__MAIN_TEXT__

Page 1

the lifestyle Ebike magazine

3 0

0 2 1 2


◆ In copertina Scott Ransom eRide

FOTO Davide Messora Fabio Principe

Foto di Davide Messora Tester Andrea Basile HANNO COLLABORATO Luca Baccini Andrea Basile Martina Fumagalli Davide Mariani Davide Messora Fabio Principe Riccardo Tagliabue

PROGETTO GRAFICO Cristina Balestrini CB-studio.eu

2

e inside magazine n.03 . 2021

VISITA Einsidemagazine.it

TESTI Davide Messora Riccardo Tagliabue Fabio Principe


DIAMO FORMA ALLE TUE IDEE ABBIGLIAMENTO TECNICO DA MOTOCROSS, ENDURO E MTB MADE IN ITALY ABBIGLIAMENTO SPORTIVO PERSONALIZZATO ABBIGLIAMENTO PER TEAM STAMPE GRANDE FORMATO PER TENDE E HOSPITALITY


4

NEWS PIRELLI

LA PROVA SILVERADO di F.Principe

CONSIGLI DEL FISIOTERAPISTA Contratture muscolari di Luca Baccini

CONSIGLI DELL’OSTEOPATA Sindrome del collo da smartphone di Davide Mariani

e inside magazine n.03 . 2021

contenuti

NEWS BODY ARMOUR PLASMA di Acerbis

the lifestyle Ebike magazine

08 20 22 28 38 42

NEWS RANSOM FREERIDE di F.Principe, D.Messora, M.Fumagalli, A.Basile


VIVI LA MONTAGNA

UNA MONTAGNA DI SPORT 6

e inside magazine n.03 . 2021


t i . e r

e i r t s e .s

w w w

ram

Se

ci guite

B

su F

tag e Ins

Allenati in quota fai base a 2000 mt

a 1 ora da torino

S

l fficia o _ e er estri


n

w s

RANSOM FRee r i d e Testi e foto Fabio Principe Davide Messora Tester Martina Fumagalli Andrea Basile Si ringrazia Just1 Racing www.just1racing.com

8

e inside magazine n.03 . 2021


C

on la Scott Ransom eRide si aprono i test dinamici di E Inside Magazine, modello di punta della casa svizzera nel segmento bici elettriche.

La versatilità eccezionale di questo mezzo ne fanno una bici da enduro-freeride eccezionale grazie anche alla sua geometria progressiva ed al motore Bosch Performance CX e alla batteria da 625 Wh, non dimentichiamo l’escursione sia anteriore che posteriore di 180 mm. La Ransom eRide come tutte gli altri modelli della serie E ha un telaio in alluminio e ruote da 29. Il motore è il Bosch Performance CX che grazie all’aggiornamento del software 2021 arriva ad erogare 85 Newton metro di coppia con 4 modalità di assitenza Il reparto sospensioni troviamo forcella Fox da 38 Performance con regolazione del ritorno ed escursione di 180mm e ammortizzatore Fox Float X2 Performance. Prezzo al pubblico 6.999,00 euro Link video https://youtu.be/_soAdqmzV-Q ◆

e inside magazine n.03 . 2021

9


MARTINA FUMAGALLI: “Sono rimasta molto sorpresa da questa nuova Scott, una vera bici da enduro che grazie all’aiuto della pedalate assistita ti permette di arrivare in cima ad una salita senza affaticarti per poi goderti al 100% la discesa. Perfetta per sentieri anche molto tecnici e sconnessi nei quali si nota l’incredibile stabilità di questa bici. Grazie alla ampia apertura di sterzo riesce a scavalcare gli ostacoli senza nessun problema, le ruote da 29” aiutano in questo, inoltre mi sono trovata molto bene con le sospensioni, a me piace una bici bella reattiva e quindi con regolazioni relativamente dure. Detto questo ho provato anche un settaggio più morbido, quindi una bici meno reattiva ma che perdona un po’ di più l’errore. Per contro la bici risulta essere leggermente lunga e quindi mi sono trovata leggermente in difficoltà nello stretto. La bici, come tutte le elettriche con tanta escursione, è un po’ pesante per una donna, ma non preoccupatevi, se vi trovate in difficoltà e vi trovate costretti a scendere per spingere la bici c’è la modalità “walk” che vi da una mano. Il peso non é assolutamente un problema durante l’utilizzo, ho trovato un’ottima trazione, il motore non strappa quindi non scivola la ruota mentre la si utilizza negli strappi in salita. È davvero una bella bici, ideale per gli allenamenti invernali di un downhiller, quando non è possibile utilizzare gli impianti di risalita.”

10

e inside magazine n.03 . 2021


e inside magazine n.03 . 2021

11


12

e inside magazine n.03 . 2021


ANDREA BASILE: “Una vera e-bike da enduro, tanta escursione e geometrie azzeccate permettono di goderti anche le discese più lunghe. Con la forcellla da 38mm all’anteriore la bici diventa molto rigida e precisa dandoti da subito un ottimo feeling. Le ruote da 29 pollici ti permettono di superare facilmente tutti gli ostacoli, sia a basse che ad alte velocità, oltre a perdonare qualche errore di troppo. Anche nei salti la scott ransom sa dire la sua. infatti la bici risulta molto ben bilanciata nonostante il suo peso da E-bike. Le sue caratteristiche da discesa però, la rendono più impegnativa nelle salite più tecniche. Dove la maneggevolezza della scott diventa più goffa e pesante anche a causa delle sue lunghe escursioni. Ovviamente non è tra le più leggere ma si mostra comunque molto “pedalabile” e il supporto del motore bosch performance cx di quarta generazione diventa davvero importante, si motore Bosch, perchè la scott è dotata dell’ultimo motore di casa bosch. Quattro mappature più la modalità “walk” che ti permette di spingere la e-bike anche nei punti più duri. Il motore si presta molto bene alle caratteristiche della bici e ha una buona erogazione, 85nm di coppia, che ti permettono di affrontare tutte le salite. L’erogazione del motore è meno brusca e più gestibile rispetto al precedente. Anche nella pedalata è molto più libero e l’atrito è quasi nullo. In discesa la potenza è molta e alcune volte diventa difficile gestirla, infatti è sempre meglio usarla con la modalità più bassa: “eco”.”

e inside magazine n.03 . 2021

13


14

e inside magazine n.03 . 2021


e inside magazine n.03 . 2021

15


ANDREA BASILE Nato a Lecco il 22 maggio 1996 vive a Introbio in Valsassina. Categoria Élite Master Ho iniziato ad andare in bici all’età di due anni e la mia passione più grande era il trial. Ho cominciato a fare le gare con la bike trial nel 2008, con il BMT Valsassina e nel 2011 ho vinto il titolo di campione italiano nella categoria minime. Dopo un infortunio nel 2013 e dopo due operazioni ho deciso di impegnarmi con le bici da downhill e per 3 anni ho corso nel gravitalia. A causa di un altro infortunio nel 2016 sono stato di nuovo costretto a fermarmi. Per due anni mi sono dedicato alle moto, correndo nel trofeo trial dove oltre al divertimento sono riuscito conquistare più volte il podio. Ma dalla bici non mi sono mai separato e negli anni di pausa, ho approfittato per diventare istruttore FCI. Nel 2020, motivato anche dal mio lavoro come meccanico, avevo già deciso di ricominciare a correre in bici nel campionato e-bike, ma dopo aver riprovato una bici da DH del Team e spinto un po’ da tutti i compagni di squadra e dal presidente, mi sono buttato di nuovo nella DH.

16

e inside magazine n.03 . 2021


MARTINA FUMAGALLI Nata a Merate, il 07 giugno 1993 Vive a Introbio. Categoria Master Woman, specialità Downhill Ho iniziato a gareggiare a 6 anni in XC, con il passaggio alla categoria esordienti ho introdotto anche il CX con dei buoni risultati a livello nazionale. Dopo aver lasciato le gare, a distanza di un anno, con il raggiungimento della maggiore età mi sono innamorata del Gravity e dopo qualche anno ho ripreso a correre nella disciplina del DH. Poi sono diventata mamma di Vittoria, sono risalita in sella dopo soli 2 mesi dal parto, ora la bambina ha quasi 2 anni, non per questo rinuncio alla mia passione per la bici.

T E S T E R

e inside magazine n.03 . 2021

17


18

e inside magazine n.03 . 2021


e inside magazine n.03 . 2021

19


Body Armour Plasma Level 2

L’impossibile si trasforma in possibile grazie a Plasma Level 2, la nuova protezione completa per spalle, gomiti, fianchi, torace e schiena. La praticità e mobilità offerta da una pettorina da cross si fondono alla protezione completa di un body armour. Il livello 2 delle protezioni certificate EN 1621-1 (spalle gomiti) EN 1621-2 (schiena) EN 1621-3 (torace) è garanzia di sicurezza massima e consente a PLASMA Level 2 di adeguarsi alle ultime normative in materia di sicurezza dettate dalla FIM in ambito racing.

20

e inside magazine n.03 . 2021


I tecnici ACERBIS hanno voluto offrire a tutti gli appassionati di Off-road e MTB una body-armour evoluta con una struttura principale realizzata in un multistrato di materiali morbidi ad alto assorbimento d’impatto che garantisce aerazione, protezione, leggerezza e flessibilità. Il tronco del pilota è quindi completamente protetto da tre strati viscoelastici abbinati al biofoam esterno semirigido, la cui forma e spessore sono stati progettati per lavorare con i moderni tutori cervicali.

Le maniche con protezioni amovibili sono invece fissate agli spallacci imbottiti così da lasciare il resto del corpo fresco e garantire la massima mobilità. I fianchi invece vengono avvolti e protetti da protezioni imbottite. A garantire un perfetto fitting, tre diverse taglie, personalizzabili grazie a garantire un perfetto fitting, tre diverse taglie, personalizzabili grazie a regolazioni elastiche sui fianchi e in vita.

e inside magazine n.03 . 2021

21


n

w s

pirelli

22

e inside magazine n.03 . 2021


D

AGLI SPOSTAMENTI QUOTIDIANI AL TEMPO LIBERO NEL FINE SETTIMANA

Pirelli lancia CYCL-e around per le aziende, una flotta di e-bike che le aziende potranno mettere a disposizione dei propri dipendenti per andare al lavoro e nel tempo libero. Le prime società che hanno aderito al servizio sono Accenture, azienda globale di servizi professionali, e NTT Data EMEA, tra i leader mondiali nei servizi IT. Tra le diverse modalità di noleggio offerte da CYCL-e around per le aziende: home2work, che è disponibile con ritiro dalle 17 e consegna entro le 10 del giorno successivo, smart e-week, attivo dal lunedì al venerdì, mentre weekend break è la soluzione che consente di usufruire delle bici elettriche Pirelli nel tempo libero, con noleggio dalle 17 del venerdì alle 10 del lunedì mattina, senza limiti orari e di chilometraggio. “I primi test effettuati nei mesi scorsi, grazie anche ai dipendenti Pirelli, hanno consentito di individuare le migliori modalità di fruizione del servizio di e-bike sharing. Questo si inserisce come complemento nell’ecosistema di trasporti urbani e mezzi privati per rendere più fluida, sostenibile e accessibile la mobilità in città” ha spiegato Francesco Bruno, Head of Micromobility Solutions di Pirelli. CYCL-e around per le aziende nasce infatti dal successo di due progetti-pilota ideati da Pirelli e sperimentati nel corso del 2020. Il primo è stato RIDE Safe, avviato nel maggio scorso con l’ASST Fatebenefratelli, con 14 e-bike disponibili gratuitamente per due mesi per i dipendenti dell’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi e dell’Ospedale Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano. Un’attività nata nel contesto dell’emergenza sanitaria e a sostegno di medici e infermieri che ha ispirato il secondo progetto. A giugno 2020, infatti, nella sede di Pirelli Bicocca sono state messe a disposizione in via sperimentale 10 bici elettriche per i dipendenti: il riscontro positivo delle due iniziative ha portato Pirelli a strutturare e istituire un servizio fisso di noleggio bici a pedalata assistita di alta gamma. Ulteriori informazioni sul progetto Pirelli CYCL-e around per le aziende sono disponibili sul sito di CYCL-e around https://cyclearound.pirelli.com/itit/e-bike-rental-aziende

e inside magazine n.03 . 2021

23


24

e inside magazine n.03 . 2021


e inside magazine n.03 . 2021

25


/ CARBON LOOK BIKE HANDGUARDS


LA PROVA DI Testi e foto di Fabio Principe

28

e inside magazine n.03 . 2021


I

l mitico pick-up americano Chevrolet Silverado sbarca in Italia portando il fascino made

in USA sulle strade del Bel Paese. Lo abbiamo guidato per voi su strade urbane ed extraurbane, ci

ha

qualche

accompagnato giorno

per

diventando

il nostro mezzo di trasporto durante le giornate lavorative, nel corso delle quali ci ha permesso

di

apprezzare

a

pieno le sue caratteristiche di versatilità e doti di trasporto, grazie ad un grandissimo vano di carico posteriore e un abitacolo degno di una berlina di lusso.

Silverado 1500 è importato in Italia dal Gruppo Cavauto in tre motorizzazioni differenti: due a benzina da 5.3 e 6.2 lt entrambe EcoTec3 V8 ad iniezione diretta (capaci rispettivamente di 355 e 420 CV), ed un turbodiesel 3.0 lt Duramax da

e inside magazine n.03 . 2021

29


“made

30

in

Italy”,

progettato

centro

Esteticamente il Silverado si presenta con

ingegneristico General Motors Global Propulsion

un look inconfondibile: un frontale imponete

System di Torino con l’obiettivo di realizzare il

che trasmette forza e potenza, dove spicca

propulsore più ecologico e pulito sul mercato.

un’ampia calandra che integra i gruppi ottici,

In esclusiva per il mercato italiano le due

ed un retrotreno caratterizzato dal pianale di

motorizzazioni benzina sono disponibili anche in

carico squadrato che riprende nel portellone

versione bifuel (benzina/GPL). Grazie all’impianto

posteriore le linee dei truck Chevy anni ’50-60.

GPL Prins di ultima generazione a iniezione diretta

Difficile passare inosservati alla guida di questo

si possono percorrere quasi 600km con meno di

4x4 Americano, che può essere personalizzato

60€. Questa particolarità rende Silverado l’unico

scegliendo tra differenti allestimenti che ne

pick-up in grado di offrire una scelta fra tre

esaltano le caratteristiche offroad o le finiture di

differenti tipi di alimentazione.

pregio dentro e fuori dall’abitacolo.

e inside magazine n.03 . 2021

dal


Alla guida si apprezza subito la notevole coppia

sportive e mountain bike, oltre alle attrezzature

disponibile a bassi regimi che abbinata ad un

fotografiche. Particolarmente apprezzata, sia per

cambio automatico a 10 rapporti rende la guida

ragioni di sicurezza che come protezione in caso di

sicura e molto divertente. Tecnologia infotainment

maltempo, la copertura del vano di carico: robusta

(Apple Car Play, Android Auto, Head-Up Display),

e modulabile è l’ideale per praticità e versatilità.

la nuova configurazione dei sedili in pelle e i

Inoltre l’apertura elettrificata del portellone

grandi spazi interni esaltano le doti di comfort e

posteriore rende più agevoli le operazioni di

lusso, rendendo l’esperienza di viaggio a bordo di

carico e scarico.

Silverado unica per un veicolo che normalmente

Le dimensioni importanti del mezzo non ci hanno

viene identificato come un mezzo da lavoro.

messo in difficoltà, seppur abituati a guidare

Nel corso della nostra prova abbiamo utilizzato

veicoli molto più contenuti, ci siamo trovati subito

il piano di carico per trasportare attrezzature

a nostro agio al volante. La posizione di guida

e inside magazine n.03 . 2021

31


32

e inside magazine n.03 . 2021


e inside magazine n.03 . 2021

33


elevata, i comandi a portata di mano e l’ausilio dei

di aggancio. Ma anche un fuoristrada, icona di

sensori di parcheggio abbinato alle telecamere

uno stile di vita che affascina da decenni, e fa

posteriori agevolano la guida in spazi stretti,

sognare gli amanti dell’American Style che ora

trasmettendo fiducia e sicurezza nelle manovre.

possono smettere di sognare e mettersi al volante

I consumi, in relazione alle dimensioni e alla

del proprio mito anche sulle strade di casa nostra.

cubatura del propulsore, sono nella norma. Chevrolet Silverado 1500 si rivela essere un ottimo

Silverado è disponibile in Italia presso la rete di

partner nel lavoro grazie alle grandi doti di carico,

concessionari del Gruppo Cavauto AMERICAN

la possibilità di trasportare fino a 6 passeggeri

DIVISION, con prezzi a partire da 58.950.000€

nella configurazione Autocarro N1 (non è soggetto

iva esclusa con una garanzia di 3 anni o 100.000

a superbollo e permette il recupero dell’IVA) e alla

Km.

dotazione specifica per il traino di rimorchi, come la telecamera posteriore dedicata alle operazioni

34

e inside magazine n.03 . 2021


e inside magazine n.03 . 2021

35


36

e inside magazine n.03 . 2021


www.cavauto.com e inside magazine n.03 . 2021

37


fisioterapia

Contratture muscolari L

e contratture muscolari sono delle aree del muscolo che rimangono

contratte e rigide. Il dolore è il primo sintomo che si avverte della contrattura, ogni persona ha

a cura di LUCA BACCINI fisioterapista

una soglia del dolore diversa e negli atleti questo limite si alza rispetto a chi non pratica sport. La sola percezione del dolore quindi non ci indica la reale dimensione del “problema”.

consigli

Uno sportivo poi è abituato a sopportare maggiormente il dolore e quindi magari a riferire più tardivamente i sintomi allo staff medico o a fermarsi in allenamento, peggiorando cosi la tempistica di risoluzione della contrattura. Quando il meccanismo di contrazione-rilascio non avviene più oltre al dolore si percepisce un indurimento e una ridotta capacità elastica in una zona più o meno ampia del muscolo. Questo stato, che si può cominciare a percepire durante l’allenamento, può proseguire anche

38

e inside magazine n.03 . 2021


a riposo, può durare qualche ora e risolversi

e

“meccanico”

(blocco

involontario

del

nel caso di un affaticamento muscolare, ma

movimento).

può durare giorni nei casi di una vera e propria

La contrattura delle fibre muscolari avviene in

contrattura.

varie situazioni, una è un allenamento troppo

La sensazione è di rigidità e c’è anche un’impotenza

intenso, come richiesta di forza massimale,

funzionale del muscolo interessato. La contrattura

questo può avvenire se non c’è abbastanza

non curata può portare a danni tissutali quali

tempo di recupero durante l’allenamento oppure

distrazioni muscolari, infiammazioni croniche

tra un allenamento e un altro. Un’altra situazione

di tendini coinvolti nella catena cinematica o

è l’allenamento prolungato per un tempo troppo

addirittura a strappi muscolari.

alto rispetto alla resistenza del muscolo, anche qui il fattore determinante è la mancanza di

La prima cosa da fare è bloccare la causa del

tempo di recupero nell’allenamento oppure tra

problema, quindi interrompere l’allenamento

un allenamento e un altro.

e decongestionare il muscolo interessato con massaggi ed eventualmente miorilassanti.

Un altro fattore che determina la possibilità di

Non si devono usare antiinfiammatori perché

contratture è la mancanza di idratazione, sali

in realtà non c’è niente di infiammato (non c’è

minerali e carboidrati sufficienti al perfetto

rilascio di sostanze pro-infiammatorie) ma il

funzionamento del muscolo.

problema è “chimico” (mancato funzionamento

In genere la contrattura si instaura a fine

di rilascio delle sostanze che devono permettere

allenamento o gara, durante movimenti bruschi

la

o improvvisi, durante scatti, torsioni, salti ecc…

decontrazione

delle

fibre

muscolari)

e inside magazine n.03 . 2021

39


In situazioni quindi dove al muscolo, già stanco

Nella prevenzione è molto importante, per gli

e stressato viene richiesto un ulteriore sforzo

atleti professionisti o amatori con alta frequenza

massimale che non è in grado di effettuare.

di attività un regolare programma di massaggi

Il nostro cervello sa che possiamo farlo perché

decontratturanti proporzionati al numero degli

è un gesto atletico per noi normale, ma essendo

allenamenti settimanali, il periodi di carico di

cambiata la situazione fisica del muscolo il

allenamento, il luogo di allenamento (al freddo

muscolo stesso non è più in grado di effettuarlo.

all’esterno piuttosto che al caldo in palestra), la massa muscolare e il tipo di sport.

La prevenzione delle contratture è ,come per gli infortuni muscolo tendinei, il corretto

La cura della contrattura da parte dello staff

allenamento inteso come corretto riscaldamento,

medico-fisioterapico

preparazione atletica adeguata alla condizione

massaggi di scarico muscolare decontratturante,

fisica del singolo atleta, progressione dei

eventuale ricerca e trattamento di trigger

carichi di lavoro, stretching e tempi di recupero

point muscolari, fibrolisi, e la possibilità di

proporzionati al lavoro svolto.

usare

prevede

apparecchiature

miorilassanti,

elettromedicali

tecaeterapia e laser ad alta potenza.

40

e inside magazine n.03 . 2021

quali


e inside magazine n.03 . 2021

41


osteopatia

Sindrome del collo da smartpho I

irca il 90% della popolazione italiana possiede uno smartphone.

Il tempo dedicato in media dagli utenti di fronte ai moderni “telefonini” è di circa 5 ore al giorno.

a cura di DAVIDE MARIANI osteopata

Con punte di 7-8 ore! Recenti studi scientifici hanno dimostrato che l’utilizzo elevato di questi dispositivi elettronici abbia delle serie ripercussioni sulla nostra salute.

consigli

Viste la serietà e la diffusione del disturbo, è stato coniato un termine dedicato: “tex neck syndrome” o, in italiano, “sindrome del collo da smartphone”. Osservare e digitare sullo smartphone implicano una flessione anteriore del capo. La colonna vertebrale cervicale è la struttura anatomica che sostiene la testa. Il peso del capo è di circa 5 kg ma il suo carico sulla colonna cervicale è direttamente proporzionale alla flessione della colonna. Maggiore sarà l’inclinazione, maggiore sarà il peso che la colonna dovrà sostenere.

42

e inside magazine n.03 . 2021


one

e inside magazine n.03 . 2021

43


Con una flessione di circa 60 gradi, il carico della

Per ovviare a questi spiacevoli disturbi è

testa sulla colonna vertebrale sarà di 27kg!

assolutamente

5 volte superiore al suo peso in posizione neutra.

attenzione: 1.

verificate

necessario sullo

prestare

smartphone

molta quante

Questo sovraccarico sulle strutture legamentose,

ore passate quotidianamente davanti al

articolari e muscolari, se protratto nel tempo,

dispositivo. Cercate di ridurre il più possibile

può provocare un reale danno strutturale con

questo dato.

conseguenti dolore e postura alterata.

2. Durante l’uso dello smartphone o del tablet

Non dimentichiamo inoltre che l’uso di questi

cercate di tenere quanto possibile una postura

dispositivi crea delle serie ripercussioni anche

corretta senza dover flettere eccessivamente

all’apparato visivo. Specie nei soggetti più

il capo. I dispositivi dovrebbero essere tenuti

giovani.

ad altezza occhi, non dell’ombelico. 3. Evitate di stare ore e ore nella stessa

Il dolore relativo alla “sindrome da smartphone”

posizione.

è spesso localizzato a livello del collo, della zona

4. Dedicate del tempo all’attività fisica!

scapolare, oppure si può tradurre in cefalea (mal di testa) a causa del coinvolgimento della

In conclusione, è però necessario precisare che

muscolatura cranica e peri-cranica.

tale “sindrome”, pur essendo riconosciuta a livello mondiale dagli esperti del settore, non ha

44

La postura derivante da un uso eccessivo

ancora a supporto una valida documentazione

dei dispositivi elettronici è caratterizzata da

scientifica. Pertanto, è possibile che nel corso dei

uno sbilanciamento del capo in avanti e da un

prossimi anni alcuni aspetti, qui sopra descritti,

atteggiamento di flessione delle spalle e di

possano essere smentiti oppure ulteriormente

chiusura del torace.

confermati ed avvalorati da dati inconfutabili.

e inside magazine n.03 . 2021


OSTEOPATA DAVIDE MARIANI DISPONIBILE SU APPUNTAMENTO LE VISITE OSTEOPATICHE SONO RIVOLTE AI PAZIENTI DI TUTTE LE FASCE D’ETÀ, DAL NEONATO AL PAZIENTE ANZIANO. ATTRAVERSO UN’ATTENTA ANAMNESI ED UN ESAME POSTURALE COMPLETO, L’OSTEOPATA VA ALLA RICERCA DELLA CAUSA DEL PROBLEMA E, ATTRAVERSO IL TRATTAMENTO MANUALE, DELLA SUA RISOLUZIONE. DAVIDE, GRANDE APPASSIONATO DI SPORT, AFFIANCA, IN QUALITÀ DI OSTEOPATA ATLETI DILETTANTI E PROFESSIONISTI. COLLABORA ANCHE CON MEDICI SPECIALISTI QUALI ORTOPEDICI, DENTISTI, GNATOLOGI, PEDIATRI E POSTUROLOGI.

www.marianiosteopatia.it e inside magazine n.03 . 2021

45


soon on line Einsidemagazine.it

4 1 0

2

2 0

Profile for CB | Magazine

E INSIDE MAGAZINE N03