Page 1


dal comune

IL PONTE Per;odico del Codroipese

*

le commissioni elette

Mensile - Anno Il - N. 7 Novembre 1975 Spediz. in abb. postale - Gr. 111 Pubblicità inferiore al 7001,.

.. Direttore responsabile Flavio Vidon i

Direzione - Redazione Amministrazione • Pubblicità 33033 CODROIPO Via dello Stella 8 . Tel. 91423

.. Editr. · Soc. coop editoria le c Il Ponte » a r. l C ·c Postale n. 24/ 64W

Autorizz. del Trìb. di Udine n. 336 del 3-b-1974

Tipografia G. Sartor s.a .s Via Nuova di Corva · Pordenone

• Il Ponte » esce in 4 .000 copie ogni mese ed è Inviato gratuita· mente a tutte le famiglie del Comune di Codroipo.

* La collaborazione

e aperta

a tutti .

c Il Pon te • si riserva In ogni ca·

so il di ritto di rifiutare qualsiasi scritto o Inserzione.

Copertina di Nino Michelotto

Commissione per il decentramento (consigli di quartiere: c: di frazione:): Fiore Andrìn, Graziano Battistutta, Renato Chia,rotto (Dc); Mario Ga11zìni (Pscli); Luciano Lotti, Sergio Paron {Psi); Vittorio Abbati, Giuseppe Dc: Paulis (Pc.i). Commissione elettorale:: effettivi, Roberto Bortolotù, Lauro Giavc:doni (Dc); Erasmo Moroso (Pri )i Lauro Turca ti (P)di); Sergio Paron tPsiJ; Loris AsLiuini IPciJ; supplenti, Fiore Andrin. Renaro Chiarotto, Aniceto T ubaro (Dc); Adriana Bertossi, GuiJo Nardin.i (Pci); Giorgio Nadalin (Psi) Commissione: per l'assegnazione di lotti nel Peep: Graziano Battistunn, Gianni De PauLis lDc); Luciano Dorn~nicali (Psi). Commis~ion~ per la zona socio-economica: Egidio Dc Mcz· zo (Dc): Giuseppe De Pauli~ (Pci). Commi~sione per l'assegnazione di alloggi edilizia pubblica: Fiore Andrin (Dc); Vittorio Abbaù (Pci). Commissione per il bacino di traffico: Roberto Bonolotù (Dc); trasmo Moroso {Pri); Mar1o Ganztni (Psdi); Dante Bdr.ram e lPcil. Commissione per ,iJ personale dipendente: Aniceto Tubaro (Del; Lauro Turcati tpsdi); Marcello Granzicra (P~i) . Commissione per l'assegnazione assegni di studio: Lauro Giavcdoni (Oc); Lauro Turcati (Pscli); Guido Nardini tpci). Commissione: per il Cises: Francesco Sudati (Dc): Erasmo Moroso (Pril; Luciano Domenicali. C:iortrio Nadalin (Psi).

amaro savonitti per digerire meglio!!

2

Eme comunale: di assistenza; mons. Giovanni Copolutti, Davide Bortoloui, Fiorello Ciani, Marisa Soramel, Rino Tonizzo (Dc); Ennio Moretti (Pri); Valemina CamJel (P<Sdi); Gino Sartor (Psi); Giacomo Bressanuni (Pci). RINVIATO AL COMUNE IL PIANO REGOLATORE

Prima ancora di procedere al suo esame, l'assessorato regionale aU"Urbanistica ha rinviato al Comune di Codroipo il Piano regolatorc: generale:, approvato dal Consi~lio comunale nello ~orso febbraio, pc:rchè mancante ddle firme degli architetti proponenti. A suo tempo 1 professionisti Pascolo e Bc:nini non anettarono le ollrc: settanta variazioni apportate all'unanimità dal Con~~glio comunale alla loro opera nfiutandosi d1 sottoscriver1a. Q uello che: fu a ragione definito il cPiano regolatorc dci Codroipc.:Si t rischia c.1uinJi di essere <confessato dalla «prassi, del la burocrazia rc:g1onalc:. Comro un piano aperto. rcdano ndlc: l>Uc forme: finali asSieme alla popolazione e votato all'unanimit~ dal Consiglio cu~nunale 'si stanno muovendo anche alcune forze conservatrici che non riescono aJ accettare ~•mili innovazioni politiche. 13 MILIONI AGLI OPERAI DELLA RHOSS

Ottemperando alla legge N. 43 del 27.6.1975. c m seguito alla domanda prcM:ntata in tal senso dal Comune, la Regione ha devoluto agli operai -ddla Rboss da molto tempo in cassa mteg-razionc la somma di 13 miLioni di lire -che sa.rà ~ri part i ta dal Cons1glio di fahbrica. BANDITO UN CONCORSO PER 12 AlLOGGI POPOLARI

All'albo comunale di Codroipo è esposto il ba,ndo di concorso per l'assegnazione in locazione semplice di 12 alloggi di c:Jilizia residenziale: pubblica a Codroipo - via Toniolo. Gli interes5ati dovranno rivolgersi al Comune dj Codroipo (stanza n. 9 del 1. piano) per il ritiro dell'apposito modulo eli domanda c

per tu tte le informazioni concernen'ti il concorso stesso. La consegna del le domande: dovrà avvenire entro 60 giorni dalla pubblicazione. MEDICINA SCOLASTICA: DEPISTAGE A BIAUZZO CON L'ESAME T AS

La medicina scolaJtica a Codroipo contmua ;empre più n!~ crememe. La przma mizzativa dt depinage nella scuola a tempo pieno di Riauzzo, sar·cì effmuata dal biologo dell'ospedale provinciale, dott. Gtorgio Nador, medzanu l'esame Tas (titolo antiJtreptolisinico), comutente nella ùterminazione sierologtca della presroza dt anttcorpi determinata dall'entrata zn contatto dell'organismo con germi (.meptomcc·hi) per la pretJenzione di endocarditi e ne/riti o per t! controllo dz eventuali casi patologtci. Cesame Ta.r. che precederà la p1·ogrammata g!tcemia, t·ompleferà le visùe medtehe generali che saranno compiute nel K'· ro dì alcune settimane- dal mdico Jcolastico. La presenza dd biologo dell'ospedal~ rappresenfa la pnma espenenza dz collabora-;.ione ufficiale fra l'wituto O!pedaliero e la .;ocietà codroipese fuori dall'ambito dd nosocomJO. Quesiti important~ iniziatioa precorre la strada che neassariameme sz dottrà compiere, m un futuro che si au1pica il più prowmo poHibile. ton l'attuaZIOtU del CO ilSOrZIO ramtnrio, quando le stt·uttun: di quelf"ùtttufo dovranno atJvalersi anche della co/laborazioM del localr o!pedale per portare avanti il programma d1 medtcwa prevcnrioa, Icolasuca e del lavoro, az auistenza alla maternttà e alla infa~zia e di auistenza agb anZIIl/11.

Il dott. Nador ha preso wntutto con gli t1lun111 della scuolu dz Dtauzzo parlando loro sull'mqmnamenro dd/e acque (di estrema attualità nel pleuo, riaperto dopo alcuni giorni di chiusura a causa dell'inquinamento registrato nelle acque dei servizi). Il bzologo ha illustrato agli alunni 1 procedimenti seguiti per l'esame batteriologico e le precauzioni eh~ si devono prendere per evitare infezioJzi da acque inquinate.


... una digestione difficile Municipio di Codroipo, sala 2 circa dd mattino di sabato 8 novembre. 11 Consiglio comunale siede in riunione da ~i ore. Pubblico delle grandi occas.on.i appena sfoltito dall'ora tarda. li ~mdaco Tempo, afferrando con insolita energta il microfono propone che la seduta sia tolta, d!Ch.arando di condividere il parere poc'anz.i espresso dall'assessore Moroso sulla c necessità di una profonda verinca tra i partiti di maggioranza, (c al limite - aveva esattamente detto Moroso si potrà riveder~ tutto dopo una rev1sione politica globale,). Consiglieri e pubblico escono dall'auia. Non ~brano per nulla provat;[ dalla pur lunga fatica, tale è il calore con cui commenti, impressioni, valutazioni su quanto è accaduto rimbalzano da un gruppo all'altro. Si respira ana di crisi, anche ~ la serenità e l'imperturbabilità del Sindaco Tempo sembrano att~nuare questa impressione. Infatti trascorrono due g.orni e lunedl lO la Giunta si riunisce regolarmente, al completo. L'attività amministrativa è pienamente assicurata. Per il resto, a quanto sembra, spetterà ai tre partiti, le cui forze compongono la maggioranza consiliare (Dc, Psdi, Pn), ritrovarsi per verificare i termini di una coLlaborazione appena iniziala, per valutare cioè cse, e ccome, si può andare ancora d· accordo per asSicurare una guida amministrativa al Codroiposc. ronsiltar~, or~

L' incrinatura tra le forze della maggioranza, nel nostro caso tra Dc c Psdi, sembra derivare da una <jUestione di non grande importanza: un posto in piò o in meno al Consiglio dell'Ente Moro. Tanto per spiegare~ La guida di questo Ente è affidata a cinque consiglieri, di cui quattro sono scelti da1 Comune di Codroipo e uno dal Comune di Camino al Tagliamento. La maggioranza, al momento in cui si erano svolte le prime trattative, aveva 'ritenuto di dividere equamente questi quattro comiglieri: due alla Dc, due al Psdi. A quest'ultimo sarebbe inoltre spettato, ttaJ i due, anche il Presidente dell'Ente. Quando si è dovuto ridiscutere l!li accordi perchè ci si è

posti il problema di lasciare uno dci cons:glierl alla minoranza è sono il problema di come dividere i tre rimasti. Fame arretrata a parte (tatticamente rinforzata dai comunisti), vista la proporzione della rappresentanza delle due forze · nel Comune (Dc e Psdi), visto quanto il Psdi ha finora ricava• to dalla sua collaborazione nella maggioranza (due consiglieri = due assessori), visto che rimaneva assicurata al Psdi la. presidenza dell'Ente, un normale buon senso politico avrebbe consigliato questo partito di accondiscondere a che gli altri due consiglieri fossero designati dalla Dc. Sta di fatto che !tnO all'ultimo il Psdi è rimasto fermo nelle sue richieste (presidente e consigliere) sa·lvo, all'ultimo minuto dd consiglio comunale dichiarare, attraverso i suoi rappresentanti, che dell'Ente Moro .non gliene importava niente. Il che ha signtficato rimandare ancora la elezione di questo Comitdto a patto che la soluzione si Lrovi rivedendo «globalmente l> i termiln.i dell'intesa tra le .forze dell'attuale maggioranza. Ma la questione dell'Ente Moro, lo si capisce subito, è solo un particolare. 1n politica si usa dire che si tratta di una classica c punta di iceberg :t. Per capirci: quello che si vede galleggiare nelle gelide acque polan sembra una maestosa montagna di ghiaccio. Ma sappiamo tutti che quanto si vede sopra iJ pelo dell'acqua è niente rispetto a quanto c'è sotto. Qui, a Codroipo, un esempio dd genere appare un po' sproporzionato. Ma certamente non tSiamo di quelli che vedono la politica solo come una lotta a coltello per OCCUp311'C una sedia. Quelli che ci interessano e che vorremmo giudicare vnsieme ai lettori sono i programmi, le idee, i metodi che c camminano con le gambe, delle persone cui noi affi..:iamo i nostri ~nteressi comunitari. Ecco allora che al di sotto della divisione dci consiglieri nel Comitato dell'Ente Moro c'è il problema più grosso del correttO rapporto tra ma~gioranz3 c minoranza. Ancora, :ù di sotto di questo, c'è sempre ed .n

ogni caso l'eterno problema di come concepire la politica (si entra in una maggioranza per occupare posti oppure per realizzare programmi sui quali ~i è chie.sto e ottenuto il consenso degli elettori?). A ben riflettere il c male oscuro> c.hc tormenta -l'attuale coalizione di maggioranza e per il quale si è chiesto un immediato c coosulto polirico ,, è forse una semplice indigestione. Non si è digerito, cioè, da parte di tutte le forze politiche, il risultato dollc ultime elezioni del 15 giugno. Ci sono infatti partiti che da quel voto h3JlJllo tratto un'indicazione per una riscossa, costi quel che costi. Altri partiti che ne hanno approfittato per pretendere una formula d i compartecipazione che per molti versi Cl semoca aumentare anzichè diminuire la confusione dei rapporti. E tutti i partiti, anzichè prospettare il futuro valutando una locale esperienza passata, hanno reagiro con la logica prospettata nelle circolari di partito valide per tutto il territorio nazionale. Come $Uccedeva, in passato, a certi militari di leva (con tutto il rispetto per le Forze Armate) che si vedevano sommi.nisnrare l'olìo di ricino i:n ogni caso di malattia, si trattasse di mal di pancia o di una storta al piede. Come questa c revisione politica globale > si riso!va, nel momento in cui scriviamo è difficile prevederlo. C'è però un dato nuovo che non possiamo tral36ciare. Quanto è successo dal 15 giugno in poi ha provocato. in casa democristiana, un

Emporio Codroipese Tessuti Confezioni

Mobili CODROIPO Piazza Garibaldi Telefono 91337

fenomeno di aggregazione tale da semplificare al massimo situazione interna. L'aspetto della Dc codroipese appare ora più chiaro di sempre: c'è insomma una Dc che si muove attorno a obiettivi ben precisi. lf.n intervento dell'ex assessore Donada nell'ultima assemblea del partito ha dato il via ad un coagulo di consensi in uno strato non ancora valutabile all'interno c fuori.

aa

Son molti, e delle più diverse generazioni, a ritrovarsi intorno ad una impostazione che tende a rivalutare, senza ipocrisie, la esperienza dell'amministrazione passata e della pa.ssata gestione del partito; che prospetta e lavora c per una Dc pronta a cogliere d nuovi fermenti, le idee più vive con una menralità cd una struttura di partito sempre più aperta alle complesse esigenze e neçe~_sità dd momento) , Dai discorsi degli esponenti che si muovono in questo senso si rileva una Dc che vive appieno nel suo tempo, pur rifacendosi c a valori c contenuti ancora oggi qualificati ed attuali dd p,.n. siero politico di Don Sturzo e di De Gasperi che il partito non ha certamente attuati nella loro pienezza>. Una Dc che sembra pronta acl affrontare senza. complessi di superiorità o inferiorità i rapporti con le altre forze politiche, in ispecic del Pci, ritenendo che «ogni rapporto con partiti cd iversi, per motivi di ispirazione, per concezione dei valori della persona e della comunità, per conce-.Gione generale dello Stato, richieda la riconquista dei valori ideali della tradizione dei cattolici democratici ) , Ci siamo soffermati su questo movimento che si rileva ndla Democrazia Cristiana codroipese perc.hè il momento deLle soluzioni della crisi si incrocia con il rinnovo deUe cariche all'interno di questo partito. Certo che c se la Dc si salva l'anima >, se, cioè, questa imposta• zionc dovesse trovare ·lo spazio che si merita, si può star certi che la soluzione della Crisi .n on potrà non tener conto di questi nuovi dati. La sensazione è che gran parte del gruppo consiliare Dc non aspetti altro. E che il Sindaco Tempo troverebbe fiRalmcnte quel polmone di cui ha bisogno per dare un adeguato respiro alla sua dcfaticante ·azione amministrativa.

3


ZOMPICCHIA

nominati i primi consigli Varati t Co7lsigli di quarttere e di jrazio11e. Con la nomina dei 130 componenti i dieci comitati cittadini e frazionali, effettuata dal Consiglio comu11ale nella seduta di venadl 7 novembre, i nuovi organismi consultivi di bau sono diventati opera11ti. Questi i nomi dei consiglieri proposti dai vari partzti : CODROIPO EST Vie e piazze . Ama lteo, Bellunello, Crippa, Diacono, Duodo, Florlgerio, Leich t, Ostermann, Pardi , Paschinl, Percolo, Ri stori, Pietro da S. Vi to, Vecchia Postale, Volontari Libertà, Belvedere, Calvi, Carnia , Cl rconvalla· zione Est, Colombo, Doria, Fabrls, Friuli , Fruch, Gallerie, Graziad io A· scoli, del Guado, Marconi , Mollnl , Monverde, Nie•o, Marco Polo, Sa· vorgnan di Brazza. 2.d Maggio.

Dc: Luciano Cecco, Pietro Giga nte, Valdea Ma,nsuttli, Enere Mìngolo, Lu,isa Plccini, Ricca·rdo Santarossa, Bruno Traspadi,ni; Pci : Gianni Monta,nari ; Psl : Ernesto Ma,ntoan'i; Psdi : Alessandro Bert•i; Pr·i : Wa lly Forato; Msi-Dn: Luigi Todisco. CODROIPO SUD Vie dotti, Fon te . rinu l,

e piane : Armentare.sse, CanCirconva llazione Ovest, de lla Latisana, U gnano, lsonzo . Ma· Moro -leq 1i O rt i clelia Rcq·

gia, dello Stella, Timavo, Tomadini , Acacle, Caprera, Circonv!!llazione Sud, Europa Unìta, Garibald i, Ind i· pendenza , Ita lia, Plttonl , IV Novembre , Roma, Tonio lo.

Dc: F,iorello Ciani, Sergio Gh iro, Giorgio Martin, Gianfranco ~code~l·aro, MJ.Ivio Trevisan, Maria•no Wgnando; Pci: Umberto Alberin i, Adalgis·a Chittaro, Mal"iO Lahoz, Vito TonuW; Psi : Gino Bidlnì, Paolo Molina,ri; Psdl: Gio B-atta Pagotto; Pl"'i : Silvano Pellegrini; Msi-Dn: Riccardo Schiava. CODROIPO NORD Vie e piazze: Ba razzat, Monte Canln, Catocchie, Colloredo, Coseat , del Gelsi, dei Giardini (via e piazza ), Monte Grap pa , Grovls. Livenza, Ma· lignani, Pagl ieri, Pa luzza, Peci le, Pia· ve, del Pini , dei Piopp i, Pordenone, dei Prati , Quadrlvlo , Rlmembranze, del'la Rosta , dei Salici, San Daniele, delle Serre Tarvisio. dei Tigl i, Udl·

lRistorante

''bel ID®~JE'' Gestori F.lli Macor

Ideale supporto logistlco alla prestigìosa e incomparabile ricchezza storica e turistica della Villa Manìn dì Passariano. Una pausa di gran classe eleganza.

in una cornice di squisita

Il singolo c!iente e i commensali che convengon? numerosi al banchetti nunzlalì, ai pranzi sociali, ecc .. godono dello stesso impeccabile servizio.

ne, Valvasone, Venezia, Zanon, Ba· lilla , Ba ttisti, Canale 1°, Canale Il", Carducci , C1coni, Cortina, Dante, Ermacora, Fossalat, Manzonl, Marconi, Mazzin i, Oberdan , Monte Nero, San Francesco, Santa Maria Maggiore, Traverso, Verd i, Zor utti, Beano, Bianchi, Bra ida, Circonvallazione Nord, Coma t, deJI'Essicatolo, Fiume, Gori-zia , l stria, Divisione Jul ia, Marzutti · ni, Matteot ti , Danie le Moro, Osoppo. Pevaris, Pirona , Pol•a, Pro mo Maggio, Tolmezzo, Trento, Trieste, Valussl , Vatrl, 29 Ot tobre, Vittoria, Zara , Zard ini, Zuzzi.

Dc: Lucùano De Tlna, Luigi Paolo M'arcina, Antonio M~i­ chelotto, EJHo Piccin i, Fior·avante Pizza le, Renato Romanzi·n; Pci: Dorino Chiandotto, Manio Pivetta, Rierluigi S<:alni; Ps>i: Giuseppe Baracetti , Mario Zamparini; Psdi: Valentina Ca r nlel; Pri: Pietro Felace; Msi- Dn: V·ittorio Sci alpi. LONCA RIVOLTO PASSARIANO Dc: Gilberto Comlsso, Doretta Job, Mary Sudati, Luigino Visint·ini, Fra,nco Zorzi; Pci : Luig i Baracetti, Bi'<lnca Bel trame, Achi.J,Ie Cordovado, Francesco Delil,a Slega, America Mada lozzo, Danilo Roi·atcti; Psl : Er·nesto Del Giudice, Nadi'a Re, V'alerio Venuto; Psdi: Luigi no Gievon . GORICIZZA POZZO Dc: Sergio Agnoluzzl, Roberto Com isso, Lu1lgl De Colle, Giulia·no Pellizzoni, Arrigo Piccini, Gi,no Riccini 11 Galdino Tomini, Luigi Zor·atti; Pc.i: Elio Casagrande, Arrigo Mocchiut~i; Psi : Remo Cipriani, Att ilio Dozzi, Elio Tomada; Psdi : Rino Bodi•ni, Derno Donat i.

Dc : Giusto Baldass·i, Renato De Tina, Ailbis Genero, Adel io M an toanj.t Domenico Marchett'i; Pci: Daniela De Paul is, Vit•a'liano De Tina, Roberto Valv.asorl; Psl: Vanni Fabbro; Pri : Arlino Spagnolo; Msi-Dn: Gian Francesco Di Bert. BEANO

Dc: Siro Adam i, Augusto Mizzau, Oscar Mizz;au, Ello Pez, Massimo Urban, Attil,io Vezzoli; Pci : Gino Cosarin, Luigino Cossanini; Ps·i: Giovanni Bon, Tarcisio Gra,nziera; Psdi: Anton.io Della Schiava . IUTIZZO

Dc: Ma11io Cengarle, Graziano Fresco, Silv·ano Munisse, Fabio Peresan, Gian Carlo Venuto; Pci: Sllv.ano Comisso, lppolito Paron; Psi: Sisto Ba lduu.l , Adorino Tubaro, Celso Tubare; Psdi: Alngelo Peresain. BIAUZZO

Dc: Gian Car.lo Bragagnolo, Lindo lnf.anti, Enrico O lemi, Dorino Otttoga ll i, Maria Pet russa, Giuseppe Viguttl; Pc!: Giov.Jnnl Cappellani, Rizieri Ferro, Nel1ida Ongaro; Psi: Carlo Gruer, Mari11o Zanin. S. PIETRO • S. MARTINO MUSCLETTO - RIVIDISCHIA

Dc: Galvano Cassin, Rem igio Della Siega, Giuseppe Faurlin, Ermes Morassutt'i, Luigino Rigo, Celio Trev isan. Tiziano Zoratto; Pci: Ivano Asquini , ·Felice Del Zotto; Psi : Vittorio Morettin; Psdi : Ermes Cassin .

ZOFFI MOBILI - CONFEZIONI - ARREDAMENTI VASTO ASSORTI MENTO

AUTUNNO · INVERNO

. 33033 PASSARIANO - Villa Manin - Telefono (0432) 91591

chiuso il lunedl

4

Via Italia

Codroipo


.

-

__ -

quartieri - frazioni

partire col piede giusto Par ti re col piede giusto, ogni volta che si può, è una gran bella abitudine. Che talvolta, come nel caso dei Consigli di quartiere, può diventare perfino essen7-iale al loro svilupparsi. n via alla partenza è stato dato. Il Consiglio comunale, nella sua ultima seduta dd 7 novembre scorso, ha nominato ·Ì rappresentanti dei dieci quartieri in cui il nostro Comune è stato suddiviso. [-la avuto inizio così la prima fase di attivit.à di questi nuovi organismi. Sarà ora compitO dei neo-c:letti consiglieri convocare le Assemblee di quartiere aflinchè tutti insieme, noi cittadini, si possa prendere coscienza del cperchè. è stato istituito questo meccanismo e del c come•. attraverso Assemblee e Consigli, ognuno di noi possa sentirsi protagonista, insic.:me agli Amministratori (consiglieri comunali, assessori e sindaco), nel valutare i problemi delia Comunità ed i modi di risolverli.

Quanto più <JUesta presa di coscienza sarà piena e consapevole tanto più .dalle varie Assemblee scaturiranno proposte per migliorare q uesto meccanismo, per renderlo più adeguato all'uso che se ne vuoi fare. Compiro dei neo-clerti consiglieri sarà, perciò, sempre in questa prima fase che durerà fino al giugno 1976, anche quello di raccogliere queste proposte e di presentarle al Consiglio comunale perchè il Regolamento venga. se dd caso, modificato secondo le esigenze espresse dall'intera popolazàone. Mirare al cenLro, ogni volta che si può, è un'altra gran bella abitudine. Che non serve soltanto a far qu:~~dagnarc le medaglie. Se invece del «tiro a segno>, si tr:llta di un problema da risolvere, il saper cogliere il vero obiettivo ci aiuta ad arrivare in porto presto e bene, per la via più dritta. In· questo senso, per quanro ci riguarda, potrc:m-

mo ritenere che il vero obie~ti­ vo, l'oggetto su cui discutere, non sia tanto il t come :t si è organ.izzata la prima fase, quanto invece il c come • vorremmo che fosse impostam il Regolamento quando il Consiglio comunale lo revisionerà alla luce dei suggerimenti che gli verranno dalle varie ,\ssemblec. Potrem mo certamente aver desiderato che gli s~essi primi membri dei Consigli di quartiere fossero stati eletti diretta· mente dalla popolazione e non scelti dal Consiglio comunale. Ma potremmo anche pensare con quanra serietà si sarebbe svolta una elezione in cui, per g ran pane, l'elettore non avrebbe avuto le idr:e tanto chiare sul perchè di un vmo, e l'eletro sul significato della sua nomina. PoLremmo anche rilevare la utilità di questa specie di c comitati promotori • che .c.lureranno pochi mesi (scadranno infatti nel giugno 1976), costituiti

· con lo scopo di sensibilizzare la popolazione in- modo tale che alle prime elezioni dirette o.~u­ no abbia le idee abbasta•nza chiare. Perchè proprio qui, per nostra modesta opinione, sta invece il vero obiettivo. Che è quello di far sì che il Regolamemo definitivo preveda che i rappresemanti di ogni quartiere, all'inizio della seconda fase. cioè dal giugno 1976, (se si arriva ancor prima, meglio) siano elerti direttamente dalla popolazione. E che si cerchino di migliorare le norme ·dd Regolamento, se possibile, per trovare la for· ma più democratica affinchè la voce dei cittadini, attraverso i Cons1gli di quaruere, arrivi al Consiglio comunale. permeandone le decisioni. Vero obiettivo ancora è quello di far sì che i tempi, rispettati nell'avvio, siano mantenuti anche nell'apertura della seconda fase. Ecco cosa intendia~o qu<~ndo proponiamo di c centrare il problema • · Anche il non uscire dal seminato è una gran bella abitudine. Soprattutto quando ci si mette

La fedelta del colore Philips salta fuori a prima vista.

QUESTA NUOVA TECNICA RICH IEDE MODERNE ATIREZZATURE PREPARAZIONE ED ESPERIENZA DEL PERSONALE

QUESTO E' CIO' CHE VI DA' LA

DITTA CAV.

E. PICCINI

& FIGLI

CODROIPO


a discutere insieme sul modo miglio;e di raggiungere obie~­ vi comWli. Non uscire dal seminaro, quando saremo. chiamati nelle Assemblee a migliorare il Regolamento dei quartieri che ci è stato proposto, porrebbe voler dire aver chiari i confini entro cui le noSlre proposte potranno spaziare. E i confi·ni, sempr~ secondo la nostra modesta opt· nione, sono di rre tipi. Primo, dobbiamo renderci conto che le Assemblee c i Consigli di quartiere non posso?o sostituirsi ai partiti ln. ltali~, secondo la Costituzione, la politica (e quindi anche l'attività ammffiisrrativa) la si fa attraverso i partiti. Sarebbe come dire che i citradiJili, riuniti in gruppi politici, rilev~~o le. es~­ genze ddla Comunica M cu1 VlvoQO e le portano avanti (attraverso i loro rappresentanti nei Comuni, nelle Provincie, nelle Regioni e nel Parlamento) . per costruire un certo modello d1 societ~ che distingue un partito dall'alrro. Gli elettori. votando un partito, scelgono il modc:Uo di società che desiderano. Democrazia vuole che i partiti i quali ottengono la. ma~~ioranz_a dei voti abbiano 1l dirmo e il dovere di costruire il modello di società che hanno proposto all'elettorato e che ha avuto la maggior parte delle adesioni. M·a le votazioni avvengono di norma o~ni cinque anni. Con le Assemblee ed i Consigli di quartiere il citradino p~ò intervenire anche nell'arco d1 questi cinque anni, fornendo ai partiti utili i ndic~zioni sui ~ro­ blemi reali che gJorno per gtorno sorgono in una Comunità. Senza sostituirsi quindi ai pa·rtiti, ma aiutandoli ad essere vera espressione degli elettori. In secondo luogo, questi nuovi organismi non si potranno sostituire al Consiglio, alla Giunta ed al Sirldaco, cui spetta, per

legge, di amministrare un_ ~ mune. Possono però cosntu1re ottimi strumenti perchè, attraverso continue proposte, Consiglio, Giunta e Sindaco r?ssano mePLio orientarsi nella (jlUngla deio problemi comunal"1, Sdpen-

do, ogni volta, cosa ne pensa la pubblica opinione. Ultimo confine all'auivn:ì dei quartieri, attraverso Con.sigli_ ed Assemblee (finchè sono 10 vigore: le attuali leggi che regolano La vira amministrativa di un Co-

così la pensano Quali promotori di tm discorso sui Consigli di Quartù:rt:, già sviluppato al nostro intt:rno t:d ancht: con altre forzt: sociali- operanti nt:l Codroipest:, ci sentiamo di dover rispondere all'invito fatto dal vost1·o pt:riodico. Rijt:rcndoci alla c Lettera apt:rta sui Consigli di Quar~ ticrc c di Frazione , da not pubblicata il 29.8'75 t: alla quale adcrÌ1'0no la F.l.M. c diversi Gruppi e Circoli del Comune, vorremmo fare alcunt: prt:cisazioni, alla luce anche dt prese di posizione più o meno esplicite da pa~t~ di partiti c altre forze soctalt operanti in loco. Non intendono, le nostre, t:ssere obiezioni riguardanti questioni tt:cnichc cd organizzativc, ma si n"fcriscono all'impostazione di base dei Consigli di Quartit:re, cons~­ dcrano in unso globalt: rl regolamento. In esso,_ rnfatt~, ci umbra si tolga at Constgli di Quartiere la loro caratteristica essenziale, di essert: cio~ un momento di effettiva democrazia di base. Ctò è ovvio, la funzione di c mpprt:scntart: , i cittadilli spetta al Consiglio comunale. Per i Con.figli di Ouartiere e di Fraziont:, in;ect:, rivendichtamo una strutturazione nt:l!a quale al primo posto per ,: dttadini ci

sia la possibilità reale di « partecipar·e , alla vita pu!J:

blica, di discutere le propne esigenze e di far/t: prt:~en~i con chiarezza al ConStglzo comunale stt:s.so. Affwchè ciò possa avveni~ re, nella sopra-mt:nziollata c Lettera aperta ,, tra le aitre cost: si propone, ad esempio, che l'elezione dd consiglieri non avvenga per nomit~a di partito, ma attraverso liste formatesi liberamente, e che le decisioni deii'As;emblea siano assolutamt:nte vincolanti per il presidt:nte. Qrusto modo di intendere i Consigli di Quartiere permt:tterebbe, a nostro avviso, di superare una visione (della realtà politica localt:) che pretende di esaurirt: tutte le istanze sociali nei partiti, mt:ntre la maggioranza dt:lla popolazione, a Codroipo come altrovt:, non partt:cipa all'attività di quuti. l n dt:jinitiva, i Consigli di Quartit:re e di Frazione pott·arulo diventare per tutti momento di mcomro, di dircuuione, di proposte t: validi intt:rlocutori del Consiglio Comunale solamt:nte st: saranno regolati ,·on ordinamc1ltO democratico che riIpt:tti la bOJc. Circolo A.C.L. I. • Codroipo sl associano F.l.M. e Gruppi cultur ali del Codrolpese

A CODROIPO

finalmente PAL

IN VIA CANDOTTI, 38

(sistema tedesco TV color)

la

BOTTE&A D'ARTE

dalla Germania ....

GRUNDING color •

.... a Codro ipo da

CORNICI

SU MISURA

Renato Ottogalli

RESTAUR I ESPOSIZIONE QUADRI

Via Roma, 64

L

Telefono 91298

DI PITTORI LOCALI

m une), è il loro carattere c consultivo ) . che non vuol dire che non conteranno niente. Al contrario, non potremmo nemmeno immaginare quanta forza di pressione avrà la volontà di un'intera popolazione espressa dai Quartieri e portata in Consiglio comunaJc:. Ecco perchè, oltre che preoccuparsi dei dettagli tecnici di come questa vol oma' . potra' ~strinsecarsi e arrivare m ConSlglio, converrà capire che il vero obiettivo è di [niziare al più presto l'attività dei quar-tieri.

n

Non che la cosa si presenti facile. Bisognerà, qualche sera, cominciare a togliersi le paolofole, a spegnere la. televisione (tanto per quel che ~>Ì perde!), a inconLrarsi con g l[ amici del Quartiere:. Bisognerà imparare a valutare i problemi nella loro complessità; avere il. cora~g~o ~i esprimere le propne oplillonl; abituarsi anche a parlare Ulllo alla volta e soprattutto ad ascoltare gli altri; a confrontar~ la propria idea con quella degli altri; a contarsi ogni tanto, senz~ togliere il saluto a chi magar1 ci mette in minoranza. La cosa-, davvero, non si presenta facile. Ma forse tutto questo potrebbe essere c l'ultima spiaggia ), al di Jà della quale non esistono decisioni che ci vedano tutti protagonisti n~ dsol vere i problemi che abb1amo insieme. Sono cose: che avranno bisogno di tempo, anche per essere apprezzate da chi ora ~e ri trae, senza saperlo, vantaggJO. La democrazia, che vuoi dire (~ la nostra idea fissa) c crescere insieme > richiede tanta pazienza, re..~ponsabilità, coraggio. Tempo, Sindaco, ha chiuso una legislatura con l'istituzione dei Quartieri e ne ha aperta un'altra con il loro avvio. Adesso tocca a noi. Ad ogni cittadino. L'importante è partire col piede giusto.


Genitori, nonni, parenti di tutti i ba1nbini del Codroipese

per i regali di S. Lucia rivolgetevi al

Grande assortimento

''GIOCATTOLI''

NUOVO CENTRO COMMERCIALE

Vâ&#x20AC;˘ia Candotti, 33/ B - Codroipo- Tel. 904262

Assortimento completo

Lettini - Box - Seggioloni

" Cosatto"

Carrozzelle - Passeggini - Sacche - Portainfanti e

ogn~

"Inglesina"

altro arredamento per la camera del bambino

7


chi rievoca Candotti? La vita culturale a Codroipo non bri:Ua sempre di luce propria, nonostante la strombazzata presenza di circoli pseudoculturali che con la cultura non banno proprio nulla da spartire. Caso mai, talvolta, capita che ~i Ulumini d i luce ri tlcssa, come nelle 1n.iziaù ve della Pro loco. ln questa plaga desolante emerge però una iniziativa il cui carattere culturale è indiscu~so. Parliamo del coro 4: G. B. Candotti ) . Sorto quattro anni fa e portato dal suo direttore, il maestro Gilberto P·ressacco, a liv~lli discreti nella sua espressione corale, ma ind u bbiamente ottimi per qua,nto riguarda la preparazione individuale, sia dal punto di vista tecnico vocale che dal punto di vista della culrura m usicale. il complesso codroipese è stato il primo, nell11· provincia di Udine, a impegnarsi nella difficile interpretazione ed esecuzione della musica polifonica a voci miste. Dd re5tO è lo scopo stesso per cui è nato: dare una cultura musicalt: nel senso più ampio possibile ai suoi componem-i. Con lo studio della musica e del canto, dalle monodie medievali ai modern i Stra wi nski e Eoulenc, i corist1 codroipesi hanno ripcrco~o le tappe dell'umanità anche dal punto di vista storico, sociale, religioso e politico, ar'l'iccchondo indubbia m t'n· te le proprie conoscenze e il proprio bagagl·io culturale. Su questa tematica storica si basa· no rutti i loro concerti. E' i·nfatti un dt.ritto (così la pensano coristi e direttore) non solo di chi s i applica studiando c ca·ntando, ma anche di chi a!:<:olta i concerti, d1 accedere alla m usica non solo per godimento estetico, ma anche e soprattutto per partecipare coscientemente a un fatto culturale. n cammi·no intrapreso dai cantori di Codroipo non si fermerà però agli au tori <id primo Novecento. L'evoluzione della musica sarà seguita fino alle opere di avanguardia. Anche questo in ossequio aJia semplicissima teoria dd diritto di chi canta e d i chi ascolta di ampliare q ua nto più è possibile le proprie conoscenze nel campo mu-

8

sicale. In occasione dd centenario del la morte ili Giovanni Battista Candotti, che catlrà nel 1976, il coro codroipesc:. che ne porta con dignità il nome. preparerà una sua celebrazione, al di fuori delle previste celebrazioni rc:g.ionali, completand o. per quanto possibile. il ciclo storico-musicale del suo repertorio. I coristi ccdroipes1 celebrano infatti già da tempo l'autore conterraneo, presentando i suoi bran~ più sig n ifi cativi nei vari concerti e facendolo conoscere sia in ltalia che alresrcro. E' merito. del resto. della corale di Codroipo se il Candotti viene cantato oggi i.n Polonia, in Belgio, in Danimarca e in altri paesi. Partecipando al concoiTso internazionale di Gorizia con un brano dd musicista codroipese, a otto voci, i coristi hanno attirato l'interesse dei numerosi musicisui ita~iani e straruen presenti alla rassegna. ai quau hanno distribuito biografie e spartiti dell'autore. Pùèo importa quinJi a·i culto r i codroiposi dolla m usica corale se al loro posto, a far parte del comitato promotore delle

A RINO PALUDO ... IN MEMORIA di Amedeo Giacomini

n fuoco

tlell 'alba [ aU'orizzonte, la sfera bla.nco-.nebbia [ negli occhiali che devastavano ·il vollO.... l'i.n1 peccabile tria ngolo [ d'anatre a pelo d·acqua inseguite, come raggiungae fosse [ raggiungerle .... il volo!. ... Una spera nel [ vuoto, un mònito, forse un destino? Fu rni.sura di vita [l'immenso e lo fu per te. non Fleba~ [Fenicio, ma terrestre uomo di pena, morto per acqu{l, for~e per [~iuoco,

come chi (non sapendo) della vita odia il n ullardenaro [ che aliena.

manifestazioni candottiane, sono -.tati chiamati dei circoli culturali (?) come il L uigi Smrzo o l'associaz ione Medio Friuli. E:ssi continueranno a onorare il m usicista conterraneo impegnandosi con Ja massima dedizione nel valido e. perchè no, ambizioso programma che si sono prefissi.

CENDAMO E DIDONE IN UNA GALLERIA IMPROVVISATA

P~r

ht prima volta Codroipo possi~d~ una gall~rùt d'arte. S1 tratta di una imziativa dci giovani artisti Antonio Ccndamo ~ Piugtovanni Dtdon~ eh~ hanno pr~s~ntato /~ loro ultim~ op~r~ in un ~x n~gozio di via Roma, a11unlm~nte in atusa di un cambio di gestione, sistemato decorosam~nt~ per ospitare la mostra. Chi sono i due artisti? Di Antonio Ce!1damo, codroip~s~. il critico Fotti~sa dice testualm~nt~: ' La travagliato ricerca lo fa approdare a una sorta di Hmbiologia (/aCI/menu rzbalrabil~ sul ptano filosofn·o) che nelle ultimissime opere appare totalm~nf~ ~vidente. c~ndamo sottolin~a il ttalor~ universale della Mat~ria che la soci~tà, suo malgrado, ha sCisso m valer~ gerarchici: a questo è docmta l'az ion~ di r~mpero di oggetti e ,·ose di poro valore che l'artista dispon~ in simbiosi con l~ cromature the t•artano a s~conda della pred1sposizion~ organica .druttural~ della materia rc:cuperata ». A parlare inv~ce di Piergiovanni Didone, c/1~ o Codroipo pr~sta grvizio militare, e che pr~senta un'unica opera, su quattro pannelli, è il cntico Micozzi. 'Sono immagini, qu~llc di Didon~. di uomini - b~lva. sempre pronti ad aggredire qualcuno. Le facce stravolt~ di questo nuovo tipo di uomo d~gli anni set· t1Z11ta accusano anche la m is~t·e­ vole espr~ssione di chi, preso dal giro di valzer dd/a storia, ? vittima, suo malgrado. ùllc az10ni incontro/late, illogtche di cui ? autor~

».

La mostra rimarrà aperta fino alla fine del mest:.

AlDO: UNA SEZIONE ANCHE DA NOI?

Da parecchio rempo so che esiste un'organizzazione per la donazione <li organi. Vorrei i\Crivermi ma non ho mai avuto l'occ.asione d~ sapere dove sia la ~ua sede. Mi rivo lgo a Voi nella speranza che mi facciate sapere l'indirizzo che cerco. Vi ringrazio an ticipatamente pe-r l'attenzione. Fabio Peresan lutl:uo 75 Codroipo

La pres1denza naztonale d~l1' Aido ( Auocinzione italtallfl domuori ot·gani J ha sede a Bergamo, Ù! piazza Duomo 8, rt!lefono 035 1122.167. Rivolg~ndos1 a quuto indtrizzo potrà ottener~ tlltle lt: mjormazioni chr le possono interet.rart:. c Il Pome • auspica che l'interesu da le1 dimostrato vt:rso la meritoria auociazione ne favorisca t'istitut.lont: di una sezione anc!te nel nostro Com une.

CI NEMA VERDI

Novembre 21 -22-23 Piange il telefono 28-29-30 Noi non siamo angeli Dicembre 5- 6 -7 Buttigl ione divenrta capo del Servizio segreto Lupo dei mari 8 12-13-14 Carambola 19-20-21 Corruzione a palazzo di giustiz ia CINEMA VITTORIA

Novembre 22-23 M Ha no tirema: 'la polizia vuole giusti~ia

29-30 Profondo rosso Dicembre 6- 7 Et mou r ir de des lr 8 L'albero dalle foglie rosa 13- 14 Dove vaoi senza mutandine 20-21 Prova d'amo re


don antonio marioni parroco di lutizzo lino al JC}36, anno ÌJl cui fu tra· J>fcrito come coadiutore a Flaibano. Nel 1941, alla morte dell'allora parroco don Pallavisini, la comunità flaibanese, pur di vedersi confermato in quelJa carica il cappellano don Ma.rioni, rinw1ciò all'amico privilegw di ~celta ~ul nominativo del proprio pa~tore.

Il cc FOGHÉR D'ORO ,, IN V ILLA MANIN

(M te helouo 1

Festoso mgrcsso. a luùzzo. del nuovo parroco don Antonto Marìoni, che. dopo 39 an111i. ha lasciaw la parrocchia di Flaibano. Il sacerdote è -stato accolto nello piccola chiesa del paese dai confratelli della forania. con l'arctprcte di Codroipo mons. Giovanni Copoluui dalle autoritù ci\•ili, fra le quali il sindaco prof. LUJJ(ino Tempo e i consiglien comunali della frazione e dalla popolazione. La con~eg na uffictale della parrocchia di Sa11 Marco è stata iarta dn·ll'arciprete C'.opolurti, dopo la let•lura della bolla con cui I'Arcivesco,•o ha affiùaro a don Mariom il nuovo incarico. Durante la solenne concclebrazione con i ac<:rdoti della forania. il nuovo parroco è ~taw salutaw clalle autorità ci\·ili e dai rap· pre~enrant1 clelia p<Jpolaz:one che gli hanno fatto dono di una preziosa ediztonc dd breviario in lingua ital iana. Don Antonio ha s~lu tato commosso i nuovi parrocchiani, ricordando con particolare calore i componc:nri della comun.tà parrocchiale di Flaibano, che ave\'a salutato nd· la mattinata e che. numerosi. lo hanno accompagnato a prendere posse~so della nuova sede. Alla presenrazione del nuovo parroco. f~tta da mons. Copolutti, è ~eguita, al termine della cerìrnonia religiosa di insecliamemo, quella del rag. Picco, ex sindaco di Flaibano. Don Anronio Marioni è nam a Gagliano di Cividale nel 1910. Ordinato sacerdote nel 1933, ha iniziato la sua attività pastorale a Latisana. clove fu cappellano

PatrocUlata dalla Pro loco Villa Manin - Codroipo l>i è i>VO!ta nel ristorante del Doge di Pa.ss:lliano la nona ediztone del c FOj{hér d'oro •, concorso gastrono~co fra i ristoranti ddle T re Venezte. T redici i concorrenti. in rappresentanza di altrettante pronnàe. sdeztonaoi dalle ~zioni provinciali ddl'Accaclemia ttaliana della cucina. Il r Foghér d'oro • 1975 è ~tato vinto dal ristorante 12 Apostoli di Verona con una crema <.h zucca. Scopo della manifestazione il nconoscimemo a quegli e~erccnu che hanno saputo abbinnrc l'i ncremento del reddito in' iduale e lo sviluppo del mo'mento t uristico mediante una mtelligente azione eli rec upcro det ~usci e delle consuetudini culin.aric. e con J'i.n\·enzione e la :.celta di una gastronomia im· prcntata a un carattere semplice e odoroso. sempre volta a conservare ai cibi l'impronta profonda della natura.

VISITATA l 'ASTA DALL'ASSESSORE CAMPANO PER l 'AGRICOLTURA Nel corso della sua visita pri· vata io Friuli l'assessore reglonalc per l'agricoltura della Campanta. dott. Roberto Costanzo, ha assisttto a Codroipo alla set· timanale asta del bestiame tenU· ta nel nuovo padiglione appositamente attrezzato e costrui to dal Comune con il contributo statale. L'uomo politico campano è stato ricevuto dal preside nre degli allevatori codroipesi Attilio Brancolini e dal consigliere regionale Micolini, già presidente provmciale della categoria. i

quali gli hanno illustrato i lu· singhicri risultati ottenuti dagli allevatori locali mediante l'istituto dell'asta. che favorisce in· dubbi:u:nem<.: lo svil.uppo della zoo tec n ia nella zona.

IN BICICLETIA ATTRAVERSO LE RISORGIV E Domenica 28 settembre ha avuto luOJ!O una scampagnata in bictcletta organizzata dall'A~· sociazione ~ Le 4 Fontane • in collaborazione con la Pro loco f Villa Man in •· Prt:ceduu <.: ~e­ g uiti da furgonòni che:- g:tran• tivrulo J riforn tmemi e l'a~~i· stenza. i partecipanti hanno trascor~o qualche ora di lieto ~\'a• go percorrendo lc zone naturali più caratteristiche dt Codroipo. quelle delle Ri~orgtve. H anno iniziaro il percorso dalla ~uggesciva via dei .\1olini eli Codroipo. Raj(~i u ma la Sau

GLI ANZIANI FESTEGGIATI DAl DONATOR I

Martino - Lonca (o c Levada »), superati i ponti sul torrente Corno e sul poetico Ghebo, la com i ti va si è i<n.ol tra'la nel territorio clelia ex- Carriera di Passanano. Si è q uindi spinta lungo la strada del Parecchio fino al confi·ne col Comune di Varmo, lasciando sulla sua sinima q uello c he è rimasto della c fomc Maschia • · famosa nei tempt passati ed ora ingabbiata nei canalGni artificiali degli allevamenti irtici. Dopo una breve sosta nei pn:... ~i ùi un lagheuo, è ~lato npreso il cammt no in dir.:zione nord e. ragg-mma nuovam<-ntc la strada c~~nunale ~ Levada :t. i c ciclolongh b..i » si :.ono diretti verso San Martino. Superato il moLno Caeran. ancora atuvo, 1 gitanu hanno artraver~ato la zona denomtnata c Blasis:. uscendo poi sulla strada provinciale dd Varmo. Rientravano però tJuasi subito neJla 10dllttà c Ac· q ua Bianca» lAghc Blancje), dove hanno pot uto osservare le pure acque sorgive mncora rimaste intatte e si sono inoltrati nella zona dd futuro c parco ùelle ~oraulis ~. previ.!>tO dal nuovo pi:tno regolarore di Coùroipo. Qwvi, raggtunto un prato, è stata fatta una sosta per rifocilLarsi. infine, la comttt\'a, ~e· ~ uendo la strada che 6ancheg· ~i a per un t ratto il torrcnt:: Agreal (Aghe-real), è uscita sulla circouva Uaziane sud (o Ja lis Moraulis) e. nei pressi delle 4 Pontane si è sciolta.

CHIUSE DUE SCUOLE : GASTROENl'ERITE E INQUINAM ENTO

( M•chelotto)

E' stata una serata decisamen· te allegra quella offerta dai donatori <:lt sangue della sezione Afds di Codroipo agli anztani o~piti della Casa di riposo 4 Daniele Moro •· Fra le numerose persone d1e hanno approfittato dell'iniziativa dei donatori per trascorrere qualche o ra di serenità a.ssieme ai rico verati, il sindaco prof. Luigino Tempo. L'allegria ha trascinato naturalmente anche il personale, sì che una dcllc suore, nella foto, non ha... resistito all'invito di un anziano cavaliere.

Dieci casi di ga~t roenterite registrati a Pcrzzo hru1no indotto l'ufficiale sanitario del Comune, dott. Giangabriele Maz.zucco a sospendere per quattro giorni le lezioni nel locale com· plesso scolastico. TI provvedi· mento ha <:onsentito di accertare Je cause dell'evento e di provvedere in merito. A Biauzzo i·l medico provinoialc ha imposto la chiusura della scuola a tempo pieno a causa dell'inquinamento regi•strato nel· l'acCj ua dei rubineuti (attinta da un pozzo artesiano). Gli operai del Comune hanno perforato il pozzo stesso portando il pescaggto a un livello di trenta metri di profondità come ordinato dall'autorità sanitaria.

9


aero m o d e Il i s t·i : creatività e cultura Pochi, ma indubbiamente buoni. Anche se hanno il sapore del Luogo comune, questi an.riburi ben si addicono agli aeromodellisti codroipesi. Da otto anni, esattamente dal + novembre 1967, i giovani appassionaci di questo particolare hobby hanno futlo le proprie forze per m.:gliorare le rispetti\'e conoscenze tecniche, le capacità operative, per dividere m eglio il carico finanziario, ma soprattutto per trova.rsi in una nuova iam.glia in cui parlare, discutere e sperimentare assieme, m quel campo che ognuno di essi ha com preso essere il più adatto alle proprie caratteristiche e capacità, nonchè alle proprie aspirazioni, i!Jl cui tutti 36sicmc sentono di potersi realizzare fuori dall'ambito delle occupazioni usuali, scuola o lavoro che siano. Chi sono gli aeromodellisti codroipcsi, come operano, quali i loro programmi? Pre.s<:mtarli tutti no n sarebbe una d ifficoltà, dato eh<; come si è detto, sono pochi: soltanro diciaiSsette, fra aeromodellisti attivi e allievi. ll numero ]imitalo sign.Jìca, a nostro avviso che per approdare nel gruppo è necessario avere delle predisposizioni, anche se nel corso della recente assemblea, qualche socio, un po' polemicamente, ha accus-a.to i genitori di preferire che i loro figli entrA1o in ambienti sportivi..... d'élite, per mettersi in mostra nei confro.n ti delle persone che sono alla guida di tali altri gruppi. Un'accusa questa che non ci sontiamo di avallare dci tutto,

ma che, indubbiamente, ha in qualche caso delle fondamenta di verità. Ancora i genitori sotto accusa quando si dice che molte madri temono per l'integrità fisica dei figli messi a contatto con dei motori e delle eliche che, pur nel loro piccolo, possono i n effetti far male. Certo è, ·dicono gli aeromodellisti, che queste remore vengono automaticamente annullate dai mille e uno vantaggi che la specifica attività comporta: innanzi rutto il grado di istruzione che immancabilmente produce, l'evoluzione creativa cui è soggetto ognuno che pratica q uesto hobby, e, assieme a una crescita culturale e operativa, la tranquillità morale. La recente a-ttività del Gruppo aeromodellisti codroipe..~i, pur ufficialmente sin tetizzandosi in alcune gare e dimostrazioni, 5i allar:ga a un elevato numero di ore c lavorative » nella progettazione, nella costruzione, nel collaudo di numerosi aeromodelli radiocomandati, filoguidati e a volo libero. Impegni scolastici dei suoi componenti hanno impedito quest'anno al gruppo la trasferta alla gara in·t unaziooale di Monaco di Baviera, dove nel 1974 si era classificato con nn cLavvero brillante quinto posto assoluto. fn compenso, l'eccezionale successo ·della gara nazionale di Villa Manin, tèrza prova del campionato italiano di Combat. Nei programmi -del gruppo, illustrati dal presidente Graziano Ganzit, un ulteriore svilup-

domeniche 11, 18, 25 gennaio e 1 febbraio. La quota del corso, comprensiva del viaggio in autocorriera, sarà di 20 mila lire.

po e impegno nell'attività propagandistica a favore dell'aeromodellismo, attività che si esplica con delle manifestazioni sui campi sportivi, dove gli aeromodcllisti codroipesi riescano a dare spettacolo, nel vero senso della parola, per tre o quattro ore. poter raggiungere tale fondamentale obiettivo il gruppo necessita però di un campo per gli allenamenti invernali, uno spiazzo possibilmente piatto, che l'assessore allo sport, Calligaris, presente all'assemblea, ha promesso di far loro ottenere.

?er

Le domeniche riset·vate ai corsi saranno occasione per .soci e simptltizzanti per trascorrere una giornata in montagna: avranno anche l'aspetto infatti di gite sociali, come quella che il sodalizio effettuenl a San Martino di Cast1·ozza il 15 febbraio e a Corvara, in Alta Val Badia, l'll marzo. Le iscrizioni allo Sci club Ft·iuli, al corso di sci e alle gite .sociali, si ricevono presso il negozio Mercerie Bemava in via Italia o presso il bar Fontanella in piazza Garibaldi. La sezione codroipese dello

CORSI DI SCI

Sci club Friuli intende con la

E GITE SULLA NEVE

prossima stagione far svolgere i Giochi invemali della gioventù anche ai ragazzi di Codroipo.

E' stata rifondata a Codroipo la sezione deflo Sci club P,·iuli, già operante con discreto successo qualche a1mo fa. La sezione sciistica codroipese prevede per T'anno sociale 1975-76 un corso di sci per principianti e alcune gite. La quota associativa, di 5 mila lire, darà diritto al distintivo di stoffa dello Sci club Friuli, alla tessera Fisi, all'abbonamento della rivista "Sport invernaLi", ma soprattutto a consigli e all'assistenza per l'acqui.cto di equipaggiamenti e mata-iale per la [n"Citica delfo sci. Il corso per principianti si svolgerà a Ravascletto, alla scuola di Sergio De lnfanti, il noto conquistatore di Cima Ft·iuli nel Sarahgrar, nelle

è presto natale La pubblicità sul nostro periodico

è il mezzo ideale per presentare le Vostre novità.

BORTOLOTTI ASSISTENZA RICAMBI VENDITA

Viale Duodo, 2 - CODROIPO - Tel. 91041 E' PIU' COMPETIT IVA ANCHE NEL !?REZZO

RENAULT

850 cc - 950 cc - 1300 cc RENAULT R5


MEDICI DI TURNO

Dr. EJgardo l':icolini - telefono 90 l i5: 23 novembre e 21 dicembre; Dr. SalvatOre Biuso - telefono 90092: 30 novembre; Dr. Mario Giacomarra - telefono 91019: i dicembre; Dr. Luigi Fabris - telefono 91072: 14 dicembre. li servizio medico festivo inizia alle ore: 14 dd sabato antecedente la domentca indicata c: rerm111a alle o.re 7 del lunedì seguente. FARMACIE DI TURNO

Dr. Sabatclli - Via Roma te!. 9 1048: dal 16 al 22 novembre, dal 30 novembre al 6 dicembre, Jal l 4 al 20 dicembre (festivo c notturno); Dr. Ghirarùini - Piazza Garibaldi - tel. 9 1054: dal 23 al 29 novembre, Jal i al 13 dicembre (festivo e notturno).

Dr. Luigi Orzan - F laibano te!. 869019: 30 novembre e 21 dicembre; Dr. Renato Gruarin - Codroipo - tcl. 91l 44: 7 dicembre. ORARI FF.SS Partenze per UDINE Locali : ore 6.05 - 7.18 -

8.23 - l 0.07 - 14.07 - 14.38 17.14 - 17.54 (solo feriale)18.41 (escluso il sabato e 'i giorni festivi)- 20.01 -21.18 - 23. 16. Diretti: ore. 0.43 - 6.22 (escluso il s·abato e i giorn i festivi) - 11.03. Direttissimi: ore 6.49 (solo il sabato e i giorni festivi) -12.34-15.42-18.11 - 22.37 - 22.53. Partenze per VENEZIA Locali: ore 3.54 · 6.24 6.55 - 7.27 (solo feria li ) -

l 0.58 . 13.53 - 15.29 - 16.50

VETERINARI DI TURNO

(solo feriali)· 18.13- 19.20. Diretti: o re 5.57- 12.10-

lk Venanzo Andreani - Bertiolo - te l. 917022 : 23 novembre e 14 dicembre;

16.26 . 20.58 - 21.42. Direttissimi: ore 5 .25 9.03 - 12.51.

CODROIPO

LE PENSIONI INPS DAL 1° GENNAIO 1976

E' in corso eli emanazione: il Decreto Ministe.riale che stabilirà gli ~umenti della scala mobile per le pensioni lnps secondo il nuovo sistema introdotto con al legge n. 160 del 3 giugno scorso. Gli aumenti decorreranno dal ] gennaio 1976 e si aplicano alle pensioni a carico dell' Assicurazione generale obbligatoria e delle Gestioni speciali lnps, nonchè alle pensioni sociali, sul la base di diversi criteri. l nuovi trattamenti minimi saran no fissati nella misura di L. 66.950 mensili per i pensionati dd Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle Gestioni speciali lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni, mezzadri, artigiani e commercianti). L'attuale misura è di Lire 55.950 al mese. L 'aumento corrisponde allo scatto facto registrare dalla media dei salari degli operai dell'industria. Le pensioni al di sotto dd minimo 0

BASKET

e quelle supplementari (erogate cioè dall'lnps a coloro che: sono titolari di altra pensione) avranno un aumento pari al 20,50%, essendo ancorate all'indice del costo della vita. Discorso a parte per le pensioni superiori agli auuali minimi: queste avranno un aumento in misura fissa, uguale per tutti, di 18.000 lire, cui si aggiungerà Wl altro aumento - in misura percenruale - pari al 6% della pensione di cui sono titolari. Per una pensione di 100.000 lire perciò, l'aumento sarà di 24.000 lire al mese. Anche ·l e pensioni sociali ai cittadini ultrasessantacinquenni subiranno un aumemo. passando dalle attuali 38.850 lire mensili a 46.800, corrispondente all'aumento del costo della vita. Analogo aumento del 20,50% sarà applicato alle pensioni corrispos te ai ciechi civili, ai sordomuti, ai mutilati e invalidi civili, cui è stata recentemente estesa la stessa disciplina in vigore per le pensioni sociali.

CL·UB

Questo è il nostro programma ... ATTIVITA' MASCHILE • • • • • • •

Campionato Serie D Campionato Juniores Campionato Cadetti Torneo Pr1imavera Campionato Alli evi Campionato Ragazzi Trofeo Propaganda

ATTIVITA' FEMMINILE

• • • • •

Campionato Promozione Campionato Juniores Campionato Allieve Campionato Ragazze Trofeo Propaganda

CORS I MIN IBASKET GRATU ITI PER l NATI

1964 - 65 - 66 - 67 - 68

... realizziamolo insieme

CAMPAGNA SOCI 1975 - 1976 11


il ponte 1975 n. 07 novembre  
il ponte 1975 n. 07 novembre  
Advertisement