Issuu on Google+

n. 12

gennaio 2009

euro

1,90

8

Finanza Banca Centrale Europea: i consumi a picco nel 2009 di Elida Sergi

Intervista esclusiva a

Emanuele Emmanuele

"C’è un momento in cui occorre saper donare"

Jean-Claude Trichet, Presidente della BCE

Un banchiere con la passione per l’arte Il Presidente della Fondazione Roma a colloquio con Guido Talarico 6

12

13

MUTUI

SERVIZI

IL PERSONAGGIO

Le disparità insanabili dei tassi

la Regione da vita al call center per automobilisti

Catricalà un catanzarese Re dell’antitrust

Bruno Tosatti

di Nadine Solano

Alessandro Caruso


News

2

Adiconsum a Lamezia Terme Aperto nuovo sportello nella sede Cisl di via Tagliamento

L’Adiconsum (Associazione difesa consumatori e ambiente) di Catanzaroha aperto un nuovo sportello di informazione e consulenza nella sedeCisl di via Tagliamento a Lamezia Terme. L’Adiconsum, associazionesenza finalità di lucro, ha come scopo esclusivo la tutela dei diritti e degli interessi dei consumatori-utenti. «L’apertura di questo nuovo sportello informativo ha detto Franco Marino, segretario dell’Adiconsum di Catanzaro - rap-

presenta il segno concreto della presenza dell’Adiconsum sul nostro territorio e la testimonianza tangibile di una costante promozione di una nuova cultura dei diritti e della continua ricerca di un sempre piu’ trasparente rapporto tra fornitori di beni o servizi e consumatori-utenti». «La realizzazione di un nuovo punto di informazione e consulenza - ha dichiarato Domenico Cubello, segretariod della Cisl di Catanzaro - rientra in un piu’ ampio progetto di diffusione e di crescita qualitativa dei servizi offerti, dove il presupposto base resta l’ambito della tutela, mettendo a disposizione dei cittadini un’organizzazione piu’ attenta ai bisogni emergenti della sfera individuale e collettiva, andando ben oltre le tradizionali funzioni contrattuali e concertative, rilanciando la nostra azione sul territorio e aumentando l’efficacia dell’iniziativa della Cisl basata sulla ricerca di un rapporto nuovo con lavoratori, pensionati e disoccupati». Info: 096825966.

Odc, puntare sugli enti locali Le associazioni di categoria in prima linea per il rilancio del territorio con iniziative e progetti volti a sollevare riflessioni e trovare soluzioni alle problematiche più impellenti. Da segnalare, a questo proposito, l’iniziativa dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Cosenza che ha istituito, al suo interno, la Commissione enti locali. In programma l’organizzazione di una serie di incontri itineranti per accrescere la sensibilità su tematiche di particolare importanza e di stretta attualità, attraverso riflessioni, analisi e studi in sinergia con le diverse espressioni istituzionali del territorio. All’interno di questa iniziativa – spiega

un comunicato – gli enti locali sono visti come volano insostituibile per lo sviluppo del Sistema Paese. Info: www.odc.cs.it.

Banca centrale europea, una ripresa solo nel 2010 Gli esperti della Banca Centrale Europea affermano che nel 2008 l’Eurozona registrerà una crescita fra lo 0,8 e l’1,2%, mentre per il prossimo anno è attesa una contrazione tra l’1% e lo zero. Le previsioni di crescita riportate nel Bollettino parlano chiaro: la ripresa arriverà solamente nel 2010, quando il PIL tornerà a crescere con un tasso compreso fra lo 0,5 e l’1,5 per cento. La Banca Centrale Europea sottolinea che i rischi per la crescita sono orientati verso il basso principalmente a causa dell’impatto sull’economia reale delle turbolenze dei mercati finanziari, che da settembre si sono intensificate e diffuse. Analizzando l’andamento della crescita nell’Eurozona, la Banca Centrale Europea sottolinea nel Bollettino mensile che le tensioni emerse da settembre nei mercati finanziari si sono trasmesse in misura crescente dal settore finanziario all’economia reale» e che alcuni rischi al ribasso per l’attività economica identificati in precedenza si sono concretizzati. Le indagini segnalano un consistente deterioramento dell’attività verso la fine dell’anno. A fronte della modesta crescita del reddito reale, del calo della ricchezza finanziaria, dell’inasprirsi delle condizioni creditizie e del peggioramento delle prospettive sul mercato del lavoro, le famiglie hanno ridotto i livelli di spesa e anche gli investimenti delle imprese hanno segnato un calo. In particolare, per i consumi privati la Banca Centrale Europea segnala che la spesa delle famiglie ha subito una netta moderazione nel 2008, i consumi privati sono calati nel secondo trimestre dell’anno, rimanendo invariati nel terzo e la crescita sul periodo corrispondente è scesa

al livello più basso dal 1993.I dati disponibili, inoltre, suggeriscono una dinamica della spesa ancora debole nel quarto trimestre e, sottolineano gli esperti della Banca Centrale, nel prossimo futuro ci si attende un andamento contenuto. Nel Bollettino mensile si preannuncia che l’attività economica nell’Eurozona si è indebolita ulteriormente nel quarto trimestre dell’anno e che la debolezza dell’economia mondiale ed il forte ristagno della domanda interna, dovrebbero continuare anche nei prossimi trimestri. La Banca Centrale Europea si esprime anche sulle misure adottate per contrastare la crisi: queste dovrebbero essere attuate rapidamente in modo da contribuire ad assicurare l’affidabilità del sistema finanziario ed evitare limitazioni nell’offerta di credito alle imprese e alle famiglie. È «fondamentale», sottolinea la Banca Centrale Europea che tutte le parti coinvolte contribuiscano a gettare solide basi per una ripresa durevole e, affinchè questa si concretizzi al più presto, è di primaria importanza mantenere un atteggiamento disciplinato e una prospettiva di medio termiCarmela Valente

QUIECONOMIA Edizione Calabriacity Registrazione Tribunale di Catanzaro nr. 5 del 17/05/2007 EDITORE Cooperativa Millenaria Scarl Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.709626 - fax 0961.489109 DIRETTORE EDITORIALE Guido Talarico DIRETTORE RESPONSABILE Giuseppe Gangale AMMINISTRATORE E TRATTAMENTO DATI Carmela Valente

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.709626 - Fax 0961.489109 redazionecalabria@calabriacity.it INIZIATIVE SPECIALI Mediatag Spa Loc Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4, fax 0961.903421 info@mediatag.it

CENTRO STAMPA Stiem,Viale dell’industria, n° 5 Fisciano (Salerno) DIFFUSIONE E ABBONAMENTI Media Services di Franco Arcidiacono & C. Sas mediaservicesrc@virgilio.it Tel. 0965.644464 fax 0965.630176

PUBBLICITA LOCALE E NAZIONALE

COMMERCIALE Millenaria Scarl Discesa Piazza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 0961.709626 fax 0961.489109 RUBRICATA E SPECIALI Mediatag Spa Loc Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4, fax 0961.903421 info@mediatag.it


Il Personaggio

4

Incontro con Emmanuele Emanuele, l’economista al servizio della cultura Il presidente della Fondazione Roma: la mia vita al servizio degli altri di Guido Talarico

Emmanuele Francesco Maria Emanuele va veloce: «Corro da solo come un lupo nella boscaglia». Una vita tutta d’un fiato a inseguire passioni, sogni, progetti, senza mai avvertire il peso delle responsabilità, delle difficoltà, dei successi. Da giovane lo ha fatto per sé, per soddisfare il suo ego e le sue ambizioni. Dopo i sessant’anni ha cominciato a farlo per gli altri, «perché c’è una stagione della vita in cui occorre saper restituire almeno parte della fortuna ricevuta». Ex assessore al bilancio della Regione Calabria, avvocato, professore universitario, economista, sportivo, nobile e mecenate : quaranticinque pagine di curriculum sono tante ma dicono poco su questo siciliano cosmopolita. Conoscendolo meglio si scopre invece che dietro l’eclettismo, la poliedricità si celano due caratteristiche semplici ma granitiche: uno spirito indipendente e una immensa "joie de vivre". Emanuele non è amato dalla politica, dai poteri forti, da gran parte dell’establishment perché non china il capo, non dice sì di comodo, non accontenta. Fa quello che gli detta la ragione. Può piacere o meno, ma l’uomo è fatto così. Questa ricerca assoluta dell’indipendenza, Emmanuele Francesco Maria Emanuele

Emmanuele Francesco Maria Emanuele va veloce: «Corro da solo come un lupo nella boscaglia». Una vita tutta d’un fiato a inseguire passioni, sogni, progetti, senza mai avvertire il peso delle responsabilità, delle difficoltà, dei successi

questo rigore intellettuale che talvolta gli costa qualche asperità di modi e più di un nemico, in un paese di peones, di ruffiani, di furbi sono stati il suo tratto distintivo e in definitiva la sua forza. La gioia di vivere è invece frutto delle radici mediterranee e della cultura delle quali l’uomo è profondamente imbevuto. «Mia madre, Teresa Messeri Bouget, parlava quattro lingue, tra le quali il russo. Mi leggeva Tolstoj in originale». È cresciuto così,

nell’adorata Sicilia tra la caccia e la pittura, la scherma e la letteratura, il mare e la scultura. Allenamenti sublimi per il corpo e per la mente. «Sono un uomo enormemente fortunato. Ho avuto tutto dalla vita, ricchezza e conoscenza. Ho potuto studiare, viaggiare, fare il lavoro che volevo, esprimere le mie capacità. Una famiglia meravigliosa, dai miei genitori a mia moglie e i figli. Quando ho compiuto sessant’anni ho deciso che avrei de-

Le passioni: il museo, il circolo canottieri, la galleria La Fondazione Roma è un istituto privato, nato per portare a compimento opere a sostegno del progresso sociale e a favore della collettività. Inaugurato nel 1999, il Museo del Corso - oggi Fondazione Roma Museo - è subito entrato a pieno titolo nel grande circuito internazionale di mostre e retrospettive. Info: www.fondazioneroma.it. Il Circolo canottieri Aniene 1892 è tra i più antichi e prestigiosi d’Europa. Con la presidenza di Giovanni Malagò ha ottenuto risultati sportivi

eccezionali soprattutto nel nuoto e nel canottaggio, inanellando vittorie a livello nazionale e internazionale. Costante anche l’impegno nelle attività culturali e sociali. A ciclo continuo le iniziative benefiche a favore della categorie più svantaggiate. In questo ambito nasce la collaborazione con la Fondazione Roma, sponsor della squadra dell’Aniene alle paraolimpiadi, vincitrice di una medaglia d’oro nel canottaggio. La galleria dell’Orologio è uno spazio espositivo di arte contempora-

nea all’interno di palazzo Capponi Pediconi. Ricavata su tre livelli, la galleria di proprietà di Emmanuele Emanuele, ha ospitato mostre di qualità: Zhang Wei Guang, Pablo Echaurren (curata da Nicoletta Zanella), Claudio Capotondi e, da ultimo, Franco Ciuti. Ma l’evento forse più importante è stata la mostra di Teresa Emanuele. La figlia del presidente della fondazione Roma, oltre ad essere avvocato come il padre, è anche una fotografa di talento. Info: www.galleriadellorologio.it.

dicato me stesso agli altri». L’arma impiegata per la "restituzione" è la fondazione Roma, un’istituzione capitolina fondata nel 1539, dunque molto antica e per questo appannata da qualche segno di decadenza, che invece il professore ha saputo trasformare in un eccellente strumento di promozione sociale. Nel lavoro e nei successi degli ultimi anni della fondazione c’è tutto Emmanuele Emanuele. Lui, pur citandolo di tanto in tanto, non lo dice mai, ma l’esempio di fondo resta Federico II: il grande re della Sicilia, lo "stupor mundi" che passò alla storia per la sua curiosità intellettuale, per il suo essere innovatore, per l’amore per l’arte, la ricerca e la scienza. «Effettivamente - riusciamo a strappargli - fu un grande sovrano, capace come pochi di coniugare mondi e conoscenze diverse» Molte cose mi legano a Emmanuele: amicizie comuni, l’amore per il nostro Circolo canottieri Aniene e, naturalmente, la passione per l’arte. L’intervista comincia da qui, dalla fondazione Roma e dall’arte. Con noi, nello studio presidenziale di via del Corso, tutto broccati, dipinti e arazzi, il responsabile della comunicazione e relazioni esterne, Giovanni Rodia, la responsabile delle attività museali Tatyana Kasyanenko e Chiara Perazzoli. «Con la nostra Fondazione - e con le mani fa un lieve gesto come a indicare lo splendido palazzo in cui ci troviamo - abbiamo realizzato innumerevoli progetti. Quando sono diventato presidente l’attività era prevalentemente caratterizzata da interventi "a pioggia", cioè privi di una visione d’insieme. Noi abbiamo da subito compreso che era necessario ampliare il raggio e avviare delle iniziative strutturali nel campo della sanità, ricerca, istruzione, volontariato e cultura.


Il Personaggio

5 A distanza di pochi anni posso dire che oggi la fondazione Roma è diventata un punto di riferimento nel panorama sociale e culturale di Roma e del paese». Quali sono gli interventi di cui vai più fiero? «Sono tanti. Mostre come quella dedicata a un grandissimo artista qual è Sebastiano del Piombo, quella sui fiamminghi del 600 Da Rembrandt a Vermeer, ma anche il World social summit. Il risultato più importante però è quello complessivo, vale a dire aver dato alla fondazione un peso e un prestigio che prima non aveva. Cio è frutto di una politica innovativa in termini di visione culturale e attenta in termini di gestione». È l’animo del banchiere a parlare? «Tutte le esperienze hanno un loro peso. In questo caso però più che il banchiere a parlare è il professore di Scienze delle

Siamo una pietra miliare del panorama culturale capitolino Siamo arrivati a un punto tale da poter esibire la nostra indipendenza un’autonomia totale Un'immagine della Fondazione Roma

finanze. Ritengo infatti che sia stato importante aver dato alla fondazione una sana impronta manageriale sia nella valorizzazione delle nostre risorse economiche che del nostro patrimonio. Con un certo orgoglio posso, tanto per fare un esempio, ricordare che in anni non proprio felici come il 2006 e il 2007 il nostro patrimonio nel suo complesso ha avuto rendimenti rispettivamente del 10,7 per cento e del 9,6 per cento. E naturalmente parlo di valori netti. Un per-

corso virtuoso che ci sta aiutando anche in questo periodo così difficile per l’economia e, segnatamente, per le banche». E oltre i risultati di gestione? «L’apertura del museo del Corso, ora finalmente ribattezzato Fondazione Roma - Museo, è stato un momento particolarmente significativo perché da un lato è stato un modo di valorizzare il nostro patrimonio artistico, dall’altro ha aperto le nostre porte ad altri interventi nel mondo dell’arte. Ma anche la nascita nel 2002

Emmanuele Emanuele e Guido Talarico

dell’Orchestra sinfonica della Fondazione Roma, e il successo internazionale che ha avuto, è un elemento positivo e caratterizzante della nostra storia recente. Così come sono stati molto apprezzati i "Ritratti di poesia", una formula nuova per riportare attenzione su questo genere, e la recente creazione della Fondazione Roma - Mediterraneo». Questo del Mediterraneo mi sembra essere un tuo obiettivo culturale ben preciso? «Sì, certo il Mediterraneo per me è un riferimento importante. E non soltanto perché è parte decisiva del mio bagaglio culturale. Ho sempre creduto nelle terre di mezzo, nell’incrocio delle conoscenze. Nel valore dei crocevia della cultura, della religione, dell’etica come luoghi di confronto e di crescita. In questo senso il Mediterraneo ha un valore straordinario ed è per questo che vi prestiamo grande attenzione. Anche se rimane importante saper guardare oltre, innanzitutto all’Oriente, terre dalle quali possiamo apprendere molto». Cosa ti attira di più dell’oriente? «Sono un sostenitore convinto del dialogo come strumento di crescita e di conoscenza. Il confronto dialettico è un moltiplicatore di energia intellettuale. In questo momento storico l’Occidente, per superare le sue crisi, le sue difficoltà, ha necessità di confrontarsi con paesi straordinari e culturalmente ricchissimi come la Cina o il Giappone, nazioni alle quali la Fondazione dedica molta attenzione». Venendo a casa nostra. Com’è il rapporto con Roma? «Questa è una città meravigliosa ma al tempo stesso stanca, asfittica, che non si stupisce neanche se arrivano i marziani, come diceva Flaiano. È un ambien-

te duro da smuovere, con il quale spesso abbiamo scarsa sintonia. Per fortuna il ruolo della Fondazione è cresciuto. Siamo ormai una pietra miliare del panorama culturale capitolino. Siamo arrivati a un punto tale da poter esibire la nostra indipendenza. Un’autonomia totale. Facciamo le nostre scelte, alla nostra velocità e andiamo avanti. Chi vuol seguirci, chi vuole lavorare con noi è il benvenuto. Degli altri non ce ne occupiamo troppo». Tra i tuoi mille impegni anche la tua galleria d’arte personale, la galleria dell’orologio. «Vivo in ambienti molto classici. Lo stile, gli arredamenti degli uffici e delle nostre case hanno questa marcata ispirazione. La mia grande passione tuttavia rimane l’arte contemporanea. Colleziono da quasi quarant’anni, conosco moltissimi artisti italiani e stranieri, posso dire di avere una certa competenza in materia. La galleria dell’orologio è il mio futuro. Quando questa esperienza in fondazione sarà conclusa conto di dedicarvi molto tempo». Chiudiamo con l’Aniene e con lo sport. «Un’altra grande passione. Al nostro circolo ho riscoperto il piacere della vogata che ha connotato la mia gioventù. Esco in barca almeno una volta a settimana e anche qui andiamo veloci: almeno quando passiamo davanti al galleggiante! Avere sponsorizzato la partecipazione della nostra squadra alle paraolimpiadi di Pechino e aver vinto una medaglia d’oro è la prova che la nostra Fondazione sa sempre scegliere il meglio».

Guido Talarico


Imprese

6

Tassi, quella grave disparità che non si è riusciti a sanare Banche sempre più rigide. Continua a crescere il divario con il Nord Annosa questione, drammaticamente supportata lo scorso anno da un susseguirsi di studi, indagini e, soprattutto, dati di fatto. È quella della disparità dei tassi di interesse tra Nord e Sud Italia. Tra le ultime fotografie, quella scattata lo scorso dicembre da Unioncamere e Istituto Tagliacarne. Il costo del denaro divide la penisola: se Bolzano è la provincia dove i soldi costano meno, con un tasso di interesse sui finanziamenti a breve termine pari al 6,43%, a Cosenza il tasso di interesse è del 9,53%, con oltre 3 punti percentuali di differenza. La classifica vede le prime 55 posizioni occupate da province del centro e del Nord. In coda alla classifica, invece, prima di Cosenza troviamo Vibo Valentia, Crotone, Reggio Calabria e Catanzaro. Delle ultime 20 province, 19 sono del sud. Continua a piovere sul bagnato Secondo lo studio, comunque, rispetto al 2004 il divario Nord-Sud tende a ridursi: se allora la differenza tra Trento ed Enna, rispettivamente prima e ultima provincia della graduatoria, era pari a 3,96 punti percentuali, nel 2007 tra Bolzano e Cosenza è "solo’" del 3,13%. Magra consolazione. A rincarare la dose e smorzare le tenui speranze di cambiamento, arriva Con-

Secondo un’indagine di Confindustria Cosenza gli imprenditori segnalano il sensibile aumento dei tassi d’interesse sui prestiti già concessi e dei relativi costi gestionali

findustria Cosenza che ha realizzato un’indagine sul tema dell’accesso al credito delle Pmi del territorio. In particolare, i risultati dei questionari, somministrati a un campione significativo di aziende associate, hanno evidenziato un generale inasprimento delle condizioni di concessione del credito. Il 67 % degli intervistati ha lamentato un incremento della selettività bancaria nell’erogazione del credito. Al ri-

guardo gli imprenditori segnalano il sensibile aumento dei tassi d’interesse sui prestiti già concessi e dei relativi costi gestionali, la crescita dei dinieghi sui nuovi affidamenti e, sostanzialmente, il diffuso timore che sia in atto un fenomeno di razionamento delle risorse dei prestiti. A ciò si aggiunge una accresciuta percezione di una maggiore rigidità del sistema bancario, di un allungamento dei tempi di istruttoria per

l’erogazione del credito e di una forte penalizzazione, nel settore dell’edilizia privata, nell’acceso ai mutui. Per affrontare questo momento di particolare incertezza e per ragionare sistematicamente sulle problematiche del rapporto banche-imprese, Confindustria Cosenza e l’Abi Calabria hanno promosso la costituzione, a livello locale, di un tavolo tecnico di confronto. Il Presidente di Confindustria Cosenza, Renato Pastore, ha chiesto con fermezza agli istituti bancari una maggiore trasparenza nelle condizioni di accesso al credito al fine di ottenere un rapporto paritario tra impresa e banca. Altro giro, altro appello. «Le condizioni di accesso al credito, in termini di tempi, costi e garanzie richieste, peggiorano per le imprese artigiane e le piccole e medie imprese calabresi, che, ogni giorno, lamentano e denunciano alla nostra associazione di subire umiliazioni e vessazioni dagli istituti di credito». La voce che si leva è quella del segretario della Cna di Catanzaro, Nicola Mastroianni. «Il barometro dell’osservatorio nazionale sul credito istituito dalla Cna - ha detto Mastroianni - è chiaro e preciso e conferma le criticità e le storture nella nostra regione. In questo particolare momento emerge, in maniera inconfutabile, il divario tra la domanda e l’offerta di credito a breve termine, che viene richiesto dal sistema produttivo per far fronte al fabbisogno finanziario, generato da una condizione di oggettiva illiquidità, alla quale, purtroppo, molte banche stanno rispondendo con revoche e riduzione dei volumi di credito, accordati negli anni alle singole aziende». Purtroppo, scandali e denunce ancora Bruno Tosatti

Mse, investimenti per 380 milioni di euro Quattro contratti di programma, che interessano 43 imprese in sei regioni (Campania, Sicilia, Calabria, Puglia, Emilia Romagna e Veneto), per investimenti pari a 380 milioni di cui 230 privati, 100 dello Stato e 50 degli enti territoriali, con un indotto occupazionale di circa 1300 nuovi posti di lavoro. E’ la fotografia dei contratti di programma varati dal Ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, alla presenza degli imprenditori e amministrato-

ri locali coinvolti. Grazie a questi contratti saranno realizzati un distretto produttivo specializzato nell’editoria a Casoria in Campania; villaggi turistici a Sciacca in Sicilia, Simeri Crichi e Sibari-Cassano allo Jonio in Calabria e Otranto in Puglia; un polo tecnologico nel settore dell’ict a Lamezia Terme e San Marco Argentano in Calabria. ’’In questo difficile momento per l’economia internazionale, che sta producendo effetti negativi

anche sull’ economia reale – ha dichiarato il ministro Scajola – l’avvio di un così consistente numero di iniziative imprenditoriali è un segnale importante per tutto il paese. L’Italia ha bisogno di misure che rilancino la produttività e creino nuova occupazione, sostenendo lo sviluppo e la crescita delle imprese’’. I contratti di programma firmati dal Governo Berlusconi prevedono quasi 700 milioni di euro complessivi di investimenti.

Il ministro Claudio Scajola


Imprese

7 Pollino, accordo per servizi alle aziende

Appello della Cna Appello della Cna (conferedarione artigianato e piccola e media impresa). Con una lettera aperta, a firma del presidente e del segretario provinciale, Rocco Rania e Nicola Mastroianni, si chiede, ai sindaci della provicnia di Catanzaro, collaborazione e sostegno alle imprese. «La crisi che sta investendo settori sempre più consistenti dell’economia internazionale e nazionale - scrive la Cna - ha iniziato a produrre i suoi negativi riflessi anche in ambito locale, colpendo le attività manifatturiere e l’economia reale del nostro territorio». La Cna indica le necessità che le imprese avvertono: credito, per non far mancare la liquidità alle aziende; semplificazioni per eliminare adempimenti e oneri, rispetto dei termini contrattuali di pagamento; internazionalizzazione; riduzione della pressione fiscale, sia per le imprese che per i cittadini.

Cciaa, nuovi servizi Lo scorso 10 dicembre la Cciaa di Catanzaro, presso la propria sede (via Menniti Ippolito 16), ha presentato due nuovi servizi informatici rivolti alle piccole e medie imprese per supportarle nello sviluppo del proprio business. Strumenti importanti per stare al passo coi tempi e gestire al meglio costi e risorse. In particolare si tratta di: GestiRete, il servizio che consente di gestire i rapporti con la clientela ed è finalizzato a sostenere opportune azioni di marketing per ampliare il portafoglio clienti; Archivierete, il servizio che permette di aumentare la sicurezza del proprio business al riparo da qualsiasi evento negativo. Per maggiori informazioni: 0961888111; www.cz.camcom.it.

È stata sottoscritta la costituzione dell’associazione temporanea di scopo (Ats) Piar ’’Arcopollino’’. L’associazione, presieduta dal sindaco di Frascineto (comune in provincia di Cosenza), Domenico Braile, composta da 13 comuni dell’area del Gal ’’Pollino sviluppo’’, dallo stesso Gal, presieduto dal presidente del Parco nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, dalla comunità montana italo-albanese del Pollino e dalle organizzazioni professionali agricole Cia, Confagricoltura e Coldiretti, si candida a ottenere i finanziamenti, previsti dal Piano integrato per le aree rurali della Regione Calabria. «A differenza di quanto avvenuto negli scorsi anni - ha commentato il presidente del Parco e

del Gal, Pappaterra - si leva un’unica voce dai territori della Calabria citeriore». «Un’unica voce - ha proseguito Pappaterra - che punta allo sviluppo rurale nell’ambito di un ragionamento ancora più ampio avviato dal Parco, quello dell’Intesa per lo sviluppo dell’area protetta calabro-lucana. È’ un bel risultato ha continuato Pappaterra - che va ascritto alla dirigenza politico-amministrativa di quest’area che ha inteso bene che uniti si puo’ fare meglio’’. Pappaterra ha rivolto il suo ringraziamento anche a Cia, Confagricoltura e Coldiretti che stanno partecipando anch’essi al partenariato avviato su più fronti». «Il progetto presentato - ha spiegato il presidente dell’Associazione, Domenico

Braile - si propone con 6 milioni di euro di interventi, una progettazione che puà andare avanti, se finanziata, sino al 2013 e che configura un progetto globale che rappresenta la programmazione dei nostri territori». «L’aspetto più positivo - ha poi spiegato il sindaco di Frascineto - è quello di avere fatto progetti immateriali, servizi per le aziende in particolare, per garantire la vivibilità alle nostre contrade affinché esse vengano mantenute vive». I 13 comuni partecipanti all’Associazione sono: Castrovillari, Lungro, Laino Castello, Mormanno, San Basile, San Lorenzo Bellizzi, Laino Borgo, Civita, Firmo, Acquaformosa, Frascineto, Saracena, Morano Calabro.

Innovazione turistica la sfida per il futuro Iniziativa interregionale per formare manager all’avanguardia Sembra di battere sempre sullo stesso tasto, ma questa insistenza forse potrebbe servire per cambiare qualcosa, per dare fiducia e, magari, cominciare a darsi da fare. Si parla di rilancio del sud e non si può esimersi dal farlo coincidere con lo sviluppo turistico. Le risorse in questo settore sono invidiabili e molte volte poco sfruttate anche a causa della carenza infrastrutturale. In molti ne parlano, in molti negli ultimi tempi alle parole fanno seguire i fatti. Così, ben venga, come spinta e propulsore di nuove idee l’iniziativa "I turismi - Il manegement della filiera", presentata lo scorso 15 dicembre nella sede di Confindustria. La sfida per il Sud non può prescindere dalla filiera turistica. Ne sono convinti Fondirigenti-Fondazione Taliercio, le Confindustrie di Basilicata, Cosenza, Lecce, Nord Sardegna, Salerno, Siracusa e Federturismo-Confindustria che sono i promotori del progetto. Si sono ripercorse le tappe di un progetto a cui hanno lavorato le associazioni degli industriali, gli imprenditori e i dirigenti di sei aree a forte vocazione turistica: Cosenza (con i casi della ristorazione d’eccellenza del Consorzio Assapori, la Sila, il Pollino e l’intera costa calabrese), Salerno (con la costiera Amalfitana e il Cilento), la Basilicata (con il Pollino e i Sassi), Lecce e la penisola Salentina, Siracusa e la Val di Noto, il Nord Sardegna. Illustrati i risultati raggiunti, frutto di un lavoro durato un anno che ha coinvolto circa 50 manager delle Associazioni territoriali di Confindustria,

di Federmanager e dirigenti di aziende della filiera turistica sui temi dell’innovazione e qualità nell’offerta ricettiva, sui nuovi strumenti di promozione e commercializzazione del territorio, sulla valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio paesaggistico-ambientale e culturale. L’iniziativa prevede un progetto formativo che si realizzerà attraverso la sperimentazione di percorsi tematici rivolti a dirigenti e quadri di aziende appartenenti alla filiera turistica

www.aste.eugenius.it

dei territori aderenti, oltre che a dirigenti del settore pubblico dedicati ad attività di sviluppo del territorio, con l’obiettivo di coinvolgere 250 aziende in tre anni. I percorsi si concentreranno su: l’innovazione e la qualità dell’offerta ricettiva e dei servizi complementari, un censimento sull’accessibilità e la valorizzazione integrata e sostenibile del patrimonio culturale, paesaggistico ed ambientale Alessio De Grano


Finanza

8 Canone telefonico, Authority ok all’aumento

Aumenterà il canone base TelecomItalia, di 1,26 euro al mese più Iva, a partire da febbraio. Da gennaioscatteranno invece gli impegni presi da Telecom Italia sulla propria rete. Le due novità arrivano daAgcom, Autorità garante delle comunicazioni. Erano circa diecianni, infatti, che non aumentava il canone alle famiglie. L’ultima speranza per i consumatori quindi svanisce: "E’ un regalo a Telecom Italia, ingiustificato", ha detto Marco Pierani di Altroconsumo. L’anno scorso continua - Agcom si era già riunita per valutare modifiche al canone. Avrebbe dovuto diminuirlo, perchè Telecom non era riuscita a raggiungere gli obiettivi di qualità che si era posta sulla rete fissa. Adesso l’assurdo è che Telecom ha chiesto un aumento per aiutarli a rispettare obiettivi". Per il 2009 Telecom s’impegna a raggiungere un tasso di malfunzionamento delle linee di rete fissa pari a un 13,6 per cento. Il prossimo scontro sarà sul canone all’ingrosso (di"unbundling"). Quello cioè che gli operatori concorrenti pagano a Telecom per affittare il doppino telefonico dell’utente e fargli quindi offerte per voce e internet. Anche in questo caso Telecom ha chiesto il permesso di aumentarlo. Potrebbero aumentare i canoni che gli utenti finali pagano agli operatori alternativi a Telecom, se questi ultimi decideranno di ribaltare il rincaro sulle offerte al pubblico. Gli alternativi fanno notare che invece l’Autorità tlc spagnola ha appena imposto a Telefonica un ribasso del canone di unbundling. Si è chiusa invece senza polemiche la vicenda degli impegni Telecom.Telecom ha accolto le modifiche richieste da Agcom, che ha approvato il tutto definitivamente. La rete fissa Telecom diventerà quindi un’entità più indipendente. Gli operatori alternativi da qualche tempo sul mercato saranno messi su un piano più paritario di quanto accede attualmente rispetto a Telecom Italia.

Per il nuovo anno calo di investimenti e consumi

Bce, previsto un 2009 nero "Le attuali prospettive per i conti pubblici indicano un forte deterioramento dei saldi di bilancio nell’area dell’euro e vi è il rischio di un ulteriore peggioramento". A lanciare l’allarme è un organismo la Banca centrale europea, che sottolinea come"il disavanzo medio delle amministrazioni pubbliche dell’area dell’euro in rapporto al Pil aumenterebbe considerevolmente nel 2008 e nel 2009". In 3 Paesi disavanzo superiore al 3%. La Commissione, ricorda l’Eurotower, prevede infatti che tre Paesi dell’area euro (Francia, Irlanda e Malta) registrino un disavanzo pari o superiore al 3% del Pil nel 2008. "Si prevede - osserva la banca centrale europea - che tutti i Paesi dell’area dell’euro, ad eccezione di Grecia, Malta e Slovacchia, osservino un peggioramento delle posizioni di bilancio". Più colpiti i Paesi con squilibri di bilancio. La crisi colpirà soprattutto i paesi con squilibri di bilancio e amministrazioni "inefficienti". "E’ probabile

che i Paesi che presentano mercati del lavoro e dei beni e servizi strutturalmente rigidi- osserva l’istituto nonchè squilibri di bilancio relativamente importanti e amministrazioni pubbliche inefficienti, abbiano una minor capacità di tenuta alla crisi e siano più esposti al rallentamento mondiale". Stime Pil riviste al ribasso. Nel 2008 la crescita di Eurolandia si attesterà tra lo 0,8% e l’1,2% mentre per il 2009 è attesa una variazione compresa tra -1% e zero. Ci si attende per l’area euro un tasso di variazione del Pil negativo su base trimestrale fino a metà 2009. La ripresa arriverà solo nel 2010 (0,5-1,5%). A picco i consumi. La Bce vede nero anche sul fronte dei consumi. Inflazione al ribasso, ma rischi nel 2009. La gelata sui prezzi delle materie prime continuerà a far scendere l’inflazione nei paesi della zona euro ma dalla seconda metà dell’anno prossimo potrebbe manifestarsi una inversione di tendenza. L’inflazione "dovrebbe continuare a

ridursi nei prossimi mesi" ma "potrebbe tornare ad aumentare nella seconda metà dell’anno, anche a seguito di effetti base, e quindi i bruschi cali dell’inflazione dovrebbero essere di breve durata e pertanto non rilevanti nella prospettiva della politica monetaria". none;text-autospace:none"> Secondo la Banca d’Italia si contrae il debito pubblico. Dal supplemento finanza pubblica del Bollettino statistico della Banca d’Italia emerge intanto una notizia positiva: si contrae il debito pubblico. Dopo il record raggiunto in agosto (a 1.666,6 miliardi) a settembre si è attestato a quota 1.648,5 miliardi ovvero 18,1 miliardi in meno rispetto al mese precedente. E crescono le entrate tributarie. Nei primi 10 mesi dell’anno si sono attestate a 311,3 miliardi, il 3,2% in più rispetto ai 301,2 miliardi segnati nel periodo gennaio-ottobre2007. elida sergi


Commercio

9

Marketing aziendale e pubblicità via sms Sono sempre di più le imprese che utilizzano i cellulari per promuovere prodotti cliente (supporto prevendita, vendita e comunicazione postvendita). Il mobile advertising, in particolare, va ormai oltre la semplice pubblicità via Sms (o Mms), che pure rimane la forma maggiormente utilizzata in Italia. La crescente diffusione del numero di utenti del web via telefonino favorisce infatti la popolarità del display advertising (i banner all’interno dei portali mobile). Una nuova opportunità proviene anche dallo sviluppo degli applicativi client (sorta di software installabili sul cellulare legati a brand o aziende). Nonostante le differenze, il mobile marketing&service è riconosciuto nel suo complesso come uno strumento in grado di raggiungere l’intera platea

Alzi mano chi non usa il cellulare per inviare sms su questioni private o di lavoro. Ma a questo comune utilizzo si va sempre più affiancando un impiego di tipo commerciale e promozionale: secondo il rapporto Mobile marketing&service del Politecnico di Milano, gli sms inoltrati dalle aziende per comunicare con i consumatori quest’anno in Italia sfioreranno quota un miliardo. Il settore, che pure può essere considerato ancora in fase embrionale, ha raggiunto un fatturato di 67 milioni di euro, in crescita del 26% rispetto al 2007. Dalla ricerca del Politecnico emerge infatti un notevole incremento del numero di aziende e pubbliche amministrazioni che hanno cominciato a utilizzare questi strumenti innovativi di marke-

ting. Il motivo è da ricercare soprattutto nel notevole miglioramento del livello tecnologico delle reti e dei telefoni e nel rafforzamento delle competenze di molti operatori. Fondamentale però risulta comprendere cosa si intende esattamente con Mobile marketing&service, che in realtà è una categoria nella quale sono ricomprese tecnologie e strategie diverse tra loro. La prima fondamentale distinzione da effettuare è tra mobile marketing e mobile service. Nella prima definizione sono ricomprese tutte le attività di sollecitazione all’acquisto di un prodotto o servizio (marketing, advertising e promozioni). La seconda fa invece riferimento a tutti quei servizi volti a mantenere/creare la relazione con il

Secondo il rapporto Mobile marketing&service del Politecnico di Milano gli sms inoltrati dalle aziende per comunicare con i consumatori quest’anno in Italia sfioreranno quota un miliardo dei consumatori, garantendo al tempo stesso un elevato livello di targetizzazione. I numeri citati in precedenza dimostrano come questo mercato sia ancora in fase embrionale, considerando il potenziale di 47 milioni di utenti della telefonia cellulare italiana. Nel prossimo triennio è attesa però una crescita di una certa consistenza: secondo Antonio Baldassarri, responsabile marketing Vas mobile

di Telecom Italia, è lecito attendersi un incremento del settore del 30-40% annuo da qui al 2011. Attualmente alcuni comparti produttivi sono però più avanti rispetto ad altri: nel mobile service i settori che mostrano l’atteggiamento più dinamico sono la finanza e l’editoria, mentre al contrario esistono pochi casi di successo nell’horeca, nel retail e nel largo consumo. Un sondaggio del Politecnico su 100 direttori marketing di importanti imprese italiane ha invece rilevato una diffusione abbastanza bassa del mobile marketing: il 64% dichiara di non aver mai utilizzato il canale mobile per campagne pubblicitarie. Tra questi ultimi il 58% non sa se lo utilizzerà in futuro e solo il 20% dichiara di volerlo sperimentare. Esistono insomma delle barriere all’adozione delle soluzioni mobile nel marketing; in particolare spiccano la scarsa conoscenza delle opportunità di questa piattaforma (48%), la bassa efficacia percepita (28%) e la mancanza di competenze interne adeguate (25%). Gli esempi di successo comunque non mancano. Tra questi spicca il caso dell’azienda sudtirolese Thun, un’impresa di medie dimensioni (un fatturato intorno ai 220 milioni euro) produttrice di piccoli oggetti da regalo in ceramica. Thun ha messo in piedi una vera e propria community che fa largo uso della comunicazione via mobile: gli utenti profilati nel nostro paese sono ben 120.000, che nel corso del 2008 hanno ricevuto ben un milione di Sms. Di questi 700.000 sono stati una sorta di remind per occasioni speciali. e.s.

Il punto sulle detrazioni fiscali per i contratti d’affitto

Riscatto della laurea, perchè conviene

Per i lavoratori dipendenti che si trasferiscono nel Comune di lavoro (a non meno di 100 chilometri dalla precedente residenza e comunque in una regione diversa dalla propria) spetta - per i primi tre anni - una detrazione pari a 495,80 euro per i redditi non superiori a 15.493,71 euro 991,60 euro per i redditi compresi fra 15.493,71 e 30.987,41 euro. Debutta, inoltre, la detrazione in favore dei giovani fra i 20 e i 30 anni che stipulano un contratto d’affitto per l’abitazione principale, purché diversa da quella dei genitori. Anche per loro è prevista una detrazione pari a 991,60 euro per tre anni, ma soltanto in presenza di redditi non superiori a 15.493,71 euro. Le detrazioni non sono cumulabili fra loro.Anche in questo caso l’applicazione della norma ha un valore retroattivo per cui i soggetti idonei potranno beneficiare del bonus per le locazioni anche per l’anno d’imposta 2007. In questo caso, la detrazione d’imposta si concretizza soltanto in sede di presentazione di Unico PF o del 730.

Piace il riscatto della laurea, secondo quanto riportato dagli ultimi dati Inps. Le rilevazioni infatti sottolineano un aumento del 250% del riscatto nei primi 9 mesi del 2008 rispetto al 2007. Il riscatto della laurea risulta decisamente più conveniente rispetto al passato. Tra le novità introdotte anche la possibilità di riscattare senza avere un lavoro. Per calcolare il contributo da versare per ogni anno da riscattare si applica l’aliquota del 33% al minimo contributivo dei lavoratori autonomi, pari nel 2008 a 13.819,00 euro.Sono soggetti a riscatto solo gli anni accademici effettivi del corso di laurea, mentre risultano esclusi gli anni «fuori corso». Si possono riscattare anche i periodi di studio per ottenere diplomi di specializzazione e dottorati di ricerca. I contributi vanno versati all’Inps che li accantona e, su domanda dell’interessato, li trasferirà poi all’ente di previdenza cui il lavoratore risulterà iscritto.

e.s.

elida sergi


Agricoltura

10 Cia, in aumento le aziende "rosa" Aumentano i nastri ’’rosa’’ nell’agricoltura. Tre imprese agricole su nove sono condotte da donne: poco meno di 290mila le imprese che rappresentano oltre il 28 cento del totale. È un trend che è, pur in presenza di pesanti problemi per il settore, in continua crescita. È quanto sostenuto dall’associazione Donne in campo della Cia, Confederazione italiana agricoltori. Su un totale di oltre 1 milione 300mila imprese, la presenza delle donne in agricoltura è inferiore so-

lo al settore del commercio, dove si supera il 32,5 per cento, mentre vengono doppiate abbondantemente sia l’attività manifatturiera (con il 10,6 per cento) che quella dei servizi (poco meno del 10 per cento). Secondo Donne in campo della Cia, la maggior parte delle imprese agricole condotte da donne si trova nel Mezzogiorno (44 per cento del totale), seguono le regioni del Nord (32 per cento) e quelle del Centro (24 per cento). Le aziende agricole ’rosa’, afferma

Donne in Campo, salgono in modo importante specialmente in attività innovative, come ad esempio nell’agriturismo, le cui imprese per il 35 per cento del totale sono condotte da imprenditrici. Crescite significative si sono registrate negli ultimi anni anche nel settore biologico, nelle produzioni di Dop e Igp, nell’ortofrutta e nella vitivinicoltura. Donne, dunque, sempre più decise e protagoniste della vicenda agricola italiana.

Health check, nuovi piani di sviluppo rurale Novità per la riforma del settore vitivinicolo L’Health check della politica agricola comune ha introdotto una serie di novità che implicano adeguamenti urgenti, visti i tempi ristretti. L’Italia prima dovrà modificare il Piano strategico nazionale dello sviluppo rurale 2007-2013 secondo le nuove direttive comunitare e inviarlo a Bruxelles entro il 30 giugno 2009. Una volta definito il quadro nazionale, le regioni potranno rivedere i propri Piani di sviluppo rurale. Secondo le nuove disposizioni, il limite del premio d’investimento per l’insediamento giovani passa da 55mila a 70mila euro. Il tasso della modulazione obbligatoria aumenterà del 5% in quattro anni, passando dal 5% al 7% nel 2009, all’8% nel 2010, al 9% nel 2011 e al 10% nel 2012. Le riduzioni verranno applicate per i pagamenti superiori a 5.000 euro. Viene introdotta per la prima volta la modulazione progressiva, che consiste in una riduzione dei pagamenti (oltre ai tassi annuali di modulazione) del 4% per le sole imprese agricole che ricevono più di 300mila euro. Le risorse da tale modulazione dovrebbero ammontare complessivamente a 369 milioni di euro per l’Italia, che con il cofinanziamento nazionale met-

terebbero a disposizione dal 2010 risorse per i piani di sviluppo rurale pari a 450 milioni di euro. Il cofinanziamento nazionale non sarà più pari a circa il 100% delle risorse comunitarie, ma sarà ridotto al 10% per le regioni convergenza (Sicilia, Calabria, Puglia, Campania, Basilicata) e al 25% per le restanti Regioni della competitività (14 Regioni e 2 Province autonome). Il Psn e i Piani di sviluppo rurale dovranno prevedere anche la programmazione delle risorse derivanti dalla riforma del settore vitivinicolo, pari a 157 milioni di euro nel quinquennio 2009-2013, che raddoppiano con il cofinanziamento nazionale a 327 milioni. L’Ocm Vino infatti stabilisce che tali somme sono disponibili come risorse comunitarie supplementari destinate a misure da attuare nelle Regioni produttrici di vino nell’ambito della programmazione dello sviluppo rurale Tutte le risorse derivanti dalla nuova modulazione saranno utilizzate per consentire agli Stati membri di fare fronte alle crescenti necessità legate alle nuove sfide (cambiamento climatico, bioenergie, gestione dell’acqua, Fonte Coldiretti

Bandiera verde, premiati Altomonte e Agricola due torri

Altomonte

Premiata la qualità con "Bandiera verde agricoltura" 2008. Si tratta di un’iniziativa promossa da Cia per valorizzare sapori, tipicità, tradizioni e paesaggi naturali che fanno grande il nostro paese. L’agricoltura italiana si distingue sempre di più per la sicurezza, la qualità e il rispetto della tipicità. Una grande «mappa» della qualità agricola composta da tante piccole realtà rurali che consentono al «made in Italy» di primeggiare nel mondo. Tra i premiati comuni,

aziende agricole e personaggi che si sono particolarmente distinti nelle politiche di tutela dell’ambiente, del territorio rurale e del paesaggio. Una sorta di itinerario enogastronomico all’insegna della riscoperta di sapori e prodotti unici e inimitabili. Una realtà alimentare sana, lontana anni luce dai "veleni" che spesso importiamo dall’estero. Tra i comuni calabresi ha ottenuto il prestigioso riconoscimento Altomonte (in provincia di Cosenza), per

aver valorizzato la tradizionale produzione del pane tipico e aver realizzato il progetto «Contrade ospitali» attraverso le varie realtà produttive agricole e artigianali del luogo. Nella categoria dedicata alle aziende invece, spicca Agricola due torri (in provincia di Catanzaro) per la puntuale ricerca, valorizzazione e proposta di una cucina tradizionale che recupera antiche ricette e ingredienti locali Silvia Bonaventura


Artigianato

11

Abitabilità, può essere certificata dal giudice L’inadempienza pubblica non ricade sul venditore Lentezzeburocratichefinalmente punite dalla legge. Una sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito, infatti, che nessun onere risarcitorio è previsto a carico dei costruttori che subiscono l’inerzia della pubblica amministrazione riguardo al rilascio del certificato di abitabilità. Il ricorso è stato presentato da un’impresa associata all’Ance di ViboValentia.Seilcostruttore nell’atto di vendita si impegna a fornire all’acquirente la certificazione di agibilità, l’eventuale inerzia della pubblica amministrazione può provocare rilevanti conseguenzerisarcitorieper il venditore. In base alla recente sentenza, che favorisce i costruttori, se esiste una documentazione che prova la presentazione dell’istanza, la sussistenza dei requisiti urbanistici e igienico-sanitari può es-

sereaccertatadatecnici e dichiarata dal giudice. Il nuovo orientamento della Suprema Corte è derivato dal caso di una società di costruzione che aveva ottenuto in primo grado la risoluzione del contratto preliminare per la vendita di un appartamento a causa degli inadempimenti del compratore. La pronuncia della Cassazione ha considerato che il costruttore aveva presentato istanza per

l’ottenimento del certificato per due volte e senza ottenere risposta dal comune. L’inerzia della pubblica amministrazionenonpuòinfattiricadere sul venditore provocando la risoluzione del contratto e il risarcimento dei danni. L’autorità giudiziaria in sede di contestazione può sollecitare l’ente locale e, in assenza di risposta, dare luogo all’istruttoriaperilrilascio dell’abitabilità.

La Calabria si arricchisce di bravi e giovani orafi Ventotto giovani promesse dell’artigianato hanno partecipato ai corsi di formazione per orafi e gemmologi, alla Domus Aurea, la scuola per orafi e gemmologi, fondata dai maestri Paola Righetti e Claudio Gaudio. Le lezioni si sono tenute da febbraio fino ad ottobre. Per designer accessori moda del gioiello e della pelletteria, il primo pro-

mosso dall’Ecipa di Mendicino. E’ stato pensato per giovani disoccupati con e senza esperienza nel settore di riferimento, la Regione Calabria ha finanziatoquestoprogetto. Il corso e’ stato strutturato in 840 ore di teoria presso la sede dell’Ecipa, che gia’ diverse volte ha collaborato con Domus Aurea per la formazione dei futuri artigiani calabre-

si e per questo progetto ha perseguito corsi di oreficeria per 15 allievi. L’istituto formativo del centro storico ha istituito un corso per esperti gemmologi, tenuto da ClaudioGaudio,sono13 i ragazzi che hanno avuto la fortuna di parteciparvi grazie ad un finanziamento della provincia. Nelle vetrineoltre40ipezzirealizzati dai due gruppi di giovani, che animavano la Domus Aurea, ma non solo gioielli e pietre lavorate e finite, molte le cere e i calchi esposti cosi’ da segnare simbolicamenteilpercorsolavorativo e didattico svolto in questi otto mesi. Gli insegnanti si dicono all’unisono orgogliosi della scelta e del coraggio dei 28 allievi, che hanno affrontato i corsi spinti dalla passione e dalla voglia.

Mercato, troppi prodotti anonimi Nei mercati rionali i prodotti sono spesso anonimi. Oltre 7 banchi su 10 di pesce e ortofrutta non sono in regola con le norme sull’etichettatura. L’origine dei prodotti è tra le informazioni più carenti nei confronti nel cittadino, in particolare per frutta e verdura: solo il 38% dei venditori indica la provenienza. Nel caso del pesce è sempre più difficile per i consumatori sapere se si tratti di un prodotto pescato o allevato, visto che solo il 36% dichiara il metodo di produzione. A lanciare l’allarme, il Rapporto sull’etichettatura nei mercati rionali redatto dal Movimento difesa del cittadino. L’associazione, con la collaborazione delle sedi locali, ha visitato i mercati rionali in Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto. In totale sono stati rilevati 481 banchi: 157 per i prodotti ittici e 324 per l’ortofrutta. Nel’indagine, oltre ai dati della rilevazione svolta dal Movimento difesa del cittadino, anche i numeri e le storie del rapporto sulla sicurezza alimentare, Italia a Tavola 2008: dai Nas all’Ispettorato per il Controllo della qualità dei prodotti agroalimentari alla Guardia costiera i sequestri e i controlli delle autorità.

Oltre 7 banchi su 10 di pesce e ortofrutta non sono in regola con le norme sull’etichettatura L’origine dei prodotti è tra le informazioni più carenti per frutta e verdura solo il 38% dei venditori indica la provenienza

Per i prodotti ittici l’informazione più diffusa è la denominazione commerciale della specie che è stata indicata nel 69% dei casi. Segue la zona di cattura o allevamento presente nel 50% dei banchi rilevati e per ultima il metodo di produzione con una percentuale di presenza di solo il 36%. Calabria, Lazio e Piemonte: a queste tre regioni il triste primato in materia di etichettatura dei prodotti ittici. Di tutti i banchi di pesce nei mercati rionali rilevati nelle città di Catanzaro, Borgia, Girifalco, Curinga, Roma e Torino nessuno esponeva le informazioni necessarie ai consumatori per una spesa consapevole. Sono invece Ligura (Genova) e Lombardia (Milano) le regioni prime della classe rispettivamente con il 75% e il 60% dei banchi in regola. In nessuno dei casi indagati dalle nostre sedi è emerso un esempio di eccellenza pari al 100%. Per quel che riguarda l’ortofrutta, dall’indagine emerge che ancora pochi cittadini possono sapere se la mela che stanno per acquistare è una golden, se è italiana o se è di prima o seconda categoria. In generale, la varietà è presente solo nel 63% dei casi; l’origine nel 38% e la categoria nel 28 %. Percentuali molto basse sono state riscontrate per queste due ultime informazioni: in Calabria, ad esempio, l’origine e la categoria non vengono mai indicate; mentre in Campania la provenienza di frutta e verdura è presente solo nel 16% dei casi. A livello regionale l’indagine individua proprio in queste due regioni le performance meno virtuose: nelle città di Catanzaro, Reggio Calabria, Napoli e Benevento nessun venditore era pienamente in regola con la normativa sull’etichettatura. In queste città sono l’origine e la categoria le informazioni più carenti. Critica anche la posizione dell’Umbria (Perugia) e della Basilicata (Matera): in entrambe i casi non si arriva al 10% di positività (rispettivamente 5% e 8%). Al primo posto della classifica delle regioni troviamo invece il Piemonte.


Servizi

12 La ’nduja conquista il popolo di internet

Nduja : "Ha una consistenza cremosa, un sapore decisamentepiccante ed un profumo molto caratteristico, intenso e naturale, decisamente diverso rispetto agli altri insaccati", si legge su www.saporetipico.it. "Il nome deriva - spiega lo staff di www.tipicimediterranei.it - dal francese ‘andouille’, cioè frattaglie, perché nel passato si produceva con peperoncino e frattaglie di maiale, è stato introdotto dagli Spagnoli nel cinquecento insieme al peperoncino ma si presume che i Francesi nell’era Napoleonica lo introdussero in Calabria". La ‘nduja spopola sulla Rete. E’ citata in moltissimi siti legati in qualche modo al territorio regionale, e fin qui siamo ancora nell’ovvio: un elenco dei tipici prodotti culinari non può prescindere dalla ‘nduja. Il fatto interessante è che la si ritrova nelle più svariate pagine online. L’unica condizione è che si debba parlare di gusto, dopo di che - in un modo o nell’altro - lo speciale salamino nostrano scende in campo. Conquistando gli utenti, naturalmente. Isabel, ventenne di Milano, sul suo blog propone un’originale ricetta: cake con prosciutto e ‘nduja. E salsadisapa commenta: "adoro la nduja! ha tutto il sapore bollente del sole del sud! complimenti per il cake, bella idea! Anche l’autrice di www.cavolettodibruxelles.it, uno dei più famosi blog di cucina, spiega la preparazione di un piatto a base di ‘nduja, le pizze fritte. "Lo scorso week-end - racconta Fabrizio su www.ilgiornaledelcappero.it - siamo stati al salone del gusto di Torino. Tra le varie prelibatezze ci siamo imbattuti in uno stand che proponeva la vera, originale, ‘nduja piccante calabrese". Poi Fabrizio, mostrando grande competenza, spiega: "Per chi non la conoscesse, la ‘nduja è una pasta ottenuta tritando parti del maiale con tanto peperoncino piccante. Il preparato viene insaccato, come una salsiccia, per la conservazione e la distribuzione. L’impasto rimane comunque sempre molto morbido, spalmabile". E conclude: "Ma ora guardatela in foto. Trasuda piacere per le papille". Poi ci sono quelli che tirano in ballo gli ormai dimostrati poteri afrodisiaci: "la nduja calabrese batte le ostriche", si legge su www.stylosophy.it e fra le pagine di tante atri siti.Quando si dice un pozzo di virtù, insomma.

Un call center per le tasse automobilistiche Iniziativa messa in campo dall’assessorato al Bilancio della Regione Calabria di Nadine Solano

L’assessorato al Bilancio della Regione Calabria ha attivato un call center per le tasse automobilistiche regionali, attivo dalle ore 8.30 alle 17.30, tutti i giorni esclusi il sabato e la domenica. Componendo il numero telefonico 840000850, dunque, si entrerà in contatto con operatori qualificati che forniranno informazioni ai contribuenti calabresi, sia riguardo i contenuti dell’avviso di accertamento inviati nei giorni scorsi dal Dipartimento bilancio e patrimonio, sia sulle modalità di compilazione del format, sia sul dettaglio della posizione tributaria dei singoli contribuenti relativa alle tasse automobilistiche dovute per gli anni dal 2003 al 2006. Collegandosi al sito http://bolloauto.regcal.it (oppure al sito ovvero www.regione.calabria.it, sezione "tributi") è inoltre possibile verificare la propria posizione contributiva delle tasse automobilistiche e avere dettagli sui dati alla base dell’avviso di accertamento e dei veicoli cui si riferisce. L’iniziativa, hasottolineato l’assessore al Bilancio Demetrio Naccari Carlizzi, "si inquadra in un più ampio e complesso processo di riorganiz-

zazione del sistema e delle strutture tributarie della Regione, avviato da qualche mese, non soltanto per le tasse automobilistiche, ma tendente anche al recupero delle sanzioni amministrative, delle tasse di concessioni regionali e degli altri tributi non versati, in armonia con l’azione di contrasto al fenomeno dell’evasione, oggetto di apposito regolamento, approvato dalla Giunta regionale nel luglio scorso, che mira anche alla semplificazione dell’azione amministrativa, alla riduzione del cartaceo e alla digitalizzazione della Pubblica amministrazione, nel rispetto di quanto stabilito dalla legge, facilitando i rapporti tra Regione e cittadini". L’Assessore ha quindi rassicurato tutti cittadini interessati agli avvisi di accertamento inviati dalla Regione per il mancato pagamento delle tasse automobilistiche relative agli anni 2005 e 2006. Se da una parte, infatti, è iniziata la notifica nei confronti dei soggetti risultati morosi, dall’altra la Regione offre massima collaborazione per risolvere i problemi di chi ha assolto al pagamento della tassa di circolazione dell’anno

2005 e/o dell’anno 2006, ovvero nelle condizioni di legge che hanno consentito di ottenere il regime di esonero dal pagamento; di quei soggetti che ritengono di non dover pagare per altra causa o che hanno pagato presso un’altra amministrazione regionale; di coloro che in realtà non hanno assolto al pagamento dovuto. "Infatti - ha detto l’Assessore Naccari Carlizzi - con gli avvisi di accertamento è stato inviato un modulo di istanza di revisione in autotutela con le relative istruzioni per la compilazione e la specifica della documentazione da allegare all’istanza. Un format che, in larghissima parte, contempla le varie situazioni che danno diritto all’annullamento dell’avviso, all’eventuale esonero dal pagamento e, addirittura, al rimborso di eventuali somme indebitamente pagate. Una volta compilato, il format può essere spedito dagli interessati utilizzando la busta, con affrancatura a carico della Regione, già indirizzata alla casella di posta riservata". In ogni caso, gli uffici tributi della Regione sono a disposizione di tutti i cittadini, sia per dare i chiarimenti necessari, sia per provvedere allo sgravio dell’impo-


Il Personaggio

13

Catricalà: l’arbitro superpartes che regola i conflitti economici Garante della concorrenza e del mercato, un catanzarese con la passione del diritto Se si prova a fare una panoramica dell’eccellenza calabrese e dei più autorevoli rappresentanti della comunità calabra non si può fare a meno di annoverare l’attuale presidente dell’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato, il catanzarese Antonio Catricalà. La sua formazione ne ha fatto uno dei più insigni giuristi presenti nel foro italiano e il suo attuale ruolo è giunto a coronamento di una carriera vissuta sempre nell’ambito dei più importanti organi giuridici. Catricalà svolge la funzione di presidente di un organo di grande importanza, che vigila sul rispetto della concorrenza dei mercati sulla base dell’antitrust. Con questo termine si definisce il complesso delle norme giuridiche che sono poste a tutela della concorrenza dei mercati economici per impedire che le imprese, singolarmente o congiuntamente, pregiudichino la regolare competizione economica adottando condotte scorrette o abusi di potere. Il motivo che rende il suo ruolo fondamentale nell’assetto economico del nostro sistema paese sta nel fatto che lo sviluppo e la crescita, in teoria, possono senz’altro avere luogo se si creano le condizioni perché più soggetti possano avere libero accesso Antonio Catricalà

La sua formazione ne ha fatto uno dei più insigni giuristi nel foro italiano e il suo attuale ruolo è giunto a coronamento di una carriera vissuta sempre nell’ambito dei più importanti organi giuridici

alle logiche di mercato alimentando quel principio della concorrenza che, se applicato correttamente, è la linfa dell’economia, perché permette che vi sia più circolazione di iniziative e di risorse. Ma affinchè questa vitalità si trasformi in sviluppo è necessario che vi siano delle regole. A preservare il nostro sistema dal cattiva applicazione di queste regole ci pensa appunto l’autorità di cui Catricalà è presidente. Spesso abbiamo

sentito i suoi avvertimenti diretti a stimolare le imprese, la politica o i consumatori, a concentrarsi su un più rigoroso rispetto della concorrenza perché qualcosa non andava bene o poteva andare meglio. In uno dei suoi ultimi interventi presso la commissione Industria al Senato, Catricalà ha fatto una fotografia dello stato di salute della concorrenza italiana con riferimento alla benzina, dando dei suggerimenti utili alla

classe politica per proiettare il Paese verso scenari di maggiore competitività a livello europeo. "Negli anni - ha spiegato in quell’occasione Catricalà - ci sono stati ingiustificati vincoli regolamentari all’accesso al mercato della distribuzione di carburanti in rete". La ricetta segnalata dal garante è stata quella di un incremento dei self service, l’abbattimento dei costi commerciali, la riduzione strutturale dei prezzi alla pompa e l’apertura degli ipermercati per ridurre i prezzi. Questo è solo un esempio del ruolo di guida economica svolto da Catricalà. Qualche mese fa, invece, toccò alle banche subire il rimprovero. Questa volta in relazione alla portabilità dei mutui. Catricalà in quell’occasione commentò i dati sconfortanti di un’inchiesta che svelava il comportamento scorretto del 95% delle banche italiane, che non applicavano il decreto Bersani e facevano pagare il trasferimento del mutuo da un istituto all’altro ostacolando così la concorrenza e impedendo al cittadino di risparmiare. Tutelare la concorrenza significa quindi impedire che si vengano a creare qulle situazioni di monopolio o di dirigismo statale nell’economia che sono tra i principali nemici della libera iniziativa e che rappresentano il trampolino di lancio più diretto verso la deriva statalista. Come ha detto lo stesso Catricalà: "Il miglior Stato possibile è il minor Stato possibile, ovvero uno Stato che si occupi della produzione di norme, della sicurezza, della giustizia, della difesa nazionale. Uno Stato che intende fare tutto corre il serio rischio di fare tutto male". Alesandro Caruso

Dalle cariche pubbliche alle cattedre universitarie Antonio Catricalà, sposato, con due figlie, è Presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato dal 9 marzo 2005. Nato a Catanzaro il 7 febbraio 1952, a ventidue anni si è laureato con lode in legge a Roma ed è stato nominato assegnista universitario della prima cattedra di Diritto privato all’università "La Sapienza" presso la facoltà di Giurisprudenza. A ventiquattro anni ha vinto il concorso in magistratura ordinaria e ha superato l’esame di abilitazione all’esercizio della pro-

fessione forense. Nei concorsi pubblici, a conferma della sua straordinaria dedizione e capacità, ha sempre ottenuto ottimi risultati. Ha vinto quello per procuratore dello Stato, quello per avvocato dello Stato, a ventisette anni, e quello per consigliere di Stato con decorrenza dal 1982. Dal 2006 è Presidente di sezione del Consiglio di Stato in posizione di fuori ruolo. Presidente e componente di collegi amministrativi, ha collaborato con l’Ufficio legislativo della Presidenza del Consi-

glio dei Ministri ed è stato Capo di Gabinetto e consigliere giuridico nei ministeri. E’ stato segretario generale dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Oltre a tutto ciò Catricalà è anche stato professore di Diritto Privato presso la facoltà di Giurisprudenza dell’università di Roma Tor Vergata e attualmente insegna Diritto dei consumatori all’uniA. C.

Sede della Luiss


Enti

14

Il fallimento delle società trasferite all’estero Non è assoggettata alla giurisdizione italiana Il Tribunale di Roma con sentenza 23 marzo 2006 in causa soc. Gepar s.p.a. (s.r.l.) c/ Fall. Gepar, ha stabilito che l’ex amministratore di una società trasferita all’estero è legittimato all’opposizione al fallimento dichiarato in Italia e che il fallimento di una società italiana trasferita all’estero può essere dichiarato se, alla data del trasferimento, risulta depositato il ricorso. La Corte d’Appello di Roma con sentenza 23 maggio 2005 in causa Italcauzioni s.a. c/ Fallimento Italcauzioni s.a. ha stabilito che deve essere dichiarata la nullità della sentenza dichiarativa e quindi revocato il fallimento di una società con sede all’estero, perché il fallimento di una società estera può essere dichiarato solo se, al momento del deposito dei ricorsi, ha in Italia una sede con rappresentanza a stare in giudizio ovvero anche una semplice sede (art. 3 legge 218/95) che fa coincidere la competenza giurisdizionale con la competenza territoriale. Le due sentenze mettono in evidenza il trasferimento all’estero delle società nazionali ed il suo rapporto con la giurisdizione italiana in caso di ricorsi per fallimento. In situazioni analoghe, almeno in apparenza, il Tribunale e la Corte d’Appello di Roma hanno deciso in senso contrapposto, lasciando intravedere che per effetto della nuova lettura dell’art. 10 legge fallim. anche le società estinte (trasferite all’estero) possono essere dichiarate fallite in Italia entro l’anno successivo all’estinzione. Esaminando i motivi del gravame, la Corte di appello di Roma ha dato la precedenza al problema della giurisdizione annullando la sentenza di primo grado che aveva confermato la dichiarazione di fallimento, ed ha dichiarato assorbiti gli altri motivi. Secondo la sentenza predetta il giudice italiano non aveva (più) il potere di dichiarare il fallimento di una società italiana, cancellata dal Registro delle imprese e trasferita all’estero prima dell’esame del ricorso di fallimento. Ed infatti è stato ritenuto che sussiste il difetto di giurisdizione del giudice italiano a dichiarare il fallimento di una società con sede all’estero (nella specie di una Anstalt del principato di Lussemburgo) e priva di stabile rappresentanza in Italia anche se vi abbia svolto attività di commercio. Per l’applicabilità dell’art. 2509 codice civile occorre appurare se la rappresentanza costituita in Italia si è estinta come soggetto di diritto italiano e pertanto che è intervenuta fattispecie estintiva prevista e considerata dalla normativa societaria italiana. Da quanto s’è detto, infatti, bisogna che per il diritto italiano la società abbia cessato la rappresentanza in Italia e che sia comunque intervenuta fattispecie estintiva riconosciuta dal nostro ordinamento. L’art. 9, secondo comma, legge fallimentare, ammette il fallimento in Italia dell’imprenditore che ha all’estero la sede principale dell’impresa, anche se è stata pronunciata dichiarazione di fallimento all’estero. La giurisprudenza prevalente (Cass.

L’art. 9, secondo comma, legge fallimentare, ammette il fallimento in Italia dell’imprenditore che ha all’estero la sede principale dell’impresa, anche se è stata pronunciata dichiarazione di fallimento all’estero sez. un. 4 luglio 1985 n. 4049 in Il fallimento, 1986, 162) richiede, perchè possa esser dichiarato il fallimento, che l’imprenditore abbia una sede secondaria o stabile rappresentanza in Italia, da intendersi come centro degli interessi e dell’effettiva attività amministrativa e direttiva. Va osservato che tale giurisprudenza si è formata con riferimento al problema della dichiarazione di fallimento di società straniere, non aventi stabile rappresentanza in Italia (nel caso deciso da Cass. 4049/85 era questione di una so-

cietà lussemburghese, che aveva operato in Italia, ma che era quivi priva di rappresentanza o sede stabile). La normativa va intesa nel senso che alle procedure concorsuali sono soggetti, in caso d’insolvenza, gli imprenditori soggetti alla legge italiana (e dunque la società costituita in Italia), e che le norme applicabili sono quelle della legge italiana. L’art. 2221 codice civile, interpretato alla luce dell’art. 2509, contiene una disciplina concernente la legge regolatrice (che è quella italiana) dell’impresa in stato d’insolvenza, e con essa necessariamente anche un’indicazione relativa alla giurisdizione, dal momento che solo il giudice italiano potrà applicare norme processuali, quali quelle in materia di fallimento e di concordato, in forza del principio di territorialità della legge processuale sancito dall’art. 27 preleggi. La società, dunque, quando ha la propria sede legale all’estero, non può essere dichiarata fallita in Italia ed a tal fine non è soggetta alla giurisdizione italiana, in quanto, come soggetto di diritto estero, ha sede all’estero (come l’ordinamento italiano consente), ed ha cessato di esistere come persona giuridica italiana (rappresentanza). I mutamenti intervenuti nella composizione dell’organo gestorio essendo stati

oggetto di pubblicità legale sono opponibili ai creditori e possono essere considerati rilevanti dal tribunale ai fini della convocazione del legale rappresentante della società debitrice, ai sensi dell’art. 15 legge fallimentare. La questione può anche prescindere dalla ritualità della convocazione prefallimentare, perchè si deve accertare se, al momento della sentenza, il giudice italiano fosse competente a decidere contro una società straniera. Il Tribunale si era limitato a sostenere che è competente e legittimato alla dichiarazione il giudice nazionale quando l’imprenditore ha mantenuto in Italia un rappresentante generale, ed una sede operativa almeno fino alla data rientrante nell’anno dal fallimento. Tale retrodatazione è inammissibile, perchè si confonde il fatto processuale (attuale) con il fatto sostanziale (retrodatato) e non si può dire, senza errare, che la giurisdizione italiana è legittima contro lo straniero, perchè egli nel passato aveva (non ha più) un rappresentante ed una sede in Italia. Ed infatti era documentato che la società aveva cessato totalmente l’attività in Italia nel 1998 e che da allora non aveva svolto in Italia alcuna attività. Quanto sopra è confermato dalla giuriDario Di Gravio avv. in Roma


Sviluppo

15 Rossano tra i comuni più virtuosi nella differenziata

Differenziare la raccolta dei rifiuti costituisce un essenziale contributo al riciclaggio delle materie prime secondarie con tutti i vantaggi che ciò comporta nell’operazione di smaltimento, sia in termini di sostenibilità ambientale, che in termini economici. In Italia la maggior parte dei Comuni impegnati con successo in questa procedura è concentrata nel nord. Tuttavia alcuni studi condotti dalle sedi romane di alcune associazioni ambientaliste, in collaborazione col ministero dell’Ambiente, hanno dimostrato che anche nel centro sud esistono realtà dove l’educazione di molti cittadini ha permesso la collocazione di determinate zone geografiche nella classifica dei più virtuosi centri in cui si applica la differenziata. La Calabria, insieme alla Campania e alla Sardegna, è una di queste. Comuni come quello di Rossano alzano notevolmente la media e danno un ottimo esempio di sensibilità ambientale. La percentuale della raccolta differenziata del Comune di Rossano, infatti, è passata dal 13,50% del 31 dicembre 2007 al 30% circa del 30 novembre 2008. Si è registrato, dunque, un incremento del 16,50% in appena undici mesi. Queste esperienze dimostrano come, anche dal punto di vista dei costi, la raccolta differenziata conviene alle amministrazioni che la organizzano e ai cittadini che, spesso, ne hanno un beneficio economico in termini di riduzione della Tarsu. Le gestioni integrate permettono infatti un’ottimizzazione dei costi e delle rese dei circuiti di raccolta differenziata e di quelli della frazione non differenziata. È comunque assolutamente evidente che la raccolta differenziata deve essere finalizzata al recupero di materia, pena la scarsa efficacia in termini di risultati: bassa qualità del materiale raccolto e quindi bassi ricavi dalla vendita del materiale. A.C

Rifiuti, la Calabria rischia come Roma serve una politica più reattiva I pochi impianti a tecnologia complessa non presentano adeguati requisiti tecnici di Alessandro Caruso

Le immagini di Napoli sommersa dai rifiuti sono troppo recenti per poter dimenticare una problematica di grande attualità e soprattutto d’interesse generale. Ma quando si affronta questo spinoso argomento è inevitabile constatare un’evidente differenza tra le modalità di approccio al problema nel nord e nel centro-sud del Paese. In occasione di un interessante workshop organizzato presso la Regione Lazio l’on. Bruno Prestagiovanni, vice presidente del Consiglio regionale ha detto: "Le responsabilità di questo sono da ricercarsi soprattutto nelle caratteristiche della politica. Da Firenze in su la politica è espressione del ceto imprenditoriale per cui la cultura del "fare" si rispecchia nelle scelte e nelle più rapide decisioni degli amministratori locali. Nel centro e nel sud, invece, siamo più assistenzialisti. In quest’ottica l’idea di un federalismo più accentuato può contribuire a un

forte squilibrio se non cerchiamo di colmare questo gap". Perché casi come quello di Napoli prima e di Malagrotta ora, si verificano solo in realtà geografiche più meridionali? "Una delle cause - ha risposto Bucci, presidente della commissione Ambiente - è da ricercarsi nei difetti infrastrutturali che pongono il Sud in una condizione di grande inferiorità". Lo spunto da cui sono partite queste considerazioni è stato il tema del recente sequestro del gassificatore di Malagrotta, località nei pressi della capitale dove sorge una grande discarica, a causa dell’assenza di certificazione per la prevenzione degli incendi e la non idoneità ad altri requisiti di legge. Dopo circa dieci giorni il gassificatore ha ripreso a funzionare, ma il problema è rimasto poiché la discarica di Malagrotta, che è la più grande d’Europa, dovrà essere chiusa entro il 31 dicembre 2008 per consentire la bonifica del territorio

circostante. Questo significa che in tempi molto brevi le amministrazioni locali dovranno individuare un altro sito da destinare allo stesso utilizzo. In caso contrario la città di Roma e il suo interland potrebbero trovarsi nell’impossibilità di gestire una quantità enorme di rifiuti rischiando di far degenerare la situazione come è successo a Napoli. Questa stessa situazione è comune a molte realtà del centro sud e della Calabria. In Calabria, secondo un rapporto di Legambiente, bisogna tenere in considerazione il fatto che i pochi impianti a tecnologia complessa in esercizio non presentano adeguati requisiti tecnici e che delle 57 discariche presenti sul territorio regionale molte sorgono in prossimità di centri abitati, o a ridosso di alvei fluviali. A questo si aggiunge anche la scarsa sensibilizzazione alla raccolta differenziata che, da sola, potrebbe contribuire a facilitare notevolmente la soluzione


Opportunità

16 Eurotrans-Bio per la ricerca

Agevolazioni per le Pmi per la realizzazione di progetti transnazionali di sviluppo sperimentale e di ricerca industriale: questo l’obiettivo del bando EurotransBio per l’accesso alle agevolazioni per la realizzazione di progetti transnazionali di sviluppo sperimentale e di ricerca industriale nell’ambito del programma comunitario. Le piccole e medie imprese italiane possono presentare progetti in collaborazione con almeno una Pmi di, Austria, Finlandia, Francia, Germania, Paesi Bassi e Ungheria, e nelle Regioni delle Fiandre e della Vallonia (Belgio) e della Catalogna, di Madrid e dei Paesi Baschi (Spagna). Le risorse complessive messe a disposizione sono pari a circa 30 milioni di euro (compresi i 5 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico a sostegno della partecipazione italiana). Le piccole e medie imprese italiane, associate con almeno una Pmiappartenente a uno dei paesi partecipanti potranno presentare e le proposte progettuali dal 7 gennaio 2009 al 27 aprile 2009. Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 5 milioni di euro, a valere sul Fit (Fondo per l’Innovazione Tecnologica), per promuovere progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie. Il bando nasce dal coordinamento tra diversi Paesi europei nell’ambito dell’iniziativa Eurotrans-Bio (Etb) promossa dalla Commissione Europea e sarà aperto dal 7 gennaio 2009 al 27 aprile 2009. Etb è un’iniziativa che si propone di sostenere la crescita delle Pmi nel campo delle biotecnologie, nella consapevolezza che la competitività in questo settore si gioca su scala almeno continentale. In occasione dell’ultimo bando Etb, chiuso il 30 maggio 2008, sono stati ammessi al finanziamento 19 progetti transnazionali, di cui 8 a partecipazione italiana. Info: www.eurotransbio.net.

Competizione di idee la migliore sarà realtà Premio Start up your dream, in palio un team di esperti Comincia a sognare, il tuo sogno potrebbe diventare realtà È questo spirito ad animare "Start up your dream": la competizione di idee innovative di impresa patrocinata dall’Iban, l’Associazione italiana dei business angels. Il premio, promosso da www.finanzastraordinaria.it, si rivolge a giovani imprenditori o aspiranti imprenditori con un’idea innovativa che desiderino trovare gli strumenti tecnici e la consulenza professionale necessarie per poter attuare il proprio progetto. La migliore idea imprenditoriale vincerà una consulenza di tre mesi da parte di un team di professionisti che guideranno il fortunato verso la realizazione del proprio progetto imprenditoriale. Possono partecipare al premio "Start up your dream" solamente coloro che siano titolari o co-titolari dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale relativi ai progetti e/o ai loro contenuti, ivi compresi i diritti di

autore, diritti sul know-how, diritti di brevetto, modelli di utilità, disegni e modelli. La co-titolarità dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale da parte di istituti e/o centri di ricerca privati e/o pubblici determinerà una causa ostativa alla partecipazione al Premio. Ogni partecipante potrà presentare un solo progetto che dovrà essere esplicitato in modo chiaro nelle sue fasi attuative. La valutazione dei progetti pervenuti sarà realizzata dal comitato organizzatore e sarà insindacabile. L’originalità, la fattibilità, l’economicità, la completezza e la chiarezza espositiva saranno elementi discriminanti per la valutazione del progetto vincente. Il comitato organizzatore è composto dal team di www.finanzastraordinaria.it. La partecipazione al Comitato non prevede compensi. Al comitato compete: presiedere e coordinare l’iniziativa, dal punto di vista strategico e valutativo; selezionare, fra la rosa dei progetti il

vincitore; valutare e approvare, a maggioranza dei presenti, le eventuali proposte ammesse a presentazione ai Fondi di investimento, ai Business Angels e agli Incubatori che sono presenti all’interno del territorio regionale. La partecipazione all’iniziativa è gratuita. Per aderire è necessario compilare in ogni sua parte l’apposita domanda di partecipazione e la scheda allegata, scaricabili dal sito www.finanzastraordinaria.it. Il candidato dovrà allegare alla domanda la documentazione richiesta per esplicare il progetto. Le domande dovranno pervenire entro e non oltre il 31 marzo 2009 all’indirizzo info@finanzastraordinaria.it. Farà fede la mail di conferma (non la semplice ricevuta di ritorno o conferma di lettura) che sarà spedita all’attenzione del proponente da parte del Comitato organizzatore. Tutte le informazioni su: www.finanzastraordinaria.it


Opportunità

17

A concorso progetti per innovazione economica, ambiente e prevenzione Iniziativa del programma Interreg IVC. Scade il 30 gennaio È stato pubblicato il secondo bando per la presentazione di proposte progettuali sul programma Interreg IVC. Le priorità elencate nel bando sono due. La prima riguarda l’innovazione e la conoscenza economica. La finalità dell’iniziativa è permettere il miglioramento delle politiche, dei metodi e delle capacità nell’innovazione e conoscenza economica delle autorità locali e regionali e a tutti i gli stakeholders a livello regionale. Gli obiettivi sono: il rafforzamento della ricerca, tecnologia e innovazione mediante il miglioramento delle capacità regionali; la promozione e possibilità per le imprese di sviluppare nuove iniziative di business; facilitare il commercio, e in particolare le Pmi nello sviluppo e in una crescita più innovativa; aiutare la ristrutturazione delle regioni che dipendono maggiormente dalle industrie tradizionali; la promozione e l’uso di nuove informazioni e communication technologies nel commercio; migliorare le politiche regionali per l’impiego; creare le condizioni per l’adattamento delle economie regionali ai maggiori cambiamenti socio-economici. Possono partecipare: Autorità pubbliche regionali e locali, Agenzie di sviluppo regionali, Università, Istituti di conoscenza e ricerca, Istituti per l’educazione superiore, Operatori dei parchi tecnologici e specifici, incubatori tec-

Il programma operativo Interreg IVC è finanziato dall’Unione europea, nell’ambito della cooperazione interregionale, all’interno della politica di coesione per il periodo 2007-2013

nologici e centri d’innovazione, altri soggetti di supporto e organizzazioni che rappresentano la business community in particolar modo legata alle Pmi, altre autorità pubbliche o corpi governati da leggi pubbliche che presentano rilevanza per l’innovazione e la conoscenza economica. La seconda prorità riguarda l’ambiente e la prevenzione dei rischi la cui finalità è permettere il miglioramento delle politiche, dei metodi e delle capacità per quanto riguarda l’ambiente e la prevenzione dei rischi. In questo caso, gli

obiettivi sono: lo sviluppo di piani e misure per prevenire e superare i rischi naturali e tecnologici; la promozione e il miglioramento della attività per la gestione sostenibile della acque; la promozione e lo sviluppo di una prevenzione sostenibile degli sprechi e la gestione del movimento di una società del riciclo; la promozione e lo sviluppo delle azioni collegate alla biodiversità e alla preservazione del patrimonio naturale, specialmente nei siti Natura 2000; stimolare l’uso di energia efficiente e lo sviluppo di energie rinnovabili, cosi co-

Ue-India, bando per l’industria alimentare Nel quadro dell’Accordo sulla Cooperazione scientifica e tecnologica tra l’India e l’Unione europea, è aperto il Bando congiunto Ue-India per progetti nel settore dell’industria alimentare. Il dipartimento di Biotecnologia (Dbt) del ministero della Scienza e tecnologia (India) e la Commissione europea hanno indicato il proprio interesse nelle seguenti tematiche: Cibo, Agricoltura e Pesca, Biotecnologie. Le proposte progettuali, coordinate e complementari, equi-

librate nei contributi indiani ed europei, possono essere presentate nelle seguenti due aree tematiche: Sviluppo dei cibi e ingredienti; Valorizzazione dei sottoprodotti nell’industria alimentare. Le proposte per i progetti, della durata tra 2 e 5 anni, vanno presentate, rispettivamente: alla Comunità europea da parte dei partecipanti dai Paesi europei, e al Dipartimento di Biotecnologia dai partner indiani. Il contributo richiesto non può eccedere l’importo di 1.500.000 euro. Il

risultato atteso dai progetti è l’aumento del grado di innovazione e di competitività delle industrie alimentari indiane, in particolare di quelle medio-piccole, nonché una ricaduta industriale della cooperazione tra il settore scientifico-tecnologico e quello produttivo. Saranno favoriti gli approcci basati sul trasferimento delle tecnologie e sarà incoraggiata la creazione di partnership con le industrie. Il bando scade il 15 gennaio 2009.

me un miglior coordinamento dei sistemi di gestione dell’energia efficiente e la promozione sostenibile dei trasporti; il miglioramento dell’attrattività del territorio. Posso partecipare: autorità pubbliche regionali e locali, Istituzioni per la protezione della natura, Servizi di emergenza e altri corpi di gestione dei rischi, Autorità per i trasporti pubblici, Autorità per la protezione culturale , ambientale e del paesaggio, Autorità per il turismo, Università, Istituti di conoscenza e ricerca, Istituti per l’educazione superiore, altre autorità pubbliche o corpi governati da legge pubblica che presentano rilevanza nell’area dell’ambiente e della prevenzione dei rischi. La scadenza per presentare le proposte progettuali è fissata per il 30 gennaio 2009. Per maggiori informazioni: http://www.interreg4c.net. Interreg IVC è finanziato dall’Unione europea, nell’ambito della cooperazione interregionale, all’interno della politica di coesione per il periodo 2007-2013. Il programma nasce per consentire la cooperazione interregionale tra autorità regionali e locali provenienti da paesi differenti all’interno di progetti per scambiare e trasferire le loro esperienze in politiche regionali e, congiuntamente, migliorare e sviluppare gli approcci e gli strumenti della politica regionale.Il programma operativo supporta le attività tra soggetti regionali provenienti da tutti i paesi membri dell’Unione europea e da Norvegia e Svizzera che possono partecipare a pieno titolo. L’obiettivo generale del programma è il miglioramento attraverso i mezzi della cooperazione interregionale, dell’effettività e dello sviluppo delle politiche regionali in ambiti quali l’innovazione, la conoscenza economica, l’ambiente e la prevenzione dei rischi, cosi come contribuire alla modernizzazione economica e al miglioramento della competitività europea. Queste finalità potranno essere raggiunte attraverso il raggiungimento di ulteriori obiettivi specifici.


18

Gohome, motore degli immobili Nasce in Croazia, il servizio di ricerca leader nel settore GoHome, nato in Croazia, è un motore di ricerca specializzato in immobili, leader nel settore. A pochi mesi dal suo esordio in Italia, ha raggiunto 10 milioni di richieste, mantenendo la media giornaliera di 95mila ricerche. Presentato ufficialmente in Italia il 24 settembre, GoHome ha rivoluzionato il metodo di ricerca sul web di stabili o terreni: attingendo da più di 2,4 milioni di annunci qualificati, elabora ricerche avanzate, proponendo e catalogandolinkdiretti agli annunci più attendibili (provenienti da portali, siti di agenzie, annunci su eBay) e scartando i risultati indesiderati. Inoltre, è in grado di offrire soluzioni personalizzate e alternative, con lievi differenze di prezzo e dimensioni rispetto al-

di Alessio De Grano

le specifiche richieste dell’utente. Lo scopo è quello aiutare a cercare, con semplicità, rapidità e precisione, un immobile, in affitto o in vendita, raccogliendo e ordinando in un unico luogo tutte le informazioni più attendibili. Il motore opera come Google, ma i suoi robot ("spider") sono in grado di ricercare informazioni inerenti ad annunci immobiliari e proporre

link diretti agli stessi. È sufficiente che vengano aggiornati i siti delle agenzie e dei portali perché vengano aggiornate automaticamente anche le risposte di GoHome. Dall’8 dicembre è attivo anche MyGoHome, uno spazio in grado di visualizzare le ultime cinque ricerche effettuate da un computer e di salvare gli annunci più interessanti. Info: www.gohome.it.

La formazione entra in cantiere con l’iniziativa delle 16 ore Anno nuovo, regole nuove.Dalprimogennaio 2009 più sicurezza in edilizia grazie alle 16 ore. L’innovazione introdotta dalle parti sociali - dall’Ance e dalle altre associazioni imprenditoriali insieme a Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgl nell’ultimo Contratto collettivo nazionale del Lavoro delle costruzioni. Di cosa si tratta? Dal pri-

B.a.u. 2009, il legno come materiale da costruzione

mo gennaio ogni lavoratore al primo ingresso nel settore dovrà, prima dell’assunzione in impresa, ricevere una formazione di mestiere e attenta alla sicurezza di 16 ore nella più vicina Scuola edile. L’obiettivo è dare un concreto e strutturale contributo alla riduzione degli infortuni in edilizia, puntando su un aumento della consapevolezza e

della conoscenza dei rischi esistenti nei cantieri. Il Formedil stima, sulla base dei dati delle Casse edili, che negli ultimi anni i nuovi ingressi nel sistema siano stati mediamente ogni anno almeno 80.000.Invistadellacontrazione del mercato e delle difficoltà in cui il settore sembra destinato a trovarsi nel 2009 la stima comunquenonscendeal di sotto di 60.000 nuovi lavoratori che potrebbero usufruire del servizio delle 16 ore di formazione prima dell’inserimento in impresa. L’offerta formativa riguarderà anche i lavoratori disoccupati che potranno utilizzare questo strumento come una potenzialità aggiuntiva per accedere al mercato dellavorodell’edilizia.Tutteleinformazionialnumero verde, 800984651.

Il design universale rivolto a tutte le persone senza distinzione di età o di qualsiasi handicap fisico. Questa è la sfida che lancia il BAU 2009, rivolto a progettisti, architetti e ingegneri di livello nazionale ed internazionale, BAU presenta architetture, materiali e sistemi per l’edilizia industriale e commerciale, l’edilizia residenziale e l’arredamento interno. La sede che ospiterà il tutto è il nuovo Centro Fieristico di Monaco di Baviera. Organizzato da Messe München GmbH, si tiene dal 12 al 17 gennaio 2009. I leader del settore sono tutti presenti in un’esposizione unica che si è affermata come evento principale dell’industria edilizia europea e che viene svolta ogni due anni. I numeri della scorsa edizione sono da record; la presenza di 2.043 espositori di 40 paesi e di 209.048 visitatori del settore di 145 paesi danno il senso delle dimensioni di importanza che questa fiera ha raggiunto. Per questa edizione al Salone sono attesi circa 1.800 espositori di una quarantina di Paesi nonché oltre 20.000 visitatori provenienti da circa 140 Paesi. Il Salone presenta architettura, sistemi e

La sede che ospiterà il tutto è il nuovo Centro Fieristico di Monaco di Baviera. Organizzato da Messe München GmbH, si tiene dal 12 al 17 gennaio 2009

materiali per l’edilizia industriale, di oggetti ed abitativa, nonché per l’allestimento di interni. Ma il vero protagonisti dell’esposizione è il legno visto come materiale da costruzione in ben sei padiglioni, una vera e propria "sfilata" per questo insostituibile materiale. Il padiglione B5 è dedicato al legno da costruzione, all’architettura d’interni e alla materia legno. Gli spazi espositivi C3, C4 e B4 accolgono l’intero spettro delle proposte per finestre e porte in legno. Il tema dei pavimenti in parquet si concentra nel padiglione B6. Ed infine nel padiglione A3 saranno esposti i materiali da costruzione per il tetto compresi i lucernari. Il punto chiave nel settore della ricerca del legno sarà la presentazione dei progetti promossi dal Ministero bavarese per l’economia sotto il titolo "L’edilizia in legno del futuro" (www.holzbauderzukunft.de). I partner della ricerca dell’Università tecnica di Monaco, dell’Istituto universitario di Rosenheim e dell’ift (Istituto per la tecnica delle finestre) porteranno a BAU 2009 in collaborazione con l’ISP di Rosenheim, la Società tedesca per la ricerca del legno (Deutsche Gesellschaft für Holzforschung, DGfH) e le associazioni dell’industria del legno i risultati di 20 progetti sui gruppi tematici "Protezione da incendi", "Facciate", "Energia", "Clima e tecnica degli impianti", "Nuovi elementi per l’edilizia, nuovi materiali". In questi progetti l’obiettivo è quello di scoprire le potenzialità non ancora utilizzate del legno come materiale da costruzione. Alte cataste di legna faranno da sfondo alla presentazione dei progetti nel padiglione C3. Per altre informazioni, consultare il sito www.bau-muenchen.de


19

Il mercato del lavoro ai tempi della crisi Numeri e tendenze dell’occupazione italiana in un’indagine Isfol di Elida Sergi

L’Italia del lavoro stenta ad emergere. Questo quanto rilevato dall’ultima indagine Isfol che evidenzia come nonostante il numero di occupati abbia raggiunto il suo massimo storico nel 2007, raggiungendo quota 23 milioni, rallenti la progressione di crescita dell’occupazione. L’indagine dell’Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori sui processi evolutivi e le principali tendenze dei sistemi del lavoro, dell’istruzione e formazione e delle politiche sociali, evidenzia una significativa crescita occupazionale. Ad aggravare il quadro anche il recente rapporto globale sui salari dell’Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro) secondo cui milioni di lavoratori in tutto il mondo rischiano di veder tagliati i loro salari nel 2009. Dopo un aumento dello 0,8% nel 2008, i salari dei paesi industrializzati potrebbero - recita il rapporto - calare mediamente dello 0,5% nel corso del prossimo anno. E nella migliore delle ipotesi, stando ai dati di novembre del Fondo monetario internazionale, su scala globale i salari potrebbero crescere dell’1,1% nel 2009, contro l’1,7% dell’anno appena finito. Tra il secondo semestre del 2007 e i primi sei mesi del 2008 "è aumentato in misura preoccu-

Ad aggravare il quadro anche il recente rapporto globale sui salari dell’Ilo secondo cui milioni di lavoratori in tutto il mondo rischiano di veder tagliati i loro salari nel 2009.

pante il numero di disoccupati - dice l’istituto - con il relativo tasso che si attesta al 6,7%, specie nel Sud, vale a dire 1,3 punti in più dello stesso periodo dell’anno precedente. E torna purtroppo a crescere anche il tasso di disoccupazione giovanile che supera nuovamente il 20%". Il tasso di occupazione è sempre lontano dagli obiettivi di Lisbona e di molto inferiore alla media dei paesi Ue: nel 2007, infatti, è pari al 58,7% contro il 65,4%. Questo dato è la sintesi tra il for-

te ritardo delle regioni meridionali (46,5%) e i tassi superiori alla media europea del Nord, intorno al 67%. Il gap tra Nord e Sud, dunque, si accresce. Anche in termini di aumento dell’occupazione, che nel 2000-2007 segna un +4,7% nel Mezzogiorno rispetto al 9,9 del Nord-Ovest, all’8,9 del Nord-Est e addirittura al 16,8% del Centro. Nello stesso periodo le regioni meridionali hanno avuto un calo molto consistente della disoccupazione (-44% contro il 29,6 del

Detassazione degli straordinari al capolinea Volge al termine la breve sperimentazione semestrale della detassazione straordinari, che andrà in pensione a fine anno. Con l’approvazione e l’entrata in vigore del decreto legge 185/08 (detto anche decreto anti-crisi) infatti non è stata ratificata la misura di alleggerimento fiscale per gli straordinari. Viene invece prorogata la detassazione del salario di produttività, vale a dire premi e incentivi, per redditi fino a

35.000 euro l’anno (dai 30.000 attuali). Tra le novità anche il raddoppio della parte di reddito su cui applicare gli sgravi, che passa da 3.000 euro l’anno a 6.000 euro. Dalla detassazione restano esclusi i dipendenti pubblici, ma il decreto adesso ammette per la prima volta al beneficio un settore della pubblica amministrazione: quello della sicurezza, cioè forze armate, corpi di polizia, vigili del fuoco. In tutto

sono circa 500 mila persone. Secondo quanto notificato da una dal Ministero del Lavoro rimarrà in vigore per tutto il 2009 la detassazione di tutte le parti variabili del salario (esclusi gli straordinari), con aliquota secca e definitiva al 10 per cento. La norma relativa fa riferimento alle somme erogate a livello aziendale, ma viene chiarito dalle Entrate che l’agevolazione si applica anche negli studi professionali.

Nord-Est, il 19,2% del Nord-Ovest e il 26,4% del Centro). Ma oltre al permanere di un forte gap con il resto d’Italia (il relativo tasso dell’11% è quasi doppio rispetto a quello medio nazionale), questo andamento appare favorito, osserva l’Isfol, dal cosiddetto effetto scoraggiamento, dietro cui solo in parte si cela il lavoro nero. Nel Mezzogiorno la percentuale degli inattivi è cresciuta in quello stesso periodo dell’8,1%, varcando la soglia dei dieci milioni di persone. Nel Nord-Ovest e Nord-Est l’incremento è stato rispettivamente di appena lo 0,3% e l’1,7%. La crescita complessiva a livello nazionale è trainata dalla componente femminile, sebbene si registrino segnali di rallentamento. Le donne continuano comunque a rappresentare un segmento debole del mercato del lavoro, rappresentando poco meno del 40% degli occupati. Tra tutte coloro che risultano occupate nel 2007 solo il 26,4% era in cerca di lavoro nel 2006, rispetto a un valore del 35,4% relativo alla componente maschile. E tra le inattive del 2007 ben il 7,6% aveva un lavoro l’anno precedente (contro il 4,1% degli uomini), mentre le disoccupate erano il 44,4% (rispetto al 32,8% degli uomini). A essere penalizzati sono anche i giovani. Tra i 15-24enni il tasso di occupazione non raggiunge il 25%; gli inattivi sono invece aumentati di circa il 10%.Buoni risultati, dal fronte della formazione professionale regionale, con la quota "storica" di oltre 986mila persone formate, ma nel Nord si realizzano il doppio di corsi. Modesta partecipazione degli adulti alle attività formative: appena il 6,2%, a fronte di una media europea del 9,7 per cento. "Un dato - si legge nel rapporto - tanto più grave se si considera il basso livello di qualificazione della popolazione italiana tra i 25 e i 64 anni: ad avere un titolo di istruzione secondaria superiore è solo il 52,3%".


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

21 Tribunale di Catanzaro TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dott.Cava, nella procedura esecutiva n. 69/02 R.GE., ha disposto, all’udienza del 01.10.2008, procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni siti in S. Vito Jonio e Davoli: * Lotto 1: Quota 2/3 di immobile in Via Regina Elena n. 3/5 (f. 12, p.lla 455) € 1.142,44 * Lotto n. 2: Quota 10/24 di terreno (f. 11, p.lla 3) € 4.610,25 * Lotto n. 3: Quota 2/3 di terreno (f. 11, p.lla 23) € 1.557,00 * Lotto n. 4: Quota 5/6 di terreno in Davoli (f. 3, p.lla 71) € 1.265,62 * Lotto n. 5: Quota 5/24 di terreno in Davoli (f. 3, p.lle 73, 74 e 75) € 1.663,87 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 14.01.2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c.in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente, per essere ammesso alla vendita, dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12:00 del giorno antecedente la vendita , una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del giudice e contenente domanda di partecipazione (secondolo stampatofornito in Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un assegno circolare "non trasferibile " intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. N. 69/02" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. IN caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in Euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicati entro il suddetto termine, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani" e sul sito www.aste.eugenius.it . Catanzaro, 01.10.2008 Il Giudice Dott. Cava TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava Nella procedura esecutiva n.9/1987 R.G.E ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.2 Sottotetto in Catanzaro via M. Torcia in catasto al foglio 27 A particella 517 sub 20 prezzo base Euro 11.400,00. Lotto n.3 Terreno in Settingiano località Vinci e Macchia in catasto al foglio 4 particelle 548, 550, 565, 567, 261, 319 e 114 - prezzo base Euro 596.400,00 Lotto n.4 Terreno in Settingiano località Riato in catasto al foglio 2 particelle 199, 200, 201, 202, 203, 208, 210, 230, 235, 211 - prezzo base

Euro 191.000,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 4/2/2009 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita e il nome del giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. N.9/1987" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato degli immobili. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in Euro 5.000,00 per tutti i lotti. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.aste.eugenius.it Il Domani Catanzaro, 12 Novembre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n.29/02 RGE Il Giudice, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. vista la richiesta di vendita Dispone la vendita senza incanto del seguente bene immobile al prezzo base di € . 29.205,00: appartamento in Botricello, Via Piave n.54, della superficie di mq.145, oltre balcone di mq.18, composto da soggiorno salotto, 3 camere da letto, 2 bagni, cucina, spogliatoio, dispensa e ripostiglio. In catasto fabbricati al foglio 6, particella 682, sub.6. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 27.01.2009 ore 12,00. Fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad € . 4.000,00, l’udienza del 28.01.2009; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad assegno circolare intestato a "Tribunale di Catanzaro - procedura n.29/02" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di 45 giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla pubblicazione della presente ordinanza nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani".

Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Il Giudice TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 37/00 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) Terreno in Cerva c.da Cornocchio (Foglio 8 , p.lle 480, 396, 393, 400, 401) Prezzo base d’asta euro 1.327,00 LOTTO 2) Fabbricato insistente sul predetto terreno.Prezzo base d’asta euro 5.856,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 28 gennaio 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno poste a carico dell’ aggiudicatario. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto, mediante le seguenti inserzioni: Quotidiano "Il Domani"; www.aste.eugenius.it ; rivista mensile "Aste". TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 39/81 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Quota ideale di 1/5 della proprietà di terreno sito nel comune di S. Floro, in catasto FG 13, plla 31,32,33,34; - PREZZO BASE: € 9.600,00 - Lotto 2: Quota ideale di 1/5 della proprietà di terreno sito nel comune di S. Floro, in catasto FG 13, plla 30; - PREZZO BASE: € 5.220,00 - Lotto 3: Quota ideale di 1/5 della proprietà di terreno sito nel comune di S. Floro, in catasto FG 13, plla 3; - PREZZO BASE: € 4.680,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 39/81" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudica-

tario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 2.000,00 è fissata in data 28/01/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 05/11/08 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVALLO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 40/99 R.G.E. pendente tra INPS E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Abitazione sita in Guardavalle, via XX Settembre, in catasto FG.30, partic. 888, sub 1; PREZZO BASE: € 30.849,00 Lotto 2: Magazzino/garage sito in Guardavale, via Grimaldi, in catasto FG.30, partic. 869, sub 1; PREZZO BASE: € 5.164,57; Lotto 3: Terreno sito in Guardavalle, loc. Cammaruso di are 22.10, in catasto FG.9, partic. 244; PREZZO BASE: € 3.994,79 Lotto 1: Terreno sito in Guardavalle, loc. Grilluso, in catasto FG 24, partic. 190-191-192-193-194; PREZZO BASE: € 10.285,24 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 40/99" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 21/01/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

22 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 41/06 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita con riduzione di ¼ sul prezzo base d’asta, formulata all’udienza del 26.11.2008; dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: capannone industriale con uffici deposito e appartamento sito in Settingiano in catasto al fg. 12 part. 721 sub. 2,4,7,8 al prezzo base di € 697.913,44, oltre I.V.A.; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 03.02.2009 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 10.000,00, l’udienza del 04.02.2009 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 41/06" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; l’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sitointernet"www.aste.eugenius.it"ediffusione sul quotidiano "Il Domani". Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 26.11.2008 Il Giudice Il Cancelliere TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL(ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava Nella procedura esecutiva n .71/2006 R.G.E., visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene Lotto unico: Capannone industriale in Settingiano (CZ) identificato in catasto al fg. 16 mapp. 267 (derivante dalla fusione delle partt. 207 e 210) al prezzo base di Euro 205.949,25 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine 27.01.2009 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a ( 3.000,00, l(udienza del 28.01.2009 ore 9.30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n.77/2006" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall( aggiudicazione;

Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi, nonché alla pubblicazione della stessa mediante inserimento nel sito internet "www.aste.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani". Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt 490 e 570 c.p.c.; Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 15 ottobre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 77/05 R.G. Espr. II Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava. All’udienza del 12/11/2008; Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "secondo piano di fabbricato in Catanzaro in catasto al fg. 68 part. 47 sub 2, 3, 4 oltre a quota ideale di 1/4 su corte in catasto al fg. 68 part. 47" Prezzo base di € 195.000.00: fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 3/02/2009; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 5.000,00, l’udienza del 4.02 09 ore 9.30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n.77/05" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti in relazione alle prescrizioni del D.M. Attività produttive n. 37/08; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di Sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.aste.engenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Catanzaro, 1211.08 il Giudice Dott. Giuseppe Cava

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava Nella procedura esecutiva n. 81/99 ( cui è riunita la proc. n .153/06) R.G. Espr., visti gli artt. 569 e ss. c.p.c .e vista la richiesta di vendita, ha dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico terreni e fabbricati siti in Borgia in catasto al fg. 2 partt. 27, 37, 38, 39, 58, 143, 144, 229, 230, 232, 233, 234, 235,236, 44, 43, 46, al prezzo base di € 92.813,00; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 27.01.2009 ore 12,00: fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3 .000,00, l’udienza del 28.01.2009 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n.81/99" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sitointernet"www.aste.eugenius.it"ediffusione sul quotidiano "Il Domani". Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli attt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore Catanzaro, 29 ottobre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Procedura esecutiva imm. n.R.G.E. 84/98SEZ. ES. IMM. IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Visti gli artt. 569 e ss. c.p.c., vista la richiesta di vendita formulata dal creditore procedente all’udienza del 1 ottobre 2008; Dispone procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: lotto unico: "Quota ideale di ½ della piena proprietà di un immobile sito in Squillace identificato in Catasto al foglio 36, part. 273, sub. 11"" prezzo base: euro 20.840,00 Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 13 gennaio 2009, ore 12,00. Fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 2000,00, l’udienza del 14 gennaio 2009, 0re 9.30. Dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare "Non trasferibile" intestato a "Cancelleria - Tribunale di Catanzaro - proc. N. 84/98" di un importo pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione; Le spese di trasferimento relative all’immo-

bile aggiudicato saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza al comproprietario, ai creditori iscritti non comparsi ex artt. 498 e 569 c.p.c., nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserzione sul sito Internet www.aste.eugenius.it. E diffusione sul quotidiano"Il Domani". Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 1 ottobre 2008. Il Cancelliere Il Giudice dell’Esecuzione TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 85/07 R.G.Espr. II Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava. a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 2.10.08; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 1 "unità immobiliare sita in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part. 1357 sub 22" al prezzo base di € 47.906,00; lotto 2 "unità immobiliare sita in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part.1357 sub 3" al prezzo base di € 77.278,00; lotto 3 "unità immobiliare sita in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part.1357 sub 4’’ al prezzo base di € 47.906,00; lotto 4 "unità immobiliare (sottotetto) sita in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part. 1357 sub 6" al prezzo base di € 31.222,00; lotto 5 "unità immobiliare sita in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part.1357 sub 23" al prezzo base di € 31.122,00; lotto 6 "area di pertinenza di fabbricato sito in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part. 1357 sub24" al prezzo base di € 27.350,00; lotto 7 "villa in corso di costruzione sita in Sellia marina c.da Ruggero in catasto al fg. 17 part. 1358 al prezzo base di € 229.988,00; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.02.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 5.000,00, l’udienza del 25.02.09 ore 9,30: ’ dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 85/07" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica: L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del temine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sitointernet"www.aste.eugenius.it"ediffusione sul quotidiano "Il Domani" oltre che

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

23 affissione murale nel comune ove l’immobile è ubicato, con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Catanzaro, 2.10.08 Il Giudice Cava Tribunale di Catanzaro Cancelleria esecuzioni depositato oggi 3-10-08 Il Cancelliere C1 Dott. Salvatore Aiello TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 97/1999 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni facenti parte di un fabbricato sito in Sellia Marina alla località Don Antonio: Lotto n. 8 - Area urbana estesa mq 32 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 1 Prezzo base Euro 2.032,00. Lotto n. 9 - Area urbana estesa mq 82 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 2 Prezzo base Euro 4.761,00. Lotto n. 10 - Area urbana estesa mq 125 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 3 Prezzo base: Euro 7.257,00. Lotto n. 11 - Area urbana estesa mq 2 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 4 Prezzo base Euro 117,00. Lotto n. 12 - Area urbana estesa mq 42 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 5 Prezzo base Euro 2.381,00. Lotto n. 13 - Area urbana estesa mq 26 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 6 Prezzo base Euro 1.510,00. Lotto n. 15 - Area urbana estesa mq 20 e riportata in catasto al foglio 19 particella 325 sub 18 Prezzo base Euro 1.162,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 4 febbraio 2009 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita e il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare Non Trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. N. 97/1999" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in Euro 1.000,00 per tutti i lotti. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore proceden-

te, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.aste.eugenius.it Il Domani Catanzaro, 13 novembre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 97/05 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, con ordinanza assunta all’udienza del 15 OTTOBRE 2008; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita del creditore procedente, come da verbale. Dispone la vendita senza incanto (quinta asta) del compendio pignorato di seguito descritto: 1) lotto1 appartamento in Catanzaro di circa mq 164,00 in catasto al fg. 2 part. 780 sub 2-3 oltre quota ideale di ½ su parti comuni (part. 780 sub. 1, 4, 6, 7; part. 777), via O. Colace, (prezzo base originario di € 162.000,00), con la ulteriore riduzione nella misura di un quarto, al prezzo base d’asta pari ad € 51.257,81; 2) lotto 2 appartamento in Catanzaro di circa mq 163,00 in catasto al fg. 2 part. 780 sub. 5 oltre quota ideale di ½ su parti comuni (part. 780 sub 1, 4, 6, 7; part. 777), Via O. Colace, (prezzo base originario di € 188.000,00), con la ulteriore riduzione nella misura di un quarto, al prezzo base d’asta pari ad € 59.484,37. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 27 GENNAIO 2008 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 3.000,00, l’udienza del 28 GENNAIO 2009 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 97/05" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore prodente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet " www.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani". Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 15 ottobre 2008 Il Giudice dell’Esecuzione F.to Il Cancelliere C1 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIIVLE Ufficio Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione dott. Giuseppe Cava, all’udienza del 29 Ottobre 2008 ha pronunciato la seguente

ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 103/99 R.G.E., pendente tra .........OMISSIS visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Quota di proprietà pari a ¼ relativa ai seguenti beni: * Rudere in S. Andrea J. Via Vittorio Emanuele, identificato in Catasto al foglio MU1 mappale 448, sub 1, Cat C/2, classe 2 della superficie catastale di mq 11, posto al piano terra, e foglio MU1 mappale 1139 Valore di stima € 129,11 * negozio in S. Andrea J. Via Vittorio Emanuele, identificato in Catasto al foglio MU1 mappale 633, sub 1, Cat. C/1, classe 2 della superficie catastale di mq 30 posto al piano terra, composto da un vano in condizioni statiche pessime e abitative disastrose. Valore di stima € 387,34 Prezzo base d’asta € 246,93 Lotto 2: Quota di proprietà pari a ¼ dell’immobile sito in Comune di S. Andrea J., Via Vittorio Emanuele, costituito da 3 piani fuori terra, composto da deposito, cucina, corridoio, ingresso, WC, camera, camera, terrazza sottotetto, posto al piano T-1-2 per una superficie lorda complessiva di circa mq 80, identificato in Catasto al foglio MU1 mappale 448, sub 1, cat. A/4, classe 2, composto da vani 5,5, posto al piano T-1-2 mappale 570, cat. A/4, classe 2,, posto al piano T-1-2 mappale 1139 sub 3, cat A/4, classe 2, posto al piano T-1-2. Valore di stima € 2.194,94 Prezzo base d’asta € 1.049,45 Lotto 3: Quota di proprietà pari ad ¼ del terreno agricolo sito in S. Andrea Ionio della superficie di circa mq 2690 identificato in Catasto al foglio 13, mappale 184 della superficie catastale di mq 1.110, rendita € 1,32 e mappale 174 della superficie catastale di mq 1580, rendita € 0,65. Valore di stima € 1.041,95. Prezzo base d’asta € 498,18 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente,depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa, recante la data della vendita ed il nome del Giudice, contenente domanda di partecipazione in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 103/99 RGE dell’’importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 27.01.2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 28.01.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 29.10.2008 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Cava nella procedura esecutiva n. 108/89 R.G.E.

ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) appartamento in Cerva alla via Martiri di Melissa di mq. 290. Riportato in catasto al foglio 8, p.lla 69, sub. 1 Prezzo base d’asta euro 21.609,50 LOTTO 2) appartamento in Cerva alla via Martiri di Melissa mq. 144 in catasto foglio 8, p.lla 69, sub. 5. Prezzo base d’asta euro 5.739,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 28 gennaio 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno poste a carico dell’ aggiudicatario. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto mediante le seguenti inserzioni: quotidiano "Il Domani" , rivista mensile Aste e sito www.aste.eugenius.it . TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.111/00 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza inca nto dei seguenti beni: Lotto n.1: Fabbricato in Girifalco, via Milano (F.22,P.lla 451,Sub 1-4) Euro 48.716,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 04 febbraio 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. , in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n..........." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere Io stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione . Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

24 presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: . www.aste.eugenius.it; . II Domani Catanzaro 01 ottobre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura esecutiva n. 111/01. Il Giudice dell’Esecuzione, dott. Giuseppe Cava, all’udienza del 29.10.2008, ha disposto la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 2 "terreno e fabbricato, sito in Vallefiorita, identificato in Catasto al foglio 2, mapp. 225, 256, 257 (ex mapp. 193) al prezzo base di Euro 27.821,25"; fissa per la presentazione dell’offerta di acquisto il termine del 27.01.2009 ore 12,00 ; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad Euro 2.000,00 , l’udienza del 28.01.2009 ore 9,30 ; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - procedura n. 111/01" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; l’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la cauzione entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; dispone che il creditore procedente provveda entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi, nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito Internet www.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato inadempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, lì 29.10.2008 Il Cancellire Dott. Salvatore Aiello Il Giudice Dott. Giuseppe Cava TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVALLO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 112/96 R.G.E. pendente tra INPS E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: fabbricato in Caraffa di Catanzaro, Via Roma nn 24-26, in catasto FG.6, partic. 539, sub 1; - PREZZO BASE: € 7.881,00 - Lotto 2: terreno in Caraffa di Catanzaro, loc. Coltelli, in catasto FG.10, partic. 109; - PREZZO BASE: € 7.969,00 - Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio de-

scritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 112/96" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 21/01/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 10/10/08. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Andricciola, nella procedura esecutiva n. 116/91 cui è riunito il n. 161/91 R.G.E. promossa dalla BNL ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO 3) Quota pari a 2/3di terreno in Sersale, denominato Angaro, in catasto foglio 18 p.lla 76 Prezzo base d’asta euro 4.050,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 21 gennaio 2009 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 500,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, la prima domenica del mese antecedente la vendita mediante le seguenti inserzioni: Quotidiano "Il Domani"; rivista mensile "Aste"; www.aste.eugenius.it . TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava nelle procedure riunite nn. 127/1996 77/1997 e 125/1997 R.G.E. ha disposto

procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.1 - Immobile con destinazione deposito artigianale sito in Catanzaro via Redipuglia n.11. In catasto al foglio 79 particella 569 sub 1 - prezzo base euro 31.503,00. Lotto n.2 - Appartamento in Catanzaro loc. S. Maria di Catanzaro via Redipuglia. In catasto al foglio 79 particella 569 sub 4 - prezzo base euro 36.783,00. Lotto n.3 - Capannone industriale sito in Catanzaro via Gorizia n.20. In catasto al foglio 79 particella 727 - prezzo base euro 27.453,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 28/1/2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita, il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un assegno circolare "non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. N. " di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in Euro 3.000,00 per tutti i lotti. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.aste.eugenius.it Il Domani Catanzaro, 5 novembre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 133/06 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Quota ideale di ½ della proprietà di apparamento in Catanzaro,via Magenta, in catasto FG 89, plla 285, sub 14; - PREZZO BASE: € 42.501,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sot-

to fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 133/06" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 2.000,00 è fissata in data 28/01/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 04/11/08 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVALLO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 138/88 R.G.E. pendente tra INPS E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto unico: Terreno in agro del comune di Catanzaro, loc. Valle del Corace, in catasto FG.81, partic. 122, 118, 99, 101, 67, 136, 106, 86 e 109; - PREZZO BASE: € 147.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 138/88" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 2.000,00 è fissata in data 21/01/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 10/10/08.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

25 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 141/86 R.G.E. pendente tra INPS E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Appartamento posto al I piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato in difformità della concessione edilizia, in catasto FG 6, plla 682, sub 5; PREZZO BASE: € 58.101,00 Lotto 2: Appartamento posto al I piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato in difformità della concessione edilizia, in catasto FG 6, plla 682, sub 6; PREZZO BASE: € 57.172,00 Lotto 3: Appartamento posto al II piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato abusivamente, in catasto FG 6, plla 682, sub 7; PREZZO BASE: € 64.454,00 Lotto 4: Area delimitata dalla sola muratura, posta al II piano di fabbricato sito in Botricello,realizzato in difformità della concessione edilizia, in catasto FG 6, plla 682, sub 8; PREZZO BASE: € 26.978,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 141/86" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 28/01/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 31/10/08.

TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n. 144/89 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO 1) Terreno il località Quattrini, in catasto al foglio 51 p.lle 624, 426, 459, 32, 461, 34, 35,

36 Prezzo base d’asta euro 84.015,25 LOTTO 2) Orto irriguo di classe 1 esteso ha. 0.02.58, in catasto al foglio 20, p.lla 258 e 261 di ha. 0.02.00, oltre quota pari a ½ di fabbricato rurale, foglio 20, p.lle 647 e 648, quota pari a ½ di terreno seminativo di ha. 00.00.40, in catasto al foglio 20, p.lla 643, quota pari a ½ di terreno di ha. 0.00.20, in catasto al foglio 20, p.lla 436 Prezzo base d’asta euro 52.167,30 LOTTO 3) Magazzino sito nel Comune di Catanzaro, loc. Quattrini, via Garofani 61, mq. 43,00, int. 1, piano terra, in catasto al foglio 51 p.lla 440 sub. 1 Prezzo base d’asta euro 8.327,25 LOTTO 4) Magazzino sito nel Comune di Catanzaro, loc. Quattrini, via Garofani 61, mq. 43,00, int. 2, piano terra, in catasto al foglio 51 p.lla 440 sub. 2 Prezzo base d’asta euro 8.327,25 LOTTO 5) Appartamento sito nel Comune di Catanzaro, loc. Quattrini, via Garofani 61, mq. 115,00, int. 5, piano primo, in catasto al foglio 51 p.lla 440 sub. 5 Prezzo base d’asta euro 46.868,46 LOTTO 6) Appartamento sito nel Comune di Catanzaro, loc. Quattrini, via Garofani 61, mq. 115,00, int. 6, piano primo, in catasto al foglio 51 p.lla 440 sub. 6 Prezzo base d’asta euro 46.868,46 LOTTO 7) Appartamento sito nel Comune di Catanzaro, loc. Quattrini, via Garofani 61, mq. 115,00, int. 7, piano secondo, in catasto al foglio 51 p.lla 440 sub. 7 Prezzo base d’asta euro 46.868,46 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 14 gennaio 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto mediante le seguenti inserzioni: quotidiano "Il Domani" , rivista Aste e sul sito www.aste.eugenius.it .

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere comunica che il G.E,, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n.144/97 RGE ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: appartamento in Sellia Marina, via Giardinello, in catasto al foglio 12, p.lla 899 sub.4. Prezzo 25.710,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in

cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 28.01.2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 12 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice contenente domanda di partecipazione in bollo, fotocopia del documento d’identità unitamente ad assegno circolare N.T. intestato a "Tribunale di Catanzaro - procedura n........." portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in Euro 4.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di 45 giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla pubblicazione della presente ordinanza nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani" e sulla rivista ASTE. Catanzaro

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE D.ssa Maria C. Andricciola nella procedura esecutiva n.144/98 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Gimigliano: Lotto n.3: Garage in località Colla Euro 27.000,00 Lotto n.4: Magazzino in località Colla Euro 58.050,00 Lotto n.5: Appartamento in località Colla Euro 13.725,00 Lotto n.6: Appartamento in località Colla Euro 25.818,00 Lotto n.7: Appartamento in località Colla Euro 6.750,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 25 febbraio 2009 Nella medesima data e fissata l’udienza ex art.569 c.p.c. , in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n.............." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. ln caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 500,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione , Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dlspone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai

creditori non comparsi ex art.498 c.p.c, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del del termine fissato per Ia presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - Il Domani Catanzaro, 08 ottobre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. G. Cava nella procedura esecutiva n. 146/93 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) quota ideale di ½ della proprietà di terreno sito in agro di Cerva loc. Falace identificato in catasto al foglio 19 p.lle 39, 49, 55, 71. Prezzo base d’asta euro 12.782,25 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 28 gennaio 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sopra fissata, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara € 2.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, la prima domenica del mese antecedente la vendita mediante le seguenti inserzioni: Quotidiano "Il Domani"; www.aste.eugenius.it; rivista mensile "Aste". TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 158/95 R.G.E. pendente tra INPS E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Quota ideale di ½ della proprietà di terreni siti in Cardinale. PREZZO BASE: € 600,00 Lotto 2: Quota ideale di ½ della proprietà di terreni siti in Cardinale. PREZZO BASE: € 7.125,00 Quota ideale di ½ della proprietà di terreni siti in Cardinale, in catasto FG 10, plla 621; FG 10 plla 466, 66, 460; PREZZO BASE: € 3.263,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circo-

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

26 lare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 158/95" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 28/01/09. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 166/87 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 2) quota ideale di ¾ di immobile in Sorbo San Basile in Catasto al foglio 51 p.lla 65 Prezzo base d’asta euro 25.312,50 LOTTO 3) quota ideale di ¾ di immobile in Sorbo San Basile In catasto al foglio 51 p.lla 66 Prezzo base d’asta euro 56.775,00 LOTTO 4)quota ideale di ¾ di immobile in Sorbo San Basile, in catasto al foglio 51, p.lla 67. Prezzo base d’asta euro 72.000,00 LOTTO 5)quota ideale di ¾ di immobile in Sorbo San Basile, in catasto al foglio 51 p.lla 93. Prezzo base d’asta euro 72.375,00 LOTTO 6) quota ideale di ¾ di immobile in Sorbo San Basile, in catasto al foglio 51, p.lle 92,40,555,56; foglio 60 p.lle 8 e 200 Prezzo base d’asta euro 67.500,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 12 novembre 2008. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVALLO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 176/93 R.G.E. pendente tra INPS E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Fabbricato a tre piani realizzato su terreno sito nella periferia di Catanzaro, loc. Ragazzano, piano seminterrato di mq 141, piano terra di mq 130, primo piano mq 88. Il fabbricato non risulta né accatastato né condonato. Il terreno è riportato in catasto al fg 74, plla 210, sup. mq. 2.010; PREZZO BASE: € 364.700,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - "Procedura n. 176/93" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 1.000,00 è fissata in data 21/01/09.

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Cancelleria esecuzioni immobiliari Il Cancelliere comunica che il G.E dr. Cava, nella procedura esecutiva n°187/93 R.G.E ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: appartamento a piano terreno di un fabbricato di tre piani f.t in ca composto da quattro vani ed accessori, ubicato in Cropani ( Cz ) alla via Sila Piccola n°24. Confina con Via Sila Piccola, vano scala e proprietà dello stesso debitore . E’ riportato in N.C.E.U alla partita n°858 foglio 14, sub 4 di cui alla scheda di variazione n°1981/83; Prezzo base: € 4.517,10. Gli immobili sono meglio descritti nella relazione di Consulenza tecnica consultabile in Cancelleria e che si considera interamente conosciuta dagli offerenti e dall’aggiudicatario; l’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c avverrà avanti al GE dell’intestata procedura in una sala delle pubbliche udienze del Tribunale, il giorno 28.01.2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell’Esecuzione Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 193/89 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Badolato: Lotto n. 6: Terreno in loc. Mazzaferro Euro 20.045,25 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 04 febbraio 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva R.G.Espr. n. 225/95 Il Giudice dell’esecuzione , Dr. Giuseppe Cava, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita ,dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato e di seguito descritto: Lotto nr. 1 " magazzino in fabbricato sito in Montepaone in Catasto al foglio 9 , part. 431, sub 4 al prezzo base di Euro 1.568,54; Lotto nr. 2 "Appartamento in fabbricato sito in Montepaone , in catasto al foglio 9, particella 431 sub. 3" al prezzo base di Euro 4.193,87; Lotto nr. 3 "Appartamento in fabbricato sito in Montepaone, in catasto al foglio 9, particella 424 subalterno 3" al prezzo base di Euro 6.106,65; Lotto nr. 4 "Terreno sito in Montepaone in catasto al foglio 6 , particella 61" al prezzo base di Euro 9.647,44; Lotto nr. 5 " terreno sito in Montepaone in catasto al foglio 7, particella 178" al prezzo base di Euro 16.122,81 ; Lotto nr. 6 " terreno sito in Montepaone in catasto al foglio 7, particella 487" al prezzo base di Euro 653,49; Lotto nr. 7 "terreno sito in Montepaone , in catasto al foglio 7, particella 483 " al prezzo base di Euro 6.372,85. Fissa per le presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 27.1.2009 ore 12.00; Fissa per la deliberazione dell’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad Euro 1.000,00 , l’udienza del 28.1.2009 ore 9.30; TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott . Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 275/93 R.G.E. ORDINA

Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) Appartamento in fabbricato sito in S. Caterina dello Ionio, via Perdicari di mq. 125 identificato in catasto al foglio 31 p.lla 101 sub.9 Prezzo base d’asta euro 22.060,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 28 gennaio 2009, ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’esecuzione dr.Giuseppe Cava,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n.309/95 Dispone Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1 appartamento sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio alla via V.Emanuele 52-54 al primo piano. L’estensione è di mq 105. In catasto Fol.MU,P.lle 564-567 sub 2, 568 sub2, 572 sub 2 PREZZO BASE D’ASTA € 27.656,00 Lotto 2 magazzino sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio al vicolo 4 V.Emanuele 4. L’estensione è di mq 105. In catasto Fol.MU,P.lle 566 sub 1, 568 sub 1, 569-572 sub 1 PREZZO BASE D’ASTA € 27.656,00 Lotto 3 magazzino sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio al vicolo 4 V.Emanuele 4. L’estensione è di mq 8. In catasto Fol.MU,P.lla 567 sub 1 PREZZO BASE D’ASTA € 2.106,00 Lotto 4 n.2 particelle di appezzamento di terreni siti in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, località "Caresta" dalla superficie di mq.520. In catasto Fol.11,P.lle 8-250 PREZZO BASE D’ASTA € 1.369,00 Lotto 5 appezzamento di terreno sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, località "Caresta" dalla superficie di mq.3.670. In catasto Fol.11,P.lla 9 PREZZO BASE D’ASTA € 9.666,00 Lotto 6 appezzamento di terreno sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, località "Caresta" dalla superficie di mq.1.570. In catasto Fol.11,P.lla 10 PREZZO BASE D’ASTA € 4.135,00 Lotto 7 appezzamento di terreno sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, località "Caresta" dalla superficie di mq.1.890. In catasto Fol.11,P.lla 81 PREZZO BASE D’ASTA € 4.977,00 Lotto 8 appezzamento di terreno sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, località "Caresta" dalla superficie di mq.3.660. In catasto Fol.11,P.lla 82 PREZZO BASE D’ASTA € 9.639,00 Lotto 9 fabbricato rurale sito in Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, dalla superficie di mq.67. In catasto Fol.11,P.lla 116 PREZZO BASE D’ASTA € 17.647,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 14 gennaio 2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’Esecuzione dott. Giuseppe Cava con ordinanza pronunciata nella causa di divisione R.G.4155 / 05 ; visti gli atti , ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico :Terreni in Sersale ( Fg.28 , P.lla 171 . 383 . 387 e Fg. 21 , P.lla 22 . 33 ) Prezzo base euro 13.169,25 Gli immobili , venduti nello stato di fatto e di diritti , in cui si trovano , sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 14 gennaio 2009

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 163/96 R.G. Espr. Il Giudice, dr. G. Cava, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 6.12.07; visti gli artt. 569 e ss c.p.c. e vista la richiesta di vendita, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto 1: appartamento sito in Catanzaro, Corso Mazzini 291, in catasto al fg. 48 part. 1415 sub 17. Prezzo base d’asta € 323.690,25. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 3.02.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 5.000,00, l’udienza del 4.02.09 ore 9,30; TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’esecuzione,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n.112/98 Dispone Procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto 1: appartamento sito nel Comune di Girifalco via Macchiavelli 6 con tre camere di cui una con bagno esclusivo,un vano destinato a pranzo-soggiorno,un bagno di servizio e una cucina,piano 1 sup.mq.152 in catasto fol. 10,P.lla 342 sub 2 PREZZO BASE D’ASTA € 32.274,00 Lotto 3: rudere sito nel Comune di Girifalco via Macchiavelli 6 piano T,,sup.mq. 30,in catasto fol. 18,P.lla 742 sub 1 PREZZO BASE D’ASTA € 808,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 25 febbraio 2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Maria Carmela Andricciola Nella procedura esecutiva n.126/2000 R.G.E ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.2 - Quota pari a ½ di un immobile in Cropani alla via Gramsci ubicato al piano terra e riportato in catasto al foglio 29 particella 47 sub 6 - prezzo base euro 23.731,00. Lotto n.3 - Quota pari a ½ di un immobile in Cropani alla via Gramsci ubicato al primo piano e riportato in catasto al foglio 29 particella 47 sub 7 - prezzo base euro 12.584,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 25/2/2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Andricciola, nella procedura esecutiva n. 50/98 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1) Appartamento in Davoli, Vico V Garibaldi n. 6, di vani 1. In catasto al foglio 11, p.lla 695, sub.3 Prezzo base d’asta euro 1.215,00 LOTTO 2) Terreno agricolo in Davoli, loc. Rizzari. In catasto al foglio 18, p.lla 397 se-

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

27 minatino irriguo, cl. 3, mq. 1.500 e p.lla 398 castagneto da frutto, cl.2, mq. 5.400 Prezzo base d’asta euro 1.012,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 25 febbraio 2009 ore 9.30. TRIBUNALE DI CATANZARO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 160/94 r.g..e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Appartamento in Catanzaro, Via Telesio n.22 (F.43, P.lla 309, Sub7) Euro 15.741,85 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è stata fissata per il giorno 28 gennaio 2009. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Maria Carmela Andricciola, nella procedura esecutiva n. 96/04 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO 1): Appartamento in Cropani Marina, alla via Gramsci n. 93, primo piano, composto da 5 vani, sup. complessiva mq. 113,00 in catasto al foglio 29, p.lla 157. Prezzo base d’asta euro 19.012,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il 18 marzo 2009 ore 9,30. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL CANCELLIERE comunica. ’ che il GIudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva n. 236/96 r.g.e ha disposto precedersi alla vendIta senz, incanto dei seguenti beni: Lotto N.1 ;Porzione di fabbricaio in Cropani alla località Cuturelle Prezzo base d’asta: Euro 22.140,00 Lotto N.2; Porzione di fa.bbricato in Cropani alla località Cuturelle Prezzo base d’asta Euro 12.420,00 Gli immobili, venduti allo stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’Udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 22 Ott 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Maria Carmela Andricciola, nella procedura esecutiva n. 258/94 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili : LOTTO UNICO: Fabbricato di 2 piani in Catanzaro, località "Monacaro", sup. mq. 130 in cemento armato. Riportato in catasto al foglio 58, p.lla 136, sub 1 e 2. Prezzo base d’asta euro 34.200,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale.

L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il 18 marzo 2009 ore 9,30 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Andricciola, nel procedimento n. 18/02 R.G.E. con ordinanza del 05 novembre 2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO N. 1:. Appartamento in Comune di Cropani, Via Mancini 10, posto al primo piano con magazzini e garage al piano terra in catasto al foglio 16 p.lla 292 sub. 4 e 6 Prezzo euro 111.375,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 18/02 RGE portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 17.03.2009 restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 è fissata in data 18.03.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito www.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Catanzaro, 5.11.2008 F.to Il Giudice (Dott.ssa Andricciola) TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni immobiliari AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il Sig. G.E. della procedura esecutiva rubricata al n. 37/2002 R.G. Es., dr. G. Cava, con provvedimenti dell’11.3, del 2.7.2008 e del 4.12.2008, ha disposto la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano e che comunque l’offerente depositando l’offerta dichiara di conoscere, stato meglio descritto nelle relazioni tecnico-estimative in atti a cui si rinvia (per maggiori informazioni c/o Cancelleria) LOTTO 1 Terreni siti in comune di PALERMITI - CZ. Identificati in catasto: foglio 30 part. 35, 36, 51, 193, 197, 196, 199. Prezzo base € 90.714,00 LOTTO 2 Terreno sito in comune di PALERMITI - CZ, fondo Busici. Identificato in catasto al foglio 30 part. 123. Prezzo base € 12.353,00 LOTTO 3 Terreno sito in comune di PALERMITI-CZ,fondoMontagna.Identificato in catasto: foglio 10 part. 134, 135, 147, 148, 177, 178, 179, 180, 198, 204, 233. Prezzo base € 144.295,00 LOTTO 4 Terreno sito in comune di PALERMITI - CZ. Identificato in catasto foglio 6 part. 212. Prezzo base € 1.974,00 LOTTO 5 magazzino in Palermiti via regina elena in catasto al foglio 7 part. 466 sub 2 Prezzo base € 31.738,00 LOTTO 6 unità abitativa in Palermiti via regina elena in catasto al foglio 7 part. 466 sub 1. Prezzo base € 29.100,00 UDIENZA DI VENDITA = 04.3.2009 ore

9,30 AUMENTO MINIMO in caso di gara = € . 3.000,00 DEPOSITO cauzionale per essere ammesso alla vendita = 10% del prezzo base o offerto, da depositare con A.C. non trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n° 37/2002 RGE" unitamente alla domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo e a fotocopia del documento di identità, inserendo il tutto in busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice, entro le ore 12.00 del giorno precedente la vendita presso la Cancelleria dell’intestato Tribunale DEPOSITO PREZZO residuo = entro 60 gg. dalla data di aggiudicazione presso la Cancelleria dell’intestato Tribunale Spese di trasferimento a carico della procedura esecutiva. TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVALLO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 58/95 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Magazzino in Cardinale, Via Dante Alighieri, 17-23, mq 20, in catasto FG.9, partic. 315, sub 1101; - PREZZO BASE: € 6.900,00 - Lotto 2: Abitazione al primo e secondo piano in Cardinale, Via Dante Alighieri, 17-23, vani 4,5; - PREZZO BASE: € 29.250,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro "Procedura n. 58/95" portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a € 500,00 è fissata in data 11/03/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 27/10/08. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI

EX ART.569 COMMA 3 c.p.c. IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr.ssa Maria C. Andricciola RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n.64/03 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Olivadi, Via Indipendenza n.48: Lotto n.1: Appartamento (F.5,P.lla 60,Sub 5) Euro 39.282,00 Lotto n.2: Negozio (F.6, P.lla 60, Sub 6) Euro 33.375,00 Lotto n.3: Locale rustico (F.5, P.lla 60 ,Sub 7) Euro 37.800,00 Lotto n.4: Locale rustico (F.5, P.lla 60 ,Sub 8) Euro 32.813,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 11 marzo 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestata a "Tribunale di Catanzaro proc. n..........." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.eugenius.it ;- II Domani TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Andricciola, nel procedimento n. 65/99 R.G.E. con ordinanza del 22.10.2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti lotti: 1. Fondo sito in Chiaravalle Centrale, località Pirivoglia con soprastante fabbricato non accatastato in corso di costruzione, riportato in Catasto al foglio 6, part. 269, classe 1, superficie mq. 980. 2. Prezzo base d’asta euro 12.960,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’udienza ex art. 572 è fissata in data 25.02.2009 ore 09,00. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno 24.02.2009, precedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

28 fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un assegno circolare "non trasferibile" intestato a Tribunale di Catanzaro proc.n.65/99 RE, di importo pari al 10% del prezzo proposto, da imputare a cauzione; In caso di gara le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni 60 dalla data di aggiudicazione tramite deposito in cancelleria. Saranno a carico della procedura esecutiva le spese di trasferimento. Catanzaro 22.10.2008 F.to Il Giudice (Dott.ssa Andricciola) TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 65/03 r.g.e; visti gli artt. 569 e ss. C.p.c. e vista la richiesta di vendita, rilevato che può essere disposta la vendita del solo lotto 1 - il cui valore appare idoneo a garantire il credito azionato nella procedura -, non avendo il consulente scorporato le particelle di proprietà del terzo estraneo alla procedura; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico: "Unità abitativa in Catanzaro, Contrada Santa Domenica, in Catasto al foglio 37, part. 209, sub. 3" Prezzo base : € 310.497,75 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 4 febbraio 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità, nonché un Assegno Circolare "Non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. ..." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.aste.eugenius.it "Il Domani" Catanzaro, 12 novembre 2008. Il Cancelliere Il Giudice Dott. Giuseppe Cava

TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni immobiliari AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr.ssa Maria C. Andricciola RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n. 87/92 r.g.e ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Terreno in Belcastro, loc. Cannizzaro (F.23, P.lla 107, 121, 383 ; P.lla 373 sub 1, 2, 3, 4) Euro 36.892,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 11marzo 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 cpc ,n caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n,.,........." di un importo pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. ln caso di gara tra piu offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 500,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta (60) giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. - www.eugenius.it ; - Il Domani Catanzaro, 22 ottobre 2008. TRIBUNALE DI CATANZARO Ufficio Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Cavallo , ha pronunciato la seguente ORDINANZA Visti gli atti del procedimento n. 99/91 R.G.E. pendente tra: - Sanpaolo Banco di Napoli E DISPONE La vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Terreno agricolo, in località S. Teresa, Comune di Petrizzi, sup. complessiva Ha 41.05.56, sul terreno sono stati realizzati diversi fabbricati per la conduzione dell’azienda , tutti abusivi, in catasto Foglio 1 P.lla 105; Foglio 3, P.lla 7;Foglio 4 P.lla 300. Prezzo base: € 294.315,00. L’ immobile, venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’ immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitariamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 99/91 portante di un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di deposito cauzionale, entro le ore 12 del

giorno 24/02/2009, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 25/02/2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Aumento minimo in caso di gara € 500,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Catanzaro lì, Il cancelliere C1 Il Giudice dott. Salvatore Aiello dott.ssa Andricciola TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, ha pronunciato la seguente ORdinanza nella procedura esecutiva n. 131/94 R.G .E. pendente tra Istituto San Paolo e xxxx visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: locale posto al piano seminterrato di fabbricato per civile abitazione in Comune di San Pietro Apostolo Via I Maggio 13, mq 271,70, in catasto al foglio 6, p.lla 542 sub. 7 e 8 Prezzo € 41.170,39 Lotto 2: appartamento in Comune di San Pietro Apostolo! Via I Maggio 13, piano secondo mq 152,30, in catasto al foglio 6, p.lla 542 sub. 5 Prezzo € 35.895,23 Lotto 3: appartamento in Comune di San Pietro Apostolo, Via I Maggio 13, piano secondo mq 182,48, in catasto al foglio 6, p.lla 542 sub. 6 Prezzo € 42.540,45 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consulta bile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 131/94 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 10 Mar 2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 11 Mar 2009 Aumento minimo in caso di gara euro 1000/00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione/ entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria, Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge; mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro,22 Ott 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Maria Carmela Andricciola, nel procedimento n. 136/02 R.G.E. con ordinanza del 08 ottobre 2008 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO N. 1:. Terreno in Amaroni, loc. Guercia, sup. mq 2260, sul quale insiste un fabbricato rurale di due piani fuori terra, in

catasto al foglio 1, p.lla 362. Prezzo euro 18.438,00 LOTTO N. 2: Terreno in Amaroni, loc. Guercia, sup. mq. 2740, soggetto a servitù per passaggio linea elettrica in favore dell’Enel spa, in catasto al foglio 1, p.lla 361. Prezzo euro 23.290,00 LOTTO N. 3: MAGAZZINO IN Amaroni, via Largo Italia n. 7, composto da un unico vano al piano terra, sup. mq 21, in catasto al foglio 5, p.lla 635. Prezzo euro 9.818,00 LOTTO N. 4: Terreno in Girifalco, loc. Dominati, sup. mq 3480, in catasto al foglio 27, p.lla 30. Prezzo euro 35.496,00 LOTTO N. 5: Terreno in Girifalco, loc. Dominati, sup. mq 9820, in catasto al foglio 27, p.lla 212. Prezzo euro 100.164,00 LOTTO N. 6: Quota pari a ½ di Terreno in Girifalco, loc. Corrente di Sopra Bosco Fornoso, sup. mq 750, in catasto al foglio 34 p.lla 200. Prezzo euro 3.825,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 136/02 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 è fissata in data 25.02.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00 per i lotto 1,2,4, € 500,00 per i lotti 3 e 5 e € 2.000 per il lotto 6. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito www.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Catanzaro, 08/10/2008 Dott.ssa Maria Carmela Andricciola TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr.ssa Maria C. Andricciola nella procedura esecutiva n. 180/92 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni siti in Badolato, loc. Giraccolo: Lotto n.1: Manufatti non accatastati con relativa area di sedime insistenti su terreno censito al F.29, P.lla 16 Euro 77.355,00 Lotto n.2: Terreno censito al F.29, P.lle 166, 170, 171, 175, 209, 211, 212, 213, 214 Euro 14.580,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 11.03.2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e con-

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

29 tenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n..........." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. ln caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 per il lotto n.1 ed euro 500,00 per il lotto n.2. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - ll Domani Catanzaro,22 ottobre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Procedura esecutiva n. 187/92 R.G.Espr. (cui sono riunite le procedure nn. 38/93 R.G.E. e 160/93 R.G.E.); Il Giudice dell’Esecuzione. Dott. Giuseppe Cava; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita; Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: LOTTO N. 1 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 44.704,69: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio 9, particella 724, sub 2". LOTTO N. 2 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 47.334,38: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio 9, particella 724, sub 3". LOTTO N. 3 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 44.704,69: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio 9, particella 724, sub 4". LOTTO N. 4 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 47.334,38: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio 9, particella 724, sub 5". LOTTO N. 5 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 16.777,41: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio 9, particella 724, sub 9". LOTTO N. 6 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 14.558,91: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio n. 9, particella 724, sub 10". LOTTO N. 7 - PREZZO BASE D’ASTA: EURO 17.193,38: "Appartamento in San Vito sullo Ionio (CZ), in Catasto al foglio 9, particella 724, sub 11 (ex 7)". Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 03.02.2009 ore 12,00. Fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 3.000,00, l’udienza del 04.02.2009 ore 9,30. Dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 187/92 R.G.E. portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. Gli immobili, meglio descritti nella relazione tecnicaconsultabileinCancelleria,saranno

venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario. L’aggiudicatario dovra’ versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sitointernet"www.aste.eugenius.it"ediffusione sul quotidiano "Il Domani"; Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicita’ sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 12.11.2008. TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Prima sezione civile Procedura esecutiva n.188/89 R .G.Espr. Il Giudie dott. Giuseppe Cava; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto 1 Aquota ideale di 2 della proprietà di terreno con soprastante fabbricato in Centrache in catasto al fg.7 partt. 323, 3l4, 3ll, 330 al prezzo base di 28.326,00 (la restante quota di 2, di proprietà del coniuge fallito dell’esecutato, sarà posta in vendita lo stesso giorno allo stesso prezzo) lotto 2 appartamento in Palermiti vico I poerio in catasto al fg. 15 part.450 sub 2 al prezzo base di 15.251,25; lotto 3 terreno in palermiti in catasto al fg.8 part 145 al prezzo base di 1.769,25; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 03 febbraio 2009 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 1.000,00 l’udienza del 04 febbraio 2009 ore 9.30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 188/89" portante una somrna pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenzda del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.aste.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento e delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore.

Catanzaro, 26 novembre 2008 TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, nella procedura esecutiva n. 195/93 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico: ""terreno in Borgia, Loc. Fiumarella - Forno (Foglio 23, particelle 229 - 231) prezzo base : € 2033,44 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 4 febbraio 2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla venditadovràdepositareinCancelleria,entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità, nonché un Assegno Circolare "Non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. ..." di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.aste. eugenius.it "Il Domani" Catanzaro, 26 novembre 2008. Il Cancelliere Il Giudice Dott. Giuseppe Cava TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 198/87 R.G. Espr. Udienza del 15/10/2008 Il Giudice, visti gli artt. 569 e segg. c.p.c.; vista la richiesta di vendita; visto l’art. 591 c.p.c.; Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato descritto nell’allegato prospetto redatto dall’esperto stimatore ai prezzi base ivi indicati con ulteriore riduzione di ¼: LOTTO DI VENDITA N. 1: Piena proprietà per la quota di 500/1000 relativamente a appartamento in corso di costruzione sito al primo piano con annessi quota di proprietà pari a ½ (mq. 65.00 di superficie lorda coperta) del piano seminterrato in corso di costruzione (cantina) e quota di proprietà pari a 1/6 (mq. 105.00 circa) dell’intera area di pertinenza al fabbricato. Identificazione catastale: il terreno in cui ricade il fabbricato è individuato nel Catasto Terreni del Comune di Santa Caterina dello Ionio con foglio di mappa n. 41, particella n.

139. Il fabbricato in cui ricadono i beni di questo lotto, in corso di costruzione, non è accatastato. VALORE LOTTO DI VENDITA N. 1 = Euro 6.802,73 (Euro seimilaottocentodue/73). LOTTO DI VENDITA N. 2: Piena proprietà per la quota di 500/1000 relativamente a appartamento in corso di costruzione sito al secondo piano con annessa quota di proprietà pari a 1/6 (mq. 105.00 circa) dell’intera area di pertinenza del fabbricato. Identificazione catastale: il terreno in cui ricade il fabbricato è individuato nel Catasto Terreni del Comune di Santa Caterina dello Ionio con foglio di mappa n. 41, particella n. 139. Il fabbricato in cui ricadono i beni di questo lotto, in corso di costruzione, non è accatastato. VALORE LOTTO DI VENDITA N. 2 = Euro 4.398,04 (Euro quattromilatrecentonovantotto/04). LOTTO DI VENDITA N. 3: Piena proprietà per la quota di 500/1000 relativamente a appartamento in corso di costruzione sito al terzo piano con annessi quota di proprietà pari a ½ (mq. 68.00 circa di superficie lorda coperta di cui mq. 22.50 circa abitabili) del piano sottotetto parzialmente abitabile e quota di proprietà pari a 1/6 (mq. 105.00 circa) dell’intera area di pertinenza al fabbricato. Identificazione catastale: il terreno in cui ricade il fabbricato è individuato nel Catasto Terreni del Comune di Santa Caterina dello Ionio con foglio di mappa n. 41, particella n. 139. Il fabbricato in cui ricadono i beni di questo lotto, in corso di costruzione, non è accatastato. VALORE LOTTO DI VENDITA N. 3: Euro 6.128,78 (Euro seimilacentoventotto/78). Fissa per la presentazione delle offerte di acquisto il termine del 27/01/2009 ore 12.00 Fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a Euro 2.000,00 l’udienza del 28.01.2009. Dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 198/87" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intende conosciuto dall’aggiudicatario. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico dell’aggiudicatario. Dispone che il creditore provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonchè alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani". Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. IL GIUDICE (Dott. G. Cava) TRIBUNALE DI CATANZARO Il Giudice dell’esecuzione dott.Giuseppe Cava,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n.263/97 ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

30 seguenti beni: Lotto n.1 : Capannone in Squillace,loc.Fiasco-Baldaya Fol.20,P.lla 108 PREZZO BASE D’ASTA € 134.879,00 Lotto n.2 : Magazzino in Squillace,loc.Fiasco-Baldaya Fol.20,P.lla 110 sub 1 PREZZO BASE D’ASTA € 32.584,00 Lotto n.3 : Magazzino in Squillace,loc.Fiasco-Baldaya Fol.20,P.lla 110 sub 2 PREZZO BASE D’ASTA € 43.582,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 18 febbraio 2009 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo,fotocopia del documentodiidentità,nonchéassegnocircolare non trasferibile intestato a Tribunale di Catanzaro proc.n.263/97 di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente,depositando offerta,dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti,l’aumento minimo è fissato in € 3.000,00 per il lotto n.1 ed € 2.500 per i lotti n.2 e n.3. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto in Cancelleria,dedotta la già versata cauzione,entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Mobiliari AVVISO DI VENDITA DI QUOTE SOCIETARIE Procedura esecutiva n.635./89 R.E. Il CTU dr. Francesco Lacava, a seguito del provvedimento del Sig. G.E. dott. Alfredo Aloisi, allo scopo di soddisfare il creditore procedente e le spese di procedura, deve procedere alla vendita di UNA quota del 12,25% del capitale sociale della Società "omissis" indicata nella procedura in oggetto, corrente in Catanzaro, avente valore nominale di € 99.840,00 e valore di stima da parte del Ctu di € . 103.535,00 ed avverte che maggiori informazioni possono essere fornite dalla Cancelleria del Tribunale a chi vi abbia interesse. La data dell’esperimento di vendita è fissata per il giorno 22.01.2009 Si porta a conoscenza degli interessati, - che ai fini di una più puntuale informazione potranno consultare, negli Uffici della Cancelleria delle Esecuzioni Mobiliari del Tribunale di Catanzaro Dott. Aloisi, il fascicolo di causa contenente, tra l’altro, lo statuto sociale della Società interessata e le relativevisureipocatastaliel’ultimobilancio pubblicato, riferito a 31.12.2007 completo di Nota Integrativa, Verbale di approvazione e relazione del Collegio Sindacale. L’offerta, pena l’esclusione, dovrà: -pervenire entro il termine sottoindicato, in busta chiusa, priva dell’indicazione del mittente, indirizzata a "Studio Notaio Paola Gualtieri (offerta per vendite giudiziarie) Via San Nicola n.8 - Catanzaro" -contenere dati anagrafici e qualifica della persona fisica che propone l’offerta; -indicare il prezzo che intende pagare; -prevedere, a carico dell’acquirente, l’impegno al pagamento del prezzo, degli oneri tributari e delle eventuali altre spese accessorie per il trasferimento delle quote entro quindici giorni dalla definitiva aggiudica-

zione, sottocomminatoria, in caso di inadempienza, di decadenza dal diritto e perdita della caparra confirmatoria; -contenere l’espressa dichiarazione di aver preso visione del fascicolo della procedura esecutiva e dell’ultimo bilancio pubblicato nel Registro Imprese; -contenere l’indicazione di aver preso atto che la Società è proprietaria di un immobile industriale con annessi uffici, sito in Catanzaro V.le degli Angioini n. 139, realizzato su un terreno di proprietà di mq. 6.430 circa; gli immobili industriali realizzati negli anni ’70, con destinazione Celle frigorifere per derrate alimentari , sono attualmente in cattivo stato d’uso; -essere accompagnata da un assegno circolare intestato a Tribunale di Catanzaro procedura n. 635/89 RE - dell’importo pari al 10% della somma offerta, a titolo di caparra confirmatoria. L’offerta in busta chiusa dovrà essere depositata o fatta pervenire a mezzo posta entro le ore 12:00 del giorno precedente quello di vendita, quindi entro le ore 12:00 del 21.01.2009 presso lo studio del notaio Paola Gualtieri, in Catanzaro alla Via San Nicola n. 8. Catanzaro, 09.12.2008 Il Ctu Dr. Francesco Lacava TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Mobiliari AVVISO DI VENDITA DI QUOTE SOCIETARIE Procedura esecutiva n.2463/04 R.E. Il CTU dr. Francesco Lacava, a seguito del provvedimento del Sig. G.E. dott. Alfredo Aloisi, allo scopo di soddisfare il creditore procedente e le spese di procedura, deve procedere alla vendita della quota nominale per complessivi € 100.000 (centomila/00) del capitale sociale della Società "omissis" indicata nella procedura in oggetto, corrente in Marcellinara (CZ) ed avverte che maggiori informazioni possono essere fornite dalla Cancelleria del Tribunale a chi vi abbia interesse. La data dell’esperimento di vendita è fissata per il giorno 22.01.2009 Si porta a conoscenza degli interessati, - che ai fini di una più puntuale informazione potranno consultare, negli Uffici della Cancelleria delle Esecuzioni Mobiliari del Tribunale di Catanzaro Dott. Aloisi, il fascicolo di causa contenente, tra l’altro, lo statuto sociale della Società interessata e le relativevisureipocatastaliel’ultimobilancio pubblicato, riferito a 31.12.2005 completo di Nota Integrativa, Verbale di approvazione e relazione del Collegio Sindacale. L’offerta, pena l’esclusione, dovrà: -pervenire entro il termine sottoindicato, in busta chiusa, priva dell’indicazione del mittente, indirizzata a "Studio Notaio Paola Gualtieri (offerta per vendite giudiziarie) Via San Nicola n.8 - Catanzaro" -contenere dati anagrafici e qualifica della persona fisica che propone l’offerta; -indicare il prezzo che intende pagare; -prevedere, a carico dell’acquirente, l’impegno al pagamento del prezzo, degli oneri tributari e delle eventuali altre spese accessorie per il trasferimento delle quote entro quindici giorni dalla definitiva aggiudicazione, sottocomminatoria, in caso di inadempienza, di decadenza dal diritto e perdita della caparra confirmatoria; -contenere l’espressa dichiarazione di aver preso visione del fascicolo della procedura esecutiva e dell’ultimo bilancio pubblicato nel Registro Imprese; -contenere l’indicazione di aver preso atto che la Società è proprietaria di un immobile industriale con annessi uffici, sito in Marcellinara Zona Industriale, in fregio alla SS 280; -essere accompagnata da un assegno circolare intestato a Tribunale di Catanzaro -

procedura n. 2463/04 RE dell’importo pari al 10% della somma offerta, a titolo di caparra confirmatoria. L’offerta in busta chiusa dovrà essere depositata o fatta pervenire a mezzo posta entro le ore 12:00 del giorno precedente quello di vendita, quindi entro le ore 12:00 del 21.01.2009 presso lo studio del notaio Paola Gualtieri, in Catanzaro alla Via San Nicola n. 8. Catanzaro, 09.12.2008 Il Ctu Dr. Francesco Lacava Tribunale di Lamezia Terme TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°. 1/2008 R.G.E., promossa da Chiodo Velia, con ordinanza emessa il 23.10.2008, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 22.10.2008, ha disposto la vendita senza incanto dei quattro lotti di seguito indicati, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, per l’udienza dell’11.02.2009, ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, per l’udienza del 25.02.2009: lotto uno - "immobile per civile abitazione, piano terra, sito in Soveria Mannelli, via S. Andrea, n. 6, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 10, p.lla 334, sub 2, cat. A/3, classe 2, composto da tre camere da letto, due bagni, angolo cottura, sala da pranzo, soggiorno e terrazzo di pertinenza, per una superficie utile complessiva di mq. 96,40"; prezzo base d’asta euro 54.035,75; lotto due - "locale magazzino sito in Soveria Mannelli, via S. Andrea, n. 6, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 10, p.lla 334, sub 4, cat. C/2, classe 1, composto da un unico ambiente di mq. 49"; prezzo base d’asta euro 19.775,00; lotto tre - "immobile per civile abitazione, primo piano, sito in Soveria Mannelli, via S. Andrea, n. 6, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 10, p.lla 334, sub 5, cat. A/3, classe 2, composto da due camere da letto, un bagno, angolo cottura, sala da pranzo, soggiorno, salotto, per una superficie utile di mq. 115, completo di balconi per mq. 45, con ingresso indipendente e area di pertinenza di mq. 54"; prezzo base d’asta euro 60.141,00; lotto quattro - "lastrico solare sopraelevato, sito in Soveria Mannelli, via S. Andrea, n. 6, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 10, p.lla 334, sub 6, composto da un unico ambiente non rifinito di mq. 115, completo di balconi per una superficie di 50,20 mq."; prezzo base d’asta euro 21.340,00 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO FALLIMENTI BANDO DI VENDITA ALL’INCANTO DI BENI IMMOBILI NELLA PROCEDURA DI CONCORDATO PREVENTIVO N. 2/1994 SI RENDE NOTO Che il Giudice Delegato al Concordato Preventivo n. 2/1994, con ordinanza del 14.10.2008 HA DISPOSTO la vendita all’incanto dei beni immobili di seguito indicati, nello stato di fatto e di diritto in cui essi si trovano, quale risulta dalla perizia agli atti del fascicolo del Concordato Preventivo n. 2/1994 , e dell’esecuzione forzata RG 73/94, cui si fa integrale riferimento in questa sede. Eventuali irregolarità urbanistiche o abusi edilizi potranno essere sanati o condonati dall’aggiudicatario nel termine di giorni 120 dalla notifica del de-

creto di trasferimento. LOTTO n. 6 - Fabbricato sito in Lamezia Terme Sambiase C.so Vittorio Emanuele n. 21, costituito da appartamento piano II di una palazzina di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme-Sambiase al foglio 74 p.lla 602 sub 7, Z.C.1, cat. A/3, classe 2, vani 8,5, via V. Emanuele 150, P 2. LOTTO n. 9 Quota ideale pari ad un mezzo indiviso di un fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli /C.so G. Nicotera costituita da un magazzino posto a piano terra di un immobile di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 184 sub 1, via Col. Cassoli n. 7, P.T., ZC1, Cat. C/2, classe 4. LOTTO n. 10- Fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli /C.so G. Nicotera costituito da un magazzino posto a piano terra di un immobile di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 184 sub 2, C.so G. Nicotera 38, P.T., ZC1, Cat. C/1, classe 11. LOTTO n. 11- Quota ideale pari ad un mezzo indiviso di un fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli /C.so G. Nicotera costituita da un magazzino posto a piano terra di un immobile di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 184 sub 3, C.so Nicotera 42, P.T., ZC1, Cat. C/1, classe 11. LOTTO n. 12- Fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli / via Carducci costituito da un locale posto a piano terra rispetto a via Cassoli ed a piano seminterrato rispetto a via Carducci, con annessa piazzetta su via Cassoli, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 172 sub 1, via Col. Cassoli n. 4, P.T., ZC1, Cat. C/2, classe 3. Si da atto che il bene risulta locato come da contratto acquisito agli atti della procedura concordataria. LOTTO N. 15- Quota parte di un mezzo indiviso di immobile sito in Lamezia Terme già Sambiase, via V. Veneto, confinante con via Veneto, via S. D’Audino, via G. Battisti e via Salvemini, composto da fabbricato ed annesso terreno edificabile, meglio descritto in perizia agli atti della procedura esecutiva, già utilizzato quale Cinema-Teatro Grandinetti e già sede dell’emittente televisiva VL7 . Al catasto detto bene risulta individuato con i seguenti dati: fg. 74 part. 683 C.so via IV Novembre n. 1-3-5-, P.T., Z.C. 1, cat. D/3. PREZZO BASE: Lotto n. 6 euro 26.811,45; Lotto n. 9 euro 28.889,60; Lotto n. 10 euro 50.203,34; Lotto n. 11 euro 58.016,00; Lotto n. 12 euro 624.255,52; Lotto n. 15 euro 242.656,24. Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, dovrà presentare entro le ore 13.00 del 09.02.2009, nella Cancelleria Fallimentare, istanza di partecipazione in carta bollata e versare, mediante deposito di assegno circolare intestato al concordato preventivo, le seguenti somme: a) 10/% del prezzo offerto a titolo di cauzione; b) 20% del prezzo offerto quale somma corrispondente all’ammontare delle presumibili spese di vendita . L’aumento minimo da apportare all’offerta è pari al 5% del corrispondente valore dei beni subastati. HA STABILTO in 120 giorni il termine entro il quale l’aggiudicatario dovrà versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione. HA FISSATO per l’incanto il giorno 10.02.2009 ore di rito presso l’aula civile del Tribunale di Lamezia Terme .

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

31 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 12/2006 Registro Esecuzioni Immobiliari Il professionista delegato Dottore Commercialista Paolo Cosentino, con proprio studio commerciale sito in Via G. Garibaldi n. 49 di Lamezia Terme, nella procedura esecutiva n. 12/2006 promossa da Intesa Gestione Crediti spa contro (nominativi omessi ai sensi dell’articolo 174 del D.Lgs 196/2003). visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 06.03.2008 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati; visto l’art 569 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto del seguente immobile: LOTTO 1: Descrizione: Terreno agricolo di superficie totale pari a mq.6.332 così distribuiti: agrumeto di mq.4630, manufatto edilizio di mq.177 destinato ad abitazione ed uffici, giardino di mq.645, capannone/officina con tettoia per ricovero dei mezzi agricoli di mq.200 e superficie residua non produttiva di circa mq.680, destinata a strade, fossi di scolo, filari frangivento etc. Ubicazione: il bene è ubicato nel comune di Lamezia Terme (S.Eufemia), in loc. Drogu; Confini: il lotto confina a nord con strada interpoderale, ad est con stessa proprietà e strada comunale S.Nicola, a sud-ovest con terreni della stessa società. Estremi catastali: porzione non frazionata catastalmente dell’immobile riportato nel N.C.T. di Lamezia Terme al Fg.33, part.lla 2, qual. Semin. Irriguo, classe 3, mq.109.920, PREZZO BASE € 195.758,00. (euro centonovantacinquemila settecentocinquantotto virgola zero zero) LOTTO 2: Descrizione: Terreno agricolo di superficie totale pari a mq.5.375 così distribuiti: agrumeto di mq.3.710, manufatto edilizio di mq.110 destinato ad abitazione, giardino di mq.975, e superficie residua non produttiva di circa mq.580, destinata a strade, fossi di scolo, filari frangivento etc. Ubicazione: il bene è ubicato nel comune di Lamezia Terme (S.Eufemia), in loc. Drogu; Confini: il lotto confina a nord con strada interpoderale, ad est con stessa proprietà (Lotto 1) a sud-ovest con terreni della stessa società. Estremi catastali: porzione non frazionata catastalmente dell’immobile riportato nel N.C.T. di Lamezia Terme al Fg.33, part.lla 2, qual. Semin. Irriguo, classe 3, mq.109.920, PREZZO BASE: € 108.444,00 (euro centottomila quattocentoquarantaquattro virgola zero zero) LOTTO 3: Descrizione: Terreno agricolo di superficie totale pari a mq.98.213, così distribuiti: agrumeto mq.32.550, serre mq. 29.511, manufatto edilizio con annesso porticato destinato ad abitazione mq.150, capannone con macchine per la preparazione e commercializzazione dei prodotti agricoli mq.402, piazzale mq.1.300 e superficie residua non produttiva di circa mq.10.578, destinata a strade, fossi di scolo, filari frangivento etc. Ubicazione: il bene è ubicato nel comune di Lamezia Terme (S.Eufemia), in loc. Drogu; Confini: il lotto confina a nord con strada interpoderale, ad est con stessa proprietà e strada comunale S.Nicola, ad ovest con strada interpoderale, fosso fiume Amato e part.lla 26, a sud con terreni di proprietà della stessa società riportati al fg.33 part.lle 6 e 8. Estremi catastali: maggiore consistenza

dell’immobilenonfrazionatocatastalmente riportato nel N.C.T. di Lamezia Terme al Fg.33, part.lla 2, Semin. Irriguo, classe 3, mq.109.920, PREZZO BASE: € 1.829.210,00 (euro unmilioneottocentoventinovemila duecentodieci virgola zero zero) Data dell’esame delle offerte: 26 GENNAIO 2009 ore 14.00 Luogo di esame delle offerte: Studio commerciale del professionista delegato sito in Via G. Garibaldi n. 49, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.448823). AVVISA ALTRESÌ che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572,comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nella seguente data e luogo: Data dell’incanto 09 FEBBRAIO 2009, ore 14.00 Luogo di esame delle offerte: Studio commerciale del professionista delegato sito in Via G. Garibaldi n. 49, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.448823). TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 29/2000 R.E. Il Professionista delegato Avv.Simona Barberio con studio legale in via Francesco Rismondi n. 5, Lamezia Terme, nella procedura esecutiva promossa dal Banco di Napoli S.p.A. Visto il Provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 07/02/2008 ai sensi dell’art .591 bis c.p.c; Ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati. Visto l’art. 569 c.p.c. AVVISA Che nelle date e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto dei seguenti immobili: Data dell’esame delle offerte: 26 gennaio 2009 ore 10.00 Luogo di esame delle offerte: Studio Legale Barberio in Lamezia Terme, Via F. Rismondi, 5 LOTTO N. 1 - Immobile adibito a civile abitazione di circa mq. 151,78, di cui mq. 19,48 adibiti a servizi ed accessori, l’appartamento risulta composto da quattro vani, cucina, n.2 servizi, un ripostiglio, ingresso e disimpegno; ubicato al piano secondo, interno 5. Ubicato in loc. Capizzaglie del Comune di Lamezia Terme (Cz) identificato al N.C.E.U. di Lamezia Terme al Fgl.37 part.lla 929 sub 6, Categoria A/3 - cl.1 - Consistenza vani 7 - rendita € 325,37. Prezzo Base € . 70.528,00 LOTTO N. 2 - Immobile adibito a civile abitazione di circa mq. 151,78 di cui mq. 19,48 adibiti a servizi ed accessori, l’appartamento risulta composto da tre vani, cucina-soggiorno, n.2 servizi, un ripostiglio, ingresso e disimpegno; ubicato al piano terra rialzato, interno 1. Ubicato in loc. Capizzaglie del Comune di Lamezia Terme (Cz) identificato al N.C.E.U. di Lamezia Terme al Fgl.37 part.lla 929 sub 2, Categoria A/3 - cl.1 - Consistenza vani 7 - rendita € 325,37. Prezzo Base € . 82.688,00 AVVISA ALTRESI’ Che nelle ipotesi in cui: -non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; -le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art.

571 c.p.c; -si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572,comma 3, c.p.c.; -la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: Data dell’incanto: 18 febbraio 2009 ore 12.00. Luogo di esame delle offerte: Studio Legale Barberio in Lamezia Terme, via F. Rismondi, 5 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.35/2003 RGE, promossa da Banca MPS con ordinanza emessa all’udienza in data 15.10.2008 ha disposto la vendita senza incanto in più lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 04.02.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 18.02.2009 LOTTO UNO: Appartamento sito al piano primo distinto con l’int. n° 9 scala F confinante con l’int. 12 scala E - int. 10 scala F - int. 8 scala F, il tutto riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme/Sant’Eufemia Lamezia al foglio 23 mappale 289 sub 83 loc. Ginepri piano 1. Valore € .13.131,00 LOTTO DUE: Posto auto sito al piano terra seminterrato dell’immobile riportato in catasto al foglio di mappa 23 particella 289 sub 237. Valore € .2.088,27 LOTTO TRE: Posto auto sito al piano terra seminterrato dell’immobile riportato in catasto al foglio di mappa 23 particella 289 sub 238. Valore € .2.088,27 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.39/2001 RGE, promossa da Banca MPS SpA con ordinanza emessa il 25.09.2008 a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 25.09.2008 ha disposto la vendita senza incanto del lotto unico, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 04.02.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 18.02.2009 lotto unico - "appartamento per civile abitazione sito nel Comune di Lamezia Terme alla Via Timavo, n.13, scala A, piano 7°, int. 29 avente una superficie lorda di mq. 134. L’immobile è riportato al NCEU di detto Comune al foglio 20, p.lla 334 sub 33 cat. A/3 classe 3 vani 5"; prezzo base d’asta euro 202.000,00 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 39/2006 Registro Esecuzioni Immobiliari Il professionista delegato AVV. FRANCESCA VESCI, con proprio studio legale sito in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, nella procedura esecutiva promossa da Banca Monte dei Paschi di Siena spa; visto il provvedimento di delega alla vendita, emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 5.3.2008 e del 25.9.2008 ai sensi dell’art.

591 bis c.p.c.; ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati; visto l’art 569 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto del seguente immobile: LOTTO UNICO Trattasi di appartamento di tipo economico (A/3), situato nel Comune di Lamezia Terme in Via dei Normanni, fa parte di un edificio costituito da quattro piani fuori terra , individuato sul catasto fabbricati al foglio n° 6, particella 141 e sub. 4. Esso è stato costruito in un’area, riportata in Catasto Terreni al foglio n° 6 particelle 140 e 141 dell’ex Comune di Nicastro e confinante ad est e a nord con il terreno individuato sul catasto terreni al foglio 6, particella 140 ed intestato a xxxx, sempre ad est con un altro edificio, non riportato sull’estratto di mappa, con area di sedime identificata al foglio 6 particella 140 , a sud con l’intersezione di una piccola strada secondaria con via Dei Normanni e ad ovest con l’edificio riportato nel catasto fabbricati al foglio n° 6, particella 146, di proprietà della famiglia xxxx. Nel P.R.G. del Comune di Lamezia Terme, il terreno ove è ubicato l’immobile in esame ricade in una zona denominata "E2" Zona Agricola Collinare. La porzione di fabbricato in esame, realizzata su due piani (piano II e piano III), è costituita da due sopra elevazioni realizzate sull’abitazione individuata sul catasto fabbricati al foglio n° 6, particella 141, sub. 6 ed intestata a xxx. Essa viene utilizzata per civile abitazione e costituisce un’unica unità abitativa, con ingresso individuale e separato dalla restante parte dell’edificio al quale si accede mediante una scala esterna che conduce in via dei Normanni. Il bene in esame ha una superficie coperta al piano II di mq 100,21 e al piano terzo di mq 52,45. Il piano secondo (all. 10 foglio 1) risulta essere composto da due camere da letto, un salone, un corridoio, un bagno, una lavanderia ed un terrazzo. Al piano suddetto si accede mediante un ingresso esclusivo. E’ da mettere in evidenza che, durante il sopralluogo, da un confronto tra le planimetrie presenti nel fascicolo 1864 sopra citato e la configurazione attuale del piano II si sono riscontrate le seguenti incongruenze: l’area indicata come cucina, attualmente risulta essere adibita a lavanderia, la quale è separata dal vano scala mediante un ingresso munito di porta a soffietto non indicata sulla pianta; l’ingresso del bagno, esistente nella realtà, non è presente sui disegni che è da considerarsi un errore nella realizzazione dei disegni stessi come confermato dalla planimetria rilasciata dall’ufficio catasto di Catanzaro . Il piano terzo, al quale si accede mediante una scala interna, è costituito da una cucina con caminetto, da un ripostiglio interno, da un ripostiglio esterno, al quale si accede tramite il balcone, da un balcone e da un terrazzo. Al piano suddetto, dal confronto tra planimetrie e situazione reale dei locali, sono emerse le seguenti incongruenze: l’area attualmente destinata a cucina, nelle planimetrie è indicata come legnaia; il tetto, attualmente costituito da due falde con controsoffitto in legno, sui disegni depositati al comune risulta in unica falda al di sopra di un solaio piano. L’edificio nel complesso corrisponde con i dati riportati nell’atto di pignoramento. PREZZO BASE € 91.000,00 ( Euro novantunomila/00 ) Data dell’esame delle offerte: 4 FEBBRAIO 2009, ore 18.00 Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407).

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

32 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 43/98 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR SEBASTIANO PANZARELLA presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme Esecuzione immobiliare n. 43/1998 R.E. Il sottoscritto dottor Sebastiano Panzarella, Notaio facente parte della "Associazione Notarile Procedure Esecutive di Lamezia Terme", con sede presso gli Uffici Giudiziari siti in Piazza della Repubblica di Lamezia Terme, già delegato in data 28/01/2005 e autorizzato dal G.E. in data 24/07/06 a procedere allo svolgimento di tutte le attività attraverso le strutture e l’ausilio della summenzionata Associazione ai sensi dell’art. 591 bis cod. proc. civ. dal Giudice dell’Esecuzione, processo esecutivo n. 43/98 R.G.E. Rilevato che i precedenti esperimenti di vendita non hanno avuto esito positivo;Considerato che non appare tuttavia opportuno modificare le condizioni della precedente vendita in cui era già stata disposta la riduzione di un quinto del prezzo base d’asta;Ritenuto che pertanto va disposto ulteriore esperimento di vendita;Visto l’art. 569 c.p.c. AVVISA che per il giorno 18 febbraio 2009 alle ore 11,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, pressi i locali dell’Associazione Notarile è stata disposta la vendita al pubblico incanto del seguente bene:LOTTO UNICO: In territorio del Comune di Curinga (CZ), porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione (ricadente nei lotti nn. 1 e 2 del Comparto A/3 del P.d.Z. del Comune di Curinga) a tre piani fuori terra posto alla località Salice, e precisamente l’appartamento ubicato al piano rialzato della superficie di mq.113,50, con garage al seminterrato della superficie di mq.38; il tutto riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati con le seguenti indicazioni: foglio di mappa n. 18, particella 604/sub. 4, via Salice, piano TR-S1, categoria A/3, classe 2°, consistenza vani 6,5, rendita euro 241,70 Prezzo base: € 67.808,00 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.54/1987 RGE, promossa da Mascaro Tommaso con ordinanza emessa il 08.10.2008, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 08.10.2008 ha disposto la vendita senza incanto del lotto unico, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 04.02.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 18.02.2009 lotto uno - " appartamento per civile abitazione con annessa corte esclusiva di mq. 50,64 circa, sito nel Comune di Pianopoli, località San Filippo, Via Alemanni n. 15, con superficie utile di mq. 99,10. L’immobile è riportato nel NCEU di detto Comune al foglio 3, p.lla 238, sub 15, cat. A/3, classe 2, vani 7, e sub 11 (corte) " prezzo base d’asta euro 66.000,00; TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 54/96 Registro Esecuzioni Immobiliari

L’avv. Alessandro Cortese con studio legale in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, professionista delegato nella procedura esecutiva emarginata, promossa da Banca Commerciale Italiana S.p.A, visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 06.06.2007 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; ritenuto necessario, pertanto, fissare la vendita dei beni pignorati; visto l’art 569 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO UNICO: Immobile per civile abitazione, catastalmente individuato al foglio 20 particella 358 sub 50 dell’ex Comune di Nicastro,posto ai piani sesto e settimo (settimo e ottavo fuori terra) di un fabbricato di maggiore consistenza, ubicato in Lamezia Terme alla Via XX Settembre, costituito da ampio ingresso-salone, n. 5 camere, un ripostiglio e n. 2 bagni al piano sesto (settimo fuori terra) e da n. 4 camere, un bagno, un ripostiglio e lavanderia al piano settimo (ottavo fuori terra), avente inoltre n. 4 balconi al piano sesto ed un ampio terrazzo al piano settimo, della superficie complessiva lorda di 437 mq. e 123.80 mq. di balconi e terrazzo. L’immobile presente delle difformità rispetto alla concessione edilizia per le quali è possibile ottenere la sanatoria mediante la presentazione di Permesso di Costruire in Sanatoria, o in alternativa Denuncia di Inizio Attività in Sanatoria (D.I.A.), effettuando il pagamento di un’oblazione fissa di € 516,00. PREZZO BASE D’ASTA SENZA INCANTO: € 997.800,00 (Euro novecentonovantasettemilaottocento/00). L’immobile risulta attualmente occupato dal debitore. Data dell’esame delle offerte senza incanto: 30 GENNAIO 2009, ore 17. Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). AVVISA ALTRESÌ che nelle ipotesi in cui: -non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito; -le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; -si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572,comma 3, c.p.c.; -la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto del medesimo bene nella seguente data e luogo: Data dell’incanto 20 FEBBRAIO 2009, ore 17. Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 86/2005 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR SEBASTIANO PANZARELLA presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da "BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI DIPIGNANO - Società Cooperativa per Azioni" Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 26/09/2008 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Ritenuto necessario fissare la vendita dei

beni pignorati visto l’art. 569 c.p.c AVVISA che in data 27 gennaio 2009 alle ore 12,00 nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita senza incanto della piena proprietà del seguente immobile: LOTTO UNICO: In territorio del Comune di Falerna (CZ), Contrada Marevitano, Strada Statale 18 Tirrena Inferiore n.26: capannone industriale della superficie di mq. 3.272,40 (metri quadrati tremiladuecentosettantadue virgola quaranta) , con annessi: a) fabbricato adibito ad uffici a tre piani fuori terra, avente una superficie lorda a piano terra di mq.159,22, al piano primo di mq.164,85 e al piano secondo di mq.204,60; b) corte di mq.6.519,50: L’intero lotto è recintato con muretto in calcestruzzo armato e sovrastante ringhiera in pannelli prefabbricati ed è dodato da due accessi carrabili tramite cancello scorrevole sulle due vie principali suddette; il tutto riportato nel Catasto Fabbricati del medesimo Comune con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 9, particelle: 1401/sub. 1, Contrada Brescia SNC, piano T, categoria D/7, rendita euro 34.499,32; 1401/sub.2, Contrada Brescia SNC, piano T.-1°-2°, categoria A/10, classe unica, consistenza vani 17, superficie catastale mq.376, rendita euro 1.106,25. Prezzo base: euro 5.332.440,00 (euro cinquemilionitrecentotrentaduemilaquattrocento- quaranta virgola zero zero) AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: 18 febbraio 2009 ore 10,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, piazza della Repubblica, presso i locali dell’Associazione. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.94/2007 RGE, promossa da Banca MPS SpA con ordinanza emessa il 30.01.2008, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 30.01.2008 ha disposto la vendita senza incanto del lotto unico, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 04.02.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 18.02.2009 lotto unico - "quota pari ad ½ della piena proprietà di un immobile sviluppato su due livelli sito nel centro urbano del comune di Jacurso, riportato nel NCEU al foglio 3 p.lla 207, sub 1 , cat C/2, classe U e sub 2 cat. A/4 classe 2 "; prezzo base d’asta euro 18.225,00. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. n. 106/2007 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 2 ottobre 2008;

preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è la debitrice; considerato che la natura, l’ubicazione e la destinazione di tale bene, costituito dall’abitazione della debitrice,unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un deterioramento del cespite nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione della stessa con un terzo quale custode giudiziario non sia, allo stato, indefettibile,ex art. 559, comma 4, c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l’obbligo di rendere il conto di gestione,ex artt.560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 121.024,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - "appartamento per civile abitazione sito nel comune di Maida, alla via S. Pertini, avente una superficie di circa 146 mq., con 10,56 di balconi. FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO * Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte d’acquisto,ex art 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 13 gennaio 2009, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; * Per l’esame di offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 14 gennaio 2009,ore 09.30 e scgg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO * Per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 27 gennaio 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; * Per il giorno 28 gennaio 2009, ore 09.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME N. 139/92 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR SEBASTIANO PANZARELLA presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da "INTESA GESTIONE CREDITI" Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 14/06/2007 e 30.07.2008 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati visto l’art. 569 c.p.c AVVISA che in data 20 gennaio 2009 alle ore 11,00, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita senza incanto della piena proprietà del seguente immobile, LOTTO UNICO: in territorio del Comune

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

33 di Cortale, porzione immobiliare facente parte del fabbricato condominiale (a tre piani fuori terra) posto alla via F.A. Notaro, e precisamente l’appartamento ubicato al piano secondo, composto da cinque camere, bagno, wc, ripostiglio e corridoio, con annessi locale al piano terra (adibito a garage e ripostiglio) e un piccolo orto esclusivo; il tutto riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati con le seguenti indicazioni: foglio di mappa 15, particella 785/sub.6, via Ferao, piano T-S1-2°, cat.A/2, classe 1°, vani 7,5, rendita euro 387,34; Prezzo base: euro 89.000,00 AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: 10 febbraio 2009 alle ore 11,00, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, piazza della Repubblica, presso i locali dell’Associazione TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.18/1996 RGE, promossa da Banca MPS con ordinanza emessa all’udienza in data 15.10.2008 ha disposto la vendita senza incanto in più lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 11.02.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 25.02.2009 Lotto n°1: Quota parte pari ad ¼ dell’intero dell’appezzamento di terreno in agro di del Comune di Confluenti, alla località "Scaviello Superiore" o "Pellegrino", in catasto esteso complessivamente mq 3230, confinante dal lato sud con omissis, dal lato ovest con omissis, salvo altri, destinato nel vigente strumento urbanistico come ricadente in zoma "E" (agricola), individuato al reparto terreni dell’Agenzia del Territorio, Ufficio Provinciale di Catanzaro, con i seguenti estremi: foglio di mappa n°51, particella n°33, Bosco Alto Fusto, classe unica, superficie 1850 mq, Reddito Dominicale € 0.76 e Reddito Agrario € 0.57, foglio di mappa n°51, particella n°343, pascolo, classe prima, superficie 630 mq, Reddito Dominicale € 0.52 e Reddito Agrario € 0.36, foglio di mappa n°51, particella n°337, seminativo, classe terza, superficie 750 mq, Reddito Dominicale € 1.74 e Reddito Agrario € 0.39; prezzo base d’asta euro 510,99 Lotto n°2: Quota parte pari ad ½ dell’intero dell’appezzamento di terreno in agro del Comune di Martirano Lombardo (comune censuario) Martirano (comune amministrativo) alla località "S. Gennaro", in catasto esteso complessivamente mq 6570, confina dal lato sud con proprietà omissis e dal lato nord con proprietà omissis, salvo altri, destinatonelvigentestrumentourbanistico come ricadente in zona "E" (agricola), individuato al reparto terreni dell’Agenzia del Territorio, Ufficio Provinciale di Catanzaro, con i seguenti estremi: foglio di mappa n°34, particella n°215, seminativo di 2°, superficie 6570 mq. Reddito Dominicale € 20.36 e Reddito Agrario € 6.11; Prezzo base d’asta euro 3.492,36

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.39/98 R.G.E., richiesta da ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO S.p.A. SI RENDE NOTO che il giorno 11.03.2009 alle ore 12:00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: prezzo base: € 25.958,40 lotto unico Elenco beni immobili lotto unico: appartamenro civile abitazione sito in Curinga - loc. Salice, corpo 2°, piano secondo e piano seminterrato (garage) identificato al foglio di mappa n.18 part.lla 605 sub 15, cat. A/2, classe 1 consistenza 6,5 vani -p2-S1- Rendita 281,99, di mq 130, destinato a civile abitazione, con garage e annessi spazi condominiali pavimentati con ampie aiuole piantumate. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.67/1997 RGE, promossa da Banca MPS con ordinanza emessa all’udienza in data 15.10.2008 ha disposto la vendita senza incanto in più lotti, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 11.02.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto dei medesimi lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 25.02.2009 Lotto n°1: Appartamento in Lamezia Terme, sito al piano secondo: costituito da un soggiorno con angolo cottura, una camera da letto, locale bagno ed un terrazzo. Superficie complessiva pari a circa 46.50 mq di cui 26 mq di terrazzo computati al 50%. Distinto con l’int. n. 13 scala B, confinante con l’int. n. 14, con l’int. n. 18, vano scala, corridoio condominiale. L’immobile è individuato al Catasto Urbano al foglio n°23, part. n° 289, sub 128, riportato in corso di costruzione; posto auto sito al piano seminterrato:l’immobile,disuperficieparia circa 19 mq, è individuato al Catasto Urbano al foglio n° 23, part. n°289 sub 230. Prezzo base € .11.327,34. Lotto n°2: Appartamento in Lamezia Terme, sito al primo piano: costituito da un soggiorno con angolo cottura, una camera da letto, locale bagno ed un terrazzo. Superficie complessiva pari a circa 46.50 mq di cui 26 mq di terrazzo computati al 50%. Distinto con l’int. n. 14 scala B, confinante con l’int. n. 13, con l’int. n. 15, vano scala, corridoio condominiale. L’immobile è individuato al Catasto Urbano al foglio n°23, part. n° 289, sub 126, riportato in corso di costruzione; posto auto sito al piano seminterrato:l’immobile,disuperficieparia circa 19 mq, è individuato al Catasto Urbano al foglio n° 23, part. n°289 sub 229. Prezzo base € .11.327,34 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.97/89 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 11.03.2009 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita senza incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto unico: € 85.000,00 Elenco beni immobili lotto unico: locale adibito a magazzino sito in Pianopoli alla via Foria esteso per mq 124 riportato in NCEU di detto Comune al foglio 4, part.lla 84 sub 19, cat. C/2 class 2;

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.108/96 R.G.E., richiesta da ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO S.p.A. SI RENDE NOTO che il giorno 11.03.2009 alle ore 12:00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: prezzo base: € 20.160,00 per lotto n.1 lotto n.1: magazzino interrato, facente parte di un fabbricato a sei piani fuori terra, con unico accesso carrabile e cortile a servizio comune sito in Lamezia terme via Marconi 2° traversa, composto da due stanze separate, su ambienti aperti, e da un bagno, complessivamente di mq 100 circa identificato al NCEU del Comune di Lamezia Terme. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME SI RENDE NOTO Che il GE nella procedura esecutiva immobiliare n. 110/95 ha disposto la vendita del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: lotto unico: quota pari a 2/3 della nuda proprietà di un immobile ad uso deposito sito nel comune di Lamezia Terme, loc. Scinà, riportato nel NCEU al fg. 34, p.lla 547, sub 7, cat. C/1, cl. I, consistenza mq 860. Prezzo base € 638.350,00 Fissa in relazione alla vendita senza incanto: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari delle offerte di acquisto dell’ immobile sopra descritto, termine fino alle ore 13,00 del giorno 3 febbraio 2009, con le modalità del prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 4 febbraio 2009 ore 9,30 e segg. Fissa nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13,00 del giorno 17 febbraio 2009 con le modalità e il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 18 febbraio 2009 ore 9,30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’ immobile sopra indicato con le modalità ed il prezzo base di cui innanzi. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E.n° 163/1995 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 20 febbraio 2008; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è il debitore; considerato che la natura di tale bene, costituito da un appezzamento di terreno di esiguo valore economico, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un deterioramento del cespite nelle more della definizione della procedura dio vendita, induce a ritenere che la sostituzione del debitore con un terzo quale custode giudiziario non abbi, allo stato, utilità, ex art. 559, comma 4, c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005,263/2005 e 51/2006, fermo restando l’obbligo dello stesso di rendere il conto della gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia alla individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576

c.p.c. come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 15.223,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - "appezzamento di terreno esteso per complessivi 16.000 mq sito in Conflenti, riportato nel NCT di detto comune al foglio 34, p.lla 132, al foglio 42, p.lle 397, 223, 227, 331, al foglio 43, p.lle 305, 153, 164, 313, 234, 208, 243, 308 e al foglio 44, p.lle 46, 51, 226 e 70";. Tribunale di Locri TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.) che il Giudice dell’Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 1/1994 promossa da ITALFONDIARIO SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "Piena proprietà per la quota di 1/8, dell’appartamento, di circa 109 mq. in Siderno, costituito da un solo piano fuori terra; al NCEU risulta accatastata al foglio 34, particella 79, Cat. A/4, con una consistenza di 4 vani e una rendita di 107,42 Euro" PREZZO BASE: Euro 15.715,00 • CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "Piena proprietà dell’immobile in Siderno, adibito ad uso magazzino, ad un piano fuori terra, della consistenza di circa 60 mq.; presente al NCEU al foglio 33, particella 312 sub 2 come fabbricato in corso di costruzione" PREZZO BASE: Euro 23.619,00 • CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 3: "Piena proprietà dell’immobile in Siderno, adibito ad uso magazzino, ad un piano fuori terra, ma in realtà accatastata al NCEU come A/5 (abitazione di tipo ultrapopolare), al foglio 33 particella 312 sub 5 e foglio 33, particella 474, di vani 2, e una rendita di Euro 46,48" PREZZO BASE: Euro 46.420,00 • CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita del 15.05.2008 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 23.01.2009 TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 27/04 promossa da FINDOMESTIC BANCA SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Unità immobiliare sita nel Comune di S. Ilario dello Jonio (RC), Largo Parrocchia, riportato nel NCEU del Comune medesimo al foglio 8, particella 276, così composto: - Sub 2: locale sito al piano terra, adibito a garege di circa mq. 12, cat. C/1, cl. 2, vani 1, rendita Euro 122,093, in ditta ......; - Sub 3: locale adibito ad abitazione ed in stato di abbandono, sito al primo piano, di circa mq. 15, vani 1, cat. A/5, rendita Euro 18,59, cl. 4, in ditta ...... Il bene è pervenuto alla debitrice per atto Notaio .... del 30.04.1975.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

34 Prezzo base d’asta: Euro 13.000,00 Deposito per cauzione: Euro 1.300,00 Deposito per spese: Euro 1.950,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 05.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, DR. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 28/96 promossa da Banca Antoniana Popolare Veneta. ORDINA La vendita con incanto dei seguenti beni immobili: 1^ lotto - venduto 2^ lotto Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato elevato a doppio piano fuori terra sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica contrada Circhetto n. 12 riportata nel NCEU alla partita 1000163 foglio di mappa 1984 particella 131 P1 cat. A/3 classe 2^ cons. 6,5, con annesso lastrico solare riacente sulla particella 133 P2 cat. C Prezzo base del lotto: Euro 78.100,00 Deposito per cauzione. Euro 7.810,00 Deposito per spese: Euro 11.710,00 3^ lotto - venduto L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 23.01.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 47/01 tra BANCA POPOLARE DI NOVARA C/ .... ORDINA La Vendita con incanto dei seguenti beni immobili: 1^ LOTTO Unità immobiliare per civile abitazione a due piani fuori terra con copertura in parte a terrazzo e in parte mansardata sito nel Comune di Siderno contrada Pantanizzi riportato nel N.C.E.U. alla partita 4307 foglio di mappa 25 particella 557 cat.A/2 classe 2^ vani 10,5, con giardino annesso riportato nel NCT al foglio di mappa 25 particella 557 di mq. 600 seminativo classe 1^ e diritto vantato, in ragione di ½ sull’annesso terreno costituente una strada di accesso pedonale e carrabile al fabbricato, riportato nel NCT al foglio di mappa 25 particella 556 di mq. 110 seminativo classe 1^ Prezzo base del lotto: Euro 177.615,00 Deposito per cauzione: Euro 17.761,50 Deposito per spese: Euro 26.642,00 2^ LOTTO Terreno sito nel Comune di Siderno località Pantanizzi riportato al NCT al foglio di mappa 25 particella 1.100 di mq. 631 seminativo classe 1^, sul quale insiste un manufatto ad un piano fuori terra destinato in parte a garage-deposito ed in parte a cucina rustica realizzato in muratura di blocchi in cls. Con copertura a tetto inclinato, riportato al N.C.E.U al foglio di mappa 25 particella 1100 cat. C/2 classe 2^ cons. mq. 67 Prezzo base del lotto: Euro 38.250,00 Deposito per cauzione: Euro 3.825,00 Deposito per spese: Euro 5.737,00 3^ LOTTO Diritti vantati, in ragione di ½, sulla striscia di terreno sito nel Comune di Siderno località Pantanizzi riportato nel NCT al foglio di mappa 25 particella 559 di mq. 130 semi-

nativo classe 1^, nonché diritti esclusivi di proprietà sul terreno riportato nel NCT al foglio di mappa 25 particella 584 di mq. 530 seminativo classe 1^ Prezzo base del lotto: Euro 26.125,00 Deposito per cauzione: Euro 2.612,50 Deposito per spese: Euro 3.918,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 23.01.2009 Ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 53/1984 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a tre piani fuori terra più cantinato sito nel Comune di Roccella Jonica alla via Cannolaro traversa II riportato nel NCEU al foglio di mappa 36 particella 226 mq.120 Prezzo base del lotto: euro 56.000,00 Deposito per cauzione: euro 5.600,00 Deposito per spese: euro 8.400,00 2^ LOTTO Unità immobiliare adibita a garage posta al piano terra di un fabbricato a tre piani fuori terra più cantinato sito nel Comune di Roccella Jonica alla via Cannolaro traversa II riportato nel NCEU al foglio di mappa 36 particella 226 mq.27 Prezzo base del lotto: euro 5.600,00 Deposito per cauzione: euro 560,00 Deposito per spese: euro 840,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’udienza del 23.01.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione Dr. Davide Lauro, letti gli atti della procedura esecutiva n° 57/97 promossa da BANCO AMBROSIANO VENETO. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO Unità immobiliare per civile abitazione costituita da un fabbricato a due piani fuori terra, oltre parte di sottotetto parzialmente praticabile sito nel Comune di Brancaleone in Corso Umberto I n. 64, riportato nel NCEU alla partita 1000922, foglio di mappa 34 particella 194 sub 4, cat. A3, classe 3^, vani 6,5, in ditta ... proprietario per 1/2, ... proprietaria per 1/2. Prezzo base del lotto Euro 103.558,80 Deposito per cauzione Euro 10.355,88 Deposito per spese Euro 15.533,82 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 23.01.2009 ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI

SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR.DAVIDE LAURO , letti gli atti della Procedura Esecutiva n.59/02 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO Diritto di usufrutto sull’unità immobiliare per civile abitazioneposta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa JOnica alla Via Adige n. 12, riportata nel NCEU al foglio di mappa 25 particella 305 sub 1 Cat. A/4 classe 3^ vani 5,5; Prezzo Base del lotto € 34.000,00 Deposito per cauzione € 3.400,00 Deposito per spese € 5.100,00 2^ LOTTO Unità immobiliare a piano terra adibita a bar-ristorantre sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla Via Adige snc riportata nel NCEU al foglio di mappa 20 particella 25 cat. C/2 classe 4^ mq 93, oltre mq 96 adibiti a sala non ancora censiti per complessivi mq 189; Prezzo Base del lotto € 132.300,00 - Deposito per cauzione € 13.230,00 - Deposito per spese € 19.845,00 3^ LOTTO Fondo rustico sito nel comune di Roccella Jonica località Rossello riportato nel NCT alla partita 4560 foglio di mappa 38 particella 259 seminativo classe 3^ di are 00.29.20 Prezzo Base del lotto € 4.380,00 - Deposito per cauzione € 438.00 - Deposito per spese € 657,00 4^ LOTTO Fondo rustico sito nel comune di Roccella Jonica località Rossello riportato nel NCT alla partita 4560 foglio di mappa 38 particella 264 uliveto classe 1^ di are 00.04.50 Prezzo Base del lotto € 1.575,00 - Deposito per cauzione € 157.00 - Deposito per spese € 236,00 5^ LOTTO Fondo rustico sito nel comune di Roccella Jonica località Rossello riportato nel NCT alla partita 4974 foglio di mappa 38 particella 371 seminativo arborato classe 2^ di are 00.21.82 Prezzo Base del lotto € 3.275,00 - Deposito per cauzione € 327,50 - Deposito per spese € 491,00 L’incanto avverrà, con il prezzoda ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 05.02. 2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 69/91 promossa da BANCA DEL SUD ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO 1: "Diritto di proprietà sull’appartamento al piano terra - interno 2 ( foglio 20 p.lla 193 - sub 4) facente parte di un fabbricato adibito a civile abitazione costituito da tre piani fuori terra di cui l’ultimo non ancora completato" Prezzo base d’asta: Euro 93.736,93 Deposito per cauzione: 10% - Deposito per spese: 15% LOTTO 2: "Diritto di proprietà sull’appartamento al piano primo - interno 3 ( foglio 20 p.lla 193 - sub 5) facente parte di un fabbricato adibito a civile abitazione costituito da tre piani fuori terra di cui l’ultimo non ancora completato" Prezzo base d’asta: Euro 80.100,00 Deposito per cauzione: 10% - Deposito per spese: 15% L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 23.01.2009, ore

9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO cheilGiudicedell’Esecuzione,DR.DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 140/88 promossa da CARICAL SPA. ORDINA LA VENIDTA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione ubicata al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Gioiosa Jonica alla via Ivrea n. 1 riportato nel N.C.E.U. alla partita 2979 foglio di mappa 27 particella 49 sub 4 cat. A/3 classe 2^ vani 6,5, in ditta .... Prezzo base del lotto: Euro 99.780,00 - Deposito per cauzione: Euro 9.978,00 - Deposito per spese: Euro 14.967,00. 2^ LOTTO - Diritti vantati, in ragione di ¾ su un rudere di fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica confinante con via Campanella riportato nel N.C.E.U. alla partita 2921, foglio di mappa 27 particella 194 sub 2 in ditta ... proprietario per ¾...proprietaria per ¼, ed annesso appezzamento di terreno di mq. 65 da ricavare per frazionamento dalla particella 45 del foglio di mappa 27 e dall’intera particella 1664 del foglio di mappa 27 riportati nel NCT alla partita 3111 in ditta ... Prezzo base del lotto: Euro 14.462,00 - Deposito per cauzione: Euro 1.446,20 - Deposito per spese: Euro 2.169,00. 3^ LOTTO - Diritti vantati, in ragione di 1/6 sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Vittorio Emanuele n. 70 riportato nel N.C.E.U. alla partita 979 foglio di mappa 20 particella 385 sub 2 cat. A/3, classe 3^, vani 7, in ditta ...proprietario per 1/6, ... proprietaria per 1/6, ... proprietaria per 7/24, ...proprietaria per 9/24 e usufruttuaria per 4/6 Prezzo base del lotto: Euro 13.772,00 - Deposito per cauzione: Euro 1.377,20 - Deposito per spese: Euro 2.066,00. 4^ LOTTO - Diritti vantati, in ragione di 1/6 sull’unità immobiliare adibita a studio professionale composta da due vani per complessivi mq. 40 posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Vittorio Emanuele n. 70 riportato nel N.C.E.U. alla partita 979 foglio di mappa 20 particella 385 sub 10 cat. C/1, classe 4^, in ditta...proprietario per 1/6, ... proprietaria per 1/6, ....proprietaria per 7/24, ....proprietaria per 9/24 e usufruttuaria per 4/6 Prezzo base del lotto: Euro 4.304,00 - Deposito per cauzione: Euro 430,40 - Deposito per spese: Euro 646,00 5^ LOTTO - Diritti vantati, in ragione di 1/6 sull’unità immobiliare adibita a studio professionale composta da tre vani per complessivi mq. 60 posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica con accesso alla via XX settembre, riportato nel N.C.E.U. alla partita 979 foglio di mappa 20 particella 385 sub 9 cat. C/1, classe 4^, in ditta ... proprietario per 1/6, ...proprietaria per 1/6, ... proprietaria per 7/24, ... proprietaria per 9/24 e usufruttuaria per 4/6 Prezzo base del lotto: Euro 7.747,00 - Deposito per cauzione: Euro 774,70 - Deposito per spese: Euro 1.162,00 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5, all’udienza del 23.01.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVI-

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

35 VIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 41/86 promossa da CARICAL spa. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: I^ LOTTO Terreno sito nel Comune di Ardore contrada Serra riportato nel NCT al foglio di mappa 31 particella 172 uliveto classe 2^ di are 00.07.60; Prezzo base del lotto euro 58.000,00 Deposito per cauzione euro 5.800,00 Deposito per spese curo 8.700,00 2^ LOTTO Terreno sito nel comune di Ardore contrada Serra riportato nel NCT al foglio di mappa 31 part. 232 vigneto classe 1^ di are 00.15.50 Prezzo base del lotto euro 120.000,00 Deposito per cauzione euro 12.000,00 Deposito per spese curo 18.000,00 3^ LOTTO Diritti vantati, in ragione di 1/2, sul fabbricato in muratura ordinaria di vecchia costruzione in precarie condizioni di manutenzione, che si sviluppa su due piani sito nel Comune di Ardore contrada Cafone non censito, riportato nel NCT al foglio di mappa 31 particella 407 vigneto classe 1^ di mq 105 Prezzo base del lotto euro 13.560,00 Deposito per cauzione euro 1.356,00 Deposito per spese curo 2.034,00 L’incanto avverrà, con il prezzoda ridurre di 1/5 + 1/5, all’udienza del 5.2.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 8/90 promossa da INTESA BCI. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO 1: "fondo in Bovalino, loc. Prato, di ha 1.24.70, costituito da quattro appezzamenti di terreno riportati nel catasto terreni al foglio 6 particelle: 275, seminativo, are 10.80, r.d. {4,46, r.a. {1,39 276, seminativo, are 24.90, r.d. {10,29, r.a. {3,21 278, querceto, are 31.60, r.d. {6,53, r.a. 0,82 279, querceto, are 57.40, r.d. {11,86, r.a. 1,48 Prezzo base d’asta: euro 5.427,00 Deposito per cauzione: euro 542,70 Deposito per spese: euro 814,05 LOTTO 2: "fondo in Bovalino, loc. Prato, di ha 0.50.70, costituito da cinque appezzamenti di terreno riportati nel catasto terreni al foglio 6 particelle:. 101, uliveto, are 11.90, r.d. {9,83, r.a. {4,92 282, uliveto, are 01.00, r.d. {0,83, r.a. {0,41 283, uliveto, are 06.00, r.d. {4,96, r.a. 2,48 285, uliveto, are 11.80, r.d. {9,75, r.a. 4,88 286, uliveto, are 20.00, r.d. { 16,53, r.a. 8,26 Prezzo base d’asta:euro 8.264,00 Deposito per cauzione:euro 826,40 Deposito per spese:euro 1.239,60 LOTTO 3: "fondo in Bovalino, loc. Petrara, di are 42,70 riportato nel catasto terreni al foglio 11 particella 457, seminativo erborato, r.d. {7,72, r.a. {4,19 Prezzo base d’asta:euro 3.715,00 Deposito per cauzione:euro 371,50 Deposito per spese:euro 557,25 LOTTO 4: "quota indivisa di Y2 sul fondo in Bovalino, coltivato ad uliveto, riportato nel catasto terreni al foglio 5 particelle: 52, uliveto, are 26.80 457, r.d. {22, 15, r.a. { 11,07; 375, uliveto, are 26.80457, r.d. {22, 15, r.a. { 11,07; Prezzo base d’asta:euro 4.368,00 Deposi-

to per cauzione:euro 436,80 Deposito per spese:euro 655,20 LOTTO 5: " complesso di immobili costituito da un fabbricato a due piani fuori terra destinato ad abitazione e da due appezzamenti terreno, così identificati: 1-fabbricato in Bovalino, contrada Pozzo, stradacomunaleCompagnamene,incatasto fabbricati al foglio 7, particelle: 194 sub 1, cat. A/4, cl. 2, vani 4,5; rendita {97,61; 194 sub 2, fabbricato in rovina; 2-appezzamento di terreno sito nel Comune di Bovalino, loc. Pozzo, riportato alla partita 321, foglio 7, particelle: 240, sem. arb., are 2.10, r.d. { 1,84, r.a. {O, 54; 241, sem. arb., are 02.00, r.d. {1,76, r.a. {0,52" Prezzo base d’asta: euro 19:400,00 Deposito per cauzione: euro 1.940,00 Deposito per spese: euro 2.910,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’udienza del 27.02.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI Cancelleria Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, DR. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 18/1992 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO 1 - A) il diritto reale di proprietà, sull’appartamento, sito nel Comune di Bianco, alla via Regina Elena, facente parte di un fabbricato adibito a civile abitazione, catastalmente individuato alla partita 1620, fgl. 15, part.lla 196 sub 3, via Regina Elena, piano primo in corso di costruzione. Prezzo base d’asta (L102.000.000) Euro 52.678,60 LOTTO 2 - A) il diritto reale di proprietà, sull’appartamento, sito nel Comune di Bianco, alla via Regina Elena, facente parte di un fabbricato adibito a civile abitazione, catastalmente individuato alla partita 1621, fgl. 15, part.lla 196 sub 1, via Regina Elena, piano terra, 1^ e 2^, cat. A/3, cl.3, consistenza 7,5 vani, rc 862.500. Prezzo base d’asta (L 110.000.000) Euro 56.810,26 LOTTO 3 - A) il diritto reale di proprietà, sull’appartamento, sito nel Comune di Bianco, alla via Regina Elena, facente parte di un fabbricato adibito a civile abitazione, catastalmente individuato alla partita 1620, fgl. 15, part.lla 196 sub 2, via Regina Elena, piano terra, cat. A/3, cl.2, consistenza 5 vani, rc 490.000 Prezzo base d’asta (L 65.000.000) Euro 33.569,70 L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 05.02.2009 ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI Il G.E., Dott. Davide Lauro, letti gli atti della procedura esecutiva n. 21/06 promossa da BNL. SpA c/ ... DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto, con il prezzo da ridurre di ¼, all’udienza del 05/02/2009 degli immobili qui di seguito descritti: LOTTO 1: piena proprietà del terreno coltivato ad agrumeto, di circa 30.730,00 mq., in S. Ilaro dello Jonio, riportato in catasto al fg. 5, particelle 497-482-47-484-52-53-44-491. Prezzo Base: € 136.000,00; Cauzione: 10% del prezzo LOTTO 2: piena proprietà dei terreni colti-

vati a pascolo cespugliato, per complessivi mq. 51.120,00, in S. Ilario dello Jonio, riportati in catasto al fg. 5, particelle 499-42-40-41-492-342-341-38-59-60. Prezzo Base: € 11.246,00; Cauzione: 10% del prezzo LOTTO 3: piena proprietà del fabbricato rurale di complessivi mq. 132,00, in S. Ilario dello Jonio, riportato nel catasto al fg.5 particella 54 Prezzo Base € 29.040,00; Cauzione: 10% del prezzo LOTTO 4: piena proprietà del fabbricato rurale di complessivi mq. 57,00, in S. Ilario dello Jonio, riportato nel catasto al fg.5 particella 43 Prezzo Base € 9.405,00; Cauzione: 10% del prezzo Stabilisce per la vendita senza incanto le seguenti condizioni: -entro le ore 12 deI giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella Cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo per partecipare alla vendita senza incanto; -l’offerta deve essere inserita in busta chiusa al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è presentata; -l’offerta deve essere accompagnata dal deposito di una cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare con assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; -l’offerte in aumento, nel caso di cui all’rt. 573 c.p.c. non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; -l’offerente dovrà nel termine perentorio di 60 gg. dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; -il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente, alle conseguenze di cui all’art. 587 Il co. Cpc. Nel contempo, DISPONE che ove si debba procede ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 c.p.c., il pubblico incanto avverrà all’udienza del 02/04/2009, ai prezzi sopra riportati per ciascun lotto da ridurre di ¼.

TRIBUNALE DI LOCRI Cancelleria Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, DR. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 28/95 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI SPA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO Diritti vantati in ragione di ½ sul fabbricato a tre piani fuori terra in c.a., in corso di costruzione, con corte annessa per una superficie complessiva di mq. 240, insistente su terreno sito in Comune di Roccella Jonica, C. da S. Onofrio, catastalmente riportato alla partita 4346, foglio di mappa 18, particella 26/b, pascolo arborato, classe 1^, r.d.L.9.800, r.a. 3.920, in ditta...proprietario per ½ e ... proprietaria per ½. Prezzo Base del lotto Euro 14.750,01 Deposito per cauzione Euro 1.423,36 Deposito per spese Euro 2.212,50 2^ LOTTO Diritti vantati in ragione di ½ sulla rimanente porzione del terreno sito nel Comune di Roccella Jonica, C.da S. Onofrio, catastal-

mente riportato alla partita 4346, foglio di mappa 18, particella 26/a, pascolo arborato (attualmente vigneto), classe 1^, r.d.L.9.800, r.a. 3.920, in ditta...proprietario per ½ e ... proprietaria per ½. Prezzo Base del lotto Euro 7.602,25 Deposito per cauzione Euro 760,22 Deposito per spese Euro 1.140,34 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’udienza del 05.02.2009 ore 9,00, davanti a sé nella presente sede.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 48/2006 promossa da SCARFO’ C. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "Quota del 50% sulla piena proprietà del fabbricato sito in Siderno (RC) contrada Scinà, con corte di pertinenza composto da: - piano terreno in corso di costruzione, riportato nel catasto l foglio 27, Part. 661, sub 1-2; - - piano primo abitabile, riportato nel catasto al foglio 27, part. 661, sub 3, vani 6,5; - lastrico solare, riportato nel catasto al foglio 27, Part. 661, sub 4"; PREZZO BASE: Euro 197.000,00 • CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "Piena proprietà del fabbricato rurale sito in Gioiosa Jonica (RC), Rione Europa, viale delle Rimembranze, di circa mq. 15,00, riprotato nel catasto al foglio 31, particella 84""; PREZZO BASE: Euro 2.400,00 • CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 23.11.2007 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 05.02.2009.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONE IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 52/01 promossa da FINDOMESTIC BANCA SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Riace località Pruppi riportato nel NCT alla partita 1766, foglio di mappa 9, particella 40, seminativo irriguo arborato classe 1^ di are 00.40.60, in ditta .............................. comproprietario, ........................... comproprietaria PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 5.238,00 • DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 523,80 • DEPOSITO PER SPESE: Euro 785,00 2° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Stignano località Favaco riportato nel NCT alla partita 1108 foglio di mappa 20, particella 62, seminativo irriguo arborato classe 1^ di are 00.10.50 in ditta Comune di Stignano concedente, ................................. livellario PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 5.418,00 • DEPOSITO PER CAUZIONE:

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

36 seminativo irriguo arborato classe 1^ di are 00.07.60 in ditta Comune di Stignano concedente, ................................. livellario PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.922,00 • DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 392,20 • DEPOSITO PER SPESE: Euro 588,00 4° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Stignano località Favaco riportato nel NCT alla partita 1108 foglio di mappa 20, particella 67 seminativo classe 3^ di are 00.05.30 in ditta Comune di Stignano concedente, ................................. livellario PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 1.097,00 • DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 109,70 • DEPOSITO PER SPESE: Euro 164,00 5° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Stignano località Favaco riportato nel NCT alla partita 1108 foglio di mappa 20, particella 132 seminativo irriguo arborato classe 1^ di are 00.14.60 in ditta Comune di Stignano concedente, ................................. livellario PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 7.534,00 • DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 753,40 • DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.130,00 6° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Stignano località Favaco riportato nel NCT alla partita 1108 foglio di mappa 20, particella 136 seminativo classe 4^ di are 00.19.40 in ditta Comune di Stignano concedente, ................................. livellario PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 4.016,00 • DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 401,60 • DEPOSITO PER SPESE: Euro 602,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5 + 1/5 + 1/5, all’udienza del 05.02.2009 ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI Cancelleria Esecuzioni Immobiliari SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della procedura esecutiva n°. 126/95 promossa da Banca Nazionale del Lavoro Ordina la vendita con incanto dei seguenti beni immobili - Lotto n°. 1: diritti vantati, in ragione di ½, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato a due piani sito nel Comune di Grotteria contrada Agliona riportato nel NCEU al foglio di mappa 40 particella 489 sub 3 cat. A/7 classe 1 vani 7, in ditta...proprietario per ½ e... proprietaria per ½. Prezzo base del lotto: € . 32.550,00; Deposito per cauzione: € . 3.255,00; Deposito per spese: € . 4.882,00. - Lotto n°. 2: diritti vantati, in ragione di ½, sull’unità immobiliare adibita a laboratorio artigianale, allo stato rustico, posta al piano seminterrato di un fabbricato a due piani sito nel Comune di Grotteria contrada Agliona riportato nel NCEU al foglio di mappa 40 particella 489 sub 6 cat. C/2 classe U mq. 335, in ditta...proprietario per ½ e...proprietaria per ½. Prezzo base: € . 44.170,00; Deposito per cauzione: € . 4.417,00; Deposito per spese: € . 6.625,00. - Lotto n°. 3: diritti vantati, in ragione di ½, sull’unità immobiliare adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato a due piani sito nel Comune di Grotteria contrada Agliona riportato nel NCEU al foglio di mappa 40 particella 489 sub 4 cat. C/2 classe U mq. 194, in ditta...proprietario per ½ e...proprietaria per ½. Prezzo base: € . 28.700,00; Deposito per cauzione: € . 2.870,00;

Deposito per spese: € . 4.305,00. L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5 + 1/5, all’udienza dell’08.01.09 ore 9:00, davanti a sé nella presente sede. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 2/2007 promossa da BANCA CARIME SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Piena proprietà dell’appartamento posto al primo piano (lato nord-est) del complesso immobiliare "Edil-Vacanze" sito nel centro abitato del Comune di Bianco, via Lungoferrovia, interno 4ç, scala D, Edificio D, della superficie complessiva di mq. 64,00 circa, calcolata a norma dell’art. 2 del D.M. 10 maggio 1977; l’appartamento è dotato di diritto esclusivo della porzione di suolo, destinato a piazzola di sosta della superficie di mq. 10,00 circa, graficamente rappresentata ed individuata con il n. 37 della planimetria allegata al Regolamento di Condominio, nonché della quota ideale di tutta la corte comune indicata in mappa con la particella 855 sub 1. Riportato nel catasto fabbricati del Comune di Bianco al foglio 16, particella 855 subalterno 51, cat. A/2, classe 1, consistenza vani 4, rendita Euro 206,58" PREZZO BASE: Euro 77.000,00 • CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita del 28.09.2007 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 23.01.2009

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO cheilGiudicedell’Esecuzione,DR.DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 44/89 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO Terreno sito nel Comune di Benestare, Località Pirarelli, catastalmente riportato alla partita 5137, foglio di mappa 5, particella 203, pascolo arborato, di are 00.11.40, classe 2^, r.d. lire1.368, r.a. lire 798, in ditta ... proprietario per 1/2, e ... proprietaria per 1/2. Prezzo base del lotto lire 3.600.000 - euro 1.859,24 Deposito per cauzione lire 360.000 - euro185,92 Deposito per spese lire 540.000 - euro 278,89 2^ LOTTO Fabbricato composto da piano terra e primo piano dito nel Comune di Benestare, Località Pirarelli, riportato nel NCEU alla partita 1409, foglio di mappa 5, particella 682, della superficie complessiva di mq. 200,35, cat.A/7, classe U, vani 11, r.lire.1.540.000, in ditta ... proprietario per 1/2, e ... proprietaria per 1/2. Prezzo base del lotto lire 64.907.500 - euro 33.521,93 Deposito per cauzione lire 6.490.750 - euro 3.352,19 Deposito per spese lire 9.736.125 - euro 5.028,29

3^ LOTTO Terreno sito nel Comune di Benestare, Località Rodia, catastalmente riportato alla partita 6281, foglio di mappa 20, particella 49, vigneto (effettivo agrumeto), di are 00.08.10, classe 1^, r.d. lire 14.985, r.a. lire 8.910, in ditta ... proprietario per 1/2, e ... proprietaria per 1/2. Prezzo base del lotto lire 6.480.000 - euro 3.346,64 Deposito per cauzione lire 648.000 - euro 334,66 Deposito per spese lire 972.000 - euro 502,00 L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 05.02.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ------ alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’ offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: euro 103,29 (lire 200. 000) per il 1° lotto; euro 1.549,37 (lire 3.000.000) per il 2°; euro 154,94 (lire 300,00) peri il 3°. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 05.02.2009.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura esecutiva n. 48/98 r.es.imm. promossa da RUSO ANTONIO, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO N. 1 - Unità immobiliare adibita a negozio con retrostante deposito posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Locri alla Via Marconi n. 148 riportato nel NCEU al foglio di mappa n. 19, particella 399, sub 1, cat. C/2, classe 2ª, mq. 156. Prezzo Base del lotto € 75.000,00 - Deposito per cauzione € 7.500,00 - Deposito per spese € 11.250,00 LOTTO N. 2 - AGGIUDICATO il 7.04.2008. LOTTO N. 3 - AGGIUDICATO il 7.04.2008. LOTTO N. 4 - AGGIUDICATO il 7.04.2008. LOTTO N. 5 - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Locri alla Via Marconi n. 90/A riportata nel NCEU al foglio di mappa 19, particella 399, sub 5, cat. A/2, classe 1ª vani 6,5, con annesso garage posto al piano terra ricadente sulla particella 376, sub 5, cat. C/6, classe 2ª mq. 11. Prezzo Base del lotto € 58.850,00 - Deposito per cauzione € 5.885,00 - Deposito per spese € 8.827,00 LOTTO N. 6 - ESTINTO con ordinanza deposita il 30.05.2008. LOTTO N. 7 - ESTINTO con ordinanza depositata il 30.05.2008. LOTTO N. 8 - AGGIUDICATO il 7.04.2008. LOTTO N. 9 - ESTINTO con ordinanza depositata il 30.05.2008. LOTTO N. 10 - Diritto di usufrutto sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al

terzo piano di un fabbricato a quattro piani fuori terra sito nel Comune di Locri alla Via Marconi n. 90/A riportata nel NCEU al foglio di mappa 19, part. 399, sub 9, cat. A/2, classe 1ª, vani 6,5. Prezzo Base del lotto € 9.000,00 - Deposito per cauzione € 900,00 - Deposito per spese € 1.350,00 LOTTO N. 11 - Fabbricato a tre piani fuori terra destinato in parte a farmacia (piano terra) ed in parte a civile abitazione (primo e secondo piano), con annesso garage e terreno circostante sito nel Comune di Antonimina alla Via Littorio nn. 27-29 riportato nel NCEU alla partita 462, foglio di mappa 13, particella 769, sub 1, cat. C/1, classe 3ª, mq. 18; particella 769, sub 2 e 854 cat. A/2, classe U, vani 6, mentre il terreno è riportato nel NCT alla partita 1182, foglio di mappa 758, seminativo arborato, classe 1ª, di are 00.01.50. Prezzo Base del lotto € 75.000,00 - Deposito per cauzione € 7.500,00 - Deposito per spese € 11.250,00 LOTTO N. 12 - Vecchio fabbricato ad un piano fuori terra destinato a deposito sito nel Comune di Antonimina alla Via Littorio riportato nel NCEU alla partita 1000150, foglio di mappa 13, part. 328, cat. C/2, classe 2ª, mq. 128. Prezzo Base del lotto € 27.000,00 - Deposito per cauzione € 2.700,00 - Deposito per spese € 4.050,00 LOTTO N. 13 - Fabbricato ad un piano fuori terra destinato a officina-garage sito nel Comune di Antonimina alla Via Littorio riportato nel NCEU alla partita 1000150, foglio di mappa 13, part. 1005, cat. C/6, classe 2ª, mq. 62. Prezzo Base del lotto € 12.500,00 - Deposito per cauzione € 1.250,00 - Deposito per spese € 1.875,00 LOTTO N. 14 - Appezzamento di terreno sito nel Comune di Antonimina Località Pirainuso riportato nel NCT alla partita 1182, foglio di mappa 15, particella 22, uliveto, classe 3ª, di are 00.16.50. Prezzo Base del lotto € 2.400,00 - Deposito per cauzione € 240,00 - Deposito per spese € 360,00 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 23.01.2009 - ore 9.00, davanti a sé nella presente sede ed in secondo esperimento in data --- alle stesse condizioni e con le stesse modalità.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO cheilGiudicedell’Esecuzione,DR.DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 64/1993 promossa da CONSOLI G. RICHIESTO DA ITALFONDIARIO. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 26.05.2008 LOTTO 1: "piena proprietà di un garage posto al piano terra di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Siderno alla via Latticugna. Prezzo base d’asta: euro 19.600,00 LOTTO 2: "piena proprietà di una unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Siderno alla via Latticugna . Prezzo base d’asta: euro 30.360,00 LOTTO 3: "piena proprietà di una unità immobiliare per civile abitazione posta al piano primo di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Siderno alla via Latticugna. Prezzo base d’asta: euro 140.000,00 LOTTO 4: "piena proprietà di una unità immobiliare in corso di costruzione posta al piano secondo di un fabbricato a tre piani fuori terra sito nel Comune di Siderno alla via Latticugna.Prezzo base d’asta: euro

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

37 Tribunale di Palmi TRIBUNALE DI PALMI Sezione Esecuzioni Immobiliari Proc.Esec.Imm. 59/06 Estratto Ordinanza di Vendita con Incanto La sottoscritta Dott.ssa Concetta Maria Costa, notaio con sede in Palmi delegato dal Giudice dell’esecuzione del Tribunale di Palmi dott.ssa Emanuela Ruscio per la procedura esecutiva n. 59/06 R.G.E. con ordinanza del 19 giugno 2008, avvisa che il giorno 26 gennaio 2009 alle ore 12.00 nell’aula di udienze del Tribunale di Palmi denominata "Corte di Assise" si procederà alla vendita all’incanto in relazione alla procedura immobiliare di cui sopra, del seguente bene immobile pignorato: - Lotto Unico In comune di Rizziconi contrada Tamburo, fondo rustico della superficie complessiva di metri quadrati 9.790 (novemilasettecentonovanta). Diritto da vendere: intera piena proprietà Prezzo Base D’Asta: euro 40.000,00. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad euro 1.000,00. Il fondo rustico oggetto della procedura ricade in zona agricola secondo lo strumento urbanistico vigente nel comune di Rizziconi. Detto bene è meglio descritto nella relazione di stima a firma dell’esperto dott. Agronomo Diego Ricciardi, in atti presso la Cancelleria delle Esecuzioni del Tribunale di Palmi. Ogni offerente interessato dovrà versare, entro le ore 12,00 del giorno lavorativo precedente l’incanto venerdì 23 gennaio 2009. TRIBUNALE DI PALMI Avviso d’Asta Procedimento di esecuzione immobiliare n.ro 74/87 promosso da INTESA GESTIONE CREDITI Il sottoscritto notaio Maria Tripodi, con studio in Polistena alla via Cavour n.ro 5, delegato dal Giudice dell’Esecuzione Immobiliare con provvedimento del 14 dicembre 2005; Avvisa in data 26 gennaio 2009 alle ore dieci e minuti trenta, (10.30), presso i locali dell’intestato Tribunale (aula delle pubbliche udienze denominata Aula Corte di Assise) si procederà alla vendita al pubblico incanto degli immobili di seguito descritti: LOTTO N.RO 1 -quota parte comune e indivisa, pari a 4/7, del fondo rustico in località Strazzata di Palmi, di natura uliveto, esteso complessivamente ha. 5.69.48. Il fondo costituito da uliveto di vecchio impianto frammisto a piante discretamente giovani, si compone di un unico corpo formato dall’insieme di particelle e da una striscia separata di consistenza assai contenuta, ricadente poco distante dal corpo principale, ancorchè lungo la medesima strada vicinale Paluce lungo la quale si sviluppa una considerevole parte del fronte del fondo. Oltre a quella di accesso si rinviene la presenza di una serie di strade interpoderali di uso pubblico che assicurano la migliore fruizione del fondo anche ai fini delle attenzioni colturali. Costituiscono dotazione del fondo due fabbricati rurali ad unica elevazione, la prima di circa 100 mq in blocchi di calcestruzzo e la seconda di circa 120 mq in cemento armato, destinati a ricovero attrezzi agricoli e scorte. Tali fabbricati, sorgono ai margini della strada vicinale di accesso al fondo e non risultano accatastati nè assistiti da autorizzazioni amministrative. La loro condizione giuridica appare tuttavia sanabile e l’accatastamento perfezionabile. Prezzo base d’asta euro 56.371,26 (cin-

quantaseimilatrecentosettantuno/26). LOTTO N.RO 3 -quota parte comune e indivisa, del fondo in località Strazzata di Seminara, di natura uliveto, con diritti pari a 4/7 sulla porzione di ha. 0.73.30 e diritti pari a 2/7 sulla porzione di consistenza pari a ha.0.44.70. Le porzioni di fondo sono poco distanti fra loro e dislocate entrambe lungo la strada comunale Strazzata, che separa il territorio di Palmi da quello di Seminara. Sono entrambe coltivate ad uliveto, di antico impianto. La giacitura del terreno è leggermente acclive. Ottima accessibilità al fondo. Prezzo base d’asta euro 6.454,71 (seimilaquattrocentocinquantaquattro/71). LOTTO N.RO 4 Trattasi di un immobile ricadente nel pieno centro storico di Palmi, ad angolo tra le vie Gramsci e Rimembranze, oggetto di completa ristrutturazione in epoca discretamente recente. lotto 4a:-quota parte comune e indivisa, pari a 4/7, di locale terraneo adibito ad esercizio commerciale, in atto ristorante, in Palmi, con doppio accesso dalla via Rimembranze, di consistenza pari a mq. 62. Prezzo base d’asta euro 18.865,01 (diciottomilaottocentosessantacinque/01). lotto 4b:-quota parte comune e indivisa, pari a 4/7, di appartamento distribuito tra il piano primo quanto alla zona giorno ed il piano secondo con terrazzo quanto alla zona notte, in Palmi alla via Gramsci, di consistenza pari a mq. 102 complessivi. Prezzo base d’asta euro 23.873,83 (ventitremilaottocentosettantatré/83). LOTTO N.RO 5 -quota parte comune e indivisa, pari a 2/21, di fondo di natura uliveto in località Garanta di Seminara, di consistenza complessiva pari a ha. 1.68.40. L’intero fondo è costituito da due appezzamenti poco distanti fra loro, individuati precisamente il primo da particelle riconvertite ad uliveto, il secondo da particelle sulle quali si trova uliveto di antico impianto. Il primo giace in fregio alla strada comunale Strazzata e presenta andamento pianeggiante, il secondo si sviluppa in fregio alla strada comunale Ronciglio e sviluppa altimetrico discretamente acclive. Prezzo base d’asta euro 1.642,30 (milleseicentoquarantadue/30). LOTTO N.RO 6 -fondo in località Paterna di Seminara, di natura uliveto e piccola porzione di agrumeto, con diritti pari all’intero sulla porzione di consistenza complessiva pari a ha. 3.63.60, con servitù passiva su una particella, nonchè diritti pari a 1/9 su porzione di consistenza complessiva pari a ha. 0.91.80. Trattasi di un compendio rustico, con giacitura del terreno leggermente acclive, di ottima accessibilità perchè servito da un sistema viario ben organizzato, facente capo alle comunali Strazzata e Ronciglio. L’impianto colturale, risulta uliveto, con qualche sacca tuttavia incolta. Risultano conservate le porzioni agrumetate. Per quanto riguarda il fabbricato rurale ivi esistente, di consistenza invero significativa, si rileva la stato di fatiscenza, ancorchè rivesta un indubbio valore instrinseco per l’eventuale ricostituzione della consistenza manufatta. Prezzo base d’asta euro 37.298,99 (trentasettemiladuecentonovantotto/99). LOTTO N.RO 7 Il fabbricato, realizzato con moderna struttura in cemento, copre una superficie di mq. 550 all’interno del lotto di complessivi mq. 900. Il suolo libero configura delle porzioni utili per l’accesso alla parte posteriore del fabbricato, altrimenti preclusa, nonchè un comodo invito di accesso dalla strada provinciale Scuola Agraria su cui prospetta e un piazzale posteriore antistante all’accesso al locale seminterrato.

lotto 7a: -locale/magazzino deposito, in Palmi rione Trodio, a piano terra. Prezzo base d’asta euro 71.680,00 (settantunomilaseicentottanta/00). lotto 7b: -appartamento a piano primo, finito e abitabile, della consistenza di 7,5 (sette virgola cinque) vani catastali, in Palmi rione Trodio, prospettante verso la via scuola Agraria, con diritti condominiali sul lastrico solare. Prezzo base d’asta euro 68.812,80 (sessantottomilaottocentododici/80). lotto 7c: -appartamento a secondo piano, rustico, da perfezionarsi il condono edilizio, in Palmi rione Trodio, prospettante verso la via scuola Agraria, con diritti condominiali sul lastrico solare. Prezzo base d’asta euro 44.851,20 (quarantaquattromilaottocentocinquantuno/20). lotto 7d: -appartamento a piano terra, finito e abitabile della consistenza di 6,5 (sei virgola cinque) vani catastali, in Palmi rione Trodio, prospettante su lato opposto alla via scuola Agraria, con diritti condominiali sul lastrico solare. Prezzo base d’asta euro 57.344,00 (cinquantasettemilatrecentoquarantaquattro/00). lotto 7e: -appartamento a primo piano, al rustico, in Palmi rione Trodio, prospettante sul lato opposto alla via scuola Agraria, con diritti condominiali sul lastrico solare. Prezzo base d’asta euro 43.745,28 (quarantatremilasettecentoquarantacinque/28). lotto 7f: -appartamento a primo piano, al rustico, in Palmi rione Trodio, in posizione intermedia del corpo del fabbricato, con diritti condominiali sul lastrico solare. Prezzo base d’asta euro 47.923,20 (quarantasettemilanovecentoventitré/20). lotto 7g: -appartamento a secondo piano, al rustico, in Palmi rione Trodio, prospettante sul lato opposto alla scuola Agraria, con diritti condominiali sul lastrico solare, da perfezionarsi il condono edilizio. Prezzo base d’asta euro 37.642,24 (trentasettemilaseicentoquarantadue/24). lotto 7h: -appartamento a secondo piano, al rustico, in Palmi rione Trodio, in posizione intermedia del corpo del fabbricato, con diritti condominiali sul lastrico solare, da perfezionarsi il condono edilizio. Prezzo base d’asta euro 41.472,00 (quarantunomilaquattrocentosettantadue/00). lotto 7i: -locale ad uso industriale di mq. 550, già frantoio oleario, al piano seminterrato di fabbricato di maggior consistenza in Palmi rione Trodio, compreso il sedime di accesso. Prezzo base d’asta euro 90.112,00 (novantamilacentododici/00). TRIBUNALE DI PALMI Avviso d’Asta Procedimento di esecuzione immobiliare n.ro 86/2001 promosso da: INTESA BCI GESTIONE CREDITI Il sottoscritto notaio Maria Tripodi, con studio in Polistena alla via Cavour n.ro 5, delegato dal Giudice dell’Esecuzione Immobiliare con provvedimento del 16 luglio 2004; Avvisa in data 26 gennaio 2009 alle ore dieci e minuti trenta, (10.30), presso i locali dell’intestato Tribunale (aula delle pubbliche udienze denominata Aula Corte di Assise) si procederà alla vendita al pubblico incanto dell’immobile di seguito descritto: LOTTO UNICO

Ubicazione: terreno ubicato in contrada Marotta, di Rizziconi; Consistenza: piena proprietà di un fondo rustico della superficie originaria di ettari 1.59.10.,con annessi manufatti (n.ro 7 serre a tunnel in struttura tubolare), per la produzione di funghi in celle climatizzate (n.ro 2 celle di mq. 540 cadauna e n.ro 1 cella di incubazione); un pozzo per irrigazione; una vasca coperta di raccolta acque da 150 mc, con sovrastante vano in muratura utilizzato come deposito attrezzi vari; un serbatoio per il gasolio contenuto in vasca in c.a. per contenere eventuali perdite, ed un edificio in cemento armato, a due elevazioni fuori terra, costituito da due locali deposito al piano terra e due appartamenti al piano primo. Diritto da vendere: intero; Stato di possesso: utilizzato dagli esecutati; Conformità urbanistico-edilizia Pratiche edilizie: Concessione edilizia dell’8.7.91Prot.4539,pratican.1002,parere C. Edilizia dell’11.10.88; Nulla Osta di Genio Civile n.6069 2° TER/Rep. 8° dell’11.7.91; Concessione Edilizia dell’8.7.91 Prot.4540, pratica n.1003, parere C.Edilizia dell’1.7.88; Nulla Osta di Genio Civile n.6428 2° TER/Rep. 8° dell’1.7.91; Parere favorevole della C. Edilizia del 29.12.93 relativo ad una variante in corso d’opera sul fabbricato in c.a. autorizzato con Concessione Edilizia n.1002. Relativamente al fabbricato in c.a. a due elevazioni esiste una leggera difformità rispetto al progetto di variante che consiste nella costruzione di una seconda scala esterna di accesso al piano superiore e nella realizzazione di un modesto vano spogliatoio al piano terra, tuttavia già autorizzato nel progetto originario. La difformità è sanabile con la presentazione di un nuovo progetto di assestamento. Si osserva, pertanto, fatte salve le determinazioni dell’Autorità Amministrativa, che per le opere abusive si configura la necessità di richiedere la sanatoria ex. art. 36 D.P.R. 6 giugno 2001 n.ro 380 modificato ed integrato dal D.lgs 301/01. Impianti: non conformi alla L. n.ro 46/90. Prezzo base d’asta euro 167.428,54. Tribunale di Paola TRIBUNALE DI PAOLA AVVISO DI GARA A SEGUITO DI INTERVENUTA OFFERTA DI AUMENTO DI SESTO ( artt. 584 e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto dott. Fernando CALDIERO, con studio in Cetraro alla via F. Pirrino n. 37, nominato in sostituzione del precedente delegato con provvedimento del 21-23/04/2007, VISTO -l’ordinanza di vendita emanata del Giudice dell’Esecuzione dottoressa Maria Luisa ARIENZO in data 05-11 novembre 2004 con cui è stata disposta la vendita all’incanto dei beni pignorati nel procedimento esecutivo n. 281/97 R.E. e sono state delegate al sottoscritto professionista le relative operazioni; -il verbale da me redatto in data 17 novembre 2008, con il quale si è dato atto dell’aggiudicazione provvisoria per il prezzo di euro 158.323,26 che dopo l’incanto è stata presentata rituale offerta in aumento del sesto ex art. 584 c.p.c. per il prezzo di euro 184.710,47 (centoottantaquattromilasettecentodieci/47) ; VERIFICATA La validità dell’offerta in aumento RITENUTO Che occorre indire la gara ex art. 573 c.p.c su detta offerta in aumento di sesto RENDE NOTO

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it

Segue


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

38 Che il giorno 20 aprile 2009 alle ore 9,30, presso il proprio studio in Cetraro in via F. Pirrino n. 37, si svolgerà la gara su detta maggiore offerta di euro 184.710,47 (centoottantaquattromilasettecentodieci/47) con offerte minime in aumento di euro 1.000,00 euro (mille/00) per la vendita in un unico lotto, della piena proprietà dei beni assoggettati ad espropriazione, ubicati nel Comune di Amantea (CS). Tribunale di Vibo Valentia TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura di espropriazione immobiliare n. 26/96 SI RENDE NOTO Che il G.E. con ordinanza emessa in data 18/10/2005 ha disposto la vendita per l’udienza del giorno 03/02/2009, ore 9,30 dei seguenti beni pignorati: Lotto n.1: Terreni siti in agro di Drapia località Petti di Torre Gallo, censiti alla part. n. 2286, Sup. mq 32.560. quota 1000/1000. Prezzo base € 17.032,75 da ridursi di 1/5. Lotto n.2: Fabbricato per civile abitazione e retrostante terreno di pertinenza dello stesso manufatto ubicato in Comune di Drapia, Via Provinciale, 87, censito al Comune di Drapia NCEU foglio 5, part. 438, partita n.1001160 piano pt 1, cat.A/6 nonchè foglio 17 part.79 partita n.1576.Sup.mq 280. Prezzo base € 13.295,67 da ridursi di 1/5. Lotto n.3: Terreno sito nel Comune di Drapia località Petti di Torre Gallo, censito al NCT del Comune di Drapia alla partita 1576 foglio 19, part.n. 135 e 190. Sup. mq 5310, quota 1000/1000. Prezzo base € 1.371,19 da ridursi di 1/5. Lotto n.4: Terreno ubicato nel Comune di Drapia nei pressi del centro abitato, frazione Caria NCT del Comune di Drapia, partita 1576, foglio 10 comprendente part. 52. Sup. mq 2480. Quota in vendita 1000/1000. Prezzo base € 3.842,44 da ridursi di 1/5. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Estratto per pubblicazioneReg. Gen. n. 56/00 Procedura di espropriazione immobiliare promossa da B.P.C. Estratto di ordinanza di vendita per pubblicazione ex art. 490 c.p.c. Si rende noto che il Giudice dell’Esecuzione ha disposto in data 17.06.2008 di procedersi alla vendita dei seguenti beni immobili: 1) LOTTO N.1: Terreno ricadente in zona b residenzialedicompletamentodelPRGdel Comune di Pizzoni, superficie mq. 190. In catasto al foglio 10, p.lle 747, 748, 749. Prezzo base d’asta € . 2.943,80. STABILISCE per la vendita con incanto l’udienza del 20.01.2009 TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA PROCEDURAESECUTIVAIMMOBILIARE N.RO 94/03 R.G.E. *** Il sottoscritto Avv. ELEONORA GRECO, professionista delegato ai sensi e per gli effetti dellart. 591 bis C.P.C. dal Giudice Delle Esecuzioni Immobiliari, in merito all’esecuzione di cui sopra, promossa dalla B.N.L. a v v i s a che IL GIORNO 6.02.2009 ALLE ORE 10 PRESSO IL TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA -ACURADELSOTTOSCRITTOPROFESSIONISTA DELEGATO SI TERRA’ LA VENDITA SENZA INCANTO DEL BENE IMMOBILE MEGLIO DESCRITTO NELLA RELAZIONE DI STIMA, POSTO IN VENDITA IN UN UNICO LOTTO e precisamente:

- Locale destinato ad esercizio commerciale posto al piano terra di un edificio a più piani sito in Comune di Briatico, Via Matteotti, esteso metri quadrati 70 (settanta) circa, riportato in Catasto Fabbricati del Comune di Briatico al Foglio di Mappa 3, particella 610 sub 8, Via Matteotti n. 4, categoria C/1, classe 1, metri quadrati 70 (settanta) rendita catastale euro 574,82. PREZZO BASE EURO 63.302,00 * nel caso in cui la gara non possa avere luogo per mancanza di adesioni da parte degli offerenti;* nel caso in cui l’unica offerta non sia superiore ad un quinto del prezzo base tranne che il creditore procedente abbia manifestato espressamente il suo assenso all’aggiudicazione; CHE FISSA SIN D’ORA per il giorno 20 febbraio 2009 alle ore 11 al prezzo base d’asta suindicato con offerta minima in aumento € 1.900,00 pari al 3% (tre per cento) del prezzo base; con cauzione pari al 10% (dieci per cento) del prezzo base d’asta E SI TERRA’ presso lo studio legale in Vibo Valentia Via Vittorio Veneto n. 68, piano primo, alle seguenti condizioni di vendita:- Le domande di partecipazione all’incanto dovranno essere presentate presso presso lo studio legale succitato due giorni prima la data fissata per l’incanto entro le ore 12,00. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONE IMMOBILIARE Procedura esecutiva immobiliare n. 102/92 Il sottoscritto Cancelliere addetto all’Ufficio Esecuzione Immobiliare dell’Intestato Tribunale comunica che il G.E. ha disposto in data 14.11.07 di procedersi alla vendita con incanto dei beni pignorati alle condizioni richieste dei seguenti beni così individuati: LOTTO IN VENDITA: quota indivisa pari a 1/28 della piena proprietà di un terreno sito nel Comune di Nicotera, loc. Mineo, superficie ha 0.57.00; identificato al catasto del predetto Comune al foglio 25, p.lla 119, qualità uliveto, classe 1. Prezzo base d’asta: € 500,00. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa entro le ore 12.00 de giorno precedente l’udienza fissata con una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). L’offerente depositando offerta dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Il Giudice dell’esecuzione ha pronunciato la seguente ordinanza Visti gli atti del procedimento n?29/01 R.G.E pendente tra Banco di Napoli spa E xxx riscontrata la regolarità del titolo esecutivo, del precetto e del pignoramento; riscontrato che sono stati eseguiti gli incombenti di legge e che sono stati rispettati i termini; vista la richiesta di vendita dei beni pignorati; visto l’art. 576 c.p.c; dispone la vendita con incanto degli immobili pignorati da aver luogo davanti a sè all’udienza del 24.02.2009 ore 11, 00, alle seguenti condizioni: 1) entro le ore 11 del giorno precedente la vendita, ciascun offerente dovrà presentare domanda e versare in cancelleria la cauzione che fissa nella misura del 10% e delle spese di vendita che fissa nella misura del 15% che dovranno essere effettuati mediante deposito sul libretto bancario intestato alla procedura;

2) le offerte in aumento non potranno essere inferiori a € 1.000,00; 3) le spese di trasferimento e di cancellazione delle ipoteche saranno a carico dell’aggiudicatario; 4) il Cancelliere curerà la pubblicità legale; il creditore istante, almeno 20 gg. prima della vendita, farà inserire un avviso per estratto su " Il Domani - Progetto Aste o " Il Mercatone"; Ulteriori informazioni potranno essere richieste presso la cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Vibo Valentia; Beni in vendita Lotto unico : -Unità immobiliare sita nel comune di Soriano Calabro, piano primo, appartamento per civile abitazione, superficie mq. 162, riportato al NCEU al foglio di mappa 16, p.lla 337, sub.4. Prezzo base d’asta € 19.644,80. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 10.2.09. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell’esecuzione, letti gli atti della procedura esecutiva n. 42/86 R.G. Es. promossa da Banca Nazionale del Lavoro c/..... ORDINA la vendita con incanto all’udienza del 20/01/2009, dei beni immobili pignorati distinti nei seguenti lotti: Lotto n.1: fabbricato sito nel Comune di Vazzano C.da Giardino composto da tre piani fuori terra ancora in corso di costruzione. In catasto al fg. 18 p.lla 592 sub 2 PT in corso di costruzione, 592 sub 3 P.1 vani 8 A/3, 592 sub 4 P.2 in corso di costruzione. Prezzo base d’asta € 89.068,50 Lotto n.2: Capannone adibito ad uso stalla, per una superficie pari a mq 500 e fienile di mq 350, sito nel Comune di Vazzano C.da Giardino. In catasto al fg. 18 p.lle 488 e 480. Prezzo base d’asta € 115.360,00 Lotto n.3: Terreno edificabile sito nel Comune di Vazzano C.da Giardino rientrante in zona di completamento B e spazi pubblici attrezzati. In catasto al fg 18 p.lla 538 mq 5250, 480 di mq 100 e 453 di mq 1200 per i terreni edificabili in zona B, e la rimanente part. 453 di mq 5290 per i terreni in zona S.P.A.. Prezzo base d’asta € 163.390,40 Lotto n.4: Terreno agricolo in media collina località Giardino, in catasto alla fg. 18 p.lla 479 di mq 12.530, 480 di mq 2710, 488 di mq 6940, 538 di mq 9687, 252 di mq 2180. Prezzo base d’asta € 60.276,04 Lotto n.5: Terreno agricolo collinare sito nel comune di Vazzano. In catasto al fg. 21 p.lla 180 in parte in località Mandra per mq 7030, al fg. 24 in località Pietra p.lle 51,52,99 e 100. Prezzo base d’asta € 9.097,52 Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad euro 1.000,00 Ciascun offerente dovrà depositare entro le ore 11 del giorno precedente la vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base da versarsi mediante deposito su un libretto bancario di cui 10% a titolo di cauzione e 15% a titolo di spese. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura di espropriazione immobiliare n.

42/02, PROMOSSA DA CAREGNATO CHIUSURE INDUSTRIALI S.r.l. SI RENDE NOTO Che il G.E. con ordinanza emessa in udienza in data 20.06.2006 ha disposto la vendita in unico lotto per l’udienza del giorno 3/02/09, alle ore 11,00 del seguente immobile pignorato: Appartamento per civile abitazione, di tipo economico, posto al sesto piano (attico) di un immobile a sei elevazioni fuori terra, sito in Vibo Valentia alla Via Traversa Mattatoio, n. 15, si compone di soggiorno, due camere, cucina, bagno, ripostiglio e corridoio, oltre un ampio terrazzo ad uso esclusivo, sul terrazzo sono iniziati lavori di copertura dello stesso. L’appartamento ha una superficie coperta netta di mq 84,00, lorda di mq. 103,00, oltre a mq. 143 di terrazzo ad uso esclusivo. Il tutto confina con Via Traversa Mattatoio, e per gli altri due lati con spazi di isolamento. Censito al NCEU al foglio di mappa 7, p.lla 357 sub 17, cat. A/3, classe 3, vani 5, rendita euro 362,04, ancora in testa a Lo Schiavo Giovanni, per un costo di euro 6.000,00 da detrarre sul prezzo di stima del bene. L’immobile è pervenuto al debitore in virtù di testamento pubblico, trascritto presso la conservatoria dei RR.II. di Catanzaro al 28.11.1980 ai nn. 1972/1970. Il prezzo base è stabilito in euro 45.922,56 (ridotto di un quinto). Le offerte non potranno essere inferiori ad euro 1.000,00. L’ammissione all’incanto è subordinata al deposito di apposita domanda entro le ore 11 del giorno precedente a quello fissato per l’incanto ed al deposito della cauzione che fissa nella misura del 10% e delle spese di vendita che fissa nella misura del 10% che dovranno essere versati mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura. Ulteriori informazioni presso la Cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Vibo Valentia.

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura di espropriazione immobiliare n°.35/1994 R.G.E. si rende noto che il G.E., con ordinanza emessa in data 13.05.2008 ha disposto la vendita in unico lotto per l’udienza del giorno 13.01.2009 ore di 11.00 dei seguenti beni pignorati: quota pari a ½ indiviso della piena proprietà di un appartamento per civile abitazione sito nel comune di Nicotera alla Via Foschea, piano primo, composto da n. 5 vani principali, compresa cucina e servizi e box. L’appartamento è riportato nel NCEU del comune di Nicotera al foglio 18, p.lla 42 sub 1, cat A/4, classe 2, vani 5. Il box è riportato in NCEU al foglio 18, p.lla 452, sub 1, mq. 10,00 L’immobile sarà venduto in unico lotto al prezzo base di € .38.970,00; Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a € .500,00. Ogni offerente per poter essere ammesso all’incanto dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 11 del giorno prima dell’udienza fissata per l’incanto, il 25% del prezzo base d’asta (10% per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura, vincolato al GE). L’aggiudicatario dovrà, entro sessanta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva, versare il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo della cauzione. Ulteriori informazioni presso la cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Vibo Valentia.

Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it


Enti e Istituzioni - Gennaio 2009

39 Enti e Istituzioni AMC S.P.A AZIENDA PER LA MOBILITA’ DELLA CITTA’ DI CATANZARO ESTRATTO BANDO DI GARA Procedura Aperta - ai sensi del Decreto Legislativo n. 163 del 12 aprile 2006 - per la somministrazione di ricambi originali IVECO. Codice identificativo gare CIG : 02396315CO L’A.M.C. s.p.A. - Azienda per la Mobilità della Città di Catanzaro - con sede in Viale Magna Grecia s.n.c. - 88100 S. Maria di Catanzaro (tel.0961/781467 - fax 0961/781478) indice gara con procedura aperta, ai sensi del Decreto Legislativo n. 163 del 12 aprile 2006 per la somministrazione ai sensi dell’art. 1569 e seguenti del C.C. di ricambi originali IVECO (GRUPPO FIAT) occorrenti per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli autobus aziendali,dal 31.12.2008 al 31.12.2010. L’Aggiudicazione della gara verrà eseguita in base al criterio del "Prezzo più basso" ai sensi dell’art. 82 del D.Lgs.vo 163/2006. Importo a base d’asta € 300.000,00 (euro trecentomila) soggetto solo ed esclusivamente ad offerte al ribasso. Le offerte dovranno pervenire all’A.M.C. S.p.A. - Azienda per la Mobilità della Città di Catanzaro - Viale Magna Grecia - 88060 S. Maria di Catanzaro entro e non oltre le ore 12.00 del

giorno 16 dicembre 2008 nei modi precisati dal bando integrale pubblicato nell’albo Pretorio del Comune di Catanzaro e sul sito aziendale wWW.amcspa.it. La gara verrà esperita in pubblica seduta il giorno 17 dicembre 2008 alle ore 10,3O. Il disciplinare di gara, il capitolato speciale di oneri, e relativi allegati, la documentazione occorrente per la valida partecipazione alla gara sono consultabili e scaricabili sul sito aziendale www.amcspa.it. Per eventuali informazioni concernenti gli aspetti tecnico-amministrativi, il Capitolato Speciale di oneri sulle norme di gara e di aggiudicazione, è possibile rivolgersi al responsabile del procedimento Dott. Gianfranco Muleo - Capo Servizio Contratti - Affari Generali - Tel. 0961/781467- fax 0961/781478, tutti i giorni feriali - escluso il sabato - dalle ore 9.00 ale ore 13.00. II Presidente del C.d.A. (Dott. Francesco Romeo) REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO BILANCIO E PATRIMONIO Via Massara, 2 - 88100 Catanzaro ESTRATTO DI BANDO DI GARA Procedura aperta ai sensi del D. Lgs n. 163 del 12.04.2006 per l’ affidamento del Servizio di brokeraggio assicurativo a favore della Giunta Regionale. - Durata del contratto: mesi 48 a decorrere dalla stipula del con-

tratto. -Criterio di aggiudicazione art. 83 comma 1 del D.Lgs n. 163 del 12.04.2006, offerta economicamente più vantaggiosa. - Importo complessivo presunto Euro € 20.377,68 esclusi altri eventuali oneri accessori. Il codice identificativo della gara è il seguente: CIG N°0234254084 . Scadenza per la presentazione delle offerte ore 12,00 del 12.01.2009. Aperture buste 19.01.2009 alle ore 11,00. Gli atti di gara potranno essere richiesti entro le ore 12 del 8.01.09 all’indirizzo in intestazione dal lunedì al venerdì - ore 9-13- tel. Tel.0961/856278 - 0961/856254 0961/772319 Fax 0961/779789 e mail g.dellacqua@regcal.it e sono anche disponibili presso LINEAPPALTI su www.fareonline.it , sul sito del Ministero per le Infrastrutture www.serviziocontrattipubblici.it , sulla GURI, sulla GUCE, sul sito della Regione Calabria www.regione.calabria.it , sul BURC. Il Bando è stato inviato alla GUCE in data 19.01.2008. Responsabile del Procedimento: rag. Giuseppe Dell’Acqua. IL DIRIGENTE GENERALE Luigi Bulotta UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Istruzione, Alta Formazione e Ricerca REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2000/2006 MISURA 3.7 "FORMAZIONE SUPERIORE

E UNIVERSITARIA" Azione 3.7 b "Incentivi alle persone" POR FSE CALABRIA 2007/2013 ASSE IV CAPITALE UMANO Obiettivo Operativo M.2 "Sostenere la realizzazione di percorsi individuali di alta formazione per giovani laureati e ricercatori presso organismi di riconosciuto prestigio nazionale e internazionale ed il rientro il Calabria per l’inserimento lavorativo in imprese, università e centri di ricerca" PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D’AZIONE 2008 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER PER LA PARTECIPAZIONE A MASTER E DOTTORATI UNIVERSITARI ENTE APPALTANTE: Dipartimento11 Cultura ,Istruzione ,Università, Ricerca Scientifica,Alta Formazione-Via Molè Fabbricato A 88100 Catanzaro PRESENTAZIONE DOMANDE: per la tipologia A la domanda di voucher, deve essere presentata a partire dal 9/12/2008 ed entro il 30°giorno dalla data di pubblicazione del presente Avviso sul BUR Calabria. per la tipologia B, la domanda di voucher deve essere presentata a partire dal 9/12/2008 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Per entrambi le tipologie ,la domanda deve essere compilata on-line sul sito www.regione.calabria.it/istruzione e inviate a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Il Dirigente del Settore Il Dirigente Generale -Dott. Giuseppe Rossi- Arch. Laura Mancuso

Per la pubblicità su

"QuiEconomia" Commerciale e iniziative editoriali Millenaria - Società Cooperativa Discesa P.zza Nuova, 19 88100 Catanzaro Tel. 39 (0961)709626 Fax 39 (0961 489109

Servizi Speciali e Rubricata Mediatag Spa Località Serramonda 88040 Marcellinara ( Cz ) Tel. 39 (0961) 996802 Fax 39 (0961) 903421 email: infocatanzaro@mediatag.it - info@mediatag.it

Il primo giornale della Calabria dedicato all'economia Gli annunci integrali sono consultabili sul sito www.aste.eugenius.it



QuiEconomia