Page 1

illustrazione www.illustrazione.ch

TICINESE

RIVISTA FAMILIARE DELLA SVIZZERA ITALIANA

N째 7 - 15 GIUGNO 2007

REPORTAGE Le vostre immagini del nostro territorio SONDAGGIO Vacanze da sogno

GIOVANNI MERLINI Timoniere per passione


Ruf Lanz

Swiss Yoga, esercizio 1

Il latte rinforza le ossa.

Il calcio contenuto nel latte contribuisce alla formazione e al mantenimento di ossa sane nei

bambini e negli adulti. Bastano 3 porzioni al giorno fra latte, formaggio e yogurt e anche voi avrete ossa sane e forti. E non solo: il latte è anche un prodotto naturale svizzero, come certifica il marchio di provenienza Suisse Garantie. Maggiori informazioni al sito www.swissmilk.ch


SOMMARIO

IN PRIMIS I nostri fiumi e i nostri laghi sono bellissimi, ma spesso nascondono insidie per chi non li conosce a fondo, e soprattutto per i turisti. Per questo motivo, da diversi anni il Cantone promuove una campagna di sensibilizzazione nella speranza di ridurre una cifra funesta che, proprio grazie anche a questa campagna, negli ultimi anni sta vedendo una netta flessione. Negli ultimi vent’anni, gli incidenti nelle acque ticinesi sono stati complessivamente 520, e i decessi 224. In media quindi

11 persone annegano ogni anno nelle nostre acque. Le acque gelide, i sassi sdrucciolevoli, le forti correnti, le cascate e i temporali che possono cambiare la portata d’acqua in brevissimo tempo, sono pericoli da non sottovalutare. Dei 224 decessi infatti, 130 sono avvenuti durante lo svago e il tempo e tra questi, in 67 casi la causa è stata congestione. Affinché una felice scampagnata non si trasformi in un’irrimediabile tragedia, è perciò indispensabile l’assoluta prudenza, soprattutto quando ci sono bambini. E proprio i bambini sono spesso vittime. In questa statistica, purtroppo in 18 casi si è trattato di bimbi sotto i 10 anni, 8 sotto i 5! Al sito del Cantone (www.ti.ch/DI/temi/fiumisicuri) si trova tutto ciò che bisogna sapere per non incorrere nei pericoli. Poi però, i nostri laghi e i nostri fiumi sono anche in grado di svelare paesaggi da mozzare il fiato, e poco hanno da invidiare a paesaggi più esotici. Basta usare la giusta prudenza per poterne godere appieno. Buona estate a tutti, ci rivediamo a settembre!

La redazione Fonte: Claudio Franscella, Fiumi più sicuri, Repubblica e Cantone Ticino. Polizia Cantonale Lacuale.

Troverete la prossima edizione di lllustrazione Ticinese, nella vostra bucalettere a inizio settembre.

4 Fuorionda Questione di naso

6 Ma tu lo sai? Una risposta ai tuoi perché

8 Scriv in dialètt Sem nai in Argentina cunt i “Cantori”

10 Scelti per voi La rubrica a misura di lettore

12 Verso Valencia Lo spirito del… vento

18 Abbiamo mangiato a… Sorengo: da Martin Dalsass

21 Buon appetito

12

È di nuovo tempo di ciliegie!

24 Tendenze L’estate è servita!

27 Cani, gatti & co. La carica dei… 101 gatti

29 Salute Gengive in buona salute

32 Viaggi Yali, un amico col perizoma (7ª parte)

37 Penne, pennelli e pasticci Il dondolario

42

40 Destinazione famiglia La Svizzera di una volta

42 Reportage Dalla mia finestra

46 Internet Famiglie, giovani, anziani… consigli, trucchi e siti web utili (2ª parte)

49 Sondaggio La mia vacanza ideale è…

52 Sport Voga, voga… (Pura è l’onda, il vento tace)

57 Motor Time Gli scooter conquistano la Svizzera Anno 2015, emissioni zero

63 Oroscopo Le previsioni di Cloris per l’estate

66 Cruciverba Caccia al personaggio

52

IN COPERTINA: Giovanni Merlini (foto Rémy Steinegger)

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

3


FUORIONDA

S

i dice di Gogol che andasse fiero della sua capacità di toccarsi la punta del naso con il labbro inferiore, impresa degna di un contorsionista. Il grande scrittore russo poteva farcela per via della sua insolita elasticità facciale, ma soprattutto grazie a quel promontorio a becco d’uccello volto all’ingiù con il quale, a giudicare dai ritratti, terminava il

senza naso… Il suo connazionale Vladimir Nabokov, il celebre romanziere di “Lolita”, ha scritto pagine di erudita disquisizione sulla cosiddetta “olfattività” di Gogol, nelle quali spiega come l’ossessione per il naso risulti a buon diritto una prerogativa russa, poiché il naso ha affascinato la mente di questo popolo ben prima che l’autore delle

QUESTIONE

DI NASO “Se il naso di Cleopatra fosse stato diverso, probabilmente sarebbe cambiata l’intera faccia della terra…” (Blaise Pascal). testo Roberto Rizzato

suo naso. Non per niente scrisse addirittura un racconto, “Il Naso”, nel quale il protagonista scopre un bel giorno che il suo naso lo ha lasciato. In una sequenza precorritrice del Surrealismo, Gogol ci sorprende e insieme ci rattrista, ma soprattutto ci diverte, narrando le vicissitudini di quel naso ardimentoso che decide di “vivere la propria vita”, balza su di un carro per cercare fortuna nel mondo e si lascia dietro il legittimo proprietario a rimirare nello specchio, costernato, il proprio nuovo volto, piatto e desolato,

4

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

“Foglie Morte” scrivesse questo suo racconto sul naso fuggitivo. Apprendiamo così che i russi, più di altri, fanno riferimento al naso nei proverbi, nei detti e persino nelle battute umoristiche: se sono depressi lo abbassano; se sono euforici lo tirano su, se hanno poca memoria vi incidono un segno come promemoria, così come un tempo da noi si usava annodare il fazzoletto (cosa che riesce indubbiamente meno bene con i moderni kleenex); all’arrivo di buone nuove il naso pruderà, mentre se sboccia un nuovo

amore ecco che un foruncolo sul naso lo rivela al mondo. Il naso ha le sue leggende e i suoi miti. Da che mondo è mondo si ritiene che il naso riveli il carattere di una persona e finanche, nel caso del maschio, le sue dotazioni sessuali. Secondo la fisiognomica (la pseudoscienza che pretende di individuare i caratteri psicologici e morali di ogni persona dai suoi lineamenti, per la serie “il volto è lo specchio dell’anima”), il naso lungo rivela profonda sensibilità, temperamento originale, molto buonsenso, orgoglio e senso dell’umorismo. Il naso corto appartiene di solito a persone impulsive e disordinate. Il naso largo significa generosità, ma anche golosità e mancanza di complessi, per non dire sfacciataggine. Il naso sottile: personalità che ha bisogno di nutrirsi del calore degli altri, ma che spesso dà poco in cambio. Il naso all’insù rivela un carattere spontaneo, deciso e tenace. Il naso all’ingiù, o “aquilino” denota volontà, audacia e passione sotto un’apparente freddezza e indifferenza. Il naso prominente con la punta carnosa e rotonda è tipico di chi ama le comodità e il benessere, ma possiede una sensualità avida e poco generosa verso il prossimo. Una gobbetta sul naso appartiene alle persone inquiete, in lotta perpetua con se stesse per il controllo della loro affettività. Le narici larghe indicano un grande attaccamento ai beni materiali e anche una predisposizione per gli affari; mentre le narici strette sono proprie di individui che si rifugiano più volentieri nelle speculazioni astratte. Le ali del naso sono infine i barometri della sensibilità: frementi, rivelano una grande emotività e, a volte, una natura impaziente. È un “naso che scalpita”. Come voi che, forse, a questo punto vi sentirete letteralmente… presi per il naso! 


Per i più piccoli l’igiene è fondamentale: le lavastoviglie Electrolux assicurano un trattamento antibatterico per i biberon.

Massime prestazioni per i più piccoli Le lavastoviglie Electrolux non ammettono compromessi quando si tratta di qualità. E offrono perfino un trattamento antibatterico per stoviglie sensibili come ad esempio i biberon.

Quando il piccolo Luca ha veramente fame, il suo biberon si svuota in un lampo. Continuamente, ogni giorno. Da quando è nato, la sua mamma ha sempre molto da fare ed è anche più felice di poter contare almeno per il lavaggio delle stoviglie su un aiutante fidato. Infatti, la lavastoviglie Electrolux sa che per il bene dei più piccoli sono necessarie massime prestazioni: per questo motivo è possibile con la funzione «Anti Bac» sottoporre le stoviglie sensibili, come biberon, ciucci e posate per bambini, ma anche taglieri di ogni tipo, a un trattamento antibatterico per 10 minuti a 70°. Comfort e qualità senza compromessi Quando si tratta di comfort e qualità le lavastoviglie Electrolux non ammettono compromessi. Il comfort: i programmi completa-

L’ambiente ringrazia Nell’ambito dell’etichettatura energetica europea, quasi tutte le lavastoviglie Electrolux hanno conseguito la massima valutazione: la tripla A per il minor consumo energetico, la miglior efficacia di lavaggio e di asciugatura. Ancora una volta Electrolux si dimostra un pioniere in materia: grazie al tasto On/Off in futuro sarà possibile evitare il ricorso alla modalità standby. Questo consentirà di diminuire il consumo di corrente e di realizzare 33 cicli di lavaggio gratis in un anno.

mente automatici si adattano alla quantità di carico e al grado di sporco. Quando la macchina è caricata solo a metà, la quantità di acqua si riduce automaticamente. Altrettanto utile è un programma «Party» della durata di 20 minuti per bicchieri e stoviglie leggermente sporche: mentre gli ospiti sono ancora in casa, l’apparecchio ci rifornisce di stoviglie pulite. L’illuminazione interna integrata assicura anche durante la notte uno spiraglio di luce in cucina. La qualità: la valvola Aquastop fornisce sicurezza e previene danni provocati dall’acqua. Il carico e lo scarico della macchina sono inoltre comodi. Il cestello superiore «Easy Runner» non sbatte quando viene estratto, ma scorre dolcemente su guide telescopiche. Nella linea SL, i cestelli in acciaio cromato che non si arrugginiscono mai valorizzano ulteriormente il design perfetto. Per ogni situazione la giusta soluzione Un vantaggio decisivo è l’ampiezza della gamma offerta, ineguagliabile sul mercato, che spazia da un apparecchio compatto di 45 cm, pratico e salvaspazio, all’esclusivo apparecchio spazioso di 90 cm. Sia che si tratti di una famiglia, di una coppia o di un single: l’ampia scelta di lavastoviglie Electrolux consente di trovare per ogni situazione privata e abitativa la soluzione ottimale.


SAI PERCHÉ GLI INGLESI USANO UN SISTEMA DI MISURA DIVERSO?

Un tradizionale boccale per una pinta di birra.

Gli inglesi hanno adottato nel 1824 il loro sistema di misura, chiamato Sistema imperiale britannico, derivante dalle antiche unità utilizzate dagli inglesi nei secoli scorsi. Pinte, galloni e yarde però non si basano sul sistema decimale, ma sul numero 12 e i suoi multipli. Nel 1995 questo sistema è stato ufficialmente abolito dall’UE a favore del sistema decimale, ma ancora oggi gli inglesi si ostinano ad usarlo, nonostante i ripetuti richiami. Il sistema è molto simile a quello statunitense, anch’esso ufficialmente abolito, ma di fatto ancora in uso.

SAI COSA ASCOLTIAMO?

MA TU LO SAI?

1 2

3

1° Papito di Miguel Bosé 2° Minutes to midnight di Linkin Park 3° Call me irresponsible di Michael Bublé Classifica dei CD più venduti in Ticino, realizzata in collaborazione con City Disc, Lugano.

2

ALZARE LA CRESTA?

1

Si dice in senso figurato per indicare chi è troppo presuntuoso e arrogante. Deriva dal comportamento dei galli, che per ostentare forza e autorità, drizzano appunto la cresta.

3

1° Mille splendidi soli di Khaled Hosseini 2° Figlia del silenzio di Kim Edwards 3° Le inchieste del commissario Collura di Andrea Camilleri

Chi non conosce il nome della barca a vela più famosa del mondo? Ma forse non tutti sanno perché si chiama così. La parola alinghi è stata inventata da Ernesto Bertarelli quand’era bambino. La utilizzava con sua sorella per indicare qualcosa che fosse “à la fois tout et rien” (tutto e niente allo stesso momento). Bertarelli diede questo nome alla sua prima barca.

6

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

ALINGHI?

SAI DA COSA DERIVA

SAI CHI HA INVENTATO

Classifica dei libri più venduti in Ticino, realizzata in collaborazione con la Libreria Segnalibro, Lugano.

SAI COSA LEGGIAMO?

SAI PERCHÉ SI DICE

I CRACKER? Il pastore presbiteriano americano Sylvester Graham condusse una vera e propria crociata contro la sessualità e l'autoerotismo, che riteneva fossero causa di gravi malattie e conducessero a volte alla morte. Dal 1834 si dedicò all'alimentazione, sempre al fine di debellare i desideri sessuali. Quindi promosse il vegetarismo e intraprese una campagna contro la farina bianca a favore di quella integrale. Secondo Graham, i medici erano del tutto inutili poiché le malattie derivavano esclusivamente da una cattiva alimentazione e dalla lussuria. Professava moderazione sessuale (massimo 12 volte all'anno per le coppie sposate), eserciSylvester Graham zio e dieta adeguata. (1794-1851)


Salsafestival Switzerland, Centro Congressi di Zurigo. Senza fumo da febbraio 2007 Ogni volta che ricordavamo al microfono che il festival di Salsa è un evento senza fumo, esultava tutta la sala. (Thomas Stadler, organizzatore) Partecipare ripaga: www.bravo.ch

Senza fumo, per vivere meglio.


SCRIV IN DIALÈTT

O

hibò! Una deséna da dì, in dala segonda metà da april, inséma ai “Cantori delle Cime”, là in Argentina, cunt i concèrt a Buenos Aires (ala Borsa, quela di azion e di obligazion, e ala Casa Suiza), a Cordoba e Mendoza. Ma anca di esibizion (performance) al Tortoni (ul ristorant-bètola dala capital, indova la Storni, nassüda a Sala Capriasca, la sa trovava inséma a altri scritòr e intéletüai dal Südamerica), süla tomba dall’Alfonsina al cimitéri da Chacarita, in dala catedràl da Buenos Aires e in diversi gés. E pö ancamò in di bètolasc-ristorant, inscì

va la villa Antonietta lì in Bess, a Lügan, visin ai scöl, apéna tràia giò par fà sü un condominio). Ul Matteo l’è presidént dala Pro Ticino da Cordoba: a Buenos Aires, presidént a gh’è ul Spinedi, da Salorin, che al vegn giò, l’è discendént da una famiglia che l’ha fai tantissim par tegni sü “Casa Suiza”. Adess, a dì la verità, la “Casa Suiza” la gh’avress bisögn da quaicoss püssée d’una rinfrescada, par métela a pòst. L’è un puu malstranscia, ma l’è sémpar la nossa cà Svizera. Ul programa che ià presentàt i “Cantori”, cunt ul maestro Gabriele Brazzola (“do-

SEM NAI IN ARGENTINA

CUNT I “CANTORI” Mia domà i concèrt a Buenos Aires, Cordoba e Mendoza: ma anca incontrass e parlàg inséma ai emigrànt dala terza o quarta generazion. scrivüt dal Pier Baron

quand che rivava l’ispirazion. A Buenos Aires i gh’an dii ai “Cantori”, l’ambasciadoo svizer von Muralt in testa: “Sperém da vedév e sentìv anca l’ann che vegn, quand che narém a festegià i cent’ann dal quartié da Nueva Lugano e Villa Soldati”. A Nueva Lugano a gh’è una targa cunt sü scrivüt “18 otobar 1908” e ul nom dal fondadoo, Giuseppe Soldati. Quand che l’è tornàt indré a Negg (Neggio) l’ann dopo, 1909, al s’è dai da fà par la costrüzion dala ferovia Lügan-Ponte Tresa e par promöv tanti bei ropp, par i malcantonés e par i lüganés. Anca i discendént (quii che vegn giò) dala prima e segonda generazion di noss emigrànt, inséma a quii dala “new emigration”, i ga tegn tantissim ai radìs. A Cordoba em trövat ul Matteo Borella, fiöö dal Guido, (l’architett che al gh’ave-

8

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

cente de musica del Canton Ticino - Suiza - y profesor de didàctica en educacion musical) al podéva mia vess méi da quel che l’è stai: inséma ai canzon che i fa sentì la tradizion ticinesa (“Tèra nossa”, “L’è mei scriiv”) a gh’eva anca ul viagg in müsica in un mond globalizàt: da l’Australia al Nordamerica, dala Spagna ala Grecia, cunt la scereséta dal “Carnevalito quebradeno” che la portàt in gir l’alegria d’una region da l’Argentina visìn ala Bolivia. Lì propi sora a Salta (a gh’è un cartell cunt sü scrivüt “Salta la Linda!”, linda nal senso da città “bella”: ohela, voi altri che pénsuv sempru maa!) e Tucumàn a trovom anca gént nossa, par esempi i Poma da Murcò (Morcote), cunt ul Guglielmo Poma che l’è stai ul prim a tiraa sü i sciavatt sül Ojos del Salado (6’880 métar, la segonda montagna in al-

tezza dal Südamerica, dopo l’Aconcagua, 6’900 metar) dala part argentina, la püssée dificila, in dal 1951. E la portàt sü in scima una immagin, una riprodüzion dala Madona dal Sass. Domà par dì che là in dal paés dala pampa, già in dal Vottcent, a gh’em vüt fior da gent che i s’en fai (adiritüra un president: Carlos Pellegrini da Cröi, Croglio, 1890-92) e i m’an fai onòr. La prima ondàda, (come quela di ticinés che i’en nai in California e in Australia), l’em mandàda via inscì da repeton, senza fà tanti stori. Sévom un paés povru e cara grazia che da l’altra part dal mar em trovàt nazion come l’Argentina o l’Uruguay, che i’an verdüt i frontiér, la ramina: cert che par réndas cünt di fadìg e da quel che i noss gént i’an passàt, mia domà süi trabìcoi che viagiàvan süi ond dal mar, bisögnaress ri-léng i libri dal Giorgio Cheda e, par ul Südamerica, da l’Augusto O. Pedrazzini (“L’emigrazione ticinese nell’America del Sud” 1962) e dall’Ivano Fosanelli (“Verso l’Argentina”, Dadò Editore, 2000). I noss gént, bona gént che a gh’ii ul cüü bel cald süla cadréga, i’an cagnàt la ghisa e spüdàt ul sàng. Sputato sangue. In questo viagg, quel ch’em fai nüm, gh’è stai tanti momént da emozion e da commozion: e anca “ai noss” da giò da là a gh’è vegnüt ul gropp, parché al Tesin i gha tegn, orca cica, se i gha tegn. Dopo ta pòdat anca mia vess d’acordi sü tanti ropp, ma nissün che a g’ha ul sentimént di sò radìs al pò dismentegài. Cunt i “Cantori” em tirat sü i sciavatt fin sota a l’Aconcagua (sora ai tremila metri). E quand che lì ta cantat “Signore delle Cime” (e ta sa réndat cünt che mia tant temp fa i’è mort in Argentina dü soci come l’Alfredo Pini e ul Franco Della Torre) alora ta capissat che tütt ul mond l’è paés: nüm a gh’em la fortüna da végh un “alter Tesin” e dovressum propi, cun l’aiüt dala Pro Ticino, relazionass méi cunt i noster emigrànt, da terza o quarta generazion o dala “new emigration”. A gha voraress propi la “banca dati”. Dèmass da fà. 


Con la TCS MasterCard drive o la TCS American Express drive Gold, facendo benzina in Svizzera presso i distributori BP e Tamoil potete davvero risparmiare. Grazie ad uno sconto di base fino a 4 centesimi per litro di carburante e ad un ulteriore sconto in base al volume delle transazioni fino a 8 centesimi. Il che significa: facendo acquisti e benzina con le carte di credito TCS drive viaggiate spendendo meno. Le carte di credito drive sono disponibili per tutti. Come soci TCS approfitterete però di una tassa annua più bassa di soli CHF 50.– anziché CHF 70.– per la TCS MasterCard drive e di CHF 100.– anziché CHF 120.– per la TCS American Express drive Gold. Insieme alla carta di credito potete richiedere anche la tessera di socio TCS. Il nostro regalo di benvenuto per tutti: per le carte di credito TCS drive, il primo anno la tassa annua costa la metà.

Richiedetela ora: www.drive.ch oppure 044 659 69 37 * TCS American Express drive Gold: sconto di base illimitato di 4 centesimi, sconto aggiuntivo di 8 centesimi in base al volume delle transazioni fino ad un massimo di 2 000 litri con un volume delle transazioni superiore a CHF 12 000.–. L’entità dello sconto dipende dal tipo di carta, dal volume delle transazioni annuo e dalla quantità di carburante prelevata.

Drive Credit Cards, issued by Credit Suisse

Puntate sulle carte di credito TCS drive. Ora potete risparmiare fino a 12 centesimi per litro di carburante.*


SCELTI PER VOI

Da avere

Il braccialetto SOS bimbo

10

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

La guida dei divertimenti in famiglia, Editions Plus, 536 pagine La lunga estate senza scuola e asilo mette spesso a dura prova la pazienza dei genitori, che non sanno più come intrattenere i loro bambini. Questa guida, molto completa e ricca di aneddoti e informazioni interessanti, potrebbe fare da spunto per trascorrere qualche ora spensierata o per pianificare una gita in un altro cantone. Esiste anche il sito (www.kids.ch), dove tramite un motore di ricerca si trovano tutti i parchi, divisi per località, tipologia o età dei bambini. Purtroppo esistono solo le versioni in francese e tedesco.

La crociera sul Nilo Dopo un primo sorteggio, che ha favorito le cartoline postali rispetto alle e-mail pervenuteci in redazione, la sorte, rappresentata da Gaby Malacrida, responsabile di Hotelplan (in immagine), ha preso per mano la cartolina speditaci da Myriam Marvulli di Cadro, che potrà così navigare sul Nilo, in una fantastica vacanza tra sogno e realtà…

Le Crociate storico, di Ridley Scott con Orlando Bloom, Jeremy Irons, Liam Neeson, Ghassan Massoud

Abbiamo visto

www.kidsworld.ch Accade purtroppo che i bambini si smarriscano. Basta un attimo di distrazione, soprattutto in luoghi molto affollati.Aeroporti, stazioni, città, grandi alberghi, supermercati, musei, concerti, piscine, spiagge. Sono tutti luoghi dove se un bimbo si perde, soprattutto se piccolo e soprattutto all’estero, non è più in grado di trovare chi l’accompagna. Questo braccialetto è pensato apposta: al suo interno c’è un cartellino sul quale scrivere, con un indelebile, nome e telefono dei genitori. È una piccola cosa, ma può davvero aiutare a risolvere una situazione che può facilmente trasformarsi in un incubo per tutti. Pensare che “io il mio bambino non lo perderei mai!” è probabilmente vero, ma non assolutamente certo…

Kids

Abbiamo estratto

μ 770 SW, Olympus È piccolina ma fortissima! Qualunque tipo di vacanza intendiate affrontare, con questa fotocamera potrete immortalarla! La nuova nata della casa Olympus, infatti, è subacquea fino a 10 m di profondità, resiste a colpi e cadute fino a 1,5 m, resiste sotto pesi fino a 100 kg e può stare fino a -10°C. Non solo, la sua tecnologia BrightCapture permette di scattare immagini reali anche di notte e il sistema one-touch light permette di trovare più facilmente il soggetto da fotografare al buio o sott’acqua. E poi si può scegliere la versione blu, grigio o marrone!

Abbiamo letto

La super fotocamera

Per la maestosità della fotografia e della colonna sonora, è un film che sicuramente non lascia indifferenti. Il tema è comunque quantomeno interessante. Poi però sia la critica, sia il parere del pubblico si dividono in assoluti entusiasti e quasi disgustati. A noi è piaciuto molto l’attore siriano Ghassan Massoud, che ha interpretato un magnifico Salah al-Din (ossia Saladino, grande condottiero curdo musulmano vissuto tra il 1138 e il 1193). Peccato invece per un Bloom che con le sue manine da pianista e quel visino da bambolotto di porcellana, come maniscalco instancabile prima e impavido cavaliere sempre in battaglia contro orde di omaccioni dopo, risulti davvero poco credibile. Secondo noi vale davvero la pena vederlo una seconda volta attivando i sottotitoli con accenni storici. Fa riflettere come in mille anni la storia non sia sostanzialmente cambiata…


VERSO VALENCIA

LO SPIRITO DEL... VENTO Giovanni Merlini. Skipper per passione, libero professionista per scelta, politico per convinzione. Lo abbiamo incontrato nel

suo studio di Minusio, per farci raccontare da che parte soffia il vento - naturale, politico ed esistenziale - e come egli si destreggi nel vasto oceano della vita con un’imbarcazione e gli strumenti della politica… testo testo Marco Marco Ortelli Ortelli -- foto foto Rémy Rémy Steinegger Steinegger

12

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

13


L’INTERVISTA

LOCARNO. METÀ ANNI 60. Un bambino esce, furtivo, di casa. Si può immaginare che la madre, i genitori, i famigliari, non trovandolo nella sua stanza, magari a disegnare, si allarmino e comincino a chiamare “Giovanni! Giovanni!”. Non c’è. La casa è situata nelle vicinanze del lago, il Verbano… “scappavo senza avvertire i miei genitori e andavo ad aiutare gli addetti della navigazione nell’attracco dei battelli e in alcuni piccoli lavori di manutenzione. Mi cercavano e non mi trovavano”. VALENCIA, APRILE 2007. Si è appena conclusa la Louis Vuitton Cup, che ha definito l’equipaggio che sfiderà il Team Alinghi, detentore della prestigiosa America’s Cup.

Dalle acque del Lago Maggiore...

...al mare di Valencia: buon vento Merlini!

Giovanni Merlini, nel frattempo, ha compiuto la sua formazione scolastica al Collegio Papio di Ascona, “negli anni del ginnasio e del liceo ho vissuto un’esperienza che mi ha sicuramente formato, grazie anche all’insegnamento dell’attuale vescovo, allora direttore del Collegio, don Mino Grampa, che al liceo insegnava, con lezioni anche provocatorie, storia svizzera e civica, e che, in fin dei conti, può essere considerato un po’ il responsabile del mio interesse per la politica”, e all’università di Berna, “allora considerata la Mecca del diritto. In quel contesto ho conosciuto professori di diritto veramente carismatici, che hanno inciso in modo importante sulla mia formazione e sulla mia scelta di dedicarmi alla politica”. È diventato avvocato e notaio, “sul fatto di voler fare il libero professionista ho sempre avuto le idee chiare”, e presidente di partito, quello Liberale Radicale Ticinese, “non c’è stata pianificazione, sono cose che capitano”. Ma forse è il bambino Giovanni a illuminarsi, quando lo sponsor principale di Alinghi lo invita per cinque giorni a Valencia a visitare la casa del team svizzero. “Ho respirato un clima entusiasta, la città è tutta raccolta attorno a questa manifestazione, ci sono molti turisti, gli alberghi straboccano già da mesi”. Per un appassionato velista, un privilegio potersi trovare nel… cuore della vela. “Abbiamo potuto visitare la casa di Alinghi, e con un catamarano uscire lungo il canale artificiale, costruito in tempo record accanto al porto mercantile, per arrivare alla zona di partenza, in attesa del vento, che si è fatto attendere”. In effetti quel giorno non v’è stata alcuna regata, “ma abbiamo potuto vedere tutti gli equipaggi nelle fasi di preparazione, alcune manovre e un po’ di lati di bolina. È stato comunque interessante”. Come interessante può essere constatare quali effetti manifestazioni di questo livello possano portare ad un’intera regione. “Quasi paragonabili a quelli di un’Olimpiade. Tutte le palazzine del centro di Valencia, ad esempio, sono state ritinteggiate, il nucleo vecchio della città è stato completamente ripulito, sono

14

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


state costruite molte nuove infrastrutture, e poi c’è la nuova Ciudad della scienza e delle arti, progettata e costruita da Santiago Calatrava, che è qualcosa di impressionante”. Improvvisa, giunge la stoccata dell’uomo politico: “Ogni tanto mi sono trovato a fare il paragone con nostri progetti, che impiegano anni e anni per essere realizzati”. Un uomo può rimanere bambino grazie alla pratica di uno sport col quale è cresciuto, e nello stesso tempo un bambino, grazie allo sport, può crescere e diventare un uomo. “Con gli anni ho sempre più apprezzato la pace che un’uscita in barca sul lago può trasmettere. La pratica di questo sport mi ha consentito di coltivare l’attenzione, perché le condizioni atmosferiche possono mutare rapidamente, la costanza, la capacità di anticipare e prevedere le situazioni. Direi che si tratta di una disciplina per persone introspettive, che non hanno paura di stare in solitudine. Anzi, proprio questi momenti possono aiutarti a vedere i problemi con un certo distacco, ti insegnano a relativizzare le cose, che, viste dal lago, appaiono subito diverse.

DATI BIOGRAFICI Nome: Giovanni Cognome: Merlini Data di nascita: 27 maggio 1962 Domicilio: Minusio Professione: avvocato e notaio Stato civile: divorziato Hobby: lettura (storia, filosofia, politica), vela, bicicletta, viaggi, musica (jazz e classica) Sogno nel cassetto: “mi piacerebbe poter vedere un Ticino che, sugli aspetti strategici del suo sviluppo, mettesse da parte le polemiche e andasse più d’accordo”

D’altra parte però, sono anche un tipo abbastanza socievole, e così mi piace uscire con gli amici e condividere con loro la gioia del contatto con la natura”. Se la ‘stagione sportiva’ di Giovanni Merlini va “da Pasqua ai morti, quando per tradizione copro la barca col telone invernale”, le sue stagioni sono scandite dalle attività in campo professionale e politico, lo stesso che lo ha reso un personaggio pubblico, che regolarmente fa il suo ingresso nelle case del Canton Ticino attraverso stampa, radio e televisione… … TICINO. MAGGIO 2007. Una famiglia riunita per la cena serale, il televisore acceso. Immagini di un dibattito politico che vede alternarsi sullo schermo le figure dei rappresentanti delle quattro formazioni politiche in governo. Tocca a Giovanni Merlini presentarsi al pubblico: “La scelta del partito è avvenuta in modo quasi naturale, con un nonno che per quasi trent’anni è stato sindaco di Minusio e per quasi altrettanti gran consigliere, e con un padre che, pur non facendo politica, ne parlava spesso in casa, anche su temi generali, e che comunque mi ha sempre stimolato alla discussione. Sono entrato attivamente in politica nel 1991, quando sono stato nominato presidente dei giovani liberali radicali ticinesi. Nel ’95 ho iniziato a rivestire cariche pubbliche, con l’elezione in gran consiglio, seguita nel 1996 dall’elezione nel municipio di Minusio. Nel 2000 poi, la sfida di accettare la presidenza del partito, una sfida difficile, perché conoscevo i retroscena, sapevo che era un partito che aveva già conosciuto una divisione lacerante negli anni Trenta e Quaranta, con la scissione tra il ‘34 e il ’46. Negli anni ’70, poi, si era arrivati di nuovo vicini a una scissione, sull’onda dell’opposizione tra Gazzetta Ticinese e Il Dovere. Insomma, sapevo di stare mettendo le mani in un ginepraio. La sfida intellettuale ha però prevalso, “mettiamoci in

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

15


L’INTERVISTA

gioco”, mi sono detto, vediamo cosa riusciamo a fare e poi qualcuno giudicherà”. “Però”, osserva la figlia maggiore, “il presidente del partito liberale radicale si esprime in modo chiaro e diretto”…

Svolgendo un ruolo di una certa importanza a livello politico, trovo fondamentale farsi capire. Ho sempre trovato il linguaggio ermetico elitario, poco democratico e, alla lunga, pericoloso, perché allontana la simpatia della gente per la politica e crea fossati che poi è molto difficile colmare”.

“La ringrazio, prima di diventare presidente ero sicuramente peggio. Sono sempre stato diretto, ma se prima potevo esserlo in modo brutale, ora cerco di moderarmi anche nella forma. La carica che rivesto mi ha insegnato a gestire le reazioni di nervosismo e di stizza, come vede, anche in televisione non supero mai certi limiti. Ho dovuto però lavorare sulla mia natura, perché di carattere sono abbastanza irruente. Parlare in modo chiaro, invece, è sempre stata una mia preoccupazione, che non mi costa fatica, perché ha sempre fatto parte della mia natura.

Mentre la figlia e i famigliari restano lì, col cucchiaio della minestra a mezz’aria - quando mai succede di conversare direttamente con un personaggio pubblico attraverso uno schermo? -, il dibattito in studio prosegue, si accende, ogni rappresentante sembra essere il depositario della verità assoluta e a tal punto che il figlio maggiore si domanda a voce alta come sia possibile andare d’accordo quando tutti la pensano diversamente e soprattutto pensano di avere ragione, come del resto succede anche nella sua famiglia. Gli risponde, a sorpresa, proprio Merlini:

UNA VISIONE... Si immagini che, per un motivo o senza motivo, ci si svegli un mattino e ci si ritrovi senza… partiti politici. Cosa accadrebbe al… mondo? “Credo che sarebbe un giorno triste, e non perché io resterei senza partito (sorride, ndr), ma per il semplice fatto che sarebbe un giorno triste per la democrazia. Non credo all’opinione diffusa e di facile presa secondo la quale i partiti sono la causa di ogni male, si spartiscono la torta del potere e non contribuiscono a nient’altro se non a creare polemiche. Mi sembra una descrizione molto riduttiva e anche un po’ ingenerosa. Sì, i partiti hanno dei grossi limiti, hanno avuto e in parte hanno ancora dei problemi di comunicazione, dovrebbero essere forse più trasparenti in alcune loro pratiche, ma fra tanti difetti, credo che abbiano anche un grosso ruolo, e cioè quello di riuscire a far funzionare la democrazia. Senza partiti, chi si assumerebbe ad esempio il compito di mediare tra i diversi interessi e di attirare il consenso attorno a certi progetti? L’uomo forte che da mattina a sera si occupa di noi? Non mi sembra una grande alternativa”.

“Bisognerebbe capire che in realtà nessuno ha il monopolio della verità, essere convinti della fondatezza delle proprie ragioni non significa ancora non riconoscere la legittimità delle posizioni altrui. Questo è uno dei grandi insegnamenti del liberalismo, lo stesso Voltaire diceva: “non condivido le tue idee, ma mi batterò fino alla morte affinché tu le possa esprimere”. Soprattutto nel nostro sistema consociativo proporzionale, nessun partito potrà mai avere la pretesa di imporre unilateralmente la propria visione. In questo modo nasce quello che è il compromesso politico, che se è intelligente ed è nell’interesse della società, deve essere sostenuto. Il rischio è il muso contro muso, la contrapposizione sterile, che blocca il sistema e non fa fare un passo avanti a nessuno”. “Avete capito?”, intervengono i genitori. “Non tanto”, commentano i figli, “alla fine, con tutta questa frammentazione, non si capisce più chi sia cosa, quali siano le analogie e le differenze tra le diverse configurazioni partitiche”. Il dialogo tra famiglia e Giovanni Merlini prosegue:

Noi stiamo bene!

<VbWZhiVcX]ZZYdadgVci^4

Boehringer Ingelheim (Schweiz) GmbH

AZ\\ZgZ^a[d\a^Ziid^aajhigVi^kd#JaiZg^dg^^c[dgbVo^dc^hjlll#Vci^hiVm#X]


“Non sono leghista: penso che non si possa giocare con le paure della gente, che vanno invece rispettate. Bisogna dare risposte serie e intelligenti a queste paure e non si può cercare di trarne un dividendo politico come fanno in genere i movimenti populisti o demagocici. Se la Lega, al suo nascere, ha avuto un merito, è stato quello di aver saputo colmare il vuoto di comunicazione del sistema dei partiti vigente in quegli anni, portando gli stessi a non essere più così ingessati e a cambiare il loro stile di comunicazione”. “Non sono socialista: ho sempre diffidato dello strapotere dello stato”. “Non sono popolare democratico: pur condividendo con noi diverse impostazioni di politica economica, finanziaria e fiscale, trovo abbiano un atteggiamento ambiguo nei confronti dello stato, a mio avviso ancora derivante dall’impostazione dell’allora Partito Conservatore, che considerava con una certa diffidenza tutto quello che proveniva dallo stato. Oggi certi retaggi storici possono essere superati e la collaborazione col Partito Popolare Democratico è molto migliorata, benché vi siano settori topici nei quali sarà difficile, se non impossibile costruire alleanze, in quanto la loro matrice cristiana li indirizza su posizioni che saranno sempre diverse dalle nostre”.

“Buonasera”. La famiglia spegne il televisore. Non sappiamo se sarà la moglie a rassettare la cucina, o il padre, o entrambi figli, o se tutti insieme collaborino al buon funzionamento della loro economia domestica. Per tutti è trascorsa un’altra giornata, nel Canton Ticino… MINUSIO. GIUGNO 2007. Da una finestra aperta, si intravvede uno spicchio di lago, solcato da un’imbarcazione, che si allontana nel crepuscolo. Nel suo studio, Giovanni Merlini la insegue con lo sguardo, rivedendo, forse, quel bambino che scappava di casa per raggiungere il debarcadero, o il presidente di partito, che, come uno skipper, deve conoscere le correnti e saperle governare, o vede se stesso allontanarsi lungo il Lago Maggiore, via, per un momento, dai rumori del mondo… 

PUBLICIS

“Sono liberale perché l’impianto illuminista e anche un po’ giusnaturalistico della mia formazione, mi portano ad avere una grande fiducia nell’individuo, nella sua capacità di progettare la sua esistenza, di poter entrare in relazione con i suoi simili, e quindi anche di organizzarsi in una società in cui lo spirito imprenditoriale, l’iniziativa privata e l’amore per il rischio continuino ad avere un ruolo fondamentale. Sono liberale radicale perché il liberalismo ticinese è qualcosa di un po’ diverso rispetto a quello svizzero, più attento e sensibile alle esigenze di coesione regionale e sociale, un’attenzione

frutto anche di un liberalismo che si è sempre riconosciuto molto nelle istituzioni. Pur non essendo statalista, il partito liberale radicale ticinese si è sempre identificato profondamente nelle istituzioni e rivendica, mi sembra a giusta ragione, un ruolo preponderante nella costruzione del Ticino moderno”.

La classe mondiale batte bandiera svizzera.

Alinghi & noi www.ubs.com/sailing Foto: Daniel Forster. © UBS 2007. Tutti i diritti riservati.


ABBIAMO MANGIATO A…

Lorena e Martin Dalsass.

SORENGO: DA MARTIN DALSASS testo Luigi Bosia - foto Rémy Steinegger

“Il giardino del Santabbondio, all’ombra di vecchi castagni, è il regno di Lorena Dalsass che assicura un servizio e un’accoglienza pieni di attenzioni. Lo chef, suo marito, perfeziona ancora e sempre la sua arte…”. Così inizia la critica della GaultMillau che, con 18/20 lo classifica migliore ristorante ticinese. La Veronelli lo premia con 3 stellette, mentre la Michelin è ferma ad una “misera” stella. A quando la meritata seconda? Nel 2001 fu premiato come “cuoco dell’anno”, per non dimenticare che gli fu attribuito anche il Cuoco d’oro. La sua cucina è apprezzata anche sugli aerei di Lufthansa e a Singapore. Da 22 anni i coniugi Dalsass hanno piantato radici a Sorengo e la partenza invernale per Gstaad è stata solo di breve durata, rassicurandoci poi con la riapertura il 1° marzo. Da tre anni, oltre al ristorante che ha reso celebre il Santabbondio, è nato il “Bistro”, a disposizione dei clienti per un lunch veloce o, più semplicemente, in quei momenti dove si desidera gustare un buon pasto senza però sentirsi troppo impegnati. Piatti semplici ma all’altezza dell’alta cucina cui Martin ci ha abituati.

18

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

Qualche piatto? Carpaccio di polipo, agnolotti, gamberi impanati, tegame di calamari, tortino al cioccolato, carpaccio d’ananas. I vini sono anche serviti a bicchiere. Ho assaggiato un ottimo Chardonnay californiano “Claiborne” e un Merlot cileno “Carmen”. “Ogni giorno ho una sola preoccupazione, la qualità e la scelta dei prodotti. La mia clientela”, ci dice, ”desidera trovare in ogni piatto gusto, sapore, consistenza e personalità. La politica della qualità è alla base di ogni nostra pietanza. L’acquisto, per me, non consiste nel semplice atto economico, ma è l’elemento che mi garantisce la linea e la bontà della cucina”. Ma il segreto dell’ottima qualità dei suoi piatti sta, anche, nella scelta dell’olio extravergine d’oliva che è ingrediente principale delle sue specialità. 

Ristorante Santabbondio via Fomelino 10, Sorengo. Tel. 091 993 23 88 - e-mail santabbondio@bluewin.ch.


MI PIACE...

Diego Vassalli. Erano 23 anni che si riunivano presso la Scuola Esercenti di Gemmo.

… anzi, mi piacciono, gli sforzi di numerosi ristoranti per far fronte alla crisi. Sono infatti molti coloro che organizzano rassegne gastronomiche da soli o in gruppo. L’amico Pesce, da più di un anno, si occupa di relazioni pubbliche per GastroTicino. Dalla sua mente è scaturita, lo scorso anno, la rassegna dedicata agli abbinamenti con il Merlot in ben 120 ristoranti. Quest’anno, dopo aver coadiuvato in alcune manifestazioni si è principalmente occupato del nuovo sito di GastroTicino. … che Sabrina Princigalli abbia coordinato con competenza il Festival “Insubria Arte e Gusto”, con la bellezza di 60 ristoranti (22 in Ticino) di qua e di là della frontiera. C’erano anche pezzi grossi (stellati Michelin) come il Motto del Gallo di Taverne, La Fermata di Casatenovo, Pierino di Viganò e Il Sorriso di Soriso, che di stelle ne ha tre. Persino l’on. Marco Borradori ha partecipato alla grandiosa serata di chiusura preparata da sei chef d’Insubria. Erano presenti due centurie di membri del Kiwanis, giunti persino da Lodi. … la nascita dell’Associazione dei ristoratori del Mendrisiotto, anche questa insubrica, poiché partecipano 26 ristoranti (18 in Ticino e 8 del Varesotto) situati attorno al Monte San Giorgio, sito Unesco come i Castelli di Bellinzona. Quando leggerete queste mie righe, il Maggio gastronomico Tre Valli sarà terminato. Merita però un accenno. A questa 21ª edizione hanno partecipato 33 locali. … che le maestre di educazione alimentare abbiano tenuto quest’anno la loro giornata, con la presentazione di piatti preparati con yogurt e ricotta. Per la prima volta a Giubiasco con lo chef

… che a Campione d’Italia sia stato aperto il nuovo Casinò di Botta, anche se l’inaugurazione si svolgerà in settembre. Intanto Bernard Fournier, da Candida, ogni martedì di questo mese propone una serata a tema: Il 26 giugno giungerà dall’Alsazia lo chef François Paul (due stelle Michelin).

NON MI PIACE... … che in estate, in tempo di grigliate, succedano troppi incendi per aver spento male l’innocente fuocherello. A Zugo è andato in fumo un bosco, a Sion circa 40 ettari di prato e a Ronco s/Ascona poco meno! … che dopo una ricetta di Lolita Morena, indimenticata Miss Svizzera, vi sia stata una levata di scudi contro il fatto che, secondo certi lettori del Magazine di Migros, il foie gras sarebbe da condannare perché, per produrlo, si causerebbero atroci torture a oche ed anatre. Niente di più falso. Da anni, ormai, queste pratiche che, oltre tutto, causerebbero danni al fegato dell’animale rendendolo immangiabile, non vi sono più. … che l’innalzamento della temperatura, non solo quest’inverno, sia estremamente dannoso all’agricoltura e in particolare ai più famosi vini toscani (come Chianti, Brunello di Montalcino e Nobile di Montepulciano) che rischierebbero di estinguersi per mancanza di quelle condizioni climatiche che fanno di questa regione una delle più favorevoli alla produzione di ottimi vini.

Assicurarsi il futuro

Illustrazione

Gratuito! Peter Frey, committente

«Il nostro palazzo ultracentenario è un vero gioiello e ora, dopo il rimodernamento, è persino più moderno di tanti altri edifici nuovi.»

Sulla scorta di cinque esempi pratici, l’opuscolo «Rinnovamenti edilizi per il futuro» illustra tutto ciò che c’è da sapere sull’argomento dei rinnovamenti edilizi, del risparmio energetico e del rendimento. Cinque committenti diversi, cinque edifici diversi, un solo obiettivo: aumentare il valore dell’immobile rinnovandolo, risparmiare sui costi coibentandolo!

Richiedetelo ora! Oppure andando al sito www.flumroc.ch!

La forza naturale della roccia FLUMROC AG, Postfach, CH-8890 Flums, Tel. 081 734 11 11, Fax 081 734 12 13, www.flumroc.ch, info@flumroc.ch

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

19


www.coop.ch

Weight Watchers. Perché dimagrire insieme è più facile. Per le riunioni Weight Watchers chiama il numero 0848 188 188 o consulta il sito www.weightwatchers.ch I marchi commerciali Weight Watchers e POINTS® sono concessi in licenza d’uso da WW Foods, LLC e Weight Watchers International, Inc.

Per un figurino da soubrette.


BUON APPETITO

È DI NUOVO TEMPO

DI CILIEGIE! Le ciliegie si possono gustare sia crude, sia cotte su una torta, sia trasformate in modo piccante in una crema. Lasciatevi tentare da queste ricette e vi stupirete di quanto siano buoni questi dolci piatti. ricette Cuisine Mondiale, Beatrice Aepli

FRITTELLE DI PATATE CON COMPOSTA DI CILIEGIE Resa: 4 porzioni Difficoltà: 2 Osservazioni: un pasto vegetariano delizioso, dolce e piccante. Composta di ciliegie: • 500 g ciliegie • 50 g zucchero Frittelle: • 500 g patate • 1 uovo • 1 cucchiaio di farina • sale • 30 g burro per arrostire

Preparazione: Snocciolare le ciliegie, portarle a ebollizione con lo zucchero e farle cuocere brevemente a calore dolce. Togliere le ciliegie con la schiumarola, addensare il liquido di cottura come uno sciroppo e unirvi nuovamente le ciliegie. Pelare le patate, grattugiarle con una grattugia a fori grossi o piccoli. Strizzare bene le patate grattugiate in un setaccio, quindi mescolarle con l’uovo e la farina, salare e pepare. Prelevare delle porzioni di composto e preparare delle sottili frittelle friggendole in padella nel burro caldissimo da entrambi i lati per un paio di minuti fino a doratura. Conservarle al caldo e servirle ancora calde con la composta.

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

21


BUON APPETITO

INVOLTINI DI MAIALE CON COMPOSTA PICCANTE DI CILIEGIE Resa: 4 porzioni Difficoltà: 4 Osservazioni: incuriosite i vostri ospiti con la sorpresa nascosta nella pasta. Carne: • 1 mela • 40 g dadini di pancetta • 1 cucchiaino di burro • 4 cucchiai di sidro o succo di mele • 4 scaloppine di maiale da circa 130 g • sale, pepe • 4 fette di prosciutto di spalla pressato • 250 g pasta sfoglia • 1 tuorlo d’uovo per pennellare Composta: • 500 g ciliegie • 75 g zucchero • 3 cucchiai di aceto di Modena • un po’ di cannella • 1 cucchiaino di semi di senape

Preparazione:

Tagliare la mela a dadini piccoli. Rosolare la pancetta nel burro, unire la mela e soffriggerla. Bagnare con il sidro di mele, far addensare e lasciar raffreddare. Salare e pepare la carne e posare ogni fetta su una fetta di prosciutto. Distribuire sopra il composto alla mela e chiudere coprendo con il prosciutto. Stendere la pasta sfoglia e tagliarla in 4 rettangoli. Adagiare su ognuna un pacchetto di carne e avvolgervelo. Posare gli involtini con la chiusura verso il basso su una teglia foderata con la carta da forno. Pennellare con il tuorlo d’uovo. Con i resti di pasta sfoglia preparare delle decorazioni e incollarle sugli involtini con l’aiuto del tuorlo d’uovo. Cuocere nel forno a 220 gradi per circa 20 minuti. Snocciolare le ciliegie. Caramellare leggermente lo zucchero, bagnarlo con l’aceto, unire le ciliegie, la cannella e i semi di senape, far cuocere dolcemente finché il caramello non si è sciolto. Servire con gli involtini di carne.

CURRY DI AGNELLO CON CILIEGIE IN AGRODOLCE Resa: 4 porzioni Difficoltà: 2 Osservazioni: queste ciliegie in agrodolce sono molto indicate anche per il lesso o un curry di pollo. Ciliegie in agrodolce: • 500 g ciliegie • 1 mango • 1 pezzetto di zenzero fresco • 2 cipolle • 1 dl aceto • 0,5 dl succo d’arancia • 40 g zucchero Curry di agnello: • 600 g carne d’agnello sminuzzata • 2 cucchiai di olio • sale, pepe • 1 cipolla • 1 cucchiaio di burro • 1 cucchiaio di curry in polvere • 2,5 dl latte di cocco

22

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

Preparazione: Snocciolare le ciliegie. Pelare il mango, staccare la polpa dal nocciolo e tagliarla a dadi. Pelare lo zenzero e grattugiarlo finemente. Tritare finemente la cipolla. Mettere in una casseruola tutti gli ingredienti per le ciliegie in agrodolce, portare a ebollizione, quindi lasciar bollire a calore dolce per circa 30 minuti. Friggere la carne nell’olio caldissimo, salare e pepare, quindi levarla dalla padella. Tritare finemente la cipolla, soffriggerla nel burro, cospargerla di curry e soffriggere anch’esso. Bagnare con il latte di curry, portare a ebollizione e continuare la cottura finché la salsa si ispessisce. Unire la carne e lasciarla riscaldare. Servire con le ciliegie in agrodolce e del riso.


Il formaggio svizzero – un prodotto naturale puro e genuino

Una tradizione secolare

tine e grazie alle cure costanti del casaro,

Ulteriori informazioni sulla rinuncia volon-

Da molti secoli in Svizzera si produce for-

le forme sviluppano un incomparabile aro-

taria a diversi additivi si trovano sul sito

maggio a partire da latte fresco, caglio e

ma, fino al loro grado di maturazione otti-

www.formaggiosvizzero.ch.

sale. Questa tradizione è rispettata ancora

male – perché ciò che è buono ha bisogno

oggi. I caseifici prelevano quotidianamente

di tempo.

Per un piacere culinario dei più raffinati

il latte fresco direttamente là dove viene

Quando il formaggio svizzero giunge La migliore qualità con il massimo

infine in vetrina, dove fa venire l’acquolina

nosce personalmente i contadini che gli

della competenza

in bocca al buongustaio, ha oramai rag-

forniscono la materia prima. Con questo

Grazie alla sua grande competenza il casaro

giunto la sua stagionatura ottimale. Non

latte viene prodotta giorno dopo giorno

può rinunciare all’impiego di additivi con-

importa se il prodotto è dolce oppure ha

una specialità pregiatissima dalla regione.

troversi. Il suo orgoglio professionale gli im-

un sapore più forte, è molle o duro: il con-

pedisce di modificare il naturale processo

sumatore opta per un formaggio svizzero

Ciò che è buono ha bisogno di tempo

di stagionatura ricorrendo a sostanze estra-

prodotto con cura e stagionato durante

Il formaggio svizzero è un prodotto natu-

nee. Il formaggio svizzero è una specialità

lunghi mesi – per un piacere gastronomico

rale puro e genuino, fabbricato in modo

genuina – insignita sovente del marchio

naturale e nel contempo raffinato.

prevalentemente artigianale. Dopo settima-

AOC – DOC, e non ha niente a che vedere

ne e mesi di stagionatura in apposite can-

con prodotti di massa.

prodotto. Il tragitto è breve, e il casaro co-

Concorso Da vincere: 20 buoni per formaggio svizzero del valore di 150.– franchi l’uno! Partecipare è semplice: basta rispondere alle domande (mettere una crocetta sulla risposta giusta), spedire il tagliando e aspettare fiduciosi l’esito dell’estrazione. Buona fortuna! Domanda: A che cosa rinunciano volontariamente i casari svizzeri quando producono il loro pregiato formaggio? Risposta:

4 al caglio

4 ad additivi controversi

Cognome:

Nome:

Indirizzo:

CAP/Località:

4 al sale

Spedire a: Switzerland Cheese Marketing AG, Brunnmattstr. 21, Casella postale, 3001 Berna Ultimo termine di invio: 31 agosto 2007 Sul concorso non si tiene nessuna corrispondenza. I premi non vengono corrisposti in contanti. Le vie legali sono escluse. I vincitori verranno informati per iscritto. I dati personali verranno trattati in maniera confidenziale. Affrancare per favore.

MANGIA DEL FORMAGGIO SVIZZERO – www.formaggiosvizzero.ch


© Fly

TENDENZE

L’ESTATE

È SERVITA! Non c’è niente di più bello, e pratico, che ricevere gli ospiti per un pranzo o una cena all’aperto. Imbandite il… prato e buon appetito! testo Antonella Broggi

24

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


N

on è necessario avere un giardino per ricevere gli ospiti all’aperto. Lo si può fare benissimo sul balcone. Ma avete mai pensato di organizzare un pic-nic? Non è certo una novità, ma lo diventa se a organizzare tutto ci pensate voi, e se “apparecchiate” il prato proprio come fosse un tavolo. Una grande tovaglia stesa in mezzo al prato, tanti comodi cuscini attorno, piatti e bicchieri e naturalmente le pietanze. Non comuni panini però. Insalate fredde, muffin dolci e salati, torte fredde di verdura, pane, formaggi e affettati. Certo ci vogliono un po’ di preparativi, ma il risultato lascerà di stucco i vostri ospiti. E se pensate di organizzare una cena sotto le stelle, portate delle grandi fiaccole da infilare nel terreno. Attenzione però a maneggiarle con estrema prudenza e a trovare un posto dove le automobili siano parcheggiate nelle immediate vicinanze. Non è il caso di avventurarsi nella notte buia per ritrovare il sentiero! Che organizziate un pranzo o una cena però, affinché tutto funzioni per il meglio è bene seguire alcuni piccoli consigli:

• Verificare, per quanto possibile naturalmente, che il tempo rimanga bello stabile.

• Scegliere un prato ombreggiato e pianeggiante, facilmente raggiungibile anche in macchina (perché avrete parecchie cose anche pesanti da portare). Una volta scaricato tutto l’occorrente, spostate la macchina, perché non contribuisce di certo a creare un’atmosfera bucolica.

• Quando invitate i vostri ospiti, anche se volete far loro una sorpresa, specificate che l’abbigliamento deve essere comodo. Una signora con i tacchi, avvolta in un tubino aderente si sentirebbe decisamente in imbarazzo dovendosi sedere per terra… 

Bicchieri da cocktail e vassoio di Ikea.

Campana antimosche di Ikea.

Tè freddo verde Metti in una brocca da 2 litri un mazzo di menta e 2 cucchiai di tè verde. Versaci sopra 1l di acqua bollente. Rimesta bene e dopo 5 minuti filtra e lascia raffreddare in frigorifero. Prima di servire travasa il tè in una brocca piena di ghiaccio, e aggiungi 4 cucchiai di sciroppo di menta. Mescola bene e decora con foglioline di menta.

Mini apple pie Stendi la pasta frolla già pronta, taglia 8 dischetti, rivesti 8 formine imburrate e punzecchia la pasta con una forchetta. Sbuccia 2 mele e tagliale a cubetti. Mescola 8 cucchiaini di zucchero con 4 cucchiaini di cannella in polvere. Riempi le tortine con le mele e cospargile con il composto di zucchero e cannella. Dalla pasta rimasta taglia 8 dischi più piccoli con i quali coprire le 8 tortine sigillando bene i bordi. Punzecchia ancora la pasta per evitare che si gonfi durante la cottura. Inforna a 180° per 40 minuti circa. Fai raffreddare e spolverizza con zucchero a velo.

• Preparare il più possibile in anticipo (ad esempio le torte fredde e i muffin). Preparare le insalate già nelle bacinelle, ma portare le salse a parte, e condire solo all’ultimo momento. • Mettete in fresco le bibite per tempo e infilatele nel frigo box solo all’ultimo momento. • Se pensate di preparare una grigliata e avete trovato un posto che offre una postazione adatta (attenzione alle raccomandazioni del cantone inerenti i fuochi all’aperto!) portate sul posto legna e carbone e accendete il fuoco con sufficiente anticipo. • Portate un sacco per riporre i rifiuti e un catino di plastica in cui mettere tutti i piatti e i contenitori sporchi.

Insalatiera di fly.

Cestino per il pane di Ikea.

Insalata ligure di tonno e avocado Taglia la polpa di due avocado a fettine, affetta finemente un cipollotto fresco, taglia un peperone rosso a cubetti. Metti tutto in una ciotola e unisci 200 g di fagioli bianchi e 150 g di tonno sott’olio. Condisci con olio, succo di limone sale e pepe a piacere. In alternativa puoi condire con salsa rosa.

Pane alla pancetta Batti tre uova, unisci 100 g di farina setacciata, una bustina di lievito e 1 cucchiaino di sale. Sciogli bene i grumi quindi unisci 200 g di formaggio grattugiato grossolanamente (ad. es. Groviera) e 300 g di pancetta a dadini brevemente rosolata. Aggiungi anche 1 tazzina di latte e 1 tazzina d'olio d'oliva. Versa l'impasto in una forma da cake imburrata e lascia lievitare coperto per 15 minuti. Cuoci nel formo preriscaldato a 220° C per 45 minuti.

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

25


CANI, GATTI & CO.

LA CARICA DEI...

101 GATTI “APPASSIONATI” DI AUTO Gentile Sig.ra Stern-Balestra, le vorrei esporre un problema che sta diventando alquanto esasperante. Io vivo in Valle di Blenio, in un quartiere popolato da molti gatti, domestici e non. Ebbene, da circa un anno a questa parte, cioè da quando il loro numero è aumentato, queste bestiole “devastano” le auto: salendo di notte sul cofano trascinano con le loro zampette sabbia, sassolini ecc... (immagini quando piove, visto che i posteggi sono in terra battuta), tanto che ultimamemente qualcuno (e, almeno quando avrò la soluzione al problema, pure io) ha dovuto far riverniciare il cofano dell’auto in quanto alcuni graffi avevano addirittura tolto la lacca della vernice. Ora, non avendo la possibilità di avere un garage chiuso, si è arrivati a coprire l’auto con un telone, ma, addirittura, alcune mattine si trovano tracce di feci e di urina proprio sul telo insozzato! A questo proposito le vorrei chiedere se esista una soluzione, un repellente o qualunque cosa che tenga lontani i gatti dalle auto. In attesa di un suo gentilissimo consiglio voglia gradire i più distinti saluti. Alessandro Zacchetti

Elena Stern-Balestra: tutto quello che vorreste sapere sul comportamento di cani, gatti & Co. … e sul loro rapporto con noi umani.

Purtroppo gli animali non sono sempre solo una compagnia gradita per l’uomo. Il suo malcontento è ben comprensibile. A mia conoscenza non esiste nessun tipo di repellente che possa tenere lontano i gatti dalla sua auto, per questo motivo penso che il problema vada affrontato diversamente. Se, come lei lascia intendere, fra quelli che sporcano e rovinano le auto, vi sono anche dei gatti randagi, sarebbe bene informare le autorità del suo comune di residenza, affinché provvedano ad organizzarne l’allontanamento. La riduzione della popolazione felina non domestica potrebbe portare ad una diminuzione del disturbo e dei danni. Inoltre, se da un lato vanno tutelati i cittadini, dall’altro la presenza di animali randagi è preoccupante pure da un punto di vista sanitario per i gatti che hanno un padrone. Per le vostre domande: Illustrazione Ticinese, “Cani, gatti & Co.”, C.P. 418, 6908 Lugano, oppure via e-mail: info@illustrazione.ch, indicando come soggetto “Cani, gatti & Co.”

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

27


Inserzione a pagamento

Trattare l´agitazione nervosa con la fitoterapia empre più persone, in un‘epoca frenetica ed estenuante, soffrono di tensione nervosa, che si può manifestare sotto forma di irrequietezza, irritabilità aumentata o disturbi nervosi spasmodici dell’apparato digerente. Anche scolari, studenti e giovani in formazione conoscono questi disturbi in periodo di esami. Chi, inoltre, soffre di paura degli esami è sottoposto ad un ulteriore stress. In questi casi è bene non aspettare fino a quando i nervi sono definitivamente scoperti, ma agire prontamente. Yoga, sport ed esercizi di rilassamento possono rivelarsi utili. Ma anche l’effetto di piante medicinali come radici di valeriana e foglie di melissa può essere di aiuto. Radici di valeriana e foglie di melissa sono utilizzate da anni per il loro effetto calmante.

S

La terapia con medicamenti fitoterapeutici A radici di valeriana, foglie di melissa, coni di luppolo e fiori d’arancio – i componenti dall’effetto terapeutico di

Sidroga® Tisana calmante – è riconosciuta un’azione rilassante, calmante e sonnifera. Sidroga® Tisana calmante è indicato in caso di agitazione nervosa e disturbi del sonno. Valverde® Rilassamento Confetti contiene estratti di radici di valeriana, foglie di melissa, erba di passiflora e radici di cavolaccio, che sono utilizzati per il loro effetto calmante. Valverde® Rilassamento Confetti offre un aiuto a chi soffre di tensione nervosa o paura degli esami. Leggere il foglietto illustrativo.

fine di assicurare l’elevata qualità del prodotto finale. Valverde offre preziosi medicamenti con principi attivi di origine vegetale, in comode forme di somministrazione, adatti a molti disturbi. Valverde e Sidroga vi offrono la sicurezza di aver fatto una buona scelta per la vostra salute.

I medicamenti fitoterapeutici Valverde e Sidroga Valverde e Sidroga sono medicamenti fitoterapeutici del gruppo Sidroga. Per entrambi i marchi, Sidroga è molto esigente per quanto riguarda il contenuto di principio attivo e la qualità delle piante medicinali utilizzate. Per i propri tè medicinali Sidroga sceglie in misura sempre maggiore materie prime da coltivazioni a controllo integrato (KIA). Nell’agricoltura a controllo integrato si mira a conseguire condizioni ottimali dalla semina alla raccolta, al

Automedicazione responsabile per la vostra salute I prodotti Valverde e Sidroga vi offrono sostegno contro una pluralità di sintomi. Il campo di possibile applicazione è molto amplio: va dai sintomi da raffreddamento, ai problemi di digestione fino ai disturbi del sonno. Fatevi consigliare con competenza sugli altri prodotti Valverde e Sidroga in farmacia e drogheria.

Medicamenti fitoterapeutici

Valverde® Rilassamento Confetti

I tè alle erbe terapeutiche e medicinali Sidroga provengono ora da agricoltura a controllo integrato!

Sidroga® Tisana calmante

In caso di tensione nervosa, che si può manifestare sotto forma di irrequietezza, distrubi nervosi spasmodici dell´apparato digerente. Anche per la paura degli esami.

Leggere il foglietto illustrativo. Sidroga AG, 4800 Zofingen. www.sidroga.com

In caso di agitazione nervosa. In caso di disturbi del sonno.


SALUTE

GENGIVE IN BUONA SALUTE

“Mi può dare delle informazioni sulla parodontosi di cui soffro?”. Leggendo la sua lettera, mi è parso di capire che si riferisse alla parodontite, chiamata spesso erroneamente “parodontosi”. Entrambe fanno parte delle parodontopatie, caratterizzate da una compromissione del parodonto, ovverosia dell’insieme delle strutture che assicurano la fissazione e il sostegno del dente nei mascellari: la gengiva, l’osso alveolare, il legamento e il cemento.

testo Rita Ducret-Costa, farmacista

USURA E INFIAMMAZIONE La parodontosi è un lungo processo di invecchiamento del parodonto, mentre la parodontite è l’infiammazione di quest’ultimo. La causa principale della prima è la decalcificazione ossea, mentre la seconda è dovuta ad un’insufficiente igiene orale, con conseguente formazione di placca dentale e tartaro, ricchi di germi. Come vedremo, la parodondite può anche essere dovuta a carenze nutrizionali. Si distingue la parodontite superficiale o gengivite da quella profonda o piorrea alveolare. La gengivite è caratterizzata da una alterazione isolata delle gengive, che diventano di colore rosso scuro e sanguinano facilmente. È reversibile attraverso un detartraggio regolare e un’accurata igiene orale. La piorrea comporta invece l’infiammazione profonda del parodonto (osso alveolare, legamento e cemento), fino alla sua distru-

zione. Le gengive si scollano (il che può comportare la formazione di sacche) e si ritraggono. I denti perdono progressivamente il supporto, diventano sempre più mobili e finiscono per cadere. La parodontite profonda è per lo più accompagnata da sintomi come dolore, alito cattivo e ascesso. La prevenzione delle parodontopatie si basa soprattutto su una rigorosa igiene orale. Si consiglia di spazzolarsi i denti dopo ogni pasto e di utilizzare quotidianamente gli stuzzicadenti o, ancor meglio, il filo dentale per pulire gli spazi interdentali. Queste misure sono efficacemente integrate da una pulizia dei denti dall’igienista, una volta all’anno o ogni sei mesi. Esistono dei dentifrici appositamente studiati per le gengive difficili, come pure gel e soluzioni che ne favoriscono la rigenerazione. > pagina 31 ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

29


HOTLINE PER LA VOSTRA SALUTE (tariffa normale) Nell’impossibilità di soddisfare per iscritto le vostre numerose richieste, la signora Rita Ducret-Costa, farmacista, nutrizionista, omeopata, risponde telefonicamente alle vostre domande il giorno sotto indicato dalle 09.00 RITA DUCRET-COSTA alle 12.00 al numero 026 401 24 12. Prossimo appuntamento: martedì 3 luglio 2007

CON IL SOSTEGNO DI:

Modifast è un progetto nutrizionale completo per il controllo del peso corporeo che va incontro alle vostre esigenze personali. L’ampia scelta di prodotti e di gusti consente di organizzare il proprio menu giornaliero in modo vario e individuale.

L’igiene orale insufficiente e le carenze nutrizionali rientrano tra le cause principali delle patologie gengivali. Parodontosi: calcio, vitamina D Gengivite: vitamine B e C Piorrea: calcio, vitamine B,C e D

LE POSSIBILI CARENZE Per quanto riguarda l’aspetto nutrizionale, le sostanze interessate sono le vitamine B, C e D e il calcio. Tra i sintomi di una carenza di vitamine B, vanno annoverati l’infiammazione delle gengive, della bocca e della lingua, le labbra screpolate e le afte. Lo scorbuto o grave carenza di vitamina C è accompagnato da sanguinamento e tumefazione delle gengive, fino alla caduta dei denti. Se gli abitanti dei paesi occidentali non devono più preoccuparsi né dello scorbuto né delle gravi carenze di vitamine B, sono comunque esposti a numerosi fattori che comportano un maggior fabbisogno di queste vitamine idrosolubili: lo stress, l’eccesso di caffé e di alcol, il fumo (anche passivo!), la pillola contraccettiva ecc. Il calcio e la vitamina D svolgono innegabilmente un ruolo fondamentale nella prevenzione della carie dentale, ma anche della parodontosi propriamente detta e addirittura della piorrea. Benché quest’ultima sia una malattia infettiva, la caduta dei denti è dovuta alla decalcificazione ossea. Quando l’apporto di calcio e di vitamina D è insufficiente, la distruzione dei mascellari non comporta solo la caduta dei denti, ma continua ad avvelenare la vita della persona colpita... e del suo dentista. La dentiera può infatti reggere solo se l’osso residuo le assicura un appoggio sufficiente. Secondo la celebre nutrizionista americana Adele Davis, in molti casi, una volta risolta l’infezione, è possibile guarire anche le piorree gravi correggendo le carenze nutrizionali.

Punture d’ins sss setto?

Fenipic agisce in modo mirato: calma il prurito allevia il dolore

In vendita in farmacia e drogheria.

Leggere attentamente il foglietto illustrativo.


7a PARTE

VIAGGI

YALI, UN AMICO COL PERIZOMA Quasi senza che me accorga, la cultura genuina e primordiale delle etnie papua dell’Irian Jaya indonesiano mi coinvolge sempre più. Vengo invitato a suggestive cerimonie, ma pure a semplici mense, così come a sedere nelle “mens house” - le case degli uomini. Il viaggio prosegue di villaggio in villaggio, attraverso una natura splendida ma selvaggia, percorrendo piste rese instabili e incerte da venti e imprevedibili piogge. Una lunga marcia mi allontanerà sempre più dal capoluogo Wamena e da ogni segno della mia civiltà, ma ovunque andrò sarò accolto ed accompagnato da genti amiche. testo e foto Roberto Schneider

L’ULTIMO SALUTO DEL CAPO VILLAGGIO L’amico Yali mi abbraccia, poi mi bacia con molto affetto, mi stringe a sé annusandomi profondamente, quasi non volesse più lasciarmi. In precedenza lo aveva fatto anche suo fratello. Molti altri abitanti del villaggio, dei quali nemmeno ero riuscito a memorizzare i nomi, mi stringono a lungo la mano. Gli uomini ora sono quasi tutti lì davanti a me per un ultimo saluto, nudi coi loro lunghi perizomi, i disegni cerimoniali tradizionali sul corpo ormai quasi cancellati dai frequenti acquazzoni. Le donne, un poco più discoste, si congedano più discretamente col braccio alzato, mentre i bambini, che non temono di infrangere tabù, mi seguono, prendendomi per mano mi accompagnano per tutto il cammino fino alla via principale dove con tristezza mi vedranno allontanare, quasi delusi che non li abbia portati con me. Yali, il capo villaggio, è rimasto nel mezzo del cortile, regalandomi l’ultima forte e coinvolgente immagine di un omino scarno di poco più di un metro e cinquanta, che era riuscito ad intenerirmi, a farmi provare in breve tempo amicizia, a

32

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

L’ultimo saluto dell’amico Yali. Ho però promesso al capo villaggio di ritornare a visitarlo prima di ripartire.


Riprende il cammino risalendo l’immensa valle del fiume Baliem in direzione delle montagne più alte. La pista diverrà presto stretta ed impervia.

farmi sentire uno della famiglia. Tutto ciò accade in una regione ostile, dove la natura e la vita sono poco predisposti ai regali. Gli ho promesso che ritornerò presto. Si tratta di un impegno che intendo mantenere, per rispetto nei confronti dell’ospitalità trovata in quel luogo remoto, ma pure per portare loro quei regali che mi erano mancati. Infatti, recandomi al mercato non avrei mai immaginato che sarei stato invitato ad una cerimonia la sera stessa in un villaggio isolato nella grande Valle del Baliem. Tutto era accaduto così velocemente: l’incontro con i conoscenti a Wamena, l’invito a seguirli, l’acquisto del maialino e il viaggio sul vecchio “bemo” collettivo. Mi ero ritrovato nel villaggio senza nessun dono come richiede la cultura locale, proprio io, il ricco straniero, ero giunto senza nulla in mano, provando un profondo disagio anche se nessuno mi aveva fatto minimamente pesare la mancanza di rispetto, al contrario mi avevano dato loro quel che potevano darmi, poche patate dolci e tanta simpatia. UNA LUNGA E INCERTA MARCIA Tanta era l’impreparazione con la quale mi ero ritrovato a dover affrontare quella prima grande avventura a confronto con le genti papua dei villaggi, quanto mi stavo bene organizzando per la seconda partenza. Nel frattempo ero finalmente riuscito a trovare una guida all’apparenza affidabile e che addirittura conosceva qualche parola di inglese, avevo contattato anche un portatore, e dopo lunghe discussioni ero riuscito a definire l’itinera-

rio per un percorso di più giorni verso i confini più remoti della vallata. Insomma, cullavo l’ingenua illusione di essere riuscito a organizzare le mie future esperienze a confronto con la cultura del luogo. Il risveglio e la presa di coscienza di una realtà ben diversa sarebbero stati di conseguenza inevitabili. Mea culpa. La convinzione tipica della mia cultura occidentale, di poter gestire gli avvenimenti futuri, durerà infatti per poco più di tre ore, il tempo necessario per percorrere a piedi il tragitto fino al mercato della zona ovest, acquistare tutte le riserve alimentari necessarie per i giorni seguenti, trovare un veicolo in partenza verso sud e riuscire a salirci schiacciato tra una moltitudine di genti locali di stirpe dani. Tutto pareva andare bene sino a quando, ancora ben lontano da quella che doveva essere la prima meta, la destinazione dove sarebbe dovuta iniziare la lunga marcia verso i monti, il veicolo si arresta improvvisamente e tutti scendono. Seguono interminabili discussioni e comprendo che il conducente non intende proseguire a causa di un ponte in legno pericolante. Con poco entusiasmo si continua comunque, anche se molti indigeni, come me, preferiscono attraversare l’insicuro ponte a piedi. Scampato il primo intoppo non ci vorrà comunque molto fino al secondo e definitivo arresto. NATURA SELVAGGIA E GENTI AMICHE Nemmeno dieci minuti più tardi, la natura mostrerà infatti tutta la sua devastante forza agli impavidi rappresentanti del genere umano stipati su quel rumoroso trabiccolo. Per forse più di un > pagina 35 ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

33


Hotel WALDORF l’occasione di vivere una estate dal sapore unico Nato per essere unico, offre agli ospiti la sensazione di “casa lontano da casa”, è il più esclusivo indirizzo di Milano Marittima, con un incantevole panorama sul mare e la sua spiaggia privata. Nulla è lasciato al caso. Ogni angolo è curato nei minimi particolari. Il design, la classe, il gusto e l’attenzione per il dettaglio, sono elementi indispensabili per creare in ogni ambiente una atmosfera calda ed emozionante. Al primo piano l’esclusivo “Fine Restaurant La Settima”, alta cucina raffinata, cantina con 500 etichette. Hotel Waldorf, dinamismo, design e creatività in un luogo di relax, di incontro e di rappresentanza.

VII Traversa Mare, 17 - tel. +39.0544.994343 - fax +39.0544.993428 waldorf@premierhotels.it - www.premierhotels.it

M

L’albergo di riferimento a Milano Marittima direttamente sul mare e a due passi dal centro. Ogni ambiente raffinato e curato nei minimi dettagli. L’offerta della ristorazione è molto ampia si può scegliere tra 5 ristoranti, con la possibilità di pranzare in spiaggia, sulla terrazza affacciata sul mare o nei Ristoranti Peninsula, Aquamarine e La Settima, ognuno con una diversa filosofia Gastronomica e caratterizzati dal design originale. Per il benessere e il relax il nuovo Club Body & Soul e i massaggi Ayurvedici. Le feste a tema, gli intrattenimenti serali, le degustazioni di vini in un’atmosfera gaudente e piena di divertenti sorprese.

I

L

A

N

O

M

A

R

I

T

T

I

M

A

Scopri i vantaggi della prenotazione anticipata PRIMA PRENOTI PIÙ GRANDE È LA CONVENIENZA

* * * *

7=6 Sconto 10% Spiaggia Compresa Club Body & Soul Numero Verde

0800 562750 numero valido solo da telefoni fissi

* * * *

Bambini Gratis 6 o 12 anni Sconto 5% Omaggio di Benvenuto Garage

MILANO MARITTIMA - (Ra) via VII Traversa Mare,12 tel. +39.0544.994661 - fax. +39.0544.994179 lepalme@premierhotels.it - www.premierhotels.it


VIAGGI

Il viso dolce di una bimba del villaggio. Mi prenderà per mano e accompagnerà fino alla pista principale dove mi saluterà con tristezza.

chilometro, il percorso davanti a noi è sbarrato da una immensa e disastrosa frana. Gran parte di una montagna è caduta a valle cancellando con ogni sorta di detriti tutto quello che aveva trovato sul suo cammino. Una visione apocalittica, resa ancora più sconvolgente da montagne di melma portate a valle da un selvaggio torrente che quasi con disperazione cerca la via verso il basso, cambiando a ogni acquazzone il suo percorso. La mia guida appare stranamente sorpresa dell’ostacolo trovato e mi dà il primo segnale di una limitata conoscenza dei luoghi, ne seguiranno purtroppo molti altri intervalli regolari! Al termine dell’esperienza, gli attesterò comunque due grandi qualità: la prima di non vergognarsi affatto di dover ammettere di essersi perso o di non sapere più in che direzione andare, la seconda, ogni qualvolta ciò era capitato, di mostrare sufficiente capacità e prontezza d’animo, trovando indigeni capaci di aiutarlo a togliersi d’impiccio. Ogni incontro con gli indigeni è comunque estremamente caloroso, di una cordialità infinita e sincera. Tutti si arrestano, ti stringono la mano e poi proseguono. Mi è capitato di incrociare persone su piste diverse, distanti dieci o venti metri le une dalle altre e rendermi conto che abbandonavano il loro cammino solo per venirmi incontro e salutarmi, nulla più, un sorriso e poi avanti spesso carichi di pesantissimi fardelli. Sovente si trattava di gruppi famigliari, gli uomini davanti col machete e un bastone, le donne dietro cariche di pesi immani portati con le tipiche sacche colorate appese con una cinghia alla fronte. CONTINUA. 

Col trascorrere delle ore le difficoltà aumentano: il terreno diviene ostile e l’aiuto della guida è indispensabile. Spesso, lungo il percorso, gruppi di indigeni si aggiungono a noi percorrendo lunghi tratti fianco a fianco.


Europa-park Il parco divertimenti per tutta la famiglia! Quote p.p. in CHF 15.6.–31.10.2007

A4 A3 A2 A1

Quadrupla Tripla Doppia Singola

Senza trasporto Senza trasporto Treno con biglietto d’entrata con biglietto d’entrata 2°classe 1⁄2-prezzo con biglietto d’entrata 2 giorni/1 notte 3 giorni/2 notti 2 giorni/1 notte adulti bambini adulti bambini adulti bambini 180 138 295 218 300 198 191 150 317 242 310 210 215 174 365 290 335 234 286 507 406

Notte suppl. senza biglietto d’entrata adulti 95 106 130 201

bambini 62 74 98

HP / QFB / 0106 / COLOSS

Hotel Colosseo 4 350 stanze, cat. ufficiale **** Struttura alberghiera in perfetto stile «Roma Antica» per ritrovarvi in un ambiente prettamente italiano. Le camere ampie, adatte a famiglie con bambini, possono ospitare fino a 4 persone e sono dotate di tutti i comforts: letto a due piazze (matrimoniale), letto a castello, bagno/doccia, WC.

Riduzione bambini: fino a 4 anni: gratis in camera con due adulti; da 4 – 12 anni: v. quota particolare

Novità a partire da luglio 2007: Apertura del nuovo albergo 4* in stile monastero portoghese «Santa Isabel».

Incluso nelle quote: I viaggio come da prenotazione I entrata libera al parco I pernottamento e piccola colazione I documentazione

Richiedete il catalogo speciale. Informazioni e prenotazioni nelle filiali Hotelplan e nelle migliori agenzie di viaggio del Ticino. Oppure telefonando al 0848 82 11 11. www.hotelplan.ch

Non incluso: – viaggio individuale – assicurazione per spese d’ annullamento Fr. 30.– – quota di prenotazione

La vacanza che piace.

Valgono le Condizioni Generali di Viaggio di Hotelplan SA

21430070074

Attrazioni mozzafiato e un’atmosfera fantastica vi aspettano a poche ore dal Ticino. Con i suoi numerosi parchi a tema, le giostre da brivido e gli spettacoli fiabeschi l’Europa-park offre a grandi e piccini un’emozione indimenticabile. Le strutture alberghiere all’interno del parco sono garanzia di un soggiorno in sintonia con le avventure che vivrete nel corso della giornata. Cosa aspettate ancora? Realizzate un sogno, venite all’Europa-park. Con noi.


PENNE, PENNELLI E PASTICCI

Il dondolario Vorresti un acquario tutto tuo con dei pesciolini che stanno bene anche quando tu sei in vacanza? Puoi fartene uno con colori e cartoncino!

1. Sul cartoncino disegna la sagoma di due pesci, uno più grande dell’altro, e quella di una stella marina e colorale. idea, disegni e realizzazione di Anto

Cosa ti occorre:

un cartoncino bianco, matite colorate, forbici dalla punta arrotondata, taglierino, filo bianco, ago, un bastoncino di legno per spiedini, nastro adesivo.

2. Ritaglia le sagome e dividi quelle dei pesci in tre pezzi verticali. Lascia intera la stella marina.

3. Aiutandoti con l’ago, fora ogni pezzo del pesce più grande, fai passare il filo, annodalo e quindi fissalo al bastoncino. Bada a tagliare i fili in modo che i pezzi di pesce stiano orizzontali.

4. Fai la stessa cosa con il secondo pesce, fissandolo però al primo. Fissa invece la stella marina al secondo pesce. Fare i nodini è piuttosto difficile. Se fissi i fili dietro le sagome dei pesci con un pezzo di nastro adesivo, ti risulterà molto più facile.

5. Per poter appendere il tuo acquario, annoda un filo lungo alle due estremità del bastoncino.

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

37


Tatjana racconta

Come sono riuscita a perdere 17 kg in 20 giorni, continuando a mangiare tutto quello che mi piace ... ... senza fatica e senza farmaci Il racconto di questa signora trentasettenne è tanto commovente, perché noi donne conosciamo benissimo il suo problema, che spesso turba anche la nostra vita: come perdere i chili superflui, senza ricorrere a diete stressanti e a privazioni? Il percorso di Tatjana potrebbe essere il nostro, con la differenza, che lei è stata fortunata a trovare «il» prodotto, che attualmente sta destando grande scalpore. Ha deciso di raccontare la sua storia per incoraggiare tutte le donne, che finora hanno tentato inutilmente oppure che hanno recuperato in un batter d’occhio il loro peso, a non perdere la speranza. Il successo di questa mamma fa svanire la paura dell’ennesimo insuccesso personale. Tutte le donne della mia famiglia sono grasse A 31 anni avevo deciso di sposarmi. Andando a provare i vestiti da sposa, mi resi conto per la prima volta consapevolmente di avere problemi di peso e di conseguenza con il mio corpo. Non potrei dire di non avere avuto il problema di qualche chilo in più già prima del matrimonio. In realtà, già da bambina le mie amiche scherzavano sulle mie «rotondità». Da adolescente, tuttavia, aveva una figura snella, che riuscivo a mantenere, limitandomi nel mangiare. Sono sempre stata molto attenta al mio peso, perché tutte le donne della mia famiglia sono piuttosto «robuste». Mia madre pesa circa 80 kg e mia sorella maggiore 70 kg, pur essendo ambedue alte solo circa 1,60 m. Per farla breve, al momento del mio matrimonio pesavo forse 55, massimo 56 kg. Non ero magra, ma ben proporzionata. Con la nascita di mio figlio Paolo cambiò tutto. Nei mesi successivi era impossibile ridurre i 19 kg, che avevo accumulato durante la gravidanza!

Ero ossessionata dall’impressione che dovevo fare sugli altri All’apice della mia depressione mi recai dal medico. L’unico suo commento era: «Signora, deve dimagrire!» Che novità! Come se non lo sapessi! Mi prescrisse una cura e dei massaggi. In realtà non mi ha dato alcun aiuto. Quanto da lui proposto, non era fattibile, perché in quel periodo era indispensabile la mia presenza a casa, prima di tutto per mio figlio, che da sempre era parecchio irrequieto e nervoso. Avevo l’impressione di ingrassare a vista d’occhio. Il pensiero dell’effetto che potevo avere sugli altri, mi depresse sempre di più, specie per quanto riguardava mio marito. Purtroppo nemmeno lui mi era di aiuto in quel periodo, perché faceva altro che rimproverarmi. «Fai qualcosa!» «Cerca di migliorare!» oppure «Reagisci!» erano i suoi «consigli». Quando divenne evidente che il nostro rapporto stava naufragando, de-

cisi di «reagire» e «di fare qualche cosa».

Ho provato veramente tutto Senza grandi speranze ho provato vari metodi, dagli inibitori dell’appetito, alle creme, diete e ai farmaci… Purtroppo senza successo, spendendo inoltre un patrimonio e non ottenendo risultati apprezzabili. Di tanto in tanto dimagrivo 2 o 3 kg, ma appena smettevo il trattamento, li acquisivo in un attimo e in parte addirittura altri chili in più. Era da impazzire! In questo modo sono arrivata a pesare impressionanti 79 kg con una statura di 1,60 m. Mi sentivo come una mongolfiera! Ero disperata e non sapevo più che cosa fare che eliminare finalmente i terribili chili, che stavano rovinando la mia esistenza.

Come ultimo tentativo ho voluto provare quel rimedio miracoloso, di cui tutti parlavano In molte trasmissioni televisive e in riviste specializzate avevo sentito e letto di un trattamento, in grado di aiutare tutte quelle donne, che da sole non erano riuscite a dimagrire. Avevo sentito la storia di una giovane donna, con la quale mi identificavo perfettamente. Esattamente come nel mio caso, ella era aumentata molto durante e dopo la gravidanza. Grazie a questo trattamento aveva perso 16 kg in 4 settimane… Essendo rimasta delusa da tutte le cure dimagranti che avevo provato, ero inizialmente restia a credere all’efficacia di questo rimedio e alquanto scettica. Ma non avendo più niente da perdere, ero disposta a provare un’ultima volta, anche perché in questo caso sarei stata rimborsata, se non avessi avuto successo. Ho quindi fatto il mio ordine. All’arrivo del pacco ero davvero sorpresa. C’era scritto, che la cura era stata preparata specificatamente in base alle mie esigenze, in modo da farmi dimagrire, pur mangiando come prima. Era semplicemente geniale! Non dovevo seguire una rigida dieta, e quindi potevo continuare a cucinare per la mia piccola famiglia, come avevo

sempre fatto. Era incredibile, quasi troppo bello per essere vero!

DOPO

La scoperta che mi ha trasformato in una donna snella! Il giorno seguente ho iniziato la mia cura di Reduzelle (è questo il nome del prodotto che ha cambiato la mia vita). Proprio quel giorno, mio marito e io avevamo programmato di recarci in un grande parco di divertimenti assieme a nostro figlio Paolo. Con tutte le leccornie e i dolciumi a portata di mano, che da sempre adoro, era impossibile resistere, e quindi ho mangiato PRIMA di tutto, senza compromessi: patate fritte, pizza, gelato, cioccolatini… La sera, per finire in bellezza la giornata, ci siamo fermati in un ristorante carino sul lago. Quando la mattina dopo sono salita sulla bilancia – sorpresa! – nonostante tutto avevo perso un chilo! Incredibile! E alquanto incoraggiante… Era strano, l’andamento della mia perdita di peso rispecchiava esattamente il racconto di quella giovane donna, di cui avevo letto. Ella aveva dichiarato di aver perso circa 4 o 5 kg ogni settimana, e a me stava succedendo la stessa cosa!

5 kg in meno di una settimana

Da quando ho perso 17 kg, la mia vita è cambiata. E mio marito si è innamorato un’altra volta di me

Ero sbalordita di poter constatare la perdita del primo chilo in così poco tempo. Quindi continuai a seguire le indicazioni del trattamento… Era molto semplice: ogni mattina, a stomaco vuoto, dovevo far sciogliere una pastiglia sotto la lingua. Durante il giorno potevo mangiare normalmente e seguire le mie attività quotidiane. Cominciai letteralmente a «sciogliermi». In meno di una settimana sono dimagrita di cinque chili, senza modificare le mie abitudini alimentari e senza dieta.

Mio marito era incredulo, quando constatava la rapidità con la quale dimagrivo! Il resto è un susseguirsi di buone notizie. Ogni due giorno salivo sulla bilancia e ogni volta potevo constatare che ero ulteriormente calata di peso!

I miei vestiti cominciavano ad essere troppo larghi. Immaginerete la mia gioia, quando sono tornata ad infilarmi i miei jeans… ora che erano tornati di moda. Dopo 10 giorni ero già dimagrita 9 kg. Mio marito non credeva ai suoi occhi. Mi vedeva mangiare come sempre, eppure diventavo sempre più magra. Gli ho svelato il mio «segreto» e l’ha trovato assolutamente straordinario! Quando ho rivisto i miei colleghi, pesavo 9 kg in meno. Erano davvero sorpresi! Tutti pensavano che avessi fatto una cura dimagrante in qualche istituto di bellezza. In effetti ero dimagrita di 17 kg in soli 20 giorni. Non era mai successo nella mia vita. Assolutamente mai!


ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Era un autentico miracolo! L’entusiasmo di mio marito era alle stelle. Si è innamorato di me una seconda volta. Spesso mi stringe tra le braccia e mi dimostra, quanto apprezza ora il mio corpo! È tanto orgoglioso del mio successo quanto lo sono io. Per quanto mi riguarda, ho ritrovato un’immensa vitalità e una nuova gioia di vivere. Mi capita di cantare, quando svolgo i mestieri di casa: era tanto tempo che non lo facevo! La cosa più sorprendente è che alla fine del trattamento non sono aumentata di un grammo. Il mio peso si è stabilizzato a 55 kg, che è veramente il mio peso forma. E in più posso continuare a mangiare quello che voglio, senza aumentare. Adesso, che ho raggiunto il mio peso ideale, non devo fare alcuna fatica: una volta al mese, faccio sciogliere in 3 giornate successive la mia piccola pastiglia di Reduzelle sotto la lingua – nient’altro! Così non aumento né dimagrisco. Se invece volessi dimagrire di altri 3 o 4 kg, potrei farlo senza problemi. Sarebbe sufficiente assumere una pastiglia di Reduzelle ogni giorno per una settimana. Ma so, che questo non piacerebbe a mio marito. Ha minacciato di trovare un’altra donna, se diventassi ancora più magra. Tatjana

Anche Lei può dimagrire fino a 400 g in 8 ore Se anche Lei, come me, segue esattamente le semplici istruzioni del trattamento, comincerà a dimagrire, senza dover modificare le Sue abitudini alimentari! Potrà calare sicuramente 4 o 5 kg alla settimana, fino a raggiungere il Suo peso ideale. E in seguito non aumenterà più, perché il Suo peso si sarà stabilizzato. Manterrà la Sua forma smagliante e nessuno immaginerà, che una volta è stata grassottella. Sarà fiera della Sua linea snella e si sentirà fisicamente bene, oltre che attraente e sicura di sé. Non andrà soggetta ad attacchi di fame, il noto nemico numero 1 di ogni donna, che è ossessionata dal desiderio di dimagrire. Quando si è snelli, inizia una nuova vita – nel vero senso della parola! Provi ora il prodotto, che ha fatto furore in tutta Europa. Scelga qui il trattamento che corrisponde meglio alle Sue esigenze:

– Cura intensiva Reduzelle per dimagrire da 6 a 10 chili solo CHF 59.–.

– Cura superintensiva Reduzelle per dimagrire da 11 a 15 chili solo CHF 89.–.

– Cura extrastrong Reduzelle per dimagrire da 15 a 20 chili solo CHF 119.–. Ordinate telefonando alla hotline

0848 00 00 70 Servizio d’ordine telefonico

tutti i giorni dalle ore 8 alle 18. E per ordini ancora più veloci, utilizzate il fax:

0848 00 01 71

Ecco gli oli essenziali che fanno dimagrire «Più di qualcuno è dimagrito 10 kg in una sola settimana!» Domanda: Come è possibile che degli oli essenziali facciano dimagrire, pur continuando a mangiare come sempre? Risposta: Reduzelle è un trattamento dimagrante dell’ultima generazione. Recenti studi hanno dimostrato che la combinazione di 13 oli essenziali piuttosto rari previene il deposito di grassi nel corpo, sciogliendoli ed eliminandoli giorno dopo giorno. Questa combinazione di oli essenziali è alla base del rimedio che consente di ottenere la perdita di peso forse più veloce mai realizzata finora con un prodotto esclusivamente naturale. Domanda: A chi è adatta la combinazione di oli essenziali? Risposta: A tutte le donne con un serio problema di peso, che dovrebbero dimagrire 5 o più chili e che hanno tentato senza successo di ottenere risultati duraturi con pillole o altri farmaci. È un trattamento rivolto a tutti coloro che non riescono a rinunciare al loro modo abituale di nutrirsi. Domanda: Si dimagrisce rapidamente? Risposta: All’inizio sì, molto rapidamente addirittura. Nelle prime tre settimane si può perdere fino ad 1 kg al giorno. Senza alcuna fatica. Domanda: Come funziona? Risposta: Il trattamento consiste in un flacone con 60 pastiglie Reduzelle. È sufficiente far sciogliere ogni mattino, a stomaco vuoto, una pastiglia sotto la lingua. Potete iniziare subito, continuando a mangiare, come avete sempre fatto. Già dopo 8 ore noterete una perdita di peso superiore a 400 g. Controllate poi ogni giorno davanti allo specchio, come la vostra linea si farà sempre più snella e attraente. Non sono false promesse, con Reduzelle il risultato è visibile, misurabile e apprezzabile! E tutto questo: – SENZA forza di volontà – SENZA dieta – SENZA esercizi faticosi Domanda: Che oli essenziali sono? Risposta: Il trattamento è costituito da 13 oli essenziali, ovvero rosmarino, salvia, cumino, ginepro, coriandolo, basilico, finocchio, cannella, chiodi di garofano, sternanis, arance dolci, eucalipto, menta. Ognuno di questi oli svolge una funzione precisa e agisce su una parte diversa del corpo. Le piante officinali, dalle quali si ricavano gli oli, sono utilizzate da sempre per curare diversi disturbi in modo naturale. Alcune hanno proprietà diuretiche, altre sono digestive, altre ancora riducono la formazione di gas nell’intestino.

Domanda: Chi mi assicura che manterrò il mio peso ideale, una volta che avrò perso i miei chili in troppo? Risposta: Come avrete notato, normalmente si riacquista in tempi abbastanza rapidi il peso, che si perde tramite una dieta o con l’aiuto di medicinali. Questa cura, tuttavia, inverte il processo. Non solo dimagrirete, ma tutto il vostro metabolismo si modificherà in modo estremamente delicato. Non dovete avere paura di ingrassare, perché d’ora in poi la combustione e la trasformazione di calorie nel vostro corpo avverranno esattamente come avviene per coloro, che da sempre possono mangiare quello che vogliono, senza ingrassare. Non importa se volete perdere 5, 10, 15 o 20 kg, con questo trattamento rivoluzionario avete la certezza di riacquisire il vostro peso ideale, un peso equilibrato, una linea, che vi piacerà e di conseguenza vi ridonerà nuova voglia di vivere. Quando riceverete la vostra cura, iniziate a prendere le pastiglie (una ogni mattino prima di fare colazione). Se i risultati non fossero quelli sperati, non fate altro che restituirci i flaconi nel giro di 30 giorni. In questo caso vi rimborseremo a giro di posta l’intero prezzo di acquisto del trattamento. Questo è la nostra garanzia esplicita e impegnativa.

ORDINE

Code 62 176 12

Sì, anche io desidero ridurre i miei chili

superflui e ordino la seguente cura Reduzelle: K Vorrei dimagrire da 6 a 10 kg. Cura intensiva CHF 59.– K Vorrei dimagrire da 11 a 15 kg. Cura superintensiva CHF 89.– al posto di CHF 118.–. Risparmio: 29.– K Vorrei dimagrire da 15 a 20 kg. Cura extrastrong CHF 119.– al posto di CHF 177.–. Risparmio: 58.– Pago K in anticipo con i contanti allegati, senza spese di spedizione. K con fattura con spese di spedizione. Cognome: Nome: Via: NPA/Città: Il mio numero di telefono:

Spedire quanto prima a: Posthorn Versand Postfach 5860 D-78437 Konstanz

SWISS

MADE


DESTINAZIONE FAMIGLIA

LA SVIZZERA

DI UNA VOLTA Lasciare la civilizzazione dell’automobile, del telefonino e di internet per un giorno e immergersi nell’universo contadino dei secoli che furono. È quanto propone il Ballenberg, museo all’aperto della cultura rurale, situato a Brienz, nei pressi di Interlaken. testo Coralie Nativel - foto Stefano Ember

40

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


F

attorie, stalle, caseifici, mulini, fienili… edifici che erano minacciati di demolizione, nel Ballenberg hanno trovato una seconda vita. Un centinaio di costruzioni tipiche, provenienti da quasi tutti i cantoni svizzeri, sono state spostate e ricostruite mantenendo le caratteristiche originarie con i loro relativi arredamenti, mobilio, attrezzi e utensili. I soggiorni, le cucine e le camere da letto rievocano la vita di un tempo nelle campagne svizzere. Gli edifici sono circondati da giardini, orti, prati e campi coltivati con frutta, fiori tipici delle diverse regioni, oltre che da erbe, specie di cereali e graminacee da lungo tempo dimenticate o addirittura estinte. Non mancano neppure gli animali, circa 250, quali mucche, pecore, maiali, conigli e anatre, riuniti in questa singolare “fattoria degli animali”. Su un’area di 66 ettari suddivisi in 13 regioni, si è così ricreata l’economia domestica rurale di una volta, che può essere scoperta a piedi grazie ad agevoli sentieri, per la maggior parte accessibili ai passeggini, in carrozza, oppure a dorso di cavalli e asini. Numerose, poi, le attività artigianali presentate al Ballenberg, che potranno soddisfare la curiosità di grandi e piccini: filatura, fabbricazione del cioccolato, carbonaia, caseificazione, ceramica, cottura della calce, cottura del pane, estrazione della resina, fabbricazione di cappelli, cesti, orologi, scatole in trucioli, foggiatura, intaglio del legno, lavoro all’uncinetto, merletti a maglia, oreficeria, ricamo, segheria, selleria, torchiatura dell’olio. Quando poi l’acquolina si fa sentire, si potrà scegliere di assaggiare le specialità regionali delle diverse regioni in uno dei tre ristoranti presenti al Ballenberg, oppure lasciarsi sedurre dalle numerose aree di ristoro all’aperto per un pic-nic dal sapore bucolico. Il museo all’aperto può essere visitato da aprile a ottobre, tutti i giorni dalle 10 alle 17. Lungo l’intero arco dell’anno vengono inoltre proposte numerose manifestazioni speciali. 

1

COME ARRIVARCI Con l’auto: da Lugano, ci vogliono 2 ore e 15 minuti, (A2, direzione nord fino a Hergiswill, poi seguire la direzione Interlaken. Il Ballenberg si trova un paio di chilometri dopo il Brünigpass). Due entrate, entrambe con un ampio parcheggio, accolgono i visitatori automuniti. In treno: (4 ore e mezzo di viaggio), alla stazione di Brienz un bus navetta accompagna i visitatori al museo. In questo caso è preferibile fermarsi l’intero fine settimana.

2

3

4

DOVE DORMIRE Ad esempio al Park Hotel du Sauvage di Meiringen (da Fr. 160.-/www.sauvage.ch), oppure all’Hotel Landhaus di Gisiwil, che ha anche un bellissimo parco giochi con piccolo zoo di animali da accarezzare (da Fr. 144.-. Un bambino sotto gli 11 anni in camera con i genitori è gratis e il secondo paga solo il 50% / www.landhaus-giswil.ch). QUANDO ANDARCI Il Museo del Ballenberg è aperto dal 6 aprile al 31 ottobre, dalle 10:00 alle 17:00, ma le casse aprono un ora prima del museo. QUANTO COSTA L’entrata costa Fr. 18.- per gli adulti e Fr. 9.per bambini da 6 a 16 anni. Esiste anche un biglietto famiglia per genitori e tutti i bambini tra i 6 e i 16 anni a Fr. 40.-. Chi possiede il Passaporto per Musei Svizzeri entra gratuitamente. DA SAPERE I cani sono benvenuti ed entrano gratuitamente, purché tenuti a guinzaglio corto. All’interno del museo è possibile acquistare prodotti artigianali come formaggio dell’alpe, pane, salumeria, cioccolato, dolci, tisane.

1. Casa contadina della campagna bernese. 2. Tipica casa contadina dei dintorni di Ginevra con lavorazione del cuoio. 3. Corte di Novazzano, del periodo tra il 14. e il 19. secolo. 4. A rappresentare il Ticino anche le abitazioni provenenti da Cugnasco. 5. I bambini possono visitare il Ballenberg a dorso di asini o cavalli. 5

Museo svizzero all’aperto Ballenberg 3855 Brienz www. ballenberg.ch

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

41


REPORTAGE

42

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


Il Dipartimento del Territorio e Illustrazione Ticinese, lanciano il progetto fotografico “Territorio e vivibilità, un racconto collettivo della popolazione ticinese”

DALLA MIA

FINESTRA “Ognuno ha un posto dal quale vede la vita,” da “La Piazza” di Francesco Eugenio Negro. testo e foto Giosanna Crivelli

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

43


REPORTAGE

guardo, vedo, penso, dico, ricordo, constato, sogno, immagino dal grandangolo al teleobbiettivo, dal giorno alla notte, dal chiaro allo scuro, dal colore al bianco e nero, dall’insieme al dettaglio, dal bello al brutto, da oggettivo a soggettivo, da eccezionale a quotidiano, da banale a estetico, dalla memoria al presente, dall’impotenza alla progettualità terra, paesaggio, natura, campagna, villaggio, agglomerato, città: territorio vivibile? luoghi per scelta, per abitudine, per necessità

44

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


G

uardare il territorio da un’angolazione non usuale e non codificata - come può essere la visione fotografica -rappresenta un utile contributo e complemento per la pianificazione territoriale. È una visione soggettiva, basata sulla percezione di ambienti di vita vissuti nel quotidiano, nell’ottica della memoria, della qualità di vita, del valore estetico. La capacità della fotografia è quella di creare nessi non evidenti a livello cognitivo. La gestione del territorio è regolamentata da leggi e prescrizioni, da esigenze della società e dell’economia. In che modo ognuno di noi può influire sul territorio in cui vive? E come lo percepisce? Il Piano direttore è un progetto per lo sviluppo territoriale del Cantone Ticino per i prossimi vent’anni. Nell’ambito dell’attuale revisione si è voluto e si vuole coinvolgere direttamente la popolazione per comprenderne le esigenze e le aspettative, con lo scopo di suscitare un dibattito costruttivo sul valore del nostro territorio. Con parole e immagini diamo visibilità ai nostri desideri, confrontandoli con la realtà. È una espressione intuitiva alla ricerca di soluzioni forse utopiche. Esploriamo ciò che di inconsueto e misterioso l’immagine fotografica può distillare da una realtà complessa. Dal luogo in cui vivo fotografo il paesaggio costruito, per mostrare ciò che dal mio punto di vista mi piace e ciò che non mi piace, ciò che mi fa star bene e ciò che non mi fa star bene. Scatto una sola fotografia, che contenga entrambe le sensazioni, o due fotografie distinte. Abbino alla o alle fotografie un breve testo per motivare il “mi piace-non mi piace”, e per esprimere in modo progettuale i miei desideri e la mia immaginazione di come la realtà potrebbe essere.

TERRITORIO E VIVIBILITÀ: FOTOGRAFO IL PAESAGGIO COSTRUITO DALLA MIA FINESTRA FOTOGRAFIE E TESTI - 1 o al massimo 2 fotografie stampate su carta, a colori o in bianco e nero, dimensione minima 10x15 cm, massima A4 oppure: - dati digitali formato jpeg, qualità medio-alta (da 9 a 12), dimensione minima 10x15 cm, risoluzione 300 dpi, massimo 2 MB - ogni fotografia deve essere contrassegnata con il nome dell’autore sul retro o, se digitale, nella denominazione - per ogni fotografia specificare il luogo fotografato - per ogni fotografia specificare la motivazione del “mi piace - non mi piace” con un breve testo (massimo 500 caratteri) - indicare nome, cognome, indirizzo, telefono, email TERMINE DI INVIO 31 ottobre 2007 INDIRIZZO PER LA SPEDIZIONE Sezione dello sviluppo territoriale - “Progetto fotografico” Viale S. Franscini 17 - 6500 Bellinzona oppure: www.ti.ch/pdr-foto , menu Informazioni - Scrivici (tramite formulario), o dt-sst@ti.ch (tramite email, con l’indicazione “Progetto fotografico”) CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE - I partecipanti acconsentono alla pubblicazione, a scopo divulgativo, delle fotografie e del relativo commento. - Nel caso di pubblicazione o utilizzo delle fotografie si indicherà il nominativo dell’autore. - È esclusa qualsiasi pretesa da parte dei partecipanti. - Le fotografie non vengono restituite. - I dati personali verranno trattati in modo confidenziale e non saranno trasmessi a terzi, salvo per quanto indicato con riferimento all’eventuale pubblicazione o utilizzo delle fotografie. - È escluso il ricorso alle vie legali. - Non si tiene corrispondenza in merito al progetto.

VI INVITIAMO A PARTECIPARE NUMEROSI AL NOSTRO SONDAGGIO VISIVO. LE FOTOGRAFIE PIÙ EFFICACI VERRANNO PUBBLICATE SU ILLUSTRAZIONE TICINESE

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

45


2ª PARTE

INTERNET

FAMIGLIE, GIOVANI,ANZIANI E

CONSIGLI, TRUCCHI E SITI WEB UTILI Proseguiamo il nostro incontro incentrato sulla “sicurezza”, intesa come sicurezza informatica, nell’uso quotidiano del nostro computer. Sicurezza del nostro computer e protezione della navigazione in rete sono aspetti di indubbio interesse e di estrema attualità, che affrontiamo fornendo ulteriori consigli e informazioni, sperando possano risultare utili perché, durante una connessione a Internet, il nostro computer è come una porta aperta sul mondo… testo Elio del Biaggio

O

gni giorno - e ce ne rendiamo sempre più conto - il nostro computer è vittima di “attacchi” di vario genere: virus, hacker, spyware, SPAM, eccetera. Lo scopo di questi nostri ultimi incontri è allora proprio quello di fornire strumenti per proteggere nel migliore dei modi e in maniera semplice il proprio computer e le proprie navigazioni in rete, mantenendo così sonni tranquilli. Certo, si tratta di indicazioni di base, con una lista di programmi, selezionati fra i tanti presenti e reperibili gratuitamente in rete, scelti secondo criteri di gratuità, di efficienza, di facilità di configurazione e di semplicità di uso. Utilizziamo quindi qualche termine che adesso dovrebbe esservi più conosciuto e familiare, andando per categorie di sistemi di protezione presentati, descritti e scaricabili. FIREWALL Un “firewall” è un programma che protegge il nostro computer da intrusi durante la navigazione. Molto utile in quanto mostra, e volendo blocca, tutte le connessioni in entrata e in uscita di un computer connesso alla rete. Vediamone alcuni: • ZoneAlarm (www.zonelabs.com), un firewall di gran successo nel passato, con elevata semplicità d’uso, che rimane ancora oggi una buona soluzione. • Sunbelt Personal Firewall (www.sunbelt-software.com) è un buon firewall, potente e pratico, con molte utili funzioni anche nella sua versione gratuita. • Omniquad Personal Firewall (www.omniquad.com) è un altro buon firewall oggi reperibile online, anche se meno conosciuto dei precedenti. ANTIVIRUS Gli “antivirus” sono programmi utili a scovare, bloccare ed elimi-

46

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

nare i sempre più diffusi, fastidiosi e indesiderati virus informatici, fra i quali possiamo citarne un paio interessanti e gratuiti: • Avast! (www.avast.com), considerato fra i migliori antivirus del momento, gratuito, con aggiornamenti automatici, protezione della posta elettronica, soprattutto Outlook. • AntiVir (www.free-av.com) è un altro buon antivirus gratuito, semplice, “leggero” e con aggiornamento automatico online. ANTISPYWARE Gli “spyware” sono programmi che inviano informazioni, di solito per uso commerciale, su quello che si sta facendo su Internet e sul nostro PC a terzi, curiosi… Molto pericoloso il tipo “keylogger”, che tiene addirittura traccia di quanto scriviamo, password comprese, e quanto effettuiamo sul nostro Desktop, accanto ad altre indesiderate e per certi versi anche nocive raccolte di informazioni. La difesa è offerta da sistemi antispyware quali: • Spybot - Search&Destroy (www.safer-networking.org) che è un ottimo antispyware, forse il migliore, con controllo traccia programmi, filtro antiactiveX e antikeyloggers. • Ad-Aware SE Personal (www.lavasoftusa.com) è un antispyware con controllo in tempo reale del browser e del registro, con scansione del sistema. ANTIHIJACK Difendere il nostro browser da aggressioni “commerciali” (“hijack”) quali l’impostazione forzata della pagina iniziale del browser, l’inserimento di pulsanti, barre e assistenti di ricerca, tanto inutili quanto stupidi… grazie all’uso di programmi antihijack come: • SpywareGuard (http://javacoolsoftware.com) è un ottimo


www.google.it Google, il motore di ricerca che ormai non ha più bisogno di alcuna presentazione e grazie al quale poter trovare interessanti e utili risorse e informazioni sul tema della sicurezza.

www.motoridiricerca.it Un sito web interamente in italiano, con una panoramica generale aggiornata e completa sui principali motori di ricerca presenti e utilizzati sul web, nel mondo intero, dai più generici ai più tematici, per trovare veramente di tutto un po’, districandosi sulla rete delle reti.

Maurice Cereghini Institute Star bene con se stessi - star bene con il mondo.

programma che controlla in tempo reale eventuali modifiche al nostro browser mentre navighiamo e le blocca subito. • HijackThis (http://merijn.org), un altro programma utile a difendere il nostro browser dalle continue e frequenti aggressioni esterne, eliminando chiavi di registro sospette. ANTIDIALER Gli “antidialer” altro non sono che dei programmi che bloccano una connessione non autorizzata del telefono, impedendo ai “dialer” (programmi che automaticamente compongono numeri telefonici a pagamento) di riconnetterci a nostra insaputa facendoci spendere un capitale, utili soprattutto a coloro che accedono in Dial-Up anziché via connessione ADSL. • Stop Dialers (www.socket2000.com) è un semplice programma residente sul PC che blocca ogni tentativo di riconnessione telefonica non desiderata. • DialerSpy (www.sicurezzainrete.com ), un programma che presenta svariate utili funzioni e che, oltre a non permettere connessioni indesiderate, tiene persino traccia dei programmi che cercano di connettersi telefonicamente e comprende altre informazioni legate all’uso della nostra linea telefonica. Un elenco, questo, che proseguirà anche sul prossimo numero, con nuove indicazioni utili per la sicurezza del proprio computer e delle proprie visite sul web. 

Rammentiamo la possibilità di leggere tranquillamente e facilmente tutti gli scritti pubblicati così come di scambiarci idee, opinioni, curiosità, critiche, suggerimenti, osservazioni, dal fresco e rinnovato sito web www.delbiaggio.ch.

Il Maurice Cereghini Institute nasce nell'estate del 1988 quale espressione concreta della filosofia di Maurice Cereghini, profondo conoscitore della medicina non convenzionale, delle terapie energetiche e della naturopatia. Centro interdisciplinare di analisi, consulenza e formazione, il Maurice Cereghini Institute si basa su una visione olistica dell'esistenza, prefiggendosi come missione il miglioramento concreto della qualità della vita delle persone. Con un approccio terapeutico personalizzato e basato su diverse discipline naturali, il Centro si propone di aiutare le persone a raggiungere il miglior equilibrio tra corpo, mente, emozioni e spirito. Il counseling del Centro si colloca a vari livelli: Interventi individuali Attraverso sedute regolari o colloqui d'appoggio e l'applicazione di tecniche individuali quali la pranoterapia, la chiropratica e la naturopatia, si mira ad alleviare le sofferenze fisiche, i dolori, i disturbi di salute, ma anche a risolvere i piccoli disagi di tutti i giorni, lo stress, la stanchezza, le carenze nutrizionali e il calo delle difese immunitarie. Interventi olistici integrati È l'impronta più completa del Centro, intesa ad affrontare ogni disturbo esistenziale, emotivo e comportamentale, comprese le problematiche d'identità, le malattie psicosomatiche, le disintossicazioni, gli esaurimenti nervosi e fisici. Per ogni situazione vengono studiati ed utilizzati gli approcci terapeutici più efficaci, creando così le premesse per una risoluzione personalizzata, nel rispetto delle esigenze dell'individuo. Interventi seminariali Si tratta di programmi pluritematici di gruppo intesi a migliorare lo stile di vita, dalla costituzione della personalità e del pensiero positivo alla gestione dello stress, dei condizionamenti e delle credenze. I seminari perseguono una dimensione formativa coinvolgente, con l'insegnamento di aspetti teorici ed applicazioni pratiche. Il tutto per maturare, per crescere e per eliminare le inibizioni della propria personalità. L'equilibrio psico-fisico diventa il primario risultato di una fondamentale armonia di vita dell'essere umano, che necessita di nutrire il proprio corpo, educare la propria mente, esprimere proprie le emozioni e coltivare una propria filosofia di vita. Il successo del percorso presuppone tuttavia anche la volontà della persona ad impegnarsi e investire su se stessa e sul suo benessere. SVIZZERA: 6900 Lugano, via Motta 24 Tel. +41 91 994 62 60 - Fax +41 91 994 62 61 - www.cereghini.ch ITALIA: Cantù (CO), via Ariberto da Intimiano 17 Tel. +39 031 709 409 - Fax +39 031 709 109 1 - www.cereghini.net


I servizi del centro estetico: VISO Per combattere efficacemente i segni che il tempo lascia inesorabilmente sul viso, Linea sana ha messo a punto una serie di trattamenti che, associati alla innovativa tecnica di fotoringiovanimento mediante luce pulsata, aiutano a correggere il precoce invecchiamento della pelle stimolando la produzione naturale del collagene. Tale processo permetterà di avere rughe meno evidenti con una pelle piú liscia ed elastica.

CAPELLI Con una consultazione e un test gratuito presso i centri Linea Sana potrai conoscere la verità sui tuoi capelli e le migliori tecniche per prevenire, combattere e sconfiggere la calvizie.

CELLULITE

DIMAGRIMENTO

Linea Sana ha messo a punto un programma di trattamenti mirati e specifici che risultano utili a contrastare gli inestetismi e le diverse manifestazioni della cellulite.

In un’atmosfera amichevole e di assoluto relax potrai goderti il piacere di modellare il tuo corpo senza sottostare a diete impossibili o a faticose ginnastiche. La metodica di intervento è un insieme di trattamenti personalizzati, piacevoli e rilassanti in grado di esaltare i principi attivi dei prodotti utilizzati e di creare una sinergia tra di loro. Un sistema collaudato ed efficace che ti aiuta a dimagrire senza perdere il buon umore.

UNGHIE Potrai finalmente avere delle unghie invidiabili con i raffinati sistemi di ricostruzione e allungamento unghie. Un tocco di classe a cui non saprai rinunciare.

DEPILAZIONE LASER E LUCE PULSATA Con l’innovativo sistema a luce pulsata adottato da Linea Sana potrai ridurre gli inestetismi dei peli superflui in modo permanente e progressivo. Questo sistema, non invasivo, agisce generando una luce ad alta intensità che, attraversando la pelle, surriscalda i follicoli e danneggia la matrice pilifera. Il tutto senza causare dolori, effetti indesiderati e nella più totale sicurezza e comfort. Per l’uomo e la donna, la tecnica si dimostra efficiente, veloce ed economica.

www.lineasana.ch - info@lineasana.ch

LUGANO Via Pretorio, 11 Telefono 091 923.20.90

BELLINZONA Viale Portone, 5 Telefono 091 825.65.06

CHIASSO Corso S. Gottardo, 54 Telefono 091 682.77.09

LOCARNO Viale Verbano, 3 Telefono 091 743.92.18


SONDAGGIO

Silvano Oncelli, 17 anni, app. venditore, Malvagia - “La mia vacanza ideale è essere servito al cento per cento e godere del massimo relax”.

Mariagrazia Calanchina, 61 anni, disoccupata, Massagno - “La mia vacanza perfetta è in montagna, circondata da flora, fauna e minerali, in tranquillità e armonia”.

Renato Pedrotti, 61 anni, pensionato, Viganello - “Al mare con relax e bagni durante il giorno e ballo liscio la sera”.

LA MIA VACANZA

IDEALE... Siamo ormai alla soglia delle tanto agognate vacanze estive. In molti partiranno per mete più o meno lontane, scelte anche per accontentare partner, famiglia o amici. Ma, forse, la vostra vacanza perfetta sarebbe un’altra. Quale? testo Lorenza Storni - foto Stefano Ember

Cristina Mercurio, 39 anni, casalinga, Mendrisio - “Durante le vacanze amo avere tutte le comodità ed essere servita e riverita”.

Veronica Venditti, 26 anni, impiegata, Cadenazzo - “Sole, mare, relax, ecc. Vedi Ivo…”.

Ivo Ghirardello, 37 anni, venditore, St. Antonino - “In un luogo caldo e marino dove si possa fare sport e divertirsi insieme a tanta gente. La cosa importante è che non ci sia qualcuno che mi stia antipatico”. > pagina 51 ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

49


Perdi i capelli? Chiama L’Istituto Sanders Con una consultazione gratuita presso i centri Sanders potrai conoscere la verità sui tuoi capelli e le migliori tecniche per prevenire, combattere e sconfiggere la calvizie. Un aspetto gradevole e curato contribuisce in modo sostanziale ai successi nel campo del lavoro e della vita privata. Perdere i capelli a volte significa subire disagio, insicurezza, incrinare i nostri rapporti sociali e sentimentali. Per fortuna non siamo più impotenti nel combattere la calvizie, anzi, possiamo affermare che avere i capelli oggi è una scelta. L’Istituto Sanders, azienda leader del settore tricologico, vanta oltre venti anni di esperienza. È presente a Lugano, Chiasso, Bellinzona e Locarno. In questi quattro centri tutti potranno sottoporsi gratuitamente a un esame dei propri capelli e informarsi sulle tecniche più attuali per salvaguardarli. Segnali d’allarme. In presenza di perdita eccessiva di capelli, di diradamento, di diminuzione della loro densità, di prurito, di grasso eccessivo, di forfora e desquamazione, meglio subito farsi controllare perché prima si interviene con misure di prevenzione e maggiori sono le possibilità di successo. Analisi dei capelli. Metodi diagnostici di avanguardia consentono di stabilire con precisione le cause delle diverse anomalie dei capelli, di accertare l’eventuale mancanza di qualche elemento e di individuare anche piccolissime tracce di sostanze intossicanti. Esame tricologico, mineralogramma e tricogramma, sono le analisi dei capelli che possono essere ritenute necessarie per stabilire un trattamento specifico e personalizzato. E per la donna? Naturalmente il problema dei capelli si evidenzia maggiormente negli uomini con la conseguente calvizie più o meno pronunciata, ma è tra le donne che quando il diradamento si manifesta diventa intollerabile. In effetti la donna con pochi capelli non ha alcuna possibilità di passare inosservata senza suscitare curiosità e commenti. Una risposta convincente al problema femminile la dà ancora una volta l’Istituto Sanders, che ha creato un trattamento specifico e una tecnica di integrazione insuperabili.

www.istitutosanders.com Lugano Bellinzona Chiasso Locarno

Via Pretorio 11 Viale Portone 5 C. S.Gottardo 54 a Viale Verbano 3 a

Tel. 091 923 44 74 Tel. 091 825 68 12 Tel. 091 682 77 01 Tel. 091 743 92 16

Per infoltire i capelli? Per coloro che intendono riavere i capelli persi l’Istituto Sanders propone i più affidabili sistemi di infoltimento disponibili oggi. Sono sostanzialmente due i tipi di intervento che, a dipendenza dei casi e delle esigenze, vengono consigliati. Uno è il sistema di integrazione MS ideato dalla Sanders, una tecnica non invasiva che consente di aumentare progressivamente la propria capigliatura con una gradualità del tutto impercettibile. Il secondo è l’autotrapianto dei capelli che consiste nel prelevare dei capelli non soggetti alla caduta per integrarli nelle zone diradate. Una tecnica chirurgica ampiamente collaudata che garantisce la ricrescita dei capelli per tutta la vita. Questo ovviamente in estrema sintesi, per saperne di più e soprattutto per sapere qual è la soluzione ideale del vostro problema, basta prendere contatto con l’Istituto Sanders. Previo appuntamento otterrete gratuitamente una completa informazione sulle reali possibilità inerenti al vostro caso.


SONDAGGIO

Martina Frigerio, 27 anni, imp. di commercio, Manno - “Soprattutto a nord, al freddo, immersa nella natura e con molta tranquillità”.

Yuri Monaco, 16 anni, apprendista, Ponte Capriasca - “Vacanze piuttosto al nord, al fresco, rilassanti ma divertenti e con tanti amici”.

Manuela Quinzi, imp. di vendita, con Ashley, Castione - “La mia vacanza perfetta deve essere lussuosa e rilassante ma che mi permetta, nel contempo, di visitare posti nuovi e conoscere nuove usanze”.

Angelo e Debora Pignatelli, 33 e 31 anni, carrozziere e impiegata, con Dylan, Cassina d’Agno - “La nostra vacanza ideale? Mare, caldo, tranquillità, ottimo cibo e shopping”.

Manuela Ronzani, 39 anni, cassiera, Grancia - “Visto che ho sempre approfittato del benessere, mi piacerebbe provare la povertà trascorrendo una vacanza in un villaggio africano”.

Andrea Klainguti, 82 anni, pensionato, Carona - “Per me la vacanza perfetta è al mare e al caldo”.

Birgid Nothacker, 45 anni, casalinga, Collina d’Oro - “Adoro andare al mare, in luoghi dove si possa praticare sport e dove non mi debba preoccupare di nient’altro”.

Mirko Stephani, 23 anni, app. giardiniere, Chiasso - “In un campeggio/villaggio al caldo con tante attività sportive durante il giorno e attrazioni per la vita notturna”.

Luca Medici, 39 anni, impiegato, Morbio Inferiore - “La vacanza può essere sia tranquilla, sia movimentata. L’importante è che le aspettative prima della partenza si realizzino il più possibile”.

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

51


SPORT

VOGA, VOGA...

PURA È L’ONDA, IL VENTO TACE 52

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


P

resso la Società Canottieri Ceresio Gandria-Castagnola, abbiamo incontrato Andrea Dalsass, il canottaggio, il paesaggio e il lago, gli elementi che formano un quadro naturale nello stesso tempo tonificante e rilassante e nel quale Luigi Nonella ci invita ad immergerci…

ANDREA DALSASS E LA SUA SFIDA ALLE PROPRIE POSSIBILITÀ IL TUO ’INCROCIO FATALE’ COL CANOTTAGGIO “Fino a 12 anni ho giocato a hockey su ghiaccio nel Lugano, poi ho fatto un anno di tennis, finché il mio compagno Salvatore Accardo mi ha invitato all’Audax di Paradiso per provare il canottaggio. Qualche tempo dopo mi sono trasferito alla Ceresio e ho iniziato col canottaggio non agonistico. Stufo di fare solo un paio di allenamenti per settimana senza gareggiare, sono allora passato all’agonistico con l’allenatore Marco Ossola, e da quel momento ho cominciato ad allenarmi tutti i giorni”. COSA TI AFFASCINA DI QUESTA DISCIPLINA SPORTIVA? “Qui alla Ceresio ho trovato delle belle amicizie, poi mi affascina il fatto di poter stare immerso nella natura, all’aria aperta. Mi piace anche lo spirito di competizione che caratterizza questa disciplina”. QUALI LE… QUALITÀ DI UN CANOTTIERE “Deve essere forte mentalmente, assiduo nella partecipazione agli allenamenti, e resistente nello svolgimento degli esercizi, non si deve mai mollare, ma cercare di dare sempre il massimo, questo è importantissimo”.

In questa rubrica, presentiamo alcune discipline sportive con l’intento, da un lato, di allargare il campo visivo su ogni singolo sport, e dall’altro mettere a disposizione dei lettori alcune informazioni che si spera possano rivelarsi utili per chi volesse intraprendere la disciplina o già la stia praticando… testo Marco Ortelli - foto Rémy Steinegger

COME SI ALLENA UN CANOTTIERE? “Cerchiamo di allenarci tutti i giorni, salvo impedimenti importanti, dati ad esempio dalla scuola, che, a dire il vero, non favorisce troppo gli sportivi d’élite. In inverno di solito ci si allena in palestra, dove si fa una serie di esercizi di resistenza e muscolazione. Il sabato e la domenica si esce sul lago anche in inverno. Senza dimenticare il remoergometro - il vogatore indoor - che è l’allenamento più noioso e duro che si possa fare, perché fai avanti indietro ‘a secco’ e appena rallenti, la macchina te lo segnala senza scampo. Col passaggio all’ora legale, si riduce l’attività a secco e si esce regolarmente sul lago, alternando allenamenti di fondo e fondo con tecnica, della durata di un’ora e mezza, per 14 chilometri circa di lunghezza”. QUESTIONE DI TECNICA “Non è facile come potrebbe sembrare, ma nel canottaggio la tecnica è tutto, a parte alcuni casi, che sopperiscono alla tecnica con una potenza sovrumana. Altrimenti, chi ha la tecnica riesce ad andare meglio di uno che è più forte. Si cerca la precisione del movimento e di essere in grado di far scorrere la barca il più possibile, grazie ad una buona entrata”.

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

53


SPORT

COME SCONFIGGERE GLI AVVERSARI IN GARA “La mia regola per battere l’avversario consiste nel non fargli mai vedere che sei stanco. Se uno vede che l’altro sta per mollare, prende energia e parte via. Il mentale è molto importante”. SEI SODDISFATO DI QUANTO HAI REALIZZATO FINO AD ORA? “Finora ho avuto un po’ degli alti e bassi, a causa di diversi infortuni, che praticamente non mi hanno mai consentito di portare a termine una stagione. Il mio primo obiettivo, quest’anno, è quello di disputare una stagione completa per vedere il livello in cui mi trovo”. QUALI I TUOI PROPOSITI SPORTIVI? “Per prima cosa devo cercare di finire il liceo, poi a dipendenza se rimarrò o meno in Svizzera a studiare, mi piacerebbe continuare a gareggiare, trovando magari un lavoro che consenta di potersi comunque allenare due volte al giorno. Pensare ad una lunga carriera però è difficile, o sei un fenomeno di livello internazionale o nazionale, altrimenti è molto difficile proseguire l’attività. Certo, diventare un professionista sarebbe ecceziona-

Nome: Andrea Cognome: Dalsass Data di nascita:10 novembre 1987 Professione: studente liceale Domicilio: Sorengo Club di appartenenza: Società Canottieri Ceresio Categoria: senior B (Under 23)

54

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

Tempo dedicato alla pratica sportiva: tutti i giorni, due ore, per 10 mesi circa Miglior risultato: 1. Finale B (settimo in Svizzera) ai Campionati svizzeri 15-16 Il prossimo obiettivo: “cercare di tornare a fare bei risultati”

le. Mi ricordo il campo di allenamento che, accompagnando Salvatore, ho potuto svolgere con la nazionale a Sarnen. Si facevano tre allenamenti al giorno, in una settimana dedicata esclusivamente al canottaggio, uscivi dall’acqua esausto, ma alla fine eri contentissimo, consapevole di aver fatto qualcosa di utile per te stesso. È stata la mia settimana più bella”. PERCHÉ BISOGNEREBBE PROVARE QUESTO SPORT? “Sei nella natura, sul lago, che ti può dare momenti di grande tranquillità”. LA PRIMA IMMAGINE CHE TI VIENE IN MENTE PENSANDO AL CANOTTAGGIO? “Libertà”.

LUIGI NONELLA E L’IMPORTANZA DELLE ATTIVITÀ POLISPORTIVE INIZIAMO CON UNA TUA PRIMA IMPRESSIONE SUL CANOTTAGGIO “Ritengo che per gli amanti della natura il fatto di navigare sia bellissimo, l’acqua del resto evoca sempre una certa calma, il paesaggio solitamente è sempre molto bello, circondato da boschi e rive che tranquillizzano l’animo umano. Considero poi il canottaggio uno degli sport più completi, perché coinvolge molta muscolatura, da quella delle gambe a quella delle braccia, senza dimenticare il gesto tecnico che è pregevolissimo. Personalmente ho avuto poche occasioni di praticarlo, ma quando l’ho fatto, ho sempre vissuto esperienze bellissime”. I BENEFICI DELL’ATTIVITÀ POLISPORTIVA Anche quest’anno, il Dicastero dello sport di Lugano, dal 25 al 30 giugno propone il corso Polisportivo comprendente il quaternio salvataggio - canottaggio - vela - sci nautico (riproposto per il secondo anno consecutivo, dopo il successo riscosso nel 2006), offerto agli alunni del circondario che hanno terminato la prima media. Il lago di Lugano si trasformerà così in… palestra naturale, grazie all’entusiasmo che le quattro società sportive (CSNC, CVLL, SCC Gandria-Castagnola e SSL) disseminate lungo le rive del lago sapranno trasferire ai ragazzi, pronti dal canto loro a lasciarsi permeare dalla bellezza che l’ambiente lacustre sa trasmettere. Il tutto all’insegna del motto “Fare sport… per sport”, ma anche per imparare a riconoscere i diversi punti di equilibrio che caratterizzano il nostro agire.


PROSEGUIAMO CON L’OCCHIO DEL PREPARATORE ATLETICO “È uno sport che richiede una grande preparazione fisica, che passa attraverso minuti di corsa, pedalate, sala pesi e palestra, praticati con l’obiettivo di poter poi uscire sull’acqua e assaporare le belle vogate che fanno andare l’imbarcazione quasi da sé, trovando il ritmo giusto. Il tocco in più di questo sport è poi dato, a mio avviso, dal sincronismo che viene a crearsi quando a vogare si è in due, quattro o otto. Inviterei allora soprattutto i giovani di oggi a confrontarsi con questa magnifica disciplina, proprio per irrobustire braccia e gambe, e costruire in questo modo un corpo armonioso”. ALLORA, TUTTI AL LAGO? “Sì, ma con prudenza, avvicinandosi alla disciplina in modo progressivo, poiché l’entusiasmo può giocare dei brutti scherzi. Seguire delle lezioni sin dall’inizio è importantissimo, per acquisire in modo corretto i gesti tecnici, che se non studiati nel modo adeguato possono poi avere effetti traumatizzanti portando a borsiti importanti a livello di avambraccio e gomiti”. REMANDO IN PROSPETTIVA… POLISPORTIVA “Bisognerebbe che il canottaggio diventasse una forma di sport popolare, e a tal proposito invito i club a promuovere maggiormente la loro disciplina, magari in collaborazione con altre società e discipline sportive. In questo periodo, vanno sempre più di moda le attività polisportive, che danno un equilibrio migliore a tutto il mondo dello sport. Perché non combinare, ad esempio,

Luigi Nonella

nuove forme, quali canoa o canottaggio, corsa e bicicletta? Fossilizzarsi su un’attività sola, al giorno d’oggi, lo trovo un po’ penalizzante. Se il nostro obiettivo è quello di far crescere in modo armonioso il fisico, la multidisciplinarietà ne è uno strumento adeguato. Purtroppo siamo sempre un po’ troppo settoriali. Ben vengano allora tutte le attività sportive che avvicinano i ragazzi al lago, aiutandoli a crescere in un dialogo costante con se stessi e il magnifico paesaggio che li circonda”.  Si ringrazia Rinaldo Gobbi, presidente della Società Canottieri Ceresio, per la collaborazione nella realizzazione di questo servizio.

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

55


edimen.ch

pleta iscine a com lizia p gammot ti per pu d pro

Piscine Whirlpool Saune

Sagl 6986 Curio - Tel. 091 606 53 86 - Fax 091 606 87 20 www.casapool.ch - info@casapool.ch Orari: lunedì - sabato 08:00 -12:00 o su appuntamento 6512 Giubiasco - Negozio/esposizione - Via Olgiati 9c - Tel. 076 366 53 86 Orari dal 01.10 al 31.03: giovedì 16:00-19:00 - sabato 09:00-12:00 Orari dal 01.04 al 30.09: lu-sa 09:00-12:00 - giovedì 16:00-19:00

arcobaleno... per viaggiare nel rispetto dell’ambiente! Luglio e agosto: l’abbonamento arcobaleno con riduzioni

edimen.ch

del 50%

• Acquisto e vendita di case, Centro di giardinaggio Floricoltura e vivai Progettazione, costruzione, manutenzione parchi, giardini e biotopi. Pavimentazioni in pietra naturale e artificiale. Campi sportivi e parchi giochi alberi e arbusti fiori in vaso piante da frutta piante acquatiche

rd e ! il Veto l’anno tut

Certificato ISO 9002

ville e appartamenti. • Promozione e consulenza di nuovi progetti immobiliari. • Progettazione e ristrutturazione immobiliare

bonsai antiparassitari concimi vasi e cassette

me mbro

Ge.Co. Roads Immobiliare SA è sinonimo di qualità e professionalità Ge.Co. Roads Immobiliare SA

6933 Muzzano Tel. 091 967 12 68 www.albertostierlin.ch

Via Piodella 18 Fax 091 966 24 17 info@albertostierlin.ch

Piazza Cioccaro 12, 6900 Lugano Tel. +41 (0)91 971 46 52 Fax +41 (0)91 971 46 94 www.gecoroads.ch


GLI SCOOTER CONQUISTANO

LA SVIZZERA Diciassette anni fa, sulle strade svizzere di scooter ne circolavano circa 12’370, secondo le informazioni fornite dall’Ufficio svizzero specialistico delle ruote, oggi sono più di 240’000! testo Graziano Guerra

L

a marcia trionfale, a dire il vero, è partita negli anni ’80 del secolo scorso, con l’arrivo di soggetti nuovi. Si ricordano i cosiddetti “sofa-club”, nati per volontà degli amanti del cambio automatico e selle comode, o piuttosto i “mods” inglesi degli anni ’60? Sta di fatto che questi colorati, portatori di allegria e veloci mezzi a due ruote, la cui progenie è, come ben risaputo, italica (Vespa docet), si sono via via imposti soprattutto per la loro semplicità d’uso. Metti in moto e parti! Sembra uno slogan, ma riflette la semplice operazione necessaria per partire in sella ad uno scooter. Il cambio automatico è stato, sin dall’inizio, l’aspetto tecnico più moderno e accattivante. L’amante delle city ha conquistato cuori ma soprattutto portafogli, grazie ai suoi bassi consumi e ai quasi irrilevanti costi d’uso. Nel secondo dopo guerra furono Vespa e Lambretta i nomi più famosi. Oggi Vespa continua a piacere, mentre Lambretta è fonte di desiderio (si parla di un proprietario svizzero del Marchio che vorrebbe rilanciarlo), e continuano a perpetuarsi colossali “Lambretta-raduni” (come quello avvenuto a Milano lo scorso maggio). Negli anni ’60 lo scooter perse un po’ del suo smalto per recuperarlo, alla grande, appunto, venti anni dopo. Con l’arrivo anche di modelli giapponesi. I moderni scooter sono tutti dotati di accensione elettrica e cambio automatico. I motori hanno cilindrate comprese fra i 50 cc e i 650 cc (in arrivo un mega 800 cc, già ammirato allo scorso salone delle due ruote di Milano). 50 CC - 125 CC LE CATEGORIE DI MAGGIOR SUCCESSO Con 10’000, rispettivamente 9’000 nuove immatricolazioni, le cilindrate fra 50 e 125 cc rappresentano le categorie più vendute in Svizzera nel 2006. Una generosa sella a due posti, buona

protezione dalle intemperie, un vano porta casco, due specchietti retrovisori, tachimetro e spia del livello di carburante sono, con l’accensione elettrica e il cambio automatico, le caratteristiche principali e vincenti di questi pratici mezzi motorizzati a due ruote, acquistabili a prezzi fra i 1’800.- e 6’000.- franchi. I costi pro chilometro (sempre secondo le informazioni di SFZ) sono di circa 30-35 centesimi, con una percorrenza media annua di circa 5’000 km. Secondo la legge non possono avere potenze superiori a 15 CV (11 kW). La scelta si dispiega fra modelli molto semplici, sportivi, e altri ad alta tecnologia e lussuosamente equipaggiati, sistema ABS compreso. SI POSSONO GUIDARE CON LA PATENTE DELL’AUTOMOBILE! Se si è in possesso della licenza di condurre l’auto si può, dopo un corso base di guida pratica (generalmente 2 x 4 ore), guidare una moto o uno scooter 50 cc o 125 cc senza ulteriori esami. I BIG-SCOOTER Le cilindrate disponibili raggiungono cubature fino a qualche anno fa impensabili: in arrivo un mastodontico di ben 800 cc! Attualmente sul mercato si trovano maxi scooter con motori mono o bicilindrici da 200, 250, 300, 400, 500, 600 e 650 cc, anche con ruote alte di tipo motociclistico. Quasi sempre lussuosamente equipaggiati. Non mancano i modelli con ABS, freni a doppio disco, telaio in alluminio di tipo motociclistico. Cambio automatico e cavalletto centrale sono la norma, come pure spazio per due caschi sotto la sella. E poi, retrovisori a comando elettrico, parabrezza regolabile elettricamente in altezza, presa di corrente per il telefonino o il laptop. E altro ancora!

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

57


Sostituzione vasca da Fr. 900.– VASCA ECOLOGICA VASCA ACCIAIO VASCA PLAST /GLASS PIATTI DOCCIA ARREDOBAGNO Manutenzione sanitari e riscaldamenti

www.remail.ch

 091 922 69 63

CREDITI PRIVATI

per tutte le persone che lavorano in Svizzera, con permesso L, B, C, G e svizzeri, stipendiati o indipendenti.

INTERESSE ANNUO A PARTIRE DALL’ 8.4%

Fr. 10'000.– pagabili in 60 mesi = Fr. 210.30 mensili Fr. 40'000.– pagabili in 60 mesi = Fr. 812.85 mensili La nostra consulenza è gratuita e sarà trattata con la massima competenza e discrezione. Anche se avete altri crediti, possiamo riprenderli e aumentarli a un tasso più basso.

CASSA MALATI - PREMI 2007 / 2008

Minorenni da 0 a 18 anni pagano al mese Giovani da 19 a 25 anni pagano al mese Adulti da 26 a 99 anni pagano al mese

Fr. 46.70 Fr. 133.– Fr. 181.50

POSSIAMO GARANTIRVI I NOSTRI PREMI CASSA MALATI 2007 PER TUTTO L’ANNO 2008 SE COMBINATI CON UN PACCHETTO BASE + COMPLEMENTARI. PER LA DISDETTA ALLA VOSTRA CASSA MALATI CI PENSIAMO NOI.

Telefonate subito per una consulenza alla: CREDITFINANZ SA Agenzia generale di Consulenze Assicurative e Crediti privati

Tel. 091 921 36 90 - 091 921 36 91 - 079 620 52 06 - 079 620 35 22 anche la sera fino alle ore 21:00 – www.creditiprivati.ch

TELESOCCORSO Per non restare da soli Info: 091 8200 505

www.cvbellinzona.ch

acquistiamo il vostro ORO! Viale Cattori CH-6600 Muralto Tel. +41 91 743 81 09


RIVOLUZIONE A TRE RUOTE Era la primavera del 1946 e il mondo della mobilità individuale, sinonimo di libertà, subiva una rivoluzione epocale: nasceva il fenomeno scooter con il lancio della prima Vespa. Piaggio propone oggi una nuova rivoluzione con il modello MP3 RL 250. Tre ruote, di cui due avanti, per una sicurezza, tenuta di strada e stabilità impossibili per un mezzo a due ruote. Si presenta come concetto completamente nuovo di mobilità, una rivoluzione in città. Il segreto sta nell’avantreno a due ruote indipendenti e basculanti. Una soluzione che permette una stabilità in curva superiore. La rivoluzione delle tre ruote si avverte in tutta la sua importanza sull’asfalto bagnato o in condizioni critiche per i mezzi tradizionali. Nei percorsi cittadini, sull’asfalto irregolare o sconnesso, MP3 vince ogni confronto. Al telaio è ancorata, mai vista prima d’ora nel mondo scooter, una innovativa sospensione a quadrilatero articolato un progetto originale Piaggio - il cui meccanismo di rollio è composto da quattro bracci fusi in alluminio, articolati su altrettante cerniere solidali al cannotto centrale, e da due cannotti laterali collegati ai suddetti bracci mediante perni e cuscinetti a sfere. All’interno dei cannotti laterali ruotano il tubo sterzo destro e quello sinistro, in un classico schema monobraccio. La dinamica di guida è quella di un normale veicolo a due ruote, ma garantisce una migliore tenuta di strada. Gli spazi di frenata si riducono del 20% grazie ai tre dischi e all’eccezionale grip dell’avantreno. Per quanto ri-

DATI TECNICI 250 IE Motore: monocilindrico QUASAR, catalizzato Euro 3 Cilindrata: 244,3 cc Potenza: 22,5 CV a 8’250 giri/minuto Cambio: variatore automatico CVT con asservitore di coppia Avviamento: elettrico Dimensioni (mm): lung./larg./ passo 2’130/745/1’490 Altezza sella: 780 mm Peso a secco: 224 kg Capacità serbatoio: 12,5 litri (di cui 1,8 litri riserva) Velocità max: 125 km/h Prezzo base: 9’495.-

guarda le dimensioni, va detto che sono le stesse di un maxi scooter. È facile da parcheggiare, perché il sistema elettro-idraulico di bloccaggio della sospensione ne consente la sosta senza l’ausilio del cavalletto. Un ingombro della carreggiata anteriore di soli 420 mm lo rende omologabile come un tradizionale motociclo a due ruote. Compatto ma ben studiato ha un vano bagagli della capacità di 65 litri (addirittura oggetti lunghi fino a 1 metro!). La strumentazione permette il controllo di tutte le informazioni necessarie. Una chicca: le serrature di sella e portellone sono azionabili con un telecomando integrato nella chiave. In test la versione con il moderno motore 250 cc, 4 tempi, 4 valvole, raffreddato ad acqua, iniezione elettronica, 22,5 CV. Piaggio MP3 RL 250 i.e. è disponibile da Fr. 9’495.- nei colori argento metallizzato o nero; da giugno 07 anche nella versione più potente 400 i.e., prezzo base Fr. 10’595.-. 

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

59


1

2

1. Il prototipo combina la propulsione a idrogeno con tre motori elettrici con batterie al litio-ioni ad alta potenza. 2. Sequel reinventa tre funzioni della guida: accelerazione, frenata e sterzo, applicando al modello anche le quattro ruote sterzanti. 3. Dall’innovativo cambio sono state eliminate tutte le leve. Il nuovo cambio automatico a tasti, semplice e pratico da utilizzare.

3

ANNO 2015

EMISSIONI ZERO Per ridurre la dipendenza dal petrolio, la generosa autonomia del veicolo tecnologicamente più avanzato della sua categoria è senza precedenti. È alimentato a idrogeno e affiancato da motori elettrici. È ancora un prototipo veloce, stabile, facile da costruire e sicuro. In California abbiamo provato uno dei due modelli laboratori costruiti da General Motors. testo Stefano Pescia

60

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07


È

una giornata come tante a Palm Springs, proiettata nel domani e con l’energia del sole che da anni ha preso la città californiana come madrina, innaffiando di buon umore lo spirito aperto e comunicativo degli abitanti di una città pulita e valorizzata dalle curate aree verdi, che aumentano nei visitatori la voglia di cambiare il passaporto. Ci stiamo preparando ad entrare nella macchina del tempo che, per alcuni minuti, ci proietterà nel 2015. Si chiama Chevrolet Sequel, ed è un’idea ricca di tecnologie che si possono trasferire ai modelli di domani del gruppo General Motors, con l’obiettivo di offrire la migliore soluzione ad emissioni zero. Su un parcheggio di Palm Springs ci aspetta un ingegnere per affiancarci in un giro di prova, durante il quale non hai nemmeno il tempo di capire le funzioni avveniristiche della vettura. Il comprensibile timore del costruttore di perdere anni di ricerca, trasferiti in due soli prototipi da milioni di dollari, ci obbliga ad essere preziosamente scortati tra due veicoli della polizia. Un veicolo affascinante, dalla linea lussuosa simile ai SUV della concorrenza, e dagli spaziosi interni per quattro o cinque persone, che per il momento sono occupati da diverse apparecchiature di controllo delle differenti funzioni. La carrozzeria è completamente in alluminio, mentre la trazione è integrale 4 x 4 e tutte le quattro ruote sono sterzanti. Lungo 499 cm, largo 196 cm e alto 170 cm, con un passo di 3 metri e un peso a vuoto di 2’170 kg, il Sequel è proposto con tre serbatoi ad alta pressione in compositi di carbonio, montati sul telaio sotto l’abitacolo.

Sono in grado di contenere 8 kg di idrogeno compresso a una pressione di 700 bar e offrire una potenza di 73 kW. In aggiunta vi è pure la trazione elettrica che funziona tramite tre motori elettrici con batterie al litio-ioni ad alta potenza da 50 kW. Rispetto ad altre soluzioni, full cell Sequel si distingue per le sue prestazioni. La generosa autonomia è senza precedenti, oltre 480 chilometri, e la sua capacità di raggiungere i 100 km/h con partenza da fermo in circa 10 secondi è eccellente. “Per togliere l’automobile dal dibattito ambientale e ridurre la nostra dipendenza dal petrolio”, ci indica Larry Burns, vice-presidente del gruppo General Motors, responsabile ricerca e sviluppo e Programmazione strategica, “abbiamo sintetizzato in Sequel la nostra chiara visione del futuro, con un mezzo di trasporto sostenibile a lungo termine che modifica radicalmente il DNA delle automobili odierne”. Sequel è un insieme di soluzioni tecnologicamente avanzate, come i freni a controllo elettronico, i motori inseriti nei mozzi delle ruote, le batteria al litio-ioni e una leggera struttura tutta in alluminio. Per il momento il modello è e rimane un prototipo sfida per ripensare completamente l’automobile. Un veicolo, ad alto contenuto energetico e pulito come nessun altro carburante, che è ancora ricco di incognite. Infatti, per il momento, i costruttori che seguono l’evoluzione delle soluzioni a idrogeno per ottenere una produzione in grande serie si contano su una mano. Per proporre un’importante gamma di automobili, distributori e di relativi servizi - sostengono gli specialisti -, si dovrà attendere ancora una decina di anni. 

L’arredamento su misura per il tuo giardino

Gazebo Pergole in alu con tende Mobili per esterno Mobili per interno Illuminazione da giardino Pavimentazioni modulari Zanzariere a plissé anch io e p

e a do

VI AR N UO

sdra

Frubau House & Garden Sagl Via San Michele 64 Casella postale 204 CH-6987 Caslano Tel. +41(0)91 600 99 10 Fax +41(0)91 600 99 12 house-garden@frubau.ch

ndolo

RIVI

NUOVA ESPOSIZIONE - Aperto tutti i giovedì, venerdì e sabato: ore 09:00-17:00

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

61


OROSCOPO testo Cloris Sciaroni Il 21.6 inizia il Solstizio d’estate nel segno del Cancro, dove avremo anche Mercurio, in lungo anello di sosta, ossia fino al 4 agosto 2007. Questo fa pensare alle tematiche dell’acqua e dei bambini, sempre molto attuali. Difendiamoli e insegniamo alle famiglie il rispetto reciproco, la pazienza e l’educazione all’ecologia. Troppo spesso si vedono giovani che buttano i rifiuti ovunque, specie nelle feste campestri, ai concerti e persino in piscina, incuranti delle conseguenze dei loro gesti. Marte staziona a lungo nel segno del Toro, ossia dal 24.6 al 7 agosto alleandosi positivamente al segno del Cancro. Esso continuerà a mettere in evidenza la problematica del surriscaldamento della terra e dell’inquinamento. Non possiamo più fingere che vada tutto bene e non si possono non prendere seri provvedimenti. C’è bisogno di proteggere i nostri boschi e le nostre valli. Attenzione agli incendi! Inoltre bisognerebbe frenare la costruzione selvaggia di case e palazzi ovunque, togliendo l’ossigeno del verde. Mica possiamo respirare cemento no? Il 28 agosto avremo un’eclissi lunare totale, chissà che non si possa ammirare anche da noi. Ma prima godiamoci l’estate e le notti stellate. Che c’è di meglio che ammirare il firmamento e sognare?

Marte lascerà il vostro segno il 24.6 mentre il 30.6 ci sarà un Plenilunio nel vostro X. campo. Possibile ascesa professionale e nuovo incarico per qualcuno di voi. Dato che Sole e Mercurio si posizioneranno in angolatura dissonante (quest’ultimo fino al 4.8.07) non mancheranno le discussioni in famiglia per vari motivi. Possibile preoccupazione per un congiunto che potrebbe modificare i piani di vacanze. Non perdete di vista i documenti e siate reperibili. Se siete studenti in procinto di dare esami, sarete piuttosto stressati e l’atmosfera non sempre tranquilla arrecherà ansia. Allontanatevi dallo stress! Per qualcuno si prospetta anche un cambio di stato civile e residenza! A favore avrete una fantastica Venere (fino al 15.7) in trigono a Giove: sarà l’amore piuttosto che i doveri a catturare la vostra attenzione? Occhio all’alimentazione.

TORO 21/4 - 20/5

Sole (dal 21.6 al 21.7) e Mercurio in ottima posizione fino al 4.8, sorretti positivamente da Marte dal 24.6 al 7 agosto, sono il preludio per un’estate vivace e ricca di sorprese. Brillanti risultati per studenti e avanzamenti di carriera per chi è ambizioso. Possibili trasferimenti o cambi di residenza che procurano eccitamento ma anche nostalgia. Possibile preoccupazione per un congiunto. Venere dissonante fino al 14.7 vi suggerisce di fare molta attenzione alle spese. Non lasciatevi sfruttare da nessuno e badate che la vostra casa non diventi un porto di mare! Prudenza sulle strade! L’amore sarà vissuto con grande passione, fantasia e romanticismo per la maggior parte di voi giovani. Bene anche gli sport acquatici! Perché non animare un gruppo di bambini? Salute: proteggete la pelle da colpi di sole e bevete molta acqua!

GEMELLI 21/5 - 21/6

Noiose e lunghe pratiche da portare a termine prima dell’estate vi procureranno un po’ di stress per cui dovrete avere pazienza. Molti di voi si lasceranno finalmente alle spalle un passato difficile. Cari studenti, curate l’ansia da esami facendo molte pause, accompagnate da sane nuotate e assumendo anche un composto di magnesio e fosforo naturali. Venere in ottima posizione fino al 14.7 porterà armonia nelle relazioni e nei contatti con gli altri, che possono anche diventare vantaggiosi. Possibili nuove collaborazioni, cambi di residenza, ma anche molte spese per la casa o le vacanze, non esagerate. Voi donne eserciterete più fascino con il vostro “savoir-faire”. Sviluppate i vostri talenti naturali. La seconda metà di luglio risulterà forse più faticosa per qualcuno di voi. Rilassatevi vicino a un fiume o a un lago. Agosto movimentato!

CANCRO 22/6 - 22/7

Il Sole entrerà nel vostro segno il 21.6 dove staziona Mercurio per lungo tempo (fino al 4.8) dando il via a una nuova estate, una vera rinascita per molti di voi! Da ricordare un plenilunio nel vostro segno opposto il 30.6. Sarà dunque un compleanno speciale! Molte novità e sorprese in famiglia: matrimoni, nascite, partenze. Per voi giovani potrebbe trattarsi di un nuovo amore, molto importante, i fiori d’arancio, una nuova casa, nuovi studi, nuove amicizie, ma anche un viaggio insolito, lasciatevi sorprendere. Dal 25.6 al 7.8 avrete anche il supporto di un energico Marte, che renderà la vostra estate bollente. Viaggerete molto o comunque dovrete spostarvi parecchio per motivi vari. Attraverso conoscenze importanti stabilirete nuove alleanze e collaborazioni. Salute: date l’addio alla pigrizia e fate delle sane nuotate!

LEONE 23/7 - 23/8

Sole e Mercurio si spostano nel vostro XII. campo, che sarà molto attivato, in particolare se avete l’ascendente Cancro! Brillanti intuizioni da mettere a frutto. Marte sarà purtroppo dissonante dal 24.6 al 7.8 procurandovi notevole stress e tensioni, in particolare con i segni dell’Acquario, del Toro o dello Scorpione, magari dovute a rivalità e gelosie. Sarete voi uomini ad avere maggiori problemi. Inutile pensare a qualche fuga compensatoria o a raccontare bugie. Se avete trascurato la famiglia cercate di recuperare con una bella vacanza, non necessariamente dispendiosa, ma salutare. Venere è generosa con voi fino al 14.7. Possibili regali in vista. Per voi donne, ancora in età fertile, si prospetta una maternità. Nella seconda metà di luglio abbiate più riguardo per l’alimentazione e l’igiene. Agosto sarà un mese bollente, in tutti i sensi!

VERGINE 24/8 - 22/9

Ecco che si prospetta per voi un importante rinnovamento interiore ed esteriore. Molti sono i pianeti a favore, a cominciare dal Sole che, a partire dal giorno 21.6 si sposterà in Cancro, vostro segno amico, dove stazionerà a lungo anche Mercurio, fino al 4.8.07. Non mancheranno le novità in famiglia. A favore avrete un poderoso Marte che, dal Toro, lancia un bel trigono dal 25.6 al 7.8. C’è intenso desiderio di cambiamenti. La vostra estate sarà speciale: da un viaggio interessante da cui trarre nuove idee e progetti a conoscenze e alleanze utili, a un grande amore, magari straniero! Non si escludono nuove unioni e nascite! Valutate però bene le vostre scelte, specie se non siete più giovanissimi. Possibili cambi di residenza e lavoro. Cosa non si fa per l’ambizione e l’amore! Prendetevi cura di voi nella 2. metà di luglio e fate delle sane nuotate.

• • • •

Pulizie domestiche Pulizie di fine cantiere Pulizie di manutenzione Noleggio navicella aerea

lio g a t t e d l ra i

cu

ARIETE 21/3 - 20/4

Polyrama SA - Centro Nord/Sud 2 - 6934 Bioggio Tel. 091.605.56.26 - Fax 091.604.66.26 - www.polyrama.ch - poly@polyrama.ch


OROSCOPO

BILANCIA 23/9 - 22/10

Il Sole si sposta in angolatura dissonante a partire dal giorno 21.6, dove si trova pure Mercurio che vi ostacolerà fino al 4.8, scompigliando i vostri progetti, magari a causa di problematiche familiari. Dovrete spostarvi parecchio e adattarvi continuamente. Fatevi una buona assicurazione vacanze! In quanto figli potreste scontrarvi con un genitore a causa di scelte non condivise. Le tensioni si rifletteranno anche sul lavoro. Cercate supporto da persone sagge. Con Venere in ottima posizione fino al 14.7, potete contare sull’amicizia di una donna importante. Sentirsi amati e valorizzati è per voi la migliore medicina. Tuttavia pensate a sistemare questioni del vostro passato che minano la pace interiore. È giunto finalmente il momento per purificare il “karma”. Possibili vertenze legali inerenti lasciti o beni patrimoniali da affrontare o concludere. Agosto sarà un mese movimentato.

SCORPIONE 23/10 - 22/11

Dal giorno 21.6 il Sole si sposterà nel segno amico del Cancro, dove stazionerà a lungo anche Mercurio fino al 4.8 in ottimo aspetto a Urano, preludio per una rinascita, per dare il via a una nuova vita, per stabilire nuovi contatti e alleanze utili, magari con l’estero, per iscriversi a studi superiori, riqualificarsi, sviluppare i propri potenziali! Tuttavia dovete tenere presente che Marte si disporrà in opposizione dal 25.6 al 6.8 e quindi ci saranno parecchie tensioni nella vita di coppia e, se lavorate indipendentemente, con i soci. Separazioni o rotture inevitabili. Eventuali vertenze legali saranno di carattere economico. Difficili le trattative a causa di conflitti di potere. Anche per le vacanze dovrete optare per scelte semplici, ideale la seconda metà di luglio. Muovetevi con prudenza sulle strade! Salute: datevi al nuoto!

SAGITTARIO 23/11 - 21/12

Giove sempre nel segno forma ottimi aspetti con Venere in Leone, fino al 14.7, preludio per vivere i piaceri della vita dimenticandosi dei doveri! Per gli uomini, possibile innamoramento con una straniera. Il plenilunio del 30.6 porterà la risposta a un interrogativo, a una scelta importante. Cambiamenti e novità soprattutto in famiglia per molti di voi. Con Mercurio in 8. campo sono in previsione anche transazioni finanziarie importanti magari riguardo a terreni, case o lasciti. Tentate la fortuna al gioco o partecipate a dei concorsi. Non si sa mai. Anche a livello professionale ci potrebbe essere una spinta ambiziosa. Periodo ideale per le vacanze: prima metà di luglio e agosto. Successo per chi pratica sport di squadra o corrisponde con l’estero. Salute: suscettibile di grandi miglioramenti, ma attenzione all’alimentazione!

CAPRICORNO 22/12 - 20/1

Stringete i denti ancora per qualche giorno (che male faceva Marte in Ariete!) e vedrete che il plenilunio nel segno del giorno 30.6 porterà notevoli cambiamenti nella vostra vita, anche per il fatto che il Sole si sposta nel Cancro, vostro segno opposto, il giorno 21.6, dove stazionerà a lungo anche Mercurio, almeno fino al 4.8. Non mancheranno le sorprese in famiglia, dove ci sarà molto movimento a tutti i livelli. Possibili tensioni o conflitti con figli e partner nasceranno solo se vorrete imporre la vostra volontà agli altri o se negherete a voi stessi difficoltà interiori ancora legate al passato. Marte in ottimo aspetto di trigono dal 24.6 al 7.8, vi aiuterà a tagliare finalmente con cose che hanno bloccato la vostra evoluzione. Possibili nuovi innamoramenti vissuti con intensa passione. Vacanze ideali: seconda metà di luglio! Fate molto sport e guidate con prudenza.

AQUARIO 21/1 - 19/2

Come sarà la vostra estate? Molto movimentata in particolare nella vita di coppia! C’è forse un po’ di nervosismo in casa vostra perché ci sono pratiche noiose da sbrigare, magari inerenti proprietà, beni immobili o altre incombenze legali, che potrebbero ostacolare le vostre vacanze o ritardarle. Infatti, dal 24.6 dovete fare i conti con un dispettoso Marte e questo si protrarrà fino al 4 agosto. Potrebbero anche emergere rivalità o gelosie che minano la pace. Forse non siete molto chiari in amore o vivete vite parallele e questo provoca tensione prima di tutto a voi. Non è forse il caso di decidere dove volete stare? Il plenilunio del 30.7 nel vostro segno segnala cambiamenti radicali. Non fatevi cogliere impreparati dal destino. Salute: curate molto l’alimentazione e depuratevi. Donne in menopausa, assumete il cloruro di magnesio naturale.

PESCI 20/2 - 20/3

Avete sistemato alcune faccende che non erano chiare? Bene, allora potete andare incontro all’estate con rinnovata energia e tanto entusiasmo, perché il solstizio d’estate del 21 giugno segnala grandi novità per voi, magari inizialmente all’interno della famiglia. Nuove nascite, matrimoni, viaggi di piacere e tanti inviti renderanno vivace e interessante la vostra estate. Brillanti risultati anche negli esami per voi studenti. Ora potete anche contare sull’aiuto economico di fondazioni o istituzioni nel caso voleste dedicarvi a studi speciali. Un poderoso Marte vi sosterrà a lungo, per cui tirate fuori la vostra determinazione e quel sogno che avete nel cassetto. Vale anche per chi non è giovanissimo e vuole intraprendere qualcosa di nuovo. Potreste per esempio darvi alla scrittura, alla musica o partecipare a progetti ecologici o umanitari.

CLORIS SCIARONI - per info e consulti tel. 091 930 02 32 o scrivete via e-mail a: universal-mente1@bluewin.ch - www.astro-therapy.org


illustrazione

CRUCIVERBA

TICINESE

N° 7 - 15 GIUGNO 2007

CACCIA AL

PERSONAGGIO

Siete degli amanti dell’astrologia? Allora, risolvete il cruciverba e riportate nel casellario le lettere risultanti nelle caselle contrassegnate dai numeri in rosso. Risulterà un segno zodiacale. a cura di Daniela Sandrini

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

1 12

13

2 15

14

16

Fondata nel 1931 - 12 edizioni annuali, tiratura 130.433 copie (tiratura controllata REMP 2006) REDAZIONE CP 418, 6908 Lugano-Massagno via Massagno 10 Tel. 091 972 26 20 - Fax 091 972 45 65 info@illustrazione.ch EDITRICE Tredicom SA, 6908 Lugano-Massagno DISTRIBUZIONE AWZ - Lugano AMMINISTRAZIONE E PRODUZIONE Marco Werder INSERZIONI TICINO E ITALIA: Tredicom SA Tel. 091 973 20 10 - Fax 091 972 45 65 info@illustrazione.ch Edimen S.a.g.l. - Tel. 091 970 24 36 edimen@edimen.ch SVIZZERA TEDESCA E ROMANDA: Grütter-Werbung 4914 Roggwil - CP 176 Tel. 062 929 27 82 - Fax 062 929 27 82 gruetter-werbung@besonet.ch CAPO REDATTORE Matthias Werder GRAFICA Tredicom SA, Gabriele Campeggio

3 COLLABORATORI REDAZIONALI

18

17 19

20

21

22

23

24

4 25

26 28

30

31

27

Luigi Bosia

Piergiorgio Baroni

Antonella Broggi

Giosanna Crivelli

Elio del Biaggio

Rita DucretCosta

Stefano Ember

Graziano Guerra

Marco Ortelli

Stefano Pescia

Roberto Rizzato

Roberto Schneider

29

32

33

34

35

5 36

37

40

41

38

39 43

42

6 44

45

47

46 48

7 ORIZZONTALI: 1. Scagliare, lanciare – 12. Europa e Asia – 13. Il nome di Ramazzotti – 14. Arrabbiati – 15. Un segno zodiacale – 17. Il nome dello scultore Arnoldi – 18. Ha redatto la “Carta del lavoro” – 19. Dramma lirico di Verdi – 22. I confini di Tegna – 23. Cons. in Diego – 25. Il segno zodiacale del solleone – 26. La terra natia – 28. Sopra – 29. Labile traccia – 30. Segno zodiacale primaverile – 34. Cons. in cavia – 35. Le prime dell’alfabeto – 36. Negazione bifronte – 37. Pari in orso – 38. Grossa arteria – 40. Profonda – 41. Il Ford dei fumetti – 43. Vuoto al centro – 44. Un’isola delle Britanniche – 45. È vicino a Torre – 47. Pimpinella – 48. Chassis (plur.).

VERTICALI: 1. Noto successo di Gianna Nannini – 2. Sanare – 3. È vicino a Rovio – 4. Capo etiope – 5. Dei nordici – 6. Sei romani – 7. Il mitico re di Egina – 8. Prova, esperimento – 9. La costruì Noè – 10. Bagnati di rugiada – 11. Pari in Perseo – 16. Un ruolo del calciatore – 18. Cabina centrale – 20. Curve fluviali – 21. Lo è la Svizzera – 24. Derisa, presa in giro – 26. Pubblica Sicurezza – 27. Il dio egizio del sole – 31. Il nome di Polanski – 32. Incapaci – 33. Il dio dei venti – 35. Privi d’accento – 39. Solca la fronte – 42. Cuor di matto – 46. Art. maschile.

La soluzione del numero precedente era: ORIONE.

66

ILLUSTRAZIONE TICINESE 07-07

Cloris Sciaroni

Rémy Elena SternSteinegger Balestra

Lorenza Storni

“Il materiale redazionale e fotografico non richiesto non viene restituito”.

www.illustrazione.ch 6908 Lugano-Massagno c.p. 418 tel. 091 972 26 20 Capo redattore: Stefano Pescia Collaboratori: Graziano Guerra (moto) Fotografie: Rémy Steinegger Impaginazione: Tredicom SA Pubblicità moto: TuttoSprint Tel. 079 697.49.65


vita serena Conto previdenza 3a

2,25% Tel. 091 985 90 90 dal 1934

www.bancawir.ch

Lugano • Basilea • Berna • Losanna • Lucerna • San Gallo • Zurigo


Evitare unâ&#x20AC;&#x2122;esposizione eccessiva al sole, in particolar modo a mezzogiorno. Applicare la crema solare piĂš volte, soprattutto dopo aver fatto il bagno.

MGB www.migros.ch

MGB www.migros.ch / www.sunlook.ch

Protegge come una seconda pelle.


Illustrazione Ticinese n. 7 - 2007  

N. 7 - 2007 - La rivista familiare della svizzera italiana

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you