Issuu on Google+

ONDAZIONE

RENAtO PIAttI

PRIMA LA PERSONA, POI IL DISABILE.


La Nuova Brunella | Via Francesco Crispi, 4 - 21100 Varese


3

a storia è fatta di corsi e ricorsi. Posso dirlo anch’io, per molte circostanze della vita, ma soprattutto ora, a proposito di questo nuovo, grande progetto che abbiamo deciso di chiamare “La Nuova Brunella”. Un nome semplice ma pieno di significato, perché parla di un rinnovamento che vuole procedere nel solco della continuità, valorizzando il passato. Mai avrei immaginato che, dopo tanti anni, i nostri destini potessero transitare ancora una volta da qui, da questo luogo delle origini. Fu qui, infatti, che quasi trentasei anni fa nacque Anffas Varese. In un piccolo locale dello stabile di via Crispi al numero 4, abitato dai Frati Francescani della Brunella, mio marito Renato Piatti ed io, con un gruppetto di genitori che divideva con noi l’esperienza di un figlio con disabilità intellettiva e relazionale, iniziammo l’avventura di una vita, quella appunto di Anffas onlus di Varese. Una vita dedicata a tutelare i diritti di tutte le persone con disabilità e delle loro famiglie, cercando di garantire interventi e servizi improntati al miglior benessere possibile. Trascorsero gli anni. Il “fai da te” organizzato dai genitori non bastava più. Fu così che nel 1999 nacque Fondazione Renato Piatti onlus, con il preciso intendimento di abbinare i valori fondanti di Anffas - quelli della centralità della persona al di là di ogni differenza - con competenze professionali specifiche. Il piccolo locale di via Crispi si fece troppo stretto e le sedi di Anffas Varese e Fondazione Piatti si trasferirono prima in Piazza XXVI Maggio e poi in via Cairoli al numero 13 e, tra non molto, di nuovo qui, alla Brunella. Saranno anni di grande lavoro, sia per raccogliere nuovi fondi indispensabili a completare tutti gli investimenti previsti e portare a compimento la realizzazione, sia per riunire la cittadinanza e i vari portatori di interesse intorno a un progetto che andrà a beneficio di tutti, direttamente o indirettamente. Estate 2013, primavera 2014. In pochi mesi sono accadute cose importantissime. Nei prossimi tre anni dovremo farne accadere altrettante, con l’aiuto di tutti.

Costruiamo insieme La Nuova Brunella Persona, Famiglia, Disabilità al Centro.

Cesarina Del Vecchio PRESIDENTE FONDAZIONE RENATO PIATTI ONLUS


4

CHI SIAMO

FONDAZIONE RENATO PIATTI ONLUS Siamo nati 15 anni fa dall’idea lungimirante di un gruppo di genitori che si sono conosciuti grazie ad Anffas Varese. Il nostro obiettivo è aiutare non solo le persone con disabilità intellettive e relazionali ma anche le loro famiglie perché possano vivere, insieme, una vita serena. Impegno quotidiano, dedizione e molti amici che credono in noi. Insieme per una famiglia più forte. Oggi progettiamo, realizziamo e gestiamo strutture sanitarie e sociosanitarie, diurne e residenziali. In questo modo rispondiamo in modo concreto ai bisogni di cura che le persone con disabilità intellettiva e relazionale richiedono nella quotidianità e per tutta la vita.

460

gli ospiti presenti nelle nostre strutture

350

il numero complessivo di collaboratori che lavorano con noi: medici, operatori, infermieri, psicologi, educatori, riabilitatori, assistenti

di cui:

86

i volontari che ci aiutano quotidianamente

Ogni giorno ci arrivano nuove richieste di aiuto. C’è ancora molto lavoro da fare ed è per questo che abbiamo bisogno ogni giorno del vostro supporto.

Un ambiente favorevole può cambiare la storia delle persone con disabilità.

Sokna ha appena iniziato un percorso di riabilitazione al CRS di Besozzo. Ha 2 anni e 4 mesi ed è la nostra ospite più giovane. Giuseppe ha 78 anni ed è il nostro ospite più anziano. Francesco, diagnosi disturbi pervasivi dello sviluppo, grazie a interventi individualizzati e al lavoro globale, è stato con noi per poco più di 2 anni e ora frequenta la scuola.

La disabilità intellettiva e relazionale colpisce le persone dalla nascita e compromette l’autonomia mentale e a volte anche fisica per tutta la durata della vita. La persona disabile intellettiva ha bisogno di assistenza continua non solo da parte della famiglia ma anche da parte dell’intera collettività.


5

DOVE SIAMO I NOSTRI CENTRI

CA – Comunità Alloggio/CSS – Comunità Socio Sanitaria Soluzioni abitative per persone con disabilità in grado di partecipare all’organizzazione della vita domestica ma non di vivere autonomamente.

CSS Bobbiate - Varese

CDD – Centro Diurno per Persone con Disabilità E’ una struttura diurna per persone con disabilità di età superiore ai 18 anni, offre interventi personalizzati volti a migliorare le capacità e le autonomie personali.

RSD San Fermo - Varese

RSD – Residenza Sanitaria per Persone con Disabilità E’ una struttura rivolta a persone con disabilità psicofisiche gravi per le quali è richiesto un supporto sanitario e assistenziale specifico. CRS/CTRS – Centro Terapeutico e Riabilitativo Semiresidenziale di Neuropsichiatria per l’Infanzia e l’Adolescenza Unità di offerta sanitaria riabilitativa per minori, ad interventi multipli differenziati sulla base della diagnosi (ad esempio, autismo e disturbi pervasivi dello sviluppo). CT – Comunità Terapeutica Unità di offerta sanitaria per pre-adolescenti e adolescenti per i quali si renda indispensabile un momentaneo allontanamento dal contesto socio-familiare.

CA Bregazzana - Varese

RSD Sesto Calende - (VA) CSS Melegnano - (MI) CSS Busto Arsizio A e B - (VA) CA Busto Arsizio - (VA) CRS Besozzo - (VA) CTRS Autismo - Milano CT Fogliaro - Varese CDD Besozzo - (VA) CDD Bobbiate - Varese CDD Bregazzana - Varese

SAI? Servizio Accoglienza Informazione Fondazione Renato Piatti onlus gestisce il servizio SAI?, promosso da Anffas onlus Varese. E’ un servizio di accoglienza e di informazione pensato per rispondere alle esigenze di genitori, familiari, tutori e amministratori di persone con disabilità intellettiva e relazionale. Offre un aiuto concreto sui vari aspetti della vita quotidiana, così come sulle leggi e sui rapporti con le istituzioni.

CDD/CSE Melegnano - (MI) Centri residenziali Centri riabilitativi Centri diurni


6

LA NUOVA BRUNELLA

IL PROGETTO

Avevamo appena avviato l’operatività del Centro per l’Autismo (CTRS) di Milano, eravamo soddisfatti ma sapevamo che dovevamo fare di più per le persone con disabilità e per le loro famiglie. Una mattina di luglio dello scorso anno abbiamo saputo che l’Ordine dei Frati Minori Francescani era intenzionato a cedere l’ex seminario di via Crispi a Varese a chi lo avrebbe destinato ad attività con impatto sociale positivo per la città. Ci siamo subito proposti con un progetto concreto, in grado di soddisfare esigenze che stanno diventando sempre più urgenti. Molto entusiasmo, una buona dose di coraggio e… nel mese di ottobre abbiamo concluso l’accordo di acquisto. 15 maggio 2014: insieme, per posare la prima pietra.

Con l’aiuto di tutti coloro che hanno a cuore il bene della città nascerà nel centro di Varese “La Nuova Brunella” Persona, Famiglia, Disabilità al Centro. Una struttura che si prenderà cura dei crescenti bisogni delle persone con disabilità e di molte famiglie che vivono una condizione di fragilità.


7

PERCHÈ LA NUOVA BRUNELLA

Da sempre la nostra missione è di porci in posizione di ascolto rispetto ai bisogni espressi o latenti delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Nel nostro territorio ci sono necessità che non hanno ancora trovato una soluzione ed è per questo che il centro de “La Nuova Brunella” sorgerà per dare risposta ai bisogni di: bambini con autismo o disturbi pervasivi dello sviluppo ai quali serve un intervento riabilitativo e abilitativo precoce per una sempre migliore qualità della vita

famiglie che necessitano di un unico punto d’ascolto e di accompagnamento, per trovare soluzioni ai loro problemi

persone adulte con disabilità intellettiva e relazionale che possono vivere da sole, in una piccola “casa” protetta

operatori, educatori, terapisti che necessitano di fare formazione, ricerca e sperimentazione

La Nuova Brunella

Parrocchia Brunella

Area Verde

V IA

FR A NCE S C O

C R IS PI

Nascerà un centro di nuova concezione in grado di ospitare in un unico luogo la clinica, la riabilitazione precoce, la residenzialità, la formazione, la ricerca, la sperimentazione scientifico-sociale, l’ascolto e l’accompagnamento delle famiglie.


8

LA NUOVA BRUNELLA

I bambini al centro

PIANO QUARTO

Per una vita indipendente

PIANO TERZO

La nostre sedi

PIANO SECONDO

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia e Centro Studi e Formazione. Il piano dell’innovazione. Qui ci occuperemo della famiglia a 360°. Medici, psicologi, assistenti sociali e altri professionisti di Fondazione Renato Piatti, con il suo progetto SAI? (Servizio di Accoglienza e Informazioni), e del Consultorio La Casa lavoreranno insieme per offrire interventi di sostegno mirati per Sedi sociali di Fondazione Renato Piatti, Anffas Varese e ASA. Concentreremo in un solo edificio gli uffici di tre organizzazioni molto legate tra loro. Al secondo piano de La Nuova Brunella troveranno, infatti, spazio gli uffici amministrativi e sociali di Fondazione Piatti, Anffas Varese (partner del progetto) e l’Associazione

PIANO PRIMO

Consultorio “La Casa”

Fondazione La Casa di Varese onlus, consultorio familiare. All’ultimo piano de “La Nuova Brunella” proseguirà l’attività quotidiana della Fondazione Istituto La Casa di Varese onlus, che dal 1966 promuove il servizio di consultorio, attività di assistenza e la cura della famiglia in campo culturale, pedagogico,

Unità di offerta residenziale per giovani e adulti. Costruiremo insieme una Comunità Alloggio Socio Assistenziale per accogliere 10 persone adulte con fragilità lieve o medio-grave. Una casa per persone con disabilità intellettive e relazionali che hanno, però, buona autonomia. Daremo loro l’opportunità di vivere in modo indipendente ma, allo stesso tempo,

PIANO TERRA

IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE

Unità di offerta sanitaria riabilitativa per minori con autismo o con disturbi pervasivi dello sviluppo. Il pian terreno sarà dedicato ai “percorsi riabilitativi” per bambini ai quali è stato diagnosticato l’autismo o un disturbo pervasivo dello sviluppo. Nella fase iniziale del progetto ci occuperemo di circa 30 bambini ma il nostro obiettivo è di crescere,


9

medico, psicologico, giuridico, etico. L’Istituto La Casa è partner fondamentale del progetto del nuovo Centro per la famiglia.

famiglie con bambini nascituri, bambini, giovani, adulti e anziani in condizione di disabilità e altre forme di fragilità. Sullo stesso piano nascerà il Centro Studi e Formazione. Aule didattiche e polifunzionali in cui, insieme ad Anffas, dove terremo corsi di formazione e aggiornamento rivolti agli operatori che nel quotidiano seguono le persone con disabilità e le loro famiglie. sportiva ASA Varese. Gli operatori delle diverse realtà potranno così confrontarsi quotidianamente e soprattutto avvicinarsi maggiormente ai veri fruitori dei nostri servizi: le persone con disabilità e le loro famiglie.

protette pur non abitando più nella loro casa d’origine. Un supporto importante anche per le famiglie e, in particolare, per i genitori che con l’avanzare dell’età fanno sempre più fatica a sostenere i propri cari con disabilità.

crescere insieme perché c’è molto bisogno di supporto. Secondo recenti studi internazionali, in Europa 1 bambino ogni 150 presenta un disturbo pervasivo dello sviluppo (in USA un bambino ogni 68).


10

LA NUOVA BRUNELLA

PLANIMETRIE

piano quarto Consultorio “La Casa”

piano terzo Centro Studi e Formazione Servizi comuni Centro per la Famiglia

piano secondo Sede Anffas Varese e ASA Sede Fondazione Piatti

piano primo Reception Comunità Alloggio

piano terra Area clinica Area servizi Area riabilitazione

Vano Scale


LA NUOVA BRUNELLA TIMING E BUDGET

I TEMPI DEL PROGETTO

2014 Intervento edilizio di ristrutturazione e realizzazione di tutti gli spazi.

2015 Trasferimento delle sedi di Fondazione Piatti, Anffas Varese e ASA Varese. Avviamento del Centro per la Famiglia. Avviamento iter autorizzativo per le unità di offerta residenziale e riabilitativa.

2016 Avviamento delle unità di offerta residenziale (Comunità Alloggio) e riabilitativa (unità sanitaria per minori con autismo e disturbi pervasivi dello sviluppo).

I COSTI DEL PROGETTO

Per l’acquisto e la ristrutturazione dell’immobile = 3.150.000 €

1.200.000 €

Bando Emblematico Fondazione Cariplo Copertura investimento con mezzi propri (provenienti da vendita vecchia sede)

1.000.000 € 750.000 €

tutti insieme!

200.000 €

Copertura investimento con mezzi propri dei partner di progetto Da raccolta fondi tutti insieme! Questo riepilogo non comprende i costi di avviamento dei servizi che verranno offerti presso "La Nuova Brunella”.

11


12

LA NUOVA BRUNELLA I NOSTRI COMPAGNI DI VIAGGIO

FONDAZIONE LA CASA DI VARESE ONLUS

ASL VARESE - DIREZIONE SOCIALE

Il 19 marzo 1966 per l’iniziativa del prevosto di Varese, mons. Enrico Manfredini, con la collaborazione di numerosi laici, viene inaugurata l’associazione “Istituto La Casa di Varese” con l’intento di promuovere l’assistenza e la cura della famiglia in campo culturale, pedagogico, medico, psicologico, giuridico, etico. L’associazione è una struttura complessa all’interno della quale svolgono attività diversi gruppi operativi. Tra questi gruppi è attivo da subito il Consultorio familiare “La Casa di Varese”.

La Direzione Sociale dell’ASL di Varese è parte attiva del nostro progetto. L’ASL ha riconosciuto l’importanza de “La Nuova Brunella” per la città di Varese e la sua provincia in generale e soprattutto il valore in termini di innovazione dei servizi, con l’opportunità di sperimentare ciò che le linee programmatiche regionali definiscono “sportello unico del welfare”.

SPECIAL THANKS

ANFFAS ONLUS DI VARESE

Anffas onlus è una grande associazione composta da genitori, familiari ed amici di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, che opera da più di 50 anni sull’intero territorio nazionale con circa 250 strutture associative, tra associazioni locali, regionali ed autonomi enti a marchio. Anffas onlus di Varese inizia a muovere i primi passi nel 1978 per volontà di un gruppo di genitori con una persona disabile in famiglia. Da più di 30 anni promuove iniziative di sensibilizzazione ed impegna risorse umane e finanziarie per assicurare alle persone con disabilità una migliore qualità di vita e tutelarne i diritti. Hanno manifestato ufficialmente interesse e supporto:

Fondazione Cariplo è un soggetto filantropico che concede contributi a fondo perduto alle organizzazioni del Terzo Settore per la realizzazione di progetti di utilità sociale. Il 1° aprile 2014, il progetto di riqualificazione in chiave sociale dell’immobile già sede del seminario dei Frati Minori Francescani della Brunella è stato scelto nell’ambito del piano degli Interventi Emblematici dal Consiglio di Amministrazione di Fondazione Cariplo con lo stanziamento di 1.200.000 euro. Il Centro per le Disabilità e la Famiglia de “La Nuova Brunella” è un bene che grazie anche a Fondazione Cariplo rimane alla città di Varese e rappresenta una risorsa innovativa per tutte le famiglie del territorio.


PERCHÈ E COME DONARE UN MATTONE PER LA NUOVA BRUNELLA

L’impegno di tutti per la nascita del Centro “La Nuova Brunella” ha un valore inestimabile perché: “La Nuova Brunella” resterà patrimonio di tutta la città di Varese

Molti potranno bussare alla nostra porta e avere sostegno

I bisogni dei più fragili sono i bisogni di tutti

La disabilità non è una questione privata

Vi invitiamo a mettere “idealmente” la vostra firma sui tanti mattoncini rossi che caratterizzano la struttura. Ogni contributo, di qualsiasi importo, sarà per noi prezioso e soprattutto avrà una ricaduta diretta e tangibile sul territorio. Sarà un investimento a beneficio di tutti.

Come dare il proprio contributo Versamento sul Conto Corrente Postale N° 30181465 intestato a Fondazione Renato Piatti onlus Bonifico Bancario sul Conto Corrente N° 21423x44 intestato a Fondazione Renato Piatti onlus IBAN IT 91 P05696 10801 000021423 X44 Online con carta di credito o PayPal sul sito www.fondazionepiatti.it Causale della donazione: progetto La Nuova Brunella.

13


15


www.fondazionepiatti.it comunicazione@fondazionepiatti.it tel: 0332 833911


Brochure La Nuova Brunella