Page 1

veneziamagazine.com

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

TH NICE THE 75 VETIVAL S FILM FE

COVER STORY MICHELE RIONDINO FASHION F/W 2018-19 REVAMPED WINTER CULTURE TINTORETTO | HOMO FABER | THEATRE SEASON ITINERARIES LAGOON ISLANDS | MOVIE COCKTAILS


SIBERIAN VODKA AG Bahnhofstrasse 6 | 9100 Herisau | Switzerland | www.noblevodka.com Drink responsibly. Drink with class.


78

44

58

28

AUTUMN in this issue

COVER STORY 54 Michele Riondino Venice and me Io e Venezia by Giovanni Bogani SAVE AS 24

Venice exhibition

25

Veneto exhibition

20

Steve Litter

Art & Rock in Venice Art & Rock a Venezia 22

Cristiano Luciani

From the barman’s side Dalla parte del barman by Federica Repetto

26 Classic

FASHION

27

33

It Object

58

Shooting

Pop

28 Book

PEOPLE 14

Lorenzo Passi

Glass passion Artista del vetro 16

Serena Bombassei

The real estate boutique La Boutique del Real Estate by Giovanna Caprioglio 18

Marino Menegazzo

Revamped Winter by Marta Innocenti Ciulli

70 76

Jewels Rocco Iannone

Fashion and sin Moda e peccato by Luciana Boccardi

MUST HAVE 72 Shoes

The last goldbeater in Europe

73 Accessories

L’ultimo battiloro in Europa

75

Man


Igor Mitoraj, Luci di Nara, bracciale, oro bianco

THE ART OF WEARING ART. I GIOIELLI DI MITORAJ

Giacomo Braglia, #TheFloatingBlue, stampa su Dibond, 2018

GIACOMO BRAGLIA. CONVERSATIONS 19 MAGGIO - 15 DICEMBRE 2018 San Marco, 2288 - Calle Larga XXII Marzo, Venezia Tel. +39 041 5230357

www. continiarte.com

venezia@continiarte.com


120

92

104

28

AUTUMN in this issue

MOVIE,

100

44

THEATRE & MUSIC 75th Venice Film Festival The unmissable films I film da non perdere by Teresa Favi 52 Lunar City Beyond dreams Oltre il sogno by Virginia Mammoli 98 Yugen A special art project Un progetto artistico molto speciale 108 Theatre season The best of… Il meglio di… by Teresa Favi

Custom-made emotions

ITINERARIES 78 Lagoon Islands Native Venice Venezia nativa by Federica Repetto ART, DESIGN & CULTURE 88 Tintoretto Unconventional Anticonformista by Francesca Lombardi 92 Exhibitions Art in the lagoon L’arte in laguna by Francesca Lombardi

Homo Faber

Emozioni su misura by Virginia Mammoli 104

Italia su misura

The allure of the unique La seduzione del pezzo unico LIFESTYLE 112

Excelsior

110 years of excellence 110 anni di eccellenza 116

Sina Centurion Palace

Just like a painting Come in un quadro by Virginia Mammoli FOOD & WINE 120

Mixology itinerary

Movie cocktails Cocktail & Cinema SHOT ON SITE 40, 41, 42, 43

GUIDE 126

Restaurants


M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni venezia correspondent

Federica Repetto contributors

Luciana Boccardi, Giovanni Bogani, Giovanna Caprioglio photographers

Archivio CameraphotoEpoche, Alessandro Albert (cover), Amazon Studio, Brandon Barrè, Matteo Bertolin, Shanna Besson, Ginevra Bonina, Civita Tre Venezie, Judith Clark, Creative Academy, Anthony d’Angio, Matteo De Fina, Fondazione Giorgio Cini, Dario Garofalo, Sara Mautone, Marco Menghi, Alessandro Moggi, New Press Photo, Susanna Pozzoli, John Russo, Tyson Sadlo, Fritz von der Schulenburg, Mario Spada, Alice Turrina, S. Zénon art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Centoservizi Traduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Alessandra Nardelli, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 6/2011 del 2.8.2011 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


ROMAN BAROCCO COLLECTION | robertocoin.com

PIAZZA SAN MARCO 130, VENEZIA - +39 041 8475777 - VENEZIA@ROBERTOCOIN.COM


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

CONTRIBUTORS Luciana Boccardi Crovato, Fashion and society expert, she started her career in journalism after having been awarded the Mentasti Literary Prize by Georges Simenon. She works with newspapers and magazines, she takes part in TV talk shows and serves as chairwoman of conferences. She lives in Venice. Esperta di costume e moda, autrice di saggi, ha iniziato la carriera giornalistica dopo l’assegnazione del Premio Letterario “Mentasti” consegnatole da George Simenon. Collabora con quotidiani e periodici, è ospite di talk show televisivi, moderatrice di convegni e dibattiti. Vive a Venezia, la città dov’è nata. Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanna Caprioglio, a native Venetian, she has lived in Milan for several years where she manages The Lifestyle Journal. Venice surprises her daily and curiousity pushes her to constantly discover new spots and itineraries off the beaten path. Veneziana d’origine, vive a Milano da qualche anno, dove dirige il magazine The Lifestyle Journal. Venezia la sorprende ogni giorno e la curiosità la porta a scoprire luoghi e itinerari sempre fuori dal comune.

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Matteo Corvino, a Venetian interior design architect, he is an event organizer for cultural institutions and private societies. Among his most important events we remember the “Millennium” for the passage towards the year 2000, at the Grand Trianon of Chateau de Versailles. Architetto veneziano di interni, attore, regista e organizzatore di eventi. Fra i suoi eventi più importanti il private party «Millennium» per il passaggio all’anno 2000, tenutosi al Grand Trianon della Reggia di Versailles. Marta Innocenti Ciulli, 43 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. 43 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 30 libri di arte e alta architettura. Federica Repetto is a professional journalist who lives and works in Venice. She specializes in culture, customs and entertainment and contributes to various publications. She has also been in charge of communications for various companies and events. Giornalista professionista. Vive e lavora a Venezia, si occupa in particolare di cultura, spettacolo e costume. Scrive su diverse testate, e ha curato la comunicazione per aziende e manifestazioni.


Venezia, Ponte di Rialto


venice people

n Glass DpEaL sVsETio RO ARTISTA

text Federica Repetto

ph. Marco Menghi

When did you first become interested in working in glass? Glass has always aroused my curiosity, fascinated me with its unique characteristics, and the magic of its plays of light. I first worked in glass in Bologna, thanks to the artist Joan Crous, who encouraged me to take this direction. Who were the teachers that taught you blown glass and solid glass techniques? I owe a lot to Adriano Mellara, Oscar Zanetti, Giovanni Nicola, Alberto Striulli and Andrea Costantini, from whom I learned most of the techniques I know. Without my friend Andrea Zanetti, who has always believed in me, I wouldn’t have been able to fulfil my ambition of becoming an artist. With which of your works do you feel a special bond? With the multimedia installation Canopy for dreams, which was a huge amount of work for me and the sound designer Stefano Delle Monache. But the final result was exciting: building a machine for dreams, a mechanical canopy that ferries our consciousness to the production of dreams. Is it possible to live in Murano? ‘Experiencing Murano’ was hard, with all the difficulties of learning to work in glass and the obstacles I still encounter today. It was hard to do my own projects. If I had to ‘live in Murano’ I would feel less of the pressure of everyday life of the Venetian under siege, and the benefit of slower, more inspiring rhythms.

Lorenzo Passi is an artist who works in “vero” (glass, in dialect), which has become the main material in his artistic adventure. The young Venetian artist trained abroad then continued his research in the glass kilns of Murano 14 Venezia | made in Veneto

Quando è iniziato il suo interesse per la lavorazione del vetro? Il vetro, le sue caratteristiche uniche, la magia dei suoi giochi di luce, mi hanno sempre incuriosito e affascinato. La prima esperienza con la sua lavorazione è avvenuta a Bologna, grazie all’artista Joan Crous, che mi ha spronato a seguire questa strada. Da quali maestri ha imparato le tecniche del vetro soffiato e del vetro massello? Devo molto ad Adriano Mellara, Oscar Zanetti, Giovanni Nicola, Alberto Striulli e Andrea Costantini, dai quali ho appreso la maggior parte delle tecniche che conosco. Senza l’amico Andrea Zanetti, che ha sempre creduto in me, non sarei riuscito a realizzarmi come artista. A quale delle sue opere è particolarmente legato? All’installazione multimediale Canopy for dreams, che ha dato a me e al sound designer Stefano Delle Monache una mole di lavoro immensa ma con un entusiasmante risultato finale: costruire una macchina per i sogni, un baldacchino meccanico in grado di traghettare la nostra coscienza in una produzione onirica. Vivere a Murano è possibile? ‘Vivere Murano’ è stato difficile, con tutte le difficoltà che ha comportato imparare il vetro e gli ostacoli che ancora oggi mi si presentano, per riuscire a portare avanti i miei progetti. Se dovessi ‘vivere a Murano’ sentirei meno la pressione della quotidianità del veneziano sotto assedio a vantaggio di ritmi più lenti e ispiratori.


Unique Eyewear

Venetian painter Vincenzo Eulisse

Only in Venice - Calle delle Ostreghe 2635 www.micromegaeyewear.com


venice people

que i t u o b e t a t s e l E The rea EAL ESTAT UE LA BOUTIQ

DEL R

text Giovanna Caprioglio

Does loving Venice also mean knowing how to sell it? As a Venetian I have a boundless love for my city and with my work I strive to sell quality and charming properties. Fortunately I can choose my clients and give priority to those looking not only for a prestigious home, but also willing to respect and honor Venice. Who are your clients? I work mainly with an international clientele, mostly French and English, but also Americans and Italians. Many are movie and show business stars, artists, designers or art collectors who love Venice, looking for a space for cultural foundations. What do they look for in Venice? Properties that ensure a good investment but also the priceless quality of life that Venice still offers to those who know and love it. Which are the most sought-after areas? Speaking of the Canal Grande, always the waterfront from Sant’Angelo to San Marco, while for charming properties we go to Dorsoduro and San Samuele, still inhabited by Venetians and “away from the crowds.” Where would you buy? I love Giudecca, with the best view of San Marco, and thanks to some of my sales to famous celebrities, the area near Hotel Cipriani has been greatly re-evaluated in the last decade, while the “Riva degli Schiavoni Arsenal” shows interesting potential.

Serena Bombassei is the owner of Venice Real Estate, an agency founded 20 years ago and associated with Knight Frank for the last 10 years 16 Venezia | made in Veneto

Amare Venezia vuol dire anche saperla vendere? Da veneziana conservo un amore sfrenato per la mia città e con il mio lavoro mi impegno a vendere immobili di qualità e soprattutto di charme. Ho la fortuna di poter selezionare i miei clienti e dare la priorità a chi è alla ricerca non solo di una casa prestigiosa, ma ha anche la volontà di restituire rispetto e onore a Venezia. Chi sono i suoi clienti? Lavoro principalmente con clienti internazionali, francesi e inglesi soprattutto, ma anche americani e italiani. Molti di loro sono star del cinema, dello spettacolo, artisti, designer o collezionisti che amano la città e che cercano uno spazio per delle Fondazioni culturali. Cosa cercano a Venezia? Immobili che assicurino un buon investimento ma anche l’impagabile qualità di vita che Venezia sa ancora offrire a chi la conosce e la ama. Quali sono le zone più ricercate? Parlando di Canal Grande, la più ricercata è sempre la riva da Sant’Angelo a San Marco, mentre per immobili di charme ci spostiamo a Dorsoduro e San Samuele, le zone ancora vissute da veneziani e ‘out of the crowd’. Dove comprerebbe lei? Amo la Giudecca, la vista più bella verso San Marco, e grazie ad alcune mie vendite a personaggi molto conosciuti, la zona vicino all’Hotel Cipriani si è molto rivalutata negli ultimi 10 anni, mentre ‘riva degli Schiavoni Arsenale’ sta dimostrando un’interessante potenzialità.


BAGLIETTO YACHT EXPERIENCE

Discover the treasures of the Venetian Lagoon A tour where taste, nature and beauty come together to create an unique experience. On board the Sibell, the 72-foot-long vintage motorboat from Cantieri Baglietto, guests can enjoy a top-level food experience prepared by the Alajmo restaurant group, AMO (T Fondaco dei Tedeschi) and Ristorante Quadri (St. Mark’s Square). Private chefs will be at the guests’ disposal to prepare contemporary interpretations of Venetian and Italian classic cuisine.

www.blitzexclusive.com +39 041 0986800 | info@blitzexclusive.com


venice people

eater A b d l o g t s a l e Th EUROP TTILORO IN A L’ULTIMO B

text Federica Repetto

ph. Rosin

Why is goldbeating considered one of the oldest crafts? It is an ancient craft, once there were over 300 artisan goldbeaters, each specialized in a specific phase of production. A craft that was considered a minor art and that reserved honors and privileges to these great masters. Which of our monuments have been gilded with your gold leaves? We work with completely artisan methods, and this is why our gold leaves have been used for the restoration of important works: the interior mosaics of the Basilica of San Marco, the Angel of its Bell Tower, the Madonnina of the Duomo of Milan, the Crown and the Cross of the Sanctuary of Our Lady of Lourdes and... much more! How does it feel to be one of the last interpreters of such an ancient tradition? It is an honor for me and at the same time a great responsibility. Turning small, thick sheets into extremely thin leaves has always been a challenge. It takes concentration, strength, technique and the passion that has accompanied me for more than 40 years. What does it feel like to have your own workshop in the home of Tiziano Vecellio? For me, being able to practice such a rare art, in a wing of the building that was once the home of an artist who at the end of the 15th century contributed to establishing the eternal grandeur of the Serenissima, surrounded by history and culture, is already a great privilege.

Marino Menegazzo, in the historic artisan workshop of the Mario Berta Battiloro company, continues a tradition that began around the year 1000 and arrived in the lagoon from Byzantium 18 Venezia | made in Veneto

Perché il battiloro è considerato uno dei mestiere più antichi? È un mestiere antico, un tempo contava oltre 300 artigiani battiloro, ognuno specializzato in una fase specifica della produzione. Un mestiere che veniva considerato un’arte minore e che riservava onori e privilegi a questi grandi maestri. Le sue foglie hanno dorato quali dei nostri monumenti? Lavoriamo con metodi completamente artigianali ed è per questo che le nostre foglie d’oro sono state utilizzate per il restauro di importanti opere: i mosaici interni della Basilica di San Marco, l’Angelo del suo Campanile, la Madonnina del Duomo di Milano, la Corona e la Croce della Madonna del Santuario di Lourdes e… molto altro ancora! Come ci si sente ad essere tra gli ultimi interpreti di una tradizione così antica? È per me un onore e al tempo stesso una grande responsabilità. Trasformare piccole lamine spesse in sottilissime foglie è da sempre una sfida. Sono necessarie concentrazione, forza, tecnica e la passione che mi accompagna da oltre 40 anni.  Quale sensazione si prova ad avere il proprio laboratorio nella casa di Tiziano Vecellio? Poter svolgere un’arte così rara, in un’ala del palazzo che è stata la dimora di un pittore che ha contribuito a fissare l’eterna grandezza della Serenissima di fine ‘400, circondato da storia e cultura, è già per me un grande privilegio.


www.angelacaputi.com

ph. alessandrobencini.com


venice people

e c i n e V n i k c o Art & R ZIA K A VENE ART & ROC

text Federica Repetto

How does a person fall in love with an instrument like the guitar? It’s not only the central instrument in rock music but also the ideal friend for composing a song. What types of music inspire you? I feel an intimate connection to the American blues of Mississippi and Chicago, 1950s rock’n’roll, the Anglo-Saxon beat of the following decade, and then psychedelia after that. I try to absorb any influences without precluding any genre. I work the whole thing out with my guitar and a drum machine. What is your relationship with other artistic expressions? Rock has always embraced other spheres. You only have to think of Andy Warhol’s work with the Velvet Underground and other greats including the Rolling Stones. Personally, performing in an artistic context always makes me feel good. Does Venice inspire you in your compositions? It’s the city I live in and inevitably, it’s part of my imagination, but I sing mostly in English, drawing inspiration from thousands of miles away: so maybe I talk about ‘escaping from Venice’, with lyrics about personal relationships, things that can happen anywhere and to anyone.

Steve Litter, born Stefano Mattiuzzi, Venetian, recently released his first Ep, ‘Born In The Wrong Place’, which was performed and recorded live and has ‘Art & Rock’ influences 20 Venezia | made in Veneto

Come accade di innamorarsi di uno strumento come la chitarra? Non è solamente lo strumento centrale nella musica rock ma l’amica ideale quando si compone una canzone. A quali modelli si ispira? Sono intimamente legato al blues americano del Mississippi e di Chicago, al rock’n’roll degli anni ‘50, al beat anglosassone del decennio successivo, passando poi per la psichedelia. Cerco di assorbire qualsiasi suggestione senza preclusioni di genere. Restituisco il tutto con la mia chitarra e servendomi di una drum machine. Qual è il suo rapporto con le altre espressioni artistiche? Il rock da sempre ha abbracciato altri ambiti, basta solo citare il lavoro di Andy Warhol con i Velvet Underground e con altri grandi tra cui i The Rolling Stones. Personalmente, esibirmi nell’ambito di rassegne artistiche mi trasmette sempre ottime sensazioni. Venezia la ispira nelle sue composizioni? È la città in cui vivo e inevitabilmente fa parte del mio immaginario, ma io canto prevalentemente in inglese traendo ispirazione a migliaia di chilometri di distanza: pertanto forse parlerei di ‘fuga da Venezia’, con testi che parlano di rapporti personali, di cose che possono accadere ovunque e a chiunque.


venice people

ation c o v y b n a m r Ba NE R VOCAZIO E BARMAN P

text Federica Repetto

ph. Alessandro Moggi

When did you first become passionate about the world of bartending? My passion started early, at age 15; I was lucky enough to gain experience at the La Capannina di Franceschi, Forte dei Marmi, during the golden years in Versilia, and I found myself catapulted into a world that until then, I’d only seen on television. I immediately understood what I wanted to be when I grew up: a Barman.   What have the most important stages in your career been?  From the La Capannina to the renowned Ciga Hotels at the Excelsior hotel in Florence; in the 1990s, landing in the lagoon at the Excelsior on Venice’s Lido before moving on to Danieli and Gritti Palace and becoming Bar Manager in 2013. What is your favourite cocktail?  4cl. of passion, 3 cl. of technique, 2 cl. courtesy, 2 cl. quality, some drops of patience and creativity dust. The drink that should never be missing from your drinks list?  The king of cocktails: the Martini!   If Venice were a cocktail, what ingredients would it have?  It’s already on our List: its name is Basil-ica, inspired by the Basilica della Salute with basil leaves, St. Germain elderflower blossoms, lemon juice, drops of orange bitters and Old Tom Gin; shaken, on the rocks.

A magician of illusions, a poet of passion, an alchemist who balances colours and flavours. Cristiano Luciani: Bar Manager at The Gritti Palace 22 Venezia | made in Veneto

Quando è cominciata la sua passione per il mondo del bar? La passione è cominciata presto, a 15 anni; ho avuto la fortuna di vivere un esperienza a La Capannina di Franceschi, a Forte dei Marmi, durante gli anni d’oro della Versilia, e mi trovai catapultato in una realtà che fino ad allora avevo visto solo in televisione. Capii subito cosa volevo fare da grande: il Barman.   Quali sono le tappe più importanti nella sua carriera?  Da La Capannina alla famigerata Ciga Hotels presso l’hotel Excelsior di Firenze; negli anni ’90 lo sbarco in Laguna all’Excelsior del Lido di Venezia per poi passare al Danieli e al Gritti Palace diventandone nel 2013 Bar Manager. Qual è il suo cocktail preferito?  4cl. di passione, 3 cl. di tecnica, 2 cl. di cortesia, 2 cl. di qualità, alcune gocce di pazienza e polvere di creatività. Il drink che non deve mai mancare nella sua Cocktail list?  Il re dei cocktail: il Martini!   Se Venezia fosse un cocktail quali ingredienti userebbe?  È già sulla nostra Carta: il suo nome è Basil-ica, ispirato alla Basilica della Salute con foglie di basilico, fiori di Sambuco St. Germain, spremuta di limone, gocce di orange bitter e Old Tom Gin; shakerato, on the rocks.


Azimut-KAMUT2L Audio system | k-array.com

At K-array, we concentrate all our efforts and resources in the revolutionary design and manufacture of highly-efficient sound systems artistically crafted in the heart of Tuscany using only premium materials.


save as venice exhibition

Tintoretto, to whom three exhibitions are being dedicated. Until 6 January 2019, therefore, Palazzo Ducale and the Gallerie dell’Accademia will host Tintoretto 1519-1594, ‘dividing’ the works of the mature painter from those of the young artist; to complete the proposal, the exhibition at Palazzo Mocenigo dedicated to Venice during the Age of Tintoretto, in which the five-hundredth anniversary of the birth of Jacopo Robusti is presented as the relationship between the individual and the fashion of the time.Always paying careful attention to what’s going on in the world today, then, the city

proposes (until 25 November), structures otherwise destined to in the spaces of the Fondazione oblivion and to inhabited places Prada, Machines à penser, a proj- to be reinvented. Palazzo Grassi ect that through reflection on presents Albert Oehlen - Cows by the spaces of exile, escape and the Water (closing on 6 January retreat of three great philoso- 2019), while Punta della Dogaphers of the twentieth century na fascinates with Dancing with demonstrates the close relation- Myself, until 16 December. ship between philosophy, art and Occasions for experiencing a architecture. Architecture is also contemporary world that befeatured at the Magazzino del gan 70 years ago, as can be unSale, thanks to Renzo Piano. Wa- derstood by visiting 1948: The ter Projects: until 25 November, Biennial of Peggy Guggenheim, a to mark the tenth anniversary of space open until 25 November the beginning of the works in- in the Peggy Guggenheim Colside the Magazzino. The Giardini lection. The Galleria Contini dell’Arsenale, instead, is hosting dedicates to Igor Mitoraj’s Jewthe 16th International Architecture els: the Art of Wearing Art, runExhibition - Freespace, in which ning until 15 December in Cal(again until 25 November) it is le Larga XXII Marzo, and in the Fondazione Bevpossible to admire ilacqua La Masa the invention and (from 22 Septemcreativity capable From ber to 25 Novemof bringing life Tintoretto to ber), the works of back to forgotten the present Mario Arlati. buildings, to infra-

A dominare la sontuosa scena iconografica della città è uno dei maestri della pittura del XVI secolo veneziano: Tintoretto, cui sono dedicate tre mostre. Fino al 6 gennaio del 2019, dunque, Palazzo Ducale e le Gallerie dell’Accademia accoglieranno Tintoretto 15191594, ‘dividendo’ le opere del pittore maturo da quelle del giovane e appassionato artista; a completare la proposta la rassegna di Palazzo Mocenigo dedicata a La Venezia di Tintoretto, nella quale il cinquecentenario della nascita di Jacopo Robusti è presentato come il rapporto tra il singolo e la moda del tempo, tra l’essere presente nella città e la percezione degli altri e di sé. Sempre attenta al contemporaneo, poi, la città propone (fino al 25 novembre) negli spazi della Fondazione Prada Machines à penser, un progetto che attra-

verso la riflessio- philosophy vita da reinventane sugli spazi di re. Palazzo Grassi and design, fuga, di esilio e di presenta Albert ritiro di tre grandi a journey Oehlen - Cows by filosofi del Nove- into non-stop the water (ultimo cento (Adorno, culture giorno 6 gennaHeidegger e Wittio 2019), mentre genstein) dimostra la stretta Punta della Dogana affascina relazione tra filosofia, arte e con Dancing with myself, fino architettura. Architettura an- al 16 dicembre, occasioni per che al Magazzino del Sale, vivere un contemporaneo che grazie a Renzo Piano. Progetti ebbe inizio 70 anni fa, come d’acqua: fino al 25 novembre si può comprendere visitansedici progetti preparati tra do 1948: la Biennale di Peggy il 1960 e il 2017, per segnare Guggenheim, uno spazio aperi dieci anni dall’inizio dei la- to fino al 25 novembre nella vori al Magazzino. I Giardini Peggy Guggenheim Collecdell’Arsenale, invece, saranno tion. Intanto, tra le gallerie la sede di Biennale 16a Mostra in città, spicca la mostra che internazionale di Architettura - Galleria Contini dedica a I Freespace, nella quale (sempre gioielli disegnati da Igor Mitofino al 25 novembre) sarà pos- raj, aperta fino al 15 dicembre sibile ammirare l’invenzione e in Calle Larga XXII marzo e la creatività capaci di restitui- in Fondazione Bevilacqua La re vita a edifici dimenticati, a Masa (dal 22 settembre al 25 infrastrutture altrimenti de- novembre) le opere di Mario stinate all’oblio e a luoghi di Arlati.

Projects and modernity PROGETTI E MODERNITÀ text Mila Montagni Magazzino del Sale

Palazzo Ducale

Palazzo Grassi

Fondazione Prada

Biennale di Architettura Museo Alinari

24 Venezia | made in Veneto

day, through


save as veneto exhibition

SEPTEMBER/OCTOBER Like people, only hairier was said of dogs by American photographer Elliott Erwitt, and its Italian translation - Come gli umani, solo con più capelli - is the title of an exhibition at the Casa dei Carraresi in Treviso which celebrates the deep bond between humans and their four-legged friends (22 September to 3 February). 50 works, 50 stories, 50 emotions to rekindle the fascination of the 16th century: Da Tiziano A Van Dyck. Il Volto del ‘500 is an exhibition scheduled at Treviso’s Casa dei Carraresi from 26 September to 3 February. Padua’s Palazzo Zabarella is the venue for

the major retrospective Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard. A unique opportunity to admire a fabulous selection of works from the collection assembled in the early 20th century by the banker and philanthropist Wilhelm Hansen and his wife Henny: from Cézanne to Degas, Gauguin, Manet, Monet, Berthe Morisot, Renoir and Matisse (29 September to 27 January). In the Palazzo Roverella in Rovigo there’s an exhibition entitled Arte e magia. Esoterismi nella pittura europea dal Simbolismo alle Avanguardie storiche (29 September to 27 January), including works by Rodin, Munch, Kupka, Paul Klee, Giacomo Balla, Mondrian and Romolo Romani. NOVEMBER A collective of some of the best-known contemporary pho-

SETTEMBRE/OTTOBRE Come gli umani, solo con più capelli è una frase sui cani pronunciata dal fotografo americano Elliott Erwitt, e titolo alla mostra con cui Treviso della Casa dei Carraresi celebra l’intenso rapporto tra l’uomo e l’amico quattro zampe: 80 scatti ironici e curiosi, selezionati nella produzione del grande Erwitt dedicata ai cani, a partire dagli anni ‘50 (dal 22 settembre al 3 febbraio). 50 opere, 50 storie, 50 emozioni per rivivere il fascino del ‘500: Da Tiziano a Van Dyck. Il Volto del ‘500 è la mostra in programma a Casa dei Carraresi, a Treviso, dal 26 settembre al 3 febbraio. A Padova, a Palazzo Zabarella, va in scena la grande antologica Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard. Un’occasione unica per ammirare una stre-

pitosa selezione di A Veneto Brenta nel secolo gli affreopere della collejourney scorso, schi settecentezione creata ai priaround the schi della Villa mi del Novecento dal banchiere, e fibest autumn e un’installazio‘immersiva’ e lantropo Wilhelm shows ne multisensoriale, Hansen e da sua moglie Henny: da Cézanne a oltre 100 opere esposte al MuDegas, Gauguin, Manet, Mo- seo di Villa Pisani a Stra nella net, Berthe Morisot, Renoir, mostra Paesaggio. Antiche MeMatisse (29 settembre - 27 morie e Sguardi Contemporanei gennaio). A Rovigo, nella cor- (fino al 4 novembre). Prosenice di Palazzo Roverella la gue fino al 4 novembre anmostra da titolo Arte e magia. che la mostra I Say Yesterday, Esoterismi nella pittura europea You Hear Tomorrow. Visions dal Simbolismo alle Avanguar- from Japan a Le Gallerie die storiche (dal 29 settembre delle Prigioni di Treviso. Proal 27 gennaio) tra gli artisti in tagonisti artisti come Jacob mostra: Rodin, Munch, Kup- Hashimoto, Hiroyuki Masuka, Kienerk, Paul Klee, Giaco- yama, Kenichi Ogawa e Shu mo Balla, Mondrian, Romolo Takahashi, per questa mostra Romani. che dall’inizio dell’era atoNOVEMBRE mica fino a oggi, svela i modi Una collettiva di alcuni tra i con cui l’arte contemporanea più noti fotografi contempo- giapponese interpreta il dialoranei, una sezione dedicata go tra natura, tecnologia, traal paesaggio della Riviera del dizione e tempo.

Art and photography

ARTE E FOTOGRAFIA text Teresa Favi

Palazzo Roverella

Casa dei Carraresi

Casa dei Carraresi

Palazzo Zabarella

Le Gallerie delle Prigioni Museo Alinari

tographers, a section dedicated to landscapes of the Brenta Riviera in the last century, the villa’s 18th century frescoes and an immersive, multi-sensory installation in addition to more than 100 works on display at the Museo di Villa Pisani in Stra: this is the exhibition Paesaggio. Antiche Memorie e Sguardi Contemporanei (until 4 November). Also continuing until 4 November is the show I Say Yesterday, You Hear Tomorrow. Visions from Japan at Le Gallerie delle Prigioni in Treviso. Featuring artists including Jacob Hashimoto, Hiroyuki Masuyama, Kenichi Ogawa and Shu Takahashi, the show covers the period from the start of the atomic age to the present day, exploring Japanese art’s interpretations of the dialogue between nature, technology, tradition and time.

Venezia | made in Veneto 25


save as classic

Lovers of Baroque music will be watching the calendar of the Festival Galuppi from 9 September to 14th October, while the epicentre of modern music will be the 62th edition of the Biennale Musica 2018 from 28 September to 7th October. SEPTEMBER On the 6th, at 9 p.m. at the Scuola Grande di San Rocco, Sala Capitolare, Musiche per Maretta Tintoretta, the inaugural concert for the Celebrations of the Five Hundredth anniversary of the birth of Tintoretto with the Coenobium Vocale conducted by Maria Dal Bianco with the special participation of Melania Mazzuc-

co. On the 28th, at the Teatro Musica Contemporanea, at 23.00 Goldoni, the Festival di Interna- p.m., is entrusted to the duo Robotnick. zionale di Musica Contemporanea Bottin/Alexander will be inaugurated with the mas- The drama season at the Teatro terpiece of Frank Zappa The Yel- Goldoni opens with an authentic low Shark in its integral version maestro of the theatre and world with the 26 elements of the Par- cinema, Andrei Konchalovsky co della Musica Contemporanea tackling his third production of Ensemble conducted by Tonino The Cherry Orchard (from 26 to Battista and the participation of 28 October 2018). NOVEMBER David Moss. The opera season at the Teatro OCTOBER On the 2nd, at the Teatro delle La Fenice opens on the 23rd with Tese, at 17.30 p.m., Chant de la the new production of Macbeth by matière by Laura Bianchini and Verdi, directed by Myung-Whun Michelangelo Lupone, an im- Chung for the production of Daportant technological symphony miano Michieletto, (performancwhich projects the vibrations es on 25, 27, 29 November, 1 Deof the drums onto a screen, the cember). At the Goldoni, Anna accomplice, the percussionist Maria Guarnieri and Michele Riondino, directed Philippe Spiesser. by Andrea Baracco, On the 7th, at the bring to the stage Il Teatro delle Tese, the concluding moFrom the Maestro e Margherita Michail Bulgakov ment of the Festival Baroque to the di (from 8 to11). di Internazionale di

Gli amanti della musica barocca tengano d’occhio il calendario Festival Galuppi dal 9 settembre al 14 ottobre. Mentre la musica contemporanea ha, dal 28 settembre al 7 ottobre il suo epicentro alla Biennale Musica 2018 con la 62esima edizione. SETTEMBRE Il 6, alle 21, alla Scuola Grande di San Rocco, Sala Capitolare, Musiche per Marietta Tintoretta, concerto inaugurale per le Celebrazioni del Cinquecentenario della nascita di Tintoretto con il Coenobium Vocale diretto da Maria Dal Bianco con la partecipazione speciale di Melania Mazzucco. Il 28, al Teatro Goldoni, si inaugura il Festival di Internazionale di Musica Contemporanea con il capolavoro di Frank Zappa The Yellow Shark nella versione integrale con i 26 elementi del

Parco della MuFestivals, nica. La stagione sica Contempoprosa al Teatro inaugurations di ranea Ensemble Goldoni si apre and reviews con un autentico diretti da Tonino Battista e la parfor refined maestro del teatecipazione di Dae del cinema palates tro vid Moss, uno dei mondiale come più originali vocalist del mon- Andrei Konchalovsky alle do, già interprete dell’opera prese con la sua terza regia de zappiana. Il Giardino dei ciliegi (dal 26 al OTTOBRE 28 ottobre 2018). Il 2, al Teatro delle Tese, alle NOVEMBRE 17.30, Chant de la matière di La stagione lirica del TeaLaura Bianchini e Michelan- tro La Fenice inaugura il 23 gelo Lupone, un’imponente con il nuovo allestimento di sinfonia tecnologica che pro- Macbeth di Verdi, diretto da ietta le vibrazioni dei tambu- Myung-Whun Chung per la ri su uno schermo, complice regia di Damiano Michieletil percussionista Philippe to, (repliche il 25, 27, 29 noSpiesser. Il 7, al Teatro delle vembre, 1 dicembre). Al GolTese, il momento conclusivo doni, Anna Maria Guarnieri del Festival di Internazionale e Michele Riondino, diretti di Musica Contemporanea, alle da Andrea Baracco, portano 23.00, è affidato al duo Bottin/ in scena Il Maestro e MargheAlexander Robotnick in un rita di Michail Bulgakov, capolive e dj set all’insegna della lavoro della letteratura russa più sofisticata musica elettro- del Novecento (dall’8 all’11).

Autumn sophistication PERLE D’AUTUNNO text Teresa Favi Macbeth

Scuola Grande di San Rocco

Teatro delle Tese

Teatro Goldoni

xxxxTeatro Goldoni Museo MuseoAlinari Alinari

26 Venezia | made in Veneto

Contemporary.


save as pop

SEPTEMBER Music, art and entertainment through 160 shows, more than 36 bands per day, exhibitions, conferences, concerts, debates and performances: as in previous years, until 2 September, Treviso will come to life with Home Festival. Among others performing on stage during the weekend of 1 and 2 September, Cosmo, Caparezza, Francesca Michielin, Motta. On Saturday, 8 September, we will finally experience La Notte di Andrea Bocelli: hosted in the sensational Arena di Verona, a colossal show of music and solidarity led by the famous tenor, with international guests, over 400 art-

ists in their splendid costumes, the Orchestra and Chorus of the Arena di Verona, and the Arena’s great masses. Again at the Arena di Verona, another memorable live show to celebrate Claudio Baglioni’s 50-year career. The artist will perform in front of his fans on 14, 15 and 16 September. Laura Pausini will also grace the timeless setting of the Arena di Verona on 22 and 23 September. OCTOBER Luca Carboni is now recharged and ready to tread the stages of all of Italy. We will see him on Thursday, 18 October at the Gran Teatro Geox in Padua. Again in Padua, again the Gran Teatro Geox, for 4 ever-popular artists: the unique sound of Spandau Ballet on 25 October, the timeless appeal of Ben Harper and

SETTEMBRE Musica, arte e intrattenimento attraverso 160 show, oltre 36 band al giorno, mostre, conferenze, concerti, dibattiti e spettacoli, come ogni anno fino al 2 settembre Treviso si accende con Home Festival. Nel weekend dell’1 e 2 settembre on stage tra gli altri Cosmo, Caparezza, Francesca Michielin, Motta. Sabato 8 settembre giungiamo finalmente a La Notte di Andrea Bocelli: nella sensazionale Arena di Verona, uno show colossale di musica e solidarietà guidato dal tenore con ospiti internazionali, oltre 400 artisti nei loro splendidi costumi, l’Orchestra e il Coro dell’Arena di Verona, e le grandiose masse areniane. Ancora Arena di Verona, ancora un live memorabile per i 50 anni di carriera di Claudio Baglioni. L’artista si esibirà davanti al

suo pubblico il An array e infine le note 14, 15 e 16 settravolgenti di of sound tembre. Come John Butler Trio, poteva mancare experiences sullo stesso palco la nostra regina for a unique il 27 ottobre. della musica? Nel new season NOVEMBRE set senza tempo Ci trasferiamo a dell’Arena di Verona appro- Padova per una travolgenda anche Laura Pausini, il 22 te serie di live, tutti nella e 23 settembre. grande Kione Arena. Apre OTTOBRE le danze il volto più interesArtista che sin dalla fine sante della giovane musica degli anni ’80 ha spostato i italiana, in bilico tra trap confini del pop con canzoni e poesia: Ghali, venerdì 2 rimaste indelebili nell’im- novembre. Ancora un altro maginario italiano, Luca fenomeno italiano dal sucCarboni oggi si rinnova ed è cesso memorabile: sabato pronto a solcare i palchi di 10 on stage The Giornalisti, tutta italia. Lo vedremo gio- giunge sul suolo padovano vedì 18 al Gran Teatro Geox anche il grande show della di Padova. Ancora Padova, nostra più grande pop-star: ancora Gran Teatro Geox Cesare Cremonini, il 13 e 14 per 4 artisti immancabili: il novembre e infine (ma solo sound unico degli Spandau per ora) arrivano i NegramaBallet il 25 ottobre, il fascino ro, martedì 20 novembre (il senza tempo di Ben Harper 21 anche alla Zoppas Arena and His Band il 26 del mese di Conegliano Veneto).

Whatever your music CHE MUSICA SEI text Sabrina Bozzoni Ghali

Cesare Cremonini

Ben Harper

Laura Pausini

Andrea Bocelli

His Band on 26 October and, finally, the overwhelming notes of the John Butler Trio, on the same stage, on 27 October. NOVEMBER We move to Padua for an overwhelming series of live shows, all in the great Kione Arena. Opening the dances on Friday, 2 November, the most interesting face of young Italian music, poised between trap and poetry: Ghali. Another Italian phenomenon boasting memorable success: on stage Saturday, 10 November, The Giornalisti; the great show of our greatest pop-star, Cesare Cremonini, will reach Padua on 13 and 14 November; and finally, (but only for now) the Negramaro will perform on Tuesday, 20 November (also at the Zoppas Arena in Conegliano Veneto on 21 November).

Venezia | made in Veneto 27


save as book

Published just a few years ago, Cercando Venezia. Guida poetica alla città di pietre e acqua (Searching for Venice. A poetic guide to the city of stones and water) is always a faithful companion of our walks. In these pages, Venice offers itself through its stones, its brackish and colorful reflections and its enthralling poetry, in a game of seduction and freedom that conquers those who come to visit it for a few days, as well as those who have always lived there. It is the Venice of those who become lost, amidst “calli” and imagination, without precise destinations but with the spirit of those who,

many “Enchanted Islands.” A harsh, contrasted, rough black and white. The desire to tell about the world through constant friction, without mediation and without lies. This is the photography of Fulvio Roiter, to whom an exhibition has recently been dedicated in the spaces of Casa dei Tre Oci: Fulvio Roiter. Photographs 1948-2007 is the title of the catalog. Inside, as in the show, the nearly 180 photographs are arranged in thematic sections: Venice in Black and White, The Tree,

looking, discover. The always enchanting words of Paolo Ganz are accompanied here with splendid drawings by Lele Vianello, the famous author of Italian comic strips. Venezia. Le Isole Incantate (Venice. The Enchanted Islands) is another book dedicated to those who want to get away from the “obligatory” paths to go and see and understand the many “Little Venices.” From Murano to Sottomarina, all the islands of the lagoon are related and drawn, from the best-known to those totally forgotten. Many stories intertwine and form the magical, unbelievable and still little-known narrative of the

Venice in Color, Italy in Black and White, Around the World and A Man without Desires. For the youngest readers, but not only: La Pimpa la va a Venesia (Pimpa goes to Venice). Who does not know the little white dog covered with red polka dots and her friend and owner Armando? Her fantastic adventures have accompanied the childhood of many generations. In this book she guides her readers through “calli” (streets) and ”campielli” (squares) in her tour of the lagoon, amidst history and games, all in Venetian dialect.

28 Venezia | made in Veneto

Uscito qualche anno fa, Cercando Venezia. Guida poetica alla città di pietre e acqua è una sempre fedele compagna di passeggiate. In queste pagine Venezia si dona attraverso le sue pietre, i suoi riflessi salmastri e colorati e la sua ammaliante poesia, in un gioco di seduzione e libertà che conquista chi viene a visitarla per qualche giorno come chi la abita da sempre. È la Venezia di chi si perde, tra calli e fantasia, senza mete precise ma con

Loving Venice PER AMARE VENEZIA

lo spirito di chi, guardando, scopre. Le sempre incantevoli parole di Paolo Ganz sono qui accompagnate da splendidi disegni di Lele Vianello, storico nome del fumetto italiano. Venezia. Le Isole Incantate è un altro libro dedicato a coloro che vogliono uscire dai percorsi ‘obbligati’ per andare a vedere e capire le tante ‘Piccole Venezie’. Da Murano a Sottomarina sono raccontate e disegnate tutte le isole della Laguna, dalle più note a quelle totalmente dimenticate. Tante storie (We wish to thank the Libreria si intrecciano e formano la Goldoni in Venice) narrazione magica, incredi-

bile e ancora poco nota delle tante ‘Isole incantate’. Un bianco e nero aspro, contrastato, ruvido. Il desiderio di raccontare il mondo attraverso un attrito costante, senza mediazioni e senza menzogne. È questa la fotografia di Fulvio Roiter, cui è stata recentemente dedicata un’esposizione negli spazi di Casa dei Tre Oci. Fulvio Roiter. Fotografie 1948-2007 è il titolo del catalogo. Al suo interno, le circa 180 fotografie, come in mostra, sono ordinate in sezioni tematiche: Venezia in bianco e nero, L’albero, Venezia a colori, Italia in

bianco e nero, In giro per il mondo e Un uomo senza desideri. Per i più piccoli, ma non solo: La Pimpa la va a Venesia. Chi non conosce la cagnolina bianca a pois rossi e il suo amico e padrone Armando? Le sue fantastiche avventure hanno accompagnato l’infanzia di moltissime generazioni. In questo libro guida i suoi lettori attraverso calli e campielli nella sua gita lagunare, tra storia e giochi, il tutto in dialetto veneto. (Si ringrazia la Libreria Goldoni di Venezia)


San Marco 1130 | Venezia | Tel: +39 041.5210622 | Fax: +39 041.5207407 | info@venicerealestate.it | venicerealestate.it


Ramo Grassi, Sestriere San Marco 3247 | Venezia Tel. +39 041 5284644 | info@palazzinagrassi.com | www.palazzinagrassi.com


Uno dei palazzi nobiliari più incantevoli di Roma apre le porte e inaugura un nuovo capitolo della sua storia come Palazzo Dama: un magnifico hotel che ridefinisce gli standard capitolini del lusso. A due passi da Piazza del Popolo, Palazzo Dama offre ai suoi ospiti la possibilità di vivere il loro soggiorno romano in una villa storica dove accoglienza, atmosfere, spazi e esperienze hanno l’accuratezza di un raffinato 5 stelle. Lungotevere Arnaldo da Brescia 2 | Roma | T. +39 06 3207042 | palazzodama.com

Hotel 5 stelle con 18 camere e suite, tutte direttamente affacciate sulla celebre via Giulia, tra cui una D.O.M suite con terrazza privata di 25 metri quadri immersa tra i tetti e i campanili del Rione Regola. Il décor supera con personalità molti cliché dell’hotellerie di lusso a favore di un comfort e di un’atmosfera raffinata e confidenziale tipica di una nobile dimora privata. Via Giulia 131 | Roma | T. + 39 06 6832144 | domhotelroma.com


it object

ever Hiking hasonl SĂŒ COOL beeKKnINsGo, McAo I STATO CO TRE

Brilliant purple crystals are embroidered onto a removable elastic strap wrapping around these sneakers symbolic of a new winter. Inspired by the hiking world, the coolest of sneakers combines an oversize design with dream-like details. Gucci, Piazza San Marco, 258 Brillanti cristalli viola sono ricamati lungo un nastro elastico staccabile che avvolge le sneaker simbolo di un nuovo inverno. Con richiami al mondo del trekking, la piĂš cool delle sneakers combina un design oversize a dettagli onirici. Gucci, piazza San Marco, 258 Venezia | made in Veneto 33


Your Private Island in Venice La tua Isola privata a Venezia

The largest Spa in Venice, open also to external Guests. La Spa più grande di Venezia, aperta anche agli Ospiti esterni.

Your Michelin-starred Restaurant in Venice. Il tuo ristorante stellato Michelin a Venezia.

JW Marriott® Venice Resort & Spa Isola delle Rose, Laguna di San Marco | +39 041 8521300 | jwvenice.com Free shuttles from and to St. Mark’s Square every 30 minutes Navetta gratuita da e per Piazza San Marco ogni 30 minuti


it object

sion Velvety OoSbSEsSeSsIONE VELLUTATA

Regal and sheeny, the Black Velvet Crocodile Belt Bag is the artisan expression of a true luxury to wear. Made with the velvets of the family company, the historic Tessitura Bevilacqua of Venice, genuine leather and hand-embroidered stones. www.bvlvenezia.com Regale e lucente, la Black Velvet Crocodile Belt Bag è l’espressione artigianale di un vero lusso da indossare. Realizzata con i velluti dell’azienda di famiglia, la storica Tessitura Bevilacqua di Venezia, vera pelle e pietre ricamate a mano. www.bvlvenezia.com Venezia | made in Veneto 35


Campo Santa Sofia, 4198/99 30121, Ca’ d’Oro - Venezia info@casagredohotel.com www.casagredohotel.com Tel: + 39 041 2413111 Fax: +39 041 2413521

Ca’ Sagredo ... Unique Moments


it object

a jewel n a h t e r o m Much N GIOIELLO DI U MOLTO PIÙ

Goldsmith’s art to wear. The Venetian Eye necklace, with its chic and innate elegance, inspired by the famous Iron Crown, a masterpiece that in 1866 was returned to Italy in the Venetian palace that is today home to Maison Dellaluna. 1312 San Marco, Calle Vallaresso Arte orafa da indossare. La collana Venetian Eye, dall’eleganza chic e innata, trova la sua linfa dalla celebre Corona Ferrea, capolavoro che vide il suo ritorno in patria nel 1866 proprio nell’attuale palazzo veneziano, sede di Maison Dellaluna. 1312 San Marco, Calle Vallaresso Venezia | made in Veneto 37


it object

TravelREinCOsNtSyTlILeE VIAGGIA

A timepiece with an unmistakable appeal. Charm, versatility and robustness for the Rolex Oyster Perpetual Gmt-Master II in 18Kt Everose gold. At Salvadori, Piazza San Marco 44 and ​​ 67 Un segnatempo dall’appeal unicamente inconfondibile. Fascino, versatilità e robustezza per il Rolex Oyster Perpetual Gmt-Master II in oro Everose 18 ct. Da Salvadori, Piazza San Marco, 44 e 67 Venezia | made in Veneto 39


shotonsite

Gianluca Tenti, Matteo Parigi Bini, Filippo Ricci, Alex V. Lana

Manuel Bugliolo, Guido Ciompi, Tommaso Sacchi

Claudio Meli, Soldano D’Asburgo Lorena

Niccolò Brandini, Massimiliano Dolfi

Benedetta Sabatini, Costanza Gregoratti

Raffaello Napoleone, Alessandro Squarzi

Sofia Maria Andrei, Claudia Andrei

Erika Cresti, Giuseppe Brunamonti

Cristina Giachi, Sergio Risaliti

For the 94th Pitti Immagine Uomo, the Art Party at Museo Novecento for the new Firenze made in Tuscany issue with tasting of Franciacorta wine, courtesy car by Citroën Brandini and artistic setting by Casini

Silvia Panicucci, Sara Berni, Marinella Fani 40 Venezia | made in Veneto

Angela Carpi, Ricardo Perna

Erika Ghilardi, Andrea Olianti


shotonsite

Tessa Camerino Zanga, Luca Regazzo, Michela Scarano

Alberto Bastianello, Michela Miracapillo, Dario Bianchini

Fabrizio Plessi

Alessandra Tommasini, Silvia Campello

Carmine Scarano, Nicoletta De Caro

Gaia Vianello, Sara Fabris

Dino Cola, Emiliano Maraldo

Stefano Costantini, Mirko Sguario

In the elegant GOGO Spa Venice of the JW Marriott Venice Resort & Spa, the special event for the presentation of Venezia made in Veneto magazine with Famiglia Cecchi wines

Emanuela Serena, Sebastiano Angelini

Marcello Vallot, Meron Belay

Paolo Lorenzoni, Markos Tzamalis, Antonello De Medici, Angelo Vignola

Silvia Campello, Gianluca Amadori

Marcello Cantoni, Giada Pavan Venezia | made in Veneto 41


shotonsite

Maria Djuric, Leonardo Contini, Valentina Madiai

Francesco Salvi, Cristian Costantini, Ettore Mocchetti

Maria Teresa Mocchetti

The opening night of the exhibition ‘I Gioielli di Igor Mitoraj: the Art of Wearing Art’, at the historic Contini Gallery

Carla Tolomeo, Laura Emanuele

Daniele and Sabine Obino

Riccarda and Stefano Contini

Diego Mazzi, Giacomo Braglia, Cinzia Nobile, Leonardo Contini

Cristiana and Michele Gualandi

Enzo Fiore, Daniela Tosetti

Giacomo Braglia, Giusy Giavatto Braglia 42 Venezia | made in Veneto

The guests of the vernissage of ‘Conversations’, the photography exhibition by young Swiss artist Giacomo Braglia, at the Contini Gallery

Stefano Contini, Carmen Maschio, Riccarda Contini, Carlo and Alessandra Boffi, Riccardo Contini

Federico Palestro, Monica Pelliziari

Massimo and Paola Mallegni


shotonsite

Sveva Castegnaro, Luce Tambelli, Giulia Solla, Giulia Bevilacqua

Luca Regazzo, Antonella Ciriello, Simona Rocchi

Alessandro Preziosi, Alex V. Lana

Olivier de Molina, Lee Joseph

Vincenzo Falcone, Laura Medda

Maria Pisano, Alessia Pengue

At Hotel Punta Tragara, the Summer Party for the latest Capri The Divine Coast issue, with the collaboration of Chopard and Franciacorta wine. Sponsor Salvatore Ferragamo

Alessandra Girardello, Ruth Piperno

Rossella Catapano, Camilla D’Antonio

Sergio de Lizza, Annamaria Kuligowska

Marta Garzone, Luigi di Persia

Alessandro Enriquez, Erin Quiros, Simona Cutrupi, Carlotta Turini Venezia | made in Veneto 43


44 Venezia | made in Veneto


Venezia 75 I FILM DA NON PERDERE text Teresa Favi

Venezia | made in Veneto 45


Here: The Favourite Preview page: First Man 46 Venezia | made in Veneto


venice movie

Two scenes of ‘At Eternitys Gate’

It’s one of the best editions ever, a fitting tribute to the E’ una delle più belle edizioni, onorando ampiamente i 75 years that make this the world’s oldest film festival. suoi 75 anni che ne fanno il festival cinematografico più The Venice Film Festival grows year on year, and it’s antico del mondo. clear to everyone that it has become a preferential Il Festival del Cinema di Venezia cresce di anno in anno pathway to the Oscars and the Golden Globes. ed è un fatto evidente a tutti l’essersi trasformato nel corriAs we wait to see the repercussions of the Venice-Hol- doio preferenziale verso i premi Oscar e i Golden Globes. lywood effect on the winners at this year’s festival, let’s In attesa di verificare la ricaduta dell’effetto Venezia-Holtake a look at the best films presented at Venice 75 (29 lywood rispetto ai vincitori di questa edizione, godiamoci August - 8 September). The opening film, First Man le migliori pellicole presentate a Venezia 75 (dal 29 agosto by Damien Chazelle (whose La La Land inaugurated all’8 settembre). Venice 73 in 2016) tells the story of the first man on Il film che ha inaugurato questa edizione First Man di Dathe moon, Neil Armstrong, played by cult actor Ryan mien Chazelle (che con La La land aveva già aperto Venezia 73, nel 2016) racconta la storia del primo uomo sbarGosling. Chazelle focuses on the human dimension cato sulla Luna, Neil Armstrong, interpretato of the astronaut rather than the challenge dal suo attore cult Ryan Gosling. Chazelle si he undertook, one of the most dangerous The opening è concentrato sulla vicenda umana dell’astrofilm, ‘First in history. nauta rispetto alla sfida che stava sostenendo, In Italy, all eyes are on Luca Guadagnino Man’ by una delle più pericolose della storia. and his remake of Dario Argento’s horror l’Italia, occhi puntati su Luca GuadagniChazelle tells Per masterpiece Suspiria, with an unrecognisno e il suo remake del capolavoro horror di able Tilda Swinton playing three parts the story Dario Argento Suspiria, con Tilda Swinton of the first simultaneously. irriconoscibile mentre interpreta tre parti contemporaneamente. Capri – Revolution di Capri – Revolution by Mario Martone is man on the set on the island in 1914 and depicts the moon, Neil Mario Martone è un film ambientato sull’imarriage of two worlds: a community of sola nel 1914 e narra la fusione di due mondi: Armstrong northern Europeans who find Capri is the una comunità di nordeuropei che ha trovato ‘place to be’ for their artistic and spiritual develop- qui il ‘place to be’ per la propria ricerca artistica e spiriment, and the real islanders, bound to the land and tuale e i veri abitanti dell’isola attaccati alla terra e alle loro their farming origins. origini contadine. There’s definitely a pleasant surprise among foreign Tra i film stranieri una gradita sorpresa è stata senza dubfilms in The Ballad of Buster Scruggs, bio The Ballad of Buster Scruggs, western antologico in sei an anthology western in six parts directed by the Coen parti firmato dai fratelli Coen e prodotto da Netflix. Una sebrothers and produced by Netflix. rie di storie sulla frontiera americana raccontate dalla voce It’s a series of American frontier stories told in Joel unica e inimitabile di Joel ed Ethan Coen per muovere una and Ethan Coen’s unique style as criticism of the critica al presente, tra citazioni e peripezie. Ma anche Vox present, with plenty of hijinks and references. And Lux di Brady Corbet, alla sua seconda regia con una storia then there’s Vox Lux, the second film by Brady Cor- che, interpretata da Natalie Portman e Jude Law, racconta bet, in which Natalie Portman and Jude Law tell the l’ascesa di una ragazza della provincia americana che dopo story of a young girl from the American sticks who, un evento tragico risale la china della vita fino a diventare after a tragic event, scales the slippery slope to success una pop star. Venezia | made in Veneto 47


Capri – Revolution (ph. Mario Spada)

and becomes a pop star. Ci ha messo cinque anni Alfonso Cuarón (Gravity, I figli It took Alfonso Cuarón (Gravity, Children of Men, Y degli uomini, Y Tu Mama Tambien) per realizzare Roma, da Tu Mamá También) five years to make Roma, which lui stesso definito il più importante della sua filmografia: he himself has called his most important film: set in ambientato a Città del Messico negli anni ’70, racconta Mexico City in the 1970s, it follows a turbulent year in un turbolento anno della vita di una famiglia borghese, in the life of a middle-class family; an ode to matriarchy un’ode al matriarcato che il regista costruisce sulla traccia based on the director’s personal experience. delle sue esperienze personali. Emma Stone and Rachel Weisz, along Emma Stone e Rachel Weisz con Olivia with Olivia Colman, star in a ‘female folColman sono le protagoniste di una ‘follia ly’ by Yorgos Lanthimos, director of The al femminile’ del regista Yorgos Lanthimos There’s a già autore, tra gli altri, de Il sacrificio del cervo Killing of a Sacred Deer and more. The Favourite narrates the goings-on at the court pleasant sacro. The Favourite racconta gli intrighi alla of Queen Anne in 18th century England. surprise among corte della regina Anna di Gran Bretagna nel Only an eclectic like Julian Schnabel - a secolo. foreign films XVIII painter as well as a filmmaker - could venSolo un artista eclettico come Julian Schnain ‘The Ballad bel, dedito anche alla pittura, si poteva adture into the dark places of one of the most famous artists of all time and his madof Buster dentrare nei meandri oscuri della storia di ness: Vincent Van Gogh. And he’s done so Scruggs’ uno degli artisti più celebrati di tutti i tempi with At Eternity’s Gate, which depicts the della sua follia: Vincent Van Gogh. E lo ha directed by the efatto last three troubled years in the life of the con At Eternity’s Gate raccontando gli ulCoen brothers timi tre anni di vita del pittore olandese, i più Dutch painter, played by Willem Dafoe. Also worth a look is Jacques Audiard’s The Sisters difficili, interpretato da Willem Dafoe. Brothers with Joaquin Phoenix and Jake Gyllenhaal, Merita attenzione anche The Sisters Brothers di Jacques Aua western with touches of dark comedy: during the diard con Joaquin Phoenix e Jake Gyllenhaal, un western California Gold Rush in the 1850s, two brothers set con inserti di commedia: due fratelli alla fine degli anni out to kill an unusual prospector, unaware of what re- ’50 dell’Ottocento, durante la corsa all’oro californiana, acally awaits them. The result is an explosive and irre- cettano di uccidere un cercatore un po’ particolare, sensistible film. za sapere quello che davvero li aspetta. Un film esplosivo 48 Venezia | made in Veneto


1

2

3

1. The Sisters Brothers (ph. Shanna Besson) 2.Suspiria ( ph. Amazon Studio) 3.The Ballad of Buster Scruggs 4. The Mountain 5. A Star is Born

4

5 Venezia | made in Veneto 49


food itinerary

Above: The Other Side Of The Wind Below: Ying (Shadow) 50 Venezia | made in Veneto


food itinerary

Roma

A Star is Born, Bradley Cooper’s directorial debut in cui è difficile resistere. A Star is Born di Bradley Cooper which he also stars, also features Lady Gaga as an che del film è regista esordiente oltre che protagonista, emerging young singer (this is the third remake of a ha come co-protagonista Lady Gaga che interpreta una cinema classic). giovane stella nascente della musica (è il quarto remake di The new film from Chinese director Zhang Yimou, un grande classico del cinema). the creator of gems like Raise the Red Lantern (1991) Il nuovo lavoro del regista cinese Zhang Yimou auand House of Flying Daggers (2004), is the spectacular tore di perle come Lanterne Rosse (1991) e La foresta Shadow, set in the age of the Three Kingdoms: the dei pugnali volanti (2004) è un film spettacolare: Ying story of a king in exile and his general, who launch a (Shadow), ambientato durante l’epoca dei Tre Regni, la scheme to take back what has been stostoria di un re in esilio e del suo generale len. che creano un complotto per riprendersi Then there’s Rick Alverson’s drama The tutto quello che gli è stato tolto. Mountain, with an astonishing perforIl drammatico The Mountain di Rick Alvermance by Jeff Goldblum as the pioneer One of the son con un sorprendente Jeff Goldblum most eagerly- che interpreta il pioniere della lobotomia. of lobotomy. Finally, the most eagerly-awaited event awaited event Infine, per i cinefili il titolo più atteso di at Venice 75 for film buffs is the world at Venice 75 Venezia 75, proiettato in anteprima monpremiere of The Other Side Of The Wind diale è The Other Side Of The Wind di Orby Orson Welles: the director’s last film, is the latest son Welles, l’ultima pellicola che Welles on which shooting began in 1970 with film by Orson aveva iniziato a girare nel 1970 con un an all-star cast including John Huston, Welles cast a cinque stelle che includeva John Peter Bogdanovich, Susan Strasberg Huston, Peter Bogdanovich, Susan Straand Oja Kodar, but which was never completed. sberg e Oja Kodar, ma che non venne mai portata a Finished at last after editing more than 100 hours termine. of footage: a mammoth task which took years, the Finalmente completata, con più di 100 ore di montagfinal version has been approved by Welles’ last wife gio, un lavoro incredibile, di anni, approvata dall’ultiand his friend Peter Bogdanovich, whom the direc- ma moglie di Welles e dall’amico Peter Bogdanovich tor asked to finish the film if he himself were unable cui aveva chiesto di finire il film se non ci fosse riuto do so. scito lui stesso. Venezia | made in Veneto 51


movie interview

Beyond dreams OLTRE IL SOGNO

text Virginia Mammoli

‘Lunar City’, the second documentary film by Alessandra Bonavina devoted to space Il secondo doculfim di Alessandra Bonavina dedicato allo spazio

It was officially released in Venice, during last year’s Film Festival: Expedition, the first documentary film devoted to a space mission by film director Alessandra Bonavina, who filmed all the preparation phases before launching into space and the astronauts’ stay on the International Space Station. In 2019, on the occasion of the 50th anniversary of Armstrong’s moonwalk, Bonavina will shoot Lunar City, the second episode, of the trilogy, sponsored by the Italian Space Agency, the American Studies Center and with the collaboration of Nasa. The film’s trailer was released at this year’s Film Festival, along with our Venezia made in Veneto issue. How did “cohabitation” with astronaut Paolo Nespoli go during the shooting of the first Expedition film? At first, I had a hard time convincing Paolo Nespoli to cooperate. He believed it was impossible to describe the whole training in a 52-minute film. Then, during the shooting, he realized what I was trying to do: let as many people as possible learn in a simple way about the hard work and challenges behind a space mission. Eventually, Paolo Nespoli helped us through the most difficult situations and we were able 52 Venezia | made in Veneto

to film some truly exclusive scenes. How was the idea of this trilogy developed? From the broadcast programming which the Italian Space Agency is working on to celebrate some major events: the latest mission by Paolo Nespoli, the 50th anniversary of the first Moon Landing and the ambitious ExoMars program aimed at searching for life on Mars. What is this second episode about? It shows what life on the Moon could be like, like in a science fiction film, but it’s actually real. What have you discovered working on this new documentary film? I was not born yet when the first Moon Landing took place, so I was unable to experience such an exciting moment, but when I watched Nasa’s archive images, when I listened to the full audio recording of the talks between Armstrong and Houston’s Mission Control and by seeing how Nasa is getting ready for the future, I experienced that same excitement. And I’m intrigued by the idea that one day space will be a habitable place, by travelling back and forth from Earth. I like to think of space as the highway of the future.

Fu presentato proprio a Venezia, durante la scorsa edizione della Mostra del Cinema: Expedition, il primo docufilm dedicato a una missione spaziale, opera della regista Alessandra Bonavina, che ha ripreso tutte le fasi di preparazione per il lancio e la permanenza degli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Nel 2019, a 50 anni dallo sbarco sulla Luna di Armstrong, girerà Lunar City, secondo episodio della trilogia, realizzato con il patrocinio dell’Agenzia Spaziale Italiana, del Centro Studi Americani e in stretta collaborazione con la Nasa. Il cui trailer è stato presentato durante questa edizione della Mostra del Cinema, insieme alla nostra rivista Venezia made in Veneto. Come è andata la ‘convivenza’ con l’astronauta Paolo Nespoli durante le riprese del primo ‘Expedition’? Non è stato semplice convincere Paolo Nespoli a essere collaborativo. Riteneva fosse impossibile riuscire a raccontare tutto l’addestramento in soli 52 minuti. Poi, nel corso delle riprese, ha capito la mia intenzione: far conoscere a più persone possibile e in modo semplice l’impegno di coloro che lavorano dietro le quinte di una missione spaziale. Alla fine Paolo Nespoli

ci ha aiutato anche nelle situazioni più difficili e siamo riusciti a fare delle riprese veramente esclusive. Da dove è nata l’idea di questa trilogia? Da una programmazione che l’Agenzia Spaziale Italiana sta realizzando per celebrare alcune date importanti: l’ultima missione del nostro Paolo Nespoli, la celebrazione del 50° anniversario dello sbarco sulla Luna e infine la sfida ambiziosa del programma Exomars per trovare le prove dell’esistenza di forme di vita su Marte. E cosa racconterà questo secondo episodio? Faremo vedere come potrebbe essere la vita sulla Luna, come in un film di fantascienza, invece è realtà. Cosa ha scoperto lavorando a questo nuovo docufilm? Non ero nata quando c’è stato lo sbarco sulla Luna, quindi non ho vissuto quel momento emozionante per tutto il mondo, ma vedendo le immagini di archivio della Nasa, ascoltando l’audio integrale tra Armstrong e il centro di controllo di Houston e vedendo come la Nasa si sta preparando al futuro, ho provato quell’emozione. E mi affascina pensare che un giorno lo spazio sarà un luogo dove si potrà vivere, facendo avanti e indietro dalla Terra.


Above: Alessandra Bonavina, film director of the trilogy Below: two suggestive space images Venezia | made in Veneto 53


Michele Riondino, young but already established actor, is the ‘MC’ of the latest edition Venice Film Festival (ph. Alessandro Albert) 54 Venezia | made in Veneto


cover story

Venice and me IO E VENEZIA text Giovanni Bogani

Michele Riondino, host of the 75th Venice Film Festival, speaks of his magical relationship with the city Il padrino della 75esima Mostra del Cinema, Michele Riondino, parla del suo rapporto magico con la città Michele Riondino has the mild face of a nice young man, and is much closer to adolescence than his almost forty years would have us think. His face has appeared in the most interesting Italian films for the past ten years. He’s worked with Marco Risi, Mario Martone, Marco Bellocchio and the Taviani brothers. On television, he’s played Italy’s best-loved police inspector in the prequel series The Young Montalbano. On the evening of 29 August he hosted the inauguration of the 75th Venice Film Festival, as “MC” of Italy’s most important film event. But, as we’ll see, Riondino has always had extremely close ties with the city. Is there a particular place in Venice you’re especially attached to? There are plenty, and none of them are tourist sites. My first major film, Dieci inverni, was made in Venice. But not the Venice of postcards, pigeons and cafés. Where was the film shot? In the most secret and fascinating Venice - among narrow streets and chilly mists, in the freezing surroundings of winter on the lagoon. I’ve come to know places where you’re alone with yourself, in silence except for the sound of water. That’s the Venice I love. Let’s get back to the present. You were the first star of this year’s Film Festival… Ah yes, when you put it that way, it’s great! (He laughs) It really was a gift from the festival’s president Paolo Baratta and artistic director Alberto Barbera. I think it’s interesting that a male actor was chosen as the festival’s Master of Ceremonies for the second year in a row. It’s an unusual choice that goes against the tide, breaking the established pattern. But it will be just as good when we have a female host again. What were the main points of your opening address? I wanted to celebrate our profession with the people who do this job at the highest level, and remember those who have

Michele Riondino ha una faccia gentile da bravo ragazzo, molto più vicina all’adolescenza di quanto facciano pensare i suoi quasi quarant’anni. Da più di dieci anni il suo volto appare nel cinema italiano più interessante. Ha lavorato con Marco Risi, con Martone, con Bellocchio, con i fratelli Taviani. In televisione ha interpretato il prequel del commissario più amato d’Italia, nella serie Il giovane Montalbano. La sera del 29 agosto, è stato lui a inaugurare la 75° Mostra del cinema di Venezia, nel ruolo di ‘padrino’ della manifestazione cinematografica più importante d’Italia. E a Venezia, come vedremo, Riondino è legatissimo, da sempre. C’è un luogo di Venezia al quale è più legato? Molti, tutti sono luoghi non turistici. Il mio primo film importante, Dieci inverni, l’ho girato a Venezia. Ma non in quella delle cartoline, dei piccioni, dei caffè. Dove avete girato quel film? Nella Venezia più segreta e affascinante, quella delle piccole calli, delle nebbie invernali, delle atmosfere raggelate dell’inverno in Laguna. Ho conosciuto angoli nei quali sei solo con te stesso, in silenzio, col rumore dell’acqua. È quella la Venezia che amo. Arriviamo al presente. È stato lei il primo protagonista della Mostra del cinema, quest’anno… Beh, messa così, è una cosa molto bella! - ride. È stato proprio un regalo, da parte del presidente Baratta e del direttore Barbera. Mi sembra interessante il fatto che sia stato scelto per la seconda volta, come ‘cerimoniere’ del Festival, un attore uomo. È una scelta in controtendenza, insolita, che dà modo di rompere schemi antichi. Ma sarà altrettanto bello, quando si tornerà ad avere una madrina donna. I punti salienti del suo discorso inaugurale? Ho voluto celebrare la nostra professione, davanti a chi questa professione la fa a livelli altissimi, ricordando chi ha reso l’Italia speciale dal punto di vista cinematografico. Per esemVenezia | made in Veneto 55


cover story

made Italy special in terms of film. Mario Monicelli, for example, one of the fathers of Italian comedy; and then there are actors who have meant so much to me and for everyone in Italy. Mastroianni, Volonté… and artists like Edward Hopper, whose paintings resemble film sets. Italian cinema today is having a hard time. Revenues are down, it’s very difficult to get through to audiences. What’s your view of this period? If you ask me, the Italian film industry is already starting its recovery. If you think about it, sales at the box office have never rewarded quality. And I’m extremely optimistic about Italian film: while ten years ago there was a lack of stories, now we have fantastic stories, exciting young directors and great actors. What’s missing in the Italian film industry is the risk that producers - and especially distributors - need to take. Are there any Italian films that have pleasantly surprised you recently? Gabriele Mainetti’s film They Call Me Jeeg, but also Matteo Rovere’s Italian Race and films by Andrea De Sica and Pietro Marcello. The Venice Film Festival has brought you luck: your first film, Dieci inverni, was screened here, as was Stefano Mordini’s Acciaio and Saverio Di Biagio’s Qualche nuvola… That’s true. For one reason or another, all the films I’ve made have come to Venice! But my relationship with the city began earlier: I’m crazy about queues. I’ve always liked going to festivals, standing in line… and when I started coming here as an actor, I never stopped queueing up to see the films! Waiting in a queue is a way of understanding the mood of the festival, finding out what people are thinking, what the film you’re going to see will be like. Which films are you working on now? A film by Marco Danieli, a musical. It’s a theatre version of The Master and Margarita which will debut in September at the Stabile dell’Umbria. Then next year there’s Antonello Grimaldi ’s comedy Restiamo amici, the story of three friends. I play a young father who has to come to terms with losing his partner. You’re a dad in real life too. How’s that going? Frida’s four, and she’s changed my life. These days I see the future through her eyes. The future’s important to me because it has to accommodate another life, not just my own. When Frida came along, I thought ‘there’s a stranger in the house’, but she must have thought ‘who’s this, in my home?’, and she was completely justified! And what does a four-year-old do? Frida’s already a dancer, a singer, a make-up artist and a director, all rolled into one. What do you want for her? How would you like to see her in the future? I just want her to be happy. Only that.

pio Mario Monicelli, uno dei padri della commedia all’italiana, e poi attori che hanno rappresentato moltissimo per me e per tutta l’Italia. Mastroianni, Volonté… E artisti come Edward Hopper, con i suoi quadri che sembrano inquadrature cinematografiche. Oggi il cinema italiano vive un momento difficile. Pochi incassi, una grande difficoltà di arrivare al pubblico. Come vede questo momento? Penso che il cinema italiano stia già cominciando la sua ripresa. Gli incassi al botteghino, a pensarci bene, non hanno mai privilegiato la qualità. E io sono molto ottimista per quanto riguarda il cinema italiano: se fino a dieci anni fa mancavano le storie, oggi abbiamo storie bellissime, registi giovani e intraprendenti, attori bravi. Quello che manca al cinema italiano è il rischio che i produttori, e soprattutto i distributori, devono correre. Ci sono film italiani che la hanno piacevolmente sorpreso negli ultimi tempi? Il film di Gabriele Mainetti, Lo chiamavano Jeeg Robot, ma anche Matteo Rovere con Veloce come il vento, Andrea De Sica, o Pietro Marcello. La Mostra del cinema di Venezia le ha portato fortuna: il suo primo film, Dieci inverni, era alla Mostra. E così Acciaio di Stefano Mordini, e Qualche nuvola di Saverio Di Biagio… E’ vero. Per un motivo o per l’altro, tutti i film che ho fatto sono andati a Venezia! Ma il mio rapporto con Venezia nasce prima: io sono un appassionato di file, di code. Mi è sempre piaciuto seguire il festival, farmi le file… quando ho cominciato ad andarci come attore, comunque non ho mai smesso di fare le file per vedere i film! Fare le file è un modo per capire qual è il mood del festival, per capire che cosa ne pensa la gente, come sarà il film che stai per andare a vedere. Quali film sta preparando? Un film di Marco Danieli, un musical. E una versione de Il maestro e Margherita a teatro, che debutta a settembre con lo Stabile dell’Umbria. Uscirà poi l’anno prossimo la commedia di Antonello Grimaldi Restiamo amici, la storia di tre amici. Io sono un giovane padre che deve fare i conti con la perdita della compagna. Nella vita, invece, c’è il suo impegno di padre. Come lo vive? Frida ha quattro anni, e mi ha cambiato la vita. Ora il futuro lo vedo con gli occhi di Frida. Il futuro è importante per me perché deve accogliere un’altra vita, più che la mia. Quando è arrivata Frida, io ho pensato ‘è arrivata un’estranea in casa’, ma anche lei avrà pensato: ‘chi è questo qui, in casa mia?’. E ne aveva tutto il diritto! Che cosa fa una bimba a quattro anni? Frida è già una ballerina, una cantante, una truccatrice, un’attrice e una regista, tutto insieme. Cosa desidera per lei? Come la vorrebbe, in futuro? Vorrei solamente che fosse felice. Solo questo.

In the most secret and fascinating Venice I’ve come to know places where you’re alone with yourself, in silence

56 Venezia | made in Veneto


Above: Michele Riondino in a scene of the prequel TV series ‘The Young Montalbano’ Below: the Italian actor in the TV movie ‘La mossa del cavallo’ taken from a novel by Andrea Camilleri ( ph. Fabrizio Di Giulio) Venezia | made in Veneto 57


REVAMPED WINTER

A MARATHON IN THE HEAT BELOW DECK. WINTER TAKES ON BRIGHT AND MERRY HUES DICTATED BY NEW STREET-STYLE AND REVOLUTIONARY FEMINISM Marta Innocenti Ciulli | Ph. Sara Mautone | Make up and hair Rossana Luzzi


PRADA Thick tweed wrap-over skirt and heavy loose-fitting jacket with nylon lining and details. Paired with a Norwegian sweater, contrasting tulle slip Shoes Prada Socks Prada Bag Prada


aaaaaa

SPORTMAX Midi dress with bodice in technical fabric and sporty details and silk flared skirt under a blue straight-cut coat with visible stitching. Sock boots Sportmax Belt bag Sportmax


CHRISTIAN DIOR Suit with midi skirt and pepper-and-salt tweed jacket with tuxedo collar under a pencil coat. Hat Christian Dior


DOLCE & GABBANA Wide-legged pants with high cuff and front pleating paired with a loose-fit crew-neck sweater Shoes Miu Miu Plush backpack Dolce & Gabbana


MARNI 3/4-length trapezoidcut loose-fitting printed technical fabric jacket, flared midi skirt and long-sleeved mock neck sweater Sandals Marni Knee socks Gallo


LOUIS VUITTON Wrap coat with contrasting leather-trimmed hood and mini crocodile-like leather skirt Mock neck Calvin Klein x Luisaviaroma Knee socks Gallo Sneakers Louis Vuitton


FENDI Mermaid-style dress in technical fabric with boat neck, slits with pleated chiffon details and woolen cuffs under an oversized coat with small mink fur collar Belt Fendi Loafers Christian Dior Knee socks Gallo


ERMANNO SCERVINO Loose-fitting tartan coat with flap pockets over a long lace and organza skirt and men’sstyle shirt. Knee socks Gallo Sneakers Louis Vuitton


MIU MIU Leather men’s-style shirt, woolen fringed collar. Heavy loose-fit tweed jacket with corolla collar


BOTTEGA VENETA BouclĂŠ wool coat-cardigan with pockets and frayed sleeve hems over an organza dress with pleated bodice and flounced skirt. Knee socks Gallo Sneakers Louis Vuitton


4 MONCLER SIMONE ROCHA Loose-fit embossed-fabric flounced skirt paired with a white blouse with contrasting lace collar and an X-hot parka jacket with flounces, pearls and fur. Hat Moncler x Luisaviaroma Boots Moncler


ght Shine your li on me I DI TE

ILLUMINAM

Unique new inspirations to embellish the new sophisticated art of jewelry: layering, abundance, asymmetric volumes, decor, geometric style, brooches and big rings ... For you, just a little taste Nuove inedite suggestioni per impreziosire una nuova raffinata arte del gioiello: stratificazione, abbondanza, volumi asimmetrici, decor, stile geometrico, spille e grandi anelli‌ Per voi, solo un piccolo assaggio

1

2

3

4

5

1. Chopard 2. Pomellato 3. Vhernier 4. Roberto Coin 5. Gucci High Jewelry 6. Bulgari 70 Venezia | made in Veneto


fashion jewels

6 Venezia | made in Veneto 71


must have shoes

2 1

Breaking news about the height of style. This winter, you create your own fashion, starting with a few small must-have items: ankle boots, futuristic sneakers, unpredictable colors 6 7

3

5 8

4 6

Shoes that make you feel good SCARPA CHE TI PASSA

by Sabrina Bozzoni 1. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 2. Chanel - Calle Larga XXII Marzo, 2070a - Venezia 3. Miu Miu - San Marco, 1471 - Venezia 4. Coach - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 5. Hermès - Piazza San Marco, 1292 - Venezia 6. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 7. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia 8. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 72 Venezia | made in Veneto


must have accessories

2 1

A world without accessories? How boring... To banish this word, here’s a rundown of ‘useless must-haves’ for this winter, all worth trying 6 7

3

5 8

4 6

Again and again and again ANCORA, ANCORA, ANCORA

by Sabrina Bozzoni 1. Miu Miu - San Marco, 1471 - Venezia 2. Maison Dellaluna - San Marco, 1312 - Venezia 3. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 4. Hermès - Piazza San Marco, 1292 - Venezia 5. Dolce & Gabbana - Calle Larga XXII Marzo, 2188 - Venezia 6. Valentino - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 7. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 8. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia Venezia | made in Veneto 73


must have man

2 1

Metropolitan hints echo in a new masculine look designed with the traits of a new elegance, never banal, never predictable, always contemporary 6 7

3

5 8

4 6

Planet of Man PIANETA UOMO

by Sabrina Bozzoni 1. Boggi Milano - San Marco, 1744 - Venezia 2. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia 3. Faliero Sarti - at L’O-FT - San Marco, 4773 - Venezia 4. Hermès - Piazza San Marco, 1292 - Venezia 5. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 6. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 7. Valentino - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 8. Ermenegildo Zegna - Bocca di Piazza, 1241 - Venezia Venezia | made in Veneto 75


In these photos: stylist Rocco Iannone (top right) and some of his creations 76 Venezia | made in Veneto


fashion interview

Fashion and sin MODA E PECCATO text Luciana Boccardi

Rocco Iannone, the young creative director at Pal Zilieri, inspired by the Seven Deadly Sins Rocco Iannoni, giovane direttore creativo di Pal Zilieri, si ispira ai sette vizi capitali It’s impossible to talk about Rocco Iannone without mentioning his homeland, Calabria, the region that inspired Gianni Versace, son of Magna Graecia, and marked the young stylist with the indelible traces of a “method,” a humanistic search for the signs that characterize man and woman. This includes the Seven Deadly Sins – wrath, envy, gluttony, lust, sloth, greed and pride – the positive and negative of which, human all the same, the designer has channelled as messengers of his thoughts. “I always start with the concept of territory,” says Rocco Iannone, who appeared almost suddenly in the world of “newcomers” after an important period spent with the fashion industry’s top studios and teams (the most demanding being Giorgio Armani, in the menswear department). This declaration by the current creative director of the Made in Veneto brand Pal Zileri bears the strength and will of a cultural force that finds its reasoning in the mindset of Iannone’s famous compatriot; but it also conveys a sensual approach to the art of attiring that Iannone has instilled with his own personal, intriguing interpretation of the Seven Deadly Sins. Born in Catanzaro 34 years ago, Rocco Iannone always felt the “calling” of beauty, elegance, “finesse,” as he says, and was certain that form, which represents the first and last objective of fashion, can draw its vital energies, colours and allure from looking closely at the personality of who will wear the pieces. His is a subtle and winning psychological study that the designer explores whenever he selects the materials for his menswear pieces, with an illusory female presence playing hide-and-seek along the way. One such example is Pal Zileri’s 2019 Spring/ Summer collection, which boasts fantastic Rubelli textiles, a Venetian artisan brand established in the late 19th century, now in its 5th generation: lampas, damask and soprarizzo velvet are even used to create accessories, like the Tazio backpack. It’s no coincidence that today this compatriot of Gianni Versace is considered one of the most popular emerging stylists in the world of fashion.

È impossibile parlare di Rocco Iannone senza risalire alla sua terra, quella Calabria che ha dato l’impronta a Gianni Versace, uomo della Magna Grecia, e che a questo giovane stilista ha consegnato tracce incancellabili di un ‘modo’, una ricerca umanistica dei segni che caratterizzano un uomo o una donna. Compresi quei vizi capitali - ira, invidia, gola, lussuria, accidia, avarizia, superbia - che in versione positiva e negativa, comunque umana, lo stilista ha invocato come messaggeri del suo pensiero. “Io parto sempre dal concetto del territorio” - dichiara Rocco Iannone, apparso quasi improvvisamente nell’agone degli ‘arrivati’ dopo una importante routine presso laboratori ed èquipes di prestigio (la più impegnativa quella di Giorgio Armani, per il settore maschile). In questa dichiarazione dell’attuale direttore creativo del brand made in Veneto Pal Zileri, c’è la forza e la voglia di un affondo culturale che trova ragione nel pensiero del suo celebre conterraneo, ma anche l’approccio sensuale nell’arte del vestire che Iannone ha affidato a una personale, intrigante, lettura dei sette vizi capitali. Nato a Catanzaro 34 anni fa, Rocco Iannone avvertì fin dall’adolescenza la ‘chiamata’ della bellezza, della raffinatezza, “della gentilezza” - precisa lui - certo che la forma, che rappresenta il fine primo e ultimo della moda, può trarre energie vitali, colori e suggestioni da un approfondimento del carattere di chi dovrà indossarla. Un studio psicologico sottile e vincente che lo stilista affronta anche con la selezione di materiali per la sua moda maschile, nella quale una fantasmatica presenza femminile gioca a rimpiattino. Un esempio, la presenza nella collezione Pal Zileri P/E 2019 dei fantastici tessuti Rubelli, eccellenza artigianale veneziana nata a fine Ottocento, oggi alla quinta generazione: lampassi, damaschi, soprarizzi usati anche per gli accessori, come lo zainetto Tazio. Non è per caso che oggi di questo conterraneo di Gianni Versace si parli come di uno degli stilisti emergenti più gettonati. Venezia | made in Veneto 77


Burano, inhabited since the Roman era 78 Venezia | made in Veneto


Native Venice VENEZIA NATIVA

text Federica Repetto photo Matteo Bertolin

Venezia | made in Veneto 79


The island is a faumous centre of needle lace production 80 Venezia | made in Veneto


Burano

Moving between Murano, Burano and Torcello isn’t Spostarsi tra Murano, Burano e Torcello, non rappresenthe only “water itinerary” in the city. It’s equally fasci- ta il solo e unico ‘itinerario d’acqua’ della città. Altrettannating to get lost on the other wonderful islands that to affascinante è perdersi su altre meravigliose isole, che make this lagoon one of the most magical places in the rendono questa laguna uno dei luoghi più magici al monworld. This includes Certosa, which is coming back to do. Tra queste la Certosa, che rivive grazie a un progetto life thanks to a redevelopment project that has allowed di riqualifica che ha permesso l’apertura di un porticciolo for a small port to be opened that can welcome high- in grado di accogliere megayacht con elevati pescaggi e draught mega yachts, as well as a shipyard un cantiere nautico che impiega maestranze with workers specialized in the labour and specializzate nel settore delle imbarcazioni recreational boating industry. San Servolo, da lavoro e da diporto. San Servolo, già anpreviously a Benedictine convent transtico convento benedettino trasformato per accogliere un tempo strutture ospedaliere di formed to house hospital buildings of various kinds, is now a key convention centre Wonderful vario genere, è ora uno tra i principali centri e sede della Venice Internatioand headquarters of Venice International islands that congressuali University. Nearby is the Armenian Island, nal University. Poco distante si vede l’isola make this degli Armeni la cui storia si intreccia con whose history is closely connected with the history of the Armenian community here, lagoon one quella del popolo armeno attraverso il chiowith a porticoed cloister at the 19th-centuof the most stro porticato del convento ottocentesco, la ry convent, a Gothic church and a refectory d’impianto gotico ed il refettorio che magical places chiesa conserving paintings by Palma the Younger, conserva pitture di Palma il Giovane, Gaspain the world re Diziani e Giovan Battista Langetti. Si ragGaspare Diziani and Giovan Battista Langetti. Privately, you can reach the islands of Sacca Sessola giungono invece privatamente le isole di Sacca Sessola e and San Clemente, a former psychiatric hospital for San Clemente, ex manicomio femminile. A Sacca Sessola women. On Sacca Sessoa, a refreshing, Mediterranean si respira una brezza fresca e benefica, già mediterranea breeze blows across the island, which has stimulated nel gioco delle correnti, che ha stimolato la crescita di the growth of rare plants in Venice, as well as the con- piante rare a Venezia, e la conservazione di un ulivo censervation of a veteran olive tree. This beneficial wind is tenario, e che ha suggerito la creazione, agli inizi del Noeven at the root of a clinic for respiratory problems that vecento, di una clinica per le vie respiratorie. Venezia | made in Veneto 81


Armenian Island

opened in the early 1900s. The island is a place full of Si presenta come un luogo carico di energia positiva e vipositive energy and unforgettable views of the lagoon sta indimenticabile sulla laguna grazie a JW Mariott Venithanks to the JW Mariott Venice Resort & Spa, which ce Resort & Spa che l’ha rinominata l’Isola delle Rose. È nicknamed the land Rose Island. While Permak bought invece il gruppo Permak che ha acquistato San Clemente, San Clemente, 62,000 square metres in size and home un’area di 62mila metri quadri che comprende oggi l’hoto the 5-star hotel San Clemente Palace Resort. tel a cinque stelle San Clemente Palace Resort. The fame of Murano and Burano is surely steeped in Alla base della notorietà di Murano e Burano c’è sicuramente una spiegazione storica: le prime due history: the two islands, known for their isole, caratterizzate dai mestieri del vetro e glass and lace productions, have been kept del merletto, si sono mantenute attive attraactive over the centuries. The third island, Torcello, despite only recently being inhab- The Armenian verso le varie epoche; alla terza, Torcello, sebited by a few dozen people, is where the ori- Island, whose bene abitata oggi da poco più di una decina gins of Venice can be found, along with one abitanti, si possono ricondurre le origini history is di of the oldest religious complexes in Europe. di Venezia e si può ammirare qui uno dei più closely antichi complessi religiosi d’Europa. A MazMazzorbo, connected to Burano by a woodconnected en bridge, is home to Venissa, a historic, zorbo, collegata a Burano con un ponte di walled vineyard recovered by the Bisol famwith the legno, si trova Venissa, antica vigna murata ily. Lastly, the island of San Michele is frohistory of recuperata dalla famiglia Bisol. Ed infine sozen in time, one of the most evocative places nel tempo è l’isola di San Michele, uno the Armenian spesa permeated with pure silence, where visitors dei luoghi del silenzio più suggestivi, dove è community possibile rendere omaggio a molti personagcan pay tribute to many illustrious figures: Franz Wickhoff (art historian), Emilio Vedova (paint- gi illustri: Franz Wickhoff (storico dell’arte), Emilio Vedova er), Armando Pizzinato (artist); Helenio Herrera (Inter (pittore), Armando Pizzinato (artista); Helenio Herrera (alcoach), Ezra Pound (poet), Sir Ashley Clark (British am- lenatore dell’Inter), Ezra Pound (poeta), Sir Ashley Clark bassador and president of the Venice in Peril Fund), Jo- (ambasciatore britannico e presidente di Venice in Peril seph Brodsky, who dedicated his book Canalbank of the Fund), Josif Brodsky che a Venezia ha dedicato il libro FonIncurables to Venice, Igor Stravinsky (composer) and the damenta degli Incurabili, Igor Stravinsky (compositore) ed infine al creatore dei Ballets Russes: Sergeij Diaghilev. creator of the Ballets Russes, Sergeij Diaghilev. 82 Venezia | made in Veneto


Muranoiis now home to the Glass Museum, which conserves important pieces of glasswork Venezia | made in Veneto 83


A view of Venissa from above (ph. Nevio Doz)

MURANO MURANO The island has ancient origins stretching back to the Ha origini antiche, risalenti all’epoca romana, e crebbe nel Roman era, and it grew throughout the centuries as a corso dei secoli come centro commerciale fino ad ottenere, commercial centre, finally achieving special honours and con l’instaurarsi del monopolio dell’arte vetraria, onori e privileges from the government of the Republic of Venice privilegi speciali dal governo della Repubblica di Venezia. when glass production was established on the island. At Alla fine del Xlll secolo un decreto, a causa del rischio di the end of the 13th century, because of dangerous fires, pericolosi incendi, stabilì che le fornaci si spostassero da a decree mandated that the kilns be moved Venezia a Murano. Il consolidamento dell’anfrom Venice to Murano. The stabilization of tica tradizione fece la grande fortuna del vethis ancient tradition ensured the popularity tro veneziano in Europa, soprattutto nel XVI Moving secolo, quando dalle fornaci muranesi usciof Venetian glass in Europe, especially in the 16th century, when Murano’s kilns produced between rono le più sorprendenti invenzioni tecniche the most surprising technical and artistic inMurano, ed artistiche, frutto di una sperimentazione ventions, the result of constant experimenche arrivò a creare, tra tutti, il Burano and incessante, vetro-cristallo, leggero, trasparente, quasi imtation, culminating in the creation of crystal Torcello is palpabile. Palazzo Giustinian, con facciata baglass, delicate, transparent and nearly weightless. Palazzo Giustinian, boasting a Baroque a fantastic rocca, antica sede vescovile, è oggi la sede del façade and historically used as the bishop’s ‘water Museo del Vetro che raccoglie importantissipalace, is now home to the Glass Museum, testimonianze della lavorazione del vetro itinerary’ me which conserves important pieces of glasse le rarità di alcune collezioni. in the city BURANO work, as well as many rarities. BURANO Abitata già in epoca romana raccolse i profughi dell’anInhabited since the Roman era, the island once welcomed tica Altino dei Latini e visse “sottotono” fino all’affer“humble” refugees from Altinum, and in the 16th century, marsi, nel XVI secolo, della lavorazione del merletto ad it became a centre of needle lace production, the island’s ago, che divenne la principale attività dell’isola. La sua main activity. Its “fortune” was in an artisan creation based “fortuna” coincise con un prodotto artigianale basaon original designs and stiches that were unrivalled in all of to su un’originalità di disegni e di “punti” senza pari in Europe, leading Burano’s women to make laces even for various Europa, che portarono le donne buranelle a confezio84 Venezia | made in Veneto


1

2

4

3

1. Island of San Michele 2. Venissa, a historic walled vineyard 3. 5. Murano 4. Burano

5 Venezia | made in Veneto 85


Torcello, a bedrock along a canal that winds through fields and passes by just a few houses 86 Venezia | made in Veneto


Torcello

queens. In piazza Galuppi, not only is there the 16th-century nare merletti anche per le regine. Nella Piazza GalupCathedral of San Martino, with its bell tower that stands out pi non troviamo solo il cinquecentesco Duomo di San against the surrounding Lagoon thanks to its considerable Martino con il campanile che spicca sulla Laguna cirheight and marked lean, but there’s also the famous Lace costante per la sua notevole altezza e per l’accentuata Museum and School, which hosts embroiderers seeking to pendenza, ma anche il celebre Museo e Scuola dei Mercarry on and propagate the high quality of Burano’s lace. letti che ospita le ricamatrici, che cercano di manteneTORCELLO re e divulgare l’altissima qualità del merletto di Burano. A long bedrock accompanies the route of a caTORCELLO nal that winds through fields and passes by just Una lunga fondamenta accompagna il percorThe so di un canale snodandosi tra campi e poche a few houses before arriving at a clearing that Cathedral of case, fino ad arrivare ad uno slargo che conleads to the main piazza on Torcello. The brief journey to the island’s churches leads by the Santa Maria duce alla piazza di Torcello. Il breve itinerario famous devil’s bridge, a single-arch construcAssunta in che si compie per arrivare alle chiese passa tion made without railings and with a few wide al famoso ponte del diavolo, senza Torcello is accanto stairs, as well as a couple of inns, some houses parapetti su bassa arcata e con pochi, larghi worth a visit, gradoni, alcune locande, poche case ed un and another bridge, finally coming to the main piazza, home to a large, marble chair known as perhaps ponte, per trovarsi nella piazzetta, di fronte the Carega de Atila, or Atilla’s Throne, perhaps the oldest ad una grossa seduta in marmo chiamata la the seat from which the local authorities would de Atila, cioè trono di Attila, forse il building in carega administer justice in the past. The two small, seggio da cui, in passato, l’autorità locale amVenicee ministrava la giustizia. I due palazzetti gotici Gothic palaces that sit opposite the churches, headquarters of the historic government, Palazzo dell’Ar- che fronteggiano le chiese, sedi dell’antico governo, il Pachivio, are flanked by a portico that conserves funerary lazzo dell’Archivio sopravvivono accanto ad un portico che niches and various fragments from the Roman era, most of raccoglie edicole funerarie e vari frammenti d’epoca romawhich come from Altinum. Without a doubt, the Cathedral na, per la maggior parte provenienti da Altino. Senz’altro of Santa Maria Assunta is worth a visit, perhaps the oldest meritevole di una visita è la Cattedrale Santa Maria Assunbuilding in Venice, preceding the Basilica of San Marco by a ta, forse il più antico monumento veneziano, precedente di good two centuries. ben due secoli la stessa Basilica di San Marco. Venezia | made in Veneto 87


Jacopo Tintoretto, Autoritratto, Philadelphia Museum of Art


art exhibition

Unconventional ANTICONFORMISTA text Francesca Lombardi

500 years after his birth, Venice celebrates its most illustrious interpreter: Tintoretto. The major exhibition at Palazzo Ducale A 500 anni dalla nascita, Venezia celebra il suo interprete supremo: Tintoretto. La grande mostra di Palazzo Ducale

He amazed his contemporaries, impressed El Greco, Rubens and Velásquez, anticipated the perceptions of the artists of his day in many ways, and now, 500 years after his birth, Tintoretto once again charms the public during anniversary celebrations that all of Venice is dedicating to him starting in September. An extraordinary monographic exhibition about the artist at Palazzo Ducale, running until January 5 (Tintoretto 1519 -1594), focuses on the most fruitful period of his career, from the mid-1540s to his final days, while at the same time, the Gallerie dell’Accademia is hosting Young Tintoretto, highlighting masterpieces from the first decade of his career. In the rooms of the Doge’s Apartment, inside Palazzo Ducale, Tintoretto is the protagonist of a major exhibition promoted by the Fondazione Musei Civici and the National Gallery of Art in Washington, in collaboration with the Gallerie dell’Accademia, with a contribution by Save Venice Inc. and backing by Louis Vuitton: 50 paintings and 20 signed drawings by Tintoretto, on loan from some of the biggest international museums, are brought together alongside the famous cycles made for the Doge’s palace between 1564 and 1592. The comprehensive display allows visitors to fully examine the unconventional painting style of Jacopo Robusti, who defied the steadfast tradition embodied by Titian. The exhibition at Palazzo Ducale is curated by Robert Echols and Frederick Ilchman, who for years have focused their research on creating a complete catalogue of Jacopo’s works. Son of a dyer, Jacopo used the entire range of pigments available in Venice at the time, becoming the city’s most illustrious interpreter in every genre, from religious painting to large-scale depictions of historic episodes to portraiture and profane and mythological themes.

Ha stupito i suoi contemporanei, impressionato El Greco, Rubens e Velásquez, anticipato per molti versi la sensibilità di artisti contemporanei e ora, a 500 anni dalla nascita, Tintoretto torna ad affascinare il pubblico in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla nascita che tutta Venezia gli dedica, a partire da settembre. Una straordinaria monografica sull’artista a Palazzo Ducale, fino al 6 gennaio (Tintoretto 1519 - 1594) centrata sul periodo più fecondo della sua arte - dalla piena a affermazione, verso metà degli anni Quaranta del Cinquecento, fino agli ultimi lavori - e in contemporanea una grande mostra alle Gallerie dell’Accademia di Venezia (Il giovane Tintoretto) dedicata ai capolavori del primo decennio di attività. Nelle sale dell’Appartamento del Doge a Palazzo Ducale, Tintoretto è protagonista di un grande progetto espositivo, promosso dalla Fondazione Musei Civici congiuntamente con la National Gallery of Art di Washington, con la collaborazione delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, il contributo di Save Venice Inc. e il sostegno di Louis Vuitton: 50 dipinti e 20 disegni autografi di Tintoretto, prestati dai grandi musei internazionali, si uniscono ai famosi cicli realizzati per il palazzo dei dogi tra il 1564 e il 1592. L’esposizione con un percorso a tutto tondo permette di riscoprire pienamente la pittura non convenzionale di Jacopo Robusti che seppe sfidare la tradizione consolidata incarnata da Tiziano. A curare la mostra di Palazzo Ducale Robert Echols e Frederick Ilchman, che da anni hanno concentrato le loro ricerche sulla definizione del catalogo complessivo dell’opera di Jacopo. Figlio di un tintore, Jacopo usava l’intera gamma dei pigmenti disponibili nella Venezia del tempo, riuscendo a diventare supremo interprete in tutti i diversi generi: da quelli religiosi ai grandi dipinti Venezia | made in Veneto 89


Jacopo Tintoretto, Ratto di Elena, Madrid, Museo Nacional del Prado

The exhibition boasts an extensive anthology of his works di storia, dalla ritrattistica ai temi profani e mitologici. In thanks to loans by important museums throughout the mostra un’ampia antologia dei suoi lavori grazie ai prestiti world, as well as some prestigious private collections; this da importanti musei di tutto il mondo e da alcune prestiincludes museums in London - like the National Gallery, giose collezioni private: dai musei di Londra - come la Nawhich loaned The Origin of the Milky Way (1575), the Roy- tional Gallery da cui arriva anche L’origine della Via Lattea al Collection, the Victoria and Albert Museum and the (1575), la Royal Collection, il Victoria and Albert Museum, Courtauld Gallery - Paris, Ghent, Lyon, Dresden, Otterlo, la Courtauld Gallery – ma anche da Parigi, Gand, Lione, Prague and Rotterdam. The Prado in Madrid Dresda, Otterlo, Praga, Rotterdam. Dal Prais loaning five extraordinary works, including do di Madrid giungono a Venezia cinque opeJoseph and the Wife of Potiphar (c. 1555), Judith re straordinarie, comprese Giuseppe e la moglie and Holofernes (1552-1555) and The Rape of Heldi Putifarre (1555 circa), Giuditta e Oloferne Son of a (1552-1555) e Il ratto di Elena (1578) di oltre ena (1578), over three metres long and painted for the court of the Gonzaga family. Susanna and dyer, Jacopo tre metri di lunghezza, realizzato per la corte the Elders (1578), one of Jacopo’s most celebratGonzaga. Susanna e i vecchioni del 1577, tra used the dei ed works, comes from the Kunsthistorisches i più celebri capolavori di Jacopo, giunge dal entire range Kunsthistorisches Museum di Vienna e, graMuseum in Vienna, and thanks to the Staatliof pigments zie agli Staatliche Museen di Berlino, si può che Museen in Berlin, the exhibition will also have the Portrait of Giovanni Mocenigo (1580), available in vedere in mostra il Ritratto di Giovanni Mocewhich, as part of a rich gallery of portraits, will Venice nigo (1580) che, inserito in una ricca galleria help to demonstrate how Tintoretto, despite ritratti, ci rivela come Tintoretto, a dispetto at the time di what critics once thought, was skilled at interdi quanto la critica riteneva un tempo, fosse preting human psychology. There are also important works anche abile interprete della psicologia umana. E poi imporon loan from the United States, from Chicago to New York, tanti opere dall’America: da Chicago a New York, da PhilaPhiladelphia to Washington. Two self-portraits, opening and delphia a Washington. Emblematici e rivelatori sono i due closing the show, are emblematic and revealing, one execut- autoritratti con cui si apre e si chiude il percorso espositivo, ed at the beginning of Jacopo’s career, the other at the end, eseguiti uno all’inizio e uno alla fine della carriera di Jacopermanently held at the Philadelphia Museum of Art and po e prestati rispettivamente dal Philadelphia Museum of Art e dal Musée du Louvre. the Musée du Louvre, respectively. 90 Venezia | made in Veneto


1

2

3

Some Tintoretto’ artworks 1. La fucina di Vulcano, Doge’s Palace 2. Ritratto di donna in rosso, Kunsthistorisches Museum of Vienna 3. Ritratto di uomo con una catena d’oro, Madrid, Museo Nacional del Prado 4. Deposizione dalla croce, Gallerie dell’Accademia 5. Il doge Alvise Mocenigo presentato al Redentore, The Metropolitan Museum of Art

4

5 Venezia | made in Veneto 91


Dancing with myself, Punta della Dogana 92 Venezia | made in Veneto


Art in the lagoon L’ARTE IN LAGUNA text Francesca Lombardi

Venezia | made in Veneto 93


Cows by the water, Palazzo Grassi 94 Venezia | made in Veneto


art exhibition

Biennale Architettura 2018 Autumn in Venice is dedicated to Tintoretto: for the anniversary celebrations his birth, there’s an extraordinary monographic exhibition about the artist at Palazzo Ducale, running until January 6 (Tintoretto 1519 -1594), focused on the most productive period of his career, held in conjunction with a major exhibition at the Gallerie dell’Accademia, Young Tintoretto, which highlights masterpieces from the first decade of his career and the fruitful environment in which he got his start. Also running until January 6, Palazzo Mocenigo Museum offers a look at 16th-century Venice and beyond, exploring the inspirations behind Tintoretto’s stunning works, painted with an awareness that was at once immensely personal and brilliant, bringing to life a new material strength. Many other prestigious institutions in the city are also celebrating Jacopo, particularly the Scuola Grande di San Rocco, one of the key sites for admiring the Venetian maestro, home to impressive pictorial cycles, and the Patriarchate, with it many churches that still today conserve priceless works by Tintoretto. The support of Save Venice Inc. was fundamental, which over the last two years has supported scientific research and restorations of many of the artist’s masterpieces located in Venice (18 paintings and the maestro’s tomb), allowing the public to admire them in all their splendour, whether they be on display in exhibitions or part of the citywide itinerary organized by the Fondazione Musei Civici in collaboration with the Patriarchate. The Museo Correr is hosting Printing R-Evolution 1450-1500: Fifty Years that Changed Europe, running until January 7. The exhibition documents the impact of the revolution of the printing press on the economic and social development of the first modern Europe. The wonderful 1980s are on display at Ca’ Pesaro until January 23 with Epoca Fiorucci, another intriguing dialogue between fashion and culture, this time focused on the explosive creativity of the celebrated Milanese stylist who passed away in 2015. This year marks the 70th anniversary of the exposition of Peggy Guggenheim’s collection at the 24th Venice Biennale, held in the Greek Pavilion. To commemorate this trend-shattering moment in the history of 20th-century art, the Peggy Guggenheim Collection presents 1948: The Biennale of Peggy Guggenheim, an exhibition-tribute curated by Gražina Subelytė, open until November 25, 2018.

L’autunno veneziano è nel segno di Tintoretto: per le celebrazioni dalla nascita una straordinaria monografia sull’artista a Palazzo Ducale, fino al 6 gennaio (Tintoretto 1519 - 1594) centrata sul periodo più fecondo della sua arte e in contemporanea una grande mostra alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, Il giovane Tintoretto dedicata ai capolavori del primo decennio di attività e al contesto fecondo in cui egli avviò il suo percorso artistico. Sempre fino al 6 gennaio il Museo di Palazzo Mocenigo propone un tuffo nell’universo cinquecentesco, veneziano e non solo e traduce al meglio i motivi ispiratori di quanto Tintoretto comunicava nelle sue tele, con una sensibilità personalissima e geniale tale da dare alla luce una nuova forza materica. Ma sono tante le Istituzioni prestigiose che in laguna, celebrano Jacopo; in particolare la Scuola Grande di San Rocco, uno dei siti cardine dell’attività del Maestro, custode di cicli pittorici imponenti, e la Curia Patriarcale, con le molte chiese che ancora oggi conservano preziose opere di Tintoretto. Fondamentale è stato poi il supporto di Save Venice Inc., che in questi due anni ha sostenuto l’esame scientifico e il restauro di tanti capolavori dell’artista presenti a Venezia (ben 18 dipinti e la tomba del Maestro), consentendo ora al pubblico di ammirarli nel loro splendore, all’interno delle mostre o nel percorso cittadino appositamente predisposto dalla Fondazione Musei Civici di Venezia in collaborazione con la Curia Patriarcale. Al Museo Correr, Printing R-Evolution 1450-1500
I cinquant’anni che hanno cambiato l’Europa, fino al 7 gennaio. La mostra documenta l’impatto della rivoluzione della stampa sullo sviluppo economico e sociale della prima Europa moderna. I meravigliosi anni Ottanta a Ca’ Pesaro fino al 23 gennaio con Epoca Fiorucci, un altro intrigante dialogo tra moda e cultura, questa volta grazie alla pirotecnica del celebre stilista milanese scomparso nel 2015. Nel 2018 ricorre il 70° anniversario dell’esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla XXIV Biennale di Venezia, presso il padiglione greco. Per commemorare questo momento dirompente nella storia dell’arte del XX secolo, la Collezione Peggy Guggenheim presenta 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, mostra-omaggio a cura di Gražina Subelytė, fino al 25 novembre 2018. La partecipazione della collezionista americana alla BiennaVenezia | made in Veneto 95


The solo exhibition by Alber Oehlen, Palazzo Grassi The American collector’s participation in the 1948 Biennale was the first presentation of her collection in Europe, after the New York gallery Art of This Century closed down (1942 – 1947) and Peggy moved to Venice. This extraordinary edition of the international exposition brought together artists like Otto Dix, Karl Hofer and Max Pechstein, Impressionist masterpieces and Peggy Guggenheim’s collection, boasting “non-objective artworks,” to offer examples of every artistic school, from Cubism to Futurism to Dada, Surrealism and Abstract Expressionism. Until early January 2019, Palazzo Grassi is hosting Cows by the Water, the solo exhibition by Albert Oehlen (1954, Krefeld, Germany). The exhibition, curated by Caroline Bourgeois, traces the artist’s production of works made specifically for the spaces inside Palazzo Grassi. The show recreates a syncopated rhythm between various genres, aiming to represent the role of music in Albert Oehlen’s work, a metaphor for his method, in which influences and rhythm, improvisation and repetition, density and harmony of sounds become pictorial gestures. During the same period, Punta della Dogana is hosting Dancing with Myself, which examines the rudimentary importance of self-representation in artistic production from the 1970s to today and the role of the artist as the protagonist and object of the work. There are 32 artists present and represented, including Damien Hirst and Giulio Paolini, as well as self-portraits by Rudolf Stingel, iconic early pieces by Gilbert & George, sculptures by Alighiero Boetti, Urs Fischer, Robert Gober and Maurizio Cattelan and works by Cindy Sherman. If you’re in Venice for one of these exhibitions, don’t forget to visit the Biennale Architettura 2018, running until November 25. 96 Venezia | made in Veneto

le del 1948, fu la prima presentazione della collezione in Europa, dopo la chiusura della galleria newyorkese Art of This Century (1942-’47) e il trasferimento di Peggy a Venezia. In questa straordinaria edizione del ’48 furono presentati artisti come Otto Dix, Karl Hofer e Max Pechstein, capolavori dell’Impressionismo e non ultima la collezione di Peggy Guggenheim con una raccolta di “opere dell’arte non-oggettiva”, con il merito di offrire esempi di tutte le scuole artistiche, dal Cubismo, al Futurismo, e continuare poi con il Dadaismo, il Surrealismo e l’Espressionismo astratto. A Palazzo Grassi fino ai primi giorni del 2019 Cows by the Water, la mostra personale di Albert Oehlen (1954, Krefeld, Germania). La mostra, a cura di Caroline Bourgeois, traccia un percorso lungo la produzione dell’artista concepito appositamente per gli spazi di Palazzo Grassi. L’esposizione ricrea un ritmo sincopato tra i diversi generi, a voler rappresentare il ruolo della musica nella produzione di Albert Oehlen, metafora del suo metodo di lavoro dove contaminazione e ritmo, improvvisazione e ripetizione, densità e armonia dei suoni, diventano gesti pittorici. A Punta della Dogana stesse date per Dancing with Myself che indaga l’importanza primordiale della rappresentazione di sé nella produzione artistica dagli anni ’70 a oggi e del ruolo dell’artista come protagonista e come oggetto stesso dell’opera. Sono 32 gli artisti presenti e rappresentati: Damien Hirst e Giulio Paolini, oltre gli autoritratti di Rudolf Stingel, i lavori iconici degli inizi del duo Gilbert & George, le sculture di Alighiero Boetti, Urs Fischer, Robert Gober e Maurizio Cattelan, le opere di Cindy Sherman … Se siete a Venezia per una di queste mostre, non dimenticate la Biennale dell’architettura fino al 25 novembre.


1

2

3

4

1. 4. Dancing with myself, Cindy Sherman, Punta della Dogana 2.6. Epoca Fiorucci, Cà Pesaro 3. 1948: The Biennale of Peggy Guggenheim, Peggy Guggenheim Collection (Š Fondazione Solomon R. Guggenheim, ph Archivio CameraphotoEpoche) 5. Biennale Architettura 2018 5

6 Venezia | made in Veneto 97


Right above and below two scenes of the film painting ‘Yugen’. Left above, Martha Fiennes (ph. Anthony d’Angio). In the center page: Salma Hayek protagonist of ‘Yugen’ (ph. John Russo) 98 Venezia | made in Veneto


film painting

A special art project UN PROGETTO ARTISTICO MOLTO SPECIALE text Federica Repetto

The participation of Salma Hayek, in collaboration with Palazzo Grassi - Punta della Dogana Il coinvolgimento di Salma Hayek, in collaborazione con Palazzo Grassi - Punta della Dogana Yugen isn’t just a word that belongs to the philosophy of Japanese aesthetics, recalling a deep awareness of the universe, symbolizing its eternal mystery. It’s also the title chosen by Martha Fiennes for her latest creative project: a film painting created using an unprecedented and highly sophisticated IT system. The director went beyond canonical cinematography to experiment with tools made available thanks to digital technology, creating moving images whose rhythm is determined by a calculated and artificially controlled algorithm. The protagonist of Yugen is a statuesque Salma Hayek - an Academy Award nominee, she’s a prolific actress, producer and director, both in cinema and television - who stays aligned even as the scene is in constant movement, a surrounding that transforms according to the principles of Sloimage, of which Martha Fiennes is an absolute pioneer and which allows the images to literally come to life. “I’ve always worked with wide-ranging projects,” explains Martha Fiennes, “like the expansion of the levels of reality. With Yugen, I aim to stimulate an idea, or ideas, that evoke alternate dimensions. My work with moving images develops from the impulse to explore and expand the medium of film. In this case, I break with traditional linearity in film narration and I leave the responsibility of the decision to the machine, to an ideal AI (Artificial Intelligence). The unpredictable nature of the work implies that there’s no fixed length, nor is there a start, middle or end. The spectator is invited to free their mind and expand their awareness.” Salma Hayek is an important presence in the project, a muse and a source of inspiration, capable of entering effortlessly into character, a large-scale icon, a likeness, a sort of pope that stands out against a background in constant movement, creating images that are always different and irresistibly evocative.

Yugen non è solo un termine che appartiene alla filosofia estetica giapponese e che rimanda a una profonda consapevolezza dell’universo simboleggiandone l’eterno mistero. È il titolo scelto da Martha Fiennes per il suo ultimo progetto creativo: un film painting realizzato con un sofisticatissimo sistema informatico che non ha precedenti. La regista si è spinta oltre la cinematografia canonica sperimentando l’impiego dei mezzi messi a disposizione dalla tecnologia digitale, creando immagini in movimento il cui ritmo è determinato da un algoritmo calcolato e controllato artificialmente. Protagonista di Yugen è una statuaria Salma Hayek - nominata agli Academy Award, si è dimostrata attrice, produttrice e regista prolifica, sia per il cinema sia per la televisione - che tiene l’asse di una scena in costante movimento, un intorno che muta secondo i principi dello Sloimage del quale Martha Fiennes è un’assoluta pioniera e che permette alle immagini di prendere letteralmente vita. “Mi sono sempre riconosciuta in progetti di larga portata - spiega Martha Fiennes - come l’espansione dei livelli della realtà. Con Yugen cerco di stimolare un’idea, o delle idee, che evochino dimensioni alternative rispetto all’esperienza della realtà. Il mio lavoro d’immagini in movimento evolve dall’impulso a esplorare ed estendere il medium del film. In questo caso, a rompere con la tradizionale linearità della narrazione filmica e lasciare alla macchina, a un ideale AI (Artificial intelligence) la responsabilità della decisione. La natura imprevedibile dell’opera implica che non esista una lunghezza prescritta, né un principio, un mezzo e o una fine. Lo spettatore è invitato a liberare la mente ed espandere la sua consapevolezza”. Salma Hayek è invece una presenza importante rispetto al progetto, una musa e fonte di ispirazione, capace di entrare nel personaggio senza alcuno sforzo, un’icona su larga scala, un simulacro, una sorta di papessa che si staglia su di un fondo in costante movimento creando immagini continuamente differenti e fatalmente evocative. Venezia | made in Veneto 99


Covering some 4,000 square metres of space, Homo Faber will be the largest exhibition ever to be held at Fondazione Giorgio Cini (ph. Fondazione Giorgio Cini) 100 Venezia | made in Veneto


craft exhibition

Custom-made emotions EMOZIONI SU MISURA text Virginia Mammoli

Homo Faber in Venice, a celebration of the best of European craftsmanship A Venezia, Homo Faber, un’immersione nella ricchezza dei mestieri d’arte di tutta Europa Homo Faber: Crafting a more human future, the first major cultural event devoted to European craftsmanship- from great masters to young and promising talented artisans- and a project created by a team of world-class designers and architects, will be held from September 14 to 30 in the magnificent spaces of the Giorgio Cini Foundation. Our special guide is Alberto Cavalli, the Executive Co-Director of the Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship which, with the collaboration of Fondation Bettencourt Schueller, Triennale Design Museum and Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, gave life to this ambitious project. How did Homo Faber come to be and for what purpose? Homo Faber is a cultural event aimed at giving visibility and promoting high craftsmanship. For the first time, the knowhow of some of Europe’s greatest master artisans, from the Azores to the Urals and from Iceland to Sicily, is showcased in detail through 18 thematic exhibitions. What vision of craftsmanship does it represent? High craftsmanship represents an extraordinary competitive advantage for Europe: how can we outperform our competitors if not by - for instance- creating wonderful objects, “goods” which move away from standardization to express authenticity, beauty and uniqueness? Far from being stigmatized in the digital world, these skills are becoming increasingly precious; they provide rewarding job opportunities and put human beings back at the heart of the creative and production process. Not a didactic approach, but rather an experiential and emotional journey. In what way, exactly? By going from one room to another, visitors can explore the various aspects of high craftsmanship: each exhibition is, in fact, devoted to a specific theme. Arts and crafts, design, fashion, means of transport, luxury…Objects, videos, images, experiences, workshops alternate to make it easier for visitors to

Dal 14 al 30 settembre i magnifici spazi di Fondazione Giorgio Cini diventano il palcoscenico delle eccellenze dei mestieri d’arte europei. È Homo Faber: Crafting a more human future, la prima grande manifestazione dedicata all’alto artigianato di tutta Europa - dai grandi maestri ai giovani e più promettenti talenti - cui hanno partecipano architetti e designer di fama internazionale. Nostro Cicerone d’eccezione, Alberto Cavalli, co-direttore esecutivo della Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship, che in collaborazione con la Fondation Bettencourt Schueller, il Triennale Design Museum e la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte ha dato vita a questo ambizioso progetto. Come nasce Homo Faber e con quale intento? Homo Faber è un evento culturale che nasce per dare visibilità e valore ai mestieri d’arte. Per la prima volta il saper-fare di alcuni tra i migliori maestri d’arte di tutta Europa, dalle Azorre agli Urali e dall’Islanda alla Sicilia, è raccontato in maniera articolata attraverso ben 18 esposizioni tematiche. Qual è la visione dell’artigianato che rappresenta? I mestieri d’arte rappresentano un vantaggio competitivo straordinario per l’Europa: su che cosa possiamo davvero competere ed eccellere, se non - per esempio - sulla creazione di oggetti meravigliosi, di ‘beni’ che escono dall’omologazione per raccontare storie di autenticità, di bellezza e unicità? Lungi dall’essere stigmatizzate in un mondo digitale, queste competenze diventano ancora più preziose; offrono opportunità di occupazione e di soddisfazione; pongono di nuovo l’essere umano al centro del processo creativo e produttivo. Non un approccio didascalico e museale, ma un percorso esperienziale ed emotivo. In quale senso? Attraverso la progressiva scoperta delle Sale è possibile immergersi nelle diverse declinazioni dei mestieri d’arte d’eccellenza: ogni mostra, infatti, è dedicata a un tema specifico. Mestieri d’arte e design, moda, mezzi di trasporto, lusso... Oggetti, video, immagini, esperienze, laboratori dal vivo si alternano lungo il percorso, Venezia | made in Veneto 101


1

3

2

4

1. Carlo Bonini (ph. Autofficina Bonini) 2. François-Xavier Richard (ph. S. ZÊnon) 3. Rosie Taylor-Davies (ph. Judith Clark) 4. Centuries of shape - Biblioteca del Longhena (ph. Civita Tre Venezie) 5. Open Care (ph. Alice Turrina) 6. Natural Talent 2017 (ph. Creative Academy) 5

102 Venezia | made in Veneto

6


A photography by Susanna Pozzoli gain a deeper knowledge of the work performed by master artisans, while not aiming to provide an “encyclopedia of crafts” (which nobody would be interested in). What is the concept behind the exhibition’s setting up? Each room leads visitors to a discovery. Visitors are first welcomed into the beautiful Chiostro dei Cipressi, which has been transformed into a photo gallery showcasing the pictures by Susanna Pozzoli, and then they walk through the settings designed by Michele De Lucchi, Stefano Boeri, India Mahdavi, Alessandro Pedron and Jean-Baptiste Auvray, which add to the sensation of discovering and experiencing something new. Who are the most promising young artisans taking part in Homo Faber? I find it very difficult to rank them: for instance, all 12 talented artisans showcasing in the “rare arts and crafts” room tell stories of truly extraordinary commitment, abnegation and success. In addition to the young artisans, I would like to mention the young ambassadors: we selected over 100 students who graduated at the best European schools of design and applied arts, and we invited them to Venice to welcome the visitors and describe the works and artisans on show. They represent the new generation of teachers. And the artisan who struck you the most? Each artisan tells a wonderful story, because it is a true story. If I were to choose two special “homo faber”, I would say Sergio Bortoluz, who builds custom-made helicopters in the Friuli region, and Carlo Bonini, who restores the rarest Ferrari cars to their original splendor: they are both on show in the Workshop Exclusives room curated by Stefano Micelli.

per guidare il visitatore non in un’improbabile enciclopedia del ‘craft’ (che non interessa a nessuno), ma verso una comprensione più profonda e ammirata del lavoro dei maestri artigiani. Qual è stato il concept dell’allestimento? Ogni sala è una scoperta. Se i visitatori vengono accolti nel suggestivo Chiostro dei Cipressi, trasformato in una magnifica galleria fotografica dove vengono esposte le immagini di Susanna Pozzoli, il resto della visita si dipana secondo i desideri e gli interessi del visitatore e gli allestimenti firmati da Michele De Lucchi, Stefano Boeri, India Mahdavi, Alessandro Pedron e Jean-Baptiste Auvray contribuiscono ad arricchire questo senso di scoperta. I giovani artigiani che partecipano a Homo Faber più promettenti? Risulta per me molto difficile fare classifiche: tutti i 12 talenti selezionati per la sala dei mestieri rari, per esempio, raccontano storie di impegno, abnegazione e successo davvero straordinarie. Forse, mi permetterei di segnalare non solo i giovani artigiani ma anche i giovani ambasciatori: abbiamo infatti selezionato oltre 100 diplomati tra le migliori scuole europee di design e di arti applicate, e li abbiamo invitati a Venezia perché rendano vitali le sale, accogliendo i visitatori e raccontando le opere, i gesti, gli artigiani che abbiamo selezionato. Sono loro la nuova generazione di maestri. E l’artigiano che più l’ha colpita? Ogni artigiano racconta storie magnifiche, perché sono storie vere. Se dovessi selezionare un ‘homo faber’ davvero speciale, parlerei di Segio Bortoluz, che in Friuli costruisce elicotteri su misura, e di Carlo Bonini, che restaura alla perfezione le Ferrari più speciali: entrambi sono presenti nella sala Workshop Exclusives, curata da Stefano Micelli. Venezia | made in Veneto 103


Seguso Vetri d’Arte - Murano dal 1397 104 Venezia | made in Veneto


craft experience

The allure of the unique LA SEDUZIONE DEL PEZZO UNICO text Virginia Mammoli photo Dario Garofalo The countless worlds of Italian fine craftsmanship on the portal italia-sumisura.it I mille universi dell’alto artigianato italiano sul portale italia-sumisura.it

Human beings are nourished by beauty. And what is beauty È della bellezza che si nutre l’uomo. E la bellezza altro non but the vital spark conferred by humans themselves when they è che quel soffio vitale che viene impresso dall’uomo stesso undertake their most exalted act: that of creation. The more quando si cimenta nell’opera più alta: creare. Più questo atto direct this act and the less intervention there is, the more likely è diretto e privo di mediazioni e più l’oggetto avrà quella it is that the object in question will possess the unique beauty bellezza unica che risiede nell’autenticità. that lies in authenticity. In Italia più che in ogni altro luogo l’arte del su misura si In Italy more than anywhere else, the art of the bespoke reaches esprime ai massimi livelli applicandosi a un’infinità di laits height and is expressed in countless applications. It was to vorazioni. Per scoprire questo meraviglioso mondo fatto di explore this wonderful universe full of skilful hands working with mani che lavorano con abilità ed estro, nel 2015 è nato il creative flair that the portal italia-sumisura.it was created in 2015: portale italia-sumisura.it, un osservatorio dedicato all’ala monitoring platform for fine Italian craftsmanship founded to artigianato italiano, realizzato dalla nostra casa editrice by our publishing house Gruppo Editoriale in collaboration with Gruppo Editoriale in collaborazione con le due più importanthe two most important Italian associations for the ti associazioni italiane a tutela dell’artigianato, protection of handcrafts, the Fondazione Cologni Cologni di Milano e OmA di Firenze. The Fondazione of Milan and the OmA of Florence. It’s a website Un sito in costante evoluzione e aggiornamenportal devoted to che raccoglie le migliori botteghe artigiane that’s constantly evolving and updating, which brings together the very best artisan workshops to high Italian d’Italia, dove perdersi tra i mille mestieri d’arte in Italy; a place where you can lose yourself artistic crafts, che costellano il nostro Paese, scoprendone di among the countless artistic trades scattered the e trovando l’artigiano che fa al caso proaccessible nuovi length and breadth of our country, discovering prio, cui poi rivolgersi per provare il piacere di also from indossare o arredare la propria casa con una new ones and finding the artisan who’s right smartphones creazione unica, pensata e realizzata complefor you, the producer you can count on to give you the pleasure of wearing or furnishing your and tablet tamente su misura. Ma anche un portale per home with a unique creation, designed and made aggiornati sugli eventi legati all’artigiadevices tenersi entirely to measure. But it’s also a platform where nato. you can stay abreast of events connected with the artisan world. Dalle 300 iniziali, attualmente le eccellenze del sito sono cirFrom the initial 300, the makers of excellence featured on the ca 400, tutte divise per categoria e geolocalizzate, così da crewebsite have increased to around 400, all arranged by category are una reale mappatura del Paese, che accompagna l’utente and geolocation, to build a genuine map of the country which in un emozionante viaggio nelle tradizioni che caratterizzano will take the user on an exciting journey through the traditions ogni regione, dando voce a chi ancora le fa vivere. A Venezia that characterise each region and give a voice to the people quelle del vetro di Murano, dei merletti, dei tessuti e delle who are keeping them alive. In Venice the most characteristic maschere del Carnevale sono le più antiche e a rappresentarVenezia | made in Veneto 105


Martina Vidal

products are Murano glass, lace, textiles and Carnival masks, le egregiamente ci sono, tra gli altri, Seguso Vetri d’Arte - Muand these are represented superbly by - among others - Seguso rano dal 1397 e la Vetreria Pino Signoretto, per i pizzi l’atelier Vetri d’Arte - Murano dal 1397 and Vetreria Pino Signoretto; lace Martina Vidal, per il raro velluto soprarizzo la Tessitura Luigi by Martina Vidal; exquisite soprarizzo velvet to embellish the Bevilacqua, mentre nota ormai in tutta Italia - e non solo - è home by Tessitura Luigi Bevilacqua; meanwhile, renowned all l’abilità de La Bottega dei Mascareri, il cui indirizzo storico è over Italy and further afield too is the expertise of La Bottega giusto ai piedi del Ponte di Rialto. Se Cremona incanta per la dei Mascareri, whose historic base is right next to the Rialto sua liuteria, in particolare per i suoi violini, restando in LomBridge. While Cremona delights with its stringed bardia a tutti è nota la vocazione sartoriale, ma instruments, violins in particular, Lombardy is anche quella legata al design e alla lavorazione renowned too for its dressmaking tradition, as dell’argento di Milano. È in Friuli Venezia Giuwell as the designers and silversmiths of Milan. lia, in particolare a Spilimbergo e a Udine, che To discover the art of mosaics you need to travel si deve andare per conoscere l’arte dei mosaici, to Friuli Venezia Giulia - Spilimbergo and Udine mentre è in Valle d’Aosta e in Trentino Alto Italia su in particular, while stone and wood reach some of che la pietra e il legno trovano alcuni misura is also Adige their most exalted forms in the Aosta Valley and dei loro più abili artigiani. Molti dei più grandi on Facebook artisti della ceramica si trovano in Emilia RoTrentino Alto Adige. Some of the world’s finest ceramicists find their home in Emilia Romagna, and Instagram; magna, conosciuta fin dal Medioevo anche per which has also been famous since the Middle follow our la lavorazione della pelle, ma anche in Sicilia e Ages for leatherworking; ceramics are also found Sardegna, famosa per i suoi pattada (coltelli pages with in in Sicily and Sardinia, the latter being famous too a serramanico, nati appunto nella piccola città for its pattada (switchblade knives, made in the #italiasumisura sarda). Si trovano invece in Liguria la città del Sardinian village of the same name). In Liguria there’s the town velluto, Zoagli, e quella dei damaschi, Lorsica. Come non of velvet - Zoagli - and the home of damask, Lorsica. Not to ricordare poi l’antica tradizione orafa di Firenze, insieme a mention the ancient goldsmith tradition in Florence, alongside quella della pelletteria e del tailoring, di cui Napoli rappreits leather and tailoring expertise. Naples is another world- senta un altro polo noto in tutto il mondo, insieme a Roma, famous centre for these, as is Rome, which also boasts some dove si trovano anche alcuni dei maestri calzolai italiani più of the most respected shoemakers. A lengthy series of arts and apprezzati. Una lunga serie di arti e mestieri che potrebbe trades which could fill many more pages with words and images. riempire di parole e immagini molte altre pagine. 106 Venezia | made in Veneto


cover story

From above clockwise: Tessitura Luigi Bevilacqua, La Bottega dei Mascareri, Vetreria Pino Signoretto Venezia | made in Veneto 107


Above: a synphonic concert at Teatro La Fenice directed by Myung-Whun Chung Below: Il barbiere di Siviglia 108 Venezia | made in Veneto


theatre season

The best of… IL MEGLIO DI… text Teresa Favi

Opera, dance, concerts and theatre. The not to be missed dates in the 20182019 season at La Fenice and the Goldoni Lirica, danza, sinfonica e prosa. Gli appuntamenti da non perdere nella stagione 2018-2019 alla Fenice e al Goldoni Everything is ready for the start of the new 2018-2019 season in Venice’s two principal theatres, the eighteenth century Teatro La Fenice, in Campo San Fantin in the San Marco district, one of Italy’s most beautiful theatres, which also puts on some of its performances in the Teatro Malibran, and the Teatro Goldoni, the oldest existing theatre in Venice (since 1622), which offers a rich season of drama, as well as a dance festival and special events. Here are the not to be missed events chosen from the two programmes for you. LA FENICE The season opens on 23 November with a new staging of Verdi’s Macbeth, conducted by Myung-Whun Chung and directed by Damiano Michieletto, (repeat performances on 25, 27, 29 November, 1 December). The decade-long relationship between the great Korean maestro and La Fenice continues in the spirit of Verdi. After Macbeth, Myung-Whun Chung will conduct Otello, directed by Francesco Micheli (22, 26, 30 March and 4, 7 April 2019). Chung, who also opens the Concert season, will conduct the 16th New Year’s Concert, as well as Verdi’s Messa da Requiem (3 and 4 November 2018) and Mahler’s Symphony No.2 Ressurection (9 and 10 March 2019). After a 35-year absence from La Fenice, Aida returns in Mauro Bolignini’s historic staging as replicated by Bepi Morassi, starring Roberta Mantegna and Francesco Meli, making his Italian debut in the role of Radames (18, 22, 23, 26, 28, 30, 31 May and 1 June 2019). The new production of Vivaldi’s Dorilla in Tempe is part of a journey of rediscovery of the Red Priest’s operatic works (23, 27, 30 April and 2, 5 May 2019 at the Teatro Malibran). Two Mozart works on the programme are Il sogno di Sci-

Tutto è pronto per l’avvio della nuova stagione 2017-2018 nelle due principali sedi teatrali di Venezia, il settecentesco Teatro La Fenice, nel Sestiere di San Marco in campo San Fantin, tempio della lirica, uno dei teatri più belli d’Italia, che trasla alcuni suoi appuntamenti anche al Teatro Malibran, e il Teatro Goldoni, il più antico di Venezia ancora oggi esistente (dal 1622) che offre una bella stagione di prosa oltre a una rassegna di danza ed eventi speciali. Dai due cartelloni, selezionati per voi, ecco i titoli da non perdere. LA FENICE La stagione inaugura il 23 novembre con il nuovo allestimento di Macbeth di Verdi, diretto da Myung-Whun Chung per la regia di Damiano Michieletto, (repliche il 25, 27, 29 novembre, 1 dicembre). L’ormai decennale relazione tra il grande maestro coreano e la Fenice è sempre più nel segno di Verdi. Dopo Macbeth, l’altro titolo verdiano diretto da Myung-Whun Chung è Otello, riproposto nell’allestimento firmato da Francesco Micheli (22, 26, 30 marzo e 4, 7 aprile 2019). Chung, che inaugura anche la stagione Sinfonica, dirige la XVI edizione del Concerto di Capodanno e tre concerti del cartellone sinfonico che prevedono l’esecuzione della Messa da Requiem di Verdi (3 e 4 novembre 2018) e della Seconda Sinfonia Resurrezione di Mahler (9 e 10 marzo 2019). Torna, dopo oltre 35 anni di assenza dalla Fenice, l’Aida nello storico allestimento di Mauro Bolognini ripreso da Bepi Morassi, con protagonisti Roberta Mantegna e Francesco Meli al debutto italiano nel ruolo di Radames (18, 22, 23, 26, 28, 30, 31 maggio e 1 giugno 2019). Il nuovo allestimento di Dorilla in Tempe di Vivaldi si inserisce nell’ambito di un percorso di riscoperta della produzione lirica del Prete Rosso (23, 27, 30 aprile e 2, 5 maggio 2019 al Teatro Malibran). Si configurano invece come un’officina di regia i due titoli Venezia | made in Veneto 109


theatre season

From left: Salvatore Sciarrino, the popular Venetian illusionist Silvan, Michele Riondino pione (8, 10, 12, 14, 16 February 2019 at the Malibran) and Il re pastore (15, 17, 21, 23, 27 February 2019 at La Fenice). Two gems from Venetian composer Tomaso Albinoni’s works are the opera La Statira (7, 8, 9 March 2019 at the Malibran) and the intermezzo Pimpinone (21, 22, 23 March 2019, also at the Malibran). The season at La Fenice also includes a new production of Rossini’s L’Italiana in Algeri di Rossini (24, 26, 28 February and 1, 2, 3, 5 March 2019), Massenet’s Werther (25, 27, 29, 31 January and 2 February 2019) and from the contemporary repertoire, Sciarrino’s Luci mie traditrici (13, 14, 18, 22, 24 September 2019 at the Malibran). Finally, Puccini’s Turandot will be staged as part of the now-historic collaboration with the Venice Art Biennale (10, 12, 17, 19, 21, 24, 25, 29 May 2019). For ballet enthusiasts, Les Ballets de Monte-Carlo will perform Romeo and Juliet, choreographed by Jean-Christophe Maillot to Sergei Prokofiev’s score (12, 13, 14, 15, 16 December 2018 at Teatro La Fenice). TEATRO GOLDONI The season at Venice’s Teatro Goldoni opens with a true master of international theatre and cinema, Andrei Konchalovsky, directing his third Chekov work, The Cherry Orchard (from 26 to 28 October 2018). Anna Maria Guarnieri and Michele Riondino, directed by Andrea Baracco, appear in The Master and Margarita, Mikhail Bulgakov’s masterpiece of 20th century Russian literature (from 8 to 11 November 2018). December sees a return to the stage in Venice of an Italian show-business legend, the illusionist Silvan, star of La grande magia (8 and 9 December 2018), followed by the Christmas gospel concert with the Big Vocal Orchestra (22 and 23 December 2018). Chet! the show directed by Leo Muscato and starring Paolo Fresu pays a passionate tribute to Chet Baker, one of the greatest jazz artists of the second half of the 20th century (from 31 January to 3 February 2019. The dance season at Teatro Goldoni begins with Swan Lake performed by Russian Stars and Moscow State Classical Ballet (26 December 2018), followed by The Nutcracker by the Balletto di Roma (23 January2019). This year’s traditional appointment with tango will be Tango Mon Amour by the Tango Brujo dance company with the Tango Spleen Orchestra (9 March 2019). 110 Venezia | made in Veneto

mozartiani in programma: Il sogno di Scipione (8, 10, 12, 14, 16 febbraio 2019 al Malibran) e Il re pastore (15, 17, 21, 23, 27 febbraio 2019 alla Fenice). Un affondo sul compositore veneziano Tomaso Albinoni consente di conoscere due perle della sua produzione, l’opera La Statira (7, 8, 9 marzo 2019 al Malibran) e l’intermezzo Pimpinone (21, 22, 23 marzo 2019, ancora al Teatro Malibran). E poi ancora la stagione alla Fenice prevede il nuovo allestimento dell’Italiana in Algeri di Rossini (24, 26, 28 febbraio e 1, 2, 3, 5 marzo 2019) , del Werther di Massenet (25, 27, 29, 31 gennaio e 2 febbraio 2019) e, dal repertorio contemporaneo, di Luci mie traditrici di Sciarrino (13, 14, 18, 22, 24 settembre 2019 al Malibran); infine Turandot di Puccini andrà in scena nell’ambito dell’ormai storica collaborazione con la Biennale Arte (10, 12, 17, 19, 21, 24, 25, 29 maggio 2019). Per quanto riguarda la danza, Les Ballets de Monte-Carlo interpreta Romeo e Giulietta coreografato da Jean-Christophe Maillot su musica su Sergej Prokof’ev (12, 13, 14, 15, 16 dicembre 2018 al Teatro La Fenice). TEATRO GOLDONI La stagione del Teatro Goldoni di Venezia si apre con un autentico maestro del teatro e del cinema mondiale come Andrei Konchalovsky alle prese con la sua terza regia de Il Giardino dei ciliegi (dal 26 al 28 ottobre 2018). Anna Maria Guarnieri e Michele Riondino, diretti da Andrea Baracco, portano in scena Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov, capolavoro della letteratura russa del Novecento (dall’8 all’11 novembre 2018). A dicembre, torna in palcoscenico a Venezia un mito assoluto dello spettacolo italiano: il mago Silvan protagonista di La grande magia (8 e 9 dicembre 2018), cui segue il concerto gospel di Natale con la Big Vocal Orchestra (22 e 23 dicembre 2018). È dedicato, invece, a uno dei più grandi artisti jazz del secondo Novecento, Chet Baker, lo spettacolo del regista Leo Muscato con Paolo Fresu in scena, un omaggio intenso e appassionato intitolato Chet! (dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019). Il cartellone del Teatro Goldoni include anche la danza. Si comincia con Il lago dei cigni del Russian stars & Moscow State Classical Ballet (26 dicembre 2018), cui segue Lo Schiaccianoci del Balletto di Roma (23 gennaio, 2019). Mentre il tradizionale appuntamento con il tango è rappresentato quest’anno da Tango Mon amour della Compagnia Tango Brujo con la Tango Spleen Orchestra (9 marzo 2019).


Above: Swan Lake performed by Russian Stars and Moscow State Classical Ballet Below: Tosca Venezia | made in Veneto 111


hospitality anniversary

110 years of excellence 110 ANNI DI ECCELLENZA

text Federica Repetto photo Hotel Excelsior Venice Lido Resort

ido Resort: elsior Venice L The Hotel Exc e with longfascinating plac the story of a l Cinema al the Festiv de standing ties to Lido Resort: elsior Venice xc E el ot H te, legato he T ogo affascinan inema storia di un lu de Festival l C da sempre al Love at first sight. These are the words that best describe the special bond that Lido di Venezia and the Film Festival share. There are places where the charm of the past blends with innovation into a successful mix that captures the audience’s attention and enthusiasm. Hotel Excelsior Venice Lido Resort is the perfect example of such an experience: overlooking the Lido’s beach, it is a masterwork of early twentieth-century Venetian art and an exclusive 5-star resort in the unmistakable Moorish style, a symbol of the Lagoon and a tourist attraction, which owes its establishment, in 1908, to the illustrious entrepreneur Nicolò Spada. His goal was that of transforming the so-called Golden Island, that stretch of land connecting the Lagoon and the sea with its natural dunes of fine golden sand, into an extraordinary luxury destination in the years of the Belle Époque. On August 6, 1932, a film festival was held on the hotel’s terrace - it was a non-competitive festival: people in the audience were allowed to vote for their favorite film- showing 29 movies by film directors of the caliber of Mamoulian, Walsh, Whale, Fitmaurice, Vidor, Lubitsch, Hawks, Capra, Disney, René Clair, Camerini and starring the greatest actors and actresses of the time: Garbo, Lionel Barrimore, Fredric March, Wallace Beery, Norma Shearer, James Cagney, Clark Gable, Loretta Young and even... Mickey Mouse. From that opening night on, the Lido and the Film Festival never left each other’s side, becoming the annual home Un amore a prima vista. Così può essere definita la relazione speciale che lega il Lido di Venezia al Festival del Cinema. Ci sono luoghi speciali, dove il fascino del passato si intreccia con l’innovazione in un mix vincente che conquista ed ammalia. L’Hotel Excelsior Venice Lido Resort ne è un esempio, affacciato direttamente sulla spiaggia del Lido è un capolavoro dell’arte veneziana degli inizi del Novecento e un esclusivo resort 5 stelle dall’inconfondibile stile moresco, simbolo esclusivo della Laguna e autentica attrazione turistica che deve la sua creazione, nel 1908, all’illustre imprenditore Nicolò Spada, per valorizzare e rilanciare l’Isola d’Oro, con le sue dune naturali di sabbia fine e dorata, trasformando quel tratto che univa la laguna e il mare, in un luogo straordinario, negli anni della Belle Époque. Era il 6 agosto del 1932 quando sulla terrazza a mare dell’albergo s’inaugurò una rassegna non competitiva - ci fu un referendum tra il pubblico - passarono ventinove film di registi di primissimo ordine: Mamoulian, Walsh, Whale, Fitmaurice, Vidor, Lubitsch, Hawks, Capra, Disney, René Clair, fino al nostro Camerini e, con gli attori dell’epoca: dalla Garbo a Lionel Barrimore, da Fredric March a Wallace Beery, a Norma Shearer, a James Cagney, a Clark Gable a Loretta Young, a... Topolino. Da quella serata di inaugurazione, il Lido e la Mostra del Cinema non si sono più lasciati, divenendo così la sede annuale della rinomata kermesse che continua ad attrarre, 112 Venezia | made in Veneto


Hotel Excelsior: a historic view of the Darsena Venezia | made in Veneto 113


Hotel Excelsior Venice Lido Resort, overlooking the Lido’s beach, is a masterwork of early twentieth-century Venetian art 114 Venezia | made in Veneto


Sala degli Stucchi of the world-famous festival which attracts, every year in September, celebrities parading along the hotel’s famous pier at every hour of the day. Over the years, the Festival has grown into an event with a reputation as high as that of the Academy Awards and moved to Palazzo del Cinema, but the Excelsior is still its home, with the hotel’s suite rooms and halls being the setting of the Festival’s most exclusive events: press conferences, private parties and gala dinners by invitation only. Countless are the celebrities who walked through the hotel’s lobby, did interviews and showed off dream outfits: from the Italians Vittorio De Sica, Silvana Mangano, Isabella Rossellini, Claudia Cardinale and Monica Bellucci to Hollywood stars such as Kirk Douglas, Denzel Washington, Al Pacino, Nicolas Cage, Tilda Swinton, Juliette Binoche and Chris Pratt. Hotel Excelsior has also been a film-shooting location for a number of film directors and photographers. Suffice is to mention the scene from Once Upon a Time in America, in which Robert de Niro invites Elizabeth McGovern to dine in the magnificent Sala Stucchi, making generations of viewers dream. This year, Hotel Excelsior Venice Lido Resort has renewed its bond with the magic world of filmmaking by welcoming the Festival’s guests with a fully renovated façade and dome, the magnificent terrace and the newest addition to the hotel, the Elimar Beach Bar and Restaurant, which is only the first step to a complete restyling to be completed in 2020.

On August 6, 1932, a film festival was held on the hotel’s terrace

ogni settembre, celebrità di fama mondiale che sfilano, ad ogni ora del giorno, sul rinomato pontile dell’hotel. La Mostra è cresciuta, conquistando una fama paragonabile a quella degli Academy Award e spostandosi nello storico Palazzo del Cinema, ma l’Excelsior è rimasto la sua casa, le sue sale e suite sono il set sul quale ancora vanno in scena i momenti più esclusivi: conferenze stampa, party privati e ricevimenti di gala su invito. Non si contano le celebrità che hanno camminato nel foyer dell’hotel, rilasciato interviste e sfoggiato outfit da sogno: dagli italiani Vittorio De Sica, Silvana Mangano, Isabella Rossellini, Claudia Cardinale e Monica Bellucci a star di Hollywood come Kirk Douglas, Denzel Washington, Al Pacino, Nicolas Cage, Tilda Swinton, Juliette Binoche e Chris Pratt. L’Hotel Excelsior ha sedotto negli anni registi e fotografi, impossibile dimenticare la scena del film C’era una volta in America, in cui Robert de Niro invita Elizabeth McGovern, nella meravigliosa Sala Stucchi, facendo sognare insieme a lei generazioni di spettatori. Quest’anno l’Hotel Excelsior Venice Lido Resort ha rinnovato il suo sodalizio con il magico mondo del cinema accogliendo gli ospiti con un make up da passerella - la facciata e la cupola completamente rinnovate, la magnifica terrazza e un nuovo fiore all’occhiello, l’Elimar Beach Bar and Restaurant, sono solo il primo step di un restyling che si completerà nel 2020. Venezia | made in Veneto 115


The nineteenth-century Palazzo Genovese, overlooking the Grand Canal, houses the 5-star hotel Sina Centurion Palace 116 Venezia | made in Veneto


hospitality destination

Just like a painting COME IN UN QUADRO text Virginia Mammoli

Sina Centurion Palace, where history meets contemporary style Sina Centurion Palace, dove la storia incontra lo stile contemporaneo

Venice is an experience, and to visit it means stepping into history, but above all stepping into beauty. The magnificent buildings overlooking the Grand Canal bring to mind Canaletto’s seemingly weightless views. Among these, at Dorsoduro, is the nineteenth-century Palazzo Genovese. The famous painter did not have the good fortune of seeing this palazzo, but he certainly would have immortalized in one of his paintings had he done so. A magnificent example of Venetian Gothic architecture, this historic dwelling houses the Sina Centurion Palace, a stone and glass tale that speaks of that luxury that makes moments and days spent in this unique lagoon city even more precious. Located in Venice’s triangle of culture, it lies between the two hearts of the François Pinault Foundation, namely Punta della Dogana and Palazzo Grassi, Palazzo Venier dei Leoni, home of the Peggy Guggenheim Collection, and the Baroque Basilica of Santa Maria della Salute. Built in the area of ​​one of the cloisters of the monastery of San Gregorio, the palace preserves a memory brimming with fascination. “The building,” explains the General Manager, Paolo Morra, “bears witness to a subtle bond between the city of the Doges and the capital: during the excavation work a Roman coin was found, now preserved by the Superintendency of Archaeological Heritage. The coin depicts the face of Antinoo, who became famous for his close bond with the Roman emperor Hadrian, a lover of classical art. Precisely in honor of this discovery, the property decided to dedicate the restaurant and bar to the young Bithynian Greek.” Inside this jewel of haute hôtellerie, historical héritage blends harmoniously with a contemporary style both in the design of the large rooms, and the high cuisine, creating surprising contrasts and balances designed to offer guests unique and exciting experiences. The façade hides, like skilfully worked lace, the distinctly mod-

Venezia è un’esperienza. Visitarla significa entrare nella storia, ma soprattutto nella bellezza. I magnifici palazzi affacciati sul Canal Grande riportano alla mente le impalpabili vedute di Canaletto. Tra questi, a Dorsoduro, l’ottocentesco Palazzo Genovese, che il celebre pittore non ha avuto la fortuna di vedere, ma che senz’altro avrebbe immortalato in uno dei suoi quadri. Magnifico esempio di architettura gotica veneziana, questa storica dimora ospita il Sina Centurion Palace, racconto su pietra e vetro di quel lusso che rende ancora più preziosi i momenti e le giornate trascorsi in questa città lagunare unica al mondo. L’hotel si trova nel triangolo della cultura di Venezia, incastonato com’è tra le due anime della Fondazione François Pinault, ovvero Punta della Dogana e Palazzo Grassi, Palazzo Venier dei Leoni, sede della Peggy Guggenheim Collection, e la barocca Basilica di Santa Maria della Salute. Sorto nell’area di uno dei chiostri del monastero di San Gregorio, il palazzo conserva una memoria ricca di fascino. “L’edificio - spiega il General Manager, Paolo Morra - testimonia un sottile legame tra la città dei Dogi e la capitale: durante i lavori di scavo è stata rinvenuta una moneta romana, ora custodita dalla Soprintendenza dei Beni Archeologici. La moneta raffigura il volto di Antinoo, personaggio divenuto famoso per la profonda affetto che lo legava all’imperatore romano Adriano, cultore dell’arte classica. Proprio in onore di questo ritrovamento la proprietà decise di dedicare il ristorante e il bar al giovane bitinese”. All’interno di questo gioiello dell’haute hôtellerie, l’héritage storico si fonde armoniosamente con uno stile contemporaneo sia nel design degli ampi ambienti, che nell’alta cucina, creando contrasti ed equilibri sorprendenti pensati per offrire agli ospiti esperienze irripetibili ed emozionanti. La facciata cela, come un merletto sapientemente lavorato, la personalità spiccatamente moderna ed eclettica dell’hotel che Venezia | made in Veneto 117


1

2

3

4

1. The palace is a wonderful example of Venetian Gothic architecture 2. 5. Suite Superior Bi-level 3. Antinoo’s Lounge & Restaurant 4. Junior Suite Deluxe aa

5

118 Venezia | made in Veneto


Suite Deluxe ern and eclectic personality of the hotel that distinguishes itself both for the choice of interiors, the bold design, and the choice of intense colors like chocolate, orange, red and white. Making this perfect combination of classic and contemporary possible are the creativity and taste of the architect Guido Ciompi, all enhanced by the sophisticated imprint of the Serenissima. In the elegant rooms and suites, scrupulous attention to detail and the choice of many unique pieces made with refined materials and precious fabrics are evident. Spread over six floors, the hotel has fifty rooms, each with its own personality, including the evocative Presidential Suite, made up of two bedrooms with bathrooms, a large living room and the typical balconies directly overlooking the Grand Canal. Coffered ceilings, bathrooms with gold leaf finishes and resin walls, finely inlaid fireplaces and wooden stairs for the duplex suites embellish these noble rooms. To complete the enchantment is Antinoo’s Lounge & Restaurant, an exclusive restaurant, also overlooking the iconic canal, where the contemporary Venetian taste can be savored thanks to the refined experiments of the Executive Chef Massimo Livan, who knows how to reinterpret the Venetian culinary tradition with a totally personal style. Finally, the bar, in shades of purple, offers signature cocktails to enjoy at the table or comfortably seated on the original undulating sofa, while large windows frame the gondolas that glide past across the water.

si contraddistingue sia per la scelta degli interni, dal design deciso, sia per la scelta dei colori intensi come il cioccolato, l’arancio, il rosso e il bianco. A rendere possibile questo perfetto connubio di classico e contemporaneo, la creatività e il gusto dell’architetto Guido Ciompi, il tutto valorizzato dalla raffinata impronta tipica della Serenissima. Le eleganti camere e suite si caratterizzano per una scrupolosa attenzione ai dettagli e per la scelta di numerosi pezzi unici realizzati con materiali ricercati e tessuti preziosi. Suddiviso in sei piani, l’hotel dispone di cinquanta camere, ognuna con una propria personalità, tra le quali la suggestiva Suite Presidenziale, composta di due camere da letto con bagni, un grande salone e le tipiche balconate dalle quali affacciarsi direttamente sul Canal Grande Soffitti a cassettoni, bagni con finiture in foglia d’oro e pareti in resina, camini finemente intarsiati e scale in legno per le suite su due piani impreziosiscono queste nobili stanze. A completare l’incanto l’Antinoo’s Lounge & Restaurant, esclusivo ristorante, anch’esso affacciato sull’iconico canale, dove è possibile assaporare il gusto contemporaneo di Venezia, grazie alle raffinate sperimentazioni dell’Executive Chef Massimo Livan, capace di reinterpretare con un stile totalmente personale la tradizione culinaria veneziana. Infine il bar, sui toni del popora, propone cocktail d’autore da gustare al tavolo o comodamente seduti sull’originale divano ondulato, mentre ampie finestre incorniciano le gondole che sfilano sull’acqua.

The façade hides, like skilfully worked lace, the distinctly modern and eclectic personality of the hotel

Venezia | made in Veneto 119


Shape of Fantasy by Emanuele Erms Cremon, Head Barman at JW Marriott Venice Resort & Spa (ph. Ginevra Bonina) 120 Venezia | made in Veneto


mixology itineraries

Movie cocktails COCKTAIL & CINEMA text Federica Repetto

Proposals from some of Venice’s top barmen, inspired by historic films and world-famous actors Le proposte di alcuni dei migliori barman di Venezia ispirati a pellicole storiche e agli attori più celebri The history of cinema is so full of cocktail parties that they’ve become famous all over the world since they’ve been captured on scenes in films past and present. Humphrey Bogart and Ingrid Bergman gaze into each other’s eyes sipping glasses of Champagne in Casablanca, Sir Alec Guinness plays chess with mini liqueur bottles in Our Man in Havana, Marilyn Monroe and Tony Curtis toast their future in Some Like It Hot. Let’s talk a look at what Venice’s top barmen are serving. As a tribute to the Mexican Academy Award-winning director Guillermo del Toro – who’s president of this year’s jury at the Venice Film Festival and last year won the Golden Lion, Emanuele Erms Cremon, Head Barman at JW Marriott Venice Resort & Spa, and Roberto Naccari, Head Barman at Hotel Danieli blend sophisticated ingredients to celebrate the director’s talent, eclecticism and filmography, suspended between dream and mystery, themes reminiscent of Venice’s unique soul. Inspired by The Shape of Water, Emanuele Erms Cremon has devised a cocktail in honour of the film’s characters: Elisa, a mix of Martini Fiero, Grey Goose Vodka, passionfruit liqueur and tonic water, and Amphibian made with samphire mezcal, Green Chartreuse, lime juice and pistachio syrup decorated with a slice of fresh cucumber and samphire. Roberto Naccari serves his own concoction, conjuring up the dreamlike atmosphere of Pan’s Labyrinth in Ofelia, a blend of Beefeater Gin, lemon juice, cranberry juice and a spray of ginger beer. Lovers of the Dolce Vita can order the Riva Cocktail by Cristiano Luciani, Head Barman at Hotel Gritti Palace, made with white rum, grapefruit, barley water and Orange Bitter. Enjoy this cocktail on the exclusive terrace of the Riva Yacht Experience, by The Luxury Collection, and in the Riva Lounge, admiring

La storia del cinema è affollata di cocktail a tal punto da raggiungere quella fama da renderli celebri in tutto il mondo perché fondamentale oggetto di scena nei film di ieri e di oggi. Humphrey Bogart e Ingrid Bergman si guardano negli occhi sorseggiando calici di Champagne in Casablanca, Alee Guinness gioca a scacchi utilizzando piccole bottiglie di liquore ne Il nostro agente all’Avana, Marilyn Monroe e Tony Curtis brindano al loro futuro in A qualcuno piace caldo. Ma vediamo insieme cosa propongono i migliori barman di Venezia. Ad omaggiare il regista messicano e Premio Oscar, Guillermo del Toro - quest’anno è presidente della Giuria della Mostra del Cinema di Venezia e l’anno scorso si era aggiudicato il Leone d’Oro sono Emanuele Erms Cremon, Head Barman del JW Marriott Venice Resort & Spa e Roberto Naccari, Head Barman dell’Hotel Danieli, che hanno deciso di celebrare con sofisticati ingredienti il talento del regista, il suo eclettismo e la sua filmografia, sempre sospesa tra sogno e mistero, temi affini all’anima della stessa Venezia. Emanuele Erms Cremon ispirandosi a The Shape of Water, ha creato in onore dei protagonisti del film: Elisa, un mix di Martini Fiero, Grey Goose Vodka, liquore al frutto della passione e acqua tonica, e Amphibian con Mezcal alla Salicornia, Green Chartreuse, succo di lime e sciroppo al pistacchio decorato con una fetta di cetriolo fresco e alghe di Salicornia. Roberto Naccari, propone un cocktail d’autore e rivisita le atmosfere oniriche di Pan’s Labyrinth con Ofelia a base di Gin Beefeater, succo di limone, succo di mirtilli rossi e una spruzzata di Ginger Beer. Gli appassionati della Dolce Vita possono ordinare il Riva Cocktail di Cristiano Luciani, Head Barman presso Hotel Gritti Palace, a base di Rhum bianco, pompelmo, orzata, Orange Bitter nell’esclusiva terrazza Riva Yacht Experience by The

From Guillermo del Toro to George Clooney: here are the ‘movie cocktails’ to try in Venice

Venezia | made in Veneto 121


Walter Bolzonella, Head Barman at Belmond Hotel Cipriani (ph Tayson Sadlo) the elegant Aquariva – the very one beloved by James Bond - which is available, only upon reservation, for exploring the lagoon. The experience will transport you back in time to the years of the Dolce Vita, when Riva boats could be seen gliding through the canals in some of the most important films of the 1950s, like Mambo, when the protagonist of the unforgettable final scene in the Venetian Lagoon is an Ariston, on board which Vittorio Gassman, Silvana Mangano and Michael Rennie were immortalized. At Belmond Hotel Cipriani in Venice we’ll never forget the day when Tequila Casamigos came ashore, carried by George Clooney and Rande Gerber, Cindy Crawford’s husband, who unloaded heavy boxes of Tequila Casamigos to the surprise of the guests and watched by paparazzi, underlining their famous slogan “Brought to you by those who drink it”. Moved by the friendship that the actor has for the hotel, Clooney decided to work with Walter Bolzonella, Head Barman at Belmond Hotel Cipriani, to make Buonanotte, based on the film Good Night, and Good Luck. You’ll find it reinterpreted on the hotel’s current cocktail list as Buonanotte Amigos, two drops of angostura bitters have been added to the original recipe of lime, ginger and cucumber peel, and with 5cl of tequila instead of vodka. Drink it like them: strictly on the rocks. If you happen to stroll through Venice’s little squares and narrow streets, head for Palazzina Grassi, in the city centre, a luxury boutique hotel nestled in a charming sixteenth-century building, styled by the famous French architect and designer Philippe Starck. It’s a unique place where a renewed philosophy of hospitality continues to attract exclu122 Venezia | made in Veneto

Luxury Collection e alla Riva Lounge, ed ammirare l’elegante Aquariva - quello amato da James Bond - che è disponibile, solo su prenotazione, per itinerari in Laguna. Un’esperienza che consentirà di immergersi completamente negli anni della Dolce Vita in cui gli scafi Riva calcano le scene di alcuni dei film più importanti degli anni ‘50. È il caso di Mambo dove il protagonista dell’indimenticabile scena finale nella laguna di Venezia è un Ariston, a bordo del quale vengono immortalati Vittorio Gassman, Silvana Mangano e Michael Rennie. Al Belmond Hotel Cipriani di Venezia non si scorderà facilmente il giorno in cui è approdata la Tequila Casamigos, direttamente dalle braccia allenate di George Clooney e Rande Gerber, marito di Cindy Crawford, che hanno scaricato di persona pesanti casse di Tequila Casamigos sotto gli occhi di paparazzi e di clienti increduli, citando il loro famoso slogan “Brought to you by those who drink it” (la tequila portata direttamente da chi la beve, ndr). Entusiasta dell’amicizia che questo Hotel gli riserva l’attore ha pensato di reinterpretare insieme a Walter Bolzonella, primo barman di Belmond Hotel Cipriani, il Buonanotte, un omaggio al film Good Night, and Good Luck, ed oggi ribattezzato Buonanotte Amigos dove alla ricetta originale basate sul lime, zenzero e buccia di cetriolo, aggiunge due gocce di angostura e al posto della Vodka, 5cl. di Tequila. Volete berla come loro? Decisamente dovrà essere servita on the rock. Se vi capita di passeggiare tra campi e campielli lasciatevi condurre fino a Palazzina Grassi, nel cuore della città, un luxury boutique hotel inserito in un’affascinante struttura cinquecentesca, realizzata dal celebre architetto e designer francese Philippe Starck, un luogo unico in cui una rinnovata filosofia dell’ospitalità continua ad attirare ospiti esclusivi. È qui che


Above: Bar Dandolo at Hotel Danieli (ph. Brandon Barrè) Below: Longhi Bar at The Gritti Palace (ph. Fritz von der Schulenburg) Venezia | made in Veneto 123


Above: Pg’s Bar at Palazzina Grassi (ph. Palazzina Grassi) Below: Vesper Martini by barman at Ca’ Sagredo Walter Gwosdek 124 Venezia | made in Veneto


Alessio Venturini, Head Barman at San Clemente Palace Kempinski (ph. San Clemente Palace Kempinski) sive guests. Bow to the wonder of Rosita, a retake on the Americano whose perfect mix is ensured by Vermouth Dry, Vermouth Rosso, Campari and Tequila Casamigos Blanco, which yields citrus, vanilla and sweet agave and whose aftertaste is long and languishing. The drink takes its inspiration from Julian Schnabel’s At Eternity’s Gate and his Van Gogh, moved by lacerating and heart-rendering love, fascinated by the world and the best way to depict it: art. The barman at Ca’ Sagredo Walter Gwosdek has reworked the Vesper Martini with a slight variation to the cocktail described in Ian Fleming’s Casino Royale and whose film was shot in Venice: dry Martini, in a Champagne glass, three parts of Gordon’s Gin, one of Vodka and half of Sauvignon Blanc. Shake well until well iced, then add a long, thin piece of lemon peel. Shaken, not stirred: the secret of James Bond’s Martini lies in its preparation. No mixer, only a shaker! Martin Scorsese is the drink made with Gin Mare, lime juice, basil syrup, Italicus, white rum and Agrigolè named for the filmmaker who made his debut with The Last Temptation of Christ at the Venice Film Festival in 1988. The cocktail is available on the drinks list devised by Alessio Venturini, Head Barman at San Clemente Palace Kempinski, alongside Greta Garbo (Johnnie Walker Black Label, lime juice, cardamom, honey and ginger ale) and Alberto Sordi (Gin 209, Rabarbaro Zucca, Bitter Campari, lemon juice, rhubarb jam and ginger).

potrete lasciarvi soggiogare dal fascino di Rosita, una rivisitazione dell’Americano il cui perfetto mix è assicurato grazie al Vermouth Dry, Vermouth Rosso, Campari e la Tequila Casamigos Blanco che regala sentori di agrumi, vaniglia e agave dolce, ed il cui retrogusto è lungo e morbido. Un drink ispirato a At Eternity’s Gate di Julian Schnabel e al suo Van Gogh mosso da amore lacerante e struggente, affascinato dal mondo e dal miglior modo per interpretarlo: l’arte. A reinterpretare il Vesper Martini è Walter Gwosdek, barman di Ca’ Sagredo che porta una leggera variazione al cocktail descritto in Casino Royale da Ian Fleming, ed il cui film è stato girato in centro storico, Martini secco, in un calice da Champagne, tre parti di Gordon, una di Vodka e mezza di Sauvignon Blanc. Scuotere bene finché è ben ghiacciato, poi aggiungere una scorza di limone lunga e sottile. Shaken, not stirred… il segreto del Martini di James Bond sta anche nella preparazione: niente mixer, solo shaker! Martin Scorsese invece è il drink a base di Gin mare, succo di lime, sciroppo al basilico, Italicus, Rum bianco e Agrigolè dedicato al cineasta che, nel 1988, aveva debuttato, alla Mostra del Cinema di Venezia con L’ultima tentazione di Cristo. Il cocktail è presente nella drink list di Alessio Venturini, Head Barman San Clemente Palace Kempinski, insieme a Greta Garbo (Johnnie Walker black, succo di lime, cardamomo, miele e Ginger Ale) e Alberto Sordi (Gin 209, Rabarbaro Zucca, Bitter Campari, Succo di limone, Marmellata rabarbaro e zenzero).

Curated ingredients, bold but balanced juxtapositions and intoxicating scents

Venezia | made in Veneto 125


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

by Head Concierge of The Bauers Venezia

VENICE’S RESTAURANTS CANNAREGIO

ALLA VEDOVA Cannaregio, 3912 - Ph. 041.5285324 One of the best known amongst the lagoon’s historic osterie, it’s famous and appreciated also for its cicchetti (snack sized dishes) with local wine on tap. Highlights: baccalà (salt cod), shrimp skewers, and Venetian-style sardines. Una delle più conosciute tra le osterie storiche della laguna, famosa e apprezzata anche per i suoi cicchetti con le tipiche ombre di vino sfuso. Piatti forti: baccalà, spiedini di gamberi, sarde in saor. ANICE STELLATO Fondamenta della Sensa, 3272 - Ph. 041.720744 This osteria and ristorante goes beyond the clichés of the historical center. Revered for its particular fish-based cuisine by those with an eye for quality. Lunch is served canal-side. Ristorante osteria, un indirizzo ricercato aldilà delle consuetudini del centro. Stimato per la particolarità della sua cucina a base di pesce, per chi ricerca la qualità. Pranzo servito in riva, a fianco del canale. GAM GAM Ghetto vecchio - Cannaregio, 1122 Ph. 041.715284 Just a hundred meters from the imbarcadero Guglie, this Kosher restaurant is located in an underpass of the ghetto. A cento metri dall’imbarcadero Guglie, in un sotoportego del ghetto si trova questo ottimo ristorante Kosher. VINI DA GIGIO Cannaregio, 3628 - Ph. 041.5285140 Traditional restaurant with a rustic soul, their typical Venetian cuisine is loved by both residents and visitors. Try the seafood appetizers, grilled fish, or eel. Locale tradizionale dall’animo rustico. Propone tipici piatti della cucina veneziana, amato dagli abitanti e non. Da gustare l’antipasto di mare, la grigliata di pesce o l’anguilla.

CASTELLO

ACIUGHETA Castello, 4357 - Ph. 041.5224292 A typical Venetian wine bar appreciated for its excellent selection of wines to taste and for the inviting spread of cicchetti (snack sized dishes) including mini-meatballs, crostini, stuffed peppers, mini pizza’s with sardines. On the patio service is à-lacarte pizza and other dishes. Tipico bacaro veneziano apprezzato per l’ottima selezione di vini in degustazione e per l’invitante bancone ricco di cicchetti: polpettine, crostini, peperoncini ripieni e pizzette appena sfornate con acciuga. Nel dehors si possono gustare le pizze e altri piatti del menu veneziano. AL COVO Castello, 3968 - Ph. 041.5223812 Tucked behind riva degli schiavoni is this 126 Venezia | made in Veneto

elegant little restaurant with kitchen in full view. A destination for gourmands, it’s run by Cesare Benelli and his partner, who pick fresh ingredients every day for the variable menu. Excellent price/quality ratio; a wide selection of wines and olive oils. Elegante ristorantino con cucina a vista che si trova dietro alla riva degli schiavoni. Meta di gourmet, è gestito da Cesare Benelli e consorte, che ogni giorno scelgono ingredienti freschi da proporre nel variabile menu. Buon rapporto qualità/prezzo. Vasta gamma di vini e olii. AL MASCARON Castello, 5225 - Ph. 041.5225995 Long-time friends Gigi and Momi run this osteria, which possesses all the convivial spirit of times past. Don’t miss the traditional fish dishes. Regno di Gigi e Momi, amici di lunga data, questa osteria racchiude tutto lo spirito conviviale di un tempo. Non perdetevi i piatti tipici della tradizione a base di pesce. ALLE TESTIERE Sestiere Castello, 5807 - Ph. 041.5227220 This intimate restaurant of only ten tables is steps away from the church of Santa Maria Formosa and has become one of the most sought-after addresses. Its menu lends honour to the tradition of Venetian cuisine, with particular attention to quality ingredients. Intimo ristorante composto da una decina di tavoli, negli ultimi anni divenuto uno dei luoghi più richiesti, a due passi dalla chiesa di Santa Maria Formosa. Una scelta del menu che fa onore alla tradizione culinaria veneziana, con una grande attenzione verso le materie prime. CORTE SCONTA Castello, 3886 - Arsenale - Ph. 041.5227024 Firmly rooted in venetian restaurant tradition, taste the antipasti such as the ginger clams or the baccalà (salt cod), the primi of homemade pasta, or the secondi of fried fish. Punto di riferimento importante della ristorazione veneziana. Da gustare gli antipasti come le vongole allo zenzero o il baccalà mantecato, fino alle paste fatte in casa o le fritture di pesce. COVINO Calle del Pestrin - Ph. 041. 2412705 A cozy, familiar atmosphere surrounds us in a small, family run restaurant, which perfectly combines researched cuisine with the genuinity of the rigorously seasonal ingredients. A Slow-Food Restaurant Un atmosfera intima e familiare ci accompagna in un locale piccolo a conduzione familiare, dove la cucina ricercata si sposa perfettamente con la genuinità dei prodotti rigorosamente di stagione. Ristorante Slow Food HOSTARIA DA FRANZ Fondamenta San Giuseppe, 754 Ph. 041.5220861 Outside of the tourist area, a classic restaurant with a rustic atmosphere, family run, that specializes in fish and seafood. Located behind the Giardini della Bien-

nale, where in summer there is some outside seating, don’t miss the spaghettini with scampi and the grilled eel. Fuori delle rotte turistiche un ristorante classico di atmofera rustica, gestione familiare, con specialità di mare. Situata vicino ai Giardini della Biennale, dove d’estate ci sono tavoli in riva, al canale adiacente. Da provare gli spaghettini con gli scampi e l’anguilla alla griglia. IL NUOVO GALEON Castello, 1308 - Ph. 041.5204656 Not far from the Biennale Gardens and just a few steps from the Arsenale is a restaurant beloved by Venetians, offering mostly fish dishes based on traditional Venetian recipes. Vicino ai Giardini della Biennale e alle spalle dell’Arsenale, un ristorante frequentato soprattutto da veneziani. Protagonista una cucina propone prevalentemente piatti a base di pesce basata sulle ricette tradizionali veneziane. IL RIDOTTO Campo SS. Filippo e Giacomo - Sestiere Castello - Ph. 041.5208280 Sophisticated, highly creative, but not overly-orchestrated cuisine. According to the Michelin Guide, “one of the city’s most interesting restaurants”. The perfect marriage of substance, innovation and local tradition. One Michelin star. Cucina di ricerca, sofisticata, ma non artificiosa, secondo la Guida Michelin, “una delle più interessanti realtà cittadine”. Sostanza e innovazione perfettamente sposate con la tradizione veneta. Una stella Michelin. LOCAL Castello 3303 - Ph. 041.2411128 Taking its inspiration from the continuous variations of the seasons and the surrounding territory, Local reinvents traditional Venetian cooking with creativity. The interesting wine list includes natural and farm winery wines only. Prendendo ispirazione dal continuo cambiamento delle stagioni e dal territorio circostante, Local reinventa con creatività la cucina tradizionale veneziana. L’interessante carta dei vini contiene solo etichette naturali e artigianali. LUNA SENTADA Campo San severo - Ph. 041.3097891 This restaurant combines Venetian coking, characterized by the love for tradition and by a selection of the highest quality ingredients, with Asian cooking, characterized by curiosity, passion and openness to new exotic flavors Un ristorante che coniuga la cucina veneziana, dove regnano l’amore per la tradizione e la selezione delle migliori materie prime, e la cucina asiatica basata sulla curiosità, la passione, la voglia di scoprire nuovi sapori esotici. 232 MET Riva degli Schiavoni, 4149 Ph. 041.5205044 Two Michelin stars. Located within the

Hotel Metropole, the restaurant is elegant, refined and tasteful in every detail. Chef Luca Veritti offers a regional cuisine reinterpreted in light and innovative fashion. There is also a wine cellar with ample selection. Due stelle Michelin. Collocato all’interno dell’Hotel Metropole, il ristorante è un ambiente elegante, raffinato e curato in ogni dettaglio. Lo chef Luca Veritti propone una cucina di territorio reinterpretata in modo leggero e innovativo. A disposizione inoltre una cantina con un’ampia selezione di etichette. OSTERIA OLIVA NERA Castello, 3417/18 - Ph. 041.5222170 Warm and welcoming, with a cuisine that respects venetian tradition in its simplicity, with the addition of a few whims from the chef. Calda e familiare, una cucina che rispetta la tradizione veneziana nella sua semplicità con l’aggiunta di piccoli estri a cura degli chef. TERRAZZA DANIELI Riva degli Schiavoni, 4196 Ph. 041.5226480 From the classic flavors of Venice to the flavors and fragrances of the Mediterranean but even from the faraway Orient. This is the cuisine proposed by Gian Nicola Colucci, executive chef of the restaurant with a breathtaking view in the luxury Hotel Danieli. The chef’s creations are accompanied by a careful selection of wines from the best Italian and international producers. Dalle classiche proposte veneziane ai sapori e profumi del Mediterraneo ma anche del lontano Oriente. E’ il percorso offerto di Gian Nicola Colucci, executive chef del ristorante con una vista mozzafiato del luxury Hotel Danieli. Le creazioni dello chef sono accompagnate da un’attenta selezione di vini proveniente dai migliori produttori italiani e internazionali. TRATTORIA DAL VECIO SQUERI Campo Santa Giustina, 6553 Ph. 041.5208379 Small but welcoming, with 30 seats indoors and 30 outside. The cuisine stands out in its rendering of some of the most typical Venetian dishes like baccalà (salt cod), cuttlefish on polenta, liver, pasta and beans, Venetian-style sardines and cicchetti (snack sized dishes). The wine cellar provides an excellent selection from the Veneto and Friuli areas. Piccolo ma accogliente, 30 posti interni e 30 esterni. La cucina si contraddistingue per i piatti piu’ tipici di Venezia quali baccala’, seppie con la polenta, fegato alla veneziana, pasta e fagioli, sarde in saor e cicchetti. La cantina dispone di una scelta selezione di vini Veneti e Friulani. WILDNER Castello, 4161 - Ph. 041.5227463 Managed with competence and passion


DORSODURO

AI DO FARAI Sestiere Dorsoduro, 3278 - Ph. 041.2770369 One of the oldest Venetian taverns and one of the most popular places among young Venetians in the 1970s. The cuisine is inspired by the culinary traditions of the lagoon and focuses on fish. Una delle più antiche osterie veneziane, e uno dei principali ritrovi dei giovani veneziani negli anni Settanta. La cucina si rifà alla tradizione culinaria lagunare e propone piatti di pesce. AI GONDOLIERI Sestiere Dorsoduro, 366 - Ph. 041.5286396 Don’t be fooled by the name: “Ai Gondolieri” reinterprets the culture of local food—namely meat. Dating to the early 1900s, this former meeting place for residents and neighbourhood workers is just a few steps from the Guggenheim Museum and Accademia Gallery Non fatevi ingannare dal nome: “Ai Gondolieri” rielabora la cultura del cibo locale a base di carne. La sua origine risale ai primi decenni del ‘900 come luogo di ritrovo degli abitanti e lavoratori della zona. A due passi dal Guggenheim e dalle Gallerie dell’Accademia. ALTANELLA Calle delle Erbe - Sestiere Giudecca, 268 Ph. 041.5227780 In the calm of the Giudecca, away from the hubbub of tourists, a welcoming restaurant with an intimate cast iron terrace that is appreciated by locals. Fresh fish is on the menu, along with bean soup and polenta. Nella calma della Giudecca, distaccato dai soliti itinerari turistici, un ristorante accogliente e prelibato, con una intima terrazza in ghiaia, apprezzato anche dagli stessi veneziani. Pesce fresco ma anche zuppa con fagioli e polenta. ANTICA LOCANDA MONTIN Fondamenta di Borgo, 1147 - Ph. 041.5227151 In a magical garden with shady pergolas, right behind the Fondamenta, a typical Venetian restaurant with outdoor seating offers traditional local and national dishes with friendly service. Dentro un giardino ornato da suggestive pergole, appena dietro la Fondamenta, sorge una locale tipicamente veneziano, con un accogliente dehor estivo. Una cuci-

na tradizionale e nazionale, dove il servizio è cordiale e gentile. LA CUSINA Calle Larga 22 Marzo, 2159 Ph. 041.2400001 It is the restaurant of the luxurious Westin Europe & Regina hotel. Famed for its gastronomic quality and its exciting view over the water of the Grand Canal, it offers creative cuisine according to the flavorsome and innovative style of chef Alberto Fol. A seasonal menu, highlighting Mediterranean and regional flavors. E’ il Ristorante del lussuoso albergo The Westin Europa & Regina. Rinomato per la sua qualità gastronomica e l’emozionante vista sull’acqua che si affaccia sul Canal Grande, propone una cucina creativa secondo lo stile innovativo e gustoso dell’abile chef Alberto Fol. Un menù stagionale, all’insegna del gusto mediterraneo e della territorialità. HARRY’S DOLCI Sestiere Giudecca, 773 - Ph. 041.5224844 This elegant locale comes from the famous Cipriani family, best known for their Harry’s Bar, a real institution in the city. International cuisine with the highest quality ingredients is united with a robust wine list. Dalla capacità della famosa famiglia Cipriani che ha dato vita a Harry’s Bar, ormai diventato un’istituzione, nasce questo angolo di elegante ristoro nell’isola della Giudecca, con vista sul canale omonimo. Una cucina di stampo internazionale che utilizza le più alte eccellenze in fatto di materie prime, unita a una corposa carta dei vini. I FIGLI DELLE STELLE Zitelle - Giudecca, 70/71 Ph. 041.523004 The three owners combine their regions’ traditions: Puglia, Veneto, and Lazio. Simple flavours and classic Mediterranean dishes are exalted by the choice of quality ingredients. The bread is DOP (a controlled label) and the flour is from the Altamura, the famous capocollo cured meat is from Martina Franca (Puglia) and other salami from Ariccia, milk products from the Pugliese tradition and fish and greens from the local Rialto market. Nato dalla combinazione delle tradizioni regionali d’origine dei tre soci: pugliese, veneta e laziale. L’accurata selezione degli ingredienti che parte dalla più classica tradizione mediterranea, esalta i sapori semplici. Il pane DOP e le farine di Altamura, il capocollo di Martina Franca, i salumi di Ariccia e i prodotti caseari della tradizione pugliese, le verdure e il pesce del mercato di Rialto. L’ULIVO Isola della Giudecca, 33 Ph. 041.5207022 This charming restaurant is part of the Hotel & Spa Palladio. Seating is inside with an open kitchen, or outside in a pleasant garden. Light and tasty dishes are developed from organic, KM0 local in-

gredients, while an impressive selection of wines com from nearby Friuli. Ristorante di charme dell’Hotel Bauer Palladio and Spa. Con una sala interna dotata di cucina a vista e quella esterna, nella suggestiva cornice del giardino. Piatti leggeri e gustosi, elaborati a partire da ingredienti biologici e a chilometro zero con una pregiata selezione di vini provenienti dal vicino Friuli. LA BITTA Calle Lunga de San Barnaba, 27537/a Ph. 041.5230531 This enoteca and restaurant specializes in meat only. The atmosphere is warm and informal, fed by the menu that is sung out (not written!) by the owner, Debora. Amongst the highlights, game, duck stew, and venetian style liver. Ristorante enoteca con specialità di sola carne. L’ambiente è caldo e informale, alimentato dal menù, rigorosamente “cantato” dalla voce della proprietaria Debora. Tra i piatti forti cacciagione, oca in umido e fegato alla veneziana. LA PISCINA Dorsoduro, 780 - Ph. 041.2413889 The restaurant of the pensione La calcina is built in what was once a swimming pool at the edge of the canal. The cuisine is Mediterranean with a great variety of seasonal vegetables. Dessert is prepared on the spot, and the pasta is homemade. E’ il ristorante della pensione La calcina, costruito in quella che era una piscina sulle rive del canale, una cucina mediterranea con una grande varietà di verdure stagionali. I dessert vengono preparati al momento così come la pasta, fatta in casa artigianalmente. LINEA D’OMBRA Dorsoduro, 19 - Ph. 041.2411881 One of the most innovative restaurants in the area is now seeing a rise in prestige. The creative fish based cuisine is perfectly matched with the wine list. Near the museum of the Dogana, it fronts onto the bay of San Marco. Uno dei ristoranti più innovativi della zona che negli ultimi anni ha visto fiorire il suo prestigio. Cucina di pesce creativa che si sposa con le ottime etichette presenti sulla carta. Vicino al museo di Punta della Dogana, la sua terrazza si affaccia di fronte al bacino di San Marco. AL STORICO DA CREA Sestiere Giudecca, 212 Ph. 041.2960373 In the ex docking area now used by artisans, this restaurant is in a renovated warehouse. It knowingly mixes Ligurian and Venetian cuisines. Excellent also for lunch at good prices. Nella zona degli ex cantieri navali riconvertiti a sedi di attività artigianali, in un capannone ristrutturato sorge questo ristorante che mixa sapientemente cucina ligure e veneziana. Ottimo anche per un buon pranzo a prezzi economici.

ORO Sestiere Giudecca, 10 - Ph. 041. 240801 The restaurant of the Belmond Hotel Cipriani, run by Davide Bisetto, an Italian chef with international reputation and experience. Deep respect for basic ingredients and purity of flavours. One Michelin star. Ristorante del Belmond Hotel Cipriani, guidato da Davide Bisetto, cuoco italiano dall’eccellente curriculum internazionale. Rispetto delle materie prime e purezza dei sapori. Una stella Michelin. RIVIERA Dorsoduro, 1473 - Ph. 041.5227621 The Riviera restaurant offers a tipical venetian cuisine. Of particular interest are the finest seafood dishes. Overlooking the Grand Canal of Giudecca, just in front of the Stuky Mill, offers its guests a panoramic terrace from which to enjoy a breathtaking views. Il ristorante Riviera di Venezia propone una cucina veneta. Di particolare interesse sono i raffinati piatti di pesce. Affacciato sul Canal Grande della Giudecca, proprio di fronte al molino Stuky, offre ai propri clienti una splendida terrazza dalla quale godersi una vista mozzafiato.

SAN MARCO

AMO T Fondaco di Tedeschi by DFS San Marco 5556 Ph. 041.2412823 An elegant bistro inside the Fondaco dei Tedeschi, located at the foot of the Rialto Bridge, which houses the new luxury department store (Dfs). Fruit of a collaboration between the Alajmo brothers and designer Philippe Starck, it is the ideal place for a break any time of the day. Un elegante bistrot all’interno del Fondaco dei Tedeschi, il nuovo department store (Dfs) di lusso ai piedi del Ponte di Rialto. Frutto della collaborazione tra i fratelli Alajmo e il designer Philippe Starck, è l’indirizzo perfetto per una pausa in ogni momento della giornata. ANTICO MARTINI Campo Teatro Fenice, 2007 Ph. 041.5289857 In a classic and elegant atmosphere where you can feel all the charm of Venice’s most chic, since 1720 the restaurant Antico Martini offers all the flavor of traditional Venetian cuisine. Open until late at night, according to the timetable of the Teatro la Fenice, we advise also the bistrot VinoVino attached. Dentro un ambiente classico ed elegante dove si respira tutto il fascino della Venezia più chic, dal 1720 il ristorante Antico Martini offre tutto il gusto della cucina veneta tradizionale. Aperto anche fino a tarda notte, seguendo gli orari del Teatro la Fenice, da consigliare anche il bistrot VinoVino annesso. Venezia | made in Veneto 127

EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

since 1960, the restaurant of the Wildner Hotel of Venice proposes and reworks with creativity the dishes of the Venetian and Italian cooking tradition, served in a unique location: the restaurant’s veranda with view on Riva degli Schiavoni Gestito con professionalità e passione dal 1960, il ristorante dell’Hotel Wildner di Venezia propone e rielabora con un tocco creativio i piatti della tradizionale cucina veneziana e italiana e li serve in una cornice unica: la veranda con vista sulla Riva degli Schiavoni.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

ABECCAFICO Campo Santo Stefano, 2801 Ph. 041.5274879 Located right on Campo Santo Stefano, with a charming outdoor area, A Beccafico Restaurant offers Mediterranean cuisine, in particular fish and seafood dishes in keeping with the best Venetian traditions. Affacciato su Campo Santo Stefano, con un affascinante ambiente esterno, il ristorante A Beccafico vi aspetta con piatti, soprattutto di pesce, dedicati alla cucina mediterranea abbinati al gusto della tradizione veneziana. ACQUA PAZZA San Marco, 3808 - Ph. 041.2770688 A magnificent outdoor area facing Campo Sant’Angelo, excellent fish dishes, and the taste of true Neapolitan pizza—this and much more awaits you at Acqua Pazza, where authentic Amalfi Coast and Mediterranean cuisine reigns. Un magnifico Dehor affacciato su Campo Sant’Angelo e il gusto della vera pizza napoletana. Questo e molto altro da Acqua Pazza, regno della vera cucina amalfitana e mediterranea. Da provare anche il pesce. ANTICO PIGNOLO Calle Specchieri, 451 - Ph. 041.5228123 The large walled summer garden is unquestionably notable, as are the fish-based dishes served with particular attention to local products, while the wine list numbers over 1000 labels from every part of the world, as has been noted by the magazine Wine Spectator. Di rilievo il grande giardino estivo circondato dalle classiche mura veneziane. I piatti sono prevalentemente a base di pesce, con particolare attenzione ai prodotti del territorio, mentre la carta dei vini conta oltre 1000 etichette provenienti da ogni parte del mondo, segnalata anche dall’autorevole rivista Wine Spectator. CAFFÈ CENTRALE VENEZIA San Marco, Piscina Frezzeria, 1659b Ph. 041 8876642 A new and modern restaurant housed in Palazzo Cocco Molin, a sixteenth-century Venetian building. Extensive menu ranging from meat to fish-based dishes, accompanied by excellent wines. You can also drink and dine outside on the small terrace giving onto the Rio de’ Barcaroli canal. The bar and kitchen are open till late into the night. Private entrance for taxis and gondolas. Nuovo e moderno ristorante situato a Palazzo Cocco Molin, un’antica residenza veneziana del 1500. Le proposte della cucina sono numerose e spaziano dalla carne al pesce, accompagnati da una buona cantina. Si può bere e cenare anche in una piccola terrazza affacciata sul canale Rio de’ Barcaroli. Il bar e la cucina sono aperti fino a tarda notte. Ingresso privato per taxi e gondole. CAFFÈ QUADRI Piazza San Marco, 120 - Ph. 041.5222105 128 Venezia | made in Veneto

Recently renovated by the architect and designer Philippe Starck, the historic restaurant is run by the Alajmo brothers, creators of the three Michelin star Relais Gourmand Le Calandre in Padova. It faces directly onto Piazza San Marco, and its interior is carefully decorated with local products like Murano glass; the menu is creative and gourmet, in which fish is explored and tastes are exalted. One Michelin star. Recentemente rinnovata dall’archietetto e design Philippe Starck, lo storico ristorante è gestito dai fratelli Alajmo, creatori del tre stelle Michelin Relais Gourmand Le Calandre di Padova. Unico luogo che si affaccia direttamente su piazza San Marco, dagli interni estremamente curati con le eccellenze del territorio, come i vetri di Murano, detiene un menu creativo e gourmet, dove il pesce viene esplorato e esaltato in tutti i suoi sapori. Una stella Michelin. DA IVO Ramo dei Fuseri, 1809 - Ph. 041.5285004 Amongst the most historically significant restaurants of Italy and perhaps in the world, Da Ivo was opened by the Tuscan Ivo Natali in 1976. It’s the preferred destination of many stars, including Sting, Elton John and Tom Cruise, and it’s a perfect little treasure in which to sample local and national cuisine, including the famous fiorentina steak. Inizia la sua storia nel 1976 grazie al suo fondatore, il toscano Ivo Natali. Meta preferita di molti personaggi famosi tra cui Sting, Elton Jhon e Tom Cruise, è un piccolo tesoro dove gustare cucina nazionale e locale, insieme a una buona bistecca alla fiorentina. DE PISIS S. Marco, 1459 - Ph. 041.4207022 This is the restaurant in the luxurious Hotel Bauer. Unique thanks to its terrace that faces onto one of the most spectacular views in the world, Venice’s Grand Canal, with a view of the church of Santa Maria della Salute in the background. Chef Alessio Loppoli proposes a cuisine based on the seasonal products of the territory, under supervision. E’ il ristorante del lussuoso Hotel Bauer. Unico per la sua terrazza che si affaccia lungo uno dei luoghi più spettacolari del mondo, il Canal Grande di Venezia, con la veduta della famosa Chiesa di Santa Maria della Salute sullo sfondo. Lo chef Alessio Loppoli propone una cucina basata sui prodotti stagionali del territorio, con supervisione. DO FORNI Sestiere San Marco, 457 - Ph. 041.5232148 A true institution in the historic center of the city, a great place for special occasions as well as cultural events, and frequented by illustrious visitors, the cuisine is primarily local and fish-based. Two areas are available – the more formal ‘Orient Express’ and another less formal seating space. Nel centro storico della città è divenuto nel tempo una vera istituzione. Ritrovo per occasioni ed eventi anche culturali, spes-

so è il ristorante di personaggi illustri che soggiornano in laguna, con la sua cucina con prevalenza di pesce e legata al territorio. Dispone di due aree, una più raffinata che prende il nome di Orient Express e l’altra, più informale. HARRY’S BAR Calle Vallaresso, 1323 - Ph. 041.5285777 The original Harry’s Bar was opened by the Cipriani family in 1931 (a rope store was in its place). In 2001 it was named a national treasure by the Italian Ministry of Culture. The cuisine remains that of Harry’s Bar tradition – classic, with attention to base ingredients. The must haves are: risotto primavera, tagliolini with prosciutto, and the historic Bellini cocktail that was born within these walls. Dichiarato nel 2001 patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali, è il primo Harry’s Bar nato dalla mente della storica famiglia Cipriani che nel 1931 riprese un negozio di corde per renderlo un bar. La cucina è quella storica di ogni Harry’s Bar: tradizionale e attenta alle materie prime. I must: risotto primavera, tagliolini gratinati al prosciutto e lo storico Bellini, nato proprio tra queste mura. OSTERIA SAN MARCO San Marco, 1610 - Ph. 041.5285242 An informal but elegant restaurant and wine bar whose kitchen is open from noon to 11pm. The weekly menu is always changing, distinguished by the way local, seasonal products are used to make creative, gourmet dishes. Wine available also by the glass, with cheese and cold-cuts at the bar. Osteria-enoteca dall’atmosfera informale e rustica. La cucina, aperta dalle 12 alle 23, si contraddistingue con il suo misurato estro creativo, capace di realizzare piatti gourmet attraverso gli ingredienti di stagione che il territorio fornisce, per un menu che cambia settimanalmente. Vini anche a bicchiere con formaggi e salumi al bancone. ROSA ROSSA San Marco, 3709 - Ph. 041.5234605 In a refined, recently renovated setting, one of this restaurant’s surprises is the pizza, but the dishes in the classic Venetian tradition are wonderful as well. San Marco, 3709, ph. 041.5234605 In un ambiente raffinato e recentemente rinnovato, una delle sorprese del ristorante è la pizza, rigorosamente fine. Ma non dimenticatevi dei grandi piatti della tradizione veneta. TAVERNA LA FENICE San Marco, 1938 - Ph. 041.5223856 Near the famous theatre of the same name, the kitchen is open late for when the theatre lets out. The vast terrace for al-fresco summer dining provides a warm and intimate atmosphere, a feeling that continues inside with the warm wood tables and velour coverings. The innovative menu is both surf and turf. Vicino al famoso teatro, ne rispetta gli orari con una cucina che rimane aperta fino a

notte tarda. L’ampia terrazza estiva dà vita ad un’atmosfera di intimità e calore, sensazioni che proseguono anche all’interno, con il legno degli arredi e il velluto dei rivestimenti. Un menu innovativo di carne e pesce completa il tutto. VINI DA ARTURO Sestiere San Marco, 3656 Ph. 041.5286974 A preferred location by local Venetians, this small, simple and elegant restaurant has a menu in which meat is the real protagonist. Try the filet in all its variations. No credit cards accepted. Frequentato prevalentemente dai veneziani. Piccolo, semplice e accogliente con un menu che vede la carne come vera protagonista. Da provare il filetto in tutte le sue variazioni. Non accetta carte di credito. WINE BAR TEAMO Calle Rio Terrà de la Mandola, 3795 Ph. +39 041 528 3787 Cozy restaurant near Campo Sant’Angelo with a very pleasant informal ambiance. Great selection of assorted cured meats and salamis, cheeses and raw fish Piccolo locale a due passi da Campo Sant’Angelo dall’atmosfera informale molto piacevole. Ottima selezione di taglieri di salumi, formaggi e cruditè di pesce.

SAN POLO

ALLA MADONNA Calle de la Madona, 594 - Ph. 041.5223824 Fulvio Rado opened this historic venetian osteria in 1954, and for the past 35 years it has been run by his son Lucio. The style and menu has not changed much due to their healthy respect of tradition. The menu is fish only, with good price/value ratio. Aperto nel 1954 da Fulvio Rado e da 35 anni gestito dal figlio Lucio. Derivato da un’antica osteria veneziana, ha mantenuto negli anni il suo stile e la sua qualità nei piatti della tradizione. Una cucina a base di pesce, secondo i dettami tipici della tradizione, ottimo anche per il rapporto qualità/prezzo. ANTICHE CARAMPANE San Polo, 1911 - Ph. 041.5240165 A rustic trattoria that has recently gained popularity. The menu lists only Adriatic fish, served in a traditional but revisited manner. In good weather, outside seating is available between potted flowers and under a charming tent in a calm corner of the lagoon. Una trattoria dallo stile rustico che negli ultimi anni ha visto accrescere la sua popolarità. Nel menu solo pesce del mar Adriatico. La cucina è tradizionale e talvolta rivisitata e corretta con discrezione. In stagione c’è la possibilità di pranzare all’aperto, tra vasi di fiori e sotto un allegro tendone, in un angolo defilato vicino al ponte di Rialto. BANCOGIRO Campo San Giacometto, 122 Ph. 041.5232061


SANTA CROCE

ALLA ZUCCA Sestiere Santa Croce, 1762 Ph. 041.5241570 This sheltered and calm restaurant sits at the feet of a little bridge, and offers an inspired and creative local menu that includes a good range of vegetarian dishes. Try the cous cous, the spicy meatballs, and the baked lamb chops topped with tzatziki. Ai piedi di un classico ponte, un locale defilato, sereno e caldo. Una cucina locale animata con estro e inventiva, insieme a una interessante proposta di piatti vegetariani. Da provare: il cous cous, le polpettine speziate e le costolette d’agnello al forno con salsa Tzatziki. GLAM RITORANTE & BAR Palazzo Venart S. Croce, 1961 Ph. 041.5233784 In the enchanting Palazzo Venart, with gardens on the Grand Canal, starred chef Enrico Bartolini prepares classic Venetian specialties with a contemporary twist. Nel suggestivo Palazzo Venart, con giardino sul Canal Grande, lo chef stellato Enrico Bartolini propone specialità classiche veneziane reinterpretate in chiave contemporanea. OSTERIA TREFANTI Rio Marin, Santa Croce, 888 Ph. 041.5201789 Casual restaurant with a refined fish menu.

Casual restaurant con menù a base di pesce molto ricercato. REFOLO Campo San Giacomo dell’Orio, 1459 Ph. 041.5240016 In a picturesque little campo off San Giacomo dell’Orio is this offering of an informal menu: pizza and cheese plates, along with raw oysters, fried zucchini flowers and sardines, or prosciutto and figs. This is the more youth-friendly “son” of the famed Da Fiore restaurant. Il ristorante, che si trova in un pittoresco campiello appartato a San Giacomo dell’Orio, propone cucina informale come pizze e assaggi di formaggi ma anche ostriche crude, pollo al curry, scamone garronese. Tra le pizze più richieste, fiori di zucca e acciughe, prosciutto e fichi e la Piazza Doge. Figlio del ristorante pluripremiato Da Fiore, ne è la versione più giovane e friendly.

VENICE’S OMBRE AL MARCA Sestiere San Polo, 213 Ph. 346.8340660 This is the place to drink a famed spritz at the right price. It’s always packed with locals. Don’t miss the meatballs and sandwiches lovingly prepared by Wewe. Near the Rialto market. Un vero must in città dove bersi al giusto prezzo il famoso spritz. Sempre affollato, frequentato sopratutto dai veneziani. Da non perdere le polpette e i panini preparati da Wewe. Si trova vicino al mercato di rialto. AL TIMON Sestiere Cannaregio, 2754 Ph. 041.5246066 Steps away from the ghetto, this little osteria is run by young Venetians who serve excellent cicchetti (little local appetizers) and excellent wine to sip while seated along the canal, preferably after sunset. Open beyond midnight. A pochi passi dal Ghetto una piccola osteria gestita da giovani veneziani, ottimi cicchetti e buoni vini da sorseggiare seduti sulla fondamenta d’estate, preferibilmente dopo il tramonto. Il locale è aperto oltre la mezzanotte. ALL’ARCO San Polo, 436 - Ph. 041.5205666 A tiny, secret place to taste an excellent selection of wines while snacking on the famous cicchetti. The selection is limited but of high quality: crostini, cooked vegetables prepared in various ways, and fresh fish. Un piccolo e segreto luogo dove poter degustare una buona selezione di vini insieme ai famosi cicchetti. Insieme a una selezione di pietanze limitata, ma di ottima qualità. Crostini, verdure cotte in diversi modi, dalla caponata ai carciofi locali, e pesce fresco. ALLA MASCARETA Sestiere Castello, 6 Ph. 393.9848407

This wine bar is listed in the SlowFood Guida alle Osterie d’Italia, with high merits for its wine and cheese selection. Near the door of Campo Santa Maria Formosa, outside seating is in ex-movie chairs. Excellent selection of cold cuts and cheese, and some warm dishes are served. Enoteca che la Guida alle Osterie d’Italia di SlowFood segnala fra i locali del buon formaggio e del buon vino. Si trova vicino a Campo Santa Maria Formosa, fuori dalla porta, poltroncine da cinema attendono chi vuole fare quattro chiacchiere all’aperto. Alle proposte di mescita, si accompagnano selezioni di salumi e formaggi e alcuni piatti caldi. CANTINONE GIÀ SCHIAVI Fondamenta de le Romite, 1350 Ph. 041.5230744 A family run wine bar and osteria in the San Trovaso area with a not to be missed selection of cicchetti, both traditional and innovative, and the excellent selection of wines. It’s also a good wine shop for home consumption. There is no seating but customers lounge outside on the fondamenta. Enoteca osteria a conduzione familiare nella zona di San Trovaso, imperdibile per i cicchetti assortiti, tradizionali e fantasiosi, ottima la scelta dei vini. il locale è anche un’ottima cantina nella quale fare rifornimento per casa. Non c’è posto a sedere ma si sta fuori nella fondamenta. DO MORI Sestiere San Polo, 429 Ph. 041.5225401 In an underpass near the Rialto market, this bar-only wine shop serves cicchetti too. In un sotoportego vicino al mercato di Rialto troviamo questa cantina, dove si può scegliere tra una gran varietà di cicheti e vini in bottiglia, rigorosamente al banco. LA CANTINA Campo San Felice - Cannaregio, 3689 Ph. 041.5228258 A pleasant place to sit along the street and watch life walk by; artisanal wines and beer are accompanied by cicchetti and a few dishes made on the spot. Una piacevole sosta lunga la Strada Nova dove assaporare il via vai della città. Vini e birre artigianali, conditi con piatti e cicchetti espressi.

ISLANDS RESTAURANTS BURANO

AL GATTO NERO Fondamenta della Giudecca, 88 Ph. 041.730120 What began as a simple osteria in 1965 has been expanded by the owner, Ruggero Bovo, whose menu boasts an ample selection of antipasti and primi, the best of which is the ‘Risotto di gò alla buranella,’ the homemade tagliolini with crab, followed by baked fish or the sublime fish fry, accompanied by

organic seasonal greens from the nearby islands. Large outdoor seating. Nata come semplice osteria nel 1965 viene rilevata dal propretario Ruggero Bovo. Nel menu compare un’ampia degustazione di antipasti e di primi piatti, tra i quali trionfa il Risotto di gò alla buranella, i tagliolini fatti in casa con Granzeola e poi il pesce al forno o i supremi fritti di pesce misto accompagnati da verdure sempre di stagione a coltivazione biologica raccolte nelle isole limitrofe. Ampio dehor estivo. DA ROMANO Via S. Martino, 221 - Ph. 041.730030 A popular getaway for many early 20thcentury artists who lived on the island, the Barbaro family has always been the owners and continue to run it with tradition, love, and professional ability. This is the place to taste typical lagoon cooking. It’s famous for the refined simplicity of the risotto and fish dishes based in tradition. Rifugio storico di molti pittori che nei primi del ‘900 sostavano nell’isola, gestito da sempre dalla famiglia Barbaro che continua la tradizione con amore e capacità. Qui si possono gustare i piatti tipici della cucina lagunare. Famosi nella loro raffinata semplicità sono i risotti e i piatti di pesce che si rifanno ad un’antica arte culinaria. RIVA ROSA Strada San Mauro, 296 - Ph. 041.730850 One of the essential stops on the island if you want to taste fish straight out of the sea, this ristorante and wine bar is a house museum on the inside and has a panoramic terrace as well. Private docking vailable. Per gustare il sapore del pesce appena pescato, questo ristorante enoteca è una delle tappe fondamentali nell’isola dei merletti. Una casa museo all’interno di antiche fondamenta, una terrazza che si apre a un ampio panorama. Possibilità di attracco privato.

ISOLA DELLE ROSE

DOPOLAVORO Isola delle Rose, Laguna di San Marco Ph. 041.8521300 The kingdom of one of Italy’s most celebrated chefs, Giancarlo Perbellini, it is the restaurant of the elegant JW Marriott® Venice Resort & Spa. Located on a private island in the Venetian Lagoon. One Michelin star gained in 2016. Regno di uno degli chef più acclamati in Italia, Chef Giancarlo Perbellini, è il ristorante dell’elegante JW Marriott® Venice Resort & Spa. Come palcoscenico, un’isola privata nel capoluogo lagunare. Da questo 2016 vanta una stella Michelin.

MAZZORBO

VENISSA Fondamenta Santa Caterina, 3 Ph. 041.5272281 Paola and Gianluca Bisol have seen the dream of an innovative hostel-restaurant come into reality. Here dishes are created Venezia | made in Veneto 129

EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

At the foot of the Rialto bridge, this campo (square) is packed during the day with the fruit and vegetable market. The osteria is named for the bridge under which it is located. It has excellent wines, served at table or bar, tasty cicchetti (snack sized dishes) to accompany one’s chalice, and just a few refined dishes on the menu, to eat seated at table. Ai piedi del ponte di Rialto si apre un campo che durante il giorno è affollato dai banchetti del mercato. Ottimi vini, anche al banco, gustosi cicchetti per accompagnare il bicchiere, e poche portate, anch’esse raffinate e gustose, da mangiare seduti in campo dell’Erberia, con vista sul Canal Grande. DA FIORE Calle del Scalater, 2202 - Ph. 041.2750822 This prestigious and exclusive osteria has been rewarded with one Michelin star. Owners Mara and Maurizio Martin, along with their son Damiano, have made the restaurant into an institution in which the cuisine is a creative expression able to exalt the flavours of the fish that animate the menu. Un’osteria prestigiosa e esclusiva premiata con una stella Michelin. I proprietari Mara e Maurizio Martin, insieme al figlio Damiano, hanno trasformato il ristorante in una istituzione, dove la cucina diventa espressione creativa in grado di esaltare i sapori del pesce, anima del menu.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

on the basis of the products offered by the local territory for a “Zero Kilometer Menu” that is changed every day. One Michelin star. Innovativo ristorante ostello nato dal sogno di Paola e di Gianluca Bisol. I piatti vengono creati in base alle materie prime che il territorio locale offre quotidianamente, creando un menù che cambia tutti i giorni diventando un reale chilometro zero. Una stella Michelin.

MURANO

BUSA ALLA TORRE DA LELE Campo Santo Stefano, 3 - Ph. 041.739662 A classic menu of Venetian cuisine prepared according to tradition, and accompanied by a good wine list... all inside a refined and elegant location with a summery terrace too. Un menu classico di cucina veneziana cucinato secondo la tradizione e accompagnato da buoni vini sulla carta. Il tutto dentro un luogo raffinato e elegante,insieme a un suggestivo plateatico estivo. ACQUASTANCA Fondamenta Manin, 48 - Ph. 041.3195125 The name stands for the moment when the water is still, between the high and the low tide. Recently opened by two young women –it used to be an historical bakery, it offers the flavors of the traditional cooking in a chic but cosy atmosphere, like that you find in fish houses. Il nome indica il momento di calma tra la bassa e l’alta marea del mare. Aperto recentemente da due giovani donne al posto di uno storico fornaio, qui troverete i sapori della cucina tradizionale in un ambiente chic ma semplice, come nei casoni da pesca.

PELESTRINA

DA CELESTE Sestiere Vianelli, 625 - Ph. 041.967043 One of its best features is the terrace, the prettiest of those that give onto the south lagoon. Fresh fish is prepared in the traditional ways – try the pasticcio di pesce, a kind of fish lasagna). Uno dei suoi punti forti è la terrazza, la più bella tra quelle che si affacciano davanti alla laguna sud. Pesce fresco cucinato alla maniera tradizionale, da provare il pasticcio di pesce.

SAN PIERO IN VOLTA

DA NANE San Pietro in Volta, 282 - Ph. 041.5279100 Home style venetian cooking with fish at its heart, in a welcoming atmosphere. Amongst the house specialties are the antipasti of mantis and scallops, the famed pasticcio di pesce (a kind of fish lasagna), the fried squid, cuttlefish stew, and the grilled local meat. The selection of wines is also notable. Cucina veneta casalinga a base di pesce dentro un ambiente accogliente. Tra le specialità della casa vanno menzionati gli antipasti di cannocchie e capesante, il ri130 Venezia | made in Veneto

nomato pasticcio di pesce, il fritto di calamaretti, le seppioline in umido, la grigliata dell’Adriatico. Buona la selezione dei vini.

VIGNOLE

ALLE VIGNOLE Isola Vignole, 12 - Ph. 041.5289707 The Vianello family has been running this trattoria for almost a hundred years, offering clients a traditional fish-based menu and genuine meats. Da quasi cento anni gestita dalla famiglia Vianello, questa trattoria offre ai propri clienti una cucina tradizionale basata sul pesce della laguna e del mar adriatico e la carne più genuina.

TORCELLO

AL PONTE DEL DIAVOLO Fondamenta Borgognoni, 10\11 Ph. 041.730401 In a comfortable and elegant location at the foot of the bridge of the same name, the two rooms inside are warmed by the fireplace, while the garden has a lovely pergolato covering. The quality of this restaurant rests on its use of the freshest ingredients that mix history and tradition to make excellent dishes. Un ambiente confortevole e elegante ai piedi dell’omonimo ponte. Un comodo salotto, due sale interne al tepore del rilassante camino, un giardino con il tradizionale pergolato. Una cucina dalle materie prime freschissime, in cui storia e tradizione s’intrecciano per piatti eccellenti. LOCANDA CIPRIANI Piazza Santa Fosca, 29 Ph. 041.730150 One of the most important restaurants in Venice comes from the Cipriani family. Immersed in the surrounding green area, the refined country atmosphere meets the kitchen of Chef Cristian Angiolin who prepares both the classic Cipriani family dishes, and an ample selection of fish- or vegetable-based primi with homemade pasta or rice. Dallo storico nome della famiglia Cipriani, uno dei ristoranti più importanti della laguna veneta. Immerso nella natura della campagnia circostante, in un ambiente raffinatamente agreste, una cucina con a capo lo chef Cristian Angiolin che, oltre ai piatti inventati dalla famiglia Cipriani e oramai divenuti dei classici, propone un’ampia scelta di piatti basati su pesce, verdure, pasta fatta in casa e riso.

LIDO

AI MURAZZI Via dei Kirchmayr, 16 - Ph. 041.5267278 On a path that runs along the sea and the typical rocks of the Lido, there is the restaurant Ai Murazzi. In a simple house with dark wood with a typical furnishings you could taste the traditional cuisine based on fish that reveals the full potential of this region. Try the sardines in sauce.

Su un percorso che costeggia il mare e le tipiche rocce del Lido, si trova il ristorante Ai Murazzi. Dentro una semplice casa in legno scuro con arredamento tipico marinaro una cucina tradizionale a base di pesce rivela tutte le potenzialità di questa regione. Da provare le sarde in saor. ANDRI Via Lepanto, 21 - Ph. 041.5265482 Typical Venetian restaurant where to taste the authentical flavors of a traditional cuisine at a very good price/quality ratio. Do not miss its first courses and Bollito dishes. During Summer, an outdoor veranda with lots of flowers is opened Tipico ristorante veneziano dove gustare i sapori autentici di una cucina tradizionale ad un ottima qualità prezzo. Da provare i primi piatti e i bolliti. D’estate si apre in una fiorita veranda esterna. LA FAVORITA Via Duodo Francesco, 33 - Ph. 041.5261626 This trattoria, one of the “buon ricordo” series, is run by Luca Pradel and his wife Gabriella. Located on a quiet street in the Lido, it’s recognized as one of the area’s top restaurants due to the fish specialties rooted in venetian tradition, with select seasonal ingredients and perfectly matched wines chosen amongst the best international and national labels. Trattoria del “buon ricordo”, gestita da anni da Luca Pradel e dalla moglie Gabriella, si trova in una via appartata e tranquilla del Lido. E’ riconosciuto come uno dei ristoranti più rinomati in zona, per la cucina con specialità di pesce degna della storica tradizione veneziana, per gli ingredienti selezionati in base alla stagione e legati al territorio circostante, per il vino abbinato alle portate, scelto tra le migliori etichette nazionali ed internazionali.

RESTAURANTS ON THE MAINLAND CAMPALTO

AL PASSO Via Campalto, 118 - Ph. 041.900470 Near the Marcopolo airport, this traditional venetian restaurant offers high quality cooked and raw fish dishes: grilled or barbecued, carpaccio and seafood. Don’t miss the razor-shell clams (called capelonghe), scallops, polenta with schie (local grey shrimp), and the grilled octopus with beans. Vicino all’areoporto Marcopolo, propone una cucina tradizionale veneta di alta qualità, con piatti di pesce sia crudo che cotto, alla griglia alla brace, carpacci di ogni genere, frutti di mare. Inoltre imperdibili le capelonghe, le capesante, i canestri, la polentina con le schie, il polpo alla griglia con fagioli.

MAROCCO

AL CASON Via Gatta,112 - Ph. 041.907907 Since 1967, the Foltran family has invested

passion in this osteria and restaurant that exalts the best of local flavours. Start with the antipasti – raw, boiled, or grilled – a glass of prosecco, followed by linguine with clams and finally the tiny ombrine fish served grilled. Genuine simplicity. Dal 1967 la famiglia Foltran porta avanti con passione il questo ristorante osteria che esalta il meglio i sapori naturali della materia prima locale. Prima gli antipasti, crudi, bolliti e alla brace, un calice di prosecco, poi linguine con le telline e a seguire una grigliata di piccole ombrine. Genuina semplicità.

MESTRE

AI VETERANI Piazzetta Da Re, 6 - Ph. 041-959378 A restaurant and wine bar with a warm, homey atmosphere. The menu varies by season, with occasional sparks of innovation, always using excellent primary ingredients. The wine list is the true star here, suggested with passion by the owner, Isa Mazzetto. Enoteca ristorante con una calda atmosfera casalinga. Il menu è vario, stagionale. La materia prima è eccellente, e infine i vini, veri fiori all’occhiello, consigliati passione e competenza dalla titolare, Isa Mazzetto. AMELIA Via Miranese, 113 - Ph. 041.913955 One of the most prestigious and historic restaurants in Mestre, the menu is fishbased and always excellent quality. The offerings are generally based on local products and inspired by venetian tradition. Uno dei ristoranti più prestigiosi e storici di Mestre. Il menù è a base di pesce sempre di ottima qualità. L’offerta si basa molto sui prodotti locali e si rifà alla tradizione veneziana. Quindi: bovoleti, canoce, masenete, folpetti, capesante, moèche, schie o gamberetti di laguna, anguelle e infine baccalà mantecato.

LUGHETTO DI CAMPAGNIA LUPIA CERA Via Marghera, 24 - Ph. 041.5185009 One Michelin star for this restaurant between Venice and Chioggia run since 1966 by the Cera family.. The gastronomic proposals depend on the freshness and high quality of the ingredients in order to make the scents and tastes of local tradition come forth. The cellar boasts wines well-matched to the menu. Una Stella Michelin. Tra Venezia e Chioggia, dal 1966 la famiglia Cera è l’appassionata custode della raffinata osteria impreziosita da marmi, argenterie e un raccolto giardino. La cantina propone etichette intelligentemente selezionate in accordo col menu.


75th ANNIVERSARY

fabrics made in Italy |

manteco


Venezia Made in Veneto n.28  
Venezia Made in Veneto n.28  
Advertisement