Page 1

COVER STORY LORENZO JOVANOTTI CHERUBINI FASHION S/S 2018 SPORTY INSTINCT INTERVIEW ERMANNO SCERVINO | MASSIMO BOTTURA | DANILO PETRUCCI ART UFFIZI RE-THINKING | STREET ART | CASAMONTI COLLECTION | DAWN OF A NATION ITINERARIES PRIVATE GARDENS | MYSTERIOUS FLORENCE


Tod’s Boutique:Via Tornabuoni, 60R Firenze • Tel. 055 219423


FALIEROSARTI.COM


84

90

92

46

SPRING in this issue

COVER STORY 66 Lorenzo Jovanotti Cherubini Is this where the party is? E’ qui la festa? by Sabrina Bozzoni SAVE AS 28 Flo Exhibition 30 Tuscan Exhibition 32 Classic 34 Pop 36 Books PEOPLE 16 Francesca Guicciardini Definitely not minimal Decisamente non minimal 18 Gianfranco Bernardini The keeper of the Brindellone Il custode del brindellone 20 Nicola Manca Living the dream Vivere un sogno 22 Francesca Pazzagli Archivio, il mio My personal archive 24 Martino di Napoli Condividere bellezza Share the beauty

MOVIE, THEATRE, MUSIC & SPORT 180 Danilo Petrucci When speed is in the DNA Quando la velocità è nel DNA 156 Music festival The reawakening of the Maggio Il Maggio del risveglio by Teresa Favi 172 Book Good Manners Buone maniere FASHION 39

It object Ermanno Scervino A Dream is a Wish… I desideri vanno veloci by Marta Innocenti Ciulli 102 Shooting Sporty Instinct by Marta Innocenti Ciulli 112 Jewels Embrace me Abbracciami 98

MUST HAVE 114 Bags 116 Shoes 119 Trends 121 Men


Location: Liceo Artistico di Porta Romana - Firenze

Excellence of artistry, in a bag Firenze • Palazzo Gondi, Via de’ Gondi 4/6r Milano • Galleria Passarella, 1 (Corso Vittorio Emanuele II)

FIRENZE

www.ireri.it


172

150

130

46

SPRING in this issue

ART, DESIGN & CULTURE 72

Eike Schmidt

Uffizi re-thinking

In costante evoluzione by Matteo Parigi Bini 82

Street art

Blub and street art in Florence Blub e la street art a Firenze by Teresa Favi 132

Palazzo Strozzi

A Nation is Born Dal ’68 una Nazione by Mila Montagni 138

Florence’s Twentieth-Century Museum

The new course Nuovo Corso 142

Roberto Casamonti

Florence is contemporary !

Firenze, contemporanea! by Francesca Lombardi 148

Gallery Hotel Art & Centro Pecci

Artistic synergies Sinergie d’arte by Stefano Pezzato 152

Duccio Maria Gambi

Frailty and strength Fragilità e forza by Lavinia Rinaldi 154

Alex Rane

Origin of an artwork Genesi di un’opera by Virgiania Mammoli

Exhibition Having fun in the city Una città per giocare by Mila Montagni 174 Four Seasons Hotel Firenze The immovable driving force Il motore immobile by Virgiania Mammoli 160

ITINERARIES 122 City Concealed mysteries Inquieti nascondimenti by Salvatore La Spina 164 Private gardens Welcome to Wonderland Meraviglie da scoprire by Domenica Savini FOOD Massimo Bottura Ode to Ideas Ode alle idee by Sabrina Bozzoni 184 VKA Tuscan by nature Toscana per natura 94

SHOT 50

ON SITE

TUSCANY GUIDE 187 Hotels 188 Restaurants 194 Last page


tuscany.com

adein www.firenzem

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni contributors

Rossella Battista, Giovanni Bogani, Chicco Coda, Salvatore La Spina, Maria Lardara, Stefano Pezzato, Lavinia Rinaldi, Domenico Savini, Elisabetta Vagaggini, Cinzia Zanfini photographers

Archivio Foto Locchi, Alessandro Bencini, Lorenzo Cotrozzi, Dario Garofalo, Giovanni Ghidini (cover), Luca Moggi, Marco Mori, Officine Fotografiche, New Press Photo, Pierpaolo Pagano, Pasquale Paradiso, Massimo Sestini art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


CONTRIBUTORS

Umberto Cecchi, journalist, writer, he has been special correspondent for La Nazione newspaper, of which he was one of the best-known collaborators and editor-in-chief from 1992 to 2002. The author of over 20 books. He has served as Member of Parliament, city councilman in Florence. Umberto Cecchi, giornalista e scrittore, è stato inviato speciale i per il quotidiano La Nazione, del quale è stato ed è una delle firme più note, fino a divenirne direttore dal 1998 al 2002.Autore di più di 20 libri, E’ stato membro del Parlamento, consigliete comunale a Palazzo Vecchio. Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

On the left bank of the Arno, to discover the real Florence with her beauty, art and craftsmanship in major bookstores of tuscany

OLTRARNO GUIDE is also a free app!

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties. Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60. Fabrizio Moretti has an Arts degree with a major in history and is an art dealer with galleries in Florence, London and Monte Carlo. He specializes in Renaissance period. In 2004, the French Minister of Culture bestowed him with the title of Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres. Fabrizio Moretti, laureato in lettere indirizzo storico, è un mercante d’arte con gallerie a Firenze, Londra e Monte Carlo, specializzate in dipinti Rinascimentali. Nel 2004 il Ministro della Cultura e delle Comunicazioni francese lo ha insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres.

Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze.


Piazza Antinori 2/3R, Firenze


flo people

al m i n i m t o n y Definitel ON MINIMAL NTE N

DECISAME

text Virginia Mammoli

ph. Olivia Magris

How did your passion for art begin? There are two things in my childhood that led me to this profession: the good fortune of being able to spend time in wonderful Renaissance villas and a mother who let me draw on the walls of the house. Your artistic training? I attended the Art Institute of Porta Romana, in Florence. A hotbed of ideas, with excellent professors and a collection of plaster casts that is the envy of the most famous museums. Later I went to Rome, to an academy of Arts and new technologies. What is your style? Right now, I’m in love with the mix. I’m mad about Lorenzo Mongiardino’s houses, for example. Every corner is a world that tells a story... definitely not minimal. The most stimulating collaboration? One never forgets the first designer... Manfredi della Gherardesca, an eclectic creative Florentine who moved to London. Where can we see some of your work in town? The Konnubio restaurant, designed by architect Luigi Fragola, has a room decorated with huge banana leaves. I painted it in 2014, and now that motif has become all the rage. Your favorite addresses in Florence? The shops of my artisan friends in San Frediano, the “altana” or belvedere of the Thouar library in Piazza Tasso and La Specola, a museum with an ancient style that is also a bit clumsy.

Francesca Guicciardini, descendant of the historic Florentine family, is a young decor painter. Her portfolio includes historic houses located around the world, from Tuscany to the United States, England, France and Norway 16 Firenze | made in Tuscany

Come è nata la sua passione per l’arte? Sono due le cose della mia infanzia che mi hanno portata a questa professione: la fortuna di frequentare meravigliose ville rinascimentali e una madre che mi lasciava disegnare sui muri di casa. La sua formazione artistica? Ho frequentato l’Istituto d’Arte di Porta Romana, a Firenze. Una fucina di idee, con professori di altissimo livello e una gipsoteca da fare invidia ai musei più blasonati. Dopo sono andata a Roma, a un’accademia di Arti e nuove tecnologie. Qual è il suo stile? In questo momento sono innamorata del mix. Le case di Lorenzo Mongiardino, per esempio, mi fanno impazzire. Ogni angolo è un mondo che racconta una storia... decisamente non minimal. La collaborazione più stimolante? Il primo designer non si scorda mai... Manfredi della Gherardesca, eclettico creativo, fiorentino trapiantato a Londra. Dove possiamo vedere una delle sue opere in città? Il ristorante Konnubio, dell’architetto Luigi Fragola, ha una sala decorata con enormi foglie di banano. L’ho dipinto nel 2014, ora quel motivo è esploso. I suoi indirizzi del cuore a Firenze? Le botteghe dei miei amici artigiani in San Frediano, l’altana della biblioteca Thouar in piazza Tasso e La Specola, un museo con un gusto antico, anche un po’ goffo, che mi rispecchia molto.


#BoggiGentlemanStyle

A GENTLEMAN FINDS IRONY IN EVERYTHING. - Rule 23 -

boggi.com

FIRENZE | Via della Vigna Nuova 27 | Tel. +39 055 219.179 SIENA | Via di Città 9 | Tel. +39 0577 28.2151 FORTE DEI MARMI | Via Mazzini 8/10 | Tel. +39 0584 812.64


flo people

ne o ll e d in r B e h t f o The keeper ELLONE D E DEL BRIN D O T S U C IL

text Teresa Favi

How did this job begin? As a boy, apprenticing to carpenters who at the time had the task of watching over the Brindellone’s condition. How tall is it and how much does the cart weigh? 40 quintals and 11 meters in height. Three levels of finely inlaid chestnut and fir panels, wheels in elm, and the base is painted on the four sides depicting the districts of Florence. When was it built and by whom? Actually, we don’t know exactly which era it dates back to and who built it. Here in storage, I’ve always heard that it dates back to the fifteenth century. How many people work around the Brindellone at Easter? About thirty, excluding security and fireworks personnel. Is it possible to visit it in storage during the year? Yes, but by appointment. You just need to contact the City Office of popular Florentine traditions. Why do the Florentines call it Brindellone? The cart is empty inside, with a sort of mast in the center that, with steel rods, holds in place the chestnut and fir panels that are not fixed. The Florentines call it Brindellone because, being flexible, when it’s pulled along by the 4 white oxen, it moves like an For 36 years, Gianfranco Bernardini has been keeper ungainly boy (brindellone). And this flexibility is the secret reason of the Brindellone, the traditional cart that on Easter that it has never been broken.

day ‘explodes’ with fireworks in front of the Duomo, and for the rest of the year is kept in storage and Come ha iniziato questo lavoro? looked after at Via Il Prato 48

Da ragazzo, facendo da garzone ai falegnami che all’epoca avevano il compito di vegliare sulla salute del Brindellone. Quanto è alto e quanto pesa il carro? 40 quintali per 11 metri di altezza. Tre piani di pannelli di castagno e abete finemente intarsiati. Le ruote sono di olmo. La base è dipinta sui quattro lati che raffigurano i quartieri di Firenze. Quando è stato costruito e da chi? Veramente non si sa di preciso a quale epoca risalga e chi lo abbia costruito, qui in deposito ho sempre sentito dire che risale al Quattrocento. Il giorno di Pasqua quante persone lavorano intorno al Brindellone? Una trentina, esclusi gli addetti alla sicurezza e i fuochisti. E’ possibile visitarlo nel deposito durante l’anno? Sì, ma su appuntamento, basta contattare l’ufficio delle tradizioni popolari fiorentine del Comune. Perché i fiorentini lo chiamano Brindellone? Il carro dentro è vuoto, con una specie di albero maestro al centro che tiene, tramite tiranti d’acciaio, i pannelli di legno di castagno e abete che non sono fissi. I fiorentini lo chiamano Brindellone perché essendo flessibile, quando avanza trainato dai 4 buoi bianchi ondeggia come un ragazzotto sgraziato (brindellone appunto). Ed è proprio questa flessibilità, il segreto per cui non si è mai spezzato.

18 Firenze | made in Tuscany


flo people

eam r d e h t g n i v i L SOGNO VIVERE UN

text Virginia Mammoli

How did San Niccolò Real Estate begin? From the desire to deal in prestigious properties in the most beautiful exclusive locations. The most sought-after properties in the historic center of Florence? Usually the most frequent requests involve attics, exclusive houses along the river and historical properties. What are the most desired areas in Tuscany? The historic centers in the cities of art. Which nationalities most love Florence and Tuscany? Generally, Americans, the English and the French. Which of your dream sales has become a reality? One of the most exclusive properties in Florence located on Costa San Giorgio panoramically overlooking the city. The most famous people in your client portfolio? And the meeting that impressed you the most? People from the world of entertainment and soccer. Each person leaves a part of themselves with you, enriching our experience. A gem on each side of the Arno? Piazza Santa Croce, this side of the Arno with its history and its open sunlit spaces... Piazza Santo Spirito, on the other side of the Arno, is the most authentic neighborhood, with an atmosphere of yesteryear. Your motto? Provide the opportunity to make dreams come true in order to make life more interesting

Nicola Manca, owner of San Niccolò Real Estate, a real estate agency that deals with rentals and sales of top range properties mainly in Florence and Tuscany, but also in other major cities in Italy 20 Firenze | made in Tuscany

Come nasce la San Niccolò Real Estate? Dal desiderio di occuparsi di immobili di pregio nelle più belle ed esclusive location. Le caratteristiche più cercate nel centro storico di Firenze? Solitamente le richieste più frequenti sono relative ad attici, case esclusive sui lungarni e proprietà storiche. In Toscana, qual è la zona più richiesta? Centri storici delle città d’arte. Quali sono i Paesi che più amano Firenze e la Toscana? Generalmente americani, inglesi e francesi. La vendita dei sogni che si è concretizzata? Una delle proprietà più esclusive di Firenze situata in costa San Giorgio in posizione panoramica sulla città. I personaggi più famosi del vostro pacchetto clienti? E l’incontro che più le è rimasto impresso? Personaggi del mondo dello spettacolo e del calcio. Ogni persona ti lascia una parte di sé arricchendo la nostra esperienza. Una perla di qua e di là d’Arno? Piazza Santa Croce, di qua d’Arno con la sua storia e i suoi spazi ampi illuminati dal sole… Piazza Santo Spirito, al di là d’Arno è il quartiere più verace dove si respira un’atmosfera d’altri tempi. Il suo motto? Dare la possibilità di realizzare sogni che rendono la vita più interessante


flo people

io m l i , o i v i h c r A IVE NAL ARCH MY PERSO

text Sabrina Bozzoni

Francesca, who and what make up your Archivio Personale? An extended family made up of professionals who come from the worlds of creativity. An all-female collection of work and life experiences. A short list of places that fill your archive. The Parco della Limonaia at Villa Strozzi in springtime, the Circondale Rondinella del Torrino on the Santa Rosa Lungarno, the Specola Museum, lunch at TODO MODO, shopping in Sant’Ambrogio, with lunch at one o’clock at Rocco, and fresh flowers from the little market in Piazza Santo Spirito. Beauty is... That process that cannot be seen, that is hidden. The beauty that hides strength. The projects that have made you proudest in your work? The important partnership we have Toiletpaper, Maurizio Cattelan’s and Pierpaolo Ferrari’s magazine. What makes us even prouder, though, is working in our city, Florence. Three things you love to do Have breakfast, really early, alone, reading a book, walking in the mountains in the summer, travelling around Italy not only to see concerts and listen to good music. A book, film, dish and architectural work that speak to you. Exploits and Opinions of Dr. Faustroll, Pataphysician, My Uncle, by Jacques Tati. Dish: rice and a design object, the mirror Ultrafragola by Ettore Sottsass.

Francesca Pazzagli, with her intense gaze and creative soul, is an architect. She is one of the minds behind Archivio Personale, a physical and mental space for ideas that are good for the eyes and the heart 22 Firenze | made in Tuscany

Da chi e da che cosa è composto il tuo Archivio Personale? E’ una famiglia allargata fatta di professionisti appartenenti al mondo della creatività. Una collezione di esperienze lavorative e di vita, tutto al femminile. Luoghi e suggestioni fiorentine che riempiono il tuo archivio. Il Parco della Limonaia di Villa Strozzi in primavera, il Circolino Rondinella, il Museo della Specola, un pranzo da Todo Modo, la spesa al mercato di Sant’Ambrogio, con pranzo da Rocco e i fiori freschi della fierucola di piazza Santo Spirito. Bellezza è… Il processo che non si vede, che si cela. La bellezza che nasconde la forza. I progetti realizzati che più ti rendono orgogliosa del tuo lavoro? Il sodalizio che abbiamo stretto con Toiletpaper, il magazine di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari. Ciò che ci rende ancora più orgogliose però è lavorare nella nostra città, Firenze. Tre cose che ami fare La colazione da sola, leggendo un libro, camminare d’estate in montagna, girare l’Italia e non solo per vedere concerti ed ascoltare buona musica. Un libro, film, piatto e opera architettonica che parlano di te. Gesta e opinioni del Dottor Faustroll; Mio Zio di Jacques Tati, il riso. E poi un oggetto di design, lo specchio Ultrafragola di Ettore Sottsass.


www.angelacaputi.com ph. alessandrobencini.com


flo people

za

z e l l e b e r e d i v i Cond TY

ph. Costanza Canali

BEAU SHARE THE

Inside Palazzo Galli Tassi, concealed in a majestic Florence, is this exhibition space and guesthouse where art and design are generated and breathed. It’s Martino di Napoli Rampolla’s Numeroventi 24 Firenze | made in Tuscany

text Sabrina Bozzoni

How did this intuition begin? As a response to some weaknesses, like the need to give a different and more meaningful sense to an empty and nostalgic space. The guidelines for the building’s renovation? Oriented towards natural light, white walls, modern and Scandinavian furniture, spacious rooms. 5 places that say something about you. The agricultural technical institute of Siena, Via dell’Erta Canina in Florence, the San Giovanni di Rapolano spas, the Crete Senesi, the masses of Lamole, where I was born, the Enoteca Fiorentina in Sant’Ambrogio and finally the district of San Frediano. Artistic collaborations that make you particularly proud? Urban Lab with designer Duccio Maria Gambi, the Villa Romana artist Kasia Fudakowski and her project Kartino and the annual collaboration with the members of the Advisory Board. Upcoming events not to be missed at Numeroventi? In mid-May, the open studio of our first artist this year, Dori Deng. Next autumn, the exhibition of Richard Stapleton, creative director of Cereal Magazine.. A dream? To see the Lungarni used as spaces where citizens can meet and celebrate the community. A nightmare? The thing that really scares me is boredom. And for now we should be safe. Da dove è nata questa intuizione? Come risposta ad alcune debolezze, come necessità di dare senso diverso e più significativo ad uno spazio vuoto e nostalgico. Le linee guida per la ristrutturazione del Palazzo? Orientata verso la luce naturale, pareti bianche, arredo moderno e scandinavo, ambienti spaziosi. Toscana. 5 luoghi che parlano di te. L’istituto tecnico agrario di Siena, via dell’Erta Canina a Firenze, le terme San Giovanni di Rapolano, le crete senesi, le masse di Lamole, dove sono nato, l’Enoteca Fiorentina in Sant’Ambrogio e infine il quartiere di San Frediano. Le collaborazioni artistiche di cui vai particolarmente fiero? Urbano Lab insieme al Designer Duccio Maria Gambi, l’artista di Villa Romana Kasia Fudakowski e il suo progetto Kartino e la collaborazione annuale con i membri dell’Advisory Board. I prossimi eventi da non perdere, da Numeroventi? Sarà un anno incredibile. A metà maggio l’open studio dell’artista Dori Deng. Nel prossimo autunno l’esposizione di Richard Stapleton, direttore creativo di Cereal Magazine. Un sogno Vedere i lungarni utilizzati come spazi dove i cittadini possono incontrarsi e celebrare la collettività. Un incubo La noia. E per adesso dovremmo essere al sicuro.


save as flo exhibition

Art in spring

ARTE DI PRIMAVERA text Francesca Lombardi Palazzo Bartolini Salimbeni

Palazzo Strozzi

Gallerie degli Uffizi

Gallery Hotel Art

Palazzo Pitti (© Archivio Foto Locchi) 28 Firenze | made in Tuscany

APRIL Until July 22 at Palazzo Strozzi, Dawn of a Nation, curated by Luca Massimo Barbero. Italian art from the post-war period to 1968. Until August 26 at Palazzo Strozzi, The Florence Experiment, a new site-specific project by German artist Carsten Höller and the plant neurobiologist Stefano Mancuso, who studies empathy between plant organisms and human beings: everyone will find sliding down the two 20 meter-high monumental slides in the Renaissance courtyard of the Palazzo irresistible. Opened just a little over a month ago at the Uffizi Gallery, the eight new APRILE Fino al 22 luglio a Palazzo Strozzi, Nascita di una Nazione a cura di Luca Massimo Barbero. Arte italiana dal Dopoguerra al Sessantotto: uno straordinario viaggio tra arte, politica e società nell’Italia tra gli anni Cinquanta e il periodo della contestazione attraverso oltre settanta opere di artisti come Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto. Fino al 26 agosto sempre a Palazzo Strozzi, The Florence Experiment nuovo progetto site specific dell’artista tedesco Carsten Höller e del neurobiologo vegetale Stefano Mancuso, che studia l’empatia tra organismi vegetali ed esseri umani: per tutti, imperdibile la discesa dei due scivoli monumentali, alti 20

rooms on the first floor of the Uffizi Galleries, Traces. ArtLevante wing of the Uffizi with a ful dialogues at Palazzo Pitnew staging, dedicated to Cara- ti’s Museum of Fashion and vaggio and the 17th Century. Costume. On exhibit until April 15 at PalaJUNE zzo Pitti, The 18th Century. A selection: 17 paintings from the From June 11 to December, at eighteenth-century collections of Palazzo Pitti, images from the Locchi Historical Photo Arthe Uffizi Galleries on exhibit. At the Gallery Hotel Art, Works chives are on exhibit to recount of Art and Magic Moments. 30 the history of the automobile in Works to Celebrate the Pecci Florence and the elegant conCenter’s 30 Years, as the subtitle tests that took place in the Boboli says. Roberto Casamonti, interGardens in 1948 and 1949. national collector and gallery At the end of the month, Loris owner, has given Florence a new museum of modern and contem- Cecchini’s monumental siteporary art: at Palazzo Bartolini specific installation will be inSalimbeni, one hundred master- augurated, created ad hoc for pieces from his personal collec- the exterior façade of the Galtion, works by artists lery Hotel Art, on from the early 20thVicolo dell’Oro, the century to the early result of the synergy 1960s, are on exhibit between Lungarno until spring 2019. Collection and the MAY Pecci Center. Continuing at the metri, nel corti- The 20th Roberto Casamonti. le rinascimentale century is Dagli inizi del XX del Palazzo. Aperte secolo agli anni ’60. the great da poco più di un Prima parte della mese alla Galleria protagonist collezione. Degli Uffizi le otto in Florence MAGGIO nuove sale al priContinua alle Galmo piano dell’ala di Levante lerie degli Uffizi Tracce. Dialodegli Uffizi con un nuovo alle- ghi ad Arte nel Museo della Moda stimento, dedicate a Caravag- e del Costume. gio e alla pittura seicentesca. GIUGNO Al Gallery Hotel Art, Ope- Dall’11 giugno fino a dicemre d’arte e Momenti magici. 30 bre, a Palazzo Pitti le immagiopere per celebrare i 30 anni di ni dell’Archivio Storico Foto attività del Centro Pecci, come Locchi raccontano in una racconta il sottotitolo. Rober- mostra la storia dell’automoto Casamonti, collezionista e bile a Firenze e i Concorsi d’egallerista internazionale, rega- leganza che nel 1948 e 1949 si la a Firenze un nuovo museo svolsero nel Giardino di Boboli. di arte moderna e contem- A fine mese inaugura la moporanea: a Palazzo Bartolini numentale installazione site Salimbeni, sono esposti fino specific di Loris Cecchini, realla primavera 2019 cento ca- alizzata ad hoc per la facciata polavori della sua collezione esterna del Gallery Hotel Art, personale, opere di artisti da- in vicolo dell’Oro, frutto della gli inizi del Novecento fino ai sinergia tra Lungarno Collecprimi anni Sessanta: Collezione tion e Centro Pecci.


save as tuscan exhibition

Unpublished masterpieces CAPOLAVORI INEDITI Galleria Continua

Camposanto Monumentale Pisa

Galleria d’Arte Moderna San Gimignano

Lu.CCA museum

Santa Maria della Scala

30 Firenze | made in Tuscany

The work of one of the 20th-century’s most important photographers, Man Ray, is on exhibit at the San Gimignano Gallery of Modern and Contemporary Art, with over 100 images (until October 7, 2018). At the San Sepolcro Civic Museum, the exhibition The Seduction of Perspective, centered around Piero della Francesca, was inaugurated. After years, his Resurrection, recently restored, can also be viewed (until January 6, 2019). APRIL Saturday, April 21 is the opening of Voci (Voices), a project resulting from a curious collaboration between the artist Vittorio Corsini Il lavoro di uno dei più importanti fotografi del Novecento, Man Ray, in mostra alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di San Gimignano, in scena oltre 100 immagini (fino al 7 ottobre 2018). A marzo al Museo Civico di San Sepolcro è stata inaugurata la mostra La seduzione della prospettiva incentrata intorno alla figura di Piero della Francesca, di cui, dopo anni, sarà visibile anche la Resurrezione appena restaurata (fino al 6 gennaio 2019). APRILE Sabato 21 aprile si inaugura Voci, progetto nato dalla collaborazione tra l’artista Vittorio Corsini e sei tra i più noti scrittori italiani contemporanei. Un artistico-letterario, costituito da sei nuove installazioni permanenti, allestite tra le colline toscane, nei paesi di Peccioli, Ghizzano e Fabbrica.

and the unpublished stories of six designer Milena Canonero, who, of the most famous contemporary in 2007, received the Oscar for Italian writers. A true artistic- this production. literary journey, consisting of JUNE six new permanent installations, On June 3, two important events set up in the Tuscan hills, in the conclude: again in Prato, at the towns of Peccioli, Ghizzano and Luigi Pecci Center for ConFabbrica. temporary Art, the exhibition MAY by English artist Mark Wallinger From May 26 at Galleria Conti- Mark: at Lu.CCA - Lucca Cennua in San Gimignano, the solo ter for Contemporary Art , Mario exhibitions of two great contem- Sironi e le illustrazioni per Il popolo porary artists: Daniel Buren and d’Italia 1921-1940), with a selecAnish Kapoor (the exhibitions are tion of 100 works created by one closed between August and Sep- of the greatest exponents of Italtember). In the Museo del Tes- ian art of the 20th century for the suto (Textile Museum) in Prato official newspaper of the Fascist until May 27, Marie Antoinette. Party. The restoration of the TriThe Oscar-winning Costumes of a umph of Death, a great 14th-cenQueen, an exhibit dedicated to tury fresco by Buonamico Bufthe clothes from the falmacco, has been film Marie Antoinette completed. From by Sofia Coppola. June 17, it can be viewed once again On display are the The artistic extraordinary costhe Camposanto spring with atMonumentale tumes by the worldin renowned costume unmissable Pisa. exhibitions temporary of art MAGGIO Dal 26 maggio alla and events Mario Sironi e le illustrazioni per Il popoGalleria Continua is off to di San Gimignano, lo d’Italia 1921-1940, le personali di due a running con una selezione grandi artisti con- start di 100 opere realiztemporanei: Daniel zate da uno dei più Buren e Anish Kapoor (chiusura grandi esponenti d’arte italiana delle mostre tra agosto e settem- del ‘900 per il quotidiano ufficiabre). Nel Museo del Tessuto di le del Partito Fascista. Termina il Prato fino al 27 maggio Marie 14 giugno, la mostra alla PinacoAntoinette. I costumi di una regi- teca Comunale Carlo Servolini na da oscar, una mostra dedicata di Collesalvetti, in provincia di agli abiti del film Marie Antoinet- Livorno Krimer (Cristoforo Merte di Sofia Coppola, opera della canti) 1908 – 1977. Futurista con costumista di fama mondiale Marinetti, Vàgero con Viani. Oltre Milena Canonero, che nel 2007 cento, in gran parte inedite, le ha ricevuto il Premio Oscar per opere di Krimer selezionate per questa produzione. l’esposizione. Fino al 17 giugno GIUGNO al Museo della Grafica di Pisa Il 3 giugno si concludono due la mostra Robert Doisneau. Pescaimportanti appuntamenti: sem- tore d’immagini. Si è concluso il pre a Prato, al Centro per l’Ar- restauro del Trionfo della Morte te Contemporanea Luigi Pecci, grande affresco trecentesco di la mostra dell’artista inglese Buonamico Buffalmacco che dal Mark Wallinger Mark: presso il 17 giugno torna visibile al CamLu.C.C.A - Lucca Center of con- posanto Monumentale di Pisa.


save as classic

Magical scene

SCENA MAGICA text Teresa Favi Alessio Boni

Fabio Luisi

Leonidas Kavakos

Shen Yun

Virgilio Sieni

32 Firenze | made in Tuscany

APRIL On the 19th, at the Teatro Verdi, Shen Yun takes the stage: 100 artists, including Chinese ballerinas and musicians, 400 costumes and incredible scenery come together for an exhilarating performance. MAY On the 5th, the 81st edition of the Maggio Musicale Fiorentino will be inaugurated: a dance performance with choreography by Virgilio Sieni in the garden at the Teatro del Maggio will be followed by the premiere of Paul Hindemith’s opera Cardillac, conducted by Fabio Luisi and directed by Valerio Binasco (until May 15), with fireworks at the end. APRILE Il 19, al Teatro Verdi, va in scena Shen Yun, 100 artisti tra ballerini e musicisti cinesi, 400 costumi e stupefacenti paesaggi per uno spettacolo esaltante. MAGGIO Il 5, inaugura l’81esima edizione del Maggio Musicale Fiorentino: uno spettacolo di danza con le coreografie di Virgilio Sieni nel giardino del Teatro del Maggio, sarà seguito dalla prima dell’opera di Paul Hindemith, Cardillac, diretta da Fabio Luisi con la regia di Valerio Binasco (fino al 15 maggio), fuochi d’artificio alla fine. Dal 10 al 13, Teatro Verdi, torna il musical di Gérard Presgurvic prodotto da David Zard Romeo & Giulietta ama e cambia il mondo. L’11, Cattedrale di Santa Maria del Fiore, concerto al grande organo Mascioni del virtuoso russo Daniel Zaretsky. Il 21, Teatro della Pegola, im-

From the 10th to 13th, at the Te- turns for an event in collaboraatro Verdi, the musical by Gérard tion with Amici della Musica. Presgurvic returns, produced by JUNE David Zard, Romeo and Juliet: On the 3rd, at the Teatro del From Hate to Love. On the 11th, Maggio Musicale Fiorentino, the Cathedral of Santa Maria the actor Alessio Boni with the del Fiore will host a concert on Cameristi del Maggio brings on the Mascioni organ by the Rus- stage Joyce Chamber Music. On the 11th, Grigory Sokolov in sian virtuoso Daniel Zaretsky. On the 21st, at the Teatro del- the same location will perla Pergola, an unmissable con- form, one of today’s best piacert by Leonidas Kavakos, the nists. From the 19th to 23rd, highly-acclaimed violinist (with also at the Teatro del Maggio, Enrico Pace on piano). At the Zubin Mehta will direct the Teatro del Maggio Musicale opera by Luigi Dallapiccola, Il Fiorentino from the 22nd to prigioniero, followed by Quattro 31st, the Verdi opera The Battle of pezzi sacri by Verdi, direction Legnano takes the stage, directed and choreography by Virgilio by Marco Tullio Giordana. Also Sieni. From the 25th to 29th, at the Teatro del Maggio, on the the Grotta del Buontalenti (Boboli Gardens) 24th, John Axelrod will host Marwill pay tribute to co da Gagliano’s Leonard Bernstein, Opera, opera and on the 30th, the ballet, music Baroque La Dafne, one of touch and mastery and theatre, music’s earliest of the great pianist operas. Murray Perahia re- but most perdibile concerto importantly, Sokolov, uno dei di Leonidas Kava- the 81st massimi pianisti di kos acclamatissimo oggi. Dal 19 al 23, Maggio violinista Leonisempre al Maggio, das Kavakos (con Musicale Zubin Mehta diriil pianista Enrico Fiorentino ge l’opera di LuiPace). Dal 22 al 31, gi Dallapiccola, Il Teatro del Maggio Musicale prigioniero seguita dai Quattro Fiorentino, l’opera di Verdi La pezzi sacri di Verdi con la regia battaglia di Legnano, per la regia e coreografia di Virgilio Sieni. di Marco Tullio Giordana. Il Il 24, ore 10.30, Cattedrale di 24, sempre al Teatro del Maggio, Santa Maria del Fiore, TraJohn Axelrod ricorda Leonard dizionale Messa di San GioBernstein, e il 30 torna il tocco vanni, celebrata dal cardinale e la maestria del grande piani- Betori: la Messe basse di Fauré sta Murray Perahia, un evento e l’antico repertorio sacro fioin collaborazione con gli Amici rentino con il Coro delle Voci della Musica. Bianche del Maggio Musicale, GIUGNO la Cappella Musicale e i PueIl 3, al Teatro del Maggio Musi- ri Cantores di Santa Maria cale Fiorentino, l’attore Alessio del Fiore. Dal 25 al 29, nella Boni con i Cameristi del Mag- Grotta del Buontalenti (Giargio porta in scena uno spetta- dino di Boboli), va in scena colo legato alla figura di James l’opera barocca di Marco da Joyce, Joyce Chamber Music. Gagliano, La Dafne, uno dei L’11, ancora al Teatro del Mag- primi esempi di opera in mugio Musicale, suona Grigory sica.


save as pop

Springtime stage events PALCHI DI PRIMAVERA

text Sabrina Bozzoni Jack Savoretti

Foo Fighters

Francesca Michielin

Motta

Elio e le Storie Tese

34 Firenze | made in Tuscany

APRIL A youthful beginning, all female. Sunday, April 15th at the Viper Theater, Francesca Michielin brings all her disarming musical beauty to the stage. Ornella Vanoni, queen of Italian music, on tour with “La mia storia”, will be playing live in a number of major Italian cities, and in Florence at Teatro Verdi on Monday, April 16th. An extraordinary performer, pianist and singer in love with Rock’n’Roll, Matthew Lee will make Spazio Alfieri magical, Wednesday April 18. Barely 24 hours later, the energetic concert of Le Vibrazioni, at the Flog Auditorium, Thursday, APRILE Un giovane inizio, tutto al femminile. Domenica 15 aprile al Viper Theatre, Francesca Michielin porta on stage tutta la sua disarmante bellezza in musica. Il tour di Ornella Vanoni, regina della musica italiana, “La mia storia”, si arricchisce di altri prestigiosi appuntamenti live nelle maggiori città italiane, la vedremo al Teatro Verdi lunedì 16 aprile. Un straordinario performer, pianista e cantante innamorato del Rock’n’Roll, Matthew Lee renderà magico lo Spazio Alfieri, mercoledì 18 aprile. Nemmeno 24h ci dividono dall’energico concerto de Le Vibrazioni, all’Auditorium Flog giovedì 19 aprile. “Fidatevi”: non aggiungono altro i Ministri riguardo il loro 2018 se non questo appello, che sarà il è del nuovo tour. Il rock dei Ministri lo vivremo

April 19th. “Have faith”: the city as well, Wednesday, May 9 Ministri are saying nothing else at the Spazio Alfieri. Wednesabout 2018 but this, which will day May 23, it’s time for Emma’s be and is about the new tour. “Essere qui Tour”, at the NelWe’ll experience the Ministri’s son Mandela Forum. Returning rock April 24th, at the Obihall. to Teatro Verdi, the amazing MAY “Acoustic Nights Live”, a night Elio e le Storie Tese are ready to under the stars of sound with finish their career in style, after Jack Savoretti, Friday May 25th. 37 years of success, provocati- Our month ends wonderfully: ve radio hits and unpredictable awarded the Targa Tenco, Tuscan tours. For this reason the most Francesco Motta has rock flowing irreverent band in Italian mu- through his veins. We’ll see him sic has decided to say goodbye performing his new album “Vito their fans with a series of live vere o Morire” on May 29th at concerts that promise to be me- the Obihall. morable. Write down this date: JUNE Saturday May 5, Nelson Man- Two words, a great festival: dela Forum. Pianist and compo- Firenze Rocks. From June 14 ser but above all young and ta- to 17, at the Visarno Arena, lented citizen of the Foo Fighters (June world, the promise 14th) Guns ‘n’ Roses (June 15th), of international Flowers are pianism. Francesco blooming, Iron Maiden (June Taskayali is ready 16th), and Ozzy and so is to celebrate his arOsbourne (June tistic journey in the the music. 17th). il 24 aprile, all’O- In Florence Alfieri. Mercolebihall. there are so dì 23 maggio, è il MAGGIO momento di “Esmany live Elio e le Storie Tese sere qui Tour” di sono pronti a con- shows not to Emma, al Nelson cludere la loro be missed! Mandela Forum. carriera in grande Al Teatro Verdi, stile, dopo 37 anni di successi, torna la mirabolante “Acouhit radiofoniche provocatorie stic Nights Live”, una notte e tour imprevedibili. Per que- sotto le stelle del sound di sto motivo la band più irrive- Jack Savoretti. Venerdì 25 rente della musica italiana maggio. Concludiamo in belha deciso di salutare la loro lezza il nostro mese: premiato schiera di fan con una serie con la Targa Tenco, il toscano di live che hanno tutte le car- Francesco Motta ha il rock te in regola per essere ricor- che gli scorre nelle vene. Con dati. Segnatevi questa data: il suo nuovo album “Vivere sabato 5 maggio, Nelson o Morire” lo vedremo il 29 Mandela Forum. Pianista e maggio all’Obihall. compositore ma soprattutto GIUGNO giovane e talentuoso citta- Due parole, un grande festidino del mondo, promessa val: Firenze Rocks. Dal 14 al del pianismo internazionale. 17 giugno, alla Visarno AreFrancesco Taskayali è pronto na, Foo Fighters (14 giugno), a celebrare il suo cammino Guns n’ Roses (15 giugno), artistico anche in città, mer- Iron Maiden (16 giugno), Ozzy coledì 9 maggio allo Spazio Osbourne (17 giugno).


2

Audi Firenze Via Pratese, 135 - 50145 Firenze Tel. 055.4650351 www.audifirenze.it - email: info@audifirenze.it


save as book

Dario Argento has written another book: a short story collection titled Horror. Storie di sangue, spiriti e segreti published by Mondadori. Set in extraordinary museums, baroque buildings where the supernatural mingles with the real world, the book tells stories of blood and murders committed in these fascinating places. The first short story, Notte agli Uffizi, is set in the famous Florentine museum, where Argento shot some scenes of his film The Stendhal Syndrome. Hallelujah Toscana is the book by Florentine photographer Marco Paoli, including poems by Alba Donati and an introduction by Pulitzer Prize-winner Michael

and how they can save us from the mediocrity of life. The book is the starting point to reflect on the meaning of tradition in literature from Homer to Pasolini which, according to Lavia, is at the core of our identity. Una vita a gioiello (Be Jeweled) is the latest book by Patrizia di Carrobio, one of the first female auctioneers working at Christie’s New York and now a diamond, gem and vintage jewelry dealer. In the book, curated by Francesca Joppolo and illustrated by the Tuscan Marco Milanesi, Patrizia di Carrobio tells about her

Cunningham. Beautiful and uncommon black and white pictures of Tuscany, far from the postcard image of this worldfamous region. From Lucca’s villas to the marble quarries in Carrara, from the Fonte delle Fate (Fountain of the Fairies) in Poggibonsi to the wetland of Fucecchio, from Pianosa’s prison to the Orrido di Botri natural reserve to the catacombs of Santa Mustiola in Chiusi. Gabriele Lavia wrote Se vuoi essere contemporaneo leggi i classici. In the book published by Piemme, the great actor and film director, as well as artistic consultant for Fondazione Teatro della Toscana, tells us why we still need the classics

life and experiences, jewelry and memories, intertwined with the history of costume and cinema (published by Polistampa). I segreti della via etrusca is a lovely novel by Gianfranco Bracci and Marco Parlanti, published by Itaca, which leads us into the fascinating and still mysterious world of the Etruscan civilization. Set in Tuscany, the book describes the paved Etruscan road which was discovered in Capannori (Lucca) in 2004, and the Etruscan town along the Bisenzio river, unearthed near the present Gonfienti and called Visenthia. We thank Feltrinelli Bookshop in Florence for the kind cooperation.

36 Firenze | made in Tuscany

Dario Argento torna alla scrittura, con una raccolta di racconti dal titolo Horror. Storie di sangue, spiriti e segreti, edito da Mondadori. Ambientato in straordinari musei, palazzi barocchi dove il soprannaturale si mescola al reale, il libro narra di storie di sangue e di omicidi commessi in questi luoghi suggestivi. Il primo racconto, “Notte agli Uffizi”, è ambientato nel celebre museo fiorentino, dove Argento ha girato alcune scene del suo celebre film La Sindrome di Stendhal. HallelujahToscana è il libro del

Spring reading

LETTURE PER LA PRIMAVERA

fotografo fiorentino Marco Paoli con poesie di Alba Donati e un’introduzione dello scrittore premio Pulitzer Michael Cunningham. Suggestive immagini in bianco e nero di una Toscana diversa ci portano lontano dall’iconografia classica di una regione celebrata nel mondo. Dalle ville di Lucca alle cave di Carrara, dalla Fonte delle Fate a Poggibonsi al Padule di Fucecchio, dal carcere di Pianosa all’Orrido di Botri fino ad arrivare alle catacombe di Santa Mustiola a Chiusi il viaggio non è mai banale.Gabriele Lavia firma Se vuoi essere contemporaneo leggi i classici. Nel volume edito da Piemme, il grande attore

e regista, consulente artistico della Fondazione Teatro della Toscana, svela perché abbiamo ancora bisogno dei classici e perché possano salvarci dalla mediocrità esistenziale. Un libro ricco di spunti per riflettere sul senso della tradizione che va da Omero a Pasolini e che, secondo Lavia, è il nocciolo della nostra identità. Una vita a gioiello è invece il libro di Patrizia di Carrobio una delle prime banditrici donne di Christie’s New York e oggi commerciante di diamanti, pietre preziose e gioielli vintage. In queste pagine, curate da Francesca Joppolo e illustrate dal toscano Marco Milanesi, racconta la sua vita e le sue

esperienze, i gioielli e i ricordi, intrecciati con la storia del costume e del cinema (edizioni Polistampa). I segreti della via etrusca, è invece un grazioso romanzo di Gianfranco Bracci e Marco Parlanti edito da Itaca, che accompagna nell’affascinante e ancora misterioso mondo dell’antica civiltà. Ambientato in Toscana parla della strada selciata etrusca, cioè quella scoperta in località Frizzone, nel comune di Capannori (Lucca) nel 2004, e della città etrusca sul Bisenzio, scoperta vicino all’attuale Gonfienti: “Visenthia”. Si ringrazia per la gentile collaborazione la libreria Feltrinelli di Firenze.


Vyper-KV52 Speaker | k-array.com

At K-array, we concentrate all our efforts and resources in the revolutionary design and manufacture of highly-efficient sound systems artistically crafted in the heart of Tuscany using only premium materials.


STUDIO DIMORE

DIMORE STUDIO C O L L E C T I O N

C O L L E C T I O N Milano - Corso Italia n. 1 +39 02 89092704

Firenze - Via dei Fossi n.41r +39 055 287632

www.studiodimorecollection.com

Milano - Corso Italia n. 1 +39 02 89092704

Firenze - Via dei Fossi n.41r +39 055 287632

www.studiodimorecollection.com


it object

e! Eyes oOnCCm HI! A ME GLI

Here’s the latest version of the Louis Vuitton bag. Monogram and Monogram Reserve canvas cube, mini sized, leather trim and shiny metal chain. It’s called Square and is inspired by the femininity of traditional beauty-cases. Ecco l’ultima versione della borsa Louis Vuitton. Cubo in tela Monogram e Monogram Reserve, volume mini size, finiture in pelle e catena in metallo lucido. Si chiama Square e si ispira alla femminilità dei tradizionali beauty-case. Firenze | made in Tuscany 39


it object

sound e h t o t r e w o P L SUONO POTERE A

The most from an audio system in terms of both sound quality and aesthetics. K-array has an ultra-compact loudspeaker carved out entirely from an aluminum bar and customized in a scope of premium finishes. This is the Lyzard-KZ14. An epic listening experience. Il massimo da un impianto audio, sia in termini di qualità sonora che in termini di estetica. K-array offre un diffusore ultra compatto, fresato da una barra piena di alluminio, personalizzabile in qualsiasi finitura. È Lyzard-KZ14. Un’esperienza tutta da ascoltare. Firenze | made in Tuscany 41


it object

ind eas in Sm Many Eid E TA E NELLA T TANTE ID

It’s said that the person who wears a hat has a great personality. Surely we need a vein of extravagance and pure fun. This hat by Ermanno Scervino is made of straw with a grosgrain band and minimal costume jewelry. Si dice che chi porti il cappello sia dotato di grande personalità. Sicuramente occorre una vena di stravaganza e puro divertissement. Questo di Ermanno Scervino è di paglia con banda gros grain e bijoux minimale. Firenze | made in Tuscany 43


it object

ely

ediat And it’s imm Summer ATE O EST ED È SUBIT

Flat, with a heel or lace-ups, the Spanish shoes have conquered the world. These Chanel espadrilles love the house colors and rest on a wooden base similar to clogs. For a falsely shabby casual mood. Piatte, con zeppa o a polacchino, le spagnole hanno conquistato il mondo. Queste di Chanel amano i colori della maison e si appoggiano sul plateau di legno alla maniera degli zoccoli.Per un mood falsamente shabby e degagé. Firenze | made in Tuscany 45


it object

Only for little heICrCoOeLIsEROI P SOLO PER

The debut of Mini Me, the iconic collection of Clarks Originals dedicated to our children. One hundred and seventy years of experience in footwear and craftsmanship come together in these Desert Treks: unique comfort and central zigzag stitching. Debutta Mini Me la collezione iconica delle Clarks Originals dedicata ai nostri bambini. Centosettanta anni di esperienza calzaturiera e abilitĂ artigianale si fondono in queste Desert Trek: comoditĂ  unica e cucitura centrale a zigzag. Firenze | made in Tuscany 47


it object

MA AranciA ARANCIO PASSIONE

When a love for authentic beauty turns into fashion, the result is extraordinary. A bold style, guided by personal interpretations, make Maison Ireri the original expression of Florentine craftsmanship. In Florence at Via dei Gondi 4/6r . Quando l’amore per la bellezza autentica si trasforma in moda, il risultato è straordinario. Uno stile deciso, delineato da interpretazioni personali che fanno della Maison Ireri l’espressione originale dell’artigianalità fiorentina. A Firenze, in via dei Gondi 4/6r. Firenze | made in Tuscany 49


shotonsite

Consuelo Blocker, Ludovica Fagioli, Costanza Pascolato

Tommaso BencistĂ Falorni, Matteo Andretta, Marco Mercati

Rosanna Vannini, Melania Bianco, Angela Dagostino

Monica and Luciano Tanteri

Titti Giuliani Foti, Laura Santobelli

Enrico Chiavacci

Morgana Palomba, Vanessa Ricci

Fabio Ceccantini, Cristina Giachi 50 Firenze Venezia || made made in in Tuscany Veneto

Giorgia Cipolla, Stefano Dolce

On the occasion of the Pitti Uomo, a special event at Rivoire for the latest Firenze made in Tuscany issue, creations by Enrico Coveri and tasting of Villa Antinori wines and Rivoire chocolates

Marco Biscardi, Lucia Corvino, Marianna Meccani, Gianluca Comotto

Andrea Stefanacci

Alessandro Giusti, Vincenzo Nardi


shotonsite

Giulia Magnani, Alessandro Squarzi, Elena Margotti

Guido Boni, Andrea D’Amico

Giovanna Luzzi, Roberta Cipriani

Eva Desiderio, Elena Moretti

Laura Masi, Piero Antinori

Alex V. Lana, Piero Antinori, Matteo Parigi Bini, Giacomo Coveri

Maria Chiara Brogioni, Riccardo Soderi

Ryan Fisher and Salvatore La Spina

In occasione di Pitti Uomo 93, la speciale serata da Rivoire per l’ultimo Firenze made in Tuscany con presentazione di creazioni by Enrico Coveri e degustazione di vini Villa Antinori e cioccolata Rivoire

Angela Dagostino, Riccardo Banducci

Sergio Santarlasci, Mirella Falconieri, Jacopo Vanzini

Tibaud Saint Pierre, Fabio Bechelli

Nora D’Egidio, Sara Rochdi Firenze | made in Tuscany 51


Tradizione Fiorentina C I O C C O L ATA • PA S T I C C E R IA •

G AST RONOM IA • C O C K TA I L S

R i v o i r e @ . p i a z z a S i g n o r i a , F i r e n z e - p h + 3 9 0 5 5 2 1 4 4 1 2 - w w w. r i v o i r e . i t


shotonsite

Silvia Orsi Bertolini, Raffaello Napoleone, Alessandra Pavolini

Margherita Buy, Lamberto Frescobaldi

James Ferragamo

Francesca Poccianti, Beatrice Ferragamo

Lisa Lozio, Gaddo della Gherardesca

Cesare Cunaccia, Sergio Risaliti

Elisabetta Fabri, Vanessa Moretti Zoppas, Monica Sarti, Alice Sommavilla, Maria Cristina Modonesi, Cecilia Andretta

Fabio Ceccantini and Cristina Giachi

Elisabetta Marti, Sylvie Bonas

At Istituto degli Innocenti, the guests of the charity event for the Oxfam organization hosted by Milly Carlucci

Angelo Donati, Milly Carlucci

Franca and Lorenzo Pinzauti

Felice Limosani, Malika Ayane, Doris Kovacs

Gessica Dal Dosso, Paola Ceruti

Patricia Barroso, Roberta Herrera Firenze | made in Tuscany 53


shotonsite

Bruno Corà, Roberto Casamonti

Paola Pecci, Emilio Isgrò, Alberto Pecci

Cloe Tattanelli, Anna Casamonti Ostellari

Elisabetta Carletti, Federico Lastrucci

Emanuela Pezzoli, Arabella Lanfranchi

Cristina Giachi, Neri Torrigiani

Massimiliano and Daiana Fuksas, Laura Andreini, Dario Nardella

Vittoria and Lucrezia Colonna di Stigliano

Anna Ostellari, Roberto Casamonti

Matteo Parigi Bini, Ferruccio Ferragamo 54 Firenze | made in Tuscany

Massimo and Alessia Perotti

The presentation of the new Roberto Casamonti art collection at the magnificent Palazzo Bartolini Salimbeni, on piazza Santa Trinita

Michele, Leonardo, Roberto, Ursula and Marco Casamonti

Emilio Isgrò, Nicole Tapparel

Roberto Casamonti, Sonia Zampini


Nel cuore di Firenze un punto d’incontro glamour per un piacevole lunch di lavoro, per un aperitivo con gli amici o per una cena di piacere Piazza degli Strozzi, 8 - Firenze - 055 215654 | odeonbistro.it Aperto da LunedÏ alla Domenica ore 08:30–03:00


shotonsite

Johanna Hauksdottir

Elena and Giulia Sella

Luca Finardi, Antonio Guida

Filippo Cirulli, Filippo Fiora

Uberta Zambeleti

Sara Nicole Rossetto

Isabella Traglio, Alessandro Casiello

Francesco Missoni

The event held at the Mandarin Oriental Milan to celebrate the Year of the Dog and introduce the Mandarin Guide 2018 by Gruppo Editoriale

Alex V. Lana, Ileana Turrini

Veridiana Mallmann

Alessandra Ruggeri, Matteo Parigi Bini

Giovanni Tremonti, Elisa Godman Firenze | made in Tuscany 57


shotonsite

Serena Menarini

Iacopo Mazzei, Sandro Fratini, Roberto Brunetti

Giovanna and Corrado Fratini

Alain Dominique and Florence Perrin

Emanuela Aureli

Marco and Rebecca Carrara

Fabrizio Moretti

Paola Manfredi, Marcello Fratini

Mila and Carlo Boatti

Elsa Michael, Angelo Bruni 58 Firenze | made in Tuscany

Elisabetta and Niccolò Ricci

In the magnificent setting of Palazzo Vecchio’s Salone dei Cinquecento, La Notte dei Sogni, a charity event for the Fiorenzo Fratini Onlus Foundation

Bernardo Tori, Alessandra Ferrari, Lella Tori, Francesco Ferrari

Maria and Jan Shrem

Ludovica and Niccolò Querci


restaurant - lounge

bar - events - catering

Piazza Strozzi 5r, c/o Palazzo Strozzi, Firenze

www.strozzicaffe.com

ph. 055 288236

l u n ch - a p e r i t i f - d i n n e r - e v e n t s - c l u b p r i v ĂŠ Piazza Strozzi 5r, Firenze www.cafecollebereto.com Info and table reservation 393 8328505 - 055.28 3156


shotonsite

Dario Nardella, Matteo Guidi, Luigi Varratta

Marcello Viola, Guido Guidi, Cardinale Re

Niccolò and Filippo Ricci

Stefania Saccardi, Luigi Salvadori

Elena Frolli, Sara Mazzei

Alberto Intini, Tommaso Guidi

Luigi Varratta, Gabriele Toccafondi, Cardinale Re, Guido Guidi

Guido Guidi, Leonardo Bassilichi

Luigi Varratta, Cosimo Ferri

The inauguration of Casa Guidi on Via delle Porte Nuove, the headquarters of Guido Guidi, the leading company in the catering business for over 80 years

Alessandra Guidi, Maria Antonietta Fiorillo

Luigi Orlandini, Matteo Guidi

Giuseppe De Liso, Zaira Conti

Justine Urzi, Alessandra Guidi Firenze | made in Tuscany 61


shotonsite

Alida Scudellà, Ingrid Errani, Angelo Lella

Niccolò Alfano, Martina Altorango

Sara Foggi, Mattia Vetere

Marco Cicchetti, Alberto Sergi, Claudio Esposito

Alida Scutellà, Virgina Stancheris

Marco Cicchetti, Ingrid Errani

Ambra Pacetti, Federico Andreani 62 Firenze | made in Tuscany

At the elegant Boss Store in Florence, the exclusive event to introduce the new spring/ summer 2018 collection

Donatella Melino, Alessandro Montoya Gracia

Francesco Bartoloni, Lorenzo Amatulli


shotonsite

Matteo and Agnese Renzi

Riccardo Saponara, Marco Sportiello

Massimo Sestini

Paolo Ermini, Gino Salica

Urbano Cairo

Luciano Fontana

Dario Nardella, Paolo Ermini, Enrico Rossi, Anna Paola Concia

City authorities and journalists gathered at Palazzo della Borsa to celebrate the 10th anniversary of Corriere Fiorentino edited by Paolo Ermini Giancarlo Antognoni

Enrico Rossi 64 Firenze | made in Tuscany

(ph. Massimo Sestini)

Filippo Ricci

Luigi Salvadori


“ You d on ’t k n o w w h a t y o u ’ re missin ’ if y ou n e v e r l o o k a ro u n d ” Paul Stanley - Kiss

P ia z z a D i S a n G i o v a n n i 1 - R

www.moveonfirenze.com


Lorenzo Cherubini (born 27 September 1966), better known as Jovanotti, is an Italian singer-songwriter (ph. Giovanni Ghidini)


music interview

Is this where the party is? E’ QUI LA FESTA? text Sabrina Bozzoni

Lorenzo Jovanotti Cherubini and the show called Vita Lorenzo Jovanotti Cherubini e quello spettacolo chiamato Vita

A fortuitous mistake. Made by the printer who, when printing the presentation poster for a night at the disco, instead of Joe Vanotti - Lorenzo Cherubini’s chosen artistic name - wrote Jovanotti. A year passed – it was 1987, and our twenty-year-old Lorenzo skillfully juggled between Deejay Television and Radio Deejay, a presenter for one, and a disc jockey for the other. Soon Claudio Cecchetto was producing his first album, Jovanotti For President. “Thirty years ago,” says Lorenzo, “on New Year’s Eve of 1987, for the first time I began to ask, yelling like a madman into the microphone above the records, ‘Is this where the party is?’ and in the funk tradition the people on the dance floor answered ‘Yes!’ That slogan also became a single, made in one afternoon, which went on to become number one even if it wasn’t a masterpiece of composition, but the title was enough, the slogan was effective and worked, becoming an unexpected saying.” The rest is history. A history of motorbikes and safaris, of a lucky boy who has become a symbol of a pop culture, as explosive as a big bang, whose energy has covered grandparents, fathers, mothers, sons and daughters with happy music. Lorenzo Cherubini was born in Rome in 1966. The capital was his great cultural mother, but his ties with Tuscany are almost ancestral. He spent his summers in Cortona, right from childhood, forging experiences far from the city that also played a major role in his career. In that village enclosed by Arezzo’s greenery are Jovanotti’s epicenters, made up of popular faces and genuine places, like Enrico’s bar, the Fortezza del Girifalco ramparts, the family home hidden between ancient Etruscan walls. And then along comes Florence. In an atmosphere of intact wonder, almost like a film by Guadagnino, villa Le Rose in Impruneta, south of Florence, was, for all of August 2017, the ideal studio in which to record Oh Vita!, an album with 14 tracks, selected and produced by none other than Rick

Un errore provvidenziale. Quello del tipografo che, stampando la locandina di presentazione per una serata in discoteca, al posto di Joe Vanotti – nome d’arte scelto da Lorenzo Cherubini - scrisse Jovanotti. Passava un anno, quello dell’87, in cui il nostro ventenne Lorenzo si destreggiava abilmente tra Deejay Television e Radio Deejay, presentatore per uno, disc-jockey per l’altro. Di lì a poco Claudio Cecchetto avrebbe prodotto il suo primo disco Jovanotti For President. “Trent’anni fa - racconta Lorenzo - nella notte di capodanno del 1987, per la prima volta iniziai a domandare gridando come un pazzo al microfono sopra ai dischi: “È qui la festa?” e nella tradizione del funk la pista rispondeva “Si!”. Quello slogan divenne anche un singolo, fatto in un pomeriggio, che andò al numero uno anche se non era un capolavoro di composizione, ma il titolo bastava, lo slogan era efficace e funzionò di brutto, divenne un modo di dire, inaspettato”. Tutto il resto è storia. Una storia fatta di moto e safari, la storia di un ragazzo fortunato divenuto per sempre simbolo di una cultura pop esplosa come un big bang, la cui energia ha coperto di musica felice nonni, padri, madri, figli e figlie. Lorenzo Cherubini nasce a Roma nel ’66, la capitale è stata la sua grande madre culturale, ma il suo legame con la Toscana è quasi ancestrale. A Cortona ci passava le estati fin da bambino, forgiando esperienze lontano dalla città che hanno avuto un ruolo fondamentale anche per la sua carriera. In quel borgo tenuto racchiuso dal verde aretino, Jovanotti ha i suoi epicentri fatti di volti popolari e luoghi genuini, come il bar di Enrico, i bastioni della Fortezza del Girifalco, la casa di famiglia nascosta tra le antiche mura etrusche. E poi arriva lei, Firenze. In un’atmosfera dalla meraviglia intatta, quasi da film di Guadagnino, Villa Le Rose all’Impruneta, a sud di Firenze, è stata, per tutto l’agosto 2017, lo studio ideale dove registrare Oh Vita!, un album di 14 tracce, selezionate e prodotFirenze | made in Tuscany 67


ph. Michele Lugaresi


In an atmosphere of intact wonder, villa Le Rose in Impruneta, south of Florence, was, for all of August 2017, the ideal studio in which to record “Oh Vita!”

The recording of the Oh Vita! album in Florence, along with Rick Rubin and Lorenzo’s pictures in California. The cover of Sbam!, Jovanotti’s journal and the cover of the comic book Zagor n. 683, with our Jovanotti

70 Firenze | made in Tuscany


music interview

Jovanotti on stage during “Lorenzo Live 2018” Rubin. Take a look on Google. It doesn’t take much to un- te nientedimeno che da Rick Rubin. Date un’occhiata su derstand how Rubin can be a guiding star of music. With Google, basta poco per comprendere quanto Rubin possa his Californian DNA, he has produced Beastie Boys, John- essere una stella polare della musica. Californiano nel dna, ny Cash, Metallica, Red Hot Chili Peppers and now also our tra gli artisti prodotti Beastie Boys, Johnny Cash, Metallica, Jova. To celebrate this explosion of life in music, Jovanotti Red Hot Chili Peppers e adesso anche il nostro Jova. Per left for Milan, passing through Florence, Rome and then celebrare questa esplosione di vita in musica, Jovanotti è Europe, for the sensational Lorenzo Live Tour 2018. After partito da Milano, passando per Firenze, Roma e poi in Eu30 years of career, 13 original albums, after dozens of sold ropa, alla volta del sensazionale Lorenzo Live Tour 2018. out stadiums and venues, Lorenzo seems tireless and has Dopo 30 anni di carriera, 13 album di inediti, dopo decine invented a spectacular show, in the true sense of the word. di stadi e palazzetti sold out, Lorenzo sembra instancabile e The show opens with 13 large chandeliers that transform inventa uno show spettacolare, nel vero senso della parola. the space into a real party room. “In the living room of the Lo spettacolo si apre su 13 grandi lampadari che trasforhouse where we recorded the album, right here on the outskirts mano lo spazio in un vero e proprio salone delle feste. “Nel of Florence, there was a large crystal chandelier, and while I was salone della casa dove abbiamo registrato il disco, proprio qui singing I had it over my head, so I thought it was alle porte di Firenze, c’era un grande lampadario a sign and somehow I wanted to take it on tour. di cristallo, e mentre cantavo ce l’avevo sopra la These chandeliers dominate the public, warm testa, così ho pensato che fosse un segno e che in them up, welcome them, excite them and during qualche modo avrei voluto portarlo in tour. Questi the concert they are transformed from classic obIn Cortona are lampadari sovrastano il pubblico, lo scaldano, lo jects into disco machines, spaceships, ufo’s, laser lo emozionano e durante il concerto si Jovanotti’s accolgono, trasformano da oggetti classici in macchine da dibeams, flying saucer discs, city lamp posts.” On epicenters, scoteca, astronavi, ufo, sparalaser, dischi volanti di stage with Lorenzo is his inseparable band, the musical soulmate that has accompanied made up of luna park, lampioni di città”. In scena con Lohim through every chapter of his career. la sua inseparabile band, anima gemella popular faces renzo “The heart of everything is that,” says Jova, musicale che lo ha accompagnato lungo ogni and genuine capitolo della sua carriera. “Il cuore di tutto è “I’ve never had a band in such a state of grace places lei – dichiara Jova - non ho mai avuto una band like this time, with a new wind section and my musicians, collaborators since the beginning, more focused in stato di grazia come stavolta, con una nuova sezione fiati e i than ever. I ask a lot of them because in this concert the atmo- miei musicisti, collaboratori di sempre, ancora più a fuoco. Chiespheres change constantly and for a musician, it’s a question do molto a loro perché in questo concerto le atmosfere cambiaof always pushing to the maximum and always in a different no di continuo e per un musicista si tratta di spingere sempre al way. The backbone of the show is music, a non-stop journey massimo e sempre in modo diverso. La spina dorsale dello show through hip hop, dancehall, disco and rock’n’roll.” Between è la musica, un viaggio verso l’hip hop, la dancehall, la disco e il one dance and another, led by the usual groove that dis- rock’n’roll, senza fermarsi mai”. Tra un ballo e l’altro, capitatinguishes him, Lorenzo turns into a true stage animal nato dal solito groove che lo contraddistingue, Lorenzo si in his look as well, with unique and contemporary gar- muta in un vero animale da palcoscenico anche nel look, ments, a result of the agreement and friendship between attraverso capi unici, nati dall’intesa e dall’amicizia tra LoLorenzo and Pierpaolo Piccioli, director creative of the renzo e Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della Maison House of Valentino. But Alessandro Michele, creative Valentino. Ma anche Alessandro Michele, anima creativa di soul of Gucci, has also made some exclusive garments. Gucci, ha realizzato alcuni capi in esclusiva. Magico Jova, Magic Jova, the greatest show after the big bang is un- il più grande spettacolo dopo il big bang è senza dubbio doubtedly yours. il tuo. Firenze | made in Tuscany 71


Uffizi re-thinking IN COSTANTE EVOLUZIONE text Matteo Parigi Bini photo Dario Garofalo


La Medusa, Caravaggio Firenze | made in Tuscany 73


These pages open with the crimson rooms, devoted to Caravaggio and 17th-century painting 74 Firenze | made in Tuscany


art itinerary

Only a few months after our last visit we came back to the Uffizi Gallery with our special guide: director Eike Schmidt. This place- extraordinary in itself- has undergone many changes in the past few years, but when Beauty reaches such great heights, it can be surprising even by simply changing a point of view, the surrounding space, the light. Today, however, the changes we are about to see live are more than one and the few months that went by since our last visit seem a long time now. The Uffizi Gallery once in a lifetime? Forget about it: in the digital communication era, in which news spreads faster and more widely, even the places of art have become constantly evolving wunderkammers,where changing the order of addends does change the sum. And once in a lifetime sounds like a paradox. The director guides us through the new rooms devoted to Caravaggio and seventeenth-century painting on the first floor of the Uffizi Gallery’s eastern wing. Eight rooms have been given highly evocative names: Reality and Magic, Caravaggio and Artemisia, Caravaggio: The Medusa, Caravaggio: The Bacchus, Night Light, Rembrandt and Rubens, Galileo and the Medicis, Florentine Epic . Schmidt says: “It is our intention, first of all, to provide both art experts and the public with an intellectual and emotional experience. Secondly, these rooms represent a comprehensive journey through the history of art. And, owing to the juxtaposition of Florentine and Italian painting with foreign paintings, the museum recreates the international spirit of those days, which welcomed inspirations from any country”. A fine example of this is the magnificent Armida by Cecco Bravo, recently purchased by the Gallery thanks to the financial support of the American section of the Friends of Uffizi: Armida was a Syrian woman, portrayed by a Florentine painter when the artist moved to Innsbruck, the capital of Northern European Renaissance.” The paintings hang from crimson panels, in the rooms along the corridor ( in order not to alter the original Vasari color). The same tone for the walls of the rooms from number 96 to 99. It is the one that best represents the passionate nature of Caravaggio- the predominant color in these rooms- it is also a nuance of red which is often found in the fabrics and tapestries depicted in the paintings of those years, inspired by a textile model of the time and made with the same natural pigments used Dopo pochi mesi dall’ultima visita siamo tornati agli Uffizi, con il nostro mentore d’eccezione: il direttore Eike Schmidt. Questo posto – di per sé straordinario - negli ultimi anni si è dimostrato in grado di rinnovarsi periodicamente: la Bellezza quando assume un grado così alto può stupire anche solo cambiando un punto di vista, lo spazio intorno, la luce. Oggi però i cambiambiamenti che andiamo a vedere live sono più di uno e i pochi mesi che abbiamo lasciato passare cominciano a sembrare troppi. Gli Uffizi una volta nella vita? Dimenticate questa frase: nell’epoca della comunicazione digitale in cui le notizie hanno una immediata diffusione globale, anche i luoghi dell’arte sono diventati wunderkammer in continua evoluzione, dove cambiando l’ordine degli addendi il risultato cambia, eccome. E una volta nella vita sembra un paradosso. Seguiamo il direttore nelle nuove sale dedicate a Caravaggio e alla pittura Seicentesca al primo piano dell’ala di Levante degli Uffizi. Otto sale dai nomi suggestivi: Tra realtà e magia, Caravaggio e Artemisia, Caravaggio: La Medusa, Caravaggio: Il Bacco, Lume di notte, Rembrandt e Rubens, Galileo e i Medici, Epica Fiorentina. Ci spiega Schmidt: “L’intenzione è di creare in prima istanza un’esperienza intellettuale e emotiva sia per i non specialisti, che per gli esperti della materia. In seconda battuta queste stanze sono un viaggio immersivo e completo nella storia dell’arte. E, grazie all’accostamento di pittura fiorentina e del resto d’Italia, con dipinti d’oltralpe, si recupera lo spirito internazionale del gusto dell’epoca, aperto a suggestioni provenienti da ogni paese”. “ Ne è un esempio mirabile in queste sale la splendida Armida di Cecco Bravo, recentemente acquistata dalle gallerie con il contributo della sezione americana degli Amici degli Uffizi: Armida era siriana, dipinta da un pittore fiorentino quando l’artista si trasferirì a Innsbruck, capitale del Rinascimento nordico.” I dipinti sono appesi a pannelli cremisi, nelle sale lungo il corridoio (per non intervenire definitivamente sull’originale colore vasariano). Stessa tonalità per le pareti delle sale interne (dalla 96 alla 99): è quella che ha più assonanza con la passionalità di Caravaggio - che nel percorso fa naturalmente la parte del leone - ed è anche un punto di rosso che si trova spesso nelle stoffe e nei parati rappresentati nei quadri di quegli anni, studiato su un modello tessile

Firenze | made in Tuscany 75


cover story

76 Firenze | made in Tuscany


cover story

Above, left Eike Schmidt, director of the Uffizi Gallery. Works by the greatest 17th-century artists, in addition to Caravaggio, hanging from the walls Firenze | made in Tuscany 77


The new Botticelli Rooms, which feature also the great Annunciation by Botticelli, previously showcased in the Church of San Pier Scheraggio (below, left) 78 Firenze | made in Tuscany


The Annunciation of San Pier Scheraggio is juxtaposed with the one painted by the artist for the Church of Cestello (of which you can see a detail here)


cover story

Rrooms of the Collezione Contini Bonaccossi 80 Firenze | made in Tuscany


art itinerary

in the 1600s. An intense shade of red and yet soft on the eyes, as if the waves of time had rolled over it along with the works of art. The star of the main room is the Medusa by Caravaggio, together with the Head of Medusa by Flemish artist Marseus, Armida by Cecco Bravo, an ancient Roman statue of Athena with Gorgoneion and a Medicean shield. Displayed in another room is the Bacchus by Caravaggio, juxtaposed with several still-life paintings, including one by Velazquez. The third work by Caravaggio, The Sacrifice of Isaac, which is usually on show at the Uffizi Gallery, went out on loan for a big exhibition in Forlì and will go back to the Gallery in June. Among the other masterworks displayed in the new rooms are the Judith Slaying Holofernes by Artemisia Gentileschi, The Nativity by Gherardo delle notti, paintings by Rubens, Rembrandt and Van Dyck. The new layout for the works by Botticelli is equally exciting: rooms 9, 10-14 and 15 have been enlarged and equipped with a new lighting system that provides natural light from above. The new layout, in addition to Botticelli’s best-known works, includes a great frescoed representation of the Annunciation by the artist, which was previously kept in the room of San Pier Scheraggio and rarely shown to the public. This almost six-meter-wide painting, created by Botticelli in 1481, is now on show in the first part of room 10-14, juxtaposed with a panel painting on the same theme executed by Botticelli for the Church of Cestello nearly ten years later. The other rooms feature paintings by Pollaiolo, Hugo van der Goes, Domenico Ghirlandaio. The two stars of the museum, The Birth of Venus and Spring, have been granted two privileges: space and time. Protected by heavy nonreflective crystal glass and placed in two separate rooms, the paintings can be enjoyed even when the rooms are considerably crowded. Last, but only in chronological order, is the addition to the Uffizi Gallery of the Contini Bonaccossi Collection. Displayed in eight rooms (gold-ground paintings, Andrea del Castagno, Bellini, Bramantino, Furniture, Sculptures, Majolica objects, Bernini), the collection includes masterworks such as Madonna of the Snow by Sassetta, Saint Jerome by Giovanni Bellini, the altar-piece by Bramantino, the Portrait of Giuseppe da Porto with Son by Veronese and the Martyrdom of Saint Lawrence by Gianlorenzo Bernini. dell’epoca e realizzato con pigmenti naturali utilizzati già nel ‘600. Un rosso deciso eppure un po’ filtrato, come se avesse su di sé lo stesso scorrere del tempo delle opere. Protagonista della sala principale, la Medusa del Merisi, insieme alla Testa di Medusa del fiammingo Marseus, all’Armida di Cecco Bravo appunto, ad una statua romana di Atena con Gorgoneion e ad uno scudo mediceo; sempre del Caravaggio campeggia, in un’altra stanza, il Bacco ebbro in dialogo con svariate nature morte, tra le quali una di Velázquez. La terza opera del Merisi custodita di solito agli Uffizi, Il sacrificio di Isacco, è al momento in prestito ad una grande mostra a Forlì e rientrerà a giugno. Tra gli altri capolavori i nelle nuove stanze, la Decapitazione di Oloferne di Artemisia Gentileschi, La Natività ‘a lume di notte’, di Gherardo delle notti, dipinti di Rubens, Rembrandt e Van Dyck. Non meno emozionanti gli spazi pensati per Botticelli: le sale 9, 10-14 e 15 sono state ampliate e dotate di una nuova illuminazione con luce naturale dall’alto. Il percorso espositivo, oltre ai capolavori botticelliani, accoglie anche una nuova grande Annunciazione ad affresco dell’artista, in precedenza ospitata nell’aula di San Pier Scheraggio e raramente visibile al pubblico. Eseguita da Botticelli nel 1481, misura circa 6 metri di larghezza, si trova ora nella prima parte della sala 10-14, in dialogo con la versione dello stesso tema dipinta su tavola da Botticelli per la chiesa di Cestello quasi 10 anni dopo. Nelle altre sale scorrono dipinti dei Pollaiolo, Hugo van der Goes, Domenico Ghirlandaio. Discorso a parte per Venere e Primavera. Star del Museo, hanno meritato due privilegi assoluti, lo spazio e il tempo: protette da robusti cristalli antiriflesso e messe in due stanze separate, si godono pienamente anche con molto pubblico. Ultimo solo in ordine di tempo l’inserimento nel percorso degli Uffizi della Collezione Contini Bonaccossi. Scandita in otto sale (Fondi oro, Andrea del Castagno, Bellini, Bramantino, Mobilia, Scultura, Maiolica, Bernini) la collezione regala alcuni capolavori esemplari come la Madonna della neve del Sassetta, il San Girolamo di Giovanni Bellini, la pala del Bramantino, il Ritratto di Giuseppe da Porto col figlio del Veronese, il San Lorenzo martirizzato di Gianlorenzo Bernini

Firenze | made in Tuscany 81


Blub and street art in Florence BLUB E LA STREET ART A FIRENZE text Teresa Favi photoLorenzo Cotrozzi

Itinerary-interview with the anonymous hand that touches up the makeup of art icons in the streets of Florence Itinerario-intervista con la mano anonima che nelle strade di Firenze rifà il make up alle icone dell’arte


Blub’s Venus by Botticelli wears a moustache and a traditional Tyrolese dress, in addition to goggles. On Via dell’Anguillara


Blub’s version of Leonardo da Vinci’s self-portrait stands out on a gas meter box on Via Santo Spirito 84 Firenze | made in Tuscany


Botticelli’s retouched portrait of Dante Alighieri on a water meter box on Via San Niccolò


The Sistine Chapel ‘s Vault 86 Roma | the Eternal City

The double portrait of the Dukes of Urbino by Piero aa della Francesca on the corner of Via de’ Bardi and Via San Niccolò


Firenze | made in Tuscany 87


The Mona Lisa by Leonardo da Vinci according to Blub on Via San Niccolò


The street version of Salvator DalĂŹ on Via dei Servi


Lady with an Ermine by Leonardo da Vinci on Via San Niccolò 90 Roma Firenze | the | made Eternal in Tuscany City


cover story

I’m an anonymous Florentine artist. It all happened by chance, without even giving it a thought. On the morning of November 5, 2013, at 5 am, the residents of the Oltrarno neighborhood woke up to a surprise. Some water and gas meter boxes had been “covered” with copies of famous paintings by Blub: the Mona Lisa, Lady with an Ermine and Leonardo, all having the same distinguishing features: goggles and water bubbles against a blue background. And so, spoilt and graffiti-covered box covers were transformed into street furniture thanks to a tribute to iconic paintings and people. A moment of thoughtlessness, triggered by a work of art, which, however, can be a moment of reflection…. one can look ahead, feeling confident that this imminent crisis is a wonderful opportunity. That is why I became a street artist. Your first memory of a work of art? I remember how excited I was the first time, as a very young child, I saw the Loggia dei Lanzi with my father. The museum in Florence that you never grow tired of? I’m fond of the Accademia Gallery, in particular, of Michelangelo’s unfinished works. Your series of works is titled “Art can swim”, what does it mean? As an artist, I’ve found myself in difficulties but, over time, I’ve learned to manage these crises, which pushed me beyond my comfort zone and spurred me to find other solutions. I learned to be resilient, I took other paths that I would have never been able to see before. Blub takes shape and visibility to convey this message, as the result of an artistic and spiritual growth. Iconic paintings and figures are an immediately recognizable communication code, they are part of the universal language of art. They have a mask to see beyond, they can breathe underwater. Can you tell us your name, age and place of birth? I was born in Tuscany, but I can’t tell you anything else, because then I wouldn’t be anonymous anymore. Blub is only an artistic project that will come to an end sooner or later. I’ll tell you what, as soon as I’m finished with it, I’ll give you an exclusive interview providing my particulars….maybe! -)))) Sono un artista, fiorentino anonimo. È successo tutto per caso, senza pensarci. La mattina del 5 novembre 2013, i cittadini dell’Oltrarno si svegliarono trovando una sorpresa. Alcuni sportelli dei servizi dell’acqua e del gas erano “ricoperti” da copie di dipinti firmati Blub, la Monnalisa, La Dama con l’ermellino e Leonardo, tutti con le stesse caratteristiche: maschera subacquea, bolle d’aria, e un colore di sfondo, il Blu. Ecco la trasformazione di uno sportello “graffitato” e deturpato in un arredo urbano grazie ad un omaggio ad icona storica. Un attimo di leggerezza, stimolato da un’opera d’arte, che però si può trasformare in riflessione... si può guardare avanti, sicuri che questa crisi incombente possa trasformarsi in una bella opportunità. Per questo ho iniziato a fare street art. La tua prima memoria davanti a un’opera d’arte? Ricordo l’emozione che provai da piccolissimo la prima volta nella Loggia dei Lanzi, con mio padre. Il museo di Firenze che non ti stanchi di visitare? Ho un debole per la Galleria dell’Accademia, in particolare per i lavori incompiuti di Michelangelo. La serie dei tuoi lavori è intitolata ‘L’arte sa nuotare’, cosa vuol dire? Come artista sono entrato in crisi molte volte, solo nel tempo ho imparato a gestire questi momenti che mi hanno spinto, oltre la mia zona di comfort, a trovare altre soluzioni. Ho imparato e fatto mio il concetto di resilienza, ho percorso altre strade che non avrei potuto vedere. Blub prende forma e visibilità per trasmettere questo messaggio, risultato di una crescita artistica e spirituale. Le icone rivisitate sono un codice di comunicazione subito riconoscibile, fanno parte del linguaggio universale dell’arte. Hanno una maschera per vedere oltre, sanno respirare quando sono sott’acqua. Possiamo conoscere il tuo nome, la tua età e la città dove sei nato? Sono toscano ma non chiedetemi altro, altrimenti che anonimato sarebbe? Blub è solo un progetto che avrà una sua conclusione, nella mia vita artistica. Quando avrò terminato, vi rilascerò un’intervista esclusiva con le mie generalità...forse! ;-))))

Firenze | made in Tuscany 91


LUNGARNO DINING COLLECTION Ristorante Borgo San Jacopo Caffè Dell’Oro Picteau Lounge Bar The Fusion Bar & Resturant

Borgo San Jacopo

Lungarno Dining Collection, con la sua collezione di Ristoranti e Bar nel cuore di Firenze, si declina in quattro stili diversi: dall’alta gastronomia del Borgo San Jacopo con il suo chef Peter Brunel che vanta una stella Michelin, allo stile bistro squisitamente italiano del Caffè dell’Oro…dal Picteau Lounge, il salotto sull’Arno dove bere il miglior Negroni della città, ai gusti esotici del Fusion Bar & Restaurant. Affacciatevi da Ponte Vecchio e scegliete una delle quattro diverse proposte firmate Lungarno Dining Collection. Distanza: sempre #150passi da Ponte Vecchio.

Lungarno Dining Collection, with its restaurants and bars in the heart of Florence expresses four different styles: from the gourmet cuisine at the Borgo San Jacopo, with the Michelin starred Chef Peter Brunel, to the exquisite Italian bistro Caffè dell’Oro…from the Picteau Lounge, the place to be for tasting the best Negroni in town, to the exotic flavours of the Fusion Bar & Restaurant. See you on Ponte Vecchio and choose one of the four different experiences signed by Lungarno Dining Collection. Distance: always #150steps from Ponte Vecchio.


Borgo San Jacopo

Ristorante Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62/R +39 055 281661 bsj@lungarnocollection.com ristorantebsj.com

Caffè Dell’Oro Lungarno Degli Acciaiuoli, 2P +39 055 2726 8912 oro@lungarnocollection.com caffedelloro.com

Caffè Dell’Oro

Picteau Lounge Bar

The Fusion Bar & Restaurant Vicolo dell’Oro, 5R +39 055 2726 6987 tf@lungarnocollection.com thefusionbar.com

Picteau Lounge Bar Borgo San Jacopo, 14 +39 055 27261 picteau.lounge@lungarnocollection.com hotelungarno.com

The Fusion Bar & Restaurant


restaurant story

Ode to ideas ODE ALLE IDEE text Sabrina Bozzoni

Massimo Bottura, the culinary force behind Gucci Osteria, leads us into worlds filled with quality and wonder Massimo Bottura, mente culinaria di Gucci Osteria, ci porta in mondi pieni di qualità e meraviglia Whether it’s because of Miles Davis playing the trumpet or Billie Holiday singing a high note, or an installation by Damien Hirst or Lidia teaching his cooks to roll out the dough to make perfect homemade pasta, Massimo Bottura’s heart is stirred with emotions. He was the first Italian chef to be awarded as the “best in the world” and his three-Michelin-starred Osteria Francescana in Modena still ranks among The World’s 50 Best Restaurants. Massimo relies on his obstinacy which never fails to hit the mark, as he knows exactly what he loves and what he wants. In Florence, his mark is Gucci Osteria. Housed on the ground floor of the magnificent Palazzo della Mercanzia, inside the Gucci Garden, the restaurant accommodates up to 35 people and offers an exciting intercontinental journey through quality. The kitchen, curated by Massimo Bottura, is run by Mexican female chef Karime Lopez Kondo. Fashion and haute cuisine. How was this collaboration revolving around beauty formed? It was so much simpler than you might think: it all began with friendship. Marco Bizzarri, Gucci’s current CEO and President, and I are old friends, we were classmates. He called Alessandro Michele and then he called me. We started imagining Italy as a country made up of top quality, dreams and ideas, the art of tailoring- meant as the power of constantly adapting experience and products to varying needs- and of raw materials, whether fabrics or ingredients. The menu you created for Gucci Osteria is a range of inspirations. What is the red thread running through them? The desire to mix and match, to open up to the world by going on a journey of the palate. How have your visions, memories and passions made you the world’s number 1 chef? This is a difficult question. All I can say is that my experiences made me realize that cooking is based not only on the quality of ingredients but mostly on the quality of ideas. Furthermore, my education, which includes my passions, ranges from music to contemporary art and is based on a strong Italian identity. I strive to express myself 94 Firenze | made in Tuscany

Che sia per Miles Davis che suona la sua tromba, per un acuto di Billie Holiday, per un’installazione di Damien Hirst o guardando “la Lidia” che insegna ai suoi cuochi a tirare una sfoglia a regola d’arte, per Massimo Bottura ciò che conta è emozionarsi. Primo chef italiano premiato come “migliore al mondo”, con la sua modenese Osteria Francescana, Tre Stelle Michelin, mantiene il primato tra i The World’s 50 Best Restaurants. Ora e per sempre Massimo centra i suoi obiettivi con la caparbietà di un essere umano che conosce bene quel che ama e quel che vuole. In città, a Firenze, il suo obiettivo ha un nome su tutti: Gucci Osteria. Al piano terra del magnifico Palazzo della Mercanzia, all’interno di Gucci Garden, 35 coperti si declinano attraverso un entusiasmante viaggio nel regno della qualità. Il ristorante, a cura di Massimo Bottura, è guidato in cucina dalla messicana Karime Lopez Kondo. Moda e alta cucina. Come è nata questa collaborazione nel segno della bellezza? In maniera molto più semplice di quanto si possa pensare: è tutto iniziato con un’amicizia. Io e Marco Bizzarri, attuale Ceo e Presidente di Gucci, siamo amici di lunga data, eravamo compagni di banco. Ha chiamato Alessandro Michele, e poi me. Insieme abbiamo iniziato a immaginare a un’Italia di alta qualità, fatta di sogni e di idee, di sartorialità – intesa come pratica di adattare costantemente l’esperienza e il prodotto – e di materie prime, che siano tessuti o ingredienti. Un menù, quello curato da lei per Gucci Osteria, che è un ventaglio di suggestioni. Qual è il fil rouge che tiene bene strette queste culture? La voglia di contaminazione, di aprirsi al mondo in un viaggio con il palato. In che modo le sue visioni, la sua memoria e le sue passioni lo hanno reso chef numero 1 al mondo. Questa è una domanda complessa. Diciamo che le esperienze mi hanno portato a capire che la cucina non è solo fatta della qualità degli ingredienti, ma parte soprattutto dalla qualità delle idee. Poi il mio bagaglio culturale, quello che racchiude le mie passioni, spazia dalla


cover story

Massimo Bottura was born in 1962 in Modena, the chef of three-Michelin-starred Osteria Francescana, is diversifying his portfolio, with an all-day museum restaurant: Gucci Osteria in the brand new Gucci Garden in Florence (ph. Alessandro Moggi) Firenze | made in Tuscany 95


restaurant story

From left: Gucci Garden inside the Palazzo della Mercanzia, “Charley Marley” at Gucci Osteria and Massimo Bottura and my cuisine in the most immediate and long-lasting way. musica all’arte contemporanea, basandosi sempre su una forte identiAfter Bologna, Milan and Modena came Rio de Janeiro, London, tà italiana. Cerco sempre di esprimermi e esprimere le materie prime Paris, and then Naples in April and the Bronx in the near future nel modo più immediato e anche più longevo possibile. We are talking about your social refectories and canteens. Please Dopo quello di Bologna, Milano e Modena, c’è stato quello di Rio tell us something about this wonderful project and how it came de Janeiro, Londra, Parigi, Napoli ad aprile e in futuro nel Bronx. to be. Stiamo parlando dei suoi refettori e mense sociali. Ci parli di questo Food for Soul is the non-profit organization that my wife Lara and meraviglioso progetto e di come è riuscito ad attualizzarlo. I founded after the experience with the Refettorio Ambrosiano in Food for Soul è la Onlus che io e Lara, mia moglie, abbiamo fondaMilan, opened on the occasion of Expo 2015. We asked ourselves to dopo l’esperienza del Refettorio Ambrosiano di Milano, aperto in what “Feeding the Planet” meant to us and our answer was to apply occasione di Expo 2015. Ci eravamo posti la domanda di cosa volesse everything we had learned working for 20 years at the Osteria Fran- significare per noi “nutrire il pianeta”, e l’abbiamo trovata applicando cescana to a new model: the quality of ideas, the power of beauty and a un nuovo modello tutto quello che abbiamo imparato in 20 anni the value of hospitality. At the community canteen that we started in all’Osteria Francescana: qualità delle idee, potere della bellezza e vaMilan, we realized that these values are universal and can help com- lore dell’ospitalità. Valori universali, in grado di aiutare le comunità munities all over the world fight against food waste di tutto il mondo a combattere contro lo spreco alimentare e l’isolamento sociale. Perché cucinare è un and social isolation. Cooking is a call for action. “These values appello ad agire. “Bread is gold”. This statement is also the creed on can help “Il pane è oro”. Una sua affermazione che è anche il which your latest book is based. Could you please explain the guidelines of your anti-waste philosocommunities all credo del suo ultimo volume. Le chiediamo quantophy. di indirizzarci verso la sua filosofia anti-spreco. over the world meno The secret is to look at the ingredients in our refrigIl segreto è vedere gli ingredienti nel nostro frigo e fight against nella nostra dispensa con occhi diversi. È restituire erator and in our pantry with different eyes. It is all about giving back dignity: a bruised apple, an overfood waste and dignità: a una mela ammaccata, a una banana troppo ripe banana, stale bread. The expression “beautiful al pane raffermo. Di una persona si dice spessocial isolation. matura, inside” usually applies to people. But even food can so che “è bella dentro”. Dobbiamo capire che anche be “beautiful inside”. Bruised fruit can still be good Cooking is a call il cibo può esserlo: il cibo è bello dentro. Un frutto for action” imperfetto ha ancora tantissimo da dare, in termini di to eat and sweet-smelling. We have a responsibility to make good use of food in every stage of its life: freshly-baked, warm sapori, di odori, di complessità. Abbiamo la responsabilità di sfruttare and fragrant bread with a crackling crust can be enjoyed the way it gli alimenti in ogni fase della propria vita: il pane appena sfornato, is. The next day, it can be made into a delicious pappa al pomodoro quello caldo e fragrante, con la crosta che fa ancora rumore, può arand the day after that, it can be grated and used to make meatballs rivare in tavola così com’è, il giorno dopo sarà perfetto per fare una or passatelli. pappa al pomodoro e poi, grattugiato, andrà bene per polpette e pasLet’s go on a tour of your favorite art spots and highlights in Flor- satelli. ence. Ci accompagni nella sua Firenze preferita, tra arte e luoghi che parI would start from Palazzo Strozzi and the Uffizi Gallery and then lano di lei. walk up to Forte di Belvedere and San Miniato al Monte. Then I Partirei da Palazzo Strozzi e dagli Uffizi, per poi risalire per le vie verso would stop to watch the sun go down on the Arno river: it’s easy, it’s il Forte di Belvedere e ancora per San Miniato al Monte. e poi, il trabeautiful from any spot. monto sull’Arno: è facile, è bellissimo da qualsiasi punto. A book, a film, a song and a dish to fall in love with. Un libro, un film, un piatto e una canzone da amare. Vieni in Italia con me by Umberto Notari; Big Night, a 1966 film di- Vieni in Italia con me di Umberto Notari; Big Night, film del ’66 diretto rected by Stanley Tucci and Campbell Scott; Autumn in New York da Stanley Tucci e Campbell Scott; Autumn in New York, cantata da sung by Billie Holiday, and my mother’s tortellini. Billie Holiday e i tortellini di mia madre. 96 Firenze | made in Tuscany


cover story

The interior of the restaurant is designed to make its great cuisine stand out and references Gucci’s cultural heritage. Red Herbarium patterned plates exclusive for the Gucci Garden and stylish monochrome napkins add to the Gucci aesthetic Firenze | made in Tuscany 97


fashion interview

A dream is a wish… I DESIDERI VANNO VELOCI

text Marta Innocenti Ciulli Ermanno and Toni Scervino together at the head of the fashion maison. A new boutique in Florence and much more Ermanno e Toni Scervino insieme alla guida dell’omonima maison. Nuova apertura a Firenze e non solo Creativity, craftsmanship, savoir faire and a good deal of positive thinking, which always works. Ermanno Scervino is soaring high. The collection out now is very successful and four new boutiques just opened: St. Petersburg, Hong Kong, Munich and Florence. The new Florentine shop, located downtown on Via degli Strozzi, is the one he is the most proud of. He promises that he will always be there to welcome his customers and give advice, if requested, like an ordinary personal shopper. An act of gentleness towards women, to whom he devoted his career, struggling for years with fabrics, sketches, scissors and sewing needles. To Ermanno, fashion is a body language and the body is something that must be handled with great care. A new boutique just opened downtown on Via degli Strozzi…. And I’m very proud of it. For business reasons, and I also wanted a boutique and location fully reflecting the Madein-Florence values which I represent through my fashion collections. But also for personal reasons: as I child, I use to walk by the building and I was mesmerized by the shop windows and by the building itself. The fact that now the shop is mine is a childhood dream coming true. Let’s talk about the S/S col98 Firenze | made in Tuscany

lection which is out now. It is a collection based on lightness, harmonious contrasts, chaste sensuousness and artisan experimentations. The star of the collection is the slip dress, with crystal inlays and precious lace details. It’s not designed to be a homewear garment, but a piece of clothing to be worn in place of an evening dress. How did you develop this collection featuring macramé and sporty details? By constantly researching into sportswear. I enjoy mixing sporty textures with fine fabrics and state-of-the-art tailoring techniques. The result is, in my opinion, an exclusive and yet very modern product. This combination of seemingly different worlds was the secret behind my success in the beginning, by launching the haute couture duvet jacket, a garment originally designed to protect from cold weather which I made glamorous and sexy-looking. The advertising campaign is beautiful. How much work is there behind a campaign and how much of yourself did you put in it? A lot of work. Months and months of work and the entire idea behind the collection concentrated into a few images. I collaborated with Mikael Jansson, a photographer I knew about and whom I thought highly of, and I decided not to use any face, be-

Ricerca creativa, artigianalità, savoir faire e una forte dose di ottimismo, che è il miglior carburante. Ermanno Scervino oggi è alle stelle. Una collezione, adesso nelle boutique, che piace e va forte e quattro aperture a breve tempo: San Pietroburgo, Hong Kong, Monaco. Quella di Firenze, nella centralissima via degli Strozzi, è quella che più lo rende beato e soddisfatto. Giura che sarà sempre lì presente, come nel suo salotto buono ad accogliere le sue clienti e non, per consigliare loro, a chi lo richiede, una consulenza da semplice personal shopper. Una delicatezza per amore del pianeta donna, frutto di quel lavoro costruito negli anni a lottare con i tessuti, con i disegni, con le forbici e con l’ago. La moda per Ermanno parla anche del corpo e il corpo è qualcosa di molto serio da maneggiare. Una nuova apertura nella centralissima via degli Strozzi. E a cui tengo moltissimo. Sicuramente per ragioni di business, inoltre volevo una boutique e una location che rispecchiassero appieno tutti i valori del Made in Florence che rappresento con la mia moda. Ma ci tengo anche per ragioni personali: da bambino ci passavo di continuo davanti, rimanendo affascinato dalle vetrine, dal palazzo stesso. Il fatto che ora quel negozio diventi la mia boutique è un sogno d’infanzia che si avvera. Parliamo della collezione S/S

adesso nelle boutique. È una collezione che si fonda su leggerezza, contrasti armonici, casta sensualità e sperimentazioni artigianali. La grande protagonista è la sottoveste, con inserti di cristalli e interventi del pizzo più pregiato e lavorato. Un capo non destinato all’homewear, ma a essere indossato al posto dell’abito da sera. Come è nata questa collezione dove il macramè trionfa e convive con citazioni sporty? Dalla mia costante ricerca sullo sportswear. Mi piace far dialogare texture di impronta più sportiva con materiali di pregio e tecniche sartoriali d’avanguardia. Il risultato è, a mio avviso, un prodotto di pregio e al contempo decisamente moderno. Questo accostamento tra mondi all’apparenza lontani è ciò che agli inizi ha segnato il mio successo, con il piumino couture, un capo in origine pensato solo per proteggere dal freddo e che io resi glamour e sensuale. Molto bella anche la campagna pubblicitaria. Quanto lavoro c’è dietro una campagna e quanto c’è di suo? Moltissimo lavoro. Si tratta di concentrare, in poche immagini, mesi di lavoro, di sintetizzare l’intera idea che sta alle spalle di una collezione. Ho collaborato con Mikael Jansson, un fotografo che già conoscevo e di cui apprezzavo il lavoro, e ho deciso di non avere una sola testimonial perché


Ermanno Scervino 99 Firenze | made in Tuscany


Making of at the Chianti atelier just outside of Florence


fashion interview

cause I believe that the pieces of this collection speak for themselves. On one side, the Ermanno and Toni duo, on the other, dressmakers and artisans. You fit together like the pieces of a puzzle. What is the secret? It’s very simple: we are all crazy about perfection and this is what, in my opinion, greatly contributed to Ermanno Scervino’s success from the outset. Toni, myself, dressmakers and artisans, we are all brains and hands constantly communicating with one another. But we need very few words: it only takes a glance to know what to do and what to change.

so hard to make that I came ritenevo che in questa collezione fossero gli abiti il miglior very close to giving up on it. veicolo per il mio messaggio. How important is craftsman- Da una parte il duo Ermanship at the Scervino maison? no e Toni, dall’altra sarte e It’s crucial. My prêt-à-porter artigiani, insieme funzionaborders on haute couture. te come pezzi di un puzzle. I want my creations to be Qual è il segreto? non-standardized, based on È molto semplice: siamo tutti the highest level of crafts- innamorati della perfezione, manship and standards of ex- e credo sia proprio questo cellence. I strive to translate che ha contribuito al successuch excellence into a mod- so della Ermanno Scervino. ern language. Toni, io, sarte e artigiani siaWhen and why did you de- mo menti e mani in conticide to work in the fashion nuo confronto e incessante business? dialogo. Non abbiamo quasi At a very early age. I observed più bisogno di parole: ci bathe outfits worn by friends sta scambiare uno sguardo and I imagined what they per sapere dove intervenire e would be like had I made cosa cambiare. them. Then I had several de- È famoso per le lavorazioni,

avevo quasi rinunciato a farla. Il valore dell’artigianalità nella maison Scervino? Fondamentale. Il mio prêt-àporter è quasi haute couture. Non voglio che i miei capi soffrano dell’appiattimento dell’industrializzazione, bensì che siano ottenuti tramite lavorazioni manuali d’eccellenza. La mia volontà è tradurre in un linguaggio moderno quest’eccellenza. Quando e come ha deciso di lavorare nella moda? Prestissimo, per non dire da subito. Vedevo gli abiti indossati dalle persone che frequentavo e pensavo cosa avrei cambiato se quell’abito l’avessi creato io. Poi ho intrapreso nel mondo della moda

Advertising campaign and the S/S 2018 fashion show Your brand is known for its fine tailoring and craftsmanship. Is it all made in Italy? Yes, 100%. And not because of a mere personal whim, but out of need. Only in Italy, in particular, in Tuscany I find the manual know-how which is crucial to the creation of my clothing. The area where my atelier is based has been known since the early 1900s for lace manufacturing. European aristocrats, including the Queen of England, came to Florence to buy clothing and house linen. I’ve drawn on this savoir faire to create something totally new, such as the mille-feuille lace, lace worked into plissé, which is

manding but formative experiences in the fashion world, first of all, when I moved to Paris at the age of eighteen to serve my apprenticeship, which was crucial to my career. In 2000, I was ready to create my own brand. The places in Florence that you would show a dear friend… I could say the Duomo, Ponte Vecchio, Palazzo Strozzi, Palazzo della Signoria, and so on. But the beauty of Florence and Tuscany is that you don’t need to see a specific place or sight, you just have to indulge in getting lost and stumbling upon a wonderful corner or view.

realizzate tutte in Italia? Assolutamente sì. E non è un capriccio, ma una vera e propria necessità. Solo in Italia, e ancor più nello specifico in Toscana, trovo il know how manuale che è indispensabile per realizzare i miei capi. La zona dove sorge il mio atelier era famosa già all’inizio del secolo scorso per la produzione e la lavorazione del pizzo. Gli aristocratici europei, compresa la regina d’Inghilterra, venivano qui a Firenze a rifornirsi di abiti e corredi per la casa. Io ho attinto a questo savoir faire per creare qualcosa di nuovo come il pizzo millefoglie, una lavorazione del plissé talmente difficile che

diverse esperienze impegnative ma formative, prima fra tutte il trasferimento a Parigi a diciott’anni, per iniziare l’apprendistato che è stato essenziale. Nel 2000, mi sono sentito pronto per dare vita al mio brand. La Firenze che mostrerebbe ad un caro amico… Potrei citare il Duomo, Ponte Vecchio, palazzo Strozzi, palazzo della Signoria, ecc,ecc. Ma la bellezza di Firenze, e della Toscana è non avere il bisogno di un posto o di una meta precisa, ma concedersi il piacere di perdersi e imbattersi sempre in un angolo o in uno scorcio meraviglioso. 101 Firenze | made in Tuscany


MIU MIU Leather jacket over a slip dress with bright appliquĂŠs. Cotton tanktop and panties, three-colored cardigan Sneakers and socks Miu Miu


SPO RTY IN STI NCT Sportswear flirts with haute couture and sets liquid boundaries. Fashion has never been so tempting and subtly chic Lo sport flirta con la couture creando confini liquidi. Mai la moda è stata cosÏ invitante e dannatamente chic Marta Innocenti Ciulli photo Alessandro Bencini make up and hair Rossana Luzzi

GUCCI Floral-patterned organza skirt paired with a Lycra swimsuit and duvet jacket with rhinestones Frames Gucci Sneakers Fendi


aaaaaa

MOSCHINO Jogging pants with appliquĂŠs worn with a tulle skirt Pull Valentino per Luisaviaroma Hat GCDS at Luisaviaroma Shoes Louis Vuitton


FENDI Regimental-striped mermaid skirt and sweater with cut on the front Shoes Fendi


BACKSTAGE


CHANEL Sleeveless mini-dress with asymmetric hem Pants Gucci aaaaaaa Shoes Louis Vuitton


MARCO DE VINCENZO Fringed flounce skirt decorated with rhinestones Pull Valentino at Luisaviaroma


ERMANNO SCERVINO A classic trench-coat over a lace flounce skirt and small see-through mock turtleneck


CHRISTIAN DIOR Leather waist-tight jacket and long tulle skirt over a bodysuit Rings Christian Dior Shoes Vetements per Luisaviaroma


PRADA Straight three-quarter-length skirt paired with sleeveless blouse and one-shouldered aaaaaaa pullover Shoes and bag Prada


fashion jewels

Embrace me MI

ABBRACCIA

Beyond fashion, beyond the aesthetics of the moment, beyond the schemes. A ring can grab your heart and never let it go. For a spring in the name of love, we’ve chosen the most romantic rings, not simple wedding bands, but colored stars to light up your most exalted evenings. Oltre la moda, oltre l’estetica del momento, oltre gli schemi. Un anello può prendere il cuore e non lasciarlo più. Per una primavera nel nome dell’amore, abbiamo scelto i più romantici, non semplici fedi, ma stelle di colore per illuminare le vostre serate più esaltanti.

1

2

4

4

5

1. Cartier 2. Gucci 3. Chanel Fine Jewellery 4. Chopard 5. Bulgari 6. Pomellato 112 Firenze | made in Tuscany


fashion what’s jewels cool

6 Firenze | made in Tuscany 113


must have trend

2 1

3

Irreverent, colorful, glam, iridescent, drawn and written about. Finishing everything off with a nice spritz of hairspray 6

5

7

8

4 6

1980

QUEI FAVOLOSI ‘80

by Sabrina Bozzoni 1. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 2. Eres - eresparis.com 3. Gucci - at Gucci Garden - piazza della Signoria, 10 - Firenze 4. Moschino - at la Rinascente - piazza della Repubblica - Firenze 5. David Salle for Marni - marni.com 6. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 7. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 8. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 30r - Firenze Firenze | made in Tuscany 115


must have shoes

2 1

3

Fashion runs to the aid of the most active, but also the chicest. It’s the kitten heel, the heel of the moment 6

5

7

8

4 6

Only half, thank you SOLTANTO MEZZO, GRAZIE

by Sabrina Bozzoni 1. Céline - via de’ Tornabuoni 24-28r - Firenze 2. Stella McCartney - via dei Tosinghi, 52r - Firenze 3. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 4. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 30r - Firenze 5. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 6. Sportmax - via dei Pecori, 23r - Firenze 7. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 8. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze Firenze | made in Tuscany 117


J.K. LOUNGE RESTURANT & BAR Your charming retreat in the heart of florence all daY-dining from 7.30am to midnight eVerY SundaY: Special “florentine familY StYle SundaY lunch” from 12.30pm

to

3.30pm


must have color

2 1

3

Chaste and neo-Victorian, street-savvy and absolutely contemporary. Muse with a cosmopolitan appeal, white is your color 6

5

7

8

4 6

Mr. White

BIANCO, TUTTO BIANCO

by Sabrina Bozzoni 1. Max Mara - via de’ Tornabuoni, 66-68-70r 2. Marni - at Luisa Via Roma - via Roma, 19-21r - Firenze 3. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 4. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 5. Off White - at Guya Firenze - via Calimala, 29r - Firenze 6. Moschino - at la Rinascente - piazza della Repubblica - Firenze 7. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40r - Firenze 8. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze Firenze | made in Tuscany 119


must have men

2 1

3

The end of the era of minimalism that hid all sorts of branding. Today the brand and its symbol are back. And what a comeback! 6

5

7

8

4 6

Yes Logo SI AL LOGO

by Sabrina Bozzoni 1. Z Zegna - via de’ Tornabuoni, 3r - Firenze 2. VLTN - via de’ Tornabuoni, 23 - Firenze 3. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40r - Firenze 4. Rolex - at Fani Gioielli - via de’ Tornabuoni, 72r - Firenze 5. Gosha Rubchinskiy x Adidas -at Guya - Firenze 6. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 7. Dsquared2 - at Luisa via Roma - Firenze 8. Kendrick Lamar x Nike Cortez - nike.com Firenze | made in Tuscany 121


itinerary mystery

Fantastic creatures, mascarons, sea monsters, devils…Florence’s historic center is dotted with fountains, sculptures and ornamental details which, in contrast with medieval austerity and Renaissance rationality, lead us into a world of fantasy and dreams. In Piazza della SS. Annunziata, you can admire two unusual fountains: placed in the square in 1641, the two works were designed by Pietro Tacca and originally commissioned to adorn the port of Leghorn in 1626. Upon the artist’s death, the fountains were moved to the square to complete the equestrian monument to Ferdinando I. The two fountains, masterworks of Mannerist sculpture, are considered to be a unique example of a mix of real and imaginary decorative elements such as shells, fish, imaginary monsters, garlands of shellfish and seaweed, and mascarons. The Head of Bertha, located on the side of the Church of Santa Maria Maggiore giving onto Via de’ Cerretani, is associated with some medieval legends. In particular, there is a disquieting story about Cecco d’Ascoli, a philosopher who was charged with heresy and sentenced to death by burning at the stake on Piazza Santa Croce. On his way to the Piazza, he stopped in the exact same spot where the bust now rests and asked for a drink of water. A woman named Bertha appeared at a small window and warned against giving Cecco water because, as he was an alchemist, even a few drops of water in his body would have prevented him from catching fire. And so, the philosopher cursed the woman and turned her forever to stone! Not far from the church, along Via de’ Vecchietti, on the corner of Via Strozzi, there is a statue of a little devil clinging to a building. There is a mysterious story behind this statue. In 1578, Bernardo Vecchietti commissioned Giambologna to renovate his palazzo. During the works, the famous

Concealed mysteries INQUIETI NASCONDIMENTI

text Salvatore La Spina photo Pierpaolo Pagano LOGGIA DEL GRANO Creature fantastiche, mascheroni, mostri marini, demoni... il centro storico di Firenze è pieno di fontane, sculture, e dettagli decorativi che, lontani dall’austerità medievale e dalla razionalità rinascimentale, rappresentano un mondo fantasioso e onirico. In piazza della SS. Annunziata è possibile ammirare due strane fontane: collocate nel 1641, sono state commissionate a Pietro Tacca nel 1626 per il porto di Livorno, ma furono trasferite nella piazza a completare l’arredo già avviato con la sistemazione della scultura di Ferdinando I a cavallo. Le due fonti, capolavori della scultura manierista, sono un unicum per la fantasia con cui sono rappresentati gli elementi marini come conchiglie, pesci, mostri immaginari, ghirlande con crostacei e alghe e i mascheroni. Quanto al monumento equestre di Ferdinando I de’ Medici, nel basamento campeggia una placca in bronzo che raffigura un’ape regina (simbolo del potere granducale) circondata da uno sciame: pare sia impossibile contare il numero esatto delle api. Legata ad alcune leggende di età medievale è invece la scultura con la testa della Berta, sul lato della chiesa di Santa Maria Maggiore che dà su via de’ Cerretani. Tra queste, c’è un’inquietante storia che narra del filosofo Cecco d’Ascoli, condannato per eresia e portato in processione per essere bruciato in piazza Santa Croce. Durante il percorso, proprio davanti a dove si trova il busto, chiese dell’acqua da bere e una donna, di nome Berta, affacciatasi da una piccola finestra, ammonì di non dargli nulla, perché essendo Cecco anche alchimista, anche con poca acqua in corpo non avrebbe potuto prendere fuoco. Il filosofo, a quelle parole, maledisse la donna che rimase per sempre impietrita in quel luogo! 122 Firenze | made in Tuscany


One of the two fountains by Pietro Tacca in aaaaaaaa Piazza SS. Annunziata Firenze | made in Tuscany 123


cover story

The statue of a little devil clinging to a building along Via de’ Vecchietti, on the corner of Via Strozzi aaaa 124 Firenze | made in Tuscany


The Head of Bertha, located on the side of the Church of Santa Maria Maggiore giving onto Via de’ Cerretani Firenze | made in Tuscany 125


The faรงade of Palazzo of Bianca Cappello in Via Maggio, completely decorated with imaginary animals, monsters, mascarons and vegetable elements 126 Firenze | made in Tuscany

aaaaaa


cover story

aaa a a aaaaa Firenze | made in Tuscany 127


The bronze plaque at the base of the eucket monument of Frdinando II where a queen bee is depicted surrounded by a swarm, impossible to count. In Piazza SS. Annunziata


The Sprone or Buontalenti Fountain, which is located on the corner of Via dello Sprone and Borgo San Jacopo


cover story

The fountain by Chiarissimo Fancelli on the Loggia del Grano at Via de ‘Neri 130 Firenze | made in Tuscany


itinerary mystery

Flemish artist sculpted a pair of little devils, one of which is now kept at the Bardini Museum, while a replica was placed on the corner of the building which is called “Canto dei Diavoli” (Corner of the Devils). According to legend, the corner’s name alludes to an anecdote about Saint Peter Martyr. During Mass, a black horse appeared before the Saint on the point of throwing itself against the congregation. The horse was Satan and St. Peter chased him away on the corner of Via de’ Vecchietti where the sculpture still reminds us of that event. A big mascaron is the main feature of the Sprone or Buontalenti Fountain, which is located on the corner of Via dello Sprone and Borgo San Jacopo. It is one of the city’s best-known and most elegant public fountains, definitely the most beautiful fountain of the Oltrarno district. Designed by Buontalenti, in 1608, the fountain features a mascaron ornament which spurts water into a shell-shaped basin. Just steps away from the fountain, on Via Maggio, is a building whose façade is completely decorated with imaginary animals, monsters, mascarons and vegetable elements. It is the Palazzo of Bianca Cappello, the lover and, later, wife of the Grand Duke of Tuscany Francesco I de’ Medici. The Grand Duke had this sumptuous residence built for his loved one. When the two fell in love with each other, they were both married and their affair soon became public, while their respective consorts died of a mysterious death. Bianca’s husband, Pietro Bonaventuri, was murdered on the street, whereas Giovanna of Austria, the wife of Francesco I, died young in 1578 by falling down the stairs. And so, Francesco and Bianca were able to marry but, a few years later, they became ill with very high fevers, after a dinner at the Medicean Villa in Poggio a Caiano, and they both died in 1587 after a long struggle. The post-mortem determined that the cause of death was malaria, but they were believed to have been poisoned by Cardinal Ferdinando, Francesco I’s brother, who had always opposed their relationship. In addition to the stories about the mysterious death of the two lovers, we are left with the sumptuous building façade which, along with many other masterworks, tells us about the mysterious and magic side of Florence that is well worth discovering. Lungo via de’ Vecchietti, all’angolo con via Strozzi, si trova la statua di un diavoletto aggrappato a un palazzo. Anche questa statua nasconde una storia misteriosa. Nel 1578 Bernardo Vecchietti incaricò Giambologna di ristrutturargli il palazzo. Durante i lavori, il celebre scultore fiammingo, modellò una coppia di diavoletti, oggi uno è esposto al Museo Bardini, l’altro campeggia sull’angolo del palazzo: il Canto dei Diavoli. La leggenda vuole che il nome dell’incrocio sia legato a San Pietro Martire che mise in fuga il demonio davanti al cantone di via de’ Vecchietti dove ancora oggi, la scultura, ricorda quell’episodio. Un grande mascherone è invece l’elemento dominante della fontana dello Sprone o del Buontalenti, tra via dello Sprone e Borgo San Jacopo. E’ una delle fontane pubbliche tra le più belle dell’Oltrarno. Realizzata dal Buontalenti, viene fatta risalire al 1608, quando questa zona di Firenze fu abbellita per il passaggio del corteo nuziale di Cosimo II de’ Medici con Maria Maddalena d’Austria. Poco tempo dopo, il Mascherone del Buontalenti fu di ispirazione a Chiarissimo Fancelli che, incaricato di abbellire la Loggia del Grano in via de’ Neri, realizzò una fontana, con un mascherone in marmo simile, ma più sorridente e beffarda del modello originale. In via Maggio, ecco un edifico la cui facciata, particolarissima, è completamente decorata da animali fantasiosi, mostri, mascheroni ed elementi vegetali. E’ il Palazzo di Bianca Cappello, amante e poi moglie di Francesco I de’ Medici. Fu il Granduca stesso a costruire per la sua amata questa sontuosa residenza. Quando i due s’innamorarono erano entrambi sposati e loro rispettivi coniugi morirono in circostanze misteriose. Il marito di Bianca, Pietro Bonaventuri, fu assassinato in strada, mentre Giovanna D’Austria, moglie di Francesco I, morì nel 1578 cadendo dalle scale. Francesco e Bianca poterono così unirsi in matrimonio ma, pochi anni dopo, dopo una cena alla villa Medicea di Poggio a Caiano, furono colpiti da violente febbri e morirono nel 1587 dopo giorni di agonia. Le autopsie dell’epoca rilevarono sui corpi la presenza della malaria, qualcuno ha ipotizzato un avvelenamento da parte del cardinale Ferdinando, fratello di Francesco I, da sempre contrario alla loro unione. A parte le leggende sul mistero della morte dei due innamorati quello che resta è la sontuosa facciata che insieme a tanti altri capolavori, raccontano di una Firenze misteriosa e magica ancora tutta da scoprire. Firenze | made in Tuscany 131


art exhibition

A Nation is born DAL ’68 UNA NAZIONE text Mila Montagni

At Palazzo Strozzi until July 22, a journey through art, politics and society illustrates Italy A Palazzo Strozzi fino al 22 luglio un viaggio tra arte, politica e società racconta l’Italia The colours are decisive, pure, severe like Fontana’s cuts and Schifano’s red NOs. The history illustrated in the rooms at Palazzo Strozzi – with the exhibition Dawn of a Nation. From Guttuso to Fontana and Schifano, until July 22 – has many faces and ideological undertones, at least as many as there were artists who marked Italy’s artistic scene from the 1950s to 1968, when the world was forced to bring “imagination to power” and finally abandon the historic methods that the post-war period had not yet been able to dismantle. Fifty years since those May days in Paris, Florence has brought together emblematic works of those years, pieces that demonstrate the immense vitality of a group of artists whose works are contested amongst the world’s leading museums today. The choices made by the show’s curator, Luca Massimo Barbero, certainly weren’t easy, considering the exhibition route that winds through the eight rooms range from Informal Art to the gestures and figures of Pop Art, presented in close dialogue with the innovative styles of Arte Povera and Conceptual Art. The years of the “economic miracle” can be seen in the revolution of the very concept of contemporary, restored through the unexpected and extraordinary dynamism in the approach to styles, materials and forms that made a powerful return to the scene. Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz and Michelangelo Pistoletto are the men who drew, sculpted and gave form to this new world and to a nation teeming with restless buzz and ideas. The images proposed by Barbero are the masterpieces that rooted themselves in the world’s contemporary imagination, without ever losing sight of the identifying themes of a nation that, when it comes to art, has always had its roots in innovation and, at the same time, the tools for digging through a wide and diverse cultural context. Opening the exhibition is a highly powerful canvas painting that adeptly illustrates Italy’s past as a place of art: The Battle of Ponte dell’Ammiraglio by Renato Guttoso is contrasted with Giulio Turcato’s Political Rally (with sharp strokes) and Enrico Baj’s collage 132 Firenze | made in Tuscany

I colori sono decisi, nitidi, duri come i tagli di Fontana e i NO in vernice rossa di Schifano. La storia che si racconta nelle sale di Palazzo Strozzi - con Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano fino al 22 luglio - ha molti volti e sfumature ideologiche, almeno quanti furono gli artisti che segnarono l’Italia dagli anni 50 al 1968, quando il mondo chiese di portare “l’immaginazione al potere” e abbandonare finalmente gli antichi schemi che il Dopoguerra non era ancora riuscito smantellare. A cinquant’anni dai giorni del maggio parigino, a Firenze sono raccolte opere simbolo di questi anni, capaci di dimostrare la grande vitalità di una compagine di artisti le cui opere sono oggi contese tra i maggiori Musei del mondo. Le scelte fatte dal curatore, Luca Massimo Barbero, non sono certo stata facili, perché l’itinerario disegnato nelle 8 sale del Palazzo va dall’Arte Informale fino ai gesti e alle figure della Pop Art, proposte in stretto dialogo con gli innovativi linguaggi dell’Arte Povera e dell’Arte Concettuale. Gli anni del “miracolo economico” s’identificano con un’innovazione del contemporaneo stesso, restituito attraverso un’insperata e meravigliosa vitalità nell’approccio ai linguaggi, alle materie e alle forme che prepotenti tornano al centro della scena. Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Mario Merz e Michelangelo Pistoletto sono gli uomini che disegnano, scolpiscono e danno forma a questo mondo nuovo e a una nazione ricca di fermenti e di idee. Le immagini proposte da Barbero enucleano capolavori che hanno messo radice nell’immaginario contemporaneo mondiale, senza mai perdere di vista quelli che sono i temi identitari di una nazione che nell’arte ha sempre avuta la propria radice d’innovazione e, allo stesso tempo, uno strumento capace di scavare in un contesto culturale ampio e diversificato. Ad aprire la mostra una tela di grande potenza e che ben racconta il vissuto dell’Italia come luogo di arte: La battaglia di Ponte dell’Ammiraglio di Renato Guttuso viene a essere contrapposta a


Fifty years since those May days in Paris, an exhibition dedicated to the artists who marked Italy’s artistic scene from the 1950s to 1968 Firenze | made in Tuscany 133


The room ‘Current Events and Politics’ 134 Firenze | made in Tuscany


Firenze | made in Tuscany 135


1

2

3

4

5

6

136 Firenze | made in Tuscany

1. Coda di cetaceo by Pino Pascali 2. Krusciov and Kennedy by Sergio Lombardo 3. The third room 4. Burri by Mario Ceroli 5. The first room 6. The eight room


The room ‘Current Events and Politics’

General Egging His Troops on to Battle, alongside the décollage over a defaced Mussolini that Mimmo Rotella titled The Last King of Kings. Abstraction reigns in the second room, representing the 1950s with Spatialist works by Lucio Fontana, Alberto Burri’s action on materials and pieces by Emilio Vedova; the next room explores the deeper research into Spatialism, blending with existing material, and bandages, canvases, glue, plastic and food become an opportunity for “making art” and marking the everyday that can be seen interpreted in the absolute precision of monochrome, from white to kaolin… The fourth room is dedicated to the metaphysical and symbols, which seem to serve as a link between the past and the present of the 1960s, highlighting the emergence of artists in a fractured Rome through Jannis Kounellis and Pino Pascali, both of whom were able to recreate a world in transformation, moving from essentialising reds to primordial designs, like the unsettling Whale Tale by Pascali. “Figures and Gestures” and “Current Events and Politics” are the names of the next two rooms, which centre around the traditional imagination and a new way of perceiving the figure, as well as colours and pigments, with the aim of highlighting and entrusting them to the future, and which are expressed in a language that is strongly characterized by politics and the needs that the former is capable of conveying. Marches in the piazze and flags become the tool of a world that seeks to affirm itself rather than surrender. The “possible geographies” by Alighiero Boetti and Luciano Fabro’s Italy are followed by “Designing-Participating: Echo,” an interactive installation made of light-sensitive panels that can be touched and marked by the body, while closing the show is the room “Imagination in Power”, with a Nation that, having acquired an identity, moves to become a point of reference beyond the borders of the Belpaese.

Il comizio di Giulio Turcato (coi suoi tratti decisi) e al collage di Enrico Baj Generale incitante alla battaglia accostato al décollage sul volto del duce Mussolini che Mimmo Rotella titola L’ultimo re dei re. L’astrazione diventa padrona della seconda sala, rappresentando gli anni 50 con opere spazialiste di Lucio Fontana, l’azione sulle materie di Alberto Burri e le opere di Emilio Vedova; nella sala successiva la ricerca spaziale si fonde con la materia dell’esistente e bende, tele, vinavil, plastica e cibo diventano l’occasione per “fare arte” e segnare il quotidiano declinato nel rigore assoluto del monocromo, dal bianco al caolino… Al metafisico e alla simbologia è dedicata la quarta sala, che sembra avere funzione di cerniera tra il passato e il presente degli anni Sessanta, apprezzando l’emergere di artisti di una Roma di frattura con Jannis Kounellis e Pino Pascali, capaci di ricreare un mondo che si trasforma muovendo da linee essenzializzate fino a figurazioni primordiali come la perturbante Coda di cetaceo di Pascali. “Figure e gesti” e “Cronaca e politica” sono i titoli delle due sale successive, nelle quali si sommano l’immaginario classico e un nuovo modo di percepire la figura, ma anche i colori e i pigmenti per segnarli e consegnarli al futuro, espressi in un linguaggio fortemente caratterizzato dalla politica e dai bisogni che questa sa esprimere. Manifestazioni di piazza e bandiere diventano lo strumento di un mondo che vuole affermarsi e non soccombere. Le “geografie possibili” di Alighiero Boetti e le Italie di Luciano Fabro si sdoppiano nel “Progettare-Partecipare: Eco” che presenta un’installazione interattiva fatta di pannelli fotosensibili, da sfiorare e marcare col corpo, mentre a chiudere la rassegna è proprio la sala “Immaginazione al potere”, con una Nazione che acquisita un’identità si muove per diventare un punto di riferimento oltre i confini del Belpaese. Firenze | made in Tuscany 137


art interview

The new course NUOVO CORSO text Francesca Lombardi

Interview with the new artistic director and scientific coordinator of Florence’s Twentieth-Century Museum Intervista con il nuovo direttore artistico e coordinatore scientifico del Museo Novecento di Firenze He is one of the most clear-eyed observers of the city’s contemporary art scene and also a highly-esteemed scholar of Michelangelo Buonarroti. He curated the first exhibitions marking the renaissance of Forte Belvedere - Penone, Gormley and, one year ago, the Ytalia project scattered across Florence- in addition to, in a swift crescendo, the installation by Koons and by Urs Fisher on Piazza della Signoria, the great Jan Fabre exhibition, followed by the John Currin and Gleen Brown exhibits at the Bardini Museum. If Florence has finally stopped looking back and has taken on a more international attitude, the credit goes to his ongoing dialogue with Mayor Dario Nardella, with whom he shares a vision of renewal. We are talking about Sergio Risaliti. We met with him shortly after his appointment as artistic director and scientific coordinator of the Twentieth-Century Museum and once again we were surprised at him: now that Florence is enjoying a cultural revival, which he stubbornly pursued, he talks about art as something fully integrated with the city’s social fabric, which trains, experiments and reflects upon itself. What is your Museum going to be like? It is going to be a workshop of knowledge production and a training ground, centered around the “short twentieth century” and the present time; a dynamic, lively museum in motion featuring a program organized on different levels. The changes brought to the exhibition spaces solved the museum’s main problem, that is, a certain immobility. We will try to improve visitors’ quality of experience and the way the museum’s collections are presented to the public. Today, a museum must be a flexible structure, capable of changing fast enough to leave a mark on the social and cultural fabric around it. Especially in Florence, where the supply is very high and where beauty is associated with the word “eternity”. Is it going to be a museum mostly targeted at Florentines? It is meant to be an inclusive museum, open to all. There is an important factor to consider: the setting is unique, I would say extraordinary. And I’m not talking only about the building of great architectural value, featuring a beautiful open gallery and a cloister 138 Firenze | made in Tuscany

È uno degli sguardi più lucidi sul respiro contemporaneo della città ma anche studioso riconosciuto di Michelangelo Buonarroti. Sue le prime mostre che hanno segnato la rinascita di Forte Belvedere Penone, Gormley e un anno fa il progetto su scala urbana Ytalia - a cui si sono affiancati in un rapido crescendo: l’installazione prima di Koons poi di Urs Fisher in piazza della Signoria, la grande mostra di Jan Fabre, senza tralasciare John Currin e Gleen Brown al Museo Bardini. Se Firenze in pochi anni ha smesso di guardarsi indietro e ha finalmente preso un passo internazionale, è merito del dialogo costante con il sindaco Dario Nardella, con il quale ha condiviso una visione di rinnovamento. Stiamo parlando di Sergio Risaliti. Lo abbiamo incontrato, fresco di nomina come direttore artistico e coordinatore scientifico del Museo Novecento e ci ha stupito ancora una volta: adesso che la rinascita culturale di Firenze che ha ostinatamente voluto ha preso il via, lui parla di un museo che si inserisce nel tessuto della vita sociale, che educa, sperimenta, riflette anche su se stesso. Come sarà il tuo Museo? Sarà un laboratorio di conoscenza e una palestra di formazione, incentrato sul ‘secolo breve’ e il presente; un museo dinamico, vivace, in movimento con una programmazione articolata su più livelli. Multitasking. Una revisione degli spazi ha permesso la risoluzione del problema principale del museo, affetto di una certa staticità. Cercheremo di migliorare la leggibilità del percorso, la disposizione delle collezioni: un museo oggi deve essere una struttura flessibile, deve cambiare pelle con velocità per incidere sul tessuto sociale e culturale. Soprattutto a Firenze, dove l’offerta è molto ampia, dove la bellezza è associata alla parola eternità. Sarà soprattutto un museo per i fiorentini? Sarà un museo inclusivo, aperto a tutti. C’è un dato importante da considerare: il contesto è unico, direi straordinario. Non parlo solo dell’edificio di grandissimo pregio architettonico, dotato di un bellissimo loggiato e di un chiostro luminosissimo: siamo in una delle piazze più belle al mondo. Il loggiato sarà uno spazio di amplificazione, non solo un diaframma, che ospiterà eventi e manifestazioni di alto


The Twentieth-Century Museum sets a new course with Sergio Risaliti from mid-April

aaaaa


Sergio Risaliti, the new artistic director and scientific coordinator of Florence’s Twentieth-Century Museum


art interview

Some images of ‘Primavera Novecento’ the program designed for children

full of light: the museum is located on one of the world’s most beautiful squares. The open gallery will be used as an extension of the building, to host events of great civil value. I am currently planning a great event to make the city aware of the problem of femicide. Instead, the piazza can be used to host sculptures, artistic performances and poetic and literary happenings. It is also going to be a children-friendly museum, isn’t it? Children are the true stars of the museum’s life: they are entrusted with both the future of artistic expression and with the memory of the past. Every cultural expression must take account of children’s experiential, intellectual and creative growth. Which means rethinking the museum from a child’s point of view, reconnecting with the most creative and inventive age of life. The Primavera Novecento program includes workshops and events held for twelve months in order for the “creative spring” to express itself in every season of the year. We are planning another children-oriented project, Outdoor, with the collaboration of Cristina Giachi, the councilor in charge of education. We will bring artwork to schools, hospitals, libraries, prisons, I would like to get grandparents, who play a very important role in children’s education, involved in the project. We are also planning art events in private homes. The Twentieth-Century Museum is a public good. We must arouse interest, the love of art, sense of responsibility and care. What can we expect to see in the upcoming months? A new layout of the exhibition spaces and of part of the permanent collection from mid-April. A museum in motion, in which the works of art will be cyclically moved around according to new conceptual categories, with a sensitivity closer to that of the artist and art collector, of the poet and musician. We will look for new narration forms and produce uncommon scenarios. The curators on our staff are highly experienced and the Mus.e association has done a great work of cultural mediation in these first four years. What are the must-sees of the permanent collection? Three beautiful works by Morandi, and then De Pisis, Mafai, Casorati, Morlotti, Vedova and Fontana, Arturo Martini, and the latest donations by Nannucci, Masi, Bagnoli and Salvadori. A modern and old Italy at the same time, with the twentieth century being synonymous with both classicism and avant-gardism. Why, in your opinion, is there a renewed interest in twentiethcentury art in Florence? Florence is looking back to its recent past to develop its future. 

valore civile. Sto ad esempio progettando un grande evento per sensibilizzare la città sul tema del femminicidio. Mentre la piazza, potrà essere occupata artisticamente con sculture e performance, enviroment e happening anche poetici e letterari. Un’attenzione importante ai bambini, sbaglio? I bambini sono i veri protagonisti della vita del Museo: a loro è affidato non solo il futuro dell’espressione artistica ma anche la memoria del passato. Ogni espressione culturale deve tener conto della crescita  esperenziale  e intellettuale dei bambini, della loro crescita creativa. Questo significa però farsi bambini, ripensare il museo da quella prospettiva, riconnettendosi con l’età più creativa e fantasiosa della vita. Con il programma Primavera Novecento faremo tutto questo attraverso laboratori e eventi, e lo ripeteremo per dodici mesi perché la primavera creativa possa continuare in ogni stagione dell’anno. Il programma è affiancato da un secondo progetto, Outdoor, concepito in collaborazione con Cristina Giachi e l’Assessorato all’Istruzione. Porteremo realmente le opere nelle scuole, andremo negli ospedali, nelle biblioteche, nei luoghi di detenzione, vorrei coinvolgere i ‘nonni’ così importanti per l’educazione dei bambini. Pensiamo anche a serate con l’arte accompagnata nelle case private. Il Museo Novecento è un bene pubblico. Dobbiamo scatenare interesse, amore dell’arte, senso di responsabilità e di cura.  Cosa vedremo i prossimi mesi?  Un nuovo allestimento degli spazi espositivi e di parte della collezione permanente già a partire dalla seconda metà di aprile. Un Museo in progress dove le opere in collezione saranno movimentate ciclicamente facendoci soprendere da nuovi schematismi concettuali, con una sensibilità più vicina a quella dell’artista e del collezionista, del poeta e del musicista. Cercheremo nuove narrazioni, produrremo scenari inediti. Lo staff di curatrici è di ottimo livello, e l’associazione Mus.e ha svolto un lavoro di mediazione culturale straordinario in questi primi quattro anni. La collezione permanente, le opere imperdibili? La luminosissima presenza di tre Morandi, poi De Pisis, Mafai, Casorati, Morlotti. Senza dimenticare Vedova e Fontana, Arturo Martini, e le ultime installazioni di Nannucci, Masi, Bagnoli e Salvadori. Un’Italia modernamente antica! Dove Novecento è sinonimo di classicità e avanguardia.   Un rinnovato interesse per l’arte del Novecento anche a Firenze, perché secondo te? Firenze sta guardando il suo recente passato per elaborare il proprio futuro. Firenze | made in Tuscany 141


art museum

Florence is contemporary! FIRENZE, CONTEMPORANEA! text Francesca Lombardi photo Aurelio Amendola Roberto Casamonti, international art collector and gallery owner, gives Florence an extraordinary museum Roberto Casamonti, collezionista e gallerista internazionale, regala a Firenze un nuovo straordinario museo Lucio Fontana used to say: “The difficult thing was not so much to make my paintings as to keep on making them when nobody wanted them”. Following your nature, instinct, passion even when nobody believes in you. This has always been the modus vivendi of Roberto Casamonti, art collector and art gallery owner, strictly in this order. He still goes on pursuing this way of life, with a new exciting project: the creation of a modern and contemporary art museum in a Renaissance exhibition space in the heart of the city, which will be open to the public free of charge from March. On show on the main floor of Palazzo Bartolini Salimbeni- the magnificent building designed by Baccio D’Agnolo with an incredibly modern façade for the time it was built and located close to Via de’ Tornabuoni where Casamonti opened his first art gallery- are his paintings, the ones he will never sell. They will be showcased in two separate exhibitions. The first one features works ranging from the early 1900s to the early 1960s (running from March 2018 to spring 2019), the second exhibition, from the 1960s to the present day. We met with him on the eve of the vernissage. We were surrounded by works by Fattori, Marini, Morandi, de Chirico, Savinio, Casorati, Picasso, Leger, Soutine, Klee, Chagall, Ernst, Kandinsky, Dorazio, Vedova, Capogrossi, Burri, Klein, Castellani, Manzoni… Fontana. “I bought about 35 works by Fontana, when you could buy them for a few hundred lire….” How did you develop a passion for art, before it became a business? At the age of ten, when I was still a boy: I went with my father Ezio to the sudio of Ottone Rosai, who was painting my father’s portrait. Silent and sitting there by myself, I looked raptly at that studio thick with dust and color, I sucked in the smell of trichloroethylene and of the rags used to clean the paintbrushes. There and then, I decided that that would be my world. Some years later, I was with my father again when he picked the first works by Tuscan masters Ardengo Soffici and Lorenzo Viani. Then came the painitings by Felice Casorati and Carlo Carrà, Giorgio 142 Firenze | Tuscany

Lucio Fontana diceva: Non è stato difficile fare i miei quadri, ma continuare a farli quando nessuno li voleva. Seguire l’indole, l’istinto, la passione, anche quando sembra di essere da soli a crederci. Roberto Casamonti, collezionista e gallerista rigorosamente in quest’ordine, ha fatto di questo principio un modus vivendi. Che persegue anche oggi, con questo nuovo emozionante progetto: creare un museo dedicato all’arte moderna e contemporanea in uno spazio rinascimentale nel cuore della città, aperto al pubblico gratuitamente da marzo. Al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni - edificio capolavoro di Baccio D’Agnolo, famoso ai tempi della sua costruzione per la eccezionale modernità della facciata e vicino a quella via de’ Tornabuoni dove Casamonti aprì la sua prima galleria - in mostra ci sono i suoi quadri, quelli che non venderà mai. Li esporrà in due momenti: il primo considera opere di artisti agli esordi del Novecento e sino ai primi anni Sessanta (da marzo sino alla primavera del ’19), il secondo, dal 1960 ai nostri giorni. Lo incontriamo alla vigilia del vernissage. A farci da quinta meravigliosa Fattori, Marini, Morandi, de Chirico, Savinio, Casorati, Picasso, Leger, Soutine, Klee, Chagall, Ernst, Kandinsky, Dorazio, Vedova, Capogrossi, Burri, Klein, Castellani, Manzoni… Fontana. “ Di Fontana ne ho circa 35, quando si compravano a poche centinaia di lire… Come è nata la sua passione per l’arte, ancor prima di essere un lavoro? A 10 anni e con i pantaloni corti: accompagnai mio padre Ezio nello studio di Ottone Rosai che dipingeva il suo ritratto. In silenzio, seduto in disparte, guardavo rapito quello studio pieno di polvere e colore, respiravo l’odore di trielina e degli stracci per pulire i pennelli. Ho deciso che quello sarebbe stato il mio mondo. Qualche anno più tardi ho seguito ancora mio padre mentre sceglieva le prime opere dei maestri toscani Ardengo Soffici e Lorenzo Viani. Arrivarono poi le tele di Felice Casorati e Carlo Carrà, Giorgio de Chirico. Questo era il mondo di mio padre, io scelsi poi di andare oltre affascinato da linguaggi diversi, più forti e con-


Roberto Casamonti at his museum, a place devoted to modern and contemporary art on the main floor of Palazzo Bartolini Salimbeni


art museum

1

3

2

4

1. 2. 3. 4. The magnificent works of art from the early 1900s to the 1960s 5. The Palazzo’s facade 6.Jazz by Kounellis 7. Hector and Andromache, Giorgio de Chirico 5

6

de Chirico. That was my father’s world, I chose to go beyond, for I was attracted to different, stronger and more contemporary languages: Fontana’s cuts, Burri’s combustions, Rotella’s posters, Boetti, who would later become a friend of mine… When did you feel the need to pursue this new project? I wanted to share the beauty, the artists and the works I had fell in love with throughout my life. Each and every piece on show was love at first sight, the kind of passion that you cannot ignore. None of the pieces are on sale, none of the ones on show here today, nor any of those that will be showcased at the second exhibition: it is my personal collection, paintings that represent a special memory or moment or person in my life. And I’m very pleased to see all my pieces here, one by one, hanging from these walls. But I’m not pursing a personal goal: I just want to share this heritage with Florentines and with those who choose Florence as a travel destination. I wish to show that Florence is also about contemporary art, contrary to those who believe that the city thrives by looking back at the amazing Renaissance age. Why did you choose Palazzo Salimbeni? Life offers you some opportunities: this Palazzo chose me. Had I not found such a fascinating place, just 100 meters away from the spot where I opened my first art gallery, I would have probably never embarked on this venture. I had not planned to purchase the first floor of this amazing palazzo designed by Baccio d’Agnolo. But then renovation works on the rooms ended up being so complex and extensive that my son and I decided to buy them and restore them to their original splendor: it is a beautiful, historic place with perfectly harmonious Renaissance views. A special place for my works. The first and latest piece you bought?

7 temporanei: i tagli di Fontana, le bruciature di Burri, i manifesti di Rotella, Boetti, diventato poi un amico… Quando ha sentito il bisogno di realizzare questo nuovo progetto? Volevo condividere la Bellezza, gli autori e le opere di cui mi sono innamorato durante tutta la mia vita. Sì perché ognuno dei pezzi esposti è stato un colpo di fulmine, una passione fatale di quelle a cui non puoi dire di no. Non sono pezzi in vendita, nessuno di quelli qui oggi e neanche quelli scelti per il secondo ciclo di esposizione:è la mia collezione personale, quadri a cui sono legato da ricordi, da momenti o incontri particolari. E sono felicissimo di vedere a queste pareti - opera dopo opera, tela dopo tela - tutti i miei pezzi. Ma il fine ultimo non è personale, è la condivisione di questo patrimonio con i fiorentini o anche con chi sceglie Firenze per un viaggio. Per dimostrare che Firenze oggi è anche contemporanea. Contrariamente a chi pensa che la città viva con lo sguardo rivolto a quel periodo incredibile che è stato il Rinascimento Come ha maturato la scelta di Palazzo Salimbeni? La vita ti dà delle opportunità: è stato questo Palazzo ha aver scelto me. Certamente se non avessi trovato un luogo che mi affascinava, a 100 metri da dove avevo aperto la mia prima galleria probabilmente non avrei iniziato questa avventura. All’inizio non avevo pensato di acquistare il primo piano del palazzo capolavoro di Baccio d’Agnolo. Ma poi i lavori di recupero di queste stanze erano profondi e complessi, e con mio figlio architetto abbiamo deciso di comprarli e farli tornare all’antico splendore: è un luogo storico, bellissimo con scorci rinascimentali di armonia perfetta. Un luogo speciale per le mie opere. Il primo pezzo che ha comprato e l’ultimo? Il primo un... a 16 anni. L’ultimo due mesi fa: un collega alla fiera Firenze | Tuscany 145


The courtyard’s beautiful grotesques The first one…at the age of 16. The latest one, two months ago: di Bologna ha scaricato un Casorati più bello dei miei, ne ho 8... a fellow-art gallery owner brought a painting by Casorati to the Gli ho detto: “Mettilo via subito, l’hai già venduto”. È appeso art show in Bologna, it is more beautiful than the ones I own, qui nella prima stanza. Ma a parte il primo e l’ultimo ognuna di and I have eight Casorati works. I told him: “Put it immediately queste tele ha una storia. Il Kounellis in bianco e nero esposto away, it’s sold”. It is hanging here in the first room. But each of qui sono riuscito ad averlo dopo un corteggiamento di quattro these paintings has a story. It took me four years to lay my hands anni: era di un amico, che si lamentava delle sue dimensioni. Ma on the black and white Kounellis on show here: it belonged to non mi faceva mai sapere il prezzo: mi invitava a cena, parlavaa friend of mine who complained about the size. But he would mo d’arte, mi chiedeva consigli… ma il Kounellis rimaneva suo. never tell me the price. He would invite me over Finchè un giorno gli ho detto: non cercarmi più for dinner, we discussed art, he asked me for adfinche non vuoi vendermi il tuo quadro. Adesso vice..but he would not give me the work. So, one è qui. day I said: “Don’t call me anymore unless you are Ama l’arte contemporanea oltre a quella moder“Everything na? willing to sell me the painting”. It’s here now. Do you love both modern and contemporary art? in Florence Certamente, se no diventiamo antiquari. L’arte in Of course, otherwise I would be an antique dealer. bellezza allo stato puro non ha età: io mi is beautiful: quanto Art meant as pure beauty is timeless. I was thrilled sono emozionato a vedere i Bronzi di Riace come the streets, Guernica. Ma ogni epoca ha il suo linguaggio e at the sight of both the Riace Bronzes and Guernica. But every age has its own language and I am squares, naturalmente il mio sguardo è rivolto e attento mostly focused on contemporary artists. Piazzale anche verso i contemporanei. Are there any promising names right now? nomi di oggi su cui puntare? Michelangelo, Alcuni I don’t have a crystal ball. If I had any idea who’s Non ho la palla di vetro, se sapessi chi sarà il prosSan Miniato...” simo Picasso comprerei solo lui... Però ho degli the next Picasso, I would buy only his works. But there are some contemporary artists whom I am very fond of: artisti contremporanei che mi piacciono molto: Francesca PaFrancesca Pasquali, Franco Ionda, Pintaldi… very talented. squali, Franco Ionda , Pintaldi… bravissimo As you said once, Beauty will save us….Florence’s most beauti- La Bellezza ci salverà, sono parole sue. L’angolo più bello di ful corner, according to Roberto? Firenze per Roberto? Everything in Florence is beautiful: the streets, squares, Piazzale Firenze è tutta bella: le strade, le piazze, piazziale Michelangelo, Michelangelo, San Miniato.. I own art galleries in London, Paris, San Miniato …Ho gallerie a Londra, Parigi, in Svizzera. Viaggio Switzerland. I travel the world for business. But my place is here, ovunque per il mio lavoro. Ma il mio posto è qui, sono nato a Ponte a Ema, paese di Bartali. I was born in Ponte a Ema, Bartali’s hometown. 146 Firenze | Tuscany


cover story

The collection is divided in two groups, showcased in two separate exhibitions: from the early 1900s to 1960 and from 1960 to the present day Firenze | Tuscany 147


art exhibition

Artistic synergies SINERGIE D’ARTE text Stefano Pezzato

Hotel Art At the Gallery that celebrates an exhibition cci s of Centro Pe the thirty year rt A el ot H ry Al Galle bra le ce e ch a tr una mos i l Centro Pecc i trent’anni de

Prato’s Pecci Center, one of Italy’s major contemporary art museums, celebrates its thirtieth anniversary with an exhibition held at the Gallery Hotel Art, which serves as an amplifier of art by featuring annual installations which have brought a new wave of creativity to the heart of Florence. Throughout 2018, thirty works of art from the museum’s permanent collection will be showcased on the ground floor of the Gallery Hotel - in the Lobby, Library, Cha Room and Fusion Bar & Restaurant- and will welcome hotel guests and customers, who will have the chance to visit Works of Art and Magical Moments (the exhibition’s title, which was inspired by a provocative collage by Lamberto Pignotti on show). These works of art span half a century of artistic research in Italy up to 2000, collected and promoted by the Pecci Center, in addition to, in late June 2018, a spectacular site-specific installation by one of the most promising artists on Italy’s contemporary art scene, Loris Cecchini, specially created for the Gallery’s façade. The Pecci Center will also host a major exhibition by Loris Cecchini in 2009 and this year the City of Prato will donate a permanent public work to the museum. Il Centro Pecci di Prato, uno dei più importanti complessi museali d’arte contemporanea in Italia, celebra i suoi primi trent’anni di attività con un’esposizione nella sede del Gallery Hotel Art, amplificatore d’arte, con installazioni annuali che hanno portato nel cuore di Firenze, una nuova ventata di creatività. Per tutto l’anno trenta opere selezionate dalla collezione museale sono esposte al piano terra del Gallery, fra Lobby, Library, Sala Cha e Fusion Bar & Restaurant, per accogliere clienti e curiosi in un percorso inaspettato di Opere d’arte e momenti magici, come recita il titolo della mostra, tratto da un irriverente collage di Lamberto Pignotti ora esposto. Questi lavori che coprono mezzo secolo di ricerche artistiche in Italia fino al 2000, raccolte e promosse dal Centro Pecci, sono l’inizio di una contaminazione a cui seguirà in giugno un secondo capitolo: la spettacolare installazione site specific di uno dei più promettenti artisti della scena contemporanea Loris Cecchini, realizzata ad hoc per la facciata esterna del Gallery. Di quest’ultimo artista il Centro Pecci ha organizzato una grande mostra nel 2009 e quest’anno la città di Prato presenterà un’opera pubblica permanente. 148 Firenze | made in Tuscany


The exhibition is set up on the ground floor of the hotel, in the Lobby, Library, Cha Room and Fusion Bar & Restaurant Firenze | made in Tuscany 149


1

2

3

4

5

6

150 Firenze | made in Tuscany

Among the artists: 1. Fernando Andolcetti 2. Eugenio Miccini 3. Alessandro Alimonti 4. Luca Maria Patella 5. Guido Sartorelli 6. Umberto Buscioni


Centro Pecci entrance, Prato

Partner of this artistic cooperation between Florence and Prato is a leading Prato-based company in the textile manufacturing field, Manteco, which celebrates its 75th anniversary in 2018 by supporting this art project. Hotel guests who come and go, or those who simply walk into the Gallery, will see old photographic views by Piergiorgio Branzi, vibrant pop icons in the painting Con la moto by Umberto Buscioni, urban fragments reassembled by Guido Sartorelli, a work of visual poetry, Stop, by Rodolfo Vitone. The metaphor of networking by Gisella Meo, the human scale staves interpreted by Elisabetta Gut and a poetic tribute to John Lennon by Mauro Manfredi introduce visitors to the rest of the exhibition, which features a mix of languages and materials by visual poets Stelio Maria Martini, Luciano Ori, Lamberto Pignotti, Eugenio Miccini and Arrigo Lora Totino; last but not least, a transcendental “sky” by Luca Maria Patella displayed in the Cha Room and two fascinating “variations” on objects by Fernando Andolcetti on show in the antechamber leading to the hotel floors.

Works of art that span half a century of artistic research in Italy up to 2000

Partner di questa sinergia che lega Firenze con Prato, un’eccellenza del tessile, l’azienda pratese Manteco che festeggia 75 anni di attività supportando questo progetto d’arte. Per chi arriva o parte, o semplicemente passa al Gallery ci sono, tra le opere esposte, le vedute fotografiche di una Firenze fuori dal tempo di Piergiorgio Branzi, le vibranti icone pop del dipinto Con la moto di Umberto Buscioni, i frammenti urbani ricomposti da Guido Sartorelli, il sommovimento verbo-visivo proposto nello Stop di Rodolfo Vitone. La metafora di networking di Gisella Meo, i pentagrammi a scala umana interpretati da Elisabetta Gut e un omaggio poetico a John Lennon di Mauro Manfredi introducono al resto dell’esposizione. Qui sono presenti le contaminazioni di linguaggi e materiali dei poeti visivi Stelio Maria Martini, Luciano Ori, Lamberto Pignotti, Eugenio Miccini e Arrigo Lora Totino; chiudono il percorso un trascendentale “cielo” firmato da Luca Maria Patella in fondo alla Sala Cha e due seducenti “variazioni” su oggetti di Fernando Andolcetti nell’anticamera d’accesso ai piani dell’Hotel. Firenze | made in Tuscany 151


event interview

158 Firenze | made in Tuscany

On this page, two pictures of Duccio Maria Gambi, the Florentine designer who will make twenty one-ofa-kind pieces by using objects from the Richard Ginori collections for the Artigianato e Palazzo show. Here we publish three preliminary sketches of the works. A project that supports the reopening of the Richard Ginori Museum promoted by Artigianato e Palazzo, the trade show devoted to the best of crafts, held from May 17 to 20 in the Corsini Garden


design production

Frailty and strength FRAGILITÀ E FORZA

text Lavinia Rinaldi

Designer Duccio Maria Gambi is the star of a project for the Richard Ginori Museum at Artigianato e Palazzo Il designer Duccio Maria Gambi, protagonista di un progetto per il Museo Richard Ginori, ad Artigianato e Palazzo The 24th edition of Artigianato e Palazzo, an exhibition dedicated to high craftsmanship and historic trades, opens with the project Artigianato e Palazzo per Il Museo Di Doccia, in support of the reopening of the Richard Ginori Museum. The project is a fundraiser that Giorgiana Corsini and Neri Torrigiani will dedicate to the Associazione degli Amici di Doccia, allowing for the museum’s priceless collection to once again be enjoyed by the public. The initiative will involve visitors and companies that back Artigianato e Palazzo and will count on the participation of the designer Duccio Maria Gambi, who, having returned to Italy after a period abroad, will create 20 one-ofa-kind pieces using objects from the Richard Ginori collections. “It’s appropriate, in this phase of the Doccia Museum, to work toward a large act of communication and fundraising,” declared Neri Torrigiani. “I know and appreciate Duccio Maria Gambi’s work and I believe that opposites attract. I’ve spoken about the elegance, lightness and balance of porcelain with him, who works with the hardness, sharpness and heaviness of cement and stone. Producing a limited series of pieces is important for adding a “contemporary” element to a field that some detractors could think of as old, outdated.” Duccio, how did you come to communicate with cement and make it the essence of your style? I owe the allure of architectural and infrastructural forms. Once I

began the work, I couldn’t stop; the infinite number of possible directions and the surprise of a created form, imagining the void to obtain it, kept me going. Porcelain and cement: fragility and force: an essential part of your artistic style. I’m fascinated by the act, the protective caress, the inclusion of the element in my world. Working for the reopening of the museum takes on meaning, expanding my role and condensing the museum’s world. Where did the idea of the conflict between such opposing materials come from? I use different materials together for their contrast. Porcelain, which can already be found in my sketches, communicates with the material. Working with the excellence and the history of this material means examining it and narrating it. What is it like returning to Florence and participating in such an important project? An encouraging element for returning is to contribute to what defines and generates the cultural life of a city. It’s a pleasure to collaborate with Artigianato e Palazzo on such an important project. Which pieces of the collection gave you the right kind inspiration? Everything. My visit to the manufacture opened my horizons. Classic forms, far from my work but close to the imagination are the stimulation needed for my work as I move forward.

La XXIV edizione di Artigianato e Palazzo, mostra dedicata a eccellenze artigiane e antichi mestieri si apre col progetto Artigianato e Palazzo per Il Museo Di Doccia, a sostegno della riapertura del Museo Richard Ginori. Una raccolta fondi che Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani dedicheranno all’Associazione degli Amici di Doccia, per permettere a una collezione di valore inestimabile, di tornare ad essere fruibile al grande pubblico. L’iniziativa coinvolgerà visitatori e aziende sostenitrici di Artigianato e Palazzo e conterà sulla partecipazione del designer Duccio Maria Gambi che, tornato in Italia dopo una permanenza all’estero, realizzerà venti pezzi unici utilizzando oggetti delle collezioni Richard Ginori. “E’ doveroso, in questa fase del Museo di Doccia, impegnarci in una grande azione di comunicazione e raccolta fondi - dichiara Neri Torrigiani -. Conosco e apprezzo il lavoro di Duccio Maria Gambi e credo nell’attrazione degli opposti, ho parlato di delicatezza, leggerezza, rotondità della porcellana, a lui che opera con la durezza, spigolosità, pesantezza del cemento e della pietra. Produrre una serie limitata di pezzi è importante per aggiungere un tassello contemporaneo ad una realtà che qualche detrattore potrebbe pensare vecchia, superata”. Duccio, com’è arrivato a dialogare col cemento e farlo essenza del suo linguaggio? 

Per il fascino di masse architettoniche e infrastrutture. Una volta iniziato il lavoro non ho potuto smettere per le infinite direzioni suggerite e la sorpresa di una forma creata immaginando il vuoto per ottenerla.  Porcellana e cemento, fragilità e forza: parte essenziale del suo messaggio artistico. Mi affascina il gesto, la carezza protettiva, l’inserimento dell’elemento nel mio mondo. Lavorando per la riapertura del museo assume significato, espandendo il mio ruolo e condensando quello del luogo. Come nasce l’idea di sfida tra materie così diverse? Affianco materiali per contrasto. La porcellana, già presente nei miei schizzi, dialoga con la materia. Lavorare con l’eccellenza e la storia di questo materiale è indagarla e raccontarla. Cosa prova tornando a Firenze e partecipando a un progetto così importante? Una spinta a tornare è contribuire a ciò che definisce e genera vita culturale di una città. E’ una soddisfazione collaborare con Artigianato e Palazzo, per un progetto così importante.  Quali pezzi della collezione le hanno dato l’ispirazione giusta? Tutto. La visita della manifattura mi ha aperto orizzonti. Forme classiche, lontane da me, ma vicine all’immaginario, sono stimolo all’indagine che porto avanti.   Firenze | made in Tuscany 159


Alex Rane and his works in the studio that he shares with other artists just outside of Carrara


art interview

Origin of an artwork GENESI DI UN’OPERA

text Virginia Mammoli photo Pierpaolo Pagano Alex Rane. From New York to Carrara for a love of marble Da New York a Carrara per amore del marmo The harmony that derives from contrasts is perhaps the most fascinating. It’s not surprising, then, that a material like marble, traditionally considered a classic, appeals to contemporary artists like Alex Rane, a young New Yorker who, two years ago, decided to move to a privileged place for those who love marble, Carrara. We went to speak with him in his workshop, together with Brad Brubaker, owner and director of the Accesso Galleria in Pietrasanta, where Rane’s sculptures will return front and centre in an exhibition planned from July 28 to the end of September. Let’s start from the beginning: why move to Carrara from New York? I discovered my love for sculpture the first time I went to Rome. But in the United States, there wasn’t anyone who knew how to work with marble. I tried to learn by myself, but it wasn’t easy. So I decided to move to Carrara. In addition to learning a lot, coming here has offered me great opportunities. In New York, I was a small fish in a big pond. Where do you get your blocks of marble? I use marble from the Cervaiole di Henraux quarry, on Monte Altissimo. I personally choose the block and only after that do I get ideas for new sculptures. What about marble appeals to you? It’s an interesting material. It has a granularity, a veining, and it’s I that needs to appease it, not the other way around. What I love

most about marble are these preexisting conditions that you have to learn to work with. The most difficult thing to learn was acquiring the ability to look through the marble and discern the forms that it can present to you. There are few sculptors today that work with marble by hand. For me, contact with the marble is fundamental, when I can leave behind my mark. Using large machinery also requires you to program them and have a pretty clear idea of the result you want. My idea, on the other hand, evolves over time. It’s easy to see a propensity for the human form in your works. Why is that? Human lines, even if rough, activate a connection with the observer. Which sculptors do you admire the most? It’s a cliché, but in my opinion, Michelangelo is an absolute master. Then there are others like Alberto Giacometti. Indeed, your sculptures recall Michelangelo’s non finito works. That’s not intentional. There’s a moment when I feel I can let the sculpture go. That’s the moment when I stop and I leave the work to communicate on its own. The observer can imagine the rest. What’s your favourite part of the creative process? When I see the block of marble for the first time and I begin to imagine the forms that it can take on. The beginning of the sculpture, the moment when it starts to come to life.

L’armonia che deriva dai contrasti è forse la più affascinante. Non stupisce quindi che un materiale come il marmo, tradizionalmente considerato classico, affascini artisti contemporanei come Alex Rane, giovane newyorkese che due anni fa ha deciso di trasferirsi in un luogo privilegiato per chi ama il marmo, Carrara. Siamo andati a trovarlo nel suo studio insieme a Brad Brubaker, proprietario e direttore dell’Accesso Galleria di Pietrasanta, dove le sculture di Rane torneranno protagoniste in una bipersonale in programma dal 28 luglio fino a settembre. Partiamo dal principio. Perché da New York a Carrara? Ho scoperto il mio amore per la scultura la prima volta che sono andato a Roma. In America però non c’era nessuno che sapeva lavorare il marmo. Ho provato da autodidatta, ma non era semplice. Da qui, la decisione di venire a Carrara. Oltre ad aver imparato molto, venire qui mi ha dato grandi opportunità. A New York ero come un piccolo pesce in un lago enorme. Da dove prende i blocchi? Utilizzo il marmo della cava Cervaiole di Henraux, sul Monte Altissimo. Lo scelgo personalmente e solo dopo arrivano le idee per la nuova scultura. Cosa la affascina del marmo? È una materia particolare. Trovi una granulosità, una venatura e la devi assecondare. Quello che amo di più del marmo sono queste condizioni preesistenti con

cui devi imparare a relazionarti. La cosa più difficile da imparare è stata acquisire la capacità di guardare attraverso il marmo e intuire le forme che ti concede. Oggi sono pochi gli scultori che lavorano il marmo a mano. Per me è fondamentale il contatto con il marmo e lasciare il segno della mia mano. Per utilizzare grandi macchinari, inoltre, devi programmarli e avere quindi un’idea ben precisa del risultato che vuoi ottenere. La mia idea invece evolve nel tempo. Dalle sue sculture si nota una predilezione per la figura umana. Perché? I lineamenti umani, anche se solo abbozzati, attivano una connessione con chi li guarda. Gli scultori che più ammira? Sarà un cliché, ma Michelangelo per me è il maestro assoluto. E poi altri come Alberto Giacometti. Le sue opere in effetti fanno pensare al non-finito michelangiolesco. Non è un effetto intenzionale. C’è un momento in cui sento che posso lasciare andare la scultura. Quello è il momento in cui mi fermo e lascio che l’opera comunichi da sola. L’osservatore può immaginare il resto. Qual è la parte che preferisce del processo creativo? Quando vedo il blocco di marmo per la prima volta e comincio a immaginarmi le forme che potrebbe assumere. L’inizio della scultura, il momento in cui comincia a prendere vita. Firenze | made in Tuscany 155


music festival

The reawakening of the Maggio IL MAGGIO DEL RISVEGLIO text Teresa Favi

The 81st Festival described by Cristiano Chiarot, superintendent of the Maggio Musicale Fiorentino L’81esimo Festival raccontato da Cristiano Chiarot, sovrintendente del Maggio Musicale Fiorentino A professional having granitic expertise and cast-iron determination, who knows theatre from the inside out and the dynamics of audience behavior. He knows when he needs to either slacken or tighten the reins, as circumstances require, without losing an ounce of his gentleman’s imperturbability. Born in Venice, Cristiano Chiarot, after a thirty-year career at the Fenice Theatre of Venice, was appointed head of Tuscany’s major opera theatre, Maggio Musicale Fiorentino, one year ago. We met with him the day after the opening of the 81st Maggio Musicale Fiorentino Festival, Italy’s oldest opera festival and one of the oldest festivals in Europe, running from May through July and bursting with special guests and extraordinary events. Superintendent, what does theatre mean to you? It is a beautiful and ugly thing, but it can be very rewarding if you know how to get the most out of it. What has the long experience at the Fenice taught you? I have grown used to rebuilding, rebuilding and rebuilding over again, renewing the ties that have been severed during the years of renovation works. What kind of Festival is the 81st Maggio Musicale Fiorentino going to be? It is going to be the “Maggio of the City”. We got the main public institutions and major local locations involved in the Festival. It will begin on May 5 and end in July. It is going to be an “open” Festival, which can be looked at from many perspectives. I am sure it is going to go back to being one of Europe’s major classical music summer festivals. What about the operas? The Festival features six operas, ranging from the 1600s to the present day. From La Dafne by Marco da Gagliano, composed in 1608 and held in the Buontalenti Grotto, to Infinita tenebra di luce by Adriano Guarnieri, a contemporary opera commissioned by the Maggio Festival, plus Cardillac conducted by Fabio Luisi and directed by Valerio Binasco who makes his debut as theatre director. The great 156 Firenze | made in Tuscany

Un uomo di mestiere con un know how granitico e una determinazione di ferro, capace di entrare nelle maglie più strette dei meccanismi del teatro, degli artisti e nelle più insondabili dinamiche del pubblico. Uno che sa quando mordere il freno e quando allentare la presa senza mai perdere un grammo della sua flemma di gentleman. Veneziano, Cristiano Chiarot, dopo una trentennale carriera alla Fenice di Venezia, da un anno ha accettato la sovrintendenza del principale teatro lirico toscano, il Maggio Musicale Fiorentino. Lo incontriamo all’indomani dell’apertura dell’81esimo Festival del Maggio Musicale Fiorentino, uno fra i più antichi festival lirici europei e il più antico in Italia, che da maggio a luglio, si annuncia pieno di ospiti e di eventi straordinari. Sovrintendente, cos’è il teatro per lei? E’ una brutta e bella bestia ma se lo inciti può darti soddisfazioni enormi. Cosa si porta dietro dalla lunga esperienza alla Fenice? Sono abituato a riscostruire e ricostruire, riannodando i fili con l’identità e i legami che le ristrutturazioni degli ultimi anni hanno alterato. Che festival sarà l’81esimo Maggio Musicale Fiorentino? Sarà il ‘Maggio della Città’, abbiamo coinvolto varie location del territorio e le principali istituzioni. Comincerà il 5 maggio e finirà a luglio. Sarà un Maggio aperto, che può essere guardato da molte angolazioni, e che sono sicuro tornerà ad essere uno dei festival estivi di musica classica più importanti d’Europa. Parliamo di titoli d’Opera. Faremo sei opere, che spaziano dal Seicento ad oggi. Da La Dafne di Marco da Gagliano del 1608 nella Grotta del Buontalenti a Infinita tenebra di luce di Adriano Guarnieri opera contemporanea commissionata dal Maggio, in più c’è Cardillac diretto da Fabio Luisi con il debutto alla regia di Valerio Binasco, poi un altro grande regista Marco Tullio Giordana che cura la regia della Battaglia di Legnano, poi Mehta che dirige Quattro Pezzi Sacri così ricordiamo Luigi Dallapiccola che ha vissuto gran parte della sua


icon itineraries

Above: the Orchestra and Choir of the Maggio Musicale Fiorentino Below: Riccardo Muti, special guest of the new edition of the Festival Firenze | made in Tuscany 157


music festival

From left: Teatro del Maggio Musicale Fiorentino; Zubin Mehta Conductor Emeritus of Maggio Musicale, the Choir Marco Tullio Giordana will be directing Battaglia di Legnano, Mehta vita a Firenze, e infine il ritorno del Maestro Muti con Macbeth in will conduct Quattro Pezzi Sacri as a tribute to Luigi Dallapiccola forma di concerto per i 50 anni dal suo debutto a Firenze come who lived most of his life in Florence, and the comeback of Maestro direttore del Maggio. Muti with the concert version of Macbeth to celebrate the 50th an- C’è un importante rientro, non è vero? niversary of his debut in Florence as director of the Maggio Festival. Sì, ci sarà un grande programma di danza, marcato dalla presenza di Baryšnikov e di Virgilio Sieni. Abbiamo in cartellone cinque This festival marks another important comeback, doesn’t it? Yes, we have a beautiful ballet program, marked by the presence of balletti. E’ un rifarsi al passato. E’ il risveglio del Maggio. Baryšnikov and Virgilio Sieni and featuring five ballet performanc- Qual è il simbolo di questo ‘Maggio della città e del risveglio’? La giornata inaugurale che durerà dalle dieci e mezzo di mattina es. It is a return to the past and the Maggio’s reawakening. What is the symbol of this “Maggio of the city and of reawaken- dove faremo una lectio magistralis all’Università di Firenze tenuing”? ta da Bernardo Valli, e si chiuderà con i fuochi d’artificio al Teatro The opening day, which will begin at 10.30 am with a Lectio Magis- del Maggio la sera. In questo giornata daremo spettacoli alla Logtralis held at the University of Florence by Bernardo Valli, and will gia dei Lanzi, alla Fondazione Zeffirelli, una grande coreografia, end with fireworks at the Maggio Theatre. On this day, there will be proprio davanti al nostro teatro, con Virgilio Sieni e le animazioni shows at the Loggia dei Lanzi and at the Zeffirelli dell’Accademia delle Belle Arti, seguirà poi l’opera Foundation, a great performance here at our theatre inaugurale del festival, il Cardillac di Hindemith, e with Virgilio Sieni, animations by the Academy of dopo questo spettacolo chiuderemo con un balletFine Arts, a ballet performance at the Leopolda and to alla Leopolda e i Fuochi. then the fireworks show. Riccardo Muti, I pezzi da novanta dei concerti? Who are the stars of the concerts? Luisi, John Axelrod che ricorda Bernstein, Michail Fabio Fabio Luisi, John Axelrod paying a tribute to BerJames Conlon… un bel ritorno, tre concerti di ZuBaryšnikov, bin Mehta, e poi Lorenzo Viotti uno dei più grandi nstein, James Conlon, a welcome comeback, three concerts by Zubin Mehta, and Lorenzo Viotti, one and six operas giovani direttori del momento. of the rising conductors of the younger generation. ranging from the Un festival che riscopre le radici, la storia e l’iA festival which rediscovers Florence’s roots, histodentità fiorentina. Anche con titoli e rassegne di Baroque to the concerti? ry and identity, even by staging a number of events present day Daremo vita a una vera “Dallapiccola Renaissanand concerts? We will give rise to a true “Dallapiccola Renaissance” including ce” con tre eventi in teatro e quarantatré eventi in città insieme three theatre events and forty-three events scattered across the city alla fondazione Dallapiccola e Tempo Reale. Ricorderemo Mario together with the Dallapiccola Foundation and Tempo Reale. We Castelnuovo Tedesco, con un concerto, una conferenza e una will honor the memory of Mario Castelnuovo Tedesco by holding a pubblicazione sugli scritti del grande compositore contemporaconcert, a conference and promoting a publication of the writings neo fiorentino che ha composto, fra l’altro, straordinarie colonne by the great contemporary Florentine composer who composed, sonore per il cinema, e a questo si ricollega la proiezione di Dieci among other things, extraordinary film scores. We will also host a Piccoli Indiani di René Clair, al Cinema La Compagnia. Ma avremo series of concerts devoted to the Fortepiano (the ancestor of the anche una serie di concerti dedicati al Fortepiano (l’antenato del modern piano invented in Florence in 1688 by Bartolomeo Cristo- pianoforte inventato a Firenze nel 1688 da Bartolomeo Cristofori, fori), which will be held for the first time in the concert hall of the ndr.) per i quali si aprirà per la prima volta la sala dei concerti del Maggio Theatre, which features amazing acoustics. Teatro del Maggio che incanterà per la sua acustica sorprendente. I would like to conclude this interview with your message for Vorrei chiudere il suo intervento con pensiero breve che racFlorence. chiuda i suoi intenti per Firenze? We must look ahead, but we cannot ignore the past, which we hon- Dobbiamo guardare al futuro, ma studiare e rivedere il passato or by doing things, not by blathering. che va ricordato facendo cose, senza parlarsi addosso. 158 Firenze | made in Tuscany


Left below: Cristiano Chiarot, born in 1952 in Venice’s, now Superintendent of the Maggio Musicale Fiorentino Right below: Fabio Luisi Music Director Designate of Maggio Musicale Fiorentino Firenze | made in Tuscany 159


exhibition kids

Having fun in the city UNA CITTĂ€ PER GIOCARE text Mila Montagni

And an exhibition devoted to Pinocchio, Mickey Mouse and Harry Potter at Villa Bardini. Until June 3 E a Villa Bardini una mostra dedicata a Pinocchio, Topolino e Harry Potter. Fino al 3 giugno

160 Firenze | Tuscany


Topolino di Fiorenzo Faorzi (da Walt Disney), anteporta AAAAAA 1935, acquerello su carta Firenze | Tuscany 161


exhibition kids

There’s another Florence that exists parallel to the celebrated and iterative “cradle of the Renaissance”. It’s built around a universe created especially for kids, and is perhaps rarely spoken about. For years, many museums and historic palaces have been visited by children and their families, introducing them to the world of art. This is the case, for example, in some rooms at the Palazzo Vecchio, where visitors can stroll through a true hanging garden that recalls the orticini that existed in the mid-1500s in the ducal palace of Cosimo I and his beautiful wife Eleonora di Toledo. But it’s also possible to “participate in art” at Palazzo Strozzi, exploring the exhibitions at a rhythm perfect for young visitors, or immerse oneself in the world of 20th-century art thanks to the techniques and installations at the Museo del Novecento. For those interested in biology and science, there are a wide range of options, including the Natural History Museum – with its whale fossil and other creatures – which showcases Tuscany 3 million years ago, and the FIST Museum (Fondazione Scienza e Tecnica e Planetario – Science, Technology and Planetarium Foundation), where the sky becomes a place where visitors feel comfortable, learning and playing. Then there’s the Leonardo da Vinci Museum, where the Eureka program introduces visitors to the universe of Archimedes and Leonardo, learning to build just like the Romans. But an absolute must-visit, running only until June 3rd at the Villa Bardini, is the exhibition Pinocchio, Harry Potter, Mickey Mouse, Heidi and All the Rest…. curated by Kikka Ricchio for Musicart, an iconic tribute to childhood and all its emotions. The exhibition brings together many images, rare and unforgettable, from the Archivio Storico Salani, who also donated drawings and original figures designed for the legendary series that the Salani publishing house dedicated to children in the 1930s. It’s an opportunity to introduce children to a world that has little to do with the social technology we’re inundated with today and much to do with the importance of leaving fantasy and imagination free to grow and design. Parents might even find themselves turning back the clock and feeling like children themselves. Esiste anche un’altra Firenze che vive parallela alla celebrata e reiterata ‘culla del Rinascimento’. È costruita intorno a un universo creato apposta per i più piccoli, e del quale forse poco si parla. Tanti i musei e palazzi storici che da anni sono visitati dai bambini, insieme alle famiglie, dove si schiudono per loro le porte al mondo dell’arte. Accade per esempio in alcune sale di Palazzo Vecchio dove si può passeggiare in un vero e proprio giardino pensile che ricorda gli orticini che esistevano a metà Cinquecento nella reggia ducale di Cosimo I e della bella Eleonora di Toledo. Ma è possibile anche “prendere parte all’arte” nelle alte stanze di Palazzo Strozzi, per visitare le mostre in corso secondo un ritmo più adatto ai piccoli visitatori, oppure immergersi nel mondo dell’immaginario del Novecento grazie alle tecniche e alle installazioni del Museo dedicato al Secolo breve. Per i curiosi di biologia e scienze, poi, la scelta offerta è tra il Museo di Storia Naturale - con il suo fossile di balena e di altre creature - che rappresentano la Toscana di tre milioni di anni fa, e il Museo FIST (Fondazione Scienza e Tecnica e Planetario) dove il cielo diventa un luogo nel quale è naturale muoversi, imparare e giocare. E ancora il Museo Leonardo da Vinci, dove il programma Eureka ci immerge nell’universo di Archimede e Leonardo, imparando a costruire come facevano i Romani. Ma assolutamente da non perdere, per adesso solo fino al 3 giugno, al Villa Bardini è allestita la mostra Pinocchio, Harry Potter, Topolino, Heidi e tutti gli altri… a cura di Kikka Ricchio per Musicart, un omaggio iconico all’infanzia e alle sue emozioni. La mostra raccoglie le tante immagini, rare e indimenticabili, dell’Archivio Storico Salani, grazie al quale saranno in mostra anche i disegni e le tavole originali realizzate per le mitiche collane che la casa editrice Salani ha dedicato ai ragazzi dagli anni Trenta del Novecento. Un’occasione per far conoscere ai più piccoli un mondo che poco aveva a che fare con la tecnologia più social da cui siamo invasi, e molto invece quanto sia importante lasciar libera la fantasia e l’immaginazione per crescere e progettare. Per i genitori forse sarà un momento e un luogo nel quale tornare a sentirsi un po’ bambini.

162 Firenze | Tuscany


3

6

The exhibition, featuring the original drawings and plates for the series that publishing firm Salani published for children in the 1930s, is a chance to rediscover Florence on a children’s scale

11

On this page, a parade of plates, cover pages and drawings from the Salani Archives, on show at the Bardini Museum until June 3

Firenze | Tuscany 163


itinerary green

Welcome to Wonderland MERAVIGLIE DA SCOPRIRE text Domenico Savini

A special spring tour through Florence’s most beautiful private gardens Un itinerario speciale dedicato alla primavera nei più bei giardini privati di Firenze

They are lush, green lungs in the heart of Florence, but also the symbol of the sophisticated art of landscaping born in the Medicis’ age and with the Boboli Gardens, the Italian-style garden par excellence, the first one, the one which served as inspiration for all the other sumptuous gardens of royal palaces across Europe. Here is a tour of Florence’s most beautiful private gardens, a lovely alternative to a walk through the city’s cobblestone streets, to be enjoyed during the most glorious time of the year, Spring. BARDINI GARDEN In 1913, antique dealer Stefano Bardini purchased the property in the Oltrarno district just a few steps away from the Ponte alle Grazie bridge. The garden’s most spectacular element is the baroque-style staircase that leads up to the top of the hill, from where one can admire a breathtaking view of Florence. The garden is filled with plants of roses, irises, hydrangeas and features two grottoes and several fountains. There is also a rare collection of camellias and old fruit tree varieties such as Francesca, Annurca, Diacciola, Mela rosa apples, Bella di giugno, Madernassa and Campana pears, plum and peach trees. A large portion of the garden is sheltered with wisteria vines, which are in full bloom from March through May (open every day 8.15 am – 6.30 pm, closed on the first and last Monday of the month, on January 1, May 1 and December 25, admission is € 8, entrance from Via de’ Bardi 1 red and Costa San Giorgio 2, tel. + 39 055 2638599). CORSINI GARDEN AL PRATO The garden of Palazzo Corsini al Prato was designed by Gherardo Silvani in the Italian style. The garden leads to the big loggia on the ground floor of the building, the construction of which began under the supervision of Buontalenti in the late 1500s and was completed, after 1621, by Gherardo Silvani. The large garden is bisected by a central avenue lined with statues. In the early 1800s, the garden was enlarged to include a 164 Firenze | made in Tuscany

Sono lussureggianti polmoni verdi nel cuore di Firenze, ma anche l’emblema di una sofisticatissima cultura del paesaggio nata all’ombra dei Medici e del Giardino di Boboli, il giardino all’italiana per eccellenza, il primo, quello che ha ispirato tutti gli altri fastosi giardini delle grandi corti d’Europa. Ecco un itinerario tra i più bei giardini privati di Firenze da scoprire, in un percorso alternativo alle vie di pietra del centro storico, nella stagione più bella dell’anno, la primavera. GIARDINO BARDINI Nel 1913 l’antiquario Stefano Bardini acquistò la proprietà nell’Oltrarno a pochi passi dal ponte alle Grazie. La parte più scenografica del giardino è la lunga scala barocca che raggiunge la cima della collina, da cui si ammira uno scenografico panorama di Firenze. Numerose piante di rose, iris, ortensie sono presenti in varie zone del giardino, che possiede anche due grotte e varie fontane. Fra le collezioni di piante da fiore troviamo le camelie e frutti antichi come le mele Francesca, Annurca, Diacciola, Mela rosa e le pere Bella di giugno, la Madernassa, la Campana, insieme ad altre varietà di susine e pesche. Un lungo percorso è coperto dal glicine, il cui periodo di fioritura va da marzo a maggio (tutti i giorni 8.15 – 18.30, chiuso primo e ultimo lunedì del mese, 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre, ingresso 8 euro, via de’ Bardi 1 rosso e da Costa San Giorgio 2, tel. +39 055 2638599). GIARDINO CORSINI AL PRATO Il giardino del palazzo Corsini al Prato fu progettato da Gherardo Silvani in stile “all’italiana”. Sul giardino si apre la grande loggia del piano terreno dell’edificio, la cui costruzione fu iniziata dal Buontalenti alla fine del Cinquecento e portata a termine, dopo il 1621, da Gherardo Silvani. Il vasto giardino è suddiviso da un viale centrale ornato di statue. All’inizio dell’Ottocento una parte del giardino


Above: Giardino Corsini (ph. Marco Russo) aaaaaaaa Below: Giardino Bardini Firenze | made in Tuscany 165


Above: Panoramic view on Florence from Giardini Bardini Below: Giardino della Gherardesca 166 Firenze | made in Tuscany


cover story

Giardino Bardini small hill, a lake and some paths running through the thickets fu trasformata con l’aggiunta di una collinetta, un laghetto, (open every day from 9 am to sunset, closed on Sundays and e alcuni sentieri all’interno dei boschetti (tutti i giorni dalpublic holidays, admission is € 10, entrance from Via il Prato le 9.00 al tramonto, chiuso domenica e festivi, ingresso 10 56-58, tel. +39 055 210594). euro, via il Prato 56-58, tel. +39 055 210594). DELLA GHERARDESCA GARDEN (currently owned by GIARDINO DELLA GHERARDESCA Four Seasons Hotel Firenze) (oggi del Four Seasons Hotel Firenze) Originally, it was a classic-style garden owned by the wool Era un giardino classico di proprietà dell’Arte dalla Lana: guild of Florence: it had a vegetable garden, a con l’orto, il vivaio e una grande vasca di penursery and a big fish pond. The whole structure sci. L’intero complesso comprendeva il palazincluded the building designed by Giovanni da zo costruito nel Quattrocento su progetto di In the hearth Giovanni da Sangallo. Alla fine del CinqueSangallo in the 1400s. In the late 1500s, the whole property was purchased by Cardinal Alessandro of Florence, cento fu acquistato dal cardinale Alessandro de’ Medici and then inherited by his sister, who they are de’ Medici poi passato alla sorella, sposata had married into the Della Gherardesca family. Gherardesca. Nel Settecento il giardino symbol of the Della In the 1700s, the grounds were redesigned in fu in gran parte trasformato “all’inglese”, con sophisticated vialetti, cespugli, un laghetto, alberi piantati the English style to include footpaths, bushes, a small lake, tree groves. There are many different art of in gruppo. Molte le varietà botaniche presenbotanical species, including rare varieties, such perfino delle rarità, come i primi mandarini landscaping ti, as the first tangerines grown in Florence, an coltivati a Firenze, un imponente acero, una born in the sequoia e una tuja gigante (ingresso consenimposing maple tree, a sequoia and a giant thuja (open every day to the customers of the bar, spa Medicis’ age tito tutti i giorni ai clienti del bar, Spa e ristoand restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, rante del Four Seasons Hotel Firenze, possi24-hour advance booking is required for gourmet picnic basket bilità di fare pic-nic gourmet da prenotare 24 ore prima, service, entrance from Borgo Pinti 99, tel. +39 055 26261). Borgo Pinti 99, tel. +39 055 26261). PEYRON GARDEN GIARDINO PEYRON IL BOSCO DI FONTELUCENTE (in Fiesole) IL BOSCO DI FONTELUCENTE (a Fiesole) The vast park of “Villa Peyron - Il Bosco di Fontelucente” in L’ampio parco di ‘Villa Peyron - Il Bosco di Fontelucente’ a Fiesole offers a magnificent view of the city. Built and enlarged Fiesole offre uno panorama splendido della città. Creato e by the owner Paolo Peyron, the park is currently preserved and ampliato dal proprietario Paolo Peyron, è attualmente tutemanaged, along with the Bardini Garden, by the Bardini and lato e gestito, insieme con il giardino Bardini, dalla ‘FondaFirenze | made in Tuscany 167


Giardino Torrigiani (ph. Dario Garofalo)


cover story

Giardino Torrigiani (ph. Dario Garofalo) Peyron Monumental Parks Foundation, established in 1998 by zione Parchi Monumentali Bardini e Peyron’, costituita nel Cassa di Risparmio di Firenze. The park features about 260 1998 dalla Cassa di Risparmio di Firenze. Nel parco sono plant species, thus, containing an extensive biodiversity. The presenti circa 260 specie che dimostrano l’ampia biodiwood is rich in cedars, pine trees, poplars, oaks, elms, ash and versità del luogo. Nel bosco si trovano cedri, cipressi, pini, willow trees. There are bay trees, strawberry trees and junipers. pioppi, querce, olmi, frassini, salici. Dominano gli allori, i About forty citrus fruit plants and at least thirty camellias, corbezzoli e i ginepri. Nelle collezioni in vaso, si conservano azaleas and rhododendrons are grown in big terracotta vases. circa quaranta agrumi e almeno trenta fra camelie, azalee The park includes twenty-nine fountains which e rododendri. Ventinove fontane funzionano work by using the non-returnable water system: con acqua ‘a perdere’ prelevata dalla sorgente water is pumped in from the source and then e restituita al torrente mensola (10.00-16.30, flows back into the Mensola stream (open 10.00 aperture straordinarie: 31 marzo - 2 aprile, 25 am-4.30 pm, special openings: March 31- April aprile - 1 maggio, tutti i sabati e tutte le dome2, April 25 - May 1, every Saturday and Sunday niche dal 2 giugno al 29 luglio 2018 e dal 1 al A lovely from June 2 to July 29, 2018 and from September settembre, ingresso 8 euro, via di Vincigliaalternative to 30 1 to 30, admission is € 8, entrance from Via di ta 2, Fiesole, tel. +39 055 5978278). a walk through GIARDINO TORRIGIANI Vincigliata 2, Fiesole, tel. +39 055 5978278). TORRIGIANI GARDEN the city’s Il giardino Torrigiani è una delle poche granThe Torrigiani Garden is one of the few large aree verdi all’interno di Firenze e in ottima cobblestone di green spaces within Florence’s urban area and conservazione. Esempio tipico dello stile ‘rowonderfully preserved. A typical example of an streets, during mantico’ dei giardini all’inizio dell’Ottocento. early nineteenth-century Romantic-style garden. the Spring Fra il 1802 e il 1817 la proprietà fu ampliata, The property was enlarged between 1802 and raggiungendo una superficie di circa 10 etta1817, spreading over about 10 hectares of land and extending ri, compresi fra piazza Torquato Tasso e via dei Serragli. from Piazza Torquato Tasso to Via dei Serragli. The garden All’interno del parco si trova la famosa Torre realizzata da features the famous Tower designed by Gaetano Baccani and Gaetano Baccani, costruita nel 1825 per essere usata come built in 1825 to serve as observatory. It also includes hothouses, osservatorio astronomico. Nel giardino si trovano serre, lilemon-houses, greenhouses and a variety of plants grown monaie, tepidari, oltre a un gran numero di piante in vaso in pots and in the ground: fruit trees, magnolias, pines and e interrate: da frutto, magnolie, pini e cipressi (solo su apcypresses (by appointment only, Via dei Serragli 144, tel. +39 puntamento, via dei Serragli 144, tel. +39 055 224527). 055 224527). 170 Firenze | made in Tuscany


1

2

3

4

1.2. Giardino Corsini (ph. Marco Russo) 3. Giardino Torrigiani (ph. Dario Garofalo) 4. 6. Giardino della Gherardesca 5. Giardino Peyron

5

6 Firenze | made in Tuscany 171


lifestyle book

Good Manners BUONE MANIERE

illustrations Gianluca Biscalchin

Made-in-Tuscany politeness is in fashion again with ‘The Third Millennium Etiquette’ L’educazione made in Tuscany torna di gran moda con ‘Il Galateo del Terzo Millennio’ A sixteenth-century bestseller is enjoying a revival. Originally written in Florence by the Florentine Monsignor Giovanni Della Casa, Il Galateo (Book of Good Manners) has been re-written in a modern language and style to reflect the attitudes and situations which did not exist in Monsignor Della Casa’s days. The book promises to be another successful expression of Tuscan creativity and taste and a worldwide hit, for it will be soon translated in English. In the Renaissance age, the book contributed to changing and moulding the way of thinking within major European courts and the word “Galateo” can be rightly considered as the first global brand of good manners. And now that good manners seem to be in fashion again ( or they should be, anyway), ten celebrities offer advice on how to be well-mannered in the third millennium. With a very specific goal: that of influencing young people who believe that unbridled competition and social networking friendship are the way to go. The authors of the book Il Galateo del Terzo Millennio (Third Millennium Etiquette), recently published by Guido Tommasi Editore, are two journalists, Filiberto Passananti and Matteo Minà.

The introduction is written by Csaba dalla Zorza and the book is illustrated by Gianluca Biscalchin. Furthermore, the book includes a translation of sixteenth-century Italian into modern Italian to make Il Galateo readable today, as if it were published in a contemporary magazine, and interviews with ten famous personalities: Gualtiero Marchesi, Giovanna Ferragamo, Renzo Arbore, Valentina Vezzali, Gillo Dorfles, Annie Féolde, Marco Ciatti, Adriana Cantisani, Luca Rossi and Sandra Milo. In particular, Renzo Arbore talks about smartphones and says that “there is no need to raise your voice on the cellphone as if you were talking to someone in New York”. Professor Gillo Dorfles says that “kitsch is generally accepted bad taste”, while Giovanna Ferragamo reminds us that “luxury should never be shown off so as not to appear vulgar”. Last but not least, Chef Annie Féolde tells us that “hospitality is like a loving caress: you need to be moved by the desire to caress the person in front of you”. With their help, Florence and Tuscany will be able to export another product of the highest craftsmanship, good manners, which are “produced” on a daily basis.

Gran ritorno per un best seller del Cinquecento. Partorito in riva d’Arno dalla penna del fiorentino monsignor Giovanni Della Casa, il Galateo ha ora una versione moderna che tiene conto di ambiti e situazioni che non esistevano ai tempi dell’antico prelato. Si annuncia come un altro dei prodotti dell’ingegno e del gusto made in Tuscany pronto a catturare tutto il mondo, visto che sarà tradotto anche in inglese. Già nel Rinascimento, le pagine di quest’opera contribuirono a modificare e plasmare il pensiero nelle principali corti europee, tanto che il titolo Galateo può essere a buon ragione considerato il primo brand globale del bon ton. Oggi, che la voglia di buona educazione sembra tornata di moda (o almeno ce n’è un gran bisogno), dieci vip tracciano la strada di nuove norme del buon vivere del terzo Millennio. Con un obiettivo preciso: contaminare il pensiero dei giovani, troppo abituati alla competizione sfrenata e all’amicizia fondata sui social network. L’idea è venuta a due giornalisti, Filiberto Passananti e Matteo Minà, autori del libro Il Galateo del Terzo Millennio, fresco di stampa per i tipi di Guido Tommasi Editore. Il volume

è arricchito dalla prefazione di Csaba dalla Zorza ed è illustrato da Gianluca Biscalchin. Il libro, in più, comprende un’attualizzazione fedele della lingua italiana del Cinquecento, per rendere Il Galateo leggibile oggi, come se lo si stesse scoprendo su un magazine. Chiare sono anche le interviste ai dieci personaggi famosi: Gualtiero Marchesi, Giovanna Ferragamo, Renzo Arbore, Valentina Vezzali, Gillo Dorfles, Annie Féolde, Marco Ciatti, Adriana Cantisani, Luca Rossi e Sandra Milo. Nello specifico, Renzo Arbore parla di smarthphone, sostenendo che “Non c’è motivo di urlare al cellulare come se il nostro interlocutore fosse a New York”. Il professor Gillo Dorfles ricorda invece che “Il kitsch è il cattivo gusto istituzionalizzato”, mentre  Giovanna Ferragamo consiglia di tenere sempre a mente che “Il lusso, per non essere volgare, non va mai ostentato”. Infine, la chef Annie Féolde insegna che “L’ospitalità è come una carezza: deve muoverci il desiderio di farla alla persona di fronte a noi”. Grazie allo loro empatia, Firenze e la Toscana potranno esportare un prodotto attuale di alto artigianato: la buona educazione, che si “produce” di giorno in giorno.  Firenze | Tuscany 173


icon anniversary

The immovable driving force IL MOTORE IMMOBILE text Virginia Mammoli

Patrizio Cipollini. Florence before and after ten years of Four Seasons Hotel Firenze prima e dopo dieci anni di Four Seasons Hotel

Walking into the building at 99 Borgo Pinti is always an experience. The palazzo’s beauty, the amazing interiors, the warm welcoming and international atmosphere make Four Seasons Hotel Firenze one of the city’s most fascinating places. We head for the Atrium Bar to meet Patrizio Cipollini, the hotel’s General Manager, who is busy as usual making sure everything is simply perfect. Deeply entrenched in his local community yet cosmopolitan in vision, this master of hospitality is the heart and driving force behind the hotel which came to life before his eyes and where everything bears the unmistakable signs of his touch. Like a perfect host, while giving instructions to the staff, he welcomes his guests and has a smile for everyone, including us. We are here to listen to his story of the hotel’s first ten years. A great achievement, not only for one of the world’s most prestigious luxury hotel companies, but for the city of Florence as well. What did you think the first time you walked into Palazzo della Gherardesca? It was the year 1998 when I visited the property for the first time, as suggested by one of our customers of Four Seasons Hotel Milano, Luigi Orlando, the president of SMI, Società Metallurgica Italiana, and owner of Palazzo Scala della Gherardesca. I was amazed and surprised by the building’s beauty. It felt like diving into the Florentine Renaissance, with a beautiful monumental park, and I realized from the outset that it was going to be one of our company’s most stunning hotels. What was the most difficult part of renovation works? The restoration of all the frescoes was a very delicate operation, but the most difficult part was to keep the historic structure intact while converting it into an efficient and functional hotel. What does being the General Manager of such a prestigious hotel mean? It’s a huge responsibility, first of all, because of the 300 people on our staff, but there’s more to it than that. Unfortunately, our political leaders do not realize that tourism is an industry and 174 Firenze | made in Tuscany

Entrare al numero 99 di Borgo Pinti è sempre un’esperienza. La bellezza del palazzo, gli arredi curati, l’accoglienza e l’atmosfera internazionale fanno di Four Seasons Hotel Firenze uno dei luoghi più magici della città. Ci dirigiamo verso l’Atrium Bar per incontrare Patrizio Cipollini, General Manager dell’hotel, che come sempre è intento a far sì che tutto sia semplicemente perfetto. Tanto radicato nel suo territorio, quanto cosmopolita nella visione, questo maestro dell’ospitalità è la mente e il cuore dell’hotel che ha visto prendere vita sotto i propri occhi e dove tutto porta il suo tocco. Da buon padrone di casa, tra una disposizione e l’altra allo staff, non manca mai di salutare i suoi ospiti e porgere a tutti un sorriso cortese. Così ha fatto anche con noi, qui per farci raccontare un traguardo speciale, quello dei primi dieci anni dell’hotel. Un pezzo di storia importante non solo per una delle compagnie più prestigiose nel mondo dell’haute hôtellerie, ma anche per la città. Cosa ha pensato quando è entrato per la prima volta nel Palazzo della Gherardesca? Era il 1998 quando ho visitato per la prima volta la proprietà, su suggerimento di un nostro prezioso cliente del Four Seasons Hotel Milano, il dottor Luigi Orlando, allora presidente della SMI, Società Metallurgica Italiana, e proprietario del Palazzo Scala della Gherardesca. Quando entrai rimasi stupito e meravigliato dalla bellezza del Palazzo. Fu un tuffo nel pieno Rinascimento fiorentino, con un parco monumentale bellissimo, e intuii subito che sarebbe stato uno degli hotel più belli della nostra Compagnia. La cosa più complessa dei lavori di ristrutturazione? Sicuramente il recupero di tutti gli affreschi è stato un lavoro delicato, ma la parte più difficile è stata quella di mantenere intatta la parte strutturale storica pur rendendola efficiente e funzionale come albergo. Cosa significa essere il General Manager di un albergo così prestigioso? È una grossa responsabilità. Mi riferisco prima di tutto alle oltre 300 persone del nostro staff, ma non solo. Anche le classi dirigenti


Renovation works aaaa at Palazzo della Gherardesca Firenze | made in Tuscany 175


icon itineraries

Patrizio Cipollini, General Manager of Four Seasons Hotel Firenze Italy’s biggest industry, in particular, high-end tourism. The prod- purtroppo non sembrano rendersene conto, il turismo è industria uct we make is not touchable, but it’s Italy’s driving sector. It’s e la più importante per il nostro Paese, in particolare il turismo di one of those core businesses on which we should invest and work qualità. Il nostro è un prodotto che non è tangibile ma è trainante by making use of well-organized territorial and urban planning. per la nostra Italia. È uno dei core business su cui investire e lavoImproving accessibility and services for a sophisticated clientele rare avvalendosi di una programmazione territoriale e urbanistica means allowing the city to be enjoyable all year round, reducing ben articolata. Migliorare l’accessibilità e i servizi per una clientethe difference between high and low season, with extremely posi- la sofisticata significa rendere più fruibile la città nell’intero arco tive repercussions on the whole of Florence. dell’anno, limando lo scarto tra alta e bassa stagione e How has Florence changed, even with Four Seainnescando un ciclo virtuoso con ripercussioni estresons Hotel’s help? mamente positive sulla città nel suo complesso. As I said, high-end tourism is a great boost to a Com’è cambiata Firenze anche grazie al contributo destination’s economy. We had already experidel Four Seasons Hotel? enced it in Milan, where we opened Italy’s first Come dicevo il turismo di alta gamma è una spinta Four fondamentale per una destinazione. L’avevamo già Four Seasons hotel. It was the year 1993 and the Seasons sperimentato a Milano, dove abbiamo aperto il primo city’s economy was still suffering the consequences of the Gulf War and of the Tangentopoli scandal, Hotel Four Seasons Hotel d’Italia. Era il 1993 e l’economia whose epicenter was in Milan. And yet, the openFirenze risentiva ancora molto della guerra del Golfo e dello ing of the hotel was met with such enthusiasm on di Tangentopoli, che ebbe il suo epicentro opened on scandalo the part of upper class travelers- who couldn’t find proprio a Milano. Eppure l’apertura entusiasmò talJune 15, mente tanto i viaggiatori di upper class - fino a quel a hotel in Milan meeting their needs- that we tripled the rates in the following six months. At that 2008 momento orfani di un albergo in città che rispecpoint, all the other five-star hotels had to adapt to chiasse le proprie esigenze - che nei sei mesi succesthe change. The city’s image improved greatly and Milan became si aumentammo le tariffe per ben tre volte. A quel punto anche gli not only an international business destination, but also a tourist altri hotel a cinque stelle si sono dovuti adeguare. L’immagine della destination for fashion, design and art fans, thus, attracting big città è migliorata enormemente, diventando a pieno titolo destinainvestors. zione internazionale, non più solo per il business, ma per la moda, In Florence, things are a bit different. First of all, the city is the il design e l’arte, attirando così grandi investitori. A Firenze la situaquintessential tourist destination and, secondly, it moves at a very zione era un po’ diversa: innanzitutto è una meta turistica a 360 gradi different pace from Milan, much slower. Nonetheless, when we per vocazione, d’altra parte, però, vive a ritmi completamente diversi arrived in Florence, we found ourselves in much the same situa- rispetto a Milano, molto più lenti. Ciononostante, il fenomeno che 176 Firenze | made in Tuscany


1

2

3

4

1. 4. Two views of the Gherardesca Park 2. The Royal Suite 3. Palazzo della Gherardesca from the outside 5. Il Palagio restaurant 6. The view of Brunelleschi’s Dome from one of Palazzo della Gherardesca’s suite rooms

5

6


The lobby of Palazzo della Gherardesca


icon anniversary

tion as in Milan. The city’s luxury hotels were not up to the stan- si è verificato è stato molto simile. Quando siamo arrivati a Firenze dard of our company, because luxury is all about service. And so, gli alberghi di lusso non erano al pari degli standard della nostra thanks to Four Seasons, other hotels began investing more in Compagnia, perché il vero lusso è il servizio. Col tempo altri alberservices, bringing benefits and prestige to the whole city. Firenze ghi hanno iniziato a investire di più, apportando beneficio e lustro Yes Please, a project based on the collaboration between our hotel all’intera destinazione Firenze. Con l’obiettivo di promuovere nel and another ten luxury hotels in Florence, was created to pro- mondo quello che succede in città e le sue eccellenze è quindi nato mote Florence and its standards of excellence across the world. Firenze Yes Please, un progetto di collaborazione tra noi e altri dieci It is also aimed at spurring the government to invest more effec- hotel esclusivi di Firenze, che vuole anche costituire una voce unica tively in international markets to attract high-end tourism. per spingere le istituzioni a investire in maniera più efficace sui What recognition are you the most proud of? mercati internazionali per attrarre un turismo di qualità. The Michelin star that our Vito Mollica won was a wonderful Il riconoscimento che le ha dato più soddisfazione? goal but, besides recognitions, what we find is the most gratify- La stella Michelin del nostro Vito Mollica è stato un bellissimo traing aspect is the very high percentage of customer satisfaction guardo, ma al di là dei riconoscimenti, ciò che ci appaga di più è and retention. Customers come back year after year and stay l’altissima percentuale di soddisfazione che riceviamo dalla nostra longer, like at a real resort. Our system allows hotel guests to clientela, che di anno in anno ritorna a trovarci con soggiorni semcommunicate in real time with our staff wherever they are, to pre più lunghi, da vero resort. Abbiamo sia un sistema che consente ask for advice, make requests or complaints and get immediate agli ospiti di dialogare in tempo reale con il nostro staff ovunque si feedback and also express their opinion on various aspects of trovino e comunicare suggerimenti, richieste e eventuali lamentele their stay. Four Seasons Hotel Firenze is one of the hotels that così da agire immediatamente; sia un sistema tramite il quale possono dare un giudizio sui vari aspetti del soggiorno. usually scores the highest marks among those of Four Seasons Hotel Firenze è una delle struttuour company. A source of pride for our hotel, but re della Compagnia con il punteggio più alto. Un for Italy as well. An urban orgoglio non solo per l’albergo, ma anche per la Who are your regular customers? resort nostra Italia. Generally speaking, over 20% of customers are regulars. They come every year and spend their unique Chi sono i vostri ospiti abituali? generale, abbiamo oltre il 20% di clientela abiholidays here. Owing to the park, swimming pool, of its kind In tuale. Vengono ogni anno e passano qui l’intera two restaurants and spa, our hotel is seen as more and one vacanza. Grazie al parco, alla piscina, ai due ristoof an urban resort, with the advantage of being located downtown Florence and at a short distance of Florence’s ranti e alla spa, il nostro più che un albergo è confrom many other beautiful cities. most siderato un urban resort, con la comodità di avere a portata di mano e molte altre bellissime You promote a lot of charity events, first of all, magical Firenze città a breve distanza. your famous Open Day. places Sono molte le iniziative benefiche che avete proWe try to support the local community. The Open Day has become a not-to-miss event. The first time, we printed mosso, primo fra tutti il vostro famoso Open day. maps of the park- with its four hectares and a half, it’s Florence’s Cerchiamo di essere vicini alla comunità di Firenze. L’Open day second largest private garden after Boboli- and prepared roast ormai è irrinunciabile. Ricordo che fin dalla prima volta stamchestnuts, mulled wine, hot chocolate. We expected no more pammo le mappe del parco - con i suoi 4 ettari e mezzo, è il giarthan 600 people to show up. One hour later, we had nothing dino privato più grande di Firenze dopo Boboli - e preparammo left. That day, 7,000 people walked into our park. So, from then caldarroste, vin brulé, cioccolata calda... Ci aspettavamo non più on, we decided to ask everyone for a small contribution to help di 600 persone. Dopo un’ora avevamo già finito tutto. Quel giorpeople in difficulties. no entrarono 7.000 persone. Da lì l’idea di chiedere un piccolo How are you planning to celebrate your 10th anniversary? contributo a ognuno per aiutare realtà in difficoltà. We will celebrate over the weekend of June 15, which is also our Come celebrerete questi primi dieci anni? actual 10th birthday day, with fireworks, shows in the park and Avremo un weekend di festeggiamenti intorno al 15 giugno, che many other events open to the public. And our Open Day will be è poi il giorno esatto in cui compiamo 10 anni, tra fuochi d’arquite surprising as well. tificio, spettacoli nel parco, e molte altre iniziative aperte alla What is your favorite spot at the hotel? città e non solo. Anche il nostro Open Day riserverà delle belle If I have to choose, it’s our covered roof-terrace. It’s a beautiful novità. spot, difficult to reach because you have to walk up a narrow Il suo angolo preferito dell’albergo? staircase dating back to the 1400s, but when you reach the top, Se devo sceglierne uno, la nostra altana. È un posto bellissimo, you get a panoramic view of Florence. difficile da scoprire, perché devi salire delle scalette del 1400 And in Florence? molto strette, ma quando arrivi in cima domini tutta Firenze. Palazzo Vecchio, the guardian of political power for over 700 E di Firenze? years. Palazzo Vecchio, custode del potere da oltre settecento anni. Firenze | made in Tuscany 179


sport competition

When speed is in the DNA QUANDO LA VELOCITÀ È NEL DNA Danilo Petrucci, from minibikes to the shimmering dream of the Ducati Danilo Petrucci, dalle minimoto al sogno iridato con la Ducati While his classmates in his third year of elementary school were crying because of their first falls from their bicycle without training wheels and their scraped knees, he was driving a Beta Minitrial, preparing to win his first Italian title the following year. That Danilo Petrucci was predestined to live on two wheels was a wellknown fact, starting with his father, who gave him his own name. But what’s certain is that at home in Terni, the roar of engines and helmets were a constant for generations. Now that Danilo Petrucci is one of the leading drivers in the MotoGP circuit, nothing has changed: Terni is still his home, so distant and unlike than the places his other idolized colleagues come from. Simplicity, perseverance and a lot of passion have led the driver for the Tuscan Team Pramac Racing - founded and managed by Paolo Campinoti - to the podium of the premier class five times, including that unforgettable Italian Grand Prix at Mugello last year, in third place behind Dovizioso and Viñales. The new season, still racing with an official Ducati Desmosedici, began with a fifth place in Qatar. What are your expectations and who are the rivals to beat? There are many rivals. There’s equilibrium and the problem is that this year, we’re more competitive, so the stakes are higher. Expectations? To do better than last year and to always be one of the most competitive. You stood on the podium at Mugello. Advantages and disadvantages of this circuit? It was great to drive the circuit, which hasn’t changed since it opened. It’s based on the hills – it wasn’t like that at PC – so it isn’t a modern track with squared curves. I think that together with Assen, it’s one of my favourite racetracks. But just like historic tracks, it’s full of traps. The range of the curves are different, there are many points where it could matter and this makes it all much more difficult. Which circuits are most suitable for your characteristics and which are the most difficult? I don’t have a preference. There are many tracks I’m comfortable 180 Firenze | made in Tuscany

Mentre i suoi compagni di classe in terza elementare piagnucolavano per le prime cadute dalla bicicletta senza ruotine e per le ginocchia sbucciate lui guidava una Beta Minitrial preparandosi per vincere, in quarta elementare, il suo primo titolo italiano. Che Danilo Petrucci fosse un predestinato delle due ruote lo sapevano in tanti, a iniziare da suo padre, che per lui ha scelto il suo stesso nome e dal fatto che in quella casa di Terni rombi di motore e caschi sono una costante da generazioni. Ora che Danilo Petrucci è uno dei piloti di punta nel circus della MotoGP niente è cambiato: Terni è ancora casa sua, così lontana e diversa dai luoghi di residenza di altri suoi idolatrati colleghi. Semplicità, costanza e tanta passione hanno portato il pilota del team toscano Pramac Racing - fondato e capitanato da Paolo Campinoti - a salire sul podio della classe regina per cinque volte, compresa quella indimenticabile del GP d’Italia al Mugello un anno fa, un terzo posto alle spalle di Dovizioso e Viñales. La nuova stagione, ancora in sella ad una Ducati Desmosedici ufficiale, è iniziata con un quinto posto in Qatar. Quali sono le aspettative e chi sono gli avversari da battere? Gli avversari sono molti. C’è equilibrio ed il problema è che quest’anno siamo più competitivi quindi la posta in ballo è maggiore. Aspettative? Fare meglio dell’anno scorso e stare sempre tra i primi a giocarsela. Sei salito sul podio al Mugello. Pregi e difficoltà di questo tracciato? E’ bello guidare sul circuito che è uguale a quando lo hanno fatto. Segue l’andamento delle colline, non è stato fatto al PC, non è moderno con le curve squadrate. Penso che insieme ad Assen sia uno dei circuiti che preferisco. Ma come i circuiti di una volta è pieno di trabocchetti, i raggi delle curve sono diversi, ci sono tanti punti in cui si può fare la differenza e questo rende tutto più difficile. Quali sono invece i circuiti più adatti alle tue caratteristiche e quali i più difficili? Non ne ho uno preferito. Ci sono tanti circuiti in cui ti trovi bene


icon itineraries

Danilo Petrucci, one of the top drivers in the MotoGP circuit, he races for the Pramac Racing team on a Ducati Desmosedici Firenze | made in Tuscany 181


sport competition

Some images of the unforgettable Italian GP at Mugello circuit a year ago racing on, when everything is much easier for the bike and the con la moto e con le gomme in cui ti viene tutto più facile. Il Mutires. Mugello has always been one of the best, like Argentina and gello è sempre tra i migliori, come Argentina e Olanda. E anche Holland, as well as Philip Island, though I haven’t been able to a Philip Island, dove però non sono riuscito ad andar forte negli perform strongly there in recent years. I’ve always had trouble in ultimi anni. Ho sempre fatto fatica ad Austin e in Austria e anche a Brno non mi sono mai trovato benissimo. Austin and in Brno, where I haven’t had much luck. What does it mean to be an Italian driver and drive an Italian Cosa vuol dire essere un pilota italiano e guidare una moto italiana? bike? Working with people that share your same mentality, who un- Lavorare con persone che hanno la tua stessa mentalità, capisci derstand everything better, and often all it takes is a look of un- tutto meglio e spesso basta uno sguardo d’intesa. Per me che ho derstanding. Having always driven with Ducati, even when I was sempre corso con la Ducati anche da quando ero piccolo è un younger, it’s a great point of pride. Home best represents the Ital- grande motivo di orgoglio. E’ la casa che più rappresenta lo spirito ian spirit of the races. italiano delle corse This is your fourth season with Pramac Racing. How much do Questa è la quarta stagione con Pramac Racing, quanto devi a you owe to this Tuscan team? questo team toscano? I owe them everything because my career in MoGli devo tutto perché la mia carriera in MotoGP è toGP pretty much began with Pramac. With them, I cominciata praticamente da Pramac. Da li ho iniziabegan to rank in the top ten and climb the podium. to a stare nei primi dieci, a salire sul podio. Grazie Alma Pramac al Team abbiamo la moto ufficiale e sono orgoglioso Thanks to the Team, we have the official motorcycle and I’m proud to be the driver that’s raced the most Racing stunning di essere il pilota che ha corso di più con Pramac. with Pramac. è nata la passione per le 2 ruote? 2018 MotoGp Quando When did your passion for motorcycles begin? Viene da mio papà e mio zio (da parte di mamma) season with ma anche mio nonno, anche se non l’ho mai conoI inherited it from my father and uncle (on my mum’s side), as well as my grandfather, even if I Danilo Petrucci, sciuto. Il primo mezzo motorizzato che si è compranever met him. The first motorized bike I bought to per spostarsi è stata una Ducati. Quindi è una Jack Miller and to get around was a Ducati. So it’s a sort of an imprintsorta di imprinting. Prima mio nonno, per necessitheir Ducati tà, poi papà e zio: sono nato tra le moto. ing. First my grandfather, out of necessity, then my DesmosediciGP Quando hai capito che sarebbe diventato il tuo father and uncle: I was born around motorcycles. When did you realize that this would become your career? lavoro? I still didn’t fully realize it, but when I was in my fifth year of Ancora non l’ho capito benissimo. Ma quando facevo la quinta elementary school, I felt a spark that made me understand I was superiore ho sentito una scintilla che mi ha fatto capire che stavo wasting time at school. I stopped studying so I could concentrate perdendo tempo a scuola. Ho smesso di studiare per concentraron motorcycles. Everyone thought I was crazy, but it was my call- mi solo sulle moto. Mi hanno preso tutti per matto, ma era la mia ing. vocazione. What does Danilo do when he’s not racing? Cosa fa Danilo quando non corre? I train because not racing means not climbing on my bike from Mi alleno perché non correre significa smettere di andare in moto December 1st to January 25th, so there’s no time for a hobby. I love il primo dicembre e riprendere il 25 gennaio. Quindi non c’è tanto to hang out with friends and do enduro and motocross racing tempo per un hobby. Mi piace tanto stare con gli amici e andare with them. I also train on my bike, which is a bit relaxing after con loro in moto da enduro, cross. Poi anche allenamento in bici, spending months on my motorcycle. che diventa un po’ uno svago dopo mesi sulla moto. Do you have any dreams left to bring true? Il sogno ancora da realizzare? I won’t say what my dream is, because if I do, it won’t come true. Il sogno non lo dico, perché sennò non si avvera. Ma correndo in But racing in MotoGP, you can probably imagine what it is. MotoGP potete anche immaginarvelo. 182 Firenze | made in Tuscany


Constance and passion they brought Petrucci to get on the podium of the queen class five times


Vodka VKA is the first vodka produced in Tuscany. Made from Mugello bread wheat, it is an organic, soft and digestible vodka even for the most demanding palates


territory excellence

Tuscan by nature TOSCANA PER NATURA text Virginia Mammoli

The history of Vodka VKA, the first made in the Mugello La storia della Vodka VKA, la prima made in Mugello

This is, above all else, a love story. The love for a territory rich in charm and extraordinary ingredients. Vodka VKA sits at the centre of this, the first “organic vodka made in Tuscany,” in the Mugello to be more precise, a land with immense resources: organic bread wheat and pure spring water. Luca Pecorini leads the way, a cooking expert with a dream, the dream of promoting this part of Tuscany with an international product. This passion has proven contagious for some entrepreneurs and, recently, also Stefano Ricci’s children, Niccolò and Filippo, who’ve long held a particular bond with this territory – reiterated during the presentation for the latest collection, held at the Mugello Circuit – and who personally took over part of this project . The result of Luca Pecorini’s pioneering idea is a vodka filtered with great care, which is distinguished on the palate for its clear notes of fresh wheat and apple, surprising when drunk at room temperature, which highlights its immense softness. This gluten-free, organic and highly digestible product (a rare characteristic in a spirit) has won over even the most demanding palates, like those of a few experts from Eastern Europe that, when called to participate in a blind taste test, immediately identified and appreciated these great qualities. Such merits were further confirmed by Andrea Grignaffini during an evening at the Four Seasons Hotel in Florence, a famous food and wine critic, who praised the strong organoleptic qualities and its sustainability, a key concept of this product, along with territoriality and simplicity. These themes are also perfectly expressed by the transparent bottle and the packaging made from recycled paper and decorated with an ear of wheat. The vodka is pleasant in and of itself, but it’s also a great base for mixed drinks, like – as Grignaffini suggested – an impeccable Vodka Martini with a green olive, which in its elegance and simplicity allows drinkers to best appreciate the undertones of this entirely Tuscan product, distributed by Cuzziol, a specialized company active in the beverage sector.

Questa è prima di tutto la storia di un amore. L’amore per un territorio ricco di fascino e materie prime straordinarie. Protagonista la Vodka VKA, la prima ‘organic vodka made in Tuscany’, per la precisione in Mugello, terra con grandissime risorse: grani teneri biologici e acqua di sorgente purissima. La regia è di Luca Pecorini, esperto di cucina con un sogno, quello di valorizzare con un prodotto internazionale questa parte della Toscana. Una passione che ha contagiato alcuni imprenditori e, di recente, anche i figli di Stefano Ricci, Niccolò e Filippo, da sempre legati in maniera particolare a questo territorio - come ribadito anche dall’evento di presentazione dell’ultima collezione allestito proprio nell’autodromo del Mugello - che a titolo personale hanno preso parte a questo progetto. Il risultato di questa pioneristica idea di Luca Pecorini è una vodka filtrata con grande cura che si distingue in bocca per le sue chiare note di grano fresco e mela, sorprendente se bevuta a temperatura ambiente, condizione che ne esalta l’estrema morbidezza. Un prodotto gluten free, bio e altamente digeribile (caratteristica rara in un distillato) che ha conquistato i palati più esigenti, come quelli di alcuni esperti dell’Est Europa che, chiamati a una degustazione bendata, hanno subito individuato e apprezzato questi grandi pregi, confermati durante una serata al Four Seasons Hotel Firenze anche da Andrea Grignaffini, famoso critico enograstronomico che ne ha esaltato le spiccate qualità organolettiche e la sostenibilità, concetto chiave di questa produzione insieme alla territorialità e alla naturalezza. Temi espressi perfettamente anche dalla bottiglia completamente trasparente, e dal packaging realizzato con carta riciclata e decorato con una spiga di grano. Una vodka amabile di per sé, ma ideale anche come base per i miscelati, ad esempio - come suggerito dallo stesso Grignaffini - per un impeccabile Vodka Martini con oliva verde, che nella sua eleganza ed essenzialità permette di apprezzare al meglio le sfumature di questa eccellenza tutta toscana distribuita da Cuzziol, azienda specializzata nel settore del beverage. Firenze | made in Tuscany 185


Š Manifesto di Mimmo Paladino

Festival del Maggio Fiorentino LXXXI Maggio Musicale Dialoghi ai confini della libertĂ 5/05 - 13/07 2018

Opere, Danza, Concerti, Conferenze e Incontri con il contributo di

maggiofiorentino.com | @maggiomusicale Seguici su Facebook / Twitter / Instagram


FIRENZE Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99,99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery HotelArtVicolo dell’Oro,5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici -Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici. com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Villa Cora -Viale Machiavelli 18, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Grand HotelVilla Medici -Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure. com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti - Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel.net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www. lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www. relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior

HOTEL PARTNERS Piazza Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Le Maschere - Via Nazionale, 75 - Barberino del Mugello ph. +39 055 847431 www.villalemaschere.it Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com AREZZO Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it GROSSETO Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it LUCCA Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com PISTOIA Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com SIENA Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, , Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

FIRENZE

Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62r ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant, recently renovated, is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Chef Peter Brunel offers his modern interpretation of Italian regional cooking. He pays “sentimental” attention to primary ingredients and constructively opens to diverse culinary traditions. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio, con splendida vista sull’Arno. L’atmosfera è incantata, resa ancora più elegante dalla recente opera di rinnovamento. Lo chef Peter Brunel propone una rilettura moderna della cucina regionale italiana, con un’attenzione “sentimentale” alla scelta delle materie prime e una costruttiva apertura a tradizioni culinarie diverse. Brandolino Piazza Madonna degli Aldobrandini, 3r ph. +39 055 3997593 Inspired by traditional world-famous Florentine and Tuscan cooking, Brandolino offers dishes made from simple and genuine ingredients. Ispirato ai gusti della cucina fiorentina, così come quella toscana, famosa in tutto il mondo, Brandolino basa il suo segreto su ingredienti semplici e genuini. Buca dell’Orafo Via de’ Girolami, 28r ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli exlaboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate. Buca Lapi Via Trebbio, 1r - ph +39 055 213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa. Buca Mario Piazza degli Ottaviani, 16r ph +39 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace. Caffè dell’Oro Lungarno Acciaiuoli, 2/p ph +39 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente.

188 Firenze | made in Tuscany

Cammillo Borgo San Jacopo, 57r ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale. Cantinetta Antinori Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055 292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known restaurants since 1957. A familiar atmosphere characterizes this intimate and comfortable place where one can taste a wide selection of MarchesiAntinori wines paired with Tuscan traditional dishes. Dal 1957 la Cantinetta Antinori è uno dei ristoranti più conosciuti di Firenze. Un contesto familiare e un’atmosfera confortevole caratterizzano l’ambiente accogliente e intimo, dove è possibile degustare un’ampia selezione di vini Marchesi Antinori in abbinamento a specialità della cucina toscana. Cestello ristoclub Piazza di Cestello, 8 ph +39 055 2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce. Cibleo Via del Verrocchio, 2r ph. +39 055 2477881 The city’s first Tuscan-Japanese-Korean restaurants ideated by one of Florence’s most symbolic chefs, Fabio Picchi. A Korean chef and Japanese sous chef alongside Fabio Picchi in the kitchen. Il primo ristorante corean-nipponico-toscano ideato da uno degli uomini di cucina simbolo in citta, Fabio Picchi. In cucina, oltre a Fabio Picchi, una chef coreana e un souf chef giapponese. Cibreo Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055 2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The must-tries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina. Coco Lezzone Via del Parioncino, 26r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb Tbone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca Convivium Firenze Viale Europa, 4/6 ph +39 055 6802482 This bistro is an authentic food atelier and features a food shop corner with over 1000 wine labels. Vero e proprio atelier gastronomico, che vede un gastro-bistrot e un angolo gastronomia estremamente fornito, con oltre 1000 etichette vinicole.

Cucina Torcicoda Via Torta, 5r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areas- restaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda. Da’ Pescatore Piazza del Carmine, 7r ph + 39 055 219978 Chef Daniele is owner and head of this new fish restaurant, situated in the Oltrarno district. Three menus to discover delectable raw and cooked dishes. La casa di cucina di Daniele, Chef e proprietario di questo nuovo ristorante di pesce nell’Oltrarno. Tre percorsi possibili, per scoprire tutte le numerose proposte, in un continuum inedito tra Cotto e Crudo. Ditta Artigianale Oltrarno Via dello Sprone, 5r ph. +39 055 2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei gin). In cucina lo chef Arturo Dori. Enoteca Pinchiorri Via Ghibellina, 87 ph + 39 055 242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Chef Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte dello Chef Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette. Essenziale Piazza di Cestello, 3r Ph. +39 055 2476956 A refined showcase for a modern Tuscan cuisine in the loft-style ambiance of a 19thcentury warehouse. The young yet already accomplished chef Simone Cipriani draws from the local tradition when he prepares his original dishes. Raffinata vetrina di cucina toscana moderna, in un ambiente stile loft ricavato da un magazzino del XIX secolo. Regno del giovane ma già affermato chef Simone Cipriani che propone piatti originali ispirati alla tradizione. Fëdor Piazza della Signoria, 37r ph. +39 055 210496 The city’s first Russian-inspired bistro, a culinary grand tour served up with Dostoyevsky’s writings. An exclusive liaison between Italian and Russian cuisine. Il primo bistrot d’ispirazione russa in città. Un grand tour culinario accompagnati dai versi di Fëdor Dostoevsky. Un’esclusiva trait d’union tra la cucina italiana e russa. Fuor d’Acqua Via Pisana, 37 - ph +39 055 222299 This restaurant serves only freshly-caught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fishbased restaurant. Both simple or more elaborate dishes prepared as per tradition, such as Catalan-style seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indiscusso per

la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè. Gilò Pianobar Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale. Gucci Garden Piazza della Signoria, 10 ph. +39 055 75927010 Housed in the Palazzo della Mercanzia, a unique space including a special store offering exclusive creations available only in Florence, a museum curated by Marialuisa Frisa and a restaurant-bistro run by Massimo Bottura, the owner of Osteria Francescana (3 Michelin stars), awarded as the world’s best chef. All’interno meraviglioso Palazzo della Mercanzia uno spazio unico che ospita uno special store dove trovare creazioni storiche in vendita solo a Firenze, una galleria museale curata da Marialuisa Frisa, e un ristorante-bistrot con a capo Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana (tre stelle Michelin) premiato più volte come migliore chef al mondo. Gurdulù Via delle Caldaie, 12/14r, ph. +39 055 282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multiawarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanish-influenced menu. Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole. Harry’s Bar Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055 2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The must-tries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini. Hostaria Bibendum Via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of fivestar hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate. Il Borro Tuscan Bistro Lungarno Acciaiuoli, 80r ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine


Irene Piazza della Repubblica, 7 ph +39 055 27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini. J.K. Lounge Piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055 2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru endOctober guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta. Kome Via dei Benci, 41r ph +39 055 2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar. Konnubio Via dei Conti, 8r ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni Il Pasha Viale Machiavelli, 18 ph. +39 055 228790 Dining in the main location of Villa Cora during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city. È possibile pranzare o cenare nell’ambiente principale di Villa Cora durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città. L’Osteria di sopra (Eataly) Via dei Martelli, 22r - ph. 055 0153601 Every month a different osteria is picked to offer a menu based on its specialties, as a celebration of Italy’s biodiversity and culinary traditions that make up our country’s regional cuisine. Ogni mese un’osteria diversa cucina le sue specialità per celebrare la grande biodiversità italiana e la bellezza delle tradizioni enogastronomiche che caratterizzano le regioni del nostro Paese. La bottega del buon caffè Lungarno Benvenuto Cellini, 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients

in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante. La Bottega di Parigi Via del Terzollina, 3r ph. +39 055 0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stone-ground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere. La Cucina del Garga Via San Zanobi, 33r ph. + 39 055 475286 The story of La Cucina del Garga begins when Alessandro Gargani comes back to Florence after eight years in New York as Executive Chef of renowned Mezzogiorno Restaurant in Soho. A restaurant and art gallery where young artists can show their works and customers delight their sight. La storia de La Cucina del Garga inizia quando Alessandro Gargani torna a Firenze dopo otto anni a New York come Executive Chef al famoso Mezzogiorno Restaurant di Soho. Un ristorante–galleria dove giovani artisti possono esporre le loro opere. La Cucina del Salviatino Via del Salviatino, 21 ph. +39 055 9041111 It is the reasturant of Hotel Salviatino. Local cuisine that changes according to seasons. Fruit, vegetables and aromatic herbs are as locally-sourced as you can get: straight from the vegetable garden planted in the wonderful park surrounding the restaurant, next to the age-old orchard. Chef Carmine Calò’s motto is: “Ingredients and Creativity”. È il ristorante dell’Hotel Salviatino. Una cucina legata al territorio e che varia con il mutare delle stagioni. Una cucina che attinge al meraviglioso parco, una cui parte, adiacente allo storico frutteto, è stato adibito a orto biologico per avere verdure, frutta ed erbe aromatiche, realmente a km 0. Il motto dello chef, Carmine Calò, è: “ingredienti e immaginazione”. La Giostra Borgo Pinti, 10r - ph +39 055 241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with worldfamous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù. La Leggenda dei Frati Costa San Giorgio, 6/a ph. +39 055 068 0545 the restaurant is located in the Villa Bardini museum complex, affording some of the most stunning views of the city. The cuisine is innovative yet rooted in the local culinary culture. One Michelin starred. All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle viste sulla città. Una cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Una stella Michelin. La Ménagère Via de’ Ginori, 8r ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in

1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo. La Raccolta Via Giacomo Leopardi, 2r ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio. Locale ∞ Via delle Seggiole, 12 ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei. Lungarno 23 Lungarno Torrigiani, 23 ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine. Lungarno Bistrot Piazza degli Scarlatti, 1r ph. +39 055 2654541 Homemade pasta, bread and cakes, prepared before your eyes in the open kitchen by chefs Francesco Fumarola and Giuseppe Ancona: this is what makes Lungarno Bistrot so special. The outdoor seating area overlooking Lungarno Guicciardini and Palazzo Corsini is another good reason to enjoy the restaurant. Pasta, pane e dolci fatti in casa, preparati nella cucina a vista dagli chef Francesco Fumarola e Giuseppe Ancona: sono queste cose che rendono speciale Lungarno Bistrot. La vista del dehors con affaccio su Lungarno Guicciardini e Palazzo Corsini è un’altra buona ragione per scegliere qesto locale. Marina di Santo Spirito Via Maffia, 1/c ph. +39 333 3178831 Located in the Santo Spirito quarter, this original restaurant has stone flooring from the 14th century, leather sofas and chairs, antique objects hanging from the walls and a small stage for live music. The menu features exquisite seafood dishes and much more. Nel quartiere di Santo Spirito, un originale ristorante con pavimento in pietre del Trecento, divani e sedie in pelle, oggetti antichi appesi alle pareti e un piccolo palco per la musica dal vivo. In menù, ottime proposte di pesce e non solo. Mercato Centrale Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte, vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of top-quality food shops and restaurants.

Firenze | made in Tuscany 189

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani. Il Latini Via dei Palchetti, 6r - Palazzo Rucellai ph. + 39 055 210916 The history of Il Latini restaurant is closely associated with that of the city. Today as yesterday, Il Latini offers ribollita and pappa al pomodoro, chine of pork and wild boar stew. Here, one can take in all the atmosphere and capture a bit of the magic of wonderful Tuscany. La storia del ristorante Il Latini si intreccia con la storia della città, con la storia di Maria, moglie di Narciso. Oggi come allora da Il Latini si mangia la ribollita e la pappa al pomodoro, l’arista e il cinghiale. Qui si assapora la materia prima di questa terra meravigliosa che è la Toscana, mentre si cattura un po’ della sua anima. Il Magazzino Piazza della Passera, 2/3 ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno. Il Palagio Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole. Il Santo Bevitore Via S. Spirito, 64r - ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma informale, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante. Io Osteria Personale Borgo S. Frediano, 187r ph+ 39 055 9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

Momoyama Borgo San Frediano, 10r ph. + 39 055 291840 A journey into the Japanese flavors of Momoyama, in the heart of the Oltrarno. The raw cuisine directed by Gabriel Camara proffers a classic Japanese menu. The Japanese food cooked by Chef Lorenzo d’Agnello is just as delicious. Un viaggio alla volta dei sapori nipponici di Momoyama, nel cuore dell’Oltrarno. La cucina cruda diretta da Gabriel Camara propone i classici della tradizione giapponese. Ottima anche la cucina giapponese cotta dello chef Lorenzo d’Agnello. Neromo Borgo San Frediano, 23 ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte. Obikà Via Tornabuoni, 16 ph +39 055 2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Foodcertified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence. Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze. Omero Via del Pian dei Giullari, 11 ph +39 055 220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino. One Night in Beijing Via il Prato, 14r ph. +39 055 2608885 A fusion restaurant where Chinese, Japanese, Thai and Vietnamese cuisines meet and mingle. On the ground floor the Sushi Restaurant, on the first floor elegant dining rooms with kitchen on show, grill and bar. Un Fusion Restaurant dove tra tradizione e innovazione s’incontrano Cina, Giappone, Thailandia e Vietnam. Al piano terra il Sushi Restaurant, al piano superiore gli altri eleganti ambienti con cucina a vista, griglia e bar. Onice - Lounge & Restaurant Viale Michelangiolo, 78 ph +39 055 681631 The restaurant is housed in a mid-nineteenth century building, which was once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo. Ora d’Aria Via dei Georgofili, 11r ph +39 055 2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in

190 Firenze | made in Tuscany

small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin. Osteria del Caffè Italiano Via Isola delle Stinche, 11/13r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style Tbone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria. Osteria delle Tre Panche Via Pacinotti, 32r - ph +39 055 583724 The business card reads: “At Andrea’s and Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in 1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffle-flavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo. Pane & Olio Via Faentina, 2r - ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto. Piazza del Vino Via della Torretta, 18r ph +39 055 671404 New York-style atmosphere, stone walls, eye-catching wine boxes and friendly and attentive service at this new Florentine restaurant. The wine list includes over 200 labels and there is a sort of wine fountain that spews fine wine at reasonable prices. Atmosfera newyorkese, muri in pietra, casse di vino che conquistano la vista e un servizio attento e cordiale per questo nuovo locale fiorentino. La carta dei vini include più di 200 etichette e originale l’idea di una fontana del vino che spilla calici di grandi vini. Portofino Viale Mazzini, 25r ph. +39 055 244140 This is a fish-based restaurant that draws inspiration from Tuscan and Ligurian cuisine and makes exclusively use of topquality ingredients, freshly-caught fish, homemade bread and desserts. La cucina di mare impera in questo ristorante che trae ispirazione anche dalle varianti della cucina toscana e ligure, per un mix che predilige le materie prime di alta qualità, dal pesce rigorosamente fresco, al pane fatto interamente in casa ai dolci handmade. Ristorante & Wine Bar dei Frescobaldi Via dei Magazzini, 2r ph. +39 055 284724 Tucked away in a corner of Piazza della Signoria, in the heart of downtown Florence, this restaurant has been ranking among the best Italian restaurants on the Michelin guide. Among the must-tries are the Florentine-style T-bone steak, pici with duck sauce and salt cod in various styles paired with fine Marchesi de’

Frescobaldi wines. Affacciato su un angolo di Piazza della Signoria, nel cuore pulsante della città, si trova questo ristorante che privilegia i sapori della cucina toscana. Tra i piatti cult da assaggiare i pici al ragù di anatra e il baccalà preparato in vari modi. Il tutto innaffiato con i pregiati vini dei Marchesi de’ Frescobaldi. Ristorante Frescobaldi Firenze Piazza della Signoria, 31 ph. +39 055 284724 It is the new restaurant by Frescobaldi, one of Italy’s most prestigious wineries. Chef Roberto Reatini offers traditional Tuscan dishes with a contemporary twist. A private dining room on the second floor, cocktail bar, outdoor seating with view of Palazzo Vecchio. È il nuovo ristorante targato Frescobaldi, cantina tra le più prestigiose d’Italia. In cucina lo chef Roberto Reatini che propone i piatti della celebre tradizione toscana con piglio contemporaneo. Privè del secondo piano, cocktail bar e dehors affacciato su Palazzo Vecchio. Ristorante Pizzeria Via Vai Via Pisana, 33r - ph. +39 055 223132 Located near the San Frediano Gate, this restaurant features an innovative New York-style interior design. Don’t forget the “friendship table”, the big 32-seat onyx table placed in the middle of the dining room. In prossimità di Porta San Frediano nasce il ristorante dal design d’arredo innovativo che emula quello di celebri locali newyorkesi. Imperdibile il “tavolo dell’amicizia”, un tavolo in onice con circa 32 posti a sedere, scegliete le specialità a base di carne chianina. Ruth’s Via Luigi Carlo Farini, 2/a ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione. San Niccolò 39 Via San Niccolò, 39r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming seafood restaurant. Seasonal and traditional Mediterranean dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un raffinato ma accogliente seafood restaurant. Piatti stagionali, tipici della cucina mediterranea, presentata però secondo il gusto attuale. Se-Sto on Arno Piazza Ognissanti, 3 ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with all-around windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne. Strozzi Caffè Colle Bereto Winery Piazza Strozzi - Palazzo Strozzi ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist. Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata.

Tabarìn Via dei Vecchietti, 6 ph. +39 055 2399943 The newest temple of taste in Florence. A Parisian atmosphere, soft lights, crimson velvets and elegant chandeliers. International cuisine and American Bar. Il nuovo indirizzo del gusto di Firenze. Atmosfere parigine, grazie a luci soffuse, velluti color porpora e eleganti lampadari. Cucina internazionale e American Bar. Teatro del Sale Via de’ Macci, 111r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi. The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo. The Fusion Restaurant Bar Vicolo dell’Oro, 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant, always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America. The Truffle Experience Via Porta Rossa, 19 ph. +39 055 3995913 The first theme restaurant inside the oldest hotel in Italy, NH-Porta Rossa in Florence, opened by Savini Tartufi, ancient Tuscan family and a true authority on fine truffles. Il primo ristorante tematico all’interno dell’albergo più antico d’Italia, NH-Porta Rossa di Firenze, aperto da Savini Tartufi, storica famiglia toscana e vera autorità in fatto di pregiati tartufi. Trattoria Al Fresco Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 2626460 An exclusive location, nestled in a century-old and luxuriant park in the heart of Florence. Every year, Four Seasons Hotel Firenze welcomes the arrival of spring with the opening of Al Fresco restaurant, based on an innovative concept: trattoria at lunch, pizzeria and barbecue at dinnertime. Una location esclusiva, incastonata nel verde di un parco secolare nel cuore della città: il Four Seasons Hotel Firenze dà ogni anno il benvenuto alla stagione en plein air con l’apertura di ‘Al Fresco’, secondo la formula originale di trattoria a pranzo, pizzeria e barbecue a cena. Trattoria da Sostanza detto il Troia Via Del Porcellana, 25r ph +39 055 212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentine-style steak, the must tries are artichoke pie and butter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna. Tredici Gobbi Via Porcellana, 9r - ph +39 055 285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless riga-


OUTSIDE FIRENZE

Antica Osteria di Novoli Via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve) - ph +39 055 8486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata. Antica Sosta Via della Croce, 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with

a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca. F.lli Giusti Località Prulli (Reggello) ph +39 055 863255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica. La Cantinetta Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055 8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto. La Cantinetta di Rignana Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055 852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must. La Casa di Caccia Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) - ph +39 055 8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici. La Martellina Via di Pancole,1 (Strada in Chianti) ph +39 055 858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà. La Tenda Rossa Piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) - ph +39 055 826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione. Mangiando mangiando Piazza Giacomo Matteotti, 80 (Greve in Chianti) - ph +39 055 8546372 In Greve’s main square, a trattoria offering a friendly atmosphere, accurate service and excellent traditional Tuscan dishes. Nella piazza principale di Greve, una trattoria dall’ambiente familiare e accurato dove gustare ottimi piatti della cucina toscana. Oltre il giardino Piazza Bucciarelli, 42 (Panzano in Chianti) - ph +39 055 852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list. Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini. Osteria di Passignano Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071278 Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina. Podere Torricella Via San Vincenzo, 35 (Montagnana Val di Pesa)

ph +39 0571 659189 Restaurant specialising in meat. Excellent wines from the Fattoria Il Turco winery. Breathtaking view from the terrace. Ristorante specializzato in carne. Ottimi i vini della Fattoria Il Turco. Splendida vista panoramica dalla terrazza. Rinuccio 1180 Via Cassia per Siena, 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) - ph +39 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia. Ristorante India Viale Gramsci, 43/a (Fiesole) ph. +39 055 599900 One of the oldest Indian restaurants in the Florence province. The meat-based menu of chicken, lamb and pork cooked according to the traditional tandoor oven method together with unique spices, spicy and not. Il ristorante indiano più antico dell’antica provincia di Firenze. In menù carni di pollo, agnello, maiale cucinati con il tradizionale metodo del forno Tandoori insieme ai sentori unici delle tipiche spezie, piccanti e non. Ristorante La Loggia Via Doccia, 4 (Fiesole) ph. +39 055 5678200 Villa San Michele is Belmond-owned and one of Europe’s most luxurious hotels. Closed in wintertime, the restaurant offers the chance to enjoy delicious meals with view over Florence in spring and summer. Incastonata nell’incantato scenario delle colline fiesolane, all’interno dell’hotel Villa San Michele (Belmond). Chiuso nel periodo invernale, in primavera offre la possibilità di gustare deliziosi pranzi e succulente cene con vista panoramica su Firenze, nel magnifico giardino o in terrazza. Ristorante La Torre Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana. Ristoro l’Antica Scuderia Via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar. Solociccia Panzano in Chianti - ph +39 055 852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo). Trattoria Donnini Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli)

ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

VERSILIA

Al Porto Via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584 388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini. Bistrot Via della Repubblica, 14 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 89879 Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin. Da Giorgio Via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584 44493 Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei. Enoteca Marcucci Via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584 791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia. Franco Mare Restaurant Lungomare di Marina di Pietrasanta ph. +39 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia. Il Piccolo Principe Piazza Puccini, 1 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri. La Magnolia Viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del locale. Una stella Michelin. Lorenzo Via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 874030 A must restaurant for seafood lovers, Lorenzo is famous for its mayonnaise prepared tableside. The service is impeccable, and seafood is master of the menu, with every dish guaranteed fresh. This one-star Michelin restaurant is located

Firenze | made in Tuscany 191

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

toni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo. Trattoria Gargani Via del Moro, 48r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente. Trattoria Mario Via Rosina, 2r - ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto. Trattoria Pandemonio Via del Leone, 50r ph. +39 055 224002 Friendliness and quick service are the rule. Typical Tuscan dishes with a sophisticated twist such as artichoke and Parmesan cheese appetizer, tortellacci with gorgonzola cheese and rocket, T-bone steak, Fornacina-style peposo, Florentine pot roast. L’ospitalità, la celerità del servizio e la gentilezza sono di casa. Piatti tipici della tradizione, rivisitati in maniera raffinata, tra cui l’antipasto di carciofi e parmigiano, i tortellacci con gorgonzola e rucola, la bistecca, il peposo alla fornacina, lo stracotto alla fiorentina, e l’ossobuco. Winter Garden by Caino Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art deco-style Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

directly in the town center. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Famosissima la sua maionese preparata in sala, impeccabile il servizio, ma su tutto regna il pesce, una vera garanzia di freschezza. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino. L’Orsa Maggiore Via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce. Lux Lucis Viale Amm. Morin, 67 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 783636 The Michelin-starred restaurant of the Principe Forte dei Marmi Hotel. Sokol Ndreko is in charge of dining room service, Chef Valentino Cassanelli in the kitchen and the menu features local yet creative dishes to be enjoyed with a view. È il ristorante stellato dell’hotel Principe Forte dei Marmi. In sale l’impeccabile Sokol Ndreko. In cucina lo chef Valentino Cassanelli che propone piatti legati al territorio ma ricchi di suggestioni, da gustare ammirando il panorama dalle ampie vetrate. Maitò Via Arenile, 28 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara. Marechiaro Via Franceschi, 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo. Osteria del mare Viale Franceschi, 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce. Pesce Baracca Via Achille Franceschi, 2 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 1716337 One place with three souls: a restaurant, a fish shop and a street food bar. Seafood dominates the menu, which is composed exclusively of the daily catch. Guests can choose their meals directly from the extensive seafood counter. Un locale, tre anime: ristorante, pescheria e street food. Il menù è dettato dal mare, perché composto solo di pescato del giorno. Agli ospiti la possibilità di scegliere direttamente dal grande banco del pesce. Romano Via Mazzini, 120 (Viareggio) ph +39 0584 31382 One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato. The Fratellini’s Via della Repubblica, 2/a (Forte dei Marmi) - ph. +39 0584 82931 Owned by brothers David and Marco Vaiani, this restaurant offers fusion cuisine, combining exotic tastes with the culinary traditions of Versilia. Of note are the dishes of raw Italian fish and their curious Japanese variations. The

192 Firenze | made in Tuscany

large windows create a space of perfect continuity with the outdoors. È il ristorante dei due fratelli David e Marco Vaiani. Cucina fusion che unisce la tradizione culinaria versiliese con sapori esotici. Crudité di pesce italiano e curiose varianti giapponesi. Le ampie vetrate creano una perfetta continuità con lo spazio esterno.

AREZZO

Antica Fonte Via Porta Buia, 18 - ph +39 0575 28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina. Belvedere Località Bano, 223 - Monte San Savino ph +39 0575 849588 The restaurant features two wide rooms connected by an open walkway and a splendid terrace where you can view the entire valley. Expect traditional dishes. Due ampie sale collegate da un camino aperto e una splendida terrazza con vista su tutta la valle. Piatti della tradizione. La Tagliatella Via Giotto, 45 - ph +39 0575 21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais. Le chiavi d’oro Piazza San Francesco, 7 ph +39 0575 403313 Expect traditional fare from Arezzo, revisited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco. Osteria da Giovanna Via Anconetana, 164 ph +39 0575 36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini Osteria del Teatro Via Maffei, 2 (Cortona) ph +39 0575 630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect re-visited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati. Osteria Locanda Canto del Maggio Fraz. Penna, 30/d (Terranuova Bracciolini) ph +39 055 9705147 Typical cuisine from the territory. Two musts: Peposo alla Fornacina stew and Maremma-style wild boar topped with black olives and roasted peppers. Cucina tipica del territorio, prodotti dell’orto. Due must: il Peposo alla Fornacina e il cinghiale all’uso delle Maremme.

Ristorante Logge Vasari Piazza Grande - ph +39 0575 295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande. Ristorante Relais Il Falconiere Località San Martino, 370 (Cortona) ph +39 0575 612679 One Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed. Una stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

GROSSETO

All’Acquacotta Terme di Saturnia ph. +39 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred. Bracali Via di Perolla, 2 (Massa Marittima) ph. +39 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Chef Francesco Bracali and his brother Luca, sommelier, in charge of the cellar. Una stelle Michelin, il regno dello Chef Francesco Bracali e di suo fratello Luca, sommelier. Canapone Piazza Dante, 3 - ph +39 0564 24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto. Da Caino Località Montemerano (Manciano) ph +39 0564 602817 A famous restaurant where the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove è tuttavia ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin. Encanto White Località Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) - ph. +39 0564 947126 This restaurant is known and appreciated not only for its dishes (rigorously prepared with fresh fish), but also for its enchanting seaside location: a perfect spot for a candlelight dinner. Un ristorante conosciuto e apprezzato non solo per i suoi piatti preparati rigorosamente col pescato del giorno, ma anche per l’incantevole location sul mare, perfetta per una cena a lume di candela. Il Fiore del Tesoro Località Valpiana (Massa Marittima) ph +39 0566 92971 In the countryside, in a lovely place, the chef Heros De Agostinis prepares both fish and meat dishes. In campagna, in un ambiente delizioso, lo chef Heros De Agostinis propone piatti che spaziano fra mare e terra. Il Frantoio Piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564 896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici. Il Gambero Rosso Lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole) - ph +39 0564 832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto.

Il Pellicano Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564 858275 In one of The Leading Hotels of the World in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. Il Tufo Allegro Vicolo Costituzione, 5 (Pitigliano) ph +39 0564 616192 Located in one of the many alleys of the town. Very fascinating place offering Tuscan dishes. Intricato nelle splendide viuzze del paese. Locale di grande fascino con proposte toscane. Salette ricavate nel tufo. Silene Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarkable wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin. L’Andana Località Badiola (Castiglione della Pescaia) - ph +39 0564 944800 Housed inside the L’Andana Hotel. Traditional Maremma cuisine by Chef Alain Ducasse. Excellent wine list. Parte del prestigioso complesso ricettivo dell’hotel L’Andana, cucina paesana proposta da Alain Ducasse rispettando i sapori della Maremma. Eccellente lista vini.

LIVORNO

Cala Nova Strada Malpasso - Capoliveri (Isola d’Elba) - ph +39 0565 968958 Located in an cove amidst lush greenery and the crystalline sea, this high-quality restaurant always offers fresh fish. In una insenatura immersa nel verde e dal mare cristallino, un ristorante di grande qualità, pesce sempre fresco. Capo Nord La Fenicia, 69 - Marciana Marina (Isola d’Elba) - ph +39 0565 996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole. Osteria del Mare Borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586 881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti. Il Cantuccio Largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) - ph +39 0565 976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina. Il Garibaldi Innamorato Via Garibaldi, 5 (Piombino) ph +39 0565 49410 Lovely fish restaurant in the town center. Try the dishes made with the socalled “poor” fish. Delizioso ristorante di pesce nel centro storico. Da provare soprattutto i piatti ottenuti con il pesce “povero”. La Baracchina Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello.


LUCCA

Buca di Sant’Antonio Via della Cervia, 3 - ph +39 0583 55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici. Butterfly Strada Statale del Brennero ph +39 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin L’Imbuto Via della Fratta 38 ph +39 0583 491280 The small empire of Chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello Chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

MASSA CARRARA

Da Riccà Lungomare di Ponente (Marina di Massa) - ph +39 0585 41070 Small restaurant run by the same family since the sixties. Excellent fish. Piccolo ristorantino che dagli anni Sessanta con la stessa gestione propone ottime specialità di mare. Il Trillo Via Bergiola Vecchia 30 - Località Castagnetola (Massa) - ph +39 0585 46755 An attractive restaurant, where the colours of the earth dominate and food culture is well time-honoured. Un ristorante di charme, dove la cultura del cibo è di casa. Dalla stessa passione per i prodotti genuini, nasce la Cantina Bertazzoli. La Peniche Lungobrugiano (Marina di Massa) ph +39 0585 240117 Built on piles, French-style interiors. Fish specialities and also very good pizzas. Location molto particolare su di una palafitta. Ambiente con arredamento che riporta alla Francia. Specialità marinare ed anche ottime pizze.

Ninan Via L. Bartolini, 3 (Carrara) ph +39 0585 74741 A classic and refined restaurant offering traditional dishes revisited by the young chef. Classica signorilità in questo locale con proposte della tradizione rivisitate dal giovane chef.

PISA

Osteria dei Cavalieri Via San Frediano, 16 ph +39 050 580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti. Osteria del Porton Rosso Vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050 580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa. Dante e Ivana Viale del Tirreno, 207/c (Tirrenia) ph +39 050 32549 Good wines and elegant and intimate place. Creative fish cooking. Pregevole offerta di vini per una cantina a vista. Cucina marinara fantasiosa. Dal Duca Via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588 81510 In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale. Foresta Via Litoranea, 36 (Marina di Pisa) ph +39 050 35082 Excellent fish dishes. Small restaurant overlooking the sea. Molti piatti di pesce di ottima fattura. Piccolo ristorante affacciato sul mare. Lunasia Via dei Tulipani, 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams. One Michelin star. All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin. Pepenero Via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Miniato. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista. Peperino Via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita. Perbacco Viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586 650324 High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina.

PISTOIA

Atman - Villa Rospigliosi Via Borghetto, 1 - Località Spicchio (Lamporecchio) - ph. +39 0573 1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. One-Michelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

Antica Osteria da Divo Via Franciosa, 25 - ph +39 0577 284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale. Bottega Nuova Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577 284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce. Casato Via Casato di Sotto, 18/26 ph +39 0577 282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo. Fornace di Meleto Località Meleto Gaiole in Chianti, ph. +39 0577 738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa. I Terzi Via dei Termini, 7 - ph +39 0577 44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for Michele, the owner: he will suggest you the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare da Michele, il proprietario, le specialità della giornata. Osteria Le Logge Via del Porrione, 33 - ph +39 0577 48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco. Arnolfo Via XX Settembre, 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars. In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin. Badia a Coltibuono Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità.

Banfi Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti. Castello di Fighine Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) - ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin. I Salotti Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin. Il Colombaio Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin. La Bottega del 30 Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin. Meo Modo Borgo Santo Pietro Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata. Osteria di Fonterutoli Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei. Osteria Le Panzanelle Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

Firenze | made in Tuscany 193

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT

La Pineta Via dei Cavalleggeri Nord, 27 (Marina di Bibbona) ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant businesses due to the creations of Chef Luciano Zazzeri. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana grazie alle creazioni dello chef Luciano Zazzeri. Una stella Michelin. Osteria del Noce Via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) - ph +39 0565 901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra. Scacciapensieri Via Verdi, 22 (Cecina) ph +39 0586 680900 A modern restaurant. Top-quality fish prepared and served by a winning couple. Locale moderno. Specialità di mare di grande qualità. Moglie in cucina e marito in sala per un connubio vincente. Stella Marina Via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio - Isola d’Elba) - ph +39 0565 915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.


best of

Oltrarno4you

coolest An App on the rence in Flo neighborhood

Download the Oltrarno App to learn all about Florence’s Rive Gauche! A journey into a world that has preserved intact and dynamic the spirit of Florence, a city synonymous with beauty and style. From artisan workshops to antiques shops, places, churches, museum, the top restaurants, the bars and clubs most elegant. All this in more than 800 geolocated and easily accessible locations Per scoprire tutto sulla Rive Gauche di Firenze, scarica l’Oltrarno APP! Un viaggio in un mondo che ha conservato intatto e dinamico lo spirito di Firenze, città sinonimo di bellezza e stile. Dalle botteghe artigiane ai negozi di antiquariato, i palazzi, le chiese, i musei, i migliori ristoranti, i bar e i club più eleganti. Tutto questo in più di 800 indirizzi geolocalizzati e facilmente accessibili 194 Firenze | made in Tuscany


Firenze Made in Tuscany Magazine n.46  
Firenze Made in Tuscany Magazine n.46  
Advertisement