Page 1

COVER STORY RUPERT EVERETT FASHION F/W 2018-2019 FLOWERAGE INTERVIEW GIORGIO ARMANI | PAUL SURRIDGE | LORIS CECCHINI ART FORTE BELVEDERE | MUSEO NOVECENTO | THE ELEGANCE OF SPEED ITINERARIES SANTA CROCE | FIRENZE SEEN FROM THE ARNO | LIFE IN THE PIAZZAS


SEGNATEMPO D’ECCEZIONE La collezione L.U.C, realizzata a mano dal 1860 per gentlemen raffinati. L’espressione di un carattere deciso per i protagonisti della storia.

L.U.C XPS (161948-1001), CALIBRO MANIFATTURA A CARICA AUTOMATICA L.U.C 96.12-L


Firenze: Boutique Chopard - Via de’ Tornabuoni, 30/32r www.chopard.com


FIRENZE

Excellence of artistry, in a bag Firenze Palazzo Gondi, Via de’ Gondi 4/6r

Milano Galleria Passarella, 1 (Corso Vittorio Emanuele II) www.ireri.it

Location: Liceo Artistico di Porta Romana - Firenze


106

80

120

47

SUMMER in this issue

COVER STORY 76 Rupert Everett My Oscar Wilde Il mio Oscar Wilde

MOVIE, THEATRE, MUSIC & SPORT 172 Music festival The rhythm of summer Il ritmo dell’estate

SAVE AS 30 Flo Exhibition 32 Tuscan Exhibition 34 Classic 36 Pop 38 Folk 40 Books PEOPLE 20 Silvia Orsi Bertolini Without boundaries Senza confini 22 Veronica Grechi The gift a secret Florence Il dono di una Firenze segreta 24 Simone Graziano Magical improvisations Magiche improvvisazioni 26 Lorenzo and Lucrezia Franceschini A style in movement Uno stile in movimento 28 Gabriele Gori Always in attack Sempre in attacco

FASHION 43

It object Jewels Precious desires Desideri preziosi 116 Giorgio Armani A king in Florence Un re a Firenze 120 Roberto Cavalli Team spirit Spirito di gruppo 122 Shooting Flowerage by Marta Innocenti Ciulli 142 Patrizia Pepe The harmony of the heart L’armonia del cuore 144 Shopping Masculine, singular Moda, maschile, singolare 132

MUST HAVE 135 Summer 137 Trends 139 Man 141 Trends


184

158

47

SUMMER in this issue

ART, DESIGN & CULTURE 150

Interior design

ITINERARIES 80

Santa Croce

Twenty years of Flair

The origin of beauty

Vent’anni di Flair

Genesi della Bellezza

152

Maison Bereto

The art of perfume L’arte del profumo 154

Museo Novecento

900 factor Fattore 900 158

Ferragamo Museum

Italy in Hollywood L’Italia a Hollywood 162

Exhibition

94

Forte Belvedere

Star maps Mappe stellari Visions

106

Views by the river Firenze vista dall’Arno Lifestyle

176

Under the Florence sky Sotto il cielo di Firenze Out the city

The Elegance of Speed

184

L’eleganza della Velocità

Nikki Beach, I’m in love

166

Loris Cecchini

Nikki Beach Versilia, questo e’ amore

Steel textures Trame d’acciaio 170

Hi-tech

SHOT

ON SITE

57

Green Audio Suono in alta definizione 182

Hotel Savoy

TUSCANY GUIDE 187

Hotels Restaurants

Contemporary Renaissance

188

Rinascimento contemporaneo

194 Last page


tuscany.com

adein www.firenzem

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni contributors

Rossella Battista, Giovanni Bogani, Chicco Coda, Salvatore La Spina, Maria Lardara, Stefano Pezzato, Lavinia Rinaldi, Domenico Savini, Elisabetta Vagaggini, Cinzia Zanfini photographers

Archivio Foto Locchi, Alessandro Bencini, Giuseppe Cabras, Rafaele Ceruli, Jay L. Clendenin (cover), Lorenzo Cotrozzi, Davide Esposito, Dario Garofalo, Luca Moggi, Marco Mori, Officine Fotografiche, New Press Photo, Pierpaolo Pagano, Pasquale Paradiso, Niccolò Rastrelli, Massimo Sestini art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


CONTRIBUTORS

Umberto Cecchi, journalist, writer, he has been special correspondent for La Nazione newspaper, of which he was one of the best-known collaborators and editor-in-chief from 1992 to 2002. The author of over 20 books. He has served as Member of Parliament, city councilman in Florence. Umberto Cecchi, giornalista e scrittore, è stato inviato speciale i per il quotidiano La Nazione, del quale è stato ed è una delle firme più note, fino a divenirne direttore dal 1998 al 2002.Autore di più di 20 libri, E’ stato membro del Parlamento, consigliete comunale a Palazzo Vecchio. Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

On the left bank of the Arno, to discover the real Florence with her beauty, art and craftsmanship in major bookstores of tuscany

OLTRARNO GUIDE is also a free app!

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties. Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60. Fabrizio Moretti has an Arts degree with a major in history and is an art dealer with galleries in Florence, London and Monte Carlo. He specializes in Renaissance period. In 2004, the French Minister of Culture bestowed him with the title of Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres. Fabrizio Moretti, laureato in lettere indirizzo storico, è un mercante d’arte con gallerie a Firenze, Londra e Monte Carlo, specializzate in dipinti Rinascimentali. Nel 2004 il Ministro della Cultura e delle Comunicazioni francese lo ha insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres.

Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze.


ALPHASTUDIO FLAGSHIP STORE - VIA PORTA ROSSA 39/R FIRENZE ALPHA-STUDIO.COM


flo people

es

ri a d n u o b t u o With FINI SENZA CON

text Virginia Mammoli

Which aspect of your job do you like most? The success of the event and of the client, and the fun of the guests. What does it mean to organize a customized event? It means you must get inside the client’s head, know every corner of the company, understand what the needs are and what result is expected. The location that you would like to add to your portfolio? The moon. The secret for never ceasing to amaze? The secret lies in always doing your best and giving your utmost, and in having reliable, visionary “prompters” at your side. The most curious request you have ever received? An event in a hot-air balloon. What type of event do you prefer? I like to do events regardless of type; I like organizing them and inviting guests and friends to have fun, and with the excuse of being together. I enjoy myself when the client is generous in organizing an initiative so as to attain the best possible result. Pitti Immagine Uomo, a great motor of events. What makes this event so special and what is its strength? Pitti Immagine succeeds in putting together many realities and in moving thousands of people, giving everyone wonderful surprises. Your Florence, in three places dear to your heart. Santo Spirito, the Duomo and the tennis club.

Silvia Orsi Bertolini is the founder of La Jamais Contente, an agency specializing in the communication and organization of exclusive events, relied on by important names such as Sergio Rossi, Damiani, Moncler and Prada 20 Firenze | made in Tuscany

Qual è l’aspetto che più ama del suo mestiere? Il successo dell’evento e del cliente e il divertimento degli invitati. Cosa significa organizzare un evento su misura? Entrare nella testa del cliente, conoscere ogni angolo dell’azienda, capire quali sono le necessità e quale risultato si aspetta. La location che vorrebbe aggiungere al suo portfolio? La luna. Il segreto per non smettere mai di stupire? Dare sempre il meglio e il massimo, e avere accanto dei buoni suggeritori molto visionari. La richiesta più curiosa che ha ricevuto? Un evento in mongolfiera. Qual è la tipologia di evento che preferisce? A me piace fare eventi a prescindere, organizzarli e fare venire invitati e amici a divertirsi e con la scusa di stare insieme, conoscere nuove realtà. Mi diverto quando il cliente è generoso nell’organizzare un’iniziativa in modo da ottenere il miglior risultato possibile. Pitti Immagine Uomo, grande motore di eventi. Cosa rende così speciale questa manifestazione e qual è la sua forza? Pitti Immagine riesce a mettere insieme tante realtà e riesce a far muovere migliaia di persone, dando ogni anno a tutti delle meravigliose sorprese. La sua Firenze in tre luoghi a lei cari. Santo Spirito, il Duomo e il circolo del tennis.


#BoggiGentlemanStyle

A GENTLEMAN DOES NOT SET HIMSELF ANY LIMITS. - Rule 26 -

boggi.com

FIRENZE | Via della Vigna Nuova 27 | Tel. +39 055 219.179 SIENA | Via di Città 9 | Tel. +39 0577 28.2151 FORTE DEI MARMI | Via Mazzini 8/10 | Tel. +39 0584 812.64


flo people

ce n e r o l F t e r c e s A The gift a ZE SEGRET N I UNA FIRE IL DONO D

Veronica Grechi began thinking about Velona’s Jungle in 2013, and with the support of her mother Serena, she opened to the public in 2016. Holding a degree in Economics of Tourism and equipped with loads of passion, they’ve overseen the transformation of their grandparent’s house in centre of Florence

text Elisa Signorini

Where did the idea come from for such a bizarre style of hospitality, as opposed to the more traditional “Renaissance” styles one might find in Florence? It was partly because of the nature of the building built in the 1930s and partly because of the passion my mother and I share for animaliers and the jungle. Many pieces, some even from the late 19th century, come from my grandfather Pasquale’s antiques shop. We’ve paired them with modern objects in line with our tastes. From a conservation side, we tried to valorize the essence of this house, which we care a lot about. What kind of rapport do you build with guests? It’s like hosting friends from abroad in my city: I suggest things to see and do, I put myself “on display,” recommending what I like, even things outside the norm. The intention is to create an experience that’s truly lasting, extending long past their stay. What’s the most gratifying feedback you’ve received about your business? The bond we create with the guests, who occasionally come back multiple times. Some even find objects that they think would be perfect for our house and give them to us, as if it were a gift between friends who really know each other’s tastes and interests. What experience would you recommend for your guests? Definitely the Renaissance circuit, which can be walked on foot or by bike through the historic centre, leaving from the hills, where there are stunning views and unusual perspectives. Come nasce la scelta di un’ospitalità decisamente bizzarra rispetto alla consueta cartolina rinascimentale di Firenze? In parte è dettata dalla natura dell’edificio costruito negli anni ’30, in parte dalla passione mia e di mia madre per l’animalier e l’ambiente della giungla. Molti pezzi, anche di fine ‘800, vengono dall’attività di antiquario del nonno Pasquale, li abbiamo coniugati con oggetti moderni secondo il nostro gusto. La ristrutturazione conservativa ha cercato di valorizzare l’essenza di questa casa, che ci è molto cara. Quale rapporto si crea con gli ospiti delle suites? E’ come ospitare nella mia città amici stranieri: propongo cose da fare e da vedere, ‘mi espongo’ suggerendo quello che mi piace, anche al di fuori degli schemi tradizionali. Con l’intenzione di far vivere un’esperienza che sia davvero indelebile, al di là della durata del soggiorno. Qual è il feedback più gratificante della sua attività? Il legame che si crea con gli ospiti, che a volte tornano, che a volte trovano oggetti che ritengono in sintonia con la nostra casa e ce li portano, come se fosse un regalo ad amici di cui si conoscono i gusti e le passioni. Quale esperienza consiglia ai suoi ospiti? Certamente L’anello del Rinascimento, un percorso da fare a piedi o in bici che accompagna nel centro storico partendo dalle prime colline e offrendo scorci e prospettive insoliti.

22 Firenze | made in Tuscany


flo people

s

ation s i v o r p m i l a c Magi ZIONI PROVVISA MAGICHE IM

text Teresa Favi

How was your passion for music born? Thanks to my mother. In the evenings, after dinner, she used to play the piano. I suffered a bit from insomnia as a child, and it helped me fall asleep. How, or thanks to whom, did you come across jazz? A friend of mine from junior high school, Sergio, who was a curious, highly intelligent and solitary kid, lent me an album by Thelonious Monk, “Underground”. I devoured it, and learned all the pieces by heart. If it wasn’t for Sergio, I don’t know if I’d be a musician today. How did being from Florence shape your career? Florence is the city I live in, I adore it and have dedicated an album to it, called Trentacinque and recorded with my group Frontal. Studying Brunelleschi’s geometrical forms or Michelangelo’s sculptures was one of the most important lessons in composition I’ve ever received. Where are some good places to listen to jazz in Florence? At Musicus Concentus, at the Sala Vanni. At Pinocchio Jazz, a historical club in Florence, or at Nof for its Monday jazz nights. When are your upcoming concerts in this city? I’ll be playing on 14 June in the courtyard of the Brancacci chapel, as part of the summer concert series “Secret Florence”, performing in a duo with Naomi Berrill, cello and voice. Three pieces, for someone who’s new to jazz? Something Else by Cannonball Adderly, My song by Keith Jarrett, Until the quiet comes by Flying Lotus.

Simone Graziano, a 38 year-old pianist and composer from Florence, is a leading figure in Italian jazz. He is co-artistic director of the concert season A Jazz Supreme for Musicus Concentus and president of the Midj (National Association of Jazz Musicians), his latest album is called Snailspace (Auand, 2017). 24 Firenze | made in Tuscany

Come è nata la sua passione per la musica? Grazie a mia madre. La sera dopo cena aveva l’abitudine di suonare il piano, ero un bambino piuttosto insonne, e mi aiutava ad addormentarmi. L’incontro con il jazz è stato grazie a chi o a che cosa? Un amico, ai tempi delle medie, Sergio. Ragazzo curioso, intelligentissimo e solitario. Mi prestò un album di Thelonious Monk, “Underground”. Lo consumai fino a saperne tutti i brani a memoria. Se non fosse stato per Sergio non so se oggi farei il musicista. Che ruolo ha giocato nella sua carriera l’essere fiorentino? Firenze è la città in cui vivo, che adoro e a cui ho anche dedicato un disco del mio gruppo Frontal, dal titolo Trentacinque. Studiare le geometrie del Brunelleschi o Ie sculture di Michelangelo sono state tra le lezioni di composizione più importanti che ho ricevuto. Dove si va ad ascoltare il jazz a Firenze? Al Musicus Concentus alla Sala Vanni. Al Pinocchio Jazz, storico locale fiorentino, o alla Nof per il Monday jazz night. Quali sono le sue prossime date in città? Suonerò il 14 giugno al chiostro della cappella Brancacci per la rassegna dell’estate fiorentina “Secret Florence” in duo con Naomi Berrill al violoncello e voce. Tre ascolti per un neofita? Something Else di Cannonball Adderly, My song di Keith Jarrett, Until the quiet comes di Flying Lotus.


www.angelacaputi.com

ph. alessandrobencini.com


flo people

ent m e v o m n i e l A sty OVIMENTO IN M UNO STILE

The siblings Lorenzo and Lucrezia Franceschini, with their father Marzio, carry on a family tradition of fashion-related commerce, developing it with the creation of their own brand-name line: Donkey Swing, clothing for men, women and children, including accessories

26 Firenze | made in Tuscany

text Elisa Signorini

What is your hallmark? Lucrezia: The graphics that recall tattoos, a taste that joins rockabilly, vintage and biker styles. Are the designs original? Lorenzo: Absolutely yes: we commission the idea to various Italian tattoo artists, who realize them exclusively on our garments, of which we take care of production and sales. Where did the idea for Donkey Swing come from? Lorenzo: After studying at the Art Institute of Porta Romana, I followed our family tradition which, since the times when our grandparents Marcello and Maria worked at open-air markets, has developed competencies in the sale of clothing. Then came the idea of​​ producing our own line of clothing, a dream that would not have come true without the support of our father and his “vintage” genius. Lucrezia: Instead the name comes from my childhood memories of my favorite stuffed toy, a little donkey, and from our characteristic of always being on the move! What do you like most about this experience? Lucrezia: I like the idea of a family ​​ business because our family welcomes, stimulates and enhances my ideas. Lorenzo: I like the idea of ​​a Made in Florence that nevertheless has an international flavor. And the fact that we are not seeking the realization of a fashion item, but of a truly original style. Qual è il vostro segno distintivo? Lucrezia Le grafiche che richiamano i tatuaggi, un gusto che incontra il rockabilly, il vintage e il biker style. I disegni sono originali? Lorenzo Assolutamente sì: commissioniamo l’idea a diversi artisti italiani del tatuaggio, che lirealizzano esclusivamente sui nostri capi, dei quali curiamo la produzione e la vendita. Da dove nasce l’idea della Donkey Swing? Lorenzo Dopo gli studi all’Istituto d’arte di Porta Romana ho seguito la tradizione di famiglia che dai tempi in cui i nonni Marcello e Maria facevano i mercati ha sviluppato competenze nella vendita di abbigliamento. Poi è nata l’idea della produzione di una linea di abbigliamento tutta nostra, sogno che non si sarebbe realizzato senza il supporto di nostro padre e la sua genialità vintage. Lucrezia Il nome invece viene dalla memoria del mio pupazzo preferito da piccola, un ciuchino appunto, e dalla nostra caratteristica di essere sempre in movimento! Cosa vi piace di più di questa esperienza? Lucrezia Mi piace l’idea dell’impresa familiare perché la famiglia accoglie, stimola e valorizza le mie idee. Lorenzo Mi piace l’idea di un Made in Florence che abbia tuttavia un respiro internazionale. E il fatto che non cerchiamo la realizzazione di un capo di moda, ma di un vero e proprio stile assolutamente originale.


flo people

ack t t a n i s y a w l A ATTACCO SEMPRE IN

ph. Luca Fanfani

Born in Florence in 1999, striker for the Fiorentina’s youth team, Primavera, Gabriele Gori closed out the regular season with 17 goals to his credit. He’s vice-champion of the Italian youth team and has played in almost 40 national youth matches

28 Firenze | made in Tuscany

text Matteo Grazzini

Where does Gabriele Gori the footballer come from? I started on Fiorentina’s youth team at just 9 years old: they saw me playing in some tournaments when I was on the Sestese junior team. Have you been inspired by certain footballers over the years? I’m still upset because my idol, Fernando Torres, just retired. I’ve always considered him a role model, but I know that every footballer must give their best and create their own style of playing. Which goals do you remember most fondly? In terms of importance, the one I scored in Naples during the last championship, but the most beautiful was in Milan this year. What do you do off the field? I’ve been with my girlfriend Sara Bergomi, Beppe’s daughter, for the last two years, and I hang out with her when I have a bit of free time. Playing at certain levels requires sacrifices, so there’s little time for other things. Which places do you like the most in Florence? I love sushi, so Koko is a fixture in my life. Florence is my city, and I like it for all the places it offers as a whole. And what’s one trip that you’ve taken or will take that you love the most? I would like to go to the United States, to Miami, Los Angeles… I’ve never been. In five years, Gabriele Gori will be… Definitely playing football. I hope to be a champion. Come nasce il Gabriele Gori calciatore? Sono entrato nel settore giovanile della Fiorentina ad appena 9 anni: mi videro giocare in alcuni tornei quando ero nei pulcini della Sestese. In questi anni ti sei ispirato a qualche calciatore? Sono ancora triste perché il mio idolo è Fernando Torres, che ha appena smesso di giocare. L’ho sempre preso a modello ma so che ogni calciatore deve dare il meglio di sé creandosi un proprio stile di gioco. Quali gol ricordi con più piacere? Per l’importanza quello al Napoli nello scorso campionato, per la bellezza quello al Milan di quest’anno. Cosa fai fuori dal rettangolo verde? Da due anni sono fidanzato con Sara Bergomi, la figlia di Beppe e quando ho un po’ di tempo libero sto con lei. Giocare a certi livelli richiede sacrifici e quindi gli spazi per altre cose sono pochi. Hai dei luoghi di Firenze a cui sei più legato? Io adoro il sushi e quindi il Koko è una tappa fissa. Per il resto Firenze è la mia città, mi piace tutta proprio per l’insieme di luoghi che regala. C’è invece un viaggio fatto o da fare che hai nel cuore? Da piccolo ho girato tanto con la famiglia, ora non posso più farlo. Ma mi piacerebbe andare negli Stati Uniti, a Miami, Los Angeles… non ci sono mai stato. Tra cinque anni Gabriele Gori sarà?… Sicuramente nel calcio. Spero al top.


G R AC E A N D C H A R AC T E R

Liens Collection

Via dei Calzaiuoli 122/r 124/r

50122 FIRENZE

Tel.+ 39 055.287862

www.enricoverita1865.com


save as flo exhibition

Art and the City L’ARTE E LA CITTÀ

text Rossella Battista Palazzo Strozzi

Forte Belvedere

Palazzo Pitti

Museo Novecento

Gallery Hotel Art

30 Firenze | made in Tuscany

JUNE While until 10 March 2019, the Museo Salvatore Ferragamo is hosting an impressive exhibition project entitled Italy in Hollywood, inspired by the years the “Shoemaker to the Stars” spent in the United States (1915-1927), at Palazzo Pitti opens an unusual and captivating photographic exhibition, The elegance of speed, a retrospective linking fashion and automobiles between the 1930s and the 1970s through the images of the remarkable Archivio Foto Locchi, which boasts more than five million photographs including 20,000 dedicated to the history of cars and legendary GIUGNO Mentre il Museo Salvatore Ferragamo fino al 10 marzo 2019, ospita un suggestivo progetto espositivo dal titolo L’Italia a Hollywood, ispirato dagli anni trascorsi dal ‘Calzolaio delle Dive’ negli Stati Uniti (1915-1927), a Palazzo Pitti apre un’insolita e accattivante mostra fotografica The elegance of speed, una retrospettiva che lega moda e motori tra gli anni Trenta e Settanta del Novecento, attraverso le immagini del portentoso Archivio Foto Locchi che vanta oltre 5milioni di scatti tra cui 20mila solo dedicati alla storia dell’automobile e di competizioni leggendarie (fino al 2 dicembre). E ancora immagini a Villa Bardini dove Steve McCurry propone Icons (fino al 13 settembre). Arte contemporanea site specific per il museo verticale della città: il Gallery Hotel Art, in Vicolo

competitions (until 2 December). ce home, Palazzo Horne. Fans And again photography, at Villa of modern and contemporary Bardini, where Steve McCurry art cannot miss a visit to Palazzo proposes Icons (until 13 Septem- Bartolini-Salimbeni, to view Da ber). Contemporary site-specific Picasso a Warhol e da De Chirico a art for the city’s vertical museum: Fontana (From Picasso to Warhol the Gallery Hotel Art, in Vicolo and from De Chirico to Fontana) dell’Oro, proposes Loris Cec- (until March 2019). chini’s Waterbones on its façade, JULY in collaboration with the Museo A tribute to Fritz Koening (1924Pecci of Prato and the Manteco 2017), is offered by the Uffizi and textile company. Dedicated to the Boboli with various exhibits science fiction, New Flight to So- (until 7 October). And until 29 laris presents costumes and more July, the L’Alabardiere of Pontorat the Zeffirelli Museum (until mo will be at Palazzo Pitti. An 31 July). An invitation to connect overview of painting and drawing with the sounds of nature is of- from the late period of the great fered at the Forte Belevedere in protagonist of Mannerism. the exhibition Gong by Eliseo SEPTEMBER Mattiacci (until 14 October). Again contemporary art, rather body-art, with the The exhibition of important exhidrawings entitled Raffaello, Rubens, A summer bition at Palazzo Tiepolo (until 31 of great Strozzi dedicated to July) is also an opAbramovic exhibitions Marina (21 September-20 portunity to visit a January). historic Renaissan- in historic dell’Oro, che sulla buildings Roberto Casamonsua facciata pro- and ti che propone da pone Waterbones Picasso a Warhol amazing di Loris Cecchini, e da De Chirico a in collaborazione open air Fontana (fino a col Museo Pecci installations marzo 2019). di Prato e l’azienLUGLIO da tessile Manteco. E’ dedicato Un tributo a Fritz Koening alla fantascienza Un nuovo volo (1924-2017), lo scultore tedesco su Solaris, costumi e non solo divenuto universalmente noto al Museo Zeffirelli (fino al 31 per la sua sfera cariatide rimaluglio). Un invito a connettersi sta miracolosamente intatta dal ai suoni della natura quello che crollo delle Twin Tours di New propone al Forte Belvedere la York, è quanto gli riservano mostra Gong di Eliseo Mattiac- Uffizi e Boboli con vari alleci (fino al 14 ottobre). Un’occa- stimenti (fino al 7 ottobre). E sione per visitare anche una di- fino al 29 luglio L’Alabardiere mora storica del Rinascimento di Pontormo è a Palazzo Pitcome Palazzo Horne è la mo- ti. Una carrellata tra pittura e stra di disegni Raffaello, Rubens disegno del periodo tardo del e Tiepolo (fino al 31 luglio). Gli protagonista del Manierismo. appassionati d’arte moderna e SETTEMBRE contemporanea non possono Ancora arte contemporanea, mancare una visita a Palazzo anzi body-art con la grande Bartolini-Salimbeni, recente- mostra che Palazzo Strozzi demente aperto al pubblico gra- dica a Marina Abramovic (21 zie alla corposa Collezione di settembre-20 gennaio).


save as tuscan exhibition

A journey through time UN VIAGGIO NEL TEMPO text Rossella Battista Civic Museum, Sansepolcro (Arezzo)

Duomo di Siena

Church of SAnta Maria della Spina, Pisa

Church of San Michele, Lucca

Fondazione Ragghianti, Lucca

32 Firenze | made in Tuscany

JUNE In Pisa, Palazzo Blu offers a window onto the ancient silk roads with photographs by Michael Yamashita of his Viaggio di Marco Polo (until July 1); Robert Doisneau and Pescatore d’immagini at Pisa’s Museo della Grafica closes on June 17. Palazzo Fabroni in Pistoia also offers photographs, where Marco Delogu presents unusual shots in Asinara (until July 1). At the MACN in Monsummano, until the 24th, a retrospective of Ferdinando Chevrier (1920-2005). Ending on June 14 is the unusual futuristic exhibition dedicated to Krimer (Cristoforo Mercati, 1908-1977), with Marinetti GIUGNO Variegata la scelta estiva. A Pisa, in attesa della grande rassegna di ottobre su Magritte, Palazzo Blu offre una finestra sulle antiche vie della seta con le immagini di Michael Yamashita e il suo Viaggio di Marco Polo (fino all’1 luglio); chiude invece il 17 giugno Robert Doisneau Pescatore d’immagini al Museo pisano della Grafica. Ancora foto in scena a Palazzo Fabroni di Pistoia dove Marco Delogu presenta insoliti scorci dell’Asinara (fino all’1 luglio). Al MACN di Monsummano fino al 24 retrospettiva di uno tra i più importanti esponenti dell’astrattismo italiano negli anni ‘50: Ferdinando Chevrier (1920-2005). Chiude il 14 giugno l’insolita mostra futurista dedicata a Krimer (Cristoforo Mercati, 1908-1977), con Marinetti e Viani il Vagero, alla Pinacoteca comunale di Collesalvetti.

e Viani il Vagero, at the Pinacoteca AUGUST-SEPTEMBER in Collesalvetti. Maestri “a rischio”, il Cantiere del JULY Duomo di Siena is the exhibition Amos Cassigoli e gli amici puristi. that brings in the cathedral crypt Opere dell’800 senese da una colle- the now-restored monumental zione privata. at the Museo Cas- heads from the baptistery façade sigoli in Asciano (until July 29, from 1356 (until January 6). In and in Saturnia from August 5 Arezzo, Abiti d’epoca, moda e modi. to November 5). In Pisa, Michel- Stile e costume in Italia 1900/1960 is angiolo Pistoletto has created a held in the Basilica of San Fransort of courthouse in Santa Ma- cesco (until November 4), while ria della Spina, Il tempo del Gi- Sansepolcro offers a tribute to udizio (until August 31). Closing its most famous local, Piero della on July 22 at Villa Argentina in Francesca with Piero della FranViareggio is Ricordi di un’estate al cesca, la seduzione della prospetmare, 1880/1940, with clothing and tiva, at the Civic Museum (until images of the long-lasting Liber- January 6). Until September 23 ty period. In Lucca, it will be im- at the Fondazione Ragghianti possible not to run into one of in Lucca, Per sogni e per chimere: the 11 monumental sculptures in Giacomo Puccini e le arti visive. The bronze and marble summer exhibition by Costa Rican artat GAMC in Viareist Jimenez Dereigio, in Palazzo delle da, placed in variMuse, is dedicated ous piazzas around to Antonio Possenthe city (until Septi (until September tember 10). 16). LUGLIO AGOSTO Amos Cassigoli e gli Along SETTEMBRE amici puristi. Opere Maestri “a rischio”, il with the Middle Cantiere del Duomo dell’800 senese da una collezione priva- Ages and di Siena, è la mostra ta. E’ la mostra de- Experimentation che riunisce nella dicata all’arte risorCripta del Duomo gimentale nel Museo Cassigoli le grandi teste della facciata del ad Asciano (fino al 29 luglio e Battistero del 1356 ora restauraa Saturnia dal 5 agosto al 5 no- te (fino al 6 gennaio). Ad Arezzo vembre). A Pisa Michelangiolo sono di scena gli Abiti d’epoca, Pistoletto ha creato in Santa moda e modi. Stile e costume in ItaMaria della Spina, una sorta di lia 1900/1960 nella Basilica di San tribunale, Il tempo del Giudizio Francesco (Fino al 4 novembre); (fino al 31 agosto) con 50 sedie mentre Sansepolcro tributa il diverse e prestategli dai cittadi- suo cittadino illustre, Piero della ni. Chiude il 22 luglio a Villa Francesca con Piero della FranceArgentina a Viareggio Ricordi sca, la seduzione della prospettiva di un’estate al mare, 1880/1940 con nel Museo Civico (fino al 6 genabiti e immagini della lunga sta- naio). Fino al 23 settembre alla gione del Liberty. A Lucca im- Fondazione Ragghianti di Lucca possibile non imbattersi in una va in scena Per sogni e per chimedelle 11 monumentali sculture re: Giacomo Puccini e le arti visive; dell’artista costaricano Jimenez mentre la mostra estiva alla Gamc Dereida in bronzo e marmo in di Viareggio in Palazzo delle varie piazze cittadine (fino al 10 Muse è dedicata ad Antonio Possenti (fino al 16 settembre). settembre).


Palazzo Gianfigliazzi Bonaparte - Lungarno Corsini 24R Firenze flair.it


save as classic

The top summer events LE DATE TOP DELL’ESTATE

text Maria Lardara Teatro del Silenzio

Michael Guttman

Grotta del Buontalenti

Puccini Festival

Incontri in Terra di Siena

34 Firenze | made in Tuscany

JUNE Summer has arrived and the Maggio Musicale Fiorentino is moving to Palazzo Pitti for an unmissable event (June 25, 27 and 29): in Buontalenti’s evocative grotto, Federico Maria Sardelli directs La Dafne by Marco da Gagliano, performed for the first time in Florence in 1611. JULY On July 6, the curtain rises on the 64th Puccini Festival in Torre del Lago, with Messa di Gloria, which includes the extraordinary participation of Andrea Bocelli. The maestro Riccardo Muti returns to the capital, to the Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, for GIUGNO È estate e il Maggio Musicale Fiorentino, si trasferisce per un evento imperdibile, a Palazzo Pitti (25, 27 e 29 giugno): nella cornice della Grotta del Buontalenti, Federico Maria Sardelli dirige La Dafne di Marco da Gagliano, rappresentata per la prima volta a Firenze nel 1611. LUGLIO Il  6 luglio si alza il sipario sul 64esimo Festival Puccini, a Torre del Lago, con la Messa di Gloria che vede la straordinaria partecipazione di Andrea Bocelli. Si torna nel capoluogo, al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, per il ritorno del maestro Riccardo Muti in Macbeth (11 e 13 luglio). Ancora opera di scena al Festival Puccini con Turandot (14 luglio, con replica il 21 e 28),  Tosca (15 luglio), Madame Butterfly (20 luglio), Manon Lescaut (26 luglio), la Bohème (27

Macbeth (July 11 and 13). Also at Andrea Chénier by Umberto Giorthe Puccini Festival, we have Tu- dano on July 28 and 30.   randot (July 14, with repeat per- AUGUST formances on the 21st and 28th), The month opens with a concert Tosca (July 15), Madame Butterfly by the tenor Ian Bostridge on (July 20), Manon Lescaut (July 26) June 1, part of Incontri in Terra and La Bohème (July 27). And for di Siena, the sophisticated mudance lovers, don’t miss the event sic festival in the heart of the Val on July 20 in Florence, with d’Orcia, based in La Foce. The Roberto Bolle in piazza Santis- Puccini Festival wraps up with sima Annunziata, performing his the final performance of TuranRoberto Bolle and Friends. Now to dot (August 17), Tosca (August 4 Pietrasanta for the International and 12), Madame Butterfly (August Festival of Chamber Music led 10 and 18), La Bohème (August 3) by Michael Guttman: the festival and Il Trittico (August 11-25).  kicks off with Vadim Repin and SEPTEMBER his violin (July 20), and on July Stefano Bollani and Zubin Mehta 21, the notes of pianist Lera Au- meet again on September 8 for a concert at the Teatro del Maggio erbach. In the province of Pisa, on the Musicale Fiorentino, with the Concert champêtre hills of Lajatico, by Francis Poulenc the Teatro di Silenand Gustav Mahle. zio built by Andrea A closer look at the Bocelli has now events in Florence reached the 13th can be found on pp. edition: not to be XX. missed is the piece Classical luglio). E per AGOSTO gli amanti della music, opera Il mese s’apre con danza, un appunun concerto del and dance tamento impertenore Ian Bostriddibile è quello performances ge, il 1° giugno, del  20 luglio a in Tuscany nell’ambito della Firenze con Rorassegna Incontri berto Bolle, in piazza  San- in Terra di Siena, il raffinato fetissima Annunziata, con il stival musicale nel cuore della Val suo spettacolo  Roberto Bolle d’Orcia con quartier generale a and Friends. Direzione Pietra- La Foce. Entra nel vivo il Festisanta, per il Festival interna- val Puccini con l’ultima replica zionale di musica da camera di Turandot (17 agosto), Tosca (4 e firmato da  Michael Guttman: 12 agosto), Madama Butterfly (10 nel chiostro di Sant’Agostino, e 18 agosto), La Bohème (3 agosi comincia con il violino di sto), Il Trittico (11-25 agosto).  Vadim Repin (20 luglio), e il 21 SETTEMBRE luglio riecheggiano le note Stefano Bollani e Zubin Mehta di piano di Lera Auerbach. s’incontrano nuovamente l’8 Ci spostiamo in provincia di settembre per un concerto al TePisa,  sulle colline di Lajati- atro del Maggio Musicale Fioco, dove il Teatro del Silen- rentino con un repertorio che zio di Andrea Bocelli giunge comprende il Concert champêtre alla tredicesima edizione: da di Francis Poulenc e la sesta sinnon perdere, l’opera  Andrea fonia di Gustav Mahler. Chénier di Umberto Giordano, Un focus sugli appuntamenti a Firenze è alle pp. 170-173. il 28 e 30 luglio. 


save as pop

Festival & Co.

ESTATE TOSCANA IN MUSICA text Sabrina Bozzoni Foo Fighters

Alanis Morisette

Lenny Kravitz

Roger Waters

Cosmo

36 Firenze | made in Tuscany

JUNE and JULY Rock in its pure state. No need for presentations for the great live event Firenze Rocks presenting, among others performing on stage at the Visarno Arena, Foo Fighters (14 June), Guns n ‘Roses (15 June), Iron Maiden (16 June ) and Ozzy Osbourne (17 June). The Centro Pecci of Prato will be celebrating its 30th anniversary with Pecci Summer Live, a program full of must-see live performances, from 23 June to 11 July, in the beautiful location of its amphitheater. Other notto-miss concerts include IOSONOUNCANE and Paolo Angeli on Wednesday, 27 June, Frah QuinGIUGNO e LUGLIO Rock allo stato puro. Non servono presentazioni per il grande evento live di Firenze Rocks che vedrà esibirsi on stage tra gli altri alla Visarno Arena, Foo Fighters (14 giugno), Guns n’ Roses (15 giugno), Iron Maiden (16 giugno) e Ozzy Osbourne (17 giugno). Il Centro Pecci di Prato compie 30 anni e lo fa con Pecci Summer Live un programma di live imperdibili, dal 23 giugno all’11 luglio, nella bella location del suo anfiteatro. Segnaliamo IOSONOUNCANE e Paolo Angeli mercoledì 27, Frah Quintale giovedì 28, Mulatu Astatke il 5 luglio. Un’edizione ricca di spettacolo, dal teatro alla musica, quella di Estate Fiesolana, tra i concerti Roberto Vecchioni (27 giugno), Avion

tale on Thursday, 28 June, Mu- Bolognini on 30 June), Graham latu Astatke on 5 July. An edition Nash (at the Teatro Manzoni full of shows, from theater to mu- on 4 July), Alanis Morisette (10 sic, of Estate Fiesolana includes July), James Blunt (13 July), concerts by Roberto Vecchioni Steve Hackett (14 July) and Mark (27 June), Avion Travel (29 June) Lanegan (15 July). With a stunand Stefano Bollani (10 July). ning venue and unique artists, Lucca Summer Festival con- Musart Festival, in the heart of firms itself as a true institution Piazza Santissima Annunziata and one of the major festivals, in Florence, hosts Baustelle not just in Italy. Among the (17 July), Jethro Tull (24 July), unmissable big names in con- Francesco de Gregori (25 July) cert: Queens of the Stone Age and Ermal Meta (26 July). (23 June), Caparezza (27 June), AUGUST Ringo Starr (8 July), Roger Wa- The password: Beat. In the ters (11 July), Gorillaz (12 July), heat of August there’s one Nick Cave and The Bad Seeds (17 way to breathe cool music. At July) and Lenny Kravitz (18 July). the Parco di Serravalle in the One of the institutions among province of Empoli, the stars Tuscan summer festivals: in the of this year’s Beat Festival are heart of Pistoia, Ministri (24 AuPistoia Blues is gust), Motta (25 preparing for an August), Cosmo exciting new edi(26 August), Sum 41 (30 August) and tion with Dente Canova (31 Au+ Guido Catalano gust). live (at the Teatro A Tuscan summer Alanis Morisette Travel (29 giu(10 luglio), James gno), Stefano beneath Blunt (13 luglio), Bollani (10 luthe stars Steve Hackett (14 glio). luglio) e Mark Lucca Summer of great Lanegan (15 luFestival si con- music glio). ferma una vera istituzione e tra i maggiori Location strepitosa e artisti festival italiani ma non solo, unici, Musart Festival, nel tra gli imperdibili in con- cuore di piazza Santissicerto Queens of The Stone ma Annunziata a Firenze Age (23 giugno), Caparez- ospita Baustelle (17 luglio), za (27 giugno), Ringo Starr Jethro Tull (24 luglio), Fran(8 luglio), Roger Waters (11 cesco de Gregori (25 luglio) luglio), Gorillaz (12 luglio), ed Ermal Meta (26 luglio). Nick Cave and The Band AGOSTO Seeds (17 luglio), Lanny Parola d’ordine: Beat. Nel caldo agosto c’è un modo Kravitz (18 luglio). È una delle istituzioni dei per respirare musica frefestival estivi toscani: nel sca. Al Parco di Serravalle cuore di Pistoia, il Pistoia in provincia di Empoli, i Blues si prepara per una protagonisti di questo Beat nuova entusiasmante edi- Festival sono Ministri (24 zione, live Dente + Guido Ca- agosto), Motta (25 agosto), talano (al Teatro Bolognini il Cosmo (26 agosto), Sum 41 30 giugno), Graham Nash (al (30 agosto) e Canova (31 Teatro Manzoni il 4 luglio), agosto).


save as folklore

Amidst history and tradition TRA STORIA E TRADIZIONE text Maria Lardara Calcio Storico

NottiLucente

Palio dell’Assunta

Disfida degli Arcieri di Terra e di Corte

Calici di Stelle

JUNE On the 16th in Pisa, the resplendant Luminara di San Ranieri will light up the river banks. Everyone will be heading to Volterra (Pisa) on June 23 for Astiludio, with the famous local flag throwers. On the 24th, Florence celebrates the Festa di San Giovanni: the finale of the Calcio Storico in piazza Santa Croce followed by fireworks over the Ponte Vecchio. On the 30th, NottiLucente in San Gimignano (Siena), with tastings, meetings, workshops, exhibitions and installations. The same day on Ponte di Mezzo in Pisa is the historic Gioco del Ponte, which closes out the festival Giugno Pisano. GIUGNO Il 16 a Pisa, i lungarni risplendono per la Luminara di San Ranieri. Tutti a Volterra (Pisa) il 23 giugno per l’Astiludio con i famosi sbandieratori del posto: il torneo federale più longevo si sposta quest’anno dalla consueta data della prima domenica di settembre. Il 24 a Firenze si celebra la Festa di San Giovanni: finale del Calcio Storico in piazza Santa Croce e poi grandi fuochi d’artificio su Ponte Vecchio. Il 30 NottiLucente a San Gimignano (Siena) con degustazioni, incontri, laboratori, mostre e installazioni: lo stesso giorno sul Ponte di Mezzo a Pisa si disputa l’antico Gioco del Ponte che chiude la kermesse del Giugno Pisano. LUGLIO Il 2 si corre il Palio a Siena detto di Provenzano. Dal 6 all’8 luglio, Abbadia San Salvatore (Siena) celebra l’Offerta dei Censi

Calici di stele, in various citJULY The famous Palio in Siena, also ies and wine cellars. From the known as the Palio di Provenz- 11th to 15th, Montepulciano ano, is on the 2nd. From July 6 (Siena) is the stage of one of to 8, Abbadia San Salvatore (Si- the most celebrated examples ena) celebrates the Offerta dei of popular theatre, the Bruscello. Censi, with arts, crafts, taverns, On the 16th, there’s the Palio duels, markets and cantors. dell’Assunta in Siena. On August Next is the Lunigiana (Massa), 12 and 19 in Volterra (Pisa), the a borderland between Tuscany, festival Volterra A.D.1398. On Liguria and Emilia-Romagna: August 26 in Montepulciano from July 6 to 8, the Renais- (Siena), the Bravio delle Botti. sance comes to life in Fivizzano SEPTEMBER with the archery contest Disfida The smell of grapes and must degli Arcieri di Terra e di Corte. in the wine cellars of the MoviMonteriggioni (Siena) hosts mento Turismo del Vino are the the famous Festa Medievale from background to Benvenuta VenJuly 6 to 8 and 13 to 15. From demmia. On September 2, histothe 11th to 15th, Mercantia, a ry turns back the clock and the theatre festival in the streets Middle Ages at the Joust of the Saracens in Arezzo, of Certaldo Alto known as the “Ma(Florence). donna Joust” to AUGUST distinguish it from From August 2 to the other joust on 12 (Night of San June 23, dedicated Lorenzo), raise to Saint Donatus. your glasses for From the Palio il Palio dell’Assunta tra arti e mestieri, a Siena. Il 12 e 19 taverne, duelli, in Siena a Volterra mercatini e cantoto the Joust agosto (Pisa), destrieri, ri. Ci spostiamo in cavalieri, sbandiLunigiana (Massa), of the eratori e balestriterra di confine Saracens eri, musici e giultra Toscana, Liguria ed Emilia Romagna: dal lari fanno rivivere atmosfere 6 all’8 luglio rivive il Rinasci- medievali per la festa Volterra mento a Fivizzano con la Dis- A.D.1398. Il 26 agosto a Monfida degli Arcieri di Terra e di tepulciano (Siena) le otto conCorte. A Monteriggioni (Siena) trade cittadine si sfidano nel si svolge la famosa Festa Medi- Bravio delle Botti. evale dal 6 all’8 e dal 13 al 15: SETTEMBRE musica, danza, teatro, giocolieri, Profumo di uve e mosto nelle mangiafuoco e antichi sapori. cantine del Movimento TurDall’11 al 15, Mercantia, festival ismo del Vino con Benvenuta del teatro di strada a Certaldo Vendemmia: cantine aperte al pubblico a degustazioni guiAlto (Firenze). date (diverse date e varie localAGOSTO Dal 2 al 12 agosto (Notte di San ità). Il 2 settembre si riavvolge Lorenzo), calici all’insù con il nastro della Storia e si torna Calici di stelle per città e cantine. nel Medioevo con la Giostra del Dall’11 al 15, Montepulciano Saracino ad Arezzo, detta ‘della (Siena), è la volta di uno dei più Madonna’ per distinguerla da celebri esempi di teatro popo- quella del 23 giugno detta di lare, il Bruscello. Il 16 si corre San Donato.


save as book

Florence and the Tuscan province, secrets that are kept for decades and then are suddenly revealed. AAnd then brilliant and enterprising elderly people, ironic and alert, ready to break down everyone’s beliefs. And it is a place designed specifically for them, the Clinica Riposo e Pace, that welcomes the reluctant Alfio Pallini, brought there by his grandchildren who are no longer able to manage his vitality and so have chosen to send the elderly man away in an attempt to repel first old age and then death. La clinica Riposo e pace. Commedia nera n. 2 is the new chapter in the parody in the form of a noir by Francesco Recami, who keeps the reader in

Siena, in 1935, clubbed to death. The doctor, Alberto Rinaldi, was a true authority in the field of medicine at the time and was known even as far as America, where the maestro Arturo Toscanini heard about him and came back to Italy to have the pains that tormented his arm cured. The murder of Rinaldi, 14 years later, is once again in the news and the anti-fascist and liberal Colonel Mari tries to finally shed some light on the dark affair. Vito Di Battista unravels in L’ultima diva dice addio, his debut tale that opens on the third

suspense until the long-awaited ending which is in no way tranquillante. Entirely different is the new episode in the saga of the old men of Bar Lume, this time immersed in a memory exercise that will unravel the mysteries of a murder that already has an alleged guilty party but that to Aldo & co. does not quite fit the description. Marco Malvaldi wrote A bocce ferme and continues his task of entertaining and making you think about a small, almost forgotten, world. A dark mystery, inspired by a true story whose shadows have not completely dispersed, can be found in The Toscanini plot by Filippo Iannarone: the murder of a doctor in Piazze, in the province of

floor of a Liberty-style building in Oltrarno in which Molly Buck, cinema diva, has just breathed her last. At the peak of her success she had withdrawn from the limelight and was working hard to make sure she was forgotten, even if she had chosen a biographer who would officially tell her life story upon her death and only then will we finally find out who the long-yearned-for Edward Windmill is. Corrado Fortuna’s L’amore capovolto is a shattering love story and has the catharsis of pain that can be found in a similar story but immersed in an Nazi-Fascist setting and in the will to resist. We thank Feltrinelli Bookshop in Florence for the kind cooperation.

40 Firenze | made in Tuscany

Firenze e la provincia toscana, segreti che rimangono tali per decenni e poi improvvisamente non sono più tali. E poi l’amore, che è un segreto dell’anima e non sempre può essere svelato. E poi anziani brillanti e intraprendenti, ironici e lucidi, ancora pronti a scompaginare le sicurezze di tutti. Ed è proprio un luogo pensato per loro, la clinica Riposo e pace, ad accogliere il refrattario Alfio Pallini, accompagnato lì dai nipoti che non sanno più come gestirne la vitalità e scelgono la veloce via della rimozione dell’anziano come tentativo di allontanare la vecchia-

Love and mystery AMORI E MISTERI

ia prima e la morte poi. La clinica Riposo e pace. Commedia nera n. 2 è il nuovo capitolo della parodia sotto forma di noir di Francesco Recami, che tiene il lettore col fiato sospeso in attesa di un finale affatto tranquillante. Di tutt’altra cifra il nuovo episodio della saga dei vecchietti del BarLume, questa volta immersi nell’esercizio di memoria che scioglierà i misteri di un omicidio che avrebbe già un colpevole preconfezionato ma che ad Aldo & co. non sembra abbastanza perfetto per il ruolo. Marco Malvaldi firma A bocce ferme e prosegue nell’impresa di divertire e far pensare a un mondo piccolo e ormai quasi dimenticato. Un mistero dalle tinte fosche e ispirato da una storia vera le cui

ombre non sono del tutto fugate è Il complotto Toscanini di Filippo Iannarone: l’omicidio causato da percosse di un medico di Piazze, in provincia di Siena, nel 1935. Il medico, Alberto Rinaldi, in realtà era un vero luminare della medicina del tempo ed era noto fino in America, da cui ritornò il maestro Arturo Toscanini per trovare sollievo nelle sue cure ai dolori che lo tormentavo a un braccio. L’assassinio di Rinaldi, quattordici anni dopo, torna alla ribalta delle cronache e l’antifascista e liberale colonnello Mari cercherà di fare finalmente luce su una vicenda dai risvolti cupi. Tante domande sono chiuse invece nella storia segreta che Vito Di Battista dipana ne L’ultima diva dice addio, raccon-

to d’esordio che s’apre al terzo piano di una palazzina liberty d’Oltrarno nella quale è appena spirata Molly Buck, diva del cinema che all’acme della fama sceglie di ritirarsi dalle scene e s’impegna per farsi dimenticare, anche se ha scelto un biografo che ufficialmente narrerà la sua vita una volta che sia morta e finalmente si scoprirà chi sia l’Edward Windmill tanto sospirato. Corrado Fortuna firma L’amore capovolto, una storia d’amore che s’infrange e la catarsi del dolore che si ritrova in una storia analoga ma immersa nella temperie nazifascista e nella volontà di resisterle. Si ringrazia per la gentile collaborazione la libreria Feltrinelli di Firenze.


F I R E NZ E ______________________________ ______________________________

Palazzo dei Cerchi

Via della Condotta 50R 50122 Firenze Tel. (055) 2776472 www.gentenfirenze.it Genten Firenze

C

Contribuisce al restauro di Palazzo Vecchio di Firenze Contributes to the restoration of Palazzo Vecchio in Florence


it object

c

e-chi Primit-CivHIC PRIMITIVBozzoni text Sabrina

Archaic constructions and decorations combined with a hyper-definition in color and materials. This is how the new Marni Monile Bag was created, from the stark contrast between the refined composition in lizard and the cotton rope handle. In Via Roma 4, Florence Costruzioni e decorazioni arcaiche si abbinano a una iperdefinizione nel colore e nei materiali. Nasce cosĂŹ le nuova Marni Monile Bag, dal netto contrasto tra la raffinata composizione in lucertola e il manico in corda di cotone. In via Roma, 4 Firenze. Firenze | made in Tuscany 43


MADE IN ITALY


it object

ongings l e m i t r e t n i W ’INVERNO VOGLIE DBozzoni text Sabrina

Mademoiselle Coco used to wear them to wander around the gardens at Eaton Hall, the residence of the Duke of Westminster. Since then they are one of every woman’s obsessions (including us). In wool and leather, Chanel, Piazza della Signoria, 10, Florence. Mademoiselle Coco li calzava per passeggiare nei giardini del castello di Eaton Hall, residenza del Duca Westminster, o per andare a cavallo. Da allora sono una delle ossessioni di ogni donna (comprese noi). In lana e pelle, Chanel, piazza della Signoria, 10, Firenze. Firenze | made in Tuscany 45


STYLE RADAR Seek out the latest trends for up to 70% less No visit to Florence is complete without a shopping trip. Our top tip? Barberino Designer Outlet, just 30 minutes from the city centre. Discover must-have collections from iconic Italian and international designer brands like Blumarine, Dolce & Gabbana and Furla for up to 70% less. Plus with tempting cafÊs and restaurants to relax in, we’re the perfect addition to any travel itinerary.


it object

rter SoftneZsZAs ÀàPOpRoTER MORBIDEBozzoni text Sabrina

A blend of sophisticated elegance for a refined, metropolitan man with a strong personality. The Pineider Duffle Bag stands out for its soft volumes, relaxed yet masculine shapes and the excellence of its Italian leather. Piazza de’ Rucellai, 4/7, Florence Un blend di eleganza sofisticata per un uomo metropolitano, raffinato, di forte personalità. La Pineider Duffle Bag si contraddistingue per i volumi morbidi, le forme rilassate al contempo maschili e l’eccellenza della sua pelle italiana. Piazza de’ Rucellai, 4/7, Firenze Firenze | made in Tuscany 47


Il

RosĂŠ

ha trovato il suo profumo.

www.aldobrandesca.it


it object

eauty PerpeAtuPEaRlPb ETUA BELLEZZ Bozzoni text Sabrina

A miracle of mechanics and compactness, the Rolex Oyster Perpetual Gmt-Master II in Rolesor Everose, combining Oystersteel steel and 18ct Everose gold, is the ideal timepiece for elegant travelers all over the world. Fani, Via Tornabuoni 72r, Florence Miracolo di meccanica e compattezza Il Rolex Oyster Perpetual Gmt-Master II in Rolesor Everose, abbinamento di acciaio Oystersteel e oro Everose 18 ct., è il segnatempo ideale per eleganti viaggiatori di tutto il mondo. Fani, Via Tornabuoni 72r, Firenze Firenze | made in Tuscany 49


LeVanità PROFUMERIE FIRENZE di Sabatini

La bellezza a Firenze

Protagonista del mondo delle fragranze esclusive e della bellezza in ogni sua declinazione. È Le Vanità Profumerie, realtà di eccellenza tutta fiorentina, nata nel 1988 da un’intuizione di Luigi Sabatini. Eleganza, stile, prestigio, signorilità, dinamismo e funzionalità sono da sempre le sue linee guida. Cinque ad oggi le boutique a Firenze, punti di ritrovo per un pubblico di classe e cosmopolita. Due anche gli stores nei centri commerciali di Poggibonsi e di Borgo San Lorenzo e l’ultimo nato nel centro storico di Castelfiorentino. Meravigliose vetrine che custodiscono i prodotti delle più importanti firme italiane ed internazionali di profumeria, make-up e cosmesi, con cui l’universo de Le Vanità Profumerie collabora in costante sinergia, creando anche serate indimenticabili ed eventi speciali. Una storia di fascino, dove Le Vanità Profumerie cura la regia e i clienti sono gli attori principali.

FIRENZE Via Porta Rossa 55 • Via del Corso 15r • Via Pietrapiana 8r • Via Masaccio 264 • Viale De Amicis 83/c CASTELFIORENTINO Piazza Cavour 3 • POGGIBONSI c/c Valdelsa • BORGO SAN LORENZO c/c Mugello

www.levanitaprofumerie.it • shop online: www.levanita.com


it object

Circle IRDCOeLsAiRgEn DESIGN C

Aura is the transformation of an emotion into something unique, beautiful and functional. A comfortable, ergonomically designed sitting ball, perfect for any environment thanks to its elegant and precious Full-Grain Leather. A vision of great impact, mauriziocasini.it Aura è trasformazione di un’emozione in qualcosa di unico, bello e funzionale. Una seduta di design comoda ed ergonomica, perfetta per ogni ambiente grazie alla sua elegante e pregiata Pelle Pieno Piore. Una visione di grande impatto, mauriziocasini.it Firenze | made in Tuscany 51


it object

ng wine i l k r a p s n a i l a t The I LIANA INA LA BOLLIC

ITA

Franciacorta, the most esteemed proponent of the traditional method in the country. The sparkling wine boasts a captivating, pleasant and very persistent flavour. The wine comes in Franciacorta, Franciacorta Rosé, Franciacorta Satèn, Franciacorta Millesimato e Franciacorta Riserva E’ una delle realtà d’eccellenza italiane nel mondo. Franciacorta, il più pregiato metodo classico nazionale. Uno spumante avvolgente, sapido e molto persistente. Nelle tipologie Franciacorta, Franciacorta Rosé, Franciacorta Satèn, Franciacorta Millesimato e Franciacorta Riserva. Firenze | made in Tuscany 53


#TheFus

ionThatRo

Vicolo dell'Oro 3, Firenze Aperto tutti i giorni dalle 17.00 alle 24.00 Telefono: 055 27266987 | Whatsapp: 342 1234710 tf@lungarnocollection.com

cks


Lungarnodining.com | Whatsapp: 342 1234710 | @lungarnodining

#PranzoB

ourmet

istrò

CenaG

#

Borgo San Jacopo

Ristorante Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62/R +39 055 281661 bsj@lungarnocollection.com

Caffè Dell’Oro Lungarno Degli Acciaiuoli, 2P +39 055 2726 8912 oro@lungarnocollection.com

Caffè Dell’Oro

La Terrazza Vicolo dell’Oro, 6 - Hotel Continentale +39 055 2726 5987 laterrazza@lungarnocollection.com

Aperit ivo #Panoramico

La Terrazza

Picteau Lounge Bar Borgo San Jacopo, 14 +39 055 27261 picteau.lounge@lungarnocollection.com

Picteau Lounge Bar

a

nVist o C h c n u L #


shotonsite

Angela Eliantonio, Jacopo and SusanMariani

Patrick Hoffer, Simona Diomedi Camassei, Zelal Elbistan

Michele Soldati, Chiara Nencini

Alessandro Mariani, Stefano Venturi

Gabriella Buccino, Rino Cappelletti

Cookie Campbell, Alessandro Jommi

Guido Boni, Marco Ruvlan

Tommaso BencistĂ Falorni, Martina Rojas

In the magnificent park of Villa La Massa, in the hills of Florence, the exclusive event for the new Firenze made in Tuscany issue, with tasting of wines by the Cecchi Family. Partner Audi Firenze

Alessandra Nardelli, Marinella Fani

Carlotta Romualdo, Nicolette Giuliani

Guido Ciompi, Ilaria Ferragamo

Claudia and Tommaso Signorini Firenze | made in Tuscany 57


shotonsite

Julia Markert, Gianni Santi, Rosella Sacco, Alessandro Grassi

Niccolò Nisi, Margaux Asteghene

Lorenzo Gori

Patrizia Panaro, Stefania D’Angelo

Ludovica and Ginevra Fagioli

Isabella Brusco, Gregory Bradella

Lorenzo Fiorini, Eleonora Anselmi

Leonardo Lucarelli, Deborah Sassorossi 58 Firenze | made in Tuscany

Alex and Joelle Rane

Nel meraviglioso parco di Villa La Massa, sulle colline fiorentine, l’esclusiva serata per il nuovo numero Firenze made in Tuscany, con degustazione vini della Famiglia Cecchi. Partner Audi Firenze

Marta Licata, Shadi Yousefsadeh, Alessandra Campagna, Gianna Fontani

Lorenzo Serra, Andrea Del Duca

Marco and Elisabetta Rogai


J.K. LOUNGE RESTURANT & BAR Your charming retreat in the heart of florence all daY-dining from 7.30am to midnight eVerY SundaY: Special “florentine familY StYle SundaY lunch” from 12.30pm

to

3.30pm


LOTHING & TATTOOED T.SHIRTS inspired by

OLD SCHOOL,VINTAGE,MILITARY and BIKER’S STYLE

CLOTHING & TATTOOED T.SHIRTS inspired by OLD SCHOOL,VINTAGE,MILITARY and BIKER’S STYLE

Via Parione 52/R e Via Purgatorio 5 - Firenze - 055 6271554 - donkeyswing.it


shotonsite

Alessandro Tornaghi, Valeria Pacifico, Elena Aceto di Capriglia

Maurizio Vaccarella, Alex V. Lana, Gianluigi Lembo, Matteo Parigi Bini

Arturo Muselli

Elettra Duri, Martina Romani

Elena Moretti, Carola Jasmins

Natalia Ferranti, Carla Chiarotti

Riccardo and Cristina Baccarelli

Simone Martini, Cristina Casamassimi

Elena Koval, Costanzo Porta

In the wonderful setting of Villa Marina Capri, the elegant event to introduce the new Capri The Divine Coast issue

Peppino di Capri, Arturo Muselli

Marco Tardelli, Ilaria Cuomo, Maurizio Vaccarella, Mirta Merlino

Pierpaolo Bianco, Alessia Cerbone

Mousse Jacquier, Dario Castiglio Firenze | made in Tuscany 61


shotonsite

Matteo Parigi Bini, Giorgio Silli, Alex Vittorio Lana

Pierre Leonforte, Delphine Macario, Saverio Ferragina, Irene D’Agostino Rahm

Giovanna Romanzi, Giulio Cesarini

Claudia Mazzocco, Edmondo Israilovici

Francesco Cusumano, Sandro Cecchi, Roberta Salvagnini, Roselyne Mirialachi, Maria Monsè, Giuseppe Todaro

Cristina Baldi, Enrica Cotarella

Guenda Goria

Nancy Marcucci, Claudia Rainaldi

Vittoria and Guglielmo Giovanelli Marconi

Catia Sulpizi, Fulvio Marcello Zendrini, Enrico Chiavacci

62 Firenze | made in Tuscany

Michelangelo Tommasi, Maria Grazia Scaccia

At the elegant Residenza di Ripetta, the Spring Party for the new Roma the Eternal City issue. Gourmet food and wine by the Cotarella Family. Partner Faliero Sarti Boutique

Elisabetta Rocchetti

Dominga Cotarella, Mario Pietracetta

Francesco Galeotti, Antonella Loverro, Wayze Zilker


shotonsite

Franca and Lorenzo Pinzauti, Danilo Petrucci

Federeico Cappelli, Alex Ghini, Jacopo Menghetti

Giacomo Agostini, Paolo Campinoti

Dario Nardella, Danilo Petrucci

Massimo Ferragamo, Cesare Cecchi

Luigi Dall’Igna

Sandro Fratini

At Mugello, the dinner organized by Paolo Campinoti, owner of Ducati Pramac team, Michelin 3-star restaurant Enoteca Pinchiorri and Cecchi family

Cesare Cecchi, Riccardo Monco, Danilo Petrucci, Paolo Campinoti

Giulia and Paolo Poli

Matteo Parigi Bini, Danilo Petrucci

Sebastiano Cremonini, Paolo Ciabatti Firenze | made in Tuscany 65


shotonsite

Alex V. Lana, Tommaso Sacchi, Cristina Giachi, Matteo Parigi Bini

Mita Papi, Giulia Lotti

Gabriella Farsi, Silvia Penna

Michele Bonomo, Silvia Fabro

Sergio Risaliti, Antonella Nicola

Antonello Martella, Roberta De Petris

Helga Marsala, Paolo Parisi

Lorenzo Poggiali, Alessandro Gallo 66 Firenze | made in Tuscany

Livia and Carlo Palmieri

The inauguration of the new setting up of Della Ragione Collection, on the second floor of Museo Novecento in Florence

Dimitri Bianchini, Paola Crispini, Arcangelo Galasso, Cristina Giachi, Massimiliano Marinai

Elisa Carollo, Marco Poggia

Chiara Banchini, Grazia Tateo


Surround yourself with luxury and style while savoring the warm hospitality of a historic Florentine family. BOOK NOW YOUR STAY AT WWW.VELONASJUNGLE.COM Velona’s Jungle Luxury Suites • Via Montebello 86, Firenze +39 055 2741536 • info@velonasjungle.com


L a V ostra C asa

aL

F orte

dei

FORTE DEI MARMI www.villaromaimperiale.com When in Firenze stay at www.grandhotelminerva.com

M arMi


shotonsite

Surya Bellandi, Valentina Angeli, Carolina Massaresi

Moreschina Fabbricotti

Gemma Testa, Roberto Casamonti

Mary Naclerio, Antonella Risaliti

Guido Ciompi, Paola Concia

Selvaggia Velo, Vito De Lucce

Kristin Knoll, Mirko Balducci

Marco Paoli, Antonio Glessi

The ribboncutting ceremony of the new museum projects and setting up of Museo Novecento by Sergio Risaliti

Alberto Pecci, Alberto Risaliti

Silvia Orsi Betolini, Gherardo Nardi Dei, Ginevra Bichi Ruspoli

Laura Lombardi, Carlo Falciani

Carlotta and Riccardo Valencetti Firenze | made in Tuscany 69


shotonsite

Daniele Benedetti, Federico Amato, Alessandra Ferraris

Rossana Dian, Valentina Ghirardi, Stefano Scozzese

Luca Rubinacci, Andrea Giangrasso

Monica Silva, Fiammetta Vanelli

Gabriela Barca, Gina Solano Moncava

Guido Ciompi

Rachele Piot, Annamaria Ponticelli

Massimiliano and Silvia Tamberi 70 Firenze | made in Tuscany

Mariangela Rossi, Carlotta Turini

At the Malo boutique in Milan, the presentation of Metamorfosi, the capsule collection designed by Guido Ciompi for Turini & Werich with Fiammetta V. Home Collection

Emiliano Rinaldi, Beau Hemm, Niccolò Pocchini, Aiza Villanuova

Alberto Barucci, Maneli Wilson

Kristina Raff, Maria Grazia Voltieri


PACIFICO

Il brand-icona del celebre Chef Jaime Pesaque, da un anno, ha scelto Palazzo Dama per portare anche a Roma il suo sofisticato menu peruviano-nikkei, servito a pranzo e cena nel ristorante e nel giardino con piscina. Una cucina unica, ricca di suggestioni e contaminazioni, cui si aggiunge una carta alternativa e disponibile tutto il giorno, disponibile nei vari spazi comuni dell’hotel e come room service. 29 sono le camere e suite oltre la piscina. Lungotevere Arnaldo da Brescia 2 | Roma | T. +39 06 3207042 | palazzodama.com

ACHILLI AL PARLAMENTO

Achilli al Parlamento, che da oltre 50 anni è luogo di ricerca e cultura vinicola e gastronomica, 1 Stella Michelin, apre all’interno del D.O.M Hotel il primo “concept club” di Roma, dove mixologia e cucina hanno un nuovo significato. L’atmosfera in stile “Grande Mela” è il contorno all’offerta firmata dallo chef Alessio Tagliaferri. 18 le camere e suite con la terrazza al quarto piano. Via Giulia 131 | Roma | T. + 39 06 6832144 | domhotelroma.com


Nel cuore di Firenze un punto d’incontro glamour per un piacevole lunch di lavoro, per un aperitivo con gli amici o per una cena di piacere Piazza degli Strozzi, 8 - Firenze - 055 215654 | odeonbistro.it Aperto da LunedÏ alla Domenica ore 08:30–03:00


shotonsite

Elisa Orioles, Marina Visconti di Massino, Evita Casalin

Alessandra Arezzi, Veronica d’Entreves, Mariangela Rossi di Montelone

Michele Bonan

Francesca Viberti, Annemarie Voina

Fulvio Pierangelini

Alessandro Ciucci, Alessandro Grassi

Martina Pinto, Allegra Ceroli, Annamarie Voina

Paolo and Benedetta Luccioli

Fadi and Paul Feakes

The exclusive party for the reopening of the iconic Hotel Savoy which, after six months, showed its new spaces and design

Sir Rocco Forte

Leonardo Ferragamo, Natalie Rucellai

Alessandro di Curzio, Rossella Pascucci, Marco Ceccarelli, Roberto and Camilla Rubbio

Beatrice Garagnani, Maria Paola Pedetta

Claudia Porrello, Giuseppe Calabrese Firenze | made in Tuscany 73


shotonsite

Silvia Quiroga, Jane Guarducci, Sara Berni

Veronica Maffei, Simone Martini, Stefano Baragli

Camilla Vittoria

Veronica Maffei

Veronica and Gianni Gori

Gaia Falconi

Lia and Simone Tanganelli 74 Firenze | made in Tuscany

Fabrizio Moretti, Vincenzo Vermino

Loggia dei Lanzi was the stage of the 10th Charity auction for Ant. The auctioneer was Fabrizio Moretti

Paola Calosi, Laura Marini, Beatrice Ceccherini, Ilaria Tiezzi,Cinzia Ciardi, Maria Teresa Guicciardini

Cristina Casamassimi, Jacopo Durazzani


restaurant - lounge

bar - events - catering

Piazza Strozzi 5r, c/o Palazzo Strozzi, Firenze

www.strozzicaffe.com

ph. 055 288236

l u n ch - a p e r i t i f - d i n n e r - e v e n t s - c l u b p r i v ĂŠ Piazza Strozzi 5r, Firenze www.cafecollebereto.com Info and table reservation 393 8328505 - 055.28 3156


Ruper Everett came to the Lucca Film Festival to present the first film he has directed, ‘The Happy Prince’, in which he appears with Colin Firth and Emily Watson


cover story

My Oscar Wilde IL MIO OSCAR WILDE

text Giovanni Bogani photo Jay L. Clendenin Rupert Everett. The popular British actor met in Tuscany, in Lucca, for the launch of the new film of which he is a director Il popolare attore britannico incontrato in Toscana, a Lucca, per il lancio del nuovo film di cui è regista Rupert Everett has fun with his look as he nears sixty. Dark scarf over white shirt, jacket, jeans, a thoughtful air. You may have trouble recognising him if you have in mind the young man with the feverish eyes of Another Country, the cult film of the ’80s, the actor of Dance with a stranger or the charming dandy who was Julia Roberts’ confidant in My best friend’s wedding. Everett was born into an upper-class family in Norfolk, England. His father was an army major, while his mother was affectionate but strict. They sent him to boarding school with monks. But he, who had been dreaming of an acting career ever since he watched Mary Poppins, ran off to the London School of Drama. Restless even there, he was kicked out. But that turned out not to be a bad thing: he soon began a long acting career which took him to the peaks of success and popularity. He was also one of the very first film stars to come out, speaking of his homosexuality in two books, Red carpets and other banana skins and Vanished years. Italy has played an important role in his career; it was in Italy that he filmed Gli occhiali d’oro (The gold-rimmed glasses) with Giuliano Montaldo; Cronaca di una morte annunciata (Chronicle of a death foretold) with Francesco Rosi; and Dellamorte Dellamore (Cemetery Man), based on a novel by Tiziano Sclavi, creator of Dylan Dog. Rupert has worked on so many Italian sets that he actually speaks almost perfect Italian. He came to the Lucca Film Festival to present the first film he has directed, The Happy Prince, in which he appears with Colin Firth, Emily Watson and Tom Wilkinson. In the film, which came out in April (and will be coming out in the US in October), Everett plays writer Oscar Wilde in the final days of his life. Mr. Everett, you had been working on a project for a film about Oscar Wilde for many years. Is this somehow the film of your life? Yes. Telling his story had become a matter of life and death for me over the years. I may not have a lot in common with Wilde, other than his sense of humour; but throughout my life, as a homosexual in show business, a rather heterosexual world, I have drawn my inspira-

Rupert Everett gioca serenamente con i suoi quasi sessant’anni. Sciarpa scura sulla camicia bianca, giacca, jeans, aria riflessiva. Fatichi a riconoscerlo, se pensi al giovane dallo sguardo febbrile, protagonista di Another Country / La scelta, film cult degli anni ’80. O se pensi all’attore di Ballando con uno sconosciuto. O al fascinoso dandy che raccoglieva le confidenze di Julia Roberts nel Matrimonio del mio migliore amico. Nasce in una famiglia altolocata a Norfolk, Inghilterra. Il padre maggiore dell’esercito; la madre affettuosa, ma rigida. Lo mandano a studiare in un collegio di monaci. Ma lui, che sogna la recitazione da quando ha visto Mary Poppins, fugge per approdare alla London School of Drama. Anche lì, irrequieto, viene cacciato. Poco male, però: di lì a poco inizierà una lunga carriera da attore, che lo porterà alle vette del successo e della popolarità. Sarà anche uno dei primissimi divi a fare coming out e parlare della sua omosessualità in due libri, Buccia di banana e Anni svaniti. L’Italia è sempre stata importante nella sua vita professionale: ha girato con Giuliano Montaldo Gli occhiali d’oro; con Francesco Rosi Cronaca di una morte annunciata; e Dellamorte Dellamore, tratto da un romanzo di Tiziano Sclavi, il creatore di Dylan Dog. Un set italiano dopo l’altro, Rupert è arrivato a parlare un italiano quasi perfetto. Al Lucca film festival è venuto a presentare il suo primo film da regista, The Happy Prince, di cui è anche protagonista insieme a Colin Firth, Emily Watson e Tom Wilkinson. Nel film, uscito lo scorso aprile (negli Usa uscirà in ottobre), Everett interpreta lo scrittore Oscar Wilde nei suoi ultimi giorni di vita. Mr. Everett, da anni inseguiva il progetto di un film su Oscar Wilde. È, in qualche modo, il film della sua vita? Sì. Nel corso degli anni, raccontare la sua storia era diventata per me questione di vita o di morte. Forse con Wilde non abbiamo tantissime cose in comune, se non il senso dell’umorismo; ma per tutta la mia vita da omosessuale nello show business, un mondo piuttosto eterosessuale, mi sono sentito ispirato da Wilde, che è un Firenze | made in Tuscany 77


Here and following page: the British actor, very popular in Italy, in some scenes from his latest film 78 Firenze | made in Tuscany


cover story

tion from Wilde, who is something of a patron saint of the gay rights po’ il santo patrono del movimento gay. movement. Wilde muore nel 1900. Quali sono state le sue fonti di ispirazione Wilde died in 1900. What were your sources of visual inspiration for visuale per l’Europa di fine Ottocento? recreating late nineteenth-century Europe? Mi sono ispirato molto a pittori come Renoir, Monet, Van Gogh, e a I drew a lot of inspiration from painters such as Renoir, Monet and fotografi come Eugène Atget. In particolare, i quadri di Monet e di Van Gogh, and from photographers such as Eugène Atget. Particu- Van Gogh, i caffè con i lampioni a gas. larly Monet and Van Gogh’s paintings, the coffee shops with gaslights. E’ stato molto cercato da registi italiani. Lei ama il cinema itaYou have been very popular with Italian directors. Do you like Ital- liano? ian films? Moltissimo: c’è una qualità emotiva nel cinema italiano che non Very much! There is an emotional quality about Italian films that can’t c’è in nessun altro cinema. Basta vedere Sophia Loren in un film be found anywhere else. Just watch Sophia Loren in an Italian film italiano con De Sica o in un film hollywoodiano. Nei film girati a with De Sica and in a Hollywood film. She is much more emotional, Napoli, la Loren è molto più emozionante ed espressiva. more expressive in the films made in Naples. Quante volte l’Italia è entrata nella sua vita? How often has Italy been a part of your life? Fin dall’inizio, quando, poco più che adolescente, andai a Milano per Right from the start, when, just a bit more than a teenfare il modello. Ero troppo alto e magro, non mi sceager, I went to Milan to be a model. I was too tall and glievano mai per le sfilate, ma in compenso ho vissuto skinny, so they never chose me for the fashion shows, moltissimo la movida milanese! Il mio rapporto con but I sure had a good time on the Milanese nightlife l’Italia resta fortissimo: negli ultimi mesi ho girato in scene! I still have very strong ties with Italy: I recently Italia la serie televisiva ‘Il nome della rosa’, con John filmed ‘The name of the rose’ television drama in Italy Turturro, Stefano Fresi, Fabrizio Bentivoglio. Io inwith John Turturro, Stefano Fresi and Fabrizio Benterpreto l’inquisitore Bernardo Gui. “I have plenty Quali sono i suoi rapporti con il successo? tivoglio. I play the inquisitor, Bernardo Gui. What is your relationship with success like? of ideas, if I do E’ arrivato, due o tre volte, e subito dopo sono arriTwo or three times I have had success, followed imi momenti peggiori, professionalmente. Così, ho get a chance to vati mediately by the worst moments in my career. And so imparato a non fidarmi affatto del successo. make another Lei è stato uno dei primi attori a dichiarare la sua I have learned not to trust success at all. film!” omosessualità. È stata una scelta difficile? You were one of the first actors to come out. Was this a difficult choice to make? Non è stata una scelta: soltanto, non volevo essere obbligato a menIt was not a choice. I just didn’t want to have to lie. When you lie, tire. Quando menti, sei in una posizione molto fragile, molto vulyou are in a very fragile, very vulnerable position. I’d rather tell the nerabile. Preferisco dire la verità: e non mi importa del giudizio dei truth, and I don’t care what the conservatives or the fundamentalist conservatori o dei cattolici integralisti. Quanto è importante per lei la storia di Oscar Wilde? Catholics say. How important is Oscar Wilde’s story to you? Wilde ha avuto una straziante agonia: un’otite degenerata in infeWilde suffered from terrible pain: he had an ear infection that de- zione, aggravata dalla sifilide e dalla mancanza di cure appropriate. generated and was aggravated by syphilis and the lack of appropriate La sua storia ha molti paralleli con quella di alcuni miei amici che treatment. His story has many parallels with that of some friends of negli anni ’80 sono morti di Aids. Raccontando i suoi ultimi giorni, mine who died of Aids in the’80s. As I told the story of his final days, ho pensato alla situazione in cui mi sono trovato io con loro. I was reminded of the situation in which I found myself with them. Le piacerebbe un futuro come regista? Would you like to see yourself have a future as a director? Molto, ma temo di essere troppo vecchio per iniziare una carriera Very much, but I’m afraid I’m too old to set out on a new career. It’s a simile. È un lavoro molto duro, che richiede lucidità ed energia very tough jog that takes infinite lucidity and energy. But I have plenty infinite. Ma se dovesse accadere di poter fare un altro film, ho tanof ideas, if I do get a chance to make another film! tissime idee!. Firenze | made in Tuscany 79


cover story

The Niccolini Chapel, whose beauty caused Stendhal to collapse 80 Firenze | made in Tuscany


The origin of beauty GENESI DELLA BELLEZZA text Francesca Lombardi photo Dario Garofalo

Firenze | made in Tuscany 81


The Way to Calvary by Vasari. The restored work will be presented in October 2018, within the ‘In the name of Michelangelo’ project 82 Firenze | made in Tuscany


art itinerary

From left, the gravestone which inspired the creation of the Optima font, a detail of the Sybil which Stendhal dreamt about Our latest visit to the Church of Santa Croce was amazing: La nostra ultima visita a Santa Croce è stata sorprendente: olin addition to the beauty of the place, we were spellbound by tre la bellezza dei luoghi siamo rimasti incantati da un affathe compelling stories that this place has to tell, stories that scinante inanellarsi di storie che questo posto racchiude, dove are deeply intertwined with the history of Florence and with date e nomi diventano solo coordinate per raccontare la storia universally-shared civil and spiritual values. We left the church di una città, Firenze, e per parlare di valori civili e spirituali being fully aware of what Santa Croce represents and why it condivisibili a livello universale. Siamo usciti con la concreta is considered to be an art icon all over the world. On our jour- consapevolezza di cosa rappresenta Santa Croce e del perché, ney through history, we were accompanied by Irene Sanesi, anche oltre Oceano, rimane una delle icone dell’arte mondiaPresident of the Opera di Santa Croce, and by Giuseppe De le. Complici di questo nostro viaggio dentro secoli e stratificaMicheli, Secretary-General. “45 Galileis and 67 Buonarottis zioni, Irene Sanesi, Presidente dell’Opera di Santa Croce, e are buried here!”. This was the opening of the story of Santa Giuseppe De Micheli, Segretario Generale. ”Qui sono sepolti Croce, a “historical novel” that spans generations, usages and 45 Galilei e 67 Buonarroti!” E’ stato questo l’esordio che ci ha customs with wonderful simplicity. permesso di sfogliare la storia di Santa Croce come un romanzo We walked on the marble gravestone that, in 1950, inspired storico di quelli che attraversano generazioni, usi e costumi con Hermann Zapf, the creator of the Palatino typeuna meravigliosa semplicità. Camminiamo sopra face, to create the Optima font. And to think that la lapide in marmo che nel 1950 ha ispirato Hersixteenth-century tombs are behind the origin mann Zapf, già inventore del Palatino, per creare of modern typefaces! We walked by the site of il carattere Optima: da delle tombe cinquecenteSanta Croce sche ha avuto origine in epoca moderna un caratIn the name of Michelangelo: the restoration works on the altarpiece proceeded at full speed, while told as a great tere virtuale di scrittura…. Passiamo di fronte al Michelangelo’s tomb appeared from behind the aperto di In the name of Michelangelo: i lahistorical novel, cantiere scaffolding. Then we reached the work of art that vori sulla pala proseguono a pieno ritmo mentre where beauty la tomba di Michelangelo è una quinta superba brought us back to Santa Croce in the first place: a statue of Liberty, which is very much alike its is not the only dietro l’impalcatura. Arriviamo di fronte al motiAmerican counterpart, created by the Florentine fascinating vo che ci ha spinti a tornare in Santa Croce: una sculptor Pio Fedi. The news is that the Statue Liberty nostrana, in tutto simile a quella di chapter Lady of Liberty by Bartholdi in New York City may NY firmata dallo scultore fiorentino Pio Fedi. La have a precedent in Pio Fedi’s work. This is how the story goes: notizia è che questa statua, arrivata prima di quella americana, in 1875, the star of the moment in Florence was this sculptor abbia ispirato Bartholdi nella creazione del suo capolavoro. Si from Viterbo who lived in town and had just completed the azzardano delle ipotesi: nel 1875 a Firenze la star del momento famous Rape of Polyxena statue. He was commissioned with the è lo scultore viterbese ma ormai adottato dalla città, Pio Fedi, project of a monument to playwright Giovan Battista Niccolini reduce del gran successo avuto col Ratto di Polissena. A lui viene to be placed on the tomb in the Church of Santa Croce. Pio affidato il progetto di un solenne monumento funebre in omagFedi’s plaster cast represents a draped female figure holding gio al drammaturgo Giovan Battista Niccolini da collocare sulla a crown of laurel in one hand, a clear allegory of Poetry. In tomba nella basilica di Santa Croce. those same years the famous French architect Eugene Viollet Il bozzetto in gesso di Pio Fedi mostra una figura femminile le Duc came to Florence accompanied by his favorite pupil, drappeggiata che stringe in mano una corona di alloro, una Frédéric-Auguste Bartholdi. What we do not know is if the two chiara allegoria della Poesia.  French architects had the chance to meet Pio Fedi but, since Negli stessi anni, durante un viaggio a Firenze, il celebre archithey all belonged to Masonic lodges, it is highly probable that tetto francese Eugene Viollet le Duc è accompagnato dal suo the three of them met in Florence. In 1877, Pio Fedi’s Liberty miglior allievo: Frédéric-Auguste Bartholdi. of Poetry had been completed but, because of some municipal Non sappiamo se i due architetti francesi abbiano mai avuto Firenze | made in Tuscany 83


The ‘Liberty of Poetry’ by Pio Fedi. The statue, which was designed for the monument to Niccolini, is very much alike the American Statue of Liberty


cover story

Some details of the monumental complex of Santa Croce. The Basilica has been financing itself by introducing admission tickets since 2002. There is a separate free entrance to attend Mass Firenze | made in Tuscany 85


The frescoes of Santa Croce’s apse


cover story

Firenze | made in Tuscany 87


The ceiling of Santa Croce’s nave. To the right, a detail of the Pazzi Chapel’s exterior columns


cover story

Firenze | made in Tuscany 89


The Basilica’s interior problems, it remained shut up in the artist’s atelier on Via dei Serragli for several years, until May 1883, when it was finally placed inside the Basilica of Santa Croce and unveiled. Three years later, another important unveiling would take place on a small island in the New York harbor in the middle of the Manhattan Bay: the imposing statue designed by Bartholdi and donated by the people of France to the United States to commemorate the Declaration of Independence of 1776. Both statues are in the neoclassical style and have so many details in common that it is hard to believe that resemblances are due to mere chance: the statues’ position, a broken chain in the hand of the Florentine statue and at the feet of the American one, the crown….. Bartholdi is “guilty”, if not of copying, at least of being inspired by Fedi’s work! Our tour continued: beauty is a common feature in Florence, but Santa Croce represents something that goes beyond beauty if the Niccolini Chapel, which we visited, caused Stendhal to collapse, and if De Chirico, who was just recovering from a long convalescence, painted his first metaphysical painting, The Enigma of an Autumn Afternoon, while seated on a bench opposite the church’s façade. Before the cenotaph to Luigi Cherubini just outside of the Chapel, we were told that Riccardo Muti is attempting to bring the remains of the famous musician, who was buried in the Cemetery of Père-Lachaise, back to Florence, the city he was so fond of. There are so many amazing stories related to the church, such as the one about Vasari who had the fourteenth-century paintings along the aisles covered in white and grey, which was so fashionable at the time; so many great moments of poetry and art. However, all stories have but one protagonist, which has remained un90 Firenze | made in Tuscany

contatti con Pio Fedi, ma sono tutti legati a logge massoniche, un loro incontro a Firenze risulta quindi abbastanza probabile. Nel 1877 La Libertà della Poesia di Pio Fedi è già terminata ma a causa di alcuni problemi comunali resta per vari anni chiusa nel suo atelièr in Via dei Serragli, fino a quando, nel maggio del 1883 viene finalmente posizionata nella Basilica di Santa Croce e inaugurata. Tre anni dopo un’altra importante inaugurazione su una piccola isoletta all’entrata del porto sul fiume Hudson al centro della baia di Manhattan mostra una seconda imponente statua, firmata Bartholdi appunto, che i francesi hanno donato all’America in commemorazione della dichiarazione d’Indipendenza di un secolo prima (1776). Ambedue le statue di ispirazione classica, hanno similitudini tanto evidenti da far pensare che ci sia qualcosa in più della coincidenza: la posizione, la catena spezzata, la corona…se non è elegante parlare di copia, almeno di ispirazione sicuramente! Continuiamo la nostra passeggiata: il bello a Firenze è una categoria diffusa, ma Santa Croce deve rappresentare qualcosa che va oltre la bellezza se nella Cappella Niccolini che visitiamo, Stendhal ebbe un malore, divenuta poi la sua celebre sindrome, e De Chirico, appena uscito da una lunga convalescenza, seduto su una panchina antistante la facciata dipinse il suo primo quadro metafisico, L’enigma di un pomeriggio d’autunno. Di fronte a un cenotafio di Luigi Cherubini appena fuori dalla Cappella ci raccontano il progetto di Riccardo Muti di riportare qui le spoglie del musicista, sepolto nel Cimitero del Père-Lachaise ma profondamente legato alla città. Le storie legate a questa Chiesa sarebbero ancora molte, con secoli che si rincorrono; interventi criticabili come quello del Vasari che fece coprire i dipinti trecenteschi delle navate a favore di quel bianco e grigio che era cosi di moda al tempo;


D iving

into the heart of

f lorence

FIRENZE www.grandhotelminerva.com When in Forte dei Marmi stay at www.villaromaimperiale.com


Sophisticated ambiance in a Tuscany seaside villa

UNA RAFFINATA STORIA DI ELEGANZA E TRADIZIONE

Ristorante La Magnolia Stella Michelin

HOTEL BYRON V.le A. Morin, 46 + 55042 Forte dei Marmi (LU) - Tel. +39 0584 787052 - Fax + 39 0584 787152 - info@hotelbyron.net


cover story

Santa Croce’s nineteenth-century facade changed over the centuries: the Opera di Santa Croce. momenti di grande poesia e arte. Un unico attore, grande pro“The Opera is a so-called fabbriceria, that is, a corporation to tagonista di questa storia, è rimasto invariato nei secoli: l’Opera which, in the Middle Ages, the administration of the goods be- di Santa Croce. “L’Opera è una fabbriceria, le antiche fabbriche longing to one church were entrusted- the President explains-. medievali che di fatto rappresentavano la civitas – i cittadini – It is an Italian anomaly deeply rooted in our country’s medie- intorno alla costruzione di grandi monumenti, prevalentemenval history: the Operas are still veritable institutions under the te Chiese -  ci spiega la Presidente - Si tratta di una particoauthority of the Ministry of the Interior. At present, there are larità giuridica italiana nata nel solco della storia medievale: about twenty “Operas” operating in Italy, three sono vere e proprie istituzioni che dipendono dal of which are found in Florence: Santa Croce, Ministero degli Interni. Una ventina in tutta Italia Santa Maria del Fiore, San Lorenzo”. di cui tre a Firenze: Santa Croce, Santa Maria del The emotion Fiore, San Lorenzo”.  An admission ticket to the Church of Santa Croce was introduced in 2002, in order to allow of Stendhal Santa Croce dal 2002 ha un biglietto di ingresso the whole complex to finance itself. “During my reached che permette all’intero complesso di autofinanfirst term of office and again now that I’m on my “Nel corso del mio precedente mandato e its climax ziarsi. second term, we have launched big-scale crowdanche durante questo secondo incarico abbiamo with the comunque dato l’incipit a importanti operazioni funding and traditional fundraising campaigns. In March, we introduced the first part of the In frescoes of di crowdfunding e tradizionali campagne di funthe name of Michelangelo project, the restoration A marzo abbiamo presentato la prima Volterrano in draising. works on the famous artist’s tomb, including parte del progetto In the name of Michelangelo, che the Niccolini ha interessato la tomba dell’artista e ha visto il delicate and accurate cleaning. In November, restoration works on the Buonarotti family’s Chapel completamento di un delicato e accurato procesaltar-piece by Vasari will be completed - Irene so di pulitura. A novembre concluderemo i lavori  Senesi says -. In addition to funding the church’s projects, con il restauro della pala per l’altare della famiglia Buonarroti, these operations allow us to cultivate international relations. opera del Vasari - continua Irene Sanesi -  Al di là dei nostri We have realized that the Church of Santa Croce is known and fondi, queste operazioni ci permettono di coltivare le relazioni loved around the world, even by those who have never been internazionali. Abbiamo scoperto che Santa Croce è amata in here. It represents the civil values of equality, justice and free- tutto il mondo, anche da persone che non sono mai state qui. dom which are at the foundation of the great revolutions in the Rappresenta quei valori civili di uguaglianza, giustizia e libertà history of mankind and are represented by Pio Fedi’s Liberty che hanno dato il via alle grandi rivoluzioni della storia e che housed in the church”. sono rappresentate da Libertas di Pio Fedi conservata qui”.  Firenze | made in Tuscany 93


Eliseo Mattiacci, ‘Gong’ exhibition, Forte di Belvedere, Firenze (ph Pietro Savorelli)


Star maps MAPPE STELLARI text Francesca Lombardi

Firenze | made in Tuscany 95


Eliseo Mattiacci, Fulmine-saetta, 1987 (ph Pietro Savorelli) 96 Firenze | made in Tuscany


Eliseo Mattiacci, Le vie del cielo, 1995 (ph Simone Fossi)

“I feel attracted to the sky with its stars and planets and, even further, to our galaxies, it is an imagination that goes beyond, that challenges imagination itself, like in a dream. I would like to launch one of my sculptures into orbit in the outer space. It would truly be a beautiful dream to know that one of my spatial shapes is orbiting up there”. These are the words of Eliseo Mattiacci. It is pure poetry…poetry of thoughts, words and, above all, of images. Florence’s Forte di Belvedere is housing, until October 14, Gong, an imposing anthological exhibition devoted to Eliseo Mattiacci (born in Cagli in 1940). The craftsman of experimentation and renewal in contemporary sculpture, the inventor of cosmological iconographies and of new spatial and conceptual relationships between art and nature, between man and the environment, Mattiacci lands at Forte di Belvedere with twenty sculptures exhibited outside and within the building, in addition to an extensive collection of drawings, over sixty, which, for the first time ever, allow the public to admire Mattiacci’s supreme graphic activity. Cosmos and nature, past and future, archaic world and star maps: Mattiacci’s is nearly a shamanic exercise aimed at bringing the transcendental, the stellar and the terrestrial together in his iron sculptures, veritable assemblages of unprecedented classicism. However, no words are more

Eliseo Mattiacci’s artwork on show at Forte di Belvedere until fall 2018: matter and metaphysics

“Mi sento attratto dal cielo con le sue stelle e pianeti e, al di là, dalle nostre galassie, è una immaginazione che va oltre, come a voler sfidare la fantasia stessa, come in un sogno. Mi piacerebbe lanciare una mia scultura in orbita nello spazio. Sarebbe davvero un bel sogno sapere che lassù gira una mia forma spaziale”. Sono parole di Eliseo Mattiacci. È poesia allo stato puro… poesia di pensieri, parole e soprattutto immagini: gli spalti e la palazzina del Forte di Belvedere a Firenze ospitano fino al 14 ottobre, Gong, una imponente mostra antologica dedicata a Eliseo Mattiacci (Cagli, 1940). Artefice della sperimentazione e del rinnovamento della scultura contemporanea, inventore di iconografie cosmologiche e di nuove relazioni spaziali e concettuali tra arte e natura, tra uomo e ambiente, Mattiacci arriva al Forte con venti sculture all’esterno e all’interno della Palazzina, oltre a un nutrito gruppo di disegni, più di sessanta, che per la prima volta in assoluto rendono merito all’attività grafica sempre altissima di Mattiacci. Cosmo e natura, passato e futuro, mondo arcaico e mappe stellari: Mattiacci è quasi sciamanico nel suo essere artista, nel conciliare trascendente, stellare e terreno attraverso le sue sculture in ferro, veri e propri assemblaggi di inedita classicità. Ma niente più delle parole di Sergio Risaliti, curatore della mostra Firenze | made in Tuscany 97


Eliseo Mattiacci, Totem con nuvola, 1996 (ph Pietro Savorelli) 98 Firenze | made in Tuscany


DAL PIÙ GRANDE TEATRO D’OPERA DEL MONDO

ARENA DI VERONA

la notte di

Andrea Bocelli SABATO 8 SETTEMBRE ORE 20.30 CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI ORCHESTRA, CORO, BALLO E TECNICI DELL’ARENA DI VERONA IN COLLABORAZIONE CON

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO SU VIVATICKET.IT E VIVI UN’ESPERIENZA INCREDIBILE, UNICA AL MONDO A FAVORE DI

MEDIA PARTNER


Above: Eliseo Mattiacci, Equilibri Precari quasi impossibili, 1991 Below: Eliseo Mattiacci, Gong exhibition (ph Simone Fossi) Firenze | made in Tuscany 101


Eliseo Mattiacci, Senza titolo (Scultura che guarda) 2008-2009 (ph Simone Fossi)

The craftsman of experimentation and renewal in contemporary sculpture and the inventor of cosmological iconographies

expressive of the greatness of Eliseo’s works than those pronounced by Sergio Risaliti, the exhibition’s curator and artistic director of the Museo Novecento: “With Eliseo Mattiacci’s exhibition at Forte di Belvedere, all of Florence reinforces its image as a contemporary city which, together with the artists, reflects on its civil history and on its artistic heritage, on the major cultural legacies of the past and modern society, on the themes of science and spirituality, especially on poiesis and techne. And it does this by offering for the admiration of the public and tourists the works of one of the great masters of our time, creator of sculptural shapes and graphic paths that have enough force to combine the dimension of materialism with that of the metaphysical dream (…). A trajectory, that of Mattiacci, of consistency and exemplary freedom, of generous resistance and lyrical power, an indispensable presence in the history of art, starting from the first works that allowed him to combine, as an artist and a poet, the work of the earth and technology with the reactivation of myths and the contemplation of the stars. With his most recent works and installations, the artist from the Marche region introduces his idea of the cosmos to the world, continuing on a journey of discovery and wonder within nature and the universe that brings together Lucretius and Galileo Galilei, Giacomo e direttore artistico del Museo Novecento, chiariscono la grandezza lirica dell’opera di Eliseo: “Con questa esposizione di Eliseo Mattiacci al Forte di Belvedere, tutta Firenze rafforza la sua immagine di città contemporanea che assieme agli artisti riflette sulla storia civile e sul patrimonio artistico, sui grandi lasciti culturali del passato e sulla società attuale, sulla scienza e la spiritualità, soprattutto su poiesis e techne. E lo fa offrendo all’ammirazione di cittadini e turisti le opere di uno tra i grandi maestri del nostro tempo, creatore di forme scultoree e tracciati grafici che hanno la forza di coniugare la dimensione del materialismo con quella del sogno metafisico(…). Una traiettoria quella di Mattiacci di coerenza e di libertà esemplari, di generosa resistenza e lirica potenza, una presenza indispensabile alla storia dell’arte a partire dai primi lavori con i quali ha sposato, da artista e poeta, il lavoro della terra e la tecnologia con la riattivazione dei miti e la contemplazione degli astri. Per giungere alle sue opere e installazioni più recenti con le quali l’artista marchigiano ha voluto consegnare al mondo la sua idea di cosmo, proseguendo un viaggio di scoperta e di meraviglia all’interno della natura e dell’universo che accomuna Lucrezio e Galileo Galilei, Giacomo Leopardi e lo stesso Mattiacci, poeti e artisti di ieri e di oggi”.

102 Firenze | made in Tuscany


Ogni giovedi’ a bordo piscina l’appuntamento che unisce l’eleganza delle bollicine con il sapore della tradizione della pizza Villa Cora Viale Machiavelli 18 Florence, 50125 Italy Per info e prenotazioni: Tel. 055 228790 - ristorante@villacora.it


“ U N PA R A D I S O I N PA R A D I S O ”

Ristorante ZIQÙ Un’esperienza di gusto in una scenografia da sogno VILLA MARINA CAPRI HOTEL & SPA | Via Provinciale Marina Grande, 191 - Capri | +39 081 837 6630 | www.villamarinacapri.com


Eliseo Mattiacci, Colpo di Gong, 1993 (ph Pietro Savorelli)

Leopardi and Mattiacci himself, poets and artists of yesterday and today.” Showcased inside the Fortress, among the artist’s major historic works, in addition to Trucioli e calamita (1968-69) and the nearly 60-meter-long Tubo (1967), is the installation Recupero di un mito (1975) shown for the first time since the exhibition at L’Attico Gallery in Rome, as well as the sound installation Echi di suoni e cani che abbaiano (1983). Also on show are early works such as  the 1961 sculpture Uomo Meccanico As for the most recent works, an entire room hosts the installation with the aluminum planets on the layered surface in lead pellets La mia idea del cosmo (2000), while the large aluminum propellers of Dinamica Verticale (2013) dominate the spaces on the ground floor. Continuing on the first floor, visitors will find a suite of rooms entirely dedicated to the artist’s drawings. The large terraced gardens house the large corten steel works of cosmic astronomical inspiration, with one side oriented toward the city of Florence, and the other side toward the hills that host Arcetri’s Observatory, near to Galileo Galilei’s last residence. On the occasion of the exhibition, the Museo Novecento presents the sculpture Per Cornelia and the large drawing Occhio del cielo (2005), along with works on paper Poesia (1972-73), Esplorare (2007) and the video Richiami (1972).

“I would like to launch one of my sculptures into orbit in the outer space. It would truly be a beautiful dream”

Negli spazi interni del Forte, tra le opere storiche, oltre a Trucioli e calamita (1968-69) e al Tubo (1967) di circa sessanta metri di estensione, viene presentata – per la prima volta dalla mostra alla galleria L’Attico di Roma – l’installazione Recupero di un mito (1975), così come trova collocazione l’opera sonora Echi di suoni e cani che abbaiano (1983). Sono altresì esposte opere degli esordi come Uomo meccanico del 1961. Relativamente ai lavori più recenti, un’intera stanza ospita l’installazione con i pianeti in alluminio sulla superficie stratificata in pallini in piombo di La mia idea del cosmo (2000), mentre le grandi eliche in alluminio di Dinamica Verticale (2013) dominano gli spazi al piano terreno. Proseguendo al primo piano, il pubblico incontra una sequenza di stanze dedicate tutte al disegno. Uscendo negli ampi giardini terrazzati del Forte di Belvedere, trovano collocazione le grandi opere in acciaio corten di ispirazione cosmico astronomica, orientate da un lato verso Firenze, dall’altro verso le colline che ospitano l’Osservatorio Astrofisico di Arcetri, non lontano dall’ultima residenza di Galileo Galilei. In occasione della mostra, il Museo Novecento presenta la scultura Per Cornelia e il grande disegno Occhio del cielo (2005), assieme alle opere su carta Poesia (1972-73), Esplorare (2007) e al video inedito Richiami (1972). Firenze | made in Tuscany 105


A driving force and route of communication, water resource and open-air laundry, fishing reserve and place of leisure, even a substitute for the sea for those who could not afford to go on holiday... For the Florentines, the Arno is a constant presence in their lives. From the earliest times, when there was a ford that the Romans transformed with a wooden bridge, reclaiming the surroundings and founding the first nucleus of the future Florence, on the right bank of the Arno, near the Bridge of Santa Trinita. Navigable as far as the Affrico torrent, the river permitted the Roman colony to become a wealthy emporium, in an age when transport by water was much cheaper than by land. In short, Florence would not be the same without the Arno. And it is precisely from this waterway that crosses it, thanks to the collaboration with the city’s oldest rowing club, the Società Canottieri (Florence Rowing Club, founded in 1886!), whose fascinating and prestigious clubhouse is located just below the Uffizi Gallery, that we went looking for a different view of the cradle of the Renaissance, contemplating the city from an unusual and beautiful angle.

Views by the river FIRENZE VISTA DALL’ARNO text Teresa Favi photo Lorenzo Cotrozzi

Forza motrice e via di comunicazione, risorsa idraulica e lavanderia a cielo aperto, riserva di pesca e luogo di svago, persino surrogato del mare per chi non poteva permettersi la villeggiatura… Per i fiorentini l’Arno è un compagno di vita. Fin dalle origini, all’epoca del guado, che i romani trasformarono in un ponte di legno, bonificando i dintorni, fondando il primo nucleo della futura Firenze, sulla riva destra dell’Arno, in prossimità di ponte Santa Trinita. Navigabile fino all’Affrico, il fiume faceva della colonia romana un ricco emporio, in un’epoca in cui i trasporti via acqua erano molto più economici di quelli via terra. Insomma Firenze non sarebbe la stessa senza l’Arno. E proprio da questo specchio d’acqua che l’attraversa, grazie alla collaborazione con il più antico circolo di canottieri della città, la Società Canottieri Firenze (dal 1886!) la cui sede, affascinante e prestigiosa è proprio sotto agli Uffizi, siamo andati alla ricerca di una vista diversa sulla culla del Rinascimento, contemplando la città da un’angolazione insolita e bellissima.


Ponte Vecchio aa


The Uffizi Gallery seen by the river, and below the perfect green overlooking the Arno of the SocietĂ Canottieri (Florence Rowing Club)


Oltrarno palaces (Borgo San Jacopo) overlooking Under Pontethe Santa Arno Trinita


Church of Chiesa di San Jacopo Soprarno


One of the great bastions in pietra forte, the typical stones in Florence, that support the Ponte Vecchio


The training of an athlete of the Società Canottieri Firenze. The entrance of the club is a stone’s throw from Ponte Vecchio, and extends under the Uffizi museum, where once there were the old stables. It’s a special place where people train, meet and they relax between the amazement and the envy of tourists 112 Roma | the Eternal City

aaa


Firenze | made in Tuscany 113


Enchanting sunset on the Arno through the silhouette of the Ponte Vecchio, a show that is renewed every evening in Florence 114 Roma Firenze | the | made Eternal in Tuscany City


75th ANNIVERSARY

fabrics made in Italy |

manteco


fashion interview

A king in Florence UN RE A FIRENZE

text Matteo Parigi Bini A very special visit to the Uffizi Galleries with Giorgio Armani Una visita molto speciale alle Gallerie degli Uffizi con Giorgio Armani Not everyone gets the chance to tour the Uffizi Galleries guided by its director Eike Schmidt, in the company of one of the world’s greatest fashion designers and certainly the greatest creator of prêt-à-porter labelled Made in Italy. As he himself admitted, this was Giorgio Armani’s first “complete and meticulous” tour of the Uffizi Galleries. Prior to this

against the flame red walls of the new halls - whose installation was no more than a few hours old – and eyes profoundly sensitive to beauty, was lost in admiration of the velvets depicted in the portraits and enchanted by the gracefulness of Botticelli’s transparent silks. In the past few months, Giorgio Armani has been frequently seen in Florence

The new Giorgio Armani boutique, just in front of Palazzo Strozzi

occasion, nothing but fleeting visits. His presence here was long awaited, particularly since some of his garments had been included in the permanent collection of Palazzo Pitti’s Fashion and Costume Museum, in whose White Room – let’s not forget it – the brilliant stylist’s creations were first noticed on the international scene in 1974. What an awe-inspiring experience it was to walk by his side and take in his lively and perceptive impressions as he lingered in front of masterpieces by Caravaggio and Botticelli. King George, with his impeccably informal all-black style standing out 116 Firenze | made in Tuscany

leading up to the opening of a new boutique in Via de’ Tornabuoni 83/r, right in front of Palazzo Strozzi, which was inaugurated during the week of Pitti Uomo, with a special evening event dubbed Giorgio’s. How does it feel to walk the streets of this city that has contributed so much to our concept of aesthetics and beauty? “Florence has maintained intact all the charm and splendour of its past and today it is an authentic crossroads of tourists from all over the world”. How does the concept of your new store fit in, in such a setting? “I chose to create a boutique with an elegant yet cosy at-

Non capita a tutti di fare una visita agli Uffizi avendo come guida il direttore Eike Schmidt, e come compagno di viaggio, uno dei più grandi stilisti del mondo e sicuramente il più grande creatore di prêt-à-porter made in Italy. Era la prima volta che Giorgio Armani visitava in modo “completo e accurato” le Gallerie degli Uffizi, come ha detto lui stesso.

pressioni vivaci e puntuali mentre indugiava davanti ai capolavori del Caravaggio e di Botticelli. Re Giorgio, con quel suo stile all black impeccabilmente informale che risaltava tra le pareti rosso fuoco delle nuove sale riallestite da poche ore, ammirava con occhi profondamenti sensibili alla bellezza, i velluti raffigurati nei ritratti, restando incantato di

Era atteso da tempo, soprattutto da quando alcuni suoi capi sono entrati a far parte della collezione permanente del Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti, nella cui Sala Bianca - non dimentichiamolo - il geniale stilista si fece notare per la prima volta con le sue creazioni al panorama internazionale nel 1974. Fu un grande successo che sicuramente contribuì positivamente alla decisione di fondare l’anno successivo insieme a Sergio Galeotti, socio e amico, la Giorgio Armani SpA. Dunque ha fatto un certo effetto camminargli accanto e ascoltare le sue im-

fronte alla leggiadria delle sete trasparenti di Botticelli. Giorgio Armani in questi mesi è stato spesso a Firenze in vista dell’apertura della sua nuova boutique in via de’ Tornabuoni 83/r, proprio di fronte a Palazzo Strozzi, che ha aperto i battenti durante la settimana di Pitti Uomo, con la speciale serata Giorgio’s. Che effetto le fa camminare per le strade di questa città che ha dato così tanto all’estetica e alla bellezza? “Firenze ha mantenuto inalterato tutto il suo fascino e lo splendore del passato ed è un vero e proprio crocevia di turisti provenienti da


Giorgio Armani and Florence are linked since his first show to the Sala Bianca in 1974


The new Florentine boutique was inaugurated duringaaaaaaaa the week of Pitti Uomo, with a special evening event aaaaaaaaaaaaa


fashion interview

mosphere, one that reflects my own aesthetic values. The sequence of colours in the different rooms, an attentive distribution of the products and the new space given over to my beauty product line all add up to an experience that is typically Armani: lavish, multisensorial, refined and natural”. 250 square metres extending over one floor and as many as nine windows looking out onto one of the most elegant streets in the historic city centre. The new concept, signed by Armani in collaboration with his team of architects, has safeguarded the original architecture of the building.

collection for Winter 2019? “I have never made any attempt to conceal my interest for distant cultures and alternative aesthetics. This season, I have drawn inspiration from various sources – elements, forms and colours – and then I have summarized and subtracted, translating everything into a collection that is visually rich and eclectic”. Today, Armani’s research and his revolutionary approach to form, fabric and colour deserve the attention normally given to artists. In 1992, Florence already dedicated an important retrospective exhibition to Armani, in the same Sala Bianca where his

tutto il mondo”. In questo contesto come si inserisce il concept del suo nuovo spazio? “Ho voluto creare una boutique dall’atmosfera elegante e accogliente allo stesso tempo e che rispecchiasse i miei valori estetici. Il succedersi dei colori nelle differenti stanze, la distribuzione attenta dei prodotti e il nuovo spazio dedicato alla mia linea beauty danno vita a un’esperienza tipicamente Armani: ricca, multisensoriale, raffinata e naturale”. 250 metri quadrati su un unico piano, e ben nove vetrine che si affacciano su una delle vie più eleganti del centro storico. Il nuovo concept, ideato dallo stesso

fluenzato comportamenti e modi di essere. Quale messaggio è contenuto nella sua collezione donna per l’inverno 2019? “Non ho mai fatto mistero del mio interesse per culture lontane e per altre estetiche. Questa stagione ho preso spunti vari - elementi, forme e colori - e poi ho sintetizzato e sottratto traducendo il tutto in una collezione visivamente ricca ed eclettica”. La ricerca di Armani e la sua rivoluzione operata nelle forme, nei tessuti e nei colori merita oggi l’ attenzione che si riserva agli artisti. Nel 1992 Firenze gli ha dedicato una grande retrospettiva, proprio alla Sala Bianca

Armani in collaborazione con il suo team di architetti, rispetta l’originaria architettura del palazzo. Lo spazio, ampio e luminoso, si sviluppa in una successione di stanze collegate tra loro da eleganti portali con finitura color platino, come gli arredi e gli espositori realizzati in resina e metallo, leggeri e dalla forma curva con angoli stondati. Oltre all’ampia zona riservata agli accessori, lo spazio comprende un corner e una vetrina dedicati interamente al make up e alle fragranze della linea Giorgio Armani Beauty. La sua moda ha sempre in-

dove venti anni prima aveva cominciato la sua straordinaria avventura nel mondo della moda e del made in Italy trasformando un settore considerato a torto frivolo come il prêt-à-porter qualcosa di assolutamente impensato per il nostro Paese e fondante per la nostra economia. Chissà che a distanza di tempo e grazie a questi recenti ritorni di fiamma ‘fiorentini’ non lo si veda di nuovo circolare tra via de’ Tornabuoni e il Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti, con quei suoi occhi azzurri che sembrano perforare la pietra forte che fascia Firenze…

Armani, Schmidt and Parigi Bini during the vist at the Gallerie degli Uffizi The spacious, light-filled interior extends in a succession of rooms interconnected by elegant doorways finished in the colour of platinum, similarly to the furnishings and display cabinets in resin and metal, which are lightweight and slightly curved with softly rounded corners. As well as a large area given over to accessories, the new store also comprises a corner and a display case entirely dedicated to the cosmetics and fragrances of the Giorgio Armani Beauty line. Your fashion has always influenced behaviour and lifestyle patterns. What message is encapsulated in your Woman’s

extraordinary foray into the world of fashion and the Made in Italy cachet had begun twenty years earlier, transforming what had erroneously been considered a frivolous industry into an unprecedented phenomenon for our country and a cornerstone of the national economy. Who knows, after all these years and thanks to his renewed passion for Florence, we may see him strolling between Via de’ Tornabuoni and Palazzo Pitti’s Fashion and Costume Museum, with those blue eyes of his that seem to perforate the tough stone girthing Florence…

119 Firenze | made in Tuscany


fashion event

Team spirit SPIRITO DI GRUPPO

text Marta Innocenti Ciulli In Florence for Pitti Uomo, the Roberto Cavalli runway show with the new director Paul Surridge A Firenze durante il Pitti Uomo, la sfilata Roberto Cavalli con il nuovo direttore Paul Surridge Robert Cavalli has chosen its home city to launch its first men’s collection under the direction of Paul Surridge, the new creative director for the company’s lines. This love story with Florence began almost 40 years ago with a runway show in the legendary Sala Bianca, when the nascent Roberto Cavalli brand experienced its first success displaying avant-garde collec-

This love story with Florence began almost 40 years ago

tions, featuring leather that was treated and printed as if it were any old fabric and mixed with used, torn, cut jeans (a brilliant, yet obvious idea looking back) to create patchwork patterns that captured the confused attention of the press but found great success nonetheless, after which nothing was ever the same. It was the era of minimalism and the arrival of this wilful style was a redress for all the women that had suffered the diktat. Today, the company, controlled by the Italian investment fund Clessidra, is one of the most important Italian enterprises operating in the fashion, luxury accessories and lifestyle industry. 120 Firenze | made in Tuscany

Paul Surridge has been at the helm since May 2017. He’s not a celebrity stylist but he is a talent that for years worked backstage at important fashion brands. Guided by a strong respect for the company’s heritage, he’s also determined to define a new chapter in its history, focusing on a precise, luxurious, sophisticated, dynamic and urban aesthetic. English, he studied

E così il Gruppo Roberto Cavalli sceglie la sua città di origine come piattaforma di lancio della prima collezione uomo firmata da Paul Surridge, nuovo direttore creativo di tutte le linee del gruppo. Una storia d’amore con Firenze iniziata quasi quaranta anni fa con una sfilata nella leggendaria Sala Bianca quando il giovane brand, Roberto Cavalli, riscuoteva i

lifestyle. Dal maggio 2017 è Paul Surridge a scriverne un nuovo capitolo. Non uno stilista-celebrity ma un talento da anni nei backstage di importanti marchi della moda. Guidato da un forte rispetto verso l’heritage dell’azienda è al contempo determinato a definirne una nuova fase, focalizzandosi su una estetica precisa, lussuosa, sofisticata, dinamica e urbana. Inglese,

at Central Saint Martins in London and worked at Calvin Klein in the 1990s before moving on to Burberry and Jil Sander as design director for menswear under the direction of Raf Simons; he was later creative director at Z Zegna, followed by consultant for Acne Studio. He was strongly sought after by Gian Giacomo Ferraris, CEO of the company since 2016 – an important figure in international fashion, with a past in companies like Gucci Group, Jil Sander and Versace – who worked with the creative director in laying out a strategy for strengthening the daywear, leather and men’s/women’s accessories collections.

primi successi con collezioni d’avanguardia dove la pelle era trattata e stampata come un normalissimo tessuto e si fondeva, con il jeans (l’uovo di colombo!) usato, strappato, tagliato a creare lavorazioni patchwork che fecero sgranare gli occhi della stampa tutta ma riscossero grandi successi, e niente fu uguale a prima. Erano tempi di minimalismo imperante e l’arrivo di questo afflusso volitivo fu la rivincita per tutte quelle donne che ne avevano subito il diktat. Oggi il Gruppo, controllato dal fondo d’investimento italiano Clessidra, rappresenta una delle più importanti aziende italiane operanti nel settore moda, accessori di lusso e

studi alla Central Saint Martins di Londra, un passato da Calvin Klein negli anni Novanta, da Burberry e Jil Sander come design director del menswear sotto la direzione di Raf Simons, direttore creativo di Z Zegna, e infine consulente da Acne Studio. Lo ha fortemente voluto Gian Giacomo Ferraris, amministratore delegato dell’azienda dal 2016 - figura di spicco nell’ambito della moda internazionale con un passato in realtà come Gucci Group, Jil Sander e Versace – che ha definito in collaborazione con il direttore creativo una strategia di rafforzamento del daywear, della pelletteria e accessori uomo/donna.


Paul Surridge, the new Roberto Cavalli creative director


FLOWERAGE 2018/2019 a/w collections

Marta Innocenti Ciulli Ph. Alessandro Bencini Make up and hair Rossana Luzzi


PRADA A tulle jacket over a dress with a shawl collar, a wrap-around skirt and a top. Sandles Prada Glasses Prada


aaaaaa

BOTTEGA VENETA Double-layer mini-dress with a frilled collar and sleeves Boots Bottega Veneta


DOLCE & GABBANA Mid-length dress in light velvet opened at the front with elegant buttons and a crochet collar


ERMANNO SCERVINO Tulle skirt and stripped cashmere pullover with flower embroidery Sneakers RenĂŠ Caovilla at Luisaviaroma


FENDI Loose shirt dress made with organza and lace, with delicate embroidery Sneaker RenĂŠ Caovilla at Luisaviaroma


MICHAEL KORS Chiffon dress made with lurex: crew-neck, yoke pattern, bell sleeves Pants Gucci at Luisaviaroma Clogs Givenchy at Luisaviaroma


EMILIO PUCCI Quilted mermaid skirt and tailored jacket with a fur collar


RED VALENTINO Long tulle dress with crossstich embroidery and small, frilled sleeves


MIU MIU Mid-length skirt made with embossed fabric, extra-large V-neck pullover Ankle boots, scarf, wool collar Miu Miu


fashion jewels

res

Precious desi REZIOSI DESIDERI P

Jewelry fashion changes tone and takes on a precious artfulness, crossing different eras, imposing refined and daring colors. A new preciousness where all is permitted, provided it is personal. An array of red carpet maxi-jewel watches, mono-earrings with Victorian allure, elegant rings with caresses of color. Only for you. La moda del gioiello cambia registro e si veste con preziosa malizia, passa attraverso epoche, imprime colori raffinati e audaci. Una nuova preziosità dove tutto è concesso, purché sia personale. Via a maxi orologi-gioiello da red carpet, mono orecchini dai richiami vittoriani, raffinati anelli con carezze di colore. Solo per voi.

1

2

3

4

5

1. Dodo 2. Bulgari 3. Pomellato 4. Roberto Coin 5. Gucci 6. Chopard 132 Firenze | made in Tuscany


fashion what’s jewels cool

6 Firenze | made in Tuscany 133


must have summer

2 1

3

Stylish reflections for colorful beauties by the sea. Now we just have to leave! 6

5

7

8

4 6

Summer, what a joy! ESTATE, CHE GIOIA!

by Sabrina Bozzoni 1. Genten - via della Condotta, 50r - Firenze 2. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 10 - Firenze 3. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 4. Missoni - via Porta Rossa, 77/79r - Firenze 5. Angela Caputi GiuggiÚ - via di Santo Spirito, 58 6. Hermès - piazza degli Antinori, 6r - Firenze 7. Chanel Beauty - piazza della Signoria, 10 - Firenze 8. Miu Miu - via dei Calzaiuoli, 49 - Firenze Firenze | made in Tuscany 135


must have trend

2 1

3

A glance at the best of upcoming fashion trends, (eco-) fur and color the undisputed musts 6

5

7

8

4 6

Dreaming of the future SOGNANDO IL FUTURO

by Sabrina Bozzoni 1. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 2. Dolce & Gabbana - via degli Strozzi, 12/18r - Firenze 3. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 4. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 10 - Firenze 5. Coach - piazza della Repubblica, 46r - Firenze 6. Miu Miu - via dei Calzaiuoli, 49 - Firenze 7. Hermès - Piazza degli Antinori, 6r - Firenze 8. Marni - via Roma, 4 - Firenze Firenze | made in Tuscany 137


“You don’t kn ow wha t y ou’re missin’ if you nev er l ook a round ” P a ul Sta nl ey - K i s s

Piaz z a Di San Gi ov a nni 1- R

www.moveonfirenze.com


must have man

2 1

3

Looks designed for a summer en plein air. Sea or mountain, choose your destination! 6

5

7

8

4 6

Hey Mister Summer! HEY MISTER ESTATE!

by Sabrina Bozzoni 1. Faliero Sarti - via della Spada, 24r- Firenze 2. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r Firenze 3. Hermès - piazza degli Antinori, 6r - Firenze 4. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 10 - Firenze 5. Donkey Swing - via del Parione, 52r - Firenze 6. Ermenegildo Zegna . via de’ Tornabuoni, 3r - Firenze 7. Prada - via de’Tornabuoni, 53/67r - Firenze 8. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze Firenze | made in Tuscany 139


Tradizione Fiorentina C I O C C O L ATA • PA S T I C C E R IA •

G AST RONOM IA • C O C K TA I L S

R i v o i r e @ . p i a z z a S i g n o r i a , F i r e n z e - p h + 3 9 0 5 5 2 1 4 4 1 2 - w w w. r i v o i r e . i t


must have trend

2 1

3

Eclectic and impeccable, accessories recalling winter to let yourself be immediately inspired by 6

5

7

8

4 6

Don’t call it cold

NON CHIAMATELO FREDDO

by Sabrina Bozzoni 1. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r Firenze 2. Ermenegildo Zegna . via de’ Tornabuoni, 3r - Firenze 3. Boggi Milano - via della Vigna Nuova, 27 - Firenze 4. Faliero Sarti - via della Spada, 24r- Firenze 5. Marni - via Roma, 4 - Firenze 6. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 7. Hermès - piazza degli Antinori, 6r - Firenze 8. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 10 - Firenze 8. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze Firenze | made in Tuscany 141


fashion interview

The harmony of the heart L’ARMONIA DEL CUORE

text Marta Innocenti Ciulli Patrizia Bambi and Claudio Orrea. A story crowned by success Una storia coronata di successi Happy birthday Patrizia Pepe! The Florentine prêt-à-porter clothing company was founded in 1993 following a meeting between two determined and passionate individuals: Patrizia Bambi, the creative and stylistic soul, and Claudio Orrea, the brand’s managerial and administrative spirit. The Patrizia Pepe style likes and is based on the practicality of the everyday and the glamour of important moments; it’s modern, independent and courageous. Many things have marked the brand’s history along the way: in 2000, it opened its headquarters outside Florence, in 2005, the men’s line was introduced, in 2007, the line dedicated to children, while in 2012, the Fly symbol was invented: a light and steadfast insect that never gives up, embodying the stylistic and qualitative content of the products. And in 2014, the company welcomed the debut of its accessories line. What kind of woman embodies the values of the Patrizia Pepe style? She’s a sensual, free and confident woman, ironic and often irreverent. Her holistic approach leads her to live every day with energy and well-being, taking care of her body and spirit. Because true femininity comes from self-awareness. What do you like the most about a woman’s body? Its innate elegance, being body conscious and able to express itself without fear, valorizing the 142 Firenze | made in Tuscany

woman’s form and personality through what she chooses to wear. The strengths of your collections. My collections confidently handle every moment of the day. The pants suit reinterpreted in its colours and details, the leather jackets and denim embellished with studs and patches, the transparency of the silks and the deep necklines. I love to reinterpret key pieces in the female wardrobe with a perspective of versatility, perfect for both day and night. How much does craftsmanship matter? Craftsmanship and attention to every small detail are fundamental values. I’m proudly Tuscan and the bond with a territory so rich in beauties and mastery plays an important role. Revenue continues to grow. The keys to success? Passion, dedication and perseverance in taking on new challenges, always with an eye toward the future. An afternoon in Florence... Claudio and I love to wander the streets of Florence and absorb the mix between past and present, between cultural heritage and contemporary lifestyle. The Sant’Ambrogio market, the Antica Farmacia di Santa Maria Novella, the Boboli Gardens, the galleries, the palaces, the museums, and, not far from the city, in Calenzano, the Teatro delle Donne.

Buon compleanno Patrizia Pepe! Il marchio fiorentino di abbigliamento prêt-à-porter nasce nel 1993 dall’incontro di due personalità determinate e passionali: Patrizia Bambi, anima creativa e stilistica e Claudio Orrea, spirito imprenditoriale. Lo stile Patrizia Pepe piace, fonda in se stesso la praticità del quotidiano e il glamour dei momenti importanti, è moderno, indipendente e coraggioso. Molte tappe hanno segnato la storia del marchio: nel 2000 si inaugura il quartier generale alle porte di Firenze, nel 2005 la linea uomo, nel 2007 la linea dedicata alle bambine. Il 2012 vede la nascita del simbolo Fly, insetto leggero e tenace che non si arrende mai, scelto come sigillo per attestare il contenuto stilistico e qualitativo dei prodotti. Nel 2014 ecco il debutto della linea accessori. Chi è la donna che incarna i valori della moda Patrizia Pepe? È una donna sensuale, libera e sicura di sé, ironica e spesso irriverente. Il suo approccio olistico la porta a vivere la giornata all’insegna dell’energia e del benessere, inteso come cura del corpo e dello spirito. Perché la vera femminilità nasce dalla consapevolezza del sé. Cosa le piace di più del corpo di una donna? L’eleganza innata, l’essere bodyconscious e dunque capace di esprimersi senza paura,

valorizzando silhouette e personalità anche attraverso ciò che sceglie di indossare. I pezzi forti delle sue collezioni Le mie collezioni attraversano con disinvoltura ogni momento della giornata. Il tailleur maschile rivisitato nei colori e nei dettagli, le giacche di pelle e denim arricchite di borchie e patch, le trasparenze delle sete e le scollature profonde. Amo reinterpretare i pezzi chiave del guardaroba femminile nella prospettiva di una duplice versatilità, perfetti sia di giorno che di sera. Quanto conta l’artigianalità? L’artigianalità e l’attenzione per ogni minimo dettaglio sono valori fondamentali. Sono orgogliosamente toscana e il legame con una terra così ricca di bellezza e maestrie, gioca un ruolo fondamentale. Fatturato costantemente in aumento. Le chiavi del successo? Passione, dedizione e perseveranza nell’affrontare le nuove sfide con lo sguardo rivolto al futuro. Un pomeriggio a Firenze… Io e Claudio amiamo vagare per le strade di Firenze e assorbire il mix tra passato e presente, tra patrimonio culturale e lifestyle contemporaneo. Il mercato segreto di Sant’Ambrogio, l’Antica Officina Farmaceutica di Santa Maria Novella, il Giardino di Boboli, le gallerie, i palazzi, i musei. E alle porte della città, a Calenzano, il Teatro delle Donne.


From above clockwise: Claudio Orrea President & Ceo, one look of the f/w 2018-19 collection, Patrizia Bambi Creative Director, one look of the f/w 2018-19 collection


fashion itineraries

Masculine, singular MODA, MASCHILE, SINGOLARE text Sabrina Bozzoni

The winter to come, in the style visions of seven top brands L’inverno che sarà, nelle visioni di stile di 7 brand di eccellenza

The new menswear trends are few and simple, but declaredly revolutionary. For the coming 2018-2019 fallwinter season, men’s clothing is going to sport a touch of personality that goes beyond fashion boundaries, in a great number of inspirations and trends. Wool or nylon? All-over prints or one color? Jacket or down jacket? Men’s winter must-haves look back to the styles of the past and feature a unique elegance of volumes, fabrics and proportion. The classic is going to be even more classic and an acknowledgement to the highest craftsmanship and quality, as shown by Stefano Ricci who, straight from his headquarters in Fiesole, designs clothing for the cosmopolitan man who keeps up with the fast pace of our dynamic present. Elegant every hour of the day, always dressed in top-quality clothing: from the most exclusive sportswear – such as the deep-blue cashmere and silk jumpsuit- to the timeless charm of made-to-measure suits. Every piece has a history to be shared at the 900-square-meter Stefano Ricci flagship store housed in Palazzo Tornabuoni, at 1 Via dei Pescioni. When it comes to the great classics, Hermès has several aces up its sleeve. At its elegant boutique on Piazza Antinori, Hermés offers a relaxed-elegant style, for a man with inborn savoir faire, consisting of fluid-fitting trousers, sophisticated trench-coats in soft leather, aviator vintage-style jackets. Knitwear sports geometric patterns and motifs that break the monotony of men’s wardrobes. Off-road, through countries, a global perspective. Louis Vuitton’s winter menswear collection is an overall view which experiments with a great number of landscapes 144 Firenze | made in Tuscany

Poche e semplici le tendenze dell’eleganza maschile, ma dichiaratamente rivoluzionarie. Nel prossimo autunnoinverno 2018 - 2019 gli abiti maschili avranno un tocco di personalità senza confini di moda, per una moltitudine di ispirazioni e tendenze. Lana o nylon? Stampe all over o tinta unita? Giacca o piumino? I must have al maschile per la stagione fredda intraprendono viaggi di stile che guardano al passato, con una ricercatezza unica di volumi, tessuti e proporzioni. Il classico diventa ancora più classico, con una grande conferma: l’eccellenza artigianale che non accetta compromessi, come quella di Stefano Ricci, che direttamente dall’headquarter alle Caldine, vicino Fiesole, disegna un uomo cosmopolita immerso nella velocità di un dinamico presente. Elegante in ogni momento della giornata, vestito di una qualità senza compromessi: dallo sportswear più esclusivo con la tuta blu abisso in cashmere e seta, allo charm senza tempo di eterni abiti made-to-measure. Ogni pezzo una storia da scoprire nel flasgship store di 900 metri quadri Stefano Ricci, all’interno di Palazzo Tornabuoni, in via dei Pescioni, 1. In materia di grandi classici dello stile Hermès ha i suoi assi nella manica. Quella da ammirare nella elegante boutique di piazza Antinori, è un’eleganza rilassata, un uomo dal savoir-faire innato, con pantaloni dalla vestibilità fluida, sofisticati trench in morbida pelle, giubbotti aviator che strizzano l’occhio al vintage. Anche la maglieria si fa protagonista con pattern e motivi geometrici che spezzano la monotonia. Fuoristrada, attraverso i paesi, una prospettiva globale. La collezione Louis Vuitton uomo per l’inverno che verrà, è una visione di insieme che sperimenta contemporaneamente una moltitudine di paesaggi e al tempo stesso, il patrimonio Louis Vuit-


cover story

From above clockwise: Louis Vuitton, Hermès, Stefano Ricci and Ermanno Scervino Firenze | made in Tuscany 145


cover story

Boggi boutique in Florence

and, at the same time, with the Louis Vuitton heritage. ton. Passato, presente e futuro. Nel suo temporary store Past, present and future. The temporary store at 10r Pi- in piazza degli Strozzi, 10r, in attesa della grande apertura azza degli Strozzi, 10r, while waiting for the reopening del nuovo luogo di elezione Lv a Firenze, a fine 2018, mai of the LV boutique in Florence at the end of 2018, is una destinazione, sempre un viaggio. Il Rodeo americano never a destination, always a journey. è rievocato da bermuda sovrapposti a leggings attillati, The American rodeo style inspires bermuda shorts over che richiamano fortemente anche l’abbigliamento sporskin-tight leggings evocative of sportswear. Shearling tivo. Lo shearling e gli intarsi in visone sono omaggi alla coats and mink fur inlays are a tribute to Russia e alla Siberia; il cashmere e la vicuña Russia and Siberia; cashmere and vicuña sono usati per i completi classici uniti a dettagli tecnici, presi dal mondo dell’arrampiwool are used to make classic one-color suits featuring technical details, inspired cata, come gli inserti gialli e arancione fluo. Le calzature fanno eco a questi incroci di by the world of free climbing, such as fluo yellow and orange inlays. Shoes come in stili: lo stivale cowboy e sneakers sportive. The new Pelletteria e accessori sono una rivisitazione a mix of styles too: from cowboy boots to sports sneakers. Leather goods and accesmenswear del patrimonio della Maison, con il Monosories draw on the Maison’s heritage, with è proposto in diversi colori e finiture. trends are few gram the Monogram bag coming in different colDal 1939 Boggi Milano, marchio di abbiand simple, gliamento uomo, progetta e disegna moda ors and finishes. Boggi Milano, the menswear brand, has but declaredly maschile contemporanea curandone ogni been designing men’s contemporary-style revolutionary aspetto, dalla produzione alla distribuzione. clothing down to the smallest detail, from Nella boutique di Firenze in via della Vigna production to distribution, since 1939. The Florence Nuova, i capi classicamente iconici del brand e una seleboutique on Via della Vigna Nuova, offers the brand’s zione speciale di grande e piccola pelletteria la cui caraticonic classic pieces as well as a wide selection of small teristica comune è il pellame utilizzato, un vitello pieno and big leather goods whose distinguishing feature is fiore rifinito con una stampa personalizzata denominata the type of leather skin used, “pieno fiore” calfskin fea- caviar. Per la stagione Autunno Inverno 2018/2019 la gamturing a personalized print that we called “caviar”. The ma colori si amplifica con altre due varianti: verde e bor2018/2019 color palette is extended with the addition of deaux. Uno stile mai banale, metropolitano e internazio146 Firenze | made in Tuscany


Incomparable beauty

Incomparable beauty Incomparable beauty

ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL

ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL ROOM & SUITES MONZÙ RESTAURANT TRAGARA SPA POOL For Info & Contact PUNTA TRAGARA Via Tragara, 57 - 80073 Capri (NA) 081 8370844 For Info & -Contact www.hoteltragara.com info@hoteltragara.it For Info & Contact PUNTA TRAGARA


cover story

Alpha Studio boutique in Florence

two more tones: green and burgundy. nale, la maison Ermanno Scervino, guidata da Ermanno Based on an unconventional, metropolitan and inter- e Toni Scervino, sinonimo di qualità Made in Italy, mixa national style, the Ermanno Scervino fashion house, perfettamente la più abile manualità sartoriale con una run by Ermanno and Toni Scervino, synonymous with costante avanguardia nelle tecniche e nei materiali. Per the highest Made-in-Italy quality, perfectly mixes high il prossimo inverno fil rouge il check, quadri d’ispiraziocraftsmanship and state-of-the-art techniques and ma- ni new punk su giacche perfettamente tagliate, camice, terials. The underlying theme of the coming winter pantaloni slim e giubbotti dal sapore 80ies, che inconcollection are new punk-inspired checks trano l’immancabile nero o si sovrappongo a on perfectly cut jackets, shirts, eightiespersonalissime stampe. Una moda maschile style pants and jackets, in evergreen black da vivere e indossare nella nuova boutique or decorated with very personal prints. A Ermanno Scervino al numero 32r di via demenswear style to be enjoyed and worn at gli Strozzi. La maglia allo stato dell’arte: tecStyles of the nologia, storia e raffinatezza, in equilibrio tra the new Ermanno Scervino Boutique at past feature passato ed innovazione. 32r Via degli Strozzi. The art of knitwear: technology, history and a unique Una realtà artigianale che nasconde nella elegance, poised between the past and indel punto maglia il suo continuelegance creazione novation. If you are in search of warm emum temporale, se cercate morbidi abbracci of volumes, da indossare per il nuovo freddo, Alpha Stubraces to be worn when winter comes, Alpha fabrics and dio è l’indirizzo giusto: in via Porta Rossa, Studio is the place to go: at 39r Via Porta Rossa. proportions 39r. Concludiamo il nostro tour nello stile Our shopping tour ends at a must-see descon una tappa obbligatoria per gli appassiotination for high-end shopping fans who wish to choose nati dello shopping di alto livello che possono scegliere from a vast assortment of clothing, luxury accessories, tra moda, luxury accessories, cosmetici, collezioni per la beauty products, home décor and design, and food, includ- casa, design e food, con i marchi più noti nel panorama ing the world’s best-known brands such as Acne Studios, mondiale. Tra i brand da non perdere da Rinascente, nelBalenciaga, Dior Homme, Dries Van Noten, Ermenegildo la centralissima piazza della Repubblica, 1, Acne Studios, Zegna, Jil Sander, Lanvin, Loewe, Valentino. At Rinascen- Balenciaga, Dior Homme, Dries Van Noten, Ermenegildo te, downtown Florence, on Piazza della Repubblica. Zegna, Jil Sander, Lanvin, Loewe e Valentino. Firenze | made in Tuscany 149


Some images of the Flair boutique, at Palazzo Gianfigliazzi Bonaparte 150 Firenze | made in Tuscany


interior design

Twenty years of Flair VENT’ANNI DI FLAIR

text Maria Lardara

A shop that maintains its own distinct identity in the panorama of interior furnishing. Il negozio mantiene una sua precisa identità nel panorama dell’arredamento di interni

The English, but also French, term has a magnificent sound. Flair indicates not only style and elegance but also predisposition and talent. Alessandra Tabacchi and Franco Mariotti could not have chosen a better name for their furniture store in Lungarno Corsini. The first business was opened in Piazza Frescobaldi in 1998, then it moved to Piazza Scarlatti, and later to Piazza Goldoni, and finally to Lungarno Corsini, its current location. Where high ceilings and frescoed ceilings dominate, along with black parquet and teal blue carpeting, furniture in free combinations of different periods ranging from the 1940s to the 1980s. A play of contrasts that becomes the essence of the stylistic code of this place, a jewel box set in another fifteenth-century jewel, Palazzo Gianfigliazzi Bonaparte, the building that hosts Flair. She is from Milan, he is from Florence. Alessandra and Franco, who have always been antique lovers, came from the world of fashion. Therefore, inherent in their DNA, there was that attention to style and taste, the tendency to personalize objects and to search for unique pieces without ever becoming in-

fluenced by fashions of the moment, which have given a distinctive character to Flair. “When we opened the shop - says Alessandra - we were in contrast with the historic high-end antique shops of the Florentine urban context. In reality, we anticipated a change.” French culture has always been a constant reference for the gallery, for the preference always granted to the decorative arts, but the authors hosted in the new Lungarno spaces are Berliners or Tuscans, Americans or Northern Europeans, emerging or established, all selected with a keen eye. Flair has always favored one-of-a-kind pieces, perhaps vintage pieces, but ones that meet a more contemporary and international dimension. Alessandra continues: “In recent times we have also added our own production, Flair Edition, which includes unique pieces created by the skilled hands of Florentine artisans, local master craftsmen such as bronzesmiths and cabinet makers”. For its twentieth anniversary, Flair is preparing a new line of furniture created in collaboration with the best of Florentine craftsmanship and which will be presented during the winter edition of Pitti Uomo.

Il termine inglese e francese ha un magnifico suono. Flair indica non solo stile ed eleganza ma anche predisposizione e talento. Mai nome più giusto avrebbero potuto scegliere Alessandra Tabacchi e Franco Mariotti per il loro negozio di arredamento in Lungarno Corsini. La prima attività era stata aperta in piazza Frescobaldi nel 1998, poi il trasferimento in piazza Scarlatti, successivamente in piazza Goldoni e, infine, oggi in Lungarno Corsini. Dove dominano soffitti altissimi e affrescati, parquet nero e moquette ottanio, mobili in accostamenti liberi di epoche diverse che vanno dagli anni ’40 agli anni ’80. Giochi di contrasti che diventano l’essenza della cifra stilistica di questo luogo, uno scrigno di gioielli incastonato in un altro gioiello di origine quattrocentesca come Palazzo Gianfigliazzi Bonaparte, l’edificio che ospita Flair. Lei milanese, lui fiorentino. Alessandra e Franco, appassionati di antiquariato da sempre, provenivano dal mondo della moda. Nel loro Dna c’era dunque quell’attenzione allo stile e al gusto, la tendenza alla personalizzazione dell’oggetto e alla ricerca del pezzo unico senza mai farsi contagiare dalle mode del mo-

mento, che hanno impresso un tratto distintivo in Flair. “Quando aprimmo il negozio - racconta Alessandra - eravamo in contrasto con gli antiquari storici di alta epoca del contesto urbano fiorentino. In realtà, anticipavamo un cambiamento”. La cultura francese è stata per la galleria un riferimento costante, per il privilegio sempre accordato alle arti decorative, ma gli autori ospitati nei nuovi spazi sul Lungarno sono berlinesi oppure toscani, americani o nord europei, esordienti o affermati, tutti selezionati con occhio acuto. Flair ha sempre privilegiato il pezzo unico, magari quello vintage ma che incontra una dimensione più contemporanea e internazionale. Prosegue Alessandra: “Negli ultimi tempi abbiamo anche aggiunto una nostra produzione, Flair Edition, che comprende pezzi unici lavorati dalle mani abili degli artigiani fiorentini, maestranze del posto come bronzisti ed ebanisti”. Per il suo ventesimo compleanno, Flair sta preparando una nuova linea di mobili realizzata in collaborazione con il meglio dell’artigianato fiorentino e che sarà presentata durante l’edizione invernale di Pitti Uomo. Firenze | made in Tuscany 151


Above: Maison Bereto’s Le Penseur candle Below: Maison Bereto’s Comete candle 152 Firenze | made in Tuscany


fragrance interview

The art of perfume L’ARTE DEL PROFUMO

text Sabrina Bozzoni

Maison Bereto and its ‘Fragranze in Arte’. Emotions of beauty that are translated into essences Maison Bereto e le sue ‘Fragranze in Arte’. Emozioni di bellezza che si traducono in essenze Olfactory sensations for body and spirit, emotions of beauty that are translated into essences and candles to have as your own. These are Maison Bereto’s Fragranze in Arte, the new project of home fragrances and handmade candles presented by Franca and Lorenzo Pinzauti, together with their son, Leonardo, and their daughter, Francesca. Supervisor for the development of the project, Maurizio Bonas. Firenze Made in Tuscany meets him, in a dialogue between art and beauty. The beauty of Tuscany interpreted in unmistakable Fragranze in Arte. Where does the true essence of Maison Bereto come from? It comes from Colle Bereto, a small hamlet in Radda in Chianti. It is an example of simplicity mixed with the passion of the Pinzauti family. How was this project born? The project was born from an idea Franca Pinzauti had of creating a fragrance similar to that of the freshly-cut grass of Colle Bereto. Knowing how to create a home fragrance and a candle with various scents is not so simple. It takes years of testing and research, years of previous experience that become synonymous with a culture deeply linked to the territory.

Your personal concept of “craftsmanship”? It derives from the Made in Italy culture and the traditions of the Tuscan territories. How are the Maison Bereto candles and fragrances different from all others? The big difference is given by the combination of artistic culture and the research of fragrances. The passion for artistic beauty mixed with the delicate refinement of the fragrant scents. Projects for the near future? The opening of a flagship shop in Florence and the collaboration of Maison Bereto with artists and other creators, to develop new design objects. This summer, in two Maison Bereto fragrances. The first is Belvedere, which represents the freshly-cut grass of Colle Bereto in spring, the second is Alicudi, orange and fig leaf, the expression of a summer that is approaching at great strides. In Italy and abroad, where is it possible to find the range of your exclusive products? Luisa Via Roma and Faliero Sarti in Florence, 10 Corso Como in Milan and Seoul, Bergdorf & Goodman and Barneys in New York, Campomarzio 70 in Rome and Forte dei Marmi and L’Eclaireur in Paris.

Olfatto per lo spirito e il corpo, emozioni di bellezza che si traducono in essenze e candele da avere. Sono le Fragranze in Arte Maison Bereto, nuovo progetto di fragranze e candele fatte a mano presentate da Franca e Lorenzo Pinzauti, insieme ai figli Leonardo e Francesca. Supervisore per lo sviluppo del progetto, Maurizio Bonas. Firenze Made in Tuscany lo ha incontrato, in un dialogo fra arte e bellezza. La bellezza della Toscana declinata in inconfondibili Fragranze in Arte. Da dove proviene la vera essenza di Maison Bereto? Deriva da Colle Bereto, un borgo a Radda in Chianti. E’ l’esempio di semplicità mescolata alla passione della Famiglia Pinzauti. Come è nato questo progetto? Il progetto è nato da un’idea di Franca Pinzauti che chiese di realizzare una profumazione simile a quella del prato tagliato di Colle Bereto. Sapere come far nascere una fragranza e una candela con varie profumazioni, non è così semplice. Occorrono anni di prove e ricerche, anni di esperienze già fatte che diventano sinonimi di una cultura profondamente legata al territorio. Il suo personale concetto

di ‘artigianalità’? Nasce dalla cultura del Made in Italy e dalle tradizioni dei territori toscani. In che cosa le candele e le fragranze Maison Bereto sono diverse da tutte le altre? La grande differenza è data dal mix tra cultura artistica e ricerca delle fragranze. La passione per il bello artistico mescolato alla delicata raffinatezza delle profumazioni. Progetti per il futuro prossimo? L’apertura di un flag shop a Firenze e la collaborazione di Maison Bereto con artisti e con creativi, per sviluppare nuovi oggetti di design. Questa estate in due fragranze Maison Bereto. La prima è Belvedere che rappresenta il prato di colle bereto tagliato a primavera, la seconda è Alicudi, arancia e foglia di fico, espressione di un’estate che si avvicina a grandi passi. In Italia ma non solo, dove è possibile trovare la gamma dei vostri esclusivi prodotti? Faliero Sarti e Luisa via Roma a Firenze, 10 Corso Como a Milano e Seul, Bergdorf & Goodman e Barneys a New York, Campomarzio 70 a Roma e a Forte dei Marmi e L’Eclaireur a Parigi. Firenze | made in Tuscany 153


The new setting of the Permanent Collection of Alberto Della Ragione


art museum

900 factor FATTORE 900 text Rosella Battista

A walk through experimental art, winking at the ‘short 20th century’: the Risaliti formula for the Museo Novecento Nell’arte più sperimentale strizzando l’occhio al secolo breve: la formula di Risaliti per il Museo Novecento Contemporary experiments with an eye for the avant-garde movements of the 20th century: the new exhibition route at the Museo Novecento, overseen by Sergio Risaliti, seems to focus on the transitory and, in particular, what’s to come, which the world became used to during the brief but intense existence of the Papesse in Siena at the end of the 1990s. And now, awareness about the past is being reinvigorated. The new museum appears brighter and more organized (it’s larger thanks to the opening of the second floor and terrace), especially the arrangement of the Alberto della Ragione permanent collection on the second floor, which is divided into categories. The set-up offers a vast overview of 20th-century Italian art, which Della Ragione, an engineer and important collector, passionately accumulated over the years, before donating it to the City of Florence in the ‘70s. Some artists on display are Casorati, Mafai, Guttuso, Cagli, Morandi, Sironi, Licini, De Pisis, Levi, Marini, Campigli, Depero, De Chirico and Severini, as well as Fontana with his painted ceramics. And it’s equally gratifying to stop and enjoy the portraits and shots of Florence in the works by Rosai, which were donated by his widow and brother and are on display on the terrace. But it’s particularly in the choice of temporary exhibitions that Risaliti intends, not so much to make us forget about the historic hospital that the museum calls home, nor that it overlooks one of the most important piazzas in the city, but rather to accompany the visitor beyond (and through) Florence’s encumbered history, though still treasuring it. And so, the exhibitions that are inspired by the museum’s permanent collection, formed by Carlo Ludovico Ragghianti following the 1966 flood, have the task of instilling curiosity in the art of the future, in addition to deepening the visitor’s knowledge of the artistic patrimony conserved in the museum. The Venetian artist Emilio Vedova opens the new temporary exhibitions (until September 6). Anticipating the celebrations for the centenary of the artist’s birth (1919-2006), Risaliti developed an exhibition that speaks of Vedova’s artistic and human journey,

Sperimentazioni contemporanee con un occhio di riguardo alle avanguardie del XX secolo. Il nuovo corso del Museo Novecento a guida Sergio Risaliti, sembra focalizzarsi sul contingente e, soprattutto, su ciò che avverrà, come del resto ci aveva abituati durante la sua breve, ma intensa, stagione alle Papesse di Siena alla fine degli anni Novanta. Rinvigorendo ora la consapevolezza del passato. Il nuovo museo appare più luminoso e organizzato (più grande con la riapertura di secondo piano e altana), soprattutto in quella che è la sistemazione della collezione permanente di Alberto Della Ragione, al secondo piano, suddivisa per categorie. Si offre così un vasto panorama sull’arte nel ‘900 italiano, che con tanta passione l’ingegnere e grande collezionista Della Ragione aveva accumulato e che poi negli anni ‘70 donò al comune di Firenze. Si alternano così Casorati, Mafai, Guttuso, Cagli, Morandi, Sironi, Licini, De Pisis, Levi, Marini, Campigli, Depero, De Chirico, Severini fino alle ceramiche dipinte di Fontana. Ed è altrettanto gradevole soffermarsi sul susseguirsi di ritratti e di scorci della città di Firenze nelle opere di Rosai. Anch’esse donate dalla vedova e dal fratello dell’artista, allestite in altana. Ma è soprattutto nella scelta delle mostre temporanee che Risaliti intende, non tanto di far dimenticare l’antico ospedale in cui il museo è ospitato, né che si affacci su una delle piazze più importanti della città, quanto di accompagnare il visitatore oltre (e attraverso) l’ingombrante storia fiorentina. Facendone tuttavia tesoro. Così le mostre che prendono avvio dalla collezione cardine del museo, creata all’indomani dell’alluvione del ‘66 da Carlo Ludovico Ragghianti, hanno il compito di instillare curiosità sull’arte in divenire, oltre che approfondirne la conoscenza del patrimonio artistico conservato nel museo. Così, ad aprire il ciclo è l’artista veneziano Emilio Vedova (fino al 6 settembre). Con Plurimo n. 7 - Opposti, l’opera che Vedova donò al costituendo Museo Firenze | made in Tuscany 155


art museum

Museo Novecento, Piazza Santa Maria Novella at the centre of which is Plurimo n. 7 - Opposti, the work that Vedova donated to the original Museo Internazionale d’Arte Contemporanea. Vedova lived through nearly the entirety of the 1900s, experimenting with the memories of Futurism, abstract art and the explosion of colour and rage found in his later years, when he came into contact with the protest movement and experimental music of Luigi Nono, with whom he collaborated. The exhibition, curated by Luca Pietro Nicoletti, ends with a work from the 1980s and paintings by the artist, part of the Alberto Della Ragione collection, that reinterpret the teleri made by Tintoretto, housed in the Scuola Grande di San Rocco in Venice. I wanted to reject the “room with a view” effect,” said Risaliti, “favouring the interior spaces, the paintings, the sculptures.” His is a clear and preparatory route that accompanies the visitor along a highly enjoyable route through contemporary art in a museum where one can leave the weight of Renaissance art at the door, at least for a while. Here, contemporary art takes you by the hand and guides you through discovery. This is the case, for example, with The Sculptor’s Drawings (until July 12): drawing and, particularly, sign, in a succession of sketches, drawings and sculptures. The exhibition opens with some of the most important works by Adolfo Wildt (including the Maschera dell’idiota from 1924), and continues with graphic projects and doodles, as well as the various materials used by the London-based artist Rachel Whiteread, with bronze simulating wood and cardboard or a simple chicken fence. But wandering into the vast room on the ground floor, encountering the works of Jacques Lipchitz and David Smith or the American Luise Bourgeois and German Rebecca Horn, visitors can understand how drawing, which has deep routes here, can evolve in so many different directions. Like a patchwork, the exhibitions are varied summaries of profound concepts, like the photos by Luciana Majoni, who uses a camera as if it were a paintbrush in Everything is Nature (until September 6), or the flying carpets, the Kilims, that Massimo Nannucci uses (in collaboration with Boralevi) to narrate the Waiting Rooms (until September 6). Just a brief nod to the exhibition Gong, which will reopen the Forte Belvedere (June 2 – October 14). After the Gormley men and Ytalia experiments, the fortress reconnects the city with contemporary art, and this time with the Marche-born Eliseo Mattiacci. Mattiacci creates works that bring us back into contact with the environment, with the passage of time, the seas, the winds, the universe, life. 156 Firenze | made in Tuscany

Internazionale d’Arte Contemporanea, Risaliti, anticipando sulle celebrazioni per il centenario della nascita dell’artista (1919-2006) ha sviluppato una mostra che ne racconta il percorso artistico e umano. Vedova vive appieno il ‘900 passando dalle memorie del Futurismo all’astrattismo fino alle esplosioni di colore e di rabbia del periodo maturo quando entra in contatto col movimento di protesta e la musica sperimentale di Luigi Nono con cui collabora. La mostra, a cura di Luca Pietro Nicoletti, si completa poi con un’opera degli anni’80 e con i dipinti dell’artista, parte della Raccolta Alberto Della Ragione, che rileggono i teleri del Tintoretto a Venezia, nella Scuola Grande di San Rocco. “Ho inteso rinunciare all’effetto camera con vista – conferma Risaliti - privilegiando l’interno, i dipinti, le sculture”. Un percorso chiaro e propedeutico il suo che accompagna il visitatore in un godibilissimo dipanarsi dell’arte contemporanea dentro un museo che si lascia alle spalle, almeno per un po’, il fardello dell’arte rinascimentale. Così l’arte contemporanee si lascia prendere per mano e si lascia scoprire. Come accade, per esempio a Il disegno dello Scultore (fino al 12 luglio). Disegno e soprattutto segno. In un susseguirsi di schizzi, disegni e sculture. La mostra si apre con alcune tra le più significative opere di Adolfo Wildt (tra tutti la Maschera dell’idiota del ‘24), e prosegue con l’alternarsi ora di progetti grafici e ora di veri e propri scarabocchi, fino ai materiali diversi, che usa la londinese Rachel Whiteread. Al piano terra l’avvicendarsi delle opere di Jacques Lipchitz e David Smith, dell’americana Luise Bourgeois, di Luciano Fabro e Rebecca Horn si capisce come il disegno, che qui ha radici così profonde, possa evolversi verso direzioni le più differenti.Come in un patchwork le mostre sono sintesi di concetti profondi. Così le foto di Luciana Majoni in Tutto è natura (fino al 6 settembre), così i tappeti volanti, i Kilim che Massimo Nannucci usa (in collaborazione con Boralevi) per raccontare le Waiting rooms (fino al 6 settembre). Solo un accenno invece alla grande mostra Gong che riapre Forte Belvedere (2 giugno-14 ottobre). Dopo gli uomini di Gormley e le sperimentazioni di Ytalia la fortezza riconnette la città con l’arte contemporanea con il marchigiano Eliseo Mattiacci. Mattiacci infatti crea opere che ci ricollegano all’ambiente, al fluire del tempo, delle maree, dei venti, della vita, del cosmo.


Above: Waitings Rooms, Massimo Nannuci Below: Solo. Emilio Vedova Firenze | made in Tuscany 157


fashion exhibition

Italy in Hollywood L’ITALIA A HOLLYWOOD

text Marta Innocenti Ciulli Salvatore Ferragamo’s American experience through film clips, artworks and photos. At the Ferragamo Museum in Florence L’esperienza americana di Salvatore Ferragamo raccontata attraverso frammenti di film, opere d’arte e foto. Al museo Ferragamo di Firenze

The new exhibition at the Salvatore Ferragamo Museum in Florence, Italy in Hollywood (May 25, 2018 – March 10, 2019; catalogue by Skira, edited by Stefania Ricci), takes a look at the years between 1915 and 1927, when Salvatore Ferragamo lived in the United States, splitting his time between Santa

cinema and the directors of the period. Ferragamo created footwear for the films’ protagonists and as a result, he earned the esteem of California’s high society. In just a few years, he was labelled a “shoemaker and shoe designer,” as the American press called him. When the film industry moved to Holly-

Sono gli anni dal 1915 al 1927, quelli trascorsi da Salvatore Ferragamo negli Stati Uniti tra Santa Barbara in California e Hollywood, presi in esame nel nuovo progetto espositivo al museo Salvatore Ferragamo di Firenze: L’Italia a Hollywood, (25 maggio 2018 – 10 marzo 2019; catalogo della Skira a cura di

tempo. Ferragamo realizza le calzature per i protagonisti dei film e per le comparse guadagnandosi la stima della buona società californiana. In una manciata di anni diventa ‘shoemakers e shoedesigner’ come lo definirà la stampa americana. Quando l’industria cinematografica si trasferisce a Hollywood è

Stefania Ricci). Un periodo intenso di esperienze e conoscenze che si susseguono quasi a ritmo scadenzato. Dalla partenza dall’Italia nel 1915 come emigrato per raggiungere i fratelli partiti qualche anno prima per il nord America, meta preferita in quegli anni di emigrazione dal popolo dell’Italia meridionale, all’apertura insieme a due fratelli di un negozio di riparazioni e di scarpe su misura a Santa Barbara. Proprio con questo negozio comincia la collaborazione con il mondo del cinema e con i registi di quel

naturale che Ferragamo la segua inaugurando un nuovo negozio, Hollywood Boot Shop, in Hollywood Bdv. “Mi sembra di intravedere un parallelo tra l’industria cinematografica e la mia attività…, quando le major iniziano a ingrandirsi il mio negozio segue la stessa traiettoria…” scriveva Ferragamo nella sua autobiografia. Con le star, le più celebri del momento, Mary Pickford, Pola Negri, Charlie Chaplin, Joan Crawford, Rodolfo Valentino, instaura rapporti non solo di lavoro ma anche di quotidiana frequentazione.

An exhibition dedicated to the years spent by Ferragamo in America Barbara and Hollywood, in California. This was an intense period of experience and knowledge, both of which were to be had in constant succession, be it when he left Italy in 1915 to reach his brothers who had moved to North America a few years before – a preferred destination for many Southern Italian migrants at the time – or the opening of a shop alongisde his brothers for shoe repairs and made-to-measure orders in Santa Barbara. It was exactly this store that led to his collaboration with the world of 158 Firenze | made in Tuscany

wood, it was only natural that Ferragamo would follow, opening a new store on Hollywood Blvd, Hollywood Boot Shop. “It’s as if I see a parallel between the film industry and my business… when the bigshots began to grow, my store followed the same course…” Ferragamo wrote in his autobiography. He developed not only professional rapports with the most famous stars of the era, like Mary Pickford, Pola Negri, Charlie Chaplin, Joan Crawford and Rodolfo Valentino, but also


Above: the section devoted to Rudolph Valentino Below: some pictures aaaaaaaa of Tina Modotti aaaaaaaaaaaaa 159 Firenze | made in Tuscany


Above: portraits and works inspired of the beautiful Lina Cavalieri Below: pictures of Tina Modotti

aaaaaaaa aaaaaaaaaaaaa


fashion exhibition

a genuine friendship. This was an important period in history, when the businesses of many Italian emigrants, almost all of whom were southerners with third-class tickets to a new life, set up shop in this part of America. Additionally, one cannot overlook the influence that Italian culture had in American craftsmanship, architecture, art, theatre and cinema in those years. The exhibition route focuses on this and reconstructs that creative invasion, developing like a film plot. Italian silent film, as well as French,

United States, like Frank Capra. The exhibition also highlights the Italian contribution of passion, instinct and sentimentalism in music, like the important tenor Enrico Caruso and the beautiful Lina Cavalieri, present in the exhibition through 40 of the 300 celebrated ceramic portraits Piero Fornasetti made of her. With photographs, film clips, objects, clothing and artistic depictions, prestigious donations from museums and public and private collections both in Italy and the United States, the exhibition illustrates

Si tratta di un periodo storico importante che mette in luce le attività imprenditoriali di una schiera di emigranti italiani, viaggiatori di terza classe quasi tutti dal nostro sud, in questa parte di America. Insieme all’influenza che la cultura italiana ebbe nell’artigianato, nell’architettura, nell’arte, nello spettacolo e nel cinema americani di quel periodo. Il percorso espositivo della mostra ne focalizza l’attenzione e ricostruisce questa invasione creativa, sviluppandosi come la trama di un film. Il cinema muto italiano, insieme a quello francese,

lia e emigrati come Frank Capra. La mostra mette anche in luce il contributo italiano di passionalità, istintività e sentimentalismo in area musicale, leggi il grande tenore Enrico Caruso e la bellissima Lina Cavalieri, presente nella mostra anche con quaranta dei trecento celebri ritratti che di lei fece Piero Fornasetti su ceramica. Con fotografie, spezzoni di film, oggetti, abiti e raffigurazioni artistiche, prestiti prestigiosi forniti da musei e collezioni pubbliche e private italiane e americane, la mostra illustra il ruolo svolto dagli italiani e

dominava il panorama internazionale di quel periodo. In particolare, quello italiano era caratterizzato dall’impiego di un grande numero di comparse, di paesaggi suggestivi, di monumenti storici autentici, di una messa in scena che enfatizzava la cultura del “lavoro ben fatto” e che sottolineava l’immagine dell’emigrante italiano. Alcuni giovani italiani poi si impongono con il loro fascino personale come Rodolfo Valentino, che dà origine al divismo, e nel cinema americano lavorano anche registi nati in Ita-

dall’arte italiana in quegli anni di grande trasformazione. Il percorso espositivo si snoda attraverso nove sale ciascuna con un tema ben preciso come l’emigrazione italiana e la cittadella italiana progettata dall’archistar del momento Marcello Piacentini per l’Expo del 1915, il primo cinema italiano, il fascino italiano, gli italiani a Hollywood, artigiani e musicisti e ovviamente la storia dell’Hollywood Boot Shop con in primo piano il lavoro dell’artista Salvatore Ferragamo e il legame con i suoi celebri clienti.

The collaborations with the world of cinema and the directors of the period dominated international screens at the time. In particular, Italian cinema was characterized by its great many extras, evocative landscapes, authentic historic monuments and a production that emphasized the culture of “work done well” and underlined the image of the Italian emigrant. Some young Italians burst onto the scene with their charm, like Rodolfo Valentino, an early figure in the concept of stardom, and American cinema also welcomed directors who were born in Italy but emigrated to the

the role of Italians and Italian art during those years of intense transformation. The exhibition route winds through nine rooms, each one with its own theme, like Italian emigration, the Italian citadel designed by Marcello Piacentini for the Expo in 1915, early Italian cinema, Italian charm, Italians in Hollywood, artisans and musicians, and, of course, the history of Hollywood Boot Shop, with a heavy focus on the work of Salvatore Ferragamo the artist and the bond he shared with his famous clients.

161 Firenze | made in Tuscany


16th February 1935 Speed racing toward a world record The Auto Union Typ B driven by Hans Stuck (Foto Locchi/©Archivio Foto Locchi) 162 Firenze | made in Tuscany


art exhibition

The Elegance of Speed L’ELEGANZA DELLA VELOCITÀ text Mila Montagni photo Archivio Foto Locchi Photos from the Archivio Foto Locchi on display at Palazzo Pitti In una mostra a Palazzo Pitti gli scatti dell’Archivio Foto Locchi

The charm of the world of cars, defined by dust and speed, endeavours to the limits of possibility and a passion that can change one’s life. A world built by men who seek to outdo themselves day after day. This world, in its entirely Italian elegance, is recounted until September 16 in the rooms of Palazzo Pitti through photographs from the Archivio Foto Locchi, thanks to the director of the Uffizi Galleries Eike Schmidt, who welcomed the initiative and, for the occasion, wrote the preface to the exhibition catalogue, titled The Elegance of Speed, prepared and designed by Gruppo Editoriale and the Archivio Foto Locchi. A new chapter in the history of Florence and Tuscany is interpreted through the photos that seared into the collective imagination the faces of drivers sculpted by the sun and the futuristic elegance of their cars’ designs. The exhibition curated by Alessandro Bruni, Erika Ghilardi and Matteo Parigi Bini retraces the important moments in this Tuscan undertaking. It was Tuscany that, with its beautiful roads, was home to the gradual development of a network of circuits (Circuito del Mugello, Coppa della Consuma, Circuito delle Cascine, Circuito di Firenze, Firenze-Fiesole), igniting the passion for speed and the mastery of race car drivers. And Florence, the city where Barsanti and Matteucci created the first internal combustion engine, patenting it in 1853, where the second automobile in Italy (1894) took to the streets and, in 1901, where the Giro d’Italia Automobilistico passed through. They were cult objects aimed at the elite and they would remain so for many decades. So much so, that half a century later, in the Boboli Gardens behind Palazzo Pitti (the same location of the exhibition), the city dedicated an emblematic event to automobiles that paid tribute to their aesthetics, the I Concorso d’Eleganza, held in 1948. Divided into three sections, one dedicated to races in the region, one to the Concorsi d’Eleganza and one to the driv-

Il fascino del mondo dei motori, fatto di polvere e velocità, imprese al limite dell’impossibile e una passione che può cambiare la vita. Un mondo costruito da uomini che vogliono superarsi ogni giorno. Questo mondo, nella sua eleganza tutta italiana, è raccontato fino al 16 settembre nelle sale di Palazzo Pitti attraverso gli scatti dell’Archivio Foto Locchi grazie alla volontà di Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, che ha accolto l’iniziativa e per l’occasione scritto la prefazione al catalogo che accompagna la mostra - dal titolo The Elegance of Speed - allestita e progettata da Gruppo Editoriale e Archivio Foto Locchi. Un capitolo nuovo della storia di Firenze e della Toscana letto attraverso le fotografie che hanno fissato nell’immaginario i volti scolpiti dal sole dei piloti e l’eleganza futuribile del design delle loro auto. La mostra curata da Alessandro Bruni, Erika Ghilardi e Matteo Parigi Bini ripercorre le tappe di una vicenda siglata Toscana. Quella Toscana che con le sue bellissime strade vede nascere progressivamente una rete di circuiti (Circuito del Mugello, Coppa della Consuma, Circuito delle Cascine, Circuito di Firenze, Firenze-Fiesole) accendendo la passione per la velocità e la destrezza dei piloti. E Firenze, città dove Barsanti e Matteucci avevano ideato il primo motore a scoppio, brevettandolo nel 1853, dove circola la seconda automobile d’Italia (1894) e nel 1901 transita il Giro d’Italia Automobilistico. Sono feticci destinati a un mercato d’élite e lo rimarranno per svariati decenni. Tanto che, mezzo secolo dopo, nel Giardino di Boboli di Palazzo Pitti (la stessa location di questa mostra) la città dedica alle automobili un evento emblematico orientato sull’estetica, il I Concorso d’Eleganza per Automobili tenutosi nel 1948. Articolata in tre sezioni, una dedicata alle corse nella Firenze | made in Tuscany 163


20th July 1947, Gran Premio Delle Cascine (Foto Locchi/©Archivio Foto Locchi)

ers that with their courage changed the history of man and regione, una ai Concorsi di eleganza per auto e una ai its rapport with time and speed, the rich exhibition cap- piloti che col loro coraggio cambiarono la storia dell’uotures our eye and fantasy with its timeless black and white mo e del suo rapporto col tempo e la velocità, la ricca shots and for the worlds we can explore through them. The rassegna cattura l’occhio e la fantasia per i suoi scatti in races that sped across the soft curves of the Tuscan land- bianco e nero senza tempo e per i mondi sui quali si può scape and the ruggedness of its borders marked the history affacciarsi. Le corse che attraversavano le dolci curve del of speed because it was in 1934, one biting November day paesaggio toscano e le sue asperità di confine, hanno seon a stretch of the Firenze-Mare highway between Badia a gnato la storia della velocità in assoluto, perché proprio Pacciana and Canapale, that the engineer Ginel 1934, in un tagliente novembre, l’ingeuseppe Furmanik achieved a new record for gner Giuseppe Furmanik, tra Badia a Pacciathe flying start in the 1,100-cc class on board na e Canapale (sulla Firenze-Mare) ottenne a Maserati 4CM, with a speed of 222.634 km/h, il nuovo record sul chilometro lanciato nelTuscany with la Classe 1100 cmc a bordo di una Maserati beating the record previously held by George Eyston on an MG. Not three months later, its beautiful 4CM, con una velocità di punta di 222,634 technicians at the future AUDI attempted to battendo il record di George Eyston roads was km/h, beat Furmanik’s record with the Polish-Gersu MG. Neppure tre mesi dopo i tecnici delhome to la futura AUDI tentano di battere il record man Hans Stuck behind the wheel of a Typ B. the gradual di Furmanik, con il polacco-tedesco Hans The attempt was indeed a success, with Stuck reaching an astonishing 317 km/h, wiping evdevelopment Stuck. L’impresa riuscì con una potente Typ ery previous record off the map, while the car che raggiunse la strepitosa velocità di 317 of a network Bkm/h, annullando ogni record precedente, became known as the Typ Lucca. A photo of of circuits mentre l’auto divenne la Typ Lucca. Una foto Stuck with his wife wrapped in a long animalier fur jacket reveals a universe that’s still legendary today. di Stuck con la moglie avvolta in una lunga pelliccia aniBut that wasn’t the end, because in June that same year, malier rivela un universo dai contorni ancora oggi mitici. Tazio Nuvolari, with a dual-engine Alfa Romeo prepared Ma non era finita, perché a giugno dello stesso 1935 Tazio by Drake, exceeded 300 km/h, and for the flying start, he Nuvolari, su un’Alfa Romeo bimotori preparata dal Drareached 323.175 km/h, all while wearing a simple uniform ke, supera i 300 km/h e sul chilometro lanciato raggiunge and a white helmet… because really, it was only a test after i 323,175 km/h indossando una semplice tuta e un casco all. bianchi… perché in fondo era soltanto una prova. The drivers, which are highlighted in the exhibition with E proprio ai piloti, di cui sono in mostra anche alcuni 164 Firenze | made in Tuscany


6th June 1948, Concorso d’eleganza at Boboli Garden (Foto Locchi/©Archivio Foto Locchi)

precious mementos like helmets and uniforms, together preziosi cimeli come caschi e tute, insieme a un bolide with a miniature bolide that Ferrari prepared for his son in miniatura che Ferrari preparò per il figlio Piero nelle Piero in the workshops in Maranello, are at the centre of a officine di Maranello, è dedicata una sezione che rivela section that tells of the men that were in love with speed uomini innamorati della velocità e dei cavalli meccaniand the mechanic horses that in the 20th century had no ci che nel Novecento non avevano bisogno freni, almeneed for breaks, at least not when Mantua native Nuvolari no quando li guidava Nuvolari, il mantovano più veloce was behind the wheel, the fastest man in Italy. Alongside d’Italia. Accanto a lui sfilano il raffinato Giannino Marhim are the elegant Giannino Marzotto, who drove wear- zotto - che saliva in auto in camicia, giacca e cravatta e ing a dress shirt, jacket and tie, and the Thai il thailandese Principe Bira, che oltre alla Prince Bira, who in addition to the Formula 1, In the Boboli Formula Uno partecipò a quattro Olimpiadi participated in four Olympics as a yachtsman; come velista; ma anche l’aristocratico FeliGardens behind ce but there’s also the aristocrat Felice Trossi, Trossi, che correva con auto e yacht senwho raced cars and yachts without ever losing Palazzo Pitti (the za mai perdere la sua “estrosa e scanzonata his “brilliant and detached self-confidence,” same location of disinvoltura”, o l’intrepido, scaramantico or the fearless, superstitious Ascari, who died che se ne andò il giorno in cui aveva the exhibition), Ascari, the only day he left his house without the lasciato a casa il casco che indossava semhelmet he always wore. The history of these it was dedicated pre. La storia di questi piloti (tra cui si conta the first soltanto una donna, la nobile Maria Teresa drivers (which includes just one woman, the noble Maria Teresa de Filippis, known as Pilo‘Concorso de Filippis detta Pilotino, che abbandonò le tino and who abandoned racing when the colquando il collega che l’aveva sostituita d’Eleganza’, corse league that replaced her at the last minute for in gara all’ultimo momento morì in gara) è in 1948 una storia del Novecento sui generis, nelle cui a competition died in the race) is the history of the 20th century sui generis, the images of which depict immagini si vedono cambiare i costumi, i luoghi, i volti the changing costumes, places, fashions and faces of the en- degli appassionati, le mode. thusiasts. Alla moda, naturalmente quella delle carrozzerie, è dediThe third section is dedicated, naturally, to style, that of the cata la terza sezione. I concorsi di eleganza rappresentaroautomobiles themselves. The Concorsi d’Eleganza were a no un momento particolare dell’avventura delle quattro unique moment in this four-wheeled adventure, serving ruote, occasione di sfoggio d’eleganza in un primo mofirst as displays of elegance but which later became a place mento, divennero poi una modalità di presentazione del to present new cars and products. prodotto-auto. Firenze | made in Tuscany 165


art exhibition

Steel textures TRAME D’ACCIAIO text Rossella Battista

Give me a ‘waterbone’ and I will change the world. The space recreated by Loris Cecchini Datemi un ‘osso d’acqua’ e vi cambierò il mondo. Lo spazio ricreato da Loris Cecchini

From the Twentieth-Century Museum to Forte Belvedere and from Palazzo Strozzi to the Casamonti Collection, there is a flow of art experimentation and installations that is putting Florence in the spotlight on the contemporary art scene and which finds its ideal synthesis in the steel modules covering the wall-atelier of Gallery Hotel Art on Vicolo dell’Oro. These Waterbones - big-size, 19 x 7-meter sculptures - by internationally-renowned contemporary artist Loris Cecchini, are also contributing to the relaunch of the nearby Prato’s art scene. In fact, this year, the city of Prato will be celebrating the 30th anniversary of the Pecci Center by showcasing the works by this artist who is Milanese by birth, Sienese by education and citizen of the world by vocation. Furthermore, one of the city’s leading companies in the production of innovative textiles, Manteco, will be celebrating its 75th anniversary by reproducing Cecchini’s ‘waterbones’ on fabric. Steel modules which Cecchini enjoys sculpting into the most diverse shapes. They look like bones, laces, spiderwebs and waves. He uses steel, but he makes it look as warm as a living creature. “Actually, waterbone is an oxymoron- the artist says- it is a poetic title which grants me a sort of morphological freedom. I use the modules by assembling them together in different ways. Does that mean that what we see on the Gallery Hotel Art’s wall is a one-off piece and, thus, unrepeatable? The modules offer me great opportunities. The steel ones, in particular, live on the light reflections, which is an added value. I use the modules here just like I did at the Fondaco in Venice and at the Galleria Continua in San Gimignano. The modules allow me to adapt the installation’s shape and size to the space I have at my disposal. I have a very strong relationship with architecture and, what is more, the modules allow me to let the shape explode in particles, blending in with the environment. 166 Firenze | made in Tuscany

Dal Museo Novecento a Forte Belvedere e da Palazzo Strozzi alla Collezione Casamonti è un fluire continuo di sperimentazioni e allestimenti che rendono Firenze sempre più protagonista dell’arte contemporanea e che trovano nel reticolo d’acciaio che copre la parete-atelier del Gallery Hotel Art di vicolo dell’Oro, la sua sintesi ideale. Sono proprio quei Waterbones - cangiante archi-scultura di 19 metri per 7 - di Loris Cecchini, artista tra i più significativi della scena internazionale, che inglobano e rilanciano, nel loro interminabile divenire la vicina Prato. La città quest’anno celebra i 30 anni del Centro Pecci affidandosi proprio alle ingegnerie dell’artista milanese di nascita, senese di formazione e cittadino del mondo per vocazione. Mentre una delle sue aziende leader nella ricerca di tessuti innovativi, la Manteco, per festeggiare 75 anni anni ripropone su tessuto le ‘ossa d’acqua’ di Cecchini. Moduli d’acciaio che Cecchini si diverte ad articolare nelle fogge più diverse. Ricordano ossi, trine, ragnatele, onde. È acciaio ma riesce ad assumere il calore di forme vive. “In realtà ossa d’acqua è un ossimoro - ammette l’artista - è un titolo poetico per garantirmi una sorta di libertà morfologica. Uso i moduli in aggregazione diversa”. Scusi, significa che ciò che vediamo sulla parete del Gallery Hotel Art è un pezzo unico e forse non ripetibile se non lì?” ‘Usare il modulo mi offre grandi possibilità. Questo poi in acciaio vive dei riflessi di luce e quindi è un valore aggiunto. Io uso il modulo come ho fatto al Fondaco di Venezia, ma anche alla Galleria Continua a San Gimignano. Il modulo mi consente di cambiare forme e dimensioni che adatto allo spazio che ho a disposizione. Il mio rapporto con l’architettura è molto forte. E non solo. Il modulo mi permette di far esplodere la forma in senso particellare, assecondando così


Waterbones 2018 by Loris Cecchini, on the wall-atelier of Gallery Hotel Art on Vicolo dell’Oro. Rendering del progetto, courtesy Loris Cecchini Studio Firenze | made in Tuscany 167


Steel modules which Cecchini enjoys sculpting into the most diverse shapes

Having studied in Florence and feeling an integral part of l’ambiente.’ Per uno che ha studiato anche a Firenze e che si Tuscan culture, the allusion to Brunelleschi comes natural sente parte integrante della cultura toscana, il riferimento a to Cecchini: the fifteenth-century architect used the module, Brunelleschi è naturale: l’architetto del ‘400 usava il modulo, the cube, to set a physical limit to space and adapt it to hu- il cubo, per contenere lo spazio, per adattarlo all’uomo. Cecman needs. Instead, Cecchini does the opposite: he uses the chini invece fa un’operazione inversa, lo usa per amalgamamodule to amalgamate, expand, distort the space or the archi- re, dilatare, distorcere lo spazio o l’architettura obbligando tecture, forcing the viewer to look around with different eyes. l’osservatore a guardarsi attorno con occhi diversi. Palazzi Buildings and squares change size all of a sudche si trasformano, piazze che cambiano d’imden. “Architecture is an integral part of my arThe provviso dimensione. “L’architettura è parte tistic research. And anyway, I can make the most company integrante della mia ricerca. E comunque con varied shapes by using my modules. Are they wamiei moduli posso creare forme delle più diManteco will iverse. terbones? And why not corals or even molecular Sono ossa d’acqua? E perché non coralli be celebrating e perfino particelle molecolari?” particles?” its 75th Scienza, arte, scultura, architettura, ma anche Science, art, sculpture, architecture, but also photography. He makes use of everything, ev- anniversary by fotografia. Non abbandona mai niente, tutto gli erything is useful to create and go beyond. Even per creare e andare oltre. Anche quando reproducing serve when he uses air bubbles as if they were soap usa bolle d’aria ora come bolle di sapone e ora Cecchini’s come microcosmi abitativi. bubbles or living microcosms. ‘waterbones’ Today you are refracting light which marks the Oggi fa rifrangere la luce che segna il trascorpassing of time in the limited space of Vicolo on fabric rere del tempo nel pur limitato spazio di vicodell’Oro, and tomorrow? lo dell’Oro, e domani? The installation at the Gallery Hotel Art is part of a larger “L’installazione al Gallery Hotel Art rientra in un progetto project with involves the Pecci Center on the occasion of its più ampio che vede coinvolto il Centro Pecci per i 30 anni 30th anniversary and the Prato-based textile company Man- della fondazione e l’azienda tessile pratese Manteco che inteco, which celebrates 75 years of activity and is one of Italy’s vece celebra i 75 anni di attività ed è una delle eccellenze leading companies in textile manufacturing. I will also do an italiane nel campo dei tessuti. Farò poi una mostra di soli exhibition to showcase my watercolors in Geneva, and then I acquerelli che sarà allestita a Ginevra, ho poi due progetti have two projects in China, one with the government and the in Cina, uno col governo e l’altro con una grossa azienda, 168 Firenze | made in Tuscany


The internationally-renowned contemporary artist Loris Cecchini

other one with a big company. In July, I will be setting up an poi a luglio sarò ad allestire un intervento a New York e poi installation in New York and then in Milan, Rome… and back Milano, Roma... e ancora Prato con un nuovo progetto moto Prato again with a new permanent modular project. Cec- dulare permanente”. chini is very busy and very much in demand, considering that Impegnatissimo, e corteggiatissimo, visto che le sue quotahis works run in the five-figure range. And even the catalog is zioni scavalcano facilmente le cinque cifre. E non è facile hard to find. It is already a must-have, which has been specially sperare neanche nel catalogo, già un must have, creato appocreated for this exhibition with the collaboration of Manteco, sta per questo allestimento in collaborazione con Manteco che ha creato la stoffa, su disegno di Cecchini, which produced the fabric designed by Cecchini for the cover, and of the Pecci Center’s curator per la copertina e il curatore del Centro Pecci Stefano Pezzato who describes the artist’s moduStefano Pezzato che racconta il lavoro modulalar work. re dell’artista. “The modules Un futuro aperto al mondo, ma ha lasciato Your future is open to the world, but you left allow me to Berlino ed è tornato a vivere in Toscana. Qual Berlin to settle in Tuscany again. What kind of let the shape è il suo rapporto con questa terra? relationship do you have with this land? I live between Siena and Florence, while I’m explode “Vivo tra Siena e Firenze, in attesa di aver working on my studio in Milan where I plan to il mio studio a Milano dove poi in particles, completato live in the near future. But my roots are deeply farò base. E’ in questa terra che affondano le blending mie radici. Sono milanese di nascita ma quanplanted in this land. I was born in Milan, but I in with the do avevo 7 anni venni a vivere a Siena. E’ la moved to Siena at the age of seven. Siena is the city where I grew up and studied, although I also environmen” città dove sono cresciuto, ho studiato, in parte studied in Florence. I have a deep bond with anche a Firenze. Ho uno stretto rapporto con San Gimignano and Galleria Continua (where he carries on his San Gimignano e la sua Galleria Continua (dove si avvicenartistic research), with Prato where I worked for the Pecci Cen- da la sua ricerca ndr), a Prato dove ho lavorato ed esposto ter, and with Florence where, in 2011, I exhibited my works in al Pecci, Firenze dove nel 2011 allestii il cortile di Palazzo the courtyard of Palazzo Strozzi. After the experience in Ber- Strozzi. Dopo l’esperienza berlinese sono molto più legalin, I feel more connected to our history, although I cannot but to alla nostra storia, anche se come artista non posso che indulge my curiosity as an artist. China and Japan, for instance, seguire la mia curiosità. La Cina, il Giappone, offrono dei offer different and very stimulating observation platforms. punti di osservazione diversi e molto stimolanti”. Firenze | made in Tuscany 169


extraordinary sound

Green Audio SUONO IN ALTA DEFINIZIONE text Matteo Grazzini

In the heart of Mugello, a mix of design and high technology at the service of sound Nel cuore del Mugello un mix di design e alta tecnologia al servizio del suono

The rustle of animals in the Apennine woods, the whisper of the wind that on the coldest days makes itself heard, the roar of the engines on the race track in Scarperia. These are the sounds that come to mind by Mugello, a territory that thrives on tourism, rural traditions from agriculture to gastronomy, and a young and lively entrepreneurship. But there is another sound the begins in the heart of the region and resonates across the globe in every type of location, from intimate restaurants and lounges to a stadium concert where thousands of people crowd to large nightclubs where party-goers dance until morning and. The sound is that bearing the signature of K-array, a company with headquarters in San Piero a Sieve as well as offices in New York and Hong Kong, and one of the most important producers of systems for the design and manufacture of professional audio solutions: loudspeakers, subwoofers, microphones and stage monitors, also earbuds, stereo systems, and amplifiers. K-array solutions have been used for large tours of international artists, in theaters and in large outdoor venues. And it is precisely these products that K-array most suitably pays tribute to its territory, as though inviting the province to become a technopole: Firenze and Mugello are, in fact, the names chosen to identify their mid to large-format touring speakers. A triumph of technology in the green of the lower slopes of the Apennines but also an original, innovative design capable of transforming a loudspeaker, a microphone or a stereo system into a furnishing accessory: no particular concession to extreme solutions but great functionality combined with linearity and fluidity. And thus, you can find a sample of made-in-Mugello quality at the Royal Opera House in London, among the pews of St. Patrick’s Cathedral in New York, in 25th globally-ranked nightclub in Dubai, White, or at the Vodafone Arena, home stadium of the Besitkas football team, even at the transportation hub, Oculus at the World Trade Center. Simple examples in a list as long as a hypothetical cable bringing music from Mugello to every corner of the world. 170 Firenze | made in Tuscany

I versi degli animali nei boschi dell’Appennino, il sibilo di un vento che nei giorni più freddi sa come farsi sentire, il rombo dei motori sul circuito di Scarperia. Sono questi i rumori ed i suoni che portano alla mente il Mugello, un territorio che vive su turismo, tradizioni contadine, dall’agricoltura alla gastronomia, e su un’imprenditoria giovane e vivace. Ma c’è un suono che, partendo dal Mugello, arriva ovunque, da una sala riunioni ad uno stadio dove si concentrano migliaia di giovani per un concerto, da una discoteca a un grande comizio in piazza. Il suono è quello ‘firmato’ K-array, l’azienda di San Piero a Sieve con una sede anche a New York e Hong Kong, una delle più importanti produttrici di sistemi di diffusione e gestione dell’audio professionale: casse, microfoni, monitor da palco, subwoofer ma anche auricolari, impianti stereo, amplificatori, diffusori e cavi. Interi sistemi utilizzati in importanti tour internazionali di cantanti, tanto a teatro quanto in grandi spazi aperti. Ed è proprio nei prodotti più indicati per i concerti che K-array fa una dedica indiretta al territorio, quasi a voler invitare la provincia a diventare un polo tecnologico: “Firenze” e “Mugello” sono infatti i nomi scelti per identificare le grandi casse da tour. Un trionfo di tecnologia nel verde delle prime pendici dell’Appennino ma anche un design innovativo, originale e capace di trasformare un accessorio, un microfono o un impianto stereo in un complemento di arredo: nessuna particolare concessione a soluzioni estreme ma tanta funzionalità unita a linearità e fluidità. E così può capitare di trovare uno scampolo di qualità made in Mugello alla Royal Opera House a Londra, tra le sedie della Cattedrale di San Patrizio a New York, alla Vodafone Arena lo stadio di una delle squadre di calcio più popolari di Istanbul, ma anche all’Oculus al World Trade Center. Semplici esempi in una lista lunga quanto un ipotetico cavo che porti la musica dal Mugello ad ogni angolo del mondo.


1

2

3

4

Some extraordinary locations rely on the K-Array sound, such as, the Campell Bar, New York; the Spa of the Hotel Puradies, Leogang, Austria; the Warehouse Hotel, Singapore; Oculus, New York

5

6


Above: Riccardo Muti Below: Iron Maiden 172 Firenze | made in Tuscany


music festivals

The rhythm of summer IL RITMO DELL’ESTATE

text Rossella Battista, Sabrina Bozzoni

Florence and performances, a lasting bond. Discover the must-see events Firenze e lo spettacolo, un legame indissolubile. Scopri gli eventi imperdibili

POP/ROCK Summer in Florence also means music. From rock to electronica, the program of aoutdoor, live concerts is worthy of being held in one of the most important international capitals. But let’s go in order and prepare ourselves for the first major burst of music: spectacular rock. Yes, the second edition of Firenze Rocks, at the Visarno Arena, is definitely irresistible: on stage, amongst others, are the Foo Fighters and The Kills on June 14, followed by Guns N’ Roses on Friday, the 15th, Iron Maiden on Saturday, the 16th and the grand finale on Sunday, the 17th, Ozzy Osbourne. Twelve hours of electronica, from noon to midnight, for a thrilling day of dance and energy: for dance lovers, on Sunday, June 24 there’s Decibel Open Air 2018, with top names like Paul Kalkbrenner, Carl Cox and Nina Kraviz, at the Visarno Arena. This year’s edition of Estate Fiesolana, in the incredible Roman Theatre in Fiesole is loaded with events, from theatre to music, six evenings dedicated to narrating the Iliad and the participation of big-name musi-

cians like Roberto Vecchioni on June 27, Avion Travel on the 29th, Elio Germano and Teho Teardo on Saturday, July 7, Stefano Bollani on July 10, Bobo Rondelli on July 13 and Calibro 35 on the 20th. Take major concerts and performances, add a dream location like piazza Santissima Annunziata, an enchanted place on warm summer evenings, and you’ll get the Musart Festival 2018. Amongst the live concerts on the program, there’s Baustelle on Tuesday, July 17, Chick Korea Akoustic Band on Monday, July 23, Jethro Tull on Tuesday, July 24, Francesco De Gregori on the 25th and Ermal Meta on Thursday, July 26. Mark your calendars: July 21, Stadio Artemio Franchi. It’s right here in Florence that Rockin’1000 will take place, a powerful musical format bringing together more than 1,000 musicians who will all perform live at the same time. OPERA/CLASSICAL/DANCE For lovers of opera and classical music, the summer is decidedly hot, beginning with the 81st edition of the Maggio Musicale Fiorentino, which under the direction of the Venetian Cristiano Chiarot expands to the

POP/ROCK Estate a Firenze significa anche musica, dal rock all’elettronica il cartellone dei live en plain air si conferma degno delle più grandi capitali internazionali. Ma andiamo con ordine e prepariamoci alla prima grande ventata musicale sotto il segno del rock più spettacolare. Ebbene si, la seconda edizione di Firenze Rocks, alla Visarno Arena, si conferma irresistibile: on stage, tra gli altri, il 14 giugno Foo Fighters e The Kills, continuiamo venerdì 15 con i leggendari Guns N’ Roses, sabato 16 non c’è tempo per fermarsi: arrivano gli Iron Maiden e infine domenica 17 il gran finale con Ozzy Osbourne. 12 ore di musica elettronica, dalle ore Mezzogiorno a Mezzanotte, in un esaltante giornata di ballo e energia: domenica 24 giugno per gli amanti della dance c’è Decibel Open Air 2018 con nomi del calibro di Paul Kalkbrenner, Carl Cox e Nina Kraviz, alla Visarno Arena. Quella di Estate Fiesolana nel meraviglioso Teatro Romano di Fiesole è un’edizione ricca di eventi, dal teatro alla musica, sei serate dedicate al racconto dell’Iliade e la partecipazione di grandi artisti musicali come Roberto

Vecchioni il 27 giugno, Avion Travel il 29, Elio Germano e Teho Teardo sabato 7 luglio, Stefano Bollani il 10 luglio, Bobo Rondelli il 13 luglio e Calibro 35 il 20. Prendi grandi concerti e spettacoli, aggiungici una location da favola come quella di piazza Santissima Annunziata, ultima con le atmosfere fatate di tiepide notti estive, siamo al Musart Festival 2018. Tra i live in programma Baustelle martedì 17 luglio, Chick Korea Akoustic Band lunedì 23 luglio, Jethro Tull martedì 24 luglio, Francesco De Gregori il 25 e Ermal Meta giovedì 26 luglio. Segnatevi questa data: 21 luglio, Stadio Artemio Franchi. E’ proprio a Firenze che si svolgerà Rockin’1000, potentissimo format musicale che vede esibirsi simultaneamente dal vivo più di 1000 musicisti. OPERA/CLASSICA/DANZA L’estate per gli appassionati di musica lirica e classica è decisamente calda. A partire soprattutto dalle proposte dell’ottantunesima edizione del Maggio Musicale fiorentino che sotto la direzione del veneziano Cristiano Chiarot si allarga ai luoghi più suggestivi e storici di Firenze andando ad incontrare il pubblico. James Conlon tributa Firenze | made in Tuscany 173


music festivals

most evocative and historic places in Florence, meeting the public where it’s to be found. James Conlon pays tribute to Sostakovic on June 10 at Teatro del Maggio with the Leningrad Symphony, about the Russian resistance, while on June 15, also at Teatro del Maggio, the Chinese pianist Jin Ju performs Schubert using a fortepiano, a historic instrument. In the dense program that celebrates the 1,000th anniversary of the Basilica of San Miniato al Monte, on June 26, there’s the must-see concert of L’Homme Armé, directed by Fa-

grotto in the Boboli Gardens, the Florentine season opens with La Dafne, an opera by Marco da Gagliano. Dance lovers can’t miss (June 29 to July 1) the performances organized by Maggio for the inauguration of Palazzina dell’Indiano. On July 20, for Musart, in piazza Santissima Annunziata, Riccardo Bolle and Friend takes the stage, in one of the most engaging performances of the season. Dance continues, but this time set to the rhythm of poetry by Nobel-prize winner Joseph Brodsky, with the indestructible Mikhail Baryshnikov (from July 3 to

Sostakovic il 10 giugno al Teatro del Maggio con la Sinfonia di Leningrado sulla resistenza russa, mentre il 15 giugno, sempre al Teatro del Maggio la pianista cinese Jin Ju ci racconta Schubert usando l’antico strumento del fortepiano. Nel fitto programma che celebra i mille anni della basilica di San Miniato al Monte il 26 giugno è annunciato un concerto imperdibile de L’Homme Armé diretto da Fabio Lombardo su musiche che spaziano dal Medioevo (Guillaume Dufay) al Novecento rappresentato dal compositore statunitense David Lang; mentre

tacoli proposti dal Maggio per l’inaugurazione della Palazzina dell’Indiano. Mentre il 20 luglio per Musart in piazza Santissima Annunziata è di scena Riccardo Bolle and Friend per uno tra i più coinvolgenti spettacoli della stagione. Ancora danza, ma stavolta articolata sulle poesie del Nobel Joseph Brodsky, con l’inossidabile Mikhail Baryshnikov (dal 3 al 5 luglio) al Teatro del Maggio. Il 2 luglio, nel centenario della morte di Claude Debussy Mario Ancillotti, Milena Vukotic, Alessia Luise e Matteo Rossi daranno vita a un originale recital musi-

in Santa Maria del Fiore, il 24 si festeggia il patrono di Firenze con una Messa di San Giovanni alle 10. Il 28 giugno Zubin Mehta dirige Sir Andràs Schiff che al piano eseguirà due brani tra i più impegnativi del repertorio classico di Brahms e la prima opera di Sostakovic al Teatro. Dal 25 al 29 giugno nel suggestivo scenario della Grotta del Buontalenti a Boboli si apre la stagione dei fiorentini con l’opera di Marco da Gagliano La Dafne. Gli appassionati di danza non potranno mancare (dal 29 giugno all’1 luglio) gli spet-

cato al Teatro del Maggio. I melomani tuttavia non potranno mancare gli appuntamenti con le arie delle opere più famose proposte, i mercoledì, giovedì e sabati fino all’autunno in varie chiese e palazzi fiorentini, dalla chiesa anglicana di St Mark, Santo Stefano al Ponte, Santa Monica, Orsanmichele e Palazzo Medici Riccardi. Sempre per il Maggio, invece Riccardo Muti dirige al Teatro il Macbeth (dall’11 al 13 luglio) chiudendo in grande stile l’imponente edizione n. 81 del Festival del Maggio Musicale Fiorentino.

From June to September, it’s great music time in Florence bio Lombardo, with music ranging from the Middle Ages (Guillaume Dufay) to the 20th century, performed by the American composer David Lang. At Santa Maria del Fiore, on the 24th, the patron saint of Florence is celebrated with the Mass of San Giovanni at 10am. On June 28, Zubin Mehta directs Sir Andràs Schiff at the piano, who will perform two of the most complex pieces from the classical repertoire of Brahms and the first opera by Sostakovic at the Teatro. From June 25 to 29, in Buontalenti’s evocative 174 Firenze | made in Tuscany

5) at the Teatro del Maggio. Melomaniacs can miss the events featuring arias from the most famous operas on Wednesday, Thursday and Saturday until late Autumn in various churches and palaces around Florence, like the Anglican church of St. Mark, Santo Stefano al Ponte, Santa Monica, Orsanmichele and Palazzo Medici Riccardi. Also for Maggio, Riccardo Muti directs Macbeth at the Teatro (July 11 to 13), closing the 81st edition of the Maggio Musicale Fiorentino in style.


1

2

3

4

1. Foo Fighters 2. Francesco De Gregori 3. Stefano Bollani 4. Guns N’roses 5. Baustelle 6. Ozzy Osbourne

5

6 Firenze | made in Tuscany 175


food restaurants

Under the Florence sky SOTTO IL CIELO DI FIRENZE text Virginia Mammoli photo Niccolò Rastrelli All the bars and restaurants for a perfect summer evening, Florence style I locali e i ristoranti dove vivere una serata estiva in perfetto stile fiorentino

The extraordinarily beautiful settings that only Florence can offer now come alive from the inside, sipping a cocktail or enjoying a gourmet dinner. To experience the magical aura of a summer evening spent in the city’s most enchanting squares, here are the top locations for true connoisseurs. Our tour begins in Diladdarno, one of the city’s liveliest areas for a drink outdoors or to stay out late. Right inside the bustling square overlooked by the breathtaking Basilica di Santo Spirito, we find Volume, a bar with a thousand faces (live music, book presentations and theater improvisations) located in what was historically a hat-maker’s shop. At six in the evening it’s time for an aperitif, and after ten it turns into a cocktail bar. Just a few steps away, for an aperitif or a classy dinner, Gurdulù. Inside, you can sit in the shade of its charming courtyard and taste one of barlady Cristina Bini’s innovative creations, or else try a dish prepared by the chef, Gabriele Andreoni (via delle Caldaie, 12r). Just around the corner from picturesque Piazza della Passera we come across Ditta Artigianale, that in the late afternoon is transformed into a gin and cocktail bar, with a selection of over 150 labels of gin including Peter in Florence, distilled by one of the bar’s owners, Patrick Hoffer (via dello Sprone, 5r). Crossing Ponte Vecchio and turning left, we make our way to Vicolo dell’Oro, which is actually a pleasant little square. Here, we find the Gallery Hotel Art, whose façade is adorned this year by the work Waterbones by artist Loris Cecchini, and The Fusion Bar & Restaurant. Not only the Nikkei (a fusion of Japanese and Peruvian aromas) dishes conceived by Executive Chef Peter Brunel are in store for its guests, but also seven signature cocktails (Asparagus, Rhubarb, Pear, Prune, Cherry, Iris, Beetroot): a voyage that brings together East and West, thanks to the leitmotif of the handheld fan. A great culinary experience, and so many curiosities… just to have a taste: did you know that Caterina De Medici was the one who brought these fans to Florence, the cradle of the Renaissance? 176 Firenze | made in Tuscany

Vivere dall’interno quegli straordinari quadri di bellezza che solo Firenze sa regalare, gustando un cocktail o una cena gourmet. È questa la magia delle sere d’estate passate nelle più incantevoli piazze della città. Per voi gli indirizzi da veri connaisseurs. Partiamo da Diladdarno, uno dei quartieri più gettonati per chi vuol bere un drink en plein air e tirare tardi. Proprio nella vivace piazza su cui si affaccia la meravigliosa Basilica di Santo Spirito c’è Volume, locale dalle mille sfaccettature (musica dal vivo, presentazioni di libri e improvvisazioni teatrali) nato da uno storico laboratorio di cappelli. Dalle 18 scatta l’ora aperitivo, mentre dalle 22 diventa cocktail bar. A due passi, per un aperitivo o una cena ricercata, Gurdulù. All’interno una deliziosa corte ben ombreggiata, dove provare una delle innovative creazioni della barlady Cristina Bini oppure i piatti dello chef Gabriele Andreoni (via delle Caldaie, 12r). A un soffio dalla pittoresca piazza della Passera, il secondo locale di Ditta Artigianale, che nel tardo pomeriggio si trasforma in Gin e cocktail bar, con una selezione di oltre 150 etichette di gin, tra cui Peter in Florence, di produzione di uno dei proprietari, Patrick Hoffer (via dello Sprone, 5r). Passiamo Ponte Vecchio e giriamo a sinistra arrivando così su vicolo dell’Oro, che in realtà è un’intima piazzetta. Qui spunta il Gallery Hotel Art, che quest’anno impreziosisce la sua facciata con l’opera Waterbones dell’artista Loris Cecchini, e il suo The Fusion Bar & Restaurant. Ad attendere i suoi ospiti, oltre ai piatti nikkei (fusione di suggestioni giapponesi e peruviane) ideati dallo Executive Chef Peter Brunel, sette nuovi signature cocktail (Asparago, Rabarbaro, Pera, Susina, Ciliegia, Iris, Barbabietola): un vero e proprio viaggio che unisce l’Oriente e l’Occidente attraverso il tema del ventaglio. Grandi esperienze di gusto e tante curiosità… giusto un assaggio: Lo sapevate che è grazie a Caterina De Medici che il ventaglio arrivò a Firenze, la culla del Rinascimento?


Piazza Santo Spirito (ph. La Sterpaia)


cover story

1

3

5 5

178 Firenze | made in Tuscany

2

4

1. Ditta Artigianale 2. Volume 3. Gurdulù 4. Strozzi Caffé, Colle Bereto Winery 5. Odeon Bistrò


Colle Bereto, piazza Strozzi Continuing along our route, Piazza della Signoria now arises majestically before our eyes. Just inside one of its prized buildings, Palazzo della Mercanzia, the first Gucci Osteria was established by this historical Florentine fashion label. Overseen by one of the world’s most highly regarded chefs, Massimo Bottura, patron of the Osteria Francescana in Modena that for years has boasted three Michelin stars, its team of chefs is led by Karime Lopez Kondo. Richly decorated rooms with vaulted ceilings and wainscoting, tables outside with a view of Palazzo Vecchio, and the exquisite wines made by one of Italy’s most important producers: we are at the Ristorante Frescobaldi, whose corner bar serves the most sought-after international drinks and a dozen cocktails inspired by the world of Frescobaldi. A simple slice of fresh bread with a drizzle of Laudemio oil - obviously, also produced by Frescobaldi - is an experience in itself, but don’t miss out on chef Roberto Reatini’s excellent dishes. A few more steps and we arrive in Piazza Strozzi. For many, this is where a true evening in Florence begins, immersed in the cosmopolitan and vibrant atmosphere of Colle Bereto. You might want to try an elaborate cocktail such as the Bee Hive, prepared with whisky, passion fruit, lime juice, ginger beer and honey syrup, or else, for wine lovers, the excellent selection offered by Colle Bereto. Gourmet dishes for dinner, but also top-quality hamburgers. On Fridays, Saturdays and Sundays, a DJ set rounds off the experience. The Bereto family also includes the Strozzi Caffé, Colle Bereto Winery, in the courtyard of Palazzo Strozzi. This square is home to the Odeon Bistrò as well, which adapts its menu to each hour of the day. One thing remains the same: its elegant, but never stuffy, air. Aperitifs are

Proseguendo ecco che si apre davanti ai vostri occhi la maestosa piazza della Signoria. All’interno di uno dei suoi gioielli, Palazzo della Mercanzia, la storica maison fiorentina ha dato vita alla prima Gucci Osteria, per la quale si è affidata a uno degli chef più conosciuti e apprezzati al mondo, Massimo Bottura, patron di quell’Osteria Francescana a Modena che da anni vanta tre stelle Michelin. A guidare la brigata in cucina, la chef Karime Lopez Kondo. Sale preziose, soffitti a volte, boiserie, un dehor vista Palazzo Vecchio, ma soprattutto il gusto fine e raffinato di uno dei produttori di vino più importanti d’Italia. È il Ristorante Frescobaldi, con tanto di angolo bar dove vengono serviti i drink internazionali più richiesti e una decina di cocktail ispirati al mondo Frescobaldi. Una semplice fetta di pane fresco con un giro di olio Laudemio - ovviamente anche questo Frescobaldi - è già un’esperienza da provare, ma non perdete anche gli eccellenti piatti dello chef Roberto Reatini. Pochi passi e arriviamo in piazza Strozzi. È qui che per molti inizia un’autentica serata fiorentina, immersa nell’atmosfera cosmopolita e vibrante del Colle Bereto. Cocktail elaborati come il Bee Hive, preparato con whisky, passion fruit, succo di lime, ginger beer e sciroppo di miele, oppure, per gli amanti del vino, le ottime etichette dell’azienda Colle Bereto. A cena piatti gourmet, ma anche hamburger di prima qualità. Il tutto, venerdì, sabato e domenica, è accompagnato da dj set. Della stessa famiglia lo Strozzi Caffé, Colle Bereto Winery, nel cortile di Palazzo Strozzi. Questa è la piazza dove si affaccia anche Odeon Bistrò. Un locale che adatta la sua proposta a ogni ora della giornata. Elemento costante: un’eleganza diffusa, ma mai ingessata. L’orario dell’aperitivo va Firenze | made in Tuscany 179


The Fusion Bar & Restaurant served from seven to ten in the evening, and on Sundays an even dalle 19 alle 22 e la domenica prevede una formula ancora richer and more inviting formula is on the table. Have a taste più ricca e invitante. Da provare L’Odeon Mule, con tequila, of the Odeon Mule, with tequila, sambuca flowers, agave nectar fiori di sambuca, nettare d’agave e ginger beer e il loro gin and ginger beer, or else try their homemade lavender-spiced homemade aromatizzato alla lavanda. gin. Moving along to Piazza della Repubblica, we find two of Spostiamoci in piazza della Repubblica, dove si trovano the city’s historical gathering points: Caffè Gilli, the oldest café due locali storici della città: Caffè Gilli, il più antico cafin Florence and a favorite rendezvous for 285 years, with its fè di Firenze, salotto della città da 285 anni, con il suo beautiful outdoor area and its rooms with Liberty decorations bellissimo dehors e le sue sale in stile Liberty scelte dai chosen by the most demanding globetrotters globe trotter più esigenti dalla mattina fino from dawn to dusk; Caffè Concerto Paszkowski, alla sera e Caffè Concerto Paszkowski, con le whose evenings with live music have become resue famosissime serate con musica dal vivo. nowned. Ask some advice from the bartenders, Fatevi consigliare dai bartender per ordinare The magical il cocktail perfetto per voi. Deliziosi gli appeand order the perfect cocktail for you. The appetizers that accompany their unforgettable drinks aura of a tizer che accompagnano un indimenticabile are simply delicious. summer drinktime. Fish & Spritz is the name of the unusual Friday Si chiama Fish & Spritz l’inedito venerdì sera evening di Irene, ristorante dell’esclusivo Hotel Saevening proposed by Irene, the restaurant of the spent in the voy, riaperto a aprile dopo un importante lahigh-end Hotel Savoy, which reopened in April after significant renovations. Extravagant fish city’s most voro di ristrutturazione. Sfiziose proposte a dishes accompanied by two of Spritz’s signature di pesce accompagnate da due signatuenchanting base creations, the Classic and Irene, to be enjoyed if re Spritz, il Classico e Irene, da gustare anche squares sulla rinnovata terrazza in piazza sui colorayou like on the renovated terrace in the square, sitting at the brightly colored tables signed by Maison Pucci. tissimi tavoli firmati dalla Maison Pucci. Ma ogni sera è Then again, any evening is perfect for a drink or a dinner at ideale per un drink o una cena in questo indirizzo cult. this cult location. Ultima tappa del nostro tour, Atlante, cocktail bar vicino The last stop in our tour is Atlante, a cocktail bar close to Pi- piazza San Lorenzo che ospita spesso eventi speciali, duazza San Lorenzo that often organizes special events, during rante i quali gli originali drink handmade vengono serviti which their original handmade drinks are served by the bottle anche in bottiglia. Da non perdere il Bloody Maya, variante as well. Don’t miss the Bloody Maya, a variation on the famous del famosissimo cocktail, con aggiunta di spezie sudamericane (via dei Conti, 9). cocktail with South American spices (via dei Conti, 9). 180 Firenze | made in Tuscany


1

2

3

4

1. Caffè Concerto Paszkowski 2. Caffè Gilli 3. Gucci Osteria (courtesy of Gucci) 4. Irene 5. L’Atlante 6. Ristorante Frescobaldi

5

6 Firenze | made in Tuscany 181


event interview

1

3

2

4

1. Irene’s terrace 2. 3. the elegant Lobby 4. Anna Gricini, Regional Director of Sales & Marketing of the Italian Rocco Forte Hotels 5. Irene restaurant 6. Duomo Presidential Suite

5

6


hospitality event

Contemporary Renaissance RINASCIMENTO CONTEMPORANEO text Virginia Mammoli

The reopening of the exclusive Hotel Savoy that, after 125 years, shines even more than before La riapertura dell’esclusivo Hotel Savoy che dopo 125 anni splende ancora di più The iconic Hotel Savoy, reopened on April 13, celebrated the 125th anniversary of the construction of its historic home with a rebirth: the culmination of a major intervention that lasted six months and was overseen by Olga Polizzi, Director of Design at Rocco Forte Hotels. On this occasion we met Anna Gricini, Regional Director of Sales & Marketing of three - for now - Italian Rocco Forte Hotels. What was the concept behind the refurbishment project? We could define it a contemporary Renaissance: on the one hand, the timeless elegance of a historic hotel, on the other highly modern elements. To honor Florence, capital of fashion, we also contacted Laudomia Pucci, in particular for the outdoor terrace of the Irene restaurant, on whose tables we can admire reproductions of the foulards that Maison Pucci created especially for the Savoy. What does this add to the guest’s experience? As well as the design, the main aim of the refurbishment was to expand both the common areas and the rooms and suites, of which there are now 80 instead of 120, to create extraordinary spaces such as the Duomo Presidential Suite of more than 150 square meters. A new proposal that reflects the requests of the market and that allowed us to adjust all our services to guarantee exclusive, unique and personalized experiences. Now we also have a much larger gym with latest-generation Technogym equipment and regeneration spaces, essential when travelling. Rocco Forte Hotels has been investing a lot in its hotels in Italy. In spring 2019 we will expand our collection with the splendid Hotel de La Ville in Rome. Then there is the restyling project of the Hotel de Russie, which is also aimed at increasing the size of the suites, and the creation of new villas at the Verdura Resort in Sicily. Our intention is to enhance the purely Italian experience and create a sort of Grand Tour with these excellent structures. It is one of the reasons for which, for the last year, I have also been the Marketing & Sales Director of the Verdura Resort. In this way we can coordinate and create synergy between the Italian Rocco Forte Hotels.

L’iconico Hotel Savoy, con la riapertura avvenuta il 13 aprile, ha celebrato i suoi 125 anni dalla costruzione della sua storica sede con una seconda rinascita, culmine di un importante intervento durato 6 mesi firmato da Olga Polizzi, Director of Design della Rocco Forte Hotels. Per l’occasione abbiamo incontrato Anna Gricini, Regional Director of Sales & Marketing dei tre - per ora - alberghi italiani Rocco Forte. Qual è stato il concept del progetto di ristrutturazione? Lo potremmo definire un Rinascimento contemporaneo: da una parte l’eleganza di un hotel storico, dall’altra elementi di grande attualità. In onore a Firenze prima capitale della moda abbiamo inoltre collaborato con Laudomia Pucci, in particolare per la terrazza esterna del ristorante Irene, sui cui tavoli si può ammirare la riproduzione del foulard che la Maison Pucci ha creato appositamente per il Savoy. Il valore aggiunto dal punto di vista dell’esperienza dell’ospite? Oltre al design la ristrutturazione è consistita prevalentemente nell’ampiamento degli spazi sia comuni che delle camere e delle suite, che da 102 sono passate a 80, per dar vita a ambienti straordinari come la Duomo Presidential Suite, di più di 150 metri quadrati. Una nuova offerta che riflette la domanda del mercato e con la quali abbiamo rivisto anche un po’ tutti i servizi, per garantire delle esperienze personalizzate, uniche ed esclusive. Adesso abbiamo anche una palestra molto più ampia con attrezzatura Technogym di ultima generazione e spazi per la rigenerazione, fondamentale in viaggio. Rocco Forte Hotels sta investendo molto sui suoi alberghi in Italia. Nella primavera del 2019 andremo addirittura ad ampliare la collezione con lo splendido Hotel de La Ville a Roma. C’è poi il progetto di restyling che sta interessando l’Hotel de Russie, anche questo mirato soprattutto all’ampliamento delle suite, e la creazione di nuove ville al Verdura Resort in Sicilia. L’intento è quello di valorizzare l’esperienza puramente italiana e creare una sorta di Grand Tour tra queste strutture all’insegna dell’eccellenza. È uno dei motivi per cui da un anno sono Direttrice Sales & Marketing anche del Verdura Resort, così da creare un coordinamento ancora più sinergico tra le proprietà. Firenze | made in Tuscany 183


Nikki Beach Versilia is located on the white sands of Marina di Pietrasanta on the Mediterranean Sea 184 Firenze | made in Tuscany


summer lifestyle

Nikki Beach, I’m in love

NIKKI BEACH VERSILIA, QUESTO E’ AMORE text Sabrina Bozzoni

Nikki Beach Versilia: another summer of “Celebration of Life” Nikki Beach Versilia: un’altra estate di “Celebration of Life”

Miami, 1998. Exactly twenty years ago, entrepreneur Jack Penrod started a small café with garden filled with butterflies, sunflowers and trees, by the sea on Ocean Drive, and called it Caffè Nikki. It soon became the gathering place for international jet setters and expanded to the beach area adjacent the café, providing celebrity guests, locals and tourists with DJ sets, shows, gourmet cuisine, music and entertainment: it was the creation of a new lifestyle concept. Today, Nikki Beach Global includes 14 luxury beach clubs across the world, such as Saint Barth, Saint Tropez, Dubai, Monte Carlo, Marbella and Ibiza Costa Smeralda, and, since 2016, the Versilian Coast. From its spectacular swimming pool unique of its kind and entirely made of Carrara marble, octagonal bar, luxurious oversize sunbeds and VIP terrace, Nikki Beach Versilia offers breathtaking views of the sun going down over the sea. The Beach Club includes a Nikki Beach Lifestyle boutique and high-end restaurant service. The restaurant, in a shaded open-air setting, is open all day long under the careful supervision of Executive Chef Cesare Lazzeri, who prepares traditional Italian dishes with a creative twist, based on the use of top-quality and locally-sourced ingredients, for the beach club guests. Every Sunday, guests can enjoy the Amazing Sundays Champagne Brunch, including entertainment acts performing live and champagne. This is the exclusive beach club where the Tuscan Riviera’s glitterati, jet setters and Nikki Beach fans gather throughout the summer season to enjoy exciting experiences based on the brand’s 6 key elements: music, good food, entertainment and a fusion of fashion, cinema and art, a magic formula that has made Nikki Beach legendary all over the world. Among this summer’s special events at Nikki Beach Versilia are: the Nikki Beach Versilia White Party on Saturday, June 23; What Women Want, a full day devoted to female passions, on Saturday, July 21; the Anniversary Party on Saturday, July 28; the Apero Deep Sunset Session starring the DJs of Nikki Beach Saint Tropez on Wednesday, August 8, and the traditional Ferragosto Pool Party on August 15, in the unmistakable Nikki Beach style.

Miami, 1998. Esattamente vent’anni fa, l’imprenditore Jack Penrod inaugura un piccolo caffè con un giardino pieno di farfalle, girasoli e alberi affacciato sulla spiaggia di Ocean Drive, lo chiama Caffè Nikki. Ben presto diventato fulcro del jet set più internazionale, il Nikki si allarga in spiaggia offrendo ai suoi ospiti un posto al sole d’eccezione con dj set, spettacoli, cucina gourmet, musica e divertimento: è la nascita di un vero e proprio concetto di lifestyle. Oggi Nikki Beach Global conta 14 spiagge di lusso in tutto il mondo, tra cui Saint Barth, Saint Tropez, Dubai, Monte Carlo, Marbella e Ibiza, Costa Smeralda e, dal 2016, anche la nostra Versilia. Con una piscina scenografica unica nel suo genere realizzata interamente in marmo di Carrara, sulla quale si affaccia il bar ottagonale, lussuosi lettini oversize e una terrazza VIP, Nikki Beach Versilia offre una vista spettacolare sui tramonti della costa. Il beach club include anche una boutique Nikki Beach Lifestyle ed è anche sinonimo di ristorazione di alta qualità. Il ristorante, situato in posizione ombreggiata open air, è aperto tutto il giorno sotto l’attenta supervisione dell’ Executive Chef Cesare Lazzeri, dove i migliori piatti della tradizione italiana sono interpretati con creatività per gli ospiti del beach club, con materie prime di eccellenza e prodotti locali, da non perdere, tutte le domeniche, le Amazing Sundays Champagne Brunch, con intrattenimento live al sapore di champagne. Ed è proprio qui, nel beach club più esclusivo, che per tutta l’estate il bel mondo della riviera toscana, personaggi del jet set e fan del Nikki Beach si danno appuntamento, per vivere giornate entusiasmanti all’insegna dei 6 elementi chiave del brand: musica, buona cucina, spettacolo e contaminazioni tra moda, cinema e arte, una formula magica ha reso Nikki Beach leggendario in tutto il mondo. Tra gli appuntamenti speciali di questa magica estate in Versilia, Il Nikki Beach Versilia White Party di sabato 23 giugno, l’intera giornata dedicata alle passioni femminili di What Women Want, sabato 21 luglio e ancora: l’Anniversary Party di sabato 28 luglio, l’Apero Deep Sunset Session che ospiterà i DJs del Nikki Beach di Saint Tropez, mercoledì 8 agosto e l’immancabile Ferragosto Pool Party, il 15 agosto nell’inconfondibile stile Nikki Beach. Firenze | made in Tuscany 185


FIRENZE Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99, 99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel Art Vicolo dell’ Oro, 5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici - Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici.com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Grand Hotel Villa Medici - Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Cellai Firenze - Via 27 Aprile, 14, 52/R - Firenze ph. +39 055 489291 www.hotelcellai.it Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.comHotel Helvetia & Bristol -Via de’Pescioni,2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure.comHotel Il Salviatino -Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.comHotel Loggiato dei Serviti - Piazza SS.Annunziata,3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid -Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici -Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel. net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www.lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www. relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior - Piazza

HOTEL PARTNERS Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Velona’s Jungle - Via Montebello, 86 - Firenze ph. +39 055 2741536 www.velonasjungle.com Villa Cora - Viale Machiavelli, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Le Maschere - Via Nazionale, 75 - Barberino del Mugello ph. +39 055 847431 www.villalemaschere.it Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com AREZZO Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it GROSSETO Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it LUCCA Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com PISTOIA Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com SIENA Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, , Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

FIRENZE

Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62r ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant, recently renovated, is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Chef Peter Brunel offers his modern interpretation of Italian regional cooking. He pays “sentimental” attention to primary ingredients and constructively opens to diverse culinary traditions. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio, con splendida vista sull’Arno. L’atmosfera è incantata, resa ancora più elegante dalla recente opera di rinnovamento. Lo chef Peter Brunel propone una rilettura moderna della cucina regionale italiana, con un’attenzione “sentimentale” alla scelta delle materie prime e una costruttiva apertura a tradizioni culinarie diverse. Brandolino Piazza Madonna degli Aldobrandini, 3r ph. +39 055 3997593 Inspired by traditional world-famous Florentine and Tuscan cooking, Brandolino offers dishes made from simple and genuine ingredients. Ispirato ai gusti della cucina fiorentina, così come quella toscana, famosa in tutto il mondo, Brandolino basa il suo segreto su ingredienti semplici e genuini. Buca dell’Orafo Via de’ Girolami, 28r ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli exlaboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate. Buca Lapi Via Trebbio, 1r - ph +39 055 213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa. Buca Mario Piazza degli Ottaviani, 16r ph +39 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace. Caffè dell’Oro Lungarno Acciaiuoli, 2/p ph +39 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente.

188 Firenze | made in Tuscany

Cammillo Borgo San Jacopo, 57r ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale. Cantinetta Antinori Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055 292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known restaurants since 1957. A familiar atmosphere characterizes this intimate and comfortable place where one can taste a wide selection of MarchesiAntinori wines paired with Tuscan traditional dishes. Dal 1957 la Cantinetta Antinori è uno dei ristoranti più conosciuti di Firenze. Un contesto familiare e un’atmosfera confortevole caratterizzano l’ambiente accogliente e intimo, dove è possibile degustare un’ampia selezione di vini Marchesi Antinori in abbinamento a specialità della cucina toscana. Cestello ristoclub Piazza di Cestello, 8 ph +39 055 2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce. Cibleo Via del Verrocchio, 2r ph. +39 055 2477881 The city’s first Tuscan-Japanese-Korean restaurants ideated by one of Florence’s most symbolic chefs, Fabio Picchi. A Korean chef and Japanese sous chef alongside Fabio Picchi in the kitchen. Il primo ristorante corean-nipponico-toscano ideato da uno degli uomini di cucina simbolo in citta, Fabio Picchi. In cucina, oltre a Fabio Picchi, una chef coreana e un souf chef giapponese. Cibreo Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055 2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The must-tries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina. Coco Lezzone Via del Parioncino, 26r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb T-bone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca Convivium Firenze Viale Europa, 4/6 ph +39 055 6802482 This bistro is an authentic food atelier and features a food shop corner with over 1000 wine labels. Vero e proprio atelier gastronomico, che vede un gastro-bistrot e un angolo gastronomia estremamente fornito, con oltre 1000 etichette vinicole.

Cucina Torcicoda Via Torta, 5r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areas- restaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda. Da’ Pescatore Piazza del Carmine, 7r ph + 39 055 219978 Chef Daniele is owner and head of this new fish restaurant, situated in the Oltrarno district. Three menus to discover delectable raw and cooked dishes. La casa di cucina di Daniele, Chef e proprietario di questo nuovo ristorante di pesce nell’Oltrarno. Tre percorsi possibili, per scoprire tutte le numerose proposte, in un continuum inedito tra Cotto e Crudo. Ditta Artigianale Oltrarno Via dello Sprone, 5r ph. +39 055 2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei gin). In cucina lo chef Arturo Dori. Enoteca Pinchiorri Via Ghibellina, 87 ph + 39 055 242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Chef Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte dello Chef Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette. Essenziale Piazza di Cestello, 3r Ph. +39 055 2476956 A refined showcase for a modern Tuscan cuisine in the loft-style ambiance of a 19th-century warehouse. The young yet already accomplished chef Simone Cipriani draws from the local tradition when he prepares his original dishes. Raffinata vetrina di cucina toscana moderna, in un ambiente stile loft ricavato da un magazzino del XIX secolo. Regno del giovane ma già affermato chef Simone Cipriani che propone piatti originali ispirati alla tradizione. Fëdor Piazza della Signoria, 37r ph. +39 055 210496 The city’s first Russian-inspired bistro, a culinary grand tour served up with Dostoyevsky’s writings. An exclusive liaison between Italian and Russian cuisine. Il primo bistrot d’ispirazione russa in città. Un grand tour culinario accompagnati dai versi di Fëdor Dostoevsky. Un’esclusiva trait d’union tra la cucina italiana e russa. Fuor d’Acqua Via Pisana, 37 - ph +39 055 222299 This restaurant serves only freshlycaught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fish-based restaurant. Both simple or more elaborate dishes prepared as per tradition, such as Catalan-style seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di

servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indiscusso per la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè. Gilò Pianobar Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale. Gucci Garden Piazza della Signoria, 10 ph. +39 055 75927010 Housed in the Palazzo della Mercanzia, a unique space including a special store offering exclusive creations available only in Florence, a museum curated by Marialuisa Frisa and a restaurant-bistro run by Massimo Bottura, the owner of Osteria Francescana (3 Michelin stars), awarded as the world’s best chef. All’interno meraviglioso Palazzo della Mercanzia uno spazio unico che ospita uno special store dove trovare creazioni storiche in vendita solo a Firenze, una galleria museale curata da Marialuisa Frisa, e un ristorantebistrot con a capo Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana (tre stelle Michelin) premiato più volte come migliore chef al mondo. Gurdulù Via delle Caldaie, 12/14r, ph. +39 055 282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multi-awarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanishinfluenced menu. Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole. Harry’s Bar Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055 2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The must-tries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini. Hostaria Bibendum Via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of five-star hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate.


already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine. Irene Piazza della Repubblica, 7 ph +39 055 27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini. J.K. Lounge Piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055 2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru end-October guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta. Kome Via dei Benci, 41r ph +39 055 2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar. Konnubio Via dei Conti, 8r ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni Il Pasha Viale Machiavelli, 18 ph. +39 055 228790 Dining in the main location of Villa Cora during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city. È possibile pranzare o cenare nell’ambiente principale di Villa Cora durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città. L’Osteria di sopra (Eataly) Via dei Martelli, 22r - ph. 055 0153601 Every month a different osteria is picked to offer a menu based on its specialties,

as a celebration of Italy’s biodiversity and culinary traditions that make up our country’s regional cuisine. Ogni mese un’osteria diversa cucina le sue specialità per celebrare la grande biodiversità italiana e la bellezza delle tradizioni enogastronomiche che caratterizzano le regioni del nostro Paese. La bottega del buon caffè Lungarno Benvenuto Cellini, 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante. La Bottega di Parigi Via del Terzollina, 3r ph. +39 055 0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stone-ground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere. La Cucina del Garga Via San Zanobi, 33r ph. + 39 055 475286 The story of La Cucina del Garga begins when Alessandro Gargani comes back to Florence after eight years in New York as Executive Chef of renowned Mezzogiorno Restaurant in Soho. A restaurant and art gallery where young artists can show their works and customers delight their sight. La storia de La Cucina del Garga inizia quando Alessandro Gargani torna a Firenze dopo otto anni a New York come Executive Chef al famoso Mezzogiorno Restaurant di Soho. Un ristorante–galleria dove giovani artisti possono esporre le loro opere. La Cucina del Salviatino Via del Salviatino, 21 ph. +39 055 9041111 It is the reasturant of Hotel Salviatino. Local cuisine that changes according to seasons. Fruit, vegetables and aromatic herbs are as locally-sourced as you can get: straight from the vegetable garden planted in the wonderful park surrounding the restaurant, next to the age-old orchard. Chef Carmine Calò’s motto is: “Ingredients and Creativity”. È il ristorante dell’Hotel Salviatino. Una cucina legata al territorio e che varia con il mutare delle stagioni. Una cucina che attinge al meraviglioso parco, una cui parte, adiacente allo storico frutteto, è stato adibito a orto biologico per avere verdure, frutta ed erbe aromatiche, realmente a km 0. Il motto dello chef, Carmine Calò, è: “ingredienti e immaginazione”. La Giostra Borgo Pinti, 10r - ph +39 055 241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with world-famous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù.

La Leggenda dei Frati Costa San Giorgio, 6/a ph. +39 055 068 0545 the restaurant is located in the Villa Bardini museum complex, affording some of the most stunning views of the city. The cuisine is innovative yet rooted in the local culinary culture. One Michelin starred. All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle viste sulla città. Una cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Una stella Michelin. La Ménagère Via de’ Ginori, 8r ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in 1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo. La Raccolta Via Giacomo Leopardi, 2r ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio. Locale ∞ Via delle Seggiole, 12 ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei. Lungarno 23 Lungarno Torrigiani, 23 ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine. Lungarno Bistrot Piazza degli Scarlatti, 1r ph. +39 055 2654541 Homemade pasta, bread and cakes, prepared before your eyes in the open kitchen by chefs Francesco Fumarola and Giuseppe Ancona: this is what makes Lungarno Bistrot so special. The outdoor seating area overlooking Lungarno Guicciardini and Palazzo Corsini is another good reason to enjoy the restaurant. Pasta, pane e dolci fatti in casa, preparati nella cucina a vista dagli chef Francesco Fumarola e Giuseppe Ancona: sono queste cose che rendono speciale Lungarno Bistrot. La vista del dehors con affaccio su Lungarno Guicciardini e Palazzo Corsini è un’altra buona ragione per scegliere qesto locale. Marina di Santo Spirito Via Maffia, 1/c ph. +39 333 3178831 Located in the Santo Spirito quarter, this original restaurant has stone flooring from the 14th century, leather sofas and chairs, antique objects hanging from the

Firenze | made in Tuscany 189

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

Il Borro Tuscan Bistro Lungarno Acciaiuoli, 80r ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani. Il Latini Via dei Palchetti, 6r - Palazzo Rucellai ph. + 39 055 210916 The history of Il Latini restaurant is closely associated with that of the city. Today as yesterday, Il Latini offers ribollita and pappa al pomodoro, chine of pork and wild boar stew. Here, one can take in all the atmosphere and capture a bit of the magic of wonderful Tuscany. La storia del ristorante Il Latini si intreccia con la storia della città, con la storia di Maria, moglie di Narciso. Oggi come allora da Il Latini si mangia la ribollita e la pappa al pomodoro, l’arista e il cinghiale. Qui si assapora la materia prima di questa terra meravigliosa che è la Toscana, mentre si cattura un po’ della sua anima. Il Magazzino Piazza della Passera, 2/3 ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno. Il Palagio Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole. Il Santo Bevitore Via S. Spirito, 64r - ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma informale, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante. Io Osteria Personale Borgo S. Frediano, 187r ph+ 39 055 9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

walls and a small stage for live music. The menu features exquisite seafood dishes and much more. Nel quartiere di Santo Spirito, un originale ristorante con pavimento in pietre del Trecento, divani e sedie in pelle, oggetti antichi appesi alle pareti e un piccolo palco per la musica dal vivo. In menù, ottime proposte di pesce e non solo. Mercato Centrale Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte, vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of top-quality food shops and restaurants. Momoyama Borgo San Frediano, 10r ph. + 39 055 291840 A journey into the Japanese flavors of Momoyama, in the heart of the Oltrarno. The raw cuisine directed by Gabriel Camara proffers a classic Japanese menu. The Japanese food cooked by Chef Lorenzo d’Agnello is just as delicious. Un viaggio alla volta dei sapori nipponici di Momoyama, nel cuore dell’Oltrarno. La cucina cruda diretta da Gabriel Camara propone i classici della tradizione giapponese. Ottima anche la cucina giapponese cotta dello chef Lorenzo d’Agnello. Neromo Borgo San Frediano, 23 ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte. Obikà Via Tornabuoni, 16 ph +39 055 2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Foodcertified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence. Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze. Omero Via del Pian dei Giullari, 11 ph +39 055 220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino. One Night in Beijing Via il Prato, 14r ph. +39 055 2608885 A fusion restaurant where Chinese, Japanese, Thai and Vietnamese cuisines meet and mingle. On the ground floor the Sushi Restaurant, on the first floor elegant dining rooms with kitchen on show, grill and bar. Un Fusion Restaurant dove tra tradizione e innovazione s’incontrano Cina, Giappone, Thailandia e Vietnam. Al piano terra il Sushi Restaurant, al piano superiore gli altri eleganti ambienti con cucina a vista, griglia e bar. Onice - Lounge & Restaurant Viale Michelangiolo, 78 ph +39 055 681631 The restaurant is housed in a mid-nineteenth century building, which was

190 Firenze | made in Tuscany

once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo. Ora d’Aria Via dei Georgofili, 11r ph +39 055 2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin. Osteria del Caffè Italiano Via Isola delle Stinche, 11/13r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style Tbone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria. Osteria delle Tre Panche Via Pacinotti, 32r - ph +39 055 583724 The business card reads: “At Andrea’s and Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in 1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffle-flavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo. Pane & Olio Via Faentina, 2r - ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto. Piazza del Vino Via della Torretta, 18r ph +39 055 671404 New York-style atmosphere, stone walls, eye-catching wine boxes and friendly and attentive service at this new Florentine restaurant. The wine list includes over 200 labels and there is a sort of wine fountain that spews fine wine at reasonable prices. Atmosfera newyorkese, muri in pietra, casse di vino che conquistano la vista e un servizio attento e cordiale per questo nuovo locale fiorentino. La carta dei vini include più di 200 etichette e originale l’idea di una fontana del vino che spilla calici di grandi vini. Portofino Viale Mazzini, 25r ph. +39 055 244140 This is a fish-based restaurant that draws inspiration from Tuscan and Ligurian cuisine and makes exclusively use of top-

quality ingredients, freshly-caught fish, homemade bread and desserts. La cucina di mare impera in questo ristorante che trae ispirazione anche dalle varianti della cucina toscana e ligure, per un mix che predilige le materie prime di alta qualità, dal pesce rigorosamente fresco, al pane fatto interamente in casa ai dolci handmade. Ristorante & Wine Bar dei Frescobaldi Via dei Magazzini, 2r ph. +39 055 284724 Tucked away in a corner of Piazza della Signoria, in the heart of downtown Florence, this restaurant has been ranking among the best Italian restaurants on the Michelin guide. Among the must-tries are the Florentine-style T-bone steak, pici with duck sauce and salt cod in various styles paired with fine Marchesi de’ Frescobaldi wines. Affacciato su un angolo di Piazza della Signoria, nel cuore pulsante della città, si trova questo ristorante che privilegia i sapori della cucina toscana. Tra i piatti cult da assaggiare i pici al ragù di anatra e il baccalà preparato in vari modi. Il tutto innaffiato con i pregiati vini dei Marchesi de’ Frescobaldi. Ristorante Frescobaldi Firenze Piazza della Signoria, 31 ph. +39 055 284724 It is the new restaurant by Frescobaldi, one of Italy’s most prestigious wineries. Chef Roberto Reatini offers traditional Tuscan dishes with a contemporary twist. A private dining room on the second floor, cocktail bar, outdoor seating with view of Palazzo Vecchio. È il nuovo ristorante targato Frescobaldi, cantina tra le più prestigiose d’Italia. In cucina lo chef Roberto Reatini che propone i piatti della celebre tradizione toscana con piglio contemporaneo. Privè del secondo piano, cocktail bar e dehors affacciato su Palazzo Vecchio. Ristorante Pizzeria Via Vai Via Pisana, 33r - ph. +39 055 223132 Located near the San Frediano Gate, this restaurant features an innovative New York-style interior design. Don’t forget the “friendship table”, the big 32-seat onyx table placed in the middle of the dining room. In prossimità di Porta San Frediano nasce il ristorante dal design d’arredo innovativo che emula quello di celebri locali newyorkesi. Imperdibile il “tavolo dell’amicizia”, un tavolo in onice con circa 32 posti a sedere, scegliete le specialità a base di carne chianina. Ruth’s Via Luigi Carlo Farini, 2/a ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione. San Niccolò 39 Via San Niccolò, 39r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming seafood restaurant. Seasonal and traditional Mediterranean dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un raffinato ma accogliente seafood restaurant. Piatti stagionali, tipici della cucina mediterranea, presentata però secondo il gusto attuale. Se-Sto on Arno Piazza Ognissanti, 3 ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with all-around windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne.

Strozzi Caffè Colle Bereto Winery Piazza Strozzi - Palazzo Strozzi ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist. Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata. Tabarìn Via dei Vecchietti, 6 ph. +39 055 2399943 The newest temple of taste in Florence. A Parisian atmosphere, soft lights, crimson velvets and elegant chandeliers. International cuisine and American Bar. Il nuovo indirizzo del gusto di Firenze. Atmosfere parigine, grazie a luci soffuse, velluti color porpora e eleganti lampadari. Cucina internazionale e American Bar. Teatro del Sale Via de’ Macci, 111r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi. The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo. The Fusion Restaurant Bar Vicolo dell’Oro, 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant, always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America. The Truffle Experience Via Porta Rossa, 19 ph. +39 055 3995913 The first theme restaurant inside the oldest hotel in Italy, NH-Porta Rossa in Florence, opened by Savini Tartufi, ancient Tuscan family and a true authority on fine truffles. Il primo ristorante tematico all’interno dell’albergo più antico d’Italia, NH-Porta Rossa di Firenze, aperto da Savini Tartufi, storica famiglia toscana e vera autorità in fatto di pregiati tartufi. Trattoria Al Fresco Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 2626460 An exclusive location, nestled in a century-old and luxuriant park in the heart of Florence. Every year, Four Seasons Hotel Firenze welcomes the arrival of spring with the opening of Al Fresco restaurant, based on an innovative concept: trattoria at lunch, pizzeria and barbecue at dinnertime. Una location esclusiva, incastonata nel verde di un parco secolare nel cuore della città: il Four Seasons Hotel Firenze dà ogni anno il benvenuto alla stagione en plein air con l’apertura di ‘Al Fresco’, secondo la formula originale di trattoria a pranzo, pizzeria e barbecue a cena. Trattoria da Sostanza detto il Troia Via Del Porcellana, 25r ph +39 055 212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentine-style steak, the must tries are artichoke pie and


OUTSIDE FIRENZE

Antica Osteria di Novoli Via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve) - ph +39 055 8486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room.

Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata. Antica Sosta Via della Croce, 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca. Enkai Piazza Mino, 12 (Fiesole) Ph. +39 055 462784 Creative sushi and special cocktails with view over Florence. The menu features, in addition to the great classics (salmon, tuna, sea bass), Mazara prawns, shellfish, scampi, meat carpaccios, nigiri and Wagyu meat tartare from Emilia Romagna. A wide selection of international and local cocktails. Sushi creativo e miscelazione d’autore con vista su Firenze. In menu oltre ai grandi classici (salmone, tonno, branzino), gamberi di Mazara, molluschi, scampi, e piatti di terra come carpacci, nigiri e tartare di carne Wagyu allevata in Emilia Romagna. Per i cocktail eccellenze dal mondo con focus sul territorio. F.lli Giusti Località Prulli (Reggello) ph +39 055 863255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica. La Cantinetta Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055 8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto. La Cantinetta di Rignana Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055 852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must. La Casa di Caccia Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) - ph +39 055 8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici. La Martellina Via di Pancole,1 (Strada in Chianti) ph +39 055 858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà. La Tenda Rossa Piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) - ph +39 055 826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione. Mangiando mangiando Piazza Giacomo Matteotti, 80 (Greve in Chianti) - ph +39 055 8546372 In Greve’s main square, a trattoria offering a friendly atmosphere, accurate

service and excellent traditional Tuscan dishes. Nella piazza principale di Greve, una trattoria dall’ambiente familiare e accurato dove gustare ottimi piatti della cucina toscana. Oltre il giardino Piazza Bucciarelli, 42 (Panzano in Chianti) - ph +39 055 852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list. Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini. Osteria di Passignano Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071278 Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina. Podere Torricella Via San Vincenzo, 35 (Montagnana Val di Pesa) ph +39 0571 659189 Restaurant specialising in meat. Excellent wines from the Fattoria Il Turco winery. Breathtaking view from the terrace. Ristorante specializzato in carne. Ottimi i vini della Fattoria Il Turco. Splendida vista panoramica dalla terrazza. Rinuccio 1180 Via Cassia per Siena, 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) - ph +39 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia. Ristorante India Viale Gramsci, 43/a (Fiesole) ph. +39 055 599900 One of the oldest Indian restaurants in the Florence province. The meat-based menu of chicken, lamb and pork cooked according to the traditional tandoor oven method together with unique spices, spicy and not. Il ristorante indiano più antico dell’antica provincia di Firenze. In menù carni di pollo, agnello, maiale cucinati con il tradizionale metodo del forno Tandoori insieme ai sentori unici delle tipiche spezie, piccanti e non. Ristorante La Loggia Via Doccia, 4 (Fiesole) ph. +39 055 5678200 Villa San Michele is Belmond-owned and one of Europe’s most luxurious hotels. Closed in wintertime, the restaurant offers the chance to enjoy delicious meals with view over Florence in spring and summer. Incastonata nell’incantato scenario delle colline fiesolane, all’interno dell’hotel Villa San Michele (Belmond). Chiuso nel periodo invernale, in primavera offre la possibilità di gustare deliziosi pranzi e succulente cene con vista panoramica su Firenze, nel magnifico giardino o in terrazza. Ristorante La Torre Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana. Ristoro l’Antica Scuderia

Via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar. Solociccia Panzano in Chianti - ph +39 055 852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo). Trattoria Donnini Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli) ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

VERSILIA

Al Porto Via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584 388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini. Bistrot Via della Repubblica, 14 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 89879 Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin. Da Giorgio Via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584 44493 Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei. Enoteca Marcucci Via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584 791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia. Franco Mare Restaurant Lungomare di Marina di Pietrasanta ph. +39 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia. Il Piccolo Principe Piazza Puccini, 1 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri.

Firenze | made in Tuscany 191

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

butter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna. Tredici Gobbi Via Porcellana, 9r - ph +39 055 285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless rigatoni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo. Trattoria Gargani Via del Moro, 48r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente. Trattoria Mario Via Rosina, 2r - ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto. Trattoria Pandemonio Via del Leone, 50r ph. +39 055 224002 Friendliness and quick service are the rule. Typical Tuscan dishes with a sophisticated twist such as artichoke and Parmesan cheese appetizer, tortellacci with gorgonzola cheese and rocket, T-bone steak, Fornacina-style peposo, Florentine pot roast. L’ospitalità, la celerità del servizio e la gentilezza sono di casa. Piatti tipici della tradizione, rivisitati in maniera raffinata, tra cui l’antipasto di carciofi e parmigiano, i tortellacci con gorgonzola e rucola, la bistecca, il peposo alla fornacina, lo stracotto alla fiorentina, e l’ossobuco. Winter Garden by Caino Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art decostyle Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

La Magnolia Viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del locale. Una stella Michelin. Lorenzo Via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 874030 A must restaurant for seafood lovers, Lorenzo is famous for its mayonnaise prepared tableside. The service is impeccable, and seafood is master of the menu, with every dish guaranteed fresh. This one-star Michelin restaurant is located directly in the town center. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Famosissima la sua maionese preparata in sala, impeccabile il servizio, ma su tutto regna il pesce, una vera garanzia di freschezza. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino. L’Orsa Maggiore Via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce. Lux Lucis Viale Amm. Morin, 67 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 783636 The Michelin-starred restaurant of the Principe Forte dei Marmi Hotel. Sokol Ndreko is in charge of dining room service, Chef Valentino Cassanelli in the kitchen and the menu features local yet creative dishes to be enjoyed with a view. È il ristorante stellato dell’hotel Principe Forte dei Marmi. In sale l’impeccabile Sokol Ndreko. In cucina lo chef Valentino Cassanelli che propone piatti legati al territorio ma ricchi di suggestioni, da gustare ammirando il panorama dalle ampie vetrate. Maitò Via Arenile, 28 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara. Marechiaro Via Franceschi, 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo. Osteria del mare Viale Franceschi, 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce. Pesce Baracca Via Achille Franceschi, 2 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 1716337 One place with three souls: a restaurant, a fish shop and a street food bar. Seafood dominates the menu, which is composed exclusively of the daily catch. Guests can choose their meals directly from the extensive seafood counter. Un locale, tre anime: ristorante, pescheria e street food. Il menù è dettato dal mare, perché composto solo di pescato del giorno. Agli ospiti la possibilità di scegliere direttamente dal grande banco del pesce.

192 Firenze | made in Tuscany

Romano Via Mazzini, 120 (Viareggio) ph +39 0584 31382 One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato. The Fratellini’s Via della Repubblica, 2/a (Forte dei Marmi) - ph. +39 0584 82931 Owned by brothers David and Marco Vaiani, this restaurant offers fusion cuisine, combining exotic tastes with the culinary traditions of Versilia. Of note are the dishes of raw Italian fish and their curious Japanese variations. The large windows create a space of perfect continuity with the outdoors. È il ristorante dei due fratelli David e Marco Vaiani. Cucina fusion che unisce la tradizione culinaria versiliese con sapori esotici. Crudité di pesce italiano e curiose varianti giapponesi. Le ampie vetrate creano una perfetta continuità con lo spazio esterno.

AREZZO

Antica Fonte Via Porta Buia, 18 - ph +39 0575 28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina. Belvedere Località Bano, 223 - Monte San Savino ph +39 0575 849588 The restaurant features two wide rooms connected by an open walkway and a splendid terrace where you can view the entire valley. Expect traditional dishes. Due ampie sale collegate da un camino aperto e una splendida terrazza con vista su tutta la valle. Piatti della tradizione. La Tagliatella Via Giotto, 45 - ph +39 0575 21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais. Le chiavi d’oro Piazza San Francesco, 7 ph +39 0575 403313 Expect traditional fare from Arezzo, revisited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco. Osteria da Giovanna Via Anconetana, 164 ph +39 0575 36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini Osteria del Teatro Via Maffei, 2 (Cortona) ph +39 0575 630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect re-visited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare

in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati. Osteria Locanda Canto del Maggio Fraz. Penna, 30/d (Terranuova Bracciolini) ph +39 055 9705147 Typical cuisine from the territory. Two musts: Peposo alla Fornacina stew and Maremma-style wild boar topped with black olives and roasted peppers. Cucina tipica del territorio, prodotti dell’orto. Due must: il Peposo alla Fornacina e il cinghiale all’uso delle Maremme. Ristorante Logge Vasari Piazza Grande - ph +39 0575 295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande. Ristorante Relais Il Falconiere Località San Martino, 370 (Cortona) ph +39 0575 612679 One Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed. Una stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

GROSSETO

All’Acquacotta Terme di Saturnia ph. +39 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred. Bracali Via di Perolla, 2 (Massa Marittima) ph. +39 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Chef Francesco Bracali and his brother Luca, sommelier, in charge of the cellar. Una stelle Michelin, il regno dello Chef Francesco Bracali e di suo fratello Luca, sommelier. Canapone Piazza Dante, 3 - ph +39 0564 24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto. Da Caino Località Montemerano (Manciano) ph +39 0564 602817 A famous restaurant where the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove è tuttavia ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin. Encanto White Località Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) - ph. +39 0564 947126 This restaurant is known and appreciated not only for its dishes (rigorously prepared with fresh fish), but also for its enchanting seaside location: a perfect spot for a candlelight dinner. Un ristorante conosciuto e apprezzato non solo per i suoi piatti preparati rigorosamente col pescato del giorno, ma anche per l’incantevole location sul mare, perfetta per una cena a lume di candela. Il Fiore del Tesoro Località Valpiana (Massa Marittima) ph +39 0566 92971 In the countryside, in a lovely place, the chef Heros De Agostinis prepares both fish and meat dishes. In campagna, in un ambiente delizioso, lo chef Heros De Agostinis propone piatti che spaziano fra mare e terra. Il Frantoio Piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564 896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici.

Il Gambero Rosso Lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole) - ph +39 0564 832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto. Il Pellicano Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564 858275 In one of The Leading Hotels of the World in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. Il Tufo Allegro Vicolo Costituzione, 5 (Pitigliano) ph +39 0564 616192 Located in one of the many alleys of the town. Very fascinating place offering Tuscan dishes. Intricato nelle splendide viuzze del paese. Locale di grande fascino con proposte toscane. Salette ricavate nel tufo. Silene Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarkable wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin. L’Andana Località Badiola (Castiglione della Pescaia) - ph +39 0564 944800 Housed inside the L’Andana Hotel. Traditional Maremma cuisine by Chef Alain Ducasse. Excellent wine list. Parte del prestigioso complesso ricettivo dell’hotel L’Andana, cucina paesana proposta da Alain Ducasse rispettando i sapori della Maremma. Eccellente lista vini.

LIVORNO

Cala Nova Strada Malpasso - Capoliveri (Isola d’Elba) - ph +39 0565 968958 Located in an cove amidst lush greenery and the crystalline sea, this high-quality restaurant always offers fresh fish. In una insenatura immersa nel verde e dal mare cristallino, un ristorante di grande qualità, pesce sempre fresco. Capo Nord La Fenicia, 69 - Marciana Marina (Isola d’Elba) - ph +39 0565 996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole. Osteria del Mare Borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586 881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti. Il Cantuccio Largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) - ph +39 0565 976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina. Il Garibaldi Innamorato Via Garibaldi, 5 (Piombino) ph +39 0565 49410 Lovely fish restaurant in the town center. Try the dishes made with the so-called “poor” fish. Delizioso ristorante di pesce nel centro storico. Da provare soprattutto i piatti ottenuti con il pesce “povero”. La Baracchina Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks.


LUCCA

Buca di Sant’Antonio Via della Cervia, 3 - ph +39 0583 55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici. Butterfly Strada Statale del Brennero ph +39 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin L’Imbuto Via della Fratta 38 ph +39 0583 491280 The small empire of Chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello Chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

MASSA CARRARA

Da Riccà Lungomare di Ponente (Marina di Massa) - ph +39 0585 41070 Small restaurant run by the same family since the sixties. Excellent fish. Piccolo ristorantino che dagli anni Sessanta con la stessa gestione propone ottime specialità di mare. Il Trillo Via Bergiola Vecchia 30 - Località Castagnetola (Massa) - ph +39 0585 46755 An attractive restaurant, where the colours of the earth dominate and food culture is well time-honoured. Un ristorante di charme, dove la cultura del cibo è di casa. Dalla stessa passione per i prodotti genuini, nasce la Cantina Bertazzoli. La Peniche Lungobrugiano (Marina di Massa) ph +39 0585 240117 Built on piles, French-style interiors. Fish specialities and also very good pizzas. Location molto particolare su di una palafitta. Ambiente con arredamento che riporta alla Francia. Specialità marinare ed anche ottime pizze.

Ninan Via L. Bartolini, 3 (Carrara) ph +39 0585 74741 A classic and refined restaurant offering traditional dishes revisited by the young chef. Classica signorilità in questo locale con proposte della tradizione rivisitate dal giovane chef.

ge, the restaurant offers a sophisticated cuisine based on the use of top-quality ingredients. Nell’incantevole Borgo Pignano immerso in 750 acri di terreno in cui sorgono una lussuosa villa del XVIII secolo e un borgo di epoca etrusca, il ristorante propone una cucina raffinata in cui protagonisti assoluti sono ingredienti di prima qualità.

PISA

PISTOIA

Osteria dei Cavalieri Via San Frediano, 16 ph +39 050 580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti. Osteria del Porton Rosso Vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050 580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa. Dante e Ivana Viale del Tirreno, 207/c (Tirrenia) ph +39 050 32549 Good wines and elegant and intimate place. Creative fish cooking. Pregevole offerta di vini per una cantina a vista. Cucina marinara fantasiosa. Dal Duca Via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588 81510 In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale. Foresta Via Litoranea, 36 (Marina di Pisa) ph +39 050 35082 Excellent fish dishes. Small restaurant overlooking the sea. Molti piatti di pesce di ottima fattura. Piccolo ristorante affacciato sul mare. Lunasia Via dei Tulipani, 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams. One Michelin star. All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin. Pepenero Via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Miniato. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista. Peperino Via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita. Perbacco Viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586 650324 High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina. Ristorante Villa Pignano Borgo Pignano Loc. Pignano, 6 (Volterra) ph. +39 0588 35032 In the charming Borgo Pignano, nestled in a 750-acre park including a luxurious 18th-century villa and an Etruscan villa-

Atman - Villa Rospigliosi Via Borghetto, 1 - Località Spicchio (Lamporecchio) - ph. +39 0573 1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. OneMichelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

Antica Osteria da Divo Via Franciosa, 25 - ph +39 0577 284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale. Bottega Nuova Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577 284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce. Casato Via Casato di Sotto, 18/26 ph +39 0577 282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo. Fornace di Meleto Località Meleto Gaiole in Chianti, ph. +39 0577 738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa. I Terzi Via dei Termini, 7 - ph +39 0577 44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for Michele, the owner: he will suggest you the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare da Michele, il proprietario, le specialità della giornata. Osteria Le Logge Via del Porrione, 33 - ph +39 0577 48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco. Arnolfo Via XX Settembre, 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars. In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin. Badia a Coltibuono Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità.

Banfi Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti. Castello di Fighine Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) - ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin. I Salotti Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin. Il Colombaio Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin. La Bottega del 30 Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin. Meo Modo Borgo Santo Pietro Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata. Osteria di Fonterutoli Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei. Osteria Le Panzanelle Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

Firenze | made in Tuscany 193

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello. La Pineta Via dei Cavalleggeri Nord, 27 (Marina di Bibbona) ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant businesses due to the creations of Chef Luciano Zazzeri. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana grazie alle creazioni dello chef Luciano Zazzeri. Una stella Michelin. Osteria del Noce Via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) - ph +39 0565 901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra. Scacciapensieri Via Verdi, 22 (Cecina) ph +39 0586 680900 A modern restaurant. Top-quality fish prepared and served by a winning couple. Locale moderno. Specialità di mare di grande qualità. Moglie in cucina e marito in sala per un connubio vincente. Stella Marina Via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio Isola d’Elba) - ph +39 0565 915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.


best of

Modern aanrdt Contemporary

e museums Discovering th at unveil s th and foundation of art from s ce ie the masterp ry to today tu en C the Twentieth

Collezione Roberto Casamonti - Piazza di Santa Trinita, 1 Eliseo Mattiacci at Forte Belvedere (until 14 October) - Via di San Leonardo, 1 Galleria d’arte moderna - Palazzo Pitti, Piazza de’ Pitti, 1 Museo Marino Marini - Piazza di S. Pancrazio Museo Novecento - - Piazza Santa Maria Novella, 1 Palazzo Strozzi (it will host Marina Abramovic from 21 setpember to 20 january) e Strozzina - Piazza degli Strozzi 194 Firenze | made in Tuscany


Vyper-KV52 Speaker | k-array.com

At K-array, we concentrate all our efforts and resources in the revolutionary design and manufacture of highly-efficient sound systems artistically crafted in the heart of Tuscany using only premium materials.


Firenze Made in Tuscany n.47  
Firenze Made in Tuscany n.47  
Advertisement