Issuu on Google+

enjoy your star Starhotels italian living magazine

n.5 spring/summer 2016

Itineraries CinecittĂ  | Romantic views | A journey through Italian crafts lifestyle Anouska Hempel and The Franklin | Peggy Guggenheim | Eataly Cooking Stars Celebrities Ennio Morricone | Oliviero Toscani | Scott Schuman


Faliero Sarti - SS016 - Firenze mag - double 460x293.indd 2-3


FA L I E R O SA R T I .CO M

01/12/2015 0


enjoy your star

The starhotels italian lifestyle magazine

22 30 25

26

28

38

30

34

n.5 spring/summer 2016/CONTENTS

tips

17 Accessory Summer trends I trend dell’estate 18 Travel Catch me if you can Prendimi se puoi 19 Men trends Deep blue Blu profondo

22 Icon wacths - Patek Philippe

64 Peggy Guggenheim

Stile d’avanguardia

and nonconformist

Avant-garde style

25 Web advice

Maria Sole Cecchi

It-girl and entrepreneur 28 Family itinerary

The great beauty La grande bellezza

30 Food & Wine matching The summer air Aria d’estate

20 Beauty The case of beauty I must-have dell’estate 21 Woman trends Orange me E arancio sia!

Art

Ingenious, fun,

Geniale, divertente e anticonformista

68 Caravaggio experience

Inside the art of Caravaggio Dentro l’arte di Caravaggio

Music theatre Cinema 34 Ennio Morricone

The Maestro of Music Il Maestro della musica

46 Oliviero Toscani

insight

run somewhere!

26 Ippolita Rostagno

da qualche parte!

Un viaggio bellissimo

Don’t just go jogging: Non fate jogging, andate

A beautiful journey


enjoy your star

The starhotels italian lifestyle magazine

46 52

64

70

68

56

42

84

n.5 spring/summer 2016/CONTENTS

42 Scott Schuman Mr. The Sartorialist. The world’s most famous fashion influencer

Il fashion influencer più seguito

e amato nel mondo 52 Anouska Hempel The Franklin. Charme & design The Franklin. Tra charme e design 80 Travel Tips Dreaming of a Midsummer holiday Sogno di una notte di mezza estate 84 Eataly cooking stars Stellar journeys in Milan Viaggi stellari a Milano

craft design 70 Artisans

The addresses of high-end

City events 89 New York 90 Paris

Italian craftsmanship

91 London

artigianato italiano

92 Milano

ITINERARIES

93 Venezia/Trieste

Gli indirizzi dell’alto

38 Cinecittà

94 Roma

The story of

95 Firenze/Torino

La storia

96 Parma/Bologna

the italian movie del cinema italiano 56 Romantic Views

The breathtaking sunsets

97 Bergamo/Genova 98 Napoli/ Saronno

of the world of Starhotels

Discover Starhotels Experiences

dell’universo Starhotels.

www.starhotels.com

I tramonti mozzafiato


enjoy your star The starhotels italian lifestyle magazine

n.4 autumn winter 2015

publisher

Starhotels S.p.A. editor in chief

Matteo Parigi Bini content manager

Stella Targetti

managing editor

Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Teresa Favi, Alessandra Lucarelli contributors

Giovanni Bogani, Sara D’Oriano, Mila Montagni, Giusy Riccetti, Elisa Signorini, Marco Talluri photographers

Maurizio Galimberti, Janos Grapow, Massimo Listri, Filippo Milani, Valentina Stefanelli, Oliviero Toscani art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

The Florentine, Tessa Conticelli advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Daniela Zazzeri editorial office

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini Via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 5/2014 del 28 marzo 2014 free copy stampa

Baroni & Gori Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl publisher

Via F. Turati, 29, - 20121 Milano - Viale Belfiore, 27 - 50144 Firenze www.starhotels.com - starhotels@starhotels.it Starhotels 3.840 rooms, 148 meeting rooms, 25 hotels, 20 four-star hotels in the heart of the most beautiful Italian cities, 1 five star hotel in Paris, 1 deluxe in New York and 3 boutique hotels in London. All the Starhotels are strategically located in the center of the cities. New York | Paris | London | Milano | Venezia | Trieste | Roma gRUPPO e DITORIALE Firenze | Torino | Parma | Bologna | Bergamo | Genova | Napoli | Saronno


New york

the michelangelo 152 West 51st Street

Milano

rosa grand

Paris

castille

33-37 Rue Cambon

Venezia

splendid venice

Piazza Fontana, 3

San Marco Mercerie, 760

Milano

Milano

Viale Andrea Doria, 4

Via Lazzaro Spallanzani, 40

E.C.HO

Firenze

tuscany

Via di Novoli, 59

Bologna

excelsior

Viale Pietramellara, 51

ritz

Firenze

Vespucci

Via San Quirico, 292/A

Bergamo

cristallo palace Via Betty Ambiveri, 35

London

the gore

190 Queen’s Gate, Kensington

Trieste

savoia excelsior palace Riva del Mandracchio, 4

Milano

tourist

Viale Fulvio Testi, 300

Firenze

michelangelo

Viale Fratelli Rosselli, 2

Genova

President

Corte Lambruschini, 4

25 hotels located in the most beautiful art capitals, in Italy and worldwide. Among these, 8 Collezione hotels stand out as shining stars in the heart of New York, Paris, London, Milano, Venezia and Trieste. The perfect combination of Italian style and contemporary influences. Every Starhotels property has its own unique personality and offers an authentic “Italian living” experience.

London

the pelham

15 Cromwell Place, South Kensington

Milano

Anderson

Piazza Luigi di Savoia, 20

Roma

metropole

Via Principe Amedeo, 3

Torino

Majestic

Corso Vittorio Emanuele II, 54

Saronno

Grand milan Via Varese, 23

London

The Franklin

22-28 Egerton Gardens, Knightsbridge

Milano

Business Palace Via Pietro Gaggia, 3

Roma

michelangelo Via della Stazione di San Pietro, 14

Parma

du parc

Viale Piacenza, 12/C

Napoli

terminus

Piazza Garibaldi, 91

25 hotel nelle più belle città d’arte, in Italia e nel mondo. Fra questi si distinguono per il loro particolare pregio gli 8 hotel Collezione nel cuore di New York, Parigi, Londra, Milano, Venezia e Trieste. Stile italiano e impronta contemporanea. Ogni albergo Starhotels ha una spiccata personalità e regala una piacevole esperienza del “buon vivere italiano”.

starhotels.com


contributors Oliviero Toscani He studied photography and graphic arts at the Zurich University of the Arts from 1961 to 1965. The creative force behind some of the world’s most successful magazines and brand, Toscani has created corporate images and advertising campaigns for numerous international brands. In March 2016, he produced Starhotels’ new ad campaign.

Piero Bagnasco Entrepreneur and company director. Oscar Farinetti’s righthand man since 1986, he contributes to the development of Unieuro and was actively involved in the founding of Eataly. Now he’s Managing Director of all the companies in the Eataly Group and Casa E. di Mirafiore & Fontanafredda.

Mariangela Rossi Genoa-born but Milanese by heart, she is a well-known lifestyle journalist. A long-time collaborator of Elle magazine, she has been working for other papers and magazines, such as Il Secolo XIX and Capital, for years. She has written several books and essays on the little pleasures in life.

Ippolita Rostagno Born in Florence, she moved to NY after finishing her studies at the Istituto d’Arte. Her jewellery collection, Ippolita, was founded by a woman for women and is much loved by celebrities around the world. Her new project, Artemest, is a market place dedicated to high-end Italian craftsmanship.

Anouska Hempel An internationally renowned architect and interior designer and a leading figure in London high society. She opened London’s first boutique hotel, The Blake, and her most recent projects include designing The Franklin Hotel, in the heart of Knightsbridge. Her client portfolio boasts projects for exclusive hotels, boutiques and yachts.

Ha studiato fotografia e grafica all’Università Delle Arti di Zurigo dal 1961 al 1965. Forza creativa dietro i più famosi giornali e marchi del mondo, ha creato immagini corporate e campagne pubblicitarie per marchi internazionali. Come fotografo di moda ha collaborato e collabora tuttora con giornali di tutto il mondo. A marzo 2016 ha firmato la nuova campagna Starhotels.

Imprenditore e dirigente d’azienda. Stretto collaboratore di Oscar Farinetti fin dal 1986, ha contribuito in prima persona allo sviluppo di Unieuro e alla creazione di Eataly. Oggi è Amministratore Delegato di tutte le aziende di produzione del Gruppo Eataly e di Casa E. di Mirafiore & Fontanafredda.

Nata a Genova ma adottata milanese da sempre, è una giornalista specializzata in lifestyle. Collaboratrice storica di Elle, scrive da anni anche per altre testate, quali Il Secolo XIX e Capital. Ha pubblicato libri e saggi sui piccoli piaceri della vita. (ph. Filippo Milani)

Nata Firenze , si trasferisce a NY appena terminati gli studi all’Istituto d’Arte. La sua collezione di gioielli, Ippolita, nasce da una donna per le donne ed è amata dalle star di tutto il mondo. Il suo nuovo progetto è Artemest, un “market place” dedicato all’alto artigianato italiano.

Architetto e interior designer di fama internazionale e una figura di spicco nell’high society londinese. A Londra ha fondato il primo boutique hotel, The Blake, e tra i progetti più recenti, ha curato il design del The Franklin Hotel, nel cuore di Knighstbridge. Nel suo portfolio annovera esclusivi progetti di hotel, boutique e yacht.

14


instagram.com/zannettisrl pinterest.com/ZannettiWatch facebook.com/zannettiwatches shop.zannetti.it

NNETTI Firenze VENEZI Magazine.indd 6

01/04/16 16:5


accessory t rends

GUCCI

Fine and so very dècor Preziosa e dannatamente dècor

CéLINE

LOEWE

Inspired by Brigitte Bardot Ispirazione Brigitte Bardot

Manga Style!

the Accessory of the season A fabulous combination that has everything it needs to emerge victorious. Bags and shoes that dictate Summer trends. Una super combo che ha tutte le carte in regola per uscire vittoriosa. Borse e scarpe che dettano il trend dell’estate

DOLCE & GABBANA Dreaming of Capri… Sognando Capri...

MIU MIU

Ballerina 2.0 Ode alla ballerina 2.0

CHANEL

For the Dorothy in all of us… Per la Dorothy in ognuna di noi...

17


travel t rend s

CATCH ME IF YOU CAN

Focusing on the old faithfuls. Suitcases designed for you, your style and your wanderlust… Focus sulle fedelissime. Valigie pensate per te, per il tuo stile, per la tua voglia di viaggiare...

1

2

3

4

5

6

7

8

9

1. 2. 3. 4. 5.

18

System Trolley, K-Way Printed toile e grained calfskin, Chanel Calèche-Express, Hermès Salsa Deluxe Ipanema, Rimowa Monogram Collection by Christian Louboutin, Louis Vuitton

6. 7. 8. 9.

Le Pliage Wheeled Carryon in Red, Longchamp Bellagio trolley, Brics Trolley Timeless Icons, Valextra Lite Shock, Samsonite


man t rends

rolex

hogan

A perfect compromise for the sneakers-addicts Un giusto compromesso per gli sneakers-dipendenti

Like a hypnotic dial, it’s called the Milgauss Dal quadrante ipnotico, il suo nome è Milgauss

hugo boss

Artisanal soul, exclusive materials Spirito artiginale, materiali esclusivi

deep blue

Like a bolt of lightning in a clear sky, blue stands out in the world of men’s fashion. And it’s love at first sight. Come un fulmine a ciel sereno, il blu si staglia nell’universo della moda maschile. Ed è subito amore

dior

Like a pilot, but in blue Aviatore si, ma in blu

hermès

Tell me which tie you want… Dimmi che cravatta vuoi...

ermenegildo zegna

Elegance has a name: the loafer L’eleganza ha un nome: mocassino

19


beauty t rend s

THE CASE OF BEAUTY

Journey to the new planet of beauty. Nine Summer must-haves so that you’ll always be on trend! Viaggio nel nuovo pianeta della bellezza. 9 must-have dell’estate, per essere sempre al top!

1

2

3

4

5

6

7

8

9

1. 2. 3. 4. 5.

20

Le revelation originelle mister scrub, Givenchy Face sun lotion, La Mer Luxurious lipstick, Gucci Happy In Bloom women’s fragrance, Clinique Diorskin nude air glowing garden, Dior

6. 7. 8. 9.

Garanium leaf body cleanser, Aesop Le Vernis nail gloss Sunrise Trip, Chanel Hand cream, & Other Stories Precious oil for body, Dyptique


woman t rends

prada

Playing with volume and geometry Gioco di volumi e geometrie

eres

marni

Beachwear strictly for the jetset Beachwear dalla vita rigorosamente alta

Sophisticated Hippie Style Hippy Style sofisticato

ORANGE ME Fresh, vibrant, energizing. The colour of fashion speaks the language of happiness. And what an Orange it is! Fresco, vitaminico, energizzante. Il colore della moda parla la lingua dell’allegria. E che Arancio sia!

giorgio armani A sporty-chic sandal Sandalo sporty-chic

salvatore Ferragamo

Code name: Varina. The most classic flat Nome in codice: Varina. La piĂš classica tra le ballerine

stella McCartney

Punk by calling Punk per vocazione

21


icon w at c hes

Avant-garde style

New Patek Philippe. One of the world’s most prestigious fine jewellery Maisons Novità Patek Philippe. Una delle Maison più prestigiose nel mondo dell’alta gioielleria

I

t all started in the first half of the nineteenth century in Geneva, where a company that would later become one of the most important and globally recognised watch Maisons was born: Patek Philippe. This is a company that embodies experience, history and innate style, but also technology and innovation. Since its founding, it’s produced a long succession of patents and models that, beyond being impeccable and elegant timepieces, have become status symbols for those who wear them. Though many of the models are now iconic, they’ve

22

never stopped being updated. Take, for example, the Nautilus, the innovatively designed stainless steel watch that defines the “sporty-chic” style for which it’s still well-known. In 2006, marking its 30th anniversary, it had a total re-launch with an entirely new collection. Now, this year, as Nautilus celebrates its 40th anniversary, Calendario Annuale, another historic Patek Philippe watch, turns 20. To mark this milestone, the company is presenting a new model available in 18-carat white gold with dark grey dial and 18-carat rose gold with silvered opaline dial. It’s

Tutto ha inizio a Ginevra, nella prima metà dell’Ottocento. È qui che nasce quella che poi sarà una delle Maison dell’orologeria più importanti e conosciute al mondo: Patek Philippe. Un’azienda che ha dalla sua esperienza, storia, stile innato, ma anche tecnica e innovazione. Da allora è cominciato un incessante avvicendarsi di brevetti e modelli che, oltre ad essere impeccabili ed eleganti segnatempo, sono diventati un vero simbolo di prestigio per chi li indossa. Molti i modelli iconici, che però non hanno mai smesso di rinnovarsi, come il Nautilus, l’orologio in

acciaio dal design innovativo che ha definito quello stile “sportivoelegante” per cui ancora oggi è noto e che nel 2006, in occasione dei suoi 30 anni, ha visto il rilancio di un’intera nuova collezione. Se Nautilus compie quest’anno 40 anni, Calendario Annuale, altro orologio storico di Patek Philippe, ne compie 20 e, per celebrare questo traguardo, la manifattura presenta un nuovo modello disponibile in oro bianco 18 carati con quadrante grigio scuro soleil e in oro rosa 18 carati con quadrante opalino argenté. Un’evoluzione delicatamente rivisitata sul piano


3 4

1

5 1. Calendario Annuale 5396R 2. Ora Universale 5230G 3. Nautilus 5711 4. Ora Universale 5230R 5. Ora Universale 5930G 6. Calendario Annuale 5396G

2

been delicately revisited on an aesthetic level, remaining in line with the versions released since 1996. As before, the new Calendario Annuale models have a mechanical movement with automatic winding that provides calendar information correctly throughout the year. All the wearer has to do is manually correct the date and month once on the cusp of February to March. 2016 also marks something new for Ora Universale, known among collectors as Worldtime, a line for refined globetrotters known for its extremely com-

6

plicated mechanism that marks different time zones. Given the major changes in the 24 time differences, Patek Philippe took the opportunity to update its models and revisit their design. The result is two original and contemporary models. But that’s not all. After nearly 80 years, Patek Philippe once again took on the challenge of creating a model that combines the already complex Ora Universale mechanism with that of a stopwatch. The result is a smart looking watch containing incredibly fine, cutting-edge technology.

estetico, in linea con le versioni presentate dal 1996. Come nei precedenti modelli, il nuovo Calendario Annuale ospita un articolato movimento meccanico a carica automatica che indica correttamente le informazioni del calendario durante tutto l’anno, basta correggere a mano la data e il mese una sola volta, al passaggio da febbraio a marzo. Questo 2016 segna novità anche per Ora Universale, nota anche tra i collezionisti con il nome Worldtime, una linea da raffinati globe-trotter caratterizzata da un meccanismo estremamente complicato che

segna i vari fusi orari del mondo. Viste le importanti variazioni dei 24 fusi ufficiali, Patek Philippe ha colto l’occasione per aggiornare i modelli e rivisitarne il design. Il risultato sono due modelli originali e contemporanei, Ma non solo. Dopo quasi 80 anni Patek Philippe rinnova la sfida di un modello che unisce il già complesso meccanismo di Ora Universale con quello del cronometro. Il risultato è un orologio dall’aspetto elegante che custodisce una tecnologia incredibilmente fine e all’avanguardia. 23


giovanniraspini.com

MILANO ROMA FIRENZE MONTECARLO VENEZIA


web advic e

The secret? Don’t take things too seriously! Up close and personal with entrepreneur and It-girl Maria Sole Cecchi A tu per tu con l’imprenditrice e It-girl Maria Sole Cecchi

A

Florence native, the young Maria Sole Cecchi founded handbag brand Les Petits Jouers and remains its designer. After living in Paris and Sao Paulo, she decided to return to her hometown to personally follow the production of her collections. Today, Les Petits Jouers bags are worn by celebrities around the world. How was the Les Petits Joueurs adventure born? It came out of playing around! I was living in Paris and a friend brought some Legos home to build a sculpture. I started to play with them and created the word Love. Not knowing where to put it, I decided to stick it on an old pouch that I had at home. It was immediately a huge success. Where do your ideas come from?

During the night, dreaming. Science fiction has always fascinated me: it drives me to overcome my limits and see what is normally unseen. Your ultimate style icon? Frida Kahlo. The best spots for inspiration in Florence? Boboli Gardens, the streets in the centre, the Polimoda library. Your greatest personal and professional satisfaction? Seeing my project grow and my business expand, the enthusiasm of the people who work with me, the eyes of the women when they wear my creations. The Les Petits Jouers brand is found in the best boutiques in the world and on the arm of the biggest celebrities. Beauty is...? A mix of ingredients: the key ones are self-awareness and self-confidence.

Fiorentina, la giovanissima Maria Sole Cecchi ha fondato il brand di borse Les Petits Jouers di cui è designer e creative director. Dopo aver vissuto a Parigi e a San Paolo, ha deciso di tornare nella sua città d’origine per seguire personalmente la produzione delle sue collezioni, interamente made in Italy. Oggi le borse Les Petits Jouers sono indossate dalle celebrities di tutto il mondo e vendute nei principali department stores di oltre 145 paesi. Come nasce l’avventura di Les Petits Jouers? Nasce per gioco! Vivevo a Parigi e un amico portò dei pezzi di Lego a casa per costruire delle sculture. Io iniziai a giocarci e creai la scritta Love. Non sapendo dove metterla decisi di incollarla su una vecchia pochette che avevo a casa. È stato subito un grandissimo successo, la gente mi fermava per la strada chiedendomi dove l’avessi comprata! Dove nascono le idee?

Durante la notte, sognando. La fantascienza mi affascina da sempre, mi spinge a superare i miei limiti e a vedere quello che di norma è invisibile. Un’icona di stile di tutti i tempi. Frida Kahlo. Luoghi ad alto tasso di ispirazione a Firenze? Il Giardino di Boboli l’estate, le vie del centro, la biblioteca del Polimoda. La tua soddisfazione più grande, personale e professionale. Vedere il mio progetto crescere, la mia azienda espandersi, l’entusiasmo delle persone che lavorano con me, gli occhi delle donne quando indossano una mia creazione. Il brand Les Petits Jouers nelle migliori boutique del mondo e al braccio delle più grandi celebrities. La bellezza è…? Un mix di ingredienti. Quello principale è la consapevolezza e sicurezza in se stessi. 25


Italian craft interview

txt Elisabetta Fabri

A beautiful journey Ippolita Rostagno’s dive into high-end Italian craftsmanship and artemest.com Quello con Ippolita Rostagno nell’alto artigianato italiano e nel portale artemest.com

A

ncient knowledge, contemporary language: it took a passionate Italian who had lived in New York for years to be able to communicate Made in Italy at such a high level. A project that revolves around a website - artemest.com - and which creates a market because, in her own words, “cultural promotion is not enough”. The jewellery designer adored by celebrities, Ippolita Rostagno, takes us on her journey into high-end Italian craftsmanship. Artemest is your baby, the result of a painstaking and beautiful pilgrimage to find the stores that preserve that unique Italian savoir-faire. Where did the idea come from? I was born and raised in Florence. My passion for materials and the artisan is part of my Dna. I have never severed my ties with Italy either personally or in terms of work. Thus this project matured slowly, especially when I began to worry that our heritage was disappearing. What was the driving force behind your decision? I realised that this industry’s debacle had nothing to do with a lack of work, but rather a lack of opportunity and communication. That’s why I chose to do such a thorough

26

job, going door to door through the territory. It was great to see that often these artisans, despite being cut off from the mainstream circuits for long periods, immediately found themselves abreast of the trends once they re-joined it. How is the site organised? It’s an e-commerce website entirely dedicated to high-end Italian craftsmanship divided into product categories. The design is very clean, bright and simple. Then we enter into every workshop and share stories about the faces and about their millennial gestures. How do you communicate the value of craftsmanship and of the hand-made today? Telling the stories. Everyone has everything, but the story, really makes a difference. Even your jewellery is artisan? Absolutely, today, as it was when I started, everything remains absolutely handmade. Tell us, how are your jewellery collections born... My jewellery is for independent women who decide to give themselves a gift without waiting for someone else to do so. Do you think it can work anywhere? In the United States it’s the norm, but even in Italy, women are increasingly aware of their value...

Sapere antico, linguaggio contemporaneo: ci voleva una pasionaria italiana che vive da anni a NY per riuscire a comunicare il made in Italy a livelli così alti. Un progetto che ruota intorno a un sito - artemest.com - e che crea mercato, perché, sono parole sue “la promozione culturale non basta”. Designer di gioielli adorata dalle star, Ippolita Rostagno ci racconta il suo viaggio nell’artigianato italiano. Artemest è una tua creatura, frutto di un pellegrinaggio faticoso e bellissimo a cercare le botteghe che custodiscono il savoir faire italiano. Come è nata l’idea? Sono nata e cresciuta a Firenze. La mia grande passione per i materiali e le lavorazioni artigianali fa parte del mio Dna. Un cordone con l’Italia che non ho mai reciso. Questo progetto è maturato piano piano, soprattutto quando ho cominciato a temere che questo patrimonio andasse disperso. Una passione che poi è diventata impresa. Qual è stata la molla che ti ha fatto decidere? Mi sono resa conto che il motivo della débâcle di questo settore non era causata dalla mancanza di lavoro, ma dall’assenza di opportunità, di comunicazione. Per questo ho scelto di fare un lavoro capillare sul territorio. E’ stato bello rendersi conto che spesso questi artigiani, pur rimanendo a lungo tagliati fuori

dai circuiti main stream, una volta che si riattivano, ritrovano subito il passo delle tendenze. Come è organizzato il tuo portale, Artemest.com? E’ un e-commerce interamente dedicato all’alto artigianato italiano, diviso per categorie merceologiche di prodotto. Questo è il contenitore, luminoso, di semplice consultazione. Noi poi siamo entrati in ogni laboratorio, raccontando facce e soprattutto gesti millenari. Come si comunica oggi il valore del fatto a mano? Raccontando le storie: tutti abbiamo tutto, ma il racconto, il come fa veramente la differenza. I tuoi gioielli hanno un Dna artigiano? Assolutamente sì, oggi come quando ho iniziato a creare i miei gioielli su un tavolo da lavoro nel mio appartamento di New York, tutto è assolutamente fatto a mano. Partendo dai materiali, dalle leghe dei metalli. Raccontami come nascono le tue collezioni di gioielli… I miei sono gioielli per donne indipendenti, che possono farsi un regalo senza aspettare che ci pensi qualcun altro. Per donne normali, che lavorano e si vogliono gratificare. Mi piace molto l’idea, ma secondo te funziona ovunque? Negli Stati Uniti è ormai la normalità ma anche in Italia le donne sono sempre più consapevoli del loro valore….


1

2

4

3

5

1. 3. 4. 5. Photos of six high-quality artisan workshops featured on Artemest.com 2. An intense portrait of Ippolita Rostagno, founder of Ippolita jewellery house and the Artemest project

27


txt Mariangela Rossi

FAMILY i t i ner a r y

The Great Beauty Conquering Rome as a family

Alla conquista di Roma, ma in famiglia

I

f Rome is a “great beauty”, then it’s even more so when seen through the eyes of a child: it’s as kid-friendly as it is lively. Strolling through the city is a delight, the metro reaches the main sights, and hopping on or off the tourist buses is also convenient. Families eagerly book stays at Starhotels properties (starhotels.com/ it/family-program). The Metropole, near the Termini railway Station, and the Michelangelo, a stone’s throw from the Vatican City, are our two four-star hotels, both offering a perk-filled Family Program. Up to two children can stay in a room with their parents for free, and they’ll get tasty, complimentary snacks, games and books on arrival, along with on-the-go necessities, from baby baths to strollers. The Starhotels group’s most recent acquisition, the five-star Hotel d’Inghilterra, is ideal for small sophisticated travellers and just a few metres from the Spanish Steps. Once kids are off to conquer the capital, they’ll get to jump right in to ancient Rome. There’s the Flavian Amphitheatre or Colosseum, where gladiators duelled and the smallest nation in the world, the Vatican. Have some educational fun

28

at Technotown (technotown. it), the toy library at Villa Torlonia that offers a look at new technologies. It features interactive areas like the virtual television and the LEGO Innovation Studio. There’s also Explora, the Children’s Museum (mdbr.it), a small city where everything has something to teach you. Then there’s the Fattoria di Fiorano (fattoriadifiorano.it) offering eco-friendly initiatives and educational workshops. At CineBimbiCittà in the Cinecittà Studios, kids can dream of becoming a costumer for a day or cook recipes from films. For nature-filled fun, there’s the Bioparco (bioparco.it) at Villa Borghese, a modern zoo that you can visit by bike or rickshaw. A few steps away is the Casina di Raffaello (casinadiraffaello.it), where kids paint and play and have storytime picnics with their parents in the Summer. The gardens at Villa Pamphili are another great spot for a picnic: try ViviBistrot (vivibistrot.it), a countrystyle restaurant. Craving gelato before snack time at Starhotels? The best artisan ice cream shops are Fatamorgana (gelateriafatamorgana.it) and Gori, (gorigelato.it). Gourmet, healthy and made-in-Rome.

Se Roma è “la grande bellezza”, vista con gli occhi dei bambini lo è ancora di più, essendo una città anche a misura di (piccolo) uomo. Si cammina con piacere, la metropolitana raggiunge le più importanti attrazioni e salire e scendere dai bus turistici che fanno la spola tra queste è molto comodo. Le famiglie prenotano sempre volentieri negli alberghi firmati Starhotels (starhotels.com/it/ family-program): il Metropole, nei pressi della Stazione Termini, e il Michelangelo, a due passi dalla Città del Vaticano, sono i due 4 stelle che offrono anche un vantaggioso Family Program, con la gratuità sino a due bambini se in camera con i genitori, spuntini golosi complementary, giochi e libri all’arrivo e tutto l’occorrente utile in viaggio, dalla vaschetta per il bagno al passeggino. La recente acquisizione del gruppo Starhotels, ideale per piccoli viaggiatori sofisticati, è l’Hotel d’Inghilterra, storico 5* a pochi metri da Piazza di Spagna. E poi via, alla conquista della capitale, immergendosi subito nel fascino dell’Antica Roma, dopo tutti riferimenti storici imparati a scuola. Come l’Anfiteatro Flavio, o Colosseo, dove si tenevano i duelli tra gladiatori, e lo Stato più piccolo del mondo, il Vaticano, per ammirare il Papa la domenica mattina e i giochi ottici dello spettacolare colonnato. Divertimento intelligente da

Technotown (technotown. it), la ludoteca a Villa Torlonia che strizza l’occhio alle nuove tecnologie, con spazi interattivi, come il virtual set televisivo e il LEGO® Innovation Studio, e ad Explora, il Museo dei Bambini (mdbr.it), una piccola città in cui tutto ha un risvolto educativo. Anche la Fattoria di Fiorano (fattoriadifiorano.it), di Alessia Antinori, sull’Appia Antica, propone iniziative ecosostenibili e laboratori didattici. A CineBimbiCittà, negli Studios di Cinecittà, i bimbi sognano diventando costumisti per un giorno o cuochi con le ricette dei film. Proseguendo nel verde, il Bioparco (bioparco.it), a Villa Borghese, è il moderno giardino zoologico, da visitare anche in bici o in risciò. A due passi, la Casina di Raffaello (casinadiraffaello.it), dove possono dipingere e giocare e, in estate, fare picnic letterari con i genitori. Ancora picnic nei giardini a Villa Pamphili: li propone ViviBistrot (vivibistrot. it), ristorante in stile country. Un gelato prima dell’attesa merenda nel loro Starhotels? I migliori artigianali sono Fatamorgana (gelateriafatamorgana.it), dove si assaggia il Biancaneve, con salsa di lamponi, panna e mela, e Gori, (gorigelato.it), famoso per il suo cioccolato. Gourmand, sani e made- in- Rome.


1

2

3

4

5 1.2. Biopark at the Villa Borghese 3.The Starhotels Family Program: Children are our special guests 4. Villa Torlonia, home to the Technotown playroom 5. Explora, the Children’s Museum

29


food & wine mat c h i n g

The summer air

Simplicity in the service of the finest ingredients is immortalised in this recipe, Trofie al Pesto from the President Hotel in Genoa La semplicità a servizio di materie prime nobili, nella ricetta delle Trofie al Pesto del President di Genova

T

his pesto should be made using a marble mortar and olive pestle.

Place 60 basil leaves from Pra’ in a mortar with 1 or

2 cloves of garlic, salt and 2 tablespoons of Ligurian olive oil,

and pound in a rotating motion. Add 30g of pine nuts, 30g of

grated Pecorino cheese, 30g of grated Parmigiano Reggiano and another 2 tablespoons of extra virgin olive oil. Continue pounding.

The sauce should be smooth, creamy and bright green. If

you’re short on time, use a blender, but pause often so that the

ingredients don’t get warmed, especially the basil and oil. Boil plenty of water in a large pot.

Plunge in 150g of green beans, cut into 3cm pieces, and 150g of potatoes, cut into thin slices or cubes.

After five minutes, add 350g of trofie. When the trofie are cooked, drain everything.

Place in a bowl and toss with the pesto thinned with a couple of tablespoons of the cooking water.

30

Il pesto dovrebbe essere realizzato con il mortaio di marmo e il pestello d’olivo. Mettete 60 foglie di basilico di Pra’, 1 o 2 spicchi d’aglio, il sale, 2 cucchiai di olio extravergine ligure nel mortaio, pestate in modo rotatorio. Aggiungete poi 30 g di pinoli, 30 g di pecorino grattugiato, 30 g di Parmigiano Reggiano grattugiato e altri 2 cucchiai di olio extravergine continuando a pestare in senso rotatorio. La salsa deve risultare omogenea, cremosa e di un bel verde brillante. Se si dispone di poco tempo usare un frullatore con frequenti pause per evitare si surriscaldare gli ingredienti, in particolare il basilico e l’olio. Mettete a bollire molta acqua in una pentola capiente. Quando raggiunge il bollore tuffatevi 150 gr di fagiolini a pezzetti di 3 cm e 150 gr di patate tagliate a fette sottili o a cubetti. Dopo cinque minuti tuffate anche 350 gr di trofie. Quando le trofie sono cotte scolate tutto insieme e condite in una zuppiera con il pesto, intiepidito soltanto con un paio di cucchiai di acqua di cottura.


food & wine mat c hing

Pigato DOC Riviera Ligure di Ponente Calvini Minimum Pigato 95% The best Pigato grapes are grown on a hill at least 300 metres above sea level, close to the beach but with a night-time temperature that favours the development of the wealth of aromas that this classic Ligurian wine is known for. Pale yellow, it tends to turn golden yellow with age. It has fruity and dry taste and a bouquet of the Mediterranean forest and yellow stone fruits. Of great elegance, this Pigato di Calvini is to be served at a temperature of 8-10°C.

Pigato Doc Riviera Ligure di Ponente – Calvini Pigato minimo 95% I migliori Pigato sono coltivati in collina ad almeno 300 m sul livello del mare: in un ambiente, vicino al mare ma in grado di godere di una escursione termica notturna che favorisce il patrimonio di profumi di questo classico vino ligure. Di colore giallo paglierino, se invecchiato tende al giallo dorato; ha sapore sapido e secco, profumi di macchia mediterranea e polpa gialla. Di notevole eleganza, questo Pigato di Calvini, va servito a una temperatura di 8 -10°.

Pairing With pesto, you must serve a wine that is at a par with the sauce in terms of aromas and flavour. It should never stifle or suffocate it. It should degrease the palate and cleanse your mouth of the oily sauce, leaving your mouth refreshed for the next bite. In order to degrease and cleanse, a wine must have a certain level of acidity. The best wine to accompany this trofie al pesto is undoubtedly Pigato DOC Riviera Ligure di Ponente.

L’abbinamento Per il pesto serve un vino che sia ‘alla pari’, in quanto a profumi e gusto, con la salsa: non deve né soffocare né essere soffocato. Che sgrassi il palato e ripulisca la bocca dalla sensazione di untuosità che la salsa ci lascia sul palato, preparandoci ad un nuovo boccone. Per poter sgrassare e ripulire, un vino deve possedere una certa acidità. Il vino migliore da abbinare alle trofie al pesto è indubbiamente il Pigato Doc Riviera Ligure di Ponente.

A passion for good things

The unique style of Antonio Palena, Chef at the President Genoa Lo stile unico di Antonio Palena, Chef del President di Genova

Originally from Abruzzo, Chef Antonio Palena graduated from hotel management school and has worked in some of the best hotels in Italy, dabbling in a variety of regional cuisines. His kitchen bears the hallmarks of research, innovation, tradition and typical products with a unique style, the result of an extraordinary passion that takes him on an endless journey through professional training to discover useful new techniques and combinations that highlight the best the market has to offer. Originario dell’Abruzzo, dopo l’istituto alberghiero ha lavorato nei migliori hotel italiani sperimentando le differenti cucine regionali. La sua cucina  porta il segno della contaminazione tra ricerca, innovazione, tradizione e valorizzazione delle tipicità con uno stile unico, frutto di una straordinaria passione che lo ha portato, attraverso continui aggiornamenti professionali, a scoprire nuove tecniche e abbinamenti utili a valorizzare il meglio che il mercato propone. 31


LET YOUR GUESTS FEEL AT HOME

The Rerum Natura, the nature of cosmetics. A cosmetic collection inspired by authentic preparations, accompanied by a precious frangrance achieved with the exclusive use of essential oils thus eliminating synthetic fragrances. All cosmetics are formulated according to the most severe standards in terms of sustainability, and have obtained the COSMOS ORGANIC certification.


Hopal works toward a sustainable world. Hopal’s mission is to contribute to sustainable consumption. By choosing products and services that are Nordic Ecolabelled, consumers can actively contribute to the ultimate goal of achieving a sustainable society.

Acca Kappa Giallo Elicrisio. Acca Kappa is a niche brand universally recognised as a byword for luxury and reliability.The amenities product line is inspired by Giallo Elicrisio perfumes.

WE ARE A VIRTUOUS COMPANY We create body care products, outstanding quality soaps, shower gels, shampoos and creams. We

believe

of

both

form

Gfl

product

Each

superior

in

quality

quality

in

and is

function.

crafted

ingredients,

terms from studied

with scientific precision / Every formula is the result of a rigorous process that Custom colletion for Starhotels group. Starhotel chooses GFL for its courtesy line.

guarantees its propertiesand efficacy / We are committed

to serving people

and respecting the environment and our product lines are designed to be sustainable.

www.gfl.eu Your personal eco-healthy tratment, enjoy! Anyah cosmetics are perfectly formulated to keep skin and hair healthy, its packaging is designed to reduce CO2 emissions, no wonder the range meets the EU Ecolabel criteria!


txt Giovanni Bogani

movie i nt er vi ew

The Maestro of Music

At 87, Ennio Morricone finally won the Academy Award for Best Original Score Ennio Morricone. A 87 anni, finalmente il premio dell’Academy per una colonna sonora originale

L

ast February, in Los Angeles, Ennio Morricone earned an Oscar for the score of Quentin Tarantino’s The Hateful Eight. After more than five hundred films, it was his first Oscar for a specific score, but he’d already won another for his career, along with countless other awards throughout his fiftyyear tenure in the industry. During that time, he worked extensively for Hollywood, but always stayed very close to his Italy. Morricone is a music legend: he’s composed scores for Pasolini and Dario Argento, Brian De Palma, Tornatore and Oliver Stone, to name a few. He’s lent sounds to cinematic colors: to yellow powder, to saloon doors, and to the leather and gunpowder of Sergio Leone’s Westerns. He’s 34

composed songs for Italy’s greatest pop singer, Mina. For Joan Baez, he wrote The Ballad of Sacco and Vanzetti, an anthem for the struggle against injustice. If these varied and elusive years have a Beethoven, it just might be him. We spoke on the phone on the eve of the Oscars, not knowing that he would go on to win. Maestro, when performing ‘your’ music, do you change things a bit, reinterpreting them? Never. Once music is written, it shouldn’t be tampered with anymore, in my opinion. I’ve never been tempted to change the “bones” of my work. Five hundred scores in half a century: how do you maintain this pace? What practices do you have? I do a lot of walking, but only because I spend so much time

Lo scorso febbraio, a Los Angeles, Ennio Morricone ha ricevuto l’Oscar per le musiche originali di The Hateful Eight di Quentin Tarantino. Il suo primo Oscar per una colonna sonora specifica, dopo oltre cinquecento film. Ma di Oscar ne aveva ricevuto già uno, alla carriera. E altri innumerevoli premi, in un’attività durata mezzo secolo, nel corso della quale ha lavorato tanto per Hollywood, pur rimanendo sempre attaccatissimo alla sua Italia. Ennio Morricone è una leggenda della musica. Ha composto colonne sonore per Pasolini, Dario Argento, Brian De Palma, Tornatore, Oliver Stone. Ha dato suoni ai colori: al giallo della polvere, alle porte dei saloon, al cuoio e alla polvere da sparo nei western di Sergio Leone. Ha composto canzoni per la più grande pop

singer italiana, Mina. Per Joan Baez ha scritto la canzone di Sacco e Vanzetti, diventata un manifesto della lotta contro l’ingiustizia. Se questi anni multiformi e inafferrabili hanno un Beethoven, forse è proprio lui. Lo avevamo raggiunto al telefono alla vigilia della notte degli Oscar. Non sapeva ancora che avrebbe vinto. Maestro, quando esegue le ‘sue’ musiche le cambia un po’, le reinterpreta? Mai. Quando una musica è scritta, secondo me poi non si tocca più. Non sono mai stato tentato di cambiare pelle ai miei lavori. Mezzo secolo di musica, cinquecento partiture. Come fa a mantenere questo ritmo? Quali sono le sue abitudini? Faccio molte camminate: ma soltanto perché poi sono costretto tanto tempo


Ennio Morricone, born in Rome, is an Italian composer, musician and orchestra conductor

35


The Maestro’s baton during a performance

sitting. For the rest, my passion for music keeps me going. Do your music’s themes come from your imagination, through some sort of internal “melody,” or by listening to inspirations, sounds, other music? They always come from me. I play and sing all the time inside my head. Sometimes, music I like flows out. How do you structure your scores? How do you begin? Who do you consult? Nobody. I am always a loner. I don’t know if other composers work in teams or seek others’ advice. For me, it’s always a solitary adventure. Our world is full of noise. Silence seems to have been defeated. How has this affected you? I don’t condemn the noise. It’s a source for music. I can’t help 36

‘My music’s theme come from me. I play and sing all the time, inside my head. Sometimes, music I like flows out’ but listen to it. It’s inspiration: even as it’s unpleasant, it’s brutally beautiful, full of experience and life. I’ve realised that sometimes I focus on a particular noise - the hum of an airplane, for example and turn it into a kind of inner song. You’re very popular in Hollywood, but don’t like to fly or travel. How do you make it work? Post-September 11, I rarely fly. With Americans, I’m very clear. If you want to work with me, I record everything in Rome. If they want to come, they will.

a tavolino. Il resto lo fa la passione per la musica. I temi delle sue musiche nascono dalla testa, da una specie di “musicare” interno, oppure dall’ascolto di suggestioni, di rumori, di altre musiche? Nascono sempre solo dalla testa. Io suono e canto in continuazione, dentro di me. E qualche volta, viene fuori una musica che mi piace. Come struttura le colonne sonore? Da che cosa inizia? Con chi si consulta? Con nessuno. Sono sempre un solitario. Non so se altri

compositori lavorano in team, o si consigliano con qualcuno: per me è tutta un’avventura solitaria. La nostra civiltà è piena di rumore. Il silenzio sembra sconfitto. Che effetto le fa? Non condannerei il rumore. È una risorsa per la musica. Non faccio che ascoltare rumori. Sono una fonte di ispirazione, perfino sgradevoli ma di brutale bellezza, densi di esperienza e di vita. Mi accorgo di concentrarmi, a volte, su qualche rumore particolare – il ronzio di un aereo per esempio – e di trasformarlo in una specie di canto interiore. Lei è amatissimo a Hollywood, ma non ama molto volare e spostarsi. Come fa? Dopo l’11 settembre, volo pochissimo. Con gli Americani, sono molto chiaro. Se vogliono


Morricone and the Oscar he won for the soundtrack of Quentin Tarantino’s film

Through working like this, I’ve had the honour of hosting Barry Levinson, Warren Beatty and others at my dining table... Chess is another one of your passions. Do you still play? Unfortunately no. Chess is a serious matter and I hate to lose matches because of a silly oversight. I admired so many Italian masters, like Giorgio Porreca and Stefano Tatai. And of course, I was very passionate during the historic competition of the early ‘70s, between Spasskij and Fischer, which pit two chess geniuses and two worlds against one another. You’ve had a long career: three-quarters of a century. And a happy, sixty-year marriage with four children. How did you manage that? It actually wasn’t difficult. My work has always allowed me

to spend a great deal of time at home. I would compose in one room while my wife was in another. We never lost sight of one another. I also had time to play with my children. Who do you feel close to among your younger colleagues? I really like Nicola Piovani, Franco Piersanti, Luis Bacalov. Among the younger ones, I’ve heard something interesting about Dario Marianelli. But if I were to choose an heir, I wouldn’t know who to pick. Forgive my curiosity, but where do you keep the Oscar you won for your career? In my study, almost hidden. I’ve got David, the Lions and the Oscar on a shelf. But I don’t pay much attention to it. Now that he has another, he’ll have to put the first one somewhere else, anyway.

lavorare con me, io registro tutto a Roma. Se vogliono, vengono loro. Così, mi hanno fatto l’onore di cenare a casa mia Warren Beatty e Barry Levinson… Un’altra sua passione sono gli scacchi. Gioca ancora? Purtroppo no: gli scacchi sono una cosa seria, e mi scocciava perdere le partite per una svista stupida. Ho ammirato tanto alcuni maestri italiani, Giorgio Porreca, Stefano Tatai. E naturalmente, mi sono esaltato negli anni della storica sfida, all’inizio degli anni ’70, tra Spasskij e Fischer, che contrapponeva due geni degli scacchi e due mondi. Una carriera lunga tre quarti di secolo. E un matrimonio, felice, che dura da sessant’anni, con quattro figli. Ma come ha fatto? In realtà non è stato difficile.

Il mio lavoro mi ha anche permesso di stare molto tempo a casa. Io componevo in una stanza, mia moglie stava in un’altra. Non ci siamo mai persi di vista. E ho avuto anche il tempo di giocare con i figli. Chi sente più vicino, fra i suoi colleghi più giovani? Mi piacciono molto Nicola Piovani, Franco Piersanti, Luis Bacalov. Tra i più giovani, ho sentito qualcosa di interessante di Dario Marianelli. Ma se dovessi indicare un erede, non saprei. Perdoni la curiosità: ma l’Oscar alla carriera, dove lo tiene? Nel mio studio, un po’ nascosto. Su un mobile, ci sono i David, i Leoni e l’Oscar. Ma non è che ci faccia molto caso. Adesso che se ne è aggiunto un altro, dovrà nasconderlo da qualche parte. 37


txt Guido Parigi Bini

movie i t i ner ar y

the story of the italian movie Cinecittà, the heart of Italian and international cinema Cuore del cinema italiano e internazionale

C

inecittà is better known as Italian Hollywood, the factory of neorealism, peplum and spaghetti westerns. Legendary since 1937, it exploded shortly after the Second World War with a crescendo of production that continued until the ‘80s, when the glory years of the American epic ended and cinematic activity here slowly reduced. Its birth was the fascist regime’s response to the progressive decline of Italian cinema. After a number of beloved features that, in the first twenty years of the twentieth century, had been appreciated all over world, Italian-produced work was now being overshadowed by both American and German cinema. In 1931 Fascism, which strongly supported film as a propaganda tool,

38

passed a law that penalised imports and stimulated domestic films. Production was initially centred on the Roman factories of the Cines, but the regime quickly decided that a dedicated complex was needed. To create the new film city, ​​50 hectares along via Tuscolana, in the middle of the Roman countryside, was bought. It began as a private establishment, but was made public soon after. Work started on January 30, 1936 and after only fifteen months, Mussolini inaugurated the new complex on April 28, 1937. To build the 22 soundstages, 10-hectare back lot with huge swimming pool in the park, facilities for post production and workshops for set construction, the carpenters and machinists of the old Cines were hired, along with the technicians from Cines who

Cinecittà è quella che tutti conoscono come la Hollywood italiana, la fabbrica del neorealismo, dei peplum, degli spaghetti western. Un mito dal 1937, esplose subito dopo la Seconda guerra mondiale con un crescendo di produzioni fino agli anni ’80, quando si concluse la grande stagione dei kolossal americani e l’attività filmica si è via via ridotta. La sua nascita fu la risposta del regime fascista alla progressiva decadenza della cinematografia italiana che - dopo una serie di pregevoli lungometraggi che nel primi vent’ anni del Novecento l’aveva fatta apprezzare nel mondo (primo fra tutti Cabiria di Giovanni Pastrone, rimasto in cartellone a New York per dieci mesi) - era stata messa in ombra sia dalla cinematografia americana sia da quella tedesca (Lang, Pabst, Murnau, ecc.).

Nel 1931 il Fascismo, che sosteneva fortemente il cinema come strumento di propaganda, varò una legge tendente a penalizzare le importazioni e a stimolare i film nazionali. La produzione s‘incentrò negli stabilimenti romani della Cines ma poi il regime intese fare le cose in grande: per realizzare la nuova città del cinema fu acquistata un’area di 50 ettari lungo la via Tuscolana, in piena campagna romana. Nacque come iniziativa privata, ma lo Stato la rese in breve pubblica. I lavori ebbero inizio il 30 gennaio 1936 e dopo soli quindici mesi, il 28 aprile 1937, Mussolini inaugurò i nuovi stabilimenti. Per l’edificazione del complesso - 22 teatri di posa, un backlot di 10 ettari con un’enorme piscina immersa nel parco, strutture per la post produzione e laboratori per l’allestimento delle strutture sceniche - si utilizzarono


Two images from the Cinderella miniseries, shot at CinecittĂ  (photo: Moris Puccio)

39


From left: Amici Miei - Come tutto ebbe inizio and Rome (Tv Serie)

had given life to the first Italian sound film, The Song of Love, in 1930. Development, printing and assembly complexes were also built, as well as the Istituto Luce and Experimental Cinematography Centre. In 1937, 19 films were made at Cinecittà, including The Ferocious Saladin by Mario Bonnard, inspired by the famous illustrated card competition started by the Perugina company. In 1940, 48 films were shot inside the studios, in 1942, 59. In 1943, production fell to 25 then the war stopped everything. After the war, the complex was restored and filming activities took off rather slowly. It was only in 1947, three years after the liberation of Rome, that the first post-war film was shot: Heart and Soul by Duilio Coletti. In 1948, the first American 40

film arrived, Prince of Foxes by 20th Century Fox, a forerunner to the explosion of American productions at Cinecittà from Quo vadis? by Mervyn LeRoy in 1951 to Ben Hur by William Wyler in 1959 and all the peplum genre films. The boom originated from the economic competitiveness of the Roman studios, but also thanks to a law that prevented foreign producers from exporting gains made in Italy, forcing them to reinvest locally. The success of these American productions introduced to the still provincial and pompous Rome of the fifties, “modern” sociological and worldly concepts like stardom, parties, intrusive photographers (which in Rome were called “paparazzi”) and nightclubs. The sweet life of a Fellini film was the symbol of this evolution. And Cinecitta

carpentieri e macchinisti della vecchia Cines, nonché i tecnici che nella Cines avevano dato origine al primo film sonoro italiano: La canzone dell’amore del 1930. Venne anche creato un centro che comprendeva stabilimenti di sviluppo, stampa e montaggio, la sede dell’Istituto Luce e quella del Centro sperimentale di cinematografia. Nel 1937 vi furono prodotti 19 film, fra i quali Il feroce Saladino di Mario Bonnard, ispirato al famosissimo concorso di figurine bandito dalla Perugina. Nel 1940 furono 48 i film girati all’interno degli studi, nel 1942 i film furono 59. Nel 1943 la produzione crollò a 25, poi la guerra travolse tutto. Dopo la guerra, ripristinate le strutture, l’attività riprese con una certa lentezza e solo nel 1947, tre anni dopo la liberazione di Roma, venne girato il primo film del dopoguerra: Cuore di

Duilio Coletti. Nel 1948 arrivò il primo film americano, Il principe delle volpi della 20th Century Fox, antesignano dell’esplosione di Cinecittà con le produzioni americane: da Quo vadis? di Mervyn LeRoy nel 1951 a Ben Hur di William Wyler nel 1959, tutti film del genere peplum. Il boom ebbe origine dalla competitività economica degli studi romani, complice anche una legge che non consentiva ai produttori stranieri di esportare i guadagni realizzati in Italia, obbligandoli di fatto a reinvestire in loco. Il successo delle produzioni americane introdusse nella società romana degli anni Cinquanta, ancora provinciale e paludata, fenomeni di sociologia e mondanità “moderne” quali il divismo, i parties, i fotografi invadenti (che a Roma si chiamarono “paparazzi”), i night club: La dolce vita di Fellini fu il film simbolo di questa


The Temple of Jerusalem, built for The Young Messiah (photo: Philippe Antonello)

became the mythical Eldorado dreamed of by the beautiful Italian girls who competed in Miss Italia. This phenomenon was represented in Bellissima by Luchino Visconti and Fellini’s Roma. In 1959, the Americans returned home, the Hollywood on the Tiber was over and that meant a steep drop in production. In the late sixties, with the growth of television, the end of the historical character blockbuster and the parallel Italian film industry woes, Cinecittà slowly lost the engineering and manufacturing edge that had made it legendary. Seeking revival, it was bought out by a private company, “Cinecittà Studios”, and in recent years, the studios have once more hosted big American productions like Black Stallion by Carroll Ballard (1977), The Godfather - Part III

Catch ‘Cinecittà si mostra’, an exhibition that traces the history of Cinecittà, while staying at our Starhotels hotels in Rome by Francis Ford Coppola (1988), Daylight by Rob Cohen (1996), The English Patient by Anthony Minghella (1996), Gangs of New York by Martin Scorsese, The Life Aquatic with Steve Zissou by Wes Anderson, The Passion of the Christ by Mel Gibson and the television series Rome. Today the film centre is open to the public. Cinecittà si mostra is a permanent exhibition that traces the history of Cinecittà: the scenes, costumes, sets and characters, and the actors, directors and producers who have walked through what was once nicknamed the “Dream Factory”.

evoluzione. E Cinecittà divenne il mitico Eldorado sognato dalle belle ragazze italiane che gareggiavano per Miss Italia. Questo fenomeno venne rappresentato in Bellissima di Luchino Visconti e in Roma di Fellini. Nel 1959, gli Americani tornarono a casa, l’Hollywood sul Tevere ebbe fine e significò un crollo verticale di produzioni. Dalla fine degli anni Sessanta, con la crescita della televisione, la fine delle produzioni colossal di carattere storico e la parallela crisi dell’industria cinematografica italiana, Cinecittà perse lentamente il primato tecnico e produttivo che l’aveva resa mitica. La nuova svolta quando

è subentrata una società privata, la “Cinecittà Studios”, e negli ultimi anni i teatri hanno di nuovo ospitato alcune grosse produzioni americane come Black Stallion di Carroll Ballard (1977), Il Padrino - Parte III di Francis Ford Coppola (1988), Daylight - Trappola nel tunnel di Rob Cohen (1996), Il paziente inglese di Anthony Minghella (1996), Gangs of New York di Martin Scorsese, Le avventure acquatiche di Steve Zissou di Wes Anderson, La Passione di Cristo di Mel Gibson e la serie televisiva Rome (2005 -2007). Oggi il centro cinematografico può anche essere visitato da tutti: “Cinecittà si mostra” è un percorso espositivo permanente che ripercorre la storia di Cinecittà: le scene, i costumi, i set, i personaggi che sono passati in quella che è stata definita la “Fabbrica dei sogni”. 41


txt Teresa Favi

fashion i nt er vi ew

Mr. The Sartorialist A chat with Scott Schuman, the world’s most famous fashion influencer Incontro con Scott Schuman, il fashion influencer più seguito e amato nel mondo

H

is point of view is one of the most influential in the fashion world. The person in question is Mr. Scott Schuman, the man behind The Sartorialist, a blog, now increasingly supplemented by Instagram, and a fashion bible for those in the industry and millions of others. His hair is parted to one side, making him look like a 1950s superhero. With his sweet face, blue eyes and strong jawline, he is one of the few men who can look stylish in nothing more than a pair of Bermuda shorts. Born in Indiana in 1968, he graduated in apparel merchandising and then worked his way up the ladder working in sales for brands like Jean Paul Gaultier, Helmut Lang and Bergdorf Goodman. This experience in a less creative but equally 42

His posts capture the unique and personal style of the people he sees out and about. Whether they’re famous or not important sphere of the fashion industry brought him into contact with with fashion that sells, something that doesn’t always coincide with what you see on the runway. When The Sartorialist launched on September 29, 2005, the focus of Scott Schuman’s lens shifted for the first time in the history of fashion to an emphasis on people and the world, seen as the endless setting for a perennial fashion show: life. Schuman doesn’t overlook anyone or anything. In his posts, he captures the unique personal style of the creators, producers, vendors, industry employees and consumers, from famous faces to strangers he’s met on the street. The most widely followed fashion blogger in the world never stays still. If one day he’s in NY, the next he’s at Pitti Uomo

Il suo punto di vista è tra i più influenti nel mondo della moda. Il personaggio in questione è Mr. Scott Schuman che ha fatto del suo The Sartorialist, blog oggi sempre più integrato da Instagram, la bibbia fashion per addetti ai lavori e milioni di utenti. Ha i capelli con la riga di fianco. Sembra un supereroe degli anni Cinquanta, viso dolce, occhi azzurri, mascella decisa, ed è uno dei pochi uomini che riescono a essere perfetti anche con un paio di bermuda da studente. Nato nell’Indiana nel 1968, si è laureato in merchandising dell’abbigliamento, e poi si è fatto le ossa lavorando negli uffici vendita di brand come Jean Paul Gaultier, Helmut Lang e Bergdorf Goodman. Quest’esperienza in un ambito meno creativo del fashion system, ma ugualmente importante, gli ha consentito di toccare con mano la moda che si

vende, che non sempre coincide con quella che sfila. Quando The Sartorialist apre i battenti il 29 Settembre 2005, l’obiettivo della macchina fotografica di Scott Schuman sposta, per la prima volta nella storia della moda l’accento sulle persone e sul mondo, visti come infinita scenografia di una sfilata perenne: la vita. Non trascura niente e nessuno. Nei suoi post cattura lo stile unico e personale di creatori, produttori, venditori, addetti al settore e consumatori, dai più famosi a perfetti sconosciuti intercettati per strada. Il fashion blogger più seguito nel mondo, si sposta continuamente: se un giorno è a NY, l’altro è al Pitti Uomo di Firenze a documentare con orgoglio maschile i dettagli sartoriali di dandy impeccabili, frutto della grande tradizione artigianale che, in fondo, sono la sua mania, come si intuisce dal


43


Scott Schuman getting to grips with his new capsule collection ‘The Sartorialist for Roy Rogers’

in Florence to document, with male pride, the sartorial details of the flawless dandy, the result of a great artisan tradition that, after all, is his obsession, as you might have guessed from the blog’s name. Even if, as he says himself in this interview, “Pitti has been highlighting, for some time now, the growing phenomenon of street and youth fashion, which was not the case ten years ago, when I first attended”. Since we’re talking about Florence, which are your favourite hangouts? Since Florence is usually the first stop for men’s fashion fairs, the first thing that comes to mind is good Italian food. I always go to Trattoria Cammillo, La Sostanza or Il Vegetariano at the Mercato Centrale (a veggie restaurant that my girlfriend loves). 44

Vegetariano al Mercato Centrale (ristorante vegetariano che la mia ragazza adora). E per lo shopping? Per prima cosa, mi fermo nei negozi i cui proprietari sono diventati, negli anni, miei amici. Frasi di Simone Righi, Luisa Via nome del suo blog. Anche se, come Roma, Milord e Eredi Chiarini. And for shopping? Mi piace sempre di più andare First, I stop by the shops whose ci racconta lui stesso in questa intervista “da qualche tempo Pitti nei piccoli negozi d’antiquariato owners have become my e quest’anno sono deciso a farmi friends over the years. Frasi by sta mettendo in luce il crescente fare una cornice da ArteIntaglio di Simone Righi, Luisa Via Roma, fenomeno della street fashion Carlo Chiti in via del Porcellana. e moda giovane, cosa che non Milord and Eredi Chiarini. I always like to go to tiny antique avveniva dieci anni fa, quando ho Prima del suo blog The Sartorialist i trend e lo stile cominciato a frequentarla”. shops and this year I decided Visto che parliamo di Firenze, del momento erano dettati to get a frame made at the solo dalle passerelle e dalle quali sono i suoi indirizzi ArteIntaglio di Carlo Chiti in riviste, poi qualcosa è preferiti quando ci viene? via del Porcellana. cambiato… Siccome Firenze di solito è la Before The Sartorialist, Il blog può essere considerato prima tappa del giro delle fiere trends and the style of the moment were dictated only by per la moda uomo, la prima cosa a anche un’integrazione: penso che molte persone fanno l’errore catwalks and magazines, then cui penso è mangiare dell’ottimo di credere che, se un abito o cibo italiano. Quindi scelgo something changed... un accessorio non sono in senza dubbi fra la Trattoria Da My blog can be considered Cammillo, quella del Sostanza o Il linea con ciò che le loro tasche a supplement to this. I think

‘I use my fashion and travel experience to create the collections I have always wanted to design’


The Sartorialist at Pitti Uomo, left below Scott Scuman in Florence

many people make the mistake of believing that if an outfit or accessory is not in line with what they can afford, then it means nothing to them. But if you’re really interested in fashion and style, you can still look at the runways and find inspiration for colour combinations, proportions and mixing different genres. Everything is there: you just have to interpret it in your own way! Your work is so respected that you’ve produced advertising campaigns and collaborated with and consulted for fashion brands. In which direction are you evolving? My work is becoming really complete. I always wanted to be a designer and I recently had the opportunity to work with a famous Florentine brand, Roy Rogers, to create a beautiful

denim men’s collection, which will be on sale next winter. I’m also working with a historic Italian footwear brand, Sutor Mantellassi, to create a shoe collection. What drives you in this new direction? The idea to put to use my fashion and travel experience to create the collections I have always wanted to design. What, in terms of style, did you want to include in the capsule collection you designed for Roy Rogers? For 10 years, we’ve see dapper clothes with short anklelength pants, so I tweaked the volumes and lengths: a higher waistline and longer pants, shorter and tighter sweaters and shirts. What kind of man was the inspiration for this collection? Easy, me.

possono comprare, allora non significano nulla per loro. Ma se sei davvero interessato alla moda e allo stile, puoi guardare la passerella e trovare ispirazione per le combinazioni di colori, le proporzioni, i mix di generi diversi. C’è tutto, devi solo interpretarlo a tuo modo! Il suo lavoro è così rispettato che ha firmato campagne pubblicitarie e siglato collaborazioni e consulenze con brand della moda. In quale direzione si sta evolvendo? Il mio lavoro sta veramente diventando completo. Ho sempre desiderato fare lo stilista e, recentemente, ho avuto l’opportunità di lavorare con un famoso marchio fiorentino, Roy Rogers, per creare una bellissima collezione denim per l’uomo, che sarà in vendita dal prossimo inverno. Sto anche lavorando

con un marchio storico italiano di calzature, Sutor Mantellassi, per creare insieme una collezione di scarpe. Cosa la spinge in questa nuova direzione? L’idea di sfruttare la mia esperienza nella moda e nei viaggi per creare le collezioni che ho sempre desiderato disegnare. Quali sono, a livello di stile, le novità sostanziali che ha voluto inserire nella capsule collection studiata per Roy Rogers? Sono 10 anni che vediamo abiti azzimati, con pantaloni corti alla caviglia, quindi ho cambiato leggermente i volumi e le lunghezze: vita più alta e pantaloni più lunghi, maglie più corte e camicie più attillate. A quale tipologia di uomo si è ispirato per questa collezione? Semplice, a me stesso. 45


txt Francesca Lombardi ph Oliviero Toscani

Photo i nt er v i ew

Don’t just go jogging: run somewhere!

Oliviero Toscani, the international face behind Starhotels’ new campaign, gives young people this advice E’ questo il consiglio per i giovani di Oliviero Toscani, firma internazionale della nuova campagna Starhotels

W

e can learn a lot about Toscani through his advertising campaigns: for Esprit, Chanel, Robe di Kappa, Fiorucci, Prenatal, Jesus, Inter, Snai, Toyota, the Ministry of Labour, of Health, Artemide, Woolworth and many more. We can learn additional bits by looking at his most challenging projects, focused on road safety, anorexia, violence against women and stray dogs. We could tell you about his collaboration with United Colors of Benetton, the Colors project, Fabrica or Sterpaia. And then there are the prizes, awards, books... Or we could do none of the above. Speaking to Oliviero Toscani on the set is more energizing than retracing all the extraordinary things that he’s done. He’s pure vitality: always quick to be surprised, always keen to focus on the good and positive in any situation. He doesn’t want to plan anything because it’s more fun to wait and see what happens. He’s the first to laugh at himself (and others!) and the last to really get angry, even if something isn’t at all fair, as he himself admits… he’s got 50 years of experience and magnificent failures (the title of his latest book, Ed) behind him.

46

For Starhotels, an established Italian group in the hotel industry combining made in Italy hospitality with international style, Toscani has created a new advertising campaign, injecting his fresh, bright and happy style and soul into the project. In your ad campaign, Starhotels means... Starhotels is more than you expect. It’s beauty, joy, vitality... How did you get the idea to show those beautiful girls playing around and laughing? My advertising campaign for Starhotels is, first and foremost, an “anti-home” campaign: Forget Home! (Laughs, citing the slogan, Ed). This just means “come on, you’ll feel better here than you will at home.” I love living in a hotel ... it reminds me of the year I stayed at the Chelsea Hotel in ‘73 with Milos Forman and Patti Smith. It’s an all female campaign... These women laughing, having a good time together, are so beautiful. But then they’ll get married, have children and become serious and boring (laughs again at his cheeky comment). What does hospitality mean to Oliviero Toscani when he’s traveling? Ask and you shall receive. I ring someone because I want

Potremo raccontarlo attraverso le sue campagne pubblicitarie: per Esprit, Chanel, Robe di Kappa, Fiorucci, Prenatal, Jesus, Inter, Snai, Toyota, Ministero del Lavoro, della Salute, Artemide, Woolworth e molti altri. Oppure attraverso i suoi progetti più provocatori, quelli dedicati alla sicurezza stradale, all’anoressia, alla violenza contro le donne, contro il randagismo. Potremo raccontarvi la collaborazione con United Colors of Benetton, il progetto Colors, Fabrica, o la Sterpaia. E poi i premi, i riconoscimenti, i libri…. Niente di tutto questo. Raccontare Oliviero Toscani sul set è ancora più energetico rispetto a ripercorrere tutto quello che di straordinario ha fatto. E’ vivacità allo stato puro: il più veloce a sorprendersi, a cogliere il bello e il positivo di una situazione, quello che non vuole programmare nulla perché è più divertente stare a vedere cosa succede, il primo a ridere anche di sé (e degli altri!) e l’ultimo ad arrabbiarsi davvero, anche se non è affatto democratico, come dice anche lui… Con però 50 anni di esperienza e magnifici fallimenti (dal titolo del suo ultimo libro, ndr ) alle spalle.

Per Starhotels solido gruppo italiano dell’hotellerie che coniuga ospitalità made in Italy e stile internazionale ha firmato la nuova campagna pubblicitaria, in cui ha messo molto del suo stile e della sua anima: fresca, brillante, felice… Nella sua campagna: Starhotels uguale… Starhotels è più di quanto ti aspetti. E’ bellezza, gioia, vitalità… Come è nata l’idea di queste splendide ragazze che giocano e ridono? La mia pubblicità per Starhotels è prima di tutto una campagna contro la casa: Forget Home! (ride citando il claim, ndr). Che significa: vieni qui, qui starai meglio che a casa tua. Io adoro vivere in albergo… mi ricorda l’anno passato al Chelsea Hotel nel ’73, con Milos Forman e Patti Smith. Una campagna tutta al femminile… Sono così belle le donne che ridono, che si divertono insieme. Poi si sposano, fanno figli e diventano serie e noiose (ride di nuovo delle sue provocazioni). Cosa significa ospitalità per Oliviero Toscani quando viaggia? Chiedi e ti sarà dato. Suono, voglio un thè freddo. Mi arriva, ci penso: meglio caldo!


! e m o h t e g r fo new york

london

paris

italia

Forget Home! The new Starhotels campaign by Oliviero Toscani


Oliviero Toscani on the campaign set and backstage

an ice tea. Once it gets to me, I think: wait, I want it hot! I call back and after a few minutes, a hot tea arrives. Try doing this at home... Hospitality also means a clean fragrance, discretion, the perfect bed, and a comfortable, warm bathroom. What did your father teach you? To be an artisan: I’m a photographer, I like photography for its own sake. It’s a bit like someone who says he loves jogging without going anywhere. By contrast, I am someone who runs to get where I want to go. When did you realise you weren’t just one of many? After a disastrous high school and years spent being bored, I took an entrance exam for the Zurich University of the Arts. Only six places a year. 48

I was admitted. It was a real workshop, a laboratory where you really worked and competed with other talents. I figured out who I was and what I wanted to do without a shadow of doubt. I also learnt my worth. Fabrica and Sterpaia were laboratories of ideas and talents: What do you learn from the young people you teach? Courage, determination, recklessness ... Children are photogenic because they don’t care about how they look. How many young people are like this? There are fewer and fewer... That’s not true, there are talented people with ideas and courage. But they are too mild, too kind. They are afraid to cause trouble, to disappoint. I was not like that...

Risuono, dopo pochi minuti ecco un thè caldo. Provate a farlo a casa… E poi profumo di pulizia, discrezione, letto giusto, bagno comodo e caldo. Cosa le ha insegnato suo padre? Ad essere un artigiano: sono un fotografo, non mi piace la fotografia fine a se stessa. E’ un po’ come chi dice che ama il jogging senza andare da nessuna parte. Io al contrario sono uno che corre per andare dove voglio andare. Qual è stato il momento in cui ha pensato di non essere uno dei tanti ? Dopo un liceo disastroso e anni passati ad annoiarmi, ho fatto un esame per entrare alla Zurich University of the Arts. Solo sei posti all’anno. Fui ammesso. Era una vera e

propria bottega, un laboratorio dove ci si confrontava, si gareggiava con altri talenti. Lì ho capito chi ero e cosa volevo fare, senza ombra di dubbi. E anche quanto valevo. Fabrica e Sterpaia sono stati laboratori di idee e di talenti: cosa impara dai giovani a cui insegna? Il coraggio, la determinazione, l’incoscienza… I bambini vengono bene in foto perché non si preoccupano di come appaiono. Quanti giovani sono cosi? Ne esistono sempre meno… Non è vero, ci sono: gente di talento, con idee e coraggio. Ma sono troppo miti, troppo gentili. Hanno paura di disturbare, di deludere. Io non ero così… Anche adesso ha conservato la sfrontatezza dei 20 anni, non ha lo sguardo ponderato


Today you’ve maintained the effrontery of a twentysomething; you don’t have the considered and thoughtful look of maturity. How have you managed to stay as you were 50 years ago? What do I have to lose? Nothing, except my freedom. My work, my way of life revolve around this: remaining free. I don’t have a salary to defend, I don’t fear criticism, and I don’t have to protect a good name: I’ve always done what I believed in, and I will continue to do so. Is it subconscious? Let’s say I don’t look for ideas. I’m more situational: I don’t know what I want to do before getting on set, but I follow what happens and amplify it. Despite this, I need discipline, I seek it and impose it. I’m not democratic at all when I work.

Forget Home!, the new Starhotels campaign is bursting with Toscani’s famous style: fresh, young, ironic... In an age of images, what quality makes a picture capture the viewer? It must move them and surprise them. It must tell you something that you think you know and yet you’ve never felt in this way... We all have inner buttons that are dormant and these buttons need to be pushed. Do you still have a provocative edge? There is no art without provocation. 50 anni di magnifici fallimenti: is your newly published

e riflessivo della maturità… Come ha fatto a restare quello di 50 anni fa? Cosa ho da perdere? Niente, a parte la mia libertà. Il mio lavoro, il mio modo di vivere ruotano intorno a questo: rimanere libero. Non ho uno stipendio da difendere, non ho paura delle critiche, non devo tutelare il buon nome: ho sempre fatto solo quello in cui credevo. E continuerò a fare così. E’ incosciente? Diciamo che non cerco idee. Sono un situazionista:

non so cosa voglio fare prima di essere sul set ma seguo quello che accade e lo amplifico. Nonostante questo ho bisogno di disciplina, la cerco e la impongo. Non sono democratico per niente, quando lavoro. Nell’epoca delle immagini, cosa deve avere una fotografia per colpire chi guarda? Deve commuovere, sorprendere. Deve raccontarti una cosa che credi di sapere e che invece non hai mai sentito così… Abbiamo tutti dei tasti interiori che si assopiscono, e sono questi tasti che vanno toccati. Ha ancora senso provocare? Non esiste arte senza provocazione. 50 anni di magnifici fallimenti: il suo libro appena uscito che raccoglie i suoi lavori più famosi. 49


Some covers and successful advertising campaign by Oliviero Toscani

50


Oliviero Toscani has photographed all the icons of our time. Here Andy Warhol and Mick Jagger

book that collects your most famous works. What is a magnificent failure? Communism was a magnificent failure, James Dean and Marilyn Monroe were magnificent failures, Jesus dying on the cross was a magnificent failure... They’re the big projects that have been great debacles and have made history. My best work has also been my most criticised. What reasons led you to accept this adventure with Starhotels? I always try to choose work for smart, sensitive and modern clients, and I got the impression that this applies here. Who would you like to photograph today? Bob Dylan. What award has made you

proudest?? My pride is strictly a personal measure. I am for some of my work, regardless of the recognition it received. For example, the book on Santa Anna di Stazzema 60 years after the slaughter. I am a witness of my time, I love doing this. Whether it’s a book, the look of an outfit, a story... Upcoming projects? I just finished shooting for the December issue of Elle Italia and soon I will fly to Paris for Elle France. Next I’m working in an Italian town for a book of photographs for Louis Vuitton, but the location is top secret... I’m a situationist, so I still haven’t decided on the location. Maybe I’ll start all over again.

Cos’è un magnifico fallimento? Il comunismo è un magnifico fallimento, James Dean e Marylin Monroe sono magnifici fallimenti, Gesù, morto sulla croce, è un magnifico fallimento… I grandi progetti hanno avuto grandi débâcle e sono passati alla storia. I miei lavori migliori sono stati quelli più criticati. Le ragioni che l’hanno spinta ad accettare l’avventura con Starhotels? Come sempre spero di scegliere e lavorare per un committente intelligente, sensibile e moderno, e ho l’impressione che questo sia il caso. Chi vorrebbe ritrarre oggi stesso? Bob Dylan. Il premio che l’ha resa più orgoglioso?

Il mio essere orgoglioso è una misura strettamente personale. Lo sono per alcuni miei lavori, indipendentemente dal riconoscimento che ottengono. Per esempio lo sono stato del libro su Sant’Anna di Stazzema, a 60 anni dall’eccidio. Sono un testimone del mio tempo, amo fare questo. Che si tratti di un libro, di un volto, di un abito, di una storia… Prossimi progetti? Ho appena finito di fotografare per il numero di dicembre di Elle Italia, e tra poco volerò a Parigi per Elle Francia. Poi sto lavorando su una città italiana per un libro fotografico di Louis Vuitton, ma la località è top secret… Sono situazionista, ancora non ho deciso il luogo. Forse ricomincio daccapo. 51


52


The franklin charme & design Face to face with Anouska Hempel, the interior designer behind the new London Starhotels hotel, The Franklin A tu per tu con Anouska Hempel, interior designer del nuovo hotel londinese firmato Starhotels, The Franklin

53


txt Alessandra Lucarelli

design i nt er vi ew

I

nternationally renowned architect and interior designer Anouska Hempel is the face behind the design of The Franklin, the third London hotel belonging to the Starhotels chain, following the acquisition of exclusive hotels The Gore and The Pelham. We’re in the heart of Knightsbridge. Here, almost hidden along a grand row of Victorian houses overlooking Egerton Gardens, The Franklin is a boutique hotel that offers all the warmth and service of a home centred on timeless luxury. The calm and serene atmosphere of the landscaped gardens contrasts with the liveliness of Knightsbridge: 35 beautifully designed rooms and suites and a Guest Experience Team ready to cater your every need, along with a bar and restaurant with views of the gardens and a spectacular hammam. Anouska Hempel – also known as Lady Weinberg after marrying financier Sir Mark Weinberg – is one of the most highly respected and beloved names in London high society, famous for her aesthetic sixth sense and ability to innovate that took her from being a leading actress to one of the most interesting names in international interior design. Born in New Zealand, Anouska

54

Anouska Hempel

Anouska Hempel, architect and interior designer, is the interior designer of high-end hotels Hempel moved to London in the early sixties and after a successful acting career, she changed direction and decided to devote herself to the world of hotellerie, handcrafting the first boutique hotel in England, The Blake. Your portfolio features interior design for hotels, as well as restaurants, boutiques and yachts. What features must a project have to catch your eye? It must be able to afford to do something different. I have to be in tune with the people I work with and have a huge respect for the owner’s wishes.

E’ l’architetto e interior designer di fama internazionale, Anouska Hempel, a firmare il design di The Franklin, terzo hotel londinese della catena Starhotels, che segue l’acquisizione degli esclusivi hotels The Gore e The Pelham. Siamo nel cuore di Knightsbridge, a due passi da Harrods, il Victoria & Albert Museum e Hyde Park: qui, quasi nascosto in una splendida fila di case vittoriane e affacciato su Egerton Gardens, l’hotel sceglie la filosofia di un boutique hotel che offre il calore e il servizio di una casa, per un lusso senza tempo. L’atmosfera calma e serena dei suoi giardini all’inglese si contrappone

alla vivacità di Knightsbridge: 35 grandi camere di design e suite, un Guest Experience Team pronto a soddisfare ogni vostra richiesta, un bar e un ristorante con vista sui giardini, e una spettacolare hammam, palestra e stanza trattamenti che uniscono avanguardia e design. Anouska Hempel - conosciuta anche con l’appellativo di Lady Weinberg dopo aver sposato il finanziere Sir Mark Weinberg - è una delle personalità più stimate e amate dell’alta società londinese, celebre per il suo sesto senso estetico e quella capacità d’innovazione che l’ha portata da attrice affermata, nonché bellissima, ad essere uno dei nomi più interessanti dell’interior design internazionale. Nata in Nuova Zelanda e trasferitasi a Londra agli inizi degli anni Sessanta, dopo una carriera da attrice, cambia rotta e decide di dedicarsi al mondo dell’hotellerie, dando vita al primo boutique hotel d’Inghilterra, The Blake. Il suo portfolio vanta progetti di interior design di hotel, ma anche ristoranti, boutique, yacht. Quali caratteristiche deve avere un progetto per appassionarla? Deve potermi permettere di fare qualcosa di diverso, devo essere in sintonia con le persone con cui lavoro e avere un enorme rispetto per i desideri del proprietario.


The view over the Egerton Gardens

Then I do my best. How would you define the style of an eclectic designer such as yourself? Wherever the trade routes have passed or the trade winds have blown, that’s my territory. I can imagine flirting with Genghis Khan in the desert or strategizing with Napoleon in a military tent. Wherever my imagination goes, that’s where my rooms take shape. You were the first designer in the world to create the boutique hotel concept. How did you come up with this innovative hotel philosophy? All you have to do is think about what you would do if you were at home, with hundreds of rooms for guests and where you’ll find all your friends because they were attracted to the same place! One of your latest projects is

Basta pensare a come vorresti farlo se fosse casa tua, con centinaia di camere per gli ospiti e dove tutti sono amici perché sono stati attratti dallo stesso posto! Uno dei suoi ultimi progetti è il The Franklin Hotel di Londra, per il gruppo Starhotels... Allora do il meglio. The Franklin Hotel in London Sono sempre stata influenzata for the Starhotels group... Come definirebbe lo stile una dall’Italia, in quasi tutti i campi: I’ve always been influenced designer eclettica come lei? moda, cibo e sentimenti. by Italy in almost all fields: Ovunque le rotte del commercio fashion, food and feelings. siano passate o i venti del commercio Il The Franklin Hotel è il fiore all’occhiello della Starhotels. Ha The Franklin Hotel is abbiano soffiato, quello è il mio i riflessi e la magia di Venezia Starhotels’ jewel. It has the territorio. Posso immaginarmi sparkle and magic of Venice intenta a flirtare con Genghis Khan con i suoi bellissimi pavimenti with its beautiful marble in una tenda nel deserto, o a mettere di marmo e ardesia ispirati a un pozzo storico esagonale, che si and slate floors inspired by a a punto strategie con Napoleone trova proprio a Venezia, vicino a historical hexagonal well in in una tenda militare. Ovunque Rialto. Venice, near the Rialto. si trovi la mia immaginazione, là L’insegnamento più grande che The biggest lesson that you’ve cominciano le mie stanze. ha riscontrato nel corso della E’ stata la prima designer del learned during your career? sua brillante carriera? Listen and then get busy. mondo a creare il concetto di Upcoming projects? boutique hotel. Come è arrivata Ascoltare e poi darsi da fare. They are too many to list a questa innovativa filosofia di Prossimi progetti? Sono troppi per poterli elencare! them all! hotellerie?

Overlooking the Egerton Gardens. The Franklin has 35 rooms and suites as well as a spectacular hammam

55


Firenze Climbing uphill to watch the sunset from Piazzale Michelangelo is the perfect chance to experience the beauty of this Renaissance city first-hand. It’s an open-air lounge that, on summer evenings, never fails to move you. Starhotels celebrated its 2015 successes by helping to restore the magnificent terrace at Piazzale Michelangelo.


Places of the heart

Behold the beauty, romantics par excellence. The breathtaking sunsets of the world of Starhotels Affacciati sulla bellezza, romantici per eccellenza. I tramonti mozzafiato dell’universo Starhotels

When the sun goes to sleep, there’s a moment in which time stands still to behold beauty. From Florence to London, daydream and soak up the romantic atmosphere of Love Me, the Starhotels’ package designed especially for lovers.

Quando il sole va a dormire, c’è un momento in cui il tempo sembra fermarsi davanti alla bellezza. Da Firenze a Londra, godetevi i nostri sogni a occhi aperti e immergetevi nelle atmosfere romatiche di Love Me, il pacchetto sotto il segno dell’amore firmato Starhotels.


aaaa

Venezia In the city of love par excellence, the rooftop terrace at Starhotels Splendid Venice offers a terrace, plus much more. Get lost admiring the roofs and bell towers of San Marco. The lights and charm are beyond captivating. Do not miss the magic of the sunset from Piazza San Marco. Trieste We’re in Trieste, a city with a unique charm and mystery. The magical twilight envelops the beautiful Piazza dell’Unita d’Italia like a golden mantle, just a short walk from Starhotels Savoia Excelsior Palace. The sheer views over the sea at Miramare Castle, it’s pure romanticism.


Napoli Starhotels Terminus is the beating heart of a city with a myriad of beautiful sights. Sky and sea merge in a sparkling harmony where the elegant Castello dell’Ovo stands strong, the city’s oldest castle. milano Romantically perfect, Milan is a rainbow of loving glances. Starhotels Rosa Grand is an ideal arena for romance. Step out of the door and experience Milan from on high among the cathedral spires. It’s like having a conversation aaaa with the milanesi wonders.


Roma Among the open-air lounges from which you can enjoy the spectacle of an overwhelming Rome is the Giardino degli Aranci, with its famous keyhole that provides a peek of the Dome of St Peter’s. Do not miss the wonderful view of the sun going down over the Imperial Fora and the Colosseum, which is now free from the scaffolding of the recent restoration works. At last we arrive in one of the most beautiful terraces in Rome, where the sunset turns into an authentic sensory experience. The Hotel d’Inghilterra, Starhotels’ newest Rome hotel.


London Unique and inimitable. London’s sunsets are timeless. Stop for a few minutes at Primrose Hill. Take in the views from the Millennium Bridge and the London Eye. Dive into the most exclusive Brit district par excellence: Kensington, the buzzing centre of truly unparalleled sunsets. The Gore, The Pelham and the new Franklin will be your love nests. New York New York is home to true temples of beauty and romance. The Hudson River Park, Brooklyn Bridge Park, with the not-to-be-missed Brooklyn Bridge, Broadway and the Top of the Rock at the Rockefeller Center, with its incredible breathtaking views. Staying at The Michelangelo means being able to touch all the marvels of Manhattan.


Paris The Parisian summer makes you wait as late as 10pm. Among the best spots are Sacre Coeur and the city’s two towers, the Eiffel and the Montparnasse. While waiting for the last rays, don’t miss Place Vendôme, home of the refined Starhotels Castille, with passionate glimpses of fountains, statues and the Arc de Triomphe in the distance.


txt Francesca Lombardi

Art i c on

Ingenious, fun, and nonconformist

Peggy Guggenheim was intellectually independent. A look at her legacy today in NY, Florence and Venice Peggy Guggenheim donna di grande indipendenza intellettuale. La sua eredità culturale oggi a Ny, Firenze e Venezia

S

he lived on art and on lovers… This is a romantic and rather common way of describing Peggy Guggenheim. But it’s a portrait that she didn’t particularly love painting of herself. She definitely loved art—passionately, promiscuously, enthusiastically. Her lovers were numerous and just as famous: Max Ernst, Yves Yanguy, Samuel Beckett, Marcel Duchamp. With Mondrian, she had a light flirtation. Calder designed a headboard for her, and Brancusi delivered her his most beloved sculpture just a few days before the Nazis arrived in Paris. In a nutshell, her life was a novel, a mise en scene where all she ever did was be herself. She was a patron and collector, as well as a dealer and gallery owner. She didn’t worry too much about mixing the sacred with the profane, men with artworks, life with work, art with money. Her nonconformist nature extended to revealing everything in an autobiography, Out of This Century. Published in 1946 and updated around a decade later, this book laid out the names of all her lovers, men and women, in black and white. For puritanical America, it was far more scandalous than anything the press had

64

written about her up to that point. Marguerite Guggenheim was born on August 26, 1898 in New York, the daughter of Florette Seligman and Benjamin Guggenheim (who would later die on the Titanic) and niece of Solomon R. Guggenheim, owner of the Guggenheim Museum in the Big Apple. At the age of 18, she received her father’s inheritance. At 24, she got married and headed to Paris with her husband Laurence

Visse d’arte e di amori… Questo è un modo romantico e abbastanza comune di descrivere Peggy Guggenheim. Un ritratto che nemmeno lei amava dare di se stessa. Sicuramente amò l’arte con passione, sregolatezza, entusiasmo. Molti e molto famosi furono anche i suoi amori: Max Ernst, Yves Yanguy, Samuel Beckett, Marcel Duchamp. Con Mondrian ci fu un leggero flirtare. Calder le disegnò la testiera del letto e Brancusi le consegnò la sua scultura più

At the end of the ‘40s Peggy bought the Palazzo Venier dei Leoni in Venice, where she exhibited her collection Vail, a penniless artist of the Dada movement. In France, her husband introduced her to various artists of the European avant-garde, including several American expatriates: Marcel D, Constantin Brancusi and Man Ray, for whom she posed. Additionally, she made friends with the painter Romaine Brooks. After divorcing her husband in 1928, Peggy began roaming the continent with her children, often stopping in Paris. During that same year, she met John Holms, an English intellectual and alcoholic writer who may have

amata a pochi giorni dall’entrata dei nazisti a Parigi. In poche parole tutta la vita di Peggy Guggenheim è stata un romanzo, una grandiosa mise en scene in cui lei però è stata solo se stessa. Giocando sempre d’anticipo, infrangendo spesso le regole. Fu collezionista mecenate, ma anche mercante e gallerista. Non si preoccupò di mescolare sacro e profano, uomini e opere, vita e lavoro, arte e denaro. Talmente anticonformista da raccontare tutto in una autobiografia Out of This Century, pubblicata nel 1946 e integrata una decina di anni dopo, dove mise nero su

bianco tutti i nomi dei suoi amanti, uomini e donne. Per l’America puritana fu molto più scandalosa di quello che era stato scritto fino a quel momento di lei sulle cronache. E anche di quello che sarà scritto dopo… I momenti importanti della sua vita sono piuttosto noti: Marguerite Guggenheim nasce il 26 agosto 1898 a New York, figlia di Florette Seligman e Benjamin Guggenheim (che morirà sul Titanic) e nipote di Solomon R. Guggenheim, il proprietario del Museo Guggenheim della Grande Mela. A 18 anni entra in possesso dell’eredità del padre, a 24 si sposa e va a Parigi con il marito Laurence Vail, artista senza soldi del movimento dadaista. In Francia, introdotta dal marito, entra in contatto con diversi artisti dell’avanguardia europea, inclusi alcuni emigrati statunitensi: Marcel D, Constantin Brancusi e Man Ray, per cui posa. Stringe amicizia, inoltre, con la pittrice Romaine Brooks. In seguito al divorzio dal marito, avvenuto nel 1928, Peggy inizia a vagare per il continente insieme con i figli, facendo spesso tappa a Parigi. In quello stesso anno a Saint-Tropez conosce John Holms, intellettuale inglese e scrittore alcolizzato, forse il suo unico vero amore. Dopo la morte di Holmes, inaugura insieme con Jean Cocteau la galleria Guggenheim Jeune a Londra: si tratta della


The Peggy Guggenheim Collection at the Palazzo Venier dei Leoni with the work of Alexander Calder. Visit the exhibition at the Peggy Guggenheim Collection in Venice and spend a few days enjoying the world’s most romantic lagoon while staying at Starhotels Splendid Venice with our Romantic in Venice deal (starhotels.com).

65


Left: Peggy Guggenheim and Jackson Pollock Right, above: a work by Pollock on show in Florence Below: the opening of the Guggenheim Museum in New York, 21 October1959

been her one true love. After Holmes’ death, she opened the Guggenheim Jeune gallery in London with Jean Cocteau. This was the first in a series of collections that made her the central “mover and shaker” on Europe’s avant-garde art scene. Yves Tanguy and Vasily Kandinsky exhibited in the London gallery before they were famous, and other celebrated artists included Henry Moore, Alexander Calder, Pablo Picasso, Raymond Duchamp, Georges Braque and Max Ernst. The progress of the war and her marriage to surrealist painter Max Ernst—whom she wed in Paris—prompted Peggy’s return to New York. In the Big Apple, she opened the gallery Art of this Century, where Jackson Pollock’s name appeared for the first time—he was unknown then and was Peggy’s greatest 66

discovery. After divorcing Ernst in 1943, at the end of the war Peggy returned to Venice, where in 1948 her collection was featured at the Biennale. Just one year later, at 5pm on Thursday, February 24, 1949, in Florence, “The Guggenheim Collection” show brought the Strozzina onto the scene as a new Florentine exhibition space primarily dedicated to contemporary art. In celebration of this exceptional event, until July 24, 2016 Palazzo Strozzi is dedicating a major exhibition to Peggy and Solomon Guggenheim, who were undoubtedly two of the 20th century’s greatest art patrons. The exhibition, From Kandinsky to Pollock. The Art of the Guggenheim Collections, begins straight away with a Kandinsky painting that Peggy purchased from him when he was still largely unknown. Peggy resold

prima di una serie di collezioni la renderanno centro propulsore dell’avanguardia artistica europea. Nella galleria londinese infatti espongono, quando ancora non sono famosi, Yves Tanguy e Vasilij Kandinskij; mentre tra i nomi più celebri si ricordano Henry Moore, Alexander Calder, Pablo Picasso, Raymond Duchamp, Georges Braque e Max Ernst. Il progredire della guerra e il matrimonio con Max Ernst, pittore surrealista sposato a Parigi, determinano il suo ritorno a NY. Inaugura nella Grande Mela la galleria chiamata Art of this Century, dove appare per la prima volta il nome dell’allora sconosciuto Jackson Pollock, la sua più grande scoperta. Dopo aver divorziato da Ernst nel 1943, Peggy Guggenheim alla fine della guerra torna a Venezia, dove nel 1948 la sua collezione

viene accolta alla Biennale. Alle 17 di giovedì 24 febbraio 1949, solo un anno dopo, la mostra “La Collezione Guggenheim” inaugura a Firenze la Strozzina come nuovo spazio espositivo fiorentino dedicato principalmente all’arte contemporanea. Per celebrare questo evento eccezionale, fino al prossimo 24 luglio, Palazzo Strozzi dedica una grande mostra ai Guggenheim, Peggy e Solomon, sicuramente due dei più grandi mecenati del ‘900. La mostra, Da Kandinsky a Pollock. La grande arte dei Guggenheim, prende le mosse proprio da un quadro di Kandinsky, comprato da Peggy dall’artista ancora quasi sconosciuto, da lei rivenduto e riacquistato anni dopo da suo zio Solomon, quasi a sottolineare l’affinità artistica dei due collezionisti. Poco dopo la mostra a Firenze, Peggy


Peggy Guggenheim and Max Ernst at the Surrealist Art of This Century gallery in NY. The Peggy Collection is housed in the family’s museum in NY and – this Spring – is visible in a new permanent exhibition.

the painting, but her uncle Solomon repurchased it years later, highlighting the similarities between the two collectors. Shortly after the Florence exhibition, Peggy bought Palazzo Venier dei Leoni on the Grand Canal, where she moved her collection more permanently: in 1949, the Peggy Guggenheim Collection opened to the public. On 4 November 1966, the works faced an extraordinary surge of high water that struck the lagoon city: fortuitously enough, they were already all packed up to be shipped to Stockholm for an exhibition, which meant they were salvaged. After the episode, Peggy’s collection was displayed in the family museum, the Guggenheim in New York. Her works were all moved to New York and, beginning that next Spring, could be viewed as part of the permanent collection.

In Florence the exhibition, From Kandinsky to Pollock, retraces the extraordinary artistic life of Salomon and Peggy Guggenheim After deciding to donate her complete collection and Palazzo Venier dei Leoni to the Solomon Guggenheim Foundation, Peggy died in Camposampiero on December 23, 1979. She was 81 years old. Her ashes remain at Palazzo Venier dei Leoni, in the same garden corner where her Peggy buried her dogs. In Venice the Peggy Guggenheim Collection carries on the artistic investigation work that its founder embraced. Until next Autumn, the exhibition Imagine. New Images in Italian Art 1960– 1969 takes a look at art in Italy during the 1960s.

compra, sul Canal Grande, Palazzo Venier dei Leoni, sede in cui sposta la sua collezione in maniera definitiva: nel 1949, infatti, apre ufficialmente al pubblico la Collezione Peggy Guggenheim. Il 4 novembre del 1966, le opere devono fare i conti con l’eccezionale ondata di acqua alta che colpisce la città lagunare: vengono salvate dall’occasione fortuita per cui erano già state tutte impacchettate in vista di una spedizione a Stoccolma per un’esposizione. In seguito all’episodio la collezione di Peggy viene ospitata dal museo

di famiglia, il Guggenheim di New York: le sue opere sono tutt’ora a Ny e – da questa primavera - visibili in un nuovo allestimento permanente. Dopo aver deciso di donare alla Fondazione Solomon Guggenheim la sua intera collezione e Palazzo Venier dei Leoni, Peggy muore a Camposampiero, in provincia di Padova, all’età di 81 anni il 23 dicembre 1979. Le sue ceneri sono collocate a Palazzo Venier dei Leoni, in quello stesso angolo di giardino in cui Peggy seppelliva i suoi cani. A Venezia la Collezione Peggy Guggenheim continua l’eccezionale lavoro di indagine artistica portato avanti dalla sua fondatrice: fino al prossimo autunno la mostra “Imagine. Nuove immagini nell’arte italiana 1960-1969” è un’indagine sull’arte in Italia negli anni ’60. 67


INSIDE THE ART OF CARAVAGGIO Caravaggio Experience: a journey through the art of the sixteenth century’s most brilliant artist Un viaggio nell’arte dell’artista più controverso e geniale del XVI secolo

T

he era of hit and run art and blockbuster exhibitions has ended and we’ve finally gotten back to thinking about culture from an educational perspective. On the cutting edge of advanced and contemporary exhibitions is immersive art: a sort of squared art that uses digital technologies, video projections, music and sound (and in some cases, perfumed smell), to describe a work of art and engage the viewer through all their senses. Not all artists work well with this

68

kind of approach. That’s not the case for Caravaggio, who, with his almost-painterly use of light, fully lends himself to such an enveloping mise en scene. It’s what makes Caravaggio Experience at the Palazzo delle Esposizioni in Rome, on until July 3, a notto-be-missed dip into gigantic images that envelop the observer and bring out their own ability to approach the paintings and then to think and get excited about them. “The dilated and focused images force us, in some way, to dwell on the aspects

Finito il tempo dell’arte mordi e fuggi e delle mostre blockbuster, si torna finalmente a pensare alla cultura in un’ottica educativa. A livello espositivo una delle frontiere più avanzate e contemporanee è l’arte immersiva: una sorta di arte al quadrato, che utilizza tecnologie digitali, videoproiezioni, musiche e suoni (in alcuni casi essenze profumate), per raccontare un’opera d’arte e coinvolgere lo spettatore in un’esperienza pienamente emozionale. Non tutti gli artisti sono adatti a un approccio di questo tipo. Non è il caso di Caravaggio

che, con il suo uso della luce quasi pittorico, si presta pienamente a una mise en scene così avvolgente. Caravaggio experience la mostra di Palazzo delle Esposizioni a Roma, fino al prossimo 3 luglio, è un’immersione imperdibile dentro immagini gigantesche che incombono sull’osservatore e fanno emergere la sua stessa capacità di accostarsi ai dipinti e quindi di pensare e di emozionarsi. “Le immagini dilatate e focalizzate costringono in qualche maniera a soffermarsi su aspetti che non necessariamente vengono


Some pictures from the exhibition, an immersive project into the artist’s masterpieces. A weekend in Rome? Don’t miss our Citybreaks deal on starhotels.com: 15% off your stay in Italy’s most beautiful cities

that are not necessarily normally noticed but are the epitome of Caravaggio’s art: the light, naturalism, theatricality and violence,” explains Claudio Strinati, historian and scientific consultant at Caravaggio Experience. Fifty-seven of the artist’s masterpieces flowing over fifty minutes with virtually perfect resolution: faces that seem to speak to you, eyes that catch yours, hands that almost touch the viewer. The system of Lcos LCD panels draws sharp and crystal clear images, making even the infinitesimal details visible. Music by Stefano Saletti contributes to closing the gap between us and the work,

and deepens our knowledge of the artist’s language. Strings, percussion, reeds and distortions become part of the story, giving sound to the light coming from the images. In addition to the visual and aural experience, visitors can also immerse themselves in an olfactory experience with fragrances specially designed for the exhibition by the master perfumers of Officina Profumo - Farmaceutica di Santa Maria Novella. Since memory is tied to smell, you won’t soon forget this beautiful exhibition. This Autumn, Caravaggio Experience will move to Naples, where it will remain until the first months of 2017.

normalmente notati ma sono proprio la quintessenza dell’ arte caravaggesca: la luce, il naturalismo, la teatralità, la violenza” spiega Claudio Strinati storico dell’artee consulente scientifico di Caravaggio Experience. Cinquantasette i capolavori dell’artista che scorrono nell’arco di cinquanta minuti con una risoluzione praticamente perfetta: volti che sembrano parlarti, occhi che catturano, mani che toccano quasi lo spettatore. Il sistema di pannelli a cristalli liquidi Lcos è stato in grado di elaborare immagini nitide e cristalline consentendo la visibilità anche di infinitesimi particolari. Le musiche di Stefano Saletti contribuiscono ancor più ad

accorciare le distanze con l’opera e ad approfondire la conoscenza del linguaggio dell’artista. Corde, percussioni, archi, ance e distorsioni diventano parte del racconto, con l’intenzione di dare un suono alla luce proveniente dalle immagini. Insieme all’esperienza visiva e auditiva, il visitatore potrà vivere anche un’esperienza olfattiva, con le fragranze selezionate appositamente per la mostra dai maestri profumieri dell’Officina Profumo – Farmaceutica di Santa Maria Novella. Se la memoria è legata anche al profumo, non dimenticherete presto questa bellissima mostra. Il prossimo autunno Caravaggio Experience sarà a Napoli dove rimarrà fino ai primi mesi del 2017. 69


STORIES AND ART

The addresses of high-end Italian craftsmanship selected especially for you Gli indirizzi dell’alto artigianato italiano selezionati per voi Travel Starhotels’ cities through a selection of the best Italian artisans: from tailoring to glass, skin to precious metals, their wonderful stories and workshops. We’ve visited and photographed them for you, one by one: the incredible wealth of “saper fare” that is Made in Italy

Viaggio nelle città Starhotels attraverso una selezione dei migliori artigiani italiani: dalla sartoria al vetro, dalla pelle ai metalli preziosi, le loro storie meravigliose e i loro laboratori. Li abbiamo visitati e fotografati per voi, uno ad uno: un giacimento incredibile di savoir faire che si chiama made in Italy 71


1

2

4

3

5

1. 3. Percossi Papi 2. 4. 5. Beppino Rampin

Rome

Home to the guardians of a know-how that only in Italy is so deeply rooted in history, Rome boasts some extraordinary artisans. Among them are the goldsmiths working for the Percossi Papi family, who create precious and vibrantly colorful works, which have gained prestigious recognitions and are very popular with movie and 72

fashion design celebrities (via di Sant’Eustachio, 16). A true master of shoemaking is Beppino Rampin, who has been making shoes his whole life as very few are still able to do, starting from the strictly custom-made wooden last. Shoes of the highest craftsmanship, made from the best leather skins and as light as a feather. (via Quintino Sella, 31).

Roma

Patria di custodi di un saper fare che solo in Italia trova origini così antiche, Roma vanta artigiani straordinari. Tra questi, gli orafi del laboratorio della famiglia Percossi Papi, dove vengono realizzate preziose opere, ricche di suggestioni, che con i loro colori vibranti hanno ottenuto prestigiosi riconoscimenti e conquistato importanti personaggi del mondo del

cinema e della moda (via di Sant’Eustachio, 16). Un vero artigiano-artista della scarpa è invece Beppino Rampin, che da una vita realizza calzature come pochi sanno fare, partendo ancora dalla forma in legno creata rigorosamente su misura. Modelli d’impeccabile fattura, realizzati solo con le pelli migliori e caratterizzati da una leggerezza unica. (via Quintino Sella, 31).


1

2

4

3

5

1. 2. 3. Scuola del Cuoio 4. 5. Atelier Bianco Bianchi

florence

In Florence, along Borgo San Jacopo, stands the showroom of Atelier Bianco Bianchi. Here you’ll find the ancient splendour of an art that’s almost been lost, “scagliola”, a technique that perfectly imitates marble and semi-precious stones to create extraordinary pieces that adorn the most beautiful houses in the world, including that famous table with the

Medusa head, the logo of the Versace fashion house. In via San Giuseppe, in the Santa Croce neighbourhood that has been renowned for its leather processing since the Middle Ages, you find the headquarters of the Scuola del Cuoio, founded in Florence after the Second World War. In addition to training courses, this workshop specializes in making handbags, as well as wallets, belts and jackets.

firenze

A Firenze, in via Borgo San Jacopo, si trova lo showroom dell’Atelier Bianco Bianchi. Qui ha ritrovato l’antico splendore un’arte andata quasi perduta, quella della scagliola, una tecnica che permette di imitare perfettamente il marmo e le pietre dure, con cui vengono realizzati straordinari pezzi unici che ornano le case più belle del mondo, come il celebre tavolo con la

testa di Medusa, logo della maison Versace. In via San Giuseppe, nella zona di Santa Croce rinomata fin dal Medioevo per la lavorazione della pelle, ha sede invece la Scuola del Cuoio, fondata a Firenze nel Secondo dopoguerra. Oltre all’attività formativa, questo laboratorio è specializzato nella realizzazione di borse da donna, ma anche portafogli, cinture e giacche. 73


1

2

3

5

4

6

1. 2. 3. Buccellati 4. 5. 6. Sartoria A. Caraceni

MILAN

The fashion district of Milan hides two of the trendiest addresses. Sartoria A. Caraceni at 16 via Fatebenefratelli is heir to a mid-nineteenth-century tradition passed down from generation to generation, Carlo Andreacchio and his wife Rita Maria Caraceni continue to create beautiful dresses sewn entirely by hand and cut with a technique that gives them the 74

perfect fit. Dating back to 1919, the elegant Buccellati in via Monte Napoleone was opened by Mario Buccellati, grandfather of the current owner Andrea. It represents the continuity of an extremely refined jewellery making art: gold lace and cascading gems are the result of more than two hundred years of artistic creativity that affirm the timeless style and talent of Buccellati.

milano

Quadrilatero della moda di Milano, due indirizzi top dello stile. Sartoria A. Caraceni, in via Fatebenefratelli 16, è erede di una tradizione trasmessa di generazione in generazione da metà Ottocento: Carlo Andreacchio, con la moglie Rita Maria Caraceni, continua a creare splendidi abiti da uomo completamente cuciti a mano e tagliati con una tecnica che conferisce

loro una vestibilità perfetta. Risale al 1919 l’elegante negozio Buccellati di via Monte Napoleone. Aperto da Mario Buccellati, nonno dell’attuale proprietario Andrea, rappresenta la continuità di un’arte orafa estremamente ricercata: pizzi in oro ecascate di gemme sono il risultato di più di duecento anni di creatività artistica che affermano lo stile senza tempo ed il talento di Buccellati.


1

2

3

4

5

1. 3. Rubelli 2. 4. 5. Seguso Vetri d’Arte - Murano dal 1397

VENICE

In Venice, the address to know is Seguso Vetri d’Arte Murano dal 1397, where highend artistry and passion have been passed down through 23 generations, shaping precious creations that have beautified royal homes, noble mansions, the Vatican, luxurious hotels and theatres, and the homes of collectors and aficionados for six centuries. Their glass masterpieces feature in collections in 75 leading

museums including the Victoria & Albert in London and the MoMA in New York. The maison Rubelli (in via della Pila 47, Marghera) has been trading for 125 years with the design, development, production and distribution of home fabrics. It is currently headed by the fifth generation of the Venetian family that shares its name – in 1889 the family took over a similar manufacturing business on the lagoon that dated to the 1700s.

venezia

A Venezia, l’indirizzo è Seguso Vetri d’Arte Murano dal 1397, dove alto artigianato e passione si tramandano da 23 generazioni, dando forma a preziose realizzazioni che da sei secoli abbelliscono case reali, nobili dimore, il Vaticano, prestigiosi alberghi, teatri e case di collezionisti e appassionati. I suoi capolavori in vetro fanno parte delle collezioni di 75 prestigiosi musei, tra cui il

Victoria & Albert di Londra e il MoMa di New York. La maison Rubelli invece (in via della Pila 47, Marghera), presente sul mercato da 125 anni con l’ideazione, lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di tessuti per arredamento, è attualmente guidata dalla quinta generazione dell’omonima famiglia veneziana che aveva rilevato nel 1889 un’analoga manifattura attiva nella città lagunare fin dal 1700. 75


1

2

4

3

5

1. 2. 3. Rubinacci 4. 5. Ulderico Pinfildi

NAPLES

To fully experience a Neapolitan tradition, stop by the workshop of Ulderico Pinfildi in via San Biagio dei Librai. Here, thanks to the meticulous, beautiful and poetic carvings of Ulderico Pinfildi, a craftsman who was born into the nativity art scene, you’ll find the enchanted world of the Neapolitan nativity, which dates back 76

to the eighteenth century. Tailored style is guaranteed at Rubinacci, a historical tailor in via Filangieri that’s now in its third generation. Professionals, industrialists, artists and aristocrats are among their regular clientele. Here artisan technique is combined with an excellent choice of made in Italy and made in the UK fabrics. The iconic garment? Their blazer.

napoli

Per vivere appieno la tradizione partenopea, provate a fermarvi nella bottega di Ulderico Pinfildi, in via San Biagio dei Librai. Qui grazie alle sculture minuziose, bellissime e poetiche di Ulderico Pinfildi, artigiano che nasce nel mondo dell’arte presepiale, potete ritrovare l’atmosfera di quel mondo incantato di cui i presepi

napoletani parlano fin dal Settecento. Lo stile su misura è quello che garantisce Rubinacci, storica sartoria in via Filangieri giunta oggi alla terza generazione. Professionisti, industriali, artisti, aristocratici sono i suoi habitué: qui la tecnica artigianale si sposa con l’eccellenza della scelta dei tessuti made in Italy e made in UK. Capo icona, il blazer.


1

2

4

3

5

1. 2. 3. Fratelli Levaggi 4. 5. Tessitura Giuseppe Gaggioli

GENOA

Genoa is renowned for a diversity of artisan traditions. Highlights include the Chiavari chairs made by two dedicated young craftsmen, the Fratelli Levaggi, who, from selecting wood to making finishing touches, are involved in every step of the creation of a product famed for its elegance and perfect relationship between lightness and robustness

(469 via Parma - Chiavari). Zoagli, on the other hand, is known, not by chance, as velvet country. Among those involved in this ancient art is Tessitura Giuseppe Gaggioli. Damasks, velvets and silk: fine warps, which, on request, can also contain gold and silver, and are produced based on designs from its vast historical archive or according to the customer’s own designs (Via dei Velluti, 1 - Zoagli).

genova

La zona di Genova è rinomata per diverse tradizioni artigianali. Note sono ad esempio le sedie di Chiavari a cui si sono dedicati due giovani artigiani: i Fratelli Levaggi che dalla selezione del legno fino alle ultime rifiniture, si occupano della creazione di questo prodotto famoso, oltre che per l’eleganza, per un perfetto rapporto di leggerezza e

robustezza (via Parma, 469 - Chiavari). Zoagli invece è detto non a caso “il paese di velluto”. Tra i prosecutori di questa antica arte, Tessitura Giuseppe Gaggioli. Damaschi, velluti e seta: orditi finissimi, che su richiesta, possono contenere anche laminati oro e argento, con disegno tratto dal ricco archivio storico o su modello del cliente (via dei Velluti, 1 - Zoagli). 77


1

2

3

4

5

1. 2. Cappellificio Cervo 3. 4. 5. La Vacchetta Grassa

PARMA

A prestigious leather shop in the heart of Modena, Vacchetta Grassa at 42/44 Corso Canal Chiaro has produced bags, wallets and belts using strictly natural leather processed with the traditional ageold method of vegetable tanning for more than 35 years. The customer can purchase the finest products on the floor below the workshop. 78

TURIN

PARMA

Una prestigiosa cuoieria nel cuore di Modena, La making from shaping to Vacchetta Grassa in Corso finishing. Canal Chiaro 42/44 produce At Cappellificio Cervo da più di 35 anni cinture, (via Liberty in Sagliano borse e portafogli utilizzando Micca, province of pellami rigorosamente Biella) each step is naturali, lavorati con followed closely in the l’antico metodo della concia workshop, including a vegetale, secondo una antica precise sealing process. tradizione. Il cliente può It’s tradition and acquistare prodotti di alta innovation united for qualità nel piano sottostante unique accessories. il laboratorio. In this laboratory, all the stages in hat

TORINO

Tutte le fasi di lavorazione del cappello: dalla soffiatura al finissaggio, al Cappellificio Cervo (in via Libertà a Sagliano Micca in provincia di Biella), ogni operazione è seguita scrupolosamente all’interno del laboratorio, comprese le accurate lavorazioni di guarnizione. Tradizione e innovazione insieme per accessori unici.


1

2

3

4

5

1. 3. Luciano Petris Mosaici 2. 4. 5. Ceramica Gatti 1928

BOLOGNA

Ceramica Gatti 1928 is the perfect blend of a centuriesold tradition and creative spirit. Established in Faenza, where the first pottery workshops date back to the first century BC, by painter and sculptor Riccardo Gatti, the firm continues today with the creation of beautiful design objects that are appreciated all over the world (via Federico Pompignoli, 4, and via Pistocchi, 14 - Faenza).

TRIESTE

Since 1980, the work of Luciano Petris Mosaici has covered a very broad field, from designing and reproducing artistic mosaics inspired by modern and contemporary works of art to the production of furnishings and finishes using Venetian enamels and marble, but also more unusual materials like rocks and stones. Located in via Paolo Diacono 5, Codroipo - Udine.

Bologna

Ceramica Gatti 1928, è un perfetto connubio di tradizione millenaria e spirito creativo. Fondata a Faenza - dove i primi laboratori di ceramica risalgono addirittura al I secolo a.C. - dal pittore e scultore Riccardo Gatti, questa realtà continua ancora oggi a realizzare bellissimi oggetti di design apprezzati in tutto il mondo (via Federico Pompignoli, 4 e via Pistocchi, 14 - Faenza).

trieste

Dal 1980, l’opera di Luciano Petris Mosaici tocca un campo estremamente vasto: dalla progettazione e riproduzione di mosaici artistici, ispirati ad opere moderne e contemporanee, alla produzione di complementi d’arredo e rivestimenti, che utilizzano smalti veneziani, marmi, ma anche materiali più insoliti come sassi e pietre. In via Paolo Diacono 5, Codroipo - Udine. 79


txt Virginia Mammoli

loyalty p rog r am

Dreaming of a Midsummer holiday Our Travel Tips: taking small, tailor-made tours for I AM STAR guests Le nostre Travel Tip: piccoli tour su misura pensati per gli ospiti I AM STAR

S

tarhotels introduced the I AM STAR loyalty program to make its customers feel like special guests. The program is now officially a year old and to celebrate Starhotels is offering not only 20% off prepaid stays to its I AM STAR members but also a 15% discount even if you don’t pay in advance, giving you the possibility to cancel if your plans change. Making the most of these exclusive benefits is easy: just go to starhotels.com and register for the program by clicking on the I AM STAR section. In addition to special room rates, tailor-made services and reward nights in the most beautiful cities in the world, once you’ve entered the I AM STAR section members will also find the Travel Tip section, where they can choose and purchase tickets online for top museums, galleries, gardens, historic homes and old buildings, or they can book one of our exclusive tours. All at special prices exclusively for I AM STAR guests. We’ll take advantage of the good weather and start with one of the world’s most important examples of an Italian garden, the Boboli

80

Gardens in Florence. A true open-air museum of around 45,000m², its construction spans across four centuries (from the fifteenth to the twentieth century). An experienced guide will accompany you as you explore the beautiful landscape, art and history of this wonderful complex, dotted with statues ranging from Roman antiquities to

Starhotels ha creato il loyalty program I AM STAR per far sentire i suoi clienti degli ospiti speciali. Il programma compie un anno e per festeggiare Starhotels offre agli iscritti I AM STAR non solo lo sconto del 20% sul soggiorno prepagato, ma anche uno sconto del 15% senza prepagamento, con possibilità di cancellazione. Accedere a questi vantaggi esclusivi è semplicissimo, è

I AM STAR program, a loyalty program that will make your holiday an exclusive experience that you won’t ever forget twentieth century pieces, beautiful fountains and small architectural gems like the eighteenth-century Kaffeehaus, a rare example of the Rococo style in Tuscany, and the fabulous Limonaia. As if all this weren’t enough, the tour also includes entry to the Silver Museum, the Costume Gallery, the Porcelain Museum (all housed inside the Pitti Palace) and the nearby Bardini Gardens, another lovely green space, this time in an English style with

sufficiente andare sul sito starhotels.com e iscriversi al programma cliccando sulla sezione I AM STAR. Oltre alle speciali tariffe, ai servizi su misura, alle notti premio nelle più belle città del mondo, una volta entrati nella sezione I AM STAR gli iscritti troveranno anche la sezione Travel Tip, dove poter scegliere e acquistare direttamente online l’ingresso ai più importanti musei, gallerie, giardini, dimore storiche e antichi palazzi, oppure prenotare uno dei nostri

itinerari esclusivi. Il tutto con tariffe speciali dedicate solo agli ospiti I AM STAR. Approfittiamo della bella stagione e partiamo da uno dei più importanti esempi di giardino all’italiana al mondo, il Giardino di Boboli a Firenze. Un vero e proprio museo a cielo aperto di circa 45.000 m², la cui costruzione copre un arco di ben 4 secoli di storia (dal XV al XX secolo). Una guida esperta vi accompagnerà alla scoperta delle bellezze paesaggistiche, artistiche e storiche di questo meraviglioso complesso, costellato di statue che vanno dalle antichità di epoca romana fino al Novecento, splendide fontane e piccole perle architettoniche come la settecentesca Kaffeehaus, raro esempio di gusto rococò in Toscana o la deliziosa Limonaia. Se tutto questo non vi dovesse bastare, il tour comprende anche il Museo degli Argenti, la Galleria del Costume, il Museo delle Porcellane (tutti e tre dentro Palazzo Pitti) e il vicino Giardino Bardini, un altro incantevole angolo verde, questa volta di stampo inglese, con una grande scalinata barocca che culmina con un edificio-belvedere, dal quale si gode una spettacolare vista sulla città.


Above: the wonderful view from Kaffeehaus of Boboli Gardens Below: Venice

81


loyalty p rog r am

2 3

4

1

1. Boboli Gardens of Florence 2. 7. Two romantic views of Venice 3. 5. Lake Como 4. 6. Tiber River of Rome

7

5 6

a large Baroque stairway culminating in a lookoutterrace with a spectacular view of the city. Next we move onto a majestic historical mansion, declared an UNESCO world heritage site in 1997: the Royal Palace of Venaria near Turin, a grandiose model of baroque art in the beautiful setting of its namesake village and French gardens. These bear the marks of important architects from Amedeo di Castellamonte to Juvarra. The package includes a complete tour. As well as entry into the Palace’s historic rooms, it includes entry into its beautiful outdoor spaces, all current exhibitions, contemporary art exhibitions and entry to the special music, theatre and dance events that 82

periodically animate the historical complex. For guests of our hotels in Milan, don’t miss the tour that will take you to the shores of Lake Como, the landscape that, after poets, writers and painters, has become home to international celebrities like George Clooney, Brad Pitt, the Versace family and many others. The tour also includes a boat trip to admire the historic mansions that surround this immense body of water and a visit to the charming town of Como, a small hamlet enclosed between the lake and the mountains, packed with beautiful views. What is the dream of everyone who visits Venice? A private gondola ride, of course. Starhotels has taken care of this, offering among

Passiamo a una maestosa residenza storica, proclamata patrimonio Unesco nel 1997: la Reggia di Venaria, vicino Torino, grandioso modello di arte barocca immersa nella bellissima cornice del suo omonimo borgo e dei suoi giardini alla francese, dove hanno lasciato il segno importanti architetti, da Amedeo di Castellamonte a Juvarra. Il pacchetto prevede un tour completo: oltre alle sale storiche della Reggia, la visita comprende infatti i bellissimi spazi esterni, tutte le mostre in corso, le installazioni di arte contemporanea e l’ingresso agli eventi speciali di musica, teatro e danza che periodicamente animano il complesso storico. Per gli ospiti dei nostri hotel di Milano, da non perdere l’itinerario che vi accompagnerà sulle sponde del

Lago di Como, paesaggio che dopo poeti, scrittori e pittori ha conquistato personaggi di fama internazionali come George Clooney, Brad Pitt, la famiglia Versace e tanti altri. Il tour prevede anche un giro in battello per ammirare le ville storiche che circondano questo immenso specchio d’acqua e una visita nella suggestiva città di Como, piccolo scrigno racchiuso tra il lago e le montagne, ricco di bellissime vedute panoramiche. Qual è il sogno di tutti quelli che arrivano a Venezia? Ovviamente un giro privato in gondola. Starhotels ha pensato anche a questo e tra i pacchetti esclusivi troverete anche una visita dei canali sull’imbarcazione simbolo di questa città unica nel suo genere. Il modo più suggestivo e elegante possibile per


Two images of Royal Palace of Venaria near Turin

its exclusive packages a tour of the channel on the iconic boat, a symbol of this city. It’s the most impressive and elegant way possible to see all the treasures of the lagoon. It’s an experience that will move more than just the romantics out there. Let’s move to the capital and discover the charm of Rome by night, where you can take part in an unforgettable evening cruise on the Tiber River. Imagine the splendour of the city’s landmarks illuminated in the night sky. This is the setting for a truly special evening, where you won’t just be admiring the Eternal City from a privileged perspective, but also enjoying fine dining in an intimate and elegant setting. It’s a tour that combines the historical and

ambiente intimo ed elegante. Un tour che unisce le bellezze storiche e culinarie che tutto il mondo c’invidia. E adesso andiamo a Napoli. Vicino alla bella città partenopea si trova infatti un altro prezioso complesso, Patrimonio dell’Unesco: osservare tutti i tesori della culinary beauties that are la Reggia di Caserta, detta laguna. Un’esperienza che fa envied around the world. non a caso la Versailles innamorare romantici e non And finally, there’s Naples. solo. Spostiamoci nella capitale della Campania. La Reggia Near the beautiful city of e andiamo alla scoperta di tutto ospitò non solo i re borbonici, Naples is another priceless il fascino della Roma notturna. ma anche un’università, i UNESCO landmark: the Reggia di Caserta, also known Per voi un’imperdibile crociera ministeri, una libreria pubblica, la magistratura, un grande as the Versailles of Campania. serale sul fiume Tevere. teatro, un seminario ed una Immaginatevi lo splendore The palace was once home cattedrale. Per visitarla dei monumenti della città not only to the Bourbon scegliete il nostro tour, non che si stagliano nel nero della kings, but a university, saprete da dove cominciare per notte. Questa sarà la vostra ministries, a public library, raccontare tutte le meraviglie scenografia per una serata the magistracy, a large che vedrete. veramente speciale, dove non theatre, a workshop and a solo vi emozionerete ammirando Questo e molto altro per cathedral. Choose our tour rendere la vostra vacanza in la città eterna da un punto di and you won’t know where vista privilegiato, ma gusterete Italia un’esperienza esclusiva to start talking about all the che certo non dimenticherete. anche una raffinata cena in un wonders you have seen.

Only for I AM STAR guests, discount up to 20%, exclusive benefits, reward nights and tailored services

83


txt Teresa Favi

Food ex p er i enc e

Stellar journeys in Milan

Eataly Cooking Stars, a collaboration between Starhotels and Eataly gives rise to a gourmet showcase Eataly Cooking Stars, dalla collaborazione tra l’ospitalità Starhotels ed Eataly nasce la kermesse per palati fini al Rosa Grand

C

onveying the pleasure of Italian living, which stems first and foremost from the country’s food and wine culture, ​​is the key to the incredible success of the collaboration between Starhotels and Eataly, the world’s leading food and wine business. The result is an extraordinary journey that promotes the uniqueness of local ingredients and Italian regional cuisines in each Starhotels hotel through the creation of dedicated menus, events and top contributions. Among these, a special mention goes to the new Eataly Cooking Stars dinner series, which sees the most talented chefs in Italy cook at the Rosa Grand in Milan, just steps from the Cathedral, in a series of events dedicated to aesthetic pleasure and taste, on until November 10, 2016. It’s a monthly calendar of dinners prepared by 5 talented Michelin-starred chefs, synonymous with excellence and hand picked by Eataly to focus on the relationship between local cuisine and great gourmet talent. From Ugo Alciati, Executive Chef of Eataly (Guido Ristorante, Fontanafredda, Serralunga d’Alba) to Mau84

rilio Garola (La Ciau del Tornavento, Treiso, in the province of Cuneo), from Davide Palluda (At the Enoteca in Canale in the province of Cuneo) to Viviana Varese (Alice Ristorante at Eataly, Milan) and Claudio Vicina (Casa Vicina of Eataly Lingotto, Turin) to close with a final dinner with Ugo Alciati and impeccable cuisine inspired by his Piedmont roots. It’s a unique opportunity to get to know and experience through memories the regional cuisines of Piedmont and Lombardy, where Eataly was originally established and where Starhotels proudly opened the wonderful Rosa Grand hotel. A journey into memories and childhood, where local ingredients make up the lion’s share, to discover the skill and imagination of the star chef of the evening. “Local cuisine is often linked with ingredients, grown and picked by farmers with methods handed down the generations to enhance their qualities, making them the utmost expression of biodiversity,” explained Piero Bagnasco, Eataly CEO. He continued, “The dishes with which they are made are, at times, memories of historic moments in that area, therefore they take on strategic

Trasmettere il piacere di vivere all’italiana, che nella cultura enogastronomica ha uno dei valori più importanti è stata la chiave del successo incredibile siglato dalla collaborazione tra Eataly, il più grande centro enogastronomico del mondo, e Starhotels. Ne è nato un percorso straordinario, che valorizza l’unicità delle materie prime locali e la territorialità della cucina italiana in ogni presidio Starhotels con la creazione di menu dedicati, eventi e contributi d’eccellenza. Tra questi, una menzione speciale va alla nuova kermesse Eataly Cooking Stars che fino al 10 novembre 2016 porta al Rosa Grand di Milano, a due passi dal Duomo, alcuni tra gli chef più talentuosi del panorama italiano, per una serie di appuntamenti dedicati al piacere estetico e gustativo. Un calendario di cene a cadenza mensile nel quale si susseguono 5 chef stellati sinonimo di eccellenza in cucina, selezionati con cura da Eataly, per mettere a fuoco il rapporto tra cucina del territorio e grandi talenti gourmet. Da Ugo Alciati, Executive Chef di Eataly (Guido Ristorante di Fontanafredda, a Serralunga d’Alba) a Maurilio Garola (La Ciau del Tornavento di Treiso, in provincia di Cuneo), da

Davide Palluda (All’Enoteca di Canale, in provincia di Cuneo), Viviana Varese (Alice Ristorante di Eataly a Milano) a Claudio Vicina (Casa Vicina dell’Eataly Lingotto a Torino), per chiudere con un nuovo appuntamento in compagnia di Ugo Alciati e ad un’impeccabile cucina ispirata alle sue radici piemontesi. Un’ occasione unica per incontrare e rileggere in chiave proustiana la cucina regionale del Piemonte e della Lombardia, regioni dove è nata Eataly: un viaggio attraverso i gusti della memoria e dell’infanzia, dove le materie prime locali fanno la parte del leone. “La cucina del territorio è sovente legata alle proprie materie prime, coltivate e raccolte dai contadini che con metodi tramandati di generazione in generazione, ne amplificano le qualità dando loro la massima espressione di biodiversità” spiega Piero Bagnasco, AD di Eataly, che aggiunge: “i piatti che ne derivano sono a volte ricordi di momenti storici del territorio e assumono un’importanza strategica studiata a fondo da tutti gli antropologi. Farli passare dalle mani di mamme o nonne, a mani di grandi professionisti della cucina significa rispetto verso il passato


Ugo Alciati, executive chef of Eataly

importance, which are studied in depth by anthropologists. As they move from the hands of mothers or grandmothers into the hands of great chefs, we see a respect for the past and a view toward the future... It’s from this combination that fantastic dishes are created.” A perfect example of this is Claudio Vicina, who, on October 6, will recreate the flavours of the Piedmontese cuisine of his childhood. Bagnasco, what values do you see when you offer an Italian dining experience? I think of the values linked to the land, the people and the history, but I also think the noun biodiversity expresses all of this. What does it mean to be an ambassador in the world of variety and typical Italian food and wine?

5 Michelin-starred chefs, to focus on the relationship between local cuisine and great gourmet talent

Elisabetta Fabri President and Ceo Starhotels, Ugo Alciati

e ricerca per il futuro...da questo binomio nascono interpretazioni fantastiche”. Un esempio per tutti quello di Claudio Vicina che il 6 ottobre rievoca nel suo menù i sapori della cucina piemontese della sua infanzia. Bagnasco, quali valori sono in ballo quando si propone un’esperienza culinaria italiana? Penso al bagaglio di valori legati al territorio, alle popolazioni e alla storia… ma credo che il sostantivo ‘biodiversità’ li esprima tutti. Che cosa significa essere ambasciatori nel mondo della varietà e della tipicità enogastronomica italiana? Ne siamo molto fieri ed orgogliosi, e anche coscienti della responsabilità e del grande lavoro che ci aspetta, anno dopo anno per dare il giusto lustro ai produttori che con il risultato del loro lavoro permettono alla 85


F ro m a b o v e c l o c k w i se : D a v i d e P al l u da, V i v i a n a Vare se , Ma u r i l i o Garo l a and Claudio Vicina

86


Ea t a l y C o o k i n g S t a r s , s o m e pl at e s

We are very proud of the title, but also aware of the responsibility and considerable work that awaits us year after year in order to properly represent the producers who, with their work, allow Italian cuisine to maintain and build upon its authoritative position in the world. How do you manage to preserve production and the local culinary traditions of specific areas in our country, some often remote, and at the same time market them on a global scale? Thanks to an important nonprofit association that everyone’s heard of... Slow Food, which safeguards and promotes small local producers. Eataly consults daily with its experts to define the right course of action and apply

June 9: Davide Palluda July 7: Viviana Varese October 6: Claudio Vicina November 10: Ugo Alciati it, in the right quantities, to make the products saleable on a large scale. Each evening begins at 8pm with welcome drinks followed by dinner prepared by the guest chef, which is paired with a selection of wines produced by leading local vineyards. After dinner, you can make the most of the hospitality of the Hotel Rosa Grand, which distinguishes itself with a sober and discreet ‘Milanese’ atmosphere and sweeping views of the historic heart of the city.

cucina italiana di mantenere e accrescere la propria autorevolezza nel mondo. Come si riescono a preservare le tradizioni produttive e culinarie locali di specifici territori del nostro Paese, molto spesso remoti, e a commercializzarle su scala globale? Grazie a Slow Food (l’associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente, nrd.) che con l’istituzione dei

presidi tutela e promuove le piccole produzioni locali. Eataly si consulta quotidianamente con i suoi esperti per definire la strada più giusta e poterli, nei limiti possibili, renderli  fruibili su ampia scala. Ogni serata ha inizio alle 20.00 con un aperitivo di benvenuto, seguito dalla cena curata dallo chef ospite con l’abbinamento di una selezione di vini prodotti da aziende distintive del territorio. Dopo cena, si può approfittare dell’ospitalità dell’Hotel Rosa Grand caratterizzato da una sobria e discreta atmosfera ‘milanese’, da affacci incantevoli sul cuore storico di Milano e dotato di un wellness center con bagno turco, solarium e speciali trattamenti relax su richiesta. 87


events city events city events city events city e new york

Not to miss in New York Cosa non perdere a New York It’s one of the most interesting exhibits of the year, Edgar Degas: A Strange New Beauty at the MoMA until July 24, capturing the unusual printmaker. Also at the MoMA from July 3 to October 2, Bruce Conner: It’s all true, the first large survey of a 50-year career. To inaugurate the new Met on Madison Avenue, Unfinished:

the Ancient World and from May 10 to August 7, Turner’s Whaling Pictures. Italian art – especially that of the younger generation – has become an institution in New York at the Cara Gallery in Chelsea, which hosts Beatrice Scaccia until June 11. At the Frick Collection on Fifth Avenue, Van Dyck: the Anatomy

Paul McCartney. And of course, we mustn’t forget Independence Day celebrations on July 4, Columbus Day on October 10, Halloween, which takes us to Greenwich Village for the parade of horrors on October 31, Thanksgiving on November 24 and the next day, Black Friday with the most famous sales in the world.

Turner’s Whaling Pictures

Adele

nue La potenza del non-finito. Fino al 4 settembre una miscellanea di capolavori d’arte non-finiti di maestri esemplari come Donatello, Tiziano e Rembrandt; fino al 14 agosto Manus x Machina: la moda nell’era della tecnologia; fino al 26 giugno Richard Tuttle: The Critical Edge; fino al 17 luglio, Pergamon e il regno ellenistico e

fino al 5 giugno. Tra i numerosi concerti da segnalare al Citi Field Beyoncè il 7 e 8 giugno; al Madison Square Garden The Cure dal 18 al 20 giugno, Sting e Peter Gabriel il 27 giugno, Adele dal 19 al 26 settembre; al MetLife Stadium il 17 luglio i ColdPlay, il 23 luglio i Guns N’ Roses, il 7 agosto Paul McCartney.

Black Friday

The must-see events in New York: art, music, fashion shows and much more Gli eventi da non perdere a New York: arte, musica, appuntamenti per fashion addicted e non solo Thoughts Left Visible is on until September 4, exhibiting a miscellany of unfinished artworks from masters like Donatello, Titian and Rembrandt; until August 14, catch Manus x Machina: Fashion in an Age of Technology; until June 26, Richard Tuttle: The Critical Edge; until July 17, Pergamon and the Hellenistic Kingdoms of

of Portraiture is on until June 5. Among the many concerts on at Citi Field, Beyonce sings on June 7 and 8. At Madison Square Garden, The Cure on June 18 to 20, Sting and Peter Gabriel on June 27, and Adele on September 19 to 26. At the MetLife Stadium on July 17 catch Coldplay, on July 23 Guns N ‘Roses and on August 7

E’ tra le mostre più interessanti dell’anno, Edgar Degas: A Strange New Beauty al MoMA fino al 24 luglio, che mostra un insolito Degas incisore. Sempre al Moma dal 3 luglio al 2 ottobre Bruce Conner: It’s all true, la prima completa retrospettiva di 50 anni di carriera. Per inaugurare il nuovo MET su Madison Ave-

dal 10 maggio fino al 7 agosto Turner’s whaling pictures. L’arte italiana – soprattutto quella delle nuove generazioni – ha ormai un punto di riferimento a New York in Cara Gallery, a Chelsea, che ospita fino all’11 giugno Beatrice Scaccia. Alla Frick Collection sulla Quinta Avenue Van Dyck: the anatomy of portraiture

Ovviamente da non perdere le celebrazioni per l’Independence Day il 4 luglio, il Columbus Day il 10 ottobre, la notte di Halloween che porta al Greenwich Village la sfilata degli orrori, il Giorno del Ringraziamento il 24 novembre e il giorno successivo, per i patiti dello shopping, il Black Friday con i saldi più famosi del mondo. 89


ity events city events city events city events city paris

Spoilt for choice L’imbarazzo della scelta A journey to the red planet at the Palais de la Découverte with Explorez Mars until August 28. On at the Centre Georges Pompidou until May 23 Les années 80, l’insoutenable légèreté retraces the ‘80s, until August 1 Paul Klee – Irony at work, and one of the most highly anticipated exhibitions of the year, René Magritte, la tra-

The Douanier Rousseau. Archaic Candour is on until July 17. Experience magic from May 24 to June 28 with JR, one of the world’s most famous street artists, who will be make the Louvre pyramid disappear. An array of concerts is on in the coming months too. Ennio Morricone on May 27 and 28 at the Palais des Congrès. The AccorHotels Arena

ber 15. While Rihanna will perform at the Stade de France on July 30. From May 22 to June 5, the world’s top tennis players will be trading blows at the French Open. Don’t forget the world of fashion: the men’s runways will be on from June 22 to 26, high fashion from July 3 to 7 and Ready to Wear from September 27 to October 5.

René Magritte, la trahison des images sarà dal 21 settembre al 23 gennaio. L’Art et l’enfant riunisce fino al 3 luglio al Museo Marmottan Monet opere di Cézanne, Monet, Renoir, Millet, Manet, Matisse, Picasso. La mostra Barbie, fino al 18 settembre al Museo delle Arti Decorative. Al Musée d’Orsay

Arena fa tappa il primo tour europeo di Adele il 9 e 10 giugno; è poi la volta di Céline Dion dal 24 giugno al 7 luglio; Laura Pausini il 12 ottobre; Ben Harper & The Innocent Criminals il 14 ottobre e The Cure il 15 novembre. All’Olympia ci saranno Giorgio Moroder l’11 luglio, Zucchero il 6, 7 e 8 novembre, gli Europe il

Louvre

Il Doganiere. Il candore arcaico

Centre Georges Pompidou

Explorez Mars

Great events for art, music and sports lovers Grandi eventi per gli amanti dell’arte, della musica e dello sport

hison des images will be on from September 21 to January 23. L’Art et l’enfant brings together, until July 3, at the Museo Marmottan Monet, the works of Cézanne, Monet, Renoir, Millet, Manet, Matisse and Picasso. The exhibition Barbie is on at the Musée des Arts Décoratifs until September 18. At the Musée d’Orsay, 90

will be the first stop on Adele’s European tour on June 9 and 10, then catch Céline Dion from June 24 to July 7; Laura Pausini on October 12; Ben Harper & The Innocent Criminals on October 14 and The Cure on November 15. At the Olympia, catch Giorgio Moroder on July 11, Zucchero on November 6, 7 and 8, and Europe on Novem-

Un viaggio verso il pianeta rosso al Palais de la Decouverte con Explorez Mars fino al 28 agosto. Al Centre Georges Pompidou fino al 23 maggio Les années 80, l’insoutenable légèreté ripercorre gli anni ’80; fino all’1 agosto Paul Klee – L’ironia all’opera è una delle esposizioni più attese del 2016;

Rousseau il Doganiere. Il candore arcaico fino al 17 luglio. Spazio anche alla magia dal 24 maggio al 28 giugno con JR, uno dei più famosi street artists, che farà sparire la piramide del Louvre. Molti i concerti. Ennio Morricone il 27 e 28 maggio al Palais des Congrès. All’AccorHotels

15 novembre. Rihanna canterà il 30 luglio allo Stade de France. Dal 22 maggio al 5 giugno un classico del tennis con gli Open francesi al Roland Garros. Da non dimenticare la moda: sfilate per l’uomo dal 22 al 26 giugno, l’alta moda dal 3 al 7 luglio, il Ready- to- wear dal 27 settembre al 5 ottobre.


y events city events city events city events city e london

Art and music in London Londra tra arte e musica At the National Gallery, Delacroix and the Rise of Modern Art until May 22. Until June 5 at the Royal Academy of Arts catch In the Age of Giorgione. At the Victoria & Albert Museum one of the most interesting exhibits for 2016, Botticelli Reimagined is on until July 3. To celebrate the 90th birthday of Queen

14, Sicily: Culture and Conquest, dedicated to more than 4,000 years of the island’s history. On display at the National Portrait Gallery until June 26 are masterpieces of Russian art from the Tretyakov State Gallery in Moscow in Russia and the Arts: The Age of Tolstoy and Tchaikovsky; until August 14, Celebrating Charlotte Brontë: 1818 – 1855 to

I Am the Greatest tells the extraordinary story of Muhammad Ali. At the same arena, there are plenty of concerts to choose from including Bryan Adams on May 7, Neil Young on June 11, Earth, Wind & Fire on July 1, Lionel Richie on July 2, 3 and 6, Andrea Bocelli on October 1, Justin Bieber on October 11, 12, 14, 15 and November 28 and 29, and finally Wembley

Botticelli Reimagined. Per il 90esimo compleanno della Regina Elisabetta l’11 giugno si svolge la sfarzosa parata militare Trooping the colour a Horse Guards Parade. Al British Museum dal 19 maggio al 27 novembre Sunken Cities: Egypt’s Lost World mostra due città dell’antico Egitto sommerse per oltre 1000 anni; fino al 14 agosto Sicily: Culture and

anni dalla nascita. Alla Tate Britain Conceptual Art in Britain 1964 – 1979 fino al 29 agosto; alla British Library fino al 6 settembre Shakespeare in Ten Acts in occasione del quarto centenario della morte del poeta. All’O2 Arena dal 15 al 24 settembre Marvel Universe Live; fino al 31 agosto I Am the Greatest racconta le straordinarie vicende di

Bruce Springsteen

Delacroix and the Rise of Modern Art

Victoria & Albert Museum

Trooping the colour

Unique and exciting exhibitions and concerts Importanti mostre e concerti che promettono grandi emozioni

Elizabeth on June 11, there’ll be the magnificent military parade Trooping the Colour at the Horse Guards Parade. At the British Museum from May 19 to November 27, Sunken Cities: Egypt’s Lost World will feature two ancient Egyptian cities that have been underwater for more than 1,000 years. Until August

mark Charlotte Bronte’s 200th birthday. At Tate Britain, Conceptual Art in Britain 1964 – 1979 is on until August 29; at the British Library until September 6, Shakespeare in Ten Acts celebrates four centuries since the poet’s death. At the O2 Arena from September 15 to 24, Marvel Universe Live; while until August 31,

Stadium hosts Bruce Springsteen on June 5. Alla National Gallery fino al 22 maggio Delacroix and the Rise of Modern Art. Fino al 5 giugno alla Royal Academy of Arts In the Age of Giorgione. Al Victoria&Albert Museum fino al 3 luglio una delle mostre più interessanti del 2016,

Conquest, dedicata a oltre 4000 anni dell’Isola. Alla National Portrait Gallery fino al 26 giugno i capolavori dell’arte russa provenienti dalla State Tretyakov Gallery di Mosca Russia and the Arts: The Age of Tolstoy and Tchaikovsky; fino al 14 agosto Celebrating Charlotte Brontë: 1818 – 1855 in occasione delle celebrazioni per i 200

Muhammad Ali. Nella stessa arena numerosi concerti il 7 maggio Bryan Adams, l’11 giugno Neil Young, l’1 luglio Earth, Wind & Fire, il 2, 3 e 6 luglio Lionel Richie, l’1 ottobre Andrea Bocelli, l’11, 12, 14, 15 ottobre e il 28 e 29 novembre Justin Bieber. Il Wembley Stadium ospita il 5 giugno Bruce Springsteen. 91


ity events city events city events city events city milano

Top exhibitions in Milan Grandi mostre a Milano The Palazzo Reale hosts Simbolismo. Dalla Belle Epoque alla Grande Guerra until June 5; until June 10, it will showcase Umberto Boccioni: genio e memoria (1882-1916); from June 29 to September 25, Emilio Isgrò; from September 22 to January 29, Hokusai, Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato

June 16 to September 11, James Natchtwey from November 18 to March 5. At the Gallerie d’Italia, La bellezza ritrovata, Caravaggio, Rubens, Perugino, Lotto and another 140 masterpieces will be on display until July 17. At HangarBicocca, the exhibition Doubt by Carsten Höller gives you the chance to spend a night at the

Herb Ritts

died last year, with an exhibition at the Museo Teatrale alla Scala and one at the Laboratori Scala Ansaldo. And let’s not forget fashion: from June 9 to July 18, they’ll be walking the runways of Milano Moda Main, from June 18 to 21, Milano Moda Uomo and from September 21 to 27, Moda Donna.

Arnaldo Pomodoro

al 26 febbraio Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco; dal 21 novembre al 22 gennaio Arnaldo Pomodoro. 90 anni di scultura. Palazzo della Ragione si conferma una mecca per gli appassionati di fotografia con Herb Ritts fino al 5 giugno, William Klein dal 16 giugno all’11 settembre, James Natchtwey

Sforzesco sarà visibile l’incompiuta Pietà Rondanini di Michelangelo. Al Mudec fino all’11 settembre Joan Mirò. La forza della materia; dal 5 ottobre al 19 febbraio una retrospettiva ripercorre la carriera artistica di Jean-Michel Basquiat. Un doppio omaggio per Luca Ronconi, scomparso da un anno, con un’e-

Simbolismo at Palazzo Reale

From Baroque to contemporary art, including photography, the cannot-be-missed exhibits in Milano Dal Barocco all’arte contemporanea, passando per la fotografia, le grandi esposizioni a Milano l’Occidente; from October 27 to February 26, Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco; and from November 21 to January 22, Arnaldo Pomodoro. 90 anni di scultura. The Palazzo della Ragione confirms that it’s still a destination for photography lovers with Herb Ritts until June 5, William Klein from 92

museum. At the Castello Sforzesco, you can see Michelangelo’s unfinished Pietà Rondanini. At the Mudec until September 11, catch Joan Mirò. La forza della materia; from October 5 to February 19, a retrospective look at the artistic career of Jean-Michel Basquiat. A double tribute to Luca Ronconi, who

Palazzo Reale ospita Simbolismo. Dalla Belle Epoque alla Grande Guerra fino al 5 giugno; fino al 10 luglio Umberto Boccioni: genio e memoria (1882-1916); dal 29 giugno al 25 settembre Emilio Isgrò; dal 22 settembre al 29 gennaio Hokusai, Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato l’Occidente; dal 27 ottobre

dal 18 novembre al 5 marzo. Alle Gallerie d’Italia La bellezza ritrovata. Caravaggio, Rubens, Perugino, Lotto e altri 140 capolavori restaurati fino al 17 luglio. All’Hangar Bicocca la mostra Doubt, la personale di Carsten Höller, con la possibilità di passare una notte dentro al museo. Al Castello

sposizione al Museo Teatrale alla Scala e una mostra nei Laboratori Scala Ansaldo. Non si possono dimenticare gli appuntamenti con la moda: dal 9 giugno al 18 luglio le sfilate di Milano Moda Main, dal 18 al 21 giugno Milano Moda Uomo, dal 21 al 27 settembre Milano Moda Donna.


y events city events city events city events city e VENEZIA

Venice and the Renaissance Venezia e il suo Rinascimento

Tiziano at Palazzo Cini

Venezia, gli Ebrei e l’Europa at the Palazzo Ducale from June 19 to November 13 is the year’s highlight, celebrating 500 years since the founding of the Venetian ghetto. The photos of Helmut Newton can be seen at the Casa dei Tre Oci until August 7. Aldo Manuzio. Il Rinascimento di Venezia is

Venezia, gli Ebrei e l’Europa

on until June 19 at the Gallerie dell’Accademia. A world-class exhibition is on at the Palazzo Cini until November 15 showcasing works by Titian, Canaletto, Tiepolo, Guardi, Crivelli. Another exhibition well worth seeing is L’ebbrezza di Noè di Giovanni Bellini at the Museo Correr until June 18, 2016.

Reporting is the theme of the 15th International Architecture Exhibition, on until November 27 . Plus, there’s an exhibition dedicated to Maria Callas, on

Helmut Newton

from September 11 l’evento di punta del to January 31, 2017, programma i 500 at Teatro La Fenice. anni del ghetto di Venezia. Venezia, gli Ebrei Le foto di Helmut e l’Europa a Newton alla Palazzo Ducale Casa dei Tre Oci dal 19 giugno al fino al 7 agosto. 13 novembre è Aldo Manuzio. Il Rinascimento di Venezia fino al 19 alle Gallerie dell’Accademia. Mostra eccezionale a Palazzo Cini: fino al 15 novembre opere di Tiziano, Canaletto,

Tiepolo, Guardi, Crivelli. L’ebbrezza di Noè di Giovanni Bellini è al Museo Correr fino al 18 giugno 2016. Reporting è il tema della 15esima Mostra Internazionale di Architettura fino al 27 novembre. Mostra dedicata a Maria Callas dall’11 settembre al 31 gennaio al Teatro La Fenice.

trieste

Trieste and her seaside Trieste e il suo mare

Castello di Miramare

The Museo di Storia naturale hosts the exhibition Fossili urbani until June 15. A re-reading of the history of Trieste and its residents during the Great War: 14 -18 Due fronti, una città at the Salone degli Incanti until June 19. At the Museo storico del Castello di Miramare until October 2, you can catch the

Piazza Unità d’Italia

exhibition Fascino mediterraneo with works by Giacomo and Antonio Baseggio. Lloyd. Le navi di Trieste nel mondo displays 6,200 pieces from Lloyd’s

historical archives at the Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio until October 9. From June 24 until July 3, Triskell, the 2016 International Festival of Music

Lloyd. Le navi di Trieste nel mondo

and Celtic Culture in Trieste, is on at the Boschetto del Ferdinandeo. In Piazza Unità d’Italia, Iron Maiden plays on July 26 and Mika on July 28. Il Museo di Storia naturale ospita la mostra Fossili urbani fino al 15 giugno. Una rilettura della storia di Trieste e dei triestini durante la Grande guerra:

14-18 Due fronti, una città nel Salone degli Incanti fino al 19 giugno. Al Museo storico del Castello di Miramare è possibile visitare fino al 2 ottobre la mostra Fascino mediterraneo grazie alle vedute dei Giacomo e Antonio Baseggio nelle collezioni di Massimiliano d’Asburgo. Lloyd. Le navi di Trieste nel mondo

raccoglie 6200 pezzi dall’archivio storico del Lloyd nella Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio fino al 9 ottobre. Dal 24 giugno al 3 luglio Triskell XV Festival Internazionale di Musica e Cultura celtica al Boschetto del Ferdinandeo. In Piazza Unità d’Italia il 26 luglio Iron Maiden, il 28 luglio Mika.

93


ity events city events city events city events city roma

New ways to discover the past Nuovi modi per scoprire il passato At the Palazzo delle Esposizioni, catch the video installation Caravaggio Experience until July 3 and the Il giardino di Matisse until May 22. The Vittoriano will be exhibiting the worldwide success Barbie. The Icon until October 20 and Alphonse Mucha and his posters until September 11. At the MAXXI, Superstudio 50 retraces the activities of one of

June 12. The Macchiaioli are on display at the Chiostro del Bramante until September 4. Campidoglio. Mito, memoria, archeologia is on at the Musei Capitolini until June 19. At the Scuderie del Quirinale until June 26, see Correggio e Parmigianino. Arte a Parma nel Cinquecento, while you can catch Capolavori della scultura bud-

Piero Angela and Paco Lanciano at the Foro di Augusto and of Cesare, until November 15. While at the Ara Pacis, Domon Ken. Il Maestro del Realismo Giapponese is on from May 26 to September 18. When it comes to music at the Ippodromo delle Capannelle, catch Duran Duran on June 7. At the Circo Massimo, David

ottobre il successo mondiale Barbie.The Icon; fino all’11 settembre Alphonse Mucha e i suoi manifesti Art Noveau. Al MAXXI Superstudio 50 fino al 4 settembre ripercorre l’attività di uno dei gruppi più influenti dell’architettura radicale italiana. Al MACRO Roma60 e l’iconografia urbana ripercorre il panorama artistico di Roma nei ruggenti anni ‘60 dal 27 maggio all’11 settembre;

Capolavori della scultura buddista giapponese in mostra dal 30 luglio al 4 settembre. Fino all’11 settembre riapre al pubblico dopo più di trent’anni Santa Maria Antiqua, la basilica nel Foro Romano scoperta nel 1900. Un modo nuovo per visitare i Fori grazie agli spettacoli multimediali di Piero Angela e Paco Lanciano nel Foro di Augusto e in quello di Cesare fino al 15 no-

Domon Ken

Foro di Augusto

Barbie. The Icon

Bruce Springsteen

The great names of international music and art from all over the world Grandi nomi della musica internazionale e arte da tutto il mondo the most influential groups of radical Italian architecture until September 4. At the MACRO, Roma60 and urban iconography retrace Rome’s art scene in the Roaring ‘60s from May 27 to September 11, while the works of the ‘50s are on display thanks to a union between Marisa and Mario Merz, on until 94

dista giapponese, on display from July 30 to September 4. Until September 11, the Santa Maria Antiqua, the basilica in the Foro Romano that was discovered in 1900, will be open to the public after being closed for 30 years. Experience a new way to visit the Forum thanks to the multimedia shows of

Gilmour on July 2 and 3 and Bruce Springsteen on July 16. At the Auditorium Parco della Musica, Sting performs on July 27. Al Palazzo delle Esposizioni fino al 3 luglio l’imponente video installazione Caravaggio Experience; e Il giardino di Matisse fino al 22 maggio. Al Vittoriano fino al 30

fino al 12 giugno i lavori di 50 di connubio di Marisa e Mario Merz. I Macchiaioli in mostra al Chiostro del Bramante fino al 4 settembre. Campidoglio. Mito, memoria, archeologia ai Musei Capitolini fino al 19 giugno. Alle Scuderie del Quirinale fino al 26 giugno Correggio e Parmigianino. Arte a Parma nel Cinquecento;

vembre. All’Ara Pacis Domon Ken. Il Maestro del Realismo Giapponese dal 26 maggio al 18 settembre. Per quanto riguarda la musica all’Ippodromo delle Capannelle i Duran Duran il 7 giugno. Al Circo Massimo David Gilmour il 2 e 3 luglio e Bruce Springsteen il 16 luglio. All’Auditorium Parco della Musica Sting il 27 luglio.


y events city events city events city events city e firenze

It’s spring: Florence comes alive E’ primavera: Firenze si sveglia

Jan Fabre

Spring starts with the Maggio Musicale Fiorentino on until July 4 at the Florence Opera House. Pitti Uomo brings the city to life with events inside and outside the walls of the Fortezza da Basso from June 14 to 17. Until September 30, Donato Di Zio’s exhibition La spirale dell’anima… sul filo di Dante Alighieri is on at the Museo Casa di Dante.

Maggio Musicale Fiorentino

There’s plenty to see at Palazzo Strozzi: until June 19 Liu Xiaodong: Migrations, until July 24 From Kandinsky to Pollock. The Art of the Guggenheim Collections, and from September 23 to January 22, 2017, Ai Weiwei, one of the world’s most influential contemporary artists. At the Palazzo Vecchio and the Forte Belvedere

you’ll find the works of Jan Fabre until October 2. At Palazzo Pitti, Polittico della Santa Croce by Adam Elsheimer until June 5 and Il Rigore e La Grazia until May 17.

Appuntamento con il Maggio Musicale Fiorentino fino al 4 luglio all’Opera di Firenze. Pitti Uomo anima la città con eventi dentro e fuori la

Ai Weiwei

Fortezza Da Basso dal 14 al 17 giugno. Fino al 30 settembre la mostra di Donato Di Zio La spirale dell’anima… sul filo di Dante Alighieri al Museo Casa di Dante. Ricco il programma di Palazzo Strozzi: fino al 19 giugno Liu Xiaodong: Migrazioni, fino al 24 luglio Da Kandinsky a Pollock. La grande arte dei

Guggenheim, dal 23 settembre al 22 gennaio 2017 Ai Weiwei, uno dei più influenti artisti contemporanei. A Palazzo Vecchio e al Forte Belvedere fino al 2 ottobre le opere di Jan Fabre. A Palazzo Pitti il Polittico della Santa Croce di Adam Elsheimer fino al 5 giugno; e Il Rigore e La Grazia al fino al 17 maggio.

Torino Turin and art Torino e l’arte

Steve McCurry

The Matisse e il suo tempo exhibition is on at Palazzo Chiablese until May 15. French paintings are also being lauded at Palazzo Madama, which hosts Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese dall’Ermitage until July 4. The Museo Egizio builds a bridge between Egypt and Italy with Il Nilo a

Van Gogh Alive

Pompei - Visioni d’Egitto nel mondo romano, on until September 4. Until June 26, the Museo Ettore Fico features Renato Birolli and Florence Henri. At the Galleria d’Arte Moderna, Braco Dimitrijević until July 24. At the Reggia di Venaria Reale Il mondo di Steve McCurry, one of the great masters

of contemporary photography, until September 25, while from July 16 to January 29 2017, don’t miss Le Meraviglie degli Zar. At the Promotrice delle Belle Arti until June 26, Van Gogh Alive - The Experience. At the Pala Alpitour, there’s plenty to see including Le meraviglie di Maurizio Crozza on June 17, Rihanna

on July 11, Alessandra Amoroso on October 13, Emma on October 22, and Pooh on October 25 and 26. Fino al 15 maggio a Palazzo Chiablese Matisse e il suo tempo. Pittura francese anche a Palazzo Madama che ospita fino al 4 luglio Da Poussin agli Impressionisti. Tre secoli di pittura francese dall’Ermitage. Il Museo Egizio getta un

ponte tra Egitto e Italia con la mostra Il Nilo a Pompei - Visioni d’Egitto nel mondo romano fino al 4 settembre. Al Museo Ettore Fico fino al 26 giugno personali di Renato Birolli e di Florence Henri. Alla Galleria d’Arte Moderna Braco Dimitrijević fino al 24 luglio. Alla Reggia di Venaria Reale fino al 25 settembre Il mondo di Steve McCurry, uno

dei più grandi maestri della fotografia contemporanea; dal 16 luglio al 29 gennaio 2017 Le Meraviglie degli Zar. Alla Promotrice delle Belle Arti fino al 26 giugno Van Gogh Alive - The Experience. Al Pala Alpitour: il 17 giugno Le meraviglie di Maurizio Crozza, l’11 luglio Rihanna, il 13 ottobre Alessandra Amoroso, il 22 ottobre Emma, il 25 e 26 i Pooh. 95


ity events city events city events city events city Parma

Music is king in Parma Musica padrona di Parma

Stefano Bollani

The two top events of the year in Parma are Giappone segreto. Capolavori della fotografia dell’800 on at the Palazzo del Governatore until June 5 and Severini. L’emozione e la regola at the Fondazione Magnani Rocca until July 3, an exhibition dedicated to the painter on the fiftieth anniversary of his death.

ParmaDanza

On May 20, Stefano Bollani performs at the Teatro Regio; at the same theatre, catch ParmaDanza until June. ParmaEstate returns with concerts (Gianna Nannini on July 13 and Morgan on July 20), ballet and operas (Notre Dame de Paris from July 3 to 9) and the Festival Verdi, which has also dates in Busseto from October

1 to 30. From June 17 to 19, the Festival della Lentezza returns to Colorno. And at the Campus Industry Music, Francesca Michelin perforon October 22

I due principali eventi della stagione sono Giappone segreto. Capolavori della fotografia dell’800 a Palazzo del Governatore fino al 5 giugno e

Giappone segreto

Severini. L’emozione e la regola alla Fondazione Magnani Rocca fino al 3 luglio, una mostra monografica dedicata al pittore nel cinquantenario della morte. Il 20 maggio Stefano Bollani al Teatro Regio e nello stesso teatro la rassegna ParmaDanza fino a giugno, ParmaEstate con concerti (Gianna

Nannini il 13 luglio e Morgan il 20 luglio), concerti, balletti e opere (Notre Dame de Paris dal 3 al 9 luglio), il Festival Verdi che ha appuntamenti anche a Busseto dal 1 al 30 ottobre. Dal 17 al 19 giugno torna il Festival della Lentezza a Colorno. Al Campus Industry Music il 22 ottobre Francesca Michelin.

Bologna

Bologna celebrates 900 years 900 anni per Bologna

Teatro comunale

The event of the year is the city’s 900th anniversary celebrations. Among the events, Dall’archivio fotografico Aldini-Valeriani (1865-1965) at the Museo del Patrimonio Industriale until June 30, the Gran Ballo dell’Unità d’Italia at the Museo del Risorgimento on May 28. At the Palazzo Fava, 96

Egitto. Splendore millenario

Edward Hopper is on display until July 24. At the Teatro Manzoni, Elvis Costello performs on May 28, at the Unipol Arena, The Cure performs on October 29 and Pooh on November 8. The Bologna Festival is on at the Teatro Manzoni until June 9. From September to November,

the exhibition Il Nuovo L’Antico. At the Teatro comunale, Nikolaj Znaider performs on June 22 and Michele Mariotti on September 28. At MAMbo until June 26, Il segno inciso di Giorgio Morandi and Morandi a vent’anni. Dipinti della Collezione Mattioli dal Guggenheim di Venezia. And at the Museo

Civico Archeologico until July 17, Egitto. Splendore millenario.

28 maggio. A Palazzo Fava fino al 24 luglio Edward Hopper. Al Teatro Manzoni Tra gli eventi dedicati Elvis Costello il 28 al nono centenario maggio, all’Unipol del Comune, Arena The Cure Dall’archivio il 29 ottobre e i fotografico Aldini- Pooh l’8 novembre. Valeriani (1865Fino al 9 giugno al 1965) al Museo Teatro Manzoni il del Patrimonio Bologna Festival Industriale fino al e da settembre a 30 giugno e il Gran novembre la rassegna Ballo dell’Unità Il Nuovo L’Antico. d’Italia al Museo Al Teatro Comunale del Risorgimento il Nikolaj Znaider

il 22 giugno, Michele Mariotti il 28 settembre. Al MAMbo fino al 26 giugno Il segno inciso di Giorgio Morandi e Morandi a vent’anni. Dipinti della Collezione Mattioli dal Guggenheim di Venezia. Al Museo Civico Archeologico fino al 17 luglio Egitto. Splendore millenario.


y events city events city events city events city e bergamo

The art of Mercy L’arte della Misericordia

GAMeC Bergamo

In the year of the Extraordinary Jubilee of Mercy, on at the Museo d’Arte e Cultura Sacra until July 10, Misericordiae Vultus-Capolavori fiamminghi del Banco Popolare. Until November 20, I volti della Misericordia both at the Museo della Basilica di Clusone. Until June 4 at the Teatro Donizetti, the In-

The Four Seasons

ternational Piano Festival. At the Palazzo del Podestà/Museo del Cinquecento, Quando l’Italia disegnava il mondo. Tesori cartografici del Rinascimento is on until July 10. At the Palazzo della Ragione, where you can catch Nel segno del Rinascimento. Pietro Bussolo scultore a Bergamo until

July 3. On at the GAMeC until May 15, The Four Seasons, by photographer Ryan McGinley. Until 24 July, Aldo Rossi, la finestra del poeta opera grafica 19731997. And at the Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti in Città Alta, Longaretti 100 - Disegni is on until June 5 to celebrate Trento Longaretti’s 100th birthday.

Nell’anno della Misericordia, Al Museo d’Arte e Cultura Sacra fino al 10 luglio Misericordiae Vultus-Capolavori fiamminghi del Banco Popolare. Fino al 20 novembre I volti della Misericordia nel Museo della Basilica di Clusone Fino al 4 giugno al Teatro Donizetti il Festival Pianistico

Internazionale. A Palazzo del Podestà/Museo del Cinquecento fino al 10 luglio Quando l’Italia disegnava il mondo. Tesori cartografici del Rinascimento. Palazzo della Ragione ospita fino al 3 luglio Nel segno del Rinascimento. Pietro Bussolo scultore a Bergamo. Alla GAMeC fino

al 15 maggio The Four Seasons, una personale del fotografo Ryan McGinley. Fino al 24 luglio Aldo Rossi, la finestra del poeta opera grafica 1973-1997. All’Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti in Città Alta, fino al 5 giugno Longaretti 100 - Disegni in occasione del centenario di Trento Longaretti.

genova

The best of Genoa Il meglio di Genova

Roberto Bolle - Teatro Carlo Felice

Sebastião Salgado

At the Museo di Sant’Agostino Genova nel Medioevo, Una capitale del Mediterraneo al tempo degli Embriaci is on until June 26. The Palazzo Ducale hosts Sebastião Salgado – Genesi until June 26 with more than 200 photographs from the most important photojournalist of our time. Around

200 photos from another legendary photographer, Helmut Newton, will be on display from September 2016 to February 2017. At Porto Antico, the exhibition that has attracted more than 40 million visitors worldwide, Body Worlds, is on until May 31. At the Teatro Carlo Felice, Roberto Bolle and Friends is

on July 15 and 16. Between June 14 and July 16 in various places, catch the International Dance Festival 2016. Don’t miss the annual international boat show, Salone Nautico, at the Fiera di Genova from September 20 to 25. From October 27 to November 6, the 2016 Science Festival is on in various locations throughout the city.

Al Museo di Sant’Agostino Genova nel Medioevo. Una capitale del Mediterraneo al tempo degli Embriaci fino al 26 giugno. Palazzo Ducale ospita fino al 26 giugno Sebastião Salgado – Genesi, con oltre 200 fotografie del più importante documentarista del nostro tempo;

circa 200 foto di un altro fotografo leggendario, Helmut Newton, saranno in mostra da settembre a febbraio 2017. Al Porto Antico la mostra che ha contato più di 40 milioni di visitatori nel mondo: Body Worlds fino al 31 maggio. Al Teatro Carlo Felice il 15 e 16 luglio Roberto Bolle

and Friends. Dal 14 giugno al 16 luglio in varie sedi il Festival Internazionale di Danza 2016. Consueto appuntamento con il Salone Nautico Internazionale alla Fiera di Genova dal 20 al 25 settembre. Dal 27 ottobre al 6 novembre il Festival della Scienza 2016 in varie sedi cittadine. 97


ity events city events city events city events cit Napoli

Naples gets musical Napoli è …tanta musica

Negramaro

At the Palapartenope, catch Negramaro on May 10, Giovanni Allevi on May 21 and Emma on October 10. At the Teatro Augusteo, Gianna Nannini on May 10 and Fiorello on May 18 and 19. At the Palasele, Marco Mengoni on May 17, and at the Stadio Partenope, Gigi D’Alessio on June 21. On until September 30, the exhibition

Casa del Bracciale d’Oro - Pompei

Mito e Natura at Pompei until June 15 and at the Naples National Archaeological Museum until September 30. At the Teatro San Carlo concerts (Daniel Smith / Uto Ughi from May 15 to 17) and operas (Madama Butterfly from July 14 to 31, Aida from July 15 to August 2, Le Nozze di Figaro from September 24 to October 4). The classical scenery

of the Reggia di Caserta will come alive once more thanks to ‘passeggiate reali’ (royal walks) and other special events held throughout the summer months.

Al Palapartenope il 10 maggio i Negramaro, il 21 maggio Giovanni Allevi, il 10 ottobre Emma; al Teatro Augusteo Gianna Nannini il 10 maggio,

San Carlo

Fiorello il 18 e 19 maggio; al Palasele Marco Mengoni il 17 maggio; allo Stadio Partenope Gigi D’Alessio il 21 giugno. Fino al 30 settembre la mostra Mito e Natura agli Scavi archeologici di Pompei, fino al 15 giugno, ed al Museo Archeologico Nazionale fino al 30 settembre. Al Teatro San Carlo concerti (Daniel

Smith / Uto Ughi dal 15 al 17 maggio) e opere liriche (Madama Butterfly dal 14 al 31 luglio, Aida dal 15 luglio al 2 agosto, Le Nozze di Figaro dal 24 settembre al 4 ottobre). La classica visita alla Reggia di Caserta si rinnova grazie alle ‘Passeggiate Reali’ e agli eventi speciali per tutti i mesi estivi.

Saronno

Music and sustainability at Saronno Musica e sostenibilità a Saronno La Vergine delle Rocce

Reminder: Saronno is just 10 minutes by car from Milan. Perfect for those who don’t fancy a trip into the city, here are Saronno’s main upcoming events. On May 7 at the Santuario Beata Vergine dei Miracoli, choral groups perform at the 37th Rassegna Corale Città di Saronno. At the Teatro Giuditta

Pasta on May 13, catch Vite vincenti, il cortile dei giochi. Until May 8 at the Chiesa di San Francesco, you can see La Vergine delle Rocce dalla Bottega di Leonardo da Vinci. At the Centro d’arte Malagnini from May 21 to June 30, catch the collective Infigura. Enjoy religious music concerts:

Santuario della Beata Vergine dei Miracoli

at the Chiesa della Regina Pacis on May 21, at the Chiesa di S. Giovanni Battista on June 18 and at the Propositura dei SS. Pietro e Paolo on June 25. Haydn e la genesi della forma classica is on at the Sala Capitolare del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli on May 9, 16 and 23.

Senza dimenticare che Saronno si trova a poche decine di minuti d’auto da Milano, per chi non vuole recarsi nel capoluogo ecco i principali eventi cittadini. Il 7 maggio al Santuario Beata Vergine dei Miracoli la 37esima Rassegna Corale Città di Saronno. Al Teatro Giuditta Pasta il 13 maggio

Vite vincenti, il cortile dei giochi. Fino all’8 maggio nella Chiesa di San Francesco sarà visibile La Vergine delle Rocce dalla Bottega di Leonardo da Vinci. Al Centro d’arte Malagnini dal 21 maggio al 30 giugno la collettiva Infigura. Concerti di musica religiosa: il 21 maggio nella

Chiesa della Regina Pacis, il 18 giugno nella Chiesa di S. Giovanni Battista e il 25 giugno nella Propositura dei SS. Pietro e Paolo. Haydn e la genesi della forma classica nella Sala Capitolare del Santuario della Beata Vergine dei Miracoli il 9, 16 e 23 maggio.


MADE IN


Enjoy your star n.5