Page 1

veneziamagazine.com

URE ARCHITECT N N BIE ALE

COVER STORY ROBERT REDFORD FASHION S/S 2018 SPORTY INSTINCT CULTURE THE MUST-SEE EXHIBITIONS | FULVIO ROITER | HOMO FABER ITINERARIES VENICE’S GREENERY | PALAZZO CONTARINI DEL BOVOLO


Igor Mitoraj, Luci di Nara, bracciale, oro bianco

THE ART OF WEARING ART. I GIOIELLI DI MITORAJ

Giacomo Braglia, #TheFloatingBlue, stampa su Dibond, 2018

GIACOMO BRAGLIA. CONVERSATIONS 19 MAGGIO - 15 DICEMBRE 2018 San Marco, 2288 - Calle Larga XXII Marzo, Venezia Tel. +39 041 5230357

www. continiarte.com

venezia@continiarte.com


38

70

52

27

SPRING SUMMER in this issue

COVER STORY

18

48 Robert Redford

A life in art

A lion in Venice

Una vita nell’arte

Un leone a Venezia by Giovanni Bogani

SAVE AS

20

Renato Missaglia

Donato Ascani

The Seduction of Glam Sedurre con Glam

22

Venice exhibition

FASHION

23

Veneto exhibition

29

It Object

52

Shooting

24 Classic 25

Pop

26 Book

Sporty instinct by Marta Innocenti Ciulli

Jewels

62

MUST HAVE PEOPLE 14

Silvia Finiels

Wonders of Murano Meraviglie di Murano by Federica Repetto 16

Giorgio Fadda

64 Shoes 65 Trend 67

Man

ITINERARIES 38

Gardens

Portrait of a bartender

Venice’s greenery

Dalla parte del barman

Il verde di Venezia by Federica Repetto


74

78

82

27

SPRING SUMMER in this issue

ART, DESIGN & CULTURE

94

68

Shooting the Glass

Giusy Moretti

Precious fabrics

Exhibition

Fotografare il vetro

Panneggi preziosi by Luciana Boccardi 70

Biennale Architettura

Born free Nata libera by Teresa Favi 74

Exhibitions

Contemporary Venice Contemporanea, il tuo nome è Venezia by Mila Montagni 78

Palazzo Contarini del Bovolo

A gem in Venice Un gioiello a Venezia by Federica Repetto 82

Guido Peruz

The silence of gold Il silenzio dell’oro by Mila Montagni 86

Fulvio Roiter

LIFESTYLE 98

Anniversary

A tribute to hospitality Elogio all’ospitalità by Federica Repetto 102

Yacht Experience

Treasure chests on the water Scrigni sull’acqua by Federica Repetto FOOD & WINE 104

Restaurants

A change of flavour Deviazioni di gusto by Giovanna Caprioglio

Eye and soul Occhio e anima by Federica Repetto 90

Homo Faber

Artisan intelligence Intelligenza Artigianale by Virginia Mammoli

SHOT ON SITE 34, 35, 36

GUIDE 110

Restaurants


M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni venezia correspondent

Federica Repetto contributors

Luciana Boccardi, Giovanni Bogani, Giovanna Caprioglio photographers

Graziano Arici, Andrea Avezzu, Alessandro Bencini, Archivio CameraphotoEpoche, Matteo Bertolin, Matteo De Fina, Francesco Galli, Dario Garofalo, Gioielli Nascosti di Venezia, Alessandro Moggi, Jeff Vespa (cover), Aldo Navoni, New Press Photo, Tommaso Pitton, Laila Pozzo, Susanna Pozzoli, Tyson Sadlo, Marco Tortato, Paolo Vandrasch art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Alessandra Nardelli, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 6/2011 del 2.8.2011 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


BAGLIETTO YACHT EXPERIENCE

Discover the treasures of the Venetian Lagoon A tour where taste, nature and beauty come together to create an unique experience. On board the Sibell, the 72-foot-long vintage motorboat from Cantieri Baglietto, guests can enjoy a top-level food experience prepared by the Alajmo restaurant group, AMO (T Fondaco dei Tedeschi) and Ristorante Quadri (St. Mark’s Square). Private chefs will be at the guests’ disposal to prepare contemporary interpretations of Venetian and Italian classic cuisine.

www.blitzexclusive.com +39 041 0986800 | info@blitzexclusive.com


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

CONTRIBUTORS Luciana Boccardi Crovato, Fashion and society expert, she started her career in journalism after having been awarded the Mentasti Literary Prize by Georges Simenon. She works with newspapers and magazines, she takes part in TV talk shows and serves as chairwoman of conferences. She lives in Venice. Esperta di costume e moda, autrice di saggi, ha iniziato la carriera giornalistica dopo l’assegnazione del Premio Letterario “Mentasti” consegnatole da George Simenon. Collabora con quotidiani e periodici, è ospite di talk show televisivi, moderatrice di convegni e dibattiti. Vive a Venezia, la città dov’è nata. Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanna Caprioglio, a native Venetian, she has lived in Milan for several years where she manages The Lifestyle Journal. Venice surprises her daily and curiousity pushes her to constantly discover new spots and itineraries off the beaten path. Veneziana d’origine, vive a Milano da qualche anno, dove dirige il magazine The Lifestyle Journal. Venezia la sorprende ogni giorno e la curiosità la porta a scoprire luoghi e itinerari sempre fuori dal comune.

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Matteo Corvino, a Venetian interior design architect, he is an event organizer for cultural institutions and private societies. Among his most important events we remember the “Millennium” for the passage towards the year 2000, at the Grand Trianon of Chateau de Versailles. Architetto veneziano di interni, attore, regista e organizzatore di eventi. Fra i suoi eventi più importanti il private party «Millennium» per il passaggio all’anno 2000, tenutosi al Grand Trianon della Reggia di Versailles. Marta Innocenti Ciulli, 43 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. 43 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 30 libri di arte e alta architettura. Federica Repetto is a professional journalist who lives and works in Venice. She specializes in culture, customs and entertainment and contributes to various publications. She has also been in charge of communications for various companies and events. Giornalista professionista. Vive e lavora a Venezia, si occupa in particolare di cultura, spettacolo e costume. Scrive su diverse testate, e ha curato la comunicazione per aziende e manifestazioni.


robertocoin.com

| ARIZONA MUSE FOR ROBERTO COIN®

BLACK JADE COLLECTION

ROBERTO COIN BOUTIQUE NEW OPENING - PIAZZA SAN MARCO 130, VENEZIA +39 041 8474578 - VENEZIA@ROBERTOCOIN.COM


venice people

rano u M f o s r e d n Wo LIE DI MURANO MERAVIG

ph. Veronica Croce

text Federica Repetto How did your passion for glass begin? I moved toward the world of glass a few years ago, when I moved to Venice. To learn to love glass you need to know about it, learn about its thousand alchemies, study its history, learn about the art of glass from the great masters and also relate well to skilled artisans, impiraresse and perlere. Your creations also suggest design. Design is also part of my professional vision, my life, and for me, it’s synonymous with space and harmony of volumes. Your works are unique and precious. My lamps are unique because I produce them using elements made by the great glass designers. They are pieces of art and sculpture with mutating colors that speak of light. Do you believe that the future of design is the quest for materials? Design’s future certainly does not depend on the choice of materials but a deep sense of harmony, style and elegance, that perfect mix that combines the ancient and the modern. An artist or designer who inspires you? Venini, because he has intelligently revolutionized the conceptual world of glass. Why visit Murano? Only here can one perceive that energy that is born of fire and glass, a passage of Light, a precious gift for all of us.

Designer and creator of lamps, Silvia Finiels was born in Paris, and lives and works between Venice and Murano. She has just created her own brand ‘Aventurina Design’ 14 Venezia | made in Veneto

Com’è nata la sua passione per il vetro? Mi sono avvicinata al mondo del vetro qualche anno fa, quando mi sono trasferita a Venezia. Per appassionarsi del vetro bisogna conoscerlo, apprendere le sue mille alchimie, studiarne la storia, conoscere l’arte dai grandi maestri del vetro e rapportarsi anche con abili artigiani, impiraresse e perlere. Le sue creazioni profumano anche di design. Anche il design fa parte della mia visione professionale, della mia vita, ed è per me sinonimo di spazio e di armonia dei volumi. I suoi lavori sono unici e pregiati. Le mie lampade sono uniche perché le produco con elementi realizzati dai grandi designer del vetro. Sono pezzi d’arte e delle sculture dai mutevoli colori che parlano di luce. Ritiene che il futuro del design sia la ricerca dei materiali? Sicuramente il suo futuro non dipende dalla scelta del materiale ma da un profondo senso di armonia, stile ed eleganza, quel perfetto mix che sa unire ciò che è antico con il moderno. Un artista o un designer a cui si inspira? Venini, perché ha sapientemente rivoluzionato il mondo concettuale del vetro. Perché visitare Murano? È solo qui che si percepisce quell’energia che nasce dal fuoco e dal vetro, un passaggio di Luce, un dono prezioso per tutti noi.


Venezia, Ponte di Rialto


venice people

der n e t r a b a f o t PortraARi TE DEL BARMAN DALLA P

text Federica Repetto When did you first become passionate about your profession? At the age of 14, I first set foot behind what was the most high-profile bar in my town and had my first bartending experience, as trainee, complete with white jacket and bow-tie. Two years later I got my first job as commis at the Hotel Romazzino on the Costa Smeralda. Who has most inspired you? My first real mentor was an amazing Austrian Head Barman, Peter Hofler. In London, I worked as ‘second in command’ for the then UKBG President, Roger Metcalf, an experience that enabled me to subsequently get hired as Head Barman at the Capital Hotel in Knightsbridge, where I had the privilege of serving, among others, Charlie Chaplin, Bing Crosby, Andrew Lloyd Webber and Rod Stewart. What does being a bartender mean? I consider myself as a host rather than bartender. What I love most about this profession is providing hospitality, not just mixing and creating cocktails, but making my guests feel at home. What are your favorite cocktails to make? The great classics, Martini, Negroni, Boulevardier, Old Fashioned... What do you love most about Venice? I love the history and the culture of this magnificent city, guests who arrive from far and wide, constantly enriching my spirit. For this reason I never feel the need to globetrot around the world – the world itself revolves around Venice!

Giorgio Fadda, who has held various important positions as bartender, is currently Bar Manager of The Westin Europa & Regina, in Venice. In 2018 his Martini Cocktail was awarded the prize as the best in Italy by the BlueBlazeR App Quando ha iniziato ad appassionarsi del mestiere di barman?

A 14 anni sono salita per la prima volta sulla pedana di quello che era il bar più importante della mia città ed inizia la mia prima esperienza, come apprendista, in giacchetta bianca e papillon. Due anni dopo ho ottenuto il primo incarico come commis all’Hotel Romazzino in Costa Smeralda. Chi sono stati i suoi maestri? Il mio primo vero maestro è stato un incredibile capo barman austriaco: Peter Hofler. A Londra ho lavorato invece come ‘secondo’ per l’allora presidente UKBG Roger Metcalf, un’esperienza che mi ha permesso di diventare successivamente capo barman del Capital Hotel di Knightsbrige, qui ho avuto il privilegio di servire, tra gli altri, Charlie Chaplin, Bing Crosby, Andrew Lloyd Webber e Rod Stewart. Che cosa vuol dire fare il barman? Più che barman mi considero un oste. Ciò che più amo di questa professione è ospitare, non solo miscelare e preparare i cocktail, ma svolgere il ruolo di anfitrione della casa. Quali sono i cocktail che predilige? I grandi classici, Martini, Negroni, Boulevardier, Old Fashioned... Cosa ama di più di Venezia? Di questa magnifica città amo la sua storia, la sua cultura, i clienti che arrivano da lontano e che mi arricchiscono continuamente. È per questo che non sento il bisogno di girare il mondo: è il mondo che gira intorno a Venezia!

16 Venezia | made in Veneto


Unique Eyewear

Venetian painter Vincenzo Eulisse

Only in Venice - Calle delle Ostreghe 2635 www.micromegaeyewear.com


venice people

A lifeAiNnELaL’ArtRTE UNA VIT

text Sabrina Bozzoni Entrepreneur and multifaceted artist, when did you realize that you could make art a job? At an early age, in fact, I still have my first paintbox. I don’t consider my activity a job, but a way to keep a diary of an adventurous life. Your first encounter with art. When I was eighteen, with my friend Alborghetti, the painter, I opened the “L’abside” art gallery in Chiari, Brescia. We spent afternoons and evenings in the studios of the artists, falling in love with their activity which then became mine. One thing, however, was clear to me: that I would have become an artist, but not like those in fairy tales. Portraits of famous people? Who would you like to paint the portrait of? After the portraits of the last three Popes, Obama, George Clooney, Brad Pitt, Grace Kelly, various Nobel Prize winners. Perhaps Donald Trump, just to understand who he really is. Beauty is …? A flower in bloom, a dawn, a sunset, entering the soul of a sensitive person, walking in winter at night through the streets shrouded in fog. Three must-see artistic works in Venice. San Marco, the Basilica dei Frari and the Scuola Grande di San Rocco. An unrealized dream of yours. I have to be honest: I don’t have any. I am satisfied with how I have lived my life.

Renato Missaglia, contemporary artist, famous throughout the world for his abstract paintings and modern portraits. Artista contemporaneo, famoso nel mondo per i suoi quadri astratti e ritratti moderni 18 Venezia | made in Veneto

Quando ha capito che avrebbe potuto fare dell’arte un lavoro? Fin da piccolo, conservo ancora la prima cassetta di colori. La mia attività non la considero un lavoro, ma un modo per tenere un diario di una vita avventurosa. Il suo primo incontro con l’arte. A diciotto anni con l’amico pittore Alborghetti aprii la galleria d’arte “L’abside” a Chiari, Brescia. Abbiamo trascorso pomeriggi e serate negli studi degli artisti, innamorandomi della loro attività che poi è diventata la mia. Una cosa però mi era ben chiara: avrei fatto l’artista, ma non quello delle favole; mi sono prima realizzato economicamente e in seguito dedicato anima e corpo alla pittura. Ritratti di personaggi famosi? Chi vorresti ritrarre ancora? Dopo i ritratti degli ultimi tre Papi, di Obama, George Clooney, Brad Pitt, Grace Kelly, vari Premi Nobel, trovo difficile individuare un personaggio. Forse Donald Trump, per comprendere chi è veramente. Bellezza è? Un fiore che sboccia, un’alba, un tramonto, entrare nell’anima di una persona sensibile, camminare in inverno di notte per le calli invase dalla nebbia. Tre opere artistiche da vedere assolutamente a Venezia. San Marco, la Basilica dei Frari e la Scuola Grande di San Rocco. Un sogno non ancora realizzato. Devo essere sincero: non ne ho. Sono soddisfatto di come ho vissuto, degli obiettivi raggiunti e di quanto mi è stato donato.


Your Private Island in Venice La tua Isola privata a Venezia

The largest Spa in Venice, open also to external Guests. La Spa più grande di Venezia, aperta anche agli Ospiti esterni.

Your Michelin-starred Restaurant in Venice. Il tuo ristorante stellato Michelin a Venezia.

JW Marriott® Venice Resort & Spa Isola delle Rose, Laguna di San Marco | +39 041 8521300 | jwvenice.com Free shuttles from and to St. Mark’s Square every 30 minutes Navetta gratuita da e per Piazza San Marco ogni 30 minuti


venice people

Glam f o n o i t c u d e The S GLAM ON SEDURRE C

text Federica Repetto How does it feel getting a Michelin star at such a young age? Receiving a star at the age of 29 is something that’s hard to explain. When I heard the news I was pleasantly surprised and so were the rest of my team – who I’ll never cease to thank. I still feel as if I’m living in dream, a state of amazing excitement; yet at the same time I’m aware that our journey is far from over and objectives far from being met. Who have your greatest teachers been? On my quest I’ve come across many great chefs, but two of them have left an indelible impression on me: Enrico Crippa and Paolo Lopriore. I’d like to stress, however, that we are still at the beginning of a long, fantastic journey. What’s your mantra in the kitchen? It can be summed up in a single action, the ‘gesture’, that metaphysical means of communication that the Japanese masters consider as a ‘technique of connecting with multiple planes of being’. So why go to Glam? Coming to Glam is nothing short of experiencing a Big Bang, a universe that is created and explodes in an instant. If Venice were a dish? Donato Ascani is Resident Chef Venice... ah Venice, a difficult complicated dish, concocted from at Glam Restaurant in Palazzo Venart. the most exclusive ingredients: mystery, elegance, uniqueness, In 2017 he was awarded his first Michelin star sensuality, joy and, of course, it would be gargantuan.

for the quality and stylishness of his dishes

Come si ci sente ad aver conquistato una stella Michelin in così giovane età? Ricevere la stella a 29 anni è difficile da spiegare. Quando ho appreso la notizia sono rimasto piacevolmente sorpreso ed è stato così anche per tutto il mio team che non smetterò mai di ringraziare. Mi sembra ancora di vivere in un sogno, una realtà fatta di straordinarie emozioni; allo stesso tempo ho la consapevolezza che il cammino e gli obiettivi sono tutt’altro che raggiunti. Chi sono i suoi grandi maestri? Nel mio percorso lavorativo ho incontrato molti grandi Chef, sono però due ad avermi lasciato una personale ‘impronta’: Enrico Crippa e Paolo Lopriore. Ci tengo ad aggiungere che siamo, però, all’inizio di un lungo e fantastico percorso. Il suo mantra in cucina? È racchiuso in un’unica azione, il ‘gesto’, quella comunicazione metafisica che i maestri giapponesi considerano come una ‘tecnica di collegamento con piani molteplici dell’essere’. Perché venire al Glam? Venire al Glam è vivere un Big Bang, un universo che si crea ed esplode in un solo attimo. Se Venezia fosse un piatto? Venezia… ohhhh Venezia, un piatto difficile e complesso, composto da ingredienti esclusivi: mistero, eleganza, unicità, sensualità, allegria e gargantuesca. 20 Venezia | made in Veneto


75th ANNIVERSARY

fabrics made in Italy |

manteco


save as venice exhibition

Palazzo Grassi is hosting Albert Oehlen - Cows by the Water until January 6, 2019, while Punta della Dogana boasts the mustsee collective Dancing with Myself (until December 16), divided into the themes Melancholia, Identity Games, Political Autobiographies and Raw Material. Peggy Guggenheim Collection pays tribute to one of the ladies of the city with 1948: The Biennale of Peggy Guggenheim, which will end on November 25 and focuses on the exposition of the heiress’s collection in the Greek Pavilion at the 24th Biennale. Other exhibitions not to be missed are at the Contini Gallery: until September A Palazzo Grassi è allestita dallo scorso aprile Albert Oehlen - Cows by the water che chiuderà il 6 gennaio 2019, con la curatela di Caroline Bourgeois, mentre a Punta della Dogana è assolutamente da visitare la collettiva Dancing with myself (ultimo giorno 16 dicembre), scandita nei temi Melancolia, Giochi d’Identità, Autobiografie Politiche, Materia Prima. Un omaggio invece a una delle signore della città è 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, che chiuderà i battenti il 25 novembre e racconta l’esposizione della collezione omonima nel Padiglione greco della XXIV biennale (alla Peggy Guggenheim Collection). Tra le rassegne da visitare anche le due ospitate dalla Galleria Contini: fino al 16 settembre, Conversations, con le fotografie di Giacomo Braglia, giovane artista svizzero di grande talento e fino al 15 dicembre The art of

a confronto. Bellini/ wearing art, mostra Great artMantegna, Presendedicata ai gioielli works and tazione di Gesù al di Igor Mitoraj, che Tempio, visitabile consentirà di am- collectives, mirare i monili in a summer fino al I nella Fonoro giallo, bianco, of beauty dazione Querini rosa e argento, che Stampalia, con un lo scultore d’origine polacca ri- allestimento di Mario Botta. Di servava a pochi amici. grande eleganza anche la rasseGIUGNO gna che sarà visitabile fino al 23 La vocazione alla raffinatezza e a Palazzo Fortuny, ovvero Prial raro è da secoli nel Dna del- mavera al Fortuny. Una collezione la Serenissima e non cede alle italiana. Opere dalla collezione sirene di una presente banaliz- Merlini, con dipinti di De Chizante. In questo segno Il mondo rico, Morandi, Fontana e Sironi. che non c’era. L’arte precolom- AGOSTO biana nella Collezione Ligabue, Alla Casa dei Tre Oci, fino al aperta fino al 30 a Palazzo Lo- 26, sarà ospitata la prima reredan (Istituto Veneto) dove si trospettiva di un autore che racconta un mondo che - dopo ha legato il proprio nome alla l’arrivo degli Europei nel Meso- sua città: Fulvio Roiter. Fotograamerica e nell’America del Sud fie 1948-2007, curata da Denis perse i suoi connotati originari. Curti e resa possibile dal conLUGLIO tributo della moglie dell’artista, Uno studio unico è il confronto Lou Embo, in 200 fotografie di opere che sono gioielli del- racconta un mondo che non è la pittura mondiale: Capolavori solo Laguna.

RAFFINATEZZA RARA text Mila Montagni Punta della Dogana

Contini Gallery

F. Querini Stampalia

Peggy Guggenheim Collection

Palazzo Grassi Museo Alinari

22 Venezia | made in Veneto

a comparison between two works that are renowned in painting: Masterpieces Compared. Bellini/ Mantegna: Presentation of Jesus at the Temple, open until the 1st and staged by Mario Botta. Palazzo Fortuny is hosting the exhibition Spring at Palazzo Fortuny. An Italian Collection. Artworks from the Merlini Collection until the 23rd, with paintings by De Chirico, Morandi, Fontana and Sironi. AUGUST Until the 26th, Casa dei Tre Oci is hosting the first retrospective of an artist whose name will forever be associated with his city: Fulvio Roiter. Photographs 1948-2007, curated by Denis Curti and made possible thanks to the contribution by the artist’s wife, Lou Embo, with 200 photographs that speak of the world beyond the Lagoon.

16, the photographs of Giacomo Braglia, a young and talented Swiss artist and until December 15, the exhibition dedicated to Igor Mitoraj’s Jewels: The Art of Wearing Art, showcasing necklaces in yellow, white, pink and silver gold, which the Polish sculptor reserved for his closest friends; JUNE Refinement have been in the Serenissima’s Dna for centuries. It is against this backdrop that Palazzo Loredan (Istituto Veneto) is hosting Il mondo che non c’era. L’arte precolombiana nella Collezione Ligabue until the 30th, recounting a world that lost its original characteristics after Europeans’ arrival in Mesoamerica and South America. JULY A unique study is on fully display at the Fondazione Querini Stampalia, with

Rare refinement


save as veneto exhibition

Amongst all the exhibitions currently on and running through the summer (until September 2 to be precise), two are in the splendid Basilica Palladiana in Vicenza. The first is titled David Chipperfield Architects Works 2018: 16 projects, either recently concluded or still in production, by the English archistar and his studio. Of the 40 models on display, one reproduces an entire neighbourhood in Seoul over 60 square metres. The second is Jewellery by Giò Pomodoro: the Sign and the Ornament, in the Museo del Gioiello,

with more than 60 pieces paintings, watercolours, panmade almost half a century els, glass works and studies ago. The Collezione Salce in for postcards, for which he Treviso is hosting the exhi- was known as “the poet of bition Federico Seneca. Sign landscapes”. and Form in Advertising, ded- JULY icated to a unique figure in Until July 22, Palazzo Zabthe world of graphic design. arella in Padua is hosting There are also two small pre- Joan Miró – Materiality and views: Gauguin e gli Impres- Metamorphosis: 85 paintings, sionisti. Capolavori dalla Col- sculptures, collages and taplezione Ordrupgaard, at Pala- estries from the Catalan maszzo Zabarella in Padua, and ter’s extraordinary collection Arte e magia. Esoterismi nella owned by the Portuguese pittura europea dal simbolismo State. After the Gallerie alle avanguardie storiche, at d’Italia in Milan, the animals Palazzo Roverella in Rovigo. of the artistic movement Both will run from Septem- Cracking Art have invaded ber 29 to January 27, 2019. Palazzo Leoni Montanari JUNE in Vicenza, home to green wolves, pink At Palazzo Sarcinelli in Conegsnails, burgunliano until June dy meerkats and 24, Teodoro Wolf other coloured Ferrari. La moderuntil Masterpieces sculptures July 29. nità del paesaggio:

Tra le mostre già in corso e che si concluderanno dopo agosto (per la precisione, tutte il 2 settembre), due sono nella meravigliosa Basilica Palladiana di Vicenza. La prima s’intitola David Chipperfield Architects Works 2018: 16 progetti appena conclusi o in corso di realizzazione firmati dall’archistar inglese e dal suo studio. Tra i 40 modelli esposti uno di 60 metri quadri che riproduce l’intero quartiere di Seul. La seconda è I gioielli di Gio’ Pomodoro: il segno e l’ornamento, negli spazi del Museo del Gioiello, con più di 60 opere realizzate in quasi mezzo secolo di vita. È invece a Treviso, nel Museo Nazionale della Collezione Salce, la mostra

Federico Seneca. sculpture, pannelli decovetrate e Segno e forma jewellery and rativi, studi per cartonella pubblicità, architecture. line di colui che dedicata a una personalità oriGreat art in è stata definito poeta del paginale e unica all its forms “il esaggio”. nel panorama LUGLIO della grafica. Due le piccole anticipa- Palazzo Zabarella di Pazioni che vi segnaliamo: dova ospita fino al 22 luGauguin e gli Impressionisti. glio Joan Miró: Materialità Capolavori dalla Collezione e Metamorfosi: 85 opere tra Ordrupgaard, a Palazzo Za- quadri, disegni, sculture, barella di Padova, e Arte e collages e arazzi provenienmagia. Esoterismi nella pit- ti dalla straordinaria colletura europea dal simbolismo zione del maestro catalano alle avanguardie storiche, a di proprietà dello Stato Palazzo Roverella di Rovi- portoghese. Dopo le Gallerie d’Italia di Milano, gli go. Entrambe dal 29 settem- animali del movimento artistico Cracking Art hanno bre al 27 gennaio 2019. invaso Palazzo Leoni MonGIUGNO A Palazzo Sarcinelli di Co- tanari di Vicenza, popolato negliano, fino al 24 giugno fino al 29 luglio da grandi prosegue Teodoro Wolf Fer- lupi verde, chiocciole rosa, rari. La modernità del pae- suricati bordeaux e altre saggio: dipinti, acquarelli, colorate sculture.

Colour and material COLORE E MATERIA text Virginia Mammoli

Palazzo Sarcinelli

Palazzo Zabarella

of painting,

Palazzo Sarcinelli

Palazzo Leoni Montanari

Museo del Gioiello Museo Alinari

Venezia | made in Veneto 23


save as classic

JUNE The Arena di Verona Opera Festival runs for 47 nights, from June 22 to August 27. It begins on the June 22 with a new production of Bizet’s Carmen, with performances also on June 29, July 6, 11, 15, 17, 21 and August 3, 9, 12, 16, 22, 25. Next is Verdi’s Aida, staged in two different ways, and Nabucco, Giacomo Puccini’s Turandot and Gioacchino Rossini’s The Barber of Seville, along with two Special Opera Nights. The programme at Teatro La Fenice in Venice brings contemporary works to the stage, with the first Italian performance of Giorgio Battistelli’s Richard III, a mu-

sical drama in two acts based pieces from the repertoire, like on playwright Ian Burton’s ad- Victor Gsovsky’s Grand Pas Clasaptation of Shakespeare’s play. sique, performed to the music of The production is put on by the Daniel Auber; the virtuosic Pas Vlaamse Opera from Antwerp de deux of Diana and Actaeon, and directed by Robert Carsen. choreographed by Agrippina VaPerformances are June 29, 1, 3, ganova to the music of Riccardo Drigo; the famous Čajkovskij Pas 5 and July 7. de Deux by George Balanchine, JULY Mikhail Baryšnikov is the star and even Spartacus by the legof a one-man show inspired by endary Yuri Gregorovich, music the poetry of Iosif Brodsky, in by Aram Khachaturian. its Italian premiere at La Fenice AUGUST from July 13 to 15. Conceived On August 19, 24, 26, 29, and and directed by Alvin Her- then until the October 30, The manis, Brodsky/Baryšnikov is an Barber of Seville comes to the emotional journey through the stage of La Fenice, directed by works of the Nobel Prize-win- Bepi Morassi and conducted by ning poet. Les Etoiles is the dance Gregory Kunde. Running alongshow that, on July 21 and 22, side is Robert Carsen’s historic staging of Verdi’s will see the biggest La Traviata, with stars of ballet experformances on hibit their skills on Music, opera the Fenice stage. and ballet. The August 25 and 28, then until 9 The programme most important and October. offers a medley of

GIUGNO Dal 22 giugno al 26 agosto, per 47 serate, Arena di Verona Opera Festival. Si parte con la nuova produzione di Carmen di Bizet  che inaugura il Festival il 22 giugno (repliche i giorni 29 giugno, 6, 11, 15, 17, 21 luglio e 3, 9, 12, 16, 22, 25 agosto). Seguono  Aida – proposta in due differenti allestimenti – e Nabuccodi Giuseppe Verdi,  Turandot di Giacomo Puccini e Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, e due Special Opera Night. La programmazione al Teatro La Fenice Venezia allaccia un dialogo con la contemporaneità con la prima esecuzione italiana di Richard III di Giorgio Battistelli, dramma musicale in due atti basato sul testo di William Shakespeare tagliato e riadattato dal drammaturgo Ian Burton, proposto nell’allestimento

della Vlaamse Venice’s Teatro Classique di Victor Opera di AnverGsovsky su musiLa Fenice sa con la regia di ca di Daniel AuRobert Carsen. and the Opera ber, il virtuosistiL’opera è in scena Festival co passo a due di il 29 giugno, l’1, in Verona Diana e Atteone 3, 5 e 7 luglio. coreografato da LUGLIO Agrippina Vaganova sulla Michail Baryšnikov è il prota- musica di Riccardo Drigo, il gonista di uno one man show celeberrimo Čajkovskij Pas de ispirato alle poesie di Iosif Deux di George Balanchine Brodsky, in scena alla Fenice o, ancora, Spartacus del legin prima italiana dal 13 al 15 gendario Yuri Grigorovich su luglio. Concepito e diretto musica di Aram Khachatuda Alvis Hermanis, Brodsky/ rian. Baryšnikov è un viaggio emo- AGOSTO zionale nelle composizioni Il 19 agosto (con repliche il del poeta premio Nobel per 24, 26, 29 nello stesso mese, la letteratura. Les Étoiles è e poi fino al 30 ottobre), alla invece il titolo del gala di Fenice, va in scena il Barbiere danza classica che, il 21 e 22 di Siviglia, per la regia di Bepi luglio, vede le grandi stelle Morassi e la direzione di Gredel balletto esibirsi sempre gory Kunde. Segue poi il 25 sul palcoscenico della Feni- e 28 agosto (fino al 9 ottobre) ce. Il programma proporrà La Traviata di Verdi nello stouna carrellata di brani del rico allestimento di Robert repertorio, come il Grand Pas Carsen.

Choices for you

SCELTI PER VOI text Teresa Favi

Iosif Brodsky

Arena di Verona

Teatro La Fenice

Nabucco

Barbiere diAlinari Siviglia Museo

24 Venezia | made in Veneto

dates at


save as pop

JUNE June 24 at the Stadio Euganeo in Padua, the great Pearl Jam. From June 8, the Padova Sherwood Festival was back again, the festival that has made independence its banner. Unmissable concerts include Coez (June 22), Alice in Chains (June 28), Caparezza (June 30), Lo Stato Sociale (July 4). At the Arena Live, also in Padua, June 28th, comes the energy and the rhythm of a true icon of the ‘80s: Billy Idol. On the same stage, June 29th, will rise the legendary Carlos Santana.

lagoon, to Teatro La Fenice JULY After 7 years, great interna- for the progressive tones of tional music returns to the King Crimson, July 27. On Wednesday July 11th at the heart of Venice. And it’s right in Piazza San Arena Live, The Afterlove Marco that Zucchero and his Tour by James Blunt; June world tour will be playing 22th, Joe Satriani. July 3 and 4. Live at Castel- AUGUST lo Scaligero in Villafranca, It’s the face of new Italian Verona are Negrita (July 7), music, for the first time at Caparezza (July 13), Fabrizio the Arena in Verona, on Moro (July 19), Francesco August 6, Calcutta. Gabbani (July 26) and Er- Like every self-respectmal Meta (July 28). Crown- ing summer’s end, back in ing this great musical sea- Treviso, from August 29 to son is a more unique than September 2, it’s the Home rare live concert: in Piazza Festival. On stage among Castello in Vicenza, Ringo others are Alt-J, Coma Cose Starr. Again at the Arena, and Selton August 30, The more international music Prodigy, Incubus, Prozac+ with Joss Stone, and Ministri AuJuly 15th, Lengust 31, Capany Kravitz, July rezza, Francesca 16th and Sting, Summer Michielin and July 29th. We Motta Septemmeans go back to the ber 2.

GIUGNO Il 24 giugno allo Stadio Euganeo di Padova fli inconfondibili Pearl Jam. Dall’8 giugno è tornato a Padova Sherwood Festival, il festival che ha fatto dell’indipendenza la sua bandiera. Tra gli imperdibili Coez (22 giugno), Alice in Chains (28 giugno), Caparezza (30 giugno), Lo Stato Sociale (4 luglio). All’Arena Live, sempre di Padova, il 28 giugno arriva l’energia e il ritmo di una vera e propria icona degli anni ‘80: Billy Idol. Sullo stesso palco la sera successiva salirà il re dei chitarristi, Carlos Santana. LUGLIO Dopo 7 anni nel cuore di Venezia torna la grande musica internazionale. Ed è proprio in piazza San Marco che Zucchero porterà il suo tour

mondiale pro- what music! firmato James prio a Venezia, Blunt, mentre il Check out il 3 e 4 luglio. 22 sarà il turno Live al Castello the top live di Joe Satriani. Scaligero di Vil- performances AGOSTO lafranca, Verona i in Veneto È il volto della Negrita (7 luglio), nuova musica Caparezza (13 luglio), Fabri- italiana, per la prima volzio Moro (19 luglio), France- ta all’Arena di Verona, il 6 sco Gabbani (26 luglio) ed agosto, Calcutta. Ermal Meta (28 luglio). Come ogni fine estate che si Corona questa grande sta- rispetti, torna a Treviso, dal gione musicale un live più 29 agosto al 2 settembre, unico che raro: in piazza l’Home Festival, l’incredibile Castello di Vicenza, Ringo evento che che fonde muStarr. sica, arte e intrattenimento Ancora Arena, ancora mu- in 100.000 metri quadrati sica internazionale con Joss di area, attraverso 160 show, Stone il 15, Lenny Kravitz il più di 36 band al giorno, 16 e Sting il 29 luglio. Tor- mostre, conferenze, spettaniamo il laguna, al Teatro coli di danza e circensi. On La Fenice per le atmosfere stage tra gli altri Alt-J, Coma prog dei King Crimson, il 27 Cose e Selton il 30 agosto, The luglio. Prodigy, Incubus, Prozac+ e All’Arena Live di Padova Ministri il 31 agosto Capamercoledì 11 luglio pas- rezza, Francesca Michielin e sa anche The Afterlove Tour Motta il 2 settembre.

Stage Fever

FEBBRE DA PALCO text Sabrina Bozzoni

Zucchero

Ringo Starr

music, and

Calcutta

Coma Cose

Caparezza Museo Alinari

Venezia | made in Veneto 25


save as book

Venice and the characters in this wonderful book come together in an intimate vivacious examination of the stage of life. The city speaks through the moves and gestures of these individuals, respecting their pain and embracing their loves. At the same time, their thoughts originate in its stones, its canals, and its uniqueness. The reader can savor the scent of dreams in these pages, and the stimulating taste of a fantasy that is as real as a wanderer. It is the meaning of life. It is the spirit of Venice.

curious characters in Cats in Venice, and has captured their personalities on camera. Of course, Poldo had to be included too, the cat who is now employed fulltime in our bookshop! Vera deve Morire (Vera Must Die), penned by Julian Zhara, is an anxious, pulsating and fragmentary diary that records a cursed love aimed toward death. The highly stylistic, almost feverish descriptions, beyond the dramatic finale, ensnare the reader from

All of this can be found in the lines of Paolo Ganz’s latest novel, Venezia complice (Complicit Venice). As we all know, Venice was once populated by many cats, masters of the city and very much a part of its poetic nature. Walking through its alleyways today, there are not many ‘feline inhabitants’, though you may still come across some... maybe this is also the reason that the distinguished few who routinely wander around quietly have now become famous. Marianna Zampieri has collected stories about these

the opening appeal: But now you listen to me! This book measures the friction between song-form and poetry, between the flow of the voice and the rigid nature of paper. Ruskin’s Venice: The Stones Revisited. Sarah Quill has chosen some passages of the well-known The Stones of Venice by John Ruskin and has managed to give them a form, fusing the artist’s meticulous descriptions and sketches with meticulous pictures of a real and magical Venice.

26 Venezia | made in Veneto

Venezia e i personaggi di questo splendido libro si fondono in un intimo e vivissimo sguardo sul palcoscenico della vita. È la città che parla attraverso i passi di questi individui, ne rispetta i dolori e ne abbraccia gli amori. Allo stesso tempo i loro pensieri nascono dalle sue pietre, dai suoi canali, dalla sua unicità. In queste pagine si assaporano il profumo del sogno e il gusto stimolante di una fantasia tanto con-

Images and words IMMAGINI E PAROLE

creta quanto viandante. È il senso della vita. È lo spirito di Venezia. Tutto questo si trova tra le righe dell’ultimo romanzo di Paolo Ganz, Venezia complice. Come ben sappiamo, Venezia una volta era popolata da tantissimi gatti, padroni della città e di una parte della poesia che la caratterizzava. Passeggiando per le calli oggi non sono molti gli ‘abitanti felini’ che ancora si possono incontrare... sarà forse anche per questo motivo che i pochi che abitualmente si aggira(We wish to thank the Libre- no tranquilli e con fare diria Goldoni in Venice) stinto, sono ormai diventati

famosi. Marianna Zampieri ha raccolto le storie di questi curiosi personaggi in Cats in Venice, cogliendone il carattere con la sua macchina fotografica. Non poteva ovviamente mancare Poldo, il gatto che è ormai assunto a tempo pieno nella nostra libreria! Vera deve Morire, nato dalla penna di Julian Zhara, è un diario teso, palpitante e frammentario, di un amore maledetto volto alla morte. Descritto con una temperatura stilistica altissima, quasi febbricitante, che al di là del finale drammatico irretisce il lettore fin

dall’appello d’esordio: Ma adesso mi ascolti!. Questo libro misura la frizione tra forma-canzone e poesia, tra il fluire della voce e la rigidità della carta. Per il suo Ruskin a Venezia. The stones revisited Sarah Quill ha scelto alcuni passi del ben noto Le pietre di Venezia di John Ruskin ed è riuscita a dar loro forma, affiancando alle minuziose descrizioni e agli schizzi dell’artista altrettanto minuziose foto di una Venezia magica e reale. (Si ringrazia la Libreria Goldoni di Venezia)


PACIFICO

Il brand-icona del celebre Chef Jaime Pesaque, da un anno, ha scelto Palazzo Dama per portare anche a Roma il suo sofisticato menu peruviano-nikkei, servito a pranzo e cena nel ristorante e nel giardino con piscina. Una cucina unica, ricca di suggestioni e contaminazioni, cui si aggiunge una carta alternativa e disponibile tutto il giorno, disponibile nei vari spazi comuni dell’hotel e come room service. 29 sono le camere e suite oltre la piscina. Lungotevere Arnaldo da Brescia 2 | Roma | T. +39 06 3207042 | palazzodama.com

ACHILLI AL PARLAMENTO

Achilli al Parlamento, che da oltre 50 anni è luogo di ricerca e cultura vinicola e gastronomica, 1 Stella Michelin, apre all’interno del D.O.M Hotel il primo “concept club” di Roma, dove mixologia e cucina hanno un nuovo significato. L’atmosfera in stile “Grande Mela” è il contorno all’offerta firmata dallo chef Alessio Tagliaferri. 18 le camere e suite con la terrazza al quarto piano. Via Giulia 131 | Roma | T. + 39 06 6832144 | domhotelroma.com


Incomparable beauty

Incomparable beauty Incomparable beauty

ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL

ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL For Info & Contact PUNTA TRAGARA Via Tragara, 57 - 80073 Capri (NA) 081 8370844 For Info & -Contact www.hoteltragara.com info@hoteltragara.it For Info & Contact PUNTA TRAGARA


it object

eams r d g n i r e w o l F FIORITI SOGNI

In Roberto Coin’s creative universe, one must-have is his collection dedicated to the symbol, par excellence, of the gift and beauty, Princess Flower. Earrings in rose gold with white and black diamonds. Roberto Coin, in Piazza San Marco 131, Venice. Nell’universo creativo di Roberto Coin non poteva mancare una collezione dedicata al simbolo per eccellenza del dono e della bellezza, è Princess Flower. Orecchini in oro rosa con diamanti bianchi e neri. Roberto Coin, in piazza San Marco 131, Venezia. Venezia | made in Veneto 29


Campo Santa Sofia, 4198/99 30121, Ca’ d’Oro - Venezia info@casagredohotel.com www.casagredohotel.com Tel: + 39 041 2413111 Fax: +39 041 2413521

Ca’ Sagredo ... Unique Moments


it object

TimAeMOleNsTAsBILE INTR

In 1930, Robert Dumas designed a minimalist and purist bag that radically broke the aesthetic rules of the day. Grace Kelly was the first to fall madly in love with it. Today as in yesteryear. Hermès, Piazza San Marco, 1292. Nel 1930, Robert Dumas disegnò una borsa dall’estetica minimale e purista che ruppe radicalmente l’estetica decorativa del tempo. Grace Kelly fu la prima a innamorarsene perdutamente. Oggi come allora. Hermès, piazza San Marco, 1292. Venezia | made in Veneto 31


Sophisticated ambiance in a Tuscany seaside villa

UNA RAFFINATA STORIA DI ELEGANZA E TRADIZIONE

Ristorante La Magnolia Stella Michelin

HOTEL BYRON V.le A. Morin, 46 + 55042 Forte dei Marmi (LU) - Tel. +39 0584 787052 - Fax + 39 0584 787152 - info@hotelbyron.net


it object

yle A tCoOuDcI ShTILoEf st TOC

A 1970’s attitude, sophisticated attention to detail, it’s hard to just call them sneakers. For modern gentlemen seeking a sophisticated look, the new Louis Vuitton tattoo sneaker is our new must-have. San Marco 1345, Venice. Attitudine Seventies, raffinata cura nei dettagli, difficile chiamarla solo sneakers. Per gentiluomini moderni alla ricerca di un look ricercato, la nuova sneakers tattoo di Louis Vuitton è il nostro nuovo must. San Marco 1345, Venezia‎. Venezia | made in Veneto 33


shotonsite

Matteo Parigi Bini, Giorgio Silli, Alex Vittorio Lana

Pierre Leonforte, Delphine Macario, Saverio Ferragina, Irene D’Agostino Rahm

Giovanna Romanzi, Giulio Cesarini

Edmondo Israilovici, Claudia Mazzocco

Francesco Cusumano, Sandro Cecchi, Roberta Salvagnini, Roselyne Mirialachi, Maria Monsè, Giuseppe Todaro

Cristina Baldi, Enrica Cotarella

Guenda Goria

Nancy Marcucci, Claudia Rainaldi

Vittoria and Guglielmo Giovanelli Marconi

Catia Sulpizi, Fulvio Marcello Zendrini, Enrico Chiavacci

34 Venezia | made in Veneto

Michelangelo Tommasi, Maria Grazia Scaccia

At the elegant Residenza di Ripetta, the Spring Party for the new Roma the Eternal City issue. Gourmet food and wine by the Cotarella Family. Partner Faliero Sarti Boutique

Elisabetta Rocchetti

Dominga Cotarella, Mario Pietracetta

Francesco Galeotti, Antonella Loverro, Wayze Zilker


shotonsite

Angela Eliantonio, Jacopo and SusanMariani

Alex and Joelle Rane, Lorenzo Capecchi, Brad Brubaker, Paul Feakes

Michele Soldati, Chiara Nencini

Alessandro Mariani, Stefano Venturi

Gabriella Buccino, Rino Cappelletti

Cookie Campbell, Alessandro Jommi

Guido Boni, Marco Ruvlan

Tommaso BencistĂ Falerni, Martina Rojas

In the magnificent park of Villa La Massa, in the hills of Florence, the exclusive event for the new Firenze made in Tuscany issue, with tasting of wines by the Cecchi Family. Partner Audi Firenze

Alessandra Nardelli, Marinella Fani

Carlotta Romualdo, Nicolette Giuliani

Guido Ciompi, Ilaria Ferragamo

Patrick Hoffer, Simona Diomedi Camassei, Zelal Elbistan Venezia | made in Veneto 35


Alessandro Tornaghi, Valeria Pacifico, Elena Aceto di Capriglia

Maurizio Vaccarella, Alex V. Lana, Gianluigi Lembo, Matteo Parigi Bini

Arturo Muselli

Elettra Duri, Martina Romani

Elena Moretti, Carola Jasmins

Natalia Ferranti, Carla Chiarotti

Riccardo and Cristina Baccarelli

Simone Martini, Cristina Casamassimi

Elena Koval, Costanzo Porta

In the wonderful setting of Villa Marina Capri, the elegant event to introduce the new Capri The Divine Coast issue

Peppino di Capri, Arturo Muselli

Marco Tardelli, Ilaria Cuomo, Maurizio Vaccarella, Mirta Merlino

Pierpaolo Bianco, Alessia Cerbone

Mousse Jacquier, Dario Castiglio Venezia | made in Veneto 37


Ca’ Zenobio 38 Venezia | made in Veneto


Venice’s greenery IL VERDE DI VENEZIA

text Federica Repetto photo Matteo Bertolin

Venezia | made in Veneto 39


Above: Palazzo Cavalli Franchetti Below: Pineta di Sant’Elena 40 Venezia | made in Veneto

aa


Palazzo Contarini Corfù dagli Scrigni aa “Everything I see and do assumes meaning in a mental space where the same calm reigns as here, the same penumbra, the same silence streaked by the rustling of leaves. At the moment when I concentrate and reflect, I find myself again, always, in this garden”, wrote Italo Calvino in the Invisible Cities. Hidden behind high walls, Venetian gardens are labyrinths intersected by water, sometimes unknown, sometimes inaccessible and, in other cases, they require a great spirit of exploration to be discovered. Francesco Sansovino, in the 16th century, reviewed: 39 gardens in the San Marco district, 49 in Castello, 40 in Cannaregio, 29 in San Polo, 50 in Santa Croce and 29 in Dorsoduro, in addition to the vegetable gardens and gardens on the islands. Some of the public parks still found in Venice date back to the 19th century. Such is the case of the Papadopoli Gardens, designed in the 1800s by stage designer Francesco Bagnara and enriched by landscape gardener Marc Guignon, which stretched over an area of 12 thousand square meters. Once filled with rare exotic plants, the gardens now welcome those arriving from Piazzale Roma. A rare example of Roman-style architecture is found not far from here. The two wings of Ca’ Zenobio, the historic building which houses the Armenian College named after Moorat Raphael and the neoclassical library designed by Tommaso Temanza, enclose a garden that appears in a 1703 veduta by Luca Carlevarijs decorated with floral motifs, as if it were a polychrome marble flooring. Today, a gate separates the garden from the courtyard where, in the 19th century, a small hill served

“Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. Nel momento in cui mi concentro e rifletto mi ritrovo sempre in questo giardino”, scrive Italo Calvino nelle Città invisibili. Nascosti da alte mura i giardini veneziani sono labirinti intersecati dall’acqua, a volte sconosciuti, altre volte non accessibili e in altri casi richiedono grande spirito di esplorazione per essere scoperti. Francesco Sansovino, nel XVI secolo, recensì: 39 giardini per il sestiere di San Marco, 49 per quello di Castello, 40 per Cannaregio, 29 per San Polo, 50 per Santa Croce e 29 per Dorsoduro, oltre agli orti e giardini delle isole. Risalgono al XX secolo alcuni parchi pubblici tuttora esistenti, è il caso dei Giardini Papadopoli, progettati nell’Ottocento dallo scenografo Francesco Bagnara e arricchiti dal paesaggista Marc Guignon, che coprivano un’area di 12mila metri quadri. Noti, un tempo, per la presenza di rare piante esotiche, oggi aprono di fatto le porte alla città a coloro che arrivano da piazzale Roma. Un raro esempio di architettura alla romana si trova poco distante. Le due ali di Ca’ Zenobio, già Collegio Armeno dedicato a Moorat Raphael, vi fa da contro altare la biblioteca neoclassica progettata da Tommaso Temanza, si protendono verso il giardino che Luca Carlevarijs in una stampa del 1703 mostra disegnato a motivi floreali, quasi fosse un pavimento in marmi policromi. Oggi un cancello separa il giardino dal cortile, qui nel XIX secolo è sorta una doppia collinetta con funzione di

Absolutely not to be missed: the Royal Gardens commissioned by Napoleon Bonaparte, which cover an area of 5,500 square meters

Venezia | made in Veneto 41


Above: Castello Gardens Below: Ca’ Zenobio 42 Venezia | made in Veneto


Above: Ca’ Rezzonico Below: San Marco Gardens Venezia | made in Veneto 43


Palazzo Cavalli Franchetti as ice-house. The garden was restored to its original splendor by landscape designer Tudy Sammartini and is now filled with arches of sweet-smelling roses framing the flower-beds. Campo San Barnaba leads to Ca’ Rezzonico The Eighteenth-Century Venice Museum and its garden (the admission to the garden is free). The sun-heated garden benches welcome exhausted visitors and low ornamental hedges separate the green lawns dotted with busts, sculptures and marble emblems. A pond with fish and turtles “cheers the children up, while a cascade of wisteria flowers pours down from the pergola, sweetening the air with its unmistakable scent and the bell tower of San Barnaba watches over the green space from above, aided by four marble statues placed at the entrance”. Now just bask in the beauty of the view from the Meravege bridge, from which one can admire the odd tower of Palazzo Contarini Corfù dagli Scrigni, a historic building owned by the Rocca family since the mid-1800s. This corner of paradise, which was once frequented by poet Gabriele D’Annunzio who was a regular visitor of the house to contemplate the beauty of Lady Moceniga Mocenigo Rocca and Lady Annina Morosini, is visitable today only by appointment with the owners and accessible through the canal walkway over Rio di San Trovaso. A magnificent wisteria, an ancient pomegranate tree and four statues representing Merope, Momus, Tantalus and Atlas watch over this enchanted garden. Another interesting green space in Venice is the garden of Palazzo Cavalli Franchetti, designed in the 1800s by Giovanni Bat-

ghiacciaia, ma ci si può perdere guardando gli archi di rose profumate che accompagnano le aiuole mentre il restauro è stato curato dalla progettista Tudy Sammartini. Proseguendo verso campo San Barnaba si accede a Ca’ Rezzonico Museo del Settecento Veneziano e al suo giardino (l’ingresso in questo angolo di verde è gratuito per chiunque si trovasse nei paraggi). Le panchine sono scaldate dal sole per accogliere stanchi visitatori, mentre le basse siepi dividono i prati punteggiati di busti, sculture ed emblemi in marmo. Una fontana con pesci e tartarughe “rallegra i bambini mentre una cascata di glicine scivola da un pergolato addolcendo l’aria con il suo profumo ed il campanile di San Barnaba sorveglia dall’alto lo spazio verde, aiutato dagli sguardi di quattro statue in marmo poste all’ingresso”. Lasciatevi ora conquistare dalla bellezza che si intravede dal ponte delle Meravege dal quale si può ammirare la curiosa torretta annessa al Palazzo Contarini Corfù dagli Scrigni, che dalla seconda metà dell’Ottocento appartiene alla nobile famiglia Rocca. Questo piccolo paradiso, un tempo frequentato anche dal poeta Gabriele D’Annunzio, che vi si recava per contemplare la bellezza delle nobildonne Moceniga Mocenigo Rocca e Annina Morosini, è visitabile solo previ accordi con la proprietà, e vi si può accedere tramite l’esclusiva fondamenta sul rio di San Trovaso. Un meraviglioso glicine, un secolare melograno e le quattro statue che raffigurano Merope, Momo, Tantalo e Atlante, sorvegliano questo angolo incantato. Altra interessante realtà è quella di Palazzo Cavalli Franchet-

Some of the public parks still found in Venice date back to the 19th century

44 Venezia | made in Veneto


1

2

3

4

1. 4. Castello Gardens 2. Ca’ Rezzonico 3. 5. Ca’ Zenobio

5 Venezia | made in Veneto 45


Carlo Scarpa Garden at the Querini Stampalia Foundation 46 Venezia | made in Veneto


Ca’ Zenobio tista Meduna, enlarged by Camillo Boito and restored by Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti, affording a magnificent view of the Grand Canal. The gardens in Venice that are absolutely not to be missed are located just behind Piazza San Marco: the Royal Gardens commissioned by Napoleon Bonaparte, which cover an area of 5,500 square meters and include a neoclassical pavilion. The gardens will be reopened to the public next year following major restoration works curated by Venice Gardens Foundation Onlus. The Castello Gardens represent the largest green space downtown Venice: an area of 65 thousand square meters, two-thirds of which are currently occupied by the Biennale, filled with hundreds of plant species and monumental trees. The gardens were originally planted with a great number of plane-trees, palms, catalpas, acacias, fruit trees, magnolias, lime trees, box hedges, myrtle and flowers of all species, amidst eighteenth-century statues and an elegant sixteenth-century arch which marked the entrance to the Chapel of Sant’Antonio and to memorials such as the Partigiana Veneta. Located on the Island of Sant’Elena is the Pineta di Sant’Elena, a lush pine forest planted mostly with trees and lined with avenues and cut through by trails. Worth visiting is also the Carlo Scarpa Garden at the Querini Stampalia Foundation, in Campo Santa Maria Formosa, where one can get lost amidst artificial Japanese-style streams, Byzantine-like mosaics, papyruses evocative of ancient Egypt and the lions of San Marco reminding us that we are still in Venice.

ti, disegnato nell’Ottocento da Giovanni Battista Meduna, ampliato da Camillo Boito e restaurato dall’Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti che vanta un esclusivo affaccio sul Canal Grande. Assolutamente da vedere sono, dietro piazza San Marco, i Giardini Reali voluti da Napoleone Bonaparte, 5.500 metri quadri di parco e un padiglione neoclassico, che saranno riaperti al pubblico il prossimo anno grazie a un attento restauro a cura di Venice Gardens Foundation Onlus. Sono i Giardini di Castello a costituire invece la parte green più estesa del centro storico: 65mila metri quadrati, oggi occupati per circa due terzi dalla Biennale, con centinaia di specie vegetali ed esemplari arborei monumentali. Un tempo furono piantati grandi quantità di platani, palme, catalpe, palme, acacie, alberi da frutto, magnolie, tigli, bossi, mortelle e fiori di ogni specie, tra statue settecentesche, un elegante arco del Cinquecento che segnava l’accesso alla cappella di Sant’Antonio e monumenti commemorativi come la Partigiana veneta. All’estremità della città vive rigogliosa la Pineta di Sant’Elena, un terreno con un fitto impianto di specie quasi esclusivamente arboree, percorso da sentieri e delimitato da viali. Suggestivo e da visitare è il giardino di Carlo Scarpa alla Fondazione Querini Stampalia, in campo Santa Maria Formosa, dove perdersi con la fantasia tra fiumiciattoli artificiali che hanno il gusto di un giardino giapponese, mosaici che richiamano Bisanzio, papiri a suggerire l’atmosfera dell’Antico Egitto e i leoni di San Marco a riportare l’immaginazione in patria.

Hidden behind high walls, Venetian gardens are labyrinths intersected by water,

Venezia | made in Veneto 47


Robert Redford (August 18, 1936, Santa Monica, California), Golden Lion for Lifetime Achievement, with Jane Fonda, at the 2017 Venice Film Festival (Jeff Vespa/Contour by Getty Images) 48 Venezia | made in Veneto


cover story

A lion in Venice UN LEONE A VENEZIA text Giovanni Bogani

Exclusive meeting in the Venetian Lagoon with a living legend of American cinema, Robert Redford Incontro esclusivo in Laguna con un mito vivente del cinema statunitense, Robert Redford They look like two teenagers. Nothing, on their faces or on their bodies, reveals the toughest spot to cover, the one they don’t have: fear. Robert Redford is in Venice, at the Film Festival, to present the film he played in co-starring Jane Fonda, Our Souls at Night, directed by Ritesh Batra. In the film, Robert and Jane are next-door neighbors who, despite their age, uncertainties and fears, grow close to each other, even physically close. Robert Redford is the handsome and honest face of the most democratic American dream. He was the journalist who, alongside Dustin Hoffman, brought down the presidency of Nixon in All the President’s Men; but he was also a Casanova billionaire in Indecent Proposal. He starred in countless films. He is also an environmental activist and the founder of the Sundance Festival: the film festival devoted to independent filmmaking and young and talented film directors, such as Damien Chazelle, the director of La La Land. When we met with him for the interview, he was wearing a grey linen jacket over a cotton T-shirt. A casual chic look, his signature style. Mr. Redford, what is at the root of this film? I simply wanted to work with Jane one more time. We worked together in Barefoot in the Park fifty years ago, in The Chase, and in The Electric Horseman in more recent times. Well, I wanted to end on a high note. In Barefoot in the Park, the two of you played newly-weds very much in love but very different: she was dynamic, passionate, romantic, he was serious-minded, composed, cautious. Is there any resemblance between them and the characters of Our Souls at Night? And how much are you really like them? Yes, there were and still are some resemblances. Jane is a truly lively and passionate, impulsive, direct and enthusiastic person, whereas I’m a more reserved, perhaps even more suspicious type. In both films, it’s the woman, that is, the character played by Jane, who chooses for both of them. She is the one who

Quando li vedi sembrano due ragazzini. Niente, nei loro corpi e nei loro volti, mostra la macchia sulla pelle più difficile da nascondere, quella che loro non hanno: quella della paura. Robert Redford è venuto lo scorso settembre a Venezia, alla Mostra del cinema, per presentare il film che ha interpretato insieme a Jane Fonda, Le nostre anime di notte, diretto da Ritesh Batra. Nel film, Robert e Jane sono due vicini di casa, che riescono nonostante l’età, le insicurezze e le paure, ad avvicinare anche le loro anime. E non soltanto quelle. Anche i loro corpi. Robert Redford è stato il volto sincero e bello del sogno americano più democratico. Era il giornalista che insieme a Dustin Hoffman incastrava l’amministrazione Nixon in Tutti gli uomini del presidente; ma anche il miliardario seduttore in Proposta indecente. I film non si contano. Nel tempo libero, è convinto ecologista. Ed è il fondatore del Sundance Festival: il festival dedicato al cinema indipendente che ha rivelato talenti purissimi, ultimo quello di Damien Chazelle, regista di La La Land. Quando lo abbiamo incontrato indossava una giacca grigia di lino con sopra una t-shirt di cotone. Look casual chic, quello che più ama. Mr. Redford, cosa c’è all’origine di questo film? Un desiderio molto semplice: volevo fare un altro film con Jane. Insieme avevamo interpretato A piedi nudi nel parco, cinquant’anni fa, La caccia e Il cavaliere elettrico, un po’ più di recente. Beh, volevo chiudere in bellezza. A piedi nudi nel parco vi mostrava come giovani sposi innamorati ma molto diversi: lei vitale, appassionata, romantica, lui serio, contegnoso, prudente. Ci sono delle somiglianze con questo ultimo film? E con voi, per come siete veramente? Sì, c’erano alcune somiglianze allora e ci sono ancora oggi. Jane è veramente vitale e appassionata, impulsiva, spontanea, entusiasta; mentre io sono più chiuso, forse più diffidente. In tutti e due i film, è la donna, cioè il personaggio interpretato da Jane, che si incarica di scegliere per tutti e due. È la donna Venezia | made in Veneto 49


cover story

Robert Redford and Jane Fonda in two scenes of ‘Our Souls at Night’, and together again at the Venice Film Festival possesses the strength of character to take a chance, to show her feelings. And I believe that the same happened in my life: women are always more willing to take risks, reveal their true feelings, make decisions. What has changed between the two of you, in your relationship? Not much: my hearing deteriorated a bit, so if Jane tells me something displeasing, I can’t hear her! Is there an age for love, after which one can’t fall in love anymore? No, there isn’t. It’s never late for love, no matter how old you are. Was it awkward to shoot the sex scenes? Well, they’re not really sex scenes. Anyway, I would have preferred not to shoot the scenes in which the erotic tension builds up, because I feel uncomfortable. But I liked the idea of two eighty-year-olds who still enjoy making love. And I felt that it was only right to show this desire on the screen. After all, the skin may not be as fresh as it used to be, but there are other things that count more. What is your environmental activism based on? On the simple idea that we have but one planet to call home and we are destroying it in the name of profit. We have to prevent climati c disasters and avoid poisoning the earth any further. With the Sundance Festival, you have contributed to promoting young, talented and independent film directors. You reinvested your prestige in a showcase for talented artists. When you have been lucky enough to be as successful as I am, it’s easier to give back. I wanted to make the voice of other actors and film directors heard. I started, basically from scratch, a festival which is a meeting place, where film directors can discuss their work with colleagues and exchange ideas. That is what makes the Sundance different from other film festivals. How do you deal with the passing of the years? When I was a young man, I was completely untroubled by it: I never thought I would grow old one day. I was very athletic, I felt light. Then you start realizing that you have to move carefully and give up doing things that came natural when you were young. You have to inevitably deal with a number of limitations, which is quite sad. You have to come to terms with the idea that you’re entering a whole new life phase. On the other hand, as someone before me said: “Growing old sucks, but it’s better than the alternative!” 50 Venezia | made in Veneto

che ha la forza di rischiare, di mostrare i sentimenti. E in fondo penso che mi sia accaduto questo anche nella vita: le donne hanno più capacità di rischiare, di mostrare i loro sentimenti, di compiere scelte decise. Che cosa è cambiato fra voi, nel vostro rapporto? Non molto: solo che sono diventato un po’ sordo, e se Jane mi dice qualcosa di sgradevole solitamente non la sento! C’è un’età per l’amore, dopo la quale non ci si può più innamorare? No. Nella vita non è mai troppo tardi per l’amore. È stato difficile girare le scene più erotiche? Beh, non sono vere e proprie scene di sesso. Comunque, anche quelle in cui c’è una forte tensione erotica, non avrei voluto girarle, sono molto pudico. Ma mi sembrava bello che i due protagonisti, a ottant’anni, avessero ancora voglia di fare l’amore. E mi sembrava giusto rappresentare questa loro voglia. In fondo, anche se la pelle non è più fresca come una volta, ci sono tante altre cose che contano. Il suo impegno ecologista è molto forte. Da cosa nasce? Semplicemente dal pensiero che abbiamo un unico pianeta sul quale vivere e che lo stiamo rovinando in nome del profitto. Dobbiamo evitare il disastro climatico, dobbiamo evitare di avvelenare la terra più di quanto abbiamo già fatto. Il suo lavoro con il Sundance festival ha valorizzato molti registi giovani, originali, bravi. Ha reinvestito il suo prestigio creando una vetrina per nuovi talenti. Quando hai la fortuna di ottenere un certo successo, come è capitato a me, puoi decidere più facilmente di fare qualcosa per gli altri. Io volevo dare voce ad altri attori e altri registi. Ho creato, praticamente dal nulla, un festival che è un luogo di incontro, in cui i registi possono discutere dei loro lavori con altri colleghi, dove si scambiano idee. In questo, il Sundance è un festival un po’ diverso dagli altri. Come vive il passare del tempo? Quando ero giovane non ci pensavo per niente: non pensavo che un giorno sarei invecchiato. Ero molto atletico, mi sentivo leggero. Poi ti rendi conto che devi cominciare a stare attento quando ti muovi, e che devi rinunciare a fare delle cose a cui non pensavi neppure, quando eri giovane. C’è una serie di limitazioni inevitabili e in una certa misura è triste. Bisogna imparare a gestire questa nuova fase della vita. D’altra parte, come diceva qualcuno, invecchiare è brutto ma l’alternativa è peggiore!


The couple in a scene of their latest film ‘Our Souls at Night’ , and in the famous 1967 film aa ‘Barefoot in the Park’ directed by Gene Saks Venezia | made in Veneto 51


MIU MIU Leather jacket over a slip dress with bright appliquĂŠs. Cotton tanktop and panties, three-colored cardigan Sneakers and socks Miu Miu


SPO RTY IN STI NCT Sportswear flirts with haute couture and sets liquid boundaries. Fashion has never been so tempting and subtly chic Lo sport flirta con la couture creando confini liquidi. Mai la moda è stata cosÏ invitante e dannatamente chic Marta Innocenti Ciulli photo Alessandro Bencini make up and hair Rossana Luzzi

GUCCI Floral-patterned organza skirt paired with a Lycra swimsuit and duvet jacket with rhinestones Frames Gucci Sneakers Fendi


aaaaaa

MOSCHINO Jogging pants with appliquĂŠs worn with a tulle skirt Pull Valentino per Luisaviaroma Hat GCDS at Luisaviaroma Shoes Louis Vuitton


FENDI Regimental-striped mermaid skirt and sweater with cut on the front Shoes Fendi


BACKSTAGE


CHANEL Sleeveless mini-dress with asymmetric hem Pants Gucci aaaaaaa Shoes Louis Vuitton


MARCO DE VINCENZO Fringed flounce skirt decorated with rhinestones Pull Valentino at Luisaviaroma


ERMANNO SCERVINO A classic trench-coat over a lace flounce skirt and small see-through mock turtleneck


CHRISTIAN DIOR Leather waist-tight jacket and long tulle skirt over a bodysuit Rings Christian Dior Shoes Vetements per Luisaviaroma


PRADA Straight three-quarter-length skirt paired with sleeveless blouse and one-shouldered aaaaaaa pullover Shoes and bag Prada


ivial

Classic not Tr CLASSICO

E MAI BANAL

Jewel. In the most classic sense of the term, earrings and necklaces, but also precious decorations that are back in fashion again, such as brooches or shiny hair accessories. Gioiello. Nel senso piĂš classico del termine, orecchini e collane, ma anche decorazioni preziose che oggi tornano di tendenza, come le spille o brillanti accessori per capelli.

1

2

3

4

5

1. Chanel High Jewelry 2. Cartier 3. Vhernier 4. Bulgari 5. Gucci Fine Jewelry 6. Chopard 62 Venezia | made in Veneto


fashion jewels

6 Venezia | made in Veneto 63


must have shoes

2 1

3

Let them help you climb the peaks of style. Sexy and never banal, it’s the new era of the heel 6

5

7

8

4 6

Unrepeatable heights ALTEZZE IRRIPETIBILI

by Sabrina Bozzoni 1. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 2. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 3. Hermès - Piazza San Marco, 1292 - Venezia 4. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia 5. Miu Miu - San Marco, 1471 - Venezia 6. Chanel - Calle Larga XXII Marzo, 2070a - Venezia 7. Moschino - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 8. Ermanno Scervino - Calle Vallaresso 1313/1315 - Venezia 64 Venezia | made in Veneto


must have trend

2 1

3

From pastel to sage, a thousand different shades of green to wear boldly and in a ‘total’ way 6

5

7

8

4 6

Green philosophy FILOSOFIA VERDE

by Sabrina Bozzoni 1. Gucci - San Marco, 2102 - Venezia 2. Marni - at Al Duca d’Aosta - Venezia 3. Coach - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 4. Eres - eresparis.com 5. Chanel - Calle Larga XXII Marzo, 2070a - Venezia 6. Miu Miu - San Marco, 1471 - Venezia 7. Chanel Beauty - Piscina S. Moise, 1254a - Venezia 8. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia Venezia | made in Veneto 65


D iving

into the heart of

f lorence

FIRENZE www.grandhotelminerva.com When in Forte dei Marmi stay at www.villaromaimperiale.com


must have bags

2 1

3

Minimalist and showy, made especially for globetrotting gentlemen. Backpacks and bags for summer travel 6

5

7

8

4 6

Take me wherever you want to go PORTAMI DOVE VUOI

by Sabrina Bozzoni 1. Louis Vuitton - San Marco, 1345 - Venezia 2. Coach - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 3. Eastpak x Raf Simons - eastpak.com 4. Salvatore Ferragamo - Calle Larga XXII Marzo - Venezia 5. Hermès - Piazza San Marco, 1292 - Venezia 6. Prada - Salizada San Moise, 1464 - Venezia 7. Valentino - at T Fondaco dei Tedeschi by DFS - Venezia 8. Ermenegildo Zegna - Maserati - Bocca di Piazza, 1241 - Venezia Venezia | made in Veneto 67


The ‘Grand Foulard’ by Giusy Moretti 68 Venezia | made in Veneto


fashion art

Precious fabrics PANNEGGI PREZIOSI

text Luciana Boccardi Giusy Moretti tells the story of murrine in her ‘Grand Foulard’ Giusy Moretti racconta la storia delle murrine in un grand foulard

Blessed with a sunny disposition and typical Venetian verve, she grew up near the warmth of her beloved family, but above all, close to that of the furnaces of Murano where her father, Ulderico Moretti, worked, continuing that activity of master glassmaker which had been handed down, over the years, through the entire Moretti dynasty. A Murano family saga beginning in the mid-nineteenth century with the rediscovery by Vincenzo Moretti of the process - forgotten for centuries – for making murrino glass, and that today, thanks to Giusy Moretti, takes on the form of an elegant ‘Grand Foulard’ ( 120 cm x 120 cm). The love for glass that has always accompanied the life of this Venetian artist begins like a fairy tale: “Once upon a time, there was a box full of small, brightly-colored round pieces of glass, given to a little girl, who made her up own fairy tale with them: they became flowers, animals, faces of characters from a different time.” That child was Giusy, who with those glass ‘toys’ later set together with gold, platinum and precious stones, would go on to create authentic ‘glass fairy tales’ to be worn, and which today’s great museums (including the New York Met) host as examples of particular rarity and beauty. Giusy Moretti, who lives near Venice with her memories of Murano, has felt the need to “write” the history of murrino glass on silk. In the weave of this shimmering headscarf, the faces of the various masters of the past belonging to the family and the images immortalized in their famous jewels: from those of famous historical figures (Christopher Columbus, Garibaldi, King Vittorio Emanuele II, King Umberto I, Pope Leo XIII, Emperor Francis Joseph I) to the cockerels of 1926, which her father, Ulderico Moretti, realized when the municipality of Murano was merged with that of Venice, losing its territorial identity. A fact that psychologically affected the Muranese population so strongly as to suggest to Vincenzo Moretti the murrino-glass reproduction of the cockerel, formerly the municipal symbol of Murano: the cockerel, in fact, is also present as a murrina jewel in Giusy’s collection. Giusy Moretti’s ‘Grand Foulard’ will be presented at various museum sites and with special events. Sale price? For now, still not disclosed.

Solare, dotata di verve di impronta tutta veneziana, cresciuta vicino al calore di una famiglia adorata ma soprattutto delle fornaci di Murano dove il padre, Ulderico Moretti, lavorava continuando quell’attività di maestro vetraio che era stata di tutta la dinastia Moretti. Una saga muranese che ha inizio nella metà dell’Ottocento, con la riscoperta da parte di Vincenzo Moretti della lavorazione - dimenticata da secoli - del vetro-murrina, e che oggi, grazie a Giusy Moretti, prende la forma di un elegante grand foulard (120 centimetri per lato). L’amore per il vetro che accompagna la vita dell’artista veneziana comincia come una favola: “In principio fu una scatola con dei piccoli vetri rotondi molto colorati regalati a una bambina, che ne fece la sua personale di fiabe: erano fiori, animali, volti di personaggi d’epoca”. Quella bambina era lei, che con quei ‘giocattoli’ di vetro, poi assemblati a oro, platino e pietre preziose, avrebbe creato autentiche ‘fiabe di vetro’ da indossare, che oggi i grandi musei (tra i quali il Met di New York) ospitano come esemplari di particolare rarità e bellezza. Giusy Moretti, che vive nel Veneziano con i suoi ricordi muranesi, ha sentito il bisogno di scrivere su seta la storia del vetro-murrina. Nella trama di questo scintillante foulard, i volti dei vari maestri che si sono succeduti nella famiglia e le immagini immortalate nei famosi gioielli: da quelle dei personaggi della storia (Cristoforo Colombo, Garibaldi, Vittorio Emanuele II, Umberto I, Papa Leone XIII, Francesco Giuseppe) ai galletti del 1926, che suo padre, Ulderico Moretti, realizzò quando il comune di Murano venne accorpato a quello di Venezia, perdendo la sua identità territoriale. Un fatto che incise psicologicamente sulla popolazione muranese tanto da suggerire a Vincenzo Moretti la riproduzione in murrina del simbolo comunale di Murano cancellato: il galletto, appunto, presente come gioiello-murrina anche nella collezione di Giusy. Il grand foulard di Giusy Moretti verrà presentato nelle varie sedi museali e con eventi speciali. Prezzo alla vendita? Per ora sconosciuto. Venezia | made in Veneto 69


Above: Freespace, Circulation space, Gallaratese Housing, Milan, 1974 Carlo Aymonino and Aldo Rossi, Shelley McNamara Below: Freespace, Entrance seat at Can Lis Can Lis, Mallorca, 1973 Jorn Utzon, Beatrice Pedrotti 70 Venezia | made in Veneto


biennale itineraries

Born free NATA LIBERA text Teresa Favi

Biennale Architettura. Yvonne Farrell and Shelley McNamara bring generosity to Venice Biennale di Architettura. Yvonne Farrell e Shelley McNamara portano a Venezia il tema della generosità Freespace is the title of the 16th Biennale Architettura, in the Giardini and Arsenale, as well as throughout the centre of Venice, until November 28, offering a reflection on the spirit of generosity inherent in architecture. The exhibition is curated by the Irish architects Yvonne Farrell and Shelley McNamara, founders of the studio Grafton Architects and famous in Italy for having designed the headquarters of Bocconi University in Milan and for winning the Silver Lion at the 2012 Biennale. For the Dublin-based duo, their inspiration comes from nature, like the light of the sun, air and the force of gravity, and their proposal is an attempt to consider the architectural space as a place dedicated to the balance between the individual and the surrounding environment: free space, where one can express themselves and reconnect with nature and the urban landscape. The projects presented by the 65 participating countries, including first-time entries Antigua & Barbuda, Saudi Arabia, Guatemala, Lebanon, Pakistan and the Holy See (with its own pavilion on the island of San Giorgio Maggiore), revolve around this concept. Here are some of the projects and collateral events not to be missed. ITALIAN PAVILION It’s the Italy of small cities and villages that Arcipelago Italia recounts in this project curated by Bologna-based Mario Cucinella for the Italian Pavilion at the Tese delle Vergini, Arsenale. One of the top architects in Europe and an expert on eco-friendly architecture and co-design, Cucinella presents an Italy comprised of places rich in history and different cultures. Protagonists of the projects presented by the exhibition are five places in need of an architectural intervention: Gibellina, Camerino, Ottana, the Casentino Forest and Matera. DUTCH PAVILION Inspired by New Babylon – the anti-capitalist utopian city de-

Freespace è il titolo della 16ma Biennale di Architettura che, fino al 28 novembre, si svolge ai Giardini e all’Arsenale, oltre che nel centro di Venezia. Una riflessione sullo spirito di generosità insito nell’architettura firmata da due architette irlandesi Yvonne Farrell e Shelley McNamara fondatrici dello studio Grafton Architects, famose in Italia per aver progettato la sede dell’Università Bocconi a Milano e Leone d’Argento alla Biennale del 2012. Motivo di ispirazione, per il duo basato a Dublino, sono i doni della natura come la luce del sole, l’aria o la forza di gravità e la loro proposta è il tentativo di considerare lo spazio architettonico come luogo dedicato all’equilibrio tra l’individuo e l’ambiente circostante: spazio libero in cui esprimersi e riconnettersi con la natura o il paesaggio urbano. Ruotano intorno a questo concetto i progetti presentati dai 65 Paesi partecipanti, di cui sei new entries: Antigua & Barbuda, Arabia Saudita, Guatemala, Libano, Pakistan, e Santa Sede (con un proprio padiglione sull’Isola di San Giorgio Maggiore). Tra questi e gli eventi collaterali presenti, ecco cosa non perdere. PADIGLIONE ITALIA È l›Italia delle piccole città e dei borghi quella raccontata da Arcipelago Italia, progetto curato dal bolognese Mario Cucinella, per il Padiglione Italia, alle Tese delle Vergini, Arsenale. Tra i maggiori architetti del panorama europeo, esperto di architettura sostenibile e di progettazione partecipata, Cucinella racconta un’Italia fatta di luoghi densi di storia e di culture differenti. Protagoniste dei progetti presentati dalla mostra sono cinque realtà bisognose di interventi architettonici: Gibellina, Camerino, Ottana, le foreste Casentinesi e Matera. PADIGLIONE OLANDA Si ispira alla New Babylon - la città utopistica liberata dalla schia-

In the Giardini and Arsenale, as well as throughout the centre of Venice

Venezia | made in Veneto 71


art exhibition

1

3

2

5

1. Yvonne Farrell, Shelley McNamara, Paolo Baratta (ph. Andrea Avezzu) 2. the Corderie area, Arsenale 3. Dominioni 4. 6. Gaggiandre (Andrea Avezzu) 5. Giardini, Arsenale (ph. Francesco Galli) 7. Central Pavilion

6

signed by the Dutch architect and artist Constant Nieuwenhuys (1920-2005) – the pavilion examines the theme of automation in work and the classic distinctions between work and free time. The exhibition, curated by Marina Otero Verzier, an architect based in Rotterdam, explores the repercussions of new technology in our professional lives. At the Giardini in the Arsenale. HOLY SEE PAVILION One of the most anticipated of this year’s Biennale, Vatican Chapels is the brainchild of Francesco dal Co, who were inspired by the chapel built in 1920 by celebrated architect Gunnar Asplund for Skogskyrkogården, a cemetery in Stockholm, to be “a place of reference, meeting, mediation and greeting”. The project is an example of architectural generosity that blends with the theme of the Biennale, presenting an exhibition itinerary comprising 10 chapels by 10 architects who were invited to reflect on the role of the chapel in contemporary society. The architecture evokes the lexicon of traditional, Scandinavian wooden buildings, Stavkirken, reinterpreting their volumes, styles and typical materials. The pavilion is located on the island of San Giorgio Maggiore. DANISH PAVILION Dedicated to sustainable development. The main project, Blox, by the studio headed by Rem Koolhas, was recently opened at the port in Copenhagen: an example of free space dedicated to citizens, open to the public and which offers activities, workshops and opportunities for encounters and exchanges. At the Giardini in the Arsenale. CHINESE PAVILION Devoured by the ferocious industrialization characterizing re-

7 vitù del lavoro ideata dall’architetto e artista olandese Constant Nieuwenhuys (1920-2005) - e si interroga sul tema dell’automazione nel lavoro e sulle classiche distinzioni tra lavoro e tempo libero. La Mostra, firmata da Marina Otero Verzier, architetto con base a Rotterdam, esplora le ripercussioni delle nuove tecnologie sulla vita lavorativa delle persone. Ai Giardini dell’Arsenale. PADIGLIONE SANTA SEDE È uno dei più attesi di questa Biennale. Vatican Chapels, è ideato da Francesco dal Co. A ispirarlo è la Cappella nel bosco costruita nel 1920 dal celebre architetto Gunnar Asplund nel Cimitero di Stoccolma “come luogo di orientamento, incontro, meditazione e saluto”. Un esempio di generosità architettonica che si sposa con il tema della Biennale. Nell’ambito di questo tema è stato sviluppato un percorso espositivo composto da in dieci cappelle realizzate da altrettanti architetti invitati a riflettere sul ruolo della cappella oggi. L’architettura riprende il lessico delle tradizionali costruzioni in legno scandinave, le Stavkirken, reinterpretandone i volumi, stili e materiali tipici. Sull’Isola di San Giorgio Maggiore. PADIGLIONE DANIMARCA Dedicato allo sviluppo sostenibile. Il progetto protagonista, Blox, firmato dallo studio di Rem Koolhas è stato da poco realizzato nel porto di Copenhagen: un esempio di free-space dedicato ai cittadini, aperto al pubblico, offre attività, laboratori, occasioni di incontro e scambio. Ai Giardini dell’Arsenale. Ai Giardini dell’Arsenale.

Free space, where one can express themselves and reconnect with nature and the urban landscape

72 Venezia | made in Veneto

4


Freespace, Sketch section for Bocconi Universitta Luigi Bocconi, Milan, 2008 Grafton Architects Grafton Architects cent decades, the Chinese countryside is once again becoming the focus of architects and artists for their potential in offering an alternative way of life. This is the inspiration for the reflection presented in the exhibition curated by Li Xiangning, an overview of the projects that have combined modernization with a respect for rural traditions, from the expansive Loess Plateau to the water towns south of the Yangtze and the thriving plain in the north-east of the country. The pavilion offers an interesting panorama of lesser-known territories in China. At the Arsenale. VERTICAL FABRIC: DENSITY IN LANDSCAPE (COLLATERAL EVENT) One hundred towers that reconstruct the vertical landscape of Hong Kong have been installed in the Arsenale. In this jungle of a city teeming with skyscrapers, 100 architects have imagined their free space, each of which develops vertically… SPECIAL PROJECTS Two special projects enrich this year’s edition: the first, curated by Yvonne Farrell and Shelley McNamara, revolves around an installation at Forte Marghera designed by architects Sami Rintala and Dagur Eggertsson; the second comes from a collaboration between the Biennale and the Victoria and Albert Museum in London: the Special Project at the Pavilion of Applied Arts, inside the Sala d’Armi in the Arsenale. Curated by Olivia and Christopher Turner, the project examines the future of social housing, with the example of the housing estate Robin Hood Gardens in East London, designed by Alison and Peter Smithson in 1972.

PADIGLIONE CINA Fagocitata dalla feroce industrializzazione degli ultimi decenni, la campagna cinese torna al centro dell’interesse di architetti e artisti per le potenzialità nell’offrire uno stile di vita alternativo. Parte da qui la riflessione della mostra curata da Li Xiangning, un viaggio attraverso i progetti che hanno unito modernizzazione e rispetto delle tradizioni rurali, dalla grande distesa di Loess Plateau fino alle città d’acqua al sud del Yangtze e alla rigogliosa pianura situata nel nord-est del Paese. Una panoramica sorprendente dei territori meno conosciuti della Cina. All’Arnesale. VERTICAL FABRIC: DENSITY IN LANDSCAPE (EVENTO COLLATERALE) Negli spazi dell’Arsenale sono state installate cento torri che ricostruicono l’immagine verticale di Hong Kong. Nella città che è una giungla di grattacieli 100 progettisti hanno immaginato il loro spazio libero. Che si sviluppa in verticale… PROGETTI SPECIALI Ad arricchire questa edizione ci sono due i progetti speciali: il primo, a cura di Yvonne Farrell e Shelley McNamara, ha come protagonista un’installazione realizzata dagli architetti Sami Rintala e Dagur Eggertsson a Forte Marghera, il secondo, nato dalla collaborazione tra la Biennale e il Victoria and Albert Museum di Londra, è il Progetto Speciale al Padiglione delle Arti Applicate presso le Sale d’Armi dell’Arsenale. Curato da Olivia e Christopher Turner, il progetto indaga sul futuro del social housing partendo dall’esempio delle case popolari Robin Hood Gardens, realizzate nel 1972 da Alison e Peter Smithson nell’East London.

65 participating countries. A reflection on the spirit of generosity inherent in architecture

Venezia | made in Veneto 73


Cows by the Water - Palazzo Grassi (Š Palazzo Grassi, ph. Matteo De Fina) 74 Venezia | made in Veneto


art exhibitions

Contemporary Venice

CONTEMPORANEA, IL TUO NOME È VENEZIA text Mila Montagni

Art exhibitions that look to the future without forgetting the past Rassegne d’arte che guardano al futuro senza dimenticare il passato

The vitality of women like Marguerite (known as Peggy) Guggenheim is the kind that leaves a mark, as clear as if left by a blade of Toledo steel. Her explosive exposition (hosted by the Greek Pavilion at the 24th Venice Biennale) 70 years ago, in an Italy still reeling from memories of the war but ready to open itself up to economic recovery, to the boom and all that it would bring with it, was therefore the perfect opportunity to rethink what such vitality meant for the Lagoon city and for art in the Belpaese. Dedicated to the New York-born patron of the arts, and under the auspices of Gražina Subelytė, 1948: The Biennale of Peggy Guggenheim dominates the Project Rooms at the Peggy Guggenheim Collection, running until November 25, recalling her words, “My exhibition had enormous resonance and my pavilion became one of the most popular at the Biennale. (…) It felt like a new European country.” Documents, photographs, letters and a reconstruction of the original set-up are at the heart of the exhibition, thanks to which visitors can admire some of the works displayed at that long-ago Biennale, which signalled the acceptance of avant-garde and works by the American patron’s compatriots. The two locations of the Pinault Collection, which last year co-hosted the Damien Hirst monographic exhibition Treasures from the Wreck of the Unbelievable, once again tell two different stories; Palazzo Grassi presents the first major exhibition dedicated to one of the main figures in contemporary painting, the German-born and Swiss-adopted Albert Oelhen, with his Cows by the Water, while Punta della Dogana is hosting Dancing with Myself, a collective exhibition that was previously staged (albeit less extensively) in Essen in 2006 and organized as a reflection on the representation of the artist’s self and his/her role as the subject and object of the work. A collection of works ranging from the 1970s to today: open until January 6, 2019, Oelhen’s solo show is completely original, marked by the rhythm of various genres and periods, fol-

La vitalità di donne come Marguerite (detta Peggy) Guggenheim è di quelle che lasciano un segno, nitido come se tracciato con una lama di Toledo. La sua dirompente esposizione (ospite del Padiglione Greco durante la XXIV Biennale di Venezia) settant’anni fa, in un’Italia ancora esitante sulla memoria della guerra ma pronta ad aprirsi alla ripresa economica, al boom e a tutto quello che avrebbero portato, è dunque l’occasione per ripensare a ciò che significò per la città lagunare e per l’arte del Belpaese. Dedicata alla mecenate newyorkese, e sotto l’egida di Gražina Subelytė, 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim domina lo spazio delle Project Rooms della Peggy Guggenheim Collection fino al 25 novembre, ricordando come scrisse: “La mia mostra ebbe una risonanza enorme e il mio padiglione divenne uno dei più popolari della Biennale. (…) Mi sembrava di essere un nuovo paese europeo.” Documenti, fotografie, lettere e la ricostruzione dell’allestimento originario sono il cuore della rassegna, grazie alla quale sarà possibile ammirare alcune delle opere allora esposte che significarono l’apertura alle avanguardie e alle opere dei connazionali della mecenate statunitense. Tornano a raccontare storie diverse le due sedi della Pinault Collection, che l’anno scorso divennero uno spazio sinergico con la monografica di Damien Hirst Treasures from the Wreck of the Unbelievable; Palazzo Grassi, infatti, accoglie la prima grande mostra dedicata a uno dei protagonisti della pittura contemporanea, il tedesco ma svizzero d’adozione Albert Oelhen con la sua Cows by the Water, mentre Punta della Dogana presenta al pubblico italiano Dancing with Myself, una collettiva già presentata (ma in forma meno ricca) a Essen nel 2006 e organizzata come una riflessione sulla rappresentazione del sé da parte dell’artista e il ruolo dello stesso come soggetto e oggetto dell’opera. Un sommarsi di opere che dagli anni Settanta arriva a oggi. Aperta fino al 6 gennaio 2019, la personale di Oelhen si declina in modo completamente Venezia | made in Veneto 75


1948: The Biennale of Peggy Guggenheim (© Fondazione Solomon R. Guggenheim, ph Archivio CameraphotoEpoche) lowing the inner music of the artist, perceivable to the visitor inedito, scandito dal ritmo di diversi generi e periodi, seguenthanks to the expert curation of Caroline Bourgeois, offering do la musica intima dell’autore resa percettibile al visitatore a powerful metaphor for a method of work that goes beyond dalla mediazione della cura di Caroline Bourgeois, una methe usual models. The 80 works on display come from the tafora potente di un metodo di lavoro che supera i modelli Pinault Collection, as well as private museums and collec- più usati. Le 80 opere in mostra arrivano dalla Pinault Coltions. The exhibition at the Punta della Dogana will be open lection, oltre che da musei e collezioni private. Sarà visitabile until December 16, organized in collaboration with the Mu- fino al 16 dicembre, invece, la rassegna di Punta della Dogaseum Folkwang in Essen, which places the role na, organizzata col Museo Folkwang di Essen, of the artist and his/her representation of self at pone al centro della narrazione iconica il Venice is che the centre of the iconic narration, using differruolo dell’artista e la rappresentazione del sé, a unique realizzata attraverso differenti linguaggi, cominent languages, from painting to installation. Curated by Martin Bethenod and Florian Ebner, opportunity ciando dai dipinti per arrivare alle installazioni. the more than 140 works on display trace art di Martin Bethenod e Florian Ebner, and one not Ale cura through the image of the artist and erase every oltre 140 opere in mostra disegnano l’arte to be missed attraverso l’immagine dell’artista e annullano deliberate and expected cliché. The exhibition for immersing ogni clichés preordinato e atteso. A ordinare la is divided into four, highly fascinating themes: Melancholia, Identity Games, Political Autobiograyourself in narrazione quattro temi di grande fascino: Mephies and Raw Material. Giochi d’Identità, Autobiografie Politiche the magical lancolia, The end of the summer will fall on September e Materia Prima. universe La conclusione dell’estate sarà, il 17 settembre, 17, the final day of Imagined Architecture. Drawings from the Collections of the Fondazione of the art quando chiuderà i battenti Architettura immagiGiorgio Cini, held in the namesake gallery in nata. Disegni dalle raccolte della Fondazione GiorSan Vio and which highlights the range of Antonio Certani’s gio Cini, ospitata nell’omonima Galleria a San Vio, un’esposicollection, with 100 drawings on display, exploring the me- zione che attraverso un centinaio di disegni delinea l’ampiezdium of drawing in its multitude of forms and styles from za della raccolta Antonio Certani il disegno nelle sue moltethe 16th to 19th centuries and pursuing the perfect form of plici forme e stili, dal Cinquecento all’Ottocento, inseguendo illusive and decorated architecture, a sort of notebook ante la forma perfetta dell’architettura illusiva e d’ornato, sorta di litteram of the current design models. This is a unique oppor- quaderno ante litteram dei modelli di design attuali. Un’octunity and one not to be missed for immersing yourself in the casione unica e da non perdere per immergersi nello spazio magical space of the Fondazione and the palace it calls home. magico della Fondazione e del suo Palazzo. 76 Venezia | made in Veneto


Dancing with Myself Punta della Dogana (Š Palazzo Grassi, ph. Matteo De Fina) Venezia | made in Veneto 77


architecture itineraries

A gem in Venice UN GIOIELLO A VENEZIA text Federica Repetto

tarini of Palazzo Con The Staircase view a ith w e chitectur del Bovolo: ar ov ni del B olo: lazzo Contari n vista La scala di Pa architettura co

Hidden in a maze of streets and canals, just steps away from Campo Manin, in the district of San Marco, is an architectural gem without equal. It is the fifteenth-century Palazzo Contarini del Bovolo, best-known for its ‘bizarre and graceful’ external spiral staircase commissioned by Pietro Contarini, a scion of the noble and influential Contarini family of the San Paternian branch that, in the 1300s, had the privilege of giving a Doge, Andrea Contarini, to the Republic of Venice. The Contarini del Bovolo Staircase, designed in the shape of a “snail shell” which is called “bovolo” in Venetian dialect, is an architectural icon that ended up lending its name to both the building and the family who owned it. An architectural whim and a perfect blend of different styles: Renaissance (because of the use of some elements such as capitals), Gothic (because of the construction technique) and Veneto-Byzantine (because of the shape). Considered to be one of Venice’s hidden gems, the staircase was recently reopened to the public following major restoration works. 28 meters high and with a diameter of 4.70 meters, the structure is made of red bricks and white Istrian stone and consists of ascending rows of round-headed arches and 80 monolithic steps leading, counterclockwise, to an amazing domed belvedere affording a breathtaking view of the city’s rooftops and of the domes of San Marco, Santa Maria Nascosta in un dedalo di calli e canali, a due passi da Campo Manin, nel sestiere di San Marco, si trova un gioiello architettonico senza eguali al mondo. È il quattrocentesco Palazzo Contarini del Bovolo famoso per una ‘bizzarra e leggiadra’ scala a chiocciola voluta da Pietro Contarini, rampollo appartenente alla potente famiglia Contarini del rampo di San Paternian che nel Trecento si era potuta fregiare dell’alto onore di aver dato un Doge, Andrea Contarini, alla Serenissima Repubblica. La Scala Contarini del Bovolo, dalla forma particolare ‘a guscio di lumaca’ che in veneziano si dice appunto “bovolo”, è più che una pregevole costruzione che finì per dare il nome non solo all’intero edificio ma anche alla famiglia che lo fece commissionare. Un capriccio architettonico e perfetta sintesi di stili diversi: rinascimentale (per l’utilizzo di alcuni elementi come i capitelli), gotico (per la tecnica costruttiva) e veneto-bizantino (per la forma). Considerata una delle perle nascoste della città lagunare, ha riaperto di recente al pubblico, a seguito di un lungo restauro. Alta 28 metri, con un diametro di 4.7, si compone cromaticamente nel rosso del cotto e nel bianco della pietra d’Istria, è formata da logge e archi in tutta la sua altezza, e gli 80 gradini monolitici, che si salgono in senso antiorario, e che conducono ad un incredibile belvedere a cupola che offre una vista meravigliosa sui tetti della città, San Marco, Salute e Santi Giovanni e 78 Venezia | made in Veneto


The ‘bizarre and graceful’ external spiral staircase commissioned by Pietro Contarini (above: ph. Gioielli Nascosti di Venezia below: ph. Marco Tortato) Venezia | made in Veneto 79


28 meters high and with a diameter of 4.70 meters, the structure is made of red bricks and white Istrian stone (ph. Marco Tortato) 80 Venezia | made in Veneto


cover story

An amazing domed belvedere affording a breathtaking view of the city’s rooftops (ph. Gioielli Nascosti di Venezia) della Salute and Santi Giovanni e Paolo. (In 1859, astronomer Wilhelm Tempel, who discovered Comet C/1859 G1 and the Merope nebula in the Pleiades, made his first astronomical observations from the belvedere by using a telescope). The arches and columns running the entire length of the staircase make it absolutely unique of its kind. The structure is an unusual and impressive blend of different architectural styles, expressive of the Renaissance taste for modularity and yet extremely unconventional in its design and formal solutions. Connected to the Bovolo Staircase is the Tintoretto Room, a prestigious exhibition space which houses one of the preliminary sketches of Il Paradiso, the extraordinary painting by Tintoretto kept at Palazzo Ducale, and works by Sansovino, Guardi and Sebastiano Ricci. Visiting this architectural gem offers the chance to admire a treasure trove of works which are part of the historical and artistic heritage of I.R.E., Istituzioni di Ricovero e di Educazione Venezia, and get a fascinating insight into Venetian art from the 1500s to the 1700s. The Contarini del Bovolo Staircase is also one of Venice’s so-called Hidden Gems, along with another four must-see sights: Oratorio dei Crociferi, Complesso dell’Ospedaletto, Chiesa delle Zitelle and Chiesa delle Penitenti.

Palazzo Contarini is an architectural gem without equal just steps away from Campo Manin

Paolo (a condurre invece, nel 1859, le sue prime osservazioni astronomiche dal belvedere con un telescopio, fu il litografo Wilhelm Tempel, che scoprì la cometa C/1859 G1 e anche la Nebulosa di Merope nell’ammasso aperto delle Pleiadi). Gli archi e le colonne che ne percorrono tutta la lunghezza le conferiscono un aspetto speciale costituendo un unicum affascinante ed ambiguo. È qui che la genialità della progettazione convive con l’indifferenza delle simmetrie e il gusto tutto rinascimentale per la sua modularità, dove la sapienza dispiegata nella realizzazione si accompagna con la spregiudicatezza estrema delle soluzioni formali. Collegata alla Scala del Bovolo vi è la Sala del Tintoretto, spazio espositivo di grande pregio custode di uno dei bozzetti preparatori del Paradiso di Palazzo Ducale, opera straordinaria del Tintoretto, e che custodisce anche i lavori di Sansovino, Guardi e Sebastiano Ricci. Visitare questo complesso consente di ammirare una raccolta di opere che appartengono al patrimonio storico artistico di I.R.E., Istituzioni di Ricovero e di Educazione Venezia, e che si inseriscono in quel significativo spaccato del panorama dell’arte veneziana che risale al ‘500 e al ‘700. La Scala Contarini del Bovolo fa parte della rete dei Gioielli Nascosti di Venezia insieme ad altre quatto luoghi assolutamente da visitare: l’Oratorio dei Crociferi, il Complesso dell’Ospedaletto, la Chiesa delle Zitelle e la Chiesa delle Penitenti. Venezia | made in Veneto 81


Qohèlet has been placed on two specular walls in the Doge’s private church at Palazzo Ducale 82 Venezia | made in Veneto


art interview

The silence of gold IL SILENZIO DELL’ORO text Mila Montagni photo Paolo Vandrasch Guido Peruz describes a world of art and freedom Guido Peruz racconta un mondo d’arte e libertà

The paintings that form the Qohèlet diptych, the work of art by Guido Peruz which has been placed on two specular walls in the Doge’s private church at Palazzo Ducale, are an artistic and spiritual testament, a celebration of life and art over the centuries. “They were familiar with my previous works and asked me to create a piece that could be placed in the two frames which, up to the nineteenth-century, adorned two paintings by Tintoretto which are now kept at the Accademia Gallery”, the artist proudly says. Guido Peruz was born in Cadore, but is Venetian by heart, Milanese by adoption, deeply attached to his independence and since always committed to living in the name of freedom of thought. His life has been marked by the passion for art since childhood: “In summertime, our parents brought us, from the earliest age, to Lido di Venezia on vacation and, from there, we toured the whole city, through the streets of course, but also through the works of art shining with gold, in the churches, museums and then at the Art Biennales. Venice is deeply rooted in my way of thinking and in my conception of art. What struck me as a child was the symbolic richness of gold, of its nuances, of its many uses…. which I found again in medieval Tuscan gold”. And so, art- despite his family’s wishful thinking (they expected him to become, if not an engineer, at least an architect)- marked the years of his training in Venice and Milan, where he also worked as a teacher at the Brera Academy. Peruz’s pursuit of a personal expressive language led him, over years of meditation and hard work, to the elaboration of a sort of theology of silence, which is perfectly expressed in his Qohèlet. This work of art, which is inspired by one of the Books of the Bible also known as Ecclesiastes, consists of seventy-two gold leaf-covered paintings, divided into two panels of thirty-six paintings each and showing the statement at the beginning of the Book: “Vanity of vanities,

Sono un testamento artistico e spirituale, un inno alla vita e all’arte attraverso i secoli, le tavole che formano il dittico di Qohèlet, l’opera di Guido Peruz che è stata collocata su due pareti speculari dell’Anti-Chiesetta del Doge a Palazzo Ducale. “Conoscevano i miei lavori e mi hanno chiesto un’opera che potesse essere inserita in quelle due cornici che fino all’Ottocento avevano ospitato due tele di Tintoretto che oggi sono alle Gallerie dell’Accademia”, spiega con pacato orgoglio questo artista schivo, cadorino di nascita e veneziano per affinità, milanese d’adozione e innamorato della propria indipendenza e da sempre impegnato a vivere nel nome della libertà di pensiero. I suoi giorni sono stati segnati dall’amore per l’arte, come ricorda: “in estate, fin da quando eravamo piccoli, i nostri genitori ci portavano al mare al Lido di Venezia e da lì partivamo per conoscere la città, attraverso le sue calli certo, ma anche attraverso i suoi capolavori che brillavano d’oro, nelle chiese, nei musei e poi alle Biennali. Venezia è entrata nella profondità del mio pensiero e del mio modo di concepire l’arte. Quello che da bambino mi colpiva era la ricchezza simbolica dell’oro, delle sue sfumature, dei suoi molteplici impieghi… che ho poi ritrovato nell’oro del Medioevo toscano”. È stato così che l’arte - nonostante le migliori intenzioni della famiglia (che non potendolo vedere ingegnere lo sperava almeno architetto) - ha segnato gli anni della sua formazione tra Venezia e Milano, dove ha anche insegnato all’Accademia di Brera. Ed è stata la ricerca di un linguaggio espressivo proprio che lo ha condotto, negli anni di meditazione e di lavoro, all’elaborazione di quella che è una sorta di teologia del silenzio nelle forme dell’essenziale, perfettamente rese nel suo Qohèlet. L’opera, che trae ispirazione dal libro biblico un tempo conosciuto come Ecclesiaste, è composta da settantadue tavole ricoperte di foglia d’oro, divise in due pannelli di trentasei per ciascuno e Venezia | made in Veneto 83


Guido Peruz all is vanity”. A celebration of the human nature’s vulnerable insubstantiality and, at the same time, a deep reflection upon the values of life. The words written by Peruz and eternalized in gold are meant to be a subtle yet persevering incitement to the practice of reason and, at the same time, a reflection on spirituality, “religion has become an integral part of my work in the past thirty years” , he explains, and goes on: “Art is not about being provocative or provoking shock and disconcertment at all costs. In my opinion, art should teach people the use of reason, to meditate on the human condition through silence, spirituality… and gold, which evokes the sacredness of the Divine, is the perfect vehicle to achieve this goal”. Peruz’s admiration for Fontana, “he passed away too soon to be able to work with him”, and the attention he pays to the passing of time, “my every work shows the day, month, year and hour, because it represents a moment in my life and tells my story as a man and an artist, becoming a self-portrait of its own kind”, have made his works take a shape of their own, recognizable but not rationalizable according to everyday canons: “I’m not always fully conscious of what I’m doing, because Art is a world that we embrace but not necessarily know about, it’s not an easy concept to explain and share, but it’s radical…” Just like life, perhaps. Which is why it penetrates to the depths of our souls and to their most invigorating roots.

vi si legge il celebre testo che inizia con “Vanità delle vanità, tutto è vanità”: un inno alla fragile inconsistenza dell’uomo e della sua natura e allo stesso tempo una riflessione profonda sui valori della vita. La levità delle parole incise da Peruz, eternate dall’oro, intendono essere un’esortazione sottile ma tenace alla pratica della ragione e al contempo a una riflessione sulla spiritualità, “la religione negli ultimi trent’anni è diventata parte viva del mio lavoro” spiega, e continua: “l’arte non deve essere gridata, cercare soltanto lo choc e provocare sconcerto, a mio vedere deve insegnare a usare la ragione, a meditare sull’uomo attraverso il silenzio, la spiritualità… e l’oro, che richiama alla sacralità del divino, diventa il veicolo perfetto per raggiungere questa meta.” L’ammirazione per Fontana, “mancato troppo presto per poter lavorare con lui”, e l’applicazione intensa allo scandirsi del tempo “ogni mia opera riporta il giorno, il mese, l’anno e l’ora, perché rappresenta un momento della mia vita e racconta la mia storia di uomo e di artista, diventando un autoritratto sui generis”, hanno fatto sì che l’arte assumesse una forma propria, rara, conoscibile anche se non razionalizzabile secondo i canoni del quotidiano: “quello che faccio non è sempre consapevole, perché l’Arte è un mondo che abbracciamo e non sempre conosciamo, è un concetto non semplice da spiegare e da condividere, ma radicale…” Forse proprio come la vita. E forse proprio per questo capace di scendere nelle profondità dello spirito e delle sue radici più vivificanti.

A subtle yet persevering incitement to the practice of reason and, at the same time, a reflection on spirituality

84 Venezia | made in Veneto


The work of art consists of seventy-two gold leaf-covered paintings Venezia | made in Veneto 85


art exhibition

Eye and soul OCCHIO E ANIMA text Federica Repetto

tion raphic exhibi A great photog ter, oi R o vi devoted to Ful 26 t us ug A til e Oci un ca at Casa dei Tr afi gr tra foto La grande mos r, te oi R o vi dedicata a Ful to os ag 26 al o Tre Oci fin alla Casa dei

Fulvio Roiter. Photographs 1948-2007 is the retrospective exhibition showing until August 26 at Casa dei Tre Oci and honoring the life and career of this great photographer and artist whose name is closely associated with the city of Venice. Primarily acclaimed as an expert in black and white photography, Roiter also used color film in his reportages, with a very personal technique that highlights places and details in every scene. Two hundred pictures are on show on the Giudecca Island, most of which vintage photos representing the extent and international span of Roiter’s work and divided into nine sections that take visitors on an uncommon and amazing tour of Venice and the Lagoon, but also to New Orleans, Belgium, Portugal, Andalusia and Brazil, in that sophisticated neo-realist style which is the distinguishing feature of all his works. The exhibition explores Fulvio Roiter’s life, which was entirely devoted to photography and to the search for the places of the soul, including extraordinary sceneries, discoveries and unconditional love. Promoted by Fondazione di Venezia, in partnership with Città di Venezia, the exhibition, curated by Denis Curti and made possible thanks to the precious contribution of his wife Lou Embo, spans over the entire artistic career of Fulvio Roiter and is the most complete monographic exhibition ever devoted to Roiter and the first held afSi intitola Fulvio Roiter. Fotografie 1948-2007 la mostra che si può ammirare, fino al 26 agosto, alla Casa dei Tre Oci, e che deve essere intesa come un omaggio a questo grande artista che più di ogni altro ha legato l’immagine di Venezia al proprio nome. Esperto di fotografia in bianco e nero, ha usato anche del colore nei reportages di suoi viaggi, una personale tecnica che esalta luoghi e particolari inediti della scena. Duecento sono gli scatti in esposizione alla Giudecca, la maggior parte vintage, che racchiudono tutta l’ampiezza e l’internazionalità del suo lavoro e che viene presentato attraverso nove sezioni, per raccontare immaginari inediti e stupefacenti che rappresentano Venezia e la laguna, ma anche i viaggi a New Orleans, Belgio, Portogallo, Andalusia e Brasile, con la finezza compositiva di stampo neorealista che caratterizza i suoi lavori. Una rassegna che scandisce le tappe di una vita interamente dedicata alla fotografia e alla ricerca dei luoghi dell’anima, vissuta dall’autore tra scenari straordinari, scoperte e amori incondizionati. Promossa dalla Fondazione di Venezia, in partenariato con Città di Venezia, l’esposizione, curata da Denis Curti e resa possibile grazie al prezioso contributo della moglie Lou Embo, ripercorre l’intera carriera di Fulvio Roiter e si presenta come la più completa monografica mai realizzata sull’autore e la 86 Venezia | made in Veneto


Fulvio Roiter Gondola dall’alto del Ponte di Rialto 1953 (Š Fondazione Fulvio Roiter) Venezia | made in Veneto 87


Fulvio Roiter Piazza San Marco 1983 (Š Fondazione Fulvio Roiter) 88 Venezia | made in Veneto


cover story

Fulvio Roiter Squero di San Trovaso 1970 (© Fondazione Fulvio Roiter)

ter his recent death. The exhibition features video showings, spectacular blow-ups and about twenty original books which, in addition to showing Roiter’s works, include critical essays by the many intellectuals who influenced his artistic career such as Andrea Zanzotto, Italo Zannier, Alberto Moravia, Ignazio Roiter, Fulvio Merlak, Gian Antonio Stella, Roberto Mutti, Giorgio Tani and Enzo Biagi. The exhibition includes also his wife Lou’s short but touching description of their first encounter in Belgium, which marked the beginning of a forty-year-long professional and personal relationship. The photography book has always been a vehicle for Roiter’s ideas and artwork. His full devotion to the creation of photographic publications gained him a number of important recognitions such as the prestigious Nadar Prize in 1956 for the book Umbria, Terra di San Francesco, and the Grand Prix a Les Rencontres de la Photographie d’Arles in 1978 for Essere Venezia, a publishing sensation in the field of photographic publications, for one million copies of the book have been sold since 1977 alone. Fulvio Roiter greatly contributed to the promotion of Venice’s image across the world, representing it not only as a picture-perfect city. In fact, this retrospective exhibition invites visitors to explore Venice’s most unexpected and surprising sights, revealing all its eternal grandeur.

Two hundred photos by Roiter are on show on the Giudecca Island

prima dopo la sua recente scomparsa. L’allestimento si arricchisce di videoproiezioni, ingrandimenti spettacolari e una ventina di libri originali, che, oltre a visualizzare in pagina l’opera di Roiter, restituiscono anche la vastità di contributi critici dei tanti autori che hanno inciso sul suo lavoro, tra cui Andrea Zanzotto, Italo Zannier, Alberto Moravia, Ignazio Roiter, Fulvio Merlak, Gian Antonio Stella, Roberto Mutti, Giorgio Tani, Enzo Biagi. Non manca il breve ma intenso ricordo della moglie Lou, riferito a quel primo incontro in Belgio, che fu la nascita di un rapporto umano e professionale lungo quarant’anni. Contenitore e veicolo ideale della sua opera artistica è stato, sin dal principio, il libro fotografico. E la completa dedizione verso di esso ha portato l’autore a ricevere importanti riconoscimenti come il prestigioso Premio Nadar, ottenuto nel 1956, con il libro Umbria, Terra di San Francesco, e il Grand Prix a Les Rencontres de la Photographie d’Arles, nel 1978, con Essere Venezia, un caso editoriale per la fotografia che ha venduto, dal 1977 ad oggi, un milione di copie. Fulvio Roiter ha contribuito alla diffusione del mito di Venezia nel mondo, rappresentandola come città da cartolina, ma non solo. Grazie a questa retrospettiva si possono scoprire visioni inedite, inaspettate e sorprendenti, che rivelano ai nostri occhi la sua eterna grandezza. Venezia | made in Veneto 89


From September 14 to 30 in the magnificent spaces of the Giorgio Cini Foundation on the island of San Giorgio Maggiore (www.homofaberevent.com) 90 Venezia | made in Veneto


craft exhibition

Artisan Intelligence INTELLIGENZA ARTIGIANALE text Virginia Mammoli

Homo Faber, an unprecedented exhibition celebrating the best of European craftsmanship Homo Faber, la prima grande esposizione dedicata al meglio dei mestieri d’arte europei Reality has often surpassed the wildest dreams of writers, philosophers, poets and scriptwriters. What was once difficult to imagine even for the most extravagant science-fiction writers- robots, 3D printers reproducing themselves, artificial organs or, more simply, highly advanced cell phones serving as computing devices- is so much part of our life now that we can hardly imagine the world without it. Such amazing technological progress, so fast and all-reaching, brought advances in many fields and improved our everyday life in many ways. And yet, this “progress” is causing us, at times, to lose that priceless human factor which no machine can replicate. Examples par excellence of such a truth are art and craftsmanship, the fields in which human factor and genius are visible in the both the design and construction phase. It is creativity expressed at its fullest. This is the theme of Homo Faber: Crafting a more human future, the first major cultural event devoted to European craftsmanship, held from September 14 to 30 in the magnificent spaces of the Giorgio Cini Foundation on the island of San Giorgio Maggiore, one of the Venetian Lagoon’s most evocative places. Presented by the Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship with the collaboration of Fondation Bettencourt Schueller, Triennale Design Museum and Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, this spectacular and unprecedented celebration of high craftsmanship will give visitors the opportunity to observe first-hand the skills of Europe’s greatest master artisans and their creations. The exhibition spreads over the Foundation’s libraries, cloisters and galleries: 4,000 square meters of pure creativity, from jewelry to bespoke bicycles. It brings together the oldest and newest techniques, in which

La realtà ha più volte superato l’immaginazione di scrittori, filosofi, poeti e sceneggiatori. Quelli che un tempo sembravano voli pindarici degni del più stravagante film di fantascienza - robot, stampanti 3D che riproducono se stesse, organi artificiali, ma anche, più semplicemente, cellulari così evoluti da poter sostituire un computer - oggi fanno talmente parte della nostra vita che quasi risulta difficile pensare un mondo senza. Questo incredibile progresso, sempre più rapido e onnipervasivo, ha permesso conquiste eccezionali in moltissimi campi, migliorando svariati aspetti della nostra quotidianità; allo stesso tempo, però, è proprio a causa di questo ‘progresso’ che a volte si perde quell’inestimabile fattore umano che nessuna macchina è capace di riprodurre. Universi per eccellenza per dimostrare questa verità sono l’arte e l’artigianato. Qui il segno dell’uomo e la sua genialità sono ben visibili sia nella progettazione sia nella realizzazione. È la creatività che si esprime ai massimi livelli. Tema di Homo Faber: Crafting a more human future, il primo grande evento culturale dedicato ai mestieri d’arte d’Europa: dal 14 al 30 settembre nei maestosi spazi della Fondazione Giorgio Cini, sull’isola di San Giorgio Maggiore, una delle più iconiche della laguna di Venezia. Organizzata dalla Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship in collaborazione con la Fondation Bettencourt Schueller, il Triennale Design Museum e la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, questa spettacolare e inedita celebrazione dell’alto artigianato permetterà ai visitatori di ammirare dal vivo l’abilità dei più grandi maestri d’Europa e le loro creazioni. Le biblioteche, i chiostri e le gallerie della Fondazione: 4.000 metri quadri di pura creatività, dal gioiello alle biciclette su misura. Le tecniche più antiche, ma anche quelle più moderne, dove mai l’impronta

“This event has a singular undercurrent: what human beings can do better than machines”

Venezia | made in Veneto 91


1

3

5

92 Venezia | made in Veneto

2

4

6

Some protagonists of the event: 1. Philippe Tabet and Sergio Boldrin (ph. Laila Pozzo) 2. The Yacht ‘Eilean’, restored by Officine Panerai 3. Franco Cologni and Johann Rupert (ph. Laila Pozzo) 4. La Fucina di Efesto 5. Bruno Barbon (ph. Susanna Pozzoli) 6. Open Care


Sala Carnelutti: India Mahdavi for Homo Faber the human factor is never left out. The project was created by a team of world-class designers and architects, such as Michele De Lucchi, India Mahdavi and Stefano Boeri. “Homo Faber is an expression that was first coined during the Renaissance and it captures and celebrates the infinite creativity of human beings- Johann Rupert, Co-founder of the Michelangelo Foundation, says. “The exhibit will provide an overview of fine European craftsmanship but it will, nevertheless, have a singular undercurrent: what human beings can do better than machines.” The exhibition is scheduled to overlap with Venice’s acclaimed Biennale of Architecture but “we chose Venice for this exhibition not only because it is a bastion of culture and a place of unequalled beauty, -Franco Cologni, Co-founder of the Michelangelo Foundation explains- but also because Venice is today and has always been a European hub for exchange and connection.” One of the most eagerly awaited events is the Creativity and Craftsmanship exhibition, held at the Cenacolo Palladiano, Palladio’s magnificent hall, which will play host to a series of specially-commissioned works created by pairing designers with artisans, selected by Michele De Lucchi, each one an interpretation of traditional skills through contemporary forms. But this is only a small part of a major event designed to promote and preserve a precious and priceless heritage which, as the exhibition’s title suggests, will help us build a “more human future”.

umana viene meno. Un progetto che si avvale di personalità di spicco del mondo del design e dell’architettura come Michele De Lucchi, India Mahdavi e Stefano Boeri. “L’espressione Homo Faber, originariamente coniata nel Rinascimento, coglie ed esalta l’incommensurabile creatività dell’uomo - afferma Johann Rupert, co-fondatore della Michelangelo Foundation -. L’esposizione fornirà una panoramica sul meglio dei mestieri d’arte europei, e al tempo stesso porrà l’accento su un aspetto meno evidente: quello che gli esseri umani sanno fare meglio delle macchine.” La concomitanza con la Biennale dell’Architettura certo calza alla perfezione, ma “Per questa manifestazione abbiamo scelto Venezia, baluardo di cultura, di arte e di eccellenze artigiane, nonché luogo di impareggiabile bellezza - spiega Franco Cologni, altro co-fondatore della Michelangelo Foundation -, perché Venezia continua a essere, oggi come in tutto il corso della sua storia, un centro nevralgico di scambi e connessioni.” Particolarmente attesa la mostra Creativity and Craftsmanship, allestita nel Cenacolo Palladiano, dove saranno esposte opere create appositamente per l’evento da coppie di artisti e progettisti selezionati da Michele De Lucchi e chiamati a interpretare le competenze tradizionali attraverso forme contemporanee. Ma questa è solo una parte di un’importante rassegna volta a promuovere e tutelare un patrimonio che non è quantificabile, tanto è prezioso, e che soprattutto, come dice esplicitamente il sottotitolo, vuole “creare un futuro più umano”.

The exhibition spreads over the Foundation’s libraries, cloisters and galleries: 4,000 square meters of pure creativity

Venezia | made in Veneto 93


Photo by Tommaso Pitton 94 Venezia | made in Veneto


art exhibition

Shooting the Glass FOTOGRAFARE IL VETRO text Federica Repetto

The art of Murano celebrated through artistic photos in Venice A Venezia l’arte di Murano raccontata attraverso scatti d’autore

Venice played a leading role in the history of glass Venezia è stata protagonista nella storia delle perle di bead-making from 1200 to 1950, having a monopo- vetro dal 1200 al 1950, detenendo il monopolio della ly on the production of glass-beads, in terms of both loro produzione, sia per la quantità che per la quaquantity and quality. Venetian beads are made by us- lità. Sono perle lavorate a lume, create a una a una ing the lamp-work method. Each bead must be formed rammollendo una canna di vetro pieno al calore di individually by heating a glass cane to a molten state una fiamma, quindi decorate con fiori o a mosaico and then decorating it with flowers or with a mosaic con murrine; perle lavorate a rosette nei classici comurrina pattern; some beads are made of several layers lori; perle soffiate arricchite da foglie d’oro, o perle di of glass in classic colors to form the so-called Rosetta conteria ottenute dal taglio di una canna forata, tipicapattern; blown beads are decorated with gold leaves; mente monocrome e tutte uguali fra loro. conterie beads are produced by chopping hollow tubes Sono quest’ultime le perle degli abiti, del ricamo, del of colored glass, usually monochrome and lavoro ai ferri e a uncinetto, sono le perall alike. line usate per i paralumi e reliquari, per These tiny beads are the ones typicalscatole, copertine di libri e infine, se inly used to decorate dresses, for works of filate su fili di ferro, sono perline che si Photographs possono trasformare in petali di vetro. embroidery, knitting and crochet, and to decorate lampshades and shrines, boxes which Le perle di vetro nascono dalla fusione di and book covers and, if thread together describe a bacchetti di vetro di Murano. through wire, beads may be transformed cominciare si ha bisogno di un “canlongstanding Per nello” che miscela gas propano e ossigeinto glass petals. Glass beads are made by tradition and no dando vita alla fiamma che fonderà il fusing Murano glass rods. First of all, the process of making glass ancient craft vetro. beads requires the use of a “cannello” or of the city of Altri elementi indispensabili sono i co“ferri del mestiere”: le bacchette narrow tube which mixes propane gas and Venice siddetti di acciaio (le più usate hanno un diameoxygen to create a flame that will fuse the glass. The other essential “tools of the trade” are: steel tro di 4,5 mm e una lunghezza di 20 cm); la crema rods ( the most common ones are 4,5 mm wide and isolante, che evita che la perla si attacchi sull’ago una 20 cm long); insulating cream to keep the bead from volta raffreddata e la vermiculite, un materiale isolansticking to the needle once it has cooled down, and te che serve a far raffreddare la perla con delicatezza. vermiculite, an insulating material which allows the È invece utile proteggere gli occhi con degli occhiali, bead to cool down delicately. A good pair of safety anche chiari, con filtri contro i raggi UV e infrarossi. glasses, even light-colored, are useful to protect one’s Lavorare il vetro è un’esperienza affascinante e ci Venezia | made in Veneto 95


Photo by Federica Repetto

eyes and sight against both UV and infrared rays. vuole poco per lasciarsi sedurre da questi magici maGlassmaking is a very fascinating experience and it is nufatti, la cui tradizione perdura e si rinnova anche nearly impossible not to marvel at the beauty and airy oggi. lightness of these magical artefacts, whose tradition Sette fotografi hanno accettato la sfida di Arts’ Conis deeply rooted in the local history and continues to nection, festival che sostiene la rinascita del vetro di the present day. Seven photographers have taken up Murano. Lisette Caputo, “perlera” - creatrice di perle the challenge of Arts’ Connection, the festival which di Murano - ha selezionato, Cinzia Elena Capece, Marsupports and promotes the revival of Murano glass- co Contessa, Veronica Croce, Elisabetta Guerra, Aldo making. Lisette Caputo, a so-called “perNavoni, Tommaso Pitton, Federica Repetlera” – a creator of Murano glass beads – Glassmaking to, per raccontare questo caleidoscopico invited Cinzia Elena Capece, Marco Conis a very mondo. tessa, Veronica Croce, Elisabetta Guerra, il Padiglione del Vetro, che si trofascinating Così Aldo Navoni, Tommaso Pitton and Federiva alla Scoletta di San Giovanni Battista experience in Bragora, in campo Banderia e Moro, ca Repetto to describe this kaleidoscopic world. and it is nearly nel vivace sestiere di Castello, ha ospitato The Glass Pavilion, which is located at impossible not fino al 22 giugno la mostra Shooting the Scoletta di San Giovanni Battista in Brag- Fotografare il Vetro. to marvel at the Glass ora, in Campo Banderia e Moro, in the Un’interessante raccolta di scatti d’autolively Castello neighborhood hosted until beauty and airy re che hanno raccontato una storia che lightness of non si disperde e una realtà che vuole June 22 Shooting the Glass - Fotografare il Vetro. The exhibition showed artistic pho- these artefacts salvaguardare maestria e capacità tectographs which describe a longstanding niche innervandole di nuovi stimoli per tradition and ancient craft of the city of Venice, which documentare la lavorazione del vetro di Murano che is carried on by skillful artisans who rely on honor- rappresenta una tradizione millenaria di tutta la citing techniques of the past while creating things com- tà di Venezia con l’obiettivo di celebrarlo attraverso la pletely new. The living tradition of Venetian glassmak- cultura e differenti manifestazioni artistiche collegaing was celebrated by this exhibition, just like master te dalla creatività, così come i maestri vetrai l’hanno glassmakers have always celebrated and highlighted it sempre esaltata, nei colori e nelle linee delle proprie through the colors and shapes of their works. opere. 96 Venezia | made in Veneto


Photo by Aldo Navoni Venezia | made in Veneto 97


It will also be possible to board the Edipo Re, author Pier Paolo Pasolini’s famous sailboat (ph. Tyson Sadlo) 98 Venezia | made in Veneto


hospitality anniversary

A tribute to hospitality ELOGIO ALL’OSPITALITÀ text Federica Repetto

The first 60 years of the Belmond Hotel Cipriani. Stories and appointments I primi 60 anni del Belmond Hotel Cipriani. Storie e appuntamenti

The Belmond Hotel Cipriani in Venice is celebrating its 60th anniversary. A favorite destination of the international jet set since its opening, this luxury hotel owes much of its charm to its strategic location on Giudecca Island. It was 1958, and for only a few months had the suites opened their doors to crowned heads, patrons of the arts, actors and producers, all in search of a discreet haven. The Belmond Hotel Cipriani soon became an exclusive destination, thanks to the intuition of Giuseppe Cipriani and the sisters Lady Honor Svejdor, the Viscountess Boyd of Merton and Lady Bridgit Ness, daughters of the Earl of Iveagh. Since then, 300 illustrious guests have signed the hotel’s two golden books while the anecdotes continue without a halt. Beginning with the one about the Olympic swimming pool, so large because the Venetian workmen had interpreted in “meters” the measurements that, according to London tradition, were instead in “feet.” Jacques Chirac knew all the employees by name, Jimmy Carter jogged without bodyguards, Gorbachev arrived laughing in the hall asking aloud “Is there a room for me?” For the G8 summit meeting in 1987, Margaret Thatcher appeared unexpectedly at Ronald Reagan’s breakfast table and subjected him to forty minutes of “interminable” conversation. An oasis beloved by Sophia Loren, Liz Taylor and Richard Burton, Lady Diana, Paul McCartney, Tom Hanks, Cary Grant, Ingrid Bergman and Roberto Rossellini, Claudia Cardinale, Jane Fonda, George Clooney and Charlize Theron. Perhaps because of its swimming pool, 600 square meters of Maldive-like turquoise blue water, or because of the enchanting Casanova garden, restored to its ancient beauty and which, in summer, turns into a magical permaculture oasis thanks to the skill of starred chef Davide Bisetto, or for the superb Palladio suite and its 105 square meters, between sky and lagoon, composed of two bathrooms, living room, floor to ceiling windows, private terrace with Jacuzzi, and butler available day and night. In 1958, after the purchase of two hectares of land on the tip of the Giudecca, in the area called Zitelle - because of the cloistered convents where the rich Venetian families relegated

Il Belmond Hotel Cipriani di Venezia compie 60 anni. Meta fin dall’apertura del jet set internazionale, questo hotel di lusso deve molto del suo fascino alla strategica posizione alla Giudecca. Era il 1958, le suite avevano da pochi mesi aperto le porte a teste coronate, mecenati, attori e produttori, tutti alla continua ricerca di un rifugio discreto. Il Belmond Hotel Cipriani in poco tempo si trasformò in una destinazione esclusiva, grazie all’intuizione di Giuseppe Cipriani e delle sorelle Lady Honor Svejdor, la Viscontessa Boyd of Merton e Lady Bridgit Ness, figlie dell’inglese Conte Iveagh. Da allora 300 illustri hanno firmato i due libri d’oro dell’hotel mentre gli aneddoti si susseguono ininterrottamente. A cominciare da quello sulla piscina olimpionica, così grande perché gli operai veneziani interpretarono in ‘metri’ le misure che, come vuole la tradizione londinese, erano invece in ‘piedi’. Jacques Chirac conosceva per nome tutti i dipendenti, Jimmy Carter faceva jogging senza guardie del corpo, Gorbaciov arrivava ridendo nella hall chiedendo ad alta voce “C’è una stanza per me?”. Per il G8 del 1987, Margareth Thatcher piombò al tavolo della colazione di Ronald Reagan e lo sottopose a quaranta minuti di ‘interminabile’ conversazione. Oasi amata da Sophia Loren, Liz Taylor e Richard Burton, Lady Diana, Paul McCartney, Tom Hanks, Cary Grant, Claudia Cardinale, Jane Fonda, Ingrid Bergman e Roberto Rossellini, George Clooney e Charlize Theron. Forse per via della piscina, 600 metri quadrati di acqua color turchese Maldive, oppure per via dell’incantevole giardino Casanova, riportato all’antica bellezza e che in estate si trasforma in una magica oasi di permacultura grazie all’abilità dello chef stellato Davide Bisetto, oppure per la superlativa suite Palladio ed i suoi 105 metri quadrati, tra cielo e laguna, composta da due bagni, salotto, vetrate a tutta altezza, terrazza privata con Jacuzzi,  e butler a disposizione di giorno e di notte. Nel 1958, dopo l’acquisto di due ettari di terreno sulla punta della  Giudecca, nella zona chiamata Zitelle - per via dei conventi di clausura dove le ricche famiglie veneziane relegavano le primogenite - l’hotel apre i battenti. È stato il passaggio di consegne a JaVenezia | made in Veneto 99


1

2

3

4

1. Sophia Loren 2. 3. Claudia Cardinale 4. Jane Fonda (ph. Graziano Arici) 5. a historical image of the hotel aa

5

100 Venezia | made in Veneto


Olympic swimming pool of Belmond Hotel Cipriani their first-born daughters - the hotel opened its doors. It was the passage to James Sherwood - founder of the Orient-Express, now Belmond - which entrusted the hotel first to Natale Rusconi, director for thirty years, then to the current general manager Giampaolo Ottazzi, to ensure Belmond Hotel Cipriani’s becoming the favorite destination of heads of state, aristocrats and Hollywood stars. With 96 rooms, 230 employees when the hotel is in full swing, furnishings by Parisian architect Gérard Gallet, who has chosen antiques, Fortuny fabrics and paintings by famous artists for every room, the Belmond Hotel Cipriani offers endless surprises. Sixty years after that Monday, May 26, 1958, the hotel was offering one night at the same price charged at that time, that is, eight thousand liras, which is now equivalent to 3.98 euros. On June 22nd, to fill the sky with musical notes, a concert starring pianist Marco Ballaben, staged on a special floating platform. An occasion for celebrating another anniversary: ​​the first 20 years of Cip’s Club, the terraced restaurant with the most emblematic view of Venice. It will also be possible to board the Edipo Re, author Pier Paolo Pasolini’s famous sailboat, to discover the lagoon between literary breaks, chats with fishermen and moments of authentic Venetian life. But Belmond Hotel Cipriani also makes the most classic appointments of the day special by offering a breakfast at dawn, at the top of the Contarini del Bovolo spiral staircase. Conquering it step by step, while the city is still sleeping, is an absolute privilege. Finally, on the agenda, cooking classes during which Chef Gatto of Cip’s Club will unveil the secrets of tradition, teaching how to prepare dishes such as his famous Green Tagliolini and Carpaccio Cipriani.

mes Sherwood - fondatore di Orient-Express, ora Belmond - che ha affidato l’hotel prima nelle mani di Natale Rusconi, direttore per trent’anni, poi in quelle dell’attuale general manager Giampaolo Ottazzi, a far sì che il Belmond Hotel Cipriani sia diventato la meta prediletta di capi di Stato, nobili e divi di Hollywood. 96 camere, 230 dipendenti quando l’albergo è a pieno regime, arredi dell’architetto parigino Gérard Gallet, che ha scelto per ogni stanza pezzi d’antiquariato, stoffe Fortuny, quadri d’autore, il Belmond Hotel Cipriani possiede infinite sorprese. Sessant’anni dopo quel lunedì  26 maggio 1958, l’hotel ha offerto una notte al prezzo di allora, e cioè a 8 mila lire, che equivalgono a 3,98 euro. Il 22 giugno, a riempire il cielo di note musicali, sarà Marco Ballaben, che proporrà un concerto per piano su di una speciale piattaforma galleggiante. Un’occasione per festeggiare un ulteriore anniversario: i 20 anni del Cip’s Club, il ristorante terrazzato con la vista più emblematica su Venezia. Sarà anche possibile salire a bordo di Edipo Re, la celebre barca a vela dello scrittore Pier Paolo Pasolini, alla conquista della laguna, tra pause letterarie, chiacchierate con i pescatori e momenti di autentica vita veneziana. Ma Belmond Hotel Cipriani rende speciale anche gli appuntamenti più classici della giornata proponendo una prima colazione all’alba, in cima alla scala a chiocciola del Contarini del Bovolo. Conquistarla scalino dopo scalino, mentre la città sta ancora dormendo, è un privilegio assoluto. Infine, in programma, le cooking class durante le quali lo chef Gatto del Cip’s Club svelerà i segreti della tradizione, insegnando piatti come i suoi famosi Tagliolini verdi e il Carpaccio Cipriani.

It was 1958, and for only a few months had the suites opened their doors to crowned heads, patrons of the arts and actors...

Venezia | made in Veneto 101


venice lifestyle

Treasure chests on the water SCRIGNI SULL’ACQUA text Federica Repetto

Baglietto Yacht Experience: unique landscapes and gourmet dishes Baglietto Yacht Experience: paesaggi unici e proposte gourmet

Venice: romantic, reflective and heavenly, hiding unusual and secret places. It is in this wonderful city that we seek out masterpieces to discover, mysterious itineraries to explore and new, small worlds suspended in time to learn about. Baglietto Yacht Experience by Blitz Exclusive offers an innovative excursion for guests to discover the wonders of these atolls. To be part of Venice means navigating its lagoon, going in search of the glories of the Serenissima, visiting its islands known all over the world for their rich scenery, products and history. Murano, Burano, and Torcello are three, among the most important, that make up an incredible archipelago of silence that never ceases to stun travellers and which await to be discovered by those who looking for new, thrilling experiences. On Murano, with its Grand Canal framed by palaces, churches and gardens, the secrets of glass working have been passed down to today’s artisans. Burano, with its picturesque, colourful houses that separate the blue of the sky from the calm of the lagoon, is a fisherman’s island and home to lacework imitated across the globe. Torcello, beloved by the writer Hemingway, was one of the first to be inhabited by the citizens of Altinum when they fled from barbarian invasions, and boasts a centuries-old cathedral and a charming piazza home to a hefty stone seat, known as Attila’s Throne. Murano, Burano, Mazzorbo and Torcello are precious treasure chests, custodians of secrets and unique in the world, each of which can be admired from Sibell, the vintage, Made in Italy yacht by Cantieri Baglietto, 22 metres long, aboard which guests will be awestruck by extraordinary, one-of-a-kind landscapes, not to mention the delicacies prepared by the chefs of Gruppo Alajmo, who are be available to the guests to offer contemporary interpretations of classic Venetian and Italian cuisine. A Michelin-star winning kitchen, available upon request, offers dishes from Quadri, the restaurant located in the prestigious piazza San Marco, or from the more informal Amo, a new restaurant found in the exclusive T Fondaco dei Tedeschi. The tour leaves from Marina di Sant’Elena at 10am, and visits the northern lagoon before returning at 6pm, with a view of the San Marco Basin, as you raise a glass to the sky. 102 Venezia | made in Veneto

Venezia: romantica, riflessiva ed eterea, nasconde luoghi insoliti e segreti. È in questa meravigliosa città che si è alla ricerca di capolavori da scoprire, misteriosi itinerari da percorrere e nuovi e piccoli mondi sospesi nel tempo da conoscere. Baglietto Yacht Experience di Blitz Exclusive propone un’innovativa escursione alla scoperta delle meraviglie di questi atolli. Essere parte di Venezia significa infatti navigare per la laguna, andare alla ricerca delle glorie della Serenissima, visitare le sue isole conosciute in tutto il mondo per i loro vivaci scenari, le manifatture e la storia. Murano, Burano e Torcello sono tre, tra le più importanti isole, che vanno a formare un incredibile arcipelago del silenzio che emoziona sempre il viaggiatore e che vuole essere scoperto da chi desidera e vuole vivere nuove emozioni. A Murano, con il suo Canal Grande incorniciato da palazzi, chiese e giardini, si tramandano, ancor oggi, i segreti della lavorazione del vetro. Burano, con le sue pittoresche casette colorate, che separano il blu del cielo da quello della calma della laguna, è l’isola di pescatori e di quel merletto che è imitato in tutta Europa. Torcello, tanto amata dallo scrittore Hemingway, è fra le prime ad essere abitate dalle popolazioni di Altino che sfuggivano dalle invasioni barbariche, vanta un’antica cattedrale e un’incantevole piazzetta dove impera un massiccio sedile in pietra, il Trono di Attila. Murano, Burano, Mazzorbo e Torcello sono preziosi scrigni, custodi di segreti unici al mondo, che si possono ammirare da Sibell, lo yacht vintage Made in Italy, lungo 22 metri dei Cantieri Baglietto, dove sarà possibile lasciarsi conquistare, tra l’altro, da straordinari ed unici paesaggi ma anche dalle eccezionali abilità degli Chef del Gruppo Alajmo che saranno a disposizione degli ospiti per proporre interpretazioni contemporanee della classica cucina veneziana e italiana. Una cucina stellare, disponibile su richiesta, e che permetterà di scegliere tra le proposte del ristorante Quadri, prestigiosa location di piazza San Marco, o quella più informale di Amo, nuovo ristorante che si trova all’interno dell’esclusivo T Fondaco dei Tedeschi. Il tour parte da Marina di Sant’Elena, alle 10, prosegue con la visita della laguna Nord, e si conclude alle 18, alla vista del bacino di San Marco, innalzando i calici al cielo.


An innovative excursion on board the yacht Sibell, discovering the wonders of the Venetian lagoon and tasting awardwinning dishes by Gruppo Alajmo Venezia | made in Veneto 103


Zanze XVI 104 Venezia | made in Veneto


food itineraries

A change of flavour DEVIAZIONI DI GUSTO text Giovanna Caprioglio

Discovering authentic Venice through its restaurants off the beaten path Ala scoperta della Venezia autentica attraverso ristoranti fuori dai circuiti turistici di massa

Strolling through Venice, it’s certainly easy to get lost, but this is the only way to discover hidden corners and, why not, special restaurants, places that reveal an authentic Venice both on the table and in its hospitality, each one unique but with one thing in common: their attention to detail and passion for this city. As you walk around the Fondamente Nuove neighbourhood, you have the chance to come across Osteria alla Frasca, hidden in a small piazza, an authentic place that still bears the charm of its early 20th-century foundations, when it was opened as a restaurant and wine outlet. In 2012, owner Bruno Natural decided to bring the original details to the forefront, especially the “frasca,” a unique element of the locale, ideal for lunch out of the sun or a dinner protected from humidity. The cuisine is quintessential Venetian, not only in its recipes but also in the search for ingredients and local suppliers. This small gem is easy to fall in love with…and useful for inviting love. Speaking of romance and pergolas, the Altanella on Giudecca is just the place; an entrance in a narrow calle conceals a stunning terrace that overlooks the water, protected by a historic gazebo. Altanella has been managed by four generations of the Stradella family: its history began in 1889 when great-grandfather Nane opened a restaurant in Calle delle Erbe that he later named Altanella because of the beautiful garden on the banks of the water. Long-frequented by figures in the worlds of art, literature and international politics, including Gabriele D’Annunzio, Ernest Hemingway, Renato Guttuso and Luigi Nono, the food is a sure win: the dishes are traditionally Venetian, enhanced by family recipes like squid-ink potato gnocchi by grandmother Irma, mother Paola’s S.Piero alla Nane filet and monkfish alla Irma by Stefano,

Passeggiando per Venezia, si sa, è difficile non perdersi, ma è solo così che a volte si scoprono scorci nascosti e, perché no, ristoranti speciali. Luoghi che fanno ritrovare la Venezia autentica, sia nel piatto che nell’accoglienza, diversi tra loro ma con un comun denominatore, quello dell’attenzione per i dettagli e la passione per questa città. Così, passeggiando in zona Fondamente Nuove, potrete incontrare, nascosta in un piccolo campiello, l’Osteria alla Frasca, un luogo autentico, dal fascino intatto dagli inizi del 1900, quando venne aperta come osteria con rivendita di vino. Nel 2012 il proprietario Bruno Natural decide di riprendere ogni dettaglio originale, in particolare “la frasca”, unicità del piccolo ristorante, ideale per un pranzo al riparo dal sole o una cena protetti dall’umidità. La cucina è davvero veneziana, non solo nelle ricette, ma soprattutto nella ricerca delle materie prime e dei fornitori locali. Una piccola chicca di cui è facilissimo innamorarsi…o utilissimo per far innamorare. Parlando di romanticismo e di pergolati, anche l’Altanella alla Giudecca non è da meno; un’entrata da una stretta calle nasconde in realtà una bellissima terrazza sull’acqua protetta da un antico bersot. La trattoria Altanella è gestita da quattro generazioni dalla famiglia Stradella, nasce nel 1889 quando il bisavolo Nane apre in Calle delle Erbe un’osteria detta poi Altanella proprio per via del bel giardino sull’acqua. Frequentata da sempre da personalità dell’arte, della letteratura e della politica internazionale tra cui Gabriele D’Annunzio, Ernest Hemingway, Renato Guttuso, Luigi Nono, la cucina è una garanzia: i piatti sono quelli della tradizione veneziana, arricchita dalle ricette di famiglia, come gli gnocchi di patate al nero di seppia di nonna Irma, il filetto di S.Piero alla Nane di mamma Paola e la coda di rospo alla Irma di Stefano, per Venezia | made in Veneto 105


Luna Sentada

the family’s current chef. ora ultimo cuoco della famiglia. When it comes to family traditions, Andrea Lorenzon, a “son Parlando di tradizione di famiglia, Andrea Lorenzon ‘figlio of art” (his father is the famous Oste Lorenzon from the res- d’arte’ (suo padre è il famoso Oste Lorenzon del Ristorantaurant La Mascareta), knows his stuff, having created a mag- te La Mascareta) ha creato con il suo CoVino una formula ical formula with CoVino, offering only 6 small tables in a magica, solo 6 tavoli stretti stretti, in stile bistrot francese French bistro style, though boasting a Venetian accent and con accento veneto e una micro-cucina a vista, da cui escoa micro-kitchen in view of the public, where no piatti molto curati, che prediligono prodotti dishes that favour local products are attentively del territorio. Andrea accoglie i suoi ospiti con prepared. Andrea welcomes his guests with an un inconfondibile look dandy e un’autentiunmistakable dandy look and authentic congeca simpatia; il risultato è che al CoVino, non lontano dall’Arsenale, sembra di ritrovarsi tra niality; the result is that at CoVino, not far from amici nella cucina di casa. the Arsenale, you will feel perfectly at home. Places that Dall’altra parte della città, altro posto da non On the other side of the city, another place not reveal an perdere è Zanze XVI, forse l’unico esempio to be overlooked is Zanze XVI, perhaps the only example in Venice of a “contemporary osteauthentic a Venezia di ‘Osteria contemporanea’, dove ria,” boasting the slightly French style of a gourVenice both si ispira un po’ lo stile francese dei bistrot A pochi passi dalla Stazione, nella comet bistro. Just a short walk from the station, in on the table gourmet. moda Fondamenta dei Tolentini, tre soci hanthe convenient Fondamenta dei Tolentini, three and in its no rilevato la trattoria dalla Zanze, cuoca che business partners have revived the restaurant once led by Zanze, the chef that tradition says hospitality secondo la tradizione cucinava per le vicine cooked for the nearby prison inmates. The rencarceri. Il restauro è contemporaneo, ma caldo ovation is contemporary but warm and inviting, and the cui- e accogliente e la cucina dell’executive chef Luca Tartaglia sine by executive chef Luca Tartaglia offers gourmet, but not propone piatti gourmet, ma non elaborati, con una formula elaborate, dishes, with a formula that has succeeded in mak- che è riuscita a rendere accessibile una cucina creativa. ing creative cuisine accessible to the public. Spostandosi dall’altra riva del Canal Grande, attraversato il On the other side of the Grand Canal, crossing through the Ghetto in direzione di San Marco, in una zona ancora molto Ghetto towards San Marco, in an area still characterized by autentica come la Fondamenta de La Sensa, l’Anice Stellato true authenticity, Fondamenta de La Sensa, Anice Stellato is è una garanzia per chi cerca un luogo intimo, autentico, ma a sure bet for those looking for an intimate, authentic place, con una cucina creativa senza dimenticare le tradizioni. 106 Venezia | made in Veneto


1

2

3

4

1. 2. 3. Anice Stellato 4. Luna Sentada 5. CoVino 6. Zanze XVI 5

6 Venezia | made in Veneto 107


food itineraries

1

3

2

5

1. Luna Sentada 2. 3. Zanze XVI 4. Altanella 5. CoVino 6. Osteria alla Frasca 7. Anice Stellato

6

but which offers creative cuisine while upholding tradition. The restaurant is proudly tied to the concept of “natural,” from the food to the wine. Classic Venetian dishes are reinterpreted by the young chef Carlo de Paoli with particular attention on where the ingredients come from, favouring organic, and using many spices (inspiring the name), in a return to the Venice of the past, when it was an important crossroads for the spice trade. Fresh fish, for example, is cooked with citrus fruits, ginger and cinnamon, alternating between traditional soar and modern lazzo. The “bigoi” (pasta traditionally made in-house by the chef) in sauce are impeccable, just like the fried fish, a must-try. Recalling the multi-cultural treasure that contributed to the unique and everlasting charm of the Lagoon city is Luna Sentada, whose name alone reveals its bond with Marco Polo and the merchants, sailors and fortune seekers that brought spices and treasures to Venice, making it the most cosmopolitan city of the time. Luna Sentada, boasting an Eastern flair to its furnishings, offers dishes that not only make use of the spices found in Venetian cuisine, but also mixes them with typically Mediterranean foods, for a true culinary journey in the footsteps of Marco Polo, with stops in Venice, Southeast Asia and China. The small restaurant has a wonderful outdoor seating area in Camp San Severo, overlooking a serene but picturesque canal dotted with gondoliers. It’s just a short walk from San Marco, but at the same time, hidden in a charming corner of this authentic Venice, which you can sense as you get lost, discovering new restaurants along the way. 108 Venezia | made in Veneto

4

7

Il locale è orgogliosamente legato al concetto di “naturale”, a partire dal cibo per arrivare al vino. Le proposte del giovane chef Carlo de Paoli, infatti, rivisitano i piatti della cucina veneziana con una particolare attenzione alla provenienza degli ingredienti, preferibilmente bio, utilizzando molto le spezie (da qui il nome) un rimando al passato di Venezia come importante crocevia nel commercio delle spezie. Il pesce freschissimo, ad esempio, viene lavorato con agrumi, zenzero, cannella, alternando il saor tradizionale a qualche lazzo moderno. I “bigoi” (pasta tradizionale fatta in casa dallo chef) in salsa sono impeccabili, come da tradizione è il fritto, da non perdere. A ricordare il tesoro multiculturale che ha contribuito ad accrescere negli anni il fascino unico ed immortale della città lagunare, ci pensa anche la Luna Sentada, che già dal nome rivela il suo legame con Marco Polo e con mercanti, marinai e avventurieri di fortuna che a Venezia hanno portato spezie e tesori, rendendola la città più cosmopolita dell’epoca. Così la Luna Sentada, orientaleggiante anche negli arredi, propone una cucina che non solo riprende l’uso delle spezie nella cucina veneziana, ma anche la unisce a piatti prettamente mediterranei: un vero e proprio viaggio gastronomico sulla rotta di Marco Polo, passando da Venezia al sud est asiatico e alla Cina. Un piccolo ristorante con un meraviglioso dehor in Campo San Severo, affacciato su un rio tranquillo ma pittoresco per il passaggio di molti gondolieri. Siamo a pochi metri da San Marco, ma allo stesso tempo in un angolo incantato di questa Venezia autentica che ancora è possibile assaporare perdendosi o ritrovandosi in questi ristoranti.


Anice Stellato Venezia | made in Veneto 109


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

by Head Concierge of The Bauers Venezia

VENICE’S RESTAURANTS CANNAREGIO

ALLA VEDOVA Cannaregio, 3912 - Ph. 041.5285324 One of the best known amongst the lagoon’s historic osterie, it’s famous and appreciated also for its cicchetti (snack sized dishes) with local wine on tap. Highlights: baccalà (salt cod), shrimp skewers, and Venetian-style sardines. Una delle più conosciute tra le osterie storiche della laguna, famosa e apprezzata anche per i suoi cicchetti con le tipiche ombre di vino sfuso. Piatti forti: baccalà, spiedini di gamberi, sarde in saor. ANICE STELLATO Fondamenta della Sensa, 3272 - Ph. 041.720744 This osteria and ristorante goes beyond the clichés of the historical center. Revered for its particular fish-based cuisine by those with an eye for quality. Lunch is served canal-side. Ristorante osteria, un indirizzo ricercato aldilà delle consuetudini del centro. Stimato per la particolarità della sua cucina a base di pesce, per chi ricerca la qualità. Pranzo servito in riva, a fianco del canale. GAM GAM Ghetto vecchio - Cannaregio, 1122 Ph. 041.715284 Just a hundred meters from the imbarcadero Guglie, this Kosher restaurant is located in an underpass of the ghetto. A cento metri dall’imbarcadero Guglie, in un sotoportego del ghetto si trova questo ottimo ristorante Kosher. VINI DA GIGIO Cannaregio, 3628 - Ph. 041.5285140 Traditional restaurant with a rustic soul, their typical Venetian cuisine is loved by both residents and visitors. Try the seafood appetizers, grilled fish, or eel. Locale tradizionale dall’animo rustico. Propone tipici piatti della cucina veneziana, amato dagli abitanti e non. Da gustare l’antipasto di mare, la grigliata di pesce o l’anguilla.

CASTELLO

ACIUGHETA Castello, 4357 - Ph. 041.5224292 A typical Venetian wine bar appreciated for its excellent selection of wines to taste and for the inviting spread of cicchetti (snack sized dishes) including mini-meatballs, crostini, stuffed peppers, mini pizza’s with sardines. On the patio service is à-lacarte pizza and other dishes. Tipico bacaro veneziano apprezzato per l’ottima selezione di vini in degustazione e per l’invitante bancone ricco di cicchetti: polpettine, crostini, peperoncini ripieni e pizzette appena sfornate con acciuga. Nel dehors si possono gustare le pizze e altri piatti del menu veneziano. AL COVO Castello, 3968 - Ph. 041.5223812 Tucked behind riva degli schiavoni is this 110 Venezia | made in Veneto

elegant little restaurant with kitchen in full view. A destination for gourmands, it’s run by Cesare Benelli and his partner, who pick fresh ingredients every day for the variable menu. Excellent price/quality ratio; a wide selection of wines and olive oils. Elegante ristorantino con cucina a vista che si trova dietro alla riva degli schiavoni. Meta di gourmet, è gestito da Cesare Benelli e consorte, che ogni giorno scelgono ingredienti freschi da proporre nel variabile menu. Buon rapporto qualità/prezzo. Vasta gamma di vini e olii. AL MASCARON Castello, 5225 - Ph. 041.5225995 Long-time friends Gigi and Momi run this osteria, which possesses all the convivial spirit of times past. Don’t miss the traditional fish dishes. Regno di Gigi e Momi, amici di lunga data, questa osteria racchiude tutto lo spirito conviviale di un tempo. Non perdetevi i piatti tipici della tradizione a base di pesce. ALLE TESTIERE Sestiere Castello, 5807 - Ph. 041.5227220 This intimate restaurant of only ten tables is steps away from the church of Santa Maria Formosa and has become one of the most sought-after addresses. Its menu lends honour to the tradition of Venetian cuisine, with particular attention to quality ingredients. Intimo ristorante composto da una decina di tavoli, negli ultimi anni divenuto uno dei luoghi più richiesti, a due passi dalla chiesa di Santa Maria Formosa. Una scelta del menu che fa onore alla tradizione culinaria veneziana, con una grande attenzione verso le materie prime. CORTE SCONTA Castello, 3886 - Arsenale - Ph. 041.5227024 Firmly rooted in venetian restaurant tradition, taste the antipasti such as the ginger clams or the baccalà (salt cod), the primi of homemade pasta, or the secondi of fried fish. Punto di riferimento importante della ristorazione veneziana. Da gustare gli antipasti come le vongole allo zenzero o il baccalà mantecato, fino alle paste fatte in casa o le fritture di pesce. COVINO Calle del Pestrin - Ph. 041. 2412705 A cozy, familiar atmosphere surrounds us in a small, family run restaurant, which perfectly combines researched cuisine with the genuinity of the rigorously seasonal ingredients. A Slow-Food Restaurant Un atmosfera intima e familiare ci accompagna in un locale piccolo a conduzione familiare, dove la cucina ricercata si sposa perfettamente con la genuinità dei prodotti rigorosamente di stagione. Ristorante Slow Food HOSTARIA DA FRANZ Fondamenta San Giuseppe, 754 Ph. 041.5220861 Outside of the tourist area, a classic restaurant with a rustic atmosphere, family run, that specializes in fish and seafood. Located behind the Giardini della Bien-

nale, where in summer there is some outside seating, don’t miss the spaghettini with scampi and the grilled eel. Fuori delle rotte turistiche un ristorante classico di atmofera rustica, gestione familiare, con specialità di mare. Situata vicino ai Giardini della Biennale, dove d’estate ci sono tavoli in riva, al canale adiacente. Da provare gli spaghettini con gli scampi e l’anguilla alla griglia. IL NUOVO GALEON Castello, 1308 - Ph. 041.5204656 Not far from the Biennale Gardens and just a few steps from the Arsenale is a restaurant beloved by Venetians, offering mostly fish dishes based on traditional Venetian recipes. Vicino ai Giardini della Biennale e alle spalle dell’Arsenale, un ristorante frequentato soprattutto da veneziani. Protagonista una cucina propone prevalentemente piatti a base di pesce basata sulle ricette tradizionali veneziane. IL RIDOTTO Campo SS. Filippo e Giacomo - Sestiere Castello - Ph. 041.5208280 Sophisticated, highly creative, but not overly-orchestrated cuisine. According to the Michelin Guide, “one of the city’s most interesting restaurants”. The perfect marriage of substance, innovation and local tradition. One Michelin star. Cucina di ricerca, sofisticata, ma non artificiosa, secondo la Guida Michelin, “una delle più interessanti realtà cittadine”. Sostanza e innovazione perfettamente sposate con la tradizione veneta. Una stella Michelin. LOCAL Castello 3303 - Ph. 041.2411128 Taking its inspiration from the continuous variations of the seasons and the surrounding territory, Local reinvents traditional Venetian cooking with creativity. The interesting wine list includes natural and farm winery wines only. Prendendo ispirazione dal continuo cambiamento delle stagioni e dal territorio circostante, Local reinventa con creatività la cucina tradizionale veneziana. L’interessante carta dei vini contiene solo etichette naturali e artigianali. LUNA SENTADA Campo San severo - Ph. 041.3097891 This restaurant combines Venetian coking, characterized by the love for tradition and by a selection of the highest quality ingredients, with Asian cooking, characterized by curiosity, passion and openness to new exotic flavors Un ristorante che coniuga la cucina veneziana, dove regnano l’amore per la tradizione e la selezione delle migliori materie prime, e la cucina asiatica basata sulla curiosità, la passione, la voglia di scoprire nuovi sapori esotici. 232 MET Riva degli Schiavoni, 4149 Ph. 041.5205044 Two Michelin stars. Located within the

Hotel Metropole, the restaurant is elegant, refined and tasteful in every detail. Chef Luca Veritti offers a regional cuisine reinterpreted in light and innovative fashion. There is also a wine cellar with ample selection. Due stelle Michelin. Collocato all’interno dell’Hotel Metropole, il ristorante è un ambiente elegante, raffinato e curato in ogni dettaglio. Lo chef Luca Veritti propone una cucina di territorio reinterpretata in modo leggero e innovativo. A disposizione inoltre una cantina con un’ampia selezione di etichette. OSTERIA OLIVA NERA Castello, 3417/18 - Ph. 041.5222170 Warm and welcoming, with a cuisine that respects venetian tradition in its simplicity, with the addition of a few whims from the chef. Calda e familiare, una cucina che rispetta la tradizione veneziana nella sua semplicità con l’aggiunta di piccoli estri a cura degli chef. TERRAZZA DANIELI Riva degli Schiavoni, 4196 Ph. 041.5226480 From the classic flavors of Venice to the flavors and fragrances of the Mediterranean but even from the faraway Orient. This is the cuisine proposed by Gian Nicola Colucci, executive chef of the restaurant with a breathtaking view in the luxury Hotel Danieli. The chef’s creations are accompanied by a careful selection of wines from the best Italian and international producers. Dalle classiche proposte veneziane ai sapori e profumi del Mediterraneo ma anche del lontano Oriente. E’ il percorso offerto di Gian Nicola Colucci, executive chef del ristorante con una vista mozzafiato del luxury Hotel Danieli. Le creazioni dello chef sono accompagnate da un’attenta selezione di vini proveniente dai migliori produttori italiani e internazionali. TRATTORIA DAL VECIO SQUERI Campo Santa Giustina, 6553 Ph. 041.5208379 Small but welcoming, with 30 seats indoors and 30 outside. The cuisine stands out in its rendering of some of the most typical Venetian dishes like baccalà (salt cod), cuttlefish on polenta, liver, pasta and beans, Venetian-style sardines and cicchetti (snack sized dishes). The wine cellar provides an excellent selection from the Veneto and Friuli areas. Piccolo ma accogliente, 30 posti interni e 30 esterni. La cucina si contraddistingue per i piatti piu’ tipici di Venezia quali baccala’, seppie con la polenta, fegato alla veneziana, pasta e fagioli, sarde in saor e cicchetti. La cantina dispone di una scelta selezione di vini Veneti e Friulani. WILDNER Castello, 4161 - Ph. 041.5227463 Managed with competence and passion


DORSODURO

AI DO FARAI Sestiere Dorsoduro, 3278 - Ph. 041.2770369 One of the oldest Venetian taverns and one of the most popular places among young Venetians in the 1970s. The cuisine is inspired by the culinary traditions of the lagoon and focuses on fish. Una delle più antiche osterie veneziane, e uno dei principali ritrovi dei giovani veneziani negli anni Settanta. La cucina si rifà alla tradizione culinaria lagunare e propone piatti di pesce. AI GONDOLIERI Sestiere Dorsoduro, 366 - Ph. 041.5286396 Don’t be fooled by the name: “Ai Gondolieri” reinterprets the culture of local food—namely meat. Dating to the early 1900s, this former meeting place for residents and neighbourhood workers is just a few steps from the Guggenheim Museum and Accademia Gallery Non fatevi ingannare dal nome: “Ai Gondolieri” rielabora la cultura del cibo locale a base di carne. La sua origine risale ai primi decenni del ‘900 come luogo di ritrovo degli abitanti e lavoratori della zona. A due passi dal Guggenheim e dalle Gallerie dell’Accademia. ALTANELLA Calle delle Erbe - Sestiere Giudecca, 268 Ph. 041.5227780 In the calm of the Giudecca, away from the hubbub of tourists, a welcoming restaurant with an intimate cast iron terrace that is appreciated by locals. Fresh fish is on the menu, along with bean soup and polenta. Nella calma della Giudecca, distaccato dai soliti itinerari turistici, un ristorante accogliente e prelibato, con una intima terrazza in ghiaia, apprezzato anche dagli stessi veneziani. Pesce fresco ma anche zuppa con fagioli e polenta. ANTICA LOCANDA MONTIN Fondamenta di Borgo, 1147 - Ph. 041.5227151 In a magical garden with shady pergolas, right behind the Fondamenta, a typical Venetian restaurant with outdoor seating offers traditional local and national dishes with friendly service. Dentro un giardino ornato da suggestive pergole, appena dietro la Fondamenta, sorge una locale tipicamente veneziano, con un accogliente dehor estivo. Una cuci-

na tradizionale e nazionale, dove il servizio è cordiale e gentile. LA CUSINA Calle Larga 22 Marzo, 2159 Ph. 041.2400001 It is the restaurant of the luxurious Westin Europe & Regina hotel. Famed for its gastronomic quality and its exciting view over the water of the Grand Canal, it offers creative cuisine according to the flavorsome and innovative style of chef Alberto Fol. A seasonal menu, highlighting Mediterranean and regional flavors. E’ il Ristorante del lussuoso albergo The Westin Europa & Regina. Rinomato per la sua qualità gastronomica e l’emozionante vista sull’acqua che si affaccia sul Canal Grande, propone una cucina creativa secondo lo stile innovativo e gustoso dell’abile chef Alberto Fol. Un menù stagionale, all’insegna del gusto mediterraneo e della territorialità. HARRY’S DOLCI Sestiere Giudecca, 773 - Ph. 041.5224844 This elegant locale comes from the famous Cipriani family, best known for their Harry’s Bar, a real institution in the city. International cuisine with the highest quality ingredients is united with a robust wine list. Dalla capacità della famosa famiglia Cipriani che ha dato vita a Harry’s Bar, ormai diventato un’istituzione, nasce questo angolo di elegante ristoro nell’isola della Giudecca, con vista sul canale omonimo. Una cucina di stampo internazionale che utilizza le più alte eccellenze in fatto di materie prime, unita a una corposa carta dei vini. I FIGLI DELLE STELLE Zitelle - Giudecca, 70/71 Ph. 041.523004 The three owners combine their regions’ traditions: Puglia, Veneto, and Lazio. Simple flavours and classic Mediterranean dishes are exalted by the choice of quality ingredients. The bread is DOP (a controlled label) and the flour is from the Altamura, the famous capocollo cured meat is from Martina Franca (Puglia) and other salami from Ariccia, milk products from the Pugliese tradition and fish and greens from the local Rialto market. Nato dalla combinazione delle tradizioni regionali d’origine dei tre soci: pugliese, veneta e laziale. L’accurata selezione degli ingredienti che parte dalla più classica tradizione mediterranea, esalta i sapori semplici. Il pane DOP e le farine di Altamura, il capocollo di Martina Franca, i salumi di Ariccia e i prodotti caseari della tradizione pugliese, le verdure e il pesce del mercato di Rialto. L’ULIVO Isola della Giudecca, 33 Ph. 041.5207022 This charming restaurant is part of the Hotel & Spa Palladio. Seating is inside with an open kitchen, or outside in a pleasant garden. Light and tasty dishes are developed from organic, KM0 local in-

gredients, while an impressive selection of wines com from nearby Friuli. Ristorante di charme dell’Hotel Bauer Palladio and Spa. Con una sala interna dotata di cucina a vista e quella esterna, nella suggestiva cornice del giardino. Piatti leggeri e gustosi, elaborati a partire da ingredienti biologici e a chilometro zero con una pregiata selezione di vini provenienti dal vicino Friuli. LA BITTA Calle Lunga de San Barnaba, 27537/a Ph. 041.5230531 This enoteca and restaurant specializes in meat only. The atmosphere is warm and informal, fed by the menu that is sung out (not written!) by the owner, Debora. Amongst the highlights, game, duck stew, and venetian style liver. Ristorante enoteca con specialità di sola carne. L’ambiente è caldo e informale, alimentato dal menù, rigorosamente “cantato” dalla voce della proprietaria Debora. Tra i piatti forti cacciagione, oca in umido e fegato alla veneziana. LA PISCINA Dorsoduro, 780 - Ph. 041.2413889 The restaurant of the pensione La calcina is built in what was once a swimming pool at the edge of the canal. The cuisine is Mediterranean with a great variety of seasonal vegetables. Dessert is prepared on the spot, and the pasta is homemade. E’ il ristorante della pensione La calcina, costruito in quella che era una piscina sulle rive del canale, una cucina mediterranea con una grande varietà di verdure stagionali. I dessert vengono preparati al momento così come la pasta, fatta in casa artigianalmente. LINEA D’OMBRA Dorsoduro, 19 - Ph. 041.2411881 One of the most innovative restaurants in the area is now seeing a rise in prestige. The creative fish based cuisine is perfectly matched with the wine list. Near the museum of the Dogana, it fronts onto the bay of San Marco. Uno dei ristoranti più innovativi della zona che negli ultimi anni ha visto fiorire il suo prestigio. Cucina di pesce creativa che si sposa con le ottime etichette presenti sulla carta. Vicino al museo di Punta della Dogana, la sua terrazza si affaccia di fronte al bacino di San Marco. AL STORICO DA CREA Sestiere Giudecca, 212 Ph. 041.2960373 In the ex docking area now used by artisans, this restaurant is in a renovated warehouse. It knowingly mixes Ligurian and Venetian cuisines. Excellent also for lunch at good prices. Nella zona degli ex cantieri navali riconvertiti a sedi di attività artigianali, in un capannone ristrutturato sorge questo ristorante che mixa sapientemente cucina ligure e veneziana. Ottimo anche per un buon pranzo a prezzi economici.

ORO Sestiere Giudecca, 10 - Ph. 041. 240801 The restaurant of the Belmond Hotel Cipriani, run by Davide Bisetto, an Italian chef with international reputation and experience. Deep respect for basic ingredients and purity of flavours. One Michelin star. Ristorante del Belmond Hotel Cipriani, guidato da Davide Bisetto, cuoco italiano dall’eccellente curriculum internazionale. Rispetto delle materie prime e purezza dei sapori. Una stella Michelin. RIVIERA Dorsoduro, 1473 - Ph. 041.5227621 The Riviera restaurant offers a tipical venetian cuisine. Of particular interest are the finest seafood dishes. Overlooking the Grand Canal of Giudecca, just in front of the Stuky Mill, offers its guests a panoramic terrace from which to enjoy a breathtaking views. Il ristorante Riviera di Venezia propone una cucina veneta. Di particolare interesse sono i raffinati piatti di pesce. Affacciato sul Canal Grande della Giudecca, proprio di fronte al molino Stuky, offre ai propri clienti una splendida terrazza dalla quale godersi una vista mozzafiato.

SAN MARCO

AMO T Fondaco di Tedeschi by DFS San Marco 5556 Ph. 041.2412823 An elegant bistro inside the Fondaco dei Tedeschi, located at the foot of the Rialto Bridge, which houses the new luxury department store (Dfs). Fruit of a collaboration between the Alajmo brothers and designer Philippe Starck, it is the ideal place for a break any time of the day. Un elegante bistrot all’interno del Fondaco dei Tedeschi, il nuovo department store (Dfs) di lusso ai piedi del Ponte di Rialto. Frutto della collaborazione tra i fratelli Alajmo e il designer Philippe Starck, è l’indirizzo perfetto per una pausa in ogni momento della giornata. ANTICO MARTINI Campo Teatro Fenice, 2007 Ph. 041.5289857 In a classic and elegant atmosphere where you can feel all the charm of Venice’s most chic, since 1720 the restaurant Antico Martini offers all the flavor of traditional Venetian cuisine. Open until late at night, according to the timetable of the Teatro la Fenice, we advise also the bistrot VinoVino attached. Dentro un ambiente classico ed elegante dove si respira tutto il fascino della Venezia più chic, dal 1720 il ristorante Antico Martini offre tutto il gusto della cucina veneta tradizionale. Aperto anche fino a tarda notte, seguendo gli orari del Teatro la Fenice, da consigliare anche il bistrot VinoVino annesso. Venezia | made in Veneto 111

EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

since 1960, the restaurant of the Wildner Hotel of Venice proposes and reworks with creativity the dishes of the Venetian and Italian cooking tradition, served in a unique location: the restaurant’s veranda with view on Riva degli Schiavoni Gestito con professionalità e passione dal 1960, il ristorante dell’Hotel Wildner di Venezia propone e rielabora con un tocco creativio i piatti della tradizionale cucina veneziana e italiana e li serve in una cornice unica: la veranda con vista sulla Riva degli Schiavoni.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

ABECCAFICO Campo Santo Stefano, 2801 Ph. 041.5274879 Located right on Campo Santo Stefano, with a charming outdoor area, A Beccafico Restaurant offers Mediterranean cuisine, in particular fish and seafood dishes in keeping with the best Venetian traditions. Affacciato su Campo Santo Stefano, con un affascinante ambiente esterno, il ristorante A Beccafico vi aspetta con piatti, soprattutto di pesce, dedicati alla cucina mediterranea abbinati al gusto della tradizione veneziana. ACQUA PAZZA San Marco, 3808 - Ph. 041.2770688 A magnificent outdoor area facing Campo Sant’Angelo, excellent fish dishes, and the taste of true Neapolitan pizza—this and much more awaits you at Acqua Pazza, where authentic Amalfi Coast and Mediterranean cuisine reigns. Un magnifico Dehor affacciato su Campo Sant’Angelo e il gusto della vera pizza napoletana. Questo e molto altro da Acqua Pazza, regno della vera cucina amalfitana e mediterranea. Da provare anche il pesce. ANTICO PIGNOLO Calle Specchieri, 451 - Ph. 041.5228123 The large walled summer garden is unquestionably notable, as are the fish-based dishes served with particular attention to local products, while the wine list numbers over 1000 labels from every part of the world, as has been noted by the magazine Wine Spectator. Di rilievo il grande giardino estivo circondato dalle classiche mura veneziane. I piatti sono prevalentemente a base di pesce, con particolare attenzione ai prodotti del territorio, mentre la carta dei vini conta oltre 1000 etichette provenienti da ogni parte del mondo, segnalata anche dall’autorevole rivista Wine Spectator. CAFFÈ CENTRALE VENEZIA San Marco, Piscina Frezzeria, 1659b Ph. 041 8876642 A new and modern restaurant housed in Palazzo Cocco Molin, a sixteenth-century Venetian building. Extensive menu ranging from meat to fish-based dishes, accompanied by excellent wines. You can also drink and dine outside on the small terrace giving onto the Rio de’ Barcaroli canal. The bar and kitchen are open till late into the night. Private entrance for taxis and gondolas. Nuovo e moderno ristorante situato a Palazzo Cocco Molin, un’antica residenza veneziana del 1500. Le proposte della cucina sono numerose e spaziano dalla carne al pesce, accompagnati da una buona cantina. Si può bere e cenare anche in una piccola terrazza affacciata sul canale Rio de’ Barcaroli. Il bar e la cucina sono aperti fino a tarda notte. Ingresso privato per taxi e gondole. CAFFÈ QUADRI Piazza San Marco, 120 - Ph. 041.5222105 112 Venezia | made in Veneto

Recently renovated by the architect and designer Philippe Starck, the historic restaurant is run by the Alajmo brothers, creators of the three Michelin star Relais Gourmand Le Calandre in Padova. It faces directly onto Piazza San Marco, and its interior is carefully decorated with local products like Murano glass; the menu is creative and gourmet, in which fish is explored and tastes are exalted. One Michelin star. Recentemente rinnovata dall’archietetto e design Philippe Starck, lo storico ristorante è gestito dai fratelli Alajmo, creatori del tre stelle Michelin Relais Gourmand Le Calandre di Padova. Unico luogo che si affaccia direttamente su piazza San Marco, dagli interni estremamente curati con le eccellenze del territorio, come i vetri di Murano, detiene un menu creativo e gourmet, dove il pesce viene esplorato e esaltato in tutti i suoi sapori. Una stella Michelin. DA IVO Ramo dei Fuseri, 1809 - Ph. 041.5285004 Amongst the most historically significant restaurants of Italy and perhaps in the world, Da Ivo was opened by the Tuscan Ivo Natali in 1976. It’s the preferred destination of many stars, including Sting, Elton John and Tom Cruise, and it’s a perfect little treasure in which to sample local and national cuisine, including the famous fiorentina steak. Inizia la sua storia nel 1976 grazie al suo fondatore, il toscano Ivo Natali. Meta preferita di molti personaggi famosi tra cui Sting, Elton Jhon e Tom Cruise, è un piccolo tesoro dove gustare cucina nazionale e locale, insieme a una buona bistecca alla fiorentina. DE PISIS S. Marco, 1459 - Ph. 041.4207022 This is the restaurant in the luxurious Hotel Bauer. Unique thanks to its terrace that faces onto one of the most spectacular views in the world, Venice’s Grand Canal, with a view of the church of Santa Maria della Salute in the background. Chef Alessio Loppoli proposes a cuisine based on the seasonal products of the territory, under supervision. E’ il ristorante del lussuoso Hotel Bauer. Unico per la sua terrazza che si affaccia lungo uno dei luoghi più spettacolari del mondo, il Canal Grande di Venezia, con la veduta della famosa Chiesa di Santa Maria della Salute sullo sfondo. Lo chef Alessio Loppoli propone una cucina basata sui prodotti stagionali del territorio, con supervisione. DO FORNI Sestiere San Marco, 457 - Ph. 041.5232148 A true institution in the historic center of the city, a great place for special occasions as well as cultural events, and frequented by illustrious visitors, the cuisine is primarily local and fish-based. Two areas are available – the more formal ‘Orient Express’ and another less formal seating space. Nel centro storico della città è divenuto nel tempo una vera istituzione. Ritrovo per occasioni ed eventi anche culturali, spes-

so è il ristorante di personaggi illustri che soggiornano in laguna, con la sua cucina con prevalenza di pesce e legata al territorio. Dispone di due aree, una più raffinata che prende il nome di Orient Express e l’altra, più informale. HARRY’S BAR Calle Vallaresso, 1323 - Ph. 041.5285777 The original Harry’s Bar was opened by the Cipriani family in 1931 (a rope store was in its place). In 2001 it was named a national treasure by the Italian Ministry of Culture. The cuisine remains that of Harry’s Bar tradition – classic, with attention to base ingredients. The must haves are: risotto primavera, tagliolini with prosciutto, and the historic Bellini cocktail that was born within these walls. Dichiarato nel 2001 patrimonio nazionale dal Ministero dei Beni Culturali, è il primo Harry’s Bar nato dalla mente della storica famiglia Cipriani che nel 1931 riprese un negozio di corde per renderlo un bar. La cucina è quella storica di ogni Harry’s Bar: tradizionale e attenta alle materie prime. I must: risotto primavera, tagliolini gratinati al prosciutto e lo storico Bellini, nato proprio tra queste mura. OSTERIA SAN MARCO San Marco, 1610 - Ph. 041.5285242 An informal but elegant restaurant and wine bar whose kitchen is open from noon to 11pm. The weekly menu is always changing, distinguished by the way local, seasonal products are used to make creative, gourmet dishes. Wine available also by the glass, with cheese and cold-cuts at the bar. Osteria-enoteca dall’atmosfera informale e rustica. La cucina, aperta dalle 12 alle 23, si contraddistingue con il suo misurato estro creativo, capace di realizzare piatti gourmet attraverso gli ingredienti di stagione che il territorio fornisce, per un menu che cambia settimanalmente. Vini anche a bicchiere con formaggi e salumi al bancone. ROSA ROSSA San Marco, 3709 - Ph. 041.5234605 In a refined, recently renovated setting, one of this restaurant’s surprises is the pizza, but the dishes in the classic Venetian tradition are wonderful as well. San Marco, 3709, ph. 041.5234605 In un ambiente raffinato e recentemente rinnovato, una delle sorprese del ristorante è la pizza, rigorosamente fine. Ma non dimenticatevi dei grandi piatti della tradizione veneta. TAVERNA LA FENICE San Marco, 1938 - Ph. 041.5223856 Near the famous theatre of the same name, the kitchen is open late for when the theatre lets out. The vast terrace for al-fresco summer dining provides a warm and intimate atmosphere, a feeling that continues inside with the warm wood tables and velour coverings. The innovative menu is both surf and turf. Vicino al famoso teatro, ne rispetta gli orari con una cucina che rimane aperta fino a

notte tarda. L’ampia terrazza estiva dà vita ad un’atmosfera di intimità e calore, sensazioni che proseguono anche all’interno, con il legno degli arredi e il velluto dei rivestimenti. Un menu innovativo di carne e pesce completa il tutto. VINI DA ARTURO Sestiere San Marco, 3656 Ph. 041.5286974 A preferred location by local Venetians, this small, simple and elegant restaurant has a menu in which meat is the real protagonist. Try the filet in all its variations. No credit cards accepted. Frequentato prevalentemente dai veneziani. Piccolo, semplice e accogliente con un menu che vede la carne come vera protagonista. Da provare il filetto in tutte le sue variazioni. Non accetta carte di credito. WINE BAR TEAMO Calle Rio Terrà de la Mandola, 3795 Ph. +39 041 528 3787 Cozy restaurant near Campo Sant’Angelo with a very pleasant informal ambiance. Great selection of assorted cured meats and salamis, cheeses and raw fish Piccolo locale a due passi da Campo Sant’Angelo dall’atmosfera informale molto piacevole. Ottima selezione di taglieri di salumi, formaggi e cruditè di pesce.

SAN POLO

ALLA MADONNA Calle de la Madona, 594 - Ph. 041.5223824 Fulvio Rado opened this historic venetian osteria in 1954, and for the past 35 years it has been run by his son Lucio. The style and menu has not changed much due to their healthy respect of tradition. The menu is fish only, with good price/value ratio. Aperto nel 1954 da Fulvio Rado e da 35 anni gestito dal figlio Lucio. Derivato da un’antica osteria veneziana, ha mantenuto negli anni il suo stile e la sua qualità nei piatti della tradizione. Una cucina a base di pesce, secondo i dettami tipici della tradizione, ottimo anche per il rapporto qualità/prezzo. ANTICHE CARAMPANE San Polo, 1911 - Ph. 041.5240165 A rustic trattoria that has recently gained popularity. The menu lists only Adriatic fish, served in a traditional but revisited manner. In good weather, outside seating is available between potted flowers and under a charming tent in a calm corner of the lagoon. Una trattoria dallo stile rustico che negli ultimi anni ha visto accrescere la sua popolarità. Nel menu solo pesce del mar Adriatico. La cucina è tradizionale e talvolta rivisitata e corretta con discrezione. In stagione c’è la possibilità di pranzare all’aperto, tra vasi di fiori e sotto un allegro tendone, in un angolo defilato vicino al ponte di Rialto. BANCOGIRO Campo San Giacometto, 122 Ph. 041.5232061


SANTA CROCE

ALLA ZUCCA Sestiere Santa Croce, 1762 Ph. 041.5241570 This sheltered and calm restaurant sits at the feet of a little bridge, and offers an inspired and creative local menu that includes a good range of vegetarian dishes. Try the cous cous, the spicy meatballs, and the baked lamb chops topped with tzatziki. Ai piedi di un classico ponte, un locale defilato, sereno e caldo. Una cucina locale animata con estro e inventiva, insieme a una interessante proposta di piatti vegetariani. Da provare: il cous cous, le polpettine speziate e le costolette d’agnello al forno con salsa Tzatziki. GLAM RITORANTE & BAR Palazzo Venart S. Croce, 1961 Ph. 041.5233784 In the enchanting Palazzo Venart, with gardens on the Grand Canal, starred chef Enrico Bartolini prepares classic Venetian specialties with a contemporary twist. Nel suggestivo Palazzo Venart, con giardino sul Canal Grande, lo chef stellato Enrico Bartolini propone specialità classiche veneziane reinterpretate in chiave contemporanea. OSTERIA TREFANTI Rio Marin, Santa Croce, 888 Ph. 041.5201789 Casual restaurant with a refined fish menu.

Casual restaurant con menù a base di pesce molto ricercato. REFOLO Campo San Giacomo dell’Orio, 1459 Ph. 041.5240016 In a picturesque little campo off San Giacomo dell’Orio is this offering of an informal menu: pizza and cheese plates, along with raw oysters, fried zucchini flowers and sardines, or prosciutto and figs. This is the more youth-friendly “son” of the famed Da Fiore restaurant. Il ristorante, che si trova in un pittoresco campiello appartato a San Giacomo dell’Orio, propone cucina informale come pizze e assaggi di formaggi ma anche ostriche crude, pollo al curry, scamone garronese. Tra le pizze più richieste, fiori di zucca e acciughe, prosciutto e fichi e la Piazza Doge. Figlio del ristorante pluripremiato Da Fiore, ne è la versione più giovane e friendly.

VENICE’S OMBRE AL MARCA Sestiere San Polo, 213 Ph. 346.8340660 This is the place to drink a famed spritz at the right price. It’s always packed with locals. Don’t miss the meatballs and sandwiches lovingly prepared by Wewe. Near the Rialto market. Un vero must in città dove bersi al giusto prezzo il famoso spritz. Sempre affollato, frequentato sopratutto dai veneziani. Da non perdere le polpette e i panini preparati da Wewe. Si trova vicino al mercato di rialto. AL TIMON Sestiere Cannaregio, 2754 Ph. 041.5246066 Steps away from the ghetto, this little osteria is run by young Venetians who serve excellent cicchetti (little local appetizers) and excellent wine to sip while seated along the canal, preferably after sunset. Open beyond midnight. A pochi passi dal Ghetto una piccola osteria gestita da giovani veneziani, ottimi cicchetti e buoni vini da sorseggiare seduti sulla fondamenta d’estate, preferibilmente dopo il tramonto. Il locale è aperto oltre la mezzanotte. ALL’ARCO San Polo, 436 - Ph. 041.5205666 A tiny, secret place to taste an excellent selection of wines while snacking on the famous cicchetti. The selection is limited but of high quality: crostini, cooked vegetables prepared in various ways, and fresh fish. Un piccolo e segreto luogo dove poter degustare una buona selezione di vini insieme ai famosi cicchetti. Insieme a una selezione di pietanze limitata, ma di ottima qualità. Crostini, verdure cotte in diversi modi, dalla caponata ai carciofi locali, e pesce fresco. ALLA MASCARETA Sestiere Castello, 6 Ph. 393.9848407

This wine bar is listed in the SlowFood Guida alle Osterie d’Italia, with high merits for its wine and cheese selection. Near the door of Campo Santa Maria Formosa, outside seating is in ex-movie chairs. Excellent selection of cold cuts and cheese, and some warm dishes are served. Enoteca che la Guida alle Osterie d’Italia di SlowFood segnala fra i locali del buon formaggio e del buon vino. Si trova vicino a Campo Santa Maria Formosa, fuori dalla porta, poltroncine da cinema attendono chi vuole fare quattro chiacchiere all’aperto. Alle proposte di mescita, si accompagnano selezioni di salumi e formaggi e alcuni piatti caldi. CANTINONE GIÀ SCHIAVI Fondamenta de le Romite, 1350 Ph. 041.5230744 A family run wine bar and osteria in the San Trovaso area with a not to be missed selection of cicchetti, both traditional and innovative, and the excellent selection of wines. It’s also a good wine shop for home consumption. There is no seating but customers lounge outside on the fondamenta. Enoteca osteria a conduzione familiare nella zona di San Trovaso, imperdibile per i cicchetti assortiti, tradizionali e fantasiosi, ottima la scelta dei vini. il locale è anche un’ottima cantina nella quale fare rifornimento per casa. Non c’è posto a sedere ma si sta fuori nella fondamenta. DO MORI Sestiere San Polo, 429 Ph. 041.5225401 In an underpass near the Rialto market, this bar-only wine shop serves cicchetti too. In un sotoportego vicino al mercato di Rialto troviamo questa cantina, dove si può scegliere tra una gran varietà di cicheti e vini in bottiglia, rigorosamente al banco. LA CANTINA Campo San Felice - Cannaregio, 3689 Ph. 041.5228258 A pleasant place to sit along the street and watch life walk by; artisanal wines and beer are accompanied by cicchetti and a few dishes made on the spot. Una piacevole sosta lunga la Strada Nova dove assaporare il via vai della città. Vini e birre artigianali, conditi con piatti e cicchetti espressi.

ISLANDS RESTAURANTS BURANO

AL GATTO NERO Fondamenta della Giudecca, 88 Ph. 041.730120 What began as a simple osteria in 1965 has been expanded by the owner, Ruggero Bovo, whose menu boasts an ample selection of antipasti and primi, the best of which is the ‘Risotto di gò alla buranella,’ the homemade tagliolini with crab, followed by baked fish or the sublime fish fry, accompanied by

organic seasonal greens from the nearby islands. Large outdoor seating. Nata come semplice osteria nel 1965 viene rilevata dal propretario Ruggero Bovo. Nel menu compare un’ampia degustazione di antipasti e di primi piatti, tra i quali trionfa il Risotto di gò alla buranella, i tagliolini fatti in casa con Granzeola e poi il pesce al forno o i supremi fritti di pesce misto accompagnati da verdure sempre di stagione a coltivazione biologica raccolte nelle isole limitrofe. Ampio dehor estivo. DA ROMANO Via S. Martino, 221 - Ph. 041.730030 A popular getaway for many early 20thcentury artists who lived on the island, the Barbaro family has always been the owners and continue to run it with tradition, love, and professional ability. This is the place to taste typical lagoon cooking. It’s famous for the refined simplicity of the risotto and fish dishes based in tradition. Rifugio storico di molti pittori che nei primi del ‘900 sostavano nell’isola, gestito da sempre dalla famiglia Barbaro che continua la tradizione con amore e capacità. Qui si possono gustare i piatti tipici della cucina lagunare. Famosi nella loro raffinata semplicità sono i risotti e i piatti di pesce che si rifanno ad un’antica arte culinaria. RIVA ROSA Strada San Mauro, 296 - Ph. 041.730850 One of the essential stops on the island if you want to taste fish straight out of the sea, this ristorante and wine bar is a house museum on the inside and has a panoramic terrace as well. Private docking vailable. Per gustare il sapore del pesce appena pescato, questo ristorante enoteca è una delle tappe fondamentali nell’isola dei merletti. Una casa museo all’interno di antiche fondamenta, una terrazza che si apre a un ampio panorama. Possibilità di attracco privato.

ISOLA DELLE ROSE

DOPOLAVORO Isola delle Rose, Laguna di San Marco Ph. 041.8521300 The kingdom of one of Italy’s most celebrated chefs, Giancarlo Perbellini, it is the restaurant of the elegant JW Marriott® Venice Resort & Spa. Located on a private island in the Venetian Lagoon. One Michelin star gained in 2016. Regno di uno degli chef più acclamati in Italia, Chef Giancarlo Perbellini, è il ristorante dell’elegante JW Marriott® Venice Resort & Spa. Come palcoscenico, un’isola privata nel capoluogo lagunare. Da questo 2016 vanta una stella Michelin.

MAZZORBO

VENISSA Fondamenta Santa Caterina, 3 Ph. 041.5272281 Paola and Gianluca Bisol have seen the dream of an innovative hostel-restaurant come into reality. Here dishes are created Venezia | made in Veneto 113

EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

At the foot of the Rialto bridge, this campo (square) is packed during the day with the fruit and vegetable market. The osteria is named for the bridge under which it is located. It has excellent wines, served at table or bar, tasty cicchetti (snack sized dishes) to accompany one’s chalice, and just a few refined dishes on the menu, to eat seated at table. Ai piedi del ponte di Rialto si apre un campo che durante il giorno è affollato dai banchetti del mercato. Ottimi vini, anche al banco, gustosi cicchetti per accompagnare il bicchiere, e poche portate, anch’esse raffinate e gustose, da mangiare seduti in campo dell’Erberia, con vista sul Canal Grande. DA FIORE Calle del Scalater, 2202 - Ph. 041.2750822 This prestigious and exclusive osteria has been rewarded with one Michelin star. Owners Mara and Maurizio Martin, along with their son Damiano, have made the restaurant into an institution in which the cuisine is a creative expression able to exalt the flavours of the fish that animate the menu. Un’osteria prestigiosa e esclusiva premiata con una stella Michelin. I proprietari Mara e Maurizio Martin, insieme al figlio Damiano, hanno trasformato il ristorante in una istituzione, dove la cucina diventa espressione creativa in grado di esaltare i sapori del pesce, anima del menu.


EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATING IN VENICE EATI

on the basis of the products offered by the local territory for a “Zero Kilometer Menu” that is changed every day. One Michelin star. Innovativo ristorante ostello nato dal sogno di Paola e di Gianluca Bisol. I piatti vengono creati in base alle materie prime che il territorio locale offre quotidianamente, creando un menù che cambia tutti i giorni diventando un reale chilometro zero. Una stella Michelin.

MURANO

BUSA ALLA TORRE DA LELE Campo Santo Stefano, 3 - Ph. 041.739662 A classic menu of Venetian cuisine prepared according to tradition, and accompanied by a good wine list... all inside a refined and elegant location with a summery terrace too. Un menu classico di cucina veneziana cucinato secondo la tradizione e accompagnato da buoni vini sulla carta. Il tutto dentro un luogo raffinato e elegante,insieme a un suggestivo plateatico estivo. ACQUASTANCA Fondamenta Manin, 48 - Ph. 041.3195125 The name stands for the moment when the water is still, between the high and the low tide. Recently opened by two young women –it used to be an historical bakery, it offers the flavors of the traditional cooking in a chic but cosy atmosphere, like that you find in fish houses. Il nome indica il momento di calma tra la bassa e l’alta marea del mare. Aperto recentemente da due giovani donne al posto di uno storico fornaio, qui troverete i sapori della cucina tradizionale in un ambiente chic ma semplice, come nei casoni da pesca.

PELESTRINA

DA CELESTE Sestiere Vianelli, 625 - Ph. 041.967043 One of its best features is the terrace, the prettiest of those that give onto the south lagoon. Fresh fish is prepared in the traditional ways – try the pasticcio di pesce, a kind of fish lasagna). Uno dei suoi punti forti è la terrazza, la più bella tra quelle che si affacciano davanti alla laguna sud. Pesce fresco cucinato alla maniera tradizionale, da provare il pasticcio di pesce.

SAN PIERO IN VOLTA

DA NANE San Pietro in Volta, 282 - Ph. 041.5279100 Home style venetian cooking with fish at its heart, in a welcoming atmosphere. Amongst the house specialties are the antipasti of mantis and scallops, the famed pasticcio di pesce (a kind of fish lasagna), the fried squid, cuttlefish stew, and the grilled local meat. The selection of wines is also notable. Cucina veneta casalinga a base di pesce dentro un ambiente accogliente. Tra le specialità della casa vanno menzionati gli antipasti di cannocchie e capesante, il ri114 Venezia | made in Veneto

nomato pasticcio di pesce, il fritto di calamaretti, le seppioline in umido, la grigliata dell’Adriatico. Buona la selezione dei vini.

VIGNOLE

ALLE VIGNOLE Isola Vignole, 12 - Ph. 041.5289707 The Vianello family has been running this trattoria for almost a hundred years, offering clients a traditional fish-based menu and genuine meats. Da quasi cento anni gestita dalla famiglia Vianello, questa trattoria offre ai propri clienti una cucina tradizionale basata sul pesce della laguna e del mar adriatico e la carne più genuina.

TORCELLO

AL PONTE DEL DIAVOLO Fondamenta Borgognoni, 10\11 Ph. 041.730401 In a comfortable and elegant location at the foot of the bridge of the same name, the two rooms inside are warmed by the fireplace, while the garden has a lovely pergolato covering. The quality of this restaurant rests on its use of the freshest ingredients that mix history and tradition to make excellent dishes. Un ambiente confortevole e elegante ai piedi dell’omonimo ponte. Un comodo salotto, due sale interne al tepore del rilassante camino, un giardino con il tradizionale pergolato. Una cucina dalle materie prime freschissime, in cui storia e tradizione s’intrecciano per piatti eccellenti. LOCANDA CIPRIANI Piazza Santa Fosca, 29 Ph. 041.730150 One of the most important restaurants in Venice comes from the Cipriani family. Immersed in the surrounding green area, the refined country atmosphere meets the kitchen of Chef Cristian Angiolin who prepares both the classic Cipriani family dishes, and an ample selection of fish- or vegetable-based primi with homemade pasta or rice. Dallo storico nome della famiglia Cipriani, uno dei ristoranti più importanti della laguna veneta. Immerso nella natura della campagnia circostante, in un ambiente raffinatamente agreste, una cucina con a capo lo chef Cristian Angiolin che, oltre ai piatti inventati dalla famiglia Cipriani e oramai divenuti dei classici, propone un’ampia scelta di piatti basati su pesce, verdure, pasta fatta in casa e riso.

LIDO

AI MURAZZI Via dei Kirchmayr, 16 - Ph. 041.5267278 On a path that runs along the sea and the typical rocks of the Lido, there is the restaurant Ai Murazzi. In a simple house with dark wood with a typical furnishings you could taste the traditional cuisine based on fish that reveals the full potential of this region. Try the sardines in sauce.

Su un percorso che costeggia il mare e le tipiche rocce del Lido, si trova il ristorante Ai Murazzi. Dentro una semplice casa in legno scuro con arredamento tipico marinaro una cucina tradizionale a base di pesce rivela tutte le potenzialità di questa regione. Da provare le sarde in saor. ANDRI Via Lepanto, 21 - Ph. 041.5265482 Typical Venetian restaurant where to taste the authentical flavors of a traditional cuisine at a very good price/quality ratio. Do not miss its first courses and Bollito dishes. During Summer, an outdoor veranda with lots of flowers is opened Tipico ristorante veneziano dove gustare i sapori autentici di una cucina tradizionale ad un ottima qualità prezzo. Da provare i primi piatti e i bolliti. D’estate si apre in una fiorita veranda esterna. LA FAVORITA Via Duodo Francesco, 33 - Ph. 041.5261626 This trattoria, one of the “buon ricordo” series, is run by Luca Pradel and his wife Gabriella. Located on a quiet street in the Lido, it’s recognized as one of the area’s top restaurants due to the fish specialties rooted in venetian tradition, with select seasonal ingredients and perfectly matched wines chosen amongst the best international and national labels. Trattoria del “buon ricordo”, gestita da anni da Luca Pradel e dalla moglie Gabriella, si trova in una via appartata e tranquilla del Lido. E’ riconosciuto come uno dei ristoranti più rinomati in zona, per la cucina con specialità di pesce degna della storica tradizione veneziana, per gli ingredienti selezionati in base alla stagione e legati al territorio circostante, per il vino abbinato alle portate, scelto tra le migliori etichette nazionali ed internazionali.

RESTAURANTS ON THE MAINLAND CAMPALTO

AL PASSO Via Campalto, 118 - Ph. 041.900470 Near the Marcopolo airport, this traditional venetian restaurant offers high quality cooked and raw fish dishes: grilled or barbecued, carpaccio and seafood. Don’t miss the razor-shell clams (called capelonghe), scallops, polenta with schie (local grey shrimp), and the grilled octopus with beans. Vicino all’areoporto Marcopolo, propone una cucina tradizionale veneta di alta qualità, con piatti di pesce sia crudo che cotto, alla griglia alla brace, carpacci di ogni genere, frutti di mare. Inoltre imperdibili le capelonghe, le capesante, i canestri, la polentina con le schie, il polpo alla griglia con fagioli.

MAROCCO

AL CASON Via Gatta,112 - Ph. 041.907907 Since 1967, the Foltran family has invested

passion in this osteria and restaurant that exalts the best of local flavours. Start with the antipasti – raw, boiled, or grilled – a glass of prosecco, followed by linguine with clams and finally the tiny ombrine fish served grilled. Genuine simplicity. Dal 1967 la famiglia Foltran porta avanti con passione il questo ristorante osteria che esalta il meglio i sapori naturali della materia prima locale. Prima gli antipasti, crudi, bolliti e alla brace, un calice di prosecco, poi linguine con le telline e a seguire una grigliata di piccole ombrine. Genuina semplicità.

MESTRE

AI VETERANI Piazzetta Da Re, 6 - Ph. 041-959378 A restaurant and wine bar with a warm, homey atmosphere. The menu varies by season, with occasional sparks of innovation, always using excellent primary ingredients. The wine list is the true star here, suggested with passion by the owner, Isa Mazzetto. Enoteca ristorante con una calda atmosfera casalinga. Il menu è vario, stagionale. La materia prima è eccellente, e infine i vini, veri fiori all’occhiello, consigliati passione e competenza dalla titolare, Isa Mazzetto. AMELIA Via Miranese, 113 - Ph. 041.913955 One of the most prestigious and historic restaurants in Mestre, the menu is fishbased and always excellent quality. The offerings are generally based on local products and inspired by venetian tradition. Uno dei ristoranti più prestigiosi e storici di Mestre. Il menù è a base di pesce sempre di ottima qualità. L’offerta si basa molto sui prodotti locali e si rifà alla tradizione veneziana. Quindi: bovoleti, canoce, masenete, folpetti, capesante, moèche, schie o gamberetti di laguna, anguelle e infine baccalà mantecato.

LUGHETTO DI CAMPAGNIA LUPIA CERA Via Marghera, 24 - Ph. 041.5185009 One Michelin star for this restaurant between Venice and Chioggia run since 1966 by the Cera family.. The gastronomic proposals depend on the freshness and high quality of the ingredients in order to make the scents and tastes of local tradition come forth. The cellar boasts wines wellmatched to the menu. Una Stella Michelin. Tra Venezia e Chioggia, dal 1966 la famiglia Cera è l’appassionata custode della raffinata osteria impreziosita da marmi, argenterie e un raccolto giardino. La cantina propone etichette intelligentemente selezionate in accordo col menu.


Venezia Made in Veneto n.27  
Venezia Made in Veneto n.27  
Advertisement