Page 1

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


Direttore IED Roma

Thanks to

Alberto Iacovoni

Francesca Castenetto e Valeria Nardoni Ufficio Comunicazione Pino Maccaroni Logistica

Direttore Design

Valerio Spinelli Ufficio Grafico

Laura Negrini

Riccardo Tretene Direzione Tecnologica Alessia Tuveri IED Arti Visive

Coordinamento Daniele Mancini con Laura Negrini

La prototipazione e realizzazione delle installazioni è a cura di InteractionDesign-IED

Art direction

http://www.interactiondesign-ied.net/

Daniele Mancini Sito Web Interaction Design e allestimento tecnologico

interactiveshopping.wordpress.com

Franz Rosati con Guido Maciocci Installazioni Digital Design Sergio Alberini Video Design Virgilio Matteo Giunca, Sabrina Fasano, Martina Biffa Studenti coinvolti Video Design Antonio Labbro Francia, Emanuele Macri, Daniel Bedusa, Angelo Simone Crociani, Andrea Incardona, Alessandro Alpago Sabrina Fasano, Martina Biffa Sound Design Rocco Cavalera, Marco Testa, Damiano Cesarini Graphic Design Andrea Dall’Anna, Oriana di Stefano Interior Design Carlo Bindi

Lancio del centro commercial naturale


Presentazione di Laura Negrini Il progetto Interactive shopping fa parte di un percorso di ricerca, intrapreso dallo IED Istituto Europeo di Design Roma, sul tema del pubblico come spazio e come servizio. Il tema affrontato dalla ricerca è quello della vetrina commerciale che supera i normali confini della logica di mercato, diventa occasione di relazione e arricchisce l’esperienza dello spazio urbano. Il progetto rappresenta un esempio concreto di rapporto tra scuola e territorio. Nasce dall’idea del IX Municipio del Comune di Roma che propone a IED Design una collaborazione per un progetto coordinato di vetrine da inserire all’interno del progetto del Centro Commerciale Naturale Appia New. Il progetto del Municipio mira a rafforzare il sistema dei servizi informativi, dei servizi legati alla viabilità e a valorizzare le risorse turistiche e ambientali già presenti all’interno del territorio al fine di rafforzare la vocazione commerciale dell’asse della Via Appia trasformandola in un esperienza più ampia e diversificata. IED design lavora sul progetto delle vetrine e ha il compito di elaborare una proposta che coordini le diverse realtà commerciali e unifichi l’esperienza dello shopping all’interno del Nuovo Centro Commerciale in un esperienza di valore artistico. Perché shopping? Lo shopping è la funzione collettiva in assoluto più diffusa nel mondo occidentale. Non è più solo espressione di puro consumo ma una risorsa vitale da cui partire per affrontare progetti capaci di integrare diverse possibilità di utilizzo e di costruire relazioni. E’ una risorsa capace di trasformare lo spazio in occasione per arricchire la nostra esperienza forzando un po’ i confini della pure economia di mercato.

Interactive Shopping Project di Daniele Mancini Cosa è l’Interactive Shopping Project? L’Interactive Shopping Project è un progetto interdisciplinare che coinvolge docenti e studenti dai diversi dipartimenti dello IED di Roma. Ha lo scopo di riflettere sui temi del consumo, dello shopping e dell’intrattenimento come generatori di creatività e modificazione del paesaggio metropolitano. Per il Nuovo Centro Commerciale Naturale Appia New promosso dal IX Municipio con l’Associazione Commercianti, il laboratorio progettuale ha sviluppato dapprima numerosi scenari che esplorano una esperienza di shopping innovativa, coinvolgente e consapevole quindi ha realizzato alcuni interventi sperimentali effimeri, leggeri, immateriali di forte impatto allestendo gli interni delle vetrine di alcuni negozi di via Appia Nuova con installazioni interattive. Cosa è l’Interaction Design? L’Interaction Design è una disciplina che mette al centro dei processi creativi tradizionali la riflessione sullle potenzialità relazionali che le tecnologie invisibili del digitale innescano nel progetto di spazi, di luoghi, di edifici, città, ambienti, prodotti, servizi. Questo può avvenire in diverse maniere e alcune scuole di pensiero affrontano le tematiche emergenti dell’interaction design da un punto di vista tecnologico. L’interaction Design Group dello IED Roma, che ha curato la prototipazione delle vetrine interattive, non è invece particolarmente interessato alle mode tecnologiche. Piuttosto predilige elaborare progetti in cui per interattività si intende la riflessione sulle esperienza e su come questa avvenga in spazi che sono chiamati a veicolare dei contenuti, delle informazioni, delle suggestioni. L’attenzione viene rivolta alle relazioni che dispositivi più o meno tecnologici innescano tra le cose, le persone, la natura e alla qualità con cui accadono gli eventi. L’Interaction Design viene quindi considerata una disciplina di sintesi, trasversale, che mescola le teorie e la prassi di altre discipline creative per far emergere una sorta di estetica dell’esperienza e delle relazioni: design, suono, grafica, prodotto, architettura al servizio dell’esperienza che l’utente vive. Per concludere, le quattro parole chiave che meglio sintetizzano la qualità dei progetti dell’Interaction Design Group IED Roma sono: adattamento, infatti ogni progetto si adatta alle sollecitazioni esterne; relazione, perché ogni progetto, dialogando con il contesto, ne fa emergere le potenzialità relazionali; partecipazione, perché ogni progetto non vive di vita propria ma ha senso solo se il pubblico partecipa dei suoi valori; invisibilità, perché le tecnologie dell’interazione non sono ostentate ma nascoste e miniaturizzate.

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

3


PROGETTO INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


6

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


01. Dashboard

04. Collections tattile

07. Ambient

02. Collections varietĂ 

05. Collections trendy

08. Beauty & wellness

03. Collections luxury

06. Look inside

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

7


8

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

9


10

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

11


EVENTO DICEMBRE 2010 INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


14

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

15


16

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


Under Control I visitatori che passano davanti al negozio subisco l’inseguimento dello sguardo di un occhio retroproiettato sulla vetrina. Un’installazione per riflettere sul tema del controllo nella nostra società tecnologica.

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

17


18

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


Urban Cave Il visitatore può lasciare una traccia vocale che viene riverberata da un apposito sistema audio e trasformata in una grafica generativa proiettata sul soffitto.

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

19


20

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


The Green Village Per riflettere sul rapporto tra natura e città, l’installazione fa germogliare una vegetazione ogni qual volta il passante passerà davanti alla vetrina.

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

21


EVENTO MAGGIO 2011 INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


From the Bud to Flower Doni floreali di un flaneur virtuale. I passanti fanno fiorire a piacimento dei boccioli di fiori virtuali.

26

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

27


28

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


Floating Reeds. Canne al vento. Delle canne digitali vengono fatte ondeggiare dal passaggio dei visitatori.

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

29


30

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


The Urban Gardener 2.0 Vegetazione digitale per Giardinieri interattivi. I passanti fanno germogliare una vegetazione intricata e fascinosa annaffiando un vaso di erba reale.

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

31


32

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


Fratelli d’Italia Omaggio ai 150 anni dell’unità d’Italia. I movimenti dei passanti si scompongono nei colori della bandiera italiana .

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

33


34

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

35


36

INTERACTIVE SHOPPING PROJECT


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT

37


INTERACTIVE SHOPPING PROJECT  

Laboratorio di Interaction design 2011

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you