Page 1

®

s.p.a.

VIA DEL CENTRO ® “Le cose più belle durano per sempre...”

Pavimentazioni ad elevata autobloccanza


VIA DEL CENTRO

VIA DEL

CENTRO 2


L’estetica della tradizione, il fascino della pietra naturale e le performance della ricerca. 3


PLUS POINT

VIA DEL CENTRO : ®

la risposta alle molteplici esigenze dei nostri centri urbani.

colore TIROLO finitura GRANSASSO

Estetica naturale Bellezza e durabilità ai massimi livelli La forza di Einstein Esperienza nelle fondazioni Bassa manutenzione Superficie anti-smog Isola di calore Sostenibilità ®

4

[p.06] [p.08] [p.10] [p.12] [p.14] [p.16] [p.18] [p.20]


5


ESTETICA NATURALE IL SISTEMA COMPOSITIVO Gli elementi del sistema compositivo di Via del Centro®, si differenziano in otto elementi ad arco più uno angolare. I tre elementi speciali (cubetti), permettono la formazione di tratti rettilinei.

ELEMENTI AD ARCO

ANGOLARE

CUBETTI

SCOPRI ALCUNE DELLE COMPOSIZIONI REALIZZABILI CON VIA DEL CENTRO®. 6

> VAI A PAGINA 22


VIA DEL CENTRO®: INNOVARE LA TRADIZIONE VIA DEL CENTRO È LA FELICE SINTESI TRA MATERIALI INNOVATIVI E IL DESIGN CLASSICO DELLE ANTICHE PAVIMENTAZIONI IN PORFIDO.

Guardare al cuore della tradizione è, sempre, ciò che ci permette di fare grandi passi avanti: con Via del Centro® abbiamo scelto di recuperare la sapienza e l’armonia della pietra antica, integrandola con le più avanzate proposte della tecnologia e del design. Il risultato è un massello autobloccante resistente e versatile, dal sapore classico e dai toni naturali, esteticamente perfetto come cornice per gli storici e affascinanti scorci di strade, piazze e corti che rendono il nostro paese così speciale. Via del Centro® nasce dalla volontà di ricreare nella sua essenza un elemento naturale, la pietra.

Per ritrovarne le caratteristiche di versatilità, resistenza e affidabilità ci siamo serviti della ricerca tecnologica ed estetica più avanzata: il risultato è questo massello autobloccante, innovativo per composizione e design, unisce la forza della pietra e la garanzia della tecnologia RocciaBlock® Gold. I masselli sono costituiti da inerti pregiati derivati dalla pietra naturale, scelti dopo accurate analisi e test in sinergia con i laboratori del Politecnico di Milano; non risentono dell’usura del tempo, ma – al contrario – acquisiscono luminosità, naturalezza e intensità cromatica proprio grazie al passare degli anni.

7


BELLEZZA E DURABILITÀ AI MASSIMI LIVELLI

NATURALE AL

100% ROCCIABLOCK® GOLD: UN DECISO PASSO AVANTI. 8

Nei masselli RocciaBlock® GOLD la luce trova piena espressione grazie alle caratteristiche dei suoi componenti, che acquistano una tonalità sempre più naturale proprio grazie all’uso e al trascorrere del tempo.


SFUMATURE DI LUCE: INERTI NATURALI PREGIATI Gli inerti pregiati utilizzati nella miscela, garantiscono una resistenza all’invecchiamento superiore a qualsiasi altro massello tradizionale, come dimostrato anche dai test di laboratorio eseguiti in sinergia con il Politecnico di Milano, che ha eseguito prove in parallelo sia su elementi nuovi sia su elementi invecchiati artificialmente. Tutte le risultanze hanno evidenziato come la nuova composizione di RocciaBlock® GOLD non risente dell’usura tipica data dallo scorrere degli anni e dal passaggio dei mezzi di trasporto.

PORFIDO

TIROLO

ROSSO VERONA

BIANCO DI CARRARA

GRANITO GRIGIO

TEST COMPARATIVO

Rocciablock® GOLD

BASALTO

TRACHITE GRIGIA

TRATTAMENTO WATER-PROOF

Massello tradizionale

Rocciablock® GOLD garantisce una continuità di colore molto profonda: un esempio tangibile di questa innovazione si ottiene sottoponendo a una levigatura pesante e facendo il confronto con la superficie di un massello tradizionale.

Lo speciale trattamento water-proof riduce l’assorbimento dell’acqua meteorica. Grazie a questo processo la pavimentazione è stata migliorata aumentandone la resistenza all’azione dilavante dell’acqua e conferendo in tal modo una durabilità ineguagliabile. 9


LA FORZA DI EINSTEIN ALTA RESISTENZA AL TRAFFICO VEICOLARE E AI CARICHI PESANTI Via del Centro® dimostra performance inedite di stabilità e tenuta agli sforzi dinamici dati dal traffico grazie al Sistema Einstein®. Il nuovo distanziale sviluppato dalle ricerche svolte in collaborazione con l’Università di Dresda, prevede una larghezza di fuga costante e ottimale tra i vari elementi autobloccanti e permette quindi una trasmissione più elastica dello sforzo, minimizzando i contatti rigidi per aumentare la stabilità della pavimentazione. Di conseguenza, la manutenzione di Via del Centro® è facile e decisamente poco frequente.

®

COME FUNZIONA EINSTEIN® Gli elementi che garantiscono la stabilità della pavimentazione sono essenzialmente tre: due distanziali maggiori che lavorano in coppia, e il particolare “distanzialino di contatto” posto alla base del massello. Questo elemento consente di minimizzare il contatto rigido tra i masselli a solo qualche punto sul perimetro alla base di ogni elemento e quindi permette che il materiale di fuga entri perfettamente in tutto il perimetro dei masselli e per tutta l’altezza creando un “cuscinetto” nella trasmissione degli sforzi tangenziali a cui è sottoposta la pavimentazione durante il normale utilizzo.

I DISTANZIALI EINSTEIN® La continuità di sabbia all’interno della fuga produce un effetto ammortizzante quando la pavimentazione viene sollecitata da carichi molto pesanti. I distanziali maggiorati aumentano l’attrito tra i masselli e la sabbia nei giunti.

DISTANZIALI

DISTANZIALI DI CONTATTO

Pavimentazione Tradizionale: deformazione sotto l’effetto degli sforzi tangenziali.

Sistema Einstein®: effetto “cuscinetto” ammortizzante distibuito su tutta la pavimentazione.

10


0,00

CENTRI STORICI

STRADE URBANE

AREE INDUSTRIALI

AREE DI PARCHEGGIO SQUARE BLOCK A

SQUARE BLOCK A

RECTANGULAR BLOCK

RECTANGULAR BLOCK

DOPPEL - T - INTERLOCKING BLOCK

L - INTERLOCKING BLOCK A

SQUARE BLOCK C

DOPPEL - T - INTERLOCKING BLOCK

SQUARE BLOCK B

SQUARE BLOCK C

SQUARE BLOCK B

L - INTERLOCKING BLOCK A

H+V - T - INTERLOCKING BLOCK

T - INTERLOCKING BLOCK

L - INTERLOCKING BLOCK B

L - INTERLOCKING BLOCK B

H+V - T - INTERLOCKING BLOCK

DOPPEL - T - INTERLOCKING BLOCK

R - INTERLOCKING BLOCK

T - INTERLOCKING BLOCK

L - INTERLOCKING BLOCK C

R - INTERLOCKING BLOCK

L - INTERLOCKING BLOCK C

RECTANGULAR BLOCK

SQUARE BLOCK D

SQUARE BLOCK E

SQUARE BLOCK F

SQUARE BLOCK F

SQUARE BLOCK D

SQUARE BLOCK E

ELEMENTO CON DISTANZIALI EINSTEIN速

ELEMENTO CON DISTANZIALI EINSTEIN速

TEST DINAMICI DI LABORATORIO, A GRANDEZZA NATURALE DEFORMAZIONE SPECIFICA (mm) DOPO 1*106 CICLI DI CARICO

-18

-16

-14

-12

-10

-8

-6

-4

-2

0

ESEMPI DI UTILIZZO DI EINSTEIN速 PER GRANDI CARICHI

11


ESPERIENZA NELLE FONDAZIONI MODELLO MATEMATICO Elaborato in collaborazione con il Dipartimento ICEA – Ingegneria Civile, Edile e Ambientale – dell’università degli studi di Padova. E’ stato ipotizzato uno spaccato di pavimentazione tipo, composto dai masselli autobloccanti, dagli strati di allettamento e di fondazione e dal terreno naturale di appoggio. Questo spaccato è stato oggetto di ipotesi numeriche: applicazione di diverse tipologie di carico, variazione delle caratteristiche geo-meccaniche degli strati, variazione dello spessore degli strati, variazione

della tipologia e dello spessore degli autobloccanti. Tutte le condizioni sono state analizzate a “elementi finiti” a dominio 3d (FEM – Finite Element Modelling), con un software di modellazione evoluto. Al termine delle elaborazioni, è stato possibile analizzare nel dettaglio tutti i movimenti e le deformazioni conseguenti ai carichi, fino a localizzare le più piccole tensioni che possono influenzare la tenuta di una pavimentazione al fine di formulare nuove ipotesi di miglioramento.

Simulazione ad elementi finiti della deformazione della pavimentazione sottoposta a carico eseguita dall’Università di Padova.

5,20 4,70 4,20 3,70 3,20 2,70 2,20 z [mm]

1,70 55

60

65

E=0,4kN/cmq

70

E=0,8kN/cmq

75

80

E=1,5kN/cmq

85 s [mm] E=2,0kN/cmq

Cedimenti della pavimentazione su basi da 15cm in funzione del loro spessore e di “ESG”; ruota sollecitante Tipo C.

IL CAMPO PROVE Si è reso poi necessario verificare sul campo tutte le ipotesi matematiche fatte fino a quel momento, per avere un riscontro con le condizioni reali. Abbiamo costruito un “campo prove”, composto da una striscia suddivisa in 10 sezioni stratigrafiche, diverse tra loro in termini di spessore e composizione.

Sez 1

Sez 2

Sez 3

Sez 4

Sez 5

Sez 6

Sez 7

3.00 (min)

3.00 (min)

3.00 (min)

3.00 (min)

3.00 (min)

3.00 (min)

3.00 (min)

S2

S3

S1

S4

S5

S6

S7

Sez 8

3.00 (min)

S8

Sez 9

Sez 10

3.00 (min)

3.00 (min)

S9

S10

Per ogni sezione sono state eseguite prove di carico su piastra su ogni interfaccia (piano di posa - fondazione - pavimentazione). 12


Una pavimentazione autobloccante è composta di vari strati: i masselli autobloccanti, lo strato di allettamento e lo strato di fondazione, che sopporta gran parte degli sforzi verticali gravanti. Lo strato di fondazione riveste una grande importanza: ogni suo eventuale cedimento si manifesta inevitabilmente anche sulla superficie della pavimentazione. L’autobloccanza dei masselli permette quindi alle pavimentazioni di assumere un comportamento di tipo flessibile.

Lo strato di fondazione deve avere ottime caratteristiche di resistenza meccanica ma anche, nella maggioranza dei casi, buone capacità drenanti. Infatti, considerando che le pavimentazioni autobloccanti sono piuttosto permeabili all’acqua, vediamo che durante gli eventi meteorici l’acqua è in grado di influenzare negativamente il comportamento anche degli strati di fondazione. Se le acque ristagnano, si innescano fenomeni quali pumping, svuotamenti e

cedimenti che impediscono ai masselli di assolvere la loro funzione. Sappiamo che per conoscere a fondo un prodotto è essenziale esaminarne tutti gli aspetti, inclusi quelli del contesto in cui viene normalmente utilizzato. Abbiamo quindi voluto approfondire le condizioni di posa della pavimentazione, per individuare le tipologie di fondazione migliori in termini di resistenza meccanica.

Analisi delle deformazioni e dei cedimenti La grande quantità di dati matematici, di prova, incrociati alla caratterizzazione geometria e geo-meccanica degli strati di fondazione, ha permesso di arrivare a risultati sorprendenti e di studiare particolari stratigrafie contestualizzate alle condizioni in opera. Si è rilevato, ad esempio, che uno strato di fondazione con elevate resistenze ai carichi non è

necessariamente la fondazione più adatta per una pavimentazione autobloccante. Le prove hanno permesso di arrivare a importanti risultati, fino a ottenere dei pacchetti aventi elevate caratteristiche di resistenza meccanica, assieme a una elevata permeabilità all’acqua orizzontale e verticale.

500 450

250 200 150 100 50 0

Sottofondo naturale

2,5

Estradosso pavimentazione

300

LEGENDA

3

Sottofondo naturale

Md (MPa)

Md (MPa)

400 350

3,5

LEGENDA

Estradosso pavimentazione

2 1,5 1 0,5

25 cm 1

25 cm 2

25 cm 3

50 cm 6

50 cm 7

50 cm 8

50 cm 9

Modulo deformazione 1° ciclo di carico

80 cm 10

0

25 cm 1

25 cm 2

25 cm 3

50 cm 50 cm 6 7 Sezioni

50 cm 8

50 cm 9

80 cm 10

Cedimenti 1° ciclo di carico sootofondo vs fondazione

13


BASSA MANUTENZIONE

I PROBLEMI DELLE NOSTRE STRADE BUCHE, RATTOPPI, POZZANGHERE E CANTIERI INTERMINABILI: PEGGIORANO LE CONDIZIONI DELLE NOSTRE STRADE.

14

A volte una semplice passeggiata in città si trasforma… in un percorso a ostacoli! L’asfalto del manto stradale è un susseguirsi di buche, rattoppi, pozzanghere e cantieri interminabili; quando piove, l’asfalto – che è impermeabile – rende impossibile il deflusso delle acque: l’effetto aquaplaning ne è la logica conseguenza, con i disagi e i pericoli che ben conosciamo. La manutenzione è insufficiente, poco curata, laboriosa, costosa e, paradossalmente, spesso non fa che peggiorare le condizioni delle nostre strade. Apparentemente economico, il bitume utilizzato per asfaltare ha in realtà costi molto elevati di produzione, sia in termini di consumo energetico, sia

dal punto di vista del bilancio ecologico: inquinanti sono le materie utilizzate, inquinanti sono i mezzi usati per pavimentare e contaminante è lo stesso riciclaggio del bitume! Inoltre, quando è necessario effettuare lavori di manutenzione, si è costretti ad agire su aree estese, arrecando notevoli disagi alla circolazione di auto e pedoni. Saper progettare, quindi, significa anche saper immaginare una durata nel futuro, senza limitarsi a tener conto delle esigenze immediate: ricorrere a soluzioni che prevedano una manutenzione semplice e agevole, permette un sicuro risparmio sia in termini economici che di tempo.


MANUTENZIONE FACILE E VELOCE Risparmiare vuol dire saper guardare al futuro. Quando si affronta una spesa, è fondamentale tener conto di tutte le sue implicazioni: nel caso della scelta di una pavimentazione, non sempre il basso costo iniziale è garanzia di risparmio. Oltre al vantaggio economico, legato alla durabili-

tà della pavimentazione in massello autobloccante, uno degli aspetti che rendono preferibile l’impiego di Via del Centro® per la viabilità urbana è la facilità di accesso alla rete dei sottoservizi ospitati sotto il manto stradale e di ripristino senza lasciare tracce visibili.

Fase1: rimozione masselli

Fase 2: accesso ai sottoservizi

Fase 4: riposizionamento masselli

Fase 5: compattazione e sabbiatura

Fase 3: ripristino del sottofondo

VIA DEL CENTRO® CONSENTE UN RAPIDO ACCESSO AI SOTTOSERVIZI STRADALI ED UN RIPRISTINO SENZA TRACCE VISIBILI

15


SUPERFICIE ANTI-SMOG

LA QUALITÀ DELL’ARIA NELLE NOSTRE CITTÀ Il soffocante inquinamento atmosferico che affligge tutte le nostre città, è causato, principalmente, dall’eccessivo traffico e dalle emissioni inquinanti degli impianti di riscaldamento domestici. Tutto ciò induce i comuni a drastici provvedimenti di blocco del traffico nei centri urbani.

SALVAGUARDARE L’AMBIENTE E LA SALUTE.

A livello legislativo si trovano sempre più leggi e normative mirate a trovare la soluzione del problema, incentivando lo sviluppo di nuove tecnologie che aiutino a salvaguardare salute pubblica e ambiente.

ABBATTIMENTO FINO AL

91%

DELLE SOSTANZE

INQUINANTI 16

I masselli Via del Centro® sono disponibili con lo speciale cemento antismog BlueCity®: grazie alla presenza di luce naturale, ossidano le sostanze inquinanti trasformandole in sostanze non inquinanti. Nitrati, solfati e carbonati vengono quindi dilavati con l’acqua piovana e non sono dannosi per la salute e per l’ambiente. I dati quantitativi ottenuti da esperimenti svolti sia in laboratorio che sul campo, dimostrano l’elevata capacità di depurazione della finitura fotocatalitica BlueCity®.


EFFICACIA NELL’ABBATTIMENTO DELLE SOSTANZE INQUINANTI Test di laboratorio per valutare le caratteristiche antiinquinanti di BlueCity® sono stati effettuati con apparecchiature particolari e con metodi di prova altrettanto innovativi. La verifica dell’efficacia contro gli Ossidi di Azoto (NOX) viene condotta con una camera di volume noto, nella quale viene insufflato NO2 che, diluito con l’aria contenuta, raggiunge una concentrazione inquinante predefinita. All’interno è contenuto un analizzatore di NO2, un analizzatore a chemio-illuminescenza, una lampada UV (fonte di energia luminosa), e un manufatto (di superficie nota e regolare) con malta BlueCity®. Vengono fatti diversi test con una definita intensità luminosa

e vengono misurate le concentrazioni di inquinante dentro la camera dopo la reazione di fotocatalisi dal manufatto. In particolari condizioni di laboratorio sono stati registrati abbattimenti fino al 91% di NO2. Risultati estremamente interessanti sono stati ottenuti con procedure sperimentali messe a punto da esperti di fotocatalisi (Università di Ferrara), di qualità dell’aria (Centro di Ricerca di ISPRA e CNR di Roma) e di emissioni inquinanti da materiali (ITC-Istituto per le Tecnologie della Costruzione).

Foto-degradazione di NO ad opera di malta con BlueCity® e Malta di riferimento. 120.00 60° = UV lamp on

100.00

80.00

84.03% 77.20% 59.12%

60.00

40.00

20.00

0.00

0.68% 50

100

150

200

250

300

350

400

450

Tempo (minuti)

LEGENDA Perdita della camera Perdita della camera + UV Malta normale Malta BlueCity®

“ I Masselli BlueCity® sono stati testati nelle condizioni più estreme di inquinamento e hanno dimostrato una concreta efficacia.” 17


ISOLA DI CALORE COS’É L’ISOLA DI CALORE? Quando si parla di “isola di calore”, ci si riferisce a un fenomeno purtroppo ormai presente in tutte le aree urbanizzate e pavimentate con un manto impermeabile di asfalto scuro: le temperature delle città sono superiori di ben 4-5°C a quelle delle zone periferiche e delle campagne circostanti. Ciò accade sia per effetto dell’irraggiamento solare sia per il

AUMENTO DI TEMPERATURA NELLE CITTÀ FINO A

+5°C LEGENDA Città e metropoli. Centri urbani a media densità abitativa. Periferie urbane con presenza di parchi e verde circostante. Aree rurali, coltivazioni - poco antropizzata Area naturale scarsamente o per nulla antropizzata.

32°C

25°C

18°C

18

La metropoli di Londra osservata attraverso una telecamera termica.

riscaldamento dovuto al traffico e all’eccessivo uso di climatizzatori: la terra non respira e le zone asfaltate si surriscaldano in fretta e accumulano una grande quantità di calore, che viene rilasciata sia durante il giorno sia durante le ore notturne, contribuendo ad accelerare i processi fotochimici che generano lo smog.

“ Asfalto e superfici impermeabili surriscaldano i nostri centri urbani.”


COSA SI PUÒ FARE? Per fortuna, l’alternativa all’asfalto e all’ “isola di calore” esiste. Si possono utilizzare pavimentazioni costruite con materiali naturali caratterizzati da un alto indice di riflettanza: valori elevati di SRI*, infatti, evitano che il calore si accumuli e contribuiscono attivamente alla riduzione del surriscaldamento cittadino. LEGENDA SOLAR REFLECTANCE INDEX

*La sigla SRI indica il parametro che determina la performance di un materiale rispetto alla radiazione ricevuta e riflessa; il suo valore è dato dalla combinazione tra i valori di riflettanza solare (quantità di radiazione riflessa da un oggetto rispetto alla radiazione ricevuta) e quelli di emissività termica (quantità di radiazione proveniente da un oggetto rispetto a quella di un corpo nero).

1

0,75

RIFLETTANZA

0,5 0,45

0,54

0,25

0,31

0,35 0,22

0

0,25 0,1

MASSELLI SOLAR PLUS

MASSELLI GRIGI

CALCESTRUZZO

0,06 ASFALTO VECCHIO

0,05 ASFALTO NUOVO

Come dimostra il grafico qui sopra, le pavimentazioni Solar Plus con elevato indice di riflessione solare (SRI) accumulano meno calore durante l’irraggiamento. Maggiore è il valore di SRI, minore calore verrà accumulato (l’asfalto ha un valore SRI prossimo allo zero).

“I masselli con il marchio Solar Plus hanno elevati valori di SRI che garantiscono una maggiore riflessione solare e di conseguenza un minor accumulo di calore”

+

Solar Plus

I masselli di Via del Centro®, sono costituiti da inerti pregiati di origine naturale, le cui colorazioni chiare assicurano elevati valori di SRI (il calore solare viene riflesso e non si accumula). Ridurre l’effetto “isola di calore” implica quindi un miglioramento della qualità della vita, e una minor incidenza di problemi respiratori in bambini e anziani. Anche il fattore economico è importante: se il calore solare viene riflesso, saranno minori anche i costi legati al condizionamento degli edifici e dei mezzi di trasporto 19


SOSTENIBILITÀ Il nostro pianeta si regge su un delicato equilibrio ecologico nel quale tutte le componenti rivestono un’importanza fondamentale e sono in strettissima relazione l’una con l’altra. Siamo ormai coscienti di come tale alchimia possa essere facilmente compromessa a causa di un uso poco attento e

consapevole delle risorse a nostra disposizione, e sappiamo che è ormai prioritario investire in soluzioni di urbanizzazione che tengano conto dei criteri di sostenibilità e che promuovano un uso intelligente ed efficiente dei materiali e dell’energia.

I VANTAGGI DI VIA DEL CENTRO POSA A SECCO:

®

semplice da posare, rimuovere e riposizionare dopo interventi di manutenzione dei sottoservizi stradali. Inoltre, la posa a secco riduce la quantità di CO2 emessa nel cantiere, sprecando meno energia e riducendo così l’inquinamento.

DRENAGGIO DELLE ACQUE METEORICHE:

contribuisce ad eliminare l’acqua superficiale e garantisce l’equilibrio nel ciclo naturale delle acque.

NESSUNA SOSTANZA NOCIVA: nessun rilascio di sostanze tossiche nell’ambiente e nessun ingrediente tossico o nocivo.

SOLUZIONE ECOLOGICA: la soluzione ideale a secco per carichi pesanti.

RICICLABILE:

è riciclabile al 100% vista la sua composizione naturale.

Ferrari BK è socio ordinario del Green Building Council Italia

I TA C A 20

Sostenibilita’ energetica ed ambientale degli edifici


COMPOSIZIONI ARCHI CONTRAPPOSTI

R85 120

SI

Pezzi ad arco

NO

3 3

Angolari Cubetti

3

La composizione classica dei nostri centri storici, adatta alla realizzazioni di grandi piazze, aree pedonali e a traffico limitato.

ARCHI ALTERNATI

R85 210,5

Pezzi ad arco Angolari Cubetti 22

SI

NO

3 3 3

Una composizione sinuosa adatta ai centri storici come alle nuove realizzazioni contemporanee.


A CORRERE Pezzi ad arco

SI

3 3

Angolari Cubetti

NO

3

Una composizione classica dal sapore storicamente geometrico e semplice, adatta alla progettazione di viali e marciapiedi.

ARCHI CONTRAPPOSTI E A CORRERE

RACCORDI RETTILINEI

ARCHI ALTERNATI E A CORRERE

LA VERSATILITÀ DI VIA DEL CENTRO® PERMETTE DI COMBINARE GLI ELEMENTI PER REALIZZARE NUOVE ED INEDITE COMPOSIZIONI.

23


COMPOSIZIONI MODULO CURVA TIPO

FASE 5 (modulo ultimato)

FASE 4

FASE 3

R85

FASE 2

FASE 1

120

COSTRUZIONE DI ROSONE

MODULO CURVA

24


TRACCIATO STRADA TIPO

VIA DEL CENTRO® PERMETTE DI REALIZZARE OGNI PAVIMENTAZIONE CON LA MASSIMA LIBERTÀ: É POSSIBILE PROGETTARE COMPLESSI TRACCIATI STRADALI DALL’ANDAMENTO SINUOSO GRAZIE ALL’USO DEI MODULI CURVA.

Scoprite le molteplici composizioni di VIA DEL CENTRO®: progettare le pavimentazioni di piazze, strade e centri storici non è mai sato così semplice. PER MAGGIORI DETTAGLI, RICHIEDI LA DOCUMENTAZIONE TECNICA

www.ferraribk.it/via_del_centro 25


colore TIROLO

finitura GRANSASSO


colore TIROLO

colore TIROLO

finitura GRANSASSO

finitura GRANSASSO

27


colore GRANITO GRIGIO

finitura GRANITICA


colore GRANITO GRIGIO

finitura GRANSASSO

colore GRANITO GRIGIO

finitura GRANSASSO

29


colore TRACHITE GRIGIA

finitura GRANSASSO


colore TRACHITE GRIGIA

finitura GRANSASSO

colore TRACHITE GRIGIA

finitura GRANSASSO

31


POSA IN CANTIERE MESSA IN OPERA SEMPLICE E VELOCE. La posa in opera delle pavimentazioni Via del Centro® è estremamente semplice e richiede pochi accorgimenti tecnici. Il prodotto viene fornito su bancali standard suddivisi per tipologia di modulo: elementi ad arco, angolari e cubetti.

Gli elementi ad arco sono a loro volta suddivisi in due categorie: A e B, facilmente distinguibili dall’apposita marcatura (disegno), che rende ancora più semplice la giusta disposizione dei masselli nella realizzazione delle tessiture durante la fase di posa.

MASSELLI TIPOLOGIA B

B-4 A-3

B-1

Dentino di marcatura per la distinzione della categoria B degli elementi ad arco.

B-3

B-2

A-2

A-4

A-1

SUDDIVISIONE SU BANCALI Arriva così

Si posa così B-3

B-2 B-3

B-4

B-1

B-2

A-1

A-2

A-3

A-4

B-3

B-4

B-1

B-2

A-1

A-2

A-3

A-4

B-3

B-4

B-1

B-2

A-1

A-2

A-3

A-4

B-1 A-1 B-1 A-1 B-1

A-2 B-2 A-2

A-3 B-3 A-3 B-3

B-2 A-2

A-3

B-4 A-4 B-4 A-4 B-4 A-4

A-1

Angolari

Elementi ad arco

Cubetti 32


BK SEAL

®

LA NUOVA SABBIA SIGILLANTE BK SEAL®, la nuova sabbia sigillante specifica per Via del Centro®. Una sabbia bicomponente che viene miscelata in cantiere e posata, con gli stessi metodi di una fuga cementizia, entro fughe di spessore 3÷25mm. La posa in opera è veloce e, a lavoro ultimato, consente

di ottenere fughe con elevata resistenza a trazione, compressione, gelo/disgelo. BK SEAL® non macchia la pavimentazione, la preserva dalla crescita di erbacce indesiderate e previene i fenomeni di dilavamento.

PUNTI DI FORZA • VELOCE ED ECONOMICA • PAVIMENTO PIÚ PULITO • DRENANTE • RESISTENTE ALLA PULIZIA MECCANICA • RESISTENTE ALL’ABRASIONE • RESISTENTE AL GELO • ECOLOGICA

BK SEAL

®

LA SIGILLATURA P RO F E S S I O N A L E 33


DATI TECNICI Spessore Peso pavimentazione Densità impasto

10 cm ±220 Kg/m2 ±2200 Kg/m3

Tipo distanziale

EINSTEIN®

ZONE PEDONALI ZONE 30

Destinazione d’uso

TRAFFICO PESANTE Norma di prodotto

Caratteristiche tecniche (rif. Uni en 1338) Resistenza a trazione indiretta per taglio Carico di rottura Resistenza allo scivolamento Resistenza all’abrasione Assorbimento acqua per immersione Resistenza al gelo/disgelo Assorbimento acqua per immersione

Altre caratteristiche tecniche

T ≥ 3,6 Mpa F≥ 250 N/mm SODDISFACENTE Li ≤ 20 mm (4-1) Wa ≤ 6% (2-B) L ≤ 1 kg/m2 (3-D) Wa ≤ 6% (2-B) Norma SIA 162/1 - prova n°9 DM30 <600g/m2 (ALTA RESISTENZA) NESSUN CONTENUTO

Resistenza al gelo/disgelo Emissione di amianto

Colori / finiture / imballo Finiture Colori Tipo imballo

Adige / Granitica / Gransasso / Granpalladio Tirolo / Trachite Grigia / Granito Grigio Pallets

Certificazioni

EN 1338:2004

34

Cert. N°IT-4530

Cert. N°97152

Cert. N°P051

Leed Credits


BK DESIGNER APP Vuoi vedere in anteprima come sarà la tua pavimentazione? Scarica la App gratuita per iPad e iPhone su App Store!

BK DESIGNER APP! Per immaginare ora non occorre chiudere gli occhi!

BK Designer APP è il software che simula la posa della pavimentazione Ferrari BK che hai scelto, e crea un’immagine realistica del risultato finale. Grazie alla nuova BK Designer APP basta un click per vedere e scegliere la soluzione più adatta tra tutte quelle proposte, in armonia con il contesto architettonico e ambientale. SCATTA, PAVIMENTA, CONDIVIDI!


settembre / 2013

VIA DEL CENTRO® • POSA A SECCO • DRENAGGIO DELLE ACQUE METEORICHE • NESSUNA SOSTANZA NOCIVA • SOLUZIONE ECOLOGICA • RICICLABILE AL 100%

®

s.p.a.

Ferrari BK S.p.A. Sede centrale e area espositiva: Via Santa Caterina, 7 37023 Lugo di Grezzana (VR) Tel. +39.045.880.10.66 - Fax +39.045.880.16.33 Showroom: Via Quattro Novembre Angolo Strada Provinciale 206 27023 - Cassolnovo (PV) Tel. +39. 0381.92.90.35 - Fax +39.0381.91.15.95 Sito web: www.ferraribk.it - info@ferraribk.it

VIA DEL CENTRO  
VIA DEL CENTRO  

La pavimentazione ad elevata autobloccanza, pensata per resistere al traffico veicolare, anche pesante, dei nostri centri abitati. L'estet...