Page 1

Marzo 2013

Anno 6 Nr 49

Nell'ultimo sondaggio di Bankitalia emerge chiaramente che gli italiani hanno pochi soldi da investire negli immobili. Il risultato è un mercato fermo

Se la casa diventa un lusso Prezzi troppo alti e mutui poco avvicinabili scoraggiano le compravendite. Le aste restano l'unico strumento per intravedere occasioni vantaggiose di Cesare Gilardi

Risparmio Energetico

Il sondaggio della Banca d’Italia sul mercato delle abitazioni nel nostro Paese (relativo all’ultimo trimestre 2012) conferma la debolezza del settore e le attese sul breve periodo restano sfavorevoli in riferimento sia al mercato locale sia a quello nazionale, anche se le valutazioni di un miglioramento nel medio periodo tornano a superare quelle di peggioramento per la prima volta da cinque trimestri. Prosegue la flessione dei prezzi delle abitazioni secondo il 79,3 per cento degli agenti immobiliari. La quota di agenti che dichiarano di aver venduto almeno un immobile si è attestata al 64,4 per cento; nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente si riscontra una flessione di otto punti percentuali, contro il calo di 10 punti nella rilevazione dello scorso ottobre. Nello scorcio finale del 2012 il saldo tra risposte di aumento e diminuzione delle giacenze degli incarichi a vendere è stato pari a 37,7 punti percentuali, in rialzo di circa 10 punti sempre su base annua. a pag. 4

Mutui

In Europa aumenta la potenza eolica

L’energia eolica sta prendendo gradualmente il sopravvento. In Europa sta crescendo in maniera esponenziale il ricorso a questa fonte di energia pulita, con grande soddisfazione delle regioni più ventose. L’anno scorso si è rivelato un periodo di notevole affermazione per l’energia eolica a livello europeo. a pag. 7

Notai Un sostegno alle giovani srl

Fare impresa, un’aspirazione di molti italiani, influenzati, con molta probabilità, da una tradizione tutta italiana dell’investire su se stessi, puntando sulle proprie capacità, esperienze e interessi. Una abitudine che, storicamente, è stata alla base del “saper fare” italiano. a pag. 6

Il commento di Luca Leone

Il Italia sono più alti che nell’Ue

Pignoramenti, ecco la nuova disciplina per i terzi

Dai dati rielaborati da Adusbef e Federconsmatori a partire da quelli diffusi dalla Banca centrale europea e da Bankitalia, aggiornati a dicembre 2012, emerge una situazione molto sfavorevole per i cittadini italiani. a pag. 4

L’art. 1, comma 20, della legge 24 dicembre 2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) ha introdotto alcune significative modifiche alla disciplina codicistica dell’espropriazione presso terzi, che rendono decisamente più semplice che in passato la vita del creditore procedente, ma ben più gravi le conseguenze per il terzo debitore non collaborativo. È noto, infatti, che l’espropriazione presso il terzo è un procedimento che il più delle volte si svolge in assenza sia del debitore principale – il che può essere anche fisiologico - sia del terzo pignorato. a pag. 5

TRIBUNALI DELLA CORTE D’APPELLO DI MILANO a pag. 8

VISITA IL PORTALE DI

Trovalo su www.astepress.it


Domande e risposte 2 Primo Piano 4 Primo Piano 5 Notai 6 Risparmio Energetico 7

8 23


Primo Piano

Asteinfoappalti

4

Il sondaggio di Bankitalia fotografa una situazione ancora difficile

Inghilterra, Christie’s “dismette” le cantine di sua maestà Il Governo britannico, causa piano di razionalizzazione della sua fornitissima cantina di Lancaster House, vicino a Buckingham Palace (40.000 etichette), come riporta Winenews, venderà all’incanto alcune partite, doppioni o poco consumate. L’asta, curata da Christie’s, andrà in scena il 21 marzo a Londra, e avrà come protagonisti, almeno sul piano delle quotazioni, lotti top made in France: 6 bottiglie di Chateau Petrus 1970 (£ 6.000), 12 di Le Pin 1986 (£ 10.000) e 12 Chateau Mouton-Rothschild 1986 (£ 6.000), per un valore complessivo stimato in 50.000 sterline. L’asta del 21 marzo potrebbe essere la prima di una serie.

All’asta due cene dello chef Ferran Adrià Due cene preparate dal guru catalano della cucina molecolare, Ferran Adrià, da aggiudicarsi all’asta che sarà battuta da Sotheby’s il 3 aprile a Hong Kong e il 26 dello stesso mese a New York. Un’occasione da non perdere per tutti coloro che sono rimasti a bocca asciutta, senza poter provare i piaceri de El Bulli, il premiato ristorante del padre della cucina molecolare o tecnoemozionale, potrà rifarsi partecipando alla gara all’incanto. La base d’asta è 5mila euro per cena, ciascuna per 4 persone. Il ricavato andrà a favore della Fondazione El Bulli, un centro di ricerche culinarie che aprirà le porte in Spagna nel 2014.

La regione Campania mette all’asta le auto blu La regione Campania sta proseguendo nella sua spending review: da ieri, infatti, sono ufficialmente all’asta le autovetture utilizzate dagli assessori. Ermanno Russo, assessore al Demanio e Patrimonio nella giunta Pdl guidata dal governatore campano Stefano Caldoro, annuncia l’avviso di asta pubblica per la vendita delle autovetture dell’amministrazione di palazzo Santa Lucia, pubblicato sul bollettino ufficiale della regione Campania. Le autovetture scelte per l’asta sono 13: nove Alfa Romeo modello 166, una Lancia Thesis e tre Lancia Lybra. Tutte di cilindrata superiore ai 1600. All’asta può partecipare chiunque ed è possibile anche rivolgere offerte per una sola vettura.

Immobili, un settore debole Tra le cause c’è la mancanza di proposte di acquisto a causa dei prezzi

di Cesare Gilardi

Il sondaggio della Banca d’Italia sul mercato delle abitazioni nel nostro Paese (relativo all’ultimo trimestre 2012) conferma la debolezza del settore e le attese sul breve periodo restano sfavorevoli in riferimento sia al mercato locale sia a quello nazionale, anche se le valutazioni di un miglioramento nel medio periodo

Raggiunge il 16% lo sconto medio ottenuto dall’acquirente sul prezzo iniziale dell’immobile (15,4% nella precedente segnalazione) mentre il tempo medio impiegato per le trattative di vendita si attesta su 8,5 mesi da 8,2 tornano a superare quelle di peggioramento per la prima volta da cinque trimestri. Prosegue la flessione dei prezzi delle abitazioni secondo il 79,3 per cento degli agenti immobiliari. La quota di agenti che dichiarano di aver venduto almeno un immobile si è attestata al 64,4 per cento; nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente si riscontra una flessione di otto punti percentuali, contro il calo di 10 punti nella rilevazione dello scorso ottobre. Nello scorcio finale del 2012 il saldo tra risposte di aumento e diminuzione delle giacenze degli incarichi a vendere è stato pari a 37,7 punti percentuali, in rialzo di circa 10 punti sempre su base annua. Vi ha plausibilmente contribuito l’au-

mento del saldo dei nuovi incarichi (26,5 punti percentuali, da 10,3 nello stesso periodo del 2011) che potrebbe essere associato agli effetti dell’inasprimento dell’imposta sulla proprietà. Tra le cause di cessazione degli incarichi a vendere, trova conferma la maggiore rilevanza della mancanza di proposte di acquisto a causa di prezzi percepiti come troppo elevati (segnalata dal 63,6 per cento degli agenti); è pressoché stabile (intorno al 49 per cento) la quota di chi riporta proposte di acquisto a prezzi valutati troppo bassi dal venditore. Per il terzo trimestre consecutivo diminuisce, pur rimanendo su livelli elevati, la quota di operatori che segnalano, fra le determinanti dell’estinzione degli incarichi a vendere, la difficoltà di reperire un mutuo da parte dei potenziali acquirenti (a 55,4 da 57,9 per cento). Aumenta leggermente il peso sia del protrarsi del periodo che intercorre tra il conferimento dell’incarico e l’effettiva transazione dell’immobile (a 24,8 da 22,6 per cento) sia delle attese, da parte dei venditori, di prezzi più elevati nel futuro (a 23,9 da 21,9 per cento). Raggiunge il 16 per cento lo sconto medio ottenuto dall’acquirente sul prezzo iniziale dell’immobile (15,4 per cento nella precedente segnalazione), mentre il tempo medio impiegato per le trattative di vendita si attesta su 8,5 mesi da 8,2. La quota di acquirenti che sceglie di contrarre un mutuo per l’acquisto dell’abitazione si è ridotta ulteriormente, mentre diminuisce per il secondo trimestre consecutivo anche il rapporto tra l’ammontare del prestito sottoscritto e il valore dell’immobile.

Mutui, in Italia i tassi più alti Le banche applicano uno spread superiore a quello adottato nella zona euro Dai dati rielaborati da Adusbef e Federconsmatori a partire da quelli diffusi dalla Banca centrale europea e da Bankitalia, aggiornati a dicembre 2012, emerge una situazione molto sfavorevole per i cittadini italiani interessati a prestiti o a stipulare mutui per l’acquisto di un’abitazione. L’Italia detiene il record negativo sull’ammontare dei tassi d’interesse applicata ai finanziamenti, le banche applicano infatti uno spread nettamente superiore rispetto a quello applicato nel resto della zona Euro. Per esemplificare la differenza monetaria

che si trova a dovere pagare un cittadino del Bel Paese rispetto ad uno dell’Unione europea pensiamo a chi, già fortunato vista la stretta creditizia delle banche, riesce a ottenere un mutuo di importo pari a 100 mila euro da restituire in 30 anni. Il cittadino in questione dovrà rendere mensilmente 515 euro dovendo pagare un tasso alla banca pari a 4.64%, rispetto ai 446 euro, tasso pari a 3,45%, che dovrebbe pagare un tedesco, un francese o un qualsiasi altro abitate dell’eurozona per restituire lo stesso mutuo.

Per l’inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Asteinfoappalti

Primo Piano

5

Si aggravano le conseguenze per il terzo non collaborativo. La non comparizione si equipara a una dichiarazione di non contestazione

Pignoramenti, ecco le novità Dopo la legge di stabilità 2013 cambia la disciplina dell’espropriazione presso terzi, che semplifica la procedura del creditore

di Luca Leone*

L’art. 1, comma 20, della legge 24 dicembre 2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) ha introdotto alcune significative modifiche alla disciplina codicistica dell’espropriazione presso terzi, che rendono decisamente più semplice che in passato la vita del creditore procedente, ma ben più gravi le conseguenze per il terzo debitore non collaborativo. È noto, infatti, che l’espropriazione presso il terzo è un procedimento che il più delle volte si svolge in assenza sia del debitore principale – il che può essere anche fisiologico - sia del terzo pignorato, di norma indifferente al soggetto al quale rendere la propria prestazione e, dunque, restio a perdere il proprio tempo in una procedura finalizzata, dal suo punto di vista, unicamente all’individuazione del soggetto legittimato a ricevere la prestazione dovuta. La mancata collaborazione del terzo, tuttavia, chiamato a rendere la dichiarazione relativa alle cose

Da oggi il terzo, soprattutto se non è debitore di alcuna somma o se lo è di somme inferiori a quelle indicate dal creditore, dovrà prestare molta attenzione a non disinteressarsi alle procedure esecutive che lo vedono coinvolto quale terzo debitore o alle somme di cui era a propria volta debitore costringeva il creditore procedente, prima di poter proseguire il processo esecutivo, a un’ulteriore dispendiosa attività processuale di cognizione incidentale, necessaria per l’accertamento dell’obbligo del terzo. Al fine di rendere più agevoli gli adempimenti del terzo, scarsamente collaborativo, il legislatore era già intervenuto con la L 24 febbraio 2006 n. 52, di riforma delle esecuzioni mobiliari, prevedendo la possibilità per quest’ultimo con esclusione delle esecuzioni per crediti di lavoro - di rendere la

propria dichiarazione, entro dieci giorni dalla notifica dell’atto di pignoramento (termine ritenuto ordinatorio), direttamente al creditore a mezzo raccomandata, evitandogli così di doversi recare personalmente in udienza e di sostenere i relativi oneri. Sul punto la legge di stabilità 2013 ha introdotto un’ulteriore agevolazione a favore del terzo prevedendo la possibilità per lo stesso di comunicare la dichiarazione di cui all’art. 547 non solo a mezzo raccomandata ma anche mediante posta elettronica certificata all’indirizzo che il creditore procedente

ha l’obbligo di indicare nell’atto di pignoramento presso terzi. Qui, tuttavia, finiscono le agevolazioni per il terzo. Al fine di scoraggiare comportamenti non collaborativi di quest’ultimo, nonché per semplificare, velocizzare e deflazionare il contenzioso, la disciplina introdotta dalla legge di stabilità ha di fatto capovolto gli effetti della mancata dichiarazione del terzo introducendo una sorta di presunzione a danno dello stesso che non ammette prova contraria. Secondo la previgente disciplina, difatti, se il terzo non compariva o rifiutava di rendere la dichiarazione o negava di essere debitore, il creditore procedente era costretto a iniziare un giudizio ordinario di cognizione per l’accertamento dell’obbligo del terzo. Con il recente intervento normativo, al contrario, l’omessa dichiarazione o la non comparizione del terzo vengono equiparate a una dichiarazione di non contestazione. Il credito pignorato, difatti, nei termini indicati dal creditore, si considera non contestato ai fini del procedimento in corso e dell’esecuzione fondata sul provvedimento di assegnazione. Con la conseguenza che, per le procedure iniziate successivamente al 1 gennaio 2013, scompare il giudizio incidentale di accer-

Sopra la Camera dei Deputati. A sinistra, l’avvocato Luca Leone

tamento dell’obbligo del terzo. Sarà quest’ultimo a dover impugnare, nelle forme e nei termini dell’opposizione agli atti esecutivi, l’ordinanza di assegnazione dei crediti qualora si ritenga leso dalla stessa. Ma solo nel caso in cui sia in grado di provare di non averne avuto tempestiva conoscenza per irregolarità della notificazione o per caso fortuito o forza maggiore. Altrimenti il credito si avrà per non contestato. Nel caso in cui, invece, sorgano contestazioni sulla dichiarazione del terzo, le stesse verranno risolte dal giudice dell’esecuzione con ordinanza anch’essa impugnabile nelle stesse forme e termini. Dunque, dal 1 gennaio di quest’anno, il terzo, soprattutto se non sia debitore di alcuna somma o se lo sia di somme inferiori a quelle indicate dal creditore, dovrà prestare molta attenzione a non disinteressarsi, come avveniva in passato, alle procedure esecutive che lo vedono coinvolto quale terzo debitore.

*Studio legale Leone, Roma

Per l’inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Notai

Asteinfoappalti

6

Il Consiglio nazionale del notariato insieme alla Luiss realizza www.larancia.org, un portale dedicato alle start up

Un network per aspiranti imprenditori Ogni giorno sul sito interviste, opinioni, risposte alle domande più frequenti, segnalazioni di bandi e approfondimenti

di Andrea Morrone

Fare impresa, un’aspirazione di molti italiani, influenzati, con molta probabilità, da una tradizione tutta italiana dell’investire su se stessi, puntando sulle proprie capacità, esperienze e interessi. Una abitudine che, storicamente, è stata alla base del “saper fare” italiano. Negli ultimi anni questa tendenza si è un po’ smarrita, attaccata su vari fronti dalle vicissitudini della crisi economica. Ma qual è la via d’uscita? Il networking. Lo hanno intuito il Consiglio nazionale del notariato e la Luiss Guido Carli, che insieme hanno dato vita al portale www.larancia.org, la risorsa web dedicata a tutti i ragazzi che vogliono tradurre la loro idea in impresa. La nuova piattaforma web, realizzata dal Consiglio nazionale del notariato con la collaborazione scientifica della Luiss di Roma, mette a disposizione tutti gli strumenti e le informazioni necessarie per chi vuole fare impresa. Ogni giorno su l’arancia.org interviste, opinioni, punti di vista originali, risposte alle domande più frequenti, segnalazioni di bandi, borse di studio, finanziamenti, approfondimenti specifici di docenti Luiss. Tutto ciò che può aiutare a fare il grande salto verso la realizzazione di un’attività propria.

L’arancia.org è una community che aiuta a trovare le occasioni migliori per realizzare l’idea imprenditoriale nell’economia reale. Uno spazio di discussione indipendente fatto per gli utenti e aperto a tutti, con una forte presenza sui social network, Facebook, Twitter e YouTube. Sono stati presentati i primi dati relativi alle Srl semplificate (Srls), riservate ai giovani con meno di 35 anni, con un capitale minimo di 1 euro fino ad un massimo di 10mila euro. Al 31 dicembre 2012 sono state costituite 2.941 Srls. I notai, in accordo col Governo, seguono i giovani in questa iniziativa prestando la loro attività gratuitamente sul modello standard e garantendo i controlli di legalità necessari. L’altra novità in tema societario è rappresentato dalle Srl a capitale ridotto che può essere costituita anche da soggetti con più di 35 anni con un capitale sociale iniziale anche solo di 1 euro. Al 31 dicembre 2012 sono 1221 le Srl a capitale ridotto costituite nei primi sei mesi di attuazione della norma. Il Consiglio nazionale del notariato mette a disposizione il suo know how per supportare i futuri imprenditori. Sul sito è possibile rintracciare il notaio più vicino per avere consigli da esperti. La Luiss mette invece a disposizione le sue competenze, fornendo contenuti utili a chi vuole avviare un’attività in proprio.

Sono ben 466 le società nate nella Capitale da agosto 2012

A Roma boom di srl semplificate Sono 2.941 le srl semplificate costituite in Italia nei primi 4 mesi dalla loro introduzione nell’ordinamento giuridico (29 agosto 2012) e 1.221 le srl a capitale ridotto costituite in 6 mesi (dal 26 giugno 2012). Sono quindi 4.162 le imprese costituite attraverso i due nuovi modelli societari introdotti rispettivamente dal decreto liberalizzazioni e dal decreto sviluppo convertito nel mese di agosto. Questi gli ultimi dati disponibili aggiornati a gennaio, forniti dal Consiglio nazionale del notariato. Quattro le regioni italiane in cui il numero di costituzione di srl semplificate e srl a capitale ridotto è stato più elevato: Lazio (631); Campania (598); Lombardia (506) e Sicilia

(347). Seguono la Toscana (292); la Puglia (250); il Veneto (241); l’Emilia-Romagna (237); l’Abruzzo (220) e il Piemonte (147). In coda Trentino Alto Adige (27) e Valle d’Aosta (5). La Campania è la regione in cui sono state costituite il maggior numero di Srl Semplificate (483); seguita dal Lazio (462); dalla Lombardia (343) e dalla Sicilia (273). Il Lazio è la regione in cui sono state costituite il maggior numero di Srl a capitale ridotto (169); seguono la Lombardia (163); l’Emilia-Romagna (119) e la Campania (115). La città in cui sono state costituite il maggior numero di società è Roma, con 120 srl a capitale ridotto e 346 srl semplificate (in totale 466).

Per l’inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Asteinfoappalti

Risparmio Energetico

7

La capacità installata di generazione di energia prodotta dal vento è aumentata del 12,3% superando la soglia dei 100 gw

L’Europa aumenta la potenza eolica Nel vecchio continente i principali fornitori di produzione dalle turbine offshore sono ora il Regno Unito, la Danimarca e il Belgio do un mix complessivo a livello nazionale di 745,8 kw ogni 1000 abitanti, seguita dalla Spagna con 408,8 kw / 1000 abitanti, e Portogallo con 429,2 kw / 1000 abitanti, mentre l’energia eolica ha rappresentato percentuali relativamente elevate del mix energetico anche in Svezia, Germania e Irlanda su base pro capite. Per quanto riguarda la capacità di generazione di energia eolica offshore, ha registrato una crescita record lo scorso anno, e la tendenza dovrebbe proseguire nel 2013 e 2014. La capacità eolica offshore è aumentata di oltre il 32% nel 2012, aumentando di 4705,8 mw nel 2012, in confronto ai 3549 del 2011. I principali fornitori di produzione di energia rinnovabile dalle turbine eoliche offshore sono ora il Regno Unito (2679 mw), la Danimarca (922 mw), il Belgio (380 mw), Germania (280 mw), Paesi Bassi (228 mw), Svezia (163 mw), Finlandia (26 mw), Irlanda (25 mw) e Portogallo (2 mw).

di Alessandro Greco

L’energia eolica sta prendendo gradualmente il sopravvento. In Europa sta crescendo in maniera esponenziale il ricorso a questa fonte di energia pulita, con grande soddisfazione delle regioni più ventose. L’anno scorso si è rivelato un periodo di notevole affermazione per l’energia eolica a livello europeo. Questo è facilmente deducibile dalle cifre: la capacità installata di generazione di energia eolica è aumentata del 12,3% superando la soglia dei 100 gw, secondo EurObserv’Er 2012 Wind power barometer. Alla fine dell’anno, la capacità di generazione dell’energia eolica dell’Ue ha rappresentato 105,6 Gw grazie a una nuova capacità di 11840 mw, entrato in servizio nel 2012. Le turbine eoliche hanno generato più di 200 Twh nel 2012, in aumento rispetto ai 178,9 Twh nel

La metà della capacità totale di energia eolica europea è stata installata nel corso degli ultimi sei anni. Danimarca è in testa in termini di capacità di generazione eolica tra i singoli paesi europei

2011. L’energia eolica ha rappresentato il 26% di tutte le nuove potenze installate nell’Ue nel 2012 e ricopre il 7% della domanda di elettricità in Europa, rispetto al 6,3% alla fine del 2011, l’equivalente alla produzione di energia di 39 centrali nucleari. Tuttavia, la strada verso il successo non è stata facile, in quanto il settore europeo dell’ener-

gia eolica ha avuto bisogno di circa una ventina di anni per ottenere i primi 10 gw collegati alla rete e 13 anni per aggiungere ulteriori 90 gw. La metà della capacità totale di energia eolica europea è stata installata nel corso degli ultimi sei anni. Danimarca è in testa in termini di capacità di generazione eolica tra i singoli paesi europei, raggiungen-

La strada verso il successo non è stata facile, in quanto il settore europeo dell’energia eolica ha avuto bisogno di circa una ventina di anni per ottenere i primi 10 gw collegati alla rete e 13 anni per aggiungere ulteriori 90 gw

Calo dei consumi elettrici nel 2013 Il 2013 inizia con un forte calo dei consumi elettrici in Italia e, al contempo, con un vero e proprio crollo della produzione termoelettrica schiacciata da una portentosa crescita delle rinnovabili. I dati, relativi ai primi due mesi dell’anno e raffrontati con lo stesso periodo del 2012, sono quelli di Terna e parlano chiaro. A gennaio i consumi sono scesi del 2% e le centrali termoelettriche hanno prodotto il 9,9% in meno. Le condizioni climatiche, però, hanno rallentato anche la produzione da fotovoltaico che è scesa del 6,6%. È stata compensata però dall’eolico, che ha prodotto ben il 40,8 in più. Forte crescita (+ 36,6%) anche per l’idroelettrico. Tre le costanti nei primi due mesi

dell’anno: le prime due sono il calo dei consumi e dell’uso dei pompaggi. Cioè dell’idroelettrico con due bacini di accumulo, uno superiore e uno inferiore, che molti vedono come una possibile soluzione per accumulare l’energia rinnovabile prodotta in eccesso rispetto alla domanda. Terza costante che si può notare leggendo i dati di Terna è che sud e isole continuano a sfamare il nord. A gennaio la Sicilia ha esportato 0,21 gwh di elettricità, che sono confluiti in quell’1,4 gwh che il sud ha ceduto al nord al quale si aggiunge un modesto 0,05 gwh ceduto dalla Sardegna. A febbraio la Sicilia ha esportato 0,36 gwh, il sud 2,5 gwh e la Sardegna 0,56 gwh.

Per l’inserimento di ordinanze rivolgersi a System Comunicazione Pubblicitaria: legale@ilsole24ore.com


Marzo 2013

8 VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI

TRIBUNALI DELLA CORTE D’APPELLO DI MILANO LE VENDITE GIUDIZIARIE sono aperte a tutti e per parteciparvi non è richiesta l’assistenza di un legale o di altro professionista. Si tengono presso l’ufficio del Giudice Delegato. Possono essere con incanto o senza incanto, come indicato nell’ordinanza di vendita. Oltre al prezzo sono dovuti gli oneri fiscali (IVA E IMPOSTA DI REGISTRO) con possibilità di utilizzare le agevolazioni di legge (prima casa, imprenditore agricolo, ecc..). Il trasferimento della proprietà e la consegna avvengono all’atto del decreto di trasferimento, previo versamento del saldo prezzo nel termine previsto e delle eventuali spese di voltura catastale. Il mancato pagamento del saldo nel termine comporta la perdita della cauzione, salvo il risarcimento del danno ex art. 587 C.P.C. (leggere attentamente l’ordinanza di vendita). La trascrizione dell’acquisto e la cancellazione degli eventuali pignoramenti e

ipoteche avvengono a cura del Tribunale senza spese. Non è previsto l’intervento del Notaio. Il decreto di trasferimento prevede l’ordine di rilascio dell’immobile se occupato dal fallito. COME PARTECIPARE - Presentare la domanda di partecipazione su carta semplice con BOLLO di euro 14,62 contenente: la denominazione del fallimento e del numero della Procedura Esecutiva, delle generalità dell’offerente (codice fiscale, stato civile, regime patrimoniale se coniugato, visura camerale se trattasi di una società - allegando preferibilmente fotocopia della carta di identità), della descrizione del bene o del lotto che si intende acquistare nel caso di più lotti, del prezzo offerto (necessario se la vendita è SENZA INCANTO), allegando assegno/i circolare/i intestato all’ Ufficio Esecuzioni Immobiliari Tribunale di Milano pari al 10% del prezzo

offerto (quale cauzione) e altro assegno circolare (a titolo di spese) pari al 15% ove la vendita sia soggetta a registro,o di un importo in misura fissa indicato espressamente nell’ordinanza (di solito 542,28 euro) ove la vendita sia soggetta ad IVA. ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LE DISPOSIZIONI DELL’ORDINANZA DI VENDITA PRIMA DI EMETTERE GLI ASSEGNI CIRCOLARI. NON INSERIRE NEGLI ASSEGNI IL NUMERO DELLA PROCEDURA. La domande e gli assegni debbono essere consegnate presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, piano primo, entro le ore 12.30 del secondo giorno precedente la vendita (orari cancelleria per informazioni lun-sab 9-13). Nelle vendite con incanto (se stabilito in ordinanza), l’offerente non divenuto aggiudicatario che abbia omesso di partecipare all’incanto senza documentato

e giustificato motivo vedrà restituita la cauzione solo nella misura dei 9/10 dell’intero importo versato. Prima di presentare l’offerta, secondo le modalità previste nell’ordinanza, è opportuno consultare la perizia depositata in cancelleria o pubblicata sul sito web www.fallimentitribunalemilano.net e visionare l’immobile previo accordo con il curatore al quale potranno essere rivolte ulteriori richieste di chiarimenti.

VAPRIO D'ADDA - VIA PER CASSANO 26 : CASCINALE con terreno, piscina, campo da tennis e laghetto,parzialmente ristrutturato con attrezzature da cantiere. Prezzo base Euro 850.000,00. Vendita senza incanto 08-05-2013 ore 12.50. G.E. Macchi C. Curatore fallimentare Avv. Ingrillì F. Tel 0254120312. Rif. RGE 567/09 M0000784

Prezzo base: Euro 1.105.000.=.oltre oneri accessori di legge. Svolgimento della procedura di vendita: 9 Maggio 2013 alle ore 15:00 c/o Studio La Croce Via Vittor Pisani 8/a. Presentazioni delle offerte in busta chiusa: 7 Maggio 2013 alle ore 12:00 c/o Studio La Croce. Per regolamento di procedura competitiva, informazioni e visita immobile rivolgersi al liquidatore giudiziale: Dr. Giuseppe Moratti tel 02/26921300 - 3299490792 e consultare siti internet www.tribunale.milano.it; Commissario Giudiziale: Studio La Croce. Giudice Delegato: dr.ssa Irene Lupo M0000472

CONCORDATO PREVENTIVO R.G. 176/12 - SCAPA ITALIA s.p.a. Il Tribunale di Milano Sezione Fallimenti con decreto in data 01.02.2013 dep.04/0/2013, ha dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo dell'impresa SCAPA ITALIA s.p.a. con sede in Milano - Via Aurelio Saffi 21. Il Tribunale ha delegato alla procedura il Giudice Delegato dott.sa Caterina Macchi ed ha nominato Commissari Giudiziali l'avv.Alberto Redeghieri Baroni con studio in Milano Viale Caldara 41, la dott.ssa Roberta Zorloni con studio in Milano Viale Tunisia 43 e il dott.Andrea Giongo con studio in Milano Via De Allessandri 1, fissando la data del 04/06/2013 ore 10.00 per l'adunanza dei creditori presso l'Aula B, I°piano del palazzo di giustizia, lato via San Barnaba.M0000930

striale con relativi accessori.Il tutto con annesso cortile adibito al deposito e movimentazioni delle merci. Prezzo base Euro 2.453.049,20. Termine ultimo deposito del 31.3.13 h 12:30.G.E. Dott. Vitiello. Liquidatore giudiziale Dott. Marzuillo V. Tel 02546731 Rif. FALL 75/11 M0000851

CESATE - VIA SESIA 10 : CAPANNONE industriale disposto su 3 livelli con annesse aree scoperte su area di mq 1500 assegnata in diritto di superficie. Prezzo base Euro 658.000,00. Vendita senza incanto 29-05-2013 ore 13.00. G.E. Macchi C.. Curatore fallimentare Dott.ssa Cecca M. Tel 02867593 Rif. RGE 529/10 M0000789 MILANO - ZONA 9 - VIA MARCELLO PRESTINARI 13 : LABORAORIO al piano seminterrato con accesso carrabile e uffici mq 365 doppi servizi. Prezzo base Euro 210.000,00. Vendita senza incanto 29-05-2013 ore 12.50. G.E. Macchi C. Curatore Fallimentare: Avv. Alessandro Carlandrea Valerio Tel 0286457345 Rif. FALL 237/05 M0000800 BRESSO - VIA XXV APRILE 39-4241G: UNITA IMMOBILIARE uso ufficio mq 209 ca, posto al 1°piano, con terrazzo mq 91 ca, 2 box al 2° piano interrato. Prezzo base Euro 318.300,00. Vendita senza incanto 24-05-2013 ore 12.00. G.E. Dott.ssa Lupo Irene. Curatore fallimentare Avv. Bilotti F. Tel 0254050400 Rif. RGE 97/10 M0000809 N.87.225 azioni della eagle pictures spa (società di distribuzione cinematografica) al prezzo di €3.898 x azione. Prezzo base Euro 340.000,00. Vendita con incanto 30-04-2013 ore 15.00. G.E. Ferrari. Commissionario alla vendita Dott.ssa Degrassi Margherita tel. 02/86465051. Rif. RGE 2158/09 M0000621 C.P. R.G. 39/11 Grafiche Moretti spa in liquidazione vende complesso immobiliare sito in SEGRATE (MI) - VIA EDISON 6/8, costituito da: fabbricato industriale di circa 1.546 mq, fabbricato ad uso residenziale (abitazione custode) circa 66 mq, cabina elettrica.

BOLLATE - VIA CADUTI BOLLATESI 18 : APPARTAMENTO mansardato composto da ingresso, soggiorno con cucina a vista, 2 camere e bagno. Prezzo base Euro 176.400,00. Vendita senza incanto 14-05-2013 ore 11.40. G.E. Dott. Lamanna. Curatore fallimentare Dott.Finulli S. tel. 02489258. Rif. FALL 283/10 M0000758 VAL DI NIZZA -LOC ORAMALA : APPARTAMENTO in villini composto da 4 locali su 2 piani piu 1000 mq di terreno. Prezzo base Euro 138.600,00. Vendita senza incanto 14-05-2013 ore 11.50. G.E. Dott. Lamanna.Curatore fallimentare Dott.Finulli S. tel. 02489258.Rif. FALL 283/10 M0000758 ROZZANO – VIA STRADA PALAZZO 96 E 97 : IMMOBILE composto da ufficio p.t mq 738.34, ufficio-deposito p.s1 mq 632.22. Prezzo Base Euro 1.407.600,00. Vendita senza incanto 21/05/2013 ore 12:00. GD: Lupo I. Curatore fallimentare Rag. Bonvini U. Tel 02589328727. Rif. FALL 802/10 M0000759 VINZAGLIO – VIA CASCINOTTI CORONA SNC 13: VILLETTE UNIFAMILIARE in fase di ultimazione, con aree a verde annesse, per una sup comm. Mq 2.078.96 (mq 159.92 ciascuna). I fabbricati sorgono su un’area di mq 5.040 di cui mq 1.305.35 da cedere al comune. Prezzo Base Euro 500.000,00. Vendita senza incanto 15/05/2013 ore 10.00. GD: Dr. Vitiello M. Curatore fallimentare: Rag. Astone G. Tel 025516218. Rif Fall 919/10 M0000760

FALL 644/12. Il Curatore Dott.Inzoli S. invita a presentare offerte in aumento rispetto a quanto già pervenuto pari ad euro 2.100.000,00 per l'acquisto di: LOTTO 1: Cessione di ramo d’azienda costituito dallo stabilimento di Solaro (MI) via Cellini n.18/20 composto da personale dipendente, attrezzature, mobili d’ufficio, impianti, automezzi, macchinari e marchio Orlandi Impianti, oltre che rimanenze e immobile in cui essa attività è condotta e terreno produttivo, così contraddistinti: Capannone industriale/uffici/tettoia/cortile part 89 sub1-Capannone industriale/uffici/tettoia/cortile part136-Cabina enel-Terreno incolto produttivo Le offerte devono pervenire in busta chiusa entro le h 12 del 29/4/13 presso lo studio del Curatore in Arese (MI) via XXV Aprile n.25. L’apertura delle buste avverrà davanti al Curatore il 30/4/13 h 14 presso il suo Studio a Milano in Viale Stelvio n.45 alla presenza degli offerenti;rilancio 25.000,00 Per tutte le informazioni contattare Curatore Dott.S.Inzoli Tel. 0293586358 o stefano.inzoli@studioinzoli.it. M0000913 CASTANO PRIMO - VIA DELLA VALLE 36: COMPLESSO INDUSTRIALE costituito da un fabbricato di tipo civile a 2 piani fuori terra oltre al p.s1. Al p.t sono collocati gli uffici, i servizi, lo spogliatoio, al p.1,3 appartamenti di diversa superficie. Retrostante alla palazzina si trova la parte indu-

Per maggiori informazioni e per visionare le perizie degli immobili in vendita, consultare, oltre ai siti dei singoli tribunali sottoindicati, i seguenti portali nazionali: per Milano www.asteannunci.it www.asteavvisi.it e www.canale-aste.it per tutti gli altri tribunali della corte d’appello di Milano i siti www.portaleaste.com e www.asteimmobili.it

MERCATO SARACENO-FRAZ MONTE CASTELLO LOC CASE SPARSE VIA PER TEZZO 3180LOTTO 1: podere, denominato MASSIMA VILLA, appezzamento di terreno di 42ha circa con 8 fabbricati rurali, un casale colonico su 2p fuori terra+seminterrato con 9 loc., garage attrezzeria, pollaio, fabbricato industriale adibito a stalla+4 edifici rurali. Prezzo base € 350.000,00. CESENA-VIA ARENZANO 375/381- LOTTO 2: complesso immobiliare composto da Porzione di capannone artigianale, su un p.fuori terra, composto da 2loc. Porzione di capannone artigianale, su un p.fuori terra, composto da 2 ampi loc. di cui un ripostiglio, servizi+uffici su 2 p.; Appartamento ad uso laboratorio con accesso autonomo, posto al p.1 sopra il capannone artigianale. Prezzo base € 982.000,00. LOTTO 3-LOC SETTECROCIARI VIA BERTINORESE 620: bene immobile costituito da appezzamento di terreno con sovrastante villa unifamiliare singola+autorimessa. Prezzo base € 616.800,00. Vendita senza incanto 7-5-13 ore 10.G.D.Dott.Vitiello.Delegato alla vendita Dott.Castagnoli. tel.0541610971 Rif. FALL 115/10 M0001379 FALLIMENTO R.G. 943/2012 Giudice Delegato Dott. Roberto Fontana Curatore Dott. Vincenzo Cassaneti: Fallimento Tomplax S.r.l., con sede in Cambiago, Viale delle Industrie 69/71, vende compendio aziendale nel settore stampaggio vasi composto dall’avviamento, dal marchio, dalle attrezzature, dai macchinari e dagli stampi,nonché dai rapporti contrattuali pendenti con eccezione dei contratti di locazione finanziaria e con esclusione dei crediti di ogni natura e genere e dei debiti. Il prezzo offerto non può essere inferiore ad € 253.000,00 e, in caso di gara per pluralità di offerenti, ciascun rilancio non può essere inferiore ad € 10.000,00. Le offerte irrevocabili di acsegue>>


J;;>8>D9:AA6A>FJ>96O>DC:8D6II66BB>C>HIG6I>K6

9:8G:ID6HH:HHDG>6A:C#+-9:A',$%&$&.-"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""" 6KK>HD9>K:C9>I6H:CO6>C86CID A»J[ÃX^dYZaaVA^fj^YVo^dcZ8dViiV6bb^c^higVi^kV^c^ciZhiVo^dcZkZcYZVgZVZY^ÃXVW^aZhjaaVfjVaZ^ch^hidcdc#'XVeVccdc^dg^\^cVg^VbZciZVY^W^i^VhidXXV\\^dY^k^c^ZYVaXdda!jW^XVi^cZa iZgg^idg^dYZa8dbjcZY^BVghVaVIEigVaVk^VKZgY^ZY^aAjc\dbVgZBZY^iZggVcZdZ!hZ\cViVbZciZ/ ADIIDJC>8D/6gZVhjaaVfjVaZ^ch^hidcdYjZXVeVccdc^XdcigVhhZ\cVi^^ceZg^o^VXdbZ86E6CCDC:&hjeZgÃX^ZXdeZgiVY^bf&#)(,!)-!kdajbZig^V''#,*-!)-b(!higjiijgVedgiVciZ^cVXX^V^d o^cXVideZhd(-#,'(!%-@<!XdbegZcYZciZVcX]ZeVaVoo^cVhZgk^o^!j[ÃX^ZYVaad\\^ZhiZhV'%%bfZ86E6CCDC:'hjeZgÃX^ZXdeZgiVY^&#&+(!%-bf!kdajbZig^VY^&-#))+!%%b(!higjiijgVedgiVciZ^c VXX^V^do^cXVidY^(+#..-!*%@<!XZch^i^VaC8:JYZa8dbjcZY^BVghVaVVa[d\a^d)&'!eVgi^XZaaV(&+hjW&0(&+hjW'0(&+hjW(ZeVgi^XZaaV(&,# EZgjcVb^\a^dgZ^cY^k^YjVo^dcZYZaXdbeZcY^d!YZ^YVi^XViVhiVa^ZfjVci»VaigdcZXZhhVg^d!X^h^g^edgiVVaaZgZaVo^dc^Y^XdchjaZcoViZXc^XVZYVaaVgZaVo^dcZcdiVg^aZV\a^Vii^YZaaVegdXZYjgV# EZgaV^cY^k^YjVo^dcZYZaaVYZhi^cVo^dcZY»jhdYZaXdbeZcY^d^bbdW^a^VgZZeZgaZedhh^W^a^[dgbjaZY^^ciZgkZcidZY^a^o^dXdbeVi^W^aZXdcadodc^c\jgWVc^hi^XdYZa8dbjcZY^BVghVaV!X^h^ g^edgiVZhegZhhVbZciZV\a^ZaVWdgVi^iZXc^X^ZY^hi^bVV\a^Vii^YZaaVEgdXZYjgV# A»J[ÃX^dYZaaVA^fj^YVo^dcZkZcYZg|a»^ciZgdXdbeZcY^d^cjc^XdadiidhZcoV^cXVcid!ÃhhVcYdh^fjVaZegZoodWVhZaVhdbbVXdbeaZhh^kVY^Zjgd'#*((#%%%!%%YjZb^a^dc^X^cfjZXZcidigZciVigZb^aZ$%% daigZ^bedhiZ!hdbbVXdbegZch^kVYZakVadgZYZaa»^bbdW^aZXdbZYVgZaVo^dcZ^cVii^ZYZakVadgZYZaaZhigjiijgZbZiVaa^X]ZXdhi^ijZci^^XVeVccdc^!d\\ZiidY^hZeVgViVkVajiVo^dcZ!ejgZV\a^Vii^YZaaV egdXZYjgV# AVkZcY^iVVkkZgg|cZaadhiVidY^[ViidZY^Y^g^iidcZafjVaZ^aXdbeZcY^dh^igdkVZX]^jcfjZ!ZXXZiid^ahd\\Ziid^ca^fj^YVo^dcZXdViiV!ƒVbbZhhdVegZhZciVgZd[[ZgiZ!eZghdcVabZciZdVbZood egdXjgVidgZaZ\VaZV^hZch^YZaa»Vgi#*,.jai^bdXdbbVX#e#X# A»^ciZgdXdbeZcY^dƒa^WZgdeZgZhhZgZhiVi^kZcYji^ZYVhedgiVi^^i^c^^cVXX^V^ddg^\^cVg^VbZciZVaadXVi^Vaa»^ciZgcdYZ^XVeVccdc^# D\c^d[[ZgZciZYdkg|egZhZciVgZd[[ZgiV^cWjhiVX]^jhV!XdciZcZciZXVjo^dcZeZg^bedgideVg^Va&%YZaegZoodd[[ZgidbZY^VciZVhhZ\cdX^gXdaVgZcdcigVh[Zg^W^aZ^ciZhiVidV¸J[ÃX^dYZaaVA^fj^YVo^dcZ 8dViiV9#6#C#+-YZa',$%&$&.--¹YZedh^idX]ZhVg|^bbZY^ViVbZciZgZhi^ij^idVaa»d[[ZgZciZcdcV\\^jY^XViVg^d# AZd[[ZgiZYdkgVccdheZX^ÃXVgZ^aXd\cdbZ!cdbZ!ajd\dZYViVY^cVhX^iVYZaa»d[[ZgZciZ!XdcaV^cY^XVo^dcZYZaXdY^XZÃhXVaZ!hiVidX^k^aZZVjidY^X]^VgVo^dcZ^cdgY^cZVagZ\^bZeVig^bdc^VaZ YZaXdc^j\VidXdcaV^cY^XVo^dcZYZ^Xdgg^hedcYZci^YVi^YZaXdc^j\Z^cXVhdY^d[[ZgZciZXdc^j\Vid^cgZ\^bZY^Xdbjc^dcZaZ\VaZYZ^WZc^!hZeZghdcVÃh^XV0dkkZgdYZcdb^cVo^dcZ!hZYZaZ\VaZ!eVgi^iV >K6ZXdY^XZÃhXVaZ!ZY^cY^XVo^dcZYZaaZ\VaZgVeegZhZciVciZ!hZhdX^Zi|dYVaigdVaaZ\VcYd!^ciVaXVhd!VcX]Z^YdcZdXZgi^ÃXVidYZaGZ\^higdYZaaZ^begZhZ!YVafjVaZg^hjai^a»ViijVaZk^\ZcoVYZaaVhdX^Zi| dYZaa»ZciZ!XdcZcjcX^Vo^dcZYZ^ediZg^Y^gVeegZhZciVcoVaZ\VaZ#>cXVhdY^YdbVcYVegZhZciViVYVb^cdgZccZ!aVhiZhhVYdkg|ZhhZgZhdiidhXg^iiVYV^\Zc^idg^ZhZgXZci^aVediZhi|!egZk^VVjidg^ooVo^dcZ YZa<^jY^XZIjiZaVgZ#A»d[[ZgiVYdkg|VaigZh‡XdciZcZgZa»^cY^XVo^dcZYZ^YVi^^YZci^ÃXVi^k^YZaWZcZeZg^afjVaZaVhiZhhVƒegdedhiVdaV^cY^XVo^dcZYZaadiid# A»d[[ZgZciZYdkg|Y^X]^VgVgZaVgZh^YZcoVdkkZgdZaZ\\ZgZYdb^X^a^degZhhd^a8dbjcZY^EVaZgbd#9dkg|ZhhZgZ^cY^XVid^cY^g^oodY^edhiVZaZiigdc^XVXZgi^ÃXViVdcjbZgdY^[VmVafjVaZedigVccd ZhhZgZ^cY^g^ooViZijiiZaZXdbjc^XVo^dc^^cdaigViZYVaa»J[ÃX^dYZaaVA86#>cbVcXVcoV!aZXdbjc^XVo^dc^kZggVccd[ViiZegZhhda»J[ÃX^dYZaaVA^fj^YVo^dcZ8dViiV6bb^c^higVi^kV^cEVaZgbd!cZaaVk^V:bZg^Xd 6bVg^('# AZd[[ZgiZYdkgVccdeZgkZc^gZVbZoodgVXXdbVcYViVV$gdYZedh^iViZYVaa»d[[ZgZciZdYVeZghdcVYVZhhdYZaZ\ViV!egZk^V^YZci^ÃXVo^dcZXdcZh^W^o^dcZY^kVa^YdYdXjbZcidY»^YZci^i|! egZhhd^adXVa^a»J[ÃX^dYZaaVA^fj^YVo^dcZ8dViiV6bb^c^higVi^kV^cEVaZgbd!cZaaVk^V:bZg^Xd6bVg^('!hXVaV6!e^Vcd'!ZcigdaZdgZ&-!%%YZa\^dgcd%-Veg^aZ'%&(# A»d[[ZgiVYdkg|ZhhZgZXdciZcjiV^cWjhiVX]^jhVZh^\^aaViVXdchdegVhXg^iiVaVY^X^ijgV¸d[[ZgiVY^VXfj^hidWZc^A^fj^YVo^dcZ8dViiV6bb^c^higVi^kV9#6#C#+-YZa',$%&$&.--¸# >a\^dgcd%.Veg^aZ'%&(!VaaZdgZ&,!%%a»J[ÃX^dYZaaVA^fj^YVo^dcZ8dViiVegdXZYZg|egZhhdaVhZYZYZaa»J[ÃX^dYZaaVA#8#6#Vaa»VeZgijgVYZaaZWjhiZ!Vaa»ZhVbZZVaaVYZa^WZgVo^dcZhjaaZhiZhhZ#>c XVhdY^eajgVa^i|Y^d[[ZgiZkVa^YZ!h^^ck^iZgVccd\a^d[[ZgZci^VYjcV\VgVhjaa»d[[ZgiVe^‘VaiV!V^hZch^YZaa»Vgi#*,(X#e#X#!YVZheaZiVgh^XdciZhijVabZciZ#>cXVhdY^\VgVa»d[[ZgiV^cg^Vaodcdcedig|ZhhZgZ ^c[Zg^dgZVYZjgd&%#%%%!%%9>:8>B>A6$%%# >c XVhd Y^ jc^XV d[[ZgiV VjbZciViV Y^ jc fj^cid YZa egZood WVhZ Y»VhiV! ƒ [ViiV hVakV! V^ hZch^ YZaa»Vgi# *,' XdbbV ( X#e#X#! aV [VXdai| YZaa»J[ÃX^d YZaaV A^fj^YVo^dcZ Y^ cdc egdXZYZgZ VaaV V\\^jY^XVo^dcZZYVaaVkZcY^iVdkZg^iZc\VdeedgijcVjcVkZcY^iVVaa»^cXVcid!VXfj^h^iVa»Vjidg^ooVo^dcZYZaaV6jidg^i|Y^K^\^aVcoV# A»V\\^jY^XViVg^d Ydkg| YZedh^iVgZ ^a egZood! YZYdiiV aV XVjo^dcZ \^| kZghViV! Zcigd hZhhVciV \^dgc^ YVaa»V\\^jY^XVo^dcZ! V bZood VhhZ\c^ X^gXdaVg^ cdc igVh[Zg^W^a^ ^ciZhiVi^ Vaa»J[ÃX^d YZaaV A^fj^YVo^dcZ8dViiV6bb^c^higVi^kVXdbZhdegV!YVXdchZ\cVgh^egZhhdaVhZYZYZaadhiZhhd#>cXVhdY^bVcXVidYZedh^idYZahVaYdegZoodZcigd^aiZgb^cZhiVW^a^id!a»V\\^jY^XViVg^dhVg|Y^X]^VgVidYZXVYjid XdceZgY^iVYZaaVXVjo^dcZVi^idadY^bjaiV# >aXdbeZcY^dƒedhid^ckZcY^iVcZaadhiVidY^[Viid!Y^Y^g^iidZYjgWVc^hi^Xd^cXj^h^igdkVZbZ\a^dZe^‘heZX^ÃXViVbZciZYZhXg^ii^cZaaZgZaVo^dc^YZaeZg^id^cVii^!VaaZfjVa^h^[VZhegZhhd g^[Zg^bZcid!Xdcijii^^gZaVi^k^Y^g^ii^ZYdWWa^\]^!eZgi^cZcoZ!VXXZhh^dc^!Y^eZcYZcoZ!k^cXda^!gV\^dc^ZYVo^dc^!hZgk^i‘Vii^kZZeVhh^kZ0aVkZcY^iVƒVXdgedZcdcVb^hjgV0ZkZcijVa^Y^[[ZgZcoZY^b^hjgV cdcedigVccdYVgajd\dVYVaXjcg^hVgX^bZcid!^cYZcc^i|dg^Yjo^dcZYZaegZood#AVkZcY^iV[dgoViVcdcƒhd\\ZiiVVaaZcdgbZXdcXZgcZci^aV\VgVco^VeZgk^o^dbVcXVcoVY^fjVa^i|!c‚edig|ZhhZgZ gZkdXViVeZgVaXjcbdi^kd#8dchZ\jZciZbZciZa»Zh^hiZcoVY^ZkZcijVa^k^o^!bVcXVcoVY^fjVa^i|dY^[[dgb^i|YZaaVXdhVkZcYjiV!dcZg^Y^fjVah^Vh^\ZcZgZ¶^k^XdbegZh^!VYZhZbe^d!fjZaa^jgWVc^hi^X^ dkkZgdYZg^kVci^YVaaVZkZcijVaZcZXZhh^i|Y^VYZ\jVbZcidY^^be^Vci^VaaZaZ\\^k^\Zci^!heZhZXdcYdb^c^Va^YZaa»Vccd^cXdghdZYZaa»VccdegZXZYZciZcdceV\ViZYVaYZW^idgZ¶eZgfjVah^Vh^bdi^kdcdc Xdch^YZgVi^!VcX]ZhZdXXjai^ZXdbjcfjZcdcZk^YZco^Vi^cZaaVeZg^o^V!cdcedigVccdYVgajd\dVYVaXjcg^hVgX^bZcid!^cYZcc^i|dg^Yjo^dcZYZaegZood!ZhhZcYdh^Y^X^ŒiZcjidXdcidcZaaVkVajiVo^dcZ YZ^WZc^ZcZaaVYZiZgb^cVo^dcZYZaegZood# 9Zedh^iVid^ahVaYdegZoodZXdbjcfjZcdcdaigZ&*\^dgc^YVaYZiidYZedh^id!hVg|gd\Vida»ViidejWWa^XdY^igVh[Zg^bZcidYZaaVegdeg^Zi|egZhhdcdiV^dYV^cY^XVgh^YVeVgiZVXfj^gZciZd!^c bVcXVcoV!YVaa»J[ÃX^dYZaaVA#8#6# IjiiZaZheZhZY^igVh[Zg^bZcidYZaaVegdeg^Zi|!^k^^cXajhZ^bedhiZ!iVhhZZYdcdgVg^YZacdiV^d!hdcdVYZhXajh^kdXVg^XdYZaaVeVgiZVXfj^gZciZ!Xdh‡XdbZd\c^dcZgZZXdcdb^XdgZaVi^kdVaaV XVcXZaaVo^dcZYZaaZ[dgbVa^i|egZ\^jY^o^Zkda^YVg^X]^ZYZgh^Va8dchZgkVidgZYZ^GG#>>#XdcdcZgZVXVg^XdYZaa»V\\^jY^XViVg^dZegZk^VZb^hh^dcZYZaYZXgZidY^XVcXZaaVo^dcZY^Xj^Vaa»Vgi#*A#)%%$&.,*# EZgfjVcidcdcZhegZhhVbZciZegZk^hid!h^g^bVcYVVaaZY^hedh^o^dc^Y^Xj^V\a^Vgi^Xda^*,%ZHHX#e#X# >aegZhZciZWVcYdhVg|ejWWa^XVideZgZhigViideZgjcVhdaVkdaiVhjafjdi^Y^Vcd>aHdaZ')DgZVabZcd)*\^dgc^eg^bVYZaaVYViVÃhhViVeZgaVkZcY^iVZejWWa^XVideZgZhiZhd!jc^iVbZciZVaaV gZaVo^dcZeZg^iVaZ!hjah^idlll#VhiZ\^jY^o^Vg^Z#^icZabZYZh^bdiZgb^cZ# >c[dgbVo^dc^egZhhd^8dbb^hhVg^A^fj^YVidg^iZa#%.&$(((-))!Z#bV^aVkk#eVhfjVaZgjhhd5a^WZgd#^i!E:8eVhfjVaZ#gjhhd5eZXhijY^d#^idkkZgdegZhhda»6hhZhhdgVidGZ\^dcVaZVaaZ6ii^k^i|EgdYjii^kZ! HZgk^o^d>heZii^kdZK^\^aVcoV8ddeZgVi^kZ# >8DBB>HH6G>A>FJ>96IDG> GdhVg^V8VhhVg|EVhfjVaZGjhhdK^cXZcod<gVo^Vcd

8DCH>EH#e#6# VhdX^djc^Xd K^V>hdcod!c#&.$:"%%&.-GdbV

6KK>HDE:G:HIG6IID 8dch^e H#e#6# ]V egdgd\Vid ^a iZgb^cZ Y^ egZhZciVo^dcZ YZaaZ d[[ZgiZ gZaVi^kVbZciZ VaaV¸<VgVXdbjc^iVg^VVegdXZYjgVVeZgiV! V^hZch^YZaa»Vgi#*)YZa9#A\h#c#&+($'%%+ ^cYZiiV YVaaV 8dch^e H#e#6# V hdX^d jc^Xd! eZg Xdcid YZa B^c^hiZgd YZaa»:Xdcdb^V Z YZaaZ;^cVcoZ!V^hZch^YZaa»Vgi#'+YZaaVa# c#)--$&...Zh#b#^#!YZa9#B#')[ZWWgV^d '%%%!YZaa»Vgi#*-YZaaVa#c#(--$'%%%!YZa 9#B#'bV\\^d'%%&!eZga»V[ÃYVbZcidYZa HZgk^o^dAjXZZYZ^hZgk^o^XdccZhh^eZgaZ EjWWa^X]Z 6bb^c^higVo^dc^ >9 H><:; &',%¹ Va&)$%($'%&(#>aiZhid^ciZ\gVaZYZaa»Vkk^hd Y^ egdgd\V ƒ hiVid ejWWa^XVid hjaaV <JJ: Z hjaaV <JG> VaaZ fjVa^ ƒ hiVid ^ck^Vid ^a &)$%'$'%&(ZejŒZhhZgZXdchjaiVidhjah^id lll#Xdch^e#^i#

A»6bb^c^higVidgZ9ZaZ\Vid9dii#9dbZc^Xd8VhVa^cd

6O>:C96I:GG>IDG>6A::9>A>O>6G:H>9:CO>6A:EJ77A>869:A8DBJC:9>GDB6 6KK>HD9>AD86O>DC: bZY^VciZ6hiVEjWWa^XVY^adXVa^ZmigVgZh^YZco^Va^h^i^cZa8dbjcZY^GdbV >A9>G:IIDG:<:C:G6A:G:C9:CDID

X]Z^a\^dgcd&-YZabZhZY^bVgod'%&(VaaZdgZ&%!(%egZhhdaVhZYZYZaa»6I:GYZa8dbjcZY^GdbVAjc\diZkZgZIdgY^CdcV&¶%%&-+GdbV ¶Vkg|ajd\da»VhiVejWWa^XVeZga»V\\^jY^XVo^dcZ^cadXVo^dcZcZ^Xdc[gdci^YZahd\\ZiidX]ZVkg|egZhZciVida»d[[ZgiVe^‘ZaZkViVhdcd VbbZhhZZhXajh^kVbZciZd[[ZgiZ^cVjbZcideZgaVadXVo^dcZY^c#(*^bbdW^a^VYjhdcdcgZh^YZco^VaZY^egdeg^Zi|YZaaVhiZhhV6I:GYZa 8dbjcZY^GdbVZh^i^^c/ Adiid&¶E#ooVEZg^cYZaKV\V)bf#)+-!%'¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&#+,+!)% >K6

Adiid&.¶K^V6#BVccjXX^.¶bf),!,%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd*.)!%% >K6

Adiid'¶K^VH#>#EVeV.*bf#+)!-*¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd)'*!%% >K6

Adiid'%¶K^V<#YZ?VXdW^h&¶bf*+!.%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd'*+!%% >K6

Adiid(¶K^V<^dkVcc^Mc#&)"&+¶bf,(!%&¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd*--!%% >K6

Adiid'&¶K^V8#8dadbWd(*+"(*-¶bf,)!,%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&#())!%% >K6

Adiid)¶K^V;#7dggdbZd(-")%¶bf*-!(&¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd,*-!%% >K6

Adiid''¶E#ooVA#Adiid'¶bf*&!-%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd*((!%% >K6

Adiid*¶K^VIdaZbV^YZ(,¶bf&+)!.)¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&#*,.!%% >K6 D88JE6IDH:CO6I>IDAD

Adiid'(¶K^V<#7#HXVaVWg^c^&¶bf&%+!(%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd)+*!%% >K6

Adiid+¶K^VI#8VbeVcZaaV+)$6¶bf#+*!--¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd)%.!%% >K6

Adiid')¶K^VYZaaV<VgWViZaaV&¶bf,+!&%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd-,(!%% >K6 D88JE6IDH:CO6I>IDAD

Adiid,¶E#aZYZ\a^:gd^-hX#A¶bf#&(%!+,¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd-%+!%% >K6

Adiid'*¶K^VDgi^Y»6a^WZgi',"bf#)+!&%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd'&.!+% >K6

Adiid-¶K^VYZaaZ<Vaa^cZ7^VcX]Z.+¶bf('!+(¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&(,!%% >K6 D88JE6IDH:CO6I>IDAD

Adiid'+¶K^V7gj\cVid'¶bf&,%!)(¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd*+%!%% >K6

Adiid.¶A#\d?#H#7VX]'¶bf#&)-!),¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd+')!)% >K6

Adiid',¶K^VDgi^Y»6a^WZgi',¶bf+'!&&¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd(&+!-% >K6

Adiid&%¶K^V8VegV^V*,¶bf)'!*'¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd'-%!%% >K6 D88JE6IDH:CO6I>IDAD

Adiid'-¶K^VA#6aWZgi^+¶bf'%!%%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&&+!%% >K6

Adiid&&¶K^V8^bVggV-,¶bf&&&!+'¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd-,'!%% >K6 D88JE6IDH:CO6I>IDAD

Adiid'.¶K^V6#KZhejXX^)*¶bf&&*!%&¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd+-(!%% >K6

Adiid&'¶K^VBdciZ8Vi^cVXX^d&*¶bf#)+!*,¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd'%'!%% >K6

Adiid(%¶K^V6#KZhejXX^)*bf*(!,.¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd().!%% >K6

Adiid&(¶K^V<Vg\Vcd()¶bf#(*!&(¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&*'!%% >K6

Adiid(&¶K^V:#;ZggVi^&bf#&--!&%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd+),!*% >K6 D88JE6IDH:CO6I>IDAD

Adiid&)¶K^VBdciZHZkZgdc#&'¶bf#(.!(%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&).!%% >K6

Adiid('¶K^V7dYdc^.%6¶bf&)&!(%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&#())!%% >K6

Adiid&*¶K^VBdoVgi*¶bf**!,&¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd(+)!%% >K6

Adiid((¶K^V<#YV8VhiZaWdad\cZhZ'¶bf,.!-'¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&#(()!%% >K6

Adiid&+¶K^VDh^bdVc\#K^V8dg^cVaYd¶bf'(!&)¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd'*'!%% >K6

Adiid()¶K^VaZ<^diid&&bf#)&!-*¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd,-(!%% >K6

Adiid&,¶K^VYZaaZ8VcVe^\a^ZhcX¶bf&-'!(%¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd)'(!%% >K6

Adiid(*¶E#ooV<#BdhXV''bf#&)*!&-¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd)+(!%% >K6

Adiid&-¶K^VEVccdc^V))")+¶bf-+!&(¶8VcdcZVWVhZY»VhiV:jgd&#+&%!%% >K6 B>C>HI:GD9:AA»>CI:GCD 9^eVgi^bZcidYZ^K^\^a^YZa;jdXd!YZaHdXXdghdEjWWa^XdZYZaaV9^[ZhV8^k^aZ 6KK>HD9><6G6 Î^cYZiiVjcV\VgVigVb^iZegdXZYjgVg^higZiiVVXXZaZgViV!YVV\\^jY^XVgh^Xdc^aXg^iZg^dYZaa»d[[ZgiVZXdcdb^XVbZciZe^‘kVciV\\^dhVV^ hZch^YZaa»Vgi#-(YZa9#A#kd&+($'%%+Zh#b#^#!eZg^hZgk^o^Y^hZ\j^id^cY^XVi^/ Adiid&/kZg^ÃXVVeeVgZXX]^VijgZY^hdaaZkVbZcidXdcdaigZkZci»Vcc^Y^hZgk^o^d^chiVaaViZhjc#-*VjidhXVaZ $"&*8><).)%'-'&69 Adiid '/ kZg^ÃXV VeeVgZXX]^VijgZ Y^ hdaaZkVbZcid Xdc daigZ kZci»Vcc^ Y^ hZgk^o^d ^chiVaaViZ hj c# +% VjidhXVaZ  $" &*  8>< ).)%'.,:%6# >aWVcYdXdbeaZidƒejWWa^XVidcZaaV<JG>c•')KVhZg^ZheZX^VaZYZa'*$%'$'%&(ZhjaaV<J8:c#H(-YZa''$%'$'%&(cdcX]‚hj^h^i^ YZaa»6bb^c^higVo^dcZlll#^ciZgcd#^iZlll#k^\^a[jdXd#^i"hZo^dcZWVcY^Y^\VgV#AZYdbVcYZY^eVgiZX^eVo^dcZYdkgVccdeZgkZc^gZ ZcigdaZdgZ&'#%%YZa&*$%($'%&(# GdbV!'*$%'$'%&( >A9>G><:CI:9dii#>c\#BVhh^bdG>88>

AZd[[ZgiZeZg^h^c\da^adii^YdkgVccdeZgkZc^gZ!eZcVcjaa^i|!Vaa»6I:GYZa8dbjcZY^GdbV^cAjc\diZkZgZIdgY^CdcVc#&¶%%&-+GdbV "ZcigdZcdcdaigZaZdgZ&'!%%YZa\^dgcdVciZXZYZciZfjZaadÃhhVideZga»VhiV!jc^iVbZciZV/ ™YZedh^idXVjo^dcVaZ!^c[gjii^[Zgd!eVg^VaXVcdcZbZch^aZZhXajhV>K6edhidVWVhZY»VhiVeZga»^bbdW^aZeZg^afjVaZh^XdcXdggZ!YV Xdhi^ij^gh^ZhXajh^kVbZciZVbZoodWdc^ÃXdWVcXVg^degZhhdaV7VcXVY^8gZY^id8ddeZgVi^kdY^GdbV¶HedgiZaadY^IZhdgZg^V!Ajc\diZkZgZ IdgY^CdcV&0 ™kZghVbZcid!ZhXajh^kVbZciZVbZoodWdc^ÃXdWVcXVg^d!egZhhdaV7VcXVY^8gZY^id8ddeZgVi^kdY^GdbV¶HedgiZaadY^IZhdgZg^V!Ajc\diZ" kZgZIdgY^CdcV&!YZaa»^bedgidY^:jgd&%%!%%>K6XdbegZhV!cdchd\\ZiidVgZhi^ijo^dcZ!Vi^idadY^g^ii^Y^eVgiZX^eVo^dcZVaa»VhiV# AZ^c[dgbVo^dc^edigVccdZhhZgZVhhjciZegZhhd^ac#iZa#%++--)'*(&"'*&*dkkZgdhjah^idYZaa»6o^ZcYVlll#ViZggdbV#^i# >agZhedchVW^aZYZaigViiVbZcidYZ^YVi^eZghdcVa^ZY^ai^idaVgZƒaVY#hhVDYZiiZCjhX]Zg# >A9>G:IIDG:<:C:G6A:9dii#GZcVidEVcZaaV


Marzo 2013

10 VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI

TRIBUNALI DELLA CORTE D’APPELLO DI MILANO quisto, unitamente alla cauzione, a mezzo di assegno circolare N/T, pari al 10% del prezzo offerto, dovranno pervenire in busta chiusa presso lo studio del curatore, dott. Vincenzo Cassaneti, viale Tunisia n. 38 – 20124 Milano, entro le ore 18,00 del giorno 8 aprile 2013. L'apertura delle buste, e l’eventuale gara nel caso di presentazione di più offerte, avverranno il giorno 10 aprile 2013, alle ore 13,00, avanti al Giudice Delegato, presso il Palazzo di Giustizia, Via Manara, 1, secondo piano, Sezione fallimentare, Stanza del Giudice. Per informazioni circa il Regolamento di vendita e le modalità di presentazione delle offerte consultare il sito del Tribunale di Milano area "vendite giudiziarie-aziende e quote" o chiamare il numero 02-67101037. M0001419 TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Abitazioni e box ARSAGO SEPRIO (VA) - VIA E. FERMI - VILLA UNIFAMILIARE: nel complesso residenziale denominato "Residenza Chardu", composta da ampio soggiorno con una parte a doppia altezza, cucina abitabile, bagno, studio, ampio portico e balcone lato corsello box, al piano terra; due camere, bagno e disimpegno al piano sottotetto mansardato; cantina, locale lavanderia, ampio box auto con rampa di accesso esterna di proprietà al piano interrato. Prezzo base Euro 206.000,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 08/05/13 ore 09:00. Notaio Delegato Dott. E. Chiodi Daelli. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 371/10 G BU154733 BUSTO ARSIZIO (VA) - VIA LUIGI CADORNA, 3 - APPARTAMENTO: posto al 3°piano, composto da ingresso, soggiorno, due disimpegni, quattro camere, due bagni, scala di collegamento che porta al piano 4°, composto da disimpegno, locale hobby e terrazzo. Al piano secondo seminterrato è posta la cantina pertinenziale. Autorimesse al piano secondo sotterraneo. Prezzo base Euro 323.419,44. Vendita senza incanto 24/04/13 ore 15:00. Eventuale vendita con incanto in data 08/05/13 ore 15:00. Notaio Delegato Dott.ssa Laura Pirro.

Rif. CC 3122/08 V BU154639 GALLARATE (VA) - VIA DEI SALICI, 23 - PER IL DIRITTO DI PROPRIETÀ SUPERFICIARIA - APPARTAMENTO: al piano quinto composto da tre locali, cucina, disimpegno e bagno oltre a due balconi. Cantina ed autorimessa al piano interrato. Prezzo base Euro 70.000,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 08/05/13 ore 09:00. Notaio Delegato Dott. E. Chiodi Daelli. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 341/10 L BU154724 GERENZANO (VA) - VIA MARZABOTTO, 56 - VILLETTA A SCHIERA: composta da tre locali, autorimessa ed area pertinenziale al piano terra; cucina, soggiorno, tre camere, ripostiglio, disimpegno e servizio al piano primo, cantina in piano interrato. Prezzo base Euro 295.920,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 10:30. Eventuale vendita con incanto in data 10/05/13 ore 10:30. Notaio Delegato Dr. A. Bortoluzzi tel. 0331777334. Rif. CC 431/12 M BU155140 SESTO CALENDE (VA) - VIA GOLASECCA, 60 - PRESTIGIOSO E PANORAMICO COMPENDIO IMMOBILIARE: immerso in grande parco con piantumazione di pregio e recintato con muro di cemento e beola costituito da: - villa - appartamento annesso alla villa - casetta indipendente ampia autorimessa - piscina scoperta riscaldata - gazebo coperto - campo da bocce - strutture in legno adibite a ricovero attrezzi. Prezzo base Euro 1.800.000,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 08/05/13 ore 09:00. Notaio Delegato Dott. E. Chiodi Daelli. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 242/10 p BU154703 Immobili industriali e commerciali, strutture turistiche CARDANO AL CAMPO (VA) - VIA SAN ROCCO - LOTTO 1) PORZIONE DI LABORATORIO ARTIGIANALE: composto da due locali di deposito con servizi igienici al piano interrato, da la-

boratorio a quattro uffici con due servizi igienici al piano terra oltre a locale caldaia e area di serivitù di uso e godimento perpetuo. Prezzo base Euro 520.000,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 11:00. Eventuale vendita con incanto in data 16/05/13 ore 11:00. G.E. Dott. S. Passafiume. Professionista Delegato alla vendita Dott.ssa Gallazzi B. - Cooperativa Adjuvant tel. 0331321353. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 516/11 C BU156063 CASTELLANZA (VA) - VIA LUIGI MORELLI, 73 - A) CAPANNONE: con annessa area di pertinenza, composto da ampio locale ad uso deposito, porticato, cabina Enel, centrale termica, sala ristoro, wc con disimpegno, ufficio e sala d'attesa al piano terra; uffici oltre a wc e balcone al piano primo. b) Capannone con annessa area di pertinenza composto da ampio laboratorio, uffici, spogliatoio, wc, locale caldaia e tettoia al piano terra; uffici al piano primo. Prezzo base Euro 653.000,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 09:00. Eventuale vendita con incanto in data 08/05/13 ore 09:00. Notaio Delegato Dott. E. Chiodi Daelli. Custode Giudiziario GIVG srl tel. 0332335510. Rif. RGE 590/10 L BU154759 GALLARATE (VA) - VIA ANDREA DORIA, 11 - LOTTO B) CAPANNONE INUSTRIALE: con annesi servizi con accesso al piano terra, della superficie di circa mq. 983,61; accesso principale all'unità produttiva si effettua da Via Andrea Doria mediante passaggio sull'area pertinenziale e circostante annessa. Prezzo base Euro 233.035,00. VIA ANDREA DORIA, 9/11 - LOTTO C) CAPANNONE INDUSTRIALE: con accesso al piano terra, primo e sottostrada; composto da superfici destinate alla produzione e ad ufficio con vani di servizio. Superficie conplessiva di circa mq. 2945( terrazze mq. 4,94, uffici mq. 1325,56, magazzini mq. 263,07, produzione mq. 1351,44). Prezzo base Euro 874.112,00. Vendita senza incanto 23/04/13 ore 12:30. Eventuale vendita con incanto in data 07/05/13 ore 12:30. G.E. Dott. M. Radici. Professionista Delegato alla vendita Dott. L. Colombo tel. 0331639249. Custode Giudiziario GIVG srl tel.

0332335510. Rif. RGE 120/08 F. srl BU154623 TRIBUNALE DI MONZA Adunanza Creditori C.P. 44/12: il Tribunale di Monza dichiara aperta la procedura di Concordato Preventivo della società ARTI GRAFICHE G. VERTEMATI IN LIQUIDAZIONE, con sede legale in Vimercate (MB), Via Bergamo n. 2 (C.F. 06298810158). Delega alla procedura di concordato la Dott.ssa Cinzia Fallo; Nomina quale Commissario giudiziale la Dott.ssa Laura Maria Farina - tel. 0362/990133. Fissa la convocazione dei creditore dinanzi al giudice delegato l'udienza del 23 aprile 2013 alle ore 12.00 presso il Tribunale di Monza. MZ154349 C.P. 31/12 - DECRETO DI AMMISSIONE ALLA PROCEDURA DI C.P.: Si comunica che il Tribunale di Monza con decreto depositato in data 8/2/2013 ha dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo proposta dalla SAMBERS ITALIA SpA IN LIQUIDAZIONE con sede in Biassono (MB) via Friuli n. 10/D, delegando alla procedura il Giudice Dott.ssa Cinzia Fallo e nominando Commissari Giudiziali la Dott.ssa Silvia Guelpa con studio in Seregno via S.Vitale 3 tel. 0362.327055 fax 0362.327190 e il Dott. Sergio Tremolada con studio in Monza - Via Appiani n. 25 tel. 039.360684 - Fax 039.2301770. L'adunanza dei creditori è stata fissata per il giorno 07/05/2013 ore 12,30 dinanzi al Giudice Delegato. Ulteriori informazioni in cancelleria, sul sito internet www.tribunale.monza.giustizia.it e presso i Commissari Giudiziali. MZ154712 C.P. 34/12: il Tribunale di Monza dichiara aperta la procedura di concordato preventivo proposta dall'impresa CAIMI S.p.a., in liquidazione, (C.F. 09348510158), con sede in Lazzate (MB), Via Adamello n. 37. Delega il Giudice Dott.ssa Caterina Giovannetti. Ordina la convocazione dei creditori per l'udienza del 28.05.2013 h. 12. Nomina Commissario Giudiziale il Dott. Nicosia Giuseppe, con studio in Sesto San Giovanni, via Volta 24 - tel. 0224412382. MZ157101


Marzo 2013

11

TRIBUNALE DI CAMPOBASSO

SETTORE FALLIMENTARE Fallimento N° 15/05 Sentenza dichiarativa Tribunale di Campobasso n° 15/05 del 17/11/2005 Avviso di vendita immobiliare con incanto L’anno 2013 il giorno 16 del mese di maggio, alle ore 12:00, presso il Tribunale di Campobasso, Via Elena, dinanzi al Giudice Delegato al fallimento Dott.ssa Elena Quaranta, assistito come per legge, si procederà alla vendita con incanto degli immobili di seguito indicati – come da Relazione di Consulenza Tecnica d’Ufficio del 10/03/2011 depositata in Cancelleria il 18/03/2011, a firma dell’Ing. Antonio Lamenta, nominato perito estimatore nella procedura fallimentare dal Giudice Delegato al fallimento - in numero quattro lotti: LOTTO PRIMO Località Monteverde – Comune di Bojano (CB). Il lotto è costituito da: 1. Appezzamenti di terreno privi di edificazione Dati Catastali: Catasto Terreni del Comune di Bojano foglio 28, particella 380, qualità seminativo, classe 3, superficie are 16 ca 50, reddito dominicale euro 2,98, reddito agrario euro 5,97. Destinazione urbanistica di zona. 2. Stabilimento tessile Impianto di depurazione Appezzamento di terreno su cui insistono un intero impianto di depurazione delle acque ed un fabbricato ad uso stabilimento per la lavorazione di tessuti. Dati Catastali: Catasto Fabbricati del Comune di Bojano: -foglio 28, particella 368, sub 1 e sub 2, zona cens. 2, categoria D/7, rendita euro 154.937,07 -foglio 28, particella 368, sub 3, categoria area urbana. Catasto Terreni del Comune di Bojano: -foglio 28, particella 368, qualità ente urbano, superficie ha 7 are 92 ca 00. Destinazione urbanistica di zona. In dettaglio: 2.1 Lo stabilimento può essere suddiviso in due blocchi: Nucleo centrale destinato alla produzione: si sviluppa su di un unico livello avente superficie lorda complessiva pari a circa mq 20.765,92 ed una distribuzione interna costituita da: aree destinate alla lavorazione dei tessuti, sia di tintoria che di stamperia; area controllo qualità; area nobilitazione; cucina colori per stamperia; cucina colori per tintoria con annesso laboratorio; magazzini di stoccaggio per prodotto finito; magazzini di stoccaggio per prodotto semilavorato; deposito cilindri con annessa area per fotoincisione; deposito colori; aree ospitanti una centrale termica ed una cabina di trasformazione; aree adibite a filtro antincendio; aree di servizio, costituite da spogliatoi e bagni.

Edificio secondario destinato ad uffici: a pianta rettangolare allungata, è costituito da un piano terreno e un piano primo, ciascuno di superficie lorda pari a circa mq 1070,60 e per un totale di circa mq 2141,20. Per quanto riguarda gli impianti, all’interno del complesso sono individuabili i seguenti volumi tecnici: Centrale termica dello stabilimento da 27.900 kW per il ciclo produttivo, alimentata a gas di rete; Centrale termica da 345 kW per climatizzazione degli uffici; Due serbatoi interrati per olio diatermico; Serbatoio percloroetilene; Cabina di trasformazione Enel. E’ presente un sistema di condizionamento dell’aria composto da centrale termica e una centrale frigorifera. 2.2 L’impianto di depurazione delle acque reflue: è costituito da un fabbricato e da altre componenti formanti due linee legate l’una all’altra dal punto di vista funzionale: linea liquami e linea fanghi. Il fabbricato dell’impianto risulta composto da un locale compressori, un locale filtri, un locale quadro elettrico, un locale reagenti, un laboratorio ed un locale filtro pressa, quest’ultimo previsto ma non realizzato. Le altre strutture che compongono l’impianto risultano: vasca di accumulo e di sollevamento; vasca di decantazione; vasca di ossidazione biologica; vasca di accumulo e di omogeneizzo acque reflue di scarico; vasca di recupero; vasca per acqua dura; vasca per acqua depurata. Sono inoltre presenti ulteriori n. 10 piccole vasche utili ai processi depurativi. 3. Piccolo appezzamento di terreno su cui insiste un singolo fabbricato, non di proprietà della omississ, ospitante un impianto di adduzione metano. L’appezzamento di terreno è posto leggermente a Nord del citato depuratore ed interno alla particella 802 foglio 28, dalla quale si ha accesso. Il terreno in questione, interamente recintato con rete metallica, si sviluppa perimetralmente ad un piccolo fabbricato monopiano in c.a. in cui è collocato un impianto di decompressione del gas metano. La società omississ non risulta proprietaria dello stabile ma risulta utente degli impianti presenti. Dati Catastali: Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 28, particelle 369, 663, 664, 665, 666, 667, 669, 690, 775, 803, 804, zona cens. 2, categoria D/1, rendita euro 3.615,20. Catasto Terreni del Comune di Bojano foglio 28, particella 803, qualità ente urbano, superficie are 01 ca 10. Destinazione urbanistica di zona. Confini: Le particelle relative allo stabilimento ed al depuratore confinano a Nord con le part. 802 e 804 foglio 28, a Sud con la part. 432 foglio 28 ed il torrente Rio Bottone, ad Ovest con una strada comunale e ad Est con la strada provinciale Bojano-Baranello, collegata con la viabilità principale rappresentata dalla SS 17. PREZZO BASE Euro 9.694.357,00 RILANCIO MINIMO Euro 193.900,00 (2% prezzo base con arrotondamento) LOTTO SECONDO Località Monteverde – Comune di Bojano (CB) Il lotto è costituito da: Appezzamento di terreno su cui insiste una Cabina Metano posta in adiacenza alla portineria dello stabilimento “omississ”. Dati Catastali:

Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 28, particelle 369, 663, 664, 665, 666, 667, 669, 690, 775, 803, 804, zona cens. 2, categoria D/1, rendita euro 3.615,20. Catasto Terreni del Comune di Bojano foglio 28, particella 690, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 55. Destinazione urbanistica di zona. Confini: Il lotto confina a Nord-Est con la strada di accesso allo stabilimento “omississ”, da cui si ha accesso, e a Sud-Ovest con la particella 794 foglio 28. PREZZO BASE Euro 11.000,00 RILANCIO MINIMO Euro 220,00 (2% prezzo base) LOTTO TERZO Località Monteverde – Comune di Bojano (CB) Il lotto è costituito da: insieme di appezzamenti di terreno su cui insiste un impianto di depurazione biologica “omississ” con cabina Enel. Dati Catastali: Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 28, particelle 369, 663, 664, 665, 666, 667, 669, 690, 775, 803, 804, zona cens. 2, categoria D/1, rendita euro 3.615,20. Catasto Terreni del Comune di Bojano: -foglio 28, particella 369, qualità ente urbano, superficie are 08 ca 00 -foglio 28, particella 663, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 30 -foglio 28, particella 664, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 40 -foglio 28, particella 665, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 40 -foglio 28, particella 666, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 20 -foglio 28, particella 667, qualità ente urbano, superficie are 04 ca 80 -foglio 28, particella 669, qualità ente urbano, superficie are 07 ca 80 -foglio 28, particella 775, qualità ente urbano, superficie are 09 ca 50 -foglio 28, particella 804, qualità ente urbano, superficie are 45 ca 70. Destinazione urbanistica di zona. Confini: Il lotto confina a Nord con la Particella 802 foglio 28, da cui si ha accesso, e con la particella 368 foglio 28 in corrispondenza dei lati rimanenti. Il presente depuratore è costituito dalle seguenti strutture: vasche di ossigenazione; vasche di accumulo; chiarificatore; vasca di denitrificazione; vasca di agitazione lenta; edificio ospitante sala comandi e sala gruppi elettrogeni; Cabina Enel; n. 1 fossa center; n. 1 sistema di pompe di rilancio acque depurate. PREZZO BASE Euro 393.375,00 RILANCIO MINIMO Euro 7.870,00 (2% prezzo base con arrotondamento) LOTTO QUARTO Località Pietre Cadute – Comune di Bojano (CB) Il lotto è costituito da: 1. Appezzamenti di terreno su cui insiste un impianto di pompaggio. Dati Catastali:

Catasto Fabbricati del Comune di Bojano foglio 65, particelle 403, 413, 414, zona cens. 1, categoria D/1, rendita euro 568,10. Catasto Terreni del Comune di Bojano: -foglio 65, particella 403, qualità ente urbano, superficie are 10 ca 80 -foglio 65, particella 413, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 63 -foglio 65, particella 414, qualità ente urbano, superficie are 00 ca 07. Destinazione urbanistica di zona. Confini: gli appezzamenti di terreno su cui insiste l’impianto di pompaggio confinano a Nord con una strada comunale e con la particella 399 foglio 65, ad Est con la particella 44 foglio 65 e a Sud ed Est con la particella 398 foglio 65. Sulle particelle n. 414 e n. 413 sorgono due edifici in c.a., rispettivamente: (a) un pozzo piezometrico (b) uno stabile in cui sono presenti sia impianti per il pompaggio dell’acqua che impianti elettrici (allacci Enel). 2. Impianto di sollevamento sito in corrispondenza della sorgente del fiume Biferno e dalla condotta che da qui si dirama fino alle vasche di accumulo (part. 147, foglio 28) poste in prossimità dello stabilimento “omississ”. L’impianto di sollevamento è interrato ed è costituito da n. 3 pompe, mentre la condotta misura circa 3650,00 ml. PREZZO BASE Euro 70.750,00 RILANCIO MINIMO Euro 1.415,00 (2% prezzo base) • Per l’indicazione dei principali vincoli ed oneri gravanti sui beni, per i dati relativi alle licenze o concessioni edilizie, e per ogni ulteriore approfondimento si rimanda all’Ordinanza di vendita e alla perizia in atti. • La vendita avverrà con le seguenti modalità e condizioni: a) gli immobili sono posti in vendita in numero quattro lotti, al prezzo base segnato in calce alla descrizione degli stessi e l’aumento minimo non potrà essere inferiore all’importo ugualmente segnato in calce alla descrizione del lotto da aggiudicare; b) le domande di partecipazione all’incanto dovranno essere presentate in busta chiusa indirizzata alla Cancelleria fallimentare del Tribunale di Campobasso, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza fissata per l’espletamento dell’incanto. • Sulla busta devono essere indicati un nome o una sigla di fantasia che consenta all’offerente di identificare la propria busta all’udienza di cui sopra, la data della vendita e il nome del giudice. Nessuna altra indicazione – né numero o nome della procedura né il bene per cui è stata fatta l’offerta né altro – deve essere apposta sulla busta; c) la domanda dovrà contenere: 1) per le persone fisiche il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio e recapito telefonico dell’offerente, per le società la ragione sociale, partita IVA, domicilio e recapito telefonico; 2) i dati identificativi del bene per il quale la domanda è proposta; d) alla domanda dovrà essere allegato un assegno circolare non trasferibile intestato a “Tribunale di Campobasso – Curatore Fallimento n. 15/05 ”, per un importo pari al 10% del prezzo base, a titolo di cauzione, ed un assegno circolare non trasferibile intestato a “Tribunale di Campobasso – Curatore Fallimento n. 15/05”, per un importo pari al 15% del prezzo base, a titolo di copertura approssimativa delle spese di vendita e salvo conguaglio da versare in prosieguo; • in caso di mancata aggiudicazione en-


 :HIG6IID9>76C9D9><6G6E:GEGD8:9JG6G>HIG:II6

&#:ciZ6eeVaiVciZ/6Zgdedgi^Y^GdbVH#e#6#"K^VYZaa»6ZgdedgidY^;^jb^X^cdc#('%"%%%*)";^jb^X^cdGB" IZaZ[dcd%%(.$%+$+*.*&!]iieh/$$kZcYdg#^"[VWZg#Xdb$VYg# '#6eeVaidY^hZgk^o^/HZgk^o^d!YZaaVYjgViVY^igZciVhZ^bZh^!Y^eja^bZcidY^ijiiZaZVgZZ!XdbegZch^kdYZaaV e^XXdaVbVcjiZco^dcZZhVc^ÃXVo^dcZYZ^hZgk^o^^\^Zc^X^!cZ^iZgb^cVa¸AdiidIZgb^cVa¹ZcZ\a^Vaig^ZY^ÃX^ ¸AdiidZY^ÃX^kVg^¹!YZaa»VZgdedgid¸A#YVK^cX^¹Y^;^jb^X^cd#>aegZhZciZVeeVaidƒhjYY^k^hd^cYjZadii^! ¸IZgb^cVa¹8#>#<#c#).-.*)-&))Z¸:Y^ÃX^kVg^¹8#>#<#c#).-.*,%(+7!eZg^fjVa^a»^c^o^dYZaa»deZgVi^k^i|ƒ VYd\\^egZk^hiVeZg^a&•\^j\cd'%&(#H^Zk^YZco^VX]ZjcdhiZhhdhd\\Ziid\^jg^Y^Xd!ejgediZcYdeVgiZX^eVgZ Vijii^ZYjZ^adii^!cdcedig|V\\^jY^XVghZcZe^‘Y^jcd0eZgiVcid!ÃcYVaaVegZhZciVo^dcZYZaaVYdbVcYV Y^eVgiZX^eVo^dcZ!X^VhXjcXdcXdggZciZVXXZiiVX]Z!fjVadgVg^hjaiVhhZV\\^jY^XViVg^dY^jcadiid!cdcedig| V\\^jY^XVgh^a»Vaigd#FjVadgVadhiZhhdXdcXdggZciZg^hjaiVhhZeg^bdXaVhh^ÃXVid^cZcigVbW^^adii^!\a^kZgg| V[ÃYVid^aadiid¸IZgb^cVa¹!^cfjVcidbV\\^dgZigV^YjZ!bZcigZ^aadiid¸:Y^ÃX^kVg^¹kZgg|V[ÃYVidVa hZXdcYdXaVhh^ÃXVid^ciVaZadiid# (#>bedgidXdbeaZhh^kdYZ^YjZadii^YZaa»VeeVaid!eZgaVYjgViVY^igZciVhZ^bZh^!eVg^V*'#%'-#*-,!,%:jgdXdh‡ Vgi^XdaVid/Adiid¸IZgb^cVa¹/^bedgid¸VXdged¹ig^ZccVaZVWVhZY»VhiVeVg^V)'#('%#%%%!%%:jgd0^bedgid¸V Xdged¹Y^-+#&-(!)):jgd!cdchd\\ZiidVg^WVhhd!eZgdcZg^Y^h^XjgZooV0^bedgidbVhh^bdY^)-%#%%%!%%:jgd VY^hedh^o^dcZeZgXdbeZchVgZZkZcijVa^egZhiVo^dc^ZmigV#Adiid¸:Y^ÃX^kVg^¹/^bedgid¸VXdged¹ig^ZccVaZV WVhZY»VhiVeVg^V-#.,(#-'-!(%:jgd0^bedgid¸VXdged¹Y^&-#*,*!.+:jgd!cdchd\\ZiidVg^WVhhd!eZgdcZg^Y^ h^XjgZooV0^bedgidbVhh^bdY^&*%#%%%!%%:jgdVY^hedh^o^dcZeZgXdbeZchVgZZkZcijVa^egZhiVo^dc^ZmigV# )#6\\^jY^XVo^dcZY^X^VhXjcdYZ^YjZadii^V^hZch^YZaa»Vgi#-(YZa9#A\h#&+($'%%+0d[[ZgiVZXdcdb^XVbZciZe^‘ kVciV\\^dhV^cWVhZV^Xg^iZg^^cY^XVi^Y^hZ\j^idXdc^gZaVi^k^eZh^adgdViig^Wj^i^/ "EgZood+% "KVadgZiZXc^Xd)% *#AZ YdbVcYZ Y^ eVgiZX^eVo^dcZ! jc^X]Z eZg ijii^ Z YjZ ^ adii^! XdbegZch^kZ Y^ ijiiZ aZ Y^X]^VgVo^dc^ Z$d YdXjbZci^g^X]^Zhi^cZaaVhZo^dcZiZgoVYZaWVcYdY^\VgV^ciZ\gVaZ!YdkgVccd!VeZcVY^ZhXajh^dcZ!ZhhZgZ ^chZg^iZ!ÃgbViZY^\^iVabZciZ!hjaEdgiVaZVXfj^hi^69G!^cVeedh^iVWjhiVX]^jhVY^\^iVaZ!ZcigdZcdcdaigZaZ dgZ&*#%%YZa%'$%)$'%&(# +#CdcƒhiViVejWWa^XViVegZ^c[dgbVo^dcZ#>aWVcYdY^\VgV^ciZ\gVaZƒhiVid^ck^VidVaa»J[ÃX^dYZaaZEjWWa^XVo^dc^ J[ÃX^Va^YZaa»Jc^dcZ:jgdeZV^a&&$($'%&(!X]Zad]Vg^XZkjid^ceVg^YViVZYƒejWWa^XVidhjaaV<VooZiiVJ[ÃX^VaZ YZaaVGZejWWa^XV>iVa^VcV*SHZg^ZHeZX^VaZc#(&YZa&($%($'%&(Zhjah^idlZWYZaa»:ciZ6eeVaiVciZlll#VYg# ^i# 6Zgdedgi^Y^GdbVH#e#6# A»6bb^c^higVidgZ9ZaZ\Vid >c\#A#AdEgZhi^

 :HIG6IID9>76C9D9><6G6E:GEGD8:9JG6G>HIG:II6 &#:ciZ 6eeVaiVciZ/ 6Zgdedgi^ Y^ GdbV H#e#6# " K^V YZaa»6Zgdedgid Y^ ;^jb^X^cd c# ('%"%%%*)";^jb^X^cdGB"IZaZ[dcd%%(.$%+$+*.*&!]iieh/$$kZcYdg#^"[VWZg# Xdb$VYg# '#6eeVaidY^hZgk^o^/HZgk^o^dig^ZccVaZY^eja^o^VZheVooVbZcidYZaaZVgZZZhiZgcZZ YZaaVk^VW^a^i|¸V^gh^YZ¹Z¸aVcYh^YZ¹YZaa»6Zgdedgid¸A#YVK^cX^¹Y^;^jb^X^cd# 8#>#<#c#).-.*%*98) (#>bedgid XdbeaZhh^kd YZaa»VeeVaid! eZg aV YjgViV Y^ igZciVhZ^ bZh^! eVg^ V ,#&'%#.('!+(:jgdXdh‡Vgi^XdaVid/^bedgid¸VXdged¹ig^ZccVaZVWVhZY»VhiVeVg^ V,#%)*#,.-!-,:jgd0^bedgid¸VXdged¹Y^&*#&((!,+:jgd!cdchd\\ZiidVg^WVhhd! eZgdcZg^Y^h^XjgZooV0^bedgidbVhh^bdY^+%#%%%!%%:jgdVY^hedh^o^dcZYZaaV 8dbb^iiZciZeZgZkZcijVa^egZhiVo^dc^ZmigV# )#6\\^jY^XVo^dcZV^hZch^YZaa»Vgi#-'!X#'aZiiZgVWYZa9#A\h#&+($'%%+/egZoode^‘ WVhhdYZiZgb^cVidbZY^VciZg^WVhhdeZgXZcijVaZhjaa»^bedgid¸VXdged¹ig^ZccVaZ VWVhZY»VhiV# *#AZ YdbVcYZ Y^ eVgiZX^eVo^dcZ! XdbegZch^kZ Y^ ijiiZ aZ Y^X]^VgVo^dc^ Z$d YdXjbZci^g^X]^Zhi^cZaaVhZo^dcZiZgoVYZaWVcYdY^\VgV^ciZ\gVaZ!YdkgVccd!V eZcVY^ZhXajh^dcZ!ZhhZgZ^chZg^iZ!ÃgbViZY^\^iVabZciZ!hjaEdgiVaZVXfj^hi^69G! ^cVeedh^iVWjhiVX]^jhVY^\^iVaZ!ZcigdZcdcdaigZaZdgZ&*#%%YZa%'$%)$'%&(# +#CdcƒhiViVejWWa^XViVegZ^c[dgbVo^dcZ#>aWVcYdY^\VgV^ciZ\gVaZƒhiVid^ck^Vid Vaa»J[ÃX^dYZaaZEjWWa^XVo^dc^J[ÃX^Va^YZaa»Jc^dcZ:jgdeZV^a&&$($'%&(!X]Zad]V g^XZkjid ^c eVg^ YViV ZY ƒ ejWWa^XVid hjaaV <VooZiiV J[ÃX^VaZ YZaaV GZejWWa^XV >iVa^VcV*SHZg^ZHeZX^VaZc#(&YZa&($($'%&(Zhjah^idlZWYZaa»:ciZ6eeVaiVciZ lll#VYg#^i# 6Zgdedgi^Y^GdbVH#e#6# A»6bb^c^higVidgZ9ZaZ\Vid >c\#A#AdEgZhi^


JC>K:GH>IÂą9:AH6A:CID

G^eVgi^o^dcZAZ\VaZ!6ii^cZ\do^Va^ZY>hi^ijo^dcVa^ 6gZV6[[Vg^CZ\do^Va^ :HIG6IID6KK>HD9>6<<>J9>86O>DC: Egd\gVbbVDeZgVi^kdCVo^dcVaZ¸G^XZgXVZ8dbeZi^i^k^i|šEDC¸G8š'%%,"'%&(#Egd\ZiidEDCV(T%%(()'=:Âś ¸EdiZco^VbZcidYZa8ZcigdG^XZgX]ZeZgaVhVajiZYZaaÂťjdbdZYZaaÂťVbW^ZciZšÂś8JE;-&9&&%%%'&%%%,#EgdXZYjgV VeZgiV!Vadii^hZeVgVi^!eZgaÂťVXfj^h^o^dcZY^ViigZooVijgViZXc^XdÂśhX^Zci^Ă&#x192;XV# H^Xdbjc^XVX]ZXdcYZa^WZgVYZa8dch^\a^dY^6bb^c^higVo^dcZ^cYViV'-[ZWWgV^d'%&(hdcdhiVi^V\\^jY^XVi^/ &^aAdiid&ÂśAVWdgVidg^dBdW^aZ6XfjVi^XdVaaV9^iiVIG>E:H8:H#g#a#XdggZciZ^cGdh^\cVcdBVg^ii^bdA>X]Z]Vd[[Zgid jcegZoodeVg^VY`()*#%%%!%%>K6ZhXajhV0 '^aAdiid(ÂśE^ViiV[dgbVeZgBVaY^>bV\^c\XdbedhiVYVjcdheZiigdbZigdY^bVhhVB6A9>ID;$ID;VaaV9^iiV7GJ@:G 96AIDC>8HH#g#a#XdggZciZ^cBVXZgViVVaaVK^V8ajZci^cVc#'+,GX]Z]VXdchZ\j^id^aejciZ\\^dXdbeaZhh^kdeVg^ V.+!('ejci^Y^Xj^ejci^*-!%%eZgaÂťd[[ZgiViZXc^XVZejci^(-!('eZgaÂťd[[ZgiVZXdcdb^XV!VkZcYdegdedhidjc egZoodeVg^VY`'+-#'+-!%%>K6ZhXajhV0 (^aAdiid)ÂśH^hiZbV=EA8^ciZg[VXX^VidVYjcdheZiigdbZigdY^BVhhVVig^eadfjVYgjedadFFFVaaV9^iiV6<>A:CI I:8=CDAD<>:HH#e#6#XdggZciZ^c8ZgcjhXdhjaCVk^\a^dB>VaaVK^VE^Zgd<dWZii^!'$8X]Z]VXdchZ\j^id^aejciZ\\^d XdbeaZhh^kdY^.,!.%ejci^Y^Xj^ejci^+,!.eZgaÂťd[[ZgiViZXc^XVZejci^(%!%%eZgaÂťd[[ZgiVZXdcdb^XVVkZcYd egdedhidjcegZoodeVg^VY`&)+#-*-!)*>K6ZhXajhV0 )^aAdiid*ÂśHeZiigdbZigdMEHVYZaZkViVg^hdajo^dcZheVo^VaZeZgaVXVgViiZg^ooVo^dcZY^Y^kZghZi^edad\^ZY^bViZ" g^Va^^ccdkVi^k^VaaV9^iiV@G6IDH6C6ANI>86AXdggZciZ^cL]Vg[h^YZ!IgV[[dgYL]Vg[GdVYÂśBVcX]ZhiZgB&,&<EX]Z ]Vd[[Zgid^aegZoodeVg^VY`+'%#%%%!%%# Cdc h^ Â&#x192; egdXZYjid VaaÂťV\\^jY^XVo^dcZ YZa Adiid ' 8Zcigd Y^ AVkdgd  V X^cfjZ Vhh^ cZXZhhVg^d VaVa gZVa^ooVo^dcZ YZaaÂťd[Ă&#x192;X^cVbZXXVc^XVY^egdide^ooVo^dcZeZgbVcXVcoVY^d[[ZgiZkVa^YZ# 6aaVegdXZYjgVY^\VgV]VccdeVgiZX^eVid/ "c#&9^iiVeZg^aAdiid&!c#&9^iiVeZg^aAdiid'!c#(9^iiZeZg^aAdiid(!c#(9^iiZeZg^aAdiid)!c#&9^iiVeZg^a Adiid*# AÂťVkk^hdY^V\\^jY^XVo^dcZÂ&#x192;hiVidejWWa^XVidhjaaV<J8:^cYViV+bVgod'%&( AZXXZ!,bVgod'%&(    >A9>G:IIDG:<:C:G6A: 6kk#8aVjY^V9Z<^dg\^

Ministero 6KK>HD9><6G6 >a\^dgcd'*$%+$'%&(hVg|ZheZg^iVegZhhd^a9^eVgi^bZcidYZ^K^\^a^YZa;jdXdYZaHdXXdghdEjWWa^XdZYZaaV9^[ZhV8^k^aZ Âś9^gZo^dcZ8ZcigVaZeZgaZG^hdghZAd\^hi^X]ZZHigjbZciVa^ÂśHZgk^o^d>>"8dcigVii^eZgaVAd\^hi^XVÂśK^V8Vkdjg*Âś %%&-)GDB6ÂśegdXZYjgVg^higZiiV^cWVhZVaXg^iZg^dYZaaÂťd[[ZgiVZXdcdb^XVbZciZe^Â&#x2018;kVciV\\^dhV!XdcVXXdggZcoV VeZgiVVaaZ^begZhZYZ\a^HiVi^bZbWg^YZaaVJ:eZgaV[dgc^ijgVY^/ "C#*%#%%%\jVci^YV^ciZgkZcideZgK^\^a^YZa;jdXd!8><C#).&-'*+&(;# eZg^aeZghdcVaZYZ^K^\^a^YZa;jdXdXdbZbZ\a^dheZX^Ă&#x192;XVidcZaWVcYdY^\VgVZcZaaVaZiiZgV^ck^id# AV\VgVhVg|Z[[ZiijViVV^hZch^YZaaZY^hedh^o^dc^XdciZcjiZcZa9ZXgZidAZ\^haVi^kd&'Veg^aZ'%%+!c#&+(Zh#b#^## AZYdbVcYZY^eVgiZX^eVo^dcZVaaV\VgVYdkgVccdeZgkZc^gZ!ZcigdaZdgZ&'#%%YZa\^dgcd'*$%( $'%&(^cea^Xdh^\^aaVidZgVXXdbVcYVidVbZoodYZaaVedhiVdXdchZ\cVidVbVcdVahZ\jZciZ^cY^g^ood!YV^cY^XVgZ hjaea^XdhiZhhd/ B>C>HI:GD>CI:GCD 9^eVgi^bZcidYZ^K^\^a^YZa;jdXdYZaHdXXdghdEjWWa^XdZYZaaV9^[ZhV8^k^aZ 9>G:O>DC:8:CIG6A:E:GA:G>HDGH:AD<>HI>8=::HIGJB:CI6A> HZgk^o^d>>Âś8dcigVii^eZgaVad\^hi^XV J[Ă&#x192;X^d6XXZiiVo^dcZEdhiVaZÂśK^VEVaZgbd&%&ÂśGdbVÂś>iVa^V Hjaea^Xd!jc^iVbZciZVaaÂť^cY^g^oodZcjbZgdiZaZ[dc^XdYZab^iiZciZ!Ydkg|ZhhZgZ^cY^XVid/ ¸8dci^ZcZg^X]^ZhiVeVgiZX^eVo^dcZ\VgV/¸^cY^XVgZaV$aZ[dgc^ijgV$ZegZhXZaiV$ZÂśG>H:GK6I>HH>BDCDC6EG>G: AZ hjYYZiiZ YdbVcYZ Y^ eVgiZX^eVo^dcZ YdkgVccd! ^cdaigZ! ZhhZgZ XdggZYViZ YVaaV YdXjbZciVo^dcZ ^cY^XViV cZa WVcYdY^\VgV^ck^Vid^cYViV&)$'$'%&(eZgaVejWWa^XVo^dcZhjaaV<VooZiiVJ[Ă&#x192;X^VaZYZaaVGZejWWa^XV>iVa^VcVZhj fjZaaVYZaaV8dbjc^i|:jgdeZV# >aWVcYdhjYYZiidhVg|ejWWa^XVid^cdaigZhjah^id^ciZgcZilll#k^\^a[jdXd#^i# JaiZg^dg^^c[dgbVo^dc^edhhdcdZhhZgZg^X]^ZhiZVaaÂťJ[Ă&#x192;X^dhdegVX^iVidÂśIZa#%+#)+*'#.&&*$+ GdbV! >A9>G:IIDG:8:CIG6A: EZaa^XVcd


Marzo 2013

14

trambi gli assegni saranno immediatamente restituiti dopo l’incanto; e) la vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, eventuali servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La presente vendita forzata non è soggetta alla norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità né potrà essere risolta per alcun motivo. Conseguentemente, l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti –, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e non conoscibili, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; f) l’immobile è venduto franco e libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti, la cui cancellazione sarà espressamente ordinata con il decreto di trasferimento e sarà eseguita a cura e spese dell’aggiudicatario; g) ogni onere, diritto, tributo e spesa derivanti a qualsiasi titolo dalla vendita saranno a carico dell’aggiudicatario; h) il saldo del prezzo della vendita e degli oneri, tributi e spese dovranno essere versati entro 60 giorni dalla data dell’aggiudicazione; in caso di mancato versamento nei termini, la vendita sarà revocata e l’aggiudicatario inadempiente perderà la cauzione versata, salvo il risarcimento del maggior danno ai sensi dell’art. 587 c. p. c.; i) la proprietà, il possesso ed il godimento del bene saranno a favore ed a carico dell’aggiudicatario dalla data del decreto di trasferimento, che sarà emesso dopo il versamento dell’intero prezzo e delle spese, diritti ed oneri conseguenti al trasferimento; j) per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Si precisa che: Le difformità e/o irregolarità urbanistiche presenti dovranno essere sanate ai sensi della legge 28.2.1985 n. 47 e succ. int. e mod., direttamente ed a carico dell'aggiudicatario. Ulteriori ed eventuali difformità e/o irregolarità urbanistiche dovranno essere sanate, ai sensi della legge 28.2.1985 n. 47 e succ. int. e mod., dall’aggiudicatario e a suo carico. Non risultando acquisito agli atti della procedura l'Attestato di Certificazione Energetica, sarà a cura e spese dell'aggiudicatario l'onere di dotare l'immobile del suddetto Attestato prima dell'emissione del decreto di trasferimento. L'acquisizione dell'Attestato di Certificazione Energetica a cura e spese dell'aggiudicatario sarà, quindi, condizione necessaria per l'emissione del decreto di trasferimento. La partecipazione presuppone la conoscenza integrale dell’ordinanza di vendita e della relazione di stima in atti, ovvero di qualsiasi altro atto inerente la vendita soggetta a pubblicità. Maggiori chiarimenti potranno essere

richiesti in Cancelleria Fallimentare, presso il Curatore Dott. Giuseppe Iacobacci o presso il custode giudiziario Istituto Vendite Giudiziarie. Campobasso, 14 gennaio 2013 Il Funzionario Giudiziario Dott.ssa L. Musacchio

TRIBUNALE DI CHIETI

CONCORDATO PREVENTIVO 08/2010 Giudice Delegato Dott. Adolfo Ceccarini Commissario Giudiziale: Prof. Franco Di Cristofaro Liquidatore Giudiziale: Dott. Gianni Di Battista Il Concordato Preventivo n. 8/10 avvisa che, nel quadro delle attività finalizzate al realizzo dell’attivo, intende procedere alla vendita di uno stabilimento vitivinicolo destinato alla produzione di vini biologici in una delle aree più rilevanti per la vocazione vitivinicola della Regione Abruzzo. Lo stabilimento è dotato di attrezzature per la trasformazione delle uve, dei mosti per la vinificazione. Accanto alle aree di produzione, stoccaggio e decantazione dei mosti vi sono aree destinate all’affinamento dei vini, con sistemi di termoventilazione che mantengono temperatura ed umidità costanti ed aree per l’invecchiamento dei vini di maggior qualità, in botti di rovere. Allo stabilimento è collegata un’area interrata con copertura ad ottagono attrezzata per la degustazione dei vini, per meeting ed incontri di lavoro. I beni immobili, mobili ed immateriali posti in vendita sono riepilogati nel modo seguente: LOTTO N. 1 Descrizione Importo stimato A – Immobili € 3.660.000,00 B – Immobilizzazioni Materiali: 1. Macchinari e attrezzature: € 33.000,00 2. Macchine Elettroniche: € 10.800,00 3. Mobili, Arredi e altri Beni: € 18.000,00 € 61.800,00 C – Immobilizzazioni Immateriali: Marchi e Diritti € 438.000,00 Totale Lotto n. 1 € 4.159.800 LOTTO N. 2 Descrizione Importo stimato D – Merci: 1. Vini: € 397.423,80 2. Tappi: € 3.051,00 3. Imballaggi: € 114,00 € 400.588,80 Totale Lotto n. 2 € 400.588,80 TOTALE DEL VALORE LOTTO N. 1: Prezzo base d’asta € 4.159.800,00 oltre imposte come per legge Offerte in aumento € 25.000,00 TOTALE DEL VALORE LOTTO N. 2: Prezzo base d’asta € 400.588,80 oltre imposte come per legge Offerte in aumento € 10.000,00 • Il tutto come meglio descritto nell’ Avviso di vendita integrale e nella ulteriore documentazione consultabile sul sito www.tribunalechieti.it. • E’ altresì possibile visionare la documentazione cartacea o prendere appuntamento per prendere visione del complesso, previo appuntamento con il dott. Gianni Di Battista, Commissario Liquidatore, al n. 085 4465165 (dalle ore 9 alle ore 12.30 ed dalle ore 15 alle

ore 17, esclusi il sabato ed i festivi). • La procedura di vendita si espleterà mediante un’asta che si terrà davanti al notaio Giovanni Maria Plasmati con studio in Chieti al C.so Marrucino n. 36 (tel. 0871 348750) in data 28 marzo 2013, alle ore 09:00. • Le offerte d’acquisto dovranno essere effettuate mediante dichiarazione sottoscritta su carta legale, contenuta in busta chiusa, da depositarsi dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 17,00 presso lo studio notarile del dott. Giovanni Maria Plasmati. • Termine ultimo per la presentazione delle offerte d’acquisto: le ore 17,00 del giorno 27 marzo 2013. • Il presente avviso, in ogni caso, non costituisce proposta irrevocabile né offerta al pubblico, né sollecitazione al pubblico risparmio, né in alcun modo il Commissario Liquidatore a contrarre con gli offerenti. Chieti, data della pubblicazione. Il Commissario Liquidatore Dott. Gianni Di Battista

TRIBUNALE DI LATINA

Fall.to n. 104/2011 raccoglie per l’azienda albergo e servizi sanitari e ai beni strumentali fabbricato e terreno ad. sito in Suio/Castelforte (LT) via delle Terme snc proposte di affitto in base al Regolamento e stime pubblicate sito www.astegiudiziarie.it. La pres. non è offerta al pubblico. Info D.sa Adele Del Monte LT email adedelm@tin.it T. 0773487902. ***** DOTT. VECCHI “Fallimento: N. 25/00” Il giorno 07/03/2013, alle ore 10,30, avanti al Giudice Delegato dott. Roberto Amatore, si procederà alla vendita al V incanto dei seguenti beni: LOTTO UNICO: Complesso aziendale sito in Comune di Sabaudia (LT), via Colle D’Alba di Levante snc, costituito da beni immobili e mobili. I beni immobili comprendono sei edifici variamente articolati, per una superficie coperta di mq.13.594. Essi insistono su un appezzamento di terreno dell’estensione di mq. 46.870. I beni mobili facenti parte del complesso aziendale si sostanziano in mobili, attrezzature e macchinari di vario genere. • Il lotto sarà posto in vendita al seguente prezzo base: € 3.965.983,00 oltre imposte, così decurtato di 1/5, a seguito di precedente espletamento d’asta andato deserto e così suddiviso: - Beni Mobili € 433.253,00; - Beni Immobili € 3.532.730,00. • Le offerte in aumento, ivi compresa la prima, non potranno essere inferiori a € 20.000,00. • Ogni offerente, per partecipare all’asta, dovrà depositare presso la cancelleria fallimentare del Tribunale di Latina, apposita domanda, versando contestualmente una somma pari al 30% del prezzo base, di cui il 10% a titolo di

cauzione ed il restante 20% per deposito spese, mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Curatore del Fallimento N.25/00”, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita. L’aggiudicatario dovrà, dedotta la cauzione già prestata, versare il saldo del prezzo mediante assegni circolari intestati come sopra, entro il termine di 60 giorni dalla data di aggiudicazione. All’aggiudicatario che ha versato l’intero prezzo verrà trasferito il relativo lotto dalla data di emissione del decreto di trasferimento ai sensi dell’art. 586 C.P.C.. Tutte le spese relative alla vendita, comprese l’imposta di registro e le imposte e tasse inerenti il passaggio di proprietà sono a carico dell’aggiudicatario. Agli offerenti non divenuti aggiudicatari, al termine della gara, verrà restituito l’assegno depositato a titolo di cauzione e di deposito per spese. L’aggiudicazione sarà eseguita nelle condizioni di fatto e di diritto in cui tutti i beni (mobili ed immobili) si trovano, come acquisiti al fallimento, con esonero della curatela da ogni e qualsiasi responsabilità e garanzia, come previsto dall’art. 1487 Cod.Civ. per vizi della cosa venduta, per quanto riguarda superfici ed idoneità all’uso, nonchè per quanto concerne eventuali gravami derivanti da servitù e da diritti di terzi, comunque istituiti, e altresì per eventuali difformità rispetto ad autorizzazioni amministrative, a licenze e concessioni edilizie o per la scadenza o inesistenza delle stesse, anche se non menzionate nella perizia di ufficio, qualunque effetto negativo possano produrre nei confronti dell’aggiudicatario. Anche dopo l’effettuazione dell’incanto, possono, a norma dell’art. 584 C.P.C., essere fatte offerte entro il termine di dieci giorni, sempre che le stesse superino di un quinto il prezzo raggiunto nell’incanto. Il complesso aziendale è oggetto di contratto di affitto di azienda. Il conduttore ha diritto di prelazione nell’acquisto del complesso aziendale stesso, alle condizioni dell’art. 3, comma 4, della Legge 23 Luglio 1991, n.223. Maggiori informazioni saranno fornite dalla cancelleria fallimentare del Tribunale di Latina o dal curatore del fallimento tel. 0773/610129, fax 0773/264366, mail: studio.vecchi@fastwebnet.it. *****

Esecuzione Immobiliare n. 277/2006 R. Gen. Es. Il Notaio Giuseppe Celeste, AVVISA che il giorno 8 maggio 2013, alle ore 10:30, presso il suo studio è fissata la VENDITA SENZA INCANTO del seguente bene immobile: LOTTO UNICO: Fabbricati con annessa area di pertinenza della superficie di mq. 2.070, tra coperto e scoperto, siti in Comune di Priverno (LT), Via Torretta Rocchigiana n. 217, costituiti da: abitazione posta al piano terra del fabbricato principale composta da soggiorno-pranzo, cucina, una camera da letto, un bagno ed un disimpegno per una superficie utile di circa mq. 64,26; abitazione composta da ambienti ad uso residenziale al piano primo del fabbricato principale, per una superficie utile di mq. 110,42, oltre due balconi, e due locali ad uso deposito-cantina al piano terra per una superficie utile di circa mq. 37,70; manufatto adibito a deposito-tettoie (ex stalla-fienile-porcile) ad unico piano terra, in pessimo stato di conservazione, posto nella parte retrostante l’edificio principale, di circa mq. 50,40 (deposito) e mq. 36,11 (tettoie); manufatti adibiti a tettoie e piccolo deposito ad unici piani


Marzo 2013

15

terra della superficie complessiva di mq. 468,81; locale caldaia posto a ridosso della parete perimetrale dell’edificio ad uso residenziale. Prezzo base: Euro 38.800,00 Rilancio minimo: Euro 700,00 OFFERTE: • le offerte dovranno pervenire, in busta chiusa, presso lo studio del notaio delegato, entro le ore 13.00 del giorno precedente l’asta e saranno esaminate il giorno dell’asta. CUSTODE: Notaio Giuseppe Celeste – Latina – Corso della Repubblica n. 197 – Tel. 0773/480328. AVVISA ALTRESI’ CHE L’EVENTUALE SUCCESSIVO INCANTO • dell’immobile di cui sopra si terrà nello stesso luogo il giorno 15 maggio 2013 ore 10:30 Prezzo base: Euro 38.800,00 Rilancio minimo: Euro 700,00 • La perizia e l’avviso di vendita integrali sono consultabili sul sito www.astegiudiziarie.it. • Per ulteriori informazioni: notaio Giuseppe Celeste – Latina – Corso della Repubblica, 197 – Tel. 0773/480328

rato. Il tutto come da relazione del C.T.U. In Catasto al Foglio 209, partc. 861, sub. 14 e 21. Occupato dall'esecutata. Prezzo Base Euro 293.378,00; Aumento minimo Euro 6.000,00 AVVISA altresì: • eventuale Vendita Con Incanto il 28/05/2013 ore 09:30. • Modalità partecipazione e consultazione perizia sul sito internet www.astegiudiziarie.it oppure presso il delegato.

TRIBUNALE DI NAPOLI

***** Es. Imm. 100/2006 promossa da MCC S.p.A. Notaio Raffaele Ranucci con studio in Terracina Via Roma 103, tel. 0773/701330, in conformità del provv. del G.E. in data 11/01/2013 AVVISA che il 21/05/2013 alle ore 10:30 terrà la Vendita Senza Incanto di: Lotto 1°: Piena Proprietà appartamento in Terracina, accesso da stradina privata di Via Badino n. 213/A, costituito da piano seminterrato, terra e primo. Il tutto come da relazione del C.T.U. In Catasto al Foglio 209, partc. 17, sub. 17, 59 (corte), 24 (lastrico solare). Occupato dall'esecutato. Prezzo Base Euro 286.053,00; Aumento minimo Euro 6.000,00 Lotto 2°: Piena Proprietà appartamento in Terracina, accesso da Via delle Arene n. 213/bis, costituito da p. 1° e 2° ed autorimessa al piano seminter-

VII Sez. Civ. Concordato Preventivo n. 03/2010 “COSTRUZIONI NAPOLETANE S.r.l. IN LIQUIDAZIONE” I liquidatori Giudiziali Dott. ACHILLE COPPOLA Avv. ANTONIO DE NOTARISTEFANI DI VASTOGIRARDI Avviso di convocazione dei creditori ex art. 116 L.F. I sottoscritti, Dott. Achille Coppola con studio in Napoli alla via Luca da Penne n. 1 e Avv. Antonio De Notaristefani di Vastogirardi con studio in Napoli alla via Vittoria Colonna 14, in qualità di liquidatori giudiziali nella procedura in epigrafe, COMUNICANO • che in data 20.12.2012 il Tribunale di Napoli, tramite decreto, ha provveduto alla revoca del Prof. Avv. Stefano Fiorentino dalla carica di

liquidatore giudiziale della società Costruzioni Napoletane S.r.l. in liquidazione, sede legale Via Riviera di Chiaia 202 Napoli - Codice Fiscale e P. I.V.A. n. 05538560631, e nominato quali sostituti gli scriventi Dott. Achille Coppola e Avv. Antonio De Notaristefani di Vastogirardi, ordinando al liquidatore revocato il deposito del conto della gestione. • Su istanza degli scriventi, il Giudice Delegato ha disposto, con provvedimento del 22/01/2013 che entro il 10/02/2013 il Prof. Avv. Stefano Fiorentino depositasse in cancelleria il conto della gestione ai sensi dell’art. 116 L.F.. • In data 14/02/2013, il Giudice Delegato Dott. Angelo Napolitano, letto il rendiconto di gestione depositato in cancelleria entro il termine assegnato, ha fissato, ai sensi dell’articolo 116 della Legge Fallimentare, l’udienza in cui ogni interessato può presentare le proprie osservazioni e contestazioni in merito, per il giorno 14/03/2013 ore 12:00 presso il Tribunale di Napoli. • Il decreto di revoca e nomina dei liquidatori giudiziali, il decreto di convocazione dei creditori, il rendiconto di gestione del liquidatore revocato e tutta la ulteriore documentazione di supporto sono consultabili presso il sito internet www.concordatocostruzioninapoletane.org e presso la cancelleria della Sezione Fallimentare del Tribunale di Napoli. • Gli scriventi comunicano l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) della procedura concordato.costruzioninapoletane@pec.it e invitano i creditori a comunicare, a tale indirizzo, entro il 30/09/2013 il loro indirizzo di PEC al quale ricevere tutte le comunicazioni relative alla procedura. • Si avverte di rendere nota ogni successiva variazione, in quanto, in caso di omessa indicazione, le comunicazioni saranno eseguite esclusivamente mediante deposito in cancelleria, così come previsto dall’art. 31 bis L.F.. Napoli, 22 febbraio 2013 I Liquidatori Giudiziali Avv. Antonio De Notaristefani di Vastogirardi Dott. Achille Coppola

TRIBUNALE DI NOVARA

Es. Imm. n. 181/11 R.G.E. Lotto Unico - Novara Via Baluardo Partigiani, 2/B (2º esperimento). Piena prop. per l'intero di appartamento signorile in palazzo di prestigio, al p. 1º e pertinenza al p. seminterrato (cantinola) e settimo (solaio); per sup. lorda compl. ca. mq. 102,70. (Valore di stima Euro 349.000,00). Occupato dall'esecutato. Prezzo Base Euro 262.000,00. • Professionista delegato Rag. Cinzia Marnati c/o CEG in Novara, C.so Cavalotti, 26. • Vendita senza incanto: 19/04/2013 ore 13.00. • Deposito offerte entro il 18/04/2013 ore 12. • Vendita con incanto: 09/05/2013 ore 13.00; aumento minimo Euro 1.000,00.

TRIBUNALE DI NOLA AVVISO DI VENDITA DI BENI MOBILI Fallimento n.19/2011 Tribunale di Nola (G.D. dr. Eduardo Savarese) vende in separati lotti:

Beni visibili giorno 25/03/2013 ore 10,00, previo appuntamento. I beni sono venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano. Depositare offerte, in busta chiusa, cauzionate con AC NT intestato al fallimento, importo pari al 30% del prezzo offerto, presso studio curatore in Napoli, via Toledo 389, giorno 16/04/2013 h 15.00-19.00. Apertura buste presso studio curatore giorno 17/04/2013 h 15.30. In presenza di più offerte, ammesse solo se con cauzione come sopra, si procederà a contestuale gara tra gli offerenti. Il mancato versamento del saldo del prezzo entro 5 giorni dall’aggiudicazione determinerà la perdita della cauzione ed il suo incameramento a titolo definitivo da parte della procedura. Ulteriore documentazione su www.astegiudiziarie.it. Info: curatore dr. Bonagura 081/551.89.85 (h 15-19).


>hi^ijidCVo^dcVaZY^HiVi^hi^XV

:higViidYZaWVcYdY^\VgVigVX`^cYjhig^VaZ eZg^aÃcVco^VbZcidY^egd\Zii^Xdc\^jci^Y^g^XZgXV#

9^gZo^dcZ8ZcigVaZeZga»Vii^k^i|Vbb^c^higVi^kV Z\Zhi^dcZYZaeVig^bdc^d

>a B^c^hiZgd YZ\a^ 6[[Vg^ :hiZg^ ^iVa^Vcd ¶ 9<6E" ^cY^XZ Vhh^ZbZ Va B^c^hiZgd YZaa»>cYjhig^VZ8dbbZgX^d^hgVZa^Vcd¶D8H"jcWVcYdeZgaVhZaZo^dcZY^egd" \Zii^Y^g^XZgXVVeea^XViV!Vbb^hh^W^a^Y^hdhiZ\cdÃcVco^Vg^d^cWVhZVaa»Vgi# )YZaa»6XXdgYdY^XddeZgVo^dcZcZaXVbedYZaaVg^XZgXVZYZaadhk^ajeed^cYj" hig^VaZ!hX^Zci^ÃXdZiZXcdad\^XdigV>iVa^VZ>hgVZaZA#&*)$'%%'# Îedhh^W^aZegZhZciVgZegd\Zii^Y^g^XZgXVXdc\^jci^^iVad"^hgVZa^Vc^!cZaaZVgZZ Y^g^XZgXVXdciZbeaViZVaa»Vgi#'YZaa»6XXdgYd!Zcigd^a'bV\\^d'%&(#8^VhXjc eVgicZg k^cX^idgZ kZgg| ÃcVco^Vid YVaaZ g^heZii^kZ 6jidg^i| cZa g^heZiid YZaaZ aZ\\^cVo^dcVa^^ck^\dgZ#

6KK>HD9>G:II>;>86 8dY^XZ>YZci^ÃXVi^kd<VgV8><),')(++:') H^gZii^ÃXV^aWVcYdY^\VgVeZgaVegdXZYjgVVeZgiVXdbjc^iVg^VYVV\\^jY^" XVgh^VaXg^iZg^dYZaa»d[[ZgiVZXdcdb^XVbZciZe^‘kVciV\\^dhVgZaVi^kVV^hZgk^o^ Y^ eja^o^V! Y^ \Zhi^dcZ g^Ãji^! adXVo^dcZ Z bVcjiZco^dcZ Y^ VeeVgZXX]^VijgZ ^\^Zc^XdhVc^iVg^Z!Y^gVXXdaiVY^[[ZgZco^ViV!Y^h^c[Zo^dcZ!Y^h^c[ZhiVo^dcZZYZ" gVii^ooVo^dcZegZhhdaZhZY^>hiViY^GdbVeZgjceZg^dYdY^igZVcc^# 6aejcid>>>#'#&!aZii#\YZaWVcYdaZ\\Vh^/^cXVhdY^GI>aVXZgi^ÃXVo^dcZY^Xj^ Va ejcid [ YZkZ ZhhZgZ edhhZYjiV YV ijiiZ aZ HdX^Zi| [VXZci^ eVgiZ YZa GV\" \gjeeVbZcid0aVXZgi^ÃXVo^dcZY^Xj^Vaejcid\^hXg^o^dcZVaa»6aWdYZ^<Zhidg^ 6bW^ZciVa^YZkZZhhZgZedhhZYjiVhdadYVaaV$ZHdX^Zi|X]Zhkda\dcd^ahZgk^o^d Y^\Zhi^dcZg^Ãji^# > g^[Zg^bZci^ YZ\a^ VaaZ\Vi^ Va WVcYd Y^ \VgV! gZaVi^k^ Va ejcid >>># '#&! aZii# \ YZkdcd^ciZcYZgh^XdggZii^cZaadhiZhhdbdYd# >A9>G:IIDG:8:CIG6A: 9dii#EVdadLZWZg

GZfj^h^i^Y^eVgiZX^eVo^dcZ/ >aeVgicZg^iVa^VcdYdkg|ZhhZgZjc»^begZhV#AZjc^kZgh^i|Z^XZcig^Y^g^XZgXV edigVccdeVgiZX^eVgZhdadhZV[ÃVcXVi^YVjc»^begZhV0>eVgicZg^iVa^VcdZY ^hgVZa^VcdYdkgVccdZheg^bZgZaVkdadci|Y^XddeZgVgZ!hjWVhZeVg^iVg^V!Vaad hk^ajeed Y^ jc cjdkd egdYdiid! egdXZhhd ^cYjhig^VaZ d hZgk^o^d0 >a egdYdiid! egdXZhhddhZgk^o^dYZkZegZhZciVgZXVgViiZg^hi^X]ZY^^ccdkVo^dcZiZXcdad\^XV0 >aegd\ZiidYZkZZhhZgZj\jVabZciZh^\c^ÃXVi^kdeZgZcigVbW^^eVgiZX^eVci^0> k^cX^idg^YdkgVccdÃgbVgZjc¸6XXdgYdY^XddeZgVo^dcZ¹hjaaVXdbbZgX^Va^o" oVo^dcZYZaegdYdiid!egdXZhhddhZgk^o^d!XdbbZgX^Va^ooVo^dcZX]ZVkg|^c^o^d jcVkdaiVX]ZaV[VhZY^g^XZgXVZhk^ajeedh^VhiViVXdbeaZiViVZX]ZaVegd" eg^Zi|Za»jhdYZa`cdl"]dlZYZ^Y^g^ii^Y^egdeg^Zi|^ciZaaZiijVaZh^VcdhiVi^ XdcXdgYVi^# BdYVa^i|eZg^aÃcVco^VbZcidYZ^egd\Zii^/ 8^VhXjcegd\ZiidhZaZo^dcVidedig|ZhhZgZÃcVco^VidÃcdVa*%YZ^Xdhi^Yd" XjbZciVi^Y^g^XZgXVZhk^ajeed# DkZ ^a egd\Ziid VWW^V hjXXZhhd Z Y^V ajd\d V egdÃii^! ^a hdhiZ\cd ÃcVco^Vg^d Y^ eVgiZ ^iVa^VcV Ydkg| ZhhZgZ g^eV\Vid! gZhi^ijZcYd ^a Xdgg^heZii^kd Zgd\Vid! hZcoV^ciZgZhh^!bZY^VciZgdnVai^Zhd\jVYV\c^YZg^kVci^YVaaZkZcY^iZ#CZh" hjcVgZhi^ijo^dcZhVg|YdkjiVdkZ^aegd\ZiidcdcVWW^VZh^idedh^i^kd^c[VhZ Y^XdbbZgX^Va^ooVo^dcZ# EZg^aiZhidXdbeaZidYZaWVcYd!XdchjaiVgZ^ah^idYZaB6:Vaa»^cY^g^oodlll# ZhiZg^#^i#

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^cYViV&*#&&#'%&'aV\VgVVegdXZYjgVg^higZiiV^cVbW^id J:c#%,'$&'$%%('^aXj^WVcYdƒhiVidejWWa^XVidhjaaV <J8:c#H&%&YZa(%#%*#'%&'!eZga»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^kZ^Xda^Y^kVg^Vi^edad\^V^c&+adii^Adiidc#+/c# *VbWjaVcoZ)m)VaaV9^iiV6aZhh^"7ZXV\a^H#6#H#Y^ 6aZhh^BVjgdZX#eZg a»^bedgid Y^ :JGD +-%#%%%!%% >K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6 H:<G:I6G>6ID<:C:G6A::9>G:O>DC:C6O>DC6A: 9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^cYViV&*#&&#'%&'aV\VgVVegdXZYjgVg^higZiiV^cVbW^id J:c#%,'$&'$%%('^aXj^WVcYdƒhiVidejWWa^XVidhjaaV <J8:c#H&%&YZa(%#%*#'%&'!eZga»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^kZ^Xda^Y^kVg^Vi^edad\^V^c&+adii^Adiidc#-/c# (igViidg^V\g^Xda^XdcWgVXX^dZig^cX^VZgWV c#(^c deo^dcZ VaaV 9^iiV BZgad H#e#6# " eZg a»^bedgid Y^ :JGD'%+#-*%!%%>K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^cYViV&*#&&#'%&'aV\VgVVegdXZYjgVg^higZiiV^cVbW^id J:c#%,'$&'$%%('^aXj^WVcYdƒhiVidejWWa^XVidhjaaV <J8:c#H&%&YZa(%#%*#'%&'!eZga»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^kZ^Xda^Y^kVg^Vi^edad\^V^c&+adii^Adiidc#,/c# * XVgg^ hdXXdghd Xdc e^VcVaZ hXVggVW^aZ 3 ,!* i VaaV 9^iiV >K:8D H#e#6# eZg a»^bedgid Y^ :JGD (,(#&*%!%% >K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^c YViV &*#&&#'%&' aV \VgV V egdXZYjgV g^higZiiV ^c VbW^id J: c# %,'$&'$%%(' ^a Xj^ WVcYd ƒ hiVid ejWWa^XVid hjaaV <J8: c# H &%& YZa (%#%*#'%&'! eZg a»Veegdkk^\^dcVbZcidY^kZ^Xda^Y^kVg^Vi^edad\^V^c &+adii^Adiidc#&&/c#'VjidX^hiZgcZYV-#%%%a#Zc# *Vk^dg^[dgc^idg^YV'*#%%%a#VaaVY^iiV>K:8DH#e#6# eZga»^bedgidY^:JGD&#)&,#(%*!%%>K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA


Marzo 2013

17

• Maggiori informazioni Presso il delegato c/o CEG 0321/397588 - fax 0321/640583, dal lun. al ven. h. 14.30 - 17.00 e Custode IVG di Novara tel. 0321/627393 - fax 0321/392892 e sui siti www.tribunale.novara.it e www.astegiudiziarie.it. (A213534).

TRIBUNALE DI PALERMO

SEZIONE FALLIMENTI Fallimento n. 81/2012 RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE D’INTERESSE Con perizia sintetica datata 12.12.2012, successivamente integrata e modificata, il Ctu nominato dal Giudice delegato, Ing. Mario D’Amore, ha stimato gli immobili, acquisiti all’attivo fallimentare della procedura 81/2012, come segue: 1) “Complesso in Collesano (PA), contrada Bertuccelli, esteso ha 61 circa, sul quale insistono: campo da golf a 18 buche con percorso di m. 6035 classificato come “par 72”, con pitching green, putting green e driving green; club house, dependance; trentadue villette; albergo su tre elevazioni con 26 camere parzialmente arredate, reception, sala con-

vegni, beauty farm (allo stato grezzo) tre grandi saloni, ristorante, bar, cucine e servizi; aggregazioni composte da 14 corpi a monte dell’albergo con 46 stanze, 14 junior suite e 2 suite presidenziali parzialmente arredate; grande piscina da ripristinare; capannone officina; oleificio; due campi da tennis con tribune; impianto di cogenerazione. Il complesso è piantumato con, tra l’altro, circa 3000 alberi di olivo e circa 2000 di agrumi; 2) “Villetta unifamiliare in Campofelice di Roccella, SS 113, con annesso pozzo”. Valore di mercato (per entrambi i beni): € 63.000.000,00. 3) “Azienda agricola in Collesano, contrada Ivuoni (o Vuoni) estesa ha 24 circa, alberi di olivo, vigneto, capannone, fabbricato rurale e rudere”. Valore di mercato € 1.600.000,00. • Con la stessa perizia il Ctu ha determinato il valore locativo di tutti i predetti beni, per i primi tre anni di locazione (considerato che appaiono necessari diversi interventi di manutenzione anche straordinaria, che resterebbero interamente a carico dell’eventuale conduttore che dovrà obbligarsi ad effettuarli) in € 350.000,00 annui, e per i successivi in € 800.000,00 annui. • Chiunque fosse interessato all’acquisto potrà presentare in Tribunale entro il 15 aprile 2013 ore 13 offerta corredata da cauzione nelle forme dei depositi giudiziari pari al 10% del prezzo offerto (valendo al riguardo le norme del codice di procedura civile in tema di vendite immobiliari) ovvero presentare offerta di acquisto con impegno a versare detta cauzione a semplice richiesta della curatela qualora l’offerta dovesse essere accettata. • Chiunque fosse interessato alla locazione potrà presentare offerta in busta

chiusa da fare pervenire al Tribunale di Palermo, sezione fallimenti, piazza V.E. Orlando Palermo, alla c.a. del Giudice delegato Dott.ssa Gabriella Giammona, entro il 15.04.2013 ore 13.00, indicando il prezzo offerto, e corredata tra l’altro da dettagliate informazioni sull’offerente (in particolare sulla pregressa esperienza nel settore) sulle condizioni di pagamento, sulle garanzie che si intendano offrire (che dovranno permanere per tutta la durata della locazione), sul periodo per il quale si è interessati alla locazione e sul mantenimento dei livelli occupazionali dei dipendenti della società fallita. • Il Tribunale valuterà anche eventuali domande di acquisto o di affitto dell’azienda, comprendente anche i beni mobili che insistono nel sito. • Chiunque volesse ulteriori informazioni potrà contattare il curatore fallimentare Avv. Massimo Pensabene, via Principe di Villafranca n. 46, Palermo, tel. 091/6110695, mail studiolegpensabene@libero.it. • La presente non costituisce offerta al pubblico ex art. 1336 cod. civ. e non impegna in alcun modo la curatela. Il curatore fallimentare Avv. Massimo Pensabene

TRIBUNALE DI PARMA

PRODUTTORI RIUNITI s.r.l. a socio unico in concordato preventivo – n. 15/2011 del Tribunale di Parma VENDITA DI MACCHINARI ED ATTREZZATURE I sottoscritti Liquidatori comunicano che il giorno 02 aprile 2013, alle ore 10.00, presso il Consorzio Agrario di Parma in Parma – strada dei Mercati n. 17, si procederà alla vendita dei seguenti beni: lotto 1: linea lavorazione del burro per il prezzo base di euro 61.500; lotto 2: linea taglio e confezionamento del formaggio per il prezzo base di euro 131.000; vendita singolarmente di n. 47 contenitori refrigerati per panna ai rispettivi prezzi base. • I prezzi base dei contenitori sono evidenziati in apposito prospetto che potrà essere richiesto al n. 0521 928211, al quale gli interessati potranno altresì rivolgersi per ogni informazione circa i beni. • Chiunque intenda partecipare alla vendita dei suddetti beni deve fare pervenire offerta scritta almeno pari ai

UFFICIO DELLA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA DECRETO ASSESSORIALE N.68 DEL 27/01/1988 AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO L’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa in intestazione vende area edificabile sulla quale insistono n. 2 capannoni originariamente adibiti a stoccaggio di vini ed alcool, ubicati nel territorio del Comune di Marsala (TP) tra la via Verdi ed il Lungomare Mediterraneo e, segnatamente: LOTTO UNICO: Area sulla quale insistono due capannoni contrassegnati in perizia come CAPANNONE 1 superficie coperta di mq 1.437,48, volumetria 22.758,48 m3, struttura portante in acciaio zincato peso 38.723,08 KG, comprendente anche palazzina servizi, uffici ed alloggi estesa 200 mq e CAPANNONE 2 superficie coperta di 1.163,08 mq, volumetria di 18.446,00 m3, struttura portante in acciaio zincato di 36.998,50 KG, censiti al NCEU del Comune di Marsala al foglio 412, particella 316 sub 1; 316 sub 2; 316 sub 3 e particella 317. • Per una migliore individuazione del compendio, dei dati catastali e quant’altro necessario, ci si riporta alle relazioni di consulenza tecnica ed alla relazione notarile agli atti della procedura. • Per la individuazione della destinazione d’uso del compendio immobiliare e per le possibili formule di intervento edilizio compatibile con lo zoning urbanistico del Comune di Marsala, ci si riporta espressamente agli elaborati tecnici e di stima agli atti della Procedura. • L’Ufficio della Liquidazione venderà l’intero compendio in unico lotto senza incanto, fissandosi quale prezzo base la somma complessiva di euro 2.533.000,00 (duemilionicinquecentotrentatremile/00) oltre imposte, somma comprensiva del valore dell’immobile come da relazione in atti e del valore delle strutture metalliche costituenti i capannoni, oggetto di separata valutazione, pure agli atti della procedura. La vendita avverrà nello stato di fatto e di diritto nel quale il compendio si trova e chiunque, eccetto il soggetto in liquidazione coatta, è ammesso a presentare offerte, personalmente o a mezzo procuratore legale ai sensi dell’art. 579 ultimo comma c.p.c. • L’intero compendio è libero per essere stati venduti ed asportati i tini in acciaio originariamente allocati all’interno dei capannoni. • Ogni offerente dovrà presentare offerta in busta chiusa, contenente cauzione per importo pari al 10% del prezzo offerto mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Ufficio della Liquidazione Coatta D.A. N.68 del 27/01/1988” deposito che sarà immediatamente restituito all’offerente non aggiudicatario. • Le offerte dovranno specificare il cognome, nome, luogo e data di nascita dell’offerente, con la indicazione del codice fiscale, stato civile e autodichiarazione in ordine al regime patrimoniale del coniugato (con la indicazione dei corrispondenti dati del coniuge in caso di offerente coniugato in regime di comunione legale dei beni), se persona fisica; ovvero denominazione, sede legale, partita IVA e codice fiscale, ed indicazione del legale rappresentante, se società od altro (allegando, in tal caso, anche idoneo certificato del Registro delle imprese, dal quale risulti l’attuale vigenza della società o dell’ente, con enunciazione dei poteri di rappresentanza legale). In caso di domanda presentata da minorenne, la stessa dovrà essere sottoscritta dai genitori esercenti la potestà, previa autorizzazione del Giudice Tutelare. L’offerta dovrà altresì contenere l’indicazione dei dati identificativi del bene per il quale la stessa è proposta o la indicazione del lotto. • L’offerente dovrà dichiarare la residenza ovvero eleggere domicilio presso il Comune di Palermo. Dovrà essere indicato indirizzo di posta elettronica certificata o numero di fax al quale potranno essere indirizzate tutte le comunicazioni inoltrate dall’Ufficio della LCA. In mancanza, le comunicazioni verranno fatte presso l’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa in Palermo, nella via Emerico Amari 32. • Le offerte dovranno pervenire a mezzo raccomandata a/r o depositate dall’offerente o da persona da esso delegata, previa identificazione con esibizione di valido documento d’identità, presso i locali l’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa in Palermo, nella via Emerico Amari 32, scala A, piano 2, entro le ore 18,00 del giorno 08 aprile 2013. • L’offerta dovrà essere contenuta in busta chiusa e sigillata con soprascritta la dicitura “offerta di acquisto beni Liquidazione Coatta Amministrativa D.A. N.68 del 27/01/1988 “. • Il giorno 09 aprile 2013, alle ore 17,00 l’Ufficio della Liquidazione Coatta procederà presso la sede dell’Ufficio della L.C.A. all’apertura delle buste, all’esame e alla deliberazione sulle stesse. In caso di pluralità di offerte valide, si inviteranno gli offerenti ad una gara sull’offerta più alta, ai sensi dell’art. 573 c.p.c., da espletarsi contestualmente. In caso di gara l’offerta in rialzo non potrà essere inferiore ad euro 10.000,00 (DIECIMILA/00). • In caso di unica offerta aumentata di un quinto del prezzo base d’asta, è fatta salva, ai sensi dell’art. 572 comma 3 c.p.c., la facoltà dell’Ufficio della Liquidazione di non procedere alla aggiudicazione ed alla vendita ove ritenga opportuna una vendita all’incanto, acquisita l’autorizzazione della Autorità di Vigilanza. • L’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo, dedotta la cauzione già versata, entro sessanta giorni dall’aggiudicazione, a mezzo assegni circolari non trasferibili intestati all’Ufficio della Liquidazione Coatta Amministrativa come sopra, da consegnarsi presso la sede dello stesso. In caso di mancato deposito del saldo prezzo entro il termine stabilito, l’aggiudicatario sarà dichiarato decaduto con perdita della cauzione a titolo di multa. • Il compendio è posto in vendita nello stato di fatto, di diritto ed urbanistico in cui si trova e meglio e più specificatamente descritti nelle relazioni del perito in atti, alle quali si fa espresso riferimento, con tutti i relativi diritti ed obblighi, pertinenze, accessioni, dipendenze, vincoli, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. • Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati nella perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni e nella determinazione del prezzo. • Depositato il saldo prezzo e comunque non oltre 15 giorni dal detto deposito, sarà rogato l’atto pubblico di trasferimento della proprietà presso notaio da indicarsi da parte acquirente o, in mancanza, dall’Ufficio della L.C.A. • Tutte le spese di trasferimento della proprietà, ivi incluse imposte, tasse ed onorari del notaio, sono ad esclusivo carico della parte acquirente, così come ogni onere economico relativo alla cancellazione delle formalità pregiudizievoli da richiedersi al Conservatore dei RR.II. con onere a carico dell’aggiudicatario e previa emissione del decreto di cancellazione di cui all’art. 5 L.400/1975. • Per quanto non espressamente previsto, si rimanda alle disposizioni di cui agli articoli 570 e SS c.p.c. • Il presente bando sarà pubblicato per estratto per una sola volta sul quotidiano Il Sole 24 Ore almeno 45 giorni prima della data fissata per la vendita e pubblicato per esteso, unitamente alla relazione peritale, sul sito www.astegiudiziarie.it nel medesimo termine. • Informazioni presso i Commissari Liquidatori tel. 091/333844, e.mail avv.pasqualerusso@libero.it, PEC pasquale.russo@pecstudio.it ovvero presso l’Assessorato Regionale alle Attività Produttive, Servizio Ispettivo e Vigilanza Cooperative. I COMMISSARI LIQUIDATORI Rosaria Cassarà Pasquale Russo Vincenzo Graziano




 EgdXZYjgZY^hZaZo^dcZeZga»V[ÃYVbZcidY^YjZhjWXdcXZhh^dc^Y»VgZV gZaVi^kZVYVii^k^i|Y^¸G^hidgVo^dcZ¹

:HIG6IID9:<A>6KK>H>G:A6I>K>6AA: EGD8:9JG:9>H:A:O>DC: 6Zgdedgi^Y^GdbVH#e#6#¸69G¹^ciZcYZV[ÃYVgZ!ViigVkZghdYjZY^hi^ciZegdXZYjgZ Y^ hZaZo^dcZ Y^ hjWXdcXZhh^dc^ YºVgZV! V^ hZch^ YZaa»Vgi# )! aZ\\Z c# ,**$&.,(! YZaaV ¸8dckZco^dcZeZgaV\Zhi^dcZYZah^hiZbVVZgdedgijVaZYZaaV8Ve^iVaZZ8dcigViidY^ egd\gVbbV!V^hZch^YZaa»Vgi#&,!XdbbV()W^h!YZaYZXgZidaZ\\Z&aj\a^d'%%.!c#,-! XdckZgi^idXdcbdY^ÃXVo^dc^!^caZ\\Z(V\dhid'%%.!c#&%'¹!YZa'*diidWgZ'%&'!Xdh‡ XdbZbdY^ÃXViVYVaa»6iid6\\^jci^kdYZa',Y^XZbWgZ'%&'ZVeegdkViVXdc9E8BYZa '&Y^XZbWgZ'%&'!ZY^cXdghdY^gZ\^higVo^dcZegZhhdaV8dgiZYZ^8dci^!ÃcVa^ooViZ VaaVgZVa^ooVo^dcZZ\Zhi^dcZY^igZejci^kZcY^iVYZhi^cVi^VYVii^k^i|Y^G^hidgVo^dcZ! egZhhda»6Zgdedgid¸AZdcVgYdYVK^cX^¹Y^;^jb^X^cd!Xdh‡^YZci^ÃXViZ/ ™CjbZgdEgdXZYjgV/69G%)$'%&( HXVYZcoVYZaaVhjWXdcXZhh^dcZ/(&#%&#'%&I^edad\^VY^Vii^k^i|/G^hidgVo^dcZ ™CjbZgdEgdXZYjgV/69G%*$'%&( HXVYZcoVYZaaVhjWXdcXZhh^dcZ/(%#%+#'%&+ I^edad\^VY^Vii^k^i|/G^hidgVo^dcZ >hd\\Zii^^ciZgZhhVi^VeVgiZX^eVgZVYjcVde^‘egdXZYjgZY^hZaZo^dcZYdkgVccd! V eVgi^gZ YVaaV YViV dY^ZgcV! egZcYZgZ k^h^dcZ! hja h^id lll#VYg#^i! YZ^ gZaVi^k^ 6kk^h^ ^c kZgh^dcZ ^ciZ\gVaZ! V^ Xj^ XdciZcji^ h^ g^ck^V! Xdc g^[Zg^bZcid VcX]Z VaaV heZX^ÃXVVii^k^i|d\\ZiidYZaaZh^c\daZhjWXdcXZhh^dc^#AZYdbVcYZY^eVgiZX^eVo^dcZ YdkgVccdeZgkZc^gZVY69GZcigdZcdcdaigZaZdgZ&*/%%YZa\^dgcd&&#%(#'%&(!^c Xdc[dgb^i|VfjVcidegZk^hid^cX^VhXjcdYZ\a^6kk^h^#AVejWWa^XVo^dcZYZaegZhZciZ ZhigViidYZ\a^6kk^h^cdcXdbedgiVeZg69GVaXjcdWWa^\dcZ^Xdc[gdci^YZ^hd\\Zii^ ^ciZgZhhVi^!c‚eZgfjZhi^jai^b^fjVah^kd\a^VY^g^iidcZ^Xdc[gdci^YZaaVhiZhhV69G# >a9^gZiidgZ8dbbZgX^VaZ 9dii#;jak^d;VhhdcZ

>HI>IJIDC6O>DC6A:6HH>8JG6O>DC: >C;DGIJC>HJAA6KDGD 6KK>HDG:A6I>KD696EE6AID6<<>J9>86ID 6^ hZch^ YZ\a^ Vgii# +* Z ++ YZa 9# A\h#kd &+($'%%+! a»>#C#6#>#A#! 9#8# HZgk^o^ >c[dgbVi^k^ Z IZaZXdbjc^XVo^dc^! h^ gZcYZ cdid X]Z aV egdXZYjgVVeZgiVJ:c#'$'%&'eZga»VXfj^h^" o^dcZYZ^¸HZgk^o^Y^hk^ajeed!bVcjiZco^dcZ Z hjeedgid YZa hd[ilVgZ Veea^XVi^kd gZaVi^kd Vaa»VgZVYZ^h^hiZb^^hi^ijo^dcVa^"Adiid&Z'¹ ƒhiViVV\\^jY^XViVVaa»GI>:C<>C::G>C<>c\Z" \cZg^V >c[dgbVi^XV H#e#6#$99lVn H#e#6#\^| 8H8 >I6A>6 H#g#a eZg ^a Adiid &! Vaa»GI> =E :c" iZgeg^hZ HZgk^XZh >iVa^V H#g#a#$HZaZm :aZXigdc^X HnhiZbhH#e#6#\^|HZaZm:ahV\H#e#6#$IZaZXdb >iVa^V H#e#6#$Da^h^hiZb >IF 8dchjai^c\ H#e#6# eZg ^a Adiid '# A»Vkk^hd ^c [dgbV ^ciZ\gVaZ ƒ ejWWa^XVidhjaaV<#J#G#>#!eVgiZK¶hZg^ZheZ" X^VaZc#'*YZa',#%'#'%&'# >A9>G:IIDG:8:CIG6A:9g#HiZ[VcdIDB6H>C>

Radiotelevisione Italiana Spa Viale Mazzini,14 - 00195 Roma

:HIG6IID9>76C9D9><6G6 D\\Ziid/ EgdXZYjgV g^higZiiV eZga»V[ÃYVbZcidYZahZgk^o^d Y^ hjeedgid Vaa»Zgd\Vo^dcZ Y^ hZgk^o^ Y^ eVgiZX^eVo^dcZ ^ciZgVii^kV VhhdX^Vi^ VaaZ igVhb^hh^dc^ gVY^diZaZk^h^kZ Y^ G6>¶GVY^diZaZk^h^dcZ>iVa^VcV H#E#6#<VgVc#)-*(%&+Adiid&¶ gZiZÃhhV8><).(.,'..*&¶Adiid ' gZiZ bdW^aZ 8>< ).(.,(%6')# I^ed Y^ egdXZYjgV/ g^higZiiV# 8g^iZg^d Y^ V\\^jY^XVo^dcZ/ egZoode^‘WVhhd# >bedgid idiVaZ YZaa»VeeVaid/ :jgd'#**%#%%%!>K6ZhXajhV# 8dcY^o^dc^ Y^ eVgiZX^eVo^dcZ/ heZX^ÃXViZcZaWVcYd#AZd[[ZgiZ YZkdcdZhhZgZegZhZciViZZcigd ^a'.$%($'%&(dgZ&'/%%>aWVcYd ƒhiVidigVhbZhhdVaaV<#J#J#:# ^a&*$%'$'%&(# AV YdXjbZciVo^dcZ Y^ \VgV ƒ Y^hedc^W^aZhjaegdÃadXdbb^iiZciZ lll#[dgc^idg^#gV^#^i AV9^gZo^dcZ6Xfj^hi^

9>G:O>DC:8:CIG6A:E:GA»6II>K>I± 6BB>C>HIG6I>K6 :<:HI>DC:9:AE6IG>BDC>D 6KK>HD9><6G6 A»>hiVi  ^cY^XZ jcV egdXZYjgV VeZgiV Xdbjc^iVg^V YV V\\^jY^XVgh^ Va Xg^iZg^d YZaa»d[[ZgiV ZXdcdb^XVbZciZ e^‘kVciV\\^dhVgZaVi^kVV^hZgk^o^Y^eja^o^V!Y^\Zhi^d" cZg^Ãji^!adXVo^dcZZbVcjiZco^dcZY^VeeVgZXX]^Vij" gZ^\^Zc^XdhVc^iVg^Z!Y^gVXXdaiVY^[[ZgZco^ViV!Y^h^c[Z" o^dcZ!Y^h^c[ZhiVo^dcZZYZgVii^ooVo^dcZegZhhdaZhZY^ >hiViY^GdbVeZgjceZg^dYdY^igZVcc^# 8dY^XZ>YZci^ÃXVi^kd<VgV8><),')(++:')# KVadgZXdbeaZhh^kdhi^bVidYZaa»VeeVaid!>K6ZhXajhV/` (#'%.#+%%!%%# AZd[[ZgiZYdkgVccdeZgkZc^gZZcigdaZdgZ&(/YZa\^dg" cd&-$%($'%&(# >a hjYYZiid WVcYd! Xdc ^ gZfj^h^i^ eZg a»Vbb^hh^dcZ Z \a^Vaig^YdXjbZci^cZXZhhVg^eZgeVgiZX^eVgZVaaV\VgV! ƒY^hedc^W^aZhjah^idlll#^hiVi#^ia^c`¸7VcY^Y^<VgV¹ ZejŒZhhZgZg^i^gViddg^X]^Zhid!Xdc^gZaVi^k^VaaZ\Vi^! egZhhd aV HZYZ YZaa»>hi^ijid Y^ k^V 6# 9ZegZi^h c# ,, ¶ e^Vcd>K"hiVcoV)%*"iZa# (.%+$)+,(#((-.cZ^\^dg" c^[Zg^Va^!ZhXajhd^ahVWVid!YVaaZdgZ./%%VaaZ&(/%%# >A9>G:IIDG:8:CIG6A: 9dii#EVdadLZWZg


B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^cYViV&*#&&#'%&'aV\VgVVegdXZYjgVg^higZiiV^cVbW^id J:c#%,'$&'$%%('^aXj^WVcYdƒhiVidejWWa^XVidhjaaV <J8:c#H&%&YZa(%#%*#'%&'!eZga»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^ kZ^Xda^ Y^ kVg^V i^edad\^V ^c &+ adii^ Adiid c# &+/ c#*HeVooVig^X^YV)b(VaaV9^iiV<^aZiiVH#e#6#eZg a»^bedgidY^:JGD).,#(*%!%%>K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^c YViV &*#&&#'%&' aV \VgV V egdXZYjgV g^higZiiV ^c VbW^id J: c# %,'$&'$%%(' ^a Xj^ WVcYd ƒ hiVid ejWWa^XVid hjaaV <J8: c# H &%& YZa (%#%*#'%&'! eZg a»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^ kZ^Xda^ Y^ kVg^V i^edad\^V ^c &+ adii^ Adiid c# &'/ c# ) XVggZaa^c^ YV igVhedgid Va GV\\gjeeVbZcid IZbedgVcZd Y»>begZhV DBE :c\^cZZg^c\ Hga " D[ÃX^cV 6jidZaZiig^XV <gdhhZiVcV eZga»^bedgidY^:JGD&(+#+))!%%>K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV9^gZo^dcZYZ\a^6gbVbZci^IZggZhig^]VV\\^jY^XVid ^cYViV&*#&&#'%&'aV\VgVVegdXZYjgVg^higZiiV^cVbW^id J:c#%,'$&'$%%('^aXj^WVcYdƒhiVidejWWa^XVidhjaaV <J8:c#H&%&YZa(%#%*#'%&'!eZga»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^kZ^Xda^Y^kVg^Vi^edad\^V^c&+adii^Adiidc#&%/c# ( VjidXVgg^ igVhedgid XdciV^cZg Y^ edgiViV &- i# VaaV 9^iiV >K:8D H#e#6# eZg a»^bedgid Y^ :JGD '*%#('%!%% >K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

B>C>HI:GD9:AA69>;:H6H:<G:I6G>6ID<:C:G6A:: 9>G:O>DC:C6O>DC6A:9:<A>6GB6B:CI> 9>G:O>DC:9:<A>6GB6B:CI>I:GG:HIG> K^VBVghVaV!&%)"%%&-*GDB6 6KK>HDHJAG>HJAI6ID9:AA6EGD8:9JG6 9>6;;>96B:CID AV 9^gZo^dcZ YZ\a^ 6gbVbZci^ IZggZhig^ ]V V\\^jY^XVid ^c YViV &*#&&#'%&' aV \VgV V egdXZYjgV g^higZiiV^cVbW^idJ:c#%,'$&'$%%('^aXj^WVcYdƒ hiVidejWWa^XVidhjaaV<J8:c#H&%&YZa(%#%*#'%&'! eZg a»Veegdkk^\^dcVbZcid Y^ kZ^Xda^ Y^ kVg^V i^edad\^V^c&+adii^Adiidc#&*/c#'BdYja^bdidg edda VY ZaZkViV egdciZooV Va GV\\gjeeVbZcid IZbedgVcZd Y»>begZhV DBE :c\^cZZg^c\ Hga " D[ÃX^cV 6jidZaZiig^XV <gdhhZiVcV eZg a»^bedgid Y^ :JGD'(%#-%%!%%>K6ZhXajhV# >AG:HEDCH67>A:9:AH:GK>O>D<6G: ;jco^dcVg^d6bb^c^higVi^kd 9g#hhVAVjgV7DGIDADB>DA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti EGDKK:9>IDG6ID>CI:GG:<>DC6A:E:GA:DE:G:EJ77A>8=: E:G>AA6O>DA»67GJOOD:A6H6G9:<C6 J;;>8>D8DCIG6II>' 7VcYdY^XdcXdghdeZgaVhXZaiVY^deZgZY»VgiZYVjW^XVgZegZhhd aVcjdkVhZYZYZaa»6\Zco^VHeVo^VaZ>iVa^VcVh^iV^cGdbV"IdgKZg\ViV FjZhid>hi^ijid^ciZcYZZheZg^gZ!V^hZch^YZaaVAZ\\Z'.aj\a^d&.).!,&,Zh#b#^#!jcXdcXdghd cVo^dVcaZigVVgi^hi^eZga»dgY^cVo^dcZYZaaVhZ\jZciZdeZgVVgi^hi^XV/ A»deZgVY»VgiZbZhhVVXdcXdghdƒYVXdaadXVgh^!Vaa»^c\gZhhdZhiZgcdcdgY"dkZhiYZaa»ZY^ÃX^d ZY ƒ jc»deZgV hXjaidgZV " VaiZooV bVhh^bV )%% Xb#! ^c\dbWgd bVhh^bd )%% m )%% Xb# aV Xj^bViZg^VZ[dgbVƒaVhX^ViVVaaVhXZaiVYZaaºVgi^hiV#CdcW^hd\cVgVeegZhZciVgZaVG^XZgXV HX^Zci^ÃXV!bVgVeegZhZciVgZa»:e^X^i|YZaaVhiZhhV!aVhjV[dgoVZhegZhh^kVZh^bWda^XV#A»^b" edgid XdbeaZhh^kd VXXXVcidcVid gZaVi^kd VaaZ deZgZ Y»VgiZ ƒ Y^ :jgd ''(#-))!-*! bV eZg aV gZVa^ooVo^dcZYZaaºdeZgVhXjaidgZV!bZhhVVWVcYd!ƒYZhi^cViVaVhdbbVXdbeaZhh^kVY^:jgd +%#%%%!%%VacZiidYZaa»>K6ZXdbegZch^kVY^fjVah^Vh^dcZgZegZk^YZco^VaZ# H^^ciZcYdcdXdbeZchVi^Xdc^hjYYZii^^bedgi^d\c^dcZgZgZaVi^kdVaaV^YZVo^dcZ!XdchZ\cV ZXdaadXVo^dcZ^ch^idYZaa»deZgVVgi^hi^XV!cdcX]‚ijiiZaZegd[Zhh^dcVa^i|ZkZcijVabZciZcZ" XZhhVg^ZeZgaVgZVa^ooVo^dcZYZaa»deZgVhiZhhV# >aiZgb^cZeZgaVg^XZo^dcZYZ^ea^X]^ƒ^ahZ\jZciZa»-Veg^aZ'%&(dgZ&(!%%# >aY^hX^ea^cVgZYZaXdcXdghd!gZXVciZaVY^hX^ea^cVXdbeaZiVYZaXdcXdghdZXdggZYVidYZaaVgZ" aVi^kVbdYja^hi^XV!ƒVXXZhh^W^aZ!daigZX]ZcZaaVWVX]ZXVY^fjZhid>hi^ijid!hjahZ\jZciZh^id lZW/lll#^c[gVhigjiijgZ#\dk#^i# GdbV!'%;ZWWgV^d'%&( >aEgdkkZY^idgZ 9dii#>c\#9dcVid8VgaZV

8:CIGD>I6A>6CD G>8:G8=:6:GDHE6O>6A> K^VBV^dg^hZ-&%)(8VejV8: 6KK>HD9><6G6:HE:G>I6 <6G6c#%*$'%&'¸;DGC>IJG69>JC8AJHI:G9>86A8D" ADE:G>AEGD<:IID=NEGD7¹ EgdXZYjgVY^V\\^jY^XVo^dcZ/6eZgiV >bedgid Y^ V\\^jY^XVo^dcZ YZaa»VeeVaid/ :jgd '&%#%%%!%% >K6 JaiZg^dg^^c[dgbVo^dc^/XdbZYV6kk^hdY^\VgVZheZ" g^iVigVhbZhhdVaaV<#J#J#:#^cYViV&.$%'$'%&(# A»Vkk^hdƒejWWa^XVidVcX]Zhjah^id>ciZgcZilll# X^gV#^ihZo^dcZ/Deedgijc^i|"7VcY^":h^i^Y^<VgV" 8dY^XZ8></)%---,..6;"8JE>)&?%-%%%%)%%%)# GZhedchVW^aZ YZa EgdXZY^bZcid eZg aZ [Vh^ Y^ Egd" \ZiiVo^dcZZY:hZXjo^dcZ/^c\#HVakVidgZ7DG:AA> GZhedchVW^aZYZaEgdXZY^bZcideZgaV[VhZY^6[ÃYV" bZcid/Ydii#8VgadGJHHD# 9^gZiidgZ<ZcZgVaZ/^c\#AZdedaYdKZgYZ


Marzo 2013

20

rispettivi prezzi base mediante plico chiuso, spedito con raccomandata a.r. recante il riferimento “Produttori Riuniti – offerta per l’acquisto di macchinari” al seguente indirizzo: dott. Luca Orefici – via Farini n. 37 – 43121 Parma – tel. 0521 283308. • L’offerta deve pervenire entro le ore 12.00 del giorno 29 marzo 2013 e contenere in allegato distinti assegni circolari per ciascun bene intestati a “Concordato Preventivo Produttori Riuniti s.r.l.” e pari ciascuno al 20% del relativo valore di stima. • In caso di pluralità di offerte si procederà con gara tra gli offerenti, con rilanci minimi di euro 1.000 per i beni venduti in lotto e di euro 50 per i contenitori refrigerati. • I beni saranno aggiudicati ai migliori offerenti, i quali saranno obbligati a versare il saldo del prezzo di aggiudicazione entro il 09 aprile 2013. • Tutte le vendite dei beni avverranno nello stato di fatto e di diritto in cui essi si trovano, con maggiorazione di I.V.A. di legge. • Lo smontaggio ed il trasporto dei beni avverranno a cura e spese esclusivi dell’aggiudicatario con modalità e termini da concordarsi. Parma, lì 28 febbraio 2013. I Liquidatori Dott. Vincenzo Piazza Dott. Luca Orefici Dott. Marco Bellora ***** ELPROM SRL, IN LIQUIDAZIONE in Concordato Preventivo ESTRATTO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA INCANTO Il Cancelliere rende noto che il giorno 23.04.2013 alle ore 12.00 innanzi al G.D. Dott. Pietro Rogato si procederà alla vendita della Piena proprietà di un compendio immobiliare sito in Parma, via Mantova n. 93, così accatastato al Catasto Fabbricati del Comune di Parma (PR), Sezione Urbana 001, ed ivi identificato con i seguenti dati: a. Foglio 9, Particella 145 Sub 5, Categoria D/8, Rendita 11.413,70 Euro [unità immobiliare 1]; b. Foglio 9, Particella 145, Sub 6, Categoria D/8, Rendita 21.619,19 Euro [unità immobiliare 2]; c. Foglio 9, Particella 145, Sub 7, Categoria D/7, Rendita 7.282,04 Euro[unità immobiliare 3]; d. Foglio 9, Particella 145, Sub 8, Categoria A/3, Classe 3, Consistenza 5,5 vani, Rendita 409,03 Euro [unità immobiliare 4]; e. Foglio 9, Particella 145, Sub 9, Categoria A/3, Classe 3, Consistenza 5,5 vani, Rendita 409,03 Euro [unità immobiliare 5]; f. Foglio 9, Particella 145, Sub 10, Categoria C/6, Classe 4, 36 mq, Rendita 117,13 Euro [unità immobiliare 6]; e della piena proprietà dell’area urbana sulla quale insiste il compendio immobiliare così accatastata al Catasto dei terreni del Comune di Parma e identificata con i seguenti dati: g. Foglio 9, Particella 145, ente urbano per mq. 10.610; Prezzo base Euro 2.000.000,00 oltre Iva di legge; offerte in aumento non inferiori a Euro 10.000,00; cauzione Euro 200.000,00. • Si precisa che l'immobile viene venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova ed eventualmente con il suo contenuto al momento della consegna. • I concorrenti devono presentare entro il giorno 22.04.2013 alle ore 12.00 presso la Cancelleria Fallimentare una

domanda in carta legale e depositare, mediante assegni circolari intestati alla Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Parma l’importo relativo alla cauzione. • Il saldo del prezzo di aggiudicazione dovrà essere versato presso la Cancelleria Fallimentare entro 60 giorni dalla data di aggiudicazione dedotta la cauzione. • Per ulteriori informazioni rivolgersi al Liquidatore Giudiziale Dott.ssa Elisa Ziveri con studio in Parma, Viale Mentana n. 45, tel. 0521/27.27.10. Parma, 19 febbraio 2013 Il Cancelliere Dott. Daniele Petruzzi ***** FALLIMENTO SOC. KS ELECTRONIC SRL (già Motorscan) N. 16/2013 Invito a proporre manifestazioni di interesse e offerte Il Fallimento KS ELECTRONIC SRL in liquidazione rende noto che la procedura è disponibile a valutare manifestazioni di interesse ad acquisire in proprietà o in affitto l'azienda o il ramo d'azienda costituito (elenco esemplificativo e non esaustivo): marchio MOTORSCAN, beni mobili, magazzino, omologazioni e certificazioni, dominio internet, contatti commerciali sia in Italia che per l'estero ecc. • La manifestazione di interesse e/o l'offerta dovrà pervenire al Curatore in Parma, P .le Santa Croce n. 7, entro le ore 12 del 10/04/2013 dovrà contenere i dati del proponente, il corrispettivo, il contenuto di massima e gli elementi sostanziali di un eventuale contratto di affitto di azienda o di cessione di azienda, la disponibilità o meno a farsi carico ed in quale misura dei livelli occupazionali, le garanzie offerte a supporto dell'eventuale offerta, l'impegno a partecipare a successivi eventuali tentativi di vendita competitivi. • Per favorire gli interessati il Curatore rende noto che presso il proprio Studio è stata allestita una "Data Room" alla quale gli stessi potranno accedere, previo appuntamento, per assumere tutte le informazioni del caso. • Per ulteriori informazioni contattare il curatore dott. Paolo Capretti, 0521237413, fax 0521287554, pec. Paolocapretti@pec.studiorgg.it.

TRIBUNALE DI ROMA

per quanto connesso alla richiesta di concessione amministrativa invano presentata dalla Megawatt srl nel maggio 2006 ed illustrate nel corpo della memoria del Curatore del 24 novembre 2011. • I beni, i diritti, le azioni e le facoltà di cui sopra vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza responsabilità alcuna della Procedura per eventuali servitù passive e/o eventuali vincoli e simili in ciò dando atto che sulla centrale sono state trascritte due citazioni e precisamente: A) la citazione che ha incardinato il contenzioso R. G. 71761/2005 ed oggi pendente, distinto dal R. G. 509/2010, innanzi la Corte d’Appello di Roma, B) la citazione che ha incardinato il contenzioso R. G. 3395/2008, oggi pendente innanzi il Tribunale di Roma ed i cui atti ed il cui stato s’intendono integralmente e ben conosciuti da chi presenterà domanda di partecipazione all’incanto. Il prezzo base dell’incanto è determinato in €. 95.000,00 (euro novantacinquemila). Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad €. 5.000,00; cauzione 35% prezzo base; • dettagli su astegiudiziarie.it e ilsole24ore.com; • gli interessati potranno visitare la centrale esclusivamente il 9 aprile 2013 alle ore 10 previo tempestivo contatto telefonico, con il Custode sub-delegato Geom. Pozzi (tel. 051-6740838 e 3281003858 mail:polizia@comune.vergato.bo.it); • ulteriori informazioni presso il Curatore Dr. Salvatore Tripoli, telefono 063721628, e-mail salvatroma@gmail.com. ***** FALL. N. 437/09 G.D. DI SALVO VENDE incanto unico lotto 17.04.2013 ore 10.45 Porzioni immobiliari in Cisterna di Latina destinazione urbanistica “ Zona artigianale -Commerciale “ : - Terreno di Mq 19.639 circa al catasto foglio 7 oltre due locali magazzini sovrastanti il terreno nello Stato di fatto e diritto in cui si trovano, come meglio descritto nella relazione di stima alla quale si fa rinvio; PREZZO BASE: € 1.081.600,00 + IVA RIALZO MINIMO € 10.000,00 • DEPOSITARE C/O CANCELLERIA ENTRO ORE 12.00 DEL 16/04/2013 DOMANDA BOLLO E CAUZIONE 10% CON ASS. CIRC. N.T. INTESTATI A FALL.437/09 • INFO CURATORE 06/3723037 *****

SEZIONE FALLIMENTARE FALLIMENTO N. 335/2009 Il giorno 17 aprile 2013 alle ore 10,30 innanzi il Giudice Delegato Dott. Giuseppe Di Salvo si procederà alla vendita all’incanto e mediante asta pubblica, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, in unico lotto, a) Centrale idroelettrica di Serrini dettagliatamente descritta nelle perizie agli atti. b) Azioni di rivalsa esercitabili nei confronti di qualsivoglia soggetto

Sez. Fallimentare Fallimento N. 53/2012 G.D. dott.ssa L. De Renzis Curatore avv. G.L. Righi AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il G.D. con ordinanza del 18.2.2013 ha disposto la VENDITA SENZA INCANTO dell’”azienda” avente ad oggetto l’attività di insegnamento della lingua inglese attraverso il Metodo Shenker, costituita dall’avviamento commerciale, dall’insieme dei rapporti giuridici ancora in corso, dalle licenze e dalle autorizzazioni, oltre che dal complesso dei beni organizzati per l’esercizio dell’attività imprenditoriale corrente in Milano Corso Matteotti n. 10, già facenti

capo alla Scuola 4 s.r.l. in Liq. e oggi affittati alla Shenker s.r.l.. • Il tutto meglio identificato e descritto nella relazione di stima redatta dal CTU della procedura, nello stato di fatto e diritto in cui si trova, ad un prezzo non inferiore ad € 55.000,00 oltre spese e imposte come per legge • L’udienza per la deliberazione sulle offerte e per l’eventuale gara tra gli offerenti è fissata per il giorno 18.4.2013 alle ore 11,40. • Le offerte in bollo dovranno essere depositate in cancelleria, in busta chiusa entro le ore 12,00 del 17.4.2013, accompagnate da assegno pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. • L’atto di vendita verrà successivamente effettuato presso il Notaio indicato dalla Curatela. • Il presente avviso non costituisce proposta irrevocabile né offerta al pubblico, né sollecitazione al pubblico risparmio, né impegna in alcun modo la Curatela a contrarre con gli offerenti. • Ulteriori informazioni: Tribunale di Roma cancelleria sezione fallimentare G.D. dott.ssa De Renzis, Curatore tel. 06 68135702 fax 06 68131310 o sul sito www.astegiudiziarie.it Roma, 22 febbraio 2013 Il Curatore Fallimentare avv. Gian Luca Righi ***** AVVISO DI PROCEDURA COMPETITIVA Fall. 70/12 Amuser S.p.A. Curatore Avv. Fabrizio Ravidà E’ indetta procedura competitiva ex art. 107 l.f. per la vendita dell’azienda concessa in locazione dalla Amuser Spa alla New Amuser Srl con contratto del 1.6.2010 risolto il 15.11.2012. Il prezzo a base d’asta è di € 960.000,00. • Presentazione delle offerte (entro le ore 13:00 del 15.04.2013) e apertura delle buste (ore 15:30 del 18.04.2013) presso lo studio del curatore. • Maggiori informazioni nonchè il regolamento completo dello svolgimento della procedura potranno essere acquisiti presso lo studio del curatore, in Roma, Via Bertoloni 44/46, tel. 06/80690224. ***** FALL. IDEA FINANZIARIA S.p.A. IN LIO.NE N. 87/2010 Fallimento n. 87/2010 G.D. Di Salvo vende in separati lotti partecipazioni societarie del Fallimento Idea Finanziaria: 1) Partecipazione al 49% nella Maxima S.p.A. - offerta libera; 2) Partecipazione al 14,8% nella Fin Solution S.p.A. prezzo base Euro 100.000.00 • Offerte irrevocabili in busta chiusa entro le ore 12.00 del 19/03/2013 in cancelleria-cauzione 10% del prezzo offerto a mezzo assegno circolare non trasferibile intestato a Fall. Idea Finanziaria S.p.A. in liq.ne n. 87/2010 apertura buste e possibile gara tra gli offerenti 20/03/2013 h. 10,30 innanzi al G.D.. • Per ulteriori informazioni e modalità cancelleria www.astegiudiziarie.it curatore Avv. Ferrini 06-68301623 - fax 0668309543.


Marzo 2013

21

Fallimento n. 113/2012 G.D. dr.ssa L. De Renzis Vende laboratorio di analisi con accreditamento definitivo presso Regione Lazio, C.R.S. Analisi S.r.l., in ROMA (Ostia), via Capo Soprano n.7/9, costituita da beni mobili e strumentali e dal personale in forza. Base d’asta euro 544.000,00, • consegna e contestuale apertura buste in data 15.03.2013 ore 15:00, presso curatore dr.ssa Marina Di Ciommo, Viale G. Mazzini 131 (RM), tel. 06 3721108, fax 06 3721343. • Bando di gara e perizia di stima pubblicate sul sito www.asteinfoappalti.it ***** FALL. n. 261/11 R.F. G.D. Dott.ssa De Rosa. Vendita con incanto: 10/04/2013 ore 10.00 presso il Tribunale di Roma. Lotto unico: Intera partecipazione societaria oltre credito per anticipazioni finanziarie soci. Prezzo base Euro 1.226.371,00 aumento minimo Euro 10.000,00. • Deposito domande entro le ore 12.00 del 09/04/2013 in Cancelleria Fallimentare. • Maggiori info in Cancelleria Fallimentare e presso il curatore Avv. Piero Farallo tel. 06/70454701 e su www.tribunale.roma.it, www.giustizia.lazio.it e www.astegiudiziarie.it. (Cod. A222803). ***** Sez. Fallimentare Fallimento N. 313/2012 G.D. dott.ssa L. De Renzis Curatore avv. G.L. Righi AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il G.D. con ordinanza del 18.2.2013 ha disposto la VENDITA SENZA INCANTO dell’”azienda” avente ad oggetto l’attività di insegnamento della lingua inglese attraverso il Metodo Shenker, costituita dall’avviamento commerciale, dall’insieme dei rapporti giuridici ancora in corso, dalle licenze e dalle autorizzazioni, oltre che dal complesso dei beni organizzati per l’esercizio dell’attività imprenditoriale corrente in Torino Piazza Solferino nn. 9 e 20, già facenti capo alla Scuola 2 s.r.l. in Liq. e oggi affittati alla Shenker s.r.l.. • Il tutto meglio identificato e descritto nella relazione di stima redatta dal CTU della procedura, nello stato di fatto e diritto in cui si trova, ad un prezzo non inferiore ad € 44.000,00 oltre spese e imposte come per legge • L’udienza per la deliberazione sulle offerte e per l’eventuale gara tra gli offerenti è fissata per il giorno 18.4.2013 alle ore 11,30. • Le offerte in bollo dovranno essere depositate in cancelleria, in busta chiusa entro le ore 12,00 del 17.4.2013, accompagnate da assegno pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. • L’atto di vendita verrà successivamente effettuato presso il Notaio indicato dalla Curatela. • Il presente avviso non costituisce proposta irrevocabile né offerta al pubblico, né sollecitazione al pubblico risparmio, né impegna in alcun modo la Curatela a contrarre con gli offerenti. • Ulteriori informazioni: Tribunale di Roma cancelleria sezione fallimentare G.D. dott.ssa De Renzis, Curatore tel. 06 68135702 fax 06 68131310 o sul sito www.astegiudiziarie.it Roma, 22 febbraio 2013 Il Curatore Fallimentare avv. Gian Luca Righi

Sez. Fallimentare Fallimento N. 314/2012 G.D. dott.ssa L. De Renzis Curatore avv. G.L. Righi AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il G.D. con ordinanza del 18.2.2013 ha disposto la VENDITA SENZA INCANTO dell’”azienda” avente ad oggetto l’attività di insegnamento della lingua inglese attraverso il Metodo Shenker, costituita dall’avviamento commerciale, dall’insieme dei rapporti giuridici ancora in corso, dalle licenze e dalle autorizzazioni, oltre che dal complesso dei beni organizzati per l’esercizio dell’attività imprenditoriale corrente in Genova Via XX Settembre n. 10, già facenti capo alla Scuola 5 s.r.l. in Liq. e oggi affittati alla Shenker s.r.l.. • Il tutto meglio identificato e descritto nella relazione di stima redatta dal CTU della procedura, nello stato di fatto e diritto in cui si trova, ad un prezzo non inferiore ad € 22.000,00 oltre spese e imposte come per legge • L’udienza per la deliberazione sulle offerte e per l’eventuale gara tra gli offerenti è fissata per il giorno 18.4.2013 alle ore 11,50. • Le offerte in bollo dovranno essere depositate in cancelleria, in busta chiusa entro le ore 12,00 del 17.4.2013, accompagnate da assegno pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. • L’atto di vendita verrà successivamente effettuato presso il Notaio indicato dalla Curatela. • Il presente avviso non costituisce proposta irrevocabile né offerta al pubblico, né sollecitazione al pubblico risparmio, né impegna in alcun modo la Curatela a contrarre con gli offerenti. • Ulteriori informazioni: Tribunale di Roma cancelleria sezione fallimentare G.D. dott.ssa De Renzis, Curatore tel. 06 68135702 fax 06 68131310 o sul sito www.astegiudiziarie.it Roma, 22 febbraio 2013 Il Curatore Fallimentare avv. Gian Luca Righi ***** AVVISO DI VENDITA Il Fallimento n. 444/2010 Niccodemi S.r.l. con S.U. pone in vendita senza incanto la piena proprietà del complesso industriale dismesso denominato “ex cementificio Sacci” sito in Pontremoli (MS), Frazione S.S. Annunziata, Località Porta Fiorentina, Via Nazionale n. 37, il tutto come meglio descritto nella Perizia di stima in atti. Il complesso si vende nello stato di fatto e di diritto in cui si trova. Il prezzo base è determinato in € 520.000, oltre imposte, spese e oneri aggiuntivi, con rialzo minimo di € 5.000. • Le offerte dovranno pervenire presso la Cancelleria del Giudice Delegato Cons. Dott. Giuseppe Di Salvo entro le ore 12.00 del giorno precedente la data prevista per la gara, che avrà

luogo il 10 aprile 2013 alle ore 10.30 innanzi il medesimo Giudice Delegato. • La procedura di vendita è regolata da apposita Ordinanza che può essere reperita dagli interessati sul sito http://www.astegiudiziarie.it, unitamente alla Perizia di stima redatta dall’Ing. Rodolfo Fugger. Ulteriori informazioni possono reperirsi presso la Cancelleria Fallimentare e lo studio del Curatore (tel. 06.42013546). IL CURATORE FALLIMENTARE Prof. Dott. Tiziano Onesti

sociale della società “Polverificio Giovanni Stacchini S.r.l. in liq.ne” la società è proprietaria di terreni nel comune di Tivoli circa 67 ettari e nel comune di Bari circa un ettaro, prezzo base d’asta di euro 1.600.000,00, • presentare offerte cauzionate 10% in cancelleria – ufficio fallimentare – entro le ore 13.00 del 7.05.2013, perizia sul sito internet www.astegiudiziarie.it, per info curatore 067726471 e.capozzi@bfcassociati.it”

*****

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE

Il Fall. Edim 45169/87 Giudice Dott. Odello cede il giorno 5.03.2013 ore 12 giudizio n. rg 8351/09 pendente avanti la Cassazione promosso da ATER (gia’ IACP) contro il fallimento Edim Spa, avente ad oggetto impugnazione sentenza n. 5053/08 della Corte d’Appello di Roma, emessa il 4.12.2008 che condanna Ater a pagare a favore del fallimento cedente E. 757.737,34, oltre interessi legali dal 23.04.1985, nonche’ a pagare meta’ delle spese processuali, al p.b. di Euro 320.000,00. Rialzo min E.5.000,00 deposito dell’offerta in busta chiusa presso la cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente l’asta, cauzionata del 30% del prezzo base. Info Curatore Avv. Lavinia Ruta tel. 3392348865 ***** FALL. N. 51580/91 BUSTI GIUSEPPE Giudice Delegato Dott. Marco Vannucci, Curatore Dott. Mario Moriconi. Vendita senza incanto del 09.04.2013 h. 11.00 quota (10/20) dell’appartamento e del garage in Pomezia (RM), di proprietà del fallito, al prezzo base di Euro 41.000,00, oltre accessori di legge, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, ridotto rispetto alla perizia dell’Ing. Massimo Quadrani (CTU). Rialzo minimo di euro 1.000,00. • Le offerte irrevocabili per un minimo di 120 giorni dal deposito, dovranno pervenire, in busta chiusa, in Cancelleria entro le ore 12.00 del 8.4.2013, corredate da cauzione del 10% del prezzo offerto. • Saldo prezzo ed oneri di legge entro 60 giorni dall’aggiudicazione. • L’ordinanza di vendita e la perizia sono consultabili sul sito www.astegiudiziarie.it e www.aste.eugenius.it. • Ulteriori informazioni in Cancelleria o presso il Curatore Fax 06.97.25.93.09 – studiomoriconi@fastwebnet.it. • ***** “Fallimento n. 246/2007 Interporto Roma Est Srl G.D. Di Salvo Tribunale di Roma, fissata vendita senza incanto per il giorno 8.05.2013 ore 11.00 di unico lotto costituito da quota nominale di € 45.390,00 pari al 100% del capitale

Procedura esecutiva n. 578/03 R.G.E. Tribunale di Santa Maria Capua Vetere Il giorno 20.06.2013, ore 9,00, innanzi al G.E., dr. Valerio Colandrea, si terrà la vendita senza incanto del seguente bene: LOTTO UNICO: Complesso monumentale denominato “Real Sito di Carditello”, sito in S. Tammaro (CE), realizzato nel 1784 da Ferdinando IV di Borbone su progetto del Collecini, allievo del Vanvitelli, costituito da una palazzina centrale sviluppantesi su quattro livelli, da 8 torri di cui 2 a pianta ottagonale e 6 pianta quadrata, disposte simmetricamente rispetto alla palazzina collegate tra loro ed al casino da capannoni; il complesso è munito di decorazioni ed affreschi meglio descritti nella perizia in atti; al complesso monumentale sono annessi circostanti terreni e fabbricato per il culto posto lungo la via Foresta a 3 km dal sito; il complesso insiste su un’area di circa 80.000 mq. oltre 150.000 mq. di terreni circostanti; è composto da: - Fabbricato insistente su zona di terreno di mq. 54.850 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro, sezione di Capua, al Foglio 6, particella 16; - Zona di terreno di mq. 26.896 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 6, particella 17; - Zona di terreno di mq. 4.434 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 6, particella 18; - Zona di terreno di mq. 20.601 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 6, particella 12; - Zona di terreno di mq. 24.414 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 6, particella 100; - Zona di terreno di mq. 19.641 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 6, particella 101; - Zona di terreno di mq. 20.990 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 6, particella 102; - Fabbricato per il culto insistente su zona di terreno di 185 mq. circa, riportata nel C.T. di San Tammaro al Foglio 5, particella A; - Zona di terreno di mq. 27.860 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 8, particella 3; - Zona di terreno di mq. 9.936 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 8, particella 17; - Zona di terreno di mq. 15.598 circa, riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 8, particella 253; - Zona di terreno di mq. 9.100 circa,


 :HIG6IID9>6KK>HD >a ;dcYd EZch^dcZ ;DC9:C:G<>6 g^XZgXV/ >hi^ijidXj^V[ÃYVgZa»^cXVg^Xd Y^7VcXV9Zedh^iVg^V ZmVgi#,9a\h#'*'$%* >gZfj^h^i^g^X]^Zhi^hdcd^cY^XVi^cZa iZhidYZaaVhdaaZX^iVo^dcZY^d[[ZgiV ejWWa^XViVhjah^idlZWYZa;dcYd! Vaa»^cY^g^ood lll#[dcYZcZg\^V#^i " gjWg^XV ¸cZlh¹ ¶ Y^hedc^W^aZ VcX]ZVhZ\j^idg^X]^ZhiVk^VZ"bV^a Vaa»^cY^g^ood/^c[d5[dcYZcZg\^V#^i# AZ d[[ZgiZ YdkgVccd eZgkZc^gZ egZhhd aV hZYZ Y^ ;dcYZcZg\^V Zcigd Z cdc daigZ aZ dgZ &'!%% YZa *Veg^aZ'%&(

Radiotelevisione Italiana Spa

D\\Ziid/ 6kk^hd ejWWa^Xd eZg aV gVXXdaiV Y^ bVc^[ZhiVo^dc^ Y^ ^ciZgZhhZ eZg a»V[ÃYVbZcid Y^ hZgk^o^ Y^ cdaZ\\^d Y^ VZgdbdW^a^ ViigZooVi^ d YV ViigZooVgZ eZg g^egZhZ Z igVhb^hh^dc^ hj ijiid ^a iZgg^idg^d cVo^dcVaZ ZY ZjgdeZdcZaa»VbW^idYZa<^gdY»>iVa^V'%&(ZeZgedhh^W^a^VcVad\]^hZgk^o^ YVg^X]^ZYZgh^cZaegdhh^bdig^Zcc^d# 8dc ^a egZhZciZ Vkk^hd! aV GV^ GVY^diZaZk^h^dcZ >iVa^VcV H#e#6# ^ciZcYZ g^XZkZgZ bVc^[ZhiVo^dc^ Y^ ^ciZgZhhZ YV hdX^Zi| heZX^Va^ooViZ cZa hZiidgZ YZaaZg^egZhZ^cbdk^bZcidX]Zh^Vcd^cedhhZhhdYZ^gZfj^h^i^XdchjaiVW^a^ hja h^id ^ciZgcZi lll#[dgc^idg^#gV^#^i! Vkk^h^ ¶ g^XZgX]Z! Vkk^h^ Y^ ^cYV\^cZ XdcdhX^i^kVVaÃcZY^ZheZg^gZjcVde^‘egdXZYjgZhZaZii^kZg^higZiiZZmVgi# &.9#A\h#&+($'%%+eZgaVi^edad\^VY^hZgk^o^^cY^XVi^^cd\\Ziid# <a^VZgdbdW^a^YZ\a^deZgVidg^^ciZgZhhVi^YdkgVccddhe^iVgZVWdgYdjcdd e^‘`^iY^g^XZigVhb^hh^dcZYZaaVG6>0ViVaÃcZ\a^deZgVidg^YdkgVccdYdiVgh^ Y^^YdcZ^HI8HjeeaZbZciVaIneZ8Zgi^ÃXViZg^aVhX^Vi^YV:6H6# >XVcY^YVi^^ciZgZhhVi^YdkgVccd[VgeZgkZc^gZaVegdeg^VbVc^[ZhiVo^dcZY^ ^ciZgZhhZ!XdggZYViVY^d\c^^c[dgbVo^dcZji^aZgZaVi^kVbZciZVaaZZh^\ZcoZ hdegV Zk^YZco^ViZ V i^idad ZhZbea^ÃXVi^kd bV cdc ZhVjhi^kd/ Xjgg^Xjajb X]ZZk^YZco^aZZheZg^ZcoZbVijgViZcZaXVbedYZaaZg^egZhZ^cbdk^bZcid0 YZhXg^o^dcZYZ^h^hiZb^^ciZ\gVi^Xdc\a^VZgdbdW^a^!Zh#lZhXVb!igVhbZii^idg^ ZiX#0Xjgg^XjaVYZ\a^VYYZii^VaaZVii^k^i|Y^kdad0g^hdghZjbVcZZiZXc^X]ZV Y^hedh^o^dcZ0ZkZcijVa^VjidbZoo^ZbdidViigZooViZZcigdZcdcdaigZ^a&* bVgod'%&(VahZ\jZciZ^cY^g^ood/ G6>¶GVY^diZaZk^h^dcZ>iVa^VcVH#e#6# 9^gZo^dcZEgdYjo^dcZIK 6Xfj^hi^Z6eeVai^ EVaVoo^cVJ[ÃX^¶Hi#&(+ K^VIZjaVYV!++ %%&.*GdbV AV hZaZo^dcZ YZ^ XVcY^YVi^ Z aV XdchZ\jZciZ g^X]^ZhiV Y^ d[[ZgiZ kZggVccd Z[[ZiijViZdg^ZciVi^kVbZciZcZaeZg^dYd&,bVgod'%&("(Veg^aZ'%&(#

<:HH>86H#g#a#^cA^fj^YVo^dcZ

IG>7JC6A:9>C>8DH>6

KZcY^iV>bbdW^a^VgZVaa»^cXVcid;Vaa^bZcid/C#.$.H^ gZcYZ cdid X]Z ^a \^dgcd &+#%)#'%&( VaaZ dgZ &'!%% cZaaZ hVaZ YZaaZ ejWWa^X]Z jY^ZcoZ YZa Ig^WjcVaZ YVkVci^ Va <^jY^XZ 9ZaZ\Vid Va [Vaa^bZcid 9dii# DiiVk^d <gVhhd!h^egdXZYZg|VaaVkZcY^iVV^ejWWa^X^^cXVci^YZ^hZ\jZci^WZc^^bbdW^a^Y^ egdeg^Zi|YZaaVhdX^Zi|[Vaa^iV/ ADIIDJC>8D IZggZcdYVaaVhjeZgÃX^ZXdbeaZhh^kVY^bf'*#(-&YZigVii^bf&#+,YZaaVZmeVgi^" XZaaVc#*+!hdeegZhhV!XZch^idcZaC#8#I#YZa8dbjcZY^<V\a^Vcd8#idVaaVeVgi^iV &&-%*![d\a^d',ZXdhi^ij^idYVaaZhZ\jZci^eVgi^XZaaZ/c#*%Y^VgZ&'!)*¶c#*,Y^VgZ '%!*(¶c#-%Y^]V'#%%#(,¶c#-&Y^VgZ%,!,+¶c#-'Y^VgZ%,!(,¶c#&)%Y^XV )%ZhjXj^^ch^hidcd^hZ\jZci^[VWWg^XVi^/8VeVccdcZVY^W^idVaVWdgVidg^dYVaaV hjeZgÃX^Z XdbeaZhh^kV Y^ bf +#'.'0 AdXVaZ HeVXX^d Z edgi^cZg^V YVaaV hjeZgÃX^Z XdbeaZhh^kVY^bf&('0AdXVaZXZcigVaZVg^VXdbegZhhVY^bf.+0AdXVa^d[ÃX^cV YVaaV hjeZgÃX^Z XdbeaZhh^kV Y^ bf '%)0 AdXVaZ XVW^cV ZaZiig^XV YVaaV hjeZgÃX^Z XdbeaZhh^kV Y^ bf *(0 HZgWVid^ ^ciZggVi^ Z adXVa^ XVbZgZ Y^ bVcdkgV YVaaV hj" eZgÃX^ZXdbeaZhh^kVY^bf,(06gZVeVgX]Z\\^!e^VooVa^Zk^VW^a^i|^ciZgcVYVaaV hjeZgÃX^Z XdbeaZhh^kV Y^ bf *#%,+# 9Zii^ ^bbdW^a^ hdcd h^ijVi^ ^c iZgg^idg^d YZa 8dbjcZY^<V\a^Vcd8#idVaaVX#YVHVciVBVg^VYZaE^VcdZXZch^i^VaC#8#:#J#YZa 8dbjcZY^<V\a^Vcd8#idVaaVeVgi^iV&%%%%-'![d\a^d',!eVgi^XZaaZ/c#*%hjXj^Y^ [Viid^ch^hidcd^[VWWg^XVi^Y^Xj^VaaZhZ\jZci^eVgi^XZaaZcc#&)-"&).¶&*%¶&*&! XdbZ^cY^k^YjVi^cZaa»ZhigViidY^bVeeV"c#-%"c#&)-"c#&)."c#&*%"c#&*&"c# &*'#CdcdhiVciZ\a^^bbdW^a^!VeegZh^Va[Vaa^bZcid!g^hjaiVcdgZ\daVgbZciZXZch^i^ Va 8ViVhid JgWVcd! cdc Zh^hiZ Y^ Xdcigd eZg aZ hjYYZiiZ eVgi^XZaaZ Vaa^cZVbZcid igV^a8ViVhid;VWWg^XVi^Z^a8ViVhidIZggZc^^cfjVcidaZhiZhhZ!gVeegZhZciViZVa 8ViVhid;VWWg^XVi^g^hjaiVcdeVg^bZci^XVg^XViZVaa»^ciZgcdY^jcVXViZ\dg^VigVc" h^idg^V YZiiV ¸;VWWg^XVid jgWVcd YV VXXZgiVgZ¹! YZa 8ViVhid IZggZc^# ODC6 K:G" 9: 9> G>HE:IID 8>B>I:G>6A: g^XVYZciZ Vaa»^ciZgcd YZaaV YZa^b^iVo^dcZ YZcdb^cViV ¸I:GG>IDG>D8DBJC6A:>C;G6C6¹^cXj^ƒk^ZiVida»^be^VcidY^cjdkZXdhigjo^dc^# >aegZoodWVhZY»VhiVk^ZcZhiVW^a^id^c`',+#&,)!%%YjZXZcidhZiiVciVhZ^b^aVXZc" idhZiiVciVfjViigdk^g\daVoZgdoZgdZaZd[[ZgiZb^c^bZ^cVjbZcid^c`*#%%%!%% X^cfjZb^aVk^g\daVoZgdoZgd#<a^^bbdW^a^kZc\dcdXZYji^cZaadhiVidY^[ViidZY^ Y^g^iid^cXj^h^igdkVcdfjVaZg^hjaiVYVaaVeZg^o^VgZYViiVYVaa»^c\Z\cZgZcdb^cVid YVaIg^WjcVaZZYZedh^iViVcZa[VhX^Xdad[Vaa^bZciVgZXj^h^^ciZcYZ[Viid!VYd\c^ WjdcÃcZ!^ciZ\gVaZg^[Zg^bZcid^cfjZhiVhZYZ#EZgeVgiZX^eVgZVaa»^cXVcid!a»d[" [ZgZciZYdkg|YZedh^iVgZ!egZhhdaV8VcXZaaZg^VY^fjZhidIg^WjcVaZ!jcVhdbbV eVg^ Va &% YZa egZood WVhZ! V i^idad Y^ XVjo^dcZ! ZY jcV hdbbV eVg^ Va '% YZaegZoodWVhZeZgheZhZY^kZcY^iVVbZoodVhhZ\cdX^gXdaVgZY^jc^hi^ijidY^ XgZY^idYZaajd\d^ciZhiVidVaaV8VcXZaaZg^VYZaIg^WjcVaZZcigdZcdcdaigZaZdgZ &'!%%YZa\^dgcd&*#%)#'%&(#>aegZoodY^VXfj^hid!YZYdiida»^bedgidYZaaVXVjo^d" cZ\^|kZghViV!Ydkg|ZhhZgZkZghVid^cjca^WgZiidY^YZedh^id\^jY^o^Vg^d!k^cXdaVid Va<^jY^XZ9ZaZ\Vid!ZcigdkZci^\^dgc^YVaa»V\\^jY^XVo^dcZ# C^Xdh^V!'&#&'#'%&' >a8jgVidgZ 9dii#9Vg^d;gVhXdc|

>a8VcXZaa^ZgZ ;^a^eedHVgVc^i^

HZYZaZ\VaZ/k^VBViiZd8^bVggV&-.'&%% 6\g^\Zcid6< >hXg^o^dcZVaGZ\^higdYZaaZ>begZhZY^6\g^\Zcid/%%%,-,,%-). G#:#6#/-&&(, 8dY^XZ;^hXVaZ/%%%,-,,%-). EVgi^iV>kV/%%%,-,,%-). 6KK>HD9>EJ77A>8D>C86CID AVhdX^Zi|<Zhh^XVhga^ca^fj^YVo^dcZkdadciVg^V^ciZcYZegdXZYZgZVaaVkZcY^iV YZaaZegdeg^ZfjdiZY^eVgiZX^eVo^dcZcZaaVHdX^Zi|/<Zhh^XV>cYjhig^Zhhga!Xdc hZYZaZ\VaZ^c8#YV;VkVgdiid.'%'(8VbedWZaadY^A^XViV6<XdY^XZÃhXVaZZ eVgi^iV>K6cjbZgd/%'+.,'.%-)*cjbZgdG:66<"'%%+.*# AVHdX^Zi|<Zhh^XV>cYjhig^Zhhga¹]VjcXVe^iVaZhdX^VaZY^Zjgd'#%%%#%%%!%%! jc kVadgZ YZa eVig^bdc^d cZiid eVg^ VY Zjgd '#'&.#.))!&.! ZY jc kVadgZ Y^ bZgXVid! g^XVkVid YVaaV gZYVo^dcZ Y^ Veedh^iV eZg^o^V \^gViV! eVg^ VY Zjgd )#&)+#.'.!&&!ZY]VXdbZd\\ZiidhdX^VaZadhkda\^bZcidYZaaZhZ\jZci^Vii^k^" i|/egdYjo^dcZY^^cidcVX^eZga»ZY^a^o^VfjVa^/egdYdii^VWVhZY^\ZhhdXdiid0 egdYdii^VWVhZY^\ZhhdXgjYd0egdYdii^VWVhZY^XZbZcidZY^Ygde^iijgZZ g^kZhi^bZci^^ceVhiV#AVhdX^Zi|ƒegdeg^ZiVg^VY^YjZhiVW^a^bZci^^cYjhig^V" a^ jcd eZg aV egdYjo^dcZ Y^ egZb^hXZaVi^ V WVhZ Y^ \Zhhd ZY jc Vaigd eZg aV egdYjo^dcZY^egZb^hXZaVi^XZbZci^o^#AVhdX^Zi|ƒ^cdaigZegdeg^ZiVg^VY^jcV XVkVY^\ZhhdVii^kV!jcVXVkVY^\ZhhdY^hbZhhVZYVaXjc^iZggZc^YVVY^W^gZ VXVkZY^\Zhhd# AZfjdiZbZhhZ^ckZcY^iVXdgg^hedcYdcdVa..!(%YZaXVe^iVaZhdX^VaZeVg^ VYjcVfjdiVVakVadgZcdb^cVaZY^Zjgd&#.-+#%%%!%%!eVg^VYjckVadgZYZa eVig^bdc^dcZiidY^Zjgd'#'%)#)%)!*-!ZYjckVadgZY^bZgXVideVg^VYZjgd )#&&,#.%%!+%# >aegZoodVWVhZY^\VgVZY^Zjgd'#'%)#)%)!*-Xdgg^hedcYZciZVakVadgZYZa eVig^bdc^dcZiidYZaaV<Zhh^XV>cYjhig^Zhhga!gVeedgiVidVakVadgZYZaaZeVg" iZX^eVo^dc^d[[ZgiZ^ckZcY^iV#HVgVccdVbbZhhZd[[ZgiZVcX]ZgZaVi^kZVYVX" fj^h^o^dc^eVgo^Va^YZaaVeVgiZX^eVo^dcZ#AZd[[ZgiZYdkgVccdeZgkZc^gZZcigdZ cdcdaigZaZdgZ&./%%YZa(&bVgod'%&(#IjiiVaVYdXjbZciVo^dcZY^\VgVedig| ZhhZgZg^X]^ZhiVVahZ\jZciZ^cY^g^oodZbV^a/^c[d5hijY^dhdggZci^cd#Zj!dkkZgd VacjbZgdY^[Vm# (.%.''*%(&&,*!\a^VeejciVbZci^eZghdegVaajd\]^edigVc" cdZhhZgZXdcXdgYVi^egZk^dXdciViidiZaZ[dc^XdVahZ\jZciZcjbZgd/ (.%.'' +%'-+,#>agZhedchVW^aZYZaegdXZY^bZcidƒ^a9dii#8dXX]^VgVE^Zigd# <Zhh^XVhga^ca^fj^YVo^dcZ >aa^fj^YVidgZ

6KK>HD9>6<<>J9>86O>DC:6EE6AID A»>hi^ijidEda^\gVÃXdZOZXXVYZaadHiVidH#e#6#XdchZYZ^c GdbV!k^VHVaVg^V!&%',!gZcYZcdida»Zh^idYZaaVegdXZYjgV cZ\do^ViV^cYZiiVV^hZch^YZaa»Vgi#*,!XdbbV'aZii#XYZa 9#A\h#c#&+($'%%+eZga»V[ÃYVbZcidYZaaV[dgc^ijgVY^Wj" hiZY^eaVhi^XVdXXdggZci^eZgaZXdchjaiVo^dc^ZaZiidgVa^#8>< ),.)(.(6)&#A»Vkk^hdY^V\\^jY^XVo^dcZƒhiVidejWWa^XVidcZa HjeeaZbZcidVaaV<VooZiiVJ[ÃX^VaZYZaa»Jc^dcZ:jgdeZVc# *-%%'"'%&("aIYZa'&$%'$'%&(#A»VeeVaidƒhiVidV\\^jY^XVid ^cYViV,$%&$'%&(VaaV?dZeaVhiH#e#6#Xdc^bedgidY^V\\^jY^" XVo^dcZ:jgd'()#*++!>K6ZhXajhV#A»Vkk^hdY^V\\^jY^XVo^dcZ ^ciZ\gVaZƒY^hedc^W^aZhjah^id^ciZgcZilll#^eoh#^i# >A9>G:IIDG:68FJ>HI> 6kk#6aZhh^d6a[dchd8]^bZci^


Marzo 2013

23

riportato nel C.T. di San Tammaro al Foglio 8, particella 254; confinante rispettivamente: le particelle 16 e 17 del Foglio 6 con la strada che costeggia il Real Sito; le particelle 12, 100, 101, 102 e 18 del Foglio 6 con la strada che costeggia il Real Sito, la via Foresta e la strada provinciale per Carditello da un lato; con le particelle 137,138, 688, 689, 690, 691, 692, 139, 140, 189, 191, 146, 155, 5639 e 211 del Foglio 6 dai rimanenti lati; le particelle 3, 17, 254, 253 del Foglio 8 con le particelle 318 e 302 del Foglio 8; il fab-bricato per il culto insistente su zona di terreno riportata al Foglio 5, particella A, con la particella 71 del fo-glio 5. Sia i terreni che il complesso monumentale ricadono in zona “E1” (agricola vincolata), mentre il fab-bricato per il culto in via Foresta ricade in zona “M” (militare) del PRG vigente nel Comune di San Tamma-ro. Sull’immobile, relativamente alle particelle riportate in C.T. al foglio 6, particelle n. 16 e 17, grava atto amministrativo di costituzione di vincoli legali ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. a., del D. Lgs. n. 490 del 1999, atto del 24 febbraio 2004, trascritto il 21 luglio 2004, a favore del Ministero per i Beni e le Attività culturali con sede in Roma. Il tutto come meglio descritto e riportato nella relazione di stima depositata in cancelleria. PREZZO BASE: Euro 10.000.000,00 (diecimilioni/00); • L’eventuale vendita con incanto si terrà sempre innanzi al suddetto G.E. in data 27.06.2013 h. 12.00. • In caso di aggiudicazione, il definitivo trasferimento dell’immobile è subordinato al mancato esercizio del diritto di prelazione spettante alla Pubblica Amministrazione ai sensi del D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42. • Sia per la vendita senza incanto che per quella con incanto le offerte d’acquisto dovranno essere depositate, unitamente ad un assegno circolare intestato alla procedura pari al 10% del prezzo offerto, entro le ore 13,00 del giorno antecedente alla vendita presso la Cancelleria espropriazioni immobiliari. • Il saldo prezzo e le spese di trasferimento, quantificate nel 20% del prezzo di aggiudicazione, dovranno esse-re versati, a pena di decadenza, secondo le stesse modalità entro il termine di 90 giorni dall’aggiudicazione. • Per maggiori informazioni e richieste di visite, contattare il custode giudiziario avv. Luigi Meinardi (tel. 0823 843419 – fax 0823 1763838) oppure visitare il sito www.astegiudiziarie.it.

TRIBUNALE DI SIENA

ESTRATTO DELL’AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO Il sottoscritto Dott. GIOVANNI NARDI sotto domiciliato, in qualità di commissionario, COMUNICA che sono poste in vendita, in

unico lotto, le quote sociali del valore nominale di Euro 10.192,00 (Euro diecimilacentonovantadue) pari al 98% del capitale sociale di complessivi Euro 10.400,00 della società “GESTIONI HOTEL VILLA PATRIZIA s.r.l.” con sede in Siena Via Fiorentina 58 C. F., P.I.V.A. e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di Siena 00882580523 n. REA 98003; La società è titolare delle autorizzazioni necessarie all’esercizio dell’ATTIVITÀ ALBERGHIERA “HOTEL VILLA PATRIZIA” negli immobili di sua proprietà. Le quote sociali nonché il patrimonio netto, le attività (compresi gli immobili e l’azienda) e le passività di cui sono rappresentative, sono vendute nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano. • La vendita avverrà con aggiudicazione al miglior offerente, senza incanto ai sensi dell’art. 532 e ss. C.P.C. e alle seguenti principali condizioni: • A) Prezzo base: è fissato in € 1.823.873,25 (Unmilioneottocentoventitremilaottocento- settantatre virgola 25). • B) Termine: entro le ore 12.00 del giorno 15.05.2013 per il deposito dell’offerta irrevocabile scritta in busta chiusa presso lo studio del Commissionario in Siena, Viale Rinaldo Franci n.14. • C) Allegare: assegno circolare di importo pari ad un decimo della somma offerta come prezzo di acquisto a titolo di cauzione. • D) impegno a saldare il prezzo entro 60 giorni dall’aggiudicazione. • E) Apertura delle buste il giorno 16.05.13 alle ore 12,00, presso lo studio del commissionario. • Per ogni informazione relativa alle quote sociali, alla società “Gestioni Hotel Villa Patrizia s.r.l.” ed alla sua situazione e consistenza patrimoniale e per la visione del compendio dei beni mobili ed immobili di proprietà della società medesima, gli interessati potranno contattare la cancelleria delle esecuzioni mobiliari del Tribunale di Siena o il Commissionario al seguente indirizzo: Dott. GIOVANNI NARDI Viale Rinaldo Franci,14 (La Lizza) 53100 Siena ITALIA Tel: +39057740386 Fax: +390577224196 e-mail: nardigiovanni@libero.it • Foto, stime, info e avviso di vendita integrale a cui attenersi: sul sito www.astegiudiziarie.it Accanto a Tribunale .. scegliere: SIENA Accanto a Procedura n° scrivere: 1210 accanto a Anno . scrivere: 2008 Cliccare sul bottone: Cerca

TRIBUNALE DI TRANI

Cancelleria Esecuzione Immobiliare Proc. n.271/1999 Estratto di Avviso di vendita giudiziale Si rende noto che davanti al G.E. dott.ssa Rosella Politi si procederà alla vendita giudiziale del seguente immobile: Lotto unico: Complesso turistico sito in Bisceglie alla Via V. Siciliani civv.41

e 42 costituito da un Albergo riportato nel Catasto Fabbricati del Comune di Bisceglie al fg.2 p.lla 5: l’albergo costruito negli anni 1980 su un suolo irregolare di superficie nominale di circa mq.6.624 è composto da tre corpi di fabbrica principali fuori terra e da due piani interrati di cui: 1- Fabbricato A fuori terra: destinato ad albergo su quattro piani (P.T., 1°, 2°, 3°) oltre il terrazzo lastrico solare, composto da n.52 camere di cui n.3 suite oltre i servizi annessi; 2- Fabbricato B fuori terra (P.T.): destinato a sala ristorante e cucina con relativi servizi; 3- Fabbricato C fuori terra (P.T.): destinato a servizi annessi alla zona piscina e depositi, ingresso alla rampa di accesso ai parcheggi interrati e superiormente ad essi a zone di terrazzamento; - 1° Piano interrato sottostante i corpi di fabbrica descritti innanzi e in parte l’area di pertinenza scoperta sovrastante: destinato, a seconda delle zone sottostanti i corpi di fabbrica principali, in parte a sala ristorante e servizi annessi, in parte a sala colazione-ristorante con servizi annessi, in parte a depositi e lavanderia, in parte a vani tecnici ed in parte a parcheggio interrato; - 2° Piano interrato sottostante il parcheggio di 1° piano interrato: destinato a parcheggio e riguardante solo la zona del parcheggio di 1° piano interrato. N.B.: per le superfici leggasi quesito n.2 della relazione e per le opere abusive presenti in detta struttura che dovranno essere oggetto di condono edilizio leggasi relazione quesito n.5. Il presente complesso immobiliare è inserito in un più ampio ed unitario complesso turistico dal quale può essere separato con l’esecuzione dei lavori e con la sopportazione dei costi indicati dettagliatamente nella relazione tecnica integrativa. Prezzo Base di vendita: €. 4.683.330,00 Offerte in aumento: €. 100.000,00 • La vendita verrà tentata senza incanto il giorno 6 giugno 2013 alle ore 12.00 presso l’aula di udienza del Tribunale di Trani ubicata in Piazza Trieste n.1 piano 1°. • Nei casi di mancata vendita senza incanto (art.569 co.3 c.p.c.), la stessa verrà tentata con incanto il giorno 13 giugno 2013 alle ore 12.00 presso l’aula di udienza del Tribunale di Trani ubicata in Piazza Trieste n.1 piano 1°. • Le offerte per partecipare a tale vendita, in bollo da € 14,62, dovranno essere depositate presso la Cancelleria dell’Esecuzione immobiliare del Tribunale di Trani, a pena di inefficacia, entro e non oltre le ore 12 del giorno che precede la vendita. • Per le altre modalità e condizioni di vendita si rinvia alle avvertenze generali pubblicate nell’avviso di vendita.

• Presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari è possibile ottenere ulteriori informazioni. • I testi integrali dell’avviso di vendita, della relazione di stima e dell’ordinanza di vendita si trovano pubblicati in Internet sui siti: www.astegiudiziarie.it, w w w. a s t e a n n u n c i . i t , www.portaleaste.com, www.asteimmobili.it. • Modalità e condizioni sono quelle riguardanti la generalità delle vendite delegate e indelegate. • Per tutto quanto non previsto si applicano le vigenti disposizioni di legge. Trani, 1 marzo 2013. Il funzionario Giudiziario Dott. Vincenzo Liso

TRIBUNALE DI VICENZA

Fallimento CECCATO SPA IN LIQUIDAZIONE Cessione d’azienda Invito ad offrire Il curatore fallimentare ha ricevuto un’offerta irrevocabile per l’acquisto dell’azienda esercente attività di costruzione di macchine, impianti ed attrezzature per stazioni di servizio e lavaggio veicoli, sita in Montecchio Maggiore (VI), via Selva Maiolo n. 5/7, composta dalle immobilizzazioni materiali ed immateriali, dal marchio, dal magazzino, dalle partecipazioni nelle società Ceccato Espana SA (Spagna), Ceccato Gmbh (Germania), Ceccato SP Zoo (Polonia) e Ceccato DMR Ltda (Brasile), escluso soltanto l’immobile dove ha sede la consociata brasiliana. Il prezzo offerto è € 3.000.000=(tremilioni). • Si invitano eventuali interessati a presentare entro le ore 12:00 del 08/04/2013 in busta chiusa direttamente in Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Vicenza un’offerta pari o superiore valida almeno fino al 30/04/2013, garantita da assegno circolare di euro 300.000=(trecentomila) intestato alla procedura. In caso di offerte, il giorno 09/04/2013 alle ore 13:00 il Giudice Delegato procederà all’aggiudicazione mediante gara informale, con rilanci di €50.000=(cinquantamila). La cessione verrà formalizzata con le modalità previste dall’art. 105, 8° comma della Legge Fallimentare, mediante atto notarile da eseguirsi entro il 30/04/2013, con contestuale saldo prezzo. • Si rappresenta che le condizioni vincolanti dell’acquisto sono: il mantenimento della produzione in loco con un numero di lavoratori non inferiore a 27 unità tra quelli in forza, nel rispetto delle condizioni previste dall’accordo sindacale che dovrà essere raggiunto ai sensi dell’art. 47 legge 428/90, e il subentro nel contratto di locazione immobiliare. • Rif. Fallimento CECCATO SPA IN LIQUIDAZIONE (n.15/13). G.D. dott.ssa Paola Cazzola; Curatore fallimentare Dr Andrea Peruffo tel.0444.800267-mail: andrea.peruffo@legalmail.it


Elenco completo immobili su www.consorziog1.it

Trova il tuo investimento immobiliare. ROMA 108 UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARI *+$//)1! ,$1#0 ,- 1# 1â&#x201A;Ź 38.000,00 13.217.600,00 ALCUNI ESEMPI: UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARE AD USO NEGOZIO ROMA  % '$1 '#)1 '' +%(1

Codice Identificativo 04_32414

UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARE AD USO NEGOZIO ROMA - % 1.%+%()1 &)+ ( 1 Codice Identificativo 04_15114

UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARE AD USO UFFICIO ROMA - % 1$'' 1$++ -$'' 1%(1 -$+ ()1 Codice Identificativo 04_37453

L'unitĂ immobiliare, della superficie di mq 49, occupa porzione di piano terra di un edificio di tre piani fuori terra. L'immobile è ubicato in un quartiere di tipo residenziale/direzionale. L'unitĂ  è libera ed in buono stato di conservazione. PREZZO A BASE Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA â&#x201A;Ź 97.750,00

L'unitĂ immobiliare, della superficie di mq 56, occupa porzione di piano terra di un edificio di 9 piani fuori terra. L'immobile è ubicato in zona intermedia della cittĂ  in un quartiere di tipo residenziale intensivo. L'unitĂ  è libera ed in buono stato di conservazione. PREZZO A BASE Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA â&#x201A;Ź 135.200,00

UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARE AD USO AUTORIMESSA ROMA - % // 1.+%"$''%1 Codice Identificativo 04_20452

UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARE AD USO AUTORIMESSA ROMA - % 1 1),- 1  Codice Identificativo 04_09501

Lâ&#x20AC;&#x2122;unitĂ immobiliare, della superficie di mq 879, occupa porzione di piano terzo di un edificio di n° 6 piani fuori terra i. L'immobile è ubicato in zona semicentrale della cittĂ  in un quartiere di tipo residenziale. Lâ&#x20AC;&#x2122;unitĂ , attualmente occupata sarĂ  rilasciata dall'attuale conduttore a Giugno. Lâ&#x20AC;&#x2122;unitĂ  è in buono stato di conservazione. PREZZO A BASE Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA â&#x201A;Ź 2.267.850,00

L'unitĂ immobiliare, della superficie di mq 2977 , occupa porzione di piano interrato di un edificio di cinque piani fuori terra. L'immobile è ubicato in zona periferica, in un quartiere di tipo residenziale. L'unitĂ  è locata, in mediocre stato di conservazione. PREZZO A BASE Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA â&#x201A;Ź 1.606.920,00

L'unitĂ immobiliare, della superficie di mq 2434, occupa porzione di piano interrato di un edificio di 6 piani fuori terra. L'immobile è ubicato in zona periferica della cittĂ  in un quartiere di tipo residenziale. L'unitĂ  è libera ed in mediocre stato di conservazione. PREZZO A BASE Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA â&#x201A;Ź 1.582.500,00

UNITĂ&#x20AC; IMMOBILIARE AD USO NEGOZIO ROMA - % 1 (/.+1 1 Codice Identificativo 04_02288 L'unitĂ immobiliare, della superficie di mq 64, occupa porzione di piano terra di un edificio di nove piani fuori terra. L'immobile è ubicato in zona semicentrale della cittĂ  in un quartiere di tipo residenziale. L'unitĂ  è libera ed in buono stato di conservazione. PREZZO A BASE Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA â&#x201A;Ź 115.000,00

AVVISO Dâ&#x20AC;&#x2122;ASTA INDIVIDUALE N. 02/ INPS â&#x20AC;&#x201C; Gestione ex INPDAP - FEBBRAIO 2013 Lâ&#x20AC;&#x2122;Asta Individuale ha per oggetto singole unitĂ immobiliari a destinazione non residenziale, libere, locate inoptate e occupate senza titolo di proprietĂ  dellâ&#x20AC;&#x2122;INPS - Gestione ex INPDAP individuate nellâ&#x20AC;&#x2122;elenco allegato al Regolamento dâ&#x20AC;&#x2122;Asta e pubblicato sul sito www.consorziog1.it.

(CAP 00187). Lâ&#x20AC;&#x2122;accesso è consentito nei seguenti giorni e orari: il LunedĂŹ dalle ore 9:30 alle ore 12:00 e il GiovedĂŹ dalle ore 14:30 alle ore 16:00.

OFFERTE SEGRETE

Lâ&#x20AC;&#x2122;espletamento dellâ&#x20AC;&#x2122;Asta avverrĂ in piĂš fasi: I Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Offerte Segrete, II Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta Offerte Residuali, III Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Altre Offerte Residuali, di cui la seconda e la terza sono eventuali a fronte dellâ&#x20AC;&#x2122;esito delle precedenti.

La presentazione delle Offerte Segrete dovrĂ avvenire presso la sede del Consorzio G1, dal LunedĂŹ al GiovedĂŹ dalle ore 9:30 alle ore 12:00 e dalle ore 14:30 alle ore 16:00, il VenerdĂŹ dalle ore 9:30 alle ore 12:00 e, comunque, entro e non oltre il 09 APRILE 2013, dalle ore 9:30 alle ore 12:00.

La documentazione informativa relativa alle caratteristiche delle unità immobiliari in Asta è a disposizione degli interessati presso la sede del Consorzio G1, in Roma, Via Versilia n. 2

La I Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Offerte Segrete si svolgerĂ presso lâ&#x20AC;&#x2122;HOTEL ALEPH in Via di San Basilio n. 5 - 00187 ROMA in data 10 APRILE 2013, dalle ore 9,45.

CONSORZIO G1 111 11 

C.F. e P.IVA 07385231001 Iscrizione CCIAA n. 1028682 Via Versilia, 2 - 00187 Roma

OFFERTE RESIDUALI

II Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Offerte Residuali La presentazione delle Offerte Residuali dovrĂ avvenire presso la sede del Consorzio G1, negli stessi giorni e orari previsti per le Offerte Segrete e, comunque, entro e non oltre il 07 MAGGIO 2013, dalle ore 9:30 alle ore 12:00. La II Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Offerte Residuali si svolgerĂ  presso la sede del Consorzio G1, via Versilia, 2, in data 08 MAGGIO 2013 dalle ore 9,45. III Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Altre Offerte Residuali La presentazione delle Offerte Residuali, dovrĂ  avvenire presso la sede del Consorzio G1, negli stessi giorni e orari previsti per le Offerte Segrete e, comunque, entro e non oltre il 29

Tel. 06 42080666 - Fax 06 42080613 e-mail: info@consorzio-g1.it web: www.consorziog1.it

MAGGIO 2013, dalle ore 9:30 alle ore 12:00. La III Fase dâ&#x20AC;&#x2122;Asta - Altre Offerte Residuali si svolgerĂ presso la sede del Consorzio G1, via Versilia, 2, in data 30 MAGGIO 2013 dalle ore 9,45. Tutte le ulteriori informazioni relative alle modalitĂ  di partecipazione allâ&#x20AC;&#x2122;Asta, di svolgimento e aggiudicazione, nonchĂŠ quelle relative agli adempimenti conseguenti allâ&#x20AC;&#x2122;aggiudicazione sono disciplinati dal Regolamento dâ&#x20AC;&#x2122;Asta disponibile presso la sede del Consorzio G1 ovvero sul sito www.consorziog1.it. Titolare del Trattamento Dati è il Consorzio G1, con sede in Roma - Via Versilia n. 2. Responsabile del Trattamento è il Direttore del Consorzio G1.

AsteInfoappalti  

Ed. Nazionale Marzo 2013 (Con il provvedimento del 28/06/2010 è stata disposta l'iscrizione della società Guido Talarico Editore S.p.a., sit...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you