Page 1

COVER STORY RICK RUBIN FASHION F/W 2019-20 DARLING | ARMANI AND FLORENCE INTERVIEWS LUCA ARGENTERO | ROCCO COMMISSO ART ANTIQUES BIENNALE | NATALIA GONCHAROVA | DAVID’S PLACES ITINERARIES ICON DETAILS | SECRETS OF STATUES | WINE DYNASTIES AUTUMN FLAVORS|NIGHTLIFE


F A L I E R O S A R T I . C O M


contents

n.52 autumn 2019

COVER STORY 62 Rick Rubin The spirit blows over the music Oltre la musica by Teresa Favi AGENDA Art Florence 26 Art Tuscany 28 Classic 30 Pop 32 Folk 34 Book 24

FASHION It object

39

Giorgio Armani Where it all began Dove tutto è iniziato 76

80 Shooting Darling by Marta Innocenti Ciulli MUST

93 Jewels

PEOPLE 16 Andrea Magnelli Nikkie Ambassador Esperienza Fusion by Monia Mlah Alessandro Bianchi Master of Scagliola L’arte della Scagliola 18

Shoes Bags 97 Trend 98 For Him 94

95

MOVIE, THEATRE & MUSIC Argentero Like Leonardo Come Da Vinci by Virginia Mammoli 68 Luca

20

Sonia Farsetti Instinct and reason Istinto e ragione by Francesca Lombardi

72

Tommaso Ficari The event is ready L’evento è servito

126

22

68

Pezzi Unici Beauty experience Vivere il bello Theatre The new Season La nuova Stagione

50 80


contents

n.52 autumn 2019

ITINERARIES 50

Original

ART, DESIGN & CULTURE 108 Fabrizio Moretti Sixty years of success 60 anni di Successi by Francesca Lombardi

views

Icons Luoghi iconici 100

Uffizi Galleries The long season La lunga stagione degli Uffizi-Pitti 114

Art

Statues and secrets... Statue e segreti...

Museo dell’Opera del Duomo …that it go in the Loggia …che stia nella Loggia 118

140

Wine Experience

Vineyards in the city

Le vigne in città 150

Art exhibition Goncharova at Palazzo Strozzi Gonchalova a Palazzo Strozzi by Rossella Battista 120

Food

Tuscany in autumn

Toscana in autunno by Paolo Pellegrini 158

Nightlife

Live music experience

Sotto il segno della musica by Monia Mlah 164

La Capannina

di

Franceschi

Dancing through 90 years 90 anni danzando

Villa Bardini The rediscovery offigurative art La riscoperta del figurativo 124

Fiorentina My name is Rocco Il mio nome è Rocco 134

171 188

SHOT ON SITE TUSCANY GUIDE

164 150

120


#ITALIAEXPERIENCES

FLORENCE VIEW FROM THE MOST GLAMOROUS MAGAZINE OF THE CITY

quarterly

publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini

CAP R I FI R EN Z E R OMA VEN EZ IA editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Monia Mlah, Mila Montagni contributors

Rossella Battista, Salvatore La Spina, Maria Lardara, Fabrizio Moretti, Paolo Pellegrini, Elisa Signorini photographers

Andrea Dughetti, Archivio Foto Locchi, Alessandro Bencini, Marco Benvenuti, Giuseppe Cabras, Lorenzo Cotrozzi, Dario Garofalo (cover), Massimo Listri, Luca Moggi, Marco Mori, New Press Photo, Pierpaolo Pagano, Pasquale Paradiso, Ottavia Poli, Luca Rossetti, Marco Russo, Daniele Venturelli art editors

Martina Alessi, Melania Branca translations

Centotraduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


Firenze, Via Tornabuoni, 83/r · Tel. 055 219041


contributors Fabrizio Moretti has an Arts degree with a major in history and is an art dealer with galleries in Florence, London and Monte Carlo. He specializes in Renaissance period. In 2004, the French Minister of Culture bestowed him with the title of Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres.

Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.

Fabrizio Moretti

Marta Innocenti Ciulli Massimo Listri

Gianni Mercatali

Laureato in lettere indirizzo storico, è un mercante d’arte con gallerie a Firenze, Londra e Monte Carlo, specializzate in dipinti Rinascimentali. Nel 2004 il Ministro della Cultura e delle Comunicazioni francese lo ha insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres.

Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books.

Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura.

16

FIRENZE

Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties.


FIRENZE PEOPLE

NIKKEI AMBASSADOR

ANDREA MAGNELLI: CREATIVE DISHES WITH A JAPANESE FLAVOUR ANDREA MAGNELLI: PIATTI CREATIVI E DAL SAPORE NIPPONICO

text Monia Mlah

What do you love about this work? The creativity. I am able to better express my emotions through cuisine. For me, cooking is a bit like travelling: with my dishes, I’m able to recall the places that I’ve discovered and tasted, studied and loved. What was the most important lesson you’ve ever received? Never settle, because you can always improve. I learned this from my old Japanese colleagues. Your philosophy in the kitchen? Look at the harmony of the dish. And “less is better”; to reach a goal, it’s often more necessary to take something away than add something. What are some of the must-try dishes this autumn? We’ll soon present the new menu at The Fusion Bar & Restaurant, but I can’t give you any spoilers. There will be tons of new and interesting things. We’ll experiment with new ingredients and new cooking techniques, though we won’t abandon the fusion that makes us who we are. The perfect pairing? I believe that because of its characteristics, Nikkei cuisine pairs quite well with cocktails, especially sake, which I really love; I like seeing it paired with Western food. The bar at Fusion is staffed by professionals who know how to exalt my dishes with creativity. Your “hidden” corner of Florence? The hamlet of Settignano and its stunning views. It’s a place where I love to slip away to when I want to unwind and look at the city from above.

Cosa l’appassiona di questo lavoro? La creatività. Attraverso la cucina riesco ad esprimere al meglio le mie emozioni. Cucinare per me è un po’ come viaggiare: attraverso i miei piatti riesco a riportare un po’ dei luoghi nei quali li ho scoperti e assaggiati, studiati ed amati. L’insegnamento più importante che ha ricevuto? Non accontentarsi mai, perché si può sempre migliorare. L’ho imparato dai miei ex colleghi giapponesi. La sua filosofia in cucina? Guardare all’armonia del piatto. E “less is better”, perché spesso si deve sottrarre anziché aggiungere per centrare l’obiettivo. I piatti da non perdere quest’autunno? Presto presenteremo il nuovo menu del The Fusion Bar & Restaurant, ma non posso fare spoiler, perché le novità, saranno tantissime e davvero interessanti. Sperimenteremo nuovi ingredienti e nuove tecniche di cottura, sempre senza tradire il nostro DNA fusion. L’abbinamento perfetto? Credo che la cucina Nikkei per le sue caratteristiche si abbini molto bene ai cocktail e soprattutto al sakè, che amo tantissimo e che apprezzo molto anche in abbinamento alla cucina occidentale. Dietro al bancone del Fusion ho trovato dei grandi professionisti, che sanno come esaltare i miei piatti con grande creatività. Il suo angolo “nascosto” di Firenze? Il borgo di Settignano e i suoi meravigliosi scorci. È il posto dove mi piace scappare per staccare la spina e guardare la città dall’alto.

NEVER SETTLE, BEAUSE YOU CAN ALWAYS IMPROVE. I LEARNED FROM MY JAPANESE COLLEGUE 16

FIRENZE


MILANO JEWELRY SINCE 1967

NUDO COLLECTION

BOUTIQUE POMELLATO VIA DE’ TORNABUONI, 89/91 R FIRENZE


FIRENZE PEOPLE

MASTER OF SCAGLIOLA

ALESSANDRO BIANCHI, WITH SISTER ELISABETTA, HAS INHERITED WHAT SEEMED TO BE A LOST ART ALESSANDRO BIANCHI, CON LA SORELLA ELISABETTA, EREDE DI UN’ARTE CHE SI CREDEVA PERDUTA

ph. Dario Garofalo

text Virginia Mammoli

How did you first develop an interest in scagliola? The whole process was quite natural, which was triggered when, as a child, I used to spend time in the workshop of my father, Bianco, to whom we really owe the rediscovery of this technique. I was lucky to experience the atmosphere of the workshop where friends, colleagues, artists, poets used to meet and discuss art. Passion and technique now also shared with my son Leonardo. Can you explain to us what it actually consists in? The term scagliola refers both to a variety of gypsum stone called Selenite, or scagliola, and to a technique that was first adopted in the late 1500s to imitate marble veins and Marquetry works, using Selenite powders, colour pigments and natural glues. But it soon became a proper art in its own right. What do you love most about your craft? Its numerous applications and the fact that there is no end to the possible ways in which it may still be experimented. Which are your favourite subjects? They range from classical designs of Renaissance inspiration to more contemporary motifs. One of your works you are particularly fond of? I would say a panel with finely engraved flowers, created for the Houston Museum of Natural Science. Your workshop at Pontassieve also houses the most important museum dedicated to scagliola. Which is the most precious piece in the collection? I particularly love a Crucifixion by Lamberto Cristiano Gori, dating back to 1762. He was a pupil who surpassed his Master. Where can we admire your own works in the neighbourhood? At Borgo San Jacopo we have a small exhibition of our products and at Pontassieve, by appointment, you can visit the workshop and admire part of the collection.

Com’è nata la passione per un’arte come la scagliola? È stato del tutto naturale - anche se non scontato - fin da quando, da bambino, visitavo il laboratorio di mio padre Bianco, il vero riscopritore di questa tecnica. È stata la mia fortuna: vivere e respirare la bottega, dove si discuteva di arte con amici, colleghi, artisti, poeti e veri appassionati. Passione e tecnica oggi condivisa anche con mio figlio Leonardo. Ci spiega in semplici parole in cosa consiste? La scagliola è sia una varietà della pietra da gesso chiamata appunto Selenite o scagliola, che una tecnica di intarsio nata alla fine del ‘500 che utilizza mescolati tra loro polvere di Selenite, pigmenti colorati e colle naturali. Cosa ama di più di questo mestiere? Le sue molteplici applicazioni e le continue sperimentazioni che si possono ancora immaginare. Quali sono i suoi soggetti? Dai disegni classici di gusto rinascimentale ai motivi più contemporanei. L’opera che ha realizzato a cui è più legato? Direi il pannello con fiori finemente incisi, realizzato per il Museo di Scienze Naturali di Houston. Il vostro laboratorio a Pontassieve ospita anche il più importante museo dedicato alla scagliola. Il pezzo più di prestigioso della collezione? Tra le opere amo molto una Crocifissione di Lamberto Cristiano Gori, del 1762. Un allievo che ha superato il maestro. Dove possiamo ammirare le sue opere nelle vicinanze? In Borgo San Jacopo abbiamo una piccola esposizione della nostra produzione e a Pontassieve, su appuntamento, si possono ammirare una parte della collezione e il laboratorio.

OF THIS ART I LOVE THE FACT THAT THERE IS NO END TO THE POSSIBLE WAYS IN WHICH IT MAY STILL BE EXPERIMENTED 18

FIRENZE


VISCONTI srl | Via Dell’Osservatorio 120 | 50141 Florence | Italy Tel. +39 055 45652.1 | www.visconti.it


FIRENZE PEOPLE

INSTINCT AND REASON

SONIA FARSETTI: FAMILY TRADITION AND THE NEW ARTISTIC STYLES SONIA FARSETTI: LA TRADIZIONE DI FAMIGLIA E I NUOVI LINGUAGGI DELL’ARTE

text Francesca Lombardi

Modern, contemporary and also ancient art: that is the great legacy of Farsetti art and auction house. But is investing in art today still considered a safe bet? Of course it is, given the uncertainty of the markets. Art hardly ever lets you down. But only if the aim is not mere speculation. Passion must go hand-in-hand with investment. In the 1960s, you successfully bid on a Fontana before it was famous. Has the risk remained the same today? At the time in Italy the new artistic styles were approached with a certain caution; Manzoni was considered to be on the verge of scandal, Fontana was viewed with suspicion. Today, the art scene is much more multi-faceted, collectors are more open to new forms of art. In order to be able to orient yourself in such a complex landscape, there are some rules to be observed. Follow your instincts and your taste until the investment becomes too great. Otherwise, it is good practice to rely on industry experts who have been following the evolution of the market for years. There is challenge with young artists. What are the selection criteria? There are many criteria. Instinct can help when identifying high-quality young artists, but it can also be useful to work alongside curators who follow assiduously and almost exclusively contemporary art and who collaborate with the gallery to carry out specific projects, a choice that we followed for contemporary art exhibitions in our gallery in Milan. It is, however, a difficult and intriguing challenge.

Arte moderna, contemporanea ma anche antica: è il grande patrimonio di Farsetti arte e della Casa d’aste. Ma investire oggi sull’arte è considerato ancora un bene rifugio? Certo che lo è, vista l’incertezza dei mercati. E l’arte difficilmente tradisce. Ma solo se il fine non è mera speculazione. Occorre che all’investimento si aggiunga la passione. Negli anni ‘60 avete puntato con successo su un Fontana, quando non era certo celebre. Il rischio oggi è rimasto uguale? All’epoca in Italia i nuovi linguaggi dell’arte erano approcciati con una certa cautela, Manzoni era considerato al limite dello scandaloso, Fontana visto con diffidenza. Oggi il panorama artistico è ben più sfaccettato, i collezionisti sono più disponibili ad aprirsi a nuove forme d’arte. Per riuscire a orientarsi in un panorama così articolato ci sono delle piccole regole da osservare. Seguire il proprio istinto e il proprio gusto finché l’investimento non diventa eccessivo. Diversamente è buona norma affidarsi ad esperti del settore che da anni seguono l’evolversi del mercato. La sfida con i giovani artisti, quali sono i criteri di scelta? I criteri sono molteplici. L’istinto, che può aiutare a individuare i giovani di qualità, ma può essere utile anche affiancarsi a dei curatori che seguono assiduamente e in modo quasi esclusivo l’arte contemporanea e che collaborino con la galleria alla realizzazione di progetti specifici. Scelta che noi abbiamo seguito per le mostre d’arte contemporanea nella nostra galleria di Milano. E’ comunque una sfida difficile e intrigante.

TODAY COLLECTORS ARE MORE OPEN TO NEW FORMS OF ART 20

FIRENZE


FORCE 10 COLLECTION

Via dei Calzaiuoli 122/r 124/r - 50122 Firenze +39�055�287862 - www.enricoverita1865.com


FIRENZE PEOPLE

THE EVENT IS READY

TOMMASO FICARI OF GENIUS EVENTI IS A WEDDING AND VIP EVENTS PLANNER TOMMASO FICARI DI GENIUS EVENTI ORGANIZZA MATRIMONI ED EVENTI VIP

text Teresa Favi

Which was the most beautiful location where you organised an event? The White Hall at Palazzo Pitti! It is a magical site with a long history as the venue of unique events, amazing parties and gala evenings. Having the opportunity to be part of it was highly rewarding, both personally and professionally. Your sector’s most interesting current trend? “Support event production”. Considering bureaucratic reasons, knowledge of the area and professional expertise, foreign companies prefer to rely on local firms for the turnkey production of an event. The supporting agency does not appear in the various proposals to the client and in project implementation. The most original request you ever received? That’s better left unsaid. Some names of your most prestigious clients? Top secret. Privacy is essential in our sector. The place in Florence charged with the most positive vibes? The view of Florence from Fiesole.After my morning run, I often linger there for a few minutes to observe the immensity of Florence, rich in charm and history. It warms my heart. That is my moment of greatest self-awareness. Where do you go for dinner with friends? Only dinner in Osteria delle Tre Panche’s small kitchen makes me feel at home. If it is fully booked, then I choose Cammillo, Il Santino, Trattoria Sostanza, il Cibreo and a few others… Your most cherished dream? To organise very high standard events throughout Europe and the World with a highly qualified team.

La location più bella dove hai realizzato un evento? La Sala Bianca di Palazzo Pitti! Un luogo magico, protagonista nel passato di eventi unici, grandi feste e serate di gala. Poterne far parte è stata una grandissima soddisfazione, sia personale che a livello professionale. La tendenza più interessante del momento nel tuo settore? Le “support event production” cioè agenzie estere che per motivi burocratici, conoscenza del territorio e professionalità preferiscono affidarsi a società locali per la produzione chiavi in mano di un evento senza che la società di supporto figuri nelle varie proposte al cliente e nella realizzazione del progetto. La richiesta più originale che hai ricevuto? Meglio non dirla. Qualche nome dei tuoi clienti più prestigiosi? Top secret, nel nostro lavoro la privacy è essenziale Il luogo di Firenze che ti regala più vibrazioni positive? La panoramica di Fiesole. Per me un posto unico ed ameno, che mi regala sempre profonda serenità. Spesso, dopo la corsa mattutina, mi fermo per pochi minuti ad osservare l’immensità di Firenze ricca di fascino e di storia, che mi scalda il cuore. Quello è il mio momento di maggiore connessione con me stesso. Una cena con gli amici, dove vai? Solo una cena nella piccola cucina dell’Osteria delle Tre Panche mi fa sentire come a casa. Se le Tre Panche è occupato, allora Cammillo, Il Santino, Trattoria Sostanza, il Cibreo e pochi altri… Sogno nel cassetto? Realizzare eventi di altissimo livello in tutta Europa e Worldwide con un team d’eccellenza.

AFTER MY MORNING RUN, I OFTEN LINGER ON FISOLE FOR A FEW MINUTES TO OBSERVE THE IMMENSITY OF FLORENCE 22

FIRENZE


AGENDA FLORENCE ART

EXHIBITIONS AROUND THE CITY AN AUTUMN WITH AVANT-GARDE MOVEMENTS AND ARCHEOLOGICAL CURIOSITIES UN AUTUNNO TRA AVANGUARDIE E CURIOSITÀ ARCHEOLOGICHE

OCTOBER What are the origins of the commemorative column? With Building a Masterpiece: Trajan’s Column at the Boboli Gardens (until the 6th), all is revealed. Closing on the 17th at the Museo del Novecento, Da Modigliani a Schiele. Da De Chirico a Licini e Morandi. Visitors have until the 20th to see Make Art Not War at Palazzo Medici Riccardi by the street artist Obey, famous for his image of Barack Obama. More contemporary art can be found at the Boboli Gardens (until the 27th), with sculptures by the English art-

Gallerie degli Uffizi ist Tony Cragg. Contemporary art chosen by Sergio Risaliti for the Forte Belvedere (until the 20th) is placed in dialogue with A Perfect Day by Massimo Listri and My Land by Davide Rialta. And art From the 1960s to the 21st Century, is the second part of the Casamonti Collection at Palazzo Bartolini-Salimbeni NOVEMBER La Firenze di Giovanni e Telemaco Signorini closes on the 10th in Palazzo Antinori. Avant-garde art is the star of the newest exhibition at Palazzo Strozzi, Natalia

Goncharova: A Woman of the Avant-garde with Gauguin, Matisse and Picasso. This large retrospective is running until January 12. Pietro Aretino and the Art of the Renaissance at the Uffizi (opening on the 26th and closing in March) narrates the irreverent writer through documents and art. At Villa Bardini (until January 12) figurative contemporaries from all over the world are shown side-by-side. Forged in Fire at Palazzo Pitti (until January 12) is dedicated to Baroque bronze production under the last of the Medici.

P. Medici Riccardi

OTTOBRE Come nasce la colonna celebrativa? Con Costruire un capolavoro: la Colonna Traiana a Boboli (fino al 6) è tutto spiegato. Chiude il 17 al Museo del Novecento Da Modigliani a Schiele. Da De Chirico a Licini e Morandi, la mostra di disegni e stampe. E c’è tempo fino al 20 per Make Art not war dello street artist Obey, famoso per l’icona di Barack Obama a Palazzo Medici Riccardi. Ancora arte contemporanea a Boboli (fino al 27) con le sculture dell’inglese Tony Cragg che ‘dialogano’ con la natura del giardino.

Museo del Novecento

DECEMBER The Botany of Leonardo at the Santa Maria Novella museum and in various piazzas is a project dedicated to Leonardo and the world of plants, closing on the 15th, as is Alla scoperta della Collezione Cassa di Risparmio at the Fondazione della CR; rare works by Giotto, Filippino, Fattori and Borrani are on display. Opening the 18th (until March) at the Uffizi, Il mito ritrovato, i Niobi, And from the 16th to April, don’t miss Ai piedi degli dei. Le calzature dal mondo classico al contemporaneo at Palazzo Pitti.

Palazzo Strozzi

L’arte contemporanea scelta dal Sergio Risaliti per il Forte Belvedere (fino al 20) vede a confronto A perfect Day di Massimo Listri e My Land di Davide Rialta. E l’arte Dagli anni ‘60 agli inizi del XXI secolo. Da Boetti a Schifano, da Mirò a Basquiat è la nuova collezione Casamonti a Palazzo Bartolini-Salimbeni (fino a maggio). NOVEMBRE La Firenze giovanile di Telemaco Signorini, chiude il 10 a Palazzo Antinori. Le avanguardie sono le protagoniste di Palazzo Strozzi

24

FIRENZE

con Natalia Goncharova. Tra Gauguin, Matisse e Picasso. Una grande retrospettiva dedicata all’artista russa protagonista del ‘900 (fino al 12 gennaio). Pietro Aretino e l’arte del Rinascimento agli Uffizi (apre il 26 e chiude a marzo) racconta l’irriverente scrittore tra documenti e arte. A Villa Bardini (fino al 12 gennaio) si confrontano invece i figurativi contemporanei provenienti da tutto il mondo. Plasmato dal fuoco a Pitti (fino al 12 gennaio) racconta la lavorazione del bronzo barocco sotto gli ultimi Medici.

DICEMBRE La Botanica di Leonardo al museo di Santa Maria Novella e in varie piazze è il progetto su Leonardo e il mondo vegetale, chiude il 15 insieme a Alla scoperta della Collezione Cassa di Risparmio alla Fondazione della CR. In rassegna opere rare di Giotto, Filippino, Fattori, Borrani. Apre il 18 (fino a marzo) agli Uffizi Il mito ritrovato, i Niobi E dal 16 e fino ad aprile imperdibile Ai piedi degli dei. Le calzature dal mondo classico al contemporaneo a Palazzo Pitti.


Home Collection

Luxury Interiors and Accessories for Exclusive Homes, Hotels, Executive Office & Yachts FORMITALIA Luxury Group spa Headquarters: via Corticella 5/7/9, 51039 Valenzatico (PT), Italy tel: +39 0573 790066 fax: +39 0573 734332 Gallery Firenze: Palazzo Nasi, Piazza de’Mozzi 4, 50125 Firenze info@formitalia.it www.formitalia.it


AGENDA TUSCANY ART

CANOVA, FUTURISM AND MODIGLIANI MODERN ART REDISCOVERS ITS ROOTS L’ARTE MODERNA RISCOPRE LE SUE RADICI

Motion, speed, modernity: Palazzo Blu in Pisa hosts a major autumn exhibition, open until February 9, about Futurism. Leonardo in Vinci: back to the origins of the genius closes at the Museo Leonardiano in Vinci on October 15. Eterna Musa, a gallery of female characters in forty portraits is open until November 3 at Centro per l’Arte moderna Matteucci in Viareggio. While until November 24 at Palazzo Cucchiari in Carrara, a new solo show by the artist Andrea Martinelli, Storie di uomini e ombre.

he considers his master, Piero della Francesca. Art and history are featured in Pistoia’s Palazzo Buontalenti until January 6 in Italia Moderna 1945-1975, dalla Ricostruzione alla Contestazione (Modern Italy 1945-1975: From Reconstruction to Contestation), featuring over 140 works from the Intesa Sanpaolo collection. DECEMBER-JANUARY In Canova, il viaggio a Carrara, open until June 10 at CARMI in Carrara’s Villa Fabbricotti, pays homage to the great master of international Neoclassicism and his close ties with the city famous for its marble

Museo della Battaglia di Anghiari OCTOBER From 12 October to 6 January at the Fondazione Ragghianti in Lucca, an exhibition dedicated to Bernardo Bellotto. 1740. A journey to Tuscany. NOVEMBER The Art of Governance and the Battle of Anghiari is a exhibition about the Renaissance and Leonardo at the Museo della Battaglia in Anghiari until January 12. Two great artists are presented side by side at Arezzo’s Galleria Comunale d’Arte Moderna until January 31, as Mimmo Paladino pays homage to the artist

Villa Fabbricotti

Movimento, velocità, modernità: Palazzo Blu di Pisa dedica la grande mostra d’autunno, fino al 9 febbraio, al Futurismo. Oltre cento opere a partire dal Manifesto di Marinetti del 1909. Chiude il 15 ottobre Leonardo, alle origini del genio il percorso proposto dal Museo Leonardiano di Vinci. E sarà visitabile invece fino al 3 novembre Eterna Musa, una galleria di tipi femminili, dall’angelo del focolare alla sirena ammaliatrice proposta attraverso 40 ritratti dal Centro per l’Arte moderna Matteucci di Viareggio. Mentre fino al 24 novembre

Centro per l’Arte moderna Matteucci

quarries. The great modern art collection of the late literary critic Leone Piccioni, who passed away in 2018, becomes the exhibition Burri, Morandi e altri amici (Burri, Morandi and friends), curated by Pananti for Villa Bertelli in Forte dei Marmi, open until January 15. To make the centennial of the death of Amedeo Modigliani on January 24 1920, Livorno dedicates a major retrospective at Bottini dell’Olio to one of its best-known citizens and one of the most original figures in early twentieth-century art.

Palazzo Blu

a Palazzo Cucchiari di Carrara, una nuova personale dell’artista Andrea Martinelli, Storie di uomini e ombre. OTTOBRE Dal 12 ottobre al 6 gennaio alla Fondazione Ragghianti di Lucca, una mostra dedicata a Bernardo Bellotto. 1740. Il viaggio in Toscana. NOVEMBRE Opere 1999-2019. L’Arte di Governo e la Battaglia di Anghiari, è la rassegna che Anghiari e il Museo della Battaglia di Anghiari dedicano, fino al 12 gennaio, al Rinascimento e a Leonardo. Due grandi artisti

26

FIRENZE

a confronto nella Galleria Comunale d’Arte Moderna di Arezzo dove, fino 31 gennaio, Mimmo Paladino rende omaggio al suo artista di riferimento, Piero della Francesca. E’ arte e storia quella proposta da Pistoia a Palazzo Buontalenti dove fino al 6 gennaio è di scena Italia Moderna 1945-1975, dalla Ricostruzione alla Contestazione con oltre 140 opere del collezione di Intesa Sanpaolo. DICEMBRE-GENNAIO Con Canova, il viaggio a Carrara, fino al 10 giugno, il CARMI di Villa Fabbricotti a Carrara rende omaggio al

grande protagonista del Neoclassicismo internazionale e al suo stretto rapporto con la città capofila delle cave di marmo. La grande collezione d’arte moderna appartenuta al critico letterario Leone Piccioni, scomparso nel 2018, è la mostra Burri, Morandi e altri amici curata da Pananti per Villa Bertelli a Forte dei Marmi, fino al 15 gennaio. In occasione del centenario della morte, avvenuta il 24 gennaio 1920, Livorno dedica ad Amedeo Modigliani, una grande retrospettiva ai Bottini dell’Olio.


AGENDA CLASSIC

THE BEST OF THEATRES MUSIC, OPERA, DANCE: THE CHOICE IS YOURS, UNTIL DECEMBER MUSICA, OPERA, DANZA. A VOI LA SCELTA, FINO A DICEMBRE

OCTOBER On 11 and 13 October, Teatro della Pergola inaugurates the prose season with an international event starring Isabelle Huppert directed by Bob Wilson in Mary said what she said, based on Mary Stuart’s biography. The lyrical season at Teatro del Maggio Musicale Fiorentino opens soon after, on 12 October, with Fernard Cortez by Gaspare Spontini. Conductor Maestro Fabio Luisi, Stage Director Cecilia Ligorio (repeat performances on 16, 20 and 23 October). At the Pergola Gabriele La-

Maggio Musicale Fiorentino via will direct and interpret I giganti della montagna by Pirandello, on 24 October-3 November. NOVEMBER The concert by Avi Avital and Giovanni Sollima for Amici della Musica will be held at the Pegola on 11 November. A must at the Pergola is Si nota all’imbrunire, starring Silvio Orlando, on 12-24 November, with Lucia Calamaro, the author. On 16 November, Teatro del Maggio Musicale will stageVerdi’s Rigoletto, conducted by Renato Palumbo (repeat

performances on 19, 22, 24, 26 November). On 21 November, Nicola Piovani will present a symphonic evening centred on unforgettable moments of Italian cinema. The 24th will witness the Tallis Scholars at the Pergola, for Amici della Musica. DECEMBER On 3 December, Zubin Mehta will once again conduct both the orchestra and chorus of Maggio Musicale, a special evening with Mozart’s Mass in C minor K. 427. The musical Full Monty lands at Teatro Verdi. Luca Ward and Paolo Conticini revisit

Teatro della Pergola

OTTOBRE Il Teatro della Pergola, l’11 e 13 ottobre, inaugura l stagione di prosa con un evento internazionale con Isabelle Huppert diretta da Bob Wilson in Mary said what she said ispirato alla biografia di Maria Stuarda. La stagione lirica del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino si apre subito dopo, il 12 ottobre, con Fernard Cortez di Gaspare Spontini. Sul podio il maestro Fabio Luisi, regia firmata da Cecilia Ligorio (repliche il 16, 20 e 23 ottobre). Alla Pergola Gabriele Lavia dirige e interpreta I giganti della montagna di Pirandello,

Teatro della Pergola

the movie in a version by Stage Stage Director Massimo Romeo Piparo, on 4-8 December. The same stage will host Christian De Sica’s performance in Christian racconta on 19 December. On Sunday, 22 December at 4.30 pm Teatro del Maggio Musicale presents the traditional Christmas Concert, conducted by Lorenzo Fratini and Emanuele Zagara with works in this genre by Tchaikovsky, Strauss, Rossini and Britten, besides refined Christmas songs performed by the Chorus of White Voices.

Teatro Verdi

dal 24 ottobre al 3 novembre. NOVEMBRE L’11 novembre, alla Pegola per gli Amici della Musica, il concerto di Avi Avital e Giovanni Sollima. Da non perdere, alla Pergola, Silvio Orlando in scena con Si nota all’imbrunire, dal 12 al 24 novembre, di e con Lucia Calamaro. Al Teatro del Maggio va in scena il 15 novembre il trittico pucciniano Il Tabarro/Suor Angelica/ Gianni Schicchi diretto dal maestro Valerio Galli con la regia di Denis Krief (repliche il 17, 20 e 23 novembre). Segue il 16 novembre Rigoletto

28

FIRENZE

di Verdi, diretto da Renato Palumbo (repliche il 19, 22, 24, 26 novembre). Il 21 novembre Nicola Piovani sul palco del Maggio Musicale dedica una serata sinfonica ad alcune pagine indimenticabili del cinema italiano. Il 24 arrivano i Tallis Scholars, alla Pergola, per gli Amici della Musica. DICEMBRE Il 3 dicembre, Zubin Mehta torna a dirigere l’orchestra e il coro del Maggio Musicale, una serata speciale che incornicia la Messa in do minore K. 427 di Mozart. Al Teatro Verdi sbarca il musical Full Monty: Luca Ward e Paolo Contici-

ni riadattano la pellicola in una versione scenica firmata dal regista Massimo Romeo Piparo, dal 4 all’8 dicembre, mentre il 19 dicembre lo stesso palcoscenico è tutto per Christian De Sica in Christian racconta. Segue poi al Maggio Musicale Fiorentino, domenica 22 alle 16.30, il consueto appuntamento con il Concerto di Natale, diretto da Lorenzo Fratini e Emanuele Zagara, un bel programma di genere dedicato a Tchaikovsky, Strauss, Rossini, Britten, ma anche raffinati canti natalizi eseguiti dal Coro di voci bianche.


DANU ARMCHAIR

www.badari.com


AGENDA POP

PLAY THE MUSIC!

AN AGENDA FULL OF MUST-ATTEND EVENTS. DISCOVER THE TOP CONCERTS UN’AGENDA RICCA DI APPUNTAMENTI IMPERDIBILI. SCOPRI I TOP LIVE Florence, a lively city known for its art and concerts, is hosting many events this fall for music fans. OCTOBER October 3 draws ever closer, when Marlene Kuntz will once again take the stage for an unforgettable show at the Viper Theatre. The concert will officially kick off the band’s fall tour as they celebrate 30 years together. The music continues with an artist always on

Modà the move, whose music inspires us to dream, be moved and reflect, thrilling fans with new songs: Fiorella Mannoia is live at Teatro Verdi on October 18 and 19 to present her new project Personale Tour. NOVEMBER Following the release of his new album this spring, Coez is ready to start his tour for È Sempre Bello. He will be at the Nelson Mandela Forum on

Thursday, November 7. Marco Mengoni will be on the same stage on November 19. Following their sold-out show last March, PFM returns for their fans with PFM canta De André – Anniversary on Wednesday, November 20, at TuscanyHall. On November 22, Piero Pelù will also be at TuscanyHall with his rousing energy in a must-see concert. DECEMBER One of the series of concerts to bring the 2019

Coez

Firenze, città vivace dal punto di vista artistico e concertistico, mette a disposizione dei fan tanti appuntamenti. OTTOBRE Si avvicina sempre di più il 3 ottobre, giorno in cui i Marlene Kuntz torneranno dal vivo con un imperdibile appuntamento al Viper Theatre. Il concerto evento darà ufficialmente il via al tour autunnale della band che quest’anno compie ben trent’anni. Continuiamo con un’artista sempre in movimento

Fiorella Mannoia

season to a close will be by Modà, who is back performing across Italy. Their new tour follows the release of their 7th album, Testa o croce; they will be at the Mandela Forum on December 11. The same venue will host Eros Ramazzotti on his return to Florence four years after his last show in the Renaissance city. The date for this concert, one of the most highly anticipated of the year, is set for December 14.

Marco Mengoni

che, attraverso la musica, fa sognare, emozionare, riflettere, arrivando al cuore con nuove composizioni: Fiorella Mannoia sul palco del Teatro Verdi il 18 e 19 ottobre per presentare dal vivo il suo nuovo progetto Personale Tour. NOVEMBRE Dopo l’uscita del nuovo album in primavera, Coez è pronto per partire in tour con il nuovo progetto  È Sempre Bello. La tournée arriva al Nel-

30

FIRENZE

son Mandela Forum  giovedì 7 novembre. Stesso palco  per  Marco Mengoni il 19 novembre. Dopo il tutto esaurito dello scorso marzo la PFM torna per i loro fan con PFM canta De André – Anniversary mercoledì 20 novembre, al TuscanyHall. Il 22 novembre, Piero Pelù arriva al TuscanyHall con la sua travolgente energia per un concerto imperdibile. DICEMBRE Alla serie di concerti che concluderanno a dicem-

bre la stagione 2019 si aggiungono quelli dei Modà, che tornano a suonare nei palazzetti di tutta Italia. Il nuovo tour segue la pubblicazione del settimo album della band Testa o croce, atteso al Mandela Forum per l’11 dicembre. Stesso palco per il ritorno di Eros Ramazzotti a Firenze, dopo quattro anni dall’ultima volta. La data, per quello che è già uno dei concerti più attesi dell’anno in città, è per il 14 dicembre.


Aesthetically-refined loudspeakers for quality sound design

Azimut-KAMUT2L14 A complete audio solution in a minimalist design package | k-array.com


AGENDA FOLK

FLAVOURS AND COLOURS FROM FOLKLORE TO FOOD, AUTUMN IN TUSCANY TRA FOLCLORE E GUSTO, L’AUTUNNO IN TOSCANA

Autumn in Tuscany is marked by tradition and gastronomy, which often come together in sagre and events that are by now even important on a national level. One example is the Palio dei Caci in Volterra, which on October 27 involves local residents racing wheels of cheese produced in the nearby Balze downhill along via Franceschini. Participants compete for glory, the colours of the eight neighbourhoods and to take home their cheese after winning. Agriculture, food and wine traditions are exalted at the

San Miniato White Truffle Fair held in San Miniato the last three weekends in November (910, 16-17 e 23-24): almost half a century (this year marks the 49th edition) of typical flavours with truffle hunts in the Pisan hills. The first two weekends of November (9-10, 16-17), in the Crete Senesi, there is another important event dedicated to truffles, the White Truffle Fair in San Giovanni d’Asso. From October 30 to November 3, Lucca will be decked out, in the tru-

est sense of the word, in a thousand different colours, with fans of animation, roleplaying games and comic books coming from all over Europe for Lucca Comics & Games, a festival dedicated to fantasy and irony in the heart of Tuscany. In addition to the more classic festival, with animation, board and role-playing games and themed exhibitions, the highlight of the event is the young cosplayers who, for half a week, dress up as their favourite comic book or cartoon characters. There is free entry to Lucca

Volterra

L’autunno toscano è nel segno della tradizione e della gastronomia, spesso abbinate in sagre ed eventi che ormai hanno una valenza addirittura nazionale. Come ad esempio il Palio dei Caci di Volterra, che il 27 ottobre vede i contradaioli far scivolare lungo la discesa di via Franceschini le forme di formaggio prodotto nelle Balze Volterrane. Si gareggia per la gloria, per i colori delle otto contrade ed anche per portarsi a casa il formaggio dopo la vittoria. Tradizione agricola ed enogastronomica ai massimi livelli alla Mostra Mercato del

Lucca

Junior, the pavilion dedicated to families, and the Self Area, a space to make your own comic books. The exhibitions in Palazzo Ducale, Fondazione Banca del Monte di Lucca and Palazzo Arnolfini are free to visit, as are the many meeting rooms, with the exception of Teatro del Giglio, the Auditorium San Francesco and the Sala Ingellis. Attendees must pay to go into the pavilions, which have a maximum of 90,000 visitors per day, because even success has its limits!

San Giovanni d’Asso

Tartufo Bianco che si tiene a San Miniato in ben tre fine settimana di novembre (9-10, 16-17 e 23-24): quasi mezzo secolo (questa è la 49’ edizione) di sapori tipici con tanto di caccia al tartufo sulle colline della provincia pisana. Nei primi due weekend di novembre (9-10, 16-17), nelle Crete senesi, si svolge un’altra, importate manifestazione dedicata al tartufo la Mostra del Tartufo Bianco di San Giovanni d’Asso. Dal 30 ottobre al 3 novembre Lucca si vestirà, nel vero senso della parola, di mille colori,

32

FIRENZE

quelli degli appassionati di animazione, giochi di ruolo e fumetto che arriveranno da tutta Europa per Lucca Comics & Games, una vera e propria kermesse della fantasia e dell’ironia nel cuore della Toscana. Oltre alla fiera più classica, con animazione, giochi da tavolo e di ruolo e mostre a tema a tenere banco è la sfilata di giovani cosplayer che per metà settimana si immedesimano nei loro beniamini dei fumetti o dei cartoni animati. A ingresso libero, invece, gli spazi di Lucca Junior, il padiglione dedicato alle famiglie,

e la Self Area, dedicata alle autoproduzioni a fumetti. A ingresso gratuito, come sempre, anche le mostre espositive che si terranno a Palazzo Ducale, presso la Fondazione Banca del Monte di Lucca e presso Palazzo Arnolfini. Accessibili liberamente anche le tantissime sale incontri, ad eccezione del Teatro del Giglio, l’Auditorium San Francesco e la Sala Ingellis. A pagamento invece l’accesso ai padiglioni, con un tetto massimo di 90.000 persone al giorno, perché anche il successo ha i suoi limiti!


AGENDA BOOK

TUSCANY IN THE ROUND DISCOVERING AND TRAVELLING… CONOSCERE E VIAGGIARE…

Florence, Tuscany and some interesting snippets? Septem- Firenze, la Toscana e qualche spigolatura di curiosità? ber is the right month for a last weekend in Versilia, and Settembre è il mese giusto per un ultimo fine settimana to give some insight into its most intriguing stories, our in Versilia e, per conoscerne le vicende più intriganti, la publishing house has chosen two icons of the good life nostra Casa editrice ha scelto due icone del buon vivere to celebrate them and also recount their history. To this per celebrarle e insieme farne la storia. È così che Umend, Umberto Cecchi, former editor of La Nazione news- berto Cecchi, già direttore del quotidiano La Nazione, paper, recounts the 100 hundred years’ history of Forte dei ha raccontato in un volume i cento anni del fortemarMarmi’s “Bagno Silvio” in his book entitled Dalle dune alla mino “Bagno Silvio”, Dalle dune alla tenda il titolo protenda and accompanied by a wealth of photographs that grammatico corredato da un ricco apparato fotografico trace the vicissitudes of the Dazzi family and their enter- che ripercorre le vicissitudini della famiglia Dazzi e delprise. Da Achille Franceschi a Ghla sua impresa. Da Achille Franceschi a Gherardo Guidi, 90 anni di un mito, è invece il sottotitolo de La Capannina di erardo Guidi, 90 anni di un mito, on 1 Franceschi che racconta il mondo della notte sul mare, the other hand, is the subtitle of fatto di musica dal vivo, vedette e La Capannina di Franceschi, which orchestre, ma anche ballo e pastells of the world of nightlife at 2 sioni sbocciate e mai dimenticate. the seaside, made up of live muLe pagine e le foto restituiscono sic, entertainers and orchestras, l’unicità di un fenomeno sociale but also dancing and passions that ormai quasi centenario. blossomed and have never been Edito da Sarnus, e con la firma forgotten. The pages and photos di Simone Bartolini - cartografo evoke the uniqueness of an almost dell’Istituto Geografico Militare 100-year-old social phenomenon. ed esperto di astronomia, è da Published by Sarnus, the repoco uscito Pievi romaniche toscacently issued Pievi romaniche ne, una guida illustrata che protoscane by Simone Bartolini, 4 cartographer at the Istituto pone 12 diversi itinerari disegnati Geografico Militare and expert sul territorio regionale e che hanno come in astronomy, is an illustrated ideali approdi e partenze chiese romaniguide that proposes 12 difche, costellate di simboli che raccontano ferent itineraries throughout il profondo degli uomini. Una Firenze inTuscany and which have as solita e segreta è nelle pagine di Niccolò their destinations, small RoRinaldi (per Jonglez) che guida i lettori manesque churches studded lungo le architetture, le opere d’arte, gli with symbols that recount zodiaci, i corridoi di una dinaman’s innermost soul. A Fistia e le chiese dei templari… 5 un viaggio nei misteri e nelle renze insolita e segreta (Unusual bellezze, fuori dai ritmi conoand Secret Florence) is found 3 sciuti e dai colori noti. E poi in the pages by Niccolò Rinuna proposta fuori dal coro aldi (for Jonglez), which guide readers through buildings, con IdeeAli: Le macchine di Leworks of art, signs of the zodiac, the corridors of a dynasty and the churches of the Templars … a journey through onardo da Vinci, un libro popmysteries and beauty away from the beaten track and up che consente di scoprire well-known colours. Lastly, something out of the ordinary una serie di macchine ricavate from IdeeAli: Le macchine di Leonardo da Vinci, a pop-up dagli appunti personali del genio toscano, perfetto per speribook that gives readers the opportunity to discover a series of machines drawn from the Tuscan genius’s personmentare e imparare attraverso al notes, the perfect way to experience and learn through la realizzazione “in carta” delle the construction “in paper” of his ideas. sue idee. 34

FIRENZE


LUXURY HOMES ROMA | FIRENZE

‘‘La mia casa, il mio cuore, mai chiusi. Che passino gli uccelli, gli amici, l’amore e l’aria’’ Marcos Ana

luxuryhomes.it Via di S.Giacomo, 18 00187 – Roma (RM) (+39) 0683954569 info@luxuryhomes.it

carratellire.com Via Roma, 4 50123 – Firenze (FI) (+39) 055212893 info@luxuryhomes.it


UnicitĂ . Per Tradizione. Piazza Strozzi 1 | 055 238 2878 | www.barducci.com |


IT OBJECT

SUMMER IS OVER BUT‌

Here come the sunflowers of the Sicily bag by Dolce&Gabbana from the FW19/20 collection. It features a special decoration: the pattern is applied, printed and then painted by hand by master artisans. Via degli Strozzi, 12/18r. Ecco i girasoli della borsa Sicily di Dolce&Gabbana in vitello dauphine collezione fw19/20. Particolare la decorazione: il disegno viene piazzato, stampato, e dipinto a mano dai maestri artigiani. Via degli Strozzi, 12/18r.

39

FIRENZE


IT OBJECT

COLORS, ALL OF A SUDDEN

They are the stars of this winter’s wardrobe, the maxi-earrings by Salvatore Ferragamo. They evoke Calder’s sculptural style and are designed for the most free-spirited types. Via de’ Tornabuoni, 4/14r. Entrano da protagonisti nel guardaroba di questo inverno, i maxi-orecchini Salvatore Ferragamo. Riecheggiano l’orizzonte scultoreo di Calder e strizzano l’occhio agli spiriti più liberi. Via de’ Tornabuoni, 4/14r.

41

FIRENZE


LeVanità PROFUMERIE FIRENZE di Sabatini

FIRENZE Via Porta Rossa, 55 • Via del Corso, 15r • Via Pietrapiana, 8r • Via Masaccio, 264 • Viale De Amicis, 83/c CASTELFIORENTINO (FI) Piazza Cavour, 3 • POGGIBONSI c/c Valdelsa • BORGO SAN LORENZO c/c Mugello www.levanitaprofumerie.it • shop online: www.levanita.com


IT OBJECT

WARM FOOTSTEPS

The first cashmere sneaker is by Agnona. Artisan and contemporary spirit, knitted by using one of the world’s finest yarns from a selection of the best Hircus Laniger goat fibers. Try it for yourself! La prima sneaker in cachemire è di Agnona. Spirito sartoriale e contemporaneo, lavorazione in maglia con uno dei filati più preziosi dietro una selezione delle migliori fibre della capra Hircus Laniger. Provare per credere.

43

FIRENZE


ART WORKS IN MOSAIC - HOME PRODUCTION

The FRATELLI TRAVERSARI firm has been specialized in the production of artistic mosaics in glass and in hard stones since the late 19th century and continues its long family tradition of craftsmanship with pride.

WORLDWIDE DELIVERY Via Senese, 68/B - FIRENZE - Tel./Fax +39.055.221685 - www.traversarimosaici.it Florence Downtown Shop DOMO Via della Scala 19/r Tel. 055 2381343


IT OBJECT

A RELAXING PIT STOP

A gem of the Aston Martin collection by Formitalia, the V215/T sofa boasts Tuscan leather and know-how for a contemporary and timeless design. Ready to climb aboard? In piazza de’ Mozzi, 4. Un gioiello della collezione Aston Martin by Formitalia. È il divano V215/T. Pelle e savoir-faire toscani per un design contemporaneo e senza tempo. Pronti a salire a bordo? In piazza de’ Mozzi, 4.

45

FIRENZE


SCOPRI LA NUOVA BMW SERIE 1 NELLE CONCESSIONARIE AUTOEUR BRANDINI.


IT OBJECT

A WALK WITH MICHELE

It’s a small map of Florence with the favorite spots of Alessandro Michele, Gucci’s creative director, highlighted. His style is neither of the past nor of the future. You can find it at Florence’s Gucci Garden. È una piccola cartina di Firenze con evidenziati i luoghi preferiti da Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci che da tempo parla di uno stile che non è di ieri ma neppure di domani. Si può trovare al Gucci Garden di Firenze.

47

FIRENZE


IT OBJECT

SIR WINE

Villa Antinori Chianti Classico Riserva is a blend of Sangiovese together with other complementary varieties produced as a tribute to Antinori’s historic label that has accompanied the family’s winemaking traditions over the years. Sangiovese ed altre varietà complementari per rendere omaggio a un’etichetta storica e ad un vino dalla lunga tradizione: il Villa Antinori Chianti Classico Riserva. Una Riserva delicata ed allo stesso tempo decisa ed elegante.

49

FIRENZE


EXCLUSIVE VIEW

ICONS

WHEN ARCHITECTURE IS REFLECTED IN ART QUANDO L’ARCHITETTURA SI RISPECCHIA NELL’ARTE text Mila Montagni photo Ottavia Poli

Tradition has it that the German architect and designer Ludwig Mies Van der Rohe stated that “God is in the details”, almost as if to echo that spiritual vision of Humanism and the Renaissance which managed to attribute to Man and his artistic and building skills the possibility to create transcendental beauty in any place on Earth. Our tour will be spent with our noses in the air, looking for the corners, details and fragments that reveal the hand and expertise of Man, capable of creating a little piece of heaven in any location, a reflection of that worldly harmony to be found in Florence behind each street corner.

Secondo la tradizione l’architetto e designer tedesco Ludwig Mies van der Rohe affermava che “Dio è nei dettagli”, quasi riecheggiando quella visione spirituale dell’Umanesimo e del Rinascimento che riusciva ad attribuire all’uomo e alle sue abilità di artista e costruttore la possibilità di realizzare il bello trascendentale in ogni luogo sulla Terra. Il nostro viaggio è un percorso a naso all’insù, cercando gli angoli, i dettagli e i frammenti nei quali riconoscere la mano e il sapere dell’uomo capace di far diventare un luogo un piccolo pezzo di cielo, un riflesso di quell’armonia del mondo che a Firenze si trova girando l’angolo di una strada.

50

FIRENZE


The Sol Invictus on the tympanum of the faรงade of the Basilica of Santa Maria Novella is the crest of the namesake neighbourhood, as well as a symbol of strength and reason 51

FIRENZE


Lorenzo Ghiberti designed the famous eastern doors of the Baptistry, facing the Cathedral, called the Gates of Paradise by Michelangelo 52

FIRENZE


COVER STORY

On the ashlar masonry of Palazzo Strozzi it is still possible to see the torch stands, flagpoles and horse rings forged by Niccolò di Noferi, known as Caparra, in the late 1400s 53

FIRENZE


Giorgio Vasari designed the Uffizi, commissioned by Cosimo I, who gathered together under one roof all the Law Courts and administrative offices of the city and liberated a bank of the river Arno from what remained of the Medieval city 54

FIRENZE


55

FIRENZE


The two rows of neo gothic double-arched trefoil windows in marble which adorn the facade of Palazzo Vecchio were put in place in the 1700s to replace the previous ones 56

FIRENZE


The crowned lions of Palazzo Pitti are one of the city’s many symbols adopted by the Grand Duke, since the Marzocco lion has protected the lily since the early Middle Ages 57

FIRENZE


COVER STORY

The thousand year-old Basilica of San Miniato al Monte is a Tuscan Romanesque masterpiece, thanks to its facade clad in two-tone marble and its decorative geometric motifs 58

FIRENZE


The side facades of the Cathedral of Santa Maria del Fiore: the white marble is that of Carrara, while the “verde serpentino� comes from the quarries of nearby Prato 59

FIRENZE


Here is what’s cooking at Lungarno Collection: 3 chefs 3 menus 3 interpretations Claudio Mengoni at Borgo San Jacopo 1 Michelin* #100%gourmet Andrea Magnelli at Fusion Bar & Restaurant #nikkeilover LUNGARNO DINING COLLECTION WHATSAPP

Alessio Mori at Caffè dell’Oro #italiansdoitbetter

Scan the QR code and add with just one step our WhatsApp number to your phone’s address book BOOK NOW


Borgo San Jacopo 62/R Florence Open Daily from 7.00 pm to 10.00 pm phone: +39 055 281 661 bsj@lungarnocollection.com

Lungarno degli Acciaiuoli 2P Florence Open Daily from 7.00 pm to 10.00 pm phone: +39 055 2726 8912 oro@lungarnocollection.com

Vicolo dell’Oro 3 Florence Open Daily from 5.00 pm to 12.00 am phone: +39 055 2726 6987 tf@lungarnocollection.com

lungarnodining.com

|

Whatsapp: +39 342 1234710 |

@lungarnodining


COVER STORY

THE SPIRIT BLOWS OVER THE MUSIC RICK RUBIN. THE MOST IMPORTANT RECORD PRODUCER OF THE PAST 30 YEARS TELLS ABOUT HIS LOVE OF TUSCANY AND HOW HE MET JOVANOTTI RICK RUBIN. IL PRODUTTORE MUSICALE PIÙ IMPORTANTE DEGLI ULTIMI 30 ANNI RACCONTA IL SUO AMORE PER LA TOSCANA E L’INCONTRO CON JOVANOTTI text Teresa Favi photo Dario Garofalo

In the midst of a white and soft cloud of long and thin hair and of a beard falling down to his chest are two amazing mountain lakes, calm and piercing, which you will hardly forget. It’s the Rick Rubin effect, by a living legend of music. A record producer halfway between a guru and an entrepreneur, an uncommon human specimen in Italy, which has the climate, wine and the hills in common with California, where Rubin lives for a long time, but not that kind of understatement. He makes himself comfortable on a sofa of the JK Place, sipping a cup of spicy coffee which Claudio Meli, the hotel’s GM and his Tuscan guardian angel, prepared for him and, barefoot, he starts talking as if he were the high-school pal you haven’t seen in years: he knows everything about you and listens to you. This is Rick Rubin, who works with artists like a psychoanalyst would, identifying the weaknesses to overcome and the strengths to embrace, with an incredible instinct, manic attention to details and legendary powers of persuasion. He’s the man who in the early eighties sensed the potential of rap working with the Beastie Boys, Public Enemy and Run-DMC, but he also collaborated with artists from all genres: Black Sabbath, Metallica, AC/ DC, Aerosmith, Mick Jagger, Sheryl Crow, Adele, Kanye West, Justin Bieber and many more. Red Hot Chili Peppers is the band he worked with the most, but he went down in the history of music by collaborating with Johnny Cash in the nineties on the American Recordings series of albums, which revitalized the country music icon’s career. The only Italian artist who crossed his path is Lorenzo Jovanotti, for whom he produced the latest album Oh Vita!, recorded one year ago in the outskirts of Florence. Is that when you succumbed to the charm of Tuscany? We were staying at Villa Le Rose, and every morning I went outside and toured the countryside around Siena, a fun adventure which allowed me to find my buen retiro.

In mezzo alla nuvola bianca e vaporosa dei capelli lunghi, morbidi e fini e della barba che gli copre il petto due incredibili laghi alpini ti inchiodano, calmi e penetranti, e non te li scordi più. È l’effetto Rick Rubin, mito vivente della musica. Produttore a metà fra il guru e l’imprenditore, un esemplare umano inconsueto per l’Italia che con la California, dove Rubin vive ormai da anni, ha in comune il clima, il vino e le colline ma non quell’understatement. Si accovaccia sul divano del Jk Place Firenze sorseggiando un caffè speziato che Claudio Meli, GM e suo angelo custode toscano, gli ha fatto preparare, e a piedi scalzi si mette a parlare come se fosse l’amico grande delle superiori che non vedi da anni: sa tutto di te e ti ascolta. Questo è Rick Rubin, che sugli artisti lavora come uno psicanalista, cercando i punti deboli da evitare e i forti su cui fare leva, con fiuto allucinante, maniacale attenzione ai dettagli e una capacità persuasiva da leggenda. E’ l’uomo che nei primi anni Ottanta ha intuito le potenzialità del rap e prodotto i Beastie Boys, Public Enemy e i Run-DMC, ha lavorato con artisti di ogni genere: Black Sabbath, Metallica, AC/DC, Aerosmith, Mick Jagger, Sheryl Crow, Adele, Kanye West, Justin Biber e molti altri. I Red Hot Chili Peppers è la band con cui ha collaborato più a lungo in assoluto, ma resta scolpita nella pietra la sua collaborazione con Johnny Cash negli anni Novanta per la serie di album American Recordings, che resuscitò la carriera dell’epico countryman. Ad oggi, l’unico artista italiano benedetto dal suo karma è Lorenzo Jovanotti, di cui ha prodotto proprio l’ultimo album Oh Vita! registrato un anno fa in una villa alle porte di Firenze. È stato allora che ti sei arreso al fascino della Toscana? Eravamo a Villa Le Rose, tutte le mattine uscivo e andavo in giro nella campagna intorno a Siena, un’avventura divertente che mi ha fatto incontrare il mio buen retiro.

62

FIRENZE


Rick Rubin is one of the most influential record producers of the past thirty years. He was born in 1963, in Long Beach, New York. In 2011, he moved to the house-studio built by Bob Dylan in the ‘70s in Los Angeles aaa 63

FIRENZE


In these photos, Rick Rubin during our interview in the living room of the Florentine boutique hotel JK Place


COVER STORY

Do you remember your first time in Italy? Ah, let me see, the first time I came was, maybe twelve years ago, something like this… I was visiting friends, riding around the Amalfi Coast, Capri. I had never really felt a connection with Europe before, I’d spent time in London and I liked Paris a little more than London, but I didn’t want to be there anyway…and Rome, I loved it, but it was too big and crowded and busy. And in Florence? Seven years ago. That’s when I felt like: “Oh, I’ve found my home”, this place is like home. At first, the plan was to stay in the designer Ermanno Scervino’s house for a month, but after being there for a few days, I didn’t have a car and the work that I was doing was in short bursts, so I had all day and I’d never spent time here before and I thought: “It might be better to be staying in town instead of going there for the amount of time I have to work, and see Florence”. And that’s why I went to the JK for the first time. What do you love most about Florence? I like material things: crafts, fabrics, colors, style, which are harder to find in the USA. I like details and taste which, when you think about it, are related. What is your favorite Italian song? Volare by Domenico Modugno. I love Italian melodies. Where did you meet Lorenzo? In Sicily, at the Google Event. Actually, I wasn’t invited to the event, I was with a friend. Brilliant people who change the world spoke. The first person who performed and spoke was Lorenzo Jovanotti. I didn’t know

Ricordi la tua prima volta in Italia? Mah, fammi pensare, dodici anni fa, più o meno. Ero venuto a trovare degli amici, giravo per la costiera amalfitana, poi Capri. Non avevo mai avvertito una connessione con l’Europa prima d’allora, ero stato a Londra, Parigi che mi piaceva un po’ più di Londra, ma non volevo starci comunque… Roma poi, mi è piaciuta molto, ma troppo grande, affollata e trafficata. E a Firenze? Sette anni fa, il momento in cui mi sono detto: “Oh, ho trovato la mia casa”, questo posto è casa. All’inizio, il piano era di stare a casa dello stilista Ermanno Scervino per un mese, ma dopo qualche giorno lì, senza macchina e con molto tempo a disposizione perché il lavoro che facevo era a piccole dosi, ho pensato: “Sarà meglio stare in città invece di andarci solo per lavorare, così posso conoscere meglio Firenze”. E allora sono entrato in questo piccolo boutique hotel per la prima volta. Quando vieni a Firenze che cosa ti attira? Mi piacciono i manufatti: l’artigianato, le stoffe, i colori, lo stile, cose difficili da trovare negli USA. Amo i dettagli e il gusto, che poi, se ci pensi bene, sono collegati. Tra le canzoni italiane, qual è la tua preferita? Volare di Domenico Modugno. Adoro le melodie italiane. Dove hai conosciuto Lorenzo? In Sicilia, al Google Event. Non ero stato neanche invitato, ci sono andato con un amico. Parlavano persone brillanti che cambiano il mondo. Il primo fu Lorenzo Jovanotti. Non lo conoscevo ma grazie a quell’incontro siamo diventati amici. Due anni dopo, è venuto negli

65

FIRENZE

aaa


COVER STORY

BY TODAY THE ONLY ITALIAN ARTIST WHO CROSSED HIS PATH IS LORENZO JOVANOTTI FINO AD OGGI L’UNICO ARTISTA ITALIANO PRODOTTO DA RICK RUBIN È LORENZO JOVANOTTI Lorenzo, but that day we became friends. Two years Stati Uniti a suonare le sue nuove canzoni per me. Gli later, he came to the United States to play songs for me ho detto che quella musica non era buona, ci volevano and I told him his music wasn’t good, two years were due anni per farla funzionare, e così è stato. Lorenzo ha necessary to make the music good, and that’s what hap- una grande anima. Sono orgoglioso di averlo conosciupened. Lorenzo has a great soul. I’m proud to have met to, ha reso la mia vita migliore. him, he made my life better. Pensi mai a ciò che vuole il pubblico? Do you ever think about what the audience wants? Mai, nella mia decisione artistica, il pubblico viene ulNever, in my artistic decision the audience comes last. timo. Faccio del mio meglio e spero. Non so leggere I do my best and hope. I can’t read anybody’s mind. la mente di nessuno. Quando creo qualcosa, spero When I create something, I hope people will like it, che piaccia alla gente, ma non cambio niente solo per but I don’t change anything just to please the audience. compiacere il pubblico, quel tipo di musica funzioneChanges made just to please an audience are only pop- rebbero solo per una stagione. ular for one season. La tua migliore qualità sul lavoro? Your best professional quality? Ascolto molto gli artisti e non mi impongo su di loro. I listen to the artists a lot and I don’t impose myself on Voglio tirare fuori il meglio da loro. them. I want to bring out the best in them. E la tua qualità peggiore? And your worst quality? A volte mi capita di sentirmi giù, di cattivo umore. In I feel down sometimes, not in a good mood. If I’m not quei momenti se un artista vuole farmi sentire delle in a good mood and an artist wants me to listen to new nuove canzoni, posso non essere lucido e devo stare attento per fare il mio lavoro al meglio. songs, I may not be able to think clearly, I have to pay attention to do my job in C’è qualcuno che ha veramente cam‘I BELIEVE IN the best way. MYSELF, WITHOUT biato la tua vita? Is there someone who truly changed Un dottore che mi consigliò di fare EXPECTING your life? meditazione quando avevo 14 anni. La It was a doctor who suggested meditameditazione è ciò che ha più influenzaANYTHING tion when I was 14 years old. The bigIN PARTICULAR’ to la mia vita. E’ stata come una lente gest influence on my life was meditad’ingrandimento per vedere, sentire e tion. It was like a magnifying glass to see, feel, hear what ascoltare ciò che gli altri non vedevano, sentivano o others didn’t. Everything in my life has happened by ascoltavano. Tutto nella mia vita mi è capitato per caso. chance. I was exposed to rap at NYU (New York Univer- Sono entrato in contatto con il rap alla New York Unisity). I came to Florence for business and I fell in love versity. Sono venuto a Firenze per lavoro e mi sono inwith this city. The situation shows me the path to follow namorato di questa città. Le situazioni mi mostrano la and I follow… I don’t feel any control on the situation, direzione verso cui andare e io vado… non mi serve il controllo della situazione, è come “cavalcare l’onda”. it’s like “ I’m surfing the riding wave”. You are a living legend of music. How can you be so Sei è una leggenda vivente della musica. Come si fa ad successful and keep your feet grounded at the same avere così tanto successo e tenere i piedi per terra? time? Il mio lavoro è devozione, una pratica spirituale, un’ofMy work is devotion, a spiritual practice, an offering to ferta a Dio. Dobbiamo fare del nostro meglio. Gli inteGod. What has to be done is our very best. Commer- ressi commerciali non contano. Quando ero giovane, cial interests don’t count. When I was young, I never non ho mai pensato che la musica potesse essere il thought music could be my job. I imagined I would be mio lavoro. using money from a job to get music. I believe in my- Credo in me stesso, senza aspettarmi niente in partiself, without expecting anything in particular. Whatever colare. Qualunque cosa succeda “dentro di me”, è ciò is happening “inside” allows me to do my job. mi permette di fare il mio lavoro. 66

FIRENZE


COVER STORY

During the recording of Jovanotti’s latest album, he fell in love with a house near Siena, which he is currently renovating

aaa 67

FIRENZE


Some scenes of Io, Leonardo, the new film with Luca Argentero, chosen to interpret the Tuscan genius


MOVIE INTERVIEW

LIKE LEONARDO

IO, LEONARDO. LUCA ARGENTERO AND HIS VISION OF THE GREAT TUSCAN GENIUS IO, LEONARDO. LUCA ARGENTERO E LA SUA VISIONE DEL GRANDE GENIO TOSCANO text Virginia Mammoli

As we celebrate the 500th anniversary of the death of the Nell’anno del cinquecentenario dalla scomparsa del più most extraordinary genius of all time, it was inevitable straordinario genio di tutti i tempi, non poteva mancare that we would be seeing the man on the big screen. And all’appello un film da grande schermo. E così è stato. Esce so it was. Out in cinemas on October 2, followed later by al cinema il 2 ottobre, per poi essere trasmesso successivaa release on Sky, Io, Leonardo is an immersion into the mente su Sky, Io, Leonardo. Un’immersione nella mente di mind of someone who was not only an artist, but also an quello che è stato non solo un artista, ma anche un ingegengineer, scientist and, in the highest sense of the word, nere, uno scienziato e, nel senso più alto del termine, un a visionary. Turin native Luca Argentero finds himself visionario. È così che l’attore torinese Luca Argentero si è once again catapulted back in time to the late 15th cen- ritrovato catapultato “nel 1400 quasi 1500”, con una lunga tury, donning a long wig and draping clothes. He has the parrucca in testa e in abiti drappeggiati. Con l’onere e onore duty and honour of playing the great Leonardo da Vic- d’interpretare il grande Leonardo da Vinci. All’anteprima ni. He was in Florence for the preview of his last film, del suo film precedente, Copperman, avvenuta proprio a FiCopperman, during which Argentero hinted at this new renze, Argentero aveva già accennato a questa nuova esperexperience: “I’ve gone from one superhero to another. On ienza “Sono passato da un supereroe a un altro. Due personpaper, these two figures seem so unalike, but they’re ac- aggi che sulla carta mi sembravano lontanissimi, sono invece tually quite similar. Like Copperman, Lemolto vicini: come Copperman, Leonardo è onardo is someone used to seeing reality un altro abituato a vedere la realtà con ocAN IMMERSION with completely different eyes.” chi completamente diversi”. How did you approach a character as INTO ONE OF THE Come si è avvicinato a un personaggio universal as Leonardo da Vinci? And GREATEST MINDS così universale come Leonardo da Vinci? what aspect of this multifaceted man inE qual è l’aspetto di questa figura ricca OF ALL TIME terested you the most? di sfaccettature, che più ha colpito il suo The approach is owed to the script and interesse? research conducted by Jesus (the director) rather than a L’avvicinamento è avvenuto grazie al testo e alla ricerca fatta need to condense the life of someone like Leonardo into a da Jesus (il regista) rispetto all’esigenza di dover condensare 90-minute film. We focused a lot on the human aspect, the una vita come quella di Leonardo in un’ora e mezzo di film... lesser-known and most controversial parts, which allowed Ci siamo concentrati moltissimo sulla sua parte umana, la us to better understand some of the motivations that dro- meno conosciuta e la più controversa, quella che ci ha perve him to explore human knowledge so obsessively and messo di capire meglio alcune delle motivazioni che lo hanin-depth. I was struck by his tenacity and his ability to no spinto a indagare nello scibile umano così a fondo e in analyze an aspect of nature, gutting it, so to speak, until maniera così ossessiva. Sono rimasto molto colpito dalla sua it was theory. caparbietà, dalla sua capacità di analizzare un aspetto della Despite not being Tuscan, you know Florence well since natura riuscendo a sviscerarlo completamente per renderlo you’ve filmed here on occasion. What was it like seeing teoria. Pur non essendo toscano conosce bene Firenze, città dove Florence through the eyes of Leonardo? Unfortunately, I didn’t film in Florence this time… the ha girato anche altre volte. Come è stato vedere Firenze city appears in the childhood scenes and there are some con gli occhi di Leonardo? beautiful aerial shots. But I’m acquainted with Florence Purtroppo non ho girato parti del film a Firenze... la città 69

FIRENZE


Luca Argentero during the shooting film and its beauty: the next time I’m back, I will surely have appare nella mia infanzia e in alcune bellissime sequenze some new inspiration for looking at it from a different aeree. Ma conosco bene Firenze e le sue bellezze: quando tornerò avrò sicuramente nuovi spunti per guardarla da un perspective. What scene made you empathize the most with the cha- punto di vista differente. Qual è la scena nella quale si è sentito più in empatia con racter? I would say the scenes of Leonardo observing nature. il personaggio che stava interpretando? I have a close bond with the natural world; I observe it Direi le sequenze in cui Leonardo osserva la natura. Vivo and continue to be surprised by the smallest things, by un rapporto strettissimo con il mondo naturale, lo osservo e a flower in bloom, an insect taking flight, a light as it’s continuo a stupirmi delle piccolissime cose, di un fiore che sboccia, di un insetto che vola, di una luce che riflette e che reflected and breaks into an array of colours… si scompone in diversi colori… Io, Leonardo is a journey not only into Io, Leonardo è un viaggio non solo denbut also “outside” the mind of the tro, ma anche ‘fuori’ dalla mente del Tuscan genius, through the places “I WAS STRUCK BY genio toscano, attraverso i suoi luoghi. that defined his life. This includes HIS TENACITY AND La Firenze dove è cresciuto, come ci ha Florence, where he grew up, as Luca HIS ABILITY TO raccontato Luca Argentero, ma anche Argentero mentioned, as well other places where he lived and worked: ANALYZE AN ASPECT gli altri posti dove ha vissuto e lavorato. Vinci e il Valdarno, per restare in Vinci and the Valdarno in Tuscany, OF NATURE” Toscana, la Milano di Ludovico il Moro Milan under the rule of Ludovico - dove trascorse gran parte della sua Sforza – where he spent much of his life; indeed, the film depicts the Sala delle Asse in the vita e di cui nel film si ammirano la Sala delle Asse del CasSforza Castle, the Last Supper and the discovery of the tello Sforzesco, il Cenacolo, il Codice Atlantico custodito nella Codex Atlanticus conserved in the Biblioteca Ambrosiana Biblioteca Ambrosiana - la pianura Padana e, infine, le Alpi, – the Po Valley and, lastly, the Alps, France and Amboise, la Francia e Amboise, dove si spense il 2 maggio del 1519. Tra le sequenze, di cui intensa voce narrante è Francesco where he passed away on May 2, 1519. Beautifully narrated by Francesco Pannofino, the film Pannofino, naturalmente anche le altre opere più celebri also features Leonardo’s most famous artworks, like Mona come La Gioconda, l’Annunciazione, l’Uomo Vitruviano, il San Lisa, the Annunciation, the Vitruvian Man, St. Jerome, Lady Girolamo, la Dama con l’ermellino e i molteplici Codici e diswith an Ermine and many codices and drawings, as well as egni, fino all’opera di recentissima attribuzione: il Salvator his most recently attributed painting, the Salvator Mundi. Mundi. 70

FIRENZE


A journey, through the places that defined Leonardo life and through his most famous artworks


The series was filmed in Florence and Prato


MOVIE INTERVIEW

BEAUTY EXPERIENCE

FLORENCE’S ARTISTIC CRAFTSMANSHIP IS THE STAR OF THE NEW SERIES PEZZI UNICI ON RAI 1 L’ARTIGIANATO ARTISTICO FIORENTINO PROTAGONISTA SU RAI 1 CON LA NUOVA SERIE PEZZI UNICI text Virginia Mammoli

Craftsmanship is, first and foremost, a world comprised Quello dell’artigianato è, prima di ogni cosa, un mondo fatof people, faces, stories and, most importantly, love. A liv- to di persone, volti, storie e, soprattutto, di amore. Dimoing demonstration of this – not the only one, of course, strazione vivente - non la sola, naturalmente, ma una delle but one of the most famous – is Wanny Di Filippo, who più celebri - è Wanny Di Filippo, che verso la metà degli around the mid-60s abandoned his job as an auto parts anni ’60 ha dismesso i panni di rappresentante di ricambi salesman to dedicate himself to his true passion: leather. d’auto, per dedicarsi alla sua vera passione: la pelletteria. The small but important personal feat to come out of Una piccola grande epopea personale da cui è nato Il Bithis change was Il Bisonte, today a symbol of Made in sonte, oggi simbolo del made in Florence, venduto in tutti e Florence, sold across five different continents. 5 i continenti. Non ha la sua lunga barba bianca, né il suo He doesn’t have a long, white beard, nor does his style stile tra il dandy e un hipster ante litteram, ma è a lui che la fall somewhere between dandy and hipster, but he was regista Cinzia TH Torrini si è ispirata per il protagonista di director Cinzia TH Torrini’s inspiration for the star of Pezzi Unici, la sua nuova serie tv, in onda questo autunno Pezzi Unici, her new television series airing this fall on su Rai 1. Vanni Bandinelli, un burbero - ispirato sì a WanRai 1. Vanni Bandinelli, a surly – inspired by Wanny, ny, ma non abbiamo detto in ogni dettaglio - falegname, sure, but not in every way – carpenter, interpretato dall’attore tre volte Davide di is played by three-time Davide di Do- PROTAGONIST IS THE Donatello Sergio Castellitto, che descrinatello winner Sergio Castellitto, who THREE-TIME DAVIDE ve il suo personaggio come “una specie di describes his character as “a sort of anGeppetto arrabbiato, che tira fuori dal leDI DONATELLO gry Geppetto, who crafts not one but five gno non un Pinocchio, ma cinque, che gli WINNER SERGIO Pinocchios from a piece of wood, which ricordano ogni giorno il suo dolore e l’erremind him every day of his pain and his rore di essere stato forse più bravo come CASTELLITTO mistake as possibly being a better artisan artigiano che come padre.” than he was a father.” La serie - girata tra Firenze e la vicina Prato, prodotta da The series – filmed in Florence and Prato and produced Rai Fiction e Indiana Production con la collaborazione di by Rai Fiction and Indiana Production in collaboration Toscana Film Commission e OMA (Osservatorio dei Mewith Toscana Film Commission and OMA (Osservatorio stieri d’Arte), che ha supportato le riprese coordinando il dei Mestieri d’Arte), which supported the film by coordi- lavoro dei suoi preziosi artigiani fiorentini - racconta infatti nating the work of its priceless roster of Florentine arti- la storia di un uomo che si trova ad affrontare la scomparsa sans – tells the story of a man who finds himself dealing del figlio (Lorenzo de Moor), a causa della droga, e a lavowith the death of his son (Lorenzo de Moor) from drug rare con cinque ragazzi problematici (Leonardo Pazzagli, use, and working with five problematic kids (Leonardo Moisè Curia, Sandra Ceccarelli, Lucrezia Massari e CaroPazzagli, Moisè Curia, Sandra Ceccarelli, Lucrezia lina Sala), che vivono in casa famiglia e devono seguire un Massari and Carolina Sala) who live in a group home corso di riabilitazione. Sono loro, oltre ai manufatti, i pezand must follow a rehabilitation course. It is they, as well zi unici. “È un racconto che parla, col pretesto del thriller, as the objects, the pezzi unici, unique pieces. “It is a story delle relazioni umane - spiega Castellitto -. Una fiction che that speaks, with the pretext of a thriller, of human rela- nell’epoca in cui digitiamo Monnalisa, clicchiamo e ne stam73

FIRENZE


1

2

1. Wanny Di Filippo (ph. Lucia Baldini) 4. Giorgio Panariello on the set 5. The Florentine director Cinzia TH Torrini, who says “My aim is to recount, with a style as universal possible, the pleasure of being an artisan, of being creative with one’s hands.”

3

5

4

6


Sergio Castellitto in a scene of the series

tionships,” explains Castellitto. “In a time when we type piamo cinquanta copie, parla di unicità, irripetibilità, non Mona Lisa, click on it and print 50 copies, this story talks solo dell’oggetto ma anche della persona: la straordinaria about uniqueness, not only of an object but also people: singolarità dell’essere umano.” the extraordinary singularity of human beings.” “Il mio intento - commenta la regista - era quello di rac“My aim,” says the director, “is to recount, with a style as contare, con un linguaggio più universale e trasversale posuniversal possible, the pleasure of being an artisan, of sibile, del piacere di essere artigiani, di essere creativi con being creative with one’s hands. I want to reintroduce le mani. Vorrei riabituare le persone al bello. Far capire ai people to beauty. I want to help younger generations giovani che questo è un lavoro che dà onore. Ho conosciuto understand that this is a job that bestows honour. I met Wanny quando andavo a scuola e passavo tutte le mattine Wanny when I was in school, and I spent every morn- da via del Parione, dove c’era lo scantinato in cui lavorava. ing on via del Parione, where he worked Oggi negozi in Giappone, New York, Milano, Parigi. Se una persona si dedica all’arin a basement. Today, there are stores in “A ABOUT tigianato con mente aperta, come ha fatto Japan, New York, Milan, Paris. If a perUNIQUENESS, son dedicates themselves to craftsmanlui, ha tra le mani una grande opportunità.” NOT ONLY OF AN Nel cast anche Irene Ferri (direttrice della ship with an open mind, like he did, they have a major opportunity in their OBJECT BUT ALSO casa famiglia e amante di Vanni), Fabrizia hands.” Sacchi (moglie di Vanni), Marco Cocci PEOPLE” The cast also includes Irene Ferri (di(cognato di Vanni) e Giorgio Panariello, rector of the group home and Vanni’s lover), Fabrizia per la prima volta in una produzione Rai: “Quando mi è Sacchi (Vanni’s wife), Marco Cocci (Vanni’s brother-in- stato offerto questo ruolo ho colto con una grande entulaw) and Giorgio Panariello, in his first Rai production: siasmo e impegno l’occasione di entrare in punta di piedi, “When I was offered this role, I gladly and diligently ma dall’ingresso principale, nella fiction Rai. Io sono Maaccepted this opportunity to quietly work my way into stro Ciliegia, l’amico di sempre di Vanni. Sono quella nota, Rai fiction. I play Mastro Ciliegia, Vanni’s life-long anche se piccola ma che c’è, di commedia, in questa serie friend. I inject that small bit of comedy in this primarily che è principalmente drammatica. È un personaggio che dramatic series. It’s a character that might seem simple, potrebbe sembrare semplice, ma che in realtà è molto comthough he’s actually really complex. It’s completely dif- plesso. Completamente diverso da tutto quello che mi avete ferent from anything I’ve done to date.” visto fare finora.” 75

FIRENZE


FASHION STORY

WHERE IT ALL BEGAN GIORGIO ARMANI AND FLORENCE. A HISTORIC BOND GIORGIO ARMANI E FIRENZE. UN LEGAME STORICO text Teresa Favi

“Florence has maintained its charm and splendour of the past and is a veritable crossroads for tourists from all over the world”. Giorgio Armani uttered these words during the inauguration of the new boutique at via de’ Tornabuoni, 83r, one of the most elegant streets in the historic centre, just opposite Palazzo Strozzi. The shop vaunts 250 square metres and nine display windows framing the brand’s classic style – an eternal balance between past and future –

colours in each room, the specific distribution of the products and the new space dedicated to my beauty line blend together to create a typically Armani experience: rich, multisensory, sophisticated and natural,” explained the Piacenza-native stylist, a long-time resident of Milan but who has shared a bond with Florence and Tuscany since his earliest days. His debut can be traced to 1974, in the Sala Bianca in Palazzo Pitti, when his first collections as a freelanc-

“Firenze ha mantenuto inalterato tutto il fascino e lo splendore del passato ed è un vero e proprio crocevia di turisti provenienti da tutto il mondo”. Con queste parole un anno fa Giorgio Armani inaugurava la nuova boutique all’83 rosso di via de’ Tornabuoni, una delle vie più eleganti del centro storico, proprio di fronte a Palazzo Strozzi. 250 metri quadrati e ben 9 vetrine a incorniciare quello stile in eterno equilibrio tra passato e futuro

tenta dei prodotti e il nuovo spazio dedicato alla mia linea beauty danno vita a un’esperienza tipicamente Armani: ricca, multisensoriale, raffinata e naturale”, ha dichiarato lo stilista di origini piacentine, da sempre tutt’uno con Milano ma legato a Firenze e alla Toscana fin dai suoi esordi. Il debutto di Armani avvenne, infatti, nel 1974, nella Sala Bianca di Palazzo Pitti quando sfilarono le sue prime collezioni realizzate come free lance

che da oltre 40 anni fa del suo marchio un’icona del Made in Italy nel mondo. Stanze collegate da portali con finiture in platino, come gli arredi e gli espositori dalla forma ricurva con angoli stondati, e pannelli di seta alle pareti. “A Firenze, ho voluto creare una boutique dall’atmosfera elegante e accogliente allo stesso tempo e che rispecchiasse i miei valori estetici. Il succedersi dei colori nelle differenti stanze, la distribuzione at-

per etichette toscane. Ma prima ancora, durante le vacanze estive in Versilia, nel ‘66 alla Capannina dei Franceschi, aveva conosciuto Sergio Galeotti, suo futuro socio e amico, che era originario di Marina di Pietrasanta. A Firenze, Giorgio Armani, si è addentrato nel terreno della sperimentazione, come quando portò in scena alla Stazione Leopolda G.A. Story uno spettacolo di testi e moda ideato da Bob Wilson, in

ARMANI’S DEBUT CAN BE TRACED TO 1974, IN THE SALA BIANCA IN PALAZZO PITTI, WHEN HIS FIRST COLLECTIONS AS A FREELANCER WERE SHOWN ON THE RUNWAY that for over 40 years has made Armani an icon of Made in Italy throughout the world. The rooms are connected by doorways decorated with platinum finishing touches, with a similar aesthetic bestowed upon the furniture and curved display cases, while the walls are covered in silk panels. “In Florence, I wanted to create a boutique with an atmosphere that is at once elegant and welcoming and which reflects my aesthetic values. The alternating

er for Tuscan labels were shown on the runway. But even before that, during his summer vacation in Versilia in 1966, at the Capannina dei Franceschi, he had met the person that would go on to become his friend and business partner, Sergio Galeotti, from Marina di Pietrasanta. In Florence, Giorgio Armani began to experiment, like when he staged G.A. Story at the Stazione Leopolda, a performance of words and fashion created by Bob

76

FIRENZE


Pioneer, visionary, man of ideas, business and image. Giorgio Armani, he pride of Italy, turned 85 on July 11 and he carries it well


Two images of the Giorgio Armani boutique in Florence, 250 square metres and nine display windows just in front of Palazzo Strozzi


The runway at the Sala BIanca in 1974

Wilson, for the 50th anniversary of Pitti Uomo in July 1996. That same year, he participated alongside several other major names in fashion at the Florence Fashion Biennale. We can’t forget that only four years before, in ’92, for the 40th anniversary of the first runway show in the Sala Bianca, the exhibition featured a special tribute to Armani curated by Gae Aulenti, which brought together 70 evening gowns that the stylist had created between ’82 and ’92. Then there’s the historic collaboration with Aldo Fallai, the great Florentine fashion photographer behind Giorgio Armani’s unforgettable marketing campaigns; they were perhaps the most beautiful, and they were definitely

some of the most recognizable. Last year, during one of his visits to Florence to oversee work on the new boutique, Armani returned to the Uffizi, accompanied by director Schmidt. They were joined by our director, Matteo Parigi Bini, who recalled that special morning, saying, “It was an opportunity to learn an unforgettable lesson about Renaissance fashion. At a certain point during the visit, Armani stopped in front of the portrait of Eleonora da Toledo, and commenting on the dress worn by Cosimo I’s wife, so extraordinarily depicted by Bronzino in the large painting, he said, “imaginative, unreal, as if it didn’t belong to its era”. He finished by saying, “We didn’t invent anything”.

occasione del 50° anniversario di Pitti Uomo nel luglio del 1996. E nello stesso anno, partecipò con altri grandi nomi della moda alla Biennale della Moda di Firenze. Senza dimenticare che quattro anni prima, nel ’92, per il 40esimo anniversario della prima sfilata alla Sala Bianca, alla mostra antologica era stato affiancato un tributo speciale ad Armani, curato da Gae Aulenti, che raccoglieva 70 abiti da sera che lo stilista aveva creato nel decennio tra l’82 il ’92. E poi c’è la storica collaborazione con Aldo Fallai, il grande fotografo di moda fiorentino autore di indimenticabili campagne pubblicitarie Giorgio Armani; forse le più belle, ma sicuramente tra le più

79

FIRENZE

riconoscibili. Quando l’anno scorso, durante una delle sue tappe fiorentine per sovrintendere ai lavori della nuova boutique, Armani è tornato a visitare le Gallerie degli Uffizi accompagnato dal direttore Schmidt, insieme a loro c’era anche il nostro direttore Matteo Parigi Bini, che di quella mattinata speciale ricorda: “E’ stata l’occasione per una indimenticabile lezione di moda rinascimentale”. Durante la visita, a un certo punto, Armani si è fermato davanti al ritratto di Eleonora da Toledo, e commentando l’abito della moglie di Cosimo I riprodotto dal Bronzino con un realismo straordinario, ha concluso divertito alla fine: “Non abbiamo inventato niente”.


DARLING

NEW RULES OF SEDUCTION THE GLAMOUROUS SIDE OF NOSTALGIA MARTA INNOCENTI CIULLI PH. ALESSANDRO BENCINI MAKE UP AND AIR ROSSANA LUZZI


GUCCI

Little jacket with patch pockets, broad double sailor collar and samurai-style sleeves. Pleated skirt and white blouse Bag, gloves, tie, frames and stockings by Gucci


FENDI

Straight extra-large pants with leather trimming. Men’s-style leather shirt Belt: Roger Vivier x Luisaviaroma


CHANEL

Cashmere dress with low V-neck and skirt with three-dimensional-effect pattern Moon boots: Chanel


MARNI

Tartan coat with trimmed sleeves, patch pockets and fringed hem over leather skirt and round-necked sweater Boots: Marni x Luisaviaroma


EMPORIO ARMANI

One-buttoned jacket close-fitting at the waist with long lapels, shorts with broad voile pleats Socks: Gallo

Fendi Loose-fitting sweater with shawl collar paired with a pleated silk skirt


Fendi Midi dress with a low bodice, pressed pleats and a cotton lace collar and cuffs


MIU MIU

Tweed cloak with fur-trimmed hood over culottes, top, stockings and chiffon blouse Shoes: Miu Miu


CHRISTIAN DIOR

Tartan skirt with fringed hem open at the front. Elbow-length sleeved pullover with bow neck. Necklace, shoes and socks by Christian Dior


DOLCE&GABBANA

Tweed suit with little double-breasted jacket and three-quarter-length skirt


PRADA

Tweed coat that closes at the front with a lobster clasp fastening the pleats together, unfinished hemline. White men’s-style shirt. Bag and shoes: Prada


ERMANNO SCERVINO

Straight and loose-fitting coat with flap pockets over lace and rhinestone slip dress Ankle boots : Alexandre Vauthier x Luisaviaroma


Ufficio Vendite

via de’ Barucci, 37/39 - Firenze info@armoniaresidenze.it T. 055 430 887

armoniaresidenze.it


JEWELS MUST

2. 3. 1.

DESIRE FOR LIGHT 1. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 32r 2. Saint Laurent - via de’ Tornabuoni, 43-45 3. Chopard - via de’ Tornabuoni, 30-32r 4. Tiffany & Co. - via de’ Tornabuoni, 37r 5. Marni - via Roma, 4 6. Dior - via de’ Tornabuoni, 15r 7. Chanel Joaillerie - piazza della Signoria, 10 8. Pomellato - via de’ Tornabuoni, 89/91r

4.

5.

8.

6.

7.

93

FIRENZE


SHOES MUST

2.

3.

1.

EN MARCHE

5.

1. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 32r 2. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 3. Saint Laurent - via de’ Tornabuoni, 43-45 4. Giorgio Armani - via de’ Tornabuoni, 83 5. Emporio Armani - via Roma, 14r 6. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4/14r 7. Marni - via Roma, 4 8. Dior - via de’ Tornabuoni, 15r 9. Michael Kors - piazza della Repubblica, 43 10. Miu Miu - via Roma, 8

4.

7.

6.

10.

8. 9.

94

FIRENZE


BAGS MUST

2. 3. 1.

LOVE AT FIRST SIGHT 1. Marni - via Roma, 4 2. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 3. Chanel - piazza della Signoria, 10 4. Emilio Pucci - via de’ Tornabuoni, 20/22r 5. Emporio Armani - via Roma, 14r 6. Dior - via de’ Tornabuoni, 15r 7. Coach - piazza della Repubblica, 46r 8. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73-81r

4.

5.

8.

6. 7.

95

FIRENZE


TERRY HAGGERTY

13-09-19 / 16-11-19

PIAZZA CARLO GOLDONI 2 FIRENZE EXHIBITIONS@EDUARDOSECCI.COM WWW.EDUARDOSECCI.COM 055 661356


TREND MUST

3. 2. 1.

RED PASSION 1. Rayne Shoes - rayneshoes.co.uk 2. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73-81r 3. Emilio Pucci - via de’ Tornabuoni, 20/22r 4. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 5. Miu Miu - via Roma, 8 6. Dior - via de’ Tornabuoni, 15r 7. Valentino - via de’ Tornabuoni, 23 8. Emporio Armani - via Roma, 14r

5.

4.

8. 6. 7.

97

FIRENZE


FOR HIM MUST

2. 3.

1.

TRAVELLING WITH THE SPIRIT

5.

1. Aspesi - via di Porta Rossa, 51/r 2. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40 3. Giorgio Armani - via de’ Tornabuoni, 83 4. Prada - viaTornabuoni, 53R-67R 5. Dior - via de’ Tornabuoni, 15r 6. Marni - via Roma, 4 7. Fendi - via de’ Tornabuoni, 73-81r 8. Hermès - piazza degli Antinori, 6r

4.

8.

6.

7.

98

FIRENZE


LA VERA CUCINA TOSCANA

TRATTORIA 13 GOBBI via del Porcellana, 9R – FIRENZE | Tel: (+39) 055 284 015 | trattoria13gobbi@casatrattoria.com


Spring by Pietro Francavilla, Ponte Santa Trinita (details)


ART ITINERARY

STATUES AND SECRETS…

STORIES AND ANECDOTES ABOUT THE MASTERPIECES THAT MAKE FLORENCE AN OPEN-AIR MUSEUM STORIE E ANEDDOTI DEI CAPOLAVORI CHE RENDONO FIRENZE UN MUSEO A CIELO APERTO text Salvatore La Spina photo Lorenzo Cotrozzi

Statues, fountains, columns, and shrines, there are so Statue, fontane, colonne, tabernacoli, sono così tanmany works of art in Florence’s squares that it is im- te le opere d’arte nelle piazze fiorentine che è impossible to compare it with other Italian cities! possibile fare un paragone con le altre città italiane! The tradition of beautifying the city has ancient La tradizione di abbellire la città ha origini antichisorigins; a number of sculptures in ancient Florentia sime: già in epoca romana sono documentate diverhave been documented as far back as Roman times. se sculture dell’antica Florentia. Tale buona usanza This good custom does not appear to have been lost non risulta essersi persa durante il medioevo, basta during Medieval times, as can be seen from the ac- ricordare l’attività delle “Arti” fiorentine che garegtivities of the Florentine guilds which competed to giavano per commissionare opere ai migliori artisti commission works by the best artists and so glorify e glorificare così Firenze e la propria corporazione. Florence and their own corporations. Durante il Rinascimento, le committenze dei Medici During the Renaissance, commissions by the Medici e di altre importanti famiglie hanno contribuito a and other important families contributed to giving donare alla città l’aspetto di un museo a cielo aperthe city the appearance of an open-air museum. Many to. Molte di queste sculture sono avvolte da storie of these statues are surrounded by incredible stories incredibili e aneddoti; vicende che uniscono le vite and anecdotes - events that unite the di uomini illustri con quelle di popolives of illustrious men with those of THE TRADITION lani, le vite di artisti come Donatello, common folk, the lives of artists such OF BEAUTIFYING Verrocchio, Buontalenti con le opere as Donatello, Verrocchio and Buontalcostruite da imperatori romani, legTHE CITY WITH gende che si intrecciano a fatti realenti with works built by Roman emperors, and legends that entwine with mente accaduti. STATUES HAS events that really happened. ANCIENT ORIGINS La colonna della Giustizia di piazza The Column of Justice in Piazza SanSanta Trinita è una poderosa struttuta Trinita is an imposing oriental granite obelisk that ra in granito orientale proveniente dalle Terme di originated from the Baths of Caracalla. It seems that Caracalla. Sembra che Papa Pio IV abbia donato a Pope Pius IV gave the column to Cosimo I, and that Cosimo I la colonna e che il Granduca abbia fatto the Grand Duke had it erected in 1554 on the site erigere il monumento nel 1554, sul luogo dove si trowhere he had first received the news of the victory vava quando ricevette la notizia del trionfo su Siena. over Siena. The monument was completed in 1581 Il monumento è stato completato nel 1581 con la with the placing on the summit of a pink porphyry collocazione della statua della Giustizia, in porfido statue of Lady Justice wearing a bronze cloak. rosso e mantello in bronzo. Intorno al monumento A truly curious story, perhaps invented, surrounds esiste una storia, forse inventata, veramente curiothe monument. It seems that after the statue had sa… dopo la collocazione della scultura, pare che been erected, some precious gems disappeared from fossero iniziate alcune sparizioni di pietre preziose the stalls of the jewellers on Ponte Vecchio. Some dai banchi dei gioiellieri di Ponte Vecchio. Per i furti young men were unjustly accused of the thefts and furono, ingiustamente, accusati dei giovani, ai quali forbidden to set foot on the Bridge. However, the dis- fu proibito di mettere piede sul Ponte. Le sparizioappearances continued until, many years later, when ni, però, proseguirono, fino a che, molti anni dopo, 101

FIRENZE


Statue of Winter by Taddeo Landini, Ponte Santa Trinita

the statue was being cleaned, the precious gems were durante la pulitura della statua, le pietre preziose found on the plates of the scales - a magpie had made furono ritrovate sui piatti della bilancia: una gazza its nest and hidden its precious loot there for all that ladra, vi aveva fatto il nido, nascondendovi, per tutto time!! quel tempo, il suo prezioso bottino!! A short distance from the monument is the Santa Poco distante dal monumento sorge il ponte di SanTrinita Bridge, considered by many to be the most ta Trinita, da molti considerato il più bello di Firenbeautiful in Florence. In its present form, it appears ze. Esso si presenta, nelle forme attuali, così come è as it was built in 1557 by Ammannati by order of Co- stato costruito dall’Ammannati nel 1557 per volere di Cosimo I. La struttura, in pietra forte, sorprensimo I. The sandstone structure surprises for the elegance de per l’armonia e la bellezza delle decorazioni. Gli and beauty of the decorations. The ends of the bridge angoli dei ponti sono adornati da quattro sculture in marmo raffiguranti le Quattro Staare adorned with four marble statues representing the Four Seasons, gioni mentre i sinuosi disegni delle PONTE SANTA while it seems the sinuous design of TRINITA IS ONE arcate pare siano stati tratteggiati da the arches was the idea of MichelanMichelangelo, che avrebbe suggerito OF THE MOST gelo, who suggested the elliptical lines le linee ellittiche, già messe in pratica already put into practice in San Loin san Lorenzo. Altri elementi decoBEAUTIFUL renzo. Other curious and little-known rativi, curiosissimi e poco conosciuIN FLORENCE ti, sono alcune grandi teste di Ariete decorative elements are the great heads of Aries in the centre of the four arches. Ac- poste al centro delle quattro arcate. Gli arieti, secording to tradition, the Aries were considered to condo la tradizione, erano considerati i guardiani be the guardians of the Arno - the one facing the dell’Arno: quelle rivolte verso Ponte Vecchio protegPonte Vecchio protected Florence from the river’s gevano Firenze dalle piene del fiume, quelle collocaflood waters, while the one facing Ponte del Carraia te verso il Ponte della Carraia proteggevano la città protected the city from enemy armies coming up the dagli eserciti nemici che risalivano l’Arno. Quanto Arno. How much these powerful creatures actually questi potenti animali abbiano veramente protetto protected Florence is uncertain, but it is certain that Firenze non è certo, ma è sicuro che, dopo il bomafter the 1944 bombardments, the protomes were bardamento del 1944 le protomi sono state ripescate fished out and replaced on the bridge as protection e ricollocate sul ponte a protezione della città. for the city. Avvolto da intriganti leggende è il famoso Marzocco 102

FIRENZE


COVER STORY

Autumn by Giovanni Caccini, Ponte Santa Trinita 103

FIRENZE


Spring, Ponte Santa Trinita


Column of Abundance, Piazza della Repubblica


Above: Column of Abundance, Piazza della Repubblica Below: Column of Justice in Piazza Santa Trinita


ART ITINERARY

Marzocco

Head of Aries, Ponte Santa Trinita

Incredulity of Thomas

Also surrounded by intriguing legends is the famous di Donatello, la cui copia è visibile in piazza della Marzocco by Donatello, a copy of which can be seen Signoria. Da secoli il leone è raffigurato mentre regin Piazza della Signoria. For centuries, the lion has ge lo stemma fiorentino, proteggendo il giglio rosso, been depicted holding the Florentine coat of arms, emblema della città. Di origine incerta, Dante, nella protecting the red lily, the city’s emblem. Of uncer- Divina Commedia, ricorda la curiosa leggenda setain origin, in the Divine Comedy, Dante recalls the condo la quale, la città era anticamente dedicata a curious legend according to which, in ancient times, Marte. Sembra che una statua del dio sorgesse nei the city was dedicated to Mars. It seems a statue of pressi di Ponte Vecchio e che una piena l’avesse trathe god stood near the Ponte Vecchio, and that a scinata in Arno, in epoca medievale. La Repubblica flood swept it into the Arno in the Middle Ages. fiorentina decise, allora, di erigere, a protezione di The Florentine Republic then decided to erect a Firenze, un Leone, simbolo di potenza e forza politiLion, a symbol of power and political authority, to ca. Quando Donatello scolpì il leone venne chiamaprotect Florence. When Donatello sculpted the lion, to Marzocco, dal latino martocus (piccolo Marte), in it was called Marzocco, from the Latin martocus (lit- onore dell’antica divinità romana. tle Mars), in honour of the ancient Roman divinity. Altra scultura che ha un legame con le origini di FiAnother statue that has ties with the origins of Flor- renze è la colonna dell’Abbondanza (o della Dovience is the Column of Abundance (or of Plenty) in zia) in piazza della Repubblica. La scultura sorge sul Piazza della Repubblica. The statue stands on the site punto in cui si incrociavano il cardo e il decumano where the cardo and decamus of the ancient city in- dell’antica città. Secondo i romani era buon auspitersected. According to the Romans, it cio erigere una colonna all’incrocio was good luck to erect a column at the delle due vie principali, luogo dove IT SEEMS intersection of the two main roads, the sorgeva anche il Foro, il Campidoglio A STATUE place where the Forum, the Campidoe il Tempio di Augusto. glio and the Temple of Augustus were OF MARS STOOD La colonna romana ha resistito per also sited. The Roman column stood NEAR THE PONTE secoli, fino al 1431, quando, a causa for centuries, until 1431, when it coldi un crollo, è stata sostituita, da una VECCHIO lapsed and was replaced by a new one, nuova, sormontata da una scultura di surmounted by a statue by Donatello. Donatello. We end our itinerary at the Church of Orsanmichele Concludiamo il nostro percorso nella Chiesa di Orwhere, together with other statues, a copy of Verroc- sanmichele dove è collocato, insieme ad altre sculchio’s Incredulity of Thomas is sited (the original is ture, la copia dell’Incredulità di san Tommaso del inside the building). It is said that St. Thomas was Verrocchio (l’originale si trova all’interno). Si dice a saint not only very dear to the Merchants’ Guild, che, oltre alla Corporazione della Mercanzia (combut also to the Medici. Indeed, it seems that Piero mittente dell’opera), San Tommaso sia stato un santhe Gouty and his son, Lorenzo, took part as workers to molto caro ai Medici, sembra, infatti, che Piero in the creation of the statue. How much the scion il Gottoso e il figlio Lorenzo abbiamo partecipato, of the Medici family actually physically laboured in come operai, alla realizzazione della scultura; quanto the workshop is not known, but what is certain is il rampollo di casa Medici abbia operato fisicamente his support for Verrocchio’s rise as an artist after the nella bottega non è dato sapere, certo è invece il suo death of Donatello. supporto per l’ascesa artistica del Verrocchio, dopo Many other stories are hidden in the works scattered la scomparsa di Donatello. around this extraordinary city, but we will stop here Molte altre storie si celano nelle opere disseminate for now… certain to continue at another opportu- in questa straordinaria città, ma ci fermiamo per ora nity! qui… certi di proseguire in un’altra occasione! 107

FIRENZE


Fabrizio Moretti. The only Italian on the executive committee for TEFAF, he is also a member of the committee for the exhibition Frieze Masters in London. Since 2014, he has been the secretary general of the International Antiques Biennial at Palzzo Corsini in Florence


ANTIQUES EXHIBITION

SIXTY YEARS OF SUCCESS

THE INTERNATIONAL ANTIQUES BIENNIAL: A MUST-ATTEND EVENT. FABRIZIO MORETTI TALKS TO US LA BIENNALE DELL’ANTIQUARIATO DI FIRENZE: UN APPUNTAMENTO IMPERDIBILE A LIVELLO INTERNAZIONALE. PAROLA DI FABRIZIO MORETTI text Francesca Lombardi

Sixty years ago, the year the first International Antiques Biennial was held in Florence, the trucks transporting the paintings and sculptures, furniture and design pieces, drove to Palazzo Strozzi from all over Italy. For a month, the exposition was open to a pubic of curious visitors and experts, attracted by this “museum” sui generis, scanning the treasures and getting quotes as they envisioned these unique pieces in their own homes. This international event was founded by the genius Mario and Giuseppe Bellini, brothers and heirs to the dream their father, Luigi, held. “We Italians possess exceptional intuition,” says Fabrizio Moretti, the current and knowledgeable secretary general of the Florence Biennial. “The Bellini brothers created an extraordinary format that was later copied around the world.” Today, like then, the Biennial continues to invest in quality, innovations and ideas, conserving and strengthening the position of the prestigious Florentine event in the sector throughout Europe and the world. Under Moretti’s leadership, for this anniversary, we took stock of the fair, always looking ahead, as is the very nature of the Biennial. What does the Biennial mean for Florence? The Biennial shares a series of important values with Florence: beauty, Made in Italy and great Florentine craftsmanship. Florence is also a tourist city, and the Biennial aims to attract quality tourism by completely sharing its goals with the city. And how have things changed since 2015, the year you were appointed secretary general? The Biennial had the strength to continue to evolve and improve as the times changed, moving to the splendid Palazzo Corsini in 2001 and earning in recent years a top spot in Italian art around the world. This is because of a series of factors: quality, competence and, last but not least, location; we sell artworks in a residence that, in addition to hosting the Biennial, houses the most important private collections in the world. It’s essentially a dream that has become a reality. What is new this year? We have some truly extraordinary exhibitors this year. But alongside the exhibition, there are also many initiatives spread throughout the city. Specifically, I’m very happy with our part-

Sessant’anni fa, anno della prima Mostra Mercato Internazionale dell’Antiquariato di Firenze i camion che trasportavano i pezzi di pittura e scultura, ma anche di arredo e di disegno, si mossero verso Palazzo Strozzi da tutta Italia. Per un mese la mostra rimase aperta per un pubblico fatto di curiosi e d’intenditori, attratti da questo “museo” sui generis, del quale si potevano sfiorare le meraviglie e poter immaginare i pezzi unici nelle proprie case. Un evento di portata internazionale, nato dalla geniale intuizione di Mario e Giuseppe Bellini, fratelli ed eredi del sogno del padre Luigi. “Noi italiani abbiamo un sesto senso eccezionale” – ci spiega Fabrizio Moretti, illuminato Segretario Generale della Biennale fiorentina – “I fratelli Bellini dettero il via a un format straordinario copiato poi in tutto il mondo” Oggi come allora in Biennale si continua a investire su qualità, innovazione e idee, rafforzando la posizione di prestigio dell’appuntamento fiorentino nel settore, in Europa e nel mondo. Proprio con Moretti, in occasione dell’anniversario, abbiamo fatto un bilancio, guardando - come è nelle sue corde - sempre avanti Cosa rappresenta per Firenze la Biennale? La Biennale condivide con Firenze una serie di valori : la bellezza, il made in Italy, il grande artigianato fiorentino. Firenze è una città turistica e la Biennale si muove nella direzione di attrarre un turismo di qualità, con una condivisione totale di intenti con la città Come è cambiata dal 2015, anno della sua nomina? La Biennale di Firenze ha avuto la forza di continuare a evolversi e perfezionarsi seguendo il cambiamento dei tempi, arrivando nel 2001 nella la splendida cornice di Palazzo Corsini e conquistando in questi ultimi anni un posto di primissimo piano per l’arte italiana a livello internazionale. Per una serie di fattori: qualità, competenza e non ultima la location: noi vendiamo opere d’arte in un Palazzo che, oltre a ospitare la Biennale, racchiude e conserva in sede permanente la collezione privata più importante del mondo. Praticamente un sogno che diventa realtà. Quale sono le novità di questa edizione? In Biennale abbiamo espositori veramente straordinari quest’anno. Ma accanto alla mostra sono molte le iniziative di grande apertura e contaminazione verso la città. In particolare sono molto felice della partnership con la Frick Collection di New

109

FIRENZE


1

2

1. Jeff Koons and Fabrizio Moretti, 2015 2. The first editions of the Biennial in Palazzo Strozzi 3.Palazzo Corsini perfect space for the Biennal from 2001thanks to its large halls, with their frescoed ceilings 4. The fairworks for the inauguration 5. A smiling Sofia Loren with Mario Bellini

3

4

5

nership with the Frick Collection in New York. There’s been increasing of contemporary art in recent years… It’s very important to me that the Biennial nonetheless remains an exhibition of historical art, but with significant divertissement towards modern and contemporary art, up to 1990. Can you comment on the contemporary in Florence? In my opinion, Florence remains a city tied to the past, but elements of the contemporary at Palazzo Strozzi, Forte Belvedere and Museo Bardini are of the highest level and quality. I myself advocated for this combination of historic and contemporary: with Urs Fischer in 2017 and Koons in 2015. Koons will return to Florence this year with a major exhibition at Palazzo Strozzi. The City of Florence appointed you to the Scientific Committee of the Uffizi Galleries. What does this mean to you? It’s an important recognition for the results the Biennial has achieved. It’s never said, but I’ve already been on another committee for an important museum, the Getty in L.A., for a while now. I’m mentioning it because someone could turn up their nose at my appointment, but I am indeed a merchant. My efforts will be focused on making available what I’ve learned about art not only through my studies but also through years of work on the international scene. The future of the Biennial? Today, we live in a world that quickly changes and I don’t know what will happen in two years: if I look around, if I think about the 2017 edition, I find that above all, when it comes to communication, things have evolved in a really important way. One thing does remain consistent: the quality we’ve reached has not been lowered and has launched Florence to the highest levels of industry events throughout the world.

York che coinvolgerà il loro top management. Questi anni hanno segnato un’ apertura verso il contemporaneo… Ci tengo che la Biennale rimanga una mostra di arte antica ma con degli importanti divertissement verso l’arte moderna e anche contemporanea, con il time limit del 1990. Un punto sul contemporaneo a Firenze? Firenze rimane, secondo me, una città legata all’antico ma le incursioni nel contemporaneo di Palazzo Strozzi, del Forte Belvedere e del Museo Bardini sono di altissimo livello e qualità. Io stesso sono stato un fautore di questa contaminazione tra antico e contemporaneo: con Urs Fisher nel 2017 e ancor prima con Koons nel 2015. Proprio Jeff Koons tornerà quest’anno a Firenze con una grande mostra a Palazzo Strozzi. Il Comune l’ha designata membro del Comitato scientifico delle Gallerie degli Uffizi. Cosa rappresenta questa nomina? Un importante riconoscimento per i risultati raggiunti. Non si dice mai ma io sono presente da tempo in un altro comitato di un importante museo, il Getty di L.A. Lo sottolineo perché qualcuno potrebbe storcere il naso di fronte alla mia nomina, sono comunque un mercante. Ma il mio impegno sarà rivolto a mettere a disposizione quello che, oltre gli studi, in anni di lavoro sul campo a livello internazionale ho imparato dell’arte. Il futuro della Biennale? Oggi viviamo in mondo che cambia velocemente e non so cosa succederà tra 2 anni: se guardo indietro, all’ edizione del 2017, trovo che soprattutto sul fronte della comunicazione le cose si sono evolute in maniera importante. Rimane costante un punto: non abbassare la qualità che abbiamo raggiunto e che ha fatto entrare di diritto Firenze nell’Olimpo dei migliori appuntamenti del settore, a livello internazionale.

110

FIRENZE


The courtyard’s covering seen from the upper floor terrace, ready to house the Italian-style garden


The enchanting square encircled by its imposing colonnade of the Uffizi Galleries, ph. Pasquale Paradiso


WINTER EXHITITIONS

THE LONG SEASON UFFIZI GALLERIES EXHIBITIONS, FROM THE LICENTIOUS ARETINO AND IRONIC GARZONI AND THE TEMPTATIONS OF BEZZUOLI TRA L’ ARETINO E L’IRONICA GARZONI NON POTEVANO MANCARE LE TENTAZIONI DI BEZZUOLI: LE MOSTRE AGLI UFFIZI text Rossella Battista

113

FIRENZE


1

2

1. Pietro Rosselli Lacunare marmoreo antico 2. Garzoni Giovanna Canina con biscotti ed una tazza cinese, Galleria Palatina 3. M.Soldani Benzi Vaso con manici 4. G.Garzoni Natura morta Galleria Palatina 5. G.Giacomo Caraglio Ritratto di Pietro Aretino Gabinetto dei Disegni e delle Stampe

3

4

5

Bezzuoli, Aretino, Garzoni: these three names alone would Bezzuoli, Aretino, Garzoni: basterebbero questi tre be enough to mark Florence down in the agenda of must- nomi per segnare Firenze nell’agenda dei must have... sees. Between the upcoming fall and next summer, the (seen). Tra l’autunno e l’estate prossima il Museo degli Uffizi Gallery and Palazzo Pitti offer a packed calendar of Uffizi-Pitti offre un avvicendarsi serrato di mostre dalle exhibitions, from the most curious to the lesser-known. All più curiose alle meno note. Tutte imperdibili, o quasi. are must-sees, or almost. Così, quasi a voler rinfocolare un’antica polemica, SchAs if wanting to rekindle a historic dispute, Schmidt brings midt ci porta nel cuore del Manierismo che vide conus to the heart of Mannerism, contrasting two famed Arez- trapporsi due aretini d’antan: Pietro che nasce quando zo natives: Pietro, who was born when Lorenzo the Mag- muore il Magnifico e Giorgio Vasari più giovane di una nificent died, and Giorgio Vasari, nearly 20 years younger, ventina di anni, prima amici e poi avversari. E in buona first a friend and later an adversary. This is largely because parte perché l’Aretino si era permesso di criticare, lui Aretino took it upon himself to criticize, famoso per i sonetti lussuriosi, le nudità famous for his Sonetti Lussuriosi, Michelandi Michelangelo nella Sistina. Le opiSCHMIDT gelo’s nudity in the Sistine Chapel. Their nioni continuano a divergere e Pietro opinions continued to differ and Pietro Aretino e l’arte del Rinascimento (Uffizi, BRINGS US TO Aretino and the Art of the Renaissance (Uffizi, Aula Magliabechiana, 26 novembre- 3 THE HEART Aula Magliabechiana, November 26 to marzo) sembra essere l’occasione per OF MANNERISM un viaggio nelle corti del ‘500 italiano e March 3) would seem to be the perfect occasion for a journey to Italy’s 16th-century nelle sedi papali di Giulio II, Leone X courts and papal seats of Julius II, Leo X and Clement VII, e Clemente VII, con Michelangelo, Raffaello e Tiziano. with Michelangelo, Raphael and Titian. Texts, tapestries, Testi, arazzi, disegni, quadri per mettere a confronto la drawings and paintings present a comparison between the supemazia del disegno vasariana con quella del tonalisupremacy of Vasari’s drawings and the tonalism of Are- smo dell’Aretino ormai veneziano d’adozione. tino, who had by then made his home in Venice. Non è solo un tributo alle donne in arte “La grandezza “La grandezza del universo” di Giovanna Garzoni (Pitti, An- del universo” di Giovanna Garzoni (Pitti, Andito degli dito degli Angiolini, March 6 to June 7) is more than just Angiolini 6 marzo-7 giugno). Nota più che altro come a tribute to women in the arts. Known above all as a scien- illustratrice scientifica Garzoni era anche, cosa insolita tific illustrator, Garzoni was also an extensive traveler and nel ‘600, una grande viaggiatrice e un’acuta osservatriacute observer of court life – an unusual thing for a 17th- ce delle corti che raccontava in gustosi quanto ironici century woman – recounting her observations through ritratti riuscendo a miscelare con grazia e precisione 114

FIRENZE


COVER STORY

In this page: Giuseppe Bezzuoli Above:Lorenzino dei Medici che muore pugnalato sulla piazza di San Giovanni e Paolo, Museo Civico, Pistoia Below: Eva tentata dal serpente Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti 115

FIRENZE


From top clockwise: Neo Rauch, Turmstube (2018), Sebastiano del Piombo, Ritratto femminile (1512), Gallerie degli Uffizi, Tiziano Vecellio Ritratto di Pietro Aretino (1545) Galleria Palatina


WINTER EXHIBITIONS

PAST AND PRESENT BLEND TOGETHER. TO MEET THE TASTES OF EVERYONE PASSATO E PRESENTE SI RINCORRONO. PER INCONTRARE UN PO’ TUTTI I GUSTI portraits as entertaining as they were ironic, ably blending with grace and precision oddities of the most varied places on earth with the prosperous life of the salons. Running concurrently, a key figure in 19th-century Italy is only now dedicated a solo exhibition: Giuseppe Bezzuoli (1789-1855). Un grande protagonista della pittura romantica (Uffizi, Aula Magliabechiana and Sala Detti, April 2 to July 31). Neoclassical but also rooted in the Risorgimento, Bezzuoli was one of the artists who was inspired by the past to depict the present. This was partly to rediscover Italy’s roots and partly because it wasn’t always possible to recount the facts and misdeeds of his present day without being censured. His artworks, including the celebrated Entry of Charles VIII of France into Florence and Eve Tempted by the Serpent, the latter recently restored by the Uffizi, demonstrate the great skill of this artist who taught at the Accademia, working with students like Fattori and Signorini as well as a series of foreign artists who came to Florence specifically to listen to his lessons; he inevitably crossed paths with Hayez and Ingres. Past and present blend together. “It’s a way,” emphasizes Schmidt, “to meet the tastes of everyone.” And so, running until January 12 and overlapping with the International Antiques Fair, Forged in Fire. Bronze Sculpture in Florence Under the Last Medici (Pitti, Treasury of the Grand Dukes) offers a look at Baroque sculpture by Giambologna, Foggini and the able Soldani Benzi, among others, focusing on their preparatory work, like drawings and sketches. Concurrently, Heaven in a Room. Wooden ceilings in Renaissance Florence and Rome (Uffizi, Sala Detti and Sala del Camino, December 10 – March 8) presents a series of projects and sketches that offer an overview of the experiments conducted by artists like Sangallo and Zucchi. Decidedly contemporary art but which tips its hat at figurative art: Neo Rauch. Works from 2016 to 2019 (Pitti, Andito degli Angiolini, until January 12) is dedicated to the German artist who plays with colour to recount the torments of modern society. A truly unmissable show for the most curious visitors is Ai piedi degli dei. Le calzature dal mondo classico al contemporaneo (Pitti, Museum of Costume and Fashion, December 16 to April 19), dedicated to everything, and we mean everything, you ever wanted to know about shoes. The show will feature its fair share of surprises in this discovery of modern footwear alongside historic samples.

le stranezze provenienti dai luoghi più disparati della terra con la vita agiata dei salotti. E fu un protagonista assoluto dell’800 italiano che solo ora ottiene una rassegna personale: Giuseppe Bezzuoli (1789-1855). Un grande protagonista della pittura romantica (Uffizi, Aula Magliabechiana e sala Detti 2 aprile-31 luglio) Neoclassico ma anche risorgimentale, Bezzuoli era uno di quegli artisti che per raccontare il presente si ispiravano al passato. Un po’ per ritrovare radici italiche e un po’ perché non sempre era possibile raccontare fatti e misfatti della contemporaneità senza incorrere in censure. Le sue opere, celebre l’Entrata di Carlo VIII a Firenze ma anche Eva tentata dal serpente, opera recentemente acquistata dagli Uffizi dimostrano la grande maestria di questo artista che insegnò all’Accademia, ebbe Fattori e Signorini tra i suoi allievi e una serie di artisti stranieri che venivano a Firenze apposta per seguire le sue lezioni. Inevitabile anche il confronto con Hayez e Ingres. Passato e presente si rincorrono. “Un modo _ sottolinea Schmidt _ per incontrare un po’ tutti i gusti”. Così in contemporanea con la Biennale dell’Antiquariato, ma dura fino al 12 gennaio, ecco Plasmato dal Fuoco. La scultura in bronzo nella Firenze degli ultimi Medici (Pitti, Tesoro dei Granduchi). Un excursus nella scultura barocca da Giambologna a Foggini e al virtuoso Soldani Benzi focalizzando l’attenzione sulla lavorazione preparatoria, dai disegni ai bozzetti. Mentre I cieli in una stanza. Soffitti lignei a Firenze e Roma nel Rinascimento (Uffizi, Sala Detti e Sala del Camino, 10 dicembre-8 marzo) con una serie di progetti e bozzetti apre una finestra sulle sperimentazioni dai Sangallo allo Zucchi. Arte decisamente contemporanea ma che strizza l’occhio al figurativo è Neo Rauch. Opere dal 2006 al 2019 (Pitti, Andito degli Angiolini, fino al 12 gennaio) artista della ex Germania dell’Est che gioca con macchie di colore per raccontare i tormenti dell’attualità. E davvero imperdibile, ma solo per più curiosi, Ai piedi degli dei. Le calzature dal mondo classico al contemporaneo (Pitti, Museo della Moda e del Costume, 16 dicembre -19 aprile) e cioè tutto, ma proprio tutto ciò che vorreste sapere sulle scarpe. E non mancheranno le sorprese nello scoprire calzature così moderne ai piedi dei più antichi.

117

FIRENZE


Some reconstructions of the locations suggested for the David during the meeting on January 25, 1504: the greatest minds in Florence were called to offer their opinions. At the centre, the minutes of the extraordinary gathering, opened to a quote by Leonardo da Vinci. The minutes have only been on display one other time, in Milan 80 years ago


ANNIVERSARY EXHIBITION

…THAT IT GO IN THE LOGGIA

AN EXHIBITION RECOUNTING THE EXTRAORDINARY MEETING THAT DECIDED THE FATE OF MICHELANGELO’S MASTERPIECE UNA MOSTRA RACCONTA UNA RIUNIONE IRREPETIBILE PER DECIDERE LE SORTI DEL CAPOLAVORO DI MICHELANGELO text Francesca Lombardi

January 25, 1504: while Michelangelo was working on sculpting his commission from the Opera di Santa Maria del Fiore – the giant that would go on to become the most famous David in history, nearby, seated around a table, were Leonardo, Botticelli, Perugino, Filippino Lippi, Andrea della Robbia, Antonio and Giuliano da Sangallo, Piero di Cosimo, Il Cronaca, Lorenzo di Credi and Francesco Granacci. The Opera brought them together to discuss where to place young Michelangelo’s statue… The minutes of this incredible meeting among geniuses were recorded, “an exceptional document of a unique period in Florence’s history,” says Antonio Natali, curator of the exhibition, titled “…che stia nella loggia” Leonardo, il David e l’Opera del Duomo, which for the first time in 80 years will present the document to the public. In fact, from today to November 3, the priceless multi-page document is on display to visitors, showing the pages that bear Leonardo’s opinion, in the Sala della Pietà di Michelangelo at the Opera del Duomo Museum, where 500 years ago, the David was sculpted. The space was the Opera’s historic headquarters in piazza Duomo, designed by Filippo Brunelleschi. Copies of the other pages, whose originals cannot be put on display, will accompanied by a transcription of the texts so they can be read by everyone. A video will round out the exhibition (made by Art Media Studio), which will show the various locations suggested for the David during the meeting in 1504 and a reconstruction of its transfer from the Opera’s rooms in piazza Duomo to Palazzo Vecchio. Giulio da Sangallo was the first to put forth a suggestion at the meeting, recommending the Loggia dei Signori, under the middle arch, in a position that would allow the public to observe the sculpture from all sides whilst also protecting it from the weather. “Many of those present at the meeting thought that Giuliano da Sangallo’s suggestion,” explains Antonio Natali, “was so wise and enlightened that they were all in agreement, Leonardo included…”: “I confirm, said Leonardo, “that it go in the Loggia like Giuliano said, placed above the bench on the back wall, protected and in a way that it does not disrupt official ceremonies.”

25 gennaio 1504. Mentre Michelangelo è intanto a scolpire su commissione dell’Opera di Santa Maria del Fiore il suo gigante che diventerà il David più famoso della storia, poco lontano, seduti intorno a un tavolo ci sono Leonardo, Botticelli, Perugino, Filippino Lippi, Andrea della Robbia, Antonio e Giuliano da Sangallo, Piero di Cosimo, Il Cronaca, Lorenzo di Credi e Francesco Granacci. Li ha convocati l’Opera per discutere dove collocare la statua del giovane Michelangelo… Di questa incredibile riunione di geni fu redatto un verbale, “un documento eccezionale di una stagione fiorentina irripetibile” afferma Antonio Natali, curatore della mostra dal titolo “… che stia nella loggia” Leonardo, il David e l’Opera del Duomo che per la prima volta dopo 80 anni riporta alla luce il documento. Infatti oggi, fino al 3 novembre, il prezioso documento, composto di più pagine, è di nuovo visibile aperto sulle pagine del parere di Leonardo nella Sala della Pietà di Michelangelo del Museo dell’Opera del Duomo, proprio dove, cinque secoli fa, fu realizzato il David, ovvero l’antica sede dell’Opera in Piazza Duomo, progettata da Filippo Brunelleschi. Le altre pagine, non essendo possibile presentarle in originale, saranno visibili in copie accompagnate da una trascrizione che renderà accessibile a tutti la lettura. Completerà l’esposizione un video (realizzato da Art Media Studio) che mostrerà le varie collocazioni proposte per il David durante la riunione del 1504 e la ricostruzione del trasferimento dalle stanze dell’antica sede dell’Opera in Piazza Duomo fino a Palazzo Vecchio. Tra i vari pareri espressi nel corso della riunione sarà per primo Giuliano da Sangallo a proporre la Loggia dei Signori, nell’arco di mezzo, in una posizione arretrata in modo che sia possibile girargli attorno e vederla da tutti i lati,mantenendola al tempo stesso riparata dalle intemperie . “A molti dei convenuti a quell’incontro il giudizio di Giuliano da Sangallo, spiega Antonio Natali, suonò a tal segno saggio e illuminato da convincerli a una condivisione risoluta. Leonardo incluso…”: “Io confermo - dice Leonardo - che stia nella loggia dove à detto Giuliano in su el muricciuolo dove s’appichano le spalliere allato al muro chon ornamento decente et in modo non guasti le cerimonie delli ufficii”.

119

FIRENZE


130 works illustrating the career of this tireless painter, sculptor and decorator 120

FIRENZE


ART EXHIBITION

GONCHAROVA AT PALAZZO STROZZI NATALIA GONCHAROVA: AN UNCOMMON WOMAN WHO DEDICATED HER LIFE TO ART AND UNITED TWENTIETH-CENTURY EUROPEAN ARTISTIC CURRENTS NATALIA, UNA DONNA CONTROCORRENTE CHE VISSE PER L’ARTE E CHE UNÌ L’EUROPA DEI MOVIMENTI ARTISTICI DEL ‘900 text Rossella Battista

The exhibition hadn’t even opened when it began to create a scandal on social media due to censorship of the naked breasts of a painted model. But Natalia Goncharova (1881-1962) would have smiled in the face of such an accusation, having being on the receiving end of many similar ones. A strong woman, is how Arturo Galansino, curator of Palazzo Strozzi, describes her, closing the year 2019 with a major retrospective of the work of this artist who was born in Russia but chose to become a citizen of the world. The major exhibition, Natalia Goncharova: A woman of the avant-garde with Gauguin, Matisse and Picasso (September 28 - January 12), shared with the Tate Modern in London, includes 130 works illustrating the career of this tireless painter, sculptor and decorator, known among the Russians as the amazon of the Russian avant-garde; Galansino remarks that “She was the first great woman of the modern age, and lived a decidedly unconventional life. She was a woman who managed to live for her art, coming up with an original blend of tradition and innovation, east and west”. Looking at her works, from the futuristic Cyclist to the impressionistic Peasants at work or the Matisse-like Peasant women, we can identify all the key movements of the early twentieth century, alternating and trading places. Her work seems to move with the lightness of Gauguin’s Post-Impressionistic curiosity, allowing itself to be absorbed by Matisse’s Fauvism without slipping into the more cynical form of Expressionism or disappearing into geometric prisms in the style of Picasso’s Cubism. And above all, Gonchalova allowed her work to be forged by light and its effect on objects. She is the artist most closely associated with Rayonism, the Russian response to Italian Futurism, whose adherents included Chagall and Malevic. And, in fact, she and Michael Larionov, who was the same age as her and her lifetime companion, though the pair did not marry until late in life, wrote a Rayonist Manifesto along the lines of Marinetti’s manifesto. Gonchalova was a woman who was never afraid of experimenting, going from one style to another, even including static icons, which she later abandoned for a more touching form of figurative art. Though she started out studying sculpture, Larionov convinced her to opt for painting,

Non era neanche iniziata che aveva già creato scalpore sui social media con tanto di censura dei seni nudi di una modella dipinta. Ma Natalia Goncharova (1881-1962), avrebbe sorriso senza scomporsi di un centimetro, di accuse simili ne aveva accumulate diverse. Donna forte, la descrive Arturo Galansino, il direttore di Palazzo Strozzi che ha voluto chiudere il 2019 con questa grande retrospettiva dedicata all’artista russa di nascita, ma cittadina del mondo per scelta e vocazione. Una grande mostra, Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie, tra Gauguin, Matisse e Picasso (28 settembre - 12 gennaio) condivisa con la Tate Modern di Londra e che attraverso 130 opere ci fa scoprire l’incessante ricerca di questa pittrice, scultrice, decoratrice che i suoi connazionali definiranno l’amazzone delle avanguardie russe e che Galansino ribadisce: “È stata la prima grande donna della modernità, con una vita decisamente anticonvenzionale. Una donna che ha saputo vivere per l’arte, creando un’originale fusione tra tradizione e innovazione. Oriente e Occidente”. Guardando le sue opere infatti, dal futurista Ciclista all’impressionista Contadini al lavoro o al matissiano Contadine gli stili protagonisti del primo Novecento sembrano rincorrersi, alternandosi, scambiandosi di ruolo. La sua ricerca sembra muoversi con la leggiadrìa della curiosità dal Post Impressionismo alla maniera di Gauguin lasciandosi assorbire dal Fauvismo di Matisse senza mai però scivolare nel più cinico Espressionismo fino a lasciarsi scomporre in prismi geometrici alla maniera del Cubismo picassiano. Ma soprattutto si lascia forgiare dalla luce e dagli effetti che questa produce sugli oggetti. È lei infatti che legherà il proprio nome al Raggismo. La declinazione russa del Fututurismo italiano a cui aderirono, tra gli altri, anche Chagall e Malevic. E infatti, lei e il coetaneo compagno di tutta la vita Michael Larionov, che sposerà solo pochi anni prima della morte, stileranno il Manifesto del Raggismo sulla falsariga dell’omonimo di Marinetti. Una donna che non ha mai avuto paura di sperimentare, passando da uno stile all’altro, comprese le statiche Icone che poi abbandonerà per un più toccante figurativo. Benché avesse iniziato studi di scultura fu proprio Larionov che la convinse a optare per la pittura avendone intuito le grandi potenzialità fin da

121

FIRENZE


COVER STORY

A major exhibition shared with the Tate Modern in London recognising her great potential when, aged just over twenty, she joined the Golden Fleece group of artists with Larionov and Malevic. She travelled about Europe and chose to live in Paris starting in 1915, casting down her roots there, though she often travelled in Italy and returned frequently to Florence and Rome. The purpose of all her travels was collecting new ideas, and experimenting; she didn’t settle for painting alone, but played an important role as a designer for the Russian Ballet, working on stage costumes and scenery in close partnership with Djagilev. In the course of her multi-faceted career Gonchalova also worked with Coco Chanel and with fashion magazines Vogue and Vanity Fair, while maintaining ties with her countrymen of the Jack of Diamonds.And yet, though Goncharova more than many others exemplifies the indissoluble fil rouge which, much more than we might think, tied together that great ferment of ideas and movements all over Europe, from the Blaue Reiter – which she joined in ‘26 – to Cubism and Fauvism, she has been practically forgotten in art history, and not only because she left all her artworks to Russia, but also because, as Galansino reminds us, women’s art is often condemned to oblivion. The curator of Palazzo Strozzi is attempting to make up for this gap by focusing on female figures who have undeniably made their mark on the history of art, such as Marina Abramovic, featured in a 2018 exhibition. “We can work outside of the usual schemes,” confirms Galansino, remarking that “Exhibiting Gonchalova was and still is taking a chance, seeing as the general public doesn’t know her”. But the exhibition at Palazzo Strozzi comparing her work with that of such famous artists as Gauguin, Matisse and Picasso restores her rightful place as one of the greatest artists of the 20th century.

quando, poco più che ventenne, entrò a far parte del gruppo di artisti Il Vello d’Oro con Larinov e Malevic. E iniziò a viaggiare per l’Europa scegliendo poi di vivere, a partire dal 1915, a Parigi. Città dove metterà definitivamente radici anche se viaggiò a lungo anche in Italia con ripetuti soggiorni a Firenze e Roma. Ogni suo spostamento tuttavia era sempre finalizzato a raccogliere nuove idee, a sperimentare. Non si accontenta infatti solo di dipingere, ma avrà anche un ruolo fondamentale negli allestimenti del Balletto Russo per cui disegnerà, in stretta collaborazione con Djagilev, costumi di scena e scenografie. Una figura poliedrica che collaborerà anche con Coco Chanel e con le riviste di moda Vogue e Vanity Fair riuscendo a rimanere legata anche ai connazionali del Fante di Quadri. Eppure, benché meglio di altri Goncharova esprima un indissolubile fil rouge che univa quel gran fervore di idee e movimenti che dal Blaue Reiter - a cui peraltro aderisce nel ‘26 - al Cubismo e al Fauvismo tutta l’Europa, ben più di quanto si possa immaginare, è stata una figura pressoché dimenticata dalla storia dell’arte e non solo perché tutte le sue opere, per volontà testamentaria, furono donate alla Russia, ma anche perché l’arte al femminile, ricorda Galansino ha subito spesso la condanna dell’oblìo. Un vuoto che il direttore di Strozzi sta colmando dando spazio a figure femminili che indubbiamente lasciano il segno, come Marina Abramovic a cui è stata dedicata la mostra del 2018. “ Si può lavorare fuori dai solchi tracciati” conferma Galansino rimarcando che “Proporre Gonchalova era e resta una scommessa, visto che non è così nota al grande pubblico”. Ma la mostra di Strozzi, che pone a confronto le sue opere con quelle di artisti come Gauguin, Matisse, Picasso la ricolloca tra i grandi protagonisti del ‘900.

122

FIRENZE


Looking at her works, from the futuristic Cyclist to the impressionistic Peasants at work or the Matisse-like Peasant women, we can identify all the key movements of the early twentieth century, alternating and trading places


From above clockwise: Being with no end by Maudie Brady, Corinne by Anastasia Pollard, Achille by Roberto Ferri, Family portrait by Kate Kehman


ART EXHIBITION

THE REDISCOVERY OF FIGURATIVE ART PAINTBRUSHES AND CHISELS FACE THE CHALLENGE AT VILLA BARDINI CORPO A CORPO: HAND-TO-HAND AMONG ARTISTS FROM ALL OVER THE WORLD UNA SFIDA DI PENNELLI E SCALPELLI A VILLA BARDINI UN CORPO A CORPO TRA ARTISTI DI TUTTO IL MODO text Rossella Battista

Their faces are modern, their expressions indolent and rather cynical: they are clearly people of the third millennium, though the style of the brushstrokes appears older. Corpo a Corpo, the exhibition curated by Carlo Sisi at Villa Bardini (October 26 - January 12), is the first celebration of Florence’s status as an outstanding centre of education in the figurative arts. Since two American painters, Charles H. Cecil and Daniel Graves, opened their first Art School in 1991, to which others have been added over the years, Florence has once again become a magnet attracting young artists from all over the world. As demonstrated by the 35 works on exhibit, paintings and sculptures from 12 different countries, from Australia to China, from Russia to Israel, Sweden, the United States and, of course, Italy, underlining the international nature of a genre that is undergoing a revival here, in the cradle of the Renaissance. Whether in the style of Florentine drawing or Titian’s subtlety of tone, figurative art has never actually gone away, though it has often been relegated to the narrow, though prestigious and remunerative, role of official portraiture. Official, as in portraits of heads of state, popes, sovereigns and nobles, but also of great stars: a genre that only apparently belongs to the past. The exhibition, held with the support of Cassa di Risparmio, offers an opportunity to compare a number of different works and understand how the figurative genre has managed to evolve without betraying its primary vocation of portraiture, combining different states of mind and realism using plastic colours or forms that emphasise above all the most intimate expressiveness of the subject portrayed with recognisable faces, employing a vast, original range of different techniques and colouring effects. There’s a whole world out there to be discovered, as was the case for the two young American artists, heirs to a legacy that was hard to match, that of one of the great protagonists of modern figurative art, Pietro Annigoni, who passed away in 1988, only three years before they opened their school. It is only appropriate that the exhibition should be held in the building housing Museo Annigoni, the museum dedicated to the painter’s work.

I volti sono moderni, le espressioni indolenti e un po’ ciniche dei protagonisti del terzo millennio, mentre le pennellate richiamano l’antico. Con Corpo a Corpo, la mostra curata da Carlo Sisi e allestita a Villa Bardini (26 ottobre-12 gennaio) si celebra per la prima volta Firenze come centro di eccellenza nella formazione delle arti figurative. Dal 1991, quando infatti due pittori americani, Charles H. Cecil e Daniel Graves aprirono la loro prima Scuola d’Arte a cui negli anni se ne sono aggiunte altre, Firenze è tornata a essere una calamita per giovani artisti di tutto il mondo. Esempio ne sono le 35 opere esposte tra dipinti e sculture che provengono da ben 12 Paesi diversi, dall’Australia alla Cina, dalla Russia a Israele, Svezia, Stati Uniti e naturalmente l’Italia come a voler rimarcare l’internazionalità di un genere che trova nella culla del Rinascimento la sua fonte rigeneratrice. Che si tratti di valorizzare il disegno alla maniera fiorentina o il tonalismo come avrebbe fatto Tiziano, l’arte figurativa in realtà non ha mai avuto battute d’arresto anche se spesso è stata relegata nel ruolo stretto, ancorché spesso fonte di notorietà e di lauti guadagni, della ritrattistica ufficiale. E per ufficiale si intendono i ritratti a capi di stato, papi, regnanti e nobili ma anche personaggi dello star system. Un genere che solo apparentemente sembra ancorato al passato. La mostra, sostenuta dalla Cassa di Risparmio, offre invece la possibilità di capire, mettendo a confronto opere diverse, come anche il genere figurativo possa evolversi senza tradire la sua vocazione primaria che è quella di ritrarre riuscendo a combinare stati d’animo e realismo usando colori o forme plastiche che enfatizzino soprattutto l’espressività più intima del soggetto raffigurato attraverso volti riconoscibili. Un ventaglio ampio e originale di tecniche ed effetti coloristici diversi. Un mondo tutto da scoprire dunque come lo fu per i due giovani artisti americani che si trovarono a raccogliere un’eredità pesante, quella di uno dei protagonisti del figurativo moderno, Pietro Annigoni, che era scomparso solo tre anni prima nell’88. Non è un caso dunque che la mostra sia allestita nello stesso edificio che ospita anche il Museo Annigoni.

125

FIRENZE


COVER STORY

Isabelle Huppert in Mary said what she said

ON STAGE!

THE BEST OF THE NEW THEATRICAL SEASON IN FLORENCE LA NUOVA STAGIONE TEATRALE A FIRENZE, GLI APPUNTAMENTI CULT A PARTIRE DALL’AUTUNNO text Maria Lardara

Open the curtain! The first signs of autumn will resonate throughout the great theaters of Florence, warming them up with a packed programme of concerts, shows and operas. Here is a selection of the most interesting of the new season, with an assortment of both classic and international pieces. MAGGIO MUSICALE FIORENTINO Emotional and timeless masterpieces at the Florence opera house, the highlights of the 2019-2020 opera and ballet season include Fernard Cortez by Gaspare Spontini, opening the curtain on October 12, 16, 20 and 23 with the maestro Fabio Luisi on the podium, and Cecilia Ligorio as director. Giacomo Puccini makes a grand return with the triptych Il Tabarro/Suor Angelica/Gianni Schicchi (November 15, 17, 20 and 23) with the maestro Valerio Galli and Denis Krief as director. Verdi’s Rigoletto will follow, directed by Renato Palumbo on November 16, 19, 22, 24 and 26. There will also be dance with the new choreographic production by the Compagnia Nuovo Balletto di Toscana (December 15, 18,

Su il sipario! Le prime note dell’autunno risuoneranno sul palcoscenico del grande teatro di Firenze riscaldandolo con un nutrito cartellone di concerti, spettacoli e opere. Ecco una selezione delle proposte più interessanti per la nuova stagione che verrà, declinate secondo canoni più classici oppure con un timbro più internazionale. MAGGIO MUSICALE FIORENTINO Emozioni e capolavori senza tempo nella casa dell’opera di Firenze con gli highlight della stagione lirica e balletto 2019-2020. È Fernard Cortez di Gaspare Spontini ad aprire il sipario il 12, 16, 20 e 23 ottobre. Sul podio il maestro Fabio Luisi, regia firmata da Cecilia Ligorio. Grande ritorno di Giacomo Puccini con il trittico Il Tabarro/Suor Angelica/Gianni Schicchi (15, 17, 20 e 23 novembre) diretto dal maestro Valerio Galli con la regia di Denis Krief. Segue Rigoletto di Verdi, diretto da Renato Palumbo (16, 19, 22, 24, 26 novembre). È poi la volta del balletto con la nuova produzione coreografica della  Compagnia Nuovo Balletto di Toscana (15, 18, 20, 28 dicembre, 2 e 4 genna-

126

FIRENZE


1

2 1

1. 3. 4. Rigoletto 2. Zubin Mehta 5. Fabio Luisi

4 1

5 1

3 1


Above: Christian De Sica in Christian racconta Below: I giganti della montagna, directed by Gabriele Lavia, also on stage 128

FIRENZE


Above: Supermarket Below: Cenerentola 129

FIRENZE


Angela Finocchiaro in Ho perso il filo

20, 28 and January 2 and 4). Shen Yun is the Chinese dance performance that will animate the stage during the Christmas period (December 27, 28, 29 and 30). Rinaldo di Händel will follow (March 22, 26, 28, April 1 and 3), directed by Pier Luigi Pizzi with maestro Federico Maria Sardelli conducting. There will be four works in the repertoire: Carmen (October 13, 15, 17, 18, 19, 22 and 25), Rigoletto (November 16, 19, 21, 22, 24, 26 and 27), La Bohème (December 14, 17, 19, 21 and 29, January 3 and 5) and La Traviata (February 22, 25 and 27; March 1, 3, 5, 27, 29 and 31 and April 2). TEATRO DELLA PERGOLA An international wind is blowing on the Pergola stage. Isabelle Huppert opens the season with Mary Said What She Said, directed by Bob Wilson, inspired by the biography of Maria Stuarda; running from October 11 to 13. The 2019/2020 season brings a big hit with thirteen productions and nine national premiers. Gabriele Lavia directs and interprets the giants of Pirandello’s I giganti della montagna (from October 24 to November 3). Don’t miss the latest work by Maurizio Scaparro, Memorie di Adriano (from November 5 to 10). Then it is Silvio Orlando’s turn on stage with Si nota all’imbrunire (November 12-24) with and by Lucia Calamaro. Shakespeare’s The Tempest is a large production by the Teatro Biondo di Palermo, directed by Roberto Andò and Renato Carpentieri; running December 3 to 8. At the height of the Christmas festivities, Andò will direct Ditegli sempre di sì by De Filippo (December 27 to January 5), while Valerio Binasco directs Natalino Balasso in The Servant of Two Masters by Goldoni (January 21 to 26). Finally, Ferzan Özpetek, brings “his” Loose Cannons to the stage

io). Shen Yun è lo spettacolo di danza cinese che animerà il teatro durante le festività (27, 28, 29 e 30 dicembre). Appuntamento, più avanti, con Rinaldo di Händel (22, 26, 28 marzo, 1 e 3 aprile), regia di Pier Luigi Pizzi: sul podio il maestro Federico Maria Sardelli. Quattro le opere di repertorio: Carmen (13, 15, 17, 18 19, 22 e 25 ottobre), Rigoletto (16, 19, 21, 22, 24, 26 e 27 novembre), Bohème (14, 17, 19, 21 e 29 dicembre, 3 e 5 gennaio), La traviata  (22, 25 e 27 febbraio; 1, 3, 5, 27, 29, 31 marzo e 2 aprile). TEATRO DELLA PERGOLA Sul palco della Pergola soffia un vento internazionale. L’apertura della stagione è affidata a Isabelle Huppert diretta da Bob Wilson in Mary said what she said ispirato alla biografia di Maria Stuarda (dall’ 11 al 13 ottobre). Guarda ai giovani la stagione 2019/2020 che porta in scena tanti big, con tredici produzioni e nove prime nazionali. Gabriele Lavia dirige e interpreta I giganti della montagna di Pirandello (dal 24 ottobre al 3 novembre). Da non perdere l’ultima fatica di Maurizio Scaparro, Memorie di Adriano (dal 5 al 10 novembre). Poi è la volta di Silvio Orlando in scena con Si nota all’imbrunire (dal 12 al 24 novembre) di e con Lucia Calamaro. La Tempesta di Shakespeare, ampia produzione del Teatro Biondo di Palermo, per la regia di Roberto Andò con Renato Carpentieri ci aspetta dal 3 all’8 dicembre. A cavallo delle festività natalizie sempre Andò firma la regia di Ditegli sempre di sì di De Filippo (dal 27 dicembre al 5 gennaio), mentre Valerio Binasco dirige Natalino Balasso in Arlecchino servo di due padroni di Goldoni (dal 21 al 26 gennaio). E poi Ferzan Özpetek che porta a teatro le “sue” Mine vaganti (dal 31 marzo al 5 aprile).

131

FIRENZE


Compagnia Nuovo Balletto di Toscana

from March 31 to April 5. TEATRO PUCCINI The season opens with an all-female production of Ho perso il filo with Angela Finocchiaro (October 31 and November 1). Massimo Popolizio is behind Furore, based on Steinbeck’s novel The Grapes of Wrath (December 13 and 14). There will be laughter and poetry in Supermarket, a nonmusical made up of nine actors and a musical performance of original songs (January 17 and 18). Rocco Papaleo is also on the programme with Coast to Coast (March 6 and 7), and the world of women is recounted by Lella Costa in Se non posso ballare... from Serena Dandini’s Catalogo delle donne valorose (March 27 and 28). TEATRO VERDI This theater in the historic Santa Croce neighborhood is now in its 22nd season. The curtain opens with Burattino senza fili directed by Maurizio Columbani, with the soundtrack by Edoardo Bennato (from October 31 to November 3). Primi ballerini, soloists and a dance troupe from Rome City Ballet Company bring Cinderella to life (November 15). Hands up those who do not remember the famous Full Monty film: Luca Ward and Paolo Conticini adapt the film for the stage under the direction of Massimo Romeo Piparo (December 4 to 8). On December 19, the stage is set for Christian De Sica and Christian racconta. The theater will again host a music, a tried and tested recipe at the Verdi: Balliamo sul mondo, the musical by Luciano Ligabue and Chiara Noschese, focuses on the discography of the rocker Correggio (December 21 and 22). The first show of the spring will be a comedy show by Massimo Lopez and Tullio

TEATRO PUCCINI Debutto di stagione tutto al femminile con Angela Finocchiaro, protagonista di Ho perso il filo (31 ottobre e 1 novembre) mentre poi Massimo Popolizio firma Furore tratto dal romanzo di Steinbeck (13 e 14 dicembre). Risate e poesia per Supermarket, un non-musical costruito con nove attori e una partitura di canzoni originali (17 e 18 gennaio). In cartellone anche Rocco Papaleo con Coast to coast (6 e 7 marzo), infine l’universo femminile raccontato da Lella Costa con Se non posso ballare… tratto dal Catalogo delle donne valorose di Serena Dandini (27 e 28 marzo). TEATRO VERDI Ventiduesima stagione per il teatro situato nello storico quartiere di Santa Croce. Il sipario s’apre con Burattino senza fili diretto da Maurizio Colombi con la colonna sonora di Edoardo Bennato (dal 31 ottobre al 3 novembre). Primi ballerini, solisti e corpo di ballo animano lo spettacolo Cenerentola targato Roma City Ballet Company (15 novembre). Alzi la mano chi non ricorda la celebre pellicola Full Monty: Luca Ward e Paolo Conticini riadattano la pellicola in una versione scenica firmata dal regista Massimo Romeo Piparo (dal 4 all’8 dicembre). Il 19 dicembre il palco è tutto per Christian De Sica con Christian racconta. Si rinnova l’appuntamento con il musical, ingrediente di successo ormai collaudato al Verdi: con Balliamo sul mondo arriva il musical firmato da Luciano Ligabue e Chiara Noschese incentrato sulla discografia del rocker di Correggio (21 e 22 dicembre). Primo scorcio di primavera all’insegna della comicità con lo show che porta sul palco Massimo Lopez e Tullio Solenghi (12 marzo).

132

FIRENZE


Rocco Commisso, born in Maria di Gioiosa Ionica, immigrated to the United States at age 12. He is the founder, chairman and CEO of Mediacom, and since June 2019, the owner of the Italian football club Fiorentina


SPORT INTERVIEW

MY NAME IS ROCCO

THE NEW OWNER OF FIORENTINA TALKS ABOUT HIS PASSION FOR FOOTBALL, SPARKED IN CALABRIA AND FOSTERED IN THE BRONX IL NUOVO PROPRIETARIO DELLA FIORENTINA RACCONTA LA SUA PASSIONE PER IL CALCIO NATA IN CALABRIA E CRESCIUTA NEL BRONX text Teresa Favi - photo violachannel.tv

The first evening he arrived in Florence, Fiorentina fans welcomed him with a serenade under the windows of the Hotel Savoy. Rocco Commisso, 69 years old, is the new owner of Fiorentina and one of the richest football club owners in the world. Born in Marina di Gioiosa Ionica, in Calabria, in 1962, he immigrated to Pennsylvania at 12 years old with his mother and sisters to join their father, who was working as a carpenter, and older brother. After a year, the entire family moved to the Bronx, in New York. Though he didn’t know a word of English when he arrived in the United States, he earned a scholarship to study at Columbia University, where he got his Bachelor’s and Master’s degrees. He is still deeply tied to the school, and in 2013, the university named their football stadium after him. Following Columbia, he began his rapid rise through the ranks of Finance. He worked at JP Morgan and the Royal Bank of Canada before launching his own business. He founded Mediacom from nothing in 1995, today one of the largest telecommunications companies, headquartered in New York. Commisso is a genuine, direct man. He is truly self-made. Still today, he maintains his spirit of a Calabria native raised in the Bronx. When did you first fall in love with football? Which player made inspired your passion for the sport? I played around with a ball when I lived in Calabria; it was the only sport possible. I was seven or eight years old. In the winter, the kids in my town would play in front of the train station, and in the summer, we would move to the beach. At the time, I was a Juventus fan. This was the era of Sivori, Charles, Boniperti and Nicolai. My interest began with them, the best players. What was it like when you moved to the United States? When I arrived in Pennsylvania from Calabria, it was the first year of my life that I only studied. That year, I played three sports: baseball, football and basketball. I

La prima sera che è arrivato a Firenze, i tifosi della Fiorentina lo hanno accolto con una serenata sotto le finestre dell’hotel Savoy. Rocco Commisso, 69 anni, è il nuovo proprietario della Fiorentina. Nato a Marina di Gioiosa Ionica, in Calabria, nel 1962, dodicenne emigra in Pennsylvania con la madre e le sorelle per raggiungere il padre che faceva il falegname e il fratello più grande. Dopo un anno, tutta la famiglia si trasferisce a New York, nel Bronx. Quanto a lui, arrivato senza sapere una parola d’inglese, grazie a una borsa di studio ha preso due lauree alla Columbia University a cui è rimasto legatissimo: l’Università nel 2013 gli ha intitolato il proprio stadio di calcio. Dalla Columbia University, la rapida ascesa nel mondo della finanza. Lavora a JP Morgan, alla Royal Bank of Canada, si lancia negli affari. Quello della vita si chiama Mediacom, fondato da zero nel 1995 e oggi è una delle più grandi compagnie di telecomunicazioni con sede nello stato di New York. Commisso è un uomo genuino, diretto, senza maschera. Un self made man, che ha mantenuto fino ad oggi l’autenticità del ragazzo calabrese cresciuto nel Bronx. Quando si è innamorato del calcio? Qual è il giocatore che l’ha fatta appassionare a questo sport? Già in Calabria tiravo calci al pallone, era l’unico sport possibile. Avevo sette, otto anni. D’inverno, coi ragazzini del paese giocavamo davanti alla stazione, d’estate in spiaggia sulla sabbia. All’epoca tifavo per la Juventus. Erano i tempi di Sivori, Charles, Boniperti, Nicolai. Ho iniziato ad appassionarmi al calcio grazie a loro, erano i più bravi. Come è andata, poi, quando è arrivato negli Stati Uniti? Quando sono arrivato in Pennsylvania dalla Calabria, è stato il primo anno in vita mia che ho studiato e basta. In quell’anno ho provato tre sport, il baseball, il calcio e dopo il basket. Il calcio mi piaceva di più. Poi ho cominciato a lavorare e di sport serio non ne ho fatto più fino al college.

135

FIRENZE


COVER STORY

Rocco Commisso on the field at the Artemio Franchi Stadium in Florence

liked football the most. I then began working and didn’t Lavorava e studiava? play any sports seriously until I got to university. Sì, per pagare la retta annuale della scuola. Dai quattorDid you work and study at the same time? dici ai diciassette anni lavoravo quaranta ore a settimaYes, to pay my tuition fees. From 14 to 17 years old, I na con mio fratello, il maggiore, che gestiva una tavola worked 40 hours a week with my older brother, who calda. Poi nella pizzeria che lui ha aperto dopo un po’ managed a diner. Then I worked in the pizzeria that he di tempo sulla 238esima strada. Si chiamava Pizza Time. later opened on 238th street. It was called Pizza Time. It La prima nel Bronx a fare consegne a domicilio. L’unico was the first in the Bronx to do delivery. My only hobby svago era il calcio. Mi piaceva, ero forte con il pallone tra was football. I liked it and I was good at it. It helped me i piedi. Mi ha aiutato ad andare avanti negli studi. keep going with my studies. Quando è entrato alla Columbia University? When did you begin Columbia A diciassette anni. University? Alla Columbia in che ruolo gioca“THE MOST I was 17 years old. va? What position did you play at CoGiocavo in difesa, numero cinque. IMPORTANT VALUE lumbia? Ma poi giocai all’attacco, nell’ultimo IN MY LIFE I was defense, number 5. But I also anno, e segnai tanti goal anche se gli IS LOYALTY” played offense my last year, and americani erano più alti e robusti. I scored a lot of goals, even if the Quali sono stati gli anni più belli Americans were taller and brawnier. dell’Università? What were the best years of your time at university? Gli anni undergraduate in cui giocavo tantissimo a calcio My undergraduate years, when I played a lot of football e durante i quali ho conosciuto tutti gli amici che ho and when I met all the friends I still have today. ancora adesso. What is the most important value that has guided you Qual è il valore più importante che ha guidato la sua in your career? carriera? Dedication to work…and being loyal. Loyalty. These va- La dedizione al lavoro... ed essere molto leale. La lealtà. lues dictate the rules at my company. I like to think that Questi valori dettano le regole anche nella mia azienda. if you take care of me, I’ll take care of you. I would like Mi piace pensare che se tu ti prendi cura di me, io mi to bring this philosophy to Fiorentina. prendo cura di te. Vorrei portare questa filosofia nella 136

FIRENZE


Some photos of the thrilling euphoria of the first Fiorentina games under the auspices of the new owner. Above, left: Rocco Commisso and his wife Catherine


A married father of two, Commisso lives in Saddle River, New Jersey

Do you think you will have to dedicate a lot of time to Fiorentina ‘Take care of me and I’ll take care of you’. Pensa che dovrà dedicare molto tempo alla Fiorentina? Fiorentina? At the beginning, I didn’t think so, but now it’s taking All’inizio pensavo di no, ma adesso sta prendendo il up 98% of my time. I just started. Everything is new to 98% del mio tempo. Ho appena iniziato, è tutto nuovo me, this is Italy, the culture is different… I had to sign per me, siamo in Italia, la cultura è diversa… ho dovuto more legal papers in this business deal here in Italy firmare più carte legali in questa operazione in Italia di than I’ve had to sign in my entire life! But that’s the quante ne ho firmate in tutta la mia vita! Ma è il sistema italiano. Italian system. What was the first thing you did when you arrived in Qual è stata la prima cosa che ha fatto quando è arrivato a Firenze? Florence? Trent’anni fa regalai a mia moglie Thirty years ago, I gave my wife a un anello che avevo comprato in ring that I had bought from a jewel“TAKE CARE OF ME una gioielleria sul Ponte Vecchio. ry shop on the Ponte Vecchio. She Lei poi l’ha perduto. La prima cosa lost it later on. The first thing I did AND I’LL TAKE che ho fatto quando siamo tornati when we came back to Florence CARE OF YOU” a Firenze, le ho detto che le volevo was tell her that I wanted to get her THIS IS MY MOTTO fare un regalo, e siamo andati a ria gift, so we went to buy another comprare l’anello che aveva perso. version of the ring she lost. Cosa pensa di questa città? What do you think of this city? Florence is truly an international capital. It’s known all Firenze è davvero una capitale internazionale, è conoover the world as the city that best represents Italian sciuta in tutto il mondo come città che rappresenta il meglio della cultura italiana. culture. Un sogno per Firenze e per la Fiorentina? A dream for Florence and Fiorentina? I won’t promise anything. I dream of investing in Italy. Non prometto nulla. Sogno di investire in Italia, gli inThe investments I want to do are smart, and I don’t need a vestimenti che voglio fare sono intelligenti e non devo bank. Let’s see what happens. We will try to resolve the is- chiedere conto a nessuna banca. Vediamo cosa succede, sues with the infrastructure. I’m 69 years old, I don’t expect cerchiamo di risolvere gli aspetti alle infrastrutture. Ho to live another 10 years, so I want to do everything quickly. 69 anni, non ne aspetterò altri 10, voglio fare veloce. 138

FIRENZE


“You don’t k now w ha t y ou’re missin’ if you nev er l ook a round ” P a ul St a nl ey - K i s s

Piazza Di Sa n G i ov a nni 1-R

www.moveonfirenze.com


Here: a view of Tignanello vineyards, just in the Chianti Classico area, property of the Antinori family Next page: faรงade of Palazzo Antinori in the center of Florence (ph. Lorenzo Cotrozzi)


VINEYARDS IN THE CITY

WINE IS A FAMILY MATTER IN FLORENCE. ITINERARY AMIDST HISTORICAL BUILDINGS, GOURMET SITES AND COUNTRY ESTATES IL VINO A FIRENZE È UNA QUESTIONE DI FAMIGLIA. ITINERARIO TRA PALAZZI STORICI, LUOGHI DEL GUSTO E TENUTE IN CAMPAGNA text Teresa Favi


The garden of Palazzo Frescobaldi, in the Oltrarno neighbourhood, where stends out the bell tower of the church of Santo Spirito


The Perano estate and vineyards, property of the Frescobaldi family in Gaiole in Chianti

In no other city in the world is wine a family matter as In nessuna città al mondo il vino è una questione di fait is in Florence, where we count the largest number of miglia come a Firenze, dove ad oggi si concentra il maghistorical families associated with wine, which have run gior numero di famiglie storiche del vino, attive senza the business without interruption, and still reside in soluzione di continuità, e ancora residenti nel palazzo their family homes. By historical we mean that some of avito. E attenzione, storiche vuol dire che in alcuni casi them have been wine producers for about a thousand si produce vino da mille anni o giù di lì. Fra queste, ci years. Their ranks include the most renowned names in sono i più bei nomi del vino toscano, famiglie che dalle the Tuscan wine scene, families that, over the years, have campagne sono assurte nel tempo all’Olimpo nobiliare risen from country life to the Olympus of Florence’s fiorentino. Dunque, nel centro di Firenze, la storia del aristocracy. Hence, the history of wine involves 7 fami- vino si intreccia con quella di 7 famiglie e dei loro bellies and their impressive palazzos in the lissimi Palazzi. heart of Florence. Quanto a lei, Firenze appunto, sembra Indeed, Florence came to light in sym- FLORENCE CAME essere nata in simbiosi con il vino. Basta biosis with wine. Close observation of salire su un’altana o un campanile per TO LIGHT the surrounding ring of green hills from scorgere, affondato lo sguardo nell’anelIN SYMBIOSIS a rooftop terrace called altana or a bell lo di colline verdi che la circondano, le WITH WINE tower reveals the fabric-like weave of tessiture dei vigneti che si fanno largo vineyards that stand out amidst rows of tra filari di cipressi, poderi, ville di camcypress trees, farmland, country villas and Romanesque pagna e chiese romaniche. In città anche i nomi delle churches. Even the city’s street names recall this: via strade ce lo ricordano: via della Vigna Vecchia, via della della Vigna Vecchia, via della Vigna Nuova, viuzzo del- Vigna Nuova, viuzzo delle Vigne. La vigna vecchia era le Vigne. The old vineyard was owned by monks at the quella dei monaci della badia fiorentina, quella nuova faFlorentine abbey. The new one, instead, belonged to the ceva invece capo ai religiosi di San Pancrazio, oggi è l’ereligious order of St. Pancras. Today it is the famous el- legante strada della moda che tutti conoscono, adiacente egant fashion street adjacent to via de’ Tornabuoni. And a via de’ Tornabuoni. E ancora il viuzzo delle Vigne e via again, we find viuzzo delle Vigne and via Vinegia, behind Vinegia, dietro Palazzo Vecchio, che devono il nome alla Palazzo Vecchio, which are named after an ancient inn’s mescita di vino di un’antica locanda. Quando camminawine cellar. Take a stroll along the city centre, and look te per le vie del centro, aguzzate la vista e sicuramente 143

FIRENZE


WINE ITINERARY

THE HISTORY OF WINE INVOLVES 7 FAMILIES AND THEIR IMPRESSIVE PALAZZOS IN THE HEART OF FLORENCE QUI LA STORIA DEL VINO SI INTRECCIA CON QUELLA DI 7 FAMIGLIE E DEI LORO BELLISSIMI PALAZZI carefully to notice the small aediculae at the street level of ancient buildings. These shrines closed by a wooden door are called buchette del vino. They were invented by Florentine aristocracy to distribute wine from the tap to passers-by in the 15th-16th centuries. Almost all these families produced wine, either directly or indirectly, at the time.   But let’s take a closer look at the families and their palazzos. Beautiful Palazzo Antinori, the current residence of Piero Antinori, father of Tignanello and Solaia, stands out in piazza Antinori, a small enclave in via de’ Tornabuoni. The family expresses its refined hospitality in the historical restaurant Cantinetta Antinori situated on the ground floor of this 15th century building, which was one of the most beautiful at the time. The dynasty of the marquises Antinori has been associated with wine for 26 generations. The company is now chaired by Albiera Antinori, assisted by her two sisters Allegra and Alessia. It counts 6 estates in Tuscany, 1 in Umbria and 1 in Franciacorta, besides headquarters in a futuristic wine cellar in the heart of Chianti Classico, in Bargino, just outside Florence. The Antinori are counterpointed by the other marquises of wine, the Frescobaldis, producers for 30 generations. Their impressive family palazzo is situated in a delightful street in the Oltrarno district, via Santo Spirito. It is Vittorio and Lamberto Frescobaldi’s residence today, and their business headquarters: 7 estates in Tuscany, 2 in Italy and distribution to 65 countries in the world. In piazza della Signoria, Ristorante Frescobaldi Firenze combines high quality savoury Tuscan cuisine and family wines. You can blindly choose any one of these iconic labels: Masseto, Luce della Vite, Nipozzano. In the Oltrarno district area of San Frediano, featuring Florence’s most genuine personality with craftsmen, workshops, churches and hidden gardens, we find Palazzo Mazzei in via Santa Monica, residence of Filippo Mazzei, CEO and partner of the company Marchesi Mazzei and Jacopo Mazzei.  The Mazzei family’s wine-growing business dates back to the 15th century. Today they are especially famous for the Estate and Fonterutoli Castle, in Chianti Classico, which has been in the family

vi salteranno all’occhio delle piccole edicole  al piano strada dei palazzi antichi. Piccoli tabernacoli chiusi da uno sportello di legno, detti buchette del vino. Furono un’invenzione dell’aristocrazia fiorentina - all’epoca quasi tutti i blasoni fiorentini producevano vino direttamente o indirettamente - che tra Quattro e Cinquecento da lì vendeva il vino sfuso ai passanti.   Ma torniamo alle famiglie e ai loro palazzi. In piazza Antinori, una piccola enclave di via de’ Tornabuoni, svetta il bel Palazzo Antinori, ancora oggi abitato da Piero Antinori, il padre del Tignanello e del Solaia per intenderci. Al piano terra del quattrocentesco palazzo, uno dei più belli dell’epoca, la famiglia esprime la sua elegante ospitalità nello storico ristorante Cantinetta Antinori. La dinastia dei marchesi Antinori vanta un rapporto con il vino lungo da 26 generazioni. Oggi l’azienda è presieduta da Albiera, con il supporto delle sorelle Allegra e Alessia. 6 tenute in Toscana, 1 in Umbria e 1 nella Franciacorta, e quartier generale in una avveniristica cantina nel cuore del Chianti Classico, a Bargino, alle porte di Firenze. Fanno da contrappunto agli Antinori, gli altri marchesi del vino, i Frescobaldi, produttori da 30 generazioni. L’imponente palazzo di famiglia si trova in una delle più belle strade dell’Oltrarno, via Santo Spirito. Oggi vi abitano Vittorio e Lamberto Frescobaldi che qui hanno anche il quartier generale dell’attività vitivinicola: 7 tenute in Toscana, 2 in Italia e una distribuzione in 65 paesi del mondo. In piazza della Signoria, il Ristorante Frescobaldi Firenze è l’indirizzo che sancisce il connubio tra cucina toscana di qualità e i vini di famiglia. Scegliete a occhi chiusi fra queste etichette icona: Masseto, Luce della Vite, Nipozzano. Restando in Oltrarno, nel quartiere di San Frediano, là dove Firenze mantiene il suo carattere più vero tra artigiani, botteghe, chiese e giardini nascosti, ecco Palazzo Mazzei in via Santa Monica, dove attualmente risiedono Filippo Mazzei, CEO della Marchesi Mazzei e Jacopo Mazzei, socio della società.  La famiglia Mazzei svolge attività vitivinicola dal XV secolo. Oggi sono conosciuti soprattutto per la Tenuta e il Castello di Fonterutoli, nel Chianti Classico, che possiedono senza interruzioni

144

FIRENZE


1

2

1. Palazzo Corsini sull’Arno 2. Palazzo Gondi 3. Via de’ Tornabuoni with a view on Palazzo Antinori (third on left) 4. Palazzo Frescobaldi 5. Palazzo Guicciardini 6. Palazzo Ricasoli

3 1

5

4

6


Façade of Palazzo Gondi (ph. Lorenzo Cotrozzi)

since 1435, precisely for 24 generations. Its exceptional dal 1435, totalizzando la bellezza di 24 generazioni, dove modern wine cellar links both past and present. una straordinaria cantina all’avanguardia rappresenta il Princes Guicciardini-Strozzi reside in Palazzo Guic- vero anello di congiunzione tra passato e presente. ciardini, in the namesake street, a short distance from La famiglia dei principi Guicciardini-Strozzi risiede a Palazzo Pitti. Their name is linked to the Cusona Estate Palazzo Guicciardini nell’omonima strada a due passi in San Gimignano, which has continuously produced da Palazzo Pitti. Il loro nome è legato alla Tenuta di wine since 994 AD, for more than a thousand years. Cusona a San Gimignano, dove si produce vino dal 994, Prince Girolamo is a founder of the Vernaccia Consor- cioè da più di mille anni ininterrottamente. Il principe tium. He was its first President, a role now held by his Girolamo è tra i fondatori del Consorzio della Vernaccia daughter Irina, who runs the company with her sister ed è stato il suo primo Presidente, carica rivestita adesso Natalia. da sua figlia Irina che gestisce l’azienda di famiglia insieme alla sorella Natalia. And now we come to the Ricasoli, whose THE RICASOLI family palazzo stands in via Maggio, the E veniamo ai Ricasoli, il cui palazzo di DYNASTY HAS famiglia si erge nella strada degli antistreet of antique dealers. The Ricasoli dynasty has been associated with wine BEEN ASSOCIATED quari, via Maggio. La storia della dinasince 1141, and with the Conte di Ferro TO THE CHIANTI stia Ricasoli è legata dal 1141 al vino e al Conte di Ferro soprannome dato a Bettino (iron-fisted count), a nickname given to WINE RECIPE Ricasoli (1809-1880) autore della ricetta Bettino Ricasoli (1809-1880), who conceived the Chianti wine recipe. With 240 hectares of del Chianti. L’azienda che con i 240 ettari di vigneto è vineyard, the company is the largest Chianti Classico es- la più estesa del Chianti Classico, dal 1993 è guidata da tate. Headed by Francesco, 32nd Baron of Brolio, since Francesco, 32° barone di Brolio, che dal bellissimo ma1993, it distributes the famous Chianti Classico world- niero, il Castello di Brolio, a Gaiole in Chianti, distribuwide from the beautiful manor, the Brolio Castle in Gai- isce il suo rinomato Chianti Classico in tutto il mondo. ole in Chianti. The site also presents the Wine Store Qui si trovano anche l’Enoteca e l’Osteria del Castello and the Osteria del Castello an enviable place to savour un posto invidiabile per gustare i piatti della tradizione traditional local dishes washed down by a bottle of Gran locale accompagnati dai vini di famiglia, tra cui svetta il Gran Selezione Castello di Brolio. Selezione Castello di Brolio. Palazzo Gondi, designed by Giuliano da Sangallo and Uno dei più bei palazzi fiorentini, confinante con Palazzo 146

FIRENZE


Above: Castello di Brolio, today owned by Francesco Ricasoli, surrounded by vineyards Below: The new Antinori Winery at Bargino


Above: Villa Le Corti property of the Corsini family Below: Palazzo Corsini al Prato


COVER STORY

The Fonterutoli estate, in the Chianti Classico, property of the Mazzei family

bordering with Palazzo Vecchio, was built in 1498. It is Vecchio, è Palazzo Gondi costruito nel 1498 su disegno one of Florence’s most beautiful buildings. Its majestic di Giuliano da Sangallo. La sua maestosa altana regala, altana offers a breathtaking view of the city. The fam- forse, il panorama più bello della città. La famiglia è proily has owned the Bossi Estate, in the Chianti Rufina prietaria della Tenuta Bossi che si trova nell’areale del area, since 1592. Today Marquises Bernardo and Vitto- Chianti Rufina dal 1592. Oggi i marchesi Bernardo e ria mostly use the family Palazzo for events. Regarding Vittoria utilizzano prevalentemente il Palazzo di famiglia wines, Villa Bossi is the pride of the Marchesi Gondi per eventi. Quanto ai vini, nella gamma dei vini Marrange, a Chianti Rufina reserve produced from a single chesi Gondi, vi segnaliamo il Villa Bossi che è il fiore all’occhiello, un Chianti Rufina riserva, prodotto da un vineyard of 1989, which has always been the best. The ancient Florentine family Corsini, with nine cen- singolo vigneto del 1989 da sempre il migliore. La stirpe Corsini, con nove secoli di stoturies of history, counts illustrious ancestors, including a Pope, Clement XII, THE CORSINI FAMILY ria, è un’antichissima famiglia fiorentina and a saint, Andrea Corsini, Bishop of che conta tra i suoi antenati illustri un Fiesole. The princes Corsini reside in COUNTS ILLUSTRIOUS papa, Clemente XII, e un santo, Andrea ANCESTORS, two magnificent palaces in Florence, Corsini vescovo di Fiesole. In città, i Palazzo Corsini al Prato and Palazzo INCLUDING A POPE principi Corsini risiedono in due stuCorsini sull’Arno. Duccio Corsini is the pendi palazzi, Palazzo Corsini al Prato e AND A SAINT heart and soul of the wine estate based Palazzo Corsini sull’Arno. Anima dell’ain Villa Le Corti, just outside Florence, in the heart of zienda vitivinicola con base a Villa Le Corti alle porte di Chianti Classico. The estate, which has been in the fam- Firenze, nel Chianti Classico, e proprietà della famiglia ily since 1363, covers 250 hectares of slopes and valleys dal 1363, è Duccio Corsini: 250 ettari di pendii e vallate, dominated by the magnificent 17th century Villa built by sui quali domina la splendida Villa, costruita nel SeicenArchitect Santi Tito. It is Duccio and his family’s place to dall’architetto e pittore Santi di Tito, e oggi residenza of residence. The Villa is also famous for its historical di Duccio e della sua famiglia. La Villa è celebre anche underground wine cellar that, built along with the villa, per la sua storica cantina sotterranea, edificata insieme is still in use. The family produces Chianti Classico and alla villa e tuttora in funzione, dove la famiglia produIGT Principe Corsini, besides extra virgin olive oil, along ce Chianti Classico e IGT Principe Corsini e olio extra the lines of organic farming. vergine secondo i dettami dell’agricoltura biologica. 149

FIRENZE


Mushroom hunters in Garfagnana


TUSCANY IN AUTUMN

PORCINI MUSHROOMS AND TRUFFLES, WHERE TO FORAGE AND, ABOVE ALL, WHERE TO EAT THEM PORCINI E TARTUFI, DOVE CERCARLI E SOPRATTUTTO DOVE ANDARE A MANGIARLI text Paolo Pellegrini

151

FIRENZE


Porcini mushroom hunting in a chestnut wood in the Apennines


FOOD ITINERARY

A LAND THAT LENDS ITSELF TO THE FLAVOURS OF AUTUMN. STRONG AND WARM, LIKE THE WOOD AND FIELDS, THE CLIMATE AND THE ANCIENT MATERIAL CULTURE THAT PRODUCES THEM Let’s face it, Autumn is a time for… tasty food, we might say, to develop a concept dear to D’Annunzio. Without going far: one hour from Florence, two at the most, not much more than one hour from any Tuscan city, in a land endowed with few plains but many mounts and gently winding hillsides, which may correspond to a banal iconography but one that is extremely popular with hordes of visitors and expresses an extremely rich offering of produce. A land that lends itself to the flavours of Autumn. Strong and warm, like the wood and fields, the climate and the ancient material culture that produces them. Flavours that evoke mystery. Grapes, oil, and the secular sacredness of the woods. Chestnuts dangling from the trees, porcini mushrooms springing up among the ferns and moss of the undergrowth with their caps the same colour as a Capuchin monk’s robe (the king of all hats) and a thick ivory stem. Looking for mushrooms, with a stick in one hand and a nose ready to sniff them out, is more than a pleasure, it is the excitement of an unexpected glimmer. Then, there’s the truffle, another mushroom, but one that prefers to stay below ground, waiting to be found, hunted out and discovered. Created for the Romans by the sacred lightning of Jupiter, even though Pliny considered it to be “a callus of the earth”, it was magnificently redeemed by Brillat-Savarin (“the culinary diamond”) and Rossini, who defined it as “the Mozart of fungi”, not to mention the aphrodisiacal powers attributed to it by Napoleon and even the Divine Marquis De Sade. Truffles and porcini (and not only), reign over our woodlands. But where to start foraging? And where to enjoy them if, like me, you have the misfortune to be colour blind and unable to distinguish one shade from another on that marvellous natural floor? Truffle means Tuber Magnautum Pico, The extremely fragrant and precious white truffle for grating raw on eggs and tagliolini, from autumn to the cold days of early winter, and maybe even later with the warm seasons we are now having; so long as the heat has not been excessive and the soil too dry, preventing the harvest from being excellent one and resulting in foul play on the market stalls, such as Croatian, Serbian or North African truffles being fobbed off as products from Piedmont, Le Marche and Tuscany, the capitals of ours. The most likely areas in Tuscany are San Miniato and its surrounds, and down through the Valdera as far as Volterra; not forgetting the Crete Senesi and, more recently, parts of Mugello and even the area of Chiantifiorentino. Porcini, from the mountainous zones of course: chestnut and

Autunno andiamo, è tempo di… sapori, si potrebbe dire parafrasando D’Annunzio. Senza migrare: un’ora da Firenze, al massimo due, un’ora o poco più da ogni città di Toscana, terra di poca pianura, di tanti monti e tante belle dolci sinuose colline, iconografia un tantino oleografica però amatissima da legioni di visitatori e che comunque trova risposta in una ricchissima varietà d’offerta. Una terra vocata ai sapori d’autunno. Forti e caldi, come i boschi e i campi e il clima e l’antica cultura materiale che li producono. Sapori che evocano il mistero. L’uva, l’olio, e poi le sacralità laiche del bosco. Le castagne che pendono dagli alberi, i porcini che spuntano tra le felci e il muschio del sottobosco con quel cappello color tonaca di cappuccino (Re di tutti i cappelli) e il piedone d’avorio. Andare a cercarli, bastone in mano e naso pronto all’uso, è più che un piacere, è l’emozione di un balenìo improvviso. Poi c’è il tartufo, un altro fungo che però preferisce restarsene là sotto, in attesa di essere cacciato, scoperto, trovato. Creato per i romani dal fulmine sacro di Giove anche se per Plinio era “un callo della terra”, ma lo riscattano Brillat-Savarin (“il diamante della cucina”) e Rossini, che lo definì “il Mozart dei funghi”, e che dire dell’effetto afrodisiaco che gli attribuivano Napoleone e perfino il Divin Marchese De Sade. Tartufi e porcini (ma non solo), i re dei nostri boschi. Ma dove andare a cercarli? Dove a gustarli se, come il sottoscritto, si ha la sventura di esser daltonico e non distinguere l’una dall’altra le tinte di quel meraviglioso pavimento naturale? Tartufo significa Tuber Magnautum Pico, il bianco pregiato e profumatissimo a crudo sulle uova o sui tagliolini, dall’autunno ai freddi del primo inverno, e magari un po’ oltre con queste stagioni surriscaldate; purché però il caldo non sia stato eccessivo, e il terreno troppo secco, perché la raccolta non sarà allora eccellente, e sui banchi dei mercati si vedranno birbonate, trifole croate o serbe o nordafricane spacciate per piemontesi, marchigiane e toscane, le capitali delle nostre. Terreni più vocati, in Toscana, San Miniato e dintorni, e giù per la Valdera fino a Volterra; e ancora le Crete Senesi, e di recente anche qualche parte del Mugello e perfino del Chianti fiorentino. Porcini, naturalmente, di montagna: di castagno e di

153

FIRENZE


Looking for mushrooms, with a stick in one hand and a nose ready to sniff them out, is more than a pleasure, it is the excitement of an unexpected glimmer


1

2

3

1. 4. White truffle 2. A dish of tagliatelle with Porcini mushrooms 3. Porcini mushrooms 5. A dish of spaghetti with truffle

4

5

beech are the most aromatic and tasty, which means the Garfagnana (some splendid ones have already been seen, even on the markets of Versilia…) and then there are the Pistoia Apennines, the crest of the Abetone at the Doganaccia, as well as the ridge between the Futa and the Giogo and Colla, and the more distant Casentino. The vastness of the areas are matched by the number of restaurants. Starting from the north, in the Garfagnana: Da Carlino and Bonini at Castelnuovo, Il Pozzo at Pieve Fosciana, Cavalier Bruno at Fornoli not far away from the Chifenti crossroads. The Pistoia Mountains: you cannot go wrong if you choose Fagiolino at Cutigliano, or da Silvio on the road for the Abetone, or the Capannina run by Duccio Ugolini at the Abetone. In Mugello? There’s the Antica Porta di Levante at Vicchio, La Bottega di Grezzano waiting to be discovered at Grezzano di Borgo San Lorenzo, Marisa and Le Maschere at Barberino, the holiday farm of La Vanella at Firenzuola, or let starred chef Antonello Sardi pamper you at the Virtuoso restaurant on the premises of Tenuta Le Tre Virtù, immersed in the silence of Bosco ai Frati. The Casentino also lives up to its name with many excellent “eateries”, of which we recommend the Tana degli Orsi at Pratovecchio, Pucini at Camaldoli and, a bit further away but excellent: Il Cerro at Caprese Michelangelo. What about a truffle feast? In the area of San Miniato: Pepe Nero, Papaveri e Papere, Antico Ristoro Le Colombaie, or the Quattro Gigli at Montopoli, and then Del Duca at Volterra. In the Crete Senesi, the Osteria delle Crete and the Locanda del Castello at San Giovanni d’Asso or the Conte Matto at Trequanda.For those wanting to go further afield, there is also Mount Amiata. A sure bet is Silene at Seggiano or Le Aiuole located between Arcidosso and Santa Fiora.

faggio, ecco i più profumati e gustosi, e allora la Garfagnana (se ne son già visti di splendidi, calare fin sui mercati della Versilia…) e l’Appennino Pistoiese, il crinale dall’Abetone alla Doganaccia, e poi ancora per il crinale tra la Futa e il Giogo e la Colla e più in là il Casentino. Vaste le zone, tante le tavole. A cominciare da nord, dalla Garfagnana: Da Carlino e Bonini a Castelnuovo, Il Pozzo a Pieve Fosciana, Cavalier Bruno a Fornoli poco distante dal bivio di Chifenti. La Montagna Pistoiese: si va sul sicuro da Fagiolino a Cutigliano, o da Silvio sulla strada per l’Abetone, o alla Capannina di Duccio Ugolini all’Abetone. Il Mugello? Ecco l’Antica Porta di Levante a Vicchio, La Bottega di Grezzano tutta da scoprire a Grezzano di Borgo San Lorenzo, Marisa e Le Maschere a Barberino, l’agriturismo La Vanella a Firenzuola, o coccolati dallo stellato Antonello Sardi al Virtuoso della Tenuta Le Tre Virtù, immersa nel silenzio di Bosco ai Frati. Con tante ottime “mense” risponde anche il Casentino, vi segnalo la Tana degli Orsi a Pratovecchio, Pucini a Camaldoli, più distante ma ottimo Il Cerro a Caprese Michelangelo. Poi la scorpacciata di tartufi. Zona San Miniato: Pepe Nero, Papaveri e Papere, Antico Ristoro Le Colombaie, o i Quattro Gigli a Montopoli, e poi Del Duca a Volterra. Nelle Crete Senesi, l’Osteria delle Crete e la Locanda del Castello a San Giovanni d’Asso, il Conte Matto a Trequanda. Per chi vuole spingersi un po’ più lontano c’è poi anche il Monte Amiata. Indirizzi sicuri: Silene a Seggiano e Le Aiuole tra Arcidosso e Santa Fiora.

156

FIRENZE


Above: the preparation of a white truffle-based dish. Below: Cristiano Savini and his family company have been dealing with truffles for 4 generations


NIGHTLIFE ITINERARY

LIVE MUSIC EXPERIENCE

A SPECIAL TOUR OF FLORENCE’S MUSIC SCENE, GUIDED BY EDO FERRAGAMO UN TOUR SPECIALE NELLA SCENA MUSICALE FIORENTINA GUIDATI DA EDO FERRAGAMO text Monia Mlah

More than any other art form, music stands out for La musica, più di ogni altra forma d’arte, si its direct involvement of not only those who pro- contraddistingue per il coinvolgimento diretto duce it but also those who listen to it, and live mu- che instaura non solo in chi la produce ma anche sic is when this mutual involvement reaches its ze- in chi l’ascolta, e il live è uno dei momenti in cui nith. Edo - the stage name of Edoardo Ferragamo questo coinvolgimento reciproco tocca il grado più - is well aware of this: “I was 12, and School of Rock alto. Edo, lo sa bene: “Avevo 12 anni, in tv davano with Jack Black was on TV… when he teaches the School of rock con Jack Black… quando lui insegna kid (Zack) the great guitar riffs that made rock his- al ragazzino (Zack) i grandi riff di chitarra che tory!! It was love at first sight”. The son of Leonardo hanno fatto la storia del rock!! Fu amore a prima and grandson of the great Salvatore, today Edo is a vista”. Figlio di Leonardo e nipote del grande talented musician, singer-songwriter and producer; Salvatore, è oggi un musicista, compositore, cantante he lives in New York and he’s just concluded his e produttore, di talento, vive a New York e ha appena European tour here in Florence. The city, where concluso qui, a Firenze, il suo Tour europeo. Firenze, he was born and grew up, is packed with venues dove è nato e cresciuto è ricca di locali e spazi che vivono della contaminazione fra arti that thrive on cross-fertilisation between the various contemporary arts. contemporanee. Molti di questi sono THIS SUMMER dedicati alla musica dal vivo di tutti Many of these spaces are devoted i generi: dal rock al blues, dal funky to live music of all genres: from rock I ENDED MY to blues, funk to jazz and rockabilly EUROPEAN TOUR al Jazz e dal rockabilly alla musica to electronic. “This summer I ended elettronica.  «Quest’estate ho concluso IN FLORENCE my European tour at the Manifattuil mio Tour europeo alla Manifattura Tabacchi. È un posto che sorprende ra Tabacchi. It’s an incredible place that in the blink of an eye gives you a thousand e fa provare in un solo colpo d’occhio mille vibrations and emotions…what’s more, it gives vibrazioni e sensazioni...inoltre, dà l’opportunità many young people the opportunity to share live a tanti giovani di condividere la musica dal vivo e music and showcase their talents”.  Creativity and di farsi conoscere». Creatività e contemporaneità contemporary style are effectively the key words of sono infatti le parole chiave della proposta artistica the art happening at Manifattura Tabacchi. And della  Manifattura Tabacchi. Non solo concerti: there’s more than just concerts: the Manifattura nella Manifattura, a pochi passi da piazza Puccini, complex, a stone’s throw from Piazza Puccini, is prendono casa anche una caffetteria, un bistrot, also home to a cafeteria, a bistro, a tasting area for una zona di degustazione di birra artigianale, uno craft beer, an events space and a stage for shows. spazio eventi e un palco per gli spettacoli. E per gli And for rock enthusiasts? “I grew up playing rock amanti del rock? “Sono cresciuto suonando rock music and if you’re looking for real rock in Flor- e se si desidera il vero rock a Firenze, non si può ence, you really have to go to Nof, where there’s live non far tappa al Nof, musica dal vivo per tutta la music all week; it’s a must for me”. The Nof Club in settimana, è un must per me”. Il Nof Club in Borgo 158

FIRENZE


Edo Ferragamo at Manifattura Tabacchi in Florence (ph. Lapo Quagli) 159

FIRENZE


Above: Edo Ferragamo & Cayenne Noluck ph. Lapo Quagli) Below: Volume 160

FIRENZE


Tenax

Borgo S. Frediano is a fairly new venue that already holds the Italian record for the highest number of live performances. Onstage every Monday are the great names of jazz, and Wednesday is dedicated to blues, while the weekend sees various types of rock. And, to finish off, there’s  Volume, a venue set inside a historic hat factory in Piazza Santo Spirito, which gives a platform to aspiring young musicians. Concerts are diverse and all worthwhile, from music to shake the speakers to sets by international DJs, special events to unmissable live performances. These are just a few of the options in store for the famous nightlife in Florence, where anyone seeking fun and all-night dancing is spoilt for choice. From the age of the first discos - and here Florence is one of the true champions, with the timeless Space Electronic, founded by the avant-garde Florentine radical architects Gruppo 999 - today there’s a multitude of venues that lend themselves to remarkable musical immersion, particularly when it comes to electronic sound: over the years cinemas, theatres and museums have created bold experiments and combinations. Among the first of these were the Museo Marino Marini in Piazza S. Pancrazio and the legendary nights at the Stazione Leopolda; in these and in the nightclubs, there’s a mixing of genres and audiences, of music both played and danced to; and it’s this vast range

S. Frediano è una realtà abbastanza recente che vanta già il primato di essere uno dei locali italiani con il più alto numero di live. In scena ogni lunedì i grandi nomi del jazz, il mercoledì è dedicato al blues mentre il weekend alle varie declinazioni del rock. E per concludere: Volume, locale che nasce all’interno di uno storico laboratorio di cappelli in piazza Santo Spirito, in cui viene concesso spazio a giovani aspiranti musicisti. Le alternative sono diverse e tutte valide dalla musica che fa vibrare le casse ai dj set internazionali, dagli eventi speciali ai live imperdibili, queste sono solo alcune delle proposte che vi aspettano nelle fawmose serate a Firenze, dove per divertirsi e ballare tutta la notte, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Dall’era delle prime discoteche - di cui Firenze è tra le vere fautrici con l’intramontabile Space Electronic, progettato dal gruppo avanguardista fiorentino dell’architettura radicale Gruppo 999 - oggi sono una moltitudine gli spazi che si prestano a notevoli immersioni musicali, soprattutto quando si parla di sound elettronico: cinema, teatri, musei nel corso di questi anni hanno dato vita a spericolati esperimenti e coesioni: tra i primi esempi ricordiamo il Museo Marino Marini, in piazza S. Pancrazio e le leggendarie serate della Stazione Leopolda; così come nei club assistiamo ad una commistione di generi e pubblico, di musica suonata e ballata, ed è questo ampissimo

161

FIRENZE


NIGHTLIFE ITINERARY

THESE ARE JUST A FEW OF THE OPTIONS IN STORE FOR THE FAMOUS NIGHTLIFE IN FLORENCE LE ALTERNATIVE SONO DIVERSE E TUTTE VALIDE, DALLA MUSICA CHE FA VIBRARE LE CASSE AI DJ SET INTERNAZIONALI of options that makes Florence’s nightlife so exciting. Talking of clubs, the starting point is Tenax. It’s September 1981 and Florence is swept by the frenzy of new wave, dark and punk. A handful of young people decide to create a new nightclub, alternative and focusing on the new styles: this is the start of Tenax. Now we’re in the third millennium and the new legends of music are DJs like Ashley Beedle, Little Louie Vega, François Kevorkian, Dimitri From Paris, Ralf and Alex Neri. It’s called Nobody’s Perfect and it’s the Tenax Saturday night event, a gathering to the rhythm of house music, often featuring live acts, and the atmosphere is the same year after year: deliberately trendy and dreamlike. Another giant of the Florence night, shrouded in the history of the monuments that surround it, is Yab, a stone’s throw from Piazza della Repubblica. Here Monday means Yab Smoove. It began in 1976 with DJ Ciso at the helm, and over the years the event has become a landmark in Italian and international clubbing. It’s called Disconnect <code> and it’s one of the city’s most innovative happenings. In experimental sounds and new visual languages, it explores the centrality of codes in today’s digital culture. <code> concerts and performances are enhanced by truly one-off settings, such as the small stage of Sala Vanni in Piazza del Carmine or the Italian-style theatres that enliven Florence. Then we come to a new electronic institution entitled Made in Florence: Tropical Animals, a project arising from the desire to create a genuine movement, a loyal crew of young people thirsting for good dance music, every Thursday night. Find them at Club 21 in Via de’ Cimatori, and enjoy. Lastly, we finish with a must: Colle Bereto, one of Florence’s best-known American bars. The location is excellent, surrounded by grand palaces and high-fashion boutiques. Large windows overlook Piazza Strozzi, and inside the atmosphere is contemporary, sophisticated and lively. A backdrop of subtle lighting and soft music, and DJ sets at the weekends. All we can do now is wish you plenty of fun!

ventaglio di proposte a rendere lo scenario notturno fiorentino ancor più invitante. Tra i club partiamo dal Tenax. È il settembre del 1981 e Firenze è in preda ai furori della new wave, del dark, del punk. Un manipolo di giovani decide di creare una discoteca nuova, alternativa, attenta ai nuovi stili: nasce così il Tenax. Siamo arrivati al terzo millennio e i nuovi mostri sacri della musica adesso sono i Dj come Ashley Beedle, Little Louie Vega, François Kevorkian, Dimitri From Paris, Ralf, Alex Neri. La cornice si chiama Nobody’s Perfect ed è l’appuntamento del sabato, un rendezvous all’insegna della house music, talvolta anche con inserimenti live, l’atmosfera è la stessa, anno dopo anno: dichiaratamente fashion e onirica. Altro colosso della notte fiorentina, celato dalla storia dei monumenti che lo contornano, è lo Yab, a due passi da piazza della Repubblica. Sinonimo di lunedì è la notte targata Yab Smoove. Nasce nel 1976 con dj Ciso al timone e nel corso degli anni la serata è diventata un punto di riferimento nazionale ed internazionale. Si chiama Disconnect <code> ed è una delle rassegne più innovative in città. Tra sperimentazione sonora e nuovi linguaggi visivi, si investiga la centralità dei codici nella cultura tecnologica odierna. I concerti e le performance di <code> sono arricchiti da scenari davvero sui generis come il piccolo palco della Sala Vanni in piazza del Carmine o i Teatri all’Italiana che colorano Firenze. Giungiamo ad una giovane istituzione elettronica targata Made in Florence: Tropical Animals, progetto nato dall’idea di creare un vero e proprio movimento, una fedele crew di giovani assetati di buona musica da ballare, giovedì dopo giovedì. Cercateli al Club 21 di via de› Cimatori e vi divertirete. Infine, concludiamo con un must: Colle Bereto, uno degli american bar più rinomati di Firenze. Location d’eccezione, tra palazzi storici e boutique di alta moda. Grandi vetrate che si affacciano su piazza Strozzi, all’interno un ambiente contemporaneo, sofisticato e vivace.  Sul sottofondo luci soffuse e musica soft - weekend con dj set. Non ci resta che augurarvi un buon divertimento!

162

FIRENZE


Above: Colle Bereto Lounge Bar Below: Yab DiscoClub


ICON BOOK

DANCING THROUGH 90 YEARS A BOOK TO CELEBRATE ITALY’S MOST FAMOUS “SHACK” UN LIBRO PER FESTEGGIARE LA “CAPANNA” PIÙ FAMOSA D’ITALIA text Mila Montagni

164

FIRENZE


La Capannina di Franceschi in the Fifties 165

FIRENZE


1

2 1

1. Ray Charles (ph. Aldo Umicini) 2. Nevio Franceshi during one of the typical themed parties in Capannina (Archivio Colombo) 3. Achille Franceschi (Archivio Franceschi) 4. Gloria Gaynor (ph. Aldo Umicini) 5. Edith Piaf (Archivio Colombo) 6. Carla and Gherardo Guidi in 1977 (Archivio La Capannina)

3

4

6

5


ICON BOOK

144 PAGES WITH MORE THAN 130 PHOTOS, DEPICTING THE HIGHLIGHTS OF THIS INCREDIBLE STORY 144 PAGINE CON PIÙ DI 130 FOTO, CHE RITRAGGONO I MOMENTI SALIENTI DI QUESTA INCREDIBILE STORIA Its signature shade of green was described in the Fifties as “Ca- Il tono di verde che la fa riconoscere è un colore che negli pannina green”. And if this were not enough for an (apparently) Anni ‘50 si definiva “verde Capannina”. E se questo non unassuming place, situated as it has been on the beach in Forte fosse abbastanza, per un locale (nato, apparentemente) sendei Marmi for 90 years now, what more could one honestly want? za pretese, posato com’è sulla spiaggia del Forte dei Marmi To learn about its history, perhaps, and try to understand the ormai da 90 anni, onestamente, cosa si potrebbe volere di secrets of the place, in Europe, which can boast having been in più? Magari conoscerne la storia, cercando di carpire i sebusiness for no less than four years more than the famous Max- greti di questo che in Europa vanta ben quattro anni di vita im’s in Paris. That is why, to satisfy this desire, during the sum- in più del celeberrimo Maxim parigino. E allora ecco che per soddisfare questo desiderio, durante l’estate, la nostra mer our publishing house put out a book, a coffee table book Casa editrice ha pubblicato un volume, per l’esattezza un to be exact, with a “Capannina green” cover. Its 144 pages illuscoffe table book, la cui copertina è appunto color “verde Catrate and tell the story of this legendary place from one century pannina” e che in 144 pagine illustra e racconta il mito di to another, first under the aegis of the founder – “sor” Achille questo locale da un secolo all’altro, prima sotto l’egida del Franceschi, the far-sighted businessman who succeeded in the fondatore - il sor Achille Franceschi, intuitivo imprenditore enterprise thanks to a loan from his prudent wife, Nella – and che riuscì nell’impresa grazie a un prestito della previdente then in the enthusiastic, steady hands of Gherardo Guidi, Grand moglie Nella - e poi nelle mani appassionate e salde del Officer of the Republic, and the only person in Italy to receive Grande Ufficiale e commendatore della Repubblica Ghethe Order of Merit as a businessman and manager of entertain- rardo Guidi, l’unico in Italia ad aver ricevuta l’onorificenment venues. Guidi has also always had an intelligent, steadfast za quale imprenditore e gestore di locali. Anche Guidi ha sempre avuta al suo fianco una sposa inwife at his side, Carla, with whom he shared telligente e ferma, Carla, con la quale ha every aspect of the adventure in Versilia Making the book unique, together with texts THE NIGHTCLUB condivisa appieno l’avventura in Versilia. A rendere il volume unico, insieme ai teby various expert journalists, is the invaluable OLDEST sti di diversi giornalisti esperti, la preziodocumentary narrative made possible by nusa narrazione documentaria resa possibile IN EUROPE merous images from private archives, begindalle numerosissime immagini reperite in ning, of course, from that of the Franceschi archivi privati, a cominciare naturalmente family to that of memorable long-time waitda quello di Gherardo Guidi, che ha voluto anche condier, Pasquale Casiello, then the Fabbroni Archives, the Colomvidere con i lettori l’esclusivo biglietto di auguri di Natale bo Francesconi Archives, the Fabrizio Nizza and Aldo Umicini che ogni anno i clienti storici e più affezionati si vedono Archives and the Giuseppe Palmas Archives. Closing the book recapitare nelle dimore nelle quali trascorrono l’inverno. is the Christmas and New Year greetings card the “Franceschi’s Anche se, a dire la verità, La Capannina di Franceschi (come of Forte dei Marmi” sent to their longest-standing, most loyal Gherardo e Carla Guidi hanno deciso di continuare a chiaclients every winter. Although, to tell the truth, La Capannina marla) è uno dei rarissimi locali estivi che non fermano mai di Franceschi (as Gherardo and Carla Guidi decided to contin- la loro attività, come testimonia la serata di Capodanno che ue calling it) is one of the very few summer venues that nev- Benigni tenne qui nel 1985. er close for business, as witnessed by the 1985 New Year’s Eve Ma la forza di questo locale, inutile dirlo, è dal suo secondo show fronted by Roberto Benigni. It hardly needs saying that anno di vita la musica. Ogni sera, appena il tramonto aveva the club’s greatest appeal from its second year in existence, was dissolto il giorno e le sue tensioni, si poteva cominciare a the music. So it was that after a summer of dancing to music pensare a ballare. Così, dopo un’esperienza imperfetta (d’alissuing from the very expensive Brunswick Panatrope gramo- tronde le nobili orecchie di una duchessa non potevano phone – bought on instalments, once again signed for by Nella! - esser stressate da un volgare, elettrico ancorché costosissiAchille Franceschi brought an orchestra of young coloured men mo grammofono di marca Panathrope Brunswick), Achille to Forte from Paris. It was 1931, and La Capannina’s place was Franceschi fece arrivare al Forte - da Parigi - un’orchestra di 167

FIRENZE


Jerry Calà, during one of the now famous ‘Sapore di mare’ evenings in Capannina (Fabrizio Nizza)

enshrined in the history of Italy’s popular culture. The patrons beneath the rough thatch that covered the boards made smooth by dancers, were exclusively titled noblewomen and gentlemen, at least until the arrival of firstly Edoardo Agnelli and then Edda Mussolini, Countess Ciano; until the arrival of Air Marshall Italo Balbo (also married well to one of the noble Florio family women). A fire in ’39 only put the club out of action for two months and two days, and not even WWII managed to do so, as neither did the death of Franceschi, who was succeeded by his sons Nevio and Guido. But when the worst was over, the aristocrats had been replaced by industrialists, first and foremost the Milanese, who had always had a certain penchant for Versilia. In 1947 Bruno Quirinetta and his orchestra arrived and instigated the “non-stop” dancing rule, marking a new change in Italy’s nightlife culture. Nights saw the likes of Paul Anka, The Platters, Ray Charles and even Edith Piaf. One summer afternoon, on the other hand, legendary boxer, Sugar Ray Robinson, trained on the parquet floor in front of whoever came to see him, while in the evening he took to the stage as a singer in two-tone brogues and checked jacket. A few years of lack of attention, if it can be called that, occurred between Nevio Francheschi’s farewell to the family’s Shack and the arrival of Gherardo Guidi in 1977, when the love and respect he and his wife brought to their work and this place were clear. So the nature of La Capannina di Franceschi has never been altered, and the green paint is fresh every year, as is its terracotta floor, while the ivory, orange and green upholstery is as unchangeable. After all, if a “shack” on the seashore can keep going for 90 years, there must be a reason why.

giovanotti di colore. Era il 1931 e si consacrava la presenza de La Capannina nella storia del costume d’Italia. Sotto le ruvide frasche che coprivano il tavolato reso liscio dai ballerini, infatti, si accomodavano esclusivamente nobildonne e gentiluomini titolati, almeno fino all’arrivo di Edoardo Agnelli prima e di Edda Mussolini contessa Ciano poi. Fino all’arrivo del Maresciallo dell’aria, Italo Balbo (anche lui ben sposato con una delle dame della famiglia Florio). Un incendio nel ’39 non fermò la vitalità del locale se non per due mesi e due giorni e neppure la Seconda guerra ci riuscì, come non la fermò la morte di Franceschi cui successero i figli Nevio e Guido. Ma quando il peggio finì ai nobili si erano sostituiti gli industriali, in prima fila i milanesi, che per la Versilia avevano sempre avuto un certo pénchant e nel 1947 arrivò Bruno Quirinetta con la sua orchestra che avviò il “non-stop” come regola di ballo e fece registrare un nuovo cambiamento di costume nelle notti del Belpaese. Le notti vedevano Paul Anka e i Platters, Ray Charles e anche Edith Piaf che nel 1959 fece la sua unica apparizione pubblica in Italia. Qualche anno di distrazione, se così si vuol dire, si ebbe tra l’addio di Nevio Franceschi alla Capanna di famiglia e l’arrivo di Gherardo Guidi, nel 1977, quando furono chiari l’amore e il rispetto che lui e sua moglie portavano al loro lavoro e a questo locale. Così la natura de La Capannina di Franceschi non è mai stata alterata e la vernice verde è fresca ogni anno, come il suo impiantito di cotto, mentre le tappezzerie in avorio, arancio e verde sono immutabili come ogni realtà che non ha bisogno di confrontarsi con le mode effimere. In fondo, se una “capanna” resiste da 90 anni, sulla riva del mare, un motivo ci sarà.

168

FIRENZE


Its signature shade of green was described in the Fifties as “Capannina green” (ph. Dario Garofalo) 169

FIRENZE


L’ARTE NEL PROFUMO

Boutique: Firenze - via del Sole, 6/8 R Fiesole - via Dupré, 10 R tel. +39 055 49 31 092 | www.acquadifiesole.it


SHOT ON SITE

Franco Fatone, Cinzia Malvini

Laura Pacciani, Eva Desiderio

Alex Vittorio Lana, Sonia Bergamasco, Matteo Parigi Bini Giovanna Caprioglio, Alice Sommariva

Sonia Bergamasco, Paolo Klun

Marinella Fani, Patrizia Panaro, Erika Ghilardi

Alessandra and Stefania Fanfani, Alessandro Grassi

FIRENZE MADE IN TUSCANY NEW ISSUE An unforgettable and unique event for the presentation of the Firenze made in Tuscany issue at the Richard Ginori boutique, with artists performing a live tattoo session and tasting of Dievole wines. Guest star: Sonia Bergamasco, on the cover. Angela Caputi, Alessandro Bencini

Isabella Dâ&#x20AC;&#x2122;Antono, Anna Federici Giulia Dirindelli, Allegra Giudici

171

FIRENZE ROMA

Massimo Suppi, Alessandro Ferrari


SHOT ON SITE

Nubia Oliva, Benedetta Martini

Ester Bonechi, Luca Dâ&#x20AC;&#x2122;Alessandro, Claudia Rocchetti

Chiara Guidi, Michele Chiozzi Silvia Lucci, Desideria Fabri

FIRENZE MADE IN TUSCANY SPECIAL SUMMER EDITION In the renovated Hotel Byron in Forte dei Marmi, Firenze made in Tuscany presented its special edition with all the trends for the best Tuscan summer. An exclusive party with tastings of wine from the Cecchi Family.

Alex Vittorio Lana, Salvatore Madonna, Matteo Parigi Bini

Elisabetta Fabri, Massimo Listri

Flavia and Gianni Mercatali

Francesco Donnini, Marina Visconti

Francesca Piccoli Becchini, Maria Riva Lorenzo and Franca Pinzanti

Angelica Bracchi, Antonio Bertini FrancoNardoni, Gaia Barbieri Leonardo Ripamonti,Pinzauti Eleonora Busico

Sophie Anna Cesaro, Mozzanti, Claudia Bernardo Mattioni Fedele

172

FIRENZE


LOTUS EVORA GT430 A limited edition production run of just 60 cars, discover the Evora GT430 at Lotus approved dealer, Peragnoli Scar.

LOTUS PERAGNOLI SCAR FIRENZE Via Arturo Ferrarin 30, Firenze Customer service: 344-2599261 www.peragnoliscar.it LOTUSCARS.COM


The best way to discover all about the most beautiful places in Italy

#italiaexperiences


SHOT ON SITE

Vladimir Restoin, Carine Roitfeld, Virgil Abloh

Tommaso Domenico Lenny Kravitz Sacchi Savini e Martina Sofia Pieri Rojas Chaigneau Karreuche Tran, Victor Cruz

Heron Preston, Virgil Abloh

Laudomia Pucci, Alessandro Castellano Sita Abellan, Caroline Daur, J Balvin

Massimo Giorgetti

CR RUNWAY SHOW FOR LUISAVIAROMA 90TH ANNIVERSARY In Piazzale Michelangelo, the first runway show by Carine Roitfeld and the first multi-brand fashion show in the world, to celebrate the 90th anniversary of LuisaViaRoma. Along with the shows, exceptional performers like Lenny Kravitz.

Andrea Panconesi, Betony Vernon

Giorgia Tordini, Gilda Ambrosio

J Balvin, Sita Abellan Sara Battaglia, Maria Buccellati

175

FIRENZE ROMA

Dark Polo Gang


Il Presidente ANT Raffaella Pannuti e il Delegato di Firenze Simone Martini vi aspettano alla

X edizione del Gran Galà di Fondazione ANT Italia ONLUS in programma

giovedì 17 ottobre nello splendido Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio a Firenze L’evento – patrocinato dal Comune di Firenze ed organizzato da Cristina Casamassimi – è presentato da Veronica Maffei e Stefano Baragli ed è realizzato per raccogliere fondi a sostegno del servizio di assistenza medica specialistica domiciliare e gratuita Bimbi in ANT, che la Fondazione mette a disposizione dei piccoli malati di tumore in età pediatrica, perché possano essere curati nel calore della propria casa, tra gli affetti e le cose più care. Musica e balletto sono gli ingredienti principali dell’evento che si contraddistingue ogni anno per la raffinatezza e l’eleganza di ogni aspetto della serata. Il programma vede gli ospiti essere accolti a partire dalle 19.30 con un aperitivo di benvenuto. Alle 20.45 ha inizio la cena di Gala, durante la quale gli oltre trecento invitati possono assistere a uno spettacolo unico per la qualità degli interpreti e la raffinatezza nella scelta del repertorio. Si inizia con il balletto rinascimentale realizzato dalle Madonne

Fiorentine in abito d’epoca, poi ancora grande musica con l’esecuzione dell’inno di Mameli da parte del Coro Firenze Vocal Ensemble diretto da Ennio Clari e accompagnati dalla Orchestra Tetro del Giglio di Lucca, magistralmente diretta da Grazia Rossi. Sono di scena la lirica e la danza con l’esecuzione da parte dei Tenors della famosa Miserere, resa celebre da Zucchero e Luciano Pavararotti. A seguire ancora grande musica con l’esibizione del cantante Yaser Ramadan, conosciuto dal pubblico per la sua partecipazione alla trasmissione TV Amici di Maria De Filippi, che eseguirà Bohemian Rhapsody dei Queen e sulle cui note balleranno i Flash Kidz, vincitori di Ballando con le Stelle on the Road. Infine la giovanissima Fiamma Boccia, che in passato ha partecipato al Junior Eurovision Song Contest canterà Angel di Robbie Williams sulle cui note si esibiranno Victoria Aletta, ballerina del Ballet de Catalunya e orgoglio fiorentino della danza classica nel mondo, e i ballerini della Lyric Dance Company con la coreografia del maestro Alberto Canestro. Altri momenti di grande emozione si avranno con l’esecuzione di Libiam ne’ lieti calici celebre aria tratta dalla Traviata, ancora una volta insieme all’orchestra e al coro in un crescendo di emozioni e grande musica e con la pièce teatrale dedicata da Pola Cecchi, della Maison Giulia Carla Cecchi, ai volontari ANT. Durante la serata saranno premiate con la Medaglia della Solidarietà ANT, alcune aziende e personalità che durante l’anno si sono particolarmente distinte nel supporto e aiuto ad ANT. I premiati di questa edizione saranno: Paolo Penko, l’Istituto degli Innocenti, Grazia Rossi, il Gruppo Rorandelli e il volontario Michele di Pietro. L’intero ricavato dell’evento sarà utilizzato per sostenere il servizio di assistenza medica domiciliare gratuita Bimbi in ANT. La struttura sanitaria di ANT nella regione Toscana è composta da 9 medici, 7 infermieri e 4 psicologi.

Fondazione ANT | Delegazione Firenze - Prato - Pistoia “Dr.ssa Caterina Morelli” Via San Donato, 40/6 | 50127 Firenze | Tel. +39 055 5000210 www.ant.it/toscana


SHOT ON SITE

Ermanno Scervino, Beppe Angiolini

Tommaso Domenico Filippa Lagerback, Sacchi Savini e Luciana Martina Sofia Pieri Littizzetto Rojas Chaigneau

Ermanno Scervino, Filippa Lagerback, Beppe Angiolini

Paola Barale, Beppe Angiolini

Luciana Littizzetto

#PINKHEART EVENING Beppe Angiolini, patron of Sugar, and the Maison Ermanno Scervino together for a glamorous charity event in Piazza Grande in Arezzo, which has been dyed pink in support of A.N.D.O.S., the National Association of Women who underwent Breast Surgery. Fashion, solidarity and special guests.

Ornella Vanoni

Federica Fontana Martina Colombari

177

FIRENZE ROMA

Marzia Risaliti, Beppe Angiolini, Marco Columbro


SHOT ON SITE

Carlo Frescobaldi

Milena Perini, Simona Zito

Barbara Bertelli, Eva Desiderio

Melissa Satta

MUCCIA: THE NEW SCHOOL OF TOMORROW The photo exhibition dedicated to the reconstruction project of the new Muccia school, held to mark the 89th Pitti Bimbo by Chopard and the Andrea Bocelli Foundation, creator of the project also supported by the famous Maison of Geneva.

Agostino Poletto, Pupi Solari

Milena Perini, Mario Baroni, Luca Piergentili

Anna Giulia Mannucci, Silvia Orsi Bertolini Marica Pellegrinelli

Barbara Pigola, Alessandra Bianchi Laura Biancalani, Olimpia Angeletti

Sophie Lola Coppini Mozzanti, Bernardo Fedele

178

FIRENZE


SHOT ON SITE

Tommaso Domenico Eva Cavalli, Sacchi Savini Veronica e Martina Sofia Bocelli Pieri Rojas Chaigneau

Luigi Milone, Enrico Gloria, Sergio Capone, Simona Zito, Fabrizio Capone

Rima Bouri, Warly Tomei

Sandra Vezza, Umberta Gnutti Beretta, Valentina Lavazza, Simona Zito

PARTNERSHIP OF THE HEART The partnership between Chopard Italia and the Andrea Bocelli Foundation continues under the flag of solidarity. In these photos, a special event organized by Sergio Capone jewelry, a Chopard retailer, at Alpemare, the exclusive bathing establishment in Forte dei Marmi.

179

FIRENZE


SHOT ON SITE

Aiza Villanueva, Tommaso BencistĂ Falorni, Elsa Michael Bruni

Laura Tosetti, Agostino Poletto, Simone Arnetoli

Isabella Venerosi Pesciolini, Giovanni Toscano, Dunja Fischer

Aiza Villanueva, Emiliano Rinaldi

GENIUS EVENTI OPENING PARTY In the enchanting garden of Palazzo Pandolfini, the party for the official opening of Genius Eventi. A business that creates and organizes high-level events in Italy and in Europe, launched by Tommaso Ficari and Matteo Giusti, CEO of Genius Progetti.

Serena Burgisser, Isabella Alloisio

Ester di Leo, Tommaso Ficari, Matteo Giusti, Silvana GoĚ ngora

Andrea and Barbara Sacchetti, Tommaso Ficari

Anna and Francesco Calamai FrancoMaria Judith Barbieri Pigat, Ripamonti, Massimo Eleonora Cirri, LuciaBusico Ferdinandi

Sophie Maurizio Mozzanti, and Sylvie Bernardo Bonas Fedele

180

FIRENZE


DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


Genius Eventi, è una nuova realtà imprenditoriale a Firenze, con sede nello storico Palazzo Pandolfini, specializzata nella ideazione e organizzazione di eventi di alto livello in Italia e in Europa. Gestisce ogni tipo di esigenza per grandi marchi del lusso, della moda e dell’industria ma è anche un importante punto di riferimento per i destination weddings Made in Tuscany. Genius Eventi nasce dal desiderio di Tommaso Ficari di sviluppare il mercato degli eventi di lusso e del fashion sul territorio toscano e si avvale della fondamentale partnership con Matteo Giusti, CEO di Genius Progetti, storica azienda leader del modenese. Le due realtà riuniscono un team di 17 professionisti fra event manager, creativi, interior designer ed esperti di comunicazione, oltre a coinvolgere numerosi collaboratori e fornitori per la realizzazione di ogni evento.

FIRENZE – Palazzo Pandolfini, via Salvestrina, 1/A Firenze 50129 Tel +39 055 480388 | geniuseventi.it MODENA – Via Valle d’Aosta, 2/N Sassuolo (MO) 41049 Tel +39 0536 811644  Fax +39 0536 811019 | geniuseventi.ii


SHOT ON SITE

Alba Cecchini, Martina Gazzarri

Stefano Baragli, Alessandro Tanganelli

Tommaso Sacchi Domenico Alessandra Savini Manca, e Sergio Martina Sofia Pieri Ceccuzzi Rojas Chaigneau Francesca Bianchi

Laura Santobelli, Marinella Fani, Gilda Valenti

Trudy Mazza, Paola Salesia

Vane Delfino, Franca Bruchi

CHARITY FOR ANT Note di Vino, the stylish and exclusive charity dinner at the Ugolino Golf Club, organized with the support of the Florentine Fani jewelry. An event presented by Veronica Maffei and Stefano Baragli, which brought together the most loyal â&#x20AC;&#x153;ANT friendsâ&#x20AC;?.

Jochen A. Zeh, Lisa Gabellini

Marinetta Castellaccio, Jacqueline Fagant Laura Sottani, Helga Fani, Federico Romani

183

FIRENZE ROMA

Stefania Pellegrini, Lucio Consegni, Marinella Fani


SHOT ON SITE

Beatrice Margiacchi, Giorgia Mora, Claudia Gualandi

Angela Belloni, Roberta Barile, Antonella Penco

Massimo, Niccolò, Stefano Cirri and Lucia Ferdinandi

Ettore Tempesti, Maya Cimatti

PROGENIA - SUMMER CUP 2019 At the Golf Club Ugolino, the charity dinner party for the Attilia Pofferi Foundation and the Together against melanoma initiative. In late evening the award ceremony by the pool for the four winning couples of the tournament.

Iacopo durazzani, Giulia secci

Beatrice and Duccio Dorin

Giuditta Biscione, Jasmin Fuhr Vincenzo De Giorgi, Giovanni Belloni

Emily Waite, Leonardo Foschi Chiara meoli, Biscione Giuditta, Marini Federica, FrancoLucherini Barbieri Ripamonti, Eleonora Busico Laura

Sophie Carlo Greco, Mozzanti, Patrizia Bernardo FalsiniFedele

184

FIRENZE


SHOT ON SITE

Marilena Saccomanni, Luigi Pezone, Maarja Aro, Alina De Santis

Giuseppe and Maria Grazia Pranno

Tommaso Domenico Diana Palomba, Sacchi SaviniFabio e Martina Sofia Lugana, Pieri Rojas Valeria Chaigneau Azaryonok Chiarella Bennucci

Giovanna Pulejo, Maria Elisa de Renzo, Luciana Biancalani

Natalia Masina, Stefano Echtner

Paulina Klotz, Fiona Schubert

HOTEL RIVER OPENING EVENT The opening party of the Hotel River, which showed off its completely renovated look and new spaces, such as the restaurant and spa. For guests, a beauty experience and gourmet dishes designed by the new chef.

Stefania Vicovaro, Pasquale Stomeo

Paolo and Vittoria Frassinelli Gabriella Peruzzi, Riccardo Cini

185

FIRENZE ROMA


SHOT ON SITE

Olivia Fratoni, Silvia Bondi

Gilda Coppi, Lorenzo Masi Elena Paci

PRATOREVIEW 10TH ANNIVERSARY The cocktail party to celebrate 10 years of the lifestyle magazine Pratoreview, commemorated with a special issue. At the Centro Arte Contemporanea Luigi Pecci in the Myo Bistrot spaces of the chef Angiolo Barni, partner of the event, along with Prato Auto.

Alex Vittorio Lana, Elena Paci, Angiolo Barni, Matteo Parigi Bini

Cristina Balzanti, Giovanni Medici

Martina Lucchesi, Claudia Da Neri, Mario Veneri, Silvia Innaco

Elisabetta Pandolfini, Alessia Lana, Francesco Ciampi, Alex Vittorio Lana

Riccardo Cini, Monica and Luciano Tanteri Clarissa Bardazzi, Massimo Bardazzi

Aldo and Lorenzo Marchi Franco Barbieri Stefania Di Lauro, Ripamonti, Marco DiEleonora Lauro Busico

Sophie Iside Marlazzi, Mozzanti, EvaBernardo Franceschini Fedele

186

FIRENZE


SHOT ON SITE

Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Andrea Mattei, Leo Damiani

Tepesa Maccioni, Marco xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Maria Menarini

TepesaMaionchi Mara xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx and Flavia Mercatali Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Riccardo Monco

Sabrina Maccioni, Renato Raimo, Veronica Bocelli Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx and Elisabetta Ricci

Tepesa sdfgfdbdfbv Lorenzo Mercatali

Tepesa sdfgfdbdfbv Gianfranco Vissani, Gianni Mercatali

Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Antonio Bechi, Eleonora Guerini

A TAVOLA SULLA SPIAGGIA

At the Roma di Levante bathing establishment, chefs and winemakers together for A tavola sulla spiaggia, the famous food and wine show on the “noble sands” of Forte dei Marmi, now in its 27th edition.

Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Cristiano Savini and Davide Oldani

Tepesa Panatta Rubina xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Madrigali

Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Bianca Bellucci Galdo Tepesa Bibi Graetz, xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Michele Marcucci

187

FIRENZE

Tepesa xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Eleonora Cozzella


FIRENZE Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99, 99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel Art Vicolo dell’ Oro, 5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici - Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici.com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Grand Hotel Villa Medici - Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Cellai Firenze - Via 27 Aprile, 14, 52/R - Firenze ph. +39 055 489291 www.hotelcellai.it Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure.com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel.net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Locanda Rossa - Strada Capalbio Pescia Fiorentina, 11b - Capalbio ph +39 0564 890462 Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www. lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www.relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com

HOTEL PARTNERS The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior - Piazza Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Velona’s Jungle - Via Montebello, 86 - Firenze ph. +39 055 2741536 www.velonasjungle.com Villa Cora - Viale Machiavelli, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Le Maschere - Via Nazionale, 75 - Barberino del Mugello ph. +39 055 847431 www.villalemaschere.it Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com AREZZO Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it GROSSETO Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it LUCCA Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com PISTOIA Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com SIENA Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


THE GO-TO RESTAURANTS

FIRENZE

ATELIER DE NERLI

Piazza de’ Nerli, 9r ph +39 338 5988273 In the San Frediano district, a bistro restaurant that is also an art gallery and artisan showcase. A quality osteria, which combines the gastronomic experience, clearly Tuscan in origin, with the love for handmade and the expressiveness of today’s artists - painters, photographers and sculptors - whose works are hosted and for sale, in the local. Nel quartiere di San Frediano, un ristorante bistrot che è anche galleria d’arte e vetrina d’artigiani. Un’osteria di qualità, che unisce all’esperienza gastronomica, di chiara radice toscana, l’amore per il fatto a mano e l’esprit di artisti odierni - pittori, fotografi e scultori - le cui opere sono ospitate e in vendita, nel locale.

BORGO SAN JACOPO

Borgo San Jacopo, 62r ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant, recently renovated, is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio, con splendida vista sull’Arno. L’atmosfera è incantata, resa ancora più elegante dalla recente opera di rinnovamento.

BUCA DELL’ORAFO

Via de’ Girolami, 28r ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli ex-laboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate.

BUCA LAPI

Via Trebbio, 1r ph +39 055 213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa.

BUCA MARIO

Piazza degli Ottaviani, 16r ph +39 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace.

BUND

Piazza Ferrucci, 1r ph. +39 055 2699833 The restaurant is named after the avenue to the left of the Huangpu river, one of Shang-

hai’s most symbolic sites. The cuisine is based on various regional Chinese specialties. Il ristorante prende il nome dal viale sulla sinistra del fiume Huangpu, uno dei luoghi simbolo di Shanghai. La cucina però spazia tra le varie specialità regionali della Cina.

CAFFÈ DELL’ORO

Lungarno Acciaiuoli, 2/p ph +39 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente.

CAMMILLO

Borgo San Jacopo, 57r ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale.

CANTINETTA ANTINORI

Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055 292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known restaurants since 1957. A familiar atmosphere characterizes this intimate and comfortable place where one can taste a wide selection of MarchesiAntinori wines paired with Tuscan traditional dishes. Dal 1957 la Cantinetta Antinori è uno dei ristoranti più conosciuti di Firenze. Un contesto familiare e un’atmosfera confortevole caratterizzano l’ambiente accogliente e intimo, dove è possibile degustare un’ampia selezione di vini Marchesi Antinori in abbinamento a specialità della cucina toscana.

CESTELLO RISTOCLUB

Piazza di Cestello, 8 ph +39 055 2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce.

CIBLEO

Via del Verrocchio, 2r ph. +39 055 2477881 The city’s first Tuscan-Japanese-Korean restaurants ideated by one of Florence’s most symbolic chefs, Fabio Picchi. A Korean chef and Japanese sous chef alongside Fabio Picchi in the kitchen. Il primo ristorante corean-nipponico-toscano ideato da uno degli uomini di cucina simbolo in citta, Fabio Picchi. In cucina, oltre a Fabio Picchi, una chef coreana e un souf chef giapponese.

CIBREO

Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055 2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The must-tries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina.

COCO LEZZONE

Via del Parioncino, 26r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine

trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb T-bone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca.

CUCINA TORCICODA

Via Torta, 5r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areas- restaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda.

DITTA ARTIGIANALE OLTRARNO

Via dello Sprone, 5r ph. +39 055 2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei gin). In cucina lo chef Arturo Dori.

ENOTECA PINCHIORRI

Via Ghibellina, 87 ph + 39 055 242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Chef Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte dello Chef Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette.

ESSENZIALE

Piazza di Cestello, 3r Ph. +39 055 2476956 A refined showcase for a modern Tuscan cuisine in the loft-style ambiance of a 19th-century warehouse. The young yet already accomplished chef Simone Cipriani draws from the local tradition when he prepares his original dishes. Raffinata vetrina di cucina toscana moderna, in un ambiente stile loft ricavato da un magazzino del XIX secolo. Regno del giovane ma già affermato chef Simone Cipriani che propone piatti originali ispirati alla tradizione.

FUOR D’ACQUA

Via Pisana, 37 ph +39 055 222299 This restaurant serves only freshly-caught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fish-based restaurant. Both simple or more elaborate dishes prepared as per tradition, such as Catalan-style seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indi-

189

FIRENZE

scusso per la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè.

GAN LOUNGE RESTAURANT

Lungarno Ferrucci, 9 a/b ph. +39 055 19991562 +39 055 19991547 The house specialty: Plateau Royal in all its versions, served in an engaging atmosphere and accompanied by cocktails or by the more classic, but always appreciated, Champagne. Specialità: Plateau Royal in tutte le sue declinazioni, servito in un ambiente dal design accattivante e accompagnato da un cocktail o dal più classico, ma sempre di effetto, champagne.

GILÒ PIANOBAR

Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale.

GUCCI GARDEN

Piazza della Signoria, 10 ph. +39 055 75927010 Housed in the Palazzo della Mercanzia, a unique space including a special store offering exclusive creations available only in Florence, a museum curated by Marialuisa Frisa and a restaurant-bistro run by Massimo Bottura, the owner of Osteria Francescana (3 Michelin stars), awarded as the world’s best chef. All’interno meraviglioso Palazzo della Mercanzia uno spazio unico che ospita uno special store dove trovare creazioni storiche in vendita solo a Firenze, una galleria museale curata da Marialuisa Frisa, e un ristorante-bistrot con a capo Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana (tre stelle Michelin) premiato più volte come migliore chef al mondo.

GURDULÙ

Via delle Caldaie, 12/14r ph. +39 055 282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multi-awarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanish-influenced menu. Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole.

HARRY’S BAR

Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055 2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The musttries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei


THE GO-TO RESTAURANTS

personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini.

HOSTARIA BIBENDUM

Via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of fivestar hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate.

IL BORRO TUSCAN BISTRO

Lungarno Acciaiuoli, 80r ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani.

IL MAGAZZINO

Piazza della Passera, 2/3 ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno.

IL PALAGIO

Borgo Pinti, 99 ph +39 055 26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole.

IL SANTO BEVITORE

Via S. Spirito, 64r ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma

informale, con un ottimo rapporto qualità/ prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante.

IO OSTERIA PERSONALE

Borgo S. Frediano, 187r ph+ 39 055 9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine.

IRENE

Piazza della Repubblica, 7 ph +39 055 27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini.

J.K. LOUNGE

Piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055 2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru end-October guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta.

KOKO

Piazza Ferrucci, 4/5r ph. +39 055 6587428 Elegant restaurant and sushi bar. The menu includes unexpected dishes, such as an endless choice of carpaccio, chirashi and maki rolls, to be enjoyed in the sophisticated Tatami room. Elegante ristorante e sushi bar. Il menu riserva parecchie sorprese tra cui una scelta sconfinata di carpacci, chirashi e maki, da gustare magari a uno dei tavoli della raffinata sala Tatami.

KOME

Via dei Benci, 41r ph +39 055 2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di

sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar.

KONNUBIO

Via dei Conti, 8r - ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni. Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni.

IL PASHA

Viale Machiavelli, 18 ph. +39 055 228790 Dining in the main location of Villa Cora during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city. È possibile pranzare o cenare nell’ambiente principale di Villa Cora durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città.

LA BOTTEGA DEL BUON CAFFÈ

Lungarno Benvenuto Cellini, 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante.

LA BOTTEGA DI PARIGI

Via del Terzollina, 3r ph. +39 055 0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stoneground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere.

LA GIOSTRA

Borgo Pinti, 10r - ph +39 055 241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with world-famous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù.

LA LEGGENDA DEI FRATI

Costa San Giorgio, 6/a ph. +39 055 068 0545 The restaurant is located in the Villa Bardini museum complex, affording some of the most stunning views of the city. The cuisine is innovative yet rooted in the local culinary culture. One Michelin starred. All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle

190

FIRENZE

viste sulla città. Una cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Una stella Michelin.

LA MÉNAGÈRE

Via de’ Ginori, 8r - ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in 1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo.

LA RACCOLTA

Via Giacomo Leopardi, 2r ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio.

LOCALE ∞

Via delle Seggiole, 12 ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei.

LUNGARNO 23

Lungarno Torrigiani, 23 ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine.

MARINA DI SANTO SPIRITO

Via Maffia, 1/c - ph. +39 333 3178831 Located in the Santo Spirito quarter, this original restaurant has stone flooring from the 14th century, leather sofas and chairs, antique objects hanging from the walls and a small stage for live music. The menu features exquisite seafood dishes and much more. Nel quartiere di Santo Spirito, un originale ristorante con pavimento in pietre del Trecento, divani e sedie in pelle, oggetti antichi appesi alle pareti e un piccolo palco per la musica dal vivo. In menù, ottime proposte di pesce e non solo.

MAGNOLIA ASIAN GASTROBAR

Borgo Pinti, 99 and Via Capponi, 54 Ph. +39 055 2626477 La quarta proposta gastronomica del Four Seasons Hotel Firenze. Il gastrobar asiatico de La Villa, con menu nato dalla felice sinergia tra lo chef Vito Mollica e lo chef giapponese Haruo Ichikawa, per lungo tempo alle redini del ristorante stellato Iyo di Milano. Aperto fino a tutto ottobre (brunch fino a giugno). Four Seasons Hotel Firenze’s fourth restaurant. It is the Asian gastro-bar housed in La Villa offers a menu created by Chef Vito


THE GO-TO RESTAURANTS

Mollica and Japanese Chef Haruo Ichikawa, for many years at the head of Michelinstarred restaurant “Iyo” in Milan. Open throughout the month of October (brunch until June)

MERCATO CENTRALE

Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte, vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of top-quality food shops and restaurants.

MOMOYAMA

Borgo San Frediano, 10r ph. + 39 055 291840 A journey into the Japanese flavors of Momoyama, in the heart of the Oltrarno. The raw cuisine directed by Gabriel Camara proffers a classic Japanese menu. The Japanese food cooked by Chef Lorenzo d’Agnello is just as delicious. Un viaggio alla volta dei sapori nipponici di Momoyama, nel cuore dell’Oltrarno. La cucina cruda diretta da Gabriel Camara propone i classici della tradizione giapponese. Ottima anche la cucina giapponese cotta dello chef Lorenzo d’Agnello.

NEROMO

Borgo San Frediano, 23 ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte.

OBIKÀ

Via Tornabuoni, 16 - ph +39 055 2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Food-certified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence. Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze.

OMERO

Via del Pian dei Giullari, 11 ph +39 055 220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino.

ONE NIGHT IN BEIJING

Via il Prato, 14r ph. +39 055 2608885 A fusion restaurant where Chinese, Japanese, Thai and Vietnamese cuisines meet and mingle. On the ground floor the Sushi Restaurant, on the first floor elegant dining rooms with kitchen on show, grill and bar. Un Fusion Restaurant dove tra tradizione e innovazione s’incontrano Cina, Giappone, Thailandia e Vietnam. Al piano terra il Sushi Restaurant, al piano superiore gli altri eleganti ambienti con cucina a vista, griglia e bar.

ONICE LOUNGE & RESTAURANT

Viale Michelangiolo, 78 ph +39 055 681631 The restaurant is housed in a mid-nineteenth

century building, which was once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo.

ORA D’ARIA

Via dei Georgofili, 11r ph +39 055 2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin.

OSTERIA BELGUARDO

Piazza degli Scarlatti, 1r ph. +39 055 2654541 A new restaurant overlooking Arno by Belguardo winery, the setting is not trattoria-like, but the spirit is that of traditional, healthy, well-crafted cuisine based on the use of quality ingredients. Un nuovo locale con vista sull’Arno che porta il nome dell’azienda della famiglia Mazzei. L’ambiente non è da trattoria, ma lo spirito rimane quello di una cucina locale sana, ben eseguita e con scelte di qualità.

OSTERIA DEL CAFFÈ ITALIANO

Via Isola delle Stinche, 11/13r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style T-bone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria.

OSTERIA DELLE TRE PANCHE

Via Pacinotti, 32r ph +39 055 583724 The business card reads: “At Andrea’s and Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in 1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffle-flavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo.

PANE & OLIO

Via Faentina, 2r ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo

Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto.

REGINA BISTECCA AL DUOMO

Via Ricasoli, 14r ph. +39 055 2693772 Only a few steps from the Duomo, a temple of steak, obviously Florentine - strictly rare and grilled over hot embers - but also Marchigiana, Scottish Black Angus, Chianina and more. Along with tartare, lampredotto, tripe, hamburgers ... and a wine list combining tradition and innovation. A due passi dal Duomo un tempio della bistecca, ovviamente Fiorentina - rigorosamente al sangue e cotta sul carbonme ardente - ma anche Marchigiana, Black Angus scozzese, Chianina e non solo. Insieme a tartare, lampredotto, trippa, hamburger... Carta dei vini tra tradizione e innovazione.

RISTORANTE FRESCOBALDI FIRENZE

Piazza della Signoria, 31 ph. +39 055 284724 It is the new restaurant by Frescobaldi, one of Italy’s most prestigious wineries. Chef Roberto Reatini offers traditional Tuscan dishes with a contemporary twist. A private dining room on the second floor, cocktail bar, outdoor seating with view of Palazzo Vecchio. È il nuovo ristorante targato Frescobaldi, cantina tra le più prestigiose d’Italia. In cucina lo chef Roberto Reatini che propone i piatti della celebre tradizione toscana con piglio contemporaneo. Privè del secondo piano, cocktail bar e dehors affacciato su Palazzo Vecchio.

RUTH’S

Via Luigi Carlo Farini, 2/a ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione.

SAN NICCOLÒ 39

Via San Niccolò, 39r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming seafood restaurant. Seasonal and traditional Mediterranean dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un raffinato ma accogliente seafood restaurant. Piatti stagionali, tipici della cucina mediterranea, presentata però secondo il gusto attuale.

SE-STO ON ARNO

Piazza Ognissanti, 3 ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with allaround windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne.

STROZZI CAFFÈ COLLE BERETO WINERY

Piazza Strozzi - Palazzo Strozzi ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist.

191

FIRENZE

Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata.

TEATRO DEL SALE

Via de’ Macci, 111r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi. The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo.

THE FUSION RESTAURANT BAR

Vicolo dell’Oro, 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant, always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America.

THE TRUFFLE EXPERIENCE

Via Porta Rossa, 19 ph. +39 055 3995913 The first theme restaurant inside the oldest hotel in Italy, NH-Porta Rossa in Florence, opened by Savini Tartufi, ancient Tuscan family and a true authority on fine truffles. Il primo ristorante tematico all’interno dell’albergo più antico d’Italia, NH-Porta Rossa di Firenze, aperto da Savini Tartufi, storica famiglia toscana e vera autorità in fatto di pregiati tartufi.

TRATTORIA DA SOSTANZA DETTO IL TROIA

Via Del Porcellana, 25r ph +39 055 212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentine-style steak, the must tries are artichoke pie and butter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna.

TREDICI GOBBI

Via Porcellana, 9r ph +39 055 285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless rigatoni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo.

TRATTORIA AL FRESCO

Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 2626460 An exclusive location, nestled in a century-old


THE GO-TO RESTAURANTS

and luxuriant park in the heart of Florence. Every year, Four Seasons Hotel Firenze welcomes the arrival of spring with Al Fresco restaurant, based on an innovative concept: trattoria at lunch, pizzeria and barbecue at dinnertime. Open throughout September. Una location esclusiva, incastonata nel verde di un parco secolare nel cuore della città: il Four Seasons Hotel Firenze dà ogni anno il benvenuto alla stagione en plein air con l’apertura di ‘Al Fresco’, secondo la formula originale di trattoria a pranzo, pizzeria e barbecue a cena.Aperto fino a fine settembre.

ATRATTORIA GARGANI

Via del Moro, 48r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente.

TRATTORIA MARIO

Via Rosina, 2r ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto.

WINTER GARDEN BY CAINO

Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art deco-style Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.

OUTSIDE FIRENZE ANTICA OSTERIA DI NOVOLI

Via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve) ph +39 055 8486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata.

ANTICA SOSTA

Via della Croce, 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo

un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca.

ENKAI

Piazza Mino, 12 (Fiesole) Ph. +39 055 462784 Creative sushi and special cocktails with view over Florence. The menu features, in addition to the great classics (salmon, tuna, sea bass), Mazara prawns, shellfish, scampi, meat carpaccios, nigiri and Wagyu meat tartare from Emilia Romagna. A wide selection of international and local cocktails. Sushi creativo e miscelazione d’autore con vista su Firenze. In menu oltre ai grandi classici (salmone, tonno, branzino), gamberi di Mazara, molluschi, scampi, e piatti di terra come carpacci, nigiri e tartare di carne Wagyu allevata in Emilia Romagna. Per i cocktail eccellenze dal mondo con focus sul territorio.

F.LLI GIUSTI

Località Prulli (Reggello) ph +39 055 863255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica.

LA CANTINETTA

Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055 8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto.

LA CANTINETTA DI RIGNANA

Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055 852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must.

LA CASA DI CACCIA

Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) ph +39 055 8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici.

LA MARTELLINA

Via di Pancole,1 (Strada in Chianti) ph +39 055 858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà.

LA TENDA ROSSA

Piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) ph +39 055 826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione.

OLTRE IL GIARDINO

Piazza Bucciarelli, 42 (Panzano in Chianti) ph +39 055 852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list.

Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini.

OSTERIA DI PASSIGNANO

Badia a Passignano ph +39 055 8071278 Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina.

RINUCCIO 1180

Via Cassia per Siena, 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) ph +39 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia.

RISTORANTE LA TORRE

Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana.

RISTORO L’ANTICA SCUDERIA

Via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar.

SOLOCICCIA

Panzano in Chianti ph +39 055 852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo).

TRATTORIA DONNINI

Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli) ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

192

FIRENZE

BADIA A COLTIBUONO

Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità.

BANFI

Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti.

CASTELLO DI FIGHINE

Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin.

I SALOTTI

Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin.

IL COLOMBAIO

Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin.

LA BOTTEGA DEL 30

Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin.

MEO MODO

Borgo Santo Pietro Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata.

OSTERIA DI FONTERUTOLI

Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie


THE GO-TO RESTAURANTS

prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei.

OSTERIA LE PANZANELLE

Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

VERSILIA AL PORTO

Via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584 388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini.

BISTROT

Via della Repubblica, 14 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 89879 Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin.

DA GIORGIO

Via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584 44493 Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei.

ENOTECA MARCUCCI

Via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584 791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia.

FRANCO MARE RESTAURANT

Lungomare di Marina di Pietrasanta ph. +39 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia.

IL PICCOLO PRINCIPE

Piazza Puccini, 1 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri.

LA MAGNOLIA

Viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del

locale. Una stella Michelin.

giapponesi. Le ampie vetrate creano una perfetta continuità con lo spazio esterno.

Via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 874030 A must restaurant for seafood lovers, Lorenzo is famous for its mayonnaise prepared tableside. The service is impeccable, and seafood is master of the menu, with every dish guaranteed fresh. This one-star Michelin restaurant is located directly in the town center. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Famosissima la sua maionese preparata in sala, impeccabile il servizio, ma su tutto regna il pesce, una vera garanzia di freschezza. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino.

AREZZO

Via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce.

Via Giotto, 45 - ph +39 0575 21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais.

LORENZO

L’ORSA MAGGIORE

MAITÒ

Via Arenile, 28 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara.

MARECHIARO

Via Franceschi, 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo.

ANTICA FONTE

Via Porta Buia, 18 ph +39 0575 28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina.

LA TAGLIATELLA

LE CHIAVI D’ORO

Piazza San Francesco, 7 ph +39 0575 403313 Expect traditional fare from Arezzo, re-visited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco.

OSTERIA DA GIOVANNA

Viale Franceschi, 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce.

Via Anconetana, 164 ph +39 0575 36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini

Via Achille Franceschi, 2 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 1716337 One place with three souls: a restaurant, a fish shop and a street food bar. Seafood dominates the menu, which is composed exclusively of the daily catch. Guests can choose their meals directly from the extensive seafood counter. Un locale, tre anime: ristorante, pescheria e street food. Il menù è dettato dal mare, perché composto solo di pescato del giorno. Agli ospiti la possibilità di scegliere direttamente dal grande banco del pesce.

Via Maffei, 2 (Cortona) ph +39 0575 630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect re-visited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati.

Via Mazzini, 120 (Viareggio) ph +39 0584 31382
One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato.

Piazza Grande - ph +39 0575 295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande.

Via della Repubblica, 2/a (Forte dei Marmi) - ph. +39 0584 82931 Owned by brothers David and Marco Vaiani, this restaurant offers fusion cuisine, combining exotic tastes with the culinary traditions of Versilia. Of note are the dishes of raw Italian fish and their curious Japanese variations. The large windows create a space of perfect continuity with the outdoors. È il ristorante dei due fratelli David e Marco Vaiani. Cucina fusion che unisce la tradizione culinaria versiliese con sapori esotici. Crudité di pesce italiano e curiose varianti

Località San Martino, 370 (Cortona) ph +39 0575 612679 One Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed. Una stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

OSTERIA DEL MARE

PESCE BARACCA

ROMANO

THE FRATELLINI’S

OSTERIA DEL TEATRO

RISTORANTE LOGGE VASARI

RISTORANTE RELAIS IL FALCONIERE

GROSSETO

ALL’ACQUACOTTA

193

FIRENZE

Terme di Saturnia - ph. +39 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred.

BRACALI

Via di Perolla, 2 (Massa Marittima) ph. +39 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Chef Francesco Bracali and his brother Luca, sommelier, in charge of the cellar. Una stelle Michelin, il regno dello Chef Francesco Bracali e di suo fratello Luca, sommelier.

CANAPONE

Piazza Dante, 3 - ph +39 0564 24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto.

DA CAINO

Località Montemerano (Manciano) ph +39 0564 602817 A famous restaurant where, thanks to Valeria Piccini chef, the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove, grazie alla chef Valeria Piccini, è ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin.

ENCANTO WHITE

Località Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) - ph. +39 0564 947126 This restaurant is known and appreciated not only for its dishes (rigorously prepared with fresh fish), but also for its enchanting seaside location: a perfect spot for a candlelight dinner. Un ristorante conosciuto e apprezzato non solo per i suoi piatti preparati rigorosamente col pescato del giorno, ma anche per l’incantevole location sul mare, perfetta per una cena a lume di candela.

IL FRANTOIO

Piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564 896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici.

IL GAMBERO ROSSO

Lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole) - ph +39 0564 832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto.

IL PELLICANO

Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564 858275 In one of The Leading Hotels of the World in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare.

LA TRATTORIA ENRICO BARTOLINI

Località Badiola - Castiglione della Pescaia ph. +39 0564 944800 It is the starred restaurant of the exclusive hotel L’Andana. Inside the ancient barn of a residence of Leopold II of Lorraine, the “Contemporary Classic” cuisine, typical of the famous Tuscan


THE GO-TO RESTAURANTS

chef, with a magnificent view of the vineyards. È il ristorante stellato dell’esclusivo hotel L’Andana. All’interno dell’antico granaio di una residenza di Leopoldo II di Lorena, la cucina “Contemporary Classic”, cifra del noto chef toscano, con magnifica vista sui vigneti.

SILENE

Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarkable wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin.

LIVORNO CAPO NORD

La Fenicia, 69 - Marciana Marina (Isola d’Elba) - ph +39 0565 996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole.

HOTEL RISTORANTE CASANOVA

Località Lido di Capoliveri (Livorno) Isola d’Elba - ph. +39 0565 940105 In the magnificent scenery of Lido di Capoliveri, a restaurant offering delicious fish-based dishes, prepared according to the island’s traditional recipes. Nel magnifico scenario dell’Isola d’Elba, un ristorante gustare tutte le prelibatezze a base di pesce, preparate secondo le antiche ricette dell’Isola.

IL CANTUCCIO

Largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) - ph +39 0565 976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina.

LA BARACCHINA

Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello.

LA PINETA

Via dei Cavalleggeri Nord, 27 (Marina di Bibbona) ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant businesses with a fantastic location on the beach. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana con una splendida location in riva al mare. Una stella Michelin.

OSTERIA DEL MARE

Borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586 881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti.

OSTERIA DEL NOCE

Via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) - ph +39 0565 901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra.

STELLA MARINA

Via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio - Isola d’Elba) - ph +39 0565 915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una

cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.

LUCCA

BUCA DI SANT’ANTONIO

Via della Cervia, 3 - ph +39 0583 55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici.

BUTTERFLY

Strada Statale del Brennero ph +39 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin

L’IMBUTO

Piazza del Collegio, 7 ph +39 331 9308931 The small empire of chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

PISA

OSTERIA DEI CAVALIERI

Via San Frediano, 16 ph +39 050 580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti.

OSTERIA DEL PORTON ROSSO

Vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050 580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa.

DAL DUCA

Via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588 81510 In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale.

LUNASIA

Via dei Tulipani, 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams. One Michelin star. All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin.

PEPENERO

Via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Miniato. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista.

PEPERINO

Via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita.

PERBACCO

Viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586 650324 High quality restaurant and local dishes.

The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina.

PISTOIA

ATMAN - VILLA ROSPIGLIOSI

Via Borghetto, 1 m Località Spicchio (Lamporecchio) ph. +39 0573 1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. One-Michelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

ANTICA OSTERIA DA DIVO

Via Franciosa, 25 - ph +39 0577 284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale.

BOTTEGA NUOVA

Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577 284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce.

CASATO

Via Casato di Sotto, 18/26 ph +39 0577 282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo.

FORNACE DI MELETO

Località Meleto Gaiole in Chianti, ph. +39 0577 738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/ bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa.

I TERZI

Via dei Termini, 7 - ph +39 0577 44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare la specialità della giornata.

OSTERIA LE LOGGE

Via del Porrione, 33 - ph +39 0577 48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco.

ARNOLFO

Via XX Settembre, 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars. In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin.

BADIA A COLTIBUONO

Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property.

194

FIRENZE

The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità.

BANFI

Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti.

CASTELLO DI FIGHINE

Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) - ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin.

I SALOTTI

Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin.

IL COLOMBAIO

Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin.

LA BOTTEGA DEL 30

Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin.

MEO MODO

Borgo Santo Pietro Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata.

OSTERIA DI FONTERUTOLI

Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei.

OSTERIA LE PANZANELLE

Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.


pH. FERDINANDO SCIANNA

F UT U R O A N T IC O.

The next step in our 630 year history. Niccolo Antinori, founder of Palazzo Antinori (1506) in the heart of florence, returns to the vineyards at the new winery Antinori nel Chianti Classico (2012). Discover more on www.antinori.it


Profile for Gruppo Editoriale srl

Firenze Made in Tuscany n.52  

Firenze Made in Tuscany n.52  

Advertisement