Page 1

THE REAL AQUA CARDIO WELLNESS CIRCUIT IS ONLY BY

SPECIALE ACQUANETWORK SUMMIT

s s e n l l e &W TECHNICAL

INTERVISTE A:

PROTAGONISTI, SPORT LEADERS E SPORT & WELLNESS STARS 2017

Disabilità: SPORT E AUTOSTIMA Manolo Cattari

DOMANDE E RISPOSTE A Giuseppe Castagna

NUOTO PER TUTTI Ishnar Monaco

RIGENERAZIONE FISICO-MENTALE Franz Muhlbauer

DA ISTRUTTORE A COACH

RIPENSARE L’OFFERTA IN PISCINA Edoardo Cognonato

E. Castagnino, S. Candinoni

ORGANIZZARE L’AREA VENDITE Paolo Grosso

AQUAFITNESS

INTERVENTI DEI PROFESSIONISTI L. Bolognini, A. Succi, R. Bresci

SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ AQQUATIX A

NUOVI MODELLI ASSICURATIVI INDAGINE: Primo semestre 2016-17

1- 2-3-4 GIUGNO 2017 Padiglione D3 - Stand 068 Piscina Est - Posto 042 EUROAQUATIC.IT < CORSI | PER LA FORMAZIONE | ONLINE > AQQUATIXPERIENCE.COM ANNO XIX NUMERO 3

AQQUATIX.COM | INFO@AQQUATIX.COM | +39 049 7381150

VAS - ADVANCED CIRCUIT Andrea Gilardoni

Aquafitness Days RiminiWellness

LUGLIO-SETTEMBRE 2017

POSTE ITALIANE SPA SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE EURO 2,00 45% ART. 2 COMMA 20/B LEGGE 662/96 - DCI PADOVA CONTIENE I.P.


Hidron Sport Campi Bisenzio (FI)

www.euroaquatic.it

31 Agosto 2 Settembre 2017

iscriviti online!

CON I MIGLIORI PRESENTER INTERNAZIONALI 2 PERCORSI FORMATIVI

/ PROFESSIONAL CON 4 WORKSHOP / / FUN & ENERGY MASTERCLASS /

MASTERCLASS FOCUS / DIMAGRIMENTO / PREVENZIONE / RECUPERO FUNZIONALE / CARDIO VASCOLARE / AQUAFITNESS /

MAIN SPONSOR & TECHNICAL SUPPLIER

POWERED BY

LOCATION

PARTNER

MEDIA PARTNER

PARTNER


SOMMARIO ANNO XIX

MANAGEMENT

EDITORIALE La forza dell’unione di MarcoTornatore

5

Organizzare l’area vendita, in piscina e nel club di Paolo Grosso Partenariato Pubblico Privato di Lorenzo Bolognini

NEWS EAA

8

Splash

12

ANWK - UNASS - ANIF

16

MANAGEMENT Riverse thinking inversione di paradigma di Edoardo Cognonato La collaborazione con il medico sportivo: una nuova opportunità di Francesco Confalonieri Giuseppe Castagna un campione di professionalità e non solo di Marco Tornatore e Fabrizio Rampazzo Relazioni acquatiche di Simona Pergolesi

NUMERO 3 LUGLIO-SETTEMBRE 2017 WWW.EUROAQUATIC.IT

Ottimizzazione dei consumi ed efficientamento energetico di Tommaso Vagliano Un tuffo nella sicurezza La Redazione

Inquadramento dei collaboratori nelle società sportive dilettantistiche di Alberto Succi Novità fiscali del 2017 di Roberto Bresci Il Summit secondo i protagonisti e le autorità di Marco Tornatore La serata delle stelle sportive di Linda Marabello

20

Una chance clamorosa è dietro alla porta di Franz Muhlbauer

22

Leader nello sport e nella vita professionale di Ciro Lo Giudice

26 40 42

Cloro e salute di Mattia Villa

ACQUATICITÀ VERTICALE

46 48

44

36

AQUAFITNESS

52

Aquacircuit & Aquatraining di Andrea Gilardoni

54 56

32

TECHNICAL

60

Autostima, sport, disabilità di Manolo Cattari

64

Sogno un nuoto per tutti di Ishnar Monaco Da istruttore ad allenatore valorizzando il giovane nuotatore di Elisabetta Castagnino e Stefano Candidoni

66 70

ACQUATICITÀ VERTICALE Idrochinesiologia recupero funzionale in acqua degli arti inferiori di Stefano Devoti

Hydrostride vs Energy Aqua Treadmill di Arianna Petti e Andrea Ronchi

74 76 76

AQUANETWORK Indicatori del primo semestre 2016/2017 La Redazione

30

80

88

COMPANY

Inserzionisti EAA AQUAFITNESSDAYS

2a copertina

GES GROUP

15

EAA - AQUATIC VERTICAL STYLE

51

BARCHEMICALS GROUP

2

EAA - ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA

19

ANWK

73

FAVARETTI GROUP

4

SILIGROUP

25

SUN

83

CITTÀ DELLA SPERANZA

6

WIBIT

29

FITNESSOCCASION

RIMINIWELLNESS

7

LA PALESTRA IN ACQUA

35

WFS

EAA - PROGRAMMA RIMINIWELLNESS 7

ANTHEA

39

DIGI PROJECT

3a copertina

DEPA

POLIMPIANTI

49

AQQUATIX GROUP

4a copertina

11/13

86/87 91

HA 3 2017

1


®

P R O G R A M

SERVIZI QUALIFICATI PER IMPIANTI PUBBLICI Green Program è l’innovativo programma di Servizi di Alto Livello studiato da Barchemicals Group per supportare gli imprenditori nella gestione moderna di centri acquatico natatori.

Innovazione e Futuro: • FORNITURA IN COMODATO DELLE PIÙ MODERNE E INNOVATIVE TECNOLOGIE per il controllo ed il dosaggio di prodotti chimici e biocidi/battericidi (Centraline Colorimetriche linea Telepool e Dosatori Linea DDS) • SERVIZIO DI ASSISTENZA PROGRAMMATA • FORNITURA DI PRODOTTI CHIMICI “TOP DI GAMMA” rigorosamente Made in Italy - selezionati in funzione delle caratteristiche dell’impianto e dell’acqua

• CONSULENZA CONTINUA - ANALISI CHIMICO-FISICHE E BATTERIOLOGICHE (cfr. Atto Intesa) • RISPARMIO ENERGETICO & RISPETTO PER L’AMBIENTE • FORMAZIONE DEL PERSONALE DI CONDUZIONE E GESTIONE IMPIANTI TECNOLOGICI • CANONE FISSO: COSTI SICURI, SENZA RISCHI E SORPRESE • SICUREZZA PER I CLIENTI E I COLLABORATORI

TA N T E E S P E R I E N Z E , U N ’ U N I C A R E A LTÀ R

®

b

biopharma

Via S. Allende, 14 - 41051 Castelnuovo Rangone (MO) - Italy - Phone +39 059 536502 -www.barchemicalsgroup.it - seguici su: Azienda con sistema di Gestione Qualità Certificato - ISO 9001 e Sistema di Gestione Ambientale certificato ISO 14001


IN COPERTINA L'estate è alle porte e si preannuncia proficua per gli imprenditori che sanno innovare l'offerta acquatica, rendendola più evasiva e divertente. I grandi alleati sono sole e temperature elevate, ma è l'offerta e come la si propone che fanno la vera differenza, coordinando al meglio lo staff. Ipotizzare ore di coda per l'ingresso in piscina o per accedere ad amenità al mare o al lago, scarsa igiene o poca sicurezza non sono un viatico per garantirsi una splendida estate. In qualsiasi stagione contano scelte strategiche vincenti ed offrire il meglio ad ogni singolo cliente.

Da sinistra: Flavio Marelli (Presidente Anthea), Giovanni Malagò (Presidente CONI), Maurizio Felugo (Presidente Pro Recco), Manuela Lovo (Presidente Acquanetwork), Roberto Colletto (Titolare Piscine Castiglione/Myrtha Pools), Niccolò Campriani (Campione Olimpico 2016), Paolo Gecchelin (Consigliere Acquanetwork), Lorenzo Dallari (Giornalista sportivo) e Marco Tornatore (Imprenditore e Direttore EAA ed Happy Aquatics & Wellness).

ACQUANETWORK & WELLNESS SUMMIT 2017

3

Affidabili sinergie, alta progettualità e format inedito: gli ingredienti del successo di questa edizione.

Hidron Sport Campi Bisenzio (FI)

www.euroaquatic.it

31 Agosto 2 Settembre 2017

iscriviti online!

Extras AQUAFITNESS DAYS

CON I MIGLIORI PRESENTER INTERNAZIONALI 2 PERCORSI FORMATIVI

/ PROFESSIONAL CON 4 WORKSHOP / / FUN & ENERGY MASTERCLASS /

MASTERCLASS FOCUS

2a copertina

RIMINIWELLNESS

7

EAA NEWS

8

/ DIMAGRIMENTO / PREVENZIONE / RECUPERO FUNZIONALE / CARDIO VASCOLARE / AQUAFITNESS /

MAIN SPONSOR & TECHNICAL SUPPLIER

POWERED BY

LOCATION

PARTNER

MEDIA PARTNER

PARTNER

SPLASH NEWS

12

ANWK - UNASS - ANIF NEWS

16

COMPANY

88

FIERE ED EVENTI

94

CALENDARIO CORSI EAA

96

HA 3 2017


EDITORIALE

MARCO TORNATORE Direttore generale di European Aquatic Association e di Aqquatix Direttore responsabile di Happy Aquatics redazione@euroaquatic.it

Ospiti e relatori sono stati i protagonisti del Summit, ma il vero successo è stato decretato dagli oltre 300 partecipanti, instancabili e capaci di seguire due giornate intensissime. Da sinistra: Giacomo Bet - Gianfranco Bardelle, Danilo Vucenovich, Alessandro Valentini, Gianfranco Mazzia, Manuela Lovo, Gianni Scapin e il vicesindaco di Cinisello Balsamo, Luca Ghezzi.

LA FORZA DELL’UNIONE EFFETTI DI UN GRANDE E RIUSCITISSIMO EVENTO: SUMMIT 2017

I

n passato, avendo appoggiato il candidato scomodo, i sostenitori del contendente allusero che il nostro agire sottendesse interessi precisi e ritorni inconfessabili; era il pane di cui si nutriva il dietrologo, incline a modalità italiche e infelice ambasciatore della cordata antagonista. La verità era ed è sempre stata che nessuno agiva per interessi propri, ma esclusivamente per dare spazio ad un necessario nuovo corso e per alimentare una stagione migliore e più proficua per il settore tutto.

DISTINZIONE DI RUOLI E OBIETTIVI

Le istituzioni sportive sono spesso sinonimo di conservazione, una foto sbiadita della pubblica amministrazione; al contempo l’area sportiva cui ci riferiamo gode di risultati inattaccabili sotto il profilo agonistico (i trionfi degli sport acquatici parlano chiaro). Da questi postulati è intuibile che qualsiasi cambiamento di sostanza dipenda solo da chi ogni giorno è parte attiva del sistema: chi ha a cuore lo sviluppo delle proprie realtà e della parte sana dell’Italia che produce. Industria, Società Sportive, di Gestione e di Servizi, Club.

5 APOLOGIA DELL’UNIONE

Così, con un gruppo crescente di protagonisti positivi focalizzati sul bene comune del settore e del Paese, dalle colonne di questa rivista abbiamo progressivamente costruito in armonia con EAA, Acquanetwork e ANIF prima, per poi confluire tutti nella recentissima UNASS, una squadra vieppiù coesa, qualificata e numerosa, che oggi è la vera espressione del meglio del sistema sport italiano. GENESI DI UN SUCCESSO SISTEMICO

Da tale compattezza ha preso forma una serie di iniziative, confronti, sinergie non limitate a pochi, ma aperte a tutti, indistintamente. E la fase apicale di questo processo è stato Acquanetwork & Wellness Summit di fine marzo; una vera pietra miliare del processo evolutivo del settore, magnificata da grandi e autentici trascinatori: esperti, giornalisti, politici (quelli credibili: Sbrollini, Pella, Pastorino, Rossi, Garavaglia), autorità, vertici dello sport nazionale -su tutti, un gigante, Giovanni Malagò-, top manager, rappresentanti delle Associazioni di Categoria più autorevoli e, soprattutto, coloro che danno forza e arricchiscono il mondo sportivo, ovvero gli oltre 300 partecipanti al congresso, tanti colleghi e persone che

rendono possibili, uniti, progetti impensabili, traguardi un tempo irraggiungibili, sviluppi preziosi per i singoli e per interi comparti del circuito sportivo del Paese. COLTIVARE SOGNI

Anche se inconcepibile per il detrattore evocato in apertura, questo animava allora il nostro adoperarci e questo era uno dei sogni che, con insostituibili compagni di viaggio, abbiamo condiviso: dare vita ad un processo di rinnovamento vitale per tutti. GRANDI TRAGUARDI

La coesione piena di attori del settore e la condivisione di valori alti, che albergano nelle coscienze di chi desidera rilanciare la nostra bella Italia sotto il profilo sportivo – inteso nell’amplissima accezione che abbraccia industria, gestioni, finanza, istituzioni, media, società sportive, operatori, cittadini e atleti – sono la vera soluzione ai nostri problemi. Il Summit è stato un segnale forte, il primo di una serie che seguirà e che noi alimenteremo, per le ragioni che da sempre sosteniamo con Happy Aquatics. Grazie a chi crede in questa missione e a chi si prodiga per raggiungere, UNITI, quello che il sistema altrimenti negherebbe

HA 3 2017


EAA NEWS

RIMINIWELLESS: SHOW E AGGIORNAMENTO CON E.A.A. in piscina e allo stand (1-4 giugno) Edizione 2017 Rimini Wellness: per l’acqua il focus della fiera sarà nella piscina e nello stand di EAA. Vasca condivisa con brand di maggior prestigio e più credibili, che renderanno le giornate fieristiche divise fra energia delle masterclass e momenti di approfondimento e ricerca (workshop allo stand EAA-Aqquatix). Fra gli altri interverranno: Acquapole, che ha convocato i suoi trainer da Australia e America, la novità Virgin Active, con 4 classi al giorno, sotto la regia del Master Trainer Andrea Gilardoni, nell’occasione referente Virgin. EAA e Aqquatix metteranno in gioco il meglio della loro ricchissima offerta, in vasca, con le Stars di EAA e la partnership Sound Splash, ed allo stand, dove verranno presentate le novità formative e di attrezzature, con un’area dedicata ai workshop, la cui regia sarà a cura di

Wellink, ormai integratissima nei programmi di EAA e Aqquatix. Insomma, un programma ricchissimo, che potete già vedere visitando il sito www.euroaquatic.it

La vasca EAA a Rimini Wellness, polo attrattivo e qualitativo

La vasca EAA Acquapole Aqquatix Virgin Active a Rimini Wellness, cuore della fiera

AQUAFITNESS DAYS 2017 IDEATA PER INTERCETTARE LE ESIGENZE DI TUTTI 8 Due percorsi: uno formativo e di aggiornamento dedicato ai diversi mondi dell’acqua, l’altro Fun/Energy con masterclass e demo (Campi Bisenzio FI: 31 agosto-2 settembre) La sede torna ad essere quella per antonomasia: lo splendido complesso acquatico di Hidron a Campi Bisenzio. EAA ricalibra il format, per soddisfare “appetiti” distinti: chi è alla ricerca di due giornate full immersion per aggiornarsi, nei più disparati ambiti acquatici (training, nuoto giovanile, VAS con fitness acquatico avanzato e molto altro), e coloro che invece hanno bisogno di confrontarsi sperimentando nuove attività e attrezzature attraverso masterclass, demo, performance guidate dai migliori pre-

senters e trainers nazionale e mondiali. Quattro i Workshop nel percorso di aggiornamento (Professional Program): • La costruzione del giovane nuotatore: Francesco Confalonieri, Paolo Penso, Manolo Cattari • VAS: Interval Training e Allenamento Funzionale- Annarita Misciglia e Andrea Gilardoni • La Palestra in Acqua: Modelli Metodologici e Opportunità Imprenditoriali – Wellink Team e Fabrizio Cantarini • Dimagramento: Laboratorio interattivo guidato dal Dott: Francesco Confalonieri Fun/Energy Program:le Masterclas si differenzieranno in diversi percorsi dedicati a benessere e salute: Dimagramento, Prevenzione e Recupero Funzionale, Efficienza Cardiovascolare ed in un percorso dedicato all’Aquafitness più Aquafitness Days torna nella spendida sede di Hidron

HA 3 2017

tradizionale. Interverranno alcuni fra i migliori stranieri del panorama aquafitness mondiale: oltre ai qualificatissimi trainers di Acquapole, sono annunciati Tatiana Maximova e Ekaterina Khapkova (RUS), Javier Bergas (SPA), Stephan Galtier (FRA), Francisco Estevao e Joao Santos (POR), Joanna Apollinarska (POL), Claudia Contreas Poblete (CILE) ed altri. Ma è notorio che i migliori al mondo siano i Master Trainer italianissimi e, oltre ai Top Expert di EAA (Benetti, Cantarini, Gilardoni, Misciglia, Maisto), non mancheranno altri protagonisti cresciuti, in particolare, nella scuola di EAA. A Rimini Wellness sarà possibile iscriversi a condizioni veramente irripetibili; programma e protagonisti su www.euroaquatic.it Aquafitness Days percorso Energy & Fun


Master di Formazione

RIMINIWELLNESS

42 0 t s E l Poo

1-4 Giugno 2017 FREE MASTERCLASSES • 4 classi al giorno VIRGIN ACTIVE • 3 classi al giorno ACQUAPOLE • AGUAMOVIDA FITNESS • AQUAXFIT by EAA TEAM • ACQUA CIRCUIT, AQUA BIKE by EAA TEAM • AQUA TREADMILL, AQUA JUMP by EAA TEAM • AQUA BOXE, ACQUA BALANCE by EAA TEAM ...e molto altro ancora!

PER INFO E ISCRIZIONI: eaa@euroaquatic.it | +39 049 9600938

MA M A R G O L PR I I R P O C S ITO S L U S O COMPLET ATIC.IT U EUROAQ ITO! B U S I T A T E PRENO Main Sponsor & Supplier


EAA NEWS

HOLISTIC DAYS E FIBO: EVENTI ARCHIVIATI CON STILE E SOSTANZA da EAA

Ad Aquardens, per l’evento olistico dello scorso 6-7 maggio, ancora gli esperti non sono così coinvolti, ma merita un plauso la buona partecipazione al percorso Acquami, con diversi istruttori motivati a scoprire questa innovativa attività, e al workshop su “3° e 4° età”, che sembra incontrare interesse crescente. Visto il pool di grandi esperti, era atteso qualche partecipante in più al bel Master sulla “Dimensione dell’Acqua in Età Neonatale”, ma bene hanno fatto coloro che non si sono lasciati sfuggire

questo costruttivo confronto con professionisti di altissimo profilo Di altro tenore il FIBO di Colonia (6-9 aprile), cui la fiera tedesca aveva assegnato l’organizzazione di masterclass e workshop a EAA, la quale, con Acquapole, ha messo in campo alcune delle migliori individualità internazionali, provenienti da Polonia, Russia, Spagna, Francia e, ovviamente, Italia (Benetti e Cantarini affiancati da Confalonieri). Un programma perfetto e protagonisti eccellenti, ma l’impatto della piscina al FIBO, per di più nella stagione indoor, è stato molto modesto. Pausa di riflessione del management di FIBO per capire come lanciare in modo più organizzato e persuasivo la piscina nella fiera più importante del mondo per il fitness-wellness.

Wor out EAA Aqquati al F Dr on alonieri e De ora enetti

Acquami durante la fase pratica- cresce l’interesse

SUN E GIO-SUN: ANCHE LA PISCINA PROTAGONISTA (Rimini 12-14 ottobre)

10

Sun, il Salone di riferimento del mondo dell’outdoor, taglia quest’anno il traguardo della 35° edizione e dà appuntamento dal 12 al 14 ottobre 2017 a Rimini Fiera, in contemporanea con TTG Incontri, la più importante fiera b2b del turismo in Italia e Sia Guest, il Salone dell´Ospitalità alberghiera. Ospitata in un’area espositiva che occuperà due interi

padiglioni nell’ala est del quartiere fieristico riminese, la manifestazione si conferma

vetrina ideale per il settore balneare, con le novità in tema di arredi, attrezzature e servizi per la spiaggia che trovano spazio nella sezione Sun Mare, mentre l’area Gio’Sun è dedicata al gioco per esterno, per parchi, spiagge, ambienti pubblici o privati e piscine. Di crescente interesse la sezione Camping & Village Show (in collaborazione con l’Associazione Mondo del Campeggio), dedicata al settore campeggi e villaggi turistici, con un ampio ventaglio di proposte che arrivano dal mercato delle tende e case mobili, in linea con il fenomeno cosiddetto Glamping, la moda della vacanza di lusso nella natura che si sta sempre più diffondendo anche in Italia. Spazio però anche alla piscina, con probabile convegno di Assopiscine nel corso della fiera.

CSI FIT GAMES (Genova 20-21 maggio) Il Centro Sportivo Italiano (www.csi-net.it), in collaborazione con ANIF ed EAA+Wellink organizza il 2021 Maggio presso Crocera Stadium di Genova i primi “CSI FIT Games”, evento nazionale di formazione per operatori che desiderino certificare (test) le proprie competenze secondo i parametri formativi stabiliti dal C.O.N.I. (crediti SnaQ), ed

HA 3 2017

attività competitiva destinata invece ai “centri” che potranno anche iscrivere fino a 3 squadre a nuovi e divertenti format di gare sportive, oltre che qualificare le proprie attività per l’iscrizione all’albo dedicato. La sinergia tra CSI (EPS riconosciuto CONI), ANIF ed EAA ha trovato una strada verso un’esperienza sportiva e riconosciuta. Da non perdere. Info: fitness@csi-net.it (iscrizioni entro il 13 maggio 2017).  La partecipazione è gratuita -esclusi vitto e alloggio-


SPLASH NEWS

CHI LAVORA LA DOMENICA… 4,7 milioni gli italiani che lavorano nei giorni di festa. Di questi 3,4 milioni sono dipendenti, in prevalenza nei settori turistici e alberghiero. E lo Sport? Il Corsera dava enfasi alle festività al lavoro con questo abbrivio “«La festa non si vende». Lo slogan è dei cortei che si sono svolti ieri al mega outlet di Serravalle (Alessandria), il più grande d’Europa. Qui, come in altri negozi e centri commerciali, le porte saranno aperte anche a Pasqua.” Ora l’attenzione cade sui “lavoratori”, quelli regolarmente assunti e che guadagnano il doppio durante le festività. Ma è mai possibile che il settore sport, che solo per 1/5 ha dipendenti assunti e per i 4/5 conta su altri regolari rapporti di lavoro sia, per lo Stato e per l’opinione pubblica, figlio di un dio minore? Il solo settore piscine-fitness annovera 450.000 operatori che, forse per le Istituzioni, rientrano fra i disoccupati, ma che lavorano alacremente, nel rispetto delle forme contrattuali previste dal Legislatore, sabati, domeniche, Pasqua e durante le feste nazionali: questo vale per le oltre 73.000 società sportive italiane. Quando i lavoratori si indignano perché lavorano nei giorni di festa, chi pensa a coloro che regolarmente operano nei giorni festivi, fra manager, collaboratori, tecnici, assistenti bagnanti, titolari di club/piscine ed altri senza sosta 7 giorni su 7, ancor più nella bella stagione? Inaccettabile che le “parti sociali” sollevino polveroni per mero tornaconto, fingendo di non ricordare chi lavora comunque e incessantemente e con alto ruolo sociale e di servizio per la collettività. E senza alcun raddoppio di compenso! Come nel settore sport è normale che accada, senza che nessuno obietti alcunché. Nel nostro settore c’è chi lavora veramente e nessuno lo ricorda. Urge la legge quadro dello sport dilettantistico per dare dignità ad una branca vitale per l’Italia! Meglio se i collaboratori sportivi aggregheranno in EAA (sezione Job), come riferimento della Categoria.

n palestra, in piscina e in tutti i centri sporti i le domenic e sono ordinariamente la orati e e nessuno si lamenta, an i n atti in talia lo sport un area d eccellen a, come non lo sono altri settori

G R IG LI E per PISCINA adatte per parchi acquatici, spa e centri benessere, piscine pubbliche e private

PERSONALIZZABILI qualsiasi LARGHEZZA

4 ALTEZZE

11

DEPA srl - 25040 ESINE (BS) - via Tolotti, 2/B Tel. +39 0364 360260 - Fax +39 0364 360657

w w w . d e p a t e c h .HA c3 2017 om


SPLASH NEWS

TRIBUTO ALLA MUFFAT, INDIMENTICATA ICONA DEL NUOTO FRANCESE In Francia, alcune nuove piscine vengono dedicate a Camille Muffat

una delle prime realizzazioni al lei intitolata è stata la nuova piscina olimpica e scoperta di Nizza; di recente, è stato a lei inaugurato un sontuoso complesso acquatico di cui si è fatta carico la municipalità di Rosny, cittadina con poco più di 40.000 abitanti. Tale impianto ha beneficiato della tecnologia del leader mondiale, l’italiana Myrtha Pool e conta di vasche, ambienti sportivi e ricreativi rari a trovarsi nelle piscine pubbliche italiane.

La Francia ricorda chi l’ha onorata nel modo con imprese indimenticabili per lo sport transalpino. Così è partita una serie di progetti in memoria della formidabile Camille Muffat:

naugura ione della piscina olimpica di Nizza intitolata a amille u at

interno della vasca francese dedicata alla u at

12

L’ASSOLUZIONE PIENA PER TOSI, BARDELLE E GROSS Dopo che i media enfatizzarono la condanna in primo grado per “turbativa d’asta”, in appello il rovesciamento di giudizio non fa più notizia? Nel 2014 demmo enfasi alla notizia, criticando il primo grado di giudizio e dubitando della fondatezza del teorema accusatorio, quando Sergio Tosi (Sport Management), Gianfranco Bardelle (Presidente CONI Veneto e Padovanuoto) e il compianto Gianni Gross vennero condannati per turbativa d’asta che solo il giudice e la controparte potevano interpretare a tal guisa: infatti la Corte di Appello di Venezia ha espresso parare opposto alla sentenza del Tribunale di Verona, circa la gara per la gestione del Centro natatorio Santini di Verona. Assoluzione con formula piena perché “il fatto non sussiste” sembra non fare notizia per quei giornali e i socials che amano sbattere il “mostro” in prima pagina, dimenticando di cospargersi il capo di cenere quando viene provato l’esatto contrario in altra sede giudiziaria. Giusto attendere le motivazioni di questa nuova sentenza, ma appena saranno

HA 3 2017

Sergio Tosi ad un congresso

Sotto: ian ranco ardelle, intervistato oreno orello a sinistra - durante una manifestazione per eneficen a

Gianni Gross nel 2014

note, HA magazine darà voce a coloro che sono stati accusati impropriamente, perché sin dalla prima sentenza era palese che non avessero fatto nulla di illecito, ma si erano visti macchiare onorabilità e correttezza con tesi veramente “originali” e, a nostro modesto parere, equivoche assai come attesta la sentenza in appello.


GRIP-DECK PAVIMENTO

SPLASH NEWS

ANTISCIVOLO in PVC

CINA: IL NUOTO COME MATERIA CURRICULARE E OBBLIGATORIA NELLE SCUOLE Grandi investimenti in Cina sul nuoto obbligatorio, anche se manca un numero adeguato d’impianti; non saper nuotare impedisce di conseguire la laurea Piscina olimpica di ec ino in notturna

ideale per ambienti umidi come

piscine, spogliatoi, docce, palestre, centri fitness, hotel e spa ANTISCIVOLO RESISTENTE COLORATO

Il programma governativo cinese, anche per la crescita della pratica sportiva nella popolazione, prevede che il nuoto diventi obbligatorio nelle scuole, pure per poter accedere alle università più prestigiose cinesi, fra cui la Tsinghua University, definita come la Harvard d’Oriente. Se nell’agonismo hanno investito importando i migliori allenatori australiani, strapagandoli, per il nuoto di base è previsto un programma sociale di costruzione di piscine e relative scuole nuoto, collegate alle scuole. Però, come spesso accade in Cina, l’obbligo per accedere ad alcune università sembra eccessivo, vista l’esigua disponibilità di piscine rispetto all’1,4 miliardi di abitanti... Giusto saper nuotare (sicurezza) in chiave salute, prevenzione e forma fisica delle nuove generazioni, ma certe decisioni dovrebbero essere supportate da un patrimonio strutturale-sportivo congruo, come sta avvenendo nel calcio giovanile. Anche il polo acquatico dell’università più famosa di Pechino non vanta certo modernità eccelse, visto che ospito Mao Zedong. ei ing

l centro sporti o dell uni ersit di sing ua, dotato di piscina indoor, c e ospit anc e ao edong

13

ioc i limpici

Watercu e a ec ino nuotare fondamentale per studiare in ina

DEPA srl - 25040 ESINE (BS) - via Tolotti, 2/B Tel. +39 0364 360260 - Fax +39 0364 360657

w w w . d e p a t e c h .HA c3 2017 om


SPLASH NEWS

IL FITNESS ITALIANO CRESCE MENO DELLA MEDIA DEI PAESI UE DI RIFERIMENTO

alagym di eno a, un clu da primato

14

Al Convegno EuropeActive al FIBO, dai dati frutto della ricerca sviluppata con Deloitte sul fitness europeo, i mercati che si distinguono per sviluppo sono quelli di Gran Bretagna, Germania e Francia. In Italia, nonostante il numero abnorme di club (oltre 6.400: il doppio della Francia) solo l’8,7% della popolazione frequenta fitness club, con una media per centro di 700 soci/anno. La fotografia dell’Italia, dove mantengono un buon trend i centri Premium e i boutique center, nonché le catene low cost strutturate, l’altissimo numero di palestre (rafforzato dalle tante piscine con aree fitness) comporta una rilevante frammentazione, che vede il gruppo nazionale con il maggior numero di club (Prime-Easy Club) contare su

15 centri, mentre la catena straniera con più palestre -tutte con la piscina - è Virgin Active, che ne annovera 33, contro i 61 in UK, mentre Moving in Francia supera i 130 club. Nella Penisola crescono i micro club, ma chi prevale nel fitness investe sempre più nelle piscine; Design e tenden e in palestra

tuttavia l’Italia, nelle palestre come nei centri acquatici, resta indietro rispetto ai Paesi UE più performanti. Dati che vanno però misurati con l’opportunità che i paesi mediterranei offrono nell’outdoor più complicato e meno attrattivo nel centro e nord Europa.

Area ourdoor di Ego Wellness, resa splendida dal contesto, ma anc e dalla copertura telescopica della vasca

FIBO 2017: UN SUCCESSO ANNUNCIATO (un po’ meno per la nuova area piscina) Con un’importante crescita, sia di espositori sia di internazionalità, nonché oltre 150.000 visitatori, FIBO, Salone Leader Internazionale per Fitness, Wellness e Salute, prosegue il suo trend positivo di grandi successi. 1.019 espositori provenienti da 49 nazioni (edizione 2016: 960 espositori, +6,1%) hanno presentato su una superficie di 160.000 m² le enetti e Dr on alonieri nella asca del F

HA 3 2017

più recenti tendenze, le novità ed innovazioni del settore Fitness, Piscina e Salute. Visitatori: 83.000 sono stati Operatori Professionali con il 27 % di presenze internazionali. Nel 2017 FIBO ha quindi confermato il record storico della passata edizione. I Visitatori Professionali provenivano non solo da Paesi Europei ma anche da Sudafrica, Israele, Giappone, Singapore, Tailandia, Brasile e dagli USA, per un totale di 117 Nazioni che hanno rappresentato il 27 % degli Operatori. Dati dal mercato: nel 2017

con or s op EAA Aqquati

on egno EuropeActi e F

oltre

presen e

oltre 56 milioni di Europei sono soci di una Palestra: una crescita del 4%, per un giro di affari di 26,3 miliardi di Euro (+ 3,1 % rispetto al 2016). Queste cifre posizionano il mercato europeo del fitness al primo posto nel mondo, superando quello degli Stati Uniti. In Europa la Germania è al 1° posto in termini di iscrizioni ad un club. In totale 10,8 milioni di tedeschi sono soci di uno dei 8.800 Fitness-Club, cioè un tedesco su otto. Però la nuova area piscina, collocata infelicemente nella Hall 4.1 della Fiera, pur avendo registrato un buon numero di visitatori, è stata messa troppo ai margini, rivelandosi un piccolo insuccesso: FIBO manca ancora un po’ di esperienza.


SPLASH NEWS

ambienti innovativi per spogliatoi e servizi

SPORT, TURISMO, TREND MONDIALI E L’ITALIA Il mondo turistico è sempre più legato allo sport e colpisce come stiano emergendo Paesi confinati fino a ieri al Terzo Mondo. Dati: nel 2016 l’area che è cresciuta di è più è il Sud Est asiatico (8,3%) trascinata dalla Cina, mentre i paesi latino americani sono quelli che crescono meno: 0,2%. Asia del Sud e Nord-Est rispettivamente +7,9% e 4,6%, Oceania 4,4%, Nord America 3,1%, Medio Oriente 2,7%, Europa 1,6%. Ovvio che le percentuali di crescita siano modeste per l’Europa – il turismo è fenomeno consolidato: in valore assoluto è molto alta –, ma il trend crescente è su turismo-sport-evasione. Il Sud Africa sta investendo molto in tale ambito e vanta resort da mille e una notte con piscine altrettanto belle: si prevede una crescita del 2,7% con affermazione su scala mondiale che induce a riflettere. Basterebbe valorizzare le bellezze nazionali naturali, di cui l’Italia è ricchissima, coniugandole a sport, benessere e soprattutto al patrimonio artistico e monumentale che non ha eguali al mondo. Potenzialmente l’Italia è nettamente il numero uno del pianeta, con aree naturali da sogno, che le piscine impreziosiscono. Rimini docet. Ma restiamo sempre al potenziale. Inespresso. RA E & R 40 69 78 123 127 130 131 142 166 167

R

D RE D

World average South Africa Kenya Tanzania u a aran A rica A erage Zambia Botswana Madagascar Zimbabwe Nanibia Swaziland Lesotho

2016 n 19.1 8.7 2.5 2.1 1.0 0.6 0.6 0.5 0.5 0.3 0.1 0.1

RA E & R 35 72 75 124 125 131 132 137 169 170

R D

A

World average South Africa Kenya Tanzania u a aran A rica A erage Botswana Nanibia Zambia Madagascar Zimbabwe Lesotho Swaziland

Modulabili • Personalizzati • Rispondenti alle normative vigenti di igiene e sicurezza

La nostra sfida è semplificare l’operatività delle vostre strutture

2016 n 57.3 27.3 6.7 5.9 2.6 1.6 1.6 1.4 1.4 1.1 0.2 0.2

15

Y-40 insignita del premio A W port & Wellness tars categoria Sport e Turismo asc e magnific e in resort sudafricano

erme di ormio

Via dell’Industria, 20 37014 Castelnuovo del Garda (VR) - ITALY Tel. +39 045 6450920 - Fax +39 045 6450928 info@gesgroup.it - www.gesgroup.it

HA 3 2017


ACQUANETWORK-ANIF-UNASS NEWS

ACQUANETWORK & WELLNESS SUMMIT

16

La sintesi di quello che è stato prodotto nell’arco dell’ultimo trimestre da ANWK, ANIF e UNASS è il congresso ANWK & Wellness Summit, il cui successo sorprendente è stato il frutto sia delle sinergie fra associazioni di categoria, sia dell’alta progettualità di ANWK, sia dell’inedito format e ideazione, la cui regia è stata di Monterey, capitanata da Fabrizio Rampazzo. Su questo numero di HA&W diamo ampio spazio a momenti topici dell’evento, con ulteriori richiami al Summit che verranno ripresi nella prossima uscita della rivista. Qui alcune indicazioni numeriche e di sostanza di ANWK & WELLNESS SUMMIT • 322: le presenze registrate al congresso di ANWK, provenienti da 17 regioni (a pagina 82 la mappatura geografica dei partecipanti) • 48: Relatori, Ospiti-Speaker e Moderatori che hanno splendidamente nobilitato e animato la due giorni milanese • 12+9 ore la durata del congresso nelle due giornate, senza alcun cedimento dei magnifici partecipanti, sempre attivi e attenti • 16 gli sponsor e i partner del Summit 2017 • Co-Buisness, Unione, Aggregazione, Co-Marketing sono state le parole chiave del Summit, che ha schiuso nuovi orizzonti circa potenzialità di industria e mercato dei settori fitness, piscine e wellness • 264 presenze (più altre non censite) che ha registrato la sessione più partecipata, i cui protagonisti sono stati: Giovanni Malagò (CONI), Giuseppe Castagna (Banco BPM), Niccolò Campriani (oro olimpico), Maurizio Felugo (argento olimpico), Emanuela Maccarani (140 medaglie con le sue Farfalle Azzurre di Ritmica), Roberto

Colletto (Myrtha Pools), Flavio Marelli (Anthea Spa) • 5 i Politici credibili e invitati per il loro impegno nel migliorare il settore Sport in Italia, facendo astrazione dalle relative collocazioni politiche: On.Daniela Sbrollini, On. Luca Pastorino, Roberto Pella, Vicepresidente ANCI Nazionale, Massimo Garavaglia – Assessore al Bilancio Lombardia, Antonio Rossi – Assessore allo Sport Lombardia e oro olimpico. Ricordiamoci i loro nomi quando dovremo scegliere chi ci deve rappresentare nelle sedi istituzionali • 7 i grandi campioni dello sport di ieri e di oggi, intervenuti al Summit: Domenico Fioravanti (nuoto), Niccolò Campriani

(tiro), Oreste Perri (canoa), Antonio Rossi (canoa), Maurizio Felugo (pallanuoto), Emanuela Maccarani (ginnastica ritmica), Cinzia Rampazzo (nuoto) • 9 le grandi auotorità sportive presenti sul palco e in platea: Giovanni Malagò (Presidente CONI), Oreste Perri (CONI Lombardia), Gianfranco Bardelle (CONI Veneto), Danilo Vucenovich (FIN Lombardia), Roberto Bresci (FIN Toscana), Roberto Cognonato (FIN Veneto), Franco Chimenti (Presidente Federgolf), • 11 le Associazioni di Categoria e Enti del settore sport presenti e uniti da UNASS: ANIF, Assonuoto, Assopiscine, AIS, Consorzio Spin, Gymmy C., Wepool,

o stand Ant ea gremito di persone, durante la pausa tra una sessione e l altra

A F iampaolo Duregon

a sessione d a io con saluto alle Autorit

HA 3 2017


ACQUANETWORK-ANIF-UNASS NEWS

La sessione più partecipata del Summit; da sinistra a destra sul palco iccol ampriani, Ro erto olletto, io anni alag , iuseppe astagna, Fla io arelli, auri io Felugo e oren o Dallari n Daniela

rollini

Qui sopra, Acquanet or oard uigi ecc io dea lu, a ia , tra auro rugnoni a sinistra e te ano andidoni a destra, di Amatori Nuoto Perugia.

A fianco, da sinistra iuseppe astagna AD del anco si congratula con iccol ampriani ro limpico di Rio Al centro, da sinistra, te ano De Alessi manager degli atleti olimpici e auri io Felugo ice campione olimpico di pallanuoto, oggi residente della ro Recco

Aquaesport, EAA, Simis, Acquanetwork • 11+4 i Premi assegnati – da ANWK e UNASS- ai protagonisti 2016-17: 3 premi come Sport Leader 2017 a Sergio Tosi (Sport Management), Coopernuoto Carpi/ RE, Emanuela Maccarani allenatrice più medagliata con le Farfalle Azzurre; premio speciale Rari Nantes a Giuseppe Castagna, ex nazionale giovanile e attuale AD di Banco BPM; 11 riconoscimenti assegnati alle Sport & Wellness Stars 2017 in altrettante diverse categorie • 11 i Top Manager di multinazionali, dell’alta finanza e dell’Industria intervenuti sul palco • 4 i grandi giornalisti che hanno reso ancor più interessante il confronto, fra cui Paola Pollo, ex nuotatrice (Corriere della Sera) e Stefano Arcobelli, l’esperto di nuoto de La Gazzetta dello Sport • 244 i pasti consumati mediamente durante i lunch break e l’Apericena, con la coffee break area costantemente accessibile: tutto gratuito per i partecipanti, soci e non soci ANWK, offerto dall’associazione stessa e dagli sponsor Unilever (Bistefani/Food), Banco BPM, Anthea, Monterey – il co-business si sostanzia anche in questo… • Presentazione di relazioni, workshop e interventi: direttamente su www.acquanetwork.it

HA 3 2017

17


FLASH NEWS

UNASS PROCEDE NEL SUO PIANO DI SVILUPPO Il 27 marzo, a Milano, un nuovo proficuo incontro fra le parti coinvolte in UNASS: confermata la linea intrapresa, si intende rafforzare la forza rappresentativa dell’Unione, sia con interventi mirati a a carico dei diversi coordinatori dei tavoli tecnici, che con possibili nuovi ingressi in UNASS, accessibilità a realtà che abbiano affinità forti con i fondatori e un condiviso sentire per migliorare il settore sportivo nazionale: quest’ultimo deve assolutamente vedersi riconosciuto un ruolo sociale non solo come riferimento per la divulgazione culturale del movimento e di stile di vità attivi, ma anche come risorsa per lo sport agonistoco di base e di vertice, managerialità crescente

e branca sistemica insostituibile anche per il Ministero della Salute -Prossimo incontro UNASS, a Rimini Wellness, in concomitanza con il convegno ANIF. A esponenti Da sinistra on alonieri, eati, alentini

ANWK

18

A W e sinergie Rampa o regista del ummit e astagna, AD di anco

, la cui ede a ospitato il ongresso

Dopo il successo del Summit, è decollata una serie di contatti per assicurare grandi vantaggi ai soci, in una logica di co-business, sinergie e benefici diretti ed indiretti: da qui l’avvio formalizzato di un dialogo con Anthea Broker Assicurativo, e altri confronti con Unilever, Banca Prossima/Consorzio Spin e Banco BPM. Contatti che sono ben coordinati da Fabrizio Rampazzo, in sintonia con la Presidenza di ANWK (Manuela Lovo) e il Consiglio Direttivo. - Incontro fra aziende produttrici associate è fissata per il 18 maggio, per dare ancora più forza ai progetti di internazionalizzazione delle imprese ANWK e pianificare nuove iniziative che replichino il successo del Summit 2017

ANIF

Ruolo insostituibile in Italia e in Europa, rappresentata in Ereps e EuropeActive da Angelo Desidera, designato dal Presidente Duregon Di recente, spicca l’accordo fra ANIF e Sky, di cui potranno beneficiare i soci In prospettiva, grande attesa per le iniziative di maggio e ottobre, in merito sempre ad Ereps/EuropeActive, ma soprattutto per il tradizionale convegno ANIF a Rimini Wellness (1 giugno), occasione nella quale, in sintonia con ANWK e UNASS, verranno assegnati i premi Sport & Wellness Stars non ritirati a Milano durante il Summit.

HA 3 2017

iampaolo Duregon e Daniela Rimini Wellness - 1 giugno

rollini al ummit per spiegare la legge dello sport saranno protagonisti anc e al on egno A F a


ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA DI ISTRUTTORI E OPERATORI

Il riferimento nazionale per chi lavora in piscina e palestra

EUROAQUATIC.IT sezione Jobs & Contracts

Aggiornamenti periodici in materia lavorativa e giuslavoristica

Tutele e sostegno della categoria per gli operatori in ambito sportivo

Impegno a riportare le istanze di categoria alle Istituzioni

Coperture assicurative e soluzioni per un fondo previdenziale* In collaborazione con Anthea Consulenza online di “primo intervento” per questioni lavorative, contrattuali e assicurative Contrattualistica coordinata e armonizzata con club/datori di lavoro per evitare contenziosi fra le parti e arbitrarie interpretazioni delle normative in materia Pool di Professionisti altamente specializzati in campo giuslavoristico, contrattuale, fiscale, assicurativo al servizio dei soci EAA sottoscrittori del servizio *vantaggi conseguibili integrando la quota associativa di 30€ annuale. Per informazioni eaa@euroaquatic.it o www.euroaquatic.it area Jobs & Contracts EAA sostiene

Media Partner

Main Sponsor & Supplier

Partners

Affiliata a


MANAGEMENT

SPECIALE

R E V E R S E THINKING Inversione di paradigma EDOARDO COGNONATO

a

1 PARTE

Edoardo Cognonato durante il Summit di Milano: il nostro futuro è legato al mercato delle persone inattive, per attirarle bisogna andare oltre alle parole e cogliere il non detto.

edo3484409651@gmail.com

20

L a grande sfida per interpretare con successo il mercato del wellness che si trasforma è rivoluzionare la nostra tradizionale visione e prospettiva di imprenditori, professionisti ed operatori del settore. Concepire una nuova idea di motivazione, che parta dal cuore. Possiamo scegliere di innovare in profondità il concetto di wellness partendo dalle radici, accettando di “invertire il nostro paradigma tradizionale”: cambiare drasticamente il modo di pensare, di concepire, di proporre ed erogare i programmi di esercizio fisico, per renderli davvero motivanti, soprattutto per le persone che li temono e li evitano. Il nostro futuro è legato al mercato delle persone inattive, di qualsiasi età; quelle che sanno che dovrebbero cambiare

HA 3 2017

CON LO STILE GRAFFIANTE E D’IMPATTO CHE LO DISTINGUE, LA PRESENTAZIONE DEL WORKSHOP TENUTO AL SUMMIT 2017 DA UNO DEI PIÙ AFFERMATI CONSULENTI EUROPEI DEL SETTORE FITNESS/PISCINE

abitudini e diventare più attive ma non ci riescono, per vari motivi, soprattutto psicologici. Fanno fatica a trovare e mantenere la giusta motivazione, e quindi rimandano l’appuntamento con la fatica, col dovere, con la percezione di un cambiamento doloroso e difficile da mantenere. Molte di loro ci hanno provato e sono rimaste deluse; altre si sentono inadeguate o inibite dal confronto con altri individui più in forma di loro; altre ancora iniziano animate da buoni propositi che si affievoliscono per esaurirsi in poche settimane. Le obiezioni più frequenti sono: l’esercizio fisico non fa per me, non sono adatto/a alla fatica, non ho tempo, mi annoio, ci sono già troppi doveri nella vita, non vedo risultati, non mi piace

rinchiudermi in una palestra… La mia esperienza nella motivazione delle persone mi suggerisce di accogliere senza giudizi le loro obiezioni, cercando allo stesso tempo di andare oltre le parole ed i ragionamenti, e cogliere il non detto: se solo potessi sperimentare un modo piacevole e non doloroso - fastidioso - alienante - frustrante di provare tutto questo! Quanto mi piacerebbe convertirmi e ricredermi rispetto all’esercizio fisico regolare! Purtroppo non credo sia possibile nel mio caso, perché proprio non ci riesco e provo solo emozioni negative: paura, disgusto, sofferenza, rabbia. Spostare l’accento emotivo della mente umana rispetto alle sue esperienze è possibile! Ne sono convinto personalmente


«DARE LA PRIORITÀ E FOCALIZZARCI SULLE EMOZIONI DELLE PERSONE È UNA SCELTA RIVOLUZIONARIA PERCHÉ INVERTE IL PARADIGMA TRADIZIONALE» prima di tutto come essere umano che come professionista della motivazione: come facciamo con un bambino che impara e sperimenta cose nuove che teme, possiamo by-passare il cortocircuito delle sue emozioni negative, focalizzandoci su quelle positive. In questo modo insegniamo ai nostri cuccioli a mangiare la minestra, simulando col cucchiaio ricolmo un aeroplanino in volo, oppure a camminare, inginocchiandoci sorridenti a braccia aperte con gli occhi alla stessa altezza, oppure a pedalare in bicicletta sostenendo l’equilibrio con rassicurazioni e premure progressive. Dare la priorità e focalizzarci sulle emozioni delle persone, di chi invitiamo a provare e di chi inizia, è una scelta rivoluzionaria perché inverte il paradigma tradizionale, rappresentato in figura dalla freccia blu, che per orientarsi al cliente mette al primo posto l’organizzazione: partendo dalla prima casella blu dei prodotti e servizi (programmi, corsi etc.) di qualità, poi verso la logistica e i processi (struttura, procedure,

Reverse Thinking: invertire il paradigma tradizionale dando la priorità alle emozioni delle persone.

organizzazione), a seguire la gestione (management e formazione), il clima di lavoro (spirito di squadra e leadership), il comportamento del personale (receptionist, commerciali, trainers, operatori vari), per concludersi con l’esperienza emotiva del cliente come risultato finale.

È il modo tradizionale di operare. Quello che propongo per vincere le nuove sfide è esattamente l’opposto!

Per scoprire come vincere le nuove sfide, vai su www.edoardocognonato.com o attendere la seconda parte che verrà pubblicata su Happy Aquatics nr. 4/2017

«IL NOSTRO FUTURO È LEGATO AL MERCATO DELLE PERSONE INATTIVE, DI QUALSIASI ETÀ»

Il workshop è stato seguito da 60 persone in concomitanza con la sessione congressuale, con oltre 200 partecipanti.

HA 3 2017

21


MANAGEMENT

22

LA COLLABORAZIONE CON IL MEDICO SPORTIVO: una nuova opportunità FRANCESCO CONFALONIERI

PERCHÉ L’IDEA DI SPORT, COME FORMA PREVENTIVA E GARANZIA DI SALUTE, NON SIA SOLO UN CONCETTO ASTRUSO, SERVONO SCELTE COERENTI E ORIENTATE A PERSONALIZZARE PROGRAMMI E A VALUTARE NEL TEMPO I BENEFICI INDOTTI. PASSAGGI RESI POSSIBILI DALLA FIGURA DEL MEDICO SPORTIVO, QUINDI NON GENERICO

N

egli ultimi anni l’attività delle Piscine e dei Centri Sportivi è stata, fra l’altro, caratterizzata da due importanti novità: • L’obbligatorietà del Certificato per l’Idoneità Sportiva non Agonistica • Il numero sempre crescente di clienti che si iscrivono per migliorare le proprie condizioni di salute attraverso attività finalizzate al dimagramen-

HA 3 2017

francone.confalonieri@gmail.com

to, al miglioramento dell’efficienza cardiovascolare, alla prevenzione ed al recupero delle patologie articolari e muscolo-scheletriche, al controllo ed alla terapia delle problematiche dismetaboliche. Spesso, per altro, la risposta a queste esigenze è stata confusa ed inadeguata contribuendo a creare malcontento e disaffezione negli iscritti e deludendo le aspettative di chi si rivolgeva per la prima volta alle nostre strutture. Una collaborazione strutturata ed articolata con un Medico Sportivo potrebbe, invece, rappresentare una importante opportunità per i Gestori garantendo un miglioramento della qualità dei


«ELABORARE IN MODO CORRETTO EVENTUALI PROGRAMMI DI PREVENZIONE E RECUPERO FUNZIONALE» servizi erogati agli iscritti, la possibilità di acquisire e fidelizzare nuovi clienti, nonché risorse economiche alternative potenzialmente importanti. In particolare i Centri Sportivi potrebbero proporre una offerta che integri la isita mirata alla ertificazione Medico Sportiva, proposta in modo coerente con quanto previsto dalla legge, ed uno Check Up Specialistico finali ato a alutare le caratteristiche, i bisogni e le eventuali patologie del cliente, costruendogli poi un percorso su misura nel contesto delle attività della struttura. Nel dettaglio, partendo dall’esperienza maturata nel settore in questi ultimi anni, ritengo che una valutazione Medico Sportiva adeguata e coerente con il ruolo e l’offerta di un Centro Sportivo dovrebbe proporre nello specifico i seguenti interventi: • Anamnesi Sociale: mirata a conoscere l’organizzazione della vita e della giornata di ciascun “paziente”, ci consentirà di proporre l’esercizio fisico in modo compatibile con le abitudini e gli stili di vita individuali • Anamnesi Patologica: mirata a conoscere la storia clinica del “paziente” e le eventuali controindicazioni specifiche a determinate attività, ci consentirà di evitare la proposta di esercitazioni a rischio per quel soggetto.

23

Francesco Confalonieri, medico sportivo che sa interpretare i percorsi ideali di acquaticità.

• Anamnesi Sportiva: mirata a conoscere la storia sportiva di ciascuno ed in particolare eventuali abilità e predisposizioni individuali, ci consentirà di scegliere lo sport più adatto a ciascuno. • Valutazione della Composizione Corporea: mirata a determinare le percentuali di tessuto grasso, osseo e muscolare, l’entità e l’importanza di una eventuale condizione di sovrappeso o di sottopeso e quindi la necessità e le caratteristiche di un programma mirato al dimagramento o all’incremento del tono e della massa muscolare. • Valutazione Clinica: mirata in particolare a identificare eventuali patologie cardiovascolari, respiratorie e dismetaboliche, ci consentirà di modulare intensità e caratteristiche delle attività

o degli allenamenti in funzione delle condizioni dei diversi clienti. Nell’ambito di questo intervento potremo eventualmente consigliare al singolo soggetto l’esecuzione di ulteriori accertamenti quali una valutazione ematologica o valutazioni cardiologiche più approfondite. • Valutazione Antropometrica, Posturale ed identificazione di eventuali fattori di rischio osteo-articolari: mirata a determinare la composizione corporea di un soggetto ed a valutare eventuali squilibri posturali, scheletrici e muscolari, sarà fondamentale per evitare di proporre attività fisica che possano determinare patologie da sovraccarico acuto o cronico. • Valutazione Ortopedica: mirata a

«MODULARE INTENSITÀ E CARATTERISTICHE DELLE ATTIVITÀ O DEGLI ALLENAMENTI IN FUNZIONE DELLE CONDIZIONI DEI DIVERSI CLIENTI» HA 3 2017


«IL NUMERO SEMPRE CRESCENTE DI CLIENTI CHE SI ISCRIVONO PER MIGLIORARE LE PROPRIE CONDIZIONI DI SALUTE»

li allie i sorridenti di Aquafitness porting lu

oale

24

IL PARERE DELL’ESPERTO: MAURO FERRARI SpecialiSta in Medicina dello Sport ferraridocmauro@tin.it

Sopra, da sinistra verso destra: l’ambulatorio Med+ presso MyFIT di Parma; Med+ presso la piscina comunale di Brugherio (MB). Sotto: l’ambulatorio Med+ di Piscine di Vicenza; Med+ presso Villaggio del Fanciullo (BO).

valutare l’importanza ed il significato di eventuali patologie o problematiche muscolari, scheletriche ed articolari, ci consentirà di elaborare in modo corretto eventuali programmi di prevenzione e recupero funzionale. Nell’ambito di questo intervento potremo eventualmente consigliare al singolo soggetto l’esecuzione di ulteriori accertamenti specialistici (Rx, Eco…) Un attenta analisi dei dati e delle informazioni acquisite con queste valutazioni ci permetterà di definire un piano di attività corretto ed individualizzato che dovrà essere condiviso con il cliente e con gli istruttori e costantemente verificato e monitorato nel tempo

HA 3 2017

La visita medica in questione assume una valenza particolarmente importante per i giovanissimi delle scuole nuoto, in quanto spesso rappresenta l’unico momento di un controllo medico completo. a ita la fi a l medico scolastico, solo con il medico sportivo è possibile avere una valutazione cardiologica completa, consigli nutrizionali, esame della vista, e la proposta più opportuna dell’attività sportiva da svolgere; ciò garantisce sicurezza alle famiglie ed ai gestori di impianti sportivi.


PROTAGONISTI PER AUTOMAZIONE E RISPARMIO

Controllo ACCESSI e PARKING Sistemi DOCCIA INDOOR e OUTDOOR Sistemi ASCIUGACAPELLI CARD e BRACCIALI Rfid Controllo e distribuzione CREDITI Dispenser FOOD e DRINK Software GESTIONALE Comfort AMBIENTALE ARMADI e PORTAVALORI Rfid

SOLUZIONI IN COMODATO D’USO GRATUITO, INSTALLAZIONE COMPRESA! www.siligroup.it - info@siligroup.it - Info line +39. 081.502.53.45

Siligroup


MANAGEMENT

GIUSEPPE CASTAGNA

un campione di professionalità e non solo MARCO TORNATORE E FABRIZIO RAMPAZZO

SPECIALE

26

DAL LEADER DI BANCO BPM ALCUNE OPINIONI ESPRESSE DOPO IL CONGRESSO OSPITATO DAL SUO GRUPPO BANCARIO NELLA PRESTIGIOSA SALA CORIO CASATI. SCOPRIRE CHE MANAGER AL TOP ANTEPONGANO VALORI E RELAZIONI ALLE AFFERMAZIONI CHE NE CONSEGUONO, AIUTA A CAPIRE CHE IL SUCCESSO ARRIDE A CHI HA GRANDI QUALITÀ NON SOLO PROFESSIONALI, MA ANCHE UMANE

D

opo quasi 40 anni, ritrovare un campione precoce nel nuoto che è andato affermandosi professionalmente, tanto da essere oggi l’AD del Banco BPM, è una grande emozione. Ma quello che più è risultato toccante è scoprire che, dietro fenomenale manager che domina la scena della finanza nazionale, c’è una persona per nulla cambiata da quando si era avversari in corsia; per di più carica di umiltà e sorrisi, non comuni fra i suoi colleghi e chi è ai vertici della grande industria, dell’alta finanza e della politica nazionale. Un esempio che dovrebbe ispirare chiunque sia una guida nei propri ambiti: dai titolari di club e piscine, ai capitani di piccole e medie imprese che operano nel settore sportivo, fino ai dirigenti di società, enti e federazioni regionali e nazionali. Le opinioni di Giuseppe Castagna insegnano molto e spiegano altresì perché certi personaggi sono capaci di arrivare ad alti livelli in contesti dove concorrenza e agire sono sovente spregiudicati e viziati da atteggiamenti che hanno poco a spartire con lealtà e valori che insegna lo sport. Ma i grandi, al di là dei trascorsi sportivi, sanno percorrere strade preservando la propria integrità e moralità, veri punti di forza per raggiungere obiettivi preclusi ai più. In questo, giganteggia Giuseppe Castagna che, con le sue parole, rafforza quanto di positivo trasmette nell’imbattersi in cotanto manager, mosso sì da trascorsi che gli danno sostegno, ma che è costantemente proiettato al domani, perché “le tappe più importanti sono quelle future”, sapendo a quali nuovi traguardi aspirare. Non è da tutti avere questa levatura interiore, ma, non a caso, Giuseppe Castagna è indiscutibilmente un leader vincente, da cui ognuno può imparare qualcosa.

HA 3 2017

PREMIO RARINANTES 2017 DOTTOR CASTAGNA, A NOI DI ACQUANETWORK, INSIEME A FABRIZIO RA A , R D A ER E CONSEGNATO UN PREMIO CHE È UN SIMBOLICO RICONOSCIMENTO DELLE SUE IMPRESE DI MANAGER CON POCHI EGUALI IN ITALIA: COSA PREVALE DI PIÙ COME SODDISFAZIONI, IL SUCCESSO PERSONALE, QUELLO DI GUIDA IMPRESCINDIBILE DI BANCO BPM, TERZO GRUPPO BANCARIO NAZIONALE, ESSERE UN RIFERIMENTO DEL MONDO DE A A F A A A R

Prima di tutto volevo ringraziare di cuore Acquanetwork per questo Premio che ricevo con grande piacere e che sicuramente entrerà a far parte del mio bagaglio di soddisfazioni. Dal quale, tuttavia, non riuscirei a trarre un elemento specifico cui possa assegnare una preminenza sugli


A lato: Giuseppe Castagna riceve il premio Rari Nantes da Rampazzo e Tornatore Sotto: Giuseppe Castagna riceve da Giovanni Malagò lo stemma tricolore del CONI.

Dedicherei il premio a tutte le persone che in qualche modo mi sono state vicine, nella vita personale come professionale

altri. Gli autentici successi, sia personali sia professionali, sono frutto del lavoro quotidiano, costante e focalizzato e, quasi sempre, sono il risultato della collaborazione con altre persone.

HA 3 2017

27


Giuseppe Castagna interviene al Summit.

“Banco BPM continuerà a dedicare attenzione e risorse a questo mondo”

Gli autentici successi, sia personali sia professionali, sono frutto del lavoro quotidiano, costante e focalizzato e, quasi sempre, sono il risultato della collaborazione con altre persone

28 A NOI PIACE SOTTOLINEARE CHE I SUOI ESORDI CON LE SFIDE DA VINCERE SIANO STATI NEL NUOTO, DOVE SI STAGLIÒ COME TALENTUOSO A E A DA DEA D A E AR E IL I PREMIO "RARI NANTES" ): QUANTO CONTA PER UNA CARRIERA DI COSÌ ALTO LIVELLO AVERE VISSUTO CERTE ESPERIENZE GIOVANILI E QUALI TAPPE DE A A A ER A E A AIUTATA NELLA COSTRUZIONE DI UN PERCORSO PROFESSIONALE SEMPRE A ER

Credo che, tutto sommato, ogni esperienza maturata abbia il proprio peso e partecipi alla completezza della formazione personale e professionale. È vero che lo

Sono convinto che le tappe più importanti siano quelle future: in un certo senso sono gli obiettivi a definirci

sport, nel mio caso, ha rappresentato un capitolo importante che, insieme a molti altri, ha contribuito a determinare ciò che sono. Quanto al percorso professionale, ma non solo, sono convinto che le tappe più importanti siano quelle future: in un certo senso sono gli obiettivi a definirci. Ciò che vogliamo e possiamo fare di nuovo e di significativo è quello che, giorno per giorno, ci permette di crescere e di migliorare. Insieme alla passione, l’altro elemento fondamentale che ci sospinge verso i traguardi più importanti: nello sport, come nella professione e nella vita. SE DOVESSE DEDICARE A QUALCUNO QUESTO SUO ENNESIMO, PUR SE SIMBOLICO PREMIO, CHI MERITA LA A DERA E E ER

Lo dedicherei a tutte le persone che in qualche modo mi sono state vicine, nella vita personale come professionale. Penso, come ho accennato prima, che la parte migliore di noi, i successi e gli obiettivi positivi che raggiungiamo siano il risultato delle nostre relazioni interpersonali: della condivisione, della collaborazione e, perché no, anche dei contrasti che abbiamo con gli altri. BANCO BPM È OGGI GIUSEPPE

HA 3 2017

CASTAGNA: POSSIAMO PENSARE CHE IL MONDO DELLO SPORT DIALOGHERÀ SEMPRE DI PIÙ CON IL SUO GRUPPO BANCARIO PER SVILUPPI RE R A E E R F

Direi proprio di sì. La costante applicazione delle proprie capacità, piccole o grandi che siano, che le discipline sportive richiedono, è insieme uno straordinario mezzo educativo, di benessere e di socializzazione. Si tratta di valori positivi che, proprio per la loro rilevanza sociale ed educativa, meritano di essere sostenuti e incoraggiati. Banco BPM continuerà a dedicare attenzione e risorse a questo mondo. Lo scorso anno, per esempio, abbiamo supportato, insieme ai tradizionali interventi a favore della Stramilano e dell’Associazione Sportiva Rugby Milano, numerosi progetti sportivi di forte impatto sociale. Tra questi ricordiamo il sostegno ad “Acquario”, il percorso di preparazione per gli atleti in vista delle Paralimpiadi di Rio e dei campionati europei e, allo stesso tempo, destinato ad accrescere l’offerta sportiva per persone diversamente abili, e il contributo offerto alla Federazione Italiana Nuoto Paralimpico, con l’obiettivo di affiancare i giovani atleti nei momenti più rilevanti del loro cammino agonistico


Distributore WIBIT per lâ&#x20AC;&#x2122;Italia info@aqquatixfun.com www.aqquatix.com +39 049 7381150


ACQUATICITÀ VERTICALE

a

2 PARTE

IDROCHINESIOLOGIA Il rilassamento è una tecnica che aiuta soprattutto nei casi prettamente neurologici, con presenza di importanti rigidità: meglio se esercitato senza il sostegno del terapista, ma con i supporto di ausili specifici

Recupero funzionale in acqua degli arti inferiori STEFANO DEVOTI

30

T erminata la prima parte riabilitativa (analizzata nel numero precedente di Happy Aquatics) si può iniziare, ora, in modo più intenso il lavoro di propriocettiva.

“È importante la

disponibilità di sussidi, strumenti ed attrezzi che possono concorrere alla personalizzazione del protocollo”

HA 3 2017

marcopolo@inacquapiacenza.it

L’utente in questo caso ascolta, sente percepisce, ogni piccolo movimento del suo corpo. I recettori propriocettivi o cinestetici, che sono sensibili alle variazioni delle posture del corpo e dei segmenti corporei, inviano le proprie informazioni ad alcune particolari aree encefaliche. I recettori propriocettivi (cinestesici) sono costituiti dalle terminazioni nervose che danno inizio al processo neurofisiologico della propriocezione. Tali recettori inviano impulsi che, attraverso il midollo spinale, giungono alle aree cerebrali deputate all'elaborazione delle informazioni sulla posizione e sul movimento, necessarie per l'esecuzione corretta del movimento stesso. Questa parte potrebbe sembrare uguale a quanto detto prima, a livello disprassico, ma in questo caso il lavoro è più incentrato sul raffinamento del movimento stesso, basti pensare che i recettori specifici citati sono presenti in posti specifici a seconda della funzione che rivestono.

tendineo del Golgi posto in corrispondenza della giunzione muscolo tendinea che è sensibile alle variazioni del tendine, i recettori vestibolari corrispondenti alle strutture del labirinto, o anche al Corpuscolo di Ruffini, presente a livello cutaneo e delle capsule articolari, sensibile a stimoli pressori e tattili prolungati e intensi).

Il fuso neuromuscolare, che misura la velocità con cui il muscolo si allunga e si accorcia, i sensori nelle capsule articolari, consentono di percepire la posizione di un segmento rispetto ad un altro (per es: tibia perone rispetto al femore, all’organo

Prima fase: detta di Ambientamento all’acqua, il terapista inizia presentando l’acqua, immergendosi ed entrando in contatto con l’utente in un momento di condivisione empatica. Seconda fase: detta di Recupero del gesto,

Ovviamente il disturbo propriocettivo è determinato sul piano clinico anche con i sintomi dell’atassia. Ma per chi deve recuperare una funzione articolare (in questo caso degli AA.II.), è utile stimolare questi recettori propriocettivi o cinestesici per ritrovare un movimento più raffinato e posturato anche a secco, in presenza di gravità. Vogliamo qui schematizzare in via semplificata, come preparare un Protocollo Terapeutico tipo tenendo presente cosa detto prima:


n acqua il mo imento si ra fina gra ie all a ione dell elemento stesso c e rallenta il gesto e quindi permette di esercitare un miglior controllo della postura la oro c e a secco non sare e consentito

avvia il momento dove già si lavora con uno scopo terapeutico, l’utente viene mobilizzato e “reimpara” il movimento e l’azione corretta Terza fase detta di Recupero della forza, entrando così nella struttura-base del progetto terapeutico con esercizi che aiutano muscoli e articolazioni nel recupero della loro funzione potenziale. Quarta fase: detta della Propriocettiva e del Controllo posturale dove il terapista sviluppa il suo lavoro raffinando il movimento dell’utente, dando una correzione finale del gesto, utile anche il lavoro a secco sottoposto alla forza di gravità. Quinta fase: detta di Congedo e di Rilassamento dove il terapista propone esercizi di allungamento e di rilassamento utilizzando una tecnica che si avvale anche di sussidi quali i tubi pure perseguendo un allungamento delle muscolature riferite alle articolazioni coinvolte ed interessate. Ovviamente questo protocollo va visto in funzione del singolo utente e della patologia stessa. Si tratta pertanto di una esemplificazione sommaria che tuttavia definisce le linee guida da seguire durante le sedute di recupero funzionale in acqua.

Inoltre occorre indagare anche gli aspetti biomeccanici dell’attività in acqua. Ovviamente i parametri da considerare si riferiscono al soggetto (ampiezza e frequenza del passo, lavoro muscolare e mobilità articolare) ed al setting operativo (acqua alta, acqua bassa). Si tratta di indicatori facilmente misurabili e le cui differenziazioni possono costituire gli elementi di variazione del carico di lavoro. Naturalmente ne deve conseguire anche un’attenzione alle modifiche adattive della fisiologia stessa del soggetto (frequenza cardiaca, consumo di ossigeno, ecc.). Infine merita una particolare sottolineatura la disponibilità di sussidi, strumenti ed attrezzi che possono concorrere alla personalizzazione del protocollo (controcorrente, treadmill subacquei, galleggianti vari, pesi da applicare agli arti, tavolette ergonomiche snodate, elastici, funi, palle, attrezzatura sub ecc.). Ci soffermeremmo infine a dire due parole sulle cosiddette tecniche di rilassamento, che abbiamo trovato utili, specialmente nei casi prettamente neurologici dove siamo in presenza di rigidità muscolo tendinea. Queste tec-

31

niche vengono proposte con l’utente in galleggiamento in posizione supina o sostenuto dal terapista o in sospensione su tre tubi appositamente accorciati (tecnica quest’ultima che noi preferiamo, perché meno invasiva) ed il terapista, anche in acqua alta fino al petto, è in grado di ben gestire l’utente che viene dondolato e mosso sui tubi. Concludendo vorremmo nuovamente evidenziare il valore aggiunto dei concetti di propriocettiva nei protocolli riabilitativi, che abbiamo trovato essere utilissimi al fine di un recupero funzionale concreto

“Occorre

indagare anche gli aspetti biomeccanici dell’attività in acqua” HA 3 2017


AQUAFITNESS

ANDREA GILARDONI Master Trainer, Docente EAA e Responsabile Tecnical Advisor Dept. andre.gilardoni@gmail.com

AQUACIRCUIT & AQUATRAINING LE NUOVE FRONTIERE DEL FITNESS ACQUATICO, RIENTRANTI IN VAS, CONTEMPLANO ATTIVITÀ MOLTO ALLENANTI, PERSONALIZZABILI E SOGGETTE A PROCESSI DI MONITORAGGIO E FEEDBACK CHE FIDELIZZANO, MOTIVANO E APPASSIONANO

L’

32

attività di allenamento a circuito in acqua ha notevoli punti di forza che possono essere riassunti nel modo seguente:

• previsione di momenti di valutazione, feedback e controllo di quanto precedentemente programmato. Mai come nel circuito è fondamentale la preparazione della lezione non solo per quanto riguarda la struttura, ma in particolare per quanto concerne la gestione della stessa.

Una lezione a circuito deve avere dei presupposti logistici per la sua programmazione: 1) uno spazio acqua sufficientemente grande 2) una programmazione attenta da parte dell’istruttore 3) musica adeguata alla struttura della lezione pensata

Andrea Gilardoni: oltre alla competenza, contano capacità motivazionali ed empatia.

• Proposta integrativa alle attività di aquafitness per un ampio target di allievi; • Proposta mirata ad un pubblico diverso per esempio maschile, atleti, terza età; • Attività di gruppo o sedute personal (mini gruppi o singoli); • Attività di preparazione atletica per atleti professionisti di altre discipline; • Sedute specialistiche di recupero funzionale. I punti di forza diventano punti di eccellenza quando la struttura della programmazione, fatta dal trainer, è completa di tutti gli ingredienti base del fitness di qualità. Si tratta di : • chiara definizione degli obiettivi; • condivisione degli stessi con gli allievi; • studio dei carichi esterni; • valutazione dei carichi interni; • definizione dei tempi, dei metodi, delle metodologie;

HA 3 2017


AquaCycling come parte di un circuito o di una classe. In questa foto Andrea Gilardoni, durante una classe di bike.

4) in mancanza della musica, ambiente abbastanza tranquillo per poter essere partecipe e dettare i ritmi degli esercizi 5) tempo sufficiente a termine lezione per poter dare delle indicazioni agli allievi ed avere dei feed back da loro 6) tipo di vasca (acqua alta o bassa)

33

La lezione deve essere attentamente programmata in considerazione di: • Orario giornaliero; • Periodo dell’anno; • Bisogni collettivi ed individuali; • Successione graduale degli esercizi e stimoli allenanti; • Motivazione degli allievi Per quanto riguarda la definizione degli obiettivi, elemento trainante e fondamentale di una buona programmazione, è possibile definire un elenco esemplificativo: • miglioramento funzioni cardiovascolari generalizzate;

er il circuit training in acqua isogna a fidarsi sempre ad struttori capaci e ad attre i di qualit

«I PUNTI DI FORZA DIVENTANO PUNTI DI ECCELLENZA QUANDO LA STRUTTURA DELLA PROGRAMMAZIONE FATTA DAL TRAINER È COMPLETA DI TUTTI GLI INGREDIENTI BASE DEL FITNESS DI QUALITÀ» HA 3 2017


SUPPORTO IRRINUNCIABILE DIVENTA OGGI L’UTILIZZO DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO HOSAND er training e circuit astano meno attre i, ma di compro ata sicure a e a fida ilit , e en ordinati

34

• allenamento della forza muscolare distrettuale; • allenamento della resistenza muscolare distrettuale; • miglioramento della flessibilità articolare e muscolare; • perfezionamento di abilità coordinative acquatiche; • fun ovvero facilitatore di processi di aggregazione.

• circuito coreografico o propriocettivo; • circuito fun. La fantasia e l’abilità di un istruttore nel sapere cogliere le esigenze dei propri allievi, e nel sapere elaborare protocolli diversi e innovativi, consentiranno di elaborare circuiti monotematici nel senso appena definito o circuiti misti dando maggiore accento ad alcuni degli aspetti citati tralasciandone altri.

Sarà quindi possibile scegliere tra le seguenti opzioni : • circuito cardiovascolare generalizzato; • circuito di condizionamento muscolare; • circuito funzionale; • circuito flex;

L’utilizzo di un parco attrezzi, grandi, medi, piccoli adeguato in numero, grado di innovazione tecnica e manutenzione potrà sicuramente favorire l’eccellenza del prodotto finale. Supporto irrinunciabile diventa oggi

l’utilizzo del sistema di monitoraggio Hosand che permette di dare il corretto ed adeguato apporto tecnico alla lezione legando il controllo, il raggiungimento e il miglioramento dei propri obiettivi in maniera oggettiva e inequivocabile. La possibilità di valutare e monitorare in tempo reale la frequenza cardiaca del singolo allievo trasforma la lezione in un vero e proprio momento allenante, completo di contenuti tecnici oggettivi, e valorizza la lezione a circuito a punto di eccellenza di un palinsesto fitness. Solo in questo modo il dialogo trainer allievo potrà costruirsi su una funzione del tipo: obiettivo +motivazione+condivisione+ autorealizzazione = fidelizzazione

ESEMPI DI GRIGLIA RELATIVA ALLA PROGRAMMAZIONE DEL CIRCUITO Mese

Fascia oraria target

Attrezzi

Obiettivi

Timing

Esercizi

Aprile

Mattina Gruppo Senior

Treadmill /jump/step /corpo libero

Flex/cardiovascolare

4 stazioni da 4 ‘ ripetute due volte

Piano saggitale Walk, Knee up, Kick; Push. Fc 50-55%

Settembre

Sera Gruppo misto

Treadmill/bike

Potenza aerobica

2 stazioni da 6 minuti ripetute due volte

Andature base su t.mill e bike con fc pari a 85%

6 stazioni da 5 ‘

Bike: andature base Step : esercizi piano frontale livello 2 Manubri: spinte e trazioni Fc maggiore 95%

Dicembre

Pomeriggio Allievi agonistica

Bike / step/manubri

Vo2 max

«LA DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI È ELEMENTO TRAINANTE E FONDAMENTALE DI UNA BUONA PROGRAMMAZIONE» HA 3 2017


ACQUATICITÀ VERTICALE

HYDROSTRIDE

®

VS

ENERGY AQUA TREADMILL A cura di ARIANNA PETTI e ANDREA RONCHI

36

DUE STRADE… UN UNICO PERCORSO. CON QUESTO ARTICOLO VIENE COMPLETATO IL CONFRONTO FRA DUE PERCORSI, FRUTTO DI APPROFONDITE RICERCHE E INDISTINTAMENTE IDEALI PER QUALSIASI ALLIEVO.

I

l principio base dei programmi di allenamento sviluppati sia da Hydrostride® che da Energy Aqua Traedmill è l’esistenza di una corrispondenza diretta tra velocità di

HA 3 2017

a

2 PARTE

esecuzione dei movimenti, frequenza cardiaca, VO2max e metabolismi energetici. Una volta controllata la posizione del corpo sul treadmill, al fine di gestire il galleggiamento per imprimere

il giusto peso sullo stesso e garantire uno scivolamento fluido del nastro durante la corsa e la camminata, gli esercizi sono svolti ad una velocità direttamente proporzionale al ritmo della musica.

MUSICA

HEART

TIPOLOGIA DI LAVORO

BPM

HR zone

Obiettivi di allenamento

120-130

50% - 70%

· Lavoro muscolare contenuto · Stimola effetti cardiocircolatori moderati · Sensazione di benessere generale

130-150

70% - 80%

· Lavoro muscolare di media intensità · Adeguato dispendio energetico per migliorare l’efficienza del sistema circolatorio · Sensazione di fatica moderata

150-180

80% - 92%

· Lavoro muscolare di intensità elevata · Elevato dispendio energetico e intervento del metabolismo anaerobico · Sensazione di fatica elevata


arianna.petti@libero.it

A lato: Arianna Petti, ideatrice del metodo Hidrostride, ed una sua collaboratrice durante una classe a RiminiWellness 2016. Sotto: Andrea Ronchi, ideatore del metodo Energy Aqua Treadmill spiega agli allievi le diverse tecniche di corsa e camminata sul treadmill.

ronchi_andrea@libero.it

37

Una volta controllata la posizione del corpo, gli esercizi sono svolti ad una velocitĂ direttamente proporzionale al ritmo della musica


HYDROSTRIDE® Sistemi energetici

Training Program

HR Zones

BASE Hydrostride®

(50% - 70%)

Lezioni introduttive o di recupero.

Aerobico Lipolitico (il corpo impiega prevalentemente grassi per produrre energia).

INTERVAL Hydrostride®

(65% - 92%)

Allenamento con variazioni di ritmo. Aumenta la capacità cardiaca e permette il potenziamento muscolare.

Aerobico Glicolitico (ripetute da max 20 minuti - il corpo impiega prevalentemente zuccheri per produrre energia). Anaerobico Lattacido (ripetute da 10 a 60 secondi - il corpo impiega prevalentemente glicogeno muscolare per produrre energia).

ENDURANCE Hydrostride®

(70% - 80%)

Allenamento a frequenza cardiaca costante. Costruisce la potenza aerobica e la capacità di gestire la fatica nel tempo. Consuma le riserve di grasso.

Aerobico Lipolitico (il corpo impiega prevalentemente grassi per produrre energia).

POWER Hydrostride®

(70% - 85%)

Lavoro avanzato a intensità crescente. Costruisce forza e resistenza.

Aerobico Lipolitico (il corpo impiega prevalentemente grassi per produrre energia).

(80% - 92%)

Allenamento con variazioni di ritmo in acqua bassa. Aumenta la capacità cardiaca e permette il potenziamento muscolare.

Aerobico Glicolitico (ripetute da max 20 minuti - il corpo impiega prevalentemente zuccheri per produrre energia). Anaerobico Lattacido (ripetute da 10 a 60 secondi - il corpo impiega prevalentemente glicogeno muscolare per produrre energia).

Hydrostride® LOW WATER

Descrizione

ENERGY AQUA TREADMILL Sistemi energetici

Training Program

HR Zones

FLAT Wave Walk®

(50% - 70%)

Costante ricerca dell’equilibrio posturale attraverso il corretto appoggio plantare, verso una camminata semplice.

Aerobico Lipolitico (il corpo impiega prevalentemente grassi per produrre energia).

(65% - 85%)

Allenamento con variazioni di ritmo. Aumenta la capacità cardiaca e permette il potenziamento muscolare. Sequenze motorie differenti dalla semplice camminata.

Anaerobico Lattacido e Alattacido (ripetute da 45 secondi - il corpo impiega prevalentemente glicogeno muscolare per produrre energia).

38 ENERGY SYSTEM

Descrizione

➜ ➜ Il controllo del corpo in acqua è fondamentale per imprimere il giusto peso sul nastro ed ottenere uno sci olamento uido durante corsa e camminata.

Collaborare con società sportive d’élite e organizzare esercizi adeguatamente studiati in funzione dello sport praticato HA 3 2017

➜ ➜

➜ ➜

CONSIGLI AL TITOLARE Impostare programmi di allenamento specifici di camminata abbinata a differenti sequenze motorie con possibilità di utilizzare cardiofrequenzimetri acquatici. Prevedere la possibilità di ampliare il programma delle attività rendendo unico lo stesso per la sua specificità. Dotarsi di attrezzature adeguate (treadmill a nastro) per l’attività. CONSIGLI ALL’ ISTRUTTORE Costruirsi competenze specifiche attraverso percorsi formativi idonei. Proiettare l’attenzione verso lo studio delle percezioni ed adeguati adattamenti corporei per spiegare i fattori basilari dell'allenamento fisico quali potenza, mobilità e resistenza e mostrare i metodi attuati per la loro ottimizzazione nella pratica. Collaborare con società sportive d’élite e organizzare esercizi adeguatamente studiati in funzione dello sport praticato, al fine di aumentare la forza e la resistenza degli sportivi. A A E Imparare a “percepire” il proprio corpo in acqua ed esser in grado di controllarlo funzionalmente all’attività. Ricerca della semplice camminata e delle sue potenzialità. Studiare ed utilizzare al meglio le tecniche didattiche per avere competenze trasversali oltre a quelle specifiche. Autovalutazione delle proprie capacità e possibilità di lavoro attraverso il costante utilizzo del cardiofrequenzimetro.


ANTHEA, UN TUFFO NELLA SICUREZZA. ENERGY AQUA TREADMILL

ANTHEAè un broker assicurativo indipendente da banche e compagnie. Per questo riesce a rendere piĂš efficiente la spesa assicurativa di aziende e professionisti. t~Â&#x160;Â&#x2039;Â?Â&#x201E;Â&#x201E;Â&#x2039;Â&#x201E;âÂ&#x17D;Â?Â&#x201E;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x201E;Â&#x2018;Â&#x201E;Â&#x17D;Â&#x201E;Â?|Â&#x201E;Â&#x2021;Â&#x2030;Â&#x160;Â&#x17D;Â?Â?Â&#x160;Â&#x17D;Â&#x201E;Â?Â&#x160;Â&#x201E;Â&#x2030;Â?Â&#x20AC;Â?Â&#x2030;Â&#x20AC;Â?KKK5BH<956FC?9F=H


MANAGEMENT

SIMONA PERGOLESI Business tutor Wellink simonapergolesi@wellink.it

RELAZIONI ACQUATICHE SCEGLIERE DI FREQUENTARE UNA PISCINA NON SIGNIFICA DOVER RESTARE MUTI COME PESCI. OLTRE I COSTUMI E SOTTO LE CUFFIE, CI SONO CUORI, ANIME E DESIDERI

N

40

egli ultimi anni l’utenza delle piscine è cambiata ed i centri acquatici sono corsi ai ripari concentrandosi sull’aquafitness, traducendo in acqua tutto ciò che fa furore a terra, in palestra. Tuttavia, non si è ancora trasferito a tutto il mondo acquatico ciò che delle palestre è il cuore pulsante, ciò che ne determina il successo o il fallimento: la relazione umana. Quando “uno qualsiasi” entra in un impianto natatorio per chiedere informazioni, la sola domanda che gli viene posta al desk è: «A cosa era interessato? Nuoto o Aquagym?» Dopodiché si apre davanti a lui un depliant e gli si leggono orari e

«LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA SEGRETERIA E ISTRUTTORI» HA 3 2017

Smiling Swimmer: creare relazione anche con chi entra in piscina a fare nuoto li ero aiuta a fideli are clienti e ad avvicinarli ad altri corsi, magari personalizzati sulle esigenze del singolo.


«NON SI È ANCORA TRASFERITA A TUTTO IL MONDO ACQUATICO LA RELAZIONE UMANA» prezzi delle varie attività. La persona se ne va, forse chiederà in altre strutture, forse penserà se fare piscina o palestra e, se siamo fortunati, ritornerà, si iscriverà, frequenterà, se seguirà un corso scambierà qualche parola con l’istruttore, entrerà ed uscirà dal centro ogni volta dicendoci «Buongiorno» o «Buonasera» e tutto questo per mesi, senza che nessuno sappia chi è davvero al di là dei suoi dati anagrafici, cosa cerca, qual è la sua storia e perché ci ha scelto. Ecco, tutto questo si può cambiare, costruendo un circolo virtuoso di cono-

scenze e relazioni, già dal primo impatto. Rimando allo Speciale Summit di questo numero per ciò che riguarda le relazioni durante la richiesta di informazioni e arriviamo subito sul bordo vasca (ndr, vedi articolo di Paolo Grosso a pag. 46). Una volta che il nostro utente è iscritto, la relazione umana va portata avanti con un atteggiamento corale di tutto lo staff, sempre professionale ma coinvolgente e motivante, riuscendo in ogni lezione a toccare le specifiche corde di ogni singolo utente, quelle che lo hanno smosso e fatto iscrivere e che devono continuamente

essere accarezzate e pizzicate per evitare che perda interesse e motivazione. Ciò è possibile attraverso un passaggio imprescindibile: la condivisione delle informazioni tra segreteria (mi piacerebbe chiamarla “consulenza”) e istruttori, così che ogni istruttore sappia quali desideri e bisogni devono essere soddisfatti per ogni suo allievo, per fidelizzarlo sempre più. E chi invece arriva, si mette la cuffia e nuota per 40 minuti senza guardare e parlare con nessuno? È la stessa situazione di chi frequenta la palestra, solo sugli attrezzi e con gli auricolari, anziché partecipare ai corsi... Il benvenuto in vasca si può dare sempre a tutti, indistintamente e, se venisse fatta una valida consulenza iniziale su ogni persona, allora anche il nuotatore solitario potrebbe trovare una piacevole ed inaspettata sorpresa: un istruttore che lo aspetta per confrontarsi sull’allenamento che svolge o che intende svolgere, fissare degli obiettivi progressivi, verificare se c’è qualche suggerimento tecnico da dare, dargli dei compiti e mettersi d’accordo per ritrovarsi tra qualche settimana. Non è impossibile. Non è utopia. Mettere cuore e passione, creare relazioni umane, non solo funziona ma fa davvero la differenza

41

«METTERE CUORE E PASSIONE, CREARE RELAZIONI UMANE, NON SOLO FUNZIONA MA FA DAVVERO LA DIFFERENZA» HA 3 2017


MANAGEMENT

OTTIMIZZAZIONE DEI CONSUMI ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO I CENTRI SPORTIVI E LE PISCINE SONO ENERGIVORI E RICHIEDONO ALTE COMPETENZE PER RISOLVERE PROBLEMI DI CONSUMI E RIDUZIONE DEI COSTI; EVITARE LE TANTE PROPOSTE DI “CONSULENTI” E METTERSI NELLE MANI DI SOCIETÀ SERIE DALL’ESPERIENZA COMPROVATA. IL MODELLO SEGUITO DA ACQUANETWORK 42

TOMMASO VAGLIANO

E

fficienza energetica in un impianto sportivo vuol dire ridurre i consumi necessari a garantire il livello di confort per gli utenti in acqua e fuori dall’acqua. Data la pluralità di opinioni e di offerte tecnologiche sul mercato, il percorso di riduzione della spesa energetica deve essere affrontato in modo rigoroso sotto la supervisione di esperti indipendenti e specializzati perché possa ottimizzare le risorse disponibili e dare con certezza i suoi benefici nel tempo. È questo l’approccio seguito da alcuni gestori di impianti natatori insieme a realtà credibili, come la società indipendente, di cui sono parte, che opera nell’ambito dell’efficienza energetica e della sostenibilità offrendo soluzioni di risparmio alle imprese.

LA FORMULA DEL RISPARMIO

Il costo energetico è il prodotto di due fattori: il prezzo di acquisto dell’energia (Bolletta) ed il consumo di energia stessa

HA 3 2017

(Impianti). Occorre efficientare entrambi per ottenere un effetto moltiplicativo del beneficio, come descritto di seguito. 1 FOCUS BOLLETTA

Operare direttamente sul mercato energetico liberalizzato permette di cogliere i momenti più vantaggiosi di mercato. Richiede competenze specifiche, un aggiornamento continuo ed un costante controllo degli andamenti della borsa energetica. Appoggiandosi a società specializzate, che offrono un continuo monitoraggio dei mercati e sono forti di un portafoglio in gestione di oltre 100GWh annui, i gestori hanno l’opportunità di chiudere gare al ribasso direttamente con i fornitori nei momenti più opportuni di mercato e con contratti sicuri. L’attività, completata con la verifica della correttezza delle fatturazioni pregresse, permette anche di evidenziare situazioni precedenti di errati addebiti e recuperare così ulteriori fondi.

2 FOCUS IMPIANTI

Anche per i centri natatori è fondamentale applicare l’approccio rigoroso dettato dalla norma UNI CEI 11247 e da ENEA. In sintesi: la redazione di un Bilancio energetico per capire esattamente come sono ripartiti i consumi nella struttura; la definizione di Indici di Efficienza Energetica per confrontare tra loro strutture simili e monitorare i risultati degli interventi nel tempo; l’ottimizzazione di quanto già presente nel sito per la riduzione degli sprechi; da ultimo, in ordine temporale, avrà senso affrontare interventi di efficientamento impiantistico, ordinandoli per criteri economici e gestionali insieme.

Anche per i centri natatori è fondamentale applicare l’approccio rigoroso dettato dalla norma UNI CEI 11247 e da ENEA


SPECIALE

FOCUS SU BOLLETTA OTTIMIZZAZIONE CONTRATTI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS

3 FASI:

1. Analisi profili di consumo 2. Monitoraggio mercati 3. Organizzazione gare

ommaso agliano al cui fianco, sul palco, erano i relatori aolo al i (AN Perugia), Giancarlo De Cristofaro (A.I.S.).

yrt a , aolo rosso Wellin , te ano andinoni venerdì 5 maggio 17

FOCUS SU IMPIANTI

IMPLEMENTAZIONE E MONITORAGGIO «Non si può gestire quello che non si può misurare» (R.Kaplan)

1. Bilancio Energetico: «cosa consumo dove» 2. Ottimizzazione dell’esistente: «riduzione sprechi» 3. Sostituzione Tecnologica: «matrice opportunità»

43

venerdì 5 maggio 17

Per avere la certezza di mantenere alti standard qualitativi e di servizio, i costi energetici e i consumi possono essere ridotti solo sotto la guida di un vero esperto del settore.

RISULTATI

venerdì 5 maggio 17

Encore srl è una società indipendente partner di Acquanetwork che opera nel settore dell’efficienza energetica ed è accreditata ESCO secondo la norma 11352.

Gli importanti risultati ottenuti, anche in termine di risparmio conseguito a “costo quasi zero”, ovvero ancora prima di operare interventi di sostituzione impiantistica, ha portato i gestori ad invitare una società professionale come la nostra all’interno di Acquanetwork per aiutarli a diffondere questo modello. CONCLUSIONI

Occorre proseguire e consolidare le esperienze di gruppo per promuovere il concetto di piscina sostenibile dal punto di vista energetico, ambientale e sociale insieme: gli impianti natatori devono essere un modello per il territorio nell’affrontare la sfida mondiale dei prossimi 10 anni per la riduzione delle emissioni contro il surriscaldamento globale...

“Affrontare la sfida mondiale dei prossimi 10 anni per la riduzione delle emissioni contro il surriscaldamento globale” AQUANIENE (RM)

HA 3 2017


SPECIALE

MANAGEMENT

UN TUFFO NELLA SICUREZZA

44

Da sinistra: Davide Martinello con Marco Bonora (al centro) e Flavio Marelli, nel corso del Summit presso l’elegante e accogliente stand di Anthea.

UN NUOVO APPROCCIO AL RISCHIO, PERSEGUIBILE COLLABORANDO CON BROKER ASSICURATIVI DI COMPROVATA ESPERIENZA E AGENDO COME RETE CHE UNISCE DIVERSI CLUB E PISCINE

M

olto più che un semplice sponsor o partner, come emerso nel corso del congresso ANWK & Wellness. Un concetto ben illustrato da uno dei più importanti broker indipendenti del Nordest, che ha condiviso questa idea con gli operatori e tutti gli esperti presenti al Summit di Milano. Il passaggio chiave perché si sostanzi una serie di vantaggi per piscine, club e centri sportivi in generale, è che questi aggreghino in un unico gruppo – idea di network ben interpretata da Acquanetwork e il suo collegamento con UNASS – per poter cogliere diverse opzioni che la società vicentina ha inquadrato, grazie alle sapienti indicazioni di alti professionisti in mate-

HA 3 2017

ria: Flavio Marelli e Davide Martinello: hanno spiegato, in più fasi, come oggi vada rivisitata l’idea di copertura assicurativa a tutto tondo, sovente basata su schemi validi oltre un decennio fa e mai aggiornati, come invece i nuovo modelli gestionali e di business suggerirebbero. In particolare sono molto persuasivi l’approccio innovativo e il nuovo modello assicurativo proposti per i settori sport&leisure ed eventi. Un progetto che nasce dall’esperienza fatta sul campo in oltre 10 anni di attività al fianco di professionisti, aziende e associazioni e perfezionato attraverso il dialogo con alcune società di gestione associate ad Acquanetwork, che, nelle persone di Paolo Gecchelin

LA REDAZIONE

info@antheabroker.it


(Piscine di Vicenza) e Stefano Candidoni (AN Perugia) sono intervenute ad una delle sessioni congressuali per riportare come hanno costruito questo modello tanto innovativo, affiancati da un esperto come Davide Martinello: una serie di interventi che, oltre ad avvicendare quello che era ritenuto erroneamente valido in ambito assicurativo, lo ha reso completo, coprendo situazioni “insidiose” un tempo trascurate, riformulandolo a costi molto più accessibili. «Parliamo di campi delicati e complessi dal punto di vista assicurativo perché ci sono tanti fattori in gioco, spesso sottovalutati – ha sottolineato Davide Martinello -. Abbiamo analizzato un campione di soggetti pari al 10% dei gestori e al 16% degli impianti di ANWK. È emerso che tante realtà convivono con inefficienze e costi inutili: oggetti di polizza imprecisi nelle Rc, costi non ottimizzati rispetto ai premi, coperture assenti o incomplete per gli amministratori (D&O) e per i danni da maltempo, terremoto e incendio». «Tutte le imprese corrono dei rischi – ha aggiunto Flavio Marelli; saperli affrontare al meglio fa la differenza. Affidarsi a un broker significa proprio voler fare la differenza e gestire il rischio in modo più chiaro, più efficiente e più completo».

Tante realtà convivono con inefficienze e costi inutili

Partendo dall’analisi del singolo partner, il broker va infatti a cercare nel mercato le migliori soluzioni che ampliano le coperture e riducono la spesa. «Ci sono però anche altre opportunità che possono rendere ancora più efficiente il modello assicurativo – ha proseguito Marelli –; una prima strada sta nell'unire le forze, aggregando i soggetti in gruppi di acquisto: così si può spendere meno, comprando meglio». Nel corso del confronto è emerso con forza che stipulare “polizze weather” (ovvero volte ad assicurare il rischio meteo delle stagioni estive e non solo) aiuta invece a mettere un argine contro l’incertezza, fissando un limite al danno economico che il maltempo, tra le principali vulnerabilità per il settore, può portare. Ancora: non vanno trascurate le polizze D&O, uno scudo solido per gli amministratori di aziende e di associazioni, e le polizze terremoto, che consentono di rifondere il danno sino al 100% del costo di costruzione degli impianti. Ora, basare i propri parametri assicurativi trascurando aspetti che tutelino da rischi dovuti ad eventi esiziali per la sostenibilità gestionale e, ancor più, le tutele per i legali rappresentanti che altrimenti dovrebbero rispondere in prima persona e in solido, mettendo a repentaglio propri avere, finanche la casa e beni di famiglia, sembra quanto mai autolesionista e ad altissimo rischio, sovente determinato da non conoscenza di certi strumenti. Un'opportunità per essere pronti a ripartire, sempre, anche dopo situazioni che fino ad oggi sono state causa di fallimenti, bilanci in rosso o chiusure di attività per impossibilità ad affrontare il danno subito. Parlare di nuovi modelli gestionali, sostenibilità, contenimento dei costi an-

Affidarsi a un broker significa proprio voler fare la differenza e gestire il rischio in modo più chiaro, più efficiente e più completo che in logica previdenziale non ha senso se si trascurano passaggi delicati e decisivi che solo una evoluta ed attuale progettualità assicurativa permette di garantire. Questa è veramente una grande occasio-

Da sinistra, Stefano Candidoni, ex nuotatore e consigliere di Acquanetwork, durante la sessione con Giancarlo De Cristofaro, Vicepresidente AIS. Flavio Marelli interviene nella sessione top con il presidente del CONI, Malagò, l’AD di Banco BPM; Castagna, i campioni Campriani e Felugo, Colletto (Myrtha), condotta da Dallari (a destra).

ne che ogni singola piscina/club è saggio consideri, ma orientandosi ad agire come rete coesa, perché certe situazioni sono ottimizzabili facendo massa critica con colleghi e realtà omologhe. Un messaggio ulteriore ad essere una categoria unita nell’interesse proprio, del settore e del futuro dello sport e di chi lo guida

Su nuovi modelli assicurativi e copertura dei rischi, fra cui, meteo o a carico del legale rappresentante di asd e ssd, l’esperto è Anthea Broker Assicurativo: www.antheabroker.it

HA 3 2017


MANAGEMENT

PAOLO GROSSO Wellink Managing Director paologrosso@wellink.it

ORGANIZZARE L’AREA VENDITA, IN PISCINA E NEL CLUB LA SERIE DI ACCORGIMENTI PERCHÉ LA MOTIVAZIONE A PRATICARE ESERCIZIO FISICO NON ABBIA MAI A CALARE; SERVE UNA RIELABORAZIONE DELL’ABITUALE APPROCCIO AL CLIENTE, OGGI TROPPO DEFICITARIA IN TANTE PISCINE E CLUB

SPECIALE

È

46

ormai riconosciuto a tutti i livelli quanto la sedentarietà impatti negativamente sulla qualità e prospettiva di vita e di come influisca sull’insorgenza di patologie cosiddette metaboliche; siamo altresì consapevoli che 150 minuti di esercizio fisico a settimana possono contrastare questi fattori di rischio, riducendoli in modo significativo. Nonostante queste consapevolezze, la percentuale di popolazione che frequenta piscine e fitness club in Italia non cresce rendendone difficile la sostenibilità economica. Dov’è il problema? Dato il contesto, in modo metaforico, rappresentiamo il nostro centro come

Gli effetti della sedentarietà sono devastanti per la sostenibilità dei centri acquatici.

una vasca da bagno in cui la quantità d’acqua rappresenta il numero di iscritti ed il conseguente apporto economico in termini di ricavi. Per fare in modo che

la quantità e quindi il livello della stessa non scendano sotto la zona critica che non permetterebbe di sostenere i costi, gli imprenditori hanno due elementi da

«PROPORRE IL GIUSTO PERCORSO, FATTO POSSIBILMENTE DI ATTIVITÀ DIFFERENTI, CHE CONCORRANO AD EVITARE LA MONOTONIA» HA 3 2017


tenere in considerazione: il rubinetto d’entrata, che determina il volume di nuovi iscritti, e lo scarico d’uscita, che rappresenta la percentuale di persone che iniziano un programma di esercizio fisico ma abbandonano. Senza soffermarci su quanti siano ed in quale periodo avvenga la disaffezione, interroghiamoci sul perché questo succede e scopriremo che il fattore principale dell’abbandono è legato alla perdita di motivazione. Quel fattore scatenante, che aveva spinto il soggetto con attitudine sedentaria o poco attiva ad iscriversi in un centro sportivo, presto decade lasciando spazio ad una serie di pretesti che ne determinano l’abbandono. Non potendo lavorare sull’incremento della motivazione, in quanto fattore innato, concentriamoci su cosa possiamo fare per sostenerla e mantenerla alta per un periodo di tempo sufficiente a far si che l’esercizio fisico passi dall’essere “qualcosa che è necessario fare” ad un vero stile di vita, un’abitudine che permette di sentirsi meglio ed alla quale mai si rinuncerebbe. Ma come possiamo intervenire in questo processo? Probabilmente ridisegnando il percorso ovvero l’iter di inserimento e gestione dei nostri iscritti, partendo con il piede giusto: l’iscrizione! Se vogliamo davvero diminuire l’uscita dell’acqua dalla nostra vasca, allora è necessario concentrarsi sul corretto flusso che inizia nel momento in cui il potenziale iscritto varca la soglia del centro per ricevere informazioni. Non saranno di certo un listino prestampato, un orario corsi e la buona volontà di una segreteria tuttofare gli elementi che sosterranno in seguito la sua motivazione ma la giusta proposta di esercizio fisico in funzione delle sue attitudini e dei suoi reali bisogni. Quindi, schematicamente, abbiamo bisogno di: 1) ASCOLTARE non solo quanto ci dice in fase di richiesta informazioni ma soprattutto le sue aspirazioni e motivazioni che unite alle sue caratteristiche ed abitudini ci possano fornire un quadro preciso di chi abbiamo di fronte e passare alla fase successiva. 2) PROPORRE il giusto percorso, fatto possibilmente di stimoli (attività) differenti, che concorrano ad evitare la monotonia perché sappiamo che la varietà, soprattutto se condita dal di-

«È IL CASO INVESTIRE IN RISORSE CHE ABBIANO L’OPPORTUNITÀ DI DEDICARSI TOTALMENTE ALL’ACQUA IN ENTRATA ED AL CONTENIMENTO DI QUELLA IN USCITA» Saper coinvolgere, divertire e personalizzare l’offerta è fondamentale per l’utente di oggi, sempre più selettivo e preparato.

vertimento, rappresenta un elemento chiave per la continuità. Quindi un percorso che possa avere una durata sufficiente a far sì che un comportamento possa entrare nella quotidianità e diventare abitudine ed è quindi scontato che siano da prediligere le formule in abbonamento prepagato rispetto ai pacchetti d’ingressi, così come periodi che non richiedano la costante domanda di rinnovo. 3) MANTENERE alta l’attenzione sul nuovo iscritto perché sappiamo che i suoi primi mesi sono quelli maggior rischio di abbandono ed è quindi fondamentale sostenere la motivazione attraverso la giusta e progressiva proposta di esercizio ma anche attraverso le attenzioni e la costante richiesta di feedback da parte degli istruttori così come di colui o colei alla quale ha dato fiducia facendo il passo di sottoscrivere il proprio abbonamento. 4) VERIFICARE quindi la frequenza dei nostri iscritti ponendo particolare attenzione ad eventuali cali o segnali di difficoltà, quali ad esempio interrompere la frequentazione ad un corso per continuare esclusivamente con l’attività individuale o diminuire il numero di sedute settimanali.

5) RIATTIVARE la sua frequenza in modo tempestivo interessandosi e proponendo stimoli differenti, senza lasciar passare pericolosi giorni di inattività che non sono altro che l’inizio della fine.

47

Ora, se siamo d’accordo sul fatto che questi possano essere elementi che permettano di mantenere alto il livello all’interno della nostra vasca, come possiamo pensare di affidare questo compito al personale addetto al desk che, con tutta la buona volontà, non è nelle condizioni di dedicarsi al lungo ed attento processo di gestione degli iscritti? Forse è il caso investire in risorse che abbiano l’opportunità di dedicarsi totalmente all’acqua in entrata ed al contenimento di quella in uscita

«IL FATTORE PRINCIPALE DELL’ABBANDONO È LEGATO ALLA PERDITA DI MOTIVAZIONE» HA 3 2017


MANAGEMENT

SPECIALE

PPP

48

L’avvocato Bolognini (sulla destra), è stato uno dei protagonisti e relatori più apprezzati al Summit: qui la sessione con Oreste Perri (CONI Lombardia), On. Sbrollini, On. Pastorino e Vicepresidente ANCI, Pella e, al microfono, Giampaolo Duregon (ANIF).

Partenariato Pubblico Privato

LORENZO BOLOGNINI

CORRETTIVO CON INCREMENTO DEL LIMITE ALLA CONTRIBUZIONE PUBBLICA E ALTRE NOVITÀ IN MATERIA DI LEASING IN COSTRUENDO lorenzo.bolognini@studiobolognini.com

I In occasione del Summit 2017 di Milano, abbiamo avuto il privilegio ed il piacere confrontarci anche con l’On. Luca Pastorino, insieme alle altre illustrissime personalità On. Daniela Sbrollini e Vicepresidente di ANCI Roberto Pella, su argomenti molto importanti e, se vogliamo, anche delicati, riguardanti il Codice dei Contratti Pubblici, con

HA 3 2017

particolare riferimento alla tematica del partenariato pubblico privato. Una delle questioni maggiormente attuali era, ed ancora è, quella attinente alle norme del Codice che fissano il limite alla contribuzione pubblica nell’ambito dei PPP (delle concessioni, secondo quanto stabilito all’art. 165, c. 2, e dei contratti di partenariato, secondo quanto stabilito all’art. 180, c. 6). L’On. Pastorino, membro della Commissione Parlamentare Bilancio alla Camera e molto sensibile alla tematica dei contratti pubblici, ci ha costantemente tenuti informati sull’iter che il decreto correttivo del Codice, proprio in quei giorni, stava seguendo, considerato che il testo di tale correttivo

conteneva una norma utile ad innalzare il limite della suddetta contribuzione dal 30% al 49% “del costo dell'investimento complessivo, comprensivo di eventuali oneri finanziari”. Prima della sua approvazione finale da parte del Consiglio dei Ministri, avvenuta il 13 aprile, il Consiglio di Stato aveva espresso un parere negativo rispetto alla suddetta modifica e tale circostanza aveva fatto temere che le speranze, ritenute ormai una certezza al momento del Summit (antecedente a tale parere), potessero essere invece disattese. Per fortuna, in questo caso, ha prevalso il buon senso, posto che l’innalzamento del limite al 49% era stato chiesto da tutti


Lorenzo Bolognini è oggi il più affermato e preparato legale amministrativista ed esperto in appalti – è anche assessore al Bilancio di Bogliasco (GE).

gli operatori, privati (compresa Acquanetwork che aveva scritto all’ANAC in proposito) ma anche pubblici (l’intervento al Summit, come detto, è stato impreziosito da importanti esponenti della PA) per incentivare gli investimenti in settori che, altrimenti, continuavano a stagnare. Pertanto, con questa premessa che ha anche lo scopo di ringraziare, appunto, gli Onorevoli Pastorino e Sbrollini ed il Vicepresidente Pella, si vuole dare la notizia dell’approvazione del decreto correttivo del Codice dei Contratti Pubblici di cui si attende in questo momento solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e che sancisce definitivamente (almeno per ora) la possibilità di contribuzioni pubbliche nei PPP (contributi in conto costruzione, fideiussioni comunali ecc.), fino al limite incrementato al 49% “del costo dell'investimento complessivo, comprensivo di eventuali oneri finanziari”. In occasione del Summit, il confronto con le suddette illustri personalità ha riguardato, in generale, il tema della certezza del diritto, in relazione alla quale, proprio con riferimento al limite della contribuzione pubblica nel PPP, non se ne aveva molta. Ancor più evidente assenza di certezza del diritto, come già scritto su queste pagine in altre occasioni, si è riscontrata

50

Evidente assenza di certezza del diritto con riferimento all’altro strumento di PPP vale a dire il leasing in costruendo HA 3 2017

con riferimento all’altro strumento di PPP spesso utilizzato per realizzare/ ristrutturare/riqualificare impianti sportivi, vale a dire il leasing in costruendo. Anche di questo si è parlato nel confronto al Summit, ricordando l’evidente contrasto tra le norme, su tale argomento, e quanto affermato con la delibera della Corte dei Conti, Sezione Autonomie, n. 26 del luglio 2016. Pure su questo argomento, di cui abbiamo ampiamente trattato commentando anche alcune pronunce successive a quella della Sezione Autonomie, occorre fornire un aggiornamento riconducibile al recentissimo parere n. 36 del marzo 2017 della Corte dei Conti, Sezione Controllo per la Lombardia. La Corte dei Conti Sezione Controllo della Lombardia, oggi ha effettuato un approfondimento critico, riguardante il contrasto di cui sopra, molto interessante e puntuale. In estrema sintesi, tale nuovo provvedimento della Corte dei Conti evidenzia come i contratti di PPP, anche quando rispondenti allo schema del leasing in costruendo, abbiamo una propria connotazione riconducibile, appunto, alla natura peculiare del partenariato pubblico privato ed alla relativa disciplina codicistica attinente al rischio operativo cosicché, se ben strutturati sotto il profilo del rischio, non possono costituire operazioni di indebitamento. La Corte dei Conti Lombarda fa, poi, un’osservazione molto interessante. Infatti, evidenziando che il MEF e l’ISTAT compilano annualmente il conto economico consolidato delle Pubbliche Amministrazioni ai fini della verifica sul rispetto dei limiti massimi del debito pubblico, viene sottolineato il fatto che una non corretta contabilizzazione dei contratti di locazione finanziaria di opere pubbliche, a prescindere dalla valuta-

zione inerente l’allocazione dei rischi, determina la rappresentazione di una situazione distorta, con importanti ripercussioni anche sull’operatività effettiva delle stesse Pubbliche Amministrazioni (come sappiamo, il superamento dei limiti di indebitamento, fa scattare sanzioni che vanno proprio verso la limitazione dell’operatività). Il parere in commento, così si conclude: “la Sezione regionale di controllo, in considerazione dell’apparente contrasto normativo rilevato fra il paragrafo 3.25 del Principio contabile concernente la contabilità finanziaria (…) e quanto disposto dal d.lgs. n. 50 del 2016 (…), ritiene opportuno, per gli esposti riflessi di carattere generale che la questione interpretativa presenta, non limitata all’esercizio delle competenze di controllo sui bilanci degli enti territoriali, ma incidente, altresì, in particolare, sulla redazione del conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche, sottoporre al Presidente della Corte dei Conti (…)” uno specifico quesito che, in proposito, fornisca un definitivo chiarimento. Quindi, la speranza è che, in tempi brevissimi, anche su questo argomento, ci sia certezza del diritto, indispensabile per poter attivare (o ri-attivare) un utilissimo strumento per la realizzazione/ ristrutturazione/riqualificazione di impianti sportivi che, purtroppo, in questo momento, risulta non poco compromesso a causa dei dubbi che gli Enti Pubblici, comprensibilmente, si pongono sulla relativa contabilizzazione nel proprio bilancio

IN BREVE Al Summit di Milano, nel confronto con illustri personalità quali l’On. Luca Pastorino, l’On. Daniela Sbrollini ed il Vicepresidente di ANCI Roberto Pella, si è parlato anche di certezza del diritto in relazione ad importanti strumenti di PPP per la realizzazione/ristrutturazioi alifi a i i i ia ti sportivi, strumenti per i quali tale certezza sembra prendere corpo grazie all’approvazione del decreto correttivo al Codice dei Contratti Pubblici che, fra le altre cose, innalza il limite alla contribuzione pubblica nei PPP dal 30% al 49%, e grazie ad un recentissimo parere della Corte dei Conti Lombardia, in tema di leasing in costruendo.


E.A.A. NASCE A FINE 1996 DA UN’IDEA DI ALCUNI APPASSIONATI PROVENIENTI DAL NUOTO AGONISTICO E DIDATTICO, CON L’OBIETTIVO DI DIFFONDERE UNA NUOVA CULTURA DELL’ACQUA E CON L’ASPIRAZIONE DI VALORIZZARE LA FIGURA PROFESSIONALE DI CHI OPERA IN PISCINA

AQUATIC VERTICAL STYLES AQUAFITNESS INSTRUCTOR BASIC/ADVANCED AGUAMOVIDA® INSTRUCTOR AQUAFITNESS MASTER:

AQUAFITNESS

Deep Water, Aqua Bike, Aqua Treadmill, Aqua Boxe, Aqua Step, Aqua Jump, Aqua Up&Down, Aqua Circuit, Aguamovida Jump, AquaXfit, Palestra in Acqua

ATTIVITÀ IN ACQUA PER GESTANTI BASIC/ADVANCED AQUA HEALTH&WELLNESS MASTER:

AQUA HEALTH&WELLNESS

Acquami®, Aqua Training, Aqua Cardio, Aqua Health, Aqua Gag e Dimagrimento, Aqua Rehab

AQUA EDUCATIONAL

ACQUATICITÀ NEONATALE 0-3 ANNI BASIC/ADVANCED ACQUA E DISABILITÀ BASIC/ADVANCED

PERSONALIZZAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI E DI AGGIORNAMENTO PER IL TUO STAFF OPEN DAY/S DEL TUO CLUB CON I NOSTRI MIGLIORI TRAINERS ED ESPERTI

ON DEMAND

PALESTRA ACQUATICA TRAINING BY E.A.A./WELLINK - NEW! AXE DAYS WINTER AQUAFITNESS MARATHON FORUM PISCINE FIBO AQUATIC AREA - NEW! HOLISTIC DAYS RIMINI WELLNESS AQUAFITNESS DAYS ROAD SHOW- NEW!

EVENTI

isita il nu

EAA sostiene

sit

n

afi a

Media Partner

DA 20 ANNI, EVENTI, CONGRESSI, CORSI DI FORMAZIONE IN ITALIA E NEL MONDO

EUROAQUATIC.IT

m letamente inn ata e la

Main Sponsor & Supplier

ssi ilit

i is i e si nline a

Partners

si e e enti

Affiliata a


ALBERTO SUCCI

MANAGEMENT

Avvocato cassazionista. Esperto in diritto dello sport, con particolare riferimento agli aspetti societari, tributari e del lavoro riguardanti le associazioni e società sportive dilettantistiche. Consulente dell’ANIF - Associazione Nazionale Impianti Fitness avvalbertosucci@gmail.com

INQUADRAMENTO DEI COLLABORATORI NELLE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE LA LEGGE SAREBBE CHIARA, MA LE CONTESTAZIONI DI INPS E ISPETTORATO DEL LAVORO CREANO COSTANTI PREOCCUPAZIONI. A DISSIPARE OGNI DUBBIO È PRONTA LA NUOVA LEGGE DELLO SPORT DILETTANTISTICO, CHE ATTENDE L’APPROVAZIONE DEL PARLAMENTO

SPECIALE

L

52

a normativa vigente individua due tipi di contratti per lo sport dilettantistico: l’accordo per l’esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica (istruttori) e la collaborazione coordinata e continuativa per l’attività amministrativo-gestionale (addetti alla segreteria). I compensi erogati a seguito di tali contratti hanno natura tributaria di “redditi diversi” e sono sottratti all’obbligo del versamento dei contributi previdenziali. L'INPS, da qualche anno, riqualifica i contratti di collaborazione sportiva con gli istruttori come “professionali”, con la conseguente assoggettabilità dei compensi a contribuzione. La Corte d’Appello di Milano (Sent.606/2017) e il Tribunale di Firenze (Sent.272/2017) hanno confermato la legittimità dei contratti di Collaborazione coordinata e continuativa con gli istruttori e la natura di “redditi diversi” dei compensi erogati, disattendendo totalmente le argomentazioni dell’INPS.

HA 3 2017

In particolare, la Corte d’Appello di Milano ha stabilito che affinché le somme erogate possano essere annoverate nella categoria dei “redditi diversi” è necessario che la società sportiva abbia natura dilettantistica e che le somme siano erogate nell’esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica. L’Ispettorato Nazionale del Lavoro con Circolare n.1 del1/12/2016 ha chiarito che l’attività dell’istruttore percettore delle somme deve rientrare tra quelle necessarie per lo svolgimento di attività sportive dilettantistiche “così come regolamentate dalle singole Federazioni.

Il CONI con Deliberazione del 14/2/2017 ha fornito l’elenco degli sport disciplinati dalle Federazioni sportive nazionali, ai quali dovrebbe farsi riferimento per l’applicazione delle norme sulle collaborazioni coordinate e continuative sportive. Né l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, né la Deliberazione del CONI fanno riferimento alle attività sportive disciplinate dagli Enti di Promozione Sportiva. Tale omissione ha portato alcuni a ipotizzare che i compensi erogati agli istruttori di attività sportive disciplinate dagli EPS non potrebbero essere annoverati tra i “redditi diversi” e quindi non

Alberto Succi (al centro) mentre espone con grande competenza le tesi a favore dell’inquadramento dei collaboratori come oneri diversi, secondo il dettato normativo attuale. A sinistra Alessandro Valentini e a destra Roberto Bresci.


«LE DIFFICOLTÀ APPLICATIVE DELLE NORME SUI RAPPORTI CON GLI ISTRUTTORI POTRANNO ESSERE SUPERATE CON L'APPROVAZIONE DELLA LEGGE SULLO SPORT DILETTANTISTICO)» Da sempre la materia dell’inquadramento di Istruttori e Collaboratori è controversa: la legge quadro dello sport dilettantistico risolverebbe ogni dubbio.

53

Possibili contestazioni Elementi della Subordinazione ➢

ETERODIREZIONE: pieno assoggettamento del prestatore di lavoro al potere direttivo, organizzativo e disciplinare del datore di lavoro.

osservanza di orari di lavoro indicati dall'imprenditore, esecuzione di tutte le attività che, di volta in volta, vengono indicate dall'imprenditore e che sono necessarie per il buon andamento dell'impresa; obbligo di comunicare e giustificare assenze e malattie; obbligo di richiedere permessi in caso si abbia necessità di assentarsi o non si possa rispettare gli orari previsti; obbligo di effettuare le ferie nei periodi indicati dal datore di lavoro

➢ ➢

Elementi della Professionalità ➢ Abitualità (continuità, ripetitività, regolarità stabilità e sistematicità dei comportamenti). ➢ Non marginalità dei compensi, principale o esclusiva fonte di reddito del percipiente. ➢ Possesso di conoscenze tecnicospecialistiche. Questo elemento deve essere valutato tenendo conto della peculiarità dell'attività sportiva svolta dagli istruttori all'interno della società ricorrente.

Corte d’Appello di Milano
 Sentenza n. 606 del 16/03/2017 Avv. Alberto Succi e-mail avvalbertosucci@gmail.com mobile 3358162191

Affinché le somme erogate possano essere annoverate nella categoria dei “redditi diversi” è necessario che sussistano due presupposti: ➢ il primo soggettivo e precisamente la natura dilettantistica della società sportiva; ➢ il secondo, oggettivo, che le somme siano erogate nell'esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche. L’INPS sostiene che l’agevolazione di cui si discute non potrebbe competere tutte le volte che la collaborazione sia svolta in maniera professionale e che la professionalità debba e possa ricavarsi dalla continuità della prestazione e dall’entità del compenso ..

Avv. Alberto Succi e-mail avvalbertosucci@gmail.com mobile 3358162191

3

sarebbero esenti da contribuzione previdenziale, poiché non sarebbe applicabile la normativa sullo sport dilettantistico a quelle società sportive dilettantistiche affiliate soltanto ad un Ente di Promozione Sportiva. L’ipotesi non appare condivisibile, tuttavia è necessario un intervento chiarificatore del CONI che richiami esplicitamente anche le attività sportive disciplinate dagli EPS. Le difficoltà applicative delle norme sui rapporti con gli istruttori potranno essere superate con l'approvazione della legge sullo sport dilettantistico che li qualifica come collaborazioni coordinate e continuative e la qualificazione ex lege non consentirebbe contestazioni

HA 3 2017


MANAGEMENT

ROBERTO BRESCI Specializzato in diritto sportivo e fiscalità degli enti sportivi dilettantistici Giornalista pubblicista di riviste sportive su rubriche di consulenza fiscale Collaboratore del SIT FIN e Membro della Commissione Fiscale della FIN

NOVITÀ FISCALI DEL 2017

a

1 PARTE

bresciro@bresciroberto.191.it

SPECIALE

54

Con le nuove disposizioni normative le società sportive pagheranno sull’imponibile al netto dei crediti non riscossi.

Foto: Reception InAqua - Castelfranco Veneto (TV).

NELLA GIUNGLA NORMATIVA CHE STAGLIA L’ITALIA COME PRIMATISTA DEL PIANETA, PER ORIENTARSI IN MODO ACCETTABILE SERVE UNA GUIDA ESPERTA. FORTUNATAMENTE L’ABBIAMO E ILLUSTRA AI LETTORI E NEI CONGRESSI LO STATO DELL’ARTE IN MATERIA

L’

anno 2017 si è aperto all’insegna delle novità per gli operatori economici titolari di partita IVA: fatturazione elettronica, nuovo regime di cassa per le imprese in contabilità semplificata,

HA 3 2017

riduzione al 25% delle aliquote contributive per la gestione separata INPS, introduzione dello spesometro trimestrale, sono alcune delle principali novità introdotte all’insegna della semplificazione fiscale, ma anche della diminuzione dei costi tributari e gestionali a carico degli operatori sportivi. Basti pensare alla riduzione delle aliquote fiscali, ma anche e soprattutto della riduzione contributiva che diminuirà di ben quattro punti (dal 29% al 25%).

«L’OPERATORE SPORTIVO DETERMINERÀ IL CARICO FISCALE SENZA TENERE CONTO DEI CREDITI ANCORA DA RISCUOTERE»


Da sinistra Ro erto resci, uno dei pi grandi esperti in materia fiscale e normati a, inter enuto autore olmente al ummit Quadri (oggi avvocato ed ex campione di nuoto) e Gianni Nagni (ex campione, oggi direttore generale di Aquaniene - RM).

«IL NUOVO REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE IN CONTABILITÀ SEMPLIFICATA» IMPRESE IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA: INTRODUZIONE DEL REGIME DI CASSA

La prima importante novità in tema di partite IVA è il nuovo regime di cassa per le imprese in contabilità semplificata. La Legge di Stabilità 2017 ha introdotto un nuovo regime di determinazione del reddito per le imprese che operano con il regime contabile semplificato. Le nuove regole sul regime di cassa 2017 eliminano l’obbligo di applicare il principio di competenza economica alle imprese, che pertanto possono seguire il principio di cassa e determinare il reddito come fanno attualmente i professionisti. In sostanza si pagheranno le imposte tenendo conto soltanto dei crediti effettivamente incas-

sati e dei debiti pagati. Pertanto, l’operatore sportivo che non dovesse incassare a fine anno tutti i crediti vantati nei confronti dei propri clienti, determinerà il carico fiscale senza tenere conto dei crediti ancora da riscuotere. Il nuovo regime di cassa per le imprese in contabilità semplificata è obbligatorio e non opzionale. In altre parole, chi non aderisce al nuovo meccanismo può avvalersi soltanto del regime contabile ordinario. SPESOMETRO IVA TRIMESTRALE E ALTRI NUOVI ADEMPIMENTI

Il Decreto legge 193/2016 introduce nuovi obblighi e scadenze a carico di aziende, imprenditori e professionisti. Se da un lato si è stabilita la

, qui stringe la mano a io anni alag

soppressione dell’obbligo di invio dello spesometro annuale, con una conseguente riduzione dei costi di gestione, dall’altro è stata prevista l’introduzione dell’obbligo di inviare all’Agenzia delle Entrate tutti i dati relativi alle fatture emesse (con scadenza trimestrale), di quelle ricevute e della liquidazione Iva. L’obbligo di trasmettere all’Agenzia delle Entrate le informazioni rilevanti ai fini Iva, ovvero tutte le vendite effettuate o l’acquisto di beni e servizi viene meno per i titolari di Partita Iva che decidono di utilizzare la fatturazione elettronica. L’utilizzo della fattura elettronica porta con sé degli innegabili vantaggi in quanto agevola il

residente del

, a fiancato da iorgio

titolare di Partita Iva, e pertanto tutti gli operatori sportivi, anche dal punto di vista fiscale. Per chi decidesse di procedere con la fatturazione telematica attraverso il Sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate sono previsti esoneri nelle comunicazioni da effettuare al Fisco, esoneri per il registro delle fatture e rimborsi Iva più veloci, ovvero entro i tre mesi dalla presentazione della Dichiarazione. Il sistema precedentemente utilizzato in via esclusiva per le comunicazioni della Pubblica Amministrazione (fattura PA) verrà reso disponibile per tutti i contribuenti titolari di Partita Iva

«L’UTILIZZO DELLA FATTURA ELETTRONICA PORTA CON SÉ DEGLI INNEGABILI VANTAGGI ANCHE DAL PUNTO DI VISTA FISCALE» HA 3 2017

55


MANAGEMENT SPECIALE

IL SUMMIT Secondo i protagonisti e le autorità MARCO TORNATORE 56

U n grande evento viene riconosciuto come tale se, chi interviene come esperto, ospite o relatore si distingue per profondità di argomentazioni, competenza, chiarezza. E a Milano, tutti i protagonisti, indistintamente, non hanno certo deficitato in merito, anzi, alcuni hanno sorpreso

molto positivamente, guadagnandosi standing ovation, commenti e giudizi positivi durante e dopo il congresso. Ma indubbiamente il modello del Summit, che alternava vere e proprie sessioni, secondo la formula di interventi brevi seguiti da dibattito, e quella dell’inedito format di talk show, coordinato abilmente dal giornalista sportivo Lorenzo Dallari ed altri coordinatori, ha appassionato e mai stancato chi ha seguito il congresso nella sua interezza: solo la prima giornata, fra parte congressuale e Apericena con le Premiazioni (altro momento apprezzato), i partecipanti hanno attivamente vissuto la giornata per quasi 10 ore!

Voglio inviarvi un messaggio: proprio lo Sport, non solo attraverso l'agonismo che è una delle sue espressioni, è trasversale a moltissime altre attività della vita sociale, dall’educazione alla salute, dal benessere al turismo passando per l’economia Antonio Rossi HA 3 2017

Per inquadrare meglio come è stato vissuto questo evento senza precedenti in Italia, abbiamo chiesto ad alcuni protagonisti i propri pareri. Queste le domande e, a seguire, prime risposte ricevute, che verranno completate con altre considerazioni nel prossimo numero di Happy Aquatics & Wellness 1. Da Protagonista, come ha vissuto l'esperienza di ANWK Summit e che idea si è fatto (o ha rielaborato) del settore wellness-piscina? 2. Per la sua posizione professionale/ istituzionale come crede lei o la realtà/ente che rappresenta possa interagire al meglio con questo mondo così dinamico, in chiave sinergica e/o di co-business (per le aziende) - relazione/costruzione progettuale (per Autorità, Personalità sportive, Dirigenti)   3. Cosa l'ha colpita di più di questo evento e che messaggio si sente di dare per contribuire all'evoluzione di questo ambiente sempre più collegato a salute, prevenzione, cultura del movimento, ma anche Industria del Benessere, senza perdere mai di vista il valore sociale-educativo dell'agonismo?


inviarvi un messaggio: proprio lo Sport, non solo attraverso l'agonismo che è una delle sue espressioni, è trasversale a moltissime altre attività della vita sociale, dall’educazione alla salute, dal benessere al turismo passando per l’economia. Per questo motivo le istituzioni in primis se ne devono occupare con sempre maggior attenzione e sostegno.

Antonio Rossi

Alessandro Valentini, Davide Mosca e Sergio Tosi.

ANTONIO ROSSI Assessore allo sport regione Lombardia e grande campione di canoa

ALESSANDRO VALENTINI Moderatore e presidente di Assonuoto, nonché commercialista esperto in SSD e ASD e normative del settore

1. Il settore, dopo una fase delicata di qualche anno fa, sta ritrovando slancio e competitività, grazie alle innovazioni tecnologiche e alle iniziative dell'investitore privato. Noto con piacere e favore un settore strutturato ed organizzato anche nel nostro paese che sta reggendo il confronto con le multinazionali del fitness-wellness, sbarcate da qualche anno in Italia. 2. Credo che sostenere la sinergia pubblico-privato, in chiave di miglioramento di servizi di pubblica utilità, sia l'unico strumento che il settore pubblico ha per il futuro, per creare servizi e strutture di qualità per i cittadini. In questo caso la rete o un tavolo comune tra i soggetti privati e gli Enti pubblici coinvolti può essere la chiave di volta al fine di evitare che le operazioni siano irrealizzabili ed insostenibili per il privato, oppure che possano essere solo speculazioni a discapito del servizio pubblico per la collettività. 3. Dell'evento mi ha colpito in generale l'alto numero, la qualità e l'alta professionalità dei relatori intervenuti. Dopo che per anni lo sport agonistico di alto livello è stato la mia vita quotidiana, voglio

1. Ho trovato molto interessante l'esperienza di ANWK Summit, avendo avuto conferma dell'alta professionalità di quanti, con le diverse specifiche competenze, operano nel variegato mondo del wellness-piscina. Stefano Arcobelli

STEFANO ARCOBELLI Giornalista e penna ineguagliabile della Gazzetta dello Sport, settore nuoto

1. È stata un'occasione interessante per scoprire l'altra parte del nuoto; chi gestisce le piscine non è mai visibile ma svolge un ruolo importante: senza impianto efficiente non c'è agonismo vincente. 2. Certamente, per chi come me si occupa di media, confrontarsi con questi operatori del settore è un momento di elaborazione e di conoscenza in più su quanto si muove tra futuro e tecnologie. 3. L'attenzione e la partecipazione, le domande pertinenti. Ascoltare campioni come Campriani e Felugo aiuta a capire dove va davvero lo sport.

57

2. Come è chiaramente emerso nelle diverse sessioni del Summit, ho rafforzato in me la convinzione che moltissimi sono i vantaggi conseguibili sfruttando in modo sinergico le esperienze e le professionalità di quanti operano nel settore, sia sotto il profilo della qualità dei servizi offerti, che devono tendere sempre al meglio, che sotto il profilo di revisione dei costi. 3. L'importanza Istituzionale dei numerosi ospiti, uno per tutti il Presidente del CONI Giovanni Malagò, è la chiara conferma che solo trovando una sintesi delle varie associazioni di categoria che rappresentano gli operatori del settore (nel rispetto delle singole peculiarità) sarà possibile poter avanzare proposte ed essere ascoltati, ribadendo sempre con forza l'importanza sociale delle nostre attività.

Moltissimi sono i vantaggi conseguibili sfruttando in modo sinergico le esperienze e le professionalità di quanti operano nel settore Alessandro Valentini HA 3 2017


partner di Acquanetwork; i valori ottenuti in campo e le potenzialità di ulteriori sviluppi li hanno portati ad invitarci di aderire ad Acquanetwork per aiutarli a diffondere questo messaggio: per questo abbiamo aderito in modo entusiastico al network stesso, di cui siamo Partner da quest’anno.

Tommaso Vagliano

TOMMASO VAGLIANO Relatore ed esperto in tecnologie e soluzioni per l’efficientamento energetico e contenimento dei consumi (Encore)

1. È un settore dalle enormi potenzialità ancora inespresse per quanto concerne i temi della sostenibilità energetica ed ambientale. La lotta al cambiamento climatico impone azioni drastiche e gli impianti sportivi natatori, per tecnologia ed impatto sociale, possono e devono essere un faro per il cambiamento: occorre però prenderne coscienza in fretta a tutti i livelli ed approcciare il tema dell’efficienza in modo razionale e strutturato. Per moltiplicare l’effetto, gli operatori devono aggregarsi per condividere esperienze, formare gruppi di acquisto e farsi sentire anche a livelli istituzionali.

58

3. Da qualche anno sono stato accolto all’interno di una squadra di nuoto master. La stessa voglia di miglioramento continuo unita a spirito di collaborazione che ho trovato nella squadra l’ho respirata all’interno di questo network, dove non a caso vi sono importanti atleti di ieri ed oggi. Il messaggio che mi sento di dare è che a fianco del valore educativo e preventivo dello sport non bisogna perdere l’occasione di veicolare il valore della sostenibilità ambientale e sociale: il risparmio sicuro che si potrà ottenere nel fare efficienza energetica deve andare di pari passo con la riduzione dell’impatto delle strutture. Gli impianti sportivi natatori non devono perdere l’occasione di essere un modello per il territorio e possono rappresentare una fucina per il progresso del modello di sostenibilità del prossimo decennio.

Tommaso Vagliano HA 3 2017

Paolo Grosso si riesce a trovare in eventi simili. Il settore impianti acquatici e wellness nasce dalla passione per lo sport, quello vero, ma sta riuscendo nella declinazione dei suoi valori nell’ambito non agonistico dell’esercizio fisico. 2. Vorremmo mettere a disposizione la nostra esperienza maturata nel così detto settore “fitness a secco” che in questi 15 anni ha saputo cogliere l’opportunità di passare dal contesto palestra al più organizzato ed accessibile wellness club, implementando i sistemi organizzativi, il marketing ed il settore commerciale. Siamo convinti che nel settore acqua ci sia un meraviglioso mondo ancora da scoprire. 3. In modo particolare mi ha permesso di ricordare i principi e valori dello sport e dei suoi protagonisti. Il messaggio che mi sento di voler dare agli imprenditori degli impianti sportivi vuole essere quello di mantenere viva l’ispirazione al settore agonistico, ma declinarne i valori verso l’enorme mercato di potenziali utenti che sono molto lontani dal gesto tecnico ma estremamente bisognosi di movimento ed esercizio fisico: il campione è anche chi abbandona il divano e le cattive abitudini per migliorare il proprio stile di vita!

2. Da circa un anno abbiamo iniziato ad utilizzare un modello che coniughi ottimizzazione dei contratti di fornitura e riduzione dei consumi, con alcuni gestori

A fianco del valore educativo e preventivo dello sport non bisogna perdere l’occasione di veicolare il valore della sostenibilità ambientale e sociale

Il campione è anche chi abbandona il divano e le cattive abitudini per migliorare il proprio stile di vita!

Paolo Grosso

PAOLO GROSSO Relatore ed esperto in marketing, adv e organizzazione del fitness club e della piscina- socio ANWK (Wellink)

1. L’esperienza è stata davvero entusiasmante! Si è respirata l’atmosfera di coesione e condivisione che difficilmente

NADIA SCOTTON Associata ANWK PAOLO GECCHELIN Relatore Attivamente coinvolti nell’organizzazione del Summit (Piscine di Vicenza)

1. Assistere all'ANWK Summit è stata un’esperienza stimolante ed emozionan-


3. La maggioranza dei relatori arriva dal mondo acqua e questa cosa ci ha colpito: lo sport, svolto anche ad altissimo livello, ed i successi professionali ed imprenditoriali possono integrarsi e costituire un valore aggiunto, un plus, per la persona che acquisisce metodo e disciplina, un effettivo percorso di vita. Forse dovremmo prendere esempio da altri Paesi e far sì che il primo luogo dove lo sport, come palestra di vita, viene promosso e valorizzato sia l’ambito scolastico: dalla scuola dell'infanzia all’università. Ne conseguirà un modello imprenditoriale, di azienda a responsabilità sociale, dove il valore sociale-educativo, anche dell’agonismo, troverà sempre terreno fertile. Paolo Gecchelin (a sinistra) con Antonio Rossi (a destra).

te soprattutto per il calibro e lo spessore dei relatori: questo ci dà l’idea di come il sistema wellness-piscina e sport in generale, o meglio sarebbe parlare di terzo settore, stia evolvendo verso il concetto di Azienda, dove finalmente viene riconosciuta la professionalità e premiata la gestione manageriale integrata fra pubblico e privato. 2. Creare network e rete per migliorare le conoscenze in tutti gli ambiti e di conseguenza la professionalità delle figure coinvolte nel sistema, è un primo passo fondamentale. Il mondo acqua, per i benefici che porta soprattutto dal punto di vista della prevenzione, dello star bene, del creare uno stile di vita, va esteso a tutta la popolazione. In tutto questo nel dialogo con le Istituzioni, che vede necessariamente parti attive tutti i player in chiave dinamica, sinergica e proattiva, è fondamentale e strategico il concetto di “salute”, nell’accezione più ampia, per i cittadini e la qualità di vita del nostro Paese, dove l’età media si alza sempre di più.

Il sistema wellnesspiscina e sport in generale, sta evolvendo verso il concetto di Azienda Paolo Gecchelin

Angelo Gnerre

ANGELO GNERRE Relatore e rappresentante della segreteria dell’Assessorato allo Sport Regione Lombardia – esperto in impiantistica sportiva, partenariato pubblico-privato e gestore-socio ANWK

1. Il Summit mi ha dato ulteriori certezze, il mondo wellness-piscina è l’unico in Italia, insieme al calcio, che riesce a valorizzare ad altissimo livello ogni settore coinvolto: le imprese di gestione e di costruzione; la ricerca e l’innovazione tecnologica a loro collegate; la pubblica amministrazione, il mondo sportivo in tutte le sue sfaccettature, dall’agonismo di alto livello allo sport “sociale”; il settore finanziario e il mondo dei media. I tavoli comuni per la prima volta hanno evidenziato sinergia d’intenti e disponibilità alla collaborazione.

Dobbiamo diventare tutti dei grandi attaccanti: dobbiamo fare rete Angelo Gnerre

2. Sto vivendo un’esperienza per me unica, e forse ultima, in cui contemporaneamente al mio lavoro di gestore d’impianti sportivi e di “uomo di Sport”, ho ruoli ed incarichi in istituzioni sovra-comunali, in Federazioni Sportive. Sto toccando con mano, in tutti i suoi aspetti, le problematiche di questo settore. Quando ne ho l’opportunità suggerisco di organizzare tavoli seri di confronto con la presenza di tutte le parti interessate. 3. Sono rimasto molto colpito dal livello organizzativo del Summit con la presenza di personaggi di primissimo piano in tutti i settori che riguardano il nostro mondo. Il Summit ha evidenziato, da fonti molto autorevoli, che dobbiamo diventare tutti dei grandi attaccanti: dobbiamo fare rete. La Rete d’imprese, - come ANWK- che deve comprendere tutti gli interlocutori interessati, è una strada obbligata per dare alla comunità strutture di livello e tecnologicamente avanzate, in grado di erogare servizi di alta qualità. Il Summit ha espresso questo nei propri tavoli, raramente ho sentito parlare mondo della finanza, della politica e vertici del CONI in modo così sinergico: investire nello Sport porta ricchezza e sviluppo con risparmi di risorse pubbliche nella Sanità per il futuro

59

Si è respirata l’atmosfera di coesione e condivisione che difficilmente si riesce a trovare in eventi simili Paolo Grosso HA 3 2017


MANAGEMENT

LA SERATA DELLE STELLE SPORTIVE LINDA MARABELLO

SPECIALE

PER IL PRIMO ANNO SONO STATI ASSEGNATI DA ANWK I PREMI SPORT & WELLNESS STARS 2017, RICONOSCIMENTI AI PROTAGONISTI DEL CIRCUITO SPORTIVO NAZIONALE, DISTINTI IN 11 CATEGORIE

È Sopra: Annalisa Colletto (Myrtha Pools) premiata da Giancarlo De Cristofaro (AIS) e Davide Mosca (L10).

HA 3 2017

stata una bella serata quella del Summit del 28 marzo, con riconoscimenti assegnati ai migliori protagonisti del proscenio sportivo, votati dai partecipanti al congresso e da soci ANWK e di altre Associazioni di Categoria appartenenti ad UNASS: una selezione fra oltre 150 nominativi, progressivamente ridotta da una giuria di esperti, divisi fra società di gestione e club e rappresentanti di azien-

de ed industria del settore. Alla fine, hanno prevalso 11 vincitori nelle rispettive categorie; una significativa premiazione pensata per valorizzare le eccellenze nazionali, che avrà un’appendice a Rimini Wellness nel corso del Convegno ANIF (ritireranno il premio alcuni assenti a Milano), a riconferma della solidità del rapporto fra le varie Associazioni di Categoria che confluiscono in UNASS. Ai vincitori di ogni Categoria, ANWK e UNASS hanno riservato un attestato e il simbolico premio della Goccia della collezione Venini, mentre un oggetto tecnologico è stato offerto dal Partner L10, rappresentata dai titolari Mattia Magliano e Davide Mosca; queste le parole dei protagonisti, cui abbiamo posto tre domande di seguito riepilogate: 1. Pur se simbolico, pensava/te di poter essere insigniti di un premio che intende riconoscere a lei/voi il merito di essere la personalità/realtà di riferimento della categoria che rappresenta/te e che ha un peso rilevante nel sistema sportivo-sociale nazionale? 2. Con obiettività, se doveste valutare in cosa vi distinguete rispetto ad altre eccellenze italiane che sono rientrate nelle nominations finali, potete indicarci in quali

punti o tratti distintivi vi identificate maggiormente? 3. Secondo la vostra opinione autorevole, possono iniziative come il Summit e certi premi che intendono valorizzare l'operato di chi dà molto al nostro Paese, contribuire alla crescita del settore sportivo secondo l'accezione molto ampia ed altamente sociale che l'evento di fine marzo ha inteso trasmettere?

11 vincitori nelle rispettive categorie; una significativa premiazione pensata per valorizzare le eccellenze nazionali


NOMINATIONS E RISULTATI DELLE 11 CATEGORIE DI SPORT & WELLNESS STARS 2017 DONNA DEL SETTORE SPORT

C

Barbara Pozzobon Bebe Vio Daniela Sbrollini Manuela Lovo Manila Flamini

Ego Wellness Forum Roma Group GClub - Vimercate Get Fit MUV Prime Easy Club Sport Più

Andrea Menozzi Corrado Barani Giampaolo Duregon Giorgio R. Coletto Giuseppe Dell'Aversana Marco Tornatore Nerio Alessandri

Alberto Menozzi Alberto Succi Carlo Rotellini Edoardo Cognonato Fausto Digiulio Guido Martinelli Lorenzo Bolognini Roberto Bresci Paolo Pettene

M

SPORT E TURISMO

SPORT E SOCIALE AN Follonica Aquardens Aquarena Boa Bay Glicini Y-40

Categoria Imprese di Costruzione Impianti: vincitrice Myrtha Pools-Piscine Castiglione; premio ritirato da Annalisa Colletto, in rappresentanza della storica famiglia che guida l’impresa più quotata a livello mondiale; recente è anche la grande performance dell’azienda di Castiglione delle Stiviere, segnalata da Il Sole 24 Ore, come leader delle Top 20, imprese medie nazionali, per la crescita dei ricavi e lo sviluppo di cui è stata protagonista. 1 In effetti speravamo che gli ultimi risultati conseguiti, ed in particolare le 18 vasche per le Olimpiadi di Rio, ci consentissero di essere apprezzati nella nostra categoria. 2 Crediamo che i nostri punti di forza risiedano soprattutto nella capacità di innovare e nell'aver saputo creare rilevanti relazioni internazionali. 3 L'evento da voi organizzato è stato veramente un successo e siamo convinti che l'intero settore possa beneficiare di iniziative simili. Categoria Sport-Sociale, cui, in coerenza con i propri valori, ANWK tiene particolarmente. Un premio che è andato a chi da tempo si prodiga per sostenere fasce

IMPRESA PRODUTTRICE

IMPRESA COSTRUTTRICE

Acquapole Aqquatix Barchemicals Digi Project Myrtha Pools Technogym

C

Aura Energy Barchemicals CMB Hofer Myrtha Pools

INNOVATORE SETTORE SPORT Editrice Il Campo Fisioclinics Med + Technogym Sport Più UISP

Angeleye Boa Bay Monterey Rokepo Siligroup Wellink

SOCIETÀ DI GESTIONE Albatross Idea Blu AREP Coop in acqua Colisseum Coop

di popolazione penalizzate dal sistema, facendosi carico di oneri normalmente sostenuti dal Pubblico. Il riconoscimento è andato ad AlbatroSS, di Sassari, che rappresenta al meglio una Regione che dà molto e riceve poco: i meriti sono condivisi fra i rappresentanti e fondatori Silvia Fiorvanti, Danilo Russu e Manolo Cattari, psicologo che ha dato un saggio delle sue abilità e competenze anche al Summit e che così risponde:

Aquaniene Coopernuoto Futura Gestisport Gruppo CN Rosà Insport Piscine di Noale Piscine di Vicenza

esigenze del territorio e collaborando in prima persona con professionalità sociali e sanitarie, come appunto lo psicologo. 3 Assolutamente. l’Italia, lo sport e il nuoto hanno bisogno di raccontarsi attraverso delle buone prassi da esportare. Eventi come il Summit e i premi consegnati possono essere l’occasione di comunicare all’esterno ciò che di buono esiste e fare rete di conseguenza. Categoria Piscine e Società di Ge-

61

In basso: I rappresentanti di AlbatroSS, Silvia Fioravanti, Danilo Russu, Manolo Cattari ricevono il premio da Ezio Barbera (Gymmy Consultants) e Davide Mosca (L10).

1 Siamo molto contenti del premio ricevuto che riconosce il lavoro fatto in questi 10 anni di attività nel sociale e nello sport. Siamo sorpresi di riceverlo perché proveniamo da una realtà piccola come la Sardegna, che per numero di abitanti e distanza geografica, a volte è un po’ estranea a manifestazioni come il Summit. 2 Probabilmente la nostra specificità è proprio quella di dare un taglio prettamente socio-sanitario oltre che sportivo alla piscina. Costruendo dei servizi specifici in base alle

HA 3 2017


Sopra: Paolo Gecchelin, presidente di Piscine di Vicenza, premiato da Alessandro Valentini (Assonuoto).

62

stione: premio assegnato a Piscine di Vicenza consegnato al Presidente Paolo Gecchelin e alla Direttrice Generale Nadia Scotton (gestione 5 impianti del Vicentino), distintasi per qualità gestionale, formazione e aggiornamento dello staff, investimenti in tecnologia e efficientamento energetico, presenza costante di vertici e staff ad eventi, congressi e percorsi formativi, ospitalità di manifestazioni sportive e congressuali, professionalità comprovata e attenzione massima ad innovazione e digitalizzazione, nonché coniugazione felice sport (agonistico e non) -movimento-salute-prevenzione, senza mai perdere di vista divertimento ed evasione. 1 è stata una graditissima sorpresa di cui ne siamo felici ed orgogliosi; siamo anche consapevoli che esistano molte altre importanti realtà gestionali, da cui ogni giorno trarre spunti e riferimenti. Di sicuro impianti diversi e complessi come i nostri, non solo dal punto di vista della realizzazione ma anche gestionale, hanno avuto un peso rilevante e ci hanno permesso di essere apprezzati. 2 Abbiamo un’innata voglia di cambiamento, di sfida, di metterci alla prova: grazie alle preziose risorse umane della nostra azienda vogliamo continuamente innovarci, avendo la capacità di fare sintesi di ciò che ci circonda, la capacità di cambiare per sperimentare nuove soluzioni all'avanguardia (es. efficienza energetica) ponendoci sempre nuovi obiettivi con sempre la visione del “cliente al centro del servizio”. 3 Non solo contribuiranno alla crescita delle nostre aziende e di ognuno di noi, ma sono la strada maestra per far diventare il settore sportivo il primo settore del nostro Paese e della nostra economia. Categoria Impresa Produttrice Settore

HA 3 2017

Luca Salvatori (Aqquatix) riceve il riconoscimento dalle mani di Andrea Menozzi (ANWK) e di Mattia Magliano (L10).

Sport-Piscina-Fitness: Star 2017 è Aqquatix di Limena (PD), il cui premio è stato ritirato dal direttore commerciale Luca Salvatori, che sta guidando l’azienda verso risultati rilevanti in Italia e nel mondo. Presente in 67 paesi, l’export è uno degli argomenti vincenti di Aqquatix che esporta design, qualità, innovazione e affidabilità su scala internazionale, investendo costantemente in ricerca e sviluppo, tenendo alto il valore del made in Italy nelle piscine di tutto il mondo. 1 No, francamente no. Considerando anche il livello dei nostri Colleghi. Ma ne siamo felici e fieri, molto! Spero sia stato un riconoscimento al grande lavoro che stiamo cercando di portare avanti da alcuni anni incentrato su qualità ed innovazione del prodotto ma soprattutto del servizio che deve essere visto come un "aiuto" agli Imprenditori per fare in modo che, nel nostro piccolo, possiamo tentare di far crescere il loro business. Grazie ancora! 2 Nei punti sopra riportati. Ovviamente

anche le altre Aziende, nostre "colleghe", lo fanno, chi in misura maggiore chi in misura minore. Per noi è davvero un tratto distintivo: aiutare il settore a crescere per poter crescere tutti insieme. 3 Assolutamente sì! Questa iniziativa dev’essere e diventare un appuntamento fisso nel nostro Calendario Annuale. Non solo è un ulteriore supporto per la crescita del settore ma fa percepire molto bene quanto il mercato sia in "movimento". Ed è inoltre un momento di grande opportunità per scambiarsi opinioni e vedute differenti tra Imprenditori di tutto il settore Benessere relativo all'acqua e non solo. Categoria Professionisti-Consulenti, ha prevalso, fra i diversi alti profili professionali selezionati, Edoardo Cognonato, autentico carismatico trascinatore del settore, che da oltre vent’anni affascina e fa crescere chi opera nel mondo del wellness, con focus particolare su fitness e piscine, collaborando con le migliori società di gestione e i

Edoardo Cognonato, presentato da Lorenzo Dallari, primeggia nella categoria Professionisti e riceve il premio da Lorenzo Bolognini e Mattia Magliano (L10)


più affermati fitness club. Un esperto di marketing relazionale, comunicazione e team building; oltre alle alte competenze, si staglia per la capacità comunicativa e di relazioni, nonché per le intuizioni e la visione che rendono i suoi percorsi di aggiornamento, sessioni congressuali e training unici e coinvolgenti. 1 Sono gratificato da un riconoscimento inaspettato soprattutto perché ricevuto in un contesto entusiasmante per il clima di autentica fiducia e stima reciproca nei confronti delle personalità, imprenditori e professionisti coinvolti nell'attribuzione di questo premio. In particolare lo interpreto come un caldo tributo verso valori che ci ispirano a proseguire tutti insieme, uniti, con spirito di collaborazione ed entusiasmo, il nostro cammino di Promotori della salute attraverso l'esercizio fisico regolare come stile di vita piacevole, sano e gratificante per ciascun individuo. Soprattutto contagioso, per coinvolgere gli inattivi e sedentari con una modalità partecipativa e consapevole, non direttiva o autoritaria! 2 Mi sento innamorato del movimento fisico, della gioia di vivere questo regalo che la vita ci offre quotidianamente come scelta consapevole e armoniosa; un'opportunità di esprimere gratitudine alla nostra vitalità fisica e mentale, disciplinando con senso responsabile e amorevole una piccola abitudine quotidiana che rende merito al dono della vita che ci è stata regalata. Proprio per questo merita di essere onorata, protetta e rispettata con un gesto gentile da scoprire in forma piacevole e gradevole: muoverci con gioia. In acqua, nella natura, in palestra, nella forma a noi più congeniale. Far innamorare di movimento gioioso è la mia missione personale. 3 Sono convinto che l'evento Summit, che abbiamo condiviso, rappresenti una svolta importante nel progetto di crescere insieme come Promotori della Salute attraverso il movimento. Ho percepito uno spirito di autentica condivisione di valori, energie e priorità sulle quali focalizzarci ed aiutarci reciprocamente, in modo trasversale ed orizzontale. Ho apprezzato soprattutto l'umiltà piena di grinta di tutto il team che ha organizzato l'evento. La voglia di diventare tutti più incisivi ed interattivi tra di noi, con competenze ed esperienze differenti, ha influito profondamente sulla mia personale motivazione a contribuire alla crescita futura di questo nuovo format di Convention e workshop, per il quale sento profonda gratitudine oltre che

grande soddisfazione personale per avervi contribuito con passione. Categoria Fitness Club: fra le diverse nominations, è prevalsa sulla assai competitiva Ego Wellness, la catena di Club, guidata da Livio Leardi, Get Fit, con i suoi sei centri nel cuore di Milano. Un modello vincente dove nulla è lasciato al caso e che qualifica il posizionamento premium di cui i Get Fit clubs sono espressione. Staff sempre accogliente ed aggiornato, servizi al top e capacità costante di innovare sia in palestra che in piscina, con valorizzazione di quest’ultima, la quale sta diventando un vero elemento distintivo degli affermatissimi centri Get Fit, che, complessivamente, contano 38.000 soci. 1 Ero venuto a conoscenza della nomination qualche giorno prima del Summit e visto anche gli altri candidati, che conosco tutti come ottimi imprenditori, ritenevo che sarebbe stato molto difficile vincere questo premio. La vittoria mi ha fatto molto piacere e mi ha caricato maggiormente a lavorare sempre di più per migliorare la mia azienda e far crescere in Italia il settore sia a livello imprenditoriale che livello quantitativo. 2 Sicuramente per quanto riguarda la formazione e la crescita del nostro staff. Sono già più di due anni che stiamo investendo risorse molto importanti nella selezione e nella professionalizzazione di tutto lo staff nei vari settori, reception, consulenti, tecnici. E questo ci è stato riconosciuto anche a livello istituzionale visto che abbiamo presentato un progetto di formazione finanziato con fondi europei e siamo arrivati primi ricevendo un contributo considerevole. 3 Ben vengano iniziative come il Summit, che è riuscito a catalizzare l’attenzione del mondo politico, dei media e di tantissimi operatori. Il nostro settore ha la necessità di crescere da molti punti di vista; soprattutto necessitiamo di essere riconosciuti, ma anche professionalità e affidabilità e queste iniziative contribuiscono in modo importante. Pure la scelta di dare questi riconoscimenti a chi si è impegnato merita sicuramente di continuare perché offre un momento di confronto tra gli operatori. Categoria Personaggio-Imprenditore, con riconoscimento assegnato a Marco Tornatore, che incarna lo spirito innovativo condiviso da molti presenti al Summit; dalla rivista Happy Aquatics che raggiunge quasi tutte le piscine e club

Livio Leardi di Get Fit premiato da Massimo Cicognani, vice Presidente di ANIF.

italiani, al ruolo attivo in ANWK, associazione che unisce gestori e produttori e che lo ha spinto a credere nel progetto di UNASS, senza perdere mai di vista il suo gruppo, EAA-Aqquatix. Un agire volto al bene del settore, sostenendo e promuovendo i processi di cambiamento oggi in atto. 1 Sinceramente no; per me era già un privilegio figurare nelle nomitations; anzi, con molta onestà, reputo che diversi personaggi annichiliscano quanto possa aver fatto in questi anni. Direi che sono stato premiato ben al di la’ dei meriti, per un giudizio generoso di colleghi e operatori. Sono molto fiero del riconoscimento, perché è frutto del giudizio di chi alimenta presente e futuro del nostro ambiente. Quindi un grande grazie a chi è stato così magnanimo nel giudicarmi.

63

2 Mah, forse credere nel valore dell’unione, tenendo a margine individualismi che sovente non aiutano gli altri, ma li penalizzano. E poi, soprattutto, grandi persone che mi accompagnano nel nostro progettare e sviluppare idee, sia fra Associazioni, che nella nostra azienda, dove tutti hanno ruolo, pari dignità e considerazione massima, purché siano parte attiva e responsabile. 3 Questi momenti sono fondamentali per prendere coscienza di cosa siamo e di dove possiamo arrivare. L’Italia, anche se deficitaria in tanti ambiti, quando agisce all’unisono si distingue come eccellenza su scala mondiale. Dobbiamo pensare più al plurale e meno al singolare, per essere una Squadra vincente. Il Summit è la miglior sintesi del lavoro di team di cui siamo capaci. Un plauso va tributato a Fabrizio Rampazzo, che ha permesso questo balzo qualitativo ad un congresso che non ha eguali in Italia

HA 3 2017


MANAGEMENT

Franz Muhlbauer durante il suo workshop sulla rigenera ione psicofisica

SPECIALE

64

UNA CHANCE CLAMOROSA è dietro alla porta FRANZ MUHLBAUER

a

1 PARTE

franz@solemon.net

…E IL MONDO DEL FITNESS-PISCINE-WELLNESS PUÒ USUFRUIRNE ANCORA PRIMA CHE LO POSSA FARE CHIUNQUE ALTRO! DAL WORKSHOP TENUTO AL SUMMIT, UN APPROCCIO RADICALMENTE NUOVO E DESTINATO A DOMINARE LE SOCIETÀ OCCIDENTALI, PALESTRE E VASCHE INCLUSI.

O

ltre il 50% della popolazione che si definisce come non sportivo, non si identifica né nello sport né nel fitness, oppure la propria attività sportiva si limita al telecomando del televisore. Alcuni si sentono attirati molto dal mondo del wellness/piscine, ma non trovano le risposte necessarie e urgenti ai propri problemi fisici e mentali e alla cronica mancanza di energia.

HA 3 2017

“Le persone si caricano di maggiori responsabilità, lavorano di più e più a lungo, fino alla pensione, ma in media ci si ammala sempre prima”

Il fatto che la nostra società stia cambiando su tutti i fronti è ben noto, perfino ai più grandi tradizionalisti. Soluzioni che fino a ieri hanno funzionato bene, a un certo punto non funzionano più e perdono in pochissimo tempo valore e credibilità. Salute, rendimento e qualità di vita saranno uno dei mercati con la più alta crescita nel futuro e tutti i segnali dicono che il futuro stia iniziando ora. Le persone si caricano di maggiori responsabilità, lavorano di più e più a lungo, fino alla pensione, ma in media ci si ammala sempre prima. Questa condizione costa miliardi, è difficilmente curabile, ma


facilmente prevenibile. Proprio qui si apre un’enorme possibilità grazie alla “rigenerazione psicofisica”, che migliora la situazione attuale collettiva di sofferenza e di insostenibilità economica.

“La rigenerazione non ha niente a che fare con la pigrizia o la vacanza, bensì è la base giornaliera per la propria salute e il rendimento fisico e psichico”

La qualità lavorativa interagisce con iva la capacità rigenerat per tutta la vita

“Devi imparare oggi di cosa hai bisogno domani” non è solamente un approccio importante e saggio ma anche una sfida per passi innovativi nella società, nell’economia e anche nella vita personale di tutti noi. Di cosa noi donne e uomini abbiamo bisogno nel futuro che è già iniziato? La nostra società moderna è impostata dalla mattina alla sera sul rendimento, il dovere è in primo piano, si lavora per 10, 12, fino a 14 ore al giorno, ma il “rifornimento” non è stato imparato dalla maggioranza. Il ripristino energetico delle forze consumate è sempre ancora una trovata casuale, oppure dovrebbe accadere nella migliore delle ipotesi con uno spritz e con un po’ di intrattenimento serale. Dallo sport professionistico si sa che la capacità di prestazione è esattamente grande quanto la capacità di rigenerazione, con la macchina guidiamo in proporzione a quanto abbiamo rifornito e non un chilometro in più! Fossero il fitness, il wellness o l’intrattenimento, come attualmente vengono offerti dal mercato, veramente d’aiuto nel neutralizzare il nostro stress e rimpiazzare le energie consumate, saremmo la società più in salute che mai. Osserviamo altri paesi e sembra essere proprio il contrario. In Austria il ministero della salute avvisa che il 25% dei lavoratori è in grande pericolo di burn out e 8 milioni di giorni di malattia all’anno sono procurati dai problemi alla schiena, seppur con fitness e wellness… Cosa non va? La Svizzera utilizza ufficialmente al giorno 13,6 milioni di franchi svizzeri solo per la terapia al burn out e la Germania

Franz Muhlbauer (a destra) qui ritratto insieme al dott. Francesco Confalonieri, è stato protagonista nella sessione su come interpretare il bisogno di benessere e soddisfarlo, insieme a Cattari e Cognonato.

costringe le assicurazioni sanitarie nel 2017, per la prima volta nella storia, grazie alla nuova “legge sulla rigenerazione”, a spendere dall’attuale 0,5% al 2% del budget sulla salute in rimedi rigenerativi per la popolazione. Perché? Perché l’essere ammalati diventa troppo caro, le spese sanitarie lievitano e le soluzioni tradizionali falliscono. Da che si ha memoria non c’è mai stata

EREDITÀ ETÀ + CONSAPEVOLEZZA =

© www.solemon.net

una così grande industria di fitness e wellness, eppure sembra mancare qualcosa di centrale. “Cosa manca?” E’ anche la domanda più importante della rigenerazione. La rigenerazione non ha niente a che fare con la pigrizia o la vacanza, bensì è la base giornaliera per la propria salute e il rendimento fisico e psichico. Quando consideriamo la formula più antica a riguardo, essa è: eredità - durata della vita + consapevolezza = salute e energia vitale

“L’unica variabile è la consapevolezza” L’unica variabile è la consapevolezza. Tutti i sistemi vincenti del futuro devono considerare la consapevolezza come fattore di base per il miglioramento. Se il mondo del fitness e del wellness vuole entrare in maniera più decisa in questo concetto deve integrarne obbligatoriamente l’insegnamento dell’autoresponsabilità e della consapevolezza per dare spazio alla rigenerazione. Se lo sport e il fitness sono qualcosa per meno del 50% della popolazione, la rigenerazione, come ripristino consapevole delle energie consumate, riguarda il 100% della popolazione

65

“Devi imparare oggi di cosa hai bisogno domani” Per conoscere in cosa consista la Rigenerazione Psico-Fisica e come applicarla al contesto piscina-fitness e altri ambiti http://www.solemon.net/

HA 3 2017


SPECIALE

MANAGEMENT

LEADER NELLO SPORT E NELLA VITA PROFESSIONALE ACQUANETWORK, INSIEME A UNASS, NEL CORSO DEL RECENTE SUMMIT, HA ASSEGNATO PREMI SPECIALI A PERSONALITÀ DEL MONDO SPORTIVO E IMPRENDITORIALE DISTINTESI, AFFERMANDOSI IN MODO COSÌ NETTO DA NON AVERE EGUALI IN ITALIA, FINANCHE AL DI FUORI DEI CONFINI NAZIONALI

CIRO LO GIUDICE

redazione@euroaquatic.it

L

66

a serata del 28 marzo, nel corso di un apericena conviviale e ricco di fine giornata, sono stati consegnati dei premi speciali ai Leader che si sono stagliati nel settore, ognuno per meriti e capacità diverse, ma con il comune denominatore di arrivare a traguardi di levatura tale da essere modelli cui l’Italia sportiva intera può guardare per ispirarsi ed emulare in positivo certe gesta.

PREMIO ANWK “SPORT E IMPRESA”

Sergio Tosi, è stato insignito del riconoscimento, sia perché con la sua Sport Management oggi è l’azienda che gestisce il maggior numero d’impianti in Italia (44), con ricavi da primato e un modello gestionale replicato con puntuale sostenibilità, sia per l’impegno costante e crescente profuso nell’agonismo di base e di altissimo livello, tanto da investire oltre un milione di euro ad ogni stagione. Prof Tosi, a noi di ANWK e al Presidente di ASSONUOTO, ALESSANDRO VALENTINI, l onore di a erle consegnato un premio che è un riconoscimento delle sue imprese di inarrivabile Imprenditore e Uomo di Sport con pochi eguali in Italia: cosa prevale di più come soddisfazioni, il successo dell mpresa port anagement o le affermazioni in A1 di palla-

HA 3 2017

nuoto, nel nuoto e in altre discipline che Sport Management promuove investendo cos tanto nell agonismo

Sono fiero e contento di entrambe le cose che sono strettamente collegate. Lo sport all’interno del nostro gruppo è reso possibile grazie a risorse economiche, organizzative e di disponibilità degli impianti raggiunte dalla società in questi anni. uali le maggiori di ficolt incontrate nel suo duplice percorso imprenditoriale-sportivo costantemente in ascesa, e come le a superate

Le difficoltà e i problemi più grossi sono legati all’avvio dell’attività aziendale e al reperimento delle risorse economiche che nel 1987 erano necessarie per partecipare agli appalti pubblici, rispetto all’allora situazione patrimoniale. Ora la condizione è mutata grazie ai molteplici impianti gestiti e ad una disponibilità

economica che ci dà tranquillità e che ci permette di investire, come da statuto, anche nello sport di alto livello. Se dovesse dedicare a qualcuno questo suo ennesimo riconoscimento, a chi ri olge il suo pensiero E c i, nel suo eam, stato all alte a delle sue attese, meritando di condividere appieno con lei anc e questa nuo a a erma ione

Dedicherei questo premio al presidente di Sport Management che mi ha preceduto e mi ha aiutato molto nell’attività: il dottor Enzo Savaso, un ex pallanuotista degli anni ’40 e ’50, mio collega insegnante e grande amico. In pochissime parole, dove intende arrivare Sergio Tosi con la sua Sport Management nel prossimo uturo

Voglio consolidare la società portando avanti sia il settore gestionale che quello sportivo. A questo punto i prossimi risultati sportivi ci dovranno portare al vertice dello sport italiano nelle discipline natatorie, ma sono soddisfatto dei grandi risultati ottenuti sino ad oggi e del nostro impegno nei settori giovanili di nuoto, pallanuoto e nuoto sincronizzato che ci vedono primeggiare nelle categorie giovanili. Un viatico importan-


Tosi-Malagò- due Leader si salutano al Summit.

Lo sport all’interno del nostro gruppo è reso possibile grazie a risorse economiche, organizzative e di disponibilità degli impianti Sergio Tosi Alessandro Valentini consegna il premio a Sergio Tosi.

te per la formazione di squadra assolute negli anni a venire. PREMIO ANWK-U.N.A.S.S. “SPORT WINNING LEADER”

Una carriera ineguagliabile che travalica i confini italiani: una Donna che da 21 anni è alla guida della nazionale di ginnastica ritmica, il dream team delle Farfalle Azzurre. 138 medaglie collezionate con le sue atlete nei contesti internazionali. Emanuela Maccarani è un fenomeno che il mondo ci invidia, ma che, con le Farfalle, meriterebbe una ben più alta considerazione nel settore sportivo e soprattutto nel circuito mediatico. Riconoscimenti che non esita a tributarle il presidente del CONI Malagò: l’ha fortemente voluta nella sua nuova squadra del CONI, in quota tecnici. Per scoprire qualcosa di più del grande personaggio Emanuela Maccarani, suggeriamo di leggere il suo ultimo libro “Questa Squadra” (editore Baldini & Castoldi). ANWK e UNASS, l Unione che raccoglie tutte le associazioni di categoria più rappresentative dello sport italiano, sono state onoratissime di averle consegnato, dalle mani della Presidente ANWK,

Emanuela Maccarani durante il Summit e la sessione di Malagò il quale la invita sul palco.

MANUELA LOVO, un premio che è un tributo alle sue ineguagliabili imprese di inarrivabile allenatrice, capace di raccogliere 138 medaglie internazionali in 20 anni, mantenendo ai vertici mondiali per oltre lustri le magnific e FARFALLE AZZURRE: fra le soddisfazioni che hanno lasciato un segno nel suo percorso quali ricorda pi olentieri e con entusiasmo

L’oro del terzo campionato del mondo vinto consecutivamente a Montpellier nel 2011 ha rappresentato la consapevolezza di entrare definitivamente nella storia della Ginnastica Ritmica. Non dimenticherò mai la gioia delle ginnaste, le lacrime per la felicità e nel contempo l'incredulità per l'impresa. L'inno cantato a squarciagola sul podio! La stima e la riconoscenza del Presidente Agabio. Momenti indelebili. Dietro a grandissimi successi, in qualsiasi campo, e tanto più nello sport, ci sono atic e impro e e pesanti sacrifici quotidiani: quali sono gli ostacoli più insidiosi che ha superato nel suo percorso che la ede ai ertici mondiali da due decenni

La maggiore difficoltà nell'affrontare un nuovo progetto dopo una vittoria sta nel riprendere immediatamente il lavoro mantenendo l'attenzione focalizzata sul

particolare, non riferito solo all'aspetto tecnico ma all'insieme di tutte le componenti psicologiche e motivazionali. Nello sport tutto è "veloce", non c'è tempo di guardare indietro, una piccola pausa e si perde il contatto reale con l'obbiettivo da perseguire. Certo, le difficoltà oggettive dovute alla mancanza di economia da sempre sono state una litania che mi ha accompagnato per vent'anni e che forse solo grazie alla mia dedizione ho saputo superare. Dove non posso arrivare con supporti materiali arrivo con quelli motivazionali...

Dedicherei questo premio al presidente di Sport Management che mi ha preceduto e mi ha aiutato molto nell’attività: il dottor Enzo Savaso Sergio Tosi HA 3 2017

67


Giovanni Malagò si congratula con Emanuela Maccarani.

Emanuela Maccarani durante la premiazione tra l’on. Daniela Sbrollini (a sinistra) e Manuela Lovo, presidente di Acquanetwork (a destra).

Lo dedico a tutte le mie ginnaste che nella loro carriera hanno rappresentato delle eccellenze per lo sport italiano Emanuela Maccarani Se dovesse dedicare a qualcuno questo suo ennesimo riconoscimento, a chi le piacere e riser arlo

68

Lo dedico a tutte le mie ginnaste che nella loro carriera hanno rappresentato delle eccellenze per lo sport italiano, augurando loro di continuare con passione e impegno a perseguire i loro obbiettivi ed essere partecipi e interpreti della loro vita. In pochissime parole, vista la sua imminente "promozione" in quota Tecnici nel

Emanuela Maccarani fra le sue atlete vincitrici in Coppa del Mondo il 9 e 30 aprile scorsi.

HA 3 2017

CONI voluta dal Presidente Malagò, dove intende arrivare Emanuela Maccarani con la sue Farfalle e anche facendo astrazione dalla squadra che ha sempre mira ilmente guidato

Lo sport è la mia vita, insegnare è un grande privilegio con una enorme responsabilità. Spero di poter portare, per mezzo del mio percorso con le Farfalle, esempio ed esperienza al fine di valorizzare l'importante ruolo dell'allenatore/ educatore senza il quale non esisterebbero tutti i nostri campioni Azzurri.

PREMIO ANWK-CONSORZIO SPIN “CENTRO SPORTIVO E AGONISMO”

Gianluca Gualdi, presidente di Coopernuoto, società che non solo ha avuto il grande merito di essere parte della sontuosa realizzazione del centro polifunzionale di Carpi, che gestisce, guidando allo stesso tempo altri 5 impianti emiliani, ma anche di aver costantemente investito su agonismo di base e d’eccellenza, tanto da portare il proprio atleta di punta, Gregorio Paltrinieri, ai trionfi olimpici e mondiali. Il Presidente di CONSORZIO SPIN, FRANCESCO MARIA PERROTTA, e noi di ANWK tenevamo moltissimo ad assegnare a voi un premio per esservi distinti con le vostre imprese di superlativa Società di Gestione, la quale non lesina impegno nel sociale e nello sport di base e di altissimo livello, espresso al meglio dal numero uno del nuoto italiano, GREGORIO PALTRINIERI: come società c e cresciuta gra ie all impegno di genitori di atleti, cosa prevale di più come soddis a ioni a ostra credi ilit e reputazione gestionali o il percorso educativo ed agonistico che riservate ad ogni fanciullo, senza perdere mai di vista le esigen e della cittadinan a

Sono importanti fattori che vanno di pari passo e non possono essere uno più importante dell’altro, in quanto avere credibilità e reputazione gestionale ci permette di svilupparci e trovare quelle risorse che consentono di avere una squadra agonistica di degno livello e avere con questa un traino anche per le nostre attività; per certi aspetti facilita pure la parte gestionale, tanto che investimenti o innovazioni non richiedono riflessioni lunghissime se si è convinti di quello che si fa, ma gestire una squadra


Avere credibilità e reputazione gestionale ci permette di svilupparci e trovare quelle risorse che consentono di avere una squadra agonistica di degno livello Gianluca Gualdi a r

ia ion

i anl a

al i

a al rini ri a

i r orio r

ia il r i n

i Con or io

in ran

o

rrotta

pagine gestionale-sportiva, quali sono i punti cui tenete di più e che reputate identificati i dei alori di oopernuoto

Le persone che lavorano in Coopernuoto sono il valore in più di questa cooperativa, sanno che dalle loro scelte giornaliere passa il successo della loro azienda, oppure l’insuccesso, il che vuol dire mettere in gioco il proprio reddito. Per questo Coopernuoto valuta in modo attento ciascuna proposta senza lanciarsi a cuor leggero in ogni iniziativa sia gestionale che sportiva, pronta in ogni caso a farla nel modo migliore, ma con consapevolezza dei mezzi che può impiegare

agonistica con 600 atleti, dando a tutti la stessa importanza e dignità, comporta molto tempo e valutazioni importanti, in quanto si parla di persone. Contano i risultati: non solo quelli agonistici, ma anche quelli di partecipazione e condivisione alla vita societaria, che determinano una condivisa grande soddisfazione. arpi l opera omnia c e consacra la vostra competenza gestionale: ma a quale dei vostri impianti siete più a e ionati e perc

L’impianto al quale credo tutti siamo più affezionati è quello di Novellara: è stato il primo centro acquatico che abbiamo gestito ed è stato il primo

bando che si è formalizzato con una trattativa privata tra comune e gestore dopo l’inchiesta “mani pulite”; su quell’impianto abbiamo costruito il nostro modello gestionale, che non è solo la gestione pura, ma lo sviluppo attraverso la costruzione di nuove strutture e ristrutturazioni di quelle vecchie. Non è rimasto un modello fisso e immutabile, si è modificato nel tempo e si è ampliato: tutto, compresi i risultati sportivi più importanti della nostra squadra, sono stati costruiti in quella vasca da 8 corsie di un paesino di 12.000 abitanti.

69

L’impianto al quale credo tutti siamo più affezionati è quello di Novellara Gianluca Gualdi

Se doveste stabilire un ordine di priorità che ritenete vi distingua come com-

Le persone che lavorano in Coopernuoto sono il valore in più di questa cooperativa

Centro Campedelli, il nuovo complesso acquatico di Carpi.

Gianluca Gualdi HA 3 2017


MANAGEMENT

SPECIALE

CLORO E SALUTE AQUANIENE (RM)

70

MATTIA VILLA

villa.mattia@barchemicals.it

SE LA PISCINA È UNA DELLE AREE CHE ASSICURA SALUTE E BENESSERE ALLA COLLETTIVITÀ, È BENE SAPERE QUALI SONO GLI AGENTI CHIMICI CHE POSSONO METTERE A REPENTAGLIO REPUTAZIONE DI UN COMPLESSO ACQUATICO, MA, SOPRATTUTTO, LO STATO OTTIMALE OMEOSTATICO DI QUALSIASI CLIENTE

evoluzione costante della piscina quale luogo esperienziale in ottica wellness impone massima attenzione alla sicurezza dell’utenza. La disinfezione dell’acqua per garantire requisiti igienico sanitari basilari per la salute, in ossequio alle normative, viene assicurata attraverso l’uso di alcuni biocidi, identificati nel 99,9% dei casi con “Cloro”. Tuttavia le reazioni chimiche instaurate in acqua durante la disinfezione portano alla formazione di sottoprodotti di cui è opportuno tener conto in ottica di benessere generale dei fruitori. Premessa doverosa in tal senso: il Cloro non è tutto uguale.

HA 3 2017

A LIVELLO DI MATERIA PRIMA ESISTONO DUE GRANDI FAMIGLIE: 

CLORO ORGANICO

CLORO INORGANICO

Ipoclorito di sodio (NaCIO), 14-15% di cloro attivo (diminuisce nel tempo), 85% cloriti, clorati alto contenuto in soda (innalza il pH delle acque in cui viene utilizzato), problematiche derivanti dalla sua manipolazione e stoccaggio.

Sodio dicloro isocianurato (SDIC) 56% cloro attivo, apporta notevoli quantitativi di acido isocianurico, che stabilizza e in parte inibisce la funzione ossidante del cloro (maggior tempo di contatto per ottenere la disinfezione desiderata).

Ipoclorito di calcio (Ca(CIO)2), sodio (granulare o in pastiglie), facile da maneggiare, tenore di cloro attivo fino al 70%; 30% solfati e carbonati.

Acido tricloroisocianurico, lavorando con sistemi a pressione (i lambitori), è da ritenersi ormai obsoleto e superato.


“Le reazioni chimiche instaurate in acqua durante la disinfezione portano alla formazione di sottoprodotti di cui è opportuno tener conto in ottica di benessere generale dei fruitorio”

BEN DIVERSI PER LORO NATURA, ESSI CONTRIBUISCONO IN MISURA DISSIMILE ALLO SVILUPPO DI SOTTOPRODOTTI, TRA CUI, PER RILEVANZA:

CLOROAMMINE

TRIALOMETANI (THM)

Possono essere: organiche, inorganiche, mono-, bi-, tri- cloro ammine. Si generano per reazione fra cloro attivo in vasca e sostanze azotate portate dai bagnanti. Hanno diversa volatilità (le tricloroammine sono più volatili) e tendono a passare nell'aria, dalla quale devono esser rimosse con adeguati sistemi di aerazione, in quanto irritanti per le mucose dell'apparato respiratorio.

Sono composti estremamante volatili (capostipite è il cloroformio) e vengono respirati quotidianamente specie dagli addetti che stazionano per più ore a bordo vasca, accumulandosi negli organi; alcuni sono dotati di elevata tossicità e di sospetta attività mutagena e cancerogena

Un delle aziende leader in Europa, in collaborazione con l’Istituto di Igiene dell’Università di Modena (UNIMORE) condotto dalla Prof.ssa Fantuzzi, ha intrapreso uno studio, in un campione di 70 soggetti operanti in

piscine bolognesi, volto ad identificare le sintomatologie associate all’esposizione di questi sottoprodotti e la loro frequenza in relazione ai prodotti cloranti utilizzati. Di seguito risultati e considerazioni.

CARATTERISTICHE CAMPIONE SUDDIVISO IN BASE A SESSO, ETÀ, ABITUDINI TABAGICHE E LUOGO DI LAVORO ADETTI PISCINE (NR. TOT. 70)

VARIABILI

NR.

%

PREVALENZA SINTOMI IRRITATIVI DICHIARATI DAI SOGGETTI ESAMINATI IN FUNZIONE DEL BLIOCIDA UTILIZZATO SINTOMI RESPIRATORI

BIOCIDA UTILIZZATO

ADDETTI PISCINE (NR.70)

NR.

NR.

NR.

%

%

%

%

Raffreddore

76,1

94,4

66,7

85,7

Naso gocciolante

47,8

33,3

51,2

62,5

Starnuti

74,6

72,2

73,2

87,5

Perdita voce

SESSO

Maschi Femmine

39 31

55,7 44,3

ETÀ (ANNI)

< 30 30-39 ≥ 40

21 16 30

31,3 23,9 44,8

33,3

41,2

26,2

57,1

ABITUDINI TABAGICHE

Fumatore Ex-fumatore Non fumatore

15 2 53

21,4 2,9 75,7

Tosse

56,9

76,5

46,3

71,4

Bronchite

28,8

38,9

22,0

42,9

LUOGO DI LAVORO

Bordo vasca Altro

43 24

64,2 35,8

Espettorato

25,8

31,3

20,5

42,9

Difficoltà respiro

17,4

17,6

9,8

42,9

SINTOMI CUTANEI OCULARI

ADDETTI PISCINE (NR.70)

NaCIO

Ca(CIO)2

SDIC

%

%

%

%

Da sinistra, Corrado Barani titolare di Barchemicals Group e Mattia Villa ingegnere del centro ricerche, durante il Summit di Milano.

BIOCIDA UTILIZZATO

Irritazione

45,5

43,8

45,2

50,0

Lacrimazione

25,8

12,5

26,2

50,0

Occhi rossi

47,0

43,8

42,9

75,0

Rush

25,8

31,3

21,4

37,5

Eczema

13,8

31,3

7,1

14,3

Micosi

32,3

43,8

28,6

28,6

“Il Cloro non è tutto uguale” HA 3 2017

71


AQUANIENE (RM)

Fanalino di coda è lo SDIC. Il risultato non sorprende poiché è noto che l’acido isocianurico non sia un toccasana per la salute umana, tant’è che in USA ed in alcuni stati europei (es. Germania) è in atto un’azione volta all’eliminazione del suo uso. Segue l’ipoclorito di sodio, mentre maglia rosa è l’ipoclorito di calcio, il quale, pur non uscendo indenne dal confronto, nel complesso presenta la

72

Maglia rosa è l’ipoclorito di calcio, il quale, pur non uscendo indenne dal confronto, nel complesso presenta la percentuale più bassa di sintomatologie associate HA 3 2017

percentuale più bassa di sintomatologie associate. Rileviamo due aspetti; il primo: le condizioni degli impianti indagati sono diverse in termini di pH, Temperatura, ricambio acqua e aria, utenza media, vetustà impianti tecnologici, masse filtranti, etc. Ciononostante le risultanze costituiscono un dato significativo per individuare quale prodotto induca meno sintomato-

logie nell’utenza; il secondo: lo studio è stato condotto identificando le materie prime, ma quello che si impiega sono formulati, ovvero prodotti in cui vengono addizionati antiscale, stabilizzanti, biocidi ausiliari etc. che possono mitigare o accentuare le sintomatologie registrate.  Alcuni accorgimenti per garantire l’utilizzo di formulati di qualità e alzare gli standard nell’ambito del wellness acquatico:

Maggior consapevolezza del chimismo (ovvero della serie di fenomeni determinati da azioni chimiche) che avviene nell'ambiente della balneazione.

Uso di materie prime non scadenti.

Scelte supportate da corrette catene di rintracciabilità e identificazione dei processi

Rivolgersi ad Aziende che accompagnino l'attività commerciale con costanti e considerevoli attività di Ricerca e Sviluppo finalizzate all'ottimizzazione dei formulati, minimizzando gli effetti collaterali indesiderati in ottemperanza alle normative vigenti, non solo nazionali.

Studiare la normativa Biocidi: qualunque prodotto utilizzato deve essere approvato dall'ECHA (agenzia Europea Per Le Sostanze Chimiche), previa presentazione di accurati dossier in cui vengono riportati i test di efficacia e non pericolosità per la salute umana.

L’Italia già dispone dei P.M.C., ovvero prodotti immessi in commercio dopo opportuna valutazione, da parte del Ministero della Salute, della documentazione presentata dai richiedenti: l’etichetta presenta la dicitura: “Presidio Medico Chirurgico” seguito dal N° di registrazione assegnato dal Ministero stesso

Tale ricerca è stata promossa da Barchemicals Group, che, nel corso del Summit 2017, ha tenuto un workshop specifico, il cui brillante relatore è stato Mattia Villa.


Lâ&#x20AC;&#x2122;ORSO SRL

GESTIONE PISCINE

UNIONE NAZIONALE ASSOCIAZIONI SETTORE SPORT


TECHNICAL

MANOLO CATTARI Psicologo dello sport e psicoterapeuta, responsabile scientifico del Progetto AlbatroSS e dei progetti di sport terapia ad esso collegati, tra cui Gavino il Bagnino. manolocattari@gmail.com

AUTOSTIMA, SPORT, DISABILITÀ PERCHÉ LO SPORT SIA AUTENTICA AREA INCLUSIVA CHE RAFFORZA LA POSITIVA PERCEZIONE DI SÉ, SERVE UN SALTO DI PARADIGMA CULTURALE, PER CUI LO SPAZIO DI CHI HA BISOGNO DI VIVERE CERTE ESPERIENZE FONDAMENTALI E SOCIALMENTE IMPRESCINDIBILI, NON SIA NEGATO PER IGNORANZA O PER FARE CASSA

E

74

siste una forte correlazione tra autostima ed esercizio fisico: le persone, per mantenere o accrescere il proprio senso di eccellenza, praticano attività che rappresentano una sfida per conseguire successo, quest’ultimo rinforza la percezione di sé e mette le basi per un’ulteriore attività. L’autostima è un concetto generale che fa riferimento a quanto mi sento efficace nelle varie aree in cui la persona si sente impegnata. L’esercizio fisico fa riferimento alla percezione del sé fisico (abilità motorie e aspetto fisico) ed è una delle aree centrali su cui si costruisce la stima di sé. Specificando questo presupposto al mondo della disabilità si coglie l’importanza che lo sport riveste in chiave psicologica per chi lo pratica. Infatti persone con disabilità intellettivo relazionale possono trovare proprio nell’esercizio fisico il campo di espressione e relazione principale. Un bambino che presenta delle difficoltà specifiche nell’apprendimento di alcune materie “teoriche”, cognitive e astratte, può riconoscersi non solo bravo, ma magari anche il più bravo nell’esecuzione di una nuotata o un tuffo o una virata. Sentendosi finalmente modello da

HA 3 2017

«LO SPORT PER TUTTI È DUNQUE D’OBBLIGO, BELLE PAROLE CHE RIMANGONO TALI NEL MOMENTO IN CUI DURANTE L’ORA DI MOTORIA L’ALUNNO DISABILE STA IN BIDELLERIA»


«PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVO RELAZIONALE POSSONO TROVARE PROPRIO NELL’ESERCIZIO FISICO IL CAMPO DI ESPRESSIONE E RELAZIONE PRINCIPALE» Sopra: Giovanni Achenza medaglia di Bronzo nel Paratriathlon di Rio2 016.

Simona Gualla (a sinistra), più nota come Super Simo e allieva di Luigi Vecchio, regala sorrisi, anche grazie all’acqua che le fa vivere l’esperienza agonistica senza nessun limite. In questa foto Simona è con Ivana Gabrilo (a destra), campionessa svizzera di nuoto.

seguire con conseguente incremento del senso di efficacia personale, che contagia positivamente le altre aree del concetto di sé, come quella relazionale ed emotiva, incrementando la stima di sé. Perciò lo sport è inclusione. Per una persona con disabilità fisica, potenziare il senso di efficacia personale sull’area fisica, significa intervenire proprio sull’area che maggiormente potrebbe incidere negativamente sulla percezione di stima di sé. Soprattutto se la persona fissa la percezione di sé al suo senso di non efficacia motoria. Lo sport per tutti è dunque d’obbligo, belle parole che rimangono tali nel momento in cui durante l’ora di motoria l’alunno disabile sta in bidelleria, quando le piscine e chi ci lavora non sono adeguati e formati ad accogliere delle situazioni specifiche o ancora peggio quando non è conveniente destinare uno spazio acqua specifico ad una persona (che presenta dei bisogni specifici) invece di farne entrare nello stesso spazio venti. Questo non significa solo rinunciare ad un iscritto, ma rinunciare a promuovere la cultura che lo sport e i servizi sono in funzione della persona e non viceversa. Nel ricordare l’urlo di gioia di Giovanni Achenza alle ultime Paralimpiadi ho pensato a quante volte sbuffo e mi ribello all’idea di andare a correre per mettermi in forma. Mi sento piccolo davanti a lui… non perché corre da seduto, ma perché lui corre e io sto seduto.

75

HA 3 2017


TECHNICAL

SOGNO UN NUOTO PER TUTTI 76

UN’ESPERIENZA CHE APRE IL CUORE, FA RIFLETTERE E CI AIUTA A COMPRENDERE CHE SIAMO NOI A CREARE BARRIERE, CHE L’ACQUA ANNULLA, RENDENDO SORRIDENTI LE VITE DI PERSONE DISABILI E DI CHI HA IL PRIVILEGIO DI ESSERE AL LORO FIANCO

DI ISHNAR MONACO

HA 3 2017

ishnar.monaco@live.it


INTRODUZIONE A CURA DI LUIGI VECCHIO ideablupavia@gmail.com In poche righe Ishnar riesce a trasmettere la sua passione per il suo bellissimo lavoro con ricchezza di contenuti tecnici, metodologici e affettivo relazionali. Ecco come insegnare a stare in acqua può essere un'arte.

S

ono “figlia d’arte”, se così si può dire: papà e mio zio insegnanti di nuoto, ed io e mio fratello non potevamo che ricevere questa eredità. Ricordo da sempre di aver giocato in piscina e di essermi trovata poi ad insegnare quei movimenti che faceva mio padre. Quei grandi miti che ci parlavano da bordo vasca e ogni tanto ci davano una pacca sulla testa erano, per me e mio fratello, dei grandi super eroi. Nei miei 28 anni ho amato tanto questa disciplina liquida che, senza che me ne accorgessi, è diventata la mia professione. Ho incontrato molti allievi e ciascuno a modo suo ha arricchito questo cammino liquido che ho deciso di intraprendere. C’è stato l’incontro con un allievo, Tommaso, che ha cambiato la mia vita, migliorandola. Tommaso è stato da subito curioso e sempre pronto a farmi qualunque tipo di scherzo e dispetto. Siamo molto diversi, lui scuro e moro, un tipo abbronzato tutto l’anno; io al contrario bionda e chiarissima di carnagione. Ricordo il giorno in cui Tommaso, ancora piccolino, si mise a piangere dopo che gli avevo proposto di giocare a cercare i pesci sott'acqua. Un gioco di immaginazione, che spesso faccio, per dar loro la possibilità di creare e di sentirsi liberi. Liberi in un mondo, quello acquatico, dove non ci sono barriere e tutti, ma davvero tutti, possono nuotare. Così, perplessa, gli chiesi: "Tommaso ma perché piangi? È divertente cercarli". E lui: "Maestra ho paura perché non li vedo e non so dove sono". Ed io ho risposto: "Se vuoi andiamo insieme a cercarli e la maestra li vedrà per te, ma devi essere coraggioso!". A distanza di anni, quando

Lì io ero cieca e incapace di vedere. Lui no. Mi guidava sicuro

Tommaso Lollobattista, 11 anni e Ishnar Monaco, presso S.S.D. Sublacensis di Subiaco (RM).

s nar onaco nel Manager EAA-ANWK

premiata da Andrea iondi per la qualifica di Aquatic

ormai mi ero dimenticata di questo episodio, lui un giorno è venuto da me proponendomi un gioco. "Maestra, senti, ti va di andare a cercare i pesci sott'acqua?". Ed io ho risposto sorpresa:" Ok! Va bene, proviamo!". E lui:" Però Maestra non devi avere paura, io li vedrò per te. Devi essere coraggiosa, forza, dammi la tua mano." Lui mi ha preso per mano, come tanti anni prima, avevo fatto io. Con affetto e dolcezza mi ha guidato in un mondo, dove io davvero non avrei visto nulla, perché era tutto nella sua immaginazione. Lì io ero cieca e incapace di vedere. Lui no. Mi guidava sicuro. Tommaso è un bimbo non vedente dalla nascita. Secondo lui sono alta, ma non come le montagne russe, ho il naso a punta e le guance non tanto molle come un budino... e profumo di shampoo. Da grande farà il costruttore di giostre, ci tiene a ricordarmelo e mentre nuota e fa dei grandi tuffi, mi chiede l’altezza precisa delle montagne russe più note. Devi sempre essere informato a tal riguardo altrimenti potresti sentirti dire: "Maestra ma non sai proprio niente!". Quando nuota sente se sono vicina in base a quanto percepisce la mia voce. Se non la sente, scende sott'acqua e gioca, tra un mio rimprovero e …una mia risata! Dopo questa esperienza, che è durata molti anni, sono diventata istruttore di nuoto paralimpico, perché sono convinta che servano delle conoscenze per seguire al meglio tutti i miei allievi. Li amo, ciascuno con il suo talento e il suo modo di adattarsi all'acqua. L'acqua toglie tante barriere, che la terra crea. In acqua tutti possono galleggiare e a modo proprio ciascuno può nuotare. Non si insegna solo nuoto, ma si creano sicurezze che la terra ferma non sempre dà. Si fanno crescere dei bambini che domani saranno dei futuri campioni, perché ormai sicuri di sé. L'uomo costruisce delle inutili barriere. Esiste il nuoto per tutte le disabilità e noi istruttori abbiamo il compito di educare e trasmettere questa ricchezza

77


TECHNICAL

78

DA ISTRUTTORE AD ALLENATORE valorizzando il giovane nuotatore A cura di ELISABETTA CASTAGNINO e STEFANO CANDIDONI

IL PARERE DEL COACH DEI SETTORI GIOVANILI ELISABETTA CASTAGNINO Partendo da una "banalità": l'istruttore di nuoto è colui che insegna a nuotare, riassumendo così in modo spiccio la complessità di questa figura, che ricopre diversi ruoli e svolge molteplici funzioni, in base a distinti contesti didattici. La "regola" base dei testi di studio è

HA 3 2017

Sorriso e futuro: insegnare le regole ai ragazzi d’oggi che saranno gli adulti di domani.

IL PERCORSO E LE TAPPE PER FARE DI UNA PROFESSIONE UNA VERA PASSIONE, FACENDO SALVI VALORI EDUCATIVI E DI PROGRESSIONE ESPERIENZIALE, RISPETTANDO LE FASI DI CRESCITA DI OGNI ATLETA E ALLIEVO, NATATORIAMENTE DOTATO O MENO

quella delle 3 S: • sapere; • sapere fare; • sapere far fare. È fondamentalmente infatti che l'istruttore sappia trasmettere diverse cose. Deve interessare in primis, insegnare le regole in corsia (contribuendo a formare il futuro adulto) e farle rispettare; allo

stesso tempo, deve essere in grado di impartire insegnamenti tecnici. Per fare ciò deve avere una buona padronanza di quello che insegna. Qui entrano in gioco tre fattori: • passione; • amore;  • formazione costante e continua.  Dal cocktail di questi tre elementi, scatta la molla di molti di voler provare


L'allenatore è l'istruttore che ha raccolto il guanto di sfide nuove è sempre più stimolanti ad essere qualcosa di più, di andare oltre alla preparazione tecnica base ed accedere alle 4 aree del corso allenatori: • preparazione tecnica;  • preparazione medico-fisiologica; • preparazione psico pedagogica;  • preparazione metodologico-didattica.  Per allenare infatti non bastano più le 3 S; ci sono traguardi più ambiziosi e impegnativi, si devono trasmettere agli atleti oltre che competenze tecniche, consapevolezza sicurezza e fiducia e tirare fuori quella costanza quasi caparbietà nel voler perseguire e raggiungere l'obbiettivo.  L'allenatore è l'istruttore che ha raccolto il guanto di sfide nuove e sempre più stimolanti, mettendo in gioco tutte le proprie energie fisiche e mentali; tenendo conto del fatto che non sempre si ha l'atleta motivato o motivante, ma proseguendo nella propria missione, perché, come mi ha detto una volta una gran bella persona, incontrata nel mio percorso formativo: "Geppetto da buon legno ha fatto Pinocchio". IL PARERE DEL COACH DI LUNGO CORSO: STEFANO CANDIDONI Cosa differenzia l’istruttore dall’allenatore? La diversità della parola, niente più. L’istruttore, letteralmente colui che fornisce le nozioni e l'addestramento utili a esercitare una specifica attività, non si ferma mai nel suo compito così come l’allenatore, letteralmente la figura che si occupa della preparazione tecnica e, talora, atletica, di squadre sportive e di atleti individuali, non può prescindere da indossare la veste dell’istruttore. Per evitare di formulare concetti scontati di come e cosa dovrebbe essere l’istruttore piuttosto che l’allenatore,

Da istruttore ad allenatore, la ricetta: si aggiungano q.b. preparazione tecnica, medicofisiologica, psico pedagogica, metodologico-didattica.

proviamo a ribaltare il discorso e concentriamoci su alcuni punti imprescindibili della “persona tecnico”: • conoscere se stesso accettando i propri limiti e valorizzando le proprie potenzialità; • conoscere gli altri, il contesto nel quale si opera; • crescere nel/nei gruppi, credere nella forza del gruppo; • avere sempre lo sguardo rivolto al presente e al futuro; • non temere l’errore; • essere un attento osservatore degli allievi; • non fermare mai il processo della conoscenza/formazione che diventa migliore competenza; • accettare e ricercare la sperimentazione; • operare per costruire e non per distruggere; • sapersi adeguare alla situazione contingente. Se valutiamo quindi da questa prospettiva, penso si faccia difficoltà a capire dove finisce il ruolo di un istruttore e dove comincia quello dell’allenatore. Entrambe le figure, a mio parere, si riconoscono perfettamente nei punti elencati che rappresentano una sorta di linea guida. Possono cambiare gli obiettivi, il contesto, gli allievi ma non può cambiare mai la capacità che dovrà avere “il tecnico” di portare avanti il lavoro seguendo quelle regole, per se stesso, per la propria crescita e per tirare fuori il meglio dai ragazzi, in qualsiasi momento della loro vita sportiva e non

IL PARERE DELL’ESPERTO: FRANCESCO CONFALONIERI francone.confalonieri@gmail.com Anni vissuti sul bordo vasca mi hanno convinto che le due qualità fondamentali che dovrebbero caratterizzare un buon Istruttore e soprattutto un buon allenatore sono le seguenti: • Il desiderio ed il piacere di mettersi in discussione, formarsi ed aggiornarsi costantemente sia attraverso i percorsi istituzionali e consolidati, sia attraverso il confronto con le realtà ed i colleghi più originali ed innovativi; filtrando e rielaborando, poi, quanto appreso attraverso l’esperienza e le convinzioni personali. • La capacità di stabilire correttamente gli obiettivi specifici di ciascun allievo od atleta condividendoli con loro e con le loro famiglie per verificarne poi il conseguimento al termine del percorso vissuto insieme. In questo ambito risulterà fondamentale individuare potenzialità e limiti di ciascuno dal punto di vista coordinativo, fisiologico e psicologico correlandoli ai tempi della crescita ed all’età biologica individuale.

Cosa differenzia l’istruttore dall’allenatore? La diversità della parola, niente più HA 3 2017

79


ACQUANETWORK

SPECIALE

Nelle considerazioni di dirigenti, manager, imprenditori, la piscina è ormai un must imprescindibile; ma per la sua sostenibilità ed integrazione nei servizi, va ben pensata e progettata.

zione del nostro settore e sul valore della piscina nei centri sportivi (tabella 3). Invero sale il giudizio positivo con oltre il 71% che valuta fra eccellente e buono il numero di soci e iscritti a centri fitness e piscine, mentre l’industria indica una crescita di fatturato del 10,1% contro il 9,7% di 8 mesi fa. La media del valore che i centri sportivi attribuiscono ad iscrizioni e soci, in una scala da 1(min)

AQUAFIT (CT)

SETTORE SPORT WELLNESS PISCINE

Indicatori del primo semestre 2016/2017

80

LA REDAZIONE

AL SUMMIT 2017 È STATO PRESENTATO UN QUESTIONARIO, LE CUI RISPOSTE FOTOGRAFANO LA SITUAZIONE DEL SETTORE FRA TANTE LUCI E POCHE OMBRE, IN GENERE LEGATE A SISTEMA, NORME E BUROCRAZIA

I

l Summit è stato un successo e chi lo ha reso tale sono stati i partecipanti, che, come rappresentanza geografica riportiamo nella tabella 1: prevedibile che la Lombardia la facesse da padrona, ed è notevole la partecipazione di imprese e professionisti, non così alta da altre regioni; meritorie le presenze di società delle Isole, quando da altre zone del Centro Sud si registrano dati modesti o nulli; ottima la partecipazione di centri sportivi del Veneto, su cui hanno positivamente inciso sensibilità dei dirigenti e il ruolo attivo di Assonuoto, capitanata da Alessandro Valentini. Da questo nutrito novero, sono state raccolte 141 interviste (altre sono in arrivo), che hanno permesso di aggiornare gli indicatori sul nostro mercato riferiti all’ultimo semestre. Rispetto alla precedente indagine (HA 02-2017), colpisce come essere a Milano, rispetto a Vicenza, comporti alcuni cambiamenti nei profili dei presenti (notevole il numero di aziende produttrici) anche se in buona sostanza non mutano i giudizi sulla condi-

HA 3 2017

a 5(MAX) è di 3,61, dato veramente eccellente se comparato alla contrazione generale dei consumi. Però, sui ricavi, club e società di gestione manifestano sì un dato positivo (63% degli intervistati propende fra eccellente e buono), ma non in valore assoluto: le tariffe di fatto sono congelate e la crescita è dovuta al buon trend di iscritti. Impressionante il parere plebiscitariamente ultra positivo sull’importanza della piscina nella strategia di offerta sportiva: se a settembre 2016 si era pronunciato assai favorevolmente l’84,4%, ora siamo all’89,4% di opinioni che si attestano fra eccellente (73,8%!) e buono, con una media di giudizio pari a 4,66 su un massimo di 5. Il futuro della piscina è decisamente in grande crescita. La tabella 2 indica che il posizionamento oscilla molto fra Alto e Medio/Alto


«GLI IMPRENDITORI IN GENERALE AVVERTONO IL BISOGNO DI INIZIATIVE COME IL SUMMIT» (incidono anche le Imprese presenti in numero maggiore), mentre al di sotto si tratta in genere di piscine e club. Essere in Lombardia eleva tale valore rispetto a quanto si registrò in Veneto a fine agosto ‘16. Sul Profilo degli intervistati, i Titolari sono la maggioranza, segno che gli Imprenditori in generale avvertono il bisogno di iniziative come il Summit, purché assicurino contenuti, sostanza e presenza di personalità di valore. Colpisce molto invece quanto riepilogano le tabelle 4 e 5, dove se la Burocrazia, circa le criticità, resta un elemento perce-

Imprese. Staff Tecnico, forse anche per il profilo medio-alto delle realtà rappresentate, non è assolutamente più un problema (0%), mentre il Personale, in generale, e lo Staff vendite (per le sole piscine/club) sono difficoltà da non sottovalutare. Al quesito “In quali aree intervenire per migliorare il settore?”, Qualità e Innovazione restano ampiamente ai vertici delle considerazioni degli operatori, anche se sovente sul primo valore è eterogenea e incongruente la considerazione e percezione, che invece non sfugge mai al cliente e Sopra: l’importanza dei momenti informali durante il Summit e i congressi in generale: agevolano dialogo, confronto e crescita collettiva.

mentre sale per tutti l’importanza di dare vita a Partnership e di fare leva sulle Associazioni di Categoria, indicazione che a settembre scorso era ben più velata. L’Agonismo non è un problema per nessuno, perché, come viene risposto nei commenti, conferisce reale valore sociale alle varie intraprese, anche se i costi stanno diventando insostenibili: serve trovare nuove forme di finanziamento e risorse, che co-marketing e co-business con Industria, Finanza e Multinazionali possono favorire, come è emerso nettamente nel corso del Summit 2017 pito come il più negativo, con una crescita di indicazioni che lo attesta al 45,7% contro il 36,40 % del 2016; costi utenze e fissi restano voci altamente negative, con la prima che tocca, come prevedibile, maggiormente i centri sportivi/fitness e piscine. Sale il fisco come nota negativa, ma anche per la maggior presenza di

al consumatore. Sono molto cambiate le priorità ed ordine di indicazioni, per buona parte condizionate anche dalla collocazione geografica degli intervistati. Se le Istituzioni e le Norme sono un problema su cui intervenire indistintamente per tutte le Categorie, le Strutture preoccupano le società di gestione,

81

Consulta a pagina successiva le tabelle e gi indici di riferimento emersi dopo la presentazione del questionario al Summit 2017

«QUALITÀ E INNOVAZIONE RESTANO AMPIAMENTE AI VERTICI DELLE CONSIDERAZIONI DEGLI OPERATORI» HA 3 2017


TABELLA 1 GEOGRAFIA DEI PARTECIPANTI AL SUMMIT (NR. TOTALE PRESENZE: 322) REGIONE

%

Lombardia Veneto Piemonte Trentino Alto Adige Friuli Venezia Giulia Valle d'Aosta Liguria Em Romagna Toscana Umbria Marche Abruzzo Molise Lazio Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna

44,8% 18,3% 5,9% 0,6% 0,6% 0,3% 3,2% 9,7% 5% 0,9% 0,3% 0,8% 0% 3,6% 1% 1,9% 0% 0% 1,3% 1,8%

C PISCINE 41,9% 50,8% 64,1% 100% 50% 100% 41,3% 44,4% 68,5% 67% 100% 100% 0% 50% 66% 65% 0% 0% 75% 100%

M FONITORI 33,8% 23,7% 21,7% 0% 0% 0% 33% 48,4% 12,7% 0% 0% 0% 0% 0% 0% 35% 0% 0% 0% 0%

C PROFESSIONISTI 12,7% 15,3% 8,2% 0% 50% 0% 7% 7,2% 6,3% 0% 0% 0% 0% 21,5% 34% 0% 0% 0% 25% 0%

ALTRO 11,6% 10,2% 6% 0% 0% 0% 18,7% 0% 12,5% 33% 0% 0% 0% 28,5% 0% 0% 0% 0% 0% 0%

TABELLA 2 RAPPRESENTANZA DI OLTRE 290 CENTRI SPORTIVI E IMPRESE

82

47,9% 17,1% 14,9% 8% 12,1%

C PISCINE 61% 33% 78% 0% 72%

M FONITORI 37% 67% 22% 0% 0%

C PROFESSIONISTI 2% 0% 0% 100% 28%

26,4% 50,8% 20% 2,8%

55% 56% 73% 100%

33% 28% 27% 0%

12% 16% 0% 0%

PROFILO

NR.

%

Titolare Sales Manager General Manager Consulenti/Progettisti Altro

67 24 22 11 17

POSIZIONAMENTO Alto Medio Medio-basso Basso

37 72 28 4

TABELLA 3 VALORE/GIUDIZIO CIRCA L'IMPORTANZA DELLA PISCINA NEL CENTRO SPORTIVO M (marzo 2017) Eccellente Buona Sufficiente InsuffIciente Scarsa

NR. 104 22 7 0 0

% 73,8% 15,6% 5% 0% 0%

TABELLA 4 Le aree più critiche per la propria organizzazione M (marzo 2017) Burocrazia Costi utenze Costi fissi Fisco Personale Staff vendite Reception/front line service Controllo gestione Concorrenza Comunicazione Professionalità Struttura Formazione Internet Staff tecnico Management

HA 3 2017

% 45,70% 41,10% 40,30% 29,10% 25,70% 18,20% 17,70% 16,50% 11,40% 11,20% 9,20% 7,80% 6,40% 2,90% 0,00% 0,00%

VENETO tt r Burocrazia Comunicazione Costi utenze Costi fissi Struttura Concorrenza Staff tecnico Internet Professionalità Formazione Controllo gestione Reception/front line service Fisco Personale Staff vendite Management

% 36,40% 31,30% 30,90% 29,80% 22,60% 21,10% 20,30% 19,70% 17,80% 16,60% 15,50% 14,80% 12,80% 11,00% 7,60% 5,10%

VENETO tt Eccellente Buona Sufficiente InsuffIciente Scarsa

r

NR. 47 24 0 1 0

% 56% 26,6% 0% 1,2% 0%

TABELLA 5 Su cosa intervenire perché il settore sportivo evolva M (marzo 2017) Qualità Innovazione Istituzioni Strutture Salute e prevenzione Aggiornamenti Norme Partnerships Associazioni di categoria Nuovi mercati Servizi e prodotti Tecnologia Cultura del movimento Flessibilità UNASS Post vendita

% 51,50% 43,80% 28,60% 25,70% 22,90% 20,10% 17,60% 14,30% 13,60% 11,70% 11,20% 10,40% 9,40% 8,30% 6,80% 5,60%

VENETO tt r Qualità Innovazione Salute e prevenzione Istituzioni Cultura del movimento Post vendita Flessibilità Nuovi mercati Finanza Aggiornamenti Tecnologia Partnerships Norme Servizi e prodotti Posizionamento Formazione

% 66,60% 46,30% 41,20% 34,90% 26,30% 22,40% 21,10% 18,00% 16,80% 16,20% 15,60% 14,90% 12,20% 11,40% 10,70% 5,80%


SALONE INTERNAZIONALE DELL'ESTERNO

35 A EDIZIONE 12-14 OTTOBRE 2017 FIERA DI RIMINI

OUTDOOR CAMPING

& BEACH NETWORK IN CONTEMPORANEA CON

54° FIERA INTERNAZIONALE DEL TURISMO www.ttgincontri.it

66° SALONE INTERNAZIONALE DELL’OSPITALITÀ www.siaguest.it

WWW.SUNGIOSUN.IT


MANAGEMENT

FRANCESCO PERTICARI Consulente ed esperto settore fitness

OUTDOOR FITNESS: IL VANTAGGIO COMPETITIVO A PORTATA DI CIELO TRASFERIRE LE ATTIVITÀ DAL “CONTENITORE” A SPAZI ESTERNI, È INTUIZIONE CHE AIUTA A LEGARE I CLIENTI AL CLUB, EVITANDO DISAFFEZIONI SPONTANEE CHE LA VOGLIA DI OUTODOOR COMPORTA. I BENEFICI E I PRINCIPI CHE DEVONO GUIDARE SCELTE CONGRUENTI CON IL SERVIZIO E CON IL BUSINESS

L

84

a vita all’aria aperta è il sogno di molti e anche il mio. Muoversi, sudare, allenarsi, vivere a contatto della natura sono attività in grado di ricaricare il corpo e la mente di una energia che appartiene alla parte più autentica degli esseri umani. La mutevolezza del paesaggio, gli spazi aperti, l’adattamento a temperature sempre diverse, il contatto diretto con la luce solare e l’aria hanno un potere rigenerante e una capacità attrattiva notevoli per le persone, come dimostrano anche le ricerche attuali sullo sport che denotano l’aumento del numero di praticanti attività come running, ciclismo, swimming e triathlon.

L’allenamento outdoor dona al cliente una nuova esperienza ogni giorno.

«SPOSTARE L’ATTENZIONE È NEL PENSARE AL PROPRIO PRODOTTO-SERVIZIO IN TERMINI DI ESPERIENZA» HA 3 2017


«SFRUTTARE LA RICHIESTA DI ATTIVITÀ ALL’ARIA APERTA SIGNIFICA ANCHE ANDARE NELLA DIREZIONE DELL’ALLENAMENTO FUNZIONALE, DEL BOOTCAMP, DEL PERSONAL TRAINING E DEL MULTI PERSONAL»

Sopra e a destra due immagini di come potrebbe diventare lo spazio aperto di un centro sportivo: soluzioni offerte da Outrace.

L’idea che voglio proporre non è quella di trasferire la famiglia in una zona selvaggia, come ha fatto il protagonista di Captain Fantastic (per me uno dei film cult più belli degli ultimi anni). Lo spunto è molto più semplice, ovvero suggerire a centri fitness e complessi sportivi che ne abbiamo le possibilità di spostare l’attenzione verso la fruibilità dei propri spazi esterni. Una terrazza inutilizzata, una zona di verde a cui non si era data sufficiente importanza, la vicinanza ad un parco pubblico, possono diventare dei plus per l’incremento del business di un centro sportivo. Sfruttare la richiesta di attività all’aria aperta significa anche andare nella direzione dell’allenamento funzionale, del bootcamp, del personal training e del multi personal, vale a dire le attività delle quali abbiamo parlato nei precedenti articoli e sulle quali si fonda il successo del business-fitness in Italia e all’estero. E l’investimento? Di quale investimento si parla per avviare una sezione outdoor in un centro fitness? Oltre all’organizzazione e al marketing che stanno sempre alla base del successo commerciale di un buon servizio, gli importi possono essere minimi: pari a zero,

nel caso in cui si tratti solo di proporre attività come l’allenamento funzionale con piccoli attrezzi al di fuori degli spazi interni; più sostenuti se si intendono progettare zone per l’allenamento in sospensione con i più alti standard di design, scelta dei materiali e dei colori, come ha fatto la Virgin di Napoli, valorizzando il proprio terrazzo con una struttura per esterni fra le più all’avanguardia nel vasto panorama delle gabbie per il funzionale. L’investimento è sempre in relazione agli obiettivi prefissati, alla tipologia degli spazi, al posizionamento e non dico che valga sempre la regola del “chi più spende meno spende”, ma nel caso di strutture metalliche consiglio di affidarsi ad aziende specializzate con adeguata competenza, affidabilità e prodotti certificati. Le persone, nell’epoca dei social, vogliono vivere esperienze uniche, desiderano raccontare storie diverse attraverso i loro canali e noi, che ci occupiamo di fitness, possiamo soddisfare i loro bisogni solo proponendo offerte originali e qualificate riguardo all’allenamento e alla cura del corpo. La vera innovazione sulla quale ogni centro sportivo dovrebbe spostare l’attenzione è nel pensare al proprio prodotto-servizio in termini di esperienza.

85

Il prodotto è l’esperienza del cliente. L’allenamento outdoor è in grado di insaporire questa esperienza in 365 modi diversi quanti sono i giorni dell’anno, ciascuno diverso dall’altro, ciascuno con la scenografia fantasiosa e unica di un tetto che cambia continuamente, come il cielo

Sopra: altro modello cui ispirarsi, anche se in questo caso gli investimenti sono ingenti, è l’area esterna di Prime, presso la Torre Unipol di Bologna.

HA 3 2017


COMPANY

ANTHEA

IL VANTAGGIO DI ESSERE SEGUITI DA UN BROKER ASSICURATIVO SPECIALIZZATO

Indipendenza, esperienza e innovazione: Anthea Spa è uno dei più importanti broker indipendenti del Nord Est e ogni giorno aiuta i suoi clienti a mappare tutti i rischi e a costruire pacchetti complessivi per la loro copertura, così da ottimizzare l’investimento. Danni a cose e persone, maltempo, terremoti, ma anche tutela legale e previdenza: rischi molteplici richiedono scelte accurate. In tutti i settori. Punto di riferimento per i professionisti,

POLIMPIANTI

Copertura a bolle in polietilene a doppia estrusione, spessore 500 µ, (peso 460 gr/ m2) con tecnologia GeoBlubble (mis. bolla 15x30 mm) nel colore BLU NOTTE/NERO. È ora possibile, grazie a questo materiale di filtrazione leggero ed innovativo, massimizzare la temperatura dell’acqua della piscina e allo stesso tempo inibire la crescita delle alghe; ciò significa che non è più necessario trovare un compromesso tra l’incremento della

Corsie Frangionda per piscine di DEPA, 3 modelli per ogni esigenza: 1) Easy Lane, semplice corsia galleggiante con dischi diam.

Per Informazioni: www.antheabroker.it

INNOVAZIONE DEI TELI DI COPERTURA PER RIDURRE I CONSUMI IN PISCINA

88

DEPA

Anthea ha saputo specializzarsi anche nei rami sport&leisure ed eventi. Per questo scegliere Anthea conviene. Conviene perché accede al mercato e seleziona le coperture migliori tra quelle offerte da oltre 200 compagnie e agenzie. Conviene perché può gestire soluzioni per gruppi di più aziende, riuscendo a ottenere così le condizioni più vantaggiose. Conviene per l’alta specializzazione che ha in ambito sportivo e piscine.

temperatura e l’utilizzo dei prodotti chimici per il trattamento dell’acqua. Sunguard Energy è il telo di copertura solare più innovativo sul mercato odierno! Il materiale brevettato Sunguard Energy garantisce in maniera efficace il miglior equilibrio possibile tra riscaldamento solare, riduzione della filtrazione e dell’uso di prodotti chimici. La lamina blu notte e l’opacità di questo materiale sono stati ideati per assorbire i raggi UV e la luce, elemento vitale per il processo di fotosintesi; di conseguenza eliminano la formazione di alghe. La trasmissione di

raggi infrarossi consente inoltre il riscaldamento dell’acqua. Le proprietà di Sunguard Energy permettono l’aumento della temperatura dell’acqua in maniera efficiente ed importante (fino a 7°C). Agendo come una barriera fisica all'evaporazione, Sunguard Energy preserva le risorse idriche e impedisce il raffreddamento dovuto all’evaporazione. Le celle d’aria nel nuovo materiale Sunguard Energy garantiscono galleggiamento e isolamento. La

copertura assorbe calore irradiato dall’acqua nell'atmosfera. Il nuovo materiale Sunguard Energy utilizza la tecnologia GeoBubble™ scientificamente progettata per prevenire il degrado prematuro intorno agli angoli della bolla. Grazie ai migliori trattamenti superficiali, la longevità è aumentata del 25%, risultando un materiale a risparmio energetico ed economicamente vantaggioso, riciclabile al 100%, con una garanzia di 6 anni degressiva.

Per Informazioni: www.polimpianti.it

LA CORSIA ECCELLENTE PER OGNI PISCINA 85 mm, indicata per allenamenti o delimitazione zone vasca (arrivo scivoli, acqua profonda, ecc.); 2) Speedy Pool, il modello più venduto, con dischi diam. 120 mm, efficace effetto frangionda consigliato sia per allenamenti che per competizioni; 3) Flat Lane, corsia frangionda con dischi diam. 150 mm, per competizioni di alto livello.

Speedy-Pool e Flat-Lane rispettano i requisiti minimi previsti dalla Fina per l’utilizzo in gara. Le corsie vengono fornite assemblate su fune inox AISI 316 plastificata e possono essere

Per Informazioni: info@depatech.com www.depatech.com

completate con molloni conici e tenditori a cricchetto in acciaio inox. 5 colori tra cui scegliere: giallo, blu, bianco, rosso e verde, ma anche possibilità di personalizzazione del colore.


COMPANY

DIGI PROJECT

PISCINE SENZA BARRIERE Digi Project nasce nel 2005 con l’obiettivo di agevolare l’ingresso in acqua alle persone con disabilità o mobilità ridotta mediante la produzione di sollevatori di alta qualità e dal design innovativo. Nel corso degli anni, l’azienda mantovana ha ampliato la propria gamma di ausili al fine di poter rispondere concretamente alle esigenze di accessibilità nelle piscine pubbliche e private.

SILIGROUP Siligroup è un’azienda in continua evoluzione come del resto è

FITNESSOCCASION Una nuova tendenza sta dilagando in tutti gli ambienti sportivi e Fitnessoccasion, attraverso la sua Academy H2Ofit I.T.A., da sempre innovativa in fatto di sviluppo di tecniche di allenamento con l’utilizzo di attrezzature per il fitness acquatico, ha precorso i tempi e ha ideato un nuovo programma di tipo “funzionale”, coniugando i benefici dell’ambiente acquatico con l’utilizzo di grandi

Per Informazioni

www.fitnessoccasion.net www.h2ofit.it info@fitnessoccasion.net

Per quanto concerne i sollevatori fissi che l’azienda propone, nello specifico il modello F100 è l’ideale per piscine fuori terra, il modello F130 per piscine rialzate in muratura, mentre il modello F145 è adatto a piscine esterne sia interrate che fuori

terra e altresì a barche o porti. I sollevatori F130 e F145 possono essere corredati di sedile o di imbracatura. Ogni prodotto DiGi Project può essere realizzato su misura secondo le esigenze specifiche del cliente.

Per Informazioni: info@digiproject.biz www.digiproject.biz

INNOVAZIONE E RISPARMIO in continua evoluzione il mondo del benessere. Essere evolutivi non può che produrre risultati positivi. Presunzione? Assolutamente no, e la dimostrazione sono i tanti centri che si affidano alla nostra offerta di automazione. Produciamo ogni singolo prodotto del nostro catalogo, www.siligroup.it Questo ci permette di abbattere i costi e dare con la formula di como-

dato d’uso gratuito tutto quello che serve al centro sportivo: dal tornello alle docce, dai phon al software gestionale, a molto altro. I nostri sviluppi e successo nascono anche dalla collaborazione ed idee dei nostri clienti, i quali riescono a trasferirci tutte le esigenze di chi lavora sul campo. Abbiamo un team di agenti

altamente qualificati su tutto il territorio nazionale, che riescono a consigliare ed intervenire in ogni centro e per ogni esigenza. Una rete di assistenza presente al Nord, Centro e Sud Italia, pronta ad intervenire in tempi brevissimi. Risparmio energetico + Innovazione+ Soddisfazione = SILIGROUP.

Per Informazioni: info@siligroup.it www.siligroup.it

H20-CROXFIT: L'ALLENAMENTO FUNZIONALE A CIRCUITO IN ACQUA attrezzi. Un buon allenamento funzionale è rappresentato da un circuito nel quale si svolgono a turno alcuni esercizi da ripetere un determinato numero di volte in diverse postazioni dotate di attrezzi H2Ofit. Dunque l’utilizzo dei vari H2Ofit AQUAJUMP, HYDROBIKE, AQUAFITBOXE e H2OSurfit, nonché di alcune sequenze a corpo libero derivate dal H2OFIT T.F.C. danno la

possibilità di sviluppare questa nuovissima tecnica di allenamento denominata “H2O-CroXfit” divertente, fortemente allenante ed in estrema sicurezza assicurata dall’affidabilità degli attrezzi usati, studiati ad hoc, in ambiente aquatico che riduce al minimo le possibilità di traumi. I nostri docenti insegnano ad inserire anche la possibilità di terminare gli esercizi nel minor tempo possibile aggiungendo, così, la stimolante componente agonistica per gli utenti più allenati. L’Academy H2Ofit I.T.A. propone corsi di formazione riconosciuti dal CONI attraverso

l’ente di promozione sportiva AICS nei quali si apprendono dalle tecniche di base fino ai nuovi metodi di allenamento, arricchendo le conoscenze che un moderno istruttore di aquafitness, oggi, dovrebbe possedere per soddisfare una clientela sempre più esigente.

89


COMPANY

WATER FULL SERVICES (WFS)

Piscina funzionale al business o fonte di problemi? Per chiunque propenda per la prima opzione, la soluzione a qualsiasi livello è WFS: team che esprime al meglio creatività, gusto, design italiani completati dall’efficienza

PISCINE NO PROBLEM E DAL GRANDE FUTURO

tecnologica, funzionale e progettuale europea. Un mix di soluzioni che partono dall’ideazione, piano di fattibilità, fino alla realizzazione o ammodernamento, nonché lo sviluppo di piani strategici e palinsesti delle attività, coerenti con il posizionamento e i targets. Un approccio che sta incontrando interesse in Italia, ma anche oltreconfine. La forza di idee, frutto di oltre

WIBIT SPORTS irresistibilmente estivo

SOUND SPLASH

partner a diverse sessioni. WFS è l’acceleratore di certezze e assicura l’ottimizzazione delle risorse per chi intende realizzare piscine o valorizzare impianti che deficitano in materia di aggiornamenti oggi non più procrastinabili. Consulta, senza impegno, lo studio di Esperti di WFS.

www.waterfullservices.com info@waterfullservices.com

AL MARE, AL LAGO E NELLE PISCINE DI OGNI MISURA

90

L’estate è alle porte e le località balneari, lacustri o le piscine scoperte stanno studiando le soluzioni per attirare più pubblico e divertirlo, anche in caso di meteo meno favorevole. La scelta premiante per ogni specchio d’acqua è Wibit Sports, leader mondiale del divertimento in

trent’anni d’esperienza e di sinergie con le più qualificate aziende del Continente, sono una garanzia per chiunque stia valutando di investire nella piscina o di rilanciarla secondo modelli evoluti. In ragione della vocazione internazionale, WFS ha presenziato al recente FIBO a Colonia, affiancando le aziende italiane nel padiglione destinato per il primo anno alla piscina; ma senza perdere di vista l’Italia, tanto che WFS si è ritagliata uno spazio importante al recente ANWK Summit, con uno stand nell’area espositiva e con interventi di propri esperti e

grande sicurezza, con soluzioni gonfiabili resistenti e modulari: dalle grandi e super attrattive proposte TAG, per acque libere -di cui il riferimento mondiale è la sontuosa BoaBay installata a Rimini e aggiornata anche quest’anno-, fino ai moduli AquaTrack, FastTrack o AquaDuel

per le piscine meno grandi, ogni operatore può assicurarsi alte frequenze e ottimi incassi. Per il mare e i laghi, questi i prodotti più richiesti: WibitTAG (dimensioni personalizzabili), Sports Park XL-L-M-S, e i prodotti Stand Alone. Per le piscine più grandi oltre ai prodotti ad alto impatto attrattivo come la ActionTower XL (occhio alla profondità della

vasca per la sicurezza) o il RodeoSplash, i moduli più diffusi sono AquaTrack, ProTrack. Tutte proposte che divertono adulti, bambini e ragazzi. Manca pochissimo alla stagione estiva: rendila indimenticabile per i tuoi clienti, ma anche per il tuo… registratore di cassa (con iva al 10% perché tali giochi nelle acque libere sono configurabili come spettacoli mobili viaggianti!).

Distribuzione in Italia: www.aqquatix.com

ALTO VOLUME, SENZA DISTURBO IN PISCINA E PALESTRA La soluzione ideale anche per non vedenti e audiolesi. Con il dispositivo audio wireless 3 canali impermeabile, che sta rivoluzionando il mondo del fitness, nulla sarà più impossibile: fino a tre discipline diverse contemporaneamente su terra e acqua, dove con cuffie auricolari farai ascoltate la lezione ai tuoi allievi in un modo unico e

mai sentito prima. In qualsiasi luogo, ma soprattutto in completo SILENZIO, nel rispetto dell'ambiente e di chi ti circonda. Inoltre SOUND SPLASH attualmente è l'unico dispositivo al mondo a lavorare nel campo del sociale, con persone cieche e sordità profonde, abbattendo barriere finora inimmaginabili. Il futuro del suono è "SOUND

SPLAH", musica e fitness senza limiti. Dimostrazione a RiminiWellness nella piscina EAA

info.soundsplash@gmail.com


COMPANY


COMPANY

EAA & AQQUATIX Piscina che vince… sceglie il meglio; e, quanto ad attrezzature e soluzioni per modelli di servizio vincenti in Italia e nel mondo, il binomio AQQUATIX-EAA non ha eguali. A RiminiWellness sono annunciate e visionabili le prime novità per la stagione 2017/2018, fra cui i nuovi Round Jump 2.0,

QUESTIONE DI STILE E DI SUCCESSO PER OGNI PISCINA

l’Aqqua Fitness Mat, il SUP’P 2017, l’aggiornato e completo circuito Float2Fitness e piccoli attrezzi valorizzati con colorazioni trendy e altre novità che potrete scoprire venendo allo stand o seguendo le attività nella vasca ufficiale di Rimini Wellness, impreziosita dalle attrezzature Aqquatix e da classi e workshop

Per informazioni prodotti: info@aqquatix.com Per formazione ed eventi: www.euroaquatic.it

Barchemicals Group

92

Barchemicals presenta BioVitrum® Sfere, il nuovo media filtrante della Linea BioVitrum® per la filtrazione dell’acqua, costituito da microsfere di vetro silicato sodico potassico.

PALESTRA IN ACQUA

Abbiamo a lungo parlato di un’attività come Palestra in Acqua, di quanto possa essere duttile, flessibile ed adattabile a spazi

coordinati dai migliori trainers/ presenters internazionali, ovviamente di EAA. Proprio EAA, per ogni progetto di circuito o di Palestra in Acqua, coordinandosi con Wellink, avrà la soluzione di training e formazione per ogni club e piscina. Ma Aqquatix ed EAA sono molto, molto

di più. Per scoprirlo, entra nella community EAA-Aqquatix oggi più accessibile con forme di acquisto veramente uniche.

QUALITÀ, SICUREZZA E AMBIENTE NON SONO MAI STATI COSÌ VICINI BioVitrum® Sfere, permette di ottenere la massima efficienza durante le fasi di controlavaggio arrivando a ridurre di oltre il 50% il consumo di acqua ed energia elettrica, grazie alla particolare forma delle perle e alle caratteristiche chimico-fisiche della superficie, che distribuisce le cariche elettriche parziali in modo uniforme sulla stessa. La composizione chimica di BioVitrum® Sfere permette la filtrazione di qualsiasi tipo di acqua: acque di piscina, potabili, di processo e acque reflue; previene la formazione di fenomeni

superficiali di incrostazioni calcaree e silicee evitando l’“impaccamento” della massa filtrante, con creazione di vie preferenziali di fuga e riduzione dell'efficacia filtrante del mezzo. L’elevata sfericità di BioVitrum® Sfere riduce lo spazio per il passaggio dell’acqua fra le vetrosfere, rendendo la filtrazione efficace anche ad alte velocità. Nei filtri a masse eterogenee multistrato,

la velocità di filtrazione può arrivare fino a 50 m3/m2/h in accordo con la normativa italiana UNI 10637:2015. Disponibile anche nella versione BioVitrum® Sfere Ag+. In questa variante la superficie delle sfere viene ricoperta con Argento cationico e metallico, riducendo in tal modo fino al 99% la formazione di biofilm.

Per Informazioni: www.barchemicals.it

APPROFITTARE DEL PERIODO ESTIVO PER IL LANCIO DI UN’ ATTIVITÀ acqua ed attrezzature. Visto il periodo ci piacerebbe provare a dare uno spunto, ovvero, quello di strutturare e lanciare l’attività durante il periodo estivo. Il target al quale ci rivolgiamo, quanto meno nella teoria dei precedenti articoli, rimane sempre lo stesso: sedentari, over 60 o medicali.

Fotografando la situazione degli impianti natatori spesso e volentieri, nel periodo estivo, si rileva un calo delle attività corsuali, una diminuzione degli utenti da nuoto libero e di conseguenza più spazio acqua e più disponibilità dei grandi attrezzi. Può esse-

re dunque un buon periodo per testare l’efficacia di una nuova attività che ha costi aggiuntivi? La risposta, da parte nostra, è SI; ricordando però che una nuova attività deve essere comunque correttamente progettata, comunicata, promossa e proposta.

Per Informazioni: www.wellinkacademy.it info@wellinkacademy.it


COMPANY

FAVARETTI Compreresti mai una casa senza tetto? O senza finestre e porte? Sarebbe affascinante, forse, ma sicuramente dispendioso, antigenico, poco confortevole e molto freddo. Prova ad immaginare le spese di riscaldamento e pulizia a cui andresti incontro… insostenibili! Per una piscina è lo stesso: perché un impianto natatorio non dovrebbe cercare di abbattere le spese di gestione pur avendone la possibilità? Favaretti Group, da più di 35 anni, progetta e produce non solo coperture per piscine residenziali, ma soprattutto

COPERTURE ISOTERMICHE PER GRANDI CENTRI ACQUATICI per grandi impianti natatori. Soluzioni completamente custom ed user-friendly in grado di assicurare un risparmio medio annuo del 35% sui costi operativi diretti. Posizionare le coperture durante le ore notturne e nei giorni di chiusura significa bloccare completamente l’evaporazione dell’acqua con benefici immediati: abbattimento delle spese per il riscaldamento dell’acqua, drastico calo nei costi di energia elettrica (spegnimento completo degli impianti di areazione e deumidificazione), minori rabbocchi d’acqua e sen-

COPERTURE FAVARETTI NELLA VASCA DI LEGNANO

COPERTURE TERMICHE NELLA PISCINA ESTERNA DI LATINA

sibile calo nell’uso di prodotti chimici. Tutto questo permette ai gestori di indirizzare sforzi ed investimenti in favore dei servizi alla clientela.Forte di un ufficio tecnico estremamente competente e flessibile, Favaretti è in grado di rispondere ad ogni necessità della clientela: riusciamo a coprire vasche sagomate, acqua park e river e progettiamo installazioni 100% custom a

soffitto, parete o addirittura sotto il pavimento della vasca, assicurando piena invisibilità all’impianto d’avvolgimento.Le centinaia di installazioni effettuate ci permettono di affermare che l’utilizzo di un’adeguata copertura isotermica è la soluzione più efficiente, veloce ed economica per abbattere, da subito, i costi operativi di un impianto natatorio.

Per Informazioni: www.favarettigroup.it

AQQUATIX-EAA

Qualsiasi piscina offre attività che sono ordinariamente diffuse: nulla di nuovo se si parla di aquacycling, aquafitness, corsi di nuoto, neonatale etc. Ma con Aqquatix, collegata a EAA, Wellink e Aguamovida, le possibilità esclusive sono veramente tante: • Water Up&Down: si tratta di

SPECIAL EQUIPMENT E IDEE PER INNOVARE I SERVIZI IN PISCINA un attrezzo semplice, consente una ricchissima varietà di esercizi, amplificata dall'inserimento di Up&Down nei circuiti; • Acquami: un mix fra posturale e allenante (anche ad alte intensità), in qualsiasi vasca e profondità, disponendo del funzionale kit Acquami; • Aqua Balance: la trave che va ben oltre l’idea di attrezzo che evoca la ginnastica artistica, con protocolli e programmi ben codificati; • Palestra in Acqua: non qualcosa di scopiazzato alla meno peggio, ma l’originale progetto che collega la parte metodologico-esecutiva, attraverso l'utilizzo di attrezzi riconosciuti tra i migliori

a livello mondiale, a quella organizzativa, promozionale e di vendita, fedeli al modello Wellink e Aqquatix; • Aqqua Step & Jump: i funzionalissimi e versatili Puzzle Step alternati a Round o Pentagon Jump, come proposte a sé o inseriti in circuiti, ben valorizzati dalle varianti di Aguamovida. Proposte ideate perché ogni piscina possa distinguersi ed essere vincente nel suo territorio di riferimento.

Per informazioni prodotti: info@aqquatix.com Per formazione ed eventi: www.euroaquatic.it

93


STAGIONE 2016-2017

AQUAFITNESS

EUROAQUATIC.IT

AQUA HEALTH & WELLNESS

AQUA EDUCATIONAL

ON DEMAND

EVENTI

CALENDARIO EVENTI E FIERE INTERNAZIONALI

EVENTO EVENTO

IAFC CONVENTION

RIMINIWELLNESS

AQUAFITNESS DAYS

CAMPI BISENZIO (FI)

LEISURE INDUSTRY WEEK

BIRMINGHAM REGNO UNITO

BEACH FITNESS

BIBIONE (UD) ITALIA

PISCINE GLOBAL MIDDLE EAST 2017

DUBAI EMIRATI ARABI

www.piscine-middleeast.com

18 - 20 SETTEMBRE

THE LEISURE SHOW

DUBAI EMIRATI ARABI

www.theleisureshow.com

18 - 20 SETTEMBRE

FIERA

IHFF - INTERNATIONAL HEALTH, SPORTS & FITNESS FESTIVAL

EAA sostiene

Media Partner

LUCCA ITALIA

www.euroaquatic.it

20 MAGGIO

PALM HARBOR FLORIDA, USA

www.aeawave.com/IAFC

15 - 20 MAGGIO

RIMINI ITALIA

www.riminiwellness.com

1-4 GIUGNO

www.euroaquatic.it

31 AGOSTO 2 SETTEMBRE

www.liw.co.uk

12 - 13 SETTEMBRE

ITALIA

a

fit

it

Programmi RIMINI unici, ready to use e sempre online www.sungiosun.it ITALIA

SUN

FIERA

FIERA

1° ROAD SHOW ACQUA BALANCE

FIERA

6 - 7 EVENTI MAGGIO

EVENTO

ON DEMAND

FIERA

www.euroaquatic.it

EVENTO

AQUA AQUA VERONA HEALTH & HOLISTIC WELLNESS DAYS EDUCATIONAL ITALIA

FIERA

EVENTO

AQUAFITNESS

MUMBAI INDIA

Main Sponsor & Supplier

www.ihff.asia

Partners

15 - 17 SETTEMBRE

12 - 14 OTTOBRE 13 - 14 OTTOBRE

Affiliata a


s s e n l l e &W Editore: EUROPEAN AQUATIC ASSOCIATION Via Rossi, 3/F - 35030 Rubano (PD) Registrazione Tribunale di Padova N. 1727 del 9 marzo 2001 redazione@euroaquatic.it

Direttore Responsabile: Marco Tornatore Comitato di Redazione: Francesco Confalonieri, Alessandro Favero, Linda Marabello, Marco Favero, Luca Salvatori Hanno collaborato: Stefano Arcobelli, Lorenzo Bolognini, Roberto Bresci, Stefano Candidoni, Giuseppe Castagna, Elisabetta Castagnino, Manolo Cattari, Edoardo Cognonato, Francesco Confalonieri, Stefano Devoti, Paolo Gecchelin Andrea Gilardoni, Ciro Lo Giudice, Angelo Gnerre, Paolo Grosso, Gianluca Gualdi, Emanuela Maccarani, Ishnar Monaco, Franz Muhlbauer, Arianna Petti, Simona Pergolesi, Francesco Perticari, Fabrizio Rampazzo, Andrea Ronchi, Antonio Rossi, Nadia Scotton, Alberto Succi, Sergio Tosi, Tommaso Vagliano, Alessandro Valentini, Mattia Villa. rogetto grafico e impagina ione Simone Perozzo Pubblicità: EAA | redazione@euroquatic.it Stampa: Nuova Jolly - Rubano (PD) iuso in tipografia 10/05/2017 ANNO XIX NUMERO 3 LUGLIO-SETTEMBRE 2017

PER RICEVERE HAPPY AQUATICS

I VANTAGGI DI HAPPY AQUATICS • • • •

RICEVI A CASA HAPPY AQUATICS AD OGNI USCITA: 4 NUMERI L’ANNO DIVENTI SOCIO DI EAA, CON UNA SERIE DI VANTAGGI PER PARTECIPARE AI CORSI E AGLI EVENTI HAI IN ANTEPRIMA TUTTE LE NOVITÀ DEL MONDO PISCINA SCONTI SULL’ACQUISTO DI MATERIALE DIDATTICO

NOME COGNOME ANNO DI NASCITA RAGIONE SOCIALE

COME ABBONARSI? • • •

LEGGI ATTENTAMENTE LE INFORMAZIONI SOTTOSTANTI COMPILA TUTTI I CAMPI DELLA TABELLA A FIANCO SPEDISCI VIA FAX AL N. +39 049 9619140

P.IVA TEL. E-MAIL

TIPO DI ABBONAMENTO

4 NUMERI ALL’ANNO € 30,00

PAGAMENTO

HO GIÀ VERSATO SUL C/C POSTALE N. 48862056, intestato a European Aquatic Association

N.

HO GIÀ EFFETTUATO IL BONIFICO INTESTATO A: European Aquatic Association Monte dei Paschi di Siena Filiale di Cittadella (Pd) IBAN: IT 66 U 01030 62523 000001915667

LOCALITÀ

VIA CAP PROVINCIA

HA 3 2017

95


STAGIONE 2016-2017

EUROAQUATIC.IT

CALENDARIO CORSI ED EVENTI - MAGGIO/GIUGNO 2017

Legenda : C = corso M = master E = evento F = fiera

AQUAFITNESS C

AQUAFITNESS

INSTRUCTOR ADVANCED

LOMBARDIA

20-21 MAGGIO 2017

M

AQUA CIRCUIT

SMALL EQUIPMENT

LIGURIA

7 MAGGIO 2017

M

AQUA BIKE

ADVANCED

TOSCANA

21 MAGGIO 2017

M

DEEP WATER

CAMPANIA

7 MAGGIO 2017

M

AQUA FIGHTING

PUGLIA

11 GIUGNO 2017

C

AGUAMOVIDA Fitness®

BASIC

VENETO

18 GIUGNO 2017

NEW

C

AGUAMOVIDA Fitness®

ADVANCED

VENETO

18 GIUGNO 2017

NEW

M

AQUAXFIT

EMILIA ROMAGNA

14 MAGGIO 2017

NEW

AQUA HEALTH & WELLNESS C

ACQUAMI®

ADVANCED

VENETO

10-11 GIUGNO 2017

NEW

C

ATTIVITÀ IN ACQUA PER GESTANTI

ADVANCED

VENETO

28 MAGGIO 2017

NEW

AQUA EDUCATIONAL C

ACQ. NEONATALE 0-3 ANNI

ADVANCED

LOMBARDIA

17-18 GIUGNO 2017

NEW

C

ACQUA E DISABILITA’

ADVANCED

LOMBARDIA

18 GIUGNO 2017

NEW

ACQUA BALANCE

TOSCANA

20 MAGGIO 2017

RIMINIWELLNESS

EMILIA ROMAGNA

1-4 GIUGNO 2017

AQUAFITNESS DAYS 2017

TOSCANA

31 AGOSTO - 2 SETTEMBRE 2017

SUN GIO SUN

EMILIA ROMAGNA

12-14 OTTOBRE 2017

EVENTI 1° ROAD SHOW E

LE DATE E LE SEDI DEI CORSI POTREBBERO SUBIRE VARIAZIONI, PER INFORMAZIONI: eaa@euroaquatic.it | T. +39 049 9600938 | F. +39 049 9619140 EAA sostiene

Media Partner

Main Sponsor & Supplier

Partners

Affiliata a


Hidron Sport Campi Bisenzio (FI)

www.euroaquatic.it

31 Agosto 2 Settembre 2017

iscriviti online!

CON I MIGLIORI PRESENTER INTERNAZIONALI 2 PERCORSI FORMATIVI

/ PROFESSIONAL CON 4 WORKSHOP / / FUN & ENERGY MASTERCLASS /

MASTERCLASS FOCUS / DIMAGRIMENTO / PREVENZIONE / RECUPERO FUNZIONALE / CARDIO VASCOLARE / AQUAFITNESS /

MAIN SPONSOR & TECHNICAL SUPPLIER

POWERED BY

LOCATION

PARTNER

MEDIA PARTNER

PARTNER


THE REAL AQUA CARDIO WELLNESS CIRCUIT IS ONLY BY

SPECIALE ACQUANETWORK SUMMIT

s s e n l l e &W TECHNICAL

INTERVISTE A:

PROTAGONISTI, SPORT LEADERS E SPORT & WELLNESS STARS 2017

Disabilità: SPORT E AUTOSTIMA Manolo Cattari

DOMANDE E RISPOSTE A Giuseppe Castagna

NUOTO PER TUTTI Ishnar Monaco

RIGENERAZIONE FISICO-MENTALE Franz Muhlbauer

DA ISTRUTTORE A COACH

RIPENSARE L’OFFERTA IN PISCINA Edoardo Cognonato

E. Castagnino, S. Candinoni

ORGANIZZARE L’AREA VENDITE Paolo Grosso

AQUAFITNESS

INTERVENTI DEI PROFESSIONISTI L. Bolognini, A. Succi, R. Bresci

SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ AQQUATIX A

VAS - ADVANCED CIRCUIT Andrea Gilardoni

NUOVI MODELLI ASSICURATIVI INDAGINE: Primo semestre 2016-17

1- 2-3-4 GIUGNO 2017 Padiglione D3 - Stand 068 Piscina Est - Posto 042 EUROAQUATIC.IT < CORSI | PER LA FORMAZIONE | ONLINE > AQQUATIXPERIENCE.COM

Aquafitness Days RiminiWellness

ANNO XIX NUMERO 3 LUGLIO-SETTEMBRE 2017

AQQUATIX.COM | INFO@AQQUATIX.COM | +39 049 7381150

POSTE ITALIANE SPA SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE EURO 2,00 45% ART. 2 COMMA 20/B LEGGE 662/96 - DCI PADOVA CONTIENE I.P.

Happy Aquatics n.3 anno 2017 - ITA  
Happy Aquatics n.3 anno 2017 - ITA  

Organo d'informazione del settore piscina - Editore: European Aquatic Association - Cover: Wibit and Swim for Children 2010

Advertisement