Page 1

COVER STORY ISABELLA FERRARI FASHION S/S 2018 FUTURE INVASIONS INTERVIEW PUPI AVATI | CHIARA TERESA IEZZI ART GALLERIA BORGHESE AND BERNINI | ARCIMBOLDO | PABLO PICASSO ITINERARIES SAN LORENZO DISTRICT | PASTRY SHOPS | ROMAN ABBACCHIO


robertocoin.com

| ARIZONA MUSE FOR ROBERTO COIN®

NEW BAROCCO & CENTO COLLECTIONS

ROBERTO COIN BOUTIQUE - VIA DEL BABUINO 73, ROMA - TEL. 06 32652439


110

48

70

15

WINTER in this issue

COVER STORY

FASHION

60

29 It object

Isabella Ferrari

Invisible signs

Segni invisibili by Teresa Favi

SAVE AS 24

Roma exhibitions

26

Music & theatre

27

Pop

PEOPLE 14

Valentina Borghese

Personal femininity Personale femminilitĂ 16

Massimiliano Valenti

70

Shooting

Future invasions Future invasioni by Marta Innocenti Ciulli 80

Jewel

Yellow gold, deep gold Oro giallo, oro intenso by Sabrina Bozzoni MOVIE, THEATRE & MUSIC 64

Pupi Avati

The youg man from Bologna Il ragazzino bolognese by Virginia Zullo 68

Chiara Teresa Iezzi

Cooking notes

Freedom

Appunti di cucina

Totale libertĂ

18

Stefano Marolla

110

Pink Floyd

Like fabric

Their mortal remains

Come tessuto

Una mostra dedicata al mito dei Pink Floyd

20

120

Laura Cerasoli

Theatrical season

A beauty experience

Extraordinary Emotions

Un tuffo nella bellezza

Emozioni spettacolari by Rossella Battista


88

114

134

15

WINTER in this issue

MUST HAVE

106

83

Bags

Cubism and Classicism

84

Trend

Cubismo e Classicismo by Rossella Battista

86

Man

114

Scuderie del Quirinale

Museo di Roma

Totò or Genius? ITINERARIES 48

San Lorenzo

Sudden beauty All’improvviso, la bellezza by Veronica Sgaravatti 124

De Russie

It’s time to dream È tempo di sognare

ART, DESIGN & CULTURE 88

Galleria Borghese

A stroll

Totò o Genio? by Mila Montagni FOOD & WINE 128

Pastries

Guilty pleasures Peccati di gola by Gabrielle Bolzoni 134

Restaurants

The noble dish of tradition Il piatto nobile della tradizione SHOT ON SITE 40

Una passeggiata by Francesca Lombardi 100

Palazzo Barberini

ROMA GUIDE

Nature according to Arcimboldo

142

Hotels

Nature d’Arcimboldo

143

Restaurant


QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Virginia Mammoli, Mila Montagni roma correspondent

Veronica Sgaravatti contributors

Rossella Battista, Giovanni Bogani, Gabrielle Bolzoni, Salvatore La Spina, Virginia Zullo photographers

Alessandro Bencini, Dario Garofalo, Giovanni Gastel, Julian Hargreaves (cover), Maria La Torre, Massimo Listri, Fabio Lovino, New Press Photo, Andrea Rossi, Valentina Stefanelli art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, Centroservizi, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Marina Geraci, Alessandra Nardelli Paola Paciotti, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

CONTRIBUTORS

T

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

COVER STORY FABRIZIO GIFUNI FASHION S/S 2015 STREET À PORTER INTERVIEW SANDRO VERONESI | DANIELA CIANCIO | TATIANA LUTER ART SISTINE CHAPEL | LORENZO LOTTO | BELLISSIMA ITINERARIES MONTI | FLEA MARKETS | CRAFTSMEN

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

SPECIAL EXPO 2015

COVER STORY DAVID CRONENBERG

FASHION S/S 2015 W.J. WONDERFUL JEANS | FRANCA SOZZANI INTERVIEW PAOLO CONTE | TONI AND PEPPE SERVILLO | DAVIDE RAMPELLO ART GALLERIA DEGLI UFFIZI | ANTONY GORMLEY | GUCCI MUSEUM ITINERARIES DANTE 750TH ANNIVERSARY | LOCAL ONLY

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Giovanni Bogani, a journalist, he writes about the cinema festivals of Berlin, Cannes, Venice and Rome for the newspaper La Nazione and for websites www.affaritaliani.it and www.cinecitta.it. He has collaborated with the Italian-American magazines “US Italia” and “ItalyAmerica”americane Us Italia e ItalyAmerica. Giovanni Bogani, giornalista, scrive dai festival di Berlino, Cannes, Venezia e Roma per il quotidiano La Nazione e per i siti web www.affaritaliani.it e www.cinecitta.it. Ha collaborato con le riviste italo/americane Us Italia e ItalyAmerica. Gabrielle Bolzoni, born in Rome, where she currently lives. High school diploma at the Germanic School of Rome and degree in Geopolitics at the University La Sapienza of Rome. Free-lance reporter. She loves culture and sports. Gabrielle Bolzoni nata a Roma, dove vive. Maturità presso la Scuola Germanica di Roma e laurea in Geopolitica presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista libera professionista. Ama cultura e sport. Marta Innocenti Ciulli, 42 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 42 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze. Veronica Sgaravatti, born in Rome with a degree in Communication Science, is free-lance journalist since 2009. She loves gardening, culture and traveling, and organizes events in her own estate “Parco Iris” on the Appia Antica road. Veronica Sgaravatti, nata a Roma e laureata in Scienze della comunicazione è pubblicista dal 2009. Appassionata di giardinaggio, cultura e viaggi, organizza eventi nella sua proprietà “Parco Iris” sull’Appia Antica.


roma people

ty i n i n i m e f l a n Perso MINILITÀ E FEM PERSONAL

text Veronica Sgaravatti

When and how did you start designing clothes? I studied for four years at the Academy of Costume and Fashion in Rome and took a Master in Art Direction; then I started working as a stylist for advertising and theater. It was only after my first daughter was born that I decided to create my own fashion line so that I would be freer to manage my spaces. What kind of product do you make? I make a collection that dresses women with a personal femininity. They are all unique pieces, it’s a niche collection. What is femininity for you? Everything relating to a woman’s passion, the way a woman enhances her emotions, her own madness and her own intimacy. Where do we find your clothes? I hold private sales by appointment, you can find me on instagram, and in Rome I have some of my pieces at Mon Reve on Viale Parioli and at Verbier. What are your plans for the future? My dream would be to recreate an antique tailoring shop with a modern approach, where we work on custom tailoring and a new high-quality men’s tailoring project that is also being developed. A look for the New Year? An oversized jacket stolen from a man, a tiny dress underneath and a pair of Cuissard boots - above the knee.

Valentina Borghese is a fashion designer. Her creations are her beautiful long silk dresses and she dreams of recreating an antique tailoring shop where unique garments are sold 14 Roma | the Eternal City

Quando e come ha iniziato a disegnare vestiti? Ho studiato quattro anni all’Accademia di costume e moda di Roma e fatto un master di art director; poi ho iniziato a lavorare come stylist per le pubblicità e il teatro e solo dopo che è nata la mia prima figlia ho deciso di creare una mia linea di moda per avere maggiore disponibilità di gestire i miei spazi. Che tipo di prodotto realizza? Faccio una collezione per vestire una donna con una personale femminilità. Sono tutti pezzi unici, è una collezione di nicchia. Cos’è per lei la femminilità? Tutto ciò che riguarda la passione di una donna, il modo con cui una donna esalta le proprie emozioni, la propria follia e la propria intimità. Dove troviamo i suoi capi? Faccio vendite private su appuntamento, mi trovate su instagram, e ho alcuni miei pezzi da Mon Reve a Viale Parioli e da Verbier. Progetti per il futuro? Il mio sogno sarebbe quello di ricreare un’antica sartoria in chiave moderna, dove si lavoro sul su misura e sta nascendo anche un nuovo progetto di alta sartoria maschile. Un look per Capodanno? Una giacca oversize rubata a un uomo, un piccolissimo abito sotto e degli stivali cuissard - sopra il ginocchio.


KTI STORE ROMA Via Vittoria 16/A ROMA


roma people

s e t o n g n i k o o C I CUCINA APPUNTI D

Massimiliano Valenti, after gaining experience and working alongside prestigious names in restaurant services, has now become the creative chef of Penna d’Oca, the new gourmet hotspot for seafood lovers just a few steps away from Piazza del Popolo

text Virginia Mammoli

What is your culinary school of thought? Knowledge of cooking techniques, willingness to experiment, selection of the ingredients. Speaking of ingredients, what are your favorites? All kinds of fish, without doubt, and a preference for and shellfish and scallops. A dish we shouldn’t miss this winter? The dishes on my upcoming menu will all be based on playing with temperatures and consistencies. I don’t want to spoil the surprise, but keep an eye out for my new first courses. The perfect pairing between a dish and a wine in your restaurant? Cantaro DOC, 110% Verdicchio from the Broccanera winery and as a second course ‘Codfish fillet with condensed ox marrow, crisp cabbage and saffron sauce’. Your next goal? I’d like to keep maturing as a professional and share my experience with all the people in my brigade. To do this, we’ll create fun and exciting menus. Where do you go shopping, in the heart of Rome? As far as markets go, I’d certainly choose the Testaccio market for the quality of a few of its stands, and the Campo de’ Fiori market, if only to see how astonished tourists are when they visit it. Among the city’s stores, the Magazzino Scipioni for alcoholic beverages and the Emporio delle Spezie. La sua filosofia in cucina. Conoscenza delle tecniche di cottura, sperimentazione, selezione delle materie prime. A proposito di materie prime, quali sono le sue predilette? Sicuramente pesce, in tutte le sue forme, con una preferenza per i crostacei e le capesante. Il piatto da non perdere questo inverno? I piatti del mio prossimo menu saranno tutti incentrati su giochi di temperature e consistenze. Non voglio dare anticipazioni, ma fate attenzione ai miei prossimi primi piatti. L’abbinamento forte tra un piatto e un vino del vostro ristorante. Cantaro doc, 110% verdicchio della cantina Broccanera e il secondo ‘Lomos di Baccalà, ristretto di Midollo di Bue, Verza croccante e colatura di Zafferano’. Il prossimo obiettivo? Crescere io come professionista e con me far crescere tutti i ragazzi della brigata. Per fare questo realizzare menu che siano divertenti e che facciano emozionare. La sua spesa nel cuore di Roma. Se parliamo di mercati, certamente il mercato Testaccio per la bontà di alcuni suoi stand e il mercato di Campo de’ Fiori solo per vedere lo stupore dei turisti che lo affollano. Come negozi, il Magazzino Scipioni per la parte degli alcolici e l’Emporio delle Spezie.

16 Roma | the Eternal City


Roma, Via del Babuino 143


roma people

Like EfaSSbUrTiOc COME T

Stefano Marolla is a carpenter. His objects, almost sculptures, the wood taking on the effect of a folded cloth, are available for order in his studio in Monteverde Vecchio and in the gallery Secondome in Trastevere

text Veronica Sgaravatti

How did you began this work? I began to work with wood when I was 13 years old, thanks to one of my relatives who was also a carpenter and who asked me to give him a hand. I had great manual skill, I liked working with my hands and I had a good sense of observation. After I worked as the director of a company for a few years, I realized that my path was with wood, and so I left everything behind, abandoned by physics studies at university and opened my first studio for crafting furniture and offering restorations. How do you come up with your design objects? I’ve always created works on commission: I’ve made ladders, wardrobes and dressers, as well as a lot of fuel flaps. Every once in a while, though, someone asks for one of my objects, giving me total freedom of expression, and this is when I’ve been able to experiment. One day, one of my friends insisted that I bring my pieces to a gallery. They took care of bringing my object to the Salone del Mobile and that’s where this other adventure began. How do you recreate this wavy effect in your furniture? I’m fascinated by soft and organic forms and I wanted to be able to bend wood to my will. I discovered a technique of working the material that, with heat, allows me to fold the wood with my hands when it’s boiling and then to stop the fold by cooling the wood with liquid nitrogen. Come ha iniziato a fare questo lavoro? Ho iniziato a lavorare il legno quando avevo 13 anni, grazie a un mio parente che faceva l’ebanista e mi chiamava per dargli una mano. Avevo grande manualità, mi piaceva lavorare con le mani ed avevo un grande senso dell’osservazione. Dopo aver lavorato come dirigente d’azienda per alcuni anni, ho capito che la mia strada era quella del legno e così ho lasciato tutto, abbandonando gli studi di fisica all’Università e ho aperto il mio primo laboratorio di realizzazione di mobili e restauro. Come sono nati questi oggetti di design? Ho sempre realizzato opere per la committenza: ho fatto scale, armadi, credenze ma anche tanti sportellini del gas. Ogni tanto, qualcuno, però mi chiedevano un mio oggetto, dandomi totale libertà d’espressione e lì potevo dare sfogo alla ricerca. Un giorno un mio amico ha insistito affinchè portassi dei miei pezzi in una galleria. Loro si sono occupati di portare un mio oggetto al salone del Mobile e da lì è iniziata quest’altra avventura. Come ha fatto a ricreare questo effetto di un mobile mosso? Sono affascinato dalle forme morbide e organiche e volevo riuscire a piegare il legno alle mie volontà. Ho scoperto una tecnica di lavorazione che, con il calore, mi permette di piegare con le mani il legno quando è bollente e poi di fermare la sua piega, raffreddando il legno con l’azoto liquido.

18 Roma | the Eternal City


ROMA - VIA COLA DI RIENZO, 105 - 00192 - T. +39 06 32609318 FROSINONE - VIA ALDO MORO, 80 - T. +39 0775. 875031 FIUGGI - CORSO NUOVA ITALIA, 14 - T. +39 0775. 515632 NEXT OPENING ROMA - VIALE EUROPA, 112/114

www.diego ca t a ld i . i t - www. d i e g oc a t a ld i . c om

RIVENDITORE AUTORIZZATO ROLEX E TUDOR ESCLUSIVAMENTE NEL PUNTO VENDITA DI FIUGGI E ROMA - RIVENDITORE AUTORIZZATO CARTIER ESCLUSIVAMENTE NEL PUNTO VENDITA DI FIUGGI E FROSINONE

DESIDE R I E S C LUS I V I


roma people

nce e i r e p x e y t u a A be A A BELLEZZ NELL UN TUFFO

text Gabrielle Bolzoni

Tell us a bit about NIYO&CO... NIYO&CO. is the first entirely Italian beauty retailer, with national and international distribution. After spending decades in cosmetics and retail, I decided to create a family business and give life to an innovative brand with a strong Italian identity. NIYO&CO. is in fact an acronym for New, Italian, Young, Original and Convenient. Our products cover all branches of the beauty sector, including make-up, cosmetics, perfumes, body and hair products and accessories. A few more words about NIYO&CO.… We’ve developed a multi-specialized brand, that ranges from DIY perfumes to professional hair products. We offer a highly accessible and at the same time exciting shopping experience in a warm and contemporary environment. What’s more, our e-Commerce offers a service with delivery across Europe. We are indeed proud to be born in Rome, but look out onto the world. Future projects? We’ve started to gain success abroad as well, where the market has recognized the innovative strength of our project, Made in Italy. In 2018 we will keep developing a totally innovative business model that brings brands and consumers together in a direct and interactive way. A true lifestyle brand.

Laura Cerasoli is the founder and president of the brand NIYO&CO., established in 2012 after many years of experience in managing a chain of perfume shops 20 Roma | the Eternal City

Ci racconti di NIYO&CO... NIYO&CO. è il primo beauty retailer interamente italiano, distribuito a livello nazionale ed internazionale. Dopo diversi decenni nella cosmesi e nel retail, ho deciso di creare un business familiare per dare vita ad un brand innovativo dalla forte identità italiana. NIYO&CO. è infatti l’acronimo di New, Italian, Young, Original e Convenient. I nostri prodotti ricoprono tutti i comparti del beauty, inclusi make up, cosmetica, profumi, prodotti per corpo e capelli e accessori. Ci parli di NIYO&CO … Abbiamo sviluppato un brand multi specialistico, che spazia dai profumi fai-da-te ai prodotti professionali per capelli. Offriamo una shopping experience facilmente fruibile e al contempo emozionante in un ambiente caldo e contemporaneo. In più il nostro e-Commerce offre un servizio di spedizioni in tutta Europa. Infatti siamo orgogliosamente nati a Roma, ma presenti nel mondo. Progetti per il futuro? Abbiamo cominciato a raccogliere successi anche all’estero, dove il mercato ha riconosciuto la forza innovativa del nostro progetto Made in Italy. Nel 2018 continueremo a sviluppare un modello di business totalmente innovativo che colleghi in maniera diretta ed interattiva brand e consumatori. Un vero e proprio lifestyle brand.


ROMA Via Vittoria 62


FALIEROSARTI.COM


save as exhibitions

In Rome, Christmas is one of the most captivating and enchanting holidays of the year. The exhibitions staged during this period certainly aren’t lacking and the final weeks prior to New Year’s Eve are an opportunity to dive into culture. JANUARY The majestic Museum of the Ara Pacis will draw the curtain on the 200 Japanese works in Hokusai. Sulle orme del Maestro on the 14th, while on the 21st, the Scuderie del Quirinale will close their show celebrating one of the greatest geniuses of the 20th century, Picasso. Between Cubism and Classicism: 1915-1925, Il Natale a Roma è una delle festività più affascinanti e coinvolgenti dell’anno, le mostre allestite in questo periodo non sono certo da meno e le ultime settimane prima di San Silvestro sono un’occasione per un tuffo intenso nella cultura. GENNAIO Il maestoso Museo dell’Ara Pacis chiuderà i battenti sulle 200 opere giapponesi di Hokusai. Sulle orme del Maestro il 14, mentre si conclude il 21 la rassegna nel segno di uno dei geni del Novecento, alle Scuderie del Quirinale: Pablo Picasso. Tra Cubismo e Neoclassicismo: 1915-1925, che presenta un centinaio di capolavori. FEBBRAIO Le lussureggianti ninfee del Musée Marmottan Monet di Parigi che animano Monet, ospitate al Complesso del Vittoriano lasceranno la Capitale

l’11; rimane invece winter is le sale della Galaperto fino al 18 il comunale an special leria Chiostro del Brad’Arte Moderna; mante, con l’e- opportunity un gioiello raro splosione del con- to dive da apprezzare con temporaneo rac- into culture calma è quello che contato da Enjoy. presenta la mostra L’Arte incontra il Divertimento, a cura di Enrico Parlato nelle declinando diversi canoni Gallerie Nazionali di Arte And’espressioni d’arte. L’11 sarà tica di Roma - Palazzo Barbel’ultimo giorno per ammirare rini, dal titolo rivelatore ed la straniante, fantastica abilità esemplificativo: Altro Rinascidel rinascimentale Arcimboldo, mento. Il giovane Filippo Lippi e accolta nelle eleganti sale del- la Madonna di Tarquinia, un’ola Galleria Nazionale d’Arte pera fondamentale dell’artiAntica di Palazzo Barberi- sta allievo di Masaccio, che ni e I grandi maestri. 100 Anni in questa Madonna dipinge la di fotografia Leica, ospitata svolta che definì il suo modo nell’Ala Brasini del Comples- personale di esser raffinato so del Vittoriano, si chiude il ed elegante, sobrio e sensuale 18 dopo un grande successo a un tempo, riconoscibile se di pubblico. Un’antologica dai paragonata con le opere giotoni intimi è invece quella che vanili che la circondano per rende omaggio al siciliano (ma l’occasione (aperta fino al 18). romano d’elezione) Francesco Totò Genio, allestita nel Museo Trombadori: L’essenziale verità di Roma in Trastevere, rimane delle cose, aperta fino all’11 nel- aperta fino al 18 per ricordare

INIZIO D’ANNO D’ARTE text Mila Montagni

Chiostro del Bramante

Museo dell’Ara Pacis

Scuderie del Quirinale

Palazzo Braschi

Museo in Trastevere Museo Alinari

24 Roma | the Eternal City

18th to much success. The intimate retrospective paying tribute to the Sicilian (but adopted Roman) Francesco Trombadori, L’essenziale verità delle cose, is open until the 11th in the rooms of the Gallery of Modern Art; leisurely appreciate a rare gem of an exhibition at the National Galleries - Palazzo Barberini: Other Renaissance. Young Filippo Lippi and the Madonna di Tarquinia, a fundamental work by the artist, a student of Masaccio, who in this Madonna found his turning point that will go on to define his personal style as refined and elegant, sober and sensual at the same time, recognizable if compared to the other early works brought together for the occasion (open until the 18th); curated by Enrico Parlato. Totò Genio, held at

showcasing a hundred masterpieces. FEBRUARY The verdant water lilies from the Musée Marmottan Monet in Paris that are the focus of Monet, held at the Vittoriano, will leave the capital on the 11th; the exhibition at the Chiostro del Bramante, however, will remain open until the 18th: Enjoy. Art meets Amusement, showcasing various canons of artistic expression. The 11th will be the last day to admire the estranging, imaginary works on display in Arcimboldo, bringing together works by the Renaissance artist in the elegant rooms of the National Galleries - Palazzo Barberini, and The Great Masters. 100 Years of Leica Photography, held in the Vittoriano - Ala Barsini, will close on the

Art to start the year

This


save as exhibitions

the Museo di Roma in Trastevere, is open until the 18th in honour of the 50th anniversary of the death of prince De Curtis, organized by Alessandro Nicosia – who curated the show with Vincenzo Mollica. The versatile figure of the Prince, an all-around actor, also staked its claim in the world of poetry (A livella) and song (Malafemmena), sorrowful and nocturnal. Also on display are drawings by Pasolini, Fellini and Scola, as well as Crepax, Pratt, Manara, Onorato and Pazienza, alongside posters and lobby cards that narrate his story and his relationship with advertising (he worked with Lambretta and Perugina) and his beloved Naples. The proof of his popularity? His triple funeral in Rome, Naples and Rione Sanità, where he was born. MARCH An exhibition that a city like

Rome stages in virtue of its Hoy Hanru and Giulia Ferracci; multi-faceted and rich his- here, the study of the complex tory is Artisti all’Opera. Il Teatro relationship between Europe dell’Opera di Roma sulla frontiera and the Middle East continues, dell’arte da Picasso a Kentridge turning its attention towards a 1881-2017 at the Museo di Roma city that serves as a laboratory - Palazzo Braschi, open until the for resistance, artistic innovation 11th and showcasing works by and life’s hopes. Over 100 works Picasso and Guttuso, De Chirico, are on display by 36 artists, arBurri, Manzù, Ceroli, Afro, Po- chitects, directors, musicians, modoro and Kentridge: scenes, dancers, researchers and activcostumes, sketches, models and ists, all of whom are working to maquettes, as well as the 15-me- build new homes for a compliter stage curtain painted by De cated urban setting. Not to be Chirico for a performance of missed is the tribute to the HisRossini’s Othello. The world of pania-born Emperor Trajan, the Opera is marked by its multiplic- general that brought the Roman ity, ability to reveal and the mas- empire to its maximum extent: tery of those who stage a scene 1,900 years after his death, the differently from performance to Museum of the Imperial Fora - Trajan’s Market performance. The tells his story in rooms at Galleria the wide-ranging 3 will remain open exhibition Traiano. for Home Beirut. Hokusai, Costruire l’impero, Sounding the NeighMonet, creare l’Europa. bors, curated by

i 50 anni dalla scomparsa del principe De Curtis, organizzata da Alessandro Nicosia - che l’ha curata con Vincenzo Mollica. La figura poliedrica del Principe, attore a tutto tondo, aveva la sua forma anche nello spazio della poesia (‘A livella) e delle canzoni (Malafemmena), malinconiche e notturne. In mostra disegni di Pasolini, Fellini e Scola, ma anche quelli di Crepax, Pratt, Manara, Onorato e Pazienza, insieme ai manifesti e le fotobuste che narrano la sua storia, oltre al rapporto con la pubblicità (lavorò con la Lambretta e la Perugina) e quello con la sua amatissima Napoli. A dimostrarlo il suo triplice funerale: Roma, Napoli e Rione Sanità, dov’era nato. MARZO Una mostra che una città come Roma racconta in virtù della sua storia poliforme e

ci; qui si continua ricchissima è Ar- De Chirico lo studio del comtisti all’Opera. Il are only plesso rapporto Teatro dell’Opera tra Europa e Medi Roma sulla fron- some of dioriente puntantiera dell’arte da the artists do l’attenzione Picasso a Kentridge on show su una città che è 1881-2017, ospitata al Museo di Roma a Palazzo laboratorio di resistenze, innoBraschi, aperta fino all’11 e vazione artistica e speranze di che rivela opere di Picasso e vita. In mostra oltre cento laGuttuso, De Chirico, Burri, vori che sono frutto dell’impeManzù, Ceroli, Afro, Pomodo- gno di 36 tra artisti, architetti, ro e Kentridge: scene, costumi registi, musicisti, ballerini, rie poi bozzetti, figurini, ma- cercatori e attivisti, impegnati quette ma anche i 15 metri di a costruire nuove abitazioni sipario dipinti da De Chirico per un contesto urbano comper un Otello firmato Rossini. plicato. Da non dimenticare Il mondo dell’Opera e la sua l’omaggio all’ispanico impemolteplicità senza segreti ma ratore Traiano, il generale che soltanto avvolta nel sapere portò l’impero di Roma alla della maestria di chi allestisce sua massima espansione: 1900 la scena in modo diverso per anni fa la sua morte e al Muogni spettacolo. Rimangono seo dei Fori Imperiali Mercati aperte le sale della Galleria 3 di Traiano si racconta la sua del MAXXI per Home Beirut. storia, sotto un’egida di granSounding the neighbors, a cura de respiro: Traiano. Costruire di Hoy Hanru e Giulia Ferrac- l’impero, creare l’Europa.

Galleria d’arte moderna

Palazzo Barberini

Picasso,

Palazzo Barberini

Complesso del Vittoriano

MAXXI

Roma | the Eternal City 25


save as music & theatre

JANUARY The Nutcracker is on stage at the Costanzi until the 7th. The concert by Dennis Russel Davies is the 11th; from 21 to the 3rd of February, Verdi is on stage, with the opera I Masnadieri, conducted by Roberto Abbado. Again, ballet with La Soirée Francaise (28 - 3 february) for the star Eleonora Abbagnato. At the Eliseo is War of the Roses with Ambra Angiolini and Matteo Cremon until the 7th; while at the Argentina, from 23 to 4 February, The Name of the Rose reinterpreted by Stefano Massini. Ten little Indians... by Agatha Christie at the Quirino from 9 to 21 with; from 23 to 4 FebruGENNAIO L’anno inizia sulle punte con Lo schiaccianoci in scena al Costanzi fino al 7 e prosegue con il concerto di Dennis Russel Davies l’11; dal 21 al 3 febbraio è di scena Giuseppe Verdi, con l’opera I Masnadieri, diretta da Roberto Abbado. E ancora danza con La Soirée Francaise (28 - 3 febbraio) per l’etoile Eleonora Abbagnato. All’Eliseo è Guerra dei Roses con Ambra Angiolini e Matteo Cremon fino al 7 ; mentre al l’Argentina dal 23 al 4 febbraio arriva Il Nome della Rosa. di Umberto Eco riletto da Stefano Massini. Giallo al Quirino dal 9 al 21 con Dieci piccoli indiani... di Agatha Christie; dal 23 al 4 febbraio Gabriele Lavia propone invece Il Padre. All’Ambra Jovinelli Piefrancesco Favino dall’11 al 28 è in scena con La notte poco prima della foresta. Al Parioli, dal 23

al 4 febbraio, un and opera, shwin e dal 20 al vis à vis tra Anna 4 marzo Gabriele shows Galiena e Corrado Guidi propone I Tedeschi in Notte and ballet have a dream o le di Follia. Musical al in Rome’s parole che hanno Sistina con Mam- theaters cambiato la storia. ma Mia di MassiAl Sistina dal 7 mo Romeo Piparo, fino al 7. Al al 18 arriva Arturo Brachetti Brancaccio Lorella Cuccarini con Solo e 60 personaggi diverè la Regina di ghiaccio fino al 7, si. Comicità delle più English e dal 19 al 24 con Andrea Or- dal 4 al 18 al Brancaccio con tis Divina Commedia in musical. Spamalot, musical con Elio e FEBBRAIO lo zampino dei Monty Python, Opera al Costanzi con la prima dal 20 al 4 marzo la scena è de La Sonnambula di Bellini per Hairspray The Broadway dal 18 al 3 marzo; mentre dal Musical. 24 al 3 marzo Sofia Coppola MARZO dirige La Traviata. All’Eliseo Danza sperimentale al Cova in scena L’odore assordante stanzi dal 15 al 21 con il trio del bianco (13 - 4 marzo) con Kylian/Forsythe/Inger mentre Alessandro Preziosi alias Van all’Ambra Jovinelli all’1 all’11 Gogh. All’Ambra Jovinelli Isa- arriva Stefano Accorsi in La bella Ferrari e Iaia Forte in Si- favola del principe che non sapesters-Come stelle nel buio (1-11). va amare. All’Olimpico, dal 13 Ancora un’operetta al Parioli, al 18,Vittorio Sgarbi porta il dal 13 al 18 con La Duchessa suo Michelangelo, video e mudi Chicago su musiche di Ger- siche.

LE DATE TOP DELL’INVERNO text Rossella Battista Arturo Brachetti

Angiolini, Cremon

Vittorio Sgarbi

Il Nome della Rosa

Alessandro Preziosi Museo Alinari

26 Roma | the Eternal City

Gogh. At the Ambra Jovinelli, Isabella Ferrari is Iaia Forte in Sisters-Like Stars in the Dark (111). The Duchess of Chicago at the Parioli, from 13 to 18 and from 20 to 4 March Gabriele Guidi presents I have a dream. At the Sistina from 7 to 18 is Arturo Brachetti with Solo. Very English comedy from 4 to 18 at the Brancaccio with Spamalot, a musical with Elio and a touch of Monty Python, from 20 to 4 March, Hairspray The Broadway Musical. MARCH Experimental dance at the Costanzi from 15 to 21 with Kylian/Forsythe/Inger while at the Ambra Jovinelli from 1 to 11, it’s Stefano Accorsi in The Fable of the Prince who did not Know how to Love. To the Olimpico, from 13 to 18, Vittorio Sgarbi brings his Michelangelo.

ary, Gabriele Lavia proposes The Father. At the Ambra Jovinelli, Piefrancesco Favino from 11 to 28 is on stage with The Night Just Before the Forests. At the Parioli, from 23 to 4 February, Anna Galiena and Corrado Tedeschi in Notte di Follia. At the Sistina, Mamma Mia of Massimo Romeo Piparo, until the 7th. At the Brancaccio, Lorella Cuccarini is the Snow Queen until the 7th, and from 19 to 24 with Andrea Ortis, a musical Divine Comedy. FEBRUARY Opera at the Costanzi with the premier of La Sonnambula by Bellini from 18 to 3 March; while from the 24 to 3 March, Sofia Coppola directs La Traviata. At the Eliseo, The Deafening Smell of White (13 - 4th March) is onstage with Alessandro Preziosi as Van

The top winter dates

Concerts


save as pop

DECEMBER An effective mix of soul, gospel and African rhythms, from 21 to 23 December, on stage at Auditorium Parco della Musica in Rome, Emmanuel Djob and By The Gospel River. On the 23rd of the month, we move to Spin Time Labs, for the Christmas appointment with the New York Ska Jazz Ensemble. For Christmas Day, a really special event at the Auditorium Parco della Musica in Rome, the Benedict Gospel Choir from South Carolina. On the same stage, December 26th, Giovanni Allevi, accompanied by the Italian Symphony Orchestra. From 26 to 28 at Auditorium Parco

della Musica in Rome: La musica new album by the historic Italian è pericolosa. Concertato (Music is band, the Nomadi. We can hear dangerous. Concertato), a musical them 27 January at the Auditoritale narrated by instruments that um Parco della Musica in Rome. interact on stage, with Nicola Pi- FEBRUARY ovani. Back to the Auditorium for Ornella Vanoni returns to Rome a live unique event, Daniele Sil- with a new show called “La mia vestri, Carmen Consoli and Max storia (My Story), February 1st Gazzè (from 27 to 30 December). at the Auditorium Parco della Musica in Rome. Same evening JANUARY The energy of Roy Paci & Aretuska for the alternative English pop is at the Monk Club (on 6 Janu- of Alt-J, at the Palalottomatica. ary). Same location for the great More music at the PalalottomatiTuscan singer-songwriter Bobo ca, with the phenomenon of this Rondelli, in concert 12 January. musical winter: Coez, live on 3 January 19, back on the stage of and 4 February. February 4, rethe Sala Sinopoli, Auditorium turning to the Auditorium Parco Parco della Musica in Rome, della Musica is the explosive GoColapesce with his the latest al- ran Bregović Orchestra. Another bum entitled Infidele. More Ital- unmissable live concert? Steven Wilson, February ian indie music: at 10th at the Atlanthe Atlantico Live, tico and Dente the 19 January, there 15th at the Audiis Canova. Nomadi A winter Parco della Dentro is the title of live music torium Musica in Rome. of the new tour and

DICEMBRE Un mix efficace di soul, gospel e ritmiche africane, dal 21 al 23 dicembre, on stage all’Auditorium Parco della Musica di Roma, Emmanuel Djob By The Gospel River. Ci spostiamo, il 23 del mese, allo Spin Time Labs, per l’appuntamento natalizio con i New York Ska Jazz Ensemble. Per il giorno di Natale, un evento davvero speciale all’Auditorium Parco della Musica di Roma il Benedict Gospel Choir from South Carolina, composto da 35 elementi, in un mix tra gospel, spiritual, blues, reggae e musica africana tradizionale. Stesso palco, il 26 dicembre, per Giovanni Allevi, il prodigio della musica classica contemporanea torna in un emozionante tour accompagnato dagli archi dell’Orchestra Sinfonica Italiana. Dal 26 al 28 all’Auditorium Parco della Musica di Roma: La musica è pericolosa. Concertato è un racconto musicale narrato dagli strumen-

ti che agiscono in our hearts. vo tour e del nuovo scena firmato Nicola della storica Discover the album Piovani. Di nuovo band italiana, i Noall’Auditorium per most exciting madi appunto, il 27 un live unico nel performances gennaio all’Audisuo genere, che ve- in the Capital! torium Parco della drà Daniele SilveMusica di Roma. stri, Carmen Consoli e Max Gazzè FEBBRAIO replicare lo straordinario live del- Una carriera lunga 60 anni e una lo scorso luglio al Festival Colli- voce inconfondibile: Ornella Vasioni a Barolo, con Collisioni Roma noni torna a Roma con un nuovo dal 27 al 30 dicembre. spettacolo intitolato La mia storia, GENNAIO l’1 febbraio all’Auditorium ParIniziamo il nuovo anno con tutta co della Musica di Roma. Stessa l’energia di Roy Paci & Aretuska, il sera per l’alternative pop inglese 6 gennaio al Monk Club. Stessa degli Alt-J, al Palalottomatica. location per il ritorno del grande Ancora musica al Palalottomacantautorato toscano di Bobo Ron- tica, con il fenomeno di questo delli, in concerto il 12 gennaio. Il inverno musicale: Coez, live il 3 19 gennaio, torna sul palco della e 4 febbraio. Il 4 febbraio torna Sala Sinopoli dell’Auditorium all’Auditorium Parco della MuParco della Musica di Roma, sica la dirompente Goran Bregović Colapesce con l’ultimo album Orchestra. Altri live imperdibidal titolo Infedele. Ancora musica li? Steven Wilson il 10 febbraio indie italiana: all’Atlantico Live il all’Atlantico e Dente il 15 all’Au19 gennaio è il turno dei Canova. ditorium Parco della Musica di Nomadi Dentro è il titolo del nuo- Roma.

What will you be doing? E TU CHE FAI?

text Sabrina Bozzoni

Coez

Gazzè, Consoli, Silvestri

Goran Bregović

Alt-J

Nicola Piovani Museo Alinari

to warm


it object

er love Coco’sMoOtRh E DI COCO L’ALTRO A ni Sabrina Bozzo text

In the 1920s, Mademoiselle Coco Chanel donned them to walk through the gardens of Eaton Hall, the residence of the Duke of Westminster. In 1958, she even began to wear them with the legendary tweed tailleurs. Today they are embellished with an iridescent constellation. Chanel. Negli anni ‘20 Mademoiselle Coco Chanel li calzava per passeggiare nei giardini del castello di Eaton Hall, residenza del Duca Westminster. Nel 1958 poi cominciò a indossarli addirittura con i mitici tailleur di tweed. Oggi come allora, tempestati da una costellazione iridescente. Chanel. Roma | the Eternal City 29


it object

uty Drops BoEfLLbEZeZaA GOCCE DIBozzoni text Sabrina

A rain of sensuality invades us with harmonious beauty. Pink gold earrings with rubies seem to work a miracle in bestowing the Extraordinary on those who wear them. From Hausmann & Co., the Drops collection. Una pioggia di sensualitĂ ci invade di armoniosa bellezza. Gli orecchini oro rosa con rubini sembrano compiere il miracolo di donare lo Straordinario a chi li indossa. Di Hausmann & Co., collezione Drops. Roma | the Eternal City 31


it object

ing The arVtEoDEfRsEee L’ARTE DIBozzoni text Sabrina

They have the lightness of the sculptural forms of Alexander Calder, the irresistible appeal of Peggy Guggenheim, the 1970s charm of Warhol’s Factory. To those who say that works of art can’t be worn: these glasses by Marni will change their mind. Hanno la leggerezza delle forme scultoree di Alexander Calder, l’appeal irresistibile di Peggy Guggenheim, il fascino seventies di Nico nella factory warholiana. A chi dice che le opere d’arte non si possono indossare: questo occhiale di Marni può farvi ricredere? Roma | the Eternal City 33


Via di Monte D’Oro, 30 - Roma - Tel +39 06982634 Fax +39 0698263499 info@jkroma.com - www.jkroma.com


it object

ve Say it wAiMtOhRElo DILLO COBNozzoni text Sabrina

A soft embrace to whisper unspoken words, scarves like wearable works of art, bearers of the most personal of messages, to hold between your hands or let fly in the wind during a winter spent in the city. Faliero Sarti, nothing more. Un morbido abbraccio per sussurrare parole non dette, sciarpe come opere d’arte da indossare, portatrici di personalissimi messaggi, da stringere tra le mani o far volare al vento di un inverno di città. Faliero Sarti, niente più. Roma | the Eternal City 35


ROMA via della Croce, 7


it object

ouis My namEeÈ LisOUL IS IL MIO NOBM ozzoni text Sabrina

Total Black and luxury details for an object dedicated to adults and children. Louis Vuitton interprets the legendary teddy bear with the signature details of the fashion house. A cult object, for not taking ourselves too seriously. Total Black e dettagli luxury per un oggetto dedicato a grandi e piccini. Louis Vuitton interpreta il mito dell’orsacchiotto attraverso i dettagli distintivi della Maison. Un cult, per non prenderci troppo sul serio… Roma | the Eternal City 37


Via Cegoli, 47 - 59016 Poggio a Caiano (PO) - tel. +39 055 8705401 - fax +39 055 8705833 email: info@piaggia.com - www.piaggia.com


it object

ado

ik RenowneTOdREM ’AU MIKADO D ozzoni B na ri ab S text

There are those who call it Shangai, those who call it Mikado. The rules of the game are simple: there are 41 sticks and the goal is to collect them, one at a time, without moving the ones nearby. Patience, skill, concentration and, for added style, these sticks by Hermès are needed. C’è chi lo chiama Shangai, chi Mikado. Le regole del gioco sono semplici: ci sono 41 bastoncini e lo scopo è quello di raccoglierli, uno per volta, senza far muovere quelli vicini. Ci vuole pazienza, abilità, concentrazione e, per aumentare lo stile, questi bastoncini, firmati Hermès. Roma | the Eternal City 39


shotonsite

Giulia Sgambati, Fabiola Balduzzi, Arianna Risi, Saverio Ferragina

Laura Fiore, Angela Agresti, Alessia Politelli

Francesco De Ritis, Camilla Galeota

Stefano de Paola

Fabrizio and Isabella Rocchi

Fabio Ciervo, Anna Galiena

Sharon Ricciotti, Emanuele Cataldi

Donato Perri, Valerio Tavani

Luigi Lantieri 40 Roma | the Eternal City

Antonella Salvucci

Nella meravigliosa Terrazza dell’Hotel Eden, l’elegante aperitivo firmato dallo chef stellato Fabio Ciervo con i vini Marchesi Antinori per il nuovo numero di Roma the Eternal City

Grazia Cavallari Ulpia, Barbara Vitale, Marco Giuli, Antonio Marrazzo

aa

Renzo Musumeci Greco

Valentina Panetta, Guido Latilla


shotonsite

Giorgia Cardaci, Bianca Melasecchi

Alessia Antonelli, Massimo Peroso, Francesca Strappini

Veronica Sgaravatti, Gabrielle Bolzoni

Marianna Mauro, Veronica Corti

Roberta Lasorda, Priscilla Sassi

Antonella Intini, Luigi Mazza

Matteo Parigi Bini, Anna Galiena, Alex Vittorio Lana, Saverio Ferragina

Francesco De Ritis, Teresa Figurelli

Isabella Borga

On the marvelous Terrazza of the Hotel Eden, the elegant aperitif by the starred chef Fabio Ciervo with Marchesi Antinori wines for the new issue of Rome the Eternal City

Elif and Gaetano Sallorenzo

Camilla Cappelli

Paolo Vasi, Paola Paciotti

Andrea Londono Roma | the Eternal City 41


shotonsite

Fabio Maria Milo

Stefania Pasi

Aldo and Daniela Mantovani

A few moments of ‘breakfast at Malloni’ in the exclusive Malloni boutique in Via Bocca di Leone, Rome

Laura Domenici

Franco and Monica Mosca

AmbraTorrini, Laura Ferraioli

Claudia Guadagni, Carmen Lorusso 42 Roma | the Eternal City

Edmondo Tagliaferri


shotonsite

Gabriela Melaza, Cankat Zagra, Gabriella Sacconi

Paola and Angela Del Tosto, Elena Irti

Ettore Velluto, Paola Velardi

Chiara Manes

Althoff Ruswitha

Angelica Facilla

Francesca Sartori

Sofi Giusi

In the Salvatore Ferragamo boutique, the presentation of the new Christmas collection, with the artist Simone Massoni

Anna Carlevaro

Daniela Londei

Kristi and Mike McDemott Roma | the Eternal City 43


shotonsite

Benedetto Mauro, Maryline De Cesare

Paolo Gobbi, Elena Lorusso, Fabrizio Rinversi

Edoardo Alaimo

Giulia Pititto

Francesca Anfosso, Roberto di Costanzo

Maryline De Cesare, Fabrizio Rinversi

Michel Parmigiani, Francesca Romano

Daniela MannarĂ

The Parmigiani Fleurier Maison of High Clockmaking presents its new Toric Collection, in a collaboration with Hausmann&Co at Galleria 28 in Piazza di Pietra

Gabriella D’Agostini, Mario Didone 44 Roma | the Eternal City


shotonsite

Massimiliano Valenti

Francesca Inaudi, Claudia Ferri

Giada Desideri

Valeria Fabrizi, Saverio Vallone

Alice Sabatini

Bashar and Iman Assad, Giorgia Giacobetti

Luigi Imola

Simona Borioni

The refined opening party of the restaurant La Penna d’Oca, with the event Oysters and Bubbles, with well-known personalities

Marco Bonini

Giorgia Giacobetti, Jimmy Ghione

Alessandro Di Biasio

Alessia Fabiani

Alice Sabatini, Bashar Assad Roma | the Eternal City 45


shotonsite

Michela Tomaselli, Antonio Mazzola, Susanna Mastromarino

Ilaria Sebastiani, Antonio Mazzola, Stefano Meloccaro

Carolina Marconi

Daniela Deiana, Francesca Cerza

Nathalie Caldonazzo,

Antonio Mazzola, Paolo Bonolis

Flavia Pruner, Maria Monsè, Giorgia Giacobetti, Antonio Mazzola, Elena Aceto di Capriglia

Maria Monse

Valeria Fabrizi

Carolina Cerza 46 Roma | the Eternal City

Veronica Logan

At the Rome Cavalieri Waldorf Astoria, the opening of the new shop of the hair stylist Antonio Mazzola in this elegant hotel

Alessandra Monti, Flavia Pruner, Lorella Landi, Mariano Garofalo

Antonio Mazzola, Miriam Fecchi

Marco Bonini, Giorgia Giacobetti


Italia su misura

THE BEST ITALIAN ARTISANS

italia-sumisura.it Gruppo Editoriale


Sudden beauty ALL’IMPROVVISO, LA BELLEZZA text Veronica Sgaravatti photo Andrea Rossi


The district of San Lorenzo has gradually gained fame for being home to the city’s bohemian counterculture 50 Roma | the Eternal City


city itineraries

If you’re looking for a young, university-centered neighbourhood with a bit of a bohemian soul, San Lorenzo is the perfect place. Located between the capital’s two main train stations, Termini and Tiburtina, the neighbourhood was established around the end of the 19th century to house the workers arriving in Rome at the turn of the century. A symbol of the proletariat, characterized by condominiums used by the poorest classes, it is today a cultural and artistic laboratory thanks to students and many artists. The lights of the locales, the artisan workshops and the dozens of restaurants and pizzerias make this a vital area in the city, a small village where the people love to live their lives in the streets and piazzas. Today, the neighbourhood is home to Rome’s universities, a sort of universe within itself, like a New York-style village, where life is people-oriented and liveable. The neighbourhood takes its name from the nearby Basilica of San Lorenzo fuori le mura, one of the Seven Churches, a destination for Jubilee pilgrims, and one of the five major basilicas in Rome, located near the Campo Verano. The exterior façade, rebuilt completely after the bombings of World War II, is preceded by a portico attributed to the Vassalletto marble carvers around 1220. To the right of the façade, set slightly back, is the Romanesque brick bell tower from the 12th century. Inside, the church conserves the relics of Saint Stephen, the reason for which the church is one of the five oldest major basilicas, important and venerated in the capital. The church also contains the relics of Popes Hilarius and Pius IX and Alcide De Gasperi. After visiting the basilica, in piazzale del Verano, you’ll come across Rome’s monumental cemetery, around which sit businesses of marble carvers. For its grandeur and even just to look around a bit, a walk through Se si è alla ricerca di un quartiere giovane, universitario e con un’anima un po’ bohémien, San Lorenzo è la meta giusta. Stretto tra le due principali stazioni ferroviarie della Capital, Termini e Tiburtina, il quartiere è nato sul finire dell’Ottocento per ospitare gli operai che arrivarono a Roma a cavallo tra i due secoli. Simbolo del proletariato, caratterizzato dalle case a ballatoio destinate in passato ai più poveri, è oggi un laboratorio culturale e artistico grazie agli studenti e ai tanti artisti. Le luci dei locali, le botteghe artigianali e i tantissimi ristoranti e pizzerie rendono questa zona un’area vitale della città. Un piccolo paese dove la gente ama vivere nelle strade e nelle piazze. Oggi è il quartiere degli universitari, una sorta di universo a sé, come un village newyorkese dove si vive a misura d’uomo.
 Il quartiere prende il nome dalla vicina Basilica di San Lorenzo fuori le mura, una delle Sette Chiese - meta dei pellegrinaggi giubilari - e una delle cinque Basiliche patriarcali di Roma, situata a ridosso del Cimitero del Verano. La basilica di San Lorenzo fuori le Mura, così come la conosciamo oggi, è il risultato della fusione di due distinte chiese, edificate una alla fine del VI e l’altra all’inizio del XIII secolo intorno alla tomba di Lorenzo, arcidiacono della chiesa di Roma martirizzato nel 258 per aver distribuito le ricchezze della Chiesa al popolo piuttosto che al governo di Roma. La facciata esterna, ricostruita completamente dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale, è preceduta da un portico attribuito ai marmorari Vassalletto del 1220 circa. A destra della facciata svetta, in posizione arretrata, il campanile romanico in laterizio del XII secolo. Al suo interno, la chiesa conserva anche le reliquie di Santo Stefano, motivo per il quale la chiesa è una delle cinque basiliche patriarcali più antiche, importanti e venerate della Capitale. Inoltre, al suo interno

Roma | the Eternal City 51


city itineraries

the cemetery is a must, where you can see the graves of famous people. The large student population living in San Lorenzo is the beating heart of the quarter and one of the main reasons why this area continues to have a great reputation. The university city overlooking viale Aldo Moro is in fact the entrance to the largest university in Europe and the students rightly chose the neighbourhood as the ideal place for their day-to-day lives, their studies and their nightlife. Numerous locales, pubs, restaurants and breweries bring the area to life, teaming with the young from morning to happy hour to late evening. The main road in the neighbourhood is Via Tiburtina, from which perpendicular streets radiate out into the area. Largo degli Osci is near the departments of Medicine and Psychology, home to the famous Bar Marani, where, with a coffee in hand under the pergola, you suddenly become a true San Lorenzo local. This is the center of life in the neighbourhood, where a market is held every day, and in the adjoining Piazza dell’Immacolata, young locals hangout in front of the church or the cinema Tibur. Heading down via dei Sabelli, you’ll arrive at via degli Ausoni, home of the famous trattoria Pommidoro, where Pasolini and Moravia were once frequent customers, and the Pastificio San Lorenzo, on the ground floor of the former pasta factory, now home to artist studios, photography schools and exhibition spaces. The Pastificio is a trendy locale with a modern style inspired by a New York atmosphere, with Roman cuisine of meat and fish dishes; the space boasts a massive bar, large windows and vintage furniture, and is always packed thanks to the possibility of sipping an after-dinner drink, when guests can lounge on the comfortable couches. sono conservate anche le reliquie dei papi Ilario e Pio IX e di Alcide De Gasperi. Dopo aver visitato la basilica, nel piazzale del Verano, ci si imbatte nel cimitero monumentale di Roma, attorno a cui sorgono le imprese di lavorazione dei marmi. Per la sua maestosità e anche solo per curiosare un po’ è d’obbligo una passeggiata all’interno per dare uno sguardo alle lapidi di personalità famose. La grande popolazione studentesca che vive in San Lorenzo è il cuore pulsante del quartiere e uno dei principali motivi per cui questa zona ha una reputazione migliore giorno dopo giorno. La città universitaria che affaccia su viale Aldo Moro è infatti l’ingresso dell’Università più grande d’Europa e gli studenti hanno a ragione scelto il quartiere come luogo ideale per la loro vita, i loro studi e la loro vita notturna.
Numerosi locali, pub, ristoranti e birrerie animano la zona che pullula di giovani, dalla mattina, all’ora dell’aperitivo e fino a tarda serata. La via principale del quartiere è via Tiburtina dalle cui perpendicolari ci si addentra nel quartiere. Vicino alla facoltà di Medicina e di Psicologia c’è largo degli Osci con il famoso Bar Marani dove grazie a un caffè sotto il pergolato si diventa improvvisamente veri sanlorenzini. Questo è il centro della vita del quartiere, tutti i giorni si tiene il mercato e nella contigua piazza dell’Immacolata i giovani si ritrovano davanti alla Chiesa o al cinema Tibur. Proseguendo per via dei Sabelli si arriva in via degli Ausoni sede della famosa trattoria Pommidoro dove un tempo erano spesso seduti Pasolini e Moravia e il Pastificio San Lorenzo, al piano terra del palazzo dell’ex pastificio ora sede di studi d’artista, scuole di fotografia e spazi espositivi. Il Pastificio è un locale trendy in chiave moderna ispirato alle atmosfere newyorchesi, con una cucina romana di mare e terra; ha un lungo bancone bar, grandi vetrate, e mobili vintage ed è sem-

52 Roma | the Eternal City


cover story

Part of what makes San Lorenzo neighborhood so characteristic is the abundance of street art and graffiti present throughout the area. Here you can visit one of the largest churches in Rome, San Lorenzo fuori le mura or the imperial arch and gate, Porta San Lorenzo Roma | the Eternal City 53


Le Mura, Via di Porta Labicana, San Lorenzo


University of Roma La Sapienza 56 Roma | the Eternal City


The Verano Monumental Cemetery Roma | the Eternal City 57


1

2

3

4

1. 4. San Lorenzo street art 2. Trattoria Pommidoro 3. Said 5. Ristorante Pastificio

5

58 Roma | the Eternal City


city itineraries

Beyond the street, crossing via Tiburtina, is Said, the heir to a chocolate factory opened in 1923, hidden in a small side street off via Tiburtina. Stepping inside is like finding yourself surrounded by the magic of the 1920s, where objects coming from the old chocolate factory remind us what the place once was and where vintage sofas, eclectic armchairs and chocolates, eggs, sugar almonds and artisan nougats of all kinds make us want to discover the entire range of products from morning to evening and taste test chocolate to our heart’s content. For those looking for some sushi, a tiny, excellent and authentic locale is Sushi Ko, a Japanese restaurant without any signage on the door and only a handful of tables and seats at the bar. For good beer, try Luppolo 12 in via dei Marrucini, which offers a range of 16 kinds of beer, and the pub Il Serpente in via Marsi, boasting a variety of strictly craft beers on tap that are always being rotated and the atmosphere of a typically English pub. Good pizza can be found in via degli Aurunci at Farinè, offering a small variety of pizzas available in three sizes, small, regular and large. The dough is left to rise for at least 72 hours and the pizza, cooked in an electric oven, is served pre-cut on food-grade paper, ready to be eaten with your hands. Not too far away is a good hamburger place called Ferrovecchio, in via dei Sabelli, which takes its name from the fact that it is located in a warehouse and laboratory for recycling iron. The most popular products are the hamburgers made with Chianina meat and a side of French fries, which come in 13 varieties. Workshops, vintage stores and artisan studios are located along the walk to Scalo San Lorenzo. pre molto frequentato grazie anche alla possibilità di arrivare per il dopo-cena a bere qualcosa, approfittando dei comodi divanetti. Al di là della strada, basta attraversare via Tiburtina e troviamo Said, erede della fabbrica di cioccolato aperta nel 1923. È nascosto in una piccola traversa di via Tiburtina, al suo interno sembra di ritrovarsi in un luogo magico anni Venti dove oggetti provenienti dalla vecchia fabbrica di cioccolato ci fanno ricordare il luogo che era e dove divani vintage, poltroncine eterogenee tra loro e cioccolatini, uova, confetti, torroni artigianali di ogni tipo ci fanno venir voglia di scoprire tutta l’offerta differenziata dal mattino alla sera del menù e sperimentare cioccolato a profusione. Per chi avesse voglia di un sushi, un locale in miniatura, ottimo e autentico è Sushi Ko, ristorante giapponese, senza nessuna insegna all’ingresso, con solo una manciata di tavoli e poche sedute al bancone. Per una buona birra c’è Luppolo 12 in via dei Marrucini che offre una gamma di ben 16 e il pub Il Serpente in via Marsi con diverse spine a rotazione rigorosamente artigianali e un clima da pub tipico anglosassone. Per una buona pizza in via degli Aurunci c’è invece Farinè che propone una ristretta varietà di pizze, disponibili in tre formati: small, regular e large. L’impasto è di lunga lievitazione (almeno 72 ore) e la pizza, cotta nel forno elettrico viene servita su carta alimentare, già tagliata e da mangiare con le mani. Poco distante anche una buona hamburgeria Ferrovecchio, in via dei Sabelli che deve il suo nome al fatto che si trova al posto di un magazzino e laboratorio per il riciclo del ferro. Il piatto forte sono gli hamburger di carne chianina con patatine fritte, proposti in 13 varianti. Botteghe, negozi vintage e laboratori artigianali si incontrano infine camminando verso Scalo San Lorenzo. Roma | the Eternal City 59


cover story

Invisible signs SEGNI INVISIBILI

text Teresa Favi Isabella Ferrari, more handsome than ever, tells us about ‘her Rome’ and new theatrical performance Isabella Ferrari più affascinante che mai, parla della sua Roma e del nuovo spettacolo teatrale She is one of the most beautiful and sexiest actresses of Italian cinema, but she has not built her career on beauty and has, instead, worked hard to develop less visible qualities. Isabella Ferrari, who was born 53 years ago in Ponte dell’Olio near Piacenza but is Roman by adoption, gracefully goes from acting to taking care of her large family, from the big screen to the theatre stage, from seeing her many friends to reading, one of her greatest passions. We meet with Isabella while she is busy performing on stage in the play Sisters, directed by Valerio Binasco, co-starring with Iaia Forte. The play will be running from February 1 to 11 at Rome’s Ambra Jovinelli Theatre. Her latest film, Napoli Velata, in which film director Ozpetek carved out a small yet very sophisticated role for his dear old friend, is about to be released. And Isabella is currently working on the set of the new film by Valeria Golino. What does the theatre represent in your acting career? What up to a few years ago I viewed as a personal challenge, is now an integral part of my job. Well, at a certain point in your career, you have to admit to yourself that you are good at it. And how do you feel on stage right now? I feel my true self at last, and I see every night on stage as a step further in my professional growth. Of course, I’m always a bit scared, every night I have to establish a relationship between myself, already weary with the long busy day, and the audience which is there for me, I have to generate a spark and this is the everyday challenge I have to face by working on stage, but it’s a healthy challenge. Do you enjoy working with Iaia Forte? We have known each other for thirty years, she is one of my best friends. We chose to work together to be together even on tour, by performing in this play that deals with the love-hate relationship between two sisters. It is a very intense show, which makes us sweat blood every night. But I think it works precisely because the two of us are so close. You have never rested on your beauty-queen laurels or on the rep60 Roma | the Eternal City

È una delle donne più belle e sensuali del cinema italiano, ma della sua avvenenza non ne ha mai fatto una insegna concentrandosi, piuttosto, con caparbietà e impegno a perfezionare qualità meno visibili. Isabella Ferrari, nata 53 anni fa a Ponte dell’Olio in provincia di Piacenza, romana di adozione, passa con grazia dagli impegni di lavoro a una famiglia numerosa, dal cinema al teatro, dai numerosi amici ai libri, che adora. La incontriamo mentre divide il palcoscenico con Iaia Forte in Sisters, per la regia di Valerio Binasco. Spettacolo che dal 1° all’11 febbraio fa tappa all’Ambra Jovinelli di Roma. Sta per uscire nelle sale Napoli Velata dove Ozpetek ha ritagliato per la sua vecchia, cara conoscenza una piccola raffinatissima parte. Intanto Isabella ha appena terminato di girare In viaggio con Adele, opera prima di Alessandro Capitani, ed è sul set del nuovo film diretto da Valeria Golino. Cosa rappresenta il teatro nella sua carriera di attrice? Quello che fino a qualche anno fa aveva il sapore di una sfida personale, oggi lo sento parte del mio mestiere. Insomma, arrivati a un certo punto è necessario anche rendersi conto che ci si sa fare. E come si sente sul palcoscenico, adesso? Finalmente me stessa, vivendo la vita di ogni sera sempre come un passo in avanti nella mia crescita professionale. Naturalmente provo sempre paura - c’è una sintonia che va trovata ogni sera tra me che sono piena della mia giornata e il pubblico che è lì per vederti, ogni volta si deve scatenare una scintilla, e questa è la sfida quotidiana del teatro - ma è un sentimento sano. Le piace lavorare con Iaia Forte? Ci conosciamo da trent’anni, è una delle mie migliori amiche. Abbiamo scelto noi di lavorare insieme per stare insieme anche in tournée, con questo testo che racconta di un rapporto di odioamore tra due sorelle. È uno spettacolo che costringe a metterci il sangue tutte le sere, forte e intenso. Credo funzioni bene proprio perché siamo così legate. Lei è un’artista che non si è accontentata della sua bellezza e del-


cover story

Isabella Ferrari is a popular Italian actress of television, theatre and cinema (ph. Julian Hargreaves) Roma | the Eternal City 61


She is currently working on the set of the new film directed by Valeria Golino (ph. Giovanni Gastel) 62 Roma | the Eternal City


cover story

Isabella staged ‘Sisters’ directed by Valerio Binasco, co-starring with Iaia Forte, from February 1 to 11 at Rome’s Ambra Jovinelli Theatre utation you gained with your first films. Where does this need to better yourself or be your true self come from? I’m not the self-seeking type, I never look back, I’m never fully satisfied. This is a quality, but also a flaw, because it’s really tiring to live that way. Working all the time, avoiding the situations that make you feel successful, but actually turn out to be a “prison”. What is the greatest satisfaction that you derive from this nature of yours? Above all, the audience’s love and esteem. Which is enough. You have been living in Rome for a long time. What is your favorite neighborhood? I’ve always lived in the Parioli neighborhood, which I love because of its parks and magnificent architectural style. I walk every day from Villa Borghese to Villa Ada. But I regret not having ever lived downtown. Given the choice, I would live in the Monti neighborhood, which is worth a visit even as a tourist, for an hour or two, just walking around, between Via del Boschetto and Via Panisperna. It is the loveliest part of Rome, no luxury designer boutiques, but plenty of craft shops and good restaurants, and it is also the ancient Rome area. Any secret addresses you are willing to share? Some small antique shops, such as L’Anglus and Mauro on Via del Boschetto, and the famous Gallinelle shop, which makes custom-made clothing by using beautiful vintage fabrics. The organic ice-cream shop in Piazzetta degli Zingari and the very dark chocolate by Grezzo on Via Urbana. As for restaurants, I enjoy going to Madre. I recommend a walk through the Imperial Fora, which are very close, and across the iron bridge amidst ancient remains. A place filled with positive vibes? The Locarno Hotel’s bar and garden, and the Eden’s terrace with breathtaking view of Rome. Since you seem in the mood for disclosures, why don’t you share the secret behind your signature blond hair? Roberto D’Antonio, on Piazza di Pietra. A place I’m very fond of because of Ozpetek’s film Saturno Contro, in which I played the role of a flower seller. There is this famous love scene with Stefano Accorsi, the two of us walking towards the end of the Piazza, which everybody mentions when I go to film festivals across the world. You are an avid reader. Could you recommend a good novel set in Rome? Definitely History: A Novel by Elsa Morante, which is set between the Testaccio and San Lorenzo neighborhoods. A great novel which I recommend as a guide to lesser-known, off-the-beaten-path Rome.

le qualità che già padroneggiava nei primi lavori. Da dove viene questo bisogno di migliorarsi, di cercare e cercarsi? Non faccio mai calcoli, non mi guardo indietro, ma non mi accontento mai. Questo è un pregio, ma anche un difetto, nel senso che si vive facendo molta fatica. Lavorando, lavorando, lavorando. Fuggendo dalle situazioni che ti danno la sensazione di essere arrivata ma che si possono rivelare anche una prigione. Qual è la soddisfazione più grande che questa indole le ha regalato? Su tutto, l’amore e la stima del pubblico. E questo basta. Vive a Roma da tanti anni, qual è il quartiere che le piace di più? Ho sempre vissuto ai Parioli, che amo molto per i parchi e la stupenda architettura. Cammino tutti i giorni da Villa Borghese a Villa Ada. Eppure rimpiango di non aver vissuto nel centro storico. Dunque se potessi, sceglierei il quartiere Monti. Vale la pena viverlo anche da turista per un’ora o due, camminando in lungo e in largo tra via del Boschetto e via Panisperna. È la Roma più bella, non ci sono negozi di lusso ma gli artigiani, si mangia molto bene, e poi è la zona della Roma antica. Qualche indirizzo segreto in zona? Ci sono dei piccoli negozi di antiquari come L’Anglus e Mauro in via del Boschetto, così come il famoso negozio delle Gallinelle dove ti confezionano abiti su misura con bellissimi tessuti vintage. Il gelato biologico in piazzetta degli Zingari e la cioccolata amarissima di Grezzo in via Urbana. Qui, tra i ristoranti, mi piace andare al Madre. E non si dimentichi una passeggiata ai Fori che sono a due passi e sul ponte di ferro proprio in mezzo alle rovine antiche. Un luogo ad alto tasso di vibrazioni positive? Il bar dell’hotel Locarno con il suo giardino, e la terrazza dell’Eden con una vista unica su Roma. Dato che siamo in tema di rivelazioni, ci rivela chi è l’autore del suo inconfondibile biondo? Roberto D’Antonio, in piazza di Pietra. Un luogo al quale sono molto legata per Saturno Contro il film di Ozpetek nel quale sono una fioraia di piazza di Pietra. C’è un incontro d’amore con Stefano Accorsi chiosato dalla famosa camminata verso la fine della piazza che in tutti i festival del mondo dove vado ricordano sempre. Lei è una nota divoratrice di libri. Le viene in mente un bel romanzo ambientato a Roma? Senza dubbio La Storia di Elsa Morante ambientato tra il Testaccio e San Lorenzo. Un grande romanzo che consiglio a chiunque voglia scoprire una città inedita, non raccontata dalle guide. Roma | the Eternal City 63


Pupi Avati (Bologna 1938) is a film director, a screenwriter, a filmaker and a italian writer 64 Roma | the Eternal City


movie interview

The youg man from Bologna IL RAGAZZINO BOLOGNESE text Virginia Zullo Pupi Avati. Cinema is a storytelling dream Il cinema un sogno per raccontarsi

Even if you have never watched a Pupi Avati film before, you will certainly realize that he is a master of filmmaking by simply talking to him. He has never lost his jazz roots. The young man from Bologna, who dreamt of becoming a musician, has gone a long way, although in another direction. And he deserves a big thank-you for the many feelings that his films have stirred up in us. How would you describe your relationship with Rome? It began on February 3, 1938, when my parents arrived in Rome on their honeymoon. They stayed at the Elvetia Hotel on Via delle Quattro Fontane, near Piazza Venezia, where they hoped to see Mussolini, but were disappointed. It was a very rainy day, so they went to bed early and I was conceived that night. My mother used to say: “There were two of us when we arrived and three when we left”. I think that, because I was conceived in Rome, I’ve always seen Rome as a sort of goal. My second time in Rome was at the age of twelve, in 1950, the year of the Jubilee. My father had just passed away and my mother and I visited Rome guided by a Capuchin friar. When we reached San Paolo, I say a road sign that read “Cinecittà”. I was told: “That is where all the actors live”, and that was the second sign. The third sign was the day I watched 8½ by Fellini. There and then I decided to become a film director and I persuaded my mother and brother to open an inn on Via del Babuino, a street always crowded with films producers. I was hoping that a producer would notice a young man dreaming of becoming a film director. The places in Rome you are the most fond of? The Imperial Fora. When I was younger and I felt depressed and lonely I used to go there to read the great classics of ancient Roman literature and I was able to picture what had happened in that exact place. And my personal problems seemed much less significant as compared to history and the great beauty of Rome. The first time you met Federico Fellini? I became friends with Fellini because Giulietta Masina and my mother went to the same church, and when I picked up my mother he was there to pick up his wife. Fellini and I shared the last period of his

Ammettiamo che non abbiate mai visto uno dei tanti film di Pupi Avati, eppure vi basterebbe parlarci per capire che siamo davanti ad un grande autore di cinema. L’anima del jazzista non l’ha mai perduta, il ragazzino bolognese che voleva diventare un grande musicista, di strada ne ha fatta, anche se in un’altra dimensione. Un grazie però gli è dovuto perché i suoi film di emozioni ne hanno regalate tante. Il suo rapporto con la città di Roma? Comincia il 3 febbraio del 1938 quando i miei genitori ci vennero in viaggio di nozze, soggiornavano all’Hotel Elvetia in via delle Quattro Fontane vicino a piazza Venezia e si auguravano di vedere il Duce che però non riuscirono a vedere. Pioveva molto quel giorno quindi andarono a dormire presto, io fui concepito quella notte. Mia madre mi raccontava sempre: “siamo partiti in due, siamo ritornati in tre”. Credo che per il fatto di essere stato concepito a Roma ho sempre visto Roma come una sorta di traguardo. La seconda volta a Roma è stata a dodici anni nel 1950 per l’Anno Santo. Era morto da poco mio padre e guidati da un frate cappuccino andammo a visitare tutta Roma, quando arrivammo a San Paolo vidi una indicazione stradale che indicava Cinecittà “lì è dove abitano tutti gli attori”, mi fu detto, questo fu il secondo segnale. Il terzo fu quando vidi Otto e Mezzo di Fellini. Fu allora che decisi di fare il regista, convinsi mia madre e mio fratello ad aprire una locanda a via del Babuino, zona sempre piena di produttori. Sperando che qualche produttore prestasse attenzione alle fantasticherie di quel giovane che da grande voleva diventare regista. I posti che ama di più a Roma? I Fori Imperiali, nei momenti di depressione e solitudine ci andavo a leggere i grandi classici della letteratura dell’antica Roma, leggevo e rivedevo ciò che lì era accaduto. Intanto ridimensionavo anche le mie vicende personali perché mi parevano nulla di fronte alla grande storia e alla grande bellezza di Roma. L’incontro con Federico Fellini? Sono diventato amico di Fellini perché Giulietta Masina e mia madre frequentavano la stessa chiesa e quando io andavo a prendere mia Roma | the Eternal City 65


movie interview

‘Un ragazzo d’oro’, ‘Il papà di Giovanna’, ‘La rivincita di Natale’

professional life, including the humiliations he suffered. The best book you have ever read? The Gospel. I still read it every day, in particular, the Beatitudes. It is the book that taught me what the respect and responsibility for one’s neighbor really means. What is the red thread running through your films? My films are usually about losers, defeated people, human beings who have a big dream but are unable to fulfill it, although full of hope till the end. Your biggest flaw? Envy. I consider other people’s success as terribly unfair…. Your biggest quality? Envy, because it is a form of energy that spurs you into becoming a better person. The film that you would like to have made? 8½ , which was shot at a time when cinema was really the medium that allowed you to describe the world. The film that you would like to make? The story that I feel the need to tell is the life of Dante Alighieri. Alighieri is the world’s most famous Italian man and it is very embarrassing to think that Italian television has never produced anything about him. The rising stars of Italian cinema? I really enjoyed The Great Beauty by Sorrentino and Gomorra by Garrone. Unfortunately, today’s Italian motion-picture business mainly focuses on comedies and takings. What does cinema mean to you? Cinema is the medium that allowed me to reveal my true self. But it has a slippery memory: what usually counts is the latest film one has made. I teach filmmaking in some schools and I have realized that the general level of knowledge of Italian cinema is very low. Can filmmaking be taught? No, you can’t learn to be an actor, a film director or to write poetry. Actors, film directors and poets are born, not made. Talent is not contagious, you can’t stand right next to Stanley Kubrick and expect to become as good as he is. It’s an inner world, like music, either you have it or not. Your dream of happiness? Going back home to Bologna and being a child again, because as time goes by, I’m becoming very like the child I used to be. That is why I still hope to make the film of my life and, I’ve already written down the speech that I will deliver in English on the Oscar Night… 66 Roma | the Eternal City

madre lui andava a prendere sua moglie. Ho vissuto la vicenda professionale di Fellini durante l’ultimo periodo della sua vita insieme alle grandi umiliazioni che gli furono riservate. Il libro più bello che ha letto? Il Vangelo. Lo leggo ancora tutti i giorni, soprattutto il capitolo delle Beatitudini. È il libro da cui ho imparato cosa vuol dire l’altro, quanto mi assomigli e quanta responsabilità ho verso il prossimo Il fil rouge della sua produzione cinematografica? I miei film di solito raccontano il perdente, lo sconfitto, quell’essere umano che ha un grande sogno dentro e che non riesce a realizzare, mantenendone la speranza fino alla fine. Il suo più grande difetto? L’invidia. Considero il successo degli altri una grande ingiustizia... Il suo più grande pregio? L’invidia, perché è anche una forma di energia che ti sprona, ti dà la voglia di essere migliore. Il film che avrebbe voluto fare? Otto e mezzo, girato in un momento in cui il cinema era veramente un mezzo attraverso cui poter raccontare il mondo. Il film che vorrebbe fare ora? La storia che mi sembra di dover raccontare è la vita di Dante Alighieri. L’ho proposto tante volte in Rai. Alighieri è l’italiano più famoso al mondo ed è imbarazzante che la televisione italiana non abbia prodotto qualcosa su di lui. Nuovi talenti nel cinema? Mi è piaciuto molto la Grande Bellezza di Sorrentino e Gomorra di Garrone. Purtroppo il cinema italiano di oggi realizza solo commedie e guarda troppo agli incassi. Cosa è il cinema per Pupi Avati? Il cinema è lo strumento attraverso il quale sono riuscito a dire chi sono. Però ha poca memoria: spesso vale solo l’ultima cosa che hai fatto. Insegno cinema in alcune scuole e mi rendo conto che il livello di conoscenza del cinema italiano è versante scarso. Si può insegnare a far cinema? No... Attori, registi o poeti, si nasce non c’è una forma di contagio per cui stando vicino a Stanley Kubrick si diventa bravo come lui. È il mondo interiore che hai, proprio come con la musica. Il suo sogno di felicità? Ritornare a Bologna e ritornare bambino, perché con il passare dell’età torni a somigliare a quel bambino che sei stato. Per questo spero ancora di poter fare il film della mia vita e ho già pronto tutto in inglese il discorso che farò alla cerimonia degli Oscar...


music interview

Two portraits of the film director Roma | the Eternal City 67


cover story

Chiara Teresa Iezzi is an Italian actress, now at cinema with Louis Nero’s film, The Broken Key, with Geraldine Chaplin and Rutger Hauer 68 Roma | the Eternal City


movie interview

Freedom TOTALE LIBERTÀ

text Veronica Sgaravatti photo Maria La Torre The world of the charming Chiara Teresa Iezzi L’universo dell’affascinante Chiara Teresa Iezzi

Chiara Teresa Iezzi is an Italian actress, best known for the role of Victoria Williams in the TV series Alex & Co. produced by the Disney Channel. She is now at cinema with Louis Nero’s film, The Broken Key, with Geraldine Chaplin and Rutger Hauer. She was a singer-songwriter and award-winning singer between the end of the 1990s and 2013 but since 2014 she has decided to devote herself solely to her biggest dream: acting. She loves to read Shakespeare and adores films with Meryl Streep in them. When did you realize you wanted to be an actress? The first time that I took a look at this world I was 12 years old: I always dreamed of living other situations, coming in contact with other people’s lives. I took my first acting course at 16 but it was always a latent dream, a thought that I’ve always had on my mind. What do you like most about the world of acting? I love to go beyond appearances and understand the needs and fears of others. I like the idea of being ​​ able to work with directors who turn you inside out and exaggerate feelings. In life I’m regular, but I have phobias like many actors. While I’m acting, everything fades away, I feel like another person. It’s like being in an oasis of total freedom. You can do things that in real life you would never have the courage to do. What type of role do you prefer to play?  I think I’m suited to enigmatic roles, but then I don’t know... I like political and social films, psychological dramas and biographies. Three adjectives that define you and why?  Empathetic, curious, emotional. I perceive others, I hear them. I never stop asking questions. I go deep and beyond appearances. What kind of person are you?  Brave and reliable, but at the same time I don’t forget someone if they try to hurt me. I love giving my best in everything I do, putting heart, passion and technique into it. For me, being prepared is crucial. Involving the audience is crucial. Perhaps the term that best defines me is visceral. Acting is the only way I can convey what I have inside; in other jobs I felt limited. Everything is permissible on the set. You don’t have to hold back anything unless the role requires it.

Chiara Teresa Iezzi è un’attrice italiana, conosciuta principalmente per il ruolo di Victoria Williams nella serie tv Alex&Co prodotta da Disney Channel e ora nelle sale con il film di Louis Nero The Broken key con Geraldine Chaplin e Rutger Hauer. È stata cantautrice e award winner singer tra la fine degli anni 90 e il 2013 ma dal 2014 ha deciso di dedicarsi unicamente al suo sogno primario: la recitazione. Ama leggere Shakespeare e adora i film con Meryl Streep. Quando ha capito che avrebbe voluto fare l’attrice? La prima volta che mi sono affacciata a questo mondo avevo12 anni: ho sempre sognato di vivere altre situazioni, entrare in contatto con vite altrui. Il mio primo corso di recitazione l’ho fatto a 16 anni ma era un pensiero che custodivo da sempre nella mia testa. Cosa le piace di più del mondo della recitazione? Amo andare oltre l’apparenza e capire i bisogni e le paure degli altri. Mi piace l’idea di poter lavorare con registi che ti stravolgono e che estremizzano i sentimenti. Nella vita sono una regolare, ma ho delle fobie come tanti attori. Mentre recito tutto svanisce, mi sento un’altra. È come stare in un’oasi di totale libertà. Puoi fare cose che nella vita reale non avresti mai il coraggio di fare. Qual è il tipo di ruolo che preferisce interpretare?  Credo di essere adatta per i ruoli enigmatici, ma non lo so… Mi piacciono i film politici e sociali, i drammatici psicologici e le biografie. Tre aggettivi che la definiscono e perché.  Empatica, curiosa, emozionale. Percepisco gli altri, li sento. non smetto mai di farmi domande, vado in profondità e oltre le apparenze. Che tipo di persona è?  Coraggiosa e affidabile, ma al tempo stesso non dimentico chi prova a ferirmi. Amo dare il massimo in quello che faccio, mettendoci cuore, passione e tecnica. Per me, essere preparati è fondamentale. Coinvolgere l’audience è essenziale. Forse il termine che mi definisce maggiormente è viscerale. Recitare è l’unico modo che ho per veicolare quello che ho dentro; in altri lavori mi sentirei limitata, sul set tutto è lecito, non devi trattenere nulla a meno che non sia il ruolo che te lo richiede. Roma | the Eternal City 69


FUTURE INVASIONS

Will hems be lengthened? Or no? In the s/s 2018 collections, there is complete chaos. Breaking the mould without going overboard L’orlo si allunga? o no? Nelle collezioni della p/e 2018 vive di completa anarchia. A voi rompere gli schemi senza paura di esagerare

Marta Innocenti Ciulli photo Alessandro Bencini make up and hair Rossana Luzzi


MA

Pencil skirt, Mirò drawings, with applications of precious stones and fringes.

RN

I


S T E

L

L A

A N J E Batik fabric for the clothing, blouse with matching shorts Shoes: Roger Vivier at Lusiaviaroma


P R A D A

Double-breasted coat dress with wide shawl collar Shoes, socks, belt: Prada


MI

Dress with bustier embroidered with precious stones and a wide skirt. Above, a polo with a jabot made from technical fabric. Sandles, socks, belt: Miu Miu

U

MI

U


D E V I N M C A E N R Z C O O

Pleated skirt in silk and pullover in lurex, with a ruffled hem Sweater Gucci at Luisaviaroma Shoes: Roger Vivier at Luisaviaroma


EMILIO PUCCI

Flared dress with intaglio hem Shoes: Gucci at Luisaviaroma


C

Wide skirt in hi-tech tulle and pearls. Pullover in cotton, with wide sleeves Bomber Saint Laurent at Luisaviaroma Shoes: Prada

H

A

NE

L


G U C C I

Iap pant suit with sporty elements. Slit skirt. Shoes, socks: Gucci


Yellow gold, deep gold

SO

, ORO INTEN ORO GIALLO

It is the chemical element with atomic number 79. In its purest form, gold is incorruptible, everlasting and unalterable. The symbol of undying love, a wonderful life-companion, protector of the loved ones. Here is our special section devoted to today’s jewelry that best embodies the spirit of gold. È l’elemento chimico di numero atomico 79, al suo stato puro l’oro è incorruttibile e inalterabile. Simbolo di amore eterno che spicca fra tutti, eccellente compagno di una vita, protettore di affetti. Abbiamo voluto dedicargli un nostro speciale attraverso i gioielli di oggi che incarnano maggiormente il suo spirito.

1

2

3

4

5

1. Bulgari 2. Cartier 3. Damiani 4. Hausmann & Co. 5. Chanel 6. Pomellato at Diego Cataldi Gioielli 80 Roma | the Eternal City


fashion jewels

6 Roma | the Eternal City 81


must have bags

2 1

The celebration of color that breaks into the chiaroscuro of a dark and gloomy winter. Classic and iconic shapes join forces with the most unexpected nuances 6 7

3

5 8

4 6

Color-Ă -porter

COLORE DA INDOSSARE

by Sabrina Bozzoni 1. Fendi - largo Carlo Goldoni, 420 - Roma 2. CĂŠline - via dei Condotti, 20a - Roma 3. Prada - via dei Condotti, 88 - Roma 4. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 - Roma 5. Sara Battaglia for Salvatore Ferragamo - via dei Condotti, 65 - Roma 6. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 7. Malloni - via Bocca di Leone, 34- Roma 8. Marni - via Bocca di Leone, 8 - Roma Roma | the Eternal City 83


must have trend

2 1

David Bowie, Alice Cooper, Iggy Pop, Kiss, T-Rex. Beyond music, beyond fashion. The phenomenology of a style that becomes contemporary 6 7

3

5 8

4 6

Glam rock seduction SEDUZIONE GLAM ROCK

by Sabrina Bozzoni 1. Balenciaga - via Borgognona, 7 - Roma 2. Kristina Ti - via Vittoria, 16a - Roma 3. Fendi - largo Carlo Goldoni, 420 - Roma 4. Saint Laurent - piazza di San Lorenzo in Lucina, 17 - Roma 5. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 6. Stella McCartney - via Borgognona, 6 - Roma 7. Chanel - Piazza di Spagna, 85 - Roma 8. Miu Miu- via del Babuino, 91 - Roma 84 Roma | the Eternal City


Ultimate Luxury Lifestyle

Via Labicana, 125, Roma Tel. +39 06 77591380 - Email: info@palazzomanfredi.it www.palazzomanfredi.com

Roma | the Eternal City 85


must have man

2 1

The everlasting fame of a criss-crossed pattern in multiple colors, since always synonymous with elegant and classic style, is the trend of the season and love at first sight 6 7

3

5 8

4 6

Tartan style

IL RITORNO DI UN GRANDE CLASSICO

by Sabrina Bozzoni 1. Louis Vuitton - via dei Condotti, 13 2. Hermès - via Bocca di Leone, 23-27 - Roma 3. Burberry - via dei Condotti, 61a - Roma 4. Ermenegildo Zegna - via dei Condotti, 58 - Roma 5. Canali - via del Babuino, 59 - Roma 6. Loewe - piazza di Spagna, 88 - Roma 7. Faliero Sarti - via Vittoria, 62 - Roma 8. Gucci - via dei Condotti, 8 - Roma 86 Roma | the Eternal City


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


88 Roma | the Eternal City


A stroll

UNA PASSEGGIATA

text Francesca Lombardi photo Valentina Stefanelli

Roma | the Eternal City 89


Above: Study for the Fountain of the Four Rivers Below: Ermafrodito dormiente 90 Roma | the Eternal City


art exhibition

Some images of the beautiful Borghese Gallery

We arrive at the Borghese Gallery one sunny morning in November. The major exhibition Bernini was recently inaugurated for the 20th anniversary of the reopening of the Gallery and in continuation of the critical discussion launched following the exhibition Bernini Scultore: la nascita del barocco in Casa Borghese, held at the museum in 1998. Anna Coliva, director of the Gallery and curator of the exhibition along with Andrea Bacchi, welcomes us. She guides us on this wonderful journey through the heart of Baroque Rome, of which Bernini was a key revolutionary and innovator. The title of the show, short and powerful, opens the curtain on a route conceived of as a theatrical sequence, in which the first room is the most impactful of the scenery, with works by a young Gian Lorenzo side by side with sculptures made together with his father Pietro, an expert sculptor but far from possessing the skilled flair of his son. It was the Borghese Gallery itself that marked young Bernini’s baptism into the world of sculpture: just 13 years old, he walked into Villa Pinciana with his father for an important commission. He, an apprentice, was entranced by the ancient statues conserved in the Gallery; the visit forever changed his life and the history of art. An extraordinary player in a Baroque Rome in the throes of a deep transformation, the genius of Bernini can be seen room after room, section after section: Apprenticeship with Pietro; The Early Years and Birth of a Genre: Putti; The Borghese Group; Restoring the Ancient; Busts; Painting; Bernini and Louis XIV; The Craft of the Sculptor: Sketches – displayed alongside the extraordinary sculpture of Saint Bibiana, restored for the exhibition and a masterpiece in and of itself. If Apprenticeship with Pietro focuses on the early activity of Gian Lorenzo up until around 1617, The Early Years and Birth of a Genre: Putti is dedicated to a genre often tackled by young Bernini but which was later all but disavowed by the master, who didn’t want to be remembered for that juvenilia. The Borghese Group is the heart of the exhibition, centered around Bernini’s monumental sculptures conserved in the museum. It is precisely with the first Borghese group, Aeneas and Anchises, placed in

Arriviamo alla Galleria Borghese una mattina di sole di fine novembre. È stata da poco inaugurata la grande monografica Bernini, in occasione dei vent’anni dalla riapertura della Galleria e in continuità con il discorso critico avviato con l’esposizione Bernini Scultore: la nascita del barocco in Casa Borghese, ospitata presso il Museo nel 1998. Ad accoglierci Anna Coliva, direttrice della Galleria e curatrice della mostra con Andrea Bacchi. È lei a guidarci in questo meraviglioso viaggio nel cuore della Roma Barocca, di cui Bernini è interprete rivoluzionario e innovatore. Il titolo della mostra, secco e potente, apre il sipario di un percorso pensato come una sequenza scenica, in cui la prima sala è la quinta più d’impatto, con le opere di un Gian Lorenzo giovanissimo a confronto con le sculture fatte a due mani con il padre Pietro, esperto scultore ma lontanissimo dall’estro sublime del figlio. È proprio la Galleria Borghese a segnare il battesimo di un giovane Bernini alla scultura: appena tredicenne entra nella Villa Pinciana con il padre per una importante commissione. Lui, giovane apprendista, rimane folgorato dalle statue antiche conservate in Galleria; la visita segnerà per sempre la sua vita e la storia dell’arte. Straordinario regista di una Roma Barocca e in profonda trasformazione, il genio di Bernini si evince sala dopo sala, sezione dopo sezione: L’apprendistato con Pietro; La giovinezza e la nascita di un genere: i putti; I gruppi borghesiani; Il restauro dell’antico; I busti; La pittura; Bernini e Luigi XIV; Il mestiere di scultore: i bozzetti - cui si affianca la straordinaria scultura della Santa Bibiana, restaurata in occasione della mostra e che costituisce un caso a sé. Se L’apprendistato con Pietro ha come oggetto l’attività giovanile di Gian Lorenzo fino al 1617 circa, La giovinezza e la nascita di un genere: i putti è dedicato a un genere più volte affrontato dal giovanissimo Bernini ma poi praticamente rinnegato dal maestro, che non voleva essere ricordato per quegli juvenilia. I gruppi borghesiani è il cuore della mostra, centrato sulle sculture monumentali di Bernini conservate all’interno della Galleria. Roma | the Eternal City 91


Le Stagioni

dialogue with the painting depicting the same subject È proprio con il primo gruppo borghesiano, l’Enea by Federico Barocci (usually on display in the painting e Anchise, accostando il dipinto, raffigurante lo stesgallery on the first floor) that the painting-sculpture dia- so soggetto di Federico Barocci (solitamente esposto logue – one of Gian Lorenzo’s main critical objectives – in pinacoteca, al primo piano), viene ripristinato quel is restored. This section follows the Gallery’s permanent dialogo pittura-scultura che costituisce uno dei primi exhibition route all the way to the final Borghese group, obiettivi critici di Gian Lorenzo. Apollo and Daphne. Following in his father’s footsteps, La sezione segue il percorso espositivo permanenGian Lorenzo dedicated himself, despite te della Galleria, sino all’ultimo gruppo: only being at the beginning of his career, and l’Apollo e Dafne. Sull’esempio del padre in rare cases, to Restoring the Ancient and anche Gian Lorenzo si dedica, sebbene The Borghese solo da giovane, e in rari casi, al Restauro the integration of ancient marbles, the fourth section of the exhibition. The fifth section Gallery and dell’antico e all’integrazione dei marmi covers another in-depth thematic analysis, the major antichi, quarta sezione della mostra cui Busts, a genre often explored by Bernini, who un altro approfondimento temaexhibition segue sculptured his works in marble: alongside tico, dedicato ai Busti, genere maggior‘Bernini’, mente frequentato dal Bernini scultore his delicate depiction of Pope Paul V, born Borghese, pieces that are rarely shown to the examining the in marmo: accanto al delicato Paolo V delpublic are on display, such as the busts from master in the la Borghese vengono esposti pezzi rarathe Museum of San Giovanni dei Fiorentini. visibili al grande pubblico, come city where he mente The section dedicated to Painting completes ad esempio i busti del Museo di San Giotrained vanni dei Fiorentini. the description of Bernini as an all-around artist, but also touches upon his personal approach to La sezione dedicata alla Pittura completa la descriziothis major art form: Gian Lorenzo never aspired to ex- ne di Bernini come artista a tutto tondo ma fa emercel at painting and when commissioned to create major gere anche il suo personale approccio a questa forma monuments, he often looked after designing the spaces di arte maggiore: Gian Lorenzo non pretese mai di and making some of the statues, but entrusted the best eccellere come pittore e spesso nella realizzazione di painters of his era to tackle the painting decoration. For grandi monumenti a lui commissionati si attribuì inhim, painting became a mere exercise, almost a personal teramente l’ideazione degli spazi e la realizzazione di 92 Roma | the Eternal City


Anima Dannata Roma | the Eternal City 93


1

2

3

4

5

94 Roma | the Eternal City

1. La VeritĂ 2. Ares Ludovisi 3. Study for the statue of Louis XIV 4. Anna Coliva, director of the Gallery and curator of the exhibition 5. Ermafrodito dormiente


Salvator Mundi

in-depth study, and for this reason, it is of particular in- alcune statue, affidandosi ai maggiori pittori del temterest to explore this side of the master. The exhibition po per la parte pittorica. comes to an end with Bernini and Louis XIV - which La pittura diventa per lui un mero esercizio, quasi un brings together the drawing and terracotta preparatory personale approfondimento e per questo particolarpieces made for carrying out one of the most important mente interessante da indagare. Chiudono la mostra commissions of Bernini’s career: an equestrian monu- Bernini e Luigi XIV - che accoglie il disegno e la ment of the French king Louis XIV - and The Craft of terracotta preparatori alla realizzazione di una delle the Sculptor: Sketches, a section focusing commissioni più importanti dell’intera on the practical approaches to sculpting. carriera di Bernini: appunto il monumenA route to equestre al sovrano francese Luigi XIV As the works flow past us, Anna Coliva unconceived - e Il mestiere di scultore: i bozzetti, sederlines how Bernini’s revolutionary ability laid precisely in imbuing his sculptures with of as a zione che pone l’attenzione sulla prassi concreta dello scolpire. movement and expressions of affection: theatrical Mentre le opere ci scorrono davanti agli marble as something everlasting, as it was sequence, occhi Anna Coliva sottolinea come la porfor Michelangelo, became inescapable, an in which the tata rivoluzionaria di Bernini sia proprio expression of the fall of the divine into the realm of man and at the same time, the granfirst room nell’aver inserito nella scultura il movideur of the individual. We arrive in the Hall is the most mento e l’espressione degli affetti: il of Hermaphroditus, where the namesake da eterno, come era stato per Miimpactful of marmo chelangelo, diventa immanente, espresstatue, usually at the Louvre, has been rethe scenery sione della caduta da divino a umano e turned to its original location. The harmony of the overall work is striking, the perfection of the mat- - allo stesso tempo - della grandiosità dell’individuo. tress sculpted by Bernini with such skill that it appears to Arriviamo nella Sala dell’Ermafrodito, dove la statua have the softness of a feather bed, on top of which lays an omonima, normalmente al Louvre ha ritrovato la sua ancient marble figure. Everything seems to be perfectly in locazione originale. Colpisce l’armonia dell’insieme, la its place. “It’s exciting to have this back here,” the director perfezione di quel materasso scolpito da Bernini con says. “It’s evidence of Bernini’s ability, who was able to ar- una tale maestria da avere la morbidezza delle piume, range the elements in a single project, where the work is su cui si posa il marmo antico. Tutto sembra essere Roma | the Eternal City 95


Another image of the exhibition at the Borghese Gallery 96 Roma | the Eternal City


Roma | the Eternal City 97


San Sebastiano 98 Roma | the Eternal City


Study for the Fountain of the Four Rivers

central but the place and lighting are equally important.” perfettamente al suo posto. The exhibition counts 76 works coming from the top mu- La mostra annovera 76 opere provenienti da tutti i più seums in the world: a unique and once-in-a-lifetime oc- grandi musei del mondo: un’occasione unica e irripecasion to see the master’s body of work produced from tibile per vedere la produzione del maestro dall’adohis adolescence to old age. But it’s also an opportunity to lescenza alla morte. enjoy the beauty of this magnificent and unique place, Ma anche per godere la bellezza di questo luogo menot only so because of the works it contains. “Visit the raviglioso e unico non solo per i capolavori che contiene. “Visitate la Galleria come se fosse Gallery as if it were a stroll, let your eyes greet the beauty and innovation that is preuna passeggiata, riempiendovi gli occhi A wonderful del bello e del nuovo che contiene. Come served here. Just like Scipione did when he journey fece Scipione quando la commissionò: commissioned him: he wasn’t an academic, despite being educated, he wasn’t influenced through lui che non era un accademico, pur esby the diatribe of the major and minor arts. istruito, non si fece condizionare the heart sendo He let himself be guided by harmony, giving dalla diatriba arti maggiori e arti minori of Baroque ma si lasciò guidare solo dall’armonia. È the main stage sometimes to sculpture and Rome, of questo lo spirito giusto per assaporare la painting, sometimes to plasters and mosaics, based on the beauty of every glimpse and which Bernini Galleria Borghese” every room. This is the right spirit for experiwas a key La mostra è stata fatta in partnership con encing the Borghese Gallery.” maison Fendi, che sponsorizza alcune revolutionary la The exhibition was staged in partnership delle attività della Galleria per i prossimi and innovator tre anni, oltre a investire sul progetto Cawith the Fendi Fashion House, who will sponsor some of the Gallery’s activities for the next three ravaggio Research Institute, la creazione di una piatyears, as well as invest in the project Caravaggio Research, taforma di ricerca permanente su Caravaggio gestita a permanent section in the Gallery for researching Cara- dalla Galleria. vaggio. “The bond between the art and business worlds “L’unione del mondo dell’arte e dell’imprenditoria è is a great opportunity for cultural heritage,” Anna Coliva una grande opportunità per il settore dei beni cultuunderlined, “following in the footsteps of the major com- rali - sottolinea Anna Coliva - sulla scia delle grandi missions of the past.” commissioni del passato.” Roma | the Eternal City 99


Arcimboldo, Estate, 1572 100 Roma | the Eternal City


art exhibition

Nature according to Arcimboldo NATURE D’ARCIMBOLDO text Mila Montagni

Dreamlike masterpieces of a world long gone Capolavori onirici di un mondo scomparso

Most of his works were lost during the Sack of Prague, as the final battles of a war that tore Christian Europe apart raged across the Continent. The Thirty Years’ War, which came to an end in 1648, indeed led to the barbaric plunder of artistic wonders and rhapsodic creativity that the most alchemic and refined of the eastern Habsburgs reigning over Bohemia collected in his court; Rudolf II – like his brother Maximillian II before him, who commissioned a portrait of his daughter Archduchess Anna – loved the dystopian and bizarre vision of Arcimboldo (who was bestowed the title of Count palatine) and invited the artist to Aachen and Kempten in Bavaria, in search of wonders of nature that he could collect for his famous Wunderkammer, true treasure chests of curiosities and rarities without rival, enclosed within the rooms of the impressive and “magic city” of Prague, with its celebrated Charles Bridge. Until Feburary 11, the National Galleries - Palazzo Barberini will be a space dedicated to such wonders, with an exhibition of the Milanese artist’s most well-known masterpieces, exceptionally on loan for this show curated by Sylvia Ferino-Pagden, one of the most important scholars of Arcimboldo and previously the Director of the Kunsthistorisches Museum in Vienna. Basel, Denver, Houston, Munich, Stockholm, Vienna, Como, Cremona, Florence, Genoa and Milan are the cities that have sent 20 works by this Anti-Renaissance genius, today recognized as the father of the 20th century and the rationalist and hyper-realistic works of the Dadaists and Surrealists. The exhibition boats six sections that allow visitors to traverse the labyrinth that is the estranging fantasy of Giuseppe Arcimboldi (born and died in Milan, between 1526 and 1593), the son of painter Biagio, who worked with Luini and with whom he followed the route taken by Leonardo da Vinci, seeking to

La maggior parte delle opere di Arcimboldo andò perduta durante il sacco di Praga, mentre infuriavano le ultime battaglie di una guerra che aveva martoriato l’Europa cristiana. La Guerra dei Trent’Anni, che si chiuse nel 1648, vide infatti depredare barbaramente anche le meraviglie d’arte che Rodolfo II, il più raffinato tra gli Asburgo orientali, aveva raccolto nella sua corte. Prima di lui suo fratello Massimiliano II, gli fece ritrarre la figlia Arciduchessa Anna perché amava la sua visionarietà distopica e bizzarra. Massimiliano II lo fregiò del titolo di Conte palatino, al punto da inviarlo ad Aquisgrana e a Kempten, in Baviera, alla ricerca di meraviglie della natura da raccogliere nelle sue celeberrime Wunderkammer, veri e propri scrigni di rarità racchiuse nelle stanze della “città magica” per eccellenza, la Praga del Ponte di Pietra. La stessa Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, fino all’11 febbraio, sarà uno spazio delle meraviglie, grazie all’esposizione dei capolavori più noti dell’artista milanese, eccezionalmente ottenuti in prestito. La mostra è curata da Sylvia Ferino-Pagden, una delle maggiori studiose di Arcimboldo e già direttore della Pinacoteca del Kunsthistorisches Museum di Vienna. Basilea, Denver, Houston, Monaco di Baviera, Stoccolma, Vienna, Como, Cremona, Firenze, Genova, Milano sono le città dalle quali sono arrivati a Roma ben venti autografi di questo genio dell’antirinascimento e oggi riconosciuto e accreditato padre del Novecento e delle sue visioni razionaliste e iper-realistiche. Sono sei le sezioni che consentono di camminare lungo i meandri della fantasia di Giuseppe Arcimboldi. Nacque e morì a Milano tra il 1526 e il 1593, figlio di Biagio pittore che lavorò con Luini e che con lui si mise sulla strada che Roma | the Eternal City 101


Some images of Giuseppe Arcimboldo’s exhibition at Galleria Nazionale d’Arte Antica, Palazzo Barberini 102 Roma | the Eternal City


Arcimboldo, Acqua, 1566


Giuseppe Arcimboldo’s imaginary compositions are caricature portraits

reproduce Nature in all its facets, even the most fleeting and aveva tracciata Leonardo da Vinci, cercando di riprodurre iridescent. And so, it’s imperative that first section recounts la natura in ogni suo aspetto, anche il più rapido e canthe Milanese environment, with its “minimal” feature of the giante. Così la prima sezione non poteva non raccontare applied arts, which transformed Milan into a center of pro- l’ambiente milanese, in quell’aspetto “minimo” delle arti duction for luxury objects; the next section overs Vienna and applicate che rivelano Milano quale centro di produzioPrague, with their parties and manifestations conceived of by ne di oggetti di lusso. A seguire quella che svela Vienna the Lombard genius, placing in comparison his Seasons and e Praga, con le loro feste e manifestazioni, ideate dal gehis Elements (including Earth, which has not been niale lombardo che pone a confronto le sue displayed in 20 years). Objects from the WunderStagioni e i suoi Elementi, compresa la Terra, kammer follow, as do the series of ambiguous che da vent’anni non veniva esposta. Ci sono Reversible Heads (The Gardener and The Cook, in poi gli oggetti delle Wunderkammer e finalparticular) and a focus on the overall harmonimente la serie di ambigue Teste Reversibili, ous composition of the works, which comprise L’Ortolano e Il Cuoco su tutte, e il complesso visual paradoxes and logical blends that almost de Il bel composto, fatto di paradossi visivi contrast with one another. The end of the exhie incastri logici quasi parossistici. La conHis clusione della mostra è affidata alle Pitture bition is centered on Ridiculous Paintings, with masterpieces that have made their way into the masterpieces ridicole con capolavori ormai fissati nell’imcollective imagination, like The Jurist and The exceeded maginario collettivo quali Il Giurista e Il Librarian. Arcimboldo’s imaginary compositions Le fantastiche composizioni the limits of Bibliotecario. are caricature portraits, allegories in which the dell’Arcimboldo rappresentavano infatti rireality, tratti in forma di caricature, allegorie in cui men maintain an anthropomorphic structure but are composed of vegetables, flowers, animals and allegorical gli uomini mantenevano una struttura antropomorfa comsymbols that assume a psychological and, notably, descriptive posta di vegetali, fiori, animali, simboli allegorici che acvalue. His masterpieces exceeded the limits of reality, breath- quisivano un valore psicologico e soprattutto descrittivo. I ing life into the caricatures and the limits of what is clownish, suoi capolavori superano i limiti della realtà, dando vita a breaking down in a refined dynamism of form and content, figure caricaturali ai limiti del buffonesco, rarefacendosi in unmatched even today. Another opportunity to immerse your- una vitalità raffinata di forma e contenuto, ineguagliabili self in the rooms of Palazzo Barberini…. ancora oggi. 104 Roma | the Eternal City


Arcimboldo, Inverno, 1563 Roma | the Eternal City 105


Ritratto di Olga in poltrona 106 Roma | the Eternal City


art exhibition

Cubism and Classicism CUBISMO E CLASSICISMO text Rossella Battista

Picasso in Rome, in search of roots and love Picasso a Roma, in cerca di radici e d’amore

Eleven years have passed since he immortalized Gertrude Stein, the last descendent of the Grand Tour generation, cancelled forever by the actions of war, and Picasso is no longer the bohemian he once was. He is now an undisputed star who finds himself in the grips of boredom all too easily: he can no longer remain in a Paris so full of absences. His partner in Cubism, Braque, is at the front and with him, Derain; the poet Apollinaire even volunteered to go. It’s 1917, the Great War is raging, but for the Andalusian rogue the conflict, this time global, must appear more like a hindrance than a tragedy. And so, in order to not have to stay in that protected but unproductive city that is Paris, Picasso heads to Rome. An opportunity is offered by his fascinating, young friend Jean Cocteau: to create the scenery for Parade, that revolutionary idea of Cocteau that would change the world of theatre in the 20th century, a prototype of multimedia, with ballerinas by the impresario Sergej Djagilev, music by Erik Satie and choreography by Leonide Massine. And Rome, 100 years since that intense and crucial sojourn, has dedicated an exhibition to the artist at the Scuderie del Quirinale: Picasso. Between Cubism and Classicism, 1915-1925 (until January 21), also dedicated to the 10 years that shocked his art as well as his life. It is here, in a city even further from the front, that Picasso finds love and it is here, in the dynamic capital, that he “betrays” Cubism, “dirtying” it with Classicism. At 36 years old, he feels the need for a radical change. In Rome, he discovers ancient art, in Florence he meets Renaissance harmony, at Pompeii he witnesses the sensuality of the dancing bodies. In the coffee bars of Rome, he encounters the Futurists. Even if Boccioni was killed on the front the year before, the debate is more open than ever before. Futurism means tomorrow,

Sono passati 11 anni da quando ha immortalato Gertrude Stein, ultima rampolla della generazione dei Gran Tour cancellati per sempre dai colpi di mortaio, e Picasso non è più bohémien da tempo. Ora è una star indiscussa e facile preda della noia: non può rimanere in quella Parigi troppo carica di assenze. Il suo compagno di cubismi Braque è al fronte e con lui Derain, il cantore Apollinaire ci è perfino andato volontario. Siamo nel 1917, al fronte imperversa la Guerra, ma per il picaro andaluso il conflitto, per la prima volta mondiale, deve apparire più un intralcio che una tragedia. Così, pur di non starsene in quell’ovattato ma sterile mondo parigino, parte alla volta di Roma. L’occasione gli viene offerta dal suo affascinato e giovane amico Jean Cocteau: creare gli scenari per Parade, quella rivoluzionaria idea coctoniana che cambierà gli spettacoli del ‘900, prototipo della multimedialità, con i balletti dell’impresario Sergej Djagilev, le musiche di Erik Satie e le coreografie di Leonide Massine. E Roma, a un secolo da quell’intenso e determinante soggiorno, gli dedica una mostra alle Scuderie del Quirinale: Picasso tra Cubismo e Classicismo, 1915-1925 (fino al 21 gennaio). I dieci anni che sconvolsero la sua arte ma anche la sua vita. È qui, nell’ancor più lontana dal fronte metropoli che Picasso incontra l’amore ed è qui, nella vulcanica capitale, che Picasso “tradisce” il Cubismo “sporcandolo” di classicismo. A 36 anni sente il bisogno di un cambiamento radicale. A Roma scopre l’arte antica, a Firenze incontra l’armonia rinascimentale, a Pompei la voluttuosità dei corpi danzanti. Nei caffè dell’Urbe entra in contatto con i Futuristi. Anche se Boccioni è stato ucciso al fronte l’anno prima, il dibattito è più che mai aperto. Roma | the Eternal City 107


art exhibition

1

1. Arlecchino e donna con collana 2. Due donne che corrono sulla spiaggia 3. Arlecchino con specchio 4. Il flauto di Pan 5. Arlecchino (Léonide Massine) 6. Donna seduta in camicia 7. Paul vestito da Arlecchino 4

3

2

5

the whirling art of speed. Despite the war, Italy discovers a pastime, serialized comic strips: as Caporetto collapses, children and adults laugh at the misadventures of Signor Bonaventura. In Rome, war means opportunity, evolution. Picasso treasure it and that strange mix of harmony and dissonance, proportion and chaos will condition his artistic expression over the next few years: evolutions and research that can be seen in the hundreds of works chosen by curator Oliver Berggruen, where the various changes ring loud and clear, from Homme a la Cheminée to Arlequin au violin to Trois femmes à la fontaine and Le Flute de Pan, and, more than anything else, the studies for the Parade scenery. And there’s more: the eight weeks spent in Rome bestowed Picasso with a different kind of enthusiasm. This is where rediscovered his roots. His mother is from Genoa after all and even his last name is Italian. And it is here that he discovered true love. A bit like a ham actor performing Commedia dell’arte, Picasso is able to blend experience with experimentation. In his studio at via Margutta, 53, where he worked on the priceless Parade masterpiece, on display for the first time in the Salone di Pietro da Cortona in Palazzo Barberini, Picasso played with theatre, crafting a colourful dance that comprises Harlequin and horses that seem like ancient unicorns, ballerinas and an enchanted fairy-tale like world, surreal to say the least, a pastiche, as Berggreun suggested. His curiosity is insatiable. It’s been said that between the Hotel de Russie, where he lived (guests can reserve a night’s 108 Roma | the Eternal City

6

6

Futurismo vuol dire domani, l’arte vorticosa della velocità. L’Italia nonostante la guerra scopre il passatempo, il fumetto a puntate: se Caporetto precipita, bambini e adulti ridono con le disavventure del Signor Bonaventura. A Roma guerra significa occasione, evoluzione. Picasso ne farà tesoro e quella strana miscela tra armonia e distonia, tra proporzione e caos condizionerà la sua ricerca artistica degli anni successivi. Evoluzioni e ricerca che si ritrovano nel centinaio di opere scelte dal curatore Oliver Berggruen dove i vari passaggi si avvertono chiari, dall’Homme a la Cheminée all’Arlequin au violin, fino alle Trois femmes à la fontaine o Le Flute de Pan. E più che altro gli studi per gli scenari di Parade. E c’è dell’altro: le otto settimane romane danno a Picasso un calore diverso. Qui riscopre le sue radici. La madre del resto è genovese e anche il suo cognome è italiano. Ed è qui che scopre il vero amore Un po’ come un guitto da Commedia dell’arte riesce a mischiare esperienza e sperimentazione. Nello studio al 53 di via Margutta dove lavora all’imperdibile capolavoro Parade, per la prima volta esposto nel salone di Pietro da Cortona a Palazzo Barberini, Picasso gioca con il teatro mischiando in una danza colorata Arlecchino e cavalli che sembrano antichi unicorni, le ballerine e un incantato mondo fiabesco, surreale. Un pastiche come suggerisce Berggruen. La sua curiosità è insaziabile. Si racconta che tra l’Hotel de Russie dove alloggia (e oggi è possibile pernottare nella


Sipario per il balletto ‘Parade’

stay in the same room) and the Minerva, where he would stessa camera) e il Minerva dove si trovano le ballerine del find ballerinas from the Russian dance company, the night corpo di danza russo, la notte è segnata da un continuo was marked by continual coming and going, so much so that viavai, tanto che perfino Cocteau comincerà a uscire con even Cocteau began to go out with a ballerina. But it was the una ballerina. Ma a colpire dritto al cuore Picasso è la diaethereal, strong and rigidly trained Olga Khochlova that hit fana, solida, rigidamente educata Olga Khochlova. La balPicasso right in the heart. The ballerina would become his lerina diverrà la sua musa. La disegna e dipinge affacciata muse. He drew and painted her on the balcony at the Hotel al balcone dell’Hotel Minerva, la s’intravede nei disegni Minerva and she can be seen in his drawings di villa Medici. In mostra tanti i ritratti, dalle of the Medici villa. On display are many porBagnanti alle madri con prole, delle moderne traits, from the Bathers to mothers with children Madonne. Lui la sposa. Lei per lui abbandoto modern Madonnas. He marries her. She will nerà la danza, avranno un figlio, Paulo che abandon the world of dance for him and will A exhibition sarà immortalato dal padre vestito da Arhave his son, Paulo, who his father immortal- dedicated lecchino e da Pierrot. Lei sarà per sempre izes dressed as Harlequin and Pierrot. She will la signora Picasso, lui dopo due lustri, l’ha always be Mrs. Picasso, though after ten years to Picasso già abbandonata e dimenticata a tal punto che non andrà neanche al suo funerale quasi she left him and forgot about the artist, even and to the skipping his funeral when he died nearly 30 10 years that trent’anni dopo. years later. shocked his Ma ai geni non si chiede di essere anche But geniuses are not asked to be heroes as well. degli eroi. Sono insaziabili, voraci e Picasso art as well They’re insatiable, voracious, and Picasso is emne è l’emblema. I suoi occhi di pece e il suo sguardo vorace non hanno rivali. Il fisico tozblematic of this. His black eyes and avid gaze as his life are unrivalled. His stocky build, in a world teeming with tu- zo, in un mondo contaminato dalla tisi è sinonimo di saluberculosis, is synonymous with good health. And in Paris, te. E a Parigi Pablo è già pronto a diventare il beniamino Pablo is already prepared to become the darling of the new della nuova generazione di scrittori e mecenati americani, generation of writers and American patrons who arrived af- arrivati al seguito della guerra, da Hemingway a Dos Paster the war, from Hemingway to Dos Passos. After all, in the sos. In fondo, nell’anno che segna la morte di Degas e la year that sees the death of Degas and the birth of Kennedy, nascita di Kennedy, a Picasso non si può chiedere di rimanere nell’ombra. Picasso can’t be asked to remain in the shadows. Roma | the Eternal City 109


110 Roma | the Eternal City


Their mortal remains

UNA MOSTRA DEDICATA AL MITO DEI PINK FLOYD text Francesca Lombardi

Roma | the Eternal City 111


music exhibition

“It’s like going to a Pink Floyd concert!” At the V&A Museum in London, the momentous retrospective about one of the most innovative and influential music groups in history, staged for the 50th anniversary of its founding, was received like this. Finally, The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains has arrived at MACRO, the Museum of Contemporary Art in Rome, on via Nizza, less than 1 km from Piper, where the band performed one of their concerts in Italy in April 1968. The exhibition tells of the band’s role in the crucial cultural transition from the 1960s onward and highlights the large influence the group had in this history of rock. Thanks to their experimental approach – which made the English group exponents of the psychedelic movement that forever changed the idea of music in those years – the band became known as one of the most important phenomena of the contemporary music scene. Pink Floyd produced some of the most legendary images of pop culture: from cows to the prism on the cover of The Dark Side of the Moon to the pink pig over the Battersea Power Station and the Marching Hammers. Their personal vision of the world took form thanks to creative talents like the modern surrealist and collaborator Storm Thorgerson, the satirical illustrator Gerald Scarfe and the pioneer of psychedelic lighting Peter Wynne-Wilson. The exhibition’s route follows in chronological order and is always accompanied by the music and voices of Pink Floyd’s past and present members, including Syd Barrett, Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason and David Gilmour. The climax of the show is the Performance Zone, where the visitors can enter an immersive audio-visual space and experience the final concert of the four members of the band at Live 8 in 2005. “Come andare a un concerto dei Pink Floyd!”. Al V&A Museum di Londra la retrospettiva epocale che racconta a 50 anni dalla nascita di uno dei gruppi musicali più innovativi e influenti della storia è stata accolta così. Finalmente la mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains arriva al MACRO Museo d’Arte Contemporanea di Roma di via Nizza, a meno di 1 km di distanza dal Piper, dove ebbe luogo uno dei primi concerti dei Pink Floyd in Italia, nell’aprile del 1968. La mostra racconta quale fu il ruolo della band nel cruciale passaggio culturale dagli anni sessanta in poi e sottolinea la grande influenza del gruppo nella storia del rock. Grazie al suo approccio sperimentale - che rese il gruppo inglese esponente di spicco del movimento psichedelico che cambiò per sempre l’idea della musica in quegli anni - la band venne riconosciuta come uno dei fenomeni più importanti della scena musicale contemporanea. I Pink Floyd hanno poi prodotto alcune delle immagini più leggendarie della cultura pop: dalle mucche al prisma di The Dark Side of the Moon, fino al maiale rosa sopra la Battersea Power Station e ai Marching Hammers. La loro personale visione del mondo ha preso forma grazie a creativi come il moderno surrealista e collaboratore di lunga data Storm Thorgerson, l’illustratore satirico Gerald Scarfe e il pioniere dell’illuminazione psichedelica Peter Wynne-Wilson. Il percorso espositivo che guida il visitatore seguendo un ordine cronologico, è sempre accompagnato dalla musica e dalle voci dei membri passati e presenti dei Pink Floyd, tra cui Syd Barrett, Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason e David Gilmour. Il momento culminante è la Performance Zone, in cui i visitatori entrano in uno spazio audiovisivo immersivo, che comprende la ricreazione dell’ultimo concerto dei quattro membri della band al Live 8 del 2005.

112 Roma | the Eternal City


3

The exhibition celebrates Pink Floyd’s place in history as the world’s cultural landscape changed from the 1960s. Roma | the Eternal City 113


Totò Genio, which will remain open until February 18th at the Museo di Roma in Trastevere


Totò or Genius? TOTÒ O GENIO? text Mila Montagni

From Naples, an exhibition about the undisputed artist Da Napoli una mostra per conoscere un artista assoluto


art exhibition

‘Sette ore di guai’ (1951)

The almost divided figure, the rigid personality capa- La figura quasi spezzata, il profilo rigido capace di ble of bringing a smile to anyone’s face, a childhood sciogliersi in un sorriso, gli anni di un’infanzia sulle spent on the streets of the legendary and quintes- strade del mitico e napoletanissimo Rione Sanità, la sentially Neapolitan Rione Sanità and an adulthood maturità alla ricerca tesa delle proprie radici e di un aimed at searching for his own roots and the identity riconoscimento che fosse quello per l’uomo e non solof the man and not only the artist. The life of Totò tanto per l’artista. was this and much more, as recounted in the extensive La vicenda dell’uomo Totò, è questo e molto di più, retrospective symbolically titled Totò Genche racconta l’ampia antologica dal titolo io, which will remain open until February simbolico: Totò Genio, che rimarrà aperta 18th at the Museo di Roma in Trastevere fino al 18 febbraio nel Museo di Roma in after much success among critics and the Trastevere, dopo il successo di pubblico e public in Naples. In Rome, critica riscosso a Napoli. Rome was important for this artist, who Roma fu importante per questo the prince Perché (almost a sovereign) was given three fuartista che, quasi un sovrano, ebbe tre fuAntonio nerali, uno appunto nell’Urbe, uno a Nanerals, one in Rome itself, one in Naples De Curtis lived poli e il terzo nel suo Rione natale. and the third in his home neighbourhood of Rione Sanità; in the capital, the prince in the Parioli A Roma il principe Antonio De CurAntonio De Curtis lived in the Parioli neighbourhood, tis visse nel quartiere dei Parioli, dove neighbourhood, where he died suddenly improvvisamente nell’aprile di cinwhere he died morì on an April day 50 years ago, beside Franca quant’anni fa, accanto a Franca Faldini 50 years ago - la “femmina sincera” con cui visse gli Faldini, the “sincere woman” with whom Totò lived for the last 15 years of his life. ultimi quindici anni di vita. Vincenzo Mollica (who, along with Alessandro Nico- Racconta Vincenzo Mollica, che con Alessandro Nisia, is one of the curators of the exhibition) says that cosia è uno dei curatori della mostra, che secondo according to Federico Fellini, “a great comedian like Federico Fellini “un grande comico come Totò bisoTotò must be considered a true benefactor of humani- gnava considerarlo un vero benefattore dell’umanità”. ty” because if it is true that four generations of Italians Perché se è vero che quattro generazioni d’italiani learned to laugh and look inside themselves thanks to hanno imparato a ridere e a guardarsi dentro grazie a 116 Roma | the Eternal City


1

2

3

1. Totò and Franca Faldini 2. 4. ‘Sette ore di guai” (1951) 3. Totò at the Zoological garden 5. Totò and poodle dog Peppe (1956)

4

5 Roma | the Eternal City 117


‘Sette ore di guai” (1951) 118 Roma | the Eternal City


A portrait of the artist (1955)

him - no one can forget his division of mankind into lui, chi può dimenticare la sua divisione dell’umanità “Men and Corporals” nor his incisive “you don’t know tra “Uomini o caporali”, o il suo lapidario “lei non who I am!” perfect for the generations that lived in sa chi sono io!”, così perfetto per le generazioni dei the decades following his death - it is also true that decenni successivi alla sua morte - è anche vero che è he was a poet capable of writing verses like, ’A morte stato un poeta capace di scrivere versi come ’A morte ’o ’o ssaje ched’è… è una livella or heart-wrenching songs ssaje ched’è… è una livella o scrivere canzoni struggenti like Malafemmena, composed in 1951. come Malafemmena, composta nel 1951. La sua finisce per essere una storia alla His life and his story were out in the open, luce del sole dalle molteplici facce, percharacterized by a multitude of facets, because it was a story of an actor and a poet ché fu storia di attore e poeta della vita, of life, an artist but also a critic of customs artista ma anche fustigatore dei costusui generis thanks to his shrewd irony and Totò was mi sui generis grazie all’ironia sagace e eclectic manners, as well as a testimonial an artist ai modi eclettici. Fu testimonial di proof Italian products like Lambretta and dotti come l’italica Lambretta o i Baci Baci by Perugina, which were beginning and a critic della Perugina che stavano cominciando to make a splash. And it is precisely this of customs a spopolare. Ed è proprio questa metafimetaphysical versatility that imbues the thanks to his sica poliedricità che restituisce il cammiitinerary of this immensely rich exposi- shrewd irony nare nelle sale di questa ricca rassegna, tion, which brings to the public drawche porta in mostra i disegni realizzati da and eclectic ings made by Pier Paolo Pasolini for The Pier Paolo Pasolini per La Terra vista dalEarth As Seen From The Moon and by Felli- manners la Luna, o quelli di Fellini insieme a quelli ni and Ettore Scola for Marc’Aurelio. Alongside these di Ettore Scola per il Marc’Aurelio. are drawings by cartoonists like Manara, Pratt and Accanto a questi i disegni di fumettisti come Manara, Pazienza, and a poem by Paolo Conte dedicated to Pratt, Pazienza, ma anche una poesia di Paolo Conte Totò the reciter. And while visitors admire the section dedicata a Totò fine dicitore. dedicated to his 97 films, it can’t be forgotten that the E mentre s’ammira la sezione dedicata ai suoi 97 film, professor Umberto Eco hung a portrait of Totò in his non si riesce a scordare che il professor Umberto Eco studio… teneva appeso nel suo studio un ritratto di Totò. Roma | the Eternal City 119


theatre season

Extraordinary Emotions EMOZIONI SPETTACOLARI text Rossella Battista

Opera, theatre, concerts and dance. From January to March, the top events Lirica, teatro, concerti e danza. Da gennaio a marzo, gli appuntamenti da non mancare

With opera and musicals, the winter season in Rome’s top theatres is characterized by new interpretations of classic works, with particular attention on attracting a younger public. COSTANZI - OPERA DI ROMA There’s love, rage and vendetta in the first opera that Giuseppe Verdi performed abroad at Majesty Theatre in London in 1847: I Masnadieri (January 21 - February 4). Massimo Popolizio makes his directorial debut and Roberto Abbado serves as conductor. Jealousy and misunderstandings are at the center of La Sonnambula (February 18 - March 3) by Vincenzo Bellini, with the return of Roman orchestra director Speranza Scappucci. The Italo - American director Sofia Coppola reinterprets La Traviata (February 24 - March 4) by Verdi, with costumes by Valentino, Chiuri and Piccioli and scenery by Nathan Crowley. For ballet: The Nutcracker (until January 7) with Rebecca Bianchi and Claudio Cocino directed by Alexei Baklan. La Soirée Française (January 28 - February 3) is a double program with choreography by Serge Lifar and Roland Pretit and étoile Eleonora Abbagnato. Contemporary ballet continues with the trio of choreographers Kylian/Forsythe/Inger (March 15 - 21), presenting experimental dance with Petite Mort, Walking Mad and Artifact Suite. For symphony: on January 11, Dennis Russel Davies preforms Symphony N. 6 by Bruckner and Tirol Concerto by Philip Glass, accompanied by Maki Namekawa on piano. ARGENTINA The Name of the Rose (January 23 - February 4), based on the novel by Umberto Eco, is a fixed part of the classical repertoire, directed by Leo Muscato and stage adaptation by Stefano Massini. ELISEO The War of the Roses (until January 7), with Ambra Angiolini and Matteo Cremon in the parable about the Rose spouses, directed by Filippo Dini. L’odore assordante del Bianco (February 13 - March 4) 120 Roma | the Eternal City

Tra opera lirica e musical la stagione invernale nei principali teatri romani è caratterizzata dalla rilettura di opere classiche con una particolare attenzione verso il pubblico più giovane. COSTANZI - OPERA DI ROMA C’è amore, rabbia, vendetta nella prima opera che Giuseppe Verdi rappresentò all’estero, nel 1847 al Majesty Theatre di Londra: I Masnadieri (21 gennaio - 4 febbraio). Massimo Popolizio debutta alla regia, dirige Roberto Abbado. Gelosia ed equivoci per La Sonnambula (18 febbraio - 3 marzo) di Vincenzo Bellini, con il ritorno della direttrice d’orchestra romana Speranza Scappucci. La regista italoamericana Sofia Coppola ripropone La traviata (24 frebbraio - 4 marzo) di Verdi, costumi di Valentino, Chiuri e Piccioli, scene di Nathan Crowley. Per il balletto: Lo Schiaccianoci (fino al 7 gennaio) con Rebecca Bianchi e Claudio Cocino diretti Alexei Baklan. La Soirée Française (28 gennaio - 3 febbraio) è un doppio programma sulle coreografie di Serge Lifar e Roland Petit, con l’étoile Eleonora Abbagnato. Ancora balletto contemporaneo con il trittico di coreografi Kylian/Forsythe/Inger (15 - 21 marzo) che propongono danza sperimentale con Petite Mort, Walking Mad e Artifact Suite. Per la sinfonica: concerto l’11 gennaio di Dennis Russel Davies con la Sesta Sinfonia di Bruckner e Tirol Concerto di Philip Glass con Maki Namekawa al piano. ARGENTINA Il Nome della Rosa (23 gennaio - 4 febbraio) dal romanzo di Umberto Eco fa ormai parte del repertorio classico con la regia di Leo Muscato e l’adattamento teatrale di Stefano Massini. ELISEO La guerra dei Roses (fino al 7 gennaio) con Ambra Angiolini e Matteo Cremon nella parabola dei coniugi Rose, regia di Filippo Dini. Protagonista il bianco del manicomio in cui fu rinchiuso per un periodo Van Gogh ora riproposto in L’odore assordante del


1

2

3

4

1. Speranza Scapucci 2. Spamalot 3. Lo Schiaccianoci 4.Il nome della rosa 5. Dennis Russell Davies 6. Supermagic, Miraggi

5

6 Roma | the Eternal City 121


La Traviata by Sofia Coppola

by Stefano Massini, with Alessandro Preziosi, speaks of the white Bianco (13 febbraio - 4 marzo) di Stefano Massini con Alessandro surroundings of the mental institution that Van Gogh found him- Preziosi. self in for a period. QUIRINO QUIRINO Dieci piccoli indiani... e non rimase nessuno (9 - 21 gennaio) di Agata And Then There Were None (January 9 - 21) by Agata Christie is one Christie è uno dei capolavori della giallista inglese, con la regia di of the English mystery novelist’s masterpieces, with direction by Ricard Reguant. Ricard Reguant. Per la danza: ispirato al più classico dei balletti è Il lago dei cigni ovFor dance: inspired by the most classic of ballets, Il vero Il canto (13 - 18 febbraio) che unisce Ciajkovskij lago dei cigni ovvero Il canto (February 13 - 18) mixes al Canto del cigno di Checov. Regia e coreografie di Tchaikovsky with Chekhov’s Swansong. Direction Fabrizio Monteverde, e il Balletto di Roma diretto and choreography by Fabrizio Monteverde and the da Roberto Casarotto. Ballet di Roma directed by Roberto Casarotto. AMBRA JOVINELLI AMBRA JOVINELLI A ruota libera (fino al 7 gennaio) con Alessandro The Italo A ruota libera (until January 7), with Alessandro Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Giovanni American Haber, Haber, Rocco Papaleo, Sergio Rubini and Giovanni Veronesi che ne firma la regia, è uno spettacolo director Sofia sullo spettacolo. Tutta al femminile è invece Sisters Veronesi directing, is a show about a show. Sisters - Come stelle nel buio (February 1 - 11) is instead feCoppola - Come stelle nel buio (1 - 11 febbraio) per la regia male - focused, directed by Valerio Binasco, with Isreinterprets di Valerio Binasco che vede contrapporsi Isabella abella Ferrari and Iaia Forte interpreting two sisters e Iaia Forte. Sono due sorelle che in una vil‘La Traviata’ Ferrari who, in their memory - filled villa, relive a glorious la immersa nei ricordi rivivono un passato glorioso by Verdi ma svanito e caratterizzato da un padre importante but distant past, characterized by their important and cumbersome father. e ingombrante. PARIOLI PARIOLI The operetta The Merry Widow (January 16 - 21) and the lesser - Operetta in scena con La vedova allegra (16 - 21 gennaio) e con la known The Duchess of Chicago (February 13 - 18) with music by meno nota La duchessa di Chicago (13 - 18 febbraio) con le musiche George Gershwin. di George Gershwin. SISTINA SISTINA An entirely Italian production and live music directed by Eman- Ha una produzione tutta italiana e musica dal vivo diretta Ema122 Roma | the Eternal City


La Regina di Ghiaccio

uele Friello, the new version of Mamma Mia (until January 7) with nuele Friello la nuova versione del Mamma mia (fino al 7 genLuca Ward, Paolo Conticini, Sergio Muniz and Sabrina Marcia- naio) con Luca Ward, Paolo Conticini, Sergio Muniz e Sabrina no, directed by Massimo Romeo Piparo. The quick - change artist Marciano, regia di Massimo Romeo Piparo. Torna il trasformista Arturo Brachetti returns with Solo (February 7 - 18): sixty differ- Arturo Brachetti con Solo (7 - 18 febbraio): sessanta personaggi ent characters and sand painting, laser beams and fantasies of all diversi e sand painting, raggio laser e fantasie di ogni genere. kinds. BRANCACCIO BRANCACCIO Si ispira alla Turandot La Regina di ghiaccio (fino al 7 gennaio) Inspired by Turandot, La Regina di ghiaccio (Janucon Lorella Cuccarini nelle vesti della malefica ary 7), with Lorella Cuccarini in the role of the evil, regina rubacuori, regia di Maurizio Colombi. Un heart - braking queen, directed by Maurizio Colomviaggio con e nell’uomo è La Divina commedia bi. The Divine Comedy, the Opera (January 19 - 24) is opera musical (19 - 24 gennaio) rivisitata da Ana journey with and through mankind, reinterpreted Inspired drea Ortis con le musiche di Marco Frisina. Noby Andrea Ortis, with music by Marco Frisina. A new by Turandot, vità assoluta Spamalot (4 - 18 febbraio) con Elio e event this year is Spamalot (February 4 - 18), with da uno dei mitici comici inglesi Monty ‘La Regina realizzato Elio and adapted from one of the legendary English Python, regia di Claudio Insegno che dirige andi ghiaccio’, che il nuovo Hairspray The Broadway Musical (20 comedies of Monty Python, directed by Claudio Insegno, who also directs the new Hairspray, the Broadwith Lorella febbraio - 4 marzo) di Meeham e O’Donnell, con way Musical (February 20 - March 4) by Meeham and Cuccarini Giampiero Ingrassia. O’Donnell, with Giampiero Ingrassia. at Brancaccio OLIMPICO OLIMPICO Torna Supermagic 2018 “Miraggi” (25 gennaio theatre 4 febbraio), il festival internazionale della magia Supermagic 2018 ‘Miraggi’ returns (January 25 February 4), the international magic festival that presents the most che propone il più innovativo repertorio di illusionismo e mainnovative repertoire of illusions and magic with 75 magicians. A gia con 75 maghi. Una video - lezione d’arte su Michelangelo video art lesson about Michelangelo (March 15 - 18) is the recital by (15 - 18 marzo) è il recital di Vittorio Sgarbi con le musiche dal Vittorio Sgarbi, with live music by Valentino Corvino. vivo di Valentino Corvino. Per la danza: Carmen (8 - 11 marzo) For dance: Carmen (March 8 - 11), reinterpreted behind the scenes rivista da dietro le quinte e con gli addetti alle pulizie che si and with cleaners who become the characters of Bizet’s opera. Di- calano nei personaggi dell’opera di Bizet. Regia e coreografia rection and choreography by Amedeo Amodio. di Amedeo Amodio. Roma | the Eternal City 123


hospitality events

It’s time to dream È TEMPO DI SOGNARE A glitterin g Christmas with Hotel de Russie an d Vhernier Un Natale scintillante con Hotel quello de Russie e Vhernier

While waking up in one of the Hotel de Russie’s suites is already an experience with a scent of wonder, experiencing this temple of quality hospitality during the holiday season is even better. Making this Christmas atmosphere even more magical and special this year is the exclusive partnership with Vhernier, the prestigious signature of ‘Made in Italy’ jewelry. A glittering Christmas, to say the least, awaits guests at the Hotel de Russie. By virtue of an important collaboration resulting from a relationship consolidated over the years, it is now protagonist of original decorations, with the sought-after design of the Roman jeweler combined with the hotel’s timeless charm and its unparalleled location. In the romantic Piazzetta Valadier, the green heart of the hotel nestled in its enchanting inner courtyard overlooked by the Stravinskij Bar - a name that is a must for lovers of the most refined blends - stands a majestic five-meter fir tree decorated with four hundred golden stylized balloons made in three different sizes, embellished with a ribbon in a coral color. Reflected in the mirrored surface of the balloons are twenty golden baskets containing forest greenery, enhanced by the lighting at the base that makes this spectacular Christmas tree even more spectacular. But there’s more. This year, festive magic takes hold Se aprire gli occhi in una delle suite dell’Hotel de Russie è già di per sé un’esperienza che profuma di meraviglia, vivere questo tempio dell’alta ospitalità durante il periodo delle feste è una vera emozione. A rendere ancora più magica e speciale l’atmosfera natalizia di quest’anno è l’esclusiva partnership con Vhernier, prestigiosa firma della gioielleria made in Italy. Un Natale quindi a dir poco scintillante quello che aspetta gli ospiti del Hotel de Russie, che in virtù di un’importante collaborazione risultato di un rapporto consolidato negli anni, si vede protagonista di originali allestimenti dove il design ricercato della maison alessandrina si unisce al fascino senza tempo dell’hotel e della sua ineguagliabile location. Nella romantica Piazzetta Valadier, cuore verde dell’hotel incastonato nella sua incantevole corte interna su cui si affaccia il Bar Stravinskij - nome che non può mancare nel carnet degli appassionati dei miscelati più raffinati - è ‘sbocciato’ un maestoso abete di cinque metri decorato con quattrocento palloncini dorati realizzati in tre diverse dimensioni, impreziositi da un nastro in tinta corallo. A riflettersi sulla superficie a specchio dei palloncini, venti ceste a loro volta color dell’oro, dentro le quali fioriscono verdeggianti piante di bosco, esaltate dall’illuminazione posta alla base che rende ancora più scenografico questo spettacolare 124 Roma | the Eternal City


The spectacular Christmas tree by Vhernier, in the romantic Piazzetta Valadier of Hotel de Russie Roma | the Eternal City 125


Floral decoration by the team of Sebastian Flowers Italy 126 Roma | the Eternal City


A majestic five-meter fir tree decorated with four hundred golden balloons of the hotel’s iconic colonial style staircase, with decorations inspired by the wonderful Palloncino collection by Vhernier, the house’s cult line composed of elegant creations in white gold, diamonds, rock crystal and a delicate balloon in carnelian, turquoise, jade and other precious stones. Reflecting the refined concept of the decorations designed for Piazzetta Valadier, a winter setting of nature and fantasy transforms the hotel’s entrance into a Christmas forest worthy of the most enchanted Christmas fairy tales, decorated with red and golden balloons. This installation by the Flower Designer Sebastian Bierings creates a magnificent continuity into the lights that flood the already glittering Via del Babuino - Rome’s fashion street par excellence, where the hotel rises amid exclusive boutiques and historic buildings - and the designer Vhernier. Much more than simple decorations, these installations make the Hotel de Russie, an oasis of elegance and peace, a stone’s throw from Piazza di Spagna, the choice destination for those who want to visit the wonders of the Eternal City, but also to breathe the enchanted Christmas atmosphere that makes Rome a real daydream at this time of year.

A special Christmas thanks to the collaboration between Hotel de Russie and Vhernier

albero di Natale. Ma non è finita qui. Quest’anno la magia delle feste s’impadronisce anche dell’iconica scalinata in stile coloniale dell’hotel, con decorazioni ispirate alla meravigliosa collezione Palloncino di Vhernier, una linea cult della maison composta da eleganti creazioni in oro bianco, diamanti, cristallo di rocca e un delicato palloncino in corniola, turchese, giada e altre pietre preziose. A richiamare il raffinato concept dell’allestimento studiato per la Piazzetta Valadier, una scenografia invernale tra natura e fantasia trasforma l’ingresso dell’hotel in una Foresta di Natale degna delle fiabe natalizie più ammaliati, decorata con palloncini rossi e dorati. Un’installazione curata dal Flower Designer Sebastian Bierings che crea una magnifica continuità tra le luci che inondano la già sfavillante via del Babuino - fashion street per eccellenza di Roma, dove tra boutique esclusive e palazzi storici sorge l’hotel - e l’allestimento firmato Vhernier. Molto più di semplici decorazioni, queste installazioni rendono l’Hotel de Russie, oasi di eleganza e tranquillità a pochi passi da piazza di Spagna, la meta privilegiata per chi desidera, non solo visitare le meraviglie della Città Eterna, ma anche respirare l’incantata atmosfera natalizia che in questo periodo rende Roma un vero e proprio sogno a occhi aperti. Roma | the Eternal City 127


Above: De Bellis Below: 5 Lune 128 Roma | the Eternal City


food itineraries

Guilty pleasures PECCATI DI GOLA

text Gabrielle Bolzoni photo Andrea Rossi

astry shops The best p al of the Capit pasticcerie ri o li ig m Le e ella Capital d i artigianal

With the arrival of winter, an unstoppable craving for sweets is awakened within each of us, taking us by surprise at all times of the day. A good map of the local bakeries, able to satisfy our needs, of both the taste and visual variety, can sweeten our days and fill the soul. In Rome, you can find dozens of bakeries, but only a few can really be considered top. We tested a handful of small artisan shops for you, the crown jewels of the Roman dessert scene, which range from the most classic and traditional to the most innovative and experimental, where each product is prepared with ingredients that are fresh and of the highest quality, assembled in a unique way. What better way is there to start your day as a true Roman than with brioches and pastries fresh out of the oven, accompanied by a hot cappuccino? A sweet delicacy can also pleasantly round out a quick lunch, deliciously interrupt a boring afternoon or enrich a classic refreshment or buffet. Here, you’ll find a thousand exquisite guilty pleasures, true treats of fresh pastries or biscuits, sweet or savoury, panettone, cakes, cookies, filled chocolates and mousses for all tastes. A short walk from Piazza Navona, the artisan bakery 5 Lune, founded in 1902, is a top spot Con l’arrivo dell’inverno si risveglia in ciascuno di noi un irrefrenabile desiderio di dolci e leccornie, che può coglierci di sorpresa in ogni momento della giornata. E’ perciò assolutamente necessario fornirsi di una buona mappa di pasticcerie di zona, in grado di soddisfare le nostre esigenze gustative e perché no anche visive per addolcire le nostre giornate e riempirci l’anima. A Roma vi imbatterete in decine di pasticcerie, ma solo alcune possono davvero considerarsi tali. Abbiamo testato per voi una manciata di piccoli laboratori artigianali, fiori all’occhiello del panorama dolciario romano, che spaziano da quelli più classici e tradizionali a quelli più innovativi e sperimentali, dove ogni elemento viene preparato con ingredienti freschi e di altissima qualità e assemblato in maniera unica. Quale migliore modo di iniziare la giornata da veri romani se non con brioches e cornetti appena sfornati da consumare con un caldo cappuccino? Una dolce prelibatezza può anche chiudere in allegria un pranzo veloce, interrompere golosamente un noioso pomeriggio o arricchire un classico rinfresco o buffet. Qui troverete mille squisiti peccati di gola, vere e proprie delizie di pasticceria fresca o secca, dolce o salata, panettoni, torte, biscotti, cioccolatini ripieni e mousse al cucchiaio per tutti i gusti. Roma | the Eternal City 129


1

2

3

4

5

6

130 Roma | the Eternal City

1. 5 Lune 2. Bar Pasticceria Cantiani 3. De Bellis 4. La Dolceroma 5. Dolci Desideri 6. Boni


Boni

for Roman dessert lovers in search of high quality, goodness and fresh products. A wide assortment of sweet and savoury pastries, cakes, cookies, chocolates, pralines and desserts for all tastes and occasions (Corso Rinascimento 89, tel. 06 68801005. Tues-Sun, 7am to 9.30pm). Near Milvian Bridge, since 1966, the artisan bakery and gelato shop Boni has prepared delicious delicacies, both fresh and dry, and is famous in particular for its Mont Blanc and Sachertorte, similar in every way to the Viennese variety (Via della Farnesina 132, tel. 0636300159. Thurs-Tues, 6am to 10.30pm). In Prati, Bar Pasticceria Cantiani has been a cornerstone of the Roman dessert scene since 1936. An obligatory stop for a quick coffee and pastry (Via Cola di Rienzo 234, tel. 06 6874164. Mon-Sun, 7am to 9pm). The master pastry chef Andrea De Bellis, encouraged by his passion for all things beautiful, opened the bakery De Bellis behind Capo de’ Fiori, a small setting, where the culinary experience is met in sight, smell and taste. Reinterpretations of French, Spanish and Italian classics and original cakes that attempt for aesthetic perfection. Cookies, mousses and soft desserts for sweet tooths who don’t mind paying a bit more (Piazza del Paradiso 56/57, tel. 06 68805072. Mon-Sun, 9am to 8pm).

Small artisan shops, the crown jewels of the Roman dessert scene

A due passi da Piazza Navona la pasticceria artigianale 5 Lune, fondata nel 1902, rappresenta un punto di riferimento per i golosi di Roma alla ricerca di qualità, bontà e freschezza. Ampio assortimento di pasticcini dolci e salati, torte, biscotti, cioccolatini, pralines e desserts per ogni gusto ed occasione (corso Rinascimento 89, tel. 06 68801005. Mart-dom 07.00-21.30). Nei pressi di Ponte Milvio la pasticceria e gelateria artigianale Boni prepara dal 1966 deliziose prelibatezze fresche e secche ed è famosa in particolare per il Mont Blanc e la Torta Sacher, che assomiglia in tutto e per tutto a quella originale viennese (via della Farnesina 132, tel. 0636300159. Giov-mart 06.00-22.30). In Prati il Bar Pasticceria Cantiani è dal 1936 un caposaldo della tradizione dolciaria di Roma. Tappa obbligatoria per un rapido caffè e cornetto (via Cola di Rienzo 234, tel. 06 6874164. Lun-dom 07.00-21.00). Il maestro pasticcere Andrea De Bellis, mosso dalla passione per le cose belle, ha aperto alle spalle di Campo de’ Fiori la pasticceria De Bellis, un piccolo salottino, dove offre un’esperienza culinaria per vista, olfatto e gusto. Rivisitazioni di classici francesi, spagnoli e italiani e torte innovative che rasentano la perfezione estetica. Biscotti, mousse, dolci al bicchiere, Roma | the Eternal City 131


Above: De Bellis Below: Dolci Desideri 132 Roma | the Eternal City


La Dolceroma

In Monteverde, the bakery Dolci Desideri opened its doors in 1958, where generations of chefs have carefully and passionately prepared cakes, frozen desserts, pastries, fruit gelatines and cookies of the highest quality every day. Traditional Italian and international pastry recipes. Each product is wrapped with artisanal flair: almond brittle, jams, shortcrust pastry, ladyfingers and a thousand varieties of chocolate, ideal for putting together your own box of sweets. The shop’s crown jewel is the Torta Fragolina, with whipped cream and wild strawberries (Via Anton Giulio Barrili 56/62, tel. 06 5897709. Mon-Sun, 7.30am to 9.30pm). La Dolceroma, one-of-a-kind in Rome, is a tiny studio that has been offering Viennese delicacies, American specialities and Austrian and German bread for 30 years. Products made with fresh ingredients, including organic flour, good butter and Alpine cheeses, to guarantee tradition, quality and health. Among its transalpine delicacies: Sachertortes, Mozartkugeln, apple strudel, rye and wheat bread and pretzels (Via del Portico d’Ottavia 20b, tel. 06 45470303. Tues-Sat, 8.30am to 8pm, Sun, 10am to 6pm).

Traditional Italian and international pastry recipes

per golosi che non badino a spese (piazza del Paradiso 56/57, tel. 06 68805072. Lun-dom 09.00-20.00). A Monteverde regna dal 1958 la pasticceria Dolci Desideri, dove da generazioni si preparano ogni giorno con cura e passione torte, semifreddi, pasticcini, gelatine di frutta e biscotti di altissima qualità. Ricette della tradizione pasticciera italiana ed internazionale. Ogni elemento viene confezionato artigianalmente: croccanti, confetture, pasta frolla, savoiardi e mille varianti di cioccolato, ideali per comporre la propria scatola di cioccolatini. Fiore all’occhiello tra gli altri la Torta Fragolina con crema chantilly e fragoline di bosco (via Anton Giulio Barrili 56/62, tel. 06 5897709. Lun-dom 07.30-21.30). La Dolceroma, unica nel suo genere a Roma, è un minuscolo laboratorio che offre da trent’anni raffinatezze viennesi, specialità americane e pane austriaco e tedesco. Prodotti realizzati con materie prime freschissime, tra cui farine biologiche, buon burro e formaggi alpini, per garantire tradizione, qualità e salute. Tra le delikatessen d’Oltralpe: torta Sacher, palle di Mozart, Strudel di mele, pane di segale e farro e Brezeln (via del Portico d’Ottavia 20b, tel. 06 45470303. Mart-sab 08.30-20.00, dom 10.00-18.00). Roma | the Eternal City 133


Above: Taverna Romana Below: Taverna Cestia aa 134 Roma | the Eternal City


The noble dish of tradition IL PIATTO NOBILE DELLA TRADIZIONE text Gabrielle Bolzoni photo Andrea Rossi Roman baby lamb: where to get it best in Rome Abbacchio Romanesco: i migliori ristoranti di Roma

Roma | the Eternal City 135


Ba’Ghetto

Baby lamb, for its high quality, is a cornerstone of tra- L’Abbacchio, secondo per eccellenza, è un caposaldo ditional Roman and Lazio cuisine and has been at the della cucina tradizionale romana e laziale e ha dato vita base of at least 100 dishes. In Rome, there is a differ- a almeno cento piatti differenti. A Roma si distinguono ence between baby lamb and lamb; both are “offspring abbacchio ed agnello, entrambi ‘fiji de la pecora’, ma il of sheep,” but the first is unweaned while the second primo è ancora lattante, mentre il secondo ha raggiunhas come of age and is already shaved. Since Antiqui- to l’anno d’età ed è già stato tosato. Già al tempo dei ty, lamb meat has been a delicacy, a luxury. Until the romani la carne di agnello era una prelibatezza. Fino mid-1900s, in Rome, baby lamb was conalla metà del 1900 a Roma l’abbacchio era sidered the main dish at parties, reserved considerato il piatto nobile delle feste, rionly for aristocrats, the clergy and upper servato solo a nobili, clero ed alta borgheUntil the mid sia, mentre al popolino erano concessi gli middle class, while the masses were given scraps and the giblets or offal, including 1900s baby scarti e le regaglie o frattaglie, tra cui corapluck, cerebellum and tail, which inspired cervelletto e coda, che hanno ispirato lamb was tella, poorer recipes. This delicate meat could ricette più povere. Questa carne delicata considered poteva essere ‘abbacchiata’, cioè abbattuta be abbacchiata, that is, slaughtered, only the main dish o macellata solo da Pasqua a giugno. Nelbetween Easter and June. In Christianity, lamb is a sacrificial symbol and a ritual at parties, la religione cristiana, infatti, l’agnello è il food in the Christian calendar to comreserved only simbolo sacrificale per eccellenza e l’alimemorate the Resurrection. Today, most of rituale del calendario cristiano per for upper- mento the traditional restaurants in Rome serve commemorare la Resurrezione. class Oggi la maggiorparte delle osterie tradiziobaby lamb from autumn to spring, but it is particularly consumed close to Christmas and Easter. nali a Roma serve l’abbacchio da autunno a primaveWe recommend a few eateries, simple and informal, ra, ma viene consumato particolarmente in prossimità that offer delicious baby lamb using proper prepara- delle festività natalizie e pasquali. Vi suggeriamo alcution techniques and cooking times. The delicate meat ni locali, sobri ed informali, che preparano deliziosi is difficult to brown and cook, allowing it to retain its abbacchi seguendo tecniche di preparazione e temtaste and lightness. Among the classic recipes, there pi di cottura corretti. La sua carne delicata è, infatti, are cutlets of baby lamb allo scottaditto, greasy and difficile da rosolare e cucinare mantenendone intatti 136 Roma | the Eternal City


Ba’Ghetto Roma | the Eternal City 137


food itinerary

Da Cesare

barbequed, to be eaten just off the grill and with your gusto e leggerezza. Tra le ricette classiche troviamo le hands; baby lamb alla cacciatora, browned in pieces costolette di abbacchio allo scottadito, unte di strutto in lard and cooked for 45 minutes with garlic, sage and e cotte alla brace, da consumare ben calde e con le rosemary and brushed with anchovy sauce; and baby mani; l’abbacchio alla cacciatora rosolato a pezzetti lamb alla romana, browned in its entirety in garlic, nello strutto e cotto per 45 minuti con aglio, salvia e oil and pieces of ham, cooked with rosemary, vinegar rosmarino ed annaffiato con salsa di acciughe; l’abbacand pepper and served with oven-roasted potatoes. In chio alla romana rosolato intero in aglio, olio e proits varieties, baby lamb remains a simple sciutto a pezzettini, cotto con rosmarino, and genuine dish, which recalls in each aceto e pepe ed infine servito con patate al one of us memories of our childhood and forno. Nelle sue varianti, l’abbacchio resta Baby lamb is un piatto semplice e genuino, che rievoca provokes a holiday atmosphere. In the heart of the Jewish quarter we find a cornerstone in ciascuno di noi ricordi dell’infanzia e Ba’Ghetto, a realm of milk-free kosher si concilia con l’atmosfera di festa. of traditional ben food. An environment filled with history, Nel cuore del ghetto ebraico troviamo Roman and Ba’Ghetto, regno della ristorazione kowhere guests can taste traditional RoLazio cuisine sher senza latte. Un ambiente ricco di stoman-Jewish dishes. The cutlets of lamb alla Bordolese are delicious. Cooking lesand has been ria, dove assaporare piatti della tradizione sons with the chef are available upon reat the base ebraico romanesca. Deliziose le costolette quest (Via del Portico d’Ottavia, 57 - tel. agnello alla Bordolese. È possibile preof at least di notare anche delle lezioni di cucina con lo 06 68892868). 100 dishes chef (via del Portico d’Ottavia, 57 - tel. 06 In Monteverde, in the restaurant Da Cesare, guests can experience the discreet charm of Ro- 68892868). A Monteverde nella trattoria Da Cesare si man cuisine. A large variety of traditional dishes pre- respira il fascino discreto della cucina romana. Granpared with excellent ingredients coming directly from de assortimento di piatti della tradizione preparati con the Lazio territory. Don’t miss the cutlets of baby lamb ottime materie prime dell’entroterra laziale. Da non rolled in breadcrumbs and fried, delicious for the dou- perdere le costolette d’abbacchio panate e fritte, delible sensation for sweetness and crunchiness (Via del zia dei sensi per dolcezza e croccantezza (via del CasaCasaletto, 45 - tel. 06 536015). letto, 45 - tel. 06 536015). A Testaccio a due passi dalla 138 Roma | the Eternal City


1

2

3

4

1. Da Cesare 2. Molto 3. Baby lamb 4. Roberto e Loretta 5. Taverna Cestia

5 Roma | the Eternal City 139


food itinerary

Above: Taverna Romana Below: Roberto e Loretta 140 Roma | the Eternal City


Taverna Romana in Monti

In Testaccio, a short walk from the Pyramid of Cestius, Piramide la Taverna Cestia propone da oltre 50 anni for over 50 years the Taverna Cestia has offered the i sapori più autentici della cucina romana in un’atmomost authentic flavours of Roman cuisine in a lively sfera allegra ed informale. Forno a legna e prodotti freand informal setting. schissimi. A wood-burning oven and fresh products. Be sure to Ottimi l’abbacchio alla cacciatora, preparato secondo try the baby lamb alla cacciatora, prepared according la ricetta originaria di Amatrice, quello allo scottadito to the original recipe from Amatrice, baby lamb allo e la coratella d’abbacchio con carciofi, selezionati dalscottadito, and pluck of baby lamb with arla macelleria ‘Sartor’ (viale della Piramide tichokes, selected from the “Sartor” butchCestia, 71 - tel. 06 5743754). er (Viale della Piramide Cestia, 71 - tel. 06 A San Giovanni troviamo il Ristorante 5743754). Roberto e Loretta, sorto sulle ceneri di In San Giovanni we find the restaurant Rouno storico locale romano, che si ispiberto e Loretta, sitting atop the remains of ra negli arredi agli anni Cinquanta. Tra i Most of the a historic Roman locale and whose furnisemplici della tradizione a base di traditional piatti ture is inspired by the 1950s. Among their prodotti di stagione troviamo la Coda e restaurant in l’abbacchio allo scottadito, capolavoro di simple traditional dishes made with seasonal products are tail and baby lamb allo Rome serve marinatura e cottura (via Saturnia, 18 - tel. scottadito, masterpeices of marination and baby lamb 06 77201037). cooking (via Saturnia, 18 - tel. 06 77201037). Monti la Taverna Romana è una tipica from autumn A In Monti, Taverna Romana is a typical Rotrattoria romana. Ottimi gli antipasti ed to spring, i secondi a base di abbacchio (via della man trattoria. Excellent appetizers and second courses made with baby lamb (Via della Madonna Madonna dei Monti, 79 - tel. 06 4745325). dei Monti, 79 - tel. 06 4745325). Ai Parioli il ristorante Molto propone l’abbacchio in In Parioli, the restaurant Molto offers baby lamb in a varie versioni, tutte di straordinaria qualità, di recente variety of versions, all of extraordinary quality, recently pubblicate nella raccolta Molto-Cucina Italiana. published in Molto-Cucina Italiana. Not be missed are Imperdibili le Costolette di abbacchio dorate, accomthe cutlets of browned baby lamb, accompanied by an pagnate da un’insalata di carciofi (viale Parioli, 87 - tel. artichoke salad (Viale Parioli, 87 - tel. 06 8083680). 06 8083680). Roma | the Eternal City 141


ROMA Aldovrandi Villa Borghese - Via Ulisse Aldrovandi 15 - Roma - ph +39 06 3223993 - www.aldrovandi.com Bernini Bristol - P.zza Barberini - Roma - ph +39 06 488931 - www.stregisflorence.com Boscolo Aleph - Via di San Basilio 15 - Roma - ph +39 06 422901 - www.aleph-roma.boscolohotels.com Boscolo Exedra - Piazza della Repubblica, 47 Termini Station Area - Roma - ph +39 06 489381 - www.exedra-roma.boscolohotels.com Boscolo Palace - Via Vittorio Veneto 70 - Roma - ph +39 06 478719 - www.palace-roma.boscolohotels.com De Russie - Via del Babuino, 9 - Roma - ph +39 06 3288881 - www.roccofortehotels.com Gran Hotel De La Minerve - P.zza della Minerva, 69 - Roma - ph +39 06 695201 - www.grandhoteldelaminerve.com Grand Hotel Plaza - Via Del Corso,126 - Roma - ph +39 06 69921111 - www.grandhotelplaza.com Gran Melià - Via del Gianicolo, 3 - Roma - ph +39 06 925901 - www.melia.com Hotel Majestic - Via V.Veneto, 50 - Roma - ph +39 06 421441 - www.hotelmajestic.com Hotel Ambasciatori - Via Vittorio Veneto, 62 - Roma - ph +39 06 47493 - www.royalgroup.it Hotel Art by the spanish steps - Via Margutta 56 - Roma ph +39 06 328711 - www.hotelart.it Hotel d’Inghilterra - Via Bocca di Leone, 14 - Roma - ph +39 06 699811 - www. hoteldinghilterrarome.com Hotel Dom - Via Giulia, 131 - Roma - ph +39 06 6832144 - www.domhotelroma.com Hotel Eden - Via Ludovisi,49 - Roma - ph +39 06 478121 - www.edenroma.com Hotel Hassler - Piazza Trinita dei Monti 6 - Roma - ph +39 06 699340 - www.hotelhasslerroma.com Hotel Parco dei Principi - Via G. Frescobaldi, 5 - Roma - ph +39 06 854421 - www.parcodeiprincipi.com Hotel Raphael - Largo Febo 2 - Piazza Navona - Roma - ph +39 06 682831 - www.raphaelhotel.com Hotel San Anselmo - Piazza San Anselmo 2 - Roma - ph +39 06 570057 - www.aventinohotels.com Hotel Splendide Royal - Via Di Porta Pinciana 14 - Roma - ph +39 06 421689 - www.splendideroyal.com

HOTEL PARTNERS IN ROMA InterContinental de la Ville - Via Sistina 69 - Roma - ph +39 06 67331 - www.intercontinental.com JK - Via di Monte d’Oro, 30 - Roma - Roma - ph +39 06 982634  - www.jkroma.com Jumeirah Grand Hotel Via Veneto  - Via Vittorio Veneto, 155 - Roma - ph +39 06 487881 - www.jumeirah.com La Griffe Roma MGallery Collection - Via Nazionale 13 - Roma - ph +39 06 47829885 - www.lagriffeluxuryhotel.com Leon’s Place Hotel in Rome - Via XX Settembre 90/94 - Roma - ph +39 06 890871 - www.leonsplacehotel.it Lord Byron Hotel - Via Giuseppe de Notaris, 5 - Roma - ph +39 06 3220404 - www.lordbyronhotel.com Navona Palace Residenze Di Charme - Via Della Pace 36-36/a - Roma - ph +39 06 6841051 - www.navonapalace.it Palazzo Manfredi - Via Labicana,125 - Roma - ph +39 06 77591380 - www. palazzomanfredi.com Palazzo Montemartini - Largo Giovanni Montemartini 20 - Roma - ph +39 06 45661 - www. palazzomontemartini.com Portrait Roma - Lungarno Collection - Via Bocca Di Leone 23 - Roma - ph +39 06 69380742 - www.lungarnocollection.com Radisson Blu - Via Filippo Turati 171 - Roma - ph +39 06 444841 - www.radissonblu.com Regina Hotel Baglioni - Via V.Veneto, 72 - Roma - ph +39 06 421111 - www.baglionihotels.com Residenza di Ripetta - Via di ripetta 231 - Roma - ph +39 06 3231144 - www.royaldemeure.com Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts - Via Alberto Cadlolo 101 - Roma - ph +39 06 35091 - www.placeshilton.com Sofitel Roma Villa Borghese Via Lombardia 47 - Roma - ph +39 06 478021 - www.sofitel.com St. George - Via Giulia, 62 - Roma - ph +39 06 686611 - www.hotelindigorome.com St. Regis - Via V.Emanuele Orlando,3 - Roma - ph +39 06 47091 - www.stregisrome.com The First Luxury Art Hotel - Via del Vantaggio 14 - Roma - ph +39 06 45617070 - www.thefirsthotel.com The Inn At The Spanish Steps- Small Luxury Hotel - Via Dei Condotti 85 - Roma - ph +39 06 69925657 - www.atspanishsteps. com The Westing Excelsior - Via Vittorio Veneto 125 - Roma - ph +39 06 47081 - www.westinrome.com 142 Roma | the Eternal City


Acquolina Hostaria Via del Vantaggio, 14 ph +39 06 45617070 www.acquolinahostaria.it On the ground floor of The First Luxury Art Hotel, the restaurant of starred chef Alessandro Narducci is already betrayed by the name, which plays on the double meaning recalling the aquatic environment and the flavour and scent of “acquolina” in the mouth, the vocation for fish and seafood products. A lit staircase leads to the garden and reveals a spacious terrace. On the panoramic terrace, Acquaroof, hotel’s roofgarden, with restaurant & lounge service from May to October. Al piano terra del The First Luxury Art Hotel, il ristorante dello chef stellato Alessandro Narducci tradisce già dal nome, giocato sul doppio senso che ricorda l’ambiente acquatico e le sensazioni gusto-olfattive dell’acquolina in bocca, la vocazione per il Pesce e i prodotti del Mare. Una scalinata illuminata conduce al giardino e apre alla vista di una spaziosa terrazza. Sulla terrazza panoramica, Acquaroof, il roofgarden dell’hotel, con servizio ristorante & lounge da maggio ad ottobre. Ai Piani Via Francesco Denza, 35 ph +39 06 8079704 www.aipiani.it A landmark restaurant for great seafood in Rome. The cozy and elegant ambience and the courtesy and precision of the staff are combined with the careful selection of basic ingredients. The “Pino” room is very special, and has become a symbol of the restaurant, with its large windows and bouserie in cherrywood that make the room bright and elegant. Punto di riferimento per mangiare ottimo pesce a Roma. L’ambiente accogliente ed elegante e la cortesia di un servizio accurato, si accostano alla attenta scelta delle materie prime. Particolare la sala che ospita “il pino” diventato ormai simbolo del ristorante, caratterizzata da ampie vetrate e bouserie in ciliegio che rendono l’ambiente luminoso ed elegante. Al Ceppo Via Panama, 2 ph +39 06 8419696 www.ristorantealceppo.it Cristina & Caterina run the Restaurant located in the residential area Parioli. Recently renewed it kept its historic classic well known ambient. The Menu,

overseen by Cristina and made with enthusiasm by a team of young chefs is printed daily based on the fresh delights of the market. Cristina e Caterina gestiscono questo ristorante situato della zona residenziale dei Parioli. Recentemente ristrutturato, ha mantenuto un ambiente tradizionale e classico. Il menu, supervisionato da Cristina e preparato con entusiasmo da un team di giovani chef, cambia giornalmente in base alle delizie fresche di mercato. All’Oro Via Giuseppe Pisanelli, 25 ph. +39 06 97996907 www.ristorantealloro.it Chef Riccardo Di Giacinto is back, this time with a unique formula: his All’Oro restaurant is also a 5-star hotel. Di Giacinto has bought The H’All Tailor Suite, just a stone’s throw from the centrally located Piazza del Popolo, and continues to amaze with his perfect combination of tradition and innovation. Lo chef Riccardo Di Giacinto è tornato e con una formula davvero unica: il ristorante All’Oro è anche un hotel 5 stelle. Lo chef ha infatti acquistato il The H’All Tailor Suite, a pochi passi dalla centralissima piazza del Popolo, e continua a stupire con il suo perfetto connubio di tradizione e innovazione. Antica Pesa Via Garibaldi, 18 ph +39 06 5809236 www.anticapesa.it In the heart of Trastevere, this family run restaurant conceives their dishes following two main guidelines: the renewing of Roman traditional cuisine and the elaboration of typical products of the Lazio region. The setting is one of the most charming, lit fireplace during the winter in their artistic main room, and inside garden for the summer months. Their wine list is among the most rich between Roman restaurants. Nel cuore di Trastevere, questo ristorante a conduzione familiare crea i suoi piatti seguendo due linee guida: la rivisitazione della tradizionale cucina romana e l’utilizzo e elaborazione dei prodotti tipici del Lazio. L’ambiente è piacevolissimo, con il caminetto acceso in inverno nella sala principale e giardino interno per i mesi estivi. La lista dei vini è tra le più ricche di Roma. Antico Arco Piazzale Aurelio, 7 ph +39 06 5815274

www.anticoarco.it Named after one of the gates of early medieval Rome (Arco di San Pancrazio), which rises nearby, Antico Arco is on Gianicolo Hill not far from Trastevere and the American Academy. It’s a hip trendy restaurant with a young, stylish clientele. Their professional staff makes sure that food and service flow smoothly. Dishes served are mainly traditional plates revised with a touch of creativity by their young and attentive kitchen brigade. Chiamato con il nome di una delle porte della Roma medievale (Arco di San Pancrazio), che sorge lì vicino, Antico Arco si trova sul Gianicolo, non lontano da Trastevere e dall’Accademia Americana. E’ un ristorante alla moda con una clientela giovane e sofisticata. Il personale è professionale e molto attento al cibo e al servizio. La cucina è tradizionale con un tocco di creatività della giovane ma esperta brigata di cucina. Ar’ Galletto Piazza Farnese, 102 ph +39 06 6861714 www.ristoranteargallettoroma.com Located on the beautiful square Piazza Farnese Ar Galletto is a typical family run Trattoria that has been recently, completely renewed. This is the best place to eat roman dishes and pasta. The new Sicilian woman chef has also introduced very good fish dishes. Outdoor dining in summer on the beautiful square, where the atmosphere is enriched by the lighted frescoes of the French Embassy. Situato nella bellissima Piazza Farnese, Ar’ Galletto è una tipica trattoria a conduzione familiare che è stata recentemente e completamente ristrutturata. E’ il posto migliore per gustare specialità romane e pasta. La nuova chef siciliana prepara anche ottimi piatti di pesce. Si mangia fuori d’estate nella bella piazza, dove l’atmosfera è arricchita dagli affreschi illuminati dell’ambasciata francese. Aroma Via Labicana, 125 ph +39 06 77591380 www.aromarestaurant.it Magnificently set on the terrace of Palazzo Manfredi with a unique view of the Coliseum of Imperial Rome! Chef Giuseppe di Iorio will lead you through an unforgettable culinary experience, where he combines perfectly modern and traditional cuisine. Before dinner, enjoy a

cocktail in the lounge Bar, overlooking Colle Oppio. Magnificamente ubicato sulla terrazza di Palazzo Manfredi con vista impareggiabile del Colosseo. Chef Giuseppe di Iorio vi farà vivere un’esperienza culinaria indimenticabile, la perfetta combinazione di cucina moderna e tradizionale. Prima di cena, prendete un cocktail al Lounge Bar che si affaccia sul Colle Oppio. Aroma Osteria Via Antonio Serra, 15 ph. +39 06 33218763 In the heart of Fleming, a place where the menu focuses on quality and seasonal products and an extraordinary protagonist: salted codfish. The many meat and fish options will leave you spoilt for choice. Nel cuore del Fleming, un locale dove il menu punta sulla qualità e la stagionalità dei suoi prodotti e su un protagonista d’eccellenza: il baccalà. Le numerose proposte di carne e pesce mettono l’imbarazzo della scelta. Assaje Restaurant Aldrovandi Villa Borghese Via Ulisse Aldrovandi, 15 ph +39 06 321 6126 www.aldrovandi.com In the elegant dining room facing the internal garden of Aldrovandi Villa Borghese, Assaje Restaurant proposes extraordinary culinary experiences inspired by the Mediterranean cuisine, as interpreted by Executive Chef Andrea Migliaccio. Michelin one-star. Nell’elegante sala affacciata sul giardino interno di Aldrovandi Villa Borghese, il ristorante Assaje propone straordinarie esperienze culinarie ispirate alla cucina mediterranea, opera dell’Executive Chef Andrea Migliaccio. Una stella Michelin. Bistrot 64 Via Guglielmo Calderini, 64 ph. +39 06 3235531 www.bistrot64.it As relaxed as a bistro, as refined as a starred gourmet kitchen, the proposal of young Japanese chef Kotaro Noda unites Mediterranean flavors with Oriental techniques. Dishes that stem from the tradition, but never fail to amaze. Michelin one-star. Il relax di un bistrot e la raffinatezza di una cucina gourmet stellata, opera del giovane Chef giapponese Kotaro Noda, che unisce sapori mediterranei e tecniche orientali. Piatti legati alla tradizione, ma che non mancano di stupire. Una stella Michelin. Roma | the Eternal City 143

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

by Sebastiano Lombardi, Head Concierge Hotel de Russie, Roma


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Casa Coppelle Piazza delle Coppelle, 49 ph +39 06 68891707 www.casacoppelle.com The Casa Coppelle kitchen has a multifaceted and multicultural soul. On the menu, alongside traditional recipes, in some cases enhanced with a more contemporary twist, there are some more creative dishes and a chapter dedicated to the flavours and scents of the French cuisine, in keeping with the origins of the hostess, who was born in Lorraine. The owners of Casa Coppelle, Omar and Rachelle Capparuccini, wanted to redesign their cuisine with intelligence, without distorting its identity and strong position within the city. L’offerta di cucina di Casa Coppelle ha un’anima sfaccettata e multiculturale. Nel menù, accanto a proposte classiche della tradizione capitolina, in alcuni casi impreziosite da twist più contemporanei, trovano spazio alcuni piatti di calibrata creatività e un capitolo dedicato ai sapori e profumi della cucina francese,coerente con le origini della padrona di casa, nata in Lorena. I proprietari di Casa Coppelle, Omar e Rachelle Capparuccini, hanno voluto ripensare l’offerta gastronomica con intelligenza, senza stravolgere l’identità e la forte collocazione nel panorama cittadino. Clotilde Piazza Cardelli, 5/A ph. +39 06 68805145 www.ristoranteclotilde.com New York-style dining room with tables in glass and iron, cobalt blue furnishings, and optical wallpaper. The food is traditional, mainly made with produce from Lazio, but is lightened up with special cooking techniques. Un salotto in stile newyorchese, con tavoli in cristallo e ferro, arredi blu cobalto e carta da parati optical. La cucina è quella tradizionale, fatta principalmente con prodotti di origine laziale, ma alleggerita grazie a particolari tecniche di cottura. Collegio Piazza Capranica, 98 ph. +39 06 97996907 www.collegioroma.com Situated between the Pantheon and Montecitorio, close to the Trevi Fountain, an original eatery where diners can sample a select range of wines, cocktails of the house, and dishes inspired by locally grown ingre144 Roma | the Eternal City

dients. Alessandro Cecere is in the kitchen, Emanuele Broccatelli wields the shaker. Tra il Pantheon e Montecitorio, a pochi passi dalla fontana di Trevi, un originale locale dove gustare vini selezionati, cocktail d’autore e piatti ispirati alle materie prime del territorio. In cucina Alessandro Cecere, allo shaker Emanuele Broccatelli. Emma Via Monte della Farina, 28/29 ph. +39 06 64760475 www.emmapizzeria.com An amazing pizzeria in the heart of Rome. It has a few outdoor tables and a beautiful interior space with a skylight. The pizza is thin and crunchy, with the highest quality flour and basic ingredients. The most refined and freshest ingredients. Strepitosa pizzeria nel cuore di Roma. Pochi tavoli fuori e uno stupendo spazio interno con un lucernario Pizza bassa e croccante, farine e materie prime di altissima qualità. Ingredienti ricercati e freschissimi. Enoteca Achilli al Parlamento Via Prefetti, 15 ph. +39 06 6873446 www.enotecalparlamento.com An Old England-style club in the heart of Rome, whose dishes are made by the stellar Chef Massimo Viglietti. Its strength lies in its extraordinary wine cellar, with over 6,000 labels, some of which simply cannot be found elsewhere. It is also famous for its Cognac and Armagnac collection with vintages from 1800. Un club stile Old England trapiantato nel cuore di Roma, la cui cucina è firmata dallo Chef stellato Massimo Viglietti. Il punto di forza risiede nella straordinaria cantina, che conta oltre 6.000 etichette, alcune semplicemente introvabili. Famoso anche per la sua collezione di Cognac e Armagnac con annate a partire dal 1800. Ercoli Viale dei Parioli, 184 ph. +39 06 8080084 www.ercoli1928.com Delicatessen shop where customers can sample a range of fine and sometimes little-known foods, all absolute musts. Excellent cold cuts and cheeses, smoked fish, caviar, and dips. Surrounding the tables are shelves showcasing conserves, delicacies in oil, and wines. Un negozio di delicatessen dove gustare prodotti ricercati, a volte poco conosciuti, ma sempre imperdibili. Salumi e formaggi di

ottima qualità, affumicati di pesce, caviale, salse, e tutto intorno ai tavoli scaffali che fanno da vetrina a conserve, sott’oli e vini. Finger’s Via Carrara, 12/15 ph. +39 06 3234453 www.fingersrestaurants.com Just a short stroll away from Piazza del Popolo, this Japanese-Brazilian restaurant is owned by ex-footballer Clarence Seedorf and chef Roberto Okabe, who, after Milan, Porto Cervo and Megève, has made his grand debut in the capital. The standout feature on the menu is the super-fresh fish. A due passi da piazza del Popolo, il ristorante nippo brasiliano dell’ex calciatore Clarence Seedorf e dello chef Roberto Okabe, che dopo Milano, Porto Cervo e Megève ha fatto il suo grande debutto anche nella Capitale. Re del menu, pesce freschissimo. Gallura Via G. Antonelli, 2 ph. +39 06 8072971 www.ristorantegallura.it A sophisticated venue in the Parioli district, is a must for lovers of fresh seafood and Mediterranean cuisine with a strong Sardinian influence. The interior of the restaurant has three rooms in a minimalist style; outside, there is a beautiful roof garden for outdoor dining. Raffinato locale del quartiere Parioli, è la meta obbligata per gli amanti del pesce fresco e della cucina mediterranea connotata una forte impronta sarda. All’interno, il locale ha tre sale in stile minimalista; all’esterno, uno splendido giardino pensile per le cene all’aperto. Hostaria Da Pietro Via Gesù e Maria, 18 ph +39 06 3208816 www.hostariadapietro.com An excellent family run, traditional Trattoria, just a few minutes walking from the Hotel de Russie, with very friendly service in a warm and casual ambience. Un’ottima trattoria tipica a conduzione familiare, a pochi minuti dall’ Hotel de Russie, con un servizio molto cordiale in un ambiente caldo e informale. Il Giardino Via Ludovisi, 49 Ph- +39 06 478121 It one of is the restaurants of Hotel Eden. A quiet retreat from the city’s bustling streets, it serves seasonal Italian delicacies with an innovative touch by Executive chef Fabio Ciervo.

È uno dei ristoranti dell’Hotel Eden. Un’oasi di tranquillità, lontana dalla frenesia delle strade cittadine, dove assaporare specialità stagionali con un tocco di innovazione preparate dallo chef Fabio Ciervo. Il Matriciano Via dei Gracchi, 55 ph +39 06 3212327 www.ilmatriciano.it The restaurant is ideally located near the Vatican and is only a stone’s throw from the Vatican city. Il Matriciano offers a warm atmosphere and is popular with many locals. Il ristorante si trova a pochi passi dal Vaticano. Il Matriciano offre un ambiente caloroso ed è ben frequentato dai romani. Il Pagliaccio Via dei Banchi Vecchi, 129/a ph +39 06 68809595 www.ristoranteilpagliaccio.com A peaceful oasis placed in the heart of Rome, in the characteristic roman frame of via dei Banchi Vecchi, just next to via Giulia. Tastes and colours enhance the capacities of Chef Antony Genovese, always trying to express the best of culinary art. The environments are cosy and elegant, the daily brightness makes it perfect for businesslunch, while the soft lights in the evening makes it an ideal place for romantic dinner. Un’oasi di tranquillità nel cuore di Roma, nella pittoresca Via dei Banchi Vecchi, a pochi passi da Via Giulia. I sapori e colori esaltano il talento di Chef Antony Genovese, che esprime il meglio dell’arte culinaria. L’atmosfera è confortevole ed elegante, l’ambiente luminoso lo rende perfetto per pranzi d’affari, mentre le luci soffuse di sera creano lo scenario ideale per una cena romantica. Imàgo - Hotel Hassler Piazza Trinità dei Monti, 6 ph +39 06 699340 www.hotelhasslerrome.com When you cross the threshold of Imàgo the view of Rome seems like a mirage, a dream world like out of a fairy-tale. The soft music, marble floors with wood inserts and play of lights which change throughout the day and night and reflect off the mirror-like tables create a unique ambiance. Immense effort has gone into every detail which can be seen in the furnishings and the kitchen, satisfying that need to combine vision, taste, smell and sound, to create a unique and unparalleled experience for the senses. Varcando la soglia di Imàgo, la


vourite of locals. Swift, courteous service. There are open-air tables. Situato vicino a Piazza Navona, il ristorante offra pizza e vino in un ambiente divertente e animato. Molto frequentato dai romani. Servizio veloce e cortese. Ci sono tavoli all’aperto. La Pergola Via Alberto Cadlolo, 101 ph +39 06 35091 www.romecavalieri.com Perched upon Monte Mario, within the Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, la Pergola offers, by far, the best views of the Eternal City. Heinz Beck, the celebrated German Chef, creates perfect “Alta cucina” dishes while using only fresh and local ingredients. Reservations are required well in advance. Appollaiato su Monte Mario, il ristorante del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotel, La Pergola, offre la più bella vista della città eterna. Heinz Beck, il famoso Chef tedesco, crea piatti perfetti d’alta cucina usando solo ingredienti freschi e locali. E’ richiesta la prenotazione con largo anticipo. La Terrazza Via Ludovisi, 49 ph. +39 06 478121 On the top floor of the Hotel Eden, it offers a seasonal Mediterranean cuisine, creative and innovative, accompanied by breathtaking views of Rome. Heading the kitchen crew, Michelin-starred chef Fabio Ciervo. All’ultimo piano dell’Hotel Eden, offre una cucina mediterranea stagionale, creativa ed innovativa, accompagnata da una vista mozzafiato su Roma. A capo della brigata di cucina, lo Chef Stellato Fabio Ciervo. Le Asiatique Largo della Fontanella di Borghese, 86/A ph. +39 06 69330441 www.leasiatique.it Top-quality fusion restaurant. A touch of the East with a contemporary atmosphere, where the gastronomic cultures of the Far East and the Mediterranean blend together. The cocktails are delicious too, made with a perfect balance of spices, liquors, and Eastern ingredients. Ristorante fusion di ottima qualità. Un angolo di oriente dall’atmosfera contemporanea, dove la cultura gastronomica del Sol Levante si fonde con quella mediterranea. Deliziosi anche i cocktail, creati con spezie, liquori e ingredienti orientali perfettamente armonizzati.

Madre Roma Largo Angelicum, 1/A ph. +39 06 6789046 www.madreroma.com It is the restaurant of Roma Luxus Hotel. An elegant salon surrounded by a park, open from morn until late at night. In the kitchen, star chef Riccardo Di Giacinto unites South American and Spanish flavors with Italian tradition. È il ristorante del Roma Luxus Hotel. Un elegante salotto immerso nel verde, aperto dalla colazione alla tarda notteIn cucina lo Chef stellato Riccardo Di Giacinto unisce sapori sudamericani, spagnoli e tradizione italiana. Molto Viale dei Parioli, 122 ph +39 06 8082900 www.moltoitaliano.it Located in the residential area of Parioli, this modern style restaurant, is always very frequented by many locals. The typical rotisserie set in the middle of the restaurant, makes this place appetizing especially for meat lovers. Their menu is an excellent representation of original Italian flavours. At the entrance a nice bar where you can start the evening enjoying a good drink. Situato nella zona residenziale dei Parioli, questo ristorante moderno è sempre molto frequentato dai romani. Il girarrosto piazzato nel bel mezzo del ristorante rende questo locale molto invitante per gli amanti della carne. Il menu è un eccellente compendio di tutti i sapori italiani. All’ingresso, c’è un bel bar dove si può iniziare la serata con un buon aperitivo. Osteria la Gensola Piazza della Gensola, 15 ph +39 06 5816312 www.osterialagensola.it Located in one of the most characteristic art district of the city, Trastevere, this restaurant offers traditional roman flavours as well as various fish dishes. Run by two young brothers, this restaurant is mostly frequented by locals. The atmosphere is fun and lively. Situato in uno dei quartieri più caratteristici della città, Trastevere, questo ristorante offre tipici piatti romani e varie specialità di pesce. Gestito da due giovani fratelli, il ristorante è molto frequentato dai romani. L’atmosfera è divertente e vivace. Passetto Piazza S.Apollinare, 41 ph. +39 06 62286019 www.ristorantepassetto.it

Just outside Piazza Navona, a historical spot in Rome whose tables have welcomed many famous personalities. In the kitchen, the famous Roman chef Arcangelo Dandini. Alle porte di piazza Navona, uno storico indirizzo di Roma che ha visto ai suoi tavoli numerosi personaggi illustri. In cucina, il famoso chef romano Arcangelo Dandini. Pastificio San Lorenzo Via Tiburtina, 196 ph +39 06 97273519 www.pastificiosanlorenzo.it Pastificio San Lorenzo wears two hats - fashion and bistro. The restaurant was inaugurated four years ago in the former Cerere pasta factory, now a Foundation which forms a bridge between the world of art and the San Lorenzo Group of the 1980s. The imprinting is the work of Roberto Liorni who designed many of the gourmet settings featuring wood, glass, marble and a vintage ambiance. I caratteri del Pastificio San Lorenzo sono quelli della moda e del bistrot, il ristorante nato quattro anni fa nel complesso dell’ex pastificio Cerere, oggi Fondazione che annoda il filo con il mondo dell’arte e il Gruppo di San Lorenzo degli anni Ottanta. L’imprinting è quello di Roberto Liorni che ha firmato molte delle ambientazioni gastronomiche della a suon di legno, vetro, marmo e un’impostazione vintage. Penna d’Oca Via della Penna, 53 ph. +39 06 3202898 www.lapennadoca.com The city’s new gourmet hotspot for seafood lovers. In the kitchen, chef Massimiliano prepares refined and original dishes conceived around different temperatures and consistencies. Il nuovo indirizzo gourmet in città per gli amanti della cucina di pesce. In cucina lo chef Massimiliano prepara raffinati e originali piatti incentrati su giochi di temperature e consistenze. Per Me Vicolo del Malpasso no. 9 ph. +39 06 6877365 www.giulioterrinoni.it This is the new adventure of the young Roman chef, Giulio Terrinoni (Michelin one-star), who left Acquolina in 2015 to open his own restaurant. “I Tappi” [The Corks] is an original proposal of tasting-size portions to try different specialties at the same time. È la nuova avventura del giovane Chef romano, Giulio TerrinoRoma | the Eternal City 145

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

vista di Roma avvolge quasi fosse un’apparizione, un sogno che conduce il pensiero e il ricordo in un mondo da favola. Una musica soft, pavimenti di marmo con inserti in legno e i giochi di luce diversi per ogni ora del giorno e della sera che si riflettono sui tavoli di specchio creano un’atmosfera unica.
 La cura dei dettagli e dei particolari si riflette nell’arredo come nella cucina, rispecchiando l’esigenza di far sposare fra loro la vista, il gusto, l’olfatto e l’udito, per creare un’esperienza sensoriale unica e ineguagliabile. Jardin de Russie Via del Babuino, 9 ph +39 06 32888870 www.hotelderussie.it Located within the Hotel de Russie, this restaurant is an essential part of our secret garden, where the charming history of old times meets the genie of our two famous Chefs, Fulvio Pierangelini and Nazareno Menghini. This creates a perfect combination where to experience excellent Mediterranean tastes, enjoy the peaceful garden and do some celebrities spotting. Il ristorante dell’ Hotel de Russie è una parte essenziale del nostro giardino segreto, laddove il fascino della storia incontra il genio dei nostri due famosi Chef, Fulvio Pierangelini e Nazareno Menghini. Ciò crea l’ambiente perfetto per gustare eccellenti sapori mediterranei, godere della quiete del giardino e andare a caccia di volti noti. J.K. Cafè – J.K. Place Roma Via di Monte d’Oro, 30 ph +39 06 982634 www.jkroma.com Located in the heart of Rome, just steps from Piazza di Spagna, Via Condotti and all the main sights, J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, at JK Place Rome, offers Italian and international specialities. The bar and roof garden are the favourite spots for relaxing in “J.K.” style. Situato nel cuore di Roma, a pochi minuti a piedi da Piazza di Spagna e da Via Condotti e da tutte le principali attrazioni, il J.K. Cafe Lounge, Bar & Restaurant, del JK Place Rome, offre specialità italiane e internazionali. Qui il bar e il roof garden sono i luoghi perfetti per rilassarsi in stile “J.K.”. La Montecarlo Vicolo Savelli, 13 ph +39 06 6861877 www.lamontecarlo.it Located near the Piazza Navona, it offers pizza and wine in a fun and noisy atmosphere. A fa-


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

ni (una stella Michelin), che nel 2015 lascia Acquolina per aprire il proprio ristorante. Originale la proposta “I Tappi”, con porzioni degustazioni per provare più specialità in una volta. Pianostrada Via delle Zoccolette, 22 ph. +39 06 89572296 Interesting and never obvious cuisine that will amaze even the most refined palates. Besides the first and second courses, there are also excellent fried delicacies and street food too. Delightful internal courtyard. Cucina mai banale, in grado di stupire anche i palati più raffinati. Oltre ai primi e ai secondi, in menu anche ottime fritture e una lista di proposte street food. Incantevole il cortile interno. Pierluigi Piazza Dè Ricci, 144 ph +39 06 6868717 www.pierluigi.it A stone’s throw from Campo de’ Fiori, recently renewed, this traditional restaurant has always kept its quality at the highest standards. Pierluigi’s menu is a unique combination between earth and sea, however, the owner Roberto enjoys mixing these two sides of Italian cuisine. With the amazing little piazza just for them during the summer, this restaurant ensures an extraordinary culinary experience. A pochi passi da Campo de’ Fiori, recentemente ristrutturato, questo ristorante tradizionale ha sempre mantenuto alto lo standard di qualità. Il menù di Pierluigi è una ricca proposta di piatti mare e terra, anche se il proprietario Roberto ama mescolare questi due aspetti della cucina italiana. Con una deliziosa piazzetta riservata al ristorante in estate, Pierluigi rappresenta una straordinaria esperienza gastronomica. Renato e Luisa Quelli della Taverna Via dei Barbieri, 25 ph +39 06 6869660 www.renatoeluisa.it A cosy restaurant which loves to adapt traditional Roman cuisine making it lighter and tastier. At Renato e Luisa they use seasonal products and it is always possible to try a new dish accompanied by homemade bread, breadsticks or desserts. Un ristorante accogliente che ama rivisitare i piatti della tradizione romana rendendoli più leggeri e gustosi. Attraverso la scelta di prodotti stagionali, da Renato e Luisa è possibile gustare sempre un nuovo piatto accompagnato da pane, 146 Roma | the Eternal City

grissini o dolci fatti in casa. Ristorante Girarrosto Fiorentino Via Sicilia, 46 ph. +39 06 42880660 www.girarrostofiorentino.it The giant grill on view in the fireplace is the throbbing heart of the restaurant. It is a warm and welcoming place, but also somewhat exclusive. Plates are freshly prepared under the gaze of the guests. The steak tartare is excellent. La grande griglia a vista del camino è il cuore pulsante del locale. Un luogo conviviale e accogliente, ma al tempo stesso ricercato. Piatti espressi preparati davanti agli occhi degli ospiti. Ottima la steak-tartare. Roscioli Via dei Giubbonari, 21/22 ph +39 06 6875287 www.salumeriaroscioli.it Roscioli is a restaurant, gourmet shop, deli and wine bar all rolled into one. A multipurpose gourmet shop, an unusual restaurant where the quality of the raw material is the key factor. An ideal spot for gourmet food fans from around the world. Roscioli è insieme ristorante, una gastronomia, una salumeria e un wine bar. Una gastronomia polifunzionale, un ristorante atipico, dove la qualità delle materie prime è la parola d’ordine. Il luogo ideale per gli appassionati di gastronomia di tutto il mondo. Sangallo ai Coronari Via dei Coronari, 180 ph +39 06 68134055 www.ristorantesangallo.it Located in one of the most picturesque areas of the city, it serves very high quality Mediterranean cuisine and boasts a cellar with more than 350 labels. The rooms on the first floor can accommodate banquets and receptions. Situato in una delle zone più pittoresche della città, propone cucina mediterranea di alto livello e vanta una cantina con più di 350 etichette. Le sale al primo piano possono ospitare banchetti e ricevimenti. Tartufi and Friends Via Borgognona, 4/E ph +39 06 6794980 www.tartufiandfriends.it A unique venue with the dual aim of presenting truffles in combination with excellent Italian food either at the table in a quest for something exquisite, or a quick ‘take away’ meal in the form of gourmet sandwiches, all wrapped in old-world refined charm and affordable for everyone. Un locale unico nel suo genere, che si pone il duplice obiettivo di presentare

il pregiato tartufo in abbinamento alle eccellenze alimentari italiane sia attraverso un pasto seduto alla ricerca di qualcosa di squisito sia con un pasto veloce ‘take away’ sotto forma di panini gourmet, il tutto avvolto in un’atmosfera dal sapore antico e raffinato alla portata di tutti. Taverna Trilussa Via del Politeama, 23/25 ph +39 06 5818918 A family-run, typically Roman trattoria with a pleasant, informal atmosphere, situated right in the heart of Trastevere. Rome’s most famous dish are the “Bucatini all’ Amatriciana”, thick spaghetti with tomato sauce, bacon and Pecorino cheese but once there you should not miss to try the “Ravioli Mimosa” which taste will enchant you! The recipe is still secret… Una tipica trattoria romana a conduzione familiare con un’atmosfera piacevole e informale, situata nel cuore di Trastevere.. Il piatto romano più famoso è bucatini all’ amatriciana, spaghetti grossi con salsa di pomodoro, pancetta e pecorino, ma assaggiate i ravioli mimosa, il sapore vi conquisterà! La ricetta è ancora segreta... Terrazza Borromini Via di Santa Maria dell’Anima, 30 ph. +39 06 68215459 www.terrazzaborromini.com On the 4th floor of the historic Palazzo Pamphilj, in elegant dining rooms overlooking Piazza Navona and a magnificent terrace, a restaurant inspired by Roman cuisine creates harmonious combinations of seasonal flavors. Al quarto piano dello storico Palazzo Pamphilj, in eleganti sale affacciate su piazza Navona e su una magnifica terrazza, un ristorante che ispirandosi alla cucina romana crea armoniose combinazioni di sapori stagionali. Tullio Via di S. Nicola da Tolentino, 26 ph +39 06 4745560 www.tullioristorante.it This traditional family run restaurant is centrally located downtown area, just off the Piazza Barberini. The best in town for the typical “bistecca Fiorentina” , their menu also offers a variety of Italian seasonal specialities and fresh fish. Large “collectors” selection of Italian and imported wines. Questo tradizionale ristorante a conduzione familiare è situato in pieno centro, vicino a Piazza Barberini. E’ il migliore ristorante della città per la bistecca alla fio-

rentina e il menù offre vari piatti tipici italiani e stagionali. Una ricca carta di vini da “collezionisti”, italiani e stranieri. Vivendo - The St. Regis Rome Via Orlando V. Emanuele, 3 ph +39 06 47092736 www.ristorantevivendo.it A sophisticated environment set in a contemporary atmosphere. The furniture is in 1930s/1940s style, in an ambiance that is informal yet refined, ideal for a romantic evening or a family dinner. The culinary art of chef Francesco Donatelli proposes local dishes in a combination of aromas and intense fragrances. Un ambiente sofisticato immerso in un’atmosfera contemporanea. L’arredamento presenta uno stile anni ‘30 e ‘40, in un ambiente informale e al contempo raffinato, ideale per una serata romantica e una cena in famiglia. L’arte culinaria dello Chef Francesco Donatelli propone sapori locali. Yugo Largo Angelicum, 2 ph. +39 06 6794549 www.yugofusionbar.com Eclectic fusion restaurant of the two-star Michelin chef Anthony Genovese, who has chosen Andrea Massari as his resident chef. Excellent Italian raw ingredients and Asian preparation techniques. In the summer he ups the ante with the Terrazza San Pancrazio, featuring a raw bar and sushi combined with cocktails of the house. L’eclettico ristorante fusion dello chef due stelle Michelin Anthony Genovese, che ha scelto come resident Chef Andrea Massari. Grandi materie prime italiane e tecniche di preparazione asiatiche. In estate raddoppia con la Terrazza San Pancrazio, con raw bar e sushi uniti ai cocktail d’autore. Zuma Palazzo Fendi Via della Fontanella di Borghese, 48 ph. +39 06 99266622 www.zumarestaurant.com World famous chef Rainer Becker has made his debut in Italy, opening his new restaurant in the beautiful setting of Palazzo Fendi. Impeccable service, izakaya cooking and breathtaking views. Lo Chef di fama mondiale Rainer Becker ha debuttato in Italia aprendo il suo nuovo ristorante nella bellissima cornice di Palazzo Fendi. Servizio impeccabile, cucina izakaya e vista mozzafiato.


Harry’s Bar ROMA

Il leggendario Harry’s Bar è l’unico posto che evoca la “Dolce Vita”, come se si trattasse di una clip di un film, creando un ritorno di fiamma viva per l’epoca d’oro della Via Veneto, quando Frank Sinatra suonava il pianoforte e tutte le Star facevano la loro comparsa in questo bar / ristorante pieno di glamour e stile. Come negli anni Sessanta ruggenti, è ancora possibile sorseggiare un aperitivo e ascoltare ogni sera il piano bar dal vivo. La cucina raffinata ricorda la freschezza dei sapori mediterranei a base di ingredienti di prima qualità. Tradizione e fantasia ispirano gli eleganti piatti, accompagnati dalle etichette più prestigiose ed un servizio di alta classe. Legendary Harry’s Bar is the unique place that evokes the “Dolce Vita” as if it were a clip from the film, creating a vivid flashback to the golden era of the Via Veneto, when Frank Sinatra sang the piano and all the stars made their appearance in this bar/restaurant full of glamour and style. As in the roaring sixties, you can still sip an aperitif, enjoy the live piano bar every evening and dive into the magic of the Via Veneto from the exclusive and fascinating Harry’s Bar. The refined cuisine recalls the freshness of Mediterranean flavours based on prime ingredients. Tradition and fantasy inspire the elegant dishes, accompanied by the most prestigious labels and a high class service.

Via Vittorio Veneto 150, 00187 Roma | Tel. 06/484643 www.harrysbar.it - info@harrysbar.it Orari di apertura: dalle 10,00 AM alle 02,00 AM


Roma The Eternal City n.15  
Roma The Eternal City n.15  
Advertisement