Page 1

12

festival del cine espaĂąol

Italia

MAGGIO - DICEMBRE 2019


TV RAIMOVIE - 8 maggio in onda servizio sul festival con interviste: https://www.raiplay.it/video/2019/04/Movie-Mag-24a21125-76a0-40eaa0ea-b07aa27fa6d2.html TG2 MATINEE - 5 maggio con interviste a Iris Martin-Peralta, Federico Sartorie Iciar Bollain: http://www.tg2.rai.it/dl/tg2/rubriche/PublishingBlock-e91c3da2-35be4ff9-b883-70075d286f33.html?refresh_ce TG2 WEEKEND - 4 maggio, servizio su Yuli con intervista a Iciar Bollain, podcast al minuto 9:40 http://www.tg2.rai.it/dl/tg2/rubriche/PublishingBlock-ddc23123-938d49ec-99c3-7f49498ed285.html STRACULT RAI2 - 4 maggio in studio protagonisti di Goodbye Ringo: https://www.raiplay.it/video/2019/04/Stracult-Live-Show-d695eddd78a3-4d35-a69a-de70a4f989b7.html RAI4 WONDERLAND - 4 maggio servizio su El Reino: https://www.youtube.com/watch?v=EGvMahMgPD8 RAINEWS 24 - 3 maggio servizio con intervista a Iciair Bollain (scaricabile fino al 2 giugno): https://www.icloud.com/attachment/?u=https%3A%2F %2Fcvws.icloud-content.com%2FB%2FAT7EraOKwcvEUCqdeqjngwwAsRvAQ9xwgzB_U0P7nP9yY5XQRCh9GCr%2F%24%7Bf%7D %3Fo%3DAnymWtbFAfaiDQwHRql8aRJlz_QtpfguCVFRKx2bGmUC%26v %3D1%26x%3D3%26a%3DCAogctJy0S24_4snfKUltk331zKdPVgV8igGWjav9nAf7MSGxC5hefvpy0YuZXiw7EtIg EAKggByAD_LtJFKQ%26e%3D1559483681%26k%3D%24%7Buk%7D%26fl %3D%26r%3D0AC79CB9-4613-4025-9F91-71DF1FD94F7C-1%26ckc


%3Dcom.apple.largeattachment%26ckz%3D09F9182C-FB3C-425F-878C667117F2866B%26p%3D37%26s %3DdiIdRp7vRj41datT7IudbOnmK2U&uk=R94Ks4j51KV5L1ObCvdng&f=VIDEO-2019-05-03-15-47-00.mp4&sz=21300026 BUONGIORNO REGIONE TG3 RAI - 2 maggio al minuto 12:10: https://www.rainews.it/tgr/lazio/notiziari/video/2019/05/ContentItemdfe8f0fb-9986-48b7-a683-016d561aaf06.html RAINEWS 24 - martedì 30 aprile ore 13.20 - Iris Martin-Peralta ospite in studio TG2 - riprese in accademia se non avete account rai, ecco i crediti: info@reggiespizzichino.com Reggispizzi1


RADIO RADIO RAI3 HOLLYWOOD PARTY - 8 maggio 2019 in studio Iris MartinPeralta e Pere Marzo: https://www.raiplayradio.it/audio/2019/04/HOLLYWOOD-PARTYquotUna-vita-violentaquot-quotGoodbye-Ringoquot-e-il-doc-su-JohnMcEnroe-4e70cd44-a191-41a6-bd6d-9ff8b1e87ffa.html RADIO RAI3 - HOLLYWOOD PARTY - 2 maggio - in studio Peralta, Sartori e Bollain: https://www.raiplayradio.it/audio/2019/04/HOLLYWOOD-PARTYquotYuliquot-il-tributo-di-Lynch-a-Fellini-e-Costanza-Quatriglio-490d221c0164-4e0c-be35-4c9fff4c892a.html RADIO RAI STEREONOTTE - 28 aprile - intervista a Iris Martin Peralta, podcast al minuto 1:20:38 https://www.raiplayradio.it/audio/2019/04/STEREONOTTE-ad412bd4512a-40df-8fab-3c950e1e765a.html DIMENSIONE SUONO ROMA - intervista telefonica a uno dei due direttori RADIO INCONTRO DONNA - 3 maggio h. 10:30 intervista ai direttori artistici RADIO INBLU - 2 maggio intervista a Federico Sartori, podcast: https://www.radioinblu.it/2019/05/02/mattinata-inblu-sbarca-a-roma-ilfestival-del-cinema-spagnolo/ RADIO MOVIE RAIDER SHOW - 1 maggio intervista telefonica a Iris MartinPeralta, podcast: https://www.mixcloud.com/MovieRaiders/movieraiders-show-special-intervista-iris-martin-peralta-festival-cinemaspagnolo-2-maggio-2019/


agenzie


AGENZIA ANSA 30 aprile 2019

Al via a Roma la dodicesima edizione del Festival del Cinema Spagnolo

(ANSA) – ROMA, 30 APR Dal 2 all'8 maggio 2019 torna a Roma al Cinema Farnese di Campo de’ Fiori il Festival del Cinema Spagnolo, giunto alla sua dodicesima edizione. La manifestazione dedicata al cinema spagnolo e latinoamericano di qualità riflette la varietà di generi e di tematiche che da anni contraddistingue il cinema spagnolo: dallo sguardo sulla Storia e sul sociale, alle dittature latino-americane degli anni Settanta e Ottanta ai diritti LGBT e ai temi di più scottante attualità, con ampio spazio dedicato a opere prime e seconde e a registe donne. L'inaugurazione della kermesse, il 2 maggio alle ore 21:00, vedrà la proiezione in anteprima italiana di Yuli, lungometraggio di Icíar Bollaín (Te doy mis ojos; También la lluvia; El olivo), alla presenza della regista stessa. Il film, che sarà distribuito in autunno in Italia da Exit Media, ha vinto il premio come Miglior Sceneggiatura all’ultimo festival di San Sebastian per Paul Laverty. Arricchito da coreografie cariche di lirismo, Yuli ruota intorno all’incredibile parabola di Carlos Acosta, in arte Yuli, una leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare. Obbligato dal padre che vuole dargli un’opportunità per lasciare una Cuba attanagliata da decenni di embargo, giunge al successo mondiale diventando un performer paragonato a miti quali Nureyev e Baryshnikov. Venerdì 3 maggio, doppio evento speciale: alle ore 19:00 (con replica il 7 maggio h. 22:30) la proiezione di Alberto-García Alix: La Línea De Sombra, esordio di Nicolás Combarro, presente a Roma con il produttore Miguel Ángel Delgado, che mette a nudo le origini e i processi creativi di Alberto García-Alix,uno dei più importanti fotografi del panorama artistico europeo, testimone e catalizatore della Movida madrilena, conosciuto come il Pedro Almodóvar della fotografia. Alle ore 21:00, altro grande ospite del festival, la regista Arantxa Echeverria presenterà il suo esordio, Carmen y Lola, fresco vincitore di due Premi Goya come Miglior Opera Prima e come Miglior attrice non protagonista (Carolina Yuste). Presentato e applauditissimo alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2018, il film racconta la storia di Carmen, una ragazza che appartiene a una comunità di gitani nei sobborghi di Madird. Destinata a riprodurre uno schema che si ripete di generazione in generazione, e quindi sposarsi presto e crescere il maggior numero di bambini possibile, incontra un giorno Lola, gitana come lei, ma per nulla rassegnata a quel destino.... Nel fine settimana, il programma è arricchito dalla presenza di altri ospiti di spicco: sabato 4 maggio (h. 20:15) Gustavo Salmerón, accompagnato dalla madre Julita, vero e proprio personaggio cult in patria, presenterà la sua esilarante opera prima: Muchos Hijos, Un Mono Y Un Castillo, Premio Goya 2018 come Miglior Documentario, vincitore anche al Karlovy Vary Film Festival, campione d’incassi in patria e amato da Almodóvar. Domenica 5 maggio (con replica mercoledì 9 h. 19:00) sarà la volta di Rodrigo Sorogoyen, regista del momento, trionfatore con El reino agli ultimi Premi Goya: ben 7 tra cui Miglior Regia, Sceneggiatura e Attore protagonista (Antonio de la Torre). Un thriller ad alta tensione che racconta il tema della corruzione nelle alte sfere della -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


politica spagnola. La storia di un dirigente regionale di partito che, coinvolto in un giro di mazzette, sarà espulso dal 'regno' e diverrà bersaglio dell’opinione pubblica, tradito da amici e compagni di partito. Il film sarà distribuito in Italia da Movies Inspired dal 4 luglio. Tra gli eventi speciali, l’omaggio a Pepe Mujica (martedì 7 maggio h. 20:15), ex militante Tupamaro divenuto Presidente dell'Uruguay, famoso nel mondo per la rettitudine della propria condotta politica. A lui e i suoi anni di detenzione in carcere si ispira il film di denuncia La noche de 12 años,di Alvaro Brechner, Premio Goya 2018 come Miglior Adattamento cinematografico. La sezione Latinoamericana è completata dal film colombiano Matar a Jesús, opera seconda di Laura Mora, osannata al Festival di San Sebastián; e dal cult cubano del 1968, Memorias del subdesarrollo di Tomás Gutiérrez Alea, che verrà presentato nella sua versione appena restaurata. Chiude l’edizione romana mercoledì 8 maggio alle h. 21:30, Goodbye Ringo, film di Pere Marzo, che ripercorre l’epoca dorata degli Spaghetti Western, quando i paesaggi della Spagna divennero lo scenario privilegiato per ricreare la magia del Far West americano. Premiato a Sitges 2018 come Miglior Documentario, si avvale della voce narrante del regista Enzo G. Castellari e l’archivio storico dell’Istituto Luce. L’evento, dedicato alla memoria di Giorgio Capitani, sarà moderato da Marco Giusti, e vedrà la presenza dello stesso regista, di Enzo G. Castellari e di Romolo Guerrieri. La manifestazione, che da sempre si è connotata come itinerante, farà quindi tappa in diverse città d’Italia, a partire da Treviso e dal Salone del Libro di Torino, dedicato quest'anno proprio alla lingua spagnola, per proseguire a Trento, Senigallia, Campobasso, Napoli, Messina, Verona, Genova, Matera, Padova, Trieste, Perugia, Bergamo, Cagliari, Bari, Bologna, Milano e Reggio Calabria. L'immagine ufficiale del Festival è opera di Esteban Villalta Marzi, artista italo-spagnolo di fama internazionale che negli anni Ottanta diventa un membro attivo del movimento artistico “Movida Madrilena”, confermandosi come uno dei maggiori esponenti della Pop Art europea. Il Festival, organizzato e curato da Exit Media riceve il sostegno dell'Ambasciata di Spagna in Italia, la Regione Lazio, AC/E (il corrispondente spagnolo del Mibact), la Reale Accademia di Spagna a Roma, Turespaña e l’Instituto Cervantes, e come di consueto la RAI come media partner. Tutte le proiezioni del Festival del Cinema Spagnolo sono in versione originale con sottotitoli in italiano. (ANSA)

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


AGENZIA AGI 30 aprile 2019 AGI 30-04-2019 16:20 [ Spettacolo ] Dal 2 maggio al via il Festival Cinema Spagna a Roma = (AGI) - Roma, 30 apr. Dal 2 all'8 maggio 2019 torna a Roma al Cinema Farnese di Campo de’ Fiori il Festival del Cinema Spagnolo, giunto alla sua dodicesima edizione. La manifestazione dedicata al cinema spagnolo e latinoamericano di qualità riflette la varietà di generi e di tematiche che da anni contraddistingue il cinema spagnolo: dallo sguardo sulla Storia e sul sociale, alle dittature latino-americane degli anni Settanta e Ottanta ai diritti LGBT e ai temi di più scottante attualità, con ampio spazio dedicato a opere prime e seconde e a registe donne. L'inaugurazione della kermesse, il 2 maggio alle ore 21:00, vedrà la proiezione in anteprima italiana di Yuli, lungometraggio di Icíar Bollaín (Te doy mis ojos; También la lluvia; El olivo), alla presenza della regista stessa. Il film, che sarà distribuito in autunno in Italia da Exit Media, ha vinto il premio come Miglior Sceneggiatura all’ultimo festival di San Sebastian per Paul Laverty. Arricchito da coreografie cariche di lirismo, Yuli ruota intorno all’incredibile parabola di Carlos Acosta, in arte Yuli, una leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare. Obbligato dal padre che vuole dargli un’opportunità per lasciare una Cuba attanagliata da decenni di embargo, giunge al successo mondiale diventando un performer paragonato a miti quali Nureyev e Baryshnikov. Venerdì 3 maggio, doppio evento speciale: alle ore 19:00 (con replica il 7 maggio h. 22:30) la proiezione di Alberto-García Alix: La Línea De Sombra, esordio di Nicolás Combarro, presente a Roma con il produttore Miguel Ángel Delgado, che mette a nudo le origini e i processi creativi di Alberto García-Alix,uno dei più importanti fotografi del panorama artistico europeo, testimone e catalizatore della Movida madrilena, conosciuto come il Pedro Almodóvar della fotografia. Alle ore 21:00, altro grande ospite del festival, la regista Arantxa Echeverria presenterà il suo esordio, Carmen y Lola, fresco vincitore di due Premi Goya come Miglior Opera Prima e come Miglior attrice non protagonista (Carolina Yuste). Presentato e applauditissimo alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2018, il film racconta la storia di Carmen, una ragazza che appartiene a una comunità di gitani nei sobborghi di Madird. Destinata a riprodurre uno schema che si ripete di generazione in generazione, e quindi sposarsi presto e crescere il maggior numero di bambini possibile, incontra un giorno Lola, gitana come lei, ma per nulla rassegnata a quel destino.... Nel fine settimana, il programma è arricchito dalla presenza di altri ospiti di spicco: sabato 4 maggio (h. 20:15) Gustavo Salmerón, accompagnato dalla madre Julita, vero e proprio personaggio cult in patria, presenterà la sua esilarante opera prima: Muchos Hijos, Un Mono Y Un Castillo, Premio Goya 2018 come Miglior Documentario, vincitore anche al Karlovy Vary Film Festival, campione d’incassi in patria e amato da Almodóvar. Domenica 5 maggio (con replica mercoledì 9 h. 19:00) sarà la volta di Rodrigo Sorogoyen, regista del momento, trionfatore con El reino agli ultimi Premi Goya: ben 7 tra cui Miglior Regia, Sceneggiatura e Attore -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


protagonista (Antonio de la Torre). Un thriller ad alta tensione che racconta il tema della corruzione nelle alte sfere della politica spagnola. La storia di un dirigente regionale di partito che, coinvolto in un giro di mazzette, sarà espulso dal 'regno' e diverrà bersaglio dell’opinione pubblica, tradito da amici e compagni di partito. Il film sarà distribuito in Italia da Movies Inspired dal 4 luglio. Tra gli eventi speciali, l’omaggio a Pepe Mujica (martedì 7 maggio h. 20:15), ex militante Tupamaro divenuto Presidente dell'Uruguay, famoso nel mondo per la rettitudine della propria condotta politica. A lui e i suoi anni di detenzione in carcere si ispira il film di denuncia La noche de 12 años,di Alvaro Brechner, Premio Goya 2018 come Miglior Adattamento cinematografico. La sezione Latinoamericana è completata dal film colombiano Matar a Jesús, opera seconda di Laura Mora, osannata al Festival di San Sebastián; e dal cult cubano del 1968, Memorias del subdesarrollo di Tomás Gutiérrez Alea, che verrà presentato nella sua versione appena restaurata. Chiude l’edizione romana mercoledì 8 maggio alle h. 21:30, Goodbye Ringo, film di Pere Marzo, che ripercorre l’epoca dorata degli Spaghetti Western, quando i paesaggi della Spagna divennero lo scenario privilegiato per ricreare la magia del Far West americano. Premiato a Sitges 2018 come Miglior Documentario, si avvale della voce narrante del regista Enzo G. Castellari e l’archivio storico dell’Istituto Luce. L’evento, dedicato alla memoria di Giorgio Capitani, sarà moderato da Marco Giusti, e vedrà la presenza dello stesso regista, di Enzo G. Castellari e di Romolo Guerrieri. La manifestazione, che da sempre si è connotata come itinerante, farà quindi tappa in diverse città d’Italia, a partire da Treviso e dal Salone del Libro di Torino, dedicato quest'anno proprio alla lingua spagnola, per proseguire a Trento, Senigallia, Campobasso, Napoli, Messina, Verona, Genova, Matera, Padova, Trieste, Perugia, Bergamo, Cagliari, Bari, Bologna, Milano e Reggio Calabria. L'immagine ufficiale del Festival è opera di Esteban Villalta Marzi, artista italo-spagnolo di fama internazionale che negli anni Ottanta diventa un membro attivo del movimento artistico “Movida Madrilena”, confermandosi come uno dei maggiori esponenti della Pop Art europea. Il Festival, organizzato e curato da Exit Media riceve il sostegno dell'Ambasciata di Spagna in Italia, la Regione Lazio, AC/E (il corrispondente spagnolo del Mibact), la Reale Accademia di Spagna a Roma, Turespaña e l’Instituto Cervantes, e come di consueto la RAI come media partner. Tutte le proiezioni del Festival del Cinema Spagnolo sono in versione originale con sottotitoli in italiano. (AGI) Com/Pgi/Mom 301620 APR 19

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


AGENZIA ADNKRONOS 30 aprile 2019

LAZIO: PROIEZIONI FESTIVAL CINEMA SPAGNA AL CINEMA FARNESE DI ROMA = Dal 2 all'8 maggio la dodicesima edizione Roma, 30 apr. (AdnKronos) - Dal 2 all'8 maggio 2019 torna a Roma al Cinema

Farnese di Campo de’ Fiori il Festival del Cinema Spagnolo, giunto alla sua dodicesima edizione. La manifestazione dedicata al cinema spagnolo e latinoamericano di qualità riflette la varietà di generi e di tematiche che da anni contraddistingue il cinema spagnolo: dallo sguardo sulla Storia e sul sociale, alle dittature latino-americane degli anni Settanta e Ottanta ai diritti LGBT e ai temi di più scottante attualità, con ampio spazio dedicato a opere prime e seconde e a registe donne. L'inaugurazione della kermesse, il 2 maggio alle ore 21:00, vedrà la proiezione in anteprima italiana di Yuli, lungometraggio di Icíar Bollaín (Te doy mis ojos; También la lluvia; El olivo), alla presenza della regista stessa. Il film, che sarà distribuito in autunno in Italia da Exit Media, ha vinto il premio come Miglior Sceneggiatura all’ultimo festival di San Sebastian per Paul Laverty. Arricchito da coreografie cariche di lirismo, Yuli ruota intorno all’incredibile parabola di Carlos Acosta, in arte Yuli, una leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare. Obbligato dal padre che vuole dargli un’opportunità per lasciare una Cuba attanagliata da decenni di embargo, giunge al successo mondiale diventando un performer paragonato a miti quali Nureyev e Baryshnikov. Venerdì 3 maggio, doppio evento speciale: alle ore 19:00 (con replica il 7 maggio h. 22:30) la proiezione di AlbertoGarcía Alix: La Línea De Sombra, esordio di Nicolás Combarro, presente a Roma con il produttore Miguel Ángel Delgado, che mette a nudo le origini e i processi creativi di Alberto García-Alix,uno dei più importanti fotografi del panorama artistico europeo, testimone e catalizatore della Movida madrilena, conosciuto come il Pedro Almodóvar della fotografia. Alle ore 21:00, altro grande ospite del festival, la regista Arantxa Echeverria presenterà il suo esordio, Carmen y Lola, fresco vincitore di due Premi Goya come Miglior Opera Prima e come Miglior attrice non protagonista (Carolina Yuste). Presentato e applauditissimo alla Quinzaine des Réalisateurs al Festival di Cannes 2018, il film racconta la storia di Carmen, una ragazza che appartiene a una comunità di gitani nei sobborghi di Madird. Destinata a riprodurre uno schema che si ripete di generazione in generazione, e quindi sposarsi presto e crescere il maggior numero di bambini possibile, incontra un giorno Lola, gitana come lei, ma per nulla rassegnata a quel destino.... Nel fine settimana, il programma è arricchito dalla presenza di altri ospiti di spicco: sabato 4 maggio (h. 20:15) Gustavo Salmerón, accompagnato dalla madre Julita, vero e proprio personaggio cult in patria, presenterà la sua esilarante opera prima: Muchos Hijos, Un Mono Y Un Castillo, Premio Goya 2018 come Miglior Documentario, vincitore anche al Karlovy Vary Film Festival, campione d’incassi in patria e amato da Almodóvar. Domenica 5 maggio (con replica mercoledì 9 h. 19:00) sarà la volta di Rodrigo Sorogoyen, regista del momento, trionfatore con El reino agli ultimi Premi Goya: ben 7 tra cui Miglior Regia, Sceneggiatura e Attore protagonista (Antonio de la Torre). Un -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


thriller ad alta tensione che racconta il tema della corruzione nelle alte sfere della politica spagnola. La storia di un dirigente regionale di partito che, coinvolto in un giro di mazzette, sarà espulso dal 'regno' e diverrà bersaglio dell’opinione pubblica, tradito da amici e compagni di partito. Il film sarà distribuito in Italia da Movies Inspired dal 4 luglio. Tra gli eventi speciali, l’omaggio a Pepe Mujica (martedì 7 maggio h. 20:15), ex militante Tupamaro divenuto Presidente dell'Uruguay, famoso nel mondo per la rettitudine della propria condotta politica. A lui e i suoi anni di detenzione in carcere si ispira il film di denuncia La noche de 12 años,di Alvaro Brechner, Premio Goya 2018 come Miglior Adattamento cinematografico. La sezione Latinoamericana è completata dal film colombiano Matar a Jesús, opera seconda di Laura Mora, osannata al Festival di San Sebastián; e dal cult cubano del 1968, Memorias del subdesarrollo di Tomás Gutiérrez Alea, che verrà presentato nella sua versione appena restaurata. Chiude l’edizione romana mercoledì 8 maggio alle h. 21:30, Goodbye Ringo, film di Pere Marzo, che ripercorre l’epoca dorata degli Spaghetti Western, quando i paesaggi della Spagna divennero lo scenario privilegiato per ricreare la magia del Far West americano. Premiato a Sitges 2018 come Miglior Documentario, si avvale della voce narrante del regista Enzo G. Castellari e l’archivio storico dell’Istituto Luce. L’evento, dedicato alla memoria di Giorgio Capitani, sarà moderato da Marco Giusti, e vedrà la presenza dello stesso regista, di Enzo G. Castellari e di Romolo Guerrieri. La manifestazione, che da sempre si è connotata come itinerante, farà quindi tappa in diverse città d’Italia, a partire da Treviso e dal Salone del Libro di Torino, dedicato quest'anno proprio alla lingua spagnola, per proseguire a Trento, Senigallia, Campobasso, Napoli, Messina, Verona, Genova, Matera, Padova, Trieste, Perugia, Bergamo, Cagliari, Bari, Bologna, Milano e Reggio Calabria. L'immagine ufficiale del Festival è opera di Esteban Villalta Marzi, artista italo-spagnolo di fama internazionale che negli anni Ottanta diventa un membro attivo del movimento artistico “Movida Madrilena”, confermandosi come uno dei maggiori esponenti della Pop Art europea. Il Festival, organizzato e curato da Exit Media riceve il sostegno dell'Ambasciata di Spagna in Italia, la Regione Lazio, AC/E (il corrispondente spagnolo del Mibact), la Reale Accademia di Spagna a Roma, Turespaña e l’Instituto Cervantes, e come di consueto la RAI come media partner. Tutte le proiezioni del Festival del Cinema Spagnolo sono in versione originale con sottotitoli in italiano. 30-APR-19 17:31 NNNN

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


quotidiani


NOTTE E GIORNO TRENTO Festival del cinema spagnolo a Trento Per il Festival del cinema spagnolo oggi proiezioni di «Mudar la piel» di Ana Schulz e Cristóbal Fernàndez alle 19 e di «Las Distancias» di Elena Trapé. Ingresso: € 8,50. Infotel 0461/829002. Cinema Astra Corso Buonarroti 14 Alle 19 e alle 2 1

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


CINEMA SPAGNOLO RECENTE, INEDITO IL FESTIVAL DA DOMENICA 12 AL CENTRALE E AL MASSIMO

DANIELE CAVALLA

P

ortato anni fa a Torino da Gaetano Renda e allargato quest'anno anche al Massimo oltre che alla sede naturale del Centrale, il "Festival del Cinema Spagnolo" propone da domenica 12 a giovedì 16 maggio alcuni frammenti di una produzione attualmente florida e di buon livello inediti sul territorio italiano. Si tratta di opere recenti, proiettate in versione originale con sottotitoli in italiano. Organizzano Slow Cinema e Museo Nazionale del Cinema, in occasione del Salone del Libro che vanta lo spagnolo come lingua ospite. Inaugurazione domenica 12 alle 20,30 al Centrale con il regista Manuel MartinCuenca che introduce la proiezione del film "El autor", storia di un impiegato disposto a tutto pur di riuscire a diventare uno scrittore come la moglie, autrice di successo. Il protagonista è Javier Gutierrez ("La isla minima", "Non ci resta che vincere"), il film è la trasposizione cinematografica del romanzo "El movil" (Il movente) di Javier Cercas. Si replica giovedì 16 aUe 19,30. Nel fitto cartellone si segnalano alcuni titoli. Il più popolare è "Contratiempo", il giallo di Oriol Paulo rifatto di recente dal cinema italiano con il meno convincente "Il testimone invisibile" con Riccardo Scamarcio interprete principale. Si comincia con un rampante manager che una mattina si sveglia nella propria camera d'albergo con il cadavere della sua ragazza e viene accusato di omicidio.

Doppio appuntamento martedì 14 alle 21,30 al Centrale e mercoledì 15 sempre nella sala di via Carlo Alberto 27 ma con inizio alle 19,30. Arriva invece dal Festival di Cannes 2018 ed è stato presentato di recente a "Lovers" l'acclamato esordio alla regia di Arantxa Echevarria, premio Goya quale miglior opera prima, "Carmen y Lola", storia di una ragazza che vive nei sobborghi di Madrid nella sua comunità di gitani e che vede irrompere all'improvviso nella sua esistenza Lola, gitana come lei. Proiezioni lunedì 13 alle 21,30 e mercoledì 15 alle 17,30 al Centrale. Iciar Bollain, regista di "Ti do i miei occhi" e di altri titoli non ancora approdati nei cinema italiani, ha girato lo scorso anno "Yuli", film che racconta la storia di Carlos Acosta, in arte Yuli, leggenda vivente della danza che in realtà da piccolo detestava il ballo per poi diventarne una star. Merito dell'insistenza del padre che voleva garantirgli un'opportunità di vivere una vita migliore di quella da lui vissuta a Cuba in seguito a decenni di embargo, La sceneggiatura è a cura di Paul Laverty, costante collaboratore di Ken Loach. Nel ruolo principale due giovani attori: Edilson Manuel Olbera Nunez che interpreta Carlos Acosta da ragazzo e Keyvin Martinez, che lo interpreta da giovane. Il film viene presentato mercoledì 15 maggio alle 19 al Massimo, in sala Rondolino. — f BY NC NDALCUNI GIRITI RISERVATI

Il Festival del Cinema Spagnolo è al Massimo (via Verdi 18) e al Centrale (via Carlo Alberto 27). Biglietti a 6 euro. Il programma su cinemaspagna.org

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Mario Casas in "Contratiempo" di Oriol Paulo

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


DALLE PAROLE ALL'ARTE: OFF UNO SCONFINATO PROGRAMMA IN CITTÀ, PROVINCIA E REGIONE MARCO PAUTASSO

1 gioco del mondo" bene si presta a raccontare anche il Salone Off. Basta infatti pensarlo un po' come un sassolino immaginario, quello che, come per il gioco della campana - Rayuela in spagnolo -, serve a farci saltare da un tema all'altro, da un'espressione artistica ad un'altra, ma anche da una circoscrizione all'altra, da una città all'altra, superare quei confini, quei muri che esistono anche da noi, per accorgersi, giocando, che quei limiti sono labili perché impressi solo con il gesso. 530 appuntamenti in 273 luoghi diversi

Sono più di 530 gli appuntamenti, in 273 luoghi differenti. Tutte 8 le circoscrizioni coinvolte, ma anche molti comuni della Città Metropolitana, con incursioni in Regione, a Novara, a Racconigi e Vercelli, e con incontri negli istituti penitenziari di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Fossano, Novara, Saluzzo, Torino e Vercelli. Anche al Salone Off siparlerà spagnolo. Lo si farà attraverso la musica e la danza, con il Tango dei Sonnambuli ideato da Monica Mantelli al Collegio degli Artigianelli, con lo spettacolo di flamenco Corazón de piata di Elisa Diaz, e con la serata di Cumbia all'Off Topic. Ma anche con il teatro, Furiosa Scandinavia al Polo del '900, il cinema con il Festival del cinema spagnolo al Massimo e al Centrale, e con i sapori, grazie ad una selezione di locali torinesi, curata da Federica De Luca, che declinano le varie espressioni della tavola spagnola e latinoamericana. Molte le mostre: al Mufant HGO. Il creatore delTEternauta nell'Argentina dei desaparecidos, ideata da 001 Edizioni sul fumettista argentino Héctor Germàn Oesterheld, che ripropone sue tavole originali, pubblicazioni d'epoca, documenti e fotografie; al Circolo dei lettori "Razza sacra".

Pasolini e le donne, curata da Giuseppe Garrera e Sebastiano Triulzi, una ricognizione intorno al mondo femminile pasoliniano; alla galleria RoccaVintage le mostra fotografica "Torino, Ti amo. Vedute di una città gentile" dell'artista tedesca Brigitte Schindler;; al Wild Mazzini la mostra "Cognitive Devices" di Bastiaan Arler, mentre al FFLAG di via Reggio l'opera grafica e iconografica di Enrico Fontanelli degli Offlaga Disco Pax, scomparso nel 2014, con circa 130 tavole tra manifesti, flyer, inviti, locandine per concerti, grafiche dei dischi. Musica, teatro e altro

Restando in tema di musica, ancora al FFLAG, gli incontri con Luca Vicini dei Subsonica e Frankie HgR e le sonorizzazioni di Paolo Spaccamonti, alla Merz il concerto del pianista DerekHan mentre, per gli amanti della notte, imperdibili i Party Off by Teo Lentini con Lele Sacchi, Bill Brewster, Danny Rampling e Bruno Bolla. Riguardo al teatro, tra gli altri, Abracadabra # Studio 3, dedicato all'intellettuale e attivista Mario Mieli, e i reading di Giordano Meacci sull'economista Keynes alla libreria Luna'sTorta e quello di Antonio Pascale al Cecchi Point. Tra i tanti incontri, il premio Nobel per la Letteratura Wole Soyinka all'Aula Magna Rettorato dell'Università di Torino, Leonardo Padura, Edurne Portela, Antonio Mufioz Molina, Guadalupe Nettel, Emiliano Monge alla ELE USAL, AlanPauls all'Auditorium Vivaldi, Kamel Daoud alla Biblioteca Primo Levi, Nadeem Aslam, Wytske Versteeg, Adrian Bravi, Thomas Gilbert, NonaFernàndez, Maria José Ferrada alla Libreria Trebisonda, Bjorn Larsson a Pinerolo, Clara Sanchez a Rivoli, Gianrico Carofiglio a Nichelino, Helena Janeczecka Moncalieri, Ascanio Celestini a Racconigi, Beppe Severgnini a Rivalta. —

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO

e

BV MC ND ALCUNI D F r m RISERVATI


Si parte sempre dalla pagina scritta per arrivare all'arte, al teatro, alla musica

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


IL FATTO QUOTIDIANO 8 maggio 2019

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


1

Cinema spagnolo, festival itinerante Le prossime date del Festival del cinema spagnolo a maggio saranno a Treviso (9-16-23-30 maggio), Torino (12-15 maggio] eTrento(K-15,21-22,28-29 maggio). Tra gli ospiti a Trento e Treviso la regista Ana Schulz

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Accordo di collaborazione con la Spagna per i programmi di sviluppo culturale e sociale

Così rinascono i Quartieri spagnoli

Interventi nei settori dellarigenerazioneurbana, dell'educazione e dello sviluppo NAPOLI - La cerimonia per la sottoscrizione di un accordo di collaborazione con il quale la Spagna si impegna a partecipare ai programmi di sviluppo culturale e sociale promossi da FOQUS nei Quartieri Spagnoli di Napoli si è svolta nella sede della Fondazione, alla presenza dell'ambasciatore di Spagna in Italia Alfonso Dastis. Per la prima volta, si rileva in una nota, «un Paese europeo partecipa, attraverso la propria ambasciata, a un progetto italiano di rigenerazione urbana, mettendo a disposizione la cultura, le competenze e le migliori pratiche in atto in Spagna nei settori della rigenerazione urbana, dell'educazione e dello sviluppo, pratiche che hanno portato in questi anni a riequilibrare l'antico divario di sviluppo tra il Nord e il Sud di quel Paese». L'accordo prevede che l'ambasciata di Spagna in Italia, partecipando al progetto di rigenerazio-

ne dei Quartieri che portano sin dal XVI secolo il titolo di «Spagnoli», avvìi un programma che ne valorizzi l'identità originaria. Per il primo biennio 2019-2020 l'accordo prevede anche la realizzazione di "un Festival del Cinema spagnolo in Italia» e «una mostra collettiva di artisti contemporanei spagnoli». «L'ambasciata di Spagna in Italia - si legge inoltre - potrà considerare anche la possibilità di realizzare ulteriori iniziative nell'ambito di un progetto di valorizzazione dell'identità spagnola dei Quartieri Spagnoli e di partecipazione al programma di rigenerazione urbana e socio-culturale dei Quartieri stessi». Inoltre «laFondazione sin d'ora dichiara la volontà di aprire contatti collaborativi e di scambio con istituzioni scolastiche e scuole di innovazione pedagogica, con cui le Scuole paritarie

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO

«Dalla Parte Dei Bambini», che operano all'interno dei Quartieri Spagnoli e della Fondazione, anche nell'ambito dei programmi comunitari, potranno avviare comuni progettualità formali e informali». L'evento rientra nell'ambito del programma «La Cultura è Capitale», promosso per il 2019 dall'Ufficio Culturale dell'Ambasciata di Spagna in Italia in collaborazione con la Fondazione Con il Sud. Alla cerimonia pubblica, oltre all'ambasciatore, hanno partecipato il console generale José Luis Solano Gadea, il consigliere per la Cultura Ion de la Riva Guzman. Rachele Furfaro e Renato Quaglia, presidente e direttore della Fondazione FOQUS, Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud, il direttore dell'Istituto Cervantes Ferràn Ferrando Melià. Ha partecipato il sindaco, Luigi de Magistris.


Da Non Perdere CINEMA FARNESE - Festival del cinema spagnolo di Roma

GOODBYE RINGO, LO SPAGHETTI WESTERN DI SPAGNA "Goodbye Ringo" di Pere Marzo sarà l'evento speciale di chiusura del dodicesimo Festival del cinema spagnolo di Roma, diretto da Iris Martin-Peralta e Federico Sartori. Il film, prodotto da Exit Media con la produzione associata dell'Istituto Luce Cinecittà, ripercorre l'epoca dorata degli Spaghetti Western, quando i paesaggi della Spagna divennero lo scenario privilegiato per ricreare la magia del Far West americano. Alla proiezione seguirà l'incontro pubblico, moderato da Marco Giusti, con il regista Pere Marzo, Enzo G. Castellari, Romolo Guerrieri. Domani alle 21,30. Piazza Campo de' Fiori 56

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


COSA FARE STASERA AROMA Cinema È tornato a Roma al Cinema Farnese di Campo de' Fiori il Festival del Cinema Spagnolo, giunto alla sua dodicesima edizione. Oggi (h. 20:15) Gustavo Salmerón, accompagnato dalla madre Julita, vero e proprio personaggio cult in patria, presenterà la sua esilarante opera prima: Muchos Hijos, Un Mono Y Un Castillo, Premio Goya 2018 come Miglior Documentario, vincitore anche al Karlovy Vary Film Festival, campione d'incassi in patria e amato da Almodóvar. Si prosegue con film ed eventi fino all'8 maggio.

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Al Farnese Festival del Cinema Spagnolo Fino all'8 maggio il Cinema Farnese ospita il Festival del Cinema spagnolo. Oggi doppio evento: la proiezione di "Alberto-Garda Alix: La Linea De Sombra", esordio di Nicolas Combarro sulle origini e i processi creativi del fotografo Alberto Garcia-Alix; e "Carmeny Lola" (foto) opera prima della regista Arantxa Echeverria. • Cinema Farnese, piazza Campo deTiori.www.cinemaspagna.org

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Casa del cinema e cinema Farnese

Pippi o Carmen doppio festival su maxischermo

\ \

\ i '

Un momento della serie "Skam" presentata al Nordic film festival FRANCO M O N T I N I

e calde atmosfere mediterranee o gli incontaminati panorami del Nord Europa? La sovrapposizione fra il Festival del Cinema Spagnolo, in programma dal 2 all' 8 maggio al Farnese, e il Nordic Film Fest, ospitato alla Casa del Cinema da giovedì a domenica, costringe i cinéphiles romani una difficile scelta. La rassegna spagnola propone una quindicina di titoli, con un'attenzione rivolta ai nuovi autori, uno sguardo sulla cinematografia latino americana e un omaggio a Luis Bunuel con la proiezione di uno dei capolavori del cinema surrealista, "La via lattea". Capitolo inediti: i generi sono i più diversi, con un tema ricorrente, i rapporti interpersonali. Per raccontare impreviste storie d'amore, come

accade in "Carmen y Lola" di Arantxa Echeverria, protagoniste due ragazze; strani legami familiari, è il caso di "Muchos hijos, un mono y un castillo di Gustavo Salmeròn o storie di amicizia "Las distancias" di Elena Tropè. In una selezione caratterizzata dalla presenza di molti ospiti e in particolare di registe, da segnalare anche una serie difilmche legano il cinema alla danza, al teatro, all'arte e alla fotografia, come nel caso del titolc scelto per la prima serata, 'Tuli" d Iciar Bollian, sulla storia di Carlos Acosta, in arte Yuli, dall'infanzia nella povera Cuba ai trionfi del Royal Ballet di Londra. Fra le curiosità, a chiudere il festival, anche un omaggio al cinema italiano, con la proiezione del documentario "Goodbye Ringo" che rivista le location di molti

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO

western spaghetti. Il Nordic Film Fest, con un cartellone ricco di una quindicina di titoli provenienti da Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia, ha invece puntato su un tema preciso, i confini, da intendersi non solo in termini geografici, ma come confronto di culture, costumi e di modi di pensare. Ad inaugurare la manifestazione nella serata di giovedì sarà "Becoming Astrid" di Perniile Fischer Christensen, biografia di Astrid Lindgren, l'autrice del classico per l'infanzia "Pippi Calzelunghe". Sullo schermo ad interpretare la protagonista è Alba August che introdurrà la proiezione. Fra i nomi di spicco anche quello del regista premio Oscar, nonché due volte vincitore al Festival di Cannes, Bilie August di cui sarà presentato ilfilmpiù recente: "A fortunate man". Molto atteso anche "Void" di Aleksi Salmenpera, una commedia drammatica, insieme tragica ed eccentrica, sul prezzo del successo e l'incomunicabilità della vita di coppia. E ancora alcuni titoli già usciti da noi come "Border-Creature di confine" e "La donna elettrica". Il NFF apre alle serie tv con "SKAM", un fenomeno internazionale. Info: cinemaspagna.org (al cinema Farnese); nordicfilmfestroma.com (alla Casa del cinema)

Al Nordic film atteso l'ultimo lavoro di Bilie August e "Becoming Astrid" sulla Lindgren


Attualità, drammi e commedie di Spagna Da domani all'8 maggio il Cinema Farnese ospiterà la dodicesima stagione del Festival del Cinema spagnolo. Ad aprirlo sarà, alle 21, Yuli, il film della regista Iciar Bollain, che sarà presente in sala con lo sceneggiatore Paul Laverty. Protagonista il cubano Carlos Acosta, in arte Yuli, una leggenda vivente della danza. •Cinema Farnese, piazza Campo de' Fiori 56. info:www.cinemaspagna.org

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Danza, amori e libertà, racconti di Spagna Al via giovedì la XQ edizione del festival del cinema iberico, si parte con « Ynli» di Iciar Bollain L'immagine ufficiale della dodicesima edizione del Festival del Cinema Spagnolo, in programma da giovedì all'8 maggio al Cinema Farnese, parla (anche) un po' italiano: è infatti un'opera di Esteban Villalta Marzi, artista italospagnolo — nato a Roma nel 1956 - protagonista negli anni Ottanta del movimento artistico Movida madrilena e oggi tra gli storici esponenti della Pop Art europea. Ma sullo schermo della sala di Campo de' Fiori, per una settimana, ci sarà spazio solo per l'idioma spagnolo, con la cinematografia d'autore contemporanea in trasferta da Spagna e America Latina per un ciclo di proiezioni (in lingua originale con sottotitoli italiani) organizzate e curate da Exit Media. Ad inaugurare la rassegna la regista Iciar Bollain con l'anteprima nazionale del suo lungometraggio Yuli, premiato al Festival di San Sebastian per la miglior sceneggiatura firmata da Paul Laverty (collaboratore, tra gli altri, di Ken Loach). Una pellicola che tocca i temi a lei più cari - lotta per la libertà erifiutodelle di-

scriminazioni - partendo dalla parabola di Carlos Acosta, in arte Yuli: il bambino cubano che non voleva ballare e invece, per scappare dalla Cuba impoverita dall'embargo, è diventato una leggenda vivente della danza, al pari di Nureyev e Baryshnikov (naturalizzato inglese e nominato comandante dell'Ordine dell'impero britannico dalla Regina Elisabetta nel 2009). Venerdì le anteprime di due esordi alla regia. Quello di Nicolas Combarro, presente a Roma col produttore Miguel Angel Delgado e il suo Alberto-Garcia Alix: La Linea De Sombra, film dedicato al fotografo testimone e catalizzatore della Movida madrilena. E quello della regista Arantxa Echeverria: Carmen y Lola, storia di una donna gitana, omosessuale e anticonvenzionale (vincitrice di due Premi Goya: miglior opera prima e miglior attrice non protagonista a Carolina Yuste). Nel fine settimana ospiti Gustavo Salmerón (sabato) accompagnato dalla madre Julita, ottantatreenne popolarissima

in Spagna, protagonista della pellicola Muchos Hijos, un Info mono y un castillo che scava tra i cimeli e le credenze della Dal 2 al 8 loro famiglia. Poi Rodrigo So- maggio al rogoyen (domenica) col suo Cinema El reino, thriller di denuncia Farnese, in della corruzione nella politica piazza Campo spagnola, trionfatore ai Goya de' Fiori 56, è in con ben sette premi tra cui programma la miglior regia, sceneggiatura e dodicesima attore protagonista (Antonio edizione del de la Torre). Festival del Tra gli eventi speciali Cinema l'omaggio a Pepe Mujica (7 Spagnolo. maggio), ex militante Tupa- Biglietti da 5 a maro divenuto Presidente 10 euro, con dell'Uruguay. Ai suoi anni di possibilità di detenzione in isolamento pacchetti s'ispira il film La noche de 12 promozionali anos di Alvaro Brechner. E a da cinque film a completare la sezione latinoa- 20 euro. I film mericana il film colombiano sono in lingua Matar a Jesus di Laura Mora e originale con la proiezione del cult cubano sottotitoli. Info: del 1968 Memorias del subde- www.cinemasp sarrollo di Tomàs Gutiérrez agna.org Alea in versione restaurata. Si chiude con uno sguardo al passato con Goodbye Ringo di Pere Marzo, sulla Spagna degli spaghetti western. Natalia Distefano © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ballerino Keyvin Martinez, nei panni del ballerino Carlos Acosta, in una scena del film di Iciar Bollain «Yuli» film che apre giovedì il festival

panza amori elilwrtà. max:intuii SnavmiJ

djjLyl li

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


CINEMA FARNESE

Cinema spagnolo Una festa tra sapori gitani e mitici danzatori di Cuba

opera prima della regista Arantxa Echeverria, due premi Goya appena vinti, ambientato in una Tra storia e attualità, drammi e comunità di gitani. commedie, opere prime e regi- Tra i titoli più interessanti Muste donne, torna a Roma la ras- chos Hijos, Un Mono Y Un Castilsegna dei film spagnoli e lati- lo di Gustavo Salmerón (4 maggio), El reino di Rodrigo Soronoamericani. Dal 2 all'8 maggio il Cinema Far- goyen (il 5), il documentario nese ospiterà la dodicesima sta- Goodbye Ringo di Pere Marzo gione del Festival del Cinema che chiude la rassegna l'8: è una cavalcata nell'epoca d'oro dei spagnolo. western-spaghetti che erano Ad aprirlo sarà, alle 21, Yuli, il ambientati nei magici scenari film della regista Iciar Bollain, della Spagna. che sarà presente in sala con lo Non a caso la voce narrante è sceneggiatore Paul Laverty. Pro- quella del regista Enzo G. Casteltagonista il cubano Carlos Aco- lari e molte immagini sono stasta, in arte Yuli, una leggenda vi- te fornite dall'Archivio Storico vente della danza. dell'Istituto Luce. Seguirà un diVenerdì 3 maggio doppio even- battito moderato da Marco Giuto: la proiezione di Alberto-Gar- sti, alla presenza di Castellari e da Alix: La Linea De Sombra, Romolo Guerrieri. esordio di Nicolas Combarro • Farnese, Campo de' Fiori 56, sulle origini e i processi creativi biglietti: 7 euro intero, 5 euro ridotto, di Alberto Garcia-Alix, uno dei info: www.cinemaspagna.org più importanti fotografi euroGloria Satta pei; e Carmen y Lola (nella foto) :) RIPRODUZIONE RISERVATA

RASSEGNA

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Cinema e diplomazia I giorni della Spagna

© MOLTA ATTESA PER QUESTA EDIZIONE DEL FESTIVAL CHE VA IN SCENA FINO ALL'8 MAGGIO AL FARNESE

L'ambasciatore di Spagna, Jesus Maria Gracia Aldaz

C

inema e Diplomazia. Cultura internazionale sul Grande Schermo. La total Immersion è stavolta nella Spagna: inizia il 2 maggio una

manifestazione che ha come protagonista la Settima Arte. Non si tratta solo di apprezzare lungometraggi e corti spesso non facili da trovare nelle sale, ma anche di ascoltare, avvicinare e apprezzare dalla voce di grandi attori un idioma straniero particolarmente amato. Si starà per una settimana a tu per tu con lo spagnolo. Le proiezioni sono ovviamente in lingua originale ma hanno comunque i sottotitoli. Ed ecco il "Festival del Cinema Spagnolo" che va in scena fino all'8 al Cinema Farnese. Promette una serie di attraenti eventi e un cartellone densissimo, sono annunciate personalità di fama. Si tratta della dodicesima edizione di questa manifestazione che ha il sostenuto dall'ambasciata di Spagna, il cui Capo Missione è l'ambasciatore Jesus Maria Gracia Aldaz. Protagoniste sono la cinematografia spagnola e quella latinoamericana di qualità che trattano una grande varietà di tematiche di stretta attualità. Si va dalla Storia al Sociale, dalle dittature nei Paesi latino americani negli Anni 70 e 80 a tanti altri argomenti coinvolgenti. Molta attenzione anche ai registi giovani, alle opere prime e alle registe. Si vedranno film dedicati a

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO

grandi fotografi come Alberto Garcia Alix, ma anche rivisitazioni dei mitici anni degli Spaghetti Western. Apre la rassegna il film "Yuli" di Icìar Bollain, la regista sarà presente. Tantissimi gli altri film interessanti in calendario. Il 17,18 e 19 maggio sarà la volta della "Muestra de Cine Mexicano", che si svolgerà a la Casa del Cinema e porterà lo sguardo sulla produzione del Paese americano che a Roma ha come ambasciatore Juan J. Guerra Abud. Ma non di soli film si parla in questi giorni nei luoghi di cultura legati all'ambasciata di Spagna: è stata da poco inaugurata e si potrà vedere fino al 2 giugno alla Real Academia de Espana che si trova in piazza S. Pietro in Montorio, la mostra "L'Ultimo Espaliù", dedicata aPepeEspaliù. L'esposizione ripercorre gli ultimi anni dell'artista andaluso, scomparso nel 1993 dopo un periodo segnato dall'Aids. Diciannove le opere visibili, molte sono state realizzate nel tempo che il protagonista ha trascorso a Roma proprio nella sua veste di borsista all'Accademia. Performance, disegni su carta, e a corredo anche lavori di personalità italiane che ripercorrono le stesse tematiche trattate da Espaliù. Paola Pisa


settimanali


CULTURA CINEMA SPAGNOLO

aul Laverty avvocato e sceneggiatore. Nasce a Calcutta, in India, da madre irlandese e padre scozzese. Laurea in Filosofia presso l'Università Gregoriana di Roma, laurea in Legge presso la Strathclyde Law School di Glasgow. Nella metà degli anni Ottanta si trasferisce in Nicaragua, dove vive per quasi tre anni, operando per i diritti umani in un'organizzazione nazionale nicaraguense, durante il conflitto tra il governo eletto (i Sandinisti) e i Contras, sostenuti dagli Stati Uniti. Con la sua prima sceneggiatura, La canzone di Carla, si avvicina al regista Ken Loach. Ne diventerà uno dei suoi più assidui e stretti collaboratori e insieme realizzeranno film importanti quali My Nome is Joe (premio per

il miglior attore a Peter Mullan a Cannes), Bread and Roses, Siveet Sixteen (migliore sceneggiatura originale a Cannes), // vento che accarezza l'erba (Palma d'oro nel 2006) ed /, Daniel Blake (Palma d'oro nel 2016). Suo il lavoro di scrittura del nuovo film di Loach Sony We Missed You in concorso al Festival di Cannes imminente (14-25 maggio). Laverty ha un metodo di lavoro, che prevede un lungo periodo di studio e approfondite ricerche sul tema, il contesto, i registri discorsivi che affronta, prima di stendere h first draft. Ha firmato la sceneggiatura di Tambìen La Lluvia (premio del pubblico al Festival di Berlino 2010) e del più recente Yuli (premio per la miglior sceneggiatura al Festival di San Sebastian), evento inaugurale del Festival del cinema spagnolo a Roma (e in varie città

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


fino all'8 giugno), direrri enttambi da Iciar Bollain. Yuli è un composito ritratto della vita di Carlos Acosta, stella della danza, nipote di uno schiavo e figlio di un trasportatore, che riesce ad emergere dalla miseria di Cuba e conquistare la scena internazionale, grazie alla volontà pertinace del padre autoritario, durissimo, eppure testardamente consapevole dello straordinario talento del figlio ribelle. Paul Laverty, ci permetta di dirle qualcosa sul nostro giornale, è un settimanale impegnato su temi culturali, economici, ambientali nella prospettiva di ciò che oggi la parola Left rappresenta. L'acronimo significa: libertà (quindi diritti umani e civili), eguaglianza e politiche internazionali, solidarietà e trasformazioni globali, ma anche dinamiche di trasfor-

mazione umana. Film, cinema e arte sono momenti importanti della nostra vita e della nostra esperienza, anche per questo le siamo particolarmente grati per questa occasione di incontro al Festival del cinema spagnolo che ha presentato in anteprima Yuli, diretto da Iciar Bollain e scritto da lei. Cominciamo parlando della sua esperienza di avvocato? Beh... è stato tanto tempo fa! Ero giovane, mi occupavo di diritto civile e penale nella città di Glasgow. Ho imparato molto. Soprattutto dalla gente che incontravo. Mi consentiva di accedere a molti mondi che non conoscevo, ma anche alla violenza, alla povertà presenti in quelle tealtà e molto altro. Era anche un lavoro difficile dal momento che venivamo lasciati a noi stessi e ai nostri mezzi con una piccola supervisione. Lì ho imparato che la legge può essere usata anche come strumento politico. Qualche volta intentavamo cause, pur sapendo che non avremmo mai potuto vincere, ma volevamo attirare l'attenzione sul problema in sé, ad esempio sulla questione dei "senza dimora". Più tardi in Nicaragua, ho lavorato per una organizzazione per i diritti umani ed ho avuto modo di testimoniare la guetra praticata dagli Stati Uniti contro il Nicaragua. Questo rende ancora più penoso fattuale conflitto in Nicaragua con I aberrazione di Daniel Orteea, ma è un'altra lunga storia. Qual è l'eredità di questa esperienza professionale nel suo approccio alla scrittura? Eredirà? Domanda interessante. Forse mi ha aiutato nella scrittura cinemarografica. In entrambi - la legge e la storia - si deve costruire un argomento e questo argomento deve essere cogente ed avere una sua logica interna. Deve avere una forma ed essere credibile. Deve assecondare un processo ed essere comprensibile per la quantità di informazioni che contiene. Talvolta si devono affrontare cose, che sono molto complicate nella loro natura e renderle semplici per rarie diventare sibili. Ma Ma e e una grande ide differenza! Con la comprensibili. story e la scrirrura per il cinema, io aspetto pazientemente il lunedì... Quali sono, secondo lei, le competenze e le abilità che uno sceneggiatore dovrebbe avere o ottenere? E molto difficile essere normativi. Deve esserci un po' di talento, io ctedo, come in ogni professione. Ma certamente scrivere un copione richiede un duro lavoro e molta determinazione. Bisogna combattere come un cane per l'osso per la story altrimenti non si riesce a realizzarla. Even The Rain ( Tambìen La Lluvia), un film che ho fatto con Iciar è stato un viaggio di 10 anni, non continuativi, ma tanto ci è voluto pet realizzarlo. Forse, riflettendoci, anche un certo grado di follia è utile. Lei è uno dei più importanti collaboratori di Ken Loach. Quanto è importante il rapporto umano, il

sentir comune, il modo di intendere il mondo nel

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


CULTURA CINEMA SPAGNOLO

\

Sopra. Paul Laverty s Ken Loach al Festival di Cannes. 13 maggio 2016. A destra una scena del film di Ken Loacn che verrà presentato a Cannes. SorryWe Missea You. In apertura Carlos Acosta in Yuli diretto dalla regista iciar Bollalo

suo lavoro (con lui e con altri registi) durante i diversi piani di elaborazione di una sceneggiatura? Qual è il legame tra lo sceneggiatore e il regista? Ho avuto una grande fortuna a lavorare con Iciar Bollain e Ken Loach. Siamo tutti e tre molto amici. Il rapporto tra due persone è qualcosa di unico, ma ci sono cose profonde che abbiamo in comune e condividiamo con Ken e Iciar. Entrambi sono registi ed io sono lo scrittore. Il tipo di lavoro è molto differente, ma noi riusciamo ad incontrarci a metà strada, perché tutti siamo impegnati nel fare un film. Enttambi sono collaboratori esigenti e generosi. Noi cerchiamo di essere duramente critici nei confronti del materiale e dì rurti i prò^t^mm^^mmm blemi che un film lascia emergere, li sottoponiamo a costanti giudizi e cerchiamo di discuterne nel modo migliore, al meglio delle nostre capacità. C'entra anche il fatto che siamo intimi amici e ci fidiamo l'uno dell altro. Non ci sono ego giganteschi o argomenti che ci ostacolino, almeno fino ad oggi! Ma pensa che uno sceneggiatore come lei potrebbe lavorare in modo personale ad un film di cui non è profondamente convinto?

In Yuli, la danza è non tanto spettacolo quanto parte del registro narrativo

No, non potrei lavorare ad un film in cui non credo o che non mi interessa o su cui non mi senro impegnato. Non potrei mai lavorarci. Se un progetto ti annoia fino alla morte, finirai per annoiare il pubblico fino alla morte con il tuo progetto. E poi ogni progetto ti prende grandi fette di vita, devi saper scegliere molro attentamente e sperare per il meglio Su quali temi è concentrato in questo momento? Stavo parlando con una giovane rifugiata sitiana, di circa 15 anni, non molto tempo fa. Diceva: "Attenzione al mondo". Insomma, un buon inizio per uno scrittote e forse per ciascuno di noi. Ma un buon rema non necessariamenre conduce ad una buona storia. C'è bisogno di una connessione intima, con la capacità di guardate dentro il mondo di quella storia e la scintilla umana che conticne.

C'è qualcosa - un'immagine, un'idea formale, una battuta o una parola - che la guidano durante il lavoro, il processo creativo, o di solito crea il personaggio e ne è guidato? Anche qui difficile essere univoci. Qualche volta mi passa per la menre un personaggio, come in Lonkingfor Eric. Lì ho visto e sentito il piccolo Eric che era l'opposto del calciatote Eric Cantona. Qualche volta i personaggi emergono a poco a poco, rivelando se stessi mentre il film va avanti. Non mi piace pensare rroppo al processo, si spera sempre che arda un fuoco e l'immaginazione non vada a \oioto. Qualche volta i personaggi emergono dal mondo della sroria o arrivano dopo aver posto una serie di domande. Chissà forse un giorno mi abbandoneranno ed io me ne andrò a zonzo in collina... Da dove nasce Yuli di Iciar Bollain? Ho cercato di parlare di Carlos, dopo che l'avevamo incontrato. Finora non avevo mai fatto l'adattamento della vita di qualcuno e non ero sicuro di poter trovare il modo giusto per farlo. Ma ero desideroso di lavorare con Iciar di nuovo e insieme a lei sarei andato a Cuba per vedere se era possibile trovare una srrada percorribile... Siamo rimasri affascinati dai giovani ballerini, un giorno parlavo ad una di loro durante una pausa delle prove e lei teneva una sigaretta in mano e nell'altra teneva ferma la gamba contro la fronte mentre chartava! Capisci?! Erano arristi ed arieti sbalordirivi, straordinari da vedere. E anche Carlos, incredibile. Così io ed Iciar ci siamo

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Il Festival del cinema spagnolo itinerante in Italia

i

I festival del cinema spagnolo dopo la tappa romana toccherà altre città. Dal 12 al 16 maggio a Torino dove il primo incontro con il regista Manuel Martin Cuenca autore di El autor, avverrà al Salone Internazionale del libro che quest'anno come ospite non ha un Paese ma una lingua, lo spagnolo, appunto, fino all'8 giugno il festival è itinerante tra Treviso. Trento, Campobasso, per poi toccare numerose altre città italiane Tra i film da segnalare: Alberto-Garcia Alix: La Linea De Sombra, esordio di Nicolas Combarro, su uno dei più importanti fotografi europei: Carmeny Lola di Arantxa Echeverria sul mondo dei gitani, La noche del2anos. di Alvaro Brechner. un omaggio a Pepe Mujica e Goodbye Rìngo, di Pere Marzo, sugli Spaghetti western girati in Spagna. Il programma completo: www.cinemaspagna.org

chiesti perché diavolo non usiamo quesro talento naturale. Questi ragazzi erano la "champions league"! Così, perché non usare la danza, con rutta la sua sortigliezza e il suo potere di suggestione, nonché bellezza, non tanto come spettacolo, quanto come parte del registro narrativo. È stata questa la grande scommessa. Ma più facile a dirlo, che a farlo. Iciar, a mio parere, ha fatto un lavoro brillante nella direzione degli attori, dei danzatori, dei coreografi e della musica. E riuscirà ad amalgamare l'insieme. Molto lavoro e molta determinazione. Ed è stato bellissimo vedere come tutti questi elementi procedessero insieme con il contributo di tutti. Come ha creato il personaggio principale di Carlos Acosta? Ho letto l'autobiografia di Carlos. Ho parlato con lui (sebbene non tanto quanto avrei voluto perché era spesso impegnato in viaggio), con i suoi amici e la sua famiglia. Ho visitato e provato ad assorbire gli umori di Cuba. Ho letto la storia del Paese. Infine ho otganizzato il materiale e ho scritto ciò che mi interessava. Ci sono migliaia di versioni della stessa vita. Sta a noi seguire il nostro istinto e fare ciò di cui siamo in grado. Il budget era molto esiguo così io ho mantenuto una mia personale disciplina nell'evìtare ciò che non era possibile fare. Ultima domanda, solo se ne ha voglia... Che cosa ne pensa della Brexit? Un terribile malinteso, una sfida, un problema? Le va di dire qualcosa a proposito? Consideri che anche nel nostro Paese una parte vorrebbe qualcosa di simile. Impossibile rispondere rapidamente su questo argomento, quindi solo una piccola notazione. La grande sfida per tutti noi, con o senza Brexit (dobbiamo

andate oltre questa crisi) è come costruire un futuro sostenibile. Questo non può accadere con l'attuale sistema, che per sua natura distrugge l'ambiente e sfrutta gli esseri umani su larga scala. Le cose non possono andare peggio - hanno pensato in molti, ed è necessario un cambiamento. La Brexir per molti è stata effetto della disperazione. Le corporation, i grandi asset industriali e finanziari dettano legge sulle nostre vite e comunità. Noi dobbiamo provare a guardare il quadro d'insieme, vedere come opera il potere nelle nosrre vite e nella collettività, e tirar fuori un progetto per tentare di riconfigurare una vita decente per ciascuno. Non può accadere con il capitalismo aggressivo e la disuguaglianza viziosa. Bisogna avere grande immaginazione e determinazione, lavorare rutti insieme. Non possiamo lasciare che questi potenti opportunisti creino scorciatoie o inventino capti espiatori come colpevolizzare pazzamente gli immigrati che fuggono dalla guerra, la fame o la miseria. Una domanda per costoro che li colpevolizzano: che cosa fareste voi al loro posto? Meglio tenere alta la soglia di attenzione su chi intende rendere ingiusto il mondo che colpevolizzare chi ne soffre le conseguenze. Gli opportunisti per loro natura cercano destinatari facilmente manipolabili e seminano divisioni. La strada più rapida per il potere appellarsi alla rabbia, mentre trovare autentiche soluzioni richiede pensiero, tempo e creatività. Dobbiamo ptestare ascolto. Abbiamo bisogno di essere critici, autocritici e molto coraggiosi. Più facile a dirsi che a farsi, ma non abbiamo altre chance. (ha collaborato alla traduzione Mina Gagliardi)

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


USCIRE, FARE, GUARDARE... Idee da segnare in agenda PER LA SETTIMANA DAL 2 ALI 8 M A G G I O

isabella Lechi G r e e n In occasione di Orticola (dal 17 maggio) Marie Claire Maison apre un Secret garden alle Gallerie d'Italia, per offrire un'oasi di pace nel cuore di Milano. Fino al 19 maggio. marieclaire.com/it/casa

Mercoledì 8

T e l e v i s i o n e Se amate la fantascienza, non perdete su Timvision la terza stagione di Humans:\n un futuro non troppo remoto la convivenza fra umani e androidi diventerà molto complessa, timvision.it MarTeClì /

C i n e m a Grande anteprima a Rama per il Festival del cinema spagnolo, con la proiezione di Yuli(sotto), sulla carriera sfolgorante del ballerino cubano Carlos Acosta. Fino all'8 maggio. cinemaspagna.org\j\OVeO\

7

_

Z

_

M U S I C O C'è tempo fino al 12 maggio per seguire Ravenna jazz e i suoi concerti cult: Yaron Herman (sopra),, l'8 maggio, Paolo Fresu, H i maggio, e ì N e w York voices, il 12 maggio, ravennajazz.org LUflSdl Ó

Libri A tutti gli aspiranti scrittori; a Civita di Bagnoregio [Vt) per tutto il weekend si può partecioare a laboratori di scrittura, Si replicherà il 16/17 maggio e il 3i maggio/1 0 giugno, civifaintuttiisensi.com L)oHP,enÌCQ D

C u l t u r a Parte oggi un mese Fittissimo di eventi grazie a Palermo delle donne: si parlerò di volontariato e impresa al femminile. N o i di Èffe non potevamo mancare: il 21 maggio al teatro Politeama il direttore Maria Elena Viola presenterà la tavola rotonda Lavoro e realizzazione professionale [sotto, la performance di Officine del Costume, dal 17 al 19 maggio], palermodelledonne.it

F e s t i v a l A Milano il Festival del silenzio porto in scena in modo lieve temi complessi come la fragilità umana e la dipendenza dalle tecnologie, con spettacoli dì performing arts [sopra, lo show del collettivo Fragile artists, in scena il A e 5 maggio]. Alla Fabbrica del Vapore Fino al 5 maggio, festivaldehilenzio.com V e n e r a i J

38EI.I.E

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO

oabatO-4


Cinema

Nuovi registi dalla Spagna e un omaggio a Pepe Mujica Dal 2 all'8 maggio al Farnese di Roma 12esima edizione del Festival del cinema spagnolo. Con opere prime e seconde. Tra gli ospiti, Rodrigo Sorogoyen, regista di El reino. Tra gli eventi, il 7 maggio La noche de 12 ahos, di Alvaro Brechner ispirato alla figura di Pepe Mujica. wwiu. cinemaspagna. org

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


SPAGNA CAPITALE Il cinema iberico e latinoamericano è a Roma col 12° Festival dei cinema spagnolo, dal 2 all'8/5 al cinema Farnese, www.cinemaspagna.org UBERI/E Torna, dal 3 al 12 maggio, il festival queer bergamasco Orlando Identità, relazioni, possibilità. 30 appuntamenti per raccontare corpi, generi e orientamenti sessuali, orlandofesthrai.it NOSTALGIA CANAGLIA 20 anni senza Stanley Kubrick e 30 senza Sergio Leone. Li ricorda lo Spazio Oberdan di Milano, con due corpose rassegne (fino al 3 e al 4 maggio), www.cinetecamilano.it ANCORA UNO Quarta edizione per i corti di Ennesimo film festival, a Fiorano Modenese (MO) dal 3 al 5/5. In giuria anche la nostra Alice Cucchetti. eflnesimorilmfestival.com 20 MILA EURO SOTTO I MARI L'edizione 2019 di Animaphix, festival internazionale di cinema d'animazione e arti visive, dovrà confrontarsi con due buchi di budget da 20 mila euro ciascuno: promesse che il comune di Bagheria (PA) non ha mantenuto, perché «la cultura non è un'emergenza», animaphix.com

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


%

uìnese

LA SPAGNA SULLO SCHERMO n'estrema varietà di generi e di tematiche caratterizza la 12° edizione del Festival del Cinema Spagnolo in programma dal 2 all' 8 maggio al cinema Farnese. Accanto ad una serie di film puntati sul sociale e sulla storia, vi sono anche vicende che legano il cinema alla danza, al teatro, al mondo dell'arte e della fotografia. È il caso del titolo scelto per inaugurare la rassegna "Yuli" che sarà proiettato alle 21 alla presenza della regista Icìar Bollaìn e che racconta la storia di Carlos Acosta, in arte Yuli, dalle umili origini a Cuba ai trionfi al Royal Ballet di Londra. Fra gli ospiti della rasse-

gna ci sarà anche un'altra regista, Arantxa Echeverria, che, il 3 maggio, alle 21 presenterà "Carmen y Lola", vincitore del premio Goya per l'opera prima, centrato sullo scandaloso amore fra due ragazze gitane. Il film sarà replicato anche il 5 e nella serata conclusiva. Fra le altre segnalazioni sabato 4 (ore 20.15),"Muchos hijos, un mono y un castillo", saga familiare di Gustavo Salmeròn, molto amata da Almodovar e diventata in patria un autentico cult-movie. • COSI I BIGLIETTI Cinema Farnese, Campo de' Fiori 56. Dal 2 all'8 maggio. Biglietti: 7 euro.

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


8/2/2019

Newsletter Kritik | di Ninni Radicini | Mostre d'Arte | Cinema | Recensione e present…

Federico II di Hohenstaufen non fu solo un grande politico e condottiero, ma anche un personaggio di rara intelligenza, un fine intellettuale e studioso capace di anticipare i tempi. Si circondò di poeti eccelsi, con cui fondò la Scuola Poetica Siciliana, alla base della nascita della letteratura italiana; i suoi interessi per il sapere e la ricerca comprendevano anche i campi della medicina, dell'astronomia e della matematica, fu uomo di potere e uomo di cultura. Sedici sale tematiche, disposte su tre piani, che attraverso accurate ricostruzioni scenografiche e tridimensionali, installazioni multimediali e l'utilizzo di tecnologie di ultima generazione, come il video mapping e supporti touch-screen, costituiranno un vero e proprio viaggio immersivo e multisensoriale alla scoperta di Federico II di Svevia: la nascita e la storia dei suoi antenati; l'incoronazione come Imperatore nella medievale Basilica di San Pietro; il suo rapporto con i papi e la Chiesa; la Crociata in Terrasanta; le mogli e la discendenza; la sua passione per la falconeria (fu autore di un prezioso trattato ancora oggi attuale e modernissimo); il suo sconfinato interesse per le arti, le scienze e il sapere, che hanno contribuito a creare l'immagine di un mito che, per la prima volta, viene racchiusa in un unico luogo. (Comunicato ufficio stampa Flaminia Casucci)

Prima del nuovo numero di Kritik... / Iniziative culturali Festival del Cinema Spagnolo 12a edizione, 02-08 maggio 2019 Cinema Farnese - Roma www.cinemaspagna.org Festival dedicato al cinema spagnolo e latinoamericano di qualità. L'immagine ufficiale di questa edizione del Festival è opera di Esteban Villalta Marzi, artista italo-spagnolo di fama internazionale che tra gli anni Ottanta e Novanta diventa un membro attivo del movimento artistico "Movida Madrilena", confermandosi come uno dei maggiori esponenti della Pop Art europea. L'inaugurazione della kermesse, la sera del 2 maggio, vedrà la proiezione in anteprima italiana di Yuli, lungometraggio di Icíar Bollaín (Te doy mis ojos; También la lluvia; El olivo), alla presenza della regista. Il film, premio come Miglior Sceneggiatura al festival di San Sebastian per Paul Laverty, ruota intorno alla biografia del celebre ballerino cubano Carlos Acosta, dalle umili origini a La Habana fino allo straordinario successo al National Ballet di Londra. Sarà distribuito in Italia da Exit Media. La manifestazione, che da sempre si è connotata come itinerante, farà quindi tappa in diverse città d'Italia, a partire dal Salone del Libro di Torino, dedicato quest'anno proprio alla lingua spagnola, per proseguire a Trento, Treviso, Verona, Campobasso, Padova, Genova, Reggio Calabria, Bari, Matera, Napoli e altre città. Tutte le proiezioni del Festival del Cinema Spagnolo sono in versione originale con sottotitoli in italiano. (Comunicato ufficio stampa Reggi&Spizzichino Communication)

Schule! Schule? Ordine e disciplina, dissenso e ribellione nella scuola e nell'educazione tedesca 15 gennaio - 26 marzo 2019, ore 17.30 Goethe-Institut Palermo (Cantieri Culturali alla Zisa) www.goethe.de/palermo

E' dedicata alla scuola la nuova rassegna cinematografica del Goethe-Institut Palermo, in collaborazione con Città di Palermo, Goethe-Zentrum Palermo, Il Canto di Los SudTitles, nell'ambito del cineclub la deutsche vita. Con 11 film, getterà uno sguardo sul sistema scolastico ed educativo della Germania di ieri e di oggi, per fare il punto sullo stato delle cose anche in Italia, per conoscere le luci delle buone prassi ma anche per segnalare problemi e ritardi sul campo. Luogo di confronto, crescita e promozione sociale per alcuni, istituzione disciplinare per altri, la scuola è da molti secoli una delle questioni più dibattute nella vita di persone di diversa cultura ed estrazione sociale. Parliamo di scuola a casa e in pubblico, esigiamo che sia al passo coi tempi e chiediamo che si trasformi di continuo, ne misuriamo gli esiti in funzione degli sbocchi lavorativi e riponiamo in essa speranze e aspettative. Più ancora della famiglia, la scuola è il primo vero nucleo in cui si sperimenta cos'è la società, con le sue gioie e i suoi limiti, le sue incomprensioni e i suoi conflitti. E' lì che si costruiscono le basi che contribuiscono a definire la nostra personalità: spesso a scuola hanno origine le amicizie, gli amori, i sogni e i desideri (ma anche gli odî e gli incubi) che formano le caratteristiche di ciascuno di noi. Il cinema ne ha fatto uno dei suoi temi ricorrenti in tutto il corso della sua storia, e nella rassegna pensata e promossa dal Goethe-Institut Palermo diretto da Heidi Sciacchitano, si assisterà all'evoluzione di questa istituzione in Germania, dall'impero austro-ungarico ai giorni nostri. Avremo modo di mettere in dubbio alcune delle nostre certezze e porci domande radicali, come quelle che ci offre Alphabet: è davvero così sicuro che abbiamo bisogno di scuola o dobbiamo piuttosto ripensare da capo le forme dell'educazione e dare alla formazione nuovi valori? Potremo sperimentare coi nostri occhi che forme di coercizione militaresca come quella di Freistatt non siano poi così lontane nel tempo, e comprenderemo come il rischio di un'obbedienza cieca possa ridiventare la regola se si abdica, come avviene in Die Welle, all'esercizio del pensiero critico. Assisteremo agli amori, tormentati e proibiti, che legano educande ed educatrici di un collegio come quello di Mädchen in Uniform, e potremo calarci nei panni degli studenti alle prese con la prima vera presa di posizione in Das schweigende Klassenzimmer. Proveremo anche a misurarci con la loro principale controparte, quella dei docenti, raccontati con le loro debolezze e vulnerabilità grazie alla tenera ironia di Der Wald vor lauter Bäumen o documentati nelle loro convinzioni pedagogiche nel premiato Zwischen den Stühlen. Se per molto tempo abbiamo pensato che la scuola riguardasse studenti e docenti, vedremo in che modo la convinzione contemporanea della necessità di un coinvolgimento attivo delle famiglie sia raccontato nelle forme parodiche e grottesche di Frau Müller muss weg!. Sarà, come sempre, anche un modo per misurarsi con linguaggi diversi del cinema: dalla commedia al film drammatico, dal documentario al film in costume, nonché un'occasione per attraversare con il cinema periodi diversi della storia e della cultura di lingua tedesca, tra film di ispirazione letteraria come il musiliano Der junge Törless e la rievocazione di eventi storici, come quello raccontato da Der ganz große Traum, con la rivoluzione che uno sport come il calcio può operare col suo arrivo nelle scuole del neonato Secondo Reich. E forse con Schule, Schule - Die Zeit nach Berg Fidel, alla presenza della regista Hella Wenders, nel corso di un incontro pubblico in una scuola di Palermo e di un confronto con istituzioni e operatori sul tema dell'inclusione e dei problemi connessi alla realtà dei diversamente abili, previsto nella mattina del martedì 5 febbraio, impareremo a parlare della necessità di più educazioni in funzione dei bisogni di ciascuno. Film d'apertura, proiettato il 15 gennaio alla Sala Wenders alle ore 17:30, Der junge Törless (I turbamenti del giovane Törless) riduzione del racconto di Robert Musil messo in scena per l'esordio cinematografico di Volker Schlöndorff. Come sempre, tutti i film saranno proiettati in lingua originale, con sottotitoli in italiano e a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Anche tutti gli altri film in rassegna verranno proposti nella Sala Wenders del Goethe-Institut Palermo. Per le scuole interessate sono previste proiezioni speciali di mattina, in giorni e orari da concordare. - Calendario delle proiezioni 15.1. Der junge törless (I turbamenti del giovane Törless) 22.1. Der wald vor lauter bäumen (The Forest for the Trees) 29.1. Die welle (L'Onda) 5.2. Schule schule - die zeit nach Berg Fidel (Scuola, scuola - dopo Berg Fidel)

http://www.ninniradicini.it/kritik/kritik.htm

41/54


mensili


RIVISTA DEL CINEMATOGRAFO Maggio 2019

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


SAVE THE DATE a cura di Gabriele Ferrari

L'AGENDA DEL MESE 9

2 - 8 MAGGIO Roma

FESTIVAL CINEMA SPAGNOLO 12esima edizione Parte a maggio a Roma (e a d aprile c'è già stato un antipasto a Firenze) ma continuerà a girare per l'Italia fino a dicembre, a n d a n d o a toccare 19 città diverse con proiezioni ed eventi: il festival dedicato al cinema spagnolo continua, per il dodicesimo anno, la sua tradizione "vagabonda". Nella Capitale il festival rimarrà dal 2 all'8 maggio: sarà l'occasione di vedere alcuni dei film più attesi provenienti dalla Spagna, in particolare L'educazione di Rey di Santiago Esteves, già accolto dagli applausi a Firenze. info: www.cinemaspaana.org

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


MAP MAGAZINE Aprile 2019

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------REGGI&SPIZZICHINO COMMUNICATION


web


intervista ad Arantxa Echevarria: https://dreamingcinema.it/festival-del-cinemaspagnolo-lintervista intervista ad Aranxa Echevarria: https://www.taxidrivers.it/116081/interviste/12festival-del-cinema-spagnolo-carmen-lola-intervista-alla-regista-del-film-arantxaechevarria.html https://cultura.gaiaitalia.com/2019/05/festival-del-cine-espanol-2019-entre-dosaguas-vistipervoi-da-alessandro-paesano-https/ https://cultura.gaiaitalia.com/2019/05/13179/ https://cultura.gaiaitalia.com/2019/05/festival-del-cine-espanol-2019-riuscitissimoalberto-garcia-alix-la-linea-de-sombras-vistipervoi-da-alessandro-paesano/ https://cultura.gaiaitalia.com/2019/05/festival-del-cine-espanol-2019-un-frettolosocarmen-y-lola-vistipervoi-da-alessandro-paesano/ http://stampacritica.org/2019/05/03/apertura-cubana-della-cine-movida-spagnola http://stampacritica.org/2019/05/04/la-via-lattea-quel-nostro-primo-amore-lesbogitano/ http://stampacritica.org/2019/05/06/regno-corruzione-azione-ed-espulsione/ http://stampacritica.org/2019/05/08/quella-sporca-dozzina-danni-sottoterra/ https://messinaweb.tv/cultura-e-arte/festival-del-cinema-spagnolo-tupamarosgiuditta-godano-incontra-emanuele-calo-video/ http://stampacritica.org/2019/05/09/quel-villaggio-cowboy-tevere-barcellona/ http://www.close-up.it/mudar-la-piel http://www.close-up.it/entre-dos-aguas https://www.lastampa.it/2019/05/12/torinosette/cinema-spagnolo-recente-ineditoWpnaFNCn8CqgmC50CNeLvM/premium.html http://www.senigallianotizie.it/1327487550/riconfermato-a-senigallia-il-festival-delcinema-spagnolo https://www.viveresenigallia.it/2019/05/29/torna-a-senigallia-il-festival-del-cinema-


spagnolo/732261/ https://www.piazzadispagna.es/event/exit-media-presenta-cinemaspagna-acampobasso/ https://zero.eu/it/eventi/75053-cinema-farnese-persol-la-programmazione,roma/ https://www.youtube.com/watch?v=CIOSmGksfDw http://www.torinotoday.it/eventi/cinema/programmazione/festival-del-cinemaspagnolo-1ho9pi.film https://www.ilmetropolitano.it/2019/02/06/roma-dal-2-all8-maggio-2019-il-festivaldel-cinema-spagnolo-12a-edizione/ http://web.quotidianopiemontese.it/cabiria/2019/05/10/a-torino-dal-12-al-16maggio-il-festival-del-cinema-spagnolo/#.XNlKc44zbIU https://www.mentelocale.it/torino/eventi/125496-festival-del-cinema-spagnolo-atorino.htm https://www.unsertirol24.com/2019/05/13/il-festival-del-cinema-spagnolo-allastradal-14-al-29-maggio/ https://www.oltrelecolonne.it/il-festival-del-cinema-spagnolo-allastra-dal-14-al-29maggio/ https://www.cinematown.it/2019-05-festival-del-cinema-spagnolo-programma/ https://www.spettacolo.eu/festival-del-cinema-spagnolo-al-salone-del-libro-torino/ https://www.giornalediplomatico.it/A-Torino-Festival-del-Cinema-Spagnolo-SpagnaOggi-Altri-mondi.htm http://www.cineon.it/2019/05/03/festival-del-cinema-spagnolo-goodbye-ringo-dipere-marzo-spaghetti-western-girati-in-spagna/ https://www.ilcinemaniaco.com/12a-edizione-del-festival-del-cinema-spagnoloprogramma-dettagliato/ https://www.farodiroma.it/al-cinema-farnese-a-roma-la-12-edizione-del-festival-delcinema-spagnolo/ https://www.piuculture.it/2019/05/2-8-05-festival-del-cinema-spagnolo/ https://www.spettacolo.eu/goodbye-ringo-festival-del-cinema-spagnolo-roma/ https://www.spettacolomania.it/festival-del-cinema-spagnolo-ospiti-anteprime-elomaggio-agli-spaghetti-western/ https://messinaweb.tv/cultura-e-arte/festival-del-cinema-spagnolo-a-distanza-direalta/ http://www.opinione.it/cultura/2019/05/06/dimitri-buffa_roma-cinema-farnese-


festival-cinema-lingua-spagnola-yuli-ic%C3%ADar-bolla%C3%ADn-exit-mediaregione-lazio-reale-accademia-spagna-instituto-cervantes-rai/ https://www.cinetvlandia.it/festival/festival-del-cinema-spagnolo-2019-a-roma-dal2-all8-maggio https://www.cinematographe.it/?p=379252&preview=true https://left.it/2019/05/02/da-yuli-allomaggio-a-pepe-mujica-a-roma-uno-sguardosullimmaginario-latinoamericano/ https://www.mydreams.it/al-via-la-dodicesima-edizione-del-festival-del-cinemaspagnolo/ https://messinaweb.tv/cultura-e-arte/enjoyable-festival-del-cinema-spagnolo-congiuditta-godano/ http://stampacritica.org/2019/04/30/la-cine-movida-spagnola-comincia-campo-defiori/ https://zero.eu/it/eventi/75053-cinema-farnese-persol-la-programmazione,roma/ http://www.nonsoloteatro.it/?p=7387#more-7387 https://www.radiocolonna.it/cinema-e-spettacolo/2019/05/02/cinema-spagna-la12esima-edizione-del-festival-del-cinema-spagnolo/ https://www.piuculture.it/2019/05/2-8-05-festival-del-cinema-spagnolo/ https://www.mydreams.it/al-via-la-dodicesima-edizione-del-festival-del-cinemaspagnolo/ https://www.ezrome.it/notizie/comunicati/11662-al-cinema-farnese-la-12-edizionedel-festival-del-cinema-spagnolo https://www.empireonline.it/2019/04/24/festival-del-cinema-spagnolo-ilprogramma-della-12-edizione/ https://www.pressview.it/torna-il-festival-del-cinema-spagnolo-a-roma-ecco-tutto-ilprogramma/ https://news.cinecitta.com/IT/it-it/news/53/78373/festival-del-cinema-spagnoloapre-la-storia-di-yuli-ballerino-cubano.aspx https://www.itagnol.com/2019/04/festival-del-cinema-spagnolo-a-roma-ecco-ledate-della-12edizione/ https://www.lastampa.it/2019/04/30/spettacoli/il-cinema-spagnolo-protagonista-a-


roma-e-poi-a-torino-al-salone-del-libro-tKcZIA3JpU5DwXMzp1WI3H/premium.html http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/rubriche/cultura/2019/04/26/cinema -torna-a-roma-il-festival-del-film-spagnolo_390d3ff8-af04-4c15-ab9420eeb738d3af.html https://www.quotidianpost.it/festival-del-cinema-spagnolo-a-roma-dal-2-all8maggio/? fbclid=IwAR1UTgU4avUr_lTUe8aUwl94yTjFvDM1egjecAdVrvI20W608B2K1c8FQ7A http://www.raccontardicinema.it/2019/04/28/festival-del-cinema-spagnolo-12aedizione/ https://www.movietrainer.com/whatsup/12-edizione-del-festival-del-cinemaspagnolo http://www.rbcasting.com/?p=129013 https://cultura.gaiaitalia.com/2019/04/festival-del-cine-espanol-2019-vistipervoi-daalessandro-paesano/ https://www.cinematografo.it/news/festival-maggio-2019/ http://www.lostrillo.it/showDocuments.php?pgCode=G20I228R29019&id_tema=30 https://www.nuovarassegna.it/spettacoli/al-farnese-dal-2-all8-maggio-torna-ilfestival-del-cinema-spagnolo https://www.ilmessaggero.it/spettacoli/cinema/festival_del_cinema_spagnolo_cine ma_farnese_iciar_bollain_pepe_mujica-4449284.html https://cultura.gaiaitalia.com/2019/04/festival-del-cine-espanol-2019-vistipervoi-daalessandro-paesano/ https://www.zerkalospettacolo.com/festival-del-cinema-spagnolo-2019/ https://dreamingcinema.it/festival-del-cinema-spagnolo-dreamingcinema-it/ https://www.cinematographe.it/news/festival-del-cinema-spagnolo-2019programma/ http://ilpareredellingegnere.altervista.org/index.php? option=com_content&task=view&id=6714 https://www.fashionluxury.info/it/cinema/2019/04/24/festival-del-cinemaspagnolo-12a-edizione/ http://www.lumagazine.it/2019/04/24/festival-del-cinema-spagnolo-a-roma-dal-2all8-maggio-la-12a-edizione/ https://www.evensi.it/alberto-garci-alix-inea-sombra-week/305826121 https://www.pressview.it/torna-il-festival-del-cinema-spagnolo-a-roma-ecco-tutto-ilprogramma/


https://news.cinecitta.com/IT/it-it/news/53/77656/festival-del-cinema-spagnoloroma-2-8-maggio.aspx https://www.viviroma.it/index.php? option=com_community&view=events&task=viewevent&eventid=3572&Itemid=128 http://www.giornalismomultimediale.it/blog/festival-del-cinema-spagnolo-12aedizione/ http://darumaview.it/2019/festival-del-cinema-spagnolo-2019-maggio http://www.lumagazine.it/2019/02/11/festival-del-cinema-spagnolo-2019-a-romadal-2-all8-maggio/ https://www.lospecialegiornale.it/2019/02/07/festival-del-cinema-spagnolo-aroma-dal-2-all8-maggio/ https://www.cinetvlandia.it/festival/festival-del-cinema-spagnolo-2019-a-roma-dal2-all8-maggio http://darumaview.it/2019/festival-del-cinema-spagnolo-2019-maggio http://www.intothemovie.com/index.php? option=com_content&view=article&catid=6:eventi&id=6723:FESTIVAL-DEL-CINEMASPAGNOLO-2019-A-ROMA-DAL-2-ALL8-MAGGIO&Itemid=26 http://www.classtravel.it/2019/03/26/festival-del-cinema-spagnolo-12a-edizione/ https://www.accioncultural.es/es/cinemaspagna_festival_cine_espa_ol_roma https://www.mediatime.net/magazine/spettacolo/24/04/2019/festival-del-cinemaspagnolo-a-roma-la-12-edizione-2/ https://www.cinematografo.it/news/piazza-di-spagna-2/ http://www.cinemotore.com/?p=144378 https://www.pressview.it/festival-del-cinema-spagnolo-a-maggio-parte-ladodicesima-edizione-iniziando-da-roma/ http://www.060608.it/it/eventi-e-spettacoli/manifestazioni/festival-del-cinemaspagnolo-4.html https://www.mediatime.net/magazine/spettacolo/06/02/2019/festival-del-cinemaspagnolo-a-roma-la-12-edizione/ https://www.rbcasting.com/eventi/2019/02/06/yuli-apre-il-festival-del-cinemaspagnolo/ http://www.ilmetropolitano.it/2019/02/06/roma-dal-2-all8-maggio-2019-il-festivaldel-cinema-spagnolo-12a-edizione/ https://www.romadailynews.it/eventi/festival-del-cinema-spagnolo-dal-2-all-8maggio-roma-0380615/ https://www.cinematographe.it/news/festival/festival-del-cinema-spagnolo-12edizione/


https://www.giornalediplomatico.it/Il-12A-Festival-del-Cinema-Spagnolo-al-CinemaFarnese-dal-2-all-8-maggio-e-poi-itinerante.htm http://www.distampa.com/cinema-spagnolo-12-festival-a-maggio/ https://www.ezrome.it/notizie/comunicati/11005-festival-del-cinema-spagnolo-12edizioneroma-2-8-maggio-2019-cinema-farnese https://www.primapaginanews.it/articoli/roma-dal-2-all-8-magio-12-edizione-delfestival-del-cinema-spagnolo-446727 https://www.fashionluxury.info/it/cinema/2019/02/07/festival-del-cinemaspagnolo-2/ http://messinaweb.tv/cultura-e-arte/il-romano-esteban-villalta-marzi-firma-lalocandina-del-12-mo-festival-del-cinema-spagnolo/ http://www.globusmagazine.it/festival-del-cinema-spagnolo-2019-roma-dal-2-all8maggio/ https://www.teatrionline.com/2019/02/festival-del-cinema-spagnolo-12-edizione/ https://spettacoli.tiscali.it/cinema/articoli/piazza-spagna/


Testata: Il Secolo XIX    Giorno: 22 ottobre 2019     

         

 

 

 

 

                    Pagina: 28  


13 Ottobre 2019 - Il Mattino di Padova

PRESSToday (licia.gargiulo@gmail.com)

pag. 51

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Testata: Il Secolo XIX    Giorno: 22 ottobre 2019       

         

 

 

 

 

                    Pagina: 29  


15 Ottobre 2019 - La Gazzetta del Mezzogiorno (ed. Bari)

PRESSToday (licia.gargiulo@gmail.com)

pag. 46

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


17 Ottobre 2019 - La Gazzetta del Mezzogiorno (ed. Bari)

PRESSToday (licia.gargiulo@gmail.com)

pag. 44

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


Testata: La Repubblica (ed. Genova)    Giorno: 22 ottobre 2019       

 

         

 

 

 

 

                    Pagina: 19  


Testata: La Repubblica (ed. Genova)    Giorno: 22 ottobre 2019           

         

 

 

 

 

                    Pagina: 13 


22 Ottobre 2019 - La Repubblica (ed. Milano)

PRESSToday (licia.gargiulo@gmail.com)

pag. 18

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


15 Ottobre 2019 - La Repubblica (ed. Bari)

PRESSToday (licia.gargiulo@gmail.com)

pag. 13

Salvo per uso personale e' vietato qualunque tipo di redistribuzione con qualsiasi mezzo.


CULTURA CINEMA SPAGNOLO

aul Laverty avvocato e sceneggiatore. Nasce a Calcutta, in India, da madre irlandese e padre scozzese. Laurea in Filosofia presso l'Università Gregoriana di Roma, laurea in Legge presso la Strathclyde Law School di Glasgow. Nella metà degli anni Ottanta si trasferisce in Nicaragua, dove vive per quasi tre anni, operando per i diritti umani in un'organizzazione nazionale nicaraguense, durante il conflitto tra il governo eletto (i Sandinisti) e i Contras, sostenuti dagli Stati Uniti. Con la sua prima sceneggiatura, La canzone di Carla, si avvicina al regista Ken Loach. Ne diventerà uno dei suoi più assidui e stretti collaboratori e insieme realizzeranno film importanti quali My Nome is Joe (premio per

il miglior attore a Peter Mullan a Cannes), Bread and Roses, Siveet Sixteen (migliore sceneggiatura originale a Cannes), // vento che accarezza l'erba (Palma d'oro nel 2006) ed /, Daniel Blake (Palma d'oro nel 2016). Suo il lavoro di scrittura del nuovo film di Loach Sony We Missed You in concorso al Festival di Cannes imminente (14-25 maggio). Laverty ha un metodo di lavoro, che prevede un lungo periodo di studio e approfondite ricerche sul tema, il contesto, i registri discorsivi che affronta, prima di stendere h first draft. Ha firmato la sceneggiatura di Tambìen La Lluvia (premio del pubblico al Festival di Berlino 2010) e del più recente Yuli (premio per la miglior sceneggiatura al Festival di San Sebastian), evento inaugurale del Festival del cinema spagnolo a Roma (e in varie città

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


fino all'8 giugno), direrri enttambi da Iciar Bollain. Yuli è un composito ritratto della vita di Carlos Acosta, stella della danza, nipote di uno schiavo e figlio di un trasportatore, che riesce ad emergere dalla miseria di Cuba e conquistare la scena internazionale, grazie alla volontà pertinace del padre autoritario, durissimo, eppure testardamente consapevole dello straordinario talento del figlio ribelle. Paul Laverty, ci permetta di dirle qualcosa sul nostro giornale, è un settimanale impegnato su temi culturali, economici, ambientali nella prospettiva di ciò che oggi la parola Left rappresenta. L'acronimo significa: libertà (quindi diritti umani e civili), eguaglianza e politiche internazionali, solidarietà e trasformazioni globali, ma anche dinamiche di trasfor-

mazione umana. Film, cinema e arte sono momenti importanti della nostra vita e della nostra esperienza, anche per questo le siamo particolarmente grati per questa occasione di incontro al Festival del cinema spagnolo che ha presentato in anteprima Yuli, diretto da Iciar Bollain e scritto da lei. Cominciamo parlando della sua esperienza di avvocato? Beh... è stato tanto tempo fa! Ero giovane, mi occupavo di diritto civile e penale nella città di Glasgow. Ho imparato molto. Soprattutto dalla gente che incontravo. Mi consentiva di accedere a molti mondi che non conoscevo, ma anche alla violenza, alla povertà presenti in quelle tealtà e molto altro. Era anche un lavoro difficile dal momento che venivamo lasciati a noi stessi e ai nostri mezzi con una piccola supervisione. Lì ho imparato che la legge può essere usata anche come strumento politico. Qualche volta intentavamo cause, pur sapendo che non avremmo mai potuto vincere, ma volevamo attirare l'attenzione sul problema in sé, ad esempio sulla questione dei "senza dimora". Più tardi in Nicaragua, ho lavorato per una organizzazione per i diritti umani ed ho avuto modo di testimoniare la guetra praticata dagli Stati Uniti contro il Nicaragua. Questo rende ancora più penoso fattuale conflitto in Nicaragua con I aberrazione di Daniel Orteea, ma è un'altra lunga storia. Qual è l'eredità di questa esperienza professionale nel suo approccio alla scrittura? Eredirà? Domanda interessante. Forse mi ha aiutato nella scrittura cinemarografica. In entrambi - la legge e la storia - si deve costruire un argomento e questo argomento deve essere cogente ed avere una sua logica interna. Deve avere una forma ed essere credibile. Deve assecondare un processo ed essere comprensibile per la quantità di informazioni che contiene. Talvolta si devono affrontare cose, che sono molto complicate nella loro natura e renderle semplici per rarie diventare sibili. Ma Ma e e una grande ide differenza! Con la comprensibili. story e la scrirrura per il cinema, io aspetto pazientemente il lunedì... Quali sono, secondo lei, le competenze e le abilità che uno sceneggiatore dovrebbe avere o ottenere? E molto difficile essere normativi. Deve esserci un po' di talento, io ctedo, come in ogni professione. Ma certamente scrivere un copione richiede un duro lavoro e molta determinazione. Bisogna combattere come un cane per l'osso per la story altrimenti non si riesce a realizzarla. Even The Rain ( Tambìen La Lluvia), un film che ho fatto con Iciar è stato un viaggio di 10 anni, non continuativi, ma tanto ci è voluto pet realizzarlo. Forse, riflettendoci, anche un certo grado di follia è utile. Lei è uno dei più importanti collaboratori di Ken Loach. Quanto è importante il rapporto umano, il

sentir comune, il modo di intendere il mondo nel

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


CULTURA CINEMA SPAGNOLO

\

Sopra. Paul Laverty s Ken Loach al Festival di Cannes. 13 maggio 2016. A destra una scena del film di Ken Loacn che verrà presentato a Cannes. SorryWe Missea You. In apertura Carlos Acosta in Yuli diretto dalla regista iciar Bollalo

suo lavoro (con lui e con altri registi) durante i diversi piani di elaborazione di una sceneggiatura? Qual è il legame tra lo sceneggiatore e il regista? Ho avuto una grande fortuna a lavorare con Iciar Bollain e Ken Loach. Siamo tutti e tre molto amici. Il rapporto tra due persone è qualcosa di unico, ma ci sono cose profonde che abbiamo in comune e condividiamo con Ken e Iciar. Entrambi sono registi ed io sono lo scrittore. Il tipo di lavoro è molto differente, ma noi riusciamo ad incontrarci a metà strada, perché tutti siamo impegnati nel fare un film. Enttambi sono collaboratori esigenti e generosi. Noi cerchiamo di essere duramente critici nei confronti del materiale e dì rurti i prò^t^mm^^mmm blemi che un film lascia emergere, li sottoponiamo a costanti giudizi e cerchiamo di discuterne nel modo migliore, al meglio delle nostre capacità. C'entra anche il fatto che siamo intimi amici e ci fidiamo l'uno dell altro. Non ci sono ego giganteschi o argomenti che ci ostacolino, almeno fino ad oggi! Ma pensa che uno sceneggiatore come lei potrebbe lavorare in modo personale ad un film di cui non è profondamente convinto?

In Yuli, la danza è non tanto spettacolo quanto parte del registro narrativo

No, non potrei lavorare ad un film in cui non credo o che non mi interessa o su cui non mi senro impegnato. Non potrei mai lavorarci. Se un progetto ti annoia fino alla morte, finirai per annoiare il pubblico fino alla morte con il tuo progetto. E poi ogni progetto ti prende grandi fette di vita, devi saper scegliere molro attentamente e sperare per il meglio Su quali temi è concentrato in questo momento? Stavo parlando con una giovane rifugiata sitiana, di circa 15 anni, non molto tempo fa. Diceva: "Attenzione al mondo". Insomma, un buon inizio per uno scrittote e forse per ciascuno di noi. Ma un buon rema non necessariamenre conduce ad una buona storia. C'è bisogno di una connessione intima, con la capacità di guardate dentro il mondo di quella storia e la scintilla umana che conticne.

C'è qualcosa - un'immagine, un'idea formale, una battuta o una parola - che la guidano durante il lavoro, il processo creativo, o di solito crea il personaggio e ne è guidato? Anche qui difficile essere univoci. Qualche volta mi passa per la menre un personaggio, come in Lonkingfor Eric. Lì ho visto e sentito il piccolo Eric che era l'opposto del calciatote Eric Cantona. Qualche volta i personaggi emergono a poco a poco, rivelando se stessi mentre il film va avanti. Non mi piace pensare rroppo al processo, si spera sempre che arda un fuoco e l'immaginazione non vada a \oioto. Qualche volta i personaggi emergono dal mondo della sroria o arrivano dopo aver posto una serie di domande. Chissà forse un giorno mi abbandoneranno ed io me ne andrò a zonzo in collina... Da dove nasce Yuli di Iciar Bollain? Ho cercato di parlare di Carlos, dopo che l'avevamo incontrato. Finora non avevo mai fatto l'adattamento della vita di qualcuno e non ero sicuro di poter trovare il modo giusto per farlo. Ma ero desideroso di lavorare con Iciar di nuovo e insieme a lei sarei andato a Cuba per vedere se era possibile trovare una srrada percorribile... Siamo rimasri affascinati dai giovani ballerini, un giorno parlavo ad una di loro durante una pausa delle prove e lei teneva una sigaretta in mano e nell'altra teneva ferma la gamba contro la fronte mentre chartava! Capisci?! Erano arristi ed arieti sbalordirivi, straordinari da vedere. E anche Carlos, incredibile. Così io ed Iciar ci siamo

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Il Festival del cinema spagnolo itinerante in Italia

i

I festival del cinema spagnolo dopo la tappa romana toccherà altre città. Dal 12 al 16 maggio a Torino dove il primo incontro con il regista Manuel Martin Cuenca autore di El autor, avverrà al Salone Internazionale del libro che quest'anno come ospite non ha un Paese ma una lingua, lo spagnolo, appunto, fino all'8 giugno il festival è itinerante tra Treviso. Trento, Campobasso, per poi toccare numerose altre città italiane Tra i film da segnalare: Alberto-Garcia Alix: La Linea De Sombra, esordio di Nicolas Combarro, su uno dei più importanti fotografi europei: Carmeny Lola di Arantxa Echeverria sul mondo dei gitani, La noche del2anos. di Alvaro Brechner. un omaggio a Pepe Mujica e Goodbye Rìngo, di Pere Marzo, sugli Spaghetti western girati in Spagna. Il programma completo: www.cinemaspagna.org

chiesti perché diavolo non usiamo quesro talento naturale. Questi ragazzi erano la "champions league"! Così, perché non usare la danza, con rutta la sua sortigliezza e il suo potere di suggestione, nonché bellezza, non tanto come spettacolo, quanto come parte del registro narrativo. È stata questa la grande scommessa. Ma più facile a dirlo, che a farlo. Iciar, a mio parere, ha fatto un lavoro brillante nella direzione degli attori, dei danzatori, dei coreografi e della musica. E riuscirà ad amalgamare l'insieme. Molto lavoro e molta determinazione. Ed è stato bellissimo vedere come tutti questi elementi procedessero insieme con il contributo di tutti. Come ha creato il personaggio principale di Carlos Acosta? Ho letto l'autobiografia di Carlos. Ho parlato con lui (sebbene non tanto quanto avrei voluto perché era spesso impegnato in viaggio), con i suoi amici e la sua famiglia. Ho visitato e provato ad assorbire gli umori di Cuba. Ho letto la storia del Paese. Infine ho otganizzato il materiale e ho scritto ciò che mi interessava. Ci sono migliaia di versioni della stessa vita. Sta a noi seguire il nostro istinto e fare ciò di cui siamo in grado. Il budget era molto esiguo così io ho mantenuto una mia personale disciplina nell'evìtare ciò che non era possibile fare. Ultima domanda, solo se ne ha voglia... Che cosa ne pensa della Brexit? Un terribile malinteso, una sfida, un problema? Le va di dire qualcosa a proposito? Consideri che anche nel nostro Paese una parte vorrebbe qualcosa di simile. Impossibile rispondere rapidamente su questo argomento, quindi solo una piccola notazione. La grande sfida per tutti noi, con o senza Brexit (dobbiamo

andate oltre questa crisi) è come costruire un futuro sostenibile. Questo non può accadere con l'attuale sistema, che per sua natura distrugge l'ambiente e sfrutta gli esseri umani su larga scala. Le cose non possono andare peggio - hanno pensato in molti, ed è necessario un cambiamento. La Brexir per molti è stata effetto della disperazione. Le corporation, i grandi asset industriali e finanziari dettano legge sulle nostre vite e comunità. Noi dobbiamo provare a guardare il quadro d'insieme, vedere come opera il potere nelle nosrre vite e nella collettività, e tirar fuori un progetto per tentare di riconfigurare una vita decente per ciascuno. Non può accadere con il capitalismo aggressivo e la disuguaglianza viziosa. Bisogna avere grande immaginazione e determinazione, lavorare rutti insieme. Non possiamo lasciare che questi potenti opportunisti creino scorciatoie o inventino capti espiatori come colpevolizzare pazzamente gli immigrati che fuggono dalla guerra, la fame o la miseria. Una domanda per costoro che li colpevolizzano: che cosa fareste voi al loro posto? Meglio tenere alta la soglia di attenzione su chi intende rendere ingiusto il mondo che colpevolizzare chi ne soffre le conseguenze. Gli opportunisti per loro natura cercano destinatari facilmente manipolabili e seminano divisioni. La strada più rapida per il potere appellarsi alla rabbia, mentre trovare autentiche soluzioni richiede pensiero, tempo e creatività. Dobbiamo ptestare ascolto. Abbiamo bisogno di essere critici, autocritici e molto coraggiosi. Più facile a dirsi che a farsi, ma non abbiamo altre chance. (ha collaborato alla traduzione Mina Gagliardi)

FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO


Testata: Metro  Giorno: 15 ottobre 2019  Pagina: 14     

         


CINEMA: A NAPOLI FESTIVAL CINEMA SPAGNOLO, MADRINA ROSSY DEPALMA = (AGI) - Napoli, 27 giu. - Nell'ambito dell'accodo pluriennale tra l'Ambasciata di Spagna in Italia e la Fondazione Foqus per la rigenerazione urbana dei Quartieri spagnoli a Napoli, dopo la donazione dell'opera Hermanos di Jose' Molinas, nasce il Festival del Cinema Spagnolo. Per la prima volta nasce un'arena estiva di cinema con grande schermo nei quartieri a scacchiera sorti nel XVI secolo per acquartierare le truppe spagnole e 'bonificati' da don Pedro da Toledo, nella quale verranno proiettati una selezione dei migliori titoli spagnoli dell'ultima stagione, in versione originale con sottotitoli in italiano. Il cinema all'aperto e' nella corte interna della Fondazione, con 200 posti a sedere, e sara' utilizzato anche in autunno e inverno prossimo. La manifestazione, curata da Exit Media, diretta da Federico Sartori e Iris Martin-Peralta e realizzata con il sostegno dell'Ambasciata di Spagna e di AC/E, il Ministero della Cultura spagnolo, si terra' dal 16 al 20 luglio prossimi, con una proposta di 5 lungometraggi e una selezione di cortometraggi che dimostra la vitalita' e l'eterogeneita' del cinema spagnolo, dando il via a una programmazione che si ripetera' ogni estate nei prossimi anni e a cui partecipera' la Film Commission Regione Campania, l'Accademia di Belle Arti di Napoli, il Comune di Napoli, l'Istituto Cervantes di Napoli, l'Ente del Turismo Spagnolo e la Fondazione con il Sud e sponsor privati. (AGI)Lil (Segue) 271128 GIU 19

CINEMA: A NAPOLI FESTIVAL CINEMA SPAGNOLO, MADRINA ROSSY DEPALMA (2)= (AGI) - Napoli, 27 giu. - Madrina di eccezione per questa edizione Rossy De Palma, musa del regista Pedro Almodo'var, che inaugurera' la manifestazione con il cult 'Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull'orlo di una crisi di nervi' di Almodo'var. L'attrice ricevera' anche il Premio Quartieri Spagnoli di Napoli, un premio che la Fondazione Foqus ha voluto per accompagnare questa


prima edizione del festival e che sara' assegnato ogni anno a un artista spagnolo che meglio interpreta la relazione antica tra Napoli e la Spagna, attraverso l'arte, la cultura, uno stile di vita che ne denoti una particolare passione per la vita. Il programma sostenuto anche dalla Cineteca Basca vede anche 'Carmen y Lola', opera prima di Arantxa Echevarria, una potente favola gitana, applaudita al festival di Cannes e fresca vincitrice di due Premi Goya come miglior opera prima e miglior attrice esordiente; l'esilarante 'Muchos hijos, un mono y un castillo / Molti figli, una scimmia e un castello' di Gustavo Salmeron, altro Premio Goya, caso cinematografico in Spagna e campione al box office; 'Yuli' di Ici'ar Bollai'n, in anteprima assoluta, biopic sul ballerino cubano Carlos Acosta, leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare poiche' preferiva il pallone; e l'acclamata commedia 'Campeones' di Javier Fesser, miglior film agli ultimi Premio Goya, che racconta la storia di un allenatore di pallacanestro condannato a nove mesi di servizi sociali ad allenare una squadra di persone con disabilita' intellettiva, in collaborazione con il Centro Argo. Il cartellone e' arricchito da una selezione di corti targati Kimuak. (AGI)Lil 271128 GIU 19


Dir. Resp.:Federico Monga Tiratura: 51.367 Diffusione: 34.682 Lettori: 646.000

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

405-139-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 29/06/19 Edizione del:29/06/19 Estratto da pag.:42 Foglio:1/2

Peso:33% Servizi di Media Monitoring

2


Dir. Resp.:Carlo Verdelli Tiratura: 274.934 Diffusione: 179.208 Lettori: 2.080.000

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

405-139-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 29/06/19 Edizione del:29/06/19 Estratto da pag.:22 Foglio:1/1

Peso:26% Servizi di Media Monitoring

4


Dir. Resp.:Enzo d’Errico Tiratura: 299.900 Diffusione: 215.135 Lettori: 2.107.000

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

405-139-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 29/06/19 Edizione del:29/06/19 Estratto da pag.:18 Foglio:1/2

Peso:47% Servizi di Media Monitoring

5


Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

405-139-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 29/06/19 Edizione del:29/06/19 Estratto da pag.:18 Foglio:2/2

Peso:47% Servizi di Media Monitoring

6


1/7/2019

A Napoli il Festival del Cinema Spagnolo: ospite Rossy de Palma, attrice icona di Almodovar Eventi a Napoli

A Napoli il Festival del Cinema Spagnolo: madrina Rossy de Palma, attrice icona di Almodóvar Foqus - Fondazione Quartieri Spagnoli Via Portacarrese a Montecalvario, 69 Dal 16/07/2019 al 20/07/2019 Orario non disponibile Prezzo non disponibile

Redazione 27 giugno 2019 10:20

N

ell’ambito dell’accodo pluriennale tra l’Ambasciata di Spagna in Italia e la Fondazione FOQUS, dopo la donazione dell’opera “Hermanos” di Josè Molinas, la Spagna ritorna ai Quartieri Spagnoli questa volta presentando insieme alla Fondazione, il Festival del Cinema Spagnolo.

Portando per la prima volta un’arena estiva di cinema su grande schermo ai Quartieri, nel corso dell’iniziativa sarà presentata una selezione dei migliori titoli spagnoli dell'ultima stagione, in versione originale con sottotitoli in italiano. Per l’occasione la Fondazione FOQUS (via di Portacarrese a Montecalvario 69, Napoli) allestisce una arena estiva nella corte interna della Fondazione, per 200 posti a sedere, inaugurando una attività cinematografica che proseguirà nell’autunno e nell’inverno prossimo. La manifestazione (curata da EXIT Media, diretta da Federico Sartori e Iris Martin-Peralta e realizzata con il sostegno dell’Ambasciata di Spagna e di AC/E, il Ministero della Cultura spagnolo) si terrà dal 16 al 20 luglio, con una proposta di 5 lungometraggi e una selezione di cortometraggi che dimostra la vitalità e l’eterogeneità del cinema spagnolo, dando il via a una programmazione che si ripeterà ogni estate nei prossimi anni e a cui parteciperà la Film Commission Regione Campania, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Ferrarelle SpA, Assifero, il Comune di Napoli, l’Insituto Cervantes di Napoli, l’Ente del Turismo Spagnolo e la Fondazione con il Sud. Questa prima edizione ai Quartieri Spagnoli avrà una madrina di eccezione: ROSSY DE PALMA, musa di Almodóvar, che inaugurerà la manifestazione martedì 16 alle ore 21, con il cult “Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull'orlo di una crisi di nervi” di Pedro Almodóvar. Nell’occasione, Rossy de Palma riceverà il Premio Quartieri Spagnoli di Napoli, un premio che la Fondazione FOQUS ha voluto per accompagnare questa prima edizione del festival. Il Premio Quartieri Spagnoli di Napoli sarà assegnato ogni anno a un artista spagnolo che meglio interpreta la relazione antica tra Napoli e la Spagna, attraverso l’arte, la cultura, uno stile di vita che ne denoti una particolare passione per la vita. Il programma (sostenuto anche dalla Cineteca Basca): Martedì 16 luglio, alle ore 21, “Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull'orlo di una crisi di nervi” di Pedro Almodóvar Mercoledì 17 luglio, alle ore 21 con “Carmen y Lola”, opera prima di Arantxa Echevarria: una potente favola gitana, applauditissima al Festival di Cannes e fresca vincitrice di due Premi Goya: Miglior opera prima e Miglior Attrice esordiente.

https://www.napolitoday.it/eventi/festival-cinema-spagnolo-luglio-2019.html

1/4


1/7/2019

A Napoli il Festival del Cinema Spagnolo: ospite Rossy de Palma, attrice icona di Almodovar Eventi a Napoli

Giovedì 18 luglio, alle ore 21, con l’esilarante “Muchos hijos, un mono y un castillo / Molti figli, una scimmia e un castello” di Gustavo Salmeron, altro Premio Goya, vero e proprio caso cinematografico in Spagna e campione al box office. Venerdì 19 luglio, alle ore 21, “Yuli” di Icíar Bollaín (“Ti do i miei occhi”, “El olivo”), in anteprima assoluta - biopic sul ballerino cubano Carlos Acosta, leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare poiché preferiva il pallone. Il film si è aggiudicato il premio alla Miglior Sceneggiatura al Festival di San Sebastian per Paul Laverty, lo sceneggiatore di Ken Loach e Palma d'Oro per “Io, Daniel Blake”. Sabato 20 luglio, alle 21, sarà proiettata l’acclamata commedia “Campeones” di Javier Fesser, Miglior film agli ultimi Premio Goya, che racconta la storia di un allenatore di pallacanestro condannato a nove mesi di servizi sociali ad allenare una squadra di persone con disabilità intellettiva (in collaborazione con il Centro ARGO, che ha sede presso la Fondazione FOQUS). Il programma è arricchito da una selezione di corti targati Kimuak che da mercoledì 17 a sabato 20 sarà in programma alle ore 19 presso la Sala dei Caratteri. L'immagine ufficiale della 12a edizione del Festival del Cinema Spagnolo è opera di Esteban Villalta Marzi, artista italospagnolo di fama internazionale che tra gli anni Ottanta e Novanta diventa un membro attivo del movimento artistico “Movida Madrilena”, confermandosi come uno dei maggiori esponenti della Pop Art europea.

Ottieni indicazioni con i mezzi pubblici verso: Foqus - Fondazione Quartieri Spagnoli Linee che fermano vicino a Via Portacarrese a Montecalvario, 69

Crea il tuo widget

https://www.napolitoday.it/eventi/festival-cinema-spagnolo-luglio-2019.html

2/4


1/7/2019

Estate a Napoli 2019: il programma di eventi in città | Napolike.it

     

ESTATE A NAPOLI ,EVENTI 

HOME

EVENTI

ARTE E CULTURA

LOCALI A NAPOLI

RICETTE NAPOLETANE

VIABILITÀ

WEEKEND A NAPOLI CALENDARIO EVENTI  TURISMO Estate a Napoli 2019 con tanti eventi, concerti, tea mostre e cinema in città BY: FABIANA BIANCHI

30 GIUGNO 2019

Calcola il Percorso

APRI

Mappe, itinerari e percorsi stradali

Italian https://www.napolike.it/estate-a-napoli-2019-programma

1/7


1/7/2019

Estate a Napoli 2019: il programma di eventi in città | Napolike.it

Tantissimi eventi, concerti, mostre, cinema all’aperto, teatro, visit il programma di Estate a Napoli 2019 in tutta la città! Anche quest’anno il Comune di Napoli ha pensato ad u programma di eventi ed iniziative per l’estate 2019 in c sia cittadini sia turisti possano divertirsi partecipando a appuntamenti di ogni tipo. La rassegna Estate a Napoli, che durerà no ad ottobre alla sua quarantesima edizione e vuole ricordare anche un sindaco, che nel 1979 era Maurizio Valenzi introdus bellissima novità piena di eventi, concerti, mostre, visit spettacoli teatrali, cinema all’aperto, incontri e abe pe dell’inizio di una vera e propria rivoluzione culturale che oggi. Per omaggiare questa idea, al Maschio Angioino mostra Estate a Napoli 1979-2019. La politica dello spe Maurizio Valenzi. Il programma, però, prevede ancora tantissimi eventi in numerosi luoghi di Napoli tra cui il Convento Maggiore, lo spazio Foqus ai Quartieri Spagnoli, l’Orto Botanico, la Basilica della Pietrasanta, il Parc altri.

Programma di Estate a Napoli 2019 Maschio Angioino giovedì 4 luglio ore 21.00 Un viaggio di canzoni – dal Vesuvio al Cupolone Spettacolo musicale con Luciano Salvetti, Umberto Marianna Montella. Orchestra diretta dal m° Ginetto Ferrara Ingresso € 12.00 A cura di associazione Prospet Info: prospet@pec.it https://www.napolike.it/estate-a-napoli-2019-programma

Italian 2/7


1/7/2019

Estate a Napoli 2019: il programma di eventi in città | Napolike.it

Convento di San Domenico Maggiore sabato 13 luglio ore 21.00 Tarantella sotto le stelle al Chiostro di San Domenico Maggiore lunedì 15, martedì 16 e mrcoledì 17 luglio ore 21.00 Chiostro – Festival della Filoso a in Magna G venerdì 26 luglio ore 21.00 – Chiostro – Femmene ‘e Napoli venerdì 9 agosto ore 21.30 Chiostro – Rassegna Classico Contemporaneo – 6a edizione Romeo da giovedì 5 a domenica 8 settembre ore 21.00 Chiostro – Rassegna SOLO A cura della Jesce So info: tel./fax 0815520906 – jescesole02@gmail.com

Cinema e Festival Parco del Poggio da luglio ad agosto 2019   -Viale del Poggio di Capodimonte Cinema all’Arena del Poggio

FOQUS Napoli, Fondazione Quartieri Spagnoli via Portacarrese a Montecalvario, 69 – Festival del cinema spagnolo. Anteprime e lm inediti del mi spagnolo, in lingua originale, dell’ultima stagione dal 16 al 20 luglio 2019

Orto Botanico Via Foria 223 Brividi d’Estate – XIX Edizione Dal 29 giugno al 5 agosto e dall’1 al 30 settembre 2019 50%

57%

52%

31%

41%

40%

Fiabe Lunedì 22 luglio, ore 19 Teatrop (Lamezia Terme) Parata Pinocchio Martedì 23 luglio, ore 20,30 Teatrop (Lamezia Terme) Pinocchio Testadura Mercoledì 24 luglio, ore 20,30 Teatro delle Albe – Ravenna Teatro Ker Théâtre Mandiaye Ndiaye ( cappuccetto rosso senegalese

Informazioni sull’Estate a Napoli Quando: da giugno a ottobre 2019 Dove: vari luoghi di Napoli Italian https://www.napolike.it/estate-a-napoli-2019-programma

5/7


1/7/2019

Festival del Cinema Spagnolo 2019 a Napoli • SPAGNA cultura e scienza

Architettura

Design

Arti sceniche

Gastronomia

Arti visive

Letteratura

Bambini

Musica

Cinema

Scienza

Cultura urbana

Storia

Scegli una regione

Festival del Cinema Spagnolo 2019 a Napoli

EVENT DETAILS 

Data Inizio:

16 Luglio 2019 21.00

Data Fine:

20 Luglio 2019 22.30

 Regione: Campania  Categoria: Cinema  Telefono: 081-191-749-38

Dopo aver celebrato a Roma la sua Dodicesima edizione, il Festival si trasforma come sempre in manifestazione itinerante. Il Festival del Cinema Spagnolo, fondato 12 anni fa da EXIT med!a, porta per la prima volta a Napoli una selezione dei film più amati e premiati della stagione cinematografica spagnola: titoli che riflettono al meglio modelli produttivi totalmente diversi tra loro, uniti da un preciso filo rosso fatto di libertà espressiva al servizio della storia e spaziando dalla commedia al noir passando per il road movie e il musical. Apertura: 16 luglio ore 21 Film: MUJERES AL BORDE DE UN ATAQUE DE NERVIOS di Pedro Almodovar Pepa, doppiatrice cinematografica, non si rassegna al fatto che il fidanzato e collega Iván l’abbia lasciata con un messaggio sulla segreteria telefonica. La prospettiva di rimanere sola in un appartamento pieno di ricordi la spaventa al punto di decidere di affittarlo… Primo grande successo internazionale di Almodovar e prima vera apparizione di Rossy de Palma sul grande schermo: la scena del gazpacho con conseguente sogno erotico è ormai storia del cinema. Alla presenza di ROSSY DE PALMA – Premio Quartieri Spagnoli di Napoli Incontro col pubblico dopo la proiezione 17 luglio ore 19 selezione #1 corti (durata 50’) ore 21 Film: CARMEN Y LOLA di Arantxa Echevarria Premio Goya come Miglior opera prima e come Miglior attrice non protagonista (Carolina Yuste), l’esordio di Arantxa Echevarría è la storia di Carmen, una ragazza che appartiene a una comunità di gitani nei sobborghi di Madrid. Come tutte le giovani donne della comunità, è destinata a riprodurre uno schema che si ripete di generazione in generazione: sposarsi presto e crescere il maggior numero di bambini possibile. Fino al giorno in cui incontra Lola, https://www.piazzadispagna.es/event/festival-del-cinema-spagnolo-2019-a-napoli/

Foqus Fondazione Quartieri  Indirizzo: Spagnoli Onlus, Via Portacarrese a Montecalvario, 69 80134 Napoli  Sito Web: 

SOCIAL 

Cerca

Cerca

1/3


1/7/2019

Festival del Cinema Spagnolo 2019 a Napoli • SPAGNA cultura e scienza

gitana come lei, ma per nulla rassegnata a quel destino. Tra le due ragazze sboccia una complicità che le proietta in un mondo proibito. Il loro amore è una bomba ad orologeria. Potente favola gitana, applauditissima al Festival di Cannes 2018. 18 luglio ore 19 selezione #2 corti (durata 50’) ore 21 Film: MUCHOS HIJOS, UN MONO Y UN CASTILLO di Gustavo Salmeron L’esilarante opera prima di Gustavo Salmerón, campione d’incassi in patria, ha come protagonista la madre Julita: matrona verace e straripante, oramai elevata ad autentico personaggio-cult. Adorato da Almodóvar il film si trasforma in una vera caccia al tesoro quando il più giovane dei figli scopre che sua madre ha perso la vertebra della bisnonna, conservata come reliquia per tre generazioni. Viaggio surreale tra oggetti, cimeli, personaggi e aneddoti assurdi che raccontano la Spagna di ieri e al contempo offrono un’istantanea della Spagna di oggi. Premio Goya 2018 come Miglior Documentario e Miglior Film a Karlovy Vary. Immancabile. 19 luglio ore 19 selezione #3 corti (durata 50’) ore 21 Film: YULI di Iciar Bollain L’incredibile parabola di Carlos Acosta, in arte Yuli, una leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare. Obbligato dal padre che vuole dargli un’opportunità per voltare le spalle alla povertà che attanaglia Cuba dopo decenni di embargo, Yuli giunge al successo mondiale divenendo un performer paragonato per grazia e capacità tecniche a miti quali Nureyev e Baryshnikov. Miglior sceneggiatura a San Sebastian per Paul Laverty (abituale collaboratore di Ken Loach), il nuovo film di Iciar Bollain  è carico di lirismo ed energia per tracciare la storia di un uomo capace di sprigionare il proprio talento in un mondo e in un tempo a lui profondamente ostili. 20 luglio ore 19 selezione #4 corti (durata 50’) ore 21 Film: CAMPEONES di Javier Fesser Javier Gutiérrez (già apprezzato negli ultimi anni in El autor, La Isla Mínima, Desconocido, El olivo), veste i panni di Marco, arrogante allenatore di una squadra di basket professionista. Sorpreso alla guida in elevato stato di ebbrezza, viene condannato a nove mesi di servizi sociali che consistono nell’allenare una squadra di persone con disabilità intellettiva. Dalla serie A a una piccola palestra di periferia: l’impatto iniziale non è dei migliori. Commedia oltre ogni pregiudizio: Javier Fesser centra l’obiettivo di divertire facendo pensare. Miglior film e Miglior Attore esordiente (Jesús Vidal) agli ultimi Premi Goya.

MAPPA

INGRESSO

CREDITI

Foqus Fondazione Quartieri S… Via Portacarrese a Montecalvario, 69, 80134 Napoli NA

4,4

Indicazi…

Salva

128 recensioni

Visualizza mappa più grande

Segnala un errore nella mappa Dati mappa ©2019 Google

Home

Interviste

Bacheca

https://www.piazzadispagna.es/event/festival-del-cinema-spagnolo-2019-a-napoli/

Istituzioni culturali

Premi

Bandi

Chi

2/3


2/7/2019

Estate a Napoli 2019: torna il folto programma di eventi e spettacoli

Estate a Napoli 2019: ritorna il folto programma di eventi e spettacoli Di Luigi Maria Mormone - 29 Giugno 2019

Estate a Napoli: parte dal Maschio Angioino la 40ma edizione del folto programma di spettacoli, musica, danza, arte e cinema nella città partenopea. Quest’anno, Estate a Napoli, la tradizionale rassegna estiva di spettacoli, musica, danza, arte e cinema voluta dal Comune di Napoli, compie 40 anni. Per celebrare quest’anniversario, al Maschio Angioino sarà allestita dal 18 luglio al 29 settembre la mostra Estate a Napoli 19792019. La politica dello spettacolo ai tempi di Maurizio Valenzi, fatta da documenti e fotografie inedite tratte dagli archivi dei fotografi coinvolti in prima persona durante gli eventi. La mostra (dedicata al sindaco ideatore della rassegna culturale) è solo una delle attrattive di Estate a Napoli 2019, che quest’anno, mantenendo fede ai valori di promozione e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e monumentale della città di Napoli, vedrà gli spettacoli svolgersi in più luoghi.

Ci saranno eventi al Maschio Angioino, nel chiostro del Convento di San Domenico Maggiore, alla Real Casa Santa dell’Annunziata, nella chiesa di San Severo al Pendino, dove recentemente è stata allestita una sala per concerti nell’antica Sacrestia, nel Cortile delle statue https://www.2anews.it/eventi/estate-a-napoli-2019-ritorna-il-folto-programma-di-eventi-e-spettacoli.html

1/2


2/7/2019

Estate a Napoli 2019: torna il folto programma di eventi e spettacoli

dell’Università Federico II, nella Chiesa dei Santi Marcellino e Festo, da FOCUS – Fondazione Quartieri Spagnoli, all’Orto Botanico, nella Galleria Umberto I, nel parco giardino di Re Ladislao in via San Giovanni a Carbonara, nel parco comunale del Poggio, in alcune piazze rappresentative della città e in tanti altri luoghi noti e meno noti. Prologo proprio al Maschio Angioino, dedicato al diritto alla migrazione, all’accoglienza e alla pace: oggi, sabato 29 giugno, il Castel Nuovo sarà illuminato di blu, colore proposto dall’UNHCR come simbolo celebrativo della Giornata Mondiale del Rifugiato. Tra le tante rassegne di Estate a Napoli 2019, c’è Ridere, che porta sul palco del Maschio Angioino guest star come Massimiliano Gallo, Simone Schettino, Rosalia Porcaro, Francesca Marini; con la rassegna comica di Alan De Luca; con serate dedicate alla compagnie teatrali che hanno partecipato alla I edizione del Premio Gennaro Vitiello; quella di teatro d’autore a cura de Il Pozzo e il Pendolo; con una serata dedicata a Massimo Troisi. E Mariano Rigillo per due serate con il Re Lear di Shakespeare. L’intero programma, che andrà avanti fino al mese di settembre, è consultabile sul sito del Comune di Napoli.

Luigi Maria Mormone https://www.2anews.it

Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista pubblicista.

https://www.2anews.it/eventi/estate-a-napoli-2019-ritorna-il-folto-programma-di-eventi-e-spettacoli.html

2/2


1/7/2019

Il programma di Cinema, Rassegne e Visite per l'Estate a Napoli 2019 Eventi a Napoli

Il programma di Cinema, Rassegne e Visite per l'Estate a Napoli 2019 Napoli Indirizzo non disponibile

Dal 28/06/2019 al 30/09/2019 Orario non disponibile Prezzo non disponibile

Sito web napoli.it redazione 01 luglio 2019 11:41

Q

uarantesima edizione dell'Estate a Napoli con tante iniziative in programma in moltissimi luoghi della città

PROGRAMMA: RASSEGNE da luglio ad agosto 2019 Parco del Poggio – Viale del Poggio di Capodimonte CINEMA ALL’ARENA DEL POGGIO Rassegna cinematografica a cura DI Hart s.r.l. Spettacoli cinematografici ogni sera Info: amministrazione@hartnapoli.it dal 15 al 26 luglio 2019 Giardini di Villa Pignatelli – Riviera di Chiaia DOPPIO SOGNO Rassegna di cinema, letteratura, musica a cura di Galleria Toledo teatro stabile d'innovazione, in ricordo dell’attore Antonio Pennarella. Si apre il 15 luglio con un concerto di Daniele Sepe e continua per undici giorni con appuntamenti quotidiani serali. DOPPIO SOGNO 2019 Il programma completo: lunedì 15 luglio ore 21.00 CANZONIERE ILLUSTRATO Daniele Sepe in concerto con Emilia Zamuner Tommy De Paola, Davide Costagliola Paolo Forlini martedì 16 luglio ore 20.30 in memoria di Antonio Pennarella.… introduce Saverio Costanzo, prime due puntate della serie L’AMICA GENIALE Saverio Costanzo [Italia, 2018, 120’] mercoledì 17 luglio ore 20.30 in collaborazione con Fondazione Premio Napoli - Introducono Domenico Ciruzzi Roberto Davascio

https://www.napolitoday.it/eventi/estate-a-napoli-2019-programma-eventi.html

1/6


1/7/2019

Il programma di Cinema, Rassegne e Visite per l'Estate a Napoli 2019 Eventi a Napoli

Open Music – Prove aperte al pubblico. 21 luglio – ore 20,30 Maschio Angioino ScarlattinJazz - Nuova Orchestra Scarlatti – Pianoforte e direttore Bruno Peres. 26 luglio – ore 18,30-20,30 Cortile delle Statue – Università “Federico II” Open Music – Prove aperte al pubblico. 27 luglio – ore 20,30 Cortile delle Statue – Università “Federico II” Nuova Orchestra Scarlatti – Opera Tango. dal 15 al 17 luglio 2019 Casa Guarattelle - vico Pazzariello 15A Popolare e colto, pensieroso e felice, naturalmente vocato alla socialità, il teatro delle guarattelle è la forma tipicamente napoletana di teatro di strada, con una storia antichissima e mai interrotta, praticato ancora, dopo centinaia di anni, da non molti ma bravissimi maestri. Una forma d'arte ingiustamente trascurata nei tempi recenti ma che finalmente ha trovato casa, per essere riscoperta, conosciuta dalle nuove generazioni, per tornare a vivere, coi suoni del nostro dialetto, con le figure delle maschere tradizionali. 15 luglio ore 20.30 Viaggio di Pulcinella sulla luna prove aperte di e con Bruno Leone 16 luglio ore 18.00 Incontro con Rafa Teixido burattinaio argentino ritorno a Napoli dopo 20 anni 17 luglio ore 20.30 La luna e Pulcinella prove aperte di e con Irene Vecchia NB. Casa Guarattelle rimane aperta per tutto il periodo estivo su prenotazione Informazioni: Bruno Leone +393406015658 - Irene Vecchia +393387926216 dal 16 al 20 luglio 2019 FOQUS Napoli, Fondazione Quartieri Spagnoli – via Portacarrese a Montecalvario, 69 FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO Anteprime e film inediti del miglior cinema spagnolo, in lingua originale, dell’ultima stagione che porta per la prima volta un’arena estiva di cinema su grande schermo ai Quartieri. Rossy de Palma, l’attrice icona di Pedro Almodovar, sarà madrina del Festival. Alla musa di Almodóvar, la Fondazione FOQUS consegnerà il “Premio Quartieri Spagnoli di Napoli”. Rassegna cinematografica a cura della Oficina Cultural dell’Ambasciata di Spagna in Italia nell’ambito dell’accodo pluriennale tra l’Ambasciata di Spagnae la Fondazione FOQUS. La manifestazione (curata da EXIT Media, diretta da Federico Sartori e Iris Martin-Peralta e realizzata con il sostegno dell’Ambasciata di Spagna e di AC/E, il Ministero della Cultura spagnolo) include 5 lungometraggi e una selezione di cortometraggi che dimostra la vitalità e l’eterogeneità del cinema spagnolo, dando il via a una programmazione che si ripeterà ogni estate nei prossimi anni e a cui parteciperanno la Film Commission Regione Campania, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Ferrarelle SpA, Assifero, il Comune di Napoli, l’Insituto Cervantes di Napoli, l’Ente del Turismo Spagnolo e la Fondazione con il Sud. Programma: Martedì 16 luglio, alle ore 21 “Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull'orlo di una crisi di nervi”, Pedro Almodóvar. Mercoledì 17 luglio, alle ore 21 con “Carmen y Lola”, opera prima di Arantxa Echevarria: una potente favola gitana, applauditissima a Cannes e fresca vincitrice di due Premi Goya: Miglior opera prima e Miglior Attrice esordiente. Giovedì 18 luglio, alle ore 21, con l’esilarante “Muchos hijos, un mono y un castillo / Molti figli, una scimmia e un castello” di Gustavo Salmeron, altro Premio Goya, caso cinematografico in Spagna e campione al box office. Venerdì 19 luglio, alle ore 21,

https://www.napolitoday.it/eventi/estate-a-napoli-2019-programma-eventi.html

3/6


1/7/2019

Il programma di Cinema, Rassegne e Visite per l'Estate a Napoli 2019 Eventi a Napoli

“Yuli” di Icíar Bollaín (“Ti do i miei occhi”, “El olivo”), in anteprima assoluta - biopic sul ballerino cubano Carlos Acosta, leggenda vivente della danza che da piccolo si rifiutava di ballare poiché preferiva il pallone. Il film si è aggiudicato il premio alla Miglior Sceneggiatura al Festival di San Sebastian per Paul Laverty, lo sceneggiatore di Ken Loach e Palma d'Oro per “Io, Daniel Blake”. Sabato 20 luglio, alle 21, sarà proiettata l’acclamata commedia “Campeones” di Javier Fesser, Miglior film agli ultimi Premio Goya, che racconta la storia di un allenatore di pallacanestro condannato a nove mesi di servizi sociali ad allenare una squadra di persone con disabilità intellettiva (in collaborazione con il Centro ARGO, che ha sede presso la Fondazione FOQUS). Il programma è arricchito da una selezione di corti targati Kimuak che da mercoledì 17 a sabato 20 sarà in programma alle ore 19 presso la Sala dei Caratteri. Ingresso € 5,00 Info, FOQUS: tel +39 081 19 17 4938 - cell +39 328 4218405 - email segreteria@foqusnapoli.it. Dal 29 giugno al 5 agosto e dall’1 al 30 settembre 2019 Orto Botanico – Via Foria 223 BRIVIDI D’ESTATE – XIX Edizione Dalla fine di giugno al cinque agosto e poi per tutti settembre il tradizionale “Festival della letteratura a teatro” realizzato a cura de “Il Pozzo e il Pendolo” nel amagica cornice dell’Orto Botanico di Napoli. info@ilpozzoeilpendolo.it Sabato 6, 13, 20, 27 luglio - Sabato 10, 17 e 24 agosto Domenica 1 settembre - Sabato 7, 14, 21 e 28 settembre Piazza Museo Nazionale, 10/11 – Porticato della Galleria Principe di Napoli NAPULITANATA Un viaggio tra le più celebri melodie napoletane, dalla Tarantella a ‘O sole mio, durante il quale lo spettatore viene immerso in un contesto “autenticamente napoletano”: musicisti, cantanti, attori, ballerini.. voci e strumenti senza microfoni né artifici tecnici. Info: www.napulitanata.com – info@napulitanata.com – tel. +39 348 9983871. EVENTI IN CITTÀ 7 luglio 2019 Maschio Angioino” ISOLIMPIA – manifestazione conclusiva Lo spettacolo, che conclude la V Edizione di Isolympia Giochi Isolimpici Partenopei, organizzati a cura del’Associazione Amartea, vedrà le performance dal vivo dei finalisti del concorso artistico Sezione Cultori per la scrittura, la musica, la danza e le Arti figurative. Il tema della Edizione, che rientra tra gli eventi collaterali delle Universiadi, è stato, in onore a queste ultime, PERCORSI. Strade, incroci, storie e incontri, con enfasi sul #42, come i chilometri della maratona, il percorso sportivo per eccellenza. Al termine della serata saranno proclamati i vincitori e le menzioni speciali del concorso. Presenta l'attrice Noemi Cognigni. Dà voce ed interpreta racconti e poesie in concorso l'attore Alessandro Incerto. Ospite d'onore la Alexandra de Coubertin, Presidente dell'associazione Familiale Pierre de Coubertin. Ingresso libero. Informazioni: tel. +39 081 012 84 59 – e-mail: info@amartea.org 15 settembre 2019 Galleria “Umberto I” La Napoli dell’Ottocento. Fasti e danze di un’epoca Gran Ballo Ottocentesco, rievocazione storica in costume. A cura della associazione culturale “Società di Danza di Napoli”. Informazioni: tel. 335.5847027 - napoli@societadidanza.it. VISITE GUIDATE Luglio, agosto e settembre 2019 Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus 1 – Itinerari storico-naturalistici al Parco Archeologico del Pausilypon Tutti i giorni dal martedì al venerdì alle ore 12,00 – sabato ore 10,00 e 12,00 – domenica ore 10,00, 11,00 e 12,00. Partenza e arrivo via Discesa Coroglio, 36. Si parte dalla Grotta di Seiano in Discesa Coroglio per un viaggio di 770 metri

https://www.napolitoday.it/eventi/estate-a-napoli-2019-programma-eventi.html

4/6


19/7/2019

arte.sky.it/2019/07/festival-cinema-spagnolo-napoli/ Ann.

Demenego: Concorso Look&Drive Ottiche Demenego

Scopri di più

HOME > NEWS > CINEMA E DOC

Il Festival del cinema spagnolo debutta a Napoli 14 luglio 2019

C'è anche l'anteprima assoluta del biopic "Yuli" di Icíar Bollaín, dedicato al ballerino cubano Carlos Acosta, tra i film proposti in occasione della prima edizione del nuovo festival partenopeo. Riflettori puntati sul cinema contemporaneo ai Quartieri Spagnoli di Napoli, che dal 16 al 20 luglio ospiteranno il Festival del cinema spagnolo. A “trasformarsi” per la prima volta in un’arena estiva su grande schermo sarà il cortile della sede della Fondazione FOQUS. Per l’apertura della kermesse verrà proiettato il film Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull’orlo di una crisi di nervi di Pedro Almodóvar, il cui cast include anche l’attrice Rossy de Palma. Scelta anche come madrina dell’appuntamento, in occasione della kermesse partenopea riceverà il Premio Quartieri Spagnoli di Napoli, un riconoscimento che, d’ora in poi, sarà annualmente assegnato a un artista spagnolo in grado di “interpretare la relazione antica tra Napoli e la Spagna, attraverso l’arte, la cultura“. L’evento, compreso nell’accordo tra l’Ambasciata di Spagna e la Fondazione FOQUS, proporrà cinque lungometraggi e una selezione di cortometraggi e scatterà un’istantanea sull’eterogeneo e vitale panorama cinematografico spagnolo. In cartellone anche la favola gitana Carmen y Lola, opera prima di Arantxa Echevarria, forte del successo e dei premi ottenuti al Festival di Cannes, l’esilarante Muchos hijos, un mono y un castillo / Molti figli, una scimmia e un castello di Gustavo Salmeron, Yuli di Icíar Bollaín, proiettato in anteprima assoluta (nell’immagine in apertura, courtesy Exit Media), la commedia Campeones di Javier Fesser, che ha ottenuto il titolo di Miglior film all’ultima edizione del Premio Goya. Parallelamente, dal 17 al 20, nella Sala dei Caratteri verrà presentata una selezione di corti targati Kimuak.

TAG >

cinema, festival, Napoli, Spagna

« In arrivo la bambola ispirata a Ziggy Stardust

arte.sky.it/2019/07/festival-cinema-spagnolo-napoli/

Yayoi Kusama presto in mostra al New York Botanical Garden »

1/2


DOMANI IN CAMPANIA (ANSA) - NAPOLI, 15 LUG - Avvenimenti previsti per domani inCampania:1) NAPOLI Prefettura ore 10:30 Il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, presieder_ il tavolo istituzionale che dar_ il via al Cis (Contratto istituzionale di sviluppo) centro storico di Napoli, per il quale vengono stanziati 90 milioni di euro a valere sul Fondo di sviluppo e coesione. Partecipano, il ministro Alberto Bonisoli, il sindaco Luigi De Magistris, il governatore Vincenzo De Luca ed il prefetto Carmela Pagano.2) SALERNO - Soprintendenza, Palazzo Ruggi D'Aragona, Via Tasso n. 46 ore 10:30 Conferenza stampa su "Protocollo d'intesa con la fondazione comunit_ salernitana per la valorizzazione dei beni culturali".3) NAPOLI - Comune ore 10:00 Riunione del Consiglio Comunale4) TRECASE (NA) - Protezione Civile, via Antonio Sciesa 46 ore 10:30 Cerimonia di inaugurazione della nuova sede della Protezione Civile allestita in un bene confiscato alla camorra. 5) NAPOLI - Ospedale Pediatria Oncologica Pausilipon ore 12:00 L'Accademia Nazionale Pizza DOC in collaborazione con L'Associazione Regionale Leucemie Infantili Onlus (A.R.L.I. Onlus), organizzano un evento dal titolo "Pizza in Corsia"6) CASERTA - Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili, via Galilei 2 ore 17:30 Finissage della mostra collettiva "Un Lavoro per il Lavoro". 7) NAPOLI - Shazar Gallery ore 18:00 Inaugurazione della Summer exhibition. Fino al 31 agosto.8) NAPOLI - Piazza del Carmine ore 19:30 Il cardinale Sepe presieder_ la concelebrazione eucaristica, cui seguir_ l'Atto di Affidamento della Citt_ di Napoli alla Beata Vergine del Monte Carmelo.9) NAPOLI - Fondazione Foqus, via di Portacarrese a Montecalvario 69 ore 21:00 Inaugurazione del Festival del cinema ai Quartieri Spagnoli. Presenti, Rossy de Palma, l'attrice icona di Pedro Almodovar e madrina del Festival, il Console generale di Spagna a Napoli e molti altri rappresentanti delle istituzioni spagnole e napoletana. Fino al 20. (ANSA).


Dir. Resp.:Carlo Verdelli Tiratura: 274.934 Diffusione: 179.208 Lettori: 2.080.000

232-136-080

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

Sezione:PRIME PAGINE

Rassegna del: 16/07/19 Edizione del:16/07/19 Estratto da pag.:1 Foglio:1/1

Servizi di Media Monitoring

2


Dir. Resp.:Carlo Verdelli Tiratura: 274.934 Diffusione: 179.208 Lettori: 2.080.000

Peso:1-7%,12-49% Servizi di Media Monitoring

3

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

232-136-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 16/07/19 Edizione del:16/07/19 Estratto da pag.:1,12 Foglio:1/2


Peso:1-7%,12-49% Servizi di Media Monitoring

4

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

232-136-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 16/07/19 Edizione del:16/07/19 Estratto da pag.:1,12 Foglio:2/2


Dir. Resp.:Enzo d’Errico Tiratura: 299.900 Diffusione: 215.135 Lettori: 2.107.000

Il presente documento e' ad uso esclusivo del committente.

232-136-080

Sezione:POLITICA REGIONALE E DI NAPOLI

Rassegna del: 16/07/19 Edizione del:16/07/19 Estratto da pag.:13 Foglio:1/1

Peso:6% Servizi di Media Monitoring

5


19/7/2019

MAGAZINE

Cinema Spagnolo all’aperto: iniziativa di FOQUS - Terre di Campania

VIDEO

REPORTAGE IN CAMPANIA  GALLERY BLOG OFFERTE DIDATTICHE

IL GUSTO 

CULTURA 

CAMPANIA BELLEZZA DEL CREATO

NOTIZIE

EVENTI

Venerdì, 19 Luglio

osa fare nel week-end tra il 19 e il 21 Luglio - Nu juorno buono, ma solo quando le nuvole si diradano - Rainbow

Terre di Campan 16.569 "Mi piace"

Mi piace

Piace a 17 amici

Cinema Spagnolo all’aperto: iniziativa di FOQUS Home > Eventi > Cinema Spagnolo all’aperto: iniziativa di FOQUS

FOQUS la fondazione Quartieri Spagnoli ha reso possibile il cinema spagnolo all’aperto, dal 16 luglio al 20 luglio all’ex istituto Montecalvario, in via Portacarrese. Ai Quartieri Spagnoli, precisamente in via Portacarrese a Montecalvario 69, ci sarà un Cinema Spagnolo all’aperto per la prima volta, dal 16 al 20 luglio.

terredicampania.it/eventi/cinema-spagnolo-allaperto-iniziativa-di-foqus/16/07/2019/

1/4


19/7/2019

Cinema Spagnolo all’aperto: iniziativa di FOQUS - Terre di Campania

La volontà è di FOQUS Napoli la Fondazione Quartieri Spagnoli,

REPORTAGE IN CAMPANIA 

IL GUSTO 

che dal 2013 si occupa di riquali care un’area complicata come

CULTURA 

NOTIZIE

EVENTI

quella dei Quartieri Spagnoli. Come altri progetti europei, che hanno rigenerato aree come il Centquatre di Parigi, FOQUS si rivolge alla cura della persona dalla sua tenera età. La Fondazione propone nuovi modelli di welfare di comunità. A di erenza, però, degli altri progetti europei, FOQUS non è nanziato a livello statale, ma privato. Nell’Ex istituto Montecalvario, FOQUS si occupa di diverse situazioni sociali, con progetti assistenzialistici e sociali. Per la prima volta, nell’ex istituto si terrà un festival del cinema spagnolo, dal 16 al 20 luglio. Il festival è stato nalizzato dall’O cina Cultural de l’Ambasciata di Spagna in Italia, sostenuto dal Ministero della cultura spagnolo. La madrina dell’evento è l’attrice feticcio di Pedro Almodovar: Rossy de Palma, a cui sarà consegnato il “Premio Quartieri Spagnoli di Napoli”. Il festival prevede un costo di 5 euro ad ogni proiezione, di seguito il programma:

Martedì 16 luglio, ore 21: “Donne sull’orlo di una crisi di nervi” del rinomato Pedro Almodovar Mercoledì 17 luglio, ore 21: “Carmen y Lola”, di Arantxa Echevarria. Il lm ha vinto due premi Goya Giovedì 18 luglio, ore 21: “Muchos hijos, un mono y un castillo” (“Molti gli, una scimmia e un castello”), una spassosa pellicola di Gustavo Salmeron, vincitore di un premio Goya Venerdì 19 luglio, ore 21: “Yuli” (“Ti do i miei occhi”, il titolo italiano) di Iciar Bollain, lm biogra co sul ballerino cubano Carlos Acosta Sabato 20 luglio, ore 21: “Campeones” di Javier Fesser, commedia su un allenatore di pallacanestro costretto a nove mesi di servizi sociali ad allenare una squadra di persone con disabilità Quando: dal 16 al 20 luglio

terredicampania.it/eventi/cinema-spagnolo-allaperto-iniziativa-di-foqus/16/07/2019/

2/4


19/7/2019

Cinema Spagnolo all’aperto: iniziativa di FOQUS - Terre di Campania

Dove: via Portacarrese a Montecalvario,69 presso la fondazione

 REPORTAGE IN CAMPANIA  FOQUS Quartieri Spagnoli

IL GUSTO 

Shaun, vita da pecora: Farmageddon; al Gi oni Film Festival

Costo: 5 euro a proiezione Info: segreteria@foqusnapoli.it

Sagre in Campania: cosa fare nel week-end tra il 19 e il 21 Luglio

Condividi:

Tweet

Salva

Post

Con  Start NOTIZIE e Rec la solidarietà CULTURA EVENTI non va in vacanza

Stampa

Nu juorno buono, ma solo quando le nuvole si diradano Rainbow Day alla 49esima edizione del Gi oni Film Festival

Aurora Scarnera Mi piacerebbe lavorare come giornalista, amo scrivere ma la musica ha un suo spazio del tutto personale in me, in particolare lo studio del canto. Non sono pretenziosa ma nemmeno approssimativa, scrivo di ciò che vedo, leggo e sento, con un pizzico di obiettività.

Notizie correlate Presentazion… Presentazion … Un cubo gigante alto 5 metri compare a Piazza Dante a Napoli

Ricomincio dai libri: al via la quinta edizione della era del libro a Napoli

Stai Fusion, il nuovo brano di Ciccio Merolla

Commenta

terredicampania.it/eventi/cinema-spagnolo-allaperto-iniziativa-di-foqus/16/07/2019/

3/4


22/7/2019

L’iconica Rossy De Palma riceve il Premio Quartieri Spagnoli

  

L’iconica Rossy De Palma riceve il Premio Quartieri Spagnoli 17.07.2019 - di Nicola Garofano (http://www.theclovesmagazine.it/pro les/nicola-garofano)

Foto Nicola Garofano

Ieri sera alle 21.00 al Festival del cinema spagnolo ai Quartieri Spagnoli presso la Fondazione Foqus, l’attrice spagnola Rossy De Palma ha ricevuto il Premio Quartieri Spagnoli, con la seguente motivazione: www.theclovesmagazine.it/events-freetime/liconica-rossy-de-palma-riceve-il-premio-quartieri-spagnoli.html

1/7


22/7/2019

L’iconica Rossy De Palma riceve il Premio Quartieri Spagnoli

«Premio Quartieri Spagnoli in occasione del primo Festival del cinema spagnolo Napoli 2019 a Rossy De Palma, artista eclettica capace di esprimere in modo autentico la passione per l’arte e la cultura che accomuna Napoli e la Spagna». L'attrice a ne proiezione del lm Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull'orlo di una crisi di nervi” ha salutato il pubblico prima dalla balconata del chiostro dell'ex Istituto Montecalvario ricevendo un lungo applauso emozionante anche per l'artista, poi è scesa nell'arena estiva allestita dalla Fondazione Foqus nel chiostro.

Il Premio Quartieri Spagnoli di Napoli sarà assegnato ogni anno a un artista spagnolo che meglio interpreta la relazione antica tra Napoli e la Spagna, attraverso l’arte, la cultura, uno stile di vita che ne denoti una particolare passione per la vita. La manifestazione (curata da EXIT Media, diretta da Federico Sartori e Iris Martin-Peralta e realizzata con il sostegno dell’Ambasciata di Spagna e di AC/E, il Ministero della Cultura spagnolo) si terrà dal 16 al 20 luglio, con una proposta di 5 lungometraggi e una selezione di cortometraggi che dimostra la vitalità e l’eterogeneità del cinema spagnolo, dando il via a una programmazione che si ripeterà ogni estate nei prossimi anni e a cui parteciperà la Film www.theclovesmagazine.it/events-freetime/liconica-rossy-de-palma-riceve-il-premio-quartieri-spagnoli.html

2/7


22/7/2019

L’iconica Rossy De Palma riceve il Premio Quartieri Spagnoli

Commission Regione Campania, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Ferrarelle SpA, Assifero, il Comune di Napoli, l’Insituto Cervantes di Napoli, l’Ente del Turismo Spagnolo e la Fondazione con il Sud. L’arena estiva allestita dalla Fondazione Foqus, duecento sono i posti a sedere previsti. L’ingresso al pubblico è di 5 euro.

www.theclovesmagazine.it/events-freetime/liconica-rossy-de-palma-riceve-il-premio-quartieri-spagnoli.html

3/7


22/7/2019

L’iconica Rossy De Palma riceve il Premio Quartieri Spagnoli

Il programma (sostenuto anche dalla Cineteca Basca): Martedì 16 luglio, alle ore 21, “Mujeres al borde de un ataque de nervios / Donne sull'orlo di una crisi di nervi” di Pedro Almodóvar Mercoledì 17 luglio, alle ore 21 con “Carmen y Lola”, opera prima di Arantxa Echevarria: una potente favola gitana, applauditissima al Festival di Cannes e fresca vincitrice di due Premi Goya: Miglior opera prima e Miglior Attrice esordiente. Giovedì 18 luglio, alle ore 21, con l’esilarante “Muchos hijos, un mono y un castillo / Molti gli, una scimmia e un castello” di Gustavo Salmeron, altro Premio Goya, vero e proprio caso cinematogra co in Spagna e campione al box o ce. Venerdì 19 luglio, alle ore 21, “Yuli” di Icíar Bollaín (“Ti do i miei occhi”, “El olivo”), in anteprima assoluta - biopic sul ballerino cubano Carlos Acosta, leggenda vivente della danza che da piccolo si ri utava di ballare poiché preferiva il pallone. Il lm si è aggiudicato il premio alla Miglior Sceneggiatura al Festival di San Sebastian per Paul Laverty, lo sceneggiatore di Ken Loach e Palma d'Oro per “Io, Daniel Blake”. Sabato 20 luglio, alle 21, sarà proiettata l’acclamata commedia “Campeones” di Javier Fesser, Miglior lm agli ultimi Premio Goya, che racconta la storia di un allenatore di pallacanestro condannato a nove mesi di servizi sociali ad allenare una squadra di persone con disabilità intellettiva (in collaborazione con il Centro ARGO, che ha sede presso la Fondazione FOQUS).

TAGS: ARTISTI (HTTP://WWW.THECLOVESMAGAZINE.IT/TAG/ARTISTI)

ATTORE (HTTP://WWW.THECLOVESMAGAZINE.IT/TAG/ATTORE) CINEMA (HTTP://WWW.THECLOVESMAGAZINE.IT/TAG/CINEMA) TEATRO (HTTP://WWW.THECLOVESMAGAZINE.IT/TAG/TEATRO) TELEVISIONE (HTTP://WWW.THECLOVESMAGAZINE.IT/TAG/TELEVISIONE)

SEARCH Search..

ARTICOLI CORRELATI

www.theclovesmagazine.it/events-freetime/liconica-rossy-de-palma-riceve-il-premio-quartieri-spagnoli.html

4/7


19/7/2019

Estate a Napoli: rassegna di cinema e teatro - Napoliflash24 - Giornale di informazione su Napoli e Campania

(https://www.napoli ash24.it) (https://www.estroeyewear.com/)

BREAKING

Pianisti dagli Usa e dall'Estremo Oriente in Costiera per l'Amal Coast Music & Arts Festival (ht…

Contatti

(https://www.napoli ash24.it/contatti/) Enogastronomia (https://www.napoli ash24.it/category/lifestyle/enogastronomia/) Giardinando (https://www.napoli ash24.it/category/lifestyle/giardinando/) Teatro (https://www.napoli ash24.it/category/eventi/teatro-eventi/) #SpazioGiovani (https://www.napoli ash24.it/category/spaziogiovani/) Veganissimo Me (https://www.napoli ash24.it/category/lifestyle/enogastronomia/veganissimo-me/)  Home (https://www.napoli ash24.it)

Lifestyle (https://www.napoli ash24.it/category/lifestyle/)

Cinema (https://www.napoli ash24.it/category/lifestyle/cinema/)

Estate a Napoli: rassegna di cinema e teatro 

Tourism & Culture (https://www.napoliflash24.it/author/team-tourism-e-culture/)

17/07/2019

Cinema (https://www.napoliflash24.it/category/lifestyle/cinema/), Eventi (https://www.napoliflash24.it/category/eventi/), Napoli (https://www.napoliflash24.it/category/napoli/), Spettacoli (https://www.napoliflash24.it/category/eventi/spettacoli/) 

https://www.napoliflash24.it/estate-a-napoli-rassegna-di-cinema-e-teatro/

1/12


19/7/2019

Estate a Napoli: rassegna di cinema e teatro–- Napoliflash24 27 luglio ore 20,30 - Giornale di informazione su Napoli e Campania

Cortile delle Statue – Università “Federico II” Nuova Orchestra Scarlatti – Opera Tango. Dal 15 al 17 luglio 2019 Casa Guarattelle – vico Pazzariello 15A Popolare e colto, pensieroso e felice, naturalmente vocato alla socialità, il teatro delle guarattelle è la forma tipicamente napoletana di teatro di strada, con una storia antichissima e mai interrotta, praticato ancora, dopo centinaia di anni, da non molti ma bravissimi maestri. Una forma d’arte ingiustamente trascurata nei tempi recenti ma che nalmente ha trovato casa, per essere riscoperta, conosciuta dalle nuove generazioni, per tornare a vivere, coi suoni del nostro dialetto, con le gure delle maschere tradizionali. 17 luglio ore 20.30 La luna e Pulcinella prove aperte di e con Irene Vecchia Casa Guarattelle rimane aperta per tutto il periodo estivo su prenotazione Informazioni:  Bruno Leone  +393406015658 – Irene Vecchia +393387926216 Dal 16 al 20  luglio 2019 FOQUS Napoli, Fondazione Quartieri Spagnoli – via Portacarrese a Montecalvario, 69 FESTIVAL DEL CINEMA SPAGNOLO Anteprime e lm inediti del miglior cinema spagnolo, in lingua originale,  dell’ultima stagione che porta per la prima volta un’arena estiva di cinema su grande schermo ai Quartieri. Rossy de Palma, l’attrice icona di Pedro Almodovar, sarà madrina del Festival. Alla musa di Almodóvar, la Fondazione FOQUS consegnerà il “Premio Quartieri Spagnoli di Napoli”. Rassegna cinematogra ca a cura della O cina Cultural dell’Ambasciata di Spagna in Italia nell’ambito dell’accodo pluriennale tra l’Ambasciata di Spagnae la Fondazione FOQUS. La manifestazione (curata da EXIT Media, diretta da Federico Sartori e Iris Martin-Peralta e realizzata con il sostegno dell’Ambasciata di Spagna e di AC/E, il Ministero della Cultura spagnolo) include  5 lungometraggi e una selezione di cortometraggi che dimostra la vitalità e l’eterogeneità del cinema spagnolo, dando il via a una programmazione che si ripeterà ogni estate nei prossimi anni e a cui parteciperanno la Film Commission Regione Campania, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Ferrarelle SpA, Assifero, il Comune di Napoli, l’Insituto Cervantes di Napoli, l’Ente del Turismo Spagnolo e la Fondazione con il Sud. Programma: Mercoledì 17 luglio, alle ore 21 con “Carmen y Lola”, opera prima di Arantxa Echevarria: una potente favola gitana, applauditissima a Cannes e fresca vincitrice di due Premi Goya: Miglior opera prima e Miglior Attrice esordiente. Giovedì 18 luglio, alle ore 21 https://www.napoliflash24.it/estate-a-napoli-rassegna-di-cinema-e-teatro/

4/12


20-LUG-2019

www.datastampa.it

Dir. Resp.: Enzo d’Errico Tiratura: 0 - Diffusione: 6135 - Lettori: 137000: da enti certificatori o autocertificati

4480

da pag. 10 foglio 1 / 2 Superficie: 41 %


20-LUG-2019

www.datastampa.it

Dir. Resp.: Enzo d’Errico Tiratura: 0 - Diffusione: 6135 - Lettori: 137000: da enti certificatori o autocertificati

4480

da pag. 10 foglio 2 / 2 Superficie: 41 %


22/7/2019

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagn…

/

CULTURA Stampa

Stampa senza immagine

Chiudi

NAPOLI

Sull’orlo di una crisi di gioia: Rossy De Palma ai Quartieri Spagnoli L’attrice-icona dei film di Pedro Almodovar al Festival del cinema spagnolo: «Voglio tornare in città per realizzare nuovi progetti coi napoletani»

Roberta Basile

«Voglio tornare a Napoli per realizzare tanti progetti insieme a voi». Parola di Rossy de Palma, protagonista di tante pellicole del regista Pedro Almodovar che ha lasciato ieri Napoli e i Quartieri dove è stata ospite del Festival del cinema spagnolo presso la Fondazione Foqus (in via Portacarrese a Montecalvario).

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagnoli-f34ec88a-a…

1/5


22/7/2019

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagn…

Una mattinata trascorsa a visitare gli ampi e storici spazi della Fondazione — nata nel 2014 dal recupero dell’ex monastero Istituto Montecalvario — che ospita tante realtà professionali e associative, un distaccamento dell’Accademia di Belle Arti e scuole dell’infanzia che, in piena attività di campi estivi, hanno accolto la popolare attrice mentre i bambini prendevano salutari e rinfrescanti bagni nelle piscine approntate per affrontare il caldo di questi giorni.

Ad accompagnare l’attrice nella sua passeggiata c’erano oltre alla presidentessa e al direttore della fondazione, rispettivamente Rachele Furfaro e Renato Quaglia, l’archeologo Angelo Esposito e la guida Francesco Grossi, fondatori di un’associazione che ha come obiettivo la formazione professionale dei giovani «quartierani» che seguono corsi per diventare guide turistiche.

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagnoli-f34ec88a-a…

2/5


22/7/2019

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagn…

Rossy, insieme con i suoi due figli, si è addentrata tra i vicoli e ha risalito le scale di questo tracciato storico. Nel piazzale dei murales di Maradona e della Pudicizia di Bossoletti ha pure scambiato battute con i gestori del «sacrario del campeon argentino». Attratta oltre che dalle bellezze della città anche dalla bontà della pasticceria napoletana, la star spagnola non ha potuto fare a meno di entrare e ammirare le vetrine e le opere in crema e sfoglia di un artigiano pasticcere partenopeo.

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagnoli-f34ec88a-a…

3/5


22/7/2019

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagn…

Questo tour in uno dei cuori di Napoli, arriva al termine una tre giorni che ha visto Rossy De Palma visitare Pompei, Positano. Ed è stata sommersa dal calore delle persone che l’aspettavano alla prima proiezione del festival: ovviamente Donne sull’olrlo di una crisi di nervi, film che ha consacrato Pedro Almodovar come regista e con lui tutte le donne del cast di una pellicola ormai cult, tra le quali spiccava proprio l’entusiasta turista De Palma. Che, nel bel mezzo della Napoli popolare, ha apprezzato il lavoro della Fondazione Foqus, catalizzatrice di tante attività culturali e sociali in un complesso monumentale che s’apre nei Quartieri come un’oasi di creatività. «Non pensavo fosse possibile raggiungere questi traguardi in un tempo cosi relativamente breve» ha detto l’attrice promettendo di voler tornare e contribuire con nuovi progetti. Chissà, forse da regista?

In tal caso l’attenderebbe già un cast completo, data la pioggia di candidature ad attori che ha ricevuto dagli abitanti dei Quartieri.

Il programma del Festival, alla sua terza giornata, prosegue questa sera, alle 21, con l’acclamata commedia Campeones di Javier Fesser, miglior film agli ultimi Premi Goya, che racconta la storia di un allenatore di pallacanestro condannato a nove mesi di servizi sociali ad allenare una squadra di persone con disabilità intellettiva (in collaborazione con il Centro Argo, che ha sede proprio presso la Fondazione Foqus). Roberta Basile

20 luglio 2019 | 15:40 https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagnoli-f34ec88a-a…

4/5


22/7/2019

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagn…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/arte_e_cultura/19_luglio_20/sull-orlo-una-crisi-gioia-rossy-de-palma-quartieri-spagnoli-f34ec88a-a…

5/5


22/7/2019

Rossy De Palma ai Quartieri Spagnoli per il cinefest da Foqus - Corriere TV

/

Rossy De Palma ai Quartieri Spagnoli per il cinefest da Foqus

19 LUGLIO 2019

LINK

https://video.corrieredelmezzogiorno.corriere.it/ro

EMBED

EMAIL

L’attrice di Almodovar madrina del primo festival del cinema alla fondazione Foqus | Roberta Basile - CorriereTv Rossy De Palma ai Quartieri Spagnoli per il cinefest da FoqusL’attrice di Almodovar madrina del primo festival del cinema alla fondazione Foqus - Roberta Basile

ALTRI VIDEO DI SPETTACOLI

https://video.corrieredelmezzogiorno.corriere.it/rossy-de-palma-quartieri-spagnoli-il-cinefest-foqus/a71af4de-aa43-11e9-8ed5-4556d5ee7fb5

1/3


22/7/2019

Rossy De Palma, la musa ispiratrice di Pedro Almodovar e l'amore per i quartieri spagnoli di Napoli > JUORNO.it

Napoli | Roma | Milano

ULTIM’ORA

CRONACHE

POLITICA

ECONOMIA

LAVORO

ESTERI

SPORT

CULTURA

GALLERIE

Rossy De Palma, la musa ispiratr Pedro Almodovar e l’amore per i spagnoli di Napoli Il Messico annuncia la scoperta di cinque barriere coralline di oltre mille ettari

Settimana spaziale, tutti col naso all’insù prima per Saturno e poi per ammirare Plutone

Salvato il piccolo Dugongo, era ferito e rischiava di morire

Pubblicato 2 giorni fa del 20 Luglio 2019 Di Mario Laporta 

https://www.juorno.it/rossy-de-palma-la-musa-ispiratrice-di-pedro-almodovar-e-lamore-per-i-quartieri-spagnoli-di-napoli/

1/13


22/7/2019

Rossy De Palma, la musa ispiratrice di Pedro Almodovar e l'amore per i quartieri spagnoli di Napoli > JUORNO.it

E’ stato amore a prima vista tra Rossy de Palma, la musa del regista spa Almodovar e i quartieri spagnoli di Napoli.

 

Si è cominciato con il bagno di folla alla prima proiezione della rassegna sul cine “Donne sull’orlo di una crisi di nervi” che si tiene tuttora presso la Fondazione F Portacarrese a Montecalvario, dove tra sel es e foto ricordo   insieme alla famo

Barcellona la proiezione è cominciata ben oltre l’orario previsto. Sorrisi, battute, abbracci e calore mediterraneo il motivo principale della s vulcanica Rossy. Il giorno dopo, alla ne di una giornata passata negli scavi di Pompei, stanca, in gli che l’hanno accompagnata in questo tour partenopeo, non poteva mancare u centro di Napoli accompagnata da amici Napoletani. Positano è l’immancabile tappa che la De Palma non si è fatta mancare e dove in hanno conosciuto le bellezze della costiera Amal tana.

https://www.juorno.it/rossy-de-palma-la-musa-ispiratrice-di-pedro-almodovar-e-lamore-per-i-quartieri-spagnoli-di-napoli/

2/13


22/7/2019

Rossy De Palma, la musa ispiratrice di Pedro Almodovar e l'amore per i quartieri spagnoli di Napoli > JUORNO.it

Ma sono i quartieri spagnoli ad essergli rimasti nel cuore e stamane ha voluto r riviverli con la luce del giorno attraversandoli insieme a Rachele Furfaro e Ren Presidente e Direttore della Fondazione Foqus accompagnati dall’Archeologo Ang e dal suo socio Francesco Grossi, guida turistica, fondatori dell’ associazione He occupa dell’impiego di molti giovani dei Quartieri Spagnoli in varie attività cult guidate.  la De Palma ha voluto una foto vicino al murales che raf gura la nostra nella piazza dove ha ammirato anche la Pudicizia di Bossoletti e lo storico dis raf gurante Maradona. Voglio tornarci e lavorare a progetti che costruiremo insieme, sono verament questo entusiasmo e voglia di creare che ho trovato in questa città e in special mo quartiere della città e riferendosi alla Fondazione FOQUS si è detta meravigliata c ottenuti, che sono immediatamente tangibili e sotto gli occhi di tutti, possano conseguiti in cosi poco tempo, nei 65 anni di vita della struttura e di tutte operano al suo interno. Rossy de Palma pensava che a tali traguardi si fosse arriv oltre 15 anni di lavoro. I quartieri spagnoli aspettano di rivederla e condividere i s sarà un ulteriore accelerazione nel processo di maturazione e di riscatto di un qua tanta storia alle spalle e tante storie da raccontare.

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

https://www.juorno.it/rossy-de-palma-la-musa-ispiratrice-di-pedro-almodovar-e-lamore-per-i-quartieri-spagnoli-di-napoli/

Ph. KONTROLAB

3/13


22/7/2019

Rossy De Palma, la musa ispiratrice di Pedro Almodovar e l'amore per i quartieri spagnoli di Napoli > JUORNO.it

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

https://www.juorno.it/rossy-de-palma-la-musa-ispiratrice-di-pedro-almodovar-e-lamore-per-i-quartieri-spagnoli-di-napoli/

4/13


22/7/2019

Rossy De Palma, la musa ispiratrice di Pedro Almodovar e l'amore per i quartieri spagnoli di Napoli > JUORNO.it

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Ph. KONTROLAB

Napoli, 17 Luglio 2019. Un momento della 12° edizione del festival del Cinema Spagnolo per la prima volta a Napoli, dal 16 al 20 Luglio presso la Fondazione Foqus nei Quartieri Spagnoli e il sostegno dell’Ambasciata di Spagna e AC/E.Ospite d’eccezione l’artista anticonformista Rossy de Palma. L’attrice in occasione del festival ha ricevuto il Premio Quartieri Spagnoli di Napoli 2019, che premia l’artista spagnolo che meglio interpreta la relazione tra Napoli e la Spagna. Carlo Belardo KontroLab

ARGOMENTI CORRELATI: #ATTRICI #CINEMA #FOQUS #PEDRO ALMODOVAR #QUARTIERI SPAGNOLI #ROSSY DE PALMA

DA NON PERDERE

Segnali di guerra nello stretto di Hormuz, l’Iran sequestra un cargo britannico: Londra e gli Usa pronti a reagire

PROSSIMO

Infastidito dai ragazzini che gio calcio in strada imbraccia una pi spara

Mario Laporta

   https://www.juorno.it/rossy-de-palma-la-musa-ispiratrice-di-pedro-almodovar-e-lamore-per-i-quartieri-spagnoli-di-napoli/

5/13

Profile for Festival del cine español

Rassegna Stampa // Festival del cinema spagnolo ITALIA 2019  

Rassegna Stampa // Festival del cinema spagnolo ITALIA 2019  

Advertisement