Page 1

CORTINA Sci Club MAGAZINE 2018/19


O T N E M A TESSER OPPORTUNITÀ

Tesserandoti allo Sci Club Cortina, oltre alla tessera FISI, avrai un sacco di opportunità

SCONTI NEGLI ESERCIZI CONVENZIONATI:

-10% -15%

Scarpe da running

-15% -20%

-15%

Guanti da Sci, intimo Odlo, Calze Sportive Gm, Falke, attrezzatura da palestra, integratori, caschi e bastoncini

-20%

SOLO PER ATLETI

su tutti i prodotti SOLO PER ATLETI

SOLO PER ATLETI

-15%

su tutti i prodotti

-15%

-15%

su tutti i prodotti

su tutti i prodotti

-15% su occhiali da sole -20%

su tutte le polizze

-50€ occhiale da vista completo

controllo convergenza ed eventuale convergenza gratis per i soci che acquistano pneumatici nuovi

-15% su tutti i prodotti -20% su prodotti Salomon

solo nei negozi di

solo nei negozi di

Cortina d’Ampezzo e Treviso

Cortina d’Ampezzo e Treviso

-20%

su tutti i prodotti

-15%

su tutti i prodotti

Lo sconto non verrà applicato ad articoli già scontati o in promozione

Con tessera FISI:

Con tessera SOCIO:

Sconto di Euro 40,00 sull’acquisto di uno stagionale superski, assicurazione RC Terzi ed infortuni. (Info dettagliate sul sito www.fisi.org).

Convenzione per l’acquisto di skipass giornalieri di valle scontati. (Tutte le informazioni in sede).

Sci Club

CORTINA


AGENZIA DI CORTINA D’AMPEZZO A.S.A. DOLOMITI SRL Corso Italia, 152 Tel. 0436 860262 - Fax 0436 867915 agenzia.cortina@gruppoitas.it

gruppoitas.it


krealab.it

Il ristorante AceroRosso è il nostro sogno diventato realtà, un progetto che ogni giorno si rinnova, da sempre nel campo della ristorazione ci unisce una grande passione e amore per l’arte culinaria e l’ospitalità. I prodotti enogastronomici del territorio, utilizzati come ingredienti principali, vengono attentamente valutati e selezionati, allo scopo di proporre abbinamenti di ricette locali rivisitate ma sempre rispettose delle tradizioni. L'arte culinaria per noi è una vera passione, un'armoniosa e sapiente fusione di tradizione e modernità, che varia ad ogni stagione per seguirne i ritmi, la freschezza, la varietà e l’utilizzo di prodotti di qualità a km 0. Tutti gli ospiti sono amici speciali da ascoltare e consigliare. Cari girovaghi delle Dolomiti siete i benvenuti. Il Ristorante AceroRosso si trova a Vodo di Cadore, a soli 13 chilometri da Cortina sulla statale 51 d’Alemagna, lo si raggiunge tramite una stradina di fianco alla Statale e gode di una posizione elevata, immerso nel verde e lontano dal traffico. Località la Chiusa, Via Ruvignan n.1 Vodo di Cadore – BL - Tel. 0435 489653

www.acerorossodolomiti.it


SOCREPES - POCOL TOFANA - FALZAREGO

collegamento Skibus per 5 Torri, Col Gallina e Passo Falzarego

Cortina 2021

Print House Cortina - www.print-house.it

INVERNO e non solo...

SKIAREA

novità estate

all’arrivo della seggiovia di Socrepes

BIKE PARK

PARCO GIOCHI per bambini e non...

F Pista Biglie Gigante (50 metri) F Altalene Scivoli F Dondoli F Zip Line F Sabbiera ... e Tanto Altro F Bar Ristorante Percorso di rientro attrezzato con panchine e giochi

3 Percorsi di diverse difficoltà, per i riders amanti dell’adrenalina! Trasporto bici con la seggiovia

NOLEGGIO BICI

www.impianticortina.it

ISTA S.p.a. • Lacedel, 1 • 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) • T. 0436 861263 • F. 0436 867799 • info@impianticortina.it


5

I T U L A S Sindaco di Cortina

C

on grande orgo­ g lio por ­to il mio personale saluto e quello di tutta l’Amministrazione Comunale allo Sci Club Cortina, che

presenta la quinta edizione del proprio magazine. Uno strumento prezioso che permette, a tutta la comunità e agli ospiti della Regina delle Dolomiti, di conoscere le attività di un club con 115 anni di storia e 113 atleti uniti dai medesimi valori di impegno, determinazione, costanza e amicizia. Questo sodalizio, profondamente radicato nel territorio, ha onorato il nome di Cortina lungo le piste di tutto il mondo grazie al valore dimostrato dalle proprie squadre. Lo Sci Club

Cortina, infatti, accompagna sin dai primi passi i giovani appassionati di questa disciplina, mantenendone vivo lo slancio anche nelle categorie Senior e Master. Al piacere di sfogliare alcune pagine di storia sportiva della Regina delle Dolomiti, aggiungo dunque l’augurio di buon lavoro a tutto lo staff, ai collaboratori e agli atleti in vista della prossima stagione invernale.

Gianpietro Ghedina Sindaco di Cortina d’Ampezzo

Sci Club

CORTINA


6

I T U L A S Presidente della FISI

L

o Sci Club Cortina forma da oltre un secolo generazioni di talenti e di campioni che fanno onore all’Italia: conoscerne in modo dettagliato l’attività è un

Sci Club

CORTINA

passaggio chiave per chi vuole entrare nella grande famiglia degli sport invernali e per chi si sente già parte integrante di essa. Per questo motivo la quinta edizione del magazine pubblicato dal Club è un appuntamento importante che regala visibilità ai giovani protagonisti e agli investitori, nonché favorisce l’approfondimento delle singole discipline sportive. Ringrazio lo Sci Club Cortina per il

lavoro svolto nel corso della sua lunghissima storia, in particolare per la capacità di essere ogni anno un punto di riferimento costante per decine di bambini, ragazzi e adolescenti, e auguro a dirigenti, tecnici e atleti un’altra stagione ricca di soddisfazioni e risultati positivi.

Flavio Roda Presidente FISI


7

I T U L A S

Presidente della FISI VENETO

L

a stagione è ormai iniziata e si è così rimesso in moto il tradizionale ed articolato movimento degli sport invernali anche a Cortina d’Ampezzo, con le proposte che l’ultracentenario Sci Club Cortina ha predisposto e organizzerà nel corso dei prossimi mesi.

Centinaia di tesserati, per lo più giovani, non aspettano altro che rimettere gli sci ai piedi ed iniziare una nuova avventura, nello sci alpino come nel fondo. E l’importanza di questo “magazine” è fondamentale, diventando per tutti i tesserati allo Sci Club uno strumento di riferimento per quello che la stagione offrirà loro, in termini di calendari, attività, relazioni. Un modo intelligente per collegare tra di esse tutte le componenti societarie e tenere alto il profilo dell’intera attività. Soprattutto in un periodo che sarà cruciale per il futuro del territorio, con eventi

che si rincorrono e che detteranno il futuro – economico e sportivo – di Cortina: prima le finali di Coppa del mondo nel 2020, poi i Mondiali del 2021 e, infine, speriamo nei Giochi olimpici del 2026. Sperando, pure, che a questi eventi ragazzi di questo Sci Club possano essere tra i protagonisti. Auguriamo, quindi, a tutti i tesserati dello Sci Club Cortina una stagione all’altezza della tradizione, ricca di successi e di soddisfazioni per tutti.

Roberto Bortoluzzi Presidente Comitato Veneto Fisi

Sci Club

CORTINA


SH

t n e r op &

Cortina d’ampezzo Shop: corso Italia, 88 tel. 0436 861349 Shop & rent: via Roma, 70 tel.efax 0436 4121 www.dueduecortina.com


POC

STEP INTO THE LIGHT POC Clarity is the gateway to a performance state of mind. Crisp, sharp and uncluttered vision delivers a clarity of mind, a clarity of thought and a clarity of the senses that delivers competition focus and responses. READ MORE AT POCSPORTS.COM

ORB

CLARITY

Disponibile presso


www.smeg.it


SHOP – CORSO ITALIA, 88 tel. 0436/861349 RENTAL – VIA ROMA, 70 tel. 0436/4121 INFO @ DUEDUECORTINA.COM WWW.DUEDUECORTINA.COM


12

E N I Z A G A M IL Si parte per la stagione 2018-19

Uno strumento per raccontare l’attività dello Sci Club, le novità della stagione invernale, spaziando tra la storia dello sci a Cortina e i campioni del passato di Igor Ghedina, presidente Sci Club Cortina

S

ono passati ormai cinque anni da quando, con grande sforzo, tenacia, e tanto entusiasmo, abbiamo iniziato il percorso del magazine dello Sci Club Cortina, per raccontare la nostra attività, i nostri progetti, in generale tutto ciò che lo Sci Club Cortina fa in un’attività che non dura solo la stagione invernale, ma 365 giorni all’anno, con alcune grosse novità anche durante la stagione estiva. Ogni anno cerchiamo di trovare nuovi spunti che possano stimolare chi legge, e anche questa volta ci siamo riusciti. Tutto questo grazie a un lavoro di squadra, che

Sci Club

CORTINA


13

numero ci occuperemo anche di storia di Cortina, dei nostri campioni presenti e passati, delle novità per la stagione. Corrado Ampezzan sarà il protagonista di un’intervista in cui l’inossidabile atleta dello sci di fondo racconterà la sua esperienza nelle Worldloppet Master, conclusasi nel 2018 con un quarto posto nella classifica mondiale. Molto interessante per i nostri atleti e non, è il contributo di Federico Botto, medico specialista in Ortopedia e Traumatologia, nonché ex atleta dello Sci Club Cortina, che ci dà alcune informazioni riguardo la traumatologia nello vede coinvolti nei mesi autunna- sci alpino. li i nostri consiglieri e molti soci, Per la rubrica "Come eravamo", abpronti a sensibilizzare i tanti amici biamo intervistato Roberto Pomdel club per un piccolo contributo, panin “Bortel”, Ruggero Ghedina che per noi è sempre di grande im- “Bibi”, e Walter Girardi "Narda". portanza per finanziare al meglio La parte storica è dedicata l’attività giovanile. quest’anno ai Campionati del Oltre ad illustrare le attività e Mondo di sci che si svolsero a l’organizzazione dello sci alpino e Cortina nel 1941. Evento, questo, nordico dello Sci Club, in questo che venne successivamente an-

nullato perché svoltosi durante la Seconda Guerra Mondiale e che non venne riconosciuto per la mancata partecipazione di molte nazioni. Per quanto riguarda il presente, invece, un focus sui Mondiali di sci alpino del 2021: a che punto siamo con i lavori e quali sono gli eventi che la Fondazione Cortina 2021 organizzerà per il prossimo inverno. Questo, e molto altro, troverete all’interno del magazine, ed è d’obbligo a questo punto ringraziare le tante persone che credono ed aiutano questa istituzione, i soci, gli atleti e le loro famiglie, tutto lo staff, i collaboratori volontari che supportano le manifestazioni, le istituzioni e le aziende private che contribuiscono alla crescita del club. Con grande entusiasmo ci affacciamo alla stagione 2018/19, augurando a tutti i nostri giovani atleti di trovare realizzati nello sport i loro sogni. Buona lettura!

Sci Club

CORTINA


Print House Cortina - www.print-house.it

CRISTALLO


R I FUGI O

Capanna Loc. Monte Faloria • 2340 mt Tel. 0436 5775 info@rifugiocapannatondi.it www.rifugiocapannatondi.it

Tondi

Ospitale ristorante • locanda • b&b

CORTINA D’AMPEZZO • DOLOMITI

a

t o u q n ...i

. . . e l l a eav

Cortina d’Ampezzo - Loc. Ospitale, 1 - T. 0436 4585 - C. 339 6745399 - www.ristoranteospitale.com


18

Sci Club

CORTINA


19

Sci Club

CORTINA


time to care

home is where the ice is Bear us in mind BERING is standing up to save the biosphere of polar bears. For every charity watch sold, BERING donates 15 US-Dollar to the animal welfare organization „Polar Bears International“.

€ 199,–

de Z A N NA 2018-10-30_IT_Charity_AD_170x118,5mm__v1.indd 2

Corso Italia, 8 Cortina Tel. 04 363328

Limited special edition. Watch with sunray dial, milanese strap and one real diamond.

€ 199,–

Limited special edition. Watch with sunray dial and milanese strap.

30.10.18 17:41


22

9 1 8 1 0 2

Calendario gare organizzate dallo Sci Club ALPINO DATA

LUOGO

DENOMINAZIONE

22 dicembre

Tofana

Fis Njr Coppa Veneto

23 dicembre

Tofana

21 gennaio

CATEGORIA

MF

GS

Giovani

MF

Fis Njr Coppa Veneto

GS

Giovani

MF

Tofana

Fis Grand Prix Italia

SG

Giovani/Seniores

M

22 gennaio

Tofana

Fis Grand Prix Italia

SG

Giovani/Seniores

M

3 febbraio

Tofana

Grand Prix Ragazzi Allievi

GS

Children

MF

9 marzo

Tofana

Finalina Lattebusche

GS

Pulcini

MF

9 marzo

Tofana

Finale Lattebusche

SL

Cuccioli

MF

10 marzo

Tofana

Finale Lattebusche

GS

Baby

MF

10 marzo

Tofana

Finale Lattebusche

GS

Cuccioli

MF

24 marzo

Faloria

Campionato Prov.le Bl

GS

Tutte

MF

Children

MF

Tutte

MF

CATEGORIA

MF

aprile (da conf) Faloria

Team Event

1 maggio

XVI Faloria Ski Challenge

Faloria

SPEC

Parallelo GS

NORDICO DATA

LUOGO

DENOMINAZIONE

SPEC

2 febbraio

Cortina-Dobbiaco 42a Dobbiaco Cortina

42KM TC

MF

3 marzo

Dobbiaco-Cortina 42a Dobbiaco Cortina

30KM TL

MF

9 marzo

Fiames

Finale Lattebusche

10 marzo

Fiames

Finale Lattebusche

24 marzo

Passo Tre Croci Gara Regionale e Camp. Prov.le BL

Mass Start Tc

Pulcini

MF

Inseguimento Tc Pulcini

MF

Staffette

Tutte

MF

CATEGORIA

MF

SCI D’ERBA DATA

LUOGO

DENOMINAZIONE

20 luglio

Socrepes

Coppa Del Mondo Sci D’erba

SG

Giovani/Seniores MF

21 luglio

Socrepes

Coppa Del Mondo Sci D’erba

SL

Giovani/Seniores MF

Sci Club

CORTINA

SPEC


C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

I profumi Acca Kappa sono in vendita a Cortina nel negozio Marinotti 160


info@hotelargentinacortina.it

www.hotelargentinacortina.it

loc. Pocol • cortina d’ampezzo

tel. ±39 0436.5641 • fax ±39 0436.5078

IMPIANTI ELETTRICI ATTREZZATURE ALBERGHIERE

dal 1948 con voi nel futuro

SICUREZZA Progettazioni, forniture, installazioni, riparazioni e assistenza tecnica per

TELEFONIA ENERGIE INTEGRATIVE

Via Majon 8 - Tel. 0436 860696 - Fax 0436 860332 - info@majoni.it ASSISTENZA PROGRAMMATA

Foto © Dino Colli - Design Roberto Belli

www.majoni.it - 32043 Cortina d’Ampezzo - Dolomiti - Italy


artigianatoampezzano@gmail.com

ARTIGIANATO ARTISTICO AM PE Z ZAN O

DECORAZIONI ARTISTICHE LAVORAZIONE DEL LEGNO E DEL CORNO FILIGRANA D’ARGENTO COMPLEMENTI D’ARREDO CREAZIONI D’ARTE ARTICOLI REGALO MOBILI Corso Italia 87 • Piazza Roma 2 • Cortina d’Ampezzo - tel. 0436 868440

Riparazioni meccaniche fino a 35 q

EXPRESS SERVICE - Riparazioni  veloci senza prenotazione

Auto sostitutiva  Servizio ritiro e riporto  Riparazione di piccola carrozzeria  Riparazione e sostituzione  parabrezza

Ricarica aria condizionata  Revisioni fino a 35 mq  Servizio pneumatici  Soccorso stradale 

Loc. Brite de Val, 13 • Cortina • Tel. 0436 867007 - 337 495428 - info@autofficinadandrea.it


26

O N I P L A SCI Attività

a cura di Michele Di Gallo

L’

attività dello Sci Club Cortina copre tutti i mesi dell’anno. Il classico periodo di riposo, tra la fine della stagione invernale e l’inizio della preparazione atletica si sta, anno dopo anno, riducendo, vista la possibilità di sciare in ottime

Sci Club

CORTINA

condizioni fino a fine aprile e la necessità di riprendere il percorso atletico già a maggio. Dal punto di vista dell’attività sviluppata, l’elemento più significativo è quello di una sempre maggiore attenzione alla preparazione atletica “a secco”, sviluppata

e migliorata anno dopo anno per mettere in condizione i vari atleti di avere delle basi fisiche adeguate alle alte richieste della disciplina, soprattutto per metterli nelle condizioni di limitare quanto più possibile infortuni e stati di affaticamento.


27

PREPARAZIONE ATLETICA L’organizzazione della preparazione atletica ha confermato la figura di Matteo Gandini quale coordinatore dell’attività di tutte le categorie; i concetti chiave sono quelli della multilateralità e differenziazione degli stimoli e dei mezzi di allenamento, col fine di sviluppare un programma ampio, completo e soprattutto sempre stimolante, viste le tante settimane consecutive di preparazione estiva ed autunnale. Matteo ha contato sulla collaborazione di Sara Scappin, che ci ha aiutato con un blocco di attività incentrato sull’atletica leggera, di Alessandra Vidori, che ha seguito i più piccoli, e degli allenatori, in particolare Pietro Fontana e Michele Garbin, due ragazzi giovani e “sempre sul pezzo” che si sono rivelati un grosso traino per i ragazzi. La palestra del club è stata ulteriormente potenziata: questo spazio si sta rivelando fondamentale, non solo per un migliore lavoro a secco con i sovraccarichi, ma soprattutto perché risulta essere uno spazio vitale nelle giornate di pioggia o basse temperature, per non perdere preziose sedute di allenamento durante l’autunno.

I programmi atletici, divisi per fasce di età, mirano a costruire tutte quelle capacità fisiche ed abilità motorie che uno sport complesso come lo sci richiede: forza e dinamismo, equilibrio, velocità, ritmo, resistenza, capacità di reazione, flessibilità… Un’alchimia che i nostri preparatori curano con esperienza e professionalità, per dare ad ogni atleta basi fisiche migliori per affrontare nelle giuste condizioni la parte specifica sugli sci. Le settimane di preparazione sono oltre 25, con circa 200 sedute di allenamento divise tra le varie categorie. Per rendere ancora più concreto il programma, durante l’estate 2018 sono stati previsti due camp

di allenamento di 3 giorni, con 2 sedute al giorno, per la categoria Ragazzi/Allievi, ed è stato confermato il ritiro atletico dei Baby/ Cuccioli per un lavoro specifico sull’acrobatica.

Sci Club

CORTINA


28

ATTIVITÀ INVERNALE

RITIRI IN GHIACCIAIO La parte di sci estivo è stata svolta in maniera integrale da tutte le categorie. La scelta caratterizzante l’estate 2018 è stata quella di fare base allo Stelvio: questo da un lato ha consentito di ridurre le spese (grazie all’ottima collabora-

Sci Club

CORTINA

zione con la Società Impianti), ma soprattutto di sfruttare al meglio le buone condizioni di neve che lo Stelvio garantisce su tutti i mesi dell’estate, anche quando diventa difficile, se non impossibile, sciare negli altri ghiacciai.

L’attività sugli sci in valle inizia con l’apertura dei primi impianti a fine novembre; base di allenamento principale sarà sempre la pista delle 5 Torri, ma i nostri gruppi si sposteranno su tutte le piste di Cortina, con alcuni allenamenti anche fuori comprensorio (San Vito, Passo Monte Croce e Dobbiaco in particolare). C’è particolare attesa per sciare sulle nuove piste sviluppate in ottica Mondiali 2021: la pista A del Col Drusciè, col suo restyling e allargamento, e la nuova pista B del Col Drusciè, sembrano essere due ottimi tracciati per gli allenamenti dei nostri ragazzi. La sfida invernale è tutta sull’organizzazione: allenarsi al giorno d’oggi significa sicurezza, quindi piste chiuse, transennate, protette con reti e materassi; trovare i pendii adeguati, le condizioni di neve giuste, combinando le necessità dei gestori nel dare massima disponibilità allo sci turistico, sono le sfide che si ripropongono ogni stagione. Grazie alla grande sensibilità del Consorzio Esercenti Impianti a Fune di Cortina, la collaborazione con le società impianti è totale, quindi le condizioni di allenamento sono sempre ottime per tutti i nostri atleti. La previsione è di sviluppare 25 settimane di allenamenti, con oltre 350 sedute.


29

ORGANIZZAZIONE GARE Come da tradizione, grande è l'impegno nell’organizzazione delle gare. Il momento più importante sarà la Finale del 41° Trofeo Lattebusche, il 9 e il 10 marzo 2019, che vedrà quasi 1.000 piccoli atleti sfidarsi nello sci alpino e nello sci nordico. Accanto a questo appuntamento, confermato a Cortina dopo la splendida Finale organizzata nel 2018, lo Sci Club Cortina organizzerà una tappa provinciale del circuito Children Emaprice, due FIS regionali del circuito Coppa Veneto (21-22 dicembre 2018),

le FIS Gran Prix Italia in coda alla Coppa del mondo, con i SuperG maschili del 21 e 22 gennaio 2019 ed i campionati provinciali sia di sci alpino che di sci nordico (staffette) del 24 marzo. Infine, grande attesa per i Campionati Italiani Assoluti programmati dal 18 al 23 marzo 2019, la seconda edizione del TEAM EVENT per i Children che tornano a Cortina dopo moltissimi anni, come test event per la nuova pista Vertigine. Lo Sci Club darà il suo contributo tecnico lavorando accanto alla Fondazione Cortina 2021.

Sci Club

CORTINA


! W

ti n a ur ) b r ca diato e tor resi u ib n p r t is (no d h ovo lf 24 u N se

E N

... il calore a casa vostra

Loc. Fiames, 15 - Cortina d’Ampezzo email: info@frizzarinsrl.it - Fax 0436/876719


C.so Italia, 96 tel. 0436 863898 fax 0436 862112

Piazza A. Dibona, 3 tel. 0436 766205 Piazza A. Dibona, 2 tel. 0436 766202

www.arthouse.it • E-mail: info@arthouse.it


PNEUS Cortina Autofficina

GOMMISTA - VENDITA - ASSISTENZA AUTOFFICINA - SOCCORSO STRADALE

di Alberti Elvio e Italo

Pian da Lago, 61 Cortina d'Ampezzo tel./fax 0436 866890 cell. 338 8915818 pneuscortina@libero.it

vai sul sicuro...

Prova freni / ammortizzatori diagnosi elettronica / convergenza preparazione per revisione catene da neve custodia stagionale pneumatici


dal 1980

di Gaspari Giovanni & c.

Impianti elettrici, civili e industriali Costruzione, montaggio, fornitura apparecchiature per impianti di risalita e innevamenti artificiali Sistemi di prevenzione furto e incendio Automatismi elettrici ed elettronici in genere Domotica • vendita lampade d’arredamento e materiale elettrico

NEGOZIO • LABORATORIO • MAGAZZINO Pian da Lago 77 • Tel. 0436 867413 • 0436 866641 • e-mail: elettricitacortina@virgilio.it


34

O N I P L A SCI Organizzazione

Le squadre dello sci alpino, per la stagione 2018/19, sono organizzate in quattro team: squadra Baby/Cuccioli (nati dall’anno 2010 all’anno 2007), Ragazzi/Allievi (dal 2006 al 2003), Giovani (dal 2001 al 1997), Senior e Master. In totale parteciperanno all’attivi-

Sci Club

CORTINA

tà oltre 100 atleti seguiti da uno staff di 12 allenatori e 3 preparatori atletici. Accanto alle squadre ufficiali del club, è attivo il progetto “Ski team Azzurra” in collaborazione con la Scuola sci Azzurra di Cortina: un programma agonistico per le ca-

tegorie Baby e Cuccioli rivolto ai non residenti in montagna, quindi con allenamenti concentrati nei weekend e nei periodi di vacanza scolastica. Dalla prossima stagione sarà implementata la collaborazione con il Red Team Cortina.


35

CATEGORIE PREAGONISMO / BABY / CUCCIOLI Il gruppo Baby e Super Baby sarà formato da 12 bambini, seguiti da Cristina De Waldestein e Barbara Frizzarin; il gruppo Cuccioli conta 14 elementi, con gli allenatori Alex Verocai e Amelia Bisicchia. Uno staff più ampio del passato, per garantire a tutti i bambini di essere seguiti al meglio. Anche quest’anno viene riproposto un percorso di avvicinamento allo Sci Club anche alla fascia di età precedente alla categoria Baby (preagonismo). Un modo per avvicinarsi alla nostra famiglia con un po’ di anticipo, per un’attività più strutturata rispetto ai percorsi di scuola sci. Da un punto di vista tecnico, in questa fascia di età le linee gui-

da dello Sci Club Cortina sono la formazione di un bagaglio motorio e di abilità il più ampio possibile, tanti “strumenti del mestiere” che durante la crescita i bambini

potranno utilizzare per migliorare “passo dopo passo”; accanto alla formazione tecnica, fondamentale un percorso di crescita umano per imparare valori fondamentali quali

Gruppo superbaby e baby (2011/2010/2009) ALLENATRICI:

Cristina de Walderstein e Barbara Frizzarin

Preparatrice atletica:: Alessandra Vidori ATLETI:

Alessandro Alverà, Nicola Alverà, Nicola Bachmann, Giovanni Casson, Alex De Lazzer, Sofia Maioni, Nikolas Majoni, Carolina Moretti, Niccolò Ona, Noemi Pizzolotto, Margherita Protti.

Sci Club

CORTINA


36

il rispetto reciproco, la collaborazione e la condivisione del lavoro in gruppo. Nella filosofia dello Sci Club Cortina è fondamentale un approccio non troppo sbilanciato sul fattore agonistico: le gare sono tappe della crescita e non obiettivi a sé

stanti di breve periodo; si cerca quindi di lavorare sempre in un’ottica di crescita a lungo termine, e non per la ricerca del risultato immediato. I bambini iniziano la preparazione atletica a luglio, partecipando tre volte a settimana fino all’arrivo

della neve, seguiti da Alessandra Vidori e Alex Verocai; qualche giornata in ghiacciaio, in particolare per imparare l’arte “dell’arrangiarsi senza mamma e papà”, fino all’inizio dell’attività con gli sci in valle; durante l’inverno, vengono svolti 3 o 4 allenamenti a settimana fino a metà aprile. Il programma agonistico prevede la partecipazione ad un circuito provinciale di 5 gare, con una finale a livello regionale (Trofeo Lattebusche); gli altri appuntamenti classici sono il Trofeo Giovanissimi, con una fase regionale ed una nazionale, ed il Trofeo Pinocchio, con una fase interprovinciale ed una nazionale. Solo per i Cuccioli, c’è infine il Criterium Cuccioli, che si disputa con una prova di Slalom ed una di gimkana veloce.

Gruppo cuccioli (2008/2007) ALLENATORI:

Amelia Bisicchia e Alex Verocai

Preparatrice atletica:: Alessandra Vidori ATLETI:

Giulia Alverà, Massimo Caproni, Filippo Dandrea, Edomondo Maurizio Durishti, Allegra Frizzarin, Clemente Gandini, Lavinia Guerresco, Luca La Porta, Lisa Maioni, Filiberto Moretti, Emma Panizzuti, Annabarbara Passali, Marco Terzi, Margherita Zoldan


37

CATEGORIE RAGAZZI/ALLIEVI Il gruppo Ragazzi sarà composto da 12 elementi, seguiti da Michele Garbin e Pietro Fontana; il gruppo Allievi conterà su 21 atleti, seguiti da Edoardo Zardini e Matteo Picozzi. Inizia in questa fascia di età un percorso strutturato, dove la componente agonistica diventa più importante anno dopo anno; i ragazzi crescono, fisicamente e come persone, gli impegni scolastici aumentano, le distrazioni degli adolescenti sono infinite… Insomma, la vera sfida è far quadrare tutti questi fattori, riuscendo ad accompagnare i ragazzi in un percorso di crescita continuo, dove gli stimoli verso questo sport restino sempre alti.

Crescita tecnica e fisica, capacità di fissare degli obiettivi e raggiungerli, impegno, dedizione, sono alcuni dei valori chiave in questa fascia d’età. Il programma di allenamento prevede una preparazione atletica durante il periodo estivo e autunnale (da metà maggio a fine novembre), con 3/5 sedute a settimana, seguite dal preparatore atletico Matteo Gandini, con la collabo-

razione degli allenatori e di Sara Scappin; la frequenza dei ritiri in ghiacciaio aumenta, con un totale di circa 40 giornate per gli allievi e 30 giornate per i ragazzi. L’attività

Gruppo ragazzi (2006/2005) ALLENATORI: Pietro Fontana e Michele Garbin ATLETI:

Edoardo Baldo, Michelangelo Cipriano, Anna Di Bari, Fabio Dibona, Camilla Gandini, Emma Gandini, Giulia Iglesias Broi, Alvise Mazza, Emma Parisotto, Maria Adelaide Scarpa, Lucia Vecellio Oliva, Rocco Vlach

Sci Club

CORTINA


38

invernale inizia a fine novembre e prosegue fino a fine aprile, con 4/5 allenamenti a settimana, più le gare. Il circuito agonistico prevede 6

gare a livello provinciale (Trofeo Emaprice), con una successiva finale regionale e nazionale per gli atleti qualificati; accanto a questo circuito, troviamo le due

storiche manifestazioni del Trofeo Alpe Cimbra (ex Trofeo Topolino) e Pinocchio, gare che consentono (previa qualificazione attraverso le fasi regionale e nazionale) di competere per la prima volta a livello internazionale, con i migliori pari età provenienti da tutto il mondo.

CATEGORIA GIOVANI Il gruppo Giovani sarà composto da 26 atleti, seguiti da Roberto Gillarduzzi, Federico Gaspari e Nicolò Menegalli. Uno staff che vede impegnati tre allenatori, per soddisfare al meglio le esigenze agonistiche e di allenamento di tutti i ragazzi. La categoria Giovani è il mondo “dei grandi”, il vero sci: al primo anno di categoria tutti ripartono da zero, guadagnandosi un punteggio gara dopo gara, in com-

Gruppo allievi (2004/2003) ALLENATORI: Edoardo Zardini e Matteo Picozzi ATLETI:

Sci Club

CORTINA

Mattia Alverà, Giorgio Baldo, Alessandro Bertagnolli, Ilaria Bez, Elia Bisatti, Lapo Carrain, Matteo Cibien, Sebastiano Cipriano, Maria Elena Coin, Brando Corti, Francesco Dandrea, Luna De Nigris, Marco de Zanna, Enrico Lorenzo Gandini, Niccolò Iglesias Broi, Emilio La Porta, Giacomo Meozzi, Ambra Pomarè, Lorenzo Pomarè, Gaia Viel, Carolina Vlach.


39

petizioni sempre aperte a tutti (italiani e stranieri), quindi con una concorrenza altissima. Il gioco si fa duro: alta è la richiesta di impegno per allenarsi, tante le gare, numerosissime di conseguenza le assenze da scuola. Proprio l’equilibrio tra sci e scuola è il tasto più delicato, sul quale lo Sci Club vigila con attenzione: scuola e attività devono andare di pari passo. L’attività prevede una preparazione atletica durante tutto il periodo estivo e autunnale (dalla prima settimana di maggio a fine novembre, 5 allenamenti a settimana). Gli allenamenti estivo/autunnali in ghiacciaio prevedono oltre 50 giornate. L’attività invernale inizia già a metà novembre con le prime gare: i ragazzi più competitivi arrivano a partecipare ad oltre 50 gare a stagione, che abbinate alle

giornate di allenamento, danno una chiara idea dell’impegno richiesto. E’ però questa l’unica strada per competere a livello nazionale, gua-

dagnarsi l’ingresso nel comitato regionale e aspirare, con dedizione e sacrificio, all’ingresso nelle squadre nazionali.

Gruppo giovani (2002/01/00/99/98) ALLENATORI: Roberto Gillarduzzi, Federico Gaspari e Nicolò Menegalli ATLETI:

Nicolas Alberti, Rossella Alberti, Nicole Bassi, Filippo Biondo, Elena Boni, Nicolò Calaon, Brenno Carrain, Beatrice Costato, Thomas Dalla Libera, Silvia Dall’Antonia, Federico De Michiel, Elia de Zanna, Alice Di Bari, Alberto Dibona, Zeno Dimai, Virginia Favaro, Alessandro Ghedina, Paolo Girardi, Alberto Guerrini, Sofia Kratter, Pietro Magalini, Luca Martignago, Federico Perini, Sandro Pomarè, Mariachiara Rimoldi, Alberto Versace, Beatrice Zoldan, Valentina Zoldan

Sci Club

CORTINA


40

CATEGORIE SENIORES E MASTER Quando la passione rimane forte, si continua a sciare anche dopo i 30 (o 40, o 50, o sempre…). Dall’inverno 2018/19, è previsto un programma di allenamento molto più strutturato del passato, con allenamenti sia nei periodi di vacanza e nei weekend, che nelle mattine infrasettimanali; il nuovo referente tecnico del progetto sarà l’allenatore Alberto Belfi. Un modo per tenersi in forma e stare in compagnia, partecipando ad allenamenti nei pali e ad alcune gare; obiettivo principale della parte di gruppo più “corsaiolo” sarà la partecipazione al Campionato Nazionale a squadre denominato “Trofeo delle società”, con le fasi provinciale, regionale e nazionale, assieme alla partecipazione a numerose gare di calendario Nazionale ed Internazionale.

Il gruppo è momentaneamente composto da una ventina di atleti di età compresa fra i 30 e gli 87 anni del sempreverde Carlo Calzà, ognuno con aspirazioni diverse: chi di perfezionare la sciata, chi di

partecipare alla prima gara, chi di ben figurare alle gare FIS Master.


CENTRO O T T I C O Igor Ghedina Via del Mercato, 6 - Cortina - 0436 863719 - 338 6741029 www.otticacortina.it - ghedina@greenvision.it


Alix Morris ritorna alla base di Scarface mentre la luce del parco nazionale dello Yosemite si affievolisce. AUSTIN SIADAK Š 2018 Patagonia, Inc.


Non portare nulla alla base di Scarface. Per soste fredde e spazi limitati, per un campeggio nel deserto e monsoni inaspettati, bivacchi all’aperto e lunghi avvicinamenti. Per non dover mai più scegliere tra peso, spazio e calore. Abbiamo reso tutto più semplice. Il Micro Puff è l’unica giacca che devi portare con te.

The Micro Puf f ® Jacket La nostra giacca imbottita più leggera e comprimibile di sempre. iDisponibile da Patagonia Cortina


44

ALPINO Dalla parte dei ragazzi

di Ambra Pomarè, medaglia d’oro ai Campionati Italiani in Slalom Gigante categoria Ragazzi

M

i presento, sono Ambra Pomarè, atleta di sci alpino dello Sci club Cortina. Ho 14 anni e a sciare ho iniziato all’età di 4, quando mia mamma mi portava ai campetti con i miei fratelli e giocavamo interi pomeriggi sulla neve, sciando fino a sfinimento. Poi ho frequentato i primi corsi e non ho mai perso la voglia di sciare.

Sci Club

CORTINA

L’agonismo non è stata una scelta, ma una conseguenza naturale alla passione per questo sport. Anno dopo anno, gara dopo gara, l’obbiettivo di riuscire a vincere ed essere veloce era sempre più vicino, fino ad arrivare al massimo con la vittoria dei Campionati Italiani in Gigante. Mi erano già riuscite bene altre gare, e la speranza per me era arrivare tra le prime in Slalom, la

disciplina che in realtà preferisco; il giorno del Gigante non mi sentivo agitata perché non avevo grandi aspettative, poi mentre scendevo sentivo che stavo andando al meglio e che stavo riuscendo a fare quello che sapevo fare. Arrivata al traguardo, ero molto in ansia perché tante brave atlete dovevano ancora scendere, e invece sono rimasta prima. Ho realizzato solo dopo qualche giorno che avevo vinto ed ero felice. La stagione era partita molto bene, mi sentivo veloce, poi un po’ di cadute in allenamento con conseguenti botte mi hanno fatto rallentare perché avevo preso un po’ di paura; poco alla volta la fiducia è tornata, ma purtroppo non come all’inizio. Per la prossima stagione il mio obbiettivo è di riuscire ad essere sempre tra le prime e di migliorarmi tecnicamente per trovare ancora più velocità, e spero anche di riuscire a conciliare al meglio la scuola con lo sport; credo che organizzarsi bene e pianificare lo studio in base agli allenamenti mi sarà utile. A volte mi chiedono se tutto ciò non sia una gran fatica, ma per me non c’è sacrificio nell’avere l’opportunità di praticare quello che più mi piace.


45

ALPINO Dalla parte dei ragazzi

di Maria Elena Coin, medaglia di bronzo ai Campionati Italiani in SuperG categoria Ragazzi

M

i sono trasferita a Cortina all’età di 4 anni e ho iniziato subito a sciare con la Scuola Sci Azzurra. All’epoca il mio primo maestro fu Paolo Stefani che mi ha fatto appassionare subito allo sci e ha tirato fuori il meglio di me; mi piaceva tantissimo, e sciare era già tutta la mia vita. Da subito è diventata una vera passione, lo scopo della mia giornata. All’età di 7 anni Irina Germani, un’altra maestra, mi suggerì di entrare nello Sci Club Cortina, perché secondo lei con la mia voglia e la mia passione avevo la necessità di sciare di più e di intraprendere un’attività agonistica. Ho scelto di fare agonismo perché volevo confrontarmi con gli altri, ma soprattutto con me stessa, superare i miei limiti e dare il meglio. Da piccola non percepivo tanto i miglioramenti e facevo le cose d’istinto. Poi dalla categoria Cuccioli2 ho preso più consapevolezza e ho capito quali erano i miei punti di forza e dove dovevo correggermi, ho cercato sempre di migliorarmi. Oggi, con il mio attuale allenatore Edoardo Zardini, cerco sempre di fare meno errori e impegnarmi a dare il massimo. Mi ha aiutato in questo percorso il mio allenatore nella categoria Ragazzi1 Michele Di Gallo.

Ho sempre sofferto, e tuttora soffro, di ansia da prestazione; per gestirla cerco di respirare profondamente, mi confronto mentalmente con le mie avversarie e ascolto le parole di Edo che cerca di calmarmi e contemporaneamente mi da la carica, dandomi fiducia nelle mie capacità. La fatica c’è, ma la supero, perché la passione per lo sci mi aiuta moltissimo e penso solo a sciare.

Conciliare scuola e sci è sempre stato molto faticoso, ho avuto molti momenti di cedimento perché ero molto stanca per studiare, ma sapevo anche che se avessi preso dei brutti voti avrei dovuto saltare gli allenamenti per recuperare, allora mi facevo forza e studiavo: non volevo perdere nessun allenamento. I sacrifici ci sono, ma alzarmi alle 5 del mattino per allenarmi o per

Sci Club

CORTINA


46

le gare non mi è mai pesato così tanto, neanche andare a letto presto, perché lo sci è più importante di tutto. Sinceramente non pensavo di arrivare terza ai Campionati Italiani, ma durante la gara ero molto sicura. Mentre scendevo ho dato tutto, ho mollato gli sci più che potevo e il risultato è arrivato, ed è stata un’emozione fortissima. Guardavo il tabellone e mentre restavo terza ero emozionata, il cuore mi scoppiava di una felicità mia provata. Un ringraziamento speciale va anche a tutti gli altri allenatori che mi hanno supportata e sopportata in questi anni: Martina Dandrea, Dennis Cordella, Alex Verocai, Pao­lo Costantini, Matteo Picozzi e Michele Garbin. Da sinistra: Edoardo Zardini, Maria Elena Coin, Ambra Pomarè e Michele Garbin

www.dolomitilodge.EU localita’ la vera  cortina  +39 0436 4335  +39 335 8247935  info@dolomitilodge.EU


©SALOMON SA. All Rights Reserved. Photo: Dom Daher

BORN FOR THE BLAST C’è quel momento di incertezza, la breve esitazione prima di affrontare quella curva. Questo non ti ha mai fermato prima e oggi non è diverso. Ora con Edge Amplifier Tech ai piedi, sai di averla già in pugno. Fai un respiro profondo e vivi un’esplosione di adrenalina. WWW.SALOMON.IT

PETER FILL On his Redster G9


CARTONGESSO pareti divisorie contropareti controsoffitti stucchi e intonaci archi e volti

isolamenti termici isolamenti acustici protezioni antifuoco rasature

MANUTENZIONI CONDOMINIALI

sfalcio prati giardinaggio potatura piante fioriere in legno staccionate sgombero neve spargitura sale spargitura sabbia sgombero neve da tetti

di Casanova Alessandro & Gusset Kristian • Loc. Pian da Lago 1/A • 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) tel. 0436 861873 • fax 0436 876347 • cell. 339 3546270 • 338 3440185 • cegcartongesso@virgilio.it


I T A T L U RIS Sci Alpino 2017/18

Una selezione dei migliori risultati (nei primi 10) conseguiti dagli atleti dello sci alpino nella scorsa stagione; ricordandoci che la vera vittoria è dare il 100% di sé stessi, con impegno e passione A LIVELLO DI SOCIETÀ, LO SCI CLUB CORTINA SI È CLASSIFICATO 2° Trofeo Lattebusche - Baby/Cuccioli 1° Trofeo Eurovita - Ragazzi/Allievi 2° Circuito Energiapura - Giovani 13° Graduatoria generale per le società militari e civili italiane, 9a società civile e secondo club in Veneto dopo lo Ski College Categoria Baby e Cuccioli, livello regionale 13 piazzamenti top 10 finali Lattebusche 11 piazzamenti top 10 finali regionali Giovanissimi A LIVELLO INDIVIDUALE, I MIGLIORI RISULTATI SONO STATI Finale Regionale Trofeo Lattebusche: 2a Giulia Alverà - SL Cuccioli F 3a Margherita Zoldan - SL Cuccioli F 2° Filiberto Moretti - SL Cuccioli M 3° Clemente Gandini - SL Cuccioli M 1a Lavinia Guerresco - GS Baby F 2a Lucrezia Caretti - GS Baby F 3a Giulia Alverà - GS Cuccioli F 1° Clemente Gandini - GS Cuccioli M Campionati regionali Trofeo Eurovita 2 titoli regionali (Pomarè - GS Ragazzi F; Baldo - GS Ragazzi M) 7 podi (Coin 2a GS Ragazzi F; Bertagnolli 2° GS Ragazzi M; Martignago 2° SL Allievi M; Pomarè 2a SL Ragazzi F; Coin 3a SL Ragazzi F; Baldo 2° SL Ragazzi M; Cipriano 3° SL Ragazzi M) Campionati italiani Children 1a Ambra Pomarè - GS Ragazzi F 8a Ambra Pomarè - SL Ragazzi F 3a Maria Elena Coin - SG Ragazzi F Trofeo Alpe Cimbra - fase nazionale 3a Ambra Pomarè - SL Ragazzi F 8a Ambra Pomarè - GS Ragazzi F 6° Alessandro Bertagnolli - GS Ragazzi M 10° Edoardo Baldo - GS Ragazzi M 8° Elia De Zanna - SL Allievi M Categoria Giovani Beatrice Ghedina (1997): 3 podi + 6 top 10 a gare FIS Filippo Biondo (1999): 4 podi a varie gare FIS Rossella Alberti (1999): 3 podi + 3 top 10 a gare FIS Silvia Dall’Antonia (2000): 1 podio + 3 top 10 a gare FIS Thomas Dalla Libera (2001): 1 top 10 a gare FIS Njr Virginia Favaro (2001): 6 top 10 a gare FIS Njr Alice Di Bari (2001): 2 top 10 a gare FIS

Legenda SL = Slalom GS = Slalom Gigante SG = SuperG

Sci Club

CORTINA

49


photo bandion.it

la famiglia Lorenzi è...

Cinque Torri, 2255 metri

photo bandion.it

tel. +39.0436.867939 rifugio.scoiattoli@dolomiti.org

Via Cantore 1, in centro a Cortina tel. +39.0436.2232 hotel@ciasalorenzi.it


54

B U L C I SC Come eravamo

Una chiacchierata con Roberto Pompanin Bortel, Ruggero Ghedina Bibi, Walter Girardi Narda: atleti dello Sci Club Cortina degli anni Settanta, uniti da un forte senso di appartenenza al gruppo a cura di Alessia Bernardi e Marina Menardi

A

bbiamo intervistato tre ex atleti dello Sci Club Cortina che hanno vissuto un’esperienza molto intensa con il Club negli anni Settanta, in un momento in cui il gruppo faceva la differenza sia sul piano sportivo che personale: si tratta di Roberto Pompanin Bortel, Ruggero Ghedina Bibi, Walter Girardi Narda.

Sci Club

CORTINA

BORTEL: Ho iniziato a sciare alla vecchia Scuderia Franchetti. A quell’epoca c’erano la signora Dada Simuntacchi e Tony Zanettin che si curavano di tutto. Mi allenavo a Crignes. La prima gara importante l’ho fatta a 7 anni con Il Corriere dei Piccoli e la Plasmon a San Vito di Cadore. I nostri allenatori sono stati Enrico Valle, Emmo Menardi, Max Menardi e Giovanni

Dibona. Ricordo che una volta ci stavamo comportando male in Piazza dei Martiri a Belluno, Emmo ci ha lasciati lì senza soldi, allora non c’era il cellulare, così siamo tornati in treno fino a Calalzo, e poi in qualche maniera qualcuno è venuto a recuperarci. NARDA: io invece mi allenavo ad Alverà e Pierosà. A volte anda-


55

vo a Crignes, oppure da Col Fiere partivamo a piedi fino in Tofana. Eravamo autodidatti, e la nostra palestra era lo Schuss. Quando eravamo piccoli ci battevamo le piste fuori di casa, e ci facevamo una sorta di trampolino con le casse di legno. I primi anni, in prima elementare, andavamo tutti alla Scuola Sci Cortina allenati da Armando Gillarduzzi “Saetta” e da Amando Alberti, e poi i più bravi e talentosi approdavano alla Scuderia Franchetti, che era la parte agonistica dello Sci Club. Tra noi c’era molta competizione, ma bella e sana; tifavamo per i nostri del Cortina e non c’era nessuna invidia tra di noi. BIBI: io sono nato a Pomedes e ho imparato per forza a sciare; ho praticamente insegnato a sciare a tutti… Non facevamo quasi mai pali; gli allenatori insegnavano molta tecnica. Emmo Menardi ci portava sempre in neve fresca: vivevamo fuori pista. Per far capire come ci allenavamo, vorrei raccontare questo aneddoto: finiti gli allenamenti, prendevamo

la funivia e andavamo a Ra Valles, poi scendevamo velocissimi tutti in scia facendo il giro della Tofana fino allo Stadio del Ghiaccio. Una volta il Bortel è finito in neve fresca di testa, uscivano solo gli sci! Lo abbiamo tirato fuori tutti insieme. Eravamo sempre uniti in

qualsiasi cosa facessimo. In Veneto, agli inizi degli anni ‘70, a livello nazionale eravamo sempre nei primi dieci. Bortel arrivò ottavo ai Campionati Italiani Assoluti a San Sicario, dove vinse Gattai. Io arrivai terzo ai Campionati Italiani ed entrai in Nazionale. Bortel si

Sci Club

CORTINA


56

ruppe tibia e perone il 23 dicembre 1972 e non riuscì ad entrare per un soffio. La mia grande passione era la discesa libera: mi piaceva sentire quanta adrenalina ti saliva scivolando giù dalle piste a 130 km/h. Le avevo provate tutte le libere del circuito: Santa Caterina, Bormio, Val Gardena e Cortina. Eravamo tutti discesisti: le curve non sono nel dna degli ampezzani. In Nazionale però entrammo come gigantisti, ma tra noi solo il Narda era un gigantista. BORTEL: Dopo il mio infortunio avevo una gamba più corta dell’altra, e nessuno scommetteva più su di me e mi lasciavano a casa. Gildo decise un giorno di portarmi ad una gara in Asiago. Partii con il pettorale 90... Insomma, arrivai sesto! Questo perché noi eravamo abituati alle situazioni più estreme.

Sci Club

CORTINA

C’erano atleti che se non fossero stati nel primo gruppo sarebbero arrivati dopo la musica… BIBI: purtroppo a Cortina si sono bruciati molti atleti che per un soffio non sono entrati in Nazionale, perché in Federazione non eravamo rappresentati e si spingevano solo gli atleti dell’Alto Adige. Anche ai Campionati Italiani i posti dei gruppi di merito erano solo per gli atleti altoatesini. Oggi c’è troppa esasperazione, i ragazzi vengono spremuti. Quando facevo l’allenatore, a Natale i ragazzi riposavano, facevamo pochi allenamenti settimanali e ai Campionati Italiani arrivavano in tre nei primi dieci. Il segreto è divertirsi: la filosofia dello Sci Club Cortina è sempre stata quella di non esasperare gli atleti con troppi allenamenti e troppi pali, soprattutto quando


57

sono piccoli; bisogna lasciare i ragazzi godere di questa meravigliosa disciplina, poi i risultati arrivano. Ho allenato per 8 anni, e ho seguito la filosofia che hanno insegnato a me: pochi pali e tanta tecnica, sciare poco, ma con enorme qualità, atleticamente preparati in qualsiasi condizione: neve fresca, buche. Atleti come Alberto Belfi e Ernesto De Mattia li ho portati fino all’età di 15 anni senza far pali, ma con tanta voglia di sciare. Nella storia dello Sci Club Cortina gli atleti di livello sono venuti fuori quando ci sono stati allenatori di alto livello; per esempio, Giovanni Dibona aveva Bruno Alberti come allenatore.

BORTEL: eravamo molto uniti come squadra, e orgogliosi di appartenere allo Sci Club Cortina; non ci prendevamo mai troppo sul serio, e vivevamo una sana goliardia. Una volta Bruno Dimai ci portò a fare una gara, e la mattina ci disse che bisognava fare risultati altrimenti “stasera non si mangia”, perché sapeva che a noi piaceva molto fermarci all’Elefant a Bressanone. Io sono saltato a tre porte dall’arrivo, tutti gli altri un disastro… Un mio compagno al parterre mi disse: “Bortel, mi sa che stasera non si mangia!” Bisogna trasmettere anche oggi ai ragazzi questo senso di appartenenza e di unità.

Sci Club

CORTINA


58

NARDA: lo sci è uno sport che si fa singolarmente quando si è in gara, ma è importante stare insieme, soprattutto in allenamento. L’unione fa la forza, e il metterci in competizione tra di noi ci dava il motivo per vincere. Lo spirito di appartenenza ad un gruppo riesce a portare a dei grandi risultati, e fa crescere ragazzi sportivi con dei principi sani.

Sci Club

CORTINA

Il racconto continua ricordando l’allenatore che ha lasciato un segno forte nei suoi atleti: Gildo Siorpaes. Tutti e tre lo ricordano come un uomo molto forte psicologicamente, che ha trasmesso loro una grande determinazione. «Gildo è una grande persona; con lui facevamo allenamenti di qualità, non di quantità, non come oggi che esasperano i ragazzi con ore e ore di pali inutilmente. Noi con Gildo facevamo solo

2 prove concentrati al massimo» ricorda nostalgicamente Bibi. Lo Sci Club Cortina all’epoca era uno dei pochi club che curava anche la preparazione atletica nei mesi di ottobre, novembre, dicembre alla palestra Revis, seguito da Gianfrancesco Demenego, preparatissimo, laureato in Scienze Motorie e fresco di Olimpiadi. «Grazie a lui eravamo pronti, sapevamo cadere e salvarci in tutte le situazioni».


L ’albergo dell ’ Arte - Art Hotel Cortina d’Ampezzo An art lovers paradise in the heart of the Dolomites

Hotel Corona - via Val di Sotto, 12 - 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) Italy Tel: +39.0436.3251 - e-mail: guesthcorona@sunrise.it

www.hotelcoronacortina.com


Garanzia, Sicurezza e Qualità nel Costruire

Via dei Zattieri, 10/a • Ponte nelle Alpi • T. 0437 990441 • F. 0437 998540 Pian da lago, 60 • Cortina d’Ampezzo • T. 0436 2361 • F. 0436 878818 www.costruzionidalpont.com • info@costruzionidalpont.com


LA NUOVA TURBO LEVO Più potenza, più autonomia, più divertimento.

THE POWER TO RIDE MORE TRAILS

Cortina d’Ampezzo (BL) corso Italia, 88 - tel. 0436.861349 via Roma, 70 - tel. e fax 0436.4121 info@dueduecortina.com

S P E C I A L I Z E D . C O M / N E W -T U R B O - L E V O


RISTORANTE PIZZERIA ARISTON di Piccolin F. e R. via Marconi, 10 • 32043 CORTINA D’AMPEZZO (BL) Tel. e Fax: 0436 866705

www.ristorantearistoncortina.it bix_1975@libero.it

VENDITA E ASSISTENZA PNEUMATICI CERCHI IN LEGA CATENE DA NEVE AUTOFFICINA

Loc. Pian da Lago, 31 • Cortina d’Ampezzo • Tel. 0436 866987

SOCCORSO STRADALE • Cell. 348 0593928


FA L EG N A M E R I A

Alverà Silvio Loc. La Vera, 28 - Cortina d’Ampezzo

cell. 339 1779225 e-mail: silvioalvera@alice.it


64

O C I D R O SCI N Attività e organizzazione

a cura di Sara Scappin

M

olti sono i ragazzi nel nostro Sci Club che in questi ultimi anni si sono avvicinati alla disciplina dello sci di fondo, meno popolare rispetto al molto più diffuso sci alpino, ma per questo non di minor valore. Negli ultimi cinque

anni siamo passati da una quindicina di ragazzi agli oltre trenta di oggi, tra le varie categorie, oltre ad una sessione di atleti che praticano il biathlon che è in crescita. Dallo scorso anno lo Sci Club ha iniziato una collaborazione con i Sestieri d’Ampezzo con i bambini

più piccoli per iniziare l’avviamento allo sci di fondo già dai primi anni, con le categorie Baby e Superbaby. È un orgoglio per noi avere oggi 4 atleti che sono entrati a far parte del Comitato Veneto. Si tratta di Antonella Dallago, allenata da

Gruppo baby (2010/2009) ALLENATORE: Mauro Valleferro ATLETI:

Sci Club

CORTINA

Giacomo Cautiero, Emanuele Dimai, Leonardo Gaspari, Devin Moglia, Daniele Pavan


65

Albert Walder, nata il 24/11/2002, categoria Aspiranti, che pratica sci nordico da 5 anni, Jessica Pavan, allenata da Albert Walder, nata il 5/1/2003, categoria Allievi, fondista da 7 anni, Simone Gaspari, allenato da Christian Faoro, nato il 24/9/2004, categoria Allievi, che pratica sci nordico da 4 anni, Gaia AlverĂ , allenata da Christian Fao-

ro, nata il 14/10/2004, categoria Allievi, nello Sci Club Cortina da 3 anni. Quest’anno ci ha lasciati per motivi personali la nostra bravissima allenatrice ed ex atleta della nazionale Valentina Bachmann: a lei va il nostro caloroso saluto e ringraziamento per il suo prezioso contributo per la crescita dei no-

stri atleti, che Valentina ha svolto con grande passione e dedizione in questi anni a fianco di Christian Faoro. I ragazzi hanno voluto lasciarle un cartellone fatto da loro, a ricordo del lavoro e della bellissima esperienza trascorsa insieme in questi anni molto importanti per la loro formazione, non solo sportiva.

Sci Club

CORTINA


66

CATEGORIA BABY/CUCCIOLI

Allenatore: Mauro Valleferro

Per la categoria Cuccioli la stagione comincia agli inizi di settembre con una frequenza di due o tre volte la settimana. La prima fase degli allenamenti a secco, effettuati sul campo di atletica di Fiames, è rivolta allo sviluppo delle capacità e abilità motorie di base; la seconda all’aumento delle capacità fisiche di resistenza e rapidità, attraverso la corsa a piedi a ritmo lento (resistenza) e l’introduzione di esercizi in circuito tipo gimkana (rapidità); la terza con la corsa balzata con bastoni, la camminata con bastoni e gli Skiroll sia in tecnica classica che libera. L’attività invernale inizia ai primi di dicembre a Dobbiaco, e da Natale anche a Fiames e a Tre Croci. Questa prevede tre allenamenti settimanali della durata di 1.30/2.00 ore, oltre alla partecipazione alle gare di calendario. Come per gli allenamenti a secco, anche per quelli sulla neve è stata prevista una preparazione con predominanza di lavori generali di

carattere tecnico e coordinativo attraverso l’utilizzo di mezzi specifici sia in tecnica classica che di pattinaggio, inserendo anche l’utilizzo di nuovi attrezzi come il pallone, la stecca da hockey, le funi, i birilli. Queste categorie seguono il circuito di gare Lattebusche, che si disputano sulle piste venete e anche quest’anno vedrà la finale sul tracciato di Cortina. Un gruppo di ragazzi sempre più numeroso e volenteroso, cosa che non è scontata vista l’era dei videogiochi che trattiene e distrae i ragazzi dalle attività sportive. Grazie anche alla collaborazione con i Sestieri contiamo di “arruolare” e appassionare sempre più giovani. Di queste categorie fanno parte: Baby 2009-2010: Giacomo Cautiero, Emanuele Dimai, Leonardo Gaspari, Devin Moglia, Daniele Pavan. Cuccioli 2007-2008: Nicolò Alverà, Gemma Dandrea, Claudia Dimai, Uršula Gombač.

Gruppo cuccioli (2008/2007) ALLENATORE: Mauro Valleferro ATLETI:

Nicolò Alverà, Gemma Dandrea, Claudia Dimai, Uršula Gombač.

Mauro Valleferro Nato il 9 novembre del 1962, ha iniziato la carriera sportiva nel Sestiere di Alverà, per passare poi allo Sci Club Cortina. A 17 anni è stato convocato nella Nazionale Junior per la stagione 1980/81. In quel periodo ha conseguito il titolo di Campione Italiano skiroll Junior, e l’inverno seguente il secondo posto in staffetta con la squadra del Veneto ai Campionati Italiani Giovanili dell’81. Nella stagione 1981/82 ha ottenuto un secondo posto ai Campionati Italiani Junior, un primo posto in staffetta con la squadra del Veneto, oltre a varie vittorie in ambito regionale. Ha ottenuto anche ottimi risultati nel circuito Alpen Cup, un quarto posto individuale e un primo in staffetta alla Coppa Kurikkala, oltre alla partecipazione ai Campionati Mondiali Juniores di Murau dell‘82. Dal 1980 al 1987 ha fatto parte del Gruppo Sportivo dei Carabinieri. Nel 1985 con la squadra dei Carabinieri ha vinto la 24h di Pinzolo, stabilendo il record mondiale di distanza, migliorandolo dopo un mese con la stessa squadra ad Jyväskylä in Finlandia. Nelle stagioni agonistiche 1982/83 e 1983/84 ha fatto parte della Nazionale Seniores B, partecipando al circuito Alpen Cup e ad alcune gare di Coppa del Mondo. Ha fatto parte della squadra nazionale per le Universiadi Invernali partecipando alla 30 km a Sofia, in Bulgaria, nell‘83, e alla 15 km al Nevegal nell‘85. Dal 1982 è maestro di sci di fondo e dal 1983 è allenatore di sci di fondo di Terzo Livello.


67

CATEGORIA RAGAZZI-ALLIEVI

Allenati da Christian Faoro e Gregor Gombač Per undici mesi l’anno questi atleti portano avanti allenamenti strutturati nella varietà del tipo di sedute, accompagnati dalla qualità, senza perdere l’elemento del gioco e del divertimento. I ragazzi sono guidati non soltanto dal punto di vista atletico, ma anche psicologico. Questo grazie ad allenatori che hanno una particolare sensibilità e capacità di capire ogni soggetto. L’attività estiva inizia a maggio con 3/4 allenamenti settimanali, e consistono in camminata, corsa, MTB, Skiroll e forza. In agosto è previsto anche un ritiro di una settimana a Lignano con il Comitato Veneto. L’attività invernale inizia a dicembre con trasferte a Dobbiaco, per proseguire successivamente a Fiames e Tre Croci.

Christian Faoro Nato il 19 gennaio del 1975 a Feltre. Atleta che ha gareggiato per l’Unione Sportiva Primiero fino al 1993 nella disciplina dello sci nordico e ha fatto parte fino a questa data anche del Comitato Trentino Fisi. In tutto il periodo di attività agonistica per lo sci nordico ha pure gareggiato per l’ US Primiero sez. Atletica, gareggiando su gare in pista sulla distanza degli

800 e 1000 metri, conquistando il titolo di campione provinciale e regionale di categoria. Innumerevoli le vittorie su gare di corsa in montagna, tra le quali, nel 2000, la Transcivetta. Dal 1994 al 2000 è stato preso in forza come atleta dello sci nordico dal Gruppo Sportivo della Polizia di Stato di Moena, gareggiando in Coppa Italia e Coppa Europa. Terminata la carriera sportiva, è diventato maestro di sci nel 2003 e allenatore federale di 2° livello nel 2013. Da 5 anni è allenatore dello Sci Club Cortina.

Gruppo ragazzi e 1° anno allievi (2006/2005/2004) ALLENATORI: Christian Faoro e Gregor Gombač ATLETI:

Elena Alverà, Gaia Alverà, Matteo Alverà, Josephine Bernardi, Vanessa Dallago, Manuel Dandrea, Sara Dolmen, Gregorio Gaspari, Simone Gaspari, Aurora Stella Marega, Agnese Mutschlechner, Roberta Saltari, Lara Siorpaes, Matteo Siorpaes, Fabio Soravia

Sci Club

CORTINA


68

Gregor Gombač

Anche questo gruppo è numeroso e compatto; gli atleti hanno qualità molto interessanti tecnicamente e sono molto volenterosi. Queste categorie seguono gare a livello regionale di selezione per i Campionati Italiani. Ne fanno parte: Gruppo Ragazzi e primo anno allievi (2006/2005/2004): Elena

Sci Club

CORTINA

Alverà, Gaia Alverà, Matteo Alverà, Josephine Bernardi, Vanessa Dallago, Manuel Dandrea, Sara Dolmen, Gregorio Gaspari, Simone Gaspari, Aurora Stella Marega, Agnese Mutschlechner, Roberta Saltari, Lara Siorpaes, Matteo Siorpaes, Fabio Soravia.

Classe 1996, Gre gor G ombač fa parte da sempre dello Sci Club Cortina, sin dalle categorie giovanili dello sci nordico. Nel passaggio alla categoria Allievi si è entusiasmato per la disciplina del Biathlon ed è entrato a far parte della squadra del Comitato Veneto, all’ultimo anno di aria compressa. Ha proseguito la carriera agonistica da biathleta anche nelle categorie che gareggiano con la carabina cal. 22 fino alla Senior. Gli impegni di studio universitario lo hanno costretto ad appendere l’arma al chiodo, ma non ha rinunciato a sciare. Nel 2016 ha conseguito la qualifica di Maestro di sci nordico e nel 2017 quella di Allenatore di 1° livello. Quest'anno ha conseguito l’abilitazione ad Allenatore di biathlon di 1° livello, nonché il secondo livello di allenatore dello sci nordico. Collabora con lo staff tecnico di biathlon del Comitato Regionale Veneto.


69

Albert Walder CATEGORIA ALLIEVI-GIOVANI

Allenati da Albert Walder, coordinatore tra gli allenatori Anche questi atleti si allenano per undici mesi l’anno, e sono seguiti da Albert Walder dal 2016. Inizialmente hanno portato avanti un allenamento certosino per affinare ulteriormente la tecnica, da quest’anno trasformato in un lavoro sia di qualità che di quantità. L’attività estiva inizio a maggio con 3-4 sedute alla settimana e si concentra su un lavoro di forza, velocità e resistenza. Un accento particolare viene messo sulla coesione del gruppo.

L’attività invernale ed agonistica inizia a metà novembre a Obertilliach e a Dobbiaco. Questa categoria seguirà le gare N.G. (Nazionali Giovani), i Campionati Italiani e le gare di Coppa Italia. Ne fanno parte: Gruppo 2° anno allievi e giovani (2003/2002/2001/2000) e preparazione Biathlon: Giulia Alverà, Eleonora Busin, Antonella Dallago, Melissa Dandrea, Mattia Dimai, Kristina Moretti, Jessica Pavan, Filippo Zangiacomi

Gruppo 2° anno allievi e giovani (2003/2002/ 2001/2000) e preparazione Biathlon ALLENATORE: Albert Walder ATLETI:

Giulia Alverà, Eleonora Busin, Antonella Dallago, Melissa Dandrea, Mattia Dimai, Kristina Moretti, Jessica Pavan, Filippo Zangiacomi

Nato a Dobbiaco il 9 novembre del 1957. Ha iniziato a praticare lo sci di fondo a livello agonistico nel 1971. Nel 1976 è entrato a far parte della squadra giovanile. Dal 1980 fino al 1990 è stato atleta della squadra nazionale A. In Coppa del Mondo ha ottenuto il primo risultato di rilievo il 3 marzo 1985 nella 50 km di Lahti (15°) e conquistato un podio nella medesima località il 1º marzo 1987 (3° nella 30 km a tecnica libera). Ha partecipato a due Campionati Mondiali (8° nella 50 km di Oberstdorf 1987 il miglior risultato) e alle Olimpiadi di Calgary 1988 (16° nella 50 km, 5° nella staffetta). Ha vinto la Gran fondo Val Casies nel 1984 e la Marcialonga nel 1988. Dal 1991 al 1998 è stato allenatore del Corpo Forestale dello Stato. Dal 1999 al 2004 ha allenato lo Sci Club Cortina. Successivamente, è stato per 8 anni allenatore dello Sci Club Dobbiaco. Nel 2016 è tornato a fare parte dello staff dello Sci Club Cortina come allenatore delle categorie Allievi e Junior, nonché in qualità di coordinatore degli allenatori.

Sci Club

CORTINA


Jail Jam alta.pdf 1 24/10/2018 11:59:07

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


72

I T A T L U RIS Sci Nordico 2017/18

Una selezione dei migliori risultati (nei primi 10), regionali e nazionali, conseguiti dagli atleti dello sci nordico nella scorsa stagione; ricordandoci che la vera vittoria è dare il 100% di se stessi, con impegno e passione

A LIVELLO DI SOCIETÀ, LO SCI CLUB CORTINA SI È CLASSIFICATO 1° Finale Grand Prix Lattebusche 1° Campionato Provinciale Staffette

A LIVELLO INDIVIDUALE, I MIGLIORI RISULTATI SONO STATI Categoria Baby 1° Nicolò Alverà - Finale Lattebusche Mass Start Cortina 3° Nicolò Alverà - Finale Lattebusche Inseguimento Cortina Categoria Cuccioli 2° Vanessa Dallago - Finale Lattebusche Inseguimento Cortina Categoria Ragazzi 1° Simone Gaspari - Campionato Regionale Campolongo di Rotzo 2° Simone Gaspari - C ampionato Regionale Padola di Comelico 3° Simone Gaspari - Campionato Regionale Campolongo di Rotzo 3a Gaia Alverà - Campionati Regionale Campolongo di Rotzo Categoria Allievi 2a Jessica Pavan - Campionato Regionale Campolongo di Rotzo 3a Jessica Pavan - Campionato Regionale Campolongo di Rotzo 6a Jessica Pavan - Campionati Italiani Allievi Staffetta 3a Antonella Dallago - Campolongo di Rotzo

Sci Club

CORTINA


42

TOBLACH .DOBBIACO CORTINA

!

02.02.19 - 42 km classic 03.02.19 - 30 km skating

www.dobbiacocortina.org info@dobbiacocortina.org

inserat toblach-cortina A4-2019.indd 1

08.11.18 11:18


Fabbro Poloto di Lacedelli Leopoldo Carpenteria - Ferro Battuto

Loc. La Vera, 28 • Cortina d’Ampezzo Tel. e fax 0436 863754 • Cell. 335 5890601


WELLNESS 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) Via La Verra, 2 - Fax 0436 868165 Tel. 0436 862021

info@desalpescortina.it www.desalpescortina.it

idromassaggio con vista panoramica bagno turco doccia emozionale zona relax saletta per massaggi

di Ghedina Katia & C. - s.n.c.

LAMPADE - ARREDAMENTO Tel. 0436 3364 - info@ellumin.it Via Marconi, 34 - 32043 Cortina d’Ampezzo (BL)


//SKI RENT //NOLEGGIO SCI //PREPARAZIONE GARA


GUERRESCO 1945


78

N O L H T A BI Attività

a cura di Igor Gombač

Q

uella a venire sarà per il movimento del biathlon a Cortina sicuramente una stagione molto ricca di aspettative. Dopo quattro anni lo Sci Club Cortina sarà nuovamente in grado di schierare atleti che gareggeranno con la carabina calibro 22. Quindi con un’arma da fuoco a tutti gli effetti, uguale in tutto e per tutto a quella utilizzata dagli gli atleti di Coppa del Mondo. Un grande onore per il nostro Sodalizio, a maggior ragione perché i due atleti Jacopo Pizzolotto

Sci Club

CORTINA

(2003) e Milton Moglia (2004) sono due “prodotti” interni esclusivi dello Sci Club Cortina. Cresciuti tra le file giovanili e seguiti da sempre dall’allenatore Gregor Gombač, da quest’anno abbandonano la carabina ad aria compressa per passare a quella a piccolo calibro. Quest’affermazione non è però del tutto corretta, in quanto Moglia gareggerà sia nella categoria Aspiranti/U17 (cal.22) in deroga in quanto classe 2004 (ultima annata giovanili), sia nella categoria Allievi/U15 (aria compressa).

Sotto la vigile presenza del loro allenatore, gli atleti hanno cominciato già da maggio a prendere dimestichezza con la nuova arma, e soprattutto hanno imparato ad operare al poligono in totale sicurezza. Questo è un passaggio fondamentale di questo sport, dove non sono assolutamente ammesse improvvisazioni ed ogni incertezza viene severamente punita dai giudici di gara. Noi riteniamo che sia anche un momento molto formativo per l’atleta come persona, in quanto il rispetto delle regole non è solamente un fatto


79

burocratico, ma una virtù che ti permette di salvaguardare la tua incolumità e, non in ultimo, anche quella dei tuoi compagni di squadra ed avversari che in quel momento si allenano o gareggiano con te. Il perfezionamento della tecnica di tiro sulla distanza di 50 metri, con un’arma che pesa attorno ai cinque chilogrammi, ha impegnato gli atleti durante tutta la durata della preparazione estiva, culminando con i vari raduni organizzati dal Comitato Veneto

ad Anterselva (BZ) e a Predazzo (TN), ospiti nella struttura delle Fiamme Gialle. Anche nelle categorie giovanili Ragazzi/U13 ed Allievi /U15 questa stagione sarà particolare e molto significativa, in quanto per la prima volta gareggeranno con la carabina per i colori dello Sci Club Cortina anche due rappresentanti del gentil sesso: Elena Alverà e Lara Siorpaes (entrambe 2006). Assieme a Matteo Alverà (2005) hanno iniziato la stagione di pari passo con gli atleti di maggior

esperienza ed hanno svolto un notevole lavoro sia sul perfezionamento della tecnica di tiro, sia sulla velocizzazione delle operazioni in piazzola. Oltre ai vari incontri giornalieri che il Comitato Veneto ha organizzato durante il periodo estivo, i giovani biathleti hanno preso parte al raduno regionale ad Anterselva della durata di cinque giorni, svolgendo anche un proficuo lavoro propedeutico di skiroll abbinato al tiro e svolgendo vari test prestazionali. Per allenare la componente del

Biathon Aria Compressa (A.C.) e Calibro .22 (Cal.22) ALLENATORI: Sci: Christian Faoro e Albert Walder Tiro: Gregor Gombač ATLETI:

Elena Alverà, (A.C.), Matteo Alverà (A.C.), Milton Moglia (A.C. + Cal.22), Jacopo Pizzolotto (Cal.22), Lara Siorpaes (A.C.)

Sci Club

CORTINA


80

biathlon che riguarda lo sci, il nostro club si affida da sempre ai propri allenatori di sci nordico. Gli atleti delle categorie giovanili sono stati seguiti durante il periodo estivo da Christian Faoro, mentre quelli delle categorie più avanzate da Albert Walder, che continueranno a seguirli durante tutto il periodo invernale. Da quest’anno lo Sci Club Cortina dispone di un proprio tecnico

certificato FISI, in quanto Gregor Gombač ha conseguito il 1° livello di allenatore di biathlon, e di una propria carabina ad aria compressa che agevolerà di molto i ragazzi negli allenamenti. Per quanto riguarda l’attività agonistica nel piccolo calibro, i nostri atleti prenderanno parte al circuito Nazionale di Coppa Italia provando a qualificarsi anche a qualche gara di Alpen Cup, men-

RISULTATI STAGIONE 2017/18 Circuito Triveneto Palafavera 3/02/2018 2° Matteo Alverà Circuito Trivento Passo Cereda 18/03/2018 1° Jacopo Pizzolotto Campionati Italiani Allievi Aria Compressa Bionaz 3/03/2018 13° Jacopo Pizzolotto Campionati Italiani Allievi Aria Compressa Bionaz 4/03/2018 Medaglia Bronzo Staffetta Tricolore: Milton Moglia

Sci Club

CORTINA

tre quelli delle categorie giovanili affronteranno, oltre alle gare regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, alcune gare del Circuito Altoatesino “Trofeo Leitgeb” e i Campionati Italiani Giovanili ad aria compressa. Senza dubbio un calendario fitto di appuntamenti per il quale lo Sci Club Cortina fa ai suoi biathleti un grosso in bocca al lupo e agli allenatori un proficuo buon lavoro.


GUIDE ALPINE CORTINA360 +39 334 7972372 info@cortina360.it LocalitĂ Sopiazes

indoor &outdoor center

indoor climbing gym

climb/ ski/ hike


82

N O L H T BIA Dalla parte dei ragazzi

di Milton Moglia, medaglia di bronzo in staffetta ai Campionati Italiani Allievi di biathlon

C

iao, sono Milton Moglia, ho 14 anni e faccio parte della squadra di biathlon dello Sci club Cortina. Da piccolo ho iniziato a fare sci alpino, ma dopo qualche anno mi sono accorto che ero più portato per gli sport di resistenza.

perché mi divertivo con i miei amici che facevano anch’essi parte dello Sci club. Durante gli allenamenti non avverto grossi cambiamenti, ma per il fatto che si cresce e perché evidentemente anche la tecnica migliora, di anno in anno, noto no-

A quel punto ho provato a fare sci nordico con il Sestiere di Cortina prima, e con quello di Chiave poi, e mi sono accorto che mi piaceva decisamente di più. Ho poi scelto di fare agonismo perché mi piaceva particolarmente e

tevoli miglioramenti nei test che facciamo. A me piace fare fatica, quindi non è un problema partecipare agli allenamenti, per quanto faticosi essi siano. Prima delle gare non sono mai ansioso, ho un carattere

Sci Club

CORTINA

relativamente tranquillo e quasi nulla mi agita. Anche per questo motivo ho scelto il biathlon, perché bisogna sia saper sciare, sia tranquillizzarsi al poligono per tentare di fare centro. Lo sport che ho scelto è abbastanza impegnativo e i sacrifici che devo fare sono principalmente: non poter giocare con gli amici i pomeriggi perché mi devo allenare praticamente ogni giorno; stare lontano da casa e dalla famiglia molti fine settimana e, dopo un allenamento particolarmente faticoso, avere male ovunque per 1 o 2 giorni! Ma questi sacrifici si possono fare per uno sport che ti piace. Fortunatamente nello sci nordico gli allenamenti si possono fare nei pomeriggi dopo scuola, quindi le assenze sono ridotte rispetto a quelle dei miei compagni dello sci alpino, che necessitano anche di allenamenti mattutini o in altre località sciistiche. Avendo quest’anno però scelto di fare biathlon come disciplina principale, anziché sci di fondo, sarò costretto a saltare più giorni di scuola per partecipare alle gare, che normalmente si svolgono in località lontane e per 2 o 3 giorni consecutivi. Sarà certamente più dura dello scorso anno, e dovrò organizzarmi al meglio per riuscire a recuperare le lezioni e i compiti persi.


83

Per quanto riguarda la medaglia di bronzo in staffetta ai Campionati Italiani Allievi, io ci ho creduto veramente fin da subito, anche se è stata una sensazione strana per me, perché avevamo battuto delle squadre che sulla carta erano più forti di noi. Certo la gioia è stata tanta nel vedere arrivare terzo al traguardo il mio compagno di squadra. Nel biathlon si sa che mai tutto è perduto, che fino all’ultimo sparo spesso non si sa come va a finire la gara. E’ questo il bello, l’accattivante ed emozionante di questo meraviglioso sport. Colgo l’occasione per salutare Matteo Finco e Thomas Kerer, miei compagni di staffetta con i quali ho condiviso una entusiasmante emozione e che spero ricorderemo

Matteo Finco, Thomas Kerer e Milton Moglia, medaglia di bronzo in staffetta ai Campionati Italiani di biathlon

per molto tempo. Un grazie al mio primo allenatore di fondo Christian Faoro e a Igor e Gregor Gombač per avermi fatto

rispettivamente scoprire ed allenato in questo sport e a tutti gli allenatori del Comitato Veneto per avermi dato questa possibilità.

SNOWSTADIUM IMPIANTI SPORTIVI FIAMES-TRE CROCI

PISTE SCI NORDICO • ORGANIZZAZIONE EVENTI SPORTIVI • BAR • SOLARIUM GIOCHI GONFIABILI GRATUITI • ORGANIZZAZIONE FESTE E GIOCHI

SNOWSTADIUM@GMAIL.COM • CELL. 338 1470266


S.E.V.I.S. S.r.l. Tel. 0462 574520 www.sevis.it info@sevis.it

DELLFIN S.r.l. Tel. 0462 574520 www.pietradolomia.it info@pietradolomia.it


Antonio Carraro spa produce trattori speciali dedicati a professionisti ricettivi all’emozione di possedere qualcosa di unico e prezioso garantito da un marchio centenario ai vertici del migliore “made in italy”. Antonio Carraro spa produces specialized tractors for professionals wishing to experience the emotion of owning something unique and precious that is guaranteed by a onehundred-year-old brand at the cutting-edge of “italian style”.


Agenzia Immobiliare MZ CASE di Zardini Nicoletta & C. Corso Italia,36 – 32046 San Vito di Cadore (BL) – Tel. 0436 890585 info@mzcase.it – www.mzcase.it

Specialista in Scienza dell’Alimentazione Sono attivi servizi di Telemedicina cardiologica: ECG, versione in negativo Holter pressorio, Holter cardiaco Corso Italia, 242 • Tel. 0436 861313 • E-mail: basso.gianluca@rolmail.net


BALBO 1962 - 2012

TECNICA DEL RISCALDAMENTO vendita, installazione e assistenza PRODOTTI TERMOTECNICI

Via Pian da Lago 11 32043 Cortina d’Ampezzo (BL)

Tel. 0436 876171 • Fax 0436 868147

PURE CARBON SKI SWORDS


88

R E T S A M I N CAMPIO Corrado Ampezzan: 80 anni di passione sportiva e di gare di fondo in tutto il mondo L’inossidabile atleta dello Sci Club Cortina, 80 anni compiuti a novembre, ha portato a termine nella scorsa stagione il suo 18° Wordloppet Master, classificandosi quarto assoluto e primo in Italia di Marina Menardi suoi invidiabili 80, le sue imprese sportive, con la presenza dell’amico carissimo Hannes Larsson, nr. 1 al mondo Worldloppet Master con 340 gare del circuito, quindi 34 volte Master, venuto appositamente da Valence (Francia). Il sindaco Gianpietro Ghedina ha voluto partecipare alla festa, consegnando all’inossidabile atleta un biglietto e una targa di riconoscimento da parte dell’Amministrazione comunale «per aver portato il nome di Cortina d’Ampezzo nelle gare di tutto il mondo». Anche lo Sci Club Cortina ha consegnato ad Ampezzan una targa ricordo per le numerose gare fatte in veste di atleta dello storico sodalizio.

C

orrado Ampezzan, ottant’anni, cortinese, socio onorario dello Sci Club Cortina, è un vero highlander dello sci di fondo. Nella stagione 2017/2018 ha completato il 18° Wordloppet Master, il circuito di Gran fondo mondiale che richiede, per ottenere il titolo, la partecipazione e la conclusione di dieci gare, in dieci nazioni differenti, di cui almeno una in un altro continente. In totale sono 180 le Gran fondo

Sci Club

CORTINA

della serie Worldloppet cui Ampezzan ha partecipato, quindi per 18 volte è diventato “Master”; a maggio 2018, su un totale di 4.755 Master, nella speciale classifica mondiale si è classificato quarto assoluto, e primo in Italia. Un personaggio incredibile, che non si ferma davanti a niente, e che, nonostante gli ottant’anni compiuti quest’anno, non ha intenzione di mollare. Domenica 2 settembre Ampezzan ha voluto festeggiare, oltre ai


89

Corrado Ampezzan, ci spiega cosa significa essere Worldloppet Master? Per diventare Worldloppet Master bisogna aver portato a termine almeno 10 gare del circuito Worldloppet in dieci nazioni differenti, di cui almeno una in un altro continente. Per esempio, se ne possono fare 9 in Europa, e una in Asia. Si entra così in una speciale classifica che viene costantemente aggiornata. Quando si sono portate a termine dieci di queste gare, si ha il titolo di Master. Prima di tutto bisogna però comprare un passaporto che contiene le varie località dove si organizzano questo tipo di manifestazioni; ogni

volta che se ne termina una, la località viene timbrata. Quando un atleta ha completato di 10 timbri nel passaporto, lo spedisce al Segretario Generale a Tartu (Estonia) e viene registrato, così aumenta progressivamente il numero dei Master. Io di passaporti ne ho collezionati già molti!

Lei ora è quarto assoluto nella classifica, primo in Italia: è soddisfatto di questo obiettivo? Erano due anni, cioè due stagioni di sci che lavoravo a questo obiettivo; avevo l’intenzione di sorpassare un amico svizzero che ha smesso definitivamente di sciare e questo obiettivo lo avevo

Corrado Ampezzan con il sindaco Gianpietro Ghedina e Hannes Larsson, numero 1 al mondo del Worldloppet Master

Con il presidente dello Sci Club Cortina Igor Ghedina alla festa in suo onore

a portata di mano. Con qualche difficoltà, ci sono riuscito: ho preso la sua 4° posizione nella World Master Ranking, la Classifica Mondiale Master.

Quando le è venuta questa grande passione per lo sci di fondo? Praticavo lo sci di fondo a scuola quando abitavo a Zoldo. Nel 1972 ho partecipato alla seconda edizione della Marcialonga, e poi mi sono ripresentato nei due anni successivi, e oltre. Così è nata questa grande passione per il fondo, portandomi a viaggiare molto, soprattutto nei Paesi scandinavi.

Quando ha iniziato a partecipare al circuito della Worldloppet? L’avventura con le gare della World­loppet è iniziata nel 1978, ma il primo passaporto per diventare Master l’ho acquistato nel 1986, assieme ad altre nove persone dello Sci Club tedesco dove risiedevo per lavoro in quegli anni.

Lei in quegli anni faceva il gelataio in Germania: com’è riuscito a conciliare quel tipo di lavoro con lo sport? In Germania in effetti la vita era dura: si lavorava molto, tutto il giorno, tutti i giorni, senza festa.

Sci Club

CORTINA


90

Però c’era un vantaggio: da fine ottobre/novembre fino a febbraio le gelaterie erano chiuse, e c’era il tempo di allenarsi. È chiaro che finché lavoravo in Germania gareggiavo solo in inverno, mentre le gare del Worldloppet si fanno tutto l’anno, essendo organizzate in tutti i continenti. Dal 1994 in poi, quando ho smesso di lavorare e sono ritornato in Italia, sono andato anche in Argentina, in Australia e in Nuova Zelanda, durante la nostra estate, quando in queste località è inverno.

Quali sono le nazioni che ha visitato per affrontare queste gare? Ho girato un po’ in tutto il mondo. Il posto che ho visitato di più è sicuramente la Scandinavia: tra Svezia, Norvegia e Finlandia, e negli ultimi anni anche l’Islanda, mi sono recato nel Nord Europa 43 volte. In Canada sono andato 12 volte, e 23 sono i viaggi che ho fatto negli Stati Uniti, anche se

↑ Le bellissime sculture di neve nel parco sportivo di Changchun, dove parte e arriva la Vasaloppet China

non tutti per motivi legati alle gare di fondo. E poi anche Argentina, Cina, Australia, Russia, Giappone. Le gare hanno rappresentato un pretesto per viaggiare, per visitare posti nuovi, per conoscere tante persone. Ad esempio il ghiacciaio Perito Moreno, nella Terra del Fuoco, è spettacolare: una di quelle cose da vedere una volta nella vita.

Non trova impegnativo partecipare ad un circuito mondiale così intenso e lontano da casa? Sì, è impegnativo, bisogna allenarsi

Sci Club

CORTINA

In Argentina, Terra del Fuoco

e non poco, soprattutto per le gare lunghe in Svezia e Norvegia. La Birkebeinen Rennet in Norvegia è lunga 54 km, di cui 38 sono in salita: la più dura della serie, perché per regolamento bisogna correre con lo zaino di almeno 3 chili e mezzo. La leggenda narra che il re, durante l’invasione danese, era scappato con il figlio di 5 kg e mezzo nello zaino, e su questa leggenda è nata la gara, una delle più belle del circuito; per fortuna hanno abbassato il peso in gara! Quest’inverno per fare il mio 18°


91

Master ho dovuto partecipare a 7 Gran fondo e viaggiare in altrettante nazioni, la più lontana è stata la Cina. Per me è stata una stagione con meno viaggi del solito: negli altri inverni, la media di nazioni visitate era dalle 9 alle 12. Il mio record è stato l’anno 2015, nel quale ho viaggiato in 14 nazioni, l’anno dopo che erano entrate a far parte della serie Worldloppet 4 nuovi Paesi: Islanda, Argentina, Nuova Zelanda e Cina. È solo la passione e la gran voglia di sciare che ti da forza per affrontare tutti questi disagi.

Vuole raccontarci un episodio che Lo ha particolarmente colpito in questi anni? Vorrei raccontare quanto mi è successo tre anni fa in Islanda. Stavo partecipando ad una gara di 50 km, composta da due giri su un circuito di 25 km. Il primo giro era andato tutto liscio, poi iniziò a nevicare: nel tempo di 15 minuti venne una forte tempesta di neve e non si vedeva più niente, nemmeno il tracciato. L’organizzazione fermò tutti i concorrenti, ma io non volevo fermarmi. "Non sono venuto fin qui per mollare", mi sono detto. Fui l’unico ad arrivare alla fine, a parte i primi, che erano passati prima che arrivasse la bufera di neve. Quando notarono che continuavo ad andare avanti, si affiancò uno dell’organizzazione in motoslitta, dicendomi di seguire le tracce per non perdermi, poi se ne aggiunsero altri due in motoslitta: mi diedero da bere, da mangiare, mi sostennero fino alla fine. Sono arrivato ultimo, ma sono arrivato: ero molto contento e soddisfatto!

tacolare e grandioso cui abbia mai partecipato. Lì hanno fatto le cose in grande, era tutto perfetto: in partenza e in arrivo c’era uno spiazzo di 1 km con una fila di sculture in neve spettacolari. Hanno superato gli americani del Wisconsin, dove anche è bellissimo, perché oltre alla gara, poi c’è una grande festa, si mangia, si beve, si balla, con gli Indiani del posto, e ci si diverte molto.

E il posto più brutto? L’Australia: la zona non è tanto bella, il paese è brutto. La gente però mi piace, ho fatto amicizia con un atleta di Melbourne, sono stato da lui e poi siamo andati insieme alla gara che dista 300 km da casa sua.

La gara che Le è piaciuta di più? La Vasaloppet, in Svezia, con i suoi 16 mila concorrenti con partenza mass start. E poi la Marcialonga, che passa tra i paesi, dove c’è sempre gente durante il percorso, e la Birkebeiner Rennet in Norvegia: 18 mila partecipanti a scaglioni, con davanti i più vecchi.

Come e quanto si allena un atleta a questa età? Mi alleno quasi tutti i giorni: Pian de Loa, Pian de Ra Spines, a volte vado fino a Dobbiaco con gli sci. In estate vado in bici. Adesso ho quella con la batteria e faccio dei gran giri.

C’è mai stato un momento in cui ha pensato di mollare, di starsene seduto sul divano al calduccio, con un bel libro in mano o davanti alla Tv? No.

Qual è il posto più bello che ha visitato in questi anni?

Oltre ai risultati sportivi, cos’altro Le lascia questa esperienza intercontinentale?

Difficile da dire, forse la Cina, il posto più lontano, ma anche il circuito più interessante, spet-

Ho amici da tutto il mondo, vado a dormire da loro quando viaggio, e loro vengono da me. Quando

Sci Club

CORTINA


92

dalla Dolomitenlauf in Austria si passa alla Marcialonga, che è una domenica dopo l’altra, vengono a trovarmi a Cortina amici americani, australiani, francesi, giapponesi, svedesi, tedeschi, per pranzare con noi. Mia moglie Angela prepara la pastasciutta con i sughi speciali e non manca il buon vino, che a loro piace molto.

Cosa farà Corrado Ampezzan dopo gli ottant’anni? Continuerà con le gare? Per la prossima stagione voglio rallentare con le gare: i lunghi viaggi in aereo cominciano a darmi fastidio, soprattutto quando all’arrivo di queste interminabili trasferte capitano le brutte sorprese, come, ad esempio, non arriva la sacca degli sci con tutto il necessario: a quel punto cominciano l’ansia e lo stress che ti rovinano tutto; nell’inverno 2016/17 mi è successo 2 volte in 15 giorni, in Canada e in Estonia, e pure dopo il viaggio in Terra del Fuoco (Argentina): per colpa dei ritardi aerei, quasi facevo questo lunghissimo viaggio per niente: stanchissimo e pieno di stress, solo un’ora prima della partenza della gara ho potuto avere un paio di vecchi sci squamati.

Che cosa Si sente di dire ai giovani di oggi che si avvicinano a questo sport? Consiglio di continuare e di tenere duro. Penso di essere un buon esempio per loro.

Qualche suggerimento/consiglio per i nostri atleti dello Sci Club Cortina Suggerisco di prendere un passaporto della Worldloppet e di girarsi il mondo. Avranno molte soddisfazioni e si faranno molti amici.

→ Corrado Ampezzan, a destra, n. 4 della classifica mondiale Worldloppet Master, e Hanness Larsson, n. 1

Sci Club

CORTINA


SNOWBOARD WORLD CUP

presented by

15.12 - 17:00 Cortina night edition

concetto e grafica krealab.it | foto Giuseppe Ghedina

The Rolling Stones tribute band 19:30


Postioma - Treviso - tel. 0422.4848 - euroevent.it - info@euroevent.it Euroevent è una divisione specialistica di Euroedile srl Dal 1986 realizziamo progetti ad-hoc per eventi di piccola e media entità completi di vendita o noleggio strutture, relazioni di calcolo, allestimento, trasporti e assistenza tecnica. Euroevent, il partner ideale per qualsiasi esigenza.


fornitore ufficiale

Soccorso Alpino Polizia di Stato


by

Crestani Sport Sandrigo - Vicenza - ITALY tel. +39 0444 658579

Manda ORA la tua e-mail a info@skiskett.com

e ricevi

SUBITO un BUONo ACQUISTO


98

L L O R I SK

Il debutto con il Trofeo “Cortina” Il primo settembre 2018 si è svolta la prima edizione del Trofeo “Cortina” di skiroll, la nuova proposta estiva dello Sci Club Cortina di Marina Menardi

S

i sono presentati circa sessanta concorrenti al via al debutto della prima edizione del Trofeo skiroll Cortina, manifestazione promozionale organizzata dallo Sci club Cortina inserita nel calendario Fisi Veneto, ma avrebbero potuto essere di più, se non fosse stato per il maltempo che ha assillato il fine settimana del 1 settembre, giornata in cui si è svolta la gara. Per tutta la notte la pioggia è caduta incessantemente, e così anche al mattino, ma fortunatamente verso le dieci è uscito il sole, e la tregua del maltempo è durata

Sci Club

CORTINA

fino a mezzogiorno, due ore sufficienti affinché gli atleti, dalle categorie Baby ai Master, potessero gareggiare in buone condizioni e all’asciutto. Il tracciato si snodava sulla strada che dalla stazione di Cortina porta al passo Tre Croci, per una lunghezza di 8 km e 580 metri di dislivello. Per i più piccoli, le categorie Baby e Cuccioli partivano da Rio Gere, per una lunghezza di 1 km, mentre Ragazzi e Allievi hanno percorso 3 km, dalla curva della Malga Lareto – sede dello Sci Club 18 - fino in cima a passo Tre Croci. La vittoria è andata al forte biatle-

ta di casa che gareggia per il Valpadola Davide Mancin Majoni, il quale ha messo tutti in riga al passo Tre Croci tagliando per primo il traguardo con il tempo di 33’09.2, davanti a Giovanni Cao­la, CS Carabinieri, con 33’21.9, e Michele Valerio, US Carisolo, 33’46.5. In campo femminile, dominio assoluto della fondista dei carabinieri Virginia De Martin Topranin, CS Carabinieri, con 36’26.3, seconda Martina Zappa, Asv Martell, 48’34.7, terza Vania Zanatta, Fondo Treviso, 49’14.9. Quasi tutti i giovani atleti dello Sci club Cortina si sono presentati ai cancelletti di partenza, regi-


99

strando ottimi piazzamenti: un primo posto nella categoria Baby maschile U10 per Nicolò Alverà, che ha percorso il km in salita in 11.17.7; per la U12 Cuccioli femminile prima Vanessa Dallago, Sci Club Cortina, 9’50.8, 2° Gemma Dandrea 10’45.5, 3° Lara Siorpaes 11’32.6; nella stessa categoria al maschile terzo posto per Fabio Soravia, con 10’11.5. Sul tracciato di 3.3 km e 225m di dislivello, vittoria nella categoria U14 Ragazzi femminile per Roberta Saltari, con il tempo di 18.28.1, terza Aurora Stella Marega, Sci Club Cortina, in 27’41.6; al secondo posto nella categoria maschile si è piazzato Simone Gaspari, in 15’32.3. Prima e seconda nella U16 Allievi femminile Antonella Dallago, 16’53.4, e Melissa Dandrea, 18’42.2. Tra gli Allievi, terzo posto per Mattia Dimai, in 16’10.9.

Grande è stata la soddisfazione per i responsabili del settore fondo, Sara Scappin e David Alverà, e del presidente dello Sci Club Cortina Igor Ghedina, che hanno voluto con questa gara arricchire l’offerta che lo storico sodalizio porta alla comunità ampezzana. «Come prima edizione sono veramente molto soddisfatto, la situazione meteorologica non prometteva niente di buono, invece sono venuti in tanti a gareggiare. Abbiamo organizzato tutto in un mese, e ringrazio il Comune per averci creduto e sostenuto. Avevamo voglia di dare qualcosa di diverso per Cortina, e da domani cominceremo già a pensare all’edizione del prossimo anno». Presente alla prima edizione del Trofeo "Cortina" di skiroll anche l’assessore Paola Coletti: «È stato bellissimo vedere gli atleti gareggiare e sfidarsi oggi su questo per-

↓ Virginia De Martin e Davide Mancin Majoni, vincitori assoluti

Sci Club

CORTINA


100

Skiroll, che cos’è? corso. Siamo stati molto fortunati con il tempo. Per il prossimo anno, organizziamoci da subito». Un plauso agli organizzatori è venuto anche da Federica Monti, presidente di Fisi Belluno: «Bravi

l’appoggio dell’Amministrazione comunale». Ha voluto dire qualcosa anche Silvio Fauner, campione olimpico a Lillehammer nel 1994: «Ringrazio per averci invitato a questa gara. Il

gli organizzatori e i volontari, come prima edizione è andata benissimo, e mi auguro si continui. Importante e confortante che ci sia

tracciato è veramente bello e impegnativo. Arrivederci al prossimo anno, speriamo con una partenza dal centro di Cortina».

Sci Club

CORTINA

È formato da una coppia di aste a sezione rettangolare in lega leggera, ma anche in fibra di vetro-carbonio. La lunghezza delle barre varia da un minimo di 530 mm ad un massimo di 700 mm misurata dal centro della ruota anteriore a quello della ruota posteriore (interasse) ed è in funzione della tecnica utilizzata (classica o pattinato). Alle estremità di ciascuna barra vengono fissate due ruote con copertura in gomma o materiale plastico (la larghezza delle ruote varia da 20 mm a 70 mm), montate su cuscinetti a sfera. Una coppia di attacchi per scarpe da sci di fondo e una coppia di bastoncini (sempre per sci di fondo) con punta in widia completano l’attrezzatura, che permette la pratica dello sci di fondo su strada asfaltata. Gli skiroll da skating hanno due ruote per barra, mentre quelli per la tecnica classica possono avere due o tre ruote (una davanti e due dietro) per barra. Ora tutti i fondisti che abbiano un obiettivo agonistico, così come gli sportivi che desiderano acquistare e mantenere un’ottima forma fisica, utilizzano gli skiroll. Con il tempo lo skiroll è divenuto specialità sportiva a sé stante con l’effettuazione di gare competitive e amatoriali ed è organo della FIS (Federazione Internazionale Sci)


101

La storia Lo skiroll è nato per consentire agli atleti dello sci nordico di allenarsi in assenza di neve. I primi modelli sono stati costruiti intorno agli anni ‘30, periodo al quale possono risalire alcune immagini sfuocate in bianco e nero che ritraggono un atleta a calzoncini corti con delle grosse scarpe da fondo dell’epoca, fissate, come si usava sugli sci, tramite cinghie in cuoio su di un telaio in legno alle cui estremità ci sono due grandi ruote, con diametro presumibile di circa 25-30 cm. Essendo nato come sistema di allenamento per chi gareggiava con gli sci di fondo, facilmente i primi rudimentali prototipi sono stati costruiti da ingegnosi appassionati fondisti che necessitavano di un sistema per praticare lo sci di fondo durante i periodi di non innevamento. Le lontane origini sono dunque da localizzare nelle aree a maggior densità di praticanti lo sci di fondo, quindi facilmente i Paesi Nordici. I primi modelli nati in Italia e immessi in commercio sono nati nell’officina di Fabio Crestani, appassionato dirigente sportivo e artigiano di Sandrigo (Vicenza)

e avevano tre ruote pneumatiche per ogni telaio (una davanti e due dietro) con un diametro di 35 centimetri; i telai erano in ferro e snodati al centro per consentire di piegarsi verso l’alto ed agevolare il passo classico, unica tecnica dell’epoca. Nel gennaio del 1973 nasce ufficialmente la Crestani Sport ed il marchio SKI SKETT, con la produzione di sci con ruote, sia per la discesa (sci d’erba) che per il fondo, che Crestani battezzò skiroll, nome spesso utilizzato anche internazionalmente ed oggi marchio

registrato dalla Crestani Sport. Le prime gare al mondo sono state organizzate sempre in Italia e sempre per opera di Fabio Crestani, in provincia di Vicenza nel 1975; nel 1978 collabora attivamente all’organizzazione del primo Campionato Italiano di skiroll e già nel 1979 nasce la Federazione Italiana Skiroll, con la quale viene disciplinata la pratica di questo nuovo sport. La Federazione, oltre a creare i regolamenti, redige il calendario federale, che prevede vari Campionati Italiani e la Coppa Italia su più prove. Nel 1985 viene fondata la European Rollski Federation E.R.F., di cui Fabio Crestani sarà presidente onorario fino al 1992, anno in cui la E.R.F. viene incorporata dalla F.I.S., la Federazione Internazionale Sci, che da allora coordina la disciplina a livello internazionale. Le gare si suddividono nelle varie tecniche, che prevedono prove in salita, in piano, sprint e a staffetta. A livello internazionale ogni anno viene disputata la Coppa del Mondo, articolata su più prove in diverse Nazioni europee, e dall’anno 2000, ogni 2 anni, si disputa il FIS Rollerski World Championships (Campionato Mondiale).

Sci Club

CORTINA


| Photo M. Reggiani

Alien 1.0. Higher together.

Location > STELVIO (italy)

A sinistra si apre una silente distesa bianca, a destra uno scorcio che rallenta il respiro. Di fronte c’è la linea di partenza. Si sente l’adrenalina riempire i muscoli e gonfiare il petto, per accompagnarti oltre ogni ostacolo. Abbiamo pensato e progettato l’Alien 1.0 per farti vivere il percorso con più passione, più intensità, assieme. SCARPA, compagni d’avventure. • ScafO carbOn grILamId LfT, gambETTO In carbOnIO: LEggErISSImO In SaLITa rIgIdEzza , cOnTrOLLO, STabILITà In dIScESa . • ScarpETTa “crOSS fIT InTuITIOn” TErmOfOrmabILE .

POWERED BY

ALIEN 1.0

WWW.SCARPA.NET


a x m catering Tecnologia del pulito

MaxCatering Srl Via dell’occhiale, 11 Domegge di Cadore(BL) Tel 0435 728580

www.maxcatering.it info@maxcatering.it


SPORTELLO

NOLEGGIO

ENERGIA

AUTO

LUCE&GAS LUCE&GAS LUCE&GAS SPORTELLO SPORTELLO SPORTELLO ENERGIA

ENERGIA ENERGIA

NOLEGGIO NOLEGGIO NOLEGGIO AUTO

AUTO AUTO

Via Via Marconi, Marconi, 32 32 -- 32043 32043 Cortina Cortina d’Ampezzo d’Ampezzo (BL) (BL)

Via Marconi, - 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) 0436 5755 - Mob. 335 5755 335 5715950 Via32 Marconi, 32Tel. 32043 Cortina d’Ampezzo (BL)5715950 Tel.-0436 0436 5755 -- Mob. Mob. 335Tel. 5715950 Via Marconi, 32 - 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) info@multiservicecortina.com info@multiservicecortina.com info@autonoleggiocortina.it info@multiservicecortina.com ---info@autonoleggiocortina.it info@autonoleggiocortina.it Tel. 0436 5755 - Mob. 335 5715950

Tel.info@multiservicecortina.com 0436 5755 - Mob. 335 5715950 - info@autonoleggiocortina.it info@multiservicecortina.com - info@autonoleggiocortina.it

Impianto fotovoltaico installato nel nuovo Dolomiti Lodge Alverà

Loc. Pian da Lago n. 46/d - 32043 Cortina d'Ampezzo - Tel. 0436.868176 - Info@elettricagaspari.it


di Massimiliano Fontana

TINTEGGIATURE • VERNICIATURE RIVESTIMENTI A CAPPOTTO RASATURE • MARMORINO

Cell. 347 2755792

Cortina d’Ampezzo - max@cromaxcortina.it

www.cromaxcortina.it


106

A B R E ' D SCI Una nuova proposta estiva dello Sci Club Cortina

di Marina Menardi

U

na tappa di Coppa del Mondo di sci d’erba arriverà la prossima estate a Cortina d’Ampezzo, organizzata dallo Sci Club Cortina e dalla Federazione Italiana Sci d’erba, in collaborazione con la società Ista. La novità è stata anticipata dal presidente Igor Ghedina durante la presentazione delle squadre per la stagione alla fine di settembre,

Sci Club

CORTINA

e confermata dal responsabile della Federazione Sci d’erba Umberto Sommavilla. Le date sono il 6 e 7 luglio 2019, sulla pista di Socrepes. Durante la prima metà di settembre sono venuti a Cortina i responsabili del centro federale di sci d'erba di Tambre, in Alpago, dove quest’anno si sono svolte le gare del campionato italiano della specialità: l’omologatore

nazionale, il direttore tecnico della squadra nazionale Armando Calvetti, l’allenatore Fausto Cerentin, già atleta di Coppa del Mondo, assieme agli atleti della squadra nazionale. Il tracciato scelto è quello di Socrepes, ossia la pista del primo tronco della seggiovia, tra Lacedel e Roncato. «La società Ista che gestisce l’impianto ha dato la massima disponibilità. Anche


107

per la società potrebbe essere un ulteriore incentivo per l’apertura estiva, un evento che in ogni caso porta gente. Attraverso il suo presidente Alberto Dimai sono stati concordati eventuali aggiu-

stamenti da fare sulla pista se ci sarà bisogno» spiega il presidente dello Sci Club Igor Ghedina. Oltre ai tecnici e agli atleti nazionali, hanno voluto provare il tracciato anche alcuni nostri atleti, entusiasti di questa prova. Cortina sarà quindi paese ospitante di due discipline di sci di Coppa del Mondo: una invernale, con la Coppa del mondo di sci femminile, e l’altra estiva, con lo sci d’erba. Questa è una delle tante attività che andrà a sommarsi ad altre che lo storico sodalizio ampezzano già organizza: le gare FIS Junior dal 22 al 23 dicembre 2018, le gare FIS SuperG Maschili il 21 e 22 gennaio 2019, organizzate in collaborazione con la Fondazione Cortina 2021, subito dopo la Coppa del Mondo di Sci Alpino Femminile e sulla stessa pista, una tappa del Grand Prix Ragazzi Allievi, una gara provinciale di fondo e una di

sci alpino, la seconda edizione del Trofeo Cortina di skiroll nell’estate 2019, nonché nuovamente la finale del 41mo trofeo Lattebusche, su esplicita richiesta del presidente della Fisi Veneto Roberto Bortoluzzi.


112

A V I T R O P S MEDICINA Traumatologia nello sci alpino

di Federico Botto

H

o praticato e pratico tuttora molti sport (bici, sci alpinismo), ma il primo amore è stato lo sci alpino. Ho imparato a sciare, come molti altri qui a Cortina, nel campetto sotto casa e all’età di 6 anni sono entrato a far parte della squadra agonistica dello Sci Club Cortina (allora si chiamava Scuderia Franchetti). A 18 anni sono diventato maestro di sci e durante il periodo universitario ho allenato lo Sci Club Padova, cosa che mi ha permesso di mantenermi gli studi. La scelta di specializzarmi in ortopedia e traumatologia è stata la logica conseguenza della passione che avevo e ho tuttora inalterata per la chirurgia e lo sport. All’inizio della carriera ho lavorato per 11 anni all’Istituto Codivilla di Cortina (dove iniziai ad occuparmi di traumatologia sportiva). Dopo altri 4 anni trascorsi presso l’ortopedia dell’ospedale di Belluno, ho lavorato a Padova in reparti ad alta specializzazione nella chirurgia del ginocchio. Sono ritornato, in qualità di Primario, all’Istituto Codivilla, e da circa un anno e mezzo dirigo il reparto di Ortopedia e Traumatologia di Agordo.

Sci Club

CORTINA

Federico Botto, medico specialista in Ortopedia e Traumatologia, direttore dell’unità operativa di ortopedia di Agordo, nonché ex atleta dello Sci Club Cortina

La traumatologia nello sci alpino: cosa è cambiato negli ultimi anni Si è parlato molto dei traumi in relazione ai materiali e alle piste. Le modifiche sono state graduali negli anni e quello che abbiamo potuto constatare è che c’è un nesso molto stretto tra biomeccanica del gesto atletico, forze in gioco e tipologia di trauma. Per esempio, il cambiamento di scarponi avvenuto negli anni ‘80 ha visto quasi scomparire le fratture di gamba, ma aumentare enormemente le

distorsioni del ginocchio con importanti lesioni dei legamenti. La preparazione delle piste che una volta erano dei “camel trophy” e oggi sono lisce come tavoli da biliardo, permette maggiori velocità e quindi sono comparsi i traumi ad alta energia e quelli da collisioni. Lo sci sciancrato ha esasperato la conduzione della curva, ha consentito di aumentare il divertimento e la velocità, ma la perdita del controllo è questione di frazioni di secondo e mette in moto leve meccaniche in grado di agire come vere catapulte che mettono a dura prova le articolazioni dello sciatore. Per non essere noioso nei numeri, vi metto a disposizione delle tabelle molto semplici e chiare estrapolate da studi effettuati nelle Alpi svizzere (v. pag. seguente ndr). Come si può vedere, tra i traumi l’articolazione più colpita è il ginocchio, nello sci alpino prevalgono le distorsioni, mentre lo snow board ha aperto la strada a contusioni e fratture soprattutto di polso.

Le novità nel trattamento di queste patologie In medicina le novità ci sono sempre, anche se quando parliamo di osso i tempi della formazione di un callo sono quelli di 1000 anni


113

Federico Botto insieme a Massimo Bordignon, caro amico, compagno di classe e di squadra prematuramente scomparso

fa… Certo, con una buona chirurgia, l’utilizzo di strumentazioni e materiali all’avanguardia e una corretta rieducazione riusciamo a ridurre i tempi complessivi di recupero, ma soprattutto a risolvere situazioni che anche solo 20 anni fa avrebbero dato esiti invalidanti. Oggi vediamo sempre più spesso fratture complesse, quasi “da

scoppio” del piatto tibiale, che è la superficie articolare del ginocchio distale, cioè quella della tibia. Adesso possiamo utilizzare placche in titanio con curvature che imitano la normale anatomia, possiamo riempire la perdita di sostanza ossea con chips di osso sintetico o da cadavere. Per quanto riguarda la ricostruzione del legamento crociato anteriore, abbiamo diverse soluzioni adattabili all’età dell’infortunato, e nei giovani cerchiamo sempre di suturare le lesioni meniscali per non sacrificare questi importanti “ammortizzatori” interni. Possiamo inoltre trattare i danni della superficie articolare (cartilagine) con trapianti cartilaginei e il tutto eseguito con metodiche endoscopiche (artoscopia) mini-invasive. Nelle fratture di gamba, cerchiamo di utilizzare mezzi di sintesi interni al canale midollare affinché non ci siano placche o viti sottopelle che renderebbero impossibile stringere lo scarpone.

Sci Club

CORTINA


114

condizioni non sono perfette, ma noi vediamo crescere infortuni in sciatori non preparati, che corrono oltre le loro capacità mettendo a repentaglio anche la salute degli altri, o di persone anziane che si rompono il femore sciando in condizioni climatiche non ottimali. Ecco, in questi casi più che prudenza basterebbe avere un po’ di buonsenso.

Cosa si può fare per evitare gli infortuni Ci sono studi scientifici che correlano la preparazione atletica corretta alla riduzione degli eventi traumatici e delle conseguenze da essi provocati. Per esempio, si è visto che le giovani donne-ragazze, con l’assetto in valgo (a X) del ginocchio nell’atterraggio da un balzo, sono molto più a rischio di lesione del legamento crociato anteriore. La foto in allegato chiarisce molto bene il problema: si può e si deve lavorare per ridurre questo atteggiamento, legato sì a una conformazione anatomica, ma anche alla debo-

Varo

Sci Club

CORTINA

Valgo

lezza di alcune catene cinetiche che andranno rinforzate. Un altro aspetto importante della prevenzione è il rinforzo del “core”, quella parte della schiena, fianchi e addome che fa capo alla colonna lombo-sacrale. Io non sono un rieducatore, ma so che nel calcio e nello sci questo tipo di lavoro detto “core stability” è diventato fondamentale non solo per il miglioramento delle performance, ma anche per la prevenzione degli infortuni. Ovviamente una buona dose di prudenza forse è ancora la migliore prevenzione. L’agonismo ha le sue regole ed è difficile sottrarsi alla gara se le


www.zoldancostruzioni.com info@zoldancostruzioni.com


A pochi passi dallo Stadio Olimpico del Ghiaccio

Oli e creme per muscolatura e articolazioni MARCHI RAPPRESENTATI: • DonJoy • Bauerfeind • Dr. Gibaud • Esi • Cento Fiori • Helan • Flora • Vegetal-Progress • Santiveri

Dott.ssa Susanna Gianighian Via del Castello 8 - 32043 CORTINA D’AMPEZZO (BL) Tel. 0436 861169 - Fax 0436 879420 - info@sanitascortina.it

Cosmesi personalizzata antietà - pelli giovani

TINTEGGIATURE e VERNICIATURE • interni ed esterni • arredamenti

• cerature e spatolati • cappotti termici GIANCARLO DI GALLO

Via Ria de Zeto, 25 • 32043 Cortina d’Ampezzo (BL) Tel. e Fax 0436 4719 • Cell. 335 6104242 • giancarlodigallo@virgilio.it


Car-Wrapping | Cartine | Adesivi | T-shirts | Cartellonistica | Gigantografie | Loc. Pian da Lago 72 • Cortina d’Ampezzo • Tel. 0436 867073

Fotografia

www.print-house.it • info@print-house.it


Terapia microcircolatoria del dolore

Nuova terapia dell'infiammazione muscolo-scheletrica senza l'utilizzo di farmaci

Un nuovo approccio terapeutico, non chirurgico, applicabile ad ogni patologia traumatica, pensata per lo sportivo, ma valida per tutti coloro che subiscono un trauma o che soffrono di dolori muscolo-scheletrici acuti o cronici di varia natura.

Permette una rapida risoluzione dello stato infiammatorio e di sintomi più importanti ad esso associati, come il dolore, il gonfiore e la riduzione della funzionalità articolare, che condizionano in maniera significativa la qualità di vita dell’atleta professionista e non.

Si somministra per via sottocutanea l’anidride carbonica, gas naturale che ha delle importanti azioni dirette su tutte le componenti strutturali del microcircolo del tessuto interessato dal trauma, come vasodilatazione, aumento del numero di vasi capillari, maggiore rilascio di ossigeno da parte dell’emoglobina. Effetti, questi, che sono finalizzati ad ottenere un maggior apporto di nutrienti, indispensabili per la guarigione del tessuto infiammato ed eventualmente danneggiato. La somministrazione di C02 ha anche un’altra importante azione: l’aumento del flusso nei vasi linfatici, permettendo così una rapida e massiva eliminazione delle sostanze infiammatorie che causano dolore. Tutto ciò porta rapidamente alla guarigione, riducendo anche l’incidenza delle infiammazioni croniche; si garantisce così la performance dell’atleta e dei pazienti, anche a medio e lungo termine. Non ha effetti collaterali; non interagisce con terapie già iniziate o con eventuali malattie concomitanti del paziente; non si utilizza in caso di ferite infette o in gravidanza; non da

allergie. Si può eseguire sui giovani atleti cosi come sui pazienti anziani. Tale terapia viene utilizzata presso importanti squadre sportive di atleti di altissimo livello nazionale ed internazionale, come il Rugby Petrarca di Padova e la squadra di Hockey del Cortina.

Per contatti: Dott. Domenico Mercurio Medico Chirurgo Specialista in Angiologia convenzionato con lo Sci Club Cortina Via Barone Franchetti, 13 Cortina d’Ampezzo Cell. 368-295728


centro di due comprensori sciistici punto di arrivo e partenza di varie escursioni alpinistiche

Ristorante

Rio Gere di Nicola Bellodis

cucina tipica ampezzana in un bellissimo locale informale di stile montano con area giochi per bimbi

località Rio Gere - Cortina d’Ampezzo - tel. 0436.3434 www.riogere.it - ristorante.riogere@dolomiti.org


120

1 2 0 2 CORTINA Verso i Mondiali di Sci Alpino 2021

Fondazione Cortina 2021 sta lavorando per ospitare al meglio i Campionati del Mondo di Sci che si svolgeranno a Cortina tra circa due anni. Per la prossima stagione invernale nuove piste allargate e rinnovate, e un nuovo parterre per le gare di Coppa del Mondo, oltre a numerosi eventi di Marzia Del Favero

F

ondazione Cortina 2021 sta lavorando a pieno ritmo all’organizzazione dei Campionati del Mondo di Sci Alpino 2021 e delle tappe di Coppa del Mondo. Dopo un’estate all’insegna dei molti appuntamenti – sportivi, istituzionali, cultura-

Sci Club

CORTINA

li, enogastronomici – che fanno parte delle iniziative verso l’appuntamento iridato, Fondazione si prepara ad accogliere una nuova stagione invernale, che offrirà a turisti e appassionati dello sci (ma non solo) innumerevoli novità e proposte.

Le nuove piste dei Campionati del Mondo 2021 e la finish area di Rumerlo Gli amanti della neve troveranno le piste Druscié A e Druscié B - la cui inaugurazione è prevista in occasione del Fashion Weekend, ormai tradizionale appuntamento


121

cortinese durante il ponte dell’Immacolata - nella loro miglior veste: la prima, allargata di circa 30 metri medi, si presenta con un nuovo dosso e il prossimo anno sarà completata dal nuovo traguardo e dallo skiweg che condurrà alla stazione intermedia della nuova cabi-

novia – da 10 posti e una portata di 1800 persone/ora (più del doppio dell’infrastruttura esistente). La Druscié B, invece, già per questa stagione è quasi completamente rinnovata: dopo il primo muro, sulla sinistra si trova un nuovo muro di 100 metri con una pendenza del

35% che si va a ricollegare al vecchio tracciato, ratificato e allargato. Anche questa pista il prossimo anno sarà collegata direttamente alla stazione intermedia. La finish area di Rumerlo invece, che viene “battezzata” ufficial-

Sci Club

CORTINA


122

mente con la tappa di Coppa del Mondo del 19 e 20 gennaio 2019, è già ora completamente rinnovata e ampliata. E’ stata ricollocata sul vecchio parcheggio del ristorante Caminetto, e ha una profondità di 140 metri e una larghezza di 90 metri; sul fianco destro presenta un boulevard utile per l’accesso del pubblico durante l’inverno, che in estate garantirà l’accesso al rifugio Col Taron. A monte della finish area è stato inoltre realizzato un tunnel per il passaggio turistico invernale, così da garantire il flusso anche durante gli eventi sportivi. Sono quindi le regine della velocità a inaugurare il nuovo arrivo a gennaio, già pronto come miglior bacino per accogliere il pubblico sia durante la Coppa del Mondo 2019 che in futuro. Gli eventi #cortina2021 per la stagione 2018-2019 L’avvio della stagione sciistica 2018-2019 non può che avve-

Sci Club

CORTINA

nire in grande stile: in occasione del Cortina Fashion Weekend, sabato 8 dicembre la giornata vede molteplici appuntamenti targati #cortina2021. Si inizia al mattino, con l’inaugurazione delle nuove piste del Druscié; un evento aperto a tutti, che vede protagonisti anche i vincitori di un contest lanciato sulle pagine Facebook e Instagram di Cortina 2021 dal 1 dicembre: 100

fortunati possono lanciarsi sulle nuove discese in compagnia di Kristian Ghedina, Ambassador di Cortina2021, per un’esperienza certamente da ricordare. Ci si sposta poi nell’area di Socrepes, dove si celebra la Coppa del Mondo di sci alpino, che, a partire dal 1993, si tiene consecutivamente sulla mitica Olympia delle Tofane, con una sciata vintage che fa un salto indietro nel tempo. Non manca l’aperitivo “Prosecco DOC style” al nuovo Chalet Tofana (in località Socrepes) e, dopo il tramonto - da piazza Angelo Dibona - l’accensione ufficiale delle nuove piste per i Campionati del Mondo di Sci Alpino 2021. Passato il Natale, venerdì 28 dicembre un particolare saluto al 2018 viene dato a Ra Valles, con una emozionante sciata all’alba dalla Freccia del Cielo. Ultimo grande appuntamento prima della Coppa del Mondo di Sci Alpino, il Cortina 2021 Winter Day: non una normale mattinata


123

in pista, ma una festa dedicata ai bambini con un percorso sugli sci e tanti giochi, organizzata in collaborazione con le scuole sci di Cortina ed in calendario il 4 gennaio 2019. I progetti di Fondazione Cortina 2021 per gli sci club e i giovani Territorio e giovani sono sempre state due parole chiave attorno alle quali si permea l’attività di Fondazione Cortina 2021 nella progettazione e organizzazione dei Campionati del Mondo 2021. È proprio alla luce di questi principi che la Fondazione rivolge numerose iniziative agli sci club, del territorio ma non solo, e che coinvolge così le giovani generazioni di atleti nel cammino verso Cortina 2021. Si parte dai più piccoli, con il progetto #teamcortina2021 dedicato alle categorie Baby e Cuccioli: all’interno del circuito Lattebusche, i giovani atleti diventano ambasciatori per un giorno indossando i colori di Cortina 2021. Sulla base della somma dei punteggi ottenuti dagli atleti estratti a sorte in tre gare del circuito - scelte dalla stessa Fondazione in collaborazione con FISI Veneto - viene premiato a Cortina, in occasione delle finali, lo sci club che ha ottenuto il punteggio più elevato.

↑ ↓

Conferenza Milano Triennale, novembre 2018 Il team Cortina2021 alla Delicious Trail

Ai Giovani e Aspiranti si rivolge invece #vitadasciclub, un progetto, patrocinato della FISI, nato per raccontare la vita dello sciatore attraverso Instagram. Fino ad aprile 2019 i migliori post verranno condivisi sul profilo di Cortina 2021 e poi raccolti per produrre un video promozionale dei Campionati del Mondo e, soprattutto, della vita negli sci club. Non mancano le iniziative speciali in occasione della Coppa del Mondo del 19 e 20 gennaio 2019, con l’opportunità di vivere la gara da vicino, prezzi speciali per pranzo e trasporti, ed il premio per lo sci club più ”tifoso”.

Ultime ma non certamente ultime in termini di importanza, le iniziative di sostegno agi sciatori organizzate in partnership, rispettivamente, con Fisi Veneto e Fisi: a partire dall’anno scolastico in corso, verranno infatti elargite 4 borse di studio del valore di € 1.000 ciascuna – in base a criteri di merito scolastico e sportivo – a giovani atleti delle categorie Allievi e Aspiranti del Veneto. Due atleti della categoria Aspiranti saranno invece estratti a sorte durante i Campionati Italiani Assoluti, in programma a Cortina a marzo 2019, per partecipare a 4 giorni di allenamenti in ghiacciaio con la Nazionale C.

Sci Club

CORTINA


124

Coordination Meeting Cortina2021, ottobre 2018

Il dialogo di Fondazione Cortina 2021 con le aziende del territorio Tra gli obiettivi di Fondazione Cortina 2021 c’è la creazione di una rete di collaborazione con le imprese interessate a sostenere l’organizzazione dei Campionati del Mondo di Sci Alpino. A loro si rivolge il progetto Donors, per il supporto particolare di iniziative di valorizzazione

territoriale, sostegno allo sport e coinvolgimento dei giovani e degli studenti. Tra i progetti speciali cui possono contribuire i Donors: eventi di promozione dello sci per i ragazzi tra i 6 e i 14 anni, il Progetto Scuola, che coinvolge gli studenti nelle principali manifestazioni sportive del territorio, il sostegno alle borse di studio per gli atleti, e altre iniziative. I

soggetti che aderiscono al progetto hanno diritto a particolari iniziative di visibilità legate ai Campionati del Mondo 2021 e non solo. Il progetto Donors diventa così un modo nuovo di fare rete, che tiene come bussola quei valori legati alla responsabilità etica e sociale che stanno alla base dell’intera organizzazione dei Mondiali di Cortina 2021.


HEADS collective

CORTINA D’AMPEZZO, LA REGINA DELLO SCI MONDIALE. #roadtocortina2021 www.cortina2021.com


"Dopo una giornata sugli sci, perchè non dormire sulle piste?" Rifugio Col Gallina

Prenota la tua esperienza! www.rifugiocolgallina.com

rifugiocolgallina2055

info@rifugiocolgallina.com

Best Pro-Training

Allenamenti degli Sci Club locali sulla pista „Trenker“. La pista “Trenker” dal punto di vista agonistico è una delle piste più adatte per allenamenti, sia per sci club che per squadre evolute. La qualità della neve è sempre eccellente con un innevamento garantito. Pista adatta per training di slalom o super gigante. La località offre un ampio parcheggio con un accesso alle piste comodo e rapido, spogliatoio con servizi igienici, sala ski room, e un bar/ristorante direttamente sulla pista, garantendo una comodità ineguagliabile ai propri utenti. Ottima organizzazione e preparazione delle piste di allenamento. Corsia di allenamento dedicata e sicura con possibilità di più turni di allenamento anche per l`intera giornata. Atlete famose come Mikaela Shiffrin (USA), Lindsey Vonn (USA), Viktoria Regensburg (D) e tante altre, ma soprattutto le nostre campionesse italiane sono spesso presenti sulla pista Trenker per i loro allenamenti. La migliore testimonianza! Per ulteriori informazioni: training@ski-rienza.it. Vi aspettiamo!

Toblach - Dobbiaco

www.ski-rienza.it


VS Vidori Silvano

www.silvanovidori.it


128

STORIA

I Campionati del Mondo di Sci a Cortina, 1-9 febbraio 1941 di Marina Menardi

Cortina è prossima ad organizzare i Campionati Mondiali di sci alpino, nel febbraio 2021, ma non sarà per la nostra valle la prima volta. I Mondiali di sci alpino e nordico, infatti, si svolsero a Cortina d’Ampezzo dal 1º al 9 febbraio nel 1941, ma tale data non compare negli annali dell’evento iridato. Nel congresso mondiale del 1946 la Federazione Internazionale decise di dichiarare nulli i Mondiali del 1941, poiché, a causa della II Guerra Mondiale, molte nazioni non poterono prendervi parte. Vennero assegnate delle medaglie, che comunque a causa della risoluzione della FIS, sono state annullate e non sono più conteggiate. Furono 12 le nazioni che vi presero parte: Germania, Giappone, Svizzera, Bulgaria, Svezia, Slovacchia, Finlandia, Jugoslavia, Norvegia, Ungheria, Spagna e ovviamente Italia. Vennero definiti i "Campionati del coraggio e della speranza" e furono un importante biglietto da visita per l’assegnazione delle future Olimpiadi del 1956, che potrebbero essere considerate come un ‘risarcimento’ per la mancata assegnazione del 1952. La storia dell’organizzazione a Cortina di grandi eventi quindi risale a 77 anni fa. Difficile ricostruire come furono organizzati allora i Mondiali: troppo tempo è passato per avere delle testimonianze dirette, e pochi sono i documenti

Sci Club

CORTINA

in nostro possesso. Tuttavia, grazie al prezioso contributo della Tipografia Print-House, che ci ha fornito copia della rivista mensile ufficiale della Federazione Italiana Sport Inver-

nali “Neve e ghiaccio” di febbraio 1941, e dell'accurata ricerca di Mario Ferruccio Belli nel suo ultimo libro “Cortina d’Ampezzo 1917-1945. Il Fascismo e gli anni della speranza”, possiamo tentare


129

di ricostruire una piccola parte del lontano evento. Fu un Mondiale che le riviste dell’epoca, caratterizzate da un linguaggio aulico e ricco di retorica e di auto celebrazione tipiche del periodo del Fascismo, ricordano come “un traguardo, un grande successo”, proprio perché organizzati in un periodo di guerra. L’organizzazione dei Campionati venne curata da un giovane Federico Terschak, citato nella Rivista come “il camerata Federico Terschak che, nella sua veste di direttore tecnico dei Campionati del Mondo, ha superato se stesso”. La grande opera che venne costruita a Cortina in quell’occasione fu il trampolino a Zuel, progettato da Mario Giacobbi e realizzato non solo per i Mondiali del 1941, ma anche per l’Olimpiade che si sarebbe dovuta realizzare nel 1944, se le vicende storiche fossero andate diversamente. I Giochi Olimpici arrivarono comunque a Cortina dodici anni più tardi, nel 1956, dopo la mancata assegnazione del 1952. IL MEDAGLIERE Cortina ha incoronato Vittorio Chierroni quale primo sciatore italiano a conquistare un titolo mondiale di prove alpine, nello Slalom Speciale. Medaglia d’oro anche per Celina Seghi, nella stessa disciplina, che conquistò pure l’argento nella combinata. Argento nella Discesa libera combinata per Alberto Marcellin. Nello sci nordico, terzo posto per la squadra italiana nella staffetta 4x10km con Compagnoni A., Compagnoni S. Jammaron e Gerardi. Nella classifica di Salto Speciale troviamo quattro atleti ampezzani: Alverà Carlo 23°, Dallago Ino 27°, Dibona Dino 31° e Dadié Giulio 39°.

Sci Club

CORTINA


130

Sopra, Celina Seghi, medaglia d'oro a Cortina nello Slalom Speciale; a destra, Albert Pfeifer (Germania), primo a parimerito con Chierroni nello Slalom Speciale

Riportiamo dalla rivista “Neve e ghiaccio” alcuni testi per renderci conto del clima di propaganda in cui vennero organizzati allora i Mondiali

Pio Antonio Calari,fondatore e direttore di Neve e Ghiaccio, organo ufficiale della FISI TRAGUARDO Cortina d’Ampezzo è stato un traguardo. Un traguardo fatto di mille bandiere, di monti bianchi di neve, rosati di sole. Un traguardo sotto al quale sono sfrecciati gli atleti di 12 Nazioni lesi alla più bella vittoria. Un traguardo anche per il volto maschio dell’ Italia guerriera che ha vinto una grande prova, un traguardo per Cortina invernale che ha superato in modo splendido il difficile collaudo organizzando impeccabilmente nella sua meravigliosa conca, questi Campionati Mondiali. Noi italiani abbiamo avuto l’onore di organizzare i Campionati della F.I.S. e questo onore ci toccava in questi tempi duri, mentre sulle lontane frontiere d’oltremare, sui monti della Grecia, sulle ardenti sabbie della Tripolitania, nelle immensità del lontano Impero, per terra, in cielo, in mare i nostri soldati sono impegnati in una

Sci Club

CORTINA

lotta senza quartiere, mentre all’inferno il popolo, industre e laborioso, si stringe compatto al tricolore con un unico motto: Vincere. La prova era dura. Si poteva pensarne con trepidazione. Ma ben 12 Nazioni rispondevano all’appello, gli atleti migliori del mondo si presentavano al traguardo, tutte le maggiori Autorità sportive convenivano a Cortina, da van Tschammer und Osten al Col. Hamillon Vice Presidente della F.I.S. ai rappresentanti del lontano Giappone. Questo successo imponeva agli organizzatori delle gravi responsabilità. Il meraviglioso sviluppo dello sci italiano che aveva portalo sui campi delle Alpi, degli Appennini e dell’ Etna, legioni di sciatori, che aveva creato schiere di campioni e di rivelazioni mondiali, era impegnato in una prova che doveva dimostrare

la capacità organizzativa nostra. Questa prova è stata superata in modo meraviglioso. Il C.O.N.I., la F.I.S.I., la Direzione Generale per il Turismo, Cortina hanno fatto onore all’mpegno assunto. Dalle magnifiche attrezzature sportive, a tutti i servizi, ma sopratutto alla capacità ricettiva, nulla è stato trascurato, od ha presentato la minima deficienza. Tutto ha funzionato alla perfezione: gli impianti, il servizio per la stampa, tutto, insomma, dal cronometraggio elettrico ai servizi radiofonici e a quelli sanitari ha «girato» con soddisfazione piena dell’immenso pubblico internazionale accorso a Cortina. Questa è stata la nostra più bella vittoria. Questo è il traguardo che l’Italia ha passato per proseguire verso le vie del mondo anche nel campo dello sci mondiale.


131

Raffaele Manganiello, presidente del C.O.N.I.

L'ampezzano Carlo Alverà nella prova di Salto Speciale dal trampolino

Rinunciare all’organizzazione dei Campionati del Mondo di Sci 1941 XIX sarebbe stato un gesto molto semplice, facile, direi quasi «normale» a causa della guerra. Così si è fatto sempre in tempi passati ed in tempi presenti. Ma l’Italia non ha voluto né rinunciare, né rinviare perché il fascismo non intende la guerra - sul fronte interno - come una paralisi della vita nazionale, provocata più dall’orgasmo, dalla paura vaga e indefinita che da autentiche necessità. E specialmente non lo intende nel settore dell’attività sportiva, che è scuola di addestramento fisico e morale per le giovani generazioni, a cui è affidato il domani della Patria. Quindi l’Italia ha organizzato per tramite della sua Federazione Sport Invernali questi Campionari del Mondo, che hanno vissuto il loro ciclo di vita piena e febbrile sulle candide nevi di Cortina d’Ampezzo. È la prima volta che in tempo di guerra (a meno di non voler rivangare i polverosi ricordi dell’antichità classica) si svolge una grande manifestazione sportiva di carattere internazionale, o meglio mondiale. E ciò costituisce una prima vittoria, di cui gli sportivi italiani sono orgogliosi per due ragioni: primo perché essa testimonia la fresca giovanile energia dello sport italiano, che nessun evento può piegare ed estinguere; secondo perché documenta come l’Italia spiritualmente temprata dal Fascismo, sappia conservare perfettamente «i nervi a posto», sappia con serenità curare le opere di pace come le opere di guerra, dimostrando quella forza d’animo che è propria di chi sa e vuole vincere. In questo clima è stato preparato l’avvenimento di Cortina. Ogni

difficoltà, tecnica e non tecnica, contingente e non contingente è stata superata. I Campionati hanno avuto un completo successo di partecipanti nazionali e stranieri, di risultati eccellenti, di episodi agonistici ricchi di tutta la bellezza che sa dare lo sport sullo scenario incantato delle Dolomiti. I migliori specialisti, i più forti atleti del Mondo per le gare di sci sono stati presenti: dai finlandesi agli svedesi, agli svizzeri, agli jugoslavi, agli slovacchi, agli ungheresi, ai tedeschi, alle rappresentanze del Giappone, della Spagna, della Norvegia. Non voglio adoperare aggettivi altisonanti, ma con tutta semplicità affermo che l’Italia, sia come organizzatrice, sia come concorrente, ha raggiunto tutti i suoi obbiettivi, affermandosi definitivamente tra le nazioni di primo piano nel campo degli sport invernali. È ovvio che la maggior artefice di questa vittoria è stata la F.I.S.I., operante da lunghi anni con fede e tenacia per mezzo di tutti i suoi componenti, dal Presidente Ricci fino all’ultimo e più giovane gregario. Ma il C.O.N.I. che ha affiancato il lavoro della Federazione con tutti i suoi mezzi, deve anche esprimere la sua più viva gratitudine per il successo dei Campionati di Cortina anche a tutte le rappresentanze dello sport straniero, che hanno voluto porgere il loro sincero entusiastico contributo. Ed in particolare alla Germania, ai Camerati tedeschi, che guidati dal loro eminente capo von Tschammer, hanno dato alla impresa italiana tutto l’appoggio morale e materiale, che solo una grande e fraterna amicizia sa dare.

Sci Club

CORTINA


COPPA DEL MONDO DI SCI ALPINO FEMMINILE 19-20 gennaio 2019

Cortina d’Ampezzo

BIGLIETTI TICKETS Parterre / Standing Tribuna / Grandstand Dove acquistare i biglietti: • Online: www.cortinaclassic.com • Fondazione Cortina 2021: Centro Congressi Alexander Girardi, Via Marangoi, 1. Sconti: • Tesserati FISI: parterre 6,00 €  tribuna 12,00 € • Under 12: gratuito se accompagnato da un adulto • 12-18 anni e over 65: parterre 8,00 €  tribuna 17,00 €

SABATO SATURDAY 12,00 Euro 25,00 Euro

DOMENICA SUNDAY 12,00 Euro 25,00 Euro

Where to purchase tickets: • Online: www.cortinaclassic.com • Fondazione Cortina 2021: Alexander Girardi Congress Hall, Via Marangoi, 1. Discounts: • FISI members: standing 6,00 €  grandstand 12,00 € • Under 12s: free if accompanied by an adult • Under 12-18 years and over 65s: standing 8,00 €  grandstand 17,00 €

FONDAZIONE CORTINA 2021 SKI WORLD CUP PARTNERS


THE ICONIC JEWEL OF THE ITALIAN DOLOMITES In the attractive and exciting landscape of the Dolomites - a Unesco World Heritage Site - stands the Cristallo Resort & Spa, the crowning glory of the captivating Cortina d’Ampezzo valley. Its eminent position casts a rare perspective from which guests will encounter insightful and authentic journeys. A dream world hovering between past and present. FOR RESERVATIONS, PLEASE CALL +39 0436 88 11 11 OR VISIT WWW.CRISTALLO.IT

CRISTALLO A LUXURY COLLECTION RESORT & SPA VIA RINALDO MENARDI 42 CORTINA D’AMPEZZO, 32043 ITALY


         

CORSO ITALIA, 56 TEL. 0436.5299 - CORTINA lysblancortina@gmail.com


136

A N I T R O C B U SCI CL Consiglio Direttivo

Presidente: Igor Ghedina

Vice presidenti: Vladimiro Pomarè e Igor Gombač

Consiglieri: David Alverà, Alessia Bernardi , Luca Bertagnolli, Federico Botto, Filippo Cagnati, Bruno Dandrea, Michele Di Gallo, Giorgio Gaspari, Cristina Lacedelli, Cristian Moglia, Teresa Mostardini, Paola Pordon, Sara Scappin, Valentina Siorpaes e Luca Zoldan

Revisori dei conti: Paolo Ghezze, Federico Michielli e Nicola Zanussi

Sci Club

CORTINA


137

A N I T R O C B U SCI CL Allenatori

Sci Alpino: Alberto Belfi, Amelia Bisicchia, Cristina De Walderstein, Pietro Fontana, Barbara Frizzarin, Michele Garbin, Federico Gaspari, Roberto Gillarduzzi, Nicolò Menegalli, Matteo Picozzi, Alex Verocai, Edoardo Zardini Direttore Tecnico: Michele Di Gallo

Sci Nordico: Christian Faoro, Gregor Gombač, Mauro Valleferro, Albert Walder Direttore Tecnico: Sara Scappin

Biathlon: Gregor Gombač Direttore tecnico: Igor Gombač

Praparatori atletici: Matteo Gandini, Alessandra Vidori

Sci Club

CORTINA


www.5torri.it

baita Bai de Dones cucina tipica

tel.: 0436 860688 baidedones@5torri.it www.baidedones.5torri.it Loc. Bai de Dones, Cortina d’Ampezzo


ZOOM

FOTO

Largo Poste, 27 - Cortina - tel 0436.878229 - zoomfotocortina@gmail.com


140

L A I C O S Sci Club

"$ 7 7! 67 676 567997





0123320134

OPGJING

E FGHIJIKLIN 1@=A@7?BA@0;425=D607709:; <3</;06=7=1:>?=2=

=@7?B\0;2=DE] E2[70DX:7701@ @=D0;X=@0:B= GPUIVL :77:1Y?EX;:X=1@=E7/=D0Z1 QKIRNSTR X : 7 E = @ = 6 6 ? WE>=DEac]]] ^E7_`fKIKNSTKGPUIVLeIU ih ddde hikk

,-/012 3

ghQi

jkil

Qlih Fih

Sci Club

CORTINA

jij  ghQij R

18 0 2 Ã&#x20AC; T I NOV

320 2*%+7 67667 "$)6$2 %&'22((()7


COMMERCIALE REGINATO S.R.L. VIA PADOVA 47 - 31041 CORNUDA TV

TEL. 0423 619808 FAX 0423 660623 info@commercialereginato.it

www.commercialereginato.it

MINICAR - MOTO/SCOOTER - QUAD/ATV/UTV - EBIKE - VEICOLI ELETTRICI

smartphone e tablet.

App Volksbank: Operazioni bancarie in modo semplice e veloce! www.volksbank.it

Campagna pubblicitaria rivolta ai clienti retail.

Per


Il Resort offre i migliori servizi per un soggiorno all’insegna del comfort e del relax. Fiore all’occhiello della struttura sono i nuovi spazi pubblici realizzati in pietra dolomia e larice, che ospitano un’ampia hall, un’esclusiva sala con bar, un accogliente bistrot ideato per gustare

ottime prime colazioni e perfetto per eventi privati. Un incantevole pavilion accoglie il ristorante, dove è possibile assaporare succulenti piatti della tradizione italiana e mediterranea. Le suite sono tutte finemente arredate in legno e si affacciano sulle Dolomiti.

Il centro benessere propone una piscina interna di 25 metri e una vitaly pool che si sviluppa anche all’esterno (circa 8mq interno e 8mq esterno), sauna, hammam, palestra, area relax e sale per i trattamenti estetici.


143

E N I Z A G MA Sci Club Cortina

Rivista promozionale dello Sci Club Cortina Piazzetta San Francesco n. 5 • Cortina d' Ampezzo BL Tel. 0436/4740 • email: info@sciclubcortina.it

GRAFICA E IMPAGINAZIONE: Nicola Sauro, Tipolitografia Printhouse, Cortina d'Ampezzo SUPERVISIONE TESTI: Marina Menardi FOTOLITO E STAMPA: Tipolitografia Printhouse, Cortina d’Ampezzo, www.print-house.it HANNO COLLABORATO: per i testi: Alessia Bernardi, Monica Bernardi, Federico Botto, Maria Elena Coin, Marzia Del Favero, Michele Di Gallo, Igor Gombač, Marina Menardi, Milton Moglia, Ambra Pomarè, Sara Scappin per le foto: Matteo Gandini, Igor Ghedina, Ruggero Ghedina, Gregor Gombač, Igor Gombač, Manaz Productions, Roberto Pompanin, Print House Cortina, Stefano Saltari, Sci Club Cortina, Alessandra Vidori, Zoom Foto per le pubblicità: Antonio Colli Distribuzione gratuita

Sci Club

CORTINA


CAMPAGNA TESSERAMENTO 2018/2019

15 DISCIPLINE 1 PASSIONE

design by giordano zanetti

Diventa Tesserato FISI: avrai lo sconto del 50% per 5 giornate di sci nei comprensori aderenti all’iniziativa

SCOPRI DI PIÙ SU FISI.ORG #WeAreFisi

Cortina_tessermento FISI - 170x255 mm.indd 1

fisi.org

20/11/18 17:38


Print House Cortina - www.print-house.it

CORTINA

skipasscortina.com


Platinum slalom poles.

Born to resist.

Via Provinciale 26 - 21030 Brissago (VA) www.spm-sport.com +39 0332 542011 sport@spmspa.it

Profile for giorgio.gaspari76

MAGAZINE  

2018-2019

MAGAZINE  

2018-2019

Advertisement