Page 1


P L U S !

plus ambitious. plus responsible. plus a t t r a c t i v e . plus mixed. plus frame. plus regular. plus stable. plus terminate. plus healthy. plus p r o s p e r o u s . plus flexible. plus linked. p l u s accessible. plus dynamic. plus p e r f o r m a n c e . plus operative. plus update. plus close. plus cultivate. plus actual. plus cool. plus chic. plus wellness. plus dense. plus green. plus H2O. plus visibility. plus balance. plus harmony. plus sunny.

I N F I L L T H E ROOFSCAPE


infilling infilling the the roofscape roofscape

DENSITY - the skyline is “affected” by EMPTINESS. - raising a building you will CHANGE the HIGHNESS of the historic arrangement. INFILL: USE THE EMPTYNESS, BE DENSE! by using emptyness you will: 1 - work trying not to change the HISTORIC HIGHNESS. 2 - promote a HUMAN SCALE. 3 - BE VISIBLE. 1 HISTORY

2 HUMAN SCALE

3 VISIBILITY

ROOFS - roofs are quite empty. - the surface on roofs is quite a lot. USE ROOFS!

by using roofs you will: 1 - have the most of the SUNLIGHT 2 - be FAR from the POLLUTION 3 - USE an EMPTY SPACE

USE ME 1 HAVE SUN

2 NO POLLUTION

3 USE EMPTY SQM


INFILLING THE ROOFSCAPE: RULES

according to THE LAW [1] you can PLUS your house

according to OUR RULES you may try to LINE UP the skyline

according to VISIBILITY you may build only UNDER 6 FLOORS HIGH buildings

according to greenhouses TECHNOLOGY you may build MAX 2 FLOOR MORE


PROPOSAL expanding in height your building you can have new spaces for: residences + greenhouse on your roof. a big greenhouse on all your roof. again, please follow the game rules!

GREENHOUSE

in order to promote // a visible MANIFESTO of the ability and capacity that cities have to welcome and hold AGRICULTURE also in an HISTORIC AREA. and also to promote // a NEW AGRICULTURAL SKYLINE that, at the same time, allows the reading of an old morphology of the city written by history. ... you may MOVE THE TRASPARENT GREENHOUSE TOWARDS THE STREET FACADE. HAVE A TRASPARENT GREENHOUSE ON THE TOP OF YOUR ROOF.

RESIDENCE in order to // follow the rules of economy. // consider the law [legge regionale n.12/2005]. // consider the high amount of house demand. ... you may USE THE UNDER-ROOF TO BUILT A RESIDENCE. or ADD ONLY ONE LEVEL ON A FLAT ROOF TO BUILT A RESIDENCE. [the project of residences has not been examinated in this work because it deals with the assesment of each building]

go ahead to see how


PROPOSAL. DIAGRAMS. SLOPE ROOF

section

under the hipped roof]

plan: new 1st floor greenhouse

slope roof. when interest or law do not permit to grow for housing purposes.

residence

2,50m

street

[min 2,40m

2,40m

plan: new 2nd floor

section plan: new 1st floor

street

slope roof. when it’s possible to grow also for housing purposes.

only greenhouse

slope roof. when the possibility of growing has been already carryed out.

plan: new 1st floor only greenhouse

street

section


PROPOSAL. DIAGRAMS. FLAT ROOF

flat roof. when it is possible to grow also for housing purposes. [arrangment A: 2 floors]

section 2,50m

greenhouse

residence

flat roof. when is possible to grow also for housing purposes. [arrangment B: only 1 floor]

plan: new 1st floor plan: new 2nd floor

section 2,50m

plan: new 1st floor greenhouse

flat roof. when interest or law do not permit to grow for housing purposes.

residence

section plan: new 1st floor only greenhouse


MILAN. PROJECT AREA milano is a city with an hostoric, centric expansion. milano has some important axes that connect the city center to the outskirts and that, historically were used to reach the most important cities of italy. we have chosen the area of “PORTA GARIBALDI AXIS” because: - it is possible to appreciate the relationship between new and old architectural morphology. - it is a turistic area. - it is a nightlife area. - connect the historic center of milan to porta nuova new quartier.

!?!

duomo area of intervention railway stations important buildings city’s historic growth and main axes !?! porta nuova project - it is well connected to the rest of the city by the underground

M1

duomo area of intervention city’s historic growth underground line 1

M2

underground line 2

M3

underground line 3

M5

underground line 5

PF

passante ferroviario

(costr.)


PROJECT AREA

via Tazzoli

via Quadrio

via Maroncelli via Speri via Toqueville Corso Como

viale Pasubio

viale Crispi viale Monte Grappa piazza 25 Aprile [porta Garibaldi] viale A. Volta via Milazzo via Marsala Corso Garibaldi via Moscova via Statuto via Lovanio via Cazzaniga Corso Garibaldi

via Palermo

via Cav.d.S.Sepolcro via Tessa via Simpliciano via Tivoli


FOLLOWING THE RULES. ON/OFF

buildings

excluded: buildings not facing the street

parks

INITIAL SITUATION


buildings

excluded: buildings over 6-floors high

parks

excluded: monuments, gates, railway stations


buildings

excluded: buildings with a not significant difference in height

parks

excluded: buildings with a correct alignment


infilling the roofscapE. interventions abacus

78m2 470m3

138m2 1241m3

278m2 1668m3

222m2 666m3


93m2 280m3

150m2 600m3

230m2 700m3

162m2


45m2 223m3

683m2

830m2 4200m3

937m2


207m2 600m3

2015m2 8000m3

1665m2 7600m3

2200m2 1260m3


877m2 2640m3

356m2 900m3

175m2 550m3

736m2 4200m3


578m2 3468m3

570m2 1710m3

1047m2 6282m3

164m2 492m3


638m2 1914m3

478m2 900m3

342m2 2052m3

580m2 2223m3


346m2 2076m3

365m2 1500m3

340m2 1200m3

258m2 1548m3


258m 158m2 1548m 550m3 3

518m22 380m 158m 3 3 3108m 2280m 550m

273m2 518m 1638m3 3108m

273m2 1638m3


SYSTEM.QUANTITIES. QUANTITIES

ONLY ONE FLOOR TO BE BUILT

greenhouses 8409,65 m2

TWO FLOORS TO BE BUILT first floor greenhouses on faรงade 2037,98 m2

first floor residences 10244,67 m2

second floor greenhouses 10244,67 m2

[total surface for greenhouses: 20692,3 m2]


SYSTEM. QUANTITIES.

area. milano 183,770 Km2

considered area 0,548 Km2

[about 0,3% of milano’ area]

area. total roofs in the condidered area 0,347 Km2 [about 60% of the considered area]

area. greenhouses to be built on roofs due to our standards 0,020 Km2 [ about 8% of the total roofs area]

area. recidences to be built on/under roof due to our standards 0,010 Km2 [about 4% of the total roofs area]

[if all the city of milano had the same distribution of our area /between buildings, on roofs/ our intervention build about 6,60 Km2 3,30 Km2 of

"emptyness" of could allow to of greenhouses new residences]


SYSTEM. QUANTITIERS.

residences. 1/3 of our program

greenhouses 2/3 of our program

we can have about 100 unit of residences of about 100m2 per each

virtual path corrisponding to the lenght of the greenhouses facing the street

1,48 Km

[as the distance milano san babila

castello sforzesco]


CONSTRUCTIVE Slope ROOF roof PROPOSAL.TECHNIQUES. DIAGRAMS. SLOPE

types of structure


roof. Coverings PROPOSAL. SLOpe DIAGRAMS. SLOPE ROOF


slope roof. ventilation chimney PROPOSAL. DIAGRAMS. and SLOPE ROOF


water collection andSLOPE irrigation PROPOSAL. DIAGRAMS. ROOF

normal irrigation

hydroponic irrigation


slope roof. connections PROPOSAL. DIAGRAMS. SLOPE ROOF


FLAT ROOF. Greenhouse facade and on ROOF roof PROPOSAL. on DIAGRAMS. SLOPE


GREENHOUSE KIT KIT GREEN HOUSE

joist

reticular beam chain cultivated spaces -piping -pool -cultivated box -cultivated box + crossing -cultivated box + steps -framework -water tank gutter pipe iron pillar

reticular beam

connection roof beam


materials.

surfaces. the surface exposed on the street side is supposed to be built with a transparent, stranslucid, material to provide the view from the street of the greenhouses. those as planned are located on the facade or on the roof itselt of the new intervention using the criteria of visibility. materials. as said above the transparency is one of the keyword of this project and it is essencial for the purpose of showing the presence of agricolture in the city and as a technological feature of the green houses it makes possible the association between the architecure and agricolture field. green houses coverings are built with plastic (inexpensive) or glass (expensive) materials and most of the time a structure made out of metallic pieces work as frame, wood can be used as well. we think that it will be up to the architects and their clients to choose between the material of the surfaces and the structural systems to be used on the facade when there is the possibility to build up from one to two extra floors of housing + green houses.

legenda transparency greenhouse effect durability installation difficulty yellowing effect weight fragility sources: planning and building a greenhouse west virginia university extention service adapted from fact sheet 645 - university of Maryland cooperative extension service, david s. ross, extension agricultural engineer, department of agricultural

manteinance cost

y yy kg


MATeRIAL. coverings. characteristics

glass.

fiber glass.

acrilic.

polycarbonate.

polyethylene.

polymethyl methacrylate.

ethyl tetra fluoro ethylene.

y yy

kg

y yy

kg

y yy

kg

y yy

kg

y yy

kg

y yy

k kg

y yy

kg

y yy

k kg

y yy

k kg

y yy

kg

y yy

k kg

y yy

k kg

y yy

kg

y yy

k kg

y yy

k kg

y yy

kg

y yy

k kg

y yy

k kg

y yy

kg

y yy

kg

y yy

k kg


REFERENCES

françois roche R&Sie[e] “lost in paris” Paris

locaton et vassal “fair exibition hall” Paris

postpolis LA “roofs” Los Angeles

angel borrego [OSS] “urban space station”


PLANTATIONS

.CATEGORY vegetables

herbs

fruit trees

.INFLUENCES FOR THE CHOICE plants with not too deep roots

plants adapt to milanese climate

.LEGENDA need of sun need of water life line life and growing line


vegetables

j f m a m j j a s o n d

seed seed seed â‚Ź/gr gr/mq â‚Ź/mq

asparagus

0.14 4-5

0.7

basil

0.18 1-2

0.36

carrot

0.08 0.25

0.02

artchoke

0.20 3-4

0.8

cauliflower

0.28 1

0.28

onion

0.15 25

3.7

beans

0.10 20

2

fennel

0.15 2-3

0.45

strawberry

1.30 1

1.30

lattuce

0.15 0.25

0.03

eggplant

0.18 3

0.54

pepper

0.24 3

0.72

parsley

0.73 0.75

0.54

tomato

0.23 0.15

0.03

spinach

0.57 4-5

2,85

zucchini

0.12 0.5

0.07

salad

0.15 1-3

0.45

sedan

0.17 1.5

0.25


j f m a m j j a s o n d

herbs

seed seed seed €/gr gr/mq €/mq

chamomile

0.11 4-5

0.55

chives

0.18 1-2

0.34

lavander

0.19 3

0.57

peppermint

0.09 3-4

0.36

oregano

0.19 3

0.56

rosemary

0.33 2

0.66

sage

0.20 2,5

0.5

thyme

0.09 1

0.09

fruit tree

j f m a m j ja s o nd

price

(2-ys plant)

apricot tree

28€

cherry tree

28€

apple tree

25€

peach tree

28€

fig tree

18€

plum tree

20€

pear tree

25€

lemon tree

20€

raspberry

9€ sources: www.marchenet.it vivaio f.lli ingegnoli


of the AND products HOWcultivation. TO CULTIVATEdisposition FRUITS,VEGETABLES HERBS

NORTH-SOUTH ORIENTATION CASE.

all day sunny

all day shadow

morning.afternoon


HOW TO CULTIVATE FRUITS,VEGETABLES AND HERBS

EAST-WEST ORIENTATION CASE.

sun 3/4 not the

afternoon

for day, in all day afternoon sunny

sun for 3/4 day, not in the morning

morning


horticulture techniques. Combinations COMBINATIONS

traditional horticolture system vertical hidroponic system horizontal hydroponic system fruit-trees

POSSIBLE COMBINATIONS warmly suggested


HYDROPONICS

HYDROPONICS is a method of growing plants using mineral nutrient solutions, in water, without soil. ADVANTAGES .The water stays in the system and can be reused. .No soil is needed. .There are no diseases from soil. .There are no weeds. .Crops are not contaminated with soil. .Less water is needed than with soil-grown crops. .Hydroponics give the plants more sunlight. .The maintenance needed for hydroponic plants is very low. DISADVANTAGES .Plants can die very quickly. .Hydroponics is more complicated than growing plants from soil. .Hydroponic crops usually cost more than soil-grown crops.


HORIZONTAL HYDROPONIC SYSTEM

reservoir

water pump

bottom reservoir

timer

VERTICAL HYDROPONIC SYSTEM top suspension top reservoir

water pump

timer

bottom suspension bottom reservoir


future scenery


attachment


LEGGE REGIONALE lombardia. RECUPERO recupero SOTTOTETTI. sottotetti ATTACHMENT. LEGGE/ REGIONALE. Legge Regionale 11 marzo 2005, n. 12 Legge per il governo del territorio (B.U.R.L. n. 11 del 16 marzo 2005, 1° s.o.) TITOLO IV - ATTIVITA’ EDILIZIE SPECIFICHE CAPO I - RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI Art. 63. (Finalità e presupposti) 1. La Regione promuove il recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti con l'obiettivo di contenere il consumo di nuovo territorio e di favorire la messa in opera di interventi tecnologici per il contenimento dei consumi energetici. 1-bis. Si definiscono sottotetti i volumi sovrastanti l’ultimo piano degli edifici dei quali sia stato eseguito il rustico e completata la copertura. (comma introdotto sostituito dalla legge reg. n. 20 del 2005) 2. Negli edifici, destinati a residenza per almeno il venticinque per cento della superficie lorda di pavimento (S.l.p.) complessiva, esistenti alla data del 31 dicembre 2005, o assentiti sulla base di permessi di costruire rilasciati entro il 31 dicembre 2005, ovvero di denunce di inizio attività presentate entro il 1° dicembre 2005, è consentito il recupero volumetrico a solo scopo residenziale del piano sottotetto. (comma così sostituito dalla legge reg. n. 20 del 2005) 3. Ai sensi di quanto disposto dagli articoli 36, comma 2 e 44, comma 2, il recupero volumetrico di cui al comma 2 può essere consentito solo nel caso in cui gli edifici interessati siano serviti da tutte le urbanizzazioni primarie, ovvero in presenza di impegno, da parte dei soggetti interessati, alla realizzazione delle suddette urbanizzazioni, contemporaneamente alla realizzazione dell’intervento ed entro la fine dei relativi lavori. 4. Il recupero volumetrico a solo scopo residenziale del piano sottotetto è consentito anche negli edifici, destinati a residenza per almeno il venticinque per cento della S.l.p. complessiva, realizzati sulla base di permessi di costruire rilasciati successivamente al 31 dicembre 2005, ovvero di denunce di inizio attività presentate successivamente al 1° dicembre 2005, decorsi cinque anni dalla data di conseguimento dell’agibilità, anche per silenzio-assenso. (comma così sostituito dalla legge reg. n. 20 del 2005) 5. Il recupero abitativo dei sottotetti è consentito, previo titolo abilitativo, attraverso interventi edilizi, purché siano rispettate tutte le prescrizioni igienico-sanitarie riguardanti le condizioni di abitabilità previste dai regolamenti vigenti, salvo quanto disposto dal comma 6. 6. Il recupero abitativo dei sottotetti è consentito purché sia posti


assicurata per ogni singola unità immobiliare l’altezza media ponderale di metri 2,40, ulteriormente ridotta a metri 2,10 per i comuni posti a quote superiori a seicento metri di altitudine sul livello del mare, calcolata dividendo il volume della parte di sottotetto la cui altezza superi metri 1,50 per la superficie relativa. Art. 64. (Disciplina degli interventi) (articolo così sostituito dalla legge reg. n. 20 del 2005) 1. Gli interventi edilizi finalizzati al recupero volumetrico dei sottotetti possono comportare l’apertura di finestre, lucernari, abbaini e terrazzi per assicurare l’osservanza dei requisiti di aeroilluminazione e per garantire il benessere degli abitanti, nonché, ove lo strumento urbanistico generale comunale vigente risulti approvato dopo l'entrata in vigore della l.r. 51/1975, modificazioni delle altezze di colmo e di gronda e delle linee di pendenza delle falde, purché nei limiti di altezza massima degli edifici posti dallo strumento urbanistico ed unicamente al fine di assicurare i parametri di cui all'articolo 63, comma 6. 2. Il recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti è classificato come ristrutturazione edilizia ai sensi dell’articolo 27, comma 1, lettera d). Esso non richiede preliminare adozione ed approvazione di piano attuativo ed è ammesso anche in deroga ai limiti ed alle prescrizioni degli strumenti di pianificazione comunale vigenti ed adottati, ad eccezione del reperimento di spazi per parcheggi pertinenziali secondo quanto disposto dal comma 3. 3. Gli interventi di recupero ai fini abitativi dei sottotetti, se volti alla realizzazione di nuove unità immobiliari, sono subordinati all’obbligo di reperimento di spazi per parcheggi pertinenziali nella misura prevista dagli strumenti di pianificazione comunale e con un minimo di un metro quadrato ogni dieci metri cubi della volumetria resa abitativa ed un massimo di venticinque metri quadrati per ciascuna nuova unità immobiliare. Il rapporto di pertinenza, garantito da un atto da trascriversi nei registri immobiliari, è impegnativo per sé per i propri successori o aventi causa a qualsiasi titolo. Qualora sia dimostrata l’impossibilità, per mancata disponibilità di spazi idonei, ad assolvere tale obbligo, gli interventi sono consentiti previo versamento al comune di una somma pari al costo base di costruzione per metro quadrato di spazio per parcheggi da reperire. Tale somma deve essere destinata alla realizzazione di parcheggi da parte del comune. 4. Non sono assoggettati al versamento di cui al precedente comma 3 gli interventi realizzati in immobili destinati all’edilizia residenziale pubblica di proprietà comunale, di consorzi di comuni o di enti pubblici preposti alla realizzazione di tale tipologia di alloggi. 5. Le norme sull'abbattimento delle barriere architettoniche, di cui all'articolo 14 della l.r. 6/1989, si applicano limitatamente ai requisiti di visitabilità ed adattabilità dell'alloggio.


6. Il progetto di recupero ai fini abitativi dei sottotetti deve prevedere idonee opere di isolamento termico anche ai fini del contenimento dei consumi energetici dell'intero fabbricato. Le opere devono essere conformi alle prescrizioni tecniche in materia contenute nei regolamenti vigenti nonché alle norme nazionali e regionali in materia di impianti tecnologici e di contenimento dei consumi energetici. 7. La realizzazione degli interventi di recupero di cui al presente capo comporta la corresponsione degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria nonché del contributo commisurato al costo di costruzione, calcolati sulla volumetria o sulla superficie lorda di pavimento resa abitativa secondo le tariffe approvate e vigenti in ciascun comune per le opere di nuova costruzione. I comuni possono deliberare l’applicazione di una maggiorazione, nella misura massima del venti per cento del contributo di costruzione dovuto, da destinare obbligatoriamente alla realizzazione di interventi di riqualificazione urbana, di arredo urbano e di valorizzazione del patrimonio comunale di edilizia residenziale. 8. I progetti di recupero ai fini abitativi dei sottotetti, che incidono sull’aspetto esteriore dei luoghi e degli edifici e da realizzarsi in ambiti non sottoposti a vincolo paesaggistico, sono soggetti all’esame dell’impatto paesistico previsto dal Piano Territoriale Paesistico Regionale. Il giudizio di impatto paesistico è reso dalla commissione per il paesaggio di cui all’articolo 81, ove esistente, anche con applicazione del comma 5 del medesimo articolo, entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla richiesta formulata dal responsabile del procedimento urbanistico, decorso il quale il giudizio si intende reso in senso favorevole. (comma così modificato dal'articolo 1 della legge reg. n. 5 del 2009) 9. La denuncia di inizio attività deve contenere l’esame dell’impatto paesistico e la determinazione della classe di sensibilità del sito, nonché il grado di incidenza paesistica del progetto, ovvero la relazione paesistica o il giudizio di impatto paesistico di cui al precedente comma 8. 10. I volumi di sottotetto già recuperati ai fini abitativi in applicazione della legge regionale 15 luglio 1996, n. 15 (Recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti), ovvero della disciplina di cui al presente capo, non possono essere oggetto di mutamento di destinazione d’uso nei dieci anni successivi al conseguimento dell’agibilità, anche per silenzio-assenso. Art. 65. (Ambiti di esclusione)


1. Le disposizioni del presente capo non si applicano negli ambiti territoriali per i quali i comuni, con motivata deliberazione del Consiglio comunale, ne abbiano disposta l’esclusione, in applicazione dell’articolo 1, comma 7, della legge regionale 15 luglio 1996, n. 15 (Recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti). 1-bis. Fermo restando quanto disposto dal comma 1, i comuni, con motivata deliberazione, possono ulteriormente disporre l’esclusione di parti del territorio comunale, nonché di determinate tipologie di edifici o di intervento, dall’applicazione delle disposizioni del presente capo. 1-ter. Con il medesimo provvedimento di cui al comma 1-bis, i comuni possono, altresì, individuare ambiti territoriali nei quali gli interventi di recupero ai fini abitativi dei sottotetti, se volti alla realizzazione di nuove unità immobiliari, sono, in ogni caso, subordinati all’obbligo di reperimento di spazi per parcheggi pertinenziali nella misura prevista dall’articolo 64, comma 3. 1-quater. Le determinazioni assunte nelle deliberazioni comunali di cui ai commi 1, 1-bis e 1-ter hanno efficacia non inferiore a cinque anni e comunque fino all’approvazione dei PGT ai sensi dell’articolo 26, commi 2 e 3. Il piano delle regole individua le parti del territorio comunale nonché le tipologie di edifici o di intervento escluse dall’applicazione delle disposizioni del presente capo. 1-quinquies. In sede di redazione del PGT, i volumi di sottotetto recuperati ai fini abitativi in applicazione della l.r. n. 15/1996, ovvero delle disposizioni del presente capo, sono computati ai sensi dell’articolo 10, comma 3, lettera b). (commi da 1-bis a 1-quinquies introdotti dalla legge reg. n. 20 del 2005).

INFILLING THE ROOFSCAPE  

Urban planning design studio A.Y. 2009/2010 Prof. Stefano Boeri

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you