Page 1


38 LE MOSTRE


CLAUDIO ABATE

CLAUDIO ABATE the bathroom a cura di

the bathroom

Mauro Panzera Andrea Alibrandi GALLERIA IL PONTE FIRENZE

11 ottobre 2008 – 24 gennaio 2009

in collaborazione con

mara coccia arte contemporanea roma testo di / text by

Mauro Panzera

ufficio stampa

Susanna Fabiani catalogo

Andrea Alibrandi coordinamento editoriale

Federica Del Re

traduzione in inglese

Karen Whittle

impaginazione computerizzata

Punto Pagina, Livorno stampa

Tipografia Bandecchi & Vivaldi, Pontedera Con il contributo di

© 2008 EDIZIONI IL PONTE FIRENZE

50121 Firenze - Via di Mezzo, 42/b tel/fax +39 055240617 website: www.galleriailponte.com e-mail: info@galleriailponte.com

Via Cavour, 29 - 50129 Firenze e-mail: info@ilguelfobianco.it

Tel. 0039 055288330 - Fax 0039 055295203

EDIZIONI IL PONTE FIRENZE


A PROPOSITO DI UN RECENTE CICLO DI IMMAGINI DI CLAUDIO ABATE

ABOUT A RECENT SERIES OF IMAGES BY CLAUDIO ABATE

Mauro Panzera

Mauro Panzera

Mi è difficile scindere il film della storia dell’arte contemporanea, intendo le opere, le installazioni, le performances, tutto ciò che era per sua natura irripetibile, dagli scatti fotografici di Claudio Abate. Ciò che è stato per me, in un tempo di inconsapevolezza, documentazione, ora è, in un suo modo sottile, a sua volta opera.

It is difficult for me to separate the film of contemporary art history, I mean the works, the installations, the performances, everything that by its nature could not be repeated, from the photographs of Claudio Abate. What was for me, at a time of ignorance, documentation, is now, in its subtle way, in its turn a work of art.

La ricerca della “visione esatta” dell’opera, che fu di Medardo Rosso e di Brancusi, pare proseguire nel lavoro di Claudio Abate. In ciò costruttore di quella categoria del “fotografo d’arte” che l’Italia ha ampiamente fornito alla contemporaneità.

The search for the ‘exact vision’ of the work, as strived for by Medardo Rosso and Brancusi, seems to continue in the work of Claudio Abate. Hence he built the category of ‘art photographer’ to which Italy has presently made such a generous contribution.

Ma in ciò anche Autore, per quella profonda comprensione dell’opera che faceva slittare lo scatto fotografico in “interpretazione autorizzata”. Abate non fotografa opere d’arte, ma attraverso una relazione empatica con l’artista, che diviene un compagno di strada con cui costruire una relazione all’altro profonda, si dà gli strumenti per l’esatta interpretazione di una umanità. Perciò la rosa degli “eletti” è ristretta di necessità. In ciò Abate è fotografo romano, per geografia degli spazi condivisi. Ed è un atteggiamento che ha fatto scuola per le giovani generazioni a lui succedutesi. Ma è l’atteggiamento che lo ha “costretto” a fotografare tutto Carmelo Bene, dalle cantine romane al teatro ufficiale – ma con quanta fatica e contrasti e polemiche. I nomi sopra evocati di Rosso e Brancusi non intendono costruire avvicinamenti e confronti tecnici ma estetici. La ricerca fotografica di questi maestri intendeva semplicemente produrre conoscenza maggiore dell’opera, null’altro. La individuazione del punto di vista unico per Rosso, così come la macchina

But as such he also becomes an Author, due to that deep understanding of the work that made the photograph slip into an ‘authorised interpretation’. Abate does not photograph works of art, but through an empathy with the artist, who becomes a travelling companion with whom to build a deep relationship with the other, he creates the tools to make an exact interpretation of a particular slant on humankind. Therefore, the ‘selected few’ really do have to be few. In this Abate is a Roman photographer, due to the geography of the spaces they share. And it is an attitude that has paved the way for the generations of young artists following him. But it is the attitude that ‘forced’ him to photograph all of Carmelo Bene, from the so-called ‘Roman cellars’ to his official theatre – but what hard work, so many arguments and controversies. With the names mentioned above of Rosso and Brancusi, I did not intend to label him in terms of technique, but to draw aesthetic comparison. The aim of these masters’ photographic research was simply to produce a greater knowledge of the work, nothing more. For Rosso, what con-

7


relazionale messa in cantiere da Brancusi nel suo studio “bianco di polvere” sono opera di interpretazione estetica dell’opera loro. In questo senso ho usato l’espressione “interpretazione autorizzata”, nel preciso senso in cui si usa in critica d’arte la nozione di “testo autorizzato”.

stituted the aesthetic interpretation of his work was singling out the one point of view, whereas for Brancusi it was the relational process that he created in his ‘white dust’ study. This is what I meant with the expression ‘authorised interpretation’, in the precise sense that the notion of ‘authorised text’ is used in art criticism.

Bisogna però a questo punto abbandonare la dizione “scatto fotografico”: ché per l’autore la tecnologia è al servizio di un pensiero estetico. E infatti Claudio Abate fin dal 1972 aveva avanzato un’interpretazione della meccanica fotografica. Su tele emulsionate aveva catturato lo spirito di artisti, da De Chirico a De Dominicis, facendo un uso sapiente della luce. L’identificazione del corpo dell’artista come ombra pareva indicare il luogo della creazione, non illuminabile, ma solo tramite le opere avvicinabile con approssimazione. Per sua natura incompatibile con la falsa seriosità, Abate aveva “completato” la serie con un’opera, un autoritratto, divertente come un calembour, La seduta è tolta. Contatto con la superficie sensibile: questo il titolo della serie. E non è indifferente l’occasione della presentazione di tale ciclo: all’interno della programmazione artistica dei neonati Incontri internazionali d’arte, per la volontà di Graziella Lonardi – Buontempo, nell’anno 1972 a Roma, nella sede storica di Palazzo Taverna. L’invito recitava: Venerdì 22 Dicembre 1972. C.A. vi aspetta alle ore 20 per prendere contatto con la sua superficie sensibile. Seguivano i nomi degli artisti con l’indicazione esatta del giorno e dell’attimo in cui la superficie sensibile aveva accolto l’icona. Vi si rintraccia memoria delle Antropometrie di Yves Klein, ma ancor di più sento il legame con la paura che fu di Balzac di fronte alla macchina di Nadar: che gli rubasse l’anima. Ora siamo di fronte ad una nuova indagine, una serie cadenzata in 10 immagini + una che fa da voce esterna. Il formato della

However, at this point we have to abandon the term ‘snapshot’: since for the author technology is at the service of an aesthetic thought. And indeed since 1972 Claudio Abate had been offering an interpretation of the mechanics in photography. On emulsified canvases he had captured the spirit of artists, from De Chirico to De Dominicis, by cleverly using light. Seeing the artist’s body as a shadow seemed to indicate the place of creation, which cannot be lit, and can be approached, to some extent, but through their works. By nature incapable of false seriousness, Abate had ‘completed’ the series with a fun self-portrait, a play on words, La seduta è tolta. Contatto con la superficie sensibile (Session ended. Seat removed. Contact with Sensitive Surface): this was how the series was entitled. And the occasion of the series’ presentation cannot go disregarded: within the artistic programme of the newly established Incontri internazionali d’arte, upon the desire of Graziella Lonardi–Buontempo, in 1972 in Rome, in the historic Palazzo Taverna. The invitation read: Friday 22 December 1972. C.A. will be awaiting you at 8 pm to make contact with her sensitive surface. Following were the names of artists with the exact indication of the day and the time when the sensitive surface had met the icon. It brings to mind Antropometrie by Yves Klein, but even more I can feel the link with Balzac’s fear before Nadar’s camera: that it would steal his soul. Now we are faced with a new investigation, a series broken up into 10 images + one which acts as an outside voice. The format of

8

the series is strictly square, while ‘the external voice’ is rectangular, but vertical, befitting of traditional painted portraits. A police-style investigation around an emblematic place of personal hygiene and the external reassurance: Everything under control. A selfportrait reflected in the candid bathroom toilet. The police adjective is perhaps prompted by the memory left by a black and white work by Weegee; but what dominates is the spasmodic search for detail, like when you look for a pin and notice there is a microscopic universe of marks, presences and traces. But the question – where is the subject chosen from? – is also police-like. The only question that does not expect an answer. The investigation runs parallel between a structural reading and traces of presences. Like comparing two levels of vision. Dominating the structure is the grille, square tiles outlined by deep black lines. Without doubt the reference is to Mondrian, in association with his consideration of the stillness of the world of hygiene. But there are also curved lines, like details of porcelain sculptures. The square theme is repeated in the photographic print format. But the allusion to Mondrian can gain substance if we note that the cut of the image is often rotated by around 90° to produce the perception of a diagonal line. This means that the architectural space pushes in the direction of obsession – reminiscent of Hitchcock’s telephone box in The Birds. But human history, life break through – and contradict Mondrian – and conjure up everything that is in the memory...I was writing about Claudio Abate, convinced that the bathroom in question has something to do with his everyday life. But that is not necessarily the case. What is necessary is that the body becomes the protagonist. What does count is to note a sort of elastic mental space linking the images: the dubious naturalness of certain details. This is the game

serie è rigorosamente quadrato, mentre “la voce esterna” è rettangolare, ma in verticale, come si addice alla tradizione pittorica del ritratto. Un’indagine poliziesca intorno ad un luogo emblematico dell’igiene e la rassicurazione esterna: Tutto sotto controllo. Un autoritratto specchiato nella candida tazza del bagno. La qualificazione di poliziesco mi viene forse dalla memoria suggestiva del lavoro in bianco e nero di Weegee; ma domina la ricerca spasmodica del particolare, quando cerchi uno spillo e noti la presenza di un microscopico universo di segni, presenze, tracce. Ma poliziesco è anche l’interrogativo: da dove viene la scelta del soggetto? Unica domanda che non attende risposta. L’indagine corre parallela tra la lettura strutturale e le tracce di presenze. Come se si confrontassero due piani della visione. Strutturalmente domina la griglia, piastrelle quadrate marcate da linee nere profonde, inevitabile il riferimento a Mondrian, in associazione al suo pensiero di un mondo igienico immobile. Ma è presente anche la linea curva, come particolari di sculture di porcellana. Il tema del quadrato si raddoppia nel formato della stampa fotografica. Ma l’allusione a Mondrian può guadagnare corpo se si nota che il taglio dell’immagine è spesso ruotato di ca. 90° così da indurre la percezione della linea diagonale. Ciò fa sì che lo spazio architettonico spinga in direzione dell’ossessività – viene in mente la cabina telefonica di Hitchcock ne Gli uccelli. Ma la storia umana, il vissuto irrompe – e contraddice Mondrian – ed evoca tutto ciò che sta nella memoria... stavo scrivendo di Claudio Abate, nella convinzione che il bagno in questione abbia a che fare con la sua vita quotidiana. Ma ciò non è necessario. Necessario è che il corpo entri da protagonista. Quel che conta è notare una sorta di spazio mentale elastico che lega le immagini: le dubbie casualità di certi particolari. Questo è il

9


gioco che informa di sé la lettura in sequenza delle immagini. Le coincidenze generano sospetti, tanto più quanto più siano casuali. In verità è l’occhio dell’interprete che accomoda oppure vuole riconoscere... il mondo delle cose e colpisce la coincidenza con l’opera di Cy Twombly, che dissemina segni del mondo a disposizione dell’interpretazione. Quell’elasticità mentale guadagna autorevolezza d’arte, nel bilanciamento delle ragioni del côté Mondrian e del côté Twombly – un bivio classico della recherche du temps perdu. E già mi vedo nel buon sorriso di Claudio Abate.

that tells you how to read the sequence of images. The coincidences generate suspicions, and all the more so, the more casual they are. In truth, it is the eye of the interpreter that takes in or wants to recognise... the world of things and what is striking is the correspondence with the work of Cy Twombly, which sows signs of the world there to be interpreted. This mental elasticity gains the authority of art, in balancing the ideas of Mondrian on one hand and Twombly on the other – a classic fork in the recherche du temps perdu. And I can already see myself in Claudio Abate’s hearty smile.

Settembre 2008

September 2008

10

TAVOLE


1. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


2. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


3. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


4. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


5. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


6. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


7. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


8. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


9. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


10. Senza titolo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 100x100 cm


11. Tutto sotto controllo (Bathroom suite), 1996/2002 stampa inkjet su carta cotone, 120x100 cm


Note biografiche Susanna Fabiani Claudio Abate nasce a Roma nel 1943, città dove vive e alla quale è profondamente legato. Mostra fin da adolescente un interesse per il mondo dell’arte e della fotografia. Figlio di un pittore amico di De Chirico, dal 1955 inizia la sua attività di fotografo in via Margutta presso Michelangelo Como nello studio che rileverà ed in seguito trasferirà in via del Babuino, allora punto d’incontro della vita culturale romana. Al ’59 risale il ritratto di Mario Schifano e la collaborazione con la Press Service Agency. Dal 1961 al 1963 lavora al Life Magazine come assistente di Eric Lessing, tra i fondatori dell’agenzia fotografica Magnum. In questi stessi anni inizia a fotografare per Sipario, diventa così il testimone del teatro d’avanguardia di Carmelo Bene e ne sarà il fotografo di scena per undici anni. Al 1963 risalgono alcuni scatti realizzati durante la rappresentazione di Christo ’63. Partecipa attivamente al clima degli anni Sessanta e le sue fotografie, oltre ad essere un documento prezioso, sono spesso l’unica testimonianza di eventi dei quali non avremmo memoria. Complesse opere ambientali – difficilmente riconducibili ad un unico punto di vista – sono restituite in una sola immagine, mai celebrativa, alla ricerca di cogliere la relazione fra l’opera, lo spazio che la circonda e lo spettatore. Memorabili quelle scattate all’Attico di Sargentini dei Cavalli di Kounellis (1969) o quella che ritrae Lo Zodiaco di Gino De Dominicis (1970): in questo caso Abate riuscì a cogliere in un unico scatto quell’ellissi segnata dagli oggetti e individui che erano sulla scena. Nel 1969 partecipa alla rassegna Septième Biennale de Paris al Musée d’Art Moderne. Dopo gli “anni caldi”, in cui è il fotografo-lettore dell’arte contemporanea d’avanguardia, sperimenta un linguaggio proprio, sviluppando i Contatti con la superficie sensibile: opere in bianco e nero realizzate attraverso il contatto diretto sulla carta fotografica, sensibilizzata dalla luce, presentate poi agli Incontri internazionali

35

d’Arte a Palazzo Taverna di Roma nel 1972. Nel 1977 partecipa alla collettiva Fotografi e Fotografie a cura di Italo Mussa a Roma dove nel 1979 Achille Bonito Oliva cura la sua prima personale al Centro Culturale dell’Immagine, Il Fotogramma. Nello stesso anno a Bologna, allo Studio Cavalieri, sempre Bonito Oliva presenta La malattia dell’occhio dove Abate introduce nell’ambito dell’immagine la torsione tipica dell’anamorfosi pittorica. Del 1983 è Il Progetto per un monumento al cinema, non propriamente una fotografia ma un’opera complessa costituita da un’enorme silhouette di Michelangelo Antonioni stampata a contatto con i fotogrammi di un lungometraggio del regista. Negli anni Ottanta, per la prima volta, si confronta con il colore conservando quel dialogo intimo con l’opera e gli artisti, tralasciando la descrizione fedele della realtà e accentuandone il mistero. La collaborazione con gli artisti non è certo diminuita: trasferito lo studio nel quartiere romano di San Lorenzo, inizia un sodalizio con “La nuova scuola romana”. Nel clima post–moderno di quegli anni Abate instaura un rapporto stretto con i cosiddetti “Neue Wilden”, soprattutto con Markus Lupertz e A.R. Penk dei quali poi diventerà il fotografo per elezione. Risalgono al 1986 la personale Contatti a occhio nudo, nella Galleria Ugo Ferranti a Roma e un fondamentale lavoro fotografico sulle opere di Joseph Beuys: il progetto, voluto fortemente dalla moglie di Beuys, fu realizzato dopo la morte dell’artista e le fotografie sono state esposte per la prima volta nel 2006 alla Galleria dell’Oca di Roma in Claudio Abate: Block Beuys. Nel 1987 partecipa alle collettive nella Stux Gallery di New York, al Colombella Premio Florenzi 87, VIII mostra fotografica, nel Centro Studi di Villa La Colombella e nel 1988, presso la Galleria Civica di Modena, a Storie dell’occhio/1, Fotografi ed eventi artistici in Italia dal ’60 all’80 e a D’apres Man Ray, presso la Galleria Il Fotogramma, Roma–Londra.


Biographical Notes Susanna Fabiani Nel 1989 presenta le sue opere nelle personali: Daguerre–mania, a cura di Mussa, presso il Centro di Culturale Musoni, nel 1991 Joseph Beuys – Claudio Abate, presso lo studio Bocchi di Roma e nel 1993 Punti Cardinali dell’Arte, presso i Giardini di Castello in occasione della XLV Biennale di Venezia. A Roma, nel 1995 tiene una personale alla galleria Sprovieri – Le Cornacchie, nel 1996 partecipa alla collettiva Martiri e Santi presso l’Associazione culturale l’Attico, nel 1998 espone nel Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea dell’Università “La Sapienza”, nel 1999 nella Galleria Eventi e nel 2000 presso lo Studio Lipoli. Del 2001 è la grande retrospettiva Claudio Abate. Vent’anni in atelier all’Académie de France in Villa Medici a Roma, dove nel 2002, insieme a Piero Pompili dà vita a Sotto il cielo di Tor Bella Monaca, nello Spazio per l’Arte Contemporanea di Tor Bella Monaca; tiene poi le personali Roma Around 1970, presso il West London Projects & Sprovieri di Londra e al Museo d’Arte Contemporanea di Belgrado ed infine il MACRO di Roma gli dedica una personale nel ciclo Protagonisti. Nel 2003 e nel 2004 partecipa alle

collettive Piazza del popolo. Sessanta – Settanta al Cafè Notegen e Incontri…dalla collezione di Graziella Lonardi Contempo presso Villa Medici a Roma; a Milano, Occhio per occhio, quando la fotografia guarda l’arte; a Venezia, Meet Photography, presso i Giardini di Castello e a Mosca, Cinquième mois International de la Photographie a Moscou. Dal ’90 il fotografo coinvolge gli artisti-amici nella condivisione del lavoro in camera oscura, disegnando con essi attraverso la luce sulla carta fotografica con esiti inattesi, presentati a Roma nel 2005 nella mostra Obscura presso l’Associazione Mara Coccia. Nello stesso anno presenta Christo a Roma: fotografie di Claudio Abate, Art Book & Sushi di Roma. Nel 2006 espone 6+6 a cura di L. Benedetti nella Fondazione Pastificio Cerere di Roma, dove presenta anche Hadrianeum nel Tempio di Adriano e partecipa a Une Histoire Privée presso la Maison Européenne de la Photographie a Parigi. Nel 2007 tiene un’ampia retrospettiva al Mart di Trento e Rovereto e nel 2008 esposizioni personali alla galleria One Piece Art di Roma e alla galleria Il Ponte di Firenze.

36

Claudio Abate was born in 1943 in Rome, a city that he is very attached to and still lives in today. Already as a teenager he showed interest in the world of art and photography. The son of a painter who was friends with De Chirico, in 1955 he started his career as a photographer with Michelangelo Como in Via Margutta. He would later take over this studio and move it to Via del Babuino, at the time a fulcrum of activity in Roman culture. His portrait of Mario Schifano and his work with the Press Service Agency date from 1959. From 1961 to 1963 he worked for Life Magazine as assistant to Eric Lessing, one of the founders of the Magnum photo agency. During this same period he started to take photographs for the magazine Sipario, and hence became the endorser of the avant-garde theatre of Carmelo Bene, for whom he was to be stage photographer for eleven years. Some shots taken during the staging of Christo ’63 date from 1963. He actively took part in the sixties scene and his photographs, as well as providing precious testimony, are often the only proof of events of which otherwise we would not have any record. Complex works of environmental art – hard to trace to a single point of view – are portrayed in a single, never celebrative image, in the attempt to capture the relationship between the work, the surroundings and the spectator. His photos at the Attico di Sargentini of Kounellis’ Horses (1969) are memorable; likewise the photo depicting Lo Zodiaco by Gino De Dominicis (1970): in this case Abate managed to grasp in a single shot the ellipse created by the objects and individuals on the stage set. In 1969 he took part in the Septième Biennale de Paris exhibition at the Musée d’Art Moderne. After the so-called ‘hot years’ when he became the photographer/reader of avant-garde contemporary art, he experimented his own language. This led to his Contatti con la superficie sensibile, comprising black and white works cre-

37

ated through direct contact with light-sensitised photographic paper, presented at the Incontri internazionali d’Arte at Palazzo Taverna in Rome in 1972. In 1977 he took part in the Fotografi e Fotografie group exhibition curated by Italo Mussa in Rome. And it was in this city that in 1979 he was to hold his first personal exhibition, curated by Achille Bonito Oliva, at the Centro Culturale dell’Immagine, Il Fotogramma. In the same year in Bologna, at Studio Cavalieri, again Bonito Oliva was to present La malattia dell’occhio where Abate introduced the typical anamorphic twist used in painting to the field of image. Dating from 1983 is his Il Progetto per un monumento al cinema, not a photograph as such, but a complex work comprising an enormous silhouette of Michelangelo Antonioni contact printed with frames from one of the director’s full-length films. In the 1980s he approached colour for the first time, and while retaining his intimate dialogue with the work and the artists, he abandoned loyal descriptions of reality to highlight its mystery. Dating from 1986 are the solo exhibition Contatti a occhio nudo, at Galleria Ugo Ferranti in Rome and a fundamental photographic work on the works of Joseph Beuys: the project, strongly desired by Beuys’ wife, was created after the artist’s death and the photographs were put on display for the first time in 2006 at Galleria dell’Oca in Rome in Claudio Abate: Block Beuys. Over the years, his work alongside artists has not diminished by any means: after moving to the district of San Lorenzo in Rome, in the 1980s he started to associate with what was defined as the ‘La Nuova Scuola Romana’. In the post-modern climate of those years, Abate established a close relationship with the socalled ‘Neue Wilden’, in particular with Markus Lupertz and A.R. Penk, later becoming their personal photographer.


Instead in 1987 he took part in group exhibitions at the Stux Gallery in New York, and in the Colombella Premio Florenzi 87, VIII photographic exhibition, held at the Centro Studi at Villa La Colombella; and in 1988, at the Galleria Civica in Modena, he took part in Storie dell’occhio/1, Fotografi ed eventi artistici in Italia dal ’60 all’80 and in D’apres Man Ray, at Galleria Il Fotogramma, Rome–London. In 1989 he presented his works in the one-man exhibitions: Daguerre–mania, curated by Mussa, at the Centro di Culturale Musoni, in 1991 Joseph Beuys – Claudio Abate, at the Bocchi studio in Rome and in 1993 Punti Cardinali dell’Arte at Giardini di Castello on occasion of the XLV Venice Biennial. In 1995 he held a personal exhibition at the Sprovieri gallery – Le Cornacchie, in Rome, and in 1996, again in Rome, he took part in the group exhibition Martiri e Santi at the Attico cultural association. In 1998 he exhibited at the Museo Laboratorio d’Arte Contemporanea at “La Sapienza” University in Rome. Then in 1999 he exhibited at Galleria Eventi and in 2000 at Studio Lipoli, again in Rome. Dating from 2001 is the great retrospective Claudio Abate. Vent’anni in atelier at the Académie de France at the Villa Medici in Rome. In 2002, together with Piero Pompili he put on Sotto il cielo di tor Bella Monaca, at the Spazio per l’Arte Contemporanea in Tor Bella Monaca in Rome; he then held the person-

al exhibitions Roma Around 1970, at the West London Projects & Sprovieri in London and at the Museum of Contemporary Art in Belgrade, and lastly MACRO in Rome dedicated a personal exhibition to him in the Protagonisti cycle. In 2003 and 2004 he took part in the group exhibitions Piazza del popolo. Sessanta – Settanta at Cafè Notegen and Incontri…dalla collezione di Graziella Lonardi Contempo at the Villa Medici in Rome; in Milan, Occhio per occhio, quando la fotografia guarda l’arte; in Venice, Meet Photography, at Giardini di Castello, and in Moscow, Cinquième mois International de la Photographie a Moscou. Since 1990 the photographer has been involving his artist friends in his dark room work. Using light to draw on photographic paper they came up with some unexpected results, which they presented in Rome in 2005 in the Obscura exhibition at the Associazione Mara Coccia. In the same year he presented Christo a Roma: fotografie di Claudio Abate at Art Book & Sushi in Rome. In 2006 he put on 6+6, curated by L. Benedetti, at the Fondazione Pastificio Cerere in Rome. Again in Rome he also presented Hadrianeum in the Temple of Hadrian, while in Paris he took part in Une Histoire Privée at the Maison Européenne de la Photographie. In 2007 he held a large retrospective at the MART di Trento e Rovereto and in 2008 personal exhibitions at the One Piece Art gallery in Rome and at Galleria Il Ponte in Florence.

Questo volume a cura di Andrea Alibrandi è stato stampato dalla Tipografia Bandecchi & Vivaldi di Pontedera, per i tipi delle Edizioni “Il Ponte” Firenze Finito di stampare a Firenze nell’ottobre duemilaotto

38

Abate, Claudio. The Bathroom.  

Testo di Mauro Panzera. Edizione in italiano e inglese, Firenze 2008. 40 pp., formato cm 21,5x30 cm, 11 tavole in bianco/nero, rilegato in...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you