Page 1

COVER STORY PATTY PRAVO FASHION F/W 2018-2019 FLOWERAGE INTERVIEW ENRICO OETIKER | DON DIAMONT ART ROME’S PALAZZOS | ANDREA PAZIENZA | ANLAIDS ITINERARIES ESQUILINO | BRIDGES | CACIO E PEPE


ROMA Via Vittoria 62


94

112

72

17

SUMMER in this issue

COVER STORY

22

64

Patty Pravo

Nostalgia, no thanks

Nostalgia, no grazie by Virginia Mammoli

26

Roma exhibitions

28

Music & theatre

29

Pop

24

16

Giulia Giontella

Slow flower

Amore per i fiori e il pianeta 18

Antonio Girardi

Architect by nature

Architetto per natura 20

Bashar Hassad

Harmonies of flavor

Armonie di sapore

Livia Fazioli

Personality and creativity

PersonalitĂ e creativitĂ  FASHION 31 It object 72

PEOPLE

Beauty reflections

Riflessi beauty

SAVE AS

Elena Aceto di Capriglia

Flowerage by Marta Innocenti Ciulli

82

Shooting Jewel

Jewellery to experience

Gioielli da vivere by Sabrina Bozzoni MOVIE, THEATRE & MUSIC 68

Enrico Oetiker

Out of passion

Per passione by Veronica Sgaravatti 70

Don Diamont

The style of Rome

Lo stile di Roma by Mila Montagni


116

134

50

17

SUMMER in this issue

MUST HAVE 85

Trends

87

Woman

89

Man

ITINERARIES 94

District

The beauty of Esquilino

La bellezza dell’Esquilino by Veronica Sgaravatti 116

Bridges

Magnificent connections

Magnifici legami by Veronica Sgaravatti 130

De Russie

Harmonies of intent Armonie d’intenti

ART, DESIGN & CULTURE 50

Palaces

Eternal grandeur L’eterna grandezza by Salvatore La Spina

90

Andrea Pazienza Thirty years without him Trent’anni senza by Rossella Battista Matteo Corvino A Gala project Progetto di gala by Teresa Favi 108

Massimo Ghenzer - Anlaids The whole truth Tutta la verità by Virginia Mammoli 112

FOOD & WINE 134 Fattoria Le Mortelle In the heart of the Maremma Nel cuore della Maremma by Teresa Favi 136 Cacio e Pepe Spicy and creamy Piccante e cremoso by Gabrielle Bolzoni SHOT ON SITE 40 ROMA GUIDE 142 Hotels 143 Restaurant


QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Virginia Mammoli, Mila Montagni roma correspondent

Veronica Sgaravatti contributors

Giovanni Bogani, Gabrielle Bolzoni, Salvatore La Spina, Virginia Zullo photographers

Alessandro Bencini, Maria Novella De Luca, Dario Garofalo, New Press Photo, Claudio Porcarelli (cover) Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, Valentina Stefanelli, Gilles Toucas art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Marina Geraci, Alessandra Nardelli Paola Paciotti, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

CONTRIBUTORS

T

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

COVER STORY FABRIZIO GIFUNI FASHION S/S 2015 STREET À PORTER INTERVIEW SANDRO VERONESI | DANIELA CIANCIO | TATIANA LUTER ART SISTINE CHAPEL | LORENZO LOTTO | BELLISSIMA ITINERARIES MONTI | FLEA MARKETS | CRAFTSMEN

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

SPECIAL EXPO 2015

COVER STORY DAVID CRONENBERG

FASHION S/S 2015 W.J. WONDERFUL JEANS | FRANCA SOZZANI INTERVIEW PAOLO CONTE | TONI AND PEPPE SERVILLO | DAVIDE RAMPELLO ART GALLERIA DEGLI UFFIZI | ANTONY GORMLEY | GUCCI MUSEUM ITINERARIES DANTE 750TH ANNIVERSARY | LOCAL ONLY

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Gabrielle Bolzoni, born in Rome, where she currently lives. High school diploma at the Germanic School of Rome and degree in Geopolitics at the University La Sapienza of Rome. Free-lance reporter. She loves culture and sports. Gabrielle Bolzoni nata a Roma, dove vive. Maturità presso la Scuola Germanica di Roma e laurea in Geopolitica presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista libera professionista. Ama cultura e sport. Marta Innocenti Ciulli, 42 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 42 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze. Veronica Sgaravatti, born in Rome with a degree in Communication Science, is free-lance journalist since 2009. She loves gardening, culture and traveling, and organizes events in her own estate “Parco Iris” on the Appia Antica road. Veronica Sgaravatti, nata a Roma e laureata in Scienze della comunicazione è pubblicista dal 2009. Appassionata di giardinaggio, cultura e viaggi, organizza eventi nella sua proprietà “Parco Iris” sull’Appia Antica.


PRINCESS FLOWER COLLECTION | robertocoin.com

ROBERTO COIN BOUTIQUE VIA DEL BABUINO 73, ROMA | TEL. 06 32652439


roma people

er Slow PflERoIwFIO NETA RI E IL PIA AMORE

text Veronica Sgaravatti

How did this idea originate? After university, I started working as an international reporter and I lived a rather nomad-like life in various European cities. Having to spend a couple of months in each of these places, I tried to personalize my houses with fresh flowers. When I decided to come back to live in Rome, I brought this need with me, which gave rise to the idea of ​​creating an online flower subscription to provide a service, generally considered a luxury, as a healthy and simple habit. Why the name Flority Fair? Flority is a word that does not exist, just as there was previously no e-commerce for flowers, and fair means just, equitable, and reflects the attention I have towards our planet. How did you start? At the beginning I went door to door to propose a flower subscription to the shops, now they come to us, and there are ten of us working on this project. What is the goal of Flority Fair? To make people understand the importance of choosing seasonal flowers and to try to spread the idea of environmental sustainability. Even in our packaging we are essential; our flowers, unless requested, never come packaged. A flower for every season. In spring, peach blossoms, in summer godetia, in autumn, celosia, and in winter, brassica.

Giulia Giontella, a young 32-year-old entrepreneur from Rome, is a law graduate who left her profession in 2013 to create the first online portal for the sale of flowers: www.florityfair.com 16 Roma | the Eternal City

Come è nata questa idea? Dopo l’università ho iniziato a lavorare come reporter internazionale e ho vissuto un po’ da nomade in varie città europee. Dovendo stare un paio di mesi in ognuno di questi luoghi, cercavo di personalizzare le mie abitazioni con fiori freschi. Quando ho deciso di tornare a vivere a Roma ho portato con me questa esigenza da cui è nata l’idea di creare un abbonamento on line ai fiori per fornire un servizio considerato di lusso come una sana e semplice abitudine. Perché il nome Flority Fair? Flority è una parola che non esiste come non esisteva un e-commerce dei fiori e fair significa giusto, equo e rispecchia l’attenzione che ho verso il nostro pianeta. Come ha iniziato? All’inizio andavo porta a porta a proporre ai negozi un abbonamento di fiori, ora ci cercano e siamo in dieci a lavorare a questo progetto. Qual è l’obiettivo di Flority Fair? Far capire alle persone l’importanza di scegliere i fiori di stagione e cercare di diffondere la sostenibilità ambientale. Anche nel packaging siamo essenziali, i nostri fiori, a meno che non venga richiesto, non arrivano mai confezionati. Un fiore per ogni stagione. In primavera, i fiori di pesco, in estate la godenzia, in autunno la celosia e in inverno la brassica.


ROMA - VIA COLA DI RIENZO, 105 - 00192 - T. +39 06 32609318 FROSINONE - VIA ALDO MORO, 80 - T. +39 0775. 875031 FIUGGI - CORSO NUOVA ITALIA, 14 - T. +39 0775. 515632 NEXT OPENING ROMA - VIALE EUROPA, 112/114

w ww.d i eg o cat al di.it - www.dieg ocat al di.com

RIVENDITORE AUTORIZZATO ROLEX E TUDOR ESCLUSIVAMENTE NEL PUNTO VENDITA DI FIUGGI E ROMA - RIVENDITORE AUTORIZZATO CARTIER ESCLUSIVAMENTE NEL PUNTO VENDITA DI FIUGGI E FROSINONE

DESIDER I E SC LUSIV I


roma people

re u t a n y b t c e t i Arch A PER NATUR O ARCHITETT

text Gabrielle Bolzoni

Tell us about your first experience as a hotelier. Almost seven years ago, after having created and gone to look at hundreds of five-star hotels around the world, I decided to create one of my own, the D.O.M. Hotel on Via Giulia. I wanted to get past the clichés of luxury hotels and favor comfort and a refined discreet atmosphere typical of a noble private residence, blending the building’s antique original features with Italian design furnishings. What is your philosophy? Every task that is assigned to me, I think of as my own personal project. So I designed the suites in Palazzo Dama as if they were my cozy dwellings, the Raspoutine club as if it were my own wonderful venue, and the Pacifico, my favorite restaurant. By interpreting the client’s wishes, I attempt to create private unique experiences that can’t be repeated, adding brands, and combining research and experimentation. The keywords are technologies, innovative materials, social responsibility and sustainable environmental development. What are your plans for the future? At the moment, I’m working on fifteen hotels and restaurants, including the Hotel d’Inghilterra and the Grand Meliá in Rome, the Hotel Helvetia & Bristol in Florence and Il Riccio in Capri, as well as villas and private houses. I’d like to design a Trenitalia carriage tailored to my tastes, because I spend a lot of time on the train. I can’t stop. If I did I would shut down, but I would like to enjoy more time with my 4-year-old daughter.

Antonio Girardi is a thirty-seven-year-old architect. He was born in Naples but considers himself to be cosmopolitan. In Rome, where he lives, he runs a major studio and combines his career as an interior designer with that of tireless entrepreneur 18 Roma | the Eternal City

Ci racconti della sua prima esperienza da albergatore... Quasi sette anni fa, dopo avere creato e girato centinaia di alberghi cinque stelle in giro per il mondo, ho deciso di crearne uno mio, il D.O.M Hotel in via Giulia. Ho voluto superare i cliché dell’hôtellerie di lusso a favore del comfort e di un’atmosfera raffinata e confidenziale tipica di una nobile dimora privata, fondendo antichi elementi originali dell’edificio con arredi di design italiano. Qual è la sua filosofia? Considero ogni compito che mi viene assegnato un mio progetto personale. Per cui ho disegnato le suites di Palazzo Dama come fossero mie dimore accoglienti, il club Raspoutine come fosse il mio locale più bello e Pacifico il mio ristorante preferito. Interpretando i desideri del cliente, cerco di creare esperienze private e irripetibili, abbinando brand e combinando ricerca e sperimentazione. Le parole chiave sono tecnologie, materiali innovativi, responsabilità sociale e sviluppo ambientale sostenibile. Progetti per il futuro? Al momento sto lavorando a quindici alberghi e ristoranti, tra cui l’Hotel d’Inghilterra e il Grand Meliá a Roma, l’Hotel Helvetia & Bristol a Firenze e Il Riccio a Capri, oltre a ville e case private. Mi piacerebbe disegnare un vagone Trenitalia su misura per me, perché ci passo moltissimo tempo. Non riesco a fermarmi sennò mi spengo, ma vorrei godermi di più mia figlia di 4 anni.


VIA

V I A

V I A

DEL

D E L

BABUINO

T R I T O N E

S A L A R I A

106

9 2

5 1

PIAZZA REGINA MARGHERITA 23 24

VIA LUIGI SETTEMBRINI 36

COMPAGNIAITALIANA.IT


roma people

or v a fl f o s e i n o Harm ORE I SAP ARMONIE D

text Veronica Sgaravatti

When did you enter the restaurant world? When I arrived in Italy, I studied at a hotel school and started working at the Taverna Flavia. Twenty-one years ago I opened the Osteria dell’Oca, and just recently I decided to open this jewel, La Penna d’Oca. I felt ready for a more important restaurant. What is the most popular dish of the Penna d’Oca? We work with products that are all of the highest quality, both fish and meat. Here with us, the dishes featuring raw fish are a must: tartare, carpaccio, scampi, but also Belluga caviar, while the first courses that we sell the most are spaghettoni with clams and bottarga and fregola with seafood. What is the key element for the success of a restaurant? Giving a nice smile. A cordial welcome is essential to making guests feel at home and relaxed. Besides, obviously, the quality of the food and fair prices, it is important to instill the joy of going to a place, by creating a warm atmosphere in a lovely setting. As soon as our guests arrive we immediately serve them a glass of champagne, and then little sweets at the end of the meal as an extra treat. What is your favorite place in Rome? I love Piazza del Popolo, just a few steps from my restaurants. The first thing I do in the morning before going to work is to stop for coffee at Canova or Rosati.

Bashar Hassad (in this photo with his wife, Iman Shaar), originally from Syria, but transplanted in Italy for more than thirty years, is a well-established restaurateur. The first, the Osteria dell’Oca, has been in business for over twenty years, and the second, La Penna d’Oca, for just a few months 20 Roma | the Eternal City

Quando è entrato nel mondo della ristorazione? Quando sono arrivato in Italia ho fatto la scuola alberghiera e ho iniziato a lavorare alla Taverna Flavia. Ventuno anni fa ho aperto l’Osteria dell’Oca e ora ho voluto aprire questo gioiello, La Penna d’Oca. Mi sentivo pronto per un ristorante più importante. Qual è il piatto forte della Penna d’Oca? Lavoriamo con tutti prodotti di primissima scelta, sia di pesce che di carne. I crudi di pesce da noi sono un must: tartare, carpaccio, scampi, ma anche caviale Belluga mentre il primo che vendiamo di più sono gli spaghettoni con vongole e bottarga e la fregola con frutti di mare. Qual è l’elemento chiave per la riuscita di un ristorante? Regalare un bel sorriso. L’accoglienza è fondamentale per far sentire il cliente accolto e rilassato. Oltre ovviamente alla qualità del cibo e a un giusto prezzo, è importante infondere la gioia di andare in un posto, ricreare un ambiente caldo e un bel locale. Appena arrivano ai nostri ospiti offriamo subito un bicchiere di champagne e dei dolcetti a fine pasto per addolcirsi il palato. Qual è il suo luogo preferito di Roma? Amo piazza del Popolo, a due passi dai miei ristoranti. La prima cosa che faccio la mattina prima di andare a lavoro è fermarmi a prendere il caffè da Canova o da Rosati.


Roma, Via del Babuino 143


roma people

tions c e fl e r y t u a e B EAUTY RIFLESSI B

text Veronica Sgaravatti

How were Miamo and Nutraiuvens created? Ours is a family project in which we have combined all our various competencies: in addition to mine, that of my husband, who is a plastic surgeon, and of my children. Giovanni attended Bocconi University in Milan, and he is the company’s managerial soul. Camilla is a pharmacist, like me, and she has discovered the anti-aging molecules that our products are based on. Miamo, a line of cosmeceuticals for skin of all ages, was created first, and then Nutraiuvens, a line of nutraceuticals, that is, functional dietary supplements. What is the aim of Miamo? Miamo is designed to accompany the various stages of human life, to take each individual by hand and accompany them in a journey going from the aesthetic problems related to adolescence, such as acne and spots, up to those related to aging skin and its various problems. Let’s talk about Nutraiuvens. Nutraiuvens starts from the premise that healthy skin is also the result of a healthy body. Nutraiuvens dietary supplements nourish the skin from within. Where are these products found? They are found in pharmacies throughout Italy, in Switzerland and in Montecarlo. However, we get requests for them from various parts of the world and for this reason one of our next projects will be aimed at the internationalization of our brands.

Countess Elena Aceto di Capriglia comes from a noble Neapolitan family. She is a pharmacist, specialized in cosmetic and aesthetic dermatology and founder of the Medspa company that produces innovative cosmeceuticals and nutraceuticals: Miamo and Nutraiuvens. Together with the family, she has initiated a project that has revolutionized the concept of beauty 22 Roma | the Eternal City

Come nascono Miamo e Nutraiuvens? Il nostro è un progetto familiare nel quale abbiamo unito tutte le competenze: oltre alle mie, quella di mio marito, che è un chirurgo plastico, e dei miei figli. Giovanni ha frequentato l’Università Bocconi di Milano, ed è l’anima manageriale dell’azienda. Camilla è farmacista come me e ha scoperto alcune molecole per l’antinvecchiamento su cui si basano i nostri prodotti. Prima è nata Miamo, linea di cosmeceutici di tutte le età della pelle, poi Nutraiuvens, linea di nutraceutici, ovvero integratori funzionali. Qual è l’obiettivo di Miamo? Miamo è studiata per accompagnare le varie fasi della vita dell’uomo, per prendere per mano e accompagnare l’individuo in un itinerario che va dai problemi estetici legati all’adolescenza, quindi acne e macchie, fino quelli legati all’invecchiamento cutaneo e le sue varie problematiche. Parliamo di Nutraiuvens. Nutraiuvens parte dal presupposto che la pelle sana è anche il risultato di un organismo in salute. Gli integratori Nutraiuvens nutrono la pelle da dentro. Dove si trovano questi prodotti? Sono presenti nelle farmacie di tutta Italia, in Svizzera, a Montecarlo. Abbiamo però richieste da varie parti del mondo e per questo motivo uno dei prossimi progetti è quello dell’internazionalizzazione dei nostri marchi.


75th ANNIVERSARY

fabrics made in Italy |

manteco


roma people

ty i v i t a e r c d n a y Personalit IVITÀ T ITÀ E CREA L A N O S R E P

text Veronica Sgaravatti

How did your passion for jewelry begin? It is a passion that I have had since childhood. My favorite game and dream was to get into the safe and try on everything. My grandmother started the business, first as a collector of antique jewelry and then as a designer. Since 1975 my family has had a shop in Via Fontanella Borghese. Where do you find inspiration? My grandmother taught me to look around and take inspiration from the culture we breathe. Railings, pavements and columns are a good source of inspiration for us. Our jewels are bold pieces, that make a statement. What materials do you use? We often use the combination of precious stones with “poor” materials such as burnished silver, carbon and palladium, with the aim of making precious jewels wearable even in everyday life. Instead, in my Seliti line – which has just been launched - I use only silver and leather. Where does the name Seliti come from? From the union of my name, Livia, with the names of my brothers Sebastiano and Tiberio, who have always supported me in this adventure. What is Seliti’s goal? I would like this line to be the springboard for entering large-scale international distribution channels with pieces made by hand in Italy, while maintaining affordable prices and a strong character.

Livia Fazioli is a young 24-year-old woman who creates jewelry and, together with her mother and grandmother, runs their family company, Hedy Martinelli. With the aim of expanding into large-scale retail distribution, she has created a new prêt-à-porter jewelry line aimed at a younger target: Seliti 24 Roma | the Eternal City

Come è nata questa passione per i gioielli? È una passione che ho fin da piccolina. Il mio gioco preferito e sogno era quello di entrare nella cassaforte e provarmi tutto. È stata mia nonna a iniziare l’attività, prima come collezionista di gioielli di antiquariato poi come disegnatrice. Dal 1975 la mia famiglia ha un negozio in via Fontanella Borghese. Da dove prendete le vostre ispirazioni? Mia nonna mi ha insegnato a guardarmi intorno e a prendere le ispirazioni dalla cultura che respiriamo. Una buona fonte d’ispirazione sono per noi le ringhiere, i pavimenti e le colonne. I nostri sono gioielli incisivi, che vestono. Che materiali utilizzate? Utilizziamo molto il connubio di pietre preziose con materiali poveri quale l’argento brunito, il carbonio e il palladio, con l’obiettivo di rendere indossabili i gioielli preziosi anche nella vita quotidiana. Nella mia linea Seliti - appena lanciata - utilizzo invece solo l’argento e il cuoio. Da dove viene il nome Seliti? Dall’unione di Livia e dei nomi dei miei fratelli Sebastiano e Tiberio, che mi hanno sempre sostenuta in quest’ avventura. Qual è l’obiettivo di Seliti? Vorrei che questa linea fosse il trampolino di lancio per entrare nella grande distribuzione internazionale con pezzi fatti a mano in Italia, mantenendo prezzi accessibili e un carattere deciso.


Il

RosĂŠ

ha trovato il suo profumo.

www.aldobrandesca.it


save as exhibitions

’68 and the City JUNE At the Galleria d’Arte Moderna, the tribute to the capital of Italy continues until October 29, tracing the artistic trends of the 20th century that attracted all kinds of cultures and languages. In Roma Città Moderna. Da Nathan al Sessantotto, 180 works ideally reinterpret a city that’s strongly characteristic yet attractive and multi-faceted, modern and traditional, immersed in a historicized fabric and revealed through the various artistic styles that followed one after the other, forerunners compared to other Italian and European capitals.

ed artist of ukiyo-e, translated as JULY The story of Andrea Pazienza is “pictures of the floating world”. a unique one, the maverick hero The world of landscape and naof Italian comics who died too ture narrated in Hiroshige. Visions young. The title of the exhibition from Japan enchanted Impresthat will close its doors on the sionists and Post-Impressionists 15th at the Ex Mattatoio is An- in Europe with its elegant grace, drea Pazienza, trent’anni senza, in like Van Gogh, who made an oil remembrance of the comics artist copy of Sudden Shower over Shinwho died at the age of 32, robbing Ōhashi bridge. The collaboration the Italian comics scene of a ge- with the Museum of Fine Arts in nius and eclectic author. Some of Boston was fundamental for staghis original works are on display ing the exhibition. thanks to a collaboration with his AUGUST family, alongside comic strips and On the 19th, the Museo di Roma illustrations, as well as layouts, - Palazzo Braschi will close writings and sketches from his the exhibition dedicated to the archive. The refined retrospective master of the Italian veduta, Cadedicated to one of the geniuses naletto, staged in honour of the of Japanese painting will be open 250th anniversary of his death. Though the title to the public until may be brief - Cathe 29th at the Scunaletto 1697-1768 derie del Quirinale, - the show nonewith elegant pieces theless boasts an by Utagawa HiroA journey important record: shige, the celebrat-

GIUGNO Alla Galleria d’Arte Moderna prosegue fino al 28 ottobre il tributo alla capitale d’Italia seguendo le correnti artistiche del Novecento, capaci di attrarre culture e linguaggi diversi. Con 180 opere rileggono idealmente una città fortemente connotata eppure attraente e multiforme, moderna e tradizionale, immersa in un tessuto storicizzato e rivelato dai diversi stili artistici susseguitisi, anticipatori rispetto a capoluoghi italiani e a capitali europee. LUGLIO È una storia unica, quella di Andrea Pazienza, eroe controcorrente del fumetto italiano e morto troppo giovane. Il titolo della mostra che chiuderà il 15 nell’Ex Mattatoio del Testaccio, è infatti, Andrea Pazienza, trent’anni senza, per ricordare il fumettista scom-

sua grazia eleganparso a 32 anni the worlds te impressionisti privando la scena that e post-impressiodel fumetto italianisti in Europa, a no di un geniale changed cominciare da Van ed eclettico auto- the face Gogh, che copiò re. Esposte alcune of Rome delle sue opere a olio il celebre originali, grazie anche alla Ponte di Ohashi sotto l’acquazcollaborazione dei familiari, zone. La collaborazione del insieme a vignette e illustra- Museum of Fine Arts di Bozioni, insieme a vignette e il- ston è stata fondamentale per lustrazioni e a prove di layout, l’allestimento della mostra. scritti e bozzetti dal suo archi- AGOSTO vio artistico. Chiude i battenti, il 19, la Sarà aperta al pubblico, fino mostra che il Museo di Roma al 29, la raffinata retrospet- Palazzo Braschi dedica al getiva dedicata a uno dei geni nio vedutistico di Canaletto, della pittura giapponese, di in occasione del 250esimo cui alle Scuderie del Quiri- anniversario della morte. Il nale sono in mostra alcuni dei titolo d’estrema sintesi - Caraffinatissimi pezzi: Utagawa naletto 1697-1768 - racchiude Hiroshige, celebrato artista tuttavia un importante pridell’ukiyoe, ovvero il Mon- mato, ovvero la presentaziodo Fluttuante. L’universo di ne del più ampio nucleo di paesaggio e natura che viene opere di mano di Giovanni raccontato in Hiroshige. Visioni Antonio Canal: 42 dipinti, 9 dal Giappone incantò con la disegni, 16 libri e documen-

IL SESSANTOTTO E LA CITTÀ Museo di Roma Palazzo Braschi

Chiostro del Bramante

Galleria d’Arte Moderna

Ex Mattatoio del Testaccio

Scuderie del Quirinale Museo Alinari

28 Roma | the Eternal City

text Mila Montagni

through


save as exhibitions

the presentation of the largest number of works by Giovanni Antonio Canal (42 paints, 9 drawings, 16 books and archival documents). Some of the masterpieces on display have been loaned from the Pushkin Museum in Moscow, the Jacquemart-André in Paris, the Museum of Fine Arts in Budapest, the National Gallery in London and the Kunsthistorisches Museum in Vienna. The captivating richness of English Romantic painting, expressed through the vague hues of watercolours akin to September skies, is on display in Turner. Works from Tate, running until the 26th at the Chiostro del Bramante. The works are on loan from the Tate Britain in London, and many of them come from the painter’s personal studio, tracing artist’s memory and journeys outside England. The 90 masterpieces on show narrate unexpected worlds

seen through the serene eye of an playing the cries of the students aesthete Romantic. as they marched and the politiSEPTEMBER cians’ speeches, as well as the Multimedia and photography sounds and words of figures of define Dreamers. 1968: come era- the era, at a time when technovamo, come saremo, representing logical developments would ultian opportunity for reflection and mately lead to Neil Armstrong’s awareness of the phenomenon of moon landing the following year. ’68, and the Museo di Roma in The splendour of the Roman Trastevere has taken up the chal- Empire in all its various aspects lenge until Sunday, the 2nd, of- is extensively represented at the fering a narrative through images Mercati Traianei until the 16th, and videos of our country that the last day of Trajan. Building the will allow us to relive, remember Empire, Creating Europe, staged and restudy the history that cre- for the 1,900th anniversary of ated our present. Curated by Ric- the death of the Emperor who cardo Luna, with iconographic brought Rome to the height of patrimony by AGI, this page of its expansion. The undertakings history and contemporary art of optimus princeps is told through won’t leave the visitor indiffer- statues, portraits, casts of Trajan’s Column, and gold ent, no matter their and silver coins: age. Completing the each of the 7 secimmersion is Le voci del 1968 in the mutions reveals a world seum’s portico, an with a multitude of Il viaggio audio installation facets and shades.

ti d’archivio. Tra i capolavori opere giunte per l’occasione dal Museo Pushkin di Mosca, dal Jacquemart-André di Parigi, dal Museo delle Belle Arti di Budapest, dalla National Gallery di Londra e dal Kunsthistorisches Museum di Vienna. L’avvolgente ricchezza della pittura inglese romantica, espressa dagli acquerelli dai colori vaghi come i cieli di settembre, è racchiusa in Turner. Opere della Tate, in mostra fino al 26 negli spazi del Chiostro del Bramante. Le opere giungono infatti dalla Tate Britain londinese e molte di queste provengono dallo studio personale del pittore, seguendo il filo della memoria e dei viaggi dell’artista fuori dall’Inghilterra. 90 capolavori che narrano mondi inattesi visti con lo sguardo pacato di un esteta romantico.

ascoltare le urla SETTEMBRE i mondi studenti nei Multimediale e che hanno degli cortei ai discorfotografica, Dresi dei politici, i amers. 1968: come cambiato suoni e le parole eravamo, come il volto dei personaggi di saremo, intende di Roma quell’epoca, i cui rappresentare un’occasione di riflessione fermenti tecnologici portee conoscenza del fenomeno ranno all’allunaggio di Neil del Sessantotto e il Museo di Armstrong l’anno successivo. Roma in Trastevere ha accol- La maestà dell’impresa impeta la sfida fino a domenica 2, riale declinata nei suoi diversi quando questo racconto per aspetti è esaustivamente rapimmagini e video del nostro presentata ai Mercati Traianei Paese consentirà di rivivere, fino al 16, quando sarà chiusa ricordare e ristudiare la sto- Traiano. Costruire l’Impero, creria che ha generato il nostro are l’Europa, organizzata per i presente. Curata da Riccardo 1900 anni dalla morte dell’ImLuna, col patrimonio icono- peratore che portò Roma alla grafico di AGI, questa pagina sua massima espansione terdi storia e d’arte contempo- ritoriale. La vicenda dell’opranea non lascia indifferente timus princeps si dipana tra il visitatore, qualunque sia la statue, ritratti, calchi della Colonna Traiana, monete d’oro e sua età. A completare l’effetto immer- d’argento: 7 sezioni che rivelasivo Le voci del 1968, nel por- no un mondo dalle molteplici ticato del Museo, che faranno sfaccettature e sfumature.

Galleria d’Arte Moderna

Museo di Roma in Trastevere

attraverso

Chiostro del Bramante

Mercati Traianei

Scuderie del Quirinale

Roma | the Eternal City 29


save as music & theatre

The greatest show JUNE The 16th, at the Brancaccino, the musical Mademoiselle C: Chanel hits the stage, directed by Mary Ferrara. Until the 24th, the opera season at the Costanzi presents Puccini’s La Bohème in a new production directed by Àlex Ollé. From the 14th to 16th at the Auditorium Parco della Musica, the concert by the Orchestra, Choir and Children’s Choir of the Accademia Nazionale di Santa Cecilia, performing the Carmina Burana by Orff. JULY From the 3rd to 20th, at the Baths of Caracalla, Verdi takes centre stage with La traviata conGIUGNO Il 16, al Brancaccino è di scena il musical con Mademoiselle C: Chanel per la regia di Mary Ferrara che sceglie un periodo ben preciso: la Belle Epoque. Vanessa Innocenti è la irruente Coco. Fino al 24, la stagione lirica al Costanzi porta La bohème di Puccini in un nuovo allestimento diretto da Àlex Ollé (La Fura dels Baus) e sul podio Henrik Nánási. Dal 14 al 16, Auditorium Parco della Musica, concerto dell’Orchestra, Coro e Coro delle voci Bianche di Santa Cecilia, in programma i Carmina Burana di Orff. LUGLIO Dal 3 al 20, alle Terme di Caracalla, protagonista è Verdi con la sua Traviata diretta da Yves Abel per la regia di Lorenzo Mariani, dal 14 al 2 agosto torna la colorata e ricca produzione messicana di

estate e sarà anLa Carmen di Bizet con la regia di cora Loredana Concerts, Valentina CarrasScaramella a porco. Mentre il 17 dance and tare in scena, dal e il 18 torna alle opera under 31 al 16 settemTerme di Caracal- the stars bre, nel teatro a la la danza con RoVilla Borghese berto Bolle and Friends . Dal 14 La bisbetica domata. La dolce al 19 nel Cortile di Sant’ Ivo vita: capolavori del Cinema alla Sapienza si alterneranno italiano è invece la rassegna invece Le Musiche del Grande di arie dai film celebri con Cinema con colonne sonore musiche di Rota, Morricone di film come Mission Impos- Piovani che si potranno sible e dal 21 all’1 agosto è di seguire dal 7 al 29 ottoscena il musical con Broadway, bre nell’Oratorio Caravita. Trastevere, Pigalle, un excursus SETTEBRE musicale da Il mago di Oz a Prima nazionale dal 19 al 22 Rugantino a West Side Story e al Teatro Argentina di KiNotre Dame de Paris rina, un incontro fra musica, AGOSTO danza tra Serge-Aimè CouProtagonista il teatro di libay, Rokia Traoré, Felwine Shakespeare al Silvano Toti Sarr e Faso Danse Théatre. Globe Theatre dove, fino al Dal 29 al 30 ancora danza 5 Loredana Scaramella pro- sperimentale e d’impegno pone Otello mentre dall’8 al sociale con Minaret, dedicato 26 Riccardo Cavallo firma al minareto della Grande Sogno di una notte di mezza moschea di Aleppo.

IL GRANDE SPETTACOLO text Rossella Battista

Mademoiselle C: Chanel

La Bohème

Parco della Musica

Silvano Toti Globe Theatre

Terme di Caracalla Museo Alinari

30 Roma | the Eternal City

ents A Midsummer Night’s Dream, from the 8th to 26th. Loredana Scaramella returns from the 31st to September 16th, in the theatre at Villa Borghese, with The Taming of the Shrew. La dolce vita: Masterpieces of Italian Cinema is the name of the program of arias from celebrated films with music by Rota, Morricone and Piovani, held from the 7th to October 29th at the Oratorio Caravita. SEPTEMBER The national premier of Kirina will be at the Teatro Argentina from the 19th to 22nd, a crossroads between music and dance, with Serge-Aimè Coulibay, Rokia Traoré, Felwine Sarr and Faso Danse Théatre. On the 29th and 30th, experimental dance with Minaret, dedicated to the minaret of the Great Mosque of Aleppo.

ducted by Yves Abel, while from the 14th to August 2nd, there’s the rich Mexican production of La Carmen. On the 17th and 18th, the dance performance Roberto Bolle and Friends returns to the Baths of Caracalla. From the 14th to 19th, in the courtyard at Sant’Ivo alla Sapienza, Le Musiche del Grande Cinema alternate with film soundtracks like Mission Impossible, and from the 21st to August 1st, Broadway, Trastevere, Pigalle will take to the stage, a musical excursus, from the Wizard of Oz to Rugantino to West Side Story and Notre Dame de Paris. AUGUST Shakespeare’s works are in the spotlight at the Silvano Toti Globe Theatre, where Loredana Scaramella performs Othello, until the 5th, and Riccardo Cavallo pres-


save as pop

Rome is music JUNE and JULY The season kicks off with a sensational appointment: Friday, 15 June, in the unique setting of the Baths of Caracalla, Paolo Conte with his orchestra to celebrate the fifty years of Azzurro. The same magic location for Maestro Ennio Morricone who will return to Caracalla with his 60 Years of Music World Tour on 16, 17, 18 and 29 June. On 23 June, at the Olympic Stadium, make way for Cesare Cremonini. Then at Villa Ada with live shows including Dente and Guido Catalano (19 June), WithRefugees LIVE - Bombino (20 June), Colapesce (30 June). June 30th is also the

date for listening to the music on 5 July, Francesco de Gregori on of Negramaro, live at the Olym- 6 July, Hollywood Vampires on 8 pic Stadium. For Rock in Roma, July, Alanis Morisette on 9 July, the live shows coming up at the Franz Ferdinand and Mogwai on Capannelle Racecourse will in- 10 July, Ringo Starr & His Allclude: The Killers (20 June), Jeff Starr Band on 11 July, Ezio Bosso Beck (24 June), Cigarettes After on 12 July, James Blunt on 17 Sex (10 July, at the Roman The- July, King Crimson on 22 and 23 ater of Ostia Antica), Postmalone July, Steven Tyler and The Loving (10 July), Rogers Waters (14 July, Mary Band on 27 July, Sting on at the Circus Maximus) and The 28 July and finally the Baustelle, Chemical Brothers (19 July). July on 30 July. Going back a few 8th: mark this date, because the days, we remind you of the Roduo Beyoncé and Jay-Z will be in man date of Laura Pausini, on town, on stage at the Olympic 22 July at the Circus Maximus. Stadium. The summer season of AUGUST concerts in the open-air Cavea of Finishing up this great musical the Auditorium Parco della Mu- summer will be the legendary sica will really be bursting with Bandabardò on 1 August at the live shows. On 22 June, Noel Gal- Auditorium Parco della Musica, lagher’s High FlyMax Gazzè on 5 Auing Birds, then Lp + gust at the Baths of very special guest Tom Caracalla and fiWalker on 26 June, nally, on 6 August, Simple Minds on 3 Joan Baez at the A summer July, Stefano Bollani Baths of Caracalla.

GIUGNO e LUGLIO Iniziamo con un sensazionale appuntamento: venerdì 15 giugno, dopo quindici anni dall’ultimo concerto nello scenario unico delle antiche Terme di Caracalla, Paolo Conte vi torna con la sua orchestra per celebrare i cinquant’anni di Azzurro. Stessa magica location per il Maestro Ennio Morricone che torna a Caracalla con la tournée 60 years of music world tour il 16, 17, 18 e il 29 giugno. Il 23 giugno, allo Stadio Olimpico, è il momento di Cesare Cremonini. Siamo a Villa Ada tra i live vi segnaliamo Dente e Guido Catalano (19 giugno), Withrefugees Live – Bombino (20 giugno), Colapesce (30 giugno). Il 30 giugno è anche la data per poter ascoltare la musica dei Negramaro, live allo Stadio Olimpico. Ci siamo, non vi è bisogno di molti preamboli per presenta-

re l’esaltante line- overflowing Gregori il 6 luglio, up della nuova Hollywood Vimpiwith live edizione di Rock res l’8 luglio, Alain Roma. Live tra performances. nis Morisette il 9 gli altri all’Ippo- For you, only luglio, Franz Ferdromo della Ca- the best dinand e Mogwai pannelle: The Kil10 luglio, Ringo lers (20 giugno), Jeff Beck (24 Starr and his all starr band 11 giugno), Cigarettes after sex luglio, Ezio Bosso 12 luglio, (10 luglio, al Teatro Romano James Blunt il 17 luglio, King di Ostia Antica), Postmalone Crimson il 22 e 23 luglio, Ste(10 luglio), Rogers Waters (14 ven Tyler & The loving Mary luglio, al Circo Massimo), The band il 27 luglio, Sting il 28 e Chemical Brothers (19 luglio). infine i Baustelle, il 30 luglio. 8 luglio: segnatevi questa data Torniamo indietro col tempo perché arrivano in città il duo per ricordarvi la data romana Beyoncé e Jay-Z, on stage allo di Laura Pausini, il 22 luglio al Stadio Olimpico. La stagione Circo Massimo. estiva di concerti nella cavea AGOSTO dell’Auditorium Parco del- Concludiamo questa grande la Musica è davvero ricca di estate musicale con la milive. Da segnalare il 22 giugno tica Bandabardò, l’1 agosto Noel Gallagher’s high flying all’Auditorium Parco della bird, Lp+ very special guest Tom Musica, il 5 agosto arriva Max Walker il 26 giugno, Simple Gazzè alle Terme di Caracalla Minds il 3 luglio, Stefano Bol- e infine il 6 Joan Baez sempre lani il 5 luglio, Francesco de alle Terme di Caracalla.

ROMA È MUSICA text Sabrina Bozzoni

Beyoncé and Jay-Z

Noel Gallagher

Cesare Cremonini

Ennio Morricone

Rogers Waters Museo Alinari

really

Roma | the Eternal City 31


Don Diamont and his wife Cindy Ambuehl Diamont - Photo: Kal Yee

Maker of fine shirts

Roma, via Francesco Crispi 60/62 www.danroma.com


it object

ipes r t s e h t o t r e Pow LE RIGHE POTERE AL

V Stripes. An iconic collection that reinterprets the cult creations of Maison Valentino Garavani with classic black and white stripes. Like our Candystud handbag. A dream to wear. Piazza di Spagna 35/38, Rome V Stripes. Un’iconica collezione che reinterpreta i cult della Maison Valentino Garavani, attraverso intramontabili righe bianche e nere. Come la nostra borsa a mano Candystud. Un sogno da indossare. Piazza di Spagna, 35/38, Roma Roma | the Eternal City 31


Via di Monte D’Oro, 30 - Roma - Tel +39 06982634 Fax +39 0698263499 info@jkroma.com - www.jkroma.com


it object

n This isMfOaDsAhio QUESTA È

The Square G buckle studded with rectangular crystals illuminates the front of this pump in metallic leather. Revisited with a contemporary twist, the vintage silhouette acquires a vaguely surreal dimension. It’s Gucci’s world. Via dei Condotti 8, Rome Una fibbia G quadro tempestata di cristalli rettangolari illumina la punta di questa décolleté in pelle metallizzata. Rivisitata in chiave contemporanea, la silhouette vintage acquista una declinazione vagamente surreale. E’ il mondo Gucci. Via dei Condotti, 8, Roma Roma | the Eternal City 33


PACIFICO

Il brand-icona del celebre Chef Jaime Pesaque, da un anno, ha scelto Palazzo Dama per portare anche a Roma il suo sofisticato menu peruviano-nikkei, servito a pranzo e cena nel ristorante e nel giardino con piscina. Una cucina unica, ricca di suggestioni e contaminazioni, cui si aggiunge una carta alternativa e disponibile tutto il giorno, disponibile nei vari spazi comuni dell’hotel e come room service. 29 sono le camere e suite oltre la piscina. Lungotevere Arnaldo da Brescia 2 | Roma | T. +39 06 3207042 | palazzodama.com

ACHILLI AL PARLAMENTO

Achilli al Parlamento, che da oltre 50 anni è luogo di ricerca e cultura vinicola e gastronomica, 1 Stella Michelin, apre all’interno del D.O.M Hotel il primo “concept club” di Roma, dove mixologia e cucina hanno un nuovo significato. L’atmosfera in stile “Grande Mela” è il contorno all’offerta firmata dallo chef Alessio Tagliaferri. 18 le camere e suite con la terrazza al quarto piano. Via Giulia 131 | Roma | T. + 39 06 6832144 | domhotelroma.com


it object

Time trEaL vTEeMlPO VIAGGIO N

A timeless masterpiece of workmanship, the Rolex Oyster Perpetual Gmt-Master II represents the exact definition of a purely elegant style. In an unforgettable 18 ct. Everose pink gold. Authorized dealers in Rome on rolex.com Capolavoro di manifattura senza tempo, il Rolex Oyster Perpetual Gmt-Master II rappresenta l’esatta definizione di uno stile puramente elegante. In un indimenticabile oro Everose 18 ct. Rivenditori autorizzati in Roma su rolex.com Roma | the Eternal City 35


it object

beauty Focus LoLn EZZA FOCUS BE

Age Reverse Masque, Miamo’s new multi-functional mask, is born from epigenetic science. With an innovative formula characterized by a rich and nourishing texture, it performs a restructuring and antioxidant action, guaranteeing a global anti-aging treatment. Miamo.com Dalla scienza epigenetica nasce Age Reverse Masque, la nuova maschera multi-funzionale Miamo. Formula innovativa caratterizzata da una texture ricca e nutriente. Esercita un’azione ristrutturante ed antiossidante, garantendo un trattamento antietà globale. Miamo.com Roma | the Eternal City 37


it object

Style eDsIcSaTILpEes EVASIONI

Made entirely by hand in Italy, a nod to 1950s style, in gold-colored metal, rounded polarized lenses in a shade of petrol green, with a classic tortoiseshell brown. Canali adds a touch of style essential for our Roman holidays. In Via del Babuino 59, Rome Interamente fatti a mano in Italia, una ventata di stile anni ’50, in metallo dorato, lenti rotonde, sui toni verde petrolio, in un intramontabile marrone tartarugato. Canali aggiunge un tocco di stile indispensabile per le nostre vacanze romane. In via del Babuino, 59, Roma Roma | the Eternal City 39


shotonsite

Matteo Parigi Bini, Giorgio Silli, Alex Vittorio Lana

Pierre Leonforte, Delphine Macario, Saverio Ferragina, Irene D’Agostino Rahm

Giovanna Romanzi, Giulio Cesarini

Edmondo Israilovici, Claudia Mazzocco

Francesco Cusumano, Sandro Cecchi, Roberta Salvagnini, Roselyne Mirialachi, Maria Monsè, Giuseppe Todaro

Cristina Baldi, Enrica Cotarella

Guenda Goria

Nancy Marcucci, Claudia Rainaldi

Vittoria and Guglielmo Giovanelli Marconi

Catia Sulpizi, Fulvio Marcello Zendrini, Enrico Chiavacci

40 Roma | the Eternal City

Michelangelo Tommasi, Maria Grazia Scaccia

At the elegant Residenza di Ripetta, the Spring Party for the new Roma the Eternal City issue. Gourmet food and wine by the Cotarella Family. Partner Faliero Sarti Boutique

Elisabetta Rocchetti

Massimo Peroso, Gian Luca Bocache

Manuela Baccari, Tiziana Binello


shotonsite

Alessandro Tornaghi, Valeria Pacifico, Elena Aceto di Capriglia

Maurizio Vaccarella, Alex V. Lana, Gianluigi Lembo, Matteo Parigi Bini

Arturo Muselli

Elettra Duri, Martina Romani

Elena Moretti, Carola Jasmins

Natalia Ferranti, Carla Chiarotti

Riccardo and Cristina Baccarelli

Simone Martini, Cristina Casamassimi

Elena Koval, Costanzo Porta

In the wonderful setting of Villa Marina Capri, the elegant event to introduce the new Capri The Divine Coast issue

Peppino di Capri, Arturo Muselli

Marco Tardelli, Ilaria Cuomo, Maurizio Vaccarella, Mirta Merlino

Pierpaolo Bianco, Alessia Cerbone

Mousse Jacquier, Dario Castiglio Roma | the Eternal City 41


shotonsite

Giulia Cerasoli, Daniela Cepparulo, Cinzia Malvini, Silvia Visino

Kristina Ti, Eliana Miglio

Ughetta and Ina Di Carlo

Elda Alvigini

DesirĂŠe Noferini, Francesca Valtorta

Kristina Ti and Monica Sarti

Fabio Maria, Monica Milo

Gaia Giordano, Alfonso Spezzano

Kristina Ti and Monica Sarti: a scarf to pay homage to Rome and to their friendship. For the event the respective boutiques of Via Vittoria are joined by two rows of scarves

Monica Alhadeff, Shirly Pontecorvo, Tamara Anticoli, Paola Ghezzi

Monica Sarti, Francesca Fichera

Andrea Lo Cicero

Valentina Romani Roma | the Eternal City 43


Ultimate Luxury Lifestyle

Via Labicana, 125, Roma Tel. +39 06 77591380 - Email: info@palazzomanfredi.it www.palazzomanfredi.com


shotonsite

Valentina Agretti, Pilar Coin

Vanessa Ligovic, Barbora Liskova

Rita Anna Armeni, Maria Rita Comodi Ballanti

Margherita Forgione, Keiko Robertson

Keiichi Katakami

Eleonora Mancini, Paola Paciotti

Donata Lovato, Tsuko Donati

In the elegant Roberto Coin boutique in via del Babuino, the Ikebana Garden event inspired by Japan. Special guest, the film director Mujah Maraini-Melehi

Jelena Ivancic, Irina Tolkachyova

Sandro and Federica di Castro

Mujah Maraini-Melehi

Stefania Sica, Myriam Colosimo

Jeniffer Bender, Simona Trufelli Roma | the Eternal City 45


Experience the fusion of timeless elegance, modern luxury, and our creative five star hospitality in the shadows of the iconic Pantheon

The Pantheon Iconic Rome Hotel Via di Santa Chiara 4/a p. 06/87807070 | www.thepantheonhotel.com | info@thepantheonhotel.com


shotonsite

Anna Pettinelli, Marco Ferrone

Manila Nazzaro, Elvira Colavita, Francesca Agabiti

Fiamma Andrioli

Benedetta Mazza, Rachele Mura

Alberta Dicola

Eleonora Belcamino

Federica Cupello

Marco Ferrone, Monica Leofreddi

The exclusive opening of the flagship store in Piazza Regina Margherita: music, glamor, many guests and the unique style of the Compagnia Italiana collections

Francesca Pompei

Ezia Baronio, Angela Soave

Raffaella Pastore

Pamela Camassa, Lucia Lancia Roma | the Eternal City 47


SOLO QUADRICROMIA ( VALORI PRESENTI NEL FILE)

FONDINO IN QUADRICROMIA per simulazione colore copertina La carta deve essere

carta patinata “Matt” Consigliamo “xmotion scheufelen”

PANTONE DI RIFERIMENTO 284 (U,C,M) 18,5cyan 0 magenta 43 yellow 6 black

PANTONE 578

Il fascino di una villa medicea il comfort di un hotel 5 stelle The charm of a Medicean villa, the comforts of a 5-star hotel

A soli otto chilometri da Ponte Vecchio, circondata da nove ettari di parco, si trova Villa La Massa, dimora medicea di proprietà di Villa d’Este Hotels. Nelle camere trionfa lo stile rinascimentale, mentre il Ristorante Il Verrocchio, con terrazza vista Arno e colline del Chianti-Rufina, propone il meglio della cucina italiana e toscana, da gustare, durante l’estate, anche a bordo piscina. Il Bar Mediceo con soffitti affrescati è ideale per un aperitivo o un cocktail d’autore. Più intima, perfetta per degustazioni, cene o eventi, la splendida cantina del XV secolo. Infine, ad aspettare gli ospiti per indimenticabili momenti di relax, l’elegante Arno SPA.

Just eight kilometers away from the Ponte Vecchio, surrounded by a nine-hectare park is Villa la Massa, a former Medicean residence now owned by Villa d’Este Hotels. The rooms are decorated in the Renaissance style and Il Verrocchio Restaurant, featuring a terrace with view of the Arno river and Chianti-Rufina hills, offers the best of Italian ad Tuscan cuisine to be enjoyed, in summertime, even by the pool. The Medicean Bar, with frescoed ceilings, is ideal at aperitivo time or for a special cocktail. The magnificent 15th-century wine cellar is an intimate location for tastings, private dinners or events. Last but not least, the elegant Arno Spa treats hotel guests to unforgettable pampering experiences.

VILLA LA MASSA Via della Massa 24, Candeli - 50012 Firenze Tel. +39 055.626.11 | Fax +39 055.633.102 | reservations@villalamassa.it | villalamassa.com @villalamassafirenze


shotonsite

Antonella De Marco, Francesca Villarosa, Eleonora Adamo

Matteo Scortecci, Laura Fanfani, Stefano Chiassai

Giovanni Raspini, Luisa Buroni

Laura Fanfani, Giannina Raspini

Federica Loreti

Valentina Chico

Guenda Goria

Piero Figura, Paola Lumini

After Milan, the Roman appointment of the exhibition ‘Vanitas Mundi’ by Giovanni Raspini, in the evocative setting of the deconsecrated church inside the Art Hotel

Giovanni Raspini, Maestro Gianni Mazza

Francesco Maria Rossi, Gabriele Rossi

Stefano Chiassai Roma | the Eternal City 49


Palazzo della Sapienza


Eternal grandeur L’ETERNA GRANDEZZA

text Salvatore La Spina photo Valentina Stefanelli


Palazzo Barberini 52 Roma | the Eternal City


Palazzo Farnese How many Roman buildings are worth visiting? This ques- Quanti palazzi romani meritano una visita? A questa dotion is probably impossible to answer because Rome is one manda probabilmente non possiamo rispondere perché of the world’s cities with the highest number of historic Roma è la città che forse ha il numero maggiore al mondo buildings filled with art collections and of great architec- di edifici storici ricchi di raccolte d’arte e di grande valotural value. As we can mention only a few of them, we can- re architettonico. Dovendo citare solo alcuni di essi, non not but start with Palazzo Farnese. Considered to be one of possiamo non iniziare da Palazzo Farnese. Considerato Rome’s most beautiful palazzos, the so-called “Dado” hous- uno dei palazzi più belli di Roma, il cosiddetto “Dado” es a magnificent Gallery frescoed by the Carconserva al suo interno la magnifica Galleraccis and by Domenichino and dominates the ria affrescata dai Carracci e da Domenichino famous Piazza Farnese, a haven of peace away e domina la celebre Piazza Farnese, un’oasi from the commotion of Roman streets. Comsilenziosa nel caos turistico di Roma. La comissioned by Cardinal Alessandro Farnese, struzione dell’edificio ebbe inizio nel 1517 construction of the building began in 1517 volere del cardinale Alessandro Farnese Rome is one per under the supervision of Antonio da Sansotto la direzione di Antonio da Sangallo il of the world’s Giovane seguito poi da Michelangelo, da Vigallo the Younger, followed by Michelangelo and Vignola and was completed by Giacomo cities with gnola e terminato da Giacomo Della Porta. Della Porta. The three-floor building features the highest La facciata si articola su tre piani con trethirteen windows per floor, each of which is finestre per piano, decorate, ogn’una, in number of dici decorated differently. The palazzo is accessed modo diverso. L’accesso all’edificio avviene historic attraverso un monumentale atrio progettato through a monumental atrium designed by Sangallo with a coffered ceiling and decoratbuildings dal Sangallo sormontato da soffitti a casseted with bust of Roman emperors. A grand toni e ornato da busti di imperatori romani. staircase leads to the main floor where one can admire the Un ampio scalone formato da maestose rampe conduce Red or Philosophers’ Hall (so called because it contained a al piano nobile dove è possibile ammirare prima il salone number of busts of ancient Greek and Roman philosophers, rosso o dei filosofi (per una serie di busti di filosofi greci e now kept in Naples) and the White Hall, also known as the romani, oggi custoditi a Napoli) e il salone Bianco detto Room of Queen Christina because the Queen of Sweden anche la Camera della Regina Cristina poiché vi ha alstayed there from December 1655 to July 1656. There is loggiato la Regina di Svezia dal dicembre 1655 fino al also the Yellow Hall featuring a magnificent coffered ceiling luglio 1656. Seguono il salone Giallo con un magnifico and the Firme Hall decorated with frescoes by Domenichi- soffitto a cassettoni e quello delle Firme decorato da afRoma | the Eternal City 53


Villa Medici no and representing the myths of Apollo and Hyacinth and freschi del Domenichino che raffigurano i miti di Apollo the death of Adonis and Narcissus. These halls lead to the e Giacinto e la morte di Adone e Narciso. Si giunge infine magnificent Farnese Gallery, Palazzo Farnese’s most notable nella magnifica Galleria Farnese, l’ambiente più famoso room. This six-meter-wide and twenty-meter-long hall was di Palazzo Farnese. Il salone, largo sei metri e lungo poco frescoed by Annibale Carracci, Agostino Carracci and Do- più di venti, fu affrescato da Annibale Carracci, Agostino menichino between 1597 and 1604 and depicts The Loves Carracci e dal Domenichino tra il 1597 e il 1604 e raffiguof the Gods referring almost exclusively to Ovid’s Metamor- ra trionfi di amori tra gli dei tratti quasi esclusivamente dalle Metamorfosi di Ovidio, mentre la parte phoses, whereas the central part represents the centrale ritrae il corteo nuziale con il Trionfo bridal procession with the Triumph of Bacchus di Bacco e Arianna su due carri trainati da and Ariadne seated in two tiger-drawn charitigri e accompagnati da figure danzanti. ots and accompanied by a parade of dancing Altro imponente palazzo di Roma è Palazfigures. Palazzo Another imposing building in Rome is Palaz- Barberini, which zo Barberini, sede della Galleria Nazionale d’Arte Antica e dell’Istituto Italiano di Nuzo Barberini, which houses the National Anmismatica. Il palazzo fu costruito tra il 1625 cient Art Gallery and the Italian Numismatics houses the Institute. The palazzo was built between 1625 National Ancient e il 1633 ampliando il precedente edificio della famiglia Sforza ad opera di Carlo Maand 1633 by enlarging the Sforza family’s Art Gallery derno, coadiuvato da Francesco Borromini. previous residence under the supervision of and the Italian Dopo la morte di Maderno il cantiere passa Carlo Maderno, with the assistance of Frandal 1629 sotto la direzione di Bernini sempre cesco Borromini. After Maderno’s death in Numismatics con la collaborazione di Francesco Borromi1629, construction works were supervised by Institute ni. Anche questo edificio è famoso per gli Bernini, with the help of Francesco Borromini again. This building, like Palazzo Farnese, is known for affreschi del grande salone al piano nobile, decorato nel the large hall’s fresco cycle on the main floor, painted in periodo tra il 1632 e il 1639 da Pietro da Cortona con il the period between 1632 and 1639 by Pietro da Cortona Trionfo della Divina Provvidenza, considerato l’apice della and depicting the Triumph of the Divine Providence, which is grande pittura decorativa barocca romana. Il Museo, inconsidered to be Roman baroque decorative painting at its teressato oggi da una profonda campagna di restauro che height. The Museum, which is currently undergoing resto- interessa sia l’edificio che il magnifico giardino, custodiration works on the building and magnificent garden, hous- sce opere di Filippo Lippi, Raffaello, Tiziano, Tintoretto, es works of art by Filippo Lippi, Raphael, Titian, Tintoretto, El Greco, Holbein, Caravaggio, Guido Reni, Guercino. 54 Roma | the Eternal City


Interior of Palazzo Barberini Roma | the Eternal City 55


aa Palazzo della Sapienza 56 Roma | the Eternal City


Roma | the Eternal City 57


Palazzo della Sapienza 58 Roma | the Eternal City


Palazzo Zuccari El Greco, Holbein, Caravaggio, Guido Reni and Guercino. Situata nel punto più alto della città, sulla collina del Located on the city’s highest elevation- in the Pincio hill Pincio accanto a Trinità dei Monti a Roma è la Villa Menext to Trinità dei Monti- is Villa Medici, the headquarters dici, sede dal 1803, dell’Accademia di Francia a Roma. of the French Academy in Rome since 1803. In ancient Qui nell’antichità sorgevano gli Horti Luculliani ed è qui times, the site was part of the Gardens of Lucullus and it che, secondo la tradizione, fu uccisa Messalina. Dopo la is the place where, according to tradition, Messalina was caduta dell’impero, per la posizione periferica, la zona fu murdered. After the fall of the empire, being a suburban per lungo abbandonata. Un iniziale riutilizzo del colle si deve prima al cardinale Giovanni Ricci di area, it was abandoned for a long time. Then the grounds were purchased by Giovanni Ricche acquistato il terreno, vi In ancient Montepulciano ci di Montepulciano, who built a farmhouse fece costruire una Casina con un vigneto e times, Villa quindi dal 1576 al cardinale Ferdinando de’ with vineyard and later, in 1576, by Cardinale Ferdinando de’ Medici who entrusted BarMedici was Medici che commissiona i lavori di costrutolomeo Ammannati with the construction of della Villa a Bartolomeo Ammannati. part of the zione the villa. During the works, the ancient RoDurante i lavori i bassorilievi e le statue roGardens of mane che riemergevano dalle vigne venivano man bas-reliefs and statues which resurfaced from the vineyard were placed on the villa’s Lucullus incastonate nella facciata della villa mentre il façade, while the large garden was redesigned and it is the grande giardino richiamava i giardini botainto a botanical garden like the one created creati da suo padre Cosimo in Toscana, place where, nici by the Cardinal’s father Cosimo in Tuscany, ricco di piante di pino, cipresso e querce ma filled with pine, cypress and oak trees as well Messalina was anche di piante rare, e decorato con sculture as rare plants, and decorated with sculptures. murdered mentre un antiquarium era dedicato ai pezzi An antiquarium was set up to house the most più pregiati. Molte opere d’arte furono porprecious pieces. Many works of art were brought to Flor- tate a Firenze quando il cardinale divenne Granduca di ence when the Cardinal succeeded his brother as Grand Toscana, nel 1587. Tra i pezzi più pregiati vi furono le staDuke of Tuscany in 1587. Among the most valuable pieces tue romane nella Loggia dei Lanzi, la Venere de’ Medici were the ancient Roman statues of the Loggia dei Lanzi, the agli Uffizi, il Vaso Medici, un enorme cratere neoattico statue of Venus at the Uffizi Gallery, the Medici Vase, a huge sempre agli Uffizi, l’obelisco di Boboli e la vasca in graneo-Attic bowl at the Uffizi Gallery, the obelisk at the Boboli nito grigio proveniente forse dalle terme Alessandrine. Gardens and the grey granite basin probably coming from Terminato il trasferimento delle opere, nel 1787, Pietro the Baths of Alexander. In 1787, Pietro Leopoldo sold the Leopoldo mise la villa in vendita. Nel 1803 Napoleone Roma | the Eternal City 59


food itinerary

Casino del Bel Respiro, Villa Pamphili’s Gardens 60 Roma | the Eternal City


food itinerary

Roma | the Eternal City 61


food itinerary

Casino del Bel Respiro villa. In 1803, Napoleon Bonaparte bought the property to Bonaparte comprò la villa e vi trasferì l’Académie de house the French Academy in Rome, whose list of directors France à Rome, che ha avuto tra i sui direttori Ingres e includes Ingres and Balthus. Balthus. Another Roman building of great charm and beauty, al- Tra i Palazzi meno noti dei precedenti ma di grande fathough lesser-known than the above-mentioned palazzos, scino e bellezza è senza dubbio il Palazzo della Sapienza, is Palazzo della Sapienza, which was designed by Giacomo edificato tra la fine del Cinquecento e la metà del Seicendella Porta and Borromini and built between the late 1500s to su disegno di Giacomo della Porta e Borromini, è stato and the mid-1600s. It first housed the Faculty sede prima della facoltà di Giurisprudenza of Law and then of Arts and Philosophy. In quindi di Lettere e Filosofia, entrati nel One of the ecortile the building’s courtyard, one can admire the interno è possibile ammirare anche most beautiful le linee sinuose ed elicoidali della Chiesa di Church of Sant’Ivo designed by Borromini. Palazzetto Zuccari is located on Trinità dei buildings in Sant’Ivo, progettata dal Borromini, Su piazza Monti. It was built by the painter Federico dei Monti si erge invece il PalazzetRome is the Trinità to Zuccari, edificio fatto costruire per se da Zuccari, who made it his home when he came Casino del Federico Zuccari al rientro da Firenze, dove back from Florence, where he had worked on the frescoes decorating the Duomo’s Dome. Bel Respiro, aveva lavorato agli affreschi della cupola del The rich and famous artist built for himself as a suburban Duomo. L’artista ricco e famoso volle costruan extravagant palazzo, as grand as his repuirsi, un edificio estroso e stravagante, contation, which is considered to be one of Italy’s residence within siderato uno dei più interessanti esempi di Villa Pamphilj’s casa d’artista in Italia e sede di un’importanmost interesting examples of an artist’s house and is now home to a prestigious Art History gardens te istituto di Storia dell’Arte. Altro edificio Institute. poco conosciuto ma di straordinaria bellezOne of the most beautiful buildings in Rome is the Casi- za è il Casino del Bel Respiro, disegnato dall’Alagardi no del Bel Respiro, commissioned by Pope Innocenzo X su commissione di Papa Innocenzo X (Giovanni Battista (Giovanni Battista Pamphilj) and designed by Alagardi as a Pamphilj) come casa suburbana all’interno dei giardini suburban residence within Villa Pamphilj’s gardens. It cur- della Villa Pamphilj. L’edificio è oggi utilizzato dalla Prerently serves as one of the Prime Minister’s offices and is sidenza del Consiglio dei Ministri come sede di rappreused during the visits of heads of state and government. sentanza durante le visite di Capi di Stati e di Governo The building and lovely contiguous garden can, however, ma può comunque essere visitato su richiesta, da non perdere anche il bel giardino adiacente. be visited upon request. 62 Roma | the Eternal City


food itinerary

Casino del Bel Respiro Roma | the Eternal City 63


Nostalgia, no thanks NOSTALGIA, NO GRAZIE text Virginia Mammoli Patty Pravo. The early days, special memories and the projects of an artist without borders Gli inizi, i ricordi speciali e i progetti di un’artista senza confini

Being the odd one out comes naturally to her. She’s heavenly, occasionally icy, with her ultra-blond hair, light skin and slender, wiry frame, but warm, kind and courteous when you speak to her. It’s a gift of the greats, and she, Patty Pravo, is undoubtedly one of the greats. She was barely 18 years old when, in 1966, she cut her first album, Ragazzo triste, then came Piper with La bambola and she shot to fame. Since then, she’s sold more than 110 million records, performed all over the world and forged friendships with celebrities like Ezra Pound, Lucio Fontana, Mario Schifano, Mick Jagger and Jimi Hendrix. In February, she returned to performing live, and will continue throughout the summer. In June, she was also one of the main artists in attendance at Arte & Aids, the charity event organized by the association Anlaids. A memory of when it all began? One episode that always makes me laugh is related to one of my many trips to London by car. Returning to Italy, I was with Alberto Marozzi and Gordon (her first husband, the English musician, editor’s note), and we stopped at an Autogrill because we ran out of gas, not to mention money, when I saw Alberto jumping up and down like a lunatic: he found Giovani between the magazines on sale, which showed me as number one on the charts and featured on the cover. The workers at the Autogrill offered us everything, and we came home euphoric. I’ve been back many times to say hi to those wonderful people. Your first time at Sanremo? Sanremo was totally my fault. I was the one who asked Melis what it was about and he suggested I go. I participated alongside Little Tony with La spada nel cuore, and the first evening we beat Celentano. Tony was ecstatic, I hardly understood. This was my first time and I hoped it would be the last, but instead I went back nine times (she laughs). You’re not just a music icon, but a style icon as well: how do you create your look? I’ve worked alongside designers like Cavalli, Valentino and Trussar64 Roma | the Eternal City

Le viene naturale, di essere fuori dal comune. Eterea, a tratti algida, con i suoi capelli biondissimi, la pelle chiara e la figura esile e filiforme, ma calda, gentile e cortese quando ti rivolge la parola. È il dono dei grandi, e lei, Patty Pravo, è indiscutibilmente una delle più grandi. È appena diciottenne quando nel 1966 incide il primo singolo, Ragazzo triste, poi arriva il Piper con La bambola e il successo in un attimo diventa planetario. Da allora, più 110 milioni di dischi venduti, concerti in tutto il mondo e amicizie autentiche con personaggi come Ezra Pound, Lucio Fontana, Mario Schifano, Mick Jagger e Jimi Hendrix. A febbraio è tornata live e non si fermerà nemmeno questa estate. A giugno è stata anche uno degli artisti protagonisti di Arte & Aids, l’evento benefico organizzato dall’associazione Anlaids. Un ricordo di quando tutto è cominciato? Un episodio a cui penso con molto divertimento è legato a uno dei miei tanti viaggi a Londra in macchina. Tornando in Italia, ero con Alberto Marozzi e Gordon (musicista inglese, suo primo marito ndr), ci siamo fermati a un autogrill perché eravamo rimasti senza benzina, ma anche senza soldi e vedo Alberto che salta come un pazzo: tra le riviste in vendita aveva trovato Giovani, ero prima in classifica e in copertina. I signori dell’autogrill ci regalarono il pieno e rientrammo euforici. Sono passata più volte a salutare quelle persone squisite. La sua prima volta a Sanremo? Con Sanremo è stata tutta colpa mia. Fui io a chiedere a Melis di cosa si trattava e lui mi propose di andare. Partecipai insieme a Little Tony con La spada nel cuore e la prima sera abbiamo vinto su Celentano. Tony era entusiasta, io quasi non mi rendevo conto. Questa è stata la mia prima volta e speravo fosse l’ultima, invece sono tornata ben nove volte (ride). Non solo icona musicale, ma anche di stile: come cura i suoi look? Ho lavorato fianco a fianco con stilisti come Cavalli, Valentino, Trussardi e ho sempre avuto un buon rapporto, perché avevo le idee chiare quindi era facile tradurle. Per il Sanremo di Per una


cover story

Patty Pravo (April 9, 1948 ) is an Italian singer. She debuted in 1966. Her most popular songs include ‘La bambola’ (1968), ‘Pazza idea’ (1973) and ‘Pensiero stupendo’ (1978) (ph.Claudio Porcarelli/Photomovie) Roma | the Eternal City 65


cover story

The singer celebrated 50 years of successes, embarking on a greatest hits tour, and performed at Sanremo Festival di, and I always had a good rapport with them because I had clear ideas, so it was easy to explain them. For the Per una bambola Sanremo, I had so much fun creating a dress with Versace. I imagined a sort of tunic and really unique hairdo. Gianni asked me to sketch it out and he immediately understood what I wanted. Is there an artist you’d like to collaborate with? I think Levante and Ghali are great; I like their lyrics. Maybe I could reach out and speak to them, we’ll see… For now, of the many things I’m currently doing, I’m also preparing a new album that will be out in November. It will be a pretty unique album, like Radio Station, Nic – Unic and Biafra, which no one spoke about in Italy, but just a month ago, I discovered that Rolling Stone included me as one of the top 50 artists in the world that have experimented with their music and left their mark thanks to this album. Tell us about Rome, when you would ride around in your 500 with Jimi Hendrix; what still exists of that Rome? Unfortunately there’s nothing left of that Rome… Just think, I would walk around barefoot in those days and park in front of the Pantheon because that’s where I lived. I often spent entire nights writing songs next to the fountain in the piazza, then Andreotti would pass by in the morning on his way into the office and we would greet each other; it was our routine. Your favourite places in the city? I love to walk, which I try to dedicate at least an hour and a half to two hours every day to. I like my neighbourhood, the Quirinal Hill, I go to Monti, I talk with people, then there’s the Colosseum and the Forum. If I want to refresh a bit, I go to these places, even if now they’re unfortunately overrun with tourists. Vasco Rossi described you as is feminine half. Yes, and he’s my male half. A long time ago, he told me that he decided to perform and write songs after hearing me sing. He fills stadiums, which I do too, and I’m not that bad at it (she laughs). Your autobiography came out last year, La cambio io la vita che… What was it like retracing your entire life and putting it on paper? Truthfully, it was a hobby. I dislocated my shoulder and I thought it was a good time to write. Of course, it was emotional at times, but life is life, and I’m not one for nostalgia. What did you create for Arte & Aids? I was inspired by the ocean floor. I hope I was able to do a good job because it was a small canvas, while I’m used to painting on larger canvases, like I did when I burst into Mario Schifano’s studio; he was like a brother to me. 66 Roma | the Eternal City

bambola mi divertii moltissimo a creare l’abito insieme a Versace, mi immaginai questa sorta di tunica e questa acconciatura molto particolare. Gianni mi chiese di fargli uno schizzo e capì subito cosa intendevo. C’è qualche artista con cui avrebbe voglia di collaborare? Trovo molto bravi Levante e Ghali, mi piacciono i loro testi. Potrei magari recuperarli e parlarci, vediamo… Per ora, in mezzo alle tante cose che sto facendo, sto anche preparando un nuovo disco che non uscirà prima di novembre. Sarà un album molto particolare come Radio Station, Nic - Unic e Biafra, di cui nessuno ha parlato in Italia, mentre ho scoperto giusto un mese fa che Rolling Stones americana mi ha inserita tra i primi 50 artisti mondiali che hanno sperimentato e lasciato il segno proprio per questo disco. Ci racconti la Roma di quando girava sulla sua Cinquecento insieme a Jimi Hendrix e cosa c’è ancora di quella Roma. Di quella Roma purtroppo non c’è più niente… Pensa che allora camminavo a piedi scalzi, parcheggiavo davanti al Pantheon, perché abitavo lì. Spesso passavo notti intere a scrivere canzoni appoggiata alla fontana della piazza, al mattino passava Andreotti, che andava verso l’ufficio, e mi salutava, ormai era diventata una consuetudine. I suoi luoghi del cuore in città? Amo passeggiare, cerco di ritagliarmi anche un’ora e mezzo o due al giorno. Mi piace la mia zona del Quirinale, vado a Monti, chiacchiero con le persone, poi il Colosseo, i Fori. Se voglio rifarmi un po’ gli occhi vado da quelle parti, anche se purtroppo sono invase dai turisti. Vasco Rossi l’ha definita la sua parte femminile. Si, e lui è la mia parte maschile. Tempo fa mi ha raccontato anche che ha deciso di fare concerti e scrivere pezzi dopo avermi sentita cantare. Adesso lui riempie gli stadi, anch’io però non me la cavo male (ride). L’anno scorso è uscita la sua autobiografia, La cambio io la vita che… Com’è stato ripercorrere la sua intera vita e metterla nero su bianco? In realtà è stato un passatempo. Mi ero lussata una spalla, in barca, e ho pensato che fosse l’occasione per scrivere. Certo, emozionante a momenti, ma la vita è la vita, non sono portata per la nostalgia. Che opera ha realizzato per l’evento Arte & Aids? Mi sono ispirata a un fondale marino. Spero di essere riuscita a fare qualcosa di decente perché era una piccola tela, mentre io sono abituata a dipingere su tele grandi, come facevo quando invadevo lo studio di Mario Schifano, un fratello per me.


cover story

In 2016, ‘Eccomi’, the last album of Patty Pravo aa Roma | the Eternal City 67


cover story

Enrico Oetiker is a roman actor,known for the films ‘Se Dio vuole’ (2015), ‘In Search of Fellini’(2017) and ‘Classe Z’ (2017) 68 Roma | the Eternal City


movie interview

Out of passion PER PASSIONE

text Veronica Sgaravatti Enrico Oetiker, a young Roman actor. His story and dreams Giovane attore romano. La sua storia e le sue aspirazioni

Enrico Oetiker is a 27-year-old Roman actor, handsome, tall, brownhaired, blue-eyed, who starred in the films Se Dio vuole and Classe Z and will soon be back on the big screen in In search of Fellini. Very athletic, he describes himself as an “incurable fan” of all sports played with a ball or a board, in addition to extreme water sports. When did your acting career begin? After high school, I studied Economics for one year only because I felt that I was missing something. I followed a friend’s advice and I auditioned for Corrado Pani’s drama school. Only twenty students were accepted and I got in. From then on, I started climbing up the ladder. What started for fun turned out to be my whole life. What are your hobbies? In addition to acting and sports, I am passionate about all things beautiful. I enjoy travelling and I’ve been fond of writing, reading and drawing since childhood. Let’s say that I was raised on bread and art. What was your upbringing like? Bipolar, by which I mean that my father is Swiss, that is, precise and punctual, and my mother is half Apulian and half Sicilian and, thus, very outgoing, loving, physical. These two ways of life coexist inside me all the time. Your family owns a chocolate factory, Said, which is also a restaurant now. What was it like to grow up amid sweets? Said was established in 1923, four generations have operated it so far, now it’s run by my mother and uncle. Growing up amid chocolate taught me self-control, because I love sweets. But it also gave me a deep culinary culture. What are your three best and three worse qualities? I have sense of humor, I’m an enthusiastic person and I have a talent for bringing people together. Three faults: I have no practical sense, I’m impatient and stubborn. What is your favorite role to play? I love drama films. I enjoy playing characters in conflict with themselves: drug addicts, sick people or deeply in pain. Which are also the most difficult and complex roles to play.

Enrico Oetiker è un attore romano di 27 anni, bello, alto, castano, occhi blu, che abbiamo visto nel grande schermo nel film Se Dio vuole e Classe Z e che presto vedremo nel film In search of Fellini. Sportivo doc, si definisce “amante inguaribile” di tutti gli sport che abbiano una palla o una tavola oltre agli sport acquatici estremi. Quando hai iniziato a recitare? Finito il liceo mi sono iscritto a economia. Dopo un anno ho lasciato perché sentivo che mi mancava qualcosa. Su consiglio di un amico ho fatto il provino per l’accademia di recitazione Corrado Pani. C’erano solo venti posti ma mi hanno preso. Da lì in poi è stata tutta una bellissima scalata. Da un gioco di evasione è diventata tutta la mia vita. Quali sono i tuoi hobby? Oltre alla recitazione e agli sport ho una grande passione per tutto ciò che è bello. Mi piace viaggiare e fin da bambino amo la scrittura, la lettura e il disegno. Diciamo che sono cresciuto a pane e arte. Che tipo di educazione hai avuto? Un’educazione bipolare, nel senso che mio padre è svizzero, quindi preciso, puntuale, schematico e mia madre è metà pugliese e metà siciliana quindi molto più espansiva, affettuosa, carnale. Questi due modi di vivere convivono in me costantemente. La tua famiglia ha una fabbrica di cioccolato, Said, oggi anche ristorante, come è stato crescere in mezzo ai dolci? Said c’è dal 1923, è la quarta generazione ed ora se ne occupano mia mamma e mio zio. Crescere tra la cioccolata mi ha insegnato molto l’autocontrollo, a me che sono un terribile goloso. Ma anche mi porto dentro una grande cultura gastronomica. Tre qualità e tre difetti di Enrico? Sono una persona autoironica, entusiasta e uno che tende a unire le persone. I tre difetti: sicuramente non ho senso pratico, sono impaziente e testardo. Qual è il ruolo che preferisci interpretare? Amo i film drammatici. Mi piacciono molto i personaggi problematici, quelli con grandi conflitti interni: drogati, malati, persone con un forte dolore. Che poi sono anche i ruoli più difficili e complessi. Roma | the Eternal City 69


movie interview

The style of Rome LO STILE DI ROMA

text Mila Montagni Meeting with Don Diamont, famous TV actor and a testimonial to Dan Roma’s stylish designer tailoring. Incontro con Don Diamont, celebre attore televisivo e testimonial dello stile sartoriale firmato Dan Roma. One of the most popular faces on American and international television, Don Diamont, born in 1962, is the star of the most watched Daytime Drama in the world, Bold and Beautiful, where he plays the ruthless billionaire media tycoon Dollar Bill Spencer. He also starred as Brad Carlton on Young and Restless from 1985 to 2009. Included by People magazine in the list of the fifty most handsome men in the world, Don Diamont’s bond with Rome is not only emotional, but also a union of ‘style’ that has seen him endorse the best Dan Roma fashion tailoring. Thanks to Dario Mandatori, known as Dan in the tailoring world, the art of Roman shirt-making goes beyond the boundaries to become a guarantee of artisan excellence throughout the world. We met the actor one afternoon in Rome. Is this the first time you’ve been engaged to endorse a product? And why did you choose an Italian product? Over the course of my career, I’ve had many opportunities to endorse a brand’s identity, but this time it’s special for me. I have genuine affection for the family and truly admire their work. I had the chance to meet the entire Mandatori family, along with the legendary Dario, and it was love at first sight. One day I told Signor Dario that he was a true “OG”, an American term for “original gangster” style. Frank Sinatra is a good example. His products mean wonderful fabrics, attention to detail, refined craftsmanship and love. Is there something that you appreciate about the Romans and that makes them unforgettable? Energy, beauty, and food. There’s nothing about Rome that I, my wife and my family don’t love. Rome is an open-air movie set... Have you also ridden a Vespa like Gregory Peck? I didn’t spend any time on a Vespa, but my son Alexander and his friends rented scooters and had fun riding around the city. Would you like to come back to Italy with some episodes of The Bold and the Beautiful? I’m insisting on this a lot. It would be an incredible experience and I really hope it happens. 70 Roma | the Eternal City

Il suo è uno dei volti più conosciuti della televisione americana e internazionale. Don Diamont, classe 1962, è infatti il Brad Carlton di Febbre d’amore, ruolo che ha rivestito per ben 22 anni, dal 1985 al 2009 ed è anche lo spietato e miliardario imprenditore Bill Spencer nella soap cult Beautiful. Inserito dal magazine People nella lista dei cinquanta uomini più belli del mondo, il legame con Roma di Don Diamont non è soltanto affettivo, ma è anche un’unione ‘di stile’ che lo ha visto rappresentare al meglio la moda sartoriale firmata Dan Roma. Ed è grazie a Dario Mandatori, in arte Dan, che l’arte della camiceria romana valica i confini, per divenire garanzia di un’eccellenza artigianale conosciuta a livelli internazionali. Abbiamo incontrato l’attore durante un pomeriggio romano. È la prima volta che s’impegna come testimonial? E qual è stato il motivo per scegliere un prodotto italiano? Nel corso della mia carriera ho avuto modo più volte di rappresentare l’identità di un brand, ma questa volta è speciale per me. Provo un affetto sincero per la famiglia e un’ammirazione vera per il loro lavoro. Ho avuto la possibilità di conoscere l’intera famiglia Mandatori, insieme al mitico Dario, ed è stato amore a prima vista. Ci fu un giorno in cui dissi al Signor Dario che era un vero “OG”, termine americano per indicare uno stile da “original gangster”, Frank Sinatra ne è un buon esempio. I suoi prodotti significano meravigliosi tessuti, attenzione ai dettagli, raffinata artigianalità e amore. C’è qualcosa che apprezza dei romani e che li rende indimenticabili? L’energia, la bellezza, il cibo. Non c’è niente di Roma che io, mia moglie e la mia famiglia non amiamo. Roma è un set cinematografico a cielo aperto… anche Lei è salito su una Vespa come Gregory Peck? Non ho passato del tempo in Vespa, ma mio figlio Alexander e i suoi amici hanno noleggiato gli scooter e si sono divertiti a fare il giro della città. Sarà sicuramente la prossima cosa che farò. Le piacerebbe tornare in Italia con qualche puntata di Beautiful? Sto insistendo molto a questo proposito. Sarebbe un’esperienza incredibile e spero davvero possa accadere.


Don Diamont (December 31, 1962) is an American actor. His best known roles include Brad Carlton on ‘The Young and the Restless’ and Bill Spencer Jr. on ‘Bold and the Beautiful’ (Credit ph. Gilles Toucas) Roma | the Eternal City 71


FLOWERAGE 2018/2019 a/w collections

Marta Innocenti Ciulli Ph. Alessandro Bencini Make up and hair Rossana Luzzi


PRADA A tulle jacket over a dress with a shawl collar, a wrap-around skirt and a top. Sandles Prada Glasses Prada


aaaaaa

BOTTEGA VENETA Double-layer mini-dress with a frilled collar and sleeves Boots Bottega Veneta


DOLCE & GABBANA Mid-length dress in light velvet opened at the front with elegant buttons and a crochet collar


ERMANNO SCERVINO Tulle skirt and stripped cashmere pullover with flower embroidery Sneakers RenĂŠ Caovilla at Luisaviaroma


FENDI Loose shirt dress made with organza and lace, with delicate embroidery Sneaker RenĂŠ Caovilla at Luisaviaroma


MICHAEL KORS Chiffon dress made with lurex: crew-neck, yoke pattern, bell sleeves Pants Gucci at Luisaviaroma Clogs Givenchy at Luisaviaroma


EMILIO PUCCI Quilted mermaid skirt and tailored jacket with a fur collar


RED VALENTINO Long tulle dress with crossstich embroidery and small, frilled sleeves


MIU MIU Mid-length skirt made with embossed fabric, extra-large V-neck pullover Ankle boots, scarf, wool collar Miu Miu


Jewellery to experience A VIVERE GIOIELLI D

Long necklaces, chokers, multi-layered necklaces, pendants. The jewellery trend to follow has never been so easy: nearly every necklace can be trendy, the secret is to know how to (re-)pair them with style and layer each one. These are our favourites Collane lunghe, choker, multi-collane, collanine con il ciondolo. Il trend da seguire in fatto di gioielli & co. non è mai stato così facile: le collane di tendenza sono potenzialmente tutte, il segreto è saperle (ri)abbinare con stile e sovrapporle a cascata. Ecco a voi le nostre preferite

1

2

3

4

5

1. Gucci Jewelry 2. Diego Cataldi 3. Bulgari 4. Chopard 5. Vhernier 6. Roberto Coin 82 Roma | the Eternal City


fashion jewels

6 Roma | the Eternal City 83


must have trends

2 1

3

Next winter will be determined, celebrating individuality and style with a multitude of trends that are dying to be worn. Choose yours 6

5

7

8

4 6

September impressions IMPRESSIONI DI SETTEMBRE

by Sabrina Bozzoni 1. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 2. Dolce & Gabbana - via dei Condotti, 49-51 - Roma 3. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 4. Faliero Sarti - via Vittoria, 62 - Roma 5. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 - Roma 6. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 7. Valentino Garavani - piazza di Spagna, 35-38 - Roma 8. Miu Miu - via del Babuino, 91 - Roma Roma | the Eternal City 85


Incomparable beauty

Incomparable beauty Incomparable beauty

ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL

ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL For Info & Contact PUNTA TRAGARA Via Tragara, 57 - 80073 Capri (NA) 081 8370844 For Info & -Contact www.hoteltragara.com info@hoteltragara.it For Info & Contact PUNTA TRAGARA


must have woman

2 1

3

Flaming courage to live all day long. Reds that inspire for an all-out summer. Check out our selection to see how to wear red 6

5

7

8

4 6

Day (and evening) red ROSSO DI GIORNO (E DI SERA)

by Sabrina Bozzoni 1. Miu Miu - via del Babuino, 91 - Roma 2. La Perla - via Bocca di Leone, 28 - Roma 3. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 - Roma 4. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma 5. Hermès - via Bocca di Leone, 23-27 - Roma 6. Salvatore Ferragamo - via dei Condotti, 65 - Roma 7. Chanel - piazza di Spagna, 85 - Roma 8. Moschino - via del Babuino, 156 - Roma Roma | the Eternal City 87


“ U N PA R A D I S O I N PA R A D I S O ”

Ristorante ZIQÙ Un’esperienza di gusto in una scenografia da sogno VILLA MARINA CAPRI HOTEL & SPA | Via Provinciale Marina Grande, 191 - Capri | +39 081 837 6630 | www.villamarinacapri.com


must have man

2 1

3

Irreverent appearances anticipate the great cold, shifting inspirations of every era create today’s style 6

5

7

8

4 6

The coolest man L’UOMO PIÙ COOL

by Sabrina Bozzoni 1. Boggi Milano - via del Babuino, 20 - Roma 2. Salvatore Ferragamo - via dei Condotti, 65 - Roma 3. Hermès - via Bocca di Leone, 23-27 - Roma 4. Coach - coach.com 5. Dolce & Gabbana - via dei Condotti, 49-51 - Roma 6. Canali - via del Babuino, 59 - Roma 7. Ermenegildo Zegna - via dei Condotti, 58 - Roma 8. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma

Roma | the Eternal City 89


art exhibitions

Thirty years without him TRENT’ANNI SENZA text Rossella Battista

za, the court Andrea Pazien udent revolt jester of the st tesca rivolta studen Il giullare della

A life lived to the fullest. And to the limits. A child of his time, controversial 1977. Andrea Pazienza, trent’anni senza (thirty years without him) is the tribute that the Ex Mattatoio in Rome, a place now destined for creatives of the comic strip, is dedicating to the rock star of Italian comics (running until July 15th). Thirty years after his sudden death on June 16, 1988, at the age of just 32, it is still hard to find a definition that incorporates all the aspects of his multi-faceted artistic vein. It was 1977 and Pazienza, studying at Bologna’s DAMS, dropped out only two exams away from his thesis, seemingly launched into an infinite Eden of creativity. But it was also the dark days of the student protest that would later end in armed struggle, barricades, occupied buildings, and municipalities. The year 1977 was, and will always be, the poor unwanted brother of 1968. It was the struggle of those who started out with weapons pointed and knowing that they could never build a new world, but could perhaps harm the old one. These were the years of Punk, of independent music labels. These were the years of anger and cynicism, disenchantment and nihilism, a mass outburst, a permanent revolution. And Paz was their icon. He was the forerunner of all the street artists, but also of the kids killed by the heroin that would reap victims, like a plague, for all of the next decade. He was the singer of the unsung Una vita al massimo. E al limite. Figlio del suo tempo, il controverso ‘77. Andrea Pazienza, trent’anni senza è il tributo che il Ex Mattatoio di Roma, luogo ormai destinato ai creativi delle strip, dedica alla rockstar del fumetto italiano (fino al 15 luglio). A trent’anni dalla sua improvvisa scomparsa, a soli 32 anni il 16 giugno del 1988, è ancora difficile trovare una definizione che possa inglobare tutte le sfaccettature della sua poliedrica vena artistica. Era il ‘77 e Bologna con il suo DAMS, che Pazienza abbandonerà a soli due esami dalla tesi, sembrava proiettata in un infinito Eden di creatività. Ma erano anche i tempi pesanti della contestazione studentesca che poi sfocerà anche nella lotta armata, delle barricate, dei palazzi occupati, delle comuni. Il ‘77 era, e rimarrà sempre, il fratello povero e indesiderato del ‘68. Era la lotta di chi partiva già con le armi spuntate e la consapevolezza che non avrebbe mai potuto costruire un mondo nuovo, casomai danneggiare il vecchio. Erano gli anni del Punk, delle etichette musicali indipendenti. Erano gli anni vissuti con rabbia e cinismo, con disincanto e nichilismo, uno sfogo di massa, una rivoluzione permanente. E il Paz ne era l’emblema. Era l’antesignano di tutti gli street artist, ma anche dei ragazzi uccisi dall’eroina che mieterà vittime, come una pestilenza, per tutto il decennio successivo. Era il cantore degli eroi scanzonati di una stagione che sembrava non dover avere mai un domani. 90 Roma | the Eternal City


‘Andrea Pazienza, trent’anni senza’ (30 years without), an great exhibition of original artworks that celebrates the most eclectic and brilliant Italian comics author Roma | the Eternal City 91


art exhibitions

‘Unpublished work’, from the catalog published by Coconino Press - Fandango Libri 92 Roma | the Eternal City


Notte di Carnevale, Andrea Pazienza

heroes who seemed destined to have no tomorrow. With his caustic irony, he created everyday life stories, most of the time misadventures, of characters borrowed from the university environment, from his circle of friends. A varied world that recounted the social and historical reality of those years better than any academic study. And inevitably it became the pivot of those comics, spokesmen of the artistic avant-gardes and the movement. From Alter Alter (appendix of Linus) to Frigidaire, Il Male, and Tango. On exhibit are the storyboards of his famous Le straordinarie avventure di Penthotal (The extraordinary Adventures of Penthotal), a sort of dreamlike diary but with the tragic events of 1977 (when a student was killed). And his alter ego-antihero par excellence Zanardi, with very few ethics and morals all his own. And the storyboards of his graphic novel Pompeo. Hyper-productive Pazienza managed to combine teaching at the Free University of Alcatraz created by Dario Fo, with the creation of record covers, such as Robinson for Vecchioni and collaborations for the posters of Fellini’s films The City of Women and the cult of the early 1980s, Away from Where by Casini and Marciano. He also had a part in the screenplay of The Little Devil by Benigni who in fact remembers him as “The founder of a great school without pupils, because he is inimitable, a unique talent.”

The tribute that the Ex Mattatoio in Rome is dedicating to the rock star of Italian comics

Con la sua caustica ironia si dilungava sulle storie di vita quotidiana, disavventure il più delle volte, di personaggi che prendeva a prestito dall’ambiente universitario, dalla cerchia dei suoi amici. Indolenti, sempre sopra le righe, a loro modo sbruffoni: un variegato mondo che raccontava, meglio di qualunque dotto studio, la realtà sociale e storica di quegli anni. E inevitabilmente divenne il perno di quelle riviste, portavoci delle avanguardie artistiche e del movimento. Da Alter Alter (appendice di Linus) a Frigidaire, Il Male, e ancora Tango. In mostra le tavole delle sue celebri Le straordinarie avventure di Penthotal, una sorta di diario onirico ma dai risvolti tragici del ‘77 (quando fu ucciso uno studente). E ancora il suo alter ego-antieroe per eccellenza Zanardi, di poca etica e una morale tutta sua. E ancora le tavole del suo romanzo grafico Pompeo. Iperproduttivo Pazienza riusciva a coniugare l’insegnamento nella Libera Università di Alcatraz creata da Dario Fo, con la creazione di copertine di dischi, come Robinson per Vecchioni e ancora le collaborazioni per i manifesti dei film di Fellini La città delle Donne e il cult dei primi anni ‘80 Lontano da dove di Casini e Marciano. Sua è in parte anche la sceneggiatura de Il Piccolo Diavolo di Benigni che infatti lo ricorda come “Il capostipite di una grande scuola senza allievi prediletti perché inimitabile, un talento irripetibile”. Roma | the Eternal City 93


The beauty of Esquilino LA BELLEZZA DELL’ESQUILINO text Veronica Sgaravatti photo Valentina Stefanelli


In these images and in the previous page: Basilica of Santa Maria Maggiore


district itineraries

Esquilino is the highest and vastest of the seven hills Rome was founded on. The hill is comprised of three high plains: Oppius (Oppio hill) to the south, Fagutal (where San Pietro in Vincoli is located) to the west and Cispius in the north, where the current Basilica of Santa Maria Maggiore can be found. A hip and picturesque neighbourhood, it’s home to exceptional monuments and museums and some of the most elegant churches in the capital, including the Basilica of Santa Maria Maggiore. This Papal Basilica, one of four in Rome and built by Pope Sixtus III in 432, was built atop an earlier church that was in turn built on the site of a miracle. It’s said that in 356, Pope Liberius I saw the Virgin Mary in a dream, who told him to build a church in the place where he would find snow. The following morning (August 5), snow fell on Esquilino and the pope hurried to build the church. To commemorate this event every year, on August 5, thousands of white petals are dropped from the ceiling of the basilica. The adjacent bell tower, built in a Romanesque-Renaissance style, measures 75 metres in height, making it one of the tallest in Rome. It was built by Gregory XI and boats 5 bells, one of which rings every evening at 9pm with its unmistakable sound, calling the faithful to prayer. The interior of the basilica is beautiful, vaunting a mosaic cycle from the 5th century depicting the lives of Christ – under the triumphal arch – Abraham, Isaac and Jacob to the left of the central nave and Moses and Joshua on the right. The mosaic pavement of the nave merits a close look, an example of the Cosmatesque style that reigned in the 13th century, as does the “Loggia delle Benedizioni,” with its stupendous mosaics from the 1400s and the helixshaped staircase designed by Bernini. In the piazza in front of the church, the tall column, nearly 19 metres in height, comes from the Basilica of Massenzio in the Forum. Continuing down via Cavour toward the Termini train station, you’ll come to Palazzo Massimo alle Terme, one of the branches of the National Roman Museum. L’Esquilino è il più alto e il più esteso dei sette colli sui quali fu fondata Roma. Il Colle è formato da tre alture: l’Oppius, (colle Oppio) nel settore meridionale, il Fagutal (dove c’è san Pietro in Vincoli) in quello occidentale e il Cispius nella parte settentrionale, dove si trova attualmente la basilica di Santa Maria Maggiore. Quartiere pop e pittoresco, ospita alcuni monumenti e musei d’eccezione e alcune tra le più raffinate chiese della Capitale, tra cui appunto la basilica di Santa Maria Maggiore. Questa Basilica Papale, una delle quattro di Roma, edificata da Papa Sisto III nel 432, fu eretta su una chiesa precedentemente posta sul sito di un miracolo. Si dice, infatti, che nel 356 Papa Liberio I vide in sogno la Vergine Maria che gli disse di erigere una chiesa nel luogo dove avrebbe trovato la neve. Il mattino seguente (il 5 agosto) la neve cadde sull’Esquilino e il Papa si affrettò dunque a costruire la chiesa. Per ricordare questo avvenimento ogni anno, il 5 agosto piovono dal soffitto della Basilica migliaia di petali bianchi. Il campanile della Basilica, in stile romanico rinascimentale, si staglia per 75 metri ed è il più alto di Roma; è stato costruito da Gregorio XI e ospita alla sommità cinque campane, una delle quali si ripete ogni sera alle ventuno, con suono inconfondibile, come richiamo per tutti i fedeli. Bellissimo, all’interno della basilica è il ciclo di mosaici del V secolo sulla vita di Cristo che decora l’arco trionfale, e quelli sulla vita di Abramo, Isacco e Giacobbe a sinistra della navata centrale e di Mosè e Giosuè a destra. Meritano una vista attenta il pavimento in mosaico della navata - esempio di arte cosmatesca del XIII secolo - la loggia delle benedizioni con i suoi meravigliosi mosaici del XIII secolo e la scala elicoidale progettata dal Bernini. Nella piazza davanti alla Chiesa, la colonna alta quasi 19 metri proviene dalla Basilica di Massenzio nel Foro. Continuando su via Cavour in direzione della stazione Termini si arriva a Palazzo Massimo alle Terme, una delle sedi del museo Nazionale Romano. Costruito tra il 1883 e il 1887 in stile neorinascimentale, Palazzo Massimo alle Terme nacque come collegio dei padri gesuiti e conservò tale destinazione fino al 1960. Nel

Roma | the Eternal City 97


district itineraries

Built between 1883 and 1887 in the Neo-Renaissance style, Palazzo Massimo alle Terme was founded as a college for Jesuit priests and was used as such until 1960. In 1981, it was purchased by the Italian State to become one of the branches of the museum. Inside, you’ll find one of the most important collections of ancient art in the world, making it among Rome’s must-see museums. On the ground floor and first floor, there are sculptures, busts and portraits from the Imperial era, Greek bronzes from the 2nd century and beautiful bronze sculptures that decorated the Nemi ships; the second floor boasts one of the most beautiful museum halls in the world because within, frescoes dating to 20 BCE from the Villa di Livia have been recreated. Here, the visitor is surrounded by an imaginary garden with blooming trees, pomegranates, quinces and birds that seem impossible to have been painted more than 2,000 years ago. On the basement floor, there’s a collection of coins, millennia-old gold objects and an impressive mummy of an 8-year-old girl. Leaving the museum, you’ll find yourself in piazza dei Cinquecento, where there’s a monument of Pope John Paul II, a copper statue by Oliviero Rainaldi placed in front of the station in 2011 as a symbol of the concept of protection and hospitality, two principles Pope Wojtyla promoted. A little further down, there’s piazza della Repubblica, also known as piazza Esedra because it follows the semi-circular exedra from the Baths of Diocletian. At the centre of the piazza, there’s the Fountain of the Naiads by Mario Rutelli, dating to 1900. When it was finished, it caused a scandal because of the nudity of the four naiads (water nymphs) that surround Glaucus that represent the different forms of water: river (a water snake), lake (a swan), stream (a lizard) and ocean (a seahorse). The piazza is also home to the beautiful Basilica of Santa Maria degli Angeli, designed by Michelangelo and the only Renaissance church in Rome. The terrain where the basilica stands was once covered by the Baths of Diocletian, an 1981 fu acquisito dallo Stato italiano, per divenire una delle sedi del Museo Nazionale Romano. All’interno, c’è una delle più importanti collezioni di arte antica del mondo ed è uno dei musei di Roma assolutamente da non perdere. Al piano terra e al piano primo sono conservate sculture, busti e ritratti di epoca imperiale, dei bronzi greci del II secolo e delle bellissime sculture in bronzo che decoravano le navi di Nemi; al secondo piano c’è una delle sale museali più belle al mondo perché è stata ricreata una stanza con affreschi risalenti al 20 a.C., provenienti dalla Villa di Livia. Qui, il visitatore viene circondato da un giardino immaginario con alberi in fiore, melograni, mele cotogne e uccellini, che sembra impossibile possa essere stato affrescato oltre 2000 anni fa. Inoltre, al piano sotterraneo c’è una collezione di monete, oggetti d’oro millenari e un’impressionante mummia bambina di otto anni. Uscendo dal Museo ci si trova in piazza dei Cinquecento dove c’è il monumento a Papa Giovanni Paolo II, una statua del 2011 realizzata in rame da Oliviero Rainaldi e collocata davanti alla stazione perché simboleggia il concetto di protezione e accoglienza che voleva Papa Wojtyla. Poco oltre c’è piazza della Repubblica nota anche come piazza Esedra perché segue il perimetro dell’Esedra semicircolare delle Terme di Diocleziano. Al centro della piazza c’è la Fontana delle Naiadi, di Mario Rutelli, del 1900 che quando fu terminata si gridò allo scandalo per via della nudità delle quattro neiadi (ninfee acquatiche), che circondano Glauco e che simboleggiano le diverse forme dell’acqua: il fiume (un serpente d’acqua), il lago (un cigno), la corrente (una lucertola) e l’oceano (un cavalluccio marino). Nella piazza anche la bellissima basilica di Santa Maria degli Angeli, progettata da Michelangelo, è l’unica chiesa rinascimentale di Roma. Il terreno dove si trova la Basilica era un tempo occupato dalle Terme di Diocleziano, un’impressionante costruzione che ostentava la grandezza dell’Impero Romano, fino a quando i Goti chiusero gli acquedotti della città, condannando le terme ad un abbando98 Roma | the Eternal City


city itinerary

Esquilino is home to many ethnic restaurants and stores, as well as the largest fruit, vegetable meat and fish market in the capital: the Nuovo Mercato Esquilino Roma | the Eternal City 99


Basilica of Santa Maria Maggiore 100 Roma | the Eternal City


Roma | the Eternal City 101


Basilica of Santa Prassede 102 Roma | the Eternal City


Basilica of Santa Maria Maggiore is one of four Papal Basilicas in Rome Roma | the Eternal City 103


Basilica of Santa Maria degli Angeli 104 Roma | the Eternal City


Roma | the Eternal City 105


Above: the Fountain of the Naiads by Mario Rutelli, at the center of piazza della Repubblica Below: Palazzo Massimo 106 Roma | the Eternal City


district itineraries

impressive construction that showed off the prominence of the Roman Empire, right up to when the Goths closed the city’s aqueducts, condemning the baths to ruin. Inside, the size is impressive, especially the eight enormous, 14-metre-tall columns made from different coloured marble. The most interesting element of the church is the sundial on the floor that was traced by Francesco Bianchini in 1792, which indicates midday and the position of the north star, and still today is used as a calendar. The church has a monumental organ with 5,400 tubes, wowing visitors who have the good fortune of listening to its melodies. The Baths of Diocletian are behind the basilica, the largest in Ancient Rome, which are definitely worth a visit. The semi-circular parameter of the piazza, created by Gaetano Koch at the end of the 19th century, was designed to retrace the grandiose exedra from the thermal baths. The construction of the baths, extending across 13 hectares, happened between 305 and 306 CE and were dedicated to Diocletian. The baths - also part of the National Roman Museum today - could contain up to 3,000 people and adhered to the usual layout of large Roman baths, with the calidarium, tepidarium and frigidarium situated along a central axis. The two cloisters, known as “Certosa” and “Michelangelo,” are beautiful. In the latter, there are more than 400 works of art, including statues, reliefs, altars and sarcophagi. Esquilino is home to many ethnic restaurants and stores, as well as the largest fruit, vegetable meat and fish market in the capital: the Nuovo Mercato Esquilino. Here, alongside all the Italian products, there are exotic spices and foodstuffs coming from every part of the world; even Romans looking to do a bit of multi-ethnic grocery shopping can visit the ex-market di piazza Vittoria, today in via Turati, to find everything they need. A place surely worth mentioning is the Mercato Centrale in via Giolitti, a sort of Spanish market where various Italian food products come together, attracting the attention of Romans and foreigners alike, and where you can sit down to a tasty plate at one of the many small tables available. no. All’interno, le dimensioni sono impressionanti, soprattutto le otto enormi colonne in marmo di differenti colori alte 14 metri. L’elemento più interessante della chiesa è che sul pavimento si può vedere la linea Meridiana tracciata da Francesco Bianchini nel 1703, che indica il mezzogiorno, la posizione della stella polare e funziona ancora oggi come calendario. La chiesa dispone di un organo monumentale con 5.400 tubi, capace di lasciare a bocca aperta i visitatori che hanno la fortuna d’ascoltare le sue melodie. Alle spalle della Basilica ci sono le Terme di Diocleziano, le più grandi dell’antica Roma, che meritano ovviamente una visita. Il perimetro semicircolare della piazza, realizzato da Gaetano Koch alla fine dell’Ottocento, fu ideato proprio per ricalcare la grandiosa Esedra del complesso termale. La costruzione delle Terme, estese su una superficie di ben 13 ettari, avvenne tra il 305 e il 306 d.C. e furono dedicate a Diocleziano. Le Terme – anch’esse oggi, parte del museo nazionale Romano - potevano contenere fino a 3000 persone e riprendevano lo schema consueto delle grandi terme romane, caratterizzato dalla disposizione del calidarium, tepidarium e frigidarium, lungo un asse centrale. Bellissimi sono i due chiostri: della Certosa e di Michelangelo. Nel chiostro di Michelangelo ci sono oltre 400 opere tre statue, rilievi, altari e sarcofaghi. Nella zona dell’Esquilino ci sono moltissimi ristoranti e negozi etnici e il più grande mercato di frutta, verdura, carne e pesce della Capitale: il nuovo mercato esquilino. Qui, accanto a tutti i prodotti italiani, ci sono spezie esotiche e generi alimentari provenienti da ogni parte del mondo e anche i romani desiderosi di fare una spesa multietnica visitano l’ex mercato di piazza Vittorio, oggi in via Turati, per trovare tutto l’occorrente. Un posto sicuramente degno di nota è anche il Mercato Centrale in via Giolitti, una sorta di mercato spagnolo dove varie eccellenze gastronomiche italiane convivono attirando l’attenzione di romani e stranieri e dove è possibile gustare un buon piatto accomodandosi a uno dei tanti tavolini presenti.

Roma | the Eternal City 107


Matteo Corvino, noted Venetian architect, interior designer, scenographer and art director for major events 108 Roma | the Eternal City


culture interview

A Gala project PROGETTO DI GALA text Teresa Favi

Matteo Corvino is behind the Gala Evening for the Charity Event Anlaids at Palazzo Doria Pamphilj La firma preziosa della Serata di Gala del Charity Event Anlaids a Palazzo Doria Pamphilj A noted Venetian architect, interior designer, scenographer and art director for major events, Matteo Corvino is behind the Gala Evening for the Charity Event, a benefit dinner for the association Anlaids, which took place this year in the stunning Palazzo Doria Phamphilj. One of the most luxurious palaces in Rome, whose legendary gallery, open to the public, is home to one of the largest private art collections in the world, it opened its doors for an event that aims to raise public awareness on AIDS prevention and which was attended by many celebrities, like Patty Pravo. Ornella Muti, Paolo Sorrentino, Ferzan Ozpetck, Paolo Preziosi, Nicoletta Romanof and many more, as well as students and professors at the Accademia di Belle Arti in Rome, which under Corvino’s supervision, dedicated themselves to creating the décor and scenic elements that adorned the Gala Evening, the culmination of a week of themed events. What rapport have you developed with the beauty of the palace and its art gallery? Palazzo Doria Pamphilj is one of the few historic palaces in Rome open to the public, and conserves many priceless treasures. So when it comes to beauty and the palace, there’s nothing more to add. We humbly sought a dialogue with art, classical art, and the splendour of the setting. What precept was at the base of your project for staging the Gala? Being a charity dinner, the budget naturally had to be contained as much as possible in order to be able to give as much as possible to the cause. So it was thought that because the mission of this event is aimed at the younger generations, the most affected by the upsurge in the virus, why not involve a school? So I thought about the students at the Accademia di Belle Arti in Rome, which the school accepted, participating with great enthusiasm.

Noto architetto veneziano, interior designer, scenografo e direttore artistico di grandi eventi, Matteo Corvino è la firma preziosa della Serata di Gala del Charity Event a favore dell’associazione Anlaids che quest’anno si è svolta nella favolosa cornice di Palazzo Doria Phamphilj. Uno dei palazzi più sontuosi di Roma, la cui leggendaria Galleria, aperta al pubblico, ospita una delle più grandi collezioni private di arte del mondo, ha aperto le porte a una manifestazione che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla prevenzione dell’Aids, e ha coinvolto numerose Celebrities - da Patty Pravo a Ornella Muti, da Paolo Sorrentino a Ferzan Ozpetck, e ancora Paolo Preziosi, Nicoletta Romanof e molti altri, oltre agli studenti e ai docenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma che sotto la supervisione dello stesso Corvino si sono profusi nella realizzazione di decori ed elementi scenografici che hanno fatto da sfondo alla Serata di Gala, culmine di una settimana di eventi a tema. Che rapporto ha instaurato con la bellezza del Palazzo e della sua Galleria d’arte? Palazzo Doria Pamphilj è uno dei pochi palazzi antichi di Roma aperti al pubblico dove sono stati raccolti tesori inestimabili. Dunque in quanto a bellezza al Palazzo non si poteva aggiungere nient’altro. Abbiamo umilmente cercato un dialogo con l’arte, l’arte classica e con lo sfarzo degli ambienti. Quale principio è stato alla base del progetto per l’allestimento del Gala? Essendo un evento benefico, naturalmente i budjet dovevano essere ridotti al minimo per lasciare il più del ricavato alla beneficenza. Allora mi è venuto in mente che, visto che la mission di questa manifestazione era destinata ai giovani, i più colpiti dalla recrudescenza del virus, perché non coinvolgere una scuola? Così ho pensato agli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Roma. La scuola ha accettato e partecipato con grande entusiasmo. Roma | the Eternal City 109


Palazzo Doria Pamphilj is one of the most majestic palazzos in Rome 110 Roma | the Eternal City


culture interview

Galleria Doria Pamphilj; at center: Caravaggio, the Rest on the Flight into Egypt What was your role with the students? Come ha interagito con gli studenti? I gave them input, starting with an idea of bright, lively colours Ho dato loro degli input partendo da un’idea di colori accesi like the ones in the Anlaids logo, and I invited them to create an e vivaci come quelli del logo di Anlaids e li ho invitati a realizoriginal centrepiece, site-specific contemporary art installations zare un centro tavola originale. Installazioni d’arte contempodesigned and created by a group of students for every table at ranea site specific progettate e realizzate da gruppi di studenti the Gala Dinner. I preferred not to intervene directly with their per ogni tavolo allestito per la Cena di Gala. Ho preferito non choices, coming in only at the end to harmonize everything with intervenire direttamente sulle scelte dei ragazzi, lavorando my final set-up, so my interventions were rather indirect so I solo alla fine per armonizzare il tutto con il mio allestimento wouldn’t drown out their contributions. finale. I miei interventi sono stati volutamente indiretti per The base idea? non soverchiare il loro prezioso contributo. We played with contrasts, jumping nearly three centuries: from L’idea di fondo? the 16th/17th centuries to the present day, art that’s not at all Abbiamo giocato sui contrasti, saltando quasi tre secoli: dal present in the gallery but which really amused Seicento/ Settecento al Contemporaneo, arte the mentor of this event, Prince Jonathan Doria che non è rappresentata per niente nella GallePamphilj (part of Anlaids Lazio since 2009 and ria, ma che ha molto divertito il mentore di quecurrently serving as treasurer, editor’s note), who sta iniziativa, il principe Jonathan Doria Pamphilj (entrato nel Direttivo Anlaids Lazio nel supported the idea right from the get go. With what spirit did you accept this collabora“I humbly 2009, attualmente riveste la carica di tesoriere, tion? che ha sostenuto fin da subito questa idea. sought a ndr.) Con quale spirito ha accettato questa collaboThanks to my grandchildren and across-the-board dialogue with razione? work – I often work with young artists, light designers and scenographers – I realized the serious art, classical Grazie ai miei nipoti e al mio lavoro così trasvernegligence, especially of those under 30, in awareart, and the sale - ho spesso a che fare con giovani artisti, ness of the grave problems tied to AIDS. This negdesigner e scenografi -, mi sono accorsplendour of light ative phenomenon has long worried me. They’re to della negligenza, specie negli under 30, nel the setting” prendere coscienza dei gravi problemi legati the future of our art, design, culture. This is the reason I accepted this collaboration, and with a great sense of all’Aids. Questo fenomeno negativo mi preoccupa molto da responsibility, to whose origin there is the invitation of Paolo tempo. Ecco il motivo per il quale ho accettato con un grande Passerini who, thanks to his innumerable contacts, has given fur- senso di responsabilità questa collaborazione, alla cui origine ther help to the success of this event. I am part of a generation c’è l’invito di Paolo Passerini che grazie ai suoi innumerevoli that acts as a bridge with the 80s, years during which this scourge contatti ha dato ulteriori aiuti alla riuscita di questo evento. turned out to be. I’m part of a generation that remembers the Faccio parte di una generazione che fa da ponte con gli anni 1980s, the years that this disease came to light. I, like several ’80, anni durante i quali questa piaga si è rivelata. Io, come others, have lost many friends. It was incurable in those years. molti altri del resto, ho perso tanti amici. In quel periodo non Now it is and it’s probably for this reason that its handled with era curabile. Adesso lo è, ed è forse per questa ragione che such unjust levity. oggi viene affrontata con tanta ingiustificata leggerezza. How amenable were the hosts? Che disponibilità ha trovato da parte della proprietà? Jonathan Doria Pamphilj considers himself a “custodian” of this Jonathan Doria Pamphilj si considera un ‘custode’ di questo incredible place and its history, and at the same time is a stead- luogo incredibile e della sua storia. E’ anche un tenace sofast supporter of the Anlaids cause. Highly motivated by this stenitore della causa Anlaids. Sicuramente ben motivato da mission, when interacting with me and the students he showed questa mission ha interagito con me e gli studenti rivelandosi himself to be an excellent host, both open and accommodating. un eccellente padrone di casa, aperto e disponibile. Roma | the Eternal City 111


The art work created by Orietta aaaaaaaa Berti 112 Roma | the Eternal City


charity interview

The whole truth TUTTA LA VERITÀ text Virginia Mammoli

The words of Massimo Ghenzer, regional president of Anlaids, the National Association for the Fight Against Aids Le parole di Massimo Ghenzer, presidente regionale di Anlaids, Associazione Nazionale per la Lotta contro l’Aids There are many things people would rather turn the other cheek on than think about. Often too tired or overwhelmed by other worries, we’d prefer to think about where to go on vacation or what new thing to buy in some boutique. Fortunately, there are organizations that with hard work and effort, as well as optimism and energy, can bring forth activities that are essential for safeguarding not just ourselves but also those around us. Amongst these there’s undoubtedly Anlaids, the first Italian association created for fighting the spread of HIV and AIDS. We spoke with Massimo Ghenzer, president of Anlaids Lazio, which this year celebrates the 30th anniversary of its foundation, and which on June 14 returned to the stunning rooms of Palazzo Doria Pamphilj for its annual gala dinner, this year titled Arte & Aids. The benefit event was attended by important figures in the worlds of theatre and sports, like Alessandro Preziosi, Patty Pravo, Filippo Magnini, Paolo Sorrentino, Vladimir Luxuria, Ferzan Ozpetek, Massimiliano and Doriana Fuksas and Nicoletta Romanoff, called upon to each create a painting that was then put on display in the Doria Pamphilj Gallery for a week. What are the main objectives of Anlaids? The objective that’s guided us for many years – I’ve been president for 15 years, half the existence of Anlaids Lazio – is correct information and prevention. For a while now, the media hasn’t dedicated the proper efforts and intensity to the subject of HIV, and information is scarce and outdated, making it difficult to understand the truth about the infection. We’re dedicated to information about prevention and assistance for those who believe they have the infection or those that genuinely do have it. And what are the tools that you use? We provide psychological assistance, not clinical, which is the job of hospitals: we offer suggestions about how to behave and who to turn to for treatments, and, very importantly, we conduct salivary tests that can give results in just a few minutes, while blood tests will take a few days, something that tends to cause a lot of anxiety.

Esistono temi davanti ai quali molti voltano la testa per guardare altrove. Spesso troppo stanchi o già pieni di preoccupazioni si preferisce pensare a dove andare in vacanze o a cosa comprarsi di nuovo in qualche boutique. Per fortuna però esistono realtà che con impegno, fatica, ma anche ottimismo e energia, portano avanti attività fondamentali per la salvaguardia di sé e del prossimo. Tra queste c’è senz’altro Anlaids, prima associazione italiana nata per la lotta contro la diffusione del virus Hiv e dell’Aids. Abbiamo parlato con Massimo Ghenzer, presidente di Anlaids Lazio, che quest’anno celebra i trent’anni dalla fondazione e che il 14 giugno è tornata nelle meravigliose sale di Palazzo Doria Pamphilj con la sua annuale cena di gala, quest’anno dal titolo Arte & Aids. Un’iniziativa benefica a cui hanno partecipato, personaggi noti dello spettacolo e del mondo dello sport - tra i quali Alessandro Preziosi, Patty Pravo, Filippo Magnini, Paolo Sorrentino, Vladimir Luxuria, Ferzan Ozpetek, Massimiliano e Doriana Fuksas e Nicoletta Romanoff - chiamati a realizzare un dipinto che è stato esposto nella Galleria Doria Pamphilj per una settimana. Quali sono gli scopi di Anlaids? L’obiettivo che ci guida da tanti anni - io sono il presidente da 15 anni, quindi la metà della vita di Anlaids Lazio - è quello della giusta informazione e della prevenzione. Da tempo i mass media non si occupano più con il dovuto impegno e la dovuta intensità dell’argomento dell’Hiv, le informazioni sono poche e scadenti, non si riesce a far capire la verità assoluta sulla infezione. Noi quindi ci dedichiamo all’informazioni per la prevenzione e all’assistenza di colore che credono di avere l’infezione e che realmente hanno l’infezione. E quali sono gli strumenti che adottate? La nostra è un’assistenza psicologica, non clinica, quella è compito degli ospedali: diamo dei suggerimenti su come comportarsi, a chi rivolgersi per le cure, e poi, cosa molto importante, facciamo il test salivare, che consente di avere il risultato in pochi minuti, mentre con il test del sangue occorre Roma | the Eternal City 113


Above: the art work by Riccardo Rossi Below: the contribution by Filippo Magnini 114 Roma | the Eternal City

aaaaaaaa


charity interview

Massimo Ghenzer during the press conference to present the event, Jonhatan Doria Pamphilj with Matteo Corvino and the actor Alessandro Preziosi The salivary test is 100% reliable if it’s negative, and if it’s positive, it’s best to get further testing done, but greater accessibility needs to be provided for those who don’t get checks done whilst engaging in risky sexual encounters, which is an ever-increasing number of people. We do the tests at our offices in via Giolitti, in collaboration with the Ospedale Spallanzani, a highly-regarded centre for infectious diseases. We also work with managing parenthood: an adequately-supported couple with HIV or AIDS can procreate without the fetus being affected by the virus. What’s the most difficult message to get across? Many believe that HIV is curable and that there’s even a vaccine. This isn’t the case, it’s fake news. A path to a vaccine hasn’t even been identified. There are increasingly sophisticated medications, but they tend to make the disease chronic, not cure it, and it greatly lowers the organism’s immune system. The truth is a hard thing to bear, but it’s important to be knowledgeable in order to act properly. And what about information amongst the younger generations? Progetto Scuole is the heart of our association. Every year, we meet with around 15,000 kids and we explain to them the right behaviours for not contracting the disease. At the end of the school year, with the idea of peer education, the kids participate in a competition between the various schools with a theatrical performance about what they’ve learned. I think the best way to learn is to teach, and when doing so, we can have a profound impact, providing important results. Tell us about the annual event that you organize at Palazzo Doria Pamphilj. It’s one of our fundraising initiatives, perhaps the most important. The administrative costs are fairly contained: 70% of the takings go towards our projects, while the remaining 30% are dedicated to management. It’s all verifiable since we have a legal representative and the balance has a public value. Many important people, friends I’d call them, collaborated with Arte & Aids. There are also the people that I’ve worked side-by-side with for years, like Patrizia Ferri, who left behind her career as an exceptional criminal defense lawyer and for the past 15 years has dedicated her heart and soul to the association, Prince Jonathan Doria Pamphilj, our treasurer, who with his immensely large network provides an essential contribution, and professor Pasquale Narciso, the former head physician at the Ospedale Spallanzani, who in addition to being the Vice-President also provides professional expertise.

aspettare dei giorni, fattore che crea uno stato d’ansia enorme. Il test salivare è attendibile al 100% se è negativo, se è positivo occorre fare degli accertamenti, ma la sua maggiore accessibilità va a lavorare sul numero, sempre troppo alto, di persone che pur avendo avuto rapporti a rischio non fanno un controllo. Lo facciamo nella nostra sede in via Giolitti, in collaborazione con l’Ospedale Spallanzani, centro di eccellenza per quanto riguarda le malattie infettive. Ci impegniamo poi anche in funzione della gestione della genitorialità: adeguatamente assistita una coppia con l’Hiv, o con l’Aids già conclamato, può procreare senza che il feto sia affetto dal virus. Qual è il messaggio più difficile da far passare? Molti credono che sia possibile guarire dall’Hiv e che esista addirittura un vaccino. Ma non è così, è una fake news, non è stato nemmeno individuato un percorso per arrivare a un vaccino, esistono dei farmaci sempre più sofisticati, ma tendono a cronicizzare la malattia, non a guarirla, e abbassano molto le difese immunitarie dell’organismo. È la dura realtà. Per quanto riguarda l’informazione tra i più giovani? Il Progetto Scuole è il cuore della nostra associazione. Ogni anno ci relazioniamo con circa quindicimila ragazzi e gli spieghiamo quali sono i comportamenti giusti per non contrarre l’infezione, poi, alla fine dell’anno scolastico, in base al principio della peer education, i ragazzi stessi partecipano a un concorso tra le varie scuole, con una rappresentazione teatrale che trasmette ciò che hanno appreso. Ci racconti dell’evento annuale che organizzate a Palazzo Doria Pamphilj. È una delle iniziative, forse la più importante, che realizziamo per raccogliere fondi. Abbiamo una struttura molto leggera come costi amministrativi: il 70% degli introiti li dedichiamo ai nostri progetti, solo il restante 30% va alla gestione. E tutto è verificabile, dato che abbiamo una personalità giuridica e il bilancio ha quindi valore pubblico. In occasione di Arte & Aids hanno collaborato molti volti noti, amici direi. Ci sono poi però le persone con cui lavoro fianco a fianco da anni, come Patrizia Ferri, che pur avendo grandi doti come avvocato penalista, ha lasciato quell’attività e da circa 15 anni si dedica anima e corpo all’associazione; il Principe Jonathan Doria Pamphilj, nostro tesoriere, che con il suo network estremamente esteso dà un contributo fondamentale e il professor Pasquale Narciso, ex primario dell’Ospedale Spallanzani, che oltre a essere il vicepresidente è anche la nostra garanzia scientifica. Roma | the Eternal City 115


Magnificent connections MAGNIFICI LEGAMI

text Veronica Sgaravatti photo Valentina Stefanelli


Above: Cestio Bridge Below: Fabricio Bridge 118 Roma | the Eternal City


bridges itineraries

Fabricio Bridge and, at the center, Cestio Bridge

One of the things that best describes Rome is the Tiber river, which flows through the whole city and represents the capital’s heart and soul. Walking along the river’s banks provides a lesser-seen and lesser-known view of Rome, far from the busy streets and crowds, and the chance to discover unique corners and sights. The Tiber’s cycle path is the best way to get a breathtaking view of Rome’s many bridges from below and a glimpse into the city’s history from a new perspective. The first bridges were built with wood in order to destroy them to hold back invaders. The Romans began building stone bridges only when they grew confident of their supremacy at home and were sure that no enemy would attempt to use the bridges to gain access to the city. Many ancient Roman bridges no longer exist, while others were built in recent times to meet the modern needs of a contemporary city. Here is our list of the top ten bridges from the Tiber Island to northern Rome. Fabricio Bridge Rome’s oldest bridge was supposed to be the Sublicio, which no longer exists and was probably located just downstream the Tiber Island. The bridge that today leads from the Tiber Island to the Ghetto is the Fabricio Bridge, named after the man who had it built, Lucio Fabricio, in 62 B.C. The Fabricio Bridge features many inscriptions. The bridge’s flooring is made of travertine, while the foundations were built with tuff and bricks. The bridge is also known as the four-headed bridge because of a monument with four heads and one body set in a block of marble, which probably represents the four architects who restored the bridge in the days of the Popes’ reign and were punished with death because of their incessant arguing over the project. Cestio Bridge The Cestio Brdige connects the other bank of the Tiber Island to the Trastevere area. It dates back to the ancient Roman days and was probably built by

Una delle cose che più caratterizza Roma è il fiume Tevere che attraversa tutta la città e rappresenta l’anima e il cuore della Capitale. Fare una camminata lungo l’argine del fiume dà modo di conoscere una Roma un po’ nascosta e defilata, meno caotica rispetto a quella percorsa dalle macchine, che lascia scorgere angoli e prospettive uniche. Un itinerario lungo la pista ciclabile del Tevere è il modo migliore per ammirare da sotto i numerosi ponti di Roma che solcano il biondo Tevere e apprezzare la storia della città da un altro punto di vista. I primi ponti furono costruiti in legno per poter essere distrutti in caso di attacco nemico e solo quando i Romani si sentirono sicuri del loro potere, iniziarono a costruire i ponti di pietra. Infatti, prima di quel momento, per ragioni difensive, non si era ritenuto conveniente costruire ponti che potevano essere utilizzati dal nemico per entrare in città. Oggi molti degli antichi ponti romani non esistono più, mentre altri sono stati creati per le moderne esigenze della città contemporanea. Abbiamo selezionato i dieci più belli partendo dall’Isola Tiberina per arrivare a Roma nord. Ponte Fabricio Il ponte più antico di Roma sembra essere stato il Sublicio - oggi scomparso - che doveva trovarsi poco più a valle dell’Isola Tiberina. Quello invece oggi in uso tra l’Isola Tiberina e il Ghetto è il Ponte Fabricio, il cui nome si deve al costruttore, Lucio Fabricio, che lo fece realizzare nel 62 a.C. Il ponte Fabricio è caratterizzato da moltissime incisioni sul suo percorso. La pavimentazione del ponte è di travertino, mentre le fondamenta sono di tufo e di mattoni. Il ponte è chiamato anche Ponte dei 4 capi per la presenza di un monumento con quattro teste e un unico corpo, incastonato in un blocco di marmo, che probabilmente rappresenta i quattro architetti che restaurarono il ponte al tempo dei Papi, puniti con la morte per le loro continue liti sul progetto. Ponte Cestio Per collegare invece l’altra sponda dell’Isola Tiberina con Trastevere, c’è il Ponte Cestio, anch’esso di epoca romana, costruito probabilmente da Caio Cestio, lo Roma | the Eternal City 119


Cestio Bridge 120 Roma | the Eternal City


Roma | the Eternal City 121


Broken Bridge

Caio Cestio, the illustrious figure who afforded him- stesso illustre personaggio che fece erigere come sua self the luxury of the famous pyramid as his tomb in personale tomba la famosa piramide di Roma. Ponte Rotto e Ponte all’Inglese Rome. Poco più a sud dell’isola Tiberina c’è il Ponte Rotto, ciò Broken Bridge and English Bridge Off the southern tip of the Tiber Island stands the che resta dell’antico Ponte Emilio, anch’esso uno dei Broken Bridge, which is what remains of the ancient più antichi di Roma, poiché risale addirittura al III secolo a.C. Dopo numerosi rifacimenti e restauri, fu abEmilio Bridge, one of Rome’s oldest, datbandonato in seguito alla grande alluvione ing back to the 3rd century B.C. It was redel 1598, che demolì tre arcate e oggi si built many times before the big 1598 flood, vede solo una piccola parte del ponte un which destroyed three arches. Today, only po’ abbandonato con piante che lo sovraa small part of it is still visible and covRome’s stano e che ad occhio distratto potrebbe ered with plants that make it look like a anche sembrare solo un arco. A fine Otsmall, one-arch bridge. In the late 1800s, bridges: an tocento, quando furono costruiti gli argini when the Tiber’s banks were built, a new alternative del Tevere, fu realizzato un nuovo ponte, il bridge was made, the Palatino Bridge, also tour of the Ponte Palatino, detto anche Ponte all’Ingleknown as the English Bridge, because of city far se per via del traffico delle macchine, che the left-hand traffic flow that applies on from the in questo ponte è stato invertito secondo it, just as in the United Kingdom. traffic and l’usanza anglosassone. Sisto Bridge Ponte Sisto This bridge was built in place of an an- commotion Questo ponte fu costruito al posto di un cient Roman bridge in the late 1400s and was named after Pope Sisto IV della Rovere who ponte di epoca romana verso la fine del 1400 e fu così commissioned it, the same Pope who had the Sistine chiamato dal nome del papa committente Sisto IV della Chapel built in the Vatican Palace. This pedestrian Rovere, lo stesso che commissionò la cappella Sistina in bridge connects the downtown street Via Giulia to the Vaticano. Il ponte pedonale, collega la centralissima via Giulia con la zona di Trastevere. Trastevere area. Ponte di Castel Sant’Angelo Castel Sant’Angelo Bridge One of Rome’s most famous sights is the Sant’Angelo Uno dei luoghi più famosi di Roma è senz’altro Ponte 122 Roma | the Eternal City


Sisto Bridge Roma | the Eternal City 123


Castel Sant’Angelo Bridge 124 Roma | the Eternal City


Castel Sant’Angelo Bridge

bridge, which connects the Piazza Navona area to the Sant’Angelo, che collega la zona intorno piazza Navona Castle. Of ancient Roman origin, it was built in 134 al Castello. A.C. by Emperor Hadrian to connect the city center Di epoca romana, fu costruito nel 134, dall’imperatore to his imposing mausoleum. Adriano nel II secolo per collegare la città al suo impoThe bridge underwent many changes over the centu- nente mausoleo e subì varie trasformazioni nei secoli ries according to the use that was made of the Castle. successivi a seconda dell’utilizzo che aveva il Castello When the Castle served as a prison, the bridge was stesso. Quando nel Castello vi era una prigione, il used to expose the bodies of the prisoners executed and when the Castle was conCastel ponte veniva usato per esporre i corpi dei verted into a luxurious papal residence, Sant’Angelo condannati a morte, mentre quando il Cathe bridge was renovated in the 1600s by divenne una lussuosa residenza paBridge was stello adding the famous angels holding the inpale, il ponte fu rinnovato con l’aggiunta, struments of the Passion. In 1669, even built in 134 A.C. nel Seicento, dei famosi angeli che recano by Emperor tra le mani i segni della passione di Cristo. Bernini sculpted some of the statues of angels placed along the bridge, which is Hadrian to Nel 1669, anche il Bernini scolpì alcune why the bridge is now one of Rome’s most statue di angeli per collocarle lungo il connect the delle photographed attractions. ponte e per questo motivo è diventata una city center to delle cartoline più suggestive di Roma. Milvio Bridge his imposing Ponte Milvio
 It is the Roman bridge that now symbolizes love because of the couples that attach mausoleum È il ponte di Roma divenuto il simbolo per padlocks to it as a token of their affection tutti gli innamorati di Roma che “allucchetfor each other. It was built to link the Via Flaminia, tano” il ponte per sigillare il loro amore. which was separated by the Tiber river, and was called Fu costruito per unire la Via Flaminia altrimenti divisa Ponte Mollo (Wet Bridge) by the ancient Romans, be- dal Tevere e chiamato dai romani “Ponte Mollo”, perchè cause during the Tiber’s floods, it was the first bridge durante le piene del Tevere era il primo ad essere somto be filled with water. It was built in 110 B.C and orig- merso dalle acque, fu edificato inizialmente in legno nel inally made of wood but, in 1805, Valadier restored it 110 a.C, e nel 1805 Valadier si occupò del suo restauro, and added two arches at the end of the bridge. costruendo due arcate all’estremità del ponte. Roma | the Eternal City 125


Risorgimento Bridge

Risorgimento Bridge Ponte Risorgimento The Risorgimento Bridge connects Piazzale delle Ponte Risorgimento collega piazzale delle Belle Arti a Belle Arti and Piazza Monte Grappa and it was the piazza Monte Grappa ed è una delle prime opere in cefirst bridge in Italy to be made in reinforced concrete. mento armato eseguita in Italia. The construction of the bridge was considered to be a La sua costruzione ebbe un risalto internazionale per very risky venture at the time. la sua arditezza: infatti quando fu costruito, tra il 1909 In fact, when it was built, between 1909 and 1911, it e il 1911, rappresentava la più ampia costruzione mai represented the world’s largest structure realizzata al mondo con questa tecnologia, ever made by using this material and con un’unica arcata di oltre 100 metri di technology, with an over 100-meter-long Milvio Bridge lunghezza. single arch. The bridge was built to celecostruito per celebrare i 50 anni dell’Isymbolizes Fu brate the 50th anniversary of Italian unifitalia Unita, come recita l’iscrizione riportalove because ta su un lato. cation, as shown by an inscription on the of the couples Ponte della Musica side of the bridge. Music Bridge that attach Il ponte Armando Trovajoli è uno degli ulThe Armando Trovajoli bridge is one of ponti ad essere stato realizzato in città: padlocks to it timi the last bridges built in Rome: it was inaufu infatti inaugurato nel 2011. Il suo moderas a token of nissimo design in acciaio e cemento armato gurated in 2011. The very modern design in steel and reinforced concrete gives the their affection conferisce all’opera una straordinaria legbridge an extraordinarily light appearfor each other gerezza, accentuata dal sottofondo musicale ance, which is highlighted by the sound che si può udire passeggiandoci sopra, vista of the music playing in the background that can be la vicinanza con l’Auditorium Parco della Musica, reaheard from the nearby Auditorium Parco della Musi- lizzato da Renzo Piano. ca, designed by Renzo Piano. The Music Bridge is ac- Per percorrere il Ponte della Musica è necessario arricessed from the heart of the Flaminio neighborhood, vare nel cuore del quartiere Flaminio ed essere a pieeither on foot or by bicycle. The bridge is dedicated to di o in bicicletta. Venne dedicato al maestro Armando Maestro Armando Trovajoli, the famous Italian pianist Trovajoli pianista e direttore d’orchestra simbolo della musica italiana. and conductor. 126 Roma | the Eternal City


food itinerary

Milvio Bridge Roma | the Eternal City 127


Flaminio Bridge 128 Roma | the Eternal City


food itinerary

Music Bridge

Flaminio Bridge Ponte Flaminio The Flaminio Bridge- better known for the street that Ponte Flaminio, noto per la strada che lo percorre come runs along it, Corso Francia- was built during the fascist Corso Francia è stato costruito durante il periodo fasciera and designed by Brasini. The sculptor’s first design sta e pensato da Brasini; lo scultore pensò inizialmente a included triumphal arches but Mussolini, who was su- degli archi trionfali, ma Mussolini che fece da supervisore pervising the project, changed it. The Flaminio is a five- modificò il progetto iniziale. Il Ponte Flaminio si distribuarch bridge spanning nearly 260 meters, made of con- isce su cinque arcate, occupando una lunghezza di quasi 260 metri, fatto di calcestruzzo con un rivesticrete and covered with travertine, which gives it a pure white appearance. The sidemento di travertino, che lo rende di un colore walk that runs along both sides of the bridge Music Bridge bianco candido. Il marciapiede che si pone su features cylindrical columns adorned with i lati del ponte ha delle colonne ciis dedicated entrambi lindriche, sulle quali sono poste delle statue, statues, eagles and streetlamps. The bridge to Maestro con aquile e lampioni. Oggi fa da sfondo a is often used as a backdrop in Roman film Armando molte scene di film romani ed è un luogo che scenes and is known among teenagers for the graffiti found on it. Trovajoli, si è fatto conoscere dagli adolescenti per le che vengono riportate su di esso. Ostiense Bridge the famous scritte Ponte Ostiense The Ostiense Bridge is dedicated to SetItalian Ponte Ostiense o Ponte Settimia Spizzichitimia Spizzichini, the only female survivor pianist and ni, in memoria dell’unica sopravvissuta fra le among the Roman Jews deported to Auschwitz. It was inaugurated in 2011 and is conductor donne del ghetto di Roma deportate ad Auschwitz, è stato inaugurato nel 2011 e si trova located in the Ostiense neighborhood. Unlike the above-mentioned bridges, the Ostiense does nella zona Ostiense. Non è un ponte sul Tevere come i prenot span the Tiber because it is a railway bridge. A com- cedenti bensì un cavalcavia sopra la ferrovia. Un complicaplex play of arches, beams and steel-wire ropes make the to gioco di archi, travi e funi d’acciaio lo rendono davvero bridge truly unique of its kind. The white bridge, as it unico nel suo genere. Questo ponte bianco –profanamenis commonly known, stands out in the heart of Rome’s te chiamato - che si staglia nel cuore della ex periferia informer industrial outskirts and is lit by night by LED dustriale di Roma, di notte è illuminato da luci a led che lo colorano continuamente di colori sempre diversi. lights in different colors. Roma | the Eternal City 129


Two rooms gave rise to this majestic 77-square-meter suite 130 Roma | the Eternal City


hospitality events

Harmonies of intent ARMONIE D’INTENTI text Virginia Mammoli The new Valadier Suite at the Hotel de Russie and the Rocco Forte Hotels vision La nuova Suite Valadier dell’Hotel de Russie e la visione Rocco Forte Hotels

Staying at the Hotel de Russie does not just mean being in Soggiornare all’Hotel de Russie non significa solo essere nel the very heart of Italy’s capital city and enjoying exclusive cuore pulsante della Capitale e godere di servizi esclusivi. Siservices. It also means living in a gem of Italian architec- gnifica anche vivere dall’interno un gioiello dell’architettura ture designed by one of the most distinguished names of italiana su cui ha lavorato uno dei nomi più illustri del periothe neoclassical period, Giuseppe Valadier, who also de- do neoclassico, Giuseppe Valadier, lo stesso che ha progettasigned the nearby Piazza del Popolo, one of the most fa- to la vicina piazza del Popolo, tra le più celebri di Roma. È a mous squares in Rome. It is to this architect that the won- lui che è dedicata la meravigliosa Suite Valadier, che è stata derful Valadier Suite is dedicated, which has been created creata e ha aperto le sue porte dando un’ulteriore riprova and opened its doors giving further proof of the taste and del gusto e della consapevolezza con cui Olga Polizzi, Didiscernment with which Olga Polizzi, Director of Design rector of Design della Rocco Forte Hotels, ha portato avanti la ristrutturazione che ambiente dopo amfor Rocco Forte Hotels, conducted the refurbiente ha coinvolto il prestigioso hotel. “Come bishment that, room after room, interested the nel caso dell’Hotel Savoy di Firenze, riaperto prestigious hotel. “Extremely lo scorso aprile completamente rinnovato - ci “As in the case of the Hotel Savoy in Florence, comfortable spiega Anna Gricini, Regional Director of Sawhich reopened last April after a complete les & Marketing degli alberghi italiani Rocco renovation - explains Anna Gricini, Regional spaces where Forte - il lavoro all’Hotel de Russie ha avuto Director of Sales and Marketing for the Roc- guests feel come obiettivo principale quello dell’ampliaco Forte hotels in Italy - the intervention at enveloped mento degli spazi.” Sono due infatti le camere the Hotel de Russie had as its main objective in a harmony dalle quali ha preso vita questa maestosa suite the enlargement of the spaces.” In fact, two di 77 metri quadrati situata al quinto piano rooms gave rise to this majestic 77-square-me- of design that dell’albergo, con vista spettacolare sul Giarter suite located on the fifth floor of the hotel, combines dino Segreto, polmone verde dell’hotel, e sul with a spectacular view of the Secret Garden, tradition Pincio, ben visibili da tre ampie finestre che the hotel’s green lung, and of the Pincio, cleardonano una splendida luminosità. “Le carattely visible from three large windows that offer a and modernity” splendid brightness. “These characteristics are in line with ristiche sono in linea con quelle delle altre suite ristrutturate those of the other renovated suites - continues Anna Grici- - continua Anna Gricini - e riflettono la profonda evoluzione ni - and reflect the profound evolution of Mrs Polizzi’s style, dello stile della Signora Polizzi, caratterizzato da una ricercharacterized by a very specific and particular research of ca molto definita e particolare di ogni singolo elemento: dal each single element: from the wooden table that is a one- tavolo in legno che è un pezzo unico, ai vari tessuti, i colori. of-a-kind piece, to the various fabrics, to the colors. In this La Signora Polizzi ha saputo così creare spazi estremamente way, Mrs Polizzi has been able to create extremely comfort- confortevoli in cui l’ospite si sente avvolto in un’armonia able spaces where guests feel enveloped in a harmony of di design che unisce tradizione e contemporaneità.” La lidesign that combines tradition and modernity.” The living ving room ospita comodamente sei persone, che possono Roma | the Eternal City 131


The suite, located on the fifth floor of the hotel, has a spectacular view of the Secret Garden room comfortably seats six people, who can choose between scegliere tra eleganti poltrone e il divano firmato Meridiani elegant armchairs and the Meridiani sofa embellished by arricchito dai cuscini della collezione Sophia, di fronte uno cushions from the Sophia collection, facing one of Julian degli iconici tavolini da caffè di Julian Chichester Garcon e Chichester’s iconic Garcon coffee tables and a statue in a una statua in un stile romano classico che ribadisce il forte classic Roman style that reiterates the strong bond with the legame con la città. La raffinata camera con letto king-size e city. The refined bedroom with a king-size bed and walk- armadio walk-in conduce in un prezioso bagno in marmo in wardrobe leads into a precious white marble bathroom, bianco, dotato sia di vasca che di cabina doccia, così da soddisfare ogni preferenza. Gli ospiti della Suite with both a bathtub and a walk-in shower, so Valadier vengono inoltre coccolati dall’arrivo as to satisfy every preference. Guests of the Vaalla partenza con una serie di servizi, tra cui ladier Suite are also pampered, from arrival to il trasferimento in aeroporto, il check-in in sudeparture, with a range of services including “The intent ite e i servizi Concierge personalizzati prima e airport transfer, suite check-in and person- is create durante il vostro soggiorno e la possibilità di alized concierge services before and during a sort of scegliere una delle esperienze del programma their stay, as well as the possibility to choose Avenue of Style, realizzato in collaborazione con one of the experiences of the Avenue of Style Grand Tour program, created in collaboration with eleven among these undici top brand italiani. “La Rocco Forte Hotels nell’ultimo periodo sta top Italian brands. structures investendo molto sui suoi alberghi, in partico“The Rocco Forte Hotels has been investing a in the lare per quanto riguarda l’Italia - conclude la lot in its hotels, especially in Italy, - concludes direttrice Sales & Marketing - Nella primavera the Director of Sales and Marketing - and in name of del 2019 andremo addirittura ad ampliare la the spring of 2019 we will even expand the excellence” collezione con lo splendido Hotel de La Ville, collection with the splendid Hotel de La Ville, always in Rome. Then there has been the refurbishing of sempre a Roma. the Savoy and the creation of new villas at the Verdura Re- C’è stata poi la ristrutturazione del Savoy e la creazione di sort in Sicily. The intent is to enhance this purely Italian nuove ville al Verdura Resort in Sicilia. L’intento è quello experience and to create a sort of Grand Tour among these di valorizzare l’esperienza puramente italiana e creare una structures in the name of excellence. This is one of the rea- sorta di Grand Tour tra queste strutture all’insegna dell’ecsons why for this last year I have also been the Director of cellenza. È uno dei motivi per cui da un anno sono DirettriSales and Marketing for the Verdura Resort, so as to create ce Sales & Marketing anche del Verdura Resort, così da creare un coordinamento ancora più sinergico tra gli alberghi.” an even more synergic coordination between the hotels.” 132 Roma | the Eternal City


Above: the refined bedroom Below: the living room


cover story

Fattoria Le Mortelle, in the heart of the Tuscan Maremma, a few kilometers from Castiglion della Pescaia. Throughout the summer the estate, an Antinori property, comes alive with summer aaaa events 134 Roma | the Eternal City


wine itineraries

In the heart of the Maremma NEL CUORE DELLA MAREMMA text Teresa Favi A summer of events at the Fattoria Le Mortelle, immersed in a dreamlike landscape Un’estate di eventi alla Fattoria Le Mortelle immersi in un paesaggio da sogno

In the heart of the Maremma, just a few kilometres from Castiglione della Pescaia, sits a gem of winemaking, the Fattoria Le Mortelle, property of theAntinori family boasting an extraordinary location for both the nature and the history of the places that surrounds it: 270 hectares, including 170 of vineyards that produce wines that are distinctly tied to this strong yet elegant territory, including Poggio alle Nane (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc and a small amount of Carménère), characterized by an aromatic complexity and elegant tannins, Vivia (Vermentino, Viognier and Ansonica), a mineral white with a citrusy aftertaste, and Botrosecco (Cabernet Sauvignon and Cabernet Franc), a captivating, decisive and highly-balanced drink. A lake and an evocative natural oasis, Diaccia Botrona, are also part of the estate, populated by ducks, coots and many other varieties of birds. Le Mortelle is home to an avant-garde cellar: a cylindrical underground structure supported by radial columns that make for a true pool of light, with a ceiling covered in plants. To ensure low energy consumption, lamellar openings were designed to allow as much natural lighting as possible, as well as the use of the rock face’s exudation to humidify the cellar. Designed to have as low an environmental impact as possible, its architectural appeal makes it one of the most visited wine cellars in Tuscany. Summer events are held all throughout the Le Mortelle estate. Here are a few: Excellence from the Earth, a tasting of wines paired with local dishes, served against a backdrop of live music and the evocative garden (Saturday, July 7 and 14); Dinner Under the Stars, two special evenings with a great Italian chef from the Jeunes Restaurateurs d’Europe (Friday, July 20, Saturday, July 21, Friday, August 10 and Saturday, August 11); Wine Tasting at Sunset, an aperitivo in the garden with live music (August 4); and the final event on August 31: Cooks in Harvest, an exclusive dinner served with the cellar’s wines and accompanied by live entertainment in celebration of the start of the 2018 harvest.

Nel cuore della Maremma, a pochi chilometri da Castiglione della Pescaia, c’è un gioiello dell’enologia. E’ la Fattoria Le Mortelle, di proprietà della famiglia Antinori, situata in una posizione straordinaria sia per la natura che per la storia dei luoghi che la circondano: 270 ettari di cui 170 piantati a vigneto dove si producono vini dal carattere spiccatamente legati a questo territorio forte ed elegante al tempo stesso. Poggio alle Nane (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e una piccola quota di Carménère) grande complessità aromatica ed elegante trama tannica, Vivia (Vermentino, Viognier e Ansonica) un bianco minerale con retrogusto agrumato di scorza di cedro, e Botrosecco (Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc) intrigante, deciso e di grande equilibrio. Fanno parte di questa affascinante tenuta anche un lago e una suggestiva oasi naturale chiamata Diaccia Botrona, popolati da anatre, folaghe e molte altre varietà di uccelli. Le Mortelle possiede una  cantina all’avanguardia: una struttura ipogea a forma cilindrica sostenuta da pilastri radiali che ne fa un vero e proprio pozzo di luce, con il tetto ricoperto di piante. In funzione del risparmio energetico sono state progettate le aperture lamellari che consentono un’illuminazione il più naturale possibile e l’utilizzo della trasudazione delle rocce per umidificare la barriccaia. Pensata fin dalle origine per ridurre al minimo l’impatto ambientale, il suo appeal architettonico la inserisce di diritto nel circuito delle cantine d’autore più visitate in Toscana. Per tutta l’estate Le Mortelle si anima di eventi estivi. Ve ne segnaliamo alcuni. Eccellenze della Terra, degustazione di vini abbinati a piatti del territorio accompagnati da musica dal vivo nel suggestivo giardino della tenuta (sabato 7 e 14 luglio); Cena sotto le stelle, due serate speciali con un grande chef italiano dei Jeunes Restaurateurs d’Europe (venerdì 20 e sabato 21 luglio, venerdì 10 e sabato 11 agosto); Calici al tramonto, aperitivo in giardino con musica dal vivo (4 agosto) e l’ultimo appuntamento del 31 agosto: Cuoche in vendemmia una cena esclusiva accompagnata dai vini de Le Mortelle e intrattenimento dal vivo per celebrare l’inizio della vendemmia 2018. Roma | the Eternal City 135


Cacio e Pepe is a dish that bears all the elements of traditional Roman povera cuisine and it’s found in many varieties


food itineraries

Spicy and creamy PICCANTE E CREMOSO text Gabrielle Bolzoni

Where to try the best Cacio e Pepe in the city

Dove gustare la migliore Cacio e Pepe in città

You can’t say you know Rome without having first tasted Cacio e Pepe; it would be like visiting the capital and forgetting the Colosseum! A dish that bears all the elements of traditional Roman povera cuisine, it’s found in many varieties (spaghetti, tonnarelli and rigatoni) and is subject to many surprising interpretations. As you’ll recall, Rome’s first restaurateurs came from families of shepherds from the mountains in Abruzzo in central Italy. During transhumance, the shepherds, being away for a long time, brought with them in their saddlebags high-calorie foods that kept for lengthy periods, like dry, hand-made pasta, pepper and aged sheep’s cheese, to make the distance from home less painful. This dish was later transformed in Roman restaurants from something modest into a typical and refined recipe of tradition. Legend says that innkeepers served it really dry so clients would have to accompany it with wine and they could earn more! The original recipe calls for just a few carefully-selected ingredients, like local aged sheep’s cheese (today a D.O.P. product), but its preparation was anything but simple. The secret to cacio e pepe, aside from the quality of the products, is in the chef’s ability to cook the ingredients until they’re sufficiently creamy without needing to use oil, butter and cream. The preparation method varies in every restaurant, but it’s mandatory to try it because, in addition to goodness, the dish conserves the working-class soul of the city and the simplicity of Romans. Since 1914, Alfredo alla Scrofa has offered simple, traditional dishes that recall the first owner, Alfredo, the king of fettuccine, and his likable theatricality, known even in America, where on February 7 they celebrate Fettuccine Alfredo Day. The cacio e pepe tonnarelli recipe has remained

Non si può credere di conoscere Roma senza avere assaggiato prima la Cacio e Pepe, sarebbe come visitare la Capitale e tralasciare il Colosseo! Piatto portante della tradizionale cucina povera romanesca è diffuso in innumerevoli varianti (spaghetti, tonnarelli e rigatoni) ed è oggetto di controverse interpretazioni. Come ricorderete, i primi ristoratori di Roma provenivano da famiglie di pastori dei monti abruzzesi nel centro Italia. Durante la transumanza i pastori, stando a lungo lontani, portavano con sé nella bisaccia cibo ad alto contenuto calorico che si conservasse a lungo, tra cui pasta secca fatta a mano, pepe e formaggio di pecora stagionato per rendere la lontananza da casa meno dolorosa. Questo primo è stato poi trasformato nei ristoranti romani da pasto frugale a piatto tipico e ricercato della tradizione. La Leggenda narra che gli osti la servissero molto secca, in modo che i clienti dovessero necessariamente accompagnarvi del vino ed aumentassero i loro guadagni! La ricetta originale richiede pochi ingredienti selezionati con cura, tra cui il pecorino romano stagionato (oggi D.O.P.), ciononostante la preparazione è tutt’altro che semplice. Il segreto della Cacio e pepe, infatti, a parte la qualità dei prodotti, sta nell’abilità del cuoco di mantecare gli ingredienti per rendere il condimento sufficientemente cremoso senza ricorrere a olio, burro e panna. Il metodo di preparazione varia in ogni trattoria, ma è d’obbligo assaggiarla, perché, oltre alla bontà, conserva l’anima popolana della città e la semplicità dei romani. Dal 1914 Alfredo alla Scrofa propone piatti semplici della tradizione, che ricordano il primo proprietario Alfredo, il re delle fettuccine, e la sua simpatica teatralità, conosciuta persino in America, dove il 7 febbraio festeggiano il Fettuccine Alfredo Day. La ricetta dei tonnarelli cacio e pepe Roma | the Eternal City 137


1

3

5 138 Roma | the Eternal City

2

4

1. LO’steria Ponte Milvio 2. Da Augusto (ph. Valentina Stefanelli) 3. Roma Sparita 4. Cacio e pepe by Alfredo alla Scrofa 5. L’Osteria del Sostegno


Alfredo alla Scrofa

unchanged for decades (via della Scrofa, 104/a - ph. +39 06 è rimasta invariata per decenni (via della Scrofa, 104/a - ph. 68806163, www.alfredoallascrofa.com). +39 06 68806163, www.alfredoallascrofa.com). Behind the Pantheon, the Osteria del Sostegno is hidden Alle spalle del Pantheon l’Osteria del Sostegno si nasconat the end of a small alley. In this intimate and cosy setting, de in fondo ad un piccolo vicolo. In un’atmosfera intima e you can taste daily the best of Rome’s repertoire, including raccolta si può assaggiare quotidianamente il meglio del rean incredible cacio e pepe (via delle Colonnelle, 5 - ph. +39 pertorio romanesco, inclusa una strepitosa cacio e pepe (via 06 6793842, www.ilsostegno.it). delle Colonnelle, 5 - ph. +39 06 6793842, www.ilsostegno.it). A short walk from via del Corso, La MatriA pochi passi da Via del Corso La Matriciacianella has been the domain of the Lo Bianco nella è da oltre vent’anni il regno dei fratelbrothers for more than 20 years. Dishes that li Lo Bianco. Piatti espressi della tradizione, The original senza cedere a mode e contaminazioni, ne express tradition, without giving in to trends and contaminations, guarantee its timeless recipe calls garantiscono l’intramontabile successo (via success (via del Leone, 4 - ph. +39 06 6832100, Leone, 4 - ph. +39 06 6832100, www.mafor just a few del www.matricianella.it). tricianella.it). carefully- LO’steria Ponte Milvio è un locale accoglienLO’steria Ponte Milvio is a welcoming and selected te ed informale con tavoli ricoperti di cartainformal place, with tables covered with straw paper and a single menu on the chalkboard, ingredients, paglia ed un unico menu su una lavagna, che recalling the spirit of the old osterie of “Ponte like local richiamano lo spirito delle vecchie osterie di Mollo”. The chef, Luca Ogliotti, chooses excelMollo”. Lo chef Luca Ogliotti sceglie aged sheep’s “Ponte lent ingredients produced exclusively in Lazio, eccellenti materie prime prodotte esclusivacheese mente nel Lazio, tra cui il pecorino della Tuincluding sheep’s cheese from Tuscia, and masterfully transforms these simple products into great dishes scia e con maestria trasforma semplici primi tipici in grandi marked by tradition (via dei Prati della Farnesina, 61 - ph. piatti della tradizione (via dei Prati della Farnesina, 61 - ph. +39 06 33218749, www.lo-steria.it). +39 06 33218749, www.lo-steria.it). In Trastevere, the restaurant Roma Sparita overlooks a calm A Trastevere il ristorante Roma Sparita affaccia su una piazza, where you can escape the traffic and racket and taste tranquilla piazza, dove rifugiarsi da traffico e chiasso, e protypical dishes from Lazio. Here, “Roman cuisine” is very pone piatti del Lazio. Qui “cucina romana” è molto più di much the watchword, a true creed, if you will. Tradition and una parola d’ordine, un vero e proprio credo. Tradizione e Roma | the Eternal City 139


food itinerary

La Matricianella (ph. Valentina Stefanelli)

passion are at the base of the cacio e pepe tagliolini, served passione sono alla base dei tagliolini cacio e pepe, serviti in in an empty shell of parmesan cheese (piazza S. Cecilia, 24 - un cestino di crosta di parmigiano (piazza S. Cecilia, 24 - ph. ph. +39 06 5800757, www.romasparita.com). +39 06 5800757, www.romasparita.com). Since 1910, the Taverna Trilussa has fully represented Dal 1910 la Taverna Trilussa rappresenta a pieno la romani“Romanness” in its most authentic and traditional form. tà più autentica e casereccia. Tra i “primi piatti de noantri”, Amongst the “noantri” first courses, the cacio e pepe reigns regnano i tonnarelli cacio e pepe fatti a mestiere, come resupreme, expertly prepared, as the menu says, and served in cita il menu, e serviti in padella per richiamare la semplicità a pan in reference to the simplicity of the Roman cuisine of della cucina romana di una volta (via del Politeama, 23/25 the past (via del Politeama, 23/25 - ph. +39 06 - ph. +39 06 5818918, www.tavernatrilussa.it). 5818918, www.tavernatrilussa.it). The secret Da Augusto, detto Augustarello, è un passagDa Augusto, known as Augustarello, is a mandaobbligato per chi viene a Roma. Cucina to cacio gio tory stop for anyone living in Rome, boasting unromanesca ineguagliabile ed una stretta ose pepe is in servanza del calendario romanesco. Rigatoni paralleled Roman cuisine and a strict adherence the chef’s cacio e pepe da favola da gustare su tavoli apto the Roman calendar. You can try incredible cacio e pepe rigatoni seated at a table covered with ability to parecchiati con cartapaglia e la classica atmostraw paper and surrounded by the classic Trastecook the sfera trasteverina. Non è possibile prenotare vere atmosphere. They don’t accept reservations (vicolo de’ Renzi, 15 - ph. +39 06 5803798). ingredients Da (vicolo de’ Renzi, 15 - ph. +39 06 5803798). Felice a Testaccio è dal 1936 un’istituuntil they’re zione della cucina romana. Felice Trivelloni, Since 1936, Da Felice a Testaccio has been an sufficiently personaggio discusso ma mai banale, trasforinstitution of Roman cuisine. Felice Trivelloni, a widely-discussed but never boring figure, transcreamy mò l’osteria di suo padre in un approdo siformed his father’s restaurant into a safe bet for curo per i locali grazie alla cucina popolare. locals thanks to its working-class cuisine. Today, alongside his Oggi con il figlio Franco i piatti sono rimasti invariati e ad son Franco, the dishes have remained unchanged, and every ogni giorno della settimana corrisponde un piatto della day of the week corresponds to a different traditional dish. His tradizione. I suoi tonnarelli cacio e pepe fanno sognare cacio e pepe tonnarelli are dream-worthy even in Milan, where anche a Milano, dove è stata aperta di recente una suche recently opened a branch (via Mastro Giorgio, 29 - ph. +39 cursale (via Mastro Giorgio, 29 - ph. +39 06 5746800, www. 06 5746800, www.feliceatestaccio.it). feliceatestaccio.it). 140 Roma | the Eternal City


Above: Taverna Trilussa Below: Da Felice a Testaccio (ph. Valentina Stefanelli) Roma | the Eternal City 141


ROMA Aldovrandi Villa Borghese - Via Ulisse Aldrovandi 15 - Roma - ph +39 06 3223993 - www.aldrovandi.com Bernini Bristol - P.zza Barberini - Roma - ph +39 06 488931 - www.stregisflorence.com Boscolo Aleph - Via di San Basilio 15 - Roma - ph +39 06 422901 - www.aleph-roma.boscolohotels.com Boscolo Exedra - Piazza della Repubblica, 47 Termini Station Area - Roma - ph +39 06 489381 - www.exedra-roma.boscolohotels.com Boscolo Palace - Via Vittorio Veneto 70 - Roma - ph +39 06 478719 - www.palace-roma.boscolohotels.com De Russie - Via del Babuino, 9 - Roma - ph +39 06 3288881 - www.roccofortehotels.com Gran Hotel De La Minerve - P.zza della Minerva, 69 - Roma - ph +39 06 695201 - www.grandhoteldelaminerve.com Grand Hotel Palace Roma - Via V. Veneto, 70 - Roma - ph. +39 06 47871 - www.grandhotelpalacerome.com Grand Hotel Plaza - Via Del Corso,126 - Roma - ph +39 06 69921111 - www.grandhotelplaza.com Gran Melià - Via del Gianicolo, 3 - Roma - ph +39 06 925901 - www.melia.com Hotel Majestic - Via V.Veneto, 50 - Roma - ph +39 06 421441 - www.hotelmajestic.com Hotel Ambasciatori - Via Vittorio Veneto, 62 - Roma - ph +39 06 47493 - www.royalgroup.it Hotel Art by the spanish steps - Via Margutta 56 - Roma ph +39 06 328711 - www.hotelart.it Hotel d’Inghilterra - Via Bocca di Leone, 14 - Roma - ph +39 06 699811 - www. hoteldinghilterrarome.com Hotel Dom - Via Giulia, 131 - Roma - ph +39 06 6832144 - www.domhotelroma.com Hotel Eden - Via Ludovisi,49 - Roma - ph +39 06 478121 - www.edenroma.com Hotel Hassler - Piazza Trinita dei Monti 6 - Roma - ph +39 06 699340 - www.hotelhasslerroma.com Hotel Parco dei Principi - Via G. Frescobaldi, 5 - Roma - ph +39 06 854421 - www.parcodeiprincipi.com Hotel Raphael - Largo Febo 2 - Piazza Navona - Roma - ph +39 06 682831 - www.raphaelhotel.com Hotel San Anselmo - Piazza San Anselmo 2 - Roma - ph +39 06 570057 - www.aven-

HOTEL PARTNERS IN ROMA tinohotels.com Hotel Splendide Royal - Via Di Porta Pinciana 14 - Roma - ph +39 06 421689 - www.splendideroyal.com InterContinental de la Ville - Via Sistina 69 - Roma - ph +39 06 67331 - www.intercontinental.com JK - Via di Monte d’Oro, 30 - Roma - Roma - ph +39 06 982634  - www.jkroma.com Jumeirah Grand Hotel Via Veneto  - Via Vittorio Veneto, 155 - Roma - ph +39 06 487881 - www.jumeirah.com La Griffe Roma MGallery Collection - Via Nazionale 13 - Roma - ph +39 06 47829885 - www.lagriffeluxuryhotel.com Leon’s Place Hotel in Rome - Via XX Settembre 90/94 - Roma - ph +39 06 890871 - www.leonsplacehotel.it Lord Byron Hotel - Via Giuseppe de Notaris, 5 - Roma - ph +39 06 3220404 - www.lordbyronhotel.com Navona Palace Residenze Di Charme - Via Della Pace 36-36/a - Roma - ph +39 06 6841051 - www.navonapalace.it Palazzo Manfredi - Via Labicana,125 - Roma - ph +39 06 77591380 - www. palazzomanfredi.com Palazzo Montemartini - Largo Giovanni Montemartini 20 - Roma - ph +39 06 45661 - www. palazzomontemartini.com Portrait Roma - Lungarno Collection - Via Bocca Di Leone 23 - Roma - ph +39 06 69380742 - www.lungarnocollection.com Radisson Blu - Via Filippo Turati 171 - Roma - ph +39 06 444841 - www.radissonblu. com Regina Hotel Baglioni - Via V.Veneto, 72 - Roma - ph +39 06 421111 - www.baglionihotels.com Residenza di Ripetta - Via di ripetta 231 - Roma - ph +39 06 3231144 - www.residenzadiripetta.com Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo 101 - Roma - ph +39 06 35091 - www.placeshilton.com Sofitel Roma Villa Borghese - Via Lombardia 47 - Roma - ph +39 06 478021 - www.sofitel.com St. George - Via Giulia, 62 - Roma - ph +39 06 686611 - www.hotelindigorome.com St. Regis - Via V.Emanuele Orlando,3 - Roma - ph +39 06 47091 - www. stregisrome.com The First Luxury Art Hotel - Via del Vantaggio 14 - Roma - ph +39 06 45617070 - www.thefirsthotel. com The Inn At The Spanish Steps- Small Luxury Hotel - Via Dei Condotti 85 - Roma - ph +39 06 69925657 - www. atspanishsteps.com The Westing Excelsior - Via Vittorio Veneto 125 - Roma - ph +39 06 47081 - www.westinrome.com 142 Roma | the Eternal City


Acquolina Hostaria Via del Vantaggio, 14 ph +39 06 45617070 www.acquolinahostaria.it On the ground floor of The First Luxury Art Hotel, the restaurant of starred chef Alessandro Narducci is already betrayed by the name, which plays on the double meaning recalling the aquatic environment and the flavour and scent of “acquolina” in the mouth, the vocation for fish and seafood products. A lit staircase leads to the garden and reveals a spacious terrace. On the panoramic terrace, Acquaroof, hotel’s roofgarden, with restaurant & lounge service from May to October. Al piano terra del The First Luxury Art Hotel, il ristorante dello chef stellato Alessandro Narducci tradisce già dal nome, giocato sul doppio senso che ricorda l’ambiente acquatico e le sensazioni gusto-olfattive dell’acquolina in bocca, la vocazione per il Pesce e i prodotti del Mare. Una scalinata illuminata conduce al giardino e apre alla vista di una spaziosa terrazza. Sulla terrazza panoramica, Acquaroof, il roofgarden dell’hotel, con servizio ristorante & lounge da maggio ad ottobre. Ai Piani Via Francesco Denza, 35 ph +39 06 8079704 www.aipiani.it A landmark restaurant for great seafood in Rome. The cozy and elegant ambience and the courtesy and precision of the staff are combined with the careful selection of basic ingredients. The “Pino” room is very special, and has become a symbol of the restaurant, with its large windows and bouserie in cherrywood that make the room bright and elegant. Punto di riferimento per mangiare ottimo pesce a Roma. L’ambiente accogliente ed elegante e la cortesia di un servizio accurato, si accostano alla attenta scelta delle materie prime. Particolare la sala che ospita “il pino” diventato ormai simbolo del ristorante, caratterizzata da ampie vetrate e bouserie in ciliegio che rendono l’ambiente luminoso ed elegante. Al Ceppo Via Panama, 2 ph +39 06 8419696 www.ristorantealceppo.it Cristina & Caterina run the Restaurant located in the residential area Parioli. Recently renewed it kept its historic classic well known ambient. The Menu, over-

seen by Cristina and made with enthusiasm by a team of young chefs is printed daily based on the fresh delights of the market. Cristina e Caterina gestiscono questo ristorante situato della zona residenziale dei Parioli. Recentemente ristrutturato, ha mantenuto un ambiente tradizionale e classico. Il menu, supervisionato da Cristina e preparato con entusiasmo da un team di giovani chef, cambia giornalmente in base alle delizie fresche di mercato. All’Oro Via Giuseppe Pisanelli, 25 ph. +39 06 97996907 www.ristorantealloro.it Chef Riccardo Di Giacinto is back, this time with a unique formula: his All’Oro restaurant is also a 5-star hotel. Di Giacinto has bought The H’All Tailor Suite, just a stone’s throw from the centrally located Piazza del Popolo, and continues to amaze with his perfect combination of tradition and innovation. Lo chef Riccardo Di Giacinto è tornato e con una formula davvero unica: il ristorante All’Oro è anche un hotel 5 stelle. Lo chef ha infatti acquistato il The H’All Tailor Suite, a pochi passi dalla centralissima piazza del Popolo, e continua a stupire con il suo perfetto connubio di tradizione e innovazione. Antica Pesa Via Garibaldi, 18 ph +39 06 5809236 www.anticapesa.it In the heart of Trastevere, this family run restaurant conceives their dishes following two main guidelines: the renewing of Roman traditional cuisine and the elaboration of typical products of the Lazio region. The setting is one of the most charming, lit fireplace during the winter in their artistic main room, and inside garden for the summer months. Their wine list is among the most rich between Roman restaurants. Nel cuore di Trastevere, questo ristorante a conduzione familiare crea i suoi piatti seguendo due linee guida: la rivisitazione della tradizionale cucina romana e l’utilizzo e elaborazione dei prodotti tipici del Lazio. L’ambiente è piacevolissimo, con il caminetto acceso in inverno nella sala principale e giardino interno per i mesi estivi. La lista dei vini è tra le più ricche di Roma. Antico Arco Piazzale Aurelio, 7 ph +39 06 5815274 www.anticoarco.it Named after one of the gates of early medieval Rome (Arco

di San Pancrazio), which rises nearby, Antico Arco is on Gianicolo Hill not far from Trastevere and the American Academy. It’s a hip trendy restaurant with a young, stylish clientele. Their professional staff makes sure that food and service flow smoothly. Dishes served are mainly traditional plates revised with a touch of creativity by their young and attentive kitchen brigade. Chiamato con il nome di una delle porte della Roma medievale (Arco di San Pancrazio), che sorge lì vicino, Antico Arco si trova sul Gianicolo, non lontano da Trastevere e dall’Accademia Americana. E’ un ristorante alla moda con una clientela giovane e sofisticata. Il personale è professionale e molto attento al cibo e al servizio. La cucina è tradizionale con un tocco di creatività della giovane ma esperta brigata di cucina. Ar’ Galletto Piazza Farnese, 102 ph +39 06 6861714 www.ristoranteargallettoroma.com Located on the beautiful square Piazza Farnese Ar Galletto is a typical family run Trattoria that has been recently, completely renewed. This is the best place to eat roman dishes and pasta. The new Sicilian woman chef has also introduced very good fish dishes. Outdoor dining in summer on the beautiful square, where the atmosphere is enriched by the lighted frescoes of the French Embassy. Situato nella bellissima Piazza Farnese, Ar’ Galletto è una tipica trattoria a conduzione familiare che è stata recentemente e completamente ristrutturata. E’ il posto migliore per gustare specialità romane e pasta. La nuova chef siciliana prepara anche ottimi piatti di pesce. Si mangia fuori d’estate nella bella piazza, dove l’atmosfera è arricchita dagli affreschi illuminati dell’ambasciata francese. Aroma Via Labicana, 125 ph +39 06 77591380 www.aromarestaurant.it Magnificently set on the terrace of Palazzo Manfredi with a unique view of the Coliseum of Imperial Rome! Chef Giuseppe di Iorio will lead you through an unforgettable culinary experience, where he combines perfectly modern and traditional cuisine. Before dinner, enjoy a cocktail in the lounge Bar, overlooking Colle Oppio. Magnificamente ubicato sulla terrazza di Palazzo Manfredi con vista impareggiabile del Colosseo. Chef Giuseppe di Iorio vi farà vivere

un’esperienza culinaria indimenticabile, la perfetta combinazione di cucina moderna e tradizionale. Prima di cena, prendete un cocktail al Lounge Bar che si affaccia sul Colle Oppio. Aroma Osteria Via Antonio Serra, 15 ph. +39 06 33218763 In the heart of Fleming, a place where the menu focuses on quality and seasonal products and an extraordinary protagonist: salted codfish. The many meat and fish options will leave you spoilt for choice. Nel cuore del Fleming, un locale dove il menu punta sulla qualità e la stagionalità dei suoi prodotti e su un protagonista d’eccellenza: il baccalà. Le numerose proposte di carne e pesce mettono l’imbarazzo della scelta. Assaje Restaurant Aldrovandi Villa Borghese Via Ulisse Aldrovandi, 15 ph +39 06 321 6126 www.aldrovandi.com In the elegant dining room facing the internal garden of Aldrovandi Villa Borghese, Assaje Restaurant proposes extraordinary culinary experiences inspired by the Mediterranean cuisine, as interpreted by Executive Chef Andrea Migliaccio. Michelin one-star. Nell’elegante sala affacciata sul giardino interno di Aldrovandi Villa Borghese, il ristorante Assaje propone straordinarie esperienze culinarie ispirate alla cucina mediterranea, opera dell’Executive Chef Andrea Migliaccio. Una stella Michelin. Bistrot 64 Via Guglielmo Calderini, 64 ph. +39 06 3235531 www.bistrot64.it As relaxed as a bistro, as refined as a starred gourmet kitchen, the proposal of young Japanese chef Kotaro Noda unites Mediterranean flavors with Oriental techniques. Dishes that stem from the tradition, but never fail to amaze. Michelin one-star. Il relax di un bistrot e la raffinatezza di una cucina gourmet stellata, opera del giovane Chef giapponese Kotaro Noda, che unisce sapori mediterranei e tecniche orientali. Piatti legati alla tradizione, ma che non mancano di stupire. Una stella Michelin. Casa Coppelle Piazza delle Coppelle, 49 ph +39 06 68891707 www.casacoppelle.com The Casa Coppelle kitchen has a multifaceted and multicultural soul. On the menu, alongside Roma | the Eternal City 143

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

by Sebastiano Lombardi, Head Concierge Hotel de Russie, Roma


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

traditional recipes, in some cases enhanced with a more contemporary twist, there are some more creative dishes and a chapter dedicated to the flavours and scents of the French cuisine, in keeping with the origins of the hostess, who was born in Lorraine. The owners of Casa Coppelle, Omar and Rachelle Capparuccini, wanted to redesign their cuisine with intelligence, without distorting its identity and strong position within the city. L’offerta di cucina di Casa Coppelle ha un’anima sfaccettata e multiculturale. Nel menù, accanto a proposte classiche della tradizione capitolina, in alcuni casi impreziosite da twist più contemporanei, trovano spazio alcuni piatti di calibrata creatività e un capitolo dedicato ai sapori e profumi della cucina francese,coerente con le origini della padrona di casa, nata in Lorena. I proprietari di Casa Coppelle, Omar e Rachelle Capparuccini, hanno voluto ripensare l’offerta gastronomica con intelligenza, senza stravolgere l’identità e la forte collocazione nel panorama cittadino. Clotilde Piazza Cardelli, 5/A ph. +39 06 68805145 www.ristoranteclotilde.com New York-style dining room with tables in glass and iron, cobalt blue furnishings, and optical wallpaper. The food is traditional, mainly made with produce from Lazio, but is lightened up with special cooking techniques. Un salotto in stile newyorchese, con tavoli in cristallo e ferro, arredi blu cobalto e carta da parati optical. La cucina è quella tradizionale, fatta principalmente con prodotti di origine laziale, ma alleggerita grazie a particolari tecniche di cottura. Collegio Piazza Capranica, 98 ph. +39 06 97996907 www.collegioroma.com Situated between the Pantheon and Montecitorio, close to the Trevi Fountain, an original eatery where diners can sample a select range of wines, cocktails of the house, and dishes inspired by locally grown ingredients. Alessandro Cecere is in the kitchen, Emanuele Broccatelli wields the shaker. Tra il Pantheon e Montecitorio, a pochi passi dalla fontana di Trevi, un originale locale dove gustare vini selezionati, cocktail d’autore e piatti ispirati alle materie prime del territorio. In cucina Alessandro Cecere, allo shaker Emanuele Broccatelli. Emma Via Monte della Farina, 28/29 ph. +39 06 64760475 www.emmapizzeria.com 144 Roma | the Eternal City

An amazing pizzeria in the heart of Rome. It has a few outdoor tables and a beautiful interior space with a skylight. The pizza is thin and crunchy, with the highest quality flour and basic ingredients. The most refined and freshest ingredients. Strepitosa pizzeria nel cuore di Roma. Pochi tavoli fuori e uno stupendo spazio interno con un lucernario Pizza bassa e croccante, farine e materie prime di altissima qualità. Ingredienti ricercati e freschissimi. Enoteca Achilli al Parlamento Via Prefetti, 15 ph. +39 06 6873446 www.enotecalparlamento.com An Old England-style club in the heart of Rome, whose dishes are made by the stellar Chef Massimo Viglietti. Its strength lies in its extraordinary wine cellar, with over 6,000 labels, some of which simply cannot be found elsewhere. It is also famous for its Cognac and Armagnac collection with vintages from 1800. Un club stile Old England trapiantato nel cuore di Roma, la cui cucina è firmata dallo Chef stellato Massimo Viglietti. Il punto di forza risiede nella straordinaria cantina, che conta oltre 6.000 etichette, alcune semplicemente introvabili. Famoso anche per la sua collezione di Cognac e Armagnac con annate a partire dal 1800. Ercoli Viale dei Parioli, 184 ph. +39 06 8080084 www.ercoli1928.com Delicatessen shop where customers can sample a range of fine and sometimes little-known foods, all absolute musts. Excellent cold cuts and cheeses, smoked fish, caviar, and dips. Surrounding the tables are shelves showcasing conserves, delicacies in oil, and wines. Un negozio di delicatessen dove gustare prodotti ricercati, a volte poco conosciuti, ma sempre imperdibili. Salumi e formaggi di ottima qualità, affumicati di pesce, caviale, salse, e tutto intorno ai tavoli scaffali che fanno da vetrina a conserve, sott’oli e vini. Finger’s Via Carrara, 12/15 ph. +39 06 3234453 www.fingersrestaurants.com Just a short stroll away from Piazza del Popolo, this Japanese-Brazilian restaurant is owned by exfootballer Clarence Seedorf and chef Roberto Okabe, who, after Milan, Porto Cervo and Megève, has made his grand debut in the capital. The stand-out feature on

the menu is the super-fresh fish. A due passi da piazza del Popolo, il ristorante nippo brasiliano dell’ex calciatore Clarence Seedorf e dello chef Roberto Okabe, che dopo Milano, Porto Cervo e Megève ha fatto il suo grande debutto anche nella Capitale. Re del menu, pesce freschissimo. Gallura Via G. Antonelli, 2 ph. +39 06 8072971 www.ristorantegallura.it A sophisticated venue in the Parioli district, is a must for lovers of fresh seafood and Mediterranean cuisine with a strong Sardinian influence. The interior of the restaurant has three rooms in a minimalist style; outside, there is a beautiful roof garden for outdoor dining. Raffinato locale del quartiere Parioli, è la meta obbligata per gli amanti del pesce fresco e della cucina mediterranea connotata una forte impronta sarda. All’interno, il locale ha tre sale in stile minimalista; all’esterno, uno splendido giardino pensile per le cene all’aperto. Hostaria Da Pietro Via Gesù e Maria, 18 ph +39 06 3208816 www.hostariadapietro.com An excellent family run, traditional Trattoria, just a few minutes walking from the Hotel de Russie, with very friendly service in a warm and casual ambience. Un’ottima trattoria tipica a conduzione familiare, a pochi minuti dall’ Hotel de Russie, con un servizio molto cordiale in un ambiente caldo e informale. Il Giardino Via Ludovisi, 49 Ph- +39 06 478121 It one of is the restaurants of Hotel Eden. A quiet retreat from the city’s bustling streets, it serves seasonal Italian delicacies with an innovative touch by Executive chef Fabio Ciervo. È uno dei ristoranti dell’Hotel Eden. Un’oasi di tranquillità, lontana dalla frenesia delle strade cittadine, dove assaporare specialità stagionali con un tocco di innovazione preparate dallo chef Fabio Ciervo. Il Matriciano Via dei Gracchi, 55 ph +39 06 3212327 www.ilmatriciano.it The restaurant is ideally located near the Vatican and is only a stone’s throw from the Vatican city. Il Matriciano offers a warm atmosphere and is popular with many locals. Il ristorante si trova a pochi passi dal Vaticano. Il Matriciano offre un ambiente caloroso ed è ben frequentato dai romani.

Il Pagliaccio Via dei Banchi Vecchi, 129/a ph +39 06 68809595 www.ristoranteilpagliaccio.com A peaceful oasis placed in the heart of Rome, in the characteristic roman frame of via dei Banchi Vecchi, just next to via Giulia. Tastes and colours enhance the capacities of Chef Antony Genovese, always trying to express the best of culinary art. The environments are cosy and elegant, the daily brightness makes it perfect for business-lunch, while the soft lights in the evening makes it an ideal place for romantic dinner. Un’oasi di tranquillità nel cuore di Roma, nella pittoresca Via dei Banchi Vecchi, a pochi passi da Via Giulia. I sapori e colori esaltano il talento di Chef Antony Genovese, che esprime il meglio dell’arte culinaria. L’atmosfera è confortevole ed elegante, l’ambiente luminoso lo rende perfetto per pranzi d’affari, mentre le luci soffuse di sera creano lo scenario ideale per una cena romantica. Imàgo - Hotel Hassler Piazza Trinità dei Monti, 6 ph +39 06 699340 www.hotelhasslerrome.com When you cross the threshold of Imàgo the view of Rome seems like a mirage, a dream world like out of a fairy-tale. The soft music, marble floors with wood inserts and play of lights which change throughout the day and night and reflect off the mirror-like tables create a unique ambiance. Immense effort has gone into every detail which can be seen in the furnishings and the kitchen, satisfying that need to combine vision, taste, smell and sound, to create a unique and unparalleled experience for the senses. Varcando la soglia di Imàgo, la vista di Roma avvolge quasi fosse un’apparizione, un sogno che conduce il pensiero e il ricordo in un mondo da favola. Una musica soft, pavimenti di marmo con inserti in legno e i giochi di luce diversi per ogni ora del giorno e della sera che si riflettono sui tavoli di specchio creano un’atmosfera unica.
La cura dei dettagli e dei particolari si riflette nell’arredo come nella cucina, rispecchiando l’esigenza di far sposare fra loro la vista, il gusto, l’olfatto e l’udito, per creare un’esperienza sensoriale unica e ineguagliabile. I Sofà Bar Restaurant & Roof Terrace Via Giulia, 62 ph. +39 06 68661846 www.isofadiviagiulia.com It is the pride of the Hotel Indigo Rome - St. George five-star


it offers pizza and wine in a fun and noisy atmosphere. A favourite of locals. Swift, courteous service. There are open-air tables. Situato vicino a Piazza Navona, il ristorante offra pizza e vino in un ambiente divertente e animato. Molto frequentato dai romani. Servizio veloce e cortese. Ci sono tavoli all’aperto. La Penna d’Oca Via della Penna, 53 ph. +39 06 3202898 www.lapennadoca.com A must-stop for all who appreciate the mediterrean dishes, in particular the fine fish. At its helm are two young chefs, Matteo Passerella and Mario Stasio, both of whom have starred credentials. A highly curated wine list with an ample selection of Champagne. Un indirizzo da non perdere per chi ama i piatti mediterranei, in particolare di pesce. In cucina due giovani chef, Matteo Passerella e Mario Stasio, entrambi con esperienze stellate alle spalle. Carta dei vini molto ricercata con ampia selezione di Champagne. La Pergola Via Alberto Cadlolo, 101 ph +39 06 35091 www.romecavalieri.com Perched upon Monte Mario, within the Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, la Pergola offers, by far, the best views of the Eternal City. Heinz Beck, the celebrated German Chef, creates perfect “Alta cucina” dishes while using only fresh and local ingredients. Reservations are required well in advance. Appollaiato su Monte Mario, il ristorante del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, La Pergola, offre la più bella vista della città eterna. Heinz Beck, il famoso Chef tedesco, crea piatti perfetti d’alta cucina usando solo ingredienti freschi e locali. E’ richiesta la prenotazione con largo anticipo. La Terrazza Via Ludovisi, 49 ph. +39 06 478121 On the top floor of the Hotel Eden, it offers a seasonal Mediterranean cuisine, creative and innovative, accompanied by breathtaking views of Rome. Heading the kitchen crew, Michelin-starred chef Fabio Ciervo. All’ultimo piano dell’Hotel Eden, offre una cucina mediterranea stagionale, creativa ed innovativa, accompagnata da una vista mozzafiato su Roma. A capo della brigata di cucina, lo Chef Stellato Fabio Ciervo.

Le Asiatique Largo della Fontanella di Borghese, 86/A ph. +39 06 69330441 www.leasiatique.it Top-quality fusion restaurant. A touch of the East with a contemporary atmosphere, where the gastronomic cultures of the Far East and the Mediterranean blend together. The cocktails are delicious too, made with a perfect balance of spices, liquors, and Eastern ingredients. Ristorante fusion di ottima qualità. Un angolo di oriente dall’atmosfera contemporanea, dove la cultura gastronomica del Sol Levante si fonde con quella mediterranea. Deliziosi anche i cocktail, creati con spezie, liquori e ingredienti orientali perfettamente armonizzati. Madre Roma Largo Angelicum, 1/A ph. +39 06 6789046 www.madreroma.com It is the restaurant of Roma Luxus Hotel. An elegant salon surrounded by a park, open from morn until late at night. In the kitchen, star chef Riccardo Di Giacinto unites South American and Spanish flavors with Italian tradition. È il ristorante del Roma Luxus Hotel. Un elegante salotto immerso nel verde, aperto dalla colazione alla tarda notte. In cucina lo Chef stellato Riccardo Di Giacinto unisce sapori sudamericani, spagnoli e tradizione italiana. Molto Viale dei Parioli, 122 ph +39 06 8082900 www.moltoitaliano.it Located in the residential area of Parioli, this modern style restaurant, is always very frequented by many locals. The typical rotisserie set in the middle of the restaurant, makes this place appetizing especially for meat lovers. Their menu is an excellent representation of original Italian flavours. At the entrance a nice bar where you can start the evening enjoying a good drink. Situato nella zona residenziale dei Parioli, questo ristorante moderno è sempre molto frequentato dai romani. Il girarrosto piazzato nel bel mezzo del ristorante rende questo locale molto invitante per gli amanti della carne. Il menu è un eccellente compendio di tutti i sapori italiani. All’ingresso, c’è un bel bar dove si può iniziare la serata con un buon aperitivo. Osteria la Gensola Piazza della Gensola, 15 ph +39 06 5816312 www.osterialagensola.it Located in one of the most char-

acteristic art district of the city, Trastevere, this restaurant offers traditional roman flavours as well as various fish dishes. Run by two young brothers, this restaurant is mostly frequented by locals. The atmosphere is fun and lively. Situato in uno dei quartieri più caratteristici della città, Trastevere, questo ristorante offre tipici piatti romani e varie specialità di pesce. Gestito da due giovani fratelli, il ristorante è molto frequentato dai romani. L’atmosfera è divertente e vivace. Passetto Piazza S.Apollinare, 41 ph. +39 06 62286019 www.ristorantepassetto.it Just outside Piazza Navona, a historical spot in Rome whose tables have welcomed many famous personalities. In the kitchen, the famous Roman chef Arcangelo Dandini. Alle porte di piazza Navona, uno storico indirizzo di Roma che ha visto ai suoi tavoli numerosi personaggi illustri. In cucina, il famoso chef romano Arcangelo Dandini. Pastificio San Lorenzo Via Tiburtina, 196 ph +39 06 97273519 www.pastificiosanlorenzo.it Pastificio San Lorenzo wears two hats - fashion and bistro. The restaurant was inaugurated four years ago in the former Cerere pasta factory, now a Foundation which forms a bridge between the world of art and the San Lorenzo Group of the 1980s. The imprinting is the work of Roberto Liorni who designed many of the gourmet settings featuring wood, glass, marble and a vintage ambiance. I caratteri del Pastificio San Lorenzo sono quelli della moda e del bistrot, il ristorante nato quattro anni fa nel complesso dell’ex pastificio Cerere, oggi Fondazione che annoda il filo con il mondo dell’arte e il Gruppo di San Lorenzo degli anni Ottanta. L’imprinting è quello di Roberto Liorni che ha firmato molte delle ambientazioni gastronomiche della a suon di legno, vetro, marmo e un’impostazione vintage. Per Me Vicolo del Malpasso, 9 ph. +39 06 6877365 www.giulioterrinoni.it This is the new adventure of the young Roman chef, Giulio Terrinoni (Michelin one-star), who left Acquolina in 2015 to open his own restaurant. “I Tappi” [The Corks] is an original proposal of tasting-size portions to try different specialties at the same time. È la nuova avventura del giovane Roma | the Eternal City 145

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

luxury boutique hotel. Chef Filly Mossucca and Sous-Chef Fabiana Loreti have created a menu with feminine sensitivity and creativity, made with seasonal local products. Tasty “Roman” recipes for an authentic, genuine dining experience. The view from the Roof is spectacular. È il fiore all’occhiello dell’Hotel Indigo Rome - St. George, albergo cinque stelle lusso. Lo Chef Filly Mossucca e il Sous-Chef Fabiana Loreti hanno creato un menù con sensibilità e creatività al femminile, fatto di prodotti a Km 0 e di stagione. Gustose ricette “romanesche” per un’esperienza autentica e genuina. Spettacolare il panorama dal Roof. Jardin de Russie Via del Babuino, 9 ph +39 06 32888870 www.hotelderussie.it Located within the Hotel de Russie, this restaurant is an essential part of our secret garden, where the charming history of old times meets the genie of two famous Chefs, Fulvio Pierangelini and Nazareno Menghini. This creates a perfect combination where to experience excellent Mediterranean tastes, enjoy the peaceful garden and do some celebrities spotting. Il ristorante dell’ Hotel de Russie è una parte essenziale del giardino segreto, laddove il fascino della storia incontra il genio dei nostri due famosi Chef, Fulvio Pierangelini e Nazareno Menghini. Ciò crea l’ambiente perfetto per gustare eccellenti sapori mediterranei, godere della quiete del giardino e andare a caccia di volti noti. J.K. Cafè – J.K. Place Roma Via di Monte d’Oro, 30 ph +39 06 982634 www.jkroma.com Located in the heart of Rome, just steps from Piazza di Spagna, Via Condotti and all the main sights, J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, at JK Place Rome, offers Italian and international specialities. The bar and roof garden are the favourite spots for relaxing in “J.K.” style. Situato nel cuore di Roma, a pochi minuti a piedi da Piazza di Spagna e da Via Condotti e da tutte le principali attrazioni, il J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, del JK Place Rome, offre specialità italiane e internazionali. Qui il bar e il roof garden sono i luoghi perfetti per rilassarsi in stile “J.K.”. La Montecarlo Vicolo Savelli, 13 ph +39 06 6861877 www.lamontecarlo.it Located near the Piazza Navona,


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Chef romano, Giulio Terrinoni (una stella Michelin), che nel 2015 lascia Acquolina per aprire il proprio ristorante. Originale la proposta “I Tappi”, con porzioni degustazioni per provare più specialità in una volta. Pianostrada Via delle Zoccolette, 22 ph. +39 06 89572296 Interesting and never obvious cuisine that will amaze even the most refined palates. Besides the first and second courses, there are also excellent fried delicacies and street food too. Delightful internal courtyard. Cucina mai banale, in grado di stupire anche i palati più raffinati. Oltre ai primi e ai secondi, in menu anche ottime fritture e una lista di proposte street food. Incantevole il cortile interno. Pierluigi Piazza Dè Ricci, 144 ph +39 06 6868717 www.pierluigi.it A stone’s throw from Campo de’ Fiori, recently renewed, this traditional restaurant has always kept its quality at the highest standards. Pierluigi’s menu is a unique combination between earth and sea, however, the owner Roberto enjoys mixing these two sides of Italian cuisine. With the amazing little piazza just for them during the summer, this restaurant ensures an extraordinary culinary experience. A pochi passi da Campo de’ Fiori, recentemente ristrutturato, questo ristorante tradizionale ha sempre mantenuto alto lo standard di qualità. Il menù di Pierluigi è una ricca proposta di piatti mare e terra, anche se il proprietario Roberto ama mescolare questi due aspetti della cucina italiana. Con una deliziosa piazzetta riservata al ristorante in estate, Pierluigi rappresenta una straordinaria esperienza gastronomica. Renato e Luisa Quelli della Taverna Via dei Barbieri, 25 ph +39 06 6869660 www.renatoeluisa.it A cosy restaurant which loves to adapt traditional Roman cuisine making it lighter and tastier. At Renato e Luisa they use seasonal products and it is always possible to try a new dish accompanied by homemade bread, breadsticks or desserts. Un ristorante accogliente che ama rivisitare i piatti della tradizione romana rendendoli più leggeri e gustosi. Attraverso la scelta di prodotti stagionali, da Renato e Luisa è possibile gustare sempre un nuovo piat146 Roma | the Eternal City

to accompagnato da pane, grissini o dolci fatti in casa. Ristorante Girarrosto Fiorentino Via Sicilia, 46 ph. +39 06 42880660 www.girarrostofiorentino.it The giant grill on view in the fireplace is the throbbing heart of the restaurant. It is a warm and welcoming place, but also somewhat exclusive. Plates are freshly prepared under the gaze of the guests. The steak tartare is excellent. La grande griglia a vista del camino è il cuore pulsante del locale. Un luogo conviviale e accogliente, ma al tempo stesso ricercato. Piatti espressi preparati davanti agli occhi degli ospiti. Ottima la steak-tartare. Roscioli Via dei Giubbonari, 21/22 ph +39 06 6875287 www.salumeriaroscioli.it Roscioli is a restaurant, gourmet shop, deli and wine bar all rolled into one. A multipurpose gourmet shop, an unusual restaurant where the quality of the raw material is the key factor. An ideal spot for gourmet food fans from around the world. Roscioli è insieme ristorante, una gastronomia, una salumeria e un wine bar. Una gastronomia polifunzionale, un ristorante atipico, dove la qualità delle materie prime è la parola d’ordine. Il luogo ideale per gli appassionati di gastronomia di tutto il mondo. Sheket Via delle Botteghe Oscure, 33 ph. +39 349 3709115 Part restaurant, part exclusive club, this is a new locale in the famous Palazzo Caetani. The menu, designed to impress, was tailormade by executive chef Marco Milani and is served in a Great Gatsby-style environment, updated for a contemporary clientele. Un po’ ristorante, un po’ club esclusivo, è il nuovo locale aperto nel famoso Palazzo Caetani. Il menu pensato per stupire è curato dall’executive chef Marco Milani ed è servito in un ambiente stile Grande Gatsby reinterpretato in chiave moderna. Tartufi and Friends Via Borgognona, 4/E ph +39 06 6794980 www.tartufiandfriends.it A unique venue with the dual aim of presenting truffles in combination with excellent Italian food either at the table in a quest for something exquisite, or a quick ‘take away’ meal in the form of gourmet sandwiches, all wrapped in old-world refined charm and affordable for everyone. Un locale unico nel suo genere, che si

pone il duplice obiettivo di presentare il pregiato tartufo in abbinamento alle eccellenze alimentari italiane sia attraverso un pasto seduto alla ricerca di qualcosa di squisito sia con un pasto veloce ‘take away’ sotto forma di panini gourmet, il tutto avvolto in un’atmosfera dal sapore antico e raffinato alla portata di tutti. Taverna Trilussa Via del Politeama, 23/25 ph +39 06 5818918 A family-run, typically Roman trattoria with a pleasant, informal atmosphere, situated right in the heart of Trastevere. Rome’s most famous dish are the “Bucatini all’ Amatriciana”, thick spaghetti with tomato sauce, bacon and Pecorino cheese but once there you should not miss to try the “Ravioli Mimosa” which taste will enchant you! The recipe is still secret… Una tipica trattoria romana a conduzione familiare con un’atmosfera piacevole e informale, situata nel cuore di Trastevere.. Il piatto romano più famoso è bucatini all’ amatriciana, spaghetti grossi con salsa di pomodoro, pancetta e pecorino, ma assaggiate i ravioli mimosa, il sapore vi conquisterà! La ricetta è ancora segreta... Terrazza Borromini Via di Santa Maria dell’Anima, 30 ph. +39 06 68215459 www.terrazzaborromini.com On the 4th floor of the historic Palazzo Pamphilj, in elegant dining rooms overlooking Piazza Navona and a magnificent terrace, a restaurant inspired by Roman cuisine creates harmonious combinations of seasonal flavors. Al quarto piano dello storico Palazzo Pamphilj, in eleganti sale affacciate su piazza Navona e su una magnifica terrazza, un ristorante che ispirandosi alla cucina romana crea armoniose combinazioni di sapori stagionali. Tullio Via di S. Nicola da Tolentino, 26 ph +39 06 4745560 www.tullioristorante.it This traditional family run restaurant is centrally located downtown area, just off the Piazza Barberini. The best in town for the typical “bistecca Fiorentina” , their menu also offers a variety of Italian seasonal specialities and fresh fish. Large “collectors” selection of Italian and imported wines. Questo tradizionale ristorante a conduzione familiare è situato in pieno centro, vicino a Piazza Barberini. E’ il migliore ristorante della città per la bistecca alla fiorentina

e il menù offre vari piatti tipici italiani e stagionali. Una ricca carta di vini da “collezionisti”, italiani e stranieri. Vivendo - The St. Regis Rome Via Orlando V. Emanuele, 3 ph +39 06 47092736 www.ristorantevivendo.it A sophisticated environment set in a contemporary atmosphere. The furniture is in 1930s/1940s style, in an ambiance that is informal yet refined, ideal for a romantic evening or a family dinner. The culinary art of chef Francesco Donatelli proposes local dishes in a combination of aromas and intense fragrances. Un ambiente sofisticato immerso in un’atmosfera contemporanea. L’arredamento presenta uno stile anni ‘30 e ‘40, in un ambiente informale e al contempo raffinato, ideale per una serata romantica e una cena in famiglia. L’arte culinaria dello Chef Francesco Donatelli propone sapori locali. Yugo Largo Angelicum, 2 ph. +39 06 6794549 www.yugofusionbar.com Eclectic fusion restaurant of the two-star Michelin chef Anthony Genovese, who has chosen Andrea Massari as his resident chef. Excellent Italian raw ingredients and Asian preparation techniques. In the summer he ups the ante with the Terrazza San Pancrazio, featuring a raw bar and sushi combined with cocktails of the house. L’eclettico ristorante fusion dello chef due stelle Michelin Anthony Genovese, che ha scelto come resident Chef Andrea Massari. Grandi materie prime italiane e tecniche di preparazione asiatiche. In estate raddoppia con la Terrazza San Pancrazio, con raw bar e sushi uniti ai cocktail d’autore. Zuma Palazzo Fendi Via della Fontanella di Borghese, 48 ph. +39 06 99266622 www.zumarestaurant.com World famous chef Rainer Becker has made his debut in Italy, opening his new restaurant in the beautiful setting of Palazzo Fendi. Impeccable service, izakaya cooking and breathtaking views. Lo Chef di fama mondiale Rainer Becker ha debuttato in Italia aprendo il suo nuovo ristorante nella bellissima cornice di Palazzo Fendi. Servizio impeccabile, cucina izakaya e vista mozzafiato.


DAL PIÙ GRANDE TEATRO D’OPERA DEL MONDO

ARENA DI VERONA

la notte di

Andrea Bocelli SABATO 8 SETTEMBRE ORE 20.30 CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI ORCHESTRA, CORO, BALLO E TECNICI DELL’ARENA DI VERONA IN COLLABORAZIONE CON

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO SU VIVATICKET.IT E VIVI UN’ESPERIENZA INCREDIBILE, UNICA AL MONDO A FAVORE DI

MEDIA PARTNER


Roma The Eternal City n.17  
Roma The Eternal City n.17  
Advertisement