Page 1

5,00 free copy spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

fashion e in florenc

cover story Paul smith Fashion s/s 2017 East in the air | stefano ricci Interview tom hanks | gerard depardieu art bill viola | Medici Chapels | fashion in florence Itineraries san niccolo | baroque florence | pistoia


Our quest for perfection. Senator Excellence


HONOUR

stefanoricci.com

POWER

PRIDE


FIRENZE

Excellence of artistry, in a bag

Firenze • Palazzo Gondi, Via de’ Gondi 4/6r • +39 055 283669 Milano • Galleria Passarella, 1

www.ireri.it


124

98

104

41

winter in this issue

movie, theatre & music

COVER STORY 86 Paul Smith More than a designer Più che uno stilista by Marta Innocenti Ciulli save as 36 Flo Exhibition 38 Tuscan Exhibition 40 Theatre 42 Pop 44 Food 46 Books people 24 Riccardo Vannetti A cultivator of talent Coltivatore di talenti 26 Bona Bonarelli The heart of a woman Il cuore delle donne 28 Lorenza Borrani Girl with a violin La ragazza col violino by Teresa Favi 30 Lorenzo Cavallo The art of hospitality Se accogliere è un’arte by Elisa Signorini 32 Mihaela Ursu The beauty of Tuscany Toscano è bello by Maria Lardara

90

Tom Hanks

A very special tourist Un turista molto speciale by Giovanni Bogani 94

Gérard Depardieu

À rebours Controcorrente by Giovanni Bogani 134

Barnaba Fornasetti

Operation Don Giovanni Operazione Don Giovanni by Teresa Favi Fashion 49

It object

98

Archivio Foto Locchi

Fashion in Florence Firenze e la moda by Mila Montagni 104

Shooting

East in the air by Marta Innocenti Ciulli

114

Jewels

The scene is yours A voi la scena by Sabrina Bozzoni 124

Stefano Ricci

The world of high style

Il mondo dell’alta gamma by Marta Innocenti Ciulli 146

Gucci Museo

Gucci, the Style Gucci, lo stile by Francesca Lombardi


Florence Showroom Via Lorenzo Bartolini, 4 • Tel. +39 055 213861 In partnership with Hotel Villa Cora, Florence. Antico Setificio Fiorentino is part of the Stefano Ricci Group anticosetificiofiorentino.com


130

176

78

41

winter in this issue

Must Have 117

Trend

119

Shoes

121

Perfume Man

123

art, design & culture 78

Medici Chapels

A marvelous and unique treasure Meraviglioso unicum by Francesca Lombardi 130

Bill Viola

Beyond the real Oltre il reale by Francesca Lombardi 138

Gaetano Pesce

Unlabelled Senza etichette 140

Itinerary

Baroque Florence Firenze Barocca by Salvatore La Spina 176

Carnival

The great show Il grande spettacolo by Teresa Favi 184

Territory

Genius loci Testimone della maestria by Matteo Grazzini

Photography Vienna told by a Florentine Vienna raccontata da un fiorentino by Maria Lardara 190 Wild Dreams Snapshots of freedom Scatti di libertà by Maria Lardara 188

Itineraries 148 San Niccolò Our smallest world Il mondo più piccolo di Firenze by Sabrina Bozzoni 160 Different views Looking up A testa in su by Lavinia Rinaldi 172 Firenze Yes Please Florence as you’ve never seen it before Firenze come non l’avete mai vista by Mila Montagni 194 Culture Pistoia the heart of Italy Pistoia cuore d’Italia by Mila Montagni shot

on site

64, 205

tuscany Guide 220 Hotels 221 Restaurants 226 Last page


tuscany.com

adein www.firenzem

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

QUARTERLY fashion, art, event and lifestyle magazine publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

s

t

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

m

a

d

e

i

n

v

e

n

e

t

o

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli co-editor Guido Parigi Bini managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli contributors

Giovanni Bogani, Cesare Maria Cunaccia, Salvatore La Spina, Maria Lardara, Mila Montagni, Lavinia Rinaldi, Elisa Signorini, Elisabetta Vagaggini, Cinzia Zanfini photographers

Archivio Foto Locchi, Lorenzo Cotrozzi, Dario Garofalo, Massimo Listri, Alessandro Moggi, Luca Moggi, Marco Mori, New Press Photo, Officine Fotografiche, Pasquale Paradiso, Ottavia Poli, Giovanni Presutti, Niccolò Rastrelli, Marco Russo, Sabine Villiard (cover) art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Centroservizi Traduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


Pioneering since 1906. For the pioneer in you. Per celebrare 110 anni di costante innovazione, Montblanc rende omaggio alle sue prime stilograďŹ che con la Montblanc Heritage Rouge et Noir, decorata con l’iconico serpente. Scopra la storia completa su montblanc.com/pioneering. Crafted for New Heights.


contributors

Marta Innocenti Ciulli, 38 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 38 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema. Ilaria Ciuti has been writing for Repubblica (Florentine staff). She deals with matters ranging from environment to traffic, economy, culture, social phenomena and fashion. She travels by bike, has a twenty-two year old daughter and has always been living in Florence. Ilaria Ciuti, scrive su Repubblica dal 1988 (redazione di Firenze). Si occupa dai temi dell’ambiente a quelli del traffico, economia, cultura, fenomeni sociali e moda. Viaggia in bicicletta, ha una figlia di ventidue anni, ha sempre vissuto a Firenze. Felice Limosani. Creative director. The artist with installations for UNESCO, Triennale di Milano, Mies Van der Rohe Pavilion, Sketch Gallery, Accademia di Francia, Artist Video awarded at the 63rd Cannes Film Festival, Digital Storyteller for the Future Concept Lab of sociologist Francesco Morace. Felice Limosani. Creative director. Artista con installazioni per l’Unesco, Triennale di Milano, Mies Van der Rohe Pavilion di Barcellona, Sketch Gallery, Accademia di Francia. Video Artista premiato al 63° Festival del Cinema di Cannes. Digital Storyteller per il Future Concept Lab del sociologo Francesco Morace.

Firenze, Gallerie degli Uffizi Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti 10 gennaio - 5 marzo 2017

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties. Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60.


Italia su misura

100 s e l e c t e d at e l i e r s

The guide dedicated to 100 of the best craftsmen of Italy, a 440-page guide featuring 800 pictures

contributors

Fabrizio Moretti has an Arts degree with a major in history and is an art dealer with galleries in Florence, London and New York. He specializes in Renaissance period. In 2004, the French Minister of Culture bestowed him with the title of Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres. Fabrizio Moretti, laureato in lettere indirizzo storico, è un mercante d’arte con gallerie a Firenze, Londra e New York, specializzate in dipinti Rinascimentali. Nel 2004 il Ministro della Cultura e delle Comunicazioni francese lo ha insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres. Mariangela Rossi, Tuscan writer who has written Il libro dei profumi and 60 consigli di trattamenti benessere. Loves travelling, photography, specialist cooking, antiques markets and cinema. Writes about lifestyles and tourism for various magazines, including Elle, Capital, il Venerdì di Repubblica. Mariangela Rossi, scrittrice di origini toscane ha scritto Il libro dei profumi e 60 consigli di trattamenti benessere. Ama i viaggi, la fotografia, la cucina, i mercatini di antiquariato e il cinema. Scrive di lifestyle e turismo per varie testate, tra cui Elle, Capital, il Venerdì di Repubblica.

Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze.

€ 14,90

The Italia su misura guide is available in the best bookshops in Milan, Florence, Rome and Naples and on

italia-sumisura.it

Nicky Swallow moved to Florence in 1981. She has been writing about Florence and Tuscany for more than 10 years. She writes for many magazines specialized in tourism in Tuscany such as Traveller by Condé Nast. She is a food, restaurant and hotel connoisseur. Nicky Swallow si è trasferita a Firenze nel 1981, ha scritto su Firenze e la Toscana per più di 10 anni. Collabora a numerose riviste che si occupano di turismo in Toscana, fra le quali Traveller di Condé Nast. E’specialista di cibo, ristoranti, alberghi.

Danilo Venturi, dean of Polimoda. Specialised in Art Directing and Strategic Branding, obsessed with ethic and aesthetic research, he is a visionary manager, proponent of a conceptual approach to fashion and its new languages and imageries. Danilo Venturi, dean di Polimoda. Specializzato in Art Directing e Strategic Branding, ossessionato dalla ricerca etica ed estetica, è un manager visionario, sostenitore di un approccio concettuale alla moda e dei suoi nuovi linguaggi espressivi.


Ph. Michael Falco


F A L I E R O S A R T I . C O M


flo people

lent a t f o r o t a v i t l A cu i talenti re d Coltivato

text Teresa Favi

What quality do the 25 creative artists selected for the Tutorship project have in common? They have all participated in the most important international fashion contests, and they all have a unique ability to express themselves in their collections. Plus they have talent. What combination of experiences and attitudes makes you an expert on fashion and style today? A background in the humanities, an aptitude for public relations, love of what I do, an unstoppable passion for the world of fashion and my experience working with some very prestigious companies. What role does Florence play in the world of fashion? Florence is an important city, partly thanks to its peripheral location. Sometimes it’s better to be on the edges of an empire rather than in the capital: it’s a very strategic role. What exhibitions would you like to see in Florence? A solo show by one of my favourite artists, Kimsooja of Korea, perhaps in Palazzo Strozzi. And as a Tuscan, I would like to see a big exhibition about Michelangelo. If possible, a travelling exhibition. Can you name three very stylish places in the city? And Company store in Via Maggio, because I love calligraphy. SE·STO on Arno restaurant, for its breath-taking view of the city. And the Bargello Museum, for its unrivalled sculpture collection.

Riccardo Vannetti, a true Tuscan, is the man chosen by Pitti Immagine to lead its Tutorship division, created a year ago to support designers with Brand Development and Career Management tools 24 Firenze | made in Tuscany

Qual è la qualità in comune tra i 25 creativi scelti per il progetto Tutorship? Hanno partecipato ai più importanti fashion contest internazionali, hanno una capacità unica di sapersi raccontare attraverso le loro collezioni. E hanno talento. Quale miscela di esperienze e attitudini ha fatto di lei l’esperto di stile e di moda di oggi? Una formazione umanistica, un’attitudine alle relazioni pubbliche, un amore per ciò che faccio, un’irrefrenabile passione per il mondo della moda ed esperienze professionali in aziende di grande prestigio. Che ruolo occupa Firenze nell’universo moda? Firenze è una città importante grazie anche alla sua perifericità. Talvolta essere ai confini dell’impero è più importante che esserne capitale: è un ruolo assolutamente strategico. Le mostre che aspetta di vedere a Firenze? La personale di una delle artiste che amo di più, la coreana Kimsooja, magari a Palazzo Strozzi. E da toscano mi piacerebbe una grande mostra dedicata a Michelangelo, possibilmente itinerante. Tre luoghi ad alto tasso di stile in città? Il negozio And Company in Via Maggio, perché adoro la calligrafia. Il ristorante SE·STO on Arno, per la vista mozzafiato sulla città. Il Museo del Bargello, per un percorso senza eguali nella scultura.


www.angelacaputi.com

ph. alessandrobencini.com


flo people

oman w a f o t r a e h The e donne ell Il cuore d

text Teresa Favi

Was this a desire to do something new? A decision dictated above all by my heart. And in Claudia Camarlinghi I found someone willing to believe in it. What is unique about the Ma’an project? The collection is a meeting point between two cultures – Eastern and Western. Seductive fashion for women, but with “modesty” and intelligence. What does the name of the brand mean? It comes from the Arabic word for “water”, as the source of life What kind of woman has the collection has been designed for? An international, elegant woman,. What does it consist of? Caftans, dresses, shirts, pants and also never heavy jewellery – fish that swim through the water with transparency and purity. Is it on sale in Florence? Certainly, and not only, it has been sold all over the world. In Florence you can find it at LuisaviaRoma. The top three addresses for style in Florence according to Bona Bonarelli? Luisa via Roma, Istituto Marangoni and Paola Locchi. Your secret itinerary for enjoying Florence far from the usual tourist destinations… Piazzetta delle Api, unknown to most people, and the Church of San Michele a Monteripaldi.

Fashion communications expert Bona Bonarelli takes a new direction as creative and producer of a project together with Claudia Camarlinghi, a collection with a name as mysterious as it is glamourous - Ma’an 26 Firenze | made in Tuscany

Voglia di fare qualcosa di nuovo? Una scelta dettata soprattutto dal cuore. E in Claudia Camarlinghi ho trovato una persona disposta a crederci. Qual è l’unicità del progetto Ma’an? La collezione vuole essere un punto di incontro tra due culture: Occidentale e Orientale. Moda per donne seducenti ma con “pudore” e intelligenza. Cosa significa Il nome del brand? Deriva dall’arabo “acqua”, come fonte di vita e di purezza. La collezione è pensata per una donna… Internazionale ed elegante. Come è declinata? Caftani, abiti, camicie, pantaloni e gioielli preziosi ma mai pesanti; pesci che abitano l’acqua in un gioco tra trasparenza e purezza. Si potrà trovare a Firenze? Certo e non solo, è stata venduta in tutto il mondo. A Firenze è da Luisa via Roma. Tre indirizzi di stile in città secondo Bona Bonarelli? Luisa via Roma, Istituto Marangoni e Paola Locchi. Il suo itinerario segreto per gustare Firenze lontano dai circuiti più turistici… Piazzetta delle Api. Sconosciuta ai più. E la Chiesa di San Michele a Monteripaldi.


flo people

olin i v a h t i w l r i G ino a col viol la ragazz

text Teresa Favi

You performed for the first time when you were 11 and your international career began when you were 14. To what extend do talent, study, character and significant encounters contribute to a successful career? They are all important. I would add a little bit of luck and to character some courage to take on challenges. Talent plays a determining role initially, because it gives you the energy to move forward while also enjoying yourself. Study allows you to continue to grow. Do you have a metaphor for choosing to become a violinist? Playing an instrument means entering a dimension that is parallel to real life. It’s wonderful to realize you have entered a better world. How often do you travel in a year for your performances? On average I end up having one week a month free from concerts both in Florence and Berlin, depending on requests. Peter and the Wolf with Roberto Benigni and conducted by Abbado. What do you remember? It all actually happened by chance. A spontaneous idea. A game. Can you tell us anything about the concert Amici della Musica, with Carcano, to be held in March? We met on a musical level during the performance of Brahms’s Symphony no.2 and after Beethoven’s Symphony no.10 we vowed to meet again. Our idea was to work on a repertory that would compel us to find a common interpretation of diverse languages. Florence and music. What is the first thing that comes to mind? It makes me think of how important music was when I was growing up in Florence and of the concerts my instructor Alina Company would take me to. It was like discovering a whole new world.

Lorenza Borrani, a Florentine but citizen of the world. Music being the heart of her life, she often leaves Florence to fly to Berlin 28 Firenze | made in Tuscany

I primi concerti a 11 anni e la carriera internazionale a partire dai 14. Talento, studio, carattere e incontri speciali in percentuale? Tutti fattori determinanti. Agli incontri aggiungerei un po’ di fortuna e al carattere un po’ di coraggio di mettersi in discussione. Il talento ha un ruolo determinante all’inizio, perché dà l’energia per andare avanti divertendosi. Lo studio permette di continuare a crescere. La metafora per raccontare il suo imbracciare un violino… Suonare è entrare in una dimensione parallela alla vita reale. È bellissimo comprendere di essere entrata in un mondo migliore. Quanti viaggi fa nell’arco di un anno per i suoi concerti? In un mese ho una media di una settimana libera da viaggi che divido tra Firenze e Berlino a seconda delle esigenze. Pierino e il Lupo con Benigni diretta da Abbado, un suo ricordo? Fu davvero un caso, un’idea improvvisata, un gioco. Il concerto agli Amici della Musica che terrà a marzo....? Carcano e io con la Seconda di Brahms ci siamo musicalmente conosciuti e per la Decima di Beethoven ci siamo promessi di rincontrarci. Firenze e la musica. La prima cosa che affiora? Ho vissuto la musica a Firenze molto di più quando ero bambina e la prima cosa sono i concerti sentiti con la mia insegnante Alina Company, la scoperta di un mondo.


High Jewellery since 1903

PHOTO: ANNA MINAEVA | GRAPHIC: MARCO MERLINI


flo people

tality i p s o h f o t r a The è un’arte e

lier Se accog

text ELisa Signorini

What is the situation of tourism at this time in Florence? We are seeing people arrive from countries with very different perceptions of charm, luxury and hospitality. Tourism is going through a phase in which you need to have an open mind and take great care. What do travellers want from a hotel? A hotel is no longer just a place to sleep when travelling; it is now an important part of the trip, an experience in itself. This is the challenge in the hospitality industry today: satisfying needs which are common to everyone in the market while at the same time maintaining a unique identity. Without ever giving in to the trend to lower the standard. How many travellers’ desires have you had to respond to in your career? The great and terrible thing about this job is working with people. I always try to remember that travellers carry two kinds of baggage: the baggage you can see and the baggage you can’t see, which is very heavy, because it contains all their fears, desires and expectations. What would be the first place you’d go to see in Florence, and your favourite place? I love food markets. In Florence, you mustn’t miss the markets of San Lorenzo and Sant’Ambrogio. And then there’s the Ospedale degli Innocenti, a real turning point toward the modern age in culture. What is the best breakfast like? Breakfast must be amazing, but also welcoming, with old-fashion flavours, the scent of freshly baked bread or cake and good music.

Lorenzo Cavallo studied law, comparative literature and marketing, and now manages Hotel Cellai, a Charming Boutique Hotel in Florence. The Hotel is a member of the Chateaux & Hotels Collection, a French brand of charming luxury hotels for which Cavallo is an Ambassador 30 Firenze | made in Tuscany

Che periodo sta vivendo il turismo a Firenze? Ci confrontiamo con viaggiatori provenienti da paesi con modi molto diversi di percepire lo charme, il lusso, l’accoglienza. Il turismo sta vivendo un periodo in cui tutti i players devono dimostrare grande apertura e attenzione. Cosa cerca il viaggiatore in un albergo? Gli alberghi non sono più luoghi dove si dorme durante un viaggio, ma sono parte del viaggio e il viaggio è ormai un’esperienza. Questa è la sfida per chi fa accoglienza: soddisfare esigenze comuni a tutti i mercati e al tempo stesso mantenere un’identità unica. Senza mai assecondare la tendenza al basso. Quanti desideri di viaggiatori ha incrociato nel suo cammino? Lo splendore e la dannazione di questo mestiere è che si lavora con la gente. Ricordo sempre che chi viaggia ha due valigie: quella che si vede e quella invisibile, ma pesantissima, piena di desideri, paure, aspettative. Il primo luogo da vedere in città e quello che si porta nel cuore. Adoro i mercati alimentari. A Firenze da non perdere quello di San Lorenzo e quello di Sant’Ambrogio. E poi l’Ospedale degli Innocenti, vera cesura culturale verso l’età moderna. La miglior colazione. La colazione deve essere mirabolante, ma al tempo stesso accogliente, con i sapori di una volta, il profumo del pane, di un dolce appena sfornato e buona musica.


ALPHA-STUDIO.COM FIRENZE

VIA PORTA ROSSA 39R


flo people

cany

f Tus o y t u a e b e h T lo è bel Toscano

text Maria Lardara

What does the name of the restaurant mean to you? Well, apart from the fact that Parigi is the surname of the former owner, and I wanted to keep it, I have always loved Paris, and especially French wines. What is cooking associated with most, in your mind? With love. Absolutely. Food is an act of love, literally a gut sentiment. Just like being in love. When did you first start cooking? I’ve always been in the restaurant kitchen, never waiting on tables. I am the creative mind behind the dishes, and the cook is my right hand, interpreting my ideas. But I do all the cooking at home. Which are your most characteristic dishes? Gold old-fashioned home cooking. The simplest recipes, but also the hardest, because of the difficulty locating some of the ingredients. Today’s generations no longer remember the old recipes. Make our mouths water. Fava beans and chicory, as served in Puglia. Or “cibreo”, a traditional dish from Florence. I love it, along with tomato soup and kidneys. What can’t Mihaela live without? The restaurant logo: it’s a drawing of me that my daughter did when she was 6. What kind of diners are the people of Florence? Difficult, very demanding, but also very rewarding.

Mihaela Ursu, born in 1977, is the proprietor of “La Bottega di Parigi” restaurant (Via di Terzollina 3/R). When she came here from Romania twenty years ago, she fell in love with the traditional dishes of Tuscany and with French wines. She has a dream: owning her own vineyard 32 Firenze | made in Tuscany

Cosa significa per lei Parigi? Al di là del fatto che Parigi è il cognome del vecchio proprietario che ho voluto riprendere, il mio cuore batte da sempre per la capitale francese, in particolar modo per i vini di quella terra. Cucinare fa rima con? Amare, senza dubbio. Il cibo è un atto d’amore, sentimento che si sprigiona dalla pancia. Come quando siamo innamorati. La prima volta che si è sei messa ai fornelli. Al ristorante mai stata in cucina, sempre in sala. Io sono la mente creativa dei piatti, il cuoco è la mano destra che asseconda le mie idee. A casa però cucino, tanto. I piatti che più le appartengono? Quelli della tradizione antica e casalinga. Sono le ricette più semplici ma anche le più difficili, soprattutto per la difficoltà a reperire le materie prime. Le generazioni di oggi non hanno memoria delle antiche ricette. Ci faccia venire l’acquolina in bocca. Fave e cicoria, alla pugliese. Oppure il cibreo, tipico della tradizione fiorentina. Lo adoro, insieme alla pappa al pomodoro e al rognone. “Mai più senza” per Mihaela. Il logo del ristorante: racchiude un mio ritratto disegnato da mia figlia quando aveva 6 anni. Come sono i fiorentini a tavola? Difficili ed esigenti ma danno tanta soddisfazione.


partner for

FASHION IN FLORENCE THROUGH THE LENS OF ARCHIVIO FOTO LOCCHI Palazzo Pitti, Firenze 9 gennaio - 8 aprile 2017


save as flo exhibition

Art and its languages

L’arte e i suoi linguaggi text Francesca Lombardi Museo del Novecento

Palazzo Strozzi

Galleria dell’Accademia

Palazzo Pitti

Villa Bardini Museo Alinari

36 Firenze | made in Tuscany

January Ai Weiwei. Libero. at Palazzo Strozzi until 22 January. A dissident artist and controversial personality who has exhibited at the most important museums in the world, Ai Weiwei has invaded Palazzo Strozzi with his historical works as well as his new productions. The entire palace has become a showcase for his artistic expression: the facade, the courtyard, the Piano Nobile (first floor) and La Strozzina. From 9 January to 5 March, the Andito degli Angioini in Palazzo Pitti is hosting the extraordinary exhibition Fashion in Florence, the birth of Italian fashion in Florence, through the LocGennaio A Palazzo Strozzi fino al 22 Gennaio Ai Weiwei. Libero. Artista dissidente e personalità provocatoria, protagonista di mostre presso i maggiori musei del mondo, Ai Weiwei ha invaso Palazzo Strozzi con opere storiche e nuove produzioni che coinvolgeranno tutto lo spazio: la facciata, il cortile, il Piano Nobile e la Strozzina. Dal 9 gennaio al 5 marzo la Galleria del Costume di Palazzo Pitti ospita la straordinaria mostra Fashion in Florence sulla nascita della moda italiana a Firenze, attraverso le mostre dell’Archivio Locchi Febbraio Gaetano Pesce, Maestà Tradita. 1956-2016 fino all’8 Febbraio al Museo del Novecento. Ogni sala costituisce un’installazione multisensoriale che comunica attraverso odori, sostanze liquide, suoni, elementi vari, la

chi Archive exhibitions the Galleria Dell’Accademia February will be hosting Giovanni Dal Gaetano Pesce, Maestà Tradita Ponte (1385-1437). Protagonista 1956-2016, until 8 February at the Dell’Umanesimo Tardogotico. The Museo del Novecento. Each room first monographic exhibition deis an installation which, through voted to one of the most imporsmells, liquid substances, sounds tant artists of the early 15th cenand other elements, communi- tury in Florence. The End of the cates the challenges of women World is another exhibition that in a world still controlled by a will be running until 19 March consistent and conservative male at a venue not far from Florence, nature. Pesce’s new sculpture, the the Centro Pecci. Visitors can see Maestà Tradita is displayed in Pi- works by fifty artists displayed azza Santa Maria Novella. throughout a 3,000-square-meter At Villa Bardini until 26 Feb- area. ruary, La Divina Commedia Di At the Museo Ferragamo, Across Venturino Venturi. A poem in im- Art and Fashion, until the end of ages: visitors can read and ad- March. On display, accessories mire Dante’s work through the and iconic dresses which comcontemporary vision of the Tus- bine art and fashion design in can artist Venturino an inseparable way. Venturi, a remarkFrom 10 March able interpreter of to 23 July Palazzo the culture of the Strozzi will be host20th-century. ing another solo of a Paintings, March huge contemporary Until 12 March, sculptures, artist, Bill Viola. difficoltà di essere videos: La prima rassegna donna in un mon- Florence monografica dedido ancora dominacata a uno dei prois an to dalla omogenea tagonisti di primo e conservativa na- effervescent piano nel panotura maschile. In city rama artistico fioPiazza Santa Marentino del primo ria Novella, posta in relazione quarto del secolo XV. Ci spocon la magnifica facciata della stiamo non lontano da Firenze basilica progettata da Leon per un’altra mostra che dura Battista Alberti, Pesce esporrà fino al 19 marzo: La Fine Del una scultura inedita, la Maestà Mondo al Centro Pecci. 50 artisti Tradita. internazionali e con un allestiA Villa Bardini fino al 26 feb- mento che si estende sull’intera braio La Divina Commedia Di superficie espositiva del museo Venturino Venturi: una poesia per di oltre 3000 metri quadrati, immagini: leggere e ammirare i Prosegue per tutto marzo la versi di Dante interpretati con mostra Tra arte e moda al Mul’ottica contemporanea dall’ar- seo Ferragamo. In mostra, actista toscano Venturino Venturi, cessori e abiti iconici in cui arte straordinario interprete della e moda si uniscono fino a concultura del secondo Novecento fondersi. Al partire dal 10 marMarzo zo gli spazi di Palazzo Strozzi La Galleria Dell’Accademia ospiteranno un’altra personale ospita fino al 12 marzo Giovanni di un grandissimo del contemDal Ponte (1385-1437). Protagoni- poraneo: Bill Viola, fino al 23 sta Dell’umanesimo Tardogotico. luglio.


www.gianfrancoferrehome.it – ph. (+39) 031 70757


save as tuscan exhibition

Unexpected art

L’arte che non ti aspetti text Virginia Mammoli

Palazzo Blu

Museo del Tessuto

Fondazione Centro Matteucci

Lu.C.C.A.

PALP Museo Alinari

38 Firenze | made in Tuscany

JANUARY Until 29 January, Prato Textile Museum, Garden of Delights, feltmaker Majorlein Dallinga’s first solo show in Italy. Fourteen felt works inspired by Hieronymus Bosch’s painting The Garden of Earthly Delights come to life in the Museum’s exhibition rooms in a magic and surreal atmosphere by harmonizing them with the fabrics and age-old machinery on display. Ending on 29 January is another solo show, Livorno, approssimativa, of works by Maurizio Biagini, known as the “rebel painter”, at the Granai, Villa Mimbelli. 30 large canvases on display for the first time. GENNAIO Fino al 29 gennaio, Museo del Tessuto di Prato, Il Giardino delle delizie, la prima mostra personale in Italia della felt-maker Marjolein Dallinga. Quattordici grandi opere in feltro, ispirate all’omonimo dipinto di Hieronymus Bosch, in un percorso magico e surreale che le armonizza con i tessuti e i macchinari storici custoditi all’interno del museo. Termina il 29 gennaio un’altra personale: Livorno, approssimativa, dedicata a Maurizio Biagini, detto “il pittore ribelle”, nei Granai di Villa Mimbelli. 30 tele di grandi dimensioni, mai esposte prima. FEBBRAIO Si conclude il 5 febbraio, Dalì. Il Sogno del Classico, al Palazzo Blu di Pisa: di-

and Francesco Cinelli’s L’anima FEBRUARY Ending on 5 February at Palazzo ritrovata. At the Fondazione CenBlu, Pisa Dalí. Il Sogno del Clas- tro Matteucci in Viareggio until sico. Works in which the painter 26 Fenruary, Il tempo di Signorini references Raphael, puts Michel- e De Nittis. L’Ottocento aperto al angelo’s masterpieces under his Mondo nelle Collezioni Borgiotti unmistakeable surrealist lens, and e Piceni. Along with Signorini the entire series of illustration for and De Nittis, works by ZandoDante Alighieri’s Divine Com- meneghi, Boldini, Lega and other edy, one of the greatest works of great XIX century artists. world literature. Salvador Dalí is MARCH/APRIL also the protagonist in Pietrasan- On until 18 April at PALP - Palata, also until 5 February, with Tra zzo Pretorio / Piaggio Museum Sogno e Realtà. Sculptures on dis- in Pontedera, Tutti in moto! Il mito play between the central Piazza della velocità in cento anni d’arte Duomo and the cloisters of St (Let’s all ride motorbikes! The myth Augustine’s Church, include the of speed in one-hundred years of art) famous melting clock and gigan- and Futurismo, velocità e fotografia tic works such as the more than 7 (Futurism, speed and photography). More than 150 works, including metre tall Space Elephant. paintings, sculpTwo other interesttures, photographs ing solo shows also and posters by great end on the same day Italian artists such at Lu.C.C.A. - Lucas Fattori, Severini, ca Center of ConArt in Carrà, Boccioni and temporary Art: BeaBalla. trice Gallori’s Core Tuscany. pinti in cui il Great solo atrice Gallori. pittore cita Raf- shows and Core e Francesco faello e rivisita Alla Fonincredible Cinelli. sotto un’incondazione Cenfondibile lente group tro Matteucci surrealista i ca- exhibitions di Viareggio va polavori di Miin scena fino al chelangelo, e l’intera serie 26 febbraio Il tempo di Siche illustra il capolavoro gnorini e De Nittis. L’Ottoassoluto di Dante Alighieri, cento aperto al Mondo nelle la Divina Commedia. Anche Collezioni Borgiotti e Piceni. a Pietrasanta, sempre fino Insieme a Signorini e De al 5 febbraio, il protagoni- Nittis, opere di Zandomesta è Salvador Dalì, con Tra neghi, Boldini, Lega e altri Sogno e Realtà. Tra piazza grandi del XIX secolo. del Duomo e il chiostro di MARZO/APRILE S. Agostino, esposte alcu- Prosegue fino al 18 aprile ne sculture, tra cui, oltre Tutti in moto! Il mito della al famoso e iconico oro- velocità in cento anni d’arte logio “squagliato”, opere al PALP - Palazzo Pretorio gigantesche, come Space / Museo Piaggio di PonteElephant, alto più di 7 me- dera. Oltre 150 opere, tra tri. Lo stesso giorno termi- dipinti, sculture, fotografie nano anche le due interes- e manifesti di grandi arsanti personali in corso al tisti italiani come Fattori, Lu.C.C.A. - Lucca Center Severini, Carrà, Boccioni e of Contemporary Art: Be- Balla.


Via Vecchietti 22R - Firenze ph. +39 055 215504

Piazza Strozzi 16R - Firenze ph. +39 055 2382501


save as classic

Rushing to the theatre Di corsa a Teatro

text Teresa Favi

Il Borghese Gentiluomo

Don Giovanni

Quello ch non ho

Romeo e Giulietta

Elvira Museo Alinari

40 Firenze | made in Tuscany

JANUARY From the 10th to 13th, at Teatro della Pergola, Mozart’s Don Giovanni is on stage, in the exciting new production design by Fornasetti with costumes by Romeo Gigli. From the 20th January to 3rd February at Opera di Firenze, David McVicar’s magnificent new production design for Gounod’s Faust. On the 21st and 22nd, at the Teatro Verdi, Cirkopolis with the Cirque Eloize. On the 23rd, at La Pergola, The King’s Singers are coming. From 27th January to 5th February, again at La Pergola, Il borghese gentiluomo by Molière with Emilio Solfrizzi. From the 31st January to 12th GENNAIO Dal 10 al 13, Teatro della Pergola, va in scena Don Giovanni di Mozart, nel nuovo avvincente allestimento firmato Fornasetti con i costumi di Romeo Gigli: sul podio dell’orchestra Silente Venti! Simone Toni. Dal 20 gennaio al 3 febbraio all’Opera di Firenze, nuovo magnifico allestimento di David McVicar per il Faust di Gounod. Il 21 e il 22, al Teatro Verdi Cirkopolis con il Cirque Eloize. Il 23, alla Pergola, per gli Amici della Musica arrivano i The King’s Singers. Dal 27 gennaio al 5 febbraio, sempre alla Pergola, Il borghese gentiluomo di Molière con Emilio Solfrizzi. Dal 31 gennaio al 12 febbraio, al Teatro Niccolini Elio presenta Cantiere Opera. FEBBRAIO Dal 7 al 12, al Teatro della

February, at Teatro Niccolini, Elio the Orchestra and Chorus of the Maggio Musicale Fiorentino live. presents Cantiere Opera. On the 11th, at La Pergola, GabriFEBRUARY From the 7th to 12th, at Teatro ele Carcano and Lorenza Borradella Pergola, Shakespeare’s Ro- ni for Amici della Musica Again meo and Juliet with Lucia Lavia on the 11th at Opera di Firenze, and Alessandro Preziosi. Again Lang Lang in concert. From at La Pergola, the 14th to 24th, Le the 14th to 19th, at La Pergola, sorelle Materassi with Milena Vu- the Locandiera B&B with Laura kotic. The 15th, at Teatro Verdi, Morante. From February 18th to Tango Nuevo with the Roberto March 12th, at Teatro Niccolini, Herrera company. On the 17th, Elvira written by and starring at Opera di Firenze, a concert Toni Servillo. From the 19th to conducted by John Axelrod. The 25th, at Teatro Goldoni, La scuola 18th (4:30 pm) Teatro Verdi, Peter de’ gelosi by Antonio Salieri. From and the Wolf by Prokofiev, with the 23rd to 29th, at the Opera di Bustric. From the 24th to 26th, Firenze, The Magic Flute by Moagain at the Verdi, Magic Florence. zart. From March 24th to April 2nd, at Teatro della Pergola, Ciao MARCH From the 7th to 12th, at the Teatro with Massimo Ghini. APRIL della Pergola, Quello From the 4rth to che non ho with Neri 7th, at Teatro NicMarcorè. On the colini, Storia del sol10th, at the Nelson Let dato by Paolo Mieli Mandela Forum, a yourself with Iaia Forte. screening of The Return of the King, with be drawn Pergola Romeo e in by these rentino dal vivo. L’11, alla Pergola, Giulietta di Sha- cultured, Gabriele Carcano kespeare con dazzling e Lorenza BorraLucia Lavia e Alessandro Pre- and moving ni per gli Amici della Musica eseziosi. Sempre events guono musiche alla Pergola, dal 14 al 24 Le sorelle Materassi di Barto’k, Brahms, Henze, con Milena Vukotic. Il 15, Beethoven. Ancora l’11 all’Oal Verdi, Tango Nuevo con la pera di Firenze, Lang Lang compagnia di Roberto Her- in concerto. Dal 14 al 19, alla rera. Il 17, all’Opera di Firen- Pergola, la Locandiera B&B ze, concerto diretto da John con Laura Morante. Dal 18 Axelrod. Il 18 (16.30) Teatro febbraio al 12 marzo, al TeaVerdi, Pierino e il Lupo di tro Niccolini, Elvira di e con Prokof’ev, con Bustric. Dal 24 Toni Servillo. Dal 19 al 25, al al 26, sempre al Verdi, Magic Teatro Goldoni, La scuola de’ gelosi di Antonio Salieri. Dal Florence. 23 al 29, all’Opera di Firenze, MARZO Dal 7 al 12, al Teatro della Il flauto magico di Mozart. Dal Pergola, Quello che non ho con 24 marzo al 2 aprile, al Teatro Neri Marcorè. Il 10, al Nelson della Pergola, Ciao con MassiMandela Forum, proiezione mo Ghini. de Il ritorno del re terzo film APRILE della trilogia de Il Signore Dal 4 al 7, al Teatro Niccolidegli Anelli con l’Orchestra e ni, Storia del soldato di Paolo Cori del Maggio Musicale Fio- Mieli con Iaia Forte.


save as pop

Destination Live Destinazione Live text Sabrina Bozzoni

J-Ax & Fedez

Green Day

Patty Pravo

Marracash and Guè Pequeno

Luciano Ligabue Museo Alinari

42 Firenze | made in Tuscany

JANUARY On Wednesday 11th at Nelson Mandela Forum, the live performance of Green Day, in support of their latest album “Revolution Radio”. Over 120 million records sold over a 50 year career, and an unmistakable voice: Patty Pravo returns to Florence on Thursday 26th at the Obihall. The soundtrack to “Lord of the Rings” trilogy, composed by Howard Shore, will be performed live by Orchestra, Choir and Coro delle voci bianche (children’s choir) of the Maggio Musicale Fiorentino on Friday 27th and Saturday 28th at Nelson Mandela Forum. FEBRUARY GENNAIO Non potevamo iniziare meglio: mercoledì 11 al Nelson Mandela Forum il live che ogni amante del rock aspettava, quello dei Green Day, in occasione dell’uscita del loro nuovo album “Revolution Radio”. 50 anni di carriera, oltre 120 milioni di copie vendute e una voce indimenticabile: Patty Pravo torna a Firenze, giovedì 26 all’Obihall. La trilogia de “Il Signore degli Anelli” con la colonna sonora di Howard Shore dal vivo eseguita da Orchestra, Coro e Coro delle voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino arriva venerdì 27 e sabato 28 al Nelson Mandela Forum. FEBBRAIO Giovedì 2 il talento vocale ed espressivo di Arisa approda on stage all’Obihall con un repertorio live composto dai

Thursday 2nd, Arisa take to the Neri, Marco Baroni, Domenico stage at the Obihall with a live Canu and Sergio Della Monica, repertoire including the ten song otherwise known as Planet Funk, tracklist from her latest work return to Tenax. “Guardando il cielo” and other MARCH hits. On Tuesday 9th, Voltarelli Monday 6th, at the Opera di Ficanta Profazio at the Spazio Alf- renze, a new chapter begins for ieri. On Friday 15th, get ready for Baustelle, with their new masthe Santeria Live Tour of Marra- terpiece “L’amore e la violenza”. cash e Guè Pequeno: a tour which Tuesday 14th, on stage at the crystallises the highest peaks in Obihall, the soul of Macy Gray the career of the two rappers. The for an unforgettable live perforsame stage is host to one of Ita- mance. Wednesday 15th, the pop ly’s most talented young singer- duo “par excellence”, J-Ax & Fesongwriters: Diodato, Friday 17th dez, take the stage at the Nelson at the Spazio Alfieri. Uriah Heep, Mandela Forum. Thursday 16th, forever considered one of the Mario Biondi takes his turn at the fundamental points of reference Obihall. Still more great Italian in the history of rock, arrive Sat- music with the not to be missed urday 18th, at the Viper Theatre. live of Brunori Sas on Friday 17th. Let’s round things Monday 20th at the off with rock muTeatro Puccini, the sic of Luciano Ligavoice of Simona Mobue on Wednesday linari pays tribute 22nd and Thursday to Ella Fitzgerald 23rd at the Nelson in “Loving Ella”. Mandela Forum. Saturday 25th, Alex A winter menico Canu e dieci brani del full of Sergio Della Mosuo ultimo lavo- music. nica in arte Plaro “Guardando il Discover net Funk, tornano cielo” e altri successi. Allo Spazio the top nel loro amato Tenax. Alfieri martedì events! 9 Voltarelli canta MARZO Profazio. Venerdì 15 prepa- Lunedì 6 all’Opera di Firatevi al Santeria Live Tour renze un nuovo capitolo per di Marracash e Guè Pequeno: i Baustelle, che giungono in un tour che cristallizza, dopo città con un nuovo capola15 anni di carriera, i momen- voro “L’amore e la violenza”. ti più alti della carriera dei Martedì 14 on stage all’Odue rapper. Stesso palco per bihall il soul di Macy Gray uno dei più talentuosi gio- per un indimenticabile live. vani cantautori italiani: Dio- Mercoledì 15 il duo pop per dato, venerdì 17 allo Spazio eccellenza, J-Ax & Fedez arAlfieri. Uriah Heep, da sem- riva al Nelson Mandela Fopre considerati come punto rum. Giovedì 16 è il turno di di riferimento fondamentale Mario Biondi all’Obihall, anper il rock storico, arrivano cora grande musica italiana: sabato 18 al Viper Theatre. venerdì 17 da non perdere il Lunedì 20 al Teatro Puc- live di Brunori Sas. Conclucini la voce di Simona Moli- diamo con il rock di Luciano nari omaggia Ella Fitzgerald Ligabue mercoledì 22 e gioin “Loving Ella”. Sabato 25 vedì 23, al Nelson Mandela Alex Neri, Marco Baroni, Do- Forum.


instagram.com/zannettisrl pinterest.com/ZannettiWatch facebook.com/zannettiwatches shop.zannetti.it


save as food

A journey through flavors Un viaggio tra i sapori

text Matteo Grazzini From 11 to 13 March, at the Stazione Leopolda, Florence, Taste no. 12. The show dedicated to the top food products, the Italian lifestyle and the design of the branded Pitti Immagine table is back again and does so with the experience and success acquired during its previous 11 editions. The event, a collaboration between Pitti Immagine and the ‘gastronaut’ Davide Paolini, will bring the products and innovations of approximately 350 companies to the Leopolda, selected from among the best niche producers and

Museo Alinari

44 Firenze | made in Tuscany

Dall’11 al 13 marzo, Stazione Leopolda, Firenze, Taste n. 12. Torna puntuale il salone dedicato alle eccellenze del gusto, dell’Italian lifestyle e del design della tavola targato Pitti Immagine e lo fa forte dell’esperienza e dei successi raccolti durante i suoi primi 11 anni. L’evento, nato dalla collaborazione tra Pitti Immagine ed il ‘gastronauta’ Davide Paolini, porterà alla Leopolda i prodotti e le novità di circa 350 aziende, selezionate tra le migliori produzioni di nicchia e specializzate provenienti da tutta l’Italia. Un trionfo di sensi e di idee, ma anche la scoperta delle tante e spesso nuove modalità in cui oggi si esprime e si sperimenta il gusto: tra tra-

specialists from all over Italy. level of participation as a big A triumph of the senses and international show: 340 exhibof ideas, but also the discov- itors from all over Italy, 15,500 ery of the many and often new visitors expected over the ways in which we express and three days of the event, 5,000 experiment with taste: tradi- buyers and industry profestion and innovation, trends sionals from over 40 counand schools of thought, tries, 525 Italian and foreign equipment and professional journalists, 23,000 products techniques, food and kitchen sold at the Taste Shop and 150 events in the FuoriDiTaste design. Go from stand to stand to program. change latitudes, tastes, hab- It is in fact the FuoriDiTaste its, and even the tools of the program that gives that extra chefs, pastry chefs and food touch to the event, the icing lovers, from color to color to on the cake (and never was a discover new compositions for saying more appropriate) that setting and enriching the ta- completes the experience in ble. A journey through flavors a masterly way: Taste takes to that ends at the Taste Shop, the squares, streets and bars, animating them where dreams with themed tastand wishes come true in the form ings, parties, dinners, installations, of products to buy At the shows and creaand enjoy quietly Leopolda tive performances at home. All this and debates. with the same Station,

espositori da tutdizione e innova- the twelfth ta Italia, 15.500 zione, tendenze e edition visitatori attesi scuole di pensie- of Taste. ro, attrezzature e nei tre giorni di salone, 5.000 tecniche profes- For all food buyer e operatosionali, food & lovers kitchen design. ri del settore provenienti da Di stand in stand per cam- oltre 40 paesi, 525 giornalisti biare latitudini, gusti, abi- italiani ed esteri accreditati, tudini e anche strumenti di 23.000 prodotti venduti al lavoro di cuochi, pasticceri Taste Shop e ben 150 eventi e amanti della cucina, di co- nel programma di FuoriDilore in colore per scoprire Taste. nuove composizioni per im- È proprio FuoriDiTaste a bandire e arricchire la tavola. dare quel tocco in più al saUn viaggio sulla scia di sapo- lone, quella ciliegina sulla ri che termina al Taste Shop, torta (e mai modo di dire fu dove i sogni ed i desideri di- più appropriato) che comventano realtà sotto forma pleta l’opera in modo magidi prodotti da acquistare e strale: Taste va in città, entra gustare con calma a casa o in piazze, strade e locali, anidurante qualche occasione mandoli con degustazioni a tema, feste, cene, installaziospeciale tra amici. Il tutto con numeri da gran- ni, spettacoli e performance de fiera internazionale: 340 creative e dibattiti.


HOKUSAI

by J Leather Promotion

date 10th January 2017

Via della Condotta 50R Firenze Tel 055-2776472 www.gentenfirenze.it www.gentenfirenze.com info@gentenfirenze.it CGenten Firenze CONTRIBUISCE AL RESTAURO DI CONTRIBUTES TO THE RESTORATION OF

PALAZZO VECCHIO DI FIRENZE


save as book

When winter kicks in, books must be able to tell a story to get you dreaming. Just like a cocktail made in Harry’s Bar (strictly Florence!) demands. And the book you lose yourself, ensconced by the unique atmosphere of a historical setting, has that cover of times gone by in a dusty yet scintillating pink; the traditions, practices, customs, recipes, reflections and the elegance of an aristocratic yet always new bar as recounted by Alessandro Querci and Roberto Focardi, in keeping with the best Florentine traditions: low-key, with faithfulness and a touch of unequalled humour. Also very Tuscan is the entrepreneurial story described in the pages of Genius Loci, the volume

chords of that fundamental relationship between father and son that is shaped on the pretext of existential and real emergency, such as life that overwhelms and changes ones priorities in the blink of an eye. Without asking anything and without waiting. Like son for father and father for son. From father to daughter, on the other hand, run the photos of one of the most precious archives of Florence, that of the Locchi Studio. From January 9, it will tell the story of the intense relationship that has existed since the last century between Florence and

that explains the recent changes that have led to the creation of Confindustria Toscana Nord that in the last two years have witnessed the “fusion” of businesses in Lucca, Pistoia and Prato, to better face the always new challenges that the three Italian provinces are grappling with. A book that thanks to photos by Dario Garofalo, captures the reality of the companies in movement and action, redefines the reality of the manufacturing sectors, whilst expert journalists re-examine the same reality to help the reader understand a highly crucial time. Another weighty story is that by Pietro Grossi, who in Il passaggio (The passage), reaches into the past, touching the deepest

the most noble and haute couture fashion in the exhibition titled “Fashion in Florence through the lens of Archivio Foto Locchi”. The exhibition is completed by an important catalogue edited by our publishing house, assisting with the organisation with its prestigious location in the Andito degli Angiolini at Palazzo Pitti. A glimpse of fashion of another kind is that proposed in the fast-moving pages of the book by the fashion blogger Irene Colzi: A tutto stile! (Style abounds). An unexpected chance to learn how to identify and create one’s style, even when one has no talent in this regard. Perhaps backed up by a budget of unlimited dimensions.

46 Firenze | made in Tuscany

Quando l’inverno si fa più freddo i libri devono esser capaci di raccontare una storia e di far sognare allo stesso tempo. Proprio come un cocktail preparato come… l’Harry’s Bar (rigorosamente Firenze!) comanda. E il libro nel quale immergersi, sentendosi avvolgere dall’atmosfera unica di un locale storico, ha una copertina d’antan di un colore polveroso ma scintillante di rosa; le tradizioni, gli usi, i costumi, le ricette, le riflessioni, l’eleganza di un bar blasonato ma sempre nuovo è raccontato da Alessandro Querci e Roberto Focardi, secondo la mi-

Books to get you dreaming Libri per sognare

glior tradizione fiorentina: senza gridare, con lealtà e un pizzico d’impareggiabile umorismo. Molto toscana è anche la vicenda imprenditoriale descritta nelle pagine di Genius Loci, il volume in cui si comprendono i cambiamenti recenti che hanno condotto alla creazione di Confindustria Toscana Nord che negli ultimi due anni ha visto “fondersi” le realtà delle imprese di Lucca, Pistoia e Prato, per affrontare al meglio le sfide sempre nuove che impegnano le tre province. Un libro che anche grazie agli scatti di Dario Garofalo, capaci di fissare la realtà delle aziende in movimento e azione, riesce a ridefinire la realtà dei comparti produttivi, mentre esperti giornalisti la esa-

minano per meglio sostenere il lettore nella comprensione di un momento di grande importanza. Una storia di peso è anche quella che Pietro Grossi, nel suo Il passaggio, tira fuori dal vissuto, sfiorando le corde più profonde di quel rapporto essenziale teso tra padre e figlio e che è modulato sul pretesto di un’emergenza esistenziale e vera, come la vita che travolge e cambia le priorità in un momento. Senza chiedere niente e senza aspettare. Come i figli per i padri e i padri per i figli. Da padre a figlio a figlia, invece, si scivola lungo le fotografie di uno degli archivi fotografici più preziosi di Firenze, ovvero quello dello Studio Locchi, che dal 9 gennaio racconterà del rappor-

to intenso che dal secolo scorso esiste tra Firenze e la moda più blasonata e haute couture attraverso la mostra “Fashion in Florence through the lens of Archivio Foto Locchi”. La mostra è completata da un importante catalogo curato dalla nostra casa editrice, che collabora all’organizzazione la cui prestigiosa sede è l’Andito degli Angiolini a Palazzo Pitti. Un flash di moda d’altro genere è quello proposto nelle svelte pagine del libro della fashion blogger Irene Colzi: A tutto stile! Un’occasione inattesa per imparare a trovare il proprio stile e a costruirselo, anche quando ci si senta negati per farlo. Magari avendo a disposizione un budget tutto da inventare.


it object

e trust w é t e l l o c é d In pre È per sem té DécolleB ozzoni text Sabrina

Elegant and contemporary, a perfect combination of femininity and audacity. Ireri reinterprets one of the great classics of fashion transforming it into a highly personal obsession. The icing on the cake? The inlaid flower on the strap. Love at first sight. Elegante e contemporanea, un connubio perfetto tra femminilità e audacia. Ireri interpreta un grande classico della moda per renderlo un personalissimo cult. La ciliegina sulla torta? Il fiore intarsiato sul cinturino. Ed è subito amore. Firenze | made in Tuscany 49


Teatro Fragranze Uniche Boutique Via Porta Rossa 11R, 50123 Firenze, Tel.: 055 0649290 www.teatrofragranzeuniche.it


it object

ith love Creatceodn w il cuore Creata nocenti Ciulli text Marta In

Realised entirely by hand. The handmade document bag by Stefano Ricci with a sophisticated process of crocodile braiding and inserts. A true object of desire in his honour. A masterpiece of functional architecture for everyday living. Interamente realizzata a mano. La handmade document bag di Stefano Ricci si avvale di una sofisticata lavorazione intrecciata e inserti di coccodrillo. Un vero oggetto del desiderio a lui dedicato. Un capolavoro di architettura molto funzionale legato alla quotidianitĂ . Firenze | made in Tuscany 51


it object

ture u f e h t f o s n g Si l futuro a Segnali Bdozzoni text Sabrina

A true masterpiece of design. Between the cutting edge materials technology and avant-garde form. Nike presents the new VaporMax for Comme des Garรงons. For true sneaker addicts and collectors, available from nike.com Un vero capolavoro di design. Tra tecnologia dei materiali e avanguardia nelle forme Nike presenta le nuove VaporMax for Comme des Garรงons. Per veri sneakers addicted e collezionisti, in vendita su nike.com. Firenze | made in Tuscany 53


FIRENZE Via dei Fossi 41r, ph. +39 055 287632

www.studiodimorecollection.com info@studiodimorecollection.com facebook: Studio Dimore Collection instafram: studiodimorecollection

MILANO Corso Italia 1 ph. +39 02 89092704


it object

on Limiteeldimeitdatiati edizion Bozzoni text Sabrina

Swiss automatic movement, secret signature on the sapphire glass, stainless steel case, hand-stitched Louisiana alligator strap. And then there is the watch face: a jade dial, masterfully engraved by skillful artisans, in low-relief. Magnificum Jade, the exclusive signature collection by Zannetti. Movimento svizzero automatico, vetro zaffiro con firma segreta, cassa in acciaio, cinturino in alligatore Louisiana cucito a mano. E poi il quadrante: un disco in giada magistralmente incisa a bassorilievo da abili artigiani. E’ Magnificum Jade, collezione esclusiva firmata Zannetti. Firenze | made in Tuscany 55


at

Blu Knight | Piazza Scarlatti, 2r - 50125 Firenze - Tel 055 283398 - info@bluknight.it

bluknight.it


it object

e body Written oonrptoh ul c Scritto Bsozzoni text Sabrina

Seductive and bewitching. In the magnificent Autografo collection by La Perla nude tulle with alluring motifs is used to produce an effect of calligraphy ornaments on the body. A homage to a woman’s curves. And remember, you are beautiful. Seducente e ammaliante. La collezione Autografo di La Perla echeggia una calligrafia tracciata sul corpo grazie a una leggerissima rete stretch color nudo decorata da motivi seducenti. Un inno alle forme del corpo femminile. E ricordatevi: siete bellissime. Firenze | made in Tuscany 57


it object

ence... r o l F r a e d y M Firenze… Mia caraBozzoni text Sabrina

The city of beauty is the inspirational muse of a fountain pen designer. The Masters for Meisterstück Firenze Alligatore matches the experience of Montblanc with the rich artistic traditions of Florence. The detail? Black alligator skin with platinum details in the finish. La città della bellezza è la musa ispiratrice di una stilografica d’autore. La Masters for Meisterstück Firenze Alligatore coniuga l’esperienza Montblanc, con le ricche tradizioni artistiche della città di Firenze. Il dettaglio? Pelle di alligatore nera con dettagli finitura platino. Firenze | made in Tuscany 59


Ristorante Borgo San Jacopo, Caffè Dell’Oro, The Fusion Bar & Restaurant

Peter Brunel

Peter Brunel, Executive Chef stellato dei ristoranti e bar della Lungarno Collection si declina in tre stili diversi: dall’alta gastronomia del Borgo San Jacopo premiata con 1 stella Michelin, allo stile bistro squisitamente italiano del Caffè dell’Oro, fino ai gusti esotici del Fusion Bar & Restaurant. Un volto, tre diverse proposte di intrattenimento culinario!

Peter Brunel, Michelin star Executive Chef of the Lungarno Collection’s restaurants and bars expresses three different styles: from the gourmet cuisine at the Borgo San Jacopo, awarded by 1 Michelin star, to the exquisite Italian bistro Caffè dell’Oro, and lastly the exotic flavours of the Fusion Bar & Restaurant. One face, three different culinary experiences!


GALLERY HOTEL ART

Ristorante Borgo San Jacopo

Ristorante Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62R +39 055 281661 bsj@lungarnocollection.com ristorantebsj.com

Caffè dell’Oro

Caffè dell’Oro Lungarno degli Acciauoli, 2P +39 055 2726 8912 oro@lungarnocollection.com caffedelloro.com

The Fusion Bar & Restaurant

The Fusion Bar & Restaurant Vicolo dell’Oro, 5r +39 055 2726 6987 tf@lungarnocollection.com thefusionbar.com


shotonsite

Vanessa Zoppas, Alberto Moretti

Elena Iannantuoni, Federica Damiani

Maddalena Ciaramella, Monica Sarti

Ori Kafri, Natalie Kriz

Eleonora and Carlo Frescobaldi

Silvia Orsi Bertolini, Andrea Cavicchi

Francesca Cavicchi, Raffaello Napoleone 64 Firenze | made in Tuscany

Massimo Listri, Michele Bonan

The exclusive event to celebrate Firenze Made in Tuscany’s 10th anniversary in Serre Torrigiani with Fani Gioielli

Silvia Panicucci, Marinella and Helga Fani

Cesare Cecchi, Gianni Mercatali

Patrizia Panchetti, Cristina Giachi


shotonsite

Alessia Lana, Ilaria Raffaelli, Carlotta Lana, Fiammetta Vanelli

Matteo Parigi Bini, Dario Nardella, Alex V. Lana

Leonardo Stanta, Eleonora Maggini, Niccolò Biondi

Patrizio Lari, Elena Tee

Filippo Ricci

Pierettore and Ginevra Olivetti Rason

Giacomo Bei, Gianluca Tenti

Giovanni Bogani, Lida Luzzi

Partners: Banca Federico Del Vecchio, Dr Vranjes and Alfa Romeo Brandini. Catering: Galateo Ricevimenti with vini Cecchi and vodka VKA

Niccolò Manetti, Fabio Bechelli, Helga Fani

Annagreta and Andrea Panconesi

Vanni Torrigiani, Simone Bellocci, Rachele Di Fiore, Susanna Torrigiani

Agostino Poletto, Aiza and Emiliano Rinaldi

Valeriano Antonioli, Elisa Piccini Firenze | made in Tuscany 65


FIRENZE VIA PORTA ROSSA 66/R - TEL. 055.0980016


shotonsite

Giovanna and Marcello Fratini, Paola Manfredi

Marta Olivari, Alessandro Grassi

Irene Sanesi, Jacopo Morelli

Monica Sarti

Nicoletta Spagnoli, Elisabetta Fabri

Enzo Casati, Stefano Venturi

Sandro Fratini

Cocktail party at the Helvetia & Bristol hotel, organized with Chopard and Porsche Partners: Faliero Sarti and Dr Vranjes

Teresa Sancristoforo, Ferruccio Ferragamo

Arcangela Limosani, Agostino Poletto

Emiliano Rinaldi, Tommaso Fontani

Gianluca Tartarini Firenze | made in Tuscany 67


shotonsite

Deborah Salvatori Rinaldi, Marta Carissimi, Martina Fusini, Tatiana Cecchi

Alessandro Barellini, Marco Baroni

Lara Giannoni, Piero Rosai, Alessia Loiero

Olivier de Molina, Warren Knight

Orlando Meucci, Kseniia Smirnova

Roberta Cipriani, Giovanna Luzzi

Marinella Fani, Alberto Gilardino, Helga Fani

Gennaro De Maio, Teodolina Maresca

Ana Susic, Andrea Marroni

Bianca Salaris, Giuseppe Soin 68 Firenze | made in Tuscany

Laura Vichi, Lucia Loi

Presentation of the special Christmas issue at Fashion Foodballer with Fani Gioielli. Tasting of Cecchi vini during the event

Alexandre Pennese, Veronica Petrone

Giuseppe Grevi, Francesco Meozzi


Lo charme di una casa storica fiorentina in una cornice di lusso senza tempo Villa Cora Viale Machiavelli 18 Florence, 50125 Italy Tel. +39 055 228790 booking@villacora.it


shotonsite

Carlotta Turini, Edgardo Osorio, Erin Quiros

Maria Sole Cecchi, Riccardo and Ferruccio Ferragamo

Sophie Coccoloni, Elena Sella

Maria Luisa Ciravolo, Ilaria Corsetti

Elisa Paita, Pamela Caciai

Elia Androsoni, Ginevra Pratesi

Matteo Baroni, Matteo Ippolito

Opening of the Les Petit Joueurs boutique on Via de’ Tornabuoni and exclusive dinner party at the Uffizi’s Library

Pietro Mazzanti, Vania Regina Soares

Maria Sole and Andrea Cecchi

Massimiliano Cecchi, Ilan Carmel, Liron Benhur

Cristina and Marco Bettini

Vanessa Zoppas, Novella Benini Firenze | made in Tuscany 71


shotonsite

Tiziana Muscatello, Marco Raveggi, Piero Antinori

Bruno and Gessica dal Dosso, Milva Martellini

Mariateresa and Piero Guicciardini

Fabio Nerdosi, Loris Ceffa

Beatrice and Gennaro Brandi

Rossana Zucchelli, Raffaella Pagano

Gaia Bartolini, Antonio Rondelli

Maria Teresa Guicciardini, Nicoletta Goggioli

Mariapia and Stefano Marianelli 72 Firenze | made in Tuscany

Daniela Graff, Alessandro Traveso

Presentation of the new Porsche Panamera with exclusive dinner party at La Villa of Four Seasons Hotel Firenze

Benedetta Di Paolo, Piero Antinori, Mauro Angiolucci

Simona Kocurova,Tommaso Corsini


B

LEONE LU AT PALAZZO RICASOLI

S

uites

S

ALONS

H

Piazza Carlo Goldoni, 2 - Firenze - Tel (+39) 055.290270 info@leoneblu.com - www.leoneblu.com

ospitality


shotonsite

Generoso Di Meo, Vittorio Sgarbi

Generoso Di Meo , Barbara Kappel

Kati Dollenz, Vitus Pasch

Peter Weisz, Dizzi Alfons

Diana De Feo, Ada Urbani

Theresa Auersperg

Roberto and Generoso Di Meo

Pasquale Terraciano, Nancy Dall’Oglio

Angelo Bucarelli, Pinar Dogru

Presentation of the Di Meo calendar, made by Massimo Listri, at the Kunsthistorisches Museum of Vienna

Luigi and Marta Di Persia

Christof and Eva Dichand, Massimo Listri

Vittoria and Guglielmo Giovanelli

Licia and Alli Puca Firenze | made in Tuscany 75


shotonsite

Ludovica Grapau, Tancredi Biondi Santi

Monica Loiolo, Irene Geronico, Stefania Giusti, Cristina Loriolo

Chiara Rosi, Antonio Marcelli

Andrea Tinalli, Noemi Sodi

Samuel Wilkinson, Marcus Dunberg

Camilla Ciappi, Jacopo Fusi

Antonio Rizzuto

Ilaria Ciuti, Franco Baccani

Erminia De Paolo, Giorgio Tiritilli 76 Firenze | made in Tuscany

Emiliano Fossi, Francesco Casini, Alessio Calamandrei

Two events at the Montblanc boutique: presentation of the new SIHH watch line and event for the restauration of books damaged by the flood

Brad Brubaker, Meredith Coughlin, Paul Feakes

Roberto Lucarini Manni, Enrico Bardelli

Silvia Alessandri, Giuseppe Buschtein


BOUTIQUE HOTEL

a casa, a Firenze..

CELLAI BOUTIQUE HOTEL | Via 27 Aprile 14, 52/R - 50129 Firenze, Italia Tel. 0039.055.489291 | Fax 0039.055.470387 | www.hotelcellai.it | info@hotelcellai.it


cover story

78 Firenze | made in Tuscany


A marvelous and unique treasure Meraviglioso unicum text Francesca Lombardi photo Marco Russo

Firenze | made in Tuscany 79


aaa

aaa

Michelangelo ‘Tomb of Lorenzo de’ Medici’, ‘Aurora’ 80 Firenze | made in Tuscany


aa saa

Michelangelo ‘Tomb of Lorenzo de’ Medici’ The Museum of the Medici Chapels, created in 1869, consists of the Chapel of the Princes, a mausoleum inlaid with Florentine mosaics, created to hold the mortal remains of the Medici princes and capped by the great dome designed by Ferdinando Ruggeri at the start of the 18th century; the treasury rooms of San Lorenzo; the New Sacristy built to the right of the San Lorenzo transept; the crypt where the family members and their relatives are buried; and the Lorraine crypt – closed to the public at this time – where the mortal remains of the Lorraine family are buried. We made an exclusive visit to the crypt with Monica Bietti. From her office just a few steps away from the bronze statue of the Palatine Electress, she explains the sense of the San Lorenzo complex as a single entity, an organic whole that can only be fully comprehended after seeing all of it. In addition to the Museum, the complex includes the Church of San Lorenzo, the Old Sacristy and the Laurentian Library. Through the years it has undergone many fragmentations. Today, the Library is protected by the Revenue Office; the Church and the Library are ecclesiastical properties; while the Museum of the Medici Chapels and the New Sacristy, together with the Martelli residence, are administered by the State. Conceiving of these parts as a unity is simply a mental exercise for visitors, not at all hindered by the administrative fragmentation. The history of the Medici Chapels begins with Cosimo I de’ Medici, first Grand Duke of Tuscany who, between 1561 and 1568, entrusted the commission to Giorgio Vasari (1511-1574), whose idea it was to adorn the chapels with marbles and mosaics. However, works began only during the reign of Grand Duke Ferdinando I, who had founded the Opificio Fiorentino delle Pietre Dure in 1588 for this specific purpose, calling many famous masters of stone inlay to Florence. Access is through the underground crypt built in 1608,

Il Museo delle Cappelle Medicee, creato nel 1869, è costituito dalla Cappella dei Principi, mausoleo intarsiato di pietre dure destinato ad ospitare le spoglie mortali dei principi Medici, con la grande cupola progettata da Ferdinando Ruggeri agli inizi del Settecento; dalle stanze del tesoro di San Lorenzo; dalla sagrestia Nuova edificata a destra del transetto di San Lorenzo; dalla cripta dove sono sepolti i membri della famiglia e i loro familiari; e dalla cripta lorenese – attualmente chiusa al pubblico - che accoglie le spoglie mortali della famiglia dei Lorena. Lo abbiamo visitato in esclusiva con il funzionario responsabile dott.ssa Monica Bietti, che dal suo studio a due passi dalla statua in bronzo dell’Elettrice Palatina, ci racconta il senso del complesso laurenziano nell’ottica di un unicum, di un insieme organico che si comprende fino in fondo solo se visto nella sua interezza. Fanno parte del complesso, oltre al Museo, la Chiesa di San Lorenzo, la Sagrestia Vecchia e la Biblioteca Medicea Laurenziana. Negli anni è stato oggetto di numerose frammentazioni: oggi la Biblioteca è sotto l’egida del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo dell’Intendenza di Finanza, la Chiesa e i sotterranei la Biblioteca sono beni ecclesiastici, mentre il Museo delle Cappelle Medicee e la Sagrestia Nuova, con Casa Martelli, sono amministrati dallo Stato, ossia sempre dal Ministero, sotto la nuova direzione del Museo Nazionale del Bargello. Ma il pensarli uniti è in fondo, per i visitatori, solo un esercizio mentale, assolutamente non impedito dalla sua frammentazione amministrativa. La storia delle Cappelle Medicee prende avvio con Cosimo I de’ Medici, primo Granduca di Toscana, che, tra il 1561 ed il ’68, affidò l’incarico a Giorgio Vasari (1511-1574) al quale si deve l’idea del rivestimento di marmi e di mosaici. I lavori furono però iniziati solo sotto il granducato di Ferdinando I, che nel 1588 aveva fondato allo scopo l’Opificio fiorentino delle Pietre Dure, chiamando a Firenze numerosi e famosi Firenze | made in Tuscany 81


cover story

The Princes Chapel consisting of a octagon covered by robust cross-vaults springing from pilasters of pietra forte, in which the rectangular chapels are inserted. Here, in 1791, Ferdinando III of Lorraine, realized the burial chamber, bringing the mortal remains of the Medici family here from the Old and New Sacristies and from tombs beneath the Church. The burial chambers of the Medici family members are situated in the four lateral chapels, in an underground crypt facing the modern entrance and beside the great pilasters of the octagon, generally grouped by family nuclei. The Lorraine crypt is situated behind the altar in the crypt under the chorus of the basilica, halfway between the Medici burial chamber and the tomb of Cosimo, Pater Patrie. Two stairways of pietra forte lead to the Chapel of the Princes, an octagon conceived as a church with a central plan that rests on the presbytery and chorus of the Basilica of San Lorenzo and on those connected to it. Started under Ferdinando I in 1604, it was Anna Maria Luisa, the last heir to a dynasty that would be extinguished at her death, who implemented a decisive acceleration almost a century later. During her life, in fact, the dome vaults were built, while the mosaic decoration originally programmed was substituted by a fresco, realized only later in the Lorraine era (18281837) by the neoclassic painter Pietro Benvenuti, with four episodes drawn from the stories of Genesis (Creation of Adam and Eve, Original Sin, Death of Abel and the Universal Flood) opposite four episodes from the New Testament (Nativity, Crucifixion, Resurrection and the Universal Judgement). In the final ring, divided into octagons, there are the images of the four Evangelists (John, Luke, Mark and Matthew) and the four figures of the Precursors (Moses, Aaron, David and St John Precursor. A hallway leads from the mausoleum to the chapel built by Papa Leo X to unite the mortal remains of his family, the New Sacristy built to balance the one by Brunelleschi, 82 Firenze | made in Tuscany

maestri lapicidi. Vi si accede dalla cripta sotterranea realizzata nel 1608, costituita da un ottagono coperto da robuste volte a crociera poggianti su pilastri in pietra forte, nel quale sono inserite le cappelle rettangolari. Qui nel 1791 Ferdinando III di Lorena realizzò il sepolcreto, trasportandovi le salme dei Medici, prima ubicate sia nella Sagrestia Vecchia, sia in quella Nuova che nei sotterranei della chiesa. Nelle quattro cappelle laterali, in una cripta sotterranea di fronte all’attuale entrata e accanto ai grandi pilastri dell’ottagono sono collocati i depositi dei membri della famiglia Medici, generalmente riuniti per nuclei familiari. La cripta lorenese è situata dietro l’altare della cripta, sotto il coro della basilica, nel mezzo fra il sepolcreto mediceo e la tomba di Cosimo Pater Patrie. Da due scale in pietra forte si raggiunge la Cappella dei Principi, ottagonale, concepita come una chiesa a pianta centrale che si appoggia al presbiterio e al coro della Basilica di San Lorenzo ed a quelli collegata. Iniziata sotto Ferdinando I nel 1604, fu Anna Maria Luisa, ultima erede di una dinastia destinata ad estinguersi con lei, ad imprimere al cantiere un’accelerazione decisiva, quasi un secolo dopo. Durante la sua vita infatti fu voltata la cupola mentre la decorazione a mosaico prevista all’origine fu sostituita da una ad affresco realizzata solo in epoca lorenese (1828-37) dal pittore neoclassico Pietro Benvenuti con quattro episodi tratti dalle storie della Genesi (la Creazione di Adamo ed Eva, il Peccato originale, la Morte di Abele, il Diluvio Universale) ai quali si contrappongono altrettanti episodi tratti dal Nuovo Testamento (Natività, Crocifissione, Resurrezione e Giudizio Universale). Nell’anello finale, diviso in ottagoni vi sono le immagini dei quattro Evangelisti (Giovanni, Luca, Marco, Matteo), e le quattro figure dei Precursori (Mosè, Aronne, David e San Giovanni precursore). Un corridoio ci guida dal mausoleo alla cappella voluta da Papa Leone X per accogliere le spoglie dei suoi congiunti –il fratello Giu-


cover story

1

2

3

1. Grand-ducal manifacture, semi-precious stone decorations applied to the altar in 1938 2.Donatello, detail of the Martelli sarcophagus 3. 4. 6 Details of the Old Sacristy 5. Stained-glass window in the Church of San Lorenzo

4

5

6 Firenze | made in Tuscany 83


cover story

Filippo Lippi, “Annunciation” with internal architectural and sculptural furnishings by Michel- liano, duca di Nemeour e il nipote Lorenzo, duca di Urbino - padre angelo on a structure previously designed by Giuliano da Sangallo. Lorenzo, il Magnifico e lo zio Giuliano, la Sagrestia Nuova, costruita The works lasted fourteen years and suffered many interruptions a péndant di quella brunelleschiana , fu ideata nel suo arredo arattributable to important historical events – including the escape chitettonico e scultoreo interno da Michelangelo forse su un preceand return of the Medici family to power – and remained unfin- dente impianto progettato da Giuliano da Sangallo. Il lavoro durò ished in 1534 when Michelangelo moved permanently to Rome. quattordici anni, subì numerose interruzioni a causa di importanti Commissioned by Cosimo I, Giorgio Vasari and Bernardo Buontal- vicende storiche - tra cui la fuga e il ritorno dei Medici al potere enti gave the New Sacristy the arrangement it still - e rimase inconcluso nel 1534, per il definitivo trahas today, between 1554 and 1555. di Michelangelo a Roma. Furono Giorgio The Old sferimento An extraordinary discovery was made in 1978 Vasari e Bernardo Buontalenti, per commissione di Sacristy was Cosimo I, tra il 1554 ed il 1555, a dare l’assetto attuale regarding a small underground chamber right below the chapel designed by Michelangelo. It designed alla Sagrestia Nuova. Una straordinaria scoperta del seems that Buonarroti had hidden there during by Filippo 1975 ruota intorno a un piccolo sotterraneo proprio the days of the collapse of the Republic and the cappella firmata da Michelangelo: qui sembra Brunelleschi, sotto return of the Medici family to power. The drawche si fosse nascosto il Buonarroti durante i giorni the New del fallimento della Repubblica e il ritorno dei Meings on the walls, some of which are of superb quality, confirm the presence of the artist in these Sacristy by dici al potere. I disegni sul muro, alcuni di altissima places. testimoniano la permanenza dell’artista in Michelangelo qualità, Our visit is coming to an end, but to achieve that questi luoghi. La nostra visita volge al termine, ma and paid for by per seguire quella completezza di cui ci ha parlato sense of unity mentioned at the start by the director, we crossed the Church, not without turnthe Medicis all’inizio la direttrice, abbiamo attraversato la Chiesa ing our glance to Filippo Lippi’s Annunciation, - non senza volgere lo sguardo all’Annunciazione di recently restored and sublimely luminous, to enter the Old Sac- Filippo Lippi, recentemente restaurata e luminosa in una maniera risty. Commissioned by Giovanni de’ Medici from Brunelleschi, quasi sublime - per entrare nella Sagrestia Vecchia. Commissionata it has a different allure than the chapel by Michelangelo but is da Giovanni de’ Medici a Filippo Brunelleschi ha un fascino diverso just as fascinating. It is a more rough-hewn casket if compared da quella michelangiolesca ma che conquista ugualmente. Uno scrito the marbles of the New Sacristy and has its apex in the apse gno più ruvido se paragonato ai marmi della Sagrestia Nuova, trova il where the representation of the celestial hemisphere, of a deep suo acme nell’abside dove una rappresentazione dell’emisfero celeintense blue, lightens the severe atmosphere of meditation cre- ste, di un blu intenso e profondo, alleggerisce il severo raccoglimenated by Brunelleschi and Donatello. to creato da Brunelleschi e Donatello. 84 Firenze | made in Tuscany


cover story

The Old Sacristy’s dome and interior Firenze | made in Tuscany 85


cover story

More than a designer Più che uno stilista

text Marta Innocenti Ciulli photo Sabine Villiard Paul Smith is back at Pitti Uomo as the star of this season’s show Il ritorno di Paul Smith al Pitti Uomo. Protagonista degli eventi di questa edizione

If his real ambition was to become a professional racing cyclist, we should be grateful for the twist of fate that brought Paul Smith to the world of fashion design. As the saying goes, when one door closes another door opens: because of the accident that happened, Paul decided to fall back on his second passion in life: fashion. It was the year 1970. As soon as he got back on his feet, Paul started deepening his knowledge of art-especially Mondrian and Warhol- and of architecture, design and music with a group of art students he had met at the hospital. Paul started taking evening classes in tailoring. He started working with his girlfriend Pauline Denyer. She encouraged him to open his first shop in Nottingham, which offered various designers brands alongside some of his own unlabeled models. Paul’s first pieces met with great success and six years later, in 1976, he sent an entire menswear collection down the runway in Paris. And he invented a style: the best of traditional men’s suits made with the finest British fabrics, combined with unexpected and joyful, bold and even provocative patterns. A style that was designed to break with the past, but which is still very fashionable because it reflects the eclectic personality of its creator. Paul is also a shrewd and wise businessman. His company, which the big groups of the luxury fashion industry have been desperately trying to take over for years, has grown and expanded to include lifestyle products. Shops opening all over the world, the womenswear collection, shoes and accessories, eyeglasses, luggage, wristwatches, books, perfumes, pens, carpets, chinaware, furniture, and collaborations with Rapha, Burton, John Lobb, Leica, Apple, the childrenswear collection. Last but not least, the Hello, my name is Paul Smith exhibition, which will be touring the world following the 86 Firenze | made in Tuscany

Se il sogno era davvero quello di diventare ciclista professionista, c’è da esprimere gratitudine a un episodio che sul momento non fu proprio positivo. E come succede talvolta alle persone dalla buona stella per cui ‘si chiude una porta e si apre un portone’ la disavventura spinge Paul Smith a ripiegare sulla sua seconda passione: la moda. Siamo nel 1970. Uscito dall’ospedale insieme ad un gruppo di studenti, approfondisce la passione per l’arte, quella coloratissima di Mondrian, Warhol, per l’architettura, il design e la musica. Si iscrive ai corsi serali di moda. In quel periodo lavora con la fidanzata Pauline Denyer. E’ lei che lo incoraggia ad aprire una boutique multimarca a Nottingham, dove tra i capi di vari stilisti propone anche alcuni suoi modelli senza marca. Si tratta di quel tipo di abbigliamento che ama, ma che non trova in vendita da nessuna parte. Quegli abiti piacciono, tanto che sei anni dopo, nel 1976, sfila a Parigi con la prima intera collezione di linea maschile. E inventa uno stile: il meglio dell’abbigliamento tradizionale confezionato con i più ricercati tessuti inglesi, combinato a stampe insolite e gioiose, audaci e spesso irriverenti. Uno stile di rottura in quegli anni di rinnovamento radicale, ma che continua tutt’oggi la sua ascesa grazie alla cultura eclettica che esprime. Va detto che Paul risulta essere anche un eccellente e accorto uomo d’affari. Il resto è storia. Ma vale la pena ricordare il timeline dei successi di questa azienda, ambita dai grandi gruppi del lusso dai quali riceve continue allettanti proposte di acquisto, trasformatasi nel tempo in azienda di lifestyle. Le continue aperture di negozi oggi in tutto il mondo, la collezione donna, le scarpe e gli accessori, gli occhiali, le valige, gli orologi, i libri, le fragranze, le penne, i tappeti, le porcellane, l’arredamento, e poi le collaborazioni con Rapha, Burton, John Lobb, Lei-


cover story

Paul Smith, born 5 July 1946, is a British fashion designer and businessman Firenze | made in Tuscany 87


cover story

This time Pauls smith introduces to Pitti Uomo the new ‘PS by Paul Smith’ line

debut in Japan in 2016. ca, Apple, la collezione bambino. Ultima in ordine di data Mr. Smith, welcome back to Pitti Uomo. What does it feel la mostra a lui dedicata Hello, my name is Paul Smith, che ha like to be here again? iniziato nel 2016 il tour dal Giappone. It’s great to be back in beautiful Florence. In 1993, I was Signor Smith bentornato al Pitti Uomo. Che effetto le fa? the first guest designer to be invited by Pitti for a fashion E’ fantastico essere di nuovo nella bellissima Firenze. Nel show, it was a great hour! I chose the Stazione Leopolda as 1993, fui il primo guest designer a partecipare al Pitti, fu un my venue and at the time no one had ever held a fashion grande momento. Scelsi la Stazione Leopolda per la sfilata show there. Of course, a lot has changed since e nessuno lo aveva mai fatto prima. Naturalthen! mente molto è cambiato da allora. What do you think about the Pitti Immagine Cosa pensa della fiera, lei è qui non solo show, which you will attend not only as specome special guest, ma ha anche uno stand cial guest but also by exhibiting at the trade all’interno? show? E’ una grande piattaforma per le aziende di It’s a great platform for fashion businesses of moda di tutte le dimensioni. Pitti Immagine all different sizes. Pitti Immagine combines coniuga la promozione e il commercio molto promotion and trade very well and is a key ed è un evento determinante nel calen“It’s great bene part of the men’s fashion calendar. They have dario della moda maschile. Partecipano buyer to be back da tutto il mondo, quindi è una grande opbuyers come from all over the world, which in beautiful portunità per le imprese che cercano nuovi is just an amazing opportunity if you’re a new business starting out and wanting to meet Florence” clienti. Per quel che mi riguarda, io ho iniziato new customers. I started as a shopkeeper and come negoziante, quindi ho sempre in mente so I always think about the trade and retail aspects of fash- gli aspetti commerciali della moda e del design. E’ stato ion and design. It was natural to exhibit at the Fortezza, as naturale prendere uno stand alla Fortezza e fare la sfilata well as having the fashion show at the Dogana . alla Dogana. You are going to introduce the PS by Paul Smith line. Presenta la nuova linea PS by Paul Smith. Qual è la diffeWhat is the difference as compared with the previous one? renza rispetto a quella precedente? The new PS by Paul Smith line is a more contemporaryE’ una collezione più contemporanea che spero la gente focused collection that hopefully people will love. amerà. 88 Firenze | made in Tuscany


cover story

Paul Smith Men S/S 2017

The boy from Nottingham is now the owner of a fashion Ieri ragazzo di Nottingham, oggi proprietario di un imempire. What can explain such a success? pero. Come spiega questo successo? It’s all about getting the balance right, making sure that Il segreto è mantenere l’equilbrio, tenere d’occhio gli you keep an eye on the commercial aspects but also not aspetti commerciali senza però prendere le cose troppo setake things too seriously. Since it all began, I was deterriamente. Sin dall’inizio non ho mai permesso al lavoro di mined to never let the job change me. I’m blessed with cambiarmi. Ho la fortuna di avere senso dell’umorismo e a sense of humour and the ability to keep my feet on the la capacità di tenere i piedi per terra, ma sono anche conground, but I’m also aware of the importance sapevole dell’importanza del marketing, delle of marketing, of fashion shows and of having sfilate e di possedere tanti negozi. many shops. Lei definisce il suo stile classic with twist. You describe your style as “classic with Per me, disegnare abbigliamento maschitwist”. le è sempre stata una cosa molto naturale. “In 1993, I was All’inizio della carriera, pensavo a me stesso Designing clothes for men has always come the first guest quando disegnavo e siccome mi sono sempre naturally to me. At the beginning of my career, I was designing literally for myself and designer to be vestito in modo classico ma con un certo senas I’ve always dressed fairly classically but dell’umorismo e dell’inaspettato, la cosa invited by Pitti so always with that sense of humour or sense of funzionava benissimo. Per esempio se devi for a fashion portare un abito classico blu, nero o grigio a the unexpected, this really works for me. For show, it was a lavoro o a un matrimonio, meglio aggiungere example, even if you have to wear a classic navy blue, black or grey suit to work or to a great hour!” un tocco di colore nei calzini, nella cravatta o wedding, inject a spot of colour in your socks, nei gemelli. tie or cufflinks. Sappiamo che lei ama il paesaggio toscano, che ha una We know that you love Tuscany and have a house near casa vicino a Lucca. Dove va tutte le volte che viene in Lucca. Where do you usually go when you are in Tuscany? Toscana? There are many reasons to keep coming back. Not least be- Ci sono sempre molte ragioni per tornare. Non ultimo ho cause I have a home on the coast where I spend some time una casa sulla costa dove trascorro del tempo in estate. Una every summer. One of my favorite things to do is cycling delle cose che preferisco fare è girare in bicicletta intorno around the city walls in Lucca. alle mura di Lucca. Firenze | made in Tuscany 89


interview movie

Tom Hanks is the protagonist of the film ‘Inferno’, directed by Ron Howard, achieved largely in Florence

aa

90 Firenze | made in Tuscany


movie interview

A very special tourist Un Turista molto speciale text Giovanni Bogani photo Jeff Vespa Tom Hanks in Florence parading the film ‘Inferno’ on the red carpet Tom Hanks a Firenze sul red carpet del film ‘Inferno’ He doesn’t know it, but we had met before: at six o’clock in the morning on May 3, 2015, on the set of the Inferno film. I was one of the extras in Ron Howard’s movie. I had to walk back and forth along a street behind Palazzo Vecchio, from 6 am to noon. And there was always a man behind me running from something or someone. I caught a glimpse of him running past. The day after, I realized that that man was Tom Hanks. The second time we met it was on a more formal occasion, in Palazzo Vecchio’s Salone dei Cinquecento. A year had gone by and the film was being premiered in Florence. “Hey man, I know you! You were an extra in the movie, weren’t you?” That’s what Tom Hanks said, when I asked him what it was like to shoot in Florence. Two thousand people gathered at the Teatro dell’Opera from all over the world for the film premiere: in addition to a few lucky Florentines, there were Japanese, Norwegian and Australian journalists. They were all glued to the screen, watching Tom Hanks either chasing or being chased, with a spectacular and yet menacing Florence as the backdrop. The Boboli Gardens, the Vasari Corridor, Palazzo Vecchio, the Baptistery: all places of charm and death, wonderful and grim at the same time. Viewers from all over the world got a glimpse at Florence’s dark side. Tom, what kind of relationship did you have with Florence while shooting the film? Well, there was nothing “infernal” about it. To me, Florence was Renaissance splendor, the beauty of the greatest architecture in history, and also the best ice-cream I’ve ever had! Were you fascinated by the city? On the first day of shooting, on May 3, after the last shot of the day, I stopped for a moment to take some pictures of Piazza della Signoria and Palazzo Vecchio with my mobile phone, when the square was still closed and the equipment was being removed. And the Gates of Paradise by Ghiberti… they leave you gaping in amazement. What is the point of the film, in your opinion? All Dan Brown books deal with faith-related matters. And Inferno is

La prima volta lo “incontro” – ma lui non lo sa – alle sei di mattina del 3 maggio 2015, sul set del film “Inferno”. Sono una comparsa del film diretto da Ron Howard. Devo camminare su e giù, in una strada dietro Palazzo Vecchio. Lo faccio dalle sei di mattina fino a mezzogiorno. Dietro di me, c’è sempre un signore che scappa da qualcuno, o qualcosa. Lo vedo di spalle, mentre corre. Mi accorgerò solo il giorno dopo che quell’uomo era Tom Hanks. Il secondo incontro, più ufficiale, è dentro il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. È passato un anno: ed è a Firenze che viene presentato, in prima mondiale, il film. “Ehi man, I know you! You were an extra in the movie, werent’you?”. Tom Hanks dice proprio così, mentre io gli domando com’è stato lavorare a Firenze. La proiezione di gala, al Teatro dell’Opera, accoglie duemila spettatori venuti da tutto il mondo: oltre ad alcuni fortunati fiorentini, ci sono giornalisti giapponesi, norvegesi, australiani. Tutti a vedere, sullo schermo, una Firenze spettacolare e insieme minacciosa, dove Tom Hanks insegue e viene inseguito. Il giardino di Boboli, il Corridoio vasariano, Palazzo Vecchio, il Battistero: tutti diventano, contemporaneamente, luoghi di fascinazione e di morte, di meraviglia e di minaccia. È una Firenze dark quella che viene consegnata, dal film, agli spettatori di tutto il mondo. Tom, durante le riprese del film qual è stato il suo rapporto con Firenze? Beh, non è stata per niente una Firenze ‘infernale’. Nella città ho visto lo splendore del Rinascimento, la bellezza della più grande architettura della storia. E anche il miglior gelato che abbia mai assaggiato!. Ha sentito la fascinazione della città? Il primo giorno di riprese, il 3 maggio scorso, dopo l’ultimo ciak ho approfittato per fare un po’ di foto a piazza della Signoria e a Palazzo Vecchio con il mio telefonino, finché la piazza era chiusa e stavano smontando le attrezzature. E poi, non si può non rimanere a bocca aperta, per esempio di fronte alla Porta del Paradiso di Ghiberti. Qual è il nocciolo del film, secondo lei? Dan Brown, nei suoi libri, tratta sempre questioni legate alla fede. Firenze | made in Tuscany 91


www.tenutepiccini.it


movie interview

Tom Hanks at Forte Belvedere (ph. Marco Russo) and two scenes of the film ‘Inferno’ no exception. While the Da Vinci Code offered a reflection on divinity È così anche questa volta. Mentre il ‘Codice da Vinci’ rifletteva sulla and Angels and Demons on creation- whether it was God or the Big divinità, ‘Angeli e demoni’si interrogava sulla creazione – se venisse Bang- this film asks questions about Hell. What happens in Hell? dalle mani di Dio o dal Big bang. E questo film si interroga sull’Inferno. Che cosa accade all’Inferno, e com’è l’Inferno?. What is it like? L’Inferno dove è, per lei? Where do you think Hell is? According to the film, Hell is what we create on earth: a devastated Il film racconta che l’inferno lo creiamo sulla terra. E anche nella vita environment, people reduced to slavery, the many degrees of poverty reale spesso è così: l’ambiente devastato, intere popolazioni tenute in and inequality, these are all hells created by man. Hell on earth can stato di schiavitù, i mille gradi di miseria sono inferni creati da noi be avoided if each and every one of us sees these problems and helps stessi, dall’uomo. L’inferno sulla Terra può essere evitato se ciascuno vede questi problemi e lavora per scongiurarli. prevent them. Qual è la qualità migliore di un film come Inferno? What is the best thing about a film such as Inferno? We all like a good story. The best way to spend two hours is to spend Tutti noi amiamo le storie. Il modo migliore per trascorrere due them with a storyteller. Whether at a movie theatre or by the fireside, ore rimane quello di trascorrerle insieme a un narratore. Che sia it doesn’t matter. And Inferno is a great story. Both Dan Brown and al cinema, o davanti al fuoco, poco importa. E quella di ‘Inferno’ è una grande narrazione. Sia Dan Brown che Ron HoRon Howard are two great storytellers. Dan Brown’s ward sono due grandi narratori. Dan Brown scrive books are page-turners and Ron Howard does the dei page-turner, e Ron Howard fa lo stesso nei suoi same with his films. film. What would your personal hell be? Quale potrebbe essere il suo personale Inferno? I am a lucky man: I have lived a clean, honest, very Sono un uomo fortunato: ho visto una vita pulita, onerewarding life and I have been spared the worst ex‘Inferno’ sta, piena di soddisfazioni, e ho evitato le esperienze periences of suffering so far. But there comes a time is a great story. più terribili del dolore. Ma ognuno di noi ha, nella in everyone’s life when you wake up at three o’clock in the morning and ask yourself: what happened to Both Dan Brown vita, un momento in cui si sveglia alle tre di notte, si me? However, there’s hardly anything I can complain and Ron Howard guarda allo specchio e si chiede: ma cosa mi è successo? In generale, però, non ho tanto di cui lamentarmi. about. If I were to realize that I have not used my are two great Se sentissi di non aver realizzato appieno il potenziale potential to the fullest every single minute, well, that storytellers di ogni minuto, ecco, allora sì, mi sentirei all’inferno. would make me feel in hell. Che aiuto potrebbe dare alla città di Firenze questo film? What might this film do to help Florence? Well, maybe more people will go visiting Florence’s museums thanks Beh, magari qualche persona in più, grazie al film, andrà a visitare i to the film. And that would be wonderful. For Florence, which has musei di Firenze. E sarebbe bellissimo. Per Firenze, che comunque ha già milioni di turisti, ma soprattutto per lui. millions of tourists anyway, but especially for them. You return for the third time as Robert Langdon, the symbology E’ la terza volta che interpreta il professor Robert Langdon, l’eprofessor and leading character of Dan Brown’s series. What do sperto di simbologia protagonista della saga scritta da Dan Brown. Che cosa ama del personaggio? you like about him? Well, being able to play him is a great opportunity, I get to be the Beh, interpretarlo è una grande opportunità, perché posso interpresmartest guy in the film! If you give me enough time to prepare and tare il più intelligente tra tutti i personaggi del film! Se mi date aba good script, I can make anyone believe it, for at least as long as the bastanza tempo per prepararmi e un buon dialogo, riesco persino a farlo credere, almeno per la durata di un film. film runs. Florence, Venice and Istanbul are the film’s locations. Which city Firenze, Venezia, Istanbul sono le location del film: a quale si sente più legato? do you feel more affinity with? I loved shooting in Florence and Venice. Even shooting before the E’ stato bellissimo girare a Firenze e a Venezia. Beh, è anche davanti green screen that was supposed to be Istanbul wasn’t bad! (he laughs). allo schermo verde che simulava Instabul! (ride). Firenze | made in Tuscany 93


cover story

GĂŠrard Depardieu, born 27 December 1948, is an actor, filmmaker and vineyard owne 94 Firenze | made in Tuscany


movie interview

À rebours Controcorrente text Giovanni Bogani

Gérard Depardieu in Florence talks about Tuscany and his latest film Gérard Depardieu a Firenze, racconta la sua Toscana e presenta un nuovo film Gérard Depardieu loves Tuscany. And, in his opinion, there is not too much difference between Roberto Benigni and Dante. “Benigni and Dante are part of the world’s great cultural heritage”, he says with conviction. That’s the way he is: incapable of half measures. “And Tuscany- he goes on- has given birth to many prodigious figures such as the two of them”. Depardieu’s love of Tuscany is unconditional. His partner, Clementine Igou, was in charge of marketing for a well-known Tuscan winery. And he was often spotted in those vineyards. When we met for the interview, however, he was not in the vineyards, but at a prestigious hotel in Florence. He was in town to promote his latest film as lead actor, Tour de France, by the Sudanese-Algerian film director Rachid Djaidani. Gérard Depardieu, sixty-eight years old and a life of excesses. He was born into a poor family of five children. He hardly made it through compulsory education. He grew up in the streets using his fists, at thirteen he began smuggling cigarettes and alcohol and he was exposed to sex at a very early age. “I had sex for money”, he confessed in his autobiography, with men, he prostituted himself, he stole, he was sentenced to imprisonment. But with each outing, it seems his myth grows even greater. Depardieu was awarded as Best Actor in Venice and in Cannes, he was nominated for the Academy Award in 1990, he was given the Golden Lion for Career Achievement in Venice in 1997. He has appeared in tons of films by masters of Italian, French and American cinema. He played in Bernardo Bertolucci’s 1900 and in The Last Metro by François Truffaut. In America, he was awarded the Golden Globe for Green Card. Then he went back to France to perform in the Asterix and Obelix film series, the highest-grossing French movies of all time. Depardieu has also a history of political wavering: he has been a communist, socialist, and environmentalist sympathizer, he supported both the progressive Mitterand and the conservative Sarkozy. As for foreign policy, he admires Fidel Castro and Vladimir Putin at the same time. He is so huge that he is spoken of even

La Toscana, lui la ama. E per lui, tra Roberto Benigni e Dante non c’è tanta distanza. “Benigni e Dante sono parte del grande patrimonio culturale dell’uomo”, dice, e lo dice convinto. Gérard Depardieu è così: incapace di mezze misure. “Roberto Benigni e Dante”, dice, “sono parte del patrimonio culturale mondiale. E la Toscana accoglie molti personaggi miracolosi come loro due”. E’ totale anche il suo amore per la Toscana. La sua compagna, Clementine Igou, ha curato il marketing di una grande azienda vinicola toscana. E lui è passato spesso a fare visita a quelle vigne. Quando lo incontriamo, però, non è in una vigna, ma in un prestigioso hotel di Firenze. È venuto a presentare l’ultimo film che lo vede protagonista, del regista di origine sudanese/algerina Rachid Djaidani. Gérard Depardieu, sessantotto anni di eccessi. Nato povero, cinque fratelli. Le scuole dell’obbligo finite a fatica. Cresce più in strada che fra i banchi di scuola, fa a pugni molto presto, a tredici anni contrabbanda sigarette e alcol, e conosce il sesso molto presto. “Ho fatto sesso per soldi”, confessa nella sua autobiografia, con uomini, di essersi prostituito, di aver rubato, di esser finito in carcere. Ma ogni rivelazione non fa che rendere più grande il suo mito controverso. Premiato a Venezia come miglior attore, a Cannes, candidato all’Oscar nel 1990, Leone d’oro alla carriera a Venezia nel 1997. Nella miriade di film che ha interpretato, ci sono maestri del cinema italiano, francese, americano: recita in Novecento di Bernardo Bertolucci, in L’ultimo metro di François Truffaut. In America vince il Golden Globe per Green Card – Matrimonio di convenienza. Poi torna in Francia, a interpretare Obelix nella saga di Asterix e Obelix, il più grande successo commerciale del cinema francese. Turbolento anche in politica: Depardieu è stato comunista, socialista, ecologista, ha sostenuto il progressista Mitterrand e il conservatore Sarkozy, i Verdi. E in politica estera ha ammirato e sostenuto Fidel Castro, ma anche Vladimir Putin. È un personaggio talmente enorme che si parla di lui anche nello spazio. Gli hanno intitolato un asteroide. Il 19.999, Depardieu. Quando lo incontriamo, è dimagrito, rispetto ai 150 chili di qualche anno fa. Firenze | made in Tuscany 95


movie interview

Depardieu in some scenes of the latest movie ‘Tour de France’ in space. An asteroid was named after him: the 19.999, Depar- Non beve più tredici bottiglie al giorno. E non è più cittadino frandieu. Gerard Depardieu appears to have lost a lot of weight and cese: ha stracciato il passaporto, per protesta contro le tasse che he doesn’t drink thirteen bottles a day anymore. He is no longer era costretto a pagare. Ed è stato accolto dal suo amico Vladimir a French citizen: he returned his passport in protest of the in- Putin a braccia aperte con un nuovo passaporto e tasse più lievi. creased taxes on the wealthy. And his friend Vladimir Putin wel- Depardieu, il suo ultimo film, Tour de France, parla dell’inconcomed him with open arms, a new passport and lower taxes. tro fra lei e un giovane rapper di colore. L’incontro della Francia Depardieu, your latest movie, Tour de France, is about you meet- con l’ “altro”… ing a young black rapper. France meets the “other”… Sì. Perché oggi tutti hanno paura dell’altro: i francesi hanno pauYes, exactly. Today, everyone is afraid of the “other”. The French ra degli arabi, i religiosi guardano male gli atei. E la televisione are afraid of the Arabs, religious people glower at atheists. Tele- alimenta l’odio, facendo vedere soltanto i massacri. E la gente si vision increases people’s fears by showing only massacres. And rinchiude nelle sue case. people lock themselves in their homes. Lei ha mai vissuto sulla sua pelle la diffidenza degli altri? Have you ever experienced other people’s distrust? Certo che sì. Quando stavo girando un film in Svizzera, sulla porta Of course I have. While I was shooting a film in Switzerland, I trovai un biglietto che diceva ‘Fuori gli stranieri’. Il razzismo esiste found a note on my front door saying “Go away tuttora in Francia, col Front National, o in Ungheforeigners”. Racism is still alive in France, with the ria, e in molti altri luoghi del mondo. Front National, and in Hungary and in many other Depardieu’s love Il razzismo oggi è forte? of Tuscany is Il razzismo ha buon gioco con le masse: le masse places across the world. Is racism strong today? unconditional. sono razziste, negli stadi del calcio le folle fanno il Racism has a strong appeal to masses: masses are della scimmia ai giocatori di colore, protetti His partner, verso racist, at football stadiums fans chant monkey noisdall’immunità del gruppo. Poi, quando lo ‘straniees at black players, knowing that they are protected Clementine,was ro’ fa comodo, ecco che un campione come Zidane by hiding behind the group to which they belong. in charge of ridiventa francese, come per magia. But when the “foreigner” is useful, then a chamcosa pensa dell’informazione oggi? marketing for Che pion like Zidane becomes French, as if by magic. Il peggio possibile. Gente, buttate via i telefonini, e a well-known ascoltate la vita, la vita vera. La televisione mistifiWhat kind of relationship do you have with the Tuscan winery ca. Fa confondere l’Islam con il terrorismo. international motion-picture world? The film industry shows no interest in me anymore. It’s in search Qual è il suo rapporto col cinema internazionale? of actors committed to environmental protection, like Leonardo Io all’industria del cinema non interesso più. Vogliono gli attoDi Caprio, the politically correct ones… ri che si impegnano per l’ambiente, come Leonardo Di Caprio, Do you have dreams for the future? quelli politicamente corretti…. I’ve been thinking about a story for a long time. Orson Welles, the Ha sogni per il futuro? great American film director, is invited by the owner of a small- Ho in mente una storia, da tanto tempo. Orson Welles, il grande town movie theatre and a fan of Welles. Welles accepts the invita- regista americano, viene invitato dal proprietario di un cinema tion, stays at the man’s house, eats everything he can possibly eat, di paese, che lo ammira tantissimo. Welles accetta, sta a casa di his body explodes and he dies. It’s an idea for a film. Or maybe, I quest’uomo, mangia di tutto, il suo corpo esplode lì e muore. È could really do it. un’idea per un film. O magari potrei fare così nella vita. Are you tired of living? Non vuole più vivere? No, not at all: I go everywhere, I surrender to the world. I love trav- Al contrario: vado dappertutto, mi abbandono al mondo. Mi elling, meeting people, giving myself up to the world, and one day, piace viaggiare, conoscere la gente, abbandonarmi al mondo: e sooner or later, the world will take me away. Who knows where, il mondo, un giorno o l’altro, mi prenderà. Chissà dove, chissà quando. who knows when. 96 Firenze | made in Tuscany


Pandolfini Casa d'Aste Palazzo Ramirez Montalvo Borgo Albizi, 26 Tel. +39 055 2340888 MILANO Via Manzoni, 45 ROMA Via Margutta, 54 info@pandolfini.it

PANDOLFINI.COM


Photo Archivio Foto Locchi 98 Firenze | made in Tuscany


Fashion in Florence attraverso l’obiettivo di foto locchi text Mila Montagni photo Archivio Foto Locchi

Firenze | made in Tuscany 99


In this and the other pages, some images among those selected for the exhibition which had open the 91st Pitti Immagine Photo Archivio Foto Locchi 100 Firenze | made in Tuscany


fashion exhibition

Cool white. The perfect color in that skirt that moves Un bianco algido, perfetto in quella gonna che si like a wave of silk and chiffon. A crisp white, limpidly muove come un’onda di seta e chiffon. Un bianco capable of surviving the decades intact. A sophisticat- pulito, nitidamente capace di superare indenne i deed white, light over shoulders and hips, marked by the cenni. Un bianco raffinato, sospeso sulle spalle, sui beauty of a black pattern. And a photo camera. Cum- fianchi, segnato dalle grazie di un disegno in nero. bersome perhaps, with that flash that has to be mount- E una macchina fotografica. Ingombrante forse, con ed and monitored so it does not suddenly explode. A quel suo flash da montare e tener d’occhio per non photograph that is already a manifestation of intention, vederlo esplodere all’improvviso. a theory that takes shape and becomes clear. It is a way Una fotografia che è già un manifesto d’intenti, una of creating and illustrating fashion that the mind re- teoria che prende forma e si definisce, un modo di cords and then settles lightly into the barefare moda e raccontarla che si fissa nella ly-perceivable rhythms of beauty, which memoria e si posa lieve nei ritmi sottili branches out from Florence and spreads della bellezza che a Firenze si ramifica e far and wide. Beauty that persists undersi diffonde, permane sotterranea e affiora ground then suddenly emerges when the inattesa quando più ce n’è bisogno. Una From January 9 promessa di futuro e di luce in dimensioneed is most pressing. A promise of future and of light in unexpected yet tenacious ditill March 5, in ni inattese ma tenaci. mensions. Palazzo Pitti 100 Perché la mostra “Fashion in Florence First event of the 91st Pitti Immagine, this is the lens of Archivio Foto Locrare photographs through chi”, primo evento della 91esima ediziowhat “Fashion in Florence through the lens tell the story ne di Pitti Immagine, è proprio questo: of Archivio Foto Locchi” is about: 100 rare of fashion in 100 scatti rarissimi che narrano la storia photographs which tell the story of fashion in Florence from the 1930s to the 1970s Florence della moda a Firenze, dagli anni Trenta ai through the lens of the photographers of Settanta del Novecento, attraverso l’obthe ‘bottega’ (workshop) Foto Locchi. A story in black biettivo dei fotografi della “bottega” Foto Locchi. and white which can still tell us a great deal, beginning Una storia che nelle sue pieghe in bianco e nero ha with the hands of the Florentine craftspeople and their ancora molte cose da raccontare, a cominciare dalle renowned ‘mani d’oro’ (literally golden hands, meaning mani degli artigiani che a Firenze sono sempre stahands that create wonderful things), and ending with te conosciute come “d’oro”, per arrivare alle fresche the crisp, impeccable outfits of the Dukes of Wind- mise semplicemente impeccabili dei Duchi di Winsor, photographed while they stroll along the streets of dsor lungo le luminose vie di Firenze in un giorno Florence on a sunny day. A story that will unfold within di sole. E il racconto si dipana negli spazi raccolti Palazzo Pitti’s cozy Andito degli Angiolini. The project dell’Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti, grazie al stems from the fruitful encounter of Eike Schmidt, fecondo incontro tra il direttore delle Gallerie degli Uffizi Gallery Director; Andrea Cavicchi, President Uffizi Eike D. Schmidt e Andrea Cavicchi, presidenof the Centro di Firenze per la Moda Italiana; Erika te del Centro di Firenze per la Moda Italiana, Erika Firenze | made in Tuscany 101


Ball in the Boboli Gardens, 22 July 1953. Photo Archivio Foto Locchi

Ghilardi, from the Historical Archive of Foto Locchi; Ghilardi dell’Archivio storico Foto Locchi e il Grupand the publishing house Gruppo Editoriale. po Editoriale. The first photographic exhibition displaying the heri- La prima mostra monografica realizzata attingendo tage of the Archivio Foto Locchi, abounding with imag- al patrimonio dell’Archivio Foto Locchi, ricchissimo es that have been cataloged and preserved in a unique di immagini catalogate e conservate in modo unico, way, brings into focus an unfamiliar Florence, to some mette a fuoco quella Firenze misconosciuta e dunextent shown for the first time. A city which produced que per tanti versi inedita, fucina di uno stile che si a style that was developing around an inborn ‘fashion stava sviluppando attorno a un primigenio “sistema system’ consisting of craftspeople possessmoda”, fatto di artigiani dai saperi antichi ing time-honored know-how, seamstresses e sartine dai neri occhi acuti, personaggi with sharp black eyes and personalities dai nomi oggi mitici - Salvatore Ferragawhose names were to become legendmo, Emilio Pucci, Gucci, per menzionarary – Salvatore Ferragamo, Emilio Pucci, ne soltanto alcuni - e dalle maison ancora Gucci, only to mention a few – and who in fieri ma già salde nei cuori degli innaThe first morati del bello, e poi Elsa Schiaparelwere running newborn fashion houses alphotographic li, Emilio Schubert, Roberto Capucci… ready popular among lovers of beauty. But there were others who also contributed to exhibition per non parlare delle dive come l’eternathe Florentine style in fashion: Elsa Schiadisplaying the mente giovane Audrey Hepburn, l’italiaparelli, Emilio Schubert and Roberto Cadi adozione Paulette Goddard e la diheritage of the na pucci; and of course famous stars such as vina per eccellenza, Maria Callas. Senza Archivio Foto mai dimenticare il sottile e fermo artefice the eternally-young Audrey Hepburn, the Italian-by-adoption Paulette Goddard and Locchi del “Fashion in Florence”, l’uomo dalle the divine Maria Callas. And last but not conoscenze strategiche e dall’ineffabile least, Giovan Battista Giorgini, the determined creator savoir-faire, il gentiluomo della Sala Bianca: Giovan of Fashion in Florence, the man with strategic knowl- Battista Giorgini, le cui intuizioni seppero costruire edge and indescribable savoir-faire, the gentleman of un mondo scintillante d’eleganza e un “sistema” che the Sala Bianca. His were the intuitions that led to ancora oggi mantiene il suo valore. a glittering world of elegance and a ‘system’ that has All’attenta cura della Mostra hanno lavorato Erika maintained its value. The exhibition has been meticu- Ghilardi e Matteo Parigi Bini del Gruppo Editoriale, 102 Firenze | made in Tuscany


Cocktail dresses at a White Room show, 27 January 1955. Photo Archivio Foto Locchi

lously curated by Erika Ghilardi and Matteo Parigi Bini per la prima, discendente dei fondatori dello Studio of the Gruppo Editoriale. The former, a descendant of Locchi, l’evento nell’Andito degli Angiolini è “motithe founders of the Studio Locchi, said of the event vo di grande orgoglio e sincera emozione per la mia to be held at the Andito degli Angiolini, “The family is famiglia. extremely proud and deeply touched. Fashion is one La sezione relativa alla moda è uno tra i temi più of the Archive’s most present and significant themes. presenti e importanti nell’Archivio, un patrimonio It is a cultural and visual heritage comprising over five culturale e visivo comprendente oltre cinque milioni million images that can recount the history of Florence di immagini in grado di raccontare la storia di Firenover the past century.” The exhibition cataze dell’ultimo secolo.” log features well-calibrated authorships. Per completare la mostra è stato preparaThere are two presentations, one by Eike to un catalogo dalle firme ben calibrate, Schmidt and the other by Andrea Cavicchi, a cominciare dalla doppia presentazione and texts by Stefania Ricci, (Director of the Eike Schmidt e Andrea Cavicchi, per The exhibition di Salvatore Ferragamo Museum), Caterina proseguire con i testi di Stefania Ricci, is divided into direttore del Museo Salvatore FerragaChiarelli (Director of the Costume Gallery three sections: mo, di Caterina Chiarelli, Direttrice della of Palazzo Pitti and of the Tapestry Repository of the Medici Collection) and Eva Dethe craftshops, Galleria del Costume di Palazzo Pitti e siderio (chief-editor of the magazine Moda fashion in dei Depositi degli Arazzi della Collezione e Società of the Quotidiano Nazionale) – a e di Eva Desiderio, caporedatFlorence and Medicea, refined expert on the style that enlivens tore Moda e Società di Quotidiano Naziothe fashion nale, conoscitrice raffinata dell’universo Florence. Open until 5 March, the exhibition is dipersonalities) dello stile che anima Firenze. vided into three sections: Le Botteghe La mostra, aperta fino al 5 marzo, si artiArtigiane (the craftshops), La Moda a Firenze (fashion cola in tre sezioni: “le botteghe artigiane”, “la moda in Florence) and I Personaggi della Moda (the fash- a Firenze” e “i personaggi della moda”, occasione ion personalities) and is a rare opportunity to discover particolare per riscoprire (con la moda) angoli ina(through fashion) surprising corners of the city and spettati della città e guardare quei bambini che, con look at those well-mannered, wide-eyed children mod- aria stupita, sfilavano compiti indossando gli abitini eling bespoke outfits in 1954. disegnati per loro, nel 1954… Firenze | made in Tuscany 103


East in the air Spring/summer 2017. A thin wind blows from the East. No clear-cut lines and volumes, but volatile passions leaving nothing to imagination Un sottile fil rouge. Irrompe dall’Est. Non sono linee o volumi precisi, ma passioni volatili che nulla lasciano all’immaginario

Marta Innocenti Ciulli - Photo Sara Mautone - Make up and hair Paolo Baroncelli


Prada

Sheath dress with color inlays and parachute hem Tubino con inserti di colore e orlo chiusura paracadute Shoes Prada Venezia | made in Veneto 105


salvatore ferragamo Puff sleeve blouse with front wrap and flounce yoke Camicia con maniche gonfie, intreccio sul davanti e baschina Hair brooches Patti Shorts Miu Miu 106 Venezia | made in Veneto


marco de vincenzo

Open side lace dress with strap detailing. Crocheted pullover Abito aperto su un fianco sorretto da fili sottili. Pull uncinetto Slippers Marco de Vincenzo Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Venezia | made in Veneto 107


miu miu

Knit top with suspenders and belt. Shorts with pockets Top di maglia. Shorts con tasche Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Shoes Prada Earrings Patti

dolce & gabbana

Patterned silk mermaid dress with precious embroidery at the waist and huge buttons Abito in seta stampata, in vita ricami e bottoni giganti Sandals Dolce & Gabbana 108 Venezia | made in Veneto


Venezia | made in Veneto 109


paul smith

Sleeveless dress loose at the waist, scarf-necked. Fully embroidered Abito collo sciarpa interamente ricamato Shoes Roger Vivier at Luisaviaroma Hair brooches Patti


fendi

Wide sleeve blouse with boat neck, paired with a slightly flared long skirt Camicia maniche ampie con scollo a barca, lunga gonna Venezia | made in Veneto 111


vivetta

Wide-legged shantung pants and jacket with elbow-length sleeves. Embroidery and frogging Shantung per i panta larghi e la giacchina Ricami e alamari Slippers Roger Vivier at Luisaviaroma 112 Venezia | made in Veneto


marni

Judogi skirt tied at the waist Gonna judogi che si annoda in vita Necklace On Aura Tout Vu at Luisaviaroma Venezia | made in Veneto 113


The scene is

yours

cena A voi la s Necklaces in the spotlight: from the most brilliant necklaces, to long heirlooms of minimalist refinement, the one you need to redefine your look? One thing only: making the right choice. Take a look at our offering of fine jewellery. We are certain you will find the one you are looking for. Fari puntati sulle collane: dai collier piĂš brillanti a lunghe cimeli di raffinatezza minimalista, quello che ti serve per stravolgere il tuo look? Una sola cosa: la collana giusta. Cercala tra le nostre proposte di alta gioielleria, siamo sicuri che troverai quella che fa per te.

1

114 Firenze | made in Tuscany

2

3

4

5

1. Annamaria Cammilli 2. Fani Gioielli 3. Chopard 4. Pomellato 5. Cartier 6. Bulgari


fashion what’s jewels cool

6 Firenze | made in Tuscany 115


must have trend

3 1

5 8

2

Pink, yellow, green, orange and blue. A Kaleidoscope of colours burst their way into the season to come. Take them all in!

4

6 10

7 11

9

Colors will save the world! i colori salveranno il mondo!

by Sabrina Bozzoni 1. Atelier C - via dei Fossi, 33r - Firenze 2. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 3. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40r - Firenze 4. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 5. Marni - at Luisa Via Roma - Firenze 6. Balenciaga - luisaviaroma.com 7. Ireri - via de’ Gondi, 4/6r - Firenze 8. Genten - via della Condotta, 50r - Firenze 9. Valentino - via de’ Tornabuoni, 23 - Firenze 10. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 11. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze Firenze | made in Tuscany 117


must have shoes

2 1

3

We have seen them, we have looked for them, touched them and then loved them. A story of love at first sight called Sneakers 6

5

7

8

4 6

Run, Baby, Run!

sneakers. ed e’ subito amore

by Sabrina Bozzoni 1. Vans by Opening Ceremony - openingceremony.com 2. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze 3. Gazelle by Adidas - at Foot Locker - Borgo San Lorenzo, 19r - Firenze 4. Lanvin - at Luisa Via Roma - Firenze 5. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 6. Valentino - via de’ Tornabuoni, 23 - Firenze 7. Nike - nike.com- Firenze 8. Common Project - luisaviaroma.com Firenze | made in Tuscany 119


“You don’t know what you’re missin’ if you never look around” Paul Stanley - Kiss

Piazza Di San Giovanni 1-R

www.moveonfirenze.com


must have perfume

2 1

Intense and voluptuous fragrances. Among the great classics and innovations to savour, come with us inside the kingdom of Eau de Parfum 6 7

3

5 8

4 6

The scent of you Profumo di te

by Sabrina Bozzoni 1. Teatro Fragranze, via Porta Rossa, 11r - Firenze 2. Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella - via della Scala, 16 - Firenze 3. Erbario Toscano, via del Corso, 38r - Firenze 4. Diana Vreeland Pumps Up Fragrances by Outrageous - dianavreeland.com 5. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 6. Dr Vranjes - via della Spada, 9r - Firenze 7. Ireri - via de’ Gondi, 4/6r - Firenze 8. Salvatore Ferragamo - at Coin via de’ Calzaiuoli, 53r - Firenze Firenze | made in Tuscany 121


must have man

2 1

Dedicated to those who appreciate beauty, simple luxuries, uncompromising craftsmanship. Dandys may be born, but they can also evolve 6 7

3

5 8

4 6

Sartorialist

Sartoriale contemporaneo

by Sabrina Bozzoni 1. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze 2. Faliero Sarti - via della Spada 24r - Firenze 3. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r - 14r - Firenze 4. Ermenegildo Zegna - via de’ Tornabuoni, 3 - Firenze 5. Hermès - piazza degli Antinori, 6r - Firenze 6. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 7. Giorgio Armani - via de’ Tornabuoni, 48r - Firenze 8. Sartoria Vanni - via dei Fossi, 51 - Firenze Firenze | made in Tuscany 123


fashion production

The world of high style Il mondo dell’alta gamma

text Marta Innocenti Ciulli photo Dario Garofalo

Inside the house of Stefano Ricci. Where only ‘Made in Italy’ collections are born Dentro la maison Stefano Ricci. Dove nascono le collezioni solo ‘fatte in Italia’ “My mission is to create clothing for the wardrobe of a man who has everything.” One who knows how to appreciate rare and precious materials, sophisticated details, exclusive prints. In a classic and highly personal style.” It’s true. There is no head of state, royal prince, manager or great sportsman who does not have one article of clothing in their closet from the atelier of wonders; Stefano Ricci, where

artisans, a pool of artists with needles and thread, leather goods and goldsmiths, offer their loyalty to the entrepreneur, helping to support that which Ricci defines ‘the culture of elegance’ created through exclusivity, craftsmanship and, obviously, love and passion. The adventure all began with the necktie. Silk only, designed by him. Then it was the shirt’s turn; the same meticulous production, the same research of materials. Next came the small, leather goods shop. The opening of his first designer boutiques saw the creation of the couture line and shoe wear. In 1997, at Pitti Uomo, Ricci presented the collection of sportswear, jackets and suits, where the most careful 124 Firenze | made in Tuscany

attention to detail represents the fundamental value of production. Later, it was the turn of the goldsmith which availed itself of the ancient traditions of Florentine goldsmiths, in a top secret internal workshop. Stefano Ricci Home, which boasts of gold and silver porcelain, and Stefano Ricci Junior are two more additional spokes in that golden wheel that keeps on turning. It should be

noted that the company is happily under the direction of the entire family, where Stefano creates and controls in an exasperating manner, his wife Claudia is in charge of fabrics and production, and his sons Niccolò and Filippo are responsible for research and development, respectively. We have reached the summit of quality. We moved into the world of silks, muslins, fine wools, cashmere, crocodile skins, diamonds and precious metals, and we have seen, at first hand, the painstaking workmanship that distinguishes each piece. Mr. Ricci, is it true that it all began in 1972 with a simple necktie? Yes, it all started in 1972 when, together with Claudia, we

“La mia missione è creare abiti per il guardaroba di un uomo al quale non manca niente. Che sappia apprezzare materiali rari e preziosi, dettagli sofisticati, stampe esclusive. In uno stile classico e molto personale”. E’ vero. Non c’è capo di stato, principe, manager, grande sportivo, che non abbia nel proprio armadio un capo uscito dall’atelier delle meraviglie Stefano Ricci, dove gli artigiani, un pool di arti-

ra delle antiche tradizioni orafe fiorentine, in un laboratorio interno top secret. Stefano Ricci Home, che vanta porcellane in oro e argento, Stefano Ricci Junior si vanno ad aggiungere a quell’ingranaggio aureo che sembra non avere arresto. Da sottolineare che l’azienda è felicemente diretta da tutta la famiglia dove Stefano crea e controlla in maniera esasperata, la moglie signora Claudia cura i

Stefano Ricci parading in the White Room, will launch the 45th birthday of the brand

sti dell’ago e del filo, della pelletteria e dell’oreficeria, fedelissimi all’imprenditore, contribuiscono a sostenere quello che Ricci definisce la cultura dell’eleganza fatta di esclusività, artigianalità, e ovviamente amore e passione. L’inizio dell’avventura fu con la cravatta. Solo in seta, disegnata da lui. Poi fu la volta della camicia: stessa meticolosa produzione, stessa ricerca di materiali. Poi la piccola pelletteria. Con l’apertura delle prime boutique monomarca così la linea di sartoria, le calzature. Al Pitti Uomo del 1997, Ricci presenta la collezione di giacche, abiti e capi sportivi, dove la massima cura per i dettagli rappresenta il valore fondante della produzione. Poi è la volta dell’oreficeria che si avvale tutto-

tessuti e la produzione, i figli Niccolò e Filippo rispettivamente ad e responsabile ricerca e sviluppo. Siamo entrati in questo top di qualità. Ci siamo mossi in mezzo a sete, mussole, lane pregiate, cachmere, pelli di coccodrillo, diamanti e metalli preziosi, abbiamo toccato con mano quella lavorazione certosina che contraddistingue ogni pezzo. Signor Ricci, è davvero tutto nato nel ’72 intorno a una semplice cravatta? Sì, è tutto iniziato nel 1972 quando, insieme a Claudia, decidemmo di dare vita a un laboratorio per realizzare cravatte. Sono un designer e la cravatta, per me, è sempre stata elemento imprescindibile del guardaroba maschile. Desideravo riuscire a re-


interview movie

Stefano, Niccolò and Filippo Ricci Firenze | made in Tuscany 125


The shirt department 126 Firenze | made in Tuscany


Inside Stefano Ricci’s atelier, high-craftsmanship and attention to details Firenze | made in Tuscany 127


fashion production

decided to create a workshop to make ties. I am a designer and the necktie, for me, has always been an essential element in a man’s wardrobe. I wanted to be able to make the most beautiful tie in the world. Both in quality and aesthetics. Are your luxury collections an extravagance or excellence? Luxury is an overused conceptIt was launched following September 11 in 2001, to restart consumer sales. It soon became a justification to attach a high price to products for which the only luxury, in the end, was the cost. Therefore, if you are speaking about extravagant luxury, perhaps I got something wrong. Even excellence has often been used out of turn. Rather, I would say that it involves a high quality production, in which the manufacturing process plays a decisive role. Is everything ‘Made in Italy’? Absolutely. My product is not even made in Italy, it is ‘produced in Italy’. It expresses content linked to an exclusive design, the finest fabrics and materials, expert craftsmanship, the ability to create a product that seeks the highest quality in the detail. What is craftsmanship? The extraordinary ability to work the material, following one rule: hands, head and heart. In this, we Italians are real masters. In your opinion, is this appreciated in our country? It is, in certain areas of true excellence. It is no coincidence the large international groups come to visit our workshops. On the other hand, at the political level, a more careful management of our resources would help. I ask for more seriousness and guardianship for the product which is authentically made in Italy. A choice with which to hand down our finest traditions, 128 Firenze | made in Tuscany

the knowledge of the of fines arts alizzare la più bella cravatta del trades and craftsmanship, the mondo. Per qualità ed estetica. workforce and the payment of Le sue collezioni sono lusso sfrenato o eccellenza? taxes in Italy. Lusso è un concetto abusato. Your personal luxury. In 2003, I wrote a book with Venne lanciato dopo l’11 setGianluca Tenti and Umberto tembre del 2001 per far ripartire Cecchi. I called it ‘Luxor’, in i consumi. Ben presto divenne search of the deeper meaning of un giustificativo per attribuire the term which was then more in un prezzo alto a prodotti che di vogue. I wrote that true luxury, lussuoso avevano, alla fine, solo for me, is a glass of water in the il costo. Quindi, se lei parla di desert, gathered with the family lusso sfrenato, forse ho sbagliaand true friends around a fire. to qualcosa. Anche eccellenza è Today, I would add being in the stato spesso utilizzato a spropocountryside, with my dog, a glass sito. Direi piuttosto che si tratta of wine and a piece of bread with di una produzione di alta qualità, nella quale la manifattura ha un mortadella. The episode which changed ruolo determinante. E’ tutto fatto in Italia? your life. The gift from my father when Rigorosamente. Il mio prodotto he wanted to give me an historic non è neppure made in Italy, è car. At first, I was proud. Then ‘fatto in Italia’. Esprime contenuI understood that it was a very ti legati a un disegno esclusivo, ai migliori tessuti e demanding gift. materiali, all’alta I sold it and artigianalità, alla with the money capacità di realizI received, I founded zare un prodotto Stefano Ricci. che ricerca la più alta qualità nel A few years “I owe a great dettaglio. later, I was able deal, if not Che cosa è l’artito buy back everything, gianalità? that car. You were able to the city La capacità straordi lavorare to reopen the where dinaria la materia, con Sala Bianca, I was born” un’unica regola: where it all began. Will the fashion shows mani, testa e cuore. In questo noi italiani siamo davvero maestri. return? I have to thank Eike Schmidt, Secondo lei è valorizzata nel nothe director, for having shared stro paese? this dream. To reopen the Sala Lo è in certe punte di eccellenBianca is an honour, but also a za autentica. Non a caso i grandi responsiblity. I believe that the gruppi internazionali vengono a new direction taken by the Uffizi cercare i nostri laboratori. PiutGalleries to restore fashion to tosto, a livello politico servirebbe its own spaces, in Palazzo Pitti una più attenta gestione delle and the Giardino di Boboli, is a nostre risorse. Chiedo maggior sign which cannot be ignored. serietà e tutela per il prodotto Certainly, it deserves respect. autenticamente fatto in Italia. If important names arrive, with Una scelta con la quale tramantheir own top lines, everything dare le nostre migliori tradizioni, i saperi dei mestieri d’arte e artiwill be easy.

gianato, la forza lavoro e il pagare le tasse in Italia. Il suo lusso personale. Nel 2003 ho scritto un libro con Gianluca Tenti e Umberto Cecchi. L’ho chiamato Luxor, alla ricerca del significato profondo del termine allora più in voga. Ho scritto che il vero lusso per me è un bicchiere d’acqua nel deserto, lo stare con la famiglia e i veri amici intorno a un fuoco. Oggi aggiungo stare in campagna, con il mio cane, un bicchiere di vino e un pezzo di pane con la mortadella. L’episodio che le ha cambiato la vita. Il regalo di mio padre quando volle donarmi un’auto storica. Sulle prime ne fui orgoglioso. Poi capii che si trattava di un regalo molto impegnativo. La vendetti e con i soldi che incassai fondai la Stefano Ricci. Qualche anno dopo riuscii a riacquistare quell’autovettura. Se dico Italia, tre parole che le vengono in mente. Creatività, artigianato, qualità della vita. C’è molta Firenze nelle tappe che hanno scandito la storia della Stefano Ricci. Devo molto, se non tutto, alla città nella quale sono nato. Come formazione e come ispirazione. E’ riuscito a riaprire la Sala Bianca, dove tutto cominciò. Torneranno le sfilate? Ringrazio il direttore Eike Schmidt per aver condiviso questo sogno. Riaprire la Sala Bianca è un onore ma anche una responsabilità. Credo che il nuovo corso inaugurato dalle Gallerie degli Uffizi di restituire alla moda i propri spazi, in Palazzo Pitti e al Giardino di Boboli, sia un segnale che non può essere ignorato. Certo, accorre rispetto. Se arriveranno nomi importanti, con le proprie prime linee, tutto sarà più facile.


The beginning and end of the shirt-making process Firenze | made in Tuscany 129


art interview

Beyond the real Oltre il reale text Francesca Lombardi

ating pective celebr A major retros ozzi tr S o zz la Bill Viola at Pa ante rt po im a un ozzi A Palazzo Str Viola dedicata a Bill a iv tt pe os tr re My art is not really cinema, it is not painting. It is not realism, although it is often perceived as realist, and it is not creation, for all images derive from real life. I would rather describe it as an expansion of the levels of reality. Bill Viola’s works are magnificent high-tech frescoes, which he himself describes as not being neither painting nor cinema, but which appear to the viewer as a wonderful synthesis of both arts. Perhaps a single definition is unnecessary, considering that they capture the attention of both contemporary and classical art fans. The exhibition held at Palazzo Strozzi, from March 10 to July 23, curated by Arturo Galansino and Kira Perov (executive director of the Bill Viola Studio), showcases Viola’s art production from the seventies to the present day, side by side with masterpieces of the Renaissance. A unique opportunity to fully enjoy Bill Viola’s art. Viola and Kira Perov tell us about the exhibition. The exhibition goes over the key stages of your career. What works would you say are the most representative? Bill Viola: The exhibition covers periods of creativity in the early years of black-and-white explorations of our physical world around us, and our place in this world. The large installations of the 90s and 2000s represent the desire to be surrounded by images, sound, and experiences; the Passions series (2000-2) reduced the size of the works to portraits that could be hung on a wall. The Transfigurations series (2007-8), the Frustrated La mia arte non è realmente cinema, non è pittura. Non è realismo, sebbene si avverta spesso come qualcosa di realista, e non è una creazione, poiché tutte le immagini derivano dalla vita reale. Penso si tratti piuttosto di un’espansione dei livelli di realtà. Le opere di Bill Viola sono splendidi affreschi tecnologici, che lui stesso definisce in negativo come non pittura e non cinema ma che appaiono allo spettatore come mirabile sintesi di entrambe le arti. Non serve forse neanche definirli, tanto riempiono lo sguardo a chi ama il contemporaneo o, indifferentemente, l’antico. La prossima mostra di Palazzo Strozzi, dal 10 marzo al 23 luglio, curata da Arturo Galansino e Kira Perov (direttore esecutivo, Bill Viola Studio) – un percorso che si snoda attraverso la sua produzione dagli anni 70 a oggi accanto a un inedito confronto con grandi capolavori del Rinascimento – è una occasione unica per godere pienamente dell’arte di Bill Viola. Le parole di Viola e di Kira Perov per raccontarci la mostra. Una mostra che ripercorre i momenti salienti della sua carriera. Quali sono le opere che rappresentano di più il vostro percorso? Bill Viola: La mostra inizia con le esplorazioni in bianco e nero del mondo fisico intorno a noi e le indagini intorno nostro posto nell’universo. Le grandi installazioni degli anni ‘90 e 2000 rappresentano il desiderio di essere circondati da immagini, suoni e esperienze; la serie Passions (2000-2) ha 130 Firenze | made in Tuscany


cover story

Above: Bill Viola, ‘Tempest’ (Study for The Raft) Below: Bill Viola, ‘Fire Martyr’ and ‘Water Martyr’ Firenze | made in Tuscany 131


art interview

Actions and Futile Gestures series (2013), the Water Portraits series (2013), and the Martyrs series (2014) are also represented in this wide-ranging show. There has been a development of ideas over the 40 years of work that cannot be summarized in one piece or group of works. How are the works arranged, in chronological or thematic order? Kira Perov: For the most part the works are grouped chronologically, largely so that they connect with each other and create a journey for the visitor to follow. Your Florentine years from 1974 to 1976: what do you remember most about that period? BV: I was very moved by the entire Tuscan experience, the warmth of people, the wonderful food, great wine, and of course by my daily encounters within the highest western art that was created, the Renaissance. Florence, the city of perfect architecture, churches filled with beautiful frescoes, museums filled with treasures, and the surrounding countryside, a real delight. What influence has the technical direction of art/tapes/22 had on your career? BV: I was very lucky to meet, and work with, and learn from both Italian and international artists who were invited to make videos in the studio of Maria Gloria Bicocchi. Working with video on a daily basis, trying experiments and new ideas, was a good fertile ground for me. What is your creative and productive process for a new work? KP: My role since 1979 has been to assist Bill in the making, documentation and exhibition of his works. Over the years, I have worked closely with Bill, managing, creatively guiding and assisting with the production of all his videotapes and installations. As executive director of Bill Viola Studio, I curate and organize exhibitions of Bill’s work worldwide, and oversee the publication of all the exhibition catalogues and books. A recent project was to edit and produce a monograph (with writer John Hanhardt), Bill Viola, published by Thames & Hudson, London, 2015. Who among the great Italian and Florentine artists influenced you in those formative years? BV: Of course Michelangelo was a daily influence, but one of my favorite places to go is the museum of San Marco to see Fra Angelico’s frescos. His Annunciation at the top of the stairs near the entrance transcends words. It inspires you to think about something much more meaningful than just what goes ridotto la dimensione delle opere a ritratti da appendere al muro. Anche le serie Transfigurations (2007-8), Frustrated Actions e Futile Gestures (2013), Water Portraits (2013) e Martyrs (2014) sono rappresentate in questa mostra a tutto campo. C’è stato uno sviluppo delle idee in questi 40 anni di lavoro che però non può essere sintetizzato in un solo pezzo o gruppo di opere Come avete pensato il percorso, in senso cronologico o tematico? Kira Perov: La maggior parte delle opere è raggruppata in ordine cronologico, in modo da essere interconnesse e permettere allo spettatore di compiere un viaggio. L’esperienza fiorentina dal ’74 al ’76: cosa ricorda di quegli anni? BV: Ero molto emozionato dall’esperienza Toscana nella sua interezza, il calore della gente, il cibo meraviglioso, il vino eccellente e, naturalmente, dai miei incontri quotidiani con la più alta espressione di arte occidentale che sia mai stata creata, il Rinascimento. Firenze, la città dell’architettura perfetta, le chiese piene di affreschi bellissimi, i musei pieni di tesori, e la campagna circostante, una vera delizia. Come si sviluppa la vostra collaborazione creativa? KP: Il mio ruolo dal 1979 è quello di assistere Bill nella realizzazione, documentazione e esposizione delle sue opere. Negli anni, ho lavorato a stretto contatto con Bill, svolgendo un ruolo di gestione, guida creativa e assistenza nella produzione dei suoi video e installazioni. Come direttore esecutivo del Bill Viola Studio, curo e organizzo mostre delle opere di Bill in tutto il mondo e supervisiono la pubblicazione di tutti i cataloghi delle mostre e dei libri. Recentemente, ho curato la revisione e produzione di una monografia (scritta da John Hanhardt), pubblicata da Thames & Hudson, London, 2015. Quali tra i grandi artisti fiorentini e italiani ha amato di più negli anni Firenze? BV: Naturalmente Michelangelo è stata un’influenza quotidiana, ma uno dei miei posti preferiti è il museo di San Marco per vedere gli affreschi di Fra Angelico. La sua Annunciazione in cima alla scala vicino all’ingresso trascende le parole. Ti porta a riflettere su cose ben più elevate delle nostre vite quotidiane. 132 Firenze | made in Tuscany


‘Self Portrait, Submerged’ on in our daily lives. Who are your favorite artists, Kira? KP: I met Bill after his stay in Florence, but I have traveled there frequently. I especially admire the subtle and delicate touch of Raphael. His work in the Uffizi, Madonna del Cardellino (1506), is a masterpiece not only of light and color, but also of the depiction of the intimate emotional relationship between the three figures. The core of the exhibition is showcased at Palazzo Strozzi, but it also spreads across the city…. We are very honored that the Opera del Duomo Museum will be showing two works, Acceptance (2008) and Observance (2002) to be installed near the profound works of Michelangelo (Pièta) (c 1547-55) and Donatello (Mary Magdalene) (c 1453-55). These two sculptures, one of marble and the other of wood, represent the great emotional depth of these artists, and it is very meaningful for us to present the videos in this gallery. We are also installing a study piece of Emergence (2002) in the Museum of the Collegiate di Sant’Andrea, Empoli, which we are exchanging for the loan of Masolino’s Pièta (1424). In Florence, the Museum of Santa Maria Novella will show Tempest (Study for The Raft) (2005), and we are very happy that the Uffizi will place on view their edition of Self Portrait, Submerged that had been installed in the Vasari Corridor.

There has been a development of ideas over the 40 years of work that cannot be summarized a group of works

Quali sono gli artisti che invece predilige Kira? KP: Ho conosciuto Bill dopo il suo soggiorno fiorentino, ma sono stata a Firenze molte volte dopo il nostro incontro. Ammiro in modo particolare il tocco sottile e delicato di Raffaello. La sua opera esposta agli Uffizi, la Madonna del Cardellino (1506), è un capolavoro non solo di luce e colore, ma anche di rappresentazione dell’intimo rapporto emotivo tra le tre figure. La Mostra ha il suo centro pulsante a Palazzo Strozzi ma si apre anche alla città… Il Museo dell’Opera del Duomo esporrà due opere, Acceptance (2008) e Observance (2002), accanto alle opere intense di Michelangelo (Pièta) (1547-55 circa) e Donatello (Maria Maddalena) (1453-55 circa). Ne siamo molto onorati. Queste due sculture, uno di marmo e l’altra di legno, rappresentano la grande profondità emotiva di questi due artisti, è molto significativo per noi poter presentare i video in questa galleria. Stiamo anche installando uno studio di Emergence (2002) al Museo della Collegiate di Sant’Andrea a Empoli, in cambio del prestito della Pièta di Masolino (1424). A Firenze, il Museo di Santa Maria Novella ospiterà Tempest (Study for The Raft) (2005), e siamo felici di sapere che gli Uffizi mostreranno la loro edizione di Self Portrait, Submerged che era stata esposta nel Corridoio Vasariano. Firenze | made in Tuscany 133


interview theatre

Operation Don Giovanni Operazione Don Giovanni

text Teresa Favi

Fornasetti and Romeo Gigli recreate the original performance in Prague of the ‘Don Giovanni’ by Mozart at the Pergola Theatre Fornasetti e Romeo Gigli fanno rivivere alla Pergola la prima praghese del ‘Don Giovanni’ di Mozart

Barnaba Fornasetti has been running the Italian decorative arts company founded by his father Piero since 1988. For years, he worked as designer in the real-estate restructuring business in Tuscany and there was a time when he was about to buy a castle in Larderello, the place known for its boric-acid fumaroles. It

Fornasetti’s production aims to recreate the original music composed by Mozart through the use of historic instruments and the original score. Fornasetti is responsible for set design, costumes design is by Romeo Gigli, and music direction by Simone Toni with the Silente Venti! Orchestra. How did you come up with

Barnaba Fornasetti, dal 1988 gestisce l’azienda fondata dal padre Piero, regno della decorazione e dell’ironia, brand tutto italiano che non ha mai smesso di incantare il mondo. Per anni ha fatto la propria esperienza di designer in ristrutturazioni immobiliari in Toscana e c’è stato un momento in cui voleva comprare un castello a

il suo capolavoro 230 anni fa sono accompagnati da una straordinaria visione artistica basata sul surreale mondo iconografico di Fornasetti, con i costumi di Romeo Gigli, l’orchestra Silente Venti! e la direzione musicale di Simone Toni. Come è nata l’idea di questo allestimento? Sono partito dalla convinzio-

Fornasetti is responsible for set design, costumes design is by Romeo Gigli had been designed by the French architect who had worked on the local ENEL geothermal power station. A cultivated, versatile and incredibly inquisitive man, Barnaba decided to stage the first Fornasetti opera production, Don Giovanni by Mozart, which debuted at Milan’s Teatro della Triennale and will be performed at Florence’s Pergola Theatre on January 10, 12 and 13. A grand and exciting event that Pitti Immagine Uomo happily added to its events program. By presenting the opera 230 years after it was first performed, 134 Firenze | made in Tuscany

the idea of this production? I believe that Fornasetti’s decorative style can be applied to fields other than design, including theatre, and opera production seems particularly congenial to us. With Da Ponte’s libretto in mind, we researched into the Fornasetti archives for a long time to find the key to a more modern version of it, and I have to admit that Simone Toni’s passion was highly contagious. Can you reveal something about the set design? The themes range from cards to the metaphysical room, to our signature

Larderello dove ci sono i soffioni boraciferi. Era una casa colonica disegnata dall’architetto francese che aveva progettato la centrale geotermica dell’Enel. Colto, eclettico e infinitamente curioso firma con Fornasetti la sua prima produzione d’opera, Don Giovanni di Mozart, che dopo il debutto al Teatro della Triennale di Milano va in scena al Teatro della Pergola di Firenze il 10, 12 e 13 gennaio. Un evento grandioso ed eccitante, fastosamente calendarizzato da Pitti Immagine Uomo. I suoni e gli strumenti originali per cui Mozart ha concepito

ne che la decorazione fornasettiana può essere estesa in altri settori che vanno al di là del design, fra cui il teatro, e l’opera in particolare mi sembra più congeniale. Abbiamo fatto una lunga ricerca nell’archivio Fornasetti, ispirandoci al libretto di Da Ponte, per trovare l’iconografia più adatta a rileggerlo in chiave moderna, ma anche la passione trasmessa da Simone Toni è stata così potente che mi ha contagiato. Può anticiparci qualcosa dell’allestimento scenico? I temi vanno dalle carte da gioco, alla stanza metafisica, ai visi emblematici delle va-


interview movie

BarnabaBarnaba Fornasetti has been running the Italian decorative arts company founded by his father Piero since 1988 Firenze | made in Tuscany 135


Here and on the right page, two scenes of ‘Don Giovanni’

female faces which relate wonderfully to the opera’s core theme. While you were working on this opera production, what elements of the Don Giovanni captured your imagination and attention? The myth has not lost any of its splendour over time. Don Juan embodies the attraction to both love and death. But what I find really interesting about the opera is how little it takes to make it different and contemporary. I wonder why we hadn’t realized it before. What are the most recurring visual elements of the Fornasetti world? The immense archives of single objects designed by my father include over 13,000 variations. Among his themes, the most recurring ones are the sun, cards, Harlequin, hands, self-portraits. But the most famous theme 136 Firenze | made in Tuscany

is the one that inspired For- rie identità di donna, ricordo nasetti’s “Theme and Varia- costante e ossessivo del tema tions” series: the enigmatic portante dell’opera. female face, the female traits Lavorando intorno a and the enigmatic expres- quest’opera, quali elementi sion of opera singer Lina del “Don Giovanni” hanno Cavalieri, which has be- colpito la sua immaginaziocome an icon and which ne e la sua curiosità? Piero went back to over and Pur essendo un mito non over during his perde mai il suo artistic career. splendore; il faHow did the colscino dell’amore laboration with e della morte in Romeo Gigli on Don Giovancostume design A grand ni si incarnano and exciting entrambi. Ma work out? Of course, we event on quello che trovo made all choices stage at the davvero interegarding the ressante è come Teatro della con pochi tocchi set design together and Ro- Pergola si può renderlo meo’s experience speaks for diverso e contemporaneo. Mi itself, I have never had any stupisco come non siamo ridoubt about his costumes usciti ad accorgercene prima. design. At the theatre, all Quali sono gli elementi vielements need to come to- sivi dell’universo Fornasetti gether to create the magic. più ricorrenti? This operation required Lo sterminato archivio di bringing together a famous singoli oggetti disegnati da

mio padre comprende più di 13.000 variazioni. Tra i suoi temi, i più ricorrenti sono il sole, le carte da gioco, gli arlecchini, le mani, gli autoritratti. Ma il più famoso è quello che ha dato a Fornasetti lo spunto per coniare il titolo “Tema e Variazioni”: il volto enigmatico di una donna, i tratti da archetipo femminile e l´espressione enigmatica della cantante lirica Lina Cavalieri, oggi diventato icona, a cui Piero ritornerà costantemente nel corso della sua carriera artistica. Come si è legata la collaborazione con Romeo Gigli per i costumi di scena? Ovviamente le scelte dei vari soggetti delle scenografie li abbiamo condivisi e l’esperienza di Romeo non ha dato adito a nessun dubbio da parte mia sulle sue scelte dei costumi. Nel teatro tutto deve muoversi insieme, altrimenti non ci sarebbe magia.


aa

design and decor brand, opera music, philological research into the original performance, fashion meant as both the designer who designed the costumes and the Pitti Uomo event. What are the pros and cons of such a complex joining of forces? One of the most positive aspects is the chance to reach out to an audience that goes beyond opera music lovers. It is a great help for the general public listening to opera music for the first time. As for the cons, I don’t really care, because they have to do with the rampant banality of our times, against which we fight. “Purist” opera fans may probably not consider our production to be “opera”, which is quite questionable, but it’s all part of the game. The opera will be staged at the Pergola Theatre,

the symbol of melodrama, Questa operazione salda where The Marriage of universi diversi una firFigaro was premiered in ma storica del design e del 1788, when Mozart was still décor, l’opera lirica, la rialive. How does this coinci- cerca filologica dell’antica dence make you feel? prassi esecutiva,  la moda It makes us feel all very mo- intesa sia come mano che tivated, especially Simone firma i costumi ma anche Toni. It’s that magic feeling l’evento, Il Pitti Uomo, che that stimulates si lega al debutour maestro’s to fiorentino. I sensitivity. The original pro e i contro di What, in your music questa complesopinion, exsa sinergia? plains the composed Sicuramente un charm of this by Mozart, aspetto positivo old theatre? è l’allargamento historic The patina of instruments dell’audience oltre i confini deltime, which is and the crucial to the la melomania. preservation of original score Un grosso aiuto old buildings. It has been a chi affronta questo genere well-preserved in this the- per la prima volta. I contro atre. The theatre has not un- tendo a non vederli perché dergone invasive works and, riguardano la banalità dilato me, it is a gem where you gante che contraddistingue can still feel the presence of la nostra epoca e che cerall the great men and wom- chiamo di combattere. C’è il en who performed there. rischio che qualche purista

espiatorio rivolga delle critiche non del tutto giustificabili ma questo fa parte del gioco. L’opera va in scena alla Pergola, teatro simbolo del melodramma dove, ancora in vita Mozart, andò in scena nel 1788 la prima nazionale delle Nozze di Figaro. Che effetto le fa questa coincidenza? La cosa ci carica molto, in particolare Simone Toni. Sono quelle magie che stimolano la sensibilità del nostro maestro. Qual’è il fascino di questo antico teatro secondo lei? La “patina” che per me è un elemento essenziale nella conservazione delle opere antiche. Questo teatro in particolare l’ha ben mantenuta. Non ha subito opere invasive e lo ritengo un gioiello in cui ancora si percepisce il respiro di tutti i grandi che sono passati. Firenze | made in Tuscany 137


art interview

Unlabelled Senza etichette text Francesca Lombardi

Architect, designer, artist and philosopher: Gaetano Pesce is all this and at the highest level Architetto, designer, artista, filosofo: Gaetano Pesce è tutto questo ad altissimi livelli Gaetano Pesce recently inaugurated the new rooms of Florence’s Twentieth-Century Museum with the exhibition Maestà Tradita (showing until February 8, 2017), and a monumental site-specific statue placed in Piazza Santa Maria Novella, Maestà Tradita, dedicated to women across the world. Artist, designer, architect, creator of icon pieces such as the famous Up armchair, Gaetano Pesce has been researching into the female condition since the sixties. We met with him at the foot of his most controversial work. Does the Maestà Tradita statue speak to contemporary women or to all female figures in general? It speaks to contemporary women, not only to women of the past. In many countries across the world women are still treated like slaves. What do you like and not like about women, who have always been central to your art? I do not like traditional women, those who use their superficial qualities. Generally speaking, I do not like people who use their physical attributes to seduce. In what way do you feel women have been betrayed? In ancient times, women played a very important role, they were nearly worshipped. Over time, this divinity has been betrayed by men who do not allow her to show her hair or force her to cover herself leaving only the eyes visible. In many countries, men who do violence to women are not prosecutable. Women are not allowed to drive a car or appear in public unaccompanied. In other countries, women get paid less than their male counterparts for the same job. This is what the betrayal is about. We promised the Maestà respect, equality, protection from violence and injustice, but it’s nothing more than words most of the time. Is there a Florentine artist or work of art that inspired you throughout your long career? My father was born in Florence, and what inspired me throughout my career was Florence itself with its concentration of artists, works of art and their multidisciplinary nature. 138 Firenze | made in Tuscany

Gaetano Pesce ha inaugurato le nuove sale espositive del Museo Novecento in Santa Maria Novella con la mostra “Maestà tradita” (è aperta fino all’8 febbraio) ed espone nella piazza una discussa (anche per la collocazione a ridosso della facciata) scultura monumentale site-specific, appunto la Maestà tradita, dedicata alla condizione della donna oggi. L’artista, designer, architetto, creatore di icone della nostra epoca come la celebre Up, fin dalla fine degli anni ’60 ha messo al centro della propria ricerca interdisciplinare proprio la donna, e con essa l’intero universo femminile. Lo incontriamo ai piedi della sua opera più discussa. La Maestà Tradita è più una citazione del femminile contemporaneo o della figura femminile in generale? Si riferisce al contemporaneo e non solo alla donna del passato. In molti paesi del mondo, le donne sono trattate come schiave. Cosa ama e non ama della donna, da sempre al centro del suo lavoro? Non amo le donne tradizionali, quelle che usano le loro qualità superficiali. Non ammiro le persone che usano le loro doti fisiche per sedurre. In cosa la percepisce come tradita? Nell’antichità la donna aveva un ruolo di estrema importanza, quasi venerabile. Nel tempo questa divinità è stata tradita da uomini che le impediscono di mostrare i capelli, le impongono di cancellare le proprie sembianze e mostrare solo gli occhi. In molti paesi chi fa violenza sulle donne non è perseguibile, in altri non hanno il permesso di guidare o di uscire in pubblico non accompagnate, altre invece, a parità di lavoro con l’uomo, sono meno pagate. In questo consiste il tradimento. Abbiamo promesso alla Maestà il rispetto, la parità, la protezione dalla violenza e ingiustizia, ma spesso sono solo parole. C’è un artista o un’opera fiorentina che nella sua lunga carriera l’ha ispirato? Mio padre era fiorentino, e a influenzarmi è stata Firenze con la sua concentrazione di artisti, opere d’arte e la loro natura multidisciplinare.


The exhibition at the Twentieth-Century Museum. The big ‘Up Vestita’ and the ‘Up Galeotte’. Above, on right a portrait of Gaetano Pesce Firenze | made in Tuscany 139


Above, Church of San Filippo Neri in Piazza San Firenze (ph. Carmelo Raineri ) Below, details of the Church of Santi Michele e Gaetano 140 Firenze | made in Tuscany


art itineraries

Baroque Florence Firenze Barocca text Salvatore La Spina

A tour of the city’s baroque-style churches, buildings and works of art Alla scoperta di chiese, palazzi e opere d’arte realizzati in città nel segno del barocco

When you visit Florence, this wondrous city reveals both its Quando si visita Firenze, l’idea che questa meravigliosa medieval and Renaissance beauty. Excluding the buildings città trasmette è quella di una città medievale e rinascioverlooking Piazza della Repubblica, an area completely mentale. Se escludiamo l’area intorno a piazza della Retransformed in the mid-19th century, nearly all of its most pubblica, completamente stravolta nella seconda metà important monuments were built between the Middle Ages dell’Ottocento, i suoi più importanti monumenti sono stati and the Renaissance and contribute to conveying that charm edificati quasi totalmente tra il medioevo e il rinascimento which makes Florence one of the most popular destinations e contribuiscono a conferirle quel fascino che la rende una of tourists from all over the world. Yet this beautiful magic delle mete più ambite dal turismo internazionale. Eppure box also holds significant works created throughout other all’interno di questa meravigliosa scatola magica, sono stati centuries and therefore reflecting styles that are different “inserite” nel corso dei secoli significative testimonianze artistiche che rispecchiano gusti differenti da from those for which the city is renowned in the world. quelli per cui la città è conosciuta nel mondo. One of these is the Baroque style. We become Una di queste è il barocco che proprio a Fiaware of the important mark this style left on renze ha vissuto momenti di grande fortuna con opere d’arte d’importanza europea: basta Florence when we visit the Medici Chapels entrare nella Cappella dei Principi in San in San Lorenzo, the church of the Santissima Lorenzo, nella chiesa della Santissima AnAnnunziata or the Giovanni da San Giovanni nunziata o nel Salone di Giovanni da San Hall in Palazzo Pitti’s Museum of the Treasure of the Gran Dukes. Our itinerary to discover the Giovanni nel Museo del Tesoro dei GranduThe baroque chi di Palazzo Pitti per rendersene conto. Parwonders of Baroque Florence begins with this enjoyed great tendo da questa breve premessa cercheremo brief introduction. The first site worthy of mention is the awepopularity di creare un itinerario alla scoperta delle medella Firenze Barocca. inspiring religious complex of San Firenze, in Florence raviglie situated behind Palazzo Vecchio and for many Il primo grande monumento da segnalare è years occupied by the city tribunal, with the exception of l’imponente complesso di San Firenze, situato alle spalone of the three churches, the Church of San Filippo Neri. le di Palazzo Vecchio e a lungo occupato dal tribunale ad It was constructed in 1640, when Pope Urban VIII donated eccezione della chiesa di San Filippo Neri. La costruzione the area to the the Oratorian fathers. The first project, which risale al 1640, quando i padri Filippini ricevettero in dono addressed the construction of a convent, a church and an l’area da papa Urbano VIII. Il lavoro iniziale che comprenoratory, was entrusted to Pietro da Cortona in 1645, but it deva il convento, la chiesa e l’oratorio fu affidato nel 1645 was too ambitious. After several attempts to modify it, it was a Pietro da Cortona, ma il progetto presentato era troppo decided to build only the church. In 1715 its facade was finally ambizioso. Così, dopo vari tentativi di ridimensionamenFirenze | made in Tuscany 141


cover story

1

5

2

3

1. 3. Church of Santi Michele e Gaetano (details) 2. Gian Lorenzo Bernini, portrait of Costanza Bonarelli 4. Palazzo Medici Riccardi, Room of Luca Giordano 5. Giovanni da San Giovanni, the frescoed room at the Museo dei Tesori dei Granduchi, Palazzo Pitti

4

142 Firenze | made in Tuscany

Next page: Piero da Cortona, Sala della Stufa, Palazzo Pitti


aaa

designed by Ferdinando Ruggieri and constructed. Today the to, solo nel 1715 Ferdinando Ruggieri realizzò la facciata. Church of San Filippo Neri is open to visitors, while the former Oggi è possibile visitare solamente la chiesa di San Filippo convent and oratory are closed. The interior of this Church Neri, mentre l’ex convento e l’oratorio sono chiusi al pubwas decorated by Gioacchino Fortini (1715) and is adorned blico. L’interno della Chiesa, ornato sotto la direzione di with marbles, sculptures, reliefs, frescoes and paintings – a Gioacchino Fortini (1715) ricco di marmi, sculture, rilievi, affreschi e tele, è una sorta di galleria dell’arte fiorentina 17th- and 18th-century Florentine art gallery of sorts. del Sei-Settecento. Another significant example of Baroque can Un altro importante esempio di barocco è la be found inside the Church of Saints Michele Chiesa dei Santi Michele e Gaetano in piazand Gaetano, located in Piazza Antinori. Built za Antinori. Edificata tra il 1604 e il 1630 da between 1604 and 1630 according to designs by Matteo Nigetti, la chiesa deve la sua facciata Matteo Nigetti, the church owes its facade in pietra in pietra forte a Pier Francesco Silvani che la forte (the typical sandstone used extensively in realizzò nel 1683, mentre la scalinata è stata riFlorence) to Pier Francesco Silvani, who built sistemata nel 1701. L’interno, a navata unica a it in 1683, while the stairs were redesigned in croce latina, è uno dei rari esempi di barocco 1701. The church has a longitudinal plan (Latin fiorentino rimasto integro e decorato da imCross) and a single aisle and is a rare example portanti cicli scultorei, pittorici e a fresco del of unaltered Florentine Baroque. The church Works of art Seicento Fiorentino. houses important sculptures, paintings and of European Nella Sala di Luca Giordano a Palazzo Mefrescoes of the Florentine Seicento. The Luca Giordano Gallery of Palazzo Medici renown dici Riccardi è custodito uno dei capolavori del barocco europeo. La Galleria, architettata Riccardi is a Baroque masterpiece. Designed by Pier Maria Baldi and featuring a frescoed ceiling as well as da Pier Maria Baldi, con la volta dipinta, gli stucchi dorati, gilded stuccowork and mirrors embellished with putti, flowers le specchiere decorate da putti, fiori e animali, è uno degli and animals, it is one of the finest examples of Florentine esempi più belli del barocco fiorentino cui lavorò anche Baroque, on which Luca Giordano worked from 1862 to 1865. Luca Giordano dal 1862 al 1865. Another important public palace which preserves impressive Altro importante palazzo pubblico che custodisce impresBaroque decorations is Palazzo Pitti. Giovanni da San sionanti decorazioni barocche è Palazzo Pitti. Se al piano Giovanni frescoed the Palace’s largest hall, comprised in terreno, nel Museo dei Tesori dei Granduchi, è possibile Firenze | made in Tuscany 143


cover story

A frescoed hall at Palazzo Corsini sull’Arno (ph. Lorenzo Cotrozzi) 144 Firenze | made in Tuscany


cover story

The facade of Palazzo Corsini sull’Arno (ph. Lorenzo Cotrozzi)

the Museum of the Treasures of the Grand Dukes, and the ammirare il più imponente salone affrescato da Giovanni Palatine Gallery houses masterpieces by Pietro da Cortona. da San Giovanni, è nella Galleria Palatina che si trovano i A first refined example of the latter’s mastery can be found capolavori di Pietro da Cortona. Un primo elegante esemin the small but sumptuous Sala della Stufa (the room of pio della maestria dell’artista cortonese è all’interno della the stove), decorated in 1637 with the theme of the four ages piccola ma sontuosa Sala della Stufa, decorata dal 1637 of man, inspired by Ovidio and suggested by Michelangelo con il tema delle Quattro età dell’uomo ispirate a Ovidio e suggeriti da Michelangelo Buonarroti il Giovane. Nelle sale Buonarroti The Younger. The halls overlooking rivolte verso Piazza Pitti si ammirano l’allestiPiazza Pitti are adorned with incrustation mento a “incrostazione” ispirato alle gallerie work, inspired by the Roman Baroque galleries barocche romane e i favolosi affreschi delle and the fantastic frescoes of the Planet Halls, sale dei Pianeti, decorate da Pietro da Cortodecorated by Pietro da Cortona and Ciro Ferri na e Ciro Ferri dal 1641. from 1641. Un accenno infine lo merita il Palazzo CorA last noteworthy site is located on the Palazzo sini sui lungarni, scrigno di tesori costruito a riverbanks: Palazzo Corsini, a treasure trove built in the mid-17th century. The palace Corsini along metà del Seicento. La struttura è caratterizzada due logge sovrapposte disposte intorno is defined by two superimposed loggias the Lungarni ta ad una corte, da una balaustra ornata da staoverlooking its courtyard, a balustrade is a treasure tue sulla sommità dell’edificio e da una barocembellished with statues which runs along box built in cheggiante scala elicoidale. the edge of its roof and a Baroque-like spiral staircase. the mid-1600s Terminiamo il nostro viaggio al Bargello che custodisce Il ritratto di Costanza Bonarelli Our itinerary ends at the Bargello, which houses the Portrait of Costanza Bonarelli by Gian Lorenzo di Gian Lorenzo Bernini. Il busto, arrivato a Firenze nel Bernini. The bust, brought to Florence in 1645, is a ‘private’ 1645, è un ritratto “privato” della presunta amante del Berportrait of the the artist’s presumed lover. He portrayed her nini che la raffigura con la camicia aperta sul seno, le labwith her blouse unbuttoned, open lips and unkempt hair. bra socchiuse e i capelli senza acconciatura e in cui l’artista And by impressing the sensual beauty of his lover in marble, imprimendo nel marmo la bellezza provocante della sua he created one of the most striking Baroque portraits of all amata ha creato uno dei più impressionanti ritratti barocchi di tutti i tempi. times. Firenze | made in Tuscany 145


fashion museum

Gucci, the style Gucci, lo stile text Francesca Lombardi

The Gucci Museum: a fabulous palace to tell the story of the fashion house Il Gucci Museo: un palazzo bellissimo per raccontare la Maison

Inaugurated in September 2011 inside the ancient Palazzo della Mercanzia, the Gucci Museum is located in the historic heart of Florence, on Piazza della Signoria. The museum layout extends over 1,715 square meters and occupies three floors. Each room is devoted to a theme inspired by Gucci’s iconic patterns and symbols. The museum’s permanent collection is displayed on the ground floor and upper floors, while the private basement houses the vault containing the Gucci archive. The rooms on the first floor, dedicated to the collections designed by Tom Ford, where inaugurated last June. Strongly wanted by the fashion house and by Alessandro Michele, currently Gucci’s Creative Director, they are a tribute to Ford, who more than anyone else has contributed to redefining the Gucci style in the modern era. The two rooms dedicated to Tom Ford respectively house the ready-to-wear women’s collection and the accessories. According to Alessandro Michele, these spaces wish to show how Tom Ford encouraged individual creativity through a new, sensual and original Gucci look. The decor of the rooms and the display layout contribute to creating an atmosphere which recalls this provocative sensuality. The room that houses the ready-to-wear garments is cherry-red from floor to ceiling. Same color for the carpeting and the studded-faced mannequins, arranged in groups and embellished with orchids. The staged sensuality is almost oppressive. Each look displayed was personally curated by Alessandro Michele to represent the style Tom Ford created for Gucci from the 1990s to the early 2000s. The color palette of the room devoted to accessories ranges from red to pink. The walls are covered with mauve matelassé, matching the color of the ceiling, and red cherry was maintained for the carpeting. The objects are displayed in showcases, like ancient finds having historical value. The accessory section features more that the well-known ones, such as shoes and bags. It also displays the now-iconic products of the Tom Ford era: the GG Gstring, the handcuffs and the Gucci dog collar. 146 Firenze | made in Tuscany

Aperto nel settembre 2011 all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia, il Gucci Museo è nel cuore storico di Firenze, in piazza della Signoria. Il percorso museale si sviluppa su una superficie di 1.715 metri quadrati disposti su tre piani, ed è diviso in sale a tema ispirate ai motivi iconici e ai simboli di Gucci. Mentre il piano terra e i piani superiori dell’edificio ospitano la mostra permanente, nel basement privato ha sede il caveau che custodisce l’archivio Gucci. Lo scorso giugno sono state inaugurate al primo piano le sale dedicate alle collezioni di Tom Ford. Fortemente volute dalla Maison e da Alessandro Michele, attuale Direttore Creativo di Gucci, sono un tributo a Ford, colui che più di altri ha contribuito a ridefinire lo stile Gucci nell’era moderna. Le due sale dedicate a Tom Ford presso il Gucci Museo ospitano rispettivamente le collezioni ready-to-wear donna e uomo, e gli accessori. Secondo Alessandro Michele, l’intento di questi spazi è quello di ricordare il modo in cui Tom Ford ha incoraggiato l’espressione individuale attraverso lo sviluppo di una nuova estetica Gucci, sensuale e originale. Il design delle sale e l’allestimento contribuiscono a creare un’atmosfera che richiama questa provocatoria sensualità. La sala che ospita i capi ready-to-wear è tinta di rosso ciliegia dai pavimenti fino al soffitto. Stesso colore per la moquette e i manichini, disposti a gruppi, dai volti borchiati e impreziositi da orchidee. Viene messa in scena una sensualità quasi opprimente, dove ogni look in mostra è stato personalmente curato da Alessandro Michele per rappresentare l’estetica di Tom Ford per Gucci dagli anni ‘90 fino ai primi 2000. Nella sala dedicata agli accessori la palette di colori spazia dal rosso al rosa. Il matelassé malva ricopre le pareti, abbinandosi al colore del soffitto, mentre la moquette conserva il rosso ciliegia. Gli oggetti esposti sono presentati all’interno di vetrine come antichi reperti di valore storico. La selezione degli accessori va oltre i pezzi familiari e noti come borse e scarpe, abbracciando prodotti dell’era Tom Ford diventati ormai iconici come il GG G-string, le manette e il collare per cane di Gucci.


interview movie

The Tom Ford rooms at the Gucci Museo showcase women’s and men’s readyto-wear in one room and accessories in another The ready-to-wear room is decorated in cherry red from floor to ceiling. The carpet is in cherry red, as are the dummies. In the accessories room and the objects on display are presented in glass showcases, as if they were historical artefacts. At the top, on right, Palazzo della Mercanzia , seat of Gucci Museo

5 Firenze | made in Tuscany 147


city district

Our smallest world Il mondo più piccolo di Firenze text Sabrina Bozzoni photo Dario Garofalo A journey through time along a neighborhood made up of history and uniqueness. We are in San Niccolo Un viaggio nel tempo lungo un quartiere fatto di storia e unicità. Siamo a San Niccolò Spectacular gardens, flower-clad hills, panoramic views and sunsets Spettacolari giardini, colli in fiore, viste panoramiche e tramonti over the Arno. San Niccolò is the ideal district for those wishing to sull’Arno. Il quartiere di San Niccolò, è una delle zone migliori dove take break from everyday life and admire Florence from a unique poter staccare dalla quotidianità e ammirare Firenze da una visuale position. Its special charm derives from a combination of imposing unica. medieval and Renaissance palaces, modest houses, food stores, small Una combinazione di imponenti palazzi medievali e rinascimentali, boutiques, art galleries and hip restaurants and coffee bars. semplici case minute, negozi di alimentari, piccole boutique, gallerie It is a magical and iridescent quarter, whose tranquil village-like at- d’arte, atelier di artigiani, ristoranti e bar alla moda. In luogo magico mosphere changes when its nightlife begins. Our stroll starts at Ponte e cangiante, dove una tranquilla atmosfera di paese cede il posto Vecchio. Once across it, we enter Via Guicciardini and see on our left a una vivace vita notturna. Iniziamo la nostra passeggiata dal PonPiazza Santa Felicita, a vivacious square with outdoor restaurants and te Vecchio, andando verso via Guicciardini e troviamo la deliziosa wine bars which reveals a more authentic side of Florpiazza Santa Felicita, animata da locali all’aperto e ence. enoteche che riflettono tutto il gusto della Firenze From this square we can take Costa San Giorgio, a più vera. Da piazza dei Rossi, si prosegue per Costa charming street which runs along ancient walls. The A combination San Giorgio, che delimita il tratto di mura fra i sugsteep steps called Rampa delle Coste will come into della città, per poi raggiungere, discendendo of imposing gestivi view on the left. They lead down to Piazza di Santa la ripida Rampa delle Coste, piazza di Santa Maria medieval and Soprarno: la sensazione è quella di trovarsi in un paMaria Soprarno, which offers a timeless atmosphere and where everyday routines seem almost sacred and Renaissance ese senza tempo, scandito da una routine semplice e unchangeable. quasi intoccabile. palaces, food sacra, Taking a stroll along Via de’ Bardi means retracing Proseguendo per il tratto antico di via de’ Bardi, si stores, small ripercorrono i passi di Beatrice, la donna idealizzata the steps of Beatrice, the woman Dante idealized and who married Simone de’ Bardi. On the left side of the boutiques da Dante, andata sposa a Simone de’ Bardi. Sul lato street, at number 36, we can stop to admire Palazzo sinistra della via, al numero 36, ammiriamo il paand art di Capponi delle Rovinate. Its name derives from the hill lazzo Capponi delle Rovinate, così denominato per galleries gli antichi smottamenti della collina. Assolutamente behind it, subjected to landslides (‘rovinate’ means ruined) in ancient times. Not to be missed nearby is the house of Galileo da non perdere la casa di Galileo Galilei: la trovate lungo la strada di Galilei, on Costa San Giorgio. Attached to the back side of the build- Costa San Giorgio, sulla facciata posteriore dell’abitazione è consering is a sundial, personally constructed by the famous astronomer. An vata una meridiana che il celebre astronomo costruì con le sue mani. archway over the street will tell us we have reached the old city gate, Oltrepassando l’antica porta San Giorgio si sale a ammirare Firenze Porta San Giorgio. Once on the opposite side, we can see on our right dagli spalti del Forte Belvedere, costruito da Bernardo Buontalenti Forte Belvedere, which affords lovely views over Florence. This fort alla fine del Cinquecento per Ferdinando I de’ Medici. was designed by Bernardo Buontalenti in the late 16th century for Fer- Dirigiamoci adesso verso la campagna, per la stretta e suggestiva via dinand I de Medici. San Leonardo, che offre una delle più belle passeggiate fuori porta, At this point we are on Via San Leonardo, a narrow picturesque street fra la città “murata” e le amene colline circostanti, dove incontriamo 148 Firenze | made in Tuscany


Palazzo Mozzi. An early Renaissance palace, located at the end of the Piazza de’ Mozzi that emerges from Ponte alle Grazie, where via San Niccolò becomes Via de’ Bardi Firenze | made in Tuscany 149


cover story

Along the street of San Niccolò you can really see the typical Florentine lifestyle flanked by old stone walls that leads out of the city and towards the la sede fiorentina della John Hopkins University, la chiesa di San countryside. We will be walking past the Florentine campus of the Matteo in Arcetri, lo studio del pittore Ottone Rosai e la dimora John Hopkins University, the Church of San Matteo in Arcetri, the fiorentina di Pëtr Il’ic Cajkovskij. studio of the painter Ottone Rosai and the Florentine home of Tchai- Di ritorno, stop al Museo Bardini in piazza de’ Mozzi, sull’estremità occidentale di via San Niccolò. kovsky. On our way back we can stop at the Museo Bardini in Piazza de’ Il Museo prende il nome dal suo ideatore Stefano Bardini, il più Mozzi, located at the western end of Via San Niccolò. The Museum autorevole antiquario italiano, che dopo anni di intensa attività commerciale, decise di trasformare la propria collezione takes its name from the man who created it, Stefano in museo e di donarla al Comune di Firenze. Oggi il Bardini, the most important Italian antiquarian. After Museo raccoglie oltre 2000 pezzi tra sculture, dipinti years of intense work in his field, he decided to transe oggetti di arti applicate dall’arte antica al XVIII seform his collection into a museum and donate it to the colo, con maggiori presenze di opere del Medioevo e City of Florence. Today the Museum gathers over 2000 Rinascimento. Tra i giardini segreti di una Firenze pieces, consisting of sculptures and paintings, mostly A vivacious del affascinante e fuori dal coro, c’è senza dubbio il Giardating from the Middle Ages and the Renaissance, and spots which dino Bardini. Immergetevi nella sua silenziosa bel18th-century design objects. One of the most charming reveals lezza per scoprire la scalinata barocca, alla cui somsecret gardens of Florence are no-doubt the ones at Villa Bardini. a more mità si trova una terrazza con una loggia belvedere: la vista non ha bisogno di presentazioni. E ancora A stroll through these gardens allow us to enjoy their authentic qui fontane decorate, grotte, statue e innumerevoli specie silent beauty and discover the Baroque staircase, at the side di fiori, tra rose, iris, ortensie con un piccolo teatro top of which there is a loggia. From here, the views are breathtaking. Other features are decorated fountains, of Florence verde, ricavato in una concavità naturale del terreno. Proseguendo per via San Niccolò dalla pura, geomegrottoes, statues, a small theater created by hedges and many different kinds of flowers: roses, irises and hydrangeas. We now trica eleganza, raggiungiamo la chiesa di San Niccolò in Oltrarno. take Via San Niccolò, walking in the direction of the Church of San Nella sagrestia, un’edicola quattrocentesca attribuita a Michellozzo. Niccolò in Oltrarno, whose sacristy houses a tabernacle attributed to Uscendo dalla chiesa, raggiungiamo sulla destra l’arnolfiana Porta di San Miniato, cuore del rione di San Niccolò. Il portale, abbattuto Michellozzo. Standing to the right of this church is Porta di San Miniato, designed dall’alluvione del 1966, è stato restaurato e ricollocato nella sua sede. by Arnolfo Di Cambio and considered the heart of the San Niccolò Questo angolo, reso celebre da artisti e letterati, è punto di ritrovo quarter. Knocked down during the 1966 flood, it was recovered, re- intoccabile, per fiorentini e non. Porta San Niccolò, costruita nel stored and rebuilt where we see it today. This corner of the city owes 1324, è situata più avanti: è l’unica delle porte fiorentine ad avere l’al150 Firenze | made in Tuscany


cover story

Restaurant e American bar

Firenze | made in Tuscany 151

via de’ Vecchietti 6 , Firenze | ph. 055 239 9943 | info@tabarinrestaurant.com | tabarinrestaurant.com


Palazzo Serristori 152 Firenze | made in Tuscany


city itineraries

1

2

3

4

1. Porta San Miniato 2.Via di San Niccolò 3. Secret door in via de’ Bardi 4. Torre San Niccolò 5. Via San Niccolò

5 Firenze | made in Tuscany 153


Stunning view of Florence from Piazzale Michelangelo 154 Firenze | made in Tuscany


Firenze | made in Tuscany 155


cover story

San Niccolò 39 è situato a pochi passi dal centro storico di Firenze, ed è ad un tiro di schioppo dal fiume Arno nonché dal famoso Ponte Vecchio. Abbiamo due aree interne per la cena e anche due spazi esterni - una terrazza sul davanti ed un giardino privato sul retro. SO39 è perfetto per una cena privata fino a 60 persone a sedere o fino a 80-100 per qualcosa di più informale come ad esempio un cocktail . La nostra cucina è fiorentina con piatti stagionali e locali rielaborati e presentati con un gusto e un'estetica più moderni, ed è inoltre possibile creare nuovi piatti da adattare allo stile del vostro evento.

156

San Niccolo 39, is a chic, comfortable and felixible space in San Niccolò Florence. It is located a few minutes walk from the historic center of Florence and is just a stone’s throw away from the Arno river and the famous Ponte Vecchio. We have two distinct interior dining areas as well as two outside spaces - a terrace to the front and a private garden to the rear. SO39 is perfect for private dinners for up to 60 people seated or 80-100 people in a more informal cocktail setting. Our kitchen is a Florentine kitchen with all of the dishes being seasonal and local but presented with an aesthetic for today’s tastes and these can all be tailored to suit your event.

Siamo aperti per cena da Martedi a Sabato dalle 19.30 alle 22.30 We are open for dinner from Tuesday to Saturday from 7.30pm to 10.30pm Via san Niccolò 39r, 50125, Firenze Per prenotazioni / for reservations tel 055 2001397 Firenze | made in Tuscany Email ciao@sanniccolo39.com www.sanniccolo39.com


city itineraries

cover story

The Museum House of Rodolfo Siviero, who is known for having been head of the Delegation for the Recuperation of Works of Art its fame to artists and men of literature and is today a favorite hang tezza originale. Siamo al cospetto della casa-museo Rodolfo Siviero, out of locals and foreigners. Porta San Niccolò, built in 1324, is situ- un tempo residenza di un appassionato collezionista sopranominato ated a little further ahead. It is the only city gate in Florence whose il “James Bond dell’arte”. Ma il quartiere rispecchia anche una Fiheight has not been altered. We are now standing before the Museum renze in bilico tra romanticismo e itinerari slow: come quelli verso House of Rodolfo Siviero, once home of a passionate collectionist piazzale Michelangelo. Un percorso fuori porta che vi consigliamo nicknamed “the James Bond of art”. But the neighborhood not only è quello che parte da piazza Giuseppe Poggi e sale verso il piazzale lends itself to enjoying the romantic side of Florence, but also dis- lungo quelle rampe, disegnate dallo stesso architetto che trasformò interamente la collina fra il 1867 ed il 1876, al tempo covering a slow-paced way to explore the city. Highlyin cui Firenze fu capitale d’Italia. Fra vasche, fontane recommended is a walk along the pathway that begins e momenti di sosta nel verde di alberi secolari, il pain Piazza Giuseppe Poggi and meanders uphill towards norama su Firenze varia e si dispiega in tutta la sua Piazzale Michelangelo. It was designed by Poggi, who magnificenza. Al centro del Piazzale, meta d’obbligo transformed the entire hill between 1867 and 1876, di ogni turista, la copia del David di Michelangelo dowhen Florence was capital of Italy. Fountains and rest mina la città e le colline circostanti. E adesso un po’ areas shaded by century-old trees will make for a most This corner d’indirizzi must nel cuore di questo magico quartiere. delightful stroll, which will allow you to take in the of the city Iniziamo con l’artigianato di Stefano Bemer, marchio magnificent views over the city. Standing in the center of the Piazzale, a must site for every tourist, the bronze owes its fame simbolo dell’alta calzatureria mondiale, nel suo nuoregno del lusso su misura, dentro un antica chiesa copy of Michelangelo’s David looks out over the city to artists vo del 1439 in via San Niccolò. Sempre in via San Nicand the hills beyond. Here are a few places you should and men of colò, nell’antico palazzo Nasi-Quaratesi, prende vita not miss while exploring this quarter. Let us begin with Stefano Bemer, a world-renowned brand of beliterature l’opera orafa di Alessandro Dari. Museo Bottega dal 2001, il Palazzo ospita più di 900 creazioni dell’artista. spoke high-end shoes. Their new workshop is housed inside a church dating from 1439, located on Via San Niccolò. On the Ironico e dissidente, i suoi cartelli stradali reincarnano il trasforsame street, Alessandro Dari creates his jewelry inside the ancient mismo di una città che indossa il suo costume più contemporaneo. Palazzo Nasi-Quaratesi. A workshop-museum since 2001, the Palazzo Stiamo parlando dell’artista francese Clet Abraham, che affonda le houses over 900 creations by the artist. Ironic and a nonconformist, sue radici proprio in San Niccolò, lo troverete nel suo studio in via his street signs add a contemporary touch to such an ancient city as dell’Olmo al numero 8. Apriamo il nostro capitolo food con uno tra Florence. We are talking about the French artist Clet Abraham, who i più indiscussi punti di riferimento in città, su Lungarno Benvenuto established his studio in the San Niccolò quarter. Look for it at num- Cellini il microcosmo di eccellenza di Borgo Santo Pietro in the ber 8 of Via dell’Olmo. Our food chapter begins with what is currently City. Come un ventaglio di esperienze, questa oasi del gusto si comFirenze | made in Tuscany 157


Above: the church of San Miniato al Monte. Below: Forte Belvedere 158 Firenze | made in Tuscany


cover story

Ponte alle Grazie one of the top gourmet restaurants in Florence: Borgo Santo Pietro in pone da La Bottega del Buon Caffè (ristorante 1 stella Michelin), Il the City. This oasis of fine taste consists of the Bottega del Buon Caffè Louge wine bar e L’Enoteca wine shop. Comun denominatore il (1 Michelin star restaurant), the Lounge Wine Bar and the Enoteca tradizionale stile fiorentino con un’eleganza rilassata e urban chic. Wine Shop. The common denominator is the traditional Florentine Ancora alta ristorazione. Siamo al San Niccolò 39 (sull’omonima style, but combined with a refined urban-chic flair. Another high-end via). Chiamato anche SO39, questo ristorante è la nuova destinarestaurant is San Niccolò 39 (on Via San Niccolò), also known as SO39. zione chic per gli amanti della del buon cibo. Un locale elegante e This is the new, sophisticated place to go to enjoy a gourmet meal. El- confortevole con originali opere d’arte contemporanea e due spazi esterni. Pesce fresco in tutte le sue declinazioni ma egant and comfortable, with original contemporary art anche Tagines, piatti di carne e proposte vegetariane. on its walls and two al fresco dining areas. Fresh fish Non molto distante dai piedi della scalinata che concooked in all possible ways, as well as Tagines, meat Not only the duce al Giardino delle Rose, a Piazzale Michelangelo dishes and vegetarian options. Located near the foot of the staircase leading up to the Giardino delle Rose, romantic side e a San Minato, l’Enoteca Fuori Porta: protagonista dal buon vino ai classicissimi crostoni. to Piazzale Michelangelo and to San Minato, is the of Florence, laPertradizione, gli amanti degli hamburger rigorosamente TuEnoteca Fuori Porta, which serves traditional dishes, but also scan Style sul Lungarno Torrigiani c’è Lungarno 23. such as the classic crostoni (large slices of roasted bread Scendendo da Costa San Giorgio vi troverete in piazdiscovering with toppings), and good wines. Hamburger lovers, but Tuscan Style, will opt for Lungarno 23. Located a slow-paced za dei Rossi, a Le volpi e l’uva, da oltre vent’anni otscelta per un ricco aperitivo (o la pausa pranzo, on Piazza dei Rossi, which can be reached by walking way tima sono aperti dalla mattina). Massima qualità ma prezzi along Costa San Giorgio, Le volpi e l’uva is the place to explore contenuti la filosofia del locale, sempre affollatissito go if you like your aperitif served with lots of fingerfood, which this busy eatery has been known for for the city mo. Oltre quaranta la selezione dei vini al bicchiere, provenienti da piccole realtà produttrici soprattutto over twenty years (also open at lunch). Top quality at a reasonable price is the philosophy here. Over forty wines from small italiane, francesi e spagnole. L’incantevole posizione, accanto a PiazItalian, French and Spanish producers served by the glass. Those look- zale Michelangelo, e lo stile chabby chic, contribuiscono a rendeing to enjoy Tuscan fare in a homey atmosphere will choose La Beppa re il ristorante La Beppa Fioraia un altro punto di riferimento per Fioraia. Defining features: shabby chic decor and an enchanting loca- chi decide di lasciarsi andare ai piaceri della cucina toscana: qui vi tion, next to Piazzale Michelangelo. On another but not completely sentirete come a casa. Voltiamo pagina ma non troppo, San Niccolò unrelated topic, San Niccolò is also an extremely popular happy hour è anche meta indiscussa per happy hour a regola d’arte. Dove? Il destination. The best places? Il Rifrullo, on Via San Niccolò, and Zoe Rifrullo in via San Niccolò e Zoe e Negroni in via dei Renai. Non vi resta che partire. and Negroni, both on Via dei Renai. Now you’re all set. Firenze | made in Tuscany 159


interview movie

Above: detail of the Loggia dei Lanzi Below: the tile relief of Giotto’s Campanile with the dog (right) he had as children 160 Firenze | made in Tuscany


city itinerary

Looking up a testa in su

text Lavinia Rinaldi photo Giovanni Presutti Wandering through the city, surprising things are bound to catch your eye Girando per le strade, ecco inattese curiosità e storie affascinanti

Florence’s beauty, art and history are enthralling, but while wandering through the streets of the city gazing up, some surprising things are bound to catch your eye: a dog with a herd of sheep in a tile relief of Giotto’s Campanile, basically the signature of the great artist, given he had discovered his artistic talents when he was a little shepherd boy. Located in the heart of the city, across from the Bargello, the Badia Fiorentina is an ancient temple dedicated to the worship of the Virgin. Its preexisting bell tower was destroyed in 1307 because the monks refused to pay taxes. The hexagonal one we see today dates from 1330 and has become an attraction for film buffs who have seen Dan Brown’s Inferno. In a dramatic scene, a mysterious character manages to escape from his chasers by jumping off the bell tower of this church. A few hundred meters away, at number 18 of Borgo Albizi, there is an odd 15th-century palace, Palazzo dei Visacci. Attached to its facade are 15 statues portraying notable historical Florentine figures carved in 1600 by G.B Caccini using the “schiacciato” (flattened) technique. Despite they are 40 meters above ground, the particular perspective angle makes them seem as if they are looking down at us. “Visacci” (big faces, or ugly faces) because the Florentines could not recognize in those statues their illustrious fellow citizens of the past: Dante, Petrarca, Boccaccio and Lorenzo The Magnificent. Flanking one side of Piazza della Signoria, the Loggia dei Lanzi takes its name from the ferocious Landsknechts at the service of Charles V, who stopped in Florence to rest during their march towards Rome and set up camp under this loggia. Bernardo Buontalenti converted its roof into a garden, where the Medici could listen to music and enjoy the cool breeze and the views. Today it houses the cafe of the Uffizi Museum. Not far from here is an elevated enclosed passageway that runs

Firenze affascina con bellezza, arte e storia, ma girando per le strade, col naso all’insù, scopri inattese curiosità: un cagnolino col gregge, in una formella del Campanile di Giotto, diventa firma del suo grande padrone. Giotto, vi ha lasciato memoria di quando, pastorello, scoprì la vocazione all’arte. Nel cuore della città, davanti al Bargello, la Badia Fiorentina, antichissimo luogo di culto della Vergine, con l’esagonale torre, distrutta nel 1307 per il rifiuto dei monaci di pagar tassa, ricostruita nel 1330, diviene oggi, richiamo per cinefili che, in Inferno di Dan Brown, l’hanno ammirata nel drammatico episodio dove un misterioso personaggio sfugge agli inseguitori gettandosi dal campanile. A poche centinaia di metri, al 18 di borgo Albizi, c’è un curioso palazzo quattrocentesco, il Palazzo dei Visacci. Sulla facciata sono incastonate, 15 erme di figure della storia di Firenze, scolpite, nel 1600, da G.B Caccini, con la tecnica dello “schiacciato”, che, per un gioco di prospettiva, dai 40 metri d’altezza, danno l’idea di essere guardati. “Visacci”perché i fiorentini non riconobbero nelle sculture i loro illustri concittadini: Dante, Petrarca, Boccaccio, Lorenzo il Magnifico. In Piazza della Signoria c’è la Loggia dei Lanzi, dal nome dei feroci Lanzichenecchi di Carlo V che, in marcia verso Roma, si acquartierarono in quello che il Buontalenti nel 1583, trasformò in terrazza giardino-pensile. Tra piante e fiori, i Medici frescheggiavano ascoltando musica e godendo la vista. Oggi è il caffè degli Uffizi. A due passi da qui, sorge un percorso sopraelevato Firenze | made in Tuscany 161


Palazzo di Bianca Cappello aa


interview movie

Palazzo Rucellai

over the River Arno, constructed by the request of the Grand sull’Arno, voluto dal gran duca per spostarsi dal PaDuke Cosimo I so he and his family could walk comfortably from lazzo alla residenza di Pitti. L’architetto, il Vasari, lo Palazzo Vecchio to their residence in Palazzo Pitti across the river. realizzò nei 5 mesi imposti da Cosimo I per solenThe architect Giorgio Vasari had it built in the 5 months ordered nizzare le nozze di Francesco con Giovanna d’Auby the Grand Duke, in time for the wedding ceremony of Fran- stria e stupire gli ospiti. cesco and Giovanna d’Austria, so he could impress his guests. Al centro del Corridoio Vasariano, si aprono finestre con un panorama incantevole sul fiume. Midway down the Vasari Corridor two windows Le botteghe di macellai, verdurai dell’anopen onto the river, affording spectacular views. The butcher and green-grocer shops that once ran On Ponte tico ponte furono sostituite da orafi e aralong the the sides of the bridge, known as Ponte Vecchio you gentieri per evitare cattivi odori e poco visioni a chi attraversava questo Vecchio, were later replaced by goldsmith and can see nobili luogo. Proprio sul Ponte Vecchio, uno silversmith workshops, putting an end to the una Meridiana dei simboli della città, spicca sul tetto di pleasant smells and unattractive views that people positioned una bottega, un oggetto a mezzaluna, su crossing the bridge had to bear. Precisely on Ponte Vecchio, one of the symbols of Florence, you can high up near una colonna. la Meridiana, orologio solare, memosee a a short column positioned high up near the the edge È ria dell’alluvione del 4 novembre 1333. edge of the roof of one of the shops. It supports of the roof Tutti i ponti furono travolti dalle acque, a flat stone shaped like a half-moon. It is the Meof one tranne questo. L’antico strumento misuridiana, a sundial commemorating the flood of 4 November, 1333. All the bridges were swept away of the shops ra ancora tempo, sole, giorni di Firenze. Al numero 25 di Via Maggio, Oltrarno,c’è by the waters except for Ponte Vecchio, and the ancient instrument still here, measuring time by the position of the la casa di Bianca Cappello, veneziana che ammaliò l’infedele Francesco I de’ Medici. Per starle vicino sun. Located at number 25 of Via Maggio, in the Oltrarno district, fece costruire, a pochi passi da Palazzo Pitti, questo is the Palace of Bianca Cappello, the Venetian woman who be- edificio, nido di un amore scandaloso che, né la morwitched Francesco I de’ Medici. In order to have her near him, te della consorte né il matrimonio, fecero accettare he had this palace built only a few steps away from Palazzo Pitti. alla famiglia. Storia finita forse, col veleno per i due. Their scandalous love affair was never accepted by the family, not La facciata del palazzo è ornata da grottesche bian164 Firenze | made in Tuscany


Exterior of the Orsanmichele church Firenze | made in Tuscany 165


The Column of Justice 166 Firenze | made in Tuscany


Firenze | made in Tuscany 167


interview movie

Above: the Vasarian Corridor Below: Palazzo dei Visacci 168 Firenze | made in Tuscany


THE MOST FAMOUS DISCO OF FLORENCE CLUB RESTAURANT & SHOW “YAB” NEW SEASON !!

The most famous disco of Florence - which is a point of reference for generations both in Italy and abroad (boasting more than 36 years of successful nights after its first one in 1979) – will show a completely novel look on its opening night next September, abreast with the syles raging in the world, fruit of studies and collaborations of experienced people who have met the requirements of the owners. Artists as Robert De Niro, Sylvester Stallone, Sean Penn, Madonna, David Bowie, Renato Zero, Yves Saint Laurent, Zucchero, Paco de Lucia, Grace Jones, Sirio Maccioni (Le Cirque, New York), Vasco Rossi, Bocelli and many other stars and sport champions like Tomba, Batistuta, Balotelli, are our stricly friends.

Among the variuos novelties to be staged in September, there will be an enlarged and exclusive AREA OF VIP TABLES, the NEW DJ CONSOLLE, a space for ANIMATION AND SHOW for crazy parties, as in the tradition of the YAB, and a new indoor RESTAURANT whith a menu making an ideal haunt for diners, birthday and company parties. Service at the table in the new restaurant, along with an elegant Snack/Point working untill late, will offer a selection of the best beers and the images of Italian and international football matches as well as other great sport events on maxiscreen. Live Bands and Artists on the new STAGE, including some emerging name as well as big performers will make their appearance in the YAB, while special guests touring through Tuscany shall stop at the YAB to bring the disco’s nights to a triumphal end. The “PRIVEE” with independent entrance – which has risen so many gossips in Florence last years - will also be fully renovated and will be “the cherry on the cake” of a season that appears to be exciting and able to shake the Florence’s “movida” ! YAB will be open every night from seven p.m. - save for Tuesday and Sunday on which it will open only for private parties or special event DOWNLOAD your Free App “ YAB FIRENZE” Firenze | made in Tuscany 169

Via dei Sassetti, 5 - Florence - yab.it


Piano Bar

Via dei Fossi 44r, Firenze - Tel. 055 283393 - www.gilopianobar.com - gilo@gilopianobar.com LunedÏ al Sabato dalle 18.30 alle 2 - Late dinner fino a mezzanotte Musica dal vivo dalle 21.00 - Il locale è disponibile per cene aziendali, eventi e feste private

170 Firenze | made in Tuscany Dal


Exterior of the Orsanmichele church

even after the death of Francesco’s wife and his marriage with che, raffiguranti arieti, grandi figure maschili e femBianca. Their story ended with their death, only a few days apart minili, opera di G.B.Poccetti, con la tecnica del grafand probably due to poisoning. The palace’s facade is decorated fito, che fa emergere il bianco sottostante delineanwith white grotesques designs depicting rams and large male and do il decoro. Bianca non godè di questa meraviglia, perchè diventata duchessa, donò il palazzo all’ospefemale figures. The artist, G.B. Poccetti, used the graffito technique, which re- dale di Santa Maria Nuova. Percorrendo Via Maggio, il ponte S. Trinita ci porta vealed the white color underneath and created the nell’omonima piazza dove c’è la Colondecoration. Bianca was not able to enjoy this wonna della Giustizia, la più alta, più bella der, because after marrying Francesco she donated it to the hospital of Santa Maria Nuova. Installed inside di Firenze. Dono di Pio IV a Cosimo I, è raro reperto archeologico delle terme At the end of Via Maggio, Ponte Santa Trinita leads the exterior un di Caracalla. Monolita di granito, di 50 us to the homonymous piazza where the tallest and niches of tonnellate e di mt 11,17. loveliest column in Florence stands, the Column Orsanmichele Arrivò a Firenze, il 23 settembre 1563, of Justice. Donated to Cosimo I by Pope Pius IV, it is a rare archeological find taken from the Baths of are statues of dopo un avventuroso viaggio di circa anno . In cima è posta la statua della Caracalla. The granite monolith weighing 50 tons saints by 1Giustizia di porfido rosso, che celebra and measuring 11.17 meters arrived in Florence Ghiberti, la vittoriosa battaglia di Marciano sui sein September 1563, at the end of an adventurous Brunelleschi nesi. journey that took around one year. On its summit stands the red marble statue of justice commemoand Verrocchio Altro luogo di straordinario è Orsanmichele, antica loggia del mercato del grarating Florence’s victory over Siena at Marciano. Another extraordinary site is Orsanmichele. It housed the city’s no che, anche da chiesa, conservò la vocazione di grain market before being converted into a church and becoming protezione di arti e mestieri. Qui, all’esterno, nei tabernacoli dedicati ai Santhe place of worship of Florence’s craft and trade guilds. Installed inside the exterior niches are statues of the patron ti protettori di ogni mestiere, i più grandi scultori saints of each craft and trade, works of the greatest sculptors of dell’epoca: Ghiberti, Brunelleschi, Verrocchio, Luca the Renaissance: Ghiberti, Brunelleschi, Verrocchio and Luca della Robbia, hanno lasciato firma della loro arte e del Rinascimento. della Robbia. Firenze | made in Tuscany 171


interview movie

www.firenzeyesplease.com An aerial photo of the city by Massimo Sestini 172 Firenze | made in Tuscany


city itinerary

Firenze Yes Please

Arrive as a guest, leave as a friend! text Teresa Favi photo Massimo Sestini A start-up that revolutionizes the hospitality industry Una startup unica che rivoluziona il mondo dell’ospitalità

Eleven five-star hotels, between boutique hotels and charming resorts, and four publishing, creativity, and communication experts. A unifying love for Florence and the desire to recount it in an international environment beyond the tourist clichés. Firenzeyesplease.com was born from this premise, a one-of-a-kind destination website aimed at those who wish to experience and live a touch of authenticity in their trip. The site selects, plans and creates unique and at times inaccessible experiences of the city. The site also offers advance notification on main cultural and entertainment events, presents a selection of the territory’s best qualities, and proposes added high-value experiences. Furthermore, thanks to a local and international partnership, it is a reference for cultural mediation between the territory and an exclusive public, with a strong engagement through the web. The editorial and communication project is managed by Doris Kovacs, Alex Vittorio Lana and Matteo Parigi Bini. Artistic direction is overseen by Felice Limosani, who works in an international environment for cultural and top brand institutions, and with whom we met to learn more about the project. How was the project Firenze Yes Please born? Firenze Yes Please is a concrete representation of “working together.” Today, competition and collaboration can and must go together. It is with this spirit that this one-of-a-kind start-up began. At the heart is the long-term vision of the Directors of the most prestigious hotels in the city and the dedication of four friends. Uniting us is a love for Florence and the desire to communicate it in a special way. We want to reinforce the city’s identity, offering to visitors a new way to interact with it, far away from the usual tourist models. A story that only those who live and enliven it can offer, enhancing the perception of Florence. Are there different companies online with the same goal? Firenze Yes Please is a collective project that narrates the city and Tuscany in a personal way, through exceptional men and women who are genuinely connected to the territory. Travelers, in addition

Undici alberghi 5 stelle tra boutique hotel e resort di charme e quattro professionisti dell’editoria, della creatività e della comunicazione. Trait d’union l’amore per la città di Firenze e il desiderio di raccontarla in ambito internazionale oltre i cliché turistici.Con questa premessa è nato firenzeyesplease.com, destination website unico nel suo genere, rivolto a chi desideri conoscere e vivere la dimensione autentica del viaggio. Il sito seleziona, progetta e crea esperienze uniche e a volte inaccessibili della città. Comunica con largo anticipo i principali eventi culturali e di intrattenimento, presenta una selezione delle eccellenze del territorio e propone esperienze ad alto valore aggiunto. Inoltre, grazie a partnership locali e internazionali, è un riferimento di mediazione culturale tra il territorio e un pubblico di fascia alta, con un forte engagement attraverso il web. Il progetto editoriale e di comunicazione è curato da Doris Kovacs, Alex Vittorio Lana e Matteo Parigi Bini. La direzione artistica è a firma di Felice Limosani, che opera in ambito internazionale per istituzioni culturali e top brand, e che abbiamo incontrato per conoscere meglio il progetto. Come nasce il progetto Firenze Yes Please? Firenze Yes Please è la concreta rappresentazione del “fare sistema”. Oggi competizione e collaborazione possono e devono stare assieme. È con questo spirito che nasce una start up unica al mondo. Alla base c’è la lungimiranza dei Direttori degli alberghi più prestigiosi della città e la perseveranza di quattro amici. A unirci è l’amore per Firenze e il desiderio di comunicarla in modo speciale. Vogliamo rafforzare l’identità della città offrendo a chi ci visita un modo diverso di interazione lontano dai consueti modelli turistici. Un plot che solo chi la vive e chi la anima può offrire migliorando la percezione di Firenze. On line esistono diverse realtà con la stessa finalità? Firenze Yes Please è un progetto corale che racconta in modo personale la città e la Toscana, attraverso uomini e donne eccellenti, autenticamente legati al territorio. I viaggiatori, oltre a visitare monumenti e musei, vogliono trovare nei luoghi in cui arrivano qualFirenze | made in Tuscany 173


interview movie

From left Doris Kovacs, Alex Vittorio Lana, Felice Limosani and Matteo Parigi Bini to visiting monuments and museums, want to discover something that is at once human and fascinating in the places they visit. We work with a demanding, curious, cultured public whose desire is to meet local people, immersing themselves in everyday lives. Our slogan describes our objective well: “Firenze Yes Please, arrive a guest, leave a friend.” Who are the creators of the project and the involved partners? The founding partners are Belmond Villa San Michele, Four Seasons Hotel Firenze, Hotel Helvetia & Bristol, Rocco Forte Hotel Savoy, Il Salviatino, J.K. Place Firenze, Portrait Firenze, Relais Santa Croce, The St. Regis Florence, Villa Cora and Villa La Massa. The original concept and artistic direction are managed by me, while the editorial project is overseen by Doris Kovacs, Matteo Parigi Bini and Alex Vittorio Lana. The photography is pure fine art by Massimo Sestini, to the detriment of the archaic, idealistic tourist postcard. We are close-knit and we work with the spirit that unites friends. With Matteo, Doris, and Alex, as well as the directors of the hotels, there is a real feeling but more importantly a vision of the authenticity of the contents and a recruitment method without parallel. Can you tell us how the idea was born? The idea Yes Please alludes to a nice act, to someone who offers something and someone else who happily accepts. I believe that the words, in addition to expressing a meaning, are imbued with feelings that make this concept a different emotion. In the section “meet the locals,” important Tuscans, such as Dario Nardella, Andrea Bocelli, Ferruccio Ferragamo, Piero Antinori and many more, relate and invite the public to share their personal experiences, the places they really live from a privileged and exclusive point of view. They are little stories recounted informally, a dialogue between friends, rich with a feeling of “welcome among us.” 174 Firenze | made in Tuscany

cosa di umano e appassionante allo stesso tempo.Noi parliamo a un pubblico esigente, curioso, colto e desideroso di incontrare le persone del posto per immergersi nella loro realtà. La sintesi che ben descrive il nostro obiettivo e nel claim: “Firenze Yes Please, arrivi come ospite, torni come amico.” Chi sono gli autori del progetto e i partner coinvolti? I founding partners sono Belmond Villa San Michele, Four Seasons Hotel Firenze, Hotel Helvetia & Bristol, Rocco Forte Hotel Savoy, Il Salviatino, J.K. Place Firenze, Portrait Firenze, Relais Santa Croce, The St. Regis Florence, Villa Cora e Villa La Massa. Il concept originale e la direzione artistica sono curati da me, mentre il progetto editoriale è seguito da Doris Kovacs, Matteo Parigi Bini e Alex Vittorio Lana. La fotografia è pura fine art di Massimo Sestini a discapito dell’immaginario desueto da cartolina turistica. Siamo affiatati e lavoriamo con lo spirito che unisce gli amici. Con Matteo, Doris e Alex e i direttori degli alberghi c’è un reale feeling ma soprattutto una visione tra concretezza dei contenuti e una modalità di ingaggio delle persone senza eguali. Ci racconta come nasce l’idea? L’idea Yes Please allude a un atto gentile, a qualcuno che offre qualcosa e a qualcun altro che accetta volentieri. Credo che le parole oltre ad esprimere un significato, siano intrise di sensazioni che fanno dello stesso concetto un’emozione diversa. Nella sezione “meet the locals” personaggi significativi come Dario Nardella, Andrea Bocelli, Ferruccio Ferragamo, Piero Antinori e molti altri, si raccontano  e invitano il pubblico a condividere le loro esperienze personali, i luoghi che vivono realmente da un punto di vista privilegiato ed esclusivo. Sono piccole storie raccontate in modo informale, un dialogo tra amici ricche (per l’appunto) di una sensazione di “benvenuti tra noi”.


La piattaforma FYP è un circuito chiuso o è aperta a tutti? Is the FYP platform a closed network or is it open to everyone? It is a network that can be accessed only upon reservation and is È un circuito cui si accede solo su prenotazione ed è rivolto a un aimed at a public that is looking for the added value of authentic- pubblico che cerca il valore aggiunto dell’autenticità. Parliamo a un ity. We are talking about quality tourism, which doesn’t pursue the turismo di qualità, che non insegue i consueti itinerari turistici ma usual tourist itineraries, but which wants to offer above all else a true che vuole vivere prima di tutto un’esperienza vera, conoscere luoghi experience, the opportunity to see unspoiled places, to have genuine inediti, avere incontri ”veri e di qualità” con le persone del luogo and quality face-to-face encounters with local people and their real e con le loro storie reali. Puntiamo ai rapporti umani, ad esperienze di vita, ad attimi irripetibili di bellezza e non ai stories. We are focused on human relationships, life grandi numeri. Ci posizioniamo in una dimensione experiences, unrepeatable moments of beauty, and ben descrittada Einstein : “non tutto quello che può not on high numbers. The scope in which we find We look essere contato conta, non tutto quello che conta può ourselves was described well by Einstein: not everything that can be counted counts, not everything that to quality essere contato”. è possibile online? Quanto costano counts can be counted.” tourists, Prenotazione: le esperienze? Bookings: can they be made online? How much do who wish to Sono visite private create su misura da Firenze Yes these experiences cost? venture off Please, nell’ottica di un’esperienza a tutto tondo, caThey are private visits that are tailor-made by Firenze Yes Please with the aim of creating a comprehensive the usual paci di regalare un mondo e non soltanto un sogMuovendo da destinazioni eccellenti della experience, capable of offering a world and not just tourist circuit giorno. città e del territorio si sommeranno a queste percora vacation spot. Moving from the city and territory’s to be part of si che, non dimenticando la bellezza classica della excellent destinations, we will add to these itineraries that, not forgetting the classic beauty of the city, will an experience città, arriveranno a toccare installazioni site specific, Set emozionali e comunque a contenuti non riconcome to touch site-specific installations, poignant scenes, with content that doesn’t fall within tourist standards. A true ducibili agli standard turistici. Un vero exploit di spettacolarità e exploit of splendor and knowledge. Every private visit begins with conoscenza. Ogni private visit parte da una proposta ideata da Fia proposal by Firenze Yes Please and is then shaped around the pas- renze Yes Please per essere declinata, modellata, sulle passioni e i sions and wishes of the guests….a way of knowing that is a way of desideri degli ospiti… un modo di conoscere che è un modo di living. When we go out for dinner to spend a lovely evening in the vivere. Quando usciamo a cena per trascorrere una bella serata in company of friends, we don’t ask how much it will cost first. Firenze compagnia, non chiediamo prima quanto costa. Firenze Yes Please Yes Please is everything we would suggest to a friend, the best pos- è tutto quello che suggeriremmo a un’amico, il meglio possibile e il prezzo di conseguenza. sible and the price accordingly. Firenze | made in Tuscany 175


cover story

Preparatory works for the 2017 edition inside the hangars of the Citadella del Carnevale Viareggio 176 Firenze | made in Tuscany


traditional festival

The great show Il grande spettacolo text Teresa Favi photo Niccolò Rastrelli The Carnival of Viareggio and the exciting behind-the-scenes of the Cittadella Carnevale di Viareggio, emozioni nel backstage della Cittadella A parade of farm wagons and carriages along the Via Regia Una sfilata di carri agricoli e carrozze per festeggiare il carne(from which the name Viareggio comes) to celebrate Carnival vale all’aperto fra la gente: questa l’idea che il martedì grasso in the streets among people: this is the idea that came to a del 1873 portò alcuni giovani bene della Viareggio d’allora a group of wealthy locals on Mardi Gras of the year 1873 and inventare nella Via Regia (da cui Viareggio) quello che sarebbe would develop into the famous Carnival of Viareggio: one of diventato il Carnevale di Viareggio: evento spettacolare tra i più the world’s most beautiful and spectacular shows, established belli e grandiosi del mondo nato quasi in contemporanea con nearly at the same time as Nice’s Carnival parade. quello di Nizza. The elements crucial to the Carnival’s immediate success were: Tre le leve del successo immediato la location che dal 1905 è the location, which has been the town’s sea front since 1905; quella del lungomare, gli artisti che gravitavano in Versilia e le the artists and artisans who worked along the Versilian coast, maestranze, cioè i famosi maestri d’ascia dai vicini cantieri nain particular, the shipwrights from the nearby vali della Darsena (disponibili durante l’inverno). ship-building yards at the Darsena (who were Ma anche l’invenzione della carta a calco (comuavailable in wintertime); and the invention of panemente detta cartapesta), nel 1925, un colpo di pier-mâché in 1925 by Antonio D’Arliano, a magenio di Antonio D’Arliano che, ben più leggera terial much lighter than plaster which allowed to del gesso, consentì la creazione di carri più granbuild larger and self-propelled floats. di e l’inserimento nei carri dei meccanismi di In 1930, futurist painter Uberto Bonetti designed movimento. Nel 1930 il pittore futurista Uberto Burlamacco, inspired by one of the masks of the The 144th Bonetti, disegnò Burlamacco, ispirandosi all’ulCommedia dell’Arte. He appeared in the commaschera della commedia dell’arte che, nel Carnival tima pany of Ondina on the first promotional poster manifesto del 1931, è in compagnia di Ondina. of Viareggio Da allora quel clown della porta accanto in abito in 1931. Since then, that clownish figure dressed in red and white, with a black cloak, a big hat and starts bianco e rosso, mantello nero, cappellone e naso a a button nose has been the symbol of the Carniè il simbolo del Carnevale di Viareggio. Un on February 5 patata val of Viareggio. Its other distinguishing feature altro elemento identitario della manifestazione è is political satire, which is constantly fueled by till Feburary 28 la satira politica, che trova linfa vitale nell’indole Tuscans’ irreverent nature. dissacratoria dei Toscani. A Viareggio il lavoro intorno al CarIn Viareggio, the Carnival Parade is taken very seriously. There nevale è cosa seria. C’è la Fondazione che lo nutre, promuove, is a Foundation that nourishes, promotes, supervises and pro- supervisiona e tutela, come una specie di grande madre. Dura tects it, like a sort of Great Mother. The Carnival is a full time tutto l’anno, eccetto i mesi intermedi tra la fine del Carnevale e production with a staff that plans for it all year round. In the aprile quando vengono presentati i bozzetti per l’anno succesmonths between the end of Carnival celebrations and April, sivo. Poi gradualmente prende il via la progettazione, la costrusketches for the next year are handed in. Then the design and zione delle intelaiature e delle meccaniche per i movimenti, fino construction of the new floats begins. Around November-De- a che il carro verso novembre/dicembre comincia ad avere una cember, the floats start to take shape. At Christmas time, the vera e propria forma. Da Natale in poi si va a ritmo serrato, notte Firenze | made in Tuscany 177


cover story

It takes six months from the moment the pencil hits the page to the time a float is complete work on the floats proceeds at a frenzied pace, night and day, e giorno, e ogni giorno è lunedì. Un tempo i carri nascevano negli slarghi, un buco tra le case, sotto le logge del mercato o and every day is Monday. Once, the floats were built in the streets, in the widenings be- dentro il teatro. Oggi i giganti di cartapesta vengono realizzati in tween the houses, in the open market gallery or inside the the- grandi hangar dentro il complesso ellittico della Cittadella del atre. Today, these papier-mâché giants are created in the huge Carnevale, non lontano dal centro. Una tradizione affettuosa e hangars of the elliptical-shaped complex called Cittadella del dal colorato sapore casalingo, vuole che ogni settimana da dicembre in poi, i viareggini “accapino” nel piazzale della CittadelCarnevale, located not far from downtown Viareggio. la per controllare l’avanzamento dei lavori. Sono Tradition has it that every week, from September gli affezionati del carnevale, gli amici dei carristi through December, the locals “pop in” to check ma anche nonni con i loro nipotini: un bell’andathe progress of works on the floats: Carnival fans, Tradition has re e venire di gente alla quale, contrariamente a friends of the float-builders, but also grandparents with children. The Cittadella’s main square it that every quanto ci si aspetterebbe, nessuno fa opposizioAnzi, da queste parti le visite, purché discrete, is filled with people who come and go and, unweek, from ne. fanno piacere, i carristi sentono il tifo della città. like what one would expect, nobody complains. On the contrary, float-builders appreciate people December, the Da dopo l’epifania in poi, lo spettacolo nella Citvisiting them, as long as visitors are unobtrusive, locals “pop in” tadella si accende, ed è allora un turbillion di probecause it makes them feel supported. to check ve generali nel grande piazzale ellittico: schiere di in maschera che provano le coreografie From Epiphany on, the Cittadella’s elliptical the progress ballerini con la musica a tutta canna, carri che escono dagli square becomes a huge stage where rehearsals of works hangar per vedere l’effetto che fanno, un’aria cacarry on in full swing: dressed-up dancers rehearsing the choreography over and over with on the floats otica e gaia da Cinecittà vecchio stile che in anteprima comincia a frizionare l’atmosfera. Le opere music at full blast, floats coming out of the hangars to see what impression they make, a chaotic and cheerful, che ogni anno concorrono per il podio sono suddivise in quatold-style Cinecittà atmosphere. The floats that every year com- tro diverse categorie: i carri di prima categoria sono dieci, quelli pete for the podium are divided into four categories: ten in the di seconda categoria sono quattro. Vi sono poi nove mascherate first category, four in the second, nine group floats and sixteen in gruppo e sedici maschere isolate. “Un carro si costruisce in sei mesi tra progettazione e costruindividual floats. “It takes six months from the moment the pencil hits the page zione – spiega Michele figlio di Umberto Cinquini che insieme to the time a float is complete- says Michele, the son of Umber- al fratello Stefano sono noti per i loro progetti innovativi – , la to Cinquini, who is known for 5 his innovative projects, designed costruzione è un lavoro completo di falegnameria, carpenteria, 178 Firenze | made in Tuscany


It’s a team effort, hard and dangerous at times, you have to keep an eye on everything but, after all, it’s like living all year long in a time machine that takes you back to old artisan workshops Firenze | made in Tuscany 179


cover story

180 Firenze | made in Tuscany


Every float has about 200 participants wearing costumes with the help of his brother Stefano –building a float is a work pittura, scultura e saldatura e qui tutti siamo in grado di fare of carpentry, painting, sculpture and welding at the same time, tutto. E’ un mestiere di squadra, faticoso e per certi versi anche and we are able to do it all here. It’s a team effort, hard and pericoloso, devi avere sempre mille occhi, ma in fondo, è come dangerous at times, you have to keep an eye on everything but, vivere tutto l’anno in una macchina del tempo che ti porta alle after all, it’s like living all year long in a time machine that antiche botteghe d’arte”. Fabrizio Galli, altro costruttore, ci racconta quanto i carri siano macchine complesse: “Quando si sfila, takes you back to old artisan workshops”. Fabrizio Galli, another float-builder, tell us how complex each dentro i carri c’è un esercito di addetti ai movimenti, almeno quindici persone invisibili da fuori”. E aggiunge float’s mechanism is: “A parading float has at che “negli ultimi anni è ritornata in grande auge least fifteen people inside, invisible from the la tradizione dei movimenti a mano, con macoutside, who keep the float moving”. He adds In the past chine meccaniche (che a guardarle negli hangar that “in the past few years, we’ve gone back to the traditional movement controlled by hand, few years, it’s sembrano come quelle progettate da Leonardo da ndr), perché il carro deve essere vivo. Ogni with mechanical devices ( in the warehouse they gone back to Vinci, movimento, come lo sbattere di una palpebra, vielook much like those designed by Leonardo da Vinci, editor’s note), because the float has to the traditional ne studiato allo sfinimento per farlo risultare più movement naturale possibile, e a Viareggio siamo i migliori”. be alive. Every movement, even the blinking of an eye, is studied down to the minutest detail controlled by Ma anche la spettacolarizzazione che si genera ai giganti di cartapesta è fondamentale. to make it appear as natural as possible, and in hand, with intorno Ogni carro fa corpo unico con circa 200 figuranti Viareggio we are the best at this”. Furthermore, mechanical in costume, di cui una settantina ballano a terra every float has about 200 participants wearing costumes, nearly seventy of them dancing and devices a suon di musica con coreografie studiate su misura mentre gli altri stanno sopra. Mentre entriasinging to a choreography around it and the rest mo nell’hangar di Alessandro Avanzini, figlio d’arte di Silvano riding on the float. While we walk inside the hangar of Alessandro Avanzini, the Avanzini che negli anni ’60 inaugurò la stagione della satira poson of Silvano Avanzini who back in the sixties inaugurated the litica più graffiante della storia del Carnevale, intravediamo tra most biting political satire season in the history of the Carni- le sculture di carta in costruzione uno strano intruso. Il “corpo val, we notice an “outsider” among the paper sculptures under estraneo” è una Proust gigante, la famosa poltrona disegnata da construction. The “foreign body” is a giant Proust, the famous Alessandro Mendini. Questa è alta tre metri almeno. Domanda: armchair designed by Alessandro Mendini. It is at least three che ci fa qui? Risponde serafico il padrone di casa che, tralasciameters high. “What is this doing here?”, we ask. Our host an- to il graffiante filone paterno fa trasfusioni di arte, ricerca maFirenze | made in Tuscany 181


The Carnival of Viareggio is a stage where the show of life goes on swers, with a seraphic expression on his face: “Most of us here terica e sensibilizzazione sociale al Re Carnevale: “Molti di noi are master artisans who, besides working full-time for Viareg- sono artigiani con la A maiuscola, e oltre a occuparsi in primis gio’s Carnival parade, work on other projects as well: theatre della sfilata di Viareggio, collaborano con altre realtà: produzioni productions, other Carnival parades across Italy, settings for teatrali, altri carnevali d’Italia, allestimenti per fiere e boutique, trade shows and boutiques or, in my case, with designers. The o come nel mio caso con firme del design. Del resto - aggiunge Foundation- goes on Avanzini- grants us a great form of free- Avanzini - questa che la Fondazione ci offre è una grande forma dom: our mission is to please the Carnival’s audience, without di libertà: nostro compito e desiderio è conquistare il pubblico del Carnevale, ma senza l’obbligo di vendere ciò having the need to sell what we do”. Once again, facciamo”. E insomma, anche nel XXI secolo, even in the 21st century, Tuscany docet…. The Grand che Toscana docet… THE 2017 CARNIVAL Finale is held L’EDIZIONE 2017 The 144th Carnival of Viareggio hits the streets on Sunday, February 5, at 3 p.m. with the Grand on Mardi Gras, Il 144esimo Carnevale di Viareggio parte domeni5 febbraio, alle ore 15, con il Grande Corso MaOpening Parade. The floats- 9 in the first categoFebruary 28 ca scherato di Apertura. I carri - 9 macchine gigantery, 4 in the second, 9 group floats and 15 individstarting at sche di prima categoria, 4 di seconda, 9 mascheraual floats- will be parading along the promenade 3 p.m. and te e 15 maschere isolate - tornano sul Lungomare again on Sunday, February 12 at 3 p.m., on Saturday, February 18 at 5 p.m. (the evening parade), ending in the domenica 12 febbraio alle 15, sabato 18 febbraio 17 (in notturna), domenica 26 febbraio alle 15. and on Sunday, February 26, at 3 p.m. The Grand evening with a alle Gran finale Martedì Grasso 28 febbraio dalle ore Finale is held on Mardi Gras, February 28, starting at 3 p.m. and ending in the evening with the great firework 15 e termina in tarda serata con la proclamazione announcement of the winning float and a great show dei verdetti delle giurie e un grande spettacolo di fuochi d’artificio. Come ogni anno sono stati scelti firework show. Like every year, the Carnival Parade deals with the most cur- temi importanti del nostro quotidiano: dalla giungla della burorent issues of our time: from the bureaucracy jungle to the crazia alla riscoperta della natura, dal tema della bellezza contro rediscovery of nature, from the theme of beauty to fight against le barbarie di oggi alla metafora della vita, con le sue gioie e today’s barbarism to the metaphor of life, with its joys and i suoi dolori, fino all’avanzata della Cina sull’economia ameripains, to the impact of China’s growth on American econo- cana. E poi le recenti elezioni americane, la scoperta di nuovi my. And also, the recent presidential elections in the US, the pianeti, lo scioglimento dei ghiacciai. Perché, in fin dei conti, il discovery of new planets, the melting of glaciers. After all, the Carnevale di Viareggio è anche un palcoscenico dove va in scena Carnival of Viareggio is a stage where the show of life goes on. la nostra contemporaneità. 182 Firenze | made in Tuscany


PORTA MODELLO COLUMBIA REI FONOISOLANTE PER HOTEL COMPLANARE LATO ESTERNO LEGNO SMALTATO BIANCO LUCIDO ACCESSORI CROMO LUCIDO

GilibertiStudio

PORTE E FINESTRE CIPRIANI: ELEGANZA SENZA TEMPO.

Cipriani Serramenti S.p.A. 50012 Grassina (Firenze) Italy T. +39 055 640160 F. +39 055 643078 e-mail: info@cipriani-serramenti.it www.cipriani-serramenti.it


Photo shoots in the heart of the companies, in front of the machinery, side by side with the workers and employers, from great heights of the quarries and cranes to the holds of the boats under construction aa 184 Firenze | made in Tuscany


industry experience

Genius loci testimone della maestria text Matteo Grazzini photo Dario Garofalo An unprecedented look at the Confindustria Toscana Nord companies Uno sguardo inedito sulle aziende di Confindustria Toscana Nord A book that recounts, with images and words, the hard work Un libro che racconta, con immagini e parole, la laboriosità di of an area, but also the breaking down of the barriers repre- un territorio ma anche la caduta di steccati rappresentati da sented by traditions and parishes, dialect and competition, tradizione e campanili, vernacolo e concorrenza, differenze e, differences and, sometimes, envy. Genius loci, the book pub- talvolta, invidie. lished by Confindustria Toscana Nord is a graceful and ele- Genius loci, il volume realizzato da Confindustria Toscagant ode to an almost epochal place: Lucca, Pistoia and Prato na Nord è un inno garbato ed elegante ad una svolta quasi coming together to create something bigger, more important, epocale: Lucca, Pistoia e Prato che si uniscono per cremore effective in a constantly evolving and suffering market. are qualcosa di più grande, più importante, più efficaAndrea Cavicchi, Federica Landucci and Cristina Galeotti, in- ce in un mercato in continua evoluzione e sofferenza. dustrial presidents of the three provinces, have guided the merg- Andrea Cavicchi, Federica Landucci e Cristina Galeotti, presier, which began in 2015 and became official in 2016. And to close denti degli industriali delle tre province, hanno guidato la futhe year of great change in the best way possible they entrusted sione, iniziata nel 2015 e concretizzatasi ufficialmente nel 2016. the creation of a book to the photographer Dario E per chiudere l’anno del grande cambiamento Garofalo and the Gruppo Editoriale. The publicanel migliore dei modi hanno pensato di affidare tion is important due to both its role and its conal fotografo Dario Garofalo e al Gruppo EditoriaThe book le la realizzazione di un libro ‘importante’ nella tent: photo shoots in the heart of the companies, in front of the machinery, side by side with the brings an end veste e nei contenuti: scatti fotografici nel cuore workers and employers, from great heights of the aziende, davanti ai macchinari, a fianco deto centuries delle quarries and cranes to the holds of the boats ungli operai e degli imprenditori, dall’alto di cave of parochialism e gru piuttosto che dentro le stive di barche in der construction. And in support of the images, which will remain and celebrates costruzione. available to Confindustria Toscana Nord to further a corredo delle immagini, che resteranno a the union Ed publish them through its own channels, includdisposizione della stessa Confindustria Toscana of Lucca, Nord per valorizzarle ulteriormente attraverso i ing social media, there are the words of journalists from the three provinces and experts in the Pistoia propri canali, anche social, ci sono le parole di ten sectors into which the industries have been and Prato giornalisti delle tre province o esperti delle diedivided: fashion system, metalworking, paper and ci sezioni in cui sono organizzate le industrie: paper products, services and tertiary, chemicals, plastics and sistema moda, metalmeccanica, carta e cartotecnica, servizi e pharmaceutical, construction, food, transport and logistics, ma- terziario, chimica, plastica e farmaceutica, edilizia, alimentari, rine. The journalists from the Tuscan and national newspapers trasporti e logistica, nautica. or specialised magazines are Maurizio Bologni, Piero Ceccatelli, Firme che arrivano dai quotidiani toscani e nazionali o da riAldo Fiordelli, Silvia Ognibene, Cesare Peruzzi, Silvia Pieraccini, viste specializzate e che sono quelle di Maurizio Bologni, PieMariangela Rossi, Paolo Toccafondi and Matteo Zaccagnino. ro Ceccatelli, Aldo Fiordelli, Silvia Ognibene, Cesare Peruzzi, Being able to grasp the soul and craftsmanship of Tuscan work- Silvia Pieraccini, Mariangela Rossi, Paolo Toccafondi e Matteo Firenze | made in Tuscany 185


The excellence of the work in terms of companies, employees and export ers is the main merit of Garofalo, a photographer who, despite Zaccagnino. Saper cogliere l’anima e la maestria dei lavorahis young age, is stringing together prestigious collaborations tori toscani è il merito principale che è stato riconosciuto a in Italy and abroad: in this case he was able to capture the es- Garofalo, un fotografo che, a dispetto della giovane età, sta sence of the work without focusing on names, brands or par- inanellando collaborazioni prestigiose in Italia e all’estero: in ticular connotations. The companies in fact offered to take part questo caso ha saputo cogliere l’essenza del lavoro senza inin the work completely anonymously because Genius loci is not dugiare su nomi, brand o connotazioni particolari. Le aziende a source of publicity but rather an innovative and striking way si sono infatti ‘prestate’ all’opera a titolo assolutamente anoof telling others a story. And this anonymity guarantees impar- nimo, perché Genius loci non è un modo per farsi pubblicità tial judgement and appreciation on the part of the reader and ma piuttosto un veicolo innovativo e suggestivo per racconthe Confindustria Toscana Nord member: from tarsi agli altri. E questo anonimato garantisce al the introductory shots, where plastics and texlettore e al socio di Confindustria Toscana Nord tiles seem to have the same consistency and the imparzialità di giudizio e di apprezzamento, dagli Stories, scatti introduttivi, dove materie plastiche e tessusame colors, to the images of the various sectors, where the craftsmanship of confectioners statistics ti sembrano avere la stessa consistenza e gli stessi and mattress makers is not more or less fluid alle immagini delle varie sezioni, dove la and analyses colori, than that of the marble masons or carpenters. manualità di pasticceri e materassai non è più o placed into meno fluida di quella di marmisti o carpentieri. And to top it off there are statistics, processed by the Confindustria Toscana Nord research center, the hands E per completare l’opera ci sono i numeri, elawhich explain the excellence of the work in terms of the most borati dal Centro Studi di Confindustria Toscana of companies, employees and exports. Genius loci. che spiegano l’eccellenza del lavoro in terexperienced Nord, Uno sguardo inedito sulle attività produttive di Conmini di aziende, addetti e export. Genius loci. Uno journalists sguardo inedito sulle attività produttive di Confindufindustria Toscana Nord: this is the complete title. It has a preface by the President of Confindustria in the sector stria Toscana Nord, questo il nome completo, ha la Vincenzo Boccia and was gifted to the members prefazione del presidente di Confindustria Vinof the association of entrepreneurs during an evening at Palazzo cenzo Boccia ed è stato donato ai soci dell’associazione degli Corradini in Lucca, at which Andrea Cavicchi and his deputies imprenditori nel corso di una serata a Palazzo Corradini a LucFederica Landucci and Cristina Galeotti were present along with ca, presenti Andrea Cavicchi e le sue vice Federica Landucci the mayor of Lucca Alessandro Tambellini, in recognition of the e Cristina Galeotti, ma anche il sindaco di Lucca Alessandro value of the book for the whole area. With the chimneys turned Tambellini, a riconoscimento del valore del libro per tutto il into new steeples. territorio. Con le ciminiere trasformate in novelli campanili. 186 Firenze | made in Tuscany


A book that recounts, with images and words, the hard work of an area, but also the breaking down of the barriers represented by traditions and parishes, dialect and competition, differences and, sometimes, envy Firenze | made in Tuscany 187


cover story

Above: Palais Auersperg Below: Kunsthistorisches Museum 188 Firenze | made in Tuscany


art photo

Vienna told by a Florentine Vienna, raccontata da un fiorentino text Maria Lardara photo Massimo Listri A trip to the Austrian capital in Massimo Listri’s calendar for ‘Di Meo’ Viaggio nelle capitale austriaca con il calendario ‘Di Meo’ firmato da Massimo Listri “See Naples and die”, they say. In this case, to see the noble heart of Naples you need to go to Vienna, and discover it among the palaces of Austria’s capital city. A trip twelve months long, like the pictures taken by the great Florentine photographer Massimo Listri for the calendar published by the association “Di Meo, vini ad arte” chaired by Generoso di Meo, a gynaecologist from Salza Irpina who loves music and art. And art provides the background for the images in which the great photographer represents Vienna, with an eye attentive to little details in the city that pay homage to the culture of Naples. For example, there’s plenty of Naples to be found in the halls of Vienna’s Kunsthistorisches Museum, home to Francesco Solimena’s Allegorical Portrait of Count Althann handing over the inventory of the Imperial Picture Gallery to Charles VI. Or in the Royal Palace, where Naples triumphs in the canvases of Nicola Maria Rossi, who sent three of his paintings to Austria to illustrate the ceremonies of Viceroy Harrach. The Florentine photographer is not new to projects of this kind: he has been working with “Di Meo” for at least three years, on extraordinary projects revealing the beauty of the most wonderful palaces in Europe’s capital cities. “L’occhio felice” di Listri – an exhibition of his work organised recently by Fondazione Franco Maria Ricci – embraced Generoso Di Meo’s idea for the calendar, in a combination of history, art, beauty and flavour. A voyage around the whole world, year after year and calendar after calendar, touching on New York, Moscow, Berlin, Marrakech, Palermo, Madrid and Paris and seeking out each city’s links with the culture of Naples. An artistic project entrusted to the lens of Massimo Listri, born in 1953, one of the world’s top photographers, founder of the world-renowned FMR magazine and series of art books with publisher Franco Maria Ricci and Vittorio Sgarbi. With an introduction by Sgarbi, Napoli a Vienna is much more than a calendar: it’s a cult item, a collector’s piece.

“Vedi Napoli e muori”, si dice. In questo caso però per vedere Napoli e coglierne l’anima più nobile bisogna andare addirittura a Vienna, e scoprirla così tra regge e palazzi della capitale austriaca. Un viaggio che dura dodici mesi, come gli scatti firmati dal grande fotografo fiorentino Massimo Listri e realizzati per il calendario dell’associazione “Di Meo, vini ad arte” presieduta da Generoso di Meo, ginecologo di Salza Irpina con la passione per la musica e l’arte. Arte che fa da sfondo alle immagini in cui il maestro della fotografia racconta Vienna, con l’occhio attento per quei dettagli che racchiudono l’omaggio alla cultura partenopea. C’è tanta Napoli, ad esempio, nelle stanze del Kunsthistorisches Museum di Vienna che ospitano il Ritratto allegorico di Francesco Solimena con il Conte Althann che consegna all’imperatore Carlo VI l’inventario della Pinacoteca Imperiale. E ci spostiamo a Palazzo Reale, dove Napoli trionfa nelle tele di Nicola Maria Rossi, che fece giungere in terra d’Austria tre suoi dipinti per illustrare le cerimonie con il Viceré Harrach. Il fotografo fiorentino non è nuovo a questi progetti: la collaborazione con l’azienda “Di Meo” va avanti da almeno tre anni per concretizzarsi in progetti straordinari, capaci di svelare il fascino dei più bei palazzi delle capitali europee. “L’occhio felice” di Listri - così è intitolata una mostra che gli ha dedicato di recente la Fondazione Franco Maria Ricci ha sposato la filosofia che Generoso Di Meo aveva in mente per il calendario, in un intreccio di storia, arte, bellezza, gusto. Un viaggio attraverso il mondo intero che, calendario dopo calendario, ha toccato negli ultimi anni tappe come New York, Mosca, Berlino, Marrakech, Palermo, Madrid, Parigi cercando di riannodare sempre e comunque i fili con la cultura partenopea. Un progetto artistico che viene affidato all’obiettivo di Listri, classe 1953, uno dei migliori fotografi al mondo, fondatore della rivista di fama internazionale e libri d’arte FMR, con l’editore Franco Maria Ricci e Vittorio Sgarbi. Con l’introduzione proprio di Sgarbi in apertura, Napoli a Vienna è dunque molto più che un calendario: è un cult, un pezzo da collezione. Firenze | made in Tuscany 189


Happy creatures, free to run around as they should


art photo

Snapshots of freedom

Scatti di libertà text Maria Lardara photo Ottavia Poli

pher the photogra Ottavia Poli is ar nd le ca e s’, th of ‘Wild Dream n Center io ct te ro P se Hor s’, of the Italian am re ma ‘Wild D Ottavia Poli fir ro del cent il calendario Protection se or H Italian

She patiently followed them around for one month, peeking at their quickest movements and photographing their most spontaneous and authentic poses. A Nikon D810 hanging from her neck and off she would go, capturing glances and the strength and proudness of the noblest of animals. She took pictures of them especially at dawn and at sunset, when the beauty of a horse is most willing to be photographed. They are twelve snapshots of freedom that thirty-one-year-old Ottavia Poli, Florentine photographer and videomaker, took for the Wild Dreams project – the new calendar of the shelter for rescued horses, the Italian Horse Protection (IHP) center of Montaione (near Florence). Month after month these marvelous animals, most of which were brought to the shelter after a repossession procedure or because they had been inappropriately kept, revealed their daily habits. Happy creatures, free to run around as they should. Ottavia explained, “Like a small fly, I snuck into their world to try to show the horses’ daily routines and capture their most authentic essence. I took pictures of them from dawn to sunset Li ha seguiti per un mese, passo dopo passo. Ne ha sbirciato i movimenti più rapidi, immortalando le pose più spontanee e autentiche. Una Nikon D810 al collo e via a catturare gli sguardi, la forza e la fierezza dell’animale più nobile. Li ha fotografati soprattutto all’alba e al tramonto, quando la bellezza dell’equino si concede all’orario migliore per scattare. Sono dodici scatti di libertà che la 31enne Ottavia Poli, fotografa e videomaker fiorentina, ha realizzato per il progetto Wild Dreams, il nuovo calendario del centro di recupero Italian Horse Protection (IHP) di Montaione (Firenze). Mese dopo mese, questi meravigliosi esemplari, animali provenienti per lo più da sequestri giudiziari o comunque da situazioni di disagio, si svelano nel loro vissuto quotidiano. Creature felici, libere di correre così come dovrebbero. “Mi sono intrufolata come una moschina nel loro mondo per cercare di raccontare i cavalli nella quotidianità, cogliendone l’essenza più autentica - spiega Ottavia - Dall’alba al tramonto, li ho ritratti mentre corrono o giocano nella campagna, senza allestire un vero e proprio set fotografico”. Firenze | made in Tuscany 191


interview movie

SAN NICCOLO’

LUXURY REAL ESTATE f i r e n z e

Ci prendiamo cura del tuo immobile

| made in54/r TuscanyFirenze Via192 SanFirenze Niccolò ph.055 2477048

L.no alle Grazie 18/r Firenze ph.055 2347386 sanniccolorealestate@gmail.com

Vetrina Via dei Cerchi 2 Firenze www.sanniccolorealestate.it


interview movie

Ottavia Poli

while they were running or playing in the fields, without creating an actual set.” A story told by images, something Ottavia was bound to deliver with ease, given her passion for both photography and horses. Her love of horses reaches back into her childhood. She was only six when she rode a horse for the first time. Her competitive career took off after a few years. When she was twenty, Ottavia decided to stop riding and later became involved in the non-profit organization, the Italian Horse Protection center. Now her motto is “stand by horses, don’t ride them”. There is a reason: the 68 horses of the shelter in Montaione were saved from a cruel fate and are trying to restore their health and freedom. Some will go back to a normal life and have good chances of being adopted. Others are ill and must undergo treatments that the shelter will have to sustain. The only way to maintain the shelter is through donations or fund-raising campaigns. Buying the Wild Dreams calendar means supporting the cause of the horses rescued by the IHP center.

“I took pictures of them from dawn to sunset while they were running or playing in the fields”

Un racconto tutto per immagini che è nelle corde di Ottavia, brava a coniugare la passione per la fotografia con quella per i cavalli: un amore per l’animale più nobile e fiero che si porta dietro dall’infanzia. Ottavia aveva sei anni quando montò per la prima volta su un cavallo. Di lì a qualche anno, l’inizio di una carriera agonistica in crescendo. Fino all’età di vent’anni, quando Ottavia decise di smettere per poi riavvicinarsi all’onlus Italian Horse Protection. Ora il suo motto è “stare al fianco dei cavalli, non sopra”. C’è un motivo: i 68 cavalli ospiti della struttura di Montaione sono animali sottratti a un destino crudele, che cercano di ritrovare salute e libertà. Alcuni tornano a una vita normale con buone possibilità di finire adottati, altri sono malati e costretti a sottoporsi a cure costose per il centro. L’unico modo per finanziarsi è quello delle donazioni e della raccolta fondi con aste di beneficenza: acquistando il calendario Wild Dreams si dà così una mano al sostegno della causa dei cavalli di IHP. Firenze | made in Tuscany 193


culture itineraries

Pistoia heart of Italy Pistoia cuore d’Italia text Mila Montagni photo Pasquale Paradiso The 2017 capital of culture, rich in monuments and tradition Un 2017 per la cultura, tra monumenti e tradizione Every year an Italian city is designated as “capital of culture”, which means that for twelve months that city will host a number of events, conferences, concerts, exhibitions and its known and lesser-known treasures will be in the spotlight. 2017 is the year of Pistoia, after Mantova in 2016, and this Tuscan city is ready to show the world all that it has to offer. White and green marble These are the colors typical of the Romanesque style in Tuscany and the heart of Pistoia is full of it, starting with the Cathedral dedicated to Saint Zeno, the bishop. The church safeguards the silver Altarpiece of St. James, the patron saint of Pistoia, a masterpiece of the goldsmith’s art begun in the late 13th century and finished two centuries later. Its other highlight is the Crucifix by Coppo di Marcovaldo. Across the square from the Cathedral, just like in Florence, is the octagonal-shaped Baptistery of San Giovanni in Corte. A marble font enlivens the otherwise bare interior. Piazza del Duomo is also home to the Palazzo Pretorio with its frescoed rooms and walls covered with coats of arms that portray the city’s political history. Not far from there is the Church of Sant’Andrea, which contains a masterpiece of Gothic art, the magnificent white marble pulpit carved by Giovanni Pisano. Pistoia’s long list of sights includes the Basilica of Madonna dell’Umiltà (its dome was designed by Vasari) and the beautiful Church of San Giovanni Fuor Civitas, which was once located outside of the city walls and is now in the old town center. The Ospedale del Ceppo is a former hospital whose recently-renovated facade stuns with a polychrome terracotta frieze by Santi Buglioni. The building houses one of Italy’s richest medical museums and a small but perfect anatomical theatre. Pistoia is also guardian to some striking contemporary art: Palazzo Fabroni, 194 Firenze | made in Tuscany

Ogni anno una città diversa d’Italia viene scelta quale “capitale della cultura” e questo significa che per dodici mesi sarà al centro di iniziative, convegni, incontri, concerti, mostre, che porteranno sotto i riflettori le sue bellezze, talvolta meno note. Il 2017 è l’anno di Pistoia, che succede a Mantova, e si racconta attraverso la sua fedeltà alla tradizione e la sua grazia modesta ma tenace, fatta (apparentemente) di piccole cose preziose che si posano nella memoria e la segnano nel tempo. Marmo bianco e serpentino verde Il romanico in Toscana vanta orgogliosamente questi colori e il cuore di Pistoia non ne è certo privo, a cominciare dal Duomo dedicato a san Zeno, vescovo, che custodisce al suo interno l’altare argenteo di San Jacopo, il patrono della città, un capolavoro di arte orafa realizzato fra il XIII e XV secolo. Con il Crocifisso di Coppo di Marcovaldo caratterizzano questa chiesa che s’affaccia su una delle piazze più belle della Toscana e accoglie, come consuetudine, anche il Palazzo Vescovile e, come accade a Firenze, dinanzi al Duomo troneggia la forma ottagonale del Battistero di san Giovanni in Corte, dove è conservato eccezionalmente il fonte battesimale. Sulla Piazza del Duomo s’affaccia anche il Palazzo Pretorio con le sue sale affrescate e le pareti ricche di stemmi narra le vicende politiche della città. Poco distante la chiesa di sant’Andrea ha tra i suoi tesori un capolavoro assoluto dell’arte gotica: il luminoso Pulpito di Giovanni Pisano splendido di marmo bianco, mentre altri luoghi ricchi di tradizione sono la basilica della Madonna dell’Umiltà (con la sua cupola disegnata dal Vasari) e la bella chiesa di san Giovanni Fuor Civitas, un tempo esterna alla prima cerchia muraria e oggi racchiusa nel centro storico. Un capolavoro che ha di recente recuperata la sua bellezza originaria è il policromo fregio Robbiano di Santi Buglioni istoriato sul loggiato esterno dell’Ospedale del Ceppo, che tra le sue meraviglie ha uno dei musei di Medicina più ricchi d’Italia e una piccola ma perfetta Sala anatomica.


Above: the Cathedral dedicated to Saint Zeno Below: Baptistery of San Giovanni in Corte


interview movie

Above: Palazzo degli Anziani Below: Church of San Bartolomeo in Pantano aaa 196 Firenze | made in Tuscany


1

2

3

4

1. Palazzo Pretorio 2. The Cathedral 3. Church of San Giovanni Fuor Civitas 4. Basilica of Madonna dell’Umiltà 5. Church of San Bartolomeo in Pantano 6. Palazzo degli Anziani

5

6


interview movie

Above: Piazza del Duomo Below: a detail of the Cathedral 198 Firenze | made in Tuscany


interview movie

Above: the Cathedral Below: the Crucifix by Coppo di Marcovaldo

aaa Firenze | made in Tuscany 199


interview movie

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.

200 Firenze | made in Tuscany

DORMIRE È IL PIACERE PIÙ IMPORTANTE.


The Cathedral host to temporary exhibitions and a permanent collection La storia di Pistoia non si ferma all’antico e si amplia in due of twentieth-century art, and the Marino Marini Museum, luoghi di contemporaneità come Palazzo Fabroni, sede di moinside Palazzo del Tau, devoted to the works by the city’s stre e custode di capolavori del Novecento, e il Museo Marino most famous modern son, from his grand equestrian stat- Marini nel Palazzo del Tau, con le opere dell’artista pistoiese, ues to the female nudes evoking the Etruscan goddess a cominciare dai suoi maestosi “cavalli” fino alle sue solenni Pomona. “Pomona” di ascendenza etrusca. A year of events Un anno di eventi In keeping with its sobriety of style, Pistoia Mantenendo fede alla sua scelta di sobrietà, will be hosting a number of events that will Pistoia ha scelto di raccontarsi attraverso una bring visibility to the whole city over the long serie di eventi che mirano a coinvolgere l’intera term, starting with the renovation of the thircittà sul lungo periodo, a cominciare dal recuteenth-century Ospedale del Ceppo, whose pero del duecentesco Ospedale del Ceppo, di haemodialysis pavilion has been re-designed cui l’architetto Giannantonio Vannetti ha riPistoia is by architect Giannantonio Vannetti, while an progettato il già padiglione di emodialisi, mendesignated tre un convegno internazionale sarà dedicato a international conference will be dedicated to Giovanni Michelucci, one of the greatest as Capital uno dei grandi architetti del Novecento, GioItalian architects of the twentieth century. of Culture vanni Michelucci. A lui sarà dedicata una moGiovanni Michelucci will be also celebrated in Palazzo Comunale, allestita dal 25 marzo 2017, after stra with an exhibition held at Palazzo Comunale, al 21 maggio; il Museo Civico, invece, ospiterà Mantova dal 28 ottobre al 7 gennaio 2018 un evento infrom March 25 to May 21. The Civic Museum will be hosting, from October 28 to January (2016) torno all’opera La presentazione di Gesù al Tempio 7, 2018, an event revolving around The Predel pittore settecentesco fiorentino Anton Dosentation of Jesus at the Temple by the eighteenth-century menico Gabbiani, mentre a Palazzo Fabroni la rassegna “MaFlorentine painter Anton Domenico Gabbiani. Showing rino Marini. Passioni visive”, sarà aperta dal 16 settembre al 7 at Palazzo Fabroni is the exhibition Marino Marini. Visual gennaio 2018. E se tra giugno e luglio è atteso il Pistoia Blues, Passions, from September 16 to January 7, 2018. John May- uno dei suoi “padri” europei, John Mayall, si esibirà al Teatro all, one of the European “fathers” of the Pistoia Blues Fes- Manzoni il 23 febbraio; quanti invece non sanno resistere a tival, held between June and July, will be performing at Mozart avranno l’opportunità straordinaria di poter assistere the Manzoni Theatre on February 23. Mozart fans will have all’Idomeneo al Teatro Manzoni, portato qui in scena dal Festithe chance to see the Idomeneo opera staged at the Man- val del Maggio Musicale Fiorentino, tra aprile e maggio, menFirenze | made in Tuscany 201


culture itineraries

3

1

2

4

1. Gastronomia Salaioli 2. Marino Marini Museum 3. 5. Piazza della Sala 4. Locanda del Capitano del Popolo 6. I sapori della BotteGaia

5

6

zoni Theatre, as one of the events of the Maggio Musicale tre Orchestra e Coro del Maggio si esibiranno in piazza del Fiorentino Festival, between April and May. The Maggio Duomo il 5 luglio. Musicale Fiorentino Orchestra and Chorus will perform E per mangiare qualcosa… in Piazza del Duomo on July 5. La città non si smentisce. La tradizione intelligente è di casa Dining options qui, grazie a locali che si irraggiano intorno alla deliziosa e The city will surely live up to its culinary reputation. The pittoresca Piazza della Sala (famosa anche per il suo quotilovely and picturesque Piazza della Sala (where during the diano mercato della frutta e verdura, punto di riferimento day you will find open-air stalls heaped with per tutti i pistoiesi), come le due botteghe nelle seasonal fruit and vegetables) is lined with quali poter scegliere tra salumi, insaccati, fordeli-restaurants, such as I sapori della Botmaggi e poi focacce e tartufi e caffè profumati: teGaia, on via di Stracceria 4 and Gastronomia I sapori della BotteGaia, in via di Stracceria 4 e Salaioli overlooking Piazza della Sala at numA number la Gastronomia Salaioli che s’affaccia su piazza ber 19, which are famed for their cured meat, Sala al 19. Per chi invece abbia voglia di of events della cheese, focaccia bread, truffle and fragrant accomodarsi in pieno centro può scegliere tra that will l’osteria La BotteGaia in via del Lastrone 17, coffees. If you would rather dine at the foot of the Baptistery, book a table at La BotteGaia bring proprio ai piedi del Battistero, che propone on Via del Lastrone, which offers an extenvisibility un’enoteca fornita e una cucina tradizionale e sive wine list and traditional dishes prepared unica per i metodi di cottura innovato the whole insieme with innovative cooking techniques. The tiva adottati e il ristorante Sq’amami, in via dei city over the Panciatichi 4, dove il pesce è sempre freschisSq’amami restaurant, on Via dei Panciatichi 4, offers a rich menu of fresh fish-based dishes. long term simo e presentato in molteplici ricette. Per gli If it’s pizza you’re looking for, there is only appassionati della pizza c’è un solo indirizzo: one place you should go to: La Sala da Ale, on Via via Sant’Anastasio 4 e il locale è La Sala da Ale, oltre 80 tipi Sant’Anastasio 4, with over 80 kinds of pizza to choose tra cui scegliere, mentre per chi vuole assaggiare la cucina from. Locanda del Capitano del Popolo on Via di Stracceria toscana verace deve presentarsi nella Locanda del Capitano 5/7 is known for its genuine Tuscan cuisine and its owner, del Popolo in via di Stracceria 5/7 e incontrare Checco, la cui Checco, whose family has been in the restaurant business famiglia cucina in locali, ristoranti e trattorie dal 1890. Per since 1890. For more contemporary-oriented cuisine, go quanti hanno voglia di modernità c’è il Voronoi, in piazza to Voronoi, on Piazza dell’Ortaggio 14/17, which runs both dell’Ortaggio 14/17, con la sua Sala bar con i suoi cocktail e la sua esclusiva Saletta ristorante. bar with a rich cocktail list and restaurant. 202 Firenze | made in Tuscany


Intuiamo i vostri

desideri.

Vi mettiamo a disposizione le nostre competenze

passione. Realizziamo i vostri sogni.

e la nostra

G alateo

ÂŽ

RICEVIMENTI FIRENZE - MILANO

www.galateoricevimenti.com


shotonsite

Raffaella Calamini, Margherita Pini, Carolina Orlandini

Pietro De Bernardi, Gianni Mazzoni

Michela Mattei, Alessandro Cantucci

Silvia Cosi, Neri Mannelli

Luca Lualdi, Lucia Montigiani

Maria Giulia, Jacopo Bellizzi Di San Lorenzo

Alberto Vianello

Massimo Sozzi, Annalisa Bombin

Mauro Tucci, Anna Paola Ristori

Cocktail party at Palazzo Pandolfini with display of precious works before the auction

Rosemary Gualandi, Annalisa Ignesti

Alessio Bontagano, Wilder Pellegrini

Ferdinando Masula, Nada Chen Kyu Firenze | made in Tuscany 205


shotonsite

Chiara Martelli, Chiara Calcinai, Daria Colonna

Wanny Di Filippo, Maurizio Fanciullacci

Tullio Barzaghi

Enrico Bardelli, Daniela Abruzzo,

Samantha Fanelli

Claudia and Paolo Andrei 206 Firenze | made in Tuscany

The Boggi Milano event dedicated to the new ‘Su misura’ project at the elegant boutique in Florence

Antonio Bellizzi di San Lorenzo, Domenico Savini, Fkavia Beppi, Armand De Foucault, Axel Levasseur

Rita and Marco Villani

Davide Viviani

Esmè Nicolosi


Y O U R P R I VA T E T A I L O R . W H E R E V E R Y O U A R E . www.sartoriavanni.com

S TA RT Y O U R TA I L O R E D J O U R N E Y I N F L O R E N C E Firenze - via dei Fossi 51/r +39 055.5276598 | booking@sartoriavanni.com


shotonsite

Alice Caporali, Marco Contiello

Raffaella Spadoni, Francesco Barthel

Letizia Vezzosi, Maria Cristina Lombardi

Elisa Semplici, Eleonora Bruno

Chiara Biagiotti, Marco Banchetti

Cristina Bacarelli, Silvia Tozzi

Roberta Danti, Alessandra Nardelli

Maria Laura Seazzu, Jacopo Baldicchi 208 Firenze | made in Tuscany

Opening of the Atelier C boutique on Via dei Fossi and Christmas greetings at Palazzo Tornabuoni

Marco Contiello, Stefano Del Corona, Alice Caporali, Giacomo Fani, Ileana Isidori

Alberto Falcini, Chiara Berva

Bianca Bartoli, Giulio Mezzetti


shotonsite

Francesco Cardonati, Emma Lupo, Massimiliano Di Stefano

Lorenzo Stanghellini, Aldo Calvani

Alessandra Maggi, Aldo Calvani

Eugenio Virgillito, Massimo Friani

Giovanni Viti, Adolfo Mannucci, Francesco Gambi

‘Palazzi in mostra’: event held at the headquarters of Banca Federico Del Vecchio with the collaboration of Mercedes GMG and Piccini wine tasting

Lucio Nunes, Aldo Calvani

Ilaria Cecioni, Marco Torri

Daniela Michelacci, Lucia Tesi

Michela Rossetti, Marta Capodaglio, Elettra, Michele Terrain, Gianna Gorini

Silvia Giovannini, Rossella Campana

Paolo Manuelli, Lorenzo Norfini Firenze | made in Tuscany 209


shotonsite

Alessandra Megli, Ganfranco Lotti, Miriana Busurelo

Francesca Camillo, Andreas Lotti, Filippo Galoppi

Carola Gavazzi, Gigliola Carrera

Claudio Cortini, Ricardo Perna

Federica and Gabriella Lotti

Valeria Prosperi, Gianmarco Lemmi

Andrea Berni, Niccolò Landi

Eva Giubbolini, Andrea Nardi

Lucia Nesti, Filippo Madonia 210 Firenze | made in Tuscany

Susanna and Vanni Torrigiani

Opening of Gianfranco Lotti’s new restaurant, Gilò Pianobar, and party at Palazzo Corsini

Guido and Cristina Martelli, Mario Donghia

Ugo and Grazia Poggi

Silvia Panicucci, Fabio Rorandelli


Da noi la bellezza è Di casa WHeRe beaUTY is a consTanT articoli per la casa e per la persoNa Home tHeatre liste di Nozze dal 1960

a quindici minuti dall’aeroporto di Firenze, un grande negozio di articoli prestigiosi per la casa e per la persona, dove il cliente e la qualità sono al centro di ogni nostro pensiero.

Just 15 minutes far from the Florence Airport you can find a big store of prestigious household and personal items.

Le Jacquard Français

Baccarat

Meissen

Bang&Olufsen

Montblanc

Berkel

Pampaloni

Bric’s

Richard Ginori

Christofle

Rimowa

Dr. Vranjes

Rosenthal

Dyson

Saint Louis

Herend

Sambonet

Hermes

Samsonite

Hurom

Swarovski

KitchenAid

Venini

Lalique

Villeroy & Boch

Le Creuset

Wedgwood

PRATO - VIA POMERIA, 79/81 -

-

Parcheggio interno con ingresso Via F.lli Giachetti Parking entrance – Via F.lli Giachetti - PRATO

www.salvadori.it

Virtual tour

iconastudio.it

Alessi


Silvia Papi, Anna Batuzzi, Laura Innocenti

Mariagrazia Donzelli, Lisetta Lupi

Giulio Nannicelli, Sabrina Corsini

Cecilia and Donella Panerai

Gaia Caiani, Daniele Amerini

Anna and Alberto Intini

Jonatan Tempesti, Nicoletta Ricciarelli

Donatella Stivoli, Marta Zordio

At Palazzo Corsini’s Limonaia, the presentation of Fiore Luxury Collection by Teatro Fragranze Uniche and charity event for the Bacciotti Foundation

Riccardo Tedeschi, Simona Sartini

Sabrina Belli, Claudio Brambilla, Giulia Turrino

Francesca and Sabrina Migone

Andrea Moretti, Lorella Poli Firenze | made in Tuscany 213


shotonsite

Shiho Nakamura, Teiji Yoshimura, Costanza Bucci

At Palazzo Cerchi, the presentation of the new Hokusai capsule collection for Genten

Aidi Valori, Mauro Lami

Giulia Ammannati

Lorenza Bianda, Beatrice Campani

Angela Caputi, Lino Comun, Paola Lotti

Monica Baldi, Fulvio Pierangelini

Anna Grigni, Claudia Purarelli

Barbara Cialdi, Bruno Ambra 214 Firenze | made in Tuscany

Christmas Cocktail Party organized by Angela Caputi at the Savoy Hotel

Sopie Delaun, Joelle Edwards, Nardia Plumridge

Laura Lodigiani, Maria Vittoria Rimbotti

Olivier and Solenna Gillonard


shotonsite

Renato Raimo, Vanessa Delfino, Camilla Raimo

Federico Bernardeschi, Simone Martini, Dario Nardella

Fabrizio Frizzi, Chiara Squaglia

Andrea Jengo

Agnese Landini, Cristina Giachi

Anne Luoise and James Ferragamo

The ANT Foundation’s charity gala event with special guests in Palazzo Vecchio’s Salone dei Cinquecento

Andrea Cardillo, Edoardo Piccini, Filippo Nembrini

Franco Gismani, Jasmine Audemars

Barbara Piccini

Opening of the new esclusive Audemars Piguet boutique on Ponte Vecchio

Giovanni Bettarini, Francoise Banamias

Edoardo Piccini, Giovanni Galli

Annarita Romani, Antonella Liviero, Simonetta Suzzi Firenze | made in Tuscany 217


shotonsite

Ryan Martino Fisher, Salvatore La Spina, Alessandro Ricciardelli

Vittoria and Alesandra Nardelli

Tasting of Castello di Bossi wines inside the elegant Sartoria Vanni boutique

Tito Alberghi, Niccolò Becagli

Orlando Mc Kenzie Meucci, Riccardo Bacarelli

Oliver Scavetta, Bernardo Fedeli, Nicola Papa

Matteo Thomas Peruzzi, Luca Gregorio

Giuliano and Alessandro Lenzi

Irene Torrini, Simona Gianpietri 218 Firenze | made in Tuscany

‘The Art of Performance’ Tour event at International Motors, to test the latest ‘All Wheel Drive’ Jaguar

Alice Gentilini, Jasmine Rocchi, Nicole Destre

Andrea and Betti Lopponi


Firenze Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99, 99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel Art Vicolo dell’ Oro, 5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici - Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici.com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Grand Hotel Villa Cora - Viale Machiavelli 18, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Grand Hotel Villa Medici - Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure. com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel.net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www. lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www. relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com

Hotel partners The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior Piazza Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com Arezzo Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it Grosseto Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it Lucca Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com Pistoia Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com Siena Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, , Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62r - ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Chef Peter Brunel offers his modern interpretation of Italian regional cooking. He pays “sentimental” attention to primary ingredients and constructively opens to diverse culinary traditions. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio e l’atmosfera è incantata, con splendida vista sull’Arno e dal calore di una signorile casa privata. Lo chef Peter Brunel propone una rilettura moderna della cucina regionale italiana, con un’attenzione “sentimentale” alla scelta delle materie prime e una costruttiva apertura a tradizioni culinarie diverse. Brandolino Piazza Madonna degli Aldobrandini, 3r ph. +39 055 3997593 Inspired by traditional world-famous Florentine and Tuscan cooking, Brandolino offers dishes made from simple and genuine ingredients. Ispirato ai gusti della cucina fiorentina, così come quella toscana, famosa in tutto il mondo, Brandolino basa il suo segreto su ingredienti semplici e genuini. Buca dell’Orafo Via de’ Girolami 28r, ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli exlaboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate. Buca Lapi via Trebbio 1r, ph +39 055.213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa. Buca Mario piazza degli Ottaviani 16/r ph 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace. Caffè dell’Oro Lungarno Acciaiuoli 2/p - ph 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente. Cammillo Borgo San Jacopo, 57/r - ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale. Cantinetta Antinori Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055.292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known wine bars since 1965. A restaurant with an elegant and intimate atmosphere, frequented by a demanding and sophisticated clientele, where one can

taste the entire Antinori wine production. Dal 1965 la Cantinetta Antinori è uno dei wine bar più rinomati di Firenze. Un ambiente elegante e discreto, frequentato da una clientela esigente e raffinata, dove è possibile degustare tutta la gamma dei vini Antinori accompagnati da una selezione di specialità della cucina toscana. Cestello ristoclub Piazza di Cestello 8 - ph +39 055.2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce. Cibreo Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055.2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The must-tries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina. Coco Lezzone Via del Parioncino, 26/r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb T-bone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca Convivium Firenze Viale Europa 4/6, ph +39 055.6802482 This bistro is an authentic food atelier and features a food shop corner with over 1000 wine labels. Vero e proprio atelier gastronomico, che vede un gastro-bistrot e un angolo gastronomia estremamente fornito, con oltre 1000 etichette vinicole. Coquinarius Via delle Oche, 15/r - ph. + 39 055 2302153 Coquinarius was started in 1999 in Via delle Oche, behind piazza del Duomo, in a spot that was a gathering place in the early Renaissance age. Housed in an age-old building with vaulted ceilings, the restaurant serves freshly-made pasta, carpaccio and French-style tartare in a light version. Il Coquinarius nasce nel 1999 in via delle Oche, proprio dietro piazza del Duomo, in quello che storicamente era un luogo di incontro già nei primi anni del Rinascimento. Nel menu troverete pasta fresca, carpacci, tartare ispirate alla cucina francese ma rivisitate con leggerezza. Cucina Torcicoda Via Torta, 5/r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areas- restaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda. Da’ Pescatore Piazza del Carmine 7r - ph + 39 055.219978 Chef Daniele is owner and head of this new fish restaurant, situated in the Oltrarno district. Three menus to discover delectable raw and cooked dishes. La casa di cucina di Daniele, Chef e proprietario di questo nuovo ristorante di pesce nell’Oltrarno. Tre percorsi possibili, per scoprire tutte le numerose proposte, in un continuum inedito tra Cotto e Crudo. Ditta Artigianale Oltrarno Via dello Sprone 5r ph. +39 055.2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei

gin). In cucina lo chef Arturo Dori. Enoteca Pinchiorri via Ghibellina 87, ph + 39 055.242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Annie Feolde and the two First Chefs Italo Bassi e Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte degli Chef Italo Bassi e Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette. Fuor d’Acqua via Pisana 37, ph +39 055.222299 This restaurant serves only freshly-caught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fishbased restaurant. Both simple or more elaborate dishes prepared as per tradition, such as Catalan-style seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indiscusso per la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè. Gesto Borgo San Frediano 27r - ph +39 055 241288 A new concept of social and environmental friendly restaurant. Great New York atmosphere and no waiters: customers write down their orders with a chalk on a small blackboard after having chosen between the various meat, fish, vegetable dishes and desserts. Small portions and low prices, an ideal formula either for an elegnt happy hour or a light dinner Nuovo concept di ristorante social ed ecosostenibile. Atmosfera newyorkese, nessun cameriere: qui si ordina da soli, ultizzando una lavagnetta con il gesso e scegliendo tra le diverse proposte di carne, pesce, verdure e dolci. Piccole porzioni e piccoli prezzi, per una formula ideale come aperitivo ricercato e cena light. Gilò Pianobar Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale. Gucci Caffè e Ristorante Piazza della Signoria, 10 ph +39 055 75923827 We are in Piazza della Signoria, at the Gucci Museum’s restaurant overlooking one of the world’s most beautiful squares. After having enjoyed the excellent food-light dishes, even vegetarian, made with locally - sourced and organic ingredients - we suggest you explore the rest of the building: museum, coffee shop and bookshop. Siamo in piazza della Signoria, nel ristorante del Museo Gucci con vista su una delle più belle piazze del mondo. Sdoganato il fatto che qui si mangia bene, piatti leggeri anche vegetariani ma con forte identità e sapore, basati su prodotti biologici e locali, ecco un luogo d’incontro a 360 gradi: museo, caffè, ristorante e bookshop. Gurdulù Via delle Caldaie, 12/14r, ph. +39 055.282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multiawarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanish-influenced menu. Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno

voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole. Harry’s Bar Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055.2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The must-tries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini. Hostaria Bibendum via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of five-star hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate. Il Borro Tuscan Bistro Lungarno Acciaiuoli, 80/r - ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani. Il Latini Via dei Palchetti, 6/r - Palazzo Rucellai ph. + 39 055 210916 The history of Il Latini restaurant is closely associated with that of the city. Today as yesterday, Il Latini offers ribollita and pappa al pomodoro, chine of pork and wild boar stew. Here, one can take in all the atmosphere and capture a bit of the magic of wonderful Tuscany. La storia del ristorante Il Latini si intreccia con la storia della città, con la storia di Maria, moglie di Narciso. Oggi come allora da Il Latini si mangia la ribollita e la pappa al pomodoro, l’arista e il cinghiale. Qui si assapora la materia prima di questa terra meravigliosa che è la Toscana, mentre si cattura un po’ della sua anima. Il Magazzino Piazza della Passera, 2/3 - ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno. Il Palagio Borgo Pinti 99, ph +39 055.26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole.

Firenze | made in Tuscany 221

ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURA

FIRENZE


ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURA

Il Santo Bevitore Via S. Spirito, 64/r - ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma informale, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante. Io Osteria Personale Borgo S.Frediano, 187/r - ph+ 39 055.9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine. Irene piazza della Repubblica 7 ph +39 055.27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini. J.K. Lounge piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055.2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru endOctober guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta. Kome via dei Benci 41r - ph +39 055.2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar. Konnubio Via dei Conti, 8r, ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni Il Pasha Viale Machiavelli, 18 - ph. +39 055 228790 Dining in the main villa during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city. E’ possibile pranzare o cenare nella villa principale durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue

222 Firenze | made in Tuscany

Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città. L’Osteria di sopra (Eataly) via dei Martelli 22r, ph. 055 0153601 Every month a different osteria is picked to offer a menu based on its specialties, as a celebration of Italy’s biodiversity and culinary traditions that make up our country’s regional cuisine. Ogni mese un’osteria diversa cucina le sue specialità per celebrare la grande biodiversità italiana e la bellezza delle tradizioni enogastronomiche che caratterizzano le regioni del nostro Paese. Koto Ramen Via Verdi 44, ph. +39 055 2479477 The newest addition to the Japanese cuisine scene in Florence, inspired by the ramen bars which are very popular abroad. Traditional tasty dishes, but no sushi: the main course is ramen soup in its three versions (meat, fish and vegetarian). Nuovo indirizzo per chi ama la cucina giapponese, nato sull’esempio dei ramen bar tanto all’estero. Piatti della tradizione, reinterpretati con gusto, ma niente sushi: il piatto forte è il ramen nelle sue tre versioni (con carne, di pesce e vegetariano). La bottega del buon caffè Lungarno Benvenuto Cellini 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante. La Bottega di Parigi Via del Terzollina, 3/r - ph. +39 055.0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stone-ground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere. La Cucina del Garga Via San Zanobi, 33/r, ph. + 39 055 475286 The story of La Cucina del Garga begins when Alessandro Gargani comes back to Florence after eight years in New York as Executive Chef of renowned Mezzogiorno Restaurant in Soho. A restaurant and art gallery where young artists can show their works and customers delight their sight. La storia de La Cucina del Garga inizia quando Alessandro Gargani torna a Firenze dopo otto anni a New York come Executive Chef al famoso Mezzogiorno Restaurant di Soho. Un ristorante–galleria dove giovani artisti possono esporre le loro opere. La Cucina del Salviatino Hotel Salviatino Via del Salviatino, 21 ph. +39 055 9041111 Local cuisine that changes according to seasons. Fruit, vegetables and aromatic herbs are as locally-sourced as you can get: straight from the vegetable garden planted in the wonderful park surrounding the restaurant, next to the age-old orchard. Chef Carmine Calò’s motto is: “Ingredients and Creativity”. Una cucina legata al territorio e che varia con il mutare delle stagioni. Una cucina che attinge al meraviglioso parco, una cui parte, adiacente allo storico frutteto, è stato adibito a orto biologico per avere verdure, frutta ed erbe aromatiche, realmente a km 0. Il motto dello chef, Carmine Calò, è: “ingredienti e immaginazione”. La Giostra borgo Pinti, 10r ph +39 055.241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with worldfamous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente

tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù. La Ménagère Via de’ Ginori 8r, ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in 1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo. La Raccolta Via Giacomo Leopardi, 2/r - ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio. Locale ∞ Via delle Seggiole 12 - ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei. Lungarno 23 Lungarno Torrigiani, 23 - ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine. Lungarno Bistrot Piazza degli Scarlatti, 1/r - ph. +39 055 2654541 Homemade pasta, bread and cakes, prepared before your eyes in the open kitchen by chefs Francesco Fumarola and Giuseppe Ancona: this is what makes Lungarno Bistrot so special. The outdoor seating area overlooking Lungarno Guicciardini and Palazzo Corsini is another good reason to enjoy the restaurant. Pasta, pane e dolci fatti in casa, preparati nella cucina a vista dagli chef Francesco Fumarola e Giuseppe Ancona: sono queste cose che rendono speciale Lungarno Bistrot. La vista del dehors con affaccio su Lungarno Guicciardini e Palazzo Corsini è un’altra buona ragione per scegliere qesto locale. Mercato Centrale Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte, vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of top-quality food shops and restaurants. Neromo Borgo San Frediano, 23 - ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte. Obikà via Tornabuoni, 16 ph +39 055.2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Foodcertified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence.

Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze. Oliviero via delle Terme, 51r ph +39 055.287643 It was a well-known gathering place in the Dolce Vita years and a favourite with celebrities such as Mastroianni, Fellini, Sofia Loren, Maria Callas. Set in the heart of downtown Florence, on a narrow street steps away from elegant Via Tornabuoni, Oliviero offers well-balanced, traditional Tuscan cuisine. E’ stato un punto di ritrovo ai tempi della Dolce Vita, frequentato da personaggi come Marcello Mastroianni, Fellini, Sofia Loren, Maria Callas. Nel cuore di Firenze, in una stradina a due passi dall’elegante via Tornabuoni, Oliviero propone una cucina dai sapori ben delineati e armonici con grande attenzione alla tradizione toscana. Omero via del Pian dei Giullari, 11 - ph +39 055220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino. Onice - Lounge & Restaurant viale Michelangiolo, 78, - ph +39 055.681631 The restaurant is housed in a mid-nineteenth century building, which was once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo. Ora d’Aria via dei Georgofili 11/r - ph +39 055.2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin. Osteria del Caffè Italiano Via Isola delle Stinche, 11/13 r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style T-bone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria. Osteria del Cinghiale Bianco Borgo San Iacopo, 43, - ph. +39 055 215706 Tucked away on the ground floor of an ancient fourteenth-century tower in Borgo San Jacopo, one of downtown Florence’s most picturesque streets. This is the place to enjoy excellent pappardelle with wild boar sauce or a delicious Florentine-style T-bone steak. Al piano terra di un’antica torre trecentesca in Borgo San Jacopo, una delle strade più caratteristiche della Firenze antica. Qui si possono gustare ottime pappardelle al sugo di cinghiale o una squisita bistecca alla fiorentina cotta a legna. Osteria delle Tre Panche via Pacinotti, 32r ph +39 055.583724 The business card reads: “At Andrea’s and Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in


kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne. Strozzi Caffè Colle Bereto Winery Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi, ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist. Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata. Tabarìn Via dei Vecchietti, 6 Ph. +39 055 2399943 The newest temple of taste in Florence. A Parisian atmosphere, soft lights, crimson velvets and elegant chandeliers. International cuisine and American Bar. Il nuovo indirizzo del gusto di Firenze. Atmosfere parigine, grazie a luci soffuse, velluti color porpora e eleganti lampadari. Cucina internazionale e American Bar. Teatro del Sale Via de’ Macci, 111/r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo. The Fusion Restaurant Bar Vicolo dell’Oro 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant, always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America. Trattoria 4 Leoni Via de’ Vellutini, 1/r Piazza della Passera ph. +39 055 218562 Typical Tuscan trattoria with large outdoor seating area in one of Florence’s loveliest squares, Antica Trattoria e Fiaschetteria dei Quattro Leoni begins in the postwar period. Try the 4 leoni salad, Impruneta-style peposo and Maurino’s cheesecake. Trattoria tipica con un ampio dehor in una delle piazze più belle di Firenze, la storia dell’Antica Trattoria e Fiaschetteria dei Quattro Leoni ha origine nel secondo dopoguerra. Provate l’insalata 4 leoni, il peposo all’imprunetina e il cheese cake di Maurino. Trattoria Al Fresco Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 2626460 An exclusive location, nestled in a century-old and luxuriant park in the heart of Florence. Every year, Four Seasons Hotel Firenze welcomes the arrival of spring with the opening of Al Fresco restaurant, based on an innovative concept: trattoria at lunch, pizzeria and barbecue at dinnertime. Una location esclusiva, incastonata nel verde di un parco secolare nel cuore della città: il Four Seasons Hotel Firenze dà ogni anno il benvenuto alla stagione en plein air con l’apertura di ‘Al Fresco’, secondo la formula originale di trattoria a pranzo, pizzeria e barbecue a cena. Trattoria da Sostanza detto il Troia via Del Porcellana,25/r ph +39 055.212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentine-style steak, the must tries are artichoke pie and but-

ter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna. Tredici Gobbi via Porcellana 9r, ph +39 055.285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless rigatoni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo. Trattoria Gargani Via del Moro, 48/r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente. Trattoria Mario Via Rosina 2/r, ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto. Trattoria Pandemonio Via del Leone, 50/r ph. +39 055 224002 Friendliness and quick service are the rule. Typical Tuscan dishes with a sophisticated twist such as artichoke and Parmesan cheese appetizer, tortellacci with gorgonzola cheese and rocket, T-bone steak, Fornacina-style peposo, Florentine pot roast. L’ospitalità, la celerità del servizio e la gentilezza sono di casa. Piatti tipici della tradizione, rivisitati in maniera raffinata, tra cui l’antipasto di carciofi e parmigiano, i tortellacci con gorgonzola e rucola, la bistecca, il peposo alla fornacina, lo stracotto alla fiorentina, e l’ossobuco. Winter Garden by Caino Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art deco-style Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.

OUTSIDE FIRENZE

Antica Osteria di Novoli via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve), ph +39 0558486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata. Antica Sosta Via della Croce 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari

nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca. Donnini via di Rimaggio 22 (Bagno a Ripoli) ph +39 055.630076 Just outside town, it offers good Florentine dishes. Appena fuori città, offre una cucina fiorentina davvero ben fatta. F.lli Giusti Località Prulli (Reggello) ph +39 055.863.255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica. La Cantinetta Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055.8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto. La Cantinetta di Rignana Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055.852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must. La Casa di Caccia Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) ph +39 055.8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici. La Martellina via di Pancole,1 (Strada in Chianti), ph +39 055.858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà. La Tenda Rossa piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) ph +39 055.826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione. La Torre strada Spicciano 7 (Tavarnelle Val di Pesa) ph. 055 806470 The one Michelin star restaurant of the Castello del Nero Hotel offers menus resulting from meticulous research and created to present dishes from the most honored Italian and Tuscan culinary traditions. The fresh produce is supplied locally or comes from the garden of the Castle, tended to by Chef Giovanni Luca Di Pirro. Ristorante dell’hotel Castello del Nero, una Stella Michelin, propone menù meticolosamente ricercati e ideati per presentare i sapori della migliore tradizione italiana e toscana. Prodotti freschi e genuini provenienti principalmente dal territorio o direttamente dall’orto del Castello che lo Chef Giovanni Luca Di Pirro cura con dedizione. Mangiando mangiando piazza Giacomo Matteotti 80 (Greve in Chianti) ph +39 055.8546372 In Greve’s main square, a trattoria offering a friendly atmosphere, accurate service and excellent traditional Tuscan dishes. Nella piazza principale di Greve, una trattoria dall’ambiente familiare e accurato dove gustare ottimi piatti della cucina toscana. Oltre il giardino piazza Bucciarelli 42 (Panzano in Chianti) ph +39 055.852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list. Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini. Osteria di Passignano Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055.8071278

Firenze | made in Tuscany 223

ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURA

1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffleflavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo. Pane & Olio Via Faentina, 2/r - ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto. Piazza del Vino Via della Torretta, 18/r - ph +39 055 671404 New York-style atmosphere, stone walls, eye-catching wine boxes and friendly and attentive service at this new Florentine restaurant. The wine list includes over 200 labels and there is a sort of wine fountain that spews fine wine at reasonable prices. Atmosfera newyorkese, muri in pietra, casse di vino che conquistano la vista e un servizio attento e cordiale per questo nuovo locale fiorentino. La carta dei vini include più di 200 etichette e originale l’idea di una fontana del vino che spilla calici di grandi vini. Portofino Viale Mazzini, 25/r - ph. +39 055 244140 This is a fish-based restaurant that draws inspiration from Tuscan and Ligurian cuisine and makes exclusively use of topquality ingredients, freshly-caught fish, homemade bread and desserts. La cucina di mare impera in questo ristorante che trae ispirazione anche dalle varianti della cucina toscana e ligure, per un mix che predilige le materie prime di alta qualità, dal pesce rigorosamente fresco, al pane fatto interamente in casa ai dolci handmade. Ristorante & Wine Bar dei Frescobaldi Via dei Magazzini, 2/r - ph. +39 055 284724 Tucked away in a corner of Piazza della Signoria, in the heart of downtown Florence, this restaurant has been ranking among the best Italian restaurants on the Michelin guide. Among the must-tries are the Florentine-style T-bone steak, pici with duck sauce and salt cod in various styles paired with fine Marchesi de’ Frescobaldi wines. Affacciato su un angolo di Piazza della Signoria, nel cuore pulsante della città, si trova questo ristorante che privilegia i sapori della cucina toscana. Tra i piatti cult da assaggiare i pici al ragù di anatra e il baccalà preparato in vari modi. Il tutto innaffiato con i pregiati vini dei Marchesi de’ Frescobaldi. Ristorante Pizzeria Via Vai Via Pisana, 33/r - ph. +39 055 223132 Located near the San Frediano Gate, this restaurant features an innovative New York-style interior design. Don’t forget the “friendship table”, the big 32-seat onyx table placed in the middle of the dining room In prossimità di Porta San Frediano nasce il ristorante dal design d’arredo innovativo che emula quello di celebri locali newyorkesi. Imperdibile il “tavolo dell’amicizia”, un tavolo in onice con circa 32 posti a sedere, scegliete le specialità a base di carne chianina. Ruth’s Via Luigi Carlo Farini, 2/a) ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione. San Niccolò 39 Via San Niccolò, 39/r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming restaurant. Seasonal and traditional Florentine dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un locale raffinato, ma accogliente. Piatti stagionali, tipici della cucina fiorentina, presentata però secondo il gusto attuale. Se-Sto on Arno - Westin Excelsior Piazza Ognissanti, 3 - ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with all-around windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the


ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURA

Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina. Perseus Fiesole piazza Mino 9r (Fiesole), ph +39 05559143 Meat of the highest quality and mouthwatering Tuscan dishes. Rooms recalling the atmosphere of a private home in the countryside. Assaporare carni di elevatissima qualità e piatti appetitosi, chiaramente di impronta toscana, in sale che ricordano quelle di una casa di campagna. Podere Torricella via San Vincenzo 35 (Montagnana Val di Pesa) ph +39 0571.659189 Restaurant specialising in meat. Excellent wines from the Fattoria Il Turco winery. Breathtaking view from the terrace. Ristorante specializzato in carne. Ottimi i vini della Fattoria Il Turco. Splendida vista panoramica dalla terrazza. Rinuccio 1180 Via Cassia per Siena 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) ph 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia. Ristorante La Loggia Villa San Michele Via Doccia, 4 (Fiesole) ph. +39 055 5678200 Villa San Michele is Belmond-owned and one of Europe’s most luxurious hotels. Closed in wintertime, the restaurant offers the chance to enjoy delicious meals with view over Florence in spring and summer. Incastonata nell’incantato scenario delle colline fiesolane, all’interno dell’hotel Villa San Michele (Belmond). Chiuso nel periodo invernale, in primavera offre la possibilità di gustare deliziosi pranzi e succulente cene con vista panoramica su Firenze, nel magnifico giardino o in terrazza. Ristorante La Torre Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana. Ristoro l’Antica Scuderia via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055.8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar. Solociccia Panzano in Chianti - ph +39 055.852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo). Trattoria Donnini Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli) ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù

tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

Versilia

Al Porto via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584.388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini. Bistrot via della Repubblica 14, ph 0584 89879 (Forte dei Marmi) Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin. Da Giorgio via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584.44493 Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei. Enoteca Marcucci via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584.791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia. Franco Mare Restaurant Lungomare di Marina Di Pietrasanta, ph. 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia. Il Piccolo Principe Grand Hotel Principe di Piemonte Piazza Puccini, 1 55049 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri. La Magnolia viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584.787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del locale. Una stella Michelin. Lorenzo via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584.874030 Those who love fish dishes cannot miss this restaurant. One Michelin starred. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino. L’Orsa Maggiore via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584.82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce. Lux Lucis Viale Amm. Morin, 67 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 783636 The exclusive restaurant of Hotel Principe Forte dei Marmi. Dishes excel for original combinations and presentation, the expression of a sophisticated, modern and creative Italian cuisine. È il ristorante di punta dell’Hotel Principe Forte dei Marmi. Piatti originali per abbinamenti e presentazione, espressione di una ricercata cucina italiana, moderna e creativa. Maitò via Arenile 28 (Forte dei Marmi)

ph +39 0584. 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara. Marechiaro via Franceschi 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584.80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo. Osteria del mare viale Franceschi 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584.83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce. Romano via Mazzini 120 (Viareggio) - ph +39 0584.31382 One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato.

AREZZO

Antica Fonte via Porta Buia 18, ph +39 0575.28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celticstyle potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina. Belvedere Località Bano 223 Monte San Savino ph +39 0575.849588 The restaurant features two wide rooms connected by an open walkway and a splendid terrace where you can view the entire valley. Expect traditional dishes. Due ampie sale collegate da un camino aperto e una splendida terrazza con vista su tutta la valle. Piatti della tradizione. La Tagliatella via Giotto 45, ph +39 0575.21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais. Le chiavi d’oro Piazza San Francesco 7 ph +39 0575.403313 Expect traditional fare from Arezzo, re-visited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco. Osteria da Giovanna Via Anconetana 164 ph +39 0575.36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini Osteria del Teatro via Maffei 2, Cortona ph +39 0575.630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect re-visited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati. Osteria Locanda Canto del Maggio Fraz. Penna 30/D (Terranuova Bracciolini) ph +39 055.9705147 Typical cuisine from the territory. Two musts: Peposo alla Fornacina stew and Maremma-style wild boar topped with black

olives and roasted peppers. Cucina tipica del territorio, prodotti dell’orto. Due must: il Peposo alla Fornacina e il cinghiale all’uso delle Maremme. Ristorante Logge Vasari piazza Grande, - ph +39 0575.295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande. Ristorante Relais Il Falconiere Località San Martino 370, Cortona, ph +39 0575.612679 1 Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed. 1 stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

GROSSETO

All’Acquacotta Terme di Saturnia, ph. 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred. Bracali via di Perolla 2 (Massa Marittima) ph. 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Chef Francesco Bracali and his brother Luca, sommelier, in charge of the cellar. Unastelle Michelin, il regno dello Chef Francesco Bracali e di suo fratello Luca, sommelier. Canapone piazza Dante, 3 - ph +39 0564.24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto. Da Caino località Montemerano (Manciano) ph +39 0564.602817 A famous restaurant where the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove è tuttavia ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin. Il Fiore del Tesoro località Valpiana (Massa Marittima) ph +39 056692971 In the countryside, in a lovely place, the chef Heros De Agostinis prepares both fish and meat dishes. In campagna, in un ambiente delizioso, lo chef Heros De Agostinis propone piatti che spaziano fra mare e terra. Il Frantoio piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici. Il Gambero Rosso lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole), ph +39 0564.832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto. Il Pellicano Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564.858275 In one of The Leading Hotels of the World in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. Il Tufo Allegro vicolo Costituzione, 5 (Pitigliano) ph +39 0564.616192 Located in one of the many alleys of the town. Very fascinating place offering Tuscan dishes. Intricato nelle splendide viuzze del paese. Locale di grande fascino con proposte toscane. Salette ricavate nel tufo. Silene Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarka-


LIVORNO

Cala Nova Strada Malpasso-Capoliveri (Isola d’Elba) ph +39 0565.968958 Located in an cove amidst lush greenery and the crystalline sea, this high-quality restaurant always offers fresh fish. In una insenatura immersa nel verde e dal mare cristallino, un ristorante di grande qualità, pesce sempre fresco. Capo Nord La Fenicia 69, Marciana Marina (Isola d’Elba) ph +39 0565.996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole. Da “11” via Bassa, 8 - ph +39 0586.880304 A family-run trattoria. Genuine cooking, “cacciucco” and soups made according to tradition. Friendly atmosphere. Trattoria familiare. Cucina genuina, cacciucco e zuppe cucinate come tradizione vuole. Osteria del Mare borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586.881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti. Il Cantuccio largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) ph +39 0565.976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina. Il Garibaldi Innamorato via Garibaldi, 5 (Piombino) ph +39 0565.49410 Lovely fish restaurant in the town center. Try the dishes made with the socalled “poor” fish. Delizioso ristorante di pesce nel centro storico. Da provare soprattutto i piatti ottenuti con il pesce “povero”. La Baracchina Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello. La Pineta via dei Cavalleggeri Nord 27 (Marina di Bibbona), ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant businesses due to the creations of Chef Luciano Zazzeri. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana grazie alle creazioni dello chef Luciano Zazzeri. Una stella Michelin. Osteria del Noce via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) ph +39 0565.901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra. Scacciapensieri via Verdi, 22 (Cecina) ph +39 0586.680900 A modern restaurant. Top-quality fish prepared and served by a winning couple. Locale moderno. Specialità di mare di grande qualità. Moglie in cucina e marito in sala per un connubio vincente. Stella Marina via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio - Isola d’Elba) ph +39 0565.915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.

LUCCA

Buca di Sant’Antonio via della Cervia, 3 ph +39 0583.55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici. Butterfly Strada Statale del Brennero ph 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin L’Imbuto via della Fratta 38, ph 0583 491280 The small empire of Chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello Chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

MASSA CARRARa

Da Riccà lungomare di Ponente (Marina di Massa) ph +39 0585.41070 Small restaurant run by the same family since the sixties. Excellent fish. Piccolo ristorantino che dagli anni Sessanta con la stessa gestione propone ottime specialità di mare. Il Trillo via Bergiola Vecchia 30, Loc. Castagnetola (Massa) ph +39 0585 46755 An attractive restaurant, where the colours of the earth dominate and food culture is well time-honoured. Un ristorante di charme, dove la cultura del cibo è di casa. Dalla stessa passione per i prodotti genuini, nasce la Cantina Bertazzoli. La Peniche lungobrugiano (Marina di Massa) ph +39 0585.240117 Built on piles, French-style interiors. Fish specialities and also very good pizzas. Location molto particolare su di una palafitta. Ambiente con arredamento che riporta alla Francia. Specialità marinare ed anche ottime pizze. Ninan via L. Bartolini, 3 (Carrara) ph +39 0585.74741 A classic and refined restaurant offering traditional dishes revisited by the young chef. Classica signorilità in questo locale con proposte della tradizione rivisitate dal giovane chef.

PISA

Osteria dei Cavalieri via San Frediano, 16 ph +39 050.580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti. Osteria del Porton Rosso vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050.580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa. Dante e Ivana viale del Tirreno, 207c (Tirrenia) ph +39 050.32549 Good wines and elegant and intimate place. Creative fish cooking. Pregevole offerta di vini per una cantina a vista. Cucina marinara fantasiosa.Dal Duca via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588.81510 In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale. Foresta via Litoranea, 36 (Marina di Pisa) ph +39 050.35082 Excellent fish dishes. Small restaurant overlooking the sea. Molti piatti di pesce di ottima fattura. Piccolo ristorante affacciato sul mare. Lunasia Via dei Tulipani 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams.

One Michelin star All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin. Pepenero via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571.419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Miniato. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista. Peperino via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571.419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita. Perbacco viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586.650324 High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina.

PIStoia

Atman - Villa Rospigliosi Via Borghetto 1, Loc. Spicchio (Lamporecchio) ph. +39 0573.1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. One-Michelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

Antica Osteria da Divo via Franciosa, 25 ph +39 0577.284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale. Bottega Nuova Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577.284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce. Casato via Casato di Sotto 18/26 ph +39 0577.282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo. Fornace di Meleto Loc. Meleto Gaiole in Chianti, ph. 0577.738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa. I Terzi Via dei Termini 7, ph +39 0577.44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for Michele, the owner: he will suggest you the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare da Michele, il proprietario, le specialità della giornata. Osteria Le Logge Via del Porrione, 33 ph +39 0577.48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco. Arnolfo via XX Settembre 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars.

In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin. Badia a Coltibuono Loc. Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577.749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità. Banfi Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577.816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti. Castello di Fighine Località Stabbiano di Sotto 123 (S. Casciano dei Bagni) ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin. I Salotti Strada Statale 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin. Il Colombaio Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin. La Bottega del 30 via di Santa Caterina 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin. Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Meo Modo Borgo Santo Pietro - Loc. Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577. 751222 L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata. Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. Osteria di Fonterutoli Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577.741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei. Osteria Le Panzanelle Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577.733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

Firenze | made in Tuscany 225

ide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURANT guide RESTAURA

ble wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin. Trattoria Toscana Loc. Badiola (Castiglione della Pescaia) ph +39 0564.944800 Housed inside the L’Andana Hotel. Traditional Maremma cuisine by Chef Alain Ducasse. Excellent wine list. Parte del prestigioso complesso ricettivo dell’hotel L’Andana, cucina paesana proposta da Alain Ducasse rispettando i sapori della Maremma. Eccellente lista vini.


best of

s t e e r t s n o i h s a F g of fashion Top for shoppin and jewels accessories

Piazza degli Strozzi Ponte Vecchio Via de’ Tornabuoni Via del Parione Via della Vigna Nuova Via Roma 226 Firenze | made in Tuscany


Firenze Made in Tuscany n.41  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you