche misteriose, e s'alzarono in volo poichè alrro non erano. che ali di gabbiano a divorare spazi di cielo. 1vlargherite dissipare al vento folle,tnvernale che non conosce riposo nel suo tormentoso andare e venire che mille foglie lascia cadere, sino a quando l'albero morro agli occhi, resterà spoglio e senza cuore. Avrò anch'io quel buio profondo che dilata l'anima !asciandola vitrea ed eterea dinanzi alla vlta., ma vi sarà anche un sole che piccole margherite (A va indenant - Jradutsìo11 di Agnuf in fiore, odorose di rose di Spere) potranno canrarc. Loretta Baccan

l

40

Parlare, pensare, riflettere, a cosa serve se poi non ti danno ascolto. lnconsapevole destino, di quest'uomo in questo mondo, d'odi e di rancori, che non fanno bene al cuore, di un pazzo sognatore. Cento scorci pittoreschi, di mille vicoli lontani, con fono del sapere, di sensi e di ragioru, che salgono dal cuore. Udite, udire, udire, le voci dei miei avi, son voci immaginarie che mi parlano di scale, le scale del signore, che son vicino al cuore, mi parlano con cori di celestiali note, son note assai intonate dagli angelt dorati, son forti l'emoz.ioni, che trapassano il mio cuore. un cuore sofferente di arcaici sentimenri, son fonti dell'amore, d'amarra intelligenza. di semplici conoscenze. Udite, udite, udire, . una voce che mi parla, è una voce tanto cara, è proprio quella dei miei aVl. Claudia P.

Il ~()~iB 14.500 copie 45.000 lettori

del Medio friuli


Cinquantacinquenni di sei comuni a convittio

Un numeroso gruppo di coetanei della classe 1941 dei comuni di C.oùroipo, Bertiolo, Camino, Setlcglwno. Talmass< :J si sono ritrovati nella cappella di villa Manin a Passariano per ascoltare una J'vfessa di ringraziamcnro. Dopo il mvl ••-.mo religioso la bella comitiva ha consumato il pranzo, allietato da musica, ballo, barzellette e t<tllti~sima .tllcgria. Non è mDncal<l l'azio ne benefica che questa volta ha favorito il Gruppo dei Yolomari Codro ipesi per la gc:,riouL Ji ·· Casa Ttalia".

55 anni di Yita insieme per Tranquilla e Primo Scaini Non molte coppie hanno la fortuna di raggiungere le "Nozze di Smeraldo", ovvero 55 anni di vita insieme, ma, a Pozzecco, Primo e Tranquilla Scaini ce l' han no fa tt a. Lo scorso 2 9 dicembre banno ri vissuto, 55 anni dopo, il giorno del primo "sì": nella stessa Chiesa di Pozzecco è stata celebrata una Messa per onorare questa ricorrenza e Primo e Tranquilla, rispettivamente 82 e 75 anni, erano questa volta attomian dalla splendida famiglia che con tanto amore e sacrificio banno creato: tre figli, che ban no regalato a loro sei nipott. A festeggiarli c'er a rutto il paese, e anche qualche fo rrunato che aveva partecipato alle loro nozze di 55 anni fa . Primo e Tranquilla non banno saputo trattenere la loro commozione, e c'e da comprendeili: ritrovarsi dopo tamo tempo a rivivere le emoziolli del proprio matri monio conia famigl!a ac- que. Primo e Tranquilla Scaìui banno canto, in perfetta salute, salutati affet- fatto una promessa: rirrovarsi rra alrri tuosamente da rutti i compaesani, fa- cmque anni a festeggiare le "Nozze dj rebbe scivolare una lacrima a chiun- Diamante", 60 anni di matrimonio.

Conoscendola c'è da giUrarci che et: la faranno, e sarà un 'alrra grande fesra dell'amore, quello che da 55 anru umsce i coniugi Scain1.

-.f.f


MENTI FELICI

Auguri a llita e Antonio t'enier sposi da 50 anni TI primo febbraio a Gradisca d1 Sedegliano , Rita e Amomo Venier hanno festeggiato d 50째 anniversario di matrimonio.Una lunga strada felice costruita arrraverso molti sacrifici ma sorrerm dall'amore per la famiglia e il prossimo. Li hanno fesregg~ati i figli Ivano e Gabriella, la nuora, il genero, i nipoti e gli amici con i quali hanno partecipato alla S.Messa celebrata da don Mario Broccolo. E' seguito un pranzo con i tradizionali brindisi e auguri alla felice coppia.

t'armo:

eYYiva il '51! Lcoernnei di Varmo della classe '51 hanno dec~o di festeggiare ogni cinqve anni le tappe pitl significative della loro vira. Per 첫 traguardo de1 9 lustri, dopo aver ascoltato nella parrocchiale La Sanra Messa, si sono rirrnvati insieme , in :dleh"ia e amicizia, per trascorrere alcune ore di spensieratezza.

Talmassons: ricordati al/a grande i60anni l sessantennl del Comune di Talmassons si sono ritrovati insieme per ricordare il traguardo raggiunto. Dapprima il bel gruppo ha assistito ad una Santa Messa di ringraziamento, poi un sontuoso pranzo ha suggellato il feStoso appuntamento della classe 1936.


PIETRO QUERINI

-

oreficeria ottica orologeria - -

ORO 18 KT 750°/oo lavorazione base compresa

!. *21.000 al grammo I. VA. esclusa

*Il prezzo può cambiare senza preavviso al variare delle quotazioni mondiali dell'oro o delle monete

r -- -- - - - - - - - - - - - - 1

Acquistando un Occhiaie Nuovo :

SCONTO del 50% sulle LENTI (anche bifocali oprogressive) ------ - ----------~

convenzionati US.L.

Laboratorio Proprio

CODROIPO V IA ITALIA, 14 T E L EFONO 0432- 906 146


7/14 aprile 1997 (crociera 4 notti/3 notti al Cairo) L'Egicro è fra i luoghi che fanno parre della fanrasia di rutri, fin dai p rimi cempì scolasrici. La scopcrra e il fascino dell:1 cultura, della religione e dell'arre di un popolo, com e quel/o degli <IDtichi cgili, che ranco profondamente ba inllueozaro il cammino defh1 civilrà occidenrale. Le piramidi e /a sfinge; i fa raoni diviniaaci e il eu/co dei m orci; i tcmp li di Luxor e quelli, salvati dalle acque del lago Nasst:r, dì A bu Simbcl; l'immenso Nilo con lt: sue caceracte c /e piene feconde. Sono le immagini, ranco riprodorre da risu/mrci fa mi/jari, di un paese cl1c rutti, alineno una volta, abbùwJo dcsideraw vi.çirare.

Quote individuali di partecipazione - - - - - - - quota di partecipazione per persona da Verona - supplemento camera singola - supplemento mance obbligatorio - visto d'ingresso - Supplemento pullman da Udine - Codroipo - Verona

e viceversa

Lire Lire Lire Lire Lire

1.950.000 350.000 40.000 30.000 80.000

(All'atto della prenotazione dovrà essere versato un acconto di Lire 500.000)

AGENTI Richiedete il programma dettagliato presso le nostre agenzie ai seguenti indirizzi:

DI

VIAGGIO

CODROIPO - Via Roma, 138 UDINE - Via Carducci, 26 UDINE - Via Cavour, 1

tel. 0432/906037 tel. 0432/246811 tel. 0432/510340


il ponte 1997 n. 01 febbraio  
Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you