Page 1

Fondato da Luciano Parisini

La bellezza è lusso quotidiano

Spedizione in A.P. - 45% - art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Filiale di Milano -  2,50 - Copia omaggio - Contiene supplemento

ANNO

06

07

SETTEMBRE

SPECIALE

Regatando in… Acqua di Parma CHAPEAU!

Quelle lire di Elena Melik INCONTRO

Il… buon Denzel Washington

pour homme

2009


Editoriale Parisini OK

8-09-2009

10:07

Pagina 2 Denni Poletti HD

(

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK

)

E

innanzitutto

q

Luciano PARISINI

Proviamo di testa… Questo Daily Luxury è mozzo:

gli manca una pagina. “Liberamente”, la rubrica della Melik non c’è più. Se n’è andata, Elena, e la sua pagina, come la maglia dei campionissimi che lasciano il campo, si toglie. Elena era in squadra, nella mia squadra, da quando “alleno” nel campionato della bellezza: lei sempre in ruolo da tre formazioni a questa parte (Imagine, Allure, Daily Luxury). Più avanti le dedico, dedico alla mia maestra, al mio centravanti di sfondamento, la standing ovation che merita. Con i miei collaboratori, con tutto il mondo della bellezza, con gli amici, i tanti che aveva, siamo come in curva sud, quella che fa più tifo, tutti in piedi per un infinito applauso. Per poi sederci sulle gradinate di questo stadio che ha in campo profumi e cosmetici severamente impegnati in quello che, calcisticamente insistendo, sembra essere il più intenso, difficile, derby della “nostra” storia. Un derby contro una crisi che va e viene, come un avversario che non riesci a controllare e che speri di chiudere in offside prima, per poi mostrargli il cartellino rosso di una sollecita espulsione. Elena avrebbe detto che siamo una squadra di poco amalgama, e che abbiamo bisogno, oltre che di correre anche di qualche giocata di classe. “Non svacchiamo”, scriveva nell’ultimo servizio, quello del numero di agosto di Daily: non svacchiamo perché questa formazione, dall’industria alla distribuzione, dalla stampa al consumatore, ha ancora tanto da giocare. E segnare. Una formazione, chiamiamola “Cosparfum” (potrebbe essere il nome di una squadra, no?) di campioni, non di vecchie glorie: che non vanno “svincolati” per mettere in campo qualche giovane di belle e meno belle speranze. Anche la nostra “Champion” si vince con la qualità, con l’intelligenza di gioco, non col tocchettio di chi… se la tira. Andiamo in gol provando di… testa: scalciando si perde la palla!

2 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009


www.chanel.com La linea di CHANEL - Numero con addebito ripartito 840.000.210 (0,08 â‚Ź al minuto)

DailyLuxury_200x240:DailyLuxury_200x240 15/07/09 11:38 Page 1


Le_Ultime OK

8-09-2009

10:13

(

Pagina 6 Denni Poletti HD

l e u lt i m e

)

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

QUESTE PRIME PAGINE SONO… ULTIME.

ANNA, VOLTO RED DRESS

Anna Foglietta,

UN ALTRO PALCO PER VALERIA?

Date di eventi al futuro

ma già confermate: l’aprile 2010 avrà la 43° edizione del Cosmoprof dal 16 al 19, con apertura del Cosmopack il 15. E in ambito Cosmoprof ritorna il Premio Internazionale Accademia del Profumo dopo l’unica “digressione” a Milano. Serata di consegna degli “oscar” venerdì 16. E sarà la 21° edizione. Ma con un nuovo regolamento discusso il 7 settembre scorso sia in Commissione Direttiva che in Assemblea dei soci. Ciò anche in seguito alle risultanze dell’edizione 2009. Ma intanto, chi salirà sul palco dei premiati, e per quali meriti? È già interrogativo d’attualità, specie per i numerosi lanci “profumati” dal 1° gennaio al 31 dicembre di quest’anno (secondo regolamento tutti i nuovi dell’arco 2009 sono in pre-nomination). Chi salirà sul palco? Ricordando al proposito le edizioni del passato, ci piace riproporre l’immagine di Valeria De Fiore, una protagonista del Premio Accademia e del Premio Caterina De Medici.Valeria ha lasciato Bvlgari Parfums dopo oltre 15 anni di “contributo fondamentale alla crescita del marchio” recita il comunicato ufficiale col quale Alberto Festa, Italy Managing Director annuncia la scelta della dottoressa De Fiore “che ha preferito lasciare la carica di Direttore Generale - continua il comunicato - per affrontare nuove sfide lavorative più in linea con la sua esperienza ed il suo profilo professionale”. In attesa di annunciare il suo “nuovo”, Daily Luxury augura a Valeria il più importante prossimo futuro.

6 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

giovane rivelazione del cinema italiano è il “volto” di Red Dress Italia, la campagna di informazione promossa da Elizabeth Arden e dalla Fondazione Italiana per il Cuore contro i rischi delle malattie cardiovascolari, principale causa di mortalità femminile. “Sono felice ed orgogliosa di poter dare il mio contributo a Red Dress Italia perché ritengo sia precisa responsabilità di ogni artista contribuire a dar voce a queste iniziative”, questo il commento dell’attrice, scelta non solo perché rispecchia appieno i valori di cui si fa interprete la campagna ma anche perché è la voce più adeguata per rivolgersi alle giovani donne con l’obiettivo di sensibilizzarle sull’importanza della prevenzione. Gli studi dimostrano infatti che uno stile di vita corretto e la riduzione simultanea dei fattori di rischio, diminuiscono del 50% le morti per malattie cardiovascolari.

ETHOS A TENERIFE

Ethos non rinuncia

alla sua annuale Convention. Anzi! Di anno in anno sceglie sempre il meglio, come a ribadire il costante successo di un Gruppo tra i più qualificati della profumeria italiana. L’appuntamento chiama i soci dal 28 settembre al 5 ottobre a Tenerife in uno splendido complesso. Il presente e il futuro terranno banco in ripetute assemblee da sempre condotte con particolare professionalità dal direttore generale Massimo Zonca e da uno staff organizzativo di prim’ordine. Con l’immancabile partecipazione del nuovo presidente Ethos, Maurizio Sabbioni.

QUOTIDIANAMENTE aily Luxury sta diventando…

D

quotidiano. Quel “Daily” non era in testata a caso, ma davvero non era ipotizzabile che in così poco tempo… In così poco tempo sfogliare la rivista al nostro sito diventasse - com’è diventata - abitudine quotidiana, anche perché oltre al numero in pubblicazione www.dailyluxury.it dispone di un notiziario costantemente aggiornato, di un archivio che spazia da gennaio ad ora e soprattutto di una emanazione di particolare suggestione dedicata a Daily Accessories, anch’essa costantemente aggiornata. La bellezza insomma si legge su carta-Daily ma anche su… video. E su video, giorno per giorno, momento per momento.


Le_Ultime OK

8-09-2009

10:14

Pagina 7 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

ENTRANO INFATTI IN ROTATIVA QUANDO LE ALTRE SONO GIÀ STAMPATE E RACCOLGONO LE NOTIZIE DELL’ULTIMA ORA.

NASTRO ROSA, XVI EDIZIONE

Al via ad ottobre L’IMPEGNO DI M.A.C.

Ben 30.000 euro.

Questo il valore di un assegno consegnato da Michelle Mugnai, Brand Manager M.A.C. Cosmetics Italia, a nome del M.A.C. AIDS Fund, nelle mani del prof. Mauro Moroni, Presidente dell’associazione ANLAIDS Sezione Lombardia (presente all’evento Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia e sostenitrice di Convivio). Questa donazione, che contribuirà a finanziare un programma di assistenza rivolto alle persone affette da Hiv/Aids articolato in una serie di interventi finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita delle persone sieropositive con particolare attenzione al sostegno psicologico e sociale riconferma l’impegno umanitario che da oltre 10 anni contraddistingue il M.A.C AIDS Fund, organizzazione fondata da M.A.C. Cosmetics ed attiva in tutto il mondo che coinvolge oltre 400 istituzioni in più di 57 paesi. La raccolta dei fondi, lo ricordiamo, avviene di giorno in giorno grazie alle vendite dei prodotti della collezione Viva Glam il cui ricavato viene interamente devoluto al Fund.

CLARINS PER UN MONDO PIÙ EQUO

Il rispetto dell’uomo

e della natura da sempre è uno degli impegni principali del Gruppo Clarins. L’azienda è infatti fortemente orientata al sociale, una vocazione che si concretizza nell’attività a favore della biodiversità, nella salvaguardia delle specie vegetali ed animali in via d’istinzione, nella promozione del commercio equo con paesi in via di sviluppo e in un cammino verso lo “sviluppo responsabile”. A ribadire il suo impegno, nuove “promesse”: ridurre significativamente le emissioni di gas effetto serra e l’utilizzo dell’acqua a partire dal 2010.

la XVI edizione della Campagna Nastro Rosa che, con la bellissima Elisabetta Canalis quale testimonial, vede la LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) ed Estée Lauder Companies vicine per sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori alla mammella ed informarle sugli stili di vita sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare. Numerose le iniziative previste: visite senologiche negli oltre 370 ambulatori LILT; monumenti illuminati di rosa in Italia ed in tutto il mondo; la borsa di studio Nastro Rosa assegnata ad una ricercatrice oncologica; e tanti appuntamenti di bellezza che vedono protagonista Estée Lauder Companies ed i suoi marchi. Primo tra tutti “Sorridi in Rosa”, ovvero tutte le donne che si iscriveranno sul mini portale www.nastrorosa.it potranno scaricare un voucher con cui recarsi presso i corner Estée Lauder e Clinique de La Rinascente e di Coin e nelle farmacie distributrici di Darphin per avvalersi di una seduta gratuita di trattamento o make-up. Inoltre, presso tutti i banchi Estée Lauder Companies (La Rinascente e Coin di tutt’Italia), la boutique ed il corner Jo Malone di Milano, nei saloni Aveda e nelle farmacie per Darphin, sarà possibile ritirare la Guida Pocket alla prevenzione e l’ormai celebre nastrino rosa simbolo della campagna. Ma non è tutto. Per

supportare l’attività degli ambulatori LILT anche quest’anno Estée Lauder Companies devolverà il 10% delle vendite del mese di ottobre di alcuni prodotti (Advanced Night Repair di Estée Lauder, Superdefense Spf 25 di Clinique, 3-in-1 Lab Series di Aramis, Arovita C di Darphin) ed 1 euro per ogni confezione di Hand Relief di Aveda, senza dimenticare che anche Jo Malone e La Mer offriranno il loro contributo.


12:08

Pagina 8 Denni Poletti HD

s

SETTEMBRE

C

DENZEL WASHINGTON buono nella vita, cattivo sullo schermo

ULTIME

LE

(02) (06) (28) (34) (42) (50)

ELENA MELIK ricordo “in bellezza”

Rubriche

{

07 2009

s o m m ario

LE CONSIDERAZIONI di Luciano Parisini

I NCONTRO

E DITORIALE S PECIALE

D 3 N N I:Users:dennipoletti:W.O.R.K.:Luxury 7/2009:

stile

(14)

Diego DALLA PALMA

dalla francia Silvia MANZONI

LE NOTIZIE giunte a rivista in macchina

ULTURA TELEMACO SIGNORINI quell’italiano così internazionale

PECIALE

S

8-09-2009

S

Sommario

(16)

ACQUA DI PARMA regata esclusiva e fragrante

dagli USA

(18)

Carole HALLAC

Mensile di High Publisher Editoriale • Direttore responsabile: Luciano Parisini • Direttore generale: Diana Baravelli Caporedattore: Marina Santin • Caposervizio coordinamento redazionale: Lucia Parisini • Redazione: Lucio Chiari, Giulia Zoni, Paola Cardona. Segreteria: Francesca Mingarelli • Progetto grafico: Denni Poletti • Fotografi: Graziano Ferrari • Collaborano: Diego Dalla Palma (STILE) Rebecca Belize (FOOD) Lorena Poletti (DESIGN) Supplementi: Lucia Parisini (Daily Accessories) Alessandro Fortini Parisini (Daily List) • Estero: Silvia Manzoni (FRANCIA), Carole Hallac (USA) Autorizzazione del Tribunale Bologna n° 7396 in data 15/01/2004.

Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata


3/07/09

13:54

Page 1

www.chanel.com

La Linea di CHANEL - Numero con addebito ripartito 840.000.210 (0,08 € al minuto)

DailyLuxury_200x240:DailyLuxury_200x240

ULTRA CORRECTION LIFT IL “LIFTING CELLULARE” FIRMATO CHANEL

I segreti della tonicità su www.ultracorrection.com


8-09-2009

12:09

Pagina 10 Denni Poletti HD

s

07 SETTEMBRE 2009

LAUDER futuro Source Business

(64) (104) (124) (144) (146) (152)

OOK

L

S PECIALE LE NOVITÀ dell’universo “beauty”

ENESSERE BELVITA HOTEL ADRIA il “vizio” del wellness

OOD

F

COPENHAGEN design week “sostenibile”

MODA E ACCESSORI di tendenza

B

B ELLEZZA

D 3 N N I:Users:dennipoletti:W.O.R.K.:Luxury 7/2009:

s o m m ario

D ESIGN

Sommario

Rubriche

{

cinetime

(20)

Annarosa SETTELLI

QUÉBEC emozioni colori e sapori

carnet

(22)

Marina SANTIN

Sede: via Santo Stefano, 42, 40125 Bologna • Tel. +39 051 5878850 • Fax +39 051 235662 • e-mail: info@high-publisher.it • info@dailyluxury.it Abbonamento annuo per l’Italia: 20 € da effettuarsi con bonifico bancario a: Credem - ABI: 03032 - CAB: 02400 - c/c: 010000009830 - CIN: M IBAN: IT 03 M 030 3202 4000 1000 000 9830; o sul c/c postale n° 50673359 intestato a: High Publisher, via Santo Stefano, 42, 40125 Bologna. Sped. in abb. post. - Pubblicità inferiore al 45%. Stampa: Grafiche Mazzucchelli Roto-offset S.p.A., via IV Novembre 50, 20019 - Fraz. Seguro, Settimo Milanese. Egregio abbonato, ai sensi dell’art. 10 della legge 675/96, La informiamo che i Suoi dati sono conservati nel nostro archivio informatico, vengono utilizzati esclusivamente per l’invio della pubblicazione e non vengono ceduti a terzi per alcun motivo. La informiamo, inoltre che, ai sensi dell’art. 13 della legge, Lei ha il diritto di conoscere, aggiornare, rettificare i Suoi dati o opporsi all’utilizzo degli stessi, se trattati in violazione della legge.


www.shiseido-italy.com In Profumeria e nei Reparti Specializzati

shi_mk 200x240.indd 1

31-07-2009 9:26:04


Rub. Stile OK

8-09-2009

10:12

Pagina 14 Denni Poletti HD

R

d

(

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

stile Diego DALLA PALMA

)

Glamorous mother

Da quando, finiti gli studi,

realizzò di preferire la recitazione alle scienze, JENNIFER GARNER non ha sbagliato un film: “Pearl Harbour”, “Prova a prendermi”, “Daredevil”, “Juno”, e il recentissimo “La rivolta delle ex”. Bellissima, nota per essere molto discreta riguardo la sua vita privata (è moglie di Ben Affleck con cui ha due figlie) è, per dirla all’americana,una “glamorous mother”,impegnatissima tra carriera (ha anche una sua casa di produzione) e vita domestica. Seria, indipendente e di carattere, è iperattiva anche nella quotidianità: ama cucinare, fare giardinaggio e brevi escursioni con le sue figlie. Cosa piace di lei, oltre alla bellezza oggettiva? La dolcezza e la profondità del suo sguardo ed il suo essere donna e mamma, che traspaiono dietro alla facciata patinata e sempre perfetta di diva hollywoodiana. IL CORPO IN FORMA Rientrati dalle vacanze è facile lasciarsi andare alla sedentarietà.Per affrontare la nuova stagione, invece, il benessere psicofisico è fondamentale. Dedicatevi ad attività che stimolano la circolazione sanguigna (ginnastica, nuoto, sport aerobici), oppure regalatevi un ciclo di massaggi rigeneranti, o ancora se preferite rilassarvi con una disciplina olistica privilegiate meditazione, rebirthing e yoga. Davvero salutari anche le passeggiate all’aria aperta, a contatto con la natura.

14 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

LE REGOLE D’ORO: RINNOVAMENTO AUTUNNALE Con l’arrivo dell’autunno si tende a trascurare il corpo che, invece, anche in questa stagione richiede cure ed attenzioni “ad hoc”. Se la pelle, sparita l’abbronzatura, è rimasta macchiata, oppure è spenta, affaticata e segnata, d’obbligo uno scrub (mani comprese!). Potete usare creme o fluidi con microgranuli che, massaggiati sul corpo, eliminano impurità e cellule morte oppure un guanto di crine o una spugna ruvida. Dopo la pulizia profonda, usate una crema emolliente, nutriente o idratante. Per una cute sana e luminosa, è importante la costanza di una pulizia “extra” con detergenti naturali (farina d’avena, di soia o di mandorle, argilla, amidi di riso o frumento) che oltre a rimuovere impurità e depositi di sebo, tonificano e restituiscono éclat all’epidermide. Stesso discorso per il viso: prevedete uno scrub molto delicato, un soin idratante extra ricco ed eventualmente una maschera restituiva ed emolliente.

IL MIO PENSIERO Ad Adriana, che vorrebbe far capire a sua figlia che soprattutto ora è importante essere attente e curate, vestite in un certo modo e al passo coi tempi, per lo meno se vuole trovarsi un fidanzato, rispondo di non stare tanto addosso a sua figlia. Quando avrà voglia di vestirsi bene, di truccarsi, pettinarsi e divertirsi, lo farà. E non è detto che il primo ragazzo che incontrerà possa essere quello giusto o quello che la sposerà e la amerà per tutta la vita. Più che sua figlia, a me pare sia lei ad avere questa visione fantastica dell'amore. Certi eventi, certe occasioni, nella vita, non vanno rincorsi o, almeno, non più di tanto. Quando sarà il momento, capiteranno.


MFL_F09 DailyLux 200x240.indd 1

22-07-2009 12:41:01


Rub. Francia OK

8-09-2009

10:17

Pagina 16 Denni Poletti HD

R

s

(

d

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

)

ll a francia Silvia MANZONI

Natale è già arrivato

Siamo appena tornati dalle vacanze e c’è già chi pensa a Natale... Kenzo ha infatti presentato l’edizione limitata per le feste di fine anno della sua fragranza best-seller, Flowerbykenzo, in un flacone a forma di matrioshka (che già avevano riscosso successo l’anno scorso) tutta di bianco e rosso vestita. Sarà disponibile dal mese di novembre.

FRANCIS KURKDJIAN: Il profumiere, artefice di fragranze come Madame di Gaultier o For Her di Narciso Rodriguez, apre la sua prima boutique parigina (5, rue d’Alger), uno spazio che vuole essere “un omaggio a Parigi, alla sua magia e al suo profumo di libertà”. Nell’atelier sono proposti percorsi olfattivi inediti e si potrà anche chiedere un’essenza su misura, una pratica nella quale Kurkdjian eccelle già da tempo. MAISON HONORÉ DES PRÈS: Sono espressione di un lusso “responsabile”, le sette fragranze della griffe, create da Olivia Giacobetti con ingredienti naturali e per la maggior parte certificati Bio. Da quest’autunno, saranno in vendita nei due mercati biologici della capitale (boulevard des Batignolles e boulevard Raspail), in uno stand a loro dedicato. Un nuovo modo di avvicinare il pubblico alla bellezza e di proporre i profumi all’aria aperta, tra gli effluvi dei banchi di frutta e di verdura. La collezione continuerà, in parallelo, ad essere venduta negli eleganti grandi magazzini Printemps e Bon Marché e arriverà nei prossimi mesi a Tokyo e a Londra.

16 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

SPA ANNE FONTANE: Il centro (370, rue Saint Honoré) propone un nuovo massaggio ritmato dalla musica jazz. Il Black Pearl (questo il nome) riprende i movimenti dei musicisti: quelli del pianista per la nuca, quelli del contrabbassista per rilassare i muscoli, quelli del sassofonista per le braccia e le mani, il tutto accompagnato da una colonna sonora tratta dall’album Blue Note Trip3 di Jimmy Mc Griff. Un’ora, 145 euro. MOLINARD: La Maison, che ha da poco aperto il suo terzo flagship francese, a Lille (gli altri a Nizza e Grasse), festeggia il suo 160° anniversario con una nuova fragranza battezzata, appunto, 160. Vestita d’un elegante flacone nero, sul quale la cifra è incisa con cristalli Swarovski, l’essenza è fiorita e morbida di giacinto, mughetto, ciclamino, ylang-ylang, gelsomino ed iris, e soffusa, nel fondo, dalla nota calda dei legni di cedro e sandalo, dell’ambra e del muschio. BALENCIAGA: Grande amica del direttore artistico della Maison, Nicolas de Gesquière, Charlotte Gaisbourg è stata scelta da Coty, che detiene la licenza dei profumi della griffe, quale testimonial del prossimo, attesissimo femminile, che uscirà a febbraio. L’attrice-cantante figlia d’arte (Serge Gainsbourg, il padre, Jane Birkin, la madre), è stata ricompensata quest’anno con la Palma d’oro per la migliore interpretazione femminile nel film Antichrist di Lars Von Trier ed è una delle icone della moda “giovane” made in France.


Blumarine DailyLux 200x240.indd 1

20-07-2009 11:46:31


Rub. USA OK

8-09-2009

10:15

Pagina 18 Denni Poletti HD

R

g

(

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

dagli USA Carole HALLAC

)

La madrina è Charlize Grande festa a Manhattan

nei giorni scorsi. Inaugurato infatti, con un megaparty che ha visto quale madrina la splendida CHARLIZE THERON il terzo piano dello store Saks Fifth Avenue, completamente ristrutturato e davvero lussuoso. Gli oltre 150 ospiti dell’evento, tra cui numerosissimi stilisti ed esponenti della stampa, hanno così scoperto la nuova area-shopping del grande magazzino in cui ogni designer ha creato appositamente uno spazio, incluse diciotto “suites”, una cucina dove viene servito il pranzo e una stanza Vip.

NOTTE DI SHOPPING: Per contrastare la recessione, è stata organizzata una serata di shopping in tutta Manhattan. I negozi sono rimasti aperti fino alle 23, e in città gli stilisti sono stati protagonisti di numerosi eventi: Zac Posen, in scena da Bergdorf Goodman ha dipinto dal vivo gli abiti direttamente in… vetrina; Tory Burch, ha organizzato un’ambitissima festa in un palazzo del Meatpacking District; Vera Wang, è stata a disposizione dei clienti nella sua boutique. RED MARKET: Rimanendo in tema di aperture serali, da segnalare che il salone di hairstyling Red Market nel Meatpaking District rimane sempre aperto fino alle 23.00, offrendo servizi di piega, taglio e colore (da $100 in su), accompagnati da un buon bicchiere di vino.

18 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE

COACH: La griffe ha presentato la sua prima fragranza maschile che debutterà sul mercato proprio in questi giorni. Il profumo sarà un complemento alla collezione di accessori da uomo del noto marchio di pelletteria, che include scarpe, valigette, cinture e portafogli. Così come le essenze femminili, Coach for Men è stato prodotto da BeautyBank, una divisione di Estée Lauder. DONNA KARAN: Cashmere Mist, fragranza di successo della stilista, celebra i suoi primi quindici anni regalandosi una nuova campagna pubblicitaria e una nuova interpretazione del suo bouquet. Lanciato nel settembre 1994 e dato in licenza a Estée Lauder, il profumo, contrariamente all’iter “classico” delle essenze è nato dopo il lancio della linea bagno. MARC JACOBS: L’ultima diva vestita dal celebre designer? Niente meno che Miss Piggy. La mitica protagonista del Muppets Show ha indossato un vestito originale della collezione autunnale dello stilista in occasione di una serata di gala da Macy’s a Chicago.

BVLGARI: Il celebre marchio chiude tre negozi negli Stati Uniti, ma prevede l’apertura di altrettanti nuovi punti vendita. La serranda si abbasserà nelle boutique di Manhattan, Palm Beach e Aspen, ma in progetto c’è già l’apertura di spazi a Las Vegas, San Francisco e Dallas.


BodyHoneyMiel200x240 21-10-2008 9:51 Pagina 1 C

M

Y

CM

MY

CY CMY

K

la perfezione del MIELE Il Miele Il dono delle api. Un nettare perfetto ottenuto nel più perfetto dei laboratori. Un concentrato di vitalità. Perfetto anche per la pelle.

La tua nuova

“beauty spa”

I trattamenti corpo nati dall’esperienza delle beauty spa. Energia pura per una bellezza raggiante

he

te

cc

izz

ag

N A T U RA

PERLIER

L

I

BODY

do

cc

ia

pe ma cre

T E E T IC

go

mm

rd oc

rb ag pe ma

e

cia

R

no

gn ob a qu ac

cre

ad op

oe ffe rp oc o oli

ed oc

ov ita l

ta se tto

io gg sa lm as

og e oli

cia

an

se lli pe nte ata

idr ida

cre

ma

flu

flu ma cre

ba

lsa

mo

fon

ida

de

idr

nte

ata

nu

nte

tri

pe

en

lli

te

no

co

rm

rp

o

ali

e un corpo semplicemente sublime.

Natural Perfect Unique Il Miele è un vero mosaico biologico. Naturale, perfetto, unico, un concentrato di energia vitale.

Colori compositi


8-09-2009

15:01

Pagina 20 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

(

R

Rub. Cinetime OK 1

cinetime Annarosa SETTELLI

)

Venezia: Rinnovato successo del premio Kinéo “Diamanti al Cinema Italiano” (voto del pubblico nelle sale), giunto alla 7a edizione. Più largo bottino a Pupi Avati per “Il papà di Giovanna” e per “Gli amici del Bar Margherita”. Nuovamente in trionfo Matteo Garrone, dopo Cannes, per il suo “Gomorra”. stata piacevole, informale atmosfera a Venezia: il blu all’orizzonte e l’eco della risacca ad accompagnare il party-premiazione della 7ª edizione del Premio Kinéo “Diamanti al Cinema Italiano”, il prestigioso evento diretto da Rosetta Sannelli. Madrina e presentatrice della serata, Arianna Bergamaschi che ha festeggiato i vincitori insieme ai tanti ospiti, nel suggestivo spazio del Lancia Cafè, sulla terrazza dell’Hotel Excelsior, al Lido di Venezia. Istituita otto anni fa per l’impegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali a sostenere e promuovere la nostra cinematografia, la manifestazione, in partnership con Rai Trade e in collaborazione con la Biennale Cinema di Venezia e Lancia, ha avuto come media partner i quotidiani del Gruppo Monrif e il nostro Daily Luxury. Il voto del pubblico ha eletto miglior film della stagione, “Il papà di Giovanna”, di Pupi Avati, in concorso a Venezia lo scorso anno fruttando la Coppa Volpi (miglior attore) a Silvio Orlando. Avati ha ottenuto il bis anche come miglior regista per lo stesso film

È

e per “Gli amici del bar Margherita”, anch’esso tra i favoriti del pubblico che, secondo regolamento, votava nelle sale. Il trofeo (una torre di luce con diamante incastonato nella base il Kinéo-Diamanti al Cinema) per il miglior attore protagonista è stato assegnato a Filippo Timi per l’intensa interpretazione di Benito Mussolini in “Vincere”, di Marco Bellocchio, unico film italiano in concorso quest’anno al Festival di Cannes. Miglior attrice protagonista Alba Rorhwacher, interprete di “Giovanna” (nel premiatissimo film di Avati), tragico

Antonio e Pupi Avati

20 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

personaggio quanto il padre Michele Ex che troppo tardi si accorge dei suoi disturbi mentali finendo nel baratro insieme a lei. Miglior attore non protagonista Luigi Lo Cascio, perfetto interprete del folle Manuelo, ladruncolo e sessuofobo di “Gli amici del Bar Margherita”. A coronare il successo di Avati, ancora Il papà di Giovanna

Alba Rohrwacher


Rub. Cinetime OK 1

8-09-2009

15:01

Pagina 21 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

pioggia di… Diamanti per “Gli amici del Bar Margherita”, la vittoria di Luisa Ranieri (prosperosa e impudente maestra di pianoforte di un vecchissimo Gianni Cavina) come miglior attrice non protagonista. Miglior Film Tv, “Il commissario Montalbano”: alla perfetta incarnazione dell’eroe di Camilleri, il Premio Rai Trade per la fiction più apprezzata dal pubblico. Il premio Rai Trade al miglior film italiano nel mondo, a Matteo Garrone, per “Gomorra”. Presentato in concorso, nella selezione ufficiale, al Festival di Cannes dello scorso anno, il film, tratto dal libro di Roberto Saviano, si è aggiudicato il Grand Prix della Giuria, il premio più importante dopo la Palma d’oro, inaugurando così

Salvatore Lo Cascio

una straordinaria stagione di successi e di premi internazionali. Tratto dal successo editoriale di Roberto Saviano, il film racconta in cinque storie l’inferno di Scampia, periferia a nord di Napoli, (ogni giorno il guadagno di un solo clan, con la droga, è di 500.000 euro), tornata alla ribalta della cronaca nelle scorse settimane per l’arresto di uno dei boss inseriti nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi d’Italia.

Luisa Ranieri Gomorra

Matteo Garrone Filippo Timi Il commissario Montalbano

Nella foto sotto, da sinistra: Antonio Avati, produttore di "Il papà di Giovanna" premiato per il Miglior film; Luigi Lo Cascio, Miglior attore non protagonista per "Gli amici del bar Margherita", Luisa Ranieri, Miglior attice non protagonista per “Gli amici del bar Margherita", Pupi Avati, Premio Miglior regia per "Il papà di Giovanna" e "Gli amici del bar Margherita", Alba Rohrwacher, Miglior attrice protagonista per "Il papà di Giovanna", Alberto Sironi premio Speciale Rai Trade per il Miglior film Tv per "Il commissario Montalbano", Arianna, attrice e cantante, voce italiana della Disney, e il direttore del Premio, Rosetta Sannelli. Ancora Filippo Timi ha ritirato il premio Miglior attore protagonista per "Vincere" e Gianni di Gregorio il Premio Speciale Rai Trade per il Miglior Film italiano nel mondo a “Gomorra”.


Carnet OK

8-09-2009

10:08

Pagina 22 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

C

carnet Marina SANTIN

L’arte del rientro «

MANTOVA

arta, corda, ciottoli morenici ed altri materiali semplici per le opere di “Arienti. Arte In-percettibile”, realizzate dall’artista, tra i protagonisti dell’arte contemporanea ed artefice di un “percorso” che culmina in 15 installazioni. Palazzo Ducale, fino al 6 gennaio 2010. Info: tel. 0376.352100.

C

Mele protagoniste

W

eek-end in Val di Non, nel borgo rinascimentale di Casez, il 10 e 11 ottobre 2009, per la 5a edizione di Pomaria, una grande festa dedicata alle mele. Saranno protagoniste di una mostra di frutti rari ed antichi, si potranno raccogliere e gustare croccanti e gustose o trasformarle in dolci e strudel in golose lezioni. A corollario, il concorso letterario “Parole di Pomaria, la festa del raccolto: ieri, oggi e… domani”, i laboratori artigianali per grandi e piccini, l’elezione della “Più buona del Reame”, le degustazioni di vino Groppello e di presidi locali Slow Food, e gli appuntamenti gastronomici proposti da punti gourmet che proporranno le ricette della tradizione nonesa. Info: www.visitvaldinon.it, www.stradadellamela.it, www.melinda.it.

«

Grandi mostre e appuntamenti inediti ci aspettano al rientro in città per farci iniziare la nuova stagione all’insegna dell’arte, dello spettacolo, della musica e della cultura. MAMIANO DI TRAVERSETOLO

ltre 100 opere, dai capolavori di Boccioni, Balla, Severini, Depero fino a Dottori, Filia, Crali e Tato, compresi sculture, libri, figurini di abiti ed esempi di arte pubblicitaria per “Futurismo! Da Boccioni all’Aeropittura”. Fondazione Magnani Rocca, fino all’8 dicembre 2009. Info: tel. 0521.848327-848148, www.magnanirocca.it, info@magnanirocca.it.

O

FERRARA

«

samina un solo capitolo della carriera del maestro, il primo periodo parigino, dal 1871 al 1886, “Boldini nella Parigi degli Impressionisti” che indaga l’evoluzione del suo lavoro in quegli anni decisivi, quando prima di essere ritrattista fu pittore della ville lumière. Palazzo dei Diamanti, dal 20 settembre 2009 al 10 gennaio 2010. Info: tel. 0532.244949, www.palazzodiamanti.it, diamanti@comune.fe.it.

E

22 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

Progetto Twister Il progetto Twister è finalmente realtà. Presentato lo scorso aprile, è un modello innovativo di alleanza tra dieci musei lombardi, nato con lo scopo di selezionare, esporre ed acquisire opere d’arte contemporanea site specific/site related progettate e prodotte ad hoc tramite un concorso internazionale. Dieci gli artisti vincitori, la cui opera è stata realizzata e diverrà patrimonio della struttura museale per cui è stata ideata (Mario Airò, Massimo Bartolini, Carlo Bernanrdini, Loris Cecchini, Madame Duplok, Chiara Dynys, Lara Favaretto, Maik e Dirk Lobbert, Marzia Migliora, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini) cui si affianca, sempre selezionata tramite concorso, Ofri Cnaani, prescelta per la realizzazione di un intervento artistico in rete che coinvolge tutti i musei-enti della rete regionale. Gli 11 progetti verranno esposti ed inaugurati il 24 settembre 2009 in contemporanea nelle differenti sedi e daranno vita ad un’unica grande mostra visitabile dal 25 al 27 dello stesso mese. Info: tel. 02.45462437-433, info@artecontemporanealombardia.it.

PIACENZA

«

ipinti ad olio dell’800 toscano firmati dai protagonisti del movimento macchiaiolo, dai grandi maestri agli “italiani a Parigi” fino agli esponenti della generazione più giovane per “Pittura toscana alla Ricci Oddi. Collezioni a confronto”. Galleria Ricci Oddi, fino al 2 maggio 2010. Info: tel. 0523.320742, www.riccioddi.it.

D


La tua pelle preferisce Hanorah.

Promette e mantiene. Hanorah Italia Srl - Via V. Civerchio 4 - 20159 Milano (Italy) - tel. +39 026882131 - fax +39 0268821320 - info@hanorahitalia.com - www.hanorahitalia.com

pagina daily luxury 20x24.indd 1

6-04-2009 11:46:14


Carnet OK

8-09-2009

10:09

Pagina 24 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

C

carnet

ROVIGO

«

edicata al protagonista della celebre fiaba “Il Gatto con gli Stivali” la 2a edizione de “I Racconti Illustrati”. Per la mostra il testo della favola (nella versione di Perrault, trascritta da Collodi) è illustrato dalle tavole originali di Maria Sole Macchia ed Eric Battut. Accanto, opere di disegnatori che si sono confrontati con lo stesso soggetto o hanno reso omaggio al felino. Una sezione è poi consacrata al tema del Natale, rappresentato da 30 tavole di giovani artisti della Scuola Internazionale d’Illustrazione di Sarmede. Palazzo Roverella, fino al 30 dicembre 2009. Info: tel. 0425.460093, www.palazzoroverella.com, info@palazzoroverella.com.

«

D

RANCATE, CANTON TICINO on “Da Fattori a Previati: una raccolta rirovata”, torna la collezione di Riccardo Molo (uomo d’affari ticinese attivo a cavallo tra l’800 e il ‘900), una summa italiana che accoglie i vertici di ogni singola “scuola regionale”. Pinacoteca Cantonale Giovanni Züst, dal 20 settembre 2009 al 10 gennaio 2010. Info: tel. 0041(0)916464565, decspinacoteca.zuest@ti.ch, www.ti.ch/zuest.

C

«

VENEZIA

mmagini del XVI e XVII secolo e foto che mostrano i luoghi frequentati da Galileo, i suoi disegni, mappe dal ‘600 ad oggi e documenti recenti, per “Galileo, Venezia e la luna”, mostra storico-scientifica itinerante, evento dell’Anno Internazionale dell’Astronomia 2009. Manica

I

Lunga dell’Isola di San Servolo, dal 27 settembre al 18 ottobre 2009. Info: Inaf, tel. 049.8293411, venice2009@oapd.inaf.it.

«

PASSARIANO DI CODROIPO

l rapporto tra la nascita della scuola di Barbizon in Francia e la diffusione del realismo e del naturalismo in molti paesi dell’Europa fino ad arrivare all’influenza dell’Impressionismo in queste stesse nazioni, alla ribalta in “L’Età di Courbet e Monet. La diffusione del realismo e dell’Impressionismo nell’Europa centrale ed orientale”.Villa Manin, dal 26 settembre 2009 al 7 marzo 2010. Info: tel. 0422.429999, www.lineadombra.it, biglietto@lineadombra.it.

I

PASSARIANO DI CODROIPO

«

na quarantina di opere, più della metà create per l’esposizione, per “Massagrande. Scene d’Ungheria”, che mette in risalto la capacità di declinazione dei grandi filoni della produzione artistica dell’Europa dell’800 dell’artista venetoungherese.Villa Manin, Esedra di Levante, dal 25 settembre all’1 novembre 2009. Info: tel. 0422.429999, www.villamanin-eventi.it

U

Live da non perdere SPANDAU BALLET. Protagonista di una delle reunion più attese, la band farà tappa con il suo tour mondiale anche in Italia. Due i concerti: il 16 novembre al Mediolanum Forum di Milano ed il 17 al Mandela Forum di Firenze. PLACEBO. Il trio britannico capitanato da Brian Molko affiancato da Stefan Olsdal e Steve Forrest, torna nel nostro paese con due date in novembre: il 29 al Futurshow Station di Bologna, il 30 al Palasharp di Milano. MASSIVE ATTACK. Inizierà il 6 ottobre da Dublino per poi proseguire nelle principali città europee il tour del duo inglese di Bristol. Tappa in Italia, il 7 novembre al Palasharp di Milano. MARILYN MANSON. A due anni dall’ultimo tour che l’aveva portato nella nostra Penisola, torna Marilyn Manson. Il “reverendo” sarà il 26 novembre al Palaverde di Treviso ed il 27 al Palasharp di Milano. TOM JONES. L’artista gallese, dopo il tour negli Stati Uniti, sbarca in Europa. Il suo spettacolo, che presenta un repertorio dagli anni ’60, sarà in Italia il 2 novembre al Teatro degli Arcimboldi di Milano. VASCO ROSSI. Il suo tour indoor 2009’10 ha già registrato il sold out in numerose date. Aggiunti quattro nuovi concerti. Il 5 e 6 novembre 2009 al Palamaggiò di Caserta ed il 16 e 17 aprile 2010 al Palaolimpico di Torino. INFO: Live Nation Italia, tel. 02.53006501, info@livenation.it, www.livenation.it. BIGLIETTI: www.ticketone.it e nelle prevendite autorizzate

L’autunno in mostra

A

vrà una sua Regina, la zucca, ma ci saranno anche Principi e Principesse, i castagni e le castagne, e un corteo di reali e nobili composto da fiori e frutti “di stagione” rigorosamente selezionati. È “Nel segno del giglio. Autunno di colori”, una mostra che propone piante da frutto e corolle della tradizione più un’esposizione micologica, una di peperoncini e una di frutti d’altri tempi, perduti e ritrovati, una rassegna fotografica di Mauro Davoli ispirata alle grandi nature morte del passato ed una riservata agli erbari dell’Orto Botanico di Parma. Degna cornice, il Parco Ducale della Reggia di Colorno. 10 e 11 ottobre 2009. Info: Ar.Tu, Tel. 0521.282431-235708, ar.tu.ar.tu@tin.it.


C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


Per Monica Bellucci Rose Figue n째760 Tyen

www.dior.com Dior OnLine 02 38 59 88 88


ROUGE DIOR

SÉRUM TRATTAMENTO COMPLETO. COLORE LUMINOSO.

Dior crea il primo Sérum de Rouge, elisir di giovinezza dalla luminosità meravigliosa, per labbra sublimi, levigate e ridefinite giorno dopo giorno.


i

D Denzel Washington è così: tutto ed il suo contrario. Per lui, essere un divo è normale, lo straodinario è essere padre ed aver educato i suoi figli con giusti valori, carattere e forza di volontà. Nella vita è un “buono”, comprensivo ed impegnato socialmente, ma sullo schermo preferisce recitare il ruolo del cattivo. Cosa che non accade nel suo nuovo film dove interpreta un eroe positivo.

DENZEL

Incontro Denzel 1.indd OK.indd 28

8-09-2009 11:49:02


L

D

incontro Silvia BIZIO

Denzel Washington, che nella vita

è buono come un pezzo di pane, confessa che al cinema si diverte di più a fare il cattivo. “Il massimo del godimento artistico lo provo con un personaggio come quello che ho recitato in “American Gangster”, dice sorridendo e facendo l’occhietto. Di recente, invece, gli è “toccato” fare il buono. Come in “Pelham 123. Ostaggi in metropolitana”, remake de “Il colpo della metropolitana” (1974), in cui il divo di colore - 54 anni, due volte premio Oscar per “Glory” (1989) e “Training Day” (2002) - è “l’eroe per caso” che deve vedersela col cattivo di turno (John Travolta), un diabolico e motivatissimo cospiratore che dirotta e prende in ostaggio un’intera linea della subway di New York. Ma non solo. Mentre “Pelham 123”, diretto da Tony Scott, usciva quest’estate in America riscuotendo grande successo, Washington terminava le riprese di un

grande film di stampo biblico-apocalittico-futurista, “The Book of Eli” (sugli schermi a dicembre), in cui interpreta nuovamente l’eroe sulle cui spalle ricade il destino di salvare quel che resta dell’umanità dopo un’apocalisse nucleare provocata in ultima istanza da tensioni religiose. “Nella vita reale prediligo il bene al male è ovvio: ma senza un po’ di male non esisterebbero nè dramma, nè recitazione. E quando reciti l’eroe buono è meglio per te non sgarrare di una virgola se non vuoi beccarti i pomodori in faccia da un pubblico che non si lascia convincere facilmente da chi sembra aver l’aria di superiorità morale” spiega disinvolto in un recente incontro a Los Angeles, dove vive con la moglie Pauletta e i loro quattro figli. � Denzel, in “Pelham 123” lei appare in sovrappeso e goffo, oltre che bravissimo nel risolvere una faccenda complicata. Ci parla di quest’uomo? “Recito il ruolo un impiegato della MTA, la compagnia della metropolitana di New York, uno che non ha mai usato un’arma in vita sua ma che, ritrovandosi nel bel mezzo di un gesto criminale, deve ricorrere a qualsiasi “arma” per salvare gli ostaggi e la città. Il personaggio di Travolta, invece, è quello di un ex consigliere comunale di New York che condannato a scontare alcuni anni di prigione per il suo coinvolgimento nello scandalo delle multe truccate dei parcheggi, cosa che successe davvero nei primi anni ’90. Uscito di prigione decide di vendicarsi contro la città. Nel film io rappresento l’uomo qualunque, impreparato e con qualche chilo di troppo, che fa del suo meglio in una situazione di emergenza. Devo ammettere che è bello vedere qualcuno che al momento decisivo da tutto se stesso”. � Qualcosa di simile, un assalto con ostaggi, potrebbe davvero succedere nella trafficatissima metro di New York? “E chi lo sa, tutto è possibile al giorno d’oggi. Detesto solo pensarci. Vede, io sono nato e cresciuto a New ››

IL “BUONO” N°7 SETTEMBRE 2009

Incontro Denzel 1.indd OK.indd 29

| DailyLuxury | 29

8-09-2009 11:49:12


i

Nel film rappresento l'uomo qualunque, impreparato e con qualche chilo di troppo, che fa del suo meglio in una situazione d'emergenza. È bello vedere qualcuno che al momento decisivo da tutto se stesso ›› York, nella zona nord di Mt. Vernon, e fin da bambino prendevo tutti i giorni la subway per andare giù a Manhattan. Non mi è mai successo niente di spiacevole. La metro era come una seconda casa per me. La sotto è un casino, è vero, ma stranamente si va tutti d’accordo, o non ci si guarda nemmeno”. � Non le sarebbe piaciuto recitare la parte di Travolta? Anche lei, parlando di “American Gangster”, ha detto che gli attori in genere prediligono le parti del cattivo. “Confesso che il primo giorno di riprese di “Pelham 123” ho temuto di essere stato scritturato per la parte sbagliata. Per scherzo ho chiesto a John di scambiarci i ruoli. Lui mi ha risposto con una pernacchia. Fare il cattivo in un film è più divertente, non c’è dubbio”. � Non aveva mai recitato con Travolta prima di questo film. Come si è trovato? “John è una leggenda vivente. Come attore ha virtù camaleontiche, ha una versatilità straordinaria. Può fare la cicciona Edna che canta e balla in “Hairspray” o il più sadico degli psicopatici come in questo film. Di persona è dolcissimo. Poco dopo le riprese di “Pelham 123” è acca-

30 | DailyLuxury |

Incontro Denzel 1.indd OK.indd 30

duta la tragedia della morte di suo figlio Jett. Una perdita che lo ha sconvolto, come ha sconvolto tutti noi. So che ancora adesso John sta vivendo un periodo terribile. Mi auguro con tutto il cuore che un giorno trovi la forza per riprendersi. Il cinema ha bisogno di lui. Ma lo capisco: se morisse uno dei miei figli prima di me, io non so cosa farei...”. � Sappiamo che lei tiene molto alla sua famiglia, ed è un padre molto premuroso ed attento. “Anche severo, se il caso lo richiede. Sono un padre come tanti altri, innamorato dei figli e che cerca di far del proprio meglio insegnando loro le regole della vita e l’importanza di quella cosa chiamata forza di volontà e carattere”. � Divo e uomo normale allo stesso tempo? “Sì, ma al contrario: la mia dimensione professionale, quella in cui rientra la nozione di divo, è normale, mentre quella familiare è straordinaria. Essere considerato un divo del cinema non mi fa sentire speciale più di tanto; essere un padre di quattro figli e averli tirati su con tutte le mie forze, invece, sì. Bisogna avere doti speciali o una volontà di ferro per educare la prole con valori giusti, ren-

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 11:49:36


incontro

derli generosi, vitali e con un forte carattere. Il mio primogenito sta diventando un giocatore professionista di football americano, e questo è il mio vero trionfo”. � Lei però s’impegna anche a favore della società. “Salvare vite in un paese africano è anch’esso qualcosa di speciale. Cerco di fare quello che posso, con umiltà. Ho conosciuto Nelson Mandela in Sudafrica e ho donato un milione di dollari al suo Children’s Fund. Mandela è stato così gentile da acconsentire di celebrare un nuovo voto matrimoniale tra me e Pauletta. Mandela è il mio eroe. La sua vita è straordinaria”. � Con Barack Obama alla Casa Bianca prevede dei miglioramenti nelle relazioni razziali in America? “Il solo fatto che sia stato eletto parla chiaro. Come nazione siamo cresciuti. Di sicuro la sua presenza renderà tutti più daltonici, indifferenti al colore della pelle. La diversità di razze nel nostro melting pot fa bene a tutti. Insistere a considerarlo un problema è molto “passé”. � In “The Book of Eli” si parla anche di religione, vero? “Sì. Io sono un cristiano credente, un uomo religioso, e le tematiche di “Eli” mi hanno toccato profondamente. La religione può salvare, ma anche distruggere. Non tutti i credenti sono capaci di riconoscere questa dualità”. � Il film implica che i conflitti religiosi siano stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso della guerra nucleare. Cosa ne pensa in proposito? “Ne ho parlato col parroco della mia chiesa di New York: per lui siamo tutti dei “believer”, dei credenti, non importa se siamo cristiani, ebrei, musulmani... Nel mondo non esiste individuo che non sia nato dentro una tradizione religiosa specifica. Perfino un ateo appartiene ad un ceppo religioso… mi spiego? L’unica salvezza è la capacità d’abbracciare le religioni diverse dalla nostra in un gesto globale di compassione, solidarietà e tolleranza. Ma per questo fine ci vuole un uomo nuovo e illuminato. Io non nego che un po’ mi ci sento, uomo nuovo e comprensivo, dico. Riusciremo a diventare così tutti? Questo è il dilemma di cui parla parla “Eli”. E di cui parlo spesso a cena con mia moglie e i miei figli, come tante altre  brave persone nel mondo”.

mo

lo a

e

o o

i

ed è

ome prio a di

nale, ntre un nto; te le voren-

N°7 SETTEMBRE 2009

Incontro Denzel 1.indd OK.indd 31

| DailyLuxury | 31

8-09-2009 11:49:56


www.sensai-cosmetics.com Tel. 02/863112.1


SENSAI CELLULAR PERFORMANCE Wrinkle Repair Series: il nuovo approccio per attenuare le rughe dall’interno. SENSAI CELLULAR PERFORMANCE Wrinkle Repair Series è la nuova rivoluzionaria serie di prodotti anti-età in grado di ottimizzare dall’interno il naturale ciclo di rinnovamento del collagene. Grazie agli ingredienti esclusivi Moon Peach Leaf Extract e CPX Vital Extract migliora la quantità e la qualità del collagene dall’interno, favorendone il ricambio continuo e abbondante per attenuare le rughe e donare alla pelle un aspetto visibilmente più tonico e levigato. SENSAI, per rifinire e ridefinire la vostra bellezza.


c

c u lt u r a

Ripercorre l’intero percorso creativo dell’artista, massimo esponente tra i Macchiaiaoli, puntando l’accento sulla sua internazionalità, “Telemaco Signorini e la pittura in Europa” che presenta le sue opere più significative e celebri facendole dialogare con quelle di altri grandi protagonisti della storia dell’arte europea degli ultimi decenni dell’Ottocento. Marina SANTIN

SIGNORINI, l’

““S S

“Sapete, secondo noi, l’arte grande qual è? È quella che esige dall’artista non cultura storica né talento immaginativo, ma osservazione coscienziosa ed esatta delle infinite forme e caratteri di questa natura, che vive contemporanea a noi”. ››

Cultura Signorini.indd OK.indd 34

1

8-09-2009 11:43:49


3 1 telemaco signorini L'Alzaia - 1864 2 telemaco signorini La sala delle agitate nell’ospedale di San Bonifazio - 1865 3 telemaco signorini La luna di miele - 1862 - 1863 4 telemaco signorini Fra gli ulivi a Settignano - 1885

“Telemaco Signorini e la pittura in Europa” Dal 19 settembre 2009 al 31 gennaio 2010 2

4

Palazzo Zabarella - PADOVA Info: Tel. 049.8753100, Fax 049.8752959, www.palazzozabarella.it info@palazzozabarella.it

I, l’internazionale Cultura Signorini.indd OK.indd 35

8-09-2009 11:44:50


c

c u lt u r a

››

Così scriveva Telemaco Signorini nel “Gazzettino delle Arti e del disegno”, ideato e realizzato nel 1867 insieme a Diego Martelli e diventato sia strumento di critica e divulgazione artistica, sia manifesto programmatico della rivoluzione creativa macchiaiola. E Signorini fu un macchiaiolo, e tra i massimi. Ma limitarlo a questa definizione è senza dubbio riduttivo. Egli fu un’artista internazionale, uno tra i pochi maestri italiani della sua epoca a potersi fregiare di questo aggettivo. Come molti altri lavorò a Parigi, ma soggiornò anche in molti altri paesi dall’Inghilterra alla Germania, spinto dalla sua curiosità, dalla voglia di confrontarsi con quanto emergeva nell’Europa di quei decenni fatidici per la storia dell’arte moderna. E fu anche un attento osservatore di tutto ciò che si palesava ai suoi occhi, sia in natura che in arte. Un’attitudine, la sua, che fece sì che gli si imputò spesso di non possedere uno stile coerente e di oscillare tra i vari ambienti artistici conosciuti durante i suoi viaggi. Una critica esatta, di certo, ma il vero è soprattutto che il suo linguaggio varia a seconda che l’opera rappresenti un paesaggio toscano, parigino o inglese. Ed è questo ad indicare la sua facoltà di capire e rendere differente natura, cultura ed atmosfera di un luogo rispetto ad un altro: l’umido grigiore autunnale della Scozia di Leith, oppure la luminosità calda e contrastata delle ombre di un giardino a Settignano. Ed è il ritratto di un grande maestro decisamente internazionale quello che tratteggia la mostra “Telemaco Signorini e la pittura in Europa”, in scena a Palazzo Zabarella a Padova. Propone infatti i massimi capolavori dell’artista toscano (ben oltre 100 le opere esposte), ponendoli direttamente a confronto con le tele di altri massimi della scena pittorica del momento, da Degas a Tissot, Decamps, Troyon, Courbet, Corot, Sisley, Stevens,

2

3

1

Cultura Signorini.indd OK.indd 36

8-09-2009 11:45:15


4 5

Rousseau, Bazille. Un confronto tutt’altro che casuale ma attentamente mirato su corrispondenza di temi e di tempi, su reciproche frequentazioni e conoscenze. Così i suoi “interni” dialogheranno con quelli di Degas o Stevens, le vie delle città italiane, ma anche francesi o inglesi, fronteggeranno analoghi dipinti di Tissot, dando vita ad un affascinante percorso che documenterà l’intero iter creativo di Signorini attraverso i suoi lavori più significativi e famosi. Ma egli non fu solo un paesaggista, anzi assieme a Giovanni Fattori fu uno dei primi a trattare argomenti sociali scomodi e perciò invisi dalla critica, di cui l’emblema massimo è il celeberrimo quanto forte olio “L’alzaia” del 1864, dove tre giovani uomini sono raffigurati nello sforzo bruto di trascinare controcorrente, piegati dalla fatica, un naviglio che nel quadro non compare ma di cui si intuisce la resistenza oltre che l’esistenza. Un esempio di pittura di denuncia ispirata a Courbet sul tema dello sfruttamento dei lavoratori e dell’ingiustizia sociale, ma anche una grandiosa metafora della vita umana, del dolore e della fatica di vivere. La sua adesione all’estetica naturalistica di Proudhon poi lo spinge a dedicare la sua attenzione ad emarginati e reclusi ed ai disagi estremi, un’attenzione declinata in molteplici opere tra cui la “Sala ››

6

Cultura Signorini.indd OK.indd 37

1 telemaco signorini Pascoli a Castiglioncello - 1861 2 telemaco signorini Il ponte sull’Affrico a Piagentina - 1863 - 1864 3 aleXandre gabriel decamPs Intérieur de cour rustique à Fontainebleau 1844 circa 4 telemaco signorini Il quercione alle cascine - 1862 - 1866 5 telemaco signorini Poggio all’Isola d’Elba - 1888 6 telemaco signorini Acquaiola a La Spezia - 1861 - 1862

8-09-2009 11:45:42


c 1

›› delle agitate al San Bonifazio di Firenze”, che susciterà anche l’ammirazione di Degas, in visita al suo studio nel 1875. Un uomo impegnato nel sociale, quindi, Telemaco Signorini, ma dotato di una personalità estremamente poliedrica e complessa che ce lo mostra fine intellettuale (tanto da affermare la propria predilezione per “l’imperfetto dell’ingegno” piuttosto che per “il perfetto della mediocrità”), affascinante conversatore, irresistibile tombeur de femmes, dandy raffinato e conteso dai salotti di mezza Europa, ma anche critico militante, caustico, difficile e beffardo, attento a tutto ciò che accadeva nel mondo dell’arte ma anche nella società. Non gli mancarono poi i riconoscimenti ufficiali (compresa la nomina a giurato della Biennale di Venezia del 1896), ma le sue affermazioni taglienti gli portarono anche molti nemici, tanto che un redattore della “Rivista Italiana”, parlando di lui scrisse che non vi era “nulla di sacro per quella bocca infernale dai bei denti d’ebano”. Ma tanto amato quanto inviso, egli sembrava mostrare che passioni, incomprensioni, successi e lotte non potevano scalfirlo, ma si trattava di sola apparenza. Nel privato infatti, a prevalere era una sorta di irrequietezza, una sotterranea insoddisfazione ed una mal celata solitudine, tanto che lui, così mondano e modaiolo, per utilizzare due termini moderni, fu destinato ad un crepuscolo solitario e rabbioso, mitigato solo dall’aver accanto la piccola e dolce Nene, poco più di una bambina, ispiratrice delle opere più poetiche della maturità. Dietro la facciata pubblica di dandy rubacuori e di protagonista del bel mondo, appare così l’uomo Signorini, quello che guardava al sociale, quello attento alla quotidianità, quello non immune al dolore ed alle emozioni. Da scoprire visitando la rassegna padovana. 

38 | DailyLuxury |

Cultura Signorini.indd OK.indd 38

2 3

n°7 settembre 2009

10-09-2009 12:47:33


c u lt u r a

5 6 1 James Tissot La figlia del capitano (L’ultima sera) - 1873 2 Telemaco Signorini Non potendo aspettare (La lettera) - 1867 3 Telemaco Signorini Il ghetto a Firenze - 1882 4 Telemaco Signorini Aspettando (Nello studio) 1867 5 Edgar Degas Dans un café (L’Absinthe) 1875 - 1876 6 Alfred Stevens Pleasant Letter - 1860 - 1867 7 Constant Troyon Road in a Wood 8 Telemaco Signorini Kirkgate a Leight presso Edimburgo (Leith) - 1882

4

7

8

n°7 settembre 2009

Cultura Signorini.indd OK.indd 39

| DailyLuxury | 39

10-09-2009 12:47:43


S STRAORDINARIO Quel sorriso di Elena Melik che più ha testimoniato il suo straordinario carattere, sembra qui ironizzare sulla “incredibile” donazione di cui si narra in questo servizio.

Quelle lire Speciale MELIK.indd OK.indd 42

8-09-2009 12:58:35


e

speciale

E Luciano PARISINI

Era il “Barbaron” Parlo di lei come della di Mahé (Anni Settanta), allo“testimonial” più testimone ra la meta più suggestiva dei “lanci” di novant’anni di bellezza. cosmoprofumati. Elena era già la Scrivo della storia nostra, decana degli “inviati” della bellezza. ad un’ape regina le si faceva ricordando ciò che non avrei Come corona ignorando anche la meravimai dovuto rivelare: i segreti glia (allora) delle “modaiole” Seydi un affetto, di una chelles. Il battesimo di un profumo scenari suggestivi ma sopratdedizione avuta da una esigeva tutto la presenza “fondamentale” grande donna, oltre che da della… Melik, per poi avere giudizio una ineguagliabile altrettanto fondamentale del prodotElena disquisiva e attorno al Suo professionista. to. divano, quasi affacciato sulla battigia, le “api” ronzavano di assenso al Suo indiscutibile verbo. Ero il nuovo della “compagnia”: sino allora avevo masticato giornalismo tra sport e politica e di profumo conoscevo solo il Sandalwood di Elizabeth Arden che ricevevo in omaggio dal titolare, Fernando Cocchi, delle profumerie Piselli di Bologna. “Nuovo” ero: ma un po’ apatico e presuntuoso. Ritenevo troppo ossequiente e falso quel far d’ascolto in religioso silenzio alle “storie” della Melik. Elena si accorse che non stavo attento e mi affrontò: “Hai il torcicollo? Vedo che ti giri spesso dall’altra parte: ti faccio un massaggio, poi starai meglio”. meglio” Non fu per niente meglio: il massaggio molto energico, sotto gli occhi esterefatti delle colleghe, mi procurò un quasi svenimento (avevamo consumato il pranzo da poco) e mi ripresi in tempo, ma al limite, per evitare il crollo. Cominciò in quel modo il “nostro” sodalizio che da Imagine si protrasse poi ad Allure sino a questi altrettanto stupendi cinque anni di Daily Luxury. Un percorso insieme per vivere la storia del profumo e della cosmesi; un’amicizia che andava oltre gli impegni di lavoro, un affetto che solo Elena sapeva donare a chi aveva scelto per la Sua generosa, illimitata, esclusiva, dedizione. Con la quale alternava elogi (pochi) e reprimende costruttive (tante). Da Lei ho imparato, abbiamo imparato, tutti noi della bellezza: la grammatica e la letteratura di un mondo che Lei ››

della Melik… N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale MELIK.indd OK.indd 43

| DailyLuxury | 43

8-09-2009 12:59:30


s

speciale

›› aveva affrontato nei giorni giovani della Sua esistenza, figlia di papà italiano e di madre moldava, quasi catapultata nel mondo nostro per affrontarne il difficile, giocando d’astuzia, di caparbietà, di intelligenza, prima come dattilografa, poi progressivamente come ape regina dell’allora minuscolo alveare della bellezza. Alveare cresciuto per Lei, per i Suoi consigli, in tempi in cui la femminilità era più di ricette di cucina che di moda e quanto meno di cosmesi. E fu il Suo “miracolo”, la Sua potenza, la Sua cattedra a mettere in soggezione anche i “massimi” del tempo: Elizabeth Arden, Helena Rubinstein e tutti i capi storici che si sono alternati nel gran consesso italico e internazionale del settore. La Melik “dice” e basta. E soprattutto “diceva” liberamente su quelle che Lei stessa definiva le “nostre” Imagine, Allure e Daily Luxury. “Sarò al tuo fianco, qualunque cosa accada”: mi ha mantenuto sempre e comunque una promessa che valeva tanto professionalmente, ma anche di più personalmente. Avevamo il compleanno coincidente (il 12 dicembre) e facevamo festa con lo scambio di re-

gali che elargiva anche alla mia famiglia estrapolando da una collezione senza fine di oggetti preziosi acquisiti nel tempo, il meglio, il più significativo. Conservo nel mio portafogli sin d’allora tre “cimeli” dell’affetto di Elena, che rivelo per la prima volta, quasi testamento della sua infinita dedizione: “1 lira, iussed in Italy” nel 1943 dall’occupazione americana con su scritto di sua mano “… e un miliardo di auguri”; e nel retro: “con queste lire è risorta l’Italia. La liretta ti porterà fortuna e ti ricorderà l’affetto di Elena Melik”. E dalla “liretta” alle cinquanta lire in carta, emesse dalla Banca di Credito Agrario di Ferrara il 4 agosto del 1977 (incredibile il mese di agosto nel suo destino…) con nel retro: “… e se vuoi andare alla grande eccoti 50 lire (erano soldi!) e… Elena Melik. E dalle cinquanta alle 1000 lire emesse nel 1990 con su scritto: “San Luciano: l’augurio di mille milioni di euro… e oltre (e tanta salute)”. Ora li ripongo i cimeli, mentre interrompo col nodo alla gola il battito a due dita sulla tastiera del computer. C’è tanto che manca sullo schermo: il Suo “pezzo” per questo numero, per la Sua rubrica intitolata “liberamente”; manca il testo con la solita raccomandazione: “… dagli un’occhiata: forse c’è qualcosa da togliere, altrimenti non ti danno più la pubblicità. Ho smesso però di citare la pipì di gatto: anche se qualche profumo lo meriterebbe”. Abbraccio, Elena; e senza impigliare gli occhiali. Ah, scusa: il prossimo 12 dicembre non festeggeremo i nostri anni “alla grandissima”, come per i Tuoi ottanta: non è possibile se proprio il 12 mancano i novanta... 

“ALLORA” Ricordi di “allora”, della sua vita intensa. Ecco, sopra, Elena Merlik a colloquio di lavoro (sempre polemicamente costruttivo…) con Luciano Parisini. A sinistra, in determinata discussione con Karl Lagerfeld. A fianco, in serena amicizia con Guglielmo Donnini (in piedi) allora guida storica di Parfums Yves Saint Laurent Italia, e Fernando Cocchi, personaggio d’eccellenza, titolare (in quegli anni) delle Profumerie Piselli.

Speciale MELIK.indd OK.indd 44

8-09-2009 12:59:40


ES.BorsalinoC.Intense_DailyLuxury.indd 1

27-07-2009 13:09:31


U S

speciale

Luciano Parisini

Ecco la rivoluzione del rossetto, ecco Dior Sérum de Rouge, un trattamento ad elevata concentrazione di principi attivi, una gamma di colore e di luce per la bellezza “giovane” delle labbra. Con testimonianza di Monica Bellucci…

Speciale Dior.indd OK.indd 46

8-09-2009 12:43:13

S

imm ne che del bell per tam imp elev ron con rida que som ros pre box la d nos dive Dio to c fan asso


le

ini

la ne o, or de un to ta ne vi, di ce za lle on di …

Un siero di seduzione

S

Se il rossetto è

prima, spontanea, immediata seduzione femminile, Sérum de Rouge, ne è massima espressione. Per le splendide tinte che Tyen il prestigioso, magico direttore creativo del maquillage Dior ha scelto (…”fan palpitare la bellezza, illuminando tutto il viso…”) ma soprattutto per essere un autentico siero di bellezza. Un “trattamento” delle labbra derivato da una ricerca che impiega un concentrato di principi attivi e una elevata concentrazione di microsfere di acido ialuronico il volume delle quali aumenta a contatto con le labbra stesse, attenuando le imperfezioni ridando vigore di giovinezza al “segno” più eloquente della seduzione, della sensualità. C’è insomma in Sérum de Rouge la… rivoluzione del rossetto, una nuova età, “un’età dell’oro” per la preziosa formula che lo distingue (il dettaglio nel box tecnico di Marina Santin in queste pagine), per la declinazione geniale del suo rosso, per la luminosità che esprime, per il design “couture” che lo diversifica secondo alta classe del design Maison Dior. Un gesto nuovo in bellezza! Esaltato dal volto che Tyen ha voluto di Monica Bellucci fotografandola perché sia “accattivante e di una dolcezza assoluta… per suscitare la voglia di amarla”. 

soin e make-up D

a Dior, Sérum de Rouge, non un classico rossetto ma un vero elisir di giovinezza per le labbra. Il Centro di Innovazione della Maison l’ha infatti formulato come un siero di trattamento arricchito da pigmenti puri per offrire un make-up luminoso ed un’efficace azione soin. La sua formula (Spf 20), contiene il 20% di attivi (10 volte di più di un rouge tradizionale Dior), che agiscono a due livelli per combattere i segni del tempo, ridefinire i contorni e restituire turgore ed un colore roseo alle labbra. In superficie: microsfere di acido ialuronico riempiono le microrughe; burro di mango, idrata, ammorbidisce e leviga; e derivato di vitamina A, stimola il rinnovamento dell’epidermide e ne tutela la densità. In profondità: ruscogenina, dinamizza la microcircolazione, ottimizza l’ossigenazione e intensifica la colorazione della mucosa; estratto di centella asiatica, stimola la sintesi del collagene e rafforza la compattezza; ed estratto di commiphora, migliora l’attività degli adipociti con un effetto volumizzante. Otto le nuances, declinate in mezzi toni luminosi e brillanti.

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Dior.indd OK.indd 47

| DailyLuxury | 47

8-09-2009 12:43:18


S

Emozionante “Play” di Givenchy! Lo testimonia un genio della musica e dello stile come Justin Timberlake, lo esalta un flacone originale, lo sublima un jus… emozionante, declinato in Eau de Toilette anche “Intense”.

E

perc perc zion me ni, h succ emo rinv l’au è ni pos stile Tim bian mo:

PLAY! e sono e

Speciale Givenchy.indd OK.indd 48

8-09-2009 12:51:54


nte y! un ca me ke, ne lo s… te, au he e”.

E

speciale Luciano PARISINI

Emozioni. Basta un play

perché si schiuda il mondo, basta il Play di Givenchy perché il profumo diventi un prodigioso effluvio di emozioni. L’emozione anzitutto di usarlo, di fare… play assieme a un personaggio, a un genio che, ad appena trent’anni, ha già registrato con il suo play, un’autentica catena di successi. Che ora vuol continuare “testimoniando” le emozioni di questa fragranza che, all’impatto, tende a rinverdire, come straordinario progetto, i fasti di Vetiver, l’autentica icona (al maschile) dei profumi Givenchy. Lui è nientemeno che Justin Timberlake che, credo, nessuno possa dire di non conoscere, non foss’altro che per il suo stile, virile, sexy, elegante, certamente Givenchy. Ma Justin Timberlake non ha solo nel suo splendido carnet la sembianza seduttiva che già conferma la foto che pubblichiamo: ha la sua musicalità davvero favolosa, premiata ripe-

tutamente con Grammy Awards (ne ha già sei!) cui ha aggiunto l’Emmy Award, come a dire l’equivalente dell’Oscar del cinema in versione TV americana. E i cinque singoli di un unico album (FutureSex/LoveSound) che entrano nella Top 20 USA, cosa riuscita solo a Michael Jackson col suo “Thriller”? E… e tutto: TV (produttore del programma MTV “The Phone”), cinema (Alpha Dog, Black Snake Moan, Shrek Terzo), golf (un torneo PGA Tour di beneficenza), moda (una sua linea d’abbigliamento nel 2005). Insomma un genio per un profumo geniale: nell’idea, nel design, nella comunicazione e nel jus declinato in Eau de Toilette ed Eau de Toilette Intense, quest’ultima… emozionata ancor più dal legno di Amyris. Ma cosa contengono quei due flaconi (uno nero intenso per l”intensa”) lo precisa Marina Santin nel suo box tecnico qui sotto. 

o emozioni… Jus “emotionizer" U n nome immediatamente identificabile in tutto il mondo ed un simbolo che è un’icona universale, per Play di givenchy, un jus virile che conquista e traduce un immaginario, un momento di vita ed un’epoca con l’obiettivo finale di suscitare emozioni. Autentica esperienza polisensoriale, agisce come “connettore olfattivo”, suscitando sensazioni che concretizzano il legame tra chi le prova ed il mondo, ed, amplificandole, come un “emotionizer”, grazie alle sue due variazioni, “fragranti”: Eau de Toilette ed Eau de Toilette Intense, entrambe dai sentori boisés ed entrambe caratterizzate dalla firma olfattiva del legno di Amyris. La prima, più soave e carezzevole, si afferma in modo energico con un debutto di bergamotto, mandarino, arancia amara e pompelmo; un cuore di legno di Amyris, pepe nero e fiori di caffè; ed un’eco di vetyver e patchouly. La seconda, consapevole del prorio carisma, conquista con un avvio di bergamotto e mandarino; un’anima di legno di Amyris, bacca di pepe rosa ed accordo di legno di caffè; ed un ricordo di ladano, fava tonka, vetyver e patchouly.

Speciale Givenchy.indd OK.indd 49

8-09-2009 12:52:05


Faraonica regata in… ACQUA d DA BORDO Dall’Elettra, uno dei gioielli in campo, un’immagine della regata Perini Navi Cup 2009. Il flacone a destra è uno “speciale” Acqua di Parma appositamente “coniato” e dedicato ai primi tre classificati. Il favoloso evento nel mare della Costa Smeralda è raccontato in questo servizio da bordo della stessa Elettra, tra le prime Perini allestite nel cantiere viareggino, famoso al mondo per le più prestigiose vele, dotate di una eccezionale tecnologia d’avanguardia.

Speciale Acqua Parma regata.indd OK 1.indd 50

8-09-2009 14:53:15


S

speciale Luciano PARISINI

Un favoloso evento nautico, la Perini Navi Cup (“vele” davvero faraoniche sino agli 88 metri del vincitore, il prodigio supertecnologico “Maltese Falcon”!), ha festeggiato i dieci anni di “Blu Mediterraneo” nel mare… blu della Costa Smeralda.

A di PARMA

U

Una linea di profumi

RDO

che ha festeggiato il suo decennale in quella maniera, non può essere che di eccezionale prestigio. Se poi fa parte di una “madre” come Acqua di Parma, “il” must della profumeria d’alto lignaggio in tutto il mondo, allora l’eccezione si fa normalità. ››

egata cqua mi tre lda è a, tra so al onale ardia.

Speciale Acqua Parma regata.indd OK 1.indd 51

N°7 SETTEMBRE 2009

| DailyLuxury | 51

8-09-2009 14:54:22


S

speciale

DECENNALE

›› “Non esageriamo”, mi diceva Gabriella Scarpa, la mente e

Un’affascinante armatrice racconta il successo della sua Maltese Falcon, alla Perini Navi Cup 2009. La sua “meraviglia” di 88 metri con una tecnologia “incredibile” che comanda 2400 metri quadrati di superficie velica da una tolda governata elettronicamente da un solo uomo (alberi in fibra di carbonio autoportanti e rotanti) sta conquistando il comando della regata. Che ha annoverato tra gli sponsor d’alto lignaggio, Acqua di Parma per festeggiare il decennale di “Blu Mediterraneo”, la linea di profumi che, a destra, sembrano essersi tuffati nel mare di Sardegna.

l’anima di questo gioiello della fastosa collana LVMH; non esageriamo, però… ribattevo ammiccando con Tony Belloni (direttore generale del Gruppo, number one, subito dopo Monsieur Arnault) al tavolo del galà conclusivo degli organizzatori (perfetto lo Yacht Club Costa Smeralda) mentre un crepitio di fuochi d’artificio invadeva di stupendi bagliori lo straordinario evento d’inizio settembre nella Sardegna del lusso. Ma il decennale? “Blu Medirraneo”, dimenticavo. Una collezione infinita di fragranze declinata in “Mandorlo”, Cipresso”, “Mirto”, “Arancia” e “Fico”. Un decennio di geniali alchimie cui si deve quell’”infinita” perché presto avrà ulteriore continuità “pescando” nel Mediterraneo della Calabria. C’era insomma motivazione particolare, con ovvia preminenza di Acqua di Parma, di inserirsi nell’evento nautico tra i più faraonici che il calendario mondiale preveda. E così per Blu Mediterraneo, e quanto mai per Acqua di Parma, ho fatto anch’io regata, e che regata! A bordo di “Elettra” la più piccola , ma la più storica della incredibile generazione delle Perini Navi, come a dire il massimo della grandeur del mare… a vela. Grandeur così composta per l’occasione: una flotta di velieri dai 40 agli 88 metri, una flotta di capolavori autentici che fanno onore al genio italico di Fabio Perini, il fondatore nel 1983

Speciale Acqua Parma regata.indd OK 1.indd 52

8-09-2009 14:55:17


a Viareggio di un cantiere che ha saputo chiamare a raccolta gli armatori di prestigio e di facoltà massima, da tutto il mondo. Per storie leggendarie, per intuizioni sbalorditive, per amori a favolosi colpi di fulmine, come quello che ha sedotto Elena Ambrosiadou: dopo aver noleggiato per una crociera il Maltese Falcon (88 metri! una velatura che a dimensioni può coprire un campo di calcio e la cui apertura e chiusura dipende elettronicamente, con un sistema di avvolgimento e svolgimento automatico, da un solo uomo a una plancia a guisa di Boeing), dopo averlo noleggiato, se n’è talmente invaghita, da comprarselo. Tutto davvero faraonico, insomma: un inseguimento di capolavori che ho visto sfilarmi avanti dai bordi inclinati all’estremo della piccola, orgogliosa “Elettra” tra una ventata d’acqua, il tagliente soffio di un maestrale a 44 nodi e il sole cocente di ore che avevo sempre e solo vissuto in spiaggia a sonnecchiare sul lettino. Ed è qui, da questa avventura estrema che è scaturita ancor più la “forza” del management LVHM (rileggi Gabriella Scarpa…) che ha voluto abbinare con un vero colpo d’ala un evento “profumato” ad un’autentica, ripeto, grandeur velica. Rischioso? Niente affatto: ecco invece lusso e prestigio in connubio, in esaltante connubio. Con addirittura sua altezza l’Aga Khan alla cerimonia di premiazione, fulcro emozionale di una favolosa Perini ››

Speciale Acqua Parma regata.indd OK 1.indd 53

8-09-2009 14:55:38


s

speciale

››

CON L’AGA KHAN Alcuni momenti della cerimonia di premiazione della Perini Navi Cup organizzata dallo Yacht Club Costa Smeralda, con, in alto a destra un’altra immagine della regata. Nella foto sopra, un momento della consegna degli “Acqua di Parma Blu Mediterraneo Award” da parte di Gabriella Scarpa, presidente mondiale di Acqua di Parma, nonchè Country General Manager LVMH Italia. Che nella foto quadrata conversa con sua altezza il principe Aga Khan, presente all’evento conclusosi con un fantastico spettacolo di fuochi d’artificio, emersi tra gli alberi delle “navi” Perini. all’ormeggio.

Navi Cup che ha così ribadito, e con costante visibilità al proscenio di una platea intenazionale (equipaggi e ospiti in regata da tutto il mondo) il prestigio di un marchio-profumo quanto mai “presente”. E qui per un evento, nell’evento, davvero originale: premi (oltre a un flacone speciale di Acqua di Parma agli armatori delle prime tre barche classificate: Maltese Falcon, Felity West, Antara) ai migliori cocktail realizzati nelle barche, assaggiati da una giuria (partecipavo) che poi non ha saputo nascondere, pur delicate… imbarcate alcooliche. Per la cronaca hanno vinto il “Blu Mediterraneo Cocktail Awards” gli armatori di “Heritage” e di “Parsifal III” e l’armatrice di Atmosphere, cui ho dato il voto massimo di cinque per il cocktail, ma otto per quella focaccia a formaggio fuso che accompagnava l’assaggio… Ah! e il vincitore della Perini Navi Cup? Ovviamente il gigante: il Maltese Falcon, 88 metri, 2400 metri quadrati di superficie velica su tre alberi in fibra di carbonio auto portanti e rotanti. E chi poteva vincere senno? La “mia” stupenda “Elettra” arrivata ultima? Con tanto onore e simpatia, però… 

Speciale Acqua Parma regata.indd OK 1.indd 54

8-09-2009 14:56:14


C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


S

Passione

in

Luciano PARISINI

“Passione infinita” è la definizione attribuita a Zen for Men, questo autentico capolavoro non solo… filosofico dei “nasi” François Caron e Francis Kurkdjian per Shiseido. Contenuto dal geniale flacone di intensa espressione… Zen anche per l’abile fotografia di Jean-Paul Goude. 56 | DailyLuxury |

Speciale Shiseido Zen.indd OK.indd 56

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 13:06:43


speciale

S

Se il significato di Zen

comprende anche e soprattutto “meditazione”, mi sgancio dalla profonda e diversa filosofia che dibatte questo termine per soffermarmi, sia pure un po’ irriverente, a… meditare su un profumo maschile che è “tutto” compreso il concetto di “passione infinita” che i creatori della fragranza François Caron e Francis Kurkdjian, in accordo con Shiseido, gli hanno attribuito. “Passione infinita” per una fragranza che ha nel flacone e nel jus quel senso di libertà nella perfezione che possono scaturire solo da un progetto di evidente estrazione giapponese. Lo scrissi anche in occasione di Zen fragranza femminile: solo da “quella” assione, vitalità, coraggio, filosofia poteva sbocraffinatezza, intelletto, sensualità, coerenza, autenticità… Tutto questo è ciare un profumo proZen for Men, un jus che svela la forza fondamente insolito, vitale che genera l’energia dell’uomo. frutto di una passione Racchiuso in uno scrigno originale in infinita per la perfeblu ed argento che sovrapponendo zione. Ed ecco ritornacolori e materie rievoca l’atmosfera creata dalla luce negli ambienti re il concetto di “pasgiapponesi, si rivela un’Eau de Toilette sione infinita” per sofisticata e passionale che intreccia questo Zen for Men legni speziati, frutti esotici e sentori maschili. Nashi, bergamotto e kinkan, al che esteriormente si veste della luce dell’ardebutto; rododendro, violetta e noce moscata, nel cuore; e patchouly, cuoio e gento e dello spazio muschio, nel sillage, cui si allea As senza limiti del blu e Fragrance, esclusiva d Shiseido, una interiormente del fragranza anti-stress, connubio di nashi e del kinkan, che componenti aromacologiche ad effetto rilassante che risvegliano l’emergia e la parrebbero essenze di gioia di vivere allentando le tensioni. filosofica letteratura nipponica e invece altro non sono che la succosa e croccante pera del Sol Levante (niente a che fare con la nostra) e il rododendro che si alza trionfante al cielo dell’Himalaya per decine di metri, come a sfida infinita di avversità climatiche insopportabili. Ecco: nel concetto di passione infinita di Zen for Men c’è anche il tema della sfida, pur nella… serenità Zen. Perché nella piramide olfattiva che Marina Santin descrive nel suo box tecnico di queste pagine c’è anche l’esclusiva “AS Fragrance”, esclusiva di Shiseido, cioè componenti aromacologiche “ad effetto rilassante”. Zen for Men insomma non è soltanto un profumo, ma una filosofia, una “passione” della Casa giapponese: “passione infinita” per il meglio, il vero, il particolare dell’universo fragrante. 

Energia vitale P

infinita

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Shiseido Zen.indd OK.indd 57

| DailyLuxury | 57

8-09-2009 13:06:48


CAPTURE

SHARON STONE. CAPTURE

www.dior.com Dior OnLine 02 38 59 88 88


Più bella oggi che a 20 anni

CAPTURE TOTALE L’ECCELLENZA ANTI-ETÀ GLOBALE.

Crème Multi-Perfection

Flash Défatigant Regard

INNOVAZIONE DIOR: l’AminolumineTM, un principio attivo brevettato 6 volte più efficace della Vitamina C* per “invertire” il processo di ossidazione delle proteine**, una delle principali cause dell’invecchiamento cutaneo. La Crème nutre, uniforma e ripara la pelle in profondità. Il nuovo trattamento contorno occhi decongestiona ed attenua visibilmente borse ed occhiaie. RISULTATI TRIONFALI: il 95% delle donne dichiara un’efficacia giovinezza spettacolare***. Una correzione globale e intensa di tutti i segni del tempo: una pelle più levigata e tonica; un colorito uniforme, più luminoso che mai.

* Associazione di AminolumineTM + Longoza, test in vitro, tasso di proteine ossidate. ** Test in vitro *** Tasso di soddisfazione – Crème Multi-Perfection + Soin Finition Lumière – 60 donne – T= 2 mesi

INNOVAZIONE Specifico anti-borse anti-occhiaie


S

C

es

L’idolo

Fl

Idol

mag in u bo

aud

Speciale Armani.indd OK.indd 60

8-09-2009 12:29:14


S

speciale

o

Luciano PARISINI

Come creare una fragranza che riecheggi gli anni Trenta nel flacone, che fonda un tono orientale con l’eleganza di un sentore italico nel jus, che “chiami” a farsene espressione di sensualità, un’icona come Kasia Smutniak: così Armani ha creato il suo… Idole.

A

Armani ha detto:

“… Ho sempre pensato alla femminilità come a una miscela irresistibile dove grazia e bellezza diano profumo a uno spirito indipendente. Idole d’Armani è il mio omaggio a questo ideale; e a tutte le donne…”. Grazia e bellezza a… profumare uno spirito indipendente: è bastato questo impegno perché il grande Giorgio immaginasse, per una sua nuova fragranza, un idolo di donna e dunque un “suo” idolo di profumo. Come esporre senza limiti la propria creatività idolatrando ciò che ne scaturisce. Presunzione? No certezza della propria genialità, così da creare un’opera che per flacone, per fragranza, per comunicazione ha davvero in sé il prestigioso ego del “principe” della femminilità. E scegliere Kasia Smutniak, la sensualità, la femminilità assolute, vuol dire davvero fare un profumo che sia idolo del proprio ideale: come a dire… filosofia, intento sublime, prova d’orgoglio, semmai Armani

di ARMANI

Floreale ed opulento Idole d’Armani, più che un profumo, un’ode alla femminilità della donna del couturier, alchimia di sensualità magnetica, grazia naturale ed eleganza sublime. Racchiuso in una sfera di cristallo dalle suggestioni anni Trenta, il suo bouquet, floreale ed opulento, intreccio inedito tra Oriente ed Occidente, si annuncia con guizzi freschi d’arancia amara, pera, zenzero e davana; si afferma con un cuore audace di rosa loukoum, assoluto di gelsomino ed assoluto di zafferano; e sfuma a fior di pelle in un’eco luminosa e seducente che intreccia stirace, vetyver e patchouly.

ne avesse ancora bisogno. Ma tant’è: ed ecco il perché di quell’Idole firmato dal desiderio di dichiarare il suo ideale di donna. Ecco il perché di Idole come omaggio alla donna che si ispiri alla sensualità, alla femminilità, alla seduzione, ma anche alla indipendenza. La Kasia Smutniak nell’immagine che domina queste pagine, insomma. Un idolo di donna, accanto a un flacone da… idolatrare (una splendida “sfera” anni Trenta) contenitore di un’alchimia di elementi d’eccellenza, che Marina Santin rivela nel  suo box tecnico qui accanto. N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Armani.indd OK.indd 61

| DailyLuxury | 61

8-09-2009 12:29:26


S

speciale

Lacoste l Per il nuovo Lacoste Challenge in campo al Roland Garros 2009 la star canadese Hayden Christensen (“Guerre stellari” II e III) contro nientemeno che l’icona del tennis mondiale Mats Wilander. Ha vinto… il profumo con la sua splendida immagine con la sua efficace fragranza.

Speciale Lacoste.indd OK.indd 62

8-09-2009 12:55:49

Luc

che (uno Wil cana suo per alla per nial claim resis der, davv


HAYDEN CHRISTENSEN

Partita “fragrante” C

attura il dinamismo dei ragazzi metropolitani, moderni, decisi e determinati, e trascrive in chiave olfattiva lo stile di gioco che ha reso celebre René Lacoste, Challenge, un jus virile vigoroso, preciso, animato come i set delle memorabili partite da scatti energici e rapidi e da una tenace resistenza sulla linea di fondo. Racchiuso in uno scrigno che riprende il design dell’impugnatura di una racchetta, rivestito da un grip nero ad effetto soft touch e decorato con il logo del coccodrillo, il suo bouquet prende l’avvio con un “servizio” fresco e brioso di mandarino, limone e lavanda che preludono ad una “volata” personalizzata da un susseguirsi di note speziate tra cui spicca il ginger e ad una “linea di fondo” vibrante e tenace che allea legni di rosa, ebano e tek. Accanto all’Eau de Toilette, la collezione per il benessere quotidiano.

e la sfida di Hayden

vo ge al ar en II) na ats o… ua la za.

Q

Luciano PARISINI

Questo signore

che ha inteso sfidare nel contesto del Roland Garros 2009 (uno dei massimi del Grande Slam) nientemeno che Mats Wilander, l’icona della storia-leggenda del tennis, è l’attore canadese Hayden Christensen certamente più famoso per il suo ruolo di Anakin Skywalker in “Guerre stellari” II e III, che per il suo stile con la racchetta. Eppure (tanto di cappello alla sua fama) Lacoste Fragrances lo ha scelto per stile di vita, per eleganza casual, per indubbia personalità, quale testimonial di Lacoste Challenge che si identifica nell’efficacissimo claim “Nessuno puo’ resistere al fascino della sfida”. Non ha resistito Hayden a cimentarsi al Roland Garros con Wilander, è difficile resistere al fascino di questo progetto fragrante, davvero una nuova determinata sfida di Lacoste Fragrances,

non foss’altro che per un insieme di particolare suggestione: quel flacone che ispira il gesto di impugnare una racchetta, perché del manico ha il tatto efficace che nasce da una rivoluzionaria idea di René Lacoste negli anni '20; quel colore giallo intenso della fragranza a contrasto col nero della base del flacone in vetro massiccio; e quel gesto di sfida di Hayden Christensen nella campagna stampa. Eppoi, fondamentale, un jus che ha la… volée del campione, così per essere in tema tennis e per dividere una piramide olfattiva come un game: con le note di testa per il “servizio”, quelle di cuore per il dominio “a rete” (che fu tipico del grande René Lacoste), quelle di fondo per il successo costante a “fondo linea” di René. Ma… fuor di tennis: i particolari “tecnici” della fragranza sono nel box di Marina Santin qui sopra.  N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Lacoste.indd OK.indd 63

| DailyLuxury | 63

8-09-2009 12:56:32


S

speciale Luciano PARISINI

Incontro, a intenso dialogo, con un “massimo” dell’élite italiana e internazionale della bellezza. Il futuro, ad affrontare le… opportunità della crisi, secondo Orna Schezen Nofarber, amministratore delegato e direttore generale di Estée Lauder Italia.

La Source Business di

O

Q

Quel ciuffo bianco

quasi una piccola “tiara” tra i capelli, oggi mi sembra di maggior ardore. Esprime, assieme ad occhi di sempre vivace illuminazione, una Orna che ha voglia di gran dire. Pardon: Orna Schezen Nofarber, un “massimo” dell’élite cosmoprofumata, m ata, sbocciata qualche lustro fa dall’intellighenzia d’Israele, d ’Israele, e dal 2001 alla guida della filiale italiana di Estée E stée Lauder Companies, l’impero americano che aallunga llunga il suo prestigio in 130 paesi e territori del mondo m ondo con marchi di fama eccelsa: oltre ad Estée E stée Lauder, Aramis, Clinique, Prescriptives, Origins, MAC, La Mer, Bobby Brown, Tommy Hilfiger, Donna Karan, Aveda, Jo Malone, Bumble and Bumble, Darphin Paris, Michael Kors, per un giro d’affari, secondo l’ufficialità datata 13 agosto, di 7,3 miliardi di dollari. � Tutto anche in Italia? chiedo mentre scorro un appunto che la… signora amministratore delegato e direttore generale mi ha cortesemente passato, affinchè sul mio taccuino non finiscano

64 | DailyLuxury |

Speciale incontro Lauder.indd OK.indd 64

er ita ce si d �C Il “L mod E and tem

“TRIONFO”! Mr. Leonard Lauder, signore massimo di Estée Lauder Companies, solleva la mano di Orna Schezen Nofarber, amministratore delegato e direttore generale di Estée Lauder Italia, in segno di trionfo, durante un recente incontro a Milano.

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 12:53:24


e

e

errori imperdonabili. Registro allora le brands del suo regno italico, Estée Lauder, Clinique, Aramis & Designer Fragrances, MAC, La Mer, Darphin (in farmacia) e Aveda (al professional), così da etichettare d’ufficialità istituzionale il prologo del nostro incontro. Poi… � Coi tempi che corrono, un bell’impegno, signora… Il ciuffo bianco s’impenna. “La crisi è un’opportunità e va cavalcata cambiando il modello di business. Che già pensavo nel 2003”. Ecco: questa è Orna, la “musica” del nostro colloquio cambia, andiamo al crescendo, come sotto l’influsso dei toni assimilati ai tempi di Zubin Mehta, il Maestro indiano della lirica, grande

ORNA

FO”!

uder, mo di uder va la ezen rber, atore ttore Estée ia, in onfo, cente lano.

amico, cui dal 1991 Orna dedicò lungo tempo assumendo l’incarico di direttore generale della Fondazione Orchestra Filarmonica d’Israele (Zubin Mehta direttore artistico) curandone l’immenso network mondiale. “Un'opportunità da affrontare con dieci tendenze future, frutto di un Open Source Business di cui ti ho fatto cenno, dopo il nostro meeting di Rimini”. � Dieci “tue” tendenze. Qualcuna? E prima che ne abbia risposta, sbircio il dossier che comprende in pratica il suo pensiero, aperto da un antico proverbio cinese, in sostanza il “mind set”, la serie di ipotesi, “per mirare al segreto del futuro”. Dice: “Non sono i nostri piedi a farci andare avanti, sono le nostre menti”. Seguito subito dopo da una massima del filosofo austriaco Karl Poppe: “Il futuro è molto aperto e dipende da noi. Dipende da quello che voi ed io e molte altre persone facciamo e faremo. Oggi, domani e dopodomani”. “E cioè - conferma Orna - una “Open Source Business”, una cultura aziendale aperta, fatta di scambio e di condivisione”. � Parole, fatti? Non è complicato?... “Il business ora non è più complicato: è solo più complesso. È necessario un nuovo approccio alle sfide di business. Il comportamento delle aziende deve adeguarsi al comportamento del consumatore”. Sbircio il “decalogo” e mi soffermo sul “quinto comandamento”. Me lo enuncia: “Anche le società leader devono entrare nel gioco dell’innovazione e creare nuovi modelli di successo, diversi da quelli del “mainstream aziendale” (del proprio orto, n.d.r.). Estée Lauder Companies ha già anticipato questa tendenza e oggi ha un vantaggio competitivo in quest’area”. Mi sembra di assistere ad una lezione filosofica sul futuro, sulla “soluzione” o, meglio, sulle opportunità della crisi. E Orna non mi concede distrazione: “Il business del futuro non sarà quello di vendere prodotti o servizi ad un mercato dubbioso. Il business intelligente dovrà rispondere ai bisogni umani: e la chiave è… relazionare”. � Scusa: ma tutto questo come può avere esecuzione? “L’esecuzione è navigare una grande idea attraverso l’intera organizzazione”. La sua ossessione. Che certo è ispirata da quel suo nuovo piano strategico di tre anni allineato all’altret- ›› N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale incontro Lauder.indd OK.indd 65

| DailyLuxury | 65

8-09-2009 12:53:28


s

speciale

O

RNA SCHEZEN NOFARBER, amministratore delegato direttore generale di Estée Lauder Italia. Nata a Tel Aviv nel 1951, laureata in sociologia, entra in Estée Lauder Italia nel 1979 come direttore delle relazioni esterne. L’anno successivo assume la direzione della nuova divisione Prescriptives, curandone il lancio. Nel 1985 è a capo della divisione Estée Lauder. Quindi, dopo la parentesi “artistica-musicale” al fianco del Maestro Zubin Metha nel 1991, di cui si parla nel testo-intervista di queste pagine, è richiamata in Estée Lauder Companies nel 1995 come VERTICI Regional Vice President e con incarichi che la Momenti della recente vedono impegnata nell’apertura e nello sviluppo visita a Milano del gran dei nuovi mercati del sud-est dell’Europa (Israele, vertice di Estée Lauder Turchia, Grecia, Malta, Cipro, Romania, Bulgaria). Companies. Nella foto a Orna Schezen Richiamata in Italia, dal 2001 ne guida la filiale a destra, Nofarber con il neo capo di questo gruppo di collaboratori: President and Chief Executive Officer di Edoardo Bernardi, Brand Manager Estée Lauder - Tom Ford Beauty; Federica Polinori, Estée Lauder Companies “mondiale”, Brand Manager Clinique; Roberto Fabrizio Freda, sotto i Marabese, consulente commerciale Aramis portici della profumeria & Designer Fragrances; Giovanna Benatti, Mazzolari. Nelle altre Brand Manager divisione lusso Crème de La immagini, Leonard Lauder si intrattiene Mer - Jo Malone; Michelle Mugnai, Brand con Orna Schezen Manager MAC; Alessandro Orano, Brand davanti a La Manager Darphin (canale farmacia); Alfonso Nofarber Rinascente Duomo e Emanuele de Leon, Brand Manager Aveda, (dentro) con una cliente canale professionale (dal 1° luglio riporta ad dello “tempio-bellezza” milanese. Orna Schezen Nofarber).

66 | DailyLuxury |

Speciale incontro Lauder.indd OK.indd 66

›› tanto nuova strategia, genialmente impostata dal “vertice mondiale” a New York: il gran signore Fabrizio Freda, la cui “italianità” lo avvicina molto a Milano; prova ne siano anche le foto che pubblico, presenza impegnata a La Rinascente e alla profumeria Mazzolari, assieme a Leonard Lauder, entrambi spontaneamente e affettuosamente a contatto con la gente. Ce la farà, Orna? ce la sta facendo? tradurrà in realtà quella sua ossessione? Ne sono certo. Intanto prendo atto di una filosofia, di una “Open Source Business” che può avere applicazione comunque e dovunque. Ecco l’importanza di questo incontro che ha fruttato non “la solita intervista”, ma la dichiarazione dell’impegno di percorrere una strada che conferma ancor più la dedizione di Orna Schezen Norfaber ad Estée Lauder Companies Italia. A capo di un organico “nuovo” di collaboratori che elenco nel box a parte. E con la fiducia assoluta del neo President and Chief Executive Officier mondiale, Fabrizio Freda che, uscito da tempo da Procter & Gamble, fu scelto da sua maestà Leonard Lauder, il “signore-padrone” di Estée Lauder Companies. Che, di recente a Milano, ha alzato la mano ad Orna in segno di trionfo. Ne pubblico la foto: esprime tanto, tutto… 

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 12:53:35


200x240.indd 1

13-07-2009 11:09:08

Prodotto e distribuito in licenza da The First S.p.A. - Milano – www.thefirst.it


Il pr un Se sp

Wanted‌ s Speciale Rubinstein.indd OK.indd 68

8-09-2009 13:04:21


speciale

S

Q

Luciano PARISINI

Quanto mai…

ricercato il riproporsi di Helena Rubinstein all’universo fragrante d’altissimo livello. E quindi non poteva che chiamarsi Wanted questo femminile che ha già fatto anteprima nel nostro sito sin dal 15 luglio scorso. Wanted in ogni sua espressione: dal flacone, che esprime la straordinaria, raffinata, efficacissima creatività di un genio del design come Hervé Van der Straeten (autentica magia i suoi gioielli, le sue componenti d’arredo); dalla fragranza, che ha unito i valori di Dominique Ropion, vincitore dell’International Fragrance Prize nel 2008 e di Carlos Benaim, vincitore dell’American Society of Perfumers nel 2004, davvero impegnati a quella che altro non è se non una sfida: creare il jus del ritorno di Helena Rubinstein in alta profumeria, ribadendo ovviamente il prestigio della griffe in alta cosmesi; e, ancora, dalla testimonial, una Demi Moore che interpreta perfettamente il progetto Wanted, lei stessa in quell’immagine che pubblichiamo, donna di raffinata sensualità di carattere forte, ricercato, lei stessa… ricercata nella scelta di un amore che deve essere dedizione, sensualità, ma in armonia con l’uomo d’amare. Tutto… Wanted insomma. Lo stesso gesto di aprire quel flacone che nella fascia d’oro che lo avvalge al collo ha il significato del legame di una insolubile passione, è gesto di ricerca del meglio: di una fragranza, di un infuso di particolare alchimia, che Marina Santin “spiega” nel box tecnico di queste pagine. 

Essenza d’amore T

rascrive in profumo il legame d’amore che esiste tra una donna ed il suo uomo, Wanted di Helena Rubinstein, un elisir sensuale ed assolutamente contemporaneo, animato da sentori floreali e boisés. Protetto da un’ampolla di cristallo serrata da un laccio d’oro, si rivela un’essenza che gioca sull’armonia contrastante di tre temi olfattivi “addictive”: lo splendore dell’ylang, che cattura le sfumature solari, sensuali e sontuose del fiore; la dualità legno-magnolia, sapiente mix di maschile-femminile; e la voluttuosità dell’iris, inedito trait d’union poudré ed iridato, velato di vaniglia, che arricchisce le note floreali del debutto e sostiene quelle più intense del duo legno-magnolia illuminato dall’ylang.

Il gran ritorno di Helena Rubinstein al profumo d’alto rango è… ricerca, wanted, di un autentico gioiello che sprigioni passione. Secondo sensuale testimonianza di una splendida Demi Moore.

… sensualità! N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Rubinstein.indd OK.indd 69

| DailyLuxury | 69

8-09-2009 13:04:47


S

C m i

d

fr

IMPETO C Speciale Davidoff.indd OK.indd 70

8-09-2009 12:41:40


S

speciale

Luciano PARISINI

Con questo Hot Water il mondo Davidoff sublima il suo carisma e va oltre. Dentro quel rosso flacone, “testimoniata” dalla superba immagine di queste pagine, c’è la fragranza della passione istintiva, del sex appeal autentico, c’è “Davidoff Hot Water”.

Se la…

declinazione "water" di Davidoff ha sempre ostentato determinazione massima, tra sensualità e passione, questo “Davidoff Hot Water” va davvero oltre. Genera immediato impulso carnale, oltre che passione, questa splendida immagine che abbraccia le nostre pagine: se il suo tutto è dentro quel rosso flacone di prorompente mascolinità, Davidoff Hot Water è certamente un’alchimia insolita, dedicata all’istinto, alla passione hot, impetuosa, irresistibile. Spesso è la comunicazione a determinare il vero di una fragranza: questa, realizzata dal magico obiettivo del magico Matthew Brookes, ha carisma, magnetismo, ardore autentico, impeto vero, e dice quanto possa vibrare il jus contenuto nel superbo flacone rosso. Fragranza-alchimia insolita, che Marina Santin “scopre” nel box tecnico di queste pagine, davvero esaltate dall’abbraccio “carnale” tra Alissa Miller (la modella che ha incantato Diesel, La Perla, Stella McCartney), e Alexis Papa, il mancato ingegnere greco che ha la virilità, il sex appeal… hot, caldo, impetuoso. “Hot” insomma non poteva che essere l’aggettivo più consono a questa nuova vibrante versione Davidoff Hot Water. Che così continua il suo successo tra i grandi profumi al maschile. 

Ardente passione S

i veste di nero e di rosso, come il fuoco sotto la brace, per affermare fin dal primo sguardo il suo carattere “ardente”, irresistibile cocktail di carisma magnetico, sex appeal innato e vitalità prorompente. È Davidoff Hot Water, un jus virile, che palpita di passione, sensualità ed erotismo, dedicato all’uomo che, sempre pronto ad agire, segue il suo istinto. Caldo e profondo il bouquet, che, dopo un debutto esuberante di basilico rosso, assenzio ed artemisia, conquista con una personalità di pimento e illanguidisce in una memoria di benzoino del Siam.

O CARNALE N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Davidoff.indd OK.indd 71

| DailyLuxury | 71

8-09-2009 12:41:55


L’Homme infiniment

www.dior.com Dior OnLine 02 38 59 88 88


S

Prada in… bassorilievo speciale

Quattro donne estasiate, in un bassorilievo moderno di intonazione antica, si contendono la fragranza di un classico dei Prada “Classic”, già declinati in Amber, Amber Intense e Amber pour Homme e ora in… L’Eau Ambrée. 74 | DailyLuxury |

Speciale Prada.indd OK.indd 74

L’

Luciano PARISINI

L’arte per un profumo d’arte:

un tema splendidamente svolto per questa declinazione in L’ Eau Ambrée dei classici Prada. Le due pagine che fanno da fondale al nostro testo sono davvero un’interpretazione moderna del bassorilievo antico. Geniale quindi, indiscutibilmente geniale, l’opera di Steven Meisel, l’obiettivo dei capolavori autentici. Queste quattro donne che, estasiate dalla fragranza, se ne contendono l’effluvio, esprimono il fascino, l’attrazione irresistibile di un profumo che ha in sé la seduzione dell’ambra, filo conduttore della famiglia Prada Classic, declinata in Amber, Amber Intense e Amber

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 13:02:51

pou Mar pro e ci stam infa da: glia com grig il ne mag


o

te:

e in nno one scudei iate no il a in glia mber

pour Homme. Basta scorrere il testo racchiuso nel box di Marina Santin, qui a fianco, per provare l’emozione di un profumo che ha “il tutto” per essere di caratura superiore: e cioè il jus, cui si aggiungono il flacone e la campagna stampa. Anche nella “austera” classicità del flacone c’è infatti il fascino, l’ostentazione appagante della griffe Prada: un flacone in sintonia con i classici degradés dell’abbigliamento e degli accessori per quel nero intenso che, come fumo, sembra avviluppare il vetro, sino a sfumare in grigio e nella trasparenza. Eppoi nella confezione deluxe, il nebulizzatore in tessuto nero a completare la fascinosa magia di un contenitore di distinzione assoluta. 

Ambra moderna L‘

universo olfattivo di Prada Classic si arricchisce con un nuovo sigillo: L’Eau Ambrée, interpretazione straordinaria e moderna del profumo classico della griffe che si afferma come una presenza armoniosa, decisa ma mai eccessiva o invadente. Annunciata dallo scrigno iconico del marchio caratterizzato però alla base da un tocco di nero inchiostro che sfuma nel trasparente, intreccia abilmente tre accordi olfattivi in un susseguirsi di contrasti tra delicatezza e sensualità. Cedro siciliano, agrumato, rinfrescante ma intenso al debutto, per una sensazione di grazia ed equilibrio inaspettata; rosa di maggio, leggera e sensuale, essenza stessa della femminilità nel cuore; ed ambra, sapiente mélange di patchouly, vaniglia ed opoponax, per ricreare un’impressione delicata e raffinata, estremamente contemporanea, nel sillage. Accanto all’Eau de Parfum, la collezione “bain”.

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Prada.indd OK.indd 75

| DailyLuxury | 75

8-09-2009 13:03:00


S

Una vera scultura il flacone, opera di Serge Mansau; una piacevole, efficace alchimia il jus di François Demachy: ecco a nove anni dalla sua nascita, una versione davvero Essentielle di Flowerbykenzo. Luciano PARISINI

U

che yke di S tivit crea 200 yke dell ne f la fo infi per più solo jus, luto pre La ven ria elem ma

L’infinito… E 76 | DailyLuxury |

Speciae Kenzo.indd OK.indd 76

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 12:18:31


ra ne, ge na ce di y: ni ta, ne lle zo.

INI

U

speciale

Uniti in questa immagine

cevole, elegante, raffinatezza. Basta scorrere il box tecnico di Marina Santin qui sotto per rendersi che sembra sfidare il limite delle pagine, Flowerbconto della professionalità creativa di François ykenzo conferma ancora una volta il genio creativo Demachy, il naso geniale di LVMH. Cui, ripeto, si di Serge Mansau, uno scultore di eccezionale creaaggiunge l’estro inimitabile di Mansau per il flacotività, frequentemente “prestato” al profumo per ne e quello di Marine Crespin per l’astuccio. creare autentici capolavori. Per questa versione  2009 di un vero classico come Flowerbykenzo, Mansau ha raggiunto il vertice della forza di gravità allungando il flacone fino a proiettarlo all’essenzialità delopo Flowerbykenzo, floreale e poudré, divenuto un classico della la forma, seguendo l’eleganza dello stelo profumeria, debutta Flowerbykenzo Essentielle, un jus che infinito del papavero. Sì, un capolavoro: sublima la firma olfattiva del suo predecessore e ne cattura l’essenza per una versione davvero Essentielle del puntando l’accento sull’essenzialità e sulla purezza seducente. Così, più “vero” dei Kenzo. Essentielle non l’accordo floreale, moltiplica i suoi fiori intrecciando solo nell’immagine ma soprattutto nel essenza ed assoluta di rosa damascena e assoluta di gelsomino; l’accordo vibrante, palpita di pepe nero, jus, così da ravvivare, rendendolo asso- bacche rosa ed essenza di incenso per un guizzo di luto, il carisma di una griffe che da sem- prezioso mistero; e l’accordo poudré, diventa più pre sa fondere stile, qualità, spontaneità. muschiato alleando tre muschi ciascuno dei quali rivela La spontaneità “easy” del papavero, di- tonalità particolari, rispettivamente vibranti, floreali e venuto un vero simbolo della profume- poudrées, abbinandosi quale sensuale sillage all’assoluta di vaniglia. Spirito essenziale anche per lo scrigno, con gli ria d’alto rango. Dove l’alchimia degli inconfondibili steli di cristallo del bouquet di sempre che si elementi non si affida alla stravaganza, fanno ancor più slanciati e svettanti, decorati ma fonde gli stessi in una misurata, pia- dai papaveri sospesi nell’aria.

Essenzialità e purezza D

… Essentielle Speciae Kenzo.indd OK.indd 77

8-09-2009 12:19:00


S Speciale Miyake.indd OK.indd 78

8-09-2009 13:01:43


speciale

Come l’aria… C

elebra l’essenzialità, allea tecnologia e poesia della natura e racconta la storia di una radice nella terra il cui legno si slancia verso il cielo prima di aprirsi in foglie e fiori, “a scent by issey miyake”, un profumo ottimista e femminile che “semplice e bello come l’aria che respiriamo” nasce dall’alchimia segreta di quattro elementi cardinali: un odore, vitale come un soffio verde; un flacone, puro e grezzo, ritagliato da un pezzo di vetro; un nome, assolutamente evidente; un astuccio, funzionale come una seconda pelle di carta. Verde, floreale e boisée, l’essenza, che allea guizzi freschi di giacinto e galbano, accenti vivaci di verbena ed un soffio di gelsomino. Accanto all’Eau de Toilette, la linea per il benessere quotidiano.

a scent… Luciano PARISINI

S

Se il profumo è filosofia,

la sua firma è Issey Miyake. E davvero basta solo il nome di questa sua nuova creatura, realizzata in collaborazione con un grande designer (Arik Levy), un eccezionale graphic artist (Taku Satoh) e un naso di sogno (Daphné Bugey). “a scent” dunque: che, scritto in minuscolo in quel quasi “Bodoni” massima semplicità dei caratteri, diventa davvero l’essenza della semplicità, l’essenza di Issey Miyake. Nessuna definizione di particolare fascino, frutto di ricerche forsennate in un catalogo che ormai va esaurendosi, ma… essenza, la definizione generica di una creatura, del suo essere. Che dalla semplicità prende corpo come ogni capo costruito da Miyake nelle sue collezioni secondo la filosofia del semplice, “A Piece of Cloth”, il rapporto tra il corpo e l’abito trasposto nella connessione tra profumo e flacone. Una “scent” (che Marina Santin descrive nel suo box di queste pagine) dentro un pezzo di vetro grezzo forgiato contenitore, a sua volta contenuto da un astuccio di massima funzionalità. Nulla di più: se non un'essenza di magico sentore. Ma con una particolarità tecnica… fuori tema: quel “a scent by issey miyake” è inciso dal dentro del vetro. Mai nessuno prima. Un tocco di lusso tecnico. Nella semplicità. Per un profumo della semplicità. Senza l’immagine di una sensuale, seducente testimonial: solo questa “estrazione” dal vetro, in progressione, sviluppata sulle nostre pagine. 

Un'essenza e niente più: questo il nome del profumo, tutta filosofica semplicità di Issey Miyake. Dal vetro grezzo sgorga un flacone di… vetro, graficamente “sviluppato” su queste pagine.

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Miyake.indd OK.indd 79

| DailyLuxury | 79

8-09-2009 13:01:46


S

speciale Luciano PARISINI

Lo è il flacone, lo è la fragranza, lo è Kate Moss così seduttiva, così parigina: da Yves Saint Laurent un altro omaggio fragrante alla seduzione…

C

Chi ha “vissuto” Paris,

non solo la città lumière, ma anche il profumo che CatHerine Deneuve assieme a Yves Saint Laurent in persona lanciarono nel 1983 in quella stupenda atmosfera parigina (io c’ero…), non può che avere un sussulto ammirando questo flacone “allungato”, figlio (mi sia concesso…) di “Paris” in ogni sembianza (ah! quel rosato di dolce sensualità…), Chi ha “vissuto” Paris, il profumo, per averne fatto galeotto d’amore, chi ha “vissuto” Paris per omaggio di tenera amicizia, chi l’ha vissuto intensamente, non può che trasmettere, ora, la vibrante sensazione che suscita questo, anzi questa “Parisienne”, un’affascinante opera fragrante che solo nel nome di Yves Saint Laurent, nella sua magia, poteva scaturire così intrigante, così galeotto. Anche perché la parigina di Parisienne è Kate Moss per quella sua seduzione sottile, resa in ogni momento, in ogni storia, in ogni emozione. Lei è davvero Parisienne per quel suo atteggiamento di misteriosa sensualità che offre nell’immagine della campagna stampa, nell’alba parigina sul fascinoso ponte de L’Alma. Come seguita dal totem di una Torre Eiffel che sembra testimoniare una notte di libera femminilità, incisa da una rosa che con la sua carnosità sembra aggiungere senso a senso, facendo di Kate Moss la più Parisienne che Parigi e il mito di Yves Saint Laurent potessero creare. Una storia, dunque; un profumo, la sua atmosfera il suo jus, la scia fragrante che una donna può tracciare come sentiero di sensualità. Paris-Parisienne: davvero la fragranza che viene dalla seduzione per la seduzione. Kate lo testimonia con quell’abito da sera sfiorato dall’alba rosa come il rosa di un magico flacone. Entro il quale c’è davvero magia: dalla testa al cuore, al fondo. Così come sottolinea Marina Santin nel suo box. 

È glamour estremo È la donna YSL, la parigina autentica: libera, glamour, eterna, capace di vivere ed amare, dalla spiccata personalità, contraddittoria e decisa a prendersi gioco delle convenzioni. Così come lei, il suo profumo, Parisienne, l’essenza della femminilità portata all’estremo. Racchiuso in uno scrigno couture, rosa delicato come l’alba e cesellato come un diamante, si rivela un jus boisé e luminoso, velato da un pizzico di mistero. A siglarne il debutto, i sentori inediti e moderni di un accordo vinilico intriso da guizzi di mirtillo e di mora, che ricamano un cuore floreale che intreccia rosa di Damasco, viola e peonia, ed un sillage intenso ed avvolgente alchimia di patchouly, vetyver, muschio e sandalo. Accanto all’Eau de Parfum, la collezione per la mise en beauté

Davvero… 80 | DailyLuxury |

Speciale YSL.indd OK.indd 80

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 13:12:52


re ed

gioco o

rosa me e

ntori nilico ra, che e

ly,

utĂŠ

Parisienne Speciale YSL.indd OK.indd 81

8-09-2009 13:13:06


S

(M m

e

H

Un Versace Speciale Versace.indd OK.indd 82

8-09-2009 13:10:10


S

speciale

e

Classico contemporaneo A

romatico, fougère, boisé e dal carattere inconfondibilmente mediterraneo. Così è Versace pour Homme, racchiuso in uno scrigno essenziale che evoca una pietra sfaccettata, impreziosito con i simboli della griffe e dedicato all’uomo classico ma contemporaneo, sicuro di sé, dinamico ed intraprendente. A siglarne il debutto, un’alchimia di bergamotto, neroli, cedro di diamante e foglie di arancio amaro che ricama un cuore vibrante dai sentori minerali-fioriti, mélange di geranio, giacinto blu, salvia sclarea e legno di cedro. Sensuale, profondo, decisamente virile il sillage, alchimia di legno di oud, ambra minerale, fava tonka e musk. Accanto alla fragranza, una collezione completa pensata per il benessere quotidiano.

T

Torna in copertina,

Luciano PARISINI

Non solo il fascino del suo testimonial (Michael Gstoettner) ma soprattutto quel flacone dal contenuto esemplare: ecco un insieme fragrante, Versace pour Homme, davvero da prima pagina.

più che mai, Michael Gstoettner, l’affascinante testimonial di Versace pour Homme. E torna per ribadire la qualità, lo charme, di un profumo che ha il superlativo dentro, nel suo jus inconfondibile, appartenente ad una famiglia olfattiva declinata in aromatico, fougère, legno, perfetta alchimia “al maschile”, come dimostra la piramide olfattiva che riproponiamo, davvero un esempio di equilibrato connubio di elementi per il più classico tra i “classici-contemporanei”. D’accordo: il flacone, quella sua trasparenza dalla quale sembra scaturire freschezza; eppoi il pack e la testimonianza di Michael; ma è giusto ribadire che l’essenza autentica di Versace pour Homme, la sua particolare efficacia è “dentro”, Com’è “dentro” in un completamento di gamma declinata in After Shave Balm, Deodorant Stick, Hair & Body Shampoo, che non definirei “linea bagno” ma piuttosto sviluppo perfetto di una fragranza che ha mascolinità, virilità, freschezza in ciascun componente di questo autentico “carnet” al maschile. Il “box” di Marina Santin, qui sopra, scendendo al particolare, ne ravviva la indiscutibile e già conclamata qualità. 

da copertina N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Versace.indd OK.indd 83

| DailyLuxury | 83

8-09-2009 13:10:21


www.ysl-parisienne.com


S

Speciale Ferrè.indd OK.indd 86

10-09-2009 12:49:31


speciale

Sì per amore, “In the Mood for Love”, lo stato d’animo perfetto per amare: questo interpreta l’ultimo Ferrè, un femminile “candido” cesellato dall’arte geniale di Fabien Baron. Luciano PARISINI

… for love!

C

Continua la…

solarità dell’estate con questo nuovo Ferrè. Quel flacone bianco sembra proiettare nel cielo azzurUno scrigno dal design architettonico e puro, che allea ro di una campagna pubblicitaria di dolce i codici storici della Maison ed il suo spirito contemposensualità i riflessi di una stagione che se raneo e sensuale per esprimere l’essenza della nuova n’è andata e chiama il futuro, come una donna Gianfranco Ferré, per un profumo couture, audadonna chiama con la sua femminilità un ce ed estremamente seducente. È In the Mood for Love, amore dichiarato. “In the Mood for Love” il nuovo jus della griffe che, floreale, ambrato e boisé, celebra l’amore trascrivendone in chiave olfattiva tre non definisce soltanto un profumo, ma momenti. Amore a prima vista (tamarindo, bergamotlibera nell’infinito una frase di tenerezza, to, arancia amara, magnolia e rosa bianca); come una dichiarazione di amore vero, di Innamoramento folle (fiore d’arancio, giglio, gelpurezza bianca stagliata nell’azzurro. somino, rosa rossa e legno di cedro); e Passione Questa di Fabien Baron è davvero un’alInfinita (ambra, muschio bianco e legno di sandalo). Accanto all’Eau de Parfum, la tra “genialata” della sua prestigiosa carcollezione “bain” le cui formule, dalla riera di designer d’altissimo rango, createxture “cocoon” si avvalgono di attore delle espressioni più efficaci del tivi idratanti, addolcenti e lenitivi mondo profumato. Arte ed eleganza è la (acido poliglutammico ed formula delle sue opere: e qui Fabien l’ha estratto di magnolia). davvero espressa facendo di una nuova fragranza dell’universo Ferrè un oggetto di splendido, accattivante design. Su cui sembra posarsi, così, nel corsivo di un messaggio “immediato”, quella frase chè è amore, desiderio, richiamo d’amore. E dentro quello straordinario scrigno candido? Una fragranza che ha declinazione amorosa: amore a prima vista, innamoramento folle, passione infinita. Che la Maison Ferrè abbia ripreso il suo passato di dichiarata seriosità proiettandolo a un futuro di tenerezza e purezza pieno? Nel box di Marina Santin, qui sopra, che “spiega” il jus dalla testa al fondo, c’è una traccia di ciò che mi chiedo… 

Profumo d’amore

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Ferrè.indd OK.indd 87

| DailyLuxury | 87

10-09-2009 12:49:40


S

speciale Luciano PARISINI

Come un profumo con la struttura di un flacone che sembra ergersi in passerella, possa interpretare la classe, l’austera femminilità di una designer d’alto prestigio: questo “Jil” è dunque, quanto mai, Jil Sander. E Julia Restoin Roitfeld lo testimonia.

Jil è lei…

C

Come uscisse da un defilé

di Jil Sander: ha la stessa silhouette, le proporzioni perfette del look austero ma nella più raffinata sensualità che la griffe ha sempre sostenuto nel suo tradizionale rigore. Di classe quindi questo Jil che vive nella sua alterigia di tutto cristallo, corposo, prezioso, sostanzioso, toccato da quel rosa del jus che scaturisce dalla trasparenza e dai contorni di un blu profondo che rasenta il nero. Ha insomma una silhouette viva Jil come appunto sfilasse. Poi come per mostrare il suo volto, la sua sembianza in primo piano, ecco apparire l’immagine di Julia, di Julia Restoin Roitfeld, la femminilità consapevole, la sensualità seminascosta, la seduzione sottile. Julia l’ha voluta così, perché fosse autenticamente Jil, l’obiettivo di Jean Welters diretto da Tho Van Tran, Air. Un flacone, un profumo una testimonial che è un tutto a nome Jil: ecco la straordinarietà di questo femminile che ha nella struttura l’identità tradizionale di una designer che ha sempre mantenuto nel cast della sua creatività il carattere, lo stile, la classe della femminilità autentica mai stravolta dall’esagerazione, sempre contenuta nell’equilibrio del più raffinato bon ton. Jil profumo è dunque… Jil Sander quanto mai; fuori e dentro quel flacone che vanta un'elegante piramide olfattiva “disegnata” in dettaglio da Marina  Santin nel suo box tecnico qui a fianco.

88 | DailyLuxury |

Speciale Jil Sander.indd OK.indd 88

N°7 SETTEMBRE 2009

10-09-2009 12:50:44


e,

Lusso essenziale C

osì come lei, la donna che ama lo stile della designer, espressione di un look che celebra il lusso dell’understatement, Jil di Jil Sander è un’essenza elegante, raffinata alchimia di semplicità e sensualità contemporanee. Floreale ed ambrata, si annuncia con accenti di pepe rosa, lavanda e mandarino, per poi affermarsi con un cuore vibrante di mughetto, giaggiolo ed eliotropo, e sfumare in un’eco avvolgente di muschi, vaniglia ed ambra grigia. A racchiuderla, un pack che sottolinea ancora il legame con l’universo creativo della griffe, un flacone esenziale che tratteggia l’immagine di una silhouette femminile protetta dall’abbraccio di un abito blu scuro. Accanto all’Eau de Parfum, la collezione per la mise en beauté.

Speciale Jil Sander.indd OK.indd 89

10-09-2009 12:50:56


S

speciale Luciano PARISINI

En de sc eb

CARITA cassaforte d

U

Uno scrigno di bellezza,

di longevità: una… caccia al tesoro che Carita dimostra di aver concluso con eccezionale risultato. Scoprendo infatti “il più” della gemmoterapia, un’emanazione della fitoterapia, laddove germogli e gemme valgono autentici concentrati di energia, energia biologica. E “il più” della gemmoterapia è il beneficio che trae dai minerali e dagli oligominerali. La natura è dunque il tesoro scoperto dalla “caccia” di Carita: meglio “la quintessenza della natura” declinata in “minerale” con diamante e tormalina per essere sorgente di energia; in “vegetale”, complesso di gemme e cellule native per essere sorgente di vita; e in “biotecnologia” con “2 cytovector” per essere sorgente di giovinezza. Perché la quintessenza minerale è sorgente di energia? Perché associando polvere di diamante, catalizzatore di energia e riflettente luce, a polvere di tormalina che permette la microcircolazione cutanea, fa sì che la pelle risplenda di particolare luminosità.

Speciale Carita.indd OK.indd 90

10-09-2009 12:52:05

P Perc ve d non così mat P di g favo dell “lip vam com una Q “cac men sun scri bell


Entro uno scrigno di particolare suggestione, ecco “Diamant de Beauté” un trattamento anti-aging profondamente scientifico basato su quintessenza minerale, vegetale e biotecnologia. Con l’arricchimento di pietre preziose.

e di bellezza

za,

stra ndo one ono E “il miesotesdia; in per n “2

di nte, vere zioa di

Perché la quintessenza vegetale è sorgente di vita? Perché sfrutta le gemme e le cellule native: cellule native di fiore di loto blu, antiossidante e anti-glicazione, nonché un complesso di sequoia (cellule e gemme) così da aumentare la densità della pelle rinforzando la matrice cellulare. Perché la quintessenza della biotecnologia è sorgente di giovinezza? Perché sfruttando l’estratto di mirto che favorisce la sintesi della proteina sirtuina, (proteina della longevità), nonché il brevettatissimo Cytovector “liposoma di ultima generazione”, fa sì che progressivamente la pelle si rigeneri dall’interno rendendosi più compatta, attenuando rughe, macchie scure, rivelando una sorprendente bellezza. Questo in sintesi il tesoro scoperto dalla… “caccia” di Carita. Una scoperta scientificamente ben più complessa di quanto così riassunto; un tesoro frutto di profonda ricerca. Lo scrigno che la preserva, quasi una cassaforte di bellezza, è coerente al suo valore. 

Speciale Carita.indd OK.indd 91

Diamante cosmetico D

eve la sua efficacia ai principi della gemmoterapia, Diamant de Beauté, il nuovo soin della Maison che rigenera l’epidermide dall’interno, ridensificandola e rendendola più compatta, illumina l’incarnato ed attenua rughe e macchie scure. Alla base della formula, dalla texture vellutata ed evanescente, dal profumo delicato ma lussuoso e racchiusa in un pack-gioiello, tre “quintessenze” della natura: minerale, con polvere di diamante e di tormalina, catalizzatore di energia e capace di riflettere la luce il primo, in grado di emettere energia e di favorire la microcircolazione, la seconda; vegetale, con cellule native di fiore di loto blu anti-ossidanti ed anti-glicazione, e complesso di sequoia (cellule+gemme) che favorisce la rinascita delle cellule cutanee, incrementa e la sintesi e protegge le fibre di collagene e restaura la matrice extra-cellulare aumentando la densità dell’epidermide; e biotecnologia, con estratto di mirto che attiva la sintesi della sirtuina, la proteina della longevità, e due liposomi hi-tech, i Cytovector® Collagene e Colorito Uniforme, specifici per limitare i cedimenti e rassodare e per contrastare le macchie scure. Ad arricchire ulteriormente il trattamento, ceramidi attivi e Trehalose, nutrienti ed idratanti.

10-09-2009 12:52:26


S

È di Chopard un affascinante, prezioso connubio dedicato alla femminilità: è “Cascade”, una cascata di “diamanti” per un sogno fragrante “interpretato” dalla seduzione di Michaela Hlavackova.

Diamanti a… C Speciale Chopard.indd OK.indd 92

8-09-2009 12:39:50


S

speciale

un so lla e”, ti” nte lla ela va.

U

Luciano PARISINI

Una cascata di “diamanti”

sul flacone: solo da Chopard! Diamanti a cascata: solo da Chopard! Dall’immaginario di una griffe che ha in sé il genio del prezioso, non poteva che scaturire un connubio di tanto fascino! Mirabilmente accentuato dall’immagine di una Michaela Hlavackova che davvero sembra uscire dall’alone seducente del red carpet, stupenda star irradiata dai flash di un nugolo di fotografi esterefatti dalla cascata di diamanti che adorna un volto e uno sguardo di penetrante sensualità. Si è girata, Michaela, con il gesto della diva penetrando l’obiettivo, per loro, per una storia di sogno che il fotografo Patrick Demarchelier con le indicazioni dell’art director Jerôme FaillantDumas, Love, ha voluto, per avviluppare l’immagine di un profumo che ha femminilità fuori e dentro. Fuori una cascata di gemme sul rotondo vetro rosato; dentro un’alchimia di raffinati ingredienti. Che Marina Santin “spiega” nel “box tecnico” di queste pagine. 

Gioiello olfattivo Possiede la stessa magia dei gioielli più preziosi, capaci di enfatizzare il fascino femminile avvolgendo la donna con un’aura di luce, Cascade Chopard. Racchiuso in uno scrigno che immortala il momento in cui lei, rientrata da una serata di sogno, si toglie i bijoux e lascia scivolare il suo braccialetto di diamanti sulla boccetta di profumo in bella mostra sulla toilette, si rivela un’essenza orientale costruita attorno ai sentori della bella di notte. Le dolci note dell’affascinante corolla che si schiude solo con l’oscurità sono infatti annunciate da guizzi di pepe rosa, fiore di pompelmo e mandarino, valorizzati da nuances di orchidea belle du soir e violetta nel cuore e soffusi da effluvi di legni rari, muschio ed ambra nel sillage. Accanto all’Eau de Parfum, l’esclusiva collezione “bain”.

… Cascade Speciale Chopard.indd OK.indd 93

8-09-2009 12:40:20


S

speciale

B BORSALINO Borsalino,

150 anni di prestigio italiano, davvero lo stile della tradizione, sempre declinato in abbigliamento e accessori al passo coi tempi. Ecco allora dal carnet di profumi “firmati” Mavive, scaturire un maschile e un femminile come a testimoniare la progressione-coerenza della griffe anche in

Una Cologne Intense di raffinata struttura per lui, un'Eau de Toilette Fleurie per lei: due fragranze di intensa qualità, firmate dalla classe Borsalino, prestigio autentico del made in Italy. Luciano PARISINI

94 | DailyLuxury |

Speciale Borsalino.indd OK.indd 94

cam un qua dell la fr co mas Ma ma frag inse ne s E tica vers lità lino dist de T già ne c stio agru men terv

doppia d Per lui, per lei L

ui è cultore di uno spirito raffinato ed elegante, possiede una forte individualità e vive intensamente ogni istante. Lei, è giovane, comunicativa, attenta ai dettagli e decisa ad affermare la sua personalità ed il suo glamour sofisticato. Il loro profumo? Il riflesso olfattivo del loro essere. Virile, classico e moderno al tempo stesso, infatti, Borsalino Cologne Intense, jus agrumato, fiorito, legnoso e vetyver, brioso di bergamotto, limone e zenzero fresco che annunciano un carattere di gelsomino sambac e legno di

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 12:34:02

cedro cashm bianc sussu e dec Toilet di ner afferm ylang da un di que


ano, o in cco atuniain

campo fragrante. Ecco Cologne Intense per lui dopo un “Panama” di particolare suggestione oltre che di qualità, a simboleggiare il più evidente distintivo della linea di copricapi Borsalino. Cologne Intense è la freschezza ma davvero intensa, legnosa, un classico che va a posizionarsi tra i classici autentici al maschile. La sua piramide olfattiva “disegnata” da Marina Santin nel suo box tecnico qui sotto, conferma i valori di un progetto che, oltre al contenuto fragrante, mostra un flacone di particolare design inserito in quell’astuccio a trama tweed inglese che ne sottolinea la decisa raffinatezza. E da Cologne Intense per un lui di classe autentica, a Borsalino Pour Elle Eau de Toilette Fleurie, versione fresca ma raffinata, dedicata alla femminilità più giovane, a una lei che sappia fare di Borsalino il tocco finale, il… cappello sulla sua sofisticata distinzione. Floreale anche nell’astuccio questa Eau de Toilette Fleurie per distinguersi dal Pour Elle di già consacrata affermazione. E dentro a quel flacone che non tradisce, per design di piacevole suggestione, il Pour Elle? Un jus di una famiglia olfattiva agrumata, fiorita, legnosa, muschiata, particolarmente descritto da Marina Santin sempre nell’intervento tecnico di queste pagine. 

a declinazione

ede te. ad o. Il

i

cedro ed un’eco avvolgente di legno di cashmere, vetyver, legno di guaiaco e muschi bianchi. Femminile, floreale, dalla sensualità sussurrata ed eterea ma dal carisma vibrante e deciso, invece, Borsalino Pour Elle Eau de Toilette Fleurie, che conquista con un debutto di neroli, bergamotto e limone, per poi affermarsi con un cuore floreale di gelsomino, ylang ylang, osmanthus e fior di vaniglia velato da un sillage che mixa patchouly, ambra, muschio di quercia, iris, muschi bianchi e legno di guaiaco.

Speciale Borsalino.indd OK.indd 95

8-09-2009 12:34:24


s

GLACIALE S Speciale Baldinini The First.indd OK 1.indd 96

8-09-2009 15:11:11


S

speciale

Luciano PARISINI

Basta lo sguardo che sovrasta queste pagine per rendersi conto a chi si rivolge il nuovo “Baldinini Parfum Glacé”: un progetto fragrante di straordinaria concezione per una femminilità determinata, rigorosa, sofisticatamente seduttiva.

D

Davvero come un…

brivido lo scorso ottobre a Cannes nell’atmosfera fragrante del Tax Free: nasceva dal carnet di The First, “Baldinini Parfum Glacé”, un vero inno ai tratti alteri… glaciali dell’autentica romantica femminilità. Basta soffermarsi sullo sguardo della campagna stampa che allora fece cornice all’anteprima sulla Croisette, per rendersi conto a quale donna sia rivolto questo nuovo progetto Baldinini, la griffe del lusso vero, raffinato, che nel suo stupendo carnet di accessori ha recentemente aggiunto anche la gioielleria di particolare raffinatezza: una donna seduttiva, dal temperamento… glaciale anche per la sua dedizione precisa, senza alternativa, al dettaglio della perfezione. “Baldinini Parfum Glacé” ha infatti nell’esteriorità oltre che nel jus (ne sottolinea i tratti di notevole efficacia, Marina Santin nel suo box di queste pagine) il suo “carattere” così particolare: un flacone suggestionato da tenui riflessi violacei e dalla satinatura che ne fanno davvero un blocco di ghiaccio rivestendo di nuovo l’icona-style di Baldinini Parfum, il rigoroso stile del lusso autentico. 

Ghiaccio profumato È

l’essenza pura di una romantica femminilità che, come fuoco sotto il ghiaccio, una volta liberatasi dall'involucro gelato che l’imprigiona si rivela in tutto il suo carisma, il suo fascino ed il suo potere di seduzione, Baldinini Parfum Glacé, ritratto olfattivo della donna che si riconosce nell’universo creativo della griffe. Sofisticato e ricco il suo bouquet che, racchiuso in uno scrigno essenziale, in cristallo satinato velato da riflessi violacei, nasce con accenti di bergamotto, spezie bianche, mandarino e vischio ghiacciato per poi affermarsi con un cuore vibrante e floreale che allea peonia, gelsomino, fresia e rosa d’inverno, e sfumare in un’eco di legno di cedro e di sandalo e musk. Accanto all’Eau de Parfum, l’esclusiva collezione bain.

E SEDUZIONE N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Baldinini The First.indd OK 1.indd 97

| DailyLuxury | 97

8-09-2009 15:12:03


E


TAA

lisir di bellezza per i tuoi capelli

ELISIR DI BELLEZZA PER I TUOI CAPELLI Trattamento per tutti i capelli. La sua texture setosa, di rapido e facile assorbimento, in un solo gesto, rende i capelli leggeri e dona lucentezza estrema. Confezione Lancio con 3 mini size DA REGALARE ALLE AMICHE.

MASCHERA DI BELLEZZA PER I TUOI CAPELLI Una ricca maschera, dalla texture cremosa. Speciale per capelli secchi e danneggiati, la sua formula idrata e ripara i capelli, rendendoli morbidi come la seta. Rinforza e regala lucentezza, rinvigorisce e districa anche i capelli più difficili.

I CAPELLI CHE VUOI TU

www.biopoint.it - In profumeria

E

D

a antiche tradizioni di bellezza e da una preziosa miscela di olii biologici nasce un nuovo rituale di bellezza per tutti i tipi di capelli. Orofluido Biopoint ti avvolgerà con la sua seducente fragranza, mentre la sua sensuale texture dorata regalerà sorprendente setosità, leggerezza e lucentezza ai tuoi capelli.


"LE DALÌ", HOTEL "LE MEURICE".

P

in c pren nuo mez albe me mig e co vars N nell’ siti m gina sent usav pen bicc pan alle

Ci vediamo a… m

m

ad nuo

Speciale Francia.indd OK.indd 100

8-09-2009 12:49:58


S

P

speciale

Per movimentare la rentrée

in città, che rimane sempre un momento critico, i parigini, prendendo esempio dai loro pargoletti, hanno scoperto un nuovo modo di coltivare il loro esigente palato: offrirsi, nel bel mezzo del pomeriggio, una gustosa merenda in luoghi chic ed alberghi lussuosi. Considerato che pranzi d’affari e cene a lume di candela sono in calo a causa della crisi, quale modo migliore per compensare la voglia di assaggiare qualche delizia e contemporaneamente inaugurare un nuovo modo di ritrovarsi intorno ad una bella tavola? Non si sa bene chi ha lanciato l’idea. Qualcosa doveva essere nell’aria, visto che una serie di locali eleganti offrono oggi appositi menù per scorpacciate pomeridiane. E si rivaleggia in immaginazione. All’hotel Park Hyatt in rue de la Paix, il goûter è presentato in un servizio per scrivania di legno, come quelli che usavano gli scolari molti anni fa. Quando lo si apre, anzichè penne e fogli, si scopre il profumo delle mini-madeleines, un bicchierino con formaggio bianco, un dolce di riso e persino pane e cioccolato, per gli inguaribili nostalgici. Servito dalle 15 alle 18, costa 50€ € per due persone, con una bevanda a scelta.

Nella piazza pedonale del Marché Saint Honoré, l’Absinthe, un bistro della vera tradizione parigina, a partire dalle 14 abbandona il menù tradizionale per i Croq-Absinthe, assaggini zuccherati (ma c’è anche del salato, come il foie gras o gli accra di pesce) presentati su una lavagnetta nera che fa da vassoio (prezzi intorno ai 6€). Al Grand Colbert (2, rue Vivienne), monumento storico della ristorazione, tra stucchi e mosaici del primo Novecento, la specialità è il cioccolato caldo, servito con latte e panna e abbinato a un dolcetto (14€). Ma i parigini corrono anche nel ristorante della chef decorata dalla guida Michelin, Hélène Darroze (4, rue d’Assas) che, nonostante le sue origini del sudovest francese, organizza un Tea Time all’inglese, con sandwich, scones, marmellate accompagnati da un thé (22€) o da un calice di champagne (28€). Alla nuova tendenza si sono allineati anche chef esotici. Nel taiwanese Zen Zoo (13, rue Chabanais) si prova un autentico stordimento dei sensi assaggiando i dolci al thé verde e fagioli rossi o la mousse al cioccolato e menta, senza contare il dolce di riso ai ravanelli bianchi. Come bevanda, del thé al latte con perle di tapioca da degustare con la cannuccia. Tornando agli alberghi di lusso, al Bristol (rue du Faubourg Saint Honoré) due formule da ordinare nello spazio-bar, dalle 15 alle 18: quella “light” (bibita calda e dolce) o la “completa” (sandwich, dolci, petits fours) con prezzi che vanno dai 17 ai 32 euro. A Le Meurice, su rue de Rivoli, nel ristorante Le Dalì riallestito da Philippe Starck, si possono invece gustare le “gourmandises de Camille”, dal nome della pasticcera (Camille Lesecq), una giovane-prodigio che si è già fatta un nome negli ambienti molto esclusivi dell’alta gastronomia. A scelta, pesca arrostita alla vaniglia su pannacotta alla verbena, scones alle mele e altre leccornie, al prezzo, più che abbordabile, di 5€. E per organizzare delle gustose merende in casa, esce in questi giorni la guida “Goûter maison” (ed. Mango) che offre tante idee a chi vuole lanciarsi in questa nuova forma di convivialità gourmande. Unico accorgimento: rispettare gli orari della merenda dei bambini. Perchè, se si passa dalla cioccolata calda all’aperitivo, non si parla più di merenda ma di slunch (contrazione di supper e lunch), neologismo che indica la nuova moda domenicale di riunirsi tra amici, a metà pomeriggio, passando da dolci e biscotti a salatini e cicchetti e dal thé al bicchiere di vino per terminare in bellezza (senza andare a letto tardi) il week end. 

… merenda Silvia MANZONI

A Parigi è l’ora della merenda! I protagonisti non sono i più piccoli ma… gli adulti che hanno scoperto un nuovo modo, irresistibilmente goloso, di deliziare il palato in ambienti chic e raffinati.

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale Francia.indd OK.indd 101

| DailyLuxury | 101

8-09-2009 12:50:06


A

S

speciale Carole HALLAC

Difficile pensare a San Diego come ad una città a misura di bambino. Invece, per i più piccoli c’è molto da fare e da vedere: Sea World, lo Zoo, l’incredibile Legoland, l’Old Town… Senza contare che ovunque agli junior vengono riservate attenzioni particolari.

A San Diego la vita scorre con calma.

È a solo un paio d’ore da Los Angeles, ma l’atmosfera è decisamente diversa ed i bambini sono i benvenuti, e non solo per lo zoo, l’acquario ed i parchi giochi come Disneyland e Legoland. Hanno infatti, un posto d’onore nei ristoranti e negli alberghi, anche i più chic, dove non mancano mai un seggiolone o il menù fatto appositamente per loro. Sea World è un'attrazione unica. È celebre per lo spettacolo Shamu, con le orche giganti che saltano, ballano, si fanno cavalcare e spruzzano gli spettatori. Ma si possono anche vedere da vicino i pinguini, l’orso polare, le balene beluga e gli squali passando in un tunnel di vetro all’interno del loro acquario, si toccano i delfini, che hanno un loro spettacolo, si incontrano i fenicotteri che passeggiano per le strade del parco, si balla con le foche travestite che si muovono al ritmo di Beyoncé. Non mancano poi giostre, saltarelli, giochi ad acqua dove i bambini possono scatenarsi e snack bar e ristoranti, un po’ tutti su lo

A misura di bimbo

Speciale USA.indd OK.indd 102

8-09-2009 13:08:13

stile sera S sone neo le tr zoo di p usat cang spec circa zon perm Il dalla ress mez dei f reale e le tonc idea ito d guar


ma. eciper egoi alolo-

colo avale da pastoci fen le Berelli, ateu lo

o

stile fast food, ma tanto non si viene qui per mangiare. E ogni sera, alle 21, fuochi d’artificio, visibili da tutta l’area circostante. Sempre in tema di animali, lo Zoo richiama migliaia di persone, soprattutto per i suoi panda, che contano tra loro un neonato, non ancora visibile al pubblico, ma sempre accessibile tramite una webcam (http://www.sandiegozoo.org/pandacam). Lo zoo è anche un enorme giardino botanico con 6500 esemplari di piante, molte delle quali rare o in via di estinzione ed alcune usate per nutrire gli animali. Oltre ai panda, si ammirano koala, canguri, elefanti, gorilla, ippopotami, giraffe, orsi e tante altre specie. L’ideale fare il tour con l’autobus a due piani che copre circa il 70% dello zoo in 40 minuti, per poi visitare a piedi le zone che più interessano. Da segnalare anche una teleferica che permette di godersi la vista dall’alto. Il tour de force a Disneyland, che si trova ad un’ora e mezza dalla città, è di certo fattibile, ma preparatevi ad affrontare la ressa, il caldo e le lunghe code. Di dimensioni più umane e a mezz’ora da San Diego, invece, si trova Legoland, il paradiso dei fanatici del famoso gioco di costruzioni. Animali in misura reale, personaggi delle fiabe e città come New York, Las Vegas e le Piramidi del Cairo in miniatura, tutti realizzati con i mattoncini di Lego, sono il pezzo forte del parco, dove i giochi sono ideali per i bambini fino a 12 anni. Il più gettonato è un circuito di macchinine con segnaletica stradale vera. Al traguardo viene data la “patente di

guida” Legoland. Eppoi il castello delle fiabe con gli scivoli e le montagne russe, i cavallini (finti) che attraversano il giardino incantato, gli elicotteri che vanno su e giù. Una pacchia infinita ma senza sfinimento, perchè Legoland offre panchine ombreggiate, punti di ristoro dove si trova più del solito hot-dog e code di pochi minuti per la maggior parte delle attrazioni. Se poi non si rinuncia allo shopping, a 5 minuti dal parco c'è il Carlsbad Premium Outlet, con marchi come Gap, Lacoste, Ralph Lauren, Calvin Klein, Adidas e Juicy Couture a prezzi di saldo. Uno dei luoghi più storici di San Diego è l’Hotel Del Coronado, dove è stato girato il mitico film “A Qualcuno Piace Caldo” con Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon. È splendido, ma proprio per la sua storia attira centinaia di turisti e non permette forse a chi vi alloggia la privacy e la tranquillità che si desidera in vacanza. Inoltre, l’area dove si trova, l’isola di Coronado, è abbastanza distante da molte delle attrazioni. Il Mission Bay, invece, è più centrale e perfetto le famiglie, mentre l’Hilton San Diego Resort, appena ristrutturato, ha piscine, accesso alla spiaggia e agli sport d’acqua, due ristoranti e tutte le comodità ideali per chi ha bambini, come un kid club, il ping pong, il mini frigo in camera e molto verde. In più, dalla spiaggia e da qualche stanza, si vedono i fuochi d’artificio di Sea World che si trova dalla parte opposta della baia. Da visitare anche l'area di La Jolla, la zona residenziale più chic di San Diego, con splendide ville a picco sul mare. Vicino al molo, su una piccola spiaggia, vivono delle foche che sono diventate la maggiore attrazione del posto. È anche una buona destinazione per la cena, in particolare da Georges at the Cove, ristorante all’aperto con vista mare e cucina new american. A poca distanza una gelateria italiana tra le migliori del paese, la Gelateria Frizzante, che non delude neppure i buongustai nostrani. Per un tocco di folklore, da non perdere l'Old Town, con abitazioni e negozi che risalgono al diciannovesimo secolo. Un po’ Piccola Casa nella Prateria e un po’ cittadina messicana, è un tuffo nel passato, nel periodo della transizione di San Diego da pueblo messicano ad insediamento americano. Si trova la prima scuola pubblica della California, la più antica stamperia di giornali, l’ufficio dello sceriffo, la prima corte giudiziaria e deliziosi negozietti di dolci, sigari, gemme e souvenir. La Historic Plaza in particolare, rimane il fulcro della cittadina, con ristorantini messicani e tortillas fatte al  momento, romantiche fontanelle e spettacoli dal vivo.

N°7 SETTEMBRE 2009

Speciale USA.indd OK.indd 103

| DailyLuxury | 103

8-09-2009 13:08:27

››


l

look Marina SANTIN

FASHION L’estate ormai ce la siamo lasciata alle spalle ma il suo ricordo è ancora così vivo che l’idea di pensare all’autunno non ci sfiora nemmeno.

E

Eppure le mises estive

con tutto il loro corollario di top e short sono ormai fuori tempo massimo per essere indossate, mentre quelle d’autunno possono ancora aspettare. Senza contare che bisogna trovare il giusto equilibrio tra la voglia di sfoggiare qualcosa di nuovo e di rinnovare il guardaroba con i capi più hype e quella di regalarsi un look dall’aria ancora “vacanziera”. Pena, ritrovarsi vestite con un improbabile mix di stagioni fashion. La soluzione vincente? Attingere al mood dei giorni di sole scegliendo pezzi e dettagli “basic” che ci traghetteranno direttamente verso i primi rigori e le brume autunnali. Sono parka dagli effetti speciali; pijama e vestaglie di seta dal gusto molto boho chic; insiemi coloniali per esploratrici dalla mimetica eleganza; gilet disinvolti ed anche sexy; trench passe-partout rivisitati con shapes inedite; e blazer fluidi e leggeri. A perfetto complemento, due codici di stile che guardano già al domani: spalle squadrate e decise e vita in primo piano, sottolineata da particolari architettonici.  104 | DailyLuxury |

Look.indd OK.indd 104

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 11:54:50

S


SHUTTLE

«hermÈs

Look.indd OK.indd 105

8-09-2009 11:55:22


look

«giorgio armani

«tommy hilfiger

BlaZer

Look.indd OK.indd 106

8-09-2009 11:55:40


«stella McCartney

Look.indd OK.indd 107

«Dries Van Noten

derek lam

my er

«

8-09-2009 11:55:56


ralPh laUren

«

Coloni ali

look

gUCCi» «PaUl smith

Look.indd OK.indd 108

8-09-2009 11:56:16


«

Look.indd OK.indd 109

DSQUARED2

RALPH LAUREN

JOHN» RICHMOND

«

8-09-2009 14:22:34


Derek lam

JUst» CaValli

gUCCi»

look

«

gilet

Look.indd OK.indd 110

8-09-2009 11:56:53


Look.indd OK.indd 111

rUe DU mail

«marC JaCoBs

«

8-09-2009 11:57:11


ALVIERO MARTINI

ANTONIO MARRAS

GUCCI

«

look

«

«

PARKA

Look.indd OK.indd 112

8-09-2009 12:01:25


«ICEBERG KRIZIA»

Look.indd OK.indd 113

8-09-2009 12:01:43


WUNDERKIND

ETRO»

«

look

YVES» SAINT LAURENT

PIGIAMI

Look.indd OK.indd 114

8-09-2009 12:02:04


«

Look.indd OK.indd 115

GIORGIO ARMANI

WUNDERKIND

DOLCE & GABBANA»

«

8-09-2009 12:02:27


CHRISTIAN LACROIX

look

«

DOLCE & GABBANA»

SPALLE

Look.indd OK.indd 116

8-09-2009 12:03:01


«MARC JACOBS

Look.indd OK.indd 117

«JUST CAVALLI

«EMILIO PUCCI

8-09-2009 12:03:25


BURBERRY

D&G»

«

look

YVES» SAINT LAURENT

TRENCH

Look.indd OK.indd 118

8-09-2009 12:10:37


«RUE DU MAIL

Look.indd OK.indd 119

MARC BY MARC JACOBS

8-09-2009 12:10:52


look

SPORTMAX» «PAUL SMITH

VITA

Look.indd OK.indd 120

8-09-2009 12:11:06


BURBERRY

«

Look.indd OK.indd 121

«DRIES VAN NOTEN

«MARC JACOBS

8-09-2009 12:11:26


9

r

Bordeaux

{

{ { {

Grigio Grigio

COLORS

8

{

8> Shopping in pelle, Bvlgari. 9> Borsa in "cocco", Coccinelle. 10> Maschili stringate in cuoio, Furla. 11> Tronchetto in camoscio, Nicole Brundage. 12> Stivale in cuoio, Roberto del Carlo.

13

14

Sabbia

Verde

{

COLORS.indd OK.indd 122

{1

19> Borsa in cuoio e tasche esterne, Furla. 20> Borsa in pelle, Accessorize. 21> Stivale in camoscio, Jeannot. 22> Biker in cuoio, Roberto del Carlo. 23> Tronchetto allacciato, in camoscio e interno di montone, Voile Blanche. 24> Borsa in cuoio con tasche esterne, Max Mara.

20{ 19

{

122 | DailyLuxury |

)

{

S

obri ed eleganti ecco i colori must di stagione che ricordano le tinte del bosco: dal regale bordeaux, al neutro grigio, dal verde scuro al delicato sabbia.

1> Tracolla in pelle plissettata, Accessorize. 2> Borsa in pelle con dettaglio logo, Bvlgari. 3> Stivali in gomma, Max & Co. 4> Stivale in cuoio con plateau, Alberto Guardiani. 5> Sandalo in camoscio, HWilliams. 6> Pochette in pelle, I Blues. 7> Anello con pietra dura, Scooter.

Lucia PARISINI

{

Lucia PARISINI

{

(

accessori

N째7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 11:01:49

21


{2

{4

3{

{5 { 7

9

{12

10

{

{

5 {15 16{

{11 13> Tracollina in camoscio, Accessorize. 14> Tracolla in "cocco", Furla. 15> Borsa in pelle, Bvlgari. 16> Stivale in cuoio, Roberto del Carlo. 17> Cintura a fascia, in pelle, Max & Co. 18> Guanti in nappa e maglia, Coccinelle.

{

0{

{6

21{

17

{18 24{

{ 23

{ 22

COLORS.indd OK.indd 123

N째7 SETTEMBRE 2009

| DailyLuxury | 123

8-09-2009 11:02:28


b

A

d

n u t s m s v g t n c g z s G m c ( g g g

Belle e giovani a 50 anni e non solo… “di spirito”? Guerlain vince la sfida contro il tempo che passa con Success Age Splendid,

50 anni “ Marina SANTIN

un innovativo trattamento anti-età che, grazie al Concentrato Magnolia Intenso, contrasta i segni frutto della riduzione dell’attività ormonale restituendo compattezza, sericità ed éclat a viso, collo e décolleté.

Apertura Bellezza.indd OK.indd 124

8-09-2009 10:54:25


b

A

anteprima bellezza

Attive, dinamiche, piene di vitalità: così si sentono oggi le cinquanten-

ni, “giovani” dentro, ma costrette a fare i conti con un corpo che cambia, appesantendosi, e con un volto che mostra i segni del tempo. Non solo rughe e segni d’espressione ma anche rilassamento, cambiamenti dell’ovale ed un’epidermide più sottile, più secca e meno densa a causa della riduzione dell’attività ormonale. La pelle infatti è meno ricca di estrogeni, veri “ormoni della bellezza” che agiscono su tonicità, consistenza e nutrizione cutanee intervenendo mediante ricettori sulla superficie del nucleo cellulare, e quindi maggiormente esposta agli androgeni che, provocandone una sorta di “mascolinizzazione”, originano fenomeni di atrofia dei tessuti, secchezza e rilassamento. Consapevole di questo Guerlain ha creato Success Age Splendid, un trattamento specifico per le donne a partire dai 50 anni che, dedicato al viso ma anche al collo ed al décolleté (parti altrettanto colpite dall’invecchiamento), risveglia gli effetti degli estrogeni sull’epidermide per rigenerare, rimodellare i profili ed infondere nuova giovinezza, fascino e femminilità. Alla base di tutte le

formule il Concentrato Magnolia Intenso che, estratto dai fiori della Magnolia Sieboldii, agisce diminuendo del 77% la produzione dei recettori messi a disposizione degli androgeni riattivando di conseguenza l’azione degli estrogeni riequilibrando così la pelle e restituendole radiosità, sostegno e nutrimento. Tre i preparati: Trattamento Giorno Azione Profonda Ip. 10, che riattiva le funzioni fondamentali della cute; Trattamento Notte Azione Profonda, balsamo sensoriale arricchito di elementi nutritivi e di gelsomino notturno per ottimizzare durante il sonno i processi di riparazione e rigenerazione; e Siero-Olio Azione Profonda, particolarmente concentrato e da applicare con un massaggio facciale specifico, la cui texture dopo un primo effetto dissetante, da leggera si fa avvolgente e ricca per un lento assorbimento che consente appunto la manualità ad hoc studiata da Guerlain ed articolata in 4 fasi (muscoli, rafforzamento, rimodellante, consolidamento). 

i “splendid”

TIN

N°7 SETTEMBRE 2009

Apertura Bellezza.indd OK.indd 125

| DailyLuxury | 125

8-09-2009 10:54:55


Bellezza OK

8-09-2009

10:24

Pagina 126 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

Shiseido INNOVAZIONE COSMETICA hiseido firma Future Solution LX, un trattamento che mette al servizio della bellezza della pelle le tecnologie più innovative. Primo tra tutte lo Skingenecell 1P, un attivo in grado di inibire la produzione di Serpin b3, un fattore nocivo scoperto negli strati cutanei che compromette la funzione barriera facendo sì che le cellule morte si accumulino sulla superficie cutanea causando secchezza e ruvidità. Lo Skingenecell 1P favorisce la cheratinizzazione completa, ripristina l’idratazione, dona sericità alla pelle ed attenua i segni causati da fattori ambientali e stress.Accanto poi: Premium Uji Green Tea, anti-ossidante e capace di contrastare i danni causati dai raggi Uv; Super Yeast Extract, estratto di lievito che favorisce la produzione di collagene ed acido ialuronico, Super Bio-Hyluronic Acid, che trattiene l’idratazione; estratto di Star Fruit, che previene la scomposizione del collagene; estratto di Okra, che favorisce la sintesi del collagene IV e VII; estratto di Ononis, che migliora la sintesi di Laminina 5, componente chiave della membrana basale; estratto di radice di angelica, che ottimizza la microcircolazione; estratto di Sophora, antibatterico; ed estratto di Rosa Canina, idratante. Quattro i prodotti: Extra Rich Cleansing Foam, detergente schiumogeno; Concentrated Balancing Softner, lozione addolcente dalla delicata azione esfoliante; Daytime Protective Cream e Total Regenerating Cream, rispettivamente crema da giorno e da notte che idratano e contrastano i segni d’invecchiamento.

S Guerlain NUOVE ORCHIDEE a linea Orchidée Imperiale di Guerlain si amplia con due nuovi soin ispirati ai rituali di bellezza delle Spa della Maison.Alla base della loro efficacia, ancora l’Estratto Molecolare d’Orchidea, dall’azione anti-età globale poiché preserva il funzionamento delle cellule e ne aumenta il potenziale di rigenerazione; protegge il Dna; stimola un “gene di longevità”; combatte gli effetti dell’immunosenescenza cutanea; e neutralizza la tirosinasi, causa del colorito spento e delle macchie scure.Accanto, attivi mirati a seconda della formula. La Masque vi associa elementi rivitalizzanti ed energizzanti: ribosio, che stimola la respirazione cellulare e la produzione rapida di energia; un polisaccaride naturale che drena i tessuti, migliora la microcircolazione e lenisce le irritazioni; un estratto di proteine di soia; ed un film tensore vegetale per stimolare i fibroblasti responsabili della tonicità del derma e garantire un effetto lifting. La Crème Cou et Décolleté, vi abbina attivi anti-rilassamento e schiarenti: estratto di Geranium Robertianum, che inibisce l’enzima responsabile del degrado delle fibre collagene I e IV; estratto di proteina di soia che stimola i miofibroblasti; un film tensore vegetale, che distende la pelle; ed un’associazione di estratti di liquirizia ed alga, che regola la pigmentazione.

L

126 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

Armani COME SETA a Giorgio Armani, Lasting Silk UV Foundation, fondotinta ad effetto seta che offre una piacevole freschezza ed una copertura luminosa e semi-matt a lunga tenuta. La sua formula, con Spf 20 e disponibile in otto nuances, creata espressamente per vestire l’incarnato con un velo uniforme lieve come seta, si avvale di un procedimento speciale di frammentazione Microfil™ ad alta tecnologia che associa essenza acquea (presente in una concentrazione del 50%) per un’applicazione facile e sensoriale ed una sensazione fresca e leggera sulla pelle; una fibra di seta fluida per un’aderenza ottimale, un finish vellutato ed una tenuta duratura; particelle micronizzate ad effetto ottico soft focus che diffondono la luce per levigare e donare trasparenza ed éclat al volto; micropolvere opacizzante, per un make-up matt e radioso; e micropigmenti fluidi luminosi per un colore duraturo e vibrante.

D


Bellezza OK

8-09-2009

10:24

Pagina 127 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

Gucci “BAIN” FLOREALE n cuore di rosa ed osmanto annunciato da guizzi di agrumi e peonia e soffuso da un sillage sandalo e patchouly. Così è Flora by Gucci, la più recente Eau de Toilette della griffe, una sapiente alchimia di leggerezza e sensualità che oggi pervade anche una raffinata collezione per la mise en beauté quotidiana, pensata per offrire alla donna il piacere di indossare il suo jus preferito anche a fior di pelle. Tre le specialità, vestite da un pack che riprende i codici di quello della fragranza, l’inconfondibile motivo Flora in bianco e nero, moderna reintepretazione della stampa creata da Gucci per un foulard disegnato per la Principessa Grace di Monaco: Gel Doccia, che illanguidisce in una soffice mousse che deterge senza inaridire, Body Lotion, che idrata e dona sericità all’epidermide profumandola delicatamente, e Deodorante Spray, che assicura freschezza e comfort.

U

Kanebo BELLEZZA AL COLLAGENE a Kanebo, Sensai Cellular Performance Wrinkle Repair Series, un nuovo trattamento che contrasta l’invecchiamento ottimizzando il contenuto di collagene dell’epidermide.Alla base della sua efficacia, l’esclusivo Moon Peach Leaf Extract, un attivo estratto da una piante originariE delle isole di Okinawa che favorisce la proliferazione dei fibroblasti (aumentandone il numero fino all’80%), centro di produzione di collagene nel derma, e incrementa la sintesi del collagene sempre da parte dei fibroblasti (+50%).Ad esso si associa il CPX Vital Extract, mix di cinque elementi naturali che non solo regola le funzioni cellulari fondamentali della pelle (migliora idratazione, tono e luminosità e previene rughe e segni del tempo), ma accelera il processo di scomposizione del collagene aumentando del 300% la sintesi della collagenasi, un enzima che frammenta il collagene facendosi che si distrugga prima che invecchi e si indurisca lasciando spazio ad un continuo ricambio ed a collagene nuovo. Ulteriore plus, gli ingredienti comuni alle linee Sensai (estratto di Shilan e di Seta Koishimaru) che ottimizzano il processo di rinnovamento cutaneo migliorando il potere idratante.Tre i prodotti. Wrinkle Repair Essence, siero vellutato da applicare prima della crema;Wrinkle Repair Cream, crema da utilizzare mattino e sera; e Wrinkle Repair Eye Cream, specifica per il contorno occhi.

D

Dior JUS ASSOLUTO mante dell’avventura l’uomo Fahrenheit intraprende un nuovo viaggio ai confini del mondo, nel cuore di una natura selvaggia ed incandescente capace di imporsi maestosa ed indomita. Ad accompagnarlo, il suo nuovo profumo, Fahrenheit Absolute, che, fedele allo spirito del suo predecessore, di cui conserva le inconfondibili note di violetta e di cuoio, scopre un’intensità inedita ed ancor più virile, accogliendo sentori caldi, ricchi e vibranti di legni rari e di resine. Frutto della maestria di François Demachy, parfumeur-créateur della Maison, il suo jus, misterioso ed ardente, racchiuso in uno scrigno che riprende il design di quello “classico” ma scolpito nel cristallo infuocato, sfumato dal rosso al nero, si schiude con i sentori della mirra, balsamici ed aromatici, per poi affermarsi con un cuore dominato dall’incenso, e sfumare in un’eco di legno di Oud.

A

N°7 SETTEMBRE 2009

| DailyLuxury | 127


Bellezza OK

8-09-2009

10:24

Pagina 128 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

Kenzo MORBIDA DOLCEZZA a collezione di soin e benessere KenzoKi arricchisce la sua gamma Sensuel al vapore di riso, specifica per soddisfare le esigenze dell’epidermide da normale a secca, con una nuova “coccola” che permette di regalarsi piacevoli momenti di benessere e relax. Debutta infatti Masque Guimauve, maschera dolcissima, soffice ed invitante come un goloso marshmallow, la cui formula, da applicare sul volto deterso lasciandola agire per una decina di minuti e rimuovendola poi risciacquandola o con un batuffolo di ovatta, regala morbidezza e sericità all’incarnato avvalendosi di burro di cacao, che nutre in profondità e ripara; olio di camelina, idratante e lenitivo; e burro di cotone, rigenerante e nutriente.

L Guerlain LUCE DORATA uerlain pensa alle pelli spente dallo stress e dalla stanchezza e crea Parure Gold, una nuova generazione di fondotinta che avvolgono il volto con un’aura dorata ad effetto giovinezza. Star delle formule, i Pigmenti Luminosità Dorata la cui struttura presenta due sfaccettature contrastanti per una doppia performance: il lato opaco, mirato alle zone d’ombra ed alle imperfezioni, illumina ed attenua rughe, rossori e irregolarità di pigmentazione; il lato oro, riflette la luce e dona un colorito sano e radioso. Accanto poi, il Complesso Prezioso Effetto Giovinezza, che si avvale delle virtù rigeneranti e rivitalizzanti della mirra per offrire una sferzata di vitalità, morbidezza ed elasticità alla pelle. Tre i prodotti: Fond de Teint Lumière d’Or Rajeunissante, fluido, dalla texture evanescente ed estensibile per creare un film senza spessore e disponibile in 6 nuances riscaldate da pigmenti oro e rosa; Teint Poudre Lumière d’Or Rajeunissante, compatto, connubio di fluido e poudre, che allea comfort e tenuta, anch’esso in 6 toni; e Precious Light Enlumineur Rajeunissant, “pennello” illuminatore che agisce come una bacchetta magica per ravvivare l’éclat in qualsiasi momento della giornata.

G

Lancôme LABBRA SMOKY Absolu Rouge, il rossetto icona di Lancôme dalla texture ad effetto satin, dalle cromie ricche e luminose e dalla formula impreziosita da Pro-Xylane™, molecola innovativa che rende le labbra morbide e levigate, rimpolpandole, amplia il suo universo con Smoky Roses, una collezione in edizione limitata in sei sfumature di rosa dai delicati accenti fumé che spaziano dal rosso rubino ai toni beige e rosa cipria. Perfetto complemento, le due nuove nuances della matita Contour Pro, un rosso intenso ed un beige poudré (Rouge Ebène e Beige Rosé), ed il “duo” di smalti Le Vernis coordinato, declinato in Rouge Ebène e Décadent Burgundy, rosso infuocato e vinaccia vibrante.

L’

128 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009


daily_20x24_3SETTEMBRE.pdf

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

3-09-2009

12:13:09


Bellezza OK

8-09-2009

10:27

Pagina 130 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

YSL 14 ORE DI PERFEZIONE a Yves Saint Laurent, Teint Resist, un fondotinta no trasfert che assicura un make-up impeccabile e radioso per ben 14 ore e senza ritocchi. Emulsione setosa che si fonde con la pelle, deve le sue virtù ad una base di silicone ricca di agenti volatili che, evaporando a contatto con il viso, lo vestono con un velo di colore impalpabile. I pigmenti poi, sono avvolti da un rivestimento protettivo che ne tutela l’integrità in qualsiasi condizione climatica; un polimero filmogeno fissa il colore a lungo; e microspugne di nylon dall’effetto assorbente regolano gli eccessi di sebo offrendo un finish mat e satinato. Ulteriore plus, la texture, morbida, modulabile formata da un reticolo di maglie d’argilla per aderire come una seconda pelle e da micropolveri sferiche che rendono il tocco vellutato e l’applicazione piacevole. Otto le nuances disponibili per adattarsi ad ogni incarnato.

D

Dior VIRILE RESTYLING ra il 1966 quando Dior presentava Eau Sauvage, un jus virile, oggi autentico classico intramontabile della profumeria maschile, i cui sentori personalizzavano anche una linea completa per la cura ed il benessere quotidiani dell’uomo. Oggi, la Maison, per la prima volta, rinnova la gamma, vestendola con un nuovo look ed attualizzandone le formule per un’efficacia ancor più performante. Alla base di tutti i prodotti, gli Aha di limone, ricavati dall’olio essenziale di limone (una nota olfattiva tra le protagoniste del bouquet), noti per favorire l’idratazione dell’epidermide, contribuire al rinnovamento dello strato corneo ed affinare la grana cutanea grazie al loro potere esfoliante. Completa, ma semplice, funzionale e piacevole da utilizzare la linea. Per la rasatura infatti, propone: Balsamo Pre/Dopo Barba, con micropatch vegetale ed estratto di aveva, per idratare e contrastare il rilassamento e l’invecchiamento cutaneo; Schiuma da Barba, Crema da Barba, Lozione Dopobarba e Balsamo Dopobarba con micropatch vegetale, umettante, e acqua d’Ajonc, lenitiva. Per il bagno, invece: Gel Doccia, Sapone e Deodorante.

E

La Prairie FORMULA “GOLD” a Radiance Collection de La Prairie si amplia con Cellular Treatment Gold Illusion Line Filler, un soin che perfeziona la pelle e dona radiosità contrastando l’invecchiamento. Duplice infatti, la sua performance. Per illuminare e levigare l’incarnato accoglie sfere di collagene marino ad effetto di riempimento che, gonfiandosi a contatto con l’acqua dei tessuti, assicurano idratazione a lunga durata e colmano linee e segni d’espressione; un attivo seta e oro, che idrata e combatte i radicali liberi; ed acido ursolico incapsulato, che attenua le rughe agendo sulla rete di collagene e dona elasticità. Per un’efficace azione soin, invece, accoglie un film di acido ialuronico, idratante, vitamina E, umettante ed anti-ossidante, bisabololo, lenitivo ed emolliente ed il Complesso Cellulare Esclusivo della Casa che stimola il naturale processo di rinnovamento cutaneo, idrata, energizza e nutre.

L


Bellezza OK

8-09-2009

10:27

Pagina 131 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

Miyake ORA È FLUIDE orte del successo de La Crème de l’Eau by Issey Miyake, trattamento anti-età globale che agisce sui sette principali segni dell’invecchiamento, la griffe ne declina l’efficacia in una versione più lieve, perfetta per le pelli normali e miste e in climi caldi e umidi. Debutta infatti, Le Fluide de L’Eau by Issey Miyake, fluido setoso che vede in primo piano ancora l’Acqua di Kirishima, (presente in una concentrazione del 66%), dal potere rigenerante e capace di creare l’ambiente ottimale alla vita cellulare grazie alla sua ricchezza in minerali, e i tre attivi trattanti ad essa affini: estratto di mirto, che favorisce la sintesi delle proteine capaci di attivare la sintesi dei “geni della longevità” delle cellule; microproteine che incrementano la produzione delle fibre di collagene ridensificando il derma; e carnosina, protettiva ed antiossidante. Ulteriori plus, la texture, morbida e d’immediato assorbimento per un comfort assoluto ed un utilizzo rapido e piacevole; il profumo, ispirato alle note rinfrescanti e riconfortanti dell’Onsen di Kirishima; ed il pack, un pratico ed essenziale dispenser.

F Chanel BIJOU NOMADE edicato alla donna di carattere, determinata, audace, che si afferma con un pizzico di insolenza ed espressione olfattiva della sua sensualità luminosa, Coco Mademoselle di Chanel, si propone in una nuova versione-gioiello. Fresco ed orientale, caratterizzato da un bouquet vibrante dal cuore di assoluto di rosa di Maggio, gelsomino d’Oriente ed iris di Provenza, soffusi da un sillage di patchouly d’Indonesia, vetyver di Haiti, vaniglia bourbon e muschio bianco, il Parfum racchiude le sue note in un prezioso vaporizzatore da borsetta. Ideale da portare sempre con sé per non rinunciare mai alla fragranza preferita in qualsiasi istante della giornata, dall’abito candido illuminato da guizzi d’oro lucente e firmato dalla doppia “C” intrecciata della Maison, si rivela un autentico accessorio di lusso, dal design moderno ed ultra femminile, ideale per suggellare la gestualità più raffinata e chic.

D

Lancôme SGUARDO GIOVANE rutto di 10 anni di ricerche ed oggetto di 7 brevetti depositati, Génifique Attivatore di Giovinezza di Lancôme non è più solo. Frutto delle più recenti scoperte della genomica e della proteomica, che hanno dimostrato come con il tempo l’attività dei geni rallenta e la pelle di reagisce meno efficacemente alle aggressioni ed hanno permesso di identificare le proteine caratteristiche di una cute giovane, la sua formula, la prima nel mondo dello skincare a rilanciare la produzione delle proteine presenti nell’epidermide ancora nell’età “verde” per assicurare compattezza, sericità e luminosità al volto, si declina oggi anche nella versione Concentrato Occhi. Specifico per lo sguardo e dalla texture lieve e rinfrescante, accoglie gli stessi attivi del suo predecessore più un estratto unico capace di favorire la microcircolazione attenuando così borse, gonfiori e segni dello stress e della stanchezza. Applicato quotidianamente, in soli 7 giorni attenua i segni e leviga la zona perioculare offrendole nuova freschezza e dopo 28, riduce visibilmente borse ed occhiaie.

F

N°7 SETTEMBRE 2009

| DailyLuxury | 131


Bellezza OK

8-09-2009

10:28

Pagina 132 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

Ultima II

Clinique

CORPO “EXTRAORDINAIRE”

SOLO PER I SUOI OCCHI

edicato alla silhouette, Extraordinaire Diamond Anti-Aging Body Cream di Ultima II, soin hi-tech che combatte efficacemente le conseguenze dell’invecchiamento frutto di fattori biologici e ambientali assicurando idratazione, vitalità, morbidezza e tonicità ai tessuti. La sua formula si avvale di Diamond Complex, potente energetico derivato dal plancton marino; Beauty Boost, complesso ristrutturante a base di estratti vegetali e lievito, più un mix di attivi dall’attività rassodante ed anti-età. Duplice la sua azione: in superficie, assicura un effetto lifting istantaneo, nutre, ammorbidisce ed idrata; in profondità, riattiva il metabolismo ed il rinnovamento cellulare, ottimizza la sintesi delle fibre di collagene ed elastina e rafforza le difese dell’epidermide nei confronti delle aggressioni esterne.

otti troppo brevi, giorni troppo lunghi ed il tempo che passa tolgono freschezza e giovinezza anche allo sguardo di lui, che, a partire dai 30 anni, rivela rughette, perdita di elasticità e segni di stress e fatica. Da sempre sensibile alle esigenze dell’uomo attento alla cura di sé, Clinique presenta Skin Supplies for Men Age Defense for Eyes, un trattamento mirato per il contorno occhi ricco di attivi anti-età. La sua formula, idrata in profondità, attenua borse, occhiaie e gonfiori, migliora il tono e la compattezza dei tessuti, rafforza la barriera cutanea, protegge e lenisce attenuando visibilmente rughe e linee d’espressione avvalendosi di proteina del siero del latte™ e Palmitoyl Oligopeptide, che stimolano la sintesi del collagene; fitosfingosine, anti-irritante; ialuronato di sodio, umettante; vitamine C ed E, antiossidanti; ed acido linoleico e colesterolo, idratanti e riparatori.

D

N

Ferragamo FASCINO NOTTURNO opo aver accompagnato la donna dal fascino irresistibile durante il giorno, F for Fascinating di Salvatore Ferragamo cattura la sensualità e la magia della notte diventando… Night. Racchiuso nell’iconico scrigno che rievoca le scarpe della griffe ma caratterizzato da accenti nero profondo e rosa intenso, il suo bouquet floreale, legnoso e cipriato, è il complice perfetto della donna intrigante, sofisticata, dalla personalità carismatica, audace ed un po’ impertinente. A siglarne il debutto, guizzi inebrianti e briosi di sorbetto al mandarino e pepe rosa che ricamano un cuore voluttuoso e raffinato che allea gelsomino sambac e rosa ed un sillage avvolgente che illanguidisce a fior di pelle in un susseguirsi di patchouly, ambra e muschio bianco.

D


Bellezza OK

8-09-2009

10:31

Pagina 134 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

Piaubert DUO VOLTO PERFETTO ancella in un solo gesto, semplice, rapido e dall’efficacia immediata e duratura i nemici dell’incarnato perfetto ed i segni dello stress e del tempo che passa, Basic Instant di Méthode Jeanne Piaubert. Due i soins, dedicati ad altrettante esigenze. Base Teint Parfait Visage, base intensiva, illumina e leviga istantaneamente l’epidermide avvalendosi di un pool di attivi antiimperfezioni. Infatti, libera, restringe e minimizza la visibilità dei pori (sale di zinco, estratti di bambù e di rosa multiflora); dona luminosità con un’azione anti-rossori e lenitiva e catturando la luce (alfa-bisabololo, allantoina, estratto di seta, micro-perle); ed assicura idratazione e comfort associati ad un effetto tensore (acido ialuronico, estratto di avena). Duo Anti-Rides Ciblées Visage, invece, è un doppio trattamento anti-rughe declinato in un siero ed un riempitivo. Il primo, formulato in 4D, dall’attività a lunga durata, leviga in superficie (estratto di avena, acido ialuronico, collagene, che distendono ed idratano); dall’interno (peptide Vinci®, che migliora la coesione dermo-epidermica); ed in profondità (attivo glicoprotettore, centella asiatica, che combattono le rughe e aumentano la sintesi del collagene), riempiendo le linee grazie a sfere di acido ialuronico e collagene. Il secondo, per effetto ottico, avvalendosi di silicone, attenua istantaneamente rughe e segni d’espressione e stanchezza.

C

Biotherm RISVEGLIO ENERGIZZANTE a linea High Recharge di Biotherm Homme, vero programma anti-fatica creato per ricaricare di energia l’epidermide maschile, si completa con Energy Cleanser, un detergente specifico per ottimizzare fin dal primo gesto del mattino il processo di recupero naturale della pelle ed attenuare i segni del surmenage e dello stress. La sua formula si avvale infatti di oligo-vitamine e ginseng, che apportano un plus di vitalità, di agenti detergenti, per rimuovere in profondità impurità e cellule morte, e di estratto puro di plancton termale, che lenisce e rigenera la cute rendendola più fresca, riposata e luminosa, pronta ad affrontare al meglio la rasatura. Ma non solo. Grazie alla tecnologia “ad alta pressione”, la sua texture in gel si trasforma in una schiuma densa e vellutata dal profumo stimolante che offre fin dal primo istante una sensazione rivitalizzante ed energizzante.

L

134 | DailyLuxury |

Revlon DETERSIONE IMPECCABILE ormule professionali, capaci di rimuovere ogni impurità e qualsiasi tipo di make-up, anche antitraccia, a lunga tenuta e waterproof, rispettando l’epidermide, offrendole il primo gesto di trattamento e preparandola a ricevere al meglio i successivi soin per la linea di detergenti e struccanti ColorAway™ di Revlon. Tre i prodotti, testati contro le allergie, dermatologicamente ed oftalmogicamente per essere tollerati anche delle pelli e dagli occhi più sensibili e delicati, tutti impreziositi da vitamine B, C ed E e da estratti vegetali di hamamelis virginiana ed aloe, per idratare, rinfrescare e donare luminosità, cui si affiancano attivi ad hoc. Per un démaquillage impeccabile, Expert Cleansing Milk, latte vellutato con olio di mandorle dolci; per rifinire la detersione, restringere i pori e ravvivare il colorito, Expert Lotion, tonico purificante e stimolante; e specifico per occhi e labbra, Eye & Lip Expert Makeup Remover, struccante bifasico.

F

N°7 SETTEMBRE 2009


Bellezza OK

8-09-2009

10:31

Pagina 135 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

Dsquared2

Atkinsons

FORESTA DI VELLUTO

BENESSERE ALLA ROSA

ature Always Wins”, la collezione fragrante di Dsquared2 che celebra la natura più autentica ed il legno nei suoi ambienti più spettacolari si arricchisce di un nuovo capitolo al femminile. Debutta infatti She Wood Velvet Forest Wood, che cattura la magia delle foreste canadesi dove il legno si allea con i muschi e diventa quasi…velluto. Racchiuso nell’inconfonbile scrigno-icona della griffe, il suo bouquet, verde, fiorito e boisé, si sviluppa attorno a tre accordi olfattivi: Velvet Notes, dalla tattile femminilità, mélange di foglie e legno di violetta e musk; Forest Notes, l’aspetto fresco e originario, armonia di foglie verdi, aghi di pino e galbano; e Wood Notes, espressione di sensualità, mix di patchouly, vetyver ed ambra vegetale.

I

“N

Collistar LABBRA DESIGN n “grattacielo” avveniristico posato su un parallelepipedo rosa shocking, frutto del talento di un’équipe di progettisti e designers per pack, ed una tecnologia davvero innovativa associata a preziosi attivi trattanti per formula. Ecco, in sintesi, il Rossetto Design di Collistar. A caratterizzarlo, innanzitutto, una texture che scivola sulle labbra vestendole con un velo ultra-sottile ma duraturo e dalla perfetta aderenza, frutto di un particolare sistema di gelificazione che permette di ottenere un film lieve ma intenso ed estremamente confortevole ottimizzandone così la resa cosmetica. Ma non solo, ne incrementa anche la valenza trattante potenziando l’effetto-barriera del finish che contrasta così la disidratazione delle labbra. Accanto poi, un pool di attivi: vitamine A, C ed E, oli elasticizzanti ed un complesso lipidico dalle virtù ristrutturanti, idratanti e rigeneranti. Dodici le cromie disponibili, declinate in quattro famiglie: i vivaci, i classici, i naturali ed i rossi.

U

spirata alla natura di cui racchiude le benefiche virtù per la bellezza ed il benessere dell’epidermide, la collezione English Garden di Atkinsons, dedicata alla mise en beauté del corpo, si completa con la linea Morning Rose. Alla base della sua efficacia, ancora l’acqua vegetale, attivo comune a tutta la gamma, costituente naturale delle piante ricco di oligoelementi, sali minerali ed oli essenziali, bio-affine alla struttura epidermica e dalla spiccata azione trattante. Nella nuova serie, tutte le formule si avvalgono di acqua vegetale di rosa centifolia, nota per le sue proprietà rigeneranti. Quattro i prodotti: Bagno Doccia Rigenerante, che assicura una detersione impeccabile nel rispetto dell’equilibrio cutaneo; Doccia Mousse Rigenerante, schiuma soffice che, da applicare direttamente sulla silhouette, deterge in tutta delicatezza; Crema Corpo Rigenerante, con attivi energizzanti ed idratanti per offrire sericità e comfort e dall’inebriante profumo per cingere in un’aura fragrante; e Acqua Profumata per il Corpo, rugiada inebriante da utilizzare in ogni istante per regalarsi un soffio di freschezza e benessere.


Bellezza OK

8-09-2009

10:31

Pagina 136 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

nteprima bellezza

Clarins ADDIO RUGHE PRECOCI edicata alle trentenni alle prese con le prime rughe, la linea antietà Multi-Active di Clarins si rinnova. Multi-Active Jour, soin levigante rughe precoci, si arricchisce di due attivi: l’estratto di Ambiaty, che migliora la coesione cutanea, offre tonicità e attenua i segni stimolando la sintesi del collagene IV e delle laminine V, proteggendo le fibre collagene e stimolando la produzione di glicosaminoglicani; ed esperidina veicolata da Multi-Lamellins® (per un rilascio progressivo per tutto il giorno), che inibisce la formazione di radicali liberi, protegge le cellule del derma dall’ossidazione e quelle dell’epidermide dall’infiammazione causata dai raggi Uv. Accanto, estratto di corteccia di Katafray, che rafforza la funzione barriera ed idrata; estratto di Quinoa biologico, nutriente, Complesso Clarins Expertise 3P, anti-inquinameto, e pigmenti riflettori di luce. Tre le versioni disponibili: per tutte le pelli, per quelle secche e per quelle da normali a miste. Nuovo anche Sérum Peau Neuve, siero anti-age e autoesfoliante che dona éclat e giovinezza al volto. La sua formula accoglie fitosfingosina,che stimola il rinnovamento cellulare, rinforza la struttura barriera, migliora l’ancoraggio dell’epidermide al derma, tutela il collagene assicurando sostegno e miniizzando le rughe; ed estratto di fiore del Nopal che attiva il processo di desquamazione e, associato a papaina, Aha di limone biologico e estratto di Cangzhu, rimuove cellule morte ed impurità e promuove la formazione dei cheratinociti in nuove cellule dello strato corneo.

D Gaultier PERFEZIONE ONE SHOT reata per l’uomo dinamico, elegante, cittadino, seducente, ecologista, capace di dimostrare il suo essere un… signore anche nei gesti quotidiani e nei riti dedicati alla cura di sé, la collezione Monsieur di Jean Paul Gaultier, si arricchisce solo per la stagione autunnale con una nuova specialità. Proposta in edizione limitata debutta infatti la Concealer Pen, un innovativo correttore che in un solo gesto ed in tutta rapidità ed efficacia cancella dal volto imperfezioni e segni di fatica e stanchezza. Racchiusa in un discreto ed essenziale pack “a penna”, ideale da far scivolare nel beauty, nella 24 ore o nel taschino della giacca, la sua formula si avvale di un’associazione di pigmenti auto-adattatori e di riflettori di luce che la rendono ideale per tutti gli incarnati e che le permettono replicando la tonalità della cute e catturando e diffondendo la luce, di dissimulare macchie pigmentarie, discromie, brufoli, occhiaie e piccoli inestetismi.

C

Dsquared2 SEMPRE CON LUI edicato a lui, che non vuole mai separarsi dal jus preferito, Dsquared2 He Wood Rollon Perfume Oil, ovvero il primo bouquet virile della griffe declinato in un’innovativa formulazione in olio e racchiuso in un pratico e funzionale flacone roll-on da 7 ml ideale da agganciare alla cintura o allo zaino grazie alla raffinata custodia che lo trasforma in un accessorio dal lusso virile e dalla raffinata essenzialità, oppure da far scivolare nella sacca del week end o della palestra. Immutato il profumo, legnoso e vetyver, giocato sull’armonia di tre accordi olfattivi: Aria (abete bianco, ambra vegetale, musk), sferzata inebriante di purezza e sensualità; Acqua (foglie e fiori di violetta, accordo trasparente-acquatico), cascata di freschezza edinamicità; e Legno (vetyver, legno di cedro), presenza intensa e di carattere.

D

136 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009


NR_DailyLuxory_200x240.pdf

21-07-2009

12:57:42


Bellezza OK

8-09-2009

10:34

Pagina 138 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

Atkinsons

Max Factor

TOILETTE “LIQUIDA”

MAKE-UP ALLA RIBALTA

universo di cura e benessere quotidiani di Atkinsons si amplia con Fine Liquid Soap, un sapone liquido dalla texture cremosa e vellutata, perfetto per detergere in tutta delicatezza il corpo e le mani. Alla base della sua formula infatti, un detergente di derivazione vegetale estratto dall’olio d’oliva, che rimuove ogni traccia d’impurità nel rispetto dell’equilibrio idrolipidico cutaneo, ed oli essenziali naturali. Quattro le profumazioni disponibili, racchiuse in un pratico e funzionale flacone dispenser: Lavanda e Rosmarino, un accordo fresco e vitale dai sentori aromatici e fougère; Cedro e Lemongrass, un jus agrumato e brioso ispirato alla tradizione delle colonie di un tempo; Gelsomino e Mughetto, un bouquet femminile e seducente di fiori bianchi; e Rosa e Patchouly, un aroma raffinato e di classe per la donna che ama i sentori classici.

uplice novità di make-up per Max Factor. Dedicato al volto, Second Skin, un innovativo fondotinta che assicura un finish assolutamente naturale ad effetto seconda pelle. La sua formula si avvale infatti della Second Skin Tecnology, una tecnologia che agisce su due livelli: pigmenti multitono si sincronizzano con l’epidermide minimizzandone le imperfezioni, riflettono la poli-cromaticità cutanea naturale e garantiscono un colore del tutto simile a quello reale; la composizione dermo-affine poi, che contiene una percentuale d’acqua pari a quella dei tessuti, offre un risultato uniforme, levigato e senza accumuli. Perfetti per valorizzare lo sguardo, invece, Masterpiece Color Precision Eyeshadow, ombretti in crema a lunga tenuta realizzati in una palette di cromie delicate ma luminose, facili da utilizzare, dalla texture modulabile per un effetto personalizzato e perfettamente sfumabili grazie anche allo speciale applicatore ad alta precisione.

L’

Biotherm IDRATAZIONE TRASPARENTE emono che lasci la pelle lucida, che sia grasso o che si riveli appiccicoso al tatto. Ecco perché 8 uomini su 10 dopo la rasatura non utilizzano nessun prodotto idratante. Si sbagliano. Biotherm Homme ha infatti creato Aquapower Absolute Gel, una formula assolutamente “invisibile” la cui efficacia è immediata ed evidente. La sua texture innanzitutto, estremamente fresca e piacevole da applicare, risulta trasparente poiché è stata ottimizzata e ridotta la percentuale di sostanze grasse che compongono abitualmente i gel. La sua formulazione poi, idrata in profondità senza lasciare traccia d’untuosità o lucentezza sul volto avvalendosi di attivi umettanti ed oligominerali che leniscono irritazioni e rossori, idratano per ben 24 ore e rendono ogni giorno più forte la pelle nei confronti delle aggressioni ambientali.

T

138 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

D


Bellezza OK

8-09-2009

10:34

Pagina 139 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

L’Oréal Paris DURATA E VOLUME tessa garanzia di tenuta duratura (sei ore!) e stessa lucentezza del suo predecessore ma con in più nuove performances esclusive. È Glam Shine 6H Volumizer de l’Oréal Paris, lucidalabbra scintillante ad effetto volumizzante. La sua formula infatti, si avvale di una tecnologia esclusiva che associa attivi ad effetto volume (mentolo e polioli) che incrementano il turgore della mucosa labiale rendendo la bocca subito più piena e carnosa, e della tecnologia Shine Fix™ che crea un film glossy, flessibile e resistente che rimane impeccabile per ore senza richiedere ritocchi ed assicurando anche un colore più intenso e vibrante. Ulteriore plus, l’applicatore Extra-Volume, a cuore e dotato di un foro più grande e di una superficie più liscia, per prelevare una maggiore quantità di texture e consentirne l’applicazione ottimale, uniforme e precisa. Otto le nuances disponibili, dai rosa, ai bruni fino ai rossi ed ai prugna.

S

Milton SE È OVER 50 a Patricia Miltom Life Source Evolution, trattamento specifico per pelli mature, over 50, che contrasta l’invecchiamento agendo sui segni dovuti all’età ed al deficit ormonale. Due i soins, da utilizzare in sinergia. Lift-Up, è una crema da giorno ad effetto ricompattante e di lifting, basata sull’Antarcticina, una glicoproteina ottenuta da un batterio che vive nei ghiacci dell’Antartico che previene l’aridità, protegge, migliora la bioadesione dei fibroblasti e la crescita dei cheratinociti ed incrementa la sintesi del collagene I e IV e dell’elastina offrendo un risultato rigenerante, riducendo rughe e linee d’espressione, ridefinendo l’ovale del volto e riposizionandone i volumi, grazie anche ad attivi complementari leviganti e ristrutturanti. H2O Rich, invece, formula giorno-notte, ripristina l’ottimale tasso d’umidità della pelle in superficie e migliora il processo di auto-idratazione in profondità avvalendosi di un cocktail vegetale, del complesso botanico Stimutex AS, di burro di karitè, Antarcticine, acido ialuronico e saccaride isomerate, che fissano e catturano l’acqua nei tessuti, formano un film che ne impedisce l’evaporazione, creano un effetto barriera con attività bio-protettice, rigenerano la barriera di permeabilità cutanea e proteggono dalle aggressioni ambientali.

D

Chenot ARRIVA IL FLUIDE inea anti-età globale ad azione multi-livello, Genescience di Henri Chenot si completa con un nuovo trattamento: Fluide Visage-Cou, ideale per le pelli normali e miste e ad effetto cute rimpolpata. La sua formula si avvale degli attivi comuni a tutta la gamma più alcuni elementi specifici. Accoglie infatti Botanic Cells, cellule vegetali fresche intere che apportano energia ai tessuti, stimolano la rigenerazione cellulare, rinforzano la giunzione dermoepidermica e migliorano la coesione degli strati cutanei; Actif Excellage, miscela di oli essenziali naturali e puri dall’azione antiossidante; vitamine A ed E, che idratano, rigenerano e neutralizzano i radicali liberi; e Tripeptidi-5, che imitano la produzione di collagene attenuando immediatamente le rughe. Accanto, plantago biologico delle Alpi svizzere e microalga dunaliella salina, per un’attività ridensificante, e biosaccaridi GUM-1 ed acido ialuronico per un’idratazione ottimale e duratura e per offrire elasticità, comfort e morbidezza.

L

N°7 SETTEMBRE 2009

| DailyLuxury | 139


Bellezza OK

8-09-2009

10:35

Pagina 140 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

anteprima bellezza

Lempicka

Innoxa

SOGNI E FELICITÀ

COME IN UNA SPA ermette di avvalersi anche a casa di un trattamento efficace ed esclusivo, degno delle più prestigiose Spa, il Fango Cosmetico che arricchisce la Linea Corpo di Innoxa. Ideale per ogni tipo di epidermide, assicura un’azione immediata ed a lungo termine associando alle benefiche virtù del fango (linfodrenante, levigante, riducente e decontraente), l’attività trattante di un pool di attivi mirati alla cura della silhouette. Fin dalla prima applicazione infatti rende l’epidermide serica e levigata, rassoda e tonifica i tessuti, contrasta l’eccesso di liquidi ed elimina gonfiori e senso di pesantezza, attenua gli inestetismi della cellulite, facilita l’eliminazione delle tossine assicurando freschezza e luminosità alla cute, lenisce, stimola la microcircolazione, normalizza l’equilibrio idrico e favorisce la rigenerazione cellulare contrastando anche l’invecchiamento precoce.

P

Bronnley PER GRANDI E PICCINI più piccoli vorranno collezionarli tutti e farne i compagni dei loro giochi. I grandi, invece, ne apprezzeranno la qualità e l’inebriante profumo. Sono i nuovi saponi a forma di animaletto di Bronnely, realizzati artigianalmente secondo i metodi della tradizione con un processo a tripla lavorazione ed arricchiti da burro di karitè ed olio d’oliva per detergere l’epidermide in tutta delicatezza offrendole morbidezza ed idratazione. Sei i soggetti disponibili, si va da Freddy, rana vanitosa verde germoglio, a Percy, maialino dispettoso rigorosamente pink, fino a Herbie, l’ippopotamo burlone, a Daphne, la papera chiacchierona, passando per Ellie, l’elefante esuberante e Rufu, coniglietto coraggioso, tutti caratterizzati da una delicata fragranza floreale che intreccia note di gelsomino, caprifoglio, rosa, viola, osmanto, foglie verdi e sensuale muschio.

I

140 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

l mio profumo della felicità”. Così Lolita Lempicka definisce la sua nuova fragranza, un bouquet femminile che cattura la forza e la magia dei sogni. Annunciato da una boîte couture stampata a pois e fiori come una mussola lieve, e da uno scrigno in cristallo a forma di quadrifoglio in cui ogni petalo è un cuore scandito da guizzi dorati, firmato dal fermaglio che riproduce il logo, e dal foulard annodato attorno al collo, si rivela un’essenza inedita che interpreta al femminile il temperamento deciso delle spezie. Bacche rosa e accenti agrumati di bergamotto e mandarino ne siglano il debutto, facendo da anfitrioni ad un cuore vibrante dominato dalla freschezza speziata del pisello odoroso valorizzato dal fiore di garofano ed eliotropio, e ad un sillage sensuale e prezioso che intreccia elemi, ambra, patchouly e fava tonka.

“I


Bellezza OK

8-09-2009

10:35

Pagina 141 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

Biopoint SE È PROBLEMATICO nquinamento, styling, sbalzi di temperatura, stress, squilibri nutrizionali, alterano l’equilibrio del cuoio capelluto che reagisce con la comparsa di forfora o l’eccesso di sebo. Consapevole che il benessere e la bellezza dei capelli nascono da un cuoio capelluto sano, Biopoint ha creato la linea Dermocare, specifica per risolverne le più diffuse alterazioni. Se il problema è un’iperattività delle ghiandole sebacee, che si traduce in capelli grassi o misti, perfetti, nel primo caso, Purify Shampoo, dermopurificante, con proteine solforate d’origine vegetale, astringenti e tonificanti, e Purify Balm, balsamo leggerezza con estratto di rosmarino e salvia officinalis, purificanti, rinforzanti e normalizzanti; nel secondo, ReBalance Shampoo, seboregolatore, che allea un agente riequilibrante e vitamina B5 per detergere le radici e ripristinare il film idrolipidco sulle lunghezze. In caso di forfora, invece, ad hoc Normalize Shampoo, con Piroctone Olamine che ne contrasta la comparsa rallentando l’accumulo delle squame ed allevia il prurito.

I

Revlon CORPO PROTAGONISTA orte della sua expertise nella cura quotidiana del corpo, Revlon firma due nuove specialità dedicate ad altrettante esigenze e proposte in un flacone “oversize” da 400 ml per non correre il rischio di rimanerne sprovvisti. Dedicato all’epidermide normale e mista, il Latte Corpo, idratante, restitutivo e rivitalizzante. La sua formula infatti, nutre, contrasta l’aridità e la desquamazione ed offre elasticità e morbidezza avvalendosi di estratti marini d’alga corallina, vitamina E ed estratto di vite. Ideale per le pelli secche o sensibili invece, la Crema Corpo, che rinforza la barriera cutanea, idrata intensamente, nutre in profondità e protegge associando glicerina, olio di mandorle dolci e di jojoba, un polimero zuccherino e vitamina E.

F

Roth NUOVI SOINS linical Skin Care, l’universo del trattamento di Peter Thomas Roth si amplia con nuove specialità. La gamma delle maschere accoglie Pumpkin Enzyme Peel, anti-ossidante ed esfoliante che, con enzimi di zucca e vitamina A, rimuove in tutta delicatezza impurità e cellule morte stimolando il turnover cellulare, ed offre luminosità, idratazione ed elasticità all’epidermide. La linea Un-Wrinkle Collection, invece, si completa con Un-Wrinkle Night, crema notte per pelli normali e secche che grazie ad una miscela di otto potenti peptidi e polipeptidi anti-ageing in attesa di brevetto e a Syn®-Takcs, una megadose di retinolo, acido glicolico, oligoelementi, vitamine ed agenti idratanti, ottimizza il rinnovamento cellulare, ripara i danni causati dalle aggressioni esterne, rivitalizza ed attenua rughe e segni d’espressione.

C

N°7 SETTEMBRE 2009

| DailyLuxury | 141


Bellezza OK

8-09-2009

10:35

Pagina 142 Denni Poletti HD

D 3 N N I:Users:dennipoletti:Desktop:File OK:**Files OK:

B

rima bellezza

Reminiscence NELL’ARIA, SULLA PELLE opo le fragranze, create per trascrivere in essenza il profumo delle note musicali, Reminiscence arricchisce l’universo olfattivo de Les Notes Gourmandes con nuovi gesti quotidiani che permetteranno di ritrovare il bouquet preferito a fior di pelle e nell’aria. Do Re, dal cuore di eliotropio e mandorla soffuso di vaniglia, benjoin e muschio; Mi Fa, gourmand come un marshmallow grazie a sentori fioriti d’arancia e vaniglia; Sol La, esperidato frizzante dagli accenti verdi, golosi e muschiati; e Si Do, boisé e muschiato mix di ambretta, cedro, iris, vaniglia ed effluvi fruttati, declinano infatti il loro jus in tre nuove melodie: Crema Doccia Profumata, che illanguidisce in una soffice mousse per detergere in tutta delicatezza, Crema Corpo Profumata, ricca di oli di albicocca, macadamia e camelia per idratare, nutrire e donare sericità e comfort immediati, e Candela Profumata, perfetta per personalizzare ogni ambiente della casa.

D

Pantene

Möller

SCIENZA E NATURA llea scienza e natura per la bellezza ed il benessere della chioma, la collezione Pantene Pro-V Nature Fusion, le cui formule si avvalgono delle proprietà rigeneranti e curative dell’estratto di cassia. Alla base delle performance degli shampoo infatti, la tecnologia Cassia Complex, una struttura reticolare che si deposita sul capello tutelandolo dai danni dovuti allo sfregamento del pettine e della spazzola rendendolo 10 volte più resistente e protetto. Nei balsami poi, un’altra virtù: la capacità di migliorare la sensazione al tatto della capigliatura riducendo l’effetto crespo. Ulteriore atout, la profumazione Water Garden, anch’essa ispirata alla fragranza naturale della cassia. Due le linee in cui si declina: Massaggio Idratante (Shampoo con calendula, aloe e zenzero per idratare e regalare morbidezza, e Balsamo); e Lisci Vitality (Shampoo con olio di avocado ed estratto di semi d’uva, per un plus di sericità, e Balsamo). Ma non è tutto. Pantene rinnova anche la formula dei suoi balsami (Rigenera & Protegge, Lisci Effetto Seta, Ricci Perfetti, Riflessi di Luce, Linea Classica, Definiti & Scalati, Anti Rottura) con la tecnologia Aquacurrent Technology che favorisce un’idratazione bilanciata del capello, ne migliora la pettinabilità da bagnato, ne incrementa la morbidezza da asciutto e previene l’effetto elettrostatico.

A

142 | DailyLuxury |

N°7 SETTEMBRE 2009

CHIOME LUCENTI l rientro in città, dopo le vacanze, i capelli appaiono spenti, opachi e privi di vitalità? D’obbligo correre ai ripari non lasciandosi sfuggire due formule ad hoc della collezione Beauty Haircare di Marlies Möller. Essential Chrystal Shine Whipped Conditioner, è un balsamo dopo-shampoo che dona éclat e morbidezza alla chioma avvalendosi di pantenolo, bisabololo ed estratti protettivi del cotone che levigano lo stelo del capello, lo rendono docile al pettine e lo riparano dagli effetti dannosi del calore del phon. Essential Crystal Shine Hair Lacquer, invece, è una lacca spray che offre uno styling professionale dalla tenuta duratura, prendendosi cura della capigliatura grazie a vitamina E, filtro Uv e particelle di cristallo che proteggono dagli agenti esterni e dal sole e catturano la luce per una luminosità estrema.

A


d i f a r c o a n n i

d i

g r a n d i

s u c c e s s i

clessidra87.it

3 0

30 anni trascorsi nella logistica non sono pochi, eppure la nostra passione non accenna a spegnersi. Sarà perché siamo partner dei big della farma-cosmesi; sarà perché continuiamo a perfezionare anche i piccoli dettagli; sarà perché il successo ci ispira progetti sempre nuovi; sarà per questi e altri mille motivi. Di certo Difarco sarà sempre al fianco dei suoi clienti e della bellezza di ogni donna. Difarco, 30 anni trascorsi con voi.

d i s t r i b u z i o n e

f a r m a c e u t i c i

e

c o s m e t i c i


b

senz lenz Epo mod corn dov re a tettu ni c verd qua pro pro assi nera

Marina SANTIN

Sette giorni per liberarsi dal vizio del fumo. È quanto promette e… mantiene Arielle, uno dei tanti percorsi cuore dell’Alto Adige, benessere della Beauty Farm dove le aspreNel pareti delle montagne si annullano nella del Belvita Hotel Adria di dolce tranquillità della pianura e dove le alpi si inconMerano, una Spa esclusiva trano con terre dal sapore quasi… mediterraneo creandove avvalersi di trattamenti do insoliti quanto suggestivi scenari, sorge Merano. gioiello per natura (non a caso si è guadae terapie d’eccezione per la Autentico gnata l’appellativo di Città Giardino), tradizioni, arte e salute e la bellezza di corpo cultura, nonché elegante ed esclusiva località vacanziee mente. ra la cui storia risale ai tempi della Principessa Sissi,

N

Il “vizio” del b 144 | DailyLuxury |

Benessere.indd OK 1.indd 144

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 14:14:08


b

benessere

senza dimenticare la sua fama di centro termale d’eccellenza la cui esperienza affonda le sue radici nelle Belle Epoque e oggi risplende in tutta la sua grandezza nelle modernissime terme, la cittadina altoatesina è anche la cornice di sogno del Belvita Hotel Adria e della sua Spa, dove ritrovare benessere, armonia e salute, senza rinunciare al piacere della vacanza e del relax. Dalla raffinata architettura Liberty, senza per questo rinunciare ai più moderni comfort ed alle più avanzate tecnologie, immersa nel verde di un parco secolare, a Maia Alta, la struttura vede quale fiore all’occhiello, accanto ad un’ospitalità unica, proprio la Beauty Farm, che propone una ricca palette di programmi di cura e bellezza offrendo, su richiesta, anche assistenza medica. Ci si potrà infatti concedere pause rigeneranti nell’area che vede protagonista l’acqua, con pisci-

ge,

na coperta con cascate e getti, vasca Kneipp, sauna finlandese, thalasso bagno e aromarium; oppure rilassarsi con massaggi che spaziano dalla tradizione classica occidentale fino all’hot stone, alla riflessologia, al linfodrenaggio ed allo shiatsu; o concedersi il piacere di un rito dal fascino antico, lasciandosi tentare dalle proposte dell’ayurveda; o scegliere di approfittare delle sedute di soin e beauté per viso e corpo che permettono di ritrovare una silhouette ottimale ed un volto giovane e luminoso; o ancora di avvalersi di “percorsi” Medical & Health Wellness che si basano su un approccio globale alla salute che vede la sinergia di balneoterapia, psicologia, fisioterapia, educazione alimentare, attività motoria, osteopatia, ipnoterapia clinica e ossigenoterapia. L’intero panorama di proposte è anche articolato in un’ampia gamma di pacchetti tematici o stagionali da scegliere in base alle esigenze personali, tra cui spicca, la nuovissima settimana Arielle, pensata per chi vuole smettere di fumare e dimagrire. Basteranno infatti solo 7 giorni per liberarsi dalla “schiavitù” del tabacco e del cibo grazie ad un ciclo terapeutico che prevede anamnesi medico-psicoterapeutica, moduli d’ipnoterapia, trattamenti bioenergetici, coaching alimentare, ossigenoterapia, bagni e trattamenti di bellezza e benessere. Ed a perfetto complemento non potevano mancare, per chi ama la vita en plein e lo sport, escursioni, bike, arrampicate, golf, tennis, nordic walking e tantissime altre attivi tà proposte quotidianamente dall’hotel.

ALLA SPA Non solo benessere ed armonia psicofisica, ma anche percorsi Medical & Health Wellness alla Spa del Belvita Hotel Adria.

nella oneanano. adate e zieissi,

BELVITA HOTEL ADRIA Via Gilm 2 39012 Merano Tel. 0473.236610 www.hotel-adria.com info@hotel-adria.com

l benessere Benessere.indd OK 1.indd 145

8-09-2009 14:14:38


design Marina SANTIN

Presentare nuovi scenari per un design sostenibile, capace di influenzare positivamente la società e l’ambiente e di migliorare la qualità di vita. Questo l’obiettivo della Design Week di Copenhagen che, pensando già al futuro, ha anticipato i temi della prossima conferenza sul clima CO15 delle Nazioni Unite che si terrà a dicembre proprio nella capitale danese.

Quando è…

146 | DailyLuxury |

Design danese.indd OK.indd 146

N°7 SETTEMBRE 2009

8-09-2009 11:10:50

C

“ de

vers di s cap divi pere re d ediz man


to

C

“… Copre numerosi aspetti del design, dalla moda agli oggetti passando attra-

verso i nuovi scenari della creazione e dell’interazione di sistemi. Ogni elemento del programma esplora la capacità positiva del design di ispirare aziende ed individui nell’aprire nuove possibilità in un mondo in perenne evoluzione”. Così Christian Scherfig, direttore del Danish Design Centre, ha presentato la prima edizione della Design Week di Copenhagen, la settimana internazionale del design che ha coinvolto

l’intera città in un ricco calendario di appuntamenti, saloni, meeting, conferenze ed eventi. Obiettivo della manifestazione, presentare e discutere idee, conoscenze e creazioni che guardano ad un design innovativo volto ad inaugurare nuove soluzioni perfettamente inserite in un panorama mondiale “in progress”. E questo, attraverso una serie di incontri e di avvenimenti inediti o già noti ai partecipanti ed al pubblico che amplieranno le loro conoscenze offrendo loro visioni ed ispirazioni alternative. ››

sostenibile

N°7 SETTEMBRE 2009

Design danese.indd OK.indd 147

| DailyLuxury | 147

8-09-2009 11:11:24


design

››

Inoltre, consapevoli che il prossimo dicembre si terrà proprio a Copenhagen la conferenza sul clima CO15 delle Nazioni Unite, gli organizzatori della “settimana” hanno scelto quale tema il design sostenibile, mettendo l’accento su complementi ed architetture che influenzano la società attuale ed clima sottolineando la loro capacità di giocare un ruolo significativo nell’affrontare le sfide sociali ed ambientali con cui il mondo è chiamato a confrontarsi. Promossa dal Ministero Danese dell’Economia e del Commercio e sviluppata dal Danish Design Centre in collaborazione con numerose organizzazioni nazionali ed internazionali (Index, Code09, Danish Achitecture Center, Danish Crafts, Copenhagen Furniture Fair), la Design Week ha mostrato un programma davvero ricco, con, protagonisti, eventi davvero esclusivi e di prestigio. Vediamoli: INDEX - Il più importante riconoscimento mondiale del design che premia le creazioni ideate per migliorare la qualità di vita, declinato in una mostra ed in una cerimonia di assegnazione alla presenza delle più importanti personalità del settore. IT’S A SMALL WORLD - Un’esposizione d’eccezione che presenta la tendenza del “nuovo artigianato” nel design, l’artigianato e l’architettura danesi. COPENHAGEN SHOWHOW - Vetrina del design sostenibile che trasmette un messaggio positivo alle imprese, ai creatori ed al grande pubblico. ››

Design danese.indd OK.indd 148

8-09-2009 11:11:42


N째7 SETTEMBRE 2009

Design danese.indd OK.indd 149

| DailyLuxury | 149

8-09-2009 11:12:04


design

›› CO2PENHAGEN - Il primo festival al mondo a Bilancio Carbone neutro (il calcolo finale delle emissioni di gas effetto serra) che si serve del design per sottolineare il potenziale della tecnologia “pulita”. CODE09 - Il salone per addetti ai lavori che espone il meglio del design danese ed internazionale. CO2 E-RACE - Dimostrazione di automobili elettriche di grande potenza che fanno crollare i falsi miti sui mezzi di trasporto eco-sostenibili. COPENHAGEN FURNITURE FESTIVAL - Il salone del mobile danese che, articolato in molteplici luoghi, prevede il trasporto dei visitatori direttamente negli atelier d’esposizione dei designers. NEXT GENERATION BRIGHT GREEN FASHION - Frutto della collaborazione tra Berlino e Copenhagen è una manifestazione che offre ai talenti emergenti la possibilità di presentare le tendenze della moda etica e sostenibile. A corollario, seminari, conferenze, proiezioni di film, convegni ed incontri incentrati sulle tematiche del de sign sociale ed ambientale.

Design danese.indd OK.indd 150

8-09-2009 11:12:42


Design danese.indd OK.indd 151

8-09-2009 11:13:10


f

food Marina SANTIN

Prendi la solida tradizione culinaria francese valorizzata dall’influsso delle consuetudini alimentari dei nativi e delle varie comunità culturali; aggiungi un territorio di sogno con foreste, montagne, fiumi, laghi e pianure; e condisci il tutto con il culto della buona tavola, qui considerata un autentico stile di vita. Ecco la ricetta della gastronomia del Québec Québec,, una delle più ricche e creative. Da scoprire magari in autunno, il magico momento dell’Indian Summer.

EMOZIONI COLORI E SAPORI Food Quebec.indd OK.indd 152

8-09-2009 11:23:46


Q

Qui, c’è un periodo dell’anno,

che coincide con l’arrivo dell’autunno, da metà settembre a metà ottobre, dove la realtà si fonde con il sogno e la magia. È quando la natura incontaminata raggiunge il suo massimo splendore in un crescendo di colori, profumi e sapori. Quando le foreste arroccate sulle pendici delle catene montuose dei Laurentidi e degli Appalachi si vestono con la loro più bella parure: un corredo di gialli, arancio, rossi e bruni infuocati da togliere il fiato. Quando le immense distese di aceri, accarezzate dalla prima fresca brezza autunnale si accendono di sfumature calde e vibranti. ››

Food Quebec.indd OK.indd 153

8-09-2009 11:24:03


f

food

Montréal da vivere V

itale, moderna, elettrizzante e, soprattutto, multiculturale. Potremmo definire così Montréal, per quella sua atmosfera americano-europea davvero unica frutto del mix del suo fascino francese e delle suggestioni di più di 80 comunità culturali che danno vita ad un crogiuolo di realtà sia classiche che d’avanguardia. Il centro città, ai piedi della montagna è il cuore pulsante dell’attività e della vita di società, mentre la storia affonda le sue radici nei quartieri dal fascino antico vicino al fiume. Visitando Vieux-Montréal, la città vecchia, magari in carrozza, si potranno ammirare dimore e architetture del XVIII e XIX secolo, come l’imponente Basilique Notre-Dame, in stile neo-gotico, il Musée Pointe-à-Callière e il Centre d’Historie de Montréal, che narrano il passato della metropoli. Il VieuxPort poi, non solo invita al relax, ma accoglie anche il Centre des Sciences, un intero complesso consacrato al sapere scientifico, ed è il punto di partenza delle crociere sul fiume e delle escursioni sulle rapide di Lachine, a est dell’isola. In pieno centro invece, accanto alle principali vie dello shopping, da non lasciarsi sfuggire il Musée des Beaux-Arts, il Musée d’Art Contemporain, il Musée McCord di storia canadese ed il Centre Canadien d’Architecture. Ma da vedere c’è ancora molto: al Parc Jean-Drapeau, ci si potrà divertire a La Ronde, il più grande parco d’attrazioni del Québec; alla Biosphère, nel vecchio padiglione americano dell’Expo 67, si potranno scoprire tutti i segreti dell’acqua, ed al Musée Stewart, all’interno di un autentico forte, conoscere la storia del Nuovo Mondo. Spostandosi ad est, nel quartiere Hochelaga-Maisonneuve, da non perdere il Parc Olympique, che ha ospitato le Olimpiadi del 1976, il cui pennone costituisce la più alta torre inclinata al mondo, così come il Biodôme, un luogo magico dove coesistono quattro ecosistemi. Vicinissimo anche il giardino botanico, uno dei più importanti al mondo che cela anche un giardino cinese ed uno giapponese, e l’Insectarium che permette di osservare da vicino insetti di tutto il mondo. Info: Tourisme Québec, www.bonjourquebec.com

Food Quebec.indd OK.indd 154

FASCINO Un sapiente connubio d'antico e moderno mixato con una natura sempre rigogliosa rendono speciale Montréal, che conquista per il suo fascino ed il suo spirito multiculturale.

8-09-2009 11:24:41


INO

ente ubio ico e erno n una mpre liosa ciale , che per il ed il pirito rale.

›› E quando concedersi una passeggiata tra boschi, frutteti e vigneti è un’esperienza unica ed indimenticabile, quando è più facile vedere orsi e castori aggirarsi tra i rami dorati e quando ancora migliaia e migliaia di oche delle nevi fanno sosta sulle rive dl fiume San Lorenzo nel loro viaggio che dal grande nord le porterà a svernare sulle coste americane. Qui è il Québec, quando è l’Indian Summer. Procediamo con ordine. L’Indian Summer, innanzitutto, ovvero l’estate indiana, l’autunno che tutti vorremmo vivere almeno una volta con le sue cromie tipiche, la temperatura piacevole (20° circa) e la natura che raggiunge la sua apoteosi prima di concedersi il lungo letargo invernale. La storia narra che per la prima volta si parlò di Indian Summer nel XVIII secolo in Pensylvania e nel 1821 in Canada. L’origine di questa definizione non è del tutto chiara, c’è chi pensa sia legata al momento in cui, approfittando del clima ancora mite, gli Indiani si preparavano ad affrontare la stagione fredda costruendo rifugi ed accumulando riserve di cibo; chi crede derivi dalla foschia che si formava sulle praterie e che i bianchi attribuivano ai fuochi accesi dagli Indiani, e chi dice che gli Indiani nomadi aspettassero questi giorni dell’anno per cambiare sede al proprio campo, raccogliendo dalle rive dei fiumi e dei laghi quanto aveva costituito la loro casa per l’estate e partendo, dopo averlo caricato sulle canoe, verso il nord, alla volta dei territori di caccia.

Ma che ci si rechi in Québec in questo periodo; oppure in inverno, quando la regione si trasforma in un autentico Paradiso per sciatori ed amanti degli sport sulla neve; in primavera nel pieno del “Temps des Sucres” quando viene estratta la linfa dalla corteccia degli aceri per ottenere il dolce e profumato sciroppo d’acero; oppure d’estate, i mesi migliori per visitare i Parchi Nazionali, per stupirsi davanti alla meraviglia delle isole che punteggiano il San Lorenzo, per regalarsi un tramonto assolato o addirittura per restare incantati ed increduli alla vista di una balena, poco importa, la ricchezza del suo patrimonio artistico, storico e culturale soddisfa appieno la curiosità ed i desideri del turista. Veniamo ora al Québec, con un po’ di… informazioni “basic”. Situato a nord-est del continente americano, il Quebec occupa 1.667.926 km quadrati di territorio, pari a circa 5 volte l’Italia, 3 la Francia, 40 la Svizzera, giusto per farsi un’idea. Si estende infatti, dagli Stati Uniti fino ai mari boreali (quasi 2000 km) e dall’Ontario, a ovest, al New Brunswick ed alla provincia di Terranova-Labrador ad est. Ecco spiegata la presenza dei ben tre climi (continentale umido a sud del 50° parallelo, subartico, tra il 50° e 58°, e artico, oltre il 58°), l’eccezionale ricchezza di ambienti naturali che lo caratterizza, i paesaggi dai forti contrasti: una fertile pianura fluviale, tra lo scudo canadese a nord e la catena montuosa degli Appalachi a sud, e le sconfinate distese di foreste, di taiga e di tundra che si spartiscono oltre un milione di laghi e migliaia di fiumi, senza dimenticare le vette più alte quali il monte D’Iberville, nella catena dei Torgat in Nunavik, o il monte Jacques Cartier nel massiccio degli Chic-Chocs in Gaspésie. E fu proprio Jacques Cartier, inviato dal Re di Francia Francesco I, a sbarcare a Gaspé nel 1534 ed a prendere possesso di un territorio popolato da millenni da nativi ed Inuit. Nel 1608 Samuel de Champlain approda sulla sponda settentrionale del fiume San Lorenzo, in un luogo che gli Indiani chiamavamo Kébec (stretto, che in origine designava proprio il restringimento del fiume nel luogo dove oggi sorge la città di Québec), ed è a Paul Chomedey de Maisonneuve che si deve la fondazione nel 1642 di una missione d’evangelizzazione chiamata VilleMarie destinata a diventare alla fine del XVIII secolo Montréal. Poi, la grande espansione della “Nouvelle France”, la guerra franco-inglese e la successiva cessione a sua Maestà Britannica del Canada e di tutte le sue dipendenze. Ma il tempo passa ed oggi il Quèbec è un paese profonda- ›› N°7 SETTEMBRE 2009

Food Quebec.indd OK.indd 155

| DailyLuxury | 155

8-09-2009 11:24:59


f

food

Nettare goloso T

ra le tradizioni “gourmandes” del Québec c’è n’è una, antichissima, il cui protagonista è conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Stiamo parlando del “Temps des Sucres” e dello sciroppo d’acero, un segreto della natura scoperto secoli orsono dagli indigeni Amerindi osservando a primavera gli scoiattoli moderdere i rami degli aceri e rimpinzarsi avidamente della loro linfa. Sinonimo di rinascita e rinnovamento, poiché coincide con il periodo tra marzo ed aprile, quando le nevi iniziano a sciogliersi e gli aceri mettono i primi fiori, questa tradizione è rimasta pressoché immutata. Se ieri, gli Amerindi intagliavano gli alberi con il tomahawk e vi inserivano pezzettini di scorza di legno per far colare il prezioso liquido, oggi si utilizza ancora un beccuccio metallico conficcato nella corteccia che fa stillare le gocce direttamente in un secchio attaccato con un apposito gancio. La linfa viene poi fatta bollire a 107° in apposite caldaie senza aggiungere nessun additivo e dopo 6-8 ore si otterrà lo sciroppo (se si bolle più a lungo si otterrà il caramello e successivamente lo zucchero). Da 40 litri si linfa si ottiene un solo litro di sciroppo, nettare denso e scuro, dal sapore dolce ed aromatico, ricco di acido malico, potassio, calcio, ferro e vitamine, dalle virtù emollienti, rinfrescanti, energetiche e depurative ed a basissimo contenuto calorico, utilizzato per esaltare piatti dolci e salati e per dolcificare le bevande. Lo sciroppo d’acero viene preparato nelle tipiche “Cabanes à sucre”, casette in legno molto rustiche costruite all’interno dei boschi, nelle acerete, dove i quebecchesi sono soliti organizzare dei veri festini e dove non mancare di sedersi a tavola assieme ai locali per gustare le ricette più caratteristiche che lo vedono ingrediente fondamentale: dalla zuppa di piselli alle fave al lardo, dalle Oreilles de Crisse (lardo salato saltato) alle omelette, dalle torte al prosciutto fino alle crêpes ed ai Grands-Pères (frittelle cotte nello sciroppo). Il party finisce all’aperto con un’altra delizia, la Tire sur la Neige. Ovvero il caramello ottenuto dallo sciroppo d’acero viene versato ancora caldo sulla neve e quando inizia a rapprendersi arrotolato attorno ad un bastoncino di legno e gustato con un piacere unico che rievoca ricordi d’infanzia. Info: Institut Québéquois de l’Erable - www.erable.org, Association des Restaurateurs de Cabanes à Sucre du Québec, www.laroute dessucres.com.

Food Quebec.indd OK.indd 156

›› mente radicato in terra americana ma al contempo fiero del proprio retaggio francese, in sintesi, un sapiente e felice connubio di Vecchio e Nuovo Mondo che gli ha permesso di costruirsi, sotto l’impulso delle sue vicende storiche e culturali, una personalità tutta propria, improntata alla semplicità. Tradizioni artistiche europee si mixano con quelle nordamericane, dando vita ad un’energia creativa e ad una vivacità culturale in costante fermento che trovano espressione di sé nella letteratura, nell’arte, nell’artigianato e, non ultimo, nel patrimonio gastronomico. E se percorrendo il territorio ci si imbatte in una serie infinita di antiche architetture, chiese, cappelle, ponti coperti, mulini, fari e preziosi luoghi della memoria (l’iscrizione della città vecchia di Québec nell’elenco del Patrimonio Mondiale dell’Unesco ne è solo un esempio), da oltre tre secoli la tavola dei quebecchesi rende omaggio alle origini, agli usi ed ai costumi del suo popolo. La gastronomia è infatti un felice connubio di influssi differenti. La solida tradizione culinaria francese arricchita dalle consuetudini alimentari dei nativi e delle molteplici comunità culturali senza dimenticare il contributo del territorio, costellato di laghi, ruscelli, boschi e pianure e definito da un grande fiume che sfocia in un estuario marittimo, hanno permesso di creare una cucina ricca e variata, forte di numerose specialità regionali basata principalmente sull’uso di prodotti locali. E che ci si conceda di gustare i piatti tradizionali durante il “Temps des Sucres” nelle tipiche cabanes à sucre, o nei cenoni in grande stile delle festività d’inverno, o si indugi nella scoperta di specialità multietniche, ricette di campagna, menù d’altri tempi o pietanze raffinate da veri gourmand frutto del talento degli chefs dell’ultima generazione, tutti i gusti e tutti i palati troveran-

8-09-2009 11:25:56


meiero cese, elice uoo di orintata con va e ano nato corantifari vecdiale li la usi

TRADIZIONE

ussi hita plici terdefirittiiata, mentare tipiestimultanhefs ran-

Il Québec più autentico: con le sue foreste, i suoi prati immensi e le distese di neve con incastonate le cabanes à sucre, dove gustare una cucina dal sapore d'altri tempi.

no soddisfazione perché in Québec mangiare bene (a differenza dei cugini canadesi-inglesi piuttosto adepti delle cucina americana) è un vero piacere ed uno stile di vita. Birre, sidri e vini genuini, un centinaio di varietà di formaggi, pesce, molluschi e crostacei, ed ancora carni e selvaggina, mele, mirtilli, prodotti dell’acero e tanto altro ancora sono sempre en vedette, così come raffinati prodotti tipici, il tutto piacevolmente contaminato e reso “moderno”. I primi abitanti della regione, principalmente contadini, preparavano pasti sostanziosi, indispensabili per affrontare le fatiche della vita quotidiana. La tavola tradizionale casalinga, basata su quella originaria francese, si è adeguata con il tempo agli ingredienti locali (pesce, cacciagione, frutta e verdura) declinandosi in piatti unici come la Tourtière ed il Cipaille (tipiche torte salate con carne) oppure le fave al lardo, la zuppa di piselli, l’arrosto di maiale, i Cretons (paté di maiale), la crostata allo sciroppo d’acero e le focaccine di grano saraceno, alcuni dei quali presenze costanti nei menù quotidiani altri riservati alle grandi occasioni ed alle festività. Menzione parte per la Poutine, una ricetta della gastronomia popolare costituita da patate fritte ricoperte di formaggio fresco in fiocchi e di una salsa bruna calda e ricca, da gustare nella versione originale o nelle sue numerose declinazioni “all’italiana”, con la salsa per gli spaghetti, oppure “barbecue”, “toute garnie” o in versione “galvaude”. Accanto ai sapori del passato, spiccano i sapori di… oggi che reinterpretano le ricette tradizionali introducendo tra le varie proposte prodotti meno rustici quali foie gras, filetto d’anatra, caviale di coregone (un pesce simile al salmone) e l’ice-wine (un vino ricavato da uve gelate). Qualsiasi sia la destinazione in Québec, ogni specialità non mancherà di stupire e conquistare per la sua prelibatezza. Ad esempio nella regione di Montérégie, non si può rinunciare ad un bicchiere di buon sidro; in quella di BasSaint-Laurent, ad un piatto di ottimi “affumicati” (salmone, trota, storione ed anguilla); nell’arcipelago delle Iles-de-la Madeleine, d’obbligo ordinare un Pot-en-Pot; nel SaguenayLac-Saint-Jean, sono giustamente rinomate una speciale Tourtière e la zuppa di fave bianche (Gourganes); mentre nel Charlevoix si preparano formaggi dal gusto unico; in Gaspésie il paté di salmone non ha eguali; e nella zona della CôteNord trionfano gamberetti nordici, granchi delle nevi e cappe sante; e nell’area di Mauricie si cucina divinamente la carne di bisonte e di struzzo d’allevamento. Per saperne ›› N°7 SETTEMBRE 2009

Food Quebec.indd OK.indd 157

| DailyLuxury | 157

8-09-2009 11:26:22


f

food

Lo spettacolo delle balene I

l Québec è uno dei rari posti al mondo dove è possibile regalarsi l’esperienza unica ed indimenticabile di ammirare una balena. Ben 13 infatti le specie di mammiferi marini che solcano le acque della provincia, attirate dagli immensi banchi di crostacei e dalla profondità del fiume. Ecco perché il “gigante” dei cetacei, la Balenottera azzurra (può arrivare a misurare oltre 25 metri!) ha scelto di frequentare il San Lorenzo, in compagnia della Balenottera comune, che nuota spesso in gruppo o della Balenottera con la gobba, celebre per i suoi balzi fuori dall’acqua. Accanto, da non perdere, la vista incantevole di focene, delfini, orche, capodogli e balene nere, senza dimenticare i beluga, piccole balene artiche che vivono nel fiume tutto l’anno. Se ne contano circa 1000 esemplari, nonostante la specie sia minacciata dall’estinzione. I luoghi prediletti dai cetacei, da raggiungere magari avvalendosi delle numerose escursioni quotidiane organizzate da maggio ad ottobre a bordo di differenti tipi di imbarcazione, Il Parco marino del Saguenay-Saint Laurent, la Riserva del Parco Nazionale del Canada dell’Archipel-de-Mingan ed il Parco Nazionale del Canada Forillon, in Gaspésie. Per chi preferisce rimanere con i piedi per terra, in certe zone le acque del fiume sono così profonde da permettere l’avvistamento delle balene stando comodamente a riva, come ad esempio alla foce del fiordo di Saguenay e a Cap-de-Bon-Désir, nell’ambito del Parco Marino di Saguenay-Saint-Laurent, e a Pointe des Monts Duplessis. Un altro spettacolo da non perdere lo offrono le foche che si accoccolano sulle rocce al largo dell’estuario e del golfo, anche se la vera meraviglia la regalano i cuccioli. Alla fine dell’inverno, al largo delle Iles-de-la-Madeleine, dalla Groenlandia arrivano centinaia di migliaia di foche che si installano sulla banchina per partorire i loro piccoli ed nutrirli per alcune settimane. Info: Tourisme Québec, www.bonjourquebec.com

Food Quebec.indd OK.indd 158

›› di più, ecco un breve itinerario goloso che tocca alcune mete da non lasciarsi assolutamente sfuggire. In viaggio verso il Bas-Saint-Laurent, la regione dell’estuario da raggiungere seguendo l’alternarsi di terrazze e pendii lungo la Strada dei Navigatori fino all’entroterra dove foreste, fiumi, laghi si alternano a deliziosi villaggi fino a tornare sulla costa con le sue isole, tra cui l’Ile Verte. Qui all’inizio di settembre fanno scalo, in particolare a Montmagny, le grandi oche delle nevi che lasciano l’Artico per volare verso sud. Inutile dire che diventano un piatto prelibato in questo periodo, affiancando la selvaggina, soprattutto pernici grigie e bianche, quest’ultime proposte sempre come secondo, accompagnate da cavoli, come nei tempi andati, all’epoca di Champlain, quando i coloni preparavano con questi ingredienti una zuppa sostanziosa. Da Matane fino a Rimouski, dove le acque del San Lorenzo hanno già un sapore salato, si pescano il salmone e lo storione, anche se è l’anguilla il prodotto regionale dominante che trova la sua massima espressione culinaria a Kamouraska. Sulla tavola non mancano però l’agnello di Kamouraska, il bue, il coniglio, la faraona di Cap-Saint-Ignace, il

8-09-2009 11:26:37


une

one razerra fino Qui Monper relipratemnei pre. Da nzo stoante uraurace, il

A TAVOLA Pesce, crostacei e verdure, i basic, assieme a carne e frutta della tavola del Québec, basata su quella originaria francese arricchita dalle consuetudini alimentari locali.

cinghiale di Saint-Pamphile ed i formaggi Mi-Carême e Riopelle dell’Isle-aux-Grues. Viene poi l’arcipelgo delle Iles-de-la-Madeleine, 12 isole di sogno poste a metà strada tra Terranova e Brunswick, autentiche oasi di pace tra lunghe spiagge sabbiose, baie e lagune accarezzate dalla brezza marina, rocce grigie e rosso mattone e colline verdeggianti, incastonate da casette in legno nei colori dell’arcobaleno e pascoli fioriti. Solo 7 sono abitate, per lo più da pescatori e questo condiziona obbligatoriamente la vita degli isolani che si modifica sul filo delle stagioni. In autunno, quando la luce diventa più cupa e profonda ed il mare si tinge di malva, i cesti si riempiono di funghi e di “pommes de pré” (cannebergers, mirtilli rossi), che vengono prontamente trasformati in marmellate, gelatine e succhi. Gli abitanti del posto però sono maestri nella preparazione del pesce e dei crostacei che nel quotidiano diventano non solo zuppe e stufati ma addirittura farcitura dei toast. Il Court-bouillon (una specie di brodo ristretto) è senza dubbio la preparazione più semplice per preparare crostacei e molluschi con conchiglia conservandone tutto il sapore ma tra le tante ci sono ricette classiche

davvero indimenticabili come il Pot-en-Pot, firma d’eccellenza dell’isola, una torta salata a base di pesce, frutti di mare e patate in crosta. E che dire della cucina dei Cantoni dell’Est? Contrafforte degli Appalachi, territorio ancestrale degli Abenachi, rifugio dei Lealisti, terra d’accoglienza degli Irlandesi e paese della colonizzazione anglo-sassone e franco-canadese, quest’area dal fascino vittoriano accoglie un’estrema varietà di paesaggi dove montagne, laghi, fiumi si intrecciano con paesini di sogno con fattorie immacolate, campi verdeggianti ed enigmatiche stalle rotonde. Al piacere degli occhi fa da contrappunto il piacere del palato. Grazie alle molteplici influenze culturali che si sono succedute nei secoli si può infatti gustare una cucina tradizionale familiare ed una tipica della regione. In primo piano i prodotti delle acerete e dei frutteti, i frutti selvatici, il pesce e la selvaggina, è sufficiente menzionare l’anatra del Lac Brome per intraprendere la strada verso i cantoni. D’obbligo poi una visita ai vigneti (unici nel periodo della vendemmia) ed ai frutteti (mele, pere e prugne) senza dimenticare di assaggiare i formaggi, i funghi che crescono nel sottobosco, il sidro di St-Benoit-du-Lac, la lattuga idroponica di Campagnard de Sutton, l’agnello di primavera o il vitello da latte, il miele di Potton e di Beebee (affiancato da tutti i prodotti delle api e da un vino di miele ai lamponi che non ha nulla da invidiare all’idromele, il nettare degli dei). La Costa del sud, situata in Chaudière-Appalachi, di fronte all’arcipelago dell’Isle-aux-Grues, è un angolo del paese ricco di contrasti, delimitato a nord dal Saint Laurent e a sud dei profili arrotondati delle montagne della catena degli Appalachi. Da visitare di villaggio in villaggio, passando per Montmagny, la capitale incontrastata dell’Oca Bianca che in primavera ed in autunno attraversa i cieli migrando verso sud. Inutile dire che la ritroviano nei menù in mille ricette: puré d’oca alle albicocche, oca arrosto, oca farcita con i sapori e gli aromi della regione. Protagonisti anche i formaggi - Classique, Fin Renard, Coureur des Bois (a pasta dura con semi di cumino), Mi-Carême e Riopelle - e tra i piatti tipici la bistecca di storione, accompagnata da fragrante pane casalingo. La regione delle Laurentidi, meta privilegiata delle vacanze, è un paese immenso, spettacolare ed a tratti ancora selvaggio con foreste lussureggianti, laghi e montagne leggendarie. Gastronomicamente parlando è il regno delle verdure (con una particolare menzione per le serre ›› N°7 SETTEMBRE 2009

Food Quebec.indd OK.indd 159

| DailyLuxury | 159

8-09-2009 11:26:49


f

food

››

idroponiche di Mirabel), ma nell’area di Arundel, grazie al micro-clima particolarmente favorevole, spopola anche l’allevamento di daini e caribù, da gustare accompagnati da una gelée di cedro o abete. Il Montrégie è soprannominato il “giardino del Québec”, perché nelle terre fertili delle vallate di Richelieu e della Châteauguay crescono rigogliosi patate, cipolle, carote, ravanelli, lattuga, cavoli, sedano…, così come non mancano i frutteti di meli ed i vigneti. Quando arriva l’inverno non si può mancare di rendere omaggio alla tradizione andando a mangiare nelle caratteristiche "cabanes à sucres" dove ci si potrà regalare piatti dal sapore antico, come ad esempio, eccellenza di Sainte-Anne-de-Sorel, la Gibelotte, una zuppa di verdure e pesce servita con filetti di perca arrosto (un pesce affine al nostro persico) e cipolle marinate, le cui origini risalgono al 1926. A solo un'ora a nord-ovest di Québec, la regione di Portneuf che vanta quali confrafforti i monti delle Laurentidi, si compone di grandi spazi verdi e di pianure agricole. La cucina regionale, saporita e semplice, riflette l’eredità dei suoi abitanti, specchio di un profilo agro-alimentare che punta l’accento sulla coltivazione delle patate (è la più grande produttrice del paese), sull’industria lattiera, sulla tra-

Food Quebec.indd OK.indd 160

sformazione dei prodotti dell’acero e sull’allevamento di fagiani, struzzi ed emù. Per parlare del Saguenay Lac SaintJean bisogna innanzitutto immaginare distese immense di “Bleuets” i mirtilli quebecchesi, irresistibili freschi, come confettura, gelatina o nelle torte. Nelle foreste che si dipanano su ogni lato del Saguenay poi abbondano le pernici, elemento indispensabile per una Cipaille che si rispetti (una sorta di torta salata con carne), sempre che non si preferisca la pesca della Ouananiche, un raro salmone d’acqua dolce da assaggiare sul lago St-Jean farcito di pane e di verdure. Ma un soggiorno nella regione non potrà definirsi tale se a tavola non ci saremo concessi il piacere di assaggiare il salmone affumicato all’amerindia, il filetto di ouananiche gratinato di Saint-Prime, o ancora la salsiccia di wapiti (il cervo canadese) alle mele caramellate. La città di Québec, infine, e la sua TIPICI regione è la patria della gastronomia Sullo sfondo di moderna, sapente mélange di cucina un paesaggio tipico del Québec tradizionale del passato e di un gusto immortalato nel internazionale e contemporaneo che magico momento dell'Indian rivisita le ricette dei tempi che furono Summer, un cesto conservandone tutto il fascino e il sapodi prodotti ne grazie all’utilizzo di prodotti tipici caratteristici della regione,  locali, freschi e genuini. tutti saporiti, freschi e genuini.

8-09-2009 11:27:34


10-07-2009

10:52

Pagina 1

Spaziale Splendy® è un marchio registrato di GIL srl.

Venticinque Italia srl.

Daily_Luxury_Sett.qxd:Layout 1

L’Originale e L’Unico L’accappatoio che non occupa spazio asciuga rapidamente pesa solo 300 g ipoallergenico - antibatterico

In vendita nei migliori negozi di biancheria per la casa e abbigliamento sportivo

www.spazialesplendy.it


DAILY LUXURY • n.7 settembre 2009  

news, bellezza, anteprima, speciale, fashion, couture, parfums, look, moda, makeup, trend, food, wellness, cultura, culture, interview, inte...